Mori - 1966 - Sardegna

geonerd

Mori - 1966 - Sardegna

C apitolo P rimo

CARATTERI GENERALI

E STORIA DELLA CONOSCENZA DELL’ISOLA

Tra le isole che si estollono dal Mediterraneo, la Sardegna, pur non essendo

nè la più grande nè la più popolata, è certamente quella che offre i più numerosi

e i più notevoli motivi di interesse.

Posta nella zona centrale del bacino mediterraneo occidentale, tra l’Italia,

riberia e l’Africa, si può dire che in essa si incontrino il paesaggio italico con

quello della meseta spagnola e delle antistanti regioni africane ed è perciò regione

di transizione, non solo dal punto di vista fisico, geologico, climatico, biologico, ma

anche da quello umano, etnico, preistorico, economico. Accanto ad aspri massicci

cristallini e calcarei orientali, si stendono infatti vasti altopiani monotoni costituenti il

carattere più spiccato dell’isola, in singolare contrasto con le forme aspre della

vicina Corsica e che fanno apparire da lungi la Sardegna come un vasto tavolato

azzurrino adagiato sul mare. Si aggiunga che la Sardegna, essendo staccata più

di qualunque altra isola mediterranea dal continente europeo, è stata interessata

solo marginalmente dagli eventi storici che vi si sono succeduti, sicché è rimasta a

lungo isolata dallo sviluppo generale della cultura e quindi non solo ha avuto forme

tutte particolari di civiltà, come quella nuragica, ma vi si sono potuti inoltre mantenere

così bene fino ai nostri giorni quadri di vita arcaica, da essere a buon diritto

considerata come un museo naturale per l’etnografia sud-europea.

La Sardegna è pertanto senza alcun dubbio, la regione più originale d’Italia

cioè quella che più si distacca dai suoi caratteri medi. Purtroppo però essa è rimasta

fino ad epoca recente tra le meno conosciute. Infatti, dopo le attente ricerche e i pre-

Le Regioni d'Italia - Sardegna.

More magazines by this user