Mori - 1966 - Sardegna

geonerd

Mori - 1966 - Sardegna

C apitolo Settim o

LE REGIONI N ATU RALI STORICHE E AM M INISTRATIVE

Le regioni naturali.

M algrado l’im pressione generale di m assività e nonostante l’apparente u n iformità

degli aspetti com plessivi del rilievo, l’esam e dei caratteri fisici d ell’isola ci ha

perm esso di riconoscere l’esistenza di una grande varietà di tipi e di form e del terreno

che si ordinano in num erosi quadri regionali aventi spiccata individualità in rap ­

porto con la costituzione litologica e i lineam enti tettonici. E ssi costituiscono delle

regioni geom orfologiche che hanno considerevole im portanza perchè hanno offerto

differenti condizioni di vita alle popolazioni, le quali vi hanno sviluppato diverse

form e di organizzazione. Si è verificato così p er lo più, che a queste nette regioni

naturali sono venute via via aderendo delle regioni storico-geografiche indicate con

nomi particolari, gran parte dei quali sono ancor oggi ben vivi n ell’uso popolare.

G ià si è visto com e l’isola presenti due fronti assai diversi: quello orientale, fo r­

mato dalla vecchia Sardegna, con i rilievi più elevati, più com patti e più antichi e

quello occidentale in m assim a parte recente — tranne le due zone della N u rra e del-

riglesien te — più basso e m eno inciso. N ella parte orientale due elem enti del rilievo si

ripetono assai freq u en ti: gli altopiani e le creste — m a con m odalità e proporzioni

diverse. Si distingue così nel settore nord-orientale d ell’isola una prim a grande

regione costituita da m onti e altopiani granitici, che si può agevolm ente dividere in

due su b-regioni: la Gallura a nord, in cui dom inano le creste о serre che creano un

rilievo aspro e assai vario, degradante a ripiani verso il G o lfo d ell’A sin ara, e il Nuorese

a sud, dalla depressione di M on ti fino al G ennargentu e all’A raxisi, dove si su c­

cedono vasti altopiani poco accidentati e m onotoni, vere piattaform e inclinate dol-

199

More magazines by this user