Mori - 1966 - Sardegna

geonerd

Mori - 1966 - Sardegna

Questo quadro è espressione deH’organizzazione dei singoli gruppi umani in villaggi

chiusi e autosufficienti, consolidatasi dopo lo spopolamento delle regioni periferiche

verificatosi dal XIV secolo in poi e rimasta a lungo per motivi di sicurezza e

per la particolare forma di economia collettiva.

Le dimore rurali.

Giustamente ha osservato il Baldacci, che ha studiato con grande accuratezza

le dimore rurali sarde, che forse in nessun’altra regione italiana come in Sardegna

la casa rurale è un elemento dinamico strettamente collegato con la vita dei suoi

abitanti. Infatti ogni famiglia che si forma va a vivere per conto proprio in una casa

appositamente costruita in modo semplice, elementare, secondo uno schema tradizionale

basato su una struttura monocellulare, cioè di un piccolo edificio, prima di

uno о due ambienti, che si andrà via via ampliando in rapporto con gli sviluppi e le

Dimore rurali di tipo elementare in basalto a Nughedu, nel Barigadu.

Fot. Mori

264

More magazines by this user