Mori - 1966 - Sardegna

geonerd

Mori - 1966 - Sardegna

sui lineamenti orografici. Così nel 1885 le ferrovie avevano già lo sviluppo di 418 km.

che è di ben poco inferiore a quello odierno, poiché ad esso si è solo aggiunto,

nel 1956, il breve tronco Carbònia-Domusnovas (22 km.) costruito a servizio del

bacino carbonifero del Sulcis. Nel suo complesso la rete delle Ferrovie dello Stato

misura 440 km. Ma fin dall’inizio le suddette linee non furono giudicate sufficienti,

sicché già dal 1885 si pose mano alla costruzione di linee secondarie, che però

hanno il grave difetto di essere a scartamento ridotto (0,950 m.), sicché i due gruppi

di strade ferrate costituiscono due sistemi indipendenti, con conseguenze negative

in campo economico in quanto la differenza di scartamento obbliga a scomodi e costosi

trasbordi che spesso non rendono conveniente il trasporto delle merci per ferrovia

rispetto a quello per via ordinaria. Queste linee furono realizzate abbastanza

rapidamente, tanto che risalgono tutte a prima del 1900 ed hanno oggi uno sviluppo

complessivo di 949 km., di cui però sono in esercizio solo 850 km. perché alcune

sono state sostituite con linee automobilistiche. La maggior parte di queste ferrovie

in concessione appartiene alle Ferrovie Complementari Sarde e comprende le

linee esistenti nella Sardegna centrale, tra cui spiccano la Cagliari-Mandas-Arbatax

(228 km.) con la Mandas-Isili-Sórgono (95 km.) e la trasversale Bosa-Macomér-

Núoro ( i l i km.)! Nel Nord agisce in particolare la Società Strade Ferrate Sarde con

Fot. Fotocelere

Golfo Aranci. Panorama.

4 6 7

More magazines by this user