Mori - 1966 - Sardegna

geonerd

Mori - 1966 - Sardegna

fra un dedalo di vie anguste, la bella cattedrale cinquecentesca che, pur rimaneggiata

in seguito, conserva nel coro, nel campanile e nel portale le impronte del più

puro stile gotico-aragonese. A oriente di questo nucleo si è sviluppata di recente,

a raggera, la città moderna, con viali ampi e regolari, anche in funzione di un’attiva

industria del forestiero. A nord, fra l’antica torre de La Maddalena e la stazione

ferroviaria, sorge un importante porto peschereccio, noto un tempo per la pesca del

corallo praticata da pescatori liguri e toscani, e ove si svolgono pure limitate operazioni

commerciali. Marinai liguri, toscani e napoletani hanno contribuito assai al

suo popolamento.

L ’economia della Nurra fino a poco tempo fa era basata su una cerealicoltura

estensiva e saltuaria e sulla pastorizia in gran parte transumante; solo l’oliveto intorno

ad Alghero spiccava nel quadro agricolo regionale. Questo ha subito radicali

mutamenti negli ultimi decenni per effetto della trasformazione fondiaria e agraria

Pianta della città di Alghero

col tracciato delle mura cinquecentesche.

519

More magazines by this user