Zeitschrift für romanische Philologie

scans.library.utoronto.ca

Zeitschrift für romanische Philologie

G. DE GREGORIO, ASIC. IT. GIARDA (iT. GIARDONE), ECC. 23 I

Ora la forma piü antica di questa voce e giarda, che ho

trovato nel codice, a cui alludo nel principio di questo articolo.

Si tratta di un prezioso raanoscritto siciliano, teste acquistato

dair onorevole Principe di Trabia, Deputate al Parlamento, che

lo ha messo a mia disposizione, e che, arricchendone la sua bibUoteca,

ha fatto cosa, di che i Siciliani possano restargli grati, Esso

contiene, come io ho scoperto, un' antica traduzione siciliana del-

r opera di Giordano Ruffo, fatta da De Cruyllis per conto di

certo Bartolomeo Spatafora, messinese.

Neil' indice di questo ms. si legge: 1 „Di li giardi e di lu

garretu", e nel testo:2 „Di li giardi e di li garretti. Cap. XXXII.

Avegna ki una infirmitati la quali si chama giarda naturalimenti

aueni ali garretti di li gambi di lu cauallu e kistu mali aueni ali

cauaUi junini primuti di dismisurati carriki ki sunu asprixati, e

crudilimenti caualcati, e kistu aueni a loru pir la loru debihtati e

tinniriza e aueni ali caualli troppu grossi quandu e loru bisognu

pir lu troppu affatigarissi e pir la troppa

di fatigarissi . undi

grassizza . e pir lu scaldamentu ki pigia ali fiati . li homuri si

dissoluinu legiamenti e poi discurrinu ali gambi . e fassi una in-

flaciuni in li garretti grandi comu nuchi oi nuchilla e quandu plui

e quandu dintra e quandu di fora . e quandu ali garretti . e kista

infirmitati uulgaramenti e dicta giarda. — Rimediu. Contra kista

infirmitati dicta giarda diuimu insignari cutali remediu etc."

Nel fönte di questo antico manoscritto, che e il testo latino

di Giordano Ruffo,3 risalente a epoca poco discosta dal 1250, al

sie. giarda, corrisponde giarda, e jarda, che e evidente latinizzamento

di giarda. {Cfr. it. gia con lat. jam, it. Giacomo con lat.

Jacobus). E mi limito a citare 1' intestazione del Cap. 33: „de

jarda in garecta."

La voce giarda ha dunque origine meridionale, e piuttosto di

Sicilia che di Calabria, benche queste due regioni sieno tanto

vicine; infatti la corte di Federico II, presso cui Giordano Ruffo

era impiegato come veterinario, avea sede in Sicilia.

Essendo noto che gli elementi arabici non sono scarsi nel

lessico siciliano, io penso subito a un' origine arabica della voce

giarda. Ne debbo molto affaticarmi a rintracciarla, perche, aprendo

il Dizionario di Freytag, 1 vi trovo: gardh (grafia ital. giard), Tumor

omnis tiaius in suffragitie iiimenli aut inferiore pedis nervo.

E mi pare che e quanto basti.

1 A foglio 80 verso. Cap. XXXII,

^ A foglio 32 recto.

3 Mi sono servito dell' edizione di Molin: Jordani Ruffi caldbriensis

Hippiatria ?nmc priinum ede^ite Hieroitymo Molin forojuUensi M. D. etc.

Patavii, typ. seminarii Patavini. MDCCCXVIII.

*Georgii Wilhelmi Freytagii Lexicon Arabico-Latinurn, Halis

Saxonum. MDCCCXXX, Tom. I, pag. 265.

GlACOMO DE GREGORIO.

Weitere Magazine dieses Users
Ähnliche Magazine