Zeitschrift für romanische Philologie

scans.library.utoronto.ca

Zeitschrift für romanische Philologie

SOCIETA FILOLOGICA ROMANA. 479

forniscono una prova iireftagabile che nel sec. XII la poesia goliaidica era

pure conosciuta nella patria nostra". Particolarmente osservabili sono un

litmo De scaccorum Itido e tm Planctii>n monialis; alcuni sono in assai

catlivo stato. II Novati in una nota mostra di ritenere che i cinque ritmi

siano d' origine oltremontana.

A. Ferretto, Documenti iniorno ai trovatori PercivaUe e Simone

Doria. Sono quaranta, trovati nell' Archivio di Stato in Genova; ferse qual-

"cuno potrebbe osservare che non era indispensabile conoscerli, e in ogni

modo e soverchia la cura minuziosa con cui 11 F. li pubblica, rispetlando le

piü insignificanti particolaritä della scrittura. Una nolizia sommaria del con-

tenuto era piü che sufficiente, anche per chi creda utili simili ricerche.

R. R e n i e r , Biillettino bibliografico. Comprende la bibliografia com-

pleta del 1903 e dei primi due mesi del 1904, divisa nei seguenti paragrafi:

I. Letter, basso-latina. 2. Letter, italiana delle prime origini. 3. Letter, d' oil.

4. Letter, d' oc. 5. Lett. castigliana, catalana, portoghese. 6. Rumeno e reto-

romanzo. 7. Generalilä, comparazione, storia del costume.

La bibliografia e prevalentemente letteiaria, e non glottologica, salvo che

per il n. 6. Inutile dire che il benemerito prof. Renier vi porta tutta la

preziosa diligenza giä da lunghi anni adoprata nella redazione del GiornaJe

storico della letteratiira italiana. Gli Studiosi devono mostrargli che questa,

cui egli si sobbarca pel bene cömune, non e un' ingrata fatica,

Paolo Savj-Lopez.

Soeieta filologica romana. Studi romaiizi editi a cura di E. Monaci.

I. In Roma, presso la Societä, 1903.

Cou varia fortuna , ma

con sempre eguale energia Ernesto Monaci st

consacra da lunghi anni a tener vivo in Italia un periodico di studi neolatini;

cessata la pubblicazione dei benemeriti Studi di filologia romanza succedono

ora questi Studi romanzi di cui si fa edilrice la Societä filologica romana.

Questa, che si compone in massima parte di giovani Scolari del Monaci, veniva

giä pubblicando una serie di Documenti di storia letteraria nella quäle ha

visto la luce il Libro delle ire scritture di Bonvesin da Riva, ed il Petrarca

di suU' autografo; mentre escono ora a dispense il canz. vatic. 3793 e i Docu-

menti d'Amore del Barberino in edizione diplomatica; poi aggiunse una serie

minore di pubblicazioni dal titolo Miscellatiea di letteratura del M. E. destinata

a testi di piccola mole; senza parlare di un Bullettino riservato unicamente

agli atti della Societä ed a brevi note dei soci. Della Altscellanea si ha per

ora il primo fascicolo, che contiene un' importante fiorita di rime senesi

trascritte giä da E. Molteni e Irovate fra le sue carte da V, de Bartholomaeis.

Gli Studi romami non pubblicano recensioni; ma soltanto un manipolo

di Notizie. Recensioni non pubblicano neppure gli Studi medioevali, il nuovo

periodico torinese iniziato felicemente da F. Novati e da R. Renier, e questo

puö dispiacere a chi consideri che

1' Italia non possiede cosi alcuna rassegna

del movimento filologico neolatino, pur avendo due riviste della materia (['Ar-

chivio glottologico non esamina naturalmcnte che le pubblicazioni linguistiche).

Weitere Magazine dieses Users
Ähnliche Magazine