SEDE LEGALE: VIA DEI SERVI, 21 41121 MODENA ... - A. Venturi

isaventuri.it

SEDE LEGALE: VIA DEI SERVI, 21 41121 MODENA ... - A. Venturi

ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA 1NOTE1. la gestione dei docenti e dell’organizzazione in generale dipende dal Dirigente Scolastico;2. gli aspetti strutturali ed impiantistici, le manutenzioni ordinarie e straordinarie dipendonodalla Provincia di Modena.3. la dotazione di attrezzature, arredi, macchine dipende congiuntamente dal DirigenteScolastico e dalla Provincia di Modena4. il personale ausiliario dipende dal DSGA;Identificazione delle aree e delle attivitàa rischio omogeneo- AULE- LABORATORI- UFFICI- SALA INSEGNANTI- SALA DELLE DAME- PALESTRA- BIBLIOTECA- SPAZIO ESPOSITIVO,- LOCALE PERSONALE ATA,- LOCALI DEPOSITI , LOCALI TECNICI, DEPOSITI E SERVIZI- CORTILI INTERNIAttività svolte all’interno della struttura LEZIONI FRONTALI, LEZIONI E ATTIVITÀ SVOLTE NEI LABORATORIDIDATTICI, ATTIVITÀ DI UFFICIO.Attività svolte all’esterno della struttura USCITE E VISITE DIDATTICHE,Zona di insediamento:RESIDENZIALE (CENTRO STORICO A TRAFFICO LIMITATO)Azienda USL competente:AUSL MODENA STRADA MARTINIANA 21-41126 BAGGIOVARAMODENA CENTRALINO: 059 3963100INAIL (ex ISPESL) competente: BOLOGNAVigili del FuocoMODENA VIA FORMIGINA. RAGGIUNGIBILE IN CIRCA 5 MINUTIOrari di apertura della struttura LU-ME-VE: 7:30, 23:00 MA-GI 7,30, 18,00 SA: 7:30, 13,30Aperture notturne e festiveReperibilitàAffollamento max edificioPresenza portatori di handicapDAL LUNEDÌ AL VENERDÌ LA STRUTTURA RIMANE APERTA FINOALLE 23 PER ATTIVITÀ SCOLASTICHE.N.B. LA SALA DAME PUÒ ESSERE CONCESSA DAL COMUNE DIMODENA, PROPRIETARIO DEI LOCALI, AD ASSOCIAZIONIESTERNE PER RIUNIONI.NESSUNOCIRCA 820 MAX.(STUDENTI, INSEGNANTI, ATA, UFFICI)N.B. IL NUMERO PUÒ VARIARE DI ANNO IN ANNOSI, TRA GLI STUDENTI.RSPP-Responsabile del Servizio diPrevenzione e Protezione. (ai sensi GIUSEPPE BUCCHERIdell’art. 31 del D.Lgs 81/2008)Dati identificativi NATO A CARLENTINI (SR) IL 25.11.1953RESIDENTE A MODENA VIA PEDERZONA, 63C.F. BCCGPP53S25B787NTitolo di StudioLAUREA QUINQUENNALE IN INGEGNERIA ELETTRONICAISCRITTO ORDINE INGEGNERI PROVINCIA DI MODENA N.135621 Marzo 2012 Pagina 5 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA 11.5 TUTELA ECOLOGICAScarico delle acqueIL TIPO DI ATTIVITÀ OPERATE DALLA SCUOLA, NON RICHIEDEL'USO DI ACQUA DI PROCESSO PER CUI GLI SCARICHI IDRICISONO COSTITUITI SOLO DA QUELLI PROVENIENTI DAI SERVIZIIGIENICI E VENGONO IMMESSI NEL COLLETTORE FOGNARIOCOMUNALE.Emissioni in atmosferaPER QUANTO RIGUARDA LE EMISSIONI IN ATMOSFERA, LASTRUTTURA NON È SOGGETTA A QUANTO PREVISTO DAL DPR203/88.Rifiuti I RIFIUTI SONO COSTITUITI DA: RIFIUTI SOLIDI URBANI,RESIDUI DELLE LAVORAZIONI ESEGUITE NEI LABORATORIDIDATTICI. TUTTI I RIFIUTI VENGONO SMALTITI INCONFORMITÀ CON LA LEGISLAZIONE VIGENTE,Impatto acustico LA STRUTTURA NON PRODUCE EMISSIONI DI RUMORESOGGETTE A VALUTAZIONE AI SENSI DEL DPCM 01/03/1991.1.6 COMPOSIZIONE DEL GRUPPO PER LA GESTIONE DELLEEMERGENZEDatore di Lavoro e ResponsabileGestione EmergenzeVice Responsabile GestioneEmergenzeIncaricati prevenzione incendi edevacuazione in caso di pericoloIncaricati dell’attuazione delle misuredi Primo SoccorsoEUGENIO SPONZILLICESARE MARTINELLI, RITA MANFREDIBAGNI GIOVANNA – CEPARANO CARMELA - GIOVINI NADIA -LUPI ESPOSTI CARLA –- MANFREDI RITA - MARTINELLI CESARE –MEO ARCHIMEDE - OLIVI ROSSELLA - PIETOSO NICOLA –RONCAGLIA ROSSELLA – MARCIANO GIOVANNA – DE MITRILUIGINA – MALIZIA PASQUALE – MANDUCA ANGELA –BEVILACQUA CECILIABAGNI GIOVANNA (RESPONSABILE CASSETTA PRONTO SOCCORSO)– BEVILACQUA CECILIA - CEPARANO CARMELA – GIOVINI NADIALUPI ESPOSTI CARLA – PIETOSO NICOLA– DE MITRI LUIGINA–MARCIANO GIOVANNA– MALIZIA PASQUALE– MANDUCA ANGELA-OLIVI ROSSELLA- MARTINELLI CESARE – RENZI LORENZA - MEOARCHIMEDE – CALIENDO CAMILLAAGGIORNAMENTI:_______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________21 Marzo 2012 Pagina 8 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA 1Controlli antincendioIncarico Controlli IncaricatoEstintori 1. l’estintore deve essere segnalato tramite idoneo cartello(disegno bianco su fondo rosso) e provvisto di un numeroprogressivo di identificazione;2. verificare ed eventualmente correggere il numero diidentificazione sulla scheda 2 e 3 del registro antincendio;3. l’estintore deve essere facilmente individuabile, libero daostacoli ed immediatamente utilizzabile;4. deve essere presente il dispositivo di sicurezza contro gliazionamenti accidentali;5. i contrassegni distintivi dell’estintore devono esserefacilmente leggibili;6. l’indicatore di pressione deve essere compreso all’internodella zona verde;7. l’estintore deve essere mantenuto in buono stato (ad es. nondeve essere presente della ruggine, deve essere presente il manicottodi erogazione ecc.);8. il cartellino di manutenzione deve essere sempre presente ecorrettamente compilato.9. Compilare la scheda, riportata nel registro antincendio.Controlli antincendioIncarico Controlli IncaricatoPorte REI2. verificare che la chiusura automatica della porta sia ermetica;3. le porte REI non possono essere lasciate aperte e bloccatecon zeppe, arredi ecc.; verificare, quindi, che siano mantenutecostantemente chiuse;4. controllare che la chiusura e l’apertura avvengano in modosemplice e con facilità;5. controllare la funzionalità dei dispositivi automatici dichiusura (cerniere con molla di richiamo funzionante).6. Compilare la scheda, riportata nel registro antincendio.Controlli antincendioIncarico Controlli IncaricatoUscite disicurezza1. l’uscita di sicurezza deve essere segnalata da idoneo cartello(disegno bianco su fondo verde);2. l’accesso all’uscita, compreso il percorso necessario perraggiungerla, deve essere libero da ostacoli o qualsiasi altroimpedimento;3. verificare che le ante della porta siano facilmente ecompletamente apribili;4. Compilare la scheda, riportata nel registro antincendio.21 Marzo 2012 Pagina 9 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA 1Luci diemergenza1. verificare che tutte le lampade siano funzionanti; questo puòessere fatto, ad esempio, interrompendo per alcuni minutil’alimentazione elettrica generale e controllando l’entrata in funzionedi tutte le lampade, oppure controllando a vista lo stato dei ledluminosi (verde e/o rosso) di ogni lampada;2. verificare l’integrità delle lampade e la loro stabilità allestrutture murarie.3. Compilare la scheda, riportata nel registro antincendio.Controlli antincendioIncarico Controlli IncaricatoPulsanti disganciocorrenteelettrica1. verificare se sia necessario il martelletto per la rottura delvetro del pulsante;2. il pulsante deve essere chiaramente visibile edimmediatamente utilizzabile;3. il pulsante deve essere provvisto di cartello indicante lafunzione svolta (es. sgancio elettrico ascensori);4. verificarne l’effettivo funzionamento; questo può essere fattopremendo il pulsante dopo aver rimosso il coperchio di protezionecon un cacciavite e controllando l’interruzione dell’alimentazioneelettrica.5. Compilare la scheda riportata nel registro antincendio.Controlli antincendioIncarico Controlli IncaricatoAvvisi esegnaleticaantincendio1. verificare la presenza di tutte le piantine antincendio nelleaule e nei corridoi.2. verificare che siano aggiornate.3. Verificare, nei corridoi, la presenza di tutti i segnali delle viedi fuga (devono essere visibili da qualunque punto, in particolaredalla porta di ogni stanza) e della loro correttezza rispetto al Piano diEvacuazione.4. Compilare la scheda riportata nel registro antincendio.Controlli antincendioIncarico Controlli IncaricatoImpianto didiffusionesonora1. devono essere presenti i messaggi da diffondere per le varietipologie di allarme;2. il messaggio si deve udire chiaramente in ogni partedell’Istituto;Attività di 1. Coordinare l’informazione al personale e agli studentiinformazione e 2. L’organizzazione di corsi di formazioneformazione 3. L’organizzazione di riunioni e seminari di informazioneantincendio del 4. L’individuazione dei lavoratori incaricati dell’attuazione dellepersonale misure antincendio5. La sostituzione delle figure addette alla gestione ed alla21 Marzo 2012 Pagina 10 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA 1manutenzione delle attrezzature, sistemi ed impianti antincendioControlli primo soccorsoIncarico Controlli IncaricatoDPIantincendio edispositivi diprimo soccorso1. verificare che la cassetta sia segnalata da apposito cartello(disegno bianco su fondo verde per la cassetta di primo soccorso,disegno bianco su fondo rosso per quella antincendio) e provvistadell’elenco dei materiali contenuti;2. la cassetta deve essere ben visibile e facilmente raggiungibile;3. i materiali presenti nella cassetta devono corrispondere aquelli contenuti nell’elenco affisso sulla stessa e risultare in buonostato di conservazione;4. verificare i materiali con scadenza.5. Compilare la scheda, riportata nel registro antincendio.21 Marzo 2012 Pagina 11 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA 11.7 ANALISI DELL’ORGANIZZAZIONE E DELLE ATTIVITÀ LAVORATIVEI corsi di studio dell’Istituto “Venturi” risultano differenziati, ma tutti terminano con il conseguimento del"diploma". A prescindere dello specifico corso di studio scelto, la finalità dell'Istituto è la formazione di unoperatore artistico in grado di inserirsi in modo flessibile nel mondo del lavoro o continuare gli studi, in corsidi specializzazione post-diploma (provinciali, regionali o privati) o in ambito universitario (tutte le facoltàuniversitarie). L’Istituto Venturi si colloca pertanto all'interno dell'istruzione artistica, nell'ordinamento dellascuola superiore di secondo grado. Il piano degli studi è articolato su cinque anni. Per il prossimo annoscolastico 2012-2013, i Corsi del nuovo ordinamento saranno disponibili per le classi prime, seconde eterze, mentre le altri classi (quarte e quinte) proseguiranno gli studi nell'ordinamento previgente.ordinamento previgenteIstituto d'arteCorsi sperimentaliindirizziProgetto designDesign ceramicoComunicazione visivaTABELLA DI CONVERSIONEnuovo ordinamentoLiceo ArtisticoindirizziArchitettura e ambienteArti figurativeDesign ceramicoDesign del legno e dell'arredamentoGraficaIstituto d'arteCorsi tradizionaliindirizziArchitetturaCeramicaGraficaIstituto ProfessionaleArtigianato artisticoindirizziGrafica21 Marzo 2012 Pagina 12 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA 1LiceoArtisticoINDIRIZZIArchitettura e ambienteArti figurativeDesignGraficaINDIRIZZI DEL VENTURIArchitettura e ambienteArti figurativeDesign ceramicoDesign legno e arredamentoGraficaIstitutoProfessionaleARTICOLAZIONEINDIRIZZI DEL VENTURISETTOREIndustriae artigianatoArtigianato artisticoGraficaINDIRIZZOProduzioni industrialie artigianaliL’istituto accoglie circa 1.100 studenti e 200 operatori, suddivisi nenne tre sedi: Via dei Servi, Belle Arti eSan Filippo Neri.In particolare l’affollamento massimo della sede di Via dei Servi è di circa 820 persone Studenti + docenti +tecnici + collaboratori scolastici + personale degli uffici. L’edificio ospita le sezioni Grafica, ProgettoDesign, Comunicazione visiva e Architettura, per un totale di 29 classi + 2 gruppi. I locali sonocostituiti da uffici, aule per lezioni frontali, e da laboratori/aule speciali: Disegno geometrico (11),Disegno professionale/informatico (9), Plastica (4), Disegno dal vero (3), Ripresa e sviluppo (3),Architettura a Falegnameria.La sede principale di Via dei Servi è ubicata in prossimità del centro storico della città, che oltre ad esserezona residenziale, ospita importanti servizi pubblici tra i quali banche, ufficio postale, musei ed esercizicommerciali di ogni tipo. La sede occupa gli edifici dell'ex Collegio di S.Bartolomeo, costruito dai PadriGesuiti ed inaugurato nel 1607. L'ex cappella delle Dame, settecentesca, a fianco dell'ingresso principale, agliinizi del 900 fu sede dei Vigili del Fuoco, quindi palestra ed ora sala polivalente aperta al pubblico. Negliultimi anni sono stati eseguiti lavori di recupero e restauro ad opera del Comune di Modena, mentreattualmente la gestione dell’immobile è della Provincia di Modena. I lavori di recupero del complesso hannointeressato una superficie di 12.000 metri quadrati, conclusi nel settembre del 1996, hanno permesso diriconsegnare all'uso pubblico anche suggestive aree interne: il cortile dei melograni di oltre 550 metriquadrati e il chiostro centrale di 300 metri quadrati. La Cappella delle Dame è ora adibita a sala conferenze21 Marzo 2012 Pagina 13 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA 1ad uso pubblico (< 100 posti a sedere) non di gestione dell’Istituto. Le attività scolastiche vengono operate su6 piani.Piano terra: locali tecnici, depositi e locali di servizio, Uffici della Presidenza, Vicepresidenza e direzioneamministrativa, oltre allo spazio espositivo. Piano rialzato: uffici, palestra e laboratori. Primo piano: salainsegnanti, aule e laboratori. Secondo piano: aule e sale riunioni. Terzo piano: aule. Torrino: aule.Al piano terra è inoltre presente una biblioteca, aperta al pubblico su appuntamento.Le attività motorie vengono operate presso la palestra interna.Sono presenti delle vie di esodo non particolarmente difficili da percorrere, ma esse possono essered’intralcio per un disabile e non immediatamente memorizzabili per i visitatori occasionali. Durante leesercitazioni per le emergenze, di regola tre all’anno, i disabili presenti vengono portati nelle aule 2.05, e 1.05previste come spazio calmo accessibile dall’esterno.Le mansioni presenti sono state così identificate:- PERSONALE ADDETTO ALLA DIDATTICA (attività didattica, vigilanza);- PERSONALE NON DIDATTICO (attività di pulizia locali scolastici, assistenza e sorveglianza,)- ASSISTENTI TECNICI (assistenza e sorveglianza, attività di supporto all’attività didattica)- UTENTI (studenti).- UTENTI ESTERNI (genitori, personale di ditte esterne per manutenzioni, lavoratori di altri enti, tutor acontratto addetti all’assistenza degli studenti certificati).- ADDETTI AGLI UFFICI (attività amministrativa e gestionale del personale della scuola e degli studenti,rapporti col pubblico);Alla data di stesura del presente elaborato, l'affollamento massimo dell'edificio è stato stimato in circa 820persone. L’elenco nominativo del personale e degli studenti è disponibile presso gli uffici diSegreteria in Via dei Servi. La centrale termica situata tra il quarto e il terzo piano, viene gestita dalla CPLdi Concordia per conto della Provincia di Modena. La sale macchina per gli ascensori si trovano al piano terradello stabile.L’edificio è dotati di messa a terra dell'impianto elettrico. Il complesso è di proprietà del Comuna di Modana,mentra la gestione è affidata alla Provincia di Modena, competente per gli interventi di manutenzionestrutturale, impiantistici e di manutenzione straordinaria. Risultano appaltate le seguenti attività da partedell’Amministrazione Provinciale di Modena: verifiche dispositivi antincendio, verifiche periodiche impiantitecnici, manutenzione in generale. La struttura prevede l'apertura per 6 gg/settimana. Per tre giorni allasettimana (lunedì, mercoledì, venerdì) è attivo anche il corso serale, con chiusura alle ore 23,00.Relativamente al personale docente, come in tutte le strutture analoghe, è possibile in ogni anno scolastico unturn over di personale: allo scopo di limitare i disagi da ciò derivanti, relativamente agli addetti preposti allagestione delle emergenze, si è optato per la formazione del personale non docente. Relativamente agli aspettiorganizzativi e gestionali, le mansioni dei singoli addetti sono definite in misura sufficientemente dettagliata,è presente un sistema di informazione dei lavoratori circa l'organizzazione della struttura nel suo complesso..É stata eseguita l'attività di informazione e formazione dei lavoratori, prevista dagli artt. 36 e 37 del D.Lgs.21 Marzo 2012 Pagina 14 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA 1Datore di LavoroEUGENIO SPONZILLIRSPPGIUSEPPE BUCCHERIMedico CompetenteGIORGIA MONDUZZIASPPGIORGIO GIANNINIDirigente AmministrativoCESARE MARTINELLIAddetiUfficiCollaboratoriScolasticiPersonaleDocenteResp. Gestione EmergenzeAssistentiTecniciVice Responsabile GestioneEmergenzeStudentiAddetti Prevenzione IncendiAddetti Primo SoccorsoRappresentante Lavoratoriper la SicurezzaRITA MANFREDI21 Marzo 2012 Pagina 16 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA 1ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZAL’organizzazione garantisce il rispetto nel tempo delle misure di prevenzione e protezione così come previstodagli artt. 17, 18 e 19 del D.Lgs.81/2008 con le seguenti modalità:Nominativo e figuraATTRIBUZIONICOMPITI(ambito sicurezza) Fornisce gli indirizzi per laValutazione di tutti i rischiApprovazione deldell’attività lavorativa e perDocumento dil’elaborazione del relativo Datore di lavoroValutazione deidocumento, assume larischiresponsabilità di mantenerloaggiornato nel tempoATTRIBUZIONIECOMPETENZEAI FINI DELLASALUTE ESICUREZZARedazione/Aggiornamento delDocumento diValutazione deirischiValutazionerischideiPiano di miglioram.ed individuazionedei rischi permansioneProceduresicurezzadielabora il relativo documento divalutazione, contribuendo adaggiornarlo nel tempo Valutazione globale edocumentata di tutti i rischi perla salute e sicurezza deilavoratori. Valuta operativamente tutti irischi dell’attività lavorativa Il piano deve esserecostantemente monitorato pervalutare il raggiungimento degliobiettiv i fissatiLe procedure dovranno essereelaborate congiuntamente acoloro che le dovrannoapplicare. Dovranno esseremonitorate la loro applicazione ela relativa efficacia.RSPPASPPRSPPASPPReferenti interniDatore di lavoroDDLRSPPASPPPrepostiLavoratori(Applicazione)Riunione periodicadel S.P.P.FormazioneinformazioneaddestramentoFormazioneinformazioneaddestramentoededProvvedono ad organizzare lariunione periodica del S.P.P.coinvolgendo tutte le figurepreviste, così come stabilitodall’articolo 35 del D.Lgs. 81/08e ss.mm.ii. Ha la responsabilità dellapianificazione della formazione,informazione e addestramentodei lavoratori, in base alleprocedure interne dell’ente.Hanno la responsabilità dellaesecuzione della formazione,informazione ed addestramentodei lavoratori, in base alleprocedure interne. Datore di lavoro Datore di lavoro DSGA RSPP ASPP Ufficio Personale21 Marzo 2012 Pagina 17 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA 1SorveglianzasanitariaVigilanza econtrollosull’applicazionedelle misure diprevenzione eprotezione e delleprocedure da partedei lavoratoriGestionestudentidegli Elabora i protocolli sanitari infunzione dei rischi specifici;effettua le visite medicheperiodiche per controllare lo statodi salute dei lavoratori edesprimere il giudizio di idoneitàalla mansione; istituisce le cartellesanitarie e di rischio per ognilavoratore sottoposto asorveglianza sanitaria. Impartisce ai lavoratori leistruzioni di sicurezza. Vigilaaffinché i lavoratori indossano inecessari dpi, segnala le nonconformità rilevate. Verifica che lemacchine, i sistemi e leattrezzature siano conformi allenormative di sicurezza ed igiene. Effettua richiami verbali acoloro che non rispettano leregole interne e/o le norme diprevenzione. Medico Competente Preposto Insegnante TecnicoAdempimentiperiodiciMacchine,attrezzatureimpiantiGestione appaltied Rapporti con il MC DSGAScadenziario per CPISono responsabili del regolarefunzionamento di macchine,attrezzature ed impiantiutilizzati.Sono responsabili della regolaremanutenzione.E’ responsabile delle verifichedell’impianto elettrico e degliimpianti di sollevamentoE’ responsabile della regolaremanutenzione degli impiantitecnici.E’ responsabile dell’attuazionedell’art. 26 del D.Lgs. 81/08.Sorveglia l’operatività delle dittein appalto / controllando che leattività siano svolte nel rispettodelle regole di coordinamento ecooperazione stabilite negliaccordi tra le parti Provincia diModena Insegnante Tecnico Preposti Provincia diModena Provincia diModenaDSGADDLProvinciaDSGADDLProvinciaPreposti21 Marzo 2012 Pagina 18 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA 11.8 CARATTERISTICHE GENERALI DEI LUOGHI DI LAVOROAi fini della valutazione dei rischi,sono stati individuati i seguenti luoghi di lavoro:AREAMANSIONEA Aule e Laboratori didattici 1, 2, 3, 4,B Biblioteca, luoghi per attività collettive e spazi espositivi 1, 2, 3, 4,C Sala insegnanti, locale ATA, depositi 1, 2, 4,D Aree cortilive 1, 2, 3, 4, 5E Palestra 1, 3, 4,F Uffici 1, 2, 3, 4, 5Totale n. 5 aree operative.Alla luce di quanto esposto possono essere presenti nella struttura:MANSIONEAREA1 Insegnante/Insegnante di sostegno (Attività didattiche, A, B, C, D, E, Fattività relazionali, attività di vigilanza durante gli intervalli ele uscite didattiche, uso di macchine e attrezzature, uso difotocopiatrici e macchine riproduttive in genere, uso diattrezzi di cancelleria. uso di videoterminali2 Assistente/ Tecnico (Attività di assistenza alla didattica, uso A, B, C, D, Fdi macchine e attrezzature, uso di videoterminali)3 Studente/ Utente A, B, D, E, F4 Collaboratore Scolastico (Igienizzazione e pulizia degli A, B, C, D, E, Fambienti e dei servizi igienici, altre attività di sostegno alpersonale scolastico, attività di vigilanza al di fuori delle aule)5 Personale addetto agli uffici (Immissione ed elaborazionedati, utilizzo del videoterminale e dei relativi accessori,attività generiche di segreteria, archiviazione di documenti)D, FNOTA: Nel prosieguo del presente documento verranno valutati i rischi relativi al solo personale interno edagli utenti interni. I rischi specifici degli appaltatori, sono di competenza di questi ultimi. I rischiinterferenziali verranno, qualora se ne riscontri la necessità, descritti nel DUVRI.Descrizione delle attivitàA) AULE E LABORATORI DIDATTICIIl numero delle aule didattiche varia di anno in anno in ragione delle necessità didattiche e delle disponibilità.Per l’anno scolastico 2011/2012 le classi sono state 29. In aggiunta a ciò sono presenti alcuni laboratorididattici: N.4 laboratori di Plastica, N.11 laboratori di Disegno geometrico (alcuni di essi utilizzati anche perlezioni frontali), N.9 laboratori di Disegno professionale/informatico (alcuni di essi utilizzati anche perlezioni frontali), N.3 laboratori di Disegno dal vero, N.3 laboratori di Ripresa e sviluppo, N.2 laboratori diArchitettura e falegnameria. Tutte le aule risultano numerate ed identificate a mezzo di apposita targhetta,posizionata in modo ben visibile sullo stipite esterno della porta. Ad ogni classe non è associabile un’aula,infatti in vitù della specificità del corso di studi, solo alcune classi sono fisse, mentre le rimanenti operanosecondo il criterio della rotazione. È possibile utilizzare nelle aule apparecchiature elettriche, come lavagnaluminosa, computer e videoproiettore, videoregistratore o DVD con televisione, registratore magnetico especifiche attrezzature didattiche.21 Marzo 2012 Pagina 19 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA 1I laboratori e le aule laboratorio risultano specifiche per le attività da eseguire, sia relativamente agliarredi sia per le particolari attrezzature in dotazione.Mansioni presenti1 Insegnante2 Assistente Tecnico3 Studente4 Collaboratore ScolasticoB) BIBLIOTECA LUOGHI PER ATTIVITÀ COLLETTIVE E SPAZI ESPOSITIVIDescrizione delle attività.La biblioteca è ubicata al piano terra e fa parte del circuito delle biblioteche di Modena; pertantoessa è utilizzabile anche da eventuali esterni. È munita di armadi contenenti i libri consultabili datutte le classi dell’Istituto, tavoli e sedie per la consultazione dei volumi in loco e un’area con sediee tavoli per svolgere attività didattiche. Sono presenti anche computer per l’inventario, la ricerca deitesti e per il collegamento al web.Le attività collettive (attività didattiche o conferenze per più classi, riunioni o assemblee sindacali delpersonale, collegio docenti, ecc.) vengono svolte nella Sala Dame al piano terra. Le sale sonono dotate diattrezzature informatiche e di video proiezione.Lo spazio VENTURI è uno spazio espositivo che prevede due ingressi: dall’interno e dal Cortile delMelograno. I locali possono ospitare esposizioni temporanee, aperte al pubblico. Dall’accessoesterno è possibile l’ingresso ai disabili.Mansioni presenti1 Insegnante2 Assistente/ tecnico3 Studente/ utente4 Collaboratore Scolastico5 Addetto agli ufficiC) SALA INSEGNANTI, LOCALE ATA E DEPOSITIDescrizione delle attività.I locali appartenenti a questo gruppo sono caratterizzati dal fatto di non essere accessibili agli studenti.La sala insegnanti è ubicata al primo piano.Il locale ad uso del personale ATA è ubicato al piano terra, in prossimità dell’ingresso di via Dei Servi.All’interno di quest’ultimo locale è presente il quadro elettrico generale.Mansioni presenti1 Insegnante2 Assistente/ Tecnico4 Collaboratore Scolastico21 Marzo 2012 Pagina 20 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA 1Descrizione delle attività.D) AREE CORTILIVELe aree cortilive sono due: la prima con accesso da Via Selmi ed il Cortile dei Melograni conaccesso da Via dei Servi. L’are cortiliva interna (Via Selmi) non viene utilizzata per nessuna attivitàparticolare; ospita zone di deposito temporaneo di materiali dell’attività di fotografiaopportunamente confinate e accessibili solo dal personale addetto. Non è adibita al parcheggio, maè accessibile agli autoveicoli di soccorso, e al personale autorizzato per il carico e scarico merci. Daquesta area è possibile l’accesso alla biblioteca, alla cabina di trasformazione elettrica, ad alcunilocali tecnici e depositi.Il Cortile dei Melograni svolge le funzioni di punto di raccolta per lo spazio espositivo (SpazioVenturi) e per coloro che utilizzano la scala G come via di esodo.L'illuminazione delle aree esterne risulta idonea alle attività da eseguire.Mansioni presenti1 Insegnante2 Assistente/ Tecnico3 Studente4 Collaboratore scolastico5 Addetto agli ufficiDescrizione delle attività.E) PALESTRALa palestra interna ubicata al piano rialzato dell’edificio, con possibilità di accesso sia dall’interno,sia dall’esterno dell’edificio. L’area prevede oltre alla palestra propriamente detta, anche glispogliatoi ed i servizi suddivisi per sesso, il locale per deposito attrezzi ad uso specifico dellapalestra. La palestra è ad uso esclusivo della scuola e non viene utilizzata in orari extrascolastici.Mansioni presenti1 Insegnante3 Studente4 Collaboratore Scolastico21 Marzo 2012 Pagina 21 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA 1Descrizione delle attività.F) UFFICIGli uffici sono ubicati al piano rialzato dell’edificio principale. Essi sono suddivisi in diversi locali:Personale: effettua le operazioni di ufficio relative a contratti, pagamenti e comunicazioni alpersonale dipendente della scuola. Vi può quindi accedere tutto il personale interno.Didattica: effettua le operazioni di ufficio relative agli studenti: iscrizioni, pagamenti, diplomi,comunicazione alle famiglie. Vi possono quindi accedere anche studenti e genitori.DSGA: Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi: si occupa della gestione amministrativa econtabile dell’Istituto. Il suo ufficio non è aperto al pubblico.Dirigente scolastico: dirige la scuola in tutti i suoi aspetti gestionali e normativi. Nel suo ufficiopossono accedere personale interno, studenti, genitori e persone esterne con appuntamento.Protocollo: registra ed archivia tutte le comunicazioni che entrano o escono dall’Istituto. Vipossono accedere, oltre agli impiegati, anche gli insegnanti e personale esterno che consegni o ritiricomunicazioni.Bilancio e Acquisti: registra ed archivia tutti i documenti relativi ad acquisti o cessioni da partedell’Istituto, gestisce i documenti relativi al bilancio ed effettua le relative previsioni econsuntivazioni, sotto la guida del DSGA. Vi possono accedere, oltre agli impiegati, anche gliinsegnanti e personale esterno che consegni o ritiri materiali o debba effettuare lavori.I lavori di ufficio vengono svolti anche a mezzo di VDT, il cui utilizzo ne comporta l’impiegotalvolta anche per più di 20 ore settimanali.Mansioni presenti1 Insegnante2 Assistente Tecnico3 Studente4 Addetto agli uffici5 Collaboratore Scolastico21 Marzo 2012 Pagina 22 di 108


Poiché relativamente agli infortuni vengono regolarmente inviate le comunicazioni all’INAIL sia ai fini assicurativi sia a i fini statistici, nel corso delle riunioni del servizio di prevenzione e protezione (Rif. Art.35 D.Lgs.81/2008), che si tengono di regola con frequenza annuale o più frequentemente qualora se ne abbia la necessità, vengono analizzati i dati relativi alle suddette comunicazioni, allo scopo di valutare la necessità di adozione di azioni correttive e/o preventive.ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA 11.9 CARATTERISTICHE SIGNIFICATIVE INCENDINell’anno 2009 si è registrato un incendio nei locali ad uso dei bidelli al piano terra. L’evento di origineaccidentale ha richiesto l’intervento dei Vigili del Fuoco, che non hanno espresso alcun parere sulle cause. RISCHI RILEVANTIL’attività della scuola non rientra tra quelle elencate nel D.Lgs.238/2005 (recepimento della direttiva2003/105/CE, Seveso III). VERBALI E PRESCRIZIONI DEGLI ORGANI DI CONTROLLOÈ stato formulato un verbale dispositivo da parte del Dipartimento di Sanità Pubblica dell’ASL diModena, in data 09.08.2011. Alla data di stesura del presente elaborato sia la Provincia di Modena sia laDirezione dell’Istituto, si sono attivate allo scopo di ottemperare alle suddette disposizioni, per le parti dicompetenza di ciascuna di esse. MALATTIE PROFESSIONALIL’Istituto ha nominato la dott.ssa Giorgia Monduzzi quale Medico Competente. Sono stati eseguitisopralluoghi presso i locali dell’azienda congiuntamente da parte del MC, del DDL e dell’RSPP. È statoredatto il programma di sorveglianza sanitaria preventiva e periodica. Dalle relazioni sanitarie annuali, sievince che non sono state formulate prescrizioni relativamente all’idoneità dei lavoratori alla mansione, nési sono registrate malattie professionali. RISCHIO CHIMICOLa struttura sulla base delle attività e della valutazione dei rischi ha provveduto ad eliminare o ridurre ilrischio, mediante la sostituzione con agenti o processi che, nelle condizioni di uso, non sono o sono menopericolosi per la salute dei lavoratori. Vedi l’apposito paragrafo del presente documento. ANALISI DEGLI INFORTUNIPoichè ai sensi della norma UNI 7249, affinché l’analisi statistica possa essere significativa, il numerocomplessivo delle ore lavorate deve essere almeno di 2.000.000, pertanto non si è ritenuto significativo ilcalcolo degli indiciDm (durata media) = n. giorni di infortunio / n. di infortuni.Ii (indice di incidenza) = n. infortuni x 100 / n. dipendenti.If (indice di frequenza)= n. infortuni x 1.000.000 / n. ore lavorate.Ig (indice di gravità) = n. giorni di infortunio x 1.000 / n. ore lavorate.21 Marzo 2012 Pagina 23 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA 11.10 GESTIONE DEI DOCUMENTISono presenti due tipologie di documenti: I documenti cartacei, di origine interna ed esterna. I documenti informatici, anchessi di origine interna ed esterna.Diseguito viene riportato l’elenco di ciascuno di essi e le relative modalità di tenuta.Allo scopo di ottenere una archiviazione organica e sistematica della documentazione relativa allasicurezza e salute, sono stati istituiti i seguenti strumenti operativi:A) RACCOGLITORE DEGLI ATTI INTERNI: Raccoglitore cartaceo. Sequenziale; contiene ladocumentazione e le informazioni interne quali nomine, deleghe, attività di IFA, procedure. Ilpresente Documento di Valutazione dei Rischi viene conservato nel raccoglitore degli atti interni.B) RACCOGLITORE DEGLI ATTI ESTERNI: Raccoglitore cartaceo. Contiene tutta ladocumentazione e la corrispondenza in entrata ed in uscita relativamente alla sicurezza, igiene dellavoro e tutela ambientale.C) RACCOGLITORE DEI DOCUMENTI TECNICI: Raccoglitore cartaceo ed informatico.Contiene i manuali di istruzione e la documentazione tecnica delle prove, delle verifiche e deicollaudi eseguiti, dichiarazioni di conformità di macchine ed impianti.D) RACCOGLITORE DELLA DOCUMENTAZIONE SANITARIA: Raccoglitore cartaceo.Contiene il programma di sorveglianza sanitaria, le relazioni sanitarie annuali, eventuali registridegli esposti, giudizi del medico circa l’idoneità al lavoro degli addetti, le schede di sicurezza dellesostanze e delle miscele utilizzate.L’aggiornamento della documentazione, è di competenza del DDL o di personale da egli incaricato.La tenuta degli stessi è di competenza degli uffici interni preposti (personale, amministrazione,ecc.).E) SCADENZARIO: Strumento informatico (ancora da attivare), conterrà l’elenco degliadempimenti periodici con l’indicazione dell’incaricato della scuola ad esso preposto, degli uffici oautorità competenti alle quali far riferimento e della periodicità di esecuzione.F) ELENCHI INFORMATICI: Sono stati isituiti per la raccolta di tutte quelle informazioni soggettea periodico aggiornamento. Il formato utilizzato è compatibile con i software normalmente presentisul mercato.La tenuta e l’aggiornamento dei suddetti elenchi è di competenza del DSGA o da personale da egliincaricatoPoiché si chiede all'RLS di sottoscrivere alcuni documenti, è doveroso che egli ne possa prendere visione,tuttavia anche all’RLS si richiede l'obbligo di segretezza e riservatezza al quale è tenuto ogni lavoratore.21 Marzo 2012 Pagina 24 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA 1L’RLS può utilizzare le informazioni contenute nei documenti unicamente per esercitare le funzioni a luiriservate. La consegna può avvenire solo in seguito ad una formale richiesta e deve essere accompagnatadall'espresso richiamo al vincolo di utilizzo del documento esclusivamente all'interno della struttura.Ricevuta la copia del documento, quindi, il RLS potrà detenerla temporaneamente ma non potrà farne un usodiverso da quello previsto dalla legge, non potrà portarla all’esterno e, una volta espletata la funzione che neabbia determinato la richiesta, dovrà restituirlaDOCUMENTI CARTACEI (ELENCO NON ESAUSTIVO)DESCRIZIONENomina dell’RSPP dal parte del DDL ed accettazione dell’incarico.Attestati di formazione e aggiornamento RSPPNomina addetto al servizio di prevenzione e protezioneAttestati di formazione ed aggiornamento ASPPNomina ed accettazione Medico CompetenteSchede di sicurezza delle sostanze e dei preparati utilizzatiProgramma della sorveglianza sanitaria preventiva e periodicaRelazioni sanitarie annualiNomina addetti primo soccorsoVerbale di elezione/comunicazione di nomina dell’RLSAttestato di formazione RLSPlanimetrie dei localiDocumento di valutazione dei rischi (art.28 D.Lgs.81/2008) evalutazioni per rischi specifici.Piano per la gestione delle emergenzePratica per il rilascio del Certificato di Prevenzione IncendiRegistro prevenzione incendi e verifiche periodiche dispositiviantincendioNomina degli addetti alla prevenzione incendi.Schede consegna DPIInformazione al personale ai sensi dell’art. 36 D.Lgs. 81/2008Formazione del personale ai sensi dell’art. 37 D.Lgs. 81/2008Dichiarazioni di conformità impiantiVerifiche periodiche e manutenzione ascensoreVerifiche periodiche messa a terra impianto elettricoDUVRIDOCUMENTI INFORMATICI (ELENCO NON ESAUSTIVO)Elenco del Personale con mansioniElenco delle macchine, impianti, attrezzature (cespiti)Regolamento interno e norme di buona prassiProcedure interne gestionali ed organizzativeNOTE21 Marzo 2012 Pagina 25 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA METODOLOGIA 22. METODOLOGIA SEGUITA NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI2.1 GeneralitàLa metodologia seguita nell’analisi dei rischi e nella successiva stesura del Documento diValutazione , ha tenuto conto del contenuto specifico del D.Lgs. 81/2008 e dei documenti emessidalla Comunità Europea. A norma degli artt. 17 e 28 del D.Lgs. n. 81/2008, la Valutazione di tutti èil primo ed il più importante adempimento al quale il Datore di Lavoro deve ottemperare al fine dipervenire ad una conoscenza approfondita delle tipologie di rischio presenti nella propria realtàaziendale. Per tale obbligo non è ammessa la delega di funzioni. Naturalmente per ottemperare aquanto previsto dal D.Lgs. 81/2008 in ordine alla valutazione dei rischi si deve considerare ilcomplesso delle leggi, norme tecniche e norme di buona prassi e riassumere nel "Documento divalutazione dei rischi" quanto di pertinenza per la struttura in esame. Il Decreto Legislativo 81/2008impone inoltre che il Documento di Valutazione dei Rischi debba contenere una descrizione dei“criteri adottati per la Valutazione stessa”, oggetto del presente capitolo.L’impianto operativo di valutazione dei rischi adottato, di seguito descritto, include due momenticoncettualmente distinti:A) Individuazione e caratterizzazione delle fonti potenziali di pericolo (sostanze, macchinari,agenti nocivi, etc.B) Individuazione e caratterizzazione dei soggetti esposti.L’impianto metodologico della Valutazione è basato sull’adozione di liste di controllo.Le Liste di Controllo fanno riferimento ai Fattori di Rischio elencati in Tabella 1 e suddivisi intre categorie:rischi per l’incolumità fisica dei lavoratori (dal n. 1 al n. 18);rischi per la salute dei lavoratori (dal n. 19 al n. 32);Il terzo gruppo (dal n. 33 al n. 45) comprende più propriamente una serie di Fattori Gestionalidi Prevenzione, in quanto in essi vengono esaminate le misure di tutela e prevenzionepresenti a livello generale, aventi a che fare con gli aspetti organizzativi, formativi eprocedurali.Per “Fattore di Rischio” si intende ogni aspetto che può in qualche modo generare o influenzare illivello di rischio professionale individuabile all’interno delle attività aziendali, siano essi fattorimateriali (sostanze pericolose, macchinari,..) oppure fattori organizzativi e procedurali(Sorveglianza Sanitaria, Piani di Emergenza, Istruzioni, Libretti di Manutenzione, ecc.).Lo schema operativo seguito per la valutazione è riportato nelle pagine seguenti.21 Marzo 2012 Pagina 26 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA METODOLOGIA 2D.LGS 81/2008 e ss.mm.ii. - LISTE DI CONTROLLO PARSIFAL: Elenco dei RischiRISCHI PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI1. RISCHI TERRITORIALI, DELLE AREE ESTERNE E DEGLI ACCESSI2. AREE DI TRANSITO INTERNE, RISCHI DI CADUTA IN PIANO3. STRUTTURE EDILIZIE, SPAZI DI LAVORO INTERNI E ARREDI, RISCHI DI CADUTA DALL’ALTO4. PORTE, VIE E USCITE IN CASO DI EMERGENZA5. SCALE FISSE E PORTATILI6. PONTEGGI FISSI E MOVIBILI, SISTEMI DI ACCESSO E POSIZIONAMENTO A FUNE E ALTREATTREZZATURE PER LAVORI IN QUOTA7. MACCHINE8. ATTREZZI MANUALI E PORTATILI E UTENSILI9. MANIPOLAZIONE DIRETTA DI OGGETTI E MATERIALI10. IMMAGAZZINAMENTO DI OGGETTI E MATERIALI11. RISCHI ELETTRICI12. ATTREZZATURE A PRESSIONE13. RETI E APPARECCHI DI DISTRIBUZIONE GAS E LIQUIDI COMBUSTIBILI, IMPIANTI TERMICI14. MEZZI DI SOLLEVAMENTO15. MEZZI DI TRASPORTO16. RISCHI DI INCENDIO ED ESPLOSIONE17. RISCHI PER LA PRESENZA DI ESPLOSIVI18. AGENTI CHIMICI PERICOLOSI PER LA SICUREZZARISCHI PER LA SALUTE DEI LAVORATORI19. AGENTI CHIMICI PERICOLOSI PER LA SALUTE20. AGENTI CANCEROGENI O MUTAGENI21. AGENTI BIOLOGICI PERICOLOSI22. AREAZIONE E VENTILAZIONE DEI LOCALI DI LAVORO E INQUINAMENTO INDOOR23. CLIMATIZZAZIONE E MICROCLIMA DEI LUOGHI DI LAVORO24. ILLUMINAZIONE DEGLI SPAZI E POSTAZIONI DI LAVORO25. RUMORE26. VIBRAZIONI27. RADIAZIONI IONIZZANTI28. RADIAZIONI NON IONIZZANTI29. ALTRI AGENTI FISICI30. CARICO DI LAVORO FISICO, MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E MOVIMENTIRIPETITIVI31. LAVORO AI VIDEOTERMINALI32. IGIENE DEGLI AMBIENTI, SERVIZI IGIENICI, LOCALI DI REFEZIONE E RIPOSOFATTORI ERGONOMICI, ORGANIZZATIVI E GESTIONALI33. ERGONOMIA DELL’ORGANIZZAZIONE, DEI SISTEMI DI LAVORO, DEGLI AMBIENTI E DELLEPOSTAZIONI DI LAVORO,34. FATTORI DI STRESS LAVORO-CORRELATO35. ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO, COMPITI, FUNZIONI E RESPONSABILITÀ, LAVORONOTTURNO,LAVORATRICI GESTANTI, LAVORATORI MINORI36. PIANIFICAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DELLA SICUREZZA37. INFORMAZIONE DEI LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI38. FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO DEI LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI39. PARTECIPAZIONE DEI LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI40. ISTRUZIONI, PRASSI E PROCEDURE DI LAVORO IN SICUREZZA41. SEGNALETICA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO42. USO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE43. ATTUAZIONE DELLA SORVEGLIANZA SANITARIA44. GESTIONE EMERGENZE E PRONTO SOCCORSO45. CONTROLLI, VERIFICHE E MANUTENZION21 Marzo 2012 Pagina 27 di 108


21 Marzo 2012 Pagina 28 di 108ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA METODOLOGIA 2


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA METODOLOGIA 22.2 Le scale della Probabilità e del DannoAffinché i rischi individuati si trasformino in pericoli per gli addetti, è necessario introdurre duenuovi concetti: la scala delle probabilità e la scala di gravità del danno.La definizione della scala delle Probabilità fa riferimento principalmente all’esistenza di unacorrelazione più o meno diretta tra la carenza riscontrata ed il danno ipotizzato; in secondo luogoall’esistenza di dati statistici noti a riguardo, a livello di azienda o di comparto di attività; infine, uncriterio di notevole importanza, è quello del giudizio soggettivo di chi è direttamente coinvolto nellarealtà lavorativa.La scala di gravità del Danno chiama invece in causa la competenza di tipo sanitario e fariferimento principalmente alla reversibilità o meno del danno, distinguendo tra infortunio edesposizione acuta o cronicaL’analisi dei rischi, corredato dalle indicazioni delle azioni correttive, della loro priorità, delleresponsabilità e delle strategie, costituisce il cuore del Documento di Valutazione dei Rischi e vienecustodito in Azienda, così come richiesto dal D. Lgs 81/2008, in quanto ne contiene tutti glielementi essenziali (art.28). L’elenco completo delle liste di controllo viene allegato al presentedocumento. Relativamente agli adempimenti previsti dal D.M. 10 Marzo 1998, pubblicato sullaGURI del 7 Aprile 1998, essi sono descritti nell’apposito capitolo del presente documento.Nella programmazione delle misure si è tenuto conto dei principi generali di tutela espressi dalD.Lgs 81/2008 e che sono, in ordine di importanza:* eliminare i rischi sostituendo il pericoloso con ciò che non lo è o che lo è meno,* ridurre i rischi alla fonte o segregare la fonte del rischio,* adottare i provvedimenti collettivi di protezione piuttosto che quelli individuali, separandoil rischio dalle persone,* adeguarsi prontamente al progresso tecnologico più sicuro,* adottare metodi di lavoro più sicuri che riducano i rischi, diffondere procedure scrittecomprensibili e ben spiegate,* predisporre adeguati controlli,* realizzare idonea informazione, formazione, addestramento e partecipazione deilavoratori.OVVERO:Eliminazione del pericolo, Riduzione del pericolo, Riduzione del rischio alla fonte, Ottimizzazionegestionale del rischio, Protezione del personale, Informazione / formazione / addestramento.I provvedimenti adottati saranno indirizzati alla risoluzione delle situazioni di rischio privilegiandoquelle a carattere continuativo e collettivo, rispetto a quelle con aspetti acuti e individuali.21 Marzo 2012 Pagina 29 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA METODOLOGIA 22.3 Note esplicativePer ciascuna delle aree nelle quali la struttura risulta suddivisa, sono stati considerati tutti i rischi ritenutiapplicabili ed elencati nella matrice di valutazione(par.2.4). Gran parte dei punti di verifica riportano inoltre iriferimenti legislativi individuati (vdi check list allegate). Nel caso di verifiche con esito negativo, si èprovveduto a redigere la scheda di valutazione di seguito elencata; essa fornisce un riferimento relativamentealle tempistiche di attuazione delle misure di prevenzione e protezione individuate.ISTITUTO “ A. VENTURI” ANALISI DELLE ATTIVITÀ: SITUAZIONI DA SANARESEDE: VIA DEI SERVI AREA: MACCHINE/IMPIANTI:MANSIONI:ATTIVITÀ:Fattore di rischio RischioValutazioneNoteindividuato del RischioP D R=PxDMansione/Attività Tipologia della mansione e descrizione delle principali operazioni svolteFattore di rischio Denominazione del fattore di rischioRischio individuato Descrizione della situazione di pericolo e tipologia dell’evento dannosoconseguente al pericolo presentePProbabilità: si tratta della probabilità che i possibili danni si concretizzino. Laprobabilità sarà definita secondo la seguente scala di valori:VALORE DIPROBABILITÀDEFINIZIONE1 Improbabile2 Poco probabile3 Probabile4 Molto probabileINTERPRETAZIONE DELLA DEFINIZIONE• Il suo verificarsi richiederebbe la concomitanza dipiù eventi poco probabili• Non si sono mai verificati fatti analoghi• Il suo verificarsi susciterebbe incredulità• Il suo verificarsi richiederebbe circostanze noncomuni e di poca probabilità• Si sono verificati pochi fatti analoghi• Il suo verificarsi susciterebbe modesta sorpresa• Si sono verificati altri fatti analoghi• Il suo verificarsi susciterebbe modesta sorpresa• Si sono verificati altri fatti analoghi• Il suo verificarsi è praticamente dato perscontatoDDanno: effetto possibile causato dall'esposizione a fattori di rischio connessiall'attività lavorativa, ad esempio il rumore (che può causare la diminuzione dellasoglia uditiva). L’entità del danno sarà valutata secondo la seguente scala di valori:VALORE DIDEFINIZIONE INTERPRETAZIONE DELLA DEFINIZIONEDANNO1 Lieve • danno lieve• incidente che non provoca ferite e/o malattie2 Medio • ferite/malattie di modesta entità (abrasioni, piccolitagli)• ferite/malattie gravi (fratture, amputazioni,3 Gravedebilitazioni gravi, ipoacusie);• incidente/malattia mortale4 Molto grave• incidente mortale multiplo21 Marzo 2012 Pagina 30 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA METODOLOGIA 2RRischio: probabilità che sia raggiunto un livello potenziale di danno nelle condizionidi impiego o di esposizione ad un pericolo da parte di un lavoratore. Nella tabellaseguente sono indicate le diverse combinazioni (PxD) tra il danno e le probabilitàche lo stesso possa verificarsi (stima del rischio).P (probabilità)4 4 8 12 163 3 6 9 122 2 4 6 81 1 2 3 4MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE1 2 3 4 D (danno)In funzione del rischio valutato vengono stabilite le misure di prevenzione e protezione come diseguito specificato:RischioR > 8Adozione di misure preventive e/o protettive conpredisposizione di procedure operative, addestramento,formazione e monitoraggio con frequenza elevata.4 R 8RischioAdozione di misure preventive e/o protettive conpredisposizione di procedure operative, formazione,informazione e monitoraggio con frequenza mediaRischio2 R 3Adozione di misure preventive e/o protettive, formazione,informazione e monitoraggio ordinarioR = 1RischioNon sono individuate misure preventive e/o protettive. Soloattività di informazione. Non soggetto a monitoraggioordinarioAttuate le misure di prevenzione e protezione individuate, eventualmente erogata laformazione, l’informazione e l’addestramento dei lavoratori, si ritiene che i rischisiano residuali.21 Marzo 2012 Pagina 31 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA METODOLOGIA 22.4 Matrici di valutazione: A. Fattori di rischio potenziali per area (prima dell’adozione delle misuredi prevenzione e protezione). La matrice di valutazione riportata di seguito, evidenzia i fattori di rischio presi inesame in ciascuna area. L’elenco è stato compilato dal Datore di Lavoro durante la normale attività lavorativa, incollaborazione con il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, il Medico Competente.A) Aule e B) Biblioteche, luoghi per C) Sala insegnanti, D) Aree E) Palestra F) UfficiLaboratori didattici attiv.collettive, spazi espositivi locale ATA, depositi cortilive esternaFATTORI DI RISCHIOAREEX = Applicabile A B C D E FRISCHI PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI1) RISCHI TERRITORIALI, DELLE AREE ESTERNE E DEGLI ACCESSI X X X X X X2) AREE DI TRANSITO INTERNE, RISCHI DI CADUTA IN PIANO X X X X X3) STRUTT. ED., SPAZI DI LAVORO INTERNI E ARREDI, RISCHICADUTA DALL’ALTOX X X X X4) PORTE, VIE E USCITE IN CASO DI EMERGENZA X X X X .X5) SCALE FISSE E PORTATILI X X X X X6) PONTEGGI FISSI/MOVIBILI, SISTEMI DI ACCESSO POSIZIONAM. AFUNE E ALTRE ATTREZZATURE PER LAVORI IN QUOTA7) MACCHINE X X8) ATTREZZI MANUALI E PORTATILI, UTENSILI X X X X X9) MANIPOLAZIONE DIRETTA DI OGGETTI E MATERIALI X X X X X10) IMMAGAZZINAMENTO DI OGGETTI E MATERIALI X X X X X11) RISCHI ELETTRICI X X X X X X12) ATTREZZATURE A PRESSIONE X13) RETI E APPARECCHI DI DISTRIBUZIONE GAS E LIQUIDICOMBUSTIBILI , IMPIANTI TERMICIX14) MEZZI DI SOLLEVAMENTO X X X15) MEZZI DI TRASPORTO16) RISCHI DI INCENDIO ED ESPLOSIONE X X X X X X17) RISCHI PER LA PRESENZA DI ESPLOSIVI18) AGENTI CHIMICI PERICOLOSI PER LA SICUREZZARISCHI PER LA SALUTE DEI LAVORATORI19) AGENTI CHIMICI PERICOLOSI PER LA SALUTE X20) AGENTI CANCEROGENI O MUTAGENI21) AGENTI BIOLOGICI PERICOLOSI22) VENTILAZIONE DEI LOCALI DI LAVORO, INQUINAM. INDOOR X X X X X23) CLIMATIZZAZIONE E MICROCLIMA DEI LUOGHI DI LAVORO X X X X X24) ILLUMINAZIONE DEGLI SPAZI E POSTAZIONI DI LAVORO X X X X X X25) R UMORE X X X X26) VIBRAZIONI X27) RADIAZIONI IONIZZANTI28) RADIAZIONI NON IONIZZANTI X29) ALTRI AGENTI FISICI30) CARICO DI LAVORO FISICO, MOVIMENTAZ. MANUALE DEICARICHI E MOVIMENTI RIPETITIVI31) LAVORO AI VIDEOTERMINALI X X X32) IGIENE AMBIENTI, SERVIZI IGIENICI, LOCALI DI REFEZ. RIPOSO X X X X XFATTORI ERGONOMICI, ORGANIZZATIVI E GESTIONALI33) ERGONOMIA DELL’ORGANIZAZIONE DEI SISTEMI DI LAVORO,DEGLI AMBIENTI E DELLE POSTAZIONI DI LAVOROX X X X X X34) FATTORI DI STRESS LAVORO CORRELATO X X X X X X35) ORGANIZZAZ.LAVORO, COMPITI, FUNZIONI E RESPONSABILITÀ,LAV.NOTTURNO, LAVORATR.GESTANTI, LAVORATORI MINORIX X X X X X36) PIANIFICAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DELLA SICUREZZA X X X X X X37) INFORMAZIONE DEI LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI X X X X X X38) FORMAZ. ADDESTRAM. LAVORATORI, PREPOSTI, DIRIGENTI X X X X X X39) PARTECIPAZIONE DEI LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI X X X X X X40) ISTRUZIONI, PRASSI E PROCEDURE DI LAVORO IN SICUREZZA X X X X X X41) SEGNALETICA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO X X X X X X42) USO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE X X X X X X43) ATTUAZIONE DELLA SORVEGLIANZA SANITARIA X X X X X X44) GESTIONE EMERGENZE E PRONTO SOCCORSO X X X X X X45) CONTROLLI, VERIFICHE E MANUTENZIONI X X X X X X21 Marzo 2012 Pagina 32 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA METODOLOGIA 2Matrici di valutazione: B Fattori di rischio potenziali per mansione. (prima dell’adozione dellemisure di prevenzione e protezione) La matrice di valutazione B evidenzia i fattori di rischio presi in esamerelativamente a ciascuna mansione presente. La corrispondenza tra i numeri d’ordine e le mansioni è riportata di seguito.1) INSEGNANTE 2) ASSIST /TECNICO 3) STUDENTE 4) COLLABORAT. SCOLASTICO 5) ADDETTO UFFICIFATTORI DI RISCHIOAREEX = Applicabile 1 2 3 4 5RISCHI PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI1) RISCHI TERRITORIALI, DELLE AREE ESTERNE E DEGLI ACCESSI X X X X X2) AREE DI TRANSITO INTERNE, RISCHI DI CADUTA IN PIANO X X X X X3) STRUTT. ED., SPAZI DI LAVORO INTERNI E ARREDI, RISCHICADUTA DALL’ALTOX X X X X4) PORTE, VIE E USCITE IN CASO DI EMERGENZA X X X X X .5) SCALE FISSE E PORTATILI X X X X X6) PONTEGGI FISSI/MOVIBILI, SISTEMI DI ACCESSO POSIZIONAM. AFUNE E ALTRE ATTREZZATURE PER LAVORI IN QUOTA7) MACCHINE X X X X X8) ATTREZZI MANUALI E PORTATILI, UTENSILI X X X X9) MANIPOLAZIONE DIRETTA DI OGGETTI E MATERIALI X X X X X10) IMMAGAZZINAMENTO DI OGGETTI E MATERIALI X X X X X11) RISCHI ELETTRICI X X X X X12) ATTREZZATURE A PRESSIONE X X X13) RETI E APPARECCHI DI DISTRIBUZIONE GAS E LIQUIDICOMBUSTIBILI , IMPIANTI TERMICIX X X X X14) MEZZI DI SOLLEVAMENTO X X X X15) MEZZI DI TRASPORTO X X16) RISCHI DI INCENDIO ED ESPLOSIONE X X X X X17) RISCHI PER LA PRESENZA DI ESPLOSIVI18) AGENTI CHIMICI PERICOLOSI PER LA SICUREZZARISCHI PER LA SALUTE DEI LAVORATORI19) AGENTI CHIMICI PERICOLOSI PER LA SALUTE X X X20) AGENTI CANCEROGENI O MUTAGENI21) AGENTI BIOLOGICI PERICOLOSI22) VENTILAZIONE DEI LOCALI DI LAVORO, INQUINAM. INDOOR X X X X X23) CLIMATIZZAZIONE E MICROCLIMA DEI LUOGHI DI LAVORO X X X X X24) ILLUMINAZIONE DEGLI SPAZI E POSTAZIONI DI LAVORO X X X X X25) R UMORE X X X X26) VIBRAZIONI X X X27) RADIAZIONI IONIZZANTI28) RADIAZIONI NON IONIZZANTI29) ALTRI AGENTI FISICI30) CARICO DI LAVORO FISICO, MOVIMENTAZ. MANUALE DEICARICHI E MOVIMENTI RIPETITIVIX X31) LAVORO AI VIDEOTERMINALI X X32) IGIENE DEGLI AMBIENTI, SERVIZI IGIENICI, LOCALI DIREFEZIONE E RIPOSOX X X X XFATTORI ERGONOMICI, ORGANIZZATIVI E GESTIONALI33) ERGONOMIA DELL’ORGANIZAZIONE DEI SISTEMI DI LAVORO,DEGLI AMBIENTI E DELLE POSTAZIONI DI LAVOROX X X X X34) FATTORI DI STRESS LAVORO CORRELATO X X X X X35) ORGANIZZAZ.LAVORO, COMPITI, FUNZIONI E RESPONSABILITÀ,LAV.NOTTURNO, LAVORATR.GESTANTI, LAVORATORI MINORIX X X X X36) PIANIFICAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DELLA SICUREZZA X X X X X37) INFORMAZIONE DEI LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI X X X X X38) FORMAZ. ADDESTRAM. LAVORATORI, PREPOSTI, DIRIGENTI X X X X X39) PARTECIPAZIONE DEI LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI X X X X X40) ISTRUZIONI, PRASSI E PROCEDURE DI LAVORO IN SICUREZZA X X X X X41) SEGNALETICA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO X X X X X42) USO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE X X X X X43) ATTUAZIONE DELLA SORVEGLIANZA SANITARIA X X X X X44) GESTIONE EMERGENZE E PRONTO SOCCORSO X X X X X45) CONTROLLI, VERIFICHE E MANUTENZIONI X X X X X21 Marzo 2012 Pagina 33 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA ESITI 33. VALUTAZIONE DEI RISCHI: ESITI DELLA VALUTAZIONERISCHI PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI3.1 INQUADRAMENTO TERRITORIALE, DELLE AREE ESTERNE E DEGLI ACCESSILa scuola è ubicata a Modena, in centro storico, in zona a traffico limitato. Nel territorio del Comune diModena sono comprese aziende classificate a “rischio di incidente rilevante” (direttiva Seveso), tuttavia nellastesura del Piano di Emergenza non si è tenuto conto di tale eventualità, in quanto l’eventualità di incidenterilevante rientra tra le competenze della Protezione Civile e dell’amministrazione comunale.L’edificio è ad uso esclusivo della scuola, ad eccezione della Sala Dame, la cui gestione è dicompetenza del Comune di Modena e pertanto non si rende necessario il coordinamento delleemergenze tra strutture attigue. Nell’area circostante non vi sono infrastrutture di trasporto (ferrovie, strade,autostrade o altre vie di grande traffico) o aziende o altre attività antropiche che possono produrre rischiesterni in caso di incidente (non rilevante).Anche se collocata in zona a traffico limitato, la scuola è agevolmente raggiungibile dai lavoratori, daglistudenti e dagli eventuali mezzi di soccorso. Esistono appositi ingressi per i portatori di handicap. Le aree ditransito esterne sono di dimensioni idonee per il transito degli eventuali mezzi di soccorso e dei pedoni.Compatibilmente con la storicità dell’edificio, il fondo delle aree esterne è regolare ed uniforme. Le aree ditransito non presentano fonti d’inciampo, scivolamento, buche o avvallamenti pericolosi e sonoadeguatamente illuminate. Non esistono accumuli di materiali in corrispondenza delle stesse. Lungo lepubbliche vie il divieto di parcheggio in corrispondenza delle uscite di emergenza è esplicitato amezzo di appositi cartelli. L’edificio presenta due aree cortilive: nella prima accedono i veicoli deimanutentori e fornitori per scarico merci, nel Cortile dei Melograni non è consentito alcun parcheggio, ed èprevisto l’accesso disabili attraverso lo spazio Venturi.La scuola non è in possesso del Certificato di agibilità dei locali. La provincia di Modena, cui spetta lacompetenza, si farà carico di richiederlo al termine dei lavori di cui al punto 1.2 del presente documento.AREA: REPARTI: MACCHINE/IMPIANTI:MANSIONI:ATTIVITÀ:Fattore di rischio Rischio individuato ValutazioneNotedel RischioP D R=PxDAgibilità Manca certificato diagibilità dei locali4 4 16 Fatta richiesta agli Ufficiprovinciali competenti.Documenti ecertificatimancantiRichiedere allaProvincia: certificatimancantiimpiantitecnici, certificativetri installati.4 2 8 Fatta richiesta agli Ufficiprovinciali competenti.21 Marzo 2012 Pagina 34 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 33.2. AREE DI TRANSITO INTERNE, RISCHI DI CADUTA IN PIANOIl pavimento delle aree di transito interne è realizzato con materiali idonei alla natura delle attività. Ilpavimento dei corridoi e dei passaggi è regolare ed uniforme, non presenta fonti d’inciampo e vienemantenuto pulito in particolare da sostanze sdrucciolevoli. Le zone di passaggio sono mantenutepulite, libere da ostacoli e sono di dimensioni idonee in rapporto al numero dei presenti.Non sono presenti accumuli di materiali in corrispondenza delle aree di transito. Il livello diilluminazione è adeguato in ogni zona di transito interna. Le aree ove non è consentito l’accesso aglistudenti sono segnalate o tenute chiuse a chiave. Sono adottate idonee misure per controllare ipericoli nel corso di riparazioni e manutenzioni.Misure di prevenzione e protezione Normalmente è prevista la pulizia della pavimentazione dei locali al di fuori dell’orario di lezione.Qualora tale condizione non possa essere rispettata per esigenze particolari, sarà necessariosegnalare il pericolo di scivolamento a mezzo dell’apposito segnale mobile3.3. STRUTTURE EDILIZIE, SPAZI DI LAVORO E ARREDI, RICHI DI CADUTADALL’ALTOCompatibilmente con la storicità dell’edificio, i luoghi di lavoro sono in gran parte conformi ai requisiti disalute e sicurezza previsti dalla normativa. Ci sono gli spazi e i mezzi per il posizionamento ottimale dimateriali e attrezzature, anche se per alcune aule (es. 203, 214, 224, 303) sono in corso da parte dellaProvincia il calcolo dei rapporti aeroilluminanti, allo scopo di definirne l’agibilità, la destiinazioned’uso ed eventualmente il numero massimo di occupanti.Le condizioni di illuminazione generale e delle singole postazioni, sia naturale che artificiale, sonoidonee alle attività svolte. Le pareti e i soffitti sono tinteggiati con coloro chiari.Sono stati applicati (per quanto possibile, in ragione dei vincoli storico artistici dell’edificio) criteridi ergonomia nella progettazione del lay-out delle diverse postazioni di lavoro, anche se le aule 2.03- 2.05 - 1.22 - 1.23, risultano particolarmente riverberanti da un punto di vista acustico. Gli ambienti nonpresentano segni di infiltrazioni d’acqua o tracce di umidità. La scelta sulla forma e le caratteristichedi arredi e complementi avviene anche in relazione alle modalità di pulizia degli stessi.Gli infissi e i serramenti sono in buono stato di conservazione. Le finestre, i lucernari e i dispositividi ventilazione sono sufficientemente sicuri. Alcuni davanzali delle finestre nei corridoi presentanoun’altezza insufficiente (sala insegnanti e corridoi). Essendo l’edificio vincolato, è stato chiesto parere allasovraintendenza alle Belle Arti per il suo adeguamento. Alla data di stesura dell’elaborato si è in attesa delsuddetto parere.La pulizia dei locali viene eseguita al di fuori dell’orario scolastico secondo periodicità e modalitàprestabilite. Sono stati pianificati gli interventi di adeguamento riportati nella tabella sottostante.21 Marzo 2012 Pagina 35 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3Sono presenti studenti disabili. Di ciò viene tenuto conto sia nell’assegnazione delle classi sia nella gestionedelle emergenze. Le strutture non presentano segni di dissesto strutturale (crepe, fessure, distacchimurari, etc.). I solai di pavimento non sono sconnessi e non presentano avvallamenti o pendenzeanomale. Nei depositi gli spazi risultano ovunque adeguati alle attività da eseguire. Al fine disuperare le barriere architettoniche, la struttura è stata dotata di due ascensori e di servoscala.Tuttavia essendo i dispositivi non dotati di alimentazione autonoma, il loro uso è vietato incondizioni di emergenza. Al piano terra sono presenti rampa di accesso per disabili (spazio Venturi).Non sono presenti vasche, canalizzazioni, serbatoi, recipienti, silos e altri ambienti confinati.Misure di prevenzione e protezioneIl servizio di prevenzione e protezione prevede un’azione di sorveglianza e di divieto di depositaremateriale a terra che possa ostacolare il normale passaggio di persone negli spazi di lavoro. E’ previstoinoltre che i cavi di alimentazione siano raccolti in apposite spiraline al fine di evitare pericoli d’inciampoed il formarsi di pericolosi annodamenti Quale misura di prevenzione, è vietato agli studenti l’accesso nei depositi e archiviAREA: AULE REPARTI: MACCHINE/IMPIANTI:MANSIONI: 1, 2, 3ATTIVITÀ:Fattore di rischio RischioValutazioneNoteindividuato del RischioP D R=PxDAule 2.03 - 2.05 -1.22 - 1.23:bonifica acusticaAuleparticolarmenteriverberantiCaduta dall’altoAlcuni davanzalidelle finestre dialtezzainsufficiente3.4. PORTE, VIE E USCITE IN CASO DI EMERGENZA4 2 8 Provvedere ad effettuare interventidi bonifica acustica nelle aule 2.03- 2.05 - 1.22 - 1.23.4 3 12 Adeguamento finestre salainsegnanti e corridoi (In attesaparere SBA)Considerata la particolarità dell’edificio, le porte dei locali consentono una rapida uscita deilavoratori e degli studenti, hanno larghezza adeguata e sono in numero sufficiente. Le uscite diemergenza sono di caratteristiche e numero adeguati. Le uscite di piano rispondono ai requisitiprevisti dalla normativa di prevenzione incendi, le porte installate lungo le vie di uscita si aprono inmodo facile e immediato, dotate di illuminazione di emergenza, sono sgombre da qualsiasi ostacolo econsentono l’uscita rapida e sicura.All’inizio della giornata viene verificato da parte dei collaboratori scolastici che le porte lungo le viedi uscita siano sgombre, non siano chiuse a chiave e possano essere aperte immediatamente efacilmente dall’interno senza uso di chiavi per tutto il tempo di apertura della struttura. Le uscite dipiano su aree esterne sono adeguatamente protette e segnalate in modo da evitare che vengano ostruite(parcheggi di veicoli, depositi momentanei di materiali, etc.). La lunghezza delle vie di esodo fino alleuscite di piano non supera i limiti massimi previsti dalla normativa. La struttura è soggetta al21 Marzo 2012 Pagina 36 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3controllo da parte dei Vigili del Fuoco (iter in corso). I locali dispongono di uscite alternative (nonmonodirezionali). Ciascuna via di fuga è indipendente dalle altre. La lunghezza del percorso dailocali a rischio di incendio alto alla più vicina uscita di piano non è superiore a 30 m (tempo max dievacuazione 1 min.). Le vie di uscita in caso di emergenza, inclusi i percorsi esterni, sonoadeguatamente illuminate, per consentire la loro percorribilità in sicurezza fino all’uscita su luogosicuro. In caso di interruzione di energia elettrica, lungo le vie di uscita esiste un sistema diilluminazione di emergenza con inserimento automatico (autoalimentate). Il personale internocontrolla periodicamente che le luci di emergenza funzionino correttamente annotando l’esito dellaverifica sull’apposito registro. Lungo le vie di uscita in caso di emergenza è presente adeguatasegnaletica con l’indicazione dei percorsi da seguire. Le porte resistenti al fuoco sono munite didispositivo di autochiusura. Nella struttura sono presenti portatori di handicap. Allo scopo di agevolarne ilraggiungimento da parte dei soccorritori esterni, sono stati creati al primo e secondo piano, appositi spazicalmi (con finestra lungo mpubblica via) ove attendere i soccorritori. Le suddette aule dovranno però essereadeguatamente compartimentale. Per ragioni di sicurezza, la porta dell’aula 103 (grafica informatica) vienetenuta chiusa a chiave: ciò rende impossibile per gli uutenti, il aggiungimento della scala B nel caso dievacuazione. Verrà chiesto alla Provincia l’installazione di un maniglione antipanico dal lato interno dellaporta dell’aula n.103.AREA: AULE, LABORATORI REPARTI: MACCHINE/IMPIANTI:MANSIONI: 1, 2, 3, 5ATTIVITÀ:Fattore di rischio Rischio individuato Valutazionedel RischioNoteP D R=PxDAula 2.05: portaREISpazio calmo noncompartimentato3 4 12 Provvedere alla sostituzionedella porta dell’aula 2.05 con unaREI Fatta richiesta agli UfficiAule 1.15 - 1.52:porta REIAula 103Aule noncompartimentatePorta prima dimaniglione antipanico3.5. SCALE FISSE E PORTATILIprovinciali competenti3 4 12 Provvedere alla sostituzionedelle porte delle aule 1.15 - 1.52con porte REI. Fatta richiestaagli Uffici provinciali competenti4 4 16 Provvedere all’adeguamentodella porta. Fatta richiesta agliUffici provinciali competentiSono presenti scale fisse a gradini interne per l’accesso ai piani superiori dello stabile.Le scale sono costruite in modo robusto e conforme alle modalità d’uso e sono in grado di resistereai carichi massimi. Esse dispongono di idoneo parapetto.I gradini in marmo delle scale interne, in condizioni di umidità, presentano una certa scivolosità:verrà chiesto alla Provincia di Modena di provvedere il merito, anche tenendo conto della storicitàdell’edificio.21 Marzo 2012 Pagina 37 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3Sono presenti scale fisse chiuse tra due pareti, , in particolare la G dovrà essere provvista di corrimano.Le scale non si estendono a piani interrati. Le scale e i relativi pianerottoli sono adeguatamenteilluminati, anche con illuminazione di sicurezza.Non sono presenti scale fisse metalliche, esterne, a gradini, utilizzabili in condizioni normali e diemergenza. Le scale ed i pianerottoli sono conveniente illuminati Non sono presenti scale fisse apioli. I lavori in quota (manutenzioni) non vengono eseguiti da personale interno.Sono utilizzate dai collaboratori scolastici scale portatili ad appoggio doppio. Esse sono conformialla normativa vigente al momento della messa a disposizione (art. 113 del D. Lgs. 81/2008), e/o allanorma tecnica UNI EN 131 parte 1 0 e parte 2 0 . Le scale portatili si utilizzano per lavori in quota solose l’uso di attrezzature più sicure non è giustificato per il limitato livello di rischio, della breve duratad’impiego, o delle caratteristiche non modificabili dei luoghi (immagazzinamento di materiale,manutenzioni, pulizie). Le modalità d’uso delle scale portatili sono corrette e la procedura P_01dettaglia il loro modo di impiego in condizioni di sicurezza.Misure di prevenzione e protezionePer ridurre le possibilità di incidenti sulle scale fisse interne ed esterne, gli utenti vengono invitati a non dicorrere lungo i gradini o di attuare altri comportamenti pericolosi, servendosi dei corrimani presenti.Il lavoratore è autorizzato ad evitare l’utilizzo delle scale portatiti qualora avverta senso di vertigine edeccessivo affaticamento durante lo svolgimento di tale operazioneAREA:MANSIONI:Fattore dirischioScivolamento ecadutaScivolamento ecadutaRischioindividuatoLa scala G internamanca dell’appositocorrimano poichècompresa tra duemuriScale in marmoscivoloseMACCHINE/IMPIANTI:ATTIVITÀ:ValutazioneNotedel RischioP D R=PxD3 2 6 Fatta richiesta agli organiprovinciali competenti perl’adeguamento della scala G4 3 12 Fatta richiesta agli organiprovinciali competenti perintervento.3.6. PONTEGGI FISSI E MOVIBILI, SISTEMI DI ACCESSO E POSIZIONAMENTO AFUNE E ALTRE ATTREZZATURE PER LAVORI IN QUOTAIl personale interno non utilizza sistemi di accesso per lavori in quota (scale aeree, ponteggi, ecc).Qualora se ne abbia la necessità i suddetti lavori vengono affidati ad appaltatori esterni da parte dellaProvincia di Modena. Le eventuali opere di manutenzione dell’edificio sono di competenza dellaProvincia di Modena. L’organizzazione verifica la compatibilità delle attività, con la presenzaeventuale di attrezzature per lavori in quota.21 Marzo 2012 Pagina 38 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 33.7. MACCHINELe macchine così come definite dalla legislazione vigente (D.Lgs.17/2010 e Titolo III delD.Lgs.81/2008) sono utilizzate negli uffici e nei laboratori didattici, ove sono ovviamente presenti lemacchine più significative ai fini della valutazione dei rischi. Il loro elenco è custodito ed aggiornatoa cura del DSGA. Le macchine sono dotate di marcatura CE ed ove ciò non è riscontrato, poichéacquistate prima del 1996, esse presentano i requisiti di sicurezza previsti dal titolo III delD.Lgs.81/2008. (allegato V). Sulle macchine viene eseguita regolare manutenzione. Nella scelta dellemacchine sono tenute in considerazione la loro adeguatezza al lavoro da svolgere, e l’idoneità ai fini dellasicurezza e salute dei lavoratori, in rapporto a tutti gli usi previsti e alle reali condizioni di uso e di guastoprevedibili. . Quando applicabile le macchine sono assoggettate alle misure di aggiornamento dei requisitirichiesti dalla normativa (es. ascensori). Tutte le manutenzioni vengono eseguite da personale qualificato.I principi ispiratori che hanno dettato la valutazione sono stati: La scuola non può utilizzare attrezzature di lavoro non conformi alle norme applicabili. La scuola non può mettere a disposizione degli studenti attrezzature non conformi. La scuola deve pretendere che all’interno dei propri locali vengano eseguite attività solo con attrezzatureconformi, anche se non utilizzate direttamente da proprio personale.L’applicazione di detti principi ha portato alle conclusioni di seguito esplicitate.Le macchine sono dotate di marcatura CE ed ove ciò non è riscontrato, poiché acquistate prima del1996, esse presentano i requisiti di sicurezza previsti dal titolo III del D.Lgs.81/2008. (allegato V).Sono state adeguatamente valutate le caratteristiche di pericolosità delle macchine, associate alle lavorazioniper cui sono utilizzate, al loro attrezzaggio, montaggio e smontaggio, pulizia e manutenzione.È prevista l’utilizzazione di mezzi di protezione individuale per il lavoro con macchine o in condizionipericolose. Nel caso di noleggio o locazione finanziaria di macchine o altre attrezzature, si richiede che lestesse siano conformi, al momento della consegna, almeno ai requisiti di sicurezza di cui all’Allegato V delD.Lgs. 81/2008 (qualora non dotate di marcatura CE).3.8. ATTREZZI MANUALI, PORTATILI E UTENSILIGli attrezzi che sono macchine sono conformi ai requisiti essenziali di sicurezza (RES) previsti dallenorme di prodotto applicabili. Gli attrezzi manuali sono costituiti da atrrezzature di ufficio (forbici,taglierina, ecc.), attrezzature utilizzate dai collaboratori scolastici (carreli per pulizie, piccoliattrezzi, ecc.) ed attrezzature utilizzate nei laboratori scolastici. Non si è ritenuto necessariopredisporre un loro elenco, essendo essi soggetti a periodica sostituzione. Essi sono di tipologiaappropriata al lavoro da svolgere, di qualità soddisfacente, in buono stato di pulizia e conservazione,numericamente sufficienti, in funzione delle attività e degli utilizzatori. Gli attrezzi manuali sonoutilizzati e mantenuti in modo corretto. Gli attrezzi manuali sono riposti ordinatamente in luoghiappositi quando non utilizzati. Le condizioni di illuminazione dei luoghi di lavoro consentono l'uso21 Marzo 2012 Pagina 39 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3sicuro degli attrezzi manuali. L’uso di eventuali utensili di lavoro pericolosi è riservato a lavoratoriall’uopo incaricati. Le attrezzature di pulizia sono conformi.3.9. MANIPOLAZIONE DIRETTA DI OGGETTIGli oggetti movimentati sono costituiti da materiale cartaceo, da materiali vari (con peso inferiore ai10 Kg) da parte del personale interno e degli studenti all’interno dei laboratori didattici. Lamanipolazione degli oggetti viene effettuata anche dai collaboratori scolastici durante la normale attività(materiali ed arredi). Durante le operazioni lavorative la manipolazione manuale di oggetti noncomporta il rischio di caduta degli stessi. Gli oggetti da manipolare (es. sacchi per il pattume, oggettie materiaòli didattici) non sono scivolosi, la loro forma e le dimensioni sono tali da facilitarnel’utilizzo. I residui dei laboratori sono asportati con adeguata frequenza e con modalità corrette. Lamanipolazione dei prodotti di pulizia da parte dei bidelli viene eseguita in accordo con le istruzionepresenti nelle schede di sicurezza. I lavoratori sono a conoscenza dei richi connessi alla manipolazione dioggetti. Il livello di illuminazione è adeguato alle attività di manipolazione da effettuare.Misure di prevenzione e protezioneL’operatore dovrà prestare particolare attenzione alle seguenti regole:non conservare gli oggetti all’interno delle tasche degli indumenti;ricordare che la carta in molti casi risulta tagliente lungo i bordi.3.10. IMMAGAZZINAMENTO DI OGGETTI E MATERIALIEsistono luoghi idonei all’immagazzinamento di oggetti e materiali. Gli spazi previsti sono didimensioni adeguate, sufficienti all’immagazzinamento. Gli oggetti e i materiali sono immagazzinatiin modo ordinato e stabile, tale da evitare cadute accidentali. L’immagazzinamento dei prodotti dipulizia avviene secondo specifici criteri di sicurezza, in appositi luoghi con chiusura a chiave.L’immagazzinamento di oggetti e materiali pericolosi (infiammabili, irritanti, taglienti o pungenti,ecc…) avviene secondo specifici criteri di sicurezza.Negli uffici lo stoccaggio avviene in armadi. Gli oggetti contenuti negli scaffali/armadi sono diregola di peso non rilevante. Sono previsti appositi locali utilizzati come archivi cartacei. Sono previstiappositi locali utilizzati come archivi cartacei. Viene costantemente monitorato il quantitativo dimateriale cartaceo depositato negli archivi in apposite scaffalature, allo scopo di mantenere il caricodi incendio il più basso possibile e comunque sempre al di sotto dei quantitativi massimi individuatidal DPR 151/2011 relativo alla prevenzione incendi. Nei laboratori lo stoccaggio avviene in idoneescaffalature. Le scaffalature hanno forma e caratteristiche di resistenza adeguate ai materiali che vi siimmagazzinano. Le scaffalature sono conformate in maniera tale che si possa raggiungere confacilità i materiali posti su tutti i ripiani. Viene verificato periodicamente lo stato strutturale degliscaffali. Infine l’immagazzinamento dei prodotti di pulizia avviene in apposito locale al piano terra,21 Marzo 2012 Pagina 40 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3accessibile solo agli addetti, secondo specifici criteri di sicurezza. Anche gli armadi presentiall’interno delle classi e dei laboratori per l’immagazzinamento dei materiali didattici risultanostabili.Misure di prevenzione e protezione Il divieto di arrampicarsi sulle scaffalature per raggiungere i ripiani più alti. Il divieto di depositare materiale sulla sommità delle strutture. Lo stoccaggio dei materiali più pesanti sui ripiani più bassi delle scaffalature. L’obbligo per l’operatore di segnalare eventuali danneggiamenti causati alle scaffalature o agli armadi,per evitare la possibilità di improvvisi cedimenti con conseguente caduta dei carichi.3.11. RISCHI ELETTRICIÈ stata effettuata una specifica valutazione dei rischi elettrici (contatti diretti e indiretti, archielettrici, surriscaldamenti, innesco e propagazione di incendi, innesco di esplosioni, fulminazionediretta o indiretta, guasti prevedibili). A seguito della valutazione del rischio elettrico sono stateadottate le misure necessarie a eliminare o se ciò non è possibile, ridurre al minimo i rischi presenti.Gli impianti elettrici (di uso dell’energia elettrica, di protezione contro le scariche atmosferiche e diautomazione di porte) sono stati realizzati secondo la regola d’arte, come definita dalle norme dibuona tecnica. È assicurata la protezione elettrica dagli effetti dei fulmini.Non sono presenti aree in cui possono formarsi atmosfere esplosive.L’installazione di impianti di messa a terra, di impianti e dispositivi di protezione dalle scaricheatmosferiche è stata denunciata all’organismo competente (Provincia di Modena). Gli impianti e leattrezzature elettriche sono costruiti, installati e mantenuti in modo da prevenire i pericoli derivantida contatti accidentali, sia diretti sia indiretti con la corrente elettrica. Sono adottate le misurenecessarie per conservare nel tempo le caratteristiche di sicurezza degli impianti elettrici previstedalla normativa (manutenzioni e verifiche). L’esecuzione dei lavori di riparazione e di manutenzioneè di competenza della Provincia di Modena. I lavori di riparazione, manutenzione, etc. sono eseguitisu impianti fuori tensione, da personale esperto. Gli impianti elettrici sono progettati, realizzati eperiodicamente mantenuti da soggetto abilitato, sono periodicamente controllati per verificarne lostato di conservazione ed efficienza ai fini della sicurezza. Gli impianti di messa a terra e diprotezione dalle scariche atmosferiche sono verificati periodicamente (a cura della Provincia diModena). L’impianto elettrico è dotato di idoneo interruttore differenziale “salvavita”, dispone diprotezioni contro le sovratensioni, i sovraccarichi e di idonee protezioni contro il contatto accidentalecon conduttori ed elementi in tensione. Gli organi di interruzione, manovra e sezionamento elettricosono alloggiati in idonei quadri elettrici chiusi. È presente una cabina elettrica di trasformazione inappposito locale nel cortiletto, con accesso dall’esterno, non accessibile ai lavoratori ed agli studenti.21 Marzo 2012 Pagina 41 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3Le parti metalliche degli impianti e delle protezioni contro il contatto accidentale sono collegate aterra. Vengono eseguite le verifiche periodiche ai sensi del DPR 462/2001. Le attrezzature elettrichemobili o portatili risultano almeno conformi ai requisiti di cui all’V del D.Lgs.81/2008.3.12. APPARECCHI A PRESSIONEIn alcuni laboratori didattici (architettura) sono presenti singoli compressori hobbistici, ovvero con serbatoiodi volume inferiore a 24 litri, non necessari di omologazione ISPESL. Le suddette attrezzature a pressione,così come i dispositivi di sicurezza, sono risultati conformi. È presente di idonea segnaletica. Il serbatoioper aria compressa riporta, in posizione chiaramente visibile, i dati di targa. Non sono presentiserbatoi a pressione di gas o vapore.3.13. RETI E APPARECCHI DISTRIBUZIONE GAS E LIQUIDI, IMPIANTI TERMICINon sono presenti bombole, né recipienti di gas e liquidi compressi o combustili. Non sono presentidepositi di GPL in serbatoi interrati o mobili. La rete di distribuzione del gas (metano di rete per lacentrale termica) è realizzata con tubi metallici a vista di idonea colorazione ed identificazione, inaccordo con le vigenti norme UNI-CIG e le prescrizioni di sicurezza antincendio. Le tubazioni didistribuzione gas sono ubicate in zone protette. Le tubazioni utilizzate sono realizzate con materialiidonei e nel rispetto delle prescrizioni normative di prevenzione incendi.Le tubazioni di distribuzionegas sono regolarmente manutenute e non presentano segni di corrosione o di danneggiamento.Gli impianti di produzione calore vengono gestiti da un fornitore esterno e sono controllati emantenuti secondo le vigenti prescrizioni di legge. L’appalto è stato gestito dalla Provincia diModena. Al personale interno è vietato l’accesso al locale C:T. La centrale termica (> 116 KW)alimentata a gas metano di rete, risulta posizionata all’interno dell’area di pertinenza della scuola. Alla data distesura del presente documento, è ancora in corso l’iter per la concessione del Certificato di PrevenzioneIncendi da parte del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Modena. La centrale termica è provvistadi dispositivo di interruzione del flusso del gas (segnalato). I locali sono costruiti appositamente pertale tipo di installazione, rispettano le specifiche prescrizioni di legge, sono dotati di aperturepermanenti di areazione, realizzate su pareti esterne, di dimensioni adeguate. Sono disponibiliadeguati mezzi di estinzione ed è apposta adeguata segnaletica di sicurezza.3.14. MEZZI DI SOLLEVAMENTOGli impianti di sollevamento presenti presso l’Istituto sono costituiti da due ascensori e da alcuniservoscala. Tuttavia essendo i dispositivi non dotati di alimentazione autonoma, il loro uso è vietatoin condizioni di emergenza. Nella manutenzione e per le verifiche periodiche sono rispettate ledisposizioni di legge vigenti. I suddetti adempimenti vengono eseguiti da aziende autorizzate. Gliincarichi vengono affidati ai suddetti soggetti dalla Provincia di Modena, gestore degli impianti. Irisultati dei controlli e delle verifiche sono registrati per iscritto e conservati. L’interruzione21 Marzo 2012 Pagina 42 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3dell’energia di azionamento ne provoca l’arresto automatico. Sono presenti appropriati dispositivi disegnalazione. Il personale risulta informato relativamente alle modalità di manovra per il riporto alpiano. La procedura P_02 dettaglia le regole per l’uso corretto dell’ascensore.Misure di prevenzione e protezioneIl S.P.P. dispone il divieto di utilizzare l’ascensore salvo nei casi di necessità, dovuta ad esempio a casi didisabilità o di trasporto di materiali. In tali casi è comunque prevista la presenza di personale edotto sulcorretto utilizzo, all’interno dell’ascensore.3.15. MEZZI DI TRASPORTOLa scuola non possiede mezzi di trasporto. Le autovetture non acccedono all’area cortiliva interna adeccezione dei fornitori di beni e servizi. Nel Cortile del Melograno, non in prossimità di vie di esodo,è previsto il parcheggio di biciclette e motorini.3.16. RISCHI D’INCENDIO ED ESPLOSIONEÈ stata effettuata la valutazione dei rischi d'incendio ed è stato definito il livello di rischiocorrispondente. Il criterio di valutazione, in accordo a quanto previsto all’art. 2 del D.M. 10.03.1998,è stato sviluppato sulla base dei contenuti degli Allegati I e IX del D.Lgs. stesso. Esso prevede laclassificazione del rischio incendio in tre categorie:LUOGHI DI LAVORO A RISCHIO DI INCENDIO ELEVATOLUOGHI DI LAVORO A RISCHIO DI INCENDIO MEDIOLUOGHI DI LAVORO A RISCHIO DI INCENDIO BASSOLo schema seguito è riassunto di seguito.21 Marzo 2012 Pagina 43 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3individuazione e valutazione dei rischi di esplosioniindicazione di misure adeguate per raggiungere gliobiettivi di salvaguardia dei lavoratoriindicazione dei luoghi classificatiindicazione dei luoghi nei quali si applicano le prescrizioniminimeindicazione che i luoghi e le attrezzature di lavoro,compresi i dispositivi di allarme, sono concepiti, impiegatie mantenuti in efficienza tenendo nel debito conto lasicurezzaindicazione che sono stati adottati gli accorgimentinecessari per l’impiego sicuro di attrezzature da lavoroL’Istituto appartiene alla categoria: LUOGHI DI LAVORO A RISCHIO DI INCENDIO MEDIO. inquanto scuola con meno di 1000 persone presenti.I quantitativi di sostanze combustibili presenti (carta, arredi, prodotti) sono i minimi compatibili conle attività eseguite. I prodotti di pulizia sono immagazzinati in locali idonei. I materiali dirivestimento o gli arredi che favoriscono la propagazione dell'incendio sono stati rimossi o sostituiti(attività ancora in corso relativamente agli espositori). Gli impianti elettrici e di distribuzione del gas(vedi sopra) sono realizzati in modo da minimizzare i rischi di incendio ed esplosione. E'espressamente vietato fumare in tutti gli ambienti. Sono disponibili le schede di sicurezza di tutte lesostanze infiammabili presenti. Sono stati individuati i lavoratori incaricati dell’attazione dellemisure di prevenzione incendi, lotta antincendio. Sono presenti estintori ed idranti che per numero,collocazione e capacità estinguente sono adeguati alle tipologie di fuoco e alla dimensione estrutturazione degli ambienti. Gli estintori portatiti sono ubicati in punti idonei, preferibilmentelungo le vie di uscita, in prossimità delle uscite, fissati al muro ed adeguatamente segnalati.Presso l’Istituto alcune tra le attività eseguite sono soggette al controllo da parte dei Vigili del Fuoco,ai sensi del DPRb 151/2011; alla data di stesura dell’elaborato è in corso l’iter per la concessione delCertificato di Prevenzione Incendi, da parte del comando provinciale dei Vigili del Fuoco diModena. Questi ultimi, in sede di sopralluogo, hanno formulato alcune prescrizioni. Sono statipianificati gli interventi necessari ad adattare la struttura alla vigente normativa antincendio. Siprevede che l’attività possa concludersi entro l’anno 2012.21 Marzo 2012 Pagina 44 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3I sistemi antincendio sono oggetto di regolari controlli e interventi di manutenzione, annotati in unapposito registro. Non esiste la possibilità di formazione di atmosfere esplosive. In relazione aifattori di rischio presenti ed alle attività operate, si è resa necessaria l’installazione di portetagliafuoco allo scopo di compartimentare adeguatamente le varie attività. Sono presenti rilevatori difumo. Di seguito vengono riportati i dati di input ed i risultati della VALUTAZIONE DEL RISCHIOINCENDIO che il datore di lavoro deve elaborare, in ottemperanza all’art. 17 comma 1 lettera a) eartt. 27 e 28 del Decreto Legislativo 81/08. I criteri adottati per la valutazione dei rischi di incendio eper la definizione delle misure di prevenzione e protezione, sono conformi a quanto previsto dalD.M. 10 marzo 1988 – Allegato I “Linee guida per la valutazione dei rischi di incendio nei luoghi dilavoro”.SOSTANZE ED IMPIANTI POTENZIALMENTE PERICOLOSI.Produzione Calore Caldaia di potenza superiore a 100.000 Kcal/h ubicata in apposito locale al piano terzo,areato.Materie prime La scuola è in possesso della raccolta aggiornata delle schede di sicurezza dei prodottiutilizzati. Essi non costituiscono un pericolo dal punto di vista dell’esplosione poichévengono utilizzati a temperature superiori al punto di fusione, ma sempre inferiori alla lorotemperatura di infiammabilità.Processi e lavorazioni L’operazione di aspirazione dei residui delle lavorazioni in legno nel laboratorio diarchitettura avviene in maniera automatica a mezzo di apposito impianto. I filtri, il motore edi contenitori di raccolta sono ubicati in apposito locale compartimentato. L’impianto ècollegato all’impianto protettivo di terra.Cabine elettriche N.1 nel cortiletto interno (Via Selmi) con strutture di separazione REI 120 ed accessodall’esterno. Non esistono sorgenti significative di campi elettromagneticiMateriali combustibili e/o infiammabili. I materiali da utilizzare nelle attività didattiche dilaboratorio, costituiscono un deposito, seppur limitato, all’interno dell’istituto. Nell’area non sonodepositati liquidi infiammabili, né residui di prodotti esplosivi. I lubrificanti sono tali da non darluogo a reazioni pericolose con materiali comburenti. Sono adottate le misure necessarie ad evitaremiscelazioni di prodotti che possono dar luogo a gas e vapori infiammabili.21 Marzo 2012 Pagina 45 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3Sorgenti di innesco. Nel luogo di lavoro non sono state individuate sorgenti di innesco che possonocostituire cause potenziali di incendio. Gli impianti elettrici sono conformi alle normative tecniche elegislative vigenti. È fatto divieto di usare fiamme libere.CONSIDERAZIONI GENERALI PER LIMITARE LE SORGENTI DI INNESCO Le apparecchiature elettriche dovranno essere conservate in buono stato, soprattutto nella partiriguardanti i componenti elettrici, con specifico riferimento ai cavi ed alle spine dialimentazione. Gli impianti sono mantenuti in efficienza ed in buono stato (manutenzione). La messa a terra di impianti elettrici e di macchine ed attrezzature è sottoposta alle verificheperiodiche previste dalla legislazione cogente (D.P.R. 462/01).Il sistema di sicurezza aziendale prevede l’assoluto divieto di fumare, usare fiammelibere (vedi sopra) e/o introdurre fonti di calore.Le attività non prevedono la presenza di scintille derivanti da taglio metallico, affilatura, ecc.Nei locali si previene la formazione di scariche provenienti dall’ambiente di lavoro o dagliutilizzatori. Non sono presenti sorgenti di radiazioni ionizzanti.Classificazione delle aree e ripartizione in zone.E’ stata eseguita la classificazione delle aree ai fini dell’impianto elettrico a cura della Provincia diModena. Tutti i locali sono adeguatamente ventilati. La ripartizione in zone non ha evidenziato lapresenza di zone pericolose e non emerge la presenza di atmosfere potenzialmente esplosivedeterminate dalla presenza di polveri combustibili.Persone esposte a rischio di incendio. Non sono state individuate persone particolarmente esposteal rischio di incendio.Eliminazione o riduzione dei pericoli di incendio. Agli assistenti tecnici viene conferita laresponsabilità affinché le aree interessate siano mantenute pulite e sgombre da scarti o residui diattività. A tale scopo sono disponibili appositi cassonetti per la raccolta dei rifiuti.Si effettua una pulizia periodica dei condotti di ventilazione e canne fumarie (Provincia di Modena).Presenza di ditte esterneSono presenti con cadenza periodica e programmata alcuni lavoratori di ditte esterne che potrebberointrodurre materiali combustibili e/o infiammabili:1. personale per controllo dei mezzi estinguenti (estintori ed idranti);2. personale per verifiche degli impianti (ascensore) e delle strutture;3. personale di ditte esterne per interventi ordinari (tinteggiatura, manutenzione impianto elettrico,manutenzione impianto termoidraulico, ecc.);4. personale per assistenza alla centrale termica.21 Marzo 2012 Pagina 46 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3MISURE RELATIVE ALLE PERSONE ESPOSTE A RISCHIO D’INCENDIOPersone presenti in maniera occasionale o saltuariaCirca la presenza di ditte esterne, qualora necessario, si darà seguito al coordinamento previstodall’art. 26 del D.Lgs. 81/08 garantendo l’informazione sui rischi presenti secondo quanto emersodalla valutazione.La presenza del pubblico e visitatori è stata presa in considerazione nel piano di gestione delleemergenze. Verificare sistematicamnente che i percorsi per raggiungere le uscite di sicurezza nonsiano ostruite da ostacoli (cassettiere).Lavoratori con problemi di mobilità, udito, vistaNessuna misura di prevenzione o protezione da applicare. Nel caso vi fossero visitatori ed utenti lacui mobilità, udita o vista risultasse impedita o limitata si dovranno adottare le specifiche procedureriportate nel piano di emergenza.Persone che non hanno familiarità con i luoghi e con le relative vie di esodoIl personale di ditte esterne ed i visitatori potranno circolare all’interno dei locali dell’edificioautonomamente, solo dopo però aver preso visione delle vie di esodo.Lavoratori in aree a specifico rischio d’incendioNessuna misura di prevenzione o protezione da applicare.Lavoratori incapaci di reagire prontamente o che possano essere ignari del pericolo causato daun incendio.Nella formazione dei turni di lavoro, si terrà conto della formazione specifica ricevuta dai lavoratoriaddetti alla gerstione delle emergenze.CLASSIFICAZIONE DEL LIVELLO DI RISHIO D’INCENDIO RESIDUOI principali elementi che permettono di classificare il livello di rischio residuo, dopo la valutazionee/o riduzione di quello di massima entità, sono costituiti dai seguenti punti:• probabilità di innesco d’incendio;• probabilità di propagazione veloce;• probabilità di coinvolgimento di persone.PROBABILITA’ DIINNESCOPROBABILITA’ DIPROPAGAZIONEPROBABILITA’ DICOINVOLGIMENTODI PERSONELIVELLO DIRISCHIOBASSA MEDIA MEDIA MEDIOLIVELLO DI RISCHIO RESIDUOMEDIOVERIFICA DELL’ADEGUATEZZA DELLE MISURE DI SICUREZZAConsiderato che l’attività in oggetto rientra fra quelle soggette al controllo obbligatorio da parte deiComandi Provinciali dei Vigili del Fuoco, i criteri relativi alle misure di prevenzione e protezioneseguiti per la stesura del presente documento sono stabiliti limitatamente ai soli Allegati II, VI e VIIdel D.M. 10 marzo 1998, come previsto al punto 2 art.3 del medesimo D.M. . Lo studio delle misuredi sicurezza relative alle vie ed uscite di emergenza, ai sistemi di allarme e segnalazione antincendioed ai mezzi di estinzione da adottare, è di competenza del tecnico incaricato alla prevenzioneincendi. Si ritiene comunque di analizzare sommariamente i punti succitati. Gli interventi di seguitoriportati, costituiscono le misure che il datore di ha posto in atto al fine di eliminare o ridurre ilrischio residuo.21 Marzo 2012 Pagina 47 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3Nei contratti di appalto, subappalto e d’opera, che prevedono attività all’interno delle areeproduttive, l’appaltatore viene informati relativamente a questo specifico rischio a mezzo del DUVRIe del sopralluogo congiunto, ai sensi dell’art.26 del D.Lgs.81/2008.CONCLUSIONILe attrezzature antincendio (estintori ed idranti) sono ubicate in modo da essere facilmenteraggiungibili e da proteggere tutta l’area, sono segnalati, manutenuti e verificati regolarmente dapersonale qualificato. Gli impianti elettrici e di distribuzione del gas sono realizzati in modo daminimizzare i rischi di incendio ed esplosione. Esiste idonea cartellonistica che segnala i rischi diincendio e/o esplosione. La segnalazione delle vie di fuga in caso di incendio è ben visibile. Le porteREI vengono regolarmente controllate.Tutti i luoghi di lavoro sono classificabili a RISCHIO DI INCENDIO MEDIO ai sensi del D.M. 10marzo 1998. Il rischio residuo è medio. Sono presenti rilevatori di fumo. La sequenza delle azioni daeseguire in caso di emergenza ed i relativi comportamenti sono riassunti nel Piano di emergenzadella scuola. Vengono eseguite N.3 esercitazioni di simulazione dell’emergenza nel corso di ciascunanno scolastico.Sono state adottate tutte le misure tecniche e organizzative adeguata alla natura dell’attività, atte aprevenire la formazione di atmosfere esplosive dovute a gas, vapori, nebbie o polveri e sonoapplicate le prescrizioni minime previste dalla vigente normativa. Alla luce di quanto esposto, si èritenuto infine, non necessario procedere ad una ulteriore valutazione numerica del rischioesplosione. L’Istituto ha provveduto a redigere il Piano di Emergenza comprensivo delle procedure edel piano di evacuazione affisso in punti ben visibili dello stabile. Il piano di emergenza vienecostantemente aggiornato in caso di modifiche rilevanti del lay-out, ecc.ISA VENTURIANALISI DELLE ATTIVITÀ: SITUAZIONI DA SANAREAREA: REPARTI: MACCHINE/IMPIANTI:MANSIONI: TutteATTIVITÀ:Fattore di rischio RischioValutazioneNoteindividuato del RischioP D R=PxDPrevenzione incendi Non ancorapresente CPI4 3 12 Completare l’iter per laconcessione del CPIConformità impianti Mancadichiarazione diconformitàimpianto gas4 4 16 Richiesta alla Provincia diModena3.17. RISCHI PER LA PRESENZA DI ESPLOSIVINella struttura non vengono eseguite attività che comportano l’impiego, fabbricazione, recupero,conservazione, distribuzione, trasporto o utilizzo di sostanze o preparati esplosivi21 Marzo 2012 Pagina 49 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3Si ritengono pertanto non applicabili sia la Direttiva 1999/92/CE (D.Lgs. n.233/2003) che fissa le prescrizioniminime per il miglioramento della tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori che possono essere espostial rischio di atmosfere esplosive, sia la Direttiva 1994/9/CEE (D.Lgs. n.126/1998) sulle caratteristiche delleapparecchiature che possono essere utilizzate negli ambienti in cui sono presenti atmosfere esplosive.3.18. RISCHI CHIMICI PER LA SICUREZZASono utilizzati o presenti, agenti chimici pericolosi per la sicurezza dei lavoratori, classificati oclassificabili, ai sensi di legge, come corrosivi, comburenti, infiammabili, facilmente infiammabili,estremamente infiammabili, esplosivi), oppure agenti chimici non classificabili come pericolosi perla sicurezza, ma che possono comportare un rischio per la sicurezza a causa delle loro proprietàchimico-fisiche e del modo in cui sono utilizzati o presenti, o ai quali è stato assegnato un valorelimite di esposizione professionale (Elenco nell’allegato XXXVIII del D.Lgs. 81/2008). Sono stativalutati i rischi per la sicurezza (rischi di infortunio inteso come evento lesivo dovuto a causaistantanea) dei lavoratori dovuti alla presenza di agenti chimici come sopra definiti, comprendendonella valutazione anche le attività di servizio (es. manutenzione o pulizia) o straordinarie. I risultatisono riportati in apposito documento separato. La valutazione è stata effettuata prima dell’iniziodelle attività stesse. Sono presenti le schede di sicurezza di tutte le sostanze utilizzate nei laboratori.21 Marzo 2012 Pagina 50 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3RISCHI PER LA SALUTE DEI LAVORATORI3.19. AGENTI CHIMICI PERICOLOSI PER LA SALUTEVALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DEL D.LGS. 81/2008, ART. 28 COMMA 1 APPLICAZIONEDEL TITOLO IX. PREMESSAPresso l’ISA Venturi, unità lavorativa di Via dei Servi, vengono eseguite attività che comportanol’esposizione ad agenti chimici e pertanto si è proceduto alla relativa valutazione del rischio secondoil modello presentato dalla Regione Emilia Romagna che utilizza sistemi di valutazione del rischiobasati su relazioni matematiche (o su modelli grafici) denominati algoritmi.Le attività prese in esame sonio quelle svolte all’interno dei laboratori di Grafica (ripresa, sviluppostampa e rifinitura, fotoincisione) e architettura (arte muraria, modelleria). Sono state inoltreconsiderate le attività di pulizia dei locali scolastici svolte dai collaboratori. Gli esposti pertantorisultano essere: Docenti che operano all’interno dei suddetti locali. Assistente Tecnico del laboratorio di Ripresa fotografica, Sviluppo, stampa e rifinitura,Tecniche grafiche e Fotoincisione. Assistente Tecnico del laboratorio di Arte Muraria e Modellistica (architettura). Studenti iscritti al corso Collaboratori scolasticiLa valutazione dettagliata è riportata in un apposito documento in Rev.00 del 12 Marzo. Di seguitovengono riassunti i punti saliernti e le relative conclusioni.Il D.Lgs. 81/08 relativamente al rischio di esposizione differenzia tra:Rischio diesposizioneIrrilevante per la salutee basso per la sicurezzaIrrilevante per lasalute e non basso per lasicurezzaNON irrilevante per lasalute e basso per la sicurezzaRiferimento normativoD.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 art.224, comma 2D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 art.224, comma 2Titolo IX E DM 10/03/98D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 artt.225, 226, 229, 230Obblighi• Valutazione dei rischi• Informazione e formazioneValutazione dei rischiInformazione eformazioneValutare la sostituzionedel prodottoApprofondire lavalutazioneValutazione dei rischiInformazione eformazioneMisure specifiche diprotezione e prevenzioneDisposizioni in caso diincidenti o di emergenze21 Marzo 2012 Pagina 51 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3NON irrilevante per lasalute e non basso perla sicurezzaD.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 artt.225, 226, 229, 230Titolo IX E DM 10/03/98Sorveglianza sanitariaValutazione dei rischiInformazione eformazioneMisure specifiche diprotezione e prevenzioneDisposizioni in caso diincidenti o di emergenzeSorveglianza sanitariaValutare la sostituzionedel prodottoApprofondire lavalutazioneCRITERIO PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA AGENTI CHIMICI PERICOLOSILA SALUTE DEL LAVORATORERISCHIO IRRILEVANTE PERValori di rischio (R)0,1 ≤ R < 1515 ≤ R < 21ClassificazioneRischio Irrilevante(E’ sufficiente applicare gli articoli 223 e 224)Intervallo di incertezza(E’ necessario, prima della classificazione in rischioirrilevante, rivedere con scrupolo l’assegnazione deivari punteggi e rivedere le misure di prevenzione eprotezione adottate)LAVORATORERISCHIO NON IRRILEVANTE PER LA SALUTE DEL21 ≤ R ≤ 40Rischio non Irrilevante(E’ necessario applicare gli articoli 225, 226, 229, 230)40 < R ≤ 80 Zona di rischio elevatoZona di grave rischio(E’ necessario riconsiderare il percorsoR > 80dell’identificazione delle misure di prevenzione eprotezione ai fini di una loro eventualeimplementazione. Intensificare i controlli quali lasorveglianza sanitaria, la misurazione degli agentichimici e la periodicità della manutenzione)Il livello di rischio definito per sostanza e per mansione deve tenere conto sia del contributo dellasalute che di quello per la sicurezza: è sufficiente che risulti un livello non irrilevante per la salute enon basso per la sicurezza ovvero per uno dei due contributi, che renda obbligatorio per il datore dilavoro adottare le misure specifiche previste dalla norma e descritte di seguito.Verificato l’aggiornamento delle schede di sicurezza presenti, si è proceduto alla suddivisione dei prodotti in21 Marzo 2012 Pagina 52 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3pericolosi e non pericolosi. Di seguito si riportano soltanto quelli risultati pericolosi.Elenco prodotti chimicipericolosi (nomecommerciale)*FornitoreMansioni diinteresseNoteCRISSY DETERGENTEDISINCROSTANTEAR.CO. CHIMICA SRLMEDOLLA (MO)COLLABORATORESCOLASTICOXiCANDEGGINA IPOCLORNEW FADOR SRLMONTICHIARI (BS)COLLABORATORESCOLASTICOXiPQ UNIVERSALSVILUPPOZEP SRLPADOVAADDETTI LABORATORIO DIGRAFICAXn ‐ NMULTIGRADE SVILUPPOZEP SRLPADOVAADDETTI LABORATORIO DIGRAFICAXn ‐ NPERCEPTOL SVILUPPOZEP SRLPADOVAADDETTI LABORATORIO DIGRAFICAXn ‐ NKODAK T‐MAXRIVELATOREUHU EXTRAATTACCATTUTTOPULITO3M SPRAYMOUNTADESIVORIPOSIZIONABILECERA AMBRA SOLIDAPER RESTAUROKODAK LIMITEDGRAN BRETAGNAUHU GNBH & CO. KGBUHL (BADEN) GERMANIA3M ITALIA SPASEGRATE (MI)G.B. AMBROSOLI SPARONAGO (CO)ADDETTI LABORATORIO DIGRAFICAADDETTI LABORATORIO DIGRAFICA E ARCHITETTURAADDETTI LABORATORIO DIGRAFICAE ARCHITETTURAADDETTI LABORATORIO DIARCHITETTURAC ‐ NFF ‐ XiXn ‐ NCERA PER LEGNO SPRAYARDINOXARDLUXCHROMIDIN 88 ‐ANTIRUGGINESINTETICAOBRILLSPAR FLATTINGLUCIDADUROLACK SETAEFFETTO CERASUPER ATTAK CLASSICLIQUIDOG.B. AMBROSOLI SPARONAGO (CO)ARD.F.LLI RACCANELLO SPAPADOVAARD.F.LLI RACCANELLO SPAPADOVAATTIVA BRAND – BOEROBARTOLOMEO SPAPOZZOLO‐FORMIGARO (AL)ATTIVA BRAND – BOEROBARTOLOMEO SPAPOZZOLO‐FORMIGARO (AL)ATTIVA BRAND – BOEROBARTOLOMEO SPAPOZZOLO‐FORMIGARO (AL)HENKEL LOCTITE ADESIVIMILANOADDETTI LABORATORIO DIARCHITETTURAADDETTI LABORATORIO DIARCHITETTURAADDETTI LABORATORIO DIARCHITETTURAADDETTI LABORATORIO DIARCHITETTURAADDETTI LABORATORIO DIARCHITETTURAADDETTI LABORATORIO DIARCHITETTURAADDETTI LABORATORIO DIARCHITETTURAF ‐ Xn ‐ NFF ‐ XnF ‐ NF ‐ NF ‐ NXi21 Marzo 2012 Pagina 53 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3VERNICI AEROSOL: VSIFERCA SRLLAINATE (MI)ADDETTI LABORATORIO DIARCHITETTURAF ‐ XnMOBILAC ‐ VERNICETRASPARENTE LEGNOAZIENDA CHIMICAEMILIANA SPACASTELMAGGIORE (BO)ADDETTI LABORATORIO DIARCHITETTURAF ‐ XiRAGIA VEGETALE PURAGEMMACOLOROBBIA SPAMONTELUPO F.NO (FI)ADDETTI LABORATORIO DIARCHITETTURAXnALPINE ACQUARAGIAORLANDI VITTORIO SPAVICENZAADDETTI LABORATORIO DIARCHITETTURAF ‐ XiTITANLOID IND. GRIGIOCHIAROCOLORIFICIO SAMMARINESESAFALCIANO (RSM)ADDETTI LABORATORIO DIARCHITETTURAF ‐ XnSTOPHOLZ CERAINCOLOREERNESTO STOPPANI SPASARNICO (BG)ADDETTI LABORATORIO DIARCHITETTURAXn ‐ NSANDTEX UNIVERSAL –FONDO ISOLANTEANTIRUGGINEHARPO SPATRIESTEADDETTI LABORATORIO DIARCHITETTURAXi ‐ NSTUCCO METALLICO –STUCK 72FERCA SRLLAINATE (MI)ADDETTI LABORATORIO DIARCHITETTURAXnSTUCCO VETRORESINAFERCA SRLLAINATE (MI)ADDETTI LABORATORIO DIARCHITETTURAXn* Il presente elenco è stato compilato sulla base delle informazioni acquisite dalle schede di sicurezza fornitedai venditori alla Ditta committente.Non si assume pertanto, alcuna responsabilità sulla loro incompletezza o inesattezza.Elenco prodotti chimicipericolosi *Derivato dellalavorazioneFornitoreReparto/ Mansione diinteresseNotePANNELLI IN LEGNODI ABETE, PINOCEMBRO (CIRMOLO),LARICE, DUGLASIAPOLVERI DI LEGNON.D.LABORATORIO DIARCHITETTURAXn21 Marzo 2012 Pagina 54 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3CONCLUSIONIRISCHIO IRRILEVANTE PER LA SALUTE DEI LAVORATORISostanza pericolosa opreparato (nomecommerciale)CRISSY DETERGENTEDISINCROSTANTEQUADRO RIASSUNTIVO DELLE SOSTANZE PERICOLOSE PER LA SALUTE• Alcol sinteticopolietossilato Acido FosforicoComposizion Mansioni interessate Obblighi di Legge2,4‐3,5%14‐15,5%CANDEGGINA IPOCLOR • Ipoclorito di Sodio 2,5%3M SPRAYMOUNTADESIVORIPOSIZIONABILECERA AMBRA SOLIDAPER RESTAUROCERA PER LEGNO SPRAY• Acetone• Butano• Propano• Componenti non volatili• Nafta, leggeraidrodesolforata,dearomatizzata• Isobutano• Nafta, frazione leggera dihydrotreating25‐40%10‐20%10‐20%5‐15%7‐13%5‐10%5‐10%• Olio di Trementina 58‐62%• Olio di Trementina• Propano• Butano58‐62%9‐10,5%19,5‐21%COLLABORATORESCOLASTICOADDETTILABORATORIO DIARCHITETTURA EGRAFICAADDETTILABORATORIO DIARCHITETTURA0,1 ≤ R < 15Rischio Irrilevante(E’ sufficiente applicare gli articoli 223 e 224)D.Lgs. 81/2008 art. 224Valutazione dei rischiInformazione e Formazione21 Marzo 2012 Pagina 55 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3Sostanza pericolosa opreparato (nomecommerciale)RAGIA VEGETALE PURAGEMMAComposizione Mansioni interessate Obblighi di Legge• Olio di Trementina 100%RISCHIO IRRILEVANTE PER LA SALUTE DEI LAVORATORIARDLUXSUPER ATTAK CLASSICLIQUIDOMOBILAC ‐ VERNICETRASPARENTE LEGNOALPINE ACQUARAGIATITANLOID IND. GRIGIOCHIARO• Acetato di Isobutile• Xilene• Nafta (petrolio), pesanteidrodesolforata• Nafta solvente, aromaticaleggera10,0%24,6%2,1%7,0%• 2‐cianoecrilato di etile 50‐100%• 2‐Propanolo 30‐32,5%• Dicloropropano• Nafta (petrolio), pesanteidrodesolforata• Nafta solvente,aromaticaleggera• 1,2,4‐trimetilbenzene• Xilene• Ragia mineraledearomatizzata• 1‐metossi‐2‐propilacetato• Toluene• 2‐butossietanolo10‐12%88‐92%1,5‐2%1‐1,5%15‐17%1‐1,5%1,2‐1,7%6,5‐7,5%5,5‐6,5%ADDETTILABORATORIO DIARCHITETTURA0,1 ≤ R < 15Rischio Irrilevante(E’ sufficiente applicare gli articoli 223 e 224)D.Lgs. 81/2008 art. 224Valutazione dei rischiInformazione e Formazione21 Marzo 2012 Pagina 56 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3LAVORATORIRISCHIO IRRILEVANTE PER LA SALUTE DEISostanza pericolosa opreparato (nomecommerciale)STOPHOLZ CERAINCOLORESANDTEX UNIVERSAL –FONDO ISOLANTEANTIRUGGINE• Nafta (petrolio), pesanteidrodesolforata• 1,2,4‐trimetilbenzene• 2‐(2‐butossietossi)etanolo• Ottano• Derivati del Benzotriazolo• Sebacato di bis(1,2,2,6,6‐pentametil‐4‐piperidile)• Cumene• 1,3,5‐trimetilbenzene• Nafta (petrolio), aromaticaleggera• 1,2,4‐trimetilbenzene• Etilbenzene• Xilene• 1,3,5‐trimetilbenzene• Propilbenzene eisopropilbenzene• Zinco fosfatoComposizione Mansioni interessate Obblighi di Legge50‐60%0,25‐0,5%1‐3%0,5‐1%0,5‐1%0,1‐0,25%0,1‐0,25%0,1‐0,25%10‐15%5‐10%1‐5%5‐10%1‐5%1‐5%5‐10%ADDETTILABORATORIO DIARCHITETTURA0,1 ≤ R < 15Rischio Irrilevante(E’ sufficiente applicare gli articoli 223 e 224)D.Lgs. 81/2008 art. 224Valutazione dei rischiInformazione e Formazione21 Marzo 2012 Pagina 57 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3Composizione Mansioni interessate Obblighi di LeggeSostanza pericolosa opreparato (nomecommerciale)Intervallo di incertezza15 ≤ R < 21(E’ necessario, prima della classificazione in rischio irrilevante,rivedere con scrupolo l’assegnazione dei vari punteggi e rivederele misure di prevenzione e protezione adottate)ADDETTILABORATORIO DIARCHITETTURA EGRAFICA70‐90%• Solfato di Bis (4‐idrossi‐N‐Metilanilinio)PERCEPTOL SVILUPPOD.Lgs. 81/2008 art. 224Valutazione dei rischiInformazione e FormazioneN.D.• Resine nitrocellulosiche,acriliche, chetoniche,glliceroftaliche, pigmentiorganici, additivi inerti esospendenti• Solventi aromatici echetonici• PropileneVERNICI AEROSOL: VSIN.D.ADDETTILABORATORIO DIARCHITETTURAN.D. Stirene 12,5‐18%STUCCO METALLICO –STUCK 72STUCCO VETRORESINA Stirene 9‐11%21 Marzo 2012 Pagina 58 di 108RISCHIO IRRILEVANTE PER LA SALUTE DEI LAVORATORI


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3Composizione Mansioni interessate Obblighi di LeggeSostanza pericolosa opreparato (nomecommerciale)< 1%• 1‐fenil‐4‐(idrossimetil)‐4‐metilpirazolidin‐3‐one• Carbonato di Potassio• Acido pentacetico diTriamina del dietilene• Idrochinone• Idrossido di Sodio• 2,2‐IminodietanoloPQ UNIVERSALSVILUPPO5‐10%1‐5%D.Lgs. 81/2008 art. 224Valutazione dei rischiInformazione e formazioneMisure specifiche di protezione eprevenzioneDisposizioni in caso di incidenti oemergenzeSorveglianza sanitaria21 ≤ R ≤ 40Rischio non Irrilevante(E’ necessario applicare gli articoli 225, 226,229, 230)1‐5%< 1% ADDETTILABORATORIO DI30‐35% ARCHITETTURA E15‐20% GRAFICA1‐5%1‐5%0,1‐1%MULTIGRADESVILUPPO• Diossido di Zolfo• Idrogenosolfito disodioKODAK T‐MAXRIVELATORE• Idrochinone• 1‐fenil‐4‐(idrossimetil)‐4‐metilpirazolidin‐3‐one21 Marzo 2012 Pagina 59 di 108RISCHIO NON IRRILEVANTE PER LA SALUTEDEI LAVORATORI


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3QUADRO RIASSUNTIVO DELLE SOSTANZE PERICOLOSE PER LA SICUREZZASostanza pericolosa o preparato (nome commerciale) Mansioni interessate Obblighi di LeggeCRISSY DETERGENTE DISINCROSTANTECANDEGGINA IPOCLORCOLLABORATORESCOLASTICORISCHIO NON BASSO PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORIPQ UNIVERSAL SVILUPPOMULTIGRADE SVILUPPOPERCEPTOL SVILUPPOKODAK T‐MAX RIVELATOREUHU EXTRA ATTACCATTUTTO PULITO3M SPRAYMOUNT ADESIVO RIPOSIZIONABILECERA AMBRA SOLIDA PER RESTAUROCERA PER LEGNO SPRAYARDINOXARDLUXADDETTI ADDETTILABORATORIO DIGRAFICAADDETTILABORATORIO DIARCHITETTURA EGRAFICAADDETTILABORATORIO DIARCHITETTURAD.Lgs. 81/2008 art. 224Valutare la sostituzione del prodottoApprofondire la valutazione (TITOLO IX E DM 10/03/98)CHROMIDIN 88 ‐ ANTIRUGGINE SINTETICA21 Marzo 2012 Pagina 60 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3BRILLSPAR FLATTING LUCIDARISCHIO NON BASSO PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORIDUROLACK SETA EFFETTO CERASUPER ATTAK CLASSIC LIQUIDOVERNICI AEROSOL: VSIMOBILAC ‐ VERNICE TRASPARENTE LEGNORAGIA VEGETALE PURA GEMMAALPINE ACQUARAGIATITANLOID IND. GRIGIO CHIAROSTOPHOLZ CERA INCOLORESANDTEX UNIVERSAL – FONDO ISOLANTE ANTIRUGGINESTUCCO METALLICO – STUCK 72STUCCO VETRORESINAADDETTILABORATORIO DIARCHITETTURAD.Lgs. 81/2008 art. 224Valutare la sostituzione del prodottoApprofondire la valutazione (TITOLO IX E DM 10/03/98)21 Marzo 2012 Pagina 61 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3È stata inoltre eseguita presso il laboratorio di Architettura una misurazione (ambientale epersonale) e valutazione delle polveri aerodisperse. La valutazione è riportata integralmente inapposito documento separato datato Luglio 2011. Alla data dei campionamenti erano in corso gliEsami di Stato, pertanto si ritiene che i risultati rilevati possano esprimere in maniera sufficiente lareale condizione operativa. Al momento delle rilevazioni erano in funzione le aspirazioni ovepresenti. Tutto il personale utilizza regolarmente i DPI (mascherine e guanti). Di seguito si riporta latabella riassuntiva e relative conclusioni.RILIEVI CON CAMPIONATORI PERSONALIASSISTENTE TECNICO (RONCAGLIA ROSSELLA)Campionen.Tempo diprelievo(min)Volumeprelevato(m 3 )Polvere dilegno sumembrana(mg)Conc. polveredi legnoinalabile(mg/m 3 )Limite diesposizioneprofessionale(mg/m 3 )490 122 0.244 0.06 0.25 5.00RILIEVI CON CAMPIONATORI AMBIENTALICENTRO AMBIENTECampionen.Tempo diprelievo(min)Volumeprelevato(m 3 )Polvere dilegno sumembrana(mg)Conc. Polveredi legnoinalabile(mg/m 3 )Limite diesposizioneprofessionalemg/m 3491 119 0.238 0.03 0.13 5.00Tipologia di campionamentoConc. polvere di legnoinalabile (mg/m 3 )Limite di esposizioneprofessionale (mg/m 3 )Assistente tecnico 0.25 5.00Centro ambiente 0.13 5.00Il risultato della valutazione del rischio di esposizione a polveri di legno evidenzia il rispetto delvalore limite in tutti i campionamenti.La reale esposizione dovrebbe tenere conto che tutti i valori misurati sono rappresentativi delle 2 oredi massima esposizione giornaliera e il confronto con i limiti fissati dal D.Lgs 81/2008necessiterebbe di essere rapportato alle 8 ore giornaliere di esposizione previste riducendoulteriormente il risultato delle polveri misurate.Conclusioni per l’esposizione ad agenti chimici e piano di miglioramento21 Marzo 2012 Pagina 62 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3A seguito della valutazione dell’esposizione a rischio chimico, alcune misure sono già state poste inatto, mentre altre sono state pianificate.Poiché per alcuni prodotti è risultato un rischio NON BASSO PER LA SICUREZZA, in aggiunta aldivieto di fumo già in essere, è stato ribadito il divieto di utilizzo di fiamme libere e di porreparticolare attenzione alla formazione di eventuali scariche elettrostatiche.Per tutti i prodotti sono già stati migliorati i criteri di stoccaggio, etichettatura e manipolazione,anche a mezzo di apposite procedure.Poiché per alcuni prodotti è risultato un rischio NON BASSO PER LA SALUTE, è stato attivato unapposito piano formativo per i Docenti e gli Assistenti Tecnici, i quali a loro volta trasferiranno lenozioni di sicurezza agli studenti. L’attività sarà curata dall’RSPP ed ASPPI Docenti , gli Assistenti Tecnici ed i Collaboratori scolastici sono sottoposti a sorveglianza sanitariae dotati di idonei DPI. Attività di competenza del MC, sotto la responsabilità del DDL.In aggiunta a ciò si cercherà di limitare le quantità utilizzate, avendo cura che esse venganoimpiegate in condizioni di sicurezza (aspirazioni attivate e funzionanti, misure generali di tutela).Responsabili di ciò saranno i Docenti ed Assistenti Tecnici.Alcune misure quali la verifica e la manutenzione degli impianti di aspirazione sono di competenzadella Provincia di Modena, alla quale è già stata inviata richiesta scritta.Relativamente all’esposizione a Polveri di legno, sono state individuate infine ulteriori misure chepossono contribuire a ridurre ulteriormente il rischio, quali l’utilizzo esclusivo di pannellimultistrato in Abete ed il collegamento della corteggiatrice all’impianto di aspirazione centralizzato.Quest’ultima macchina è attualmente dotata di aspirazione, ma con sacco di raccolta e reimmissionein ambiente dell’aria aspirata.Relativamente al laboratorio di grafica, si rende necessaria l’installazione di una cappa aspirantechiusa (tipo laboratorio) e l’utilizzo di adeguati DPI che evitino il contatto delle sostanze con partidel corpo umano.Viene infine dato mandato al DSGA di eseguire periodicamente ricerche di mercato allo scopo divenire tempestivamente a conoscenza dell’eventuale immissione sul mercato di prodotti menopericolosi rispetto a quelli presenti ed attualmente non totalmente sostituibili per evidenti motivididattici.21 Marzo 2012 Pagina 63 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3ISA VENTURIANALISI DELLE ATTIVITÀ: SITUAZIONI DA SANAREAREA: REPARTI: MACCHINE/IMPIANTI:MANSIONI: TutteATTIVITÀ:Fattore di rischio Rischio individuato ValutazioneNotedel RischioP D R=PxDEsposizione a polveriLaboratorioarchitetturaCarteggiatrice noncollegata all’asparazionecentralizzata4 3 12 AdeguareLaboratorio graficaEsposizione ad agentichimici3.20. AGENTI CANCEROGENI E MUTAGENI4 3 12 Installazione di cappaaspirante chiusaNella scuola non risultano presenti sostanze e preparati che comportano il rischio di esposizione asostanze cancerogene di cui all' All. XLII del D.Lgs. 81/2008. Per la valutazione del rischio chimicosi veda quanto riportato al precedente paragrafo 3.193.21. AGENTI BIOLOGICI PERICOLOSIIl rischio biologico, così come trattato nel Titolo X del D.Lgs. 81/2008, non risulta presente nellastruttura, infatti la natura del lavoro non implica la manipolazione o il contatto dei lavoratori conagenti biologici. Si è proceduto ad eseguire sopralluoghi presso l’unità lavorativa, colloqui con ilavoratori ed approfondimenti da letteratura in merito. Sono stati pertanto tenuti in considerazione:- le attività, le mansioni esposte, l’organizzazione della prevenzione, le misure di protezioneadottate, la durata e frequenza dell’esposizione al rischio considerato.La strutura può potenzialmente ospitare studenti con malattie infettive. Esiste, pertanto, la possibilitàdi diffusione ed assunzione, da parte dei lavoratori, di infezioni di tipo batterico o virale trasmissibiliprincipalmente per via aerea. A differenza del rischio chimico, per il rischio biologico non esistonolimiti di esposizione utilizzabili come valori soglia, per l’impossibilità di determinare una doseminima infettante. Di conseguenza non si può procedere ad una completa stima del rischio diesposizione e l’attività di prevenzione deve ridurre al più basso livello possibile il potenziale rischiodi esposizione individuale. Tutto ciò spiega la scelta di introdurre una strategia principalmenteprevenzionistica, basata sull’uso di DPI (se e quando necessari), Formazione e Sorveglianza Sanitaria (nonincentrata sullo specifico rischio).Gli studenti dopo le attività motorie eseguite nella palestra, anche se di regola non usufruiscono della docciaper ragioni di tempo, potrebbero in via teorica farne uso e e pertanto si è ritenuto necessario considerare ilrischio derivante da contagio con l’agente della legionella, in accordo con le Linee Guida Regionali per lasorveglianza ed il controllo della legionellosi (Delibera della Giunta Regionale N.1115/2008.. La proceduraP_06 illustra i comportamenti da tenere per la prevenzione delle malattie a trasmissione ematica. Laprocedura P_07 illustra i comportamenti da tenere per la lotta contro la diffusione della zanzara tigre. Laprocedura P_08 illustra i comportamenti da tenere per la sorveglianza e controllo della legionellosi21 Marzo 2012 Pagina 64 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3Relativamente alle donne in stato di gravidanza o allattamento si rimanda all’apposito paragrafo del presentedocumento.Misure di prevenzione e protezioneAl fine di prevenire le patologie citate e di tutelare la salute delle persone presenti, il Sistema disicurezza prevede: pulizia ed igienizzazione giornaliera degli ambienti di lavoro; aerazione periodica dei locali di lavoro mediante l’apertura della finestratura presente. Nel caso di assistenza da Primo Soccorso, l’addetto è dotato di guanti in lattice monouso edeventuale mascherina3.22. AERAZIONE E VENTILAZIONE DEI LOCALI DI LAVORO E INQUINAMENTOINDOORNella valutazione dei rischi è stata analizzata la disponibilità nei locali di lavoro di sistemi diaerazione e ventilazione, naturale o forzata, che garantiscono adeguate caratteristiche di qualità emovimento dell’aria, atte a consentire un corretto processo di respirazione, facilitare la rimozionedegli inquinanti indoor, e, nella stagione calda, controllare la temperatura per convezione.In particolare la Provincia di Modena si è fatta carico di garantire l’efficienza degli impianti diaspirazione presenti nei laboratori: Grafica (camera oscura). Deve essere completata l’aspirazione. Architettura. Funzionante, ma da integrare per alcune macchineLa conformità iniziale dovrà essere mantenuta a mezzo di idonea manutenzione (global service acarico della Provincia). La scuola ha infine richiesto alla Provincia di verificare la conformità deipunti di emissione e la presenza delle prescritte autorizzazioni per le emissioni in atmosfera degliinquinanti captati dai suddetti impianti.I sistemi di ventilazione non producono flussi d’aria pericolosi o fastidiosi in relazione alle attivitàsvolte e alle condizioni microclimatiche degli ambienti di lavoro.Non sono presenti specifici locali per fumatori: in tutto l’edificio vige il divieto di fumo.Non sono presenti servizi igienici privi di aperture dirette verso l'esterno.I sistemi di ventilazione forzata ed estrazione aria sono regolarmente puliti mantenuti e puliti.Le fotocopiatrici e le stampanti sono collocate in ambienti areati.Il personale ausiliario durante le pulizie delle aule arieggia adeguatamente i locali; qualsiasisedimento o rifiuto viene eliminato rapidamente.21 Marzo 2012 Pagina 65 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3AREA: AULE E CORRIDOI REPARTI: MACCHINE/IMPIANTI:MANSIONI: 1,2,3, 4ATTIVITÀ:Fattore di Rischio individuato ValutazioneNoterischiodel RischioP D R=PxDPalestra:ventilazioneManca la ventilazionenaturale3 4 12 Provvedere all’adeguamentodella ventilazione della palestraIl magazzino manca diventilazione3 4 12 Installare un dispositivo diventilazione forzata delAspirazionenei laboratoriIn camera oscuraaspirazione insufficienteLaboratorio diArchitettura da estenderealla carteggiatricemagazzino della palestra4 2 8 Completare l’aspirazione dellacamera oscura e del laboratoriodi Architettura (Provincia)3.23. CLIMATIZZAZIONE E MICROCLIMA DEI LOCALI DI LAVOROSono stati valutati i rischi derivanti dall’esposizione agli agenti fisici microclimatici (temperatura,umidità, correnti d’aria), con particolare riferimento alle norme di buona tecnica, alle buone prassi ealle linee guida.I rischi da esposizione ad agenti fisici microclimatici sono eliminati alla fonte o ridotti al minimo,tenuto conto del progresso tecnico e della disponibilità di misure. Le misure individuate nellavalutazione sono adattate alle esigenze degli eventuali lavoratori ed utenti che appartengano agruppi particolarmente sensibili al rischio.Non sono state rilevate condizioni di disagio termico.Le finestre, i lucernai e le pareti vetrate sono tali da evitare un soleggiamento eccessivo. Sono stateadeguatamente isolate le fonti di calore passive (macchine, attrezzature e impianti). La temperaturadei locali interni è sufficientemente omogenea. I sistemi di ventilazione naturale o forzata nonproducono flussi d’aria pericolosi o fastidiosi in relazione alle attività svolte, e alle condizionimicroclimatiche degli ambienti. Durante l’attività lavorativa non si verificano bruschi sbalzi ditemperatura nel tempo. La temperatura e gli altri parametri microclimatici dei servizi igieniciassicurano il benessere termo igrometrico (ad eccezione della palestra). È stata redatta la procedura(riportata negli allegati) per evitare la diffusione dell’agente da legionellosi.3.24. ILLUMINAZIONE DEGLI SPAZI E POSTAZIONI DI LAVOROE’ stata valutata la disponibilità nei locali interni di luce naturale sufficiente per salvaguardare lasicurezza, la salute e il benessere dei lavoratori e degli utentiTutti locali dispongono di luce naturale idona a ciò, essa risulta adeguata e sufficiente per assicurarecomfort visivo, prestazione visiva e sicurezza. I luoghi di lavoro hanno livelli di illuminamentomedio adeguati al tipo di zona e compito visivo richiesto.21 Marzo 2012 Pagina 66 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3Gli impianti di illuminazione artificiale sono tali da evitare abbagliamenti diretti o riflessi deilavoratori o zone d’ombra, e il loro posizionamento è corretto in rapporto a quello delle postazionidi lavoro.Pareti, soffitti, pavimenti e piani di lavoro non sono eccessivamente riflettenti. Gli impianti diilluminazione sono tali da evitare contrasti eccessivi o insufficienti. L’illuminamento diffuso equello direzionale localizzato sono equilibrati. La temperatura di colore della luce artificiale ètendenzialmente neutra. L’illuminazione assicura un adeguato livello di riproduzione dei colori, èpriva di sfarfallamenti ed effetti stroboscopici. Anche le aree esterne e le aree di transito internesono adeguatamente illuminate. Gli impianti di illuminazione sono realizzati in modo tale da noncontribuire indirettamente ai rischi di infortunio per i lavoratori e gli utenti.È attuato un programma di pulizia e manutenzione preventiva e periodica degli impianti diilluminazione e delle superfici vetrate, esso prevede l’attuazione di interventi ordinari o straordinari.Nei luoghi di lavoro privi di illuminazione naturale o che possono essere usati in assenza diilluminazione naturale, esiste un sistema di illuminazione di sicurezza delle vie di uscita inclusi ipercorsi esterni.3.25. RUMOREE’ stata valutata l’esposizione dei lavoratori al rumore nei tempi e modi previsti dalla normativa,con riferimento alle norme tecniche e alle buone prassi pertinenti. Gli obblighi in capo al Datore diLavoro sono enunciati dal D.Lgs 81/2008 all’art. 190 il cui sunto è di seguito riportato. Si èproceduto ad una analisi preliminare secondo lo schema riportato di seguito.Aspetto da valutare(art. 190, comma 1 lettere c, d ed e )1. Vi sono lavoratori particolarmente sensibili alrumore (minorenni e gestanti) per i quali l’esposizionea rumore può indurre ulteriori effetti negativi sullasalute e sulla sicurezza?2. Vi sono interazioni fra rumore e sostanzeototossiche connesse con l'attivita' svolta e fra rumoree vibrazioni?Nota esplicativa:Sostanze ototossiche, “tossiche per l’orecchio”, le sostanzecitate dall’ACGIH sono:- Toluene;- Piombo;- Manganese;- Alcool n-butilico;per le quali la stessa ACGIH consiglia audiogrammi periodici.Altre sostanze con possibili effetti ototossici comprendono:- Tricloroetilene;- Solfuro di carbonio;- Stirene;- Mercurio;- Arsenico.e principi attivi farmaceutici potenzialmente ototossici:- Cilene;SituazioneriscontrataSISono presentisostanzeototossiche?NoVi è interazionetra vibrazioni erumore?NoMisure da attuarsiAllo stato attuale sono presentigestanti e minorenni, tuttavia essinon risultano esposti a livelli dirumoreparticolarmentresignificativi..Non si è ricevuta notizia dell’utilizzodi sostanze ototossicheNon sono presenti sorgentisignificative di vibrazioni.21 Marzo 2012 Pagina 67 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3- Etilbenzene;- Tricloroetilene;- Disolfuro di carbonio;- n-esano;- Acido cianidrico.3. Vi possono essere gli effetti indiretti sullasalute e sulla sicurezza dei lavoratori risultanti dainterazioni fra rumore e segnali di avvertimento o altrisuoni che vanno osservati al fine di ridurre il rischio diinfortuni?No /Dall’analisi preliminare è emerso che in nel laboratorio di Architettura sono presenti sorgenti dirumore e pertanto il datore di lavoro ha proceduto alla misura strumentale dei livelli di rumore cui ilavoratori (assistente tecnico) e gli studenti sono esposti. Dall’analisi strumentale, i cui risultati sonoriportati in apposito documento separato è emerso che non vengono superati i livelli inferiori diazione La valutazione dovrà essere ripetuta a seguito di mutamenti significativi nelle macchine,impianti, attrezzature, processi lavorativi e tempi di esposizione e comunque con periodicitàquadriennale.3.26. VIBRAZIONINon sono presenti sorgenti significative di vibrazioni, sia HAV sia WBV. Da ciò si evince che lastruttura, nella situazione attuale, relativamente al rischio vibrazioni non ha l’obbligo di nominare ilmedico competente.3.27. RADIAZIONI IONIZZANTINella struttura non sono presenti sorgenti di radiazioni ionizzanti.3.28. RADIAZIONI NON IONIZZANTINon sono presenti sorgenti di campi elettromagnetici con frequenza fino a 300 GHz (campielettromagnetici associati a linee elettriche di rete, trasmissioni radiotelevisive, telefonia cellulare,radar, attrezzature a microonde etc.) e di campi elettrici e magnetici statici, potenzialmentepericolosi ai quali sono esposti i lavoratori e gli studenti, con riferimento alle pertinenti normetecniche, alle buone prassi e alle linee guida disponibili. Nella valutazione sono stati tenuti in contotutti gli elementi rilevanti ai fini della determinazione del rischio.Sono prese in considerazione oltre alle sorgenti vere e proprie di RNI anche le possibili emissionidovute a cattivi collegamenti e connessioni a terra. Non sono presenti sorgenti di R.N.I. costituite daradiazioni ottiche artificiali: infrarosse, visibili, ultraviolette, coerenti (laser) o non coerenti.I rischi da esposizione a campi elettromagnetici e radiazioni ottiche artificiali sono eliminati allafonte o ridotti al minimo, tenuto conto del progresso tecnico e della disponibilità di misure, e in ognicaso a livelli non superiori ai valori limite di esposizione fissati dalla normativa. La cabina di21 Marzo 2012 Pagina 68 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3trasformazione elettrica presente nel cortiletto interno non costituisce rischio di esposizione per ilavoratori e gli studenti.3.29. ALTRI AGENTI FISICI (INFRASUONI, ULTRASUONI, ATMOSFEREIPERBARICHE)Non sono presenti rischi derivanti dall’esposizione ad ultrasuoni, infrasuoni e atmosfere iperbarichecon particolare riferimento alle norme di buona tecnica, alle buone prassi e alle linee guidadisponibili pertinenti. I rischi da esposizione ad agenti fisici sono eliminati alla fonte o ridotti alminimo, tenuto conto del progresso tecnico e della disponibilità di misure.3.30. CARICO DI LAVORO FISICO, MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI EMOVIMENTI RIPETITIVIAllo scopo di valutare il rischio da movimentazione manuale di carichi, sono state preliminarmenteindividuate nell'ambito dell’attività, le mansioni che comportano esposizione al suddetto rischio e diconseguenza i lavoratori addetti. La mansione che comporta maggiormente la potenziale movimentazionemanuale dei carichi è quella del collaboratore scolastico. I movimenti riconosciuti come maggiormentesovraccaricanti durante l’attività lavorativa possono essere così riassunti; MOVIMENTAZIONE SECCHI DI ACQUA E SACCHI DI RIFIUTI; SPOSTAMENTO DI BANCHI E ARREDI PER OPERAZIONI DI PULIZIA; TRASPORTO DI MATERIALE DIDATTICO.A tal fine gli interventi eseguiti allo scopo di ridurre l’esposizione a movimentazioni manuali sono statiarticolati lungo tre direttrici principali:Interventi di formazione.Interventi organizzativi (idonei carrelli su ruote, con l’aiuto di ausili meccanici ad azionamento manuale). Interventi strutturali (dotazioni di attrezzature per ciascun piano, senza necessità di movimentazioni tra ivari piani).La frequenza di azioni di movimentazione è assolutamente poco significativa. I pesi che si manipolano nonsono eccessivi, anche in relazione alle caratteristiche dei soggetti che svolgono i compiti di movimentazione.La forma e il volume dei carichi permettono di afferrarli con facilità e la struttura esterna non comportarischio di lesioni. Si evita la manipolazione di pesi superiori a 10 kg per gli uomini e 5 kg per le donne.L’ambiente di lavoro è adatto al tipo di sforzo necessario. Si può pertanto affermare che il carico di lavorofisico è tale da non provocare eccessivo affaticamento o rischi dorso-lombari, torsione del tronco, movimentibruschi, posizioni instabili. Alla luce di ciò non si ritiene di procedere alla valutazione analitica del rischio damovimentazione manuale di carichi, per le attività di sollevamento, spinta, trasporto e traino, né permovimenti ripetitivi a carico degli arti superiori. Per i lavoratori che effettuano movimentazione dei carichinon si rende necessaria la sorveglianza sanitaria. La procedura P_04 dettaglia le misure di prevenzione eprotezione poste in atto per la movimentazione dei carichi.21 Marzo 2012 Pagina 69 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 33.31. LAVORO AI VIDEOTERMINALIE’ stata effettuata una specifica valutazione dei rischi derivanti dall’utilizzo di attrezzature munitedi videoterminale. Le postazioni a videoterminale sono conformi ai requisiti di ergonomia,nell’insieme delle loro caratteristiche ed elementi. Nella distribuzione delle mansioni e compiti cheimplicano l'uso di videoterminali, si evita il più possibile la ripetitività e la monotonia delleoperazioni. Nessuno degli addetti è classificabile come addetto a videoterminale, ai sensi dellanormativa vigente, ma solamente come utilizzatore di videoterminale.La lettura delle informazioni da schermo (monitor) non richiede sforzi visivi eccessivi o posturescorrette, l'immagine sullo schermo è stabile. La brillanza e/o il contrasto tra i caratteri e lo sfondodello schermo sono facilmente regolabili. Lo schermo è facilmente orientabile e inclinabile.Sullo schermo non si producono riflessi o riverberi da fonti di luce naturali o artificiali, diretti oindiretti, che possono causare fastidio. Le fonti di luce sono fuori dal campo visivo dell’operatoredurante l’uso del videoterminale. E' possibile utilizzare un sostegno separato per lo schermo o unpiano d’appoggio regolabile. Lo schermo è del tipo a bassa emissione di radiazioniLe tastiere per l'introduzione di dati e testi sono inclinabili e svincolate dallo schermo. Lo spaziodavanti alla tastiera consente l’appoggio delle mani e degli avambracci dell'utilizzatore. La tastierae gli altri dispositivi di puntamento sono correttamente collocati sul piano di lavoro. La superficiedella tastiera è opaca e i simboli dei tasti sono facilmente leggibili. Il videoterminale è appoggiatosu un piano di lavoro con superficie di colore chiaro, diverso dal bianco, in ogni caso nonriflettente, di dimensioni sufficienti. Il piano di lavoro e lo spazio a disposizione è tale dapermettere agli utilizzatori una posizione comoda. Il piano di lavoro ha una profondità tale daassicurare una corretta distanza e posizionamento dell’utilizzatore rispetto allo schermo.Il sedile di lavoro è stabile, permette all'utilizzatore libertà di movimento e una posizione comodaI sedili hanno altezza del piano di seduta, ed altezza e inclinazione dello schienale, regolabili inmodo indipendente. I sedili hanno i bordi del piano di seduta smussati e in materiale adeguato. Sel’utilizzatore necessita di poggiapiedi separato per mantenere la posizione ergonomicamentecorretta questo viene fornito. Non sono utilizzati dai lavoratori computer portatili sono adottatespecifiche misure per assicurare il rispetto dei principi ergonomici, né si è ritenuto necessarioprocedere alla valutazione del rumore emesso dalle attrezzature presenti nell’ambiente di lavoro, aisensi del Titolo VIII, Capo II del D.Lgs. 81/2008. Le condizioni microclimatiche (temperatura,umidità, correnti d’aria) sono adeguate alle esigenze richieste dal lavoro d’ufficio. Le attrezzatureappartenenti al posto di lavoro non producono calore che possa essere fonte di disturbo per ilavoratori. Il software impiegato è adeguato alla mansione da svolgere e alle capacità degli21 Marzo 2012 Pagina 70 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3utilizzatori, ed è facilmente comprensibile da essi. Gli utilizzatori dispongono del tempo necessarioper acquisire le competenze necessarie in campo informatico. Gli utilizzatori sono a conoscenzadel contesto in cui il loro lavoro si inserisce. Gli utilizzatori hanno ricevuto una specificainformazione e formazione, in relazione ai rischi derivanti dall’uso di attrezzature munite divideoterminali. Il comportamento degli utilizzatori è tale da evitare o ridurre al minimo il rischio didisturbi visivi, da evitare o ridurre al minimo il rischio di disturbi muscolo-scheletrici, da evitare oridurre al minimo il rischio di disturbi da affaticamento mentale e stress.I videoterminalisti sono sottoposti a sorveglianza sanitaria con particolare riferimento: ai rischi per la vista e per gli occhi ai rischi per l’apparato muscolo-scheletricoMisure di prevenzione e protezione E’ importante che nei periodi di pausa l’operatore non stazioni ancora presso il VDT, ma esegua deimovimenti o dei semplici esercizi fisici finalizzati al rilassamento mentale e muscolare, evitando dirimanere seduto; regolare l’altezza della sedia in posizione ottimale; mantenere una posizione possibilmente retta del busto, in modo da poggiare la colonna vertebraleallo schienale (regolabile in inclinazione) della sedia; mantenere le braccia distese e normalmente poggiate al tavolo di lavoro; in caso di dolori od indolenzimenti alle braccia, alle spalle od al collo, interromperemomentaneamente l’operatività ed effettuare qualche esercizio di streetching.3.32. IGIENE DEGLI AMBIENTI, SERVIZI IGIENICI, LOCALI DI REFEZIONE E RIPOSOLe attrezzature, gli arredi e gli ambienti di lavoro sono regolarmente puliti e controllati. Lestrutture, le attrezzature e gli arredi destinati ai bagni, sono mantenuti in condizioni di accuratapulizia. Non sono tenuti depositi di rifiuti nei locali, o nelle loro adiacenze o dipendenze. Neiluoghi di lavoro o nelle loro immediate vicinanze è sempre disponibile acqua in quantitàsufficiente.Sono presernti un numero sufficiente di servizi igienici, separati per uomini e donne e tra lavoratoriinterni studenti.Non sono presenti mense, refettori o attività che richiedono l’applicazione del sistema diautocontrollo HACCP per l’igiene dei prodotti alimentari. È presente un angolo ristoro mantenutoin adeguate condizioni igieniche.Sono garantite adeguate condizioni di riposo per le lavoratrici nel periodo di gravidanza epuerperio. All’interno dei locali è vietato fumare.21 Marzo 2012 Pagina 71 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3La scala E utilizzata dagli utenti delle aule 207, 206, 107, 106, 105 sia come via alternativa perraggiungere il piano terreno nel cortile prospiciente la palestra sia come via di esodo in condizionidi emergenza, presenta un accumulo generalizzato di guano, non eliminabile con le normalioperazioni di pulizia. Verrà chiesto alla Provincia di eseguire una operazione di bonificastraordinaria, mentre le condizioni igieniche dovranno essere mantenute a mezzo di regolaripulizie.AREA: AULE E CORRIDOI REPARTI: MACCHINE/IMPIANTI:MANSIONI: 1,2,3, 4ATTIVITÀ:Fattore di Rischio individuato ValutazioneNoterischiodel RischioP D R=PxDScala E Accumulo di guano 3 2 8 Chiedere alla Provincial’esecuzione di una bonificastraordinaria21 Marzo 2012 Pagina 72 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3FATTORI ERGONOMICI ORGANIZZATIVI E GESTIONALI3.33. ERGONOMIA DELL’ORGANIZZAZIONE, DEI SISTEMI DEL LAVORO, DEGLIAMBIENTI E DELLE POSTAZIONI DI LAVOROSono rispettati i principi ergonomici nell’organizzazione del lavoro, nella strutturazione edisposizione dei posti di lavoro, nella scelta dette attrezzature, nella definizione dei metodi dilavoro. Nella definizione generale dell’organizzazione e dei sistemi di lavoro si tengono inconsiderazione i principi ergonomici, sia in fase di progettazione che di modifica.Per il rispetto dei principi di ergonomia si fa riferimento ai pertinenti standard nazionali ointernazionali e ad altri riferimenti di buona tecnica. Nella progettazione tecnica degli spazi dilavoro (in termini di dimensioni, climatizzazione aerazione, illuminazione, rumore, vibrazioni,esposizione a materiali pericolosi, a radiazioni e ad agenti atmosferici) si fa riferimento allenormative tecniche esistenti più aggiornate. I sistemi di lavoro sono progettati e gestiti in modo dapotere essere applicati in maniera ottimale. Le singole mansioni e i compiti dei lavoratori sonodefiniti tenendo conto delle specifiche esigenze del lavoro, e delle capacità e condizioni deilavoratori che li devono svolgere. La strutturazione degli spazi, degli ambienti e delle postazioni dilavoro tiene conto delle esigenze ergonomiche. L’ambiente di lavoro complessivo ha caratteristicheadeguate ai compiti da svolgere in esso ed assicura condizioni favorevoli alla concentrazione deglioperatori e degli utenti. Le postazioni e gli spazi di lavoro garantiscono sia la stabilità che lamobilità posturali. Tutte le postazioni sono accessibili agevolmente; gli spazi e le postazioni dilavoro sono rapportate fra loro secondo le esigenze di reciproca relazione, sono flessibili e tali dapotersi facilmente adeguare alle modifiche delle condizioni di lavoro.La necessità di utilizzare, più o meno frequentemente, documenti, attrezzature o altro, è tenuta inconsiderazione per definire le strutture e procedure di disposizione, conservazione eimmagazzinamento degli stessi. Gli arredi si possono regolare in funzione delle caratteristicheantropometriche dei lavoratori, anche se in alcuni laboratori e aule gli sgabelli dovranno esseresostituiti poiché privi di schienale. Nello svolgimento dei compiti di lavoro vengono evitatimovimenti che comportano irrigidimenti o compressioni localizzate a carico dell’apparato muscoloscheletrico.Le postazioni e gli spazi di lavoro sono progettati in modo da evitare il più possibile lanecessità di assumere posture incongrue o forzate. I sistemi di lavoro sono progettati e gestiti inmodo da evitare il più possibile compiti monotoni e/o ripetitivi.Nella scelta e nell’uso delle macchine e delle altre attrezzature si tengono in considerazione iprincipi ergonomici, con riferimento alle più aggiornate normative tecniche disponibili. Il lavorosulle macchine o altre attrezzature di lavoro può essere effettuato in modo sicuro e confortevole per21 Marzo 2012 Pagina 73 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3l'addetto, evitando posture incongrue. Le macchine e le altre attrezzature di lavoro sono adeguatealle esigenze fisiche e mentali dei lavoratori.Nella valutazione dei rischi sono stati presi in specifica considerazione anche gli aspetti riguardantiil carico di lavoro mentale e lo stress. Le mansioni presenti richiedono un elevato livello diattenzione ed alcune di esse portano a contatto con esterni. Sono previste delle pause adeguate.AREA: AULE ELABORATORIMANSIONI: 3Fattore dirischioErgonomiainadeguatadegli sgabelliREPARTI:Rischio individuatoAlcuni sgabelli deilaboratori sono privi disostegno lombare e diregolazione in altezzaMACCHINE/IMPIANTI:ATTIVITÀ:ValutazioneNotedel RischioP D R=PxD4 3 12 Provvedere alla sostituzionedegli sgabelli non conformi3.34. FATTORI DI RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATOPREMESSAL’art. 17 comma 1 lettera a) del D.Lgs. 81/08, stabilisce che al datore di lavoro spetta la valutazionedi tutti i rischi con la conseguente elaborazione del documento previsto dall'articolo 28.L’art. 28 comma 1 sottolinea l’obbligo di valutare tutti i rischi per la sicurezza e la salute deilavoratori, ivi compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, tra cui anchequelli collegati allo stress lavoro-correlato, secondo i contenuti dell’ accordo europeo dell’8ottobre 2004.L’art. 28 comma 2 stabilisce che il documento di cui all'articolo 17, comma 1, lettera a), deveessere redatto a conclusione della valutazione, deve avere data certa e contenere:g) una relazione sulla valutazione di tutti i rischi per la sicurezza e la salute durante l'attivitàlavorativa, nella quale siano specificati i criteri adottati per la valutazione stessa;h) l'indicazione delle misure di prevenzione e di protezione attuate e dei dispositivi diprotezione individuali adottati, a seguito della valutazione di cui all'articolo 17, comma 1,lettera a);i) il programma delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo deilivelli di sicurezza;j) l'individuazione delle procedure per l'attuazione delle misure da realizzare, nonché dei ruolidell'organizzazione aziendale che vi debbono provvedere, a cui devono essere assegnatiunicamente soggetti in possesso di adeguate competenze e poteri;k) l'indicazione del nominativo del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, delrappresentante dei lavoratori per la sicurezza o di quello territoriale e del medicocompetente che ha partecipato alla valutazione del rischio;l) l'individuazione delle mansioni che eventualmente espongono i lavoratori a rischi specificiche richiedono una riconosciuta capacità professionale, specifica esperienza, adeguataformazione e addestramento.La valutazione e il documento debbono essere rielaborati in occasione di modifiche del processolavorativo o dell'organizzazione del lavoro significative ai fini della salute e della sicurezza deilavoratori, o in relazione al grado di evoluzione della tecnica, della prevenzione e della protezione oa seguito di infortuni significativi o quando i risultati della sorveglianza sanitaria ne evidenzino lanecessità. A seguito di tale rielaborazione, le misure di prevenzione debbono essere aggiornate.21 Marzo 2012 Pagina 74 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3Il presente documento è quindi redatto per l’ISA VENTURI di Modena, globalmente per le trre sedi.;tale documento rappresenta il risultato dell’attività di valutazione dei rischi legati allo stresscorrelato al lavoro, eseguita secondo quanto indicato al capitolo “Metodologia di valutazione”.Personale che ha effettuato la valutazione dei rischiL’art. 29 comma 3 stabilisce che la valutazione deve essere fatta in collaborazione con ilresponsabile del servizio di prevenzione e protezione e il medico competente (comma 1) previaconsultazione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (comma 2).MANSIONI PRESENTILe mansioni presenti sono costituite da:MANSIONE1 INSEGNANTE2 ASSISTENTE TECNICO (NON PRESENTE IN VIAS S.ORSOLA)3 STUDENTE4 COLLABORATORE SCOLASTICO5 ADDETTO AGLI UFFICI (PRESENTE SOLO PRESSO LA SEDE DI VIA DEI SERVI)Tutte le mansioni presenti sono state oggetto di valutazione.N.B. ALLO SCOPO DI EVITARE LA RAPIDA OBSOLESCENZA DEL PRESENTE DOCUMENTO, I NOMINATIVI DEILAVORATORI ASSOCIATI ALLE SUDDETTE MANSIONI, NON VENGONO RIPORTATI. ESSI SONO TUTTAVIADISPONIBILI PRESSO L’UFFICIO DI SEGRETERIA DELL’ISA VENTURIRIFERIMENTI NORMATIVINell’elaborazione del documento le principali Norme alle quali è stato fatto riferimento, sono leseguenti:- DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008 , n. 81 - Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.- Accordo europeo sullo stress sul lavoro (8/10/2004);- Guida sullo stress legato all’attività lavorativa - Commissione europea Direzione generaleOccupazione e affari sociali 1999- “Stressato?Allora abbiamo qualcosa per Lei!” - Suva Istituto nazionale svizzero diassicurazione contro gli infortuni- La valutazione dei fattori psicosociali proposta della versione italiana del job contentquestionnaire di R.A.Karasek – ISPESL- Indicazioni della Commissione Consultiva permanente di cui all’art.6 del D.Lgs.81/2008.21 Marzo 2012 Pagina 75 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3PREMESSAMETODOLOGIA DI VALUTAZIONE DEI RISCHIIl D.Lgs 81/08 prevede che il Datore di Lavoro esegua la valutazione di tutti i rischi, inclusi i rischida stress correlati al lavoro. La metodologia di esecuzione della suddetta attività viene demandataalle linee guida fornite dalla Commissione consultiva permanente di cui all’art.6, comma 8, letteram-quater del suddetto decreto. In data 18.11.2010 la Commissione consultiva permanente haemanato le suddette linee guida, sotto forma di indicazioni, seguite per la compilazione delpresente documento: esso costituisce il documento di valutazione dei fattori rischio da stresscorrelati al lavoro e relative misure di riduzione..Come tecnica ricognitiva si è optato per l’uso di liste di controllo elaborate dall’INAIL;Le schede compilate dagli addetti, sono state successivamente elaborate a mezzo di appositosoftware. Le schede di elaborazione e le successive conclusioni sono riportate nel prosieguo deldocumento.GENERALITÀLe indicazioni della Commissione richiamano esplicitamente l’accordo quadro europeo sullo stressnei luoghi di lavoro (8 ottobre 2004), recepito in Italia con l’accordo interconfederale del 9 giugno2008. In esso viene esplicitamente affermato che:• Non tutti i luoghi di lavoro sono necessariamente interessati dallo stress (art.1, c.2). Èimportante sapere però che lo stress può colpire chiunque a qualunque livello aziendale equalunque sia la mansione. Lo stress è una condizione che può essere accompagnata da disturbi odisfunzioni di natura fisica, psicologica o sociale ed è conseguenza del fatto che taluni individui nonsi sentono in grado di corrispondere alle richieste o alle aspettative riposte in loro. Secondo laCommissione Europea lo stress lavoro-correlato può anche essere definito come: “Reazione adaspetti avversi e nocivi del contenuto, dell’ambiente e dell’organizzazione del lavoro. Uno statocaratterizzato da elevati livelli di eccitazione ed ansia, spesso accompagnati da senso diinadeguatezza”.• Non tutte le manifestazioni di stress sono necessariamente negative (art.3, c.1, 2);• Lo stress non è una malattia (art.3, c.3), tuttavia una situazione di prolungata tensione puòridurre l’efficienza sul lavoro e può determinare un cattivo stato di salute. Ne consegue che lostress, influendo sulla salute delle singole persone, può influire sulla salute delle imprese.• Non tutte le manifestazioni di stress sul lavoro possono essere considerate come stresslavoro-correlato (art.3, c.4). Lo stress che ha origine fuori dall’ambito di lavoro può condurre acambiamenti nel comportamento e ad una ridotta efficienza sul lavoro. Lo stress lavoro-correlatopuò essere causato da fattori diversi come il contenuto del lavoro, l’eventuale inadeguatezza nellagestione e nell’organizzazione del lavoro e dell’ambiente di lavoro, carenze nella comunicazione,etc.21 Marzo 2012 Pagina 76 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3• L’individuazione dello stress può implicare l’analisi di fattori oggettivi e soggettivi (art.4, c.2).Sono esempi di fattori soggettivi: tensioni emotive e sociali, sensazione di non poter far fronte allesituazioni, percezione di mancanza di attenzione nei propri confronti, problemi personali, familiari,relazionali e di salute.• Il compito di stabilire le misure per prevenire, eliminare o ridurre lo stress spetta al datore dilavoro e le misure sono adottate con la partecipazione e la collaborazione dei lavoratori e/o dei lororappresentanti (art.4, c.5). Il datore di lavoro ha l’obbligo giuridico di tutelare la salute e sicurezzasul lavoro dei lavoratori. I lavoratori hanno un generale dovere di rispettare le misure di protezionedeterminate dal datore di lavoro.• La gestione dei problemi di stress può essere condotta sulla scorta del generale processo divalutazione dei rischi (art.5, c.2). Qualora si individui un problema di stress lavoro-correlato,occorre adottare misure per prevenirlo, eliminarlo o ridurlo. Il compito di stabilire le misureappropriate spetta al datore di lavoro. Queste misure saranno adottate con collaborazione deilavoratori e/o dei loro rappresentanti.• Laddove sul luogo di lavoro non siano presenti professionalità adeguate, possono esserechiamati esperti esterni (art.6, c.2).In definitiva lo stress non è un fattore che risiede nell’individuo o nell’ambiente, ma è il risultato diun processo che coinvolge l’individuo durante la sua interazione con l’ambiente. La rilevazionevalutando questi contatti e cercando strategie per far fronte ai problemi emersi, consente diintervenire per eliminare o ridurre la condizione di stress.FINALITÀLa presente valutazione non ha come obiettivo l’individuazione dei singoli casi né l’attribuzione diresponsabilità individuali ma di:• accrescere la consapevolezza e la comprensione dello stress lavoro-correlato da parte deidatori di lavoro, dei lavoratori e dei loro rappresentanti, e attirare la loro attenzione sui segnali chepotrebbero denotare problemi di stress lavoro-correlato;• offrire ai datori di lavoro ed ai lavoratori un quadro di riferimento per individuare e prevenireo gestire problemi di stress lavoro-correlato.21 Marzo 2012 Pagina 77 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3METODOLOGIA ADOTTATAIl percorso metodologico di valutazione adottato è riportato nel grafico di seguito e risulta in lineacon le indicazioni della commissione consultiva permanente.21 Marzo 2012 Pagina 78 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3VALUTAZIONE PRELIMINARE (sempre necessaria)Consiste nella rilevazione di “indicatori di rischio da stress correlato al lavoro oggettivi, verificabili eove possibile numericamente apprezzabili”. La Commissione Consultiva Permanente nesuggerisce appartenenti quanto meno a tre famiglie differenti:1) Eventi sentinella (es.indici infortunistici, assenze per malattia, turnover, procedimenti e sanzioni,segnalazioni del medico competente, specifiche e frequenti lamentele formalizzate da parte deilavoratori, conflitti, contestazioni, ecc.)2) Fattori di contenuto del lavoro (es. ambiente di lavoro e attrezzature, carichi e ritmi di lavoro,orario di lavoro e turni, lavoro notturno, lavorazioni monotone e ripetitive, rapporti con il pubblico,cura ed assistenza a persone malate.3) Fattori di contesto del lavoro (es. ruolo nell’ambito dell’organizzazione, autonomia decisionale econtrollo, evoluzione e sviluppo di carriera, comunicazione, corrispondenza tra le competenze deilavoratori e i requisiti professionali richiesti).Le check list utilizzate risultano così strutturate:21 Marzo 2012 Pagina 79 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3La rilevazione degli indicatori di stress potrà essere rivolta all’occorrenza anche ad eventuali significativericorrenze di patologie individuali o alterazioni del comportamento quali: tabagismo alcolismo consumo di droghe e stupefacenti dipendenza da farmaci insoddisfazione riduzione livelli di aspirazione irritabilità apatia ed esaurimento emozionaleIn questa prima fase si sono utilizzate le check list dell’INAIL. Le check-list sono state compilatedagli attori individuati nel presente documento, relativamente alle aree di indicatori “contesto dellavoro” e “contenuto del lavoro”, mentre l’area degli “indicatori aziendali” (sentinella) vienecompilata, dopo il reperimento dei relativi dati, da parte della Segreteria.Se la valutazione preliminare non rileva elementi di rischio e quindi si conclude con “esito negativo”tale risultato viene riportato nel Documento di Valutazione dei Rischi con la previsione, comunque,di un piano di monitoraggio periodico. Nel caso in cui la valutazione preliminare abbia un “esitopositivo” cioè emergano elementi di rischio tali da richiedere il ricorso ad azioni correttive, siprocede alla loro individuazione, pianificazione ed adozione. Se questi ultimi si rilevino inefficaci, sipassa alla valutazione successiva, cosiddetta “ valutazione approfondita”.Poiché ogni risposta della check list genera un punteggio, il giudizio sul livello di rischio vieneformulato sulla base della tabella riportata di seguito.21 Marzo 2012 Pagina 80 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 321 Marzo 2012 Pagina 81 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3VALUTAZIONE APPROFONDITA (eventuale)Questa fase va intrapresa nel caso in cui nella fase precedente, a seguito dell’attività dimonitoraggio, si rilevi l’inefficacia delle azioni correttive adottate, relativamente ai gruppiomogenei di lavoratori rispetto ai quali sono state riscontrate le problematiche. Le indicazioni dellaCommissione prevedono la valutazione della percezione soggettiva dei lavoratori.Gli strumenti indicati per la suddetta valutazione vengono individuati, a titolo esemplificativo, inquestionari, focus group, interviste semistrutturate,, ecc.Tutti gli interventi vanno ovviamente ”dosati” sulla base delle dimensioni aziendali.La commissione ha correttamente escluso nella prima fase l’adozione automatica di strumentianalitici, in quanto non sono immediatamente esportabili (risentono della variabile culturale eregionale) e poiché pone una serie di interrogativi quali:‣ Che tipo di informazioni possiamo ottenere?‣ Il dato è utilizzabile per formulare azioni di prevenzione aziendale?‣ Chi è autorizzato ad analizzare le informazioni acquisite?‣ Quali problemi di privacy ciò comporta?PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀL’attività si è svolta secondo una precisa pianificazione, in fasi successive:1. Costituzione del gruppo di lavoro.Per l’ISA VENTURI tale gruppo risulta così costituito:DDL, MC, RLS, RSPP, ASPP, DSGA2. Incontro congiunto di formazioneIn tal sede si è provveduto a: illustrare al gruppo di lavoro le problematiche connesse con la valutazione dei rischi dastress correlati al lavoro; condividere la metodologia di valutazione. In tal sede si è deciso che le mansioni da valutaresono tutte quelle presenti nell’IstitutoSi è deciso di eseguire la valutazione per mansione, indipendentemente dall’unità lavorativaove il singolo lavoratore opera le proprie attività; illustrare e distribuire le check list INAIL21 Marzo 2012 Pagina 82 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3Si è discusso inoltre su come informare tutti gli altri lavoratori relativamente alla valutazionein atto e dello sviluppo di una strategia comunicativa e di coinvolgimento di tutto ilpersonale.3. Incontri di singoli gruppiPoiché il gruppo di lavoro, come innanzi illustrato, comprende almeno un rappresentante perciascuna mansione presente, i rappresentanti hanno provveduto a consultare i propri colleghi(collegialmente a o mezzo di riunioni ristrette) per la compilazione delle check list relative allaspecifica mansione.4. Riunione di consenso e valutazione preliminareAl termine della prima parte del percorso valutativo si è svolta una riunione congiunta del Gruppo diLavoro, allo scopo di condividere i risultati degli incontri di cui alla precedente fase 3. Le check listcompilate nel corso dell’elenco congiunto sono riportate di seguito. Si è provvedutosuccessivamente alla stesura del documento di valutazione del rischio stress lavoro correlato erelative conclusioni, condivise dal gruppo di lavoro.5. Valutazione approfonditaRivelatasi non necessaria a seguito dei risultati riportati di seguito.CONCLUSIONI E GESTIONE DEL RISCHIODall’analisi delle check list adottate per la valutazione preliminare, emerge che tutte le mansioni sicollocano in zona verde, pertanto il rischio da stress correlato al lavoro, è da ritenersi basso per tuttele mansioni presenti. Ciò rende non necessaria una ulteriore valutazione più approfondita.Una analisi più approfondita delle risposte fornite nelle varie aree, evidenzia altresì alcuneopportunità di miglioramento.1. Nell’area Indicatori Aziendali si ritiene che l’organizzazione non possa ulteriormente agire.2. Relativamente all’area Contesto del Lavoro si ritiene che possano essere intraprese azioni per laprevenzione/gestione degli eventuali conflitti, con particolare riferimento alla mansione delCollaboratore Scolastico.3. Relativamente all’area Contenuto del lavoro non si ritengono necessari ulteriori interventi.Il piano di gestione del rischio prevede inoltre impegni sia per i lavoratori sia per l’organizzazione,in particolare i lavoratori vengono invitati a:• porsi obiettivi realistici ed impegnarsi per raggiungerli;• non lasciarsi scoraggiare dagli insuccessi, ma considerarli un momento transitorio;• trovare spazio ed energie per accrescere le proprie abilità e la propria professionalità;21 Marzo 2012 Pagina 83 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3• impegnarsi per risolvere le situazioni lavorative conflittuali senza caderenell’autocommiserazione ma cercando di ascoltare realmente il punto di vista degli altri;• affrontare le difficoltà senza lasciarsi schiacciare da esse, ma continuando a cercaresoluzioni alternative.L’organizzazione si impegna a mettere a disposizione dei lavoratori:• Ambiente di lavoro salubre e confortevole;• Obiettivi espliciti e chiari;• Coerenza tra enunciati e prassi operative;• Valorizzazione competenze;• Stimola nuove potenzialità;• Ascolta istanze dipendenti;• Gestione adeguatamente l’organizzazione ed i processi lavorativi;• Modalità di comunicazione efficaci (costante controllo della coerenza tra contenuti;comportamenti; strumenti, linguaggi, continuità, feedback.Tutto ciò al fine di raggiungere soddisfacenti livelli di benessere organizzativo, ovvero la capacità diun’organizzazione di promuovere e mantenere il più alto grado di benessere fisico, psicologico esociale dei lavoratori L’organizzazione ritiene di dover ripetere la presente valutazione conperiodicità triennale, in occasione di significativi mutamenti organizzativi, mutamenti nellalegislazione di riferimento, quando i risultati della sorveglianza sanitaria ne evidenzino la necessità.3.35 ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO, COMPITI, FUNZIONI E RESPONSABILITÀ,LAVORO NOTTURNO, LAVORATRICI GESTANTI, LAVORATORI MINORII compiti lavorativi da svolgere sono affidati ai singoli lavoratori tenendo conto delle loro capacitàe condizioni. I lavoratori sono adeguatamente informati sulle responsabilità e gli obblighi associatial loro ruolo, anche in materia di salute e sicurezza sul lavoro. I compiti da svolgere per ognimansione sono adeguatamente definiti in termini di obiettivi, strumenti per raggiungerli,attribuzioni e responsabilità necessarie. I lavoratori sono a conoscenza delle mansioni dei lorocolleghi, delle loro finalità e sono informati sulla qualità del lavoro svolto. I lavoratori sono aconoscenza dell'insieme del processo lavorativo e del proprio ruolo nell'insieme delle attività.Poichè il lavoro comporta la turnazione Il calendario dei turni è conosciuto in anticipo. L’attivitànon implica lo svolgimento di lavoro notturno, il corso serale termina alle 23,00. Tra i lavoratori visono minori (lavoratori di età superiore a quella dell’obbligo scolastico e inferiore a 18 anni e chehanno assolto agli obblighi scolastici).21 Marzo 2012 Pagina 84 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DELLELAVORATRICI GESTANTI, PUERPERE O IN ALLATTAMENTOEffettuata ai sensi del Decreto Legislativo 26.03.01, n. 151 come modificato edintegrato dell'art. 28 del Decreto Legislativo 09/04/2008, n. 81.1. PREMESSALa tutela della sicurezza e della salute delle lavoratrici madri è stata valutata, ai sensi del D.Lgs.151/01, ed irisultati sono riportati nel seguito del presente documento.La stesura del presente documento è stata effettuata dai soggetti previsti dall'art. 28, comma 6 del D.Lgs.81/2008 e, precisamente, dal Datore di lavoro, del Responsabile del servizio di prevenzione e protezioneprevia consultazione del Medico Competente. L’elaborazione del documento è effettuata tenendo conto diquanto imposto dal comma 2, art. 28, D.Lgs. 81/20082. DISPOSIZIONI PER PARTICOLARI CATEGORIE DI LAVORATRICI2.1. NORMATIVA DI RIFERIMENTOLe misure di tutela delle lavoratrici madri sono disciplinate da una normativa specifica assai articolata. Iprincipali riferimenti legislativi nazionali sono riportati nel prospetto seguente.DISPOSTO NORMATIVONOTED.P.R. 25 novembre 1976, n. 1026ad eccezione degli artt. 1, 11 e 21, abrogati dalD.Lgs. 151/01L. 9 dicembre 1977, n. 903 ad eccezione della lett. c), comma 2, art. 5,abrogato dal D.Lgs. 151/01D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81Legge comunitaria 5 febbraio 1999, n. 25D.Lgs. 26 marzo 2001, n. 151 Tra le disposizioni normative si ricorda, in particolare, il decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151 “Testounico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità”, chefornisce, negli allegati A, B e C, gli elenchi esemplificativi dei lavori faticosi, pericolosi e insalubri, nonchédei rischi di esposizione ad agenti fisici, chimici o biologici, processi o condizioni di lavoro da tenerepresente nella verifica delle mansioni svolte dalla lavoratrice, incompatibili con il suo stato e nellavalutazione dei rischi da esse derivate.21 Marzo 2012 Pagina 85 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 32.2. COMPITI A CARICO DEL DATORE DI LAVOROIl D.Lgs.151/01 impone una valutazione specifica dei rischi per le lavoratrici madri, ai sensi del c.1, art.11. Qualora i risultati della valutazione rivelino un rischio per la sicurezza e salute delle lavoratrici, il Datore dilavoro adotta le misure necessarie affinché l’esposizione al rischio delle lavoratrici sia evitata, modificandonetemporaneamente le condizioni o l’orario di lavoro, in applicazione del comma 1, art. 12. Ove la modifica delle condizioni e dell’orario di lavoro non sia possibile per motivi organizzativi olavorativi, il Datore di lavoro adibisce le lavoratrici ad altra mansione, come previsto dal comma 4, art.12/151, con conseguente comunicazione al Servizio Ispettivo del Ministero del lavoro. Delle misure adottate occorre darne informazione a ciascuna lavoratrice interessata e al Rappresentante perla sicurezza, come indicato dal comma 2, art. 11/151.3. VERIFICA DELLE CAUSE DI RISCHIONella struttura operano donne in età fertile. Allo scopo di tutelare le lavoratrici gestanti, puerpere o in periododi allattamento, comunque comprese in gruppi particolarmente sensibili o esposti a rischi specifici, si e’provveduto a:- individuare, per ciascuna di esse, le mansioni ricoperte, i processi nei quali sono coinvolte, leoperazioni svolte e si è analizzato la tipologia dello sforzo compiuto, la durata e la frequenza dellostesso, le caratteristiche dei carichi, gli agenti fisici, chimici o biologici presenti nell’ambito dellaattività operativa.- valutare i rischi relativi che possono avere ripercussioni sulla gravidanza e sull’allattamento;- definire le conseguenti misure di protezione più appropriate;- fornire alle lavoratrici adeguate informazioni relativamente ai rischi connessi con le mansioniespletate.I principi guida della valutazione sono così riassumibili. È vietato adibire le suddette lavoratrici al trasporto ed al sollevamento di pesi, nonché alavori pericolosi, faticosi ed insalubri. È vietato l’utilizzo di sostanza chimiche pericolose e comunque è necessario valutare attentamente irischi di esposizione ad agenti fisici, chimici o biologici, i processi o le condizioni di lavoro.Il dettaglio dei rischi correlati alle attività che vengono eseguite in ogni area funzionale della struttura,è riportato negli appositi paragrafi del presente documento.21 Marzo 2012 Pagina 86 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3Compiti della lavoratrice e del datore di lavoro in caso di gravidanzaLe lavoratrici sono tenute ad informare tempestivamente la direzione relativamente alla sopravvenutacondizione di gravidanza, non appena ne vengano a conoscenza.Il datore di lavoro verifica se la mansione lavorativa assegnata alla dipendente è tra quelle a rischio per lagravidanza; qualora così fosse, essa viene allontanata immediatamente dalla eventuale situazione di rischio. IlDdL modifica inoltre, qualora possibile, le condizioni di lavoro ai fini della eliminazione del rischio.In base ai risultati della valutazione del rischio e/o al parere del Medico Competente, le lavoratrici durante ilperiodo di gestazione (fermo restando il periodo di congedo obbligatorio), vengono adibite secondo ladisponibilità, a mansioni che tengono conto delle esigenze di tutela delle lavoratrici madri.Ove non vi sia possibilità di spostamento ad un’altra mansione alternativa non a rischio, il DDL comunicaciò al Servizio di Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro (SPSAL) dell’AUSL territorialmentecompetente e le lavoratrici vengono invitate a presentarsi al Servizio sopra citato,, allo scopo di ottenere lacollocazione in congedo per maternità anticipata.Il provvedimento di interdizione anticipata dal lavoro decorrerà dalla data in cui l’azienda ha dichiaratol’impossibilità di spostamento a mansioni adeguate. Lo schema delle attività, così come indicato dalD.Lgs.151/2001, è riportato di seguito.Lavoratrici in gravidanza Il datore di lavoro (DDL), in collaborazione con il responsabile del servizio di prevenzione eprotezione (RSPP) e con il medico competente (MC), consultato preventivamente ilrappresentante dei lavoratori per la sicurezza (RLS), identifica le mansioni a rischio per lelavoratrici in gravidanza e in periodo di allattamento. Nel caso non emergano mansioni a rischio,la procedura si conclude. Nel caso che in azienda sia presente almeno una mansione a rischio, la ditta informa le lavoratriciin età fertile della necessità di segnalare lo stato di gravidanza non appena ne vengano aconoscenza. Quando una lavoratrice informa del proprio stato di gravidanza il datore di lavoro questi verificase la mansione svolta rientra tra quelle a rischio per la gravidanza, richiedendo eventualmenteil parere del MC. Nel caso che la mansione svolta risulti a rischio il datore di lavoro modifica lecondizioni di lavoro ai fini della eliminazione del rischio; se questo non risulta possibileindividua eventuali mansioni alternative cui si potrebbe adibire la lavoratrice gravida e neverifica le compatibilità chiedendo eventualmente il parere al MC. Qualora la mansione alternativa risulti adeguata il datore di lavoro informa la lavoratriceformalizzando il cambio mansione e comunicandolo al SPSAL, per le valutazioni dicompetenza, mediante trasmissione del modulo debitamente compilato.21 Marzo 2012 Pagina 87 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3 Qualora non risulti la possibilità di adibire la lavoratrice a mansione non a rischio, il datore dilavoro invia la lavoratrice stessa al Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro(SPSAL) dell’Azienda USL territorialmente competente, consegnandole l’apposito modulodebitamente compilato che la lavoratrice deve a sua volta presentare al SPSAL. Il SPSAL esegue le proprie verifiche e inoltra la pratica alla Direzione Provinciale del Lavoro(DPL) per il rilascio del provvedimento di interdizione anticipata dal Lavoro, che decorrerà dalladata in cui la ditta ha dichiarato al SPSAL l’impossibilità di cambio mansione tramite il modulo.Lavoratrice in periodo di allattamento Il DDL comunica alle lavoratrici in maternità obbligatoria la necessità di segnalare l’avvenutanascita del figlio con un congruo periodo di anticipo rispetto al termine del periodo di astensioneobbligatoria post-parto. Quando una lavoratrice in astensione obbligatoria informa dell’avvenuta nascita del figlio ilDDL, questi verifica se la mansione svolta rientra tra quelle a rischio per l’allattamento, ancherichiedendo eventualmente il giudizio del MC. Nel caso che la lavorazione svolta risulti a rischioil DDL modifica le condizioni di lavoro ai fini della eliminazione del rischio; se questo nonrisulta possibile verifica la disponibilità di eventuali mansioni alternative cui si potrebbe adibirela lavoratrice in allattamento e ne verifica la compatibilità chiedendo eventualmente il parere alMC. Qualora la mansione alternativa risulti adeguata il datore di lavoro informa la lavoratriceformalizzando il cambio mansione e comunicandolo al SPSAL, per le valutazioni dicompetenza, mediante trasmissione del modulo debitamente compilato. Qualora non risulti la possibilità di adibire la lavoratrice a mansione non a rischio, il datore dilavoro invia la lavoratrice al Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavorodell’Azienda USL territorialmente competente consegnandole il modulo debitamente compilatoche la lavoratrice deve a sua volta presentare al SPSAL. Il SPSAL esegue le proprie verifiche e inoltra la pratica alla DPL per il rilascio delprovvedimento di interdizione prolungata dal lavoro fino a sette mesi dopo il parto, chedecorrerà dal termine del periodo di interdizione obbligatoria.I rischi potenziali individuati ed i risultati di tale valutazione, eseguita in accordo con gli allegati A,B e C del sono riportati nel seguito del presente paragrafo. Il D.Lgs.151/01 è applicabile aidipendenti (tempo determinato ed indeterminato) dell’Istituto “A. VENTURI”.21 Marzo 2012 Pagina 88 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3PROGRAMMA DI ATTUAZIONE DELLE MISURE PREVENTIVE ADOTTATEart. 28, comma 2 del D.Lgs. 81/2008TABELLA RIEPILOGATIVA DEI RISCHI IN GRAVIDANZA E/O ALLATTAMENTONOTA 1: L’organizzazione prevede l’esecuzione di adeguata sorveglianza sanitaria, a cura del Medico Competente, prima del rientro in organicodopo il parto. Il MC all’occorrenza potrà suggerire eventuali ulteriori misure di tutela.PRIMO LEVI PROVVEDIMENTI EVENTUALE MANSIONEALTERNATIVA INDIVIDUATADALL’AZIENDAAREA/REPARTO MANSIONE RISCHISPECIFICI(POTENZIALI)GRAVIDANZA ALLATTAMENTO GRAVIDANZA ALLATTAMENTOUFFICI ADDETTO AGLI UFFICI VDTSFORZI FISICI(azionidi sollevamento difaldoni didocumentazione)COLLABORATORESCOLASTICOMMC(SPOSTAMENTOARREDI)RISCHIO CHIMICO(OPERAZIONI DIPULIZIA)NESSUNA*Il lavoratore èautorizzato adevitare eccessivoaffaticamentodurante losvolgimento di taleoperazioneESENZIONE DALLESUDDETTEMANSIONICLASSE INSEGNANTE BIOLOGICO MANSIONEALTERNATIVA(DA VALUTARE)SOLO PRE (INASSENZA DIIMMUNIZZAZIONENEI CONFRONTI DELVIRUS ROSOLIA EVARICELLA)PER TUTTA LANESSUNANESSUNA. POICHÉSONO ESENTATI DACONTATTO CONPRODOTTI DI PULIZIAFINO A 3 MESI DOPOIL PARTO,MANSIONEALTERNATIVA(DA VALUTARE CASOPER CASO)21 Marzo 2012 Pagina 89 di 108NONNECESSARIA*NESSUNASOLOPRECAUZIONIORGANIZZATIVENON NECESSARIA*NESSUNA *SOLO PRECAUZIONIORGANIZZATIVEUFFICIO * UFFICIO *


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3CLASSELABORATORIOARCHITETTURALABORATORIGRAFICA EFOTOINCISIONEINSEGNANTE DISOSTEGNOINSEGNANTE/ASSISTENTETECNICOINSEGNANTE/ASSISTENTETECNICOBIOLOGICOMMC (IN CASO DISTUDENTI CONHANDICA FISICI)ASSISTENZA ADSTUDENTI CONEVENTUALIDISTURBICOMPORTAMENTALIRUMORE(MACCHINEUTENSILI)POLVERICHIMICOSOSTANZECHIMICHEDURATADELL’EPIDEMIA (INPRESENZA DIMALATTIA INFORMA EPIDEMICANELLA SCUOLA)MANSIONEALTERNATIVA(DA VALUTARE)SOLO PRE (INASSENZA DIIMMUNIZZAZIONENEI CONFRONTI DELVIRUSDELLA ROSOLIA EVARICELLA)PER TUTTA LADURATADELL’EPIDEMIA (INPRESENZA DIMALATTIA INFORMA EPIDEMICANELLA SCUOLA)ESENZIONE DALLESUDDETTEMANSIONIESENZIONE DALLESUDDETTEMANSIONIFINO A 7 MESI DOPOIL PARTO INPRESENZA DI RISCHIOBIOLOGICOASSOCIATO ARISCHIO PSCHIATRICO(DISTURBICOMPORTAMENTALI)Divieto di utilizzodelle sostanzechimiche fino a 7mesi dopo il partoDivieto di utilizzodelle sostanzechimiche fino a 7mesi dopo il parto* Qualora venissero individuate ulteriori collocazioni lavorative può essere richiesto il parere del MC.* GARANTENDO L’ALTERNANZA POSTURALEUFFICIO * UFFICIO *UFFICIO*UFFICIO*UFFICIO*UFFICIO*21 Marzo 2012 Pagina 90 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 33.36. PIANIFICAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DELLA SICUREZZAL’attività svolta non rientra fra quelle aventi particolari esigenze connesse al servizio espletato oalle peculiarità organizzative (Forze armate e di polizia, scuole e università etc.) e pertanto ledisposizioni del D.Lgs. 81/2008 sono applicate nella sua totalità.L’ISA Venturi ha optato per un RSPP esterno, supportato da ASPP (ex docente interno). Icomponenti del SPP (responsabile e addetto) hanno capacità e requisiti professionali adeguati- Laformazione professionale dell’RSPP è conforme a quanto prescritto dalla normativa.Il servizio di Perevenzione e Protezione è strutturato in modo adeguato ai compiti da svolgere, inrelazione a tipologie, entità e articolazione dei rischi lavorativi presenti nell’ambitodell’organizzazione. L’organizzazione fornisce al servizio di Perevenzione e Protezione tutte leinformazioni necessarie e utili per lo svolgimento dei suoi compiti, ai fini della gestione dellasalute e sicurezza sul lavoro.E’ stato designato il Rappresentante per la Sicurezza (RLS) ed il suo nominativo è statocomunicato all’INAIL. Egli riceve tutte le informazioni e la documentazione inerenti laValutazione dei rischi e le misure di prevenzione e protezione.E' disponibile una valutazione aggiornata di tutti i rischi sul lavoro, relativa ai diversi posti emansioni di lavoro, custodita presso l’Ufficio di Presidenza, riportata in un apposito documento,anche conservata su supporto informatico, e dotata di data certa, attestata dalla sottoscrizione daparte del datore di lavoro, del RSPP, dell’RLS e del medico competente. Per l’effettuazione dellaValutazione di tutti i rischi e l’elaborazione del relativo documento, sono state tenute inconsiderazione le norme vigenti, sia generali che relative a specifici fattori e aspetti di rischio.La Valutazione di tutti i rischi ha riguardato ogni rischio a cui sono esposti i lavoratori, nell’ambitodell’organizzazione ed ha riguardato anche i gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, oparticolarmente vulnerabili. È stata effettuata una valutazione dei rischi particolari per il periododi gestazione e allattamento (fino a sette mesi dopo il parto)La Valutazione di tutti i rischi contiene una relazione sui criteri adottati per essa. In funzione dellaValutazione di tutti i rischi, sono state individuate le mansioni che espongono i lavoratori a rischispecifici e sono state esplicitate le misure di prevenzione e protezione già adottate, determinati gliobiettivi concreti di miglioramento da raggiungere, e individuate le misure di prevenzione eprotezione ritenute opportune per raggiungere tali obiettivi.Copia del documento di valutazione dei rischi è stata consegnata all’RLS.21 Marzo 2012 Pagina 91 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3E' stato stabilito un programma di attuazione delle misure di miglioramento della prevenzione eprotezione ritenute opportune per il raggiungimento e il mantenimento nel tempo degli obiettiviprefissati. Il programma delle misure di miglioramento della prevenzione e protezione è stato recepitoe approvato formalmente dalla direzione. E’ definito con chiarezza e divulgato il sistema delleresponsabilità e dei compiti associati all’attuazione del programma di prevenzione e protezione.Sono stati predisposti i mezzi e adottate le misure organizzative per assicurare l’informazione e laformazione necessarie al conseguimento degli obiettivi di prevenzione e protezione prefissati.E’ assicurata ad ogni lavoratore la possibilità di attuare le attività di prevenzione e protezioneadottate e programmate, senza incorrere in conflitti con altre attività o funzioni. Sono stati forniti airuoli aziendali incaricati i mezzi materiali e le risorse adeguati per realizzare il programma dellemisure di prevenzione e protezione, e per mantenere nel tempo gli obiettivi di salute e sicurezza.Sono stati stabiliti sistemi di raccolta e trattamento delle informazioni riguardanti le attività diprevenzione e protezione programmateE’ compilato il registro infortuni. La documentazione aziendale in materia salute e sicurezza sullavoro è gestita in maniera corretta ed efficace, memorizzata su supporto cartaceo, o informatico,anche con accesso mediante reti di comunicazione elettronica. Sono comunicati all’INAIL i datirelativi agli infortuni che comportino almeno un giorno di assenza dal lavoro, escluso quello diaccadimento.E' stato stabilito un programma di monitoraggio e audit periodico per il controllo e la verifica delleattività di prevenzione e protezione e in particolare: dello stato di realizzazione del programma di prevenzione e protezione della funzionalità del sistema di gestione della salute e sicurezza nel suo complessoLa riunione periodica di prevenzione e protezione dai rischi viene svolta regolarmente una voltal'anno o, comunque, in occasione di variazioni significative delle condizioni di salute e sicurezzasul lavoro. Nel corso della riunione sono esaminati almeno gli elementi di analisi più rilevanti inmerito alla gestione della salute e sicurezza sul lavoro, e al controllo ed eventuale revisione dellemisure adottate. Il medico competente visita gli ambienti di lavoro almeno una volta all’anno.E’ garantito l’aggiornamento continuo del documento di valutazione dei rischi, e la revisione degliobiettivi di salute e sicurezza. In occasione di qualsiasi variazione significativa delle condizioni disicurezza sul lavoro sono garantiti l'aggiornamento del documento di valutazione dei rischi e larevisione degli obiettivi di salute e sicurezza. Sono garantiti l'aggiornamento del documento divalutazione dei rischi e la revisione degli obiettivi di salute e sicurezza quando i risultati della21 Marzo 2012 Pagina 92 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3sorveglianza sanitaria ne indichino la necessità.Qualora venga affidata a imprese appaltatrici o lavoratori autonomi l’esecuzione di lavori, servizi oforniture all’interno dell’Istituto, viene preventivamente verificata l’idoneità tecnico professionaledelle imprese appaltatrici e dei lavoratori autonomi, in relazione ai lavori, ai servizi e alle fornitureda affidare in appalto o mediante contratto d’opera o somministrazione. Vengono fornite alleimprese appaltatrici e fornitrici d’opera o ai lavoratori autonomi adeguate informazioni sui rischiesistenti nell’ambiente di lavoro. Sono promossi il coordinamento e la cooperazione per losvolgimento in sicurezza delle attività legate ai lavori affidati con appalto o contratto d’opera. Perpromuovere tale cooperazione e coordinamento viene effettuata una specifica valutazione di tutti irischi legati alle interferenze fra le attività dell’azienda e i lavori effettuati da tutte le imprese elavoratori autonomi. È stata redatta apposita procedura relativamente a ciò.Sono stati designati i lavoratori incaricati della prevenzione e lotta antincendio, salvataggio, primosoccorso e gestione emergenze; essi hanno i requisiti necessari allo svolgimento dei compitiprevisti. Sinora allo scopo di evitare il turn over del personale, l’ISA Venturi ha optato la scelta diindividuare, nominare e formare i collaboratori scolastici. Sono chiaramente definite leresponsabilità e i compiti relativi alla prevenzione e protezione dai rischi sul lavoro, per ognilivello della struttura gerarchica ddell’orgenizzazione. I dirigenti, i preposti e i lavoratori sono aconoscenza dei compiti e delle responsabilità che competono loro in materia di sicurezza sullavoro.Esistono procedure o prassi di controllo dell'adempimento dei compiti e delle responsabilità inmateria di gestione della salute e sicurezza sul lavoro. La direzione dimostra concretamente lapropria attenzione alle condizioni di salute e sicurezza sul lavoro anche nella gestione quotidiana.Non viene adottato alcun modello di organizzazione e gestione idoneo ad avere efficacia esimentedella responsabilità amministrativa, di cui al D.Lgs. 231/2001.3.37. INFORMAZIONI DEI LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTII lavoratori e gli studenti ricevono adeguate informazioni circa i rischi per la salute e la sicurezzapresenti nei luoghi di lavoro, circa le misure e attività di prevenzione e protezione adottate e quelleritenute opportune in base alla Valutazione di tutti i rischi ai fini del miglioramento continuo deilivelli di salute e sicurezza del lavoro.I lavoratori hanno ricevuto un’adeguata informazione circa l’organizzazione della salute e sicurezzaaziendale, il programma viene ridefinito annualmente, in occasiose della riunione periodica delServizio di Prevenzione e Protezione. L'informazione comprende i risultati della Valutazione di tutti21 Marzo 2012 Pagina 93 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3i rischi e le misure di prevenzione e protezione adottate e quelle ritenute opportune, in base ad essa,per il miglioramento continuo dei livelli di salute e sicurezza del lavoro, le misure di primosoccorso, prevenzione incendi e gestione delle emergenze.L’informazione comprende l’illustrazione del piano di emergenza, l’ubicazione delle vie di uscita edei dispositivi di emergenza, le procedure da adottare in caso d’incendio per i casi di malore oinfortunio, e per le altre emergenze.L’informazione è fornita ai lavoratori all'atto dell'assunzione, ed è aggiornata quando necessarioSi effettuano riunioni informative periodiche con i dirigenti, preposti e lavoratori sui temi inerentialla prevenzione e protezioneL’RLS ha diritto di accesso attivo alle informazioni utili e necessarie allo svolgimento del suocompito e può consultare i responsabili sulle diverse istruzioni in merito alla sicurezza.Vengono fornite adeguate informazioni alle imprese o lavoratori autonomi esterni ai quali sonoaffidati lavori, servizi e forniture all’interno della struttura, per garantire che essi svolgano insicurezza la propria attività.La struttura non è soggetta alla normativa sui rischi di incidente rilevante (D.Lgs. 334/99).L’informazione dei lavoratori è fornita secondo modalità adeguate ai singoli soggetti3.38. FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO DEI LAVORATORI, PREPOSTI EDIRIGENTII lavoratori ricevono una formazione sufficiente e adeguata sui rischi lavorativi e sulle relativemisure di prevenzione e protezione adottate e quelle ritenute opportune in base alla Valutazione ditutti i rischi ai fini del miglioramento continuo dei livelli di salute e sicurezza del lavoro. Ilprogramma delle esigenze formative viene aggiornato annualmente in occasione della riunione delServizio di Prevenzione e Protezione.La formazione dei lavoratori è focalizzata sui concetti fondamentali di prevenzione e sui rischirelativi ai loro specifici posti di lavoro e mansioni. La durata, i contenuti minimi e le modalità dellaformazione dei lavoratori sono conformi a quanto prescritto dalla normativa. La formazione deilavoratori e dei loro rappresentanti è aggiornata in base all’evoluzione dei rischi.Le iniziative di formazione si svolgono durante l’orario di lavoro e sono dirette a migliorare leattitudini e le motivazioni dei lavoratori.I preposti e i dirigenti ricevono un’adeguata e specifica formazione, relativa ai compiti eresponsabilità in materia di salute e sicurezza sul lavoro attribuiti al loro ruolo I dirigenti epreposti, quando opportuno, sono direttamente coinvolti nella formazione dei lavoratori.21 Marzo 2012 Pagina 94 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3L’RLS riceve una formazione specifica adeguata, con durata minima di 32 ore iniziali, nonché unsuo aggiornamento periodico.Il responsabile (RSPP) e gli addetti (ASPP) del SPP hanno ricevuto una formazione specificaadeguata, nonché un aggiornamento periodico della stessaI corsi di formazione e aggiornamento ai quali hanno partecipato RSPP e ASPP, specifici sullanatura dei rischi presenti sul luogo di lavoro, sono tenuti da soggetti individuati dalla normativa,nel rispetto dei limiti e delle specifiche modalità ivi previste.I lavoratori incaricati delle attività di primo soccorso, lotta antincendio, gestione emergenze edevacuazione dei luoghi di lavoro, ricevono una specifica e adeguata formazione, aggiornataperiodicamente. La formazione per il personale addetto al primo soccorso è svolta da personalemedico ed è aggiornata ogni tre anni.I contenuti minimi dei corsi di formazione gli addetti al primo soccorso, alla prevenzione incendi,lotta antincendio e gestione delle emergenze in caso di incendio, sono conformi ai requisiti dinorma. La direzione svolge parte attiva all’attività formativa sui rischi lavorativi.I sopralluoghi eseguiti hanno evidenziato alcune carenze formative relativamente allainterpretazione delle schede di sicurezza dei prodotti ed all’acquisto dei DPI. A tal fine oltre agliinterventi squisitamenti operativi, sono stati eseguiti interventi formativi per gli utilizzatori e gliaddetti agli acquisti.Dal prossimo anno scolastico verranno applicate le disposizioni relative all’accordo CONFERENZASTATO - REGIONI del 21 dicembre 2011 per la formazione dei lavoratori, preposti e dirigenti, aisensi dell’articolo 37, commi 2 e 7, del D.Lgs. n.81/2008. Nessuna delle attrezzature di lavoroutilizzate rientra tra quelle necessarie di attestazione, ai sensi dell’art. n73 c. 5 del D.Lgs. 81/2008.3.39. PARTECIPAZIONE DEI LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTIIl Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza esercita le attribuzioni che la legge prevede peresso. Il RLS dispone del permesso di accesso ai luoghi di lavoro, del tempo necessario allosvolgimento dell’incarico senza perdita di retribuzione, nonché dei mezzi e spazi necessari alloscopo. E' presente e attivo un sistema che permette la partecipazione dei lavoratori nelle questioni diSicurezza e Salute del lavoro.E' presente e mantenuto attivo un sistema che permette la partecipazione dei lavoratori nellequestioni di salute e sicurezza sul lavoro; esso prevede implica la consultazione dei lavoratorianche per la valutazione dei rischi sul lavoro ed è normalmente utilizzato dai lavoratori, anche21 Marzo 2012 Pagina 95 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3mediante la registrazione dei loro contributi, delle proposte e dell’esperienza dei lavoratori.Viene incoraggiata la proposta di miglioramenti da parte dei lavoratori in materia di salute esicurezza sul lavoro, si tengono in considerazione eventuali suggerimenti dei lavoratori in merito aproblematiche di organizzazione del lavoro ed in merito all’introduzione di nuove attrezzature,metodi e procedure di lavoro. Esiste un’attitudine aziendale favorevole a lasciare autonomia ailavoratori. I lavoratori aventi compiti specifici in materia di prevenzione dei rischi, dispongono deltempo, dei mezzi e dei permessi lavorativi sufficienti per poter esercitare le loro funzioni.I lavoratori vengono direttamente coinvolti nella scelta dei DPI. Le procedure operative di lavorovengono elaborate in collaborazione con i lavoratori che le dovranno applicare.3.40. ISTRUZIONI, PRASSI E PROCEDURE DI LAVORO IN SICUREZZALaddove necessario, sono state elaborate e rese note istruzioni operative (prassi o procedure) perl'esecuzione in sicurezza dei compiti lavorativi e delle mansioni: alcune di esse sono riportate inallegato al presente documento. Il contenuto principale delle istruzioni operative si riferisce alleprocedure di lavoro e la salute e sicurezza sul lavoro interviene come aspetto integrativo di quelloprincipale (es. qualità del servizio). Le istruzioni operative di lavoro sono elaborate incollaborazione con chi le dovrà applicare e ne è verificata la divulgazione a tutti gli interessati.Esiste un sistema efficace per aggiornare le istruzioni operative di sicurezza in occasione dicambiamenti che si producano nelle attrezzature, nei processi o comunque nelle condizioni dirischio. Esiste un sistema di controllo chiaramente definito sull'adempimento effettivo delleistruzioni operative di lavoro in sicurezza. Le prassi e le procedure di lavoro contemplano, senecessario, sia l'uso normale sia gli usi anomali prevedibili delle attrezzature e degli agenti presentinei luoghi di lavoro. Le prassi e le procedure di lavoro contengono solo norme necessarie e nonsono in numero eccessivo. Poiché si è evidenziata la necessità di disciplinare l’uso dei laboratorididattici presenti nella scuola, sono state redatte, affisse e diffuse apposite procedure di sicurezzaper l’utilizzo dei suddetti locali. Esse sono raggruppate nella P_09 riportata negli allegati alpresente DVR.21 Marzo 2012 Pagina 96 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 33.41. SEGNALETICA DI SICUREZZA E SALUTENei luoghi di lavoro, quando risulti che i rischi non possono essere eliminati o sufficientementeridotti con misure preventive, o di protezione collettiva, è presente apposita segnaletica atta adavvertire, dei pericoli e dei rischi, le persone esposte, a vietare o prescrivere determinaticomportamenti etc. I colori della segnalitica di sicurezza sono quelli previsti dalla normativa inrelazione alla loro funzione. I segnali sono adeguatamente progettati, ubicati, installati, mantenuti.Se è necessario segnalare un divieto, un avvertimento o un obbligo, o identificare i mezzi disalvataggio o di pronto soccorso è utilizzata segnaletica di tipo permanente costituita da cartelli. Icartelli hanno adeguate caratteristiche di resistenza, dimensioni e proprietà colorimetriche efotometriche. I cartelli sono sistemati tenendo conto di eventuali ostacoli, a un'altezza e in unaposizione appropriata rispetto all'angolo di visuale, all'ingresso alla zona interessata o nelleimmediate adiacenze di un rischio specifico o dell'oggetto da segnalare. I cartelli obsoleti sonoimmediatamente rimossi. Sono presenti segnali ottico-acustici per la segnalazione delle emergenze.I segnali acustici sono ben udibili e facilmente riconoscibili. Se è necessario fornire mediante lasegnaletica indicazioni relative a situazioni di rischio non considerate nella normativa ci si attienecomunque a criteri consolidati.3.43. USO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALESe i rischi non possono essere evitati o suffucientemenet ridotti da misure tecniche di prevenzione,da mezzi di protezione collettiva, da misure, metodi o procedimenti di riorganizzazione del lavorosono forniti ed impiegati dispositivi di protezione individuale (DPI). I DPI sono dotati dellaspecifica marcatura CE. Nella scelta e la gestione dei DPI sono basate sull’attenta verifica delle lorocaratteristiche in relazione alle particolari attività svolte. I DPI sono adeguati agli specifici rischi dacui proteggere i lavoratori e tengono conto delle esigenze ergonomiche o di salute del singololavoratore, nonchè delle sue necessità. La scelta dei DPI è aggiornata quando interviene unavariazione significativa nelle condizioni di rischio. Sono disponibili luoghi adeguati per laconservazione ordinata, igienica e sicura dei DPI. I lavoratori hanno cura dei DPI segnalandonetempestivamente eventuali anomalie. Non vi apportano modifiche di propria iniziativa e li utilizzanoconformemente alta formazione ed informazione ricevute. I lavoratori sono preliminarmenteinformati e formati circa la necessita e il corretto uso dei DPI e, quando necessario, sonoadeguatamente addestrati all’uso dei DPI. I DPI vengono consegnati con un apposito modulo, sulquale sono ricapitolati i diritti e doveri dei lavoratori relatimente all’impiego dei DPI. Riepilogo deidispositivi di protezione individuale ed abbigliamento da lavoro di tipo generico adottato.21 Marzo 2012 Pagina 97 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3ATTIVITÀ PARTE DA PROTEGGERE DPI /ABBIGLIAMENTOCollaboratoriscolasticiAssistenti TecniciLaboratorio ArchitetturaStudenteLaboratorio ArchitetturaAssistenti TecniciLaboratorio Grafica eFotoincisioneStudenteLaboratorio Grafica eFotoincisioneDocente LaboratorioPlasticaStudente LaboratorioPlasticaArti SuperioriApparato respiratorioArti inferioriApparato visivoCorpoArti SuperioriArti inferioriApparato uditivoApparato respiratorioApparato visivoCorpoArti SuperioriApparato uditivoApparato respiratorioArti SuperioriApparato visivoApparato respiratorioCorpoArti SuperioriApparato visivoApparato respiratorioArti SuperioriApparato respiratorioArti SuperioriApparato respiratorioGuanti impermeabilizzatiMascherine di protezione vie respiratorieFPP1Scarpe con suola antiscivoloOcchialiCamiceGuantiScarpe antiscivoloProtettori auricolariMascherina protez. vie respiratorie FPP)Occhiali protettiviCamiceGuantiProtettori auricolariMascherina protez. vie respiratorie FPP2Guanti antiacidoOcchiali protettiviMascherina protez. vie respiratorie (Carboniattivi)CamiceGuanti antiacidoOcchiali protettiviMascherina protez. vie respiratorie (Carboniattivi)GuantiMascherine di protezione vie respiratorieFFP2Guanti monousoMascherine di protezione vie respiratorieFFP2Poiché nel corso dei sopralluoghi presso la sede di Via delle Belle Arti è stato riscontrato che alcuniDPI non riportavano la prescritta marcatura CE, è stato organizzato un apposito corso di formazioneper chi acquista e chi utilizza i suddetti dispositivi.3..43. ATTUAZIONE DELLA SORVEGLIANZA SANITARIAPresso l’Istituto “A. Venturi” si svolgono attività per le quali è prescritta la sorveglianza sanitaria anorma delle vigenti leggi, delle direttive europee o delle indicazioni fornite dalla Commissioneconsultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro, tenuto conto della valutazione dei rischipresenti. Il datore di lavoro ha nominato il medico competente nella persona della dott.ssa GiorgiaMonduzzi. La valutazione dei rischi eseguita presso la scuola ha evidenziato la necessità disorveglianza sanitaria per alcune delle mansioni presenti. È compito del Datore di Lavoro, ai sensidell’art.18 c.1 lett. g) inviare i lavoratori alla visita medica entro le scadenze previste dal programma21 Marzo 2012 Pagina 98 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3di sorveglianza sanitaria e richiedere al medico competente l’osservanza degli obblighi previsti asuo carico. Nel corso della visita medica ciascun Lavoratore viene informato:-sul significato e sui risultati degli accertamenti sanitari eseguiti, in rapporto alla mansione svolta,-sui contenuti della legge sulla "privacy", richiedendone il consenso.Sono assicurate al Medico Competente le condizioni per svolgere efficacemente i propri compiti.Egli collabora alla effettuazione della valutazione dei rischi ed effettua la sorveglianza sanitariasulla base di protocolli sanitari definiti in funzione dei rischi specifici. La sorveglianza sanitariacomprende accertamenti preventivi al fine della esclusione di controindicazioni allo svolgimentodella mansione specifica, accertamenti periodici per il controllo dello stato di salute dei lavoratori ela conferma del giudizio di idoneità. Il Medico Competente istituisce, aggiorna e custodisce sotto lapropria responsabilità, per ogni lavoratore, una cartella sanitaria e di rischio di cui è responsabile efissa con il Datore di Lavoro il luogo della custodia (presso lo studio del Medico Competente). Nelcorso delle riunioni di riesame, previste dall’art.35 del D.Lgs.81/2008, il Medico Competentepresenta agli intervenuti, in forma collettiva ed anonima, i risultati della sorveglianza sanitariaeseguita. Il Medico Competente consegna al lavoratore, alla cessazione dell’incarico, copia delladocumentazione sanitaria in suo possesso. Il medico competente partecipa alla programmazione delcontrollo dell’esposizione dei lavoratori. I lavoratori ricevono adeguate informazioni sul significatodella sorveglianza e sui suoi esiti.Relativamente al consumo di alcool, alcune delle attività operate, rientrano tra quelle disciplinatedell’articolo 15 della Legge n. 125/2001 e del Provvedimento 16 marzo 2006 della ConferenzaStato-Regioni. Pertanto è fatto assoluto divieto di assumere e/o somministrare sostanze alcoliche osuperalcoliche prima e nel corso delle attività lavorative. A tal fine la Presidenza ha:- Diffuso un apposito opuscolo informativo redatto dalla Regione Emilia Romagna;- Diffuso una apposita nota informativa ai lavoratori interni ed esterni, acquisendonel’evidenza dell’informazione fornita.Il medico competente aziendale, oltre ai servizi di controllo delle AUSL, potrà procedere conaccertamenti di laboratorio e con controlli alcolimetrici sui lavoratori. Tutti i lavoratori svolgenti leattività lavorative indicate dovranno attenersi alla disposizione, anche in ottemperanza degliobblighi previsti per i lavoratori dall’art. 20 del D.Lgs. n. 81/2008. Mansioni interessate: TutteInfine con riferimento alle sostanze stupefacenti, l’azienda ha verificato l’applicabilità delPROVVEDIMENTO DELLA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA STATO EREGIONI relativo alla verifica dell’accertamento della tossicodipendenza per alcune mansioni arischio (G.U. n. 234 del 6 ottobre 2008). Mansioni interessate: Nessuno21 Marzo 2012 Pagina 99 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 33.44. GESTIONE EMERGENZE E PRONTO SOCCORSOSono state pianificate tutte le misure necessarie a gestire le situazioni di emergenza nei luoghi dilavoro in cui si manifesta un pericolo grave ed immediato. Esiste un Piano di Emergenza Interno(PEI) che comprende un Piano Antincendio ed un Piano di gestione emergenze ed Evacuazione. IlPEI contempla i necessari rapporti con i servizi pubblici competenti in materia di pronto soccorso,lotta antincendio e gestione delle emergenze, specifica le modalità di comunicazione tra i varisoggetti coinvolti nella gestione delle emergenze, include la designazione dei lavoratori incaricati diattuare le specifiche misure per lagestione delle emergenze,specifica i doveri del personale conparticolari responsabilità in caso d'incendio o, comunque, di emergenza, specifica i compiti anchedel restante personale incaricato di svolgere mansioni legate alla gestione delle emergenze. Lapopolazione scolastica è stata informata e formata sulle modalità di autoprotezione, di evacuazione,di comportamenti da tenere in caso di emergenza. Il PEI contiene le istruzioni sulle modalità diinterruzione delle attività ed evacuazione in caso di emergenza, nonché, se necessario, diconfinamento all’interno dei luoghi di lavoro e prevede misure che mettono i lavoratori in grado dicomportarsi correttamente ed autonomamente in caso di emergenza. Il PEI è basato sullo studiodelle caratteristiche dei luoghi di lavoro e delle vie di esodo in relazione al numero ealle condizionidelle persone presenti, specifica le modalità di funzionamento dei sistema di allarme e di rilevazioneincendi ed è stato adeguatamente divulgato fra tutti i lavoratori e gfli studenti.Il PE è rivisto periodicamente e viene aggiornato in occasione di cambiamenti rilevanti dellepotenziali situazioni di emergenza; esso prevede specifiche misure per l’assistenza alle eventualipersone disabili, anche temporaneamente tali.Esiste un servizio di pronto soccorso predisposto nei modi previsti dalla legislazione vigenteLa struttura appartiene al gruppo A, ai sensi del D.M. 388/2003. Sono presenti una o più cassette diprimo soccorso adeguate per numero e collocazione. Le cassette di primo soccorso contengono unadotazione minima conforme a quanto previsto dalla normativa. Gli addetti al primo soccorso sonostati formati. Le esercitazioni di gestione delle emergenze vengono svolte due volte all'anno. Sonosempre tenuti in considerazione gli esiti delle esercitazioni. Le planimetrie con le vie di esodorisultano regolarmente esposte. Nel corso della esercitazione si è riscontrato che il segnale acusticodi emergenza non è udibile in tutti gli ambienti e pertanto dovrà essere adeguato. Per un’approfonditaconoscenza dei rischi specifici si rimanda al Piano per la gestione delle Emergenze elaborato dalla Scuola.I comportamenti da tenere al verificarsi delle varie emergenze considerate sono pertanto dettagliati nel Pianodi Emergenza. La procedura P_05 descrive l’organizzazione del Primo Soccorso.21 Marzo 2012 Pagina 100 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3Misure di prevenzione e protezioneIl Sistema di sicurezza scolastico., in ottemperanza ai disposti di cui agli allegati specifici del D.M.10/03/98, prevede l’attuazione delle seguenti misure:misure intese a ridurre la probabilità di insorgenza degli incendi;misure relative alle vie di uscita in caso di incendio;misure per la rivelazione e l’allarme in caso di incendio.In caso di pericolo grave ed immediato o a seguito dell’ordine impartito dagli addetti alla gestione delleemergenze, è previsto che ogni lavoratore abbandoni nel più breve tempo possibile il luogo di lavororaggiungendo il luogo sicuro, secondo quanto previsto dalle procedure di evacuazione3.45. CONTROLLI, VERIFICHE E MANUTENZIONISono state prese, in collaborazione con con la provincia di Modena, le misure necessarie affinchè leattrezzature di lavoro siano:●●Installate in conformità alle istruzioni d’uso;Oggetto di idonea manutenzioneLe attrezzature la cui sicurezza dipende dalle condizioni di installazione sono sottoposte a un controlloiniziale, e a uno dopo ogni montaggio volti ad assicurarne il buono stato di conservazione e l’efficienza ai finidella sicurezza. Le attrezzature soggette a influssi che possono provocare deterioramenti suscettibili di dareorigine a situazioni pericolose siano sottoposte a:●●controlli periodici:controlli straordinari ogni volta che intervengano eventi eccezionali;volti ad assicurarne il buono stato di conservazione e l’efficienza a fini di sicurezza.Oltre a quanto previsto ai punti precedenti le attrezzature di lavoro sono sottoposte alle verifichespecifiche per tipologia, esplicitamente previste per esse dalla normativa volte a valutarnel’effettivo stato di conservazione e di efficienza ai fini della sicurezza. I risultati dei controlli edelle verifiche delle attrezzature di lavoro effettuate sono registrati, e viene conservata la relativadocumentazione. Le attrezzature di lavoro sono oggetto di idonea manutenzione atta a garantire neltempo la rispondenza ai requisiti essenziali di sicurezza stabiliti dalla normativa.I luoghi di lavoro, gli impianti e i dispositivi di sicurezza sono sottoposti a regolare manutenzione.Gli interventi di controllo, verifica, manutenzione ed eventuale trasformazione di luoghi eattrezzature di lavoro sono svolti esclusivamente da personale competente incaricato dalla Provinciadi Modena e sono sempre effettuati in adeguate condizioni di salute e sicurezza.E' prevista la fermata degli impianti, attrezzature e dispositivi, e la limitazione all’accesso nei21 Marzo 2012 Pagina 101 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA VALUTAZIONE DEI RISCHI:: ESITI 3locali di lavoro, necessarie per eseguire gli interventi di controllo, verifica e manutenzione deglistessi. I lavoratori comunicano sempre le carenze riscontrate in attrezzature, dispositivi e luoghi dilavoro, tali da poter richiedere interventi di controllo e di eventuale riparazione.Le priorità di intervento del servizio di manutenzione sono dettate da ragioni di sicurezzaDurante i lavori di manutenzione di luoghi e attrezzature di lavoro viene verificato che le vie difuga e le attrezzature antincendio siano perfettamente agibili. I lavori di riparazione, manutenzioneetc. degli impianti e apparecchiature elettriche sono eseguiti fuori tensione.Se le attività di controllo, verifica o manutenzione di attrezzature, luoghi di lavoro o dispositivisono affidati a personale esterno sono stati attuati gli adempimenti relativi al coordinamento ecooperazione per la sicurezza. Le attività di manutenzione ordinaria vengono fatte dalla scuola stessa,mentre le richieste di manutenzione straordinaria vengono fatte alla Provincia di Modena.21 Marzo 2012 Pagina 102 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA PROGRAMMA DI MIGLIORAMENTO 44. PROGRAMMA DI MIGLIORAMENTODi seguito viene riportato il programma delle azioni e degli interventi riguardanti le misure di prevenzione e protezione che verranno adottate, nell’ottica di unmiglioramento continuo degli standard di sicurezza e salute interni all’azienda e dei parametri di qualità ambientali. In base alle risultanze della Valutazione si ritieneopportuno procedere agli interventi di adeguamento descritti in precedenza e di seguito riassunti. Le azioni raccomandate riguardano la definizione degli obiettivi,l’adeguamento a nuove norme o disposizioni legislative, modifiche procedurali o l’introduzione di azioni correttive e preventive.SITUAZIONEDA MIGLIORAREINTERVENTODA ATTUAREDATAATTUAZIONECOMPETENZARESPONSABILITÀ3.1 INQUADRAMENTO TERRITORIALE, DELLE AREE ESTERNE E DEGLI ACCESSIManca certificato di agibilità dei localiDocumenti e certificati mancantiFatta richiesta agli organiprovinciali competenti.Richiedere alla Provincia:,certificati mancanti perimpianti tecnici, certificativetri installati.3.3. STRUTTURE, SPAZI DI LAVORO E ARREDIDisagio acustico per eccessivo riverberonelle aule 2.03 - 2.05 - 1.22 - 1.23.Alcuni davanzali delle finestre dialtezza insufficiente (corridoio)Provvedere ad effettuareinterventi di bonificaacusticaAdeguamento2013 (datocomunicatodalla Provincia)Fatta richiestaalla Provincia2013 (datacomunicatadallaProvincia diModena)In attesaparere SBAProvincia di ModenaProvincia di ModenaProvincia diModenaProvinciaAZIONESTRATEGIARichiesta del DDLVerbale ASLSegnalazione da partedel DDLSegnalazione da parte delDatore di LavoroSegnalazione da parte delDatore di Lavoro Neltransitorio informazione aglioperatori e nel corridoiodivieto di apertura in orarioscolasticoMODALITÀ DIVERIFICAArchiviazione deldocumentoArchiviazione delladocumentazionericevutaVerifica in loco edintervista utentiVerifica visiva21 Marzo 2012 Pagina 103 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA PROGRAMMA DI MIGLIORAMENTO 43.4. PORTE, VIE E USCITE DI EMERGENZASpazio calmo nonProvvedere alla sostituzione dellacompartimentatoporta dell’aula 2.05 con una REIAule non compartimentateAula 103. Porta prima dimaniglione antipanicoProvvedere alla sostituzione delleporte delle aule 1.15 - 1.52 conporte REIProvvedere all’adeguamento dellaporta31.08.2013(Presunta)31.08.2013(Presunta)31.08.2012(Presunta)Provincia diModenaProvincia diModenaProvincia diModenaSegnalazione da parte del Datore diLavoro Nel transitorio sono statiindividuati gli addetti per l’assistenzaH nelle emergenze.Segnalazione da parte del Datore diLavoro Nel transitorio sono statiindividuati gli addetti per l’assistenzaH nelle emergenze.Segnalazione da parte del Datore diLavoroVerifica visivaVerifica visivaVerifica visiva3.5. SCALE FISSE E PORTATILI, PONTEGGI, ALTRE ATTREZZATURE PER LAVORI TEMPORANEI IN QUOTALa scala G manca dell’appositocorrimano poichè compresa tradue muriFatta richiesta agli organiprovinciali competenti perl’adeguamento della scala G31.08.2012(Presunta)Provincia di Modena Segnalazione da partedel Datore di LavoroVerifica visivaScale in marmo scivoloseFatta richiesta agli organiprovinciali competenti perintervento.31.08.2012(Presunta). Neltransitorioformazione deglistudenti e vigilanzaProvincia di ModenaSegnalazione da partedel Datore di LavoroVerifica visiva3.16. RISCHI D’INCENDIO ED ESPLOSIONENon ancora presente CPI Completare l’iter per laconcessione del CPIManca dichiarazione diconformità impianto gasVetrifica impianto e stesuradella Dichiarazione3.19. AGENTI CHIMICI PERICOLOSI PER LA SALUTELaboratorio Architettura.Carteggiatrice non collegataall’asparazione centralizzataLaboratorio grafica Esposizionead agenti chimiciAdeguare 31.08.2012(data presunta)Installazione di cappa aspirantechiusaIn corso Provincia di Modena Iter in corso.In attesa disopralluogoProvincia di Modena Richiesta scritta delDDLVerbale ASL31.08.2012(data presunta)ProvinciaProvinciaComunicazione delDDLComunicazione delDDLCopia del CertificatoArchiviazione dellaDichiarazione diConformitàCollaudo dell’impiantoCollaudo dell’impianto21 Marzo 2012 Pagina 104 di 108


Rischio NON BASSO PER LASALUTERischio NON BASSO PER LASICUREZZAISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA PROGRAMMA DI MIGLIORAMENTO 4Porre in atto le misureindividuate e dettagliate alpunto 3.19Quelle dicompetenzadella scuola giàin essere.Altre dicompetenzadella provinciaDDLProvincia3.22. VENTILAZIONE E AERAZIONE DEI LOCALI DI LAVORO E INQUINAMENTO INDOORVentilazione della palestrainadeguataProvvedere all’adeguamentodella ventilazione della palestraProvincia di ModenaIn camera oscura aspirazioneinsufficiente. Laboratorio diArchitettura da estendere allacarteggiatricee del relativo magazzinoCompletare l’aspirazione nellacamera oscura e del laboratoriodi Architettura (Provincia(Provincia)Provincia di Modena3.32. IGIENE DEGLI AMBIENTI, SERVIZI IGIENICI, LOCALI DI REFEZIONE E RIPOSOScala E: accumulo di guano Chiedere alla Provincial’esecuzione di una bonificastraordinaria e pulizie periodicheProvincia di ModenaSegnalazione delDDLSegnalazione daparte del Datore diLavoroSegnalazione daparte del Datore diLavoroSegnalazione daparte del Datore diLavoro3.33.ERGONOMIA DEI SISTEMI DEL LAVORO, DEGLI AMBIENTI E DELLE POSTAZIONI, FATTORI OGGETTIVI DI STRESSErgonomia inadeguata deglisgabelli in alcuni laboratoriSostituzione degli sgabelli nonconformi31.08.2012(data presunta)Provincia di ModenaSegnalazione daparte del Datoredi LavoroVisiva e documentaleVerifica visivaCertificato di collaudoVerifica visivaVerifica visiva21 Marzo 2012 Pagina 105 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA PROGRAMMA DI MIGLIORAMENTO 44.2 INDIVIDUAZIONE DELLE MANSIONI A RISCHIO SPECIFICO: RISCHI RESIDUILa tabella sottostante contiene l’elenco delle mansioni che potenzialmente espongono i lavoratori a rischi specifici che richiedono una riconosciutaabilità professionale, specifica esperienza, adeguata formazione e addestramento o apposita sorveglianza sanitaria, nonché i rischi residui emersi in sededi valutazioneRif Mansione Rischio Resudui Provvedimenti1 Insegnante di sostegno Biologico (In relazione all’assistito) DPI, FORMAZIONE, SORVEGLIANZA SANITARIA (ALL’OCCORRENZA)2A Insegnante/ Tecnico Agenti chimici, Rumore, Macchine DPI, FORMAZIONE, SORVEGLIANZA SANITARIALaboratorio Architettura2B Insegnante/ Tecnico Agenti chimiciDPI, FORMAZIONE, SORVEGLIANZA SANITARIALaboratorio Grafica2C Insegnante Laboratorio Agenti chimici, MacchineDPI, FORMAZIONE, SORVEGLIANZA SANITARIAPlastica2D Insegnante Laboratorio VDTDPI, FORMAZIONE, SORVEGLIANZA SANITARIAInformatica3 Studenti Agenti chimici, Rumore, Macchine DPI, FORMAZIONE4 Collaboratore scolastico Agenti chimici, MMC (occasionale) DPI, FORMAZIONE, SORVEGLIANZA SANITARIA (ALL’OCCORRENZA)5 Addetto agli uffici Lavoro a videoterminale FORMAZIONE, SORVEGLIANZA SANITARIA4.3 RISCHI CONNESSI ALLE DIFFERENZE DI ETA’ E GENEREIdentificazione dei fattori di rischio per laR (PxD)salute o la sicurezzaNon sussistono problemi / /4-4 RISCHI CONNESSI ALLA PROVENIENZA DA ALTRI PAESIIdentificazione dei fattori di rischioR (PxD)per la salute o la sicurezzaTutti i presenti (lavoratori ed studenti) hanno unabuona conoscenza della lingua italiana e non sonoidentificabili rischi specifici derivanti dallaprovenienza da altri paesi o credi religiosi./ /Misure di prevenzione e protezioneMisure di prevenzione e protezione21 Marzo 2012 Pagina 106 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA RISORSE 55. PROFESSIONALITÀ E RISORSE UTILIZZATE PER LA VALUTAZIONEIl coordinamento dello studio di valutazione dei rischi è stato effettuato dall’Ing. GiuseppeBuccheri, responsabile esterno del Servizio di Prevenzione e Protezione, mentre quale riferimentointerno hanno partecipato alla valutazione il Datore di Lavoro Prof. Eugenio Sponzilli e l’ASPPProf. Giorgio Giannini.Nella effettuazione della valutazione si è tenuto conto dei commenti e delle osservazioni degli addetti allesingole mansioni.Nel corso dei sopralluoghi sui luoghi di lavoro, si è avuta la possibilità di conferire con gli addetti.Il Rappresentante dei lavoratori è stato preventivamente consultato in ordine alla revisione del Documento divalutazione dei rischi.Il Medico Competente ha partecipato alla valutazione per gli aspetti di competenza e secondo le proprieattribuzioni.Copia del presente Documento di valutazione dei rischi rimane a disposizione del Rappresentante deilavoratori e del Medico Competente, per gli usi previsti.21 Marzo 2012 Pagina 107 di 108


ISA VENTURI VIA DEI SERVI MODENA NOTA FINALE 66. NOTA FINALE: AGGIORNAMENTIIl presente documento, redatto dal Datore di Lavoro, in collaborazione con il Responsabile delServizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) ed il Medico Competente, si compone di 108 paginenumerate e di allegati (Liste di Controllo). Esso viene custodito in azienda, nel raccoglitore degli“atti interni” ed è a disposizione degli organi di controllo. E’ fatto esplicito divieto a chiunque nevenga in possesso di divulgare o asportare i contenuti all’esterno dell’azienda senza una previaautorizzazione scritta da parte dell’azienda. Allo scopo di ottemperare a quanto previsto dall’art. 35del D.Lgs. 81/2008, l’azienda prevede di tenere una volta l’anno, la riunione periodica diprevenzione e protezione. Alla suddetta riunione partecipano: il Datore di Lavoro o un suorappresentante, il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, il Medico Competente, ilRappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza. Nel corso della riunione viene esaminata la validitàdel documento di valutazione, l’andamento degli infortuni, delle malattie professionali e dellasorveglianza sanitaria, l’idoneità dei mezzi di protezione individuali, i programmi di informazione eformazione. All’occorrenza potranno essere esaminati codici di comportamento e buona prassiinterne atte a prevenire infortuni e malattie professionali, obiettivi di miglioramento in generale. Lariunione può inoltre essere convocata in occasione di mutamenti significativi delle condizioni dilavoro o su richiesta del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza. Di tutte le riunioni verràredatto un apposito verbale disponibile per la consultazione da parte dei partecipanti e degli organidi vigilanza. Sede e data certa di compilazione: MODENA (MO), 21 Marzo 2012Il Datore di lavoroEUGENIO SPONZILLILa sottoscrizione del presente documento da parte del Datore di Lavoro, ne valida i contenuti.La firma degli altri soggetti coinvolti nel sistema di gestione per la sicurezza, viene apposta ai finidell’attestazione della data certa.Il Responsabile del Servizio diPrevenzione e ProtezioneGIUSEPPE BUCCHERIIl Medico competenteGIORGIA MONDUZZIIl Rappresentante deiLavoratori per la SicurezzaRITA MANFREDI21 Marzo 2012 Pagina 108 di 108

More magazines by this user
Similar magazines