eeasy

robertcouturier.com
  • No tags were found...

eeasy new york - Robert Couturier

eeasynew yorkdi robert paulo prallfoto di gianni franchellucciLT MULTIMEDIA srlnell’east village, robert couturierridisegna un appartamento93


LT MULTIMEDIA srlLT MULTIMEDIA srledizione straordinariasu una superficie completamente riorganizzata, artecontemporanea e pezzi d’arredo della storia del design94 95


LT MULTIMEDIA srlLT MULTIMEDIA srlil living.Nelle pagine precedentie in queste, nel living,divano Mex Cube diCassina, disegnato daPiero Lissoni; poltrone inpelle disegnate da KaareKlint negli anni Trenta;tappeto in cuoio di RugCompany; coffee tabledisegnato da AngeloMangiarotti, 1959;gruppo tavolo e sediein tondino di acciaioPantonova, designVerner Panton per FritzHansen; sospensioneArtichoke di LouisPoulsen.i trova a New York, nel quartieredell’East Village, questo appartamentodi 130 metri quadratirealizzato dall’architetto einterior decorator Robert Couturier.La planimetria dell’appartamentosi sviluppa su una pianta rettangolare,con ampie vetrate a tutta altezza su unsolo lato. “Avendo la committenza acquistatouno spazio vuoto, la difficoltà maggiore consistevanella divisione degli spazi”, racconta RobertCouturier. “Oltre a ridisegnare la pianta,ho cercato di realizzare un appartamento comodoe confortevole, con arredi di alto livellodi produzione contemporanea, abbinati a mobilid’epoca, per creare interni che facilitasseroi ritmi di vita di questo XXI secolo”. Senza disporredi grandi metrature, l’architetto RobertCouturier ha pensato ad una divisione che ponesseal centro il soggiorno, la zona pranzo ela cucina e, sui due lati, la zona notte padronalee un’area più piccola, concepita come “ufficioin casa” o, quando necessario, anche comecamera per gli ospiti. Per connotare lo spaziodella zona giorno è stato scelto un grande tappetoin cuoio chiaro di Rug Company e, nellastessa nuance, un comodo divano in tessutodi cotone con sedute modulari, il modello MexCube disegnato da Piero Lissoni per Cassina.Ulteriore richiamo alle gradazioni del cuoio,sono le due poltrone in pelle accanto al divano,disegnate da Kaare Klint tra il 1930 e il1939 e acquistate ad un’asta di Pierre Bergé&Associés, e la madia in teak “Florence” diKnoll. Chiude la zona conversazione un coffee-tabledi forma circolare, disegnato nelXXXXXXXXXXXXXXLUlla corting et nit aliquam iustrud tat, corecorper sed doloreet, volessit ulputem exeraestoelissent alisl in heniam quisim zzriuscidui el irillaoredoloboreetue con hendio consequis dolore versummy nulputem ex96 97


LT MULTIMEDIA srlLT MULTIMEDIA srlil colpo d’occhio.Sopra, prospettiva dalla camera da letto verso l’ala opposta, dove si trova la stanza degli ospiti che funge anche da office (nella pagina a destra). Il letto sommier, disegnatoda Robert Couturier, è rivestito in tessuto Loro Piana. Sul letto, l’opera General Dynamic, di Eduardo Paolozzi. La parete è trattata a stucco veneziano.1959 da Angelo Mangiarotti e acquistato aLondra, ad un’asta di Phillips de Pury & Company.Tra la zona living e la cucina si interponela zona pranzo, ulteriormente definita da opered’arte fotografiche e da due pareti di colorearancione intenso, lavorato a stucco veneziano;al centro, il tavolo in tondino di acciaio cromatocon le sei sedie rivestite in tessuto arancionePantonova, design del famoso architettodanese Verner Panton nel 1971 per Fritz Hansen.“Le opere d’arte”, spiega Couturier, “sonostate scelte per lo più dai proprietari e s’inserisconoperfettamente all’interno dell’appartamento.Anche loro entusiasti, come me, dellavoro dell’artista Michael Eastman, autoredella grande fotografia di un interno cubanosul muro arancione della zona pranzo”. Nellaparte meno luminosa del loft si trova la zonadedicata alla cucina, realizzata su disegno diCouturier ed enfatizzata da un’isola centralecon due basi circolari in legno e top in Corian.Avendo definito laRobert Couturier ha creatoun appartamento con spazimolto fruibili e ben distintiparte centrale dellasuperficie in tre diversesezioni contiguee per megliosfruttare la luce dellagrandi vetrate, sviluppate lungo una sola paretedel loft, Couturier ha riservato le due ali lateralidell’appartamento alla zona letto padronalee a quella degli ospiti. Una grande porta atutta altezza e filo muro, rifinita in laccato bian-9899


LT MULTIMEDIA srl srlLT MULTIMEDIA MULTIMEDIA srl srl100 101


LT MULTIMEDIA srlla camera da letto.Nella camera da letto padronale, sul letto Selene, di Maxalto, l’opera Hanging, diFederico Uribe; il mobile bianco di fronte al letto è la Lake Credenza di BDDW.Anche in questo ambiente, parquet in teak, come nella zona giorno.il bagno.Interamente rivestito in legno di teak, il bagnopadronale è dotato sia di vasca che di doccia; nellanicchia, la struttura in corian del doppio lavabo.co, introduce all’office-stanza per gli ospiti,caratterizzato, come per il salotto, da un grandetappeto in lana. Una parete turchese trattataa stucco veneziano crea il colpo d’occhiodall’ingresso; al centro, l’opera “General Dynamic”,di Eduardo Paolozzi, sovrasta il sommierdisegnato da Couturier e rivestito in tessuto dilana di Loro Piana. Sul lato opposto, seguendole grandi vetrate, si arriva alla camera da lettopadronale; a fare da sfondo al letto, il modelloSelene di Maxalto, la parete in colore turcheselavorata a stucco veneziano, con l’opera “Hanging”di Federico Uribe; di fronte al letto, ancoraun’opera dell’artista Eduardo Paolozzi, daltitolo “Z.E.E.P.”, sulla Lake Credenza del marchioamericano BDDW. Il bagno padronale harivestimenti a pavimento e parete in legno diteak di tonalità diverse, con una nicchia cheospita la grande specchiera e la struttura incorian con doppio lavabo. “Volevamo creareun ambiente comodo e soddisfacente”, concludeRobert Couturier,“che rappresentasseun angolo dipace all’interno dellacittà; credo che questosia il desiderio diogni persona nel momento in cui rientra a casa.Il contrasto tra i rumori e gli stimoli che unacittà come New York può offrire e la tranquillitàe il comfort di interni realizzati a misura delleproprie esigenze.”Gli interni, funzionali, elegantie confortevoli, sono il meritatorifugio dal caos di New York102

More magazines by this user
Similar magazines