Catalogo Cartasia 2012

Metropolis.Lucca

Biennale d’Arte Contemporanea

Biennal of Contemporary Art

Crisi e Rinascita

Crisis and Rebirth

Andrew Scott / Chifumi / Stefania Giannici / Inés Hubacher

Andrea Marcianò / Mykl Wells / Zsuzsa Horvath


Progetto grafico / Project design:

In copertina: Andrew Scott, Black Man Grove: Resilienza

On the cover: Andrew Scott, Black Man Grove: Resilience

© Metropolis

Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta o trasmessa in qualsiasi forma senza l’autorizzazione dell’autore.

No part of this publication may be reproduced or transmitted in any form without the prior permission of the publisher.


A cura di / Edited by

Introduzione di / Introduction by

Saggio critico di / Critical essay by

Eva Guidotti

Nicolas Bertoux

Emiliano Galigani


Nata nel 2004 è arrivata nel

2012 alla sua sesta edizione.

La manifestazione ha tra le

sue finalità la diffusione dell’importanza

della memoria storica relativamente alla

tradizione cartaria e la diffusione della

sensibilizzazione al riciclo attraverso l’Eco-Art.

Cartasia si propone di raggiungere questi

obiettivi attraverso l’espressione artistica

Cartasia è una Biennale d’Arte

Contemporanea, un evento culturale di ampio

respiro che si svolge a Lucca, (Toscana, Italia):

Cartasia unisce l’industria della carta al

veicolo comunicativo artistico.

che utilizza la carta come media principale.

Il cuore dell’evento è costituito dal concorso che

vede protagonisti i progetti di artisti provenienti

da tutto il mondo, selezionati da una giuria

di esperti. Le opere scelte, rigorosamente

realizzate in carta e cartone, vengono ubicate

nelle piazze e nelle vie della città, dove è

possibile ammirarle e interagire con esse.

L’installazione artistica inserita nell’ambiente

cittadino prende così vita : le opere hanno un

loro spazio che si vede, si sente e si attraversa.

A far da corollario alla mostra en plein

air, altre esposizioni monografiche ed

eventi, a creare un ricco calendario di

iniziative lungo tutto l’arco della Biennale.

La biennale Cartasia si è confermata nel corso

degli anni come evento d’importanza

internazionale, e continua a promuovere nel

panorama mondiale l’avanguardia artistica

che usa la carta come mezzo espressivo.

Cartasia 2012 si è svolta a Lucca

dal 30 giugno al 29 luglio 2012.

Il tema scelto per questa VI a edizione è stato

“Crisi e Rinascita”: nel periodo storico che

stiamo vivendo, dove la crisi economica e sociale

impera, l’arte viene richiamata in soccorso

all’uomo e al suo spirito. Nella creazione artistica

si ricerca la svolta, l’espressione di un moto di

rivolta, l’input al cambiamento.

Been born in 2004 it has artists coming from the all the world, selected by

reached in 2012 its 7 edition. a jury of experts. The select works, rigorously

The demonstration relatively has realized in paper and cardboard, they are

besides among its finalities the diffusion of the

importance of

situated in the plazas and in the streets of the

city, where is possible to admire

the historical Cartasia is a Biennal of Contemporary them and to interact with

memory to art, a wide range cultural event that’s them. The artistic installation

the paper developed in Lucca (Tuscany Italy), inserted in the city environment

with environmental finality: Cartasia

tradition and

takes so life: the works.

unites the industry of paper with the

the importance

Cartasia 2012 took place in Lucca

artistic communicative vehicle.

of ecology.

from June 30 to July 29, 2012.

Cartasia proposes him to reach these

objectives through the artistic expression

that uses the paper as source of inspiration.

The heart of the event is constituted by the

contest that it sees protagonists the projects of

The main theme for this fifth edition was

“Crisis and Rebirth”: in this historica period,

characterized by social and economical crisis,

arts helps mankind. The artist looking for an

expression of revolt, an input to the change.

2



4


07

13

presentazione

introduction

modello Cartasia

the Cartasia case

19

49

preparazione

preparation

concorso

contest

5


6


presentazione

introduction

7


8


PRESENTAZIONE

Di Nicolas Bertoux / Direttore Artistico Cartasia

Carta, cartone, schizzo, modello, pieghe, assemblaggi,

montaggio, inaugurazione, mostra, complimenti, critiche,

smontaggio, bilancio, Cartasia.

Progettare, costruire e installare delle sculture

in carta in luoghi pubblici, strutture che devono

resistere un mese all’aperto, sotto la pioggia,

alle intemperie, agli eventuali danneggiamenti causati

dall’uomo. Un progetto originale e ambizioso, una sfida.

Quando ho ricevuto la proposta di partecipare, nell’aprile

del 2004, non ho esitato ad accettare. Avevo già in mente

da tempo una scultura monumentale che avesse come

elemento base bobine di carta giganti e sentivo che era

arrivato il momento di concretizzare la mia idea progettuale;

una riproduzione della struttura cittadina di Lucca - con i

suoi vicoli, le mura - in una sorta di labirinto, costituito

interamente da bobine e cartone ondulato. Con il comitato

organizzatore scegliemmo di lavorare, per il primo anno su

un terreno sperimentale: non conoscevamo la disponibilità

delle cartiere, promotrici principali per quanto riguarda

la materia prima dell’opera da realizzare, né l’interesse

all’eventuale supporto degli enti istituzionali. Erano molte le

incognite. Se questa prima esperienza avesse funzionato,

negli anni a venire avremmo fatto ricorso alla creatività di

numerosi artisti organizzando un concorso internazionale,

convocando una giuria di esperti, e istituendo una biennale.

Tutto questo si è concretizzato, e ho potuto vedere Cartasia

crescere e affermarsi come Biennale d’Arte Contemporanea,

testimoniando l’ attenzione verso l’avanguardia artistica che

utilizza la carta come mezzo costitutivo delle opere.

9


10


INTRODUCTION

By Nicolas Bertoux / Art Director Cartasia

Paper, cardboard, sketch, model, folds, assembly, installation,

opening, exhibition, compliments, criticisms, disassembly,

budget, Cartasia.

To plan, build and install some paper sculptures

in public places, structures that must withstand

one month open air, under the rain, subjected to

bad weather, to the possible damages caused by human

intervention. An original and ambitious project, a challenge.

When I have received the proposal to participate, in April

of 2004, I haven’t hesitated a second, and immediately

accepted. I had for a long time in mind a monumental

sculpture that had as basic element giant spools of paper,

and I felt that the moment had arrived to concretize my

idea; a reproduction of the structure of the city Lucca -

with its alleys, the walls - in a sort of labyrinth, entirely

constituted by spools and waved cardboard. With the

organizing committee we chose to work for the first

year on an experimental ground: we didn’t know the

availability of the raw material from the paper industries,

neither the interest to support of the institutional bodies.

here were a lot of unknown issues. If this experience had

worked out, in the years to come we would have resorted

to the creativeness of numerous artists, organizing an

international contest, summoning a jury of experts, and

founding a Biennial exhibition. Everything now is concretized,

and I’ve been able to see Cartasia grow and to affirm itself

as Biennal of contemporary art, testifying the increasing

attention toward the artistic avant-garde that uses the paper

as constitutive media of the works.

11


12


modello Cartasia

the Cartasia case

13


14


IL MODELLO CARTASIA

Di Emiliano Galigani / Direttore comitato organizzativo Cartasia

Investire tempo e risorse in cultura è principalmente

sinonimo di sviluppo e promozione territoriale. Questo

primo e per certi versi ovvio assunto non può essere

disgiunto dal considerare l’investimento in cultura come

portatore di uno sviluppo sociale, etico, economico ed

estetico. Investire in cultura vuol dire anche preoccuparsi

di un tema fondamentale: il recupero della nostra memoria.

a memoria di ciò che eravamo (senza voler fare operazioni

nostalgiche, ma unicamente per conservare un patrimonio,

conoscerlo e rafforzare le proprie radici per affrontare le sfide

future con gambe che non siano d’argilla) va preservata,

tramandata e comunicata a mio parere in ogni luogo e

con ogni mezzo possibile, in maniera trasversale, coinvolgendo

tutte le generazioni. Questo è esattamente quello

che volevamo fare quando abbiamo pensato a Cartasia.

Cartasia è una biennale d’arte contemporanea, che nasce

da un’eccellenza produttiva territoriale, e dalle sue radici

storico culturali, con l’ambizione di essere luogo di confronto

per lo sviluppo dell’avanguardia artistica mondiale, a

confronto con un media, la carta, sempre più interessante.

Abbiamo creato la manifestazione contando sulle queste

peculiarità, su un contesto (la città di Lucca) di estremo pregio,

unendo la formula del Simposio (artisti che si incontrano

per realizzare le loro opere in un workshop permanente),

quella del Concorso, e quella delle mostre e degli eventi.

Questo contenitore ha un fil rouge che unisce tutte le manifestazioni:

la carta, con la sua storia e le sue possibilità.

Il passato e il futuro.

I temi dello sviluppo sostenibile, del coinvolgimento delle industrie,

del recupero della memoria storica, dell’avanguardia

artistica, della promozione dell’area - vera e propria capitale

mondiale della carta - si sono andati unendo nel corso

degli anni attraverso la funzione promozionale dell’arte. Le

campagne stampa nazionali hanno avuto ogni anno un

riscontro sempre maggiore, tanto da obbligarci a guardare

oltre i confini, puntando a sfide globali. Le collaborazioni con

enti internazionali si sono moltiplicate: Sofia (Amateras Paper

Festival), Apeldoorn (Holland Paper Biennial), Charmey

(Triennale du Papier), gli istituti italiani di cultura all’estero

(New York, San Francisco), la città di Metz (Francia).

Tutto questo con la consapevolezza che produrre cultura

equivale a lasciare un segno profondo del proprio passaggio,

del percorso fatto. Produrre cultura vuol dire apportare

benessere economico, sociale ed estetico alla comunità.

Mi auguro che Cartasia possa continuare a farlo per molti

anni ancora.

15


16


THE CARTASIA CASE

By Emiliano Galigani / Organizing comitee director Cartasia

T

o invest time and resources in culture is mainly

synonymous of territorial development and

promotion. This first and for some verses obvious

sentence cannot be separated from considering the

investment in culture as carrier of a social, ethical, economic

and aesthetical development. To invest in culture, means

also to worry about a fundamental theme: the recovery of

our memory. The memory of what we were (without making

nostalgic operations, but entirely to preserve a patrimony, to

know it and to strengthen our own roots to face the future

challenges with legs that are not made out of clay) it has

to be preserved, handed down and communicated to my

opinion in every place and with every mean possible, in

transversal way, involving all the generations.

This is exactly what we wanted to do when we thought

about making Cartasia.

Cartasia is a biennal exhibition of contemporary art, born

from a territorial productive excellence, and from historical

and cultural roots, with the ambition to be a place of

comparison for the development of the artistic worldwide

“avant garde”, facing a media, paper, more and more

interesting. We have created the Biennial counting on the

these peculiarities, on a extremely fine context (the city of

Lucca), mixing the Symposium’s formula (artists that meet

each other to realize their works in a permanent workshop),

with a Contest, exhibits and events. This melting pot has

a “fil rouge” that unites all the demonstrations, and it’s just

paper, its history, its possibilities. The past and the future.

The themes of sustainable development, involving the

industrial world, of the historical memory, of the state-ofthe-art,

of the area promotion - real world paper capital - ,

have gone together along the years through the promotional

function of art. The national press campaign have always

had every year a great return, so much to force us to

look over the borders, aiming to global challenges. The

collaborations with international corporate bodies are

multiplied: Sofia (Amateras Paper Festival) Apeldoorn

(Holland Paper Biennial) Charmey (Triennial du papier) the

Italian institutes of culture (New York, St. Francisco), the

city of Metz, in France.

All this with the awareness that produce culture is equal to

leave a deep sign of a passage. To produce culture means

to bring economic, social, aesthetical development to the

community. I wish Cartasia can keep going on doing this

job, for many years to come.

17


18

PREPARAZIONE opere

installations PREPARATION


Andrew Scott

Fuori Concorso

Out of Contest

Black Man Grove: Resilienza

Black Man Grove: Resilience

Chifumi

Omicidio

Murder

Stefania Giannici

Afasia

Aphasia

Inés Hubacher

in collaborazione con / with

Marianne Meienhofer

Il Teatro Della Vita

Theater Of Life

Andrea Marcianò

in collaborazione con/with

Maddalena Vidale

Mykl Wells

(Vincitore)

Organica

Organic

Bucaneve

Snowdrop

Zsuzsa Horvath

in collaborazione con / with

Zoltan Lakatos

Le Onde Di Calypso

The Waves Of Calipso

19


20

PREPARAZIONE


Andrew Scott

Black Man Grove: Resilience

Black Man Grove: Resilienza

21


22


Andrew Scott

(Fuori Concorso / Out of Contest)

Black Man Grove: Resilience

Black Man Grove: Resilienza

PREPARATION

23


24

PREPARAZIONE


Chifumi

Omicidio

Murder

25


26

Chifumi

Omicidio

Murder


PREPARATION 27


28

PREPARAZIONE


Stefania Giannici

Afasia

Aphasia

29


30


Stefania Giannici

Afasia

Aphasia

PREPARATION

31


32

PREPARAZIONE


Inés Hubacher

in collaborazione con / with Marianne Meienhofer

Il Teatro Della Vita

Theater Of Life

33


34

Inés Hubacher

in collaborazione con / with Marianne Meienhofer

Il Teatro Della Vita

Theater Of Life


PREPARATION 35


36

PREPARAZIONE


Andrea Marcianò

in collaborazione con / with Maddalena Vidale

Organica

Organic

37


38


Andrea Marcianò

in collaborazione con / with Maddalena Vidale

Organica

Organic

PREPARATION

39


40

PREPARAZIONE


Mykl Wells

Vincitore

Bucaneve

Snowdrop

41


42

Mykl Wells

Bucaneve

Snowdrop


PREPARATION 43


44

PREPARAZIONE


Zsuzsa Horvath

in collaborazione con / with Zoltan Lakatos

Le Onde Di Calypso

The Waves Of Calipso

45


46


Zsuzsa Horvath

in collaborazione con / with Zoltan Lakatos

Le Onde Di Calypso

The Waves Of Calipso

PREPARATION

47


48

CONCORSO

CONTEST


Black Man Grove: Resilienza (Fuori Concorso)

Black Man Grove: : Resilienza Resilience

: (Out of Contest)

Omicidio

Murder

Afasia

Aphasia

Il Teatro Della Vita

Theater Of Life

Organica

Organic

Bucaneve

Snowdrop

Le Onde Di Calypso

The Waves Of Calipso

49


CONCORSO

CONTEST

Ul cuore di Cartasia è costituito da un concorso

internazionale finalizzato alla realizzazione di

progetti monumentali in carta ed è strettamente

vincolato all’utilizzo predominante di questo materiale.

Il concorso, promosso e divulgato a livello internazionale

attraverso la stampa tradizionale ed il web, prevede

l’elaborazione di opere e progetti in carta o affini,

prevalentemente derivati dal riciclo (cartone ondulato, tubi,

anime, materiale di riciclo, tessuto non tessuto) con una

attenzione particolare al tema ecologico.

Ogni partecipante, sia individualmente che in gruppo, si

iscrive inviando il proprio progetto e il proprio curriculum al

comitato organizzativo, la cui giuria di specialisti seleziona

i progetti maggiormente rispondenti ai criteri di valutazione

specificati nelle regole del concorso. Non ci sono specifiche

sul formato di presentazione dei progetti. E’ necessario che

l’elaborato sia esaustivo nei termini della sua collocazione

all’interno dello spazio urbano, dei materiali utilizzati e del

rispetto delle norme fondamentali in materia di staticità e

sicurezza.

Ogni edizione di Cartasia ha un tema a cui gli artisti in

gara devono attenersi nel realizzare le loro opere: le

sculture monumentali devono essere progettate tenendo in

considerazione il loro inserimento nel tessuto urbano.

Gli artisti selezionati sono infine invitati dal comitato

organizzatore per circa un mese a Lucca, per realizzare i

progetti in un simposio nel quale ogni artista lavora alla sua

opera accanto a tutti gli altri, in un clima di collaborazione

e scambio. E’ proprio per questa modalità realizzativa

che Cartasia si distingue nel panorama dei festival d’ arte

contemporanea: dieci artisti provenienti da ogni parte del

mondo lavorano nello stesso luogo, sullo stesso tema,

nell’atmosfera stimolante dell’incontro intellettuale. Una volta

realizzate, le installazioni vengono dislocate all’ interno delle

principali piazze della città, dando vita a una vera e propria

mostra en plein air.

The heart of Cartasia is made by an international

contest, finalized to the realization of monumental

projects in paper and is tightly bound to the

predominant use of this material. The contest, promoted and

developed to an international level through traditional press,

media and the world wide web, it foresees the elaboration of

works and projects in paper or similar, predominantly derived

by recycle (waved cardboard, pipes, recycled paper, etc)

with a particular attention to the ecological theme.

Every participant, both individually and in group, enrolls to

the contest by sending a project and a CV to the organizing

committee, whose jury of experts selects the projects in

conformity to the criteria of evaluation defined by the

contest rules. There are no specific rules on the format

of presentation of the projects. It’s necessary that every

project is exhaustive in terms of its position inside the urban

space, of the materials used and regarding the respect

of fundamental rules of stillness and safety. Every single

edition of Cartasia has a main theme to which the artists in

competition should follow in to realize their works: also, the

monumental sculptures projects must hold in consideration

their insertion in the urban environment.

The selected artists are finally invited by the organizing

committee for one month in Lucca, to realize the projects

in a symposium in which every artist works close to all the

others, in a climate of collaboration and exchange. It’s

mainly for this realizing concept that Cartasia distinguishes

in the panorama of the contemporary art festival: ten artists

coming from around the globe work in the same place, on

the same theme, in a stimulating atmosphere. Once realized,

the installations are posed in the main squares of the city,

making a real “en plein air” exhibit.

50


CONCORSO

CONTEST

Crisi e Rinascita

Sette, di cui uno fuori concorso, sono stati gli artisti di

questa edizione: Stefania Giannici, Zsuzsa Horvat (in

collaborazione con Zoltan Lakatos), Inés Hubacher (in

collaborazione con Marianne Meienhofer), Wioland Jerome

(in arte Chifumi), Andrea Marcianò (in collaborazione

con Maddalena Vidale), Mikl Wells, Andrew Scott (fuori

concorso).

Il tema scelto per questa edizione è stato: Crisi e Rinascita.

Nel periodo storico che stiamo vivendo, in cui la crisi

economica e sociale impera, l’arte viene richiamata in

soccorso all’uomo e al suo spirito. Nella creazione artistica

si ricerca la svolta, l’espressione di un moto di rivolta,

l’input al cambiamento.

Il Comitato Organizzativo di Cartasia 2012 ha decretato

Mikl Wells, con l’installazione SNOWDROP (Bucaneve),

vincitore della sesta edizione della Biennale.

L’esito del concorso è scaturito dalla somma dei voti

ottenuta secondo le seguenti modalità:

• Voto popolare sul sito web di Cartasia (10%)

• Voto popolare tramite schede cartacee inserite nelle

apposite piramidi poste vicino ad ogni scultura (10%)

• Voto della giuria specialistica (80%)

Crisis and Rebirth

Seven, one out of competition, were the artists of this

edition: Stefania Giannici, Zsuzsa Horvat (in collaboration

with Zoltan Lakatos), Inés Hubacher (in collaboration with

Marianne Meienhofer) Wioland Jerome (aka Chifumi),

Andrea Marciano ( in collaboration with Madeleine Vidale),

Mikl Wells, Andrew Scott (out of competition).

The theme chosen for this year was Crisis and Rebirth. In

the historical period in which we live, in which the economic

and social crisis reigns, the art is called to rescue the

man and his spirit. In artistic creation is researched the

change, the expression of a movement of revolt, the input

to change.

The Organizing Committee of Cartasia 2012 decreed Mikl

Wells, with the installation SNOWDROP, the winner of the

sixth edition of the Biennial.

The outcome of the competition is resulted from the sum

of the marks obtained in the following way:

• Popular vote on the website of Cartasia (10%)

• Popular vote by paper ballots firmly in the pyramids

placed next to each sculpture (10%)

• Vote of the jury specialist (80%)

La giuria specialistica era così composta:

The specialist jury was as follows

Nicolas Bertoux (Direttore artistico, Presidente di Giuria / Artistic Director )

Emiliano Galigani (Direttore comitato organizzativo / Director of the organizing committee )

Marco Bazzini (Direttore Artistico Museo Arte Contemporanea Pecci, Prato / Artistic Director Pecci Contemporary Art Museum, Prato)

Maurizio Vanni (Direttore artistico Museo Arte Contemporanea Lu.c.c.a / Artistic Director of L.U.C.C.A Museum of Contemporary Art)

Eva Guidotti (Responsabile produzione Cartasia / Cartasia Project Manager)

Cynthia Sah (Membro onorario di Giuria / Honorary Member of the Jury)

Giuseppe De Leo (Ordine degli architetti Lucca / Order of Architects Lucca)

Patrizia Stranieri (Ordine degli Architetti, Lucca / Order of Architects, Lucca)

51


52

FUORI CONCORSO


Andrew Scott

Black Man Grove: Resilienza

Black Man Grove: Resilience

53


54


OUT OF CONTEST 55


56

FUORI CONCORSO


57


58

CONCORSO


Chifumi

Omicidio

Murder

59


60


CONTEST 61


62

CONCORSO


63


64

CONCORSO


Stefania Giannici

Afasia

Aphasia

65


66

CONCORSO


67


68


CONTEST 69


70

CONCORSO


Inés Hubacher

in collaborazione con / with Marianne Meienhofer

Il Teatro Della Vita

Theater Of Life

71


72


CONTEST 73


74

CONCORSO


75


76

CONCORSO


Andrea Marcianò

in collaborazione con / with Maddalena Vidale

Organica

Organic

77


78


CONTEST 79


80

CONCORSO


81


82

CONCORSO


Mykl Wells

Vincitore

Bucaneve

Snowdrop

83


84


CONTEST 85


86

CONCORSO


87


88

CONCORSO


Zsuzsa Horvath

in collaborazione con / with Zoltan Lakatos

Le Onde Di Calypso

The Waves Of Calipso

89


90

CONCORSO


91


92


CONTEST 93


Metropolis è un’associazione culturale

che opera sul territorio nazionale e che

si propone la promozione e produzione

di iniziative artistiche legate all’arte, alla

musica e allo spettacolo.

N

ata nel 2001 dall’unione di un team di artisti,

l’associazione, attraverso la collaborazione

con gli enti locali, è riuscita a creare sul

territorio una realtà culturale e artistica a tutto tondo:

arti visive, teatro, musica, reading e incontri letterari.

Metropolis ha realizzato la sua prima produzione, il

musical “Welcome to the Machine” nell’estate della

sua nascita. Alla prima produzione ne sono seguite

altre, sia nell’ambito della prosa (Il re muore – di Eugène

Ionesco 2002), (Lo Strano Caso D - testo e regia

di Emiliano Galigani, 2006) che nell’ambito musicale

(Circo Faber 2003), che in quello video (documentario

Storie di Carta 2004) e cinematografico (Zones 2005

- Il Settimo Annuncio, 2010 – Web Serie Poltrone,

2012).

Nel 2004 nasce Cartasia, Festival Internazionale della

Carta, che nel 2010 diventa biennale consolidando il

suo prestigio e la sua visibilità a livello internazionale.

Dal 2012 Metropolis organizza e allestisce mostre

di arte contemporanea dedicandosi soprattutto ai

giovani talenti artistici presenti sul territorio.

Metropolis is a cultural association

which operates on national territory. It

works in promotion and production of

events related to figurative arts, music

and performing arts.

F

ounded in 2001 by a team of artists,

Metropolis, through collaboration with

local authorities, created on the territory

a cultural and artistic setting.

The association produced its firts musical

production, Welcome to the machine, in

the summer of its birth. After this first work

Metropolis produced: Il re muore di Eugéne

Ionesco (2002), Circo Faber (musical, 2003),

Paper Histories (documentary, 2004), Zones

(film, 2005), Lo strano caso D, written and

directed by Emiliano Galigani, (2006), The

seventh announcement (film, 2010), Poltrone

la serie (web serie, 2012). In 2004 borns

Cartasia, International Paper Festival, which in

2010 becomes biennial consolidating its prestige

and its visibilità all around the world.

Since 2012, Metropolis organizes exhibitions of

contemporary art devoting himself especially to

the young artistic talents in Tuscany.

94


prodotto da /produced by

A cura di

Ente organizzatore:

Associazione Culturale Metropolis

Direttore artistico:

Nicolas Bertoux

Direzione esecutiva:

Emiliano Galigani

Organizzazione Logistica:

Samantha Cesaretti

Ufficio stampa e pubbliche relazioni:

Eva Guidotti

Direttore tecnico:

Emilia Rosi

Comunicazione sito e web management: Prismanet.com

Con il contributo

Regione Toscana (nell’ambito del Progetto Regionale Toscana in Contemporanea 2011)

Comune di Lucca, Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, Fondazione Banca del Monte di Lucca

Sponsor Tecnici

Fondazione Ragghianti, Kappa Packaging, Ordine degli Architetti della Provincia di Lucca, Sistema Ambiente,

ICP, Parkpre Bicycles, Prismanet

Patrocinanti e/o collaborazioni

Provincia di Lucca, Comune di Lucca, Comune di Capannori, Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio,

Ministero dei Beni e delle Attività Culturali

Curated by

Organizer:

Associazione Culturale Metropolis

Artistic Director:

Nicolas Bertoux

Executive Management:

Emiliano Galigani

Press and Public relations :

Eva Guidotti

Technical Director:

Emilia Rosi

Comunication and web site management: Prismanet.com

Whith the help of:

Regione Toscana (Project Toscana in Contemporanea 2011)

Comune di Lucca, Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, Fondazione Banca del Monte di Lucca

Technical Sponsor

Fondazione Ragghianti, Kappa Packaging, Ordine degli Architetti della Provincia di Lucca, Sistema Ambiente, ICP,

Parkpre Bicycles, Prismanet

Sponsor and Collaboration

Provincia di Lucca, Comune di Lucca, Comune di Capannori, Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio,

Ministero dei Beni e delle Attività Culturali

95


www.cartasia.it

More magazines by this user
Similar magazines