Numero di Novembre-Dicembre

Inchiostro

dal 2022 una piccola voce della Vallée!

Direttore Responsabile: Marta Calcagno

Dal 2022 anche

“l’inchiostro fresco”

della Val d’Aosta…

dal 1985... la voce di Rondinaria e dell'Oltregiogo

www.inchiostrofresco.it - redazione@inchiostrofresco.it - Tel. 0143/46.569

Distribuito gratuitamente ANNO XXXVI / N. 01 - NOVEMBRE-DICEMBRE 2021

Sped. in abb. post. D.L. 353/03 (conv. in L. 27/02/04 n. 46) art. 1 comma 1 D.C.B. / Alessandria / nr 570 anno 2005 / Taxe perçue / Tassa risc. ord. (inf. 500 pz)

...una piccola voce della Vallée!

"Aidonovi": Calendario

artistico novese 2022

INIZIA

UNA NUOVA

AVVENTURA

Cari amici de

"l'inchiostro

fresco" sul

finire di questo

2021, dopo una

serie di "prove", ho

deciso di trasferirmi

definitivamente

in Val d'Aosta, anche se a

Novi Ligure ci stavo benissimo,

come del resto ho vissuto benissimo

anche negli altri posti dove

ho avuto casa, in primo luogo

Genova, bella con il suo mare

ma soprattutto con i suoi monti.

Qui però, in Val d'Aosta, e per la

precisione a Cheverel, che è una

delle tante frazioncine di La Salle

posta a 1480 metri d'altezza, si

respirano tempi diversi dettati

soprattutto dall'agricoltura di

montagna, dagli allevamenti e

dalle mucche, che sono le vere

regine delle Alpi. E poi naturalmente

ci sono le Alpi, qui

particolarmente impervie che

ti offrono escursioni incredibili

perché, partendo da una quota

di quasi mille cinquecento metri,

si fa presto a raggiungere le

cime sui tremila e da lì godersi

lo spettacolo di panorami che,

anche se già visti, sono sempre

diversi.

E così, raccolta "baracca e burattini",

come si suol dire, eccomi

qui con Giusy e "l'inchiostro

fresco" tra queste montagne, che

rappresenteranno la mia nuova

casa, dove anche "l'inchiostro fresco"

vivrà la sua nuova vita!

E già, perché il giornale mi ha

seguito sin qui come un cagnolino

(o forse sono io che seguo

il giornale?), perché qui a Cheverel

ho una postazione clone

del mio computer di redazione,

dalla quale posso far tutto come

Aido Novi - pag. 2

L’idea del multilateralismo

così come è stata

lanciata nella parata dell’“infingimento

scenico” andato in

scena nel G20 di Roma nasconde

la stessa insidia della proclamazione

della “fine della storia” e della

conseguente apertura “globale”

del mercato che era stata teorizzata

nell’immediato post-caduta del

Muro di Berlino (tanto per semplificare).

L’insidia che abbiamo davanti è

Marta Calcagno - pag. 2 Fausto Cavo - pag. 3

Samantha Brussolo - pag. 3

UN NUOVO DOMINIO MONDIALE: IL

CONTROLLO DELLE FONTI DI RICCHEZZA

Da Franco Astengo, già

collaboratore presso

la Cattedra di "Partiti

politici e gruppi di pressione"

della Facoltà di Scienze Politiche

dell'Università degli Studi di

Genova, riceviamo e con grande

condivisione pubblichiamo

questa riflessione sul G20 che si

è tenuto a Roma a fine ottobre

2021 -

La Redazione

Noi pensiamo di essere liberi

perché ci sentiamo padroni

di noi stessi. Ma è veramente così?

Già il lockdown ci ha fatto capire

che non è proprio così, ma lì c’era

l’attenuante della tutela della

salute pubblica, che comunque il

Governo poteva risolverla, forse

in termini costituzionali più corretti,

ricorrendo all’applicazione

dell’art. 32 della Costituzione che

prevede la possibilità, con apposita

legge, di imporre trattamenti

sanitari e, nel caso odierno, con

la vaccinazione obbligatoria di

Il vino tra paesaggi

e cultura

quella di un sistema capitalistico

molto più complesso di quello del

passato che cerca di afferrare la

diversa qualità delle contraddizioni

presenti sulla scena della storia

per impadronirsene a proprio uso

e consumo.

Il sistema vuole rappresentare il

dominus delle diverse transizioni

che sono state presentate: ecologica,

digitale, sanitaria. Un dominus

senza alternativa nella reimposizione

del “pensiero unico”.

LA LIBERTÀ È EFFIMERA,

DIFENDIAMOLA CON LA PARTECIPAZIONE

massa Al di là di questo però oggi

noi stiamo assistendo da un lato

ad una pericolosa verticalizzazione

del potere, e dall’altro ad una

ancor più pericolosa verticalizzazione

delle ricchezze. Un mix

questo molto pericoloso perché

se non viene garantita la pluralità

e se viene compresso il ceto medio

che fa opinione, il passo verso un

governo di stampo autoritario è

molto breve. E allora sì che per

noi la libertà diventerà né più, né

meno che un ricordo. Altro che

lockdown!

GBC

Ripercorrere le vicende di questi

ultimi 30 anni ci indica la fallacia

della ipotesi di “fine della storia”.

Adesso il pericolo è ancora più

grande: dalla padella dell’insieme

di guerre locali che hanno seguito

la fine del contrasto bipolare con

l’assunzione da parte degli USA del

ruolo di gendarme del mondo si

può cadere nella brace di una nuova

competizione tra blocchi.

Nel corso del ‘900, dagli anni’50 in

avanti, si svolse una competizione

ASD SCUDERIA

LA BELLARIA

Novembre azzurro del

Rotary Club Gavi Libarna

ASD SCUDERIA

LA BELLARIA

tel. 320 43 67 088

serrata tra sistemi sociali e politici

alternativi. Oggi si profila una

competizione più acuta e pericolosa

perché basata su di un confronto

fuori dell'ideologia e puramente

misurato sul dominio per le fonti

della ricchezza.

Sicuramente c’è da calcolare il peso

della reciprocità degli affari in corso,

ma quella reciprocità c’è sempre

stata e non ha impedito le guerre.

Gian Battista Cassulo

4 Novembre

L’editoriale

di Marta

Calcagno

Ci risiamo, sembra proprio

che questo virus non

ci lasci in pace. È infatti notizia

di questi giorni che siamo

sotto l’urto di una “quarta

ondata” eppure la maggioranza

della popolazione si è

vaccinata! Sembra però che il

virus sia più insidioso che mai

perché muta e sfugge al controllo.

Che fare? L’unica cosa

che mi sento di dire è quella

di consigliare a seguire le indicazioni

dei nostri esperti,

ma soprattutto ad invitarvi a

seguire regole comportamentali

molto attente a partire dal

distanziamento sociale e all’uso

della mascherina. Molto

probabilmente questo sarà un

Natale blindato e un Capodanno

senza i festeggiamenti

ai quali eravamo abituati, ma

il rischio non vale la candela

e quindi, nell’augurare a tutti

voi i miei migliori auguri uniti

a tutti quelli della redazione,

altro non mi resta da dire se

non: “resistiamo per crearci un

futuro migliore!”

Marta Calcagno


2

l’inchiostro fresco

1 - Novembre-Dicembre 2021

INIZIA UNA NUOVA

AVVENTURA

Prosegue dalla pagina

precedente

se fossi nella nostra nuova redazione

di Novi Ligure.

Infatti anche "l'inchiostro fresco"

ha "migrato" traslocando dai

suoi locali di Largo Valentina a

quelli non molto lontani di Via

Paolo Giacometti, 52 angolo via

Cavour, sempre a Novi Ligure.

Una sede più piccola ma ritagliata

sulle nuove esigenze

de "l'inchiostro fresco", da un

anno ormai solo online perché

a malincuore abbiamo dovuto

sospendere la sua edizione in

carta stampata in quanto, con

le norme anti-Covid, era diventata

praticamente impossibile la

sua distribuzione, che avveniva

attraverso la rete degli esercizi

commerciali, dei bar e degli studi

medici.

Ed anche tutte quelle iniziative

che prima dell'era Covid "l'inchiostro

fresco" organizzava,

come i "Mercatini di Natale", le

visite scolastiche, l'ospitalità agli

studenti della "Buona scuola", i

"CarneValentina", i "Battesimi

della sella", le "Mostre estemporanee",

i "Venerdì di Luglio", sono

diventate ormai sono solo dei

bellissimi ricordi.

E così eccomi nella Vallée, dove

ci sono praticamente passati un

po' tutti, dagli antichi romani,

che ci hanno lascito le loro possenti

opere erette per restare nel

tempo a imperitura dimostrazione

della grandezza Roma,

Annibale, Napoleone, ma anche

i Barbari e quindi qui mi trovo in

buona compagnia!

Ma nel cuore ho tutta la serie dei

miei piccoli mondi dove ho vissuto,

i cui ricordi me li porto e

porterò sempre dietro!

A tutti un abbraccio da Gian

Battista Cassulo e mi raccomando

non dimenticate "l'inchiostro

fresco", che inaugurerà la sua

nuova sede sita in via Paolo

Giacometti, 52 a Novi Ligure

(Al) prima delle feste di Natale

2021....... il futuro è la nostra

nuova frontiera!

Gian Battista Cassulo

"AIDONOVI": CALENDARIO

ARTISTICO NOVESE 2022

Il Calendario Artistico Novese 2022 è in vendita nelle librerie e nelle edicole della città,

TEL. 348 591 7 616. Tutto il ricavato va a beneficio dell’AIDO Gruppo “Frederick” di Novi. GBC

Si è svolta lo scorso venerdì

29 ottobre 2021 presso

la Sala Conferenze della

Biblioteca Civica di Novi Ligure

(Al) la presentazione del Calendario

Artistico Novese 2022,

frutto anche quest’anno della

sinergia tra l’Associazione Culturale

“Orizzonti Novi” presieduta

dal prof. Osvaldo Repetti e l’AI-

DO "Associazione Italiana per la

Donazione di Organi, Tessuti e

Cellule – Gruppo “Frederick” di

Novi Ligure presieduto da Giorgio

Bottaro, subentrato a luglio

2020 a Isabella Sommo, storica

presidente dell’AIDO novese che

ha guidato per 30 anni e di cui ora

è vice presidente vicaria.

Il Calendario Artistico Novese

2022 è intitolato “In Fraskaiga

u gh’è…” e quest’anno i curatori

hanno voluto parlare di Novi e

della Novesità attraverso il suo

dialetto.

Nelle pagine del calendario sono

infatti riportate alcune delle poesie

dialettali scritte da Maria

Gabriella Gandini, già maestra

alla scuola materna Garibaldi, e

pubblicate in una raccolta alcuni

anni fa.

Nei suoi versi, l’Autrice racconta

personaggi, ambienti e storie di

Novi, da Marenco alla Fiera di S.

Caterina, dal Castello alla festa

della Pieve, unito a ricordi più

personali di vita vissuta come la

vendemmia o i giochi ai giardini

pubblici con gli amichetti.

Dall'AIDO

"Associazione

Italiana per la Donazione

di Organi, Tessuti e Cellule

– Gruppo “Frederick” di Novi

Ligure riceviamo e con grande

disponibilità pubblichiamo

nella sua interezza il comunicato

giunto in redazione sulla

presentazione del Calendario

artistico novese 2022, invitando

i nostri lettori ad acquistarlo

nelle librerie ed edicole cittadine

per sostenere questo importante

sodalizio che da più di 30 anni

opera in città

La Redazione

La presentazione del Calendario,

avvenuta alla presenza degli Assessori

comunali Andrea Sisti e

Marisa Franco che hanno portato

il saluto e il compiacimento

dell’Amministrazione Comunale,

è stata introdotta da Giorgio

Bottaro, presidente del gruppo

AIDO di Novi, che ha ricordato

l’importanza della donazione di

organi e ha sottolineato come la

nostra regione sia tra le più virtuose

in questo ambito, come

testimoniato anche da un recente

avvenimento proprio presso

l’Ospedale San Giacomo della

nostra città, dove una donna di

68 anni deceduta nei giorni scorsi

ha donato reni e fegato, salvando

così altre vite umane.

È seguita poi un’interessante

chiacchierata sul dialetto novese

e sulla sua storia a cui sono interventi

Maria Gabriella Gandini

che ha riletto alcune delle sue poesie

presenti nel calendario e ha

raccontato alcuni aneddoti di storia,

tra cui quello riguardante S.

Caterina da Genova che avrebbe

soggiornato per qualche tempo

alla Cascina Maccarina; il prof.

Sergio Tinello già preside del Liceo

Amaldi di Novi, che ha raccontato

come il dialetto novese

sia un dialetto di origine padana

con influenze liguri e franco-provenzali

e ha esemplificato questo

confrontando alcuni termini

dialettali con i corrispondenti

termini francesi; il notaio Gianluigi

Bailo che negli anni scorsi

si era fatto promotore e animatore

di alcune iniziative tese alla

valorizzazione e alla riscoperta

del dialetto novese, tra cui alcune

serate in cui si invitavano persone

che volessero fare chiacchierate

in dialetto, un intervento presso

le scuole primarie della città e la

realizzazione di un CD-ROM con

raccolta di testi dialettali; e il prof.

Pier Eligio Bertoli, cultore di storia

novese, che ha proposto due

poesie dialettali di Angelo Daglio,

uno dei maggiori poeti della

nostra città.

Al termine, un breve rinfresco ha

concluso la giornata.

AIDO NOVI

IL VINO TRA PAESAGGI E

CULTURA. TEMA TRATTATO

ALL'ENOTECA DI OVADA

Sabato 6 novembre 2021

all'Enoteca di Ovada (Al)

è stato presentato alle ore

18 il libro: “Donne fuori dalla

storia – Voci di un Monferrato da

scoprire”, un insieme di racconti

scritti da Cinzia Montagna su

personaggi storici considerati

minori ma per questo non meno

importanti.

Uno di questi racconti tratteggia

la figura della badessa Astesana

che nella seconda metà del Duecento

aveva reso celebre il convento

di Santa Maria di Bano

sul Monte Colma, che sotto i lei

era arrivato “ad ospitare oltre quaranta

monache e cinque o sei frati

conversi”, come si legge in una

ricerca storica a firma di Edilio

Riccardini, del quale oggi esistono

solo i resti.

L'autrice è una giornalista professionista

che collabora con Patrizio

Roversi nella stesura dei testi

di “Slow Tour Padano” e con il

Club di Papillon di Paolo Massobrio

in “Golosaria tra i castelli del

Monferrato”.

L'incontro organizzato Emiliana

Conti presidente del Circolo

culturale “I marchesi del Monferrato”

è stato arricchito da un interessante

intervento di Roberta

Lanero, nella sua qualità di sommelier

e membro del Coordinamento

Nazionale “Le donne del

vino”, sui futuri progetti di questa

associazione.

Erano altresì autorevolmente presenti

il sindaco di Tagliolo Monferrato,

Giorgio Marenco, lo storico

ovadese Edilio Riccardini e

l'archeologo Enrico Giannichedda

nella sua qualità di Direttore

dei lavori di scavo per recuperare

ciò che resta del convento che tra

il Duecento e il Quattrocento godeva

del suo splendore sul Monte

Colma All'incontro era presente

tra il pubblico anche il nostro impareggiabile

Giovanni Sanguineti

che ha donato al Cinzia Montagna

un suo acquerello "Vigneti

di Tagliolo" e il ritratto di Patrizio

Roversi.

Marta Calcagno

Via Paolo Giacometti, 52 - 15067 Novi Ligure (AL)

Tel. 0143.46569 - cell. 348.8085692 - redazione@inchiostrofresco.it

• Direttore responsabile: Marta Calcagno

• Trattamento dati: Gian Battista Cassulo

• Comitato di redazione:

Matteo Clerici (editoriali)

Luca Serlenga (Valli Stura e Orba)

Marta Calcagno (Rondinaria, Novi)

Fausto Cavo (Valle Scrivia)

Samantha Brussolo (Val Borbera, Valle Spinti)

Fausto e Giacomo Piombo (Videomakers)

• Presidente e Legale rappresentante

Gian Battista Cassulo

• Consiglio Direttivo:

Marta Calcagno,

Samantha Brussolo,

Giuseppina Croazzo,

Luca Serlenga

• Rubriche:

Fabiana Rovegno (Dalla vostra parte)

• Sport: Stefano Rivara

• Grafica e impaginazione in proprio:

Anna Barisone

grafica2@inchiostrofresco.it

“l’inchiostro fresco” è registrato presso:

Reg. Stampa AL n. 322 del 31/01/1985

R.O.C. n. 11700 del 12/02/1998

Iscr. online: n. 36 del 11/01/2016

Pubblicità raccolta in proprio: 327/616.48.87

Associazione “Club Fratelli Rosselli” editrice de “l’inchiostro fresco”

• Revisore dei Conti:

Dott. ssa Stefania Eligi

Club Fratelli Rosselli

Iscritto alla C.C.I.A.A. di Alessandria

al n° 226160 il 4/10/2005

P. IVA e C.F. 02096520065

www.inchiostrofresco.it - Tel. 0143/46.569

Redazione Valle Stura

e Alta Valle dell'Orba

• Coordinatore: Fausto Piombo

• Corrispondenti per la Valle Stura:

Luca Serlenga

• Corrispondente per Tiglieto,

Urbe e Sassello:

Giacomo Piombo

• Servizio video:

Fausto Piombo

Recapiti:

Fausto Piombo: 345.8281959

fpiombo62@gmail.com

Redazione Valle SCRIVIA,

BORBERA E LEMME

• Coordinatore: GB Cassulo

• Corrispondenti

per la Valle Scrivia:

Fausto Cavo

• Corrispondente

per la Val Borbera:

Samantha Brussolo

• Servizio video:

Genny Notarianni

Recapiti:

GB Cassulo: 327.6164887

redazione@inchiostrofresco.it

• Gestione sito e piattaforma digitale de "l'inchiostro fresco":

Ilenia Procopio, Lorenzo Muscarà


l’inchiostro fresco

1 - Novembre-Dicembre 2021

3

GIORNO DELL'UNITÀ NAZIONALE

E GIORNATA DELLE FORZE ARMATE

CENA "IN ROSSO":

"FAIR FOR HAIR"

Il 4 novembre il nostro Paese

ricorda l'Armistizio di Villa

Giusti – firmato a Padova tra

l’impero Austro-ungarico e l’Italia

il 3 novembre 1918 nella villa del

conte Vettor Giusti del Giardino

ed entrato in vigore il 4 novembre

1918 - che, con l’annessione dei

territori di Trento e Trieste, realizzò

il compimento il processo di

unificazione nazionale iniziato

in epoca risorgimentale, anche se

non venne rispettato quanto sancito

dal Patto di Londra.

Il governo italiano aveva infatti

segretamente (e all’insaputa del

Parlamento) stipulato il 26 aprile

1915 tra il governo italiano e i rappresentanti

della Triplice intesa

(Gran Bretagna – Francia e Russia)

stracciando di fatto gli accordi

della Triplice alleanza siglata

a Vienna il 20 maggio 1882 tra il

Regno d’Italia e la Germania e

l’Austria –Ungheria, che all’epoca

segnò la rottura con la Francia.

Ma le mancate concessioni territoriali

nella loro interezza siglate

con il Patto di Londra, e l’esclusione

di Fiume e della Dalmazia

dalle mire espansionistiche dell’Italia

sull’Adriatico, suscitarono

negli irredentisti più accesi un

moto di ribellione al grido della

cosiddetta Vittoria mutilata.

Il "SoCial News"

di Genny Notarianni

RRicordiamo ai nostri lettori che ogni venerdì, è in rete sulla

pagina online de "l'inchiostro fresco", l'edizione settimanale

del "SoCial News" condotto da Genny Notarianni.

Questo Tg rappresenta l'informazione-video settimanale della

Confederazione Italiana Agricoltori di Alessandria 8C.I.A.) ed

è diffuso in collaborazione con "l'inchiostro fresco". Al suo interno

tanti servizi video che raccontano di settimana in settimana l'agricoltura,

la tradizione e l'economia del nostro territorio.

La redazione

Il 4 novembre terminava in tal

modo e in modo eroico la Prima

Guerra Mondiale che costò al

nostro Paese oltre 680 mila morti

e più di 950 mila feriti.

Per onorare i sacrifici dei soldati

caduti a difesa della Patria il 4 novembre

1921 ebbe luogo la tumulazione

del "Milite Ignoto", nel

Sacello dell'Altare della Patria a

Roma.

Con il Regio decreto n.1354 del

23 ottobre 1922, il 4 Novembre fu

dichiarato Festa nazionale.

Sul sito ufficiale dell’Esercito si

legge: “In questa giornata si intende

ricordare, in special modo,

tutti coloro che, anche giovanissimi,

hanno sacrificato il bene

supremo della vita per un ideale

di Patria e di attaccamento al

dovere: valori immutati nel tempo,

per i militari di allora e quelli

di oggi”.

E in questo senso e con questo

spirito ieri, 4 novembre 2021, anche

ad Alessandria è stata ricordata

la data del completamento

dell’Unità nazionale e il Centenario

del Milite Ignoto.

Samantha Brussolo

Sabato 6 Novembre si è tenuta

l'ormai tradizionale

“Cena in Rosso” del Rotaract

Club Gavi Libarna presso il

Relais Villa Pomela; un appuntamento

che viene riproposto nella

sua sesta edizione. La serata si è

svolta piacevolmente, accompagnata

da un'atmosfera di colore

rosso, il tema della serata, rispettato

sia dai commensali grazie al

dettaglio caratteristico che ciascuno

di loro indossava, sia per

merito del delizioso menù prepa-

Novembre azzurro: il Rotary Club Gavi Libarna

coinvolge anche gli uomini nella prevenzione

La famosa azienda Automobili

Lamborghini, nota costruttrice

di auto sportive,

ha scelto quest'anno di sostenere

l'iniziativa mondiale nota come

Movember, che ha come logo

un paio di baffi, per ricordare la

necessità di fare prevenzione dei

tumori maschili (prostata, vescica,

testicolo).

L’attore Luca Zingaretti invece, a

tutti noto come il "Commissario

Montalbano", ha girato un video

per la Fondazione Umberto Veronesi,

per ricordare che la prevenzione

non è soltanto affare da

donne ma un vantaggio per tutte

e due le metà del cielo.

Nella nostra zona possiamo affermare

che anche il Rotary Club

Gavi Libarna ha deciso di proseguire

sulla stessa strada, dopo

aver appena terminato il service

delle visite senologiche gratuite

di Ottobre Rosa per le donne del

territorio di riferimento ha offerto

visite urologiche gratuite per il

mese di Novembre con l’iniziativa

Novembre azzurro.

Con il motto “Non è mai troppo

presto per fare la scelta giusta” è

stata così aperta la possibilità anche

al sesso maschile di usufruire

di un importante servizio di prevenzione.

Il Club ha regalato questa

opportunità alla Val Borbera,

territorio bellissimo che non

vuole rinunciare a vivere, a stare

bene, a guardare al futuro.

Quindi Sabato 27 novembre

2021, a Cabella Ligure, è stato

possibile per gli uomini sottoporsi

ad una visita urologica gratuita,

eventualmente accompagnata

da una ecografia.

Un’ottima iniziativa che ha coinvolto

questa volta gli uomini, storicamente

più reticenti alla cura

della propria salute.

Fausto Cavo

rato appositamente dallo Chef del

Relais per la serata. Durante questo

sabato autunnale si è festeggiato

la convivialità e lo spirito

dell’Associazione riscoprendone

la bellezza quasi dimenticata durante

l’ultimo anno di pandemia.

Le aziende locali Azienda Agricola

Magda Pedrini, Azienda

Agricola Alvio Pestarino, Sassobraglia

Azienda Agricola di Fabio

Cogo e Tenuta San Lorenzo

hanno contribuito alla riuscita

della serata offrendo le bottiglie

di vino rosso; questa usanza da

parte del Club Rotaract valorizza

il territorio permettendo agli

ospiti provenienti da tutto il basso

Piemonte e Liguria di assaporare

e conoscere i prodotti locali.

Il ricavato della serata è stato poi

devoluto al progetto A.P.I.N.

(Azione di pubblico interesse

nazionale) “Fair for Hair” del

Distretto Rotaract 2032, che si

occupa di acquistare delle parrucche

per pazienti oncologiche

al fine di semplificare, seppur in

minima parte, il loro percorso di

cura.

Nel pomeriggio della stessa giornata

invece il Club ha effettuato

una raccolta di coperte per gli

amici a quattro zampe del Canile

di Novi Ligure al fine di sopperire

all’imminente freddo invernale

che li aspetta. I volontari del

canile sono stati molto contenti

della partecipazione e, in occasione

della consegna, il Presidente

del Club Umberto Semino ha

scambiato con loro il gagliardetto

dell’associazione.

Fausto Cavo


Vendita dir

in BOTTIGLIA

Confezio

CONSEGNE A

4

l’inchiostro fresco

1 - Novembre-Dicembre 2021

Quest’anno

saranno

Trascorretele co

Via Martiri della Resistenza, 48

Tel. e fax 0131 710131 www.cantinama

Orario: dal Lunedi al Sabato 8

More magazines by this user
Similar magazines