06.02.2023 Views

Vado e Torno 2023-02

Su questo numero di Vado e Torno: - STY. Ford E-Transit vince il Van 2023 - Anteprime. Tatra sbarca in cava con l’R46 - Prove. DAF XG Plus 530 – Fiat E-Doblò - Dakar. IVECO trionfa con Van Kasteren e monopolizza il podio - Racing. Si allunga il calendario dell’ETRC - Governo. Salvini alla guerra del Brennero

Su questo numero di Vado e Torno:
- STY. Ford E-Transit vince il Van 2023
- Anteprime. Tatra sbarca in cava con l’R46
- Prove. DAF XG Plus 530 – Fiat E-Doblò
- Dakar. IVECO trionfa con Van Kasteren e monopolizza il podio
- Racing. Si allunga il calendario dell’ETRC
- Governo. Salvini alla guerra del Brennero

SHOW MORE
SHOW LESS

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

VADO E TORNO EDIZIONI www.vadoetorno.com ISSN 0042 2096 Poste Italiane s.p.a. - SPED. IN A. P. - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/<strong>02</strong>/2004 n° 46) art. 1, comma 1, LO/MI<br />

elettrico<br />

senza<br />

limiti<br />

STY FORD E-TRANSIT VINCE IL VAN <strong>2<strong>02</strong>3</strong> ● ANTEPRIME TATRA<br />

SBARCA IN CAVA CON L’R46 ● PROVE DAF XG PLUS 530 - FIAT<br />

E-DOBLÒ ● DAKAR IVECO TRIONFA CON VAN KASTEREN E<br />

MONOPOLIZZA IL PODIO ● RACING SI ALLUNGA IL CALENDARIO<br />

DELL’ETRC ● GOVERNO SALVINI ALLA GUERRA DEL BRENNERO<br />

FEBBRAIO<br />

<strong>2<strong>02</strong>3</strong><br />

MENSILE<br />

€ 3,00<br />

Prima immissione:<br />

5 febbraio <strong>2<strong>02</strong>3</strong><br />

2


febbraio<br />

A INCUBO<br />

vado e torno n° 2 - <strong>2<strong>02</strong>3</strong> - anno 62° - www.vadoetornoweb.com<br />

Periscopio<br />

Germania, la Maut è un caos 7<br />

Addio Gefco, arriva Ceva Logistics 7<br />

Cosa temono le aziende di trasporto 7<br />

Ikea, consegne più green 8<br />

L<br />

’incubo ha una data d’inizio, ma non<br />

Londra val bene una multa 8<br />

ancora quella di ne. Giovedì 20 febbraio<br />

torna 2<strong>02</strong>0 a nel marzo pronto soccorso di Co-<br />

8<br />

Letexpo<br />

dogno Il sondaggio viene individuato del mese il ‘paziente uno’. 8<br />

Dal Gli italiani 9 marzo e al l’e-commerce 5 maggio, il lockdown duro. 9<br />

Primavera Autisti cercansi ed estate: in Polonia si tira il ato. L’autunno 9<br />

porta con sé una nuova vampata di emergenza.<br />

Imbarco<br />

Il<br />

vietato<br />

3 novembre<br />

agli elettrici<br />

la cartina del paese<br />

9<br />

si Bomi tinge Group in giallo, sbarca arancione, a Madrid rosso. Segue 9<br />

l’allentamento Con il Semi Musk pre natalizio, ha fatto flop? le vacanze ‘con 10<br />

deroghe’, Stellantis vuole un 2<strong>02</strong>1 volare iniziato nel peggiore 10 dei<br />

Il piano colonnine in Austria 10<br />

Brevi: Airp, digitale, pallet 10<br />

Velox hi-tech in Francia 11<br />

Svizzera, la bisarca è elettrificata 11<br />

Maersk e Msc non più amici 11<br />

Riempiamo i treni di merci 11<br />

Politica<br />

Al Brennero si va in trincea 12<br />

Più competitività per l’intermodale 13<br />

Dagli al benzinaio 14<br />

Alis si allarga nella finanza 15<br />

Infrastrutture<br />

Siamo sulla strada giusta? 16<br />

Il costo delle priorità 18<br />

Così la mappa definitiva 18<br />

Anteprima<br />

In cava con il Tatra R46 19<br />

Se Allison dà il valore aggiunto 21<br />

Prova<br />

Fiat eDoblò 22<br />

Prova verità<br />

Daf Xg Plus 530 30<br />

Tutti i camion sono decorati 32<br />

La carta d’identità 32<br />

In Piemonte solo qualificati 33<br />

Seguici sui nostri social<br />

Facebook<br />

<strong>Vado</strong> e <strong>Torno</strong><br />

Instagram<br />

vadoetornotrucks<br />

19<br />

modi. Inutile dilungarsi, la cronaca è recente<br />

e impressa nella mente di tutti.<br />

Il piccolo osservatorio dei dati Analytics di<br />

Autobusweb.com rende l’idea di come il<br />

Covid abbia impattato sul settore e stravolto<br />

ogni tipo di priorità: nove dei dieci articoli<br />

più letti del 2<strong>02</strong>0 sono legati a vario titolo<br />

alla macrotematica ‘conseguenze del Covid<br />

sul mondo del trasporto’.<br />

La cronologia di un anno di Covid<br />

24 febbraio. Il Flixbus bloccato per un colpo<br />

di tosse. Il Coronavirus sale sull’autobus.<br />

Il conducente (italiano) tossisce, il Flixbus<br />

viene bloccato dalla telefonata di una passeggera<br />

che, nei pressi di Lione, avverte la<br />

polizia. Il driver viene caricato in ambulanza<br />

e ricoverato. Il mezzo bloccato all’autostazione<br />

Lyon-Perrache, isolato all’interno di<br />

un perimetro di sicurezza. Il tampone darà<br />

risultato negativo. Ma questo conta poco: la<br />

vita quotidiana non sarà più la stessa. È un<br />

piccolo assaggio della valanga che ci travolgerà.<br />

Il giorno prima era scattato lo stop ai<br />

viaggi d’istruzione.<br />

La settimana successiva (dal 24 febbraio al<br />

3 marzo: il lockdown nazionale non è ancora<br />

in vigore) vede il primo calo verticale<br />

dei biglietti tpl.<br />

‘Sanicazione’ diventa rapidamente la parola<br />

d’ordine di un settore costretto a corse<br />

vertiginose per adeguare mezzi e servizi al<br />

clima di insicurezza, mentre i numeri dei<br />

passeggeri colano a picco e l’emorragia<br />

30<br />

di<br />

entrate legate alla tariffazione diventa sempre<br />

più grave. A metà marzo Cotral si fa i<br />

conti in tasca: le perdite, rispetto a marzo<br />

2019, si assestano attorno ai 600mila euro.<br />

I ricavi da titoli di viaggio stanno a -83%.<br />

Sempre a metà marzo, Atm registra un calo<br />

dei passeggeri Sty che <strong>2<strong>02</strong>3</strong> è arrivato a segnare<br />

-92%. Ford L’offerta? E-Transit Rimodulata è Van dell’anno a quota 38 75%.<br />

In media, Never durante ending il lockdown, story 40un risicato<br />

10 per cento di passeggeri si serve del tpl,<br />

tenendo<br />

Niente<br />

come riferimento<br />

ansia da ricarica<br />

i livelli<br />

42<br />

medi pre-<br />

Covid. A bordo massima efficienza 44<br />

Dicevamo: sanicazione. Il ‘Protocollo di<br />

regolamentazione per il contenimento della<br />

diffusione del Covid-19 nel settore del trasporto<br />

Truck e della racing logistica’ rmato dal Ministero<br />

Le delle gare Infrastrutture nel <strong>2<strong>02</strong>3</strong> sono e dei Trasporti nove entra 34 in<br />

vigore il 14 marzo. L’igienizzazione quotidiana<br />

dei mezzi diventa un imperativo. Sul<br />

Tutti i circuiti dell’Etrc 36<br />

mercato occano le proposte di prodotti ad<br />

hoc: fotocatalisi, raggi ultravioletti, ozono,<br />

e via dicendo.<br />

LinkedIn<br />

Sempre il 14 marzo<br />

<strong>Vado</strong> e<br />

vengono<br />

<strong>Torno</strong><br />

«ridotti sulla<br />

base delle effettive esigenze e al ne di as-<br />

AFTERMARKET TRUCK IN LEGGERO RIALZO<br />

Il mercato aftermarket truck ha fatto registrare<br />

nel 2<strong>02</strong>2 un leggero rialzo (più 3 per cento)<br />

rispetto all’anno precedente. Bene il comparto<br />

motore-trasmissione e il sotto-telaio; male,<br />

invece, la famiglia dei prodotti sopra-telaio. A metà<br />

marzo<br />

2<strong>02</strong>0 Cotral<br />

si fa i<br />

conti in tasca:<br />

le perdite,<br />

rispetto<br />

a marzo<br />

2019, si<br />

assestano<br />

attorno ai<br />

600mila<br />

euro. I ricavi<br />

da titoli<br />

di viaggio<br />

stanno<br />

a -83%.<br />

Sempre a<br />

metà marzo,<br />

Atm<br />

registra un<br />

calo dei<br />

passeggeri<br />

che<br />

è<br />

48<br />

arrivato<br />

a segnare<br />

-92%.<br />

In media,<br />

durante il<br />

lockdown,<br />

un risicato<br />

10 per<br />

cento di<br />

passeggeri<br />

si serve del<br />

tpl, tenendo<br />

come<br />

Dakar riferimento<br />

Iveco domina la 45 a i<br />

edizione<br />

livelli medi<br />

48<br />

Promossi e bocciati pre-Covid. 51<br />

Storico tris del Powerstar 53<br />

Trucknews<br />

Scania e le tute blu next gen 54<br />

Volta Trucks parte nel <strong>2<strong>02</strong>3</strong> 54<br />

YouTube<br />

<strong>Vado</strong> e <strong>Torno</strong> Edizioni<br />

TikTok<br />

<strong>Vado</strong>etornoTrucks<br />

13 3


VADO E TORNO EDIZIONI<br />

www.vadoetorno.com - ISSN 0042 - Poste<br />

Italiane s.p.a. - Sped. in a. p. - D.L. 353/2003 (conv.<br />

in L. 27/<strong>02</strong>/2004 n° 46) art. 1, comma 1, LO/MI<br />

GENNAIO N. 1 - <strong>2<strong>02</strong>3</strong><br />

ANNO 32°- euro 5,00<br />

Prima immissione:<br />

9 gennaio <strong>2<strong>02</strong>3</strong><br />

N.1 - <strong>2<strong>02</strong>3</strong> ANNO 28°<br />

GENNAIO<br />

VADO E TORNO EDIZIONI<br />

www.vadoetorno.com<br />

ISSN 0042 - Poste Italiane s.p.a. - Sped. in a. p.<br />

D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/<strong>02</strong>/2004 n° 46)<br />

art. 1, comma 1, LO/MI<br />

febbraio<br />

PORTO DI RAVENNA, CHE NUMERI<br />

Dopo un 2<strong>02</strong>1 molto positivo, il 2<strong>02</strong>2 del<br />

porto di Ravenna ha superato le aspettative:<br />

27,4 milioni di tonnellate di merci<br />

movimentate rispetto ai 27,1 del 2<strong>02</strong>1.<br />

LEGGI<br />

Piero Filippi<br />

Brevi:Vw, Mercedes, Iveco, Ford 55<br />

Daimler vola nel 2<strong>02</strong>2 56<br />

Man for fresch, il tour 56<br />

Daf allarga la fabbrica a Eindhoven 56<br />

Tre Nikola fuel cell in Germania 56<br />

Volvo fa 500 cv col biogas 57<br />

È Navistar a ‘trainare’ Traton 57<br />

Ford Pro alla carica in Europa 57<br />

Cento e-truck Man a Db Schenker 57<br />

Green deal<br />

Non decollano i van elettrici 58<br />

Guida autonoma Volvo-Waab 59<br />

Brevi: Britishvolt, Stellantis, trend 59<br />

È Hyla l’idrogeno Nikola 60<br />

Bp pulse per l’asse Reno-Alpi 60<br />

Il Tesla Semi si fa in Nevada 60<br />

A Torino la laurea sull’idrogeno 60<br />

A tutto carico<br />

Per i trailer un <strong>2<strong>02</strong>3</strong> da ricordare 62<br />

La volata dei tedeschi 62<br />

Kässbohrer fa il bis in Italia 63<br />

Il Gruppo Krone oltre i 2,5 miliardi 63<br />

Sul podio<br />

del<br />

mercato<br />

IN QUESTO NUMERO<br />

NUMERI E TREND DEL MERCATO AUTOBUS<br />

E FILOBUS 2<strong>02</strong>2, TESTA A TESTA TRA MIILD<br />

HYBRID, FOCUS SULL’ISUZU NOVOCITI LIFE,<br />

IL TPL ELETTRICO DI DOHA, I CANDIDATI<br />

AL TENDER ELETTRICO CONSIP<br />

VADO E TORNO EDIZIONI www.vadoetorno.com ISSN 0042 2096 Poste Italiane s.p.a. - SPED. IN A. P. - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/<strong>02</strong>/2004 n° 46) art. 1, comma 1, LO/MI<br />

STY I VINCITORI DEGLI AWARDS <strong>2<strong>02</strong>3</strong> ● MERCATO CORRE<br />

SULLE MONTAGNE RUSSE MA SI FESTEGGIA ● DECARBON SI FA<br />

PRESTO A DIRE ELETTRICO ● SUPERTEST DAF-RENAULT- SCANIA<br />

RIVOLUZIONATO IL PODIO ● DAKAR LA PRIMA VOLTA SENZA<br />

KAMAZ ● GOVERNO E ASSOCIAZIONI È COLPO DI FULMINE<br />

due volte<br />

in<br />

in vetta<br />

GENNAIO<br />

<strong>2<strong>02</strong>3</strong><br />

MENSILE<br />

€ 3,00<br />

Dal 1962 tutte le novità del mondo del<br />

trasporto merci su gomma con anteprime, prove,<br />

allestimenti, accessori costi di esercizio e listini<br />

AUTOBUS<br />

PER 1 ANNO: Euro 37<br />

AUTOBUS<br />

PER 2 ANNI: Euro 67<br />

L’unico mensile del trasporto collettivo su strada<br />

che mette a confronto prestazioni ed economia di<br />

esercizio nel pubblico e nel privato<br />

AUTOBUS<br />

PER 3 ANNI: Euro 100<br />

1<br />

64<br />

VADO E TORNO<br />

PER 1 ANNO: Euro 30<br />

VADO E TORNO<br />

PER 2 ANNI: Euro 54<br />

VADO E TORNO<br />

PER 3 ANNI: Euro 81<br />

VADO E TORNO EDIZIONI - www.vadoetorno.com - ISSN 1720-3503 - Poste Italiane s.p.a. - Sped. in a. p. - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/<strong>02</strong>/2004 n° 46) art. 1, comma 1, LO/ MI - EURO 3,50<br />

Le macchine per l’agricoltura ai raggi X.<br />

Ogni mese prove sul campo, anticipazioni,<br />

manifestazioni, inchieste e listini<br />

abbonati subito<br />

visita il sito<br />

www.vadoetorno.com<br />

scopri le offerte per chi si abbona a più riviste<br />

e approfitta dello<br />

sconto del 10%<br />

pagando con carta di credito o Paypal<br />

oppure telefona allo<br />

<strong>02</strong> 55230950<br />

66<br />

Van&pick-up<br />

Opel Vivaro-e Hydrogen 64<br />

Ford Pro vita da leader 65<br />

Il Trafic Red di Renault Trucks 66<br />

Renault fa il botto con i van 67<br />

Il primo Lng<br />

CNH TECH DAY: REPORTAGE DA PHOENIX. TUTTE LE NEW ENTRY<br />

SPECIALE: IBRIDI ED ELETTRICI. COSA OFFRE IL MERCATO<br />

Costi<br />

Ma il <strong>2<strong>02</strong>3</strong> sarà meglio 68<br />

Correva l’Anno<br />

La prima volta del Fiat Doblò 82<br />

Rubriche<br />

Leggi 5. In due parole 5. In diretta<br />

dall’Europa 6. Listino degli alternativi<br />

72. Listino dei commerciali 74. Listino<br />

dei pick-up 80. Fisco 81.<br />

POWERTRAIN-Diesel<br />

PER 1 ANNO: Euro 35<br />

POWERTRAIN-Diesel<br />

PER 2 ANNI: Euro 63<br />

POWERTRAIN-Diesel<br />

PER 3 ANNI: Euro 94<br />

GENNAIO-FEBBRAIO<br />

<strong>2<strong>02</strong>3</strong><br />

N°1-2<br />

EURO 5,00<br />

Il bello<br />

della catena<br />

AUTOMOTIVE<br />

LE INTEPRETAZIONI<br />

DELL’EURO 7<br />

CONFRONTO<br />

SCANIA SFODERA L’ASSO<br />

E SPARIGLIA GLI 11 LITRI<br />

CNH TECH DAY<br />

SUL TRATTORE ELETTRICO<br />

E SU QUELLO A GNL<br />

L’unica rivista di “powertrain”, declinato in tutte le sue<br />

applicazioni. L’osservatorio privilegiato per comprendere le<br />

evoluzioni della catena cinematica.<br />

TRATTORI<br />

PER 1 ANNO: Euro 34<br />

TRATTORI<br />

PER 2 ANNI: Euro 61<br />

TRATTORI<br />

PER 3 ANNI: Euro 92<br />

CALENDARIO <strong>2<strong>02</strong>3</strong><br />

Quei giorni del<br />

riposo<br />

Due in più dell’anno<br />

scorso e le regole<br />

non sono cambiate<br />

Il ministero delle Infrastrutture<br />

e delle<br />

mobilità sostenibili, il<br />

13 dicembre scorso, ha<br />

pubblicato, nel suo sito,<br />

il calendario per le limitazioni<br />

alla circolazione<br />

stradale fuori dai centri<br />

abitati nell’anno <strong>2<strong>02</strong>3</strong><br />

per i veicoli di massa<br />

superiore a 7,5 tonnellate<br />

che trasportano cose,<br />

i veicoli eccezionali e i<br />

trasporti in condizioni di<br />

eccezionalità, anche se<br />

non adibiti al trasporto<br />

di cose eppure in possesso<br />

dell’autorizzazione di<br />

cui all’articolo 10, comma<br />

6, del Codice della<br />

strada e anche ai trattori<br />

stradali, quando viaggiano<br />

isolati, per i quali, ai<br />

fini del presente decreto,<br />

IN DUE PAROLE<br />

l Prorogati i termini<br />

di presentazione<br />

dell’Autodichiarazione<br />

“Aiuti di Stato”<br />

della sezione<br />

3.1 e della Sezione<br />

3.12. Lo stabilisce<br />

il provvedimento<br />

439400 dell’Agenzia<br />

delle entrate del<br />

29 novembre 2<strong>02</strong>2.<br />

l Non è stato convertito<br />

in legge il<br />

decreto 153 del 20<br />

ottobre 2<strong>02</strong>2 che<br />

prevedeva «Misure<br />

urgenti in materia di<br />

accise e Iva sui carburanti.»<br />

(Gazzetta<br />

ufficiale 297 del 21<br />

la massa di riferimento è<br />

la tara, o la massa complessiva<br />

a pieno carico<br />

decurtata del massimo<br />

carico sulla ralla.<br />

Sono in genere confermate<br />

le regole e le<br />

eccezioni dello scorso<br />

anno.<br />

GIORNI VIETATI<br />

È vietata, come sempre,<br />

la circolazione dei mezzi<br />

pesanti tutte le domeniche<br />

dei mesi di gennaio,<br />

febbraio, marzo, aprile,<br />

maggio, ottobre, novembre<br />

e dicembre dalle ore<br />

9 alle 22, mentre le domeniche<br />

estive, cioè nei<br />

mesi di giugno, luglio,<br />

agosto e settembre, il<br />

divieto inizia alle ore 7<br />

e termina alle 22.<br />

Confermati anche i divieti<br />

di circolazione nei<br />

sabati dei mesi di luglio<br />

e agosto dalle 8 alle 16,<br />

tranne il 5 e il 12 agosto<br />

in cui il fermo inizia alle<br />

8 e termina alle 22.<br />

Non si può viaggiare,<br />

per festività:<br />

a aprile, venerdì 7 (dalle<br />

14 alle 22), sabato 8<br />

(dalle 9 alle 16), lunedì<br />

10 (dalle 9 alle 22) e<br />

martedì 19 (dalle 9 alle<br />

14) per le feste pasquali<br />

e martedì 25 festa della<br />

liberazione (dalle 9 alle<br />

22);<br />

a maggio, lunedì 1 festa<br />

dei lavoratori (dalle<br />

9 alle 22);<br />

a giugno, venerdì 2<br />

festa della Repubblica<br />

(dalle 7 alle 22);<br />

a novembre, mercoledì<br />

1 festa di Tutti i Santi<br />

(dalle 9 alle 22);<br />

a dicembre, venerdì 8<br />

festa dell’Immacolata<br />

concezione (dalle 9 alle<br />

22), lunedì 25 (dalle 9<br />

alle 22) per il Natale e<br />

martedì 26 (dalle 9 alle<br />

22) per Santo Stefano.<br />

Per le vacanze estive<br />

dicembre 2<strong>02</strong>2).<br />

l Con la deliberazione<br />

8 del 15<br />

dicembre 2<strong>02</strong>2 è<br />

stato modificato l’adeguamento<br />

della<br />

capacità finanziaria<br />

per le imprese<br />

iscritte all’Albo nella<br />

categoria 6 (trasporti<br />

transfrontalieri)<br />

previsto dalla<br />

deliberazione 3 del<br />

13 luglio 2016.<br />

l È partito il 1° gennaio<br />

<strong>2<strong>02</strong>3</strong> il sistema<br />

elettronico integrato<br />

RO e-Transport per<br />

il trasporto stradale<br />

di merci con la Romania.<br />

l L’Agenzia delle<br />

entrate, con la risoluzione<br />

72/E del<br />

12 dicembre 2<strong>02</strong>2,<br />

ha reso noti i codici<br />

tributo per l’utilizzo<br />

in compensazione,<br />

tramite modello<br />

F24, dei crediti<br />

d’imposta a favore<br />

delle imprese come<br />

parziale compensazione<br />

dei maggiori<br />

oneri effettivamente<br />

sostenuti per<br />

l’acquisto di energia<br />

elettrica e gas<br />

naturale nel mese<br />

di dicembre 2<strong>02</strong>2.<br />

i giorni vietati perché<br />

considerati particolarmente<br />

critici per la circolazione<br />

stradale sono:<br />

venerdì 21 luglio e venerdì<br />

28 luglio (dalle 16<br />

alle 22), venerdì 5 agosto<br />

e venerdì 11 agosto<br />

(dalle 16 alle 22) e martedì<br />

15 agosto (dalle 7<br />

alle 22).<br />

ESTERO<br />

Per i veicoli provenienti<br />

dall’estero, muniti di<br />

idonea documentazione<br />

attestante l’origine del<br />

viaggio e la destinazione<br />

del carico, i divieti<br />

iniziano quattro ore dopo,<br />

e per quelli con un<br />

solo conducente, qualora<br />

il periodo di riposo<br />

giornaliero termini dopo<br />

l’inizio del divieto,<br />

il posticipo decorre dal<br />

termine del periodo di<br />

riposo.<br />

Per i veicoli diretti<br />

all’estero, muniti di documentazione<br />

attestante<br />

la destinazione del carico,<br />

l’orario di termine<br />

del divieto è anticipato<br />

di due ore.<br />

I veicoli provenienti<br />

o diretti alla Repubblica<br />

di San Marino e<br />

alla Città del Vaticano<br />

sono assimilati ai veicoli<br />

provenienti o diretti<br />

all’interno del territorio<br />

nazionale.<br />

ISOLE<br />

Per i veicoli provenienti<br />

o diretti in Sardegna,<br />

muniti di documentazione<br />

attestante la destinazione<br />

del viaggio,<br />

il termine del divieto è<br />

anticipato di quattro ore.<br />

Per i veicoli che<br />

circolano in Sardegna,<br />

provenienti dalla rimanente<br />

parte del territorio<br />

nazionale, purché muniti<br />

di documentazione attestante<br />

l’origine del viaggio,<br />

l’orario di inizio del<br />

divieto è posticipato di<br />

quattro ore.<br />

Per i veicoli che<br />

circolano in Sardegna,<br />

diretti ai porti dell’Isola<br />

per imbarcarsi sui<br />

traghetti diretti verso la<br />

rimanente parte del territorio<br />

nazionale, purché<br />

muniti della documentazione<br />

attestante la destinazione<br />

del viaggio e di<br />

lettera di prenotazione<br />

o titolo di viaggio per<br />

l’imbarco, il divieto non<br />

si applica. Per i veicoli<br />

che circolano in Sicilia,<br />

provenienti dalla rimanente<br />

parte del territorio<br />

nazionale che si avvalgono<br />

di traghettamento,<br />

a eccezione di quelli che<br />

usufruiscono dei porti di<br />

Reggio Calabria e Villa<br />

San Giovanni e il cui<br />

itinerario ha origine in<br />

Calabria, purché muniti<br />

della documentazione<br />

attestante l’origine del<br />

viaggio, l’orario di inizio<br />

del divieto è posticipato<br />

di quattro ore.<br />

Per i veicoli che circolano<br />

in Sicilia, diretti<br />

verso la rimanente parte<br />

del territorio nazionale<br />

che si avvalgono di traghettamento,<br />

a eccezione<br />

di quelli diretti verso<br />

la Calabria attraverso i<br />

porti di Reggio Calabria<br />

e Villa San Giovanni,<br />

purché muniti della documentazione<br />

attestante<br />

la destinazione del<br />

viaggio e di lettera di<br />

prenotazione o titolo di<br />

viaggio per l’imbarco,<br />

il divieto non si applica.<br />

Per tenere conto delle<br />

difficoltà connesse con<br />

le operazioni di traghettamento<br />

da e per la Calabria<br />

attraverso i porti<br />

di Reggio Calabria e<br />

Villa San Giovanni, per<br />

i veicoli provenienti o<br />

diretti in Sicilia, purché<br />

muniti della documentazione<br />

attestante l’origine<br />

e la destinazione del<br />

viaggio, l’orario di inizio<br />

del divieto è posticipato<br />

di due ore e l’orario<br />

di termine del divieto è<br />

anticipato di due ore.<br />

5


INTERMODALE<br />

Per agevolare il trasporto<br />

intermodale sono<br />

esclusi dai divieti i<br />

veicoli impiegati in trasporti<br />

intermodali diretti<br />

ai porti per utilizzare le<br />

‘autostrade del mare’,<br />

così come i veicoli adibiti<br />

al trasporto di merci<br />

destinate al trasporto<br />

aereo da e per gli aeroporti<br />

nazionali e internazionali,<br />

purché muniti di<br />

idonea documentazione<br />

attestante il carico e scarico<br />

delle merci.<br />

Non è stata modificata,<br />

rispetto agli anni<br />

scorsi, l’esclusione dai<br />

divieti per i veicoli e<br />

i complessi di veicoli<br />

carichi impiegati in trasporti<br />

combinati stradarotaia<br />

o strada-mare,<br />

purché muniti di documentazione<br />

che attesta il<br />

trasporto combinato. La<br />

tratta stradale iniziale o<br />

terminale non deve superare<br />

però i 150 km in<br />

linea d’aria dal porto o<br />

dalla stazione ferroviaria<br />

di imbarco o di sbarco.<br />

I divieti non si applicano<br />

anche per i veicoli<br />

impiegati in trasporti intermodali<br />

aventi origine<br />

e destinazione all’interno<br />

dei confini nazionali,<br />

purché muniti di idonea<br />

documentazione attestante<br />

la destinazione o<br />

la provenienza del carico<br />

e di prenotazione<br />

o titolo di viaggio per<br />

l’imbarco.<br />

Le limitazioni alla<br />

circolazione terminano<br />

quattro ore prima per i<br />

veicoli che trasportano<br />

merci o unità di carico,<br />

dirette all’estero, in viaggio<br />

verso gli interporti di<br />

importanza nazionale:<br />

Bari, Bologna, Catania,<br />

Cervignano (Ud), Iesi<br />

(An), Livorno, Marcianise<br />

(Ce), Nola (Na),<br />

Novara, Orte (VT), Padova,<br />

Parma, Pescara,<br />

Prato, Rivalta Scrivia<br />

(Al), Torino, <strong>Vado</strong> Ligure<br />

(Sv), Venezia, Verona,<br />

o verso i terminal intermodali<br />

collocati in posizione<br />

strategica: Busto<br />

Arsizio (Va), Domodossola<br />

(Vb), Melzo (Mi),<br />

Milano smistamento,<br />

Mortara (Pv), Portogruaro<br />

(Ve), Rovigo, Trento,<br />

Trieste, Voltri (Ge).<br />

L’anticipo di quattro<br />

ore si applica anche per<br />

veicoli che trasportano<br />

unità vuote (container,<br />

cassa mobile, semirimorchio),<br />

nonché ai<br />

complessi veicolari scarichi,<br />

destinati all’estero<br />

tramite gli stessi interporti,<br />

porti e aeroporti,<br />

purché muniti di idonea<br />

documentazione, quale<br />

l’ordine di spedizione,<br />

attestante la destinazione<br />

delle unità di carico.<br />

TRATTORI ISOLATI<br />

I trattori stradali di massa<br />

superiore a 7,5 ton,<br />

quando viaggiano isolati,<br />

possono circolare<br />

nei giorni di divieto per<br />

il viaggio di rientro in<br />

sede, ma solo se sono<br />

stati già sganciati dal<br />

semirimorchio in sede di<br />

riconsegna per la prosecuzione<br />

del trasporto<br />

della merce attraverso<br />

il sistema intermodale e<br />

sono muniti della documentazione<br />

che attesta<br />

l’avvenuta riconsegna.<br />

Il divieto non si applica<br />

per i veicoli adibiti<br />

ai seguenti servizi<br />

pubblici (rifiuti, posta,<br />

forniture acqua e gas<br />

ecc.) anche se circolano<br />

scarichi.<br />

VEICOLI ‘D’<br />

Sono esclusi dai divieti<br />

anche quando circolano<br />

scarichi i veicoli: adibiti<br />

al trasporto di acqua<br />

per uso domestico e al<br />

trasporto di latte fresco,<br />

prodotti alimentari<br />

deteriorabili che richiedono<br />

o no il trasporto<br />

LEGGI<br />

Piero Filippi<br />

IN DIRETTA DALL’EUROPA<br />

l La Commissione<br />

europea, con<br />

il Regolamento<br />

2<strong>02</strong>2/2383 del 6<br />

dicembre 2<strong>02</strong>2,<br />

modifica il regolamento<br />

582/2011<br />

in merito all’omologazione<br />

delle<br />

emissioni dei veicoli<br />

pesanti che<br />

utilizzano biodiesel<br />

puro (Gazzetta<br />

ufficiale europea<br />

L315 del 7 dicembre<br />

2<strong>02</strong>2).<br />

in regime di Atp, fiori<br />

recisi, animali vivi destinati<br />

alla macellazione<br />

o provenienti dall’estero,<br />

sottoprodotti derivati<br />

dalla macellazione degli<br />

animali, pulcini destinati<br />

all’allevamento, uova da<br />

cova, sementi vivi.<br />

Tutti questi veicoli<br />

devono essere muniti sul<br />

retro e sulle fiancate di<br />

cartelli indicatori verdi<br />

con impressa la lettera<br />

‘d’ minuscola.<br />

VEICOLI ‘A’<br />

Possono essere esclusi<br />

dai divieti, previa autorizzazione<br />

prefettizia, i<br />

veicoli che trasportano<br />

prodotti che per la loro<br />

intrinseca natura o per<br />

fattori climatici e stagionali<br />

sono soggetti a<br />

un rapido deperimento,<br />

i veicoli che eseguono<br />

trasporti di assoluta e<br />

comprovata necessità e<br />

i veicoli impiegati per<br />

esigenze legate ai cicli<br />

continui di produzione<br />

industriale. Sono dispensati<br />

dal divieto anche i<br />

veicoli e i complessi veicolari<br />

adibiti ai servizi<br />

postali e al trasporto di<br />

carburanti e combustibili,<br />

liquidi e gassosi,<br />

destinati alla distribuzione<br />

e al consumo, i<br />

l La decisione<br />

2<strong>02</strong>2/2417 del<br />

Consiglio europeo<br />

che stabilisce<br />

la conclusione,<br />

a nome dell’Unione<br />

europea,<br />

dell’accordo tra<br />

l’Unione europea<br />

e la Repubblica<br />

di Moldova inerente<br />

il trasporto<br />

di merci su strada<br />

è pubblicata nella<br />

Gazzetta ufficiale<br />

europea L318 del<br />

veicoli eccezionali o di<br />

trasporti in condizioni<br />

di eccezionalità, limitatamente<br />

a specifiche<br />

autorizzazioni per viaggi<br />

singoli il cui transito<br />

non possa essere programmato<br />

al di fuori<br />

del periodo di vigenza<br />

del divieto, o non possa<br />

essere interrotto.<br />

I veicoli autorizzati<br />

alla circolazione in deroga<br />

devono essere muniti<br />

di cartelli indicatori<br />

di colore verde, con impressa<br />

in nero la lettera<br />

‘a’ minuscola.<br />

REVISIONI E GUASTI<br />

I veicoli prenotati per<br />

le revisioni sono, come<br />

sempre, esclusi dai<br />

divieti (limitatamente a<br />

quelli nei giorni feriali).<br />

La stessa regola vale<br />

anche per i veicoli<br />

che, a causa di urgenti<br />

e comprovate necessità,<br />

richiedono l’intervento<br />

di un’officina di riparazione<br />

con sede fuori dal<br />

centro abitato in cui ha<br />

sede l’impresa e i veicoli<br />

che all’inizio del<br />

divieto si trovano a una<br />

distanza non superiore<br />

a 50 km dalla sede cui<br />

stanno facendo ritorno<br />

(l’esclusione non vale<br />

sulle autostrade).<br />

12 dicembre 2<strong>02</strong>2.<br />

l La decisione europea<br />

2<strong>02</strong>2/2435<br />

del Consiglio europeo,<br />

relativa<br />

alla conclusione, a<br />

nome dell’Unione<br />

europea, dell’accordo<br />

tra l’Unione<br />

europea e l’Ucraina<br />

sul trasporto di<br />

merci su strada è<br />

pubblicata nella<br />

Gazzetta ufficiale<br />

europea L319 del<br />

13 dicembre 2<strong>02</strong>2.<br />

MERCI PERICOLOSE<br />

Il trasporto di merci<br />

pericolose appartenenti<br />

alle classi 1 (esplosivi)<br />

e 7 (materiali fissili e<br />

radioattivi), individuate<br />

nell’accordo internazionale<br />

per il trasporto di<br />

merci pericolose Adr, è<br />

vietato per qualunque<br />

quantità di merce trasportata,<br />

indipendentemente<br />

dalla massa complessiva<br />

massima del<br />

veicolo.<br />

Inoltre, nel periodo<br />

dal 20 maggio al 3 settembre<br />

<strong>2<strong>02</strong>3</strong> compresi,<br />

non possono circolare<br />

dalle ore 8 di ogni sabato<br />

fino alle ore 24 della<br />

domenica. Le deroghe<br />

ai divieti per i pericolosi<br />

sono elencate all’articolo<br />

12 del provvedimento.<br />

79 GIORNI<br />

In totale i giorni vietati<br />

sono 79, ma il ministero<br />

conclude il decreto affermando<br />

che, entro tre<br />

mesi dalla data di entrata<br />

in vigore delle disposizioni,<br />

sarà verificata la<br />

possibilità di apportare<br />

modifiche e integrazioni<br />

per garantire i livelli di<br />

sicurezza della circolazione<br />

e a favorire un<br />

incremento di competitività<br />

dell’autotrasporto.<br />

periscopio<br />

Per mesi hanno litigato. «E<br />

all’ultimo minuto l’unico<br />

punto di accordo che<br />

hanno trovato a Berlino è stato<br />

quello di aumentare la Maut».<br />

La sintesi del portavoce della<br />

Bgl, l’associazione di categoria<br />

tedesca dell’autotrasporto<br />

e della logistica, è brutale. Ma<br />

realistica. Perché in Germania è<br />

dalla campagna elettorale delle<br />

politiche di settembre 2<strong>02</strong>1 che<br />

socialdemocratici e ambientalisti<br />

annunciano la riforma della<br />

Maut, il pedaggio chilometrico<br />

autostradale per i camion. E si è<br />

sentito di tutto: tassiamo anche<br />

le auto straniere, abbassiamo<br />

la soglia fino ai furgoni da 3,5<br />

ton, usiamola per contrastare il<br />

cabotaggio pirata, no meglio,<br />

facciamone una tassa variabile<br />

a seconda<br />

degli orari per<br />

scoraggiare<br />

i camion nei<br />

momenti di<br />

maggior congestione.<br />

Il problema è<br />

che la Germania<br />

non è più<br />

il panzer guidato<br />

da Angela<br />

Merkel, dove i<br />

governi si formavano<br />

in tre giorni e le decisioni<br />

arrivavano a raffica. La<br />

coalizione verde-giallo-rossa<br />

(detta Ampel, ‘semaforo’ dai<br />

media) composta da liberali,<br />

socialdemocratici e ambientalisti<br />

ci ha messo tre mesi solo per<br />

costituire il governo federale.<br />

Dal giorno dopo, sono cominciate<br />

liti degne dei governi italiani<br />

Anni 70. E la riforma della<br />

Maut, che detto per inciso rende<br />

al governo di Berlino quasi 8<br />

miliardi di euro all’anno, è divenuta<br />

ostaggio delle dispute tra<br />

liberali e ambientalisti.<br />

Verdi che volevano tre modifiche<br />

irrinunciabili: estendere la<br />

Maut dalle 3,5 ton in su (oggi<br />

la soglia è a 7,5 ton), destinare<br />

l’uso degli incassi a interventi in<br />

favore della mobilità sostenibile<br />

beffe, autisti, visioni, alleanze, multe<br />

TIR NEL MIRINO IN GERMANIA<br />

Maut, che batosta<br />

Il Governo Scholz decide di non decidere<br />

sulla riforma dei pedaggi, approvando<br />

un piano di aumenti che fa molto discutere<br />

COSÌ SI PAGA NEL <strong>2<strong>02</strong>3</strong><br />

Classe Cent/km Aumento (%)<br />

Euro 6 19 0,7<br />

Euro 5+EEV1 22,9 3,5<br />

Euro 4+Euro 3 FAP 25,4 4,9<br />

Euro 3+Euro 2 FAP 31,6 7,8<br />

Euro 2 34,9 10<br />

Euro 1+Euro 0 35,4 9,4<br />

Tariffe per over 18 ton con più di 4 assi e percentuale<br />

di incremento rispetto al 2<strong>02</strong>2)<br />

27<br />

25<br />

25<br />

25<br />

23<br />

e trasformare le tariffe per fasce<br />

di peso e classi di emissioni in<br />

tassa sulle emissioni complessi-<br />

27%<br />

AUMENTO<br />

COSTI<br />

COSA TEMONO LE AZIENDE<br />

25% 25% 25%<br />

NUOVE<br />

LEGGI<br />

RISCHI<br />

INFORMATICI<br />

La top five dei rischi per le aziende del trasporto e della logistica.<br />

In quella per tutti i settori al primo posto ci sono i rischi<br />

informatici (35 %). Fonte: Allianz Global Corporate&Speciality.<br />

ADDIO GEFCO, ECCO CEVA LOGISTICS<br />

Il brand Gefco scompare e diventa Ceva Logistics. Il renaming<br />

segue l’acquisizione di Gefco da parte del gruppo Cma Cgm<br />

formalizzata nel luglio 2<strong>02</strong>2. Ceva diventa così il più grande<br />

operatore logistico con sede in Francia e un player di primo<br />

piano nel settore della logistica legata all’automotive.<br />

ve di CO 2<br />

dei camion.<br />

Risultato: arrivati in Parlamento<br />

il 24 novembre senza<br />

maggioranza per la riforma, il<br />

governo Scholz ha congelato<br />

tutto «in vista della valutazione<br />

dei costi di manutenzione per<br />

chilometro della rete stradale».<br />

E, a sorpresa, ha approvato<br />

CRISI<br />

ENERGIA<br />

FINO AL 10 PER CENTO Gli aumenti<br />

decisi dal Governo tedesco per la Maut<br />

(nella tabella). ‘Graziati’ gli Euro 0 e 1.<br />

23%<br />

FERMO<br />

ATTIVITÀ<br />

una raffica di aumenti della<br />

Maut che arriva a toccare il 10<br />

per cento. Mandando in bestia<br />

gli ambientalisti, visto che l’aumento<br />

più alto è riservato ai tir<br />

Euro 2, mentre inspiegabilmente<br />

gli Euro 0 e gli Euro 1 limitano<br />

i rincari al 9,4 per cento.<br />

Matilde Casagrande<br />

8 Ikea<br />

Italia va in<br />

elettrico<br />

9 L’e-commerce<br />

sarà più equo<br />

10 Quel flop del<br />

Tesla Semi<br />

Francia, al velox<br />

1 1 non si sfugge<br />

6<br />

7


sondaggio, beffe d’albione, last mile, eventi<br />

giusto prezzo, reclutamento, rischi moderni, healthcare<br />

L’EURO 6 NON BASTA<br />

Quanto è<br />

cara Londra<br />

Oltre 200 mila euro<br />

di multe per un<br />

incauto trasportatore<br />

francese<br />

Come si fa a totalizzare<br />

oltre 200 mila euro<br />

di sanzioni in 18 giorni?<br />

Basta guidare uno Scania<br />

S500 Euro 6 e non sapersi<br />

districare bene tra i siti<br />

internet per circolare a<br />

Londra. Protagonista della<br />

disavventura, finita sulle<br />

prime pagine dei quotidiani<br />

francesi, l’autotrasportatore<br />

indipendente Leo Taccoen<br />

con base nell’area di Calais,<br />

che ha sottoscritto un<br />

contratto per fare la spola<br />

quotidiana con frutta e<br />

verdura tra il mega mercato<br />

ortofrutticolo di Rungis,<br />

alle porte di Parigi, e un<br />

grossista britannico con sede<br />

a Londra, all’interno della<br />

cosiddetta Inner Ring road e<br />

a pochi passi dalla City.<br />

Il malcapitato Leo, infatti,<br />

sapendo che dal 2<strong>02</strong>0<br />

bisogna pagare un pedaggio<br />

per entrare col camion<br />

a Londra, ha consultato<br />

il sito (tradotto anche in<br />

francese) che riguarda la<br />

Congestion charge e si è<br />

convinto che il suo Scania<br />

Euro 6 ne era esente;<br />

quindi dal 1° novembre<br />

scorso ha cominciato a<br />

lavorare tra Parigi e Londra<br />

senza mai pagare nulla.<br />

Quando, il 18 novembre<br />

gli è arrivato il primo dei<br />

verbali, di una serie che<br />

in totale arriva a 205 mila<br />

euro, ha però scoperto<br />

non solo che l’Euro 6 non<br />

è esente dalla Congestion<br />

charge, ma pure che la sua<br />

destinazione londinese si<br />

trova all’interno della Ulez<br />

(Ultra low emissions zone).<br />

Risultato: 330 notifiche in<br />

15 giorni di attività. Ora,<br />

l’autotrasportatore francese<br />

non può che appellarsi<br />

alla clemenza dei giudici<br />

londinesi.<br />

Oscar Sandri<br />

IL SONDAGGIO DEL MESE<br />

L’aggiornamento dei valori di<br />

riferimento dei costi di esercizio è<br />

coerente con le esigenze del settore?<br />

Rispondi su<br />

www.vadoetornoweb.com<br />

Il sondaggio non ha valore statistico. Le rilevazioni non sono basate su un campione scientifico<br />

IKEA INVESTE NELL’ELETTRICO<br />

Consegne sempre<br />

più green<br />

Si parte questo mese da<br />

Milano e Roma. Seguiranno<br />

almeno altre 12 città<br />

Ikea fa su serio e, anche in<br />

Italia, investe con decisione<br />

sulla mobilità elettrica.<br />

Il gigante svedese, infatti, ha<br />

annunciato che, a partire da<br />

questo mese, a Milano e a<br />

Roma le consegne al piano<br />

saranno effettuate utilizzando<br />

solo veicoli elettrici.<br />

Nel programma, tra Milano<br />

e Roma saranno introdotti 80<br />

veicoli elettrici, per un volume<br />

di circa 230 mila consegne<br />

ogni anno, che saranno<br />

suddivisi in modo da coprire<br />

uniformemente le aree metropolitane<br />

di competenza.<br />

E non finisce qui: questo è<br />

solo il primo step di un progetto<br />

‘green’ che riguarda un<br />

po’ tutto lo Stivale, con l’o-<br />

biettivo di estendere l’utilizzo<br />

di veicoli elettrici anche in<br />

una serie di altre città, tra cui<br />

Bari, Bologna, Brescia, Firenze,<br />

Genova, Napoli, Padova,<br />

Parma, Pisa, Salerno, Torino<br />

e Gorizia.<br />

Il piano di Ikea prevede la<br />

messa in opera, entro la fine<br />

del <strong>2<strong>02</strong>3</strong> di ulteriori cento veicoli<br />

elettrici in Italia.<br />

Inoltre, Ikea Italia ha avviato<br />

un piano per dotare tutte le<br />

aree parcheggio dei suoi negozi<br />

e del centro distributivo<br />

di Piacenza di ulteriori 250<br />

colonnine di ricarica elettrica<br />

di ultima generazione, a<br />

disposizione di clienti, dipendenti<br />

e fornitori.<br />

Franco Salvena<br />

LAST MILE DELIVERY a<br />

emissioni zero per Ikea.<br />

LE RISPOSTE<br />

DEL MESE SCORSO<br />

Il ritorno alla politica del<br />

gasolio commerciale è una<br />

misura più equa rispetto al<br />

taglio lineare delle accise?<br />

53%<br />

sì<br />

47%<br />

no<br />

LETEXPO, ATTO<br />

SECONDO<br />

Torna, dopo il successo<br />

della prima<br />

edizione, celebrata lo<br />

scorso anno, Letexpo,<br />

la fiera promossa da<br />

Alis e Veronafiere e<br />

dedicata alla logistica<br />

sostenibile.<br />

SI AVVICINA la seconda<br />

edizione di Letexpo.<br />

La location è la stessa<br />

dello scorso anno, il<br />

polo fieristico di Verona.<br />

Le date sono ormai<br />

prossime: dall’8 all’11<br />

marzo.<br />

«Anche nel <strong>2<strong>02</strong>3</strong> organizzeremo<br />

conferenze<br />

istituzionali, interviste,<br />

incontri B2B, seminari<br />

tecnici e workshop con<br />

membri del Governo e<br />

delle istituzioni, rappresentanti<br />

delle imprese,<br />

delle associazioni, del<br />

mondo delle professioni<br />

e di quello accademico<br />

e della formazione», ha<br />

detto il presidente di<br />

Alis, Guido Grimaldi,<br />

alla presentazione.<br />

Matteo Borghi<br />

PIÙ RISPETTO<br />

PER L’AUTISTA<br />

La carenza di autisti è<br />

questione con cui un<br />

po’ tutti prima o poi dovranno<br />

fare i conti.<br />

SOCIAL in azione per<br />

la ricerca di autisti.<br />

La Polonia, nazione<br />

in cui l’autotrasporto<br />

muove un giro d’affari<br />

tutt’altro che banale, ha<br />

lanciato una ‘campagna<br />

social’ di reclutamento,<br />

basata sull’hashtag #respectmyway.<br />

L’obiettivo è di raccontare<br />

storie e condividere<br />

contenuti che possano<br />

contribuire a migliorare<br />

l’immagine della professione,<br />

troppo spesso<br />

ancorata a schemi decisamente<br />

superati.<br />

L’iniziativa prevede<br />

anche il lancio di un<br />

podcast e si rivolge<br />

chiaramente ai giovani.<br />

Milena Sgroi<br />

Cresce la disponibilità<br />

degli italiani a pagare<br />

le spese di spedizione<br />

quando effettuano acquisti<br />

online. Forse, più consapevoli<br />

delle necessità di remunerare<br />

un servizio non banale, sicuramente<br />

molto realisti, sono<br />

sempre di più i consumatori<br />

IN NORVEGIA: TROPPO ALTO IL RISCHIO INCENDI<br />

GLI ITALIANI E L’E-COMMERCE<br />

Un buon servizio?<br />

va pagato<br />

Sempre più persone sono<br />

disposte a contribuire alle<br />

spese di spedizione<br />

Imbarco vietato agli elettrici<br />

Una piccola compagnia di navigazione<br />

esclude anche veicoli ibridi e a idrogeno<br />

Per una volta, a essere<br />

esclusi sono i più<br />

‘puliti’. La compagnia<br />

di navigazione norvegese<br />

Havila Kystruten ha deciso<br />

di non ammettere a bordo<br />

dei suoi traghetti i veicoli<br />

elettrici, quelli ibridi e quelli<br />

alimentati a idrogeno, anche<br />

se solo su alcune tratte<br />

definite e in prossimitòàdella<br />

costa. Il motivo è presto<br />

detto: secondo l’analisi<br />

del rischio condotta da<br />

un’azienda specializzata, il<br />

pericolo d’incendio sarebbe<br />

SPESE DI SPEDIZIONE:<br />

paghiamo il giusto.<br />

troppo alto e, soprattutto,<br />

un eventuale incendio a<br />

bordo non potrebbe essere<br />

gestito nella maniera<br />

corretta dal personale della<br />

compagnia di navigazione. Il<br />

direttore generale di Havila<br />

Kystruten, Bent Martini,<br />

ha comunque detto si essere<br />

al lavoro per trovare delle<br />

soluzioni alternative. È<br />

curioso, peraltro, il fatto<br />

che i traghetti stessi siano<br />

equipaggiati con pacchi<br />

batterie.<br />

Andrea Cento<br />

attenti a quello che solo in<br />

apparenza può sembrare un<br />

dettaglio di poco conto.<br />

Dietro il pagamento delle<br />

spese di spedizione, infatti, si<br />

cela il giusto compenso che<br />

un’azienda di autotrasporto<br />

è in grado di ricevere per il<br />

servizio che eroga.<br />

Recentemente<br />

entrato a far<br />

parte della galassia<br />

Ups, il gruppo<br />

italiano Bomi,<br />

con sede a Spino<br />

d’Adda, in provincia<br />

di Cremona,<br />

ha inaugurato<br />

un nuovo centro<br />

di stoccaggio<br />

e distribuzione a<br />

Madrid, capitale<br />

della Spagna.<br />

Il centro logistico,<br />

inaugurato all’inizio<br />

di quest’anno,<br />

è in grado di<br />

contenere circa<br />

60 mila pallet,<br />

ed è considerato<br />

uno dei più grandi<br />

stabilimenti del<br />

settore farmaceutico<br />

in Europa in<br />

grado di generare<br />

150 posti di<br />

lavoro altamente<br />

qualificati.<br />

«I nostri clienti<br />

operano in alcuni<br />

dei mercati<br />

healthcare<br />

in<br />

più rapida<br />

crescita<br />

al mondo<br />

e i loro<br />

prodotti di<br />

prossima<br />

Per questo, i risultati della ricerca<br />

condotta da Sendcloud<br />

su un campione di mille consumatori<br />

italiani sono piuttosto<br />

significativi e mostrano<br />

come, sebbene le spese di<br />

consegna elevate costituiscano<br />

la ragione principale per<br />

cui la stragrande maggioranza<br />

degli acquirenti online italiani<br />

abbandona il proprio carrello,<br />

sia aumentata la disponibilità<br />

a pagare per ricevere a casa i<br />

propri ordini.<br />

Più nel dettaglio delle cifre,<br />

per un ordine massimo di 15<br />

euro, gli italiani non vogliono<br />

superare i 3,5 euro; le spese di<br />

consegna ritenute accettabili<br />

per ordini di 50 euro si attestano<br />

sui 4 euro, mentre per<br />

un ordine di 150 euro arrivano<br />

addirittura a 5,50 euro.<br />

Infine, cresce la consapevolezza<br />

riguardo gli impatti<br />

ecologici legati alla consegna:<br />

circa 3 consumatori su 5, infatti,<br />

ritengono che le consegne<br />

meno sostenibili debbano<br />

essere più costose. Parallelamente,<br />

l’83 per cento del<br />

campione pensa che le spese<br />

di spedizione dovrebbero essere<br />

più economiche qualora<br />

il consumatore sia disposto<br />

ad aspettare più a lungo, consentendo<br />

quindi di predisporre<br />

spedizioni più efficienti.<br />

Teo Vitali<br />

BOMI GROUP PARLA SPAGNOLO<br />

generazione richiedono<br />

un servizio<br />

quasi perfetto»,<br />

ha detto<br />

Marco Ruini, Ceo<br />

di Bomi Group,<br />

commentando la<br />

nuova struttura<br />

sita non lontana<br />

dall’aeroporto.<br />

Sara Peona<br />

IL CENTRO logistico<br />

Bomi di Madrid.<br />

8


visionari, strade elettriche, progetti, brevi<br />

Elon Musk ci ha messo<br />

più di tre anni per<br />

passare dall’annuncio<br />

della nascita del Tesla Semi,<br />

il trattore elettrico classe 8<br />

dalle linee avveniristiche, alla<br />

consegna del primo camion a<br />

un cliente. Ma ora che i primi<br />

mezzi sono per strada, oltre<br />

a essere stati più volte fotografati<br />

al traino di un carro<br />

attrezzi, gli analisti incominciano<br />

a ‘fare le pulci’ al più<br />

recente gioiello di Musk.<br />

Interessante, a questo proposito,<br />

l’approfondimento svolto<br />

dall’agenzia Bloomberg<br />

sul Tesla Semi. Che parte<br />

sottolineando come un classe<br />

8 con 500 chili di gasolio nel<br />

serbatoio può trasportare 20<br />

tonnellate di merci per mille<br />

miglia (1.600 km) mentre<br />

per garantirsi la stessa auto-<br />

10<br />

SE STELLANTIS VOLA<br />

Il gruppo<br />

Stellantis<br />

ha annunciato<br />

l’intenzione<br />

di<br />

produrre,<br />

insieme al<br />

partner californiano<br />

Archer, velivoli<br />

totalmente<br />

elettrici.<br />

L’obiettivo<br />

IL MIDNIGHT<br />

progettato da Archer.<br />

è quello di<br />

arrivare alla<br />

produzione<br />

di serie del<br />

Midnight,<br />

l’aereo elettrico<br />

di punta<br />

di Archer,<br />

a decollo e<br />

atterraggio<br />

verticale.<br />

L’impianto<br />

di produzione<br />

sul quale<br />

anche<br />

Stellantis<br />

investirà è<br />

previsto a<br />

Covington,<br />

in Georgia,<br />

con il 2<strong>02</strong>4<br />

come data<br />

stabilita per<br />

l’avvio della<br />

produzione.<br />

Midnight,<br />

in grado di<br />

ospitare 4<br />

passeggeri<br />

e un pilota,<br />

è pensato<br />

per distanze<br />

brevi.<br />

Franco Dei<br />

IL CLASSE 8 DI TESLA<br />

È solo una grande<br />

illusione<br />

A dirlo è Bloomberg fa le<br />

pulci al Semi di Musk e lo<br />

definisce non competitivo<br />

nomia il mezzo elettrico deve<br />

‘mettersi sulle spalle’ circa 6<br />

tonnellate di batterie. Una zavorra,<br />

nota come rapporto tra<br />

densità energetica degli accumulatori<br />

e dei carburanti, che<br />

neppure gli innovativi pacchi<br />

batteria made in Tesla riescono<br />

ad aggirare.<br />

Gli analisti di Bloomberg<br />

mettono inoltre in luce come<br />

IL TESLA SEMI alla prova<br />

del mercato.<br />

Entro il 2030<br />

lungo la rete<br />

di autostrade<br />

e superstrade<br />

dell’Austria sarà<br />

disponibile un punto<br />

di rifornimento<br />

elettrico ad alta<br />

capacità ogni 25<br />

chilometri. Parola<br />

di Hartwig Hufnagl,<br />

Ceo di Asfinag,<br />

la concessionaria<br />

pubblica che<br />

gestisce il network.<br />

Entro breve<br />

negli Usa la logistica abbia<br />

margini risicatissimi: uno tra<br />

i maggiori operatori del Nordamerica,<br />

Jb Hunt transport,<br />

nel 2<strong>02</strong>2 ha registrato un ricavo<br />

medio di 1,63 dollari<br />

per miglio nel lungo raggio,<br />

metà del quale è stato assorbito<br />

dai costi del carburante.<br />

Ne consegue che mai potrebbe<br />

agganciare un Tesla che<br />

gli impone di ridurre di 5-6<br />

tonnellate il carico utile.<br />

Quindi, nonostante negli ultimi<br />

tre anni il prezzo del<br />

gasolio in Nordamerica abbia<br />

conosciuto una notevole crescita,<br />

il gioco dell’elettrico<br />

non vale tuttora la candela.<br />

E non è un caso che i 20<br />

Tesla Semi ordinati da Fedex<br />

rappresentino un infinitesimo<br />

della flotta di camion di cui<br />

dispone lo spedizioniere Usa<br />

(85 mila unità).<br />

Matilde Casagrande<br />

SULLE STRADE AUSTRIACHE<br />

Fioriranno colonnine<br />

Obiettivo: una densità simile<br />

agli attuali distributori<br />

saranno appaltati<br />

i primi interventi<br />

per incominciare<br />

a superare la<br />

situazione attuale<br />

che vede solo 31<br />

punti di ricarica,<br />

con una distanza<br />

media tra loro<br />

di 80 chilometri.<br />

L’obiettivo<br />

2030 dovrebbe<br />

essere raggiunto<br />

realizzando una rete<br />

di 1.500 colonnine.<br />

Giovanni Dagnino<br />

LE BREVI<br />

IMPRESE ATTIVE<br />

Secondo l’Airp,<br />

associazione che<br />

riunisce i ricostruttori di<br />

pneumatici, nel 2<strong>02</strong>2 sono<br />

aumentate le imprese<br />

attive nell’autotrasporto in<br />

Italia. Da 75.312 imprese<br />

si è passati a 75.528,<br />

invertendo così il trend<br />

al ribasso che durava dal<br />

2018 e che ha portato<br />

alla sparizione di oltre<br />

6.400 aziende dal 2018<br />

al 2<strong>02</strong>2. I dati derivano<br />

da un’elaborazione<br />

dell’Osservatorio sulla<br />

mobilità sostenibile di Airp<br />

e si basano su uno studio<br />

condotto da Conftrasporto.<br />

CIRCLE IN SICILIA<br />

Il gruppo Circle,<br />

specializzato nell’analisi<br />

dei processi e nello<br />

sviluppo di soluzioni per<br />

la digitalizzazione del<br />

settore portuale e della<br />

logistica intermodale,<br />

sbarca ufficialmente in<br />

Sicilia, con la nuova<br />

unità operativa locale<br />

dislocata a Catania.<br />

Per il Gruppo, si tratta<br />

della prima sede al Sud<br />

che va ad aggiungersi<br />

alle altre italiane, oltre<br />

all’headquarter genovese,<br />

situate a Milano, Trieste e<br />

Roma.<br />

PALLETWAYS ITALIA<br />

Nel 2<strong>02</strong>2, il gruppo<br />

internazionale Palletways,<br />

che opera anche in Italia<br />

dove ha festeggiato il<br />

ventennale dall’inizio<br />

dell’attività, ha trasportato<br />

oltre dieci milioni di<br />

pallet. «Questo risultato è<br />

stato raggiunto grazie al<br />

contributo delle aziende<br />

storiche del network e<br />

grazie all’ingresso di nuovi<br />

concessionari che hanno<br />

contribuito a potenziare<br />

la nostra rete», ha detto<br />

Massimiliano Peres, Ceo<br />

di Palletways Italia. «Nel<br />

<strong>2<strong>02</strong>3</strong> ci saranno importanti<br />

novità per consolidare<br />

maggiormente la nostra<br />

presenza in Italia», ha poi<br />

aggiunto.<br />

multe, grandi carichi, alleanze, intermodale<br />

UN PROGETTO SVIZZERO A ZERO EMISSIONI<br />

Se la bisarca è elettrificata<br />

Il telaio è un Volvo Fm. Batterie da mille<br />

kilowattora, 500 chilometri di automonia<br />

Consegnare auto elettriche<br />

nuove con una bisarca<br />

diesel? Giammai, è la<br />

risposta della Designwerk<br />

technologies di Winterthur<br />

in Svizzera. Che ha già<br />

consegnato alla clientela<br />

elvetica i primi esemplari<br />

di una bisarca 6x4 elettrica<br />

sviluppata sul telaio di un<br />

Volvo Fm, in collaborazione<br />

con gli specialisti di<br />

Kässbohrer Transport<br />

technik. La bisarca è dotata<br />

di un pacco batterie da<br />

RIEMPIAMO<br />

QUEI TRENI<br />

L<br />

’obiettivo illustrato<br />

dal Gruppo Fs (Ferrovie<br />

dello Stato) è parecchio<br />

ambizioso: raddoppiare<br />

la percentuale<br />

di merci trasportate dai<br />

treni nei prossimi dieci<br />

anni, passando dall’11<br />

per cento attuale a una<br />

quota superiore al 20<br />

per cento.<br />

FS PUNTA al raddoppio<br />

del traffico merci.<br />

Lo ha affermato, nel<br />

corso di un convegno,<br />

Gianpiero Strisciuglio,<br />

amministratore delegato<br />

di Mercitalia logistics,<br />

società del neonato<br />

Polo logistica del gruppo<br />

Fs. Per far questo,<br />

naturalmente, occorre<br />

promuovere il trasporto<br />

intermodale, lavorando<br />

per una maggiore integrazione<br />

e per una più<br />

semplice interconnessione.<br />

Nico Giorgini<br />

mille kWh che le garantisce<br />

un’autonomia di oltre 500<br />

chilometri, corredato di<br />

un sistema di ricarica da<br />

350 kW che consente di<br />

riportare dal 10 all’80 per<br />

cento la batteria in due ore<br />

nette. Con una carta in più<br />

da giocare: i quattro motori<br />

elettrici per complessivi<br />

680 cavalli sviluppano una<br />

coppia che è circa tripla<br />

rispetto a quella del diesel<br />

tradizionale.<br />

Cesare Martinelli<br />

RADA HI-TECH IN FRANCIA<br />

Non si può sfuggire<br />

al tourelles<br />

Parigi investe sui velox di<br />

ultima generazione. Così le<br />

contestazioni finiranno<br />

Negli scorsi anni in<br />

Francia la rivolta dei<br />

gilet gialli ha vandalizzato<br />

non pochi radar (come<br />

chiamano Oltralpe gli autovelox),<br />

ma il bilancio 2<strong>02</strong>2 dei<br />

verbali, giunto a quota 22<br />

milioni, dà la misura dell’enorme<br />

quantità di autisti colpiti<br />

dai sistemi automatici di<br />

controllo.<br />

Va detto però che soltanto<br />

circa il 65 per cento delle<br />

CON I RADAR più moderni le<br />

multe che non vanno a buon fine<br />

calano sotto il 5 per cento.<br />

SI SCIOGLIE IL PATTO D’ACCIAIO<br />

contestazioni va a buon fine:<br />

circa un terzo di queste, invece,<br />

finisce nel cestino o per<br />

problemi tecnici del sistema<br />

(caso tipico le immagini<br />

fuori fuoco o illeggibili per<br />

maltempo), oppure per impossibilità<br />

di rintracciare il<br />

proprietario, fatto che spesso<br />

avviene con mezzi a targa<br />

extraeuropea oppure con camion<br />

che agganciano trailer<br />

con immatricolazione diversa<br />

La cosiddetta<br />

alleanza 2M<br />

tra due giganti<br />

del trasporto<br />

marittimo quali<br />

Maersk e Msc, in<br />

vigore dal 2015,<br />

non sarà rinnovata<br />

nel 2<strong>02</strong>5.<br />

Si scioglie così<br />

il legame che<br />

ha impattato in<br />

modo molto significativo<br />

nel<br />

mondo dei trasporti<br />

nel corso<br />

degli ultimi 8<br />

anni.<br />

Dal primo gennaio<br />

del 2<strong>02</strong>5, infatti,<br />

i due gruppi<br />

porteranno avanti<br />

le rispettive<br />

attività in modo<br />

assolutamente<br />

autonomo.<br />

I top manager di<br />

Maersk e Msc<br />

hanno precisato<br />

che l’interruzione<br />

del patto sarà<br />

graduale.<br />

L’accordo era<br />

stato siglato nel<br />

2015, «con l’obiettivo<br />

di garantire<br />

operazioni<br />

competitive<br />

ed efficienti in<br />

termini di costi<br />

sulle rotte Asia-<br />

Europa, Transatlantiche<br />

e Transpacifiche».<br />

Omar Tironi<br />

rispetto a quella della motrice.<br />

Ecco spiegato il motivo per<br />

cui il governo di Parigi sta investendo<br />

molto sui cosiddetti<br />

radar tourelles, autovelox di<br />

ultima generazione che si basano<br />

sulla tecnologia dei raggi<br />

laser e fotografano i mezzi sia<br />

davanti sia dietro, rendendo in<br />

questo modo assolutamente<br />

univoca l’identificazione sia<br />

del veicolo sia del guidatore.<br />

E che, di fatto, hanno un indice<br />

di contestazioni ‘a vuoto’<br />

dell’ordine appena del 5 per<br />

cento.<br />

Ad affiancarli, sebbene con<br />

un uso meno massiccio, i<br />

‘radar troncon’ che valutano<br />

la velocità media lungo una<br />

sezione di vari chilometri e<br />

che soltanto nell’ultimo anno<br />

hanno fatto registrare un incremento<br />

dei verbali del 140<br />

per cento.<br />

Cesare Martinelli<br />

11


18 GENNAIO<br />

«Gli investimenti in<br />

ferrovia, anche del<br />

Pnrr, non devono essere<br />

alternativi alla<br />

strada». Lo afferma<br />

il presidente di Anita,<br />

Thomas Baumgartner.<br />

20 GENNAIO<br />

«Abbiamo chiesto al<br />

ministro Salvini che<br />

si rendano subito fruibili<br />

le misure attese<br />

dall’autotrasporto».<br />

Così il presidente di<br />

Confartigianato Trasporti<br />

e Unatras, Amedeo<br />

Genedani.<br />

25 GENNAIO<br />

Il ministro Matteo<br />

Salvini annuncia la<br />

rischiesta alla Ue di<br />

procedura d’infrazione<br />

contro l’Austria.<br />

28 GENNAIO<br />

Nasce a Verona il Coordinamento<br />

Brennero<br />

che promette iniziative<br />

eclatanti.<br />

29 GENNAIO<br />

Cinzia Franchini, coordinatrice<br />

di Ruotelibere<br />

chiede al ministro<br />

Salvini di allargare<br />

l’ascolto al di fuori<br />

dell’Albo da cui la sua<br />

associazione si è autoesclusa..<br />

LA MOSSA DEL<br />

MINISTRO<br />

Matteo Salvini<br />

(a lato),<br />

ministro delle<br />

Infrastrutture<br />

e dei Trasporti<br />

del governo<br />

Meloni, scrive<br />

al commissario<br />

dei Trasporti Ue,<br />

Adina Välean,<br />

chiedendo l’avvio<br />

della procedura<br />

di infrazione<br />

per l’Austria<br />

che continua a<br />

mettere limiti<br />

al transito dei<br />

tir al Brennero.<br />

Inizia una guerra<br />

di posizione con<br />

esito incerto.<br />

La questione BRENNERO<br />

SUL VALICO<br />

SI VA IN<br />

TRINCEA<br />

Salvini scrive e chiede all’Ue l’avvio<br />

di infrazione contro l’Austria.<br />

Coordinamento Brennero vuole<br />

coinvolgere nella protesta la<br />

Germania. Ma Confartigianato attacca<br />

manifestando insoddisfazione<br />

No, l’Austria non vuole<br />

spostare più a sud il confine<br />

che, dal 1918, la separa<br />

dall’Italia. Il problema sono<br />

i limiti introdotti<br />

da Vienna<br />

al flusso delle<br />

merci attraverso<br />

il Brennero, che<br />

danneggiano<br />

la nostra economia<br />

sempre<br />

più dipendente<br />

dalle esportazioni.<br />

Il danno stimato è di 370<br />

milioni di euro all’anno per o-<br />

gni ora di ritardo nell’attraver-<br />

Uniontrasporti e<br />

Unioncamere<br />

organizzano l’evento<br />

‘Lo sviluppo<br />

infrastrutturale del<br />

Paese. Le scelte<br />

del mondo economico’<br />

(il servizio<br />

nelle pagine seguenti)<br />

e Thomas<br />

Baumgartner,<br />

presidente Anita,<br />

dice: «Sappiamo<br />

che l’interesse di<br />

tutti è il maggior<br />

trasferimento possibile<br />

dalla strada<br />

alla ferrovia o<br />

alle autostrade<br />

del mare, sia per<br />

avere autostrade<br />

più libere dal traffico<br />

delle vetture,<br />

sia perché le modalità<br />

ferroviarie e<br />

marittime contribuiscono<br />

alla decarbonizzazione<br />

e alla riduzione di<br />

emissioni di CO 2<br />

,<br />

ma è importante<br />

che i rispettivi servizi<br />

offerti funzionino<br />

e abbiano un<br />

rapporto qualità/<br />

prezzo similare al<br />

tutto gomma, altrimenti<br />

il trasportatore<br />

che utilizza<br />

queste modalità<br />

non può essere<br />

competitivo».<br />

Per Baumgartner<br />

il rapporto qualità/prezzo<br />

dei<br />

servizi intermodali<br />

non è ancora<br />

soddisfacente, e<br />

L’Austria non<br />

può danneggiare<br />

l’autotrasporto<br />

italiano. Questa è<br />

concorrenza sleale<br />

Matteo Salvini<br />

L’INTERMODALITÀ DEV’ESSERE PIÙ COMPETITIVA<br />

samento. Ora, basta: l’offensiva<br />

è stata lanciata il 25 gennaio al<br />

convegno di Conftrasporto dal<br />

ministro delle Infrastrutture e<br />

dei Trasporti,<br />

Matteo Salvini,<br />

che ha affermato:<br />

«Ho scritto<br />

al commissario<br />

dei Trasporti<br />

Ue, chiedendo<br />

la procedura<br />

per avvio di infrazione<br />

contro<br />

l’Austria. Non può danneggiare<br />

imprese e autotrasporto italiani,<br />

questa è concorrenza sleale».<br />

deve quindi essere<br />

compensato<br />

da contributi<br />

pubblici come il<br />

ferrobonus e il<br />

marebonus, in<br />

quanto sistemi incentivanti<br />

diretti a<br />

quei trasportatori<br />

che decidono di<br />

utilizzare una di<br />

queste modalità.<br />

«I grossi investimenti<br />

ferroviari<br />

previsti anche<br />

grazie al Pnrr<br />

non devono essere<br />

in alternativa<br />

ai necessari<br />

investimenti in reti<br />

stradali e autostradali»,<br />

aggiunge<br />

Baumgartner,<br />

«Per decenni è<br />

stato fatto l’errore<br />

di puntare solamente<br />

sulla strada,<br />

non ripetiamo<br />

adesso l’errore<br />

inverso di puntare<br />

solamente sulla<br />

ferrovia».<br />

12<br />

13


SULLA STRADA<br />

CARO CARBURANTI<br />

Dagli al<br />

benzinaio<br />

Facile dare le<br />

colpe. Ma non è<br />

proprio così. E il<br />

prezzo medio?<br />

Così Moreno Parin, coordinatore<br />

del gruppo<br />

gestori carburanti Treviso,<br />

spiega il pasticcio dei distributori<br />

di carburanti: «Il<br />

ritorno alle accise normali<br />

ha provocato un aumento<br />

di benzina e gasolio di<br />

18,3 centesimi al litro. Ma<br />

la comunicazione settimanale<br />

del prezzo medio<br />

nazionale dei carburanti<br />

self-service (dgsaie.mise.<br />

gov.it/prezzi-settimanalicarburanti)<br />

del 9 gennaio<br />

(periodo 1-8 gennaio) ha<br />

certificato la diminuzione<br />

al netto di accise e Iva di<br />

1,2 centesimi per la benzina<br />

e di 1,8 centesimi<br />

per il gasolio rispetto al 1°<br />

gennaio (periodo 26-31<br />

dicembre). Se pubblicata<br />

con la giusta evidenza, la<br />

notizia poteva evitare che<br />

venisse messa sulla graticola<br />

un’intera categoria».<br />

«Temo ci sia qualche decina<br />

di milioni di italiani<br />

che stanno rimpiangendo<br />

Mario Draghi». «Gli effetti<br />

delle scelte di Draghi<br />

li sconteremo sul lungo<br />

termine, come ora stiamo<br />

subendo quelli di Mario<br />

Monti, due burocrati che<br />

han saputo ragionare<br />

solo con tagli e imposizioni<br />

assurde». «Purtroppo<br />

a ogni nuovo problema si<br />

bastona sempre l’ultima<br />

ruota del carro. Bisogna<br />

sempre trovare un colpevole,<br />

ovvero l’unica figura<br />

che ha da molti anni<br />

le mani legate». «Credo<br />

che la gestione del prezzo<br />

medio sia complicata.<br />

Tale media comprende<br />

anche i carburanti premium?<br />

Sarà una media<br />

matematica o ponderale?<br />

Siamo in inverno e in<br />

montagna si usa il prodotto<br />

antigelo, che ha un<br />

costo superiore a quello<br />

normale. Che si fa?» .<br />

Oscar Sandri<br />

Il segnale è stato prontamente<br />

raccolto dal presidente di<br />

Conftrasporto, Paolo Uggè:<br />

«Anche il vicepresidente del<br />

Consiglio, Matteo Salvini, si è<br />

espresso contro le limitazioni<br />

al traffico imposte dall’Austria.<br />

Siamo con lui in questa battaglia.<br />

E gli operatori, stanchi<br />

delle passate prese di posizione<br />

del Governo che hanno prodotto<br />

il nulla, si sono incontrati a<br />

Verona».<br />

Nasce a Verona il<br />

Coordinamento Brennero<br />

Oltre a vagheggiare iniziative<br />

a difesa del principio di libera<br />

circolazione, Uggè ricorda<br />

che attraverso i valichi alpini<br />

transitano merci per quasi 500<br />

milioni di ton, di cui un terzo<br />

passa dal Brennero, e che la<br />

libera circolazione delle merci,<br />

se garantita, assicurerebbe 390<br />

miliardi di euro in più per l’economia<br />

europea. E di lì a pochi<br />

giorni, a Verona in occasione<br />

dell’Assemblea provinciale Fai<br />

Verona, nasce il Coordinamento<br />

del Brennero, che punta a<br />

coinvolgere anche i trasportatori<br />

tedeschi, penalizzati come<br />

gli italiani dal contingentamento<br />

dei tir voluto dall’Austria.<br />

A Verona era presente una<br />

platea di politici e imprenditori,<br />

tra cui l’europarlamentare<br />

Paolo Borchia<br />

(Commissione<br />

trasporti Ue),<br />

Flavio Tosi (vicepresidente<br />

IX<br />

Commissione<br />

trasporti della<br />

Camera), Elisa<br />

De Berti (vicepresidente<br />

della<br />

Regione Veneto), David Di<br />

Michele (vicepresidente della<br />

Provincia di Verona). «Lo stop<br />

notturno ai tir dalle 22 alle 5<br />

Coordinamento<br />

Brennero si riunirà<br />

per decidere<br />

inziative di protesta<br />

anche eclatanti<br />

Paolo Uggè<br />

(senza contare gli altri divieti<br />

disposti dall’Austria) rallenta<br />

l’arrivo della merce nei negozi,<br />

con danno all’attività commerciale<br />

e al made in Italy»,<br />

spiega Alessio Sorio, segretario<br />

Fai Verona, «Finché non ci sarà<br />

il raddoppio della ferrovia del<br />

Brennero, l’alternativa su rotaia<br />

sarà sempre e solo un’idea.<br />

Intanto, alle limitazioni ai tir si<br />

sommerà la riduzione stradale a<br />

corsia unica per<br />

la ristrutturazione<br />

del ponte austriaco<br />

di Lueg:<br />

sarà il caos».<br />

L’asse pubblico-privato<br />

del nuovo Coordinamento<br />

del Brennero<br />

intende scongiurare il pericolo<br />

mettendo in campo tutte le forze<br />

perché l’Europa intervenga in<br />

modo deciso sull’Austria. «Il<br />

Coordinamento si riunirà prossimamente<br />

per assumere iniziative<br />

di protesta, anche eclatanti,<br />

adeguate alla situazione», ha<br />

avvisato Uggè.<br />

Si viaggia per 87 ore<br />

su 168 a disposizione<br />

«Sull’autostrada del Brennero<br />

i camion possono viaggiare<br />

solo 87 ore a settima, per le<br />

restanti 81 sono fermi, bloccati<br />

dai divieti austriaci», spiega<br />

Sergio Piardi, presidente di<br />

Fai Brescia, «Situazione che<br />

appare ancora più incredibile<br />

se paragonata a quanto accade<br />

in Italia, dove le ore settimanali<br />

in cui i mezzi pesanti<br />

viaggiano sono 154 su 168, e<br />

non più tollerabile, se si considera<br />

che ai divieti orari si<br />

sommano quelli merceologici.<br />

La situazione al Brennero<br />

va risolta. Subito e in modo<br />

radicale. Non è più possibile<br />

che nei fine settimana esportare<br />

in Europa sia diventato<br />

impossibile. Dal venerdì alle<br />

22 fino a lunedì mattina alle<br />

5 si può circolare solo dalle 5<br />

alle 7 del sabato mattina. Una<br />

bella presa in giro».<br />

Se la presa di posizione di<br />

Salvini sulla vicenda Brennero<br />

potrebbe far pensare all’idillio<br />

fra associazioni e Governo, la<br />

recente nota di Confartigianato<br />

Trasporti lo<br />

smentisce, lamentando,<br />

per<br />

bocca del presidente<br />

(anche di<br />

Unatras), Amedeo<br />

Genedani,<br />

la mancanza di<br />

risorse per compensare<br />

l’aumento<br />

dei costi del carburante.<br />

«Provvedimenti annunciati e<br />

garantiti dal ministro Salvini<br />

che, per motivi ignoti, non<br />

COSÌ ALIS SI ESPANDE NELLA FINANZA<br />

Con le vecchie<br />

logiche non si<br />

cambia la fosca<br />

realtà delle piccole<br />

e medie imprese<br />

Cinzia Franchini<br />

We-Unit, società<br />

con<br />

oltre vent’anni di<br />

esperienza nella<br />

mediazione<br />

creditizia, entra<br />

a far parte di<br />

Alis, l’associazione<br />

logistica<br />

dell’intermodalità<br />

sostenibile. E<br />

Guido Grimaldi,<br />

che ne è il presidente,<br />

afferma:<br />

«È motivo<br />

di grande orgoglio,<br />

perché<br />

rappresenta un<br />

ulteriore importante<br />

elemento<br />

di trasversalità<br />

per la nostra realtà<br />

associativa<br />

che consente di<br />

offrire un punto<br />

di riferimento e<br />

un validissimo<br />

supporto per i<br />

nostri imprenditori,<br />

professionisti<br />

ed operatori<br />

al fine di trovare<br />

le migliori soluzioni<br />

creditizie<br />

e finanziarie».<br />

We-Unit vanta<br />

infatti rapporti<br />

consolidati con<br />

primari istituti<br />

di credito e<br />

intermediari finanziari<br />

e una<br />

presenza capillare<br />

su tutto il<br />

INTERPELLATE<br />

ANCHE NOI<br />

Ruotelibere<br />

per statuto<br />

non entra nel<br />

Comitato centrale<br />

dell’Albo, definito<br />

‘autoreferenziale’<br />

nonostante le 15<br />

associazioni che<br />

lo compongono,<br />

oltre ai membri<br />

ministeriali. Ma<br />

Cinzia Franchini<br />

(a lato) chiede di<br />

essere ascoltata.<br />

sono diventati legge. Abbiamo<br />

rappresentato al Ministro la nostra<br />

insoddisfazione. È arrivato<br />

il momento di tramutare le<br />

promesse in fatti concreti», ha<br />

aggiunto Genedani.<br />

Alla luce del caro gasolio,<br />

Confartigianato Trasporti ritiene<br />

indispensabile provvedere<br />

quanto prima a rendere effettive<br />

le misure emergenziali e<br />

riavviare il confronto tra Mit e<br />

associazioni di<br />

categoria. «Attendiamo<br />

nei<br />

prossimi giorni<br />

segnali da parte<br />

del ministro<br />

territorio nazionale,<br />

con oltre<br />

460 consulenti<br />

e un’ampia<br />

gamma di prodotti<br />

per privati<br />

e imprese: mutui,<br />

prestiti personali,<br />

cessioni<br />

del quinto, cessione<br />

Tfs/Tfr, finanziamenti<br />

alle<br />

aziende, leasing<br />

e noleggio operativo<br />

oltre alla<br />

consulenza legata<br />

alla finanza<br />

agevolata e<br />

strategica.<br />

«Alis si riconosce<br />

pienamente<br />

nei pilastri<br />

principali su cui<br />

si fonda l’attività<br />

di We-Unit:<br />

professionalità,<br />

concretezza e<br />

visione innovativa<br />

attraverso<br />

l’utilizzo di nuove<br />

tecnologie»,<br />

ha aggiunto<br />

Grimaldi, «La<br />

nostra associazione<br />

si propone<br />

infatti di offrire<br />

alle imprese,<br />

agli oltre 220<br />

mila lavoratori<br />

rappresentati e<br />

alle loro famiglie<br />

le migliori soluzioni<br />

creditizie<br />

e finanziarie».<br />

Salvini, che<br />

ci auguriamo<br />

convochi una<br />

riunione in tempi<br />

stretti», conclude Genedani.<br />

Terzo incomodo, al solito,<br />

Cinzia Franchini con il suo<br />

Ruotelibere che ha messo nello<br />

statuto la non partecipazione<br />

all’Albo. «Si è ricostituito nei<br />

giorni scorsi il Comitato centrale<br />

dell’Albo, come imposto<br />

dal Tar del Lazio dopo il ricorso<br />

di Assotir. Oggi sono quindi<br />

ben quindici le organizzazioni<br />

che lo compongono. A questo<br />

punto ci aspetteremmo che un<br />

organismo così ampio e sulla<br />

carta rappresentativo possa<br />

finalmente mettere mano agli<br />

atavici nodi irrisolti che gravano<br />

sulla categoria», ha scritto la<br />

Franchini in una nota.<br />

Che Salvini ascolti<br />

le voci fuori dal coro<br />

«Ruotelibere non fa parte<br />

dell’Albo e, per statuto, ha deciso<br />

di stare fuori da questo tipo<br />

di realtà, reputandolo del tutto<br />

autoreferenziale», afferma la<br />

presidente, «Non è attraverso<br />

queste vecchie logiche che si<br />

può cambiare una realtà sempre<br />

più fosca per le tante piccole e<br />

medie imprese che rappresentano<br />

l’ossatura dell’autotrasporto.<br />

Al ministro Salvini rinnoviamo<br />

l’appello ad allargare l’ascolto<br />

al di fuori degli incontri formali<br />

dell’Albo e ad aprire un dialogo<br />

vero con chi ogni giorno viaggia<br />

sulle strade italiane e che<br />

non ha interessi da difendere<br />

legati ai risvolti economici di<br />

rimborsi pedaggi e formazione,<br />

ma che vorrebbe solamente lavorare<br />

con dignità».<br />

Riccardo Venturi<br />

14<br />

15


La questione delle infrastrutture in Italia<br />

SULLA<br />

STRADA<br />

GIUSTA<br />

Strada, ferro e mare dovranno fondersi<br />

sempre di più in una visione di logistica<br />

efficiente e sostenibile. Politica, enti e<br />

associazioni, d’altro canto, dovranno<br />

collaborare per far sì che il sistema<br />

funzioni e supporti al meglio lo sviluppo<br />

del Paese. Se n’è parlato a Roma nel<br />

corso di un convegno a cui hanno<br />

partecipato tutti i decision maker<br />

DUE GIORNI DI<br />

CONFRONTO<br />

‘Lo sviluppo<br />

infrastrutturale del<br />

Paese. Le scelte del<br />

mondo economico’<br />

è il titolo della<br />

convention<br />

promossa a Roma<br />

da Unioncamere e<br />

Uniontrasporti a<br />

gennaio.<br />

L’Italia, per essere davvero<br />

competitiva, ha bisogno di<br />

massicci interventi infrastrutturali.<br />

I fondi a disposizione<br />

grazie al Pnrr, il Piano nazionale<br />

di ripresa e resilienza, sono fondamentali<br />

per raggiungere gli o-<br />

biettivi. Le principali istituzioni<br />

e associazioni vogliono giocare<br />

un ruolo di primo piano nella<br />

logistica del futuro, sempre più<br />

orientata all’intermodalità.<br />

Sono, questi, alcuni dei messaggi<br />

che chi ha partecipato al convegno<br />

nazionale organizzato da Unioncamere<br />

e Uniontrasporti il 18 e 19<br />

maggio a Roma si è portato a casa.<br />

Una due giorni alla quale hanno<br />

preso parte in qualità di relatori<br />

molti dei principali decision maker<br />

del trasporto e della logistica in Italia,<br />

oltre a esponenti di primo piano<br />

del ministero delle Infrastrutture e<br />

dei Trasporti.<br />

16<br />

16<br />

17<br />

17


INVESTIRE BENE<br />

È LA PRIORITÀ<br />

Il sistema delle<br />

Camere di<br />

commercio ha<br />

svolto un lavoro<br />

approfondito<br />

con l’obiettivo<br />

di mappare il<br />

territorio italiano<br />

e identificare non<br />

solo gli interventi<br />

infrastrutturali di<br />

cui il Paese ha<br />

bisogno, ma anche<br />

dare a questi<br />

interventi una scala<br />

di priorità.<br />

In basso, nella<br />

pagina successiva,<br />

un momento del<br />

convegno svoltosi<br />

il 18-19 gennaio a<br />

Roma.<br />

«Il sistema delle Camere di<br />

commercio vuole rafforzare il<br />

suo ruolo di protagonista del<br />

confronto, fornendo il contributo<br />

per una nuova strategia<br />

nazionale per lo sviluppo di<br />

infrastrutture moderne, sostenibili<br />

e sicure e di una logistica<br />

efficiente e competitiva»,<br />

ha detto il presidente di<br />

Unioncamere, Andrea Prete,<br />

introducendo la situazione<br />

Infrastrutture, la mappatura definitiva?<br />

18<br />

Ci sono voluti ben<br />

15 mesi di duro<br />

lavoro, ma i dati che<br />

sono emersi possono<br />

costituire un punto di<br />

partenza importante<br />

per affrontare il nodo<br />

delle infrastrutture in<br />

Italia. Uniontrasporti,<br />

con il concorso delle<br />

Camere di commercio<br />

e di Unioncamere,<br />

ha realizzato 19 libri<br />

bianchi regionali che<br />

La sicurezza passa<br />

dalla strada<br />

Alla necessità di un sistema<br />

integrato che sia realmente<br />

efficiente fa appello anche<br />

Thomas Baumgartner, presidente<br />

di Anita, convinto che<br />

il futuro vedrà un’interconnessione<br />

sempre più stretta tra<br />

strada, ferrovia e mare per il<br />

trasporto delle merci. Anche<br />

se il volume del traffico merci<br />

attuale in Italia, concentrato<br />

per l’80 per cento nel triangolo<br />

tra Firenze, Udine e Torino,<br />

fa sì che il trasporto su<br />

gomma resterà prioritario nel<br />

nostro Paese.<br />

Guardando ai veicoli, secondo<br />

Baumgartner il futuro<br />

sarà dei camion a zero emissioni;<br />

intanto, però, il parco<br />

veicoli va rinnovato e la poattuale<br />

del trasporto in Italia.<br />

«Un contributo che potrà favorire<br />

e supportare la realizzazione<br />

delle numerose azioni,<br />

degli importanti investimenti<br />

e delle auspicate riforme previste<br />

nel Pnrr. Per questo, nel<br />

<strong>2<strong>02</strong>3</strong> elaboreremo e diffondereno<br />

un Libro Bianco nazionale<br />

sulle infrastrutture».<br />

Proprio la presentazione<br />

della lunga e corposa attività<br />

IL VALORE ECONOMICO DELLE PRIORITÀ<br />

2<strong>02</strong>,3 miliardi di euro di interventi prioritari<br />

104,5 miliardi di euro di risorse disponibili<br />

Mezzogiorno<br />

46%<br />

Fonte: Unioncamere.<br />

hanno l’ambizione<br />

di puntare i riflettori<br />

sulle necessità dei<br />

singoli territori italiani<br />

in termini, appunto,<br />

di infrastrutture.<br />

In attesa del Libro<br />

bianco nazionale che il<br />

sistema delle Camere<br />

di commercio preparerà<br />

nel <strong>2<strong>02</strong>3</strong>. Il confronto<br />

con gli stakeholder<br />

della mobilità e del<br />

trasporto è importante.<br />

Nordest 15%<br />

Nordovest 16%<br />

Centro<br />

23%<br />

di ricerca svolta dal sistema<br />

delle Camere di commercio<br />

nei mesi scorsi (ne parliamo<br />

nel box qui sotto) ha dato il<br />

la al convegno, che ha ospitato<br />

ben quattro tavole rotonde<br />

sul trasporto stradale, sulla<br />

mobilità aerea, sul trasporto<br />

ferroviario e su quello marittimo.<br />

E dalla strada, teatro di<br />

gran parte degli spostamenti<br />

per quanto riguarda sia i pas-<br />

Gli interventi di priorità 1 valgono<br />

complessivamente oltre 200 miliardi<br />

di euro, con una disponibilità di risorse<br />

finanziarie pari al 52%.<br />

Gli interventi relativi al sistema viario e<br />

ferroviario assorbono oltre il 90% del<br />

valore economico complessivo, mentre<br />

i nodi (porti, interporti e aeroporti) si<br />

fermano a 11,5 miliardi di euro (5%).<br />

Il valore degli interventi prioritari per<br />

rilanciare il Mezzogiorno supera i 90<br />

miliardi di euro, di cui 57 dedicati al<br />

sistema ferroviario.<br />

69 interventi (per un valore di 115 miliardi<br />

di euro) hanno la fine lavori oltre il 2<strong>02</strong>6.<br />

Gli interventi<br />

complessivamente<br />

segnalati dai vari<br />

territori sono 516, ben<br />

247 dei quali identificati<br />

come ‘priorità livello 1’.<br />

Il 44 per cento delle<br />

priorità riguarda il<br />

sistema viario italiano,<br />

il 33 per cento quello<br />

ferroviario. Al Sud<br />

è previsto il 39 per<br />

cento degli interventi<br />

classificati come<br />

prioritari, mentre il 21<br />

per cento riguarda il<br />

Centro Italia. Stessa<br />

percentuale per il<br />

Nordest, mentre al<br />

Nordovest del Paese<br />

è destinato il 19 per<br />

cento degli interventi<br />

prioritari. L’alta velocità<br />

tra Salerno e Reggio<br />

Calabria e la messa in<br />

sicurezza dell’A2 sono i<br />

progetti più onerosi.<br />

seggeri, sia le merci, occorre<br />

partire per comprendere cosa<br />

si può fare se si vuol rendere<br />

più efficiente e sostenibile la<br />

logistica.<br />

«La politica deve definire<br />

quale trasporto è funzionale<br />

all’economia di un paese», ha<br />

detto il presidente di Conftrasporto,<br />

Paolo Uggè, «Occorre<br />

assolutamente ammodernare<br />

gli snodi ferroviari, così come<br />

i porti, per favorire la competitività<br />

del sistema: se le merci<br />

prodotte non trovano le infrastrutture<br />

adeguate, il prezzo lo<br />

paga l’intero sistema produttivo<br />

italiano».<br />

litica deve fare il possibile<br />

perché questo accada rapidamente.<br />

E, anche per rendere<br />

le strade più sicure, «le reti<br />

autostradali vanno ammodernate,<br />

realizzando le terze corsie<br />

dove non sono presenti».<br />

Concetto chiaro, ripreso<br />

peraltro dall’amministratore<br />

delegato di Anas, Aldo Isi, il<br />

quale ha sottolineato come nel<br />

2<strong>02</strong>2 sia stata di 1,3 miliardi<br />

di euro la cifra investita sulla<br />

rete esistente e di 800 milioni<br />

la spesa per la realizzazione<br />

di nuove connessioni stradali.<br />

E nei prossimi 10 anni<br />

Anas progetta di mettere a<br />

bilancio ben 50 miliardi di<br />

euro per gli investimenti necessari<br />

alla manutenzione e<br />

al miglioramento del sistema<br />

viario nazionale. «Vogliamo<br />

comunicare in modo più efficace<br />

gli interventi di manutenzione<br />

sulle strade esistenti,<br />

che comportano dei disagi<br />

inevitabili ma che sono molto<br />

importanti», ha aggiunto.<br />

Se l’autostrada<br />

diventa smart<br />

Nel prossimo futuro, peraltro,<br />

le strade stesse (e specialmente<br />

le autostrade) sono destinate<br />

a cambiare profondamente,<br />

come ha spiegato Diego<br />

Cattoni, presidente di Aiscat,<br />

l’associazione che riunisce le<br />

società concessionarie di autostrade<br />

e trafori.<br />

«Transizione ecologica,<br />

digitalizzazione, intermodalità<br />

trasformeranno il sistema<br />

autostradale», ha affermato<br />

Cattoni, citando la guida autonoma<br />

e l’esempio del truck<br />

platooning, che presuppongono<br />

l’esistenza di un sistema<br />

di infrasttrutture, soprattutto<br />

digitali, per cui sono necessari<br />

importanti investimenti.<br />

Il Pnrr e le prove superate (finora) dal Mit<br />

Una rassicurazione,<br />

innanzitutto. «Non<br />

siamo messi male.<br />

Non dobbiamo però<br />

nascondere alcune<br />

delle criticità che sono<br />

state rilevate per capire<br />

come porvi rimedio.<br />

Proveremo ad aprire<br />

un’interlocuzione con<br />

l’Unione europea,<br />

confidando nel fatto<br />

che siano condivise<br />

anche con qualche<br />

altro paese membro».<br />

Il contesto è presto<br />

detto: l’andamento<br />

dei progetti del Pnrr,<br />

il Piano nazionale di<br />

ripresa e resilienza,<br />

strettamente legati<br />

all’erogazione dei<br />

fondi previsti. Parola<br />

di Elisabetta Pellegrini,<br />

Responsabile della<br />

struttura tecnica di<br />

missione del Mit, tra<br />

i relatori dell’evento<br />

organizzato da<br />

Uniontrasporti e<br />

Unioncamere.<br />

Il Pnrr richiede una<br />

prova di prestazione:<br />

ogni sei mesi la<br />

Commissione<br />

europea verifica il<br />

conseguimento degli<br />

obiettivi, un totale<br />

di 57 tra milestone e<br />

target (10 riforme e<br />

47 investmenti) per<br />

corrispondere le rate<br />

parziali. Tra il 2<strong>02</strong>1<br />

e il 2<strong>02</strong>2, il Mit ha<br />

superato tutte le 14<br />

L’obiettivo? Azzerare, addirittura,<br />

gli incidenti e ridurre<br />

i tempi di percorrenza grazie<br />

alla gestione ‘smart’ della viabilità.<br />

La due giorni romana ha<br />

acceso i riflettori sulle carenze<br />

del sistema ferroviario per<br />

il trasporto merci, con volumi<br />

destinati a crescere rispetto a<br />

quelli attuali. Doverosa è stata<br />

l’attenzione al sistema degli<br />

interporti, regolati da una<br />

legge vecchia di oltre 30 anni<br />

e bisognosi di uno snellimento<br />

a livello burocratico, come<br />

sottolineato dal presidente di<br />

Uir (Unione interporti riuniti),<br />

Matteo Gasparato.<br />

Idrogeno sì, idrogeno no<br />

idrogeno forse<br />

Attualità e futuro, poi, si fondono<br />

sulla questione idrogeno,<br />

aperta di recente dal ministro<br />

Salvini, intenzionato a<br />

chiedere all’Unione europea<br />

la revisione al ribasso degli<br />

obiettivi del Pnrr legati all’infrastruttura<br />

per l’idrogeno.<br />

‘prove’ a cui è stato<br />

sottoposto. Molto<br />

c’è da fare in vista<br />

del 2<strong>02</strong>6, soprattutto<br />

nell’ottica di favorire<br />

l’interconnessione tra<br />

strada, mare e ferrovia.<br />

Tra le criticità segnalate<br />

da Pellegrini, l’aumento<br />

dei prezzi delle materie<br />

prime che ha ritardato<br />

l’avvio delle gare e i<br />

ritardi nell’avanzamento<br />

dei progetti che si sono<br />

verificati in alcune aree<br />

del Mezzogiorno.<br />

Uno dei prossimi ‘target’<br />

(marzo <strong>2<strong>02</strong>3</strong>) sulla via dell’erogazione<br />

dei fondi europei<br />

riguarda «l’aggiudicazione<br />

degli appalti e l’assegnazione<br />

delle risorse per la realizzazione<br />

di stazioni di rifornimento<br />

a idrogeno» (40 stradali; 10<br />

ferroviarie).<br />

Elisabetta Pellegrini, a capo<br />

della struttura tecnica di<br />

missione del Mit (vedi box in<br />

alto) ha confermato come al<br />

ministero siano in corso «valutazioni<br />

in merito» sulla fattibilità.<br />

Dal canto suo il vice<br />

ministro dei Trasporti, Edoardo<br />

Rixi, anch’egli intervenuto<br />

al convegno, ha detto che<br />

il Governo «sta ragionando<br />

sulle opportunità per fare in<br />

modo di creare filiere che interessino<br />

gli investimenti dei<br />

privati. Bisogna fare scelte di<br />

sistema, anche per quanto riguarda<br />

i carburanti alternativi<br />

su cui investire», ha aggiunto.<br />

Fabrizio Dalle Nogare<br />

19


In cava con il Tatra Phoenix R46<br />

SOFFIA<br />

IL VENTO<br />

DELL’EST<br />

Telaio a semiassi indipendenti,<br />

cabina Daf, motore da 530 cavalli<br />

trasmissione automatica Allison. Il<br />

quattro assi del costruttore della<br />

Repubblica ceca dimostra di sapersi<br />

muovere con grande agilità e<br />

sicurezza anche sui terreni più difficili<br />

Cento anni di attività non sono bastati alla Tatra,<br />

fondata nel 1923 a Koprivnice, in quella<br />

che oggi è Repubblica Ceca, per essere riconosciuta,<br />

almeno nei mercati dell’Europa occidentale,<br />

come big del camion. Eppure il costruttore<br />

ceco, la cui storia ha in verità inizio addirittura nel<br />

1850, quando per volontà di Ignac Sustala nasce<br />

la fabbrica di carri e carrozze Nesselsdorfer Wagenbau<br />

Fabriks Gesellschaft, vanta una solida tradizione,<br />

ad esempio nell’offroad, terreno sul quale<br />

non a caso ogni anno si mette puntualmente in<br />

gioco in quell’esercizio estremo che è la Dakar (a<br />

proposito: ottimo il quinto posto conquistato nella<br />

recente edizione della corsa). Senza poi dimenticare<br />

che Tatra è anche in ordine cronologico il terzo<br />

marchio, dopo Daimler Mercedes-Benz e Peugeot,<br />

ad aver prodotto automobili (attività poi interrotta<br />

definitivamente nel 1999).<br />

20<br />

21


E proprio un prim’attore<br />

dell’offroad, il Phoenix R46,<br />

è stato il protagonista dell’evento<br />

organizzato dalla concessionaria<br />

Zarpellon Veicoli<br />

industriali presso la cava di<br />

Aldino, in provincia di Bolzano.<br />

Una giornata di testdrive<br />

in cui i clienti (anche<br />

potenziali) del marchio hanno<br />

potuto toccare con mano<br />

e verificare in presa diretta<br />

le qualità e le doti di questo<br />

modello, reduce dalla sempre<br />

scintillante vetrina tedesca del<br />

Bauma.<br />

Fatto per i terreni<br />

più estremi<br />

Configurazione quattro assi<br />

8 per 8 da 52 ton, cabina di<br />

matrice Daf così come pescato<br />

dal catalogo dello stesso<br />

costruttore olandese è anche il<br />

motore, il 6 cilindri Mx-13 di<br />

12,9 litri Euro 6 da 530 cv e<br />

265 kgm di coppia, tramissione<br />

automatica Allison 4800,<br />

allestito con vasca ribaltabile<br />

da 18 m 3 dello specialista ceco<br />

Vs-Mont (alloggiata su un<br />

telaio che, dettaglio importante,<br />

non richiede il sottotelaio<br />

aggiuntivo), il Tatra Phoenix<br />

R46 è veicolo che esprime<br />

il meglio proprio sui terreni<br />

più difficili ed estremi, quali<br />

spesso sono quelli della cava,<br />

proponendosi come valida al-<br />

Il valore aggiunto della tecnologia Allison<br />

Adialogare con il 6<br />

cilindri Euro 6 di<br />

530 cavalli del quattro<br />

assi firmato Tatra, c’era,<br />

sulla versione Phoenix<br />

R46 protagonista della<br />

giornata in cava, il<br />

cambio automatico<br />

Allison 4800 con<br />

convertitore di coppia<br />

e retarder idraulico.<br />

Una scelta, quella<br />

del costruttore della<br />

Repubblica ceca,<br />

che riconosce e di<br />

fatto premia, della<br />

trasmissione sviluppata<br />

e realizzata dall’azienda<br />

americana con sede a<br />

Indianapolis, gli elevati<br />

standard in termini<br />

di performance nelle<br />

condizioni di utilizzo<br />

del veicolo più severe,<br />

e che al tempo stesso<br />

esalta quelle che<br />

sono le caratteristiche<br />

del duro per la cava<br />

prodotto dal marchio<br />

dell’Est. Il cambio<br />

Allison montato sul Tatra<br />

R46 sfrutta naturalmente<br />

la Continuous power<br />

technology, grazie alla<br />

quale Allison trasferisce<br />

più potenza alle ruote,<br />

facendolo peraltro<br />

in modo più dolce<br />

e senza interruzioni<br />

di potenza durante<br />

il cambio di marcia.<br />

Una condizione che si<br />

traduce in una trazione<br />

ottimale, particolarmente<br />

evidente e apprezzabile<br />

nell’impiego più severo,<br />

vale a dire su terreni<br />

spesso estremi quali<br />

sono appunto quelli<br />

delle nostre cave. La<br />

trasmissione Allison con<br />

convertitore di coppia è<br />

anche garanzia di ottimo<br />

spunto in partenza<br />

senza slittamenti o<br />

arretramenti del veicolo.<br />

QUEL TELAIO<br />

È UNICO<br />

Un segno<br />

distintivo della<br />

produzione<br />

Tatra, e in<br />

particolare del<br />

quattro assi<br />

R46 allestito<br />

con cassone<br />

ribaltabile<br />

protagonista<br />

della giornata<br />

di prova nella<br />

cava bolzanina<br />

di Aldino, è<br />

certamente<br />

il concetto,<br />

unico nel<br />

suo genere,<br />

di telaio con<br />

tubo centrale<br />

e semiassi<br />

oscillanti<br />

che di fatto<br />

‘seguono’ la<br />

conformazione<br />

del terreno.<br />

22<br />

ternativa ai comuni dumper.<br />

Un specializzato, il Phoenix,<br />

che come spiega Veronika<br />

Michelovà, Director of<br />

business development Tatra,<br />

si distingue «per il concetto<br />

unico di telaio, che è composto<br />

da un tubo centrale e semiassi<br />

oscillanti che mimano la<br />

forma del terreno». Soluzione,<br />

quella adottata dal costruttore<br />

della Repubblica Ceca, che<br />

determina un duplice vantaggio:<br />

perfetta aderenza al suolo<br />

del veicolo in ogni frangente<br />

e protezione degli organi meccanici<br />

da eventuali urti (cui<br />

contribuisce anche la robusta<br />

piastra sottoscocca frontale).<br />

Trazione integrale<br />

dal 4x4 al 10x10<br />

L’offroad Phoenix (modello<br />

che Tatra propone in differenti<br />

configurazioni, dal 4 per 4 al<br />

10 per 10) combina tutto questo<br />

con la trasmissione completamente<br />

automatica Allison<br />

4800, con convertitore di<br />

coppia (in luogo della classica<br />

frizione) più retarder idraulico,<br />

che sfrutta la Continuous<br />

power technology.<br />

Tecnologia, quest’ultima,<br />

che rispetto a trasmissioni<br />

più comuni di altro genere<br />

consente di trasmettere alle<br />

ruote una maggiore potenza,<br />

senza interruzioni o buchi che<br />

possano pregiudicare trazione<br />

e guidabilità del veicolo.<br />

Da parte sua, il convertitore<br />

di coppia assicura maggiore<br />

spinta in fase di spunto, ovviando<br />

a eventuali slittamenti<br />

o arretramenti del veicolo,<br />

mentre il rallentatore idraulico<br />

favorisce, insieme all’efficace<br />

azione frenante, una minore<br />

usura dei freni.<br />

23


FIAT<br />

E-DOBLÒ<br />

FURGONE<br />

MOTORE ELETTRICO 136 CV<br />

min 6°<br />

max 9°<br />

Pioggia a tratti anche intensa su tutto il<br />

percorso. Traffico scorrevole nel tratto<br />

extraurbano, intenso ma senza criticità<br />

in quello cittadino.<br />

LA CARTA D’IDENTITÀ<br />

DOTAZIONE versione Maxi Lh1, 3 posti,<br />

passo di 2.975 mm: chiusura centralizzata<br />

con telecomando, retrovisori<br />

regolabili elettricamente, alzavetri elettrici,<br />

paratia divisoria con Magic cargo<br />

(per caricamento oggetti lunghi), porta<br />

laterale scorrevole sui due lati, porta posteriore<br />

asimmetrica a doppio battente,<br />

volante con comandi integrati, sedili in<br />

tessuto, ripiano girevole nello schienale<br />

del sedile centrale, pulsante di avviamento/stop,<br />

freno di stazionamento automatico,<br />

schermo touch, Magic mirror<br />

(retrovisore centrale digitale con schermo<br />

da 5 pollici), cerchi in lega.<br />

DOTAZIONE MR TRUCK motore elettrico,<br />

cambio automatico, airbag posto<br />

guida, climatizzatore, cruise control, telecamera<br />

posteriore, schermo multimediale,<br />

sistema monitoraggio pressione<br />

pneumatici, controllo stabilità con Abs,<br />

mantenimento della corsia.<br />

IMPRESSIONE<br />

DI GUIDA<br />

Al volante della furgonetta full electric<br />

IL<br />

VOLTO GREEN<br />

DEL<br />

DELIVERY<br />

La versione a batteria della quinta<br />

generazione del popolare modello<br />

di Fiat Professional, ulteriore passo<br />

verso quella gamma full electric<br />

che il costruttore promette di<br />

realizzare entro il 2<strong>02</strong>7, punta<br />

sulla versatilità combinata con la<br />

dotazione particolarmente ricca in<br />

termini di comfort e sicurezza<br />

Mettersi al volante di un elettrico è come<br />

camminare su un terreno col quale si<br />

sta familiarizzando, e che proprio per<br />

questo motivo non può dirsi inesplorato, ma del<br />

quale pur sapendo già molto non si conosce ancora<br />

abbastanza. C’è insomma quella curiosità<br />

che è un classico ogni qualvolta si approccia<br />

una nuova tecnologia, combinata con l’attesa e<br />

la necessità di approfondire ogni singolo aspetto<br />

e dettaglio che possano contribuire a consolidare<br />

quel feeling necessario per poter sfruttare al<br />

meglio le potenzialità del veicolo.<br />

SUSTAINABILITY INDEX<br />

DRIVELINE %<br />

a a a a c 94<br />

COMFORT E SICUREZZA<br />

a a a e e 59,8<br />

CARATTERISTICHE DEL VEICOLO<br />

a a c e e 52,2<br />

MOBILITY REVOLUTION TRUCK<br />

a a a c e 75<br />

DALLA TURCHIA<br />

ALLA SPAGNA<br />

Terzo modello<br />

elettrico della<br />

famiglia Fiat<br />

Professional dopo<br />

E-Ducato e E-Scudo,<br />

il nuovo E-Doblò<br />

non è più costruito<br />

a Bursa, in Turchia,<br />

ma in Spagna.<br />

PREZZO<br />

33.450 €<br />

(versione in prova)<br />

Costruito nello stabilimento di Vigo,<br />

Spagna.<br />

© <strong>Vado</strong> e <strong>Torno</strong> <strong>2<strong>02</strong>3</strong><br />

24<br />

25


AUTONOMIA<br />

282<br />

km<br />

LA SCHEDA TECNICA<br />

La versione a batteria del Fiat Doblò<br />

viene proposta nelle stesse dimensioni,<br />

caratteristiche e configurazioni delle versioni<br />

con motore termico.<br />

SOSPENSIONI<br />

Anteriori tipo pseudo Mac Pherson, posteriori<br />

a traversa con barra trasversale<br />

flessibile.<br />

FRENI<br />

Freni a disco sia davanti (ventilati) che<br />

dietro.<br />

Magic mirror una sicurezza in più<br />

Una pioggia leggera<br />

e fastidiosa,<br />

intervallata a tratti<br />

da precipitazioni<br />

decisamente più<br />

abbondanti e<br />

martellanti. Queste le<br />

condizioni meteo che<br />

hanno accompagnato<br />

la prova di <strong>Vado</strong> e<br />

<strong>Torno</strong>. Insomma, non<br />

certo l’ideale (o forse<br />

sì) per mettere alla<br />

frusta, in città e sulle<br />

strade extraurbane,<br />

la furgonetta di Fiat<br />

Professional. Diciamo<br />

che proprio questo<br />

scenario ha permesso<br />

di apprezzare quello<br />

che sicuramente è<br />

un equipaggiamento<br />

rivelatosi davvero<br />

molto utile. Parliamo<br />

del Magic mirror, lo<br />

specchio retrovisore<br />

digitale che sfruttando<br />

un’efficiente<br />

telecamera, rimanda<br />

le immagini<br />

sullo schermo a<br />

colori da 5 pollici<br />

collocato all’interno<br />

dell’abitacolo (nella<br />

posizione, per<br />

intenderci, riservata di<br />

solito allo specchietto<br />

retrovisore interno).<br />

Immagini chiare e<br />

nitide, totalmente<br />

prive del seppur<br />

minimo accenno<br />

di appannamento,<br />

anche quando fuori<br />

la pioggia martellava.<br />

Con il Magic mirror,<br />

che magico forse non<br />

lo è, ma pratico e<br />

soprattutto utile per la<br />

sicurezza certamente<br />

sì, è possibile<br />

per il conducente<br />

dell’E-Doblò tenere<br />

facilmente sotto<br />

controllo non soltanto<br />

un’ampia zona<br />

dell’area posteriore,<br />

ma anche quella di<br />

solito cieca sul lato<br />

destro del veicolo.<br />

A bordo del van di<br />

Fiat Professional,<br />

la maggiore visuale<br />

significa un più elevato<br />

standard di sicurezza<br />

a tutto vantaggio di<br />

una guida anche più<br />

rilassata. Non è poco.<br />

RUOTE E PNEUMATICI<br />

Sui cerchi in lega da 16 pollici sono montati<br />

pneumatici di misura 205/60 R 16.<br />

Ruota di scorta e sistema Tpms di monitoraggio<br />

della pressione<br />

STERZO<br />

Diametro di 11.400 mm (10.800 mm per<br />

la versione base).<br />

26<br />

3,9 m 3<br />

753<br />

chili<br />

PIÙ SPAZIO COL<br />

MAGIC CARGO<br />

Abbattendo lo<br />

schienale del<br />

sedile passeggero<br />

(a destra) e<br />

dopo aver aperto<br />

lo sportello<br />

ricavato nella<br />

paratia divisoria,<br />

si possono di<br />

caricare oggetti<br />

lunghi fino a 3,44<br />

metri e lo spazio<br />

aumenta di 0,5<br />

metri cubi.<br />

Ebbene, ciò premesso,<br />

il discorso assume una<br />

valenza ancora maggiore<br />

quando il city van<br />

elettrico in questione è<br />

il Fiat Doblò.<br />

La generazione<br />

della svolta<br />

Non tanto e non solo<br />

perchè parliamo di un<br />

modello del Costruttore<br />

nazionale, quanto piuttosto<br />

per la storia e il<br />

ruolo stesso di questa<br />

furgonetta sul mercato,<br />

che da oltre vent’anni<br />

(primo lancio nel Duemila)<br />

la vede protagonista<br />

e riferimento nel<br />

segmento del trasporto<br />

leggero per la città.<br />

E ancora di più, ruolo<br />

e storia a parte, per<br />

quella svolta, un vero e<br />

proprio passaggio epo-<br />

cale, che dando forma<br />

e vita alla quinta generazione<br />

del Doblò lo<br />

ha proiettato di forza in<br />

quel nuovo mondo dei<br />

leggeri elettrici, siano<br />

essi city van o furgoni<br />

di grandi dimensioni,<br />

che primi tra tutti i<br />

veicoli con la tuta da<br />

lavoro, hanno imboccato<br />

con convinzione la<br />

strada della transizione<br />

verso un trasporto merci<br />

green e sostenibile.<br />

È il terzo elettrico<br />

della famiglia<br />

L’obiettivo di Fiat è<br />

molto chiaro e da tempo<br />

fissato: un elettrico<br />

per ogni nuovo modello<br />

entro il 2<strong>02</strong>4 per<br />

poi offrire una gamma<br />

completamente elettrica<br />

soltanto tre anni più<br />

tardi, nel 2<strong>02</strong>7. Verso<br />

questo traguardo Fiat<br />

Professional viaggia<br />

speditamente, con il<br />

Doblò a batteria che<br />

oggi affianca gli altri<br />

due full-electric della<br />

famiglia, ovvero il<br />

furgone di grandi dimensioni<br />

E-Ducato e il<br />

medio E-Scudo.<br />

Dunque, la strada è<br />

tracciata e i ruoli ben<br />

definiti. Con il Doblò<br />

che nel segmento di<br />

competenza certo non<br />

intende recitare da<br />

comprimario o essere<br />

additato semplicemente<br />

come una delle cinque<br />

varianti nate dalla stessa<br />

piattaforma (Emp2,<br />

ex Psa) che nel tempo<br />

ha generato i vari Citroën<br />

Berlingo, Peugeot<br />

Partner, Opel Combo e<br />

27


Verrebbe da dire<br />

la brillantezza allo<br />

spunto, se non fosse<br />

che quest’ultima<br />

è caratteristica di<br />

tutti gli elettrici e dunque non<br />

può essere considerata un<br />

elemento distintivo del van di<br />

Fiat Professional. Come invece lo<br />

sono sia il Magic mirror, ovvero<br />

lo specchio retrovisore digitale<br />

da 5” a colori che consente<br />

di monitorare ciò che succede<br />

dietro e lateralmente sulla destra<br />

destra del veicolo, e in plancia<br />

la pratica leva di selezione delle<br />

tre modalità di marcia consentite<br />

(Normal, Eco, Power).<br />

Quella battezzata<br />

come Magic cargo,<br />

ovvero l’apertura<br />

nella parete divisoria<br />

all’altezza del sedile<br />

passeggero che<br />

consente di incrementare di<br />

0,53 m 3 il carico e soprattutto<br />

di alloggiare oggetti lunghi (fino<br />

a 3.440 mm), è senza dubbio<br />

soluzione utile. Molto meno<br />

pratico è invece non tanto<br />

l’apertura dello sportello, quanto<br />

piuttosto lo sportello stesso:<br />

nel senso che una volta aperto,<br />

quest’ultimo non rimane ancorato<br />

ad alcunchè. Bisogna ingegnarsi<br />

per trovargli una collocazione che,<br />

a veicolo in marcia, gli eviti di<br />

danzare a piacere nel vano.<br />

RICARICA BATTERIE<br />

5 ore<br />

corrente<br />

alternata<br />

(11 kW)<br />

DOPPIA PORTA<br />

SCORREVOLE<br />

Carico e scarico<br />

avvengono<br />

attraverso il<br />

doppio battente<br />

posteriore (apribile<br />

a 180 gradi) ma<br />

anche sfruttando<br />

le porte scorrevoli,<br />

presenti su<br />

entrambi i lati. La<br />

cubatura del vano<br />

per la versione<br />

Maxi è di 3,9 m 3 .<br />

TRE MODALITÀ<br />

DI GUIDA<br />

Alloggiato sotto il<br />

cofano anteriore,<br />

il cuore del<br />

E-Doblò è un<br />

motore sincrono<br />

a magneti<br />

permanenti che<br />

riceve l’energia<br />

dalla batteria<br />

con capacità<br />

dichiarata di 50<br />

kWh. In questa<br />

configurazione,<br />

il van di Fiat<br />

Professional<br />

dichiara<br />

un’autonomia<br />

di marcia fino a<br />

282 chilometri,<br />

dunque<br />

abbondantemente<br />

sufficiente per<br />

l’operatività<br />

quotidiana in<br />

città. Peraltro,<br />

optando per la<br />

ricarica Quick<br />

charge fino<br />

a 100 kW in<br />

corrente continua,<br />

è possibile<br />

rabboccare fino<br />

all’80 per cento in<br />

soli 30 minuti.<br />

LA CARTA D’IDENTITÀ<br />

DIMENSIONI<br />

Passo mm 2.975<br />

Lunghezza mm 4.753<br />

Larghezza senza specchi mm 1.848<br />

Altezza mm 1.796<br />

VANO DI CARICO<br />

Lunghezza mm 2.167<br />

Volume utile m 3 3,9/4,4<br />

PESO E PORTATA<br />

Tara kg 1.647<br />

Portata utile kg 753<br />

Peso totale kg 2.400<br />

30 min<br />

corrente<br />

continua<br />

I tempi di ricarica variano a seconda della<br />

modalità scelta e delle caratteristiche<br />

della presa di ricarica e della rete. In tutti<br />

i casi, Fiat offre per l’E-Doblò un ventaglio<br />

molto ampio. Per quanto riguarda<br />

i tempi si va dalle 31 ore della ricarica<br />

standard via cavo in corrente alternata<br />

a 1,8 kW ai 30 minuti della ricarica veloce<br />

all’80 per cento in corrente continua<br />

(100 kW), passando per le 5 ore della<br />

Wallbox in c.a con 11 kW.<br />

Toyota Proace City. Parenti<br />

stretti, è vero, ma<br />

le similitudini si fermano<br />

qui.<br />

Personalità<br />

e carattere<br />

Il Doblo elettrico porta<br />

infatti in dote un tesoretto<br />

prezioso, ovvero<br />

lo stesso Dna delle versioni<br />

termiche, e con<br />

esso la medesima versatilità,<br />

e quella praticità,<br />

robustezza e funzionalità<br />

che si traducono<br />

nella capacità di assolvere<br />

egregiamente alla<br />

mission del trasporto in<br />

ambito urbano.<br />

Con la quinta generazione<br />

arriva un design<br />

più moderno, con<br />

linee eleganti e ben coniugate<br />

che trasmettono<br />

solidità e personalità,<br />

mentre il nero dei cerchi<br />

in lega da 16 pollici<br />

e delle fasce paracolpi<br />

laterali dà quel tocco di<br />

catticeria.<br />

Per la prova si è<br />

scelto il Maxi, ovvero<br />

la versione lunga (190<br />

mm di passo e 350 mm<br />

di ingombro in più rispetto).<br />

Ne consegue<br />

una cubatura del vano<br />

merci di 3,9 m 3 (0,6<br />

m 3 in più dell’elettrico<br />

base) che sale a 4,4 m 3<br />

sfruttando la classica<br />

apertura ricavata nella<br />

zona inferiore della<br />

paratia all’altezza del<br />

sedile passeggero (con<br />

schienale abbattibile).<br />

Battezzata Magic cargo,<br />

porta la lunghezza<br />

di carico da 2.167 a<br />

3.440 mm, consentendo<br />

di alloggiare gli oggetti<br />

più lunghi. E sempre<br />

a proposito di carico,<br />

malgrado l’inevitabile<br />

aumento della tara dovuta<br />

al peso delle batterie,<br />

l’E-Doblò Maxi<br />

si mette sulle spalle<br />

oltre 750 chili di portata<br />

(una cinquantina in<br />

meno rispetto all’entry<br />

level del full electric di<br />

Fiat Professional), agevolando<br />

carico e scarico<br />

delle merci grazie<br />

alle due porte laterali<br />

scorrevoli (dietro c’è il<br />

doppio battente che tuttavia<br />

si apre soltanto a<br />

180 gradi).<br />

Autonomia residua<br />

sotto controllo<br />

Su strada, l’E-Doblò<br />

mostra uno spunto da<br />

vero scattista aggiungendo,<br />

grazie ai 136 cv<br />

con 36,5 kgm di coppia<br />

del motore alimentato<br />

dalla batteria di 50<br />

kWh, una godibilissima<br />

guidabilità.<br />

Capitolo autonomia:<br />

i 282 chilometri dichiarati<br />

(gestibili con le tre<br />

modalità di marcia:<br />

standard, eco, power)<br />

sono più che sufficienti<br />

per la mission quotidiana.<br />

Meglio comunque<br />

tenersi margini di<br />

sicurezza e non fidarsi<br />

troppo delle indicazioni<br />

del check panel, anche<br />

usando il piede di velluto.<br />

Si è registrato uno<br />

scarto tra il 10 e il 20<br />

per cento tra l’autonomia<br />

segnalata sul cruscotto<br />

e quella reale, a<br />

seconda dell’uso.<br />

28<br />

29


Prova verità: Daf Xg Plus 530<br />

GUARDAVO<br />

MIO PAPÀ<br />

GUIDARE IL<br />

GIGANTE<br />

A 6 anni Matteo già girava<br />

con lui. Ora fa 3 mila km<br />

a settimana come autista<br />

sul Daf super decorato<br />

della Marchetti, dormendo<br />

sempre a bordo. Porta<br />

acqua e merci varie ‘senza<br />

affanno’. E non si stacca dal<br />

truck neanche alla festa<br />

Matteo Anglieri, 38 anni di<br />

Rovigo, è un felice ‘impiegato<br />

del volante’, come ama<br />

definirsi. Ha ereditato dal padre la<br />

grande passione per i camion: «Ho<br />

iniziato a viaggiare sul Fiat 190/35<br />

di papà all’età di 6 anni. Dal sedile<br />

del passeggero rubavo con gli occhi<br />

i suoi movimenti a bordo di quel camion<br />

che a me sembrava gigantesco.<br />

Papà mi ha insegnato tutto, dalla guida<br />

alle trattorie».<br />

30 31


«Ma anche dove fermarsi e a<br />

leggere le cartine geografiche.<br />

Ancora oggi, pur con i navigatori,<br />

mi fido di più delle cartine<br />

e non sbaglio mai», continua<br />

Matteo, che guida il camion da<br />

vent’anni, sempre come autista<br />

dipendente. Prima come frigorista<br />

e, da due anni, alla Autotrasporti<br />

Marchetti, «per non<br />

viaggiare più di notte a rotta<br />

di collo per arrivare presto ai<br />

mercati», dove carica bancali,<br />

dall’acqua alla plastica riciclata,<br />

dalle resine per vernici alla<br />

carta da macero, dalle scatole<br />

di fagioli ai panettoni natalizi e<br />

alle colombe pasquali, «il tutto<br />

senza affanno».<br />

Apprezzato per professionalità<br />

e serietà, Matteo ha<br />

conquistato subito la stima e<br />

la fiducia dei suoi datori di lavoro<br />

che, nel novembre 2<strong>02</strong>2,<br />

gli hanno fatto una bella sorpresa:<br />

«Alla concessionaria<br />

Daf di Cuneo, non credevo ai<br />

miei occhi. Mi hanno detto:<br />

Matteo, questo da oggi sarà il<br />

tuo camion. Mi sono commosso.<br />

Un bellissimo Daf Xg Plus<br />

nuovo di pacca tutto per me.<br />

Prima di consegnarmelo però<br />

è stato personalizzato come<br />

tutti i camion della Marchetti.<br />

Sono decorati tutti i nostri camion<br />

32<br />

Giancarlo, 65 anni,<br />

e il figlio Graziano,<br />

(37) sono i titolari<br />

della Autotrasporti<br />

Marchetti con sede a<br />

Villafalletto in provincia<br />

di Cuneo. Racconta<br />

Giancarlo: «Mio papà<br />

aveva un’azienda<br />

Il risultato è splendido. L’aerografista<br />

di loro fiducia lo<br />

ha impreziosito con disegni<br />

dedicati a Ennio Morricone e<br />

ai film con le sue colonne sonore<br />

‘Per un pugno di dollari’<br />

e ‘Nuovo cinema Paradiso’».<br />

agricola e sono rimasto<br />

a lavorare con lui<br />

fino ai trent’anni, poi<br />

ho seguito la mia<br />

passione e ho iniziato<br />

a fare il camionista.<br />

Poi, nel 1994 è nata la<br />

Autotrasporti Marchetti.<br />

Mio figlio Graziano ha<br />

dimostrato interesse per<br />

i camion sin da quando<br />

aveva 5 o 6 anni. Così,<br />

lo portavo sempre<br />

in giro con me. Ora<br />

Graziano svolge l’80<br />

per cento della gestione<br />

del lavoro, mentre<br />

mia figlia si occupa di<br />

amministrazione. Siamo<br />

tutti molto appassionati<br />

del V8 Scania. Ma in<br />

scuderia, tra gli Scania,<br />

da poco sono entrati,<br />

un Man e due Daf Xg<br />

Plus dei quali siamo<br />

molto soddisfatti.<br />

Posto guida ok<br />

anche per i giganti<br />

«C’è stato subito feeling»,<br />

spiega Matteo, «Il comfort è<br />

superbo. È impossibile non<br />

trovare la giusta posizione di<br />

guida. Riesce a stare comodo<br />

anche a un omone come me<br />

alto quasi due metri per 140<br />

chili. Mentre le sospensioni<br />

pneumatiche assorbono tutte le<br />

asperità mantenendo un ottimo<br />

assetto in curva».<br />

«Sto fuori dal lunedì al venerdì<br />

e faccio circa tremila chilometri<br />

a settimana. Col Daf<br />

ne ho fatti poco più di 20 mila<br />

e ho subito apprezzato le doti<br />

del 6 in linea Paccar. Certo,<br />

qualche cavallino in più non<br />

mi dispiacerebbe, ma a livello<br />

di consumi, nonostante sia in<br />

rodaggio, già promette bene:<br />

non scende mai sotto i 3,5-3,6<br />

al litro. Credo che quando sarà<br />

ben sciolto arriverà a 4,2 anche<br />

a pieno carico. Merito dell’aerodinamica,<br />

particolarmente<br />

curata, ma anche del nuovo<br />

cambio predittivo Traxon. È<br />

molto veloce e preciso. Poco<br />

prima della salita, automaticamente<br />

scala la marcia e la<br />

Abbiamo 25 camion<br />

con una quarantina di<br />

rimorchi e a guidarli<br />

siamo io, mio figlio e<br />

22 dipendenti malati<br />

di camionismo come<br />

noi». «Con papà,<br />

oltre a condividere la<br />

passione per questo<br />

lavoro, amiamo anche<br />

le personalizzazioni e<br />

tutti i nostri camion<br />

sono decorati»,<br />

spiega Graziano,<br />

«Ci occupiamo<br />

prevalentemente di<br />

trasporti di acqua,<br />

plastica riciclata, resina<br />

per vernice e carta<br />

da macero. L’estate<br />

anche di trasporto<br />

frutta. Lavoriamo<br />

di solito nel Nord e<br />

Centro Italia, in Francia<br />

e saltuariamente in<br />

Spagna».<br />

LA CARTA D’ IDENTITÀ<br />

TRATTORE DAF XG PLUS 530<br />

Cabina<br />

XG+<br />

Motore<br />

Mx 13 6 in linea<br />

Cilindrata<br />

12,9 litri<br />

Omologazione Euro 6<br />

Potenza cv/giri 530/1.675<br />

Coppia kgm/giri 260/900<br />

Cambio robotizzato/marce<br />

Traxon/12<br />

Sospensioni ant. e post.<br />

pneumatiche<br />

Serbatoio gasolio<br />

800+600 litri<br />

Serbatoio Adblue<br />

70 litri<br />

Anno immatricolazione/mese<br />

2<strong>02</strong>2/novembre<br />

Km percorsi 20.000<br />

Optional: Trombe pneumatiche, spoiler e fender, minigonne<br />

laterali, deflettori finestrini, sedile girevole lato guida,<br />

frigo, forno a microonde, macchina caffè, materasso Relax<br />

letto inferiore, pistola aria compressa, aspirapolvere.<br />

DEDICATO A<br />

ENNIO MORRICONE<br />

Come tutti i<br />

camion della<br />

Marchetti, anche<br />

il Daf Xg Plus 530<br />

è un esemplare<br />

unico. Sulle<br />

fiancate le colonne<br />

sonore dei film<br />

Nuovo cinema<br />

Paradiso e Per un<br />

pugno di dollari.<br />

Solo personale qualificato in Piemonte<br />

Ha origine nel 1973<br />

la Piemonte Trucks,<br />

quando Silvio Rosso<br />

aprì l’officina meccanica<br />

per la riparazione dei<br />

camion che, dopo<br />

pochi anni, diventò<br />

officina autorizzata<br />

Iveco. Ma è nel 2001<br />

che viene fondata la<br />

società, che dal 20<strong>02</strong><br />

inizia la collaborazione<br />

con Daf Trucks. Oggi,<br />

l’azienda si occupa di<br />

vendita e assistenza e<br />

la consegna dei nuovi<br />

truck è seguita da<br />

personale dedicato,<br />

a disposizione per<br />

ogni chiarimento su<br />

caratteristiche tecniche<br />

e funzionamento dei<br />

veicoli. Anche l’officina<br />

meccanica è gestita<br />

da personale tecnico<br />

altamente specializzato<br />

e aggiornato con<br />

corsi periodici. Il tutto<br />

nella moderna sede di<br />

Bernazzo (Cuneo), e<br />

con apparecchiature<br />

moderne, tarate e<br />

omologate. Piemonte<br />

Trucks offre il servizio<br />

assistenza H24 anche<br />

su trailer e veicoli<br />

di qualsiasi<br />

marca. «Non<br />

abbiamo contratti<br />

di manutenzione<br />

programmata»,<br />

spiega Graziano<br />

Marchetti, «Faremo<br />

i tagliandi alla<br />

Piemonte Trucks,<br />

che dista circa 20<br />

chilometri dalla<br />

nostra sede, dove<br />

fa sempre col rapporto giusto.<br />

E anche il consumo di Adblue<br />

non è eccessivo: un pieno da<br />

70 litri basta per due settimane,<br />

dai 6 ai 7 mila chilometri».<br />

Rallentamenti sicuri<br />

a tutte le velocità<br />

«Trovo stupendi i nuovi sistemi<br />

di rallentamento integrati:<br />

l’Mx con valvola a farfalla<br />

sullo scarico e il rallentatore<br />

nel cambio. L’Mx è efficace a<br />

bassa velocità con regime motore<br />

elevato, mentre il secondo<br />

rallenta in modo efficace anche<br />

sopra i 50 all’ora. Per cui si ha<br />

doppio vantaggio, sul consumo<br />

carburante e sull’usura freni».<br />

«Dormo sul camion dal<br />

lunedì al venerdì. E, sarò sincero,<br />

il nuovo letto della cabina<br />

Xg Plus è più comodo<br />

di quello di casa», confessa<br />

Matteo, «Quei 30 centimetri<br />

in più di lunghezza vogliono<br />

dire tanto. E ci dormo come un<br />

angioletto. Poi, nei momenti di<br />

sosta breve, metà letto si alza<br />

trasformandosi in una comoda<br />

poltrona da lettura. Mentre<br />

l’impianto clima da stazionamento<br />

garantisce sempre la<br />

giusta temperatura, anche a<br />

motore spento. Al posto del<br />

lettino superiore, però, avrei<br />

abbiamo acquistato<br />

i due Daf. Che non<br />

hanno dato problemi<br />

(20 mila chilometri uno<br />

e 30 mila l’altro). Daf<br />

prevede un tagliando<br />

l’anno o a 150-200<br />

mila chilometri, ma noi<br />

preferiamo andare sul<br />

sicuro e li porteremo in<br />

officina ai 90 mila».<br />

preferito degli armadi per i<br />

vestiti. Per il resto, la cabina è<br />

veramente spaziosa e mi muovo<br />

tranquillamente in piedi. E<br />

nel frigo sotto il letto, tra i due<br />

sedili, tengo sempre l’acqua e<br />

qualcosa da sgranocchiare durante<br />

il viaggio».<br />

«Sono tanti i sistemi di sicurezza,<br />

dalla frenata assistita<br />

all’avviso di abbandono corsia<br />

alle luci di arresto di emergenza.<br />

Ci sono poi l’Advanced<br />

emergency braking system,<br />

che frena in automatico in caso<br />

di pericolo e, utilissimo, il<br />

City turn assist, che rileva la<br />

presenza di persone o oggetti<br />

sul lato destro. Impressionanti,<br />

poi, le mirrorcam per la visione<br />

più ampia e nitida anche col<br />

maltempo».<br />

«Strumentazione digitale,<br />

touchscreen da 10”, tutto molto<br />

bello. C’è tanta elettronica<br />

e devo prendere confidenza.<br />

Ma ho la fortuna di portarmelo<br />

sotto casa il ‘bambino’, lo<br />

ricovero nel capannone nel fine<br />

settimana. E la fidanzata mi<br />

sgrida perché passo più tempo<br />

sul camion che con lei».<br />

Gabriele Bolognini<br />

33


European Truck Racing Championship<br />

LA PROVA<br />

DEL<br />

9<br />

Tante sono le gare in<br />

calendario per la stagione<br />

<strong>2<strong>02</strong>3</strong>. Agli otto appuntamenti<br />

dell’ultimo campionato, si<br />

aggiunge la novità della tappa<br />

in Polonia, in programma a<br />

inizio estate. Apertura, come<br />

da tradizione, a Misano<br />

Adriatico, chiusura a Jarama<br />

L’inverno è lungo. Non<br />

tanto quello meteorologico,<br />

che in verità alle<br />

nostre latitudini, e limitiamoci<br />

all’Italia, è sempre<br />

più temperato nonchè sempre<br />

più in ritardo. Parliamo<br />

piuttosto dell’inverno motoristico,<br />

in particolare quello<br />

del Truck racing. L’ultima<br />

bandiera a scacchi ha sventolato<br />

sul circuito madrileno<br />

di Jarama lo scorso ottobre.<br />

Il prossimo semaforo verde<br />

si accenderà soltanto nella<br />

seconda metà di maggio, penultimo<br />

week-end del mese,<br />

per la precisione. Insomma,<br />

un’eternità tra la fine dello<br />

scorso campionato e l’inizio<br />

del prossimo. Così vanno le<br />

cose nel mondo delle corse<br />

di camion. E forse è arrivato<br />

il momento di cambiare.<br />

IVECO ANCORA PROTAGONISTA IN PISTA<br />

Duello ravvicinato tra gli Iveco S-Way di Steffi<br />

Halm (n.44) e Andrè Kursim (n.11). Dopo aver<br />

ceduto negli ultimi due anni lo scettro a Norbert<br />

Kiss e al suo Man, è tanta la voglia di Iveco di<br />

riprendersi il titolo già conquistato la prima volta<br />

nel 2018 e poi ancora l’anno successivo.<br />

34 35


ITALIA<br />

MISANO<br />

WORLD CIRCUIT<br />

IL CALENDARIO <strong>2<strong>02</strong>3</strong><br />

APOLLO TYRES CORRE CON LENZ<br />

Al primo semaforo verde della stagione<br />

mancano più di tre mesi, ma già l’attività<br />

nelle factory è frenetica. Con i tedeschi di<br />

Sl Trucksport 30 che, anticipando i tempi,<br />

hanno ufficializzato l’accordo con Apollo<br />

Tyres, svelando la nuova livrea del Man di<br />

Sascha Lenz.<strong>02</strong>3.<br />

MOST<br />

REPUBBLICA CECA<br />

20-21<br />

MAGGIO<br />

LUNGHEZZA METRI 4.048<br />

CURVE 16<br />

26-27<br />

AGOSTO<br />

LUNGHEZZA METRI 4.212<br />

CURVE 21<br />

UNGHERIA<br />

BELGIO<br />

HUNGARORING<br />

ZOLDER<br />

LUNGHEZZA METRI 4.381<br />

CURVE 21<br />

SLOVACCHIA<br />

SLOVAKIA<br />

RING<br />

10-11<br />

GIUGNO<br />

LUNGHEZZA METRI 4.083<br />

CURVE 14<br />

LUNGHEZZA METRI 3.629<br />

CURVE 12<br />

3-4<br />

GIUGNO<br />

LUNGHEZZA METRI 3.680<br />

CURVE 14<br />

POLONIA<br />

POZNAN<br />

24-25<br />

GIUGNO<br />

GERMANIA<br />

NÜRBURGRING<br />

15-16<br />

LUGLIO<br />

Sette mesi abbondanti,<br />

a separare due<br />

edizioni della stessa serie,<br />

francamente sono troppi.<br />

Specialmente in un mondo<br />

che viaggia alla velocità della<br />

luce. In questo modo, con<br />

un letargo di questo genere<br />

che metterebbe a dura prova<br />

anche un orso, il rischio è la<br />

disaffezione del pubblico.<br />

Iniziare a marzo per<br />

conquistare pubblico<br />

Non abbiamo timore a dirlo:<br />

siamo per una serie Etrc dai<br />

tempi più incalzanti, capace<br />

di conquistare e attrarre a<br />

sé il pubblico mantenendone<br />

sempre alta l’attenzione e la<br />

curiosità lungo l’intero arco<br />

dell’anno. E ciò è possibile<br />

soltanto evitando tempi morti<br />

biblici ma anche aggiungendo<br />

al calendario quelle due tre<br />

gare aggiuntive che strutturerebbero<br />

la serie in modo più<br />

completo. Certo, una sosta ai<br />

box durante l’inverno è sacrosanta<br />

e necessaria, ma non si<br />

capisce perchè mai non si<br />

possa cominciare a gareggiare,<br />

come moltissimi altri campionati<br />

delle quattro e delle<br />

due ruote, magari a marzo,<br />

quando peraltro la primavera<br />

già è capace di regalare, in<br />

Italia come in Europa, giornate<br />

soleggiate e gradevoli<br />

che invitano il pubblico a<br />

frequentare gli autodromi.<br />

Vedremo se qualcosa in<br />

questo senso si muoverà in<br />

futuro. Nell’attesa, accogliamo<br />

con entusiasmo<br />

l’ingresso della<br />

Polonia nel circus<br />

dell’European Truck racing<br />

championship.<br />

Si tratta di una ‘prima’<br />

particolarmente significativa<br />

per almeno un paio di motivi:<br />

perché conferma il potenziale<br />

di grande attrattività<br />

dell’europeo camion e al tempo<br />

stesso consente alla serie<br />

continentale di sbarcare per la<br />

prima volta in un paese che<br />

motoristicamente vanta una<br />

solida tradizione che vive con<br />

grande passione.<br />

Si correrà il primo weekend<br />

d’estate sui 4.083 metri<br />

del circuito medio-veloce di<br />

Poznan, località della Polonia<br />

occidentale situata nella<br />

zona di Lawica, non poi così<br />

distante dal confine con la<br />

Germania (Berlino è a circa<br />

250 chilometri).<br />

Quella polacca sarà l’attesa<br />

quarta tappa di un campionato<br />

che dunque, agli otto confermatissi<br />

appuntamenti della<br />

passata stagione, aggiunge un<br />

ulteriore round, collocato dopo<br />

la trasferta in Slovacchia e<br />

prima dell’appuntamento del<br />

Nürburgring.<br />

Questa la novità di un calendario<br />

<strong>2<strong>02</strong>3</strong> che per il resto è<br />

l’esatta fotocopia della passata<br />

stagione. Come ormai<br />

è tradizione, i motori si accenderanno<br />

infatti il 21 e 22<br />

maggio a Misano Adriatico,<br />

unica tappa italiana dell’europeo<br />

camion sempre molto<br />

‘sentita’ da piloti e pubblico<br />

(a proposito, è già aperta la<br />

prevendita). Poi l’Etrc si sposterà<br />

nell’est Europa, all’Hungaroring,<br />

quindi allo Slovakia<br />

Ring, prima di affrontare appunto<br />

l’inedita trasferta di<br />

Poznam e fare successivamente<br />

tappa al Nürburgring<br />

nella classica data di metà<br />

luglio, prima dell’altrettanto<br />

classico mese di pausa estivo.<br />

I duelli in pista riprenderanno<br />

a fine agosto a Most, quindi in<br />

sequenza, il finale di stagione<br />

affidato nell’ordine a Zolder,<br />

Le Mans e Jarama, dove il<br />

campionato si concluderà<br />

il primo giorno di ottobre.<br />

Norbert Kiss<br />

punta al pokerissimo<br />

Sarà lì, sul circuito madrileno,<br />

che conosceremo il nome del<br />

nuovo campione. O almeno<br />

questo è l’augurio: significherebbe<br />

aver vissuto una stagione<br />

appassionante e incerta<br />

nell’esito finale fin sull’ultimo<br />

traguardo.<br />

Sulla carta, i nomi dei pretendenti<br />

al trono del quattro<br />

volte campione Kiss, che con<br />

il suo Man punterà a riconfermarsi<br />

centrando quella che<br />

sarebbe una storica cinquina,<br />

sono i soliti. Parliamo del pluricampione<br />

Hahn (sei titoli in<br />

bacheca) desideroso col suo<br />

Iveco di interrompere la serie<br />

vincente del pilota ungherese,<br />

del rampante Lenz (che<br />

ha ereditato lo sponsor Apollo<br />

Tyres da Shane Brereton,<br />

ritiratosi dalle corse), ma attenzione<br />

anche alla possibile<br />

zampata degli esperti Lacko e<br />

Albacete.<br />

Alberto Gimmelli<br />

9-10<br />

SETTEMBRE<br />

FRANCIA<br />

LE MANS<br />

23-24<br />

MSETTEMBRE<br />

30-1<br />

SETT/OTT<br />

LUNGHEZZA METRI 4.011<br />

CURVE 10<br />

LUNGHEZZA METRI 4.273<br />

CURVE 11<br />

SPAGNA<br />

JARAMA<br />

LUNGHEZZA METRI 3.850<br />

CURVE 11<br />

36<br />

37


una trasmissione tutta nuova<br />

breaking news<br />

interviste<br />

servizi esclusivi<br />

prove<br />

truck racing<br />

UNA PRODUZIONE<br />

MEDIA PARTNER<br />

Info e contatti<br />

visita il sito:<br />

www.eventforma.com<br />

canale Sky 229<br />

@event @trasportareoggi @vadoetorno<br />

Speciale di VADO E TORNO n. 2/<strong>2<strong>02</strong>3</strong><br />

<strong>Vado</strong> e <strong>Torno</strong> Edizioni srl, via Brembo 27, 20139 Milano. Tel. <strong>02</strong>/55230950<br />

Autorizzazione del Tribunale di Milano n. 6041 del 20 settembre 1962<br />

Direttore Responsabile: Maurizio Cervetto - Stampa: RGM srl, Rozzano (MI)


iconico<br />

Ford Transit, il mito si fa full electric<br />

NEVER<br />

ENDING<br />

È il veicolo commerciale<br />

più venduto al mondo, un<br />

autentico best seller che da<br />

58 anni scrive la storia del<br />

trasporto leggero. Logico,<br />

quindi che nella transizione<br />

verso la guida a emissioni zero,<br />

Ford abbia realizzato il primo<br />

full electric proprio sulla base<br />

del suo modello più iconico<br />

STORY<br />

A<br />

lla Ford lo vanno ripetendo con giustificato<br />

orgoglio: «Con l’E-Transit<br />

i nostri clienti acquisteranno gli oltre<br />

cinquant’anni di esperienza Transit».<br />

Non poteva esserci migliore e più efficace<br />

sintesi per illustrare qualità e doti del nuovo<br />

veicolo commerciale cento per cento<br />

elettrico dell’Ovale blu. Il primo di una<br />

famiglia di van a emissioni zero presto<br />

destinata ad allargarsi anche al Custom e<br />

successivamente al Courier. Perché in quel<br />

UNA TRADIZIONE<br />

LUNGA UN SECOLO<br />

Quella di Ford nei<br />

veicoli commerciali.<br />

Il marchio<br />

dell’Ovale blu ha<br />

infatti iniziato a<br />

produrli già nel<br />

1905. Il Transit ha<br />

invece fatto il suo<br />

debutto sulla scena<br />

internazionale<br />

nel 1965.<br />

mezzo secolo abbondante, per l’esattezza,<br />

oggi sono cinquantotto anni, c’è la storia<br />

di un modello, il Transit appunto, lanciato<br />

per la prima volta nel 1965, erede di una<br />

tradizione che affonda le radici all’alba<br />

dello scorso secolo (il primo commerciale<br />

Ford è del 1905), rapidamente affermatosi<br />

a ogni latitudine sui mercati internazionali<br />

piccoli e grandi, fino a diventare in assoluto<br />

il light model più venduto al mondo.<br />

Un punto di riferimento nel competitivo e<br />

affollato segmento dei veicoli commerciali.<br />

Un modello che oggi identifica il modo<br />

stesso di intendere e fare trasporto in città.<br />

Naturale, quindi, che l’E-Transit abbia<br />

ereditato dal capostipite il Dna e quella<br />

robustezza, versatilità e affidabilità sulle<br />

quali intende fare leva per prolungare nel<br />

tempo la splendida favola di un modello<br />

che non ha uguali.


Non un’unica versione, bensì<br />

una vera e propria famiglia a<br />

emissioni zero con 25 varianti<br />

riccamente equipaggiate<br />

frutto della combinazione<br />

tra due potenze, tre<br />

lunghezze e due altezze.<br />

Con la tranquillità di oltre 300<br />

chilometri di autonomia<br />

Un Transit in tutto e per tutto, con in<br />

più il piacere di una guida silenziosa<br />

e rilassante a emissioni zero. Questo è<br />

l’E-Transit, modello che per soluzioni tecnologiche<br />

e scelte tecniche si colloca ai vertici<br />

della categoria degli elettrici. Senza compromessi.<br />

Alloggiando ad esempio la dotazione<br />

elettrica sotto il pianale (il motore sull’assale<br />

posteriore, il pacco batterie da 68 kWh al<br />

centro), con dimensioni del vano di carico<br />

(fino a 15,1 m 3 ) che non cambiano rispetto al<br />

Transit con motore termico, mentre gli oltre<br />

300 chilometri di autonomia (ciclo Wltp),<br />

tolgono ogni ansia da ricarica. E poi l’ampia<br />

gamma, con pesi da 3,5 a 4,25 ton, portata<br />

utile fino a 1.616 chili, due potenze (184 e<br />

269 cv), tre lunghezze (5.531, 5.981, 6.707<br />

mm), due passi (3.300, 3.750 mm) e due<br />

altezze, per un totale di 25 versioni. Tutte<br />

riccamente equipaggiate, come è nella tradizione<br />

Ford, e con un paio di chicche quali<br />

il Pre-conditioning (riscalda l’abitacolo mentre<br />

il veicolo è in carica) e il Pro Power on<br />

Board (consente di alimentare attrezzature<br />

esterne con 2,3 kW aggiuntivi). Per la ricarica<br />

si va dalle 11 ore previste con wallbox<br />

da 7 kW ai 34 minuti per un pieno all’80 per<br />

cento con superfast Dc da 115 kW.<br />

GIÙ DEL 40 PER CENTO I<br />

COSTI DI MANUTENZIONE<br />

Alla proverbiale versatilità,<br />

robustezza e affidabilità del<br />

Transit con motorizzazione<br />

convenzionale, la versione<br />

elettrica dell’iconico<br />

modello Ford aggiunge un<br />

taglio di circa il 40 per<br />

cento dei costi di gestione<br />

e manutenzione, oltre a 8<br />

anni e 160 mila chilometri di<br />

garanzia per la batteria e i<br />

componenti elettrici.<br />

In tutto e per tutto un Transit<br />

performante<br />

NIENTE<br />

ANSIA<br />

DA RICARICA


Tutta la connettività che serve<br />

A BORDO<br />

MASSIMA<br />

telematico<br />

EFFICIENZA<br />

Da autentico leader della<br />

categoria degli elettrici,<br />

Ford E-Transit alza l’asticella<br />

anche in tema di connettività,<br />

implementando sistemi e<br />

tecnologie che aiutano il<br />

cliente nella gestione più<br />

efficiente delle loro attività<br />

LA PRIMA VOLTA<br />

DEL SISTEMA SYNC 4<br />

Alla tradizionale robustezza<br />

e all’apprezzata versatilità<br />

tipica del Transit, la versione<br />

cento per cento elettrica<br />

aggiunge, ed è la prima<br />

volta su un van Ford, il<br />

sistema di infotainment<br />

Sync 4 con touchscreen da<br />

12 pollici, riconoscimento<br />

vocale ulteriormente<br />

migliorato e navigazione<br />

ottimizzata per il cloud.<br />

Massimizzare la produttività riducendo<br />

i tempi di fermo macchina.<br />

Con E-Transit, attraverso Ford Pro,<br />

il nuovo brand globale del marchio dell’Ovale<br />

blu dedicato al mondo dei veicoli<br />

commerciali che offre un ampio bouquet<br />

di prodotti, servizi e tecnologie puntando<br />

proprio a massimizzare l’efficienza, tutto<br />

questo è una concreta possibilità, che in un<br />

certo senso pone sotto luce diversa il processo<br />

di transizione verso l’elettrificazione.<br />

Il nuovo van elettrico di Ford è infatti una<br />

piattaforma connessa, o più precisamente<br />

un ecosistema di strumenti digitali attraverso<br />

i quali tradurre il potenziale del veicolo<br />

a batteria in una concreta realtà aziendale, a<br />

beneficio di una mobilità a emissioni zero.<br />

FordPass connect, il modem (di serie) che<br />

fornisce appunto la connettività necessaria<br />

per aiutare i clienti di veicoli commerciali<br />

a ottimizzare l’efficienza della propria flotta<br />

(usufruendo al tempo stesso degli aggiornamenti<br />

over-the-air per il navigatore e altre<br />

funzionalità), va appunto in questa direzione.<br />

Allo stesso modo, il valore aggiunto lo<br />

assicura il sistema di infotainment Sync 4<br />

con touch-screen da 12 pollici, riconoscimento<br />

vocale e navigazione ottimizzata per<br />

il cloud, che per la prima volta sale a bordo<br />

di un veicolo commerciale Ford.


Pordenone 4 maggio<br />

Torino novembre<br />

Verona 9 marzo<br />

Prato 28 settembre<br />

SUSTAINABLE<br />

<strong>2<strong>02</strong>3</strong><br />

TOUR<br />

l’anno degli interporti<br />

UNA INIZIATIVA<br />

MEDIA PARTNER<br />

Info e contatti<br />

visita il sito:<br />

www.eventforma.com


LA CLASSIFICA FINALE<br />

1° Janus Van Kasteren (Iveco) in 54h03’33”<br />

2° Martin Macik (Iveco) a 1 h 14’34”<br />

3° Martin Van Den Brink (Iveco) a 2 h 40’22”<br />

4° Mitchel Van Den Brink (Iveco) a 4 h <strong>02</strong>’29”<br />

5° Jaroslav Valtr (Tatra) a 5 h 06’43”<br />

6° Martin Soltys (Tatra) a 9 h 08’43”<br />

7° Ben Van De Laar (Iveco) a 10 h 49’26”<br />

8° Richard De Groot (Iveco) a 13 h 45’15”;<br />

9° Tomas Vranty (Tatra) a 14 h 23’52”<br />

10° Teruhito Sugawara (Hino) a 18 h 55’00”<br />

LA PRIMA VOLTA<br />

DI VAN KASTEREN<br />

Tre vittorie di tappa e<br />

alla decima frazione,<br />

dopo il ritiro di<br />

Loprais, il comando<br />

della classifica fino<br />

al traguardo finale di<br />

Damman. Per Janus<br />

Van Kasteren e il<br />

suo Iveco Powerstar,<br />

un inizio d’anno da<br />

incorniciare.<br />

Iveco vince la 45 a Dakar<br />

MISSIONE<br />

COMPIUTA<br />

Il costruttore italiano piazza quattro<br />

Powerstar motorizzati Cursor ai primi<br />

quattro posti della classifica, e addirittura<br />

sei nei primi otto. Vittoria di Van Kasteren<br />

favorita anche dal ritiro del Praga di<br />

Loprais in seguito all’assurda tragedia<br />

costata la vita a un tifoso italiano<br />

Avremmo voluto parlare<br />

soltanto della corsa.<br />

Raccontare l’edizione<br />

numero 45 della Dakar, la prima<br />

da oltre venticinque anni a<br />

questa parte orfana di quegli<br />

autentici assi pigliatutto che<br />

sono stati i Kamaz, concentrandoci<br />

unicamente sull’aspetto<br />

agonistico. Rivivere il<br />

fascino e la suggestione di<br />

una corsa unica, spettacolare<br />

e per certi aspetti, se volete,<br />

anche anacronistica, ma proprio<br />

per questo motivo ambita<br />

da tutti i piloti, siano essi<br />

al volante di un camion o di<br />

un’auto o in sella a una moto.<br />

48<br />

49


Invece, ancora una volta, come<br />

troppo spesso in passato,<br />

tutto ciò passa in secondo<br />

piano di fronte all’ennesima,<br />

e questa volta più che mai assurda,<br />

tragedia che ha colpito<br />

la corsa. E proprio quella dei<br />

camion.<br />

La svolta<br />

alla nona tappa<br />

Succede in apertura della seconda<br />

settimana, nella nona<br />

tappa, la prima dopo il giorno<br />

di riposo. Ci sono da percorrere<br />

624 chilometri da Riyadh<br />

a Haradh, col pensiero già rivolto<br />

al temutissimo e inedito<br />

passaggio nell’Empty Quarter<br />

che i concorrenti ancora<br />

in gara troveranno di lì a un<br />

paio di giorni.<br />

Saldamente al comando<br />

della classifica generale c’è<br />

Ales Loprais, alla sua diciassettesima<br />

partecipazione al<br />

rally raid. Al chilometro nove<br />

del trasferimento, il pilota<br />

ceco nipote del grande Karel<br />

(sei vittorie alla Dakar), atterrando<br />

al termine di un salto<br />

sopra una duna, colpisce con<br />

la ruota anteriore sinistra un<br />

tifoso italiano che lì sotto si<br />

era incautamente appostato<br />

per scattare una fotografia.<br />

Imprudenza che gli costerà<br />

la vita. E il video di una<br />

manciata di secondi ne fissa<br />

il momento drammatico, del<br />

quale l’incolpevole Loprais,<br />

dal posto guida del suo camion,<br />

nemmeno si accorge.<br />

Tant’è che porta a termine la<br />

tappa (mantenendo il comando<br />

della classifica generale).<br />

Ma una volta al bivacco,<br />

avvertito della tragedia, visibilmente<br />

choccato per l’accaduto,<br />

non se la sente di continuare.<br />

«Una vita umana»,<br />

ha solo la forza di dire, «si<br />

è spenta indirettamente per<br />

colpa mia, perchè ero io alla<br />

guida. Il suo ricordo mi accompagnerà<br />

per tutta la vita».<br />

È lì, al termine della nona<br />

tappa, che cambia il volto<br />

della corsa. Fino a quel momento,<br />

infatti, facendo leva<br />

sulla competitività del suo<br />

Praga V4S Dkr e sulla regolarità<br />

frutto della notevole<br />

esperienza maturata nei lun-<br />

TROPPI GUAI<br />

MA IL TALENTO C’E<br />

Il secondo gradino del<br />

podio non soddisfa<br />

certamente Martin<br />

Macik. Malgrado i tre<br />

successi parziali, il<br />

suo truck, preparato<br />

da Mm Technology,<br />

ha mostrato notevoli<br />

limiti di affidabilità.<br />

Bersagliato da<br />

forature, problemi<br />

agli assali e perfino<br />

alla cabina, il pilota<br />

ceco è stato costretto<br />

a una problematica<br />

rimonta che ne ha<br />

però mortificato le<br />

ambizioni.<br />

VAN KASTEREN<br />

Alla quinta<br />

partecipazione<br />

alla Dakar (col<br />

quinto posto<br />

del 2<strong>02</strong>2 quale<br />

miglior risultato)<br />

centra il bersaglio<br />

grosso che vale<br />

una carriera,<br />

sugellando il<br />

trionfo con la<br />

ciliegina di tre<br />

vittorie di tappa.<br />

Ha corso sempre<br />

con intelligenza<br />

senza mai<br />

andare sopra le<br />

righe, limitandosi<br />

a portare a casa<br />

il piazzamento<br />

senza strafare<br />

nelle giornate<br />

in cui il suo<br />

Powerstar ha<br />

sofferto (alla<br />

sesta tappa, ad<br />

esempio: guai<br />

alle sospensioni).<br />

Il fatto di essersi<br />

messo alle<br />

spalle la muta<br />

dei compagni<br />

di marca, ne<br />

accresce i meriti.<br />

Bravo e fortunato<br />

Voto 9<br />

MACIK<br />

Era tra i favoriti,<br />

se non il favorito<br />

della corsa.<br />

Ha confermato<br />

che talento e<br />

velocità non gli<br />

fanno difetto, ma<br />

ancora una volta<br />

lascia l’Arabia<br />

con l’amaro in<br />

Promossi<br />

e bocciati<br />

bocca di un<br />

secondo posto<br />

che certamente<br />

premia il<br />

recupero<br />

cui è stato<br />

costretto, ma<br />

certamente non<br />

lo soddisfa. Paga<br />

a caro prezzo<br />

la precaria<br />

affidabilità del<br />

suo veicolo,<br />

preparato da Mm<br />

Technology. Ma è<br />

giovane e potrà<br />

rifarsi in futuro.<br />

Voto 8<br />

.<br />

VAN DEN BRINK<br />

Junior, per<br />

l’esattezza.<br />

Cioè il giovane<br />

Mitchel. Alla sua<br />

prima Dakar<br />

ha corso con<br />

l’intelligenza e<br />

la saggezza di<br />

un veterano.<br />

Ha mostrato<br />

velocità, ottimo<br />

adattamento al<br />

percorso, e in<br />

più si è messo a<br />

disposizione della<br />

causa quando è<br />

stato il momento<br />

di farlo. Un<br />

lavoro prezioso<br />

quello del<br />

baby olandese,<br />

ripagato da una<br />

meritata vittoria<br />

di tappa. Davvero<br />

una piacevole<br />

scoperta.<br />

Voto 9<br />

VAN DEN BRINK<br />

Senior, ovvero il<br />

papà di Mitchel.<br />

Per lui una<br />

vittoria di tappa<br />

e soprattutto, a<br />

tre giorni dalla<br />

fine, quando la<br />

leadership era<br />

lì a poco più<br />

di un minuto, il<br />

sogno di poter<br />

realizzare la<br />

grande impresa.<br />

Poi svanita per<br />

una serie di noie<br />

al cambio che<br />

hanno addirittura<br />

messo a rischio<br />

il terzo posto poi<br />

conquistato.<br />

Voto 8<br />

RENAULT<br />

Più che il 15°<br />

posto finale di De<br />

Baar è la prima<br />

vittoria di tappa<br />

a rendere storica<br />

la Dakar del<br />

Riwald Team e di<br />

Renault. E si sa,<br />

l’appetito viene<br />

mangiando...<br />

Voto 7<br />

50 51


Quel triplete<br />

che fa la storia<br />

Nella storia<br />

della Dakar<br />

Iveco c’era già,<br />

come tutti coloro i<br />

quali, costruttori e<br />

piloti, di qualsiasi<br />

categoria, hanno<br />

scritto il proprio<br />

nome nell’Albo<br />

d’Oro della corsa.<br />

Ma con il terzo<br />

successo della<br />

serie, giunto oggi<br />

a undici anni di<br />

distanza dal primo<br />

(2012, Gerard<br />

De Rooy) e a<br />

sette dal secondo<br />

(ancora De<br />

Rooy nel 2016),<br />

Iveco aggiunge<br />

un piccolo ma<br />

significativo<br />

dettaglio. È infatti<br />

il solo costruttore,<br />

insieme a Kamaz,<br />

capace di cogliere<br />

un successo in<br />

almeno due dei<br />

Continenti che<br />

hanno ospitato<br />

le 45 edizioni<br />

del più celebre<br />

e importante<br />

rally raid. Nelle<br />

prime due<br />

occasioni, quelle<br />

firmate appunto<br />

dal giovane e<br />

grintoso figlio<br />

d’arte Gerard De<br />

Rooy (il papà,<br />

Jan, è stato, nel<br />

bene e nel male,<br />

uno dei grandi<br />

interpreti della<br />

corsa che ha<br />

vinto nel 1987<br />

al volante di un<br />

Daf), lo scenario<br />

era infatti quello<br />

del Sudamerica,<br />

dove il raid ha<br />

messo le tende<br />

per una decina di<br />

anni, dal 2009 al<br />

2019, dopo che<br />

per questioni di<br />

sicurezza legate<br />

al terrorismo,<br />

annullata<br />

l’edizione del<br />

2008, i francesi di<br />

Aso, organizzatori<br />

della Dakar, sono<br />

stati costretti a<br />

traslocare dicendo<br />

addio alle piste<br />

e alla savana<br />

dell’Africa. Da<br />

quando invece,<br />

nel 2<strong>02</strong>0, la corsa<br />

si è trasferita in<br />

Arabia Saudita,<br />

la vittoria aveva<br />

sempre premiato<br />

i russi della<br />

Kamaz, assenti<br />

in questa ultima<br />

edizione del<br />

rally per le note<br />

vicende legate<br />

alla guerra in<br />

Ucraina. Ciò nulla<br />

toglie ai meriti di<br />

Iveco, che oggi<br />

celebra con la<br />

meritata vittoria<br />

di Janus Van<br />

Kasteren e del<br />

suo Powerstar<br />

messo a punto<br />

dal Boss<br />

machinery team<br />

De Rooy, un<br />

vero e proprio<br />

successo di<br />

squadra, col<br />

quale ha di fatto<br />

monopolizzato il<br />

podio piazzando<br />

gli altri due<br />

‘musoni’ affidati<br />

a Macik (Mm<br />

Technology) e<br />

Martin Van Den<br />

Brink (Eurol<br />

team De Rooy)<br />

al secondo e<br />

terzo posto,<br />

completando la<br />

festa con ben<br />

sei Powerstar<br />

nelle prime otto<br />

posizioni della<br />

graduatoria della<br />

45 a edizione del<br />

rally. Insomma,<br />

verrebbe da dire<br />

che Iveco ha<br />

dominato proprio<br />

come faceva<br />

lo squadrone<br />

dell’Est. E chissà<br />

che non sia<br />

iniziato un ciclo.<br />

LA DAKAR <strong>2<strong>02</strong>3</strong> TAPPA PER TAPPA<br />

Tappa Da-a Vincitore Leader classifica<br />

generale<br />

1 domenica 1 Sea Camp-Sea Camp Macik (Iveco) Macik (Iveco)<br />

2 lunedì 2 Sea Camp-Alula Loprais (Praga) Loprais(Praga)<br />

3 martedì 3 Alula-Ha’il Loprais (Praga) Loprais (Praga)<br />

4 mercoledì 4 Ha’il-Ha’il Macik (Iveco) Loprais (Praga)<br />

5 giovedì 5 Ha’il-Ha’il Loprais (Praga) Loprais (Praga)<br />

6 venerdì 6 Ha’il-Al Duwadimi Mitchel Van Den Brink (Iveco) Loprais (Praga)<br />

7 sabato 7 Al Duwadimi-Al Duwadimi Van Kasteren (Iveco) Loprais (Praga)<br />

8 domenica 8 Al Duwadimi-Riyadh Macik (Iveco) Loprais (Praga)<br />

LUNEDÌ 9 GENNAIO RIPOSO<br />

9 martedì 10 Riyadh-Haradh Van Kasteren (Iveco) Loprais (Praga)<br />

10 mercoledì 11 Haradh-Shaybah De Baar (Renault) Van Kasteren (Iveco)<br />

11 giovedì 12 Shaybah-Empty Quarter Martin Van Den Brink (Iveco) Van Kasteren (Iveco)<br />

12 venerdì 13 Empty Quarter Marathon Van Kasteren (Iveco) Van Kasteren (Iveco)<br />

13 sabato 14 Shaybah-Al-Hofuf Macik (Iveco) Van Kasteren (Iveco)<br />

14 domenica 15 Al-Hofuf-Dammam Paskevicius (Tatra) Van Kasteren (Iveco)<br />

VAN DEN BRINK<br />

FAMIGLIA FAST<br />

Papà Martin (nella<br />

foto) ha chiuso al<br />

terzo posto con<br />

l’Iveco Powerstar<br />

del Team Eurol, il<br />

figlio Mitchel, alla<br />

sua prima esperienza<br />

nel più nobile dei<br />

raid, porta a casa<br />

con lo stesso truck<br />

un quarto posto che<br />

lascia ben sperare<br />

per il futuro.<br />

ghi anni di partecipazione alla<br />

Dakar, Ales Loprais aveva<br />

puntualmente rintuzzato ogni<br />

attacco portato a tenaglia dai<br />

velocissimi Iveco Powerstar<br />

del team De Rooy, in particolare<br />

quelli di Van Kasteren<br />

e di Van Den Brink padre e<br />

figlio, riuscendo addirittura,<br />

tappa dopo tappa (tre quelle<br />

vinte) a incrementare il proprio<br />

vantaggio in classifica.<br />

Gli Iveco Powerstar<br />

vincono 8 tappe su 14<br />

A quel punto della corsa,<br />

alla vigilia del passaggio<br />

nell’Empty Quarter, era forte<br />

l’idea che Loprais fosse in<br />

modalità gestione del margine<br />

accumulato, ben attento a<br />

non commettere il più piccolo<br />

errore. Poi, tutto è svanito:<br />

e in un attimo il pilota ceco è<br />

passato dal sogno di vincere<br />

la sua prima Dakar all’incubo<br />

di una tragedia che lo ha<br />

visto protagonista, per quanto<br />

assolutamente incolpevole.<br />

Con il ritiro del pilota ceco,<br />

per la pattuglia degli Iveco<br />

Powerstar guidata da Van<br />

Kasteren, la corsa si è trasformata<br />

in una lunga passerella<br />

verso la storica terza vittoria<br />

alla Dakar (dopo quelle di<br />

Gerard De Rooy nel 2012 e<br />

2016). Troppo superiori i Powerstar<br />

rispetto ai vari Tatra,<br />

Renault Trucks e Hino, per<br />

farsi sfuggire l’ occasione.<br />

Come sarebbe finito il<br />

duello col Praga di Loprais in<br />

corsa fino alla fine, non lo sapremo<br />

mai. Ma detto questo,<br />

va sottolineato che i musoni<br />

Iveco spinti dal Cursor 13 firmato<br />

Fpt, in particolare quelli<br />

messi a punto dal team De<br />

Rooy (troppi i guai sofferti da<br />

di Macik sul truck preparato<br />

da Mm Technology, al quale<br />

il secondo posto finale lascia<br />

l’amaro in bocca tipico delle<br />

occasioni perse) non hanno<br />

rubato assolutamente nulla.<br />

Cinque vittorie di tappa (otto,<br />

se si considerano anche le<br />

tre conquistate da Macik) in<br />

una Dakar che ha riproposto<br />

distacchi misurati non in secondi<br />

o minuti, bensì in ore,<br />

sono lì a dimostrarlo.<br />

Alberto Gimmelli<br />

52 53


trucknews VOLTA<br />

formazione, elettrici<br />

TRUCKS: PRODUZIONE CONFERMATA PER IL SECONDO TRIMESTRE <strong>2<strong>02</strong>3</strong><br />

Il progetto Volta Trucks procede senza intoppi, al momento. Il costruttore di camion elettrici<br />

battente bandiera svedese ha confermato l’inizio della produzione, ancorché di piccola<br />

serie, per il secondo trimestre di quest’anno presso la fabbrica austriaca di Steyr. Bisogna<br />

evadere gli oltre 300 ordini ricevuti da parte dei clienti. Non ci sarebbero, per ora, aziende<br />

italiane tra quelle che hanno firmato contratti di fornitura con Volta Zero.<br />

SCANIA PENSA AI GIOVANI<br />

La next gen delle<br />

tute blu<br />

Con il programma lanciato dal<br />

Grifone ci si propone di formare<br />

una nuova generazione di<br />

specialisti in grado di intervenire sui<br />

truck attuali e del futuro prossimo<br />

Si parla tanto, e giustamente,<br />

di carenza<br />

di autisti e, più in<br />

generale di disaffezione<br />

dei più giovani<br />

verso mestieri che<br />

hanno perso appeal<br />

nel corso del tempo.<br />

Il mondo dell’autotrasporto,<br />

ormai è chiaro,<br />

sarà presto chiamato<br />

a fare i conti con la<br />

questione del ricambio<br />

generazionale, che non<br />

riguarda, come erroneamente<br />

alcuni credono,<br />

soltanto chi deve guidare<br />

i truck, ma anche<br />

UNDER-25<br />

CERCANSI<br />

Il programma<br />

pensato da<br />

Scania Italia, in<br />

collaborazione<br />

con Cnos-Fap<br />

Lombardia e Gi<br />

Group, è rivolto<br />

in particolare<br />

agli under 25<br />

appassionati<br />

di meccanica<br />

e desiderosi<br />

di entrare<br />

velocemente<br />

nel mondo del<br />

lavoro. In queste<br />

pagine sono<br />

ritratti alcuni dei<br />

partecipanti.<br />

tutte le altre professioni<br />

che gravitano intorno<br />

al veicolo. E se è<br />

vero che i camion più<br />

moderni dovrebbero<br />

essere più performanti,<br />

ci sarà sempre un<br />

gran bisogno di tecnici<br />

e manutentori in grado<br />

di assicurare lunga vita<br />

ai veicoli.<br />

Ci sarà, poi, sempre<br />

più bisogno di tecnici<br />

in grado di intervenire<br />

anche sui veicoli con<br />

alimentazioni cosiddette<br />

alternative, dotati<br />

quindi di un acatena<br />

cinematica differente<br />

rispetto al tradizionale<br />

camion diesel.<br />

Insieme a Cnos-Fap<br />

e Gi Group<br />

Scania Italia ha deciso<br />

di giocare in anticipo e<br />

rivolgersi direttamente<br />

alle giovani generazioni,<br />

chiamandole a raccolta<br />

per tempo grazie<br />

a un programma ambizioso<br />

e condiviso con<br />

due istituzioni di primo<br />

piano come il Cnos-<br />

Fap (Centro nazionale<br />

opere salesiane-For-<br />

mazione aggiornamento<br />

professionale) della<br />

Lombardia e Gi Group,<br />

tra le principali agenzie<br />

per il lavoro in Italia.<br />

Il programma ‘L’officina<br />

Scania dei tecnici<br />

del futuro’ è finalizzato<br />

al reclutamento e alla<br />

formazione tecnica<br />

superiore e rivolto a<br />

giovani di età inferiore<br />

ai 25 anni, appassionati<br />

di meccanica e motori<br />

e desiderosi di entrare<br />

velocemente nel mondo<br />

del lavoro.<br />

Il corso ha un taglio<br />

prettamente pratico:<br />

sono previsti laboratori<br />

e un periodo di tirocinio<br />

retribuito presso<br />

un’officina Scania che<br />

permette al tirocinante<br />

di fare esperienza<br />

diretta sul campo. E i<br />

giovani che superano<br />

la fase di selezione<br />

partecipano poi gratuitamente<br />

al corso di<br />

Istruzione e formazione<br />

tecnica superiore (Ifts)<br />

di Manutentori di veicoli<br />

industriali, con la<br />

possibilità di ottenere<br />

un’assunzione a tempo<br />

indeterminato presso la<br />

rete nazionale di assistenza<br />

tecnica Scania.<br />

Tecnologia e laboratorio<br />

motoristico, fondamenti<br />

di meccatronica,<br />

diagnosi elettronica<br />

e officina 4.0, fondamenti<br />

di matematica<br />

e inglese, teamwork e<br />

orientamento al cliente<br />

sono alcune delle materie<br />

previste dal piano<br />

di studi del corso, che<br />

ha una durata di 8 mesi<br />

complessivi. Il piano di<br />

studi, peraltro, prevede<br />

anche un approfondimento<br />

sui veicoli a<br />

trazione alternativa e<br />

sui biocarburanti.<br />

Per qualche mese,<br />

vita da campus<br />

I partecipanti al programma,<br />

inaugurato<br />

nel novembre 2<strong>02</strong>2,<br />

vengono ospitati presso<br />

il Centro salesiano<br />

di Arese, alle porte di<br />

Milano, per le prime<br />

dieci settimane di formazione.<br />

Alloggiano in<br />

una sorta di campus e<br />

trascorrono il loro tempo<br />

tra la partecipazione<br />

alle attività formative e<br />

momenti conviviali e di<br />

sport.<br />

Dopo le prime dieci<br />

settimane di formazione,<br />

il percorso prosegue<br />

presso l’officina Scania<br />

più vicina a casa. Dove<br />

gli allievi proseguiranno<br />

con la parte più<br />

strettamente pratica del<br />

lavoro, affiancati naturalmente<br />

dai tecnici e<br />

dagli esperti Scania che<br />

li guideranno nei primi<br />

interventi di riparazione<br />

e manutenzione sui<br />

veicoli pesanti.<br />

Al termine del corso<br />

e a fronte del superamento<br />

dell’esame finale<br />

è rilasciato un certificato<br />

di specializzazione<br />

tecnica superiore dalla<br />

Regione Lombardia riconosciuto<br />

in tutta Europa<br />

e un contratto di<br />

lavoro presso l’officina<br />

in cui si è svolta la formazione<br />

pratica.<br />

LE BREVI<br />

L’E-VAN ID.BUZZ TRAINA VOLKSWAGEN<br />

Pur in un contesto complessivamente non<br />

idilliaco (le consegne di veicoli commerciali<br />

a livello global sono in flessione anche per<br />

Volkswagen), il nuovo Id.Buzz riscuote successo<br />

e contribuisce in modo decisivo al raddoppio<br />

delle consegne di van elettrici, 7.500 contro i<br />

3.600 del 2<strong>02</strong>1. Nel 2<strong>02</strong>2, infatti, oltre 10 mila<br />

Id.Buzz sono stati prodotti da Volkswagen, che<br />

ne ha consegnati circa 6 mila, a fronte di circa<br />

26.600 ordini complessivi.<br />

MERCEDES E-ACTROS LONGHAUL<br />

La versione Longhaul dell’eActros, il primo truck<br />

elettrico di Mercedes-Benz Trucks, continua a<br />

interessare i clienti in Germania. Presentato<br />

nel corso di Iaa Transportation 2<strong>02</strong>2, il veicolo<br />

elettrico per il lungo raggio è stato scelto anche<br />

da Tevex Logistics, filiale del gruppo Tönnies,<br />

che intende usare i primi 50 veicoli elettrici per il<br />

trasporto di cibo su tragitti a lunga percorrenza.<br />

La produzione in serie dell’eActros Longhaul<br />

dovrebbe iniziare nel 2<strong>02</strong>4.<br />

MAXI-CONSEGNA IVECO A TORELLO<br />

Iveco ha consegnato ben quaranta Iveco S-Way<br />

al gruppo Torello, venti dei quali alimentati a<br />

Lng. Questi ultimi, grazie a due serbatoi da<br />

540 litri ciascuno, consentono di raggiungere<br />

un’autonomia di circa 1.600 chilometri. I veicoli<br />

sono inoltre dotati dei più avanzati sistemi di<br />

risparmio carburante quali Gps predittivo, sistemi<br />

ausiliari intelligenti e sistema Smart Egr.<br />

PRESTO UN VAN FARIZON IN EUROPA<br />

Farizon Auto è la divisione veicoli commerciali<br />

del gigante automotive cinese Geely. Negli ultimi<br />

anni, Farizon ha molto investito nello sviluppo dei<br />

veicoli elettrici e il 2<strong>02</strong>4 dovrebbe essere l’anno<br />

del Supervan, furgone completamente elettrico<br />

pensato espressamente per l’ultimo miglio. La<br />

notizia davvero significativa è che Farizon ha<br />

deciso di uscire dai confini cinesi e ha messo nel<br />

mirino l’Europa, come mercato su cui puntare<br />

per la commercializzazione del Supervan.<br />

FORD TRUCKS ITALIA FA I NUMERI<br />

Sono complessivamente positivi i numeri<br />

registrati da Ford Trucks Italia nel 2<strong>02</strong>2, terzo<br />

anno di attività del marchio in Italia. Il Costruttore<br />

ha, infatti, raddoppiato il fatturato rispetto all’anno<br />

precedente, guadagnando quota di mercato, ora<br />

attorno al 3 per cento (circa 4,5 per cento se si<br />

considera solo il segmento dei pesanti, over 16<br />

ton). Dall’inizio dell’attività in Italia, nel 2<strong>02</strong>0, Ford<br />

Trucks ha immatricolato 1.060 camion. Si allarga<br />

anche il network di assistenza, che ora conta<br />

53 punti dislocati lungo tutto il territorio italiano.<br />

Soddisfatto l’Ad, Lorenzo Boghich.<br />

54<br />

55


trucknews<br />

L’ANDAMENTO DEL GRUPPO NEL 2<strong>02</strong>2<br />

Che anno Daimler Truck<br />

Superati per la prima volta i 500 mila<br />

veicoli venduti a livello globale<br />

Il 2<strong>02</strong>2 del gruppo<br />

Daimler Truck,<br />

è stato un anno<br />

particolare, perché<br />

il primo trascorso<br />

dopo lo spin-off dal<br />

segmento auto e<br />

veicoli commerciali,<br />

Prosegue il<br />

roadshow<br />

organizzato dal<br />

Leone di Monaco<br />

in Italia per<br />

promuovere il<br />

progetto ‘Man for<br />

Fresh’ dedicato<br />

al trasporto<br />

refrigerato.<br />

Come abbiamo<br />

scritto sull’ultimo<br />

numero, il tour è<br />

partito lo scorso<br />

e si è concluso in<br />

modo molto positivo,<br />

a leggere i numeri.<br />

Considerando tutti<br />

i veicoli, dunque<br />

camion e autobus,<br />

dei brand afferenti<br />

a Daimler Truck,<br />

MAN FOR FRESH FA IL GIRO DELL’ITALIA<br />

2 dicembre da<br />

Venezia con la<br />

presentazione<br />

ufficiale del<br />

progetto alla<br />

stampa e ai<br />

clienti. Alla fine<br />

di gennaio è stata<br />

la volta di Milano,<br />

con una tappa<br />

al Man Center di<br />

Milano Sud. Alla<br />

fine di febbraio,<br />

precisamente il<br />

24 e 25, sarà la<br />

volta di Roma.<br />

Poi, il roadshow<br />

proseguirà<br />

verso il Sud<br />

Italia. Rispetto<br />

all’evento<br />

inaugurale, è<br />

cresciuta la<br />

flotta di veicoli<br />

a disposizione<br />

dei partecipanti.<br />

Sono state<br />

aggiunte e<br />

la crescita rispetto<br />

al 2<strong>02</strong>1 è stata del<br />

14,2 per cento. In<br />

valore assoluto, nel<br />

2<strong>02</strong>2 sono stati più<br />

di 520 mila i veicoli<br />

venduti nel mondo,<br />

a fronte dei 455 mila<br />

del 2<strong>02</strong>1. Bene anche<br />

il marchio Mercedes-<br />

Benz Trucks, che<br />

ha fatto registrare<br />

un notevole più 17,7<br />

per cento a livello<br />

globale.<br />

integrate ulteriori<br />

applicazioni<br />

dedicate<br />

al trasporto<br />

refrigerato grazie<br />

agli accordi<br />

chiusi con altri<br />

allestitori attivi<br />

nel settore.<br />

Nello specifico,<br />

all’evento<br />

milanese erano<br />

presenti i due<br />

Man Tgm 18.290<br />

con allestimento<br />

Lamberet per<br />

il trasporto di<br />

carne appesa e<br />

con allestimento<br />

L’idealcar per<br />

il trasporto<br />

di pesce, ma<br />

anche un truck<br />

Tgl 12.220 e<br />

due Tgx 26.470<br />

con allestimenti<br />

Lamberet e Ifac.<br />

DAF SI ATTREZZA<br />

Nuova<br />

fabbrica<br />

A Eindhoven si<br />

fa spazio alla<br />

produzione di<br />

truck elettrici<br />

Per soddisfare la<br />

domanda di camion<br />

elettrici, che<br />

Daf si aspetta in decisa<br />

crescita nei prossimi<br />

anni, il costruttore<br />

olandese ha deciso di<br />

espandere il sito produttivo<br />

di Eindhoven<br />

realizzando, in appena<br />

18 mesi, un nuovo<br />

impianto di assemblaggio<br />

espressamente<br />

dedicato.<br />

La produzione partirà<br />

già nella primavera<br />

di quest’anno e sarà<br />

riservata essenzialmen-<br />

FCEV DA ULM<br />

L’idrogeno<br />

che piace<br />

Cento Nikola Tre<br />

a fuel celle alla<br />

Gp Joule di<br />

Reussenkoege<br />

Il gruppo tedesco Gp<br />

Joule, fornitore di<br />

sistemi per soluzioni<br />

energetiche integrate,<br />

ha ordinato cento camion<br />

Nikola Tre Fcev<br />

a celle a combustibile<br />

alimentate a idrogeno.<br />

Si tratta dell’ordine più<br />

te ai modelli Xf e Xd<br />

della cosiddetta New<br />

Generation.<br />

Trattori 4x2 e carri<br />

4×2 e 6×2 sono le<br />

tipologie di truck che<br />

saranno realizzate a<br />

Eindhoven, a partire<br />

da uno chassis, che include<br />

la cabina, ma non<br />

la driveline, uguale per<br />

gli Xd e per gli Xf.<br />

Più nel dettaglio, i<br />

pacchi batteria verranno<br />

montati nella linea<br />

di sottoassemblaggio,<br />

mentre tutti i componenti<br />

ad alta tensione,<br />

comprese le batterie e<br />

la catena cinematica,<br />

saranno montati sul<br />

telaio nella linea di assemblaggio<br />

principale.<br />

Nelle stazioni finali<br />

saranno poi eseguiti<br />

controlli approfonditi<br />

per garantire il corretto<br />

funzionamento dell’insieme.<br />

significativo registrato<br />

finora dalla joint venture<br />

Nikola-Iveco per<br />

il mercato europeo.<br />

I truck saranno realizzati<br />

presso lo stabilimento<br />

di Ulm, inaugurato<br />

nel settembre<br />

2<strong>02</strong>1.<br />

VOLVO E IL GAS<br />

Trattori da<br />

500 cavalli<br />

Aumenta la<br />

gamma degli<br />

alternativi anche<br />

per la linea<br />

olvo Trucks ha<br />

V presentato una<br />

nuova linea di camion<br />

alimentati a gas, predisposti<br />

anche al funzionamento<br />

con biogas<br />

liquefatto, leggasi<br />

bio-Lng.<br />

Si tratta di truck pensati<br />

per sostenere attività<br />

di trasporto a lungo<br />

raggio riducendo le<br />

emissioni complessive<br />

di anidride carbonica.<br />

I modelli Fh ed Fm<br />

alimentati a gas/biogas)<br />

raggiungono i 500 cavalli<br />

di potenza e possono<br />

contare su un serbatoio<br />

del combustibile<br />

più grande del 10 per<br />

cento rispetto ai modelli<br />

precedenti.<br />

Le prestazioni, promettono<br />

da Volvo, sono<br />

in tutto e per tutto<br />

paragonabili a quelle<br />

dei camion diesel, così<br />

come i tempi e le possibilità<br />

di rifornimento<br />

in una rete, quella di<br />

distribuzione del gas e<br />

del biogas in Europa,<br />

che dovrebbe diffondersi<br />

ulteriormente nei<br />

prossimi anni per rispondere<br />

alle necessità<br />

degli utilizzatori.<br />

SE TRATON RINGRAZIA NAVISTAR<br />

Sono stati<br />

oltre 300<br />

mila i veicoli<br />

venduti nel<br />

2<strong>02</strong>2 da<br />

gruppo Traton,<br />

autentico gigante<br />

dell’automotive<br />

pesante che<br />

annovera al<br />

suo interno, tra<br />

gli altri marchi,<br />

anche Man e<br />

Scania. Una cifra<br />

record che,<br />

tuttavia, deve<br />

impressionare<br />

solo fino a un<br />

certo punto:<br />

sia Man che<br />

Scania, infatti,<br />

fanno registrare<br />

a livello mondo<br />

una flessione<br />

(peraltro<br />

riverberatasi<br />

anche in Italia).<br />

A ‘gonfiare’<br />

VEICOLI COMMERCIALI: IL MERCATO<br />

Ford guarda dall’alto<br />

I van con l’Ovale blu primeggiano<br />

in Europa, e crescono in Italia<br />

Più che una<br />

sorpresa è<br />

una conferma.<br />

Per l’ottavo anno<br />

consecutivo, infatti,<br />

i veicoli commerciali<br />

Ford risultano<br />

i numeri del<br />

gruppo ci ha<br />

però pensato<br />

il costruttore<br />

a stelle e<br />

strisce Navistar,<br />

acquisito solo<br />

nel 2<strong>02</strong>1 e<br />

in grado di<br />

piazzare lo<br />

scorso anno<br />

ben 81 mila<br />

veicoli. Anche<br />

a causa delle<br />

questioni legate<br />

ai problemi<br />

nella supply<br />

chain che hanno<br />

condizionato la<br />

produzione dei<br />

veicoli, Scania<br />

e Man hanno<br />

chiuso l’anno<br />

con il segno<br />

meno. Scania ha<br />

fatto registrare<br />

infatti un meno<br />

7 per cento per<br />

quanto riguarda<br />

i truck, mentre<br />

i più venduti in<br />

Europa nel segmento<br />

di mercato che<br />

comprende anche i<br />

pick-up. Nel 2<strong>02</strong>2,<br />

Ford Pro ha fatto<br />

raggiunto quota 15<br />

per Man il<br />

decremento è<br />

stato del 13 per<br />

cento rispetto<br />

al 2<strong>02</strong>1, sempre<br />

nel segmento<br />

dei camion. Ma<br />

per il Leone di<br />

Monaco sono<br />

state in flessione<br />

anche le vendite<br />

dei furgoni Tge<br />

(meno 3 per<br />

cento rispetto al<br />

2<strong>02</strong>1).<br />

per cento sul mercato<br />

europeo, in crescita<br />

in nazioni anche<br />

di primo piano in<br />

termini di volumi<br />

come Regno Unito,<br />

Germania, Francia,<br />

Italia, Spagna,<br />

Svezia e Turchia.<br />

In particolare, il<br />

Transit Custom è<br />

stato il van ‘one<br />

ton’ più venduto in<br />

Europa. Sul mercato<br />

italiano, Ford si<br />

conferma al primo<br />

posto tra i costruttori<br />

esteri, anche qui<br />

per l’ottavo anno<br />

consecutivo, con un<br />

all time record di<br />

share del 15,6 per<br />

cento. E quest’anno<br />

sono attese<br />

importanti novità di<br />

gamma, specialmente<br />

per quanto riguarda<br />

i van elettrici.<br />

ELETTRICI MAN<br />

I primi<br />

pre-ordini<br />

Db Schenker<br />

punta agli<br />

e-truck e ne<br />

ordina cento<br />

Il gruppo tedesco Db<br />

Schenker, particolarmente<br />

orientato al rinnovamento<br />

della flotta<br />

nell’ottica della decarbonizzazione,<br />

ha mostrato<br />

un deciso interesse<br />

verso i primi elettrici<br />

per il lungo raggio che<br />

Man ha intenzione di<br />

introdurre sul mercato<br />

a partire dal 2<strong>02</strong>4 (i<br />

prototipi attualmente<br />

disponibili sono quelli<br />

che vedete nella foto).<br />

Db Schenker prevede<br />

di aggiungere ben cento<br />

veicoli elettrici Man<br />

alla propria flotta entro<br />

il 2<strong>02</strong>6.<br />

Inoltre, sempre Db<br />

Shenker sarà il primissimo<br />

cliente pilota per i<br />

nuovi e-truck, che Man<br />

inizierà a produrre in<br />

serie limitata nella prima<br />

parte del prossimo<br />

anno.<br />

In particolare, i primi<br />

e-truck Man per Db<br />

Schenker saranno dei<br />

trattori per semirimorchi<br />

grande volume, i<br />

cosiddetti Ultra, ribassati<br />

di circa 950 millimetri<br />

e con un’altezza<br />

interna di tre metri.<br />

56<br />

57


green deal<br />

analisi di mercato, idrogeno, corsi<br />

GUIDA AUTONOMA, IL GRUPPO VOLVO INVESTE NELLA CANADESE WAABI<br />

Il gruppo Volvo si prepara al futuro e investe nell’azienda canadese Waabi, specializzata nello<br />

sviluppo di soluzioni propedeutiche alla guida autonoma. Waabi ha finora rilasciato il sistema Waabi<br />

Driver, dedicato espressamente all’ambito truck, nonché il tool di simulazione Waabi World. «Siamo<br />

rimasti molto colpiti dai risultati ottenuti dall’azienda. Stiamo attualmente valutando come poter<br />

cooperare», ha detto Martin Witt, presidente di Volvo Group venture capital.<br />

LCV: SOTTO IL SEGNO DEL DIESEL<br />

Non scocca<br />

la scintilla<br />

Nel contesto di un’annata, il 2<strong>02</strong>2,<br />

negativa per i veicoli commerciali<br />

leggeri in tutta Europa, gli elettrici<br />

non sfondano la barriera del 3 per<br />

cento di quota di mercato in Italia<br />

Il 2<strong>02</strong>2 del comparto<br />

automotive è stato<br />

tutt’altro che un anno<br />

memorabile, con le<br />

immatricolazioni tornate<br />

ai volumi degli<br />

Anni 70 in Italia.<br />

Un trend pericoloso,<br />

evidentemente, per lo<br />

stato di salute dell’intera<br />

filiera, alle prese con<br />

una complessa transizione<br />

energetica da affrontare.<br />

E i dati consolidati<br />

sul mercato 2<strong>02</strong>2<br />

dei veicoli commerciali<br />

leggeri non paiono discostarsi<br />

troppo dal<br />

trend appena descritto.<br />

A proposito di transizione,<br />

poi, la scintilla<br />

citata nel nostro titolo<br />

è quella che potrebbe<br />

(dovrebbe?) far fare un<br />

balzo in avanti alla quota<br />

di veicoli full electric<br />

sul totale.<br />

Poco sopra i 160<br />

mila veicoli<br />

A oggi, evidentemente,<br />

questa scintilla ancora<br />

non è scattata, contrariamente<br />

a quanto sta<br />

accadendo in altri importanti<br />

mercati euro-<br />

PICCOLI ALTERNATIVI CRESCONO<br />

BENZINA 5,4%<br />

ALTERNATIVI 28,8%<br />

DIESEL 76,6%<br />

Immatricolazioni di veicoli commerciali leggeri in Italia nel<br />

2<strong>02</strong>2 suddivisi per alimentazione. Fonte: Anfia.<br />

pei. Un po’ di numeri<br />

contribuiscono a chiarire<br />

il quadro attuale.<br />

Nel 2<strong>02</strong>2, secondo<br />

le rilevazioni diffuse da<br />

Anfia, l’associazione<br />

che riunisce i protagonisti<br />

della filiera automobilistica,<br />

sono stati<br />

immatricolati in Italia<br />

160.114 veicoli commerciali<br />

leggeri con<br />

massa totale inferiore o<br />

uguale a 3,5 ton.<br />

Dunque, il calo, rispetto<br />

all’anno precedente,<br />

è del 12,7 per<br />

cento, mentre si va so-<br />

IBRIDI GE<br />

24%<br />

stanzialmente a pari con<br />

le immatricolazioni registrate<br />

nel 2<strong>02</strong>0, anno<br />

funestato dallo scoppio<br />

della pandemia e caratterizzato<br />

dal blocco<br />

pressoché totale delle<br />

operazioni per alcuni<br />

mesi.<br />

Circa tre furgoni su<br />

quattro sono alimentati<br />

a gasolio (76,6 per cento),<br />

sebbene la quota sia<br />

in calo rispetto all’anno<br />

precedente, a favore di<br />

un aumento dei veicoli<br />

a benzina (5,4 per cento<br />

nel 2<strong>02</strong>2).<br />

NEI VAN PIACE L’IBRIDO<br />

ELETTRICI<br />

14,8%<br />

IBRIDI BE 37,6%<br />

Il decremento fisiologico<br />

dei van alimentati a<br />

gas (Gpl e metano, penalizzati<br />

dai prezzi alla<br />

pompa) è compensato<br />

soltanto in parte dalle<br />

trazioni totalmente o<br />

parzialmente elettriche.<br />

Gli elettrici sotto<br />

il 3 per cento<br />

Tra queste, infatti, solo<br />

le ibride benzinaelettrico<br />

fanno un balzo<br />

consistente (più 65 per<br />

cento; il 6,8 per cento<br />

la quota sul totale).<br />

I van full electric, in<br />

GPL<br />

16,8%<br />

METANO<br />

6,8%<br />

Immatricolazioni di veicoli commerciali leggeri alternativi suddivisi<br />

per tipologia di alimentazione. Italia, 2<strong>02</strong>2. Ibrida Be:<br />

benzina-elettrica. Ibrida Ge: gas-elettrica. Fonte: Anfia.<br />

particolare, crescono sì,<br />

ma non tantissimo: più<br />

17,9 per cento rispetto<br />

al 2<strong>02</strong>1 per un totale di<br />

4.254 veicoli pari al 2,7<br />

per cento, a fronte del<br />

2 per cento dell’anno<br />

precedente.<br />

IN LENTA<br />

TRANSIZIONE<br />

Poco più di<br />

due furgoni su<br />

tre, tra quelli<br />

immatricolati in<br />

Italia nel 2<strong>02</strong>2,<br />

va a benzina<br />

o a gasolio.<br />

La quota delle<br />

alimentazioni<br />

cosiddette<br />

alternative<br />

(includendo il<br />

gas) si ferma,<br />

infatti, al 28,8<br />

per cento. I<br />

furgoni elettrici<br />

sono 4.254.<br />

La questione delle<br />

infrastrutture<br />

Il sistema di incentivazione<br />

appare sbilanciato<br />

proprio a favore dei<br />

veicoli elettrici, come<br />

denunciato più volte<br />

dalle associazioni di<br />

categoria. Per vedere<br />

gli eventuali effetti sul<br />

mercato, però, è ancora<br />

troppo presto.<br />

Di certo, l’autonomia<br />

(reale) dei furgoni<br />

elettrici e, soprattutto,<br />

la disponibilità di infrastrutture<br />

di ricarica<br />

sono fattori che ancora<br />

frenano l’avanzata del<br />

full electric tra i veicoli<br />

da lavoro.<br />

Ma quali sono i veicoli<br />

commerciali più<br />

venduti in Italia nel<br />

2<strong>02</strong>2? In attesa di avere<br />

a disposizione i dati degli<br />

elettrici (arriveranno?),<br />

considerando tutti<br />

gli Lcv immatricolati lo<br />

scorso anno, Fiat detiene<br />

ancora lo scettro con<br />

una quota molto vicina<br />

al 29 per cento grazie<br />

agli oltre 46 mila veicoli<br />

registrati.<br />

Ad accompagnarla<br />

sul podio virtuale sono<br />

Ford (13,1 per cento, in<br />

calo del 3,1 per cento)<br />

e Iveco, con una quota<br />

di mercato dell’8,8 per<br />

cento e in crescita, in<br />

evidente controtendenza<br />

rispetto all’andamento<br />

del settore, con un buon<br />

2,3 per cento.<br />

Perde una posizione<br />

rispetto a un anno<br />

fa Renault, che precede<br />

Citroën e Peugeot,<br />

quest’ultima in preoccupante<br />

calo, quasi del 37<br />

per cento, con due punti<br />

percentuali di quota di<br />

mercato lasciati.<br />

Chiudono la top<br />

ten Opel, Mercedes,<br />

Volkswagen e Piaggio,<br />

che guadagna il 20 per<br />

cento rispetto al 2<strong>02</strong>1 e<br />

un prezioso 0,6 per cento<br />

di quota di mercato.<br />

In tema di mercato<br />

dei veicoli commerciali<br />

leggeri, se l’Italia piange<br />

l’Europa non ride.<br />

In questo caso, i dati<br />

sono rilevati e diffusi da<br />

Acea, che sottolinea come<br />

nel 2<strong>02</strong>2 il mercato<br />

si sia contratto del 18,1<br />

per cento, con volumi<br />

pefino inferiori a quelli<br />

registrati nel 2<strong>02</strong>0 pandemico.<br />

Oltre alla supply<br />

chain c’è di più<br />

È vero, le questioni<br />

legate alle difficoltà di<br />

approvvigionamento dei<br />

componenti, tutt’altro<br />

che risolte ma, si spera,<br />

in via di miglioramento,<br />

hanno inciso in<br />

modo significativo sulle<br />

immatricolazioni. Fatto<br />

sta che tutti e quattro i<br />

principali mercati europei,<br />

Francia, Germania,<br />

Italia e Spagna, nell’ordine,<br />

più la Gran Bretagna<br />

ormai annoverata<br />

tra gli extra-Ue, hanno<br />

fatto segnare riduzioni<br />

a doppia cifra, con<br />

Spagna e Gran Bretagna<br />

addirittura superiori al<br />

20 per cento.<br />

Il segno ‘meno’ è condiviso<br />

tra tutti i paesi presi<br />

in esame da Acea, ovvero<br />

l’Unione europea<br />

più Islanda, Norvegia,<br />

Svizzera e Gran Bretagna,<br />

con le sole, poco<br />

significative, eccezioni<br />

di Cipro e dell’Islanda.<br />

LE BREVI<br />

18 MILIONI DI PUNTI DI RICARICA<br />

Secondo la società di consulenza e ricerche<br />

di mercato Berg Insight, entro il 2<strong>02</strong>6 i punti<br />

di ricarica per veicoli elettrici in Europa e Nord<br />

America potrebbero raggiungere il significativo<br />

numero di 18 milioni, a fronte degli (appena)<br />

3,3 milioni censiti nel 2<strong>02</strong>1. Berg Insight stima<br />

quindi per le due aree una crescita intorno al 40<br />

per cento all’anno. L’aumento vertiginoso delle<br />

stazioni di ricarica potrebbe avere un effetto<br />

diretto sui costi dell’energia.<br />

BRITISHVOLT: GAME OVER<br />

Al termine di un lungo periodo caratterizzato<br />

da evidente sofferenza, la start-up britannica<br />

Britishvolt si è dovuta arrendere e si è vista<br />

costretta a portare i libri in tribunale. Troppi, in<br />

questo caso, i costi per progettare e realizzare la<br />

prima gigafactory nel Regno Unito, a fronte di un<br />

mercato non ancora pronto a ripagare i suddetti<br />

costi. La proprietà ha cercato fino all’ultimo di<br />

trovare finanziatori, ma le operazioni non sono<br />

andate a buon fine.<br />

MATERIE PRIME PER STELLANTIS<br />

Stellantis punta all’autosufficienza, nel mediolungo<br />

periodo, per la produzione delle batterie<br />

che equipaggiano i suoi veicoli elettrici. Il gruppo<br />

ha stretto un accordo con Element 25 per la<br />

fornitura di solfato di manganese monoidrato ad<br />

alto grado di purezza destinato alla produzione<br />

di pacchi batteria. Il manganese, infatti, è un<br />

elemento stabilizzatore essenziale del catodo<br />

delle batterie dei veicoli elettrici.<br />

CAMION A IDROGENO IN INDIA<br />

Ballard Power systems, produttore canadese<br />

di sistemi a celle a combustibile, ha stretto<br />

un accordo con il gruppo indiano Adani per lo<br />

sviluppo congiunto di un camion a idrogeno da<br />

utilizzare prevalentemente nel settore del mining.<br />

Il truck immaginato da Ballard e Adani avrà un<br />

peso di 55 ton, una dotazione di tre serbatoi<br />

di idrogeno e autonomia di 200 chilometri. Il<br />

veicolo potrebbe vedere la luce già entro la fine<br />

di quest’anno.<br />

SARÀ L’ANNO DEI VEICOLI ELETTRICI?<br />

Ancora un po’ di numeri. Globaldata prevede<br />

che nel <strong>2<strong>02</strong>3</strong> la domanda di veicoli elettrici a<br />

livello globale crescerà del 41 per cento rispetto<br />

al 2<strong>02</strong>2, raggiungendo gli 11 milioni di veicoli.<br />

E se la Cina continuerà a dettare il passo,<br />

abbassando un po’ il ritmo di crescita, l’Europa<br />

dovrebbe decisamente accelerare, anche<br />

grazie alla graduale soluzione della carenza di<br />

componenti. Il Nord America, altro mercato di<br />

riferimento, dovrebbe invece superare il milione<br />

di veicoli elettrici, attestandosi a quota 1,3 milioni.<br />

58<br />

59


green deal<br />

NIKOLA PRESENTA IL MARCHIO HYLA<br />

In nome dell’idrogeno<br />

Si punta a realizzare, entro il 2<strong>02</strong>6,<br />

ben 60 stazioni a idrogeno negli Usa<br />

Nikola sta<br />

vivendo un<br />

momento di<br />

grande fermento. Il<br />

costruttore americano,<br />

in joint venture con<br />

Iveco, sta spingendo<br />

in particolare<br />

60<br />

SI TINGE DI ELETTRICO L’ASSE RENO-ALPI<br />

Si dice spesso,<br />

e a ragione,<br />

che il principale<br />

ostacolo alla<br />

diffusione<br />

capillare dei<br />

veicoli elettrici,<br />

e specialmente<br />

di quelli<br />

commerciali, sia<br />

la disponibilità<br />

ancora limitata<br />

di infrastrutture<br />

di ricarica. In<br />

sull’idrogeno e, nel<br />

corso di un evento<br />

che si è tenuto a<br />

Phoenix, in Arizona,<br />

ha dato l’annuncio<br />

della creazione<br />

del marchio Hyla.<br />

Con questo nuovo<br />

Germania, a<br />

quanto pare,<br />

hanno deciso<br />

di fare sul serio<br />

e creare il<br />

primo corridoio<br />

di ricarica<br />

pubblico per i<br />

camion elettrici.<br />

A contribuire<br />

fattivamente<br />

al progetto<br />

è l’operatore<br />

Bp pulse, che<br />

fornirà sistemi di<br />

ricarica rapida<br />

in otto stazioni<br />

disseminate<br />

lungo il corridio<br />

cosiddetto<br />

Reno-Alpi. Si<br />

tratta di una<br />

delle principali<br />

direttrici per il<br />

trasporto delle<br />

merci in Europa,<br />

in quanto collega<br />

il porto di<br />

brand, Nikola punta<br />

a identificare tutte<br />

le iniziative relative<br />

alla produzione<br />

e distribuzione<br />

di idrogeno per<br />

alimentare i camion<br />

a celle a combustibile<br />

che sta iniziando<br />

a piazzare negli<br />

Usa e anche in<br />

Europa. L’obiettivo è<br />

realizzare 60 stazioni<br />

a idrogeno Hyla entro<br />

la fine del 2<strong>02</strong>6.<br />

Genova ai porti<br />

belgi e olandesi,<br />

attraversando<br />

l’Europa centrale<br />

da sud a nord (e<br />

viceversa) lungo<br />

1.300 chilometri<br />

circa di strada.<br />

Sei stazioni dotate<br />

di sistemi di<br />

ricarica fino a 300<br />

kilowatt di potenza<br />

sono state individuate<br />

e sono<br />

pronte per entrare<br />

in funzione. Le<br />

altre due verranno<br />

create. Bp pulse<br />

ha calcolato che<br />

ogni colonnina<br />

di ricarica può<br />

ospitare fino a 20<br />

camion elettrici al<br />

giorno e in 45 minuti<br />

un truck può<br />

ottenere un’autonomia<br />

di 200 km.<br />

TESLA SEMI<br />

Made in<br />

Nevada<br />

Ecco dove viene<br />

prodotto il truck<br />

elettrico da 800<br />

km di autonomia<br />

Finalmente, e lo abbiamo<br />

già scritto<br />

nei mesi scorsi, il Tesla<br />

Semi fa parlare di<br />

sé non perché avvolto<br />

da un alone di mistero,<br />

ma per qualcosa di<br />

concreto. Dopo la celebrazione<br />

del primo<br />

truck consegnato, alla<br />

fine dell’anno scorso,<br />

al gruppo Pepsico, Tesla<br />

ha diffuso qualche<br />

aggiornamento sul sito<br />

di produzione da cui u-<br />

sciranno i camion elettrici<br />

nei prossimi mesi.<br />

Il Tesla Semi, che pro-<br />

GUARDA IL POLITO<br />

Che laurea<br />

alternativa<br />

Presentato il<br />

corso di laurea<br />

magistrale<br />

sull’idrogeno<br />

Il Politecnico di Torino,<br />

tra le eccellenze<br />

accademiche in Italia,<br />

ha presentato il primo<br />

corso di laurea magistrale<br />

dedicato all’idrogeno.<br />

Il corso sarà<br />

focalizzato sulla catena<br />

del valore dell’idrogeno<br />

mette un’autonomiamonstre<br />

di 800 chilometri<br />

con una ricarica,<br />

verrà realizzato presso<br />

lo stabilimento Tesla in<br />

Nevada. Una delle prime<br />

scommesse di Elon<br />

Musk, che nel 2014 ha<br />

tirato su dal nulla una<br />

fabbrica in grado di realizzare<br />

in meno di 10<br />

anni 7,3 milioni di celle<br />

per batterie, 1,5 milioni<br />

di pacchi batterie e un<br />

milione di moduli.<br />

Ora, però, la gigafactory<br />

si amplia grazie<br />

all’investimento che,<br />

secondo Tesla, sarà di<br />

3,6 miliardi di dollari e<br />

consentirà di affiancare<br />

alla produzione di batterie<br />

le linee di assemblaggio<br />

del Tesla Semi.<br />

L’ampliamento del sito<br />

produttivo dovrebbe,<br />

inoltre, generare circa<br />

3 mila nuovi posti di<br />

lavoro in Nevada.<br />

e partirà nel settembre<br />

<strong>2<strong>02</strong>3</strong>. Insieme ad altre<br />

università europee, Polito<br />

guida il progetto internazionale<br />

Hyset, che<br />

si propone di formare<br />

professionisti e ricercatori<br />

con competenze<br />

legate all’idrogeno.<br />

UNA INIZIATIVA<br />

Info e contatti<br />

visita il sito:<br />

www.eventforma.com<br />

Vieni a<br />

provare<br />

i truck<br />

a Misano<br />

20-21<br />

maggio<br />

<strong>2<strong>02</strong>3</strong><br />

MEDIA PARTNER


a tutto carico<br />

mercato, crescite,strategie<br />

KRONE, LA DIVISIONE VEICOLI COMMERCIALI CRESCE QUASI DEL 23 PER CENTO<br />

Nel periodo compreso tra il 1° agosto 2<strong>02</strong>1 e il 31 luglio 2<strong>02</strong>2, il costruttore<br />

tedesco Krone, famoso anche per le macchine agricole, ha visto il fatturato globale<br />

crescere del 15 per cento, superando i 2,5 miliardi di euro. Bene soprattutto la<br />

divisione Veicoli commerciali, quella dei trailer, che con 1,7 miliardi di euro di<br />

fatturato è in crescita del 22,9 per cento rispetto all’esercizio precedente.<br />

I TRAINATI IN ITALIA<br />

KÄSSBOHRER<br />

Un anno col<br />

segno più<br />

Il settore dei trailer cresce<br />

a due cifre nel 2<strong>02</strong>2: quasi<br />

16.800 i veicoli registrati<br />

Tempo di bilanci,<br />

all’inizio del nuovo<br />

anno, anche per il comparto<br />

dei trainati in Italia.<br />

Nonostante una parziale<br />

frenata nel mese di<br />

dicembre, quantificata<br />

dall’Unrae in un meno<br />

6 per cento rispetto allo<br />

stesso mese del 2<strong>02</strong>1,<br />

il 2<strong>02</strong>2 è stato un anno<br />

caratterizzato dal segno<br />

più, a conferma di un<br />

trend che dura da qualche<br />

anno.<br />

Più 11,6 per cento,<br />

secondo Unrae e più 11<br />

per cento secondo Anfia,<br />

che ha scattato la<br />

consueta fotografia di<br />

un comparto complessivamente<br />

in salute, come<br />

dimostra l’incremento<br />

delle immatricolazioni<br />

di veicoli trainati del<br />

47 per cento rispetto<br />

all’anno di grazia 2<strong>02</strong>0.<br />

In valori assoluti, secondo<br />

Anfia sono stati<br />

immatricolati in Italia,<br />

nel 2<strong>02</strong>2, 15.422 semirimorchi<br />

e 1.371 rimorchi<br />

con peso oltre le 3,5<br />

ton (è di 16.793 veicoli<br />

il numero complessivo).<br />

E aumenta, ancora, la<br />

quota dei semirimorchi,<br />

adesso vicina al 92 per<br />

cento sul totale, lasciando<br />

ai rimorchi il restante<br />

8 per cento.<br />

I centinati vicini a<br />

quota 5 mila<br />

Cresce anche la percentuale<br />

di chi preferisce i<br />

costruttori d’Oltralpe<br />

(tedeschi e francesi soprattutto),<br />

che sostanzialmente<br />

costituiscono<br />

il 60 per cento del totale,<br />

a fronte del 40 per<br />

LA VOLATA DEI TEDESCHI<br />

cento appannaggio delle<br />

marche italiane.<br />

Guardando alle tipologie<br />

di veicoli, quasi il<br />

30 per cento dei trailer<br />

immatricolati lo scorso<br />

anno in Italia erano<br />

centinati. In aumento<br />

anche le altre tipologie<br />

(isotermici, porta container<br />

e furgoni), mentre<br />

si riduce la quota dei<br />

ribaltabili, dal 14,5 per<br />

cento all’11,1 del totale.<br />

Per quanto riguarda i<br />

semirimorchi, la preferita<br />

dagli italiani continua<br />

a essere la tedesca<br />

Schmitz Cargobull, che<br />

cresce in share, dal 12,9<br />

al 15,9 per cento, grazie<br />

al tumultuoso salto delle<br />

vendite (più 38 per<br />

cento) e porta il gruppo<br />

tedesco molto vicino ai<br />

2.500 trailer immatricolati<br />

in Italia. Si conferma<br />

poi buona seconda<br />

CHI VENDE<br />

DI PIÙ<br />

Schmitz Cargobull<br />

si conferma la<br />

marca leader in<br />

Italia nel 2<strong>02</strong>2 tra<br />

i trailer, sfiorando<br />

le 2.500<br />

immatricolazioni.<br />

Alla top ten<br />

definita dal<br />

report di Anfia<br />

vanno aggiunte<br />

le registrazioni<br />

degli oltre 4<br />

mila veicoli<br />

appartenenti<br />

ad altre marche<br />

(26,2 per cento).<br />

l’altra teutonica, Kögel<br />

che, con una crescita<br />

più contenuta (del 14,6<br />

per cento) ma pur sempre<br />

superiore a quella<br />

del mercato, supera<br />

quota 1.700 trailer immatricolati<br />

e si assicura<br />

una fetta di poco superiore<br />

all’11 per cento.<br />

Menci gioca su<br />

due tavoli<br />

Seguono due marchi<br />

che lo scorso anno occupavano<br />

appaiati la<br />

seconda piazza in questa<br />

speciale graduatoria,<br />

vale a dire Menci<br />

e Krone, entrambe in<br />

contrazione nel 2<strong>02</strong>2<br />

rispetto all’anno precedente<br />

e adesso con quote<br />

di mercato inferiori al<br />

10 per cento (di fianco<br />

trovate la graduatoria<br />

completa).<br />

Menci che si conferma<br />

leader nei rimorchi<br />

(col 17,5 per cento),<br />

nicchia che perde però<br />

complessivamente il 3<br />

per cento nel 2<strong>02</strong>2.<br />

L’offerta guarda<br />

avanti<br />

Nuovi prodotti e soluzioni<br />

per consolidare la crescita<br />

del marchio in Italia<br />

Il 2<strong>02</strong>2, per la turcotedesca<br />

Kässbohrer<br />

(gruppo Tirsan), è<br />

stato un anno ricco di<br />

eventi, segnato dalla<br />

partecipazione alla<br />

Iaa Transportation<br />

di Hannover, che ha<br />

coinciso con il lancio<br />

di una serie di nuovi<br />

prodotti, nonché con<br />

la riaffermazione di<br />

una strategia ben precisa,<br />

che mira a far<br />

guadagnare al marchio<br />

quote di mercato<br />

(anche in Italia, come<br />

ci ha detto il country<br />

manager, Marco Contoli)<br />

non soltanto nei<br />

segmenti in cui è già<br />

un riferimento.<br />

E i dati di mercato<br />

riferiti al 2<strong>02</strong>2, del<br />

resto, paiono premiare<br />

Kässbohrer, che ha<br />

più che raddoppiato la<br />

quantità di veicoli consegnati<br />

in Italia, passando<br />

da 167 a 342 trailer.<br />

«L’attenzione alle<br />

questioni climatiche<br />

mostrata dalle istituzioni<br />

europee, con<br />

l’impegno di ridurre le<br />

emissioni di carbonio di<br />

almeno il 55 per cento<br />

entro il 2030, impone<br />

anche al nostro settore<br />

uno sforzo nell’ottica<br />

di avviare una trasformazione»,<br />

ha detto İffet<br />

Türken, che fa parte del<br />

board di Kässbohrer.<br />

I trailer alla prova<br />

della strada<br />

E continua: «Vogliamo<br />

supportare gli sforzi<br />

dei nostri clienti verso<br />

la transizione energetica,<br />

grazie alla nuova<br />

VISTI<br />

ALLA IAA<br />

A lato, il porta<br />

container K.Shg<br />

Avh e, sotto, la<br />

combinazione<br />

da 18 metri con<br />

il Kässbohrer<br />

centinato K.Scs<br />

X+L da 15 metri.<br />

generazione di veicoli<br />

che consentono un maggiore<br />

carico per ciascun<br />

viaggio e al lavoro che<br />

stiamo conducendo nello<br />

sviluppo di veicoli<br />

smart e digitalizzati».<br />

In questo scenario,<br />

dunque, si inserisce la<br />

serie di nuovi prodotti<br />

che ha visto sì la luce<br />

lo scorso anno, ma<br />

che realisticamente<br />

quest’anno vedrà anche<br />

la strada. A partire dallo<br />

chassis porta container<br />

estendibile K.Shg Avh<br />

(nella foto sopra), caratterizzato<br />

dal design<br />

innovativo che mira a<br />

ridurre al minimo i possibili<br />

danneggiamenti<br />

alla struttura.<br />

Kässbohrer può vantare<br />

una grande esperienza<br />

anche nell’ambito<br />

delle cisterne, settore<br />

in cui l’azienda è<br />

attiva fin dal 1953. La<br />

gamma Lightest Silo,<br />

caratterizzata, come dice<br />

il nome stesso, dalla<br />

ricerca estrema per la<br />

riduzione del peso, è<br />

stata ampliata con volumi<br />

di carico compresi<br />

in un range tra 40 e 90<br />

metri cubi.<br />

Le proposte tra i<br />

centinati<br />

Al modello K.Ssl45,<br />

adatto alla gran parte<br />

dei mercato europei,<br />

si affianca la versione<br />

K.Ssl66 che viene incontro<br />

alle specifiche<br />

esigenze dei mercati<br />

del Nord Europa, in<br />

cui la legislazione è più<br />

permissiva in termini di<br />

peso totale a terra ammesso.<br />

Tra i centinati, di<br />

gran lunga la tipologia<br />

di trailer più diffusi in<br />

Italia secondo le ultime<br />

statistiche (ne parliamo<br />

nella pagina precedente),<br />

la Casa con sede<br />

produttiva in Turchia<br />

dispone del modello<br />

K.Scs X+L. Lungo poco<br />

meno di 15 metri, ha<br />

una capacità di carico<br />

maggiorata del 10 per<br />

cento ed è in grado di<br />

ospitare fino a 37 europallet.<br />

Si tratta della risposta<br />

Kässbohrer all’apertura<br />

alle combinazioni da 18<br />

metri, misura ipotizzata<br />

(e ammessa dal 2<strong>02</strong>1 in<br />

Italia) per ottimizzare<br />

la capacità di carico e<br />

potenzialmente ridurre<br />

i viaggi e le emissioni<br />

di anidride carbonica<br />

nell’atmosfera.<br />

62<br />

63


van&pick-up<br />

mobilità green, mercato<br />

FORD PRO CONFERMA LA LEADERSHIP IN EUROPA E IN ITALIA<br />

Vento in poppa per Ford Pro. La divisione dell’Ovale blu dedicata a veicoli commerciali ha infatti chiuso il 2<strong>02</strong>2<br />

confermando, per l’ottavo anno consecutivo, la leadership nel mercato dei commerciali e dei pick-up a livello europeo,<br />

realizzando la quota del 15 per cento e l’aumento di share in ben undici paesi, Italia compresa. Nel nostro Paese, Ford<br />

si conferma al primo posto tra i marchi di importazione con la quota mercato del 15,6 per cento, mantenendosi al primo<br />

posto sia nel segmento dei van da una tonnellata (con il Custom) sia in quello dei pick-up col Ranger.<br />

DUE LUNGHEZZE<br />

DISPONIBILI<br />

Basato sulla versione<br />

elettrica, l’Opel<br />

Vivaro-e Hydrogen è<br />

disponibile in due<br />

diverse lunghezze<br />

(4.950 e 5.300 mm)<br />

corrispondenti a<br />

volumetrie del vano<br />

di 5,3 e 6,1 m 3 . La<br />

portata massima è di<br />

mille chili.<br />

OPEL VIVARO-e HYDROGEN<br />

Quel van va<br />

di lungo<br />

L’elettrico a celle a combustibile del marchio<br />

tedesco di Stellantis dichiara 400 chilometri<br />

di autonomia e 50 in modalità elettrica, senza<br />

compromessi su portata e volume utile<br />

D’accordo l’elettrico,<br />

ma nella<br />

sua visione di<br />

mobilità green, Opel<br />

va oltre. E partendo<br />

dal Vivaro-e ha sviluppato<br />

e messo in<br />

produzione (disponibile<br />

in due lunghezze,<br />

4.950 e 5.350 mm,<br />

con volumetrie di 5,3<br />

e 6,1 m 3 e portata di<br />

mille chili) la versione<br />

Hydrogen con celle a<br />

combustibile a idrogeno<br />

e batteria plug-in<br />

del furgone medio.<br />

La soluzione sviluppata<br />

dagli ingegneri del marchio<br />

di Rüsselsheim,<br />

oggi uno dei pianeti<br />

della galassia Stellantis,<br />

muove da un principio<br />

molto semplice.<br />

Tre i serbatoi<br />

dell’idrogeno<br />

Partendo da idrogeno e<br />

aria, le celle a combustibile<br />

(da 45 kW) producono<br />

energia elettrica<br />

utilizzata per azionare<br />

il propulsore. Al posto<br />

della batteria, tre serba-<br />

toi di idrogeno (a 700<br />

bar) con capacità di 4,4<br />

chili di H2.<br />

Il risultato è un veicolo<br />

con autonomia<br />

superiore ai 400 chilometri<br />

(con la possibilità<br />

di coprirne 50 in modalità<br />

puramente elettrica<br />

sfruttando la funzionalità<br />

plug-in), che<br />

limita a circa tre minuti<br />

il tempo necessario<br />

per effettuare il pieno.<br />

Dunque, una soluzione,<br />

il Vivaro-e Hydrogen,<br />

che sembrerebbe l’ide-<br />

ale per le mission su<br />

lunga distanza, capace<br />

di portare nel futuro<br />

la mobilità a emissioni<br />

zero. Il tutto senza<br />

compromessi in tema<br />

di sicurezza e comfort,<br />

come conferma la dotazione<br />

completa, tra<br />

le altre cose, di sistema<br />

infotainment Navi Pro<br />

con riconoscimento vocale,<br />

schermo touch a<br />

colori, retrocamera con<br />

visione a 180 gradi, assistente<br />

al parcheggio e<br />

allerta angolo cieco.<br />

64 65


van&pick-up<br />

La prima volta del van by Renault Trucks<br />

Se il Trafic si fa<br />

Red edition<br />

Alla tradizionale versatilità che ne fa veicolo<br />

ideale per ogni mission nell’ambito del<br />

trasporto e della distribuzione leggera, il van<br />

della Losanga aggiunge una forte identità<br />

visiva combinata con una serie di eleganti<br />

elementi che profumano di esclusività<br />

RENAULT CHIUDE IL 2<strong>02</strong>2 IN DOPPIA CIFRA CON FURGONETTE E VAN MEDI<br />

In un anno, il 2<strong>02</strong>2 che ci siamo lasciati alle spalle, non certo facilissimo, Renault ha consolidato la<br />

propria posizione di protagonista sul mercato italiano. Nel segmento delle furgonette lo ha fatto con<br />

Kangoo Van e Express Van facendo suo l’11,3 per cento di quota (più 2,1 per cento sul 2<strong>02</strong>1); in quello<br />

dei van medi, grazie al Trafic, conquistando l’11,4 per cento (più 1,3 per cento sull’anno precedente).<br />

QUEI DETTAGLI<br />

COLOR SCARLATTO<br />

L’inserto sul cofano<br />

anteriore così come<br />

i coprimozzi e le<br />

cinture di sicurezza<br />

in questa tinta,<br />

rappresentano il<br />

segno distintivo del<br />

Trafic Red edition,<br />

e al tempo stesso<br />

un forte richiamo<br />

all’identità di Renault<br />

Trucks.<br />

Mancava e ora<br />

c’è. Renault<br />

Trucks arrichisce<br />

la propria offerta<br />

di prodotto accogliendo<br />

in gamma<br />

e proponendo per la<br />

prima volta a catalogo<br />

un pezzo da novanta<br />

qual è il Trafic. Che,<br />

nella versione italiana,<br />

si chiama Trafic Red<br />

edition.<br />

Un inedito da questa<br />

sponda della Losanga,<br />

che proprio attraverso il<br />

popolare van si conferma<br />

partner attenta alle<br />

esigenze della propria<br />

clientela offrendo un<br />

ventaglio di soluzioni<br />

idonee per ogni attività.<br />

vato, caratterizzato da<br />

un’identità visiva che<br />

richiama quella di Renault<br />

Trucks. Il riferimento<br />

è, in particolare,<br />

al colore scarlatto utilizzato<br />

esternamente per<br />

l’inserto sul cofano, i<br />

coprimozzi e la banda<br />

verticale che solca la<br />

zona laterale posteriore,<br />

e all’interno per il<br />

pomello della leva del<br />

cambio e le cinture di<br />

sicurezza. Griglia anteriore<br />

cromata, paraurti e<br />

barra laterale sono invece<br />

in tinta carrozzeria.<br />

All’estetica e al design<br />

si combina la tradizionale<br />

versatilità del<br />

Trafic. Proposto come<br />

van (due lunghezze e<br />

altrettante altezze), doppia<br />

cabina, pianalato o<br />

combi, in otto diversi<br />

colori, il Red edition,<br />

è concepito all’interno<br />

come un vero ufficio<br />

mobile con tanto di<br />

schienale ribaltabile<br />

del sedile passeggero a<br />

Richiamo all’identità<br />

Renault Trucks<br />

Trafic Red edition che si<br />

candida come strumento<br />

ideale per professionisti<br />

e attività commerciali<br />

nell’ambito del trasporto<br />

e della distribuzione<br />

leggera (dagli artigiani<br />

ai negozianti).<br />

Peraltro, Renault<br />

Trucks non ha certo<br />

optato per una partenza<br />

soft. Al contrario, il<br />

nuovo Trafic Red edition<br />

si presenta infatti<br />

con design elegante,<br />

che non passa inosser-<br />

IL RED EDITION IN<br />

TUTTE LE SALSE<br />

La new entry di<br />

Renault Trucks<br />

è disponibile<br />

come furgone (in<br />

due lunghezze<br />

e altrettante<br />

altezze) e anche<br />

doppia cabina<br />

(due lunghezze),<br />

pianale (una<br />

lunghezza) o<br />

combi (due<br />

lunghezze).<br />

formare un pratico tavolino,<br />

display digitale<br />

a colori da 4,2 pollici e<br />

touch screen da 8 pollici,<br />

caricatore a induzione<br />

e vani portaoggetti<br />

per un totale di 88 litri.<br />

Il vano di carico (fino<br />

a 8,9 m 3 di volume<br />

utile e la possibilità opzionale<br />

di caricare oggetti<br />

lunghi fino a 4,15<br />

metri) offre una presa<br />

da 12 volt e una serie<br />

di anelli per il fissaggio<br />

del carico. Fari full Led,<br />

Esc ed Extended grip<br />

di serie, garantiscono<br />

la sicurezza, cui contribuiscono<br />

anche i radar<br />

anteriore e posteriore,<br />

il sistema di avviso di<br />

superamento di corsia,<br />

quello di assistenza al<br />

vento laterale e per l’angolo<br />

cieco.<br />

Quattro le potenze<br />

disponibili: 110, 130,<br />

150 e 170 cavalli e<br />

comfort di guida assicurato<br />

dal cambio automatico<br />

a doppia frizione.<br />

66<br />

67


COSTI KM<br />

in centesimi di euro<br />

COSTI KM<br />

in centesimi di euro<br />

Guerra in Ucraina,<br />

crisi energetica,<br />

inflazione, emergenza<br />

climatica. Tra gli anni<br />

infausti, il 2<strong>02</strong>2 è da<br />

circoletto rosso. Così,<br />

l’Ipsos, la multinazionale<br />

delle ricerche di mercato<br />

con sede a Parigi,<br />

nella sua tradizionale<br />

indagine in 36 paesi del<br />

mondo, non fatica a descrivere<br />

l’anno passato<br />

come negativo per le<br />

persone/famiglie (56 per<br />

cento degli interpellati) e<br />

per il proprio paese (73<br />

per cento). Anche se c’è<br />

un certo miglioramento<br />

d’umore rispetto agli anni<br />

del Covid.<br />

veicolo km costo km costo<br />

annui quintale al km<br />

veicolo km costo km costo<br />

annui quintale al km<br />

FURGONI DA 35 QUINTALI<br />

CITROEN 30.000 2,96 42,22<br />

JUMPER BLUE 50.000 2,70 38,50<br />

HDI 140 80.000 2,56 36,42<br />

4 pneus 110.000 2,49 35,47<br />

FIAT 30.000 2,73 39,88<br />

DUCATO 35 50.000 2,48 36,21<br />

2.2 140 80.000 2,34 34,15<br />

4 pneus 110.000 2,27 33,21<br />

FORD 30.000 2,47 34,70<br />

TRANSIT 350 50.000 2,22 31,23<br />

T.A. 105 80.000 2,08 29,28<br />

4 pneus 110.000 2,<strong>02</strong> 28,39<br />

30.000 2,61 36,62<br />

TRANSIT 350 50.000 2,36 33,13<br />

T.A. 130 80.000 2,22 31,17<br />

4 pneus 110.000 2,16 30,28<br />

30.000 2,75 38,70<br />

TRANSIT 350 50.000 2,50 35,19<br />

T.A. 170 80.000 2,36 33,22<br />

4 pneus 110.000 2,30 32,32<br />

30.000 2,51 34,70<br />

TRANSIT 350 50.000 2,25 31,23<br />

T.P. 105 80.000 2,11 29,28<br />

4 pneus 110.000 2,05 28,39<br />

30.000 2,49 35,05<br />

TRANSIT 350 50.000 2,25 31,56<br />

T.P. 130 80.000 2,11 29,60<br />

4 pneus 110.000 2,04 28,71<br />

30.000 2,52 35,39<br />

TRANSIT 350 50.000 2,27 31,88<br />

T.P. 170 80.000 2,13 29,91<br />

4 pneus 110.000 2,06 29,01<br />

HYUNDAI 30.000 2,78 37,88<br />

H 350 50.000 2,52 34,38<br />

80.000 2,38 32,41<br />

4 pneus 110.000 2,31 31,52<br />

IVECO 30.000 2,91 39,32<br />

DAILY 35 S 12 50.000 2,64 35,64<br />

80.000 2,48 33,57<br />

4 pneus 110.000 2,41 32,63<br />

30.000 3,04 40,16<br />

DAILY 35 S 14 50.000 2,76 36,45<br />

80.000 2,60 34,37<br />

4 pneus 110.000 2,53 33,42<br />

30.000 3,70 42,61<br />

DAILY 35 C 14 50.000 3,37 38,78<br />

80.000 3,18 36,64<br />

6 pneus 110.000 3,10 35,66<br />

L’IPSOS FOTOGRAFA LE TENDENZE<br />

veicolo km costo km costo<br />

annui quintale al km<br />

Nonostante tutto<br />

si spera nel <strong>2<strong>02</strong>3</strong><br />

La maggioranza scommette sul miglioramento<br />

rispetto all’anno passato. Ma non per l’ambiente<br />

Restringendo il campo<br />

all’Italia, l’82 per cento<br />

del campione ritiene<br />

il 2<strong>02</strong>2 negativo per il<br />

Paese. Mentre se si passa<br />

alle prospettive per il<br />

<strong>2<strong>02</strong>3</strong>, in pochi (32 per<br />

cento) pensano che l’economia<br />

globale andrà<br />

a migliorare quest’anno.<br />

Ancora, ben l’82 per<br />

cento degli italiani pensa<br />

che i prezzi aumenteranno,<br />

così come l’inflazione<br />

(78 per cento), i direttamente<br />

collegati tassi<br />

d’interesse (74) e anche<br />

la disoccupazione (73).<br />

veicolo km costo km costo<br />

annui quintale al km<br />

30.000 3,16 42,69<br />

DAILY 35 S 16 50.000 2,88 38,94<br />

80.000 2,72 36,83<br />

4 pneus 110.000 2,65 35,87<br />

30.000 3,90 44,91<br />

DAILY 35 C 16 50.000 3,57 41,05<br />

80.000 3,38 38,89<br />

6 pneus 110.000 3,29 37,90<br />

30.000 3,57 44,18<br />

DAILY 35 S 18 50.000 3,26 40,37<br />

80.000 3,09 38,24<br />

4 pneus 110.000 3,01 37,27<br />

30.000 4,16 46,40<br />

DAILY 35 C 18 50.000 3,81 42,49<br />

80.000 3,61 40,30<br />

6 pneus 110.000 3,52 39,30<br />

30.000 4,29 48,16<br />

DAILY 35 S 50.000 3,93 44,19<br />

21 HI-MATIC 80.000 3,74 41,96<br />

4 pneus 110.000 3,65 40,95<br />

MERCEDES 30.000 2,70 34,24<br />

SPRINTER 311 50.000 2,42 30,75<br />

CDI T.A. 80.000 2,27 28,79<br />

4 pneus 110.000 2,20 27,90<br />

30.000 2,78 35,28<br />

SPRINTER 311 50.000 2,50 31,74<br />

CDI T.P. 80.000 2,34 29,74<br />

4 pneus 110.000 2,27 28,84<br />

30.000 3,05 38,68<br />

SPRINTER 314 50.000 2,77 35,16<br />

CDI T.A. 80.000 2,61 33,19<br />

4 pneus 110.000 2,54 32,29<br />

30.000 3,13 39,72<br />

SPRINTER 314 50.000 2,85 36,15<br />

CDI T.P. 80.000 2,69 34,14<br />

4 pneus 110.000 2,62 33,23<br />

30.000 3,42 38,27<br />

SPRINTER 316 50.000 3,09 34,57<br />

CDI T.P. 80.000 2,90 32,50<br />

6 pneus 110.000 2,82 31,56<br />

30.000 3,79 41,26<br />

SPRINTER 319 50.000 3,44 37,51<br />

CDI T.P. 80.000 3,25 35,40<br />

6 pneus 110.000 3,16 34,44<br />

30.000 4,91 43,69<br />

SPRINTER 414 50.000 4,49 39,99<br />

CDI T.P. 80.000 4,26 37,92<br />

6 pneus 110.000 4,15 36,97<br />

30.000 5,00 44,52<br />

SPRINTER 416 50.000 4,58 40,77<br />

CDI T.P. 80.000 4,34 38,67<br />

6 pneus 110.000 4,24 37,71<br />

quasi a sorpresa il 54 per<br />

cento degli italiani pensa<br />

che il <strong>2<strong>02</strong>3</strong> sarà migliore<br />

dell’anno passato, quota<br />

che sale al 65 per cento<br />

a livello mondiale.<br />

Se si vanno a confrontare<br />

i dati con quelli<br />

precedenti, però, si<br />

scopre che la fiducia<br />

nel futuro è in calo notevole,<br />

di ben 19 punti<br />

percentuali in Italia e di<br />

10 punti nella maggior<br />

parte degli altri paesi.<br />

Un ultimo ma interessante<br />

dato: solo il<br />

22 per cento di italiani<br />

ritiene che con la tecnologia<br />

si possa arrestare il<br />

cambiamento climatico.<br />

veicolo km costo km costo<br />

annui quintale al km<br />

Il 60 per cento degli italiani<br />

pensa poi che avremo<br />

bisogno di finanziamenti<br />

dall’Fmi (Fondo<br />

monetario internazionale)<br />

e il 42 per cento<br />

che i mercati azionari<br />

crolleranno. Nonostante<br />

la depressione dilagante,<br />

veicolo km costo km costo<br />

annui quintale al km<br />

30.000 5,65 45,17<br />

SPRINTER 419 50.000 5,17 41,37<br />

CDI T.P. 80.000 4,90 39,23<br />

4 pneus 110.000 4,78 38,25<br />

NISSAN 30.000 2,46 37,32<br />

NV 400 - 135 50.000 2,22 33,73<br />

CV - 35 T.A. 80.000 2,09 31,72<br />

4 pneus 110.000 2,03 30,80<br />

30.000 2,68 38,01<br />

NV 400 - 150 50.000 2,43 34,42<br />

CV - 35 T.A. 80.000 2,28 32,41<br />

4 pneus 110.000 2,22 31,49<br />

30.000 2,74 38,88<br />

NV 400 - 180 50.000 2,48 35,26<br />

CV - 35 T.A. 80.000 2,34 33,23<br />

4 pneus 110.000 2,28 32,31<br />

30.000 2,62 39,83<br />

NV 400 - 145 50.000 2,38 36,20<br />

CV - 35 T.P. 80.000 2,25 34,17<br />

4 pneus 110.000 2,19 33,24<br />

PEUGEOT 30.000 3,21 42,91<br />

BOXER BLUE 50.000 2,93 39,15<br />

HDI 140 80.000 2,78 37,05<br />

4 pneus 110.000 2,70 36,09<br />

30.000 3,18 42,45<br />

BOXER BLUE 50.000 2,90 38,72<br />

HDI 140 80.000 2,74 36,63<br />

4 pneus 110.000 2,67 35,68<br />

30.000 3,39 44,10<br />

BOXER BLUE 50.000 3,10 40,33<br />

HDI 165 80.000 2,94 38,21<br />

4 pneus 110.000 2,86 37,24<br />

RENAULT 30.000 2,59 36,93<br />

MASTER 135.35 50.000 2,34 33,42<br />

T.A. 80.000 2,20 31,45<br />

4 pneus 110.000 2,14 30,55<br />

30.000 2,59 37,07<br />

MASTER 150.35 50.000 2,34 33,55<br />

T.A. 80.000 2,20 31,57<br />

4 pneus 110.000 2,14 30,67<br />

30.000 2,65 37,85<br />

MASTER 180.35 50.000 2,40 34,28<br />

T.A. 80.000 2,26 32,28<br />

4 pneus 110.000 2,20 31,37<br />

veicolo km costo km costo<br />

annui quintale al km<br />

30.000 3,00 36,25<br />

MASTER 130.35 50.000 2,71 32,72<br />

T.P. 80.000 2,55 30,75<br />

4 pneus 110.000 2,47 29,85<br />

30.000 3,10 37,43<br />

MASTER 145.35 50.000 2,81 33,89<br />

T.P. 80.000 2,64 31,90<br />

4 pneus 110.000 2,57 31,00<br />

30.000 3,21 38,21<br />

MASTER 165.35 50.000 2,91 34,63<br />

T.P. 80.000 2,74 32,62<br />

4 pneus 110.000 2,67 31,70<br />

VOLKSWAGEN 30.000 3,79 37,96<br />

CRAFTER 35 50.000 3,43 34,37<br />

1<strong>02</strong> T.A. 80.000 3,23 32,35<br />

4 pneus 110.000 3,14 31,43<br />

30.000 3,88 38,84<br />

CRAFTER 35 50.000 3,52 35,19<br />

140 T.A. 80.000 3,31 33,15<br />

4 pneus 110.000 3,22 32,22<br />

30.000 3,96 39,68<br />

CRAFTER 35 50.000 3,60 35,99<br />

177 T.A. 80.000 3,39 33,92<br />

4 pneus 110.000 3,29 32,97<br />

2 ASSI DA 75 QUINTALI<br />

DAF 55.000 0,94 35,61<br />

LF 180 08 70.000 0,88 33,31<br />

90.000 0,83 31,43<br />

6 pneus 110.000 0,80 30,23<br />

55.000 0,97 36,75<br />

LF 210 08 70.000 0,91 34,44<br />

90.000 0,86 32,55<br />

6 pneus 110.000 0,83 31,34<br />

55.000 1,03 37,32<br />

LF 230 08 70.000 0,96 34,99<br />

90.000 0,91 33,08<br />

6 pneus 110.000 0,88 31,87<br />

FUSO 55.000 0,74 33,44<br />

CANTER 7 C 15 70.000 0,69 31,16<br />

90.000 0,65 29,31<br />

6 pneus 110.000 0,62 28,12<br />

55.000 0,74 33,94<br />

CANTER 7 C 15 70.000 0,69 31,61<br />

90.000 0,64 29,71<br />

6 pneus 110.000 0,62 28,50<br />

55.000 0,76 34,29<br />

CANTER 7 C 18 70.000 0,71 32,01<br />

90.000 0,67 30,15<br />

6 pneus 110.000 0,65 28,97<br />

55.000 0,75 34,67<br />

CANTER 7 C 18 70.000 0,70 32,32<br />

90.000 0,66 30,40<br />

6 pneus 110.000 0,63 29,18<br />

ISUZU 55.000 0,72 32,28<br />

P 75 70.000 0,67 30,05<br />

90.000 0,63 28,24<br />

6 pneus 110.000 0,60 27,08<br />

55.000 0,78 33,26<br />

P 75 - 190 70.000 0,73 31,<strong>02</strong><br />

90.000 0,68 29,19<br />

6 pneus 110.000 0,66 28,03<br />

IVECO 55.000 0,98 37,57<br />

EUROCARGO 70.000 0,92 35,17<br />

75 E 16 90.000 0,87 33,22<br />

6 pneus 110.000 0,84 31,97<br />

55.000 1,00 38,31<br />

EUROCARGO 70.000 0,94 35,91<br />

75 E 19 90.000 0,89 33,94<br />

6 pneus 110.000 0,86 32,69<br />

55.000 1,<strong>02</strong> 39,13<br />

EUROCARGO 70.000 0,96 36,72<br />

75 E 21 90.000 0,91 34,74<br />

6 pneus 110.000 0,88 33,49<br />

MAN 55.000 0,95 35,78<br />

TGL 8.150 70.000 0,89 33,45<br />

90.000 0,84 31,53<br />

6 pneus 110.000 0,81 30,32<br />

veicolo km costo km costo<br />

annui quintale al km<br />

55.000 0,97 36,56<br />

TGL 8.180 70.000 0,91 34,21<br />

90.000 0,86 32,29<br />

6 pneus 110.000 0,83 31,07<br />

55.000 1,41 37,65<br />

TGL 8.220 70.000 1,32 35,30<br />

90.000 1,25 33,39<br />

6 pneus 110.000 1,21 32,18<br />

55.000 1,47 39,21<br />

TGL 8.250 70.000 1,38 36,83<br />

90.000 1,31 34,90<br />

6 pneus 110.000 1,26 33,66<br />

MERCEDES 55.000 1,06 40,27<br />

ATEGO 816 70.000 1,00 37,78<br />

90.000 0,94 35,75<br />

6 pneus 110.000 0,91 34,46<br />

55.000 1,08 41,05<br />

ATEGO 818 70.000 1,<strong>02</strong> 38,55<br />

90.000 0,96 36,50<br />

6 pneus 110.000 0,93 35,20<br />

55.000 1,13 42,32<br />

ATEGO 821 70.000 1,06 39,80<br />

90.000 1,01 37,74<br />

6 pneus 110.000 0,97 36,43<br />

55.000 1,15 43,<strong>02</strong><br />

ATEGO 823 70.000 1,08 40,48<br />

90.000 1,03 38,41<br />

6 pneus 110.000 0,99 37,09<br />

NISSAN 55.000 0,80 33,63<br />

NT 500 7.5 180 70.000 0,75 31,38<br />

90.000 0,71 29,54<br />

6 pneus 110.000 0,68 28,37<br />

RENAULT 55.000 0,84 35,20<br />

D 7.5 180 70.000 0,79 32,89<br />

90.000 0,74 31,01<br />

6 pneus 110.000 0,71 29,81<br />

2 ASSI DA 115 QUINTALI<br />

DAF 55.000 0,54 40,32<br />

LF 180 11,5 70.000 0,51 37,93<br />

90.000 0,48 35,98<br />

6 pneus 110.000 0,47 34,75<br />

55.000 0,55 41,27<br />

LF 210 11,5 70.000 0,52 38,86<br />

90.000 0,49 36,90<br />

6 pneus 110.000 0,48 35,66<br />

55.000 0,58 42,25<br />

LF 230 11,5 70.000 0,55 39,82<br />

90.000 0,52 37,84<br />

6 pneus 110.000 0,50 36,58<br />

55.000 0,59 43,19<br />

LF 260 11,5 70.000 0,56 40,75<br />

90.000 0,53 38,75<br />

6 pneus 110.000 0,51 37,49<br />

ISUZU 55.000 0,54 40,77<br />

F 12 70.000 0,51 38,40<br />

90.000 0,48 36,47<br />

6 pneus 110.000 0,47 35,24<br />

IVECO 55.000 0,64 45,39<br />

EUROCARGO 70.000 0,61 42,83<br />

120 E 19 90.000 0,58 40,75<br />

6 pneus 110.000 0,56 39,43<br />

55.000 0,67 46,49<br />

EUROCARGO 70.000 0,64 43,94<br />

120 E 22 90.000 0,61 41,85<br />

6 pneus 110.000 0,59 40,52<br />

55.000 0,70 48,11<br />

EUROCARGO 70.000 0,66 45,53<br />

120 E 28 90.000 0,63 43,42<br />

6 pneus 110.000 0,61 42,08<br />

MAN 55.000 0,66 45,91<br />

TGL 12.250 70.000 0,62 43,39<br />

90.000 0,59 41,33<br />

6 pneus 110.000 0,57 40,<strong>02</strong><br />

55.000 0,59 42,19<br />

TGL 12.180 70.000 0,56 39,75<br />

90.000 0,53 37,75<br />

6 pneus 110.000 0,51 36,49<br />

55.000 0,61 43,16<br />

TGL 12.220 70.000 0,57 40,70<br />

90.000 0,54 38,69<br />

6 pneus 110.000 0,53 37,42<br />

veicolo km costo km costo<br />

annui quintale al km<br />

55.000 0,70 45,61<br />

TGM 12.250 70.000 0,66 43,10<br />

90.000 0,63 41,05<br />

6 pneus 110.000 0,61 39,74<br />

55.000 0,72 46,79<br />

TGM 12.290 70.000 0,68 44,27<br />

90.000 0,65 42,20<br />

6 pneus 110.000 0,63 40,89<br />

MERCEDES 55.000 0,71 47,69<br />

ATEGO 1218 70.000 0,67 45,06<br />

90.000 0,64 42,92<br />

6 pneus 110.000 0,62 41,56<br />

55.000 0,71 48,28<br />

ATEGO 1221 70.000 0,67 45,64<br />

90.000 0,64 43,48<br />

6 pneus 110.000 0,62 42,11<br />

55.000 0,76 50,34<br />

ATEGO 1224 70.000 0,72 47,66<br />

90.000 0,68 45,47<br />

6 pneus 110.000 0,66 44,08<br />

55.000 0,80 53,50<br />

ATEGO 1230 70.000 0,76 50,75<br />

90.000 0,73 48,50<br />

6 pneus 110.000 0,71 47,07<br />

RENAULT 55.000 0,65 42,53<br />

D 12.210 MED 70.000 0,61 40,10<br />

90.000 0,58 38,12<br />

6 pneus 110.000 0,56 36,86<br />

55.000 0,67 43,48<br />

D 12.240 MED 70.000 0,63 41,03<br />

90.000 0,60 39,04<br />

6 pneus 110.000 0,58 37,76<br />

55.000 0,73 44,84<br />

D 12.250 MED 70.000 0,68 42,35<br />

90.000 0,65 40,32<br />

6 pneus 110.000 0,63 39,03<br />

55.000 0,74 45,79<br />

D 12.280 MED 70.000 0,70 43,29<br />

90.000 0,67 41,24<br />

6 pneus 110.000 0,65 39,94<br />

VOLVO 55.000 0,73 45,43<br />

FL 250 - 11,5 70.000 0,69 42,92<br />

90.000 0,66 40,88<br />

6 pneus 110.000 0,64 39,58<br />

55.000 0,75 46,38<br />

FL 280 - 11,5 70.000 0,71 43,86<br />

90.000 0,67 41,80<br />

6 pneus 110.000 0,65 40,49<br />

2 ASSI DA 180 QUINTALI<br />

DAF 50.000 0,41 50,29<br />

LF 230 18 80.000 0,37 45,27<br />

110.000 0,35 42,99<br />

6 pneus 140.000 0,34 41,69<br />

50.000 0,44 53,42<br />

LF 320 18 80.000 0,39 48,30<br />

110.000 0,38 45,99<br />

6 pneus 140.000 0,36 44,66<br />

50.000 0,46 53,43<br />

CF 230 80.000 0,41 48,26<br />

110.000 0,39 45,92<br />

6 pneus 140.000 0,38 44,58<br />

50.000 0,47 55,40<br />

CF 320 80.000 0,43 50,15<br />

110.000 0,41 47,76<br />

6 pneus 140.000 0,40 46,40<br />

IVECO 50.000 0,46 54,11<br />

EUROCARGO 80.000 0,41 48,85<br />

180 E 25 110.000 0,39 46,47<br />

6 pneus 140.000 0,38 45,11<br />

50.000 0,46 55,10<br />

EUROCARGO 80.000 0,42 49,81<br />

180 E 28 110.000 0,40 47,41<br />

6 pneus 140.000 0,39 46,04<br />

50.000 0,48 56,57<br />

EUROCARGO 80.000 0,43 51,24<br />

180 E 32 110.000 0,41 48,82<br />

6 pneus 140.000 0,40 47,44<br />

MAN 50.000 0,44 52,90<br />

TGM 18.250 80.000 0,40 47,74<br />

110.000 0,38 45,39<br />

6 pneus 140.000 0,37 44,06<br />

68<br />

69


COSTI KM<br />

in centesimi di euro<br />

COSTI KM<br />

in centesimi di euro<br />

veicolo km costo km costo<br />

annui quintale al km<br />

50.000 0,46 55,62<br />

TGM 18.340 80.000 0,42 50,38<br />

110.000 0,40 48,01<br />

6 pneus 140.000 0,39 46,65<br />

50.000 0,45 54,56<br />

TGM 18.290 80.000 0,41 49,33<br />

110.000 0,39 46,96<br />

6 pneus 140.000 0,38 45,61<br />

MERCEDES 50.000 0,52 59,78<br />

ANTOS 1824 80.000 0,47 54,08<br />

110.000 0,45 51,49<br />

6 pneus 140.000 0,44 50,<strong>02</strong><br />

50.000 0,56 63,87<br />

ANTOS 1835 80.000 0,51 58,03<br />

110.000 0,48 55,38<br />

6 pneus 140.000 0,47 53,86<br />

RENAULT 50.000 0,43 50,72<br />

D 18.250 HIGH 80.000 0,39 45,73<br />

110.000 0,37 43,46<br />

6 pneus 140.000 0,36 42,17<br />

50.000 0,44 51,79<br />

D 18.280 HIGH 80.000 0,39 46,75<br />

110.000 0,38 44,47<br />

6 pneus 140.000 0,36 43,17<br />

50.000 0,46 51,32<br />

D 18.250 WIDE 80.000 0,42 46,28<br />

110.000 0,40 43,99<br />

6 pneus 140.000 0,38 42,69<br />

50.000 0,47 52,39<br />

D 18.280 WIDE 80.000 0,43 47,30<br />

110.000 0,40 45,00<br />

6 pneus 140.000 0,39 43,69<br />

50.000 0,48 53,89<br />

D 18.320 WIDE 80.000 0,44 48,76<br />

110.000 0,42 46,44<br />

6 pneus 140.000 0,41 45,11<br />

SCANIA 50.000 0,50 54,38<br />

P 250 80.000 0,45 49,10<br />

110.000 0,43 46,71<br />

6 pneus 140.000 0,42 45,35<br />

50.000 0,50 55,23<br />

P 250 80.000 0,45 49,89<br />

110.000 0,43 47,46<br />

6 pneus 140.000 0,42 46,08<br />

50.000 0,51 55,43<br />

P 280 80.000 0,46 50,11<br />

110.000 0,44 47,70<br />

6 pneus 140.000 0,42 46,33<br />

50.000 0,50 55,72<br />

P 280 80.000 0,46 50,34<br />

110.000 0,43 47,90<br />

6 pneus 140.000 0,42 46,51<br />

50.000 0,52 56,99<br />

P 320 80.000 0,47 51,62<br />

110.000 0,45 49,19<br />

6 pneus 140.000 0,44 47,80<br />

50.000 0,51 56,44<br />

P 320 80.000 0,46 51,01<br />

110.000 0,44 48,54<br />

6 pneus 140.000 0,43 47,14<br />

50.000 0,53 58,30<br />

P 360 80.000 0,48 52,89<br />

110.000 0,46 50,43<br />

6 pneus 140.000 0,45 49,03<br />

50.000 0,52 57,12<br />

P 360 80.000 0,47 51,63<br />

110.000 0,44 49,14<br />

6 pneus 140.000 0,43 47,72<br />

VOLVO 50.000 0,47 50,83<br />

FL 250 - 18 80.000 0,42 45,82<br />

110.000 0,40 43,55<br />

6 pneus 140.000 0,39 42,26<br />

50.000 0,48 52,03<br />

FL 280 - 18 80.000 0,43 46,97<br />

110.000 0,41 44,68<br />

6 pneus 140.000 0,40 43,38<br />

50.000 0,48 51,33<br />

FE 250 - 18 80.000 0,43 46,28<br />

110.000 0,41 44,00<br />

6 pneus 140.000 0,40 42,69<br />

50.000 0,49 52,42<br />

FE 280 - 18 80.000 0,45 47,34<br />

110.000 0,42 45,03<br />

6 pneus 140.000 0,41 43,72<br />

veicolo km costo km costo<br />

annui quintale al km<br />

50.000 0,51 53,79<br />

FE 320 - 18 80.000 0,46 48,67<br />

110.000 0,44 46,35<br />

6 pneus 140.000 0,42 45,<strong>02</strong><br />

TRATTORI 2 ASSI + SEMI 3 ASSI<br />

DAF 60.000 0,24 72,49<br />

CF 370 90.000 0,22 66,36<br />

130.000 0,21 62,58<br />

16 pneus 150.000 0,20 61,45<br />

60.000 0,25 73,73<br />

CF 450 90.000 0,23 67,55<br />

130.000 0,21 63,74<br />

16 pneus 150.000 0,21 62,60<br />

60.000 0,25 74,83<br />

CF 480 90.000 0,23 68,57<br />

130.000 0,22 64,72<br />

16 pneus 150.000 0,21 63,57<br />

60.000 0,25 75,21<br />

CF 530 90.000 0,23 68,92<br />

130.000 0,22 65,06<br />

16 pneus 150.000 0,21 63,90<br />

60.000 0,25 75,34<br />

XF 430 90.000 0,23 69,06<br />

130.000 0,22 65,20<br />

16 pneus 150.000 0,22 64,04<br />

60.000 0,25 74,99<br />

XF 450 90.000 0,23 68,74<br />

130.000 0,22 64,88<br />

16 pneus 150.000 0,21 63,72<br />

60.000 0,26 75,73<br />

XF 480 90.000 0,23 69,42<br />

130.000 0,22 65,54<br />

16 pneus 150.000 0,22 64,38<br />

60.000 0,27 79,87<br />

XF 530 90.000 0,25 73,53<br />

130.000 0,24 69,63<br />

16 pneus 150.000 0,23 68,46<br />

IVECO 60.000 0,26 77,80<br />

S-WAY AD 36 90.000 0,24 71,50<br />

130.000 0,22 67,61<br />

16 pneus 150.000 0,22 66,45<br />

60.000 0,26 78,86<br />

S-WAY AD 42 90.000 0,24 72,48<br />

130.000 0,23 68,56<br />

16 pneus 150.000 0,22 67,38<br />

60.000 0,27 81,39<br />

S-WAY AD 48 90.000 0,25 74,99<br />

130.000 0,24 71,05<br />

16 pneus 150.000 0,24 69,86<br />

60.000 0,26 78,24<br />

S-WAY AT 36 90.000 0,24 71,91<br />

130.000 0,22 68,01<br />

16 pneus 150.000 0,22 66,84<br />

60.000 0,26 79,30<br />

S-WAY AT 42 90.000 0,24 72,89<br />

130.000 0,23 68,96<br />

16 pneus 150.000 0,22 67,77<br />

60.000 0,28 81,81<br />

S-WAY AT 48 90.000 0,25 75,39<br />

130.000 0,24 71,43<br />

16 pneus 150.000 0,24 70,24<br />

60.000 0,28 82,08<br />

S-WAY AS 42 90.000 0,25 75,59<br />

130.000 0,24 71,60<br />

16 pneus 150.000 0,24 70,40<br />

60.000 0,28 83,23<br />

S-WAY AS 48 90.000 0,26 76,72<br />

130.000 0,24 72,72<br />

16 pneus 150.000 0,24 71,51<br />

60.000 0,28 83,96<br />

S-WAY AS 51 90.000 0,26 77,42<br />

130.000 0,25 73,39<br />

16 pneus 150.000 0,24 72,20<br />

60.000 0,29 85,00<br />

S-WAY AS 57 90.000 0,26 78,43<br />

130.000 0,25 74,40<br />

16 pneus 150.000 0,25 73,18<br />

60.000 0,26 79,00<br />

X-WAY AD 42 90.000 0,24 72,61<br />

130.000 0,23 68,69<br />

16 pneus 150.000 0,22 67,50<br />

veicolo km costo km costo<br />

annui quintale al km<br />

60.000 0,28 81,84<br />

X-WAY AD 46 90.000 0,26 75,28<br />

130.000 0,24 71,24<br />

16 pneus 150.000 0,24 70,04<br />

60.000 0,27 81,53<br />

X-WAY AD 48 90.000 0,25 75,12<br />

130.000 0,24 71,17<br />

16 pneus 150.000 0,24 69,99<br />

60.000 0,26 79,44<br />

X-WAY AT 42 90.000 0,24 73,<strong>02</strong><br />

130.000 0,23 69,08<br />

16 pneus 150.000 0,22 67,89<br />

60.000 0,28 81,96<br />

X-WAY AT 48 90.000 0,25 75,53<br />

130.000 0,24 71,57<br />

16 pneus 150.000 0,24 70,38<br />

60.000 0,28 82,22<br />

X-WAY AS 42 90.000 0,25 75,72<br />

130.000 0,24 71,73<br />

16 pneus 150.000 0,24 70,53<br />

60.000 0,28 83,37<br />

X-WAY AS 48 90.000 0,26 76,86<br />

130.000 0,25 72,84<br />

16 pneus 150.000 0,24 71,64<br />

60.000 0,28 84,10<br />

X-WAY AS 51 90.000 0,26 77,56<br />

130.000 0,25 73,52<br />

16 pneus 150.000 0,24 72,32<br />

60.000 0,29 85,14<br />

X-WAY AS 57 90.000 0,26 78,57<br />

130.000 0,25 74,52<br />

16 pneus 150.000 0,25 73,31<br />

MAN 60.000 0,26 78,95<br />

TGS 18.400 90.000 0,24 72,60<br />

130.000 0,23 68,70<br />

16 pneus 150.000 0,23 67,53<br />

60.000 0,27 81,16<br />

TGS 18.430 90.000 0,25 74,76<br />

130.000 0,24 70,82<br />

16 pneus 150.000 0,23 69,64<br />

60.000 0,28 82,75<br />

TGX 18.470 90.000 0,26 76,27<br />

130.000 0,24 72,29<br />

16 pneus 150.000 0,24 71,09<br />

60.000 0,28 84,57<br />

TGX 18.540 90.000 0,26 77,99<br />

130.000 0,25 73,96<br />

16 pneus 150.000 0,24 72,74<br />

60.000 0,29 85,66<br />

TGX 18.580 90.000 0,26 79,05<br />

130.000 0,25 74,98<br />

16 pneus 150.000 0,25 73,76<br />

60.000 0,29 87,31<br />

TGX 18.640 90.000 0,27 80,60<br />

130.000 0,26 76,47<br />

16 pneus 150.000 0,25 75,23<br />

MERCEDES 60.000 0,27 82,92<br />

ANTOS 1840 90.000 0,25 76,32<br />

130.000 0,24 72,27<br />

16 pneus 150.000 0,24 71,06<br />

60.000 0,28 83,38<br />

ANTOS 1843 90.000 0,25 76,75<br />

130.000 0,24 72,67<br />

16 pneus 150.000 0,24 71,44<br />

60.000 0,29 85,48<br />

ACTROS 1842 90.000 0,26 78,79<br />

130.000 0,25 74,68<br />

16 pneus 150.000 0,25 73,44<br />

60.000 0,29 85,68<br />

ACTROS 1843 90.000 0,27 78,99<br />

130.000 0,25 74,89<br />

16 pneus 150.000 0,25 73,65<br />

60.000 0,29 86,59<br />

ACTROS 1845 90.000 0,27 79,87<br />

130.000 0,25 75,73<br />

16 pneus 150.000 0,25 74,48<br />

60.000 0,29 87,39<br />

ACTROS 1848 90.000 0,27 80,64<br />

130.000 0,26 76,48<br />

16 pneus 150.000 0,25 75,23<br />

60.000 0,30 88,32<br />

ACTROS 1851 90.000 0,27 81,53<br />

130.000 0,26 77,34<br />

16 pneus 150.000 0,26 76,09<br />

veicolo km costo km costo<br />

annui quintale al km<br />

RENAULT 60.000 0,24 73,90<br />

T 380 90.000 0,22 67,84<br />

130.000 0,21 64,11<br />

16 pneus 150.000 0,21 62,98<br />

60.000 0,25 76,10<br />

T 430 90.000 0,23 69,99<br />

130.000 0,22 66,23<br />

16 pneus 150.000 0,22 65,10<br />

60.000 0,27 78,75<br />

T HIGHCAB 440 90.000 0,25 72,49<br />

130.000 0,23 68,63<br />

16 pneus 150.000 0,23 67,47<br />

60.000 0,27 79,73<br />

T HIGHCAB 480 90.000 0,25 73,43<br />

130.000 0,24 69,55<br />

16 pneus 150.000 0,23 68,38<br />

60.000 0,27 80,76<br />

T HIGHCAB 520 90.000 0,25 74,42<br />

130.000 0,24 70,52<br />

16 pneus 150.000 0,24 69,35<br />

SCANIA 60.000 0,27 81,87<br />

R 370 90.000 0,25 75,34<br />

130.000 0,24 71,32<br />

16 pneus 150.000 0,23 70,11<br />

60.000 0,28 83,16<br />

R 410 90.000 0,26 76,58<br />

130.000 0,24 72,53<br />

16 pneus 150.000 0,24 71,33<br />

60.000 0,28 84,78<br />

R 450 90.000 0,26 78,17<br />

130.000 0,25 74,09<br />

16 pneus 150.000 0,24 72,88<br />

60.000 0,29 85,84<br />

R 500 90.000 0,27 79,18<br />

130.000 0,25 75,09<br />

16 pneus 150.000 0,25 73,86<br />

60.000 0,29 87,53<br />

R 520 90.000 0,27 80,79<br />

130.000 0,26 76,64<br />

16 pneus 150.000 0,25 75,40<br />

60.000 0,30 89,34<br />

R 580 90.000 0,28 82,54<br />

130.000 0,26 78,35<br />

16 pneus 150.000 0,26 77,09<br />

60.000 0,31 93,10<br />

R 730 90.000 0,29 86,17<br />

130.000 0,28 81,91<br />

16 pneus 150.000 0,27 80,62<br />

VOLVO 60.000 0,26 78,41<br />

FM-420 90.000 0,24 72,14<br />

130.000 0,23 68,28<br />

16 pneus 150.000 0,23 67,12<br />

60.000 0,26 79,55<br />

FM-460 90.000 0,24 73,25<br />

130.000 0,23 69,37<br />

16 pneus 150.000 0,23 68,21<br />

60.000 0,27 80,11<br />

FM-500 90.000 0,25 73,80<br />

130.000 0,23 69,91<br />

16 pneus 150.000 0,23 68,75<br />

60.000 0,27 79,12<br />

FH 420 90.000 0,24 72,80<br />

130.000 0,23 68,92<br />

16 pneus 150.000 0,23 67,75<br />

60.000 0,27 80,26<br />

FH 460 90.000 0,25 73,91<br />

130.000 0,23 70,01<br />

16 pneus 150.000 0,23 68,85<br />

60.000 0,27 81,18<br />

FH 500 90.000 0,25 74,81<br />

130.000 0,24 70,88<br />

16 pneus 150.000 0,23 69,70<br />

60.000 0,28 82,12<br />

FH 540 90.000 0,25 75,70<br />

130.000 0,24 71,76<br />

16 pneus 150.000 0,24 70,57<br />

60.000 0,29 85,50<br />

FH 16-550 90.000 0,26 78,90<br />

130.000 0,25 74,83<br />

16 pneus 150.000 0,25 73,61<br />

veicolo km costo km costo<br />

annui quintale al km<br />

60.000 0,30 88,70<br />

FH 16-650 90.000 0,27 81,94<br />

130.000 0,26 77,78<br />

16 pneus 150.000 0,26 76,53<br />

60.000 0,31 93,56<br />

FH 16-750 90.000 0,29 86,59<br />

130.000 0,28 82,31<br />

16 pneus 150.000 0,27 81,03<br />

MEZZI D’OPERA 40 TON<br />

ASTRA 30.000 0,51 124,49<br />

HD9 8450 40.000 0,46 114,04<br />

50.000 0,44 107,77<br />

12 pneus 65.000 0,42 101,98<br />

30.000 0,52 126,73<br />

HD9 8456 40.000 0,47 116,18<br />

50.000 0,45 109,85<br />

12 pneus 65.000 0,42 104,<strong>02</strong><br />

DAF 30.000 0,45 112,99<br />

CF 410 40.000 0,41 103,17<br />

50.000 0,38 97,28<br />

12 pneus 65.000 0,36 91,84<br />

30.000 0,45 113,81<br />

CF 430 40.000 0,41 103,95<br />

50.000 0,39 98,03<br />

12 pneus 65.000 0,37 92,57<br />

30.000 0,45 113,83<br />

CF 450 40.000 0,41 103,97<br />

50.000 0,39 98,07<br />

12 pneus 65.000 0,37 92,61<br />

30.000 0,45 114,81<br />

CF 480 40.000 0,41 104,91<br />

50.000 0,39 98,98<br />

12 pneus 65.000 0,37 93,50<br />

30.000 0,46 115,88<br />

CF 530 40.000 0,42 105,95<br />

50.000 0,39 100,00<br />

12 pneus 65.000 0,37 94,51<br />

IVECO 30.000 0,48 118,75<br />

TRAKKER T 41 40.000 0,44 108,58<br />

50.000 0,42 1<strong>02</strong>,49<br />

12 pneus 65.000 0,39 96,86<br />

30.000 0,49 120,12<br />

TRAKKER T 45 40.000 0,45 109,90<br />

50.000 0,42 103,76<br />

12 pneus 65.000 0,40 98,10<br />

30.000 0,49 121,59<br />

TRAKKER T 50 40.000 0,45 111,31<br />

50.000 0,43 105,15<br />

12 pneus 65.000 0,40 99,46<br />

MAN 30.000 0,45 112,73<br />

TGS 41.360 40.000 0,41 1<strong>02</strong>,89<br />

50.000 0,38 96,99<br />

12 pneus 65.000 0,36 91,55<br />

30.000 0,45 113,82<br />

TGS 41.400 40.000 0,41 103,95<br />

50.000 0,39 98,03<br />

12 pneus 65.000 0,37 92,56<br />

30.000 0,46 114,83<br />

TGS 41.440 40.000 0,42 104,92<br />

50.000 0,39 98,98<br />

12 pneus 65.000 0,37 93,50<br />

30.000 0,47 118,42<br />

TGS 41.470 40.000 0,43 108,32<br />

50.000 0,40 1<strong>02</strong>,26<br />

12 pneus 65.000 0,38 96,67<br />

MERCEDES 30.000 0,48 125,97<br />

AROCS 4140 40.000 0,44 115,36<br />

50.000 0,41 109,00<br />

12 pneus 65.000 0,39 103,12<br />

30.000 0,48 127,33<br />

AROCS 4143 40.000 0,44 116,67<br />

50.000 0,42 110,27<br />

12 pneus 65.000 0,39 104,37<br />

30.000 0,48 128,15<br />

AROCS 4145 40.000 0,44 117,44<br />

50.000 0,42 111,01<br />

12 pneus 65.000 0,40 105,08<br />

veicolo km costo km costo<br />

annui quintale al km<br />

30.000 0,49 130,24<br />

AROCS 4151 40.000 0,45 119,44<br />

50.000 0,43 112,96<br />

12 pneus 65.000 0,40 106,99<br />

30.000 0,51 134,24<br />

AROCS 4152 40.000 0,47 123,31<br />

50.000 0,44 116,75<br />

12 pneus 65.000 0,42 110,70<br />

30.000 0,52 136,88<br />

AROCS 4163 40.000 0,47 125,79<br />

50.000 0,45 119,13<br />

12 pneus 65.000 0,43 112,99<br />

RENAULT 30.000 0,46 113,97<br />

K 430 40.000 0,42 104,10<br />

50.000 0,40 98,19<br />

12 pneus 65.000 0,37 92,73<br />

30.000 0,47 115,50<br />

K 440 40.000 0,43 105,54<br />

50.000 0,40 99,58<br />

12 pneus 65.000 0,38 94,07<br />

30.000 0,46 114,86<br />

K 460 40.000 0,42 104,96<br />

50.000 0,40 99,<strong>02</strong><br />

12 pneus 65.000 0,38 93,54<br />

30.000 0,47 116,06<br />

K 480 40.000 0,43 106,10<br />

50.000 0,40 100,13<br />

12 pneus 65.000 0,38 94,61<br />

30.000 0,47 117,43<br />

K 520 40.000 0,43 107,42<br />

50.000 0,41 101,42<br />

12 pneus 65.000 0,39 95,88<br />

SCANIA 30.000 0,46 115,67<br />

R 370 40.000 0,42 105,67<br />

50.000 0,40 99,68<br />

12 pneus 65.000 0,38 94,15<br />

30.000 0,47 116,75<br />

R 410 40.000 0,43 106,71<br />

50.000 0,40 100,68<br />

12 pneus 65.000 0,38 95,12<br />

30.000 0,47 118,<strong>02</strong><br />

R 450 40.000 0,43 107,92<br />

50.000 0,41 101,87<br />

12 pneus 65.000 0,39 96,28<br />

30.000 0,48 119,79<br />

R 500 40.000 0,44 109,61<br />

50.000 0,42 103,51<br />

12 pneus 65.000 0,39 97,88<br />

30.000 0,49 122,79<br />

R 520 40.000 0,45 112,45<br />

50.000 0,43 106,26<br />

12 pneus 65.000 0,40 100,54<br />

30.000 0,50 124,57<br />

R 580 40.000 0,46 114,17<br />

50.000 0,43 107,93<br />

12 pneus 65.000 0,41 1<strong>02</strong>,17<br />

VOLVO 30.000 0,45 113,42<br />

FMX 11 330 40.000 0,41 103,53<br />

50.000 0,39 97,60<br />

12 pneus 65.000 0,37 92,13<br />

30.000 0,46 114,78<br />

FMX 11 370 40.000 0,42 104,84<br />

50.000 0,40 98,88<br />

12 pneus 65.000 0,37 93,37<br />

30.000 0,46 116,05<br />

FMX 11 410 40.000 0,42 106,05<br />

50.000 0,40 100,05<br />

12 pneus 65.000 0,38 94,51<br />

30.000 0,47 116,45<br />

FMX 11 450 40.000 0,43 106,45<br />

50.000 0,40 100,45<br />

12 pneus 65.000 0,38 94,91<br />

30.000 0,47 115,90<br />

FMX 420 40.000 0,43 105,91<br />

50.000 0,40 99,93<br />

12 pneus 65.000 0,38 94,40<br />

30.000 0,47 117,27<br />

FMX 460 40.000 0,43 107,22<br />

50.000 0,41 101,20<br />

12 pneus 65.000 0,39 95,64<br />

30.000 0,48 118,73<br />

FMX 500 40.000 0,44 108,62<br />

50.000 0,41 1<strong>02</strong>,56<br />

12 pneus 65.000 0,39 96,97<br />

70<br />

71


ALTERNATIVI<br />

ALTERNATIVI<br />

Prezzi Iva esclusa aggiornati all'1 febbraio<br />

<strong>2<strong>02</strong>3</strong>. Accanto al modello, il peso a terra<br />

e (se previsto) il peso della combinazione.<br />

I modelli sono raggruppati per famiglia.<br />

Dopo la potenza, il costruttore del motore,<br />

se diverso da quello del veicolo.<br />

CITROËN<br />

E-BERLINGO<br />

E-BERLINGO<br />

2,4 t<br />

136 cv, Opel Autonomia 230 km, Batterie 50<br />

KWh. Portata 725 kg.<br />

Furgone<br />

Passo 2.785 31.700<br />

E-DOBLO<br />

2,4 t<br />

136 cv, Opel Autonomia 230 km, Batterie 50<br />

KWh. Portata 725 kg.<br />

Furgone<br />

Passo 2.785 31.700<br />

E-BERLINGO<br />

2,4 t<br />

136 cv, Opel Autonomia 230 km, Batterie 50<br />

KWh. Portata 676 kg.<br />

Furgone<br />

Passo 2.975 32.600<br />

E-JUMPY<br />

E-JUMPY<br />

2,9 t<br />

136 cv, Opel Autonomia 230 km, Batterie 50<br />

KWh. Portata da 926 a 928 kg.<br />

Furgone<br />

Passo 3.275 36.900<br />

Furgone lungo<br />

Passo 3.275 38.400<br />

E-JUMPER<br />

E-JUMPER<br />

3,5 t<br />

136 cv, Peugeot Autonomia 230 km, Batterie<br />

50 KWh. Portata da 740 a 1.115 kg.<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.450 60.000<br />

Passo 4.035 66.400<br />

Furgone H2 lungo<br />

Passo 4.035 67.400<br />

E-JUMPER 4 TON<br />

E-JUMPER<br />

4 t<br />

136 cv, Peugeot Autonomia 230 km, Batterie<br />

50 KWh. Portata 1.245 kg.<br />

Furgone H2<br />

Passo 4.035 81.100<br />

FIAT<br />

E-DOBLO<br />

E-DOBLO<br />

2,4 t<br />

136 cv, Autonomia 230 km, Batterie 50 KWh.<br />

Portata da 753 a 800 kg.<br />

Furgone<br />

Passo 2.975 33.500<br />

Passo 2.785 32.500<br />

E-SCUDO<br />

E-SCUDO<br />

2,8 t<br />

136 cv, Autonomia 230 km, Batterie 50 KWh.<br />

Portata da 926 a 928 kg.<br />

Furgone<br />

Passo 2.925 35.900<br />

Passo 3.275 36.600<br />

Furgone lungo<br />

Passo 3.275 37.300<br />

E-DUCATO<br />

E-DUCATO<br />

3,5 t<br />

122 cv, Autonomia 235 km, Batterie 47 KWh.<br />

Portata da 985 a 1.435 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.450 64.400<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.450 65.400<br />

Passo 4.035 66.500<br />

Furgone H2 lungo<br />

Passo 4.035 67.600<br />

Furgone H3<br />

Passo 4.035 67.500<br />

Furgone H3 lungo<br />

Passo 4.035 68.600<br />

Cabinato<br />

Passo 3.450 63.900<br />

Passo 4.035 64.700<br />

E-DUCATO 4 TON<br />

4,3 t<br />

122 cv, Autonomia 235 km, Batterie 47 KWh.<br />

Portata da 1.735 a 2.185 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.450 66.900<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.450 67.900<br />

Passo 4.035 69.000<br />

Furgone H2 lungo<br />

Passo 4.035 70.100<br />

Furgone H3<br />

Passo 4.035 70.000<br />

Furgone H3 lungo<br />

Passo 4.035 71.100<br />

Cabinato<br />

Passo 3.450 66.400<br />

Passo 4.035 67.200<br />

FORD<br />

E-TRANSIT<br />

E-TRANSIT 135<br />

3,5 t<br />

184 cv, Autonomia 314 km, Batterie 68 KWh.<br />

Portata da 1.650 a 2.090 kg.<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.300 48.500<br />

Passo 3.750 49.300<br />

Furgone H3 lungo<br />

Passo 3.750 50.500<br />

Cabinato<br />

Passo 3.954 47.000<br />

E-TRANSIT 198<br />

3,5 t<br />

269 cv, Autonomia 314 km, Batterie 68 KWh.<br />

Portata da 1.650 a 2.090 kg.<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.300 50.300<br />

Passo 3.750 51.000<br />

Furgone H3 lungo<br />

Passo 3.750 52.300<br />

Cabinato<br />

Passo 3.954 48.800<br />

E-TRANSIT 135<br />

3,9 t<br />

184 cv, Autonomia 314 km, Batterie 68 KWh.<br />

Portata da 2.050 a 2.490 kg.<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.300 49.000<br />

Passo 3.750 49.800<br />

Furgone H3 lungo<br />

Passo 3.750 51.000<br />

Cabinato<br />

Passo 3.954 47.500<br />

E-TRANSIT 198<br />

3,9 t<br />

269 cv, Autonomia 314 km, Batterie 68 KWh.<br />

Portata da 2.050 a 2.490 kg.<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.300 50.800<br />

Passo 3.750 51.500<br />

Furgone H3 lungo<br />

Passo 3.750 52.800<br />

Cabinato<br />

Passo 3.954 49.300<br />

E-TRANSIT 135<br />

4,3 t<br />

184 cv, Autonomia 314 km, Batterie 68 KWh.<br />

Portata da 2.400 a 2.840 kg.<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.300 49.500<br />

Passo 3.750 50.300<br />

Furgone H3 lungo<br />

Passo 3.750 51.500<br />

Cabinato<br />

Passo 3.954 48.000<br />

E-TRANSIT 198<br />

4,3 t<br />

269 cv, Autonomia 314 km, Batterie 68 KWh.<br />

Portata da 2.400 a 2.840 kg.<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.300 51.300<br />

Passo 3.750 52.000<br />

Furgone H3 lungo<br />

Passo 3.750 53.200<br />

Cabinato<br />

Passo 3.954 49.800<br />

IVECO<br />

DAILY<br />

DAILY 35 S 14 NP GAS 3,5 t<br />

136 cv, Multipoint Sequenz. Turbo intercooler,<br />

4 cilindri, 2.999 cc, Euro 6. Portata da<br />

795 a 1.457 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.520 44.300<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.520 44.800<br />

Passo 4.100 47.000<br />

Furgone H2 lungo<br />

Passo 3.520 45.500<br />

Furgone H3<br />

Passo 4.100 47.900<br />

Furgone H3 lungo<br />

Passo 3.520 46.400<br />

Cabinato<br />

Passi 3.450-4.100 43.000<br />

DAILY 35 C 14 NP GAS 3,5 t<br />

136 cv, Multipoint Sequenz. Turbo intercooler,<br />

4 cilindri, 2.999 cc, Euro 6. Portata da<br />

531 a 1.329 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.520 47.600<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.520 48.100<br />

Passo 4.100 50.800<br />

Furgone H2 lungo<br />

Passo 3.520 49.300<br />

Passo 4.100 55.500<br />

Furgone H3<br />

Passo 4.100 51.700<br />

Furgone H3 lungo<br />

Passo 3.520 50.200<br />

Passo 4.100 56.400<br />

Cabinato<br />

Passi 3.450-4.100 46.900<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passo 4.100 51.100<br />

DAILY 50 C 14 NP GAS 5,2 t<br />

136 cv, Multipoint Sequenz. Turbo intercooler,<br />

4 cilindri, 2.999 cc, Euro 6. Portata da<br />

2.256 a 2.919 kg.<br />

Furgone H2<br />

Passo 4.100 56.000<br />

Furgone H2 lungo<br />

Passo 3.520 54.500<br />

Passo 4.100 60.700<br />

Furgone H3<br />

Passo 4.100 56.900<br />

Furgone H3 lungo<br />

Passo 3.520 55.400<br />

Passo 4.100 61.600<br />

Cabinato<br />

Passi 3.450-4.350 51.500<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passi 4.100-4.350 55.700<br />

DAILY 60 C 14 NP GAS 6 t<br />

136 cv, Multipoint Sequenz. Turbo intercooler,<br />

4 cilindri, 2.999 cc, Euro 6. Portata da<br />

2.725 a 3.464 kg.<br />

Furgone H2<br />

Passo 4.100 59.500<br />

Furgone H2 lungo<br />

Passo 4.100 64.200<br />

Furgone H3<br />

Passo 4.100 64.400<br />

Furgone H3 lungo<br />

Passo 4.100 65.100<br />

Cabinato<br />

Passi 3.450-5.100 55.000<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passo 4.350 60.100<br />

DAILY 65 C 14 NP GAS 6,5 t<br />

136 cv, Multipoint Sequenz. Turbo intercooler,<br />

4 cilindri, 2.999 cc, Euro 6. Portata da<br />

3.225 a 3.964 kg.<br />

Furgone H2<br />

Passo 4.100 61.000<br />

Furgone H2 lungo<br />

Passo 4.100 65.700<br />

Furgone H3<br />

Passo 4.100 61.900<br />

Furgone H3 lungo<br />

Passo 4.100 66.600<br />

Cabinato<br />

Passi 3.450-5.100 56.500<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passo 4.350 61.600<br />

DAILY 70 C 14 NP GAS 7 t<br />

136 cv, Multipoint Sequenz. Turbo intercooler,<br />

4 cilindri, 2.999 cc, Euro 6. Portata da<br />

3.725 a 4.464 kg.<br />

Furgone H2<br />

Passo 4.100 61.900<br />

Furgone H2 lungo<br />

Passo 4.100 66.600<br />

Furgone H3<br />

Passo 4.100 62.800<br />

Furgone H3 lungo<br />

Passo 4.100 67.500<br />

Cabinato<br />

Passi 3.450-5.100 57.600<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passo 4.350 62.700<br />

Tutti i Daily Np si possono avere con<br />

Hi-Matic con 3 mila euro in più.<br />

EUROCARGO<br />

EUROCARGO 80 EL 21 GAS 9 t<br />

136 cv, Multipoint Sequenz. Turbo intercooler,<br />

4 cilindri, 2.999 cc, Euro 6. Portata<br />

4.640 kg.<br />

Cabinato Cng<br />

Passi 3.105-4.815 113.600<br />

EUROCARGO 90 EL 21 GAS 10 t<br />

204 cv, Multipoint Turbo waste gate, 6 cilindri,<br />

5.883 cc, Euro 6. Portata 5.640 kg.<br />

Cabinato Cng<br />

Passi 3.105-4.815 115.400<br />

EUROCARGO 100 EL 21 GAS 11 t<br />

204 cv, Multipoint Turbo waste gate, 6 cilindri,<br />

5.883 cc, Euro 6. Portata 6.640 kg.<br />

Cabinato Cng<br />

Passi 3.105-4.815 116.600<br />

EUROCARGO 120 EL 21 GAS 12 t<br />

204 cv, Multipoint Turbo waste gate, 6 cilindri,<br />

5.883 cc, Euro 6. Portata 7.640 kg.<br />

Cabinato Cng<br />

Passi 3.105-4.815 128.700<br />

EUROCARGO 160 EL 21 GAS 16 t<br />

204 cv, Multipoint Turbo waste gate, 6 cilindri,<br />

5.883 cc, Euro 6. Portata 10.800 kg.<br />

Cabinato Cng<br />

Passi 3.690-5.670 144.800<br />

S-WAY AD<br />

S-WAY AD 34 GAS 18/44 t<br />

340 cv, Multipoint Turbo intercooler, 6 cilindri,<br />

8.709 cc. Portata 11.295 kg.<br />

Cabinato Cng<br />

Passi 3.800-6.300 195.900<br />

Cabinato C-Lng<br />

Passi 3.800-6.300 215.000<br />

Cabinato Lng<br />

Passi 3.800-6.300 210.300<br />

S-WAY AD 40 GAS 18/44 t<br />

400 cv, Multipoint Turbo Vgt, 6 cilindri, 8.709<br />

cc. Portata 11.295 kg.<br />

Cabinato Cng<br />

Passi 3.800-6.300 199.900<br />

Cabinato C-Lng<br />

Passi 3.800-6.300 219.000<br />

Cabinato Lng<br />

Passi 3.800-6.300 214.300<br />

S-WAY AD 34 6X2 GAS 18/44 t<br />

340 cv, Multipoint Turbo intercooler, 6 cilindri,<br />

8.709 cc. Portata 11.000 kg.<br />

Cabinato Cng<br />

Passi 3.120-6.050 206.100<br />

Cabinato C-Lng<br />

Passi 3.120-6.050 225.200<br />

Cabinato Lng<br />

Passi 3.120-6.050 220.500<br />

S-WAY AD 40 6X2 GAS 18/44 t<br />

400 cv, Multipoint Turbo Vgt, 6 cilindri, 8.709<br />

cc. Portata 11.000 kg.<br />

Cabinato Cng<br />

Passi 3.120-6.050 210.100<br />

Cabinato C-Lng<br />

Passi 3.120-6.050 229.200<br />

Cabinato Lng<br />

Passi 3.120-6.050 224.500<br />

S-WAY AT<br />

S-WAY AT 34 GAS 18/44 t<br />

340 cv, Multipoint Turbo intercooler, 6 cilindri,<br />

8.709 cc. Portata 11.295 kg.<br />

Cabinato Cng<br />

Passi 3.800-6.300 198.800<br />

Cabinato C-Lng<br />

Passi 3.800-6.300 217.900<br />

Cabinato Lng<br />

Passi 3.800-6.300 213.200<br />

S-WAY AT 40 GAS 18/44 t<br />

400 cv, Multipoint Turbo Vgt, 6 cilindri, 8.709<br />

cc. Portata 11.295 kg.<br />

Cabinato Cng<br />

Passi 3.800-6.300 2<strong>02</strong>.800<br />

Cabinato C-Lng<br />

Passi 3.800-6.300 221.900<br />

Cabinato Lng<br />

Passi 3.800-6.300 217.200<br />

S-WAY AT 34 6X2 GAS 18/44 t<br />

340 cv, Multipoint Turbo intercooler, 6 cilindri,<br />

8.709 cc. Portata 11.000 kg.<br />

Cabinato Cng<br />

Passi 3.120-6.050 209.000<br />

Cabinato C-Lng<br />

Passi 3.120-6.050 228.100<br />

Cabinato Lng<br />

Passi 3.120-6.050 223.400<br />

S-WAY AT 40 6X2 GAS 18/44 t<br />

400 cv, Multipoint Turbo Vgt, 6 cilindri, 8.709<br />

cc. Portata 11.000 kg.<br />

Cabinato Cng<br />

Passi 3.120-6.050 213.000<br />

Cabinato C-Lng<br />

Passi 3.120-6.050 232.100<br />

Cabinato Lng<br />

Passi 3.120-6.050 227.400<br />

S-WAY AS<br />

S-WAY AS 46 NP GAS<br />

18/44 t<br />

460 cv, Multipoint Turbo Waste gate, 6 cilindri,<br />

12.882 cc. Portata da 10.500 a 11.000<br />

kg.<br />

Trattore Cng<br />

Passo 3.800 220.800<br />

Trattore C-Lng<br />

Passo 3.800 239.900<br />

Trattore Lng<br />

Passo 3.800 235.200<br />

Cabinato Cng<br />

Passo 5.700 232.400<br />

Cabinato C-Lng<br />

Passo 5.700 250.000<br />

Cabinato Lng<br />

Passo 5.700 243.900<br />

S-WAY AS 46 6X2 NP GAS 24/44 t<br />

460 cv, Multipoint Turbo Waste gate, 6 cilindri,<br />

12.882 cc. Portata da 16.000 a 17.000<br />

kg.<br />

Trattore Lng<br />

Passo 4.000 272.400<br />

Cabinato Cng<br />

Passi 4.200-6.050 238.000<br />

Cabinato C-Lng<br />

Passi 4.200-6.050 255.600<br />

Cabinato Lng<br />

Passi 4.200-6.050 251.600<br />

TOWNSTAR EV<br />

NISSAN<br />

TOWNSTAR<br />

2 t<br />

122 cv, Autonomia 300 km, Batterie 45 KWh.<br />

Portata 366 kg.<br />

Furgone<br />

Passo 2.716 33.700<br />

OPEL<br />

COMBO-E<br />

COMBO-E<br />

2,4 t<br />

136 cv, Autonomia 230 km, Batterie 50 KWh.<br />

Portata da 676 a 725 kg.<br />

Furgone<br />

Passo 2.785 31.700<br />

Passo 2.975 32.600<br />

VIVARO-E<br />

VIVARO-E<br />

2,9 t<br />

136 cv, Autonomia 230 km, Batterie 50 KWh.<br />

Portata da 926 a 928 kg.<br />

Furgone<br />

Passo 3.275 36.900<br />

Furgone lungo<br />

Passo 3.275 38.400<br />

MOVANO-E<br />

MOVANO-E<br />

3,5 t<br />

120 cv, Autonomia 248 km, Batterie 75 KWh.<br />

Portata da 610 a 1.115 kg.<br />

72<br />

73


STORIA DEL<br />

TUNNEL NATO<br />

DUE VOLTE<br />

€ 15<br />

anziché<br />

€ 29<br />

150 pagine,<br />

100 foto, 23 capitoli<br />

l’idea, il progetto, la realizzazione,<br />

l’incidente, la ristrutturazione, la riapertura<br />

Per acquisti e informazioni: VADO E TORNO EDIZIONI<br />

Tel. <strong>02</strong> 55 23 09 50 - Fax <strong>02</strong> 55 23 09 49 www.vadoetorno.com<br />

E-mail: abbonamenti@vadoetorno.com<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.450 60.000<br />

Passo 4.035 66.400<br />

Furgone H2 lungo<br />

Passo 4.035 67.400<br />

Furgone H2<br />

Passo 4.035 81.100<br />

PEUGEOT<br />

E-PARTNER<br />

E-PARTNER<br />

ALTERNATIVI<br />

2,4 t<br />

136 cv, Opel Autonomia 230 km, Batterie 50<br />

KWh. Portata da 676 a 725 kg.<br />

Furgone<br />

Passo 2.785 31.700<br />

Passo 2.975 32.600<br />

E-EXPERT<br />

E-EXPERT<br />

2,9 t<br />

136 cv, Autonomia 230 km, Batterie 50 KWh.<br />

Portata da 926 a 928 kg.<br />

Furgone<br />

Passo 3.275 36.900<br />

Furgone lungo<br />

Passo 3.275 38.400<br />

E-BOXER<br />

E-BOXER<br />

3,5 t<br />

136 cv, Autonomia 230 km, Batterie 50 KWh.<br />

Portata da 740 a 1.115 kg.<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.450 60.000<br />

Passo 4.035 66.400<br />

Furgone H2 lungo<br />

Passo 4.035 67.400<br />

E-BOXER 4 TON<br />

4 t<br />

136 cv, Autonomia 230 km, Batterie 50 KWh.<br />

Portata 1.245 kg.<br />

Furgone H2<br />

Passo 4.035 81.100<br />

PIAGGIO<br />

PORTER<br />

PORTER BENZINA/METANO<br />

2,1 t<br />

92 cv, Multipoint Naturale, 4 cilindri, 1.498<br />

cc. Portata da 1.055 a 1.195 kg.<br />

Cabinato<br />

Passo 2.650 18.800<br />

Passo 3.070 19.100<br />

SCANIA<br />

L<br />

L 340 GAS<br />

18/44 t<br />

340 cv, Cng - Lng Turbo waste gate, 5 cilindri,<br />

9.291 cc, Euro 6. Portata 11.110 kg.<br />

Cabinato Cng<br />

Passi 3.300-6.500 230.000<br />

L 320 HYBRID 6 X 2<br />

26 t<br />

320 cv, Common rail Xpi Turbo Vgt, 5 cilindri,<br />

9.291 cc, Euro 6. Portata 17.429 kg.<br />

Cabinato<br />

Passo 4.700 246.800<br />

SERIE R<br />

R 410 GAS<br />

18/44 t<br />

410 cv, Multipoint Turbo, 6 cilindri, 12.742<br />

cc, Euro 6. Portata 9.850 kg.<br />

Trattore Cng<br />

Passi 3.300-3.750 275.000<br />

Trattore Lng<br />

Passi 3.300-3.750 290.000<br />

VOLKSWAGEN<br />

E-CRAFTER<br />

E-CRAFTER 35 T.A.<br />

3,5 t<br />

136 cv, Autonomia 173 km, Batterie 35,8<br />

KWh. Portata 925 kg.<br />

Furgone H3<br />

Passo 3.640 70.200<br />

Prezzi Iva esclusa aggiornati all'1 febbraio<br />

<strong>2<strong>02</strong>3</strong>. Furgoni e carri specifici per il trasporto<br />

merci. Accanto al modello, il peso<br />

a terra. Dopo la potenza, il costruttore del<br />

motore, se diverso da quello del veicolo.<br />

CITROËN<br />

JUMPY<br />

JUMPY BLUE HDI 100<br />

2,6 t<br />

1<strong>02</strong> cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 1.499 cc, Euro 6. Portata da 900<br />

a 985 kg.<br />

Furgone<br />

Passo 3.275 26.400<br />

Furgone lungo<br />

Passo 3.275 28.500<br />

JUMPY 1.5 BLUE HDI 120 2,7 t<br />

120 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 1.499 cc, Euro 6. Portata 1.004 kg.<br />

Furgone<br />

Passo 3.275 27.500<br />

JUMPY 2.0 BLUE HDI 140 3,1 t<br />

144 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 1.997 cc, Euro 6. Portata da 1.383<br />

a 1.394 kg.<br />

Furgone<br />

Passo 3.275 29.200<br />

Furgone lungo<br />

Passo 3.275 31.300<br />

JUMPY 2.0 BLUE HDI 180 2,8 t<br />

177 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 1.997 cc, Euro 6. Portata da 1.004<br />

a 1.340 kg.<br />

Furgone<br />

Passo 3.275 32.000<br />

Furgone lungo<br />

Passo 3.275 34.100<br />

JUMPER<br />

JUMPER BLUE HDI 140 3,5 t<br />

140 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 2.179 cc, Euro 6. Portata da 1.425<br />

a 1.790 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.000 34.000<br />

Passo 3.450 35.000<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.450 36.000<br />

Passo 4.035 37.000<br />

Furgone H3<br />

Passo 4.035 38.000<br />

Cabinato<br />

Passo 3.450 32.800<br />

Passo 3.800 33.100<br />

Passo 4.035 33.700<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passo 4.035 34.900<br />

JUMPER BLUE HDI 165 3,5 t<br />

165 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 2.179 cc, Euro 6. Portata da 1.450<br />

a 1.790 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.450 36.000<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.450 37.000<br />

Passo 4.035 38.000<br />

Cabinato<br />

Passo 3.450 33.800<br />

Passo 3.800 34.400<br />

Passo 4.035 34.700<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passo 4.035 35.900<br />

FIAT<br />

SCUDO<br />

SCUDO BLUE HDI 100<br />

2,6 t<br />

1<strong>02</strong> cv, Citroen common rail Turbo intercooler,<br />

4 cilindri, 1.499 cc, Euro 6. Portata da<br />

885 a 985 kg.<br />

Furgone<br />

Passo 2.925 25.500<br />

Passo 3.275 26.100<br />

Furgone lungo<br />

Passo 3.275 27.500<br />

SCUDO 1.5 BLUE HDI 120 2,7 t<br />

120 cv, Citroen common rail Turbo intercooler,<br />

4 cilindri, 1.499 cc, Euro 6. Portata<br />

1.004 kg.<br />

Furgone<br />

Passo 2.925 26.200<br />

Passo 3.275 26.900<br />

SCUDO 2.0 BLUE HDI 145 3,1 t<br />

144 cv, Citroen common rail Turbo intercooler,<br />

4 cilindri, 1.997 cc, Euro 6. Portata da<br />

1.383 a 1.394 kg.<br />

Furgone<br />

Passo 2.925 27.400<br />

Passo 3.275 28.000<br />

Furgone lungo<br />

Passo 3.275 29.600<br />

SCUDO 2.0 BLUE HDI 180 2,8 t<br />

177 cv, Citroen common rail Turbo intercooler,<br />

4 cilindri, 1.997 cc, Euro 6. Portata da<br />

1.004 a 1.340 kg.<br />

Furgone<br />

Passo 3.275 30.300<br />

Furgone lungo<br />

Passo 3.275 31.900<br />

TALENTO<br />

TALENTO 95<br />

3 t<br />

95 cv, common rail Turbo Vgt, 4 cilindri,<br />

1.598 cc. Portata da 1.224 a 1.249 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.098 22.900<br />

Passo 3.498 23.600<br />

TALENTO 120<br />

3 t<br />

120 cv, common rail Turbo Vgt, 4 cilindri,<br />

1.598 cc. Portata da 1.224 a 1.249 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.098 24.900<br />

Passo 3.498 25.600<br />

TALENTO 125<br />

3 t<br />

125 cv, common rail Twin Turbo Vgt, 4 cilindri,<br />

1.598 cc. Portata da 1.133 a 1.243 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.098 25.600<br />

Passo 3.498 26.400<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.098 26.400<br />

Passo 3.498 27.100<br />

TALENTO 145<br />

3 t<br />

145 cv, common rail Twin Turbo Vgt, 4 cilindri,<br />

1.598 cc. Portata da 1.133 a 1.243 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.098 26.400<br />

Passo 3.498 27.100<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.098 27.100<br />

Passo 3.498 27.900<br />

COMMERCIALI<br />

furgoni e cabinati<br />

DUCATO<br />

DUCATO 35 2.2 120<br />

3,5 t<br />

120 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 2.184 cc, Euro 6. Portata da 1.570<br />

a 1.880 kg.<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.450 33.800<br />

Cabinato<br />

Passo 3.450 30.700<br />

Passo 4.035 31.500<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passo 3.450 31.600<br />

Passo 4.035 32.400<br />

DUCATO 35 2.2 140<br />

3,5 t<br />

140 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 2.184 cc, Euro 6. Portata da 1.460<br />

a 1.865 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.450 33.500<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.450 34.500<br />

Passo 4.035 35.400<br />

Furgone H3<br />

Passo 4.035 36.400<br />

Cabinato<br />

Passo 3.450 31.400<br />

Passo 4.035 32.200<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passo 3.450 32.300<br />

Passo 4.035 33.100<br />

DUCATO 35 2.2 180<br />

3,5 t<br />

180 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 2.184 cc, Euro 6. Portata da 1.475<br />

a 1.845 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.450 35.700<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.450 36.700<br />

Passo 4.035 37.600<br />

Cabinato<br />

Passo 4.035 34.400<br />

FORD<br />

CUSTOM<br />

CUSTOM 105<br />

3 t<br />

105 cv, common rail turbo geom. variabile,<br />

4 cilindri, 1.995 cc, Euro 6. Portata da 1.055<br />

a 1.133 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 2.933 23.300<br />

Passo 2.933 24.000<br />

TRANSIT CUSTOM 130<br />

3 t<br />

130 cv, common rail turbo geom. variabile,<br />

4 cilindri, 1.995 cc, Euro 6. Portata da 1.055<br />

a 1.133 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 2.933 24.000<br />

Passo 3.300 24.800<br />

TRANSIT CUSTOM 105<br />

3,2 t<br />

105 cv, common rail turbo geom. variabile, 4<br />

cilindri, 1.995 cc, Euro 6. Portata 1.333 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 2.933 24.000<br />

TRANSIT CUSTOM 130<br />

3,2 t<br />

130 cv, common rail turbo geom. variabile,<br />

4 cilindri, 1.995 cc, Euro 6. Portata da 1.255<br />

a 1.508 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 2.933 24.800<br />

Passo 3.300 25.500<br />

Passo 3.300 26.300<br />

CUSTOM 170<br />

3,4 t<br />

170 cv, common rail turbo geom. variabile, 4<br />

cilindri, 1.995 cc, Euro 6. Portata 1.430 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.300 27.000<br />

TRANSIT CUSTOM 170<br />

3,4 t<br />

170 cv, common rail turbo geom. variabile, 4<br />

cilindri, 1.995 cc, Euro 6. Portata 1.508 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 2.933 26.300<br />

TRANSIT<br />

TRANSIT 350 T.A. 105<br />

3,5 t<br />

105 cv, common rail turbo geom. variabile,<br />

4 cilindri, 1.995 cc, Euro 6. Portata da 1.405<br />

a 1.840 kg.<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.300 27.800<br />

Passo 3.750 28.500<br />

Cabinato<br />

Passi 3.504-3.954 26.300<br />

Cabinato lungo<br />

Passo 3.954 26.800<br />

TRANSIT 350 T.A. 130<br />

3,5 t<br />

130 cv, common rail turbo geom. variabile,<br />

4 cilindri, 1.995 cc, Euro 6. Portata da 1.405<br />

a 1.840 kg.<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.300 28.500<br />

Passo 3.750 29.300<br />

Cabinato<br />

Passi 3.3504-3.954 27.000<br />

Cabinato lungo<br />

Passo 3.945 27.500<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passi 3.504-3.945 28.000<br />

TRANSIT 350 T.A. 170<br />

3,5 t<br />

170 cv, common rail turbo geom. variabile,<br />

4 cilindri, 1.995 cc, Euro 6. Portata da 1.405<br />

a 1.840 kg.<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.300 29.300<br />

Passo 3.750 30.000<br />

Cabinato<br />

Passi 3.504-3.954 27.800<br />

Cabinato lungo<br />

Passo 3.945 28.300<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passi 3.504-3.945 28.800<br />

TRANSIT 350 T.P. 105<br />

3,5 t<br />

105 cv, common rail turbo geom. variabile,<br />

4 cilindri, 1.995 cc, Euro 6. Portata da 1.365<br />

a 1.800 kg.<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.300 29.300<br />

Passo 3.750 28.500<br />

Furgone H3 lungo<br />

Passo 3.750 30.000<br />

Cabinato<br />

Passi 3.504-3.954 26.300<br />

Cabinato lungo<br />

Passo 3.954 26.800<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passi 3.504-3.954 27.300<br />

TRANSIT 350 T.P. 130<br />

3,5 t<br />

130 cv, common rail turbo geom. variabile,<br />

4 cilindri, 1.995 cc, Euro 6. Portata da 1.365<br />

a 1.800 kg.<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.300 30.000<br />

Passo 3.750 29.300<br />

Furgone H3 lungo<br />

Passo 3.750 30.800<br />

Cabinato<br />

Passi 3.504-3.954 27.000<br />

Cabinato lungo<br />

Passo 3.954 27.500<br />

75


COMMERCIALI<br />

furgoni e cabinati<br />

COMMERCIALI<br />

furgoni e cabinati<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passi 3.504-3.954 28.000<br />

TRANSIT 350 T.P. 170<br />

3,5 t<br />

170 cv, common rail turbo geom. variabile,<br />

4 cilindri, 1.995 cc, Euro 6. Portata da 1.365<br />

a 1.800 kg.<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.300 30.800<br />

Passo 3.750 30.000<br />

Furgone H3 lungo<br />

Passo 3.750 31.500<br />

Cabinato<br />

Passi 3.504-3.954 27.800<br />

Cabinato lungo<br />

Passo 3.954 28.300<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passi 3.504-3.954 28.800<br />

FUSO<br />

CANTER<br />

CANTER 3 S 13<br />

3,5 t<br />

130 cv, Iveco common rail Turbo waste gate,<br />

4 cilindri, 2.999 cc, Euro 6. Portata 1.600 kg.<br />

Cabinato<br />

Passi 2.500-2.800 35.200<br />

CANTER 3 C 13<br />

3,5 t<br />

130 cv, Iveco common rail Turbo waste gate,<br />

4 cilindri, 2.999 cc, Euro 6. Portata 1.505 kg.<br />

Cabinato<br />

Passi 2.500-3.850 35.500<br />

CANTER 3 S 15<br />

3,5 t<br />

150 cv, Iveco common rail Turbo waste gate,<br />

4 cilindri, 2.999 cc, Euro 6. Portata 1.585 kg.<br />

Cabinato<br />

Passi 2.500-2.800 36.900<br />

CANTER 3 C 15<br />

3,5 t<br />

150 cv, Iveco common rail Turbo waste gate,<br />

4 cilindri, 2.999 cc, Euro 6. Portata 1.515 kg.<br />

Cabinato<br />

Passi 2.500-3.850 37.200<br />

HYUNDAI<br />

H<br />

H 350<br />

3,5 t<br />

150 cv, common rail Turbo, 4 cilindri, 2.497<br />

cc, Euro 6. Portata 1.364 kg.<br />

Furgone<br />

Passo 3.435 28.700<br />

Passo 3.670 29.500<br />

ISUZU<br />

M<br />

M 21<br />

3,5 t<br />

120 cv, common rail Turbo Vgt, 4 cilindri,<br />

1.898 cc. Portata 1.625 kg.<br />

Cabinato<br />

Passi 2.500-3.360 30.000<br />

L/N<br />

L 35<br />

3,5 t<br />

150 cv, common rail turbo Vgt, 4 cilindri,<br />

2.999 cc, Euro 6. Portata 1.395 kg.<br />

Cabinato<br />

Passi 2.760-4.175 28.600<br />

N 35<br />

3,5 t<br />

150 cv, common rail turbo Vgt, 4 cilindri,<br />

2.999 cc, Euro 6. Portata 1.265 kg.<br />

Cabinato<br />

Passi 2.800-4.175 30.100<br />

IVECO<br />

DAILY<br />

DAILY 35 S 12<br />

3,5 t<br />

116 cv, common rail Waste gate, 4 cilindri,<br />

2.287 cc, Euro 6. Portata da 1.244 a<br />

1.735 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.000 36.100<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.520 36.600<br />

Passo 4.100 38.800<br />

Furgone H2 lungo<br />

Passo 3.520 37.300<br />

Furgone H3<br />

Passo 4.100 39.700<br />

Furgone H3 lungo<br />

Passo 3.520 38.200<br />

Cabinato<br />

Passi 3.000-4.100 34.500<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passi 3.450-4.100 38.400<br />

DAILY 35 C 12<br />

3,5 t<br />

116 cv, common rail Waste gate, 4 cilindri,<br />

2.287 cc, Euro 6. Portata da 858 a 1.582 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.520 40.000<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.520 40.500<br />

Passo 4.100 42.700<br />

Furgone H2 lungo<br />

Passo 3.520 41.200<br />

Passo 4.100 47.400<br />

Furgone H3<br />

Passo 4.100 43.600<br />

Furgone H3 lungo<br />

Passo 3.520 42.100<br />

Passo 4.100 48.300<br />

Cabinato<br />

Passi 3.000-4.100 38.400<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passi 3.450-4.100 42.300<br />

DAILY 35 S 14<br />

3,5 t<br />

136 cv, common rail turbo Vgt, 4 cilindri,<br />

2.287 cc, Euro 6. Portata da 1.244 a 1.735<br />

kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.000 37.700<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.520 38.200<br />

Passo 4.100 40.400<br />

Furgone H2 lungo<br />

Passo 3.520 38.900<br />

Furgone H3<br />

Passo 4.100 41.300<br />

Furgone H3 lungo<br />

Passo 3.520 39.800<br />

Cabinato<br />

Passi 3.000-4.100 36.100<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passi 3.450-4.100 40.000<br />

DAILY 35 C 14<br />

3,5 t<br />

136 cv, common rail turbo Vgt, 4 cilindri,<br />

2.287 cc, Euro 6. Portata da 858 a 1.582 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.520 41.600<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.520 42.100<br />

Passo 4.100 44.300<br />

Furgone H2 lungo<br />

Passo 3.520 42.800<br />

Passo 4.100 49.000<br />

Furgone H3<br />

Passo 4.100 45.200<br />

Furgone H3 lungo<br />

Passo 3.520 43.700<br />

Passo 4.100 49.900<br />

Cabinato<br />

Passi 3.000-4.100 40.000<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passi 3.450-4.100 43.900<br />

DAILY 35 S 16<br />

3,5 t<br />

156 cv, common rail Turbo Vgt, 4 cilindri,<br />

2.287 cc. Portata da 1.244 a 1.735 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.000 39.100<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.520 39.600<br />

Passo 4.100 41.800<br />

Furgone H2 lungo<br />

Passo 3.520 40.300<br />

Furgone H3<br />

Passo 4.100 42.700<br />

Furgone H3 lungo<br />

Passo 3.520 41.200<br />

Cabinato<br />

Passi 3.000-4.100 37.500<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passi 3.450-4.100 41.400<br />

DAILY 35 C 16<br />

3,5 t<br />

156 cv, common rail Turbo Vgt, 4 cilindri,<br />

2.287 cc. Portata da 858 a 1.582 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.520 43.000<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.520 43.500<br />

Passo 4.100 45.700<br />

Furgone H2 lungo<br />

Passo 3.520 44.200<br />

Passo 4.100 50.400<br />

Furgone H3<br />

Passo 4.100 46.600<br />

Furgone H3 lungo<br />

Passo 3.520 45.100<br />

Passo 4.100 51.300<br />

Cabinato<br />

Passi 3.000-4.100 41.400<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passi 3.450-4.100 45.300<br />

DAILY 35 S 18<br />

3,5 t<br />

180 cv, common rail vgt, 4 cilindri, 2.999 cc,<br />

Euro 6. Portata da 1.199 a 1.708 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.520 40.900<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.520 41.400<br />

Passo 4.100 43.600<br />

Furgone H2 lungo<br />

Passo 3.520 42.100<br />

Furgone H3<br />

Passo 4.100 44.500<br />

Furgone H3 lungo<br />

Passo 3.520 43.000<br />

Cabinato<br />

Passi 3.000-4.100 39.300<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passi 3.450-4.100 43.200<br />

DAILY 35 C 18<br />

3,5 t<br />

180 cv, common rail vgt, 4 cilindri, 2.999 cc,<br />

Euro 6. Portata da 858 a 1.538 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.520 44.800<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.520 45.300<br />

Passo 4.100 47.500<br />

Furgone H2 lungo<br />

Passo 3.520 46.000<br />

Passo 4.100 52.200<br />

Furgone H3<br />

Passo 4.100 48.400<br />

Furgone H3 lungo<br />

Passo 3.520 46.900<br />

Passo 4.100 53.100<br />

Cabinato<br />

Passi 3.000-4.100 43.200<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passi 3.450-4.100 47.100<br />

DAILY 35 S 21 HI-MATIC 3,5 t<br />

210 cv, common rail turbo 2 stadi, 4 cilindri,<br />

2.999 cc, Euro 6. Portata da 1.078 a<br />

1.708 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.520 45.200<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.520 45.700<br />

Passo 4.100 47.900<br />

Furgone H2 lungo<br />

Passo 3.520 46.400<br />

Furgone H3<br />

Passo 4.100 48.800<br />

Furgone H3 lungo<br />

Passo 3.520 47.300<br />

Cabinato<br />

Passi 3.000-4.100 43.600<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passi 3.450-4.100 47.500<br />

DAILY 35 C 21 HI-MATIC 3,5 t<br />

210 cv, common rail turbo 2 stadi, 4 cilindri,<br />

2.999 cc, Euro 6. Portata da 858 a 1.538 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.520 49.100<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.520 49.600<br />

Passo 4.100 51.800<br />

Furgone H2 lungo<br />

Passo 3.520 50.300<br />

Passo 4.100 56.500<br />

Furgone H3<br />

Passo 4.100 52.700<br />

Furgone H3 lungo<br />

Passo 3.520 51.200<br />

Passo 4.100 57.400<br />

Cabinato<br />

Passi 3.000-4.100 47.500<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passi 3.450-4.100 51.400<br />

MERCEDES<br />

VITO<br />

VITO 109 CDI T.A.<br />

2,8 t<br />

88 cv, common rail Turbo intercooler, 4 cilindri,<br />

1.598 cc. Portata da 994 a 1.044 kg.<br />

Furgone<br />

Passo 3.200 22.000<br />

Furgone lungo<br />

Passo 3.200 22.700<br />

Furgone extra-lungo<br />

Passo 3.430 23.500<br />

VITO 111 CDI T.A.<br />

2,8 t<br />

115 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 1.598 cc. Portata da 994 a 1.044 kg.<br />

Furgone<br />

Passo 3.200 23.400<br />

Furgone lungo<br />

Passo 3.200 24.100<br />

Furgone extra-lungo<br />

Passo 3.430 24.900<br />

VITO 114 CDI T.P.<br />

2,8 t<br />

136 cv, common rail Turbo 2 stadi, 4 cilindri,<br />

2.143 cc, Euro 6. Portata da 934 a 984 kg.<br />

Furgone<br />

Passo 3.200 27.000<br />

Furgone lungo<br />

Passo 3.200 27.800<br />

Furgone extra-lungo<br />

Passo 3.430 28.500<br />

VITO 116 CDI T.P.<br />

2,8 t<br />

163 cv, common rail Turbo 2 stadi, 4 cilindri,<br />

2.143 cc, Euro 6. Portata da 934 a 984 kg.<br />

Furgone<br />

Passo 3.200 29.000<br />

Furgone lungo<br />

Passo 3.200 29.700<br />

Furgone extra-lungo<br />

Passo 3.430 30.500<br />

VITO 119 CDI T.P.<br />

2,8 t<br />

190 cv, common rail turbo Vgt, 4 cilindri,<br />

2.143 cc, Euro 6. Portata da 907 a 957 kg.<br />

Furgone<br />

Passo 3.200 32.700<br />

Furgone extra-lungo<br />

Passo 3.430 33.400<br />

Furgone lungo<br />

Passo 3.200 34.200<br />

SPRINTER<br />

SPRINTER 311 CDI T.A. 3,5 t<br />

114 cv, common rail Turbo Vgt, 4 cilindri,<br />

2.143 cc, Euro 6. Portata da 1.270 a 1.700<br />

kg.<br />

Furgone da 9 a 11,5 mc<br />

Passo 3.259 27.800<br />

Furgone da 14 a 15,5 mc<br />

Passo 3.924 29.100<br />

Cabinato<br />

Passo 3.259 24.600<br />

Passo 3.924 25.100<br />

SPRINTER 311 CDI T.P.<br />

3,5 t<br />

114 cv, common rail Turbo Vgt, 4 cilindri,<br />

2.143 cc, Euro 6. Portata da 1.070 a 1.270<br />

kg.<br />

Furgone da 9 a 11,5 mc<br />

Passo 3.665 31.400<br />

Furgone da 14 a 15,5 mc<br />

Passo 4.325 34.200<br />

Furgone da 15,5 a 17 mc<br />

Passo 4.325 35.000<br />

SPRINTER 311 CDI T.P<br />

3,5 t<br />

114 cv, common rail Turbo Vgt, 4 cilindri,<br />

2.143 cc, Euro 6. Portata da 1.360 a 1.610<br />

kg.<br />

Cabinato<br />

Passo 3.665 27.300<br />

Passo 4.325 27.700<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passo 3.665 30.000<br />

Passo 4.325 30.500<br />

SPRINTER 314 CDI T.A. 3,5 t<br />

143 cv, common rail Turbo 2 stadi, 4 cilindri,<br />

2.143 cc, Euro 6. Portata da 1.270<br />

a 1.700 kg.<br />

Furgone da 9 a 11,5 mc<br />

Passo 3.259 28.800<br />

Furgone da 14 a 15,5 mc<br />

Passo 3.924 30.200<br />

Cabinato<br />

Passo 3.259 25.700<br />

Passo 3.924 26.100<br />

SPRINTER 314 CDI T.P.<br />

3,5 t<br />

143 cv, common rail Turbo 2 stadi, 4 cilindri,<br />

2.143 cc, Euro 6. Portata da 1.070<br />

a 1.270 kg.<br />

Furgone da 9 a 11,5 mc<br />

Passo 3.665 32.400<br />

Furgone da 14 a 15,5 mc<br />

Passo 4.325 35.200<br />

Furgone da 15,5 a 17 mc<br />

Passo 4.325 36.000<br />

SPRINTER 314 CDI T.P<br />

3,5 t<br />

143 cv, common rail Turbo 2 stadi, 4 cilindri,<br />

2.143 cc, Euro 6. Portata 1.610 kg.<br />

Cabinato<br />

Passo 3.665 28.300<br />

SPRINTER 314 CDI T.P.<br />

3,5 t<br />

143 cv, common rail Turbo 2 stadi, 4 cilindri,<br />

2.143 cc, Euro 6. Portata 1.560 kg.<br />

Cabinato<br />

Passo 4.325 28.700<br />

SPRINTER 314 CDI T.P<br />

3,5 t<br />

143 cv, common rail Turbo 2 stadi, 4 cilindri,<br />

2.143 cc, Euro 6. Portata 1.410 kg.<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passo 3.665 31.100<br />

SPRINTER 314 CDI T.P.<br />

3,5 t<br />

143 cv, common rail Turbo 2 stadi, 4 cilindri,<br />

2.143 cc, Euro 6. Portata 1.360 kg.<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passo 4.325 31.500<br />

SPRINTER 316 CDI T.P.<br />

3,5 t<br />

163 cv, common rail Turbo 2 stadi, 4 cilindri,<br />

2.143 cc, Euro 6. Portata da 1.070<br />

a 1.610 kg.<br />

Furgone da 9 a 11,5 mc<br />

Passo 3.665 34.200<br />

Furgone da 14 a 15,5 mc<br />

Passo 4.325 37.000<br />

Furgone da 15,5 a 17 mc<br />

Passo 4.325 37.800<br />

Cabinato<br />

Passo 3.665 30.000<br />

Passo 4.325 30.500<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passo 3.665 32.800<br />

Passo 4.325 33.300<br />

SPRINTER 319 CDI T.P.<br />

3,5 t<br />

190 cv, common rail Turbo Vgt, 6 cilindri<br />

a V, 2.987 cc, Euro 6. Portata da 1.040 a<br />

1.550 kg.<br />

Furgone da 9 a 11,5 mc<br />

Passo 3.665 36.600<br />

Furgone da 14 a 15,5 mc<br />

Passo 4.325 39.300<br />

Furgone da 15,5 a 17 mc<br />

Passo 4.325 40.200<br />

Cabinato<br />

Passo 3.665 32.400<br />

Passo 4.235 32.800<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passo 3.665 35.200<br />

Passo 4.235 35.600<br />

SPRINTER 411 CDI T.P<br />

3,5 t<br />

114 cv, common rail Turbo Vgt, 4 cilindri,<br />

2.143 cc, Euro 6. Portata da 1.300 a 1.350<br />

kg.<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passo 3.665 35.300<br />

Passo 4.325 35.700<br />

SPRINTER 414 CDI T.P.<br />

3,5 t<br />

143 cv, common rail Turbo 2 stadi, 4 cilindri,<br />

2.143 cc, Euro 6. Portata da 890 a 1.400 kg.<br />

Furgone da 9 a 11,5 mc<br />

Passo 3.665 34.500<br />

Furgone da 14 a 15,5 mc<br />

Passo 4.325 37.200<br />

Furgone da 15,5 a 17 mc<br />

Passo 4.325 38.100<br />

Cabinato<br />

Passo 3.665 33.500<br />

Passo 4.325 34.000<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passo 3.665 36.300<br />

Passo 4.325 36.800<br />

SPRINTER 416 CDI T.P.<br />

3,5 t<br />

163 cv, common rail Turbo 2 stadi, 4 cilindri,<br />

2.143 cc, Euro 6. Portata da 890 a 1.400 kg.<br />

Furgone da 9 a 11,5 mc<br />

Passo 3.665 36.200<br />

Furgone da 14 a 15,5 mc<br />

Passo 4.325 39.000<br />

Furgone da 15,5 a 17 mc<br />

Passo 4.325 39.900<br />

Cabinato<br />

Passo 3.665 35.300<br />

Passo 4.325 35.700<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passo 3.665 38.100<br />

Passo 4.325 38.500<br />

SPRINTER 419 CDI T.P. t<br />

190 cv, common rail Turbo Vgt, 6 cilindri a V,<br />

2.987 cc, Euro 6. Portata da 800 a 1.400 kg.<br />

Furgone da 9 a 11,5 mc<br />

Passo 3.665 38.600<br />

Furgone da 14 a 15,5 mc<br />

Passo 4.325 41.400<br />

Furgone da 15,5 a 17 mc<br />

Passo 4.325 42.200<br />

Cabinato<br />

Passo 3.665 37.700<br />

Passo 4.325 38.100<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passo 3.665 40.500<br />

Passo 4.325 40.900<br />

NISSAN<br />

TOWNSTAR<br />

TOWNSTAR<br />

2 t<br />

130 cv, Multipoint Sequenz. Turbo intercooler,<br />

4 cilindri, 1.333 cc. Portata 600 kg.<br />

Furgone<br />

Passo 2.716 19.100<br />

PRIMASTAR<br />

PRIMASTAR - 110 CV - 29 3 t<br />

110 cv, common rail Turbo Vgt, 4 cilindri,<br />

1.997 cc, Euro 6. Portata da 1.191 a 1.227<br />

kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.098 29.100<br />

Passo 3.498 29.800<br />

PRIMASTAR - 130 CV - 29 3 t<br />

130 cv, common rail Turbo Vgt, 4 cilindri,<br />

1.997 cc, Euro 6. Portata da 1.191 a 1.227<br />

kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.098 30.500<br />

Passo 3.498 31.200<br />

PRIMASTAR - 150 CV - 29 3 t<br />

150 cv, common rail Turbo Vgt, 4 cilindri,<br />

1.997 cc, Euro 6. Portata da 1.089 a 1.227<br />

kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.098 31.900<br />

Passo 3.498 32.600<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.098 32.600<br />

Passo 3.498 33.300<br />

PRIMASTAR - 170 CV - 29 3 t<br />

170 cv, common rail Turbo Vgt, 4 cilindri,<br />

1.997 cc, Euro 6. Portata da 1.089 a 1.227<br />

kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.098 36.900<br />

Passo 3.498 37.600<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.098 34.500<br />

Passo 3.498 35.200<br />

INTERSTAR<br />

INTERSTAR - 110 CV - 35 T.A. 3,5 t<br />

110 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 2.299 cc, Euro 6. Portata da 1.496<br />

a 1.587 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.182 30.300<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.182 31.000<br />

Passo 3.682 31.700<br />

Furgone H3<br />

Passo 3.682 32.400<br />

INTERSTAR - 135 CV - 35 T.A. 3,5 t<br />

135 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 2.299 cc, Euro 6. Portata da 1.496<br />

a 1.587 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.182 32.000<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.182 32.700<br />

Passo 3.682 33.400<br />

Furgone H3<br />

Passo 3.682 34.100<br />

INTERSTAR - 145 CV - 35 T.A. 3,5 t<br />

145 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 2.299 cc, Euro 6. Portata da 1.405<br />

a 1.739 kg.<br />

Cabinato<br />

Passo 3.682 31.700<br />

Passo 4.332 32.400<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passo 3.682 32.900<br />

Passo 4.332 33.600<br />

INTERSTAR - 150 CV - 35 T.A. 3,5 t<br />

150 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 2.299 cc, Euro 6. Portata da 1.496<br />

a 1.587 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.182 33.000<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.182 33.700<br />

Passo 3.682 34.400<br />

Furgone H3<br />

Passo 3.682 35.100<br />

INTERSTAR - 165 CV - 35 T.A. 3,5 t<br />

163 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 2.299 cc, Euro 6. Portata da 1.405<br />

a 1.739 kg.<br />

Cabinato<br />

Passo 3.682 32.700<br />

Passo 4.332 33.400<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passo 3.682 33.900<br />

Passo 4.332 34.600<br />

INTERSTAR - 180 CV - 35 T.A. 3,5 t<br />

180 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 2.299 cc, Euro 6. Portata da 1.496<br />

a 1.587 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.182 34.000<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.182 34.700<br />

Passo 3.682 35.400<br />

Furgone H3<br />

Passo 3.682 36.100<br />

INTERSTAR - 110 CV - 35 T.P. 3,5 t<br />

110 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 2.299 cc, Euro 6. Portata da 1.160<br />

a 1.207 kg.<br />

Furgone H2<br />

Passo 4.332 32.400<br />

Furgone H3<br />

Passo 4.332 33.100<br />

INTERSTAR - 130 CV - 35 T.P. 3,5 t<br />

130 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 2.299 cc, Euro 6. Portata da 1.189<br />

a 1.626 kg.<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.682 35.000<br />

Furgone H3<br />

Passo 3.682 35.700<br />

76


COMMERCIALI<br />

furgoni e cabinati<br />

COMMERCIALI<br />

furgoni e cabinati<br />

Cabinato<br />

Passo 3.682 31.600<br />

Passo 4.332 32.300<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passo 3.682 32.800<br />

Passo 4.332 33.500<br />

INTERSTAR - 135 CV - 35 T.P. 3,5 t<br />

135 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 2.299 cc, Euro 6. Portata da 1.160<br />

a 1.207 kg.<br />

Furgone H2<br />

Passo 4.332 34.100<br />

Furgone H3<br />

Passo 4.332 34.800<br />

INTERSTAR - 145 CV - 35 T.P. 3,5 t<br />

145 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 2.299 cc, Euro 6. Portata da 1.189<br />

a 1.626 kg.<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.682 35.600<br />

Furgone H3<br />

Passo 3.682 36.300<br />

Cabinato<br />

Passo 3.682 32.200<br />

Passo 4.332 32.900<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passo 3.682 33.400<br />

Passo 4.332 34.100<br />

INTERSTAR - 150 CV - 35 T.P. 3,5 t<br />

150 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 2.299 cc, Euro 6. Portata da 1.160<br />

a 1.207 kg.<br />

Furgone H2<br />

Passo 4.332 35.100<br />

Furgone H3<br />

Passo 4.332 35.800<br />

INTERSTAR - 165 CV - 35 T.P. 3,5 t<br />

163 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 2.299 cc, Euro 6. Portata da 1.189<br />

a 1.626 kg.<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.682 36.600<br />

Furgone H3<br />

Passo 3.682 37.300<br />

Cabinato<br />

Passo 3.682 33.200<br />

Passo 4.332 33.900<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passo 3.682 34.400<br />

Passo 4.332 35.100<br />

INTERSTAR - 180 CV - 35 T.P. 3,5 t<br />

180 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 2.299 cc, Euro 6. Portata da 1.160<br />

a 1.207 kg.<br />

Furgone H2<br />

Passo 4.332 36.100<br />

Furgone H3<br />

Passo 4.332 36.800<br />

NV 400<br />

NV 400 - 130 CV - 35 T.P. 3,5 t<br />

130 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 2.299 cc, Euro 6. Portata da 1.380<br />

a 1.520 kg.<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.682 32.400<br />

Furgone H2 lungo<br />

Passo 4.332 33.100<br />

Furgone H3<br />

Passo 3.682 33.100<br />

Furgone H3 lungo<br />

Passo 4.332 33.800<br />

NV 400 - 135 CV - 35 T.A. 3,5 t<br />

135 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 2.299 cc, Euro 6. Portata da 1.419<br />

a 1.690 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.182 29.400<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.182 30.100<br />

Passo 3.682 30.800<br />

Passo 4.332 31.500<br />

Furgone H3<br />

Passo 3.682 31.500<br />

Passo 4.332 32.200<br />

NV 400 - 145 CV - 35 T.P. 3,5 t<br />

145 cv, common rail Turbo, 4 cilindri, 2.299<br />

cc, Euro 6. Portata da 1.380 a 1.520 kg.<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.682 33.000<br />

Furgone H2 lungo<br />

Passo 4.332 33.700<br />

Furgone H3<br />

Passo 3.682 33.700<br />

Furgone H3 lungo<br />

Passo 4.332 34.400<br />

NV 400 - 150 CV - 35 T.A. 3,5 t<br />

150 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 2.299 cc, Euro 6. Portata da 1.419<br />

a 1.690 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.182 30.400<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.182 31.100<br />

Passo 3.682 31.800<br />

Passo 4.332 32.500<br />

Furgone H3<br />

Passo 3.682 32.500<br />

Passo 4.332 33.200<br />

NV 400 - 165 CV - 35 T.P. 3,5 t<br />

165 cv, common rail Twin Turbo, 4 cilindri,<br />

2.299 cc, Euro 6. Portata da 1.380 a<br />

1.520 kg.<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.682 34.000<br />

Furgone H2 lungo<br />

Passo 4.332 34.700<br />

Furgone H3<br />

Passo 3.682 34.700<br />

Furgone H3 lungo<br />

Passo 4.332 35.400<br />

NV 400 - 180 CV - 35 T.A. 3,5 t<br />

180 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 2.299 cc, Euro 6. Portata da 1.419<br />

a 1.814 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.182 31.400<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.182 32.100<br />

Passo 3.682 32.800<br />

Passo 4.332 33.500<br />

Furgone H3<br />

Passo 3.682 33.500<br />

Passo 4.332 34.200<br />

Cabinato<br />

Passo 3.682 30.400<br />

Passo 4.332 31.100<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passo 3.682 31.600<br />

Passo 4.332 32.300<br />

NT 400<br />

NT 400 3.5 130<br />

3,5 t<br />

130 cv, common rail Turbo, 4 cilindri, 2.953<br />

cc, Euro 6. Portata da 1.603 a 1.786 kg.<br />

Cabinato<br />

Passo 2.500 25.000<br />

Passo 2.900 25.100<br />

Passo 3.400 25.300<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passo 2.900 26.200<br />

Passo 3.400 26.400<br />

NT 400 3.5 150<br />

3,5 t<br />

150 cv, common rail turbo, 4 cilindri, 2.953<br />

cc, Euro 6. Portata da 1.558 a 1.746 kg.<br />

Cabinato<br />

Passo 2.500 26.600<br />

Passo 2.900 26.700<br />

Passo 3.400 26.900<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passo 2.900 27.800<br />

Passo 3.400 28.000<br />

NT 500<br />

NT 500 3.5 150<br />

3,5 t<br />

150 cv, common rail turbo, 4 cilindri, 2.953<br />

cc, Euro 6. Portata da 1.318 a 1.353 kg.<br />

Cabinato<br />

Passo 2.800 31.000<br />

Passo 3.100 31.200<br />

Passo 3.500 31.400<br />

OPEL<br />

VIVARO<br />

VIVARO 1.5 100<br />

2,7 t<br />

1<strong>02</strong> cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 1.499 cc, Euro 6. Portata da 1.034<br />

a 1.085 kg.<br />

Furgone<br />

Passo 3.275 26.400<br />

Furgone lungo<br />

Passo 3.275 28.500<br />

VIVARO 1.5 120<br />

2,7 t<br />

120 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 1.499 cc, Euro 6. Portata 1.033 kg.<br />

Furgone<br />

Passo 3.275 27.500<br />

VIVARO 2.0 145<br />

2,8 t<br />

144 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 1.997 cc, Euro 6. Portata da 1.1<strong>02</strong><br />

a 1.333 kg.<br />

Furgone<br />

Passo 3.275 29.200<br />

Furgone lungo<br />

Passo 3.275 31.300<br />

VIVARO 2.0 180 AUT.<br />

2,8 t<br />

177 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 1.997 cc, Euro 6. Portata da 1.013<br />

a 1.304 kg.<br />

Furgone<br />

Passo 3.275 32.000<br />

Furgone lungo<br />

Passo 3.275 34.100<br />

MOVANO<br />

MOVANO BLUE HDI 140 3,5 t<br />

140 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 2.179 cc, Euro 6. Portata da 1.356<br />

a 1.745 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.000 34.000<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.450 36.000<br />

Passo 4.035 37.000<br />

Furgone H2 lungo<br />

Passo 4.035 38.500<br />

Furgone H3<br />

Passo 4.035 38.000<br />

Cabinato<br />

Passo 3.450 32.800<br />

Passo 3.800 33.400<br />

Passo 4.035 33.700<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passo 3.800 34.900<br />

MOVANO BLUE HDI 165 3,5 t<br />

165 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 2.179 cc, Euro 6. Portata da 1.330<br />

a 1.740 kg.<br />

Furgone H2<br />

Passo 4.035 38.500<br />

Furgone H2 lungo<br />

Passo 4.035 39.500<br />

Furgone H3 lungo<br />

Passo 4.035 40.500<br />

Cabinato<br />

Passo 3.450 33.800<br />

Passo 3.800 34.400<br />

Passo 4.035 34.700<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passo 4.035 35.900<br />

PEUGEOT<br />

EXPERT<br />

EXPERT BLUE HDI 100 S&S<br />

2,8 t<br />

1<strong>02</strong> cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 1.499 cc, Euro 6. Portata da 1.192<br />

a 1.245 kg.<br />

Furgone<br />

Passo 3.275 26.400<br />

Furgone lungo<br />

Passo 3.275 28.500<br />

EXPERT 1.5 BLUE HDI 120 S&S 2,7 t<br />

120 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 1.499 cc, Euro 6. Portata 1.039 kg.<br />

Furgone<br />

Passo 3.275 27.500<br />

EXPERT 2.0 BLUE HDI 140 S&S 3,1 t<br />

144 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 1.997 cc, Euro 6. Portata da 1.362<br />

a 1.409 kg.<br />

Furgone<br />

Passo 3.275 29.200<br />

Furgone lungo<br />

Passo 3.275 31.300<br />

EXPERT BLUE HDI 180 S&S 3 t<br />

177 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 1.997 cc, Euro 6. Portata da 1.236<br />

a 1.268 kg.<br />

Furgone<br />

Passo 3.275 32.000<br />

Furgone lungo<br />

Passo 3.275 34.100<br />

BOXER<br />

BOXER BLUE HDI 140<br />

3,5 t<br />

140 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 2.179 cc, Euro 6. Portata da 1.335<br />

a 1.745 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.000 34.000<br />

Passo 3.450 35.000<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.450 36.000<br />

Passo 3.800 37.000<br />

Furgone H2 lungo<br />

Passo 4.035 38.500<br />

Furgone H3<br />

Passo 3.800 38.000<br />

Furgone H3 lungo<br />

Passo 4.035 39.500<br />

Cabinato<br />

Passo 3.450 32.800<br />

Passo 3.800 33.100<br />

Passo 4.035 33.400<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passo 4.035 35.400<br />

BOXER BLUE HDI 165<br />

3,5 t<br />

165 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 2.179 cc, Euro 6. Portata da 1.300<br />

a 1.740 kg.<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.450 37.500<br />

Passo 3.800 38.500<br />

Furgone H2 lungo<br />

Passo 4.035 39.500<br />

Furgone H3<br />

Passo 3.800 39.500<br />

Furgone H3 lungo<br />

Passo 4.035 40.500<br />

Cabinato<br />

Passo 3.450 33.800<br />

Passo 3.800 34.100<br />

Passo 4.035 34.400<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passo 4.035 36.400<br />

RENAULT<br />

TRAFIC<br />

TRAFIC T29 1.6 DCI 95 2,9 t<br />

95 cv, common rail Turbo Vgt, 4 cilindri,<br />

1.598 cc, Euro 6. Portata da 737 a 910 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.098 25.000<br />

Furgone doppia cabina<br />

Passo 3.098 26.100<br />

TRAFIC T29 2.0 DCI 120 2,9 t<br />

120 cv, common rail Turbo Vgt, 4 cilindri,<br />

1.997 cc, Euro 6. Portata da 895 a 987 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.098 25.700<br />

Passo 3.498 26.400<br />

Furgone doppia cabina<br />

Passo 3.098 26.800<br />

Passo 3.498 28.200<br />

TRAFIC T29 2.0 DCI 145 2,9 t<br />

145 cv, common rail Turbo Vgt, 4 cilindri,<br />

1.997 cc, Euro 6. Portata da 888 a 980 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.098 26.500<br />

Passo 3.498 27.200<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.098 27.200<br />

Passo 3.498 27.900<br />

Furgone doppia cabina<br />

Passo 3.098 27.600<br />

Passo 3.498 29.000<br />

TRAFIC T29 2.0 DCI 170 2,9 t<br />

170 cv, common rail Turbo Vgt, 4 cilindri,<br />

1.997 cc, Euro 6. Portata da 888 a 980 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.098 27.200<br />

Passo 3.498 27.900<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.098 27.900<br />

Passo 3.498 28.600<br />

Furgone doppia cabina<br />

Passo 3.098 28.300<br />

Passo 3.498 29.700<br />

MASTER<br />

MASTER 135.35 T.A.<br />

3,5 t<br />

135 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 2.299 cc, Euro 6. Portata da 1.230<br />

a 1.623 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.182 27.300<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.182 28.000<br />

Passo 3.682 28.700<br />

Passo 4.332 29.400<br />

Furgone H3<br />

Passo 3.682 29.400<br />

Passo 4.332 30.100<br />

Furgone doppia cabina<br />

Passo 3.182 28.900<br />

Passo 3.682 30.300<br />

Passo 4.332 31.000<br />

MASTER 150.35 T.A.<br />

3,5 t<br />

150 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 2.299 cc, Euro 6. Portata da 1.230<br />

a 1.623 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.182 28.300<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.182 29.000<br />

Passo 3.682 29.700<br />

Passo 4.332 30.400<br />

Furgone H3<br />

Passo 3.682 30.400<br />

Passo 4.332 31.100<br />

Furgone doppia cabina H1<br />

Passo 3.182 29.900<br />

Furgone doppia cabina H2<br />

Passo 3.682 31.300<br />

Passo 4.332 32.000<br />

MASTER 180.35 T.A.<br />

3,5 t<br />

180 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 2.299 cc, Euro 6. Portata da 1.230<br />

a 1.623 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.182 29.300<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.182 30.000<br />

Passo 3.682 30.700<br />

Passo 4.332 31.400<br />

Furgone H3<br />

Passo 3.682 31.400<br />

Passo 4.332 32.100<br />

Furgone doppia cabina H1<br />

Passo 3.182 30.900<br />

Furgone doppia cabina H2<br />

Passo 3.682 32.300<br />

Passo 4.332 33.000<br />

MASTER 130.35 T.P.<br />

3,5 t<br />

130 cv, common rail Turbo, 4 cilindri, 2.299<br />

cc, Euro 6. Portata da 1.107 a 1.207 kg.<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.682 30.600<br />

Passo 4.332 32.300<br />

Furgone H3<br />

Passo 3.682 30.000<br />

Furgone doppia cabina H2<br />

Passo 3.682 32.200<br />

MASTER 145.35 T.P.<br />

3,5 t<br />

145 cv, common rail Turbo, 4 cilindri, 2.299<br />

cc, Euro 6. Portata da 1.107 a 1.207 kg.<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.682 31.200<br />

Passo 4.332 31.900<br />

Furgone H3<br />

Passo 3.682 31.900<br />

Passo 4.332 32.600<br />

Furgone doppia cabina H2<br />

Passo 3.682 32.800<br />

MASTER 165.35 T.P.<br />

3,5 t<br />

165 cv, common rail Twin Turbo, 4 cilindri,<br />

2.299 cc, Euro 6. Portata da 1.107 a<br />

1.207 kg.<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.682 32.200<br />

Passo 4.332 32.900<br />

Furgone H3<br />

Passo 3.682 32.900<br />

Passo 4.332 33.600<br />

Furgone doppia cabina H2<br />

Passo 3.682 33.800<br />

MAXITY<br />

MAXITY 130.35<br />

3,5 t<br />

130 cv, common rail Turbo, 4 cilindri, 2.953<br />

cc, Euro 6. Portata 1.786 kg.<br />

Cabinato<br />

Passi 2.500-3.400 30.300<br />

MAXITY 150.35<br />

3,5 t<br />

150 cv, common rail turbo, 4 cilindri, 2.953<br />

cc, Euro 6. Portata 1.353 kg.<br />

Cabinato<br />

Passi 2.800-3.500 38.700<br />

VOLKSWAGEN<br />

TRANSPORTER<br />

TRANSPORTER 2.0 - 84 2,8 t<br />

84 cv, common rail intercooler, 4 cilindri,<br />

1.968 cc, Euro 6. Portata da 810 a 838 kg.<br />

Furgone<br />

Passo 3.000 23.400<br />

Passo 3.400 24.200<br />

TRANSPORTER 2.0 - 1<strong>02</strong> 2,8 t<br />

1<strong>02</strong> cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 1.968 cc. Portata da 810 a 1.282 kg.<br />

Furgone<br />

Passo 3.000 23.900<br />

Passo 3.400 24.800<br />

Cabinato<br />

Passo 3.000 22.500<br />

Passo 3.400 23.100<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passo 3.400 25.300<br />

TRANSPORTER 2.0 - 150 2,8 t<br />

150 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 1.968 cc. Portata da 810 a 1.282 kg.<br />

Furgone<br />

Passo 3.000 25.700<br />

Passo 3.400 26.500<br />

Cabinato<br />

Passo 3.000 23.700<br />

Passo 3.400 24.300<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passo 3.400 26.600<br />

CRAFTER<br />

CRAFTER 35 1<strong>02</strong> T.A.<br />

3,5 t<br />

1<strong>02</strong> cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 1.968 cc. Portata da 900 a 1.500 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.640 29.000<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.640 29.500<br />

Passo 4.490 31.200<br />

Furgone H2 lungo<br />

Passo 4.490 32.200<br />

Furgone H3<br />

Passo 4.490 33.400<br />

Furgone H3 lungo<br />

Passo 4.490 34.500<br />

Cabinato<br />

Passo 3.640 25.800<br />

Passo 4.490 27.300<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passo 3.640 29.500<br />

Passo 4.490 31.000<br />

CRAFTER 35 140 T.A.<br />

3,5 t<br />

140 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 1.968 cc. Portata da 900 a 1.500 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.640 30.900<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.640 31.400<br />

Passo 4.490 33.100<br />

Furgone H2 lungo<br />

Passo 4.490 34.100<br />

Furgone H3<br />

Passo 4.490 35.300<br />

Furgone H3 lungo<br />

Passo 4.490 36.400<br />

Cabinato<br />

Passo 3.640 27.700<br />

Passo 4.490 29.200<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passo 3.640 31.400<br />

Passo 4.490 32.900<br />

CRAFTER 35 177 T.A.<br />

3,5 t<br />

177 cv, common rail Turbo intercooler, 4<br />

cilindri, 1.968 cc. Portata da 900 a 1.500 kg.<br />

Furgone H1<br />

Passo 3.640 32.700<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.640 33.300<br />

Passo 4.490 34.900<br />

Furgone H2 lungo<br />

Passo 4.490 35.900<br />

Furgone H3<br />

Passo 4.490 37.200<br />

Furgone H3 lungo<br />

Passo 4.490 38.200<br />

Cabinato<br />

Passo 3.640 29.500<br />

Passo 4.490 31.000<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passo 3.640 33.200<br />

Passo 4.490 34.800<br />

CRAFTER 35 177 T.P.<br />

3,5 t<br />

177 cv, common rail Turbo intercooler, 4 cilindri,<br />

1.968 cc. Portata da 1.001 a 1.400 kg.<br />

Furgone H2<br />

Passo 3.640 34.100<br />

Passo 4.490 36.300<br />

Cabinato<br />

Passo 3.640 30.900<br />

Passo 4.490 32.400<br />

Cabinato doppia cabina<br />

Passo 3.640 34.600<br />

Passo 4.490 36.100<br />

78<br />

79


PICK-UP<br />

Prezzi Iva esclusa aggiornati all'1 febbraio<br />

<strong>2<strong>02</strong>3</strong>. Accanto al modello, il peso a terra.<br />

Dopo la potenza, il costruttore del motore,<br />

se diverso da quello del veicolo.<br />

FIAT<br />

FULLBACK<br />

FULLBACK 150 FWD LX<br />

2,9 t<br />

154 cv, common rail turbo, 4 cilindri, 2.440<br />

cc, Euro 6. Portata da 1.<strong>02</strong>5 a 1.075 kg.<br />

Cabina singola<br />

Passo 3.000 25.200<br />

Doppia cabina<br />

Passo 3.000 26.700<br />

LX<br />

2,9 t<br />

181 cv, common rail turbo, 4 cilindri, 2.440<br />

cc, Euro 6. Portata da 1.<strong>02</strong>5 a 1.075 kg.<br />

Cabina singola<br />

Passo 3.000 30.000<br />

Doppia cabina<br />

Passo 3.000 31.900<br />

Doppia cabina aut.<br />

Passo 3.000 35.400<br />

FORD<br />

RANGER<br />

RANGER 170 4WD<br />

3,2 t<br />

170 cv, common rail turbo geom. variabile,<br />

4 cilindri, 1.995 cc, Euro 6. Portata da 1.121<br />

a 1.240 kg.<br />

Cabina singola<br />

Passo 3.220 25.400<br />

Supercab<br />

Passo 3.220 26.900<br />

Doppia cabina<br />

Passo 3.220 28.400<br />

Doppia cabina aut.<br />

Passo 3.220 34.700<br />

RANGER 213 4WD<br />

3,2 t<br />

213 cv, common rail Twin Turbo, 4 cilindri,<br />

1.995 cc, Euro 6. Portata da 1.<strong>02</strong>2 a<br />

1.045 kg.<br />

Doppia cabina<br />

Passo 3.220 34.700<br />

Doppia cabina aut.<br />

Passo 3.220 36.200<br />

GREAT WALL<br />

STEED<br />

STEED 5 TDI<br />

2,7 t<br />

150 cv, common rail turbo, 4 cilindri, 1.996<br />

cc. Portata 925 kg.<br />

Cabina singola<br />

Passo 3.050 15.500<br />

ISUZU<br />

D-MAX<br />

D-MAX SINGLE<br />

3 t<br />

164 cv, common rail Turbo Vgt, 4 cilindri,<br />

1.898 cc. Portata 1.130 kg.<br />

Cabina singola<br />

Passo 3.125 22.300<br />

D-MAX SINGLE 4WD<br />

3,1 t<br />

164 cv, common rail Turbo Vgt, 4 cilindri,<br />

1.898 cc. Portata 1.130 kg.<br />

Cabina singola<br />

Passo 3.125 24.900<br />

D-MAX SPACE 4WD<br />

3,1 t<br />

164 cv, common rail Turbo Vgt, 4 cilindri,<br />

1.898 cc. Portata da 1.040 a 1.065 kg.<br />

Cabina 2+2<br />

Passo 3.125 26.100<br />

Cabina 2+2 aut<br />

Passo 3.125 27.200<br />

D-MAX CREW 4WD<br />

3,1 t<br />

164 cv, common rail Turbo Vgt, 4 cilindri,<br />

1.898 cc. Portata 1.<strong>02</strong>0 kg.<br />

Doppia cabina<br />

Passo 3.125 29.200<br />

Doppia cabina aut.<br />

Passo 3.125 30.300<br />

MAHINDRA<br />

GOA<br />

GOA GLX<br />

3,2 t<br />

120 cv, common rail vgt, 4 cilindri, 2.179 cc.<br />

Portata 1.160 kg.<br />

Cabina singola<br />

Passo 3.040 12.300<br />

GOA GLX 4WD<br />

3,2 t<br />

120 cv, common rail vgt, 4 cilindri, 2.179 cc.<br />

Portata 1.160 kg.<br />

Cabina singola<br />

Passo 3.040 16.600<br />

Doppia cabina<br />

Passo 3.040 17.700<br />

MERCEDES<br />

X CLASS<br />

X 220 4 MATIC<br />

3,3 t<br />

160 cv, Renault common rail Turbo, 4 cilindri,<br />

2.299 cc, Euro 6. Portata 1.089 kg.<br />

Doppia cabina<br />

Passo 3.150 31.800<br />

X 250<br />

3,3 t<br />

190 cv, Renault common rail Twin Turbo, 4<br />

cilindri, 2.299 cc, Euro 6. Portata 1.089 kg.<br />

Doppia cabina<br />

Passo 3.150 32.700<br />

X 250 4 MATIC<br />

3,3 t<br />

190 cv, Renault common rail Twin Turbo, 4<br />

cilindri, 2.299 cc, Euro 6. Portata 1.016 kg.<br />

Doppia cabina<br />

Passo 3.150 34.100<br />

NISSAN<br />

NAVARA<br />

NAVARA KING CAB 4WD<br />

3 t<br />

163 cv, common rail Twin Turbo, 4 cilindri,<br />

2.299 cc, Euro 6. Portata 1.190 kg.<br />

Cabina singola<br />

Passo 3.150 25.700<br />

NAVARA 160 4WD<br />

3 t<br />

163 cv, common rail Twin Turbo, 4 cilindri,<br />

2.299 cc, Euro 6. Portata 965 kg.<br />

Doppia cabina<br />

Passo 3.150 27.400<br />

NAVARA 190 4WD<br />

3 t<br />

190 cv, common rail Twin Turbo, 4 cilindri,<br />

2.299 cc, Euro 6. Portata 965 kg.<br />

Doppia cabina<br />

Passo 3.150 35.300<br />

Doppia cabina aut.<br />

Passo 3.150 37.000<br />

TOYOTA<br />

HILUX<br />

HILUX<br />

3,1 t<br />

150 cv, common rail turbo, 4 cilindri, 2.393<br />

cc, Euro 6. Portata da 1.080 a 1.180 kg.<br />

Cabina singola<br />

Passo 3.085 19.800<br />

Doppia cabina<br />

Passo 3.085 25.900<br />

HILUX EXTRACAB<br />

3 t<br />

150 cv, common rail turbo, 4 cilindri, 2.393<br />

cc, Euro 6. Portata 1.080 kg.<br />

Cabina singola<br />

Passo 3.085 21.600<br />

HILUX 4WD<br />

3,2 t<br />

150 cv, common rail turbo, 4 cilindri, 2.393<br />

cc, Euro 6. Portata da 1.135 a 1.235 kg.<br />

Cabina singola<br />

Passo 3.085 23.100<br />

Doppia cabina<br />

Passo 3.085 26.300<br />

HILUX EXTRACAB 4WD<br />

3,2 t<br />

150 cv, common rail turbo, 4 cilindri, 2.393<br />

cc, Euro 6. Portata 1.095 kg.<br />

Cabina singola<br />

Passo 3.085 24.900<br />

VOLKSWAGEN<br />

AMAROK<br />

AMAROK 4MOTION 204<br />

2,8 t<br />

204 cv, common rail vgt, 6 cilindri, 2.967 cc,<br />

Euro 6. Portata 963 kg.<br />

Doppia cabina<br />

Passo 3.097 29.300<br />

Doppia cabina aut.<br />

Passo 3.097 31.100<br />

AMAROK 4MOTION 224<br />

2,8 t<br />

224 cv, common rail vgt, 6 cilindri, 2.967 cc,<br />

Euro 6. Portata 963 kg.<br />

Doppia cabina aut.<br />

Passo 3.097 39.400<br />

SETTEMBRE<br />

Specialista nato<br />

N.9 - 2<strong>02</strong>2 ANNO 27°<br />

VADO E TORNO EDIZIONI - www.vadoetorno.com - ISSN 1720-3503 - Poste Italiane s.p.a. - Sped. in a. p. - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/<strong>02</strong>/2004 n° 46) art. 1, comma 1, LO/ MI - EURO 3,50<br />

CENSIMENTO ISTAT: AZIENDE PIÙ GRANDI MA SI COLTIVA MENO<br />

ANTEPRIMA: FENDT 700 VARIO. LA SETTIMA GENERAZIONE<br />

SETTEMBRE<br />

SETTEMBRE<br />

Specialista nato<br />

N.9 - 2<strong>02</strong>2 ANNO 27°<br />

VADO E TORNO EDIZIONI - www.vadoetorno.com - ISSN 1720-3503 - Poste Italiane s.p.a. - Sped. in a. p. - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/<strong>02</strong>/2004 n° 46) art. 1, comma 1, LO/ MI - EURO 3,50<br />

CENSIMENTO ISTAT: AZIENDE PIÙ GRANDI MA SI COLTIVA MENO<br />

ANTEPRIMA: FENDT 700 VARIO. LA SETTIMA GENERAZIONE<br />

SETTEMBRE<br />

ISTAT: aziende più grandi ma si<br />

coltiva meno<br />

Anteprime: il Fendt 700 Vario<br />

alla settima generazione<br />

In vigneto col Carraro Agricube<br />

Pro 10.5 VL<br />

Nuova mietitrebbia Claas Lexion<br />

con motore MAN<br />

PER ABBONAMENTI<br />

E COPIE SAGGIO:<br />

VADO E TORNO EDIZIONI<br />

via Brembo 27, 20139 Milano<br />

tel. <strong>02</strong>/55230950<br />

E-mail: abbonamenti@vadoetorno.com<br />

28 29<br />

28 29<br />

Cinque nuovi<br />

modelli nella<br />

fascia 200 - 300<br />

cavalli motorizzati<br />

AgcoPower adatti<br />

a qualsiasi tipo<br />

di operazione<br />

in azienda e in<br />

campo aperto.<br />

FENDT<br />

Una delle gamme più amate da farmer<br />

e contoterzisti di tutto il mondo, la serie<br />

700 vario di Fendt, giunge alla settima<br />

generazione. Nuovo motore fino a 300<br />

cavalli, trasmissione Variodrive, interfaccia<br />

FendtOne e molto altro sui 5 modelli a listino<br />

Sua maestà<br />

il 700 Vario<br />

versatilità e comfort. Stiamo<br />

ovviamente parlando dei<br />

nuovi 700 Vario presentati in<br />

esclusiva alla stampa di settore<br />

lo scorso 25 agosto a Wadenbrunn,<br />

in Germania.<br />

Proprio la polivalenza e la<br />

fascia di potenza (tra i 150 e<br />

E<br />

ra sicuramente la new<br />

entry più attesa dell’anno.<br />

L’ultima evoluzione,<br />

la settima, di una gamma che<br />

fin dall’esordio, nel lontano<br />

1998 si è issata nel cuore di<br />

tutti i fendisti e non solo per<br />

prestazioni,<br />

manovrabilità,<br />

16 17<br />

I<br />

dati presentati dal censimento<br />

Istat svolto tra gennaio e<br />

luglio 2<strong>02</strong>1, con riferimento<br />

all’annata agraria 2019-2<strong>02</strong>0<br />

sono tanti, rappresentano una<br />

fotografia puntuale del settore<br />

agricolo e zootecnico e offrono<br />

una lettura approfondita che<br />

abbraccia una pluralità di temi,<br />

dalle caratteristiche del conduttore<br />

all’utilizzo dei terreni e<br />

consistenza degli allevamenti,<br />

dai metodi di gestione aziendale<br />

alla multifunzionalità fino alla<br />

manodopera impiegata. Il questionario<br />

di rilevazione (indirizzato<br />

a quasi 1,7 milioni di unità<br />

in base a una lista che ha utilizzato<br />

le fonti amministrative<br />

disponibili) ha proposto quesiti<br />

armonizzati a livello Ue oltre<br />

a<br />

domande<br />

di approfondimento<br />

su<br />

aspetti come<br />

l’innovazione<br />

e gli effetti<br />

della pandemia,<br />

di cui si<br />

presentano<br />

le prime evidenze.<br />

Il<br />

dato<br />

principale: negli ultimi 20 anni<br />

in Italia si è verificato un indubbio<br />

processo di concentrazione<br />

della proprietà agricola.<br />

A ottobre 2<strong>02</strong>0 risultavano<br />

attive in Italia 1.133.<strong>02</strong>3<br />

aziende agricole, contro le oltre<br />

3 milioni del 1982 e le 2,4 milioni<br />

del 2000 con un importante<br />

meno 50% negli ultimi 20 anni.<br />

A segnare il processo di aggregazione<br />

sono però i dati relativi<br />

Superficie Agricola Utilizzata<br />

(SAU) e la Superficie Agricola<br />

è più che raddoppiata tra il 2000<br />

e il 2<strong>02</strong>0 (da 8,9% a 20,2%),<br />

mentre quella delle aziende agricole<br />

con almeno 100 ettari è<br />

rimasta sostanzialmente invariata<br />

(da 1,5% a 1,6%).<br />

Sono risultati che fanno riflettere<br />

anche pensando alla<br />

categoria dei contoterzisti: «Nel<br />

giro di dieci anni l’agricoltura<br />

non solo ha vissuto un fenomeno<br />

di contrazione di imprese,<br />

che può essere considerato fisiologico<br />

– evidenzia Leonardo<br />

Bolis, presidente di Confai<br />

Lombardia - Molto più seria è<br />

la diminuzione di imprese guidate<br />

da soggetti di età compresa<br />

fra i 30 e i 44 anni, che fra<br />

il 2010 e il 2<strong>02</strong>0 perdono il 4,2<br />

per cento. Il dato non lascia<br />

tranquilli, perché significa un<br />

rallentamento del ricambio generazionale,<br />

che anche come<br />

imprese agromeccaniche stiamo<br />

purtroppo vivendo».<br />

La questione dei giovani<br />

Il dato evidenziato dal presidente<br />

di Confai Lombardia, che è<br />

corretto, nasce da una specifica<br />

domanda posta dall’Istat; la figura<br />

del capo azienda, infatti,<br />

coincide spesso con quella<br />

del conduttore, cioè il responsabile<br />

giuridico ed economico<br />

dell’azienda. Ciò si verifica soprattutto<br />

nelle aziende familiari<br />

Totale (SAT) diminuite, rispetto<br />

al 2000 del 20,8% e del 26,4%,<br />

mentre la dimensione media<br />

delle aziende agricole è più che<br />

raddoppiata sia in termini di<br />

SAU (da 5,1 a 11,1 ettari medi)<br />

sia di SAT (da 7,1 a 14,5 ettari<br />

medi per azienda). In pratica se<br />

le aziende si sono dimezzate nel<br />

numero la superficie agricola<br />

utilizzata è diminuita solo di un<br />

quinto.<br />

In linea con questi dati c’è<br />

quello relativo alla forma proprietaria<br />

dell’azienda: il 93,5%<br />

delle aziende agricole è gestito<br />

nella forma di azienda individuale<br />

o familiare (dal 96,1 del<br />

2010) mentre le società di capitale<br />

passano dallo 0,5% all’1%.<br />

Le prime pesano in termini di<br />

SAU per il 72,7% (dal 76,1%<br />

del 2010) mentre le società di<br />

capitale arrivano al 3,6% (dal<br />

2,7% del 2010) come a dire che<br />

le aziende più strutturate, quelle<br />

progettate per essere vere e proprie<br />

imprese, crescono in numero<br />

e in termini di superficie<br />

occupata.<br />

Nel 2000 la gestione di terreni<br />

esclusivamente di proprietà<br />

del conduttore rappresentava<br />

la grande maggioranza dei casi<br />

(85,9%) mentre nei venti anni<br />

successivi si è molto ridotta<br />

(-27,3 % nel 2<strong>02</strong>0). Parallelamente,<br />

si sono fortemente diffusi<br />

i casi di affitto (l’incidenza<br />

è passata da 2,4% a 10,1%), di<br />

gestione a uso gratuito (da 1,3%<br />

a 6,0%) e delle altre forme di<br />

gestione (da 10,4% a 25,2%).<br />

«Nel complesso - evidenzia<br />

Istat - emerge un quadro evolutivo<br />

caratterizzato sia dall’inevitabile<br />

e progressivo processo di<br />

A ottobre 2<strong>02</strong>0<br />

risultavano attive<br />

in Italia 1.133.<strong>02</strong>3<br />

aziende agricole,<br />

contro le oltre 3<br />

milioni del 1982<br />

e le 2,4 milioni<br />

del 2000 con<br />

un importante<br />

meno 50% negli<br />

ultimi 20 anni.<br />

La dimensione<br />

media delle<br />

aziende è però più<br />

che raddoppiatain<br />

termin di SAU, da<br />

5,1 a 11,1 ettari.<br />

CENSIMENTO<br />

Il censimento Istat conferma il processo di<br />

aggregazione in corso da almeno un ventennio che<br />

ha portato una diminuzione del 50% delle aziende<br />

agricole. Diminuiscono però del 20% e del 26% anche<br />

la superficie agricola utilizzata e quella totale<br />

La forza centripeta<br />

dell’agricoltura<br />

uscita dal mercato delle aziende<br />

non più in grado di sostenere<br />

la propria attività (prevalentemente<br />

di piccole dimensioni<br />

e a gestione familiare) sia dalla<br />

crescente divaricazione tra<br />

proprietà e gestione dei terreni<br />

a uso agricolo, con la forte espansione<br />

di forme di gestione<br />

alternative, derivanti dalle crescenti<br />

incertezze in merito alla<br />

sostenibilità futura dell’attività<br />

agricola».<br />

Il processo di concentrazione<br />

dei terreni agricoli in aziende<br />

mediamente più grandi è anche<br />

confermato dall’analisi per<br />

classi dimensionali in termini<br />

di SAU. A diminuire di più<br />

sono le aziende più piccole,<br />

suddividendole per classi di<br />

SAU, diminuiscono del 51,2%<br />

le aziende agricole con meno<br />

di un ettaro, fanno -3,4% le<br />

aziende con superficie tra 20 e<br />

29,99 ettari, mentre aumentano<br />

quelle con almeno 30 ettari<br />

di SAU, in particolare quelle<br />

più grandi (almeno 100 ettari,<br />

+17,7%). Per effetto di queste<br />

dinamiche nel 2<strong>02</strong>0 solo poco<br />

più di 2 aziende agricole su 10<br />

hanno meno di un ettaro di SAU<br />

contro circa 3 su 10 del 2010 e<br />

più di 4 su 10 nel 2000. Al contempo,<br />

l’incidenza del numero<br />

di aziende agricole con almeno<br />

10 ettari di SAU e meno di 100<br />

40 41<br />

Fuori dal<br />

gruppo<br />

Una inedita colorazione<br />

grigio metallizzata<br />

caratterizza la nuova gamma<br />

di trattori specializzati<br />

Carraro Agricube Pro dell’era<br />

Stage V. Il modello VL 10.5<br />

in prova è il più potente<br />

con 1<strong>02</strong> cavalli a 2.300<br />

giri erogati dal 4 cilindri<br />

da 2,8 litri FPT. In versione<br />

full optional ha anche il<br />

ponte anteriore sospeso e 4<br />

distributori elettroidraulici<br />

proporzionali.<br />

SCHEDA TECNICA<br />