Relazione generale – sull'attività dell'Unione europea - Europa

europa.eu

Relazione generale – sull'attività dell'Unione europea - Europa

© Unione europea

© BELGA / AFP / Georges Gobet

Javier Solana ha ricoperto la carica di alto

rappresentante dell’UE per la politica estera

e di sicurezza comune dal 1999 al 2009.

Il 1º dicembre Catherine Ashton ha assunto

la carica, dalle più ampie competenze,

di alto rappresentante dell’Unione europea

per gli affari esteri e la politica di sicurezza,

a cui si aggiunge il ruolo di vicepresidente

della Commissione.

La missione integrata sullo Stato di diritto per l’Iraq, EUJUST LEX, ha permesso di

consolidare lo Stato di diritto e promuovere i diritti umani grazie alla formazione

di alti funzionari di polizia, pubblici ministeri, giudici e direttori delle carceri. La

missione di polizia dell’Unione europea in Afghanistan, EUPOL Afghanistan, ha

assunto un ruolo di primo piano nella strategia anticorruzione del ministero

dell’Interno nonché nelle attività di polizia basate su informazioni e nelle indagini

penali. Essa ha permesso di instaurare relazioni tra polizia e pubblici ministeri,

elaborato atti legislativi e fatto da guida ad alti funzionari del sistema giudiziario.

Un programma di «formazione dei formatori» intende preparare 35 000 agenti di

polizia in tempo per le elezioni legislative del 2010.

La capacità d’intervento dell’Unione europea ha continuato ad essere oggetto di

miglioramenti nel corso dell’anno. In aprile la Commissione ha approvato una

dotazione di 225 milioni di euro a favore dello strumento per la stabilità

dell’Unione europea per il periodo 2009-2011, privilegiando il sostegno alla

strategia dell’UE di non proliferazione delle armi di distruzione di massa,

il consolidamento della pace, la risposta alle minacce transregionali, spesso

collegate al terrorismo, alla criminalità organizzata, al traffico di stupefacenti

e di armi nonché alla tratta di persone. Il potenziale antiterrorismo è stato raf -

forzato nella regione del Sahel, nonché in Pakistan/Afghanistan, parallelamente

all’adozione di un piano volto a potenziare l’azione dell’Unione europea nella

regione. Con finanziamenti provenienti dallo strumento per la stabilità sono state

inoltre avviate misure volte ad interrompere la rotta della cocaina dall’America

Latina e dai Caraibi verso l’Africa occidentale e infine nell’Unione europea.

In Africa, l’Unione europea ha fornito un miliardo di euro a favore della pace e

della sicurezza, ha contribuito a rendere operativa la Forza d’intervento africana,

ha sovvenzionato i centri di formazione, ha finanziato le operazioni di sostegno

alla pace guidate da paesi africani e ha collaborato al controllo delle armi leggere

e di piccolo calibro. È stato intensificato il dialogo politico a livello continentale,

regionale e nazionale.

62

More magazines by this user
Similar magazines