Relazione generale – sull'attività dell'Unione europea - Europa

europa.eu

Relazione generale – sull'attività dell'Unione europea - Europa

© Reporters

cOn IL TRATTATO dI LISBOnA

IL cITTAdInO è AL cenTRO

deL PROGeTTO eUROPeO

Il presidente della Commissione europea,

José Manuel Barroso, ha dichiarato:

«Il trattato di Lisbona pone i cittadini al

centro del progetto europeo.

Sono soddisfatto perché ora disponiamo

di istituzioni in grado di agire ed entriamo

in un periodo di stabilità che ci permetterà

di concentrare tutte le nostre energie sulle

questioni essenziali per i nostri cittadini».

In occasione di un referendum indetto

a ottobre in Irlanda, gli elettori hanno

approvato il trattato di Lisbona con

un tasso di affluenza alle urne del 58 %

e il 67 % di voti favorevoli.

cAMBIAMenTI deL QUAdRO ISTITUZIOnALe

Alcuni dei cambiamenti intervenuti nel 2009 si inseriscono nella

logica delle attività dell’Unione: è ad esempio il caso delle elezioni del

Parlamento europeo e dei preparativi legati all’insediamento di una

nuova Commissione. La ratifica del trattato di Lisbona e l’attribuzione

dei nuovi mandati previsti sono stati invece il culmine di un lungo

processo iniziato quando l’UE contava soltanto 15 Stati membri.

Un nUOvO TRATTATO PeR Un’UnIOne PIÙ eFFIcAce

Il trattato di Lisbona è entrato in vigore il 1º dicembre 2009 ( 1 ). Per l’occasione il

governo portoghese, la presidenza svedese e la Commissione europea hanno

organizzato congiuntamente nella capitale portoghese una cerimonia a cui

hanno preso parte, insieme ad altre personalità, il presidente del Parlamento

europeo Jerzy Buzek, il futuro presidente del Consiglio europeo Herman Van

Rompuy e il presidente della Commissione europea José Manuel Barroso.

La fase finale del processo di ratifica è stata raggiunta il 3 novembre con la firma

del presidente della Repubblica ceca, circa 22 mesi dopo che il trattato era stato

firmato dai capi di Stato o di governo dei 27 Stati membri e circa 20 mesi dopo

la prima ratifica da parte di uno Stato membro.

Il trattato dota l’UE di istituzioni moderne e di metodi di lavoro ottimizzati per

rispondere alle sfide di un mondo in costante cambiamento e per rafforzare la

democrazia e la capacità dell’UE di promuovere gli interessi dei suoi cittadini.

All’inizio del 2009, tutti gli Stati membri tranne quattro — la Repubblica ceca,

la Germania, l’Irlanda e la Polonia — avevano portato a termine le procedure

nazionali di ratifica.

La Germania ha completato la procedura a settembre, dopo una sentenza della

Corte costituzionale a giugno e l’adozione di nuovi testi legislativi federali

durante l’estate.

In Irlanda, l’unico Stato membro tenuto dalla sua Costituzione ad organizzare un

referendum, gli elettori hanno approvato il trattato in ottobre, con un tasso di

affluenza alle urne del 58 % e il 67 % di voti favorevoli, dopo averlo respinto in

occasione del precedente referendum del 2008. Per preparare questo secondo

referendum, il governo irlandese ha chiesto garanzie su alcune tematiche per

rispondere alle preoccupazioni dei suoi cittadini. Queste garanzie sono state

date in occasione del Consiglio europeo di giugno ( 2 ).

80

More magazines by this user
Similar magazines