Leggere Emilia Romagna - Zona Editrice

editricezona.it

Leggere Emilia Romagna - Zona Editrice

Leggere Emilia Romagna

© 2010 Editrice ZONA

È VIETATA

ogni riproduzione e condivisione

totale o parziale di questo file

senza formale autorizzazione dell’editore


Detti e filastrocche dell’Emilia e della Romagna

di Emanuele Ghelfi e Loredana Squeri

ISBN 978-88-6438-147-3

Collana LEGGERE EMILIA ROMAGNA

coordinata da Rolando Ballerini

© 2010 Editrice ZONA

via dei Boschi 244/4 - loc. Pieve al Toppo

52040 Civitella in Val di Chiana – Arezzo

tel/fax 0575.411049

www.editricezona.it – info@editricezona.it

Ufficio Stampa: Silvia Tessitore - sitessi@tin.it

Progetto grafico: Serafina - serafina.serafina@alice.it

Stampa: Digital Team - Fano (PU)

Finito di stampare nel mese di novembre 2010


Leggere Emilia Romagna

Emanuele Ghelfi - Loredana Squeri

Detti e filastrocche

DELL’EMILIA E DELLA ROMAGNA

ZNA


L a tradizione popolare dell’Emilia e della Romagna,

come quella delle altre regioni italiane, presenta una ricchezza

pressoché sconfinata di repertorio, tanto che, non

dico ogni città, ma ogni paese, per quanto piccolo, potrebbe

da solo fornire il materiale per una corposa pubblicazione.

Particolarmente arduo è stato dunque il lavoro di selezione

del materiale, che ha risentito inevitabilmente anche

del gusto dei curatori. Sono stati qui inseriti testi molto

noti, familiari, altri particolarmente curiosi, divertenti e

persino noir. Si veda per esempio quelli che fanno riferimento

alla temibile Borda (Romagna), o Bordòn (Emilia),

che affiora nelle cantilene per bambini insonni, sorta di

strega, che appare nel buio o dalle profonde nebbie di

pianura, in prossimità di torrenti o altri corsi d’acqua, e

che minaccia di uccidere chiunque la incontri.*

Tra le filastrocche, un buon numero è da collegare a

giochi infantili della tradizione, altre presentano figure

topiche dell’antropologia regionale, come la “vecchiaccia”,

derisa e temuta allo stesso tempo, o il topolino di

tante favole, a volte protagonisti insieme di alcune

filastrocche.

*. Si veda la temibile Borda (Romagna) o Bordòn (Emilia), che affiora nelle

cantilene per bambini insonni.


le filastrocche


Le seguenti filastrocche accompagnano il gioco del

cavallo, o cavallino, che consiste nel tenere il bimbo sulle

ginocchia facendolo saltellare, e fingendo alla fine di lasciarlo

cadere all’indietro.

Tru, tru, cavalein,

porta ‘l sacc al me mulei;

‘l cavalein ‘l na pol pô andà…

Tra zu ‘l sacc in mezz a la strà.

Trotta, trotta, cavallino

porta il sacco al mio mulino;

il cavallino non va più…

prendi il sacco e buttalo giù 1 .

§


Tru, tru, al me cavall,

andarum a Ciaravall, 2

al me cavall al vo pô andà…

Tra-al in mezz ad una strà.

Trotta, trotta, mio cavallo

ce ne andremo a Chiaravalle,

il mio cavallo non vuol più anda’ (andare)...

Buttalo in mezzo a una stra’ (strada).

§

Trotta, trotta, cavallon,

va a Milan a tò ‘l bombon,

va a Milan a tò la micca,

trotta, trotta, Margaritta.

Trotta, trotta, cavallone,

va a Milano a comprar un dolce,

va a Milano a comprar la micca (di pane),

trotta, trotta, Margherita.

§

Tru, tru, tru al me cavall,

andarum a Ciaravall;

Ciaravall l’è trop luntan,

g’andarum incò e d’man

incò e d’man e d’manpassa

mangiarum la turta grassa;


la turta grassa di pignô,

canta, canta, ronsignô;

ronsignô dla bella cua,

to so l‘nein e va a cà tua.

Trotta, trotta il mio cavallo,

ce ne andremo a Chiaravalle;

Chiaravalle è troppo lontana,

ci andremo oggi e domani

oggi e domani e dopodomani

mangeremo la torta grassa;

la torta grassa di pinoli,

canta, canta, oh usignolo;

usignolo dalla bella coda,

prenditi il bimbo e va a casa tua.

§


BIGLIOGRAFIA ESSENZIALE

C. ARTOCCHINI, Il folklore piacentino. Tradizioni, vita e arti popolari,

Piacenza, TEP (Tipografia Editoriale Piacentina), 1979.

G. BERNABEI (a cura di), Le tradizioni di Bologna, 3 voll., Bologna,

Edizioni Santarini, 1995.

G.P. BORGHI (a cura di), Cultura tradizionale a Monteveglio e nella

valle del Samoggia, Ferrara, Edizioni del Centro Etnografico del Comune di

Ferrara, 2006.

G. CAPACCHI, Proverbi e modi di dire parmigiani, Parma, Silva Editore,

1968.

G. CAPACCHI, Altri proverbi e modi di dire parmigiani, Parma, Silva

Editore, 1980.

U. DELSANTE (a cura di), Collecchio, come eravamo, Italia Nostra,

Parma, Graphital, 1987.

L. PEDERZANI, Proverbi e modi di dire di Parma, Colognola ai Colli

(Vr). Demetra Edizioni, 1998.

G. PITTANO-N.ZERBINATI, Ieri in Emilia-Romagna. Dialetti, tradizioni,

curiosità, Bologna, Aniballi Edizioni, 1984.

C. ROSSETTI, Noceto e le sue frazioni. Testimonianze dal passato,

Noceto, 1978.

L. SAETTI (a cura di), Storie d’Emilia- Romagna, Milano, Fabbri Editore,

1977.

G. SANTUNIONE, Il libro delle fole. Favole della tradizione popolare

raccolte nel territorio fra Modena e Bologna, Modena, Edizioni Il Fiorino,

1996.


Sommario

LE FILASTROCCHE

LE NINNE NANNE

Note

PROVERBI E MODI DI DIRE

Proverbi diffusi in Emilia e in Romagna

Proverbi del Bolognese

Proverbi legati all’agricoltura e alla meteorologia del Bolognese

Proverbi legati all’agricoltura e alla meteorologia Parmigiana

Proverbi legati a feste e ricorrenze

Proverbi legati al vino e al maiale

Proverbi e modi di dire Parmigiani

Proverbi sull’amicizia

Proverbi sulla donna

Proverbi e detti Parmigiani sull’amore

Altri detti e modi di dire Bolognesi

Bigliografia essenziale

7

33

50

53

57

59

67

70

71

72

76

78

79

81

84

91


www.editricezona.it

info@editricezona.it

More magazines by this user
Similar magazines