17.04.2013 Views

Fisica e salute Un'esperienza di lavoro: la fisica medica

Fisica e salute Un'esperienza di lavoro: la fisica medica

Fisica e salute Un'esperienza di lavoro: la fisica medica

SHOW MORE
SHOW LESS

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

<strong>Fisica</strong> e <strong>salute</strong><br />

Un’esperienza <strong>di</strong> <strong><strong>la</strong>voro</strong>: <strong>la</strong> <strong>fisica</strong> me<strong>di</strong>ca<br />

Servizio <strong>di</strong> <strong>Fisica</strong><br />

Sanitaria<br />

Azienda Ospedaliera <strong>di</strong><br />

Parma


Che cos’e’<br />

Al <strong>di</strong> <strong>la</strong>’ del<strong>la</strong> ovvia considerazione che <strong>la</strong><br />

FISICA MEDICA<br />

comprende tutti i campi del<strong>la</strong> <strong>fisica</strong><br />

applicata al<strong>la</strong> me<strong>di</strong>cina,<br />

al suo interno <strong>la</strong><br />

FISICA DELLE RADIAZIONI<br />

UTILIZZATE A SCOPO MEDICO<br />

ha storicamente giocato e continua a giocare<br />

un ruolo partico<strong>la</strong>re e privilegiato, tanto da<br />

IDENTIFICARSI QUASI<br />

COMPLETAMENTE CON ESSA


Lo spettro delle ra<strong>di</strong>azioni elettromagnetiche


Accanto alle applicazioni delle ra<strong>di</strong>azioni non ionizzanti<br />

nel<strong>la</strong> terapia …<br />

Ra<strong>di</strong>azione<br />

visibile (<strong>la</strong>ser)<br />

Applicazioni chirurgiche<br />

Ra<strong>di</strong>azione<br />

ultravioletta<br />

Fotochemioterapia<br />

Ra<strong>di</strong>ofrequenze<br />

Terapia ”<strong>fisica</strong>”


Risonanza<br />

magnetica<br />

(oltre agli ultrasuoni)<br />

… e nel<strong>la</strong> <strong>di</strong>agnosi …<br />

Imaging basato<br />

sull’assorbimento e<br />

l’emissione <strong>di</strong><br />

energia nel range<br />

delle ra<strong>di</strong>ofrequenze<br />

Ecografia Immagini generate<br />

dagli echi prodotti<br />

nell’interazione coi<br />

tessuti <strong>di</strong> un fascio<br />

<strong>di</strong> ultrasuoni


… sono soprattutto le ra<strong>di</strong>azioni ionizzanti ad avere<br />

ampie applicazioni in me<strong>di</strong>cina


La corre<strong>la</strong>zione fra <strong>la</strong> <strong>fisica</strong> delle ra<strong>di</strong>azioni ionizzanti e <strong>la</strong> me<strong>di</strong>cina e’<br />

praticamente concomitante con <strong>la</strong> loro scoperta<br />

1895 : Wilhelm Conrad Röentgen scopre i raggi X<br />

e <strong>la</strong> possibilita’ <strong>di</strong> ottenere delle ra<strong>di</strong>ografie<br />

1896 : il me<strong>di</strong>co Victor Despeignes (a Lione) annuncia il primo trattamento del<br />

cancro con i raggi X.<br />

1898 : Pierre e Marie Curie scoprono il ra<strong>di</strong>um<br />

1905: Viene riconosciuta a livello scientifico l’azione benefica<br />

del trattamento col ra<strong>di</strong>um dei tumori del<strong>la</strong> pelle


Attualmente l’uso delle ra<strong>di</strong>azioni ionizzanti e’<br />

fondamentale nei processi <strong>di</strong> <strong>di</strong>agnosi e <strong>di</strong> terapia


Ra<strong>di</strong>azioni ionizzanti nel<strong>la</strong> <strong>di</strong>agnosi:<br />

Imaging<br />

ra<strong>di</strong>ologico<br />

Ra<strong>di</strong>ologia tra<strong>di</strong>zionale<br />

TAC<br />

Applicazioni<br />

angiografiche, vasco<strong>la</strong>ri<br />

Immagini del<strong>la</strong> trasmissione<br />

attraverso il corpo <strong>di</strong> un fascio<br />

<strong>di</strong> raggi X <strong>di</strong> frenamento<br />

prodotto da un apparecchio


Ra<strong>di</strong>azioni ionizzanti nel<strong>la</strong> <strong>di</strong>agnosi:<br />

Me<strong>di</strong>cina nucleare<br />

Immagini del<strong>la</strong> <strong>di</strong>stribuzione nel<br />

corpo <strong>di</strong> un farmaco marcato con un<br />

ra<strong>di</strong>onuclide emettitore <strong>di</strong> ra<strong>di</strong>azioni<br />

γ o <strong>di</strong> positroni


Ra<strong>di</strong>azioni ionizzanti in terapia:<br />

Ra<strong>di</strong>oterapia<br />

fasci <strong>di</strong> ra<strong>di</strong>azioni <strong>di</strong> alta energia<br />

(normalmente X, γ, elettroni, in alcuni centri<br />

<strong>di</strong> ricerca protoni o ioni) prodotti da<br />

ra<strong>di</strong>onucli<strong>di</strong> o da acceleratori <strong>di</strong> particelle<br />

Sorgenti ra<strong>di</strong>oattive sigil<strong>la</strong>te introdotte in<br />

via permanente o temporanea all’interno<br />

del corpo<br />

Sorgenti ra<strong>di</strong>oattive non sigil<strong>la</strong>te veico<strong>la</strong>te<br />

all’interno del corpo da farmaci o da<br />

anticorpi<br />

cedono gran<strong>di</strong> quantita’ <strong>di</strong> energia alle cellule per <strong>di</strong>struggerle


La <strong>di</strong>agnostica con i raggi X<br />

Un fascio <strong>di</strong> raggi X <strong>di</strong><br />

frenamento che incide sul<br />

corpo ne esce rimodu<strong>la</strong>to<br />

a seguito delle <strong>di</strong>verse<br />

interazioni con i vari<br />

tessuti.<br />

Un recettore <strong>di</strong> immagini<br />

posto a valle del corpo<br />

permette <strong>di</strong> tradurre in<br />

immagine il contenuto <strong>di</strong><br />

informazioni in esso<br />

presente


Le immagini p<strong>la</strong>nari<br />

Ai recettori <strong>di</strong> immagini piu’ comuni, ( pellico<strong>la</strong> ra<strong>di</strong>ografica<br />

e recettori ottici a schermo fluorescente) si vanno sostituendo<br />

modalita’ che permettono piu’ facilmente acquisizioni<br />

<strong>di</strong>gitali (rive<strong>la</strong>tori a stato solido, semiconduttori, fosfori)


La tomografia assiale computerizzata<br />

Una sorgente <strong>di</strong> raggi X ruota attorno al paziente in<br />

modo solidale ad una schiera <strong>di</strong> rive<strong>la</strong>tori<br />

In corrispondenza <strong>di</strong> ogni posizione del<strong>la</strong> sorgente (e<br />

conseguentemente del<strong>la</strong> schiera <strong>di</strong> rive<strong>la</strong>tori) viene<br />

registrato il profilo <strong>di</strong> attenuazione ottenuto a<br />

seguito dell’attraversamento del corpo <strong>di</strong> un fascio<br />

sottile <strong>di</strong> raggi x da essa emesso.<br />

L’e<strong>la</strong>borazione delle informazioni contenute in ogni<br />

profilo permette <strong>di</strong> ottenere un’immagine (<strong>di</strong>gitale) in<br />

2 <strong>di</strong>mensioni del<strong>la</strong> sezione del paziente indagata.


Acquisizione a spirale


La <strong>di</strong>agnostica me<strong>di</strong>co-nucleare<br />

Al contrario delle immagini ra<strong>di</strong>ologiche, che vengono<br />

ottenute sfruttando l'attenuazione del fascio <strong>di</strong><br />

ra<strong>di</strong>azioni X da parte dei tessuti interposti tra<br />

l'apparecchiatura che le ha prodotte e il sistema <strong>di</strong><br />

rilevazione, le immagini me<strong>di</strong>co-nucleari vengono<br />

ottenute per mezzo del<strong>la</strong> rilevazione <strong>di</strong> ra<strong>di</strong>azioni<br />

emesse da ra<strong>di</strong>ofarmaci <strong>di</strong>stribuiti nell'organismo.<br />

E' quin<strong>di</strong> il paziente che emette le ra<strong>di</strong>azioni gamma o<br />

X che vengono registrate da apposite<br />

apparecchiature (gamma-camere, PET)<br />

in grado <strong>di</strong> ricreare l'immagine corrispondente.<br />

Dal termine "scintil<strong>la</strong>zione", che definisce il fenomeno<br />

fisico sfruttato da queste apparecchiature le<br />

immagini vengono dette "SCINTIGRAFIE".


Le varie meto<strong>di</strong>che me<strong>di</strong>co nucleari prevedono <strong>la</strong> somministrazione<br />

ai pazienti <strong>di</strong> un ra<strong>di</strong>ofarmaco (un ra<strong>di</strong>onuclide + una moleco<strong>la</strong>),<br />

scelto opportunamente in modo che si concentri nell'organo oggetto<br />

<strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o o che permetta <strong>di</strong> seguire nel tempo una partico<strong>la</strong>re<br />

funzione biologica<br />

La <strong>di</strong>stribuzione nell'organismo del ra<strong>di</strong>ofarmaco <strong>di</strong>pende dal<strong>la</strong><br />

costituzione chimico-<strong>fisica</strong> dello stesso, dal<strong>la</strong> via <strong>di</strong><br />

somministrazione, dal<strong>la</strong> capacità <strong>di</strong> attraversare barriere<br />

biologiche, dalle con<strong>di</strong>zioni metaboliche del paziente.


La immagini scintigrafiche<br />

esprimono <strong>la</strong> <strong>di</strong>stribuzione<br />

spaziale o spazio-temporale del<br />

ra<strong>di</strong>ofarmaco.<br />

Le informazioni ricavate sono<br />

esprimibili anche in forma <strong>di</strong><br />

parametri numerici,<br />

permettendo <strong>di</strong> ottenere dati<br />

<strong>di</strong> or<strong>di</strong>ne quantitativo.<br />

La peculiarità <strong>di</strong> queste<br />

immagini è, quin<strong>di</strong>, <strong>di</strong> essere<br />

"funzionali", cioè l'espressione<br />

morfologica <strong>di</strong> una funzione<br />

vitale.


Le meto<strong>di</strong>che me<strong>di</strong>co nucleari hanno avuto ed<br />

hanno un ruolo <strong>di</strong> primaria importanza nel<strong>la</strong><br />

RICERCA BIOMEDICA.<br />

Di partico<strong>la</strong>re interesse, a questo riguardo,<br />

sono le nuove possibilità fornite dal<strong>la</strong><br />

tomografia ad emissione <strong>di</strong> positroni (PET)<br />

che può utilizzare le stesse molecole che<br />

normalmente entrano nel metabolismo dei<br />

tessuti, come ad esempio il glucosio, il<br />

carbonio, l’ossigeno e l’azoto.<br />

L'uso <strong>di</strong> ra<strong>di</strong>onucli<strong>di</strong> emittenti positroni<br />

(elettroni positivi), come il Carbonio-11,<br />

l'Azoto-13, l'Ossigeno-15, il Fluoro-18,<br />

permette <strong>di</strong> marcare le molecole biologiche<br />

sostituendo uno o più isotopi stabili con il loro<br />

isotopo ra<strong>di</strong>oattivo, con il pregio <strong>di</strong> non<br />

mo<strong>di</strong>ficarne in alcun modo le altre<br />

caratteristiche fisiche e chimiche,<br />

mantenendo quin<strong>di</strong> invariate <strong>la</strong><br />

bio<strong>di</strong>stribuzione e <strong>la</strong> funzione.


Gli isotopi PET sono emettitori <strong>di</strong><br />

positroni (e + )<br />

Il positrone interagisce con un<br />

elettrone presente nel corpo del<br />

paziente ed emette 2 fotoni gamma (γ) γ)<br />

in coincidenza <strong>di</strong> energia pari a 511 KeV<br />

e + + e- -> 2γ γ


Apparecchiature utilizzate nel<strong>la</strong> <strong>di</strong>agnostica Me<strong>di</strong>co-Nucleare<br />

•gammacamera per uso generale a<br />

testata unica o a testate multiple a<br />

cristallo scintil<strong>la</strong>tore (ioduro <strong>di</strong> so<strong>di</strong>o -<br />

Na(I))<br />

•gammacamera con elettronica <strong>di</strong><br />

rive<strong>la</strong>zione in coincidenza e cristallo<br />

spesso a NaI(Tl)<br />

•Tomografo PET (BGO)<br />

Ciascuno <strong>di</strong> questi apparecchi e’ collegato con un<br />

sistema <strong>di</strong> e<strong>la</strong>borazione, che è componente<br />

essenziale del sistema <strong>di</strong> rive<strong>la</strong>zione, in quanto ne<br />

gestisce <strong>la</strong> rego<strong>la</strong>zione, le modalità <strong>di</strong><br />

funzionamento e <strong>di</strong> acquisizione, l'e<strong>la</strong>borazione<br />

delle varie indagini e <strong>la</strong> riproduzione delle immagini.


•FUSIONE DI IMMAGINI MORFOLOGICHE e<br />

FUNZIONALI<br />

•PET-TC


… e perciò, gia’<br />

dall’inizio del secolo<br />

sono state<br />

utilizzate per <strong>la</strong><br />

terapia dei tumori<br />

1933 - Ex voto <strong>di</strong> un paziente guarito da un<br />

trattamento <strong>di</strong> cobaltoterapia


LA RADIOTERAPIA<br />

La ra<strong>di</strong>oterapia è quel<strong>la</strong> branca del<strong>la</strong> me<strong>di</strong>cina<br />

specialistica che impiega le ra<strong>di</strong>azioni ionizzanti per<br />

produrre un effetto ra<strong>di</strong>obiologico <strong>di</strong>struttivo sul<br />

tessuto neop<strong>la</strong>stico.


L’obiettivo principale è<br />

riuscire a somministrare<br />

il massimo <strong>di</strong> dose al<br />

volume bersaglio<br />

(neop<strong>la</strong>sia) e nel<br />

contempo salvaguardare i<br />

tessuti sani circostanti.<br />

LA DOSE ASSORBITA<br />

E’ il rapporto tra l’energia ceduta dalle ra<strong>di</strong>azioni ionizzanti al<strong>la</strong><br />

materia in un dato elemento <strong>di</strong> volume e <strong>la</strong> massa M <strong>di</strong> tale volume<br />

(energia per unità <strong>di</strong> massa).<br />

L’andamento ideale<br />

del<strong>la</strong> dose sul volume<br />

bersaglio.<br />

neop<strong>la</strong>sia<br />

E’ UN SOGNO!


LE TECNICHE DI TRATTAMENTO RADIOTERAPICO<br />

RADIOTERAPIA ESTERNA CON<br />

FASCI COLLIMATI<br />

Consiste nell’irra<strong>di</strong>azione del<br />

paziente con sorgenti <strong>di</strong><br />

ra<strong>di</strong>azioni esterne. Il fascio<br />

prodotto collimato viene <strong>di</strong>retto<br />

verso il foco<strong>la</strong>io tumorale.<br />

Ne sono un esempio le terapie<br />

effettuate con acceleratore<br />

lineare (X <strong>di</strong> energia fino a 25<br />

MeV, elettroni <strong>di</strong> alta energia),<br />

con <strong>la</strong> cobaltoterapia (gamma <strong>di</strong><br />

energia circa 1 MeV) e con <strong>la</strong><br />

roentgenterapia (X <strong>di</strong> energia<br />

fino a circa 300 keV).


LE TECNICHE DI TRATTAMENTO RADIOTERAPICO<br />

BRACHITERAPIA<br />

impiega isotopi ra<strong>di</strong>oattivi (Cs137, Ir192, I125…) che<br />

vengono posizionati a contatto o all’interno <strong>di</strong> una<br />

lesione neop<strong>la</strong>stica .E’ in<strong>di</strong>cata per il trattamento <strong>di</strong><br />

tumori con estensione limitata e circoscritta situati in<br />

regioni anatomiche facilmente accessibili.<br />

RADIOTERAPIA INTRAOPERATORIA<br />

(tecnica in espansione)<br />

Consiste nell’irra<strong>di</strong>azione del<br />

paziente durante l’intervento<br />

chirurgico con sorgenti <strong>di</strong><br />

ra<strong>di</strong>azioni esterne (elettroni <strong>di</strong> alta<br />

energia).


L’ITER RADIOTERAPICO<br />

Proprio perche’ richiede una grande accuratezza nel determinare<br />

<strong>la</strong> dose somministrata sia agli organi bersaglio che ai tessuti<br />

sani, il processo ra<strong>di</strong>oterapico e’ estremamente complesso.<br />

Bisogna infatti<br />

localizzare e ricostruire<br />

tri<strong>di</strong>mensionalmente (partendo da<br />

immagini TAC) <strong>la</strong> parte anatomica da<br />

irra<strong>di</strong>are, con le sue caratteristiche<br />

<strong>di</strong> densita’


L’ITER RADIOTERAPICO<br />

•Realizzare il piano <strong>di</strong> trattamento,<br />

cioe’ scegliere l’energia del fascio<br />

ra<strong>di</strong>ante più adeguata e <strong>la</strong> migliore<br />

geometria dei campi <strong>di</strong> irra<strong>di</strong>azione<br />

necessaria a dare <strong>la</strong> dose prescritta dal<br />

me<strong>di</strong>co schermando se possibile i tessuti<br />

sani (Il fisico fa queste cose<br />

utilizzando evoluti sistemi <strong>di</strong> calcolo)<br />

•Verificare durante il trattamento se <strong>la</strong><br />

dose pianificata corrisponde a quel<strong>la</strong><br />

effettivamente erogata e se il<br />

posizionamento del paziente si mantiene<br />

corretto.


MEDICINA NUCLEARE e TERAPIA :<br />

Si somministrano, generalmente ra<strong>di</strong>ofarmaci allo scopo <strong>di</strong> ottenere <strong>la</strong><br />

loro localizzazione nelle zone del corpo da sottoporre a terapia e <strong>di</strong><br />

cedere loro “tutta” <strong>la</strong> loro energia<br />

I ra<strong>di</strong>ofarmaci che vengono usati in terapia sono <strong>di</strong>versi rispetto a<br />

quelli usati in <strong>di</strong>agnostica perchè emettono ra<strong>di</strong>azioni beta che<br />

<strong>di</strong>ssipano tutta <strong>la</strong> loro energia in uno spazio molto piccolo (


I primi compiti del<strong>la</strong> <strong>fisica</strong> applicata al<strong>la</strong> me<strong>di</strong>cina<br />

Conoscere e quantificare le interazioni<br />

delle ra<strong>di</strong>azioni ionizzanti con <strong>la</strong><br />

materia vivente allo scopo <strong>di</strong><br />

•padroneggiare il loro utilizzo per<br />

produrre immagini o attuare terapie<br />

•proteggersi dagli effetti dannosi<br />

indesiderati prodotti da tali interazioni


La professionalita’ del fisico e’ necessaria per un utilizzo<br />

ottimale <strong>di</strong> queste applicazioni cliniche<br />

• verifica e mantenimento e miglioramento del<strong>la</strong> QUALITA’<br />

• verifica, mantenimento e miglioramento del<strong>la</strong> SICUREZZA<br />

nell’uso delle ra<strong>di</strong>azioni (sia per il paziente che per<br />

l’operatore)<br />

•introduzione e messa a punto <strong>di</strong> NUOVE TECNICHE<br />

<strong>di</strong>agnostiche e terapeutiche


Negli attuali impieghi <strong>di</strong>agnostici delle ra<strong>di</strong>azioni ionizzanti<br />

IL FISICO<br />

•Misura le dosi da ra<strong>di</strong>azioni ionizzanti ai pazienti e ai<br />

<strong>la</strong>voratori suggerendo e adottando misure per <strong>la</strong> loro<br />

ottimizzazione<br />

•Control<strong>la</strong> le prestazioni delle instal<strong>la</strong>zioni, degli<br />

apparecchi <strong>di</strong> misura, e <strong>di</strong> calcolo<br />

•Assicura <strong>la</strong> sicurezza ra<strong>di</strong>ologica dei pazienti, del<br />

personale e del pubblico<br />

•Attua le norme <strong>di</strong> ra<strong>di</strong>oprotezione ed e’ responsabile del<strong>la</strong><br />

stesura delle procedure autorizzative per l’impiego <strong>di</strong><br />

materiale ra<strong>di</strong>oattivo<br />

•Partecipa al<strong>la</strong> scelta dei materiali e delle attrezzature e<br />

all’introduzione <strong>di</strong> nuove tecnologie<br />

•Contribuisce allo sviluppo, al<strong>la</strong> realizzazione,<br />

all’ottimizzazione dei protocolli d’esame, al<strong>la</strong> messa in<br />

opera <strong>di</strong> tecniche partico<strong>la</strong>ri e innovative <strong>di</strong> indagine<br />

•Da’ supporto all’utilizzo dei software<br />

• E’ coinvolto nel<strong>la</strong> formazione del personale


L’ATTIVITA’ DEL FISICO IN<br />

RADIOTERAPIA<br />

definizione delle caratteristiche tecniche,<br />

instal<strong>la</strong>zione, messa in funzione delle apparecchiature<br />

che producono ra<strong>di</strong>azioni ionizzanti e monitoraggio delle<br />

prestazioni<br />

piani <strong>di</strong> trattamento ra<strong>di</strong>oterapici (2 e 3d) per<br />

trattamenti esterni e brachiterapia;<br />

gestione tecnica e controlli <strong>di</strong> qualita' delle<br />

apparecchiature <strong>di</strong> ra<strong>di</strong>oterapia (telecobaltoterapia,<br />

acceleratori, simu<strong>la</strong>tore, unita' <strong>di</strong> brachiterapia)<br />

dosimetria dei fasci ra<strong>di</strong>anti e delle sorgenti<br />

ra<strong>di</strong>oattive;<br />

dosimetria del paziente e procedure <strong>di</strong> set-up;<br />

gestione delle immagini.<br />

Ra<strong>di</strong>oprotezione degli operatori


INTUIRE<br />

CALCOLARE<br />

COLLABORARE<br />

VALUTARE<br />

MISURARE


Gli strumenti <strong>di</strong> <strong><strong>la</strong>voro</strong> del fisico me<strong>di</strong>co (1)<br />

Camere a ionizzazione,<br />

elettrometri, dosimetri<br />

a stato solido, fantocci,<br />

sistemi <strong>di</strong><br />

spettrometria,<br />

workstations, sistemi<br />

informatici ...


Gli strumenti <strong>di</strong> <strong><strong>la</strong>voro</strong> del fisico me<strong>di</strong>co (2)<br />

...Rigore metodologico<br />

curiosita’<br />

flessibilita’<br />

capacita’ <strong>di</strong> <strong><strong>la</strong>voro</strong> autonomo<br />

apertura al <strong><strong>la</strong>voro</strong> in équipe anche<br />

con figure professionali <strong>di</strong>verse<br />

(me<strong>di</strong>ci, tecnici,<strong>di</strong>rigenza aziendale)<br />

***<br />

Consapevolezza del<strong>la</strong> “missione”<br />

aziendale (si <strong>la</strong>vora in un ospedale, per i<br />

pazienti e a volte a contatto con loro)<br />

analisi<br />

sperimentazione


Per fare tutto cio’ nell’Azienda Ospedaliera <strong>di</strong> Parma, che ha…<br />

156.046 mq. <strong>di</strong> superficie occupata<br />

610.489 mc. <strong>di</strong> volume degli e<strong>di</strong>fici<br />

290.000 mc. <strong>di</strong> e<strong>di</strong>fici in costruzione o ristrutturazione<br />

22 pa<strong>di</strong>glioni<br />

3.400 operatori <strong>di</strong> cui:<br />

612 me<strong>di</strong>ci<br />

1.536 infermieri<br />

371 miliar<strong>di</strong> <strong>di</strong> fatturato.<br />

circa 61.000 ricoveri<br />

complessivi:<br />

1.300.000 prestazioni<br />

ambu<strong>la</strong>toriali.<br />

32 sale operatorie.<br />

1420 posti letto<br />

4 apparecchi per<br />

ra<strong>di</strong>oterapia<br />

4 apparecchiature <strong>di</strong><br />

Me<strong>di</strong>cina nucleare<br />

2 apparecchi a risonanza<br />

magnetica<br />

4 TAC<br />

3 angiografi<br />

circa 60 apparecchi<br />

ra<strong>di</strong>ologici<br />

2 centri <strong>la</strong>ser


IL SERVIZIO DI FISICA SANITARIA DELL’AZIENDA<br />

OSPEDALIERA DI PARMA<br />

Direttore Adriano Borrini<br />

Fisici Dirigenti Elena Restori<br />

Giovanna Benecchi<br />

Elena Ca<strong>la</strong>bri<br />

Silvano Filice<br />

Caterina Ghetti<br />

Raffael<strong>la</strong> Rossi<br />

Analista Giovanni Campanini<br />

Fisico Frequentatore Antonio Ciccarone<br />

Tecnici san. <strong>di</strong> ra<strong>di</strong>ologia me<strong>di</strong>ca: Maria Grazia Bianchi<br />

Andrea Pio<strong>la</strong><br />

Luigi Ro<strong>la</strong>n<strong>di</strong><br />

Antonel<strong>la</strong> Rolli<br />

Coa<strong>di</strong>utore Amministrativo: Cristina Monar<strong>di</strong>


Come si forma un fisico me<strong>di</strong>co<br />

Attraverso una specializzazione post-<strong>la</strong>urea presso una delle<br />

SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE IN FISICA SANITARIA<br />

presenti in Italia:<br />

•Università Cattolica <strong>di</strong> Roma<br />

•Università <strong>di</strong> Mi<strong>la</strong>no<br />

•Università <strong>di</strong> Bologna<br />

•Università <strong>di</strong> Pisa<br />

•Università <strong>di</strong> Torino<br />

•Università <strong>di</strong> Roma "Tor Vergata"<br />

•Università <strong>di</strong> Napoli "Federico II"<br />

•Università <strong>di</strong> Roma "La Sapienza"<br />

•Università <strong>di</strong> Firenze<br />

•Università <strong>di</strong> Messina<br />

•Università <strong>di</strong> Genova


Quali prospettive <strong>di</strong> <strong><strong>la</strong>voro</strong> ha un fisico me<strong>di</strong>co<br />

•ospedali pubblici<br />

•ospedali privati<br />

•universita’<br />

•istituti <strong>di</strong> ricerca (es. ricerca sul cancro)<br />

•libera professione nell’esercizio del<strong>la</strong><br />

ra<strong>di</strong>oprotezione<br />

•aziende del settore<br />

•ARPA (<strong>fisica</strong> ambientale)<br />

(ruolo <strong>di</strong>rigenziale)<br />

Concorso<br />

pubblico (dopo<br />

specialita’)<br />

Contratti a tempo determinato (a volte<br />

anche prima del <strong>di</strong>ploma <strong>di</strong> specialita’)

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!