Tavole di sintesi - Comune di Empoli

comune.empoli.fi.it

Tavole di sintesi - Comune di Empoli

Variante di azzonamento in località Avane

COMUNE COMUNE DI DI EMPOLI EMPOLI

SETTORE SETTORE PIANIFICAZIONE PIANIFICAZIONE DEL DEL

TT EE RR RR II TT OO RR II OO

Servizio Servizio urbanistica urbanistica

UFFICIO U F F I C I O DI D I PIANO

P I ANO

Ing. I n g . Carla C a r l a SSantoni a ntoni

( ( DD ii rr ii gg ee nn tt e e ) )

Arch Arch. . MMario a r i o LLopomo o p o m o

Arch. Arch . DDaniele a n i e l e AAlamia l a m i a

Arch. Arch . CChiara h i a ra Lo Lotti t t i

Arch. Arch. Cinzia Cinzia Bartolozzi

Bartolozzi

Arch. Arch. Andrea Andrea Bonatti

Bonatti

Responsabile Responsabile del del procedimento

procedimento

TAVOLE


PISA

LA ZONA D’INTERVENTO

OSPEDALE

FIRENZE

EMPOLI

CENTRO

Variante di azzonamento in località Avane

Localizzazione

La frazione di Avane è un centro storico minore situato ad ovest di

Empoli, in una fascia della sponda sinistra del fiume Arno.

Rappresenta, con altri centri centri minori, un corollario corollario di antichi

insediamenti abitativi sparsi sparsi nel territorio empolese, empolese, che negli ultimi

trenta anni sono stati inglobati nell'espansione nell'espansione urbana della città,

pur conservando i caratteri caratteri di borgo borgo agricolo in stretto rapporto con il

fiume fiume Arno.

Avane ha subito subito nel tempo tempo un inurbamento che non ha ha garantito la

salvaguardia della sua identità storica e, nel tentativo tentativo di riacquisirla,

è divenuta protagonista di di una serie di di studi studi ed ed atti pianificatori che

ad oggi non hanno ancora trovato una conclusione.

La frazione è stata inclusa nell'UTOE nell'UTOE 2, la cosiddetta “città

sfrangiata”, in quanto comprende comprende espansioni residenziali recenti ed

episodi episodi edilizi d'impianto storico storico creanti un tessuto tessuto di di aree disuguali

e caratterizzate caratterizzate dalla mancanza mancanza di un disegno urbano riconoscibile.

L’area L’area di studio studio è compresa tra via di Magolo, via della della Chiesa di

Avane e via via di Avane per un’estensione di circa 14000 14000 mq..

N.pagina

Responsabile Responsabile del del procedimento

procedimento

Il Dirigente di Settore

1

Andrea Bonatti

Ing. Carla Santoni


Estratto Regolamento urbanistico vigente - previsione inefficace a far data dal 26/01/2010, ai

sensi dell’art. 55 comma 6, della Legge Regione Toscana 3 Gennaio 2005 n. 1.

Scala 1:2000

Variante di azzonamento in località Avane

N.pagina

Responsabile Responsabile del del procedimento

procedimento

Il Dirigente di Settore

2

Andrea Bonatti

Ing. Carla Santoni


Estratto Piano Strutturale

Carta dello Statuto dei luoghi Tavola n. 1.1 Scala 1:10000

Variante di azzonamento in località Avane

N.pagina

Responsabile Responsabile del del procedimento

procedimento

Il Dirigente di Settore

3

Andrea Bonatti

Ing. Carla Santoni


Estratto Piano territoriale di coordinamento

Carta dello Statuto del territorio Tavola n. 1.1 Scala 1:10000

Variante di azzonamento in località Avane

N.pagina

Responsabile Responsabile del del procedimento

procedimento

Il Dirigente di Settore

4

Andrea Bonatti

Ing. Carla Santoni


Estratto Regolamento urbanistico variante - prima proposta

Scala 1:2000

Variante di azzonamento in località Avane

N.pagina

Responsabile Responsabile del del procedimento

procedimento

Il Dirigente di Settore

5

Andrea Bonatti

Ing. Carla Santoni


Estratto Regolamento urbanistico variante - proposta definitiva

Scala 1:2000

Variante di azzonamento in località Avane

N.pagina

Responsabile Responsabile del del procedimento

procedimento

Il Dirigente di Settore

5 b i s

Andrea Bonatti

Ing. Carla Santoni


La Scheda norma vigente

Variante di azzonamento in località Avane

La Norma vigente

N.pagina

Responsabile Responsabile del del procedimento

procedimento

Il Dirigente di Settore

6

Andrea Bonatti

Ing. Carla Santoni


L’azzonamento funzionale

Variante di azzonamento in località Avane

Il vigente regolamento urbanistico ha

inserito l'area in una zona territoriale

omogenea C, disciplinata da Piano

Urbanistico Attuativo PUA scheda

Norma n° 2.7 che ha perso efficacia ai

sensi del co. 6 dell’art. 55 della L.R.T.

1/2005.

Nel comparto era prevista una

trasformazione tramite un Piano

Urbanistico attuativo di iniziativa

pubblica, il cui obiettivo era la

riqualificazione del tessuto edilizio

esistente, rafforzando la struttura e

l'identità dei luoghi. La scheda norma

prevedeva che l'attuazione del piano

sarebbe stata affidata all'approvazione

di un project financing (ex art. 37 bis

L.415/98 e dal D. Lgsl. 163/2006

artt.153-160), che avrebbe permesso il

coinvolgimento di soggetti privati nella

realizzazione e gestione delle opere

pubbliche.

Proprio la difficoltà di reperire

operatori privati interessati ad una

operazione di finanza di progetto,

unitamente alla relativa complessità

della procedura, ha generato un

ripensamento da parte

dell'amministrazione sulla fattibilità

del PUA, evidenziando la necessità di

avviare un iter diverso che portasse

comunque alla riqualificazione

funzionale della frazione di Avane.

Con Del. G. C. n° 14 del 26/01/2009 si è

formalizzato l'avvio del procedimento

per una Variante al Regolamento

urbanistico e alla scheda norma 2.7

con l'obiettivo primario di definire una

procedura di attuazione di minor

complessità e di più rapida attuazione,

richiamando il dimensionamento del

Piano Particolareggiato di iniziativa

pubblica disciplinato dal vigente atto

di governo del territorio.

In particolare la proposta di variante

persegue i seguenti obiettivi specifici:

- Valorizzare il patrimonio comunale;

- Rendere l'area utilizzabile in tempi

brevi;

- Aumentare l'offerta di edilizia

residenziale sociale promuovendo la

riqualificazione funzionale della

frazione.

N.pagina

Responsabile Responsabile del del procedimento

procedimento

Il Dirigente di Settore

7

Andrea Bonatti

Ing. Carla Santoni


Le funzioni

RESIDENZA ATTREZZATURE

PARCHEGGI

PUBBLICI

PERCORSI

CARRABILI

VERDE

PUBBLICO

Variante di azzonamento in località Avane

Le nuove previsioni trovano

una localizzazione all'interno

dei lotti definiti dal nuovo assetto:

due lotti a destinazione

residenziale, riclassificati come

ambiti suscettibili di

completamento B2

(analogamente agli ambiti di

completamento residenziale

contermini), una zona a

destinazione attrezzature e servizi

SQ/A e l'individuazione di aree

destinate alle opere di

urbanizzazione primaria (verde e

parcheggi pubblici).

Tra queste ultime si prevedono

circa 3.300 mq destinati a verde

pubblico e 2.300 mq destinati a

parcheggi pubblici, oltre alla

riqualificazione di strade esistenti

ed alla realizzazione di strade

pedonalizzate a traffico rallentato

e limitato.

La pianificazione tenta la coesione

tra le varie aree, ad oggi

fortemente disgregate, attraverso

la collocazione delle opere

d'urbanizzazione, rendendole

protagoniste

disegno urbano.

di un ritrovato

Il disegno planivolumetrico illustra

la presenza di una piazza ed un

giardino pubblici, quali fulcri

aggregativi in stretto rapporto con

le strutture a servizi già esistenti

di Casa Cioni e della Casa del

Popolo.

Tali elementi urbani sono ubicati in

posizione centrale sulla strada che

divide il nucleo storico, a costituire

una nuova quinta urbana che si

apre verso le nuove realizzazioni

edilizie.

la configurazione delle aree e dei

volumi non ha carattere

prescrittivo

Il disegno restituito ha in

particolare lo scopo di individuare,

in maniera sintetica e non tecnica,

gli interventi di competenza

pubblica .

N.pagina

Responsabile Responsabile del del procedimento

procedimento

Il Dirigente di Settore

8

Andrea Bonatti

Ing. Carla Santoni


FOTO INSERIMENTO INTERVENTO

Variante di azzonamento in località Avane

Sul lato sinistro, sono messe a paragone la vista attuale e il

fotomontaggio

urbanistica.

del progetto guida a corredo della variante

Sopra, due viste a volo d'uccello del progetto planivolumetrico.

La configurazione e la morfologia delle aree e dei nuovi volumi è

indicativa e non possiede un carattere prescrittivo.

La variante al Regolamento Urbanistico ha la finalità di consentire

una diversa procedura attuativa, che permetta, diversamente dalla

situazione vigente, la realizzazione delle quantità previste

dall’attuale scheda norma, tramite interventi edilizi diretti pubblici e

privati tra loro funzionalmente correlati.

La cessione delle aree delle aree di proprietà comunale avverrà

tramite bandi pubblici che dovranno garantire la costruzione di

edifici residenziali convenzionati con l’amministrazione finalizzati ad

offrire un certo numero di alloggi, destinabili alla vendita a prezzi

concordati o all’affitto a canoni agevolati.

Le opere di urbanizzazione primaria e secondaria verranno realizzate

direttamente dall’amministrazionei, secondo un progetto esecutivo

redatto dal Settore competente, sulla base della variante

urbanistica.

3

N.pagina

Il Il Dirigente Dirigente di di Settore Settore Responsabile Responsabile Responsabile del del del procedimento

procedimento

procedimento

9

Andrea Bonatti

Ing. Carla Santoni


FOTO INSERIMENTO INTERVENTO

Variante di azzonamento in località Avane

Sul lato sinistro, sono messe a paragone la vista attuale e il

fotomontaggio

urbanistica.

del progetto guida a corredo della variante

Sopra, due viste a volo d'uccello del progetto planivolumetrico.

La configurazione e la morfologia delle aree e dei nuovi volumi è

indicativa e non possiede un carattere prescrittivo.

La variante persegue i seguenti obiettivi:

- aumentare l'offerta di edilizia residenziale sociale;

- contribuire alla riqualificazione funzionale di un'area oramai

effettivamente centrale nel contesto cittadino;

- realizzare interventi di qualità sotto il profilo tecnologico, del

risparmio energetico e sostenibilità ambientale

-rafforzarel'identitàdiAvane,attraversoilmiglioramentoe

completamento delle attrezzature a servizi, degli spazi pubblici e

il sistema del verde.

N.pagina

Il Il Dirigente Dirigente di di Settore Settore Responsabile Responsabile Responsabile del del del procedimento

procedimento

procedimento

10

Andrea Bonatti

Ing. Carla Santoni


Fotoinserimento opere di urbanizzazione

Le fotografie ed i fotoinserimenti, intendono fornire un utile rappresentazione dello stato dei luoghi e dei cambiamenti che potranno attuarsi in questo comparto.

Le opere pubbliche previste nel progetto preliminare che accompagna la variante di piano urbanistico riguardano aree a verde attrezzato e urbano, aree a parcheggi pubblici e strade.

Il verde attrezzato occuperà la vasta area circostante Casa Cioni e sarà dotato di una spazio giochi, di panchine, di un sistema d'illuminazione che risponda a criteri di sostenibilità energetica.

Per tutto il sistema del verde attrezzato , le essenze da impiantare saranno scelte ai sensi dell'art. 116 del Regolamento Urbanistico Comunale.

Le aree a parcheggio saranno 4, dislocate in zone strategiche che ne agevolano l'occupazione e la facile circolazione. Dovranno essere utilizzati pavimentazioni parzialmente drenanti ed un sistema

d'illuminazione che risponda a criteri di sostenibilità energetica.

A collegamento delle aree sopra descritte è previsto un sistema di “strade silenziose” pedonali e carrabili in cui una serie di accorgimenti tecnici quali dissuasori di transito, cambiamenti di quota e di

pavimentazione, dovranno garantire la giusta gerarchizzazione dei percorsi riservando la massima attenzione ai rapporti fra il traffico veicolare e quello pedonale.

I due lotti a destinazione residenziali, di proprietà comunale, sono entrambi disciplinati dalle prescrizioni per le zone B2, art. 55 Norme del RU. Il lotto 2 viene suddiviso in due sub-lotti con la medesima

potenzialità edificatoria.

L'area ad attrezzature e servizi si estende su una superficie utile lorda edificabile di 1.114,60 mq.

L'edificio di Casa Cioni (mq 285,40), di cui è già previsto il risanamento conservativo, ospiterà le attività del “Centro Giovani Avane”.

E' prevista, nella parte prospiciente Casa Cioni, una piazza di circa mq 420 ad uso collettivo, per feste rionali nonché a servizio del Centro Giovani che occuperà la casa.

La configurazione e la morfologia delle aree e dei nuovi volumi è indicativa e non possiede un carattere prescrittivo.

Il disegno restituito ha in particolare lo scopo di individuare, in maniera sintetica e non tecnica, gli interventi di competenza pubblica.

Variante di azzonamento in località Avane

N.pagina

Responsabile Responsabile del del procedimento

procedimento

Il Dirigente di Settore

11

Andrea Bonatti

Ing. Carla Santoni


Schema delle metrature zonizzazione

Variante di azzonamento in località Avane

N.pagina

Responsabile Responsabile del del procedimento

procedimento

Il Dirigente di Settore

12

Andrea Bonatti

Ing. Carla Santoni

More magazines by this user
Similar magazines