Untitled

scans.library.utoronto.ca

Untitled

-CD


LA

CIVILTA CATTOLICA

ANNO QUARANTESIMOTERZO

SI decembre 1891,


LA

CIVILTA GATTOLICA

ANNO QUAKANTESIMOTERZO

Beatus populus cuius Dominus Deus eius.

PSALM. CXLIII, 18.

VOL. I.

BELLA SERIE DECIMAQUINTA

ROMA

PBESSO ALESSANDRO BEFANI

VIA CELSA, 8

presso la Piazza del Gesu

1892


B - 41957

PROPRIETA LETTERARIA


SANCTISSIMI DOMINI NOSTEI

LEONIS

DIVINA PROVIDENTIA

IN CONSISTORIO HABITA

DIE XIV DECEMBRIS AN. MDCCCLXXXXI.

Venerabiles Fratres,

Non est opus raulta disserere apud vos, ut intelligatis do-

mesticum cum Ecclesia certamen, quamvis non uno semper

tenore violentiae geratur, verissime tamen in dies ingrave-

scere. Plus nimio italicarum rerum per se loquitur cursus.

Videlicet premit atque urget vecordia pertinax iniraicorum,

quibus circumventi sumus: qui arte confisi dispari, partim

quidem propalam atque acerbe grassantur, alii per occultum

-et in speciem lenius. Unum genus est eorum, qui infensutn

aniraum dissimulare adeo non curant, ut potius prae se fe-

rant: iique vulgo iactantes, hostilia quaelibet adversus Pon-

tificem romanum, ut adversus hostem, audenda, novas iniu-

riarum caussas quotidie exquirunt, ac velut aperto praelio di-

Venerabili Fratelli,

Non fa bisogno di molte parole a rendervi persuasi che il domestico

conflitto colla Chiesa, sotto forme or piu or meno violente, si va facendo

in realta di giorno in giorno piu grave. Parla purtroppo da se 1' anda-

mento delle cose italiche. E visibile il reo procedere dei nemici che

Ci stringono ed incalzano pertinacemente da ogni lato. Non tutti s'argo-

mentano di tenere lo stesso modo : gli uni vanno dirittamente allo scopo,

senza velo e senza ritegno: gli altri tramano sotto parvenze men dure.

I primi, lungi dal curarsi di celare i lor biechi propositi, ne fanno anzi

profcssione aperta : e denunziando il Papato

come un nemico da doversi

in ogni piu fiera guisa combattere, vanno continuamente in cerca di prelesti

a novelli affronti e lo sfidano ad aperta battaglia. A tacere di cose


6 SANCTISSIMI D. N. LEONIS DIVINA PROVIDENTIA PAPAE XIII.

micant. Remotiora ne repetaraus, recens est earum memoria

rerum, quas Octobri proximo in oculis prope Nostris patra-

vere. Nimirum cum tarn luculentas signiflcationes tantae rnul-

titudjnis asperrime paterentur, adeoque perturbare

eas omni

conditione decrevissent, effudere sine modestia sine modo quod

habebant clausum in pectore: nil veriti exagitare, sine iusta

caussa, atrociter dictis factisque homines innoxios, pietate non

civilibus studiis peregre advectos: itemque lacessere, Roma

teste, Pontificem, mistis inter convicia minis. Nunc progress!

longius, ciere scriptis, concionibus, Italia tota multitudinem,

connixi per suffragia popularia evincere ut agatur cum lesu

Christi Vicario durius, nee plus ei relinquatur iuris, quam

quantum privato cuilibet lege tribuitur. Neque tamen is prave

coeptorum futurus finis: se quippe velle fatentur pontificatum

ipsum perimere, huiusque rei caussa nequaquam recusaturos r

si quando facultas inciderit, ad vim descendere. Id quidem

palam non audent pars altera inimicorum: quin

etiam exer-

citas cum Ecclesia inimicitias verbis tegunt, aut quaesita ex-

cusatione defendunt. Porro moderationem praeferunt, callidi-

piu remote, assai fresca e la memoria dei falti, a cui quasi sotto gli occhi

Nostri trascesero nel mese di ottobre. Inaspriti a quelle eloquenti mani-

festazioni di si folte schiere, e postosi in cuore di guastarle a ogni costo r

diedero sfogo senza pudore ne misura ai sentimenti che covavano in seno.

Non ebbero ribrezzo d'inveire crudelmente a parole e fatti, senza propor-

zionata cagione, contro pacifici slranieri, da pieta filiale non da mire po-

litiche guidati : e d'infellonire similmente al cospetto di Roma contro il

Pontefice, contumelie mescolando e minacce. Ed ora trascorsi piu oltre,

eccoli intesi da un capo all'altro della penisola ad istigarc con adunsnz^

e scritti le moltitudini, per vincere che vie piu dura sia resa la condi-

zione del Vicario di Gesu Cristo, ne sia consentito a lui altro diritto, da

queilo in fuori che accordano le leggi all' ultimo dei cittadini. E neppure

si terrebbero paghi a do: poich dichiarano di voler colpire a morte il

Papato in se stesso, risoluti di adoperare a tal uopo anche la forza, poslo

che ne venga il buon destro.

Di tanto non sono osi apertamente gli altri: che anzi il fatto di ni-

micare la Chiesa lo dissimulano, o si sforzano di ginstificarlo. Ostentano-

moderazione, ed e scaltrezza: essendo, a vero dire, fuor di dubbio che


ALLOCUTIO 7

tate utuntur: exploratum est enim, si verum quaeritur, idem

hos ipsos petere, idemque velle, quod alteros. Quid enim est,

quod oppugnatores christiani nominis acerrimos et apertos,

etiam cum continere publica auctoritate possent, non conti-

nent? Illud peius, quod in populo contumaciam atque odia

ipsimet exasperant, quando notare Pontiflcem perinde audent

atque italicis rebus minaciter imminentem. Quod si abrogari

certas leges nolunt, quarum species est impertire aliquid Sedi

Apostolicae praesidii, idcirco nolunt, quia consiliis suis expedit

nolle. Eas enim intelligunt ad excusationem valere foris, ad

tutelam domi: praeterea quo minus rei catholicae noceatur

non admodum obstare. Revera quod nonnulli ex ipsis eorum

partibus fassi sunt, complura vidimus perniciosa Ecclesiae,

iniqua Pontifici, nihil iis impedientibus legibus, constituta.

Vereri se quidem pontiflcalem potestatem testantur: sed hanc

ipsam potestatem

divinitus Pontifici traditam moliuntur de-

scriptis a se finibus cohibere, obstinatissimi inter omnes in eo

ut et doctrina et re obnoxiam faciant Ecclesiam principatui.

Similique ratione integrum cuique ac tutum nuntiant, ad Pon-

tificem e quibusvis terrarum partibus, obsequii caussa, adire ;

^spirano anch'essi con eguale ardore alia meta degli altri. E infatti avendo

pur modo di frenar sovente coll'autorita pubblica i piu

fieri e dichiarati

assalitori della religione, come va che non li frenano? E fanno anche di

peggio: essi medesimi si rendono istigatori di contumacia e di odio, quando

osano additare alle plebi il Pontefice in attitudine di minaccia rispetto

all' Italia. Che se oppongonsi all'abolizione di certe leggi, le quali hanno

sembianza di favorire in qualche guisa la Santa Sede, egli e che ai loro

disegni torna meglio 1'opporvisi. Dacche intendono bene che quelle por-

gono loro grande opportunita a giustificarsi

dentro; e che esse inoltre Don sono guari

di fuori e consolidarsi al di

di ostacolo al mal talento di

offendere la religione. E infatti, come pur fu confessato da alcuni del

partito, non impedirono punto

che molte cose si sanzionassero nocive alia

Chiesa, offensive al Pontefice. --Si protestano di rispettare la potesta

spirituale: ma a questa potesta medesima, che il Papa tiene da Dio, presumono

di assegnar confini a loro talento, essi che sono e in teoria e in

pratica i piu pertinaci a voler la Chiesa soggetta

allo Stato. Similmente

ibero affermano e sicuro 1'accorrere d'onde che sia a far omaggio al Pon-


8 SANCTISSIMI D. N. LEONIS DIVINA PROVIDENTIA PAPAE XIII.

re taraen ipsa, in tarn insigni iniuriarum licentia, deterreri

externos necesse est insolentia plebis. Ita Nobis, utriusque

generis adversariorum opera, vel ipsa alloquendi audiendi

commercia non parura praepediuntur : et ad minimam quamque

occasionem illustratur et erumpit, quod initio diximus, vexari

Nos quotidie indignius, atque in mediis difflcultatibus perpetuo-

luctari. Quae quidem si tot ac tantae sunt in pace rebusque

compositis, nemo potest satis perspicere quorsum evasurae r

si quid subitum ingruat, praesertim comraotis suspicionibus

belli.

Unde vero factum, ut hostilium vis animorum novissima

tempore inardesceret ? Nos profecto, quod proximus Decessor

Noster, quodque Nosmetipsi facere vix dum inito pontificatu

ex conscientia offlcii instituimus, idem constanter persecuti

postea sumus. Vindicari postulavimus in libertatem debitam,

Nostrumque ius in hanc urbem nominatim, providentia Dei et

saeculorum suffragio addictam Pontiflci, repetere perreximus;.

plane sentientes, quod non semel memoravimus, incolumitatem

iuris Nostri cum salute, libertate, prosperitate italici ge-

neris optime posse consistere : immo italorum cum Apostolica

tefice; ma il fatto e che, veduta tanta licenza d' oltraggi, deve far ben

peritosi gli estranei la temuta insolenza della plebe. E cosi per opera

degli uni e degli altri Ci viene menomata eziandio la liberta di comunicare

co' fedeli, e ad ogni piu lieve occasione si fa evidente la realta d'uno

stato di cose che diviene, siccome dicemmo, ognor piu malagevole e pe-

noso. E se le difficolta sono tante e tanto gravi in tempo di pace, e in-

colume 1'ordine pubblico, niuno sa dire quanto si farebbero maggiori in

caso di torbidi, e massime allo scoppio di romori di guerra.

Senonche donde viene la cagione delle inaspritc ostilita? Quanto a

Noi abbiamo costantemenle mantenuto il contegno assunto gia e dall'im-

mediato Nostro Predecessore e da Noi medesimi per dovere di coscienza

sin dagli esordii del Pontificate. Rivendicammo 1' indipendenza che Ci

spetta ; continuammo a reclamare le Nostre ragionPsegnatamente

in or-

dine a quest' alma citta, per decreto di provvidenza divina e suffragio

di secoli, assegnata ai Papi; persuasi come siamo che 1'incolumita de'No-

stri diritti puo ben accordarsi, conforme altre volte abbiam detto, col

benessere, coll'indipendenza, colla grandezza d' Italia : che anzi il buon-


ALLOCUTIO 9

Sede consensum omnino ad eorum bonorum incrementa domi

forisque profuturum. Quae scripsimus, quaeque usque ad hanc

diem, nihil tamen minitati cuiquam, egimus, omnia testantur,

nihil esse neque in sententia Nostra, neque in agendi ratione

mutatum. Alia igitur increscentis contentionis est caussa

-quaerenda. Atqui rem videmur verissime iis attigisse litteris,

quas ad Italorum gentem dedimus anno superiore: in quibus

pravarum arcana sectarum ipsissimis eorum verbis, qui

assent conscii, aperuimus: quibus quidem verbis novissime in

ipso legumlatorum coetu hand ambiguae concinuere voces.

Commune sectarum consilium est fatigare pugna atroci sum-

mum pontificatum, et funditus, si fieri possit, christianum

abolere nomen. Modo properant destinata patrare, certum rati,

omnia sibi secunda atque obedientia fore. Siquidem non modo

nihil impediment!, unde metuendum maxime videretur, sed

indulgentiam atque incitamenta coeptorum plus semel sibi vident

adesse.

En igitur, Venerabiles Fratres, quo res loco sint: idque et

cognosse decet et meminisse, quia defensionem contra vim

parantibus prodest itinera hostium habere comperta. Atque

accordo della nazione Italian;) colla Santa Sede tornerebbe a nobile in-

cremento di que' beni, e in casa e fuori. Quello che per Noi si scrisse

d opero insino ad oggi, bensi senz'ombra di minaccia a persona, tutto

Ci e buon testimonio dell' inalterata coerenza nei pensieri e negli atti

Nostri. La cagione adunque dell'addoppiato contendere va cercata al-

trove. E quanto a cio, non v* ha dubbio, Ci apponemmo nella lettera

indirizzata 1'anno scorso al popolo italiano. In essa gli arcani intendi-

menti delle sette mtttemmo a nudo colle istessissime parole degli adepti :

parole a cm perfino nell'aula legislativa venne novellamente risposto in

suono Concorde. La mira comune delle sette e questa, spossare per via di

guerra atroce il Papato, e proscrivere, se si potesse,

il nome cristiano.

Si studiano al presents di dare effetto ai disegni, sicuri di essere secon-

dati dalle circostanze. E per verita veggono di* non incontrare osta-

coli dove piii sarebbe a temerne, e di trovarvi anzi talora annuenza e

sprone.

Ecco, Venerabili Fratelli,

perlo e averlo presente nell'animo, giacche

a che termine stanno le cose. E buono sa-

il conoscere le mosse del ne-


10 SANCTISSIMI D. N. LEONIS DIVINA PROVIDENTIA PAPAE XIII.

hue magnopere velimus intendant animum qui regnis praesunt

et imperils: facile enim intelligent, non religionis tan-

tummodo, sed etiam civitatis omnino interesse, vias impietati

moribusque pravis, ne ultra procedant, intercludi. Etenim ubi

dominatur irapietas, ibi collabefleri necesse est praecipuum

civitatibus fundamentum, quod religione et honestate morum

continetur: comminuta vero potestate Ecclesiae, quae vim ha-

bet alligandi maximam, omnis est fluxa ac male tuta futura

auctoritas.

- -

Reputent autem, quotquot ubique sunt, catho-

lici quid agitetur adversus christianum nomen universe, quaeque

nominatim in Apostolicam sedem consilia struantur: con-

iunctisque

Nobiscum animis contendant rerum malarum au-

daciae, oppositu constantiae suae, resistere, Deo freti, cuius in

bonitate potentiaque spes nostra maxime nititur.

Nunc, antea quam Ecclesiis viduis assignemus Episcopos,

placet nuntiare, constitutum Nobis esse honore Collegii vestri

duos viros afflcere, quorum non ignota vobis ornamenta animi:

ALOISIUM RUFFO SCILLA, Archiepiscopum Tit. Petraeum, Domui

Nostrae Praepositum; qui turn in Archiepiscopatu Theatino,

mico giova a chi devc stare sulle difcso. E vorremmo che a tali cose

ponessero ben mente i reggitori degli Stati: intenderebbero di leggieri,

che troncare risolutamente il corso all'empieta e alia corruzione del co-

stume e sovrano interesse non pur della religione, ma altresi della civil

comunanza. Dove prevale 1'empieta, e inevitabile 51 crollo del precipuo

fondamento sociale che riposa sulla religione e il buon costume ; e me-

nomata 1'autorita della Chiesa, che e il massimo dei poteri morali, ogni

altra autorita dee sentirsi vacillante e mal sicura. E i cattolici, quanti

essi sono, vogliano seriamente ponderare a quai cimenti venga esposta la

religione in generale, ed in ispecie quali disegni

si ordiscano a danno

della Sede Apostolica : e strettamcnte congiunti con INoi, agli ardimenti

malvagi facciano argine della loro costanza, in Dio riguardando, nella cui

bonta e potenza poggiano, assai piu che in altro, le Nostre speranze.

Ed ora, prima di assegnare alle Chiese vedovate i loro Pastori, Ci

aggrada

di annunziarvi aver Noi stabilito di conferire 1'onore del Col-

legio vostro a due personaggi, di cui non vi sono ignote le doli del-

1'animo: Luigi Ruffb Scilla, Arcivescovo titolare di Petra, Nostro Maggiordomo;

il quale, sia nelPArcivescovato di Chieti, sia nella Nunziatura


ALLOCUTIO 11

turn in legatione Bavarica, sese Apostolicae Sedi integritate,

consilio, sedulitate officii probavit: ALOISIUM SEPIACCI ex or-

dine Sodalium Augusiinianorum, Episcopum Tit. Callinicensem,

Sacri Consilii Episcoporura atque Ordinum religiosorum negotiis

praepositi Secretarium, doctrinae laude, variisque mune-

ribus integre gestis commendatum.

Quid Yobis videtur?

Itaque auctoritate omnipotentis Dei, sanctorum Apostolorum

Petri et Pauli ac Nostra creamus et publicamus S. R. E.

Cardinales ex ordine Presbyterorum

ALOISIUM RUFFO SCILLA

ALOISIUM SEPIACCI

Cum dispensationibus, derogationibus et clausulis neces-

sariis et opportunis. In Nomine Patris f et Filii f et Spiritus

Sancti. Amen.

-j-


I LADRI DI PISA

ALL'ASSALTO DEL PAPATO

Come ciascuno degli altri atti del Papa Leone XIII, cosi

PAllocuzione tenuta nel Concistoro del 14 del decorso decem-

bre, e in capo a questo nostro quaderno ristampata, ha im

suo pregio singolare, il quale e degnissirao di esser notato ed

italiani. Ed &

impresso nell'animo dei cattolici, segnatamente

la succinta, ma chiara indicazione delle due diverse vie, che le

parti della medesima setta signoreggiante 1' Italia seguono y

per raggiungere il comune scopo di stremare al possibile il

Papato nella sua Sede, e rompere per tutto altrove 1' unitk del

rattolicismo. II Santo Padre le addita nei fatti e nei detti piu

recenti di questi partiti settarii; e, coltili come dire in fla-

granti, li denunzia al mondo, li li scopre, smaschera e li mo-

stra ai popoli ed ai governanti, quali nemici, non meno del

nome cristiano, che dell'ordine umano della societa. Perocche-

giustamente fa osservare che, infievolita la massima delle forze

morali, che e 1'autorita. religiosa, ogni altro vincolo di auto-

rita. si allenta e si scioglie.

II.

Che termine finale dello sconvolgimento, da trentadue anni

in qua operate nell' Italia, sotto pretesto di darle e conservarle

liberta, indipendenza ed unita, sia stato 1'abbattimento della

Chiesa cattolica nel suo Capo, il Romano Pontefice, e veritk

che non ammette piu dubbio. In mille modi lo hanno confes-

sato i corifei ed i maestri delle sette massoniche, ai quali ha

fatto eco la plebe dei pedissequi e dei discepoli : ne v' ha chi

non ricordi le figure del pugnale, da doversi piantare sotto il


i LADRI DI PISA ALL'ASSALTO DEL PAPATO 13

Yaticano nel cuore della Chiesa, e della tomba che si scave-

rebbe al Papato, per seppellirvelo ai piedi del Campidoglio ; fi-

gure colle quali si celebro 1'ingresso

della setta nella Roma

dei Papi.

Ma quanto e stata sempre piena la concordia nel fine,

tanto e apparsa viva la discordia, ora nelP uso dei mezzi ed

ora nel metodo di servirsene. Spesso e stata una finta, uno

stratagemma di guerra, che rinnovava quello

dei ladri di

Pisa: ma talora si e palesata vera ai fatti, i quali hanno

avute conseguenze ancora memorabili ; come per esempio

quella delle fucilate di Aspromonte. Ad ogni modo pero la

ipocrisia degli astuti si e sempre giovata a meraviglia del-

1'audacia dei violent! ; e lo prova la storia delle macchina-

zioni ordite dal 1860 al 1870, per giungere impunitamente

ad occupare Roma, e ad esautorarvi il Sommo Pontefice, nella

guisa stessa che si era esautorato nelle Romagne, nelle Marche

e nell' Umbria.

Comincio Camillo di Cavour con promulgare la Roma dei

Papi, per metropoli della nuova Italia; ma ad un patto, che

cio avvenisse per via di forza meramente morale. Questo voto

si ebbe in conto di postulate politico, da tutta la parte che

si vantava moderata. Vi si ribello pero 1'altra parte, che, in-

tesa secretamente colla moderata, dovea ricorrere a studiate

inquietezze e ad eccessi, d'onde uscisse giustificato finalmente

1'acquisto di Roma, per

Fallito il giuoco nel 1867, per

via di bombe e di cannoni. E cosi fu.

1' intervento della Francia in

Mentana, si ripete nel 1870, quando la Francia, fiaccata dalle

armi germaniche, non era piu al caso di far contrasto. Allora

si prese 1'aria di figliuoli devoti e si chiese al Papa

di Roma, per difendervi lui dai rompicolli,

la citta

che altrimenti

avrebbero posta a soqquadro 1' Italia e fatta pericolare la citta

medesima. E perche il Papa Pio IX a tanta viltk si nego, fu

messo mano alle artiglierie: ed espugnate le mura,

si salvo

il Papa dai violenti, con ridurlo prigione de' farisei: e cosi

1'audacia e T ipocrisia massonica, come gia i ladri di Pisa, si

diedero 1'amplesso e sciolsero P inno di vittoria.


14 I LADRI DI PISA

II fine era ottenuto; awegnachfe i farisei ridicessero forse

tra loro le celebri parole, corse fra Camillo di Cavour e

il Persano: Se facessimo in private per noi quello che fac-

ciamo in pubblico per 1' Italia, saremrao i pure gran ribaldi !

La teoria delle due morali si riprovava per infame dentro il

cuore: ma in utile della setta si praticava, perche alia setta

si era giurata obbedienza cieca, e tutto alia setta s' aveva da

immolare, onore, fede e coscienza, giacche tutto dalla setta si

aspettava, lucri,

titoli e noraea.

III.

Se non che, presa Roma, bisognava mantenerne il possesso

ed imprendervi il combattimento a morte col Papato, che era

il fine proprio della conquista. E nel condurre altresi questa

guerra, si seguito la strategica di prima ;

la solita cioe dei

ladri di Pisa. Datosi 1'abbraccio fraterno, sotto le ruine della

breccia della Porta Pia, le due parti, dove piii e dove meno

simulatamente, si divisero, intente pero sempre allo scopo comune

di soffocare, nella Roma di Cristo,. la sua Chiesa ed il

suo Vicario.

Ne fa mestieri di una lunga dimostrazione, a provare che

cosi, fino ad oggi, ambedue sono procedute. Basta uno sguardo

alle leggi, agli atti, alle imprese compiutesi in questi ultimi

piii che venti anni, ed alle perfidie usate contro Pio IX e

Leone XIII, sebben tutelati dalle pretese guarentigie; e di piu

non occorre. Le guarentigie. volute dai moderati e malviste

dai radicali, dovevano, secondo una solenne promessa, fare di

Roma, massonicamente italianizzata, la sede pur sempre libera

e rispettata del Sommo Pontefice. Ma forse che impedi-

rono di dar da godere

al Pontefice Pio IX defonto le delizie

di liberta e di rispetto, che gli si offerirono la notte del 13

luglio 1881 ; ed al Pontefice Leone XIII vivente quelle, che gli

si sonofatte gustare

il 2 ottobre 1891? In amendue i casi la

parte piii temeraria ebbe eseguito cio che la parte moderata

non aveva disapprovato : ed in tal maniera si rese manifesto,

che le guarentigie valevano in sostanza quello che piaceva

che valessero, e nient'altro.


ALL' ASSALTO DEL PAPATO 15

IV.

II quale perfetto accordo si 6 poi toccato con mano, du-

rante la discussione che tenne il Parlamento 1'andato decembre,

intorno a quella che si chiamo politica ecclesiastica, e doveva

intitolarsi politica anticristiana. L' occasione era sorta dai

fatti obbrobriosi svoltisi in Roma, assenziente il Governo, il

2 ottobre, contro il pellegrinaggio francese. Per coronare

1'opera di barbaric con un'empieta piu procace, si trattava di

abolire Particolo primo dello Statuto, che dichiara Religione

dello Stato la cattolica, apostolica e romana ; ed insieme con

questo articolo, di annullare la cosi detta legge delle guaren-

tige, concernente il Somrao Ponteflce, dalla necessita delle

cose imposta al Governo, non appena si fu impadronito di

Roma.

In quel dibattimento, le due parti vennero alle prese. Nella

radicale si segnalo il Bovio, ragionando della religione cat-

tolica, che e la nazionale, come se piu non esistesse, e del Pa-

pato quasi che fosse piu

tosto un'ombra che una realta. Cio

posto, a che fine conservare una religione di Stato che non

ha consistenza, e guarentire per legge una istituzione, ridotta

a larva od a chimera?

Invece il Rossi ed il Cavallotti non concessero per vere le

insanie del Bovio. Ammisero che Papato e Chiesa hanno 1'es-

sere e sussistono vigorosamente nell' Italia. Ne parlarono pero

come di istituzioni condannate a perire: ed afflnchfe piu pre-

sto spariscano, dimandarono che la religione cattolica della

nazione fosse rinnegata dallo^ Stato, ed il Papa tolto alia

condizione di privilegiato, e sottoposto al diritto comune dei

cittadini; con la giunta poi di altre tiranniche persecuzioni, che

sempre piu violentassero la libera coscienza degli italiani.

Cosi in ristretto discorsero coloro che, giusta le parole del

Santo Padre nella sua Allocuzione, propalam atque acerbe

grassantur, ciofe vanno direttamente allo scopo,

senza velo e

senza ritegno.

Ma invece coloro che moderationem praeferunt, calliditate


16 I LADRI DI PISA

utuntur, cioe ostentano moderazione, ed e scaltrezza, come si

contennero essi?

II Barazzuoli ed il Bonghi, che questa razza di gente rap-

presentarono, non si adattaron punto alle fantasie boviane,

ne alle braverie del Cavallotti. Affermarono anzi che Chiesa

e Papato vigoreggiano, e niun segno danno di dovere quanto

prima flnire per decrepitezza. Si mira a distruggerli ? Bene

sta ; col Bovio e col Cavallotti sono concordi il Barazzuoli e

il Bonghi. Tuttavia non si ricorra alia violenza di abolizioni,

che nocerebbero in luogo di giovare. In quel cambio, e Far-

ticolo primo dello Statute e la legge delle guarentige

si fac-

cian servire di strumento contro la Chiesa e il Papato, esco-

gitando un sistema di amministrazione, di politica e di finanza,

che sempre piu indebolisca la Chiesa e snervi 1' influsso del

Papato nell'italia e nel mondo. Questi valenti uomini in somma

vennero a dire, che la morte al Papato non si aveva a dare

colla scure o col coltello, ma colFarsenico, o la morfina am-

ministrata a dosi ben pesate.

V.

Venne la volta del Ministero, il quale va in voce di presso

che tutto moderato, e doveva esporre i concetti del Governo.

Saviezza e prudenza richiedevano che, nel rispondere a tante

stoltizie,

si fosse tenuto conto e delle condizioni internazionali

del Papato, e dei richiami dei cattolici di tutti i paesi, e delle

dichiarazioni dei Parlamenti di altri Stati, e delle lagnanze in-

cessanti del medesimo Romano Ponteflce, che si protesta me-

nomato nella sua liberta ed in piu maniere inceppato. Oltrac-

cio il buon senso politico consigliava di avere un riguardo alia

immensa pluralita degli italiani, i quali intendono di profes-

sare la religione dei padri loro; e la vogliono

libera ed ono-

rata, e non oppressa e vilipesa dai governanti e dai legisla-

tori, quasi che il professarla

Quindi le regole piu volgari

sia un' onta ed un avvilimento.

della convenienza dettavano al

presidente del Consiglio di difendere, con queste ragioni, e la

legge delle guarentige ed il primo articolo dello Statute.


ALL' ASSALTO DEL PAPATO 17

In quella vece il Rudini non ebbe una parola di riprova-

zione delle bestemmie, che si erano proferite contro il Dio degli

italiani, delle ingiurie che si erano scagliate al supremo Ge-

rarca della Chiesa ed alia sua dignita, degli oltraggi che si

erano fatti risonare, a scorno della fede religiosa della nazione.

Ooncede che il Papato sia il nemico al quale si abbia da tener

fronte, che la Chiesa sia T impaccio che si abbia a togliere di

mezzo, che la laicita, ossia I' ateismo, debbasi introdurre in

ogni appartenenza della civiltk italiana, massimamente nelle

scuole, e che lo stesso divorzio, domandato dal Bovio, sia da

fuorche la immaturita

legittimarsi : ne altra difflcoltci oppose,

del popolo italiano a tanta apostasia. Si aspettasse che 1' opera

dello scristianizzare T Italia fosse piu innanzi, ed allora egli

avrebbe soddisfatti appieno i desiderii dei Bovio,

dei Caval-

-otti e della falange dei radicali. Del resto, e le guarentigie e

1'articolo dello Statute erano, piu che altro, una guarentigia

pel Governo stesso, ed in mano sua un'arma poderosa, per

ineglio abbassare il Papato, malmenare la Chiesa e pervertire

gli italiani.

Non mai 1'ipocrisia della fazione moderata si era cosi sco-

pertamente chiarita d'accordo colla sfacciata irreligione dei

demagoghi, come in questa congiuntura. Percio a buona legge

il Papa Leone XIII le ha rotta la maschera in viso, e 1'ha

presentata al mondo per quella dessa che e: vale a dire per

aspirante alia stessa meta dei demagoghi, con ardore uguale

al loro : exploralum est idem hos ipsos petere, idemque velle

quod alteros. Ambedue le parti quindi si sono mostrate di una

medesima buccia, di un pelo stesso, nulla ostante le contrarie

apparenze delPaccapigliarsi talvolta fra loro;

come usavano

i ladri di Pisa, che il giorno, quasi cani e gatti, si bisticcia-

vano e la notte allegramente rubavano insieme da buoni fra-

telli.

VI.

Dio volesse che sempre meglio entrasse neH'animo del no-

stro popolo questa grande verita, che 1'Italia non e altrimenti

8ri XV, vol. 1, fnse. 997. 2 SI decembre 1891.


18 I LADRI DI PISA

libera ed arbitra di se, come tuttodi si decanta, ma serva di

una congrega, che, sotto il colore di varie denominazioni, la

tiranneggia e la calpesta ! Qualunque sia la specie che prendono

i diversi cosi detti partiti, che o prevalgono, o si arra-

battano di prevalere, certo 6 che nelia sostanza ne formano

uno solo; ed e quello della massoneria, a cui volenti o non

volenti, a diritto e a traverso debbono assoggettarsi quanti alle

cose pubbliche prendono parte. A questa setta han da piegare

la fronte in un modo o in un altro i ministri, a questa i de-

putati, a questa i senatori, a questa i prefetti, a questa i mi-

nori offlciali, dai segretarii di prima sfera agli

uscieri ed ai

procacci.

Ne la setta cura il bene della nazione : cura invece il suo,

che e tutto in pro di chi della setta si vale d' istrumento ;

intendiam dire del giudaismo. Di fatto, se attentamente si con-

sidera tutta la politica della nostra liberaleria o moderata o

radicale,

si vedr che essa tende costantemente a saziare Fodio

e la cupidigia, di cui il giudaismo e impastato: Todio a cio

che sa di cristiano, e la cupidigia dell'oro dei cristiani. I frutti

della rivoluzione in Italia sono questi due e non altri: em-

pietk congiunta colla corruzione, e miseria. Quanto ha di sacro,

di caro, di gloriosamente storico 1'Italia, nelle sue costumanze

e nelle sue tradizioni, tutto si e annientato o si e in via di

essa ha nel

annientare, per odio al cristianesimo : e poiche

suo grembo il Vicario di Cristo, percio s'e inventata la sua

redenzione politica, affinche serva di catapulta ad atterrarne

il seggio. E collo sfogo di quest'odio infernale, e andata di pari

passo la divorazione del patrimonio degl'italiani, inghiottito

ora da' giudei. Cosi che la bella impresa d'ltalia, per quanto

si vede e si palpa, gran merce del patriottismo degli eroi che

1'hanno condotta, e dei liberali d'ogni tinta che 1'hanno pro-

mossa, ha flnora avuto per termine il piu infame dei latro-

cinii, quello della fede e quello del sangue degli italiani, a

tutto vantaggio della razza piii anticristiana che trovisi nella

terra. Prima ha strappato Dio dal cuore del nostro popolo, e

poi gli ha strappato il pane, per non lasciargli altro che gli

occhi da piangere, e le labbra da bestemmiare.


ALL'ASSALTO DEL PAPATO 19

VII.

A questo parricidio sono concorsi e seguitano a concor-

rere i nosiripatrioti, schiavi deli'ingordo giudeo, alia cui tiran-

nide settariaraente obbediscono, sacriflcandogli coscienza, onore,

sentimenti religiosi, ricordi domestic! e tutto quello che nel-

ordine morale della vita ha di piu nobile e dolce 1'uomo. Molti

fra costoro, per vilta, per interesse e per ambizione, rinne-

gano in pubblico quel che serbano in secreto dentro del cuore.

Credono all' ammonimento di Beatrice, cola nella Divina Corn-

media :

Avete il vecchio e il nuovo Testamento,

E il pastor della Chiesa che vi guida:

vi basti a vostro salvamenlo.

Questo

Anzi, non che credano, ma sentono la vergogna

della lor

codardia ed il rimorso del male che fanno all' Italia, ricono-

scendo giustissima 1'esortazione:

Se mala cupidigia altro vi grida,

Uomini siate, e non pecore matte,

Si che il giudeo tra voi, di voi non rida l

E pure si danno vinti, e non solamente si rendono sprege-

voli al giudeo, ma gli si prostrano ai piedi, mancipii abbietti

de' suoi piii scellerati voleri. Perocche chi e massone, o favo-

risce i massoni, per necessity serve ai giudei, che si stringono

in pugno le redini della setta, e la indirizzano al doppio fine

del loro operare, che e la distruzione del cristianesimo e 1'af-

famamento dei cristiani. Qui mira la indipendenza, la liberta,

1'unita dell' Italia; qui mira la intangibilita di Roma capitale;

qui mira la guerra al Papa ed alia Chiesa. Chi oramai non

intende cio, o non vede nulla di quel che gli accade sotto gli

occhi, od ha perduto il bene dell' intelletto.

Dio volesse, ridiciamo noi, che questa grande veritk si pro-

pagasse da per tutto in Italia, e nella mente del popolo si

radicasse ! Svanirebbero ancora vie meglio gl' ircocervi di con-

1 Parad. V.

.


20 i LADRI DI PISA ALL'ASSALTO DEL PAPATO

ciliazione, che si seguitano a far balenare alia fantasia dei

milensi; quasi che fra la sinagoga, dorainante la massoneria y

e la Chiesa, animata da Cristo, sia possibile un componimento.

Vero e che degli sciocchi il nuraero e infinite; e pero non

potra farsi che anche tra i cattolici non resti sempre un

numero di cervelli i quali pensino che, col mandare trenta o

quaranta eletti da loro nel Parlamento, si arrivino ad accomodare

le cose e si possa spegnere nelP Italia la fiamma di

guerra alia fede ed alia borsa degl' italiani.

Tuttavia se largamente si diffondesse questa persuasione,

che il liberalismo altro non e se non il sistema che il giu-

daismo massonico tien fermo ed applica al reggimento delle

societk cristiane, per depravarle ed imraiserirle; se il patriot -

tismo dei nostri liberali, comunque da se si colorino, si ridu-

cesse a quella moneta corrente di corruzioni, di bestemmie,

di ladrerie, di prepotenze, in cui efiettivamente consiste,

il di-

singanno sarebbe grande, e la resistenza si farebbe raaggiore.

Ai cattolici schietti e sinceri, non intinti di nessuna pece

massonica o giudaica, tocca spargere queste salutari verita,

renderle popolari quanto piii si puo, e colla stampa

e colle

associazioni procurare di affezionare tanto al Papato gl' ita-

liani, quanto i nostri domestici barbari giudaizzanti si sforzano

di metterglielo in odio. Maggiormente

che nessuna verita e

cosi facile a dimostrarsi come questa, che fuori del Pontificato

Romano, libero e venerato nella sua Sede, F Italia non puo

aspettarsi se non che i bei doni di cui sino al presente 1'hanno

colmata i patrioli radicali e i moderati della massoneria; cioe

servitu, degradazione e miseria.


DEGLI HITT1M HETHEI

E DELLE LORO MIGRAZIONI

RICERCHE DI ARCHEOLOGIA BIBLICO-ITALICA

SOMMAR10: Le antiche civilta, i tempi mitici e la ceramics. Cronologia

di coteste civilta, secondo il Dumont. Opinione di Tucidide, e di Dio-

doro Siculo sulle origini storiche della Grecia in relazione con le marine.

Lo stile geometrico e la stia supposta origine ariana. Argomenti

del Conze e del Conestabile. Contrarii argomenti del Dumont e nostre

riserve. Altra opinione sull'origine dello stile geometrico. Opinioni

del Perrot seguite dal Dumont circa 1'arte dell 'Asia Minore. Influenza

orientale e canoni del Dumont relativi ad essa. Ceramica egizia e sua

influenza, secondo il Flinders Petrie. Idee confuse del Dumont circa

la ceramica degli Hethei, e mal fondate dell'Hirschfeld, sull'arte de' me-

desimi.

XV.

La parte piu importante dell' opera del Dumont che ab-

biarao fin qui brevemente esposta, e quella che stabilisce i

rapporti fra le proprieta general! delle ceramiche primitive e

la storia. Che i vasi, de' quali abbiamo discorso, .

una lunga civilta, si par

suppongano

chiaro dalla successione delle cera-

miche che vediamo sempre in relazione fra loro, e che perfezionano

un ristretto numero di principii comuni, quali sono

gli ornamenti del genere geometrico, vegetale e animale. II

che indica un'industria di antica data e suppone una na-

vigazione e uno scambio di commerci frequenti fra' popoli del

Mediterraneo orientale e 1'Oriente stesso. Di qui la potenza e

la ricchezza di certi centri, come Micene e Tirinto. La con-

nessione poi fra questa civilta antichissima e quella de' tempi

della Grecia classica, per cio che risguarda la ceramica, e

manifesta. Imperocche 1'esplicazione artistica, la quale e pro-

priamente greca, ha le stesse forme e gli stessi principii del-

1'arte arcaica, e la differenza tuttoche notabilissima, e riposta


22 DEGLI HITT1M HETHBI

sia nella perfezione maggiore del disegno e sia nella ripro-

duzione di tipi forniti dall' industria orientale, piuttostoche

nella diretta imitazione della natura.

In quanto alia data relativa di queste civilta, il Dumont

afferma come certo 1'ordine seguente: Hissarlik, Santorino,

laliso, Micene, Spata. I tempi, a' quali ci fanno risalire gli

oggetti scoperti in questi e in altri luoghi, son quelli che di-

cevansi leggendarii o mitici; i tempi delle religiose e poe-

tiche tradizioni. Ondeche i conflni posti flnora da' dotti alia

cronologia de' Greci, cioe FVIII o il IX secolo, la merce dei

nuovi studii e delle nuove scoperte, devono estendersi molto

piu oltre. Gli avanzi delle antiche civilta, come vasi, lavori

in oro, in avorio e simiglianti ; i documenti forniti dall'Egitto

e dall'Oriente asiatico, e finalmente le leggende

e le tradi-

zioni de' Greci sono quasi tre faci che ci rischiarano le tenebre

d'un passato, il quale perche ignoto, fu detto mitico e pre-

istorico, ed era prettamente storico.

Le date approssimative delle civilta appartenenti alle cinque

ceramiche non si possono fissare se non con grande riserva.

Coteste civilta son tutte contemporanee alia conoscenza e

all'uso del bronzo, ma non ignoravano strumenti ed armi di

pietra e se ne servivano, come si vede a Hissarlik e a San-

torino. Micene e Spata vedono finir 1'uso della pietra per le

armi. I vasi di Santorino sono anteriori al cataclisma delFisola

e una data minima per essi potrebbe assegnarsi al XVI se-

colo. A Micene oggetti e principii d'ornamenti asiatici d'ori-

gine certa, sono anteriori alia civilta di Ninive, quale si ha

per

i monumenti del X e del IX secolo. Nulla infatti si

scorge a Micene che ci richiami i tipi usati ne' palazzi di

quell'epoca; e troviamo al contrario, un elemento asiatico, il

quale non e ne egizio ne ninivita. A Spata 1'influenza assira

e palese, giacche i combattimenti d'animali sono quelli che

veggonsi a Ninive nel X secolo. Conchiude 1'Autore dicendo

che le ceramiche di Santorino sono anteriori al secolo XVI

e piu recenti di quelle d'Hissarlik ; la data di quelle d' laliso

e incerta, ma precede 1' industria di Micene; gli oggetti di


E DELLE LORO MIGRAZIONI 23

Micene sono di molto anteriori alPepoca

in che la decorazione

fenicia, quale ci si fa vedere verso il X secolo, prende ele- ,

menti dalPEgitto e dall'Assiria, e serve di modello principale

agli artefici de' paesi greci.

L'Autore tocca delle prime migrazioni de' popoli d'Asia in

Grecia, e vede a' primordii della storia greca i Pelasgi, popolo

dominatore, del quale fanno parte genti

di schiatte differenti.

I Pelasgi conoscono ed esercitano la navigazione, perciocche

vanno a prendere stanza nelle isole e passano parecchie volte

d'Europa in Asia. Strettaraente uniti a' Pelasgi sono i Tirseni

o Tirreni, anch'essi buoni navigatori, che vennero a stabilirsi

in Etruria. Combattono successivamente la suprema potenza

de' Pelasgi i Traci, i Fenicii e gli Elleni. L'Autore seguendo

per la cronologia Callimaco ed Eratostene, mette la venuta

de' Fenicii con Danao in Grecia al XV secolo; Cadmo alia

fine del XIV o al principio del XIII . Verso lo stesso tempo

nel XV o XIV secolo, gli Elleni sostituiscono a' Pelasgi una

schiatta novella, mentre PArcipelago e sotto la signoria d'una

marina caria e fenicia, certamente asiatica, alia quale sottentra

la talassocrazia cretese con Minos, o almeno divide con quella

1'impero del mare. Al secolo XII appartiene la spedizione

nota col nome di guerra troiana e di ritorno degli Eraclidi ;

la quale e seguita dal ritornar che fa nella Grecia propria un

certo numero di popoli che n'erano stati espulsi, e questa e

1'eta ultima delle grandi agitazioni e de' mutamenti, dopo la

quale le diverse tribu della stirpe greca fermano la loro stanza

in que' paesi che occuperanno durante tutto il periodo classico.

Tucidide riporta tutta la storia della Grecia primitiva a

quella delle marine che dominarono sulle Cicladi l . Diodoro novera

cosi le potenze marittime che si succedettero ne' paesi

greci: primi i Pelasgi e i Lidii, poscia i Traci e i Frigii, flnalmente

i Rodii, i Cipriotti, i Fenicii e gli Egizii, quattro

nomi che designano principalmente la marina fenicia. Egli

dimostra che i piii antichi popoli della Grecia erano popoli

marittimi 2 .

1 Lib. I, 3 e segg.

2

Diodoro, P. I, p. 316 ed. Didot. Cf. Ctesiae Fragmenta, ed. Didot.


24 DEGLI H1TT1M HETHEI

II Duraont a proposito dello stile geometrico e del cosid-

detto lipo delle isole, osserva che questa denominazione non

importa una particolare provenienza, quantunque gli esem-

plari piu

notevoli di tal serie di vasi siansi trovati a Santo-

rino e a Milo. Cotesti vasi di stile geometrico ad ornamenti

lineari d'una ricchezza e varietk stragrande, tuttochk gli ele-

menti sieno i medesimi che abbiamo veduti nel tipo di Micene,

fanno argoraentare un vero rinascimento dello stile geome-

trico. II qual fatto e la presenza dello stile geometrico in

vasi fuori del continente greco e delle isole, in Italia cioe, in

Alemagna, in Ungheria, nella Svezia ed in Francia, fece na-

scere la quistione dell'origine di questo stile e conseguente-

mente forni materia a diverse teoriche, le quali furono svolte

e difese con pari erudizione e destrezza. La teorica piii acre-

mente propugnata e quella che sostiene T origine ariana di

questo stile, il quale sarebbe percio la piu antica forma d' ornamento

ricevuta e usata dagli antenati della nostra stirpe. II

Conze dapprima e quindi il Conestabile difesero questa teo-

rica argomentando cosi : Lo stile geometrico, da una parte e

anteriore all' influenza orientale in Grecia, e dall' altra esso

e identico su' bronzi e sulle terrecotte, in pressoche

tutta 1'Eu-

ropa. In Italia, a Chiusi, a Cere, a Villanova e Sesto Calende;

in Alemagna ad Hallstadt; in Ungheria, in Danimarca, nella

Svezia e in Francia. Questo stile che si vede in Grecia e nelle

contrade ora ricordate, vi fu portato

che non puo essere 1' Oriente, mercecche quando

da un centre comune,

1' influenza

orientale apparisce nelle opere greche, presenta qualita al

tutto particolari e different}. Se dunque questo

stile non e

asiatico, resta solo che sia ariano, indo-europeo, pelasgtco^

Cio posto non e difficile indicare le grandi vie, per le quali

fu introdotto dalPAsia centrale nella Valle del Danubio e nella

Scandinavia, come nelle Cicladi e in Italia J .

p. 179. Mai, Euseb. Pamphili chronic. Canonum libri duo. pp. 168-169;

299, 303, 311, 315.

1

Cf, CONZE, Zur Geichichle der AnfcLnge griechischer Kunst, 1870-1873.

Modifica la sua teorica troppo esclusiva, nel 1877. Lettera a W. Helbig, An-


E DELLE LORO MIGRAZIONI 25

II Dumont distingue due parti in questa teorica: 1 il fatto

delP esistenza di uno stile comune ad oggetti trovati in paesi

diversissimi e probabilmente d'etk different!; 2 1'origine di

questo stile. Ammette la prima parte

che dice ottimamente

dimostrata dal Conze e dal Conestabile ; rigetta la seconda per

le ragioni seguenti. E certo primieramente che lo stile geo-

metrico del tipo dell' isole non e il primo ornamento che si

osservi all' origine ne' paesi greci : perciocche

la decorazione

vegetale e almeno altrettanto antica. Or quando si parla di

XX secoli prima dell' Era volgare per il predominio dello stile

lineare, si puo rispondere senza esitare, che in quel tempo e

nelle etci posteriori, cioe dire al tempo della prima civiltk di

Santorino, dell' industria di Micene e di Spata, il vasaio decorava

le sue opere con foglie e con piante. Laonde resta inam-

missibile la parte capitale della teorica.

Se Tornamento lineare non e il piu antico di tutti, prima

dello stile orientale, mal si potrk reggere il resto della teo-

rica. In effetto si dovrebbe far intervenire d'un tratto lo stile

lineare degli Arii in Grecia, mentre in essa regna gia 1' industria

della ceramica con decorazione vegetale ed anche con

rappresentazioni d'animali marini. Ora non si puo dar il nome

d'ariano o di pelasgico allo stile lineare, se prima non sia di-

mostrato che il piii antico stile de' paesi greci sia quello in cui

la popolazione era ariana. Ma questa e una ipotesi falsa. Ag-

giungi che nessun argomento positivo ci dimostra la qualitk

particolare e propria dell'ornamento ariano e pelasgico essere

lo stile geometrico, che nulla prova 1' argomento

tolto dal-

r imitazione delle stoffe donde gli Arii avrebbero preso questo

stile. Senzache non ben sappiamo chi siano i Pelasgi: non e

sicuro se appartengano alia pura stirpe ariana, ne abbiamo

alcun dato preciso sia intorno all' arte e sia intorno all' in-

dustria loro.

nali 1877. G. C. CONESTABILE, Sovra due dischi in bronzo anlico-italici del

Aluseo di Perugia e sovra Varte ornamentals primitiva in Italia e in altre parli

di Europa, Torino, 1874. HELBIG, Annali, 1875, pp. 221-253; FURTWAN-

GLER, Annali, 1880, p. 118. MILCHHOEFER, Anfange der Kunst in Griechen-

land, 1883, pp. 3-12.


26 DEGLI HITT1M HETHEI

II pericolo che nell' archeologia s' introducano delle for-

mole, le quali in apparenza serabrano chiare, ma che in realtS.

nascondono delle idee vaghe grande, e conviene andar cauti.

Tali son quelle d'una pretesa arte degli Arii primitivi e de' Pe-

lasgi. Avverta il lettore che noi diamo qui la breve ma fedele

esposizione delle idee del Dumont, senza recar giudizio sulla

loro veritk o falsita. Quel che noi pensiamo di queste qui-

stioni, sari proposto e discusso piu innanzi.

Un'altra osservazione che fa PAutore alia teorica ariana

o pelasgica, risguarda Pesclusione assoluta di qualsivoglia

somiglianza dello stile geometrico degli Arii e de' Pelasgi con

Porientale e fenicio. Ora PAutore nega che si possa saper

nulla di certo su questo punto. Imperocchk se da una parte

ci e nota la decorazione orientale del X secolo, nessuno dal-

Paltra puo con certezza affermare questa

preceduta da verun'altra. Lo spazio

esser la sola ne

dal XXe dal XVI se-

colo al X & abbastanza lungo. Nella collezione di Micene

Pornamento a stile geometrico su tanti vezzi d'oro mostra

evidentemente P influenza orientale, ma non 6 possibile dire

con sicurezza n& dove ella cominci n& dove si arresti. Quel

poco che ancora sappiamo

delle antichita della Babilonia e

della Caldea, e bastevole a far circospetti gli archeologi quando

si tratta di negar la conoscenza dello stile geometrico a' popoli

che in fatto d'arti e d'industria eran fiorenti sin da

tempi antichissimi.

II Conze e il Conestabile danno importanza alle file di uc-

celli acquatici ; ma sulle tazze ninivite occorrono zone al tutto

somiglianti e trattate come nello stile geometrico, con rego-

laritci cioe di convenzione e monotonia. Gli uccelli acquatici

si veggono eziandio in antiche tazze di lavoro egiziano, ne

son rari in Egitto i meandri e la greca primitiva. Si dica al-

trettanto de' frammenti di ceramica trovati a Kuyungik

e a

Nimrud, dove si veggono gli elementi stessi dello stile geometrico:

bande circolari, cerchi concentrici, volute, quadrelli,

zone di punti fra due linee, rettangoli, zigzag e somiglianti l .

1 Cf. PERHOT, Hist, de I'Art dans I'Antiquite. T. II. pp. 293,

713. An-


E DELLE LORO MIGRAZIONI 27

Un'altra teorica, tenuta gia come probabile e poscia ab-

bandonata dal Dumont, e quella che trova 1' origine dello stile

georaetrico nella natura stessa dello spirito

umano. Infatti lo

stile geometrico e semplice e naturale; e percio dev'essere

stato comune a tutte le ceramiche piu antiche. L'Autore con-

cede esser cio vero quando si parli

di combinazioni elemen-

tari di linee e di cerchi, come si pud vedere nelle ceramiche

del Nuovo Mondo,. conservate a Sevres,

al Museo del Louvre e

al Trocadero. In questi musei vi sono esemplari molto sem-

plici, i quali ben si possono

pro e d'altri paesi greci; anche qui

riscontrare co' vasi comuni di Ci-

occorrono i travicelli o

correnti, le onde, le linee spezzate e un ornamento che s'ac-

costa alia greca; ma non v'e altro, e cotesti elementi non

costituiscono uno stile propriamente detto, come quelli onde

s'e finora discorso, i quali sonosi formati col tempo e appar-

tengono a particolari industrie e ben determinate.

Del -tipo d'Atene e di Falere come della influenza orien-

tale al TX o X secolo in che fiorisce una decorazione di-

versa dalle gia descritte, originale, elegante, complicata, co-

nosciuta dal Golfo Persico al Mar tirreno, noi qui non fa-

remo parola, perciocchfe essa e posteriore a' tempi che formano

il soggetto delle nostre ricerche e de' nostri studii storici. Ella

e certamente molto antica, ma non si sa bene quando co-

minci, benchfc all'VIII e al IX secolo sia gik stabilita, poiche

vi si manifesta sopra ragguardevoli edifizii massimamente

nella valle del Tigri e delPEufrate, onde fu detta orientale.

Questo nuovo genere

di decorazione costituisce come un se-

condo periodo d' influenza asiatica su que' medesimi paesi dore

gik P Oriente ne aveva esercitata un' altra dello stesso genere,

e che solo ci riguarda.

II Dumont parlando dell'arte lidia cosi poco a noi nota

flnora, osserva ch'essa aveva grandi rapporti con Par te della

valle delPEufrate. Riconosce nelPAsia Minore Pesistenza di

nali, 1875. Osservazioni sopra la provenienza della decorazione geometrica.

pp. 221-253. Tav. IV. Monumenti, 1875, Tav. XXIIlA. Diversi monumenti

d'arte antichissima. LOFTUS, Travels and researches, pp. 187-189.


28 DEGLI HITT1M HETHEI

un'arte originale e al tempo stesso d' imitazione, la quale to-

glieva esempii dall'Assiria e dall'Egitto e vi aggiungeva degli

element! che sembrano fln qui esserle stati proprii. Cita, se-

guendo sempre il Perrot, i bassirilievi da noi descritti, di Bo-

ghaz-Keui, d'Euiuk, la fortezza di Ghiaur-Kalesi, la tomba

frigia detta Delikli-tach, il sepolcro di Mida,

il leone di Ka-

laba, il bassorilievo di Nymphi l

e , ritiene con lui dimostrata

T influenza dell'arte ninivite su monumenti della Cappadocia.

Vedremo piu innanzi se cio sia vero e dimostrato. Ecco in

compendio

fluenza orientale:

le conclusion! del Dumont relativamente all' in-

1. L' influenza asiatica spiega in gran parte le origini

dell'industria e della decorazione in Grecia;

2. Essa si esercito principalmente per mezzo de' Fenicii,

e degli esempii che i Greci vedevano nell'Asia Minore;

3. La storia della decorazione asiatica presenta tre pro-

prieta successive: troviamo dapprima il periodo egizio; poscia

i'assiro e finalmente uno stile la cui compiuta ma tardiva

espressione si vede a Persepoli. Notiamo poi senza poterli

precisare, altre proprieta distinte da queste

chita.

e d'un'alta anti-

4. L'industria fenicia, 1'arte lidia e delle coste dell'Asia

Minore fu sotto 1' inflenza di questi tre period! ;

5. II X e il IX secolo, cioe dire 1'eta de' poem! omerici,

rispondono al periodo assiro;

6. Durante il terzo periodo i Greci d'Asia Minore, delle

isole e della Grecia continentale cominciano a produrre libe-

ramente opere che hanno propriety originali incontrastabili.

Abbiamo esposto fln qui le idee del Dumont sulla cera-

mica antica, e quelle altresi del Pottier che ne suppliva le

parti mancanti o appena indicate e in appunti, nelle carte del

compianto archeologo. Tutta Fopera messa insieme con dili-

1 Le opere del Perrot dall'Autore citate sono : I' Art de VAsie Mineure e

I' Exploration de la Galatie, anteriori ali'Histoire de I' Art dans V Antiquile . Nel

Tomo IV di questa auova opera, il PERROT modifica alcune opinioni espresso

nelle precedent!.


E DELLE LORO MIGRAZIONI 29

genza ed amore dal Pettier, valorosissimo in questa nuova

disciplina della ceramica antica, restera per i present! come

per gli av venire un insigne monumento del forte ed arguto

ingegno del Dumont, e un modello incomparabile di analisi e

di sintesi archeologica. Ne punto meno lodevole e il riserbo

onde son trattate le quistioni di date e di origini, poiche nulla

mai si afferma come certo e indisputabile, ma al contrario,

tutto e lasciato in sospeso e rimesso ad ulteriori scoperte e a

novelli studii.

Diciamo ora con la solita brevita, della piu antica cera-

mica delP Egitto e dell'influenza che altri le attribuisce su' po-

poli

d'Asia e di Grecia.

II sig. Flinders Petrie nell' Ottobre del 1890, pubblicava

nel Giornale degli studii ellenici l

un articolo con questo ti-

tolo inaspettato e un po' maraviglioso : The egyptian bases of

greek history. Cotesta base e fondamento, sul quale, a giudizio

del valoroso e fortunate esploratore inglese, e mestieri che

d'ora in avanti veggano i dotti poggiata

1'antica storia della

Grecia e quella della civilta dell'Egeo, son le ceramiche da lui

scoperte a Naucratis, a Daphnae, a Kahun presso 1'entrata del

Fayum 2 . Qui 1'Autore in una tomba ch'egli stima appartenere

al 1100 a. G. C. alHncirca, trovava alcune dozzine di

corpi e una quantita grande di vasi egizii, fenicii, cipriotti ed

egei. Adopera il vocabolo egei, a fin d'evitare, com'egli dice,

la quistione storica della schiatta che produsse questa cera-

mica antica, e la quistione del luogo, se appartenga cioe al

* The Journ. of hell. Stud.; Vol. XI, No, 2, pp. 271-277.

3 Cf. Naukralis, Part 1. 1884-5, by W. M. FLINDERS PETIUE with chapters

by C. SMITH, E A. GARDNER, and B V. HEAD; Third Memoir of the Egypt

Exploration Fund, 1886. Naukratis. Part II., by E. A. GARDNER and F. GRIFFITH ;

Sixth Memoir of Egypt Exploration Fund, 1888. Tunis, Part II. Nebesheb.

(Am) and Defenneh (Tahpanhes). By W. M. FLINDERS PETRIE, with chapters

by A. S. MURRAY and F. GRIFFITH. Fourth Memoir of the Egypt Exploration

Fund, 1888. Illahnn, Kahun, and Gurob, by W. M. FLWDERS PETRIE, with

chapters by Prof. SAYCE, .Canon Hicks, Prof. MAHAFFY, F. LI. GRIFFITH, and

F. C. J. SPURBELL. (DAVID NUTT) Cf. la dotta ed arguta rivista che di questo

lavoro faceva Miss A. B. EDWARDS nell'^cademy, Dec. 12, 1891, N. 1023,

p. 541 e segg.


30 DEGLI HITT1M I) HETHEI

Peloponneso, alle isole ovvero alia costa asiatica. II vaso prin-

cipale e piu importante da lui descritto, dev'essere riportato

per il suo stile dove si ha un principio di disegni natural!,

verso il 1100 a G. C. Vasi a falso collo o pseudo-anfore, detti

bugelkannen, trovati a Gurob, sarebbero del 1200 e pero del

tempo di Ramesse II, sempre secondo 1'Autore che segue una

cronologia egizia

diversa dalla coraune. Alcuni vasi con dischi

circondati da un cerchio punteggiato, come solo ornamento,

sarebbero del 1350 ; e i piii antichi di tutti di forma profonda

e globosa giungerebbero

al 1400. Di che 1'Autore inferisce che

per questa catena di esempii succedentesi regolarmente, resta

dimostrato che la piii antica ceramica a disegni geometrici

di Micene comincia a un dipresso, nel 1400, e le tien dietro il

cominciamento de' disegni naturali verso il 1100.

Se poi si domanda all'Autore in che modo trovi siffatte

serie in Egitto, risponde che esse son parte de' prodotti dei

Greco-Libii, i quali si gittarono di tempo in tempo sopra

il 1600), da

PEgitto e furono respinti da Amenhotep (circa

Merenptah (1190), da Ramesse III (1100)

finche afferrarono il

potere sull'Egitto, regnante Shishak. Ma 1'Autore crede dover

rimontare indietro di parecchi altri secoli e mostrarci una

ceramica affatto differente da qualsivoglia altra del 1100 al

1400. Infatti cotesta antichi tk e dimostrata 1 da molte va-

ried di ceramica straniera trovata in una citta della XII a di-

nastia, il che vuol dire, secondo lui, circa il 2500 a. G. C. ;

2 dallo stile flnora ignoto, essendo piu rozzo di quello che

presenta la ceramica del 1400;

3 dall'essere associata sem-

pre con la ceramica egizia piu antica del 2000 a. G. C. ; e

4 flnalmente dall'essersi rinvenuta in mezzo a mucchi di cal-

cinacci non mai rimuginati fin probabilmente dal 2500. La

novita assoluta del tipo e in cio che questi vasi non hanno

labbro ne ornamento intorno alia bocca, nessun disegno, ma

semplicemente un foro tondo. Ora i soli vasi somiglianti a

questi sono : uno, trovato fra calcinacci del 2500 ;

un altro

veduto nella piramide della stessa etk. Questo tipo non e egizio,

non greco, ma egeo; mentre alcuni altri vasi assomigliano


E DELLB LORO MIQRAZIONI 31

a' piu antichi vasi italic! di bucchero, nel colore, nella forma

e in tutto. Ora siffatta ceramica e nota in Egitto soltanto

priraa del 2000, poiche

il Naville la trovo a Khatanah in se-

polcri molto profondi e con scarabei di quel tempo,

ed ora

s'incontra di spesso in una citta di quel medesimo periodo.

Da quanto precede 1'Autore giudica poter venire a queste

ipotetiche

conclusioni. La somma delPantica civilta del Pelo-

ponneso, nota oggi comunemente sotto 1'indicazione di periodo

di Micene , e un ramo della civilta dell'eta del bronzo

in Europa, e in comunicazione, ma lieve con 1'Oriente: with

'but little contact with the East. La Gallia, 1'Ungheria, Plta-

lia, la Grecia e la Libia ftorirono simultaneameute di una me-

desima civiltci, la quale stabili piii strette relazioni fra queste

contrade, che non co' paesi asiatici, onde in tempi posteriori

ebbe cotanto influsso la greca civilta. Frutto di questa ci-

vilta fu la potenza, come si vede nelle guerre combattute in

Egitto e nel finale soggiogamento d'una delle piu

forti mo-

narchie dell'antichita. Ora se cio intervenne nel secondo mil-

lennio prima di Gesu Cristo, come ci ammaestrano le iscrizioni

egizie, e se a quel tempo erano gia fatti gli oggetti cosi belli

e di lusso scoperti a Micene ed a Tirinto, non parra strano a

veruno che questa civilta si faccia risalire d'un altro migliaio

d'anni addietro. Gli Egizii al 2800 a. Gr. C. erano in relazione

col popolo settentrionale del Mediterraneo, come ne fan fede

i pesi e le misure trovate in una citta del 2500 a. G. C., i

cui abitanti erano principalmente stranieri. L'Autore conchiude

compendiando cio che per rispetto alia Grecia gli sembra ri-

sultare da' suoi scavi, cioe dire che la ceramica greca dati da

un centinaio d'anni di la dal 1400 a. G. C., mercecche ab-

biamo gli avanzi certissimi della lega greco-libica o libico-

achea, la quale invase PEgitto verso questo tempo; e che fi-

nalmente, si puo far rimontare a un'eta piii lontana e prima

del 2000, mentre d'altra parte si son date prove che la ci-

vilta europea s'inizii innanzi il 2500 a. G. C. L'Egitto, cosi fl-

nisce Particolo del valente Inglese, ci puo tenere in serbo al-

tre sorprese a iosa.


32 DEGLI HITT1M O HETHEI

Queste succinte notizie risguardanti

le antiche ceramiche

soao, a parer nostro, bastevoli, acciocche i nostri lettori pos-

sano senza difficolta seguirci nella discussione ehe faremo nel

prossimo articolo, sull'origine e propagazione della piii antica

ceramica nell'Asia Minore, nel contineute greco, nelle isole e

in Italia. Non abbiamo percio toccato delle ceramiche d'eta piu

vicine, le quali abbandonati prima in parte, e di poi totalmente

i tipi e i disegni originarii, sono recate in Grecia e in

Italia alia piii grande perfezione. Chi voglia mettersi dentro a

questi studii trovera opere di gran raerito che gli spianeranno

la via.

Le conseguenze iutanto, che dalle cose finora esposte si posi

sono trarre legittimamente e senza pericolo d' essere giudicati

troppo severi, son queste: 1 che la nuova disciplina archeo-

logica, la quale pone un particolare studio intorno all'origine

e propagazione dell'arte ceramica antica, non e ancor venuta

a conchiusioni che possano dirsi scientiflche, cioe certe ed indisputabili;

conciossiache le opinioni de' dotti in siffatte ma-

terie sieno varie e discordi fra loro ; 2 che la quistione cro-

nologica e di tutte la meno certa e piu oscura; 3 che i fatti

cioe dire le ceramiche massimamente di alcune contrade sono

ovvero scarse, ovvero mancano affatto. Tali sono 1'Asia Mi-

nore nelle sue parti interne e le piu importanti, e Pisola di

Creta ed altre. Di che segue la necessita di procedere

con cau-

tela e misura ne' giudizii e nella creazione di teoriche, le

quali domani per la scoperta di nuovi fatti, possono diventar

false.

Le diverse teoriche esposte fin qui, come similmente certi

fatti, su' quali esse poggiano secondo i diversi autori, merite-

rebbero una lunga discussione che noi non possiamo ne dob-

biamo imprendere, perciocche ci condurrebbe di la da' confini

del nostro istituto. Una quistione toccata dal Dumont fu da

noi riservata a questo luogo perche piu strettamente connessa

con quanto ci converra dire nel prossimo articolo. Parlando

egli

de' Fenicii e de' loro commerci accenna all' influenza de-

gli Egizii e degli Assiri sull'arte fenicia e poi si domanda se


E DELLE LORD MIGRAZIONI 33

i Fenicii avessero de' modelli nell'Asia Minore prima degli As-

siri e anterior! al XII secolo, e risponde affermativamente.

Su' bassirilievi di Thutimes III della XVIII a diaastia, egli dice^

i Xeta, frazione della popolazione fenicia della Siria, portano

al Faraone, de' vasi che attestano un'industria oltremodo svolta,

come apparisce dalle loro forme, le quali sono appunto quelle

che la Grecia prendera e fara sue : 1'olpe, cioe 1'ampolla o va-

setto da olio, 1'oenochoe, il cratere, la tazza, 1'anfora. Ne cio

soltanto, ma gia fin dal XVI secolo il rosone decora questi

vasi e si vede su tazze profonde con lungo piede

e anse. Sui

medesimi bassirilievi si veggono gli abitanti del Nord che of-

frono al Re certi vasi conici della stessa forma di quelli di

Santorino e d'laliso. Una bottiglia a lungo collo rovesciato e

testa di vacca simile a quella trovata a Micene, appartengouo

agli stessi popoli. L'Autore aggiunge

in nota che nelFarte di

questi tributarii vi sono alcuni tipi che mancano in Egitlo,

comeche gli elementi comuni a questo e a quelli sieno peral-

tro numerosissimi. Sarebbe tuttavia error grande

il conside-

rar come esclusivamente nazionali i vasi portati da' Xeta l .

Quando il Dumont parla de' Fenicii e de' Xeta, cade, come

tanti altri, neU'errore da noi tante volte indicate, di confon-

dere la Fenicia, cosi chiamata in tempi posteriori, con la Siria

di piu antichi tempi, quando cioe comprendeva in se quella

contrada, la quale fu poscia denominata Fenicia. Laonde quel

che egli afferma dell'arte fenicia, parlando de' Xeta, non puo

intendersi se non dell' arte degli Hethei, Hamiti, e non de' Fe-

nicii, Semiti, i quali sono di eta posteriore.

L' influenza egizia deve pertanto riguardar i Fenicii propriamente

detti e non gia gli Hethei, i quali, pur occupando ab

antico gli stessi paesi che furon poi de' Fenicii, non erano al-

trimenti Fenicii. Se si vuol concedere all'Egitto un' influenza

sulla ceramica de' Xeta, convien tener altra via e risalire agli

Hyksos, cioe dire verso il XX secolo a. G. C. Nella lunga dimora

che gli Hyksos fecero nella valle del Nilo, poterono pren-

dere esempii dalla ceramica egizia, che di poi scacciati e ri-

* 0. c. p. 74-75.-135.

Serie XV, vol. I, fasc. 997. 3 23 decembre 1891.


31 DEGLI HITT1M HETHEI

tornati nell' antica loro patria, la Siria, conservarono e ripro-

dussero. Senonche farebbe mestieri sapere qual fosse F arte

ceraraica degli Hyksos prima dell' invasion loro e il conquisto

dell 1

Egitto. Ma questo e un problema che per ora non si puo

sciogliere. Resta dunque che 1' influenza egizia sulF arte hethea

de' primi tempi, non e provata ne puo provarsi ; mercecche

le prove recate in mezzo dal Dumont e da altri, riguardano

tempi e fatti posteriori all' invasione degli Hyksos e, a piu

forte ragione, all'esistenza della loro Confederazione, la quale,

secondo che abbiamo dimostrato altrove, comprendeva

popoli della Siria e dell' Asia Minore 1 .

tutti i

Se F Hirschfeld 2 intende negare una civilta antichissima

detta degli Hethei, e la connessione fra Hethei di Siria e d'Asia

Minore, deve, a nostro giudizio, portar altri argomenti che le

varieta e le differenze de' monumenti o la lontana comunita

d'ispirazione. La sua medesima argomentazione prova, cosi

sembra a noi, tutto il contrario di cio ch' egli vuole. Imperoc-

che, mentre egli asserisce che 1'arte della Mesopotamia sia il

sole comune della Siria e dell' Asia Minore , non mostra ri-

flettere a quanto di particolare e di proprio ha Farte hethea.

Ora, quel ch' essa ha di proprio, e identico agli Hethei di Siria

e d'Asia Minore, e non trova verun riscontro con 1'arte me-

sopotamica. II costume hetheo delle vesti e della calzatura, per

dir solo di cio che piu salta agli occhi, non ha nulla di ba-

bilonese, ed e identico su' monuroenti di Siria e d'Asia Minore.

Se a questo si aggiunga F identica maniera di rappresentare

la divinita suprema, la quale e la stessa per gli Hethei delle

due nazioni e non ha nulla che vedere con le divinita babi-

lonesi, e F identita della scrittura geroglifica di tutti cotesti

popoli, la conseguenza legittima non puo

esser che una sola

cioe dire che F arte degli Hethei di Siria e d'Asia Minore e

sostanzialmente la stessa, perche i popoli delle due regioni sono

1 Cf. DE CARA. Gli Hyksos o Re Pastori di Egitto, Cap. IX, X, XIII.

2 Die Felsenreliefs in Kleinasien und das Volk der Hittiter, negli Abhand-

lungen dell'Acad. di Berlino, 1887. Gf. S. Reinach, Chronique d'Orient, nella

Rev. Archeol. 3. ser. T. X, 1882. p. 99-100.


E DELLE LORD MIGRAZIONI 35

fra loro afflni di costumi e di credenze, e originariamente an-

cora di sangue. L' argomento che si toglie da una semplice

congettura, che cioe 1'alfabeto hetheo si sia potuto usare per

iscrivere diversi idiorai, non prova nulla contro Paffinita dei

popoli hethei di Siria e d'Asia Minore, aazi la conferma. Im-

perocchfe

a due popoli che hanno la stessa arte, gli stessi costumi e la

1' esistenza su' monument! d' una scrittura identica

stessa religione, non puo

indicare se non lo stesso idioma. Che

se quella stessa scrittura e adoperata a scriverne un' altro,

cio non puo intervenire ^se non in tempo posteriore e con

gente diversa, come fu da noi dimostrato per rispetto all'al-

fabeto sillabico cipriotto, che fu nel principio usato dagli Hethei,

primi abitatori dell' isola, e che poscia servi per iscrivervi il

greco. Ma ritorneremo su questo argomento allorch& si dovra

trattare dell' arte hethea e delle sue origini.

Conchiudiamo dicendo, che la critica nella questione degli

Hethei ha il diritto di discutere,

si veramente che se ne os-

servi il primo canone fondamentale che e e sara sempre quello

del buon senso. Ora il buon senso esige che da una quistione

sola e isolata, quale 6 quella dell' arte, non si deducano con-

seguenze universal! intorno a un tutto che consta di piu parti

strette fra loro e tutte important}, quali sono 1' origine, 1' affi-

nita, la signoria, P arte e la religione di popoli antichissimi.

Se dunque si vuol debitamente illustrare questa quistione sto-

rica degli Hethei, forza trattarla con diligenza ed amore in

tutte e singole le parti ch'essa conttene, e pazientemente aspet-

tarne le conclusioni. La critica negativa fe stata sempre sterile,

e tale ci e sembrata quella del dotto uomo le cui deduzioni

abbiamo creduto non poter aecettare.


BELLA NUOVA TEORIA DI SUGGESTIONE

PER ISPIEGARE L'IPNOTISMO 1

XII.

Dipendenza assoluta dell'ipnotizzato dall'ipnotizzante.

Egli e un fenomeno osservato e riconosciuto dai trattatori

d'ipnotismo, che cominciata 1'ipnosi, il soggetto rimane in balia

dell'ipnotizzante. Una forza ignota

e irresistibile lo vince e lo

doma durante tutto il processo ipnotico, in guisa tale, da

rendere un uomo manciple d'un altro, senza che quello abbia

conoscenza dei danni che puo subire o produrre . Cosi si

esprime nel suo Parere il Consiglio supremo di sanita, raunato

dal Governo in Roma, e presieduto daU'ex-ministro, pro-

fessore Baecelli. Noi citammo altre volte a questo proposito le

autorita di dottori ipnotisti, in gran numero, che descrivono

1'ipnotizzato come un possesso dell' ipnotizzante, un automa,

un meccanismo, inflne come una preda bruta, come duramente

e pur troppo veracemente parla il dott. Cesare Lom-

broso (cf. FRANCO, Ipnotismo', pp. 167-172). Cosi sentono tutti

gl'ipnotizzatori pratici,

fondandosi sulle certissime ed innume-

rabili esperienze.

Ben e vero che non sono assolutamente impossibili i casi

d'ipnosi imperfetta, ne' quali il soggetto conserva qualche lume

o barlume di coscienza; e che qualche dottore, Pinglese H. Tuke,

per esempio, riguarda F abolizione della coscienza come un

1 Vedi i precedent! quaderni, 982, (16 maggio 1891) e 985 (4 luglio).


NUOVA TEORIA DI SUGGESTIONS PER ISPIEGARE L'lPNOTISMO 37

epifenomeno, sopravvegnente ai fenomeni proprii dell'ipnosi.

Noi stessi ne pubblicammo un esperimento decisive, accaduto

in persona di un medico magnetizzato male suo grado, il quale

-durante tutto il periodo ipnotico, serbo la perfetta lucidita

della mente, e la parola per rendere conto agli astanti delle

sue interne impressioni. Ma e vero altresi che il povero dot-

tore, con tutta la luciditk della mente e la sua ripugnanza, era

forzato di obbedire, come un burattino, ai cenni dell' ipnotiz-

zatore, anche non presente; ed e certo in generale, per le comuni

esperienze, che il soggetto, anche conservando in tutto

o in parte il libero arbitrio, viene tuttavia sopravvinto dal

comando dell'ipnotizzante; e a malincuore, si, ma pure irre-

sistibilmente si piega all'esecuzione : piantera, se gli e detto,

il pugnale in petto ad un amico, andrk egli stesso in bocca

ad un leone.

Di che e manifesto che le ipnosi graduali nei rari casi che

pur si danno, non distruggono lo stato passivo del soggetto,

vuoi con coscieuza lucida, vuoi con coscienza abbuiata. Del

resto il celebre sperimentatore della Salpetriere di Parigi,

dott. Paolo Richer, confessa : A

noi non fu mai concesso di

osservare nelle nostre isteriche questi casi d'ipnosi incompleta,

con persistenza a un grado vario di coscienza. II sonno era

sempre profondo e dal primo momento spinto aU'estremo '.

E adunque provata e certa la assoluta soggezione degli ipno-

tizzati ai Joro ipnotizzatori, soggezione che persiste sempre

durante Fesperimento ipnotico, e puo protrarsi

a settimane e

a mesi nei casi di fenomeni imposti a scadenza flssa; sogge-

zione che ha invariabilmente una visibile manifestazione nei

fenomeno del cessare 1'ipnosi al primo cenno o sofflo delPipno-

tizzante; soggezione che ha uno strascico spesso penoso, pe-

ricoloso, immorale nelPeccessiva dipendenza e quasi schiavitu,

che poi lungamente conservano dopo 1'esperimento i soggetti

riguardo al proprio ipnotizzatore, sopra di che per

insistiamo.

1

RICHER, La Grande Hysterie, ed. sopracit. pag. 772.

ora non


38 BELLA NUOVA TEORIA DI SUGGESTIONS

XIII.

Che la dipendenza dell'ipnotizzato

dalla costui paralisi cerebrate.

non & causata

Posta in sodo questa singolare condizione del soggetti sot-

toposti all'ipnosi, si dimanda come essa si spieghi dai sugge-

stionisti, cioe, come la Suggestione produca flsicamente il fenomeno

della totale suggezione, in colui che soffre 1' azione

ipnotica,

e il relativo totale dominio in colui che n'6 attivo

stromento. Rispondono comunemente i suggestionisti, che cio

avviene in virtu della cessata energia dei centri superior! e

intellettivi, e della eccitata energia

dei centri inferiori e re-

flessi. Ecco come si esprime il caposcuola, dott. Bernheim:

E certo che esiste nel soggetto ipnotizzato o impressionabile

alia suggestione, un'attitudine particolare a trasformare in

atto 1'idea ricevuta... e la trasforma in sensazione, moto, im-

magine; e si fa si rapidamente che la vigilanza (controle) in-

tellettuale non ha tempo di prodursi... senza che 1'organo

psichico di perfezionamento, il piano superiore del cervello,

possa impedire la trasformazione . In modo analogo operano,

sempre secondo il Bernheim, le suggestion! negative che proibiscono

qualche atto organico. Vi sara benissimo 1'eccitazione-

propria negli organi che ne sono la sede, ma non arriva al

cervello, e cosi, a cagion d'esempio, la retina riceve 1' im-

magine, la visione nella retina esiste, la luce fa contrarsi la

pupilla; ma la percezione cerebrale delPimpressione retinica

non esiste piii (Bernh. pp. 197-201) . E non esiste piu perche-

1'ipnotizzatore colla sua parola ha incatenato gli organi cere-

brali. II dabbene dottore si stende qui a provare Tesistenza di

questi fatti, i quali nessuno nega, atteso il numero infinite di

esperienze che ogni giorno se ne hanno. Ma dopo tuttequeste

affermazioni, quando dovrebbe recarne una qualsiasi spiega-

zione, egli non sa dire propriamente perche Pidea non esista


PER ISPIEGARE L' IPNOTISMO 39

piu dopo la suggestione venuta dall'esterno, e si contenta di

ripetere timidamente: Sembra che cio provenga da una pa-

ralisia d' un centro corticale, prodotta dalP idea suggerita

(pag. 199) .

Ora si richiede, sembra a noi, una dose straordinaria di


40 BELLA NUOVA TEORIA DI SUGGESTIONE

paralisia d'un centre corticale prodotta da una idea suggerita.

Ora una paralisia prodotta da una idea, e il colmo dell'assurdo,

se pure non si voglia confessare dai suggestionisti, che Fidea,

suggerita porta seco qualche elemento nuovo e Don naturale o

almeno sconosciuto flnora, elemento che e causa del fenoraeno

di paralisia; ovvero confessino, cio che tornerebbe allo stesso,

che il sonno ipnotico non e gia, cora'essi dicono, un sonno na-

turale, ma piuttosto uno stato nuovo e misterioso, nel quale di-

venta possibile cio che nelP ordinario sonno e impossibile, che

cioe la idea spirituale operi come agente materiale e flsico. Ma

i suggestionisti si guarderanno bene di consentire a tale suppo-

sizione : sarebbe un concedere apertamente che la suggestione

non opera per virtu naturale, si piuttosto per

sciuta nella natura. II che distruggerebbe

virtu scono-

dalle fondamenta

il castello delle loro spiegazioni dell'ipnotismo, le quali innanzi

tutto pretendono di essere puramente

turali.

XIV.

ed esclusivamente na-

Anche concessa Vassurda .paralisi mentale,

non ne segue il dominio dell'ipnotizzatore sull'ipnotizzato.

Ma ammettiamo un tratto 1'assurdo della idea suggerita

e paralizzante i centri intellettivi, non per questo i sugge-

stionisti avranno renduto ragione della soggezione dell'ipno-

tizzato e del correlative dominio che ne acquista 1'ipnotizzante,

Posta la paralisi mentale, che avverrebbe? Che 1'ipnotizzato re-

sterebbe come un cavallo senza briglia, una nave senza timone.

Or come farebbe 1'ipnotizzatore a raccogliere egli stesso queste

briglie cadute in terra, come potrebbe afferrare e volgere a

suo senno lo spezzato timoue? II Bernheim conviene che nello

stato ordinario di veglia, ogni idea formolata (da un sugge-

ritore) viene discussa dal cervello, che non 1'accetta altrimenti

che sotto benefizio d'inventario (pag. 197). Quindi la-

* 4 195


PER ISPIEGARE L' IPNOTISMO 41

liberty morale e la indipendenza di ogni uomo, anche pres-

sato dagli altrui suggerimenti. Laddove nel sonno ipnotico,

continua il Bernheim, la mente non giudica piii

delle idee

proposte. L'ipnotizzato s' addormenta colla idea fissa (immo-

bilise'e) in colui che 1'ha addormentato : di qui la possibilita,

che questa volonta straniera gli suggerisca sogni, idee, atti.

Pag. 171). >

Rispondiamo che queste le sono parole. A noi sembra di

sognare quando vediamo uomini scienziati ragionare con si

poca serieta. Pare che 1' idea i suggerita paralizzi centri mentali;

e cio si ammette come vangelo! E possibile che una

volonta straniera suggerisca idee ed atti;

e cio si assume

come fatto dimostrato! Ma perche non discutere prima, fllo-

soflcamente e medicalmente, quel pare e quell' e possibilel Si

sarebbe chiarito il signer Bernheim, che quel pare e un sogno

d'infermo, come teste dimostrammo ; e quell' possibile si sa-

rebbe risoluto in una chimera, come ora dimostreremo.

Muove a riso, solo a pensarlo, che una persona spadro-

neggi nell' interne d' un altro individuo, altrimenti che per via

di persuasione alia mente, la quale poi per moto libero e vo-

lontario e tutto proprio atteggi 1'organismo. Muove a riso,

per la flagrante ripugnanza che vi si scorge di primo ac-

chito, ripugnanza metafisica e antropologica, ripugnanza al

buon senso e alia sperienza cotidiana, ripugnanza perfino

contro agli altri placiti dei suggestionisti.

Che nel sistema vitale d'un individuo possa intrudersi un

altro individuo ripugna all'unita della persona umana. Egli e

certo presso i psicologi, che nell' uomo uno e il principio

di ogni intellezione e volizione, e di ogni azione vitale. E

questo principio e Panima razionale, che informa immediatamente

il corpo; dalla quale unione sostanziale risulta il

composto umano, 1' uomo. Pio IX, in una lettera al Vescovo

di Wratislavia, censura gravemente

il Baltzer che contraddisse

a questa dottrina, comune tra i filosofi cristiani, la quale il

Ponteflce dichiara unica vera, e da non potersi negare senza


42 BELLA NUOVA TEORIA DI SUGGESTIONS

errar nella fede l . Ora se 1' ipnotizzatore, senza il consenso

dell' ipnotizzato, potesse iraperare ed ottenere atti organic! e

vitali, egli diverrebbe fonte e principio di tali moti, e non sa-

rebbe piu uno solo il principio della vita individuate.

E senza ricorrere a si alte pruove, il buon senso univer-

sale, e la coscienza intima di ciascheduno ne rendono testimonianza

irrefragabile, die ciascun atto personate sgorga dal-

1' attivita nostra individuate, ne niuno esterno puo

nulla nel

nostro interno, nulla sugli atti liberi della mente, nulla su-

gli atti autonomi corporali, meno di nulla sugli atti automa-

tic! del sistema vitale. Cio si avvera in egual modo nel sana

e nelP infer mo, nel desto e nel dormiente.-Cosi fu sempre dai

tempi preistorici insino a noi. Dunque 1' idea suggerita

da un

altro, la parola avviata pel condotto auricolare, e impotente

ad agire sul sistema nervoso o intellettuale dell' ipnotizzato

ne serve a dominarlo,

se essa non arrivi all'intelletto che 1'in-

tenda, e alia volonta che se ne commuova. II dominio per-

tanto dell' ipnotizzante male e assurdamente si deriva dalla

suggestione o dal suggerente. Vi sara il dominio, vi e pur

troppo: ma a questa causa non si puo attribuire.

Lepido e poi il modo onde, sempre a detta dei suggestio-

nisti, P ipnotizzante entra in possesso dell' individuo ipnotiz-

zato. Torniamo ad ascoltarlo dal loro banderaio in cio seguito

concordemente dai discepoli della nuova scuola. LT ipnotiz-

zato si addormenta coll' idea immobilizzata in colui che 1'ha

addormentato, dice il Bernheim, di qui la possibilita che que-

sta volonta g'i suggerisca sogni. idee, atti. Ma niente af-

fatto !

Sono due affermazioni gratuite, e false per giunta. chi

ha detto al signer Dottore, che per avervi una persona sug-

gerito e persuaso di abbandonarvi al sonno, essa debba per

cio stesso e per necessita dimorarvi immobile nella mente du-

rante la dormizione ? L' effetto naturale del sonno e scancel-

1

Sulla certezza di tale dottrina veggasi 1' insigne opera del noptro col-

lega, P. G. M. CoRNOLor, La Filosofta Scolastica, 7 a ediz. Roma, J889, p. 3091

e segg.


PER ISPIEGARE L' IPNOTISMO 43

lare appunto i pensieri present! nella veglia, come ognun sa

per propria esperienza. Si sara parlato e discusso di affari ri-

levantissimi sino alPultimo momento prima di chiuder gli oc-

chi, e pure, chiusi gli occhi, le cose tutte e le persone spa-

riscono dalla mente, come ad un calare di tendone sparisce

la scena. Gli stessi peasieri che piu affannosamente vi asse-

diano fltti fitti, sogliono col sonno dileguarsi. Infatti i figliuoli

-di Adamo, ab origine mundi, sono soliti chiedere al sonno

P oblio delle cure moleste che li travagliano : e un beneflcio

di Morfeo cantato dai poeti in tutti i metri. E pensare che i

dottori suggestionisti vengono a contarci che un pover uomo

addormentato da un suo simile, deve di legge

sempre fitto nella mente, anche dormendo la grossa ! E

tenersi costui

in-

tanto ci assicurano che il sonno ipnotico e sostanzialmente lo

.stesso che il sonno naturale ! Costoro fanno per verita a fi-

danza colla credulita del volgo. Negano senza ragione veruna

i fatti piu certi presso P universo genere umano, e inventano

a piacere per loro uso e consume fenomeni insussistenti e

contrarii alia esperienza cotidiana: e con cio credono di avere

incastellata una teorica.

della seconda asserzione del

II che diciamo con egual ragione

Bernheim, che dal tener flssa in mente durante il sonno una

persona nasca la possibilita che questa persona straniera al

dorrnente gli suggerisca sogni, idee, atti. Questo pure e falso.

L'esperienza ci dice, che il dormente non sente nulla da una

persona straniera, e se arriva a sentire, si desta. Ecco Pef-

fetto naturale della suggestione : lo neghi chi puo.

Si da il

caso talvolta, massime coi sonnambuli, che questi non si de-

stino, ma, avendo desta P immaginazione e un barlume di

ragione, assecondino il suggeriraento, in maniere imperfette,

incerte; e non mai in quel modo riciso, subito, fulminante

che vediamo negli ipnotizzati. E tutt'altra cosa: Parrendevo-

lezza parziale e titubante del sonnambulo non ha niente che

fare colla esecuzione totale, a scatto di macchina, che osser-

viamo nelP ipnotizzato, il quale e dominato in tutti gli ,atti

organici dal suo padrone ipnotizzatore, e perflno negli atti


44 BELLA NUOVA TEORIA DI SUGGESTIONE

spiritual!, come sarebbero I'amnesia, Pabulia, 1'odio, 1'amore,

e simiglianti. II sonnambulo pu6 venir dominate tanto quanto r

assecondandolo ne' moti suoi proprii, e suggerendogli atti ana-

loghi a quegli usati da lui nella veglia: il dormente ipnotizzato

pensa, dice, fa cose non pensate, ne dette, ne fatte mai, cose

stravaganti, e ripugnanti,

contro 1' abituale coscienza e contro

1'onesta; tanto solo che sia comandato: tutti g\' ipnotisti

Bernheim con loro ne convengouo, e ne recano esempii senza

fine.

Quest'eccesso di dominio dell' ipnotizzatore sul suo cliente

e qualcosa di nuovo e di proprio genere, che nulla ha di comune

col dominio incerto e fallace, esercitabile da qualunque

siasi suggeritore sopra un dormiente, fosse pure costui anche

un sonnambulo. II semplice suggeritore per quanto vi si ado-

peri non arriva a suggerire sogni, idee, atti , nel modo che

vediamo intervenire nell' ipnosi. E d'uopo confessare che Tec-

cesso di dominio e dovuto ad altra causa che non la sugge-

stione naturale. Quale sia questo elemento occulto cooperante

colla naturale suggestione, non e qui luogo di cercarlo: affermiamo

solo cio che a noi ora importa, e che scende dalle os-

servazioni premesse, che cioe lo sconfinato dominio esercitato

dall' ipnotizzante non si puo attribuire alia virtu delle sue

suggestioni.

XV.

Che la teorica delta suggestione e in se contraddittoria.

A rendere come che sia plausibile questo dominio dell'ipno-

tizzatore, i suggestionisti e il loro capo, il Bernheim, arzigo-

golarono che, non essendo capace Taddormentato di formarsi

idee da se stesso, deve naturalmente accettare quelle propo-

stegli dal suggeritore, ed ecco il dominio di costui stabilito.

Ma questo si dice, e non si prova, e per giunta contraddice

al buon senso, e cio che e singolare, distrugge una delle prin-

cipali dottrine dei suggestionisti. Yediamolo brevemente, per-

e il


PER ISPIEGARE L' IPNOTISMO 45

che importa non gabellare a ufo le invenzioni cervellotiche

della pretesa scienza. Non sono forse essi, i signori suggestio-

nisti, che dicono e predicano, la suggestione avere per pro-

prio effetto 1'intontire i centri superior! del cervello, cioe gl'in-

tellettivi? Si di certo: e un assiojna per

la loro scuola. Ai

centri superior! adunque, ossia alia mente umana, non si rivolge

la suggestione, dappoichfe la suggestione o altri atti ipnogenici

hanno prodotto il sonno; si bene ai centri inferior! che presie-

dono al moto, al senso, agli altri ufflcii vitali, e innanzi tutto alia

immaginativa, potenza organica, rimasti eccitati. L'irapres-

sione (della suggestione) propagata pel nervq audit! vo al centro

della sensibilita tattile o visiva crea Pimmagine, ecc. (pag. 199).

e nel sonno provocato, 1'idea di colui che lo ha addormentato

resta presente nello spirito dell' ipnotizzato; di qui la possibi-

lita aH'addormentatore di mettere in moto la costui immagi-

nazione (p. 203). E se la mente tornasse a casa sua ? Ri-

sponde il Bernheim, che, quanto alia ragione, la povera ragione

umana si e dileguata e quando 1'organo psichico (la mente)

interviene, egli e gia un fatto compiuto, che esso registra so-

vente con sorpresa, e che esso conferma per cio solo che ne

riconosce la realta (p. 198). Chi e dunque

eseguisce Tidea suggerita e intromessa pel

colui che ascolta ed

canale auditivo ? I

centri riflessi della spina dorsale: Si sa che 1' impressione

trasmessa per un nervo sensitivo puo venire riflessa a traverso

i corn! grigi del midollo (spinale), senza passare pel cervello:

ne segue il movimento non percepito (dal cervello), o la sensa-

zione indipendente dalla volonta: e 1'atto riflesso spinale: 1'au-

tomatismo spinale e quello che comanda questo movimento

(p. 181). II midollo spinale fa tante cose mirabili, vi e per-

fino, secondo il Bernheim, una memoria spinale (p. 183).

Dio grande! quali ipotesi s' ingollano da certi scienziati! Quando

un ipnotizzato vien suggerito di appoggiare

cino, vi si risolve per un atto dei corni grig!

un ceffone al vi-

della schiena!

Ma non celiamo: argomentiamo. Dato 1'assurdo sistema che

le suggestion! debbano venire eseguite da centri spinal! o altri

senza che il cervello (o come diremmo noi, la mente) ne sappia


46 BELLA NUOVA TEORIA DI SUGGESTIONE

nulla, come puo il suggeritore dominare 1' ipnotizzato per via

d'idee suggerite? che queste idee sono comprese

dai nodi

nervosi? che questi pezzi di midollo (corni grigi) godono di

intelletto, memoria e volontk a guisa di anime razionali? Spe-

riamo che si grave assurdo non piaccia ai suggestionisti di

buona fede; e che il Bernheim stesso, ripensandovi, sia per

ravvisare 1'enorme abbaglio incorso. Eppure

se i centri nervosi

spinali sono capaci di accettare le idee suggerite, certo e

che per eseguirle devono intenderle, giacchfe la suggestione

non e impulso meccanico, si bene morale e intellettuale. Cosi

sarebbe logico ammettere tanti centri pensanti entro il corpo

umano, quanti sono i centri nervosi riflessi, che sarebbe appunto

la stravagante opinione del Dott. R. Hammond, che

le facolta mentali si elaborino non solamente nel cervello, ma

anche nel midollo spinale (Vedi sopra, n. X). Ma tutti gli

scienziati, medici o non medici, a cui ripugna cotesto bru-

lichio di anime succedanee, appiccicate lungo la schiena, e

capaci di accogliere ed eseguire le suggestioni ipnotiche, converranno

con noi (e col buon senso) che 1' ipotesi di centri

obbedienti all'ipnotizzatore, mentre la mente razionale resta

intontita e inerte, e una fola da raccontare la sera accanto

al fuoco, come anche con altre e molteplici ragioni gia. dimo-

strammo ( IX-XI). Se si vuole che il domiuio delPipnotizzante si

fondi sulla suggestione d'idee, forza e supporre e mantenere

fermo, che la mente o i centri nervosi corticali ministri del pen-

siero, non sono punto paralizzati dalle suggestioni, ma in-

vece conservano 1'attivita loro propria, e compiono le loro funzioni.

E cio sarebbe diametralmente contro la dottrina, comu-

nissima e certissima nella scuola suggestionista, ove si pone

come fondamento che la suggestione fin dal primo istante del

sonno paralizza i centri superiori o della corteccia grigia ce-

rebrale, ed esalta gl'inferiori e riflessi ossia del midollo spinale

e altri. Ecco perche dicemmo che la teorica, addotta dai sug-

gestionisti per ispiegare la suggestione morale e fisica del-

T ipnotizzato, involge contraddizione colle altre teoriche del

sistema suggestive.


PER ISPIEGARE L' IPNOTISMO 47

Si aggiunga, che se la suggestione

eccitasse i centri se-

condarii, spinali, riflessi, o altri fuori del centri superior! che

servono al pensiero, e se questi centri sottentrassero nelle fun-

zioni proprie dei centri intellettivi, la suggestione dovrebbe

produrre in questi lo stesso effetto che produce (a

suggestionisti) sopra i centri intellettivi. Quale ragione

detta dei

vi sa-

rebbe, che i centri minori, ma pur capaci di accogliere idee

e di eseguirli, non si paralizzassero alia stessa maniera che i

maggiori sotto 1' influsso d' idee suggerite? Nessunissima. A

questo modo, se vera fosse 1' ipotesi suggestionista. i centri

superior! e gli inferior! resterebbero tutti paralitici, e 1'uomo

ipnotizzato una macchina si, ma senza manubrio a metterla

in movimento. Addio la soggezione dell'ipnotizzato

dominio dell'ipnotizzante !

! Addio il

Si aggiunga che, se la suggestione fosse quella che da Pip-

notizzato in balia dell'ipnotizzante, ogni qualsiasi suggeritore

potrebbe esercitare sopra esso un potere eguale : giacche, come

vedemmo, 1'avere uno addormentato un altro non gli assicura

nessun potere speciale sopra di lui, ne e pure causa che il

dormiente abbia fltto nella mente il suo addormentatore piu

che un altro. Ora non vi e chi ignori come 1' ipnotizzato

non e soggetto ad altri che all' ipnotizzatore, e centomila sug-

gestioni pressanti di suggeritori, profani al mistero, non otten-

gono nulla di nulla (n. VIII). Dunque non alia nuda suggestione

e dovuta la dipendenza di lui, ma alia suggestione vestita di

qualche speciale proprieta, che gl'ipnotisti nou ci spiegarono

flnora, ne forse mai ci spiegheranno. Ad ogni modo rimane

chiarito che la suggestione, per se, come non da una ragione

naturale degli altri fenomeni ipnotici, cosi non la da del cer-

tissimo, e pur spesso pericolosissimo, della totale soggezione

di mente e di corpo dell'ipnotizzato all' ipnotizzatore.


48 DELLA NUOVA TEORIA DI SUGGESTIONS

XVI.

Conclusione e corollario pratico.

Ed ora prima di por termine alia trattazione raccogliamone

Je flla sparse. Accennati i varii sistemi successivamente in-

ventati per comporre una spiegazione puramente naturale e

flsiologica dell'ipnotismo, arrivammo al novello ritrovato detto

della Suggestione. Ne divisamrao i particolari, secondo che li

propone la scuola, ora in voga, di Nancy, e il suo capo, il

dottor Bernheim co' suoi seguaci ( I-VI).

Contro tale teorica dimostrammo, 1 che i fenomeni ipno-

tici costituiscono uno stato morboso, come appunto insegnano

comunemente i medici ipnologi, eccetto i suggestionisti. 2 che

la suggestione non spiega il primo e fondamentale fenomeno del-

1'addormentarsi il soggetto suggerito; e meno ancora spiega

i molteplici e poderosi fenomeni che dalPaddormentato otten-

gono gl'ipnotizzatori. La pretesa spiegazione suggestionista

involge ipotesi non fondate, spesso

contrarie ai dati della

esperienza e delle leggi di natura conosciute ( VII-VIII).

Specialmente poi non ispiega nulla la cosi detta dissocia-

zione dei centri nervosi, con paralisi dei centri intellettivi, e

sovraeccitazione dei sensitivi e riflessi. Questa pretesa disso-

ciazione e il perno maestro della teorica suggestionista. Ma e

fallacissima : primo, perche i dottori confessano di saper po-

chissimo dei cosi detti centri intellettivi o della corteccia ce -

rebrale; secondo, perchfe i centri riflessi e independent! dal

cervello non esistono nell'uomo, e forse neanche nel bruto,

almeno negli animali di classi superior!; terzo, perche, se an-

che esistessero nell'uomo veri centri nervosi riflessi, niuna ef-

flcacia possederebbe la suggestione morale per dissociarli fi-

sicamente nelle loro funzioni ( IX-XI).

Da ultimo la totale soggezione delTipnotizzato alFipnotiz-

zante, la quale accompagna 1'ipnosi ed e necessaria base di

tutti i fenomeni, ed e per se stessa un fenomeno principale,


PER ISPIEGARE L' IPNOTISMO 49

riesce pure inesplicabile colla suggestione deU'esperimentatore,

Non puo attribuirsi alia paralisi cerebrale, perche la idea sug-

.gerita non paralizza gli organ! mentali, come vorrebbero i sug-

.gestionisti ; e se, per irapossibile, li paralizzasse, non per cio

1'ipnotizzato resterebbe sotto la direzione dell' ipnotizzante. E

falso che 1'addormentato tenga flsso il pensiero

nel suo ad-

dormentatore; e falso e contraddice alle stesse dottrine sug-

gestioniste, che un individuo domini direttamente gli

atti in-

terni di altra persona. Dunque il fenomeno della forzata ob-

bedienza del soggetto all' ipnotizzante non viene spiegata colla

suggestione.

Che cosa adunque spiega la suggestione? Qual parte almeno

illumina di nuovo raggio? Qual passo fa essa fare alle

dottrine ipnotiche? Non ispiega nulla, non gitta uno sprazzo

di luce qualsiasi, lascia 1'ipnotismo nelle sue tenebre native.

Ma allora, qual e la spiegazione vera? ci dimanda un lettore

appassionato della verita. Rispondiamo, che non e questo il

compito propostoci in questi brevi articoli, intesi unicamente

a diraostrare che La suggestione non ispiega naturalmente

1'ipnotismo. Tuttavia per non lasciare a bocca amara i chie-

ditori che, bontk loro, ci addimostrano cortese flducia, direrao

in poche parole le conclusioni, che altre volte logicamente ra-

gionamrao in queste pagine, e incontrarono, la Dio merce,

ampie approvazioni di dotti in Europa e fuori. I fenomeni ip-

notici si possono dividere, alraeno, in due classi. Vi sono quelli

contrarii alle leggi conosciute della natura, contrarii cioe nella

loro intrinseca natura o sostanza, e quelli contrarii solo nel

modo di prodursi. I primi crediamo al tutto causati da forze

dei secondi non osiamo affermare

preternaturali, e diaboliche;

lo stesso, ma lasciamo la cosa in dubbio, e li diciamo sospetti

di origine non naturale.

Tra i primi noveriamo i fenomeni vantati dai dottori ip-

notisti : la divinazione di fatti liberi o dipendenti da cause fl-

siche complesse e remote in tempo avvenire ; la cognizione di

atti puramente mentali di altre persone, e la communicazione

d'idee, senza segni esterni; la vista di fatti o cose natural-

Srie XV, vol. I, fate. 997. 4 23 decembrt 1891.


50 DELLA NUOVA TEORIA DI SUGGESTIONS

mente occulte, come additare un anello smarrito, riferire cio

che avviene in paese lontano; il parlar lingue non sapute per lo

adclietro, il saper fare sotto I'influsso ipnotico

cio di che si e

incapace altrimenti, per esempio, leggere, sonare, dare la dia-

gnosi medicale d'una malattia interna, quando abitualmente

s'ignora 1'alfabeto, la musica, la medicina. Prossimi a questi,

che evidentemente oltrepassano le forze naturali, vengono la

cosi detta trasposizione dei sensi per guisa che si vegga col-

1'epigastrio, si oda colle dita, e via via; il penetrare collo

sguardo a traverso corpi opachi, leggere un libro chiuso, con-

tare i danari che altri si tiene nel portamonete; il sollevarsi

per aria, sollevare altri o qualche oggetto grave, ad esempio,

una tavola; far provare gli effetti d'una sostanza medicinale

o venefica, che si mostra da lungi chiusa ermeticamente nella

boccetta, ed anche ottenere tali effetti senza mostrarla, ovvero

ignorando 1' ipnotizzato cio che nella boccetta si contiene. Que-

sti e siraili fenomeni, li giudichiamo contrarii alle leggi della

natura, conosciute, e inviolabili senza concorso di causa pre-

ternaturale.

E fuori di luogo qui la questione,

tali fenomeni nelF ipnosi : certi dottori li negano.

se realmente si dieno

II certo e

che i dottori ipnologi e i giornali ipnotici ne riferiscono esempii,

alcuni de' quali ci sembrano provati e indubitabili *; nelle tor-

nate spiritiche poi sono pane cotidiano. Ad ogni modo, se si

veriflcano, sono preternaturali ; ed e pero illecito il tentare di

produrli in altrui, o porgervisi come stromento passive.

Tra i secondi aduniamo i fenomeni che in s& non ripugnano

alle leggi naturali, perche li vediamo apparire talvolta sponta-

neamente in date circostanze, specie in determinate neuropatie,

e nelle crisi isteriche. E sono fenomeni di sonno letargico, im-

posto al soggetto ipnotizzando per via di suggestione, o di og-

getti lucenti dati a mirare flssamente, o di pressioni alle pu-

pille, al cranio, ad altre parti, o per via d'altri atti detti ipnoge-

nici e variabili in infinite. Con simili mezzi si porta 1'ipnotizzato

1 Gf. FRA\CO, Ipnotismo ecc. pp. 25 sgg. 64, 83 ecc.


PER ISPIEGARE L' IPNOTISMO 51

allo stato epilettico, catalettico, sonnambolico : e durante queste

fasi esso, a seconda degli ordini, manifesta fenomeni di moto

del sistema nervoso autonorao e dell'autoraatico, agitazione di

membra, di enflagioni, alterazioni di polso, di respiro ; puo ve-

nire ridotto a paralisi parziale, o una parte paralizzata ricupe-

rare alia sua attivita; eseguisce, sempre forzato dal comando,

atti di locomozione, salta, danza, sale, scende, irrigidisce e quieta

in riposo assoluto. Se gli possono ingiungere sensazioni false,

come di gelo in un'atmosfera calda, di arsura nella gelida, di

gustare per dolce 1'amaro e 1'amaro per dolce, scambiare un co-

lore con un altro; puo essere forzato ad esaltare'le sue facolta

sensorie ad eccessivo acume, o deprimerle sino ad assoluta ane-

stesia, come e la cecita, la sordita, Pagheustia, 1'afasia, ecc. ; puo

venire sospinto a disordini della fantasia e conseguentemente di

intelletto e di volonta, con determinate allucinazioni che gli si

impongono, con vaneggiamenti, con ismemoraggine

di cose sa-

piite, sino a non riconoscere piu i conoscenti, obliare il suo pas-

sato, 1'abitazione, il nome, credersi un' altra persona o un bruto ;

puo venir costretto alia perfetta abulia o impotenza di volere e

disvolere, ed a smarrire la coscienza ed ogni senso abituale di

onesta. Quest' ultimo e fenomeno ordinario, durante 1'ipnosi, e si

compie dopo 1' ipnosi colla inconsapevolezza dell' operato. Per

contrario puo imporglisi un ordine a scadenza, da eseguire, ed

egli lo eseguira necessariamente dopo venti ore o molti giorni,

all'ora flssatagli. Notabile e poi il fenomeno del cessare 1'ipnosi :

come questa si inizia con mezzi minimi, cosi si tronca con un

nonnulla, un sofflo, un tocco, una parola, eziandio se 1' ipnosi

fosse al culmine della crisi piu \Molenta.

Di questa seconda categoria

di fenomeni sembraci dover

stabilire, che sebbene appariscono naturali nella sostanza, non

appariscono egualmente naturali nel modo. Allorche infatti,

nelle malattie o in qualsiasi stato fisiologico, cotali fenomeni

vengono a florire spontaneamente dalla inferma natura, essi

hanno la propria etiologia o patogenesi, cominciano ed hanno

origine da cause appropriate con indizii e con accenni, progre-

discono a sintomi piu chiari, prendono la propria forma, nella


52 BELLA NUOVA TEORIA DI SUGGESTIONE

quale persistono ascendendo al parossismo, finche con crisi

funesta al paziente si risolvono, o con benigna si calmano

gradatamente, quasi discendendo il rarao della parabola cor-

rispondente al tenuto nelFascendere. Vi si potra osservare i

piii o il raeno, il presto o il tardi: ma la natura mai non ismen-

tisce il suo solito andamento. Laddove i fenorneni ipnotici, per

quanto porgano di analogia coi naturali e spontanei, invece di

causa flsica ne hanno una morale, la volonta, o, se vogliamo,

il suggerimento dell'ipnotizzante; e quando pure questi cerchi

di mettere in moto le cause flsiche interne, rimane sempre

che queste ricevono la prima spinta da una volonta impe-

rante d'uno individuo straniero. Piu : i sintomi non fluiscono

secondo il naturale processo graduate, ma si reggono ad ar-

bitrio del suggeritore, subitanei, recisi, fulminanti, spesso an -

cora non consentanei al primo morbo, o stato ipnotico inocu-

lato, anzi contrarii i seguenti ai precedenti. Avrete assaporato

un calicetto d' acqua, sentendovi il sapore comandato di al-

kermes; vi s'impone di sentirvi il fiele, riappressate le labbra,

e fiele. Tremavate dal freddo comandato ; vi si comanda il ca-

lore, e sudate. Vi era imposta una doglia ai denti o alle vi-

scere : un nuovo ordine la dilegua, un terzo ve la rinnova.

Una suggerita allucinazione vi minaccio d' un precipizio, una

seguente vi trasporta in un giardino. Lo stesso per 1' aboli-

zione o il ritorno della memoria, della volont&, della propria

personalita, della coscienza morale. Nulla ci sembra piu con-

trario al naturale procedere della natura, che questo avvicen-

darsi di fenomeni che suppongono contrarie disposizioni na-

turali. Infine, a talento dello ipnotizzatore, un suo cenno fark

sparire 1' incantesimo, e voi rientrerete di tratto nel vostro-

stato ordinario di mente e di corpo.

Ognun vede, che il processo ipnotico in nulla si confronta

col naturale, vi corre anzi una opposizione diametrale, nel co-

minciare, nelle manifestazioni sintomatiche del morbo o stato

flsiologico, nel terminare. Li possiamo adunque accettare entrambi

per parto legittimo della natura? Non lo crediamo. II

fenomeno ipnotico sara per avventura naturalissimo nella sua,


PER ISPIEGARE L' IPNOTISMO 53

sostanza, possib'lissimo a succedere spontaneamente in qualche

malattia o in altre circostanze fisiologiche ; ma nel suo

modo di prodursi e di svolgersi e di cessare, ci fu e ci 6

sospetto d'innaturale. Che dai giuncheti del Nilo pullulassero

delle rane era fatto arcinaturale in s&: ma che pullulassero

a stormi inflniti, che s' inoltrassero nei salotti e ne' letti del

Faraone, che pullulassero sopra tutto ad un semplice tragit-

tare della verga di Mose e per simile mezzo si dileguassero,

era modo soprannaturale e miracoloso. Allorche i maghi ope^

rarono qualcosa di simigliante (fecerunt autem et maleflci per

incantationes suas similiter, eduxeruntque ranas super terrain

Aegypti. Exod. VIII, 7), fecero cosa uaturale in s, preternaturale

nel modo (per incantationes), cioe prestigiosa e dia-

bolica.

Cosi pensiamo noi dei fenomeni ipnotici, tanto dei supe-

riori, evidentemente preternaturali nella sostanza e nel modo,

quanto degli inferior} che non passano le forze naturali per

se, ma non sembrano naturali nel modo. E lieti di aver ten-

tato di recare qualche luce in tanta tenebra, aspettiamo ri-

spettosamente migliori e piii autorevoli schiarimenti dalla

Santa Chiesa.


SISTEMA FISICO DI S. TOMMASO

XXVI.

Del misto e del composto chimico.

I. Affinity tra gli element!. Nella esposizione del sistema

fisico abbiamo accennato che oltre la naturale tendenza o na-

turale appetite che debbono avere le sostanze corporee scam-

bievolmente, solo perche tali, conviene ammetterne certe di

particolari, onde alcune di queste tendono ad aderire e unirsi

con altre per costituire unite altre diverse sostanze, le quali

si chiamano miste o composti chimici. Coteste tendenze par-

ticolari hanno nome di affinita chimiche, e se ne puo discorrere

sia rispetto alia loro esistenza, sia rispetto alia loro natura. La

loro esistenza e un fatto certo e cosi universalmente ammesso,

che quei medesimi che lo negano teoricamente sono poi co-

stretti parlando dei fatti ad amraetterlo ad ogni pie sospinto,

quando vogliono discorrere e non cianciare sopra le mutazioni

delle sostanze corporee. Senza dunque spendere parole non

necessarie in questa parte, diciamo alcuna cosa delPaltra.

Al che sark bene rararaentare il detto piii sopra intorno

a quello che dicesi moto meccanico, il quale e violento perche

e prodotto dalP estrinseco, che percio non ha una naturale

direzione o termine flsso, toccato il quale il mosso cessi dal-

1'andare. Ora che ogni sostanza corporea possa andar soggetta

a impulsi meccanici e sia spesso mossa db extrinseco, non sara

chi lo neghi; ma che le affinitk chimiche abbiano quindi ori-

i Vedi Quad. 995, pag. 554 e segg.

'


SISTEMA FISICO DI S. TOMMASO 55

gine sembra tanto fuor di ragione, che non vale la pena di

ragionarne. Dio voleva nella natura corporea quella varia e

continua successione, onde, come dice Agostino, si veda sem-

pre al tramonto delle cose seguire il mattino ; e pero diede

alle sostanze elementari quell'attuoso principio, da cui e sono

esse costituite nell'esser loro specifico, e ne conseguono quelle

particolari tendenze che vanno sotto nome di affinita. E voile

ancora, si direbbe quasi, per accertarne i piii

ritrosi a com-

prendere come quelle abbian luogo in enti privi di cognizione,

che negli enti fosse tale gradazione da discendere a poco a

poco dal piii perfetto animale fino alia sostanza inorganica,

vita. Nes-

priva non solo di cognizione, ma si ancor di ogni

suno certamente, che abbia fior di senno, dubita se Fandare

del destriero e del leone a certa meta sia per intimo princi-

pio di natura; ma se nelP ordine dei sensitivi si cali alle in-

flme specie, come dei zooflti, non mancherk chi stenti a darsi

ragione come certi moti vi accadono per lo stesso principio.

Eppure F analogia, se altro non fosse, dovrebbe persuadere

questa verita, sicche, vinta ogni ritrosia della irnmaginativa

di buon grado si ascoltino i suggerimenti della ragione. Ma

se tanto vale pei zoofiti, deve valere altresi per le sostanze

inorganiche, allorquando

esse tendono a certa o determinata

meta, ed il sano discorso rigetta come del tutto inverisimile

o ripugnante il solo esterno principio di moto meccanico. Come

darebbero in follia quelli che dicessero che un sasso, scagliato

da altri contro il capo di uno, andasse a questo capo perche

da esso e attratto, cosi pure direbbono follia que' chimici che

dicessero avere affinitci tra loro quelli atomi elementari, quando

solamente da impulse esterno o meccanico fossero mossi e di-

retti ad unirsi.

Appresso si noti che le affinitci chimiche hanno luogo solamente

fra le sostanze che poi combinate ne danno per ri-

sultante un'altra, per natura, diversa dalla loro. E poiche, come

si disse, anche le component! debbono essere, per cio stesso,

di natura diverse, per conseguente le affinitci chimiche, non


56 SISTEMA FISICO

avranno luogo che fra le sostanze eleraentari le quali hann

diversa natura tra loro.

Ammessa cotesta afflnita, notiamo che essa puo sottostare

a modiftcazioni accidental. Imperocche se la pianta, il bruto,

I'uomo, 1'angelo, ritenendo la propria natura, vanno soggetti

a mutazioni accidentali, si vorra credere altriraenti degli atomi

elementari posti nell' infimo grado

dell' essere ? II sisteraa fl-

sico risponde che no; e la ragione e la sperienza vi accon-

sentono. Imperocche nell' atomo eleraentare vi e 1' estensione

e il principio di attivita o la forza; e quella puo ricevere mu-

tazioni nel piu o nel meno, questa puo

essere alterata da

forza contraria. Cosi noi tocchiamo con mano che gli elementi

in date circostanze operano, in altre no; oppure ne 6 debole

la operazione, benche non diversa specificamente. Qual mera-

viglia pero se gli stati different!, se le different! accidentali

modificazioni, cui sottostanno gli atomi, o impediscono o promuovono

1'apparire delle chimiche afflnita? Anzi e questo al

tutto naturale, e come avvien nei viventi, quanto

alle ten-

denze loro proprie, cosi puo giudicarsi, per analogia, di quelle

dei non viventi, che sono le afflnita. Quindi la sentenza comune

tra i chimici: I'affinitd varia assai, secondo le varie

disposizioni nelle quali i corpi si trovano. E di vero perche

avvenga la combinazione tra gli elementi affini conviene die

essi operino mutuamente, al che o sono disposti per se o non

sono. Se lo sono, a destarne la scambievole azione basteranno

la prossimita e il contatto: se non lo sono bisogner&

che si

rendano tali d'altronde; di qui la necessity di un agente estrin-

seco cheoperi su di essi, gli alteri; e cosiappunto fa il calorico

e 1'elett.rico, come dal fatto si fa manifesto.Vero e che certuni

hanno affermato richiedersi unicamente e bastare la presenza

sola di qualche determinata sostanza, perche operino gli ele-

menti: ma se tale espressione si prenda tanto a rigore da

non importare azioni vere, non pure sarebbe insigniflcante,

ma falsa. Infatti che fa la presenza di chi nulla opera? e

Fintrodurla nelle chimiche combinazioni per risvegliare 1'af-


DI S. TOMMASO 57

finite e un fuor di proposito, e un moltiplicar enti sine necessitate

contro 11 notissimo assioma!

Sembraci che il detto fin qui basti a dare sufficients con-

tezza, secondo i principii del sisteraa fisico, dell'affinita ; ed a

mostrarne la teorica assai conforme alia scienza ed acconcia

a spiegarne i fatti che in questa si tolgono a investigare.

XXVII.

II misto o il composto chimico ha natura specified

diversa dai componenti,

La sostanza che proviene dall' accoppiamento o combina-

zione degli elementi, dicesi misto o, volgarmente, composto

chimico. E tale p. e. il cinabro, gli elementi del quale sono

10 zolfo e Targento vivo : tale e 1'acqua che risulta dall' idro-

geno e dall' ossigeno. Le specie degli elementi delle sostanze

corporee sono in picciolissimo numero al paragone di quelle

dei misti che ue derivano, somigliantemente alle ventiquattro

lettere dell' alfabeto verso le innumerabili par.ole che se ne

compongono. Ora si dee confessare che per le diligent! e ri-

petute sperienze vennero fatte, in questi ultimi tempi, mirabili

scoperte quanto alia molteplice formazione dei misti, ma

quanto alia loro essenza vi si passa sopra non poco alia leg-

giera, eppure merita bene di essere con istudio particolare con-

siderata.

Ed anzi tratto conviene collocare come a fondamento di tale

importante trattazione, che il vero misto o il vero composto

chimico ha natura specificamente diversa da quella di cia-

scuno degli elementi onde vien fatto ; e quando cio non si

avveri, ne questi elementi si possono dire tra loro combinati

chimicamente, ne deve aversi per misto o composto chimico

11 corpo che ne risulta, ma si potra dire un aggregate o un

miscuglio. La quale specifica diversita a noi si manifesta dalla

ragione affatto diversa e costante del loro operare (perche

operari sequitur esse), unico mezzo ma certo, che ne si porga


58 SISTEMA FISICO

per arguirne la diversita del principio

chiariamo la cosa con qualche esempio.

attivo che li informa. Di-

Sia un vaso di cristallo in cui passi il filo metallico, in-

torno a cui e il cristallo non sia lasciato un raenomo pertugio.

Fattovi il vuoto nel vaso stesso si introduca una quantita di

ossigeno e di idrogeno in proporzione

di volume come uno a

due: poi colPaiuto del filo metallico si faccia scoccare dentro

il vaso la scintilla elettrica. Ecco una istantanea combustione,

spar ire i fluidi, apparire goccioline di acqua che occupa uno

spazio minore due mila volte dell'occupato da quelli. Ora si

considerino i mutui rispetti che hanno gli elementi con se e

con P acqua da lor generata.

Se guardasi il peso specifico, esso e diverse assai, cioe otto

volte maggiore nelPossigeno che nell' idrogeno, a pari tempe-

ratura s'iotende. L'ossigeno non abbrucia, Pidrogeno si. Quello

si respira dall'animale, questo no. Che pin ? Tutte.le proprieta

dell'imo sono diverse da quelle delPaltro; e sebbene abbiano

comuni le generiche, come di essere estesi, gravi, resistenti,

nondimeno se uno ha P elettricitk positiva, Paltro P ha nega-

tiva ; e la capacitk del calorico e in essi varia. Laonde la di-

versita di natura, non vi potrebbe essere piii patente. Eppure

quella scintilla fa subitamente sparire tutte queste discrepanze,

e non si hanno piu fluidi ma un solo liquido che dicesi acqua; le

cui proprieta che hanno mai a fare con quelle degli elementi

scomparsi, senza lasciar traccia di loro esistenza primiera?

Se ne mira il peso specifico ? e diverse : la capacita di calo-

rico ? e diversa. L' acqua e generata dalP idrogeno e dalP os-

sigeno, eppure non alimenta ma estingue il fuoco. L'acqua e

formata dall'ossigeno e dall'idrogeno, eppure Poperar suo negli

inorganici, e ben diverse dalP operar di questi : tutt' altro

Poperare nelle piante, :

nei bruti. nelP uomo si che nell'operar

dell'acqua tanto si ravvisa Poperare dell'ossigeno

geno, quanto nell'operare della creta quello

e dell' idro-

dell'oro o dell'ar-

gento. Quindi appar manifesto; che a quella maniera che dir

si deve avere la creta diversa natura dalla natura dell'oro e

dell'argento, si deve dire dell' acqua rispetto all' idrogeno ed


DI S. TOMMASO 59

all' ossigeno; e pero P acqua ha una natura speciflca diversa

dalla natura dell' ossigeno e dell' idrogeno ond' e generata.

Tanto va detto di un qualunque vero misto o composto chi-

mico rispetto a' suoi componenti.

XXVIII.

Trasformazione sostanziale come s'intenda.

Puo essere chi creda tale trasformazione, secondo il si-

stema flsico, accadere cosi, che annichilati gli elementi, od

almeno le forme loro sostanziali, venga di nuovo prodotta la

nuova forma che dicesi il principio di attivita speciflca del

misto o composto. Se cosi passasse la bisogna, non avrebbesi

mistione o composizione chimica, ma annichilazione e crea-

ziojie. Mixtio, dice Aristotele, est alteratorum, unio. (De Ge-

ner. I.) Pero essa consiste in questo che combinandosi p. es.

Possigeno con Pidrogeno, 1) rimanga la materia di ambedue,

2) il loro principio di attivita riceva una mutazione, 3) in

virtu della quale mutazione ogni parte

atomica della mole-

cola mista o composta abbia in se la natura del misto, co-

talchfe ogni parte atomica p. e. dell' acqua

abbia la natura

dell'acqua, occultate le quality di prima. Tutto questo importa

la sostanziale trasformazione degli elementi. Che poi in virtu

di essa il misto sia un tutto di nuova natura omogeneo in

ogni sua parte, e pur sentenza di Aristotele, il quale afferma

nel citato libro : Ed allora forse si ha il misto che minu-

tissime particelle di varia natura si confondono per modo, .

che sebbene ritengano la loro prima natura, pure appaiano

un tutto omogeneo ? Non gia ; che nel misto qualsiasi parte

aver deve la natura del tutto, come qualsiasi parte dell'acqua

ha la natura dell'acqua. Cosi egli; ne a questo suo principio

e punto contrario il dire, essere gli elementi distinti in atomi

e con essi venire il misto a disporsi in molecole di certa di-

mensione e figura.

Di ^fche mostrandosi assai gelosi i moderni, non vi saranno,


60 SISTEMA FISICO

crediamo, male spese intorno due parole. Fu detto sopra che ogni

forma sostanziale richiede materia determinata, ed aver deve

naturalmente, secondo i varii stati, anche determinata flgura

S. Tommaso ha questa sentenza : Oportet

ut determinatae

formae determinata flgura debeatur. (II Dist. 19, 1, !.) Cio

ch'e vero dei viventi, in cui le forme sostanziali vogliono un

determinate organismo,

e cosi Panima ch'e forma sostanziale

del corpo umano non potrebbe adattarsi alPorganismo

di un

aquila; come la forma sostanziale di un cervo non potrebbe

al corpo di un pesce, n& la forma di un pesco ad una camelia

o al tulipano. Or tale dottrina non esser deve men vera anche

negli inorganici, onde in virtu della forma sostanziale, altra

flgura, sotto temperatura eguale, avr& un atomo d'oro, altra

un atomo di fosforo, altra la molecola di un misto da quella

di un altro; senza pero volersi con cio negare potersi dare

talvolta sostanze elementari e miste i cui atomi . o molecole

presentino allo stato solido figure eguali, onde si potrebbono

anche dire isomorfl. Anzi per una cotale analogia siam di

leggieri addotti a siffatta dottrina, essendoche le fattezze o

figure esterne dei corpi, tanto piu sembrano venirsi fra le

varie specie assomigliando quanto piii dalla specie piu nobile

dei viventi ch' e F uomo, si viene scendendo alle piu infime

specie delle sostanze corporee. Ma e da tornare in via da questa

digressione, la quale per altro, se mal non vediamo, serve a

mostrare come la nostra sentenza, quanto agli atomi dei sem-

plici ed alle molecole dei misti, non sia per niente contraria

alle belle teoriche dei cristalli che in fisica si hanno merita-

mente in onore.

.

XXIX.

La persuasione generate

sta per la vera sostanziale trasformazione degli elementi.

Appare

tanto manifestamente ai sensi darsi nei misti o

composti tale trasformazione che produca tutt'altra natura da


DI S. TOMMASO 61

quella dei component!, da non potersene desiderare di piu.

Quindi la universale e radicata persuasione di questa verita

di fatto; e farebbe buonamente ridere di se chi dicesse ad un

uomo qualunque, il quale ragioni col puro

naturale buon

senso: sappiate che cio che voi riputate acqua non e tale in

se, ma semplice apparenza di due altre sostanze affatto diverse

a quel modo che un circolo con impressi distintamente sette

colori, se girisi con rapidita, sembra tutto bianco, ma in se

non e tale. A sentire il contrario e ognuno sforzato dalla

stessa natura, che pero trarrebbe Tumanitoi in errore invinci-

bile; giacche ne dai flsici ne dai filosofi si e mai data ne si

di una dimostrazione onde sia reso certo che 1'acqua non sia

una sostanza in se omogenea, ed in se sostanzialmente diversa

dai suoi elementi. Quindi a correggere 1'errante natura non

vi sarebbe rimedio. II linguaggio pure, fedele interprete del

comune sentire degli uomini, confermaci la medesima verita.

Imperocche sempre si disse e si dice, sia dai dotti sia dagli

che il misto e una nuova natura una diversa na-

ignoranti

tura da quella degli elementi. E cosi parlano anche tutti i

chimici, per sino quelli che teoricamente pensano che nel mi-

sto o nel composto rimangano gli elementi tali quali erano

prima della combinazione negando, cosi dicendo, che in realta

nel composto chimico incominci una nuova e diversa na-

tura. E la voce unit di nateira denota unita di principio at-

tivo, e non mai cospirazione di piu operanti

diversi ad uno

stesso termine di operazione, il che accadrebbe dove p. e. nel-

Tacqua fossero con le loro proprie nature 1'idrogeno e 1'ossigeno

cospiranti ad un medesimo termine nel dare il fenomeno

o Tapparenza delFacqua stessa.

Al quale comune linguaggio si appoggiava S. Tommaso per

dimostrare contro Eutiche, non potere essere in Cristo una la

natura, giacche in lui persevera e la natura divina e la umana.

Prima egli pone che 1'uno risulta da molti, primieramente

solo in virtu di un ordine, come di molte case si compone una

citta; di molti soldati un esercito. Appresso in virtu di un

ordine e di una composizione, come da molte parti della casa


62 SISTEMA FISICO

per rautuo contatto e colleganza fra loro congiunte si fa la

stessa casa una. Ma quest! modi, dice PAngelico, non bastano

a costituire da piu nature una natura sola : onde quelle cose

la cui forma e soltanto 1'ordine o la composizione, non sono

naturali per guisa che la loro unitk si possa dire unita di na-

tura. Dopo di che seguita egli

cosi : Non mai una sola natura

viene costituita da due nature, che tali rimangano dopo Punione,

perche ciascuna natura e un tutto, e le cose onde un'altra fe

costituita hanno ragione di parti. Che pero risultando dal-

1'unione dell'anima col corpo un individuo, ne Panima n6 il

corpo puo dirsi natura, prendendo questa parola nel senso

ora da noi adoperato: dacche ne questo ne quella sono in

ispecie complete, ma sono ambedue parti di una stessa natura:

Ora essendo la natura umana una completa natura, e simil-

mente la divina, e impossibile che concorrano a fare una sola

natura, senza che abbia o Tuna o 1'altra a cessare, cio che

non puo aver luogo, essendo manifesto dalle cose predette che

un medesimo Cristo e vero Dio e uomo. Percio e impossi-

bile che in Cristo sia una sola natura. (Cont. Gent. IV,

35). Dalle quali testimonianze si puo vedere, oltre il resto,

come sia da evitarsi la soverchia facilita di travolgere il senso

delle parole volgarmente ammesse, per farle servire a parti-

colari opinioni. Percio chi non vuole mutata la natura degli

elementi nel misto, o composto, chiami pur questo aggregate

o miscuglio o che che altro gli aggrada, ma non mai nuova

natura,

afflne di non discordare dal sincere e comune lin-

guaggio degli uomini non solo, ma talvolta eziandio da quello

che si usa e si deve usare nelle teologiche trattazioni.

XXX.

La medesima verita si conferma dal fatto.

E vaglia il vero, il misto o il chimico composto

e sostanza

avente proprieta ed operazioni costantemente diverse da quelle

degli elementi onde si compone: ma fonte delle proprieta e


DI S. TOMMASO 63

delle operazioni e il principle di attivita, ossia la forma so-

stanziale: dunque la forma sostanziale degli elementi, ch'e

realmente distinta dalla loro materia, e diversa da quella del

misto : dunque in tale passaggio vi fu vera mutazione sostan-

ziale. Ora che vorra opporsi a tale argomento? Forse potere

gli elementi cospirare ad uno stesso termine di operazioni e

cosi operare in modo specificamente diverse, tuttoche riman-

gansi coi principii loro proprii che prima avevano ? Cio non pud

essere, perche tali operazioni risultando dal cospirare di piii

principii divisi fra loro, devono palesare 1'indole di essi, o in

pari guisa o in guisa piu propria di quel principio che la vince

sull'altro; cosi, ad esempio, se i due elementi, quando sono

disgiunti, attraggono una sostanza, collegati 1'attrarranno piii

forte; e se uno 1'attragga e Faltro la respinga,

ne verra

solo 1' attrarla o il respingerla secondo la differenza delle loro

forze contrarie. Si replichera che gli stessi elementi per virtu

di loro unione non solo vengono a cospirare ad un termine

di operazione, ma inoltre ne danno un solo principio? Si vuol

T impossibile quando si sostenga che ciascun atomo dura nel

misto come un vero individuo nella propria prima natura.

Quindi a ragione afferma San Tommaso: E impossibile che

una sia P operazione di quelle cose che sono diverse nel pro-

prio essere. E dico una, non quanto all'unico suo termine,

ma in quanto essa precede dalP operante. Conciossiache molti

che tirano una nave fanno una sola operazione riguardo al-

1'operato ch'e uno; ma riguardo a quelli che tirano la nave,

le operazioni sono molte, perche si hanno impulsi diversi a

tale effetto. (Cont. Gen. II 57).

Inoltre tutto quello che nelle ipotesi opposte e inesplica-

bile ha, se non facile, almeno soddisfacente spiegazione nella

tesi da noi sostenuta, la quale anche per questo solo dovrebbe

preferirsi. Infatti se altri chiegga, perche

nella combinazione

chimica spesso avviene una specie di agitazione, di conflitto,

di confusione, tra le sostanze che si combinano, mentre ogni

cosa accade, per cosi dire, pacificamente nella perfetta cri-

stallizzazione sola, ne ha la ragione chiara da cio, che in


64 SISTEMA F1SICO DI S. TOMMASO

quella gli element! operano forteraente gli uni sugli altri sino

a mutarne il principio di attivita; in questa gli atomi o le

molecole debbono solo disporsi in determinate ordine simme-

trico conforme gli angoli e le facce loro; alia quale accurata

disposizione di parti in questo secondo fenomeno sarebbe no-

cevole 1'impeto e la violenza, che assai spesso si sperimenta

nel primo. Se appresso dimandisi perche un cristallo possa in

tutto per via meccanica guastarsi nelle sue forme e non mat

per tal via decomporsi un misto o composto, la ragione della

discrepanza e manifesta da cio, che nel cristallo gli atomi o

le molecole sono acconciamente disposte ma non trasformate;

quindi

una causa solamente meccanica e bastevole a divellere

gli uni dagli altri e guastarne la simmetria, laddove in un

misto o composto gli element! non pure sono disposti in certa

maniera, ma di piii vi hanno cangiata la naturajil perche a

tornarli all'essere sostanziale di prima, si richiede una causa

di efflcacia contraria a quella che gi& trasformolli. Cosi puo

dove abbia tanto

il calorico decomporre un misto o composto,

valore da togliere nei principii di attivita il cambiamento av-

venuto nell'istante della combinazione: cosi puo fare un altro

elemento concorrendovi il calorico, e combinarsi con un ele-

mento che stava con altro o con altri nel misto. Per tal modo.

sembra potersi convenientemente render ragione dei fatti: ma

dire invece che 1'elettrico, il calorico ed altre cause, che con-

corrono estrinsecamente alle combinazioni chimiche, hanno

solo virtu di spingere gli atomi, acciocche si aggruppino a

due, a tre, dando luogo a questi, negandolo a quelli, in realta

ha qualche cosa d' inesplicabile ed opposto ai dati della

esperienza.


L' EMIGRANTS ITALIANO

i.

LA FAME

emigrare, o qui morir di fame ; non v' e via di

mezzo. Terribile ma necessaria alternativa, donde non ci e

dato di uscire!

Ora ci e fallito il ricolto, ora e scarso al bisogno ; e quando

pur ci dicesse bene 1'annata, come scampare dalle granfle del

fisco che ci scuoia, discarna e rode fino all'osso?

Cosi sospirando diceva alia sua consorte Maria il Buona-

vita, un agricoltore in su quel di Cremona che venia la-vorando

in suo capo e a sue mani un campicello, donde a forza

di sudori ritraeva per se e per la sua famigliuola il sosten-

tamento.

Egli era sulla quarantina, di gran persona, ma secco al-

lampanato che parea proprio la fame, con la faccia abbronzata

dal sole e annebbiata da un velo di melanconia, che rivelava

1' interna ambascia, onde sentivasi trapanare il cuore.,La sua

moglie e due suoi figliuoletti, ch questi soli erano sopravvissuti

ad altri tre bimbi rapitigli dalla morte, erano anch' essi sten-

tatucci e pochini della persona per lo scarso alimento, ma di

un bel profile di volto e di avvenevoli fattezze ; parevano bei

flori aduggiati dalla miseria. Meglio di loro in carne e di piii

avvantaggiata persona era Landuccio, un giovinotto diciot-

tenne, di svegliato ingegno, d' indole ardente, di cuor gene-

roso, i cui natali erano un mistero, adottato per figlio dai

Buonavita e suo braccio destro nei lavori del campo. Questa

Berie XV, vol. I, fate. 997. 5 24 decembre 1891.


66 L' EMIGRANTE ITALIANO

famigliuola, quant' era diserta e rifinita d'ogni bene di questo

raondo, altrettanto era ricca di virtu e di grazia celeste.

Se ne stavano un di tutti insieme raccolti al rezzo di un acero

fronzuto, che ombreggiava un pratello di minutissim' erba vel-

lutato, su cui eransi gittati a sdraio nelP ora piii cocente del

giorno, quando il Buonavita diresse alia moglie le sconfortanti

parole, che phi sopra udimmo;

e continuossi dicendo: Mo-

glie mia ! non v' ha altro partito per noi che spatriare. L' ine-

sorabile esattore ci mettera fra poco all' incanto questo pode-

ruccio che ci costo tanti sudori, e la casipola in che io nacqui,

e dove speravo di chiudere in pace i giorni miei, e fin anco

non dissi i panni che portiamo in dosso !

La buona Maria all' udire si flero annunzio, die in uno

scoppio di pianto,

ed esclamo :

- - Oh, che sara di noi e dei

nostri poveri bimbi? Dio di misericordia, pieta deUa loro innocenza,

se pieta non merita la nostra miseria ! E in cosi

dire serrarasi convulsa al seno, e baciava e ribaciava or 1'uno

or 1' altro de' suoi flgliuoletti, che ignari della loro sorte par-

goleggiavanle attorno, e vedendola in tanto aflanno, diraan-

davanle :

-

Mamma, che hai ? Perche piangi ? Ma ella non

rispondea : e allora i due bimbi avvinghiandole

pargolette braccia, ripetevanle a gara

-

al collo le

tra i vezzi e i baci :

Mammina, non piangere ; saremo buoni, sai ?

Landuccio, nel cui cuore poteva piu lo sdegno che il 'do-

lore, scattando di tratto come una molla, balza in pie, serra

i pugni, e saettando fuoco dagli occhi : Guai, grida guai

allo spietato esattore, se ci capita un'altra volta a casa!

Ah!.... esclamo mestamente il Buonavita. Che puoi tu

fare ? Egli non teme le tue bravate ; ha le spalle sicure, per-

che protette dalla forza armata.

Cosi la pensava anche quello spavaldo che in una citta,

di cui non ricordo il nome, facea lo spaccanuvole, e volea ca-

var sangue perflno dalle rape: pero mal gliene incolse, che

venne cacciato a furor di popolo; e se non fosse accorso a

salvarlo tutto un reggimento di soldati, avrebbe il poverac-

cio lasciato in man della plebe inferocita il pelo e la pelle.


I. LA FAME 67

- Oh si, la pazienza del popolo italiano e grande; ma

guai se si stanca! Quanto a noi, il nostro partito e preso.

Anzi che ire in accatto di pane, eraigreremo in America per

guadagnarcelo

coi nostri sudori.

Si, si, in America, sclamo gongolando di gioia Landuc-

cio, vago di viaggi e di avventure. II mare non mi spaventa,

perche qui nel P6 ho imparato a nuotare come un pesce; e

1*America e una terra promessa, ove staremo a maraviglia

bene. La c'e terra da sfruttare, c'e lavoro, ricchezza, libertk,

ogni ben di Dio.

Non t' illudere, Landuccio, ne ti fecciano gabbo le ciance

che udisti da certi anfanohi, che hanno il malvezzo di ma-

gniflcar sempre le cose straniere, o da certi volponi di arro-

latori usi ad uccellare i merlotti, adescandoli con la speranza di

sognati guadagni. Anche in America accompagna

granti la miseria. Se noi vi andiamo, egli e solo, perche un

mal presente e inevitabile e piu da temere che un mal pro-

i nostri emi-

babile e futuro.

Un dieci giorni dopo questo dialogo, la casuccia, il campo

e la mobilia del Buonavita, tutto era messo dal fisco all'in-

canto. Rimanevangli solo pochi strumenti da lavoro e due pecorelle,

delizioso trastullo de' suoi bambini. Gli fu forza ven-

der tutto per raggranellare un po' di moneta, che bastasse alle

spese straordinarie del viaggio.

I suoi bimbi accarezzavano

piangendo le amate bestiuole, che trascinate a forza dall'ovile

pareva attestassero coi loro belati il dolore di quella separazione;

e seguironle lungamente coi lucciconi agli occhi, dando

loro tin mesto addio.

II.

L'ULTIMA VISITA ALLA CHIESA DEL VILLAGGIO.

Era la vigilia della parteaza. 11 sole piegava alPoccaso e

col morente raggio lambiva 1'eccelsa torre della vicina citta

di Cremona. II Buonavita avea ricercato palmo a palmo il suo


68 L' EMIGRANTS ITALIANO

campicello; e soffermandosi di tratto in tratto innanzi a questa

e a quella pianta, seminata di sua mano e con piu amore

da lui studiata e culta, parea non sapesse distaccarsene, si

fieramente gli cocea di dover abbandonare il frutto di tante

sue fatiche! Ma 1'aria imbruniva; ed egli rientro nella sua

casuccia, ove 1'affettuosa Maria, aiutata da Landuccio, avea gia

fatto tutti gli apparecchi pel viaggio. E superfluo il dire che

quella notte ei non pote assaggiare il sonno ; e la moglie eb-

belo interrotto e tormentato da sogni paurosi di tempeste e

di naufragi.

Sul primo rorapere delFalba echeggiarono

campana del villaggio;

i rintocchi della

e il Buonavita destati incontanente i

suoi, fu con essi alia Chiesa parrocchiale,

e videla con sua

maraviglia gia affollata di emigranti. II Parroco del luogo,

D. Antonio Arrivabene, era una perla di sacerdote e di pastor

di anime, uom zelante e dotto, assai versato non solo nelle

scienze sacre, ma anche nelle profane, e specialmente nelle

scienze naturali da lui coltivate con grande amore. Egli avea

rinunciato ad onorevoli incarichi e a prelature, alle quali il

suo sapere avrebbegli aperto 1'adito, per rinchiudersi in una

modesta parrocchia di campagna. Venuta Fora del divin sa-

criflzio, egli sali alPaltare, e recitato il vangelo, rivolse al suo

popolo queste poche parole:

- Figliuoli miei, come potete voi abbandonare la patria,

le vostre case, i vostri campi, le tombe dei vostri cari, e questa

chiesicciuola, ove tante volte pregaste e riceveste i conforti

della religione? Come potete cimentarvi a si lunghi e perigliosi

viaggi, che costarono la vita a migliaia de' nostri com-

patrioti? Con che cuore potete esporre a tanti rischi cio che

avete di piu caro al mondo, la moglie e i flgliuoli? Voi sperate

di migliorare la vostra sorte in terra straniera? V'in-

gannate a partito, flgliuoli miei. Lasciando stare la difficolta,

che e pur grandissima, d'imparare una nuova lingua e di

acconciarvi a nuovi costumi, cosi diversi dai vostri, voi non

troverete cola facilmente lavoro per la concorrenza di altri

emigranti stranieri; i quali per varie cagioni vengono spesso


ii. L'ULTIMA VISITA ALLA CHIESA DEL VILLAGGIO 6

ai nostri preferiti. Che se vi fu promesso lavoro, questo tor-

nera lucroso ai nuovi vostri padroni, e non a voi, che sarete

trattati come schiavi. Arametto che vi sieno delle eccezioni,

ma queste sono ben rare. Generalmente i nostri emigrant! vi

sono i malarrivati; penano a trovare lavoro, o gemono sotto

il peso d'immani fatiche, avviliti, malmenati, oppressi, affranti

dalla miseria e dalle malattie cagionate

dall' insalubrita del

vitto o da quella dell' aria sotto stemperati climi o in luoghi

incolti. Aggiungasi a tutto questo che veggonsi di frequente

separati dal consorzio degli uomini e condannati a vivere nelle

solitudini e vicino a tribii selvagge, le quali con frequenti scor-

rerie derubanli o anche li macellano. Almeno in tanto pericolo

e abbandono avessero i conforti della religione ! Ahime

molti di loro per 1'asprezza e lontananza de' luoghi neppur

possono averli nelPora suprema; ed altri recansi a gran

ventura se giungono dopo molti anni a vedere la faccia di un

sacerdote. Ecco che vuol dire emigrare nel Nuovo Hondo !

Un mormorio di sconforto surse a queste parole in tutta

la Chiesa; e molte donne gittavano furtive e meste occhiate

ai loro mariti, come a rimprovero della loro temerita in voler

mettere a si crudele cimento se stessi e le loro famiglie. II

buon Parroco, che non avea piu speranza di rimuovere i suoi

parrocchiani dal loro divisamento, perche stipulati gia erano

i contratti con gli arrolatori e ogni cosa in pronto per la

partenza, affrettossi a versare un po' di balsamo sulla ferita,

dicendo :

Quanto teste vi ho detto per vostro bene e a discarico

della mia coscienza, e quanta altre volte vi avevo pur narrato

della misera condizione degli emigranti in generale, tutto e

pura e schietta verita. Nondimeno, poiche vi veggo

risoluti a

espatriare cacciati dalla fame, che non ascolta consigli, altro

piu non mi resta a fare se non seguirvi. No,

deve abbandonare le sue pecorelle. Presso che tutta la mia

ebbene emigrero anch' io.

il Pastore non

parrocchia emigra ;

A quest' inaspettata e gioconda notizia un raggio di gioia

rischiaro tutti i sembianti; e un fremito di approvazione e


70 L' EMIGRANTS ITALIANO

di contentezza corse in tutta 1'adunanza. Ognuno benediceva

in suo cuore 1'eroica carita del suo Pastore. Come fu acche-

tato il bisbiglio, egli ripiglio il suo ragionare:

Figliuoli, sono oltre quarant'anni ch' io vivo in mezzo

a voi. Vi ho quasi tutti rigenerati a Cristo nel santo batte-

simo; istruiti di mia bocca, preparati alia prima Comunione,

confortati coi sacramenti e sostenuti nelle lotte della vita;

ed ora poss' io abbandonarvi, io che vi porto tutti in mezzo

al cuore? Ah no, non sia mai. Vi saro sempre al fiance in

vita e in morte, in terra e in mare, nelfesilio come nella

patria, e avro comuni con voi i rischi e i travagli di questa

dolorosa emigrazione. E poi sia di me e di voi quel che sara

in piacere a Dio !

Quando ebbe finite di parlare non vi aveva in tutto quel

popolo un ciglio asciutto. Terminata la messa e recitate dal

buon Parroco le preghiere de' viaggianti, quello stormo di

contadini, da due centinaia in su, usciti di chiesa, aspettarono

sulla piazzetta il loro Pastore, il quale come apparve,

venne salutato da uno scoppio di applausi unanime e calo-

roso. Dopo di che gli emigranti, preceduti dal buon Parroco,

awiaronsi verso la stazione della ferrovia, volgendosi di tratto

in tratto a riguardare le loro casuccie e i campi che per

sempre abbandonavano. II Buonavita, ch' era stato un tempo

il phi agiato tra gli agricoltori di que' dintorni, parea sen-

tisse piii degli altri doloroso e straziante quell' abbandono.

Egli recavasi sulle braccia il maggiore de' suoi figliuoletti ; la

moglie il minorenne;

quante robicciuole per la famiglia.

e Landuccio un sacco con entrovi al-

III.

L'ADDIO ALLA PATRIA.

Per quanto misera e dolorosa sia la condizione in cui ver-

sano presso di noi le classi agricole ed operaie, e sempre per

loro, come per ogni altro, un vero schianto di cuore il do-


m. L'ADDIO ALLA PATRA. 71

ver abbandonare, e forse per sempre, la terra natia. Laonde

i nostri emigrant! procedevano silenziosi, a capo chino e in

sembiante di chi preme nell'anima un'angoscia cupa e segreta,

che impietragli le lacrime nel cuore. Que' soli che pareano

sentir meno degli altri il distacco dalla patria, erano i piu

giovani ;

i quali per la spensieratezza propria di quell'eta, )a

natural vaghezza di veder nuove terre e la speranza di avere

un di a rimpatriare in miglior condizione di fortuna, se ne

givano a testa alta e in aria alcun che baldanzosa. Tra que-

sti si facea segnatamente notare Landuccio, che parea quasi

presago

del suo avvenire.

Pervenuti alia stazione, vi si videro aspettati dal soprain-

tendente dell' emigrazione, un Ebreo di quelli che sono per

T Italia quel ch'e oggi la fllossera per la vite. Chiamavasi Samuele,

grinta sinistra, faccia tarmata e color di cenere con

due occhiacci felini e una voragine di bocca, donde pareva.

uscissero grugniti invece di voci. Era poi taccagno, baro,

egoista, degno rampollo di quella razza che ai tempi di Mos6

adoro il vitello d'oro; e quando brillavagli dinnanzi la pro-

spettiva di un guadagno, perdeva la luce degli occhi, sicche

non rifuggiva da veruna sorta di usure e di tranellerie pur

di arricchire.

D. Antonio al vederlo sentissi stringere il cuore, e disse

tra se: Ah se i miei parrocchiani ti avessero prima cono-

sciuto, forse non si sarebbero lasciati zimbellare e cogliere

ne' maglioni da tuoi uccellatori ! Basta : cosa fatta, capo ha ;

ora ci vorr& pazienza!

E facendo di necessity virtu, cerco di nascondere agli emi-

granti i suoi sinistri presentimenti. La pressa, la confusione,

le grida de' bimbi, le voci di quelli

che si ricercavano a vi-

cenda, gli abbracci e i baci de 1

parenti e degli amici accorsi

alia stazione per dare Pultimo saiuto ai viaggiatori formavano

una scena assai commovente. Tutti gli emigranti presero po-

sto nei carrozzoni di terza classe, non eccettuato neppure

D. Antonio; il quale non voile mai separarsi dall'amato suo

gregge. Un forestiere, ivi presente, domando chi fosse quel


72 L' EMIGRANTE ITALIANO

venerando vecchio sacerdote; e udito essere il Parroco degli

emigrant]', compreso d'alta maraviglia

di tanta carita sacer-

dotale, corse a stringergli in segno di riverenza la mano. Frat-

tanto diessi il segno della partenza; il treno prese 1'abbrivo e

si diresse verso Genova, ove gli emigrant! dovevano imbar-

carsi.

Cola giunti, entrarono in un Vapore che stava sul punto

di salpare per FAmerica, con a bordo altre centinaia di emi-

granti, venutivi da varie parti d' Italia. Erano in tutto sopra

mille e dugento, stivati nelle corsie del naviglio a guisa di

acciughe. II Vapore sferro 1'ancora, accese i fuochi, spiego le

vele; e uscito del porto, allargossi

in mare.

Gli emigrant! affollati sulla tolda vagheggiavano pieni di

maraviglia quel superbo e incantevole spettacolo

offriva la splendida citta di Genova,

che di se

assisa sul declivo dei

monti che le fanno corona d' intorno, e sulla poppa di vaghe

colline, cinte di sontuosi templi e palagi e rifiorite di boschetti,

di ville e di giardini. Ne men deliziosa era la vista delle

sempre verdi e floride riviere d'oriente e di ponente; le quali,

a misura che il Vapore dilungavasi da terra, veniano restrin-

gendosi alia vista flno a parere un solo tutto con la citta, a

cui con que'loro variopinti palagetti, con le ville, le palme, i

boschetti d'aranci e i rigogliosi giardini accresceano mirabil-

mente vaghezza e splendore. Genova vista dal mare ti rende

aria di maestosa regina seduta in trono e incoronata di tanti

gioielli, quante sono le bellezze di natura e d'arte, che ella si

accoglie in seno, o delle quali d'ogni intorno si abbella. Ma

quel ridente spettacolo fu di breve durata. II Vapore filando

con molta velocita ben presto lor tolse di vista la terra ; e

allora un senso di tristezza impossessossi di tutti. Addio Italia,

dolce patria addio, e forse per sempre! Erano questi i senti-

menti e le voci di que' tapini costretti a scambiare la patria

con la terra dell'esiglio. L' Italia spariva agli occhi loro, e con

quella oh quanti oggetti e quante memorie carissime al cuore-

d' ogni italiano ! D. Antonio, ch'era in quel punto circondato

da una brigatella de' suoi parrocchiani, prese a dir loro :


IV. UNA BARUFFA E UN COMPLOTTO 73

sia amaro e doloroso il di-

-

Figliuoli miei, per quanto

stacco dalla patria, convien tuttavia rammentarsi che per un

cristiano tutto il mondo e patria; poiche dappertutto egli trova

il suo padre Iddio, e la sua madre la Chiesa. - - Indi vol-

gendosi al Buonavita, ch' era il piu autorevole della brigata

Amico raio, gli disse, fa di raccogliere a me d' intorno tutto

il mio gregge, e quanti altri puoi degli emigranti, due volte

il giorno, cioe sull'alba per la Messa e le preci mattutine, e

in sulPannottare per la recita del santo rosario. II Buonavita

ossequente al suo parroco forni a ora posta la sua bisogna,

assembrando a lui dintorno per questi esercizii di pieta buon

numero di emigranti.

IV.

UNA BARUFFA E UN COMPLOTTO.

Mai sapeva cotesto al sopraccio delPemigrazione, o al signor

Samuele e a' suoi cagnotti ;

i quali sberteggiavano con igno-

bili scede la pieta di que' buoni villici, afflbbiando loro il no-

mignolo di bacchettoni, santocchi e baciapile. Di che i piii giovani

fieramente adontati andavano in bizza, e tenevano il bron-

cio ai derisori della loro religione : e Landuccio di sangue piii

bollente degli altri, coceasi tutto dentro e gonflava. Un di al-

Tudire oltraggiato anche il nome santissimo di Cristo e della

sua Vergine Madre, divampo come zolfo, e gittata in mare la

pazienza, scagliossi al viso del bestemmiatore, e giii manro-

vesci e pugni di gran polso, come ne sanno dare le musco-

lose braccia de' campagnuoli.

II malarrivato, ch'era uno degli arruolatori, vecchio vol-

pone per astuzia, ma timido piu che coniglio, a quel furioso

assalto caglio, e corse ad acquattarsi nella stiva. Al rumore

delle busse e alle grida del tristanzuolo trasse Samuele sbuf-

fante d'ira, e ando alia volta di Landuccio con gli occhi stra-

lunati, i pugni stretti e i denti che gli scricchiolavano in

bocca per la rabbia. Volea parlare, ma uscivangli di bocca


74 L* EMIGRANTS ITALIANO

frerniti e grugniti invece di parole ;

tento afferrare Landuccio

per farlo pentito di tanto ardire, ma questi guizzogli di mane,

e dato di piglio a un coltellaccio, si mise sulle difese. Frat-

tanto era accorso il Buonavita per disarmare Landuccio e

sottrarlo dalle unghie di Samuele, e dietro a lui uno stormo

di gente, arruolatori ed emigranti alia rinfusa, pigliando quelli

le parti del loro capoccia e questi di Landuccio. Facevana

tutti insieme un baccano indiavolato, minacciando di passare

dalle parole ai fatti. Senonche sopravenne a tempo il Capi-

tano co' suoi marinai, e fe' mettere Landuccio agli arresti.

D. Antonio, ch'erasi invano adoperato per sedare il tumulto,

ne fu dolente fuor di misura; e ito poscia con licenza del Ca-

suo malin-

pitano a visitare il prigioniero, lo riprese di quel

teso zelo, che avealo spinto ad un' azione si poco con forme

alia mitezza e caritk cristiana. Landuccio riconobbesi del suo

fallo, e promisegli che avrebbe indi innanzi tenuta un po in

briglia la sua indole focosa, accio non ismodasse.

Samuele intanto, che rugumava flele contro Landuccio, e

piu ancora contro D. Antonio e il Buonavita, avuti a se i suoi

segugi, chiusesi con essi nel suo camerotto, e tenne consiglio

sul modo piu acconcio di disfarsi di costoro.

Cotesto ragazzaccio di Landuccio, diss'egli, sta nelle mie

mani; e io posso fargli mangiare il pan pentito.

Anche il

Buonavita e la sua famiglia sono in mio potere, e non mi

sfuggiranno: ma il Prete, che e il loro gran protettore, non

dipende da noi. Egli viaggia per suo conto, ed e libero ad

andarsene ove gli pare e piace. Eppure egli e il piu reo di

tutti, perche fomenta tra cotesti pecoroni di emigranti la su-

perstizione (cosi egli chiamava la religione); e pero sopra di

lui ha da ricadere principalmente la nostra vendetta.

Sta bene, benissimo, risposero quelli ad un coro. Co-

manda, che noi siamo pronti a tutto.

Converrebbe, soggiunse il briflaldo, strizzando 1'occhio,.

fargli here un po d'acqua salsa.

E i mariuoli che capirono il gergo, diedero in uno scoppia

di risa.


IV. UNA BARUFFA E UN COMPLOTTO 75

La mattina, continuossi Samuele, sulla punta del giorno

egli viene sopraccoperta a biascicare le sue orazioni, e siede,

come vedeste, sulla banchina di prua. Qual cosa piu agevole

che dargli a un tratto la pinta e sbalzarlo giu in mare ! Ei

non avra neppur tempo di chiamare aiuto. E poi a quell'ora

nessun 1'udrebbe; che tutti dormono la grossa.

E il marinaio di guardia? dimando un di loro a Sa-

muele.

- Sara mia cura tenerlo a bada in quel momento, ac-

ciocch6 non si avvegga del fatto, ovvero non possa affermare

in giudizio che quella caduta fosse un attentato, anzichfe un

suicidio, o una disgrazia. Tocchera poi a me ad abbuiare

la cosa si che la prima supposizione sia scartata.

Eh, soggiunse un altro crollando il capo, voi ci met-

tete a un brutto giuoco!

- Su via, strulli e babbioni che siete, volete voi perdere

cosi bella occasione da rendere un buon servigio alia nostra

societa di Misraim l cosi benemerita dell' umanita, la quale

vede sempre nel prete un suo nemico, massime poi in chi

viene, come D. Antonio, fin oltre i mari per mantenere e di-

^atare nella terra della liberta il regno della teocrazia? E poi...

poi contate voi per nulla le trenta sterline ruspe

e lam-

panti, ch' io snocciolero ai due coraggiosi, che vorranno spaz-

zar via da questo legno quel pattume di prete?

A quest'ultimo argomento, ch'era per que'marrani di mag-

gior efficacia, due di loro gli si esibirono a mettere ad effetto

il truce divisamento; e concertato insieme il giorno, 1'ora e il

modo delPesecuzione, si separarono.

V.

UN ATTENTATO.

La dimane, poco prima che aggiornasse,

ecco D. Antonio

salir sopraccoperta per vagheggiare il giocondo spettacolo

1 Un rito particolare della Massoneria.


76 L'EMIGRANTE ITALIANO

della levata del sole, e unire il suo cantico di gloria a quello

di tutto il creato, che nell'ora mattutina, sfolgorando

in tutta

la pompa di che s'abbella ed incolora, par che inneggi al Crea-

tore.

I due farabutti, ch'eransi profferti a Samuele per gittare

alPacqua il povero prete, andavano spiando, come il nibbio, il

raomento opportune per avventarsi sull'innocente colomba; in

quella

che Samuele intratteneva con un mondo di ciance il

marinaio di guardia. Quando parve loro venuto il tempo, si

fecero innanzi a D. Antonio, dando vista di volerlo ossequiare ;

e mentre Tun d'essi afferragli la mano in atto di chi volesse

baciargliela, Paltro presolo di colta pe' piedi, il fa capitombo-

lare in mare. Udissi un gran tonfo, e poco appresso un se-

condo. Accorse il marinaio di guardia a prua; e i due assas-

sini per non dare sospetto di se gli mossero incontro, gri-

dando Disgrazia, disgrazia !

Chi e caduto in mare?

II prete, e non sappiam chi altro.

Oh poveretto ! sclamo Samuele, con simulata pieta. Chi

Tavrebbe mai detto? Era si buono quel servo di Dio !

Frattanto il marinaio era corso al camerotto del Capitano ;

il quale desto di soprassalto e udito il fiero caso, balzo fuori

del suo camerotto, fe' sostare il Vapore e calare un pali-

schermo in mare.

All' improvvisa sosta della nave, al trapestio e al gridare

de' marinai, molti emigranti balzarono dai loro giacigli, e

trassero in fretta sulla tolda per vedere che cosa fosse acca-

duto. Grande era la confusione a bordo; e Samuele e i suoi

scherani, flngendo di voler dare aiuto ai marinai, ne accrescevano

a bello studio 1'impaccio, acciocche il soccorso giu-

gnesse tardi al bisogno. Infatti, quando

il battello detto di salva-

taggio fu in acqua, era gik trascorso piii di un quarto d'ora,

dall'orrendo attentato. Vi scesero quattro robusti marinai; i

quali arrancando a tutta forza di remi, giunsero ben tosto

la dove videro galleggiare due corpi in mare. Qual non fu la

ioro grata sorpresa quando videro Landuccio, che con una


V. UN ATTENTATO 77

mano nuotava e coll'altra sorreggeva D. Antonio, perche non

affondasse? Li raccolsero amendue con gran

festa entro il

palischermo; e dato volta, in poche remate raggiunsero

il Ya-

pore. Non e a dire la gioia e i rallegraraenti di tutti gli emi-

granti e le lodi che ognun prodigava al coraggioso Landuc-

cio! Ma niun sapea darsi ragione di quel fatto. Come mai

D. Antonio era caduto in mare? Come mai il solo Landuccio

erasene accorto, e come era egli riuscito a sgattaiolare di

prigione, e in cosi buon punto da poterlo

salvare? Tuttocio

parea strano, inverosimile ; eppure era un fatto che tutti avevano

sott' occhio. Appena i due naufraghi mutate le vesti, ben

rasciutti e ricuperatisi alquanto, tornarono sopraccoperta, tutti

serraronsi loro ai panni per sapere com' era andato il fatto.

- lo vegliava, disse Landuccio, nel mio stambugio a prua,

ch' era la mia prigione, la quale, riesce sotto la banchina, ove

sedeva D. Antonio ; e sapendo ch' egli a quell' ora cola veniva

a pregare, stetti in orecchio, e udii piii volte la sua voce.

Quando a un tratto mi feri 1' animo un grido soflbcato e poi

un tonfo in mare. Mi affacciai al flnestrino, e vidi D. Antonio

in acqua. Sforzo allora, urlando, la porticella della mia prigione,

riesco ad aprirla, salgo in un baleno sulla tolda, mi

getto in mare, nuoto alia volta di D. Antonio, e lo raggiungo

nel momento ch'egli stava per iscomparire la seconda o la

terza volta sott' acqua. L'afferro pei capelli,

e lo sollevo a

fior d'onda; il rimanente lo sapete tutti.

Un plauso generale accompagnato dal grido Viva Lan-

duccio, scoppio tra la turba degli emigranti e dei marinai.

Ma la loro curiosita non era ancora del tutto soddisfatta ; vo-

Wdo ognun sapere come e per quale accidente il vecchio Par-

roco fosse caduto in mare. Senonche egli serbavasi mutolo su

questo punto, e ai tanti che 1' interrogavano e fin anco al-

1'istesso suo confidente, Buonavita, rispondeva sempre Di-

sgrazia, flgliuoli miei, disgrazia!

Questo suo silenzio era effetto di un'anima nobilissima; la

quale non volea rivelare il delitto de' nemici suoi, per non

esporli alia vendetta degli emigranti o ai rigori della giustizia.


78 L' EMIGRANTS 1TALIANO

Eppure chi il crederebbe? servi a' suoi assassin! di arma per

calunniarlo, facendo essi correr voce che il vecchio, pentitosi

di avere abbandonata la patria e quanto aveva ai raondo,

erasi per disperazione gittato in mare. D. Antonio potea con-

fondere i suoi calunniatori con rivelare il loro infame atten-

tato ; ma memore dell' esempio del divin Maestro e del suo

precetto Amate i vostri nemici e fate del bene a chi vi fa

del male voile seppellire nel segreto del suo petto sacerdo-

tale quel mistero d' iniquita, di cui egli era stato la vittima

innor.ente. La calunnia pero aon fe' presa tra gli emigranti;

i quali ben conoscendo la virtu del vecchio Parroco, attribui-

rono a mero aecidente la sua caduta in mare.

VI.

IL NAUFRAGIO.

Sul tramonto di quell'infausto giorno die giti quella fresca

tramontanina, che fin allora, spirando a filo per poppa, aveva

mirabilmente favorita la navigazione, e scatenossi un rabbioso

libeccio che anneri di densi nugoloni

il cielo e mise tutto il

mediterraneo in rotta fortuna. II Capitano fin dai primi indizii

della minacciante procella avea fatto ammainare le vele di

bompresso e trinchetto, sghindare gli alberetti, calare i pennoni,

tendere il sartiame, sgombrare la piazza, chiudere il

boccaporto, parare i portelli, mettere in cappa la nave, attivare

i fuochi alia macchina e ogni altro avvisamento alPuopo

di sostenere e vincere la gran battaglia

coi venti e col mare.

E quando gli si sferro il vento per prua, e il mare gonfiando

comincio a batterlo di fronte, fe caricare 1'orza a tutta forza

di vapore, frangendo con tanta voga i marosi, che a quel

brusco movimento di beccheggio e di rullio gli stessi marinai

mal reggevansi in piedi.

Gli emigranti stivati sottocoperta e presso

che ammontic-

chiati, soffocavano per 1'afa e il ealore; e sbattuti dalle sfer-

zate de' flutti urtavansi 1'un 1' altro o stramazzavano sul ta-


VI. IL NAUFRAGIO 79

volato. Non pochi diedero anche del capo contro i fianchi del

naviglio, mandando grida alle stelle. Tutti poi mareggiavano

fleramente, massime le donne e i fanciulli, che giacevansi

nelle corsie come morti, e sol mostravansi vivi al continue

dare di stomaco e gemere e metier guai, non avvezzi alle scosse

e ai trabalzi di quella furiosa ridda sull' onde.

Sopravvenuta la notte, ringagliardi il fortunale, e con

quello Pambascia e la paura de' naviganti. II mare spaventosamente

ribolliva, ruggia, furiava, e rompevasi ora alia prora

ora ai fianchi della nave, gittandovi dentro ondate spumanti,

che spazzavanla talora da un capo all'altro. L'urlo del vento,

il mugghio del mare, i rintocchi della campana che segna-

lavano le manovre, il trapestio e le voci de' marinai, ac-

correnti al comando, e piii che altro le grida angosciose di

quel popolo di emigranti, ne' quali non sapresti

maggiore il presente travaglio, o la paura

se fosse

del sovrastante

pericolo, facevano tutto insieme un tal pandemonio, che quella

nave ti rendeva immagine dell' inferno dantesco. Valica di

poco la mezza notte, il Vapore infilo lo stretto di Gibilterra,

e allora ognuno respiro, veggendosi cosi presso ad appro-

dare in porto. Eppure non erano mai i poveri emigranti

cosi vicini al naufragio e alia morte, come quando se ne cre-

devano piu lontani.

Nello stretto addensavasi in quell'ora, per la diversa tem-

peratura de' due mari, che quivi s' incontrano, una nebbia si

fitta, che potevasi tagliare col coltello. II che fu cagione che

il piloto e il capitano non vedessero i fanali di un Piroscafo

inglese, che veniva difilato alia lor volta per imboccare an-

ch' esso lo stretto.

Quando se ne addiedero, non furono piu in tempo di cansame

lo scontro. L'urto fu tanto piti terribile e fatale, quanto

piu improvviso. La nave degli emigranti con grande scroscio

si scompagino, e comincio a far acqua da ogni banda, cotal-

che era inutile il tentare di agottarla, o di chiudere le tante

falle aperte per ogni lato.

Vennero allora con grande prestezza calati i palischermi


80 L* EMIGRANTS ITALIANO

in mare. La turba degli emigrant! sbucando con impeto dalle

corsie, affollavasi sulla tolda col pallore della morte sul viso,

e levando altissime grida al cielo. La confusione, lo scompi-

glio, lo spavento, il correre qua e la da forsennati,

il ricer-

carsi 1'un 1'altro e chiamarsi a vicenda i mariti e le mogli, i

padri e i flgli, era cosa piii facile a immaginare che a descri-

vere. II buon Parroco con un crociflsso in mano avvolgevasi

tra quelle turbe atterrite, esortandole a ricordarsi dell'anima

e di Dio, e a dimandare al Signore delle loro colpe perdono.

Ma 1'orrore dell'imminente naufragio aveale tolte di mente,

cotalchk ben pochi, tra quali il Buonavita e la sua famiglia,

porgevano

ascolto alle sue esortazioni. Frattanto il Piroscafo

avea calati anch'esso per aiuto de' naufraghi i paliscalmi in

mare. Gia il legno naufragato aveva appena un palmo di vivo

sul pelo dell'acqua; e gli emigrant! pigiavansi e urtavansi

sulle sponde di quello per gittarsi nei battelli. Era una lotta

terribile, cercando ognuno di soverchiare il compagno

e scen-

dere innanzi a tutti. Invano il Capitano gridava - - Si sal-

vino prima le donne e i fanciulli; invano il Parroco scon-

giuravali in nome di Dio che avessero pieta de' piii deboli,

1' istinto della propria conservazione piu poteva nella mag-

gior parte di essi che non 1'amore del prossimo.

quel frangente si videro atti eroici di carita, de' quali

Tuttavia in

e bene

non perisca la memoria.

Una donna afferrata da un marinaio inglese e messa in

salvo sul battello, come si vide sola senza il suo figliuoletto,

rientrar voile nella nave che affondava, amando meglio di perire

col flglio che vivere senza di lui. Tanto puo 1'amor di

una madre! Quand'ella afferrato il suo bimbo, se ne torno

con quello in braccio per scendere nei battello, questo avea

gia preso il largo per non venire travolto e inghiottito dal

vortice delle acque intorno al naviglio che si sommergea; e

cosi P eroica donna fu vittima del suo materno amore. II

Capitano e parecchi marinai del legno naufragato,

che non

avevano voluto per la comune salvezza disertare il loro posto,


VI. IL NAUFRAGIO 81

.

perirono anch'essi vittime del loro dovere insierae alia piii

parte degli emigrant! rimasti nella nave.

L'opera del salvamento tra quelle fitte tenebre e con un

mare cosi grosso e scorrucciato era di malagevole e dubbia

riuscita, cotalche ebbe a costare la vita ad alquanti marinai

inglesi, che vi si adoperavano con sublime aanegazione.

Grazie ai loro sforzi, il numero de'salvati ammonto a piu di

quattrocento, che vennero raccolti dal piroscafo inglese; ove

a mano a mano che sopravvenivano, ricercavansi a vicenda i

parenti e gli amici, e riconoscendosi,

si abbracciavano e ba-

ciavansi Tun 1'altro, piangendo di allegrezza. II Buonavita era

riuscito a salvarsi con la moglie e i due suoi flgliuoli, ma era

accorato e palpitava sulla sorte di Landuccio e del suo ama-

tissimo Parroco, i quali non apparivano ancora tra i campati

dal naufragio. Ond' egli e i suoi, genuffessi in un cantuccio

della nave, spargevano preghiere e lagrime innanzi a Dio per

la salvezza di persone cosi care al loro cuore. Mentre fervo-

rosamente pregavano, il Buonavita si sente leggermente pic-

chiare in sulla spalla, si volge, e vede D. Antonio, che allora

allora era sopravvenuto in un battello. Non e a dire la conten

tezza sua e della famiglia a quella subita apparizione ! Ma

la loro gioia era ancora amareggiata

dalP assenza di Lan-

duccio. Ah, che sara, sclamava il Buonavita di quel

povero giovinotto eh' io ho avuto sempre in conto di flgliuolo !

- E a cui, soggiunse D. Antonio, io debbo la vita? Pre-

ghiamo Iddio che Io salvi e Io renda al nostro affetto. E si

dicendo, trassesi in disparte a pregare. Ma passavano le ore ;

i paliscalmi erano tornati ; non vi avea piu gente da salvare ; e

il piroscafo inglese stava per allontanarsi dal luogo del disastro.

- Ah, povero Landuccio!... esclamava sospirando il Buona-

vita ; e i flgliuoli dimandavano piangendo : Ov' e Landuccio

nostro,

ov' e Landuccio ?....

Serie XV, vol. 1, faac. 997. 6 24 decembre 1891.


RIVISTA DELLA STAMPA

i.

Education: To whom does it belong? (L'Educazione: A

chi essa appartiene?) Studio del Rev. TOMMASO BOUQUIL-

LON D. D. Professore di Teologia

Morale nella Universita

Cattolica di Washington. Baltimora, Murphy e C., 1891,

8 di pp. 32.

Crediarao di far cosa non discara, e forse utile ai nostri let-

tori, se ci occupiamo brevemente in questa Rivista, di una que-

stione che abbiamo trattata altre volte, e che considerando la

sua grande importanza e tale che deve essere con ogni di-

ligenza studiata e intesa da tutti, a fine di tenersi costantemente

in guardia da certi libri che si stampano ai giorni no-

stri a servigio di una scuola, il cui fine sembra essere 1'esal-

tamento dello Stato a danno della Chiesa e della famiglia.

L'opuscolo del Bouquillon

ce ne offre una nuova occa-

sione. II ch. Autore si propone di trattare la questione del-

1' Educazione, rispondendo al quesito : A

chi essa appar-

tiene? La sua risposta e che essa appartiene all'individuo

fisico o morale, alia famiglia, allo Stato e alia Chiesa : a nes-

suno di essi ad esclusione degli altri, ma ad essi tutti, uniti

in un armonico lavoro, per la ragione che 1'uomo non e un

essere isolato, ma bensi sociale p. 31.

Lasciando da banda la considerazione delle tre parti di

questo armonico concerto che appartengono alia Chiesa,

alia famiglia e all'individuo, vediamo brevemente quale debba

essere, secondo 1'Autore, la parte dello Stato: poiche in essa

principalmente egli pecca concedendo allo Stato diritti che ad

esso non spettano.


RIVISTA BELLA STAMPA 83

Lo Stato, cosi egli, ha Pautorita di curare che i parenti

soddisfacciano al loro dovere di educare la propria prole, di

forzarli (to compel), ove questo fosse necessario, e in alcuni

casi di sostituirsi ad essi per l'aderapimento di questo dovere

p. 25. Questo pero non basta, poiche, aggiunge

1'Autore : Se

10 Stato ha il diritto di fare violenza ai parenti che trascu-

rano Veducazione dei loro flgli, lo Stato avra anche il di-

ritto di delerminare il minimum delta istruzione che deve

darsi a quelli, e fare questa istruzione obbligatoria l . Questo

minimum vien naturalmente determinate dall'opinione pubblica,

ed inchiuderk dappertutto leggere, scrivere e gli elementi

di aritmetica p.

27. Che anzi se lo Stato ha il diritto di

esigere dai fanciulli un minimum d'istruzione, e di punire i

parenti che sono negligent!, ne segue che lo Stato avra anche

11 diritto di prescrivere V insegnamento di questo o di quel

ramo, la cui conoscenza, in date circostanze, e giudicata

necessaria alia maggioranza dei cittadini p. 28.

In altre parole, secondo Pautore,

obbligare tutti i parenti sieno essi ricchi o poveri.

lo Stato ha il diritto di

nobili o bor-

ghesi, operai o contadini, a dare o a procurare alia loro prole

una civile istruzione letteraria che si estenda, almeno, al saper

leggere 3 scrivere, agli elementi dell'aritmetica, ed a qualunque

altro ramo che lo Stato giudicasse necessario alia maggioranza

dei suoi cittadini.

II ch. Professore francamente dichiara (p. 26) di non es-

sere su questo punto d'accordo cogli scrittori della CIVILTA

CATTOLICA, ed aggiunge (ibid.) che avendo con ogni diligenza

esaminati i nostri argomenti, li ha trovati poco o nulla con-

vincenti, e molto difettosi (very faulty). Avremmo deside-

rato di conoscere questi gravi difetti, ma il dotto Autore ha

creduto che, la sua parola fosse piu che sufflciente per dimo-

strare che noi eravamo nel fallo, e quindi (ibid.) prega i suoi

lettori americani, la grande maggioranza dei quali o non ca-

1

If the State may coerce parents vrho neglect the education of their

hildren, so also it may determine a minimum of instruction and make it

obligatory p. 26.


84 RIVISTA

pisce P italiano, o capendolo, non ha accesso ai nostri 166 vo-

lumi, di esaminare da se gli argomenti della CIVILTA CAT-

TOLICA !

1 nostri articoli sull'educazione, e in specie quelli contro

1' istruzione primaria obbligatoria, dal primo fascicolo dell'A-

prile 1850 a quello del Settembre 1872, (al quale PAutore

(p. 26) riraanda i suoi lettori) furono opera dei Padri Taparelli

e Liberatore 1 . Poiche, dunque, 1'autore non si e compiaciuto

di farci conoscere in che i detti nostril colleghi avessero er-

rato, ci contenteremo qui di esaminare le ragioni da lui ad-

dotte in favore della sua sentenza e di mostrarne ai nostri let-

tori i gravi difetti.

La ragione che potra chiamarsi fondamentale, e data dal-

1'Autore alia pag. 12. Essa, a maggior chiarezza, potrebbe

proporsi nella seguente

strettissima forma.

L' autorita civile ha il diritto di usare tutt' i mezzi le-

gittimi e temporali che essa giudica essere necessarii per con-

seguire il fine sociale che e il comun benessere temper ale

della societa

3

, ma F istruzione obbligatoria nel leggere, scri-

vere etc. e un mezzo legittimo e temporale, che F autorita

civile giudica necessario per conseguire

que

il fine sociale.... Dun-

Pautorita civile ha il diritto di far uso dell' istruzione ob-

bligatoria; e quindi di comandarla con legge ai parent!.

I molti difetti di questo specioso argomento, che il

Liberatore chiama sofisma, furono da lui esposti nel secondo

volume della nostra serie sesta, alia pag. 709. La maggiore del

1 La fama di valenti scrittori e dottissimi filosofi di questi due autori e

oramai universale nella repubblica letteraria. Quindi fummo non poco ma-

ravigliati nel leggere le parole dette da un personaggio, per altri titoli, de-

gno di rispetto, che cioe coloro che erano opposti alia dottrina del Bouquillon

sull'educazione erano gente di corta vista e seguaci di una falsa filosofia

short-sighted poeple with their false philosophy (St. Louis Daily Globe Democrat.

Nov. 29 1891. p. 9). La filosofia, di cui son i seguaci due detti scrit-

tori, e, com'e noto, quella di S. Tommaso. Gotesta filosofia pud chiamarsi

falsa; massime dopo 1'enciclica di Leone XIII?

2

Civil authority has the right to use all legitimate temporal means

it judges necessary for the attainment of the temporal common welfare, which

is the end of civil society.


DELLA STAMPA 85

sillogismo, che PAutore (p. 12) crede che non possa venir

negata , puo e deve negarsi. A convincersi della sua falsita

bastera por mente a quella sentenza di Aristotele: Non omnia

quae necessarla sunt civitati, partes sunt civitatis \ Non

tutto cio che e necessario al benessere del consorzio civile e

competenza del potere

civile. DalPessere una cosa necessaria

al consorzio civile, non puo inferirsi se non che per questo e

di soramo interesse il prosperare di quella. II doverne poi es-

sere o no sottoposta al suo dominio dee deciders! da altri capi,

cio6 dalla sua natura, dal suo fine, dalPestensione del potere

col quale si paragona. Cosi dall'essere la religione, vita e fon-

damento dello Stato sommamente necessaria al benessere del

consorzio civile, non ne segue che essa sia eraanazione o ap-

partenenza

dello Stato.

II dotto Autore aveva veduto questo difetto e quindi

ha modificato il principio del suo argomento. Egli non parla

di tutti i mezzi, ma di quelli solamente che sono legittimi

e temporali . Bravo ! E

non e la procreazione della prole

un mezzo legittimo e temporale che puo giudicarsi dall'auto-

ritk civile necessario al fine sociale? Avra dunque lo Stato il

diritto di fare questa procreazione obbligatoria e di comandarla

con legge a tutti i suoi sudditi? Se il principio anche cosi

modificato fosse vero, il piu opprimente ed importabile giogo

peserebbe sui cittadini, non essendovi cosa appartenente al

giro domestico ed individuale che non possa chiamarsi mezzo

legittimo e temporale, e giudicarsi necessario dallo Stato.

Questo non e tutto, poiche, anche ammettendo il principio

delP autore, potremmo ben domandargli con qual diritto egli

gratuitamente asserisca nella minore del sillogismo precisamente

quello che si deve provare. Non e forse la legiUimita,

delP istruzione elementare obbligatoria che e in questione ?

Provi, dunque, in primo luogo questa legittimita, e poscia dal

perche il potere civile ha il diritto di fare uso di tutti i mezzi

legittimi, temporali e necessarii, provera forse la sua tesi.

1 2. Politic. 7.


RIVISTA

Diciam forse , 1) perche altri potrebbe anche negare che

1'istruzione obbligatoria, che dices! necessaria per conseguire

il fine sociale, sia strettamente un mezzo temporale, e 2) per-

che il punto essenziale dell'argomento, cioe che questa istru-

zione elementare obbligatoria sia un mezzo necessario per

conseguire il fine sociale, non e provato, ne provabile.

La ragione addotta dall'Autore (p. 12) che una nazione

ha bisogno di cittadini capaci di pigliare interesse nel ben-

essere della societa, di operai intelligent!, di agrimensori pe-

riti, di medici esperti e di dotti giuristi , non prova altro

se non che fa mestieri pel benessere della societa che vi

siano sempre in essa alcuni uomini che abbiano cognizioni

superior! alPalfabeto, ma certaraente non prova

che sia ne-

cessario al fine della societa che tutti, anche i piu rozzi dei

contadini imparino non solamente a leggere e scrivere, ma

anche gli elementi dell' aritmetica e qualunque altro ramo che

vendsse prescritto dallo Stato. Per conseguire

cieta bastera loro un'educazione religiosa

il fine della so-

e morale che cer-

tamente si puo avere, e conservare anche oralmente senza

il soccorso delPalfabeto e dell' aritmetica.

Come notammo in un altro luogo \ acciocche una cosa

possa dirsi alia societa necessaria, conviene che senza di essa

il fine sociale non possa conseguirsi. Solo Pevidenza di una tal

necessita ne eleva P importanza per guisa, che a fronte di lei

ogni interesse debba piegarsi. Or ella e tale la conoscenza

delPalfabeto estesa a tutt'i membri del civile consorzio? E

che? Finora la civile societa non ottenne il suo fine, perche

una gran parte dei cittadini non sapeva leggere? Ma i tempi,

dirassi, son mutati. Se son mutati, lo sono principalmente in

questo, che si vuole una minore ingerenza dello Stato nei rap-

porti sociali, e solo per quella parte che e strettamente ri-

chiesta a salvare i diritti di ciascuno.

II Rev. Professore deduce (p. 26) il diritto dello Stato di

determinare un minimum d' istruzione, e di renderlo obbli-

1 Vol. 8. Ser. 8, p. 7.


gatorio,

DELLA STAMPA 87

dal diritto che tutti i filosofi riconoscono allo Stato di

far violenza ai parent! che trascurano Veducazione della loro

prole. Colui, egli dice, che ammette questo diritto, bisogna che

ammetta anche quello. La conseguenza ci sembra logicamente

necessaria. Ci perdoni il ch. Autore se francamente neghiamo

questa sua conseguenza.

II diritto che i filosofi comunemente concedono allo Stato l

quello di far violenza ed anche punire i parenti, i quali corrom-

pono

o trascurano interamente V educazione morale dei loro

figli, la sola educazione alia quale i figli hanno un diritto rigo-

roso. Nell'antecedente dunque i filosofl parlano

e

della sola edu-

cazione morale. L'Autore invece, nel suo conseguente parla

di cosa interamente diversa, cioe falVistruzione letteraria ele-

mentare. Ora e una verita nota a tutti che Veducazione mo-

rale non dipende necessariamente dali' istruzione letteraria

elementare, ne e con essa indissolubilmente connessa. Come

dunque puo esistere Tuna senza 1'altra, cosi si puo essere negligent!

nell'una senza che sia logicamente necessario es-

sere negligent! nelPaltra.

L' Eminentissimo Cardinal Gibbons nella sua eccellente

opera Our Christian Heritage

* chiaramente conferma

questo punto. It does not appear that vice, recedes in the

United States in proportion as public education advances.

Statistics, I fear, would go far to prove the contrary

to be

the fact. II Bonquillon ha un falso concetto dell 1

'educazione

che egli confonde CQ\\'istruzione. Questo, come nota lo stesso

illustre Porporato, e la radice dei molti errori presenti nella

questione dell'educazione 3 .

1 Vedi TAPARELLI, Saggio teoretico, V. 2. . 1571.

* C. 33, p. 464.

8 The second evil that bodes mischief to our country and endangers

the stability of our governmenl, arises from our mutilited and defective system

of public school education. I am persuaded that the popular errors now

existing in reference to education spring from an incorrect notion of that

term. To educate means to bring out, to develop the intellectual, moral, and

religious faculties of the soul. An education, therefore, that improves the

mind and the memory to the neglect of moral and religious training, is


88 RIVISTA

L'autore (pp. 26-27) ci assicura di non capire (we do not

see) come concedendosi dai cattolici che lo Stato possa proi-

bire ai parent! di occupare i loro flgliuoli in lavori che superano

le loro forze ; si neghi allo stesso Stato il diritto di ob-

bligare, o violentare (force) i parent! a dare a quest! stessi flgli

il minimum d' istruzione.

Che PAutore non vegga una differenza tanto elementare e

certamente cosa che fara maraviglia a non pochi. Dal po-

ter lo Stato proibire ai suoi sudditi tutto cio che e inirin-

secamente male (quale sarebbe p. es. la violazione del di-

ritto rigoroso dei fanciulli alia conservazione della propria vita),

non segue che lo Stato abbia il diritto di obbligare i suoi cit-

tadini a fare qualunque bene, anche a coloro che non hanno

a quel bene un diritto rigoroso. L'egregio Autore non do-

vrebbe supporre, ma provare che i flgli hanno verso i parenti

un diritto rigoroso a ricevere una istruzione elementare nel

leggere, scrivere, aritmetica ecc., e quindi che i parenti i quali

non danno questa istruzione siano rei di violata giustizia e di

un delitto sociale.

La vera dottrina su questo punto e brevemente proposta

dal dottissimo S. Schifflni, gia Professore nelPUniversita Gre-

goriana di Roma, nella sua recente opera di filosofla morale.

Excepta institutione morali et religiosa, quae cura parentum

tradenda est sub directione non politicae sed ecclesia-

sticae potestatis, doctrina in artibus et scientiis, quae in scholis

tradi solet, nequit esse onus necessario subeundum ab om-

nibus. Istae enim artes et scientiae sunt de genere illorum

bonorum quae pertinent quidem ad debitam perfectionem mul-

titudinis collective sumptae, non vero pertinent aut pertinere

possunt ad debitam perfectionem singulorum... Bona au-

tem hujusmodi, ut alibi notavimus cum S. Thoma, nequeunt

cuilibet indiscriminatim imponi per modum praecepti, reipsa

at best but an imperfect system. According to Webster's definition, to

educate is to instil into the mind principles of art, science, morals, religion,

and behavior. To educate, he says, in the arts is important; in religion, in-

dispensable. Ibid. c. 35, p. 489.


DELLA STAMPA 89

tamen obtinentur in societate ob diversitatem inclinationum

singulorum, accedente impulse divinae providentiae quae omnia

moderatur. Disp. Philosophiae Moralis. V. 2. . 517. Augu-

stae Taurinorum 1891.

Nella prefazione a questo suo opuscolo 1'Autore professa

di seguire i grandi teologi, e specialrnente San Tommaso, e

di essere guidato

dalla luce delle Encicliche del Sommo Pon-

tefice Leone XIII. Questa e un'ottima professione; ma non

vorremmo che i nostri, o i suoi lettori fossero da questa pro-

fessione indotti a credere che la dottrina da lui proposta in-

torno airistruzione obbligatoria sia dottrina di Leone XIII, di

San Tommaso e dei grandi teologi. II nome di Leone XIII

non e peranco citato dall'Autore in conferma di questa sua

sentenza (pp. 26-28); e come mai poteva citarsi, quando il Pon-

tefice espressamente insegna che natura parentes habent jus

suum instituendi, quos procrearint : hoc adjuncto offlcio, ut

cum fine, cujus gratia sobolem Dei beneflcio susceperunt, ipsa

educatio conveniat et doctrina puerilis. Igitur parentibus est

necessarium eniti et contendere ut omnem in hoc genere pro-

pulsent injuriam; omninoque pervincant ut sua in potestate sit

educare liberos, uti par est more christiano. Encyc. Sapien-

tiae Christianae.

All' angelico Dottore citato alia pagina 27, sono attri-

buite le seguenti parole,

che 1'Autore ci dice trovarsi nella

I a 2 ae

q. 95. art. 3. della Somma Teologica. II Legislatore puo

provvedere alia bonam disciplinam per quam cives informantur

ut commune bonum justitiae et pads conservent. Ci e

stato impossibile di trovare queste parole nel luogo citato, e

quindi di veriflcare le parole del De Medicis che sono dal-

Fautore addotte come commentario del testo di San Tommaso.

Ma checch6 sia di cio, ammettendo anche che queste parole si

trovino altrove, esse certamente non provano la tesi del-

FAutore. Infatti come dimostrerebbe 1'Autore che San Tommaso

jr bonam disciplinam intenda il leggere, scrivere, 1'arit-

metica ecc.? Potrebbe egli dimostrare dal testo o dal conte-

sto che, secondo San Tommaso, 1'istruzione elementare e ne-


90

RIV1STA

cessaria ai fanciulli ut bonum justitiae et pacis conservent?

E finalmente, come mat si proverebbe che il potere concesso

da San Tommaso al legislators di provvedere (to take mea-

sures), sia un potere coercitivo, e percio diverse da quello che

al legislatore col Taparelli l attribuiscono i filosofi cattolici, cioe

di dare sussidii, di aprire alia gioventu

fonti sicuri di vero

e di onesto, di offrire a tal uopo ai parenti, assicurato da pub-

blica guarentigia un aiutatore fedele? 2

Veniamo adesso ai grandi teologi che sono citati dal

nostro Autore (p. 27) in favore di questa sua opinione. I grandi

teologi si riducono a Mgr Sauve e ai due Cardinali Zigliara

la sentenza dell'Au-

e Manning. Ora nessuno di essi difende

tore. Mgr. Sauve alia pag. 300 della sua opera Questions

Religieuses et Sociales si propone questa questione: de sa-

voir si 1'Etat a le droit de rendre obligatoire pour

tous ses

sujets une certaine dose d'instruetion , e risponde di non

vouloir se prononcer dbsolument sur cette question. II

Sauve dunque negative se habet, e come- non osa negare questo

diritto allo Stato, cosi neppure

osa affermarlo.

Lo stesso deve dirsi del Cardinale Zigliara, il quale come

ci assicura il nostro Autore rispondendo ad una difficolta non

osa negare questo potere allo Stato. In tutta serieta crede

1'Autore che il non osare negare una cosa sia equivalente alia

sua affermazione? Non puo egli concepire quello stato di mente

nel quale si sospende ogni giudizio, e che i Logici chiamano

1

Saggio

teoretico. Vol. 2. . 1570.

* Nell'art. 3 della question* 96 abbiamo trovate alcune parole che cor-

rispondono a quelle citate dall'autore. Ma ivi S. Tommaso risponde alia questione

Utrum lex humana praecipiat actus omnium virtutum , e tra questi

atti 1'Angelo delle scuole neppur si sogna di porre Vistruzione elementare. II

testo nella aua integrita e il seguente : Non de omnibus actibus omnium

virtutum lex humana praecipit, sed solum de illis qui ordinabiles sunt ad

bonum commune, vel immediate, sicut cum aliqua directe propter bonum

commune Hunt ; vel mediate, siciit cum aliqua ordinantur a legislatore pertinentia

ab bonam disciplinam per quam cives informantur ut commune bonum

justitiae et pacis conservent. Anhe nel caso del Sauvd bisognera sup-

porre che vi sia un' errore di stampa. Alia pag. 306 citata dall'Autore, il

Sauve parla di tutt' altra cosa.


BELLA STAMPA 91

dubiura, e che una autorita che e in questo senso dubbia,

& in realta una autorita che e nulla?

corpo

L'autorita pero del Zigliara non e dubbia, giacche egli nel

dell'articolo citato dall'Autore 1

, esplicitaraente enumera

e determina quali sieno i diritti sull'educazione che egli con-

cede allo Stato, e tra questi sarebbe invano il cercare il di-

ritto dell'istruzione elementare obbligatoria : Cetera (cio6 i

diritti non enumerati) quae sibi arrogat Status vehementer

negamus.

L' ultimo teologo

citato dall'Autore e il Cardinale Man-

ning, il quale in una Pastorale per la Quaresima del 1872,

e supposto, sull' autorita di un certo P. Pradie, di avere

piu o meno riconosciuto che lo Stato abbia il potere di punire

il padre che non manda ii suo figlio alia scuola. Non

avendo a mano il documento suddetto non possiamo de-

terminare il senso nel quale quelle parole ambigue, se dette

dall' Eminentissimo Porporato, furono da lui intese. Lo Stato

come abbiamo gia detto potrebbe punire un padre, il quale in

nessun modo curasse 1'educazione morale dei proprii flgli, dal

che, come vedemmo, illogicamente

Stato di obbligare quel padre a dare ai suoi figliuoli una

si deduce il diritto dello

istruzione elementare nelle lettere o in altra disciplina.

Potremmo alle cose dette aggiungerne altre, e ve ne sa-

rebbe abbondante materia specialmente in quella parte dove

1'Autore parlando della liberta di educazione enunzia la

seguente proposizione La liberta civile dell' insegnamento

pub lecitamente estendersi a cose che la liberta morale non

permette 2 . L'Autore erra nell' insinuare, o supporre che la

dottrina da lui difesa contro LA CIVILTA CATTOLICA sull'isfrtt-

zione obbligatoria, ed in genere sul diritto di educare che

egli concede allo Stato ed a ogni

individuo di esso sia la

vera dottrina della Chiesa. Inflne ci sia lecito di esprimere

un dubbio che molte volte ci e venuto alia mente nel leggere

1

Philosophia

Moralis. L. 2. c. 1. a. 5.

2 Civil liberty of teaching may reach greater extension than moral liberty

would allow p. 31.


92 RIVISTA

questo opuscolo. E esso genuina opera di quello

stesso teo-

logo moralista, la cui Theologia moralis fandamentalis lodaramo

nel nostro 1 quaderno del passato Agosto? Se cosi e,

bisogna pur che esclamiamo Quantum mutatus ab illo !

II.

Compendium Philosophiae Generalis sen Fundamentals Auc-

tore ARTURO CONELLI Salesianae Societatis Sacerdote Teo-

logo.

8 di pp. 253.

S. Benigni in Salassis. Ex offlcina Salesiana 1892^

La Societa Salesiana del Venerando D. Bosco di santa me-

moria, sollecita della intellettuale cultura de' suoi numerosi

alunni, incarico uno de' suoi membri piii illustri, il teologo Ar-

turo Conelli, di scrivere un Corapendio di fllosofla per

uso dei

medesimi ; e D. Conelli, che gia da pezza lor dava lezioni fl-

losoflche, vi si accinse con gran lena e pubblico il volume qui

sopra citato. Per ben apprezzare quest' opera convien por

mente allo scopo a cui e ordinata. Trattasi di dare con essa

le prime nozioni di fllosofla a giovani che ue sono affatto di-

giuni, come quelli ch'escono dalle scuole di grammatica

e di

letteratura, e a giovani appartenenti a una Congregazione, la

quale senza trascurare le scienze superiori, prende tuttavia, e

in peculiar modo, di mira 1'educazione delle classi operaie, ed

ha una vita che e tutta azione. Quindi facea d'uopo non una

lunga e scabrosa trattazione fllosoflca, ma un compendio ben or-

dinato, chiaro, sugoso, che, abbracciando il molto in poco, for-

nisse ai giovani quanto e necessario a sapersi nel primo anno

di fllosofla, nel quale, oltre alia scienza e alFarte del ben ra-

gionare, ossia oltre alia logica minore e maggiore, s'imparano

i principii fondamentali di tutta la fllosofla teorica e pratica.

II ch. Conelli ha ottenuto con questo suo Compendio piena-

mente 1(5 scopo ch'erasi preflsso. Dappoiche accoppia in esso

mirabilmente la brevity con la chiarezza; le quali doti tor-


DELLA STAMPA 93

nano tanto piu pregevoli, quanto piii astruse e sublirai sono

le nozioni contenute nella seconda parte del libro che riguarda

1'ontologia. Ne quest! sono i raaggiori pregi del suo Compen-

dio : quello che lo rende soprattutto commendevole e Pessersi

egli fedelmente attenuto ai sani principii

della filosofia tomi-

stica, con tanto calore e tanto pro della scienza e della religione,

caldeggiata e promossa dal regnante Pontefice Leone

XIII. E perche la filosofia di S. Tommaso e subordinata

alia Teologia, il ch. Conelli pose una cura speciale

nel di-

chiarare specialmente quelle nozioni ontologiche, che piu stret-

taraente si connettono col domraa, e sono le seguenti. Nella

nozione delPEnte non omette Pimportante osservazione che

Ens est terminus analogus et non univocus, e che pero non

puossi

all' istesso modo attribuire a Dio e alle creature. II che

e indispensabile per non cadere nel panteismo, come e avve-

nuto a taluni filosofi, che pur si diceano cattolici. Nella nozione

del supposto e della persona non lascia di notare cio che ap-

partiene alia dottrma cattolica intorno al domma dell'unita di

essenza e natura divina nella triade delle persone, e della

unita di persona nelle due nature divina ed umana nel Verbo

incarnate.

Lo stesso dicasi della distinzione reale tra la sostanza e gli

accidenti, non esclusa la quantita, distinzion necessaria a sta-

bilire la non ripugnanza o la possibilita che esistano accidenti

separati dalla sostanza corporea a cui aderivano, e sostentati

da una virtu superiore, qual e la divina ; come appunto accade

nell'augusto mistero della SS. Eucaristia. Cosi pure egli nota la

distinzione tra Pestensione interna, che costituisce la quantita,

e Pestensione esterna, che dice relazione allo spazio occupato

dalla medesima, cotalchk se la prima e essenziale al corpo,

non ne segue lo sia egualmente la seconda. Donde s' inferisce

che un corpo umano puo di un modo soprannaturale e per

virtu divina sussistere tutto intero senza compenetrazione e

confusione di parti in un punto dello spazio; come la fede

c' insegna avverarsi nel gran mistero dell'Eucaristia, In cui

1'adorabile corpo di Gesu Cristo esiste nel piccolo spazio di


94 RIVISTA BELLA STAMPA

un' ostia consacrata, anzi in ogni particella

Da questi pochi eserapi da noi citati, come saggio

della medesima.

di molti

altri che per brevita oraettiamo, possono

ragione del solerte studio che ha messo il ch. Conelli in dare

a' suoi alunni nozioni di filosofla, che fossero in perfetta ar-

i nostri let tori far

raonia coi principii teologici e coi dorami di nostra fede, e ci6

con vantaggio della stessa metafisica generale, ovvero onto-

logia ; la quale ove sia bene e a fondo intesa, ofire in tutte

le sue nozioni una solida base tanto per le fllosoflche come

per le teologiche discipline.

Noi ci rallegriamo col ch. Autore di questo Compendio ; e

1'esortiamo a porre alaeremente mano a un altro Compendio

di filosofla speciale, che sia complemento del primo, e serva

di guida agli alunni nel secondo anno di questo studio, pro-

curando anche in questo, senza scapito dell' integrita, quella

brevit^ e chiarezza, che unita alia ortodossia della dottrina,

formano il pregio del suo libro. Di questa guisa il ch. Conelli

fara opera di maggior vantaggio non solamente agli alunni

della sua Congregazione, ma in generale

ai Seminarii e ai

Collegi cattolici, i quali fin d'ora potranno giovarsi con profitto

del Compendio, di cui demmo teste ai nostri lettori con-

tezza.


BIBLIOGRAFIA

ALLODI D. LEONE. -- Inventario dei manoscritti della Bibliotcca del-

1'Abbazia di Subiaco. Forli, Bordandini, 1891, 4 di pp. 74.

Fa parte della Collezione, che va

jubblicando ii Dott. G. Mazzatinti e

ha per titolo : Inventari dei ma-

iscritli dalle Biblioteched' Italia (Forli,

jsa editrice Bordandini), ed e lavoro

Brio ed esatto e pero utilissimo a

coloro che si dedicano allo studio di

manoscritti storici e teologici del me-

dio evo. II ch. benedettino D. Leone

Lllodi, seguendo il metodo moderno,

jrnisce di ciascun codice il conte-

luto (e questo per lo piu coi titoli

icdesimi adoperati nel codice), 1'eta,

grandezza e lo stato di conserva-

lone ; indica poscia se il codice con-

tenga miniature o note musicali, e se

siano notizie intorno 1'origine del

lanoscritto e simili cose. II numero

ei codici, cosi messi a catalogo, e di

35. Per accenntre a' piu antichi, ne

abbiamo contato dieci come apparte-

nenti al secolo XI (nn. 5, 9, 10, 16,

17, 25, 64, 98, 118, 136). Due soli

appartengono al secolo X e sono il

cod. n. 163 contenente una Miscella-

nea ascetica ed il cod. 249, composto

di parecchi opuscoli patristici. La

ragione

di tale scarsezza ne 1

codici

antichi deve senza piu riporsi nelle

devastazioni, che durante le vicende

del seeolo X rovinarono quell^insigne

e vetusta Abbazia.

Avremmo perd desiderate di leggere

in principio del lavoro alcuni

cenni generali intorno la storia del-

1' Abbazia e della sua biblioteca ;

come pure sarebbe stato utile, anzi

necessario, 1' aggiungere in fine della

serie dei codici un prospetto in or-

dine alfabetico di tutti gli autori e

di tutte le materie quivi trattate. Ma

sembra che tale* mancanza non si

debba ascrivere al ch. P. Allodi, si

bene agli Editori, che per ragioni eco-

nomiche restrinsero la pubblicazione,

levandone via alcune parti e non

pensando che con cio si veniva a nuocere

in parte al lavoro e quindi alia

stessa loro economia . Avendo noi avuto

occasione di vedere in quella Biblio-

teca e di studiare I'lnvenlario, quale

usci dalla penna del P. Allodi, vi ab-

biamo trovato non poche importanti

indicazioni, che ora cerchiamo indarno

in questa stampa. Mentre per

esempio 1'editore si contenta di scrivere

Lectionarium o Legendarium san-

ctorum, 1'Autore facea 1'elenco de'sin-

goli Santi, le cui vite si leggono nel

codice. Ai nn. 74 e 252 fu malamente

sOppressa la forma accurata, con cui

s'annunziano gli scritti di San Gre-

gorio Magno ; le parole soppresse

Gregorius papa urbis Romae etc., anche

per se sole, avrebbero dato indi-

zio della grande antichita e preziosita

di quei manoscritti. Al n. 175 manca

la data delle quaestiones di San Tom-

maso d'Aquino, cioe 1'anno 1269 ; al

n. 98 non troviamo la vita di San-

t'Alessio del secolo XI, e al num. 141

1'aggiunta S. Johannes Colomita (Cali-

bita), ...sepultus Romae in insula Lycaonia

etc. Al n. 163 doveva scriversi

Hohsvvida (Hroswitha).


96 BIBLIOGRAFIA

ANELLI ANTONIO. La peronospora viticola, istruzioni ai contadini

per combatterla. Seconda edizione riveduta ed ampliata

dall' autore.

Recanati, R. Simboli, 1891, 16 di pp. 152. L. 1,50. Vendibile in

San Benedetto del Tronto nel Negozio del sig. Pietro Rocchi.

Quanto alia possibilita del com- da altri i polverulenti.

L'Anelli st&

battere vantaggiosamente quel recente per questi ultimi, segno manifesto

nemico delle viti che e la perono- che in mano sua e di altri da lui co-

spora, oramai non se ne discute piii. nosiuti, essi hanno fatto buon giuoco,

II dubbio puo cadere soltanto sulla Noi non ci faremo giudici della quescelta

del rimedio da usarsi, poiche

stione. Consigliamo pero agl' interessebbene

i

piii fra i viticultori, messe sati la lettura di quest'opuscolo, dove

in disparte le aspersioni di calce, si tanto gli avversarii quanto i fautori

sieno volti all' uso dei preparati cu- delle polveri cupriche troveranno delle

prici, intorno a questi stessi nondi- utili considerazioni si per la teorica

meno varie sono le opinioni, prefe- come per la pratica.

rendosi da alcuni i preparati Hquidi,

ANONIMO. Pieux exercices en 1'honneur de Sainte Anne durant le

mois de juillet, et en I'honneur de Saint Joachim durant le mois d'aouL

Troisieme edition revue et augmentee. Paris, Tequi, 1891,

pp. 201. -- L. 1.

32 di

Osservazioni sulla Grammatica della lingua latina di Ferdinando Schultz.

Milano, G. Civelli, 1891, 8 di pp. 40.

Pelerinage francais a Rome, 1891. Christophe Finck, Garde du Pei-

gnage J.-P. Delattre freres et C. ie a Dorignies-Douai, decore de 1'Ordre

de Saint Gregoire le Grand de la main de Sa Saintete le Pape Leon XIII.

Son retour de Rome, 1 1 octobre. Ses funerailles, 26 octobre. Douai,

L. Dechriste, 1891, 8 di pp. 59.

Pensieri ed affetti sopra la Passione di Gesu Cristo, scritti sulle trac-

cie dell'opera del P. Cappuccino G. Maria da Bergamo. Primo trime-

stre pubblicato come Saggio da un Cooperatore salesiano di Firenze.

San Pier a" Arena, tipografia e libreria Salesiana, 1891, 16 di pp.

XIX-256. L. 1.

Trattato di Logica. Fabriano, Gentile, 1891, 32 di pp. 88.

E un sunto brevissimo dei principii di logica ; 1'Autore si mostra infor-

mato da retti principii.

ANSELMI ANSELMO. II Monte di Pieta di Arcevia promosso nel 1428

da Ludovico da Camerino, riproposto nel 1470 e fondato nel 1483 da

Marco da Montegallo. lesi, Pierdicchi, 1891, 8 piccolo di pp. 17.

L'erudito A. dimostra con buoni e lo zelo de' Francescani;

III" che il

documenti parte noti, parte inediti, Monte di Pieta di Arcevia in ragirn

1 che i primi Monti di Pieta furono di tempo ha la priorita su tutti gli

fondati nelle Marche ; If" per 1'opera altri.


BARTOL1NI AGOSTINO Monsig.

BIBLIOGRAFIA 97

Alcuni precetti di S. Eloquenza tratti

dal Libro IV della Dottrina Cristiana di S. Agostino. Roma, Libreria

Ecclesiastica Enrico Filiziani, 1891, 16 di pp. 60.

Ritorniamo ai maestri antichi ;

si puo ripetere ora piii che mai per

lo passato, dacche 1'eloquenza sacra,

per amore di novita, viene, a giudizio

dei savii, troppo comunemente

tralignando. I pochi ma sugosi pre-

cetti, attinti dal grande oratore d'lppona

e offertici in queste pagine dal

ch. Mons. Bartolini,

ci danno a in-

tendere quanto salutare sarebbe quel

ritorno.

BAUWENS IS. Dr. Inhumation et cremation. Premier volume. Les rites

funeraires depuis 1'antiquite jusqu'a nos jours. Deuxieme edition, revue

et augmentee. Traduit du llamand par le Doct. A. De Mets, Oculiste

a Anvers. Brusselle, Pollcunis et Ceuterick, rue des Ursulines 37,

1891, 8 di pp. 522.

L'affidare alia terra le salme dei

nostri defunti, il collocarle le une vi-

cino alle altre quali membri della

stessa famiglia, entro lo stesso luogo

detto dmilero ossia dormitorio, il ri-

spettoso riguardo di non disperdere

niuna parte di que' corpi, sono state

e sono tutte conseguenze della fede

nella risurrezione de' corpi predicata

dal Cristianesimo. L' incredulita, fatta

gigante in Europa , vorrebbe fare

scomparire dalla terra anche quelle

BERGIIIALLA Mons. V. G. Arcivescovo di Cagliari. -

McdiLazioni e Contemplazioni per gli Esercizii Spirituali

Roma, tip. Propaganda, 1891, 8 di pp. 244.

Considerazioni,

al Clcro.

Queste dottissime considerazioni con semplicita di stile, e grande effi-

toccano i principal! punti degli Eser-

cizii Spirituali di Sant' Ignazio di Lo-

yola. Le diciassette meditazioni di cui

si compone il libro sono proposte dal

Venerabile Arcivescovo di Gagliari

conseguenze, e alia umazione de' cadaveri

sostituire la cremazione; e tutto

cio sotto pretesto d' igiene e salute

pubblica. II ch. Autore, della cui opera

annunziamo il qui primo volume,

tema in tutta la sua

svolge questo

vastita. Egli prova coll'esempio dei

popoli piu antichi che la vera tradizione

del genere umano su questo

punto e 1'umazione, e che la cremazione

non fu che un'eccezione. un

lavoro dotto ed erudito.

cacia di affetti. E pero crediamo che

torneranno e utili e gradite al clero

pel quale furono scritte ;

non essendo

facile trovare lavori di questo genere

che le sopravanzino.

BERTOLI ANDREA. La Storia Patria pei Giovanetti. Vol. 1. Evo an-

lico, 1891, G. B. Paravia e Comp., 16 di pp. 200.

Si potrebbe discutere sui vantaggi

e gli svantaggi del proporre nelle

scuole la storia secondo il metodo te-

nuto dal Bertoli ; il quale le da la

forma di un racconto famigliare, sparso

di massime e d' osservazioni morali.

II certo e che fra'testi compilati con

tal metodo tornera sempre assai dif-

ficile il trovarne d'irreprensibili. Questo

che abbiamo sott'occhio, per esem-

pio, oflre per lo piii una morale sana,

e vi si loda eziandio il Cristianesimo;

Serie XV, vol. I, fasc. Sf>7. 26 decembre


98 BIBLIOGRAFIA

ma altri forse avvisera che quegli

stessi encomii non si sollevino sopra

la sfera del naturalisrno. E poi vi

sono certe scappate che rivelano ab-

bastanza 1'intima tendenza di tutto lo

scritto. A proposito delie bravure di

Orazio Coclite e di Clelia, il Bertoli

rammenta gli eroi e le eroine dell'in-

italiana e domanda :

dipend.enza

che Annita Garibaldi e Adelaide Cai-

menti li fara poi il maestro. Altrove

raccontando la tragica fine di Giuliano

Apostata, se 1'Autore non voleva ammettere

il tradizionale Vicisti Galilaee,

non dovea pero neanche dare per

istorica la fiaba che colui mori colla

calma di un filosofo, ragionando come

Socrate deH'imrnortalita dell'anima.

,E bastino questi cenni a fare inten-

dere perche, dal canto nostro, non

raccomandiamo questo Corso.

roli sono da meno di Clelia ? I com-

BREVE ESAME della professione di fede della cosi delta Chiesa Evan-

gelica Metodista sparsa in Pozzuoli dall'ex-frate francescano Francesco

Sciarelli. Napoli, Dom. De Pascale, 1889, 16 di

pp. 93.

BUZZETTI ANTONIO Sac. -- Vedi DEVIVIER P. W.

CALENDARIO DEL TERZ' ORDINE Francescano per 1' anno 1892.

Strenna degli associati delle Letture francescane, periodico che si pub-

blica in Cuneo da 21 anno,

sotto la direzione di

terziarii francescani. Cuneo, Oggero, 1891, 16 di pp. 48.

preti secolari e

Ha i due calendarii 1'uno di fronte fatti edificanti ne amenita. fi un ca-

all'altro, il comune cioe e quello del

Terz'Ordine, il quale ogni giorno reca

un Santo o Beato francescano, e nota

le Indulgenze correnti. Non mancano

CANDEO ANGELO Parroco di Mestrino (Padova). La Nuova Guida ai

contadini, ossia Norme ai viticoltori per

vite ecc. Padova, tip. del Sem. 1891, 16 di pp. 31.

fare 1'innesto a verde sulla

Facciamo di buon grado menzione nuovo metodo lo rassicura dai due piii

di quest' Opuscolo, perche ci sembra temuti danni. II perch'egli potra senza

destinato a far prosperare tra noi il

ramo precipuo della nostra industria

agricola, qual

e la viticoltura. Trat-

tasi in esso di un nuovo metodo d'in-

nesto della vite, che potrebbe aspirare

agli onori di una scoperta, merce

il quale il viticoltore puo cambiare a

piacere la natura della vite senza perdere

il prodotto della stessa annata,

e senza metter punto in pericolo la

vite innestata, che e quanto dire il

lendario egregiamente ben fatto pel

suo nobile scopo, e desideriamo che

dopo I'Anno I. si stamp! per molti

anni.

timore trasformar cosi le sue viti ed

ottenere un miglior prodotto e anche

piu omogeneo, cioe un tipo costante

di vino, qual e dal commercio richie-

s to.

dl congratuliamo

col ch. Autore

di questa Nuova Guida per aver fatto

un lavoro utilissimo ai nostri poveri

contadini, i quali, dalla viticoltura,

oggi in tanti modi colpita, solevano

ritrarre il loro piu notevole provento.

CAPPELLETTI LICURGO. Vita di Carlo Emanuele I il Grande, Duca

di Savoia. Roma, tip. Voghera, 1891. 4 di pp. 38.

Carlo Emanuele I fu grande come liano, tre titoli di gloria che gli ac-

principe, come cattolico e come ita- quistaroao

la stima e 1'amore della


S. Sede tutrice della liberta d'ltalia

e di tutti i popoli italiani ; e ispirarono

rispetto agli stessi nemici, con-

tro a' quali egli ebbe a tenere ognora

la spada in pugno. Dopo 50 anni di

regno, sentendosi omai prossimo al

termine della sua gloriosa carriera,

chiese egli stesso il SS. Viatico, e

scese dal letto per riceverlo, dicendo

a' figliuoli che volevano rattenerlo :

Dio non voglia ch'io accolga un tanto

Re in letto!

II ch. Autore di quest' opuscolo

delinea in pochi tratti di penna la

maschia figura di questo principe egualmente

grande nella prospera come

BIBLIOGRAPIA

nell'avversa fortuna, e tocca delle

principali sue geste, senza pero approvare

ogni suo atto, ma con im-

parzialita storica narrando schiettamente

i fatti e lasciandone a chi legge

il giudizio. Dove il ch. Autore non

ci sembra imparziale si e nel moral

ritratto che per incidente ci fa di

Sisto V, a cui per altro la storia ha

reso ginstizia, rappresentandocelo nel

suo vero aspetto, come uom rigido e

severe ma sol contro 1'iniquita. Lo

stile della narrazione e limpido, scor-

revole, corretto, e tal che rende que-

sto libretto assai piacevole e popo-

lare.

CARAGLIO FRANCESCO. Tesoro spirituale, ossia Trattato sopra le

virtu cristiane teologali, intelleltuali e morali, cardinal! e sccondarie...

del Sac. Caraglio Francesco, parroco

di Boves s. Giacomo. Torino,

tip. Artigianelli, 1891, 16 di pp. VII-496. L. 3. Vendibile presso

1'autore e presso la tipografia editrice degli Artigianelli, Torino, Corso

Palestro, 14.

II titolo del libro manifesta la ma-

teria in esso contenuta. Intorno ad

ogni virtu 1' Autore fa rilevare quanto

essa sia eccellente e necessaria, aggiungendo

utilissimi ammaestramenti

riguardo al modo d'acquistarla, praticarla

e conservarla. Opportuni esempii

CARBONARA F. MICHELE (Da). Studi Danteschi. Dante e S. Bonaven-

tura. Tortona, Adriano Rossi, 1891, 16 di pp. 88.

In queste pagine il ch. Autore ci

da il volgarizzamento dell' opuscolo

di S. Bonaventura De reformalione

mentis, sopprimendone soltanto quei

pochi tratti che riguardano piii strettamente

gli obblighi dei claustrali.

Oosi quell'aurea operetta puo offerirsi

senza restrizione a qualsiasi dei fe-

deli, e in ispecie alia gioventii stu-

diosa. E per uso di questa singolarmente

e dei letterati il P. Micbele ha

voluto rih'orirla di un seguito con-

ne rendono piii amena e proficua la

lettura. Noi lo raccomandiamo a tutti

coloro che vogliono profittare nel-

1'esercizio delle virtii, ma special-

mente ai direttori di spirito ed ai pre-

dicatori.

fronto fra le parole di S. Bonaven-

tura e molti luoghi della Divina Corn-

media; donde apparisce quanto pro

traesse 1' Alighieri da'le opere del

Serafico Dottore: e, per. noi, v'apparisce

altres'i quanto famigliari siano

al nostro Autore le opere di ambedue

sommi. Tutto il kvoro forma

quei

un bel seguito all'opera non ha molto

pubblicata

S. Francesco.

dal ch. Autore: Dante e


100 BIBLIOGRAFIA

CIOCCHETTI LUIGI. ~ Biografia di Gio. Francesco Cecilia. Milano, tip.

Pont. S. Giuseppe via S. Calocero 9, 4890, 8 di.pp. 52.

Se miglior cosa e I" acquistar

nobilta da per se, e non ereditarla

da maggiori, io direi che nobile assai

fosse Gio. Francesco Cecilia, che nato

in tenuissimo stato, addivenne, al dir

di Tullio, I'homo novus della propria

nobilta. Cosi con istile che arieg-

gia le classiche monografie di Tacito,

Sallustio, Davanzati e simiglianti, comincia

il ch. Autore la biografia del

suo zio e letterato Gio. Francesco

Cecilia.

COLLANA DI VITE DI SANTI. Anno XLI, Disp. 244-245. Vita e mar-

tirio dei SS. Faustino e Giovita, Protettori di Brescia. Disp. 246.

Vita del Ven. Vincenzo Strambi, Vescovo di Macerata e Tolentino.

Monza, tip. e libr. de' Paolini, 1891, 2-16 di pp. 296, 254.

CONTI AUGUSTO. -- Religione

ed Arte. Collana di ricordi nazionali del

Prof. Augusto Conti. Firenze, G. Barbera editore, 1891, 16 di pp 433.

II ch. Prof. Augusto Conti ci da parisca ad ogni tratto la dove egli

qui una raccolta di scritti, da lui pubblicati

per 1'addietro in varie occa-

sioni, ed e ben fatto, perche sono vere

perle di letteratura ; delle quali, a

non legarle in collana, facilmente piii

d'una sarebbe andata perduta.

II presente volume ha due parti,

conforme al doppio argomento accen-

nato nel titolo : ma le due buone so-

relle, che sono la Religione e 1'Arte,

massime 1'italiana, vissero e opera-

rono sempre in cosi stretta armonia,

che i ricordi dell' una s' intrecciano

d'ordinario con quelli dell'altra. E

cosi avviene che le memorie dell 'Arte

accompagnino qui le grandi figure di

S. Benedetto, .di S. Francesco, di S.

Tommaso, di S. Caterina da Siena,

di S. Filippo Neri e cosi giii fino a

quella del Cottolengo e del P. Ludovico

da Casoria, vere glorie d'ltalia,

che il ch. Autore ci presenta, 1'una

dopo 1'altra, in tutto il loro splen-

dore ; e da capo la Religione ricom-

ripiglia le memorie artistiche delia

Facciata del Duomo di Firenze ; e

quelle dei centenarii di Michelangelo

e della Cattedrale d'Orvieto e quelle

dello scultore Dupre e dei musici Ma-

glioni e Verdi e Mabellini e Consolo,

e d'altri.

Lo stile, 1'alito cristiano, il senti-

mento artistico e la lucidita delle teo-

1

rie riguardanti I arte, fanno si che

queste pagine si leggano con diletto

non inferiore al frutto di nobile col-

tura. In un solo punto non conve-

niamo pienamente coll'ottimo ed il-

lustre Professore, cioe nel modo d'in-

tendere in concrete 1' amore della

Patria italiana : e, per essere nota que-

sta differenza, non ne avremmo nep-

pur fatto cenno, se qualche frase git-

tata qua e la ancora in questo libro,

non ci avesse persuaso ad unire ai

nostri cordiali elogi questa generica

riserva.

CRUCIANI ALESSANDRO. -- Le feste centenarie del Beato Clemente

Briotti. Ricordi poetici di Alessandro Gruciani, alia Santita di Nostro

Signore Leone XIII Pontefice ottimo massirno dal medesimo dedicati.

-

Fermo, E. Mucci, 1891, 8 di pp. 55.

II Cruciani offre col presente li- B. Clemente Briotti. Vi si contengono

bretto il tributo del SUQ ossequio al versi latini ed italiani. Tra i latini


v'e una lunga ode saffica dettata se-

-condo la maniera oraziana del carme

-secolare. I versi italiani sono quasi

tutti sonetti, in cui si cantano-le lodi

-del Beato : le onoranze, la potenza, la

gloria, la festa, gli omaggi. Un' anacreontica

del genere accademico del-

BIBLIOGRAFIA. 101

1' Arcadia chiude il gentile tribute poe-

tico del ch. Autore ; e una preghiera

al Beato, di cui ecco 1'ultima strofa :

Tu, cui fe' degno Del santo

regno L'onorata pietate: Im-

petra all' alma Celeste palma

Dall'eterna Bontate.

DE BOYLESVE MARINO S. I. La question ouvriere. Programme d'ac-

tion. Les droits de Dieu et nos devoirs. A. Extrait de 1'Esprit-saint

et le decalogue. Parigi, Renato Haton, rue Bonaparte 35, 1891, 8

di pp. 106.

Quelli che si occupano della que- di questa materia oggidi cosi imporstione

sociale notino questo opuscolo,

tante. Voltato in italiano ,

1' opu-

dove i punti fondamentali spettanti

Ad essa sono tutti toccati con preci- agli operai.

sione da chi si mostra ben padrone

scolo starebbe bene in mano altresi

DE LA BROISE S. I. Bossuet et la Bible, etude d'apres les documents

originaux. Parigi, Retaux-Bray, rue Bonaparte 82, 1891, 8 di pp. 453.

Qual raetodo ha seguito il Bos- quesiti e a tutte le relazioni che passano

tra le opere dell'eloquente Ve-

suet nello studio della Bibbia ? Come

I'ha egli tradotta e inter pretata? Qual

vantaggio ne ha tratto? Quale indizio

degli studii biblici del Bossuet

.appaiono nelle opere di lui ? Come

i campeggiano concetti scritturali nella

sua predicazione, nell'Jsloria univer-

sale, nella Politica ecc.? Chi volesse

dare una risposta a questi e simili

scovo di Meaux e la S. Scrittnra, met-

terebbe alia luce, svelandola, una delle

cause della grandezza e bellezza del-

1'eloquenza del Bossuet. Or ecco per

1'appunto

il succo e la somma del

bel volume che il ch. A. presenta ai

letterati col titolo Bossuet et la Bible.

DE MOJANA A. Chiesa, casa e

edite in varie occasioni ed ora

Palma, 1891, 32 di campo

pp. 62. -

santo. Fascicolo di poesie gia

ristampatL-. Parte I, Chiesa. Milano,

Cent. 15.

La Sesione-Giovani del Comitato

Diocesano Milanese, come altra volta

annunziammo, ha intrapresa la pubblicazione

di volumetti di 64 pag. in

32, destinati specialmente alia gio-

ventii nell'intento di sostituirli alle

edizioni economiche di trattatelli scien-

tifici, di manualetti di storia, di istru-

.zioni popolari di spirito anticattolico.

Quest'opera pertanto merita tutto 1'ap-

poggio dei cattolici e di que' padri di

famiglia ed istitutori della gioventu

che vogliono nella istruzione eziandio

una educazione cristiana. I volumetti

escono per dispense mensili al prezzo

di cent. 15 ciascuno. E questo del-

ch. De Moiana vale tant'oro.

DEV1VIER P. W., D. C. D. G. Professore all'Universita Cattolica di Lo-

vanio. Corso di Apologetica Cristiana o Esposizione ragionata dei

fondamenti della fede. Prima versione italiana approvata dall'Au


102 BIBLIOGRAFIA

tore, sull'ottava edizione francese,

roco di Sant'Agata nei sobborghi

liana, 1891, 8 di pp. XXVI-540.

Le splendide testimonianze di Emi-

nentksimi Cardinali e sorami teologi,

che hanno lodato ed approvato questo

eruditissimo lavoro del P. Devi-

vier, ci confermano nel favorevole

giudizio che di esso avevamo formato

quando per la prima volta ci fu dato

di leggerlo. Questo corso di Apolo-

getica ha tra i molti suoi pregi, quello

altresi di una singolare precisione

teologica e chiarezza, congiunta alia

opportune

brevita. Noi lo raccoman-

DI GIROLAMO BIAG10. Confutazione del libercolo dell'Apostata Luigi

De Sanctis col titolo: II Purgatorio perche non e ammesso dagli Evan-

gelici? Saggio dommatico storico, per ecc. parroco,

del Sac. Antonio Buzzetti, ex Par-

di Como. Venezia, tipoijrafia Emi-

diamo caldamente a tutti, ma specialmente

ai nostri giovani, nella cer-

tezza, come scrive il Card. Agostini,

che tutti trovcranno in esso un mezzo

efficacissimo per illuminare la mente,

per confortare lo spirito, e per mantenere

vivo ed operoso il tesoro delta

santa Fede. Auguriamo, dunque, alia

versione italiana una diffusione non

meno ampia di quella che s'avesse

1'originale francese.

dott. in S. Teo-

logia, ecc. Scafati, tip. Campana del mezzodi, 1890, 8 di pp. 644.

Le scioccherie non si confutano

ma si disprezzano, come osserva

benissimo il nostro valente polemico

(p. 537). Tuttavia quando le sciocche/ze

diventano perniciose ai sem-

plici, e opera dei prudenti lo sventarle

per via di buone ragioni. Gia

parecchi altri savii scrittori avevano

confutate le vecchie rifritture del De

D. Pietro Ca-

Sanctis, il dotto parroco

saccia nel 1863, tra gli altri, senza

contare le forti opere recenti del Cer-

cia, del Leonardi, ecc. e le antiche

dei teologi controversisti. le quali non

lasciano nulla da desiderare. II no-

stro Di Girolamo ha tuttavia la pazienza

di chiamare ad esame il lavoro

del De Sanctis, e a parte a parte lo

inonda di luce, e vi versa sopra un

lago

di erudizione e di ineluttabili

argomenti. Noi crediamo che 1'opera

sua non sara letta da chi piu ne ab-

bisognerebbe,. ma ad ogni modo potra

servire di repertorio e di tesoro

inesausto a chi studiera la dottrina

del Purgatorio per proprio vantaggio

o per altrui. La stampa solo lascia

qualcosa

da desiderare: e infelice e

scorretta, talvolta sino a guastare il

senso. Esempio. A pag. 6 :

agli Italiani

che sono da presso' trecento mi-

lioni. Cio spiace in un' opera ec-

cellente, e che pud

servire di corona

all' altra insigne opera del Di Giro-

lamo : Trionfo della Chiesa cattolica,

otto grossi volumi in 8, pieni di

scienza.

EROLI G. Alcune prose e versi del Marchese Giovanni Eroli di Narni.

Vol. Ill e IV. Assist, tip. Metastasio, 1890, 2-8 gr. di pp. 475-330.

L. 2, 50 il volume.

Piu volte ne' nostri quaderni par- ripeterci qui, sol 'diremo che fu otlammo

delle prose e poesie di que- timo divisamento raccogliere nei quat-

st' illustre scrittore. Quindi per non tro volumi di correttissima edizione,


usciti alia luce in Assisi , quanto

seppe prodiirre qiiel felice ingegno,

appassionato cultore dell' italiana favella.

Duolci solamente il vedere nel

3 volume tra le poesie bernesche,

BIBLIOGRAFIA 103

nelle quali scorrea assai limpida la

sua vena poetica , alcune satire o

scherzi poco decorosi e pero mal ri-

spondenti all'indole generate de' suo

versi e delle sue prose.

ETIENNE F. - - Essai sur les principes d'execution du Chant Gregorien

et leur application par 1'Abbe Fred. Etienne. Namur, Wesmael-Char-

lier Rue dc fer, 51, 1891, 8 di pp. 88. Lire 1,50.

Scrittori in buon numero, e per

giunta assai riputati, hanno gia tratdob-

tato questa materia ; nondimeno

biamo pur confessarlo, si continua a

domandare un metodo di canto gre-

goriano, chiaro, precise e pieno di

pratiche osservazioni (p. 5). Ora il

M. R. Curato di Ligny nel Belgio in-

tende soddisfare a questo giusto de-

siderio ; e siccome uno de' piii gravi

ostacoli che s' incontri nella scuola

di canto sacro e la diversita delle

edizioni contenenti le melodie litur-

giche, cosi egli voile prescindere da

ogni particolare edizione ed offrire

un complesso di regole che possano

essere applicate al libro che ciascuno

ha per le mani. Nondimeno poiche

si dovevano pur recare alcuni esem-

pii di melodie, questi sono tratti dal-

1'edizione di Namur.

Non fa bisogno di dire che i prin-

cipii dell' esecuzione gregoriana, il-

lustrati dal ch. Autore, sono quelli

che appartengono al Metodo storico,

egregiamente proposto

dal Pothier e

oramai da tutti i cultori del

seguito

Canto Sacro. Quanto alia divisione

ed esposizione della materia egli ha

veramente conseguito il suo intento

d'essere chiaro, preciso e pieno di pratiche

osservazioni. Per parte sua, si e

pure studiato di essere facile, quanto

cioe gli permetteva la dura condizione

di dover far trovare in un libro quel

che non c'e o di doverlo far leggere

in modo diverse da quel che presenta

il suo testo. Noi crediamo che a questo

medesimo si possa giungere per altra

via ben piii spedita ; contuttocio ci

congratuliamo grandemente coll'Ab.

fitienne e raccomandiamo il suo libro

in ogni miglior modo.

FABRE ALESSANDRO Dott. Fiori di Letture italiane classiche e mo-

derne in prosa e in poesia raccolti e annotati ad uso delle Scuole

Secondarie dal D. Alessandro Fabre Prof, del R. Ginnasio Cavour di

Torino, premessivi brevissimi cenni bio-bibliografici intorno agli Au-

tori da cui fu fatta la raccolta. Torino, tip. Salesiana, 1892, 8 a di

pp. 780. -- L. 3,50.

Un libro come questo vuol essere

non solo annunziato ma raccoman-

dato. Primieramente questa Raccolta

ha il pregio, che fra i suoi Fiori non

istriscia nessuna serpe insidiosa, come

spesso se ne incontrano in altri testi,

fatti non tanto per I'istruzione quanto

per la corruzione della gioventii. Qui

al contrario non troviamo se non

esempii, che, per

lo meno sono ir-

reprensibili, e in buona parte eziandio

acconci ad informare a retti pen-

sieri e sentimenti. Quanto alia parte

letteraria, ella non vi e meno studio-

samente curata ; sicche i giovani nelle

quasi 800 pagine onde si compone il

volume, imparino

a conoscere tutte

le forme del bello scrivere, e lo stile


104 BIBLIOGRAFIA

proprio dei migliori scrittori,

e lo

svolgimento della lingua e del pensiero

neglt oramai sette secoli della

letteratura italiana. Se aggiungeremo

a tutto questo il riguardo avuto al

diletto dei giovani lettori, nella scelta

di pezzi non istucchevoli, e adattati

sempre a quella eta, avremo ricordato

un ultimo pregio, che render*

gradita 1' Antologia del Fahre noi>

raeno agli scolari che ai loro buoni

educatori.

FICHAUX Can. La Crise economique de la famille ouvriere. Les Jeunes

Menages charges d' enfants. Moyens d'y obvier. Justice et Charite,

Rapport lu au Congres catholique de Lille, dans la Commission des

Oeuvres sociales. Lilla, V. Ducoulombier, 1891, 8 di pp. 19.

FOSCHLNI ALFONS1NA FLORENO. Scritti varii. Palermo, tip. del Gior-

nale di Sicilia, 1891, 16 di pp.

Da uno studio sopra la Francesca

da Rimini di Dante e da alcune poesie

della gentile Signora Foschini ben

possiamo rilevare la bonta del suo

cuore e 1'acutezza della sua mente.

Mentre oggimai

la corruzione lette-

raria imbratta anche le penne delle

scrittrici italiane cbe sembrano di-

54.

mentiche della sobrieta e dei riguardi

specialmente dovuti al loro sesso r

nella signora Alfonsina consideriamo-

i pregi contrarii. Da questi fiori co-

gliamo un presagio di frutti copiosi r

onde possa andar lieta la patria let-

teratura.

FRANCHINI M. II segreto della Felicita. Dialoghi. Modem, tip. del-

I'lmmacolata Concezione, 1892, 16 di pp. 240. -- L. 1,50.

Raccomandiamo questo libretto, di felicita. Crediamo quindi che sara>

perche ha molto sugo di spirito ; e

specialmente perche ha il pregio tutto

suo proprio di presentare le massime

della fede e della morale cristiana in

un modo grade vole, e sotto un aspetto t

nuovo e attraente, cioe come sorgente

GAFFURI CESARE Sac. Dott. --La Classificazione dei vegetal! e degli

.animali. Milano, Vallardi, 1891, 8 di pp. 148 con 230 incisioni. -

L. 2.

II ch. prof. Gaffuri e riuscito a

formare con queste poche pagine un

trattatello abbastanza comp'ito ed in-

sieme opportune per le nostre scuole

secondarie classiche. Vi troviamo so-

brieta di dettato, ordine, chiarezza

d'esposizione, rispetto a tutti quei ri-

guardi a cui ha diritto 1'eta dei gio-

vani, copia di nitide e ben spiccate

incisioni.

Per la Botanica il ch. Autore ha

la classih'cazione del Camel

seguito

letto con piacere e profitto anche da

certuni, che forse mai non s'indurrebbero

ad aprire un libro cui vedes-

sero in fronte il titolo di Medilazioni

sopra le massime eterne o sopra

veri del Crisliano.

i do-

di Firenze, e qui merita di essere no-

tata la brevita e la perspicuita in-

sieme, con che il Gaffuri espone i ca-

ratteri delle piante inferior!, divise-

nei quattro gruppi di Gimnogame r

Briogame, Schistogame,

e Protallo-

game ; perche al primo sguardo se ne^

comprendono

tali, quelle specialmente

le distinzioni fondamen-

che sono de-

dotte dal vario modo di riproduzione^

La classificazione zoologica e quella

del Glaus di \ 7 ienna lievemente mo-


dificata,

presenta

e nello studio che il Gaffuri

sono bene dichiarati i carat-

teri delle singole classi, non troppo

complicati, come ci e avvenuto di osservare

in altri libri di tal genere. A

mo' d'esempio, tre acconci schemi ti

mostrano la .circolazione completa e

emplice dei pesci, la doppia e incompleta

dei rettili, la doppia e com-

pleta dei mammiferi e degli uccelli.

Infine aggiungeremo cbe sebbene

econdo i recentissimi programmi mi-

nisteriali questa importantissima parte

della Storia Naturale che fu presa dal

ch. Autore debba essere trattata assai

BIBLIOGRAFIA 105

piii concisamente che dianzi, tuttavia

il libro del Gaffuri sara un utilissimo

ed ottimo complemento in mano dei

giovani

Liceo.

che studiano il 1. anno di

Ci congratuliamo col ch. Autore

per questo suo primo saggio, che speriamo

venga seguito da altri trattati

riguardanti le altre parti della Storia

Naturale e massime la fisiologica, che

a' nostri giorni ha bisogno di penne

tanto piu esperte e prudenti quanto

piu rare, onde coll' ingenerare della

scienza non s' insinui la corruzione

negli animi dell'incauta gioventii.

GARAGNANI TIMOLEONE. La falsa mendicante. -- La Principessa di

Svezia. Ingegno ed Invidia. Drammi in prosa.

Collana di Letture

drammatiche. S. Benigno Canavese, tip. Salesiana, 1891, 32 di pp.130,

fi bello il vedere come penne ve- 1'argomento, il ben inteso intreccio,

ramente cristiane sappiano tratteggiare

sulla scena soggetti morali e

religiosi accoppiando 1'utile al diletto

1'estetica dell'arte al bello morale

al soprannaturale, in che 1'arte su-

blimasi e s'inciela. Alia nobile schiera

dei drammaturghi cristiani appartiene

il ch. Autore di questi drammi in

prosa, ne' quali

la buona scelta del-

la vivacita e naturalezza del dialogo,

I'espression degli affetti, i ben dipinti

caratteri e 1'inaspettato scioglimento

del dramma, che e poi sempre il

trionfo della virtii, danno tanta vita

all'azione drammatica, che ove que-

sta venga debitamente rappresentata,

non le potra fallire un lietissimo suc-

cesso sulle scene private.

GARCIA ICAZBALCETA GIOACCHINO. Fr. Giovanni di Zumarraga del-

FOss. di S. Francesco, primo

Vescovo e Arcivescovo di Messico. Stu-

dio biografico e bibliografico con un' appendice di documenti inediti ;

traduzione dallo spagnuolo del P. Faustino Ghilardi M. 0. Quaracchi,

presso Firenze, tip. del Collegio S. Bonaventura, 1891, 8 di pp. 664.

-L. 6.

II fecondo apostolato del Zumar-

raga e 1'alto governo ch'egli ebbe per

vent'anni (1528-1548) della Chiesa

messicana si trovano naturalmente

congiunti con tutti i precipui avveni-

menti, che formano la storia del primo

periodo dopo la conquista del Mesfiico

fatta dagli spagnuoli. Per con-

eguenza 1' opera del Garcia e di

ommo interesse pel lettore e di non

poca utilita per la storia civile del se-

colo XVI. Nuovi e preziosi docu-

menti tratti dagli archivii del Messico

recano vera luce in non poche que-

stioni e servono di eloquente risposta

alle calunnie, con le quali si e

voluto denigrare la fama di quel primo

vescovo e dei missionari francescani,

che lavorarono in quelle regioni.

La traduzione e ottima e quasi

sempre in istile italiano assai scorrevole

e purgato.


106 BIBLIOGRAFIA

LANZELLOTTI BIAGIO Can. Prof. Antichita Teatine, Memoric. Te-

r'amo, tip. Corriere Abruzzese, 1891, 8 di pp. 41.

Tre sono le memorie contenute in

questo erudito : opuscolo Gli scavi in

Chieti nel Rione di Terra Nuova In-

;

terpretazione di una epigrafe funera-

ria dei primi tempi dell' Impero, e

finalmente 1' illustrazione di piii che

cento oggetti antichi scavati dal 1880

al 1888 in alcuni tratti del luogo ove

gia fu il sepolcro

di Theate Marru-

cinorum. Singolari invero riescono gli

scavi descritti dall'Autore nella prima

LEONE GIUSEPPE MARIA del SS. Redentore. --La Sposa del Croci-

fisso. Napoli, Festa, 1891, pp. 448". L. 1,50.

memoria, siccome quelli che in una

piccola estensione di terreno portarono

alia luce oggetti tra loro sva-

riatissimi, p. eg. monete della Repub-

blica, dell 'Impero, dei tempi di mezzo,

degli Aragonesi ecc. ecc. A semplice

errore tipografico crediamo si debba

ascrivere quello che leggesi a pag. 38:

aver cioe Adriano divisa 1' Italia in

diciassette region!.

II P. Leone, gia conosciuto per pa- essi tanto necessaria per poter van-

recchie altre opere anche da noi lo-

date nella nostra Bibliografia, offre

in questa operetta alle anime che ten-

dono alia perfezione varii tratteni-

menti spiritual!. In essi il pio Autore

con mano maestra traccia loro le vie

da battere, onde con pie fermo e si-

euro tendano alia sublime meta della

santita. Giudichiamo questo lavoro

utilissimo non solamente per le so-

relle che sono entrate nell' arrinso

glorioso della vita religiosa ma anche

ai ministri del Signore, i quali

troveranno in esso un breve e facile

trattato di quella scienza mistica ad

LUEBKER FEDER1CO. Lessico ragionato dell' Antichita Classica. Dalla

sesta edizione tedesca tradotto con molte aggiunte e correzioni da

Carlo Alberto Murero Dottore in fdosofia e lettere. Roma, Forzani e C.

tip. del Senato, 1891, 4 di

pp.

VIII- 1342.

Ecco un libro utilissimo e direm tenore della loro vita pubblica e pri-

quasi necessario agli studiosi delle

lettere greche e latine e ai cultori

dcll'antichita ellenica e romana. Chi

vuole approfondirsi nello studio dei

classic! non deve arrestarsi in quel-

Testerno apparato con cui essi vestono

e coloriscono le loro idee, ma

dee penetrare nell' intimo dei loro

pensieri e sentiment!,

e conoscere il

\

taggiosamente guidare quelle anime

nella via della perfezione. L' egregio

P. Leone ci permettera di suggerirgli

una correzione che crediamo neces-

saria per la prossima edizione della

Sposa del Crocifisso. Questa correzione

riguarda quello che egli dice

nella presente edizione del 1891 in-

torno al rendiconto di coscienza da

farsi dalle Novizie alia loro Maestra.

Si vede che I'A. scrisse prima del

Decreto della S. Congregazione dei

Vescovi e Regolari, il quale abolisce

la pratica di simili rendiconti.

vata, le loro credenze religiose, r

riti che praticavano, le leggi con cui

si reggevano, e le arti e gli

usi e

quant'altro si attiene alia civile e do- .

mestica societa. Per lo che, come

ognun vede, richiedesi un complesso

di cognizioni che attingere non si

possono da! vocabolarii. Viene perrio-

opportune questo nuovo Lessico, ricco-


*lei recent! studii, a guisa di Enci-

cJopedia manesca, condotta a capo

da un' illustre schiera di dotti tede-

scbi sotto la direzione del Liibker.

Percbeella giovasse anche agl'Italiani,

il Prof. Murero la volse nel nostro

idioma, dandole una veste tutta ita-

liana , arricchendola di molte ag-

giunte, perfezionandola con varii ritocchi

o correzioni e pubblicandola

con un'accurata e splendida edizione,

Tutta 1 'opera e illustrata da 153 vi-

BIBLIOGRAFIA 107

gnette e corredata di preziose appen-

dici, quali

sono : le tabelle delle mi-

sure, pesi e monete in uso ^fra gli

antichi, il calendario delle loro feste,

la tavola sincronismatica, e via di-

cendo. Ci auguriarao [di vedere una

pronta e larga diffusione tra noi di

un 'opera, la quale in Germania conta

finora sei edizioni,

tempo d'avvantaggio,

grande utilita ed importanza.

e ne avra col

attesa la aua

LUZl EMID10 Sac. Compendio di Storia AscolHna. Ascoli Piceno,

Oesari, 1889, 8 di pp. 315. L. 3,50.

Ci duole che, per un involontario egli non e sempre risalito alle errore, 1'annunzio di questo libro siasi

prime

fonti storiche, ma si e sovente con-

differito sino ad ora. Molte ed impor-

tanti sono le notizie che vengono espo-

ste con brevita e accuratezza in que-

st'opera ; la quale *pero giudichiamo

veramente utilee commendevole.L'in-

tento del ch. Autore e stato di scri-

vere un compendio, come apparisce

dal titolo ; e per uso specialmente

della gioventii, come dice egli stesso

nella prefazione. Questo lo scusa se

tentato di attingere da fonti di seconda

mano. D'onde e proceduto che egli

sia trascorso talora ad asserir cose

che forse mal reggerebbero alia cri-

tica storica moderna. Ma cio non to-

glie che, come dicemmo, 1'opera per

se abbia il suo pregio. E i giovani

che la leggeranno ne caveranno van-

taggio

e diletto.

11 Porto di Ascoli Piceno. Notizie storiche. Estratto dalla Nuova Ri-

vista Misena, anno III N 11. Tesz, Pierdicchi, 1890, 8 di pp. 11.

L' Universita degli studii in Ascoli Piceno. Estratto dalla Rivista sud-

detta, anno IV N. 1

6, 7. lesi, Pierdicchi, 1891, 8 di pp.

MURERO CARLO ALBERTO -- Vedi LUEBKER FEDERICO.

18. .

OLLIVIER R. P. M-J. 0. P. La Passion. Essai historique, par le R. P.

M.-J. Ollivier des Freres Precheurs, Deuxieme Mille. Parigi, P. Lethiel-

leux, 8 di pp. 508.

Tanto i predicated quanto i sem-

plici devoti troveranno in questo lavoro

del R. P. Ollivier un* libro di

lettura utile e gradita. II ch. Autore

vi espone la dolorosa Passione del

Redentore, giovandosi

dei lumi che

sacra e profana. Senza pretendere che

tutte le question! vi .siano risolute de-

finitivamente, diciamo che e un'opera

veramente scientifica per la tratta-

zione e pur sempre devota per 1'ar-

gomento.

vi recano i progress! deli'archeologia

OLMI GASPARE Sac. L' Infanzia al Presepio. Genova, tip. Arcive-

scovile, 1891, 16 di pp. 408. -- L. 2,00.

Ottimo pensiero e stato quello del Natale ai bambini ed alle bambine

h. Autore di presentare pel Santo una raccolta di componimenti da po


108

BIBLIOGRAFIA

1ersi recitare innanzi al presepio. Co- quanti si occupano del bene della

me lo stesso Autore ci avverte vt ne gioventii si varranno con vantaggio-

sono quanti se ne vogliono, di tutti i di questo libro, eccellente nel suo ge-

gusli in prosa e poesia.

I maestri e nere.

IB maestre, i direttori di collegi e

II mese di maggio per le monache. S. Pier d' Arena, lip. e libr..

Salesiana, 1890, 8 di pp. IV-210. L. 1,25.

L' infaticabile D. Olmi offre in adattato alle persone a cui e diretto.

questo suo libro per ogni giorno del La lunga esperienza dell'Autore nella

Mese di Maggio una lezione soda e guida delle anime e gia da se un'ot-

pratica con uno stile facile e tutto tuna raccomandazionc del libro.

RAGUSA FRANCESCO MODS. Scritti editi ed inediti di MODS. Fran-

cesco Ragusa Vescovo della Diocesi di Trapani. Vol. Quinto e vol. Se-

sto. Trapani, tip. di G. Modica Romano, 1891, 8 di pp. 6GO-XVIIl r

410-V.

Siamo lieti di annunziare la pub- voti che le opere dell'insigne Prelata

blicazione di questi altri due volumi siano conosciute e lette non solo da-

degli scritti editi ed inediti dell' illu- gli ecclesiastici ma eziandio dai laici,

stre Mons. Francesco Ragusa. Come e massime da coloro cui la lettura

gli antecedent!, cosi anche questi sono di libri perversi ha reso piu o meno>

amrairabili per la copia e la solidita miscredenti o dubbiosi circa le ve-

della dottrina teologica, esegetica ed rita della nostra religione.

ascetica che contengono. Facciamo

SANI ENRICO CanonSco. II Sacramento il piu profanato, ossia il Ma-

trimonio cristiano. Operetta per servire alia gioventii di guida allo-

stato del Matrimonio. Bagnacavallo, Serantoni, 1891, 32 di pp. 93,

-Cent. 30; copie 12 L. 3; copie 24 L. 4,80; copie 50 L. 7,50;.

copie '100 L. 13,00.

fe un' operetta piccola di mole, vogliono abbracciare lo stato coniuma

piena di soda dottrina, e di savii gale.

e santi avvertimenti pei giovani che

SCHUELLER LODOVICO Mons. -- Spiegazione della Dottrina Cristiana r

compilata per le scuole del Pontificio Seminario romano. Sesta edizione.

Siena, tip. S. Bernardino, 1891, 16 di pp. 160. Cent. 80.

Veggasi cio che si e detto in com- nella Serie XIV. Vol. 8, p. 348.

mendazione di questo eccellente libro

SIMONELLI GIUSEPPE Sac. Prof. Un tipo di donna cristiana, ovvero

S. Elisnbetta di Turingia. Aversa, Torno,- 1891, 32 di pp. 8-4. -

Cent. 30.

TROTTA LUIGI ALBERTO. Quarto saggio della parlata

di Toro com-

parata con la toscana viventc. Modena, tip. Societa tipografica, 1891,

8 di pp. 34.

Toro, chi noi sapesse, e una terra dialetto, come quasi ogni altra terra

nella provincia di Molise, e parla un d' Italia, proprio del luogo, e comune-


BIBLIOGRAFIA 109

in grandissima parte alia intera pro- coglier quello di mostrare che la ricca

vincia. 11 ch. Trotta, ci viene dando

del cataloghi di questa parlata, ri-

parlata

toscana avrebbe tuttavia da

arricchirsi di parole che le difettano,

scontrandola colla lingua italiana, e

piii specialraente colla toscana. Questo

ottimo lavoro puo servire agli studii

linguistici e filologici. E fra gli altri

vantaggi, che giustamente avvisa il

valente Autore, se ne e vivono qua e la in piii province,

parlate

potrebbe pur

nei volghi, belle, di buona

lega, e di ottima analogia colla lingua

illustre degli scrittori. Cosi si arriverebbe

a un Vocabolario comp'ito della

lingua italiana parlata.

VINELLI FORTUNATO Canonico. La Vita Sacerdotale. Ricerche e Con-

clusioni. Genova, tipografia Arcivescovile, 1892, 8 di pp. 509. L. 3.

Per affidare ognuno del merito stuzzicante, ed io che conosco il va-

non comune di questa nuova opera lore della vostra penna, dico che se

dell'illustre Ganonico Vineili, che ab- avete delle sfuraature e del colorito

biamo letto con grande piacere, e con

romanzesco, le prime

non ad altro

non poca edificazione, ci piace di ri- servono che a cornice del volume,

ferire le parole dell' Eminentissimo ed il secondo rende ghiotti i mal sani

Card. Alimonda dirette all'autore nel-

1'accettare la dedica. I vostri dieci

capitoli mi piacciono e moltissimo.

Ci e del comune messo a nuovo e rin-

giovanito, ci e dell' impensato,

palati perche leggano. Fate che la

Beata Vergine stenda il suo manto

immacolato sulle vostre pagine. Mille

bocche di Sacerdoti diranno a voi

dello serittore : state benedetto.

AVVERTENZE CIRCA LE NOSTRE BIBLIOGRAFIE

\ . La Bibliografia della Civilta Cattolica e destinata a dar conto di

quelle

opere che si mandano gratuilamente alia Direzione in una o due copie, e che

sieno Irovate di sana dottrina e di utile Itttura. L'esame piii accurate e la con-

futazione dei libri rei i riservano alia Rivista della stampa.

2. Agli annunzii dei titoli spesso fa seguito un breve cenno del contenuto

del libro e dei suoi pregi; ma spesso ancora si omette cotesto cenno, specialmente

quando si rileva abbastanza dal titolo stesso la contenenza ed il merilo

del libro : e percio il semplice annunsio, nella nostra inlenzione, equivale ad

una raccomandazione. do vale altresi, generalmente le parlando,'per edizioni

di una stessa opera che seguitano dopo la prima e per Estratti di Periodici.

3. Siccome lo spazio che pud concedersi alle bibliografte e relativamente

rislretto, cost sono esclusi da esse i libri di lingue straniere, eccettuata qualche

opera piii insigne e d'inleresse universale.

4. Per la stessa ragione non si da luogo agli annunzii di libretti di piccola

mole e non ispeciale importanza ; come ad esempio, discorsi accademici, panegirici

spicciolali, orasioni funebri (se non si tratti di defunli commendevoli per

meriti insigni), poesie e prose di occasione ere. ecc.

5. Non si ammettono annunzii o programmi di giornali o di opere da

pitbblicare, se non quando se ne sia incominciata la pubblicazione e questa sia

giudicata profittevole. t

6. Slants il gran numero di opere e di opuscoli che dai benevoli Autori ci

sono indirizzati, non ci e possibile annunsiarli con quella prontezza che essi

bramerebbero. Noi procuriamo di serbare in do, in quanta e possibile, Vordine

del tempo in cui ci sono spedili, dando ordinariamente la precedenza a quelli

che ci giunsero prima.

7. La stessa accennata ragione della pochezza dello spazio non ci per in fit P,

di annunziare quei libri che ci sono spediti dopo uno o piii anni dalla loro

pubblicazione.

8. Si desidera che i libri che ci sono mandati per la Bibliogran'a, specialmente

se tratlano di religionef sieno muniti dell' approvazione dell'Autorita Ec-

clesiaslica.


SANCTISSIMI DOMINI NOSTRI

DIVINA PROVIDENTIA

LITTERAE APOSTOLICAE

QVIBVS COLLEGIVM

CLERICIS MARONITICIS INSTITVENDIS

IN VRBE CONSTITVITVR

LEO PP. XIII.

AD PERPETVAM REI MEMORIAM

Sapienter olim et feliciter mens provida Decessoris JNostri Gregorii XIII

illustris Maronitarum Nationis bono consuluit, qui probe perspiciens quantum

solidae doctrinac excultaeque virtutis laus non ad privatam modo

sed ad publicam utilitatem conferat, Maronitarum Collegium in hac alma

urbe constituit, in quo iuvenes Clerici eiusdem Nationis ad optima stu-

dia et ecclesiasticam disciplinam rite excolerentur. Tantum Pontifex ille

providentissimus operae pretium se facturum in eo Collegio

excitando exi-

stimavit, ut eius causa hospitalem domum peregrinis Maronitis excipiendis,

ad S. lohannis de Ficoria in regionario vico ad lacum Virginis antea

in urbe a se fundatum, in sedem memorati Collegii converterit, ac per

Apostolicas litteras anno MDLXXXIV datas, pristinum hospitalis domus

institutum, ad iusti et legitimi Gollegii ius et conditionem evexerit. Huiusmodi

Collegii sedes duo amplius saecula incolumis mansit, ac divina

adspirante gratia ex eius disciplina illustrium virorum seges laetissima

prodiit, qui uti eorum temporum memoria docet, et egregie

meruerunt,

de Ecclesia

et Maroniticum nomen sua eruditione ac laboribus illustra-

rLmt. In hac praestantium alumnorum copia iuvat memorare Assemanos,

ac losephum Sknonium praecipue celebri fama virum, cui orientales lit-

terae et Vaticana Nostra Bibliotheca plures veteris eruditionis et doctri-

nae thesauros debent, Abrahamum item Ecchellensi, doctorum virorum lau-

dibus commendatum, alii quibus praeclarissimi ex alumnorum numero viri

accensendi sunt ad Patriarchalem vel Episcopalem dignitatem evecti, quorum

et doctrinae praestantia, et virtus in reducendis ad catholicam uni-


LITTERAE APOSTOLICAE 111

tatem deviis hominibus splendide effulsit. Ob tantum huius Instituti fructum

et gloriam, non potuit non molesta graviter et acerba accidere. Ma-

roniticae genti, aversa ea quae contingit initio huius saeculi eidem Collegio

fortuna, namque propter perturbationes temporum, cum plura ecclesia-

stica bona in urbe venirent, alumnorum etiam suorum Collegium ea

calamitate perculsum vidit, ciusque aedes in aliorum possessionem po-

testatemque translatas. In his tamen adversorum temporum fluctibus,

curae fuit Decessoribus Nostris, quae pauca superfuerant de Collegii bonis,

veluti naufragii reliquias, colligere ac tueri, eorumque reditus inslituen-

dis in Collegio Urbaniano aliquot Nationis Maroniticae clericis attribuere,

ut quorum bona erant, ipsi eorum beneficio salutariter fluerentur.

Haec cum Nobis omnia perspecta et cognita essent, aegerrime semper

tulimus Maronitas Libani incolas pluribus nominibus illustres, pristina apud

hanc Apostolicam Sedem ecclesiasticae institutionis domo carere, ac diu

earn cogitatione aluimus auctoritate operaque Nostra efficiendi, ut eorum

Collegium

in hac urbe olim fundatum ab interitu revocaretur. Id enim

a Nobis expetere putabamus paternum studium quo in omnes orientis

catholicos affecti sumus, et suo quodam iure Maronitas promereri qui avi-

tae fidei cultores, firmam semper praetulere in ea retinenda et conser-

vanda constantiam, et latius etiam proferenda virtutem. Hue etiam ac-

cessit quod non iteratis solum voLis Patriarcha aliique Maronitarum An-

tistites, Collegii Nationis suae restitutionem a Nobis postulaverint, sed

subsidia etiam huius rei causa comparare atque conferre studuerint quae

licet paria necessitati non sint, firma tamen spes adest fore, ut et Ma-

ronitarum et aliorum fidelium liberalitate suffragante, iusto Collegii pa-

trimonio plene tandem consuli possit. Nos autem ipsis gratificari pro vi-

ribus cupientes, et nobilissimum opus ope Nostra iuvare, sedem in hac

urbe designabimus Collegii Maronitici usibus opportunam, quam eidem

Collegio pleno iure in perpetuum attribuemus.

Nunc itaque votis Patriarchae et Antistitum Maroniticae gentis libenter

annuentes, et quod propositum Nobis diu fuit, optatum ad exitum addu-

centes, his litteris auctoritate Nostra Apostolica ad maiorem Dei gloriam,

ad incrementum catholicae apud orientis populos religionis, ad decus uti-

litatemque Maroniticae Nationis, Collegium in hac alma urbe Clericis Mas

roniticis instituendis instauramus restituimus ac denuo excitamus, ad lege

quae infra dicuntur, idemqne Collegium eodem iure esse volumus, quo

quae optimo et legitimo iure Pontificia clericorum Collegia in urbe

Cum porro maxime optemus ut hoc Maronitarum Collegium ad

sunt.

veterem

dignitatem et decus assurgat, confidimus studiosae Nostrae in

ipsum

voluntatis, uberes alumnorum in virtute et doctrina progressus vi-

cissim responsuros.

Collegium itaque ipsum in ditione et potestate Consilii Nostri fidei


112 SANCTISSIMI D. N. LEONIS DIVINA PROVIDENTIA PAPAH XIII.

propagandae, orientalis ritus negotiis praepositi, perpetuo sit,

ac iisdem

regiminis et disciplinae legibus utatur, quae in Urbaniano collegio fidei

propagandae vigent.

Cardinalis qui sacri Consilii fidei propagandae generalis Praefectus est,

quique in posterum futurus sit, Patroni seu Protectoris Maronitarum in

urbe Collegii, munus in perpetuum gerat.

Cum vero maxime intersit ad rectum Collegii regimen eiusque prosperit.atem,

Rectorem caeterosque Moderatores conslitui qui magis idonei ac

utiles bono eiusdem videantur, Cardinali Patrono tribuimus, ut quaesita

etiam sententia Consilii Cardinalium de quo supra diximus, Rectorem

aliosque Collegii moderatores designet, iis deque ad Pontificem Maximum

referat, ut qui designati fuerint, eorum diligendorum Pontifex Maximus

auctor fiat.

Sacerdos Maroniticae Nationis a Patrono deligatur qui sedem in Col-

legio habeat, quique sedulam det operam alumnis excolendis et exercendis

in iis quod ad sacram Liturgiam, atque ad sacrorum ritus, Maronitarum

proprios pertinet.

Patroni autem auctoritas et potestas ea erit, cui omnes qui regendi

et administrandi munus in Collegio habent, nedum alumni, obsequi et

parere debeant.

Cum de gravioribus agatur Collegii negotiis, de iis Patronus ad Ponti-

ficem Maximum referat, ac in singulos annos eidem Pontifici Maximo,

descriptionem totius Collegii status littaris mandatam exhibeat.

Quo vero facilins et expeditius Cardinalis Patronus suo munere fungi

possit adiutorem ei adiicimus Antistitem Urbanum, administrum ab actis

JNostri Consilii negotiis ritus Orientalis praepositi, qui nomine et auctori-

tate Praesidis Maronitici Collegii, in omnibus quae ministerio eius deman-

dentur, Collegii Patrono operam navet.

Omnia demum quae his litteris Nostris statuimus ac declaravimus rata

ac firma uti sunt, ita in posterum esse volumus ac iubemus, irritum ac

inane futurum decernentes si quid super his a quoquam contigerit atten-

tari ; contrariis quibuscumque non obstantibus.

Datum Romae apud S. Petrum sub annulo Piscatoris die xxx Novem-

bris MDCCCXCI, Pontificatus Nostri decimoquarto.

LEO PP. XIII.


GRONAGA GONTEMPORANEA

I.

COSE ROMANS

Roma, 1-15 Decembre 1891.

I. La questions roraana nel Parlamento italiano. 2. Che cosa ne pensino

i nostri legislator!. 3. Risposte del Presidente de' Ministri. 4. Ere-

zione del Collegio Maronita in Roma. 5. Calunnia del Diritto contro

Pio IX sventata. 6. L' Associazione artistico-operaia di Roma. 7. Conci-

storo in Vaticano : due nuovi Cardinal! ; provviste

di chiese. Nota.

1. L' aver voluto la Rivoluzione politica d' Italia colla for/a de' can-

insediarsi in Roma accanto al Capo del Regno di Dio sulla terra,

die' origine all' arduo problema, detto Questione romana. La coabitazione

in Roma del supremo potere politico d' Italia e quello della suprema

autorita della Religione cattolica non poteva non fmire colla schiavitii

d'uno de' due poteri; e naturalmente quello che aveva in mano la spada

assoggetto quello che era potente solo del suo diritto. Ma questo non

ha inai cessato, da 21 anni in qua, di alzar giusti lamenti, che trovano

eco in tutto il mondo. Di qui il venir di tanto in tanto a galla questo

s'ostinano a dire sciolto. Ma che tale

gran problema, che i nostri politici

non sia, lo prova anche la recente discussione nel Parlamento italiano.

Essa fu svolta ne' giorni 3, 4- e 5 di questo mese. Causa od occasione

furono i fatti della fine del settembre e del principio dell'ottobre a Roma,

il disciolto comizio milanese riunitosi contro le guarentige papali, nonche

la solenne dichiarazione del Cancelliere austro-ungarico in favore del Papa

sulla insoluta questione romana. Impensieriti di cio i nostri legislator!,

interrogarono il Ministero su questo

scabroso affarc. Ne sara 1' ultima

volta; come accade, se uno abbia un osso per la gola. La discussione

comincio il 3 e duro per due altri giorni consecutivi. Aperta la seduta

verso le 2 pomeridiane, s' annunzio, poco dopo, il soggetto da trattare

ed era: sulla politica interna ed ecclesiastica. Interrogarono

su di essa il

Ministero sei deputati: il Cavallotti, il Mussi, il Rossi, il Rovio, il Ra-

razzuoli e il Ronghi. Le cose precipue su cui versarono le loro dimande

erano le tre accennate di sopra.

2. II tema della Religione e del Papa, che e in fondo alia coscienza

di tutti (benche all'apparenza non sembri), raccolse, piu del solito, i de-

Berie XV, vol. 1, fase. 9S1. 8 36 decemlre 1891.


114 CRONACA

putati a Monteeitorio. Di piu, su tal punto sogliono esser tutti compatti

a qualsiasi partito politico appartengano : se per difender la causa cri-

stiana od oppugnarla, non e a dire. Che cosa essi pensino sulla questione

romana, e in genere sulla questione religiosa,

Podano i lettori dalla loro

bocca. Raccoglieremo alcuni detti, spigolando dai sunti de' discorsi par-

lamentari, pubblicati dalla Tribuna di questi giorni. II Cavallotti, alludendo

agli ultimi pellegrinaggi li chiamo nuove nuvole e nuovi accenni

di una politica reazionaria ;

i discorsi tenutisi in Vaticano, contrarii

alia patria > ; e della legge delle Guarentige disse che quella negava

il passo alia civilta. > II Rossi appello le giuste rivendicazioni del Papa

cospirazione di setta clericale, attiva, giornaliera, incessante. > 11 Bovio,

dopo aver detto che la istituzione (del Papato) serba ancora tal vigore

da non meritare d' esser presa

in riso , volse una dimanda che senza

ambagi e politicherie incarna in se tutta la lotta tra Dio e Satana. Egli

fu 1' unico che, a modo suo, vide la grandezza del Papato, di fronte a

cui la Rivoluzione ha piantato le tende. Dirnando quindi qual era lo

scopo di quella. E rispose essere la laicitd. Udiamolo: Nel secondo

trentennio del nostro risorgimento bisogna che diciamo al paese che mis-

sione, che fine, che religione civile noi vogliamo dargli, poiche noi lo

abbiamo tratto a Roma, dove non si puo stare di fronte alia Chiesa

senza prendere qualche parte delPufficio suo e sostituirsi nella grandezza,

nella universalita. II paese ha il diritto di sapere che e quello che voi

sostituite a quanto avete abbattuto; perche disfacendo soltanto, si crea

lo scetticismo e si mortifica la nazione. Non si puo parlare d' ideali di

patria, di Stato forte, senza sapere quali scopi assegnate loro ed a che

fine li indirizzate. Questa liberta negativa che non da il contenuto del-

1' ufficio della nazione, lascia intera la coscienza in potere della Chiesa;

la quale se questo potere ha, anche inerme, e piu forte dello Stato, per-

che chi domina le coscienze domina il mondo. Essa di questo potere

usera dovunque, e dove non arriveranno le vostre armi e le vostre leggi,

arrivera la sua parola. Le opponete la forza ? Inutile. -

Le opponete pensiero

a pensiero ? E quanto io aspetto. Ma dite: QuaPe questa missione

che voi date allo Stato? Se i ministri si accavallano, se le leggi mutano,

se i partili muoiono o si disfanno, dov' e Porganismo da contrapporre a

quella istituzione da secoli ? Determinate dunque il genio ed il carattere

nazionale senza di cui passerete inosservati in mezzo alia civilta contem-

poranea. Questa missione si compendia nella laicitd dello Stato, fondamento

del potere civile, radicato nel tronco del nostro risorgimento. Non

significa Stato ateo, Stato indifferente, ma coscienza piena di nuovo pensiero,

morale scientifica che ridesta le passioni ed infonde loro carattere.

Opponiamo la tittd terrena, alia cittd di Dio; e cio senza abolire immediatamente

P articolo primo dello Statute e la legge delle ma sottraendo, poco a

poco,

Guarentige,

le istituzioni umane al dominio dclla Chiesa.


CONTEMPORANEA 115

A questo solo patto possiamo rimanere a Roma, rappresentando la parola

dclla seienza e del diritto, infondendo nella scuola e nella famiglia il pensiero

dell' Italia nuova, della nuova liberta e della nuova seienza. E

quando questa corrente di vita nuova avrete dovunque infuso, non avrete

bisogno di cancellare il primo articolo dello Statuto; esso resti dov' e,

come gufo appeso alle mura di vecchio castello. E qui, all' ultima be-

stemmia, lu uno scoppio di applausi. Segno

certo che il Bovio ritraeva

il pensiero di tutti. Pose fine al suo discorso dicendo : Dica dunque

10 Stato italiano, a chi gli domanda se sia Stato cattolico: Noi siamo la

libera cosdenza, siamo la civilta. A chi si lamenta della condizione fatta

al Capo della Chiesa potra rispondere che 1' Italia puo senza danno ve-

derlo trasportare la sua sede altrove, a Monaco o a Vienna. Se il Papa

vuole, resti ; se altri lo vuole, lo prenda. Liberta per tutti d' invito, li-

berta per lui d'accettazione. Lo Stato come la Chiesa hanno da essere liberi

nel loro svolgimento. lo domando al presidente del Consiglio inoltre, se

date le condizioni

presenti dell' Italia e della Chiesa,

il Governo non

senta la necessita della laicita dello Stato. E voglio non risposte vaghe,

ma che mi dica il suo avviso preciso sulla precedenza dei matrimonio

civile al religioso, sul divorzio, sulla laicita intera della scuola. II Crispi

arrivo fino a dire che, se egli fosse rimasto in seggio, avrebbe gia fatto

scomparire dalla legislazione italiana la legge delle Guarentige.

Ecco, raccorciato quanto si e potuto ne' limiti della storia, quel che

si pensa e giudica del problema romano e religioso in quel Montedtorio,

dove dovrebbe esser raccolto il senno del cattolico paese che si chiama

Italia, nel cui grembo Dio pose la sede del suo Regno ! Ma, forseche

11 Marchese di Rudini, capo del Ministero, ha dato risposte meno indegne

del paese che rappresenta ? Udiamole.

3. II Marchese siciliano (se convinto o no, non vogliam dire) ripete

moderatamente nelle sue risposte quell' istesso che il Bovio, il Rossi e

il Barazzuoli piii apertamcntc e piit logicamente proposero tra i plausi

de' colleghi. La risposta del Marchese ha tre parti, secondo i tre punti

su cui versavano le interrogazioni. 1. II Bovio voleva che lo Stato ita-

liano a Roma assumesse di fronte al Papato la missione della laicita op-

ponendo

la citta terrena alia cittd di Dio. A cui il Marchese: AlPon. Bo-

vio, il quale ha portato la questione nel campo dei doveri dello Stato

laico, dico che sono d'accordo con lui, nella maggior parte delle cose che

ha detto. Noi intendiamo mantenere integro il

principio dell'educazione

laica, e consacreremo ad essa le nostre maggiori cure. Quanto

alle ri-

forme accennate (della precedenza del matrimonio civile su quello reli-

gioso, e del divorzio) io non dissento ne dall'una ne dall'altra; ma siccome

ritengo che le riforme, le quali toccano il sentimento religioso d'un

popolo, per essere efficaci abbiano bisogno di un periodo piuttosto lungo


116 CRONACA

di maturazione, cosi non le giudico per ora opportune. 2. Al Caval-

lotti, che stava per 1'abolizione delle il Guarentige pontificie, rispose Mar-

chese do non essere possibile, esser quella legge fondamentale, fatta per

paura delle potenze cattoliche; e quindi non potersi cancellare. Quello ch&

preoccupava, egli disse, in quel momento (nel 1870) il Governo, non era

certo il potere temporale (del diritto della Chiesa non sono curanti i nostri

padroni); ma le relazioni del Papato colla cattolicita e colle potenze cat-

toliche. Delle due potenze cattoliche, poste alle nostre frontiere, la Fran-

cia, travolta in una grande catastrofe, non dava a temere gran fatto (a

Montecitorio si teme solo la forza): altrimenti pero poteva essere dell' Au-

stria. 3. Quanto a chi dimanrlava spiegazioni del discorso tenuto dal

Cancelliere austro-ungarico nella Delegazione austriaca, e da noi gia rife-

rito, 51 Marchese ha bassato semplicemente il capo. II Cancelliere aveva

detto che il problema romano era insoluto, che era desiderio del suo Go-

verno che fosse risoluto in modo da soddisfare al Papato e al Papa. Alle

quali solenni dichiarazioni il Di Rudini prima oppose una frase omai sdrucita:

il potere temporale e morto e

sepolto. Quindi, come chi non sa che

pesci pescare, disse che di quel

discorso del Kalnoki non v'era una edi-

zione autentica, e che po' poi le parole di lui erano corrette, e che finalmente

gli Austriaci, quando che fosse, saprebbero combattere a fianco

de' nostri soldati. Sicche per poco non si rnandarono congratulazioni al

Cancelliere, perche aveva attestato il diritto alia indipendenza del Papa

quale questi la intende.

Ecco la storia della questione romana trattata in Montecitorio ventun

anno dopo la breccia.

4k Riportammo gia in queste pagine la lettera apostolica, onde da

Leone XIII veniva stabilita la gerarchia cattolica nell'Impero del Giap-

tre secoli e

pone. Cosi il seme, gettato ivi da S. Francesco Saverio, dopo

cresciuto in albero immenso. Or dal Giappone il Capo del regno di Dio

sulla terra ha volto le sue cure alia nazione maronita, a questi nobili fi-

gli della Chiesa, detti i cattolici del Libano; e con lettera apostolica del

30 novembre di quest'anno ristabilisce a Roma il Collegio Maronita. Qne-

sto Collegio, gia fondato da Gregorio XIII, dopo che i Maroniti si furono

interamente sottomessi, anche in alcune cose del culto, alia chiesa ro-

mana; era cessato di esistere per le dilapidazioni

de' beni ecclesiastic!

fatte da Napoleone I. Or questo Collegio viene ora per 1'autorita del Papa

di nuovo eretto, affinche sia un centro di cristiana civilta per quella na-

zione orientate, come gia il Collegio greco e 1'armeno per altri cattolici

d'Oriente. 1 nomi di Abramo Ecchellensis, di Gabriele Sionita e de' tre

Assemani ricordano illustri glorie del Seminario maronita a Roma. La sua

sede pero non e ancor determinata, riserbandosi il Papa di fissarla quanto

ha ricevuto il S. Pa-

prima. Dopo 1'autentica erezione del nuovo Seminario,


CONTEMPORANEA

117

dre una speciale deputazione che gli espresse a nome della nazione ma-

ronita i piu vivi ringraziamenti. A capo della deputazione era S. E. MODS.

Hoyek, Arcivescovom Maronita d'Arca, a cui facevano seguito il procuratore

patriarcale d'Egitto, il superiore dell'ospizio romano pe' Maroniti, un

cospicuo maronita studente di piltura a Roma, sei alunni pur di quella

nazione resident! nel Collegio di Propaganda e altri. II S. P., nel mo-

strar loro 1'affezione che egli nutre per la lor nazione, pose in rilievo la

parte presa dalla Francia alia Ibndazione del Collegio e 1'antico legame

di amicizia che unisce la Francia e i Maroniti. Ecco come la Chiesa stende

sempre piu

le sue tende ! Vedremo che faranno il Bovio e consorti colla

loro laicita, cui vogliono contrapporre alia grandezza dell'idea cristiana e

cattolica in Roma.

5. Nella discussione sulla politica ecclesiastica in Francia, il Floquet

rimise in iscena una antica diceria, gia altre volte tacciata di falsa ; che

Pio IX fosse stato addetto alia frammassoneria. La storiella ha rifatto di

nuovo il giro nel mondo giornalistico. A mostrar la falsita di tali accuse

sorsero unanimemente i giornali cattolici. Noi esamineremo solo quella

messa fuori dal Diritto nel n. del 16 dicembre in cui afferma che Pio IX

nell'anno 1839, nella prima quindicina d'agosto, alle ore 12 della nolle presto

giuramento alia 'Loggia massonica ETERNA CATENA or /. di Palermo,

Or tutto questo e falso di sana pianta, per la semplicissima ragione che

nell'anno 1839, nella prima quindicina d'agosto Pio IX non era a Palermo,

ma ad Imola, di cui allora era Vescovo. Per santa che tengano la Mas-

soneria i signori del Diritto, non crediamo che, neppure in questo caso,

ammettano la bilocazione. Or senza questo miracolo, non poteva il Ve-

scovo d'Imola, stando ad Imola, trovarsi anche in Palermo. E che egli

stesse veramente in Imola e non a Palermo, abbiamo, a documento irre-

fragabile, gli atti della Curia Vescovile d' Imola che S. E. Mons. Luigi

Tesorieri ci ha gentilmente comunicati con lettera del 23 dicembre, scritta

a suo nome dal Secretario di quella Curia Vescovile, il Can. Ravuzzi. Or

ecco che cosa narrano gli atti di quella Curia nella prima quindicina di

agosto dell'anno 1839. II giorno 28 luglio Mons. Mastai firmo il proto-

collo n. 239; il 2 agosto quello del n. 243; il 6 agosto i protocolli

n. 2U, 2i6; il 9 agosto il protocollo n. 253; il 10 agosto quello del

n. 247. Inoltre, come apparisce dal libro delle Messe conventuali del

Capitolo della Cattedrale d' Imola, il 13 agosto di quell'anno

Mons. Ma-

stai celebro pontificalmente la Messa del patrono della diocesi, S. Cassiano.

Gli atti della secreteria n 261, 262 del 20 agosto 1839 narrano che il

medesimo il 16 agoslo si trovo a Fontana Elice, comune della diocesi

d' Imola, coll' Emo Legato di Ravenna. Ora dove trovano i signori del

Diritto il tempo per un viaggio di andata e ritorno da Imola a Palermo

nell'anno Domini 1839? Che le vetlure di que' tempi corressero come i

nostri dispacci telegrafici?!...


118 CRONACA

6. L 1

Associazione cattolica artistica ed operaia di Roma sta celebrando

cfi questi giorni il primo ventennio della sua esislenza. Adoperiamoci

a darne un cenno a' nostri lettori, perche

vedano come la vita cristia-

na, inaridita negli ordini pubblici, spanda le sue radici tra il popolo. Le

feste, parte religiose e parte letterarie e di beneficenza (scopo precipuo

delP Associazione) ebbero principle il 5 decembre, e finiranno il 6 gen-

naio del prossimo anno 1892. Ecco un tratto del manifesto, il quale

fara chiaro lo spirito eminentemente cristiano cattolico da' cui e la so-

cieta viviticata. Quando, 20 anni or sono, un gruppo di uomini di

proposito, forti della loro fede, si posero in animo di levare in Roma

una barriera che salvasse dalla corruzione coloro che avcssero voluto

seguirla, e facesse riparo alia colluvie di mali che invadevano la patria

nostra, nessuno poteva prevedere che 1' effetto superasse 1' aspettazione.

La nostra Societa infatti conta oggi numerosissimi gli

artisti ed operai

che vi diedero il loro nome ; benedetta ed effica^emente protetta dai

Sommi Pontefici Pio IX e Leone XIII si esplico maravigliosamente con

molteplici mezzi ; essa pote soddisfare puntualmente ai gravissimi suoi

obblighi col mutuo soccorso ; assunse il patronato della gioventii operaia,

aperse scuole, educo gli operai negli oratorii domenicaii, e nelle sale di con-

versazione. Fidente nella protezione della Vergine Immacolala Madre di Dio,

e de' suoi Santi Compatroni, vide le sue opere accette al Signore, accla-

naate dagli onesti, riconosciute utili al benessere materiale e morale della

classe operaia. Ed ora 1'Associazione entra nel terzo decennio di una vita

rigogliosa, col fermo proposito

di estendere la sua influenza sulle masse

operaie, onde preservarle dallo spirito socialista che minaccia d'impadro-

nirsene. E vi riuscira, se tutte le forze si manterranno unite, se agi-

ranno concordemente e con energia, se la Fede cattolica e la pratica del-

1'onesta proseguira ad essere il retaggio di ogni associato. Artisti ed Operai!

La Chiesa, la patria italiana domandano il nostro concorso per uscir

salve dalle tempeste sociali che mSnacciano FEuropa. Non vi lasciate illu-

dere ; professate con franchezza i nostri principii ; combattete strenua-

mente pel nostro programme; difendete la nostra bandiera. La patria

scrivera a caratteri d'oro i nomi di quelli che influiscono a mantenere

nel popolo i principii del giwsto, dell'onesto, la pratica di quella Religione

cattolica che e insieme la fede e la gloria piu pura d' Italia. >

L'ordine delle feste poi

fu svariatissimo ; e le religiose

ebbero la

precedenza. Un triduo solenne per la festa dell' Immacolata nella chiesa

cfi S. Marcello raccolse una folia straordinaria di operai e delle loro fa-

miglie.

Cardinali e Vescovi si succedevano nella celebrazione de' divini

misteri o uella predicazione dal pergamo. II tempio, illuminate da ben 120

lampadari offriva un sublime spettacolo di fede e di pieta

dato da mi-

gliaia e migliaia di artisti ed operai. Sulla porta della chiesa leggevasi :

Vergine Immacolata Accogli benigna i voti Che ti offre L'Asso-


CONTEMPORANEA

119

ciauone romana artistico-operaia Nel \X anniversario della sua fonda-

zione. Nclla sala dell'associazione a Testa Spaccata si tennero varie sedute,

in cui 1'artc letteraria e musicale, le opere di benefioenza e un onesto

sollievo davansi mutuamente la mano.

7. La Santita di Nostro Signore Papa Leone XIII il 14 dccembre nel

Palazzo Apostolico Vaticano ha tenuto il Concistoro segreto, nel quale

premessa un'Allocuzione, si e degnata di creare e pubblicare Cardinali

di Santa Romana Chiesa, dell'Ordine de' Preti: Monsignor Luigi Ruffo

Scilla, di Napoli, Arcivescovo Titolare di Petra, Maggiordomo di Sua Santita,

nato in Palermo il 6 aprile 1840; Monsignor Luigi Sepiacci dei Romitani

di S. Agostino, Vescovo titolare di Callinico, Segretario della Sa-

cra Congregazioue dei Vescovi e Regolari, nato in Castiglion del Lago,

archidiocesi di Perugia, il 12 settembre 1835.

Quindi Sua Santita ha proposto le seguenti chiese :

Chiesa titolare Arcivescovile di Farsaglia, per Monsignor Nicola Contieri,

Arcivescovo dimissionario di Gaeta, che ritiene in amministrazione prov-

visoria. -- Chiesa titolare Arcivescovile di Sardi, per Monsignor Salvatore

Palmieri, Arcivescovo rinunziatario di Rossano,

Direttore Generale dei

Missionari del Prezioso Sangue. Chiesa titolare Arcivescovile di Nisibi,

per Monsignor Giuseppe Giusti, Vescovo rinunziatario di Arezzo,

che ri-

tiene in amministrazione provvisoria. Chiesa Metropolitan di Torino,

per Monsignor David Riccardi, promosso dalla Sede Cattedrale di Novara,

che ritiene in amministrazione provvisoria. Chiesa Metropolitana di

Mohilow in Russia per Monsignor Simone Martino Kozlowski, promosso

dalle Sedi Cattedrali unite di Luceoria t e Zytomeritz. Chiesa Metropo-

litana di Gaeta, per Monsignor Francesco Niola, promosso dalla sede Cat-

tedrale di Lacedonia, che ritiene in amministrazione provvisoria. Chiesa

Metropolitana di Rossano, pel R. D. Donato Dell' Olio, di Bisceglio, dot-

tore in sacra teologia, in patria Direttore Spirituale delle Figlie di Maria,

Rettore e Professore di filosofia e teologia nel seminario e Canonico Teo-

logo della Cattedrale. Chiese Metropolitane unite di Gnesna e Posnania,

per Monsignor Floriano Stable wsky, Protonotario Apostolico ad instar par-

ticipantium, archidiocesano di Posnania, dottore in sacra teologia.

Chiesa titolare Vescovile di Amata, per Mons. Gherardo Araldi Vescovo ri-

nunziatario di Carpi, che ritiene in amministrazione provvisoria. Chiesa

Cattedrale di Arezzo, per Mons. Donnino Donnini, traslato dalla sede di

Montalcino, che ritiene in amministrazione provvisoria. Chiesa Catte-

drale di Veroli, pel R. D. Paolo Fioratanti, diocesano di. Nepi, ivi esami-

natore pro-Sinodale e Convisitatore del seminario e Canonico Arciprete in

quella Basilica Cattedrale. Chiesa Cattedrale di Lucera pel R. D. Carmine

Ciotola, di Napoli, ivi Direttore

Spirituale del Regio Albergo dei

poveri e del Conservatorio di S. Anna, e Revisore perpetuo del Clero archidiocesano.

Chiesa Cattedrale di Vigevano, per Mons. Giacomo Me-


120 CRONACA

rizzi Protonotario Apostolico ad instar participantium, diocesano di Como,

dottore in diritto canonico, Esaminatore Pro-Sinodale e Canonico Teologodella

Cattedrale di Como. -- Chiesa Cattedrale di Carpi, pel R. D. An-

drea Righetti, diocesano di Borgo S. Donnino, ed ivi Canonico Teologo

della Cattedrale, Esaminatore e Giudice Sinodale, Missionario Apostolico,

Socio Attivo-Ordinario dell'Accademia filosofica di S. Tommaso d' Aquino

in Parma. Chiesa Cattedrale di Colle. pel R. D. Alessandro Toti, di

Siena, dottore in sacra teologia ed in diritto canonico, in p;itria Esami-

natore pro-Sinodale e Parroco di S. Pietro in Banchi. Chiesa Cattedrale

di Guastalla, pel R, D. Respighi, di Bologna, dottore in sacra teologia ed

in ambe le leggi, Arciprete Parroco dei SS. Gervasio e Protasio in Pieve

di Budrio nell'archidiocesi di Bologna. Chiesa titolare Vescovile di Ce-

saropoli, per Mons. Stefano Porro, Cameriere Segreto Soprannumerario

di Sua Santita, di Andria, ivi Canonico Priore della Cattedrale, deputato

Ausiliare di Mons. Federico Galdi, Vescovo di Andria.

11 S. Padre si e recato poscia nella Sala del trono, e quivi sedutosi

drcondato dalla Sua nobile Corte, ha ricevuto, in, udienza di forma-

lita i novelli Vescovi preconizzati, presenti in Curia, i quali vennero an-

nunziati ed introdotti da un Maestro delle Cerimonie pontificie. Dopo


CONTEMPORANEA 121

medesimo valore della prima quanto allo scopo dimostrativo. La cosa e

cosi : non 1'Alliata ricovero in casa sua i pellegrini Choucary e Gregoire,

ma il vero e invece che i detti pellegrini furono visitati dall'Alliata (che

si occupo molto di loro) nell' albergo, dove alloggiavano, dopo rilasciati

dalla Questura e che da lui furono accompagnati alia stazione. Le visile

poi dal medesimo verarnente fatte al Dreux, furono inefficaci quanto al

poter essere ammesso a parlargli, per difficolta fatte dalla Questura. L'Al-

liata per altro fu in que' giorui in continua relazione coi capi del pellegrinaggio

da lui promosso, e da questi, come accennammo, ebbe le pm

esatte e veridiche informazioni.

II.

COSE ITALIANS.

i. II processo di Massaua. 2. II Livraghi assoluto. 3. Diversita di giudizii

in Italia su tal fatto. 4. Come ne giudico il Ministero. 5. Delle

economie e del reoente decreto contro il matrimonio religiose degli uffi-

ciali. 6. 50 anniversario delle opere di D. Bosco. 7. Disgrazia del

Calabria. 8. Trattato di commercio tra i paesi della triplice alleanza.

9. Morte di Carlo Cadorna presidente del Consiglio di Stato.

i. In tutta Italia e un gran parlare delle cose della colonia africana.

11 parlamento se n'e occupato e il Presidente del Consiglio ha detto

il suo verbo. Tentiamo di dipanare questa matassa; e innanzi tutto di-

ciamo di che si tratta. Un memoriale del tenente Livraghi e le relazioni

del Corazzini alia Tribuna, nonche altre comunicazioni, avevano, gia da

qualche tempo, fatto sapere in Italia stragi e orrori di sangue commessi

in Africa contro gl'indigeni senza regolare processo per parte de' general!

italiani e del Livraghi stesso. Venuti a notizia questi fatti, fu dal Go-

verno costituita una Commissione che appurasse la cosa e desse il suo pa-

rere sulla

colpabilita o no degli autori di quelle uccisioni, cui dissero

eufemisticamente soppressioni. Or, compiutesi le ricerche della Commis-

sione, 1'8 decembre la Gazzetta Ufficiale

die' fuori una minuta relazione

da quella appositamente scritta. In questa si nega esservi mai state uc-

cisioni d' intere bande : si asserisce per6 otto essere stati gl' indigeni

trucidati senza processo alcuno, per ordine del general Baldissera, il quale

li fece secretamente uccidere tra 1'agoslo e il novembre del 1889 in tali

circostanze die la Commissione chiama gravi. Si attribuisce al Livraghi

1'uccisione d'un tal Getheon, mercante abissino, eseguita per mano di Abdel

Rahman; e finalmente si accagionano il colonnello Cossato e il generate

Orero della morle del Naib Osman, tolto di vita per mano dello stesso

Livraghi. Quanto al reato de' comandanti italiani,

la Commissione e di

parere che il Baldissera eccede i suoi poteri, benche soggiunga

che lo


1 22 CRONACA

stato difficile dclla colonia possa spiegare il fatto: piii grave sembra ai

deputati per 1'inchiesta 1'operato dal Cossato e dall'Orero. Del Livraghi

la Cominissione non fa motto; poiche egli era gia uscito mondo dal sangue

di Getheon per 1' assoluzione del tribunale, come ora ci accingiamo a

narrare.

2. II Livraghi dunque, con tutto die avesse confessato spontaneamente

1'uccisione da se compiuta senza ordine superiore, fu assoluto senz'altro.

Ecco come ragenzia Stefani il 5 novembre comunicava telegraficamente

1'annunzio all'attonita Europa: II Tribunale militare ha pronunziata la

sentenza nel processo contro Livraghi ed altri coimputati. II Tribunale:

1 ritenuta la necessita di provvedere con mezzi energici ed efficaci alia

sicurezza della Colonia, riconosce la passata situazione come anormale e

si forma la convinzione della necessita delle disposizioni prese dai coman-

danti, senza pronunziarsi in proposito:

processo per la responsabilita assuntasi dagli

2 ritenuto che le risultanze del

stessi comandanti rendono

delle esecuzioni : 3 ritenuto che 1'uccisione di

gli imputati irresponsabili

Gelheon e un omicidio, e che nessun movente induce il Tribunale a cre-

dere Livraghi responsabile di tale delitto; riconosce invece autore del-

1'omicidio Abdel Rahman (irreperibile); stigmatizza la pubblicazione di

Livraghi ; assolve per inesistenza di reato Livraghi, Adam Aga e le nove

guardie di polizia indigena e condanna Abdel Rahman all'ergastolo. Molta

folia assistette alia lettura della sentenza. Cosi le teste di legno 1' ban

pagata per tutti;

e tutta la birbonata nell' eccidio di Getheon e stata

dell'esecutore abissino Abdel Rahman, un povero figlio d' Africa, il quale,

non si sa dote stia di casa.

per giunta,

3. Noi scriviamo la storia; e non possiamo, dopo narrati i fatti, se-

dere a scranna e di nuovo esaminare 1'esaminato del tribunale, e, citati

dinanzi a noi il Livraghi, il Raldissera, Abdel Rahman e gli altri galan-

tuomini apportatori o cooperated della nostra ci villa in Africa, pronun-

ziare autorevole sentenza. Ci sia lecito pero narrare a modo di storia il

diverse opinare che s' e fatto in Italia degli eccidii di Massaua, e in ispecie

dell' assoluzione data al Livraghi. La massima parte non ha parole per

detestare i fatti delle uccisioni d' Africa. Quanto ai cattolici,

e facile in-

tenderlo. Essi ricordano i principii in virtu de' quali furono roresciati dai

liberali molti troni in Italia : ricordano quel che scrisse il Cavour al Persano

da Pisa il 9 marzo 1865: Se facessimo per noi quel che facciamo per

1' Italia, saremmo gran bricconi ; e ricordando questo laicismo nella mo-

rale, spiegano le assoluzioni date al Livraghi, e che sono per darsi ai ge-

d'accordo coi

nerali. Quanto ai non cattolici, vi sono due campi : gli uni,

cattolici, gridano allo scandalo, alia vergogna morale; gli altri,

tra cui

il Ministero stesso, plaudono al fatto, e dicono 1'operato in Africa in quelle

congiunture, e la sentenza del tribunale in ispecie,

essere sommamente

corretta, che in italiano vuol dir irreprensibile, regolare.

Diamo un saggio degli uni e degli altri. La Tribuna, esclama : < Pare


CONTEMPORANEA 123

in verita che fra il nostro pacse e la colonia eritrea non esista solo una

differenza di latitudine; c'e di piii una differenza completa ne' criterii

giuridici Napoleone

e morali: una differenza triste e desolante '.

Coraz-

zini, che delle cose africane sa dove il diavolo tien la coda, dice ncl Pic-

colo del Mattino : II tribunale di Massaua ha suggellato con una sen-

tenza degna del prologo la indecente commedia nel secondo processo Li-

vraghi. II pubblico nauseato, ma non sorpreso, ha fatto nella sua coscienza

un processo e data una sentenza che avvolge accusati e giudici . II Don

Chisciotte osserva : Lo stesso generale Baldissera al Tribunale di Mas-

saua, quattro giorni sono, ha dichiarato che Getheon fu soppresso

dal Li-

vraghi, che nessun ordine ne legale ne illegale aveva ricevuto per pro-

cedere alia soppressione. Non si e pertanto creduto al Livraghi stesso;

non si e creduto al generale Baldissera, per quanto il processo fosse no-

toriamente condotto per fame uscire quel generale. > Ma colui che

lie' sfogo piu fortemente alia sua indignazione fu il deputato Imbriani,

che a Montecitorio interrogo I'll decembre il Ministero sulle cose d' Africa.

Eccone un tratto stenografato dalla Tribuna: Non mai come oggi ho

sentito un' onda di indignazione salirmi dal cuore al cervello, non mai

)me oggi ho sentito il bisogno di dominarmi. > Dopo questo solenne

sordio e qualche interruzione, non senza le note scene imbrianesche per

:ui venne rimbrottato dal presidente, continue : Altre volte, da soldati,

josti in condizioni difflcili, vennero consumati atti di ferocia inauditi, ma

le forme vennero serbate. Ho qui una sentenza contro cinque chioggiotfci

ei di aver voluto nel 1849 portare polli e limoni in Venezia. Ma e una

sentenza con un'aquila bicipite in fronte... C'e tutta la ferocia burocra-

tica, ma c' e la forma. Ho qui un' altro libretto prezioso che porta la

irma di Sebastiano Tecchio. Nel libro c' e un proclama di Urban che pnnisce

anche 1' intenzione ; un'altro proclama dice che il soldato e un'au-

torita. Ma questa autorita dere serbare una certa forma, se no anche agli

occhi dell'autorita questa autorita diventa un reato. Noi abbiamo prigiolieri,

gente al sicuro, che vengono di notte consegnati a mandatari, che

portano in certi luoghi, dove sono state scavate delle fosse, e quivi li

immazzano a colpi di bastone, perche non si faccia rumore. Ma c'e di

;)iu. Un abissino erculeo, di quella bella razza abissina,

certo ormai della

sua sorte, si ribello; ebbene, fu torturato. Un arabo accorso alle grida

soppresso anche lui. E la coscienza del paese

non avra diritto di ri-

ellarsi e il Parlamento di protestare e d' indicare al Governo la via del

dovere? lo mi rallegro di cio; che non abbiano, per commettere questi

reati, ricorso all'opera dei soldati italiani che si sarebbero ribellati. Uno

iegli imputati, il Baldissera, egli stesso si senti indignato quando

il Li-

vraghi si offerse per tali soppressioni. Voi mi direte: Ma furono tre ge-

lernli. Ebbene, su questi tre ricada la giustizia punitiva del paese ine-

sorabile, e sia esempio, sia sdegnosa prova del sentimento alto, sdegnato

dell' Italia e del suo esercito. lo sono sempre stato contrario all' Africa e


124 CRONACA

scmpre piu mi persuado di aver ragione. Napoleone quando preparava il

colpo di Stato, andava appunto in traccia di colonnelli e generali africani,

allevati in Algeria, alia crudelta. Ma di questo passo dove si andrebbe a

fmire? Un presidente del Consiglio d' accordo col ministro della guerra,

credendo a modo suo le istituzioni in

pericolo, non avrebbe che a far

soppdmere parte della Camera.

Fra quelli (e devono essere pochi assai) che in tutto questo affare

mandano buona la sentenza e da noverarsi I'Opinione. Essa nel n. 334,

rimproverando 1'Imbriani per essere stato Iroppo severo nel giudicar le

soppressioni africane, gli rivolge questo discorso, in cui gli dice,

in sen-

tenza cosi : Ma, o dolce Imbriani, e vi siete forse scordato che per far

1'Italia, abbiamo chiamati martiri tanti malfattori? Perche dunque vi scan-

dalizzate per gli omicidii d'africa? Citiamo le parole: Se il fine non

giustifica il mezzo, se i fatti sono per se moralmente ingiustificabili (come

vorrebbe I' Imbriani) perehe i radicali (e non radicali altresi) giustificano,

esaltano, glorificano 1'assassinio e il tentative d'assassinio politico? Perche

alcuni chiamano malfattori ed altri martiri?... Intanto se la morale e una,

perche gli apprezzamenti morali sono cosi varii?J

II che vuol dire in

buon volgare: mettiamo le uccisioni africane insiem cogli altri mezzi mo-

rali,

e tutti lesti. A clie adesso venir fuori con una morale differente?

4. II marchese Di Rudini dunque, costretto dall' Imbriani a dare il

responso ministeriale sulla grossa faccenda d' africa, si lavo le mani, dichiarandosi

innocente del sangue fatto spargere in Africa da' suoi gene-

rali. -- II Governo, egli disse in sostanza, nonfpoteva far da magistrate

in questo affare: esso ha istituito un processo co' loro giudici natural!,

persone probe ed imparziali da cui attese il giudizio ; ha mandato inoltre

una Commissione speciale che ha adempito il suo^obligo con ogni diligenza

ed oculatezza; comunico la relazione di essa all'avvocato generale fiscale,

il sig. Gloria, che rispose non potersi fare un processo contro il Baldissera;

ha fmalmente chiesto il parere di tre generali Me/zacapo, De Sonnaz e

Pianell. Da tutto cio mi vien trovato (continua, in sentenza, il Marchese)

che il Baldissera, il Livraghi e dite voi, sono innocenti ; quindi innocenti

sieno. Molto piu, soggiunse, che i' generali non operarono a conto proprio

(argomento non ammesso, com'e giusto, dall' Imbriani).

- - II Pelloux,

ministro della guerra, s'uni al Di Rudini e disse: I generali erano mossi

da grande amore per la patria; hanno agito in un modo piuttosto che in

un altro, ma sempre facendo quello che ritenevano il loro dovere, ed egli

non puo attribuire loro responsabilita alcuna . E cosi anche una volta

il norne di patria par che giustifichi tutto in questa nostra Italia ! Ma

storia e questa, ne si puo mutare da chi la narra.

la

5. II deputato Imbriani in queste ultime tornate del Parlamento ita-

liano ha svelato a fronte aperta innanzi ai Minislri e alia nazione riunita

cose tali, che vale il pregio consegnare alia storia ; perche si sappia chi

SOQO coloro che vennero a restaurar la morale in Roma. Nella tornata


CONTEMPORANEA.

125


126 CRONACA

nel suo discorso del giorno 6, per virum sapientem et industrium, spirift

Dei plenum e stato uno de' piu cospicui uomini del nostro secolo. Egli

vide i bisogni sociali del tempo nostro e associando con senno pratico,

concesso a pochi, il bene temporale e spirituale de' poveri e degli abban-

donati, riusci a fondare un'opera stupenda colVIstituto Salesiano. Quando

si fa un elenco delle sue istituzioni, che si nominano colonie agricole, ora-

torii di giovani, conservatorii femminili, scuole, laboratorii, case d'arti e me-

stieri, residenze di missionarii, Suore di Maria Ausiliatrice, Padri Salesiani...

e istituzioni diffuse oramai in tante parti di mondo, non si puo dire elogio

maggiore

di D. Bosco. Delle feste torinesi I'Unita Cattolica ha fatto bel-

lissime descrizioni che resteranno a perenne testimonianza di questo 50

anniversario delle opere salesiane.

7. Una grande disgrazia accadde il 12 nelle acque del golfo di Genova.

Verso le 7 d

/2 del mattino il piroscafo Calabria della Navigazione generale

italiana s'affondo per lo scoppio della caldaia ; e il mare travolse ne' suoi

gorghi 20 persone tra cui tre passeggieri.

Eccone la descrizione che ne

fa nel Caffaro di Genova il secondo ufficiale del Calabria, Andrea Poggi.

Eravamo uscili dal porto, cosi disse il capitano Poggi, verso le 6

mezzo, poco dopo che era partito il Giava, i cui fanali si distinguevanoancora

dinnanzi a noi. Appena fuori della diga (potevano essere le 7 e 5r

mkiuti), io mi trovavo sul ponte

di comando insieme col comandante

Quartino, diedi ordine di mettere la macchina a tutta forza;

cio che in

breve tempo ci fece passare innanzi al Giava. Visto che le cose procede-

vano regolarmente, scesi dal ponte e mi recai nella mia cabina per la-

varmi e cambiare d'abiti, mentre il comandante Quartino era rimasto in

coperta. Mi trovavo da pochi minuti nella cabina, quando fui sorpreso da

un urto tremendo e mi colpi 1'orecchio un rombo come di una scossa di

terremoto. A tutta prima non seppi spiegarmi tale fenomeno; credetti

che si trattasse di un investimento con un altro battello, e difatti mi

affacciai al finestrino della cabina per siacerarmi della mia supposizione.

M'accorsi che 1'acqua era quasi a livello del finestrino e che il bordo del

subito che si trat-

vapore andava sempre piu sommergendosi. Compresi

tava di una catastrofe; ma non potevo indovinare che fosse scoppiata una

caldaia.

Mezzo vestito com' ero, senza occuparmi d' altro, saltai in coperta e

vidi il comandante sul ponte in preda al massimo orgasmo. Mi aftrettai

a domandargli cos' era accaduto ; egli mi rispose : -- E scoppiata la cal-

daia e il piroscafo e rotto in mezzo. Gettiamo in mare le imbarcazioni,

gli chiesi. Non ne abbiamo il tempo ; il piroscafo colera a fondo in pochi

minuti. Non vi parlo del terrore che regnava a bordo fra i pochi che in

quel momento si trovavano in coperta ; e indescrivibile. Parte dell'equi-

paggio e alcuni passeggieri si trovavano nelle loro cuccette a riposare,

la qual cosa impedi loro di potersi salvare. Ad un tratto vidi il Calabria

piegarsi in mezzo come un tronco spezzato e le due estremita salire in


CONTEMPORANEA 127

allo tanto da fonnare al centre del piroscafo come un angolo che andava

man mano restringendosi. L' albero di trinchetto e quello. di mezzana si

erano avvicinati al punto da spezzarsi ed i travi del pennoni cadevano in

coperla ed in mare producendo un frastuono sinistro. Prevedendo una

sommcrsione istantanea, mi afferrai ad un salvagente, e dopo non lieve

fatica, facendo immani sforzi, mi riesci di scioglierlo dal posto ove era

legato; me lo applicai a bandoliera e mi ritirai verso la poppa del piro-

saii'o in attesa che questa si abbassasse al punto da potermi lanciare in

acqua senza st'racellarmi suH'ammasso di travi che vi galleggiavano. Quando

dalla sommersione del Calabria mi

spiccai il salto, la corrente prodotta

trascino al Ibndo, dove rimasi per parecchi secondi, trangugiando non poca

ucqua, e, per quanti sforzi facessi di braccia e di gambe, non mi riusciva

di salire alia superficie del mare, sicche ad un certo punto credetti che per

me fosse affare fmito. Finalmente salii e mi misi a nuotare in direzione

del life boat che scorsi galleggiare a poca distanza per quanto pieno d'ac-

qua. Mi afferrai al bordo dell' imbarcazione e mi riposai alquanto. Rivolsi

un'occhiata allMntorno. Del Calabria non si scorgeva piu nulla ; sullo spec-

chio d'acqua che aveva servito di tomba a tanti infelici non vidi che travi

galleggianti ai quali erano avviticchiati i pochi che avevano potuto imi-

tare il mio esempio.

8. E stato conchiuso tra le potenze della triplice alleanza un nuovo

trattato di commercio. Una corrispondenza di Vienna ad un giornale di

Monaco di Baviera, dice che 1' Italia e stata in quello trattata da Benia-

mino, e che il trattato torna quasi

tutto a suo favore. Dice inoltre che

la politica non fu estranea alle nuove tariffe doganali, affine di non far

di nuovo dipendente dalla Francia il giovine regno d' Italia. Pare che il

maggior numero de' favori fatti all' Italia sieno a carico della Germania,

la quale percio non si mostra guari contenta del suo Governo. Non ostante

questi favori, altri pensa che 1' Italia non si rimettera in sangue per

questo; poiche la sua industria agricola, specialmeote il vino, non e solita

prender la via dell' Austria e della Germania (in

cui la buona birra scusa

ogni nostro vino), sibbene quella di Francia, da cui siamo respinti. Legga,

chi volesse aver minute notizie su quest' aflare, YOpinione nel numero

del 13 dicembre : / nuovi trattati commerciali fra

gheria

e la Germania.

I' Italia,

I' Austria- Un-

9. II 2 dicembre si spegneva in Boma, nella grave eta di 82 anni, il

presidente del Gonsiglio di Stato, senators Carlo Cadorna. Una fiera polmonite

1'aveva colpito parecchi giorni prima. II fratello Raffaele Cadorna

(il noto generale che guido 1' esercito contro Roma e apri

la breccia di

Porta Pia) era atcorso subito da Torino con altri congiunti per assisterlo

negli ultimi momenti. La morte del Cadorna, come narra YOsservatore

Romano del 4, fu cristiana ed edificante. La vigilia della sua morte, ossia

il 1 dicembre, mando egli stesso pel sacerdote, il Rev. D. Biagio De An-


128 CRONACA CONTEMPORANEA

gelis, parroco di S. Lucia del Gonfalone,

a cui si confesso e da cui voile

la Comunione, raccomandandogli che gli fosse recata in forma pubblica,

volendo far noto a tutti che moriva da buon cristiano. Cosi di fatto fit

eseguito ; e dopo avere col parroco recitato il Confiteor, devotissimamente

si comunico. II giorno dopo poi, aggravandosi sempre piu il male, rice-

vette 1' Estrema Unzione, e dopo avere esclamato : Signore, perdona-

temi tutti i peccati, sia fatta la vostra volonta ; entro in agonia, e-.

poco appresso spiro. II Vescovo di Cuneo, Teodoro Valfre, presente in

Roma, a richiesta del Cadorna stesso, s' era recato a visitare 1' infermo

che resto oltremodo consolato ; e trattasi di quella consolazione che e ua

secrete crisliano.

Abbiam cosi delineata la figura principale del quadro, ma il qu;ulro

non e compiuto. La Tribuna, narrando la morte del Cadorna, dice che

con lui si e spenta una delle ultime personalita che cbbero tanta parle

nella storia del risorgimento italiano. Indi, descrivendo la sua vita, ag-

giunge : Comincio giovanissimo ad occuparsi di faccende pubbliche. Glf,

studii, che per volonta del padre, egli inizio nel collegio delle province

di Torino, retto dai Gesuiti,

anziche radicare nelF animo suo baldo le-

dottrine della Compagnia famosa, lo condussero a giudicarne severamente

1'indirizzo e il fine.... A combattere quell' indirizzo e quel fine, per rag-

giungere invece quello che piu si compiaceva all' iudole sua di patriola,

Ibndo giornali ecc. Cattolico di fede, Carlo Cadorna non ebbe ritegno mai

di condannare le esorbitanze del Vaticano a danno della patria. > Or qui

e da rifare il latino a chi non lo sa. E vero ; Carlo Cadorna devio dall

dottrine della Compagnia famosa, le quali sono in ispecie : ubbidire a Di

piu .che compiacere all' indole propria, fosse pur quella di patriota ;

spettare i diritti della Chiesa; non postergar la causa di questo Regno

Dio alle passioni politiche. II Cadorna devio da tali dottrine, sostenendo

dottrine contrarie (e noi ce ne siamo occupati in questo periodico) ; ma

dinanzi alia maesta della morte, prim a di presentarsi a Dio, Carlo Cadorna

ritorno quel che era al collegio delle province di Torino, diman-

dando a Dio, nelle mani del ministro di lui, perdono delle sue colpe,

La Tribuna (se pur comprende 1' immensa portata di questi atti

stiani :

ri

cri-^

confessarsi e comunicarsi) sa tutto questo ; poiche essa stessa-

scrive queste parole : Durante la malattia, oltre che dai parenti, il se-

natore Carlo Cadorna fu assistito da due suore dell' Ordine lerziario di

San Francesco ; ieri 1' altro voile che chiamassero anche il padre De Ao-

gelis, parroco di Santa Lucia del Gonfalone. Nella giornata di ieri si confesso

e si comunico e verso sera, sebbene si mantenesse sempre in sen-

timenti, le sue forze andarono semprc diminuendo, finche spiro placidumente

alle 7,40. >


DOPO TRENT' ANNI DI RIVOLUZIONE

I.

La rivoluzione in Italia si venne lentamente apparecchiando

e si condiisse innanzi colle lustre di un primato nella civilta

e nella ricchezza, che si fe' balenare alle fantasie dei popoli,

qual termine sicuro. Se non che, a mano a mano che 1'opera

si e di poi svolta e quando e apparsa compiuta,

si e dovuto

riconoscere che ad un primato si e giunto, e pur troppo si

possiede unico ; ma non nella civilta, ne nelPopulenza, bensi

nei delitti di sangue, nei debiti e nel peso dei tributi, i quali

ragguagliatamente non hanno pari

in veruno Stato dell' Eu-

ropa.

Un cattedratico liberale, il professore Oscar Scalvanti, che,

con intelletto di grande amore per la rivoluzione, ha studiato

nelle statistiche questo miserevole fatto, si sfoga con dire :

Noi non possiamo ricordare senza rammarico la profezia del

de Musset, che sembra svanire come un sogno di lusinghiera

speranza. Quando la patria nostra era ancor serva dello stra-

niero, Paolo de Musset, nel 1851, scriveva di lei e dei suoi

destini : Se F Italia fosse affrancata dal barbaro e sciolta

dal giogo temporale dei chierici, ella forse ripiglierebbe il

primo grado fra le nazioni Forse! Ma dunque trent'anni

di redenzione dallo straniero e venti di liberazione dal giogo

temporale dei Papi non sono bastati a far si che noi trionfassimo

della trista e scoraggiante parola ? No *.

Meraviglia e che un uomo di mente perspicace, qual egli

si mostra, dalle mosse e dagli andamenti della rivoluzione

1 Prof. OSCAR SCALVANTI, dell'universita di Perugia. Note sulla stalistica

economica e morale d' Italia, Perugia 1891.

Serie XV, vnl. I, fa.sc. 998. 9 4 gemtato 1892.


130 L' ITALIA

italiana abbia potuto concepire per certe le dubbiose speranze,

espresse dal romanziere francese. Ma piu meraviglioso ci sembra

che, dopo un esperimento di trenf anni, possa egli tut-

tavia sclamare : Panimo si sollevi alia fede nella virtu del-

1' ingegno italico, e la profezia di de Musset.... non fallira.

Egli richiede in vero una fede, che tocca i conflni della dab-

benaggine; rimanendo sempre

costante che nessuna virtu

d' ingegno puo fare, che da una radice mala vengano frutti

buoni, e da principii esiziali scendano salutifere conseguenze.

Ma checchfe sia di cio, un quadro a scorci delle condizioni

in cui T Italia si trova oggi, passati sei lustri da che vive tra

le spire della rivoluzione, non puo riuscire altro che utile, al

disinganno dei tanti, che nell'efficacia sua beatificante si son

confldati. Ne i colori mancano: che in grande copia

li forni-

scono diligenti scrittori, quali sono il precitato cattedratico,

che commenta una recente opera del Bodio,

dal Bodio stesso

deflnita Vltalia in cifre, il Pantaleoni, il Pareto ed altri, ma-

neggiatori oculati di statistiche ] .

II.

In questi ultimi trent'anni, la popolazione della Penisola e

cresciuta di circa 6 milioni; il che fa onore alia moralita

delle sue genti, educate gia a rispettare la santita delle nozze,

secondo i precetti del cattolicisrao. Due soli censimenti si sono

fatti, nel 1871 anel 1881; quello che si sarebbe dovuto fare nel

1891 si e differito ad altro tempo, per risparmio di spese. Ma,

cosi ad occhio e croce e computando pure le gravi perdite

che Pannuale emigrazione cagiona al paese, puo tenersi che

Fodierno numero degli abitanti stia forse piuttosto sopra che

sotto i 30 milioni. Se non che, col diffondersi del veleno della

rivoluzione, non e dubbio che P Italia verra pian piano a ca-

dere nel male della Francia, ove la popolazione, non che cre-

sca, ma decresce.

1

BODIO, degV indici misuralori delle condizioni morali d'llalia, Roma, lip.

Nazionale, 1891. VJLFHEDO PARETO, Vltalie economique, nella Revue des deux

Mondes, livrais. du 15 octobre 1891. Giornale degli economist del 1890-91.


DOPO TRENT' ANNI DI RIVOLUZIONE 131

Notabile e la mortalita del bambini e dei giovani sino agli

anni 18. Nel 1871, sopra 185 nati, 100 raggiungevano questa

eta: died anni appresso, nel 1881, la raggiungevano 100 so-

pra 178. Pud dirsi che per questo rispetto

tutte le maggiori regioni d'Europa.

1' Italia soverchia

II medesimo e a dirsi della

mortalita in genere, che e superiore a quella di Francia e

d' Inghilterra.

Si vantano progress! nell'igiene; e qualche miglioramento

si e avuto. Ma si avverta che nel 1885, ben 1881 Comuni,

con una popolazione di 9,521,841 abitanti, dichiararono di

avere acqua potabile cattiva o mediocre; e 1,495, con una

popolazione di 6,024,375, dichiararono di averla insufficiente

al bisogno : che 6 un dire, assai piu della meta degli abitanti

della Penisola scarseggiare di acqua sana, od averla malsana.

Or chi sappia quanto 1'acquaconferisca alia salubrita pubblica

e come parecchie malattie infettive si propaghino per essa,

aggiuntavi la miserabilita delle plebi che male si alimentano,

scopre subito la ragione di questa mortalita, che negli anni

1887-89 ha raggiunta la proporzione di 269 per ogni 10,000

abitanti.

E il peggio e, che il rimedio piu si va innanzi col tempo

e piii difficile si fa. Perocche i Comuni, che nel decorso di

questi trent'anni si sono estenuati ed aggravati di debiti per

ispese imposte dalle leggi dello Stato o dal capriccio e dal-

1'ingordigia dei gaudenti e degli affaristi, non hanno piu modo

di provvedere al necessario. II loro debito complessivo gia

passa i 1000 milioni, e sempre ingrossa: nel solo anno 1889

la deficienza nei bilanci e sommata ad 88 milioni. Si e avuto

denaro per erigere teatri, per aprire e decorare passeggiate

e giardini, per innalzare monumenti ad eroi di ogni risma,

ma non mai per curare con acque buone la pubblica salu-

brita. Firenze, a mo' d' esempio, ha potuto impiegare da 20

milioni pel suo viale dei Colli, ma non ha potuto impiegarne

quattro o cinque per fornire la citta di acque che la p.reservino

dal flagello del tifo e d' altri simili malanni che an-

cora nell'inverno scorso 1' hanno desolata.


132 L' ITALIA

III.

Se e vero che mem sana in corpore sano costituisce il

meglio della felicita dell'uomo in questa vita, giacche parliamo

di sanita pubblica, giovera che, avanti di accennare le pre-

senti condizioni morali dell'Italia, seguitiamo a ragionare delle

economiche, si strettamente congiunte col benessere corporale.

Questo benessere, frutto di una prosperita senz'esempio,

fu il

sogno roseo nel quale si tenne flsso colle speranze il popolo,

acciocche alia rivoluzione si affezionasse.

II professore Oscar Scalvanti chiede : Che cosa demmo

noi (liberal! promettitori del secol d'oro) all'operaio d'una fi-

landa nel 1889 ? E risponde: Pochi centesirai di piu di

quello che gli si dava trent'anni fa . E trascorso per la storia

di questi salarii, che sono il pane cotidiano di oltre una terza

parte della popolazione, soggiunge : La statistica ci dice, che

una famiglia composta di 5 persone, cioe i genitori e tre fan-

ciulli. poteva trovare alloggio nel 1855 (quando si viveva sotto

il giogo papale) con una spesa di 55 lire; mentre ora se ne

richieggono 120. Sottragghiamo ad un guadagno di 900 lire

annue lire 120 pel solo affltto, rimangono lire 180; le quali,

assottigliate dalle imposte, per quanto tenui, si ridurranno a

non piu di 750 lire all'anno, ossia a lire 62,50 al mese, colle

quali bisogna alimentare e vestire tutte le 5 persone, di cui

la famiglia si compone. E dunque possibile che codesto salario

sia sufflciente T ?

Ma il compute delle imposte e benigno di troppo. Vilfredo

Pareto, con molte particolarita di dimostrazioni, lo fa salire

a 28,9 per 100 delle spese, e lo mette a confronto di cio che

paga una famiglia di artigiani inglesi, che e di 4,8 per 100 2 .

Ne manca di avvisare, che queste imposizioni aggravano le

cose di prima necessita, com'e verbigrazia il sale,

1 Op. cit. pag. 32.

2 Journal des ticonomistes. Paris, septembre 1890.

il cui mo-


DOPO TRENT' ANNI DI RIVOLUZIONE 133

nopolio appartiene allo State, e costa in Italia quasi il triple

di quello che costa in Francia.

Corollarig di questa sproporzione, fra il prezzo dei viveri

-6 delle tasse, e il valore de' salarii, e la poca ed insalubre

nutrizione di una grandissima porzione di popolo, che quasi

piu non mangia pane di frumento, e si satolla invece di fa-

rina gialla, spesso non condita nfe pure di sale; d'onde poi si

genera la piaga della pellagra che tanto affligge

i contadi

dell'alta Italia.

Ma un altro corollario e la incapacita flsica dei nostri la-

voranti di gareggiare, nella operosita, con quelli di altri paesi ;

giacche 1'esperienza prova, che poco e male si affatica quel

popolo che male si pasce. Ed il Bodio afferma che lavorano

piu e meglio, in nove ore e mezzo, 8 operai di una fllanda

di cotone nelPInghilterra, di quello

dici ore.

che 12 dei nostri in do-

Massimo d'Azeglio, in un suo celebre libello del 1845, pote

stampare che allora, in Italia, s'ignorava affatto che fosse mo-

rire di fame. Ma la rivoluzione non tardo ad ammaestrarla

pure in questa scienza : la quale, fra gli altri, ha 1'argomento

suo piii apodittico nella calamitk deU'emigrazione. Da qualche

anno si posson contare flno a 250,000 gPItaliani che fuggono

da questo paradiso dell' Europa, che e la nostra Penisola, per

cercar pane altrove. Molti fuggono a tempo,

e tornano col

frutto dei lor sudori, venduti ai Francesi, ai Tedeschi, ai Greci,

.ai Bulgari, ai Tunisini. Ma i piu, quelli che formano la emi-

grazione detta permanente, valicano gli Oceani, con animo

di non mai piu rivedere la terra ove nacquero. N vi ha dubbio

che sono spronati ad un esodo si crudele dalla fame. Lo dicon

essi a piena bocca, e lo mostrano nella macilenza e nello squal-

lore in cui partono. Or questa emigrazione, che prima fu ignota,

gia nel 1876 era di 20,000 persone; tredici anni dopo, nel 1889,

di 113,000; nel 1890 di 105,000; e nel solo mese di ottobre

del 1891, gik piu di 8000 salparono da Genova pel Brasile; e

nel susseguente novembre ne partirono non meno di 21,436,

dei quali 19,210 veleggiarono per Rio Janeiro, a spese del


134 L' ITALIA

Governo brasiliano. E si badi che queste cifre sono minor!

del vero, come bene lo provano i document! comparati.

Le cose sono venute a un punto, che 1' Italia ora, dopo

v trent' anni di rivoluzione, ai tre primati degli omicidii, c[ei

debiti e delle irnposte, aggiunge ancor questo dell'emigrazione,

causata dalla fame. Perocche il Regno britannico, che la su-

pera in numero, manda i suoi emigrant!

in terre e colonie di

lingua e nazionalita sua propria ; e percio appena puo dirsi

che escano da' lor paesi : ovecche 1' Italia costringe i suoi, pez-

zenti e miserabili, a tentare la fortuna in contrade al tutto sco-

nosciute, e per niun vincolo legate alia lor patria.

IV.

DalP esser P Italia tutta immersa nel mare, tranne il suo

capo che, per la catena delle Alpi, la unisce alia Francia, alia

Svizzera ed alia Germania, la rivoluzione trasse argomento da

poetare che, sotto il florido suo regno, sarebbe divenuta P em-

porio del mondo, ed i suoi porti molteplici e spaziosi avrebbero

richiamato il commercio dei due emisferi.

Ma, succeduta la prosa alia poesia, si e veduto che il mare

e la terra son serviti in Italia, non a farvi entrare le ricchezze

altrui, ma a fame uscire le proprie, appunto come n' escono

affamati gli abitanti. Ne si e accresciuta P esportazione delle

sue merci naturali ed artefatte, ne se n' e via via diminuita

la importazione delle straniere. Le tabelle doganali lo mostrano

con evidenza incontrastabile. Esse sono P indice misuratore

della prosperita commerciale ed industriale del paese, ben al-

trimenti persuasive, che le panzane dei ciarlivendoli politicanti

Nel 1872 la importazione da fuori eccedeva gia di 20 mC

lionr la esportazione da dentro ; nel 1882 la differenza saliva

a 75 milioni; nel 1884 a 248; nel 1886 a 430; nel 1887 a

603 ; e poi P anemia della nazione esinanita ha fatto scendere

Puna e Paltra, cosi che nel 1890 la importazione scemava di

74 milioni, in quella che la esportazione scemava di 73 sopra

quella dell'anno precedente. Nei primi dieci mesi poi del 1891

la importazione era sminuita di 134 milioni e la esportazione


DOPO TRENT' ANNI DI RIVOLUZIONE 135

di 30 milioni, in confronto del periodo di tempo corrispon-

dente dell' anno 1890.

II Bodio mostra che, nel triennio 1886-89,

FItalia diminui

di 145 milioni il suo commercio internazionale ; e la diminu-

zione, come si e veduto, segue ; in quella che 1' Inghilterra,

la Francia e persino la Svizzera F hanno aumentato.

Efifetto di questa disproporzioue fra la compra e la vendita,

e Faltra perniciosissima emigrazione dei metalli preziosi, ossia

della moneta, onde 1' Italia sempre piu si smunge.

II Bodio as-

serisce che dei 644 milioni in oro, fatti venire per Fabolizione

del corso forzoso, il tesoro non ne serba piu che 9. Le riserve

degl'istituti di emissione dovrebbero averne ancora 200. Intanto

quest'oro, entrato da fuori, seguita sempre a rimpatriare. Ne-

gli undici mesi del 1891, gia pel

valore di 58 milioni e

789,600 ha ripassato la frontiera. La moneta dunque manca,

manca il credito per prenderla a debito, e mancano i trafflci

per acquistarla. Ed a questo si e ridotta la bella poesia, che

dell' Italia redenta dalla rivoluzione faceva una flera della ric-

chezza mondiale.

I maestri e dilettanti di statistica si sono applicati eziandio

allo studio dei patrimonii privati delle principal! uazioni, e degli

aumenti annui che, con qualche probabilita, vi si fanno. La-

sciamo stare la solidita dei metodi e la sicurezza delle cifre : ma

pigliando i computi quali ci sono dati, avremo che la Francia

accresce ogni anno di presso a 3000 milioni il suo patrimonio ;

F Inghilterra invece accresce annualmente il suo di 3,750; la

Prussia il suo di 2070. Ma F Italia, traendo i conti ancora con

larghezza estrema, non si arricchisce di piu che 650 milioni,

dei quali un 390 si sperdono in costruzioni di case, o di navi, ed

in altre forme di rinvestimento.

Dal che proviene una dolorosa impotenza di rivaleggiare

cogli altri paesi, non solamente in cio che spetta alle mani-

fatture dell' industria ; ma persino in cio che appartiene alia

coltura della terra, per la quale

F Italia fu celebrata come

magna parens frugum, e dalla quale gl'Italiani avrebbero

da ricavare il miglior tesoro delle loro ricchezze.


136 L' ITALIA

Non si hanno capital! da impiegare nelle Industrie delle

officine; non si hanno da impiegare nei miglioramenti agrariL

Qual meraviglia che la poverta domini regina dall'Alpi al

Capo Pellaro?

V.

S'incontrano lodatori dei progress! che F Italia ha fatti

nel coltivamento della terra. Ma lo Scalvanti, colla prova delle

cifre di vent'anni in mano, risponde: Se consideriamo la

produzione agricola dal 1870 al 90, in verita ben poco com-

prendiamo del progresso agricolo che taluno va magnificando.

Le Puglie e la Sicilia, con isforzi inauditi e caricandosi di de-

biti, hanno trasformata in vigne una quantita vastissima di

terreni, prima assegnati ai pascoli

ed ai frumenti. Ma nei

meglio, quando erano per cogliere il frutto di tante pene, il

commercio colla Francia si e rotto; e per esser pieni i vasi

del prodotto invenduto dell' anno precedente, nan dovuto la-

sciar marcire i grappoli nelle viti, e risparmiare cosi almeno

le spese della vendemmia. Basti dire che gli ettolitri 1,850,000

esportati in Francia nel 1886, e i 2,783,000 esportati nel

1887, 1'anno 1890 sono discesi flno alia miseria di 19,000; non

abbisognando piii essa di farsi tributaria dell' Italia, ne pure

pei vini da taglio, che le vengono ora in casa dall'Algeria r

dalla Tunisia, dal Portogallo e dalla Spagna.

Si levano a cielo i nuovi trattati di commercio, conclusi

tests coi due Imperi alleati d'Austria e di Germania, siccome

compensator! dei danni recati all' Italia dalle ostilita doganali

della Francia. Ma 6 vanto sciocco. OltrechS i prodotti agricoli

delPItalia, in genere,

dalle clausole dei nuovi trattati restano

pregiudicati, a vantaggio dei due Imperi, si ha quello del vino,

che d'ora in avanti non potra uscire quasi piii dal paese. La

Francia, dispettosa, come dicono, lo aggrava di un dazio di

lire 20 Pettolitro. La Germania invece ve ne mette sopra uno

di lire 25. Si reputava enorme il dazio richiesto dalla Fran-

cia; e si credera lieve quello concesso alFalleato tedesco, che-

supera di lire 5 Fettolitro,

il dazio esatto dalla Francia?


DOPO TRENT' ANNI DI RIVOLUZIONE 137

In una parola, chi bene esaraini i conti e faccia paragoni

ool tempo passato, deve dedurne che, come in tutto il resto,

cosi nell'agricoltura, 1' Italia e caduta molto in basso, ne per

ora ha fondamento da sperare punto di rilevarsi.

Eppure dove a questa fossero rivolte le cure degl' Italiani,

vigessero buone leggi, 1'agiatezza presto fiorirebbe in tutta

la Penisola. Stando al Bodio, sottratta interamente la parte

del suolo che non e capace di coltivazione, di suolo capacissimo

d'essere coltivato e giace incolto, 1' Italia non ha meno


138 L' ITALIA

Carlo Bonis ha valutato un 609 milioni la perdita di non piu

che 23 societa in quattro anni. E poi chi non sa quanto, in

questo medesimo periodo di tempo,

i valori italiani sieno ca-

lati in tutte le Borse? Le azioni del Credito mobiliare da 1,012

lire sono discese a lire 362: quelle della Banca generale da

680 lire, a lire 280; quelle della Tiberina, da 600 lire, a lire 35;

quelle delPEsquilino, da 294 lire a lire 2, e non si accettano

piu ne pure

in dono.

II Bodio ha fatto il calcolo che, nel biennio 1887-89,

la ric-

chezza privata d' Italia, gia valutata in 52,000 milioni, e di-

scesa a 47,000. Si tratta dunque di cinque miliardi perduti in

due anni, quanti ne pago

dopo la sfortunata guerra

la Francia d' indennitk alia Prussia

del 1870.

Ne miglior sorte hanno i capitali impiegati nelle ferrovie.

La relazione e il bilancio per 1'esercizio 1890-91 della rete

mediterranea mostra che, fra questo e 1'esercizio dell' anno

precedente, si e avuta una diminuzione, nei cespiti d'entrata,

per lire 4,258,800; ed il prodotto del cosi detto giorno-chilo-

metrico, che nel 1888 era di lire 82, e calato flno a lire 46.

Quindi i fallimenti continui che gittano nel lastrico migiiaia

di famiglie. Essi, nel 1886, sono stati 1,310, collo scapito di

29 milioni; nel 1888, sono stati 2,200, col danno di 85 mi-

lioni; nel 1889, sono stati 2,015, con quello di 69.

Ed ecco come in questa sventurata Italia, dopo trent'anni

di una rivoluzione che doveva inondarla di latte e miele, chi

ha qualche soldo e vuole fruttuosamente assicurarlo a s6 od

ai flgliuoli, non sa piii a qual partito apprendersi; mentre da

ogni

lato vede che

Incidit in Scyllam, qui vult vitare Charybdim.

Tuttavia sara sempre vero, che la terra vale piu della carta,

e che meglio e un fringuello

in mano di dieci tordi in frasca.

VI.

Chi indaghi la ragione potissima

economico dell'Italia, non pena

di un tanto scadimento

a trovarla nell'eccesso dei tri-

buti che le sono estorti, e soverchiano la capacita sua di pa-


DOPO TRENT ANNI DI RIVOLUZIONE

garli. Stefano Jacini chiamo spogliazione Faggravio di questi

tributi, che sono poi per ordinario deflaiti un dissanguamento

perenne e micidiale della nazione. La media delle imposte era-

riali in Italia e di lire 44 per abitante, di 28 in Germania,

di 31 in Austria. II Pareto avvisa giustamente, che la ricchezza

della Francia superando di tre quarti quella dell'Italia, i tri-

buti dovrebbero anco essere di tre quarti inferior! a quelli

della Francia. Eppure non e cosi, e PItalia in cio sta sopra

1'opulentissima sua rivale.

In somma, 1'oppressione fiscale cui ella soggiace, sotto nome

di liberta, non ha simile nell'Europa ed e forse senza esempio

nelle storie. II fiscalismo, con quanto si puo immaginare di

piu gretto, di piu assurdo e di piii odioso nelle forme, allac-

cia I'ltaliano e lo serra e lo inceppa, dalla culla alia tomba:

appena e che egli respiri o muova un passo, senza pagare

un' imposta. La parola cittadino, ha scritto nella sua let-

tera al re Umberto di Savoia Guido Nobili,

si e convertita

in quella di contribuente, e la vita quotidiana di ogni onesto

cittadino trovasi ripartita nelle tre funzioni denunziare, pagare,

ricorrere l . II flsco stesso tende insidie affinche si cada

in fallo, e cosi al tribute si aggiunga la pena

della multa. La

imposta medesima e ripagata piu volte con titoli diversi; e

niuno, dal mendico al ricco epulone, sfugge alle zanne del

Cerbero dalle tre gole, che e lo Stato, il Comune, la Provin-

cia. Puo aflermarsi che in nessun paese il socialismo dei pubblici

Poteri e cosi largamente praticato, come in Italia. Pa-

drone assoluto, universale, inesorabile di tutto e di tutti e lo

Stato; i cittadini, poveri o doviziosi, i possidenti, i commercianti,

gli artigiani ne sono gli affittuarii, i i depositarii, mi-

nistri, la gente di pena. si abbiano o non si abbiano i red-

diti dei raccolti, lo Stato esige spietatamente le tasse che

sorpassano non di raclo la meta di questi redditi: e se, dentro

il termine perentorio, non sono riscosse, lo Stato espropria i

beni e li mette in vendita all'asta pubblica. La liberta che

1'Italia, fra gli amplessi materni della rivoluzione, si gode,

1 De profundis clamavi ad te Domine. Lettera a S. M. il Re dell'Avv.

GUIDO NOBIU. Firenze, Civelli 1891.


140 L* ITALIA

non ha pieta, non ha carita, non ha viscere umane : rassomi-

glia proprio al bacio fraterno del masnadiero, che v' intima:

la borsa, o la vita! E dicano i lettori nostri, anco piu be-

nigni verso questa menzogna di liberta, se noi punto esageriamo

la condizione delle cose.

Ne chiamiamo in testimonio il professor Scalvauti, tutt'al-

tro che avverso a questa bella liberta, redentrice delPItalia y

il quale ragionando dei prodigii (e dovrebbe dir pazzie) di

spese militari fatte dal Governo, soggiunge: Non puo davvero

ricordarsi all' Italia il memorando detto di Cicerone : Non

solum nobis divites esse volumus, sed liberis, propinquis, ami-

cis, maximeque reipublicae: dacchfe in trent'anni di vita i

fondi rustici e urbani, i redditi mobiliari, le industrie e i com-

merci hanno dato alia cosa pubblica un contribute superiore

alia stessa potenza economica dell'Italia. Piii tosto e da ripe-

tere con Salviano, che la nostra patria 6 tribulorum vinculis,

quasi praedonum manibus, strangulata.

VII.

Le spese effettive dello Stato italiano, avuto riguardo al-

resaurimento economico della nazione, mettono spavento. Priraa

della rivoluzione i sette Stati, nei quali la Penisola era divisa,

tutti insieme. non ispendevano piu di 502 milioni, ed il solo

Piemonte chiudeva i bilanci suoi con disavanzo. Nel 1885 que-

ste spese gia montavano a 1,410 milioni; ma nel 1889 sali-

rono a 1,735 milioni: ne bastando tali somme,

si ricorse a

debiti sopra debiti. E 1'aumento si & fatto massimamente per

accrescere le forze militari di terra e di mare, e costrurre a

furore strade ferrate. Nel solo biennio 1889-90 1'esercito e

Tarmata inghiottirono 986 milioni. Quanto alle strade ferrate

poi il Rudini, nel suo recente discorso tenuto in Milano, ha

fatto sapere che, dal 1878 a tutto il 1891-92, vi si sono impie-

gati 2,154 milioni, presi a credito e sborsando il 6 e il 7 /

senza ritrarne altro frutto, che 1'uno od il due.

Ma non ostante che per raggiungere le cifre d'entrate si

enormi, si sia cavato tanto sangue vivo dalle vene del paese,.

il medesimo Rudini non ha esitato a notiflcare che, dal 1878


DOPO TRENT' ANNI DI RIVOLUZIONE 141

al 1891-92, la somma dei disavanzi e ascesa a 2318 milioni.

E la conseguenza ultima e stata, che ora gl' interessi del

debito pubblico si sono levati a 600 milioni annui, che e piu

del terzo delle entrate ed il confine estremo che si assegna

ad uno Stato, oltre il quale s'apre

il baratro del fallimento.

Di questa mostruositk di debito, la sola Francia possiede

titoli consolidati pel valore di 2,600 milioni, il cui frutto il Go-

verno italiano e costretto di pagare in un oro, che, a grande

suo scapito, nella Francia stessa compra. II medesimo e a

dirsi, pel frutto dei 43 milioni di titoli, che serba la Germania

e degli altri non pochi sparsi nelle varie regioni d'Europa.

Frattanto la nazione rifinita non puo alimentare piii oltre

il bilancio dello Stato, cosi soverchiante le forze sue produttive:

d'onde nasce la difflcoltci di riscuotere le tasse, le quali git-

tano nell'erario sempre meno del previsto. E questo inaridi-

mento si allarghera, col progredire del lucro cessante dei prodotti

e dei commerci, e del danno emergente di aggravii che

viepiu estenuano le popolazioni.

Ora che le cose sono al disperato, e non si sa piu come tirare

innanzi, si grida risparmio ed economia. Ma e troppo

e poi in che cercare le economie ? II Rudini,

tardi :

col suo discorso

di Milano, ha data agl' Italiani la buona novella, che nel fu-

turo bilancio non s' inscriveranno altre spese militari, fuorche

di 353 milioni; 246 per la guerra e 107 per la marina, e que-

sto essere 1' ultimo limite, al quale si puo giungere nelle eco-

nomie per le armi. II bilancio, nella parte dell'entrata, fissera un

poco piu di 1,500 milioni; di questi, gici due terzi circa saranno

ingoiati, 600 per frutti del debito, e 360 per 1'esercito e Par-

mata; ne restera un 550 per

tutto il rimanente dei carichi e

servizii dello Stato. Potranno bastare? E cosa impossibile. Dun-

que come e dove trovare il risparmio delle economie? In al-

tri debiti simulati, che, come si e fatto finora, si rappresen-

teranno per redditi, gabbando il popolo ed il comune, persino

a che, non potendosi piu altro, sorga un ministro a dichia-

rare il fallimento.

Pel presente le economie si faranno troncando a mezzo i la-

rori pubblici, licenziando o tassando impiegati d'ogni genere e


142 L' ITALIA DOPO TRENT'ANNI DI RIVOLUZIONB

negando soccorsi agl'istituti di beneflcenza; cioe dire dilatando

ed aggravando la miseria. Le citta e le campagne riboccano di

plebe disoccupata che va in cerca di lavoro per campare la

vita: ed ecco in che si ripone la economia, nel fare che sten-

tino essi e le povere loro famiglie, e muoiano d' inedia. Per

mostrare al mondo che si ha un forte esercito ed un poderoso

naviglio di guerra, si gittino pure allegramente 360 mi-

lioni : per far vivere la popolazione, se ne ricusino 30, se ne

ricusino 20, se ne ricusino 10. E questo e il legale amor patrio,

con cui la rivoluzione ha felicitata 1' Italia ! Noi domandiamo :

trent'anni di devastazione barbarica dei Tartari e dei Beduini,

avrebber potuto ridurre il nostro bel paese a ruina economica

peggiore di questa?

La rivoluzione 1' ha liberata dal giogo papale, e le ha data

Roma per centre dell' unita sua politica, e vero : ma le ha

pure insieme attirate sopra tutte le materiali maledizioni, che

possano desolare un paese. La indigenza e la fame passeggiano

sovrane per le sue province e partono, come di casa

loro, da quella Roma, che doveasi tramutare in isplendida

metropoli di un Regno d'oro : a centinaia di migliaia fuggono

da' suoi lidi gli abitanti, cacciatine dall'inopia : non ha piii mo-

neta, non ha piii credito, non ha piu traffici, non ha piu agia-

tezza: affoga nei debiti e nelle usurer ha dato in ipoteca il

patrimonio suo, de' suoi figliuoli e dei nipoti dei flgliuoli loro:

e mostrata a dito, come la piu tapina delle nazioni.

E vi ha gente cosi dabbene che spera ancora da essa un

tale ristoramento, che porti P Italia ai sommi gradi della floridezza?

Bisognerebbe percio che la rivoluzione mutasse natura:

che non fosse piu la divoratrice del sangue dei popoli e la de-

predatrice dell'anima loro, che e per essenza ; ed in cambio di

mirare a distruggerne 1'incivilimento cristiano, intendesse a

migliorarlo. E possibile cio dalla parte de' giudei

soni, autori, promotori, governatori, goditori

interessatissimi della opera sua?

e de' mas-

e conservator!

Cio apparira piu palese dalle condizioni morali in cui la

rivoluzione si e affaticata a porre ritalia ; e di queste, in un

prossimo articolo, faremo qualche cenno.


IL PONTIFICATO DI S. GREGORIO

NELLA STORIA BELLA CIVILTA GRISTIANA

XL.

GIOVANNI DETTO IL DIGIUNATORE

E IL TITOLO DI PATRIARCA ECUMENICO

La pace della Chiesa a' tempi di S. Gregorio Magno non

fa mai cosi vivamente turbata, come quando

sorse il conflitto

tra Roma e Bisanzio a cagione del titolo di patriarca ecu-

menico, attribuitosi dal vescovo di Costantinopoli. Tale meinorando

dissidio, reso ancora piu grave per le controversie tra

il Pontificate e 1' Impero che duravano tuttavia, afflisse profondamente

1'animo del Papa e 1'indusse a pubblicare ener-

giche e ripetute proteste. L'antica Roma, con la sua autorita

e con la sua missione per tutto il tempo avvenire, e la nuova

Roma de' Greci col suo orgoglio natio e co' suoi vescovi ser-

vilmente legati al Governo, diedero in tale occasione manifesta

prova di qual tempera

fosse 1'intima loro natura.

Per parte del Pontificate Romano trattavasi di combattere

per la giustizia e per la legge, per la conservazione del conveniente

ordine tra' vescovi e per la loro indipendenza contro

le pretensioni di un patriarca, che protetto dal favore imperiale

pareva volesse levarsi sopra gli altri tutti. In altri termini

s' agitava in sostanza la questione, se in vece del Papato in

Roma, fra le incertezze della guerra e le minacce dei Longo-

bardi, dovesse sorgere col tempo un altro Papato

1 Vedi Quad. 979 (4 aprile 1891), pag. 16 e segg.

in Costanti-


144 IL PONTIFICATO DI S. GREGORIO MA.GNO

nopoli con podestk ecumenica sovra tutte le Chiese. Certo & che

quel conflitto fu a que' tempi il punto massimo delle rivalitk tra

Greci e Latini ed un forte passo su quella via che condusse

piu tardi 1'episcopato greco a fare scisma dalla Chiesa Romana.

Gregorio, quale avveduto rappresentatore

dell' antica ci-

vilta romana e de' diritti del Primato spirituale, resistendo

come fece alle pretese de' Greci, anzitutto merito grandemente

dell'uman genere, e in ispecie delPunitk ed indipendenza della

Chiesa. E di vero la storia intera dell'Oriente e la schiavitii

in cui cadde colci la Chiesa scismatica dimostro poscia, con

piena evidenza, che Tunita col Primato Romano non poteva

essere sciolta, senza che ne andasse sciupata per gl'intrighi

di corte 1' indipendenza e la liberty dell' episcopate orientale.

Con tal perdita rovino pure la dignita della Chiesa orientale

e Pefficacia sua in bene delle anime.

In secondo luogo le lettere di Gregorio dipinsero in quel-

1'occasione a colori vivacissimi, da un lato 1' imagine de' ve-

scovi servili alia corte, dall'altro quella del vero pastore del

popolo, adorno di sode e maschie virtu, quali sono Fobbedienza

e 1'amore delle anime e sovratutto la vera e schietta

umilta, contraria affatto alPipocrisia del coprire il proprio or-

goglio col velo esterno di un'apparente asprezza di vita.

Per ultimo Pesempio stesso di umilta, dato da Gregorio in

tale conflitto, dovea essere pe' Ponteflci Romani di non ordi-

naria efficacia. Perocche, come giunsero questi nel medio evo

al massimo della loro potenza nel mondo, cosi mirando a quel

loro grande predecessore, vero servo de' servi di Dio lo ve-

devano mettere in pratica letteralmente il precetto del divino

Redentore: Chi tra voi e massimo, si faccia quasi minima,

e quegli che sta sopra gli altri sia come servo (Luc. XXII, 25).

Ma veniamo al racconto de' fatti.

Giovanni Nesteute, ossia Digiunatore, patriarca di Costan-

tinopoli fln dal 582, com'e noto non fu veramente il primo ad

avere in quella citta il nome di patriarca ecumenico, ma fa

il primo ad arrogarselo

da s6 medesimo e cio in una circo-

stanza solennissima, vale a dire in uu sinodo generale della


Chiesa greca,

NELLA STORIA BELLA CIVILTA CRISTIANA 145

celebratosi nel 588 sotto il Pontificate di Pe-

lagio II. Per quanto sappiamo, nessuno de' vescovi present! al

sinodo oso protestare in norae de' loro lesi diritti, giacche troppo

manifesto era il favore della corte imperiale pel suo patriarca 1 .

Ma si levo per tutti il Vescovo di Roma, Pelagio II, il quale

con apostolico coraggio respinse quella pretensione, dichiaran-

dola illegittima, invalida, e pero non avvenuta, ed ordinando

al legato pontificio di Costantinopoli di negare

al vescovo di-

sobbediente la partecipazione alia solennita della liturgia 2 .

Gregorio non fe' che seguire la via tracciata dal suo pre-

decessore.

Mentr'egli era apocrisiario a Costantinopoli era stato personale

amico di Giovanni, stimandone le virtu, in ispecie la sua

modestia e la severita della sua vita. Ma quando Gregorio

vide tornare infruttuose le sue amorevoli preghiere perche

lasciasse il titolo d'ecumenico, si persuase di leggieri, che in

quell'uomo, anziche vera virtu, dovea albergare 1'orgoglio

caparbieta; massimamente che per

e la

le sue continue relazioni

con la corte era egli piii esposto d'ogni altro a lasciarsi vin-

cere dallo spirito mondano, pur mantenendo le esteriori ap-

parenze di una vita severa. S'affliggeva poi in modo partico-

lare, sapendo che Giovanni con 1'autorita dell' imperatore si

faceva forte nella sua disobbedienza. Di fatto .Maurizio per or-

goglio politico volea mantenere ad ogni patto il grande titolo

1 L' uso di questo titolo per la persona del patriarca di Costantinopoli

s' incontra con certezza la prima volta in un editto di Giustiniano I al patriarca

Epifanio : oixoo|isvixq> TOXTptctpx'fl- ^- lustiniani lib. i. lit. i De SS.

Trinitate 7 . fi ben vero che si cita un altro esempio piii antico di questo

medesimo titolo, come usato dal patriarca Giovanni H fm. 520); ma la cosa

-e incerta, non essendo suflicentemente autentico il passo che la riferisce.

Anche altri patriarch! n'erano stati per caso insigniti ; il primo esempio, (merita

d'essere notato), e quello dell'arrogante patriarca Dioscoro d'Alessandria

nel cosi detto latrocinium ephesinum del 449, essendo egli stato chiamato epi-

scopus universalis dal Vescovo Olimpio di Evaze nel suo Votum presso

il MA.\SI

5, 855. Lo stesso titolo fu dato pure al Papa prima della controversia con

iovanni; MANSI 6, 1005, 1012, 1021, 1029.

2 Registrum 5 n. 41 (vedi 1" ultima nota del precedente paragrafo) ; 9

i. 156 (9 n. 68).

8rie XV, vnl. I, fuse. 99S. 10 4 gennaio 1892.


146 IL PONTIFICATO DI S. GREGORIO MAGNO

ed onorifico del suo patriarca, e tutti in Bisanzio gli tenevan

bordone per non incorrere la taccia di debolezza contro le pro-

teste dell'antica Roma. Si ando poi tanto innanzi che la corte

guadagno per se, sebbene per un certo tempo soltanto, anche

gli altri patriarch! d'Oriente.

Giovanni Digiunatore pareva nato fatto per suscitar davvero

uno scisma in danno della Chiesa. Oltre la protezione im-

periale, che aveva larghissima, era tenuto universalmente in

conto di santo per le sue esteriori virtu e per le sue asti-

nenze ; circondavanlo gran numero adulatori con in bocca

continue derisioni circa le proteste del Papa ; per se medesimo

era egli uomo debole e facile a lasciarsi aggirare e per so-

prassello era appassionato nemico degli eretici : qualitS. particolare

che non di rado incontra ne' fondatori di scismi e che

in loro altro non e in sostanza che fanatismo. Di fatto s'era mo-

strato gi& piii volte arbitrario ne' provvedimenti, sempre che

sospettasse in qualcuno eresia, e soleva punire con eccessiva

crudeltci gli eretici *. Or questa particolare circostanza non

isfuggi all' occhio vigile di Gregorio, anzi tolse egli appunto

da un simigliante processo 1' occasione esterna d 'opporsi e-

nergicamente contro il titolo di ecumenico. Cio fu nell' anno

595. Dopo lungo insistere, Gregorio ottenne, per ultimo, che

fossero spediti per 1' esame in Roma gli atti contro un certo

prete Giovanni di Calcedonia, ch' erasi rivolto per protezione

al Papa, siccome ingiustamente perseguitato dal patriarca. Si

osservo allora in quegli scritti che il patriarca quasi ad ogni

linea si dava il titolo di ecumenico. Nello stesso tempo, e

quest' era piu grave ancora, giunse un rescritto dell' impera-

tore, nel quale s' ingiungeva al Pontefice di mantenersi in

pace col patriarca ecumenico, offeso per 1' avvenuta appella-

zione.

1 Vedi piii innanzi quanto diciamo intorno Giovanni di Calcedonia e

Atanasio di Tamnacum ;

yedi inoltre THEOPHYLACTUS SIMOCATTA Cron. univ.

I c. 11 intorno 1' orribile castigo dato ad uno stregone e ad un suo fi-

gliuolo.


NELLA STORIA BELLA CIVILTA CRISTIANA 147

XLI.

VIGOROSE PROTESTE DI GREGORIO

CONTRO IL TITOLO DI ECUMENICO.

Gregorio intese subito che trattavasi di una sflda, e forte

della verita e non temendo il sovrano,

in nome della Chie-

sa accetto la guerra contro quella pericolosa prepotenza l .

Nel giugno 595 scrisse al patriarca, all' imperatore, all' impe-

ratrice, all' apocrisiario Sabiniano : ed erano lettere piene di

forza e carita, di grandezza d' animo e umilta di cuore,

nelle quali annovera tutte le ragioni che possono essere sug-

gerite

dall' autorita e dall 1

amicizia contro quel titolo indebito.

Non si saprebbe davvero quale abbia sull'altre la preminenza ;

tanto sono composte tutte t con arte flnissima e piena cono-

scenza del cuore umano 2 .

La dignita apostolica e 1' autoritk di Gregorio

si manife-

stano particolarmente nelle parole da lui dirette all' impera-

tore. II Papa dovea fargli intendere di bel nuovo, che per

quanto foss' egli avvezzo a' comandi, stava sopra di lui una

podesta spirituale, fondata da Dio, e che per conseguenza il

1 In occasions del fatto di Giovanni di Calcedonia San Gregorio scrisse

al patriarca le seguenti minacce : Omni altercations postposita de eorum causa

slaluta maiorum et canonum terminos custodi... Nos quidem rixam inferre no-

lumus, sed tamcn venientem a vobis non dwitamus. E poco prima : Si canones

non custodies et maiorum vullis statuta convellere, non cognosco qui eslis. Re-

gistrum 3 n. 52 (3 n. 53) del luglio 593, IAFFE-EWAJLD n. 1257. Intorno lo

scritto dell' imperatore vedi Registrum 5 n. 45 (5 n. 19) e 5 n. 39 (5 n. 21).

2 Le celebri lettere sono 5 n. 44 (5 n. 18) al patriarca Giovanni ; 5 n.

37 (5 n. 20) all' imperatore Maurizio ; 5 n. 39 (5 n. 21) all' imperatrice Co-

stantina ; per ultimo 5 n. 45 (5 n. 19) al diacono Sabiniano in Costantinopoli,

che fu piu tardi Papa; IAFFK-EWALD n. 1357, 1360, 1352, 1358. Lo stile di

queste lettere e bene definite dal Card. ORSI, Sloria eccles. 44 c. 57 (Roma

1849) t. 20 p. 196: Le leltere sono scritte con vigore veramente apostolico

e con tutta la dignita conveniente a un gran papa e con quella inimitabile

eloquenza, che non puo nascere dall'affettazione dell' arte, ma che inspiravano

a San Gregorio quelle lodevoli, se cosi dir si possono, passioni di ca-

rita e di zelo, onde era animate contro le superbe novita.


148 IL PONTIFICATO DI S. GREGORIO MAGNO

suo decreto imperiale rispetto a tal podesta era fuori di posto.

II precetto del sovrani piissimi non deve colpire me, cosi

Gregorio, ma colui che con disprezzo nega obbedienza alle

prescrizioni canoniche, che reca ingiuria alia Santa Chiesa

universale, che e gonflo in cuore per la superbia, che brama

farsi innanzi con titoll singolari, che s' innalza sopra la stessa

dignita del vostro imperio a cagione d' un private vocabolo.

Ecco, ne siamo tutti scandalizzati. L' autore dunque dello

scandalo ritorni sulla retta via e cesserk ogni

cerdoti.

dissenso tra' sa-

Per muovere piu efflcacemente 1' imperatore, gli ricorda

le parole del Vangelo, con le quali fu istituito il Primato

cio non ostante-

sopra tutta la Chiesa nella persona di Pietro ;

Pietro non si die' mai il nome di patriarca ecumenico 1 . De-

scrive quindi le calamita del mondo che oramai volge

a ro-

vina, perche almeno in riguardo de' tempi sia posto freno

alia superbia di Giovanni ; e con parole commoventi, ma in-

sieme piene di biasimo contro gl' imitatori e sostenitori del

patriarca, lamenta la decadenza dello stato sacerdotale, la

quale provoca veramente 1' ira vendicatrice di Dio sopra

I' Im-

pero, come si fa manifesto dai fatti. Quel che predichiamo

con la bocca, distruggiamo con 1' esempio ; ci consumiamo le

carni co' digiuni ed intanto si gonfia la nostra mente per la

superbia; copriamo il corpo con ispregevoli

ciamo la porpora per P orgoglio del cuore ;

vestimenti e vin-

ci prostriamo

nella cenere e le cose piu eccelse non ci bastano ancora ;

1 Ecce claves regni coelestis accepit, potestas ei ligandi ac solvendi tribuiturr

euro, ei tolius Ecclesiae et principatus committitur, el tamen universalis aposto-

lus non vocatur, el vir sanctissimus consacerdos metis Joannes vocari universalis

episcopus conatur. Quel che Gregorio in questa lettera ed altrove ancora afferma

: pro beati Petri Apostolorum principis honore per venerandam Choicedonensem

synodum (nomen universalis) Romano Pontifici oblatum est, non

deve riferirsi a decreto sinodale ; tale decreto non si trova negli atti. Gre-

gorio non puo intender altro, se non che senza proteste per parte del Sinodo

quel titolo fu dato al Papa da alcuni Padri del Sinodo. Ed in vero il

titolo appare nelle iscrizioni della lettera d'accusa contro Dioscoro, diretta al

Papa da Teodoro e da' suoi compagni e letta nel Sinodo ; MANSI 6, 1005 e

segg.


NBLLA STORIA BELLA CIVILTA CRISTIANA 149

predichiamo 1' umiltk e precediamo tutti nella superbia

faccia di agnello nascondiamo denti di lupo l .

e sotto

Quanto alia lettera al patriarca, Gregorio medesimo la

in vero vi adopera tutte le arti

chiama: dolce ed umile . Ed

delP amore e della benevolenza in grado sommo. Non per questo

pero tralascia di toccare la piaga e flagellare 1'orgoglio che

riduce ogni virtu a pure appareuze. Parlo con le lagrime

agli occhi, cosi egli, e col cuore straziato dal dolore ascrivo

tutto a' miei peccati : il fratello mio Giovanni non s' e ancora

rimesso sulla via dell' umilta, raentre fu costituito vescovo per-

che le anime degli altri riducesse all' umilta: insegna agli al-

tri la verita e non vuole insegnarla a se stesso, neppure in

riguardo delle mie preghiere... Per brama di un nome per-

verso s' e levato in tanta superbia che si sforza di eguagliare

colui, che per voler essere superbamente simile a Dio, per-

dette la vera grazia della somiglianza divina; perdette cioe

la vera beatitudine, perche cerco la falsa gloria... Le pestilenze

e le guerre infuriano nel mondo, le genti si levano con-

tro le genti, si scuote la terra co' tremuoti, s'aprono gli abissi

e ne vanno inghiottiti gli uomini. Quanto fu predetto si av-

vera. II re della superbia, 1'Anticristo e vicino; e, quel che

dico e vergogna, s' apparecchiano per lui eserciti di sacerdoti,

poiche combattono per la propria esaltazione e superbia... Se

non si toglie 1'amara radice, per cui molti avvelenano, piom-

beranno contro si fatta superbia i castighi del cielo 2 . E

con-

1 II ritratto di Giovanni Digiunatore, fatto qui da Gregorio, deve compiersi

co' passi della lettera scritta al medesimo Giovanni 3 n. 52 (3 n. 53) : Os quod

mentitur occidit animam (Sap. 1, H). Requiro, frater sanctissime, ilia tanta

abstinenlia ad hoc pervenil, ut fralri suo ea quae novit gesta, negando velit

abscondere? Numquid non melius fuerat in illud os carries ad vescendum in-

gredi, quam de eo falsum sermonem ad illudendum proximum exire, praecipue

cum veritas dicat: Non quod intrat in os coinquinat hominem, sed quae exeunt

de corde ilia sunt, quae coinqtiinant hominem (Matth. 15, H)? Cosi il Santo,

il quale era pure uomo penitentissimo. Ma egli, secondo lo spirito

della

Chiesa e della vita monastica, concepiva le opere buone, non come cosa di

semplice apparenza esterna, ma come mezzo di perfezione cristiana ed insieme

frutto esterno dell'interna virtii.

2 Ille vir sanctissimus domnus foannes tantae abstinentiae atque humili-

tatis, familiarium seduclione linguarum ad lanlam superbiam erupit... Humi-


150 IL PONTIFICATO DI S. GREGORIO MAGNO

tinua il Pontefice sul medesimo stile pregando e supplicando

si metta fine allo scandalo

in ogni miglior maniera, perchfe

e si restituisca tra' fratelli la pace.

Non basta; Gregorio ricorre eziandio all' imperatrice Co-

stantina, supplicandola d'aiuto. Sebbene siano tanti i peccati

di Gregorio, cosi scrive tra 1'altre cose, che questi raerita di

soffrire tale calamita, nondimeno 1'Apostolo Pietro non ha cora-

messo peccato alcuno per meritare simigliante castigo... Or la

Chiesa Romana soffre per 1'afflizione di tutte le altre Chiese,

le quali gemono a cagione della superbia di un sol uomo, av-

vegnachk non abbiano coraggio

di levare la voce.

L'apocrisiario Sabiniano, in affare tanto spinoso e difficile

come questo, s'era mostrato ondeggiante ed incerto. Ma Grego-

rio gl'infonde coraggio: Noi batteremo la via retta, non altri

teraendo in questa causa se non Dio onnipotente. Non aver dun-

que timore alcuno. E piti innanzi : Quanto devi fare in que-

sta causa, fa tutto con piena autorita e senza riguardi. Poichfe

non ci possiarao difendere per niun modo dalle armi dei ne-

mici: poich6 per amore della cosa pubblica abbiamo perduto

Targento, Foro, gli schiavi, le vesti: sarebbe ignorainia per

cagion loro (cio6 dei bisantini) perdere anco la fede. Impe-

rocch6 1'accettare quel titolo sacrilege, altro non e che perdere

la fede l .

XLII.

VERO SIGNIFICATO DELLA LOTTA TRA GREGORIO E GIOVANNI.

Da queste ultime parole si scorge quale somma importanza

avesse per Gregorio la lotta contro il titolo di ecume-

nico. Non e che un titolo, dic'egli in altro luogo con zelo

apostolico; ma anche PAnticristo per puro titolo si chiama

liemur i.\ ME.NTE si ad solidam conamur venire celsiludinem. Cio conferma il

detto nella nota precedente. Di questa lettera cosi dice Gregorio all'impe-

ratore : consacerdoti meo el dulciter scripsi et humiliter (5 n. 37).

1 In isto scelesto vocabulo (universalis) consenlire, nihil est aliud quam

fidem perdere.


NELLA STORIA BELLA CIVILTA CRISTIANA 151

Dio ; e nondimeno oh quanto e grave di colpa

nella sua bocca

questa parola! l E per raccogliere qui alcune altre espres-

sioni del Santo Pontefice intorno questo stesso argomento, egli

afferma che quel titolo distrugge la pace

della Chiesa uni-

versa e contradice alia grazia versata in comune sopra

tutti i vescovi , essendo che Pesaltazione di un solo fa torto

a tutti gli altri. Chi si chiama vescovo universale, per questo

solo nome assoggetta

a se stesso tutti i membri della Chiesa

Quest' e la ragione, secondo che Gregorio assicura, perche

nessun de' Pontefici s'attribui mai cotale vocabolo; non yo-

lendo essi neppure avere 1'apparenza di togliere

2 .

ai vescovi fra-

telli il debito onore, con Pascriverlo unicamente a se stessi *.

Adunque nel concetto di S. Gregorio quel titolo non e solamente

profano, orgoglioso e superbo, ma e un'invenzione

erronea e blasfema e una tentazione di diaboliche usurpa-

zioni 4 . E

siccome la natura e il diritto dell' episcopate ne

vanno lesi, alraeno in teoria, cosi egli ritiene quel titolo per

contrario alia fede. Inoltre la fede correrebbe eziandio non

lieve pericolo a cagione

denominano; perocche gia prima

della debolezza di coloro che cosi si

altri vescovi di Costantino-

poli, come un Nestorio ed un Macedonio, hanno macchiato la

Chiesa con le loro perverse dottrine ; possono dunque i nuovi

facilmente seguirli nelPeresia. Che se quei vescovi vogliono

quinc' innanzi chiamarsi vescovi universali, in tal caso con la

fede loro farebbe naufragio la fede della Chiesa intera 4 .

1

Registrum 7 n. 30 (7

EWALD n. 1476.

n. 33) del giugno 597 all' imperatore ; IAFFE-

*

I tre primi period! della letters a Giovanni 5 n. 44. Cuncta eius

(ecclesiae) membra tibimet conaris universalts ib.

appellations supponere; Nam

si units, ut putat, universalis est, restat ut vos episcopi non sitis ; 9 n. 156

(9 n. 68), Eusebio Thessalonicensi etc. Nullus (huius apostolicae

sedis an-

tistitum) sibi hoc temerarium nomen arripuit, ne si sibi in pontificatus gradu

gloriam singularitatis arriperet, hanc omnibus fratribus denegasse videalur ; 5

n. 44 a Giovanni.

pationis

3 Nomen erroris ib. Nomen blasphemiac 5 n. 37. Tentatio diabolicae usur-

5 n. 41.

4 Gregorio risparmia questa frecciata scrivendo a Giovanni ; trovasi in-

vece nella lettera all'imperatore 5 n. 37 : Universa irgo Ecclesia a stalu suo


152 IL PONTIFICATO DI S. GREGORIO MAGNO

Vero e che Gregorio ascrive talvolta al patriarca, per ra-

gione del suo titolo, certe particolari pretese, che questi nel

fatto non aveva. Ne Giovanni, ne i suoi successor! pensarono

raai d'assorbire in se raedesimi, in virtu di quel nome, la di-

gnita delPepiscopato o di essere nel senso esposto

scovi al mondo. Continuavano sempre a riconoscere il Pri-

i soli ve-

mato, del Papa, mentre pure ripetevano quel titolo nelle lus-

sureggianti iscrizioni delle lor lettere; e per parte loro non

pensavano ancora a sottrarre la Chiesa di Costantinopoli dalla

suprema giurisdizione de' Pontefici Romani. Tutto questo sa-

peva benissimo Gregorio J

; ma cio non ostante non giudico

cosa inutile far loro conoscere, e con ragioni forti e vibrate,

tutte le conseguenze, che da quel titolo potevano dedursi. Si'

aggiunga, che col lasciarlo correre facilmente potevasi supporre

approvata quella podesta, che i patriarch! di Bisanzio gia si

arrogavano sugli altri patriarch! oriental}, ma che Roma non

riconobbe mai, neppure sotto il Pontificate di Gregorio 2 .

II titolo ecumenico fu tradotto d'ordinario in Occidente con

la parola unlversalis. Passi pure che a Bisanzio, dove per con-

corruit, quando is qui appellatur universalis, cadil. II Papa e episcopus uni-

versalis in senso diverse da quello quivi combattuto come diremo piii innanzi.

La Chiesa universa deve obbedire al ; Papa dunque, si conchiude con buon

diritto, il Papa non puo autoritativamente prescrivere 1'assenso di fede ad un

usato da Gre-

errore : dunque egli dev'essere infallibile. Quindi 1'argomento

gorio contro il patriarca di Costantinopoli, mutatis mutandis, puo

essere ado-

perato a prova dell'infallibita pontificia.

1 II riconoscimento del Primato romano per parte degli avversarii in

Costantinopoli e la sommessione (subiecta)

ai successor! di Pietro si afler-

inano costantemente (assidue) dall' imperatore e dai suoi patriarch! ; 9 n. 26

(9 n. 12) lAFFii-EwALD n. 1550. Gregorio ricorda inoltre che quel medesimo

processo in cui ricorre frequentemente il titolo di eoumenico, fu spedito in

Roma per essere esaminato da un tribunale superiore , 6 n. 24, IAFFE-EWALD

n. 1404; ad maiorem recurrerel... de ilia civitate ubi princeps est. Noteremo

pure che persino quando la prima volta fu dato quel

nuovo titolo dall' im-

peratore Giustiniano I al patriarca Epifanio di Costantinopoli, fu congiunto

con un solenne riconoscimento del Primato; giacche il Papa e disegnato nel

decreto quale capo di tutti i sacerdoti di Dio .

2 Si noti che il patriarca Giovanni si arrogo il diritto di giudicare il pa-

triarca di Antiochia appunto in quel sinodo di Costantinopoli del 588, nel

quale

sorse il titolo di ecumenico.


NELLA STORIA BELLA CIVILTA CRISTIANA 153

suetudine di corte soprabbondavano i titoli di onore, questo

di ecumenico dato al patriarca non avesse speciale impor-

tanza, ne eccitasse special! meraviglie ; molto piu che perfino

al preside imperiale dell'Accademia s' era il imposto vuoto

nome di Professore ecumenico . Ma in Occidente il pensiero,

per corrispondenza di termine, poteva

correre facilmente al-

1' appellazione di ecumenico, solita darsi al Concilio, in cui

la Chiesa universa e radunata. Era dunque cosa naturale ii

temere, non forse il patriarca ecumenico intendesse mettersi

alia testa di tutti. Ed in vero narra il Liber Pontificalis che

Costantinopoli s'era gia chiamata la prima di tutte le Chiese ,

cioe ecumenica ; e Rustico, scrittore romano e traduttore de-

gli atti del pseudosinodo di Efeso, quando

ricorda il titolo di

ecumenico, dato quivi a Dioscoro di Alessandria, esclama:

Ecco Tarcivescovo del mondo intero! J

Or chi legge con attenzione le proteste energiche

di Gre-

gorio contro il patriarca ecumenico ed il suo successore si

persuadera di leggieri, che suH'animo del Papa fa ben maggiore

impressione il difetto dell'umilta sacerdotale che gli era ca-

rissima, che non 1'argomento tratto dalle ragioni teologiche e

giuridiche. Noi riscontriamo, per dir cosi, P intero Gregorio

nelle sue parole solennemente energiche, messegli in bocca

dal graude abbominio che avea di ogni orgoglio. La purita

delPanima sua, awezza a vivere negli alti gradi della virtu,

non misura qui 1'espressione ; ma lascia libero sfogo al senti-

mento e ad una cotale amorevole ira paterna.

In conferma potrebbe addursi il fatto che Gregorio nelle

sue lettere non minaccia penitenze canoniche ne fa cenno di

voler proseguire la causa, posto che si continuasse nella di-

sobbedienza.

1 Intorno all' uso del nome ecumenico in Costantinopoli, vedi PICHLER,

Geschichte der kirchlichen Trennung 2, 647 e segg. e contro di lui HERGEN-

KOETHER, Photius i, 179 e segg. Abbiamo pure consultato, ma senza trovarvi

nulla per noi, 1'opera del veneziano ANT. VAIRA De praerogativa oecumenicae

nomenclationis 1704. Lib. Ponlif. BONIF. Hf (ed. DUCHES.NE) 1, 316: ecclesia

Constantinopolilana prima (sic)

se omnium ecclesiarum scribebat. RUSTICUS

presso il MANSI 6, 855: Nola, universi archiepiscopus mundi.


154 IL PONTIFICATO DI S. GREGORIO MAGNO

Nondimeno perch& le proteste pontificie fossero compiute,

si spediscono lettere eziandio agli altri patriarch! interdi-

cendo 1' uso del nuovo titolo. Furono inoltre ai medesimi

inviate copie delle lettere di Gregorio a Giovanni Digiunatore

e della condanna del Concilio fatta da Papa Pelagic

II nel 588.

Esse pero non furono ricapitate; assai probabilmente perche,

dovendo tener la via di Costantinopoli, furono soppresse dagli

impie'gati imperial! *.

XLIII.

FINE DELLA CONTROVERSY.

Quanto al Digiunatore medesimo, questi serbo, rispetto al

Papa, il piu profondo silenzio. Non si ha traccia, n di risposta,

n& di sommessione ; per altra parte gli restava ancora

ben poco di vita, essendo morto il 2 settembre dello stesso

anno 595. L'imperatore ne celebro la memoria come di un

Santo.

Nell'anno seguente Maurizio designo patriarca di Costan-

tinopoli 1'economo della chiesa di Santa Sofia di nome Ciriaco,

il quale ritenne il titolo condannato. Nella sua lettera a Gre-

gorio adopera con profusione titoli di onore e di rispetto secondo

lo stile bisantino; ma il Santo Pontefice non tralascio per

questo d'ammonirlo, affinchfe 1'amor suo verso il Pontefice e

verso i vescovi suoi fratelli dimostrasse piii tosto col trala-

sciare la scandalosa parola della superbia . lo, dall'intimo

dell'animo mio, invoco a testimonio Gesu, che non voglio dare

occasione di scandalo a nessun uomo del mondo, sia grande

o piccolo. PurchS 1'onor dell'uomo non tolga Fonore di Dio on-

nipotente, bramo che tutti siano grandi ed onorati. Ma non

1

Registrum 5 n. 41 del 1 giugno 595 ai patriarch! Eulogio ed Anastasio :

Omnes episcopos curae vestrae subieclos ab huius elationis inquinatione prohibete.

Sembra che dalla lettera 6 n. 58 (6 n. 60) ad Eulogio si possa con-

chiudere, che a questi nel luglio 596 fossero ancora sconosciuti gli scritti intorno

tale questione.


NELLA STORIA BELLA CIVILTA CRISTIANA 155

si tosto altri vuol per se 1'onore contro quello di Dio, ed egli

cessa d'esser per me uomo degno

di onore. La condizione

della pace tra Roma e Costantinopoli e che cola non si bat-

tano le vie delFAnticristo, ma si tralasci il titolo presuntuoso.

Cosi parlava Gregorio rimanendo nel suo proposito, quantun-

que Timperatore di nuovo si mescolasse nella questione e cre-

desse di dover raccomandare al Vescovo delPantica Roma Fin-

dulgenza, 1'amore e Fumilta. Ma il Papa con dignita

e bre-

vita rivolge al patriarca di corte le raccomandazioni del suo

imperatore, e rinnova frattanto al diacono pontiflcio

di Co-

stantinopoli la proibizione di prender parte alia liturgia del-

1'Ecumenico l .

Buono appoggio trovo egli nei due patriarch! di Alessan-

dria e di Antiochia suoi amici. E ben vero che il vecchio Ana-

stasjo di Antiochia, per mitezza d'animo, s'era lasciato per un

momento trascinare alia parte deU'Ecumenico. Quando avvenne

il cambiamento del patriarca in Costantinopoli, per consiglio

dell'imperatore, egli scrisse a Roma supplicando Gregorio di

voler essere indulgente rispetto alia questione del titolo. Ma lo

sguardo acuto del Papa trovo tosto in quello scritto tutto cio

che apertamente veniva dall'imperatore. Anastasio accetto vo-

lentieri la piccola umiliazione di' vedersi scoperto dalPamico,

ed istruito da' suoi ragionamenti si mantenne quindi innanzi

nel piu perfetto accordo con lui 2 .

Eulogio di Alessandria invece fu sempre

di un medesimo

sentimento col Papa; anzi per mostrare aperto com' egli si

opponesse alle idee dell'imperatore,

diede il titolo di ecume-

nico allo stesso Gregorio. Senonche, invece di ritrarne grazia,

ebbe con sua meraviglia la seguente risposta.

Nell'iscrizione

1 Registrum 7 n. 28 (7 n. 3d) del giugno 597 a Ciriaco, IAFFE-EWALD

n. 1474; 7 n. 30 (7 n. 33) parimente del giugno 5"97 all' imperatore, IAFFE-

EWALD n. 1476.

2 II rimprovero e dato ad Anastasio con delicatezza finissima : Quod

ille (piissimus dominus filius vester) ex potestate, scio quia hoc vos ex amore

dicitis etc. Registrant, 7 n. 24 (7 n. 27) del giugno 597. Vedi 1' altra lettera

ad Anastasio nel settembre del medesimo anno 8 n. 2. IAFFE-EWALD n.

1470, 1489.


156 IL PONTIFICATO DI S. GREGORIO MAGNO

della lettera a me diretta, faceste aggiungere alia parola Papa

la dolcissiraa Santita

il superbo titolo di universale. Prego

Vostra, che cio non faccia piu; perch6 in tal modo togliete a

voi medesimi quel che oltre il dovere attribuite ad altri. lo

non cerco la grandezza nelle parole, ma ne' costumi; n stimo

che sia onore, cio che toglie onore a' miei frdtelli. L'onor mio

e 1'onor della Chiesa universale ; 1'onor mio 6 la robusta virtu

de' miei fratelli. Allora io sono veramente onorato, quando

se la San-

a' singoli non si nega il debito onore. Imperocchfe

tita Vostra mi dice Papa universale, per cio stesso nega di

essere quello, per cui io solo sono universale. Dio ne guardi.

Si lascino le parole che gonfiano a superbia e feriscono la

carita ] .

Gregorio, con tali proteste non intendeva per nulla di ne-

gare quella supremazia del Pontefice roinano che gli spettava

di diritto, ch'egli medesimo esercitava vigorosamente e in forza

della quale il Vescovo di Roma ando sempre insignito di potere

ordinario ed immediato sopra tutte le diocesi. Egli non

vuole il titolo di universalis papa ed universalts episcopus,a.nzi-

tutto per togliere gli equivoci che in quegli anni di conflitto

potevano sorgere; quindi per soffocare 1'orgoglio con un mi-

rabile esempio di umilta. Le'sue parole furono sempre ripe-

tute e date come savissime anche dai piu fervidi sostenitori

del Primato. Esse contengono 1'importante verita, che a lato

di un unico supremo ed universale pastore ,

in ogni tempo ha assoluto bisogno,

di cui la Chiesa

resta illibata ed intera

1'ordinaria immediata podesta de' vescovi nelle loro singole

diocesi, e che questa podesta pel riconoscimento del potere

universale viene maggiormente confermata, consolidata e di-

fesa

1

2 .

Regislrum 8 n. 29 (8 n. 30) del luglio 598, IAFFE-EWBLD n. 1518:

Si enim universalem me papam vestra sanctitas dicit, negat se hoc esse quod

me fatetur universum. Sed absit hoc. Recedant verba, quae vanitatem inflant et

charitatem vulnerant. 11 nome di Papa non era ancora a que' tempi riservato

pel

solo Vescovo di Roma.

2 Parole del Concilio Vaticano del 1870 nel decreto, in cui si esprime

1'antica dottrina intorno al Papa, quale supremus et universalis pastor ecclesiae


NELLA STORIA BELLA CIVIL TA CRISTIANA 157

Frattanto in Costantinopoli non si approdava a nulla. II

patriarca Ciriaco manteneva il medesimo silenzio del suo predecessore

Giovanni. Gregorio si determine allora di tacere

anch'egli pazientemente. La massima frangar non fteclar non

stava sul libro della sua politica, e quanto a se sperava di

poter

riuscire nell'intento con la consueta sua amorevole co-

stanza; certo e ad ogni modo che non intendeva spingere il

dissidio fino allo scandalo di una rottura nell' unita della

Chiesa *. Ma quando piii tardi nel 579 si raduno in Co'stan-

tinopoli un concilio per gli Orientali, perocche

si temeva che

FEcumenico quivi si rafforzasse nella sua pretensione, il Santo

Ponteflce con una sua lettera enciclica ai vescovi della provincia

di Tessalonica e probabilraente anche agli altri metro-

politi oriental}, proibi di riconoscere nel concilio quel titolo,

ovvero d'accettare o sottoscrivere que' documenti, ne' quali per

avventura esso apparisse. E di fatto in quel concilio nulla av-

venne contro i desiderii del Papa 2 .

Gregorio mori col dolore nelFanimo di non aver potuto

sanare tale ferita. Spesso avviene che uomini grandi non veg-

(Constit. dogm. I. De Ecclesia Christi, cap. 3). Gli avversarii del Concilio

non dissero cose nuove quaudo contro 1'accennato decreto opposero il fatto,

da loro male inteso, dell'avere S. Gregorio Magno respinto il titolo di Uni-

versalis. Giacche ben prima di loro era conosciuta tale difficolta dai teo-

logi e da questi sciolta con molta luce di dottrina. Si vegga p. e. SUAREZ

Defensio fidei cath. adversus anglic'anae sectae errores 3 c. 9 (Opp. ed. Paris,

1859, t. 24) p. 296 e segg.; Bellarminus De Rom Pontif. 2 c. 31. Leone IX

scriveva al patriarca Michele Cerulario (MANSi 9, 664): Quis . post Christum

convenientius posset insigniri hoc vocabulo, quam cui dicitur divina voce: Tu

es Petrus... ?

n

1

Elegi ut ea quae seculura sunt, per alios exirent. Cos'i 9 n. 175 (9

78) al patriarca Eulogio. Pero 13 n. 43 (13 n.

40) a Ciriaco di Costanti-

nopoli si Ifygge la nuova ed ultima minaccia che e del luglio 603 : ne a pads

nostrae societate divisi inveniri possitis. Appunto in quel tempo sotto Foca,

dopo essersi interrotte per lungo tempo le relazioni diplomatiche ed eccle-

siastiche con Bisanzio, ritorna cola 1'apocrisiario pontificio.

2

Registrum 9 n. 156 (9

n. 68) al vescovo Eusebio di Tessalonica, Urbico

di Dirrachio, Andrea di Nicopoli, Giovanni di Corinto, Giovanni di Prima

Giustiniana, Giovanni di Larissa e Scodra. Del maggio 599, IAFFE-EWALD

n. 1683. Cfr. 9 n 175 (9 n. 78) ad Eulogio di Alessandria e 13 n. 43 (13

n. 40) a Ciriaco di Costantinopoli.


158 IL PONTIPICATO DI S. GREGORIO MAGNO

gano il frutto delle loro fatiche e delle loro lotte, raentre

quello

cio non ostante si va formando a mano a mano e

giunge poi col tempo a compiuta maturita. Cosi ad esempio

Gregorio

VII non ebbe la consolazione di vedere il termine

glorioso delle sue lunghe lotte per le investiture; 1'ebbe in-

vece il suo successore Callisto II. Urbano II fu Piniziatore della

prima crociata; ma era riserbata a Pasquale II la consola-

zione di festeggiare 1'ingresso

delle armi cristiane in Gerusa-

lemme. Nel medesimo modo avvenne che solo Papa Bonifa-

zio III, secondo successore di Gregorio, ottenesse dall' impera-

tore Foca con pubblico decreto nel 607 la proibizione del

titolo presuntuoso di ecumenico. Quind' innanzi, per lungo

spazio almeno di tempo, il vescovo di Costantinopoli

fu desi

gnato col solo nome di patriarca, e quel che piu importa il

medesimo imperatore riconobbe in tale occasione pubblicamente

e solennemente il Primato del Ponteflce Romano quale capo

di tutto le Chiese 1 .

Tale fu 1'esito di questa celebre controversia.

Nella lingua propria delle lettere pontiflcie

fino ad oggi la memoria; ed e quel

se ne conserva

titolo Servus servorum

Dei, che Gregorio tolse fino dai primi giorni del suo ponti-

ff cato, quasi un'umile protesta contro 1'orgoglio bisantino. Si

legge di fatto in quelle poche lettere che conservano per

intero la loro iscrizione e che ci sono state tramandate fuori

del registro; per lo contrario quelle che furono registrate

nell'archivio lateranense hanno ricevuto per opera degli ama-

nuensi iscrizioni piu brevi, e cosi non vi si leggono piu le

parole Servus servorum Dei. Assai probabilmente Gregorio

*

1 Lib. pont. BONIF. Ill (ed. DUCHESNE t. I) p. 316: Hie (Bonifatius) opti-

nuit apud Focatem principem, ut sedis apOslolica bead Petri apostoli caput esset

omnium ecclesiarum, quia ecclesia Constantinopolitana prima se omnium eccle-

siarum scribebat. Tra le curiosita letterarie piu interessanti va posts anche

questa che i luterani, con a capo i Centuriatori, vollero scorgere nel decreto

di Foca il principio ed il fondamento del Primato Romano. Quel demonio in

came che era Foca, cosi essi, si mise a tale impresa e pero apparve neces-

sariamente in cielo quella cometa, nunzia di sventure, di che parlano le

storie.


NELLA STORIA BELLA CIVILTA CRISTIANA 159

s' indusse a chiamarsi cosi, quando ascese al soglio pontificio,

a cagione di quel che era avvenuto sotto il suo predecessore

nel Concilio bisantino del 588. Come poi egli si chiamasse

servus servorum Dei fin dal tempo che viveva nel suo mona-

stero e serviva a 1

suoi fratelli e come in origine il titolo di servus

Dei fosse proprio di monaci, fu gia accennato altrove l

.

1 Vedi .

IV di questo lavoro (Civ. Call. quad. 931 del 1 febbr. 4890 p. 317)

Tra le lettere di Gregorio conservate fuori del Regislrum e con iscrizione in-

tera notiamo p. e. le seguenti : la lettera di donazione pel monastero di

S. Andrea (casa di Gregorio) in Roma dell'anno 590, e per la Chiesa di San

Paolo fuori le mura del 25 gennaio 604, IAKFIS-EWALD n. 1082 e 1991. Que-

st' ultima donazione e ricordata in una lunga iscrizione in marmo, che prima

trovavasi nell'atrio de!la Basilica ed ora sta murata in uno del corridoi del

monastero. Essa comincia : Gregorius episcopus

servus servorum Dei Felici

subdiacono el reclori palrimonii Appiae ; nel Registrum invece la stessa lettera

comincia in questo modo : Gregorius Felici subdiacono el reclori palrimonii

Appiae. GIOVANW DIAC. 2 c. 1 dice : giustamente Max ut Summum pontiftcium

(Gregorius} sorlitus esl, superstitiosum UNIVERSALIS vocabulum... sub inlerminationis

senlenlia refulavil el primus omnium se in

principio epistolarum suarum

SEKVUM SERVOUUM DEI scribi satis humiliter definivil etc. II ch. EVVALD nei suoi

Studii inlorno I'edizione del Registrum di Gregorio I (Neues Archiv. Vol. 3)

p. 545 e segg. ha illustrato egregiamente la questione intorno le iscrizioni

delle lettere.


IL NON SERVIAM

IL IDO^IEI^IE O

Leone XIII qual maestro universale della Chiesa, e qual

duce supremo della milizia di Cristo, fin dai primordii deFsuo

pontificate, nella sua prima

Enciclica diretta a -tutt'i Vescovi

del mondo cattolico, additava i mali gravissimi che per ogni

la societa moderna. Tali sono 1' universale

parte affliggono

sovvertimento dei principii dai quali, come da fondamento, 6

sorretto Tordine sociale; la pervicacia degli ingegni intolle-

fomento alle

ranti di ogni legittima soggezione^ il perenne

discordie ; 1'insaziabile cupidigia dei beni caduchi e la non cu-

ranza degli eterni; la improvvida amministrazione e lo sper-

pero; come pure la impudenza di coloro che con perfido in-

ganno vogliono essere creduti difensori della patria, della

liberta e di ogni diritto; quel

letale malessere infine che ser-

peggia per le piu riposte fibre delPumana societa,

la rende

inquieta, e minaccia travolgerla in una spaventosa catastrofe,

Ora qual e la funesta radice, o cagione precipua di questi

e somiglianti mali? Essa 6 riposta dai Pontefice nel disprezzo,

e nel rifiuto di quella santa ed augustissima

autorita della

Chiesa, che a nome di Dio presiede al genere umano ed 6

custode e vindice sulla terra degli eterni ed immutabili principii

di verita e di giustizia. Horum autem malorum causam

in eo praecipue sitam esse Nobis persuasum est, quod

despecta et rejecta sit sancta ilia et augustissima Ecclesiae

auctoritas, quae Dei nomine humano generi praeest l .

1

Quod Apostolic! muneris 28 Dec. 1878.


IL NON SERVIAM E IL DOVERE CATTOLICO 161

Quindi e che, come nota lo stesso Ponteflce,

i neraici della

Chiesa e di ogni ordine pubblico non ravvisarono mezzo piii

acconcio all' esecuzione dei loro perfldi disegni, che quello di

aggredire costantemente la Chiesa di Dio, di metterla in uggia

quasi

che colla sua immutabile dottrina alia vera civilta si

opponesse, e soprattutto di indebolirne Fautoritk e la forza,

sostenendo esser lecito a tutti discutere, combattere, accet-

tare o rifiutare a proprio senno, quanto dalla Chiesa ed in

essa dal Sommo Ponteflce viene insegnato, deciso o dichiarato.

II vessillo del Non Serviam sotto il quale si schierano

sempre quanti furono, dal principio del mondo ai giorni uo-

stri, nemici di Dio e della Chiesa, non e un ritrovato del

cosi detto progresso moderno; esso fu innalzato da Lucifero,

quando insuperbito prevarico negando a Dio la riverenza e

1'obbidienza che gli doveva.

Coloro i quali con occhio diligente seguono quel

che ac-

cade nel campo della Chiesa e fuori di essa, non hanno po-

tuto non osservare e deplorare Pastuto lavorio del campo

nemico, per sottrarre il maggior numero possibile di fedeli dalla

pratica di quella vera e perfetta obbedienza al Papa ed alia

Chiesa che e la pietra di paragone del sincero cattolico, e

1'antitesi perfetta del Non serviam*.

Con tutto cio noi siamo sicuri che, se non tutti i conati

dei nemici della Chiesa, certamente la massirna loro parte sa-

rebbero stati, e sarebbero ancora irriti e vani,

se tra coloro

che portano nome di cattolici non si fossero trovati alcuni che

porsero ai nemici una mano amichevole, schierandosi al grido

orgoglioso del Non serviam sotto lo stesso stendardo. Que-

sti, come ne parla il Sommo Pontefice Pio IX sono pochi;

ma possono veramente chiamarsi sediziosi. Essi sono molto

piii pericolosi che non gli aperti nemici della Chiesa, sia per-

ch6 secondano le arti dei primi senza farsi conoscere, sia per-

che, rattenendosi apparentemente dentro i limiti delle opi-

si danno lustro di certa rettitudine e

nioni non condannate,

di sana dottrina che alletta gl'ignoranti ed inganna

i buoni.

Serie S.Y, vol. I, fasc. 998. 11 5 gtnnaio 1892.


162 IL NON SERVIAM

Quindi il Ponteflce, in nome suo e della Chiesa, laraenta il tra-

dimento di questa sorta di nemici, con ricordare le terribili

parole: Filios enutrivi et exallai;i,ipsi autem spreverunt me *.

Per baona ventura costoro possono agevolmente esser ravvi-

sati: Ex fructibus eorum cognoscetis eos. Nel Breve teste ci-

tato, ecco come Pio IX li tratteggia raaestrevolmente: Uomini

a cui sa male ogni cosa la quale indichi pronia, intiera

ed assoluta obbedienza ai decreti ed alle ammonizioni della

Santa Sede; che parlano di questa Sede con disdegno chia-

mandola la caria romana , che applicano ai piu obbe-^

dienii flgfiuoli di Lei i nomi di - Ultramontani , e di Ge-

suiti ; che inflne colmi d'orgoglio reputano se piu sapienti

della Chiesa, alia quale e stata promessa speciale

divina assistenza.

ed eterna

Come appare dalle parole sottoseguate da noi, il primo e

piu pernicioso principle di questa scuola, che si chiarna libe-

rale e pro.^ressista, riguarda appunto P obbedienza dovuta alia

voce della Chiesa: obbedienza che e il primo dovere del

vero cattolico. Questa scuola pretende : 1)

che se una dot-

trina non e definita dalF autorita infallibile della Chiesa, essa

puo liberamente ammettersi o ripudiarsi: 2) che quand'anche

una dottrina fosse definita dalla Chiesa, di essa puo farsi con-

salvo che si tratti di una delle verita rivelate.

troversia;

Ora P una e P altra di tali proposizioni debbono dirsi er-

ronee, ed in sommo grado vituperose

alia fede della. Chiesa

ed alia sua divina autorita. Noi proveremo brevemente la

nostra asserzione e dimostreremo che punto non esageriamo ;

poiche le parole da noi usate non sono nostre, ma prese alia

iettera dai documenti della piii sublime autorita^che Dio abbia

stabilito sulla terra.

Non sappiamo se altri abbia descritto meglio i seguaci di

questa scuola, di quel che facesse Pillustre barone d'Ondes

Reggio, nel suo discorso al Congresso Cattolico di Firenze.

3 Drove dato a Roma il 7 Marzo 1873. Vedi anche YOsservatore Romano

del "21 Dtce:nbre 1876.


E IL DOVERE CATTOLICO 163

Cotesti cattolici liberal!, cosi egli, sono quelli i quali muo-

vono dal dire, che obbediscono al Sommo Ponteflce che dot-

tore infallibile definisce le dottrine della fede e della morale;

ma possono non obbedirgli in tutte le altre materie su cui

egli decide. Per quello in cui obbediscono sono cattolici, per

quello

in cui non obbediscono sono liberali. Sono 1'unoe 1'al-

tro bellamente insieme armonizzati, inappuntabili pe' dettati

della fede, inappuntabili pe' dettati della ragione *.

Poche parole di spiegazione sono necessarie ad evitare ogni

errore nella presente questione. La prima proposizione della

scuola moderna liberale limita il dovere cattolico di obbedienza

alle sole dottrine infallibilmente definite dalla Chiesa. Ora e

da distinguere due specie d'obbedienza all' insegnamento dot-

trinale della Chiesa, e lo stesso deve sempre intendersi del

Papa. Una di fede (assensus fidei), Taltra di religione (assen-

sus religiosus). L'assenso di fede puo essere un assenso di

fede divina e cattolica, se riguarda una verita rivelata defi-

nita come tale dalla Chiesa, o un assenso di fede ecclesiastica,

(detto da alcuni teologi assensus fidei mediate divinae] se

riguarda una verita, anch' essa definita dalla Chiesa, ma non

rivelata quantunque in qualche modo connessa colla rivela-

zione. II primo assenso di fede avrebbe per motivo 1'autorita

di Dio che rivela,

il secondo 1' autorita infallibile della Chiesa

che definisce. L' assenso poi che e detto religioso, in quanto

e distinto dal!' assenso di fede divina cattolica ed ecclesiastica,

riguarda quell' insegnamento della Chiesa, nel quale non si

verificano tutte le condizioni richieste per 1'esercizio del ma-

gistero infallibile. Questo assenso avrebbe per motivo la sacra

autorita da Cristo partecipata alia sua Chiesa per pascere,

reggere e governare il suo gregge : autorita che potrebbe

chiamarsi col Franzelin autorita di provvidenza universale

ecclesiastica , o an che piii brevemente auterita di provvi-

denza dottrinale 2 .

1 Vedi la Civiltd Cattolica Serie 10, Vol. I, p. 254.

2

Ilia sacra auctoritas providentiae doctrinalis, vi muneris sui, suffi-

cientissimum est motivum ex quo possit, et, si forma decreti id exigat, de-


164 IL C NON SERVIAM

Noi teniamo esser falso che Passenso interne dell' Intel -

letto sia solo dovuto all' autorita di Dio che rivela, o della

Chiesa che infallibilmente deflnisce; e sosteniamo che il cat-

tolico non puo rifiutare all' insegnamento della Chiesa quel-

Passenso, sia di fede sia religiose, che a tale insegnamento ri-

sponde, senza una grave colpa che intacchera piu o meno la

sua professione di cattolicismo. Questo doppio assenso deve

essere sempre interno, pieno e sincere, con questa differenza

che T assenso di fede e necessariamente irreformabile, ed in

questo senso assoluto, laddove non ripugna che 1' assenso

religiose si possa riformare, e di fatto si riformi, non certamente

a proprio senno, ma solamente allora quando 1' autorita

ecclesiastica, che sola ne ha il potere, giudicasse neces-

sario di riformare il suo insegnamento in una materia intorno

alia quale, come si suppone, non ha esercitata la sua

infallibile autorita. L' assenso religiose sarebbe di certo illu-

sorio se si sottoponesse alle ragioni individual} che altri po-

tesse avere in contrario.

II discepolo, invece, della scuola cattolico-liberale non am-

mette come necessario altro assenso da quello infuori che si dice

assenso di fede, e che per giunta, come apparisce dalla seconda

proposizione, egli limita all'assenso di fede divina e cattolica ;

poichfe tal gente tiene per indubitatamente concesso che la

Chiesa non e infallibile quando

definisce una verita non rive-

lata, qualunque voglia essere 1' attinenza di tale verita colla

rivelazione.

Che P infallibilita della Chiesa, e quindi del Papa, si estenda

anche alle verita non rivelate ma connesse colla rivelazione e,

come insegna il Cardinale Mazzella, la sentenza difesa dal-

Punanime magistero dei teologi, i quali condannano Popinione

contraria o come errore gravissimo o anche quale pretta

eresia 7

.

Dal fin qui detto dev' essere a tutti manifesto che nessun

beat pia voluntas imperare consensum religiosum seu theologicum intelleo

tus. De Divina Traditione et Scriptura. Thes. XII.

1 De Religions et Ecclesia. Disp. 4. art. 8.


E IL DOVERE CATTOLICO 165

dubbio puo dunque cadere intorno all' obbligo delYassenso di

fede divina e cattolica. Esso, tutti consenzienti, e dovuto dai

cattolici ad ogni veritk rivelata che sia dalla Chiesa deflnita,

e a maggior distinzione aggiungiamo, che esso non pub darsi

ohe a tali verita. L' insegnamento del Concilio Vaticano sopra

questo punto e conosciuto da tutti: Fide divina et catholica

ea omnia credenda sunt quae in verbo Dei scripto vel tradito

continentur, et ab Ecclesia sive solemn ijudicio,

t universali magisterio, tamquam

sive ordinario

divinitus revelata credenda

proponuntur *.

La quest ione, pertanto, si riferisce solo a\Vassenso di fede

ecclesiastica e all' assenso religioso. In altre parole essa ri-

guarda 1' obbedienza dell' intelletto dovuta alia Chiesa quando

insegna veritk non rivelate, ma o connesse colla rivelazione,

ovvero anche solo concernenti il bene generale della Chiesa,

i suoi diritti e la sua disciplina, sia che insegni valendosi della

sua infallibile autorita, sia solamente esercitando quella sacra

autoritci che abbiamo chiamata autoritci di provvidenza dot-

trinale.

Al nostro proposito baster& dimostrare che, oltre Tassenso

di fede divina e cattolica, vi e un altro assenso che pur si

deve prestare dai cattolici agli insegnamenti della Chiesa.

Quale debba essere nei diversi casi questo assenso, potrk fa-

oilmente determinarsi applicando i principii che abbiamo gia

esposti di sopra.

Nessuno puo negare che se la Chiesa e stata da Cristo co-

stituita infallibile depositaria della rivelazione, autentica mae-

stra, testimone di essa e giudice in ogni materia che vi ap-

partenga,

alia Chiesa stessa deve assolutamente attribuirsi il

diritto non solamente di definire il fatto della sua autorita,

he e verit^i rivelata ; ma anche di dichiararne la natura,.

Toggetto, 1'estensione e di determinare qual

sia il dovere dalla

parte dei fedeli di sottomettersi a quell' autorita. Un tal di-

ritto non puo^riflutarsi senza distruggere allo stesso tempo la

1 Const. Dei Filius, cap. 3,


166 IL NON SERVIAM

missione confldata da Cristo alia Chiesa. Sarebbe davvero as-

surdo supporre che Cristo desse alia Chiesa una missione da

compiere, senza che le desse parimente i mezzi necessarii per

venirne a capo.

Questa dottrina riceve lume e conferma dalle parole di

Leone XIII nella sua Enciclica Sapientiae

Christianae del

10 Gennaio 1890. Questo doppio ordine di cose, cio6 quanto

si ha da credere e quanto si ha da operare, viene dalla Chiesa,

e in essa dal Somrao Ponteflce, per

diritto divino decretato.

11 perchfc il Ponteflce, in virtu della sua autorita, dee poter

giudicare quali sieno le cose contenute nella parola di Dio,

quali dottrine con essa consuonino, e quali no : e all' istesso

modo additare cio che & onesto e turpe, e quel che si ha da

fare o fuggire per ottenere la salute eterna : altrimenti egli

non sarebbe per 1'uomo ne certo interprete della divina pa-

rola, ne duce al vivere sicuro 2 .

Laonde se la Chiesa usa di tal diritto e definisce che i

cattolici sono strettamente obbligati a sottomettersi al suo in-

segnamento anche quando 1'obbietto non ne e rivelato,

i cat-

tolici saranno strettamente tenuti ad accettare questa deci-

sione, e quindi a sottomettersi a quell'insegnamento. Di piu,

se la Chiesa per raffermare la sua decisione facesse di questa

sottomissione 1'oggetto d'uno speciale precetto, ai cattolici sa-

rebbe allora anche interdetto sotto pena .

di anatema di tenere

che non sono obbligati ad osservarlo, e quindi di difendere

che sono liberi di accettare o rifiutare a proprio senno la

dottrina non rivelata proposta dalla Chiesa 2 . Se alcuno dice

1 De utroque genere, nimirum et quid credere oporteat et quid agere,

ab Ecclesia jure divino praecipitur, atque in Ecclesia a Pontifice maximo.

Quamobrem judicare posse Pontifex pro auctoritate debet quid eloquia divina

contineant, quae cum eis doctrinae concordent, quae discrepent : eademque

ratione ostendere quae honesta sint, quae turpia ; quid agere, quid fugere,

salutia adipiscendae causa, necessa sit : aliter enim nee eloquiorum Dei cer-

tus interpres nee dux ad vivendum tutus ille esse homini posset.

2 Si quis dixerit baptizatos liberos esse ab omnibus Sanctae Ecclesiae

praeceptis, quae vel scripta vel tradita sunt,

antur, nisi se sua sponte illis submittere voluerint; A. S.

ita ut ea observare non tene


E IL DOVERE CATTOLICO 167

che coloro che sono battezzati non sono obbligati ad osservare

tutti i precetti della Santa Chiesa qualunque essi siano scritti

o non scritti, salvo che a loro piaccia di sottomettersi ad essi,

sia anatema l .

Ora ha ella mai la Chiesa definito che tutti i cattolici ab-

biano stretto dovere di sottomettersi al suo magistero anche

in materie non rivelate? Ha ella. mai con solenne e speciale

precetto imposto 1' obbligo d'assenso e d'obbedienza alle sue

decision! in simili materie ?

Per rispondere a tali punti noi, lasciati da banda parecchi

document! che avremmo in pronto sopra tal materia, alcuni

pochi ne citeremo che per la loro perspicuita valgono da se

a mettere del tutto fuor di dubbio la suddetta obbligazione.

Pio VI, nella Costituzione Auctorem Fidei nota ai teo-

logi cattolici qual certissimo documento ex-cathedra, condanna

la dottrina del Sinodo Pistoiese. Questa dottrina viene

esposta in 85 proposizioni, poche delle quali

sono dichiarate

ereticali, e quindi direttamente opposte al domma rivelato; le

altre sono semplicemente qualiflcate di erronee, false, teme-

rarie, scandalose, prossime all'eresia ecc. e pero direttamente

opposte alia dottrina che non e rivelata, ma in qualche modo

connessa colla rivelazione, e necessaria per la custodia e di-

fesa della medesima. II Sommo Pontefice, tuttavia, senza fare

veruna distinzione tra le proposizioni eretiche, e le altre che

meritano una censura inferiore, ingiunge ad ogni cattolico di

ripudiarle tutie nel medesimo senso nel quale egli le ha con-

dannate, e di giudicarle tutte degne di quella censura che egli

stesso ha loro inflitta. Mandamus omnibus utriusque sexus

christifidelibus ne de dictis propositionibus et doctrinis sentire,

docere, praedicare praesumant, contra quam

in hac nostra

constitutione declaratur. Egli e chiaro che 1'obbedienza qui

imposta ai cattolici e assoluta. Si da loro precetto di non pure

pensare o giudicare (sentire) di quelle proposizioni altrimenti

da quello che il Papa stesso fa nella suddetta Costituzione 1

1

Cone. Trid. can. 8 De Baptismo.


168 IL NON SERVIAM

Lo stesso precetto Mandamus etc. si legge nella Costitu-

zione Unigenitus di Clemente XI contro gli error! di Que-

snello.

I fautori moderni del Non Serviam sanno, o certamente

dovrebbero sapere, che quel che e chiamato dai teologi un

fatto dommatico , a mo' d' esempio che alcune determinate

proposizioni

eretiche si trovino in un certo libro scritto da-

questo o da quell'autore, non e una verita rivelata. Pure la,

Chiesa ha sempre richiesto e richiede sotto le piu severe pene r

che i suoi figli sottopongano il giudizio aH'insegnamento di

lei intorno a fettti di tal natura.

Cosi fece Clemente XI nella Costituzione Vineam Do-

mini , dove si tratta della famosa questione delle cinque pro-

posizioni eretiche, contenute nel libro di Giansenio intitolato

Augustinus. Questo fatto dommatico era stato gia definite*

da Innocenzo X nel 1653, e piu chiaramente ancora da Ales-

sandro VII nel 1665 in queste parole : Quinque illas propo-

sitiones [haereticas] ex libro praememorati Cornelii Episcopi

Iprensis, cui titulus est Augustinus excerplas fuisse (ecco il

fatto dommatico) declaramus et definimus . Parlando, dun-

que, di questo fatto il Ponteflce Clemente si esprime

: cosi

Perche si eviti pienamente in future qualsiasi occasione di

errore, e perche tutti i figli della Chiesa cattolica imparinoad

udire Lei non solamente col tacere (giacche anche gli empii

tacciono nelle tenebre) ma eziandio coU'inlerno assenso, che

costituisce la vera obbedienza dell'uomo ortodosso, in virtu

della nostra apostolica autorita decretiamo, dichiariamo, sta-

biliamo ed ordiniamo con questa Costituzione da valere in perpetuo,

che con tale ossequioso silenzio non si soddisfa in alcun

modo a quella obbedienza che e dovuta alle Costituzioni Apo-

stoliche precitate l .

Qui noi vorremmo che il lettore ponesse ben mente alia

1

Ut quaevis imposterum erroris occasio penitus praecidatur, atque-

omnes catholicae Ecclesiae filii Ecclesiam ipsam audire, non tacendo solum,

(nam et itnpii in tenebris conticescunt) sed, el interius obsequendo, quae verotr

est orthodojci hominis obedienlia, condiscant, hac nostra perpetuo valiturav


E IL DOVERE CATTOLICO 1691

natura della obbedienza che deve prestarsi all' insegnamento


170 IL NON SERVIAM

non sara inutile osservare che tutt' i teologi cattolici, anche

quelli non sospetti di oscurantismo, e che come il Cardinale

Newmann 1 ed il Vescovo Fessler 2

, a torto 3 , dubitano o ne-

gano

il Sillabo avere il valore di un docuraento ex cathedra,

convengono nell' insegnare esser dovuto a tal documento

piena soramissione da ogni cattolico , e ancora essere im-

posto dall'obbedienza dovuta al capo

della Chiesa di tenere

per certo che tutte le proposizioni del Sillabo se non infallibilmente

alraeno giustamente furono condannate. Leone XIII

ndla sua Enciclica Immortale Dei parlando

dei Romani

Pontefici suoi predecessori che ben comprendendo

dell'Apostolico loro ministero con gravissime parole avevano

in varii tempi condannati diversi errori, allude al Sillabo

i doveri

di Pio IX che similmenle in varie circostanze, secondo 1'op-

portunita, proscrisse molti degli errori piu diffusi, i quail poscia

ordinb che venissero raccolti tutii insieme, afjinch^ nel dila-

gamenlo di tante false opinioni non rimanessero i- cattolici

senza sicura guida 4 .

Ne questo e tutto. Abbiamo ancora un importantissimo do-

cumento di Pio IX, FEnciclica Quanta Cura , nella quale il

Sommo Ponteflce in virtu dell'apostolica autorita ricevuta da

Cristo o condanna solenuemente la dottrina del Non Serviam

di cui andiamo parlando, e vuole e comanda che. essa sia

da tutti i ftgliuoli della Cattolica Chiesa tenuta per ripro-

vata, proscritta.

e condannata.

Non possiamo passare sotto silenzio, cosi il Ponteflce, 1'au-

dacia di quelli, i quali intolleranti della sana dottrina, con-

1 Letter to the Duke of Norfolk, a

2 La vera e la falsa infallibilita pp. 43, 44.

3 Che il Sillabo abbia il valore di un documenlo ex cathedra, ed in qual

senso debba cio intendersi, fu dimostrato nei volumi 5 e 6 della nostra serie-

XIII. La stessa sentenza si trovera difesa dal Cardinale Mazzella. De Reli-

gione et Ecclesia. Disp. 5. art. 6. ; Schrader. De theologia generatim p.

136 et seg. etc. etc.

4 Non absimili modo Pius IX ut sese opportunitas dedit, ex opinioni-

bus falsis quae maxime valere coepissent, plures notavit, easdemque postea

in unum cogi jussit ut scilicet in tanta errorum colluvione haberent catho-

lici homines quod sine offensione sequerentur.


E IL DOVERE CATTOLICO 171

tendono che si possa, senza peccato e iattura della professione

cattolica negare 1'assenso e 1'obbedienza a quei decreti e giudizii

della Sede apostolica, 1'obbietto del quali si dichiara che

riguarda il bene generate

della Chiesa e i suoi diritti e la sua

essi non tocchino i dommi della fede e dei

disciplina, purchk

costumi. II che quanto grandemente si opponga al domma

cattolico della piena potesta del Romano Ponteflce divina-

mente conferitagli dallo stesso Cristo Signore, in ordine a pa-

scere, e reggere e governare la Chiesa universale, non e chi

apertamente non vegga ed intenda *.

Queste parole provano -1) che la Chiesa ha piena autorita

di insegnare non sempliceraente i punti che toccano i dommi

della fede e della morale, ma qualsiasi veritk pertinente al

bene generale della Chiesa, ai suoi diritti, e alia sua disciplina;

-2) che a tale insegnamento non puo venir negato assenso ed

obbedienza senza fallire alia coscienza, e senza venir meno

alia professione di cattolicismo; -3) che il cattolico liberale, li-

mitando come fa 1'assenso e Tobbedienza propria ai soli det-

tati che riguardano i dommi della fede e della morale, si oppone

gravemente al domma della somma potestk del Romano Pon-

tefice ; e -4) che questa opinione e esplicitamente dannata dalla

Santa Sede come errore proprio di quelli che un'audacia or-

gogliosa rende incapaci di sana dottrina, la quale ogni devoto

figlio della Chiesa obbligato

certa ed indubitata.

di tenere nell'animo suo come

Puo invero sembrare che nulla di piii manifesto possa es-

ser detto a condanna di questa opinione; pure se ci facciamo

a leggere le Letters Gravissimis del 12 Dec. 1862 dello

1

Silentio praeterire non possumus eorum audaciam, qui s;mam non

sustinentes doctrinam contendunt illis Apostolicae Sedis judiciis et decretis,

quorum obiectum ad bonura generale Ecclesiae, ejusdem jura ac disciplinam

spectare declaratur, dummodo h'dei morumque dogmata non attingant,

posse assensum et obedientiam detrectari absque peccato, et absque ulla catholicae

professionis jactura. Quod quidem quantopere adversetur catholico

dogmati plenae potestatis Romano Pontifici ab ipso Christo Domino divini-

tus collatae universalem pascendi regendi et gubernandi Ecclesiam, nemo-

est qui non clare aperteque videat et inte'ligat.


172 IL NON SERVIAM

stesso Ponteflce vi troveremo parole se non piu chiare certo

piu severe. Ecco il testo del Pontefice. Ecclesia ea potestate

sibi a Divino suo Auctore coraraissa, non solum jus sed offi-

cium praesertim habet non tolerandi, sed proscribendi ac dara-

uandi omnes errores, si ita fldei integritas et animarum salus-

postulaverit; et omni philosopho qui Ecclesiae filius esse velit r

ac etiam philosophiae offlcium incumbit nihil unquam dicere

contra ea quae Ecclesia docet, et ea retractare, de quibus eos

Ecclesia monuerit. Sentenliam autem quae contrarium docet

omnino erroneam, et ipsi fidei Ecclesiae ejusque auctoritatl

vel maxime iniuriosam esse edicimus et declaramus.

II che in piano volgare val quanto

dire die la dottrina da

noi impugnata, viene dal supremo capo e dottore della Chiesa

dichiarata onninamente erronea, e sovranamente ingiuriosa

alia fede della Chiesa e alia sua autorita.

La stessa erronea dottrina e condannata nella proposi-

zione 22 a del Sillabo. L'obbligazione che al tutto vincola i

maestri e gli scrittori cattolici, si riduce a quelle cose sola-

mente, che dall'infallibile giudizio della Chiesa sono proposte

a credersi da tutti siccome dommi di fede *.

Leone XIII non e meno precise de' suoi antecessori. Par-

lando nella sua Enciclica Sapientiae Christianae di questa

obbedienza alia Chiesa, egli dice che essa deve essere per-

fetta ed assoluta , e che essa e il carattere distintivo dal

e sono ancora ricono-

quale i veri cattolici furono sempre

sciuti. E quali sono i limiti di una tale obbedienza ? A

questa domanda, cosi risponde Leone XIII: Nel determinare

i limiti deH'obbedienza niuno si dia a credere doversi

obbedire all'autorita dei sacri Pastori, massime del romano

Ponteflce scltanto in cio che spetta al domma, il cui pertinace

ripudio non puo sceverarsi |dal peccato di eresia. Che anzi

neppur basta 1'accettare con sincero e fermo assenso quelle

dottrine, le quali, avvegnacche non diflnite da un solenne giu-

1

Obligalio, qua catholici magistri et scriptores omnino adstringiintur r

coarctatur in it's tantum, quae ab infallibili Ecclesiae iudicio veluti fidei dog-

mata ab omnibus credenda proponuntur.


E IL DOVERE CATTOLICO 173

dizio della Chiesa, tuttavolta vengono daH'ordinario e univer-

sale magistero della medesima proposte

alia credenza de' fe-

deli come divinamente rivelate; ed hannosi a credere, secondo

il decreto del Concilio Vaticano, con fede cattolica e divina.

Ma questo ancora dev'essere annoverato tra i doveri dei cri-

stiani, che si lascino reggere e governare dalla potestk e di-

rezione dei Vescovi e soprattutto dairApostolica Sede 1

.

Ai precedent! aggiungeremo ua altro solo documento che

spiega, a parer nostro,

tiamo nel piu chiaro modo e piii calzante che si possa desi-

derare. Lo togliamo

il dovere dell'obbedienza di cui trat-

dalla celebre Enciclica Immortale Dei

dello stesso Ponteflce. Nell'ordine delle idee e necessario ri-

tenere neiranimo con soldo convincimento, e, ogni qualvolta

occorre, professare apertamente tutto quanto insegnarono o

saranno per insegnare i romani Pontefici. E particolarmente,

rispetto a quelle che si suol chiamare liberta moderne, e

d'uopo che ognuno se ne rimetta al giudizio della Sede Apo-

stolica, e non ne pensi diversamente da lei 2 .

II punto, dunque, che irapreaderamo a dimostrare contro

la scuola liberale e reso patente. Tutt'i document! che abbiam

citato asseverano il dovere che incombe ad ogni

sottoporre il suo giudizio al magistero

cattolico di

della Chiesa non solo

nelle materie che sono rivelate, ma in quelle altresi che nol

1 In constituendis obedientiae finibus, nemo arbitretur sacrorum Pasto-

rum maximeque romani Pontificis auctoritati parendum in eo dumtaxat esse,

quod ad dogmata pertinet, quorum repudiatio pertinax disjungi ab haereseos

flagitio non potest. Quin etiam neque satis est sincere et firmitus assentiri

doctrinis, quae ab Ecclesia, etsi solemni non definitae judicio, ordinario ta-

nien et universal! magisterio tamquam divinitus revelatae credendae propo-

catholica et divina credendas Concilium Vaticanum decre-

nuntur : quas fide

vit. Sed hoc est praeterea in officiis christianorum ponendum, ut potestate,

ductuque Episcoporum imprimisque Sedis apostolicae regi se gubernarique

patiatur.

2 In opinando quaecumque Pontifices Romani tradiderunt vel tradituri siuit

singula necesse est et tenere judicio stabili comprehensa, et palam, quoties

res postulaverit, profited. Ac nominatim de iis quas libertates vocant novis-

simo tempore quaesitas oportet Apostolicae Sedis stare judicio, et quod ipsa

senserit idem sentire singulos.


174 IL NON SERVIAM E IL DOVERE CATTOLICO

sono, ma riguardano la custodia, difesa o spiegazione della

rivelazione, il bene generale della Chiesa,

i suoi diritti e la

sua disciplina.

Vorra forse alcuno contendere alia Chiesa il diritto di as-

serire un tal dovere? Non e essa il solo supremo ed infalli-

de' diritti che essa ricevette dal suo Fondatore ?

bile giudice

Avrebbe dunque errato nell'asseverare questo dovere? Se cosi

fosse, nonostante la divina assistenza promessale ogni giorno

flno alia consumazione de' secoli, essa avrebbe dichiarato peccaminoso

cio che non e tale, essa avrebbe solennemente

pronunziato esser necessario a conservare intera la cattolica

professione cio che invece poteva mettersi da parte senza veruna

iattura di questa. In altre parole la Chiesa che fa co-

stituita da Cristo nostro Signore per essere nostra guida certa

e sicura sulla strada della verita e della virtu,

ci avrebbe

vergognosamente ingannati. Essa sarebbe venuta meno alia

sua missione, e percio non sarebbe piu la Chiesa di Cristo.

Noi siam certi che i nostri progressisti cattolici raccapric-

ceranno d'orrore in facciaa tali eretiche conclusion!. Bisogna,

dunque, che parimente inorridiscano dinnanzi ai loro per-

niciosi principii che logicamente

li conducono a tali conclu-

sioni. Muta antecedentia e Taurea monizione di SanfAgo -

stino, si vis vitare sequentia.


L' EMIGRANTS ITALIANO

VII.

AVVENTURA DI DUB NAUFRAGHI.

II piroscafo intanto mando un flschio acutissimo e prolun-

rivolta a Gibilterra. Un

gato; e prese 1'abbrivo con la prora

silenzio di morte regnava a bordo, interrotto soltanto da sof-

focati gemiti e singulti di alcuni emigrant! che lamentavano

la perdita di qualche loro parente od amico. D. Antonio e la

famiglia del Buonavita caduti omai d'ogni speranza di riavere

Landuccio, ne deploravano amaramente la perdita, e ne ve-

niano suffragando Panima con fervide preghiere.

Sul primo rorapere dell'alba il piroscafo gitto

1'ancora nel

porto di Gibilterra; e il primo pensiero degli emigrant! fu

scendere a terra e ire alia Chiesa per ringraziare Iddio di

averli campati dal naufragio e insieme pregare 1'eterna pace

ai defunti compagni. Era 1'unico ufficio di pieta che rendere

aveano dovuto

potevano a que' cari estinti, i corpi de' quali

abbandonare in balia de' flutti. Ma prima che mettessero piede

a terra, furono dal Capitano invitati a dare i loro nomi; e

allora si parve quanto fosse picciolo il numero dei superstiti

a fronte dei naufragati. Erano poc'oltre a quattro centinaia,

e la ptu parte parrocchiani di D. Antonio; il che fa di non

lieve conforto al povero vecchio, che attribuinne la salvezza

a merito e a premio della loro pieta. Venne altresi fatto il

novero de' naufraghi, e fa agevol cosa il farlo; dappoiche il

Sopraintendente dell'emigrazione, uno de' scampati dal nau-

fragio, aveane seco nel portafoglio i nomi. Tra i morti erano

pure, ad eccezione di Samuele, tutti gli arruolatori, e per con-


176 L' EMIGRANTE ITALIANO

seguenza anche quelli che avevano ordito e commesso 1'atten-

tato contro D. Antonio. Giustizia di Dio! Senonchk il piu reo

di tutti era ancor vivo; perch6 Dio non paga sempre in que-

sta vita, o se paga anche quaggiu, 1' ira sua giustissima e

tanto piu tremenda quanto piii tarda.

D. Antonio neppur questa fiata tradi il segreto del delitto

contro di s6 perpetrate, sebbene i suoi nemici non fossero piii

tra i vivi ; che anzi posesi in cuore di pregare ed offerire per

loro il divin sacriflzio. Verso il meriggio tutti i superstiti, dopo

avere pagato in chiesa un tribute di mesta pieta alle anime

degli estinti compagni, si raccolsero in un pubblico ricovero

di mendicita, offerto loro dal Municipio; e quivi

mentre in un

gran salone a pian terreno erano sul ragionare de' casi loro,

e spesso aveano sulle labbra il nome di Landuccio, ecco che

questi improvviso affacciasi alia porta

della sala.

Tutti spiritarono come ad una visione dell'altro mondo, che

da tutti egli era tenuto per morto. Sei tu Landuccio, o il

suo spirito che a noi ritorna? sclamo D. Antonio, fuor di se

per lo stupore e la gioia.

Son io, rispose Landuccio sorridendo, son .io in pelle,

came ed ossa ; e corse ad abbracciarlo.

II Buonavita riscossosi dal suo stupore, gettogli anch'egli

le braccia al collo, e altrettanto fecero la madre sua adottiva

e i due bimbi, che saltellavano di contento e faceangli gran

festa intorno. Alia subita apparizione di chi aveano pianto

per morto anche gli altri diedero in uno scoppio di giubilo,

tanto piu rumoroso, quant'era maggior Taffetto che gli portavano

e piu lieto il presagio che, come Landuccio era scam-

pato dal naufragio, cosi altri de' loro compagni si fossero parimente

salvati. Pero tutti gli si strinsero attorno, tempestan-

dolo di domande. D. Antonio imposto alia moltitudine silenzio,

voile che Landuccio contasse h'l fllo la sua avventura; e questi,

sedutosi in mezzo a loro, prese a dire:

Io fui uno degli ultimi a gittarmi a nuoto poco prima

che il nostro vapore andasse a picco; e la cagione del mio

indugiare fu 1'andar di continue in traccia de' miei e di D. An-


VII. AVVENTURA DI DUE NAUFRAGHI 177

tonio, che non avevo veduto scendere nei palischermi di sal-

vamento. Quando vidi frustrate le mie ricerche e la nave sul

punto di sparire sott'acqua, solo allora peusai a me, e nuotando

tentai raggiungere il piu vicino de' battelli; ma con

quel mare indiavolato tutti i miei sforzi tornavano vani. Avevo

un bel gridare accorr'uomo ! I ruggiti del mare e gli urli del

vento coprivano la mia voce. Mi tenni allora per perduto;

raccomandai P anima mia al Signore e alia Madonna di Ca-

ravaggio *; e nuotai verso la spiaggia piu vicina con poca

speranza pero di arrivarvi sano e salvo. II piroscafo inglese

he fu il vostro scampo, era la mia disperazione; poich6 il

vedevo partire senza di me. Mandai alia sua volta un ultimo

.grido, ma non fui udito : e cosi rimasi solo alia mercfe di Dio

he per sua bontk mi venne in aiuto, allora appuuto ch'io

mi trovavo abbandonato da ogni umano soccorso. Abbattutomi

per buona sorte in un gran tronco dell'albero di maestra del

legno naufragato, potei abbrancarlo, e con quello tenermi a

galla, stance e sftnito com' era dalla terribile lotta col mare.

della Madonna!

bonta. di Dio! sclamo D. Antonio, o grazia singolare

Quel pezzo di legno, prosegui Landuccio, non fu sol-

tanto per me la tavola di sicurezza dopo il naufragio,...

Si salvo qualche altro con te? Chi? chi? interruppero

con ansieta. molte voci di emigrant!, che avevano perduto

qualche parente od amico.

- Afferrata a quel tronco d' albero trovai una giovane

presso che svenuta; la quale, poco stante, riflnita affatto di

forze, allargo le mani, e si sommerse. lo fui presto a gher-

mirla pe' capelli, e a trarla fuor d'acqua. Ella pero non poteva

piu aiutarsi; era come morta: sicchk io dovetti con un

braccio sorreggerla, mentre con Paltro teneami avvinghiato

al mio galleggiante. Non vi so dire a parole la fatica, la stan-

hezza e Paffanno che provai in quell'ora di tempo che dura

il nostro ballonzolare sulle onde! Fu un'ora d'inferno! Pur,

come a Dio piacque, venimmo alfln gettati a pife d' una sco-

1 Miracolosa immagine che si venera non lungi da Cremona.

BgHe XV, vol. I, faae. 998. 12 5 gennaio 1892.


178 L' EMIGRANTS ITALIANO

gliera, contro alia quale ci saremmo flaccati e rotti, se la

Provvidenza non ci guidava proprio al punto, ove lo scoglio

stendeva pochi palmi sott'acqua un piede largo e piano, su

cui ci trovammo dalle onde sbalzati. Sfollai allora con un

gran respiro 1'ansia mortale che m'opprimeva; e tolta di peso

sulle braccia la mia compagna di sventura, 1' adngiai come

potei sopra uno sporto di roccia, ove non giungevano

Qui

i flutli.

il racconto di Landuccio venne bruscaraente interrotto

da uno degli eraigranti, il quale grido Chi era la giovane

da te salvata? Dimmelo senza piu Landuccio, perch' io ho per-

duto nel naufragio la mia cara sorella, la buona Ghita !

Io non seppi chi ella fosse, se non quando rinvenno,

aperse gli occhi, e a me rivolta, mi disse: Tu sei 1'angelo

mio che mi hai salvata: a te debbo dopo Dio la vita!

L' interrogai allora chi fosse ? ed ella Io sono Agnese

das Dores, nata nel Brasile di padre portoghese, e di madre

ita liana.

Allora il povero emigrante, che avealo interpellate, rin-

novo piu desolato che mai il pianto, come quegli ch'era stato

piu vicino a passare dal dolore alia gioia.

Dopo alcuni istanti di silenzio, in cui ciascuno ricordava

con dolore la perdita di qualche congiunto, conoscente o amico,

Landuccio ripiglio :

- - Cercai di rinfrancarla il meglio che

seppi, assicurandola 'che, rabbonacciato che fosse un po' il

mare, 1'avrei trasportata in sulla spiaggia, la quale era appena

da noi distante un trarre di sasso! Spunto 1'alba; la tempesta

tuttora imperversava ; ed io era in gran pensiero piu per la

mia compagna che per me, quando, come a Dio piacque, ecco

infllare lo stretto un vapore che batteva bandiera spagnuola;

ed io ritto sulla punta dello scoglio, agitando le braccia e

gridando con quanto di voce avevo in canna, chiamai soccorso.

Fui inteso; il piroscafo paro; e venne calato un palischermo

in mare, che ci raccolse a salvamento.

Ed ecco come sono ancor tra i vivi, grazie a Dio e alia

Madonna di Caravaggio!


VII. AVVENTURA DI DUE NAUFRAGHI 179

E noi, soggiunse D. Antonio, a piangerti morto ! Ed

io a suffragare questa mattina 1'anima tua !

- Tanto meglio, ripiglio Landuccio, cosi trovero i suf-

fragi belli e pronti all'entrare che faro un giorno nell'altro

mondo !

- E sia il piu tardi possibile ! disse Buonavita. Ma che

fu dell' Agnese ?

- Non so s' ella sia ancora a bordo o scesa in terra. Io

la lasciai alle cure della cameriera del vapore, che coricolla

sur un buon lettuccio in un camerotto di poppa, acciocche

ricuperar potesse gli spiriti smarriti; poiche e a sapere che

quando 1' adagiai nel battello, fu soprappresa

da un nuovo

sfinimento sia per la stanchezza, sia per 1' orrore del mare,

che tuttora era grosso e minaccioso.

E poi non la rivedesti piu; salito che fosti sul vapore?

dimando D. Antonio.

Oh si la vidi una volta, che mandommi chiamare da

un ufflciale di bordo; e andai con lui a visitarla.

E che ti disse ?

Non rifiniva di ringraziarmi e di protestarmi

1' eterna

sua riconoscenza. Voleva poi che accettassi in segno di gra-

titudine un gruzzolo di sterline, ch' ella avea prese in prestanza

dal Capitano, avendo perduto tutto il suo in mare.

E tu 1'accettasti ? domando D. Antonio con una certa

ansieta.

Guardimi il cielo ! Landuccio e povero, ma non aspetta

quaggiu la mercede delle opere buone. Signora mia, le dissi,

io non ho fatto che il mio dovere. Pero non merito nulla, e

nulla posso accettare da lei. II mio rifiuto 1'afflisse ; ond'ella

insistette e pregommi con le lagrime agli occhi che mi de-

gnassi gradire quel tenue pegno della sua gratitudine; ma io

stetti sempre saldo sul diniego; e auguratole un buon viag-

gio verso la sua patria, mi accommiatai.

Bravo, bravissimo! sclamo D. Antonio. Cosi hai acqui-

stato un doppio merito innanzi a Dio!

II pietoso racconto di Landuccio tenne per una buon'ora


180 I/ EMIGRANTS ITALIANO

sospesa e pendente dalle sue labbra la numerosa brigata degli

emigranti. Quand'egli ebbe posto fine al dire, udissi un gran

mareggio di voci, facendo ognuno su quel

menti.

fatto i suoi cora-

II di appresso venne Agnese a ringraziare anche una volta

Landuccio, accompagnata geatilmente dal Capitano del piroscafo

inglese. La loro venuta fe' per poco dimenticare ai nau-

fraghi le sofferte angosce.

Essi resero alia loro volta mille

riograziamenti al generoso Capitano, a cui professavansi de-

bitor! della loro salvezza ; e insieme pregaronlo che si com-

piacesse di significare altresi la loro vivissima gratitudine ai

suoi ufflciali e marinai, i quali aveanlo con tanta annegazione

secondato in quest' opera di carita.

D. Antonio, che parlacchiava un po' d' inglese, tradusse al

Capitano questi loro sentimenti, e vi aggiunse del suo parole

degne di un sacerdote in lode della eroica carita addimostrata

in quel luttuoso naufragio da lui e dalla sua gente.

Dopo le prime e calde accoglienze, che tornarono graditissime

al Capitano e ad Agnese, questa voile sdebitarsi, come

allor meglio potea, col suo salvatore, levandone a cielo 1' eroi-

smo nell'esporrela propria vita per salvare 1'altrui. Landuccio

all'udire le sue lodi sentiasi salire una flammolina al viso ; e

iuterrompendo la sua encomiatrice, di tratto in tratto ripetear

Ma, signorina, che dice mai ? lo non ho fatto che il mio

dovere. Ognuno ne' panni

miei avrebbe fatto altrettanto !...

Era bello vedere un giovane si valoroso e si modesto insieme I

La giovane Agnese voile quindi sapere un po' de' fatti di

Landuccio; e tratto in disparte D. Antonio, Avrei caro, gli

disse, di avere qualche contezza del generoso garzone che mi

ha salvata la vita.

-

Egli e flglio adottivo del miglior de' miei parrocchiani r

chiamato Buonavita, la cui moglie, Maria, lo trovo bambino

in fasce abbandonato in un campo

del Cremonese. Marito e

moglie, due coppe d'oro, a' quali era morto poc'anzi un ca-

rissimo figliuolo, adottarono per figlio il povero trovatello, cur

chiamarono Landuccio; e presero ad educarlo con un amore


VII. AVVENTURA. DI DUE NAUFRAQHI 181

che piu non avrebbero potato, se fossero stati genitori suoi.

lo stesso 1' ho battezzato ; e scorgendo col tempo

in lui mani-

fest! indizii di svegliato ingegno, di cuor bennato e gentile e

d' indole ardente e generosa, presi ad istruirlo piu di quanto

richiedesse la sua condizione; ed egli ottimamente rispondendo

alle mie cure ed alle mie speranze fe' straordinarii progress!

nella mia scuola. Senonche, crescendo al Buonavita la famiglia

e con quella le spese, aggravate poi dalle smodate tasse del

Governo, fu costretto a interrompere gli studii per dedicarsi

unicamente ai lavori del campo. Ecco in breve la storia di

Landuccio. Per quello poi che attiensi a' suoi costumi, vi posso

assicurare ch'egli e una perla di giovane, ben costumato, pio,

laborioso e aborrente dai vizii, ne 1

quali disfrenasi d' ordinario

la gioventu.

Sembra nato fat to per me, disse in cuor suo Agnese.

Ma e un campagnuolo, un miserabile, un trovatello.... Ah se

egli

fosse della mia condizione!...

- L' unico suo difetto, prosegui D. Antonio, e 1'essere

soverchio infiammabile, subito all'ira, e anche un po' manesco,

come voi medesima avete visto, quando die quel carpiccio al

povero ebreo.

- Ma colui ben meritava quella batacchiata !

- E vero ; pero Landuccio non dovea farsi giustizia da

se. Basta : egli e, come P ha fatto la natura, di temperamento

focoso, d' indole gagliarda e risentita, che sovente ha i suoi

scatti ; ma tosto da luogo alia riflessione e al pentimento. Deh

chi e mai senza difetti? D'altronde il suo proviene dal rigo-

glio della giovinezza, dal calore del sangue,

dalP esuberanza

delle forze ; perche, come vedete, egli e riboccante di vita. Col

tempo poi dark giu quel bollore, e la docilita con la quale

egli riceve i miei ammonimenti fara il resto. S'egli ora non

e per indole il piu dolce zuccherello del mondo, ha tuttavia un

cuor d'oro ; e quando ha preso a ben volere una persona, si

getterebbe per quella nel fuoco. Prova ve ne sia il rischio,

a cui si e esposto per salvar me suo parroco e maestro.

- Qual maraviglia, ripiglio Agnese, se ha salvato anche


182 L' EMIGRANTE ITALIANO

me, che neppur conosceva, o aveva appena visto passeggiare

sulla nave? Or ditemi, Reverendo Padre, in tutta confidenza,

come potrei io mostrargli la mia gratitudine, s'egli ricusa ogni

compenso, ogni dono?

-

Mostrategliela col pregare per lui e per Pottima fami-

glia

troppo.

che P ha educate.

- E mio dovere: ma,... e ringolo la parola per non dir

In questa sopravvenne il capitano per ricondurre Agnese

airalber.go. Ella pero pregollo che si compiacesse di sopra-

stare alquanto; poiche dovendo quella sera stessa imbarcarsi per

proseguire il suo viaggio al Brasile, desiderava di avere, prima

di partire, una memoria di Landuccio. Affacciossi quindi alia

porta che metteva sul cortile del Ricovero, e fe' cenno a una

persona che quivi P attendeva. Era il fotografo.

venuto colk

con tutto Papparecchio per fotografare Landuccio, D. Antonio,

e il Buonavita con la sua famiglia. Tutti sorrisero di compia-

cenza, e approvarono il gentil pensiero di Agnese, alP infuori

di quelli ch'esser dovevano fotografati. Non valsero con loro

istanze e preghiere. D. Antonio rifiutossi recisamente, e gli

altri mostraronsi anch'essi riluttanti ad assecondare il desi-

derio di Agnese. II solo Landuccio, pressato da compagni, re-

cossi finalmente a fare a senno di lei; ed atteggiossi innanzi

alia macchinetta, come meglio parve al fotografo. Questi Papri

e chiuse quasi ad un tempo ; e n' usci fuori P immagine viva

e parlante di Landuccio, ritratta da monna natura, che fa

sempre le cose per benino. Agnese, contenta come una pasqua,

chiuse la fotografla in un astuccio; ed avviossi col capitano

al porto seguita da Landuccio, dal Buonavita e da una frotta

di emigranti.

Cola giunta, si volse a Landuccio, gli

strinse tremando la

mano, voile dirgli anche una volta: -- Ti ringrazio ; addio ;

ma il tumulto degli affetti le fe' morire la parola in un sin-

ghiozzo. Landuccio anch'egli era commosso;

sentiasi affollare

il respiro e affacciar sugli occhi il pianto. Appena pote dire:


VII. AVVENTURA DI DUE NAUFRAGHI 183

Agnese addio; e^corse

a nascondersi tra la turba de' com-

pagni.

La donzella sali di nuovo sul piroscafo spagnuolo che

aveala in un con Landuccio raccolta a salvamento,

e che

ora dovea salpare per PArgentina e pel Peru, toccando i porti

del Brasile. In quella che la nave, levata 1'ancora, lentamente

si alloutanava,2Agnese surta in sulla prua,

sventolava la sua

pezzuola bianca, dando a Landuocio e agli altri Pultimo addio

e questi ricambiaronle, con 1'agitar de' cappelli, delle braccia

e de' fazzoletti,

il saluto finche 1'ebbero in vista.

L'Agnese partiva; ma noi la vedrem tornare. Pero dove,

quando e in quali circostanze, son cose che il tempo ci nio-

strera. Questo solo intendano i nostri benevoli lettori che la

lontananza de' luoghi divider puo le persone, ma non i cuori.

Due giorni appresso alia dipartita di i Agnese, nostri emigranti

imbarcaronsi anch'essi non gia per la meridionale ma

per la settentrionale America sull'istesso piroscafo inglese, che

aveali campati dal naufragio, ben riforniti delle cose piu ne-

cessarie sia dalla pubblica carita, sia dalle paterne Industrie

di D. Antonio. II Sopraintendente dell'emigrazione, a cui spettava

segnatamente 1' onere e 1'onore di provvederli, avea lasciato

che di cio s' incaricasse la carita cristiana, lieto in cuor

suo di non essere costretto a slargare

i cordoncini della bdrsa.

In sul meriggio usci il piroscafo dallo stretto, e prese il

largo con vento propizio e mar placido e spianato, passando

innanzi al Promontorio di Calpe, una delle due colonne di Er-

cole, verso cui tutti gli emigrant! e i passeggeri rivolsero gli

sguardi.

E il detto promontorio un' alpestre e dirupata roccia, con

erculea fatica e romano ardimento dagli Inglesi trasformata

in fortezza inespugnabile che loro assicura la chiave del Me-

diterraneo.

Basti dire che il genio britannico tutta sviscero a forza di

mine la montagna, aprendovi dentro casematte e gallerie cosi

alte e spaziose da potervisi ricovrare tutto il presidio in tempo


184 L' EMIGRANTS ITALIANO

di assedio. Ne corono poi i flanchi di feritoie squarciate nel

vivo masso, dove imboccano cannoni di grosso calibro, che

spazzano a gran tratto il mare dintorno. Una strada sotterranea

gira tutta dentro con un lungo serpeggiare la monta-

correrla a cavallo. Essa

gna ; ed e cosi spaziosa, che puossi

allaccia insierae tutte le batterie rizzate dentro e fuori della

roccia, e sbocca in varie caverne, una delle quali, detta di San

Michele, e cosa vaghissima a vedere per le belle e numerose

stallatiti che 1' incoronano a guisa di padiglione a frange, a

nappe, a liste lucignolate d'argento.

Al di fuori la vetta e i dossi del monte vennero a forza di

braccia e con ingente spendio dove imboschiti, e dove messi a

cultura di floriti pratelli, orti e giardinetti.

Gl' inglesi che eraco a bordo, compiacevansi di quello spet-

tacolo, altrettanto giocondo quanto onoriflco pel nome britan-

nico ; e gli emigranti anch' essi altamente maravigliati vi ten-

nero inchiodati gli sguardi, fino a tanto che non 1'ebbero

perduto

di vista.

VIII.

SULL'ATLANTICO.

Quanto era stata ai nostri emigranti

disastrosa la traver-

sata del mediterraneo, altrettanto torno loro felice quella del-

1'atlantico; e fu tratto pietoso della Provvidenza, perche i

tapini, dopo il crudele disastro che aveali colpiti, sentivano

estremo bisogno di ripigliare animo e flato. La memoria pero

dei perduti compagni era loro si fltta in mente che il cuore

tuttora ne sanguinava. Ne valeva a distrarli dai loro cupi

pensieri la gazzarra dei marinai, ne 1'allegra

passeggeri di prima e seconda classe, tutta gente

baldoria dei

che non

aveva provato il rovello della sventura, e che ora viaggiava

per diletto o per affari alia volta del Nuovo Mondo. II solo

che versava con le sue parole un po' di balsamo sulle ferite

dei loro cuori era L). Antonio, 1' angelo del conforto, il genio

del bene ;

il quale andava sempre attorno agli emigranti con-


vin. SULL'ATLANTICO 185

fortando or 1'uno, or Faltro, or tutti insieme con le parole e

gli esempi del divin Modello nella grand' arte del patire, e con

la dolce speranza dell'eterne ricompense. Un di si avvenne a

udire una di queste esortazioni il sopraintendente Samuele, a

cui faceva afa tutto cio che sapea di soprannaturale Re-

verendo, diss'egli cinicamente a D. Antonio, parlate

lor dei

guadagni che faranno in America, parlate lor di quattrini, e

li consolerete meglio che con coteste bubole e panzane di vita

eterna.

A tanta improntitudine e mattezza del gran massone ebreo

D. Antonio sentissi salire una flamma al viso, e volea rispon-

dergli per le rime: ma si contenne; e con un risolino ironico

dissegli di rimando Signer Samuele, se i bezzi esser pos-

sono, secondo voi, 1'unico conforto per questa povera gente,

si a a voi, che ne avete tanti,

il consolarla.

Questa bottata cosi recisa mozzo il fiato all' imprudente

Samuele, mentre venne accolta con uno scoppio di risa e di

approvazione da tutti gli emigranti.

L' Ebreo vergognoso di vedersi cosi rimbeccato dal Prete,

risposegli: II mio danaro e frutto delle mie fatiche.

-

piuttosto, pispigliarono pianamente piu voci, e frutto

delle sue usure.

lo non costumo di darlo se non a chi lo guadagna coi

suoi sudori. Ha inteso, Reverendo? Lavorino gli emigranti, e

1'avranno.

- Ma voi, soggiunse D. Antonio, se vi limitate a quel solo

di che avete impegnata lor la parola, avrete sempre bisogno

di chi insegni loro la pazienza e additi il cielo.

- E perche?

- Perche il loro guadagno bastera appena a reggerli in

vita, non mai ad arricchirli.

E avrebbero essi la pretensione di arricchire?

- Anzi, secondo voi e conforme ai vostri principii, essi

avrebbero non pure il diritto, ma anche il dovere di arric-

chire?

Ma che vi entra mai in testa ?


186 L' EMIGRANTS 1TALIANO

Una veritk ch'io spero far entrare ancor nella vostra.

Ditemi di grazia, Signer Samuele, cotesti poveri emigrant!

sono, o no, uomini come voi ?

Certamente.

- Hanno, o no, anch'essi il diritto e il dovere di tendere

alia felicita, per la quale tutti nascemmo, e verso cui ci porta

1'istesso istinto della natura?

Che dubbio?

Ora se non v'e, secondo voi, una vita awenire e una

retribuzione eterna, la felicita non potra

nei godimenti della vita presente?

consistere se non

Cosi e per 1'appunto; perchfe morti noi, finite tutto.

Ma per god ere quaggiu, bisogna arricchire; perche sol

con 1'oro si comprano gli agi, i piaceri, gli onori.

E evidente.

- Dunque avevo ragion di dire che, secondo i vostri principii,

essi avrebbero, non solamente il dritto, ma anche il do-

vere di arricchire ; poiche e debito dell'uomo operare secondo

natura, cioe pel fine a cui fu da natura ordinato. Ora vor-

reste voi ch'essi rinunziassero a un diritto, o fallissero a un

dovere di natura?

- Chi ha mai detto questo?

-

Dunque converra ch'essi facciano ogni poter di arric-

chire, posto che sia la ricchezza mezzo necessario e indispen-

sabile alia felicitci presente, la quale per voi sarebbe 1' ultimo

fine deil'uomo.

- Sia pure, arricchiscano, ma col lavoro.

E se con questo nol potranno, come nella maggior

parte de' casi avviene? E se un lavoro continue e durissimo,

com'e quello degli emigrant!, non si concilia coi godimenti

della vita? Allora?...

Allora peggio per loro!

Allora peggio per voi, che strappaste lor dai cuori la

fede nella vita awenire e ne' premii eterni. Poiche e evidente

che in questo caso essi smaniosi di arricchire e di godere in

questa vita, come quelli che non ne aspettano un'altra mi-


viii. STJLL'ATLANTICO 187

gliore, si crederanno in diritto e in dovere di strapparvi di

raano con la forza quel che non possono ottenere da voi per

amore ; e cosi andranno a ingrossare le file de' socialist}, co-

munardi, anarchici e nichilisti.

Eh guai a loro!...

Si, guai a loro, e guai a voi, guai a tutta la societa,

che ne sara sconvolta da cima a fondo, e andra naufraga in

un mare di sangue.

II Signor Samuele sentendosi stringere dal Prete i panni

addosso, e non sapendo come schermirsi dalla logica di lui,

biascico alcune parole, che neppur furono intese, e sotto pre-

testo di non so qual sua faccenda, interruppe il ragionare e

andossene, se non persuaso,

certo confuso.

Gli emigranti gongolavano di compiacimento

in vederlo

raumiliato, e vieppiii infervoravansi nell'afletto grandissimo

che gia portavano al buon Parroco, in cui ravvisavano il loro

sostegno

e la loro difesa.

Prosegui egli a bordo il suo apostolato tutto il tempo che

duro la navigazione, e venne pero sempre phi in uggia a Sa-

muele, il quale non potendo disfarsene, come gia aveva ten-

tato, diviso seco stesso di far propaganda massonica tra gli

emigranti, e mise gli occhi sopra Landuccio, che parvegli per

1'ardimento, Tenergia e la stima in che era salito presso agli

emigranti il piu acconcio di tutti a tal uopo. II perfido ten-

tative deU'Ebreo era la piu sanguinosa ferita ch'egli far potesse

al cuore di un buon sacerdote, qual era D. Antonio.

Spiato adunque

il momento in che Landuccio se ne stava

soletto ija compagnia de' suoi tristi pensieri, gli si fe' d'accanto

io ho

e con finto sembiante di amico Landuccio, gli disse,

imparato a conoscerti alia prova; ed ora non solamente ho

deposto ogni risentimento contro di te, ma ti stimo assai; e

vorrei valermi di te per cosa che tornera di sommo vantaggio

alia tua persona, a' tuoi e a tutti gli emigranti. Vor-

resti avere la compiacenza

rotto ?

di scendere meco nel mio came-

Landuccio, ch' era unr anima schietta, Candida e ignara


188 L' EMIGRANTS ITALIANO

delle malizie del mondo, presto subito fede alle melate parole

di Samuele; e lieto al vedere verso di se sorridente quel viso

arcigno, risposegli

- -

Grazie, Signor Sopraintendente, volen-

tieri vi seguiro; e scese con lui nel caraerotto di poppa.

Quando furono soli, Samuele con viso ancor piu sorridente

di prima, fattoselo sedere accanto, raise mano a que' sottili

ingegni ed artifizii, coi quali i settarii hanno il mal vezzo di

avvolpinare la credula e semplicetta gioventu.

IX.

LA PROPAGANDA SETTARIA A BORDO

Landuccio, prese a dire in tuon solenne Samuele, io

ho verso di te un gran torto da riparare, la prigionia che

soffristi per mia cagione.

Veramente,

io me F ero meritata !

Basta, non ne parliamo piu : una pietra sul passato. Io

ti credevo dapprima un giovinotto ardito, ma sol capace di

menar le mani. Ora ravviso in te un eroe.

tra le labbra Landuccio, im-

porporandosi

Troppa grazia ! mormoro

in viso.

Si, un eroe tu sei, Landuccio, e ben Io desti due volte

a vedere in un sol giorno, e quando salvasti la vita al Prete

(e qui fe' una smorfia che Landuccio non avverti) e quando

campasti dal naufragio la signorina Agnese, quella

nobile e

ricca donzella, che non dimentichera mai di essere a te de-

bitrice della vita....

Accompagno il suo dire con una strizzatina d' occhio per

significargli quello che le sue parole ancor non dicevano.

Landuccio Io capi a frullo; ma siccome non nutriva spe-

'ranza alcuna che PAgnese flssar potesse gli occhi sopra un

povero villanello, disse: L'Agnese mi sara sempre grata,

perchfe e un' anima buona e gentile ; ma la sua riconoscenza

non andra fin dove crede il signer Samuele.

Perche no? Veggo bene che sei novellino in questo


IX. LA PROPAGANDA SETTARIA A BORDO 189

mondo. Non sai tu che oggi non si guarda tanto pel sottile ?

Ogni di si stringono matrimonii tra persone delle piu disparate

condizioni, ne per questo si mena rumore e scandalo

nel mondo. Non siamo tutti egualmente flgli

che differisci tu da Agnese? In questo

di Adamo? In

solo che tu sei brul-

laraente vestito, ed ella sta sul tirato; tu mangi polenta, ed

ella buone bistecche. Oh credi a me, cotesta differenza di con-

dizione, che scavava un tempo tra le classi sociali un abisso,

oggi e appena un fossatello, che si salta a pie pari.

Eh si, lo dite voi, signor Samuele, disse crollando il

capo Landuccio. lo so per esperienza che i signori non ci

degnano neppur di un guardo, a meno che non siano fior di

cristiani; ma questi sono scarsi al mondo. E voi mi parlate

di matrimonii tra villani e signori !....

- Ah tu non conosci il mondo, la societa moderna, il

cuore umano, e non sai di che e capace una donna quando

si e incapricciata di un giovinotto, sia pure un mozzo

di stalla. Nel caso tno poi la cosa e ben diversa. Tu non sei

uno stalliero, ma un bravo e buono agricoltore, mestiere,

anzi professione molto onorata ! Sei di umile condizione, ma

d' animo eccelso, di spiriti generosi, di florida salute, ben

aitante e bello della persona. Che vuoi di piu?

A questo scroscio di lodi, Landuccio bruciava di vergogna

e taceva, rugumando tra se che dir volesse cotesta incensata.

Samuele che si avvide dell' imbarazzo del giovane, soggiunse

tosto :

- Tu

pensi forse ch' io ti voglia adulare ? Oibo ; io ti dico

quel che tutti hanno in cuore e spesso sulle labbra, quando

parlano

di te. So bene che il lodarti in faccia e offendere la

tua modestia ; ma tu me lo perdonerai, riflettendo ch' io parlo

cosi, perche voglio che tu conosca una volta te stesso, e sol-

levandoti sulP umile tua condizione, non reputi cosa impossibile,

che una nobile e ricca donzella chiegga la tua mano.

Ma avrebbevi ella dato qualche accenno su questo? dimando

tutto peritoso Landuccio, a cui gi& cominciava a sor-

ridere lontan lontano qualche barlume di speranza.


190 L' EMIGRANTS ITALIANO

- Eh... eh... a im par mio, basta un' occhiata, basta un

sospiro per farmi chiaro ed aperto il segreto di un cuore ; ed

io ho colto di volo quest! segni in Agnese.

Era non piu che affetto di gratitudine il suo.

A chi lo dai tu ad intendere, Landuccio ?.... Vuoi tu

vedere s' io sono scrutatore de' cuori ? Tu poc' anzi amavi

senza speranza, ed ora ami e speri. Negaio, se puoi?

Veramente avete dato nel segno. Ma pur troppo le no-

stre speranze il piu delle volte non sono che illusion! !

Tale non sark la tua, ripiglio con tuono fatidico Sa-

muele. Sta nelle mie mani il fare che il tuo dorato sogno

si avveri.

E come mai ?

- Non ti curare di saperlo : lasciane a me il pensiero. Io

ho buoni corrispondenti ed amici nel Brasile, come in tanle

altre parti del mondo, i quali mi aiuteranno in questa bisogna.

Una cosa sola io ti domando, come condizione necessaria per co-

lorire il mio disegno.

E sarebbe? dimando Landuccio con premura.

Cosa da nulla.

Ma io son povero in canna.

. Che, che ? Non vo' io gia bezzi da te, ma solo il tuo

nome alia nostra societa, a cui mezzo mondo omai appartiene.

E che societa e la vostra?

Una societa ftlantropica, umanitaria, che ha per iscopo

di unire tutti gli uomini in un amplesso fraterno, una societa

che conta ben trenta milioni di associati, tra' quali principi e

gran signori, una societk in fine che oggi governa il mondo,

in una parola la Massoneria. Che onore per te esservi ascritto !

Che vantaggio godere della protezione

fratelli !

e dell'aiuto di tanti

Landuccio non sapea ben che si fosse Massoneria; ma si

ricordava di averne udito dir peste a D. Antonio, il quale nei

suoi sermoni svelavane le turpitudini e le scelleratezze, esor-

tando i suoi parrocchiani a non voler gittarsi in bocca a Sa-

tana, di cui quella setta e la incarnazione. E poi,

dicea tra se :


IX. LA PROPAGANDA SETTARIA A BORDO 191

chi mi fa questa proposta & un ebreo, e un di quegli ebrei

che non crede piu niente. Se la Massoneria fosse una buona

societa non accoglierebbe siffatta gente nel suo grembo. Pru-

denza adunque Landuccio; non ti compromettere!

Cotesto ragionamento fa cosa di un istante... Egli non dis-

simulo a Sarauele la sua titubanza; e dimandogli tempo da

riflettervi sopra. Quindi resegli molte grazie per Tinteresse

che mostravagli, accomiatossi da lui dicendogli, che dentro la

giornata sarebbe tomato a dargli una risposta.

Ma Landuccio non torno ; ch6 D. Antonio, a cui apri Fanimo

suo per averne consiglio, lo fe' accorto della tranelleria; e

chiarillo sul vero intento della setta massonica, qual si ap-

stesse dei frammassoni. Con-

palesa dalle opere e dalle parole

togli per fllo e per segno le teorie da essi proclamate nelle

loro generali assemblee tenute a Parigi, a Londra, a Losanna,

a Ginevra, e consegnate nei loro manuali,

rituali ed altri li-

bri massonici che videro la luce, teorie che sono la negazione

del cristianesimo e dell'istesso Dio. Diegli a conoscere, per

quanto lo comportavano il tempo e la capacita del giovane, i

sacrileghi riti, gli esecrabili misteri, gli

scellerati mezzi ai

quali mette mano la setta infernale, e la sua azione demoli-

trice della religione, della morale e della civilta cristiana.

Questa salutar lezione duro tre ore : e Landuccio rimase at-

territo dal gran rischio che aven corso di dare nella ragna

tesagli con tanta astuzia da Samuele. Pero quel giorno ne

canso 1'incontro; e il di appresso, che sel vide venire innanzi

con una cert' aria di bonomia mal confacentesi a quella grinta

sinistra, freddamente salutollo: Signer Samuele buon giorno.

Ebbene, Landuccio, io t'aspettavo iersera, e tu non ti

facesti vedere.

NulJa avevo che dirvi; ho rimuginato assai col pensiero

Taffare che m ;

p-oponeste,

e ho deciso di non fame nulla.

Peggio per te, gocciolonc, soggiunse Samuele, arric-

ciando il niffo.

- Sara,! ma non mi rimuovo dal mio proposito.


192 L'EMIGRANTE ITALIANO

Veggo

bene^che sei andato a zuffolar tutto nelle orecchie

del prete, e a prendere da lui 1'imbeccata.

soneria.

Prete o non prete, io nulla vo' sapere di cotesta Mas-

testa bugia, non ti awedi tu che perdi un terno secco

al lotto? Essendo de' nostri non ti potea fallire un buon im-

piego, quattrini a pala e la mano d'Agnese, e tu t'incappo-

nisci a fare il broncio alia fortuna che ti si mostra cosi sor-

ridente in viso? Dunque vuoi tu rimanere ne' tuoi cenci?

Vi rirnarro fln che Dio vorra; ma io non posso far cosa

che ripugna

alia mia coscienza.

Ah... ah la coscienza!... Fisime de 1

preti ! Son

essi che

t' hanno imbottita la testa di pregiudizii. Oggi la scienza ha

dimostrato che la legge morale dell'uomo e 1'utile e il piacere r

e chi serve alFuno e all'altro opera secondo il dettame della,

ragione.

Per tutti i diavoli dell' inferno non ho mai udito una

bestialita come questa!

E tu chiami bestialit& un principle scientifico cosi lu-

minoso come questo ? Non sai ch' esso e la molla del pro-

gresso ?

- Lascio a voi coteste molle e cotesto progresso. Io ho>

la mia ragione e il mio catechismo, e quella e questo m' in-

segnano che sopra 1' utile e il piacere

tutti dobbiam praticare.

Povero ragazzo ti compatisco!

sta la virtu, che noi

Sei villanzuolo... non hai

avuto ne maestri ne scuola.... non puoi pensare con la tua.

testa... Ma ti faro istruire ben io.

Non fa bisogno: ho imparato quanto basta dal roio buon

Parroco, D. Antonio che per ben dieci anni mi fe'scuola, senza

parlare de' catechismi e delle prediche, con le quali ci ammae-

strava ogni

festa in Chiesa.

Gia, gia, lezioni da prete ! sclamo con una sonora sghi-

gnazzata Samuele. Poscia recatosi in contegno -- Landuccio,.

gli disse, veggo bene che tu non sei ancora acconcio a far

parte di una societa come la nostra, la quale ha ideali troppo


IX. LA PROPAGANDA SETTARIA A BORDO 193

alti e troppo superior! alia tua presente istruzione. E d'uopo

adunque che tu ti faccia ammaestrare nella scienza, e allora

ti apparirk la vera luce. Di questo mi prendo io Tincarico.

Non so che farmi della vostra scienza, della vostra luce

e della vostra Massoneria; e da questo momento vi protesto

che non vo' piu udirne motto.

Sei risoluto?

Risolutissimo.

- Pensaci bene !....

Ci ho pensato abbastanza.

- Si tratta del tuo a v venire!

- II mio av venire e nelle mani di Dio. Sara di me quel

ch' egli vorrci ; e si dicendo, con una scrollata di spalle gli si

tolse bruscamente d'iananzi.

Questo rifiuto, accompagnato da quella voltata di spalle

fe' ingrossar gli umori a Samuele, che lanciogli dietro una

guardataccia torva e grifagna, come per dirgli me la pa-

gherai. Infatti da quel giorno gli fe' sempre il viso arcigno ;

ne piu parlogli che in tuon di comando, come solea con gli

altri emigranti. Per ricattarsi in qualche modo della mala

riuscita del suo tentative con Landuccio, egli armo ad altri

emigranti i lacci suoi, e credesi che ne arreticasse parecchi

de' piu allocchi o inviziati degli altri.

8*r1f XV, ">'. I, fagf. 9S8. 13 7 gennaio 1P92.


RIYISTA DELLA STAMP!

i.

La condizione del lavoratori, Lettera aperta a S. S. LEONE

XIII di ENRICO GEORGE ecc. Traduzione itdliana dell'An-.

LUDOVICO EUSEBIO. Torino, Unione Tipografico editrice,

1891. Un opuscolo in 8 di pp. 134.

In qnesta lettera il sig. Enrico George, celebre economista

nmericano, istituisce un esame critico dell' Enciclica del S. Pa-

dre Leone XTII De conditione opiftcum. Egli, benche prote-

stante, parla sempre del Santo Padre con sensi di venerazione:

Pel Vostro ministero io ho profondo rispetto, per la Vostra

persona la piu alta stiraa 1 . Apprezza 1' importanza

dell' En-

ciclica: Noi vi siamo della Vostra Enciclica profondamente

grati. Invero e molto per noi, che col chiaraare cosi solennemente

1'attenzione sulla condizione del lavoro, Voi abbiate

richiamato il fatto, da tanti dimenticato, che i mali e i problerai

sociali dei nostri tempi direttamente e urgentemente interes-

sano la Chiesa 2 .

Ma, perciocche nell'Enciclica son contenute idee, contrarie

a' concetti da lui espressi nelle sue pubblicazioni, egli prende

a ribatterle, e spesso con parole incisive. A quest'asserzione

di falsi diritti Voi siete condotto dal negare, che Voi fate, i

diritti veri 3 .... Voi ci date Peguaglianza dei diritti in cielo, ma

ci negate Peguaglianza dei diritti sulla terra 4 .

1. L'Autore ammette la proprieta privata sui prodotti del

lavoro, ma la nega. quanto alia terra; sulla quale crede che

tutti abbiano eguale diritto. Essendo tutti egualmente crea-

ture del Creatore, aventi tutti eguale

diritto a vivere sotto

la sua provvidenza e soddisfare i loro bisogni, gli uomini hanno

Pag 103.

:|

Pag. 104.

3

Pag. 92.

4

Pag. 100.


RIVISTA DELLA STAMPA 195

tutti eguale diritto di usare della terra, ed ogni ordinamento

che neghi questa eguaglianza di diritto, e moralmente ingiu-

sto l . Ma

noi chiediamo : Se un uorao in una terra deserta,

non ancora occupata da veruno,

si fabbricasse una casa o

costruisse una capanna per abitarvi, sarebbe moralmente in-

giusto quell' ordinamento che vietasse agli altri di discacciar-

nelo? Eppure egli ha preso per se una parte di terra. Se Iddio

ha dato a tutti il diritto di usarne, lo ha dato dunque anche

a lui; ed egli ne ha usato nel modo anzidetto. Lo stesso dite

di chi occupasse un terreno per dissodarlo, ararlo, e trarne

frutto. E qual divario tra un suolo occupato per averne abi-

tazione, e un suolo occupato per averne alimento ?

II George, per sostenere la sua tesi, ricorre sempre, e flno

alia noia, all'argomento, che la terra non e un prodotto dell'

uorao, ma un dono di Dio. . Ma dali'essere dono di Dio non

segue che essa non possa diventare proprieta dell' uomo; anzi

ne segue il il contrario; perche dono entra in dominio del dona-

tario. II George scrive: Se un uomo prende un pesce dal

mare, esso acquista un diritto di proprieta su quel pesce; il

qual diritto esclusivo esso puo per

vendita o donazione tras-

ferire ad altri. Ma quel pesce non era dono di Dio ? Come

attribuirselo? Nessuno venendo al

dunque 1' occupante puo

mondo senza il permesso di Dio, la sua presenza attesta il

suo eguale diritto all' uso dei doni di Dio 2 . Ogni uomo a-

dunque, che si trovasse presente alia presa di quel pesce, potrebbe

del pari pretenderlo. E se non puo, perche gia occu-

pato, non dovra dirsi cio anche della terra, non ostante che

sia dono di Dio?

No; perche quel pesce 6 consumabile, e la terra e per-

manente, ed e la sorgente prima, da cui si cava il nutrimento

necessario a tutto il genere umano. Onde a tutto il

genere umano deve dirsi data qual patrimonio comune : Terram

autem dedit filiis hominum 3 .

Qui giace un equivoco. La terra f data agli uomini qual

quella voce comune vuol prendersi

patrimonio comune : ma

1

Pag. 6.

2 Pag 7. * Salmo CXIIl, 16.


196 RIVISTA

in senso non positive, quasi che Iddio avesse ordinato che tutta

si possedesse in solido da tutti, e da niuno partitamente in

proprio; ma in senso negative, in quanto

Iddio non ne di-

stinse il possesso partitamente pei singoli. Communitas re-

turn attribuitur iuri naturali, non quia

ius naturale dictat

omnia possidenda communiter, et nihil esse quasi proprium

possidendum ; sed quia secundum ius naturae non est di-

atinctio possessionum l . II che ottimamente noto il Ponteflce,

aggiungendo che una tal partizione Iddio la lascio alPindustria

dell'uomo e alle leggi di ciascun paese.

E cosi vien risposto all' esempio, che il George

reca del-

1'ereditk lasciata da un padre a' suoi figliuoli, acciocche tutti

ne vivano. Quel padre avrebbe significato

il suo volere che

la detta eredita restasse in comune tra quelli, o fosse divisa

egualmente. Ma Iddio non ha fatto cosi. Egli ha data la terra

agli uomini qual fondo comune, per trarne gli alimenti. Ma

il mezzo da trarneli ha voluto che fosse il lavoro; il quale

puo essere di doppia

maniera : cioe o lavorando la terra stessa

o esercitando un mestiere, i cui guadagni si tramutino coi frutti

della medesima. Egli non ha detto: In occupatione terrae, ma

in sudore vultus tui vesceris pane. II sudore non si sparge

solamente zappando un terreno, ma faticando come che sia.

II George dice, riportando le parole del Vescovo Nalty :

II popolo e e sempre dev'essere il vero proprietario della

d'onde lo deduce? Se, per es-

terra del suo paese 2 . Ma

sere la terra data da Dio a tutti gli uomini, nessun uomo

individuo puo appropriarsene una parte; cio vale altresi per

ciascun popolo. Qual diritto ha il popolo italiano, per esem-

pio, di ritenere per se il bel paese,

che il mar circonda e

VAlpe? Se ogni uomo ha egual diritto a tutta la terra, gli

Scandinavi verbigrazia potranno dire agl'Italiani : Questa terra

e anche nostra ; perche la ritenete per voi? Veteres migrate

coloni. Cosi resterebbero giustificate tutte le invasioni barba-

riche.

1 S. TOMMASO 2. 2. q. LXVI, a. 2,

* Pag. 21.

ad \.


BELLA STAMPA 197

Ma passiamo a dire della confutazione che il Sig. George

presume di fare degli argomenti

del Ponteflce.

Leone XIII nella sua Enciclica per riprovare Pabolizione

della proprieta privata, cominciava dal mostrare come essa

sarebbe un oltraggio agl'interessi

stessi di coloro che si vo**-

rebbero favorire. E recava 1' esempio d' un operaio, il quale

co' risparmii sopra il suo salario sia giunto a raggranellare

tanto danaro da comperarsi, per esempio, una terricciuola.

Quella compera non sarebbe che Tinvestimento delle proprie

mercedi in cosa che valga a migliorare la sua condizione ed

.assicurargli la vita con indipendenza da chicchessia. Or non

sarebbe una crudelta ed una ingiustizia privarlo di quel pos-

sesso ?

II George gli oppone che un tale discorso, legittimerebbe

la schiavitu, poich6 in egual modo potrebbe applicarsi alia

compera d'uno schiavo, dicendo: Se (il presupposto operaio)

on le sue economie venne a fare dei risparmi e per meglio

.assicurarli li invest! in uno schiavo, questo schiavo non .e in-

fine che la mercede medesima sottp forma diversa, e conse-

guentemente dev' essere proprieta sua, ne piu

- 1

mercede stessa .

ne meno della

Ma ci vuol poco ad intendere che qui il paragone non

regge. Conciossiache le materie sono diversissime. Nel primo

^aso si tratta di cosa, nel secondo di persona. La terra e fatta

per servire ai bisogni dell'uomo; non cosi la persona umana,

la quale non e mezzo ma fine, eguale nella dignita a ciascuno

de' suoi simili, e pero non convertibile in istrumento del ben

essere altrui. II cercar simiglianza tra queste due maniere

di argomentare e uno sragionare a disegno. L' argomento del

Pontefice non puo applicarsi allo schiavo, perchd a risponder

la materia & sorda.

Si ripiglierci : la simiglianza sta in cio, che come non 6

lecito 1'acquisto d'uno schiavo, cosi non e lecito 1'acquisto

d'un campo. Non meno della proprieta privata degli schiavj,

,la proprietk privata della terra e una violazione dei veri di-

1

Pag. 27.


198 RIVISTA

ritti dei proprietarii 3

. Falsissimo. La propriety privata de-

gli schiavi e contraria all' ordine della ragione ; per opposto

la proprieta privata della terra gli e conforme.

3. II Ponteflce lo dimostra dalla differenza che passa tra

Tuomo e il bruto. II bruto, come dotato di solo senso, si ferma

al preseate e si avvale delle cose, secondo che gli si offrono pei

suoi momentanei bisogni. Ma Fuomo, come fregiato

gione, si stende anche al future ed e provvido

di ra-

dell'avvenire. II

perchS, essendo redituri i suoi bisogni, e soddisfatti oggi rivivono

domani ; la natura ha dovuto concedergli la facolta di

potersi appropriare non solo le cose acconce all'uopo pre-

sente, ma ancora quelle che colla loro fecondita lo assicurino

dal bisogno futuro. E questo un diritto che si confonde col

diritto di provvedere alia propria conservazione, e percio &

individuate e indipendente dallo stato sociale. Ne con cio si pone

altri nelP impossibility di vivere; perche, insieme colla conces-

sione d' un tal diritto, Iddio ha imposto all'uomo il dovere che

dopo. d'aver provveduto a se stesso, faccia di buon grado par-

tecipi del superfluo i bisognosi.

Contro una dottrina siffatta si spuntano al tutto le armi

de' socialisti.

4. Un altro argomento in favore della proprieta privata

traeva il Ponteflce dalla natura del lavoro, il quale ha virtu di

trasformare la terra da sterile in ubertosa, imprimendole cosi

in certa guisa la personalita del lavoratore. II George ap-

porta in contrario due argomenti. L'uno e che se quesfargomento

valesse, la proprieta di ciascun terreno apparterrebbe a

quelli che lo lavorano e non a quelli che, senza lavorark) se

ne attribuiscono i frutti. L'altro, che 1'utilita impressa nella

terra e distinta e separabile da essa ; altrimenti come potreb-

bero i proprietarii pretendere che nel fitto si tenga conto dei

miglioramenti arrecativi 2 ?

Ma quanto al primo si risponde che il Ponteflce parla del ti-

tolo originario, e non di quello dei presenti possessor} ;

i quali

potettero ricevere un tal terreno per compra o eredita o dono.

i

Pag. 28. 2

Pag. 38.


BELLA STAMPA 199

Ma i primi che lo acquistarono, ottimaraente possono appellarsi

al lavoro che^sopra vi esercitarono.

Quanto al secondo argomento, e vero che per astrazione

men tale possono bene spesso distinguersi i miglioramenti dal

suolo, e fame materia di patto. Ma in prima molti migliora-

menti si confondono in guisa col suolo, che e impossibile di-

stinguerneli, eziandio colla mente; come quando alcuno ha

ridotto a fertile e fiorente campagna paludi malsane o deserti

di cio che

areuosi. In secondo luogo il Pontefice non parla

puo farsi per astrazione mentale, ma di cio che puo eseguirsi

nel fat to; ed e certissimo che le utilita recate al suolo, col dis-

-odarlo, eccetera, sono inseparabili dal medesimo ; e pero niuno

puo godere di queste, senza godere

del suolo stesso.

5. II Pontefice deduceva il diritto di proprietk privata anche

dal concetto di famiglia, in quanto il padre ha il dovere di prov-

vedere aH'avvenire de' suoi figliuoli, il che non puo fare se non.

procurando di acquistar beni fruttiferi, che poi lasci loro in

retaggio.

II George impugna quest 1

argomento, e tutto il suo discorso,

spogliato d'ogni accessorio, si riduce a dire che ben pochi padri

possono giungere a tan to. Nei paesi piu ricchi non il cinque

per cento dei padri sono in grado di lasciare ai loro figli qualche

cosa che metta conto, e probabilmente la gran maggioranza

di essi non lasciano di che sotterrarli. Alcuui pochi figli sono

dai loro padri lasciati piu ricchi di quanto sia bene per essi l .

Non comprendiamo questo ragionamento: Non tutti giungono

alia meta; dunque nessuno e obbligato a tendervi. San

Paolo argomenta diversamente: Quelli che corrono nello sta-

dio, tutti veramente corrono; ma un solo giunge al pallio.

Correte dunque in guisa, che vi arriviate: // qui in stadio cur-

runt, omnes quidem currunt, sed unus accipU bravium. Sic

cur rite, ut comprehendatis 2 . Appunto perche pochi conseguono

il fine, deve crescere in tutti Toperosita e la solerzia, afflnchfe

sieno del numero di questi pochi. E giusto cio che il George

'dice: L' impossibile non puo costituire un dovere. Ma, se

i

Pag. 49.

' i. Cor. IX, 24 fc


200 RIY1STA

in certi paesi il cinque per cento in circa dei padri, come egli

concede, giunge a lasciare a' figliuoli alcuna cosa che metta-

conto; dunque la faccenda non e impossibile. All' impossiblenessuno

giunge. E giusto altresi cio che egli aggiunge: II

dovere che ogni padre pud adempiere non e forse quello di

condursi essi stessi in modo, di allevare ed istruire i loro flgli

in modo che questi giungano alia virilita, sano il corpo, svi-

luppata T intelligenza, con abiti di virtu, di pieta, di opero-

sita, e giungendovi trovino uno stato sociale, che apra a tutti

i doni di Dio, la provvidenza del Padre di tutti *? Si; ma,

questo non toglie che alPadempimento di siffatto dovere versa

i figliuoli si aggiunga anche quello di sforzarsi a provvederli

contro Tinopia coiracquisto di qualche bene stabile e fruttuoso.

6. Da siffatte ed altre ragioni, che per brevita omettiamo,

il Pontefice inferiva che lo Stato non ha potesta di abolire la

proprieta privata de' fondi rurali, senza grave oltraggio alia

giustizia naturale. II diritto a cotesta proprieta

e individuale

e domestico, e pero storicamente e razionalmente anteriore

alia istituzione dello Stato. Lo Stato puo

solamente abolire

quei diritti, che vengono conceduti da lui, non gia quelli che

sorgono

dalla natura.

II George, compreso dalla fissazione che la proprieta della,

terra e ingiusta, dice: La proprieta privata

della terra e

creazione dello Stato, non della natura. E cosi nessuna obbie-

zione puo essere fatta dal punto di vista morale quando si

propone che lo Stato 1'abolisca senz'altro: in quanto

essa co-

stituisce una violazione del diritto naturale, la sua esistenza

involgendo una grande ingiustizia da parte dello Stato, un'em-

pia violazione delle intenzioni del Creatore; Pabolirla, senz'al-

tro, e per lo Stato un dovere. Lungi

dall'esservi alcun che

d' ingiusto nel prendere che si faccia 1'intero valore della pro-

prieta della terra per Fuso della comunita, la vera ingiustizia

sta nel lasciarla in mano a privati, ingiustizia che equivale-

al furto, alTassassiuio 2 .

Qui 1'Autore allude alia sua prediletta idea delVunica im-

i Pag. 48-

2

Pag. 54.


BELLA STAMPA 201


202 RIVISTA

di ogni sua parte. Xe proponiarao la misura, impossibile, nel

presente stato della societa, di dividere la terra in parti u^uali ;

ed ancor meno quella, piu impossibile ancora, di tenere la

terra cosi divisa. Noi proponiamo seraplicemente che, lasciando

la terra nel private possesso d' individui, con piena liberta

di donarla, venderla, o legarla, si levi su di essa per pub-

blici usi una imposta, eguale al valore annuale della terra in

se, indipendentemente dall' uso che di essa siasi fatto, o dei

che in essa o su di essa siansi introdotti. E

miglioramenti

poiche questa imposta basterebbe arapiamente ai pubblici bi-

sogni, noi accompagneremmo la sua introduzione coll'abolizione

di tutte le iraposte che ora si levano sui prodotti e processi

delFindustria '.

Ma con pace del nostro scrittore, chiediamo in prima come

si fa a separare il valore annuale della terra da quello che

ad essa aggiunge Tuso che se ne fa, ossia il lavoro che la

fa fruttiflcare ? Un tal valore non puo

determinarsi se non

dalla quantita e qualita de' prodotti, e tal qualita e quantita

precede indivisibilmente dalla fertilita della terra e dall'inten-

sitci e solerzia del lavoro che riduce ad atto codesta fertility.

Tassando il primo e impossibile che implicitamente non si tassi

anche il secondo. E pero il ripiego, inventato per liberare da

pubbliche gravezze il prodotto dell'industria individuale, fallirebbe

allo scopo. Di piu, da tal separazione consegue che dun-

que non solo il lavoro ma anche la terra, riguardata per

se, deve ammettersi come fattrice di ricchezza; perche, an-

che cosi riguardata, se ne apprezza il valore. Dunque

e falso

cio che il George afferma che II lavoro, come il fattore at-

tivo, e quello che produce ogni ricchezza; la mera proprieta

non produce nulla 2 . La proprieta certamente da se sola non

produce nulla; ma ben produce molto unita al lavoro. I fat-

tori della produzione son due : la propriety e il lavoro. E per6

il proprietario d'una terra, il quale ne concede 1'uso ad altrui per

lavorarla, pone realmente uno dei produttori della ricchezza,

e quindi puo giustamente ripeterne in compenso una parte.

Quella parte non si riferisce al lavoro, posto daH'operaio, ma

1

Pag. 10. - 2

Pag. 40.


BELLA STAMPA 203

all'uberla del terreno, po.sto dal proprietario. In terzo luogo

la proposta deirAutore non rimuove il salario. Imperocche il

possessore della terra, ammesso da lui, non potendo da se

solo lavorarla e coltivarla, ha mestieri di aiutatori, i quali in

compenso della loro opera

ban diritto a mercede. Facio ut

des. In quarto luogo, la comunita o lo Stato, riscotendo dai pos-

sessor! della terra la rendita che ne proviene, dovra con essa

provvedere, oltre alle pubbliche spese, al mantenimento de'cit-

tadini disoccupati. Ma non potra far cio, senza assicurare a cia-

scuno un lavoro e somministrargliene gli strumenti. Ed eccoci

allora in pieno Socialismo, con gli opiflcii governativi del Blanc,

che fecero in Parigi si mala prova. Inflne quella proposta,

lasciando il possesso privato della terra colla liberta di alie-

narla e col godimento esclusivo dei frutti del lavoro che si

esercitasse in essa e sopra di essa, ne ammetterebbe in so-

stanza la proprieta; la quale al trar deVconti non richiede piu

di questo. Solo col voler che la rendita, riferibile ad essa, salvo

i frutti del lavoro, si paghi allo Stato pei comuni bisogni, ac-

collerebbe ai soli proprietarii tutto il peso delle pubbliche gra-

vezze. E cotesta e una manifesta ingiustizia; perche, parted -

pando tutti i cittadini dei sociali vantaggi,

tutti debbono an-

cora proporzionatamente concorrere alle sociali spese. Onde

quella proposta si ridurrebbe a un arzigogolo,

ingiustizia.

macchiato d'una

Resterebbe ora a parlare della confutazione, che il George

fa dei rimedii proposti dal Pontefice. Ma di cio nel vegnente

quaderno.

II.

Die Kaiakombengemalde und ihre alien Copien. Fine

ikonogmphisclie

Studie von IOSEPH WILPERT. Mit 28 Ta-

feln in Lichtdruck. (Le pitture delle Calacombe e le loro

antiche copie. Studio iconografico con 28 iavole in fotoli-

pia). Friburgo di Brisgovia, Herder, 1891. In 4 di

pp. IX- 82- XXVIII.

Gli studii e le scoperte moderne della scuola archeologica

romana con a capo P illustre Comm. De Rossi hanno messo


204 RIVISTA

in piena luce la storia delle catacombe. Si sa in ispecie che

intendooo signiflcare le pitture che vi si scorgono;

se ne co-

nosce il sistema consueto, costantemente adoperato nella rap-

presentazione de' gruppi, de' simboli, degli ornati;

se ne de-

terminano quasi a prima vista le proprieta e quindi i diversi

secoli a' quali appartengono i disegni; per ultimo anche le-

figure piu sbiadite e tanto malconce, che a mala pena conservano

qualche tratto del disegno primitive, vengono dall'oc-

chio esperto non difflcilmente ravvisate o supplite. A tale-

ottima condizione degli- studii s' aggiungono

i mezzi che for-

niscono le scoperte moderne della fotografla e della fototipia

per la riproduzione esatta delle immagini, come si trovano-

sui mormmenti, e per la moltiplicazione delle copie, cosi che

con ogni agio possono tutti oramai appiicarsi

ad esaminarle

nella quiete del proprio studio. La natura stessa si e dunque-

fatta in gran parte correttrice inesorabile degli

errori del-

Tuomo; e com'essa ha recato per dir cosi. un compiuto rivol-

gimento in tutti gli studii che in altri tempi

sopra copie di documenti o di disegni, allestite coi soliti mezzi

da persone particolari, cosi non recherk meraviglia che an-

si fondavano

che negli studii archeologici delle catacombe, fatti negli scorsi

secoli, essa abbia scoperto buon numero di errori, che oramai

e necessario indicare e correggere.

A questo lavoro si accinse il ch. Archeologo MODS. Wil-

pert adoperandovi intorno quell' autorita, erudizione, competenza

ed accuratezza, che sono qualita sue proprie, ricono-

sciutegli uoiversalmente. Prese egli ad esaminare i primr

disegni delle pitture cimiteriali, fatti eseguire

sia dal dome-

nicano fra Alfonso Ciacconio poco dopo la scoperta delle ca-

tacombe, avvenuta per caso il 31 maggio 1578; sia piii tardr

dal celebre Antonio Bosio, autore della Roma sotterranea

pubblicata dopo

la sua morte nel 1632.

Le copie del Ciacconio si trovano tutte riunite nel codice

n. 5409 della Biblioteca Vaticana, e sebbene non siano state-

mai pubblicate con le stampe, nondimeno in parte servirono-


BELLA STAMPA 205

di guida al Bosio nel preparare 1' opera sua, e godettero tanta

riputazione presso i contemporanei che furono fatte ricopiare

diligentemente per la Biblioteca Ambrosiana di Milano, dove

tuttavia si conservano (p. 74). Quanto ai disegni che servirono

al Bosio, si ritrovano essi in buona parte in un codice della

Vallicelliana; pero non tutti furono pubblicati nella Roma

sotterranea ed alcuni recano tuttavia qualche motto di disapprovazione,

scritto dalla mano del Bosio stesso, ovvero hanno

un frego di penna su per 1'intera flgura; segno chiaro che

quell' insigne archeologo non li stimava degni d' essere posti

nella sua opera. Se pero egii vivesse ai giorni nostri e i di-

segni da lui approvati per le stampe ponesse a riscontro coo

le copie esattissime che ora si ottengono, si persuaderebbe di

leggieri, come quelli siano pieni di error! e difetti e non pos-

sano piu servire allo studioso. Di fatto, quest' e la conclusione

che trae il Wilpert dalPintero lavoro: le stampe del Bosio

hanno per 1'archeologia un valore assai limitato, e pero assai

limitato dev' essere 1' uso che ne puo tare lo scienziato; che

se poi trattisi di question! special! p. e. intorno a studii ico-

nograflci e a' singoli tip! che s' incontrano nelle catacombe,

essi sono assolutamente privi d'ogni valore dimostrativo(p.75).

Si rifletta ora che il Bosio fu piu volte tratto in inganno

dai disegni del Ciacconio e che le stampe della Roma solter-

ranea, non pure furono poscia copiate e ricopiate ad occhi

chiusi ne' libri anche piu moderni e scritti da uomini molto

illustri, ma posta 1'autorita del Bosio servirono persino di fondamento

a teorie ed a sistemi, accettati universalmente come

cosa certa e provata. Di necessita dovevano dunque infiltrarsi

nella scienza arch ologica errori in buon numero e false teo-

rie; e sebbene piu non sia cosa difficile scansare gli uni e

le altre, posto che si tenga conto del progresso che hanno

fatto gli studii moderni, nondimeno era giusto che si cercasse

la vra origine di quegli errori, perche la loro dimostrazione

apparisse sempre piu evidente e alia scienza archeologica si

aggiungesse ancor questo pregio di conoscere il suo lento


206 RIVISTA

svolgimento nella storia e i passi che faceva, prima bambina,

poi giovinetta fino al pie fermo e sicuro, che, giunta a ma-

turita, acquisto negli ultimi tempi.

L'opera del ch. Autore si divide in due parti; nella prima

si studiano i disegni del Ciacconio, nella seconda quelli del

Bosio; alia fine sono aggiunte 28 tavole in fototipia, che ri-

producono perfettamente buon numero di figure, specialmente

le inedite, e servono pe' riscontri coi disegni moderni.

Quanto ai disegni del Ciacconio, il Wilpert

trovo che sono

fatti da cinque diversi disegnatori; ciascun di loro ha qualita

sue proprie, ma tutti seguono presso a poco lo stesso metodo.

tracciali con la sem-

1 contorni delle figure sono dapprima

plice matita, poscia segnati a penna; il resto e per ultimo

riempiuto a colori. Or siccome, per non dir altro, neppure una

sola di queste pitture risponde ne' colori agli originali, che

tuttavia esistono nelle catacombe,

si deve conchiudere che il

lavoro adombrato in fret la sul luogo, fu poi condotto a ter-

mine in casa, con non altra norma che il puro capriccio o

una vaga memoria del vero quadro.

Al primo disegnatore appartengono anzitratto le copie del

cimitero de' Giordani, che fu distrutto dagli scavatori di poz-

zolana poco dopo scoperto, nel maggio 1578. Sono quindi pre-

ziose assai per la storia non ostante i loro difetti, e il Bosio,

percio, le riprodusse nella sua Roma sotterranea. Or queste ri-

produzioni presentando differenze notevolissime dalle copie del

Ciacconio, gli eruditi supposero finora che il Bosio ne correg-

gesse i disegni sopra certe altre copie fatte nel medesimo tempo

dal fiammingo de Winghe, il quale, accorgendosi per lo appunto

dei difetti che aveano le copie del Ciacconio,

s' era messo a

disegnare con maggior cura le medesime figure. Ma il Wilpert

dimostra assai bene, che i disegni del de Winghe, quali si

conservauo (sebbene solo di seconda mano)

nel codice G. 6

della Vallicelliana, sono veramente migliori di que' del Ciac-

conio, mentre il Bosio li rida con difetti ancor maggiori. Segno

evidente che il Bosio non pose in questo la debita diligenza


BELLA STAMPA 207

e lascio ogni cosa al capriccio de' suoi disegnatori (pp. 11-15).

Comunque sia, non e difficile ricostruire quasi tutte quelle

pitture, che sono al postutto Je consuete a vedersi nelle catacombe

e potendosene riconoscere con facilita gli elementi nelle

copie del Ciacconio comparate con quelle del de Winghe.

pert ne da quindi una bellissima traccia (pp. 15-18).

II Wil-

Allo stesso disegnatore appartengono le copie delle cata-

combe di Priscilla e di Novella. Qui gli errori e le altera-

zioni si scoprono piu facilmente perche le pitture o esistono

tuttavia o piu facilmente se ne puo riconossere il tipo pri-.

mitivo. Citeremo jalcuni esempii. II quadro della consecrazione

di una vergine, che vedesi uel cimitero di Priscilla e che fu

recentemente spiegato con molto plauso dei dotti dallo stesso

Mons. Wilpert, fu cangiato in un accozzamento di figure a

capriccio;

il vescovo sembra un monaco che va frettolosa-

mente in coro col breviario sotto il braccio e la vergine con-

secranda e cambiata in un giovane con la barba (p. 20, Tav.

VIII e IX). Un Buon Pastore del cimitero di Novella circon-

dato da quattro aguelli fu cangiato

in una santa Priscilla in

abito di fantesca e in atteggiamento di dare il pasto

a due

agnelli; quinci e quindi si veggono due grossi galli che aspettano

anch'essi pazientemente T imbeccata (p. 21, Tav. XI, 2).

II Bosio rimise il Buon Pastore in luogo della faniesca, ma

lascio i galli; e questi passarono anche nelle stampe piu mo-

derne e trovarono chi continuasse a dar loro un signiflcato

mistico, come aveva gia fatto il Ciacconio scrivendo sopra il

gallo a destra: Sancta Priscilla matrona Romana, huius

coemeterii fundatrix, pabulum praebens gallis (hoc est) Evangelii

praedicatoribus, et-agnis, hoc est Christifidelibus. Un

Noe nell' area del medesimo cimitero fu preso senza piu pel

Papa S. Marcello in atto di predicare da un pulpito; e la solita

colomba' fu bellamente trasformata in un angelo che

suggerisce al Pontefice le parole del suo sermone (p. 22,

Tav. XII, 1).

II medesimo processo continua il Wilpert per gli altri di-


208 RIVISTA

segnatori. Una semplice scena di tre oranti, che scorgesi nelle

catacombe di S. Callisto fa raccorciata in due sole figure; Tuna

di S. Pietro crocifisso con la testa in giu, Paltra del medesimo

S. Pietro a mezza figura, e tutto con la scritta di mano

del Ciacconio: Petrus ante martyrium; idem crucifixus (p. 25,

Tav. XIII). Una figura di Giona diventa un quadro del pec-

cato di Adamo.ed Eva (p. 27, Tav. XIII). Una scena, che ve-

desi ancora dipinta in una cripta del cimitero di Domitilla e

che rappresenta un gruppo di pistori mentre sbarcano il

grano, fu mutata fantasticamente in un gruppo di manigoldi

che lapidano i martiri (p. 27, 28. Tav. XIVv 1, 2).

Nella seconda parte del libro il ch. Autore esaraina con

10 stesso metodo i disegni del Bosio nel codice vallicelliano.

11 Bosio aveva due copisti; un cotal Giovanni Angelo Santini,

detto il Toccafondo, ed un altro rimasto incognito.

II Tocca-

fondo, a giudizio del Wilpert, e il piu fantastico tra' disegna-

tori delle catacombe finora incontrati. Egli inventa ogni cosa ;

e nondiraeno alcune sue copie furono pubblicate dal Bosio.

Per fortuna fu scartato il disegno del martirio d' una donna

mezzo ignuda fra le fiamme con quattro carnefici, due per

T aveva

parte, che recano legna pel fuoco. II Bosio sulle prime

accettato, scrivendovi sopra: In quodam monumento silo Via

publica eiusdem Coemeterii (di santa Domitilla); ma poi lo

mise in disparte con le parole: non si vedeva bene, perb si

lasci. Or questo quadro non e altro che 1'Adorazione dei Magi,

che ancor oggi si ammira assai bene conservata (p. 48, 49;

Tav. XXI e XXII). La B. Vergine e seduta gravemente sulla

cattedra col bambino in braccio e a lei si accostano i qu'attro

magi, due a diritta e due a sinistra, portando

i loro doni.

II secondo disegnatore e assai piu valente e i suoi disegni

furono quasi tutti pubblicati dal Bosio. Or siccome i difetti di

queste copie passarono quasi tutti nelle ristampe fatte da autori

posteriori, anche di molta fama, cosi il Wilpert stimo con-

veniente di indicarne le correzioni col riscontro dei quadri ori-

ginali (pp. 57-65).


BELLA STAMPA 209

Chiudono il lavoro due belle ed important! appendici. La

prima espone una nuova scoperta del Wilpert;

sio era un ottimo disegnatore,

ed e che il Bo-

cio che flnora non erasi mai

saputo. Pochi sono i disegni che si possono dimostrare suoi,

sono i migliori e i piu fedeli (pp. 66-69). Nell'altra appen-

tma

dice si esarainano le copie pubblicate da altri autori dopo il

Bosio, particolarraente quelle dell'Angicourt, archeologo fran-

cese verso la fine del secolo scorso. Anche qui il Wilpert trova

ricca messe di errori e ne indica le correzioni.

Quest'opera fa molto onore al ch. Mons. Wilpert

ed alia

scuola archeologica romana a cui egli appartiene. Quanto al

merito delPesposizione, lo stile del Wilpert e limpido e scor-

revole e le cose sono comunemente da lui descritte con tale

grazia e vivacita, che anche un lettore non avvezzo agli studii

archeologici vi trova gusto, e si persuade che, esposti

modo, non hanno nulla della loro proverbiale aridezza.

in tal

fterie XV, vol. I. fasc. 99S. 14 7 gennaio 18.Q2.


ARCHEOLOGIA

\. Tavola di bronzo dell'anno 88 dell'era volgare, contenente 1'atto di dona-

zione di un ager

subsicivus in favore di P. Bovio Sabino. Formola

usata dagli Agrimensori dello Stato del tempo di Domiziano nei rescritti

imperiali. 2. Tre cippi terminali. 3. La Cena di Augusto, delta

dai Roraani 5u)5=y.x8-o?, e 1'Ara, recentemente scoperta, dedicata al dio

Mercuric.

I.

Tavola di bronzo dell'anno 88 dell'era volgare, contencnle I'atto di donazione

di un ager subsicivus in favore

dagli Agrimensori dello Stato del tempo

periali.

di P. Bovio -Sabino. Formola usata

IMP CAESAR DIVI VESPASIANI F DOMIT1AN. AVG . GERM .

di Domiziano nei rescritti im-

PONT

.

TRIE . POTEST . IMP VIII COS XII.. P P SALVTEM DIGIT IIII VIRIS

MAX

.

ET DECVRIONIBVS OSTRAE L MINVCIO RVFO. . COS

XI1II K . AVGVSTAS . IMP CAES . DIVI VESPASIANI F

5) DOMITIANVS AVG INDVLGENTISSIMVS ERGA LEGIONARIOS SVOS

ET DILIGENTISSIMVS PRINCEPS P . BOVIVM SABINVM CIV ANAGXIN

AB OCTAVIS ORD1NIBVS AD P MIP TRAXSDVCT BELLO GERM

QVOD EIVS OPERA XX ELEAS LAES HO FERME

VVLNERIBVS CASTELLVM SERVATVM ESSE COXSTITER1T ET

10) LEGIONVM IXCOLVMITATE DEFEXSA BEXE DE PRINCIPE ET DE

REPVB. MERVERIT SVBSICIVA COXSEQVI IVBEO QVAE AD

AVGVSTI LIBERALITATEM PERTINENTIA ADHVC NOX ADSIGXATA

EXTAXT LIMITIBVS SEXATVS ET OSTRAXIS ET PRIXCIPIS

AEPISTVLA PRAOCLARVM COiXFIRM VIRTVTIS EXEMPLVM

15) A CCAIR VALFTE D XII K AVG IN ALBAXO

Di questa insigne epigraie abbiamo nei nostro Archivio una copia rc-

cente, ed e quella qui stampata. Non si legge indicazione di alcuna sorte,


ARCHEOLOGIA 211

ne si dice se sia una lamina metallica, ovvero marmo, se sia incdita o gia da

altri stampata ; solo da mano ben diversa sotto la copia e notato Sig. Giu-

seppe Giacominini nella via Sistina negoziante di Antichita E pertanto

ben chiaro, osservando la scrittura, che la nostra copia e fatta con dili-

genza e ciascuna lettera disegnata daH'originale, che sinora non abbiamo

potuto sapere in quali mani sia, e dal contenuto nel nostro monumento

e dalla copia stessa apprendiamo, che 1'epigrafe e scritta sopra una lamina

di bronzo, e contiene 1' atto di donazione di un Ager subsicivus in favore

di P. Bovio Sabino, fatta dall' imp. Domiziano.

Al v. 2. COS XII.. a destra del carattere I nasce una linea sinuosa

come se si volesse indicare uno sgraffio del bronzo, la linea orizzontale

sul numero e divisa in due tratti per moslrare che e guasto la, dove prima

si leggeva, XI111.

Al v. 3. e scritto MINVCIO piii arcaico che MINICIO.

Al v. 5. AVG nella lettera A e sovrapposta la lettera 0, nella copia,

percio potrebbe piuttosto reputarsi correzione nello stesso monumento, che

correzione di uno sbaglio del trascrittore.

Al v. 7. TRA(iNS)DVCT. le lettere, INS, sono segnate sopra AD.

Al v. 8. ELEAS le prime quattro lettere sono scassate nella copia,

sara stato sbaglio del trascrittore, il quale si corregge, ma potra anche

essere sbaglio corretto nel monumento Uno sbaglio del trascrittore sa-

rebbe stato corretto anche nella lettera S seguente, ed avrebbe rimesso

LAES al posto suo, sotto M1P del verso superiore.

Al v. 11. non si legge ne D. ne DIVI, prima della voce, AVGVSTI.

General rnente le lettere, B, D, P, hanno la curva ora aderente, ora

distaccata dalla verticale ; le lettere, E, F, hanno le linee orizzontali ora

rctte, ora oblique, ora ondulate; la lettera M talvolta e scritta IVI, e

talvolta colic due linee lateral! curve. Avendo percorse tutte le lettere e

confrontatele abbiamo riconosciuto che sono disegnate e calcate sull'ori-

ginale, come teste dicevamo, ed imitano la forma dei caratteri, bulinati dal-

1'artefice ncglfgentemente sulla lamina metallica, come spesso vediamo nei

diplomi

militari. La linea orizzontale della lettera A e fatta senza alcuna

regola, ora sporgente a destra, ora a sinistra, ora su ambi i lati,

ed anche

u n po' curva, come un piccolo arco di cerchio. I punti ora sono omessi,

ora notati al pie della lettera.

Nella data, v. 15, puo leggersi XII o VII, e la ragione di questa

incertezza e nel modo, col quale sono bulinate le lettere sul metallo; il

'segno V prolunga un poco al di sotto le due oblique ed il segno X poco

le protende, in guisa che 1'uno puo scambiarsi coll'altro. Diciamo incer-

tczza nella lamina metallica, perche il trascrittore della nostra copia vi

si conforma in qucsto come in tutte le altre minuzie in ciascuna lettera.

Nella vocc, VALFTE, manca la linea inferiore nel primo E a sinistra.


212 ARCHEOLOGIA

Imp(erator) Caesar divi Vespasiani f(ilius) Domitian(us) aitg-

(itgtus) germ(anicus) pont(ifex) max(imus) trib(unitia) potesl(ate) (VIII).

imp(erator) (XVII vel XVIII) co(n)s(ul) decimum quartum p(ater) p(atriae)

salutem dicit quatuorviris et decurionibus Ostrae.

L(ucio) Minucio Rufo (L. Plotio Grypo) co(n)s(ulibus)

(rescriptum) X1III k(alendas) augustas

Imp(erator) caes(ar) divi Vespasiani f(ilius) Domilianus aug(ustus) indul-

gentissimits erga legionarios suos et diligentissimus princeps P(ublium) Bovium

Sabinum civ(em) Anagnin(um) ab octavis ordinibus ad p(ri)mip(ilum)

transduct(um) bello germ(anico), quod eius opera XX laes(um) ho(minem)

I'erme vulneribus castellum servatum esse constiterit et legionum incolumitate

defensa bene de principe et de re pub(lica) meruerit, subsiciva consequi iubeo,

quae ad (divi) Augusti liberalitatem pertinentia adhuc non adsignata extant ty-

mitibus senatus et ostranis et principis. Epistula pra(e)clarum confirma(mus)

virtutis exemplum. Valete.

A(ger)

D(atum) XIl(VH?) k. aug.

in Albano

A(rcifinius) C(aesaris) C(oncessione) A(dsignatus) \(n) R(eliclis)

Quanto alle ultime lettere dei due ullitni versi a sioistra, il lettore

osservi, come, in principio, solo alia voce, IMP, e posto il capoverso, &

poi studiosamente alle due prime

leltere dei due ultimi versi :

A

ACCAIR

cosi disposte, perche cadano tosto e facilmente sott'occhio, e sono, come-

noi ora diremmo, poste a margine. Non e da reputare che la voce, Epistula

sia slata erroneamente scritta, AEpistula. Per questa ragione e im-

possibile supplirle in modo acconcio, tuttoche s' inserisca qualche lettera

e qualche altra si cangi per supposto errore, come se contenessero un

allro vocabolo appartenente al teslo del rescritto. Le lettere notate sona

ioiziali di una formola di Agrimensore, come si dira in fine; e 1'intervallo

tra le lettere e piu grande in questo luogo, che tra quelle degli altri

vocaboli.

La prima cosa degna di nota in questa lettera dell'Imperatore Domi-

aiano e la data dei Consoli. Segnando il decimo quarto consolato di Do-

miziano, siamo all'a. 88 dell'era nostra; ma in questo anno dovea notarsi

TRIB . POTEST . VIIT, numero nella nostra epigrafe attribuito alia salu-

tazione imperiale, IMP . VllI; in una lamina negligentemente bulinata non

e questo sufficiente motivo per rigeltare il monumento come falso, .sara


ARCHEOLOGIA 213

stato scambiato il numero dclla potesta tribunizia col numero della salu-

tazione imperiale ed in questa omesso il proprio.

Al detto anno 88 i Consoli ordinari e sufietti sono segnati cosi nel

Klein.

April. 15 <

/

DOMITIANUS AUGUSTUS XIIII

Q. MINICIUS RUFUS

. . PLOTIUS GRYPUS

II nostro monumcnlo da, L MLNVCIO RVFO COS e

inostra die in esso era segnato un Console sulfetto. Ma gia e stato di-

mostrato die il prenome di Minucio o ftlinicio non e Q(uinto), ma L(u-

l

cio) ed il nostro monumonto lo confcrma. Nel frammento della tavola

Arvalica dell'anno 88 e notato al 15 di Aprile

la leltera V 7

LV PLOTIO GRYPO COS

e la parte interna della lettera M sciupata nelle due asticelle

vertical]', come avviene quando essendo le

lapidi esposte alle intemperie

ed agli

altriti 1' incavo scema e si abbassa in diversi punti, or piu or

mono, in guisa da diventare monche alcune lettere e difficili a leggere.

Polrebbe forse taluno sospettare che vi fossero stati due Minicii 1'uno

Quinlo e 1'altro Lucio, ma in Ccnsorino leggiamo, come Domiziano celebm

i ludi secolari per la seltima volta se XIIII et L. Minicio coss. anna

DCCCXLI e in qualche altro monumento, citato nel Bullettino, L o

Q e incerto. Segue adunque che il luogo citato dei fasti deve emen-

darsi cosi:

a. 88 IMP. CAES. DOMITIANUS AUG. GERM XIIII

L. MINICIUS RUFUS

Kal. Apr. L. MINICIUS RUFUS

L. PLOTIUS GRYPUS

II prenome di questo ultimo consta da una tessera gladiatoria, trovata

dal Prof. Lanciani fuori la porta Portese, e dichiarata nel Bullettino 1. c.

dal Prof. Gatti :

MODERATVS-

LVCCEI-

SP Ill NON -OCT.

NIC- L PLOTIO

L . MI

1 Bull. Com. Arch, di Roma, a. 1887, p. d88 sgg.

De die Nutali, XVII, 11.


214 ARCHEOLOGIA

Questi due Consoli adunque crano io carica nel mese di Luglio (XIIH K.

Augustas), quando Domiziano cmano qucsto rescritto. Al v. 4, in principle,

abbiamo supplito: RESCRIPTVM, essendovi giusto lo spazio per dicci let-

tcre, corrispondenti alle dicci del vocabolo sottoposto nel verso inferiore,

DOMITIANYS. Si potrebbe aacbe supporrc, RESCRIP EST.

Quatuorviris et Decurionibus Ostrae; piii giu, v. 13, leggiamo

: Ostra-

nis. Nel libro secondo delle Colonie si ba, Ostrensis (Ostra Umbrae). L'ag-

giunta apposta al Lexicon dal Furlanetto, dice: Ostrani, onim, m. plur.

incolae Urbis Ostrae in Umbria inter Suasam et Senam Gallicam, cuius me-

minit Inscr. ap. Mur. 563, 2. Plin. 3, 14,

19. Ocriculani, Ostrani, Pi-

tulani. 1 Quatuorviri, sen/a altra aggiunta, devono inlendersi dei Quatuor-

viri iuri dicurido, supremi magistrati nei Municipii e nelle Colonie, scelti

nel numero dei Decurioni.

P. Bovium Sabinum. Abbiamo un altro bronzo iscritlo, nel quale si

tratta dell' istesso personaggio, ed e di grande aiuto per intendere il no-

stro; e stampalo nel Corpiis Inscr. Lat. IX, 5420, dove non tutti sono

notati, ma buona parte degli editori, e dice cosi:

IMP . CAESAR . DIVI . VESPASIANI . F

QUID

DOMITIANUS . AUGUSTUS

PONTIFEX . MAX . TRIE . POTEST . IMP . II

COS . VIII . DESIGNAT . VIIII . PP . SALUTEM . DIGIT (a. 82)

IIII . VIRIS . ET DECURIONIBUS . FALERIEXSIUM . EX . PICENO

. CONST1TUERIM . DE . SUBSICIVIS . COGN1TA . CAUSA

INTER . VOS . ET . PIRMANOS . UT . NOTUM . HABERETIS

HUIC . EPISTULAE . SUBICI . IUSSI

P . VALERIO . PATRUINO ./////////////. COS

XIIH . K . AUGUSTAS

IMP . CAESAR . DIVI . VESPASIANI . F . DOMITIANUS

AUG . ADHIBITIS . UTRIUSQUE . ORDINIS . SPLEN

DIDIS . VIRIS . COGNITA . CAUSA . INTER . FALE

RIENSES . ET . FIRMANOS . PRONUNTIAVI . QUOD

SUSCRIPTUM . EST

ET . VETUSTAS . LITIS . QUAE . POST . TOT . ANNOS

RETRACTATUR . A . FIRMANIS . ADVERSUS

FALERIENSES . VEHEMENTER . ME . MOVET

CUM . POSSESSORUM . SECURITATI . VEL . MI

NTS . MULTI . ANNI . SUFFICERE . POSSINT

ET . DIVI . AUGUSTI . DILIGENTISSIMI . ET . IN

DULGENTISSIMI . ERGA . . QUARTANOS SUOS

PRINC1PIS . EPISTULA . . QUA ADMONUIT

1 Gromalici veteres, ed. RUDORFF, Berolini. 1848, p. 257,

v. 9-10.


ARCHEOLOGIA 215

EOS . UT . OMXIA SUBSC.ICIVA . SUA . COLLIGE

RENT . ET . VENDEREXT . . QUOS TAM . SALUBRI

ADMOXITIOXI . PARUISSE . XON . DUBITO

PROPTER . . QUAE POSSESSORUM . IUS . COXFIRMO

VALETE D . XI . K . AUG . IN . ALBAN

AGENTE .

CURAM

. T . BOVIO . VERO

LEGATIS P . BOVIO . SABINO

P . PETRON10 ACHILLE . D . D . P

Qucsto bronzo I'u trovato DO! 1595 in Falerone, in un podcrc appartenente

ai padri di S. Francesco; era largo un piede ed alto uno e mezzo.

Ora non si sa dove sia, e Corse e andalo perduto. Appartiene ai Falariesi,

fatto incidere per essere riposto nella loro Curia, e fosse argomonto in

confermazione dei diritti acquistali, e poi confermati dall' imperatore Do-

miziano. La lettura delle tre ultime lellere e questa : D(ecreto) D(ecurio-

nutri) P(ublice), non potcndosi in conto veruno accettare 1'esposizione del

p. Morcelli, D(e) D(ecerri) P(n'wi/s) 1

. I Quartani' 2 di cui si tralta sono i-

soldati della quarta legione, la quale. abbandonato il partilo di Anlonin,

abbraccio quello di Augusto; e finita la guerra furono ricompensati con

distribuzioni di terre, poste in quel di Fermo Contendevano i Firmaoi

coi Faleriesi per alcune porzioni di territorio, gia prescritte da nou intr-

rotta possessione; di piu, constava, che Augusto avea concesso ai Vctc-

rani le Subsiciva sua, cioe ai Quartani di Fermo, le quali, prim a uVlhi

divisione, erano parte dell'agro concesso; dopo la divisione o appartenovano

allo Stato, o agli anlichi possessori delle terre, o cedute erano dallo

Stato come nuovo beneficio ai Veterani, ed e il caso nostro. Da quesli

vendute per consiglio di Augusto vennero alle mani dei Faleriesi.

II rescritto, dopo avere affermata la prescrizione in f'avorc dei Fale-

riesi, parla di una lettera dell' imp. Augusto, qua admonuit eos (qitarlanos)

ut omnia subsiciva sua colliyerent et venderent, quos tarn salubri admonilioni

paruisse non dubito. La voce, sua, indica la proprieta dei Quartani, ma

non ne determina il titolo; abbiamo qui supposto che fosse mero bene-

ficio, val quanto dire, che i Quartani si avessero le terre assegnate,

piu le Subsiciva, che di diritto toccavano allo Stato. Per quale motivo

al tempo di Domiziano i Firmani movessero lite ai Faleriesi non ci e

noto; ma puo pertanto dirsi che pretendessero non constare da alcuno

atto

pubblico, i Quartani avere seguito il consiglio loro dato dall' imp

la frase dell' imp. Domi-

Augusto. A questa supposizione ci da diritto .

ziano : quos tarn salubri adrnonitioni paruisse non dubito.

1 De Slilo, vol. I, p. 304, sec. ed.

2 Vedi TACITUS, Hist. I, 55 ; IV, 37.

e di


216 ARCHEOLOGIA

I Fnlericsi, perche quest a lite tra loro e i Firmani fosse terminata

dal tribunale imperiale, nominarono procuratore, T. BOVIO VERO, c due

legati, P. BOVIO SABINO e p. PETRONIO ACHILLE; il secondo e quello stesso

dclla nostra epigrafe, nella quale e detto, civ is Anagninus, ne era neces-

sario che fosse cittadino di Faleria, perche ricevesse 1' uffieio di Legato.

Forse qucsto Sabino e quello slesso cui scrive Plinio iuniore l

: Rogas,

nt again Firmanorutn publicam causam, ma di quale lite si tratti non

consla ne puo dimostrarsi che sia il medesimo. Dei Bovii abbiarno anche

un' altra epigrafe (Corpus Inscr. Lat. IX, n. 5469), la quale si legge

sopra un' urna rotonda squamata, ed e questa :

BOVIAE

FAUSTAE

BOVI FLACCl

Del nostro P. Bovio Sabino, cittadino di Anagni, la lettera imperiale

dice :

Ab octavis ordinibus ad r(ri)mip(ilum) transduct(urn) bello germanico.

Sotto Augusto e i seguenti Imperatori la Legione era composta di sei mila

soldati, divisi in dieci Coorti. Dalla Coorte, nella quale era octavus Ordo,

(ottavo Centurione,) P. Bovio Sabino fu esaltato al grado di Primipilo,

cioe di Centurione della prima Coorte, dopo il Tribuno prima dignita

militare nella Legione. Sul nostro bronzo le due voci erano unite, e

deve leggersi, p(ri)mip(ilum), piii recente e il vocabolo p(ri)mip(ilatum).

Consegui questo grado, bello germanico, cioe nell'anno 84? 83?

Quod eius opera XX laes(um) ho(minem) ferine vulneribus castellum servatum

esse constiterit et legionum incolumitate defensa bene de principe et

de repub(lica) meruerit. Dicendo 1'epigrafe non solo la fortezza conservata,

perche non cadesse nelle mani dei nemici, ma ancora legionum incolumi-

tate

defensa, deve di necessita ricordarsi un fatto singolare nella guerra

germanica, sotto 1'Imperatore Domiziano, nen notato da Svetonio.

Subsiciva consequi iubeo quae ad (divi) Augusti liberalilatem pertinentia

adhuc non adsignata extant limitibus etc. Col nome Subsiciva e Subseciva sono

comprese quclle porzioni di terra, le quali superavano la misura o perti-

ca, nell'assegnazione dell'agro ai Velerani e ai nuovi Coloni 2 . La divisione

si facea tirando una linea dal nord al sud, il Cardo Maximus; un' allra

da oriente in occidente, il Decurnanus Maximus, ed a queste due linee si

tracciavano tante parallele, quante ne potca contenere 1'agro da dividers!

tra i nuovi Coloni. Per la qual cosa, facile era che ai quattro lati restas-

1

Epist. lib. VF, n. 18.

2 ISIDOUUS in Gromaticis vet. p. 369, ed. RUDORFF, 1848. Subsecivi agri

quos in pertica divisos recusant quasi sleriles aut paluslres. item subseciva quae

in divisura agri non efflciunt centuria, id est iugera ducenla.


ARCHEOLOGIA 217

sero zone di terra minor! della misura, ove il terreno avessc angoli eguali;

e se di forma trapezoicle doveano di necossita snpcrare gli angoli, in guisa

che dicevasi Subsicivum quclla parte del tutto diviso non compreso tra due

linee. Inoltre, colla voce, Subsiciva, erano compresi i terreni sterili e pa-

lustri, e anche quelli che non da per tulto, ma in gran parte tali fos-

sero, perche lo sorti per 1'asscgnazione c distribuzione delle terre sarebbero

state manifestamcnte troppo ineguali. Or questo restante era vendulo

dallo Stato, e spesso comprato dai proprietarii dei terreni limitrofi, e co-

slituiva un capitale in beni stabili solto il titolo di Subsiciva. La seeon-

da epigrat'e prova, come Augusto avea concesso ai Coloni Firmani ancbe

le Subsiciva, per mera sua liberalita,

e dato loro facolta di alienarle in

loro guadugno; ond'e che anche per questo capo il diritto stava dalla

parte dei possessor! di Faleria. Nella prima

le Subsiciva sono dette ad

Augusti liberalitatem pertinentia, cioe quelle porzioni

di terra rimaste allo

Stato nolle distribuzioni fatte ai Veterani dalla liberalita di Augusto, ed

erano poste nel territorio del municipio di Ostra nell'Umbria *.

Svetonio, cap. IX, parla di una determinazione di Domiziano in questi

termini: Subseciva, quae, divisis per veteranos agris, carptim superfuerant,

veteribus possessoribus, ut usucapta, concessit. Questa frase sara meglio in-

tesa dalle due iscrizioni qui pubblicate. Nel commentario di Agennio Ur-

bico ai frammcnti di Frontino, de Arvorum qualitate 2 , leggiamo: Sedvi-

deamus ne forte postea iitssu principis alicui (ager) datus sit, qui terrain

metiri denuo praeceperit, sicut Caesaris Augusti temporibus factum est. Nam

alia Subseciva Vespassianus vendidit, alia autem quae remanserunt Domitianus

donavit alque concessit. Nel commentario al libro delle Conlroversiae, ag-

giunge Urbico qualche altra frase, nella quale si parla

di uno editto del

medesimo Imperatore 3 : Domitianus per totam Italiam Subseciva possidenli-

bus donavit, edictoque hoc universis notum fecit. E in altro luogo del libro de

Controversiis Agrorum Agennio Urbico *

dice cosi: In his Subsicivis quidam ite-

rum miserunt quibus agri adsignarentur, quidam et Subsiciva coloniis concesse-

runt, ideoque semper hoc genus controversiae a rebus publicis exercentur. per

longum enim tempus attigui possessores vacantia loca quasi invilanle otiosi soli

oportunitale invaserunt et per longum tempus impune commalleaverunt. E

segue a dire come il pubblico erario si arricchi vendendo queste porzioni

di terra non cedute, e come 1' imperatore Vespasiano obbligo le antiche

Colonie al pagamento, quae non haberent Subsiciva concessa, ed aggiunge:

Sed postquam legalionum rniseratione commotus est, quia quassabatur univer-

s^ls Italiae possessor, intermisit, non concessit. aeque et Titus imp. aliqua

1 MURATORI, Novtis thesaurus Inscrip. p. 563, n. 2.

2 ed. RUDORFF, p. 8, n. 20.

8

1. c. p. 20, n. 22.

4 Gromutici veteres, ed. RUDORFF, p 81 sg. Goll. p. i33.


218 ARCHEOLOGIA

Subsiciva in Italia recollegit. praestantissinnts postea Domitianus ad hoc be-

nepcium procurrit et uno edicto totius Italiae metum liber avit. Pare seguire

dalla nostra epigrafe, confrontata coi testi qui notati, la data dell' edit to

non precedere 1'anno 88 dell'era nostra.

Estant limitibus senatus et ostranis et principis. Cosi crediamo doversi

costruire la (rase, perche in essa chiaramenle si accennano i limiti delle

Subsiciva, assegnate a P. Bovio Sabino. Da quelle tcrre rimaste dopo la

distribuzione ai Veterani fatta da Augusto, e delle quali apparteneva al

principe disporrc, si assegnano a Sabino quelle

che erano sui limiti de-

scritti. E prima sono nominati i limiti delle possession! del Senato ; se-

condo, degli Ostrani o del municipio di Ostra *; terzo, del Principe; perche

secondo questo ordine erano i limiti delle terre eoncesse. Inoltre, dal

nostro monumento conosciamo, che il Principe ed il Senato aveano do-

minii in queste contrade. Quanto a questo particolare nulla possiamo ri-

cavare dal secondo libro delle Colonio, dove sono notati i limiti, o me-

glio il modo secondo il quale era limitato 1'agro Ostrano: Ostrensis ager

ea lege continetur qua et ager Camerinus, da questa citta siamo mandati

a Fanestris Forluna e da essa al Falerionensis ager, dove e descritta la

natura dei limiti.

Noi reputiamo questi territorii del Senato essere stati dagli Impera-

tori destinati come beni stabili, donde ritraevano le somme necessarie per

supplire il censo senatorio in quei cittadini stimati per le loro doti degni di

tal grado. Augusto aumento il censo richiesto al grado di Senatore, ma

nell' istesso tempo, supplevitque non habentibus ~. Similmente Neronc :

Senalorum nobilissimo cuique, sed a re familiar i destitute, annua salaria et

quibusdam quingena constituit 3 . Vespasiano, dopo avere anche egli aumentato

il censo dell' ordine scnatoriale, consular es inopes quingenis se-

stertiis annuls sustentavit 4 . Quesli sussidii frequcnti, coi quali gl' Imperatori

cercavano conciliarsi gli animi dei Senatori, i quali avrebbero do-

vuto deporre il laticlavio ed essere scassati dall'ordine senatoriale, erano

annui; percio verisimile cosa e che le terre appartenenti al corpo dei

Senatori fossero anche destinate a questo scopo.

Quanto alia voce, ET PRINCIPIS, non reputiamo potcrsi costruire

colla seguente, EPISTVLA. Nella nostra epigrafc si tratta dei limiti delle

possession? vicine; cosi ad esempio nel libro delle Colonie si legge del

falerionensis ager, di cui teste dicevamo, limitibus maritimis et gallicis

1 In una tabula aenea honoraria Ostra e chiamata Municipio, essendo consoli

P. Cornelio Seculare II e G. Giunio Donate II, cioe nell'a. 260. Vedi Mu-

RATORI, Novus thesaurus Inscr. Lai., p. 562, n. 2.

2 SVETONIO in Aug., 41.

3 Id. in Neron., 10.

4 Id. in Vespasian., 17. Vedi SPARTIAXUS in Adrian. , cap. 7.


ARCHEOLOGIA 219

(dell'agro di Sena Callica) est assignatus.... finitur.... terminibus Augusteis,

rivis, flnminibus; i limiti adunquc

notati nel nostro monumento indicano

i poderi appartenenti al Senate, agli Ostrani, ed al patrimonio private

del Principe.

Quanto alle prime lettere,

A

ACCAIR

poste ad angolo nei due ultimi versi, a noi sembra che possano togliersi

come iniziali di una formola appartenente alia concessione clelle Subsiciva, di

cui si parla nella lettera imperiale. E da notare nella nostra copia come

queste Icttere sono tra loro a piii grande distanza che quelle degli altri

vocaboli dell'epigrafe.

Simili Atti imperiali portavano la scritta : Concessa Coloniae-Subseciva

Concessa, come abbiamo nei Gromatici i . Per confermare il nostro supplemen

to, appartenente alia concessione delle Subsiciva, notiamo le seguenti

parole : Omnes significationes et for mis et tabulis aeris inscribemus, data, ad-

signata, concessa, excepta, reddita commutata pro mo, reddita veteri posses-

sori, et. quaecumque alia inscriptio singularum litterarum in um fuerit, et

in aere permaneat. libros aeris et typum perticae totius lineis description

secundum suas denominations adscriptis adfinibus tabulario Caesaris inferemus.

et si qua beneficio concessa aut adsignata coloniae fuerint, sive in proximo sive

inter alias civitates, in Hbro beneficiontm adscribemus. et quidquid aliud ad

instrumentum mensorum pertinebit, non solum colonia scd et tabularium Cae-

saris manu conditoris subscription habebil. Nel nostro monumento non si

tratta di una Colonia, ne di concessione ad essa o ai Veterani, fatta dal-

1'Imperatore, si bene dell'assegnazione di un territorio in quello di Ostra,

fatta ad un Centurione primipilare. Ma e ben chiaro die nel caso nostro

dovea serbarsi il modo e la forma consueta nella largizione di bcni sta-

bili. Dovea adunque la forma 2

, tabula, liber aeris, 'come qui e chiamata, es-

sere doppia, 1'una delle due copie serbarsi in tabulario Caesaris, 1'altra da

cedersi al concessionario, in guisa che ove tra lui e gli Ostrani fosse nata

difficolta o litigio potesse farsi appello al tabularium Caesaris. In modo si-

mile, quantunque in alcuni punti differente, si praticava pei diplomi mi-

litari delVhonesta missio, e la nostra tavola dinota un beneficio concesso

in occasione di una missio causaria. Appartenevano simili spedizioni agli