Notiziario Dicembre 2011 - Comune di Montecchio Emilia

comune.montecchio.emilia.re.it

Notiziario Dicembre 2011 - Comune di Montecchio Emilia

PERIODICO DI INFORMAZIONI, RUBRICHE, NOTIZIE DAI SERVIZI DEL COMUNE - Direzione PAOLO CASAMATTI - MONTECCHIO n. 4 del 20/12/2011 - Dicembre 2011

Copia Omaggio - Invii senza indirizzo

I nuovi reparti e servizi

dell’Ospedale

“E. Franchini”

Il castello riscopre

il fossato

e il cortile interno

Al via i lavori del

nuovo Centro per

disabili adulti

Il lascito al Comune

di Luigi Bertani

Ancora in espansione

le reti ciclopedonali

L’Amministrazione

Comunale augura

a tutti Buone Feste

e un sereno 2012


2

Sanità E SErVizi

L’Ospedale “E. Franchini”

di Montecchio guarda al futuro

Presentati i reparti recentemente ristrutturati e i nuovi servizi. Presenti i Sindaci

della Val d’Enza reggiana e parmense. Per il 2013 prevista la fine dei lavori.

Sabato 26 Novembre 2011 è stata

una data importante per l’Ospedale

montecchiese “Ercole Franchini”:

alla presenza dei sindaci di tutta la

Val d’Enza reggiana e parmense,

della presidente della Provincia Sonia

Masini e dei vertici della sanità

Provinciale e Regionale sono infatti

stati presentati alla cittadinanza i

reparti recentemente ristrutturati

dell’Ospedale Ercole Franchini di

Montecchio.

Un’ulteriore, fondamentale tappa

dell’imponente progetto di ampliamento

e riqualificazione del nostro

ospedale.

I lavori effettuati fanno infatti parte

di un complesso progetto di ammodernamento

delle strutture, iniziato

nel 2008 e che si concluderà

nel 2013 per un investimento complessivo

di circa 29 milioni di Euro,

mentre il costo delle opere concluse

ammonta a 14 milioni di Euro.

I lavori hanno permesso la completa

riqualificazione degli spazi

secondo i requisiti richiesti per

l’accreditamento ed il rifacimento

completo degli impianti, garantendo

anche la ventilazione meccanica

di tutti gli ambienti.

Gli interventi inaugurati il 26 novembre

hanno interessato in modo

particolare:

• Corpo D. Piano terra: Servizio di

Diabetologia, che ha in carico 3.450

pazienti e offre oltre 4.000 visite

all’anno; Primo piano: Sale parto;

Secondo piano: Day Hospital oncologico,

che segue oltre 500 pazienti

e effettua oltre 600 cicli di chemioterapia

all’anno.

• Corpo F. Servizio di Endoscopia

digestiva, che nel 2010 ha effettuato

2.745 esami tra gastroscopie e

colonscopie.

• Corpo B Ottagono (Piano terra:

Servizio di Cardiologia; Primo piano:

Degenze provvisorie reparto di

Ostetricia; Secondo piano: Degenze

provvisorie Reparto di Ginecologia.

Alla cerimonia di inaugurazione,

oltre alla presenza di tutti i sindaci

della Val d’Enza compresi quelli

della sponda parmigiana, sono in-


tervenuti in particolare il Sindaco di Montecchio

Emilia Paolo Colli, la presidente della Provincia Sonia

Masini, la Presidente del Comitato Consultivo

Misto Liliana Cerfogli seguiti dal direttore generale

AUSL di Reggio Emilia Fausto Nicolini e dal Direttore

Generale Sanità e Politiche Sociali della Regione

Emilia Romagna Mariella Martini.

Quest’ultima in particolare, ringraziata da tutti gli

intervenuti per l’impegno profuso in questi anni a

favore del potenziamento e della riqualificazione

dell’Ospedale “Franchini”, ha delineato lo scenario

che attende i nostri servizi nei prossimi anni, in un

contesto economico fortemente segnato dalla pesante

congiuntura economica. Allo stesso tempo

ha però sottolineato come le scelte lungimiranti

e l’efficiente gestione dei servizi nella nostra realtà

distrettuale e provinciale consentano ancora

di guardare al futuro dei servizi e della sanità partendo

da una realtà solida e strutturata ancora in

grado di innovare e investire. E i lavori effettuati

e quelli ancora in programma proprio all’ospedale

montecchiese sono una chiara testimonianza di

questo.

3


4

OPErE PubblichE

Recuperato l’antico fossato

e il nuovo spazio civico polivalente

completati i lavori di recupero e valorizzazione del castello Medievale.

Sono stati ufficialmente inaugurati

mercoledì 7 dicembre i lavori di completamento

del recupero del settore

nord dell’antico fossato, di restauro

delle strutture del ponte levatoio e di

realizzazione di una nuova pavimentazione

del grande cortile interno del

Castello Medievale di Montecchio.

E’ così ora possibile ammirare la strut-

tura dell’antico fossato e del suo ponte

levatoio dalla passerella in acciaio e legno,

che prevede a tal fine un’apposita

finestratura in vetro, e che costituirà

l’accesso principale al Castello e fruire

del nuovo spazio civico polivalente realizzato

nel cortile interno.

Alla presenza di numerosi classi dell’Istituto

comprensivo montecchiese, il

Congratulazioni a Corrado Clini

Sindaco Paolo Colli e l’Assessore alla

Cultura Andrea Costi hanno espresso

la grande soddisfazione dell’Amministrazione

comunale per il completamento

di un’opera che permette

un’ulteriore valorizzazione del Castello

e, allo stesso tempo, la restituzione alla

cittadinanza montecchiese di un nuovo

spazio civico nel cortile interno del

Castello stesso.

Alla cerimonia è intervenuto anche il

Presidente del Gruppo Archeologico

montecchiese Renzo Tagliavini che

ha ripercorso la storia, ormai ultra decennale,

di impegno degli archeologi

locali negli scavi e nei lavori che hanno

consentito un completo recupero

e una piena fruibilità del Castello medievale

di Montecchio, meta oggi di

migliaia di visitatori ogni anno.

L’Architetto Alfredo Capovani, progettista

dei lavori, ha poi illustrato i criteri

e le scelte progettuali effettuate mettendo

in luce in particolare il pieno

rispetto delle strutture originarie del

castello e l’utilizzo per l’intervento unicamente

di materiali eco-compatibili e

riutilizzabili in futuro in caso di ulteriori

l’amministrazione di Montecchio Emilia si complimenta con il neo ministro

all’ambiente che ha forti legami con la nostra città

Il Sindaco Paolo Colli e l’Amministrazione comunale di

Montecchio Emilia intendono complimentarsi ed esprimere

un caloroso augurio di buon lavoro a Corrado Clini,

neo Ministro all’ambiente del nuovo governo Monti.

Il nuovo Ministro, figura di indubbia e riconosciuta esperienza

e competenza, ha notevoli legami con la città di

Montecchio Emilia, sia a livello familiare, qui vive infatti

il fratello Claudio, sia a livello professionale. Proprio dalla

divisione di Medicina del lavoro di Montecchio Emilia, il

ministro ha infatti iniziato la sua brillante carriera professionale.

A lui, e a tutta la squadra di governo, le felicitazioni

dell’Amministrazione anche a nome della cittadinanza

montecchiese e un auspicio di un sereno e proficuo lavoro

in questo momento storico così delicato per il nostro

paese.


sviluppi dei lavori.

Sulle note dell’Inno di Mameli intonate dal coro delle

scuole elementari montecchiesi si è poi effettuato il

rituale taglio del nastro, accompagnato dagli applausi

dei presenti e dai palloncini tricolori dei bambini delle

scuole.

5


6

OPErE PubblichE

Posata la ‘prima pietra’ del nuovo

Centro Diurno per Disabili Adulti

l’importante struttura finanziata da regione e dal comune di Montecchio Emilia

attraverso una convenzione con privati

E’ stata posata il 7 novembre la ‘prima

pietra’ della nuova struttura dedicata

ad ospitare il Centro Diurno per Disabili

Adulti a Montecchio Emilia, al servizio

dell’intera Val d’Enza.

Sono stati il Sindaco di Montecchio

Emilia Paolo Colli, il Sindaco di Bibbiano

e Presidente dell’Unione dei

Comuni Val d’Enza Sandro Venturelli

e il Direttore del Distretto Sanitario

Mauro Grossi a dare simbolicamente

il via ai lavori di costruzione dell’importante

struttura alla presenza dei

rappresentanti delle ditte esecutrici e

della Cooperativa socialel’Olmo.

L’opera sorgerà in un’area adiacente

all’attuale sede della Cooperativa l’Olmo

che, da più di 25 anni, organizza

attività occupazionali con un’esperienza

sul campo riconosciuta come

importante modello nei servizi rivolti

all’assistenza e all’inserimento lavorativo

dei disabili adulti, ma che necessitava

di nuovi spazi sia per sviluppare

ulteriormente il servizio sia per adeguamenti

a requisiti normativi.

Il costo complessivo della realizzazione

è valutato in €. 800.000,00 finanziati

per il 50% dalla Regione Emilia

Romagna e per il rimanente 50% da

privati (Palladio Costruzioni e Sigma

Realco) nell’ambito di una convenzione

con il Comune di Montecchio.

La progettazione del Centro per Disabili

Adulti, che potrà ospitare 25 posti,

è stata frutto di un percorso condiviso

a cui hanno partecipato rappresentanze

tecniche e politiche. Il gruppo

di progetto ha infatti visto la partecipazione

delle Amministrazioni comunali

del Distretto della Val D’Enza, del

Direttore del Distretto Sanitario Mauro

Grossi, dei responsabili tecnici del

Servizio Sociale Integrato dell’Unione

dei Comuni, dai referenti della Cooperativa

l’Olmo e delle Associazioni di

rappresentanza delle Cooperative del

territorio.

Questa sinergia di competenze ha

permesso di definire le caratteristiche

del nuovo Centro, in un’ottica di rete

con gli altri servizi esistenti.

Si prevede di organizzare i 25 posti

intorno a due nuclei principali di attività:

• un nucleo assimilabile ad un centro

diurno per la disabilità moderata, che

lavori sui temi delle abilità di base,

delle autonomie personali e della socializzazione

• un nucleo identificato come centro

socio-occupazionale, con l’attivazione

di laboratori e attività produttive

definite in modo flessibile in base alle

capacità e agli interessi delle persone

inserite, con la possibilità di successivi

inserimenti lavorativi in altri luoghi.

Queste esigenze si sono raccordate

con la progettazione tecnica della

struttura affidata all’Architetto Alfredo

Capovani in collaborazione con

l’Ufficio Tecnico del Comune di Montecchio

Emilia. Il Centro andrà ad integrarsi

con la rete dei servizi per Disabili

già presente nel Distretto della

Val d’Enza articolando maggiormente

l’offerta delle opportunità.


iniziatiVE EclOgichE

Pedibus

d’autunno

appuntamento alla prossima

primavera

Sono terminate venerdì 18 novembre le corse del PEDI-

BUS d’autunno. Iniziato giovedì 13 ottobre, il PEDIBUS ha

coinvolto una sessantina di bambini frequentanti la scuola

primaria e 24 volontari accompagnatori, dislocati su tre

differenti percorsi pedonali (il giallo, l’azzurro e l’arancione)

lungo le strade di Montecchio.

Il PEDIBUS intende sensibilizzare i bambini e le loro famiglie

verso comportamenti di mobilità eco-sostenibile,

diffondendo la cultura della sicurezza stradale tra i più

giovani e rivalorizzando le strade come ambienti di vita.

Queste iniziative consentono di valorizzare l’atto stesso

del camminare, non solo come mero spostamento da un

punto di partenza a uno di arrivo, ma con una propria importanza

intrinseca nella relazione con il territorio e con

gli altri, e, allo stesso tempo, intende incidere su un’area

particolarmente critica, quella del polo scolastico di Via

Costa/Via XXV Aprile in quanto fortemente congestionata

dal traffico automobilistico. L’iniziativa è stata resa possibile

grazie alla collaborazione con l’Istituto Comprensivo di

Montecchio Emilia, e alla responsabilità e all’impegno dei

genitori , dei nonni e dei volontari Auser accompagnatori

che hanno consentito la realizzazione di una proposta

di alto valore civico per il bene della comunità. L’appuntamento

per la ripresa del PEDIBUS è per la prossima

primavera quando riprenderanno anche i venerdì

ecologici nei quali tutti potranno recarsi a scuola, in

sicurezza, a piedi o in bicicletta.

7

IN ZONA RESIDENZIALE bella villa abbinata

recentissima P.T. ingresso, cucina, soggiorno,

ripostiglio e bagno; Primo Piano appartamento

con soggiorno, cucina abitabile, due

logge, due camere matrimoniali e bagno; Piano

Sottotetto predisposizione per cucina, ripostiglio,

bagno con vasca idromassaggio, ampio

salone (possibilità di ricavare ulteriore camera).

Garage doppio, giardino privato con portico in

legno. Finiture di pregio. € 325.000,00

IN PICCOLA PALAZZINA recentissima a

due passi dal centro, appartamento a piano

terra composto da: soggiorno con angolo cottura,

disimpegno, due camere, bagno, cantina e

garage. Ottime fi niture. € 160.000,00

VICINANZE CENTRO in piccola palazzina,

appartamento composto da: ingresso, soggiorno

con balcone, due camere matrimoniali, due

bagni, cantina e garage. Ampio verde condominiale.

€ 128.000,00

CENTRALISSIMO appartamento composto

da: ingresso, cucina abitabile, soggiorno, due

balconi, due camere matrimoniali, cantina.

€ 116.000,00

IN ZONA CENTRALISSIMA appartamento

completamente ristrutturato composto da:

ingresso, soggiorno con angolo cottura, balcone,

camera matrimoniale, camera singola, bagno,

cantina e garage. Ottime fi niture.

€ 139.000,00

VICINANZE CENTRO, in piccola palazzina

appartamento su due livelli composto da soggiorno

con angolo cottura e balcone, 2 camere,

2 bagni, cantina e garage. Ottime fi niture,

possibilità arredamento. € 143.000,00

CENTRALISSIMO mini appartamento

completamente ristrutturato composto da:

ingresso, soggiorno, cucina, disimpegno, due

balconi, un’ampia camera matrimoniale, bagno

e cantina. € 108.000,00 Tr

VICINANZE CENTRO appartamento con

ingresso, ampio soggiorno, cucina, 2 logge, 3 camere,

2 bagni, cantina e garage. Tutto a norma.

€ 157.000,00

IN ZONA RESIDENZIALE, a due passi dal

centro, appartamento recentissimo composto

da soggiorno con angolo cottura, ampia loggia,

Sede di Montecchio Emilia

Via Prampolini 21/A

tel. 0522 864040

VICINISSIMO AL CENTRO in

zona tranquilla, bell’appartamento

ristrutturato composto da ingresso,

soggiorno, balcone, cucina, due camere

matrimoniali, bagno, cantina e

garage. Ampio parco.

€ 130.000,00

2 camere, bagno, ripostiglio, cantina e garage.

Ottime fi niture. Ampio verde.

€ 158.000,00

CENTRO STORICO, in piccola palazzina di

recente ristrutturazione appartamento composto

da ingresso, cucina abitabile, camera,

bagno, cantina. Ottimo come uffi cio. Finiture

di pregio. € 98.000,00

IN ZONA RESIDENZIALE, villa abbinata

nuova di ampia metratura, fi niture di alto livello,

giardino privato, pronta consegna.

€ 310.000,00

IN PICCOLA PALAZZINA, grazioso appartamento

composto da soggiorno, cucina,

disimpegno, tre logge, due camere, bagno,

cantina e garage. Ottime fi niture.

€ 155.000,00

CAVRIAGO, in palazzina signorile appartamento

composto da: soggiorno con balcone,

cucina, due camere, bagno, cantina e garage.

Ottime fi niture. € 130.000,00

GHIARDO DI BIBBIANO, in piccola palazzina

appartamento nuovo composto da:

soggiorno con angolo cottura e balcone,

disimpegno, una camera matrimoniale, una

camera singola e bagno, cantina e garage.

€ 135.000,00


8

OPErE PubblichE

Si amplia la rete dei percorsi

ciclopedonali

completati i lavori di tre nuovi tratti che connettono diverse zone del paese

Si amplia ulteriormente la rete dei percorsi ciclopedonali

presenti sul territorio di Montecchio, finalizzati a garantire

forme di mobilità sicure per gli utenti e a ridurre l’impatto

del traffico di veicoli a motore sul territorio.

Sono infatti stati inaugurati sabato 3 dicembre dal Sindaco

Paolo Colli tre nuovi tratti di piste ciclopedonali, tutte realizzate

da privati nell’ambito di accordi sottoscritti con il Co-

mune per il completamento di opere di urbanizzazione.

La prima realizzazione riguarda la zona del Santuario della

Beata Vergine dell’Olmo dove si è provveduto al completamento

del ciclopedonale di Strada Barco e Via XX settembre

che consente ora un completo collegamento anche con

il Cimitero e le scuole. Nello stesso intervento è stata inoltre

realizzata una modifica alla viabilità di via XX settembre con

la realizzazione di una nuova rotatoria che garantisce una

maggiore sicurezza per l’intera viabilità.

Un secondo importante intervento è stato realizzato sul

percorso ciclopedonale tra Via Bellerio e Via Levi con la

realizzazione di un ponte sul Canale Enza che consente

così di collegare definitivamente i due tratti del percorso esistente.

La terza importante realizzazione inaugurata sabato

3 dicembre riguarda invece il completamento del percorso

ciclopedonale di Strada Bassina, che si congiunge inoltre

a quello nell’area verde ad ovest di Strada Bibbiano costeggiando

Via Grandi fino a Strada Bassina stessa. Con il completamento

del percorso si è così realizzata la connessione

delle espansioni residenziali della zona sud del paese con il

Polo Scolastico e fino al centro del paese.

Una serie di interventi articolata quindi, realizzata come si

diceva senza oneri e spese a carico del Comune ma interamente

nel quadro di accordi con privati, che persegue la

scelta politica dell’Amministrazione di favorire tutte le forme

e le modalità di una mobilità sicura e ecocompatibile per il

territorio montecchiese.


EVEnti

Iniziative per

il Natale 2011

>>> Da Sabato 17 dicembre 2011

a Domenica 15 gennaio 2012

29° Fotofestival - Castello medievale

Alex Majoli “Un gondoliere a Venezia”

Alex Majoli fotografa Venezia con la Leica M9-P

Roberto Parmiggiani “Meraviglie della natura reggiana -

La Val d’Enza e la sua fanua”

Annarita Mantovani “La maschera e il volto: Far Far Away

e Sorelle d’Italia”

Montecchio Unplugged

Concorso fotografico “Fratelli di Note”

>>> Sabato 17 e Domenica 18 dicembre

Centro Storico

Alla scoperta delle eccellenze del nostro territorio

a cura dell’Associazione “Vivere Montecchio

>>> Giovedì 22 dicembre

Biblioteca Comunale “A. Umiltà” – ore 16.30

Favole in Biblioteca

La vecchina del Natale a cura di Annamaria Gozzi

Tratto da una favola albanese. Età consigliata dai 6 anni

>>> Giovedì 22 dicembre

Chiesa Nuova – Piazza della Repubblica – ore 21.00

Concerto del Coro Estense di Montecchio

>>> Da Domenica 25 dicembre 2011

a Domenica 8 gennaio 2012

Camminando tra i Presepi

Un percorso tra le vie del paese per vivere da vicino il Natale

a cura di Parrocchia di Villa Aiola, Circolo ANSPI, Pro Loco,

Associazione culturale “La Barchessa”.

Nel pomeriggio di domenica 8 gennaio, vin brulè con il

gruppo Alpini

>>> Mercoledì 28 dicembre

Dancing Redas – Montecchio Emilia – ore 20.30

Concerto della Banda di Montecchio

Omaggio ad Antonio Zoboli

Presentazione del volume “Battaglieri! Storie di liscio emiliano”

>>> Venerdì 6 gennaio 2012

Cinema teatro Zacconi – ore 9.30

Arriva la Befana!

Proiezione del film di animazione

“Winnie the Pooh - Nuove avventure nel Bosco dei 100 Acri”

La Befana distribuirà dolcetti a tutti i bambini

Ingresso gratuito

9


10

iniziatiVE culturali

29° Fotofestival a Montecchio Emilia

torna l’appuntamento annuale con la grande fotografia

al castello di Montecchio fino al 15 gennaio 2012

Fino al 15 gennaio sarà possibile ammirare

le opre ch il ventinovesimo Fotofestival,

rassegna di mostre fotografiche,

organizzato dal Circolo Fotografico

Cinefotoclub Montecchio con il patrocinio

e la collaborazione dell’Amministrazione

Comunale propone negli

spazi del Castello Medievale.

La principale mostra della manifestazione

di quest’anno, dal titolo “Un

gondoliere a Venezia”, é opera del fotografo

ravennate Alex Majoli. Questa

mostra é il risultato di uno dei progetti,

concordati tra Magnum Photos Inc e

Leica Camera, che hanno lo scopo di

scrivere nuovi capitoli nella storia del

reportage fotografico. Gli scatti della

Leica M9-P di Alex Majoli, esplorando

le viuzze e i canali della città lagunare,

ce ne danno un ritratto genuino e autentico,

sotto una nuova luce e da una

diversa prospettiva.

Di sicuro interesse sarà anche la mostra

“Meraviglie della Natura Reggiana - La

Val d’Enza e la sua Fauna”, realizzata

da Roberto Parmiggiani, da sempre

appassionato di natura, che ha realizzato

diversi reportage naturalistici sia

all’estero sia in Italia pur mantenendo

il suo principale campo d’azione nella

nostra regione e in particolare nella

provincia di Reggio Emilia.

I suoi scatti documentano la presenza

di esemplari faunistici, anche rari e insoliti,

che trovano a pochi passi dalle

nostre case un habitat favorevole per

vivere e riprodursi. Venerdì 20 gennaio,

alle ore 21.00, nella Sala della Rocca, ci

sarà la possibilità di dialogare con l’autore,

che parlerà delle sue esperienze e

risponderà alle domande dei presenti.

Nella Sala dei Gravi, al secondo piano,

sarà esposta la terza mostra, realizzata

da Annarita Mantovani, socia del Cinefotoclub,

dal titolo “La Maschera e

il Volto: Far Far Away e Sorelle d’Italia”.

La mostra è un incontro tra visioni di

donne che appartengono al secolo

scorso e che ormai possiamo ritrovare

solo nelle vecchie fotografie di famiglia

e la loro interpretazione in chiave moderna.

Annarita è nata e vive a Montec-

Concorso Fotografico ‘’Fratelli di Note’’

Montecchio Unplugged 2011

i tre vincitori premiati in occasione del Fotofestival

chio Emilia, fotografa per passione e

ha esposto in diverse mostre collettive

e personali vincendo premi fotografici

importanti: per gli interessati e i curiosi

sarà possibile incontrarla venerdì 13

gennaio, alle ore 21.00, nella Sala della

Rocca del Castello medievale.

Le immagini realizzate dai partecipanti

al concorso fotografico “Fratelli di

note”, durante Montecchio Unplugged

2011, saranno invece esposte nel Torrione,

lungo la salita di accesso alla cella

campanaria; contemporaneamente

Il concorso fotografico “Fratelli di note” che, in occasione di Montecchio Unplugged 2011 aveva sollecitato tanti appassionati

a fissare le suggestioni create dall’intreccio magico di suoni e colori, seguendo la traccia - nel 150° anniversario dell’Italia unita

– del linguaggio universale di unione e fratellanza della musica, ha i suoi tre vincitori.

La Giuria, composta da Ivano Bolondi, fotografo montecchiese di fama internazionale nella veste di Presidente e da Enrico

Maria Bruti, Alfredo Bertolini e Saverio Cantoni del Cinefotoclub Montecchio, ha infatti selezionato le tre migliori fotografie

presentate dai 12 concorrenti. Gli autori degli scatti premiati sono Rosario Bellan di Roncocesi, primo classificato con la foto

intitolata “Il vecchio tra di noi”, Annarita Mantovani di Montecchio Emilia, seconda classificata, con l’immagine in bianco e nero

di due giovani chitarristi e Mattias Picelli di Cavriago, terzo classificato, con lo scatto “Sete di musica”.

Tutte le fotografie che hanno partecipato al Concorso, saranno esposte nella mostra “Fratelli di note” che sarà ospitata nel

Castello medievale a partire da sabato 17 dicembre 2011. In concomitanza con l’inaugurazione del Fotofestival, sabato 17

dicembre alle ore 16.30, avverrà la premiazione dei tre vincitori.


Concerto della

Banda di Montecchio

il 28 dicembre al redas

omaggio ad antonio zoboli

Un omaggio all’indimenticato Antonio “Tonino”

Zoboli, scomparso quest’anno, sarà proposto mercoledì

28 dicembre alle ore 20.30 presso il Dancing

Redas di Montecchio Emilia. Sarà quindi proprio la

Banda di Montecchio che si esibirà in un concerto

gratuito in ricordo e in memoria del grande musicista.

Durante la serata verrà anche presentato al

pubblico il volume “Battaglieri! Storie di liscio emiliano”,

un’importante ricerca storica sulle radici della

nostra musica.

alla inaugurazione della mostra, avverrà la premiazione

dei primi tre classificati. Questa rassegna di mostre fotografiche

farà da degna cornice al meeting di presentazione

delle ultime apparecchiature fotografiche realizzate

dalle ditte Olympus e Leica, rappresentate dalla

ditta Polyphoto di Milano e dalla ditta Foto Orlando di

Montecchio Emilia, che si svolgerà nel cortile interno

del Castello nella giornata di domenica 8 gennaio 2012,

dalle ore 8.30 alle ore 18.30. Come da tradizione, la stessa

domenica 8 gennaio – sempre dalle 8.30 alle 18.30 -

vedrà lo svolgimento della Mostra Mercato del Materiale

Fotografico Usato e d’Epoca presso la sala Margherita

(ex – mensa) di via F.lli Cervi, ormai giunta alla sua XVIII

edizione. Le mostre al Castello saranno visitabili - dal 17

dicembre 2011 al 15 gennaio 2012 - tutte le domeniche

e i festivi, dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00 e

nei feriali secondo gli orari di apertura della Biblioteca

Comunale.

11


12

cOMunità

Importante donazione ricevuta

dal Comune di Montecchio

Per volontà del Sig. luigi bertani. il Sindaco: “Ennesimo attestato di gradimento

per la nostra rete di servizi alla persona”

Il signor Bertani Luigi, deceduto nello

scorso mese di maggio e da alcuni

anni ospite della Comunità Alloggio

del comune di Montecchio Emilia,

ha previsto nelle proprie disposizioni

testamentarie un lascito a favore del

Comune di Montecchio.

Il Sig. Bertani, anche in memoria della

sorella Maria ha espresso la precisa

volontà che l’importante donazione,

costituita da una somma di €. 150.000

e da un appartamento situato in Via

L. Reverberi, sia destinata al sostegno

dei servizi e delle attività socio-assistenziali

del Comune.

L’Amministrazione Comunale di

Montecchio intende pubblicamen-

te rendere omaggio al nobilissimo e

generoso gesto del Sig. Bertani che

del resto, per tutta la vita, ha sempre

dimostrato un grande attaccamento

al proprio paese e una costante sensibilità

civica che l’aveva portato anche

a ricoprire in passato importanti

incarichi in seno all’Amministrazione

Comunale montecchiese quale assessore

ai tributi nella giunta del sindaco

Medici.

Dovere e impegno dell’Amministrazione

comunale è quello di valorizzare

nel modo migliore la donazione del

Sig. Bertani rispettando appieno le

volontà espresse nel testamento.

Il Sindaco Paolo Colli ha voluto sotto-

lineare anche nella seduta del Consiglio

Comunale del 28 novembre,

in cui si è preso formalmente atto

della donazione “come il gesto del

Sig. Bertani, che si aggiunge ad altri

lasciti verificatisi negli ultimi anni,

testimonia il consolidato e crescente

apprezzamento della cittadinanza per

l’ampia e diversificata rete dei servizi

alla persona erogati sul territorio di

Montecchio dal Comune in collaborazione

con le numerose associazioni di

volontariato”.

Ulteriore testimonianza di questo apprezzamento

della rete di servizi locali

è il lascito che, nello stesso testamento,

il Sig. Bertani ha devoluto a favore

della Croce Arancione Val d’Enza.

Celebrato

il IV Novembre

L’Amministrazione comunale ha promosso

la cerimonia di celebrazione

della ricorrenza del IV Novembre, resa

quest’anno ancor più significativa

dalla coincidenza con il 150° anniversario

dell’unità nazionale.

Alla presenza del Sindaco Paolo Colli,

delle autorità militari e religiose e

con la collaborazione dell’Associazione

Nazionale Combattenti e Reduci,

dell’Associazione Alpini, dei Bersaglieri,

dell’Istituto Nastro Azzurro, dell’

U.N.U.C.I., dei Carabinieri in congedo,

dell’ANPI, della Croce Rossa e delle

scuole montecchiesi, dopo la celebrazione

della messa in suffragio ai

Caduti sono state deposte corone al

Monumento e alla Lapide ai Caduti di

tutte le Guerre.


iniziatiVE EcOlOgichE

Il primo distributore

di metano per auto a

Montecchio

L’Amministrazione comunale ha voluto complimentarsi per

l’attivazione del primo distributore di gas metano per autoveicoli

aperto sul territorio di Montecchio presso il distributore

Esso sulla strada provinciale per Reggio.

L’apertura del distributore di metano è in sintonia con l’obiettivo

programmatico dell’Amministrazione di incentivare

l’uso di mezzi e carburanti ecocompatibili.

13


14

150° unità naziOnalE

Patto d’amicizia tra i Montecchio d’Italia

ai quattro Sindaci pervenuta comuinicazione di vivo apprezzamento del Presidente

della repubblica

In occasione della 882^ Fiera di San Simone,

nella mattinata di sabato 29 ottobre,

nella Sala della Rocca del Castello

medievale alla presenza dei quattro primi

cittadini, , e del deputato reggiano

Pierluigi Castagnetti, si è svolta la cerimonia

della firma del ‘Patto di Amicizia’

tra i quattro Montecchio d’Italia, a sancire

ufficialmente il comune intento di

rafforzare i reciproci legami.

Il tutto è stato contornato dalle esibizioni

musicali del Coro Estense di Montecchio

Emilia e della Banda “Santa Cecilia”

di Montecchio (Terni), né sono mancati,

all’interno della Fiera, gli stand con gli

eccellenti prodotti tipici dei comuni

omonimi del nostro, che molti montecchiesi

d’Emilia hanno dimostrato di

apprezzare.

Alle delegazioni venete e umbra è poi

stato offerto un sostanzioso pranzo, ti-

Delegazione e stand della nostra città

alla Fiera della Mostarda di Montecchio Maggiore

continuano gli scambi tra i ‘Montecchio d’italia’

picamente emiliano, realizzato grazie ai

volontari del Centro Sociale Marabù.

Dopo la firma del Patto di Amicizia, avvenuta nella nostra città in occasione

della Fiera di San Simone, continuano gli scambi culturali e

commerciali con gli altri Montecchio d’Italia.

Sabato 26 novembre, una rappresentanza della nostra città, guidata

dal vice sindaco Andrea Costi, ha partecipato all’inaugurazione della

Fiera della mostarda di Montecchio Maggiore, alla presenza di rappresentanti

del Parlamento, della Regione Veneto e della Provincia

di Vicenza. La Fiera, giunta alla sua 4^ edizione, intende promuovere

i prodotti di eccellenza del territorio di Montecchio Maggiore, in

particolare la mostarda vicentina. La manifestazione ha ospitato uno

stand di prodotti tipici del nostro territorio, tra i quali spiccava il “re

dei formaggi”. All’interno della Fiera è stato allestito uno stand del

Comune di Montecchio Emilia con la collaborazione del Museo del

Parmigiano-Reggiano, della Pro Loco di Villa Aiola e del Consorzio del

Parmigiano-Reggiano. Al termine della cerimonia la pro Loco di Montecchio

Maggiore ha ospitato a pranzo la nostra delegazione e tutti gli

invitati all’inaugurazione.


iniziatiVE

Corso di informatica

gratuito per anziani

gli studenti del “D’arzo”

salgono in cattedra

Da metà gennaio gli studenti dell’Istituto superiore

montecchiese “S. D’arzo” diventeranno per una volta

insegnanti. Saranno infatti loro i docenti del corso di

informatica rivolto agli anziani nell’ambito del progetto

della Regione Emilia Romagna “Pane e Internet” e

organizzato dal Comune e dall’Università Popolare “La

Sorgiva”.

Nel corso verranno affrontati gli argomenti di più consueto

utilizzo del computer (videoscrittura, posta elettronica,

internet, gestione delle fotografie…). Tutto il

materiale didattico sarà fornito dalla Regione mentre

la sala multimediale della biblioteca sarà disponibile

per la esercitazioni.

Un secondo corso, sempre nell’ambito del progetto regionale

“Pane e internet”, verrà inoltre proposto nella

prossima primavera.

Apprezzamento per

l’iniziativa ‘150 anni in

passerella’

ancora un riconoscimento del Presidente

napolitano per Montecchio

Una gradita sorpresa per la regista Liliana Boubè e per

tutte le persone che hanno contribuito alla realizzazione

dello splendido evento: il Presidente della Repubblica,

a cui era stata inviata una copia del DVD dello

spettacolo “150 anni in passerella”, le ha infatti scritto

una lettera complimentandosi per il valore dell’iniziativa

e inviandole in dono una copia speciale della Costituzione

Italiana come segno tangibile del suo personale

apprezzamento.

Si tratta quindi del terzo riconoscimento ufficiale della

Presidenza della Repubblica conferito quest’anno

alla nostra città. Un primo attestato è infatti arrivato

in occasione dell’intitolazione al ‘Tricolore’ del ponte

sull’Enza, mentre il secondo è invece pervenuto per

l’iniziativa di amicizia tra i Montecchio d’Italia.

15


16

cOMunità

Successo della tortellata

di San Giovanni 2011

Presentato il resoconto dell’iniziativa a sostegno del volontariato montecchiese

13 associazioni montecchiesi coinvolte,

oltre 100 volontari impegnati, un

incasso finale che ha segnato un +

50% rispetto a quello dell’anno precedente….Bastano

alcuni numeri per

mettere in luce il grande successo riscontrato

dall’edizione del 2011 della

tradizionale Tortellata di San Giovanni

organizzata come di consueto presso il

Parco Enza finalizzata al sostegno delle

associazioni di volontariato del nostro

Comune. E’ stato quindi grazie all’impegno

delle associazioni degli Amici

del Parco, Caritas, Mille Soli, Aido, Avo,

Avis, Croce Arancione, Mano fraterna,

Auser, Sostegno e zucchero, Coop.

L’Olmo, Associazione Alpini e Protezione

Civile che anche quest’anno è stato

possibile realizzare l’iniziativa ormai attesa

da tantissimi montecchiesi.

Da sottolineare inoltre che, il giorno

prima della grande tortellata, è stato

come ormai da tradizione e consuetudine,

offerto il pranzo agli anziani del

Centro Diurno, della Casa di Carità di

Ringraziamenti dell’Amministrazione Comunale

San Giuseppe e ai ragazzi della Coop.

L’Olmo che, in questo modo, hanno

potuto gustare in anteprima il delizioso

menù.

Genitori sezione 3 anni Scuola Infanzia

L’Amministrazione Comunale, unitamente al personale educativo della Scuola dell’Infanzia “Don Pasquino Borghi”,

intende ringraziare i genitori della sezione dei 3 anni che hanno donato alla scuola un personal computer e una

stampante. L’attrezzatura informatica andrà così a completare quella già in dotazione alla scuola e particolarmente

utile come supporto all’attività didattica delle insegnanti e dei bambini.

Bottega di Intaglio e Tarsia di Villa Aiola

Durante il periodo della Fiera di San Simone, la Bottega di Intaglio e Tarsia di Villa Aiola ha esposto nel rinnovato

cortile interno del Castello Medievale una selezione delle sue magnifiche e pregiate opere lignee. A conclusione

della mostra, che ha incontrato l’apprezzamento dei tanti visitatori che hanno potuto ammirarla, i soci della storica

associazione aiolese hanno donato al Comune di Montecchio nuove opere, tra cui una splendida copia in legno del

portale del Duomo di Modena, che sono ora visibili in modo permanente proprio all’ingresso del Castello.

L’Amministrazione comunale intende quindi ringraziare sentitamente i componenti dell’Associazione per l’impegno

profuso nell’allestimento della mostra e per la preziosa donazione a favore del Comune di Montecchio.

Centro Sociale Marabù

Con la consueta disponibilità i soci del Marabù si sono fatti carico della preparazione del pranzo offerto in occasione

della firma del patto di amicizia alle foltissime delegazioni dei Montecchio d’Italia. L’Amministrazione comunale

intende una volta di più rimarcare il grande spirito di iniziativa e l’abnegazione per il bene pubblico che da sempre

caratterizzano l’azione del Circolo Marabù.


aMbiEntE

Liberiamo l’aria a

Montecchio Emilia

Sono in vigore le limitazioni alla circolazione

dei veicoli a motore

In seguito all’ordinanza n. 90 del 13 ottobre 2011 sono

entrate in vigore le limitazioni parziali alla circolazione

stradale nel centro abitato di Montecchio Emilia dal lunedì

al venerdì, dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle

18.30.

Si ricorda agli automobilisti che, a partire dal 17 ottobre

e fino al 31 marzo 2012, entrano in vigore le limitazioni

al traffico per i seguenti veicoli, anche se provvisti

di bollini blu:

• VEICOLI A BENZINA precedenti all’EURO 1 (non

omologati ai sensi della direttiva 91/441 o immatricolati

prima del 31/12/1992);

• VEICOLI DIESEL precedenti all’Euro 2 (non omologati

ai sensi della direttiva 97/24 CE);

• VEICOLI DIESEL Euro 2 NON dotati di sistema di riduzione

della massa di particolato (filtro antiparticolato);

• CICLOMOTORI E MOTOVEICOLI A DUE TEMPI precedenti

alla normativa euro 1;

• VEICOLI DIESEL tipi M2, M3, N1, N2 o N3 precedenti

all’Euro 3, ovvero non dotati di sistema di riduzione

della massa di particolato (filtro antiparticolato) con

marchio di omologazione e inquadrabili, ai fini dell’inquinamento

da massa di particolato, quali Euro 3 o categoria

superiore.

Nel testo dell’ordinanza, visionabile sul sito del Comune

di Montecchio Emilia, sono previste deroghe per

particolari categorie di veicoli.

Il testo dei provvedimenti e tutte le informazioni sono

visionabili al seguente indirizzo web: http://www.arpa.

emr.it/liberiamo/

Per ulteriori informazioni rivolgersi alla Centrale Operativa

della Polizia Municipale Tel. 0522/865048.

Promemoria

per i cittadini

1) Divieto assoluto di transito in Via del Cimitero in

occasione dei funerali

2) Per la sicurezza stradale di prossima installazione

autovelox e speed check sulle strade del Comune.

(Maggiori dettagli nel prossimo numero)

17

PARMIGIANO REGGIANO

BURRO

SALUMI TIPICI


18

Pari OPPOrtunità

La Val d’Enza ha bisogno delle sue donne

Si è riunito a Montecchio il Forum Provinciale delle Donne

Il Forum Provinciale delle donne ha

aperto le sue porte alla Val d’Enza e ha

costruito un dialogo fra le rappresentanti

delle istituzioni regionali e provinciali

e le donne delle associazioni, delle

amministrazioni, della sanità e della

società civile provenienti dai comuni

del nostro territorio. L’incontro è stato

uno spazio nel quale molte presenti

hanno potuto raccontare se stesse e le

tribolazioni quotidiane femminili alla

luce dei diritti conquistati negli anni

“Stiamo su da terra”

E’ iniziato un ciclo di incontri per fornire consigli su diversi

temi della vita di tutti i giorni, soprattutto degli anziani.

Organizzato dal Settore Politiche Sociali del Comune, con il

Centro Sociale Marabù, i sindacati pensionati di CGIL e CISL

e l’Università Popolare “La Sorgiva”. Gli incontri si svolgono

presso la sede del Centro Sociale Marabù, dalle 15.00 alle

16.00. Le prossime iniziative in programma sono:

>>> Mercoledì 11 gennaio:

“Migliorare la sicurezza in casa: suggerimenti e possi-

70/80 e del rischio di perderli in questo

nuovo millennio; ma hanno saputo

mostrare anche una grande volontà di

riconquistarsi alla politica, rinnovandola

nei contenuti e nelle modalità, affinchè

non sia più qualcosa di pesante

ed aggiunto, ma un fare piacevole in

cui conciliarsi con se stesse, laddove ci

aiuta a conciliare il nostro tempo con

il lavoro e la cura e ci fa sentire bene

insieme con le altre.

L’esperienza della “Banca del tempo”,

che a Quattro Castella funziona già da

alcuni anni e che è stata illustrata dalla

presidente Beatrice Spallanzani, è a

questo proposito esemplare, in quanto

risponde al principio dello scambio

solidale tra cittadini e famiglie, dove l’

unità di moneta che viene prestata è

l’ora messa a disposizione dai volontari

e il valore più importante è la relazione,

la rete, il sostegno reciproco. Il tem-

po che viene scambiato è destinato a

prestazioni di mutuo aiuto a favore di

singoli cittadini o della comunità.

Tanti altri sono stati i temi posti all’attenzione

dei/delle presenti:

• il fare impresa da parte delle donne è

un’opportunità sulla quale la Provincia

scommette mettendo a disposizione

fondi appositi e la presidente Sonia

Masini sollecita la platea a farsi promotrice

di progetti in tal senso;

• l’abbandono del lavoro da parte di

una percentuale di donne, quando inizia

la maternità, rappresenta una perdita

di competenze oltre che di contenzioso,

come ci spiega la consigliera

prov.le di parità Celestina Tinelli, su cui

occorre riflettere per trovare modalità

di conciliazione;

• la istituzione della Commissione di

Parità della regione Emilia-Romagna,

come ci ha illustrato la presidente eletta

Roberta Mori, è un’altra opportunità

per combattere contro le discriminazioni.

Ma ciò che emerge come bisogno essenziale

di questo forum, è che le donne

non si isolino e non siano isolate.

Occorre avere consapevolezza che la

forza delle donne e delle politiche per

le donne deriva dalla convinzione e dal

sostegno, anche critico, che le donne

un ciclo di incontri su come amministrare le proprie risorse fisiche e psicologiche

bili ausili”

Dott.ssa Anna Gianotti, Resp. del Serv. Assistenza Anziani e

del Centro di adattamento domestico (C.A.D.)

>>> Mercoledì 25 gennaio:

“Quali agevolazioni per migliorare il proprio ambiente

di vita e per gli anziani” a cura dei patronati CGIL e CISL

>>> Mercoledì 08 Febbraio:

“Restiamo in forma con leggerezza!”

Incontro di Danzamusicoterapia con Simona Boni


danno alle altre donne.

La società ha bisogno delle donne e la Val d’Enza deve

poter contare sulle sue donne che tante energie e tanto

lavoro profondono per famiglia, impresa, istituzioni.

Cosicchè la Val d’Enza viene proposta dalla presidente

Masini come Forum Provinciale n.2., sfida accolta con

fiducia e disponibilità.

iniziatiVE

Nanda Baldi

Consigliera alle Pari Opportunità

Sostieni le nostre

scuole con i punti

della ‘Coop’

Il progetto “VANTAGGI PER LA SCUOLA”, promosso

dall’Assessore all’Istruzione della Provincia di Reggio

Emilia Ilenia Malavasi, sostiene una raccolta punti tramite

cui la Coop Consumatori Nord-Est favirisce percorsi

educativi, integrativi del curricolo scolastico, nelle

scuole di ogni ordine e grado dell’intero territorio

provinciale. Il progetto ha l’intento di fornire alle scuole

aderenti all’iniziativa risorse aggiuntive che sostengano

l’impegno quotidiano, accogliendo i bisogni del

territorio in cui si trovano, tramite percorsi di qualificazione

o di ampliamento dell’offerta formativa.

Accolto all’interno dei consigli d’Istituto, il progetto

“VANTAGGI PER LA SCUOLA” coinvolge sia la scuola

primaria e secondaria di primo grado dell’Istituto

Comprensivo di Montecchio Emilia, che I’Istituto Superiore

D’Arzo. La raccolta punti è iniziata il 19 novembre

e si concluderà il 31 Marzo 2012.

Ad ogni scuola è associato un codice, il cui elenco è

consultabile nei punti vendita Coop e sul sito http://

www.vantaggiperlascuola.it.

I soci di Coop Consumatori Nordest possono scegliere

una delle scuole e, comunicandone il codice alla cassa,

ricevono un buono ogni 10 punti di “CARTASOCIOCO-

OP”. I buoni devono essere consegnati in appositi contenitori

allestiti nelle scuole, che li utilizzeranno per

finanziare attività extrascolastiche.

Alleghiamo di seguito i codici assegnati alle scuole

della città di Montecchio, per informare i cittadini della

possibilità di scelta.

Scuola Primaria De Amicis: codice 119

Scuola Secondaria Zannoni: codice 120

Istituto Superiore D’Arzo: codice 156

19


20

SErVizi E aSSiStEnza

Oggi che giorno è?? - 4° Puntata

(dove eravamo rimasti): su consiglio

della geriatra e del medico di base

mi ero rivolta all’assistente sociale

per conoscere i servizi, ed insieme

avevamo concordato di provare un

inserimento al Centro diurno al mattino;

l’assistente era venuta a casa e

mia madre sembrava essere d’accordo.

E’ lunedì, è il primo giorno concordato

di centro diurno per mia madre.

Vado a svegliarla e le dico che

dobbiamo alzarci per prepararci e

andare, ma lei non si ricorda e dice

che vuol stare a letto! Insisto: ne abbiamo

parlato anche ieri sera! Mia

madre si arrabbia, dice che ce l’ho

con lei e che non è una bambina,

perciò se vuol stare a letto ci sta!

Capisco che continuare in questo

modo non mi porta a niente, inoltre

sento che mi sta salendo la rabbia:

eravamo d’accordo con l’assistente

sociale che come primo giorno

avrei accompagnato io mia madre,

ma per le 10 devo essere a casa perché

mia figlia ha bisogno per il nipotino:

come faccio? Possibile che

mia madre pensi solo a sé stessa?!

Arrivare tardi mi infastidisce: non so

cosa fare e quindi chiamo l’assistente

per scusarmi dicendole che mia

madre non vuole alzarsi. L’assistente

mi suggerisce di lasciar stare un

attimo la mamma, e andare avanti

con le mie cose preparandole vestiti

e colazione: dice che riproponendoglielo

dopo un po’ di tempo, semmai

motivandoglielo col fatto che il dottore

ha detto che le fa bene venire a

fare un po’ di ginnastica, è più facile

che accetti. Mi rassicura inoltre sulla

flessibilità nell’orario d’ingresso: è

più importante rispettare, nel limite

del possibile, i suoi ritmi per aiutarla

ad accettare questa nuova situazione.

Sento un rumore: mia madre compare

sulla porta e mi chiede se è

pronta la colazione…Conto fino a

dieci…Pur essendo ancora arrabbiata

cerco di controllarmi, le preparo

la colazione e intanto le ricordo

che oggi andiamo al centro diurno a

fare un po’ di ginnastica, perché l’ha

detto il medico. Si lascia preparare

e arriviamo al diurno: l’accoglienza

degli operatori la fa sentire al centro

dell’attenzione, ma è soprattutto

il ritrovare tante persone che erano

giovani con lei e che la salutano

che la fa rinvigorire: capisco che in

realtà non riconosce subito tutti,

ma quando le danno qualche riferimento

su cosa facevano insieme

o dove abitavano si illumina. Come

infatti mi hanno spiegato, i ricordi di

un tempo restano più a lungo. Ero

molto preoccupata di questo primo

giorno, ero assalita da tanti dubbi: le

chiedo se vuole che resti un po’ con

lei, perché ho ancora una mezz’oretta

prima che arrivi mia figlia, ma lei

mi dice che posso andare: questo

mi rincuora, sia per lei che vedo che

sta bene in compagnia, sia per me

perché sarei stata in difficoltà a gestire

mia madre e il nipotino. Inoltre

penso davvero che le possa far bene

stare in compagnia con le altre persone:

a casa spesso non so di cosa

parlare, i discorsi sulle cose nuove

cadono nel vuoto, e non sempre

ho la pazienza di ascoltare gli stessi

racconti del passato, che lei ripete

spesso.

La mattinata passa veloce, e quando

la vado a prendere vedo che sta

chiacchierando con una sua vecchia

amica. “Sei già qui?” mi dice! Se

penso alla fatica di stamattina…ma

sono davvero sollevata nel vedere

le sue reazioni, anche gli operatori

mi confermano che è stata bene e

la salutano dicendo che l’aspettano

domattina. Mentre torniamo mi racconta

di chi ha rivisto, l’aiuto un po’

nei nomi perché vedo che non se li

ricorda.

I giorni successivi le cose procedono

abbastanza bene: mia madre sembra

che si stia abituando a frequentare

il centro e continua ad andarci

volentieri: gli operatori mi dicono

che se voglio posso lasciarla anche a

mangiare e andarla a prendere verso

le 14: sono loro ad invitarla, vedo

che accetta volentieri perché la fanno

sentire importante. Pensavo che

mi sarei sentita in colpa a lasciarla

più tempo al diurno, invece mi accorgo

che avere un po’ di tempo per

me mi rende anche più paziente nei

suoi confronti quando poi stiamo

insieme.

Nel colloquio di verifica con l’assistente

sociale dico che sono stupita

della positività dell’inserimento: tra

l’altro vedo mia madre più attiva

ed anche un po’ più presente; l’assistente

mi conferma che la mamma si

è inserita bene e che se voglio posso

farla restare anche al pomeriggio:

se sono in difficoltà con gli orari c’è

anche il servizio di trasporto. Mi informa

della possibilità di partecipare

al Gruppo di sostegno, in cui si

incontrano i famigliari degli anziani

con demenza per parlare della malattia,

scambiarsi le esperienze e anche

avere un momento per sé in cui

poter esternare le proprie emozioni

Mi rendo conto che in me questa

malattia ne scatena tante e altalenanti:

mi arrabbio, poi ho i sensi di

colpa, ho un senso di protezione nei

suoi confronti ma a volte non la sopporto,

in certi momenti avverto un

senso d’impotenza e la malinconia

per la mamma che avevo una volta

e che ora sta diventando sempre più

bisognosa di aiuto … Ci penserò…

Alla prossima puntata!


lega nord Padania

Montecchio Emilia

LA LEGA NORD MONTECChIO EMILIA DA SEMPRE VOCE

aI CITTaDINI.

Lo scorso 19 Ottobre abbiamo protocollato una mozione ed

una interrogazione riguardanti problematiche del territorio

sollevateci da alcuni cittadini particolarmente poco entusiasti

della capacità di questa amministrazione di dare risposte

alle loro domande. La mozione, che ricordiamo essere vincolante

in caso di approvazione, impegnava l’amministrazione

a risolvere il problema dell’assoluta assenza d’illuminazione

in Vicolo Pozzoferrato. Il passaggio pedonale,infatti, risulta

privo, in gran parte della sua lunghezza, di qualsiasi fonte di

illuminazione pubblica. Alcuni cittadini , ad oggi, provvedono

all’illuminazione del vicolo mediante punti luce propri,

accolandosi oneri economici e di altra natura che dovrebbe,

invece, ricadere sull’amministrazione comunale. Il vicolo,

nelle condizioni attuali, non può essere percorso nelle ore

più buie della giornata in quanto non vi è la minima visibilità

necessaria ad accertarne la sicurezza , che da sempre

è una priorità per noi della Lega Nord. Per questo abbiamo

chiesto al sindaco e alla giunta comunale di risolvere il problema

dell’illuminazione in Vicolo Pozzoferrato ricercando

mediante i propri uffici tecnici la tipologia di istallazione che

si sarebbe ritenuta più opportuna nel rispetto dei limiti di

bilancio e nel più possibile rispetto dell’ambiente circostante.

L’amministrazione nella seduta di consiglio comunale

tenutasi nella serata del 10 novembre , ci ha comunicato,

per voce dell’assessore Leoncini, di aver già deliberato nelle

prime giornate di ottobre di accollare alle aziende che si

apprestano a costruire nuovi stabili nella zona, le spese di

installazione dell’impianto illuminante. Questo lo riteniamo

un atto assolutamente pregevole ma ci stupiamo di

come si stato fatto senza aver preventivamente informato

la commissione urbanistica e i capigruppo consiliari. Mossa

al quanto scorretta nei confronti di un dialogo tra le forze

politiche che fanno parte del consiglio comunale eletto dai

cittadini. L’apice dell’assurdità si è però raggiunto durante la

seduta di consiglio comunale sopra citata: dapprima ci viene

rinfacciato con toni assolutamente fuori luogo l’anticipo con

cui l’amministrazione si sia mossa rispetto alle nostre richieste

(anticipo che non può che renderci entusiasti e che non

consideriamo assolutamente come uno sfregio al nostro lavoro)

ed in un secondo momento, udite udite, abbiamo assistito

ad una maggioranza in panico sul come votare questa

mozione.

MA COME? Prima ci si vanta di averla già pianificata, poi (addirittura)

ci si chiede di ritirarla ed in ultimo, dopo un nostro

rifiuto, non si sa come votarla?!? Non vi annoieremo descrivendoti

le scene assurde viste per trovare un accordo sul

21


22

voto ma vi diciamo solamente che l’esito

della votazione è stato di 3 voti favorevoli

della minoranza e di 9 astensioni (!)

della maggioranza. Diciamo che visto l’esito

delle ultime votazioni in parlamento

possiamo anche esultare che i membri

del PD non abbiano lasciato l’aula… In

ogni caso la mozione, per regolamento,

risulterebbe approvata se non fosse che

la delibera riporta un errore di battitura

da parte della segreteria comunale che

la riporta come non approvata, doppio

stupore. Rassicuriamo però i cittadini, la

delibera è stata corretto e l’illuminazione

a breve arriverà in Vicolo Pozzoferrato! Le

sorprese non sono finite: nella stessa serata

abbiamo trattato l’interrogazione presentata

sempre il 19 ottobre, riguardante

la scarsa presenza di raccoglitori di rifiuti

nella zona di Via Pavese e Strada Valle. I

cittadini che hanno sollevato il problema

ci hanno segnalato che hanno chiesto più

volte un incontro con il sindaco , tramite

la sua segreteria, ma non hanno mai avuto

un appuntamento ne ‘con il sindaco, ne’

con l’assessore competente e questo li ha

portati a chiedere un aiuto al nostro gruppo

consiliare. Il problema della scarsa presenza

di raccoglitori di rifiuti nella zona è

aggravato dalla scarsa qualità del servizio

di raccolta negli ultimi mesi, in quanto tutti

gli operatori di raccolta che solitamente

sono di servizio in città, conoscendone

le zone a maggiore densità e curandone

particolarmente la raccolta, non sono

presenti in servizio per svariati motivi. Essi

sono stati sostituiti da “ supplenti” , denominati

“jolly” , che pur svolgendo seriamente

il loro lavoro si ritrovano a rispettare

meticolosamente una tabella di marcia

che purtroppo non risponde alle reali esigenze

della città. Il numero di contenitori

è tuttora insufficiente per contenere la

mole di rifiuti prodotti dalla popolazione

del quartiere risultando sempre pieni ed

inutilizzabili. Molti cittadini provvedono

autonomamente e quotidianamente alla

raccolta dei rifiuti in eccesso che vengono

abbandonati illegittimamente ai lati dei

raccoglitori ma questo l’amministrazione

non lo ha visto, non lo nota e questo è

chiaramente comprensibile dalla risposta

data dall’assessore Leoncini: “Un monitoraggio

(da parte di IREN) ha evidenziato

che la situazione della piazzola di Via Valle

non presenta criticità in termini di insufficienza

volumetrica. I volumi di stoccaggio

rifiuti disponibili in rapporto all’attuale

numero di abitanti risultano adeguati.”.

Queste parole dicono più di quanto necessario

e dimostrano come questa amministrazione

non abbia assolutamente

la consapevolezza di quanto accada fuori

dalle mura del municipio, risultano sempre

più distaccati dalla realtà e questo

dispiace anche a noi dell’opposizione in

quanto risulta davvero complicato trovare

un campo neutro di confronto su temi a

conoscenza di entrambi gli “schieramenti”.

Ci auguriamo che i cittadini di Via Pavese

e Via Valle non si arrendano e che cerchino

altri mezzi spontanei per contrastare la

prepotenza dell’ignoranza (nel suo termine

più buonistico) di questa amministrazione

e li invitiamo a farci sapere come

appare ai loro occhi la situazione della raccolta

rifiuti nella propria zona. I nostri contatti,

come sempre, sono facilmente reperibili

e ci permettono di non avere, come

altri, le fette di prosciutto sopra agli occhi.

Contattateci liberamente al 347-4840426

o via mail a info@centrodestramontecchio.com.

Aiutateci ad aiutarvi. Cogliamo

l’occasione per augurare un sereno e cristiano

natale a tutti i nostri concittadini

Montecchiesi, sperando che l’anno che

venga sia ricco di soddisfazione per voi e

per i vostri cari.

Democratici uniti

la tua Montecchio

LO SFORZO NECESSARIO

E’ indubbio che in questo momento della

storia del nostro Paese ci troviamo in una

situazione di assoluta emergenza, non

nell’ordinarietà. Dopo anni di chiacchiere a

vuoto, di scelte sbagliate, di negazione dei

problemi, l’Italia si è trovata ad un passo

dall’abisso del fallimento finanziario, il cosiddetto

default. Avevamo sentito distrattamente

parlare dell’Argentina, dell’Islanda,

poi dell’Irlanda, infine della Grecia. Una

deriva di questo tipo, con tale rapidità, quasi

nessuno se l’aspettava, il che accresce le

responsabilità di chi fino a ieri ha avuto le

responsabilità di governo: sapevano del

pericolo e, invece di agire per tempo, in

questi ultimi anni si è perso tempo a discutere

di cose inutili o, peggio ancora, a raccontare

cose che si sono rivelate non vere.

Ora però non è il momento delle recriminazioni,

occorre prima di tutto salvare l’Italia.

E in questa corsa contro il tempo che si è

aperta dopo le dimissioni del governo Berlusconi,

una grande forza popolare come il

Partito Democratico ha il dovere, oltre che

di assumersi la responsabilità di portare

avanti il risanamento, anche di proporre

al governo Monti azioni che vadano nel

segno di una maggiore equità, sia sul capitolo

pensioni che su quello dell’ICI. Come

più volte richiesto dall’associazione dei

Comuni italiani (l’Anci), è poi assolutamente

necessario modificare le condizioni imposte

ai Comuni, in particolare sul versante

del “patto di stabilità”, vincolo contabile

che impedisce di effettuare investimenti

nonostante la presenza di disponibilità

finanziarie proprie. Il gruppo di maggioranza

“Democratici Uniti-La Tua Montecchio

sta discutendo del bilancio comunale

2012, che dovrà rispettare (se nulla cambia)

il “patto di stabilità” in modo oltretutto

molto più gravoso rispetto al passato:

infatti, mentre il 2011 si deve chiudere con

300.000 euro in più nell’equilibrio tra spese

ed entrate, il 2012 dovrà vedere (a causa

delle manovre del precedente governo

Berlusconi) oltre 900.000 euro rimanere in

cassa: si tratta, sottolineamolo ancora una

volta, di risorse proprie del Comune che lo

Stato non consente di impiegare e che vengono

quindi sottratte agli investimenti e ai

servizi per i cittadini. Questa cifra enorme

andrà rispettata nonostante il nostro Comune

sia da classificare tra i “Comuni virtuosi”

, cioè tra quelle amministrazioni che

non hanno debito pubblico o lo hanno in

misura minima e da sempre con bilanci in

pareggio. Ma non finisce qui: a questo vanno

aggiunti tagli sui trasferimenti statali

sulla spesa corrente per oltre 300.000 euro,

tagli che si aggiungono a quelli avvenuti

negli anni scorsi. Come fare? Da un lato

occorrerà reperire nuove risorse (tenuto

conto che anche i fondi provenienti dalle

urbanizzazioni secondarie, cioè dall’attività

edilizia, si sono notevolmente ridotti in


tempi di crisi passando da oltre 1 milione di euro del 2007 ai

300.000 circa del 2011), dall’altro diminuire le spese. La maggioranza

che guida questo Comune ha dato priorità assoluta

ai servizi alla persona che vanno difesi in ogni modo (almeno

nella loro attuale qualità) sia perchè la loro tutela fa parte del

programma con cui i Democratici Uniti si sono presentati alle

elezioni, sia perchè non possono mancare- da parte di chi amministra

il bene pubblico - la necessaria attenzione e la massima

cura per i settori più delicati della società: gli anziani e

l’infanzia. Una misura inevitabile per accrescere le entrate sarà

l’aumento dell’addizionale IRPEF, che passerà dallo 0,35% allo

0,6% con esenzione per i redditi più bassi (fino a 7.500 euro).

Siamo consapevoli che questo incremento si somma a tante

altre imposte e alla lievitazione di prezzi che l’attuale manovra

Monti sta imponendo al Paese e che si tradurrà per i cittadini

di Montecchio in ulteriori sacrifici. Ma crediamo che, se ai sacrifici

corrispondono servizi efficienti in grado di dare risposte

adeguate ai bisogni delle famiglie e della gente, i cittadini

stessi sentiranno meno il peso delle limitazioni da sopportare.

Questa è la vera sfida per gli amministratori in tempi di gravi

difficoltà generali quali quelli che stiamo attraversando.

Sul lato della spesa si sta poi operando per dare un respiro

strutturale alle nostre esigue casse. Un esempio è il progetto

di installazione di impianti fotovoltaici su terreni ed immobili

comunali che potranno consentire un significativo risparmio

di spese per energia elettrica (per i Comuni è una voce importante,

basti pensare all’illuminazione pubblica di strade e

quartieri). Fatti salvi i servizi alla persona, saranno comunque

inevitabili tagli ai vari settori dell’amministrazione, da apportare

con estrema oculatezza, responsabilizzando i direttori

dei vari settori e confrontandosi con cittadini ed associazioni,

così da attuare una politica non di cieco rigore ma capace di

preservare i servizi pubblici nella loro essenzialità. Perchè se

le risorse pubbliche continuano drammaticamente a calare,

i bisogni delle persone e delle famiglie invece sono destinati

ad aumentare. Certo è necessario far il possibile per riuscire in

questo necessario sforzo collettivo di risanamento del Paese,

per uscire dall’emergenza e riprendere a crescere, condizione

indispensabile per costruire un’Italia finalmente più efficiente

e più giusta.

MONTECCHIO

Montecchio - Dicembre 2011 - tiratura 4200 copie

• Proprietario:

Comune di Montecchio Emilia

• Direttore Responsabile:

Paolo Casamatti

• Segreteria:

Arnalda Magnani - Paolo Casamatti

• Fotografie:

Maurizia Maramotti, Cinefotoclub

• Rivista registrata:

Tribunale di RE n. 843 del 08/10/92

• Stampa:

Nuovagrafica - Carpi (MO)

• Grafica e pubblicità:

Kaiti expansion srl

www.kaiti.it

• Editore:

Città Editrice snc

via Caduti delle Reggiane, 1/G - RE

tel. 0522 924196 - fax 0522 230892

iscritta al ROC n°6369

PAR CONDICIO DAI GRUPPI CONSILIARI

23

More magazines by this user
Similar magazines