Grimaldi e la rifrazione

scans.library.utoronto.ca

Grimaldi e la rifrazione

— 91 —

luce, nient' altro che luce. E di conseguenza quelle specie, che De

LA Chambre non vuol chiamare intenzionali, e chiamerà soltanto

«visive» (anche perché gli ripugna di sminuire la dignità della luce

assegnandole una funzione rappresentativa rispetto a vili oggetti mate-

riali: e ((intenzionale» significa appunto ((rappresentativo») vanno,

in mezzo omogeneo, per linee rette; ma quando occorre si rifrangono

con le leggi ben note, si riflettono al modo noto: sono costituite di

nient'altro che di raggi di luce, che traversano l'aria (^); e i raggi son

vere linee, e ognuna di esse porta Y inunagine del (( punto rischiarante »

da cui proviene (Iris, p. 65, p. 232-4; Lum., p. 207, 363, e altrove);

né questi raggi vengono dalla semplice estrema superficie del corpo;

ma anzi da un certo spessore della sua profondità, come lo dimostra

il fatto che si soglion dare più strati di vernice.

Se si prescinda dagli accessori, se si rimuovano alcune superfe-

tazioni, i lineamenti dell' ottica di De la Chambre restano, in

proposito, essenzialmente questi: egli attribuisce a sé stesso la dimo-

strazione di ciò eh' egli crede un gran progresso (ma che veramente

si trova già in autori precedenti): che la luce esterna (l'antico lumen)

è della stessa natura della luce radicale {lux); e poiché i colori

cosiddetti apparenti sono luci esterne e quelli cosiddetti reali sono

luci radicali, gli uni sono della stessa natura degli altri, e gli uni e

gli altri sono luce, avendo la stessa natura della luce.

Facendo il sunto dei sunti: luci esterne e luci radicali, colori

apparenti e colori fissi, specie visive (o immagini, eh' è la stessa cosa)

sono costituiti soltanto da una stessa identica unica cosa, eh' è la Luce.

Non si oppone a che per ragioni pratiche si serbi la distinzione

tra colori fissi e mobili (parola non così equivoca come (( apparenti »),

purché si resti intesi di questo: che i mobili hanno gli stessi effetti

e le stesse proprietà dei fissi, perché sono della stessa natura.

Per un sol colore si potrà consentire di dirlo apparente: il nero;

ma in verità esso è privazione di luce: è perciò anche privazione di

colore, e dunque non può essere propriamente un colore. Si potrà dir

tale solo convenzionahnente.

(^) Va da sé che quando le « specie » sono scorporizzate e ridotte esse stesse

a pura luce, vien meno anche quel complesso rapporto rispetto ad una luce-

guida che le conduce attraverso il supporto-diafano: le «specie» hanno impa-

rato a camminare da sole.

More magazines by this user
Similar magazines