2-CASSIEN (I) Bolletino n°2 - Arte Mistica 2013

artemistica13.fr

2-CASSIEN (I) Bolletino n°2 - Arte Mistica 2013

Bolletino n° 2

UNA “CARRIERA” DI PURIFICAZIONE

LA “DISCIPLINA” DELLA MISTICA

Arte e Mistica: espressione del divino

All’inizio del II secolo d.C., BASILIDE giunse ad

Alessandria per insegnare. Compose un’ode e scrisse

24 libri di commenti sui diversi vangeli. Come è già

stato detto nell'introduzione, creò un culto dei misteri,

che fu praticato dai suoi numerosi discepoli fino al IV

secolo. Sembra che sia stato lui a definire nel modo

migliore la disciplina del lavoro interiore che deve

essere sviluppata dall’apprendista mistico, perché

riteneva che, attraverso la gnosi, la vita stessa

dell’uomo consistesse in “un percorso di purificazione”.

Pertanto, così come possiamo passare la nostra

vita sviluppando una carriera professionale,

dedicandole tutti i nostri sforzi, tutta la nostra

attenzione e tutte le nostre energie, il mistico deve

dedicare tutta la sua vita a liberarsi da tutti i suoi

attaccamenti, illusioni e istinti della genetica karmica,

nei quali è imprigionato. Deve purificarsi di istante in

istante attraverso le sue pratiche costanti e incessanti,

nel mezzo dei Misteri del Fuoco (“Pur” o “Pyr” in greco

significa “fuoco”. “Purificarsi” significa “pulirsi per

mezzo del fuoco”, cambiare vibrazione per mezzo del

fuoco interiore o grazie ai fuochi dell’anima, i fuochi

del cuore e quelli di Devi Kundalini). L’aspetto

interessante del fatto di “intraprendere” questa

“carriera” di purificazione dell’anima consiste nel fatto

che questa darà sempre i suoi frutti, anche dopo la

morte del corpo fisico, mentre una carriera

professionale, compresa la più prestigiosa o la più

ricca, sparirà con la morte del corpo fisico.

“... Questo mondo è terribilmente doloroso...” dice

il Maestro Samael. “... l’unico aspetto per cui vale la

pena di vivere, è l’autorealizzazione, perché tutto è

vano...” (S.A.W. Tarocchi e Cabala cap. 32).

I QUATTRO CAMMINI della “MISTICA”

Durante le sue intense ricerche esoteriche, ermetiche e

iniziatiche, il V.M. Samael Aun Weor rivelò e studiò a

fondo le 4 vie proposte dal pilastro della Mistica: quella

del fachiro, quella del monaco, quella dello yogi e

quella del matrimonio perfetto. Tutti questi cammini

devono essere esaminati correttamente (ossia, senza

fanatismo religioso, che è una grave aberrazione

causata dalla condizione interiore errata dell’essere

umano privato del fuoco e della luce). Questi 4

cammini offrono strumenti, pratiche e una disciplina di

purificazione che permettono di accedere all’estasi che

apre la porta all’esperienza luminosa della Verità.

-CAMMINO DEL FACHIRO propone l’“ascetismo”,

ossia l’esercizio di una certa austerità. La purificazione

si realizza mediante la pratica di privazioni (il digiuno,

la rinuncia ai beni materiali, ecc.), la mortificazione del

corpo, con la possibilità di arrivare anche al martirio.

L’illuminazione si ottiene trascendendo le limitazioni

del corpo fisico. (Vedere “Sanyasin”).

-CAMMINO DEL MONACO propone l’anacoretismo o

il cenobitismo e il monachesimo. L’anacoreta, dal greco

“anachôrétès” che significa “colui che si ritira”, è un

religioso contemplativo che si ritira per purificarsi in

solitudine (ad es. gli anacoreti della Tebaide). Il

cenobita, dal greco “koinos” che significa “in comune” e

“bios” che significa “vita”, è un religioso contemplativo

che vive in comunità. Tutti vivono una vita di

purificazione mediante l’orazione e la contemplazione.

-CAMMINO DELLO YOGI propone “l’unione con il

Reale”. L’estasi mistica si ottiene mediante l’unione dei

fuochi del Kundalini yoga con le posizioni del corpo

fisico dell’Hatha yoga o con gli esercizi respiratori vitali

del Laya yoga o con il lavoro dei chakra del Raja yoga o

la mente serena del Jnana yoga, o la pratica liberatrice

del “Karma” yoga, o attraverso la sperimentazione

estatica del Samadhi yoga, o mediante le orazioni e la

devozione del Bhakti yoga.

-CAMMINO DEL MATRIMONIO PERFETTO propone

l’unione della coppia alchemica, la vita matrimoniale

trascendente come mezzo di purificazione che conduce

all’estasi e all’autorealizzazione intima dell’Essere.

4

More magazines by this user
Similar magazines