29.05.2013 Views

Come coltivare la cipolla colorata e le cipolline - Vita in Campagna

Come coltivare la cipolla colorata e le cipolline - Vita in Campagna

Come coltivare la cipolla colorata e le cipolline - Vita in Campagna

SHOW MORE
SHOW LESS

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

ORTAGGI<br />

Lavori<br />

In marzo ed apri<strong>le</strong> i <strong>la</strong>vori nell’orto<br />

richiedono sempre maggiore<br />

impegno perché <strong>in</strong>izia o prosegue il ciclo<br />

di coltivazione di molte piante ortico<strong>le</strong><br />

che forniranno i loro prodotti dal<strong>la</strong><br />

primavera avanzata all’autunno.<br />

Evitate di <strong>la</strong>vorare il terreno quando<br />

è bagnato o molto umido, specialmente<br />

<strong>in</strong> presenza di suoli compatti<br />

o tendenti al compatto.<br />

Nel<strong>le</strong> aio<strong>le</strong> già vangate, quando preparate<br />

il terreno per <strong>in</strong>iziare <strong>le</strong> nuove<br />

coltivazioni, curate <strong>in</strong> modo partico<strong>la</strong>re<br />

<strong>la</strong> sistemazione degli strati più superfi<br />

ciali, soprattutto se possedete suoli<br />

pesanti e dovete affi dare al terreno semi<br />

m<strong>in</strong>uti come quelli del<strong>le</strong> carote, del<strong>le</strong><br />

<strong>la</strong>ttughe, del<strong>le</strong> cicorie.<br />

Siate prudenti nell’eseguire sem<strong>in</strong>e e<br />

trapianti perché <strong>in</strong> alcune colture questi<br />

<strong>la</strong>vori attuati troppo <strong>in</strong> anticipo potrebbero<br />

compromettere <strong>la</strong> riuscita del<strong>le</strong> colture<br />

stesse.<br />

Eseguite <strong>la</strong> sem<strong>in</strong>a possibilmente a<br />

righe, perché <strong>in</strong> seguito sarete facilitati<br />

nel compiere <strong>le</strong> varie operazioni colturali.<br />

Il trapianto di numerosi ortaggi (pomodoro,<br />

me<strong>la</strong>nzana, peperone, zucch<strong>in</strong>o,<br />

melone, cetriolo, ecc.) <strong>in</strong>izia <strong>in</strong> piena<br />

aria <strong>in</strong> pianura padana verso <strong>la</strong> fi ne di<br />

apri<strong>le</strong>. Se però, quando <strong>in</strong>iziate <strong>la</strong> messa<br />

a dimora, <strong>la</strong> temperatura di notte scendesse<br />

sotto i 12° C, collocate dei piccoli<br />

tunnel provvisori sul<strong>le</strong> colture per<br />

rendere più faci<strong>le</strong> l’attecchimento del<strong>le</strong><br />

piant<strong>in</strong>e e difender<strong>le</strong> dai possibili danni<br />

che il freddo può causare. Ricordate però<br />

di arieggiare <strong>in</strong> modo costante anche<br />

queste picco<strong>le</strong> protezioni. Per i trapianti<br />

preferite piant<strong>in</strong>e con il pane di terra rispetto<br />

a quel<strong>le</strong> a radice nuda.<br />

Utilizzate poi <strong>la</strong> pacciamatura con<br />

teli p<strong>la</strong>stici per molte colture (pomodoro,<br />

peperone, me<strong>la</strong>nzana, melone, anguria,<br />

cetriolo, zucch<strong>in</strong>o, ecc.), accoppiando,<br />

se possibi<strong>le</strong>, <strong>le</strong> manichette per l’irrigazione.<br />

Nel caso fosse necessario, irrigate <strong>in</strong><br />

pieno campo, ma con molta prudenza.<br />

Acetosa, crescione. Sem<strong>in</strong>ate sia<br />

acetosa che crescione e raccogliete il<br />

crescione anche <strong>in</strong> pieno campo.<br />

Aglio, cipol<strong>la</strong> bianca e <strong>colorata</strong>,<br />

<strong>cipoll<strong>in</strong>e</strong>, porro, scalogno. Per tutto il<br />

mese di marzo potete mettere a dimora i<br />

piccoli bulbi di aglio, cipol<strong>le</strong> bianche e<br />

colorate. Questi sono facilmente reperibili<br />

presso i rivenditori di sementi da orto.<br />

Potete <strong>in</strong>oltre trapiantare i bulbi di<br />

scalogno, ma per quest’ultimo scegliete<br />

terreni che sgrond<strong>in</strong>o partico<strong>la</strong>rmente<br />

bene l’acqua. Da qualche anno è possibi<strong>le</strong><br />

trovare anche sementi e piant<strong>in</strong>e<br />

di scalogno.<br />

Concimate <strong>in</strong> copertura senza<br />

eccedere, e <strong>la</strong>vorate <strong>in</strong> superfi cie il<br />

suolo specialmente nel<strong>le</strong> coltivazioni<br />

messe a dimora <strong>in</strong> autunno (aglio<br />

e cipol<strong>le</strong> bianche). Per eseguire questa<br />

operazione coltura<strong>le</strong> impiegate<br />

un piccolo estirpatore che possa <strong>la</strong>vorare<br />

facilmente tra <strong>le</strong> piante.<br />

In marzo potete sem<strong>in</strong>are <strong>le</strong> cipol<strong>le</strong><br />

bianche <strong>in</strong> pieno campo (varietà estive<br />

tipo Agostana) ed anche mettere a dimora<br />

piant<strong>in</strong>e ottenute da semenzai autun-<br />

<strong>Come</strong> <strong>coltivare</strong> <strong>la</strong> cipol<strong>la</strong> <strong>colorata</strong> e <strong>le</strong> <strong>cipoll<strong>in</strong>e</strong><br />

15-25 cm<br />

A B<br />

C<br />

Aio<strong>la</strong> coltivata a cipol<strong>le</strong> colorate Aio<strong>la</strong> coltivata a <strong>cipoll<strong>in</strong>e</strong><br />

Estirpatura superfi cia<strong>le</strong> Concimazione <strong>in</strong> copertura<br />

Una volta germ<strong>in</strong>ati i semi, e nel<strong>le</strong> prime<br />

fasi di crescita del<strong>le</strong> piant<strong>in</strong>e (appena si<br />

possono ben maneggiare), è necessario E<br />

procedere al diradamento di cipol<strong>le</strong> colorate<br />

e <strong>cipoll<strong>in</strong>e</strong> per ottenere il giusto numero<br />

di piante per metro quadrato. In<br />

rapporto al vigore del<strong>la</strong> varietà e al<strong>le</strong> dimensioni<br />

dei bulbi che si vogliono ottenere<br />

si tiene per <strong>la</strong> cipol<strong>la</strong> <strong>colorata</strong> una di- Irrigazione dentro solchi<br />

stanza di 25-40 centimetri tra <strong>le</strong> fi <strong>le</strong> e di 15-25 centimetri sul<strong>la</strong> fi <strong>la</strong> (A). In genere,<br />

quando si tengono distanze maggiori tra <strong>le</strong> fi <strong>le</strong>, si <strong>in</strong>fi ttiscono <strong>le</strong> piante sul<strong>la</strong> fi <strong>la</strong>.<br />

Per <strong>le</strong> <strong>cipoll<strong>in</strong>e</strong>, dove si tiene una distanza tra <strong>le</strong> fi <strong>le</strong> di 15-20 centimetri, <strong>in</strong> genere<br />

non si esegue il diradamento, ma solo, se necessario, un <strong>le</strong>ggero sfoltimento (B).<br />

Molto importante, <strong>in</strong> entrambi i casi, è tenere pulite <strong>le</strong> aio<strong>le</strong> dal<strong>le</strong> piante <strong>in</strong>festanti<br />

che potrebbero, se non control<strong>la</strong>te, soffocare <strong>le</strong> coltivazioni. Per questo bisogna <strong>in</strong>tervenire<br />

ripetutamente, soprattutto a mezzo di <strong>le</strong>ggere estirpature superfi ciali (C).<br />

Di solito <strong>la</strong> concimazione si esegue con coltura <strong>in</strong> atto (<strong>in</strong> copertura), per consentire<br />

una più attiva vegetazione del<strong>le</strong> piante sopra citate (D). Spesso, nel caso di primavere<br />

con periodi asciutti, si deve irrigare, meglio formando dei piccoli solchi tra<br />

una fi <strong>la</strong> e l’altra dove far scorrere l’acqua (vedi frecce): si evita così di bagnare <strong>le</strong><br />

foglie, operazione che potrebbe favorire l’affermarsi di ma<strong>la</strong>ttie fung<strong>in</strong>e (E).<br />

SUPPLEMENTO A VITA IN CAMPAGNA 3/2008 15<br />

D


nali – o sem<strong>in</strong>ate precocemente <strong>in</strong> coltura<br />

protetta – di varietà più precoci (Bianca<br />

di giugno e sue se<strong>le</strong>zioni).<br />

Sem<strong>in</strong>ate pure <strong>le</strong> cipol<strong>le</strong> colorate sia<br />

<strong>in</strong> pieno campo che <strong>in</strong> semenzaio (va-<br />

rietà estive tipo Dorata di Parma, Ramata<br />

di Mi<strong>la</strong>no, Rossa di Firenze vern<strong>in</strong>a e<br />

loro se<strong>le</strong>zioni).<br />

Trapiantate <strong>le</strong> piant<strong>in</strong>e di cipol<strong>la</strong> ottenute<br />

nei semenzai autunnali (varietà<br />

Le sem<strong>in</strong>e di marzo <strong>in</strong> coltura protetta (pianura padana)<br />

(per <strong>le</strong> altre zone d’Italia si faccia riferimento al<strong>la</strong> cart<strong>in</strong>a riportata qui sopra)<br />

Periodo Ortaggio<br />

F<strong>in</strong>o al<strong>la</strong> metà<br />

del mese (coltura<br />

protetta riscaldata)<br />

Da metà marzo<br />

ai primi di<br />

apri<strong>le</strong><br />

Per tutto il mese<br />

(semenzaio<br />

<strong>in</strong> coltura protetta)<br />

Le fasce climatiche del nostro Paese<br />

Ne «i Lavori» e nei ca<strong>le</strong>ndari <strong>in</strong> genere<br />

che vengono pubblicati su <strong>Vita</strong> <strong>in</strong> <strong>Campagna</strong><br />

ci si riferisce al clima del<strong>la</strong> pianura<br />

padana (0). Orientativamente i <strong>le</strong>ttori<br />

del<strong>le</strong> zone a clima più mite dovranno<br />

anticipare <strong>le</strong> pratiche colturali fi no a<br />

25-30 giorni (– 25/30). Viceversa chi<br />

abita <strong>in</strong> zone più fredde dovrà posticipar<strong>le</strong><br />

di 10-20 giorni (+ 10/20). In ogni<br />

caso queste <strong>in</strong>dicazioni vanno prese <strong>in</strong><br />

modo molto e<strong>la</strong>stico. Ad esempio <strong>la</strong> sem<strong>in</strong>a<br />

del pomodoro, che <strong>in</strong> pianura padana<br />

com<strong>in</strong>cia <strong>in</strong> pieno campo a f<strong>in</strong>e<br />

apri<strong>le</strong>, <strong>in</strong> Sicilia si può anticipare agli<br />

<strong>in</strong>izi di apri<strong>le</strong> o anche prima; nel<strong>le</strong> zone<br />

di bassa coll<strong>in</strong>a del nord Italia dovrà <strong>in</strong>vece<br />

essere ritardata fi no al 10 maggio<br />

Anguria n. semi per vasetto ( 2 )<br />

Cetriolo n. semi per vasetto ( 2 )<br />

Melone n. semi per vasetto ( 2 )<br />

Zucca n. semi per vasetto ( 2 )<br />

Zucch<strong>in</strong>o n. semi per vasetto ( 2 )<br />

Anguria n. semi per vasetto ( 2 )<br />

Cavolo verza estivo ( 3 )<br />

Cetriolo n. semi per vasetto ( 2 )<br />

Fagiolo nano<br />

Fagiol<strong>in</strong>o nano<br />

Indivia riccia ( 3 )<br />

Melone n. semi per vasetto ( 2 )<br />

Zucca n. semi per vasetto ( 2 )<br />

Zucch<strong>in</strong>o n. semi per vasetto ( 2 )<br />

Basilico ( 3 )<br />

Me<strong>la</strong>nzana ( 3 )<br />

Peperone ( 3 )<br />

Pomodoro ( 3 )<br />

Sedano ( 3 )<br />

Quantità<br />

di seme<br />

g/m 2<br />

1-2<br />

1-2<br />

1-2<br />

1-2<br />

1-2<br />

1-2<br />

1,5-2<br />

1-2<br />

8-12<br />

8-12<br />

0,3-0,5<br />

1-2<br />

1-2<br />

1-2<br />

0,5<br />

1,2-1,5<br />

1,5-2<br />

0,8-1,2<br />

0,2-0,3<br />

Semi per<br />

grammo<br />

n.<br />

10-20<br />

30-35<br />

25-35<br />

3<br />

5-8<br />

10-20<br />

200-300<br />

30-35<br />

1-4<br />

2-4<br />

600-800<br />

25-35<br />

3<br />

5-8<br />

750-850<br />

200-220<br />

140-150<br />

320-350<br />

1800-2000<br />

Durata<br />

del<strong>la</strong> coltura<br />

giorni ( 1 )<br />

90-120<br />

70-110<br />

80-115<br />

110-150<br />

60-70 (90)<br />

90-120<br />

130<br />

70-110<br />

65-75 (90)<br />

50-65<br />

90-110<br />

80-115<br />

110-150<br />

60-70 (90)<br />

60-120 (150)<br />

150-240<br />

170-240<br />

80-130 (180)<br />

90-130 (150)<br />

( 1 ) Numero approssimativo dei giorni che vanno dal<strong>la</strong> sem<strong>in</strong>a (germ<strong>in</strong>azione del seme) al<strong>la</strong><br />

raccolta. I dati tra parentesi riguardano <strong>le</strong> colture che si attuano <strong>in</strong> condizioni non ottimali o<br />

che devono trascorrere nel terreno <strong>la</strong> stagione autunno-<strong>in</strong>verna<strong>le</strong>. ( 2 ) Sem<strong>in</strong>a <strong>in</strong> vasetti o contenitori<br />

simili per successivo trapianto con pane di terra. ( 3 ) Quantitativo per sem<strong>in</strong>e <strong>in</strong> cassett<strong>in</strong>e<br />

di polistirolo di cm 30x50 circa. Si può eseguire <strong>la</strong> sem<strong>in</strong>a direttamente <strong>in</strong> contenitore<br />

alveo<strong>la</strong>to collocando un seme per alveolo (5-8 per il basilico, conservando <strong>in</strong> seguito tutte<br />

<strong>le</strong> piant<strong>in</strong>e che germ<strong>in</strong>ano) oppure due, tenendo dopo <strong>la</strong> germ<strong>in</strong>azione <strong>la</strong> piant<strong>in</strong>a migliore.<br />

La sem<strong>in</strong>a diretta nei contenitori evita – al contrario di quel<strong>la</strong> <strong>in</strong> cassett<strong>in</strong>e – di eseguire il<br />

trapianto nei contenitori alveo<strong>la</strong>ti. Per il sedano <strong>in</strong>vece, date <strong>le</strong> dimensioni m<strong>in</strong>ori dei semi,<br />

è più conveniente <strong>la</strong> sem<strong>in</strong>a <strong>in</strong> cassett<strong>in</strong>a ed il successivo trapianto <strong>in</strong> contenitore.<br />

precoci a sem<strong>in</strong>a autunna<strong>le</strong>).<br />

In apri<strong>le</strong> (<strong>in</strong>izio del mese) ultimate <strong>le</strong><br />

sem<strong>in</strong>e e gli eventuali trapianti. Sempre<br />

<strong>in</strong> apri<strong>le</strong>, nel<strong>le</strong> aio<strong>le</strong> <strong>in</strong> cui avete eseguito<br />

<strong>la</strong> sem<strong>in</strong>a diretta, <strong>in</strong>iziate tanto i <strong>la</strong>vori<br />

di diradamento quanto quelli di pulizia<br />

del<strong>le</strong> aio<strong>le</strong> dal<strong>le</strong> piante <strong>in</strong>festanti e<br />

procedete al<strong>la</strong> concimazione <strong>in</strong> copertura<br />

(vedi il riquadro riportato a pag. 15).<br />

Ricordate che <strong>in</strong> un piccolo orto conviene<br />

pacciamare con teli p<strong>la</strong>stici scuri<br />

<strong>le</strong> aio<strong>le</strong> dove si trapiantano <strong>le</strong> cipol<strong>le</strong>,<br />

specialmente quel<strong>le</strong> estive. I <strong>la</strong>vori d’impianto<br />

sono più <strong>la</strong>boriosi, ma <strong>in</strong> seguito<br />

non si dovrà <strong>in</strong>tervenire con il diserbo,<br />

determ<strong>in</strong>ante per <strong>le</strong> cipol<strong>le</strong>, ed anche <strong>le</strong><br />

irrigazioni risulteranno più contenute. I<br />

risultati produttivi e qualitatitivi saranno<br />

poi più che positivi.<br />

Sempre <strong>in</strong> marzo e fi no ai primi di<br />

apri<strong>le</strong> sem<strong>in</strong>ate <strong>in</strong> pieno campo anche<br />

<strong>le</strong> <strong>cipoll<strong>in</strong>e</strong>. Molto diffusa è <strong>la</strong> Borettana<br />

perché si conserva anche nel<strong>la</strong> stagione<br />

fredda. È consigliabi<strong>le</strong> che eseguiate,<br />

pure <strong>in</strong> questo caso, <strong>la</strong> sem<strong>in</strong>a a righe.<br />

In caso di primavere poco piovose irrigate<br />

tutte <strong>le</strong> colture di cipol<strong>la</strong>, ma con<br />

molta moderazione.<br />

In marzo <strong>la</strong>vorate <strong>in</strong> superfi cie il terreno<br />

(con una zappa o un estirpatore) nel<strong>le</strong><br />

aio<strong>le</strong> di porro <strong>in</strong> cui avete effettuato i trapianti<br />

a fi ne estate-<strong>in</strong>izio autunno.<br />

Concimate eventualmente <strong>in</strong> copertura,<br />

ma con moderazione.<br />

Ponete <strong>in</strong> bianco <strong>le</strong> piante a mezzo di<br />

assolcature e raccogliete i porri più sviluppati.<br />

In apri<strong>le</strong> ultimate <strong>le</strong> raccolte e<br />

sem<strong>in</strong>ate (semenzaio <strong>in</strong> piena aria) per<br />

raccolte di fi ne estate-autunno.<br />

Verso <strong>la</strong> fi ne di apri<strong>le</strong>, vo<strong>le</strong>ndo, potete<br />

utilizzare qualche cipol<strong>la</strong> bianca fresca<br />

(trapianti di ottobre).<br />

Anguria (cocomero), cetriolo e<br />

cetriol<strong>in</strong>o, melone. Sem<strong>in</strong>ate queste<br />

piante ortico<strong>le</strong> <strong>in</strong> vasetto – o contenitore<br />

simi<strong>le</strong> – sotto protezioni fi no ai primi di<br />

apri<strong>le</strong>. Da queste sem<strong>in</strong>e otterrete piant<strong>in</strong>e<br />

con il pane di terra da mettere a dimora<br />

<strong>in</strong> piena aria già da fi ne apri<strong>le</strong> nel<strong>le</strong><br />

località con clima più mite. Da fi ne<br />

marzo potete trapiantare sotto ampi tunnel<br />

piante con il pane di terra, ottenute<br />

da precedenti sem<strong>in</strong>e (tranne quel<strong>le</strong> di<br />

cetriol<strong>in</strong>o). Ultimato il trapianto irrigate<br />

con limitate quantità di acqua a temperatura<br />

ambiente.<br />

Negli ultimi giorni di apri<strong>le</strong> com<strong>in</strong>ciate<br />

<strong>le</strong> sem<strong>in</strong>e <strong>in</strong> pieno campo, <strong>la</strong>voro che<br />

r<strong>in</strong>vierete se l’andamento stagiona<strong>le</strong> fosse<br />

freddo. Nel caso di sem<strong>in</strong>e e trapianti<br />

<strong>in</strong> questo periodo sarebbe conveniente<br />

proteggere <strong>le</strong> colture con piccoli tunnel e/<br />

o tessuto non tessuto fi no a quando <strong>le</strong> temperature<br />

diventeranno più adatte al<strong>le</strong> esi-<br />

16 SUPPLEMENTO A VITA IN CAMPAGNA 3/2008<br />

(Tur<strong>in</strong> Garden - Vietti)<br />

(Tur<strong>in</strong> Garden - Vietti)


Progetto di coltivazione di un piccolo orto di circa 27 metri quadrati<br />

a cura di Alberto Locatelli<br />

Esempio di orto formato da 3 aio<strong>le</strong>, suddivise <strong>in</strong> più colture, con aggiornamento mensi<strong>le</strong> del<strong>la</strong> situazione,<br />

<strong>in</strong> riferimento all’Italia centro-settentriona<strong>le</strong>; per <strong>le</strong> altre zone d’Italia si veda <strong>la</strong> cart<strong>in</strong>a geografi ca riportata a pag. 16<br />

Per <strong>le</strong> possibili alternative consultate <strong>le</strong> tabel<strong>le</strong> del<strong>le</strong> sem<strong>in</strong>e e dei trapianti nonché i testi del<strong>le</strong> s<strong>in</strong>go<strong>le</strong> colture<br />

1<br />

2<br />

2<br />

E<br />

N S<br />

O<br />

<strong>Come</strong> si presenta l’orto a fi ne marzo <strong>Come</strong> si presenta l’orto a fi ne apri<strong>le</strong><br />

Aglio Cipol<strong>la</strong><br />

<strong>colorata</strong><br />

Prezzemolo<br />

e sedano<br />

Bieto<strong>le</strong> da coste<br />

Lattuga, cicoria da taglio,<br />

ravanello e ruco<strong>la</strong><br />

Pisello<br />

m 8,00<br />

Prezzemolo (solo<br />

<strong>in</strong> parte dell’aio<strong>la</strong>)<br />

m 0,20 m 1,00<br />

m 3,40<br />

Stadio preva<strong>le</strong>nte del<strong>la</strong> coltura. = sem<strong>in</strong>a; = trapianto; = <strong>in</strong> fase di raccolta;<br />

= ortaggio <strong>in</strong> coltura protetta; = aio<strong>la</strong> libera <strong>in</strong> attesa di coltivazione; II = secondo raccolto.<br />

I disegni a colori rappresentano i s<strong>in</strong>goli ortaggi <strong>in</strong> fase di coltivazione.<br />

Per l’impostazione genera<strong>le</strong> dell’orto e <strong>la</strong> scelta del<strong>le</strong> colture si veda l’articolo pubblicato su <strong>Vita</strong> <strong>in</strong> <strong>Campagna</strong> n. 1/2002<br />

a pag. 25-26, scaricabi<strong>le</strong> anche dal nostro sito Internet: www.vita<strong>in</strong>campagna.it/rdVic/0201025.asp<br />

Per attuare <strong>la</strong> rotazione si veda l’articolo pubblicato su <strong>Vita</strong> <strong>in</strong> <strong>Campagna</strong> n. 12/2005 da pag. 19 a pag. 22,<br />

scaricabi<strong>le</strong> anche dal nostro sito Internet: www.vita<strong>in</strong>campagna.it/rdVic/0512019.asp<br />

genze di questi ortaggi (i valori m<strong>in</strong>imi<br />

perché veget<strong>in</strong>o sono di 12-13° C).<br />

È consigliabi<strong>le</strong> <strong>in</strong>oltre che adottiate<br />

<strong>la</strong> pacciamatura possibilmente con teli<br />

p<strong>la</strong>stici scuri. Quando eseguite il trapianto,<br />

per forare i teli e nello stesso<br />

tempo preparare l’<strong>in</strong>cavo <strong>in</strong> cui collocare<br />

il pane di terra del<strong>le</strong> piant<strong>in</strong>e, potete<br />

adoperare un piantabulbi.<br />

Per il cetriolo e il cetriol<strong>in</strong>o è opportuno<br />

<strong>coltivare</strong> sotto protezioni – ma anche<br />

<strong>in</strong> pieno campo – <strong>le</strong> piante su sostegni.<br />

Ponete qu<strong>in</strong>di <strong>in</strong> opera i tutori che<br />

sarebbe più raziona<strong>le</strong> <strong>in</strong>stal<strong>la</strong>re prima<br />

del trapianto o del<strong>la</strong> sem<strong>in</strong>a.<br />

<strong>Come</strong> pacciamatura, specialmente<br />

per il cetriolo da mensa, potete impiegare<br />

un abbondante strato di paglia che potete<br />

usare anche per <strong>le</strong> altre colture.<br />

Se decidete di effettuare <strong>la</strong> coltura <strong>in</strong><br />

vertica<strong>le</strong> pure del melone e/o dei cocomeri<br />

a frutto piccolo <strong>in</strong>stal<strong>la</strong>te robuste<br />

strutture (costituite da pali, rete di materia<strong>le</strong><br />

p<strong>la</strong>stico, fi lo di ferro z<strong>in</strong>cato oppure<br />

da reti e<strong>le</strong>ttrosaldate impiegate <strong>in</strong><br />

edilizia) sempre prima di eseguire <strong>la</strong> sem<strong>in</strong>a<br />

o il trapianto di piant<strong>in</strong>e con il pane<br />

di terra.<br />

Asparago. In marzo, se necessario,<br />

SUPPLEMENTO A VITA IN CAMPAGNA 3/2008 17<br />

1<br />

2<br />

Aglio Cipol<strong>la</strong><br />

<strong>colorata</strong><br />

Lattuga e<br />

cicoria da<br />

taglio II<br />

ultimate i <strong>la</strong>vori di formazione del<strong>le</strong><br />

aio<strong>le</strong> soprae<strong>le</strong>vate nell’asparago bianco<br />

(cumuli).<br />

In coltura protetta potete, <strong>in</strong> l<strong>in</strong>ea di<br />

massima, <strong>in</strong>iziare <strong>la</strong> raccolta. In apri<strong>le</strong><br />

raccogliete sia sotto tunnel che <strong>in</strong> pieno<br />

campo. Per raccogliere gli asparagi<br />

bianchi impiegate gli appositi robu-<br />

Lattuga, cicoria da taglio,<br />

ravanello e ruco<strong>la</strong><br />

m 8,00<br />

Prezzemolo sedano<br />

e basilico<br />

Bieto<strong>le</strong> da coste Pomodoro Zucch<strong>in</strong>o<br />

Fagiol<strong>in</strong>o nano Pisello<br />

2<br />

sti coltelli che si possono affondare con<br />

facilità nel terreno. Per quelli verdi, che<br />

si tagliano <strong>in</strong>vece a livello del suolo,<br />

adoperate normali coltelli per <strong>la</strong> raccolta<br />

con <strong>la</strong> <strong>la</strong>ma ben affi <strong>la</strong>ta. Sempre nell’asparago<br />

bianco mantenete costantemente<br />

ben formati i cumuli. Togliete <strong>le</strong><br />

eventuali piante <strong>in</strong>festanti.<br />

1 2<br />

1-Anguria (cocomero), cetriolo e cetriol<strong>in</strong>o, melone. Per tutte queste colture adottate<br />

<strong>la</strong> pacciamatura, possibilmente con teli p<strong>la</strong>stici scuri (nel<strong>la</strong> foto trapianto di<br />

melone). 2-Asparago. In marzo, se necessario, ultimate i <strong>la</strong>vori di formazione del<strong>le</strong><br />

aio<strong>le</strong> soprae<strong>le</strong>vate (cumuli) per <strong>la</strong> coltura dell’asparago bianco


Le sem<strong>in</strong>e di marzo <strong>in</strong> piena aria (pianura padana)<br />

(per <strong>le</strong> altre zone d’Italia si faccia riferimento al<strong>la</strong> cart<strong>in</strong>a riportata a pag. 16)<br />

Periodo Ortaggio<br />

Per tutto<br />

il mese<br />

(piena aria)<br />

Bieto<strong>la</strong> da coste<br />

Bieto<strong>la</strong> da orto<br />

Carota<br />

Cavolo cappuccio primaveri<strong>le</strong>-estivo ( 2 )<br />

Cicoria da taglio<br />

Cipol<strong>la</strong> bianca (pieno campo)<br />

Cipol<strong>la</strong> <strong>colorata</strong> (semenzaio) ( 3 )<br />

Cipol<strong>la</strong> <strong>colorata</strong> (pieno campo)<br />

Cipoll<strong>in</strong>a<br />

Lattuga a cappuccio ( 2 )<br />

Lattuga da taglio<br />

Pisello<br />

Prezzemolo<br />

Ravanello<br />

Ruco<strong>la</strong><br />

Sp<strong>in</strong>acio<br />

Basilico. Sem<strong>in</strong>ate <strong>in</strong> marzo, ma ancora<br />

<strong>in</strong> coltura protetta. Solo al<strong>la</strong> fi ne di<br />

apri<strong>le</strong> potete sem<strong>in</strong>are (sia <strong>in</strong> contenitore<br />

che direttamente nel<strong>le</strong> aio<strong>le</strong>) ed anche<br />

trapiantare <strong>in</strong> piena aria. Ricordate che<br />

oltre al c<strong>la</strong>ssico basilico Genovese vi<br />

sono anche il basilico a foglia di <strong>la</strong>ttuga,<br />

quello a foglie rosse, il fi no verde ed il<br />

fi nissimo verde (o basilico greco).<br />

Il basilico riesce bene anche <strong>in</strong> vasi –<br />

o contenitori simili – ed è gradevo<strong>le</strong> anche<br />

dal punto di vista estetico.<br />

Bieto<strong>la</strong> da coste e da orto. Sem<strong>in</strong>ate<br />

<strong>in</strong> entrambi i mesi (pure <strong>la</strong> bieto<strong>la</strong><br />

da taglio). Zappate ed eventualmente<br />

concimate <strong>in</strong> copertura <strong>le</strong> aio<strong>le</strong> di bieto<strong>la</strong><br />

da coste messe a dimora a fi ne estate.<br />

Nel<strong>la</strong> seconda qu<strong>in</strong>dic<strong>in</strong>a di apri<strong>le</strong> di solito<br />

potete <strong>in</strong>iziare <strong>la</strong> raccolta <strong>in</strong> queste<br />

aio<strong>le</strong>. Raccogliete comunque prima che<br />

vadano a seme.<br />

Sempre <strong>in</strong> apri<strong>le</strong> eseguite il diradamento<br />

nel<strong>le</strong> colture sem<strong>in</strong>ate per prime,<br />

tanto di bieto<strong>la</strong> da coste che da orto, se<br />

sono sviluppate <strong>in</strong> modo suffi ciente.<br />

Concimate limitatamente <strong>in</strong> copertura<br />

e, se necessario, pulite <strong>le</strong> aio<strong>le</strong> dal<strong>le</strong><br />

piante <strong>in</strong>festanti<br />

Carciofo. Tra <strong>la</strong> fi ne di marzo ed i<br />

primi di apri<strong>le</strong> entrano <strong>in</strong> produzione <strong>le</strong><br />

piante del<strong>le</strong> varietà tardive come il car-<br />

Quantità<br />

di seme<br />

g/m2 1,5-2,5<br />

1,5-2,5<br />

0,5-1<br />

1,5-2<br />

6-8<br />

0,5-1<br />

3-3,5<br />

0,5-1<br />

4-8 (10)<br />

0,3-0,7<br />

6-10<br />

10-20<br />

2,5-3,5<br />

1,5-2<br />

0,5-1<br />

2-4<br />

Semi per<br />

grammo<br />

n.<br />

50<br />

75-95<br />

850-1000<br />

300<br />

600-750<br />

250-300<br />

250-300<br />

250-300<br />

250-300<br />

800<br />

800<br />

2-6<br />

500<br />

80-120<br />

500<br />

80-100<br />

Durata<br />

del<strong>la</strong> coltura<br />

giorni ( 1 )<br />

60-80 (210)<br />

70-110<br />

100-140 (240)<br />

100-120<br />

60-80 (150)<br />

120-210 (240)<br />

140-180<br />

140-180<br />

120-150<br />

70-100<br />

50-80<br />

60-150<br />

70-110 (210)<br />

25-40 (70)<br />

40-70 (90)<br />

70-90 (180-210)<br />

( 1 ) Numero approssimativo dei giorni che vanno dal<strong>la</strong> sem<strong>in</strong>a (germ<strong>in</strong>azione del seme)<br />

al<strong>la</strong> raccolta. I dati tra parentesi riguardano <strong>le</strong> colture che si attuano <strong>in</strong> condizioni non ottimali<br />

o che devono trascorrere nel terreno <strong>la</strong> stagione autunno-<strong>in</strong>verna<strong>le</strong>. ( 2 ) Quantitativo<br />

per sem<strong>in</strong>e <strong>in</strong> cassett<strong>in</strong>e di polistirolo di cm 30x50 circa. Si può eseguire <strong>la</strong> sem<strong>in</strong>a direttamente<br />

<strong>in</strong> contenitore alveo<strong>la</strong>to collocando un seme per alveolo oppure due, tenendo<br />

dopo <strong>la</strong> germ<strong>in</strong>azione <strong>la</strong> piant<strong>in</strong>a migliore, senza poi – al contrario di quanto avviene<br />

con <strong>la</strong> sem<strong>in</strong>a <strong>in</strong> cassett<strong>in</strong>e – dover effettuare il trapianto nei contenitori alveo<strong>la</strong>ti. ( 3 ) Per<br />

<strong>la</strong> cipol<strong>la</strong>, pur essendo ancora valida <strong>la</strong> produzione di piant<strong>in</strong>e <strong>in</strong> semenzaio, per semplicità<br />

è consigliabi<strong>le</strong> sem<strong>in</strong>are <strong>in</strong> contenitore (meglio due semi per alveolo, tenendo poi <strong>la</strong><br />

piant<strong>in</strong>a migliore).<br />

ciofo di Roma o «romanesco». La raccolta<br />

del<strong>le</strong> varietà più precoci (tipo <strong>la</strong><br />

«Catanese»), <strong>in</strong>iziata nel mese di ottobre,<br />

è term<strong>in</strong>ata <strong>in</strong> quasi tutte <strong>le</strong> carciofaie;<br />

cont<strong>in</strong>ua soltanto <strong>in</strong> quel<strong>le</strong> situate<br />

nel<strong>le</strong> zone più fredde, dove <strong>la</strong> comparsa<br />

dei primi capol<strong>in</strong>i avviene anche uno o<br />

due mesi dopo.<br />

Nei primi giorni di marzo è anco-<br />

Carciofo. Nei primi giorni di marzo è<br />

ancora possibi<strong>le</strong> effettuare <strong>la</strong> scarducciatura<br />

(vedi testo) di fi ne <strong>in</strong>verno<br />

ra possibi<strong>le</strong> effettuare <strong>la</strong> scarducciatura<br />

(elim<strong>in</strong>azione dei germogli che si formano<br />

dal<strong>le</strong> gemme emesse dal<strong>la</strong> parte<br />

sotterranea del<strong>la</strong> ceppaia) di fi ne <strong>in</strong>verno.<br />

Normalmente di tutti i carducci<br />

che si sono formati, ne vengono <strong>la</strong>sciati<br />

2-3 (i più vigorosi) che nell’anno successivo<br />

produrranno capol<strong>in</strong>i più grossi<br />

e precoci.<br />

I carducci da dest<strong>in</strong>are all’impianto<br />

di una nuova carciofaia si devono staccare<br />

dal<strong>la</strong> pianta madre con un pezzo di<br />

radice pochi giorni prima di piantarli. Al<br />

fi ne di conseguire buoni risultati è preferibi<strong>le</strong><br />

che provengano da piante sane di<br />

2-3 anni, che si siano dimostrate precoci<br />

e produttive. Per ottenere un buon attecchimento<br />

si consiglia di scegliere carducci<br />

alti circa 20-30 centimetri, provvisti<br />

di 4-5 foglie a <strong>la</strong>m<strong>in</strong>a <strong>in</strong>tera, che rappresenta<br />

un <strong>in</strong>dice di precocità. È preferibi<strong>le</strong><br />

evitare quelli a foglie settate (frastagliate)<br />

poiché risultano più tardivi.<br />

Prima di effettuare l’impianto del<strong>la</strong><br />

nuova carciofaia è preferibi<strong>le</strong> eseguire<br />

una <strong>la</strong>vorazione profonda 40-50 centimetri,<br />

al<strong>la</strong> qua<strong>le</strong> devono seguire <strong>la</strong>vorazioni<br />

più superfi ciali con zappe e/o erpici<br />

al fi ne di garantire <strong>le</strong> condizioni ideali<br />

per l’attecchimento del<strong>le</strong> piant<strong>in</strong>e. Nel<br />

caso si disponga di <strong>le</strong>tame ben maturo si<br />

consiglia di distribuirlo <strong>in</strong> concomitanza<br />

con <strong>la</strong> <strong>la</strong>vorazione profonda.<br />

Subito dopo <strong>la</strong> messa a dimora dei<br />

carducci è necessario assicurare una<br />

cont<strong>in</strong>ua umidità del terreno.<br />

Se necessario, contemporaneamente<br />

al<strong>la</strong> scarducciatura, si può <strong>in</strong>tervenire<br />

con una <strong>le</strong>ggera sarchiatura tra <strong>le</strong> fi -<br />

<strong>le</strong> <strong>in</strong> modo da distruggere <strong>le</strong> piante <strong>in</strong>festanti<br />

nate nel periodo <strong>in</strong>verna<strong>le</strong>, evitando<br />

così gli effetti competitivi dovuti al<strong>la</strong><br />

sottrazione di acqua ed e<strong>le</strong>menti nutritivi<br />

dal terreno.<br />

Quando il clima decorre siccitoso,<br />

già nel<strong>la</strong> prima metà di marzo risulterà<br />

necessaria una prima irrigazione; come<br />

<strong>in</strong>dicazione genera<strong>le</strong> bisogna tener presente<br />

che <strong>le</strong> carciofaie necessitano di apporti<br />

d’acqua tali da garantire un costante<br />

livello di umidità nel terreno; sia <strong>in</strong>suffi<br />

cienze che ristagni d’acqua risultano<br />

dannosi per <strong>la</strong> produzione e <strong>la</strong> sanità<br />

del<strong>le</strong> piante, qu<strong>in</strong>di sono da preferire<br />

irrigazioni brevi ma frequenti. Negli orti<br />

<strong>in</strong> cui l’acqua viene somm<strong>in</strong>istrata per<br />

scorrimento, prima di <strong>in</strong>iziare gli <strong>in</strong>terventi<br />

irrigui si consiglia di dare una risistemata<br />

ai solchi.<br />

Carota. Sem<strong>in</strong>ate <strong>in</strong> entrambi i mesi<br />

distribuendo il seme a fi <strong>le</strong>. Una varietà<br />

che si adatta a terreni tendenti al<strong>la</strong> compattezza<br />

o compatti, poco <strong>in</strong>dicati per<br />

questa coltura, è <strong>la</strong> Chantenay.<br />

18 SUPPLEMENTO A VITA IN CAMPAGNA 3/2008


Pulite <strong>le</strong> aio<strong>le</strong> dal<strong>le</strong> piante <strong>in</strong>festanti<br />

e smuovete il terreno <strong>in</strong> superfi cie nel<strong>le</strong><br />

aio<strong>le</strong> già sem<strong>in</strong>ate. Adoperate a questo<br />

scopo una picco<strong>la</strong> zappa o un estirpatore<br />

a mano di ridotte dimensioni. Concimate<br />

<strong>in</strong> copertura con moderazione.<br />

Procedete al diradamento <strong>in</strong>iziando<br />

con <strong>le</strong> colture messe a dimora per prime.<br />

Questa operazione è <strong>in</strong>dispensabi<strong>le</strong> per<br />

ottenere carote ben sviluppate e di buone<br />

qualità gustative.<br />

Catalogna. Vedi radicchio.<br />

Cavolo cappuccio e cavolo verza.<br />

In marzo potete <strong>in</strong>iziare il trapianto del<strong>le</strong><br />

piant<strong>in</strong>e di cavolo cappuccio ottenute<br />

<strong>in</strong> coltura protetta. Sem<strong>in</strong>ate <strong>le</strong> varietà<br />

primaverili-estive. In apri<strong>le</strong> cont<strong>in</strong>uate<br />

i trapianti di varietà precoci e sem<strong>in</strong>ate<br />

<strong>le</strong> varietà estive.<br />

Pulite e concimate limitatamente <strong>in</strong><br />

copertura <strong>le</strong> aio<strong>le</strong> trapiantate <strong>in</strong> precedenza.<br />

Se desiderate <strong>coltivare</strong> il cavolo verza<br />

anche <strong>in</strong> questo periodo, sem<strong>in</strong>ate <strong>in</strong><br />

marzo <strong>in</strong> coltura protetta, ma solo varietà<br />

estive.<br />

Nel<strong>la</strong> prima qu<strong>in</strong>dic<strong>in</strong>a di marzo <strong>in</strong><br />

genere vengono ultimate <strong>le</strong> raccolte di<br />

cavolo verza di varietà <strong>in</strong>vernali.<br />

Cetriolo. Vedi anguria (cocomero).<br />

Cicoria. Vedi radicchio.<br />

Cipol<strong>la</strong>. Vedi aglio.<br />

Crescione. Vedi acetosa.<br />

Fagiolo e fagiol<strong>in</strong>o. Attorno a metà<br />

marzo sem<strong>in</strong>ate <strong>in</strong> coltura protetta impiegando<br />

varietà precoci nane. Vo<strong>le</strong>ndo<br />

potete sem<strong>in</strong>are anche <strong>in</strong> contenitori alveo<strong>la</strong>ti,<br />

trapiantando <strong>in</strong> seguito <strong>le</strong> piant<strong>in</strong>e<br />

con il pane di terra nel<strong>le</strong> prime fasi di<br />

crescita (<strong>le</strong> radici devono trattenere tutto<br />

il terriccio che si trova nell’alveolo, e il<br />

pane di terra non si deve sbricio<strong>la</strong>re).<br />

Da metà apri<strong>le</strong> <strong>in</strong>iziate <strong>la</strong> sem<strong>in</strong>a <strong>in</strong><br />

pieno campo tanto di varietà nane che<br />

rampicanti. R<strong>in</strong>viate <strong>la</strong> sem<strong>in</strong>a se l’andamento<br />

stagiona<strong>le</strong> risultasse freddo.<br />

Potete aiutare <strong>la</strong> germ<strong>in</strong>azione nel<strong>le</strong> aio<strong>le</strong><br />

sem<strong>in</strong>ate per prime (anche sotto tunnel)<br />

stendendo sul<strong>le</strong> aio<strong>le</strong> un velo di tessuto<br />

di tessuto. Per maggiori <strong>in</strong>formazioni<br />

sul<strong>la</strong> coltura del fagiolo rampicante<br />

si rimanda agli articoli pubblicati sul<br />

n. 2/2008 a pag. 19 e su questo numero<br />

a pag. 19.<br />

Frago<strong>la</strong>. Nel<strong>le</strong> coltivazioni protette<br />

arieggiate il più possibi<strong>le</strong> <strong>in</strong> modo da<br />

agevo<strong>la</strong>re l’opera degli <strong>in</strong>setti che eseguono<br />

l’impoll<strong>in</strong>azione. In apri<strong>le</strong> potete<br />

<strong>la</strong>sciare aperte <strong>le</strong> protezioni anche di<br />

notte, a meno che non si verifi ch<strong>in</strong>o periodi<br />

di tempo freddo e perturbato.<br />

Seguite <strong>le</strong> colture con ripetute irrigazioni<br />

e concimate utilizzando fertilizzanti<br />

solubili <strong>in</strong> acqua (cioè attuando <strong>la</strong><br />

Frago<strong>la</strong>. Dai primi di marzo potete<br />

<strong>in</strong>iziare – preferibilmente su aio<strong>le</strong><br />

pacciamate – gli impianti di varietà<br />

rifi orenti, purché non vi sia più pericolo<br />

di ge<strong>la</strong>te<br />

fertirrigazione) oppure granu<strong>la</strong>ri a <strong>le</strong>nta<br />

cessione (ad esempio Nitrophoska Gold,<br />

Bayfo<strong>la</strong>n Multi-Orti, Agri slow) che collocherete<br />

sotto <strong>la</strong> pacciamatura pratican-<br />

do dei piccoli fori con un trapiantatoio o<br />

con un bastone appuntito. Sarebbe però<br />

opportuno <strong>in</strong>terrare <strong>le</strong>ggermente pure<br />

questi concimi. Anche <strong>in</strong> questo caso<br />

potete sostituire i concimi m<strong>in</strong>erali con<br />

fertilizzanti organici od organo-m<strong>in</strong>erali<br />

ammessi nel<strong>le</strong> colture organiche (biologiche).<br />

Se non avete ricoperto <strong>le</strong> aio<strong>le</strong><br />

con teli di materia<strong>le</strong> p<strong>la</strong>stico scuro (pacciamatura)<br />

distribuite sul terreno uno<br />

strato di paglia dello spessore di almeno<br />

5 centimetri <strong>in</strong> modo che quando i frutti<br />

toccano il suolo non si sporch<strong>in</strong>o.<br />

Dai primi di marzo potete <strong>in</strong>iziare gli<br />

impianti di varietà rifi orenti (si trovano<br />

abbastanza facilmente negli empori di<br />

articoli per il giard<strong>in</strong>aggio e spesso pure<br />

presso i vivaisti orticoli) purché non<br />

vi sia più pericolo di ge<strong>la</strong>te. Queste varietà<br />

si dimostrano partico<strong>la</strong>rmente adatte<br />

ai piccoli orti perché hanno un periodo<br />

produttivo molto più lungo rispetto<br />

a quel<strong>le</strong> che hanno una so<strong>la</strong> fi oritura<br />

pur non presentando, di rego<strong>la</strong>, durante<br />

l’estate frutti di e<strong>le</strong>vata qualità.<br />

Nel<strong>le</strong> zone di pianura e coll<strong>in</strong>a del<br />

nord spesso sarebbe conveniente pro-<br />

I trapianti di marzo <strong>in</strong> coltura protetta (pianura padana)<br />

(per <strong>le</strong> altre zone d’Italia si faccia riferimento al<strong>la</strong> cart<strong>in</strong>a riportata a pag. 16)<br />

I trapianti di marzo <strong>in</strong> piena aria (pianura padana)<br />

(per <strong>le</strong> altre zone d’Italia si faccia riferimento al<strong>la</strong> cart<strong>in</strong>a riportata a pag. 16)<br />

Per tutto il mese<br />

Periodo Ortaggio<br />

Da metà marzo (colture<br />

protette ampie)<br />

F<strong>in</strong>e marzo-primi di apri<strong>le</strong><br />

(colture protette ampie)<br />

Me<strong>la</strong>nzana ( 1 )<br />

Peperone ( 1 )<br />

Pomodoro ( 1 )<br />

Anguria ( 2 )<br />

Cetriolo ( 2 )<br />

Melone ( 2 )<br />

Zucch<strong>in</strong>o ( 2 )<br />

Periodo Ortaggio<br />

Aglio<br />

Cavolo cappuccio<br />

Cipol<strong>la</strong> (da semenzaio)<br />

Cipol<strong>la</strong> (piccoli bulbi)<br />

Lattuga a cappuccio<br />

Distanze d’impianto<br />

tra <strong>le</strong> fi <strong>le</strong><br />

cm<br />

120-150<br />

70-80<br />

70-100<br />

150-250<br />

150-200<br />

150-200<br />

140-160<br />

Distanze d’impianto<br />

tra <strong>le</strong> fi <strong>le</strong><br />

cm<br />

25-40<br />

50-70<br />

15-25 (40)<br />

15-25 (40)<br />

30-35<br />

sul<strong>la</strong> fi <strong>la</strong><br />

cm<br />

60-70<br />

40-50<br />

50 (30)-70<br />

100-120<br />

50-60<br />

50-100<br />

60-100<br />

( 1 ) Trapianto effettuato di rego<strong>la</strong> con piant<strong>in</strong>e munite di pane di terra. ( 2 ) Trapianto da eseguire<br />

adoperando esclusivamente piante prodotte con pane di terra.<br />

sul<strong>la</strong> fi <strong>la</strong><br />

cm<br />

SUPPLEMENTO A VITA IN CAMPAGNA 3/2008 19<br />

10-15<br />

40-50<br />

15-25<br />

15-25<br />

25-30<br />

Attorno al<strong>la</strong> metà del mese Patata ( 1 ) 65 (50-70) 30 (25-35)<br />

( 1 ) La durata del ciclo di coltivazione del<strong>la</strong> patata si aggira sui 100-140 giorni, <strong>in</strong> rapporto<br />

al tipo di coltura effettuata e al<strong>la</strong> maggiore o m<strong>in</strong>ore precocità del<strong>le</strong> diverse varietà.


Le sem<strong>in</strong>e di apri<strong>le</strong> <strong>in</strong> coltura protetta (pianura padana)<br />

(per <strong>le</strong> altre zone d’Italia si faccia riferimento al<strong>la</strong> cart<strong>in</strong>a riportata a pag. 16)<br />

Periodo Ortaggio<br />

Primi di apri<strong>le</strong><br />

Anguria ( 2 )<br />

Cetriolo ( 2 )<br />

Indivia riccia ( 3 )<br />

Melone ( 2 )<br />

Zucca ( 2 )<br />

Zucch<strong>in</strong>o ( 2 )<br />

teggere <strong>le</strong> aio<strong>le</strong> con piccoli tunnel sempre<br />

aperti da entrambi i <strong>la</strong>ti per riparar<strong>le</strong><br />

da eccessive precipitazioni e dal<strong>la</strong><br />

grand<strong>in</strong>e.<br />

Indivia riccia e scaro<strong>la</strong>. A marzo<br />

sem<strong>in</strong>ate, ma so<strong>la</strong>mente <strong>in</strong> coltura protetta,<br />

<strong>le</strong> varietà primaverili di <strong>in</strong>divia riccia.<br />

In apri<strong>le</strong> cont<strong>in</strong>uate <strong>le</strong> sem<strong>in</strong>e sotto<br />

protezioni se si verifi cassero periodi<br />

freddi, altrimenti potete sem<strong>in</strong>are <strong>in</strong><br />

contenitore (preferite, pure <strong>in</strong> questo caso,<br />

<strong>la</strong> produzione di piant<strong>in</strong>e con il pane<br />

di terra) <strong>in</strong> piena aria. Se necessario r<strong>in</strong>viate<br />

anche i primi trapianti.<br />

Da fi ne apri<strong>le</strong> sem<strong>in</strong>ate <strong>la</strong> scaro<strong>la</strong> <strong>in</strong><br />

contenitore (oppure <strong>in</strong> semenzaio). R<strong>in</strong>viate<br />

<strong>le</strong> sem<strong>in</strong>e se si verifi cassero periodi<br />

freddi.<br />

Lattuga a cappuccio e da taglio.<br />

In marzo mettete a dimora <strong>in</strong> pieno campo<br />

piant<strong>in</strong>e, possibilmente con il pane di<br />

terra, di <strong>la</strong>ttughe da cespo dei vari tipi e<br />

sem<strong>in</strong>ate ancora <strong>le</strong> varietà primaverili.<br />

Quantità<br />

di seme<br />

g/m 2<br />

–<br />

–<br />

0,3-0,5<br />

–<br />

–<br />

–<br />

Semi per<br />

grammo<br />

n.<br />

10-20<br />

30-35<br />

600-800<br />

25-35<br />

3<br />

5,8<br />

Durata<br />

del<strong>la</strong> coltura<br />

giorni ( 1 )<br />

90-120<br />

70-110<br />

90-100<br />

80-115<br />

110-150<br />

60-70 (90)<br />

( 1 ) Numero approssimativo dei giorni che vanno dal<strong>la</strong> sem<strong>in</strong>a (germ<strong>in</strong>azione del seme) al<strong>la</strong><br />

raccolta. I dati tra parentesi riguardano <strong>le</strong> colture che si attuano <strong>in</strong> condizioni non ottimali<br />

o che devono trascorrere nel terreno <strong>la</strong> stagione autunno-<strong>in</strong>verna<strong>le</strong>. ( 2 ) Sem<strong>in</strong>a <strong>in</strong> vasetti<br />

o contenitori simili (1-2 semi per ognuno) per successivo trapianto con pane di terra.<br />

Solo <strong>in</strong> località a clima mite, ma sempre <strong>in</strong> coltura protetta, si può effettuare <strong>la</strong> sem<strong>in</strong>a<br />

diretta <strong>in</strong> piena terra (3-5 semi per buchetta). ( 3 ) Quantitativo per sem<strong>in</strong>e <strong>in</strong> cassett<strong>in</strong>e<br />

di polistirolo di cm 30x50 circa. Si può eseguire <strong>la</strong> sem<strong>in</strong>a direttamente <strong>in</strong> contenitore<br />

alveo<strong>la</strong>to collocando un seme per alveolo oppure due, tenendo dopo <strong>la</strong> germ<strong>in</strong>azione<br />

<strong>la</strong> piant<strong>in</strong>a migliore, senza poi – al contrario di quanto avviene con <strong>la</strong> sem<strong>in</strong>a <strong>in</strong> cassett<strong>in</strong>e<br />

– dover effettuare il trapianto nei contenitori alveo<strong>la</strong>ti.<br />

Me<strong>la</strong>nzana,<br />

peperone<br />

e peperonc<strong>in</strong>o,<br />

pomodoro.<br />

Le piant<strong>in</strong>e<br />

a radice nuda<br />

vengono sempre<br />

più raramente<br />

impiegate per il<br />

trapianto, sostituite<br />

da quel<strong>le</strong> con il<br />

pane di terra<br />

(nel<strong>la</strong> foto, da<br />

s<strong>in</strong>istra, peperone,<br />

me<strong>la</strong>nzana,<br />

pomodoro)<br />

Iniziate sotto tunnel <strong>la</strong> raccolta via<br />

via che i cespi raggiungono <strong>le</strong> dimensioni<br />

caratteristiche del<strong>le</strong> varietà di appartenenza.<br />

In apri<strong>le</strong> sem<strong>in</strong>ate <strong>le</strong> varietà primaverili-estive.<br />

Ultimate <strong>le</strong> raccolte sotto<br />

protezioni ed <strong>in</strong>iziate quel<strong>le</strong> <strong>in</strong> pieno<br />

campo. In entrambi i mesi attuate <strong>le</strong>ggere<br />

<strong>la</strong>vorazioni al terreno (impiegate un<br />

piccolo estirpatore) ed eseguite con caute<strong>la</strong><br />

<strong>le</strong> irrigazioni, <strong>in</strong>dispensabili <strong>in</strong> coltura<br />

protetta.<br />

Sia <strong>in</strong> marzo che <strong>in</strong> apri<strong>le</strong> proseguite<br />

<strong>le</strong> sem<strong>in</strong>e di <strong>la</strong>ttuga da taglio. Anche <strong>in</strong><br />

questo caso potete sem<strong>in</strong>are a righe utilizzando<br />

un segnarighe per operare con<br />

maggiore razionalità. Per gli altri <strong>la</strong>vori<br />

seguite quanto <strong>in</strong>dicato per <strong>la</strong> <strong>la</strong>ttuga<br />

da cespo.<br />

In marzo, ma anche per parte di apri<strong>le</strong><br />

nel<strong>le</strong> località più fresche, tenete <strong>le</strong><br />

aio<strong>le</strong> <strong>in</strong> cui avete sem<strong>in</strong>ato o trapiantato<br />

e quel<strong>le</strong> con <strong>le</strong> piante <strong>in</strong> vegetazione<br />

protette da tessuto non tessuto.<br />

Tra <strong>le</strong> tante varietà disponibili di <strong>la</strong>ttuga<br />

provate <strong>la</strong> Gentil<strong>in</strong>a (e sue se<strong>le</strong>zioni)<br />

ed il tipo Lollo (bionda e rossa), che<br />

pur essendo <strong>in</strong> commercio già da diversi<br />

anni sono ancora poco coltivate dai piccoli<br />

orticoltori.<br />

Me<strong>la</strong>nzana, peperone e peperonc<strong>in</strong>o,<br />

pomodoro. In marzo proseguite<br />

<strong>le</strong> sem<strong>in</strong>e <strong>in</strong> contenitore per ottenere<br />

piante con il pane di terra da utilizzare<br />

anche per i trapianti <strong>in</strong> pieno campo. Attorno<br />

a metà mese mettete a dimora sotto<br />

ampi tunnel piante con il pane di terra.<br />

Dopo il trapianto irrigate con modeste<br />

quantità d’acqua.<br />

Nel<strong>la</strong> prima qu<strong>in</strong>dic<strong>in</strong>a di apri<strong>le</strong> trapiantate<br />

sotto piccoli tunnel. Dal<strong>la</strong> fi ne<br />

di apri<strong>le</strong> eseguite i trapianti pure <strong>in</strong> pieno<br />

campo a meno che non si verifi ch<strong>in</strong>o<br />

ritorni di freddo. Adottate, se possibi<strong>le</strong><br />

<strong>in</strong> tutte <strong>le</strong> situazioni di coltivazione,<br />

<strong>la</strong> pacciamatura con teli p<strong>la</strong>stici scuri<br />

o paglia.<br />

In coltura protetta quando <strong>in</strong>izia <strong>la</strong><br />

fase di fi oritura, se lo ritenete opportuno,<br />

aiutate l’al<strong>le</strong>gagione per mezzo di<br />

ormonature. Seguite con molta attenzione<br />

<strong>le</strong> istruzioni riportate sul<strong>le</strong> confezioni<br />

dei prodotti al<strong>le</strong>ganti, <strong>in</strong> partico<strong>la</strong>re<br />

<strong>le</strong> modalità di diluizione e distribuzione<br />

del prodotto. Intervenite nel<strong>le</strong> ore più<br />

fresche del<strong>la</strong> giornata (matt<strong>in</strong>a presto o<br />

sera tardi) tenendovi a 20-25 centimetri<br />

dai fi ori aperti.<br />

Se non vo<strong>le</strong>te effettuare <strong>le</strong> ormonature,<br />

per favorire <strong>la</strong> formazione dei frutti,<br />

potete eseguire <strong>le</strong> stesse operazioni<br />

di spruzzatura dei fi ori previste da questa<br />

operazione, ma senza diluire nell’acqua<br />

(distil<strong>la</strong>ta, dem<strong>in</strong>eralizzata) <strong>la</strong> sostanza<br />

ormonica. Nel pomodoro, anche<br />

semplicemente scuotere con delicatezza<br />

<strong>le</strong> piante più volte al giorno può aiutare<br />

l’al<strong>le</strong>gagione. Vi sono comunque varietà<br />

di me<strong>la</strong>nzana (come Tal<strong>in</strong>a, Rondona,<br />

Gal<strong>in</strong>e, tutte ibride) partico<strong>la</strong>rmente<br />

adatte al<strong>la</strong> coltura protetta che hanno<br />

<strong>la</strong> tendenza ad al<strong>le</strong>gare senza che vi<br />

sia <strong>la</strong> fecondazione dei fi ori (fenomeno<br />

chiamato partenocarpia). L’ormonatura<br />

– o <strong>in</strong>terventi simili – si esegue <strong>in</strong> tutto<br />

il periodo <strong>in</strong> cui <strong>le</strong> temperature notturne<br />

scendono sotto i 12-13° C. In genere nel<br />

peperone e nel peperonc<strong>in</strong>o l’ormonatura<br />

dei fi ori non viene effettuata.<br />

Dal<strong>la</strong> f<strong>in</strong>e di apri<strong>le</strong>, se il tempo lo<br />

consente, sem<strong>in</strong>ate il pomodoro <strong>in</strong> pieno<br />

campo; <strong>la</strong> sem<strong>in</strong>a diretta però è un’operazione<br />

che viene sempre meno eseguita,<br />

almeno nei piccoli orti.<br />

Mettete <strong>in</strong> opera con molta cura i sostegni,<br />

soprattutto nel<strong>le</strong> varietà di pomodoro<br />

che crescono di cont<strong>in</strong>uo <strong>in</strong> altezza (<strong>in</strong>de-<br />

20 SUPPLEMENTO A VITA IN CAMPAGNA 3/2008


1<br />

Progetto di coltivazione di un orto familiare di circa 100 metri quadrati<br />

a cura di Alberto Locatelli<br />

Esempio di orto formato da 10 aio<strong>le</strong>, con aggiornamento mensi<strong>le</strong> del<strong>la</strong> situazione <strong>in</strong> riferimento<br />

al<strong>la</strong> pianura padana; per <strong>le</strong> altre zone d’Italia si veda <strong>la</strong> cart<strong>in</strong>a geografi ca riportata a pag. 16<br />

Per <strong>le</strong> possibili alternative consultate <strong>le</strong> tabel<strong>le</strong> del<strong>le</strong> sem<strong>in</strong>e e dei trapianti nonché i testi del<strong>le</strong> s<strong>in</strong>go<strong>le</strong> colture.<br />

2 Pomodoro<br />

3<br />

4<br />

m 0,20 m 1,00<br />

E<br />

N S<br />

O<br />

<strong>Come</strong> si presenta l’orto a fi ne marzo <strong>Come</strong> si presenta l’orto a fi ne apri<strong>le</strong><br />

Lattuga e cicoria<br />

da taglio<br />

5 Pisello<br />

6 Carota<br />

7<br />

Bieto<strong>la</strong> da coste<br />

e da orto<br />

8 Aglio<br />

9<br />

10<br />

Lattuga e cicoria<br />

da taglio<br />

Cipol<strong>la</strong><br />

bianca<br />

Peperone<br />

e peperonc<strong>in</strong>o<br />

Ravanello Ruco<strong>la</strong><br />

Cipol<strong>la</strong> <strong>colorata</strong><br />

Lattuga<br />

a cappuccio<br />

Porro<br />

Ravanello Ruco<strong>la</strong><br />

m 11,80<br />

m 8,00 m 8,00<br />

Vi proponiamo il progetto di coltivazione di un orto familiare di circa 100 metri quadrati, adatto al<strong>le</strong> esigenze di una famiglia<br />

di quattro persone. Ogni bimestre aggiorneremo il progetto <strong>in</strong>dicando <strong>in</strong> qua<strong>le</strong> fase si trovano <strong>le</strong> colture che proponiamo.<br />

Stadio preva<strong>le</strong>nte del<strong>la</strong> coltura. = sem<strong>in</strong>a; = trapianto; = <strong>in</strong> fase di raccolta;<br />

= ortaggio <strong>in</strong> coltura protetta; = aio<strong>la</strong> libera <strong>in</strong> attesa di coltivazione.<br />

I disegni a colori rappresentano i s<strong>in</strong>goli ortaggi <strong>in</strong> fase di coltivazione<br />

term<strong>in</strong>ate) dotate di maggior vigore vegetativo,<br />

impiegando solidi tutori, alti anche<br />

oltre due metri e mezzo fuori terra. Pure<br />

per <strong>le</strong> piante di me<strong>la</strong>nzana e peperone, coltivate<br />

sia <strong>in</strong> pieno campo che sotto tunnel,<br />

è opportuno <strong>in</strong>stal<strong>la</strong>re solidi sostegni.<br />

1 Pomodoro<br />

2 Pomodoro<br />

Peperone<br />

e peperonc<strong>in</strong>o<br />

3 Me<strong>la</strong>nzana Zucch<strong>in</strong>o<br />

SUPPLEMENTO A VITA IN CAMPAGNA 3/2008 21<br />

4<br />

Lattuga e cicoria<br />

da taglio<br />

5 Pisello<br />

6 Carota<br />

7<br />

Bieto<strong>la</strong> da coste<br />

e da orto<br />

8 Aglio<br />

9<br />

Cipol<strong>la</strong><br />

bianca<br />

Ravanello Ruco<strong>la</strong><br />

Cipol<strong>la</strong> <strong>colorata</strong><br />

Lattuga<br />

a cappuccio<br />

Cavolo<br />

cappuccio<br />

Cetriolo e cetriol<strong>in</strong>o Sedano Prezzemolo Aromatiche<br />

10 Fagiolo e fagiol<strong>in</strong>o<br />

Per quanto riguarda <strong>la</strong> me<strong>la</strong>nzana sono<br />

sempre più disponibili, anche <strong>in</strong> un<br />

numero limitato di esemp<strong>la</strong>ri, piante <strong>in</strong>nestate<br />

su pomodori resistenti al<strong>le</strong> ma<strong>la</strong>ttie,<br />

specialmente al<strong>la</strong> verticilliosi. Dato<br />

il costo di queste piante è opportuno<br />

che <strong>le</strong> adottiate dove vi sono veramente<br />

prob<strong>le</strong>mi causati dal<strong>la</strong> verticilliosi o,<br />

per prova, <strong>in</strong> terreni <strong>in</strong> cui <strong>la</strong> me<strong>la</strong>nzana<br />

dimostra di riuscire <strong>in</strong> modo stentato<br />

(come nei suoli piuttosto sassosi). In alcuni<br />

casi, sempre se disponibili, potreb-


1 2<br />

Pacciamatura. Potete coprire comp<strong>le</strong>tamente – o quasi – con <strong>la</strong> pacciamatura anche<br />

<strong>le</strong> aio<strong>le</strong> di un piccolo orto, ricordando che sono disponibili teli di materia<strong>le</strong> p<strong>la</strong>stico<br />

degradabi<strong>le</strong> nel terreno una volta term<strong>in</strong>ato il loro uso. 1-Aio<strong>la</strong> pacciamata con telo<br />

p<strong>la</strong>stico nero coltivata a sedano. 2-Avendone a disposizione, o potendo procurarsene<br />

facilmente, pure <strong>la</strong> paglia può risultare un materia<strong>le</strong> assai valido per attuare <strong>la</strong> pacciamatura.<br />

Nel<strong>la</strong> foto, aio<strong>la</strong> coltivata a pomodoro, pacciamata con paglia<br />

Le sem<strong>in</strong>e di apri<strong>le</strong> <strong>in</strong> piena aria (pianura padana)<br />

(per <strong>le</strong> altre zone d’Italia si faccia riferimento al<strong>la</strong> cart<strong>in</strong>a riportata a pag. 16)<br />

Periodo Ortaggio<br />

Per tutto<br />

il mese<br />

Da metà<br />

mese<br />

Bieto<strong>la</strong> da costa<br />

Bieto<strong>la</strong> da orto<br />

Carota<br />

Cavolo cappuccio estivo ( 2 )<br />

Cicoria da taglio<br />

Cipol<strong>la</strong> <strong>colorata</strong><br />

Lattuga a cappuccio primaveri<strong>le</strong>-estiva ( 2 )<br />

Lattuga da taglio<br />

Porro (semenzaio) ( 3 )<br />

Prezzemolo<br />

Ravanello<br />

Ruco<strong>la</strong><br />

Sp<strong>in</strong>acio (primaveri<strong>le</strong>-estivo)<br />

Fagiolo<br />

Fagiol<strong>in</strong>o<br />

Dal<strong>la</strong> fi ne<br />

del mese Anguria (4 )<br />

Basilico ( 2 )<br />

Cetriolo e cetriol<strong>in</strong>o ( 4 )<br />

Indivia riccia ( 2 )<br />

Melone ( 4 )<br />

Pomodoro<br />

Scaro<strong>la</strong> ( 2 )<br />

Sedano ( 2 )<br />

Zucca ( 4 )<br />

Zucch<strong>in</strong>o ( 4 )<br />

Quantità<br />

di seme<br />

g/m 2<br />

1,5<br />

1,5<br />

0,5-1<br />

1,5-2<br />

6-8<br />

0,5-1<br />

0,3-0,4<br />

6-10<br />

2,5-3,5<br />

2,5-3,5<br />

1,5-2<br />

0,5-10<br />

2-4<br />

7-12/15-22<br />

8-12<br />

–<br />

0,5<br />

–<br />

0,3-0,5<br />

–<br />

0,1-0,2<br />

0,3-0,5<br />

0,2-0,3<br />

–<br />

–<br />

Semi per<br />

grammo<br />

n.<br />

50<br />

75-95<br />

850-1000<br />

200-300<br />

600-750<br />

250-300<br />

800<br />

800<br />

400<br />

500<br />

80-120<br />

500<br />

80-100<br />

1-4<br />

2-4<br />

10-20<br />

750-850<br />

30-35<br />

600-800<br />

25-35<br />

320-350<br />

600-800<br />

1800-2000<br />

3<br />

5-8<br />

Durata<br />

del<strong>la</strong> coltura<br />

giorni ( 1 )<br />

60-80 (210)<br />

70-110<br />

100-140 (240)<br />

100-120<br />

60-80 (150)<br />

140-180<br />

70-100<br />

50-80<br />

150-240<br />

70-110 (210)<br />

25-40 (70)<br />

40-70 (90)<br />

70-90 (180-210)<br />

65-85 (100)<br />

50-65<br />

90-120<br />

60-120 (150)<br />

70-110<br />

90-100<br />

80-115<br />

80-130 (180)<br />

110-140<br />

90-130 (150)<br />

110-150<br />

60-70 (90)<br />

( 1 ) Numero approssimativo dei giorni che vanno dal<strong>la</strong> sem<strong>in</strong>a (germ<strong>in</strong>azione del seme)<br />

al<strong>la</strong> raccolta. I dati tra parentesi riguardano <strong>le</strong> colture che si attuano <strong>in</strong> condizioni non<br />

ottimali o che devono trascorrere nel terreno <strong>la</strong> stagione autunno-<strong>in</strong>verna<strong>le</strong>. ( 2 ) Quantitativo<br />

per sem<strong>in</strong>e <strong>in</strong> cassett<strong>in</strong>e di polistirolo di cm 30x50 circa. Si può eseguire <strong>la</strong> sem<strong>in</strong>a<br />

direttamente <strong>in</strong> contenitore alveo<strong>la</strong>to collocando un seme per alveolo (5-8 per il basilico,<br />

conservando <strong>in</strong> seguito tutte <strong>le</strong> piant<strong>in</strong>e che germ<strong>in</strong>ano) oppure due, tenendo dopo<br />

<strong>la</strong> germ<strong>in</strong>azione <strong>la</strong> piant<strong>in</strong>a migliore. La sem<strong>in</strong>a diretta nei contenitori evita – al contrario<br />

di quel<strong>la</strong> <strong>in</strong> cassett<strong>in</strong>e – di eseguire il trapianto nei contenitori alveo<strong>la</strong>ti. Per il sedano<br />

<strong>in</strong>vece, date <strong>le</strong> dimensioni m<strong>in</strong>ori dei semi, è più conveniente <strong>la</strong> sem<strong>in</strong>a <strong>in</strong> cassett<strong>in</strong>a<br />

ed il successivo trapianto <strong>in</strong> contenitore. ( 3 ) Per il porro, pur essendo ancora valida<br />

<strong>la</strong> produzione di piant<strong>in</strong>e <strong>in</strong> semenzaio, per semplicità è consigliabi<strong>le</strong> sem<strong>in</strong>are <strong>in</strong> contenitore<br />

(meglio due semi per alveolo, tenendo poi <strong>la</strong> piant<strong>in</strong>a migliore). ( 4 ) Sem<strong>in</strong>a <strong>in</strong> buchette<br />

(2-4 semi ciascuna).<br />

be essere uti<strong>le</strong> l’impiego anche di piant<strong>in</strong>e<br />

di pomodoro <strong>in</strong>nestato su se<strong>le</strong>zioni<br />

resistenti a ma<strong>la</strong>ttie (fusariosi e verticilliosi)<br />

e a parassiti (nematodi o anguillu<strong>le</strong><br />

del terreno). L’<strong>in</strong>nesto si dimostra valido<br />

per poter <strong>coltivare</strong>, con buona sicurezza,<br />

varietà «deboli» (tipo Cuore di<br />

bue), ma <strong>in</strong> grado di fornire un prodotto<br />

di qualità.<br />

Melone. Vedi anguria (cocomero).<br />

Patata. Attorno al<strong>la</strong> metà di marzo<br />

potete <strong>in</strong>iziare l’impianto dei tuberi a<br />

partire da quelli pregermogliati (vedi «i<br />

Lavori» di gennaio-febbraio, pag. 18).<br />

Se tagliate quelli di maggiori dimensioni<br />

fatelo solo <strong>in</strong> senso vertica<strong>le</strong>, una settimana<br />

circa prima del<strong>la</strong> messa dimora.<br />

Dopo l’impianto, effettuato <strong>in</strong> solchetti<br />

profondi circa 8-10 centimetri, ricoprite<br />

i tuberi con 4-5 centimetri di terra. Se<br />

lo ritenete opportuno, pacciamate <strong>le</strong> aio<strong>le</strong><br />

con teli p<strong>la</strong>stici scuri: oltre a garantire<br />

una maggiore precocità, questa tecnica<br />

risolve quasi del tutto il prob<strong>le</strong>ma del<br />

controllo del<strong>le</strong> piante <strong>in</strong>festanti, consente<br />

di impiegare meno acqua per irrigare<br />

e fornisce tuberi di aspetto esteriore<br />

molto attraente.<br />

In apri<strong>le</strong> tenete pulite <strong>le</strong> colture a<br />

mezzo di <strong>le</strong>ggere zappature, concimate<br />

<strong>in</strong> copertura ed eseguite l’assolcatura.<br />

Peperone. Vedi me<strong>la</strong>nzana.<br />

Pisello. Sem<strong>in</strong>ate per tutto marzo. In<br />

apri<strong>le</strong> pulite <strong>le</strong> aio<strong>le</strong> e <strong>la</strong>vorate <strong>in</strong> superfi<br />

cie il terreno a mezzo di <strong>le</strong>ggere zappature<br />

o estirpature. Ponete a dimora i sostegni<br />

nel<strong>le</strong> varietà rampicanti e di medio<br />

sviluppo (mezza rama).<br />

Pomodoro. Vedi me<strong>la</strong>nzana.<br />

Porro. Vedi aglio.<br />

Prezzemolo e sedano. Sem<strong>in</strong>ate <strong>in</strong><br />

pieno campo il prezzemolo per entrambi<br />

i mesi, possibilmente a righe. Provate<br />

il prezzemolo riccio che non è molto conosciuto,<br />

ma il cui seme non è diffi ci<strong>le</strong><br />

da reperire <strong>in</strong> commercio: si adatta molto<br />

bene al<strong>la</strong> coltura <strong>in</strong> vaso, anche per il<br />

suo valore estetico.<br />

Pulite con cura dal<strong>le</strong> piante <strong>in</strong>festanti<br />

<strong>le</strong> aio<strong>le</strong> sem<strong>in</strong>ate a fi ne estate-<strong>in</strong>izio autunno.<br />

Irrigate se necessario. Raccogliete<br />

prima <strong>in</strong> coltura protetta e poi <strong>in</strong> pieno<br />

campo.<br />

Per tutto marzo e f<strong>in</strong>o all’<strong>in</strong>izio di<br />

apri<strong>le</strong> sem<strong>in</strong>ate il sedano <strong>in</strong> coltura protetta.<br />

Dal<strong>la</strong> f<strong>in</strong>e di apri<strong>le</strong> sem<strong>in</strong>ate (<strong>in</strong><br />

contenitore oppure <strong>in</strong> semenzaio) e trapiantate<br />

<strong>in</strong> piena aria. Pure nel caso del<br />

prezzemolo e del sedano aiutate <strong>la</strong> germ<strong>in</strong>azione,<br />

e/o <strong>la</strong> ripresa vegetativa, ricoprendo<br />

<strong>le</strong> aio<strong>le</strong> con tessuto non tessuto.<br />

Radicchio, cicoria e catalogna.<br />

Sia <strong>in</strong> marzo che <strong>in</strong> apri<strong>le</strong> sem<strong>in</strong>ate <strong>le</strong><br />

varietà di cicoria da taglio, anche <strong>in</strong> que-<br />

22 SUPPLEMENTO A VITA IN CAMPAGNA 3/2008


Progetto di coltivazione di ortaggi, piante aromatiche e da fi ore su un terrazzo di 32 m 2<br />

a cura di Alberto Locatelli<br />

Esempio di terrazzo con 20 contenitori, con aggiornamento mensi<strong>le</strong> del<strong>la</strong> situazione <strong>in</strong> riferimento<br />

al<strong>la</strong> pianura padana; per <strong>le</strong> altre zone d’Italia si veda <strong>la</strong> cart<strong>in</strong>a geografi ca riportata a pag. 16<br />

Per <strong>le</strong> possibili alternative consultate <strong>le</strong> tabel<strong>le</strong> del<strong>le</strong> sem<strong>in</strong>e e dei trapianti nonché i testi del<strong>le</strong> s<strong>in</strong>go<strong>le</strong> colture.<br />

I numeri di ogni contenitore corrispondono a quelli che identifi cano, nel testo, <strong>le</strong> diverse specie<br />

20<br />

19<br />

18<br />

17<br />

20<br />

19<br />

18<br />

17<br />

N<br />

O E<br />

Porta-fi nestra <strong>Come</strong> si presenta il terrazzo a fi ne marzo<br />

16<br />

15<br />

1 2 3 4 5<br />

14<br />

S<br />

13 12<br />

11<br />

m 8,00<br />

m 8,00<br />

Porta-fi nestra<br />

Cicoria da taglio-10: irrigate se necessario. Erba cipoll<strong>in</strong>a-18: se vo<strong>le</strong>te attuare una nuova<br />

coltura potete partire dai semi o dal<strong>le</strong> piant<strong>in</strong>e, che si trovano con facilità. Solo se disponete di<br />

piante suffi cientemente sviluppate potete, <strong>in</strong> media, <strong>in</strong>iziare <strong>le</strong> raccolte da fi ne mese. Lattuga<br />

da taglio-16: seguite <strong>le</strong> colture con <strong>in</strong>naffi ature prudenti per evitare marciumi. Prezzemolo-8:<br />

procedete al<strong>la</strong> sem<strong>in</strong>a e proteggete il contenitore con tessuto non tessuto. Ravanello-9: sem<strong>in</strong>ate<br />

se non lo avete fatto <strong>in</strong> febbraio. Se <strong>in</strong>vece avete un contenitore con piante <strong>in</strong> fase di crescita,<br />

se necessario eseguite il diradamento. Ruco<strong>la</strong>-7: seguite il contenitore <strong>in</strong> cui avete sem<strong>in</strong>ato<br />

con limitate irrigazioni. Rosmar<strong>in</strong>o-20: dal<strong>le</strong> piante che <strong>in</strong>iziano a vegetare potete staccare<br />

e utilizzare qualche rametto. Salvia-19: <strong>le</strong> piante com<strong>in</strong>ciano a vegetare però, di rego<strong>la</strong>, non è<br />

ancora possibi<strong>le</strong> usufruire del<strong>le</strong> foglie. Vio<strong>le</strong> del pensiero-11, 12, 13, 14 e 15: aumentate <strong>le</strong> irrigazioni<br />

via via che si alzano <strong>le</strong> temperature, ma evitando qualsiasi eccesso. Moderate sempre<br />

<strong>le</strong> concimazioni perché quantitativi e<strong>le</strong>vati di concime sono contro<strong>in</strong>dicati per queste piante.<br />

È consigliabi<strong>le</strong> che irrighiate con molta moderazione, ma aumentando un po’ i quantitativi a<br />

mano a mano che <strong>le</strong> temperature si alzano.<br />

Porta-fi nestra <strong>Come</strong> si presenta il terrazzo a fi ne apri<strong>le</strong><br />

16<br />

15<br />

1 2 3 4 5<br />

14<br />

13 12<br />

11<br />

Stadio preva<strong>le</strong>nte del<strong>la</strong> coltura. = sem<strong>in</strong>a; = trapianto; = <strong>in</strong> fase di raccolta; = specie <strong>in</strong> coltura protetta;<br />

contenitore libero <strong>in</strong> attesa di coltivazione. I disegni a colori rappresentano <strong>le</strong> diverse specie <strong>in</strong> fase di coltivazione<br />

SUPPLEMENTO A VITA IN CAMPAGNA 3/2008 23<br />

10<br />

Porta-fi nestra<br />

Basilico-17: eseguite <strong>la</strong> sem<strong>in</strong>a. Potete però trapiantare anche piant<strong>in</strong>e con il pane di terra. Cetriolo-5:<br />

verso <strong>la</strong> fi ne del mese trapiantate nel contenitore. In un contenitore di cm 80x40 è prudente<br />

collocare una so<strong>la</strong> pianta con il pane di terra. Cicoria da taglio-10: irrigate e raccogliete.<br />

Erba cipoll<strong>in</strong>a-18: date acqua senza esagerare, concimate molto limitatamente e raccogliete.<br />

Lattuga da taglio-16: irrigate sempre con moderazione e raccogliete. Sem<strong>in</strong>ate <strong>in</strong> un altro<br />

contenitore. Peperone e peperonc<strong>in</strong>o-4: eseguite il trapianto di piant<strong>in</strong>e con il pane di terra.<br />

In un contenitore di cm 80x40 si possono collocare due piante. Prezzemolo-8: date acqua <strong>in</strong><br />

quantità limitate, ma ripetute. Pomodoro-1, 2 e 3: eseguite il trapianto di piant<strong>in</strong>e con il pane<br />

di terra. Con varietà di notevo<strong>le</strong> vigoria si può <strong>coltivare</strong> una so<strong>la</strong> pianta per contenitore al<strong>le</strong>vando<strong>la</strong><br />

poi con due fusti come si fa con il pomodoro cilieg<strong>in</strong>o. Ravanello-9: irrigate senza esagerare<br />

e raccogliete. Ruco<strong>la</strong>-7: va<strong>le</strong> quanto <strong>in</strong>dicato per il ravanello. Rosmar<strong>in</strong>o-20: utilizzate i<br />

rametti a seconda del<strong>le</strong> necessità. Salvia-19: verso <strong>la</strong> fi ne del mese, se <strong>le</strong> piante vegetano attivamente,<br />

potete raccogliere alcune foglie. Sedano-6: eseguite il trapianto di piant<strong>in</strong>e con il pane<br />

di terra (tre se si desidera ottenere piante di discrete dimensioni, o quattro di grandezza m<strong>in</strong>ore).Vio<strong>le</strong><br />

del pensiero-11, 12, 13, 14 e 15: date acqua con più frequenza, ma sempre senza<br />

eccessi. Diradate o term<strong>in</strong>ate <strong>le</strong> concimazioni, che devono essere sempre molto contenute.<br />

10<br />

6<br />

7<br />

8<br />

9<br />

6<br />

7<br />

8<br />

9<br />

m 4,00<br />

m 4,00


I trapianti di apri<strong>le</strong> <strong>in</strong> coltura protetta (pianura padana)<br />

(per <strong>le</strong> altre zone d’Italia si faccia riferimento al<strong>la</strong> cart<strong>in</strong>a riportata a pag. 16)<br />

Periodo Ortaggio<br />

Primi di apri<strong>le</strong><br />

(colture protette ampie) ( 1 )<br />

Prima qu<strong>in</strong>dic<strong>in</strong>a di apri<strong>le</strong><br />

(colture protette di picco<strong>le</strong><br />

dimensioni)<br />

Anguria ( 2 )<br />

Cetriolo ( 2 )<br />

Melone ( 2 )<br />

Zucch<strong>in</strong>o ( 2 )<br />

Me<strong>la</strong>nzana ( 3 )<br />

Peperone ( 3 )<br />

Pomodoro ( 3 )<br />

sto caso possibilmente a righe. Irrigate<br />

qualora fosse necessario. Tenete <strong>le</strong> aio<strong>le</strong><br />

costantemente pulite dal<strong>le</strong> piante <strong>in</strong>festanti<br />

(usate un piccolo estirpatore), anche<br />

per rendere più faci<strong>le</strong> <strong>la</strong> pulizia del<strong>le</strong><br />

foglie prima del consumo.<br />

Eseguite <strong>la</strong> raccolta tanto di varietà<br />

da taglio che da cogliere, prima sotto<br />

tunnel e poi <strong>in</strong> pieno campo.<br />

Ravanello. Sem<strong>in</strong>ate a righe <strong>in</strong> entrambi<br />

i mesi. Se non <strong>le</strong> conoscete, potete<br />

provare <strong>la</strong> coltivazione tanto di varietà<br />

a radice mezza lunga quanto di quel<strong>le</strong><br />

a radice lunga. Tenete <strong>le</strong> aio<strong>le</strong> pulite dal<strong>le</strong><br />

piante <strong>in</strong>festanti a mezzo di <strong>la</strong>vorazioni<br />

superfi ciali eseguite con un piccolo estirpatore.<br />

Per gli altri aspetti del<strong>la</strong> coltivazione<br />

rego<strong>la</strong>tevi come per il radicchio.<br />

Ruco<strong>la</strong>. Vedi va<strong>le</strong>rianel<strong>la</strong>.<br />

Distanze d’impianto<br />

tra <strong>le</strong> fi <strong>le</strong><br />

cm<br />

150-250<br />

150-200<br />

150-200<br />

140-160<br />

100-150<br />

70-80<br />

70-100<br />

sul<strong>la</strong> fi <strong>la</strong><br />

cm<br />

100-120<br />

50-60<br />

50-80<br />

60-80<br />

60-70<br />

40-50<br />

(40) 50-70<br />

( 1 ) Più si posticipa il periodo di trapianto, meno vi è necessità di ampie protezioni. ( 2 )<br />

Trapianto esclusivamente di piante con pane di terra. ( 3 ) Trapianto eseguito di rego<strong>la</strong> con<br />

piante munite di pane di terra.<br />

Scalogno. Vedi aglio.<br />

Scaro<strong>la</strong>. Vedi <strong>in</strong>divia riccia.<br />

Sedano. Vedi prezzemolo.<br />

Sp<strong>in</strong>acio. In marzo sem<strong>in</strong>ate, meglio<br />

se a righe, so<strong>la</strong>mente varietà adatte<br />

al periodo primaveri<strong>le</strong>-estivo (vedi «i<br />

Lavori» di gennaio-febbraio, pag. 20).<br />

Pulite <strong>le</strong> aio<strong>le</strong> dal<strong>le</strong> piante <strong>in</strong>festanti,<br />

smuovete il terreno <strong>in</strong> superfi cie adoperando<br />

una picco<strong>la</strong> zappa o un estirpatore<br />

di limitate dimensioni. Irrigate se necessario.<br />

Raccogliete a mano a mano che <strong>le</strong><br />

piante raggiungono lo sviluppo caratteristico<br />

del<strong>la</strong> varietà di appartenenza. Per<br />

<strong>la</strong> raccolta usate un coltell<strong>in</strong>o a <strong>la</strong>ma robusta<br />

e corta che possa facilmente penetrare<br />

nel terreno e recidere <strong>le</strong> radici.<br />

Va<strong>le</strong>rianel<strong>la</strong> e ruco<strong>la</strong>. Raccogliete<br />

1 2<br />

Zucca e zucch<strong>in</strong>o. 1-Pacciamare <strong>le</strong> aio<strong>le</strong> è un’operazione consigliabi<strong>le</strong> perché, tra<br />

l’altro, si elim<strong>in</strong>a il diserbo, si riducono <strong>le</strong> irrigazioni e si può anticipare <strong>la</strong> raccolta.<br />

Con un piantabulbi si fora il telo (1) e si prepara <strong>la</strong> buchetta <strong>in</strong> cui collocare<br />

agevolmente <strong>la</strong> piant<strong>in</strong>a con il suo pane di terra (2)<br />

sia <strong>la</strong> va<strong>le</strong>rianel<strong>la</strong> che <strong>la</strong> ruco<strong>la</strong> <strong>in</strong> coltura<br />

protetta (primi di marzo) e poi <strong>in</strong> pieno<br />

campo. Sem<strong>in</strong>ate <strong>la</strong> ruco<strong>la</strong> (<strong>in</strong> piena<br />

aria) tanto <strong>in</strong> marzo che <strong>in</strong> apri<strong>le</strong>. Anche<br />

<strong>in</strong> questo caso potete eseguire <strong>la</strong> sem<strong>in</strong>a<br />

a righe. Potete sem<strong>in</strong>are pure <strong>la</strong> ruco<strong>la</strong><br />

selvatica i cui semi si trovano con facilità<br />

dai rivenditori di sementi da orto.<br />

Zucca e zucch<strong>in</strong>o. Sem<strong>in</strong>ate tanto<br />

lo zucch<strong>in</strong>o che <strong>la</strong> zucca (quest’ultima<br />

da metà marzo), <strong>in</strong> vasetto o contenitore<br />

simi<strong>le</strong>, sotto protezioni fi no ai primi di<br />

apri<strong>le</strong>: otterrete così piant<strong>in</strong>e con il pane<br />

di terra da mettere a dimora <strong>in</strong> piena<br />

aria già da fi ne apri<strong>le</strong> nel<strong>le</strong> località con<br />

clima più mite.<br />

Dal<strong>la</strong> metà di marzo potete trapiantare<br />

lo zucch<strong>in</strong>o sotto ampi tunnel utilizzando<br />

piante con il pane di terra ottenute<br />

da precedenti sem<strong>in</strong>e. Dopo metà marzo,<br />

via via che <strong>le</strong> giornate si allungano e<br />

<strong>le</strong> temperature si alzano, sono necessarie<br />

protezioni sempre meno ampie. Durante<br />

<strong>le</strong> prime fasi del<strong>la</strong> coltura irrigate<br />

con limitate quantità di acqua a temperatura<br />

ambiente.<br />

A fi ne apri<strong>le</strong> com<strong>in</strong>ciate <strong>le</strong> sem<strong>in</strong>e e i<br />

trapianti <strong>in</strong> pieno campo, <strong>la</strong>vori che r<strong>in</strong>vierete<br />

se l’andamento stagiona<strong>le</strong> fosse<br />

freddo (per lo zucch<strong>in</strong>o <strong>la</strong> temperatura<br />

m<strong>in</strong>ima di germ<strong>in</strong>azione è vic<strong>in</strong>a ai<br />

10° C). Nel caso di sem<strong>in</strong>e e trapianti <strong>in</strong><br />

questo periodo sarebbe conveniente proteggere<br />

<strong>le</strong> colture – come visto per cetriolo,<br />

cocomero e melone – con piccoli<br />

tunnel e/o tessuto non tessuto, fi no a<br />

quando <strong>le</strong> temperature diventeranno più<br />

adatte al<strong>le</strong> esigenze di questi ortaggi. È<br />

consigliabi<strong>le</strong> <strong>in</strong>oltre che adottiate <strong>la</strong> pacciamatura,<br />

possibilmente con teli p<strong>la</strong>stici<br />

scuri (ma è valida anche <strong>la</strong> paglia).<br />

Ortaggi <strong>in</strong> coltura protetta. È consigliabi<strong>le</strong><br />

che <strong>in</strong>stalliate per tempo i tunnel<br />

che verso <strong>la</strong> metà di marzo dovranno<br />

appunto accogliere <strong>le</strong> colture esigenti<br />

<strong>in</strong> fatto di calore. Coprendo <strong>in</strong> anticipo<br />

con i tunnel <strong>le</strong> aio<strong>le</strong> <strong>in</strong> cui verranno trapiantati<br />

questi ortaggi, il terreno si potrà<br />

riscaldare e così <strong>le</strong> piante messe a dimora<br />

riprenderanno più rapidamente <strong>la</strong> vegetazione.<br />

Arieggiate <strong>le</strong> protezioni sempre più<br />

a lungo – <strong>in</strong> partico<strong>la</strong>re nel<strong>le</strong> giornate<br />

di pieno so<strong>le</strong> – via via che aumentano<br />

<strong>le</strong> ore di luce e <strong>le</strong> temperature si alzano.<br />

Può succedere che, se non si aprono i<br />

tunnel, si possano raggiungere o superare,<br />

specialmente <strong>in</strong> apri<strong>le</strong>, valori termici<br />

e<strong>le</strong>vati pari a 40° C e più. Queste temperature<br />

sono dannose per <strong>le</strong> piante ortico<strong>le</strong>,<br />

dato che <strong>la</strong> vegetazione si blocca<br />

e l’impoll<strong>in</strong>azione dei fi ori può venire<br />

ostaco<strong>la</strong>ta fi no a compromettere <strong>la</strong><br />

24 SUPPLEMENTO A VITA IN CAMPAGNA 3/2008


formazione dei frutti. Vi sarebbe <strong>in</strong>oltre<br />

una differenza troppo e<strong>le</strong>vata tra <strong>le</strong> temperature<br />

del giorno e quel<strong>le</strong> del<strong>la</strong> notte,<br />

differenza che metterebbe ancora di<br />

più <strong>in</strong> diffi coltà gli ortaggi. Se si verifi -<br />

cassero <strong>in</strong>vece giornate fredde e perturbate<br />

<strong>la</strong>sciate aperti i tunnel il meno possibi<strong>le</strong>,<br />

quel tanto che basta per consentire<br />

<strong>la</strong> riduzione del<strong>la</strong> condensa che si<br />

forma all’<strong>in</strong>terno del<strong>le</strong> protezioni. In caso<br />

però di tempo molto perturbato teneteli<br />

chiusi.<br />

Marzo <strong>in</strong> molte località è caratterizzato<br />

dal<strong>la</strong> frequente presenza del vento.<br />

In questo caso aprite <strong>le</strong> protezioni<br />

dal<strong>la</strong> parte opposta a quel<strong>la</strong> da cui soffi<br />

a il vento.<br />

Nel mese di apri<strong>le</strong> togliete <strong>le</strong> protezioni<br />

da ortaggi come <strong>la</strong>ttughe, ravanelli,<br />

radicchi da taglio, ecc., che per vegetare<br />

e produrre non hanno bisogno<br />

di condizioni termiche e<strong>le</strong>vate, anzi da<br />

queste vengono danneggiati.<br />

Sotto tunnel sono <strong>in</strong>dispensabili apporti<br />

d’acqua (a temperatura ambiente,<br />

irrigazioni con acqua fredda bloccano <strong>la</strong><br />

vegetazione) sempre più frequenti, ma<br />

non eccessivi nel<strong>le</strong> quantità, che saranno<br />

proporzionate all’aumento del<strong>la</strong> vegetazione,<br />

al numero del<strong>le</strong> ore di luce e<br />

qu<strong>in</strong>di del<strong>le</strong> temperature.<br />

Eseguite <strong>la</strong> pacciamatura del<strong>le</strong> aio<strong>le</strong><br />

con teli di materia<strong>le</strong> p<strong>la</strong>stico scuro o<br />

con paglia (o usando entrambi i materiali,<br />

ad esempio ricoprendo con teli p<strong>la</strong>stici<br />

<strong>le</strong> aio<strong>le</strong> e con <strong>la</strong> paglia i percorsi tra<br />

un’aio<strong>la</strong> e l’altra). Specialmente nel caso<br />

adoperiate teli p<strong>la</strong>stici potete impiegare<br />

per l’irrigazione l’apposita manichetta<br />

forata posta sotto <strong>la</strong> pacciamatura<br />

stessa.<br />

Per i trapianti utilizzate comunque<br />

piant<strong>in</strong>e con il pane di terra di varietà<br />

adatte al<strong>le</strong> colture protette (vedi «i Lavori»<br />

di novembre-dicembre 2007 ed «i<br />

Lavori» di gennaio-febbraio). Solo adottando<br />

varietà adatte al<strong>le</strong> colture protette<br />

potrete ottenere raccolti veramente precoci<br />

ed e<strong>le</strong>vate quantità di prodotto.<br />

Interventi fi tosanitari<br />

Cipol<strong>la</strong>. La mosca Delia antiqua<br />

compare <strong>in</strong>torno al<strong>la</strong> metà di marzo per<br />

deporre <strong>le</strong> uova al<strong>la</strong> base del<strong>le</strong> piante,<br />

dal<strong>le</strong> quali nascono <strong>la</strong>rve (foto A) che,<br />

penetrate all’<strong>in</strong>terno del<strong>la</strong> pianta, ne<br />

causano <strong>la</strong> morte o ne compromettono<br />

lo sviluppo. Dal<strong>la</strong> metà di marzo è opportuno<br />

realizzare un primo <strong>in</strong>tervento,<br />

seguito da un ulteriore trattamento dopo<br />

7-10 giorni, con l’impiego di deltametr<strong>in</strong>a-1,63<br />

(ad esempio Decis Jet, irritante,<br />

8 millilitri <strong>in</strong> 10 litri d’acqua).<br />

I trapianti di apri<strong>le</strong> <strong>in</strong> piena aria (pianura padana)<br />

(per <strong>le</strong> altre zone d’Italia si faccia riferimento al<strong>la</strong> cart<strong>in</strong>a riportata a pag. 16)<br />

Periodo Ortaggio<br />

Dai primi di apri<strong>le</strong><br />

<strong>in</strong> poi<br />

Dal<strong>la</strong> fi ne di apri<strong>le</strong><br />

<strong>in</strong> poi<br />

Cavolo cappuccio primaveri<strong>le</strong>-estivo<br />

Cipol<strong>la</strong> <strong>colorata</strong><br />

Indivia riccia<br />

Lattuga a cappuccio primaveri<strong>le</strong>-estiva<br />

Anguria ( 1 )<br />

Basilico<br />

Cetriolo e cetriol<strong>in</strong>o ( 1 )<br />

Me<strong>la</strong>nzana<br />

Melone ( 1 )<br />

Peperone e peperonc<strong>in</strong>o<br />

Pomodoro<br />

Sedano<br />

Zucca ( 1 )<br />

Zucch<strong>in</strong>o ( 1 )<br />

( 1 ) Trapianto esclusivamente di piante con pane di terra.<br />

Patata. Gli adulti del<strong>la</strong> dorifora<br />

(Lept<strong>in</strong>otarsa deceml<strong>in</strong>eata, foto B) <strong>in</strong>iziano<br />

ad <strong>in</strong>vadere <strong>le</strong> coltivazioni per<br />

compiere erosioni sul<strong>le</strong> foglie e deporre<br />

<strong>le</strong> uova sul<strong>la</strong> pag<strong>in</strong>a <strong>in</strong>feriore. I danni<br />

compiuti dagli adulti raramente raggiungono<br />

livelli di gravità tali da rendere<br />

necessari <strong>in</strong>terventi. La lotta va realizzata<br />

al<strong>la</strong> schiusura del<strong>le</strong> uova ricorrendo<br />

ad un <strong>in</strong>tervento con deltametri-<br />

A B<br />

Distanze d’impianto<br />

tra <strong>le</strong> fi <strong>le</strong><br />

cm<br />

sul<strong>la</strong> fi <strong>la</strong><br />

cm<br />

50-70 40-50<br />

15-25 (40) 15-25<br />

30-35 30-35<br />

30-35 25-30<br />

150-250 100-150<br />

20-30 20-30<br />

150-200 40-60<br />

80-150 50-70<br />

150-250 50-100<br />

70-80 40-50<br />

50-100 40-50<br />

40-60 30-40<br />

200-400 100-150<br />

140-160 60-80<br />

na-1,63 (ad esempio Decis Jet, irritante,<br />

8 millilitri <strong>in</strong> 10 litri d’acqua), imidacloprid-17,1<br />

(ad esempio Confi dor 200 SL<br />

del<strong>la</strong> Bayer CropScience, non c<strong>la</strong>ssifi cato,<br />

7,5 millilitri <strong>in</strong> 10 litri d’acqua), thiametoxam-25<br />

(ad esempio Actara 25 WG<br />

del<strong>la</strong> Syngenta, non c<strong>la</strong>ssifi cato, 2 grammi<br />

<strong>in</strong> 10 litri d’acqua). In alternativa, nei<br />

confronti del<strong>le</strong> giovani <strong>la</strong>rve, si può <strong>in</strong>tervenire<br />

con i preparati microbiologici<br />

C D<br />

A-Larve di mosca Delia antiqua (6 millimetri, vedi frecce). B-Adulto di dorifora<br />

(10 millimetri). C-Adulto di altica (2,5 millimetri). D-Larva del<strong>la</strong> mosca del<strong>le</strong> crucifere<br />

(6 millimetri)<br />

SUPPLEMENTO A VITA IN CAMPAGNA 3/2008 25


Bacillus thur<strong>in</strong>giensis ceppo EG 2424<br />

(Jack Pot del<strong>la</strong> Bio Intrachem, irritante)<br />

e Bacillus thur<strong>in</strong>giensis varietà tenebrionis<br />

(Novodor FC del<strong>la</strong> Scam e Isagro,<br />

irritante), entrambi impiegabili al<strong>la</strong><br />

dose di 3 millilitri <strong>in</strong> 5 litri d’acqua, suffi<br />

cienti per trattare 10 metri quadrati di<br />

coltura, oppure con azadiract<strong>in</strong>a-1 (come<br />

NeemAzal-T/S del<strong>la</strong> Bio Intrachem,<br />

bio, non c<strong>la</strong>ssifi cato, al<strong>la</strong> dose di 3 millilitri<br />

per litro d’acqua).<br />

Ravanello. Su questa pianta gli adulti<br />

di altica (varie specie del genere Phyl-<br />

Lavori<br />

In alcuni paesi dell’Europa dell’Est<br />

si festeggia il primo giorno di marzo come<br />

giorno d’<strong>in</strong>izio del<strong>la</strong> primavera, ed è<br />

tradizione scambiarsi un piccolo omaggio,<br />

generalmente fl orea<strong>le</strong>, da appuntarsi<br />

sul cappotto o sul<strong>la</strong> giacca: è quasi un<br />

<strong>in</strong>vito, dopo il lungo <strong>in</strong>verno, ad aprire il<br />

cuore al risveglio del<strong>la</strong> natura.<br />

È il momento di riprendere con <strong>le</strong>na i<br />

<strong>la</strong>vori necessari al nostro orto offi c<strong>in</strong>a<strong>le</strong>.<br />

Innanzitutto dedicatevi al riord<strong>in</strong>o genera<strong>le</strong><br />

risistemando i sentieri di accesso al-<br />

1<br />

lotreta, foto C) compiono picco<strong>le</strong> erosioni<br />

rotonde nel <strong>le</strong>mbo fogliare. Le erosioni<br />

possono essere numerose, tanto da<br />

<strong>la</strong>sciare <strong>le</strong> foglie <strong>in</strong>teramente bucherel<strong>la</strong>te.<br />

I danni possono essere contenuti<br />

<strong>in</strong>tervenendo con deltametr<strong>in</strong>a, al<strong>la</strong> dose<br />

<strong>in</strong>dicata sopra per <strong>la</strong> dorifora del<strong>la</strong><br />

patata. Trattamenti con lo stesso preparato,<br />

ripetuti per 2-3 volte con turni settimanali<br />

dallo stadio di 4 foglie, preservano<br />

<strong>la</strong> radice dai danni del<strong>le</strong> <strong>la</strong>rve del<strong>la</strong><br />

mosca del<strong>le</strong> crucifere (Delia radicum,<br />

foto D).<br />

PIANTE AROMATICHE E OFFICINALI<br />

2 3<br />

<strong>le</strong> diverse colture; riprist<strong>in</strong>ate poi e rendete<br />

perfettamente funzionali i canali di<br />

sgrondo del<strong>le</strong> acque meteoriche; <strong>in</strong>fi ne<br />

pulite <strong>la</strong> superfi cie del terreno da ogni<br />

residuo vegeta<strong>le</strong> del<strong>le</strong> precedenti colture,<br />

poiché vi potrebbero essere annidati<br />

<strong>in</strong>setti e parassiti.<br />

Nel caso <strong>in</strong> cui non aveste provveduto<br />

al<strong>la</strong> vangatura dei terreni resisi disponibili,<br />

<strong>in</strong>tervenite con sol<strong>le</strong>citud<strong>in</strong>e avendo<br />

però l’avvertenza di operare so<strong>la</strong>mente<br />

con terreno non eccessivamente umido<br />

o bagnato, soprattutto se argilloso, <strong>in</strong> modo<br />

da non provocare danni al<strong>la</strong> struttura<br />

rendendolo compatto ed asfi ttico.<br />

A seconda del<strong>le</strong> diverse zone, a partire<br />

da quel<strong>le</strong> più so<strong>le</strong>ggiate fi no al<strong>le</strong> più<br />

fresche, possono essere <strong>in</strong>iziate <strong>le</strong> semi-<br />

Piante aromatiche e offi c<strong>in</strong>ali.<br />

La moltiplicazione del<strong>la</strong> salvia.<br />

Pre<strong>le</strong>vate da un cespo, anche nuovo (1),<br />

ta<strong>le</strong>e lunghe circa 10-15 centimetri (2).<br />

Elim<strong>in</strong>ate tutte <strong>le</strong> foglie più basse,<br />

<strong>la</strong>sciando solo una-due coppie<br />

di fogliol<strong>in</strong>e <strong>in</strong> cima al<strong>la</strong> ta<strong>le</strong>a.<br />

Mettete <strong>le</strong> ta<strong>le</strong>e a radicare <strong>in</strong> vasetti<br />

di p<strong>la</strong>stica o altro materia<strong>le</strong> (3)<br />

e poneteli <strong>in</strong> un luogo riparato s<strong>in</strong>o<br />

a radicazione avvenuta, mantenendo<br />

moderatamente umido il terriccio<br />

ne <strong>in</strong> pieno campo. Dopo aver ben preparato<br />

il terreno con <strong>la</strong> consueta profonda<br />

vangatura (25-30 centimetri), livel<strong>la</strong>te<br />

perfettamente <strong>la</strong> superfi cie <strong>in</strong> modo<br />

che non siano presenti avval<strong>la</strong>menti o<br />

buche, qu<strong>in</strong>di delimitate con pa<strong>le</strong>tti col<strong>le</strong>gati<br />

ad un fi lo o un nastro di p<strong>la</strong>stica <strong>le</strong><br />

zone da dedicare al<strong>le</strong> sem<strong>in</strong>e.<br />

Per quanto riguarda <strong>la</strong> tecnica di sem<strong>in</strong>a<br />

ricordate che è conveniente porre<br />

<strong>la</strong> semente <strong>in</strong> un contenitore capiente<br />

piuttosto che pre<strong>le</strong>var<strong>la</strong> direttamente<br />

dal<strong>la</strong> bust<strong>in</strong>a, e che aggiungendo segatura<br />

o sabbia asciutta <strong>in</strong> quantità pari a<br />

quel<strong>la</strong> del<strong>la</strong> semente si control<strong>la</strong> meglio<br />

<strong>la</strong> densità di sem<strong>in</strong>a.<br />

La sem<strong>in</strong>a a fi <strong>le</strong> è da preferirsi rispetto<br />

a quel<strong>la</strong> a spaglio <strong>in</strong> quanto, essendo<br />

ben defi niti gli spazi, <strong>le</strong> successive<br />

operazioni di pulizia e diserbo sono più<br />

semplici ed effi caci: è possibi<strong>le</strong> <strong>in</strong>fatti<br />

<strong>in</strong>tervenire facilmente tra <strong>le</strong> fi <strong>le</strong> ed elim<strong>in</strong>are<br />

<strong>le</strong> piante <strong>in</strong>festanti già nei primi<br />

stadi del loro sviluppo senza danneggiare<br />

i semenzali che stanno nascendo.<br />

Inoltre, se quello che al<strong>le</strong>stite non è<br />

solo un semenzaio <strong>in</strong> pieno campo ma<br />

una vera e propria sem<strong>in</strong>a a dimora, curate<br />

il sesto di impianto consigliato per<br />

<strong>la</strong> coltura stessa e, non appena possibi<strong>le</strong>,<br />

provvedete al diradamento fi no ad ottenere<br />

<strong>la</strong> spaziatura necessaria sul<strong>la</strong> fi <strong>la</strong>.<br />

Dal<strong>la</strong> fi ne di marzo si possono <strong>in</strong>iziare<br />

i trapianti <strong>in</strong> campo del<strong>le</strong> piant<strong>in</strong>e nate<br />

dal<strong>le</strong> sem<strong>in</strong>e protette dei mesi scorsi;<br />

considerate però che sono sempre possibili<br />

repent<strong>in</strong>i ritorni di freddo, i quali,<br />

anche se di breve durata, possono compromettere<br />

gravemente <strong>le</strong> colture. In<br />

questi casi è suffi ciente coprire <strong>le</strong> colture<br />

con del tessuto non tessuto che garantirà<br />

un adeguato riparo.<br />

Durante il mese di apri<strong>le</strong> cont<strong>in</strong>uate<br />

<strong>le</strong> sem<strong>in</strong>e del<strong>le</strong> specie più sensibili (come<br />

issopo e origano) e dedicatevi ancora<br />

ai trapianti <strong>in</strong> pieno campo; non appena<br />

i semenzali hanno sviluppato <strong>le</strong> prime<br />

foglie vere e raggiunto un’altezza<br />

di circa 8-10 centimetri pre<strong>le</strong>vateli delicatamente<br />

dal terreno, possibilmente<br />

con una porzione di terra, e collocateli<br />

<strong>in</strong> campo nel<strong>le</strong> apposite buche che avete<br />

preparato secondo il sesto di impianto<br />

adatto al<strong>la</strong> specie.<br />

Comprimete delicatamente il terreno<br />

attorno al<strong>le</strong> radici, e fate <strong>in</strong> modo che il<br />

livello del terreno arrivi al col<strong>le</strong>tto del<strong>le</strong><br />

piant<strong>in</strong>e; qu<strong>in</strong>di <strong>in</strong>naffi ate con cura senza<br />

eccedere e control<strong>la</strong>te l’attecchimento<br />

che avverrà di norma <strong>in</strong> alcuni giorni.<br />

Control<strong>la</strong>te frequentemente lo sviluppo<br />

del<strong>le</strong> piante <strong>in</strong>festanti ed <strong>in</strong>tervenite,<br />

non appena possibi<strong>le</strong>, con un paio<br />

di sarchiature tra <strong>le</strong> fi <strong>le</strong> del<strong>le</strong> piante e<br />

26 SUPPLEMENTO A VITA IN CAMPAGNA 3/2008


Progetto di coltivazione di un piccolo orto di aromatiche e offi c<strong>in</strong>ali di circa 27 m 2<br />

a cura di Lorenzo Roccabruna<br />

Esempio di orto di aromatiche e offi c<strong>in</strong>ali formato da 3 aio<strong>le</strong>, con aggiornamento mensi<strong>le</strong> del<strong>la</strong> situazione<br />

<strong>in</strong> riferimento all’Italia centro-settentriona<strong>le</strong>; per <strong>le</strong> altre zone d’Italia si veda <strong>la</strong> cart<strong>in</strong>a geografi ca riportata a pag. 16<br />

Il progetto prevede <strong>la</strong> presenza del<strong>le</strong> pr<strong>in</strong>cipali aromatiche e offi c<strong>in</strong>ali, <strong>in</strong> aggiunta a quel<strong>le</strong> trattate nel corrente anno 2008<br />

1<br />

2<br />

con il diserbo manua<strong>le</strong> sul<strong>la</strong> fi <strong>la</strong>.<br />

Nel caso <strong>in</strong> cui l’andamento stagiona<strong>le</strong><br />

fosse partico<strong>la</strong>rmente caldo e siccitoso,<br />

provvedete ad alcune moderate <strong>in</strong>naffi<br />

ature, meglio nel<strong>le</strong> ore centrali del<strong>la</strong><br />

giornata.<br />

Vediamo ora, specie per specie, i <strong>la</strong>vori<br />

da eseguire <strong>in</strong> questo periodo.<br />

Altea: dai primi giorni di marzo si<br />

possono <strong>in</strong>iziare <strong>le</strong> sem<strong>in</strong>e; l’emergenza<br />

normalmente avviene dopo 10-15<br />

giorni e dopo altri 30-40 giorni si possono<br />

ripicchettare o trapiantare a dimora<br />

<strong>le</strong> piant<strong>in</strong>e.<br />

I vecchi cespi <strong>in</strong>iziano a germogliare:<br />

vanno rimosse ed elim<strong>in</strong>ate tutte <strong>le</strong> porzioni<br />

secche degli steli ed eseguito un<br />

<strong>le</strong>ggero r<strong>in</strong>calzo.<br />

Dragoncello: i cespi <strong>in</strong>iziano a germogliare;<br />

se desiderate moltiplicare<br />

<strong>la</strong> pianta per divisione dei cespi, dopo<br />

averli estratti dal terreno accorciate <strong>le</strong><br />

radici e riducete <strong>la</strong> parte aerea, qu<strong>in</strong>di,<br />

con l’aiuto di una forbice o di un coltello<br />

divideteli <strong>in</strong> 3-4 porzioni, che porrete<br />

immediatamente a radicare <strong>in</strong> vaso o direttamente<br />

a dimora.<br />

Ricordate che <strong>la</strong> varietà chiamata<br />

«francese», <strong>la</strong> più aromatica, è considerata<br />

steri<strong>le</strong>, e <strong>la</strong> divisione del cespo <strong>in</strong>sieme<br />

al ta<strong>le</strong>aggio sono i soli metodi sicuri<br />

per riprodur<strong>la</strong> mantenendo <strong>in</strong>tatte <strong>le</strong><br />

E<br />

N S<br />

O<br />

<strong>Come</strong> si presenta l’orto a fi ne marzo <strong>Come</strong> si presenta l’orto a fi ne apri<strong>le</strong><br />

Rosmar<strong>in</strong>o<br />

Salvia Timo Ruta Issopo<br />

Origano Melissa Rabarbaro<br />

Iperico Altea Menta verde Dragoncello<br />

3<br />

m 0,20 m 1,00<br />

m 3,40<br />

m 8,00 m 8,00<br />

Stadio preva<strong>le</strong>nte del<strong>la</strong> coltura. = sem<strong>in</strong>a; = trapianto; = <strong>in</strong> fase di raccolta;<br />

= coltura protetta; = aio<strong>la</strong> libera <strong>in</strong> attesa di coltivazione.<br />

I disegni a colori rappresentano <strong>le</strong> s<strong>in</strong>go<strong>le</strong> piante aromatiche e offi c<strong>in</strong>ali <strong>in</strong> fase di coltivazione<br />

orig<strong>in</strong>arie proprietà del<strong>la</strong> pianta madre.<br />

Iperico: si <strong>in</strong>grandisce <strong>la</strong> rosetta basa<strong>le</strong><br />

per l’emisione di nuovi germogli;<br />

elim<strong>in</strong>ate tutte <strong>le</strong> parti secche o ma<strong>la</strong>te<br />

del<strong>le</strong> vecchie colture.<br />

Issopo: i cespi <strong>in</strong>iziano a produrre<br />

numerosi germogli che daranno orig<strong>in</strong>e<br />

ai fusti fi oriferi; gli <strong>in</strong>terventi si limitano<br />

al<strong>la</strong> pulizia dai residui del<strong>la</strong> vegetazione<br />

dell’anno precedente e ad un <strong>le</strong>ggero<br />

r<strong>in</strong>calzo.<br />

Si possono eseguire nuove sem<strong>in</strong>e,<br />

preferibilmente <strong>in</strong> cassetta ed <strong>in</strong> luogo<br />

protetto (vedi «i Lavori» di gennaio-febbraio,<br />

pag. 23).<br />

Melissa: pulite i cespi e r<strong>in</strong>calzateli;<br />

i nuovi germogli sono <strong>in</strong>fatti prodotti<br />

dai corti stoloni che <strong>la</strong> pianta emette appena<br />

sotto il livello del suolo.<br />

Desiderando al<strong>le</strong>stire nuovi impianti<br />

potete dividere i cespi <strong>in</strong> porzioni di circa<br />

10 centimetri di diametro, che vanno<br />

poste a radicare direttamente a dimora.<br />

Menta verde: per <strong>le</strong> vecchie colture<br />

una <strong>le</strong>ggera zappatura che distacchi gli<br />

stoloni dal<strong>le</strong> piante madri è un semplice<br />

ed effi cace sistema per r<strong>in</strong>novare il vigore<br />

del<strong>le</strong> piante.<br />

Nel caso desideraste procedere a nuovi<br />

impianti, dopo aver recuperato un<br />

buon numero di stoloni tagliateli <strong>in</strong> porzioni<br />

lunghe circa 10-15 centimetri, qu<strong>in</strong>di<br />

poneteli a radicare <strong>in</strong> vasetto o direttamente<br />

a dimora, <strong>in</strong>naffi ando alcune volte<br />

fi no all’emissione dei germogli.<br />

La sem<strong>in</strong>a, anche se possibi<strong>le</strong> e di faci<strong>le</strong><br />

realizzazione, è poco consigliata data<br />

l’estrema facilità con <strong>la</strong> qua<strong>le</strong> <strong>la</strong> pianta<br />

si ibrida; per mantenerne <strong>in</strong>tatte <strong>le</strong> sue<br />

proprietà aromatiche ed offi c<strong>in</strong>ali conviene<br />

qu<strong>in</strong>di limitarsi al<strong>la</strong> propagazione<br />

per via vegetativa.<br />

Origano: potete <strong>in</strong>iziare <strong>le</strong> sem<strong>in</strong>e,<br />

meglio se <strong>in</strong> luogo riparato. Nessun altro<br />

<strong>in</strong>tervento risulta necessario.<br />

SUPPLEMENTO A VITA IN CAMPAGNA 3/2008 27<br />

1<br />

2<br />

Rosmar<strong>in</strong>o<br />

Piante aromatiche e offi c<strong>in</strong>ali. Prima<br />

del<strong>la</strong> ripresa vegetativa è ancora possibi<strong>le</strong><br />

moltiplicare il rabarbaro per sem<strong>in</strong>a<br />

<strong>in</strong> semenzaio (vedi «i Lavori» di gennaio-febbraio,<br />

pag. 23)<br />

Salvia Timo Ruta Issopo<br />

Origano Melissa Rabarbaro<br />

Iperico Altea Menta verde Dragoncello<br />

3


Rabarbaro: prima del<strong>la</strong> ripresa vegetativa<br />

è ancora possibi<strong>le</strong> moltiplicare<br />

per divisione del cespo o, <strong>in</strong> alternativa,<br />

per sem<strong>in</strong>a <strong>in</strong> semenzaio.<br />

Rosmar<strong>in</strong>o: <strong>in</strong> alcune posizioni più<br />

calde o più riparate già da marzo <strong>in</strong>izia<br />

<strong>la</strong> fi oritura, che dura fi no al<strong>la</strong> seconda<br />

metà di apri<strong>le</strong>; poi, a fi oritura ultimata,<br />

<strong>la</strong> pianta emette numerosi getti che si<br />

possono raccogliere per uso erboristico.<br />

Durante il mese di marzo si possono<br />

ancora pre<strong>le</strong>vare ta<strong>le</strong>e <strong>le</strong>gnose del<strong>la</strong> lunghezza<br />

di 15-20 centimetri che radicano<br />

con molta facilità se poste <strong>in</strong> vasetto e<br />

mantenute costantemente umide (vedi «i<br />

Lavori» di marzo-apri<strong>le</strong> 2007, pag. 26).<br />

Ruta: <strong>la</strong> pianta <strong>in</strong>izia a germogliare<br />

<strong>in</strong> modo sempre più rigoglioso. Nessun<br />

<strong>in</strong>tervento risulta necessario.<br />

Salvia: per moltiplicar<strong>la</strong> pre<strong>le</strong>vate da<br />

un cespo ta<strong>le</strong>e lunghe circa 10-15 centimetri<br />

e mettete<strong>le</strong> a radicare <strong>in</strong> vasetti<br />

o <strong>in</strong> contenitori alveo<strong>la</strong>ri, che andranno<br />

poi posti <strong>in</strong> luogo riparato s<strong>in</strong>o a radicazione<br />

avvenuta, mantenendo moderatamente<br />

umido il terriccio (vedi sequenza<br />

fotografi ca e didascalia riportate<br />

a pag. 26).<br />

Pulite da ogni porzione secca <strong>le</strong> piante<br />

che hanno svernato all’aperto riducendo<br />

di almeno due terzi <strong>la</strong> parte aerea,<br />

<strong>in</strong> modo da stimo<strong>la</strong>re l’emissione di<br />

nuovi germogli e contenere lo sviluppo<br />

del<strong>le</strong> porzioni <strong>le</strong>gnose.<br />

All’occorrenza raccogliete qualche<br />

foglia e/o rametto.<br />

Timo: pulite i cespi ed osservate come<br />

tutti i rametti a contatto con il terreno<br />

abbiano emesso numerose radichette:<br />

utilizzate queste porzioni radicate per i<br />

nuovi impianti vista <strong>la</strong> grande attitud<strong>in</strong>e<br />

all’attecchimento di questa specie.<br />

Pulite bene i cespi, liberateli dal<strong>le</strong><br />

piante <strong>in</strong>festanti e potate <strong>la</strong> parte aerea<br />

fi no a 5-10 centimetri di altezza.<br />

Interventi fi tosanitari<br />

Ospiti non graditi di questo periodo<br />

sono gli afi di (Myzus persicae, vedi immag<strong>in</strong>e<br />

pubblicata su «i Lavori» di marzo-apri<strong>le</strong><br />

2007, pag. 28). In caso di necessità<br />

potete combatterli con prodotti naturali<br />

a base di piretro natura<strong>le</strong>-4 (bio, non<br />

c<strong>la</strong>ssifi cato) attenendovi al<strong>le</strong> dosi consigliate<br />

dal<strong>le</strong> ditte produttrici; il tempo di<br />

sicurezza è di tre giorni.<br />

A cura di: Silvio Caltran (Lavori: Ortaggi);<br />

Sandra Iacovone (Lavori: Carciofo);<br />

Aldo Poll<strong>in</strong>i (Interventi fi tosanitari:<br />

Ortaggi); Lorenzo Roccabruna<br />

(Lavori e <strong>in</strong>terventi fi tosanitari: Piante<br />

aromatiche e offi c<strong>in</strong>ali).<br />

28 SUPPLEMENTO A VITA IN CAMPAGNA 3/2008

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!