30.05.2013 Views

NELLO SPECCHIO DEL PASSATO - biblioteca galilei trieste

NELLO SPECCHIO DEL PASSATO - biblioteca galilei trieste

NELLO SPECCHIO DEL PASSATO - biblioteca galilei trieste

SHOW MORE
SHOW LESS

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

LE PACI DEI POPOLI<br />

(Discorso di apertura in occasione del primo incontro dell'Asian Peace<br />

Research Association.<br />

Yokohama, 1 dicembre 1980).<br />

Professor Yoshikazu Sakamoto, il suo invito ad aprire questa serie<br />

di discorsi tematici in occasione della fondazione dell'Asian Peace<br />

Research Association insieme mi onora e mi spaventa. La ringrazio per<br />

la sua fiducia, ma le chiedo anche di perdonare la mia ignoranza del<br />

mondo giapponese. Questa è la prima volta che pronuncio un discorso<br />

pubblico in un paese la cui lingua mi è totalmente sconosciuta.<br />

Lei mi ha invitato a parlare di un argomento che elude l'uso<br />

moderno di certi termini inglesi. Oggi la violenza si nasconde in molte<br />

parole-chiave della lingua inglese. John F. Kennedy ha dichiarato<br />

"guerra" alla povertà; i pacifisti oggi elaborano "strategie"<br />

(letteralmente: 'piani di guerra') per la pace. In questa lingua,<br />

attualmente strutturata per l'aggressione, devo parlarvi del recupero di<br />

un vero senso di pace, ricordando sempre che non so nulla della vostra<br />

lingua vernacolare. Perciò ogni parola che pronuncerò oggi mi ricorderà<br />

la difficoltà di esprimere la pace in parole. A me sembra che la pace dei<br />

vari popoli sia tanto diversa quanto la loro poesia.<br />

Perciò tradurre la pace è un compito tanto difficile quanto tradurre<br />

la poesia.<br />

La pace ha un significato diverso in ogni epoca e in ogni area<br />

culturale. Questo è un punto che è stato elucidato dal professor Takeshi<br />

Ishida. E, come lui ci ricorda, in ciascuna area culturale la pace ha un<br />

significato diverso al centro e alla periferia. Al centro l'accento cade sul<br />

'mantenere la pace'; alla periferia la gente spera di essere 'lasciata in<br />

pace'. Nel corso di tre cosiddetti 'decenni dello sviluppo', quest'ultimo<br />

significato, "la pace del popolo", è stato sconfitto. Questa è la mia tesi<br />

principale: dietro il velo dello 'sviluppo' si è scatenata una guerra

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!