rivista della diocesi di noto

diocesinoto.it

rivista della diocesi di noto

Settembre-Dicembre 2010 - Anno XL - n. 3


ANNO XL - 2010

settembre-dicembre

RIVISTA DELLA DIOCESI DI NOTO

Organo ufficiale

per gli Atti del Vescovo

e della Curia Vescovile

Supplemento al settimanale

“La vita diocesana”

N. 22 - Anno 2010

Redazione

LUIGI VIZZINI

FRANCESCO MAIORE

PAOLO MANENTI

Amministrazione

CURIA VESCOVILE

96017 Noto

Tel. 0931/835286

C.C.P. n. 19999937

intestato a:

Ufficio

Amministrativo

Diocesano

Autorizzazione n. 92 della

Direzione P.T. - Siracusa

Stampa

Tipografia SANTOCONO

SS. 115 - Rosolini

Tel. 0931/856901

-

-

-

-

-

-

-

SOMMARIO

Atti del VescoVo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

diArio del VescoVo . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Atti dellA curiA VescoVile . . . . . . . . . . .

cronAcA diocesAnA . . . . . . . . . . . . . . . . . .

DOCUMENTI

sommo Pontefice . . . . . . . . . . . . . . . .

conferenzA ePiscoPAle itAliAnA . . . . . .

in PAce christi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

pag. 9

pag. 101

pag. 111

pag. 135

pag. 157

pag. 181

pag. 189


ATTI DEL VESCOVO

INDICE GENERALE

Omelia per l’ordinazione diaconale (Noto, Cattedrale, 18 settembre

2010) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Omelia per l’ottava di S. Corrado (Noto, Cattedrale, 5 settembre 2010)

Omelia per la festa della Madonna del Rosario (Pachino, Madonna di

Pompei, 7 ottobre 2010) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Omelia per la presentazione di don Palacino quale nuovo parroco della

parrocchia Santa Teresa in Modica (Modica, Santa Teresa, 16

ottobre 2010) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Omelia per la presentazione di don Franco Santuccio quale nuovo parroco

della parrocchia Santa Maria alla Rotonda (Noto, Santa Maria

alla Rotonda, 17 ottobre 2010) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Omelia per la presentazione di don Giorgio Parisi quale nuovo parroco

della parrocchia Sacro Cuore in Noto (Noto, Sacro Cuore, 18

ottobre 2010) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Messaggio per l’Avvento 2010 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Omelia per la commemorazione dei fedeli defunti (Noto, Cimitero, 2

novembre 2010) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Omelia per la presentazione di don Gianluca Manenti quale Amministratore

parrocchiale della parrocchia S. Gaetano in Portopalo

di Capo Passero (Portopalo di Capo Passero, S. Gaetano, 3 novembre

2010) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Omelia per la presentazione di don Maurizio Novello quale nuovo

parroco della parrocchia S. Giovanni Battista in Avola (Avola, S.

Giovanni Battista, 4 novembre 2010) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Omelia per l’anniversario di Giorgio la Pira (Pozzallo, Chiesa Madre,

6 novembre 2010) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Omelia per la Dedicazione della Cattedrale (Noto, Cattedrale, 25

novembre 2010) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Omelia per l’ordinazione diaconale di Nello Garofalo (Scicli, S. Bartolomeo,

4 dicembre 2010) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Omelia per la solennità dell’Immacolata (Noto, S. Francesco d’Assisi

all’Immacolata, 8 dicembre 2010) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Omelia per l’ordinazione diaconale di Armando Fidone (Ispica, SS.

Annunziata, 15 dicembre 2010) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Lectio divina vicariale ad Avola (Avola, 17 dicembre 2010) . . . . . .

Omelia per la traslazione in Cattedrale della salma del Vescovo Vizzini

(Noto, Cattedrale, 20 dicembre 2010) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Intervento tenuto in occasione dell’incontro al Tribunale di Modica

(Modica, 21 dicembre 2010) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Omelia per la Veglia di Natale 2010 (Noto, Cattedrale, 24 dicembre

2010) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Omelia per il Pontifi cale di Natale 2010 (Noto, Cattedrale, 25 dicembre

2010) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

pag. 9

pag. 13

pag. 16

pag. 21

pag. 26

pag. 31

pag. 36

pag. 42

pag. 45

pag. 48

pag. 53

pag. 57

pag. 61

pag. 65

pag. 68

pag. 72

pag. 76

pag. 80

pag. 85

pag. 88


Messaggio per il Natale 2010 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Decreti e Nomine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

DIARIO DEL VESCOVO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

ATTI DELLA CURIA

Vicario Generale

Ringraziamento di Mons. Francesco Guccione al termine del suo

servizio in qualità di Vicario Generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Lettera circolare per gli auguri natalizi del nuovo Vicario Generale . .

Vicario Episcopale per il Clero

Lettera circolare per la venuta del Santo Padre a Palermo . . . . . . . .

Auguri per il Santo Natale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Consiglio Episcopale

Lettera circolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Uffi cio Liturgico Diocesano

Lettera circolare per il conferimento del mandato ai nuovi MSSC

Lettera circolare per l’incontro formativo-spirituale dei MSSC

e degli animatori liturgici delle parrocchie della Diocesi

Comunicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Uffi cio Diocesano per la Pastorale della Famiglia

Lettera circolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Lettera circolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Lettera circolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Lettera circolare per la convocazione della Consulta Diocesana di

Pastorale Familiare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Uffi cio Missionario Diocesano

Lettera circolare per la Giornata della Santa Infanzia . . . . . . . . . . . . . . .

Uffi cio Diocesano per le Confraternite

Lettera circolare per la visita alle Confraternite e il rinnovo degli Statuti

Consulta Diocesana delle Aggregazioni Laicali

Lettera circolare di convocazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

CRONACA DIOCESANA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

DOCUMENTI

SOMMO PONTEFICE

Messaggio per la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato (2011)

Messaggio per la XIX Giornata Mondiale del Malato . . . . . . . . . . . . .

Messaggio per la celebrazione della XLIV Giornata Mondiale della

Pace - 1° Gennaio 2011 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Messaggio Urbi et Orbi Natale 2010 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA

Consiglio permanente (Roma, 27-30 settembre 2010), Comunicato fi nale

IN PACE CHRISTI

Suor Cecilia dello Spirito Santo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

pag. 91

pag. 95

pag. 101

pag. 111

pag. 116

pag. 117

pag. 118

pag. 119

pag. 121

pag. 123

pag. 124

pag. 125

pag. 126

pag. 127

pag. 129

pag. 130

pag. 131

pag. 132

pag. 135

pag. 157

pag. 161

pag. 164

pag. 175

pag. 181

pag. 189


Atti del Vescovo


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 9

Omelia per l’ordinazione diaconale

(Noto, Cattedrale, 18 settembre 2010)

Fratelli carissimi e sorelle carissime, eccellenza carissima, carissimi confratelli

nel sacerdozio e nel diaconato,

mi rivolgo a voi, soprattutto, cari fratelli ordinandi diaconi e alle vostre

famiglie, manifestando da subito la profonda gratitudine del mio cuore di

Vescovo di questa Chiesa locale, che vuole manifestare la gratitudine di tutta

la Chiesa per il dono della vostra vita in questo servizio speciale dell’esercizio

della Diaconia come un Sacramento della stessa Diaconia di Gesù. Voi ne

siete consapevoli, perché a questo momento vi siete preparati per lunghi anni;

non è stata soltanto una preparazione teologica, come pure era doveroso, perché

specialmente oggi, nella Chiesa, in questa società culturalmente complessa,

è giusto e doveroso che soprattutto coloro che sono costituiti capi e guide

nella comunità cristiana ed esercitano nella comunità cristiana un ministero

particolare, sappiano le “cose di Dio”. Ma le sappiano non solo cervelloticamente,

le sappiano come un sapere gustoso; sapere viene da sapěre e sapěre

vuol dire “aver sapore” delle cose.

Vi siete preparati in questi lunghi anni, teologicamente, ma di più in un

cammino che vi ha dato il gusto di Dio. Il vostro rapporto credente è maturato

ed è cresciuto fi no al punto da manifestare una vocazione specifi ca nel

servizio e da ricevere dalla Chiesa oggi, con questa celebrazione, un assenso

che attraverso il Sacramento vi costituisce Diaconi nella Chiesa, cioè persone

che possono dire, da adesso in poi con maggiore verità, quello che Paolo disse

di sé: “non più io, ma è Cristo che vive in me e questa vita che io vivo nella

carne ora la voglio vivere nella fede che Cristo mi ha dato, la voglio vivere

nella grazia che Cristo mi dona”.

Oggi vi viene donata una grazia tutta speciale, particolare, che vi investe,

che vi travolge. Questo accade in una liturgia che non può essere ridotta a

cerimonia e a rito, perché è un Sacramento, cioè è un segno che ci fa vedere

qualcosa che si realizza nella nostra vita potentemente, per volontà di Dio:

è Lui che la compie, è Lui che la realizza dentro la nostra fragile umanità,

dentro questi vasi di creta che siamo noi. Accade ciò che diciamo, ciò che

predichiamo e ce lo fa vivere nella nostra esistenza. Dio è potente nell’amore,

per cui mentre dobbiamo sempre vigilare sulle nostre debolezze e sui nostri

limiti, possiamo affi darci alla grazia di Dio che ci travolge e ci trasforma e in

Lui confi dare sempre.

Un anelito profondo sorge dal nostro cuore, in momenti come questi: “O

Signore, Tu che ci vuoi tuoi Diaconi, tu che ci vuoi tuoi ministri, non togliere

mai la mano dalla nostra testa, perché, se Tu ci nascondi il Tuo volto noi periremo

a causa della nostra debolezza, della nostra fragilità; noi ci vogliamo

fi dare di Te, o Dio, e questa confi denza in Te nasce da una meraviglia, la me-


10

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

raviglia di vedere che sei Tu a fi darti di noi, sei Tu che ti fi di di noi e noi ne

restiamo meravigliati. Come fai a fi darti di noi, Signore, se Tu, che hai occhi

capaci di scrutare nel profondo, ci conosci più di quanto noi conosciamo noi

stessi e sai di che pasta siamo fatti, sai che siamo polvere, sai che siamo spesso

inutili. Oggi ci fai percepire la grande sproporzione tra il dono che Tu ci fai

e quello che noi siamo e ci sentiamo inadeguati. Come non sentirci pieni di

tenebra, rispetto alla purezza della Tua grazia, come non sentirci impuri, eppure

siamo disponibili! Prendi, Signore, la nostra impurità! Prendi, Signore,

la nostra incapacità! Prendi, Signore, anche la nostra infedeltà! Sarai Tu capace

di renderci puri e fedeli, ci darai Tu la forza di vivere quello che adesso ci

offri: di vivere il servizio, di vivere la carità come Tu la vuoi e non come noi

la immaginiamo; ci darai Tu la grazia e la forza e il coraggio di essere Chiesa,

non pensando a noi stessi, ma pensando che in noi passa, ora, una grazia tutta

speciale, che ci rende e ci costituisce servitori dei fratelli”.

Dacci tanto coraggio, Signore, perché da adesso in poi, voi, cari fratelli,

dovete avere occhi tutti speciali; un supplemento di intelligenza e di sapienza,

una luce in più, per discernere nel mondo e nella storia tutte quelle strade e

quei processi di iniquità, di ingiustizia, di malvagità umana corrispondenti al

bisogno umano, nei quali dovete abitare. Sette Diaconi! Com’è bello rievocare

che furono sette quei Diaconi che nella Chiesa primitiva vennero scelti

perché si occupassero, certo, di cose pratiche, di servire alle mense le vedove

dei gentili, che sembrava fossero discriminate; vedete la prima comunità cristiana!

Un idillio di santità, di pace, di armonia: si trovavano assieme, assidui

nella preghiera, contemplavano il Signore, ascoltavano l’insegnamento degli

Apostoli. Tutto bello, tutto grande: addirittura prendevano i propri averi e

li mettevano a disposizione degli Apostoli, perché li distribuissero ai più

bisognosi. Ma in questo idillio accade che ci sono ingiustizie: si pratica la

discriminazione, alcuni vengono serviti meglio e altri no; altri, addirittura non

vengono serviti affatto, forse per distrazione, forse per mancanza di tempo,

forse per poca sapienza, forse per poca attenzione.

La grandezza della Chiesa non sta nel fatto che queste cose non debbano

accadere; la grandezza della Chiesa sta nel fatto che si accorge che accadono

e si preoccupa di dare una soluzione adeguata per ritornare ad essere Chiesa

che guarda e contempla il volto di Cristo crocifi sso, venuto non per essere

servito ma per servire e dare la vita. Gesù prende il grembiule, lava i piedi,

diventa Diacono per le strade del mondo, è vicino a tutti i bisogni umani.

Ecco che vennero costituiti i Diaconi: per servire, per fare gesti utili, concreti,

pratici, operosi e però gesti che sono tutti un’epifania di quanto Dio si

interessa di noi umani, nella nostra umanità.

Com’è bello, cari fratelli e sorelle, ritrovarsi stasera ad ascoltare la parola

e a celebrare il suo amore, lontani dai sentieri banali di tutti quei religiosi

che entrano nelle chiese e tutto vogliono fare, tranne che ascoltare la Parola

di Dio e la predicazione cristiana da cui soltanto possono rinascere nella co-


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 11

scienza, nella mente e nel cuore. Perché senza predicazione, cari fratelli, non

esiste maturazione della fede; la predicazione va preparata, sofferta, amata e

proclamata.

Il Diacono è servo della Parola; il Diacono è un evangelizzatore e perciò

della Parola deve essere un innamorato, uno che sapientemente la scruta, uno

che la vuole offrire, forse con un linguaggio anche più comunicativo, ma

sempre in un linguaggio verbale unito anche alla testimonianza della vita. Il

Popolo santo di Dio ormai non sa che farsene della Chiesa, non possiamo non

prendere in considerazione questa statistica, forse felice per la nostra Sicilia,

ma, ahimè, ci piange il cuore a vedere che in altre regioni è una cosa quasi

scandalosa: 8%, 7%... di frequenza ai sacramenti; qui in Sicilia ci dicono che

andiamo oltre il 20% e ringraziamo il Signore, ma non possiamo certo adagiarci

e coccolarci.

Il Popolo va educato alla liturgia, e la liturgia, che è questo Sacramento,

parla un linguaggio da cui promana una sofferenza grande di Dio che vuole

darsi come corpo: “Ecco il mio corpo!” Non dice Gesù: “Ecco le mie idee,

ecco la mia dottrina, ecco il mio messaggio”. Gesù dice: “Ecco il mio corpo”;

e un cristianesimo che non ha corpo, un cristianesimo che non ha a che fare

con corpi, è un cristianesimo fasullo.

Lo dico a tutto il Popolo di Dio, qui nella cattedrale di Noto: solo un Cristianesimo

che è Diaconia, che si fa servizio, che si avvicina con sapienza

e discernimento ai bisogni veri dei poveri e li serve nella loro povertà, solo

questo Cristianesimo è nobile, è giusto, è un sacrifi cio di soave odore, che

corrisponde all’unico vero sacrifi cio che ormai il Padre di Gesù accetta: l’Eucaristia;

ecco il mio corpo, lo dono a te, ecco il mio sangue sparso per te.

Capiamo allora, badate bene, fratelli carissimi e sorelle carissime, perché

in Paradiso noi non andremo soltanto perché abbiamo praticato le chiese;

in Paradiso noi andremo solo se avremo servito il povero nella concretezza

della sua umanità sofferente, perché allora vuol dire che Dio, con la sua Risurrezione,

ha sconvolto i nostri ragionamenti, i nostri cuori, i nostri corpi e

ci ha convinto che se diamo da mangiare all’affamato, da bere all’assetato, se

vestiamo il nudo e se andiamo a trovare il disperato, allora diventiamo fi gli

di questo Padre.

Mi avvio alla conclusione incoraggiando il cammino di una Diaconia concreta

e corposa dei Diaconi permanenti, che sono una manifestazione della

diaconia della Chiesa locale e del Vescovo; il vostro è un sacramento dell’Ordine

sacro nel primo grado, detto del Diaconato, perché come tutti sapete

l’ordine sacro è istruibile nell’identifi cazione di tre gradi: il Diaconato, il Presbiterato,

l’Episcopato.

Ponete un triangolo, in alto il Vescovo e agli altri due angoli il ministero

sacerdotale e quello diaconale; dal Vescovo, che è la pienezza dell’ordine

sacro, discendono come due traiettorie i Sacerdoti, per il sacerdozio del Vescovo,

i Diaconi, per la diaconia del Vescovo. E di per sé non si istituisce


12

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

nel rapporto pastorale una sorta di subordinazione, perché nella Chiesa tutti

obbediamo alla Parola di Dio, all’Eucaristia, ad un progetto pastorale, ad un

progetto di Chiesa, ad un progetto parrocchiale. Si sa quello che si deve fare

in una parrocchia, il Diacono non ha bisogno di saperlo dal prete, ma vive nel

ministero della comunione della Chiesa una sinergia comunionale per cui,

rispetta il ruolo di guida e di capo di una parrocchia del Parroco; ma quanto

al servizio, il suo dovere a servire il povero, il sofferente, il bisognoso, il suo

dovere a servire la Parola di Dio nella predicazione, questo suo dovere, non

dipende dal sacerdote, non dipende certo dal Vescovo, dipende direttamente

da Cristo e voi avete un Sacramento.

Vorrei chiudere almeno con un minimo di commento a questo Vangelo

che abbiamo ascoltato. Gesù racconta le parabole per meravigliarci e ci meraviglia,

con questa parabola addirittura ci scandalizza; lui, il kùrios, il padrone,

ma Kurios è il Signore, e c’è un’identifi cazione tra il padrone della parabola

e il Signore; il padrone loda un amministratore disonesto; come si fa a lodare

un disonesto? In verità non loda una disonestà, Gesù sa scavare nel suo modo

di operare per dire: guardate come si è comportato, anzitutto, appena è stato

giudicato disonesto non sta lì a tergiversare, ma subito pensa, prende coscienza

dei suoi limiti e attraverso la disonesta ricchezza si crea amici allora ecco

cosa loda il Signore trasformare i beni materiali in relazioni umane amicali,

questo sì, che è fondamentale.

Diaconi, dovete servire i poveri, a nome della Chiesa, nella Chiesa. Ebbene

voi siete nel vostro sacramento un appello alla nostra libertà, anche alla

Chiesa: non trasformiamo le nostre ricchezze a strumenti materiali per fare

ancora ricchezze, perché Gesù non ha mai obiettato nulla alla ricchezza, ma

ha obiettato l’attaccamento del cuore alla ricchezza; Gesù ha detto: “C’era un

uomo ricco”, non ha fatto teorie sul perché c’era un uomo ricco. La ricchezza

c’è e molti di noi sono ricchi. Nessuna obiezione sulla ricchezza; ma c’è ricchezza

e ricchezza; c’è una ricchezza accumulata e mai socializzata, quella

accumulata e trasportata anche all’estero, e c’è una ricchezza, invece, che è

messa al servizio dei poveri e dei sofferenti, una ricchezza che diventa lievito

di socialità, una ricchezza che apre direzioni nuove per chi non ha lavoro, per

chi ha bisogno, per chi stenta di passare il mese nelle proprie famiglie.

Ecco, voi Diaconi, state attenti, vigilate sulla vostra ricchezza e sulla ricchezza

della Chiesa e siate per tutti noi, come un segnale potente; le nostre

ricchezze materiali siano messe al servizio dei poveri, perché allora saranno

ricchezze ecclesiali, cioè beni materiali che si trasformeranno in relazioni

umane di amicizia, di fraternità, di pace, di solidarietà, di vita concreta.

L’augurio che voglio fare a tutta la Chiesa di Noto è che, attraverso voi,

diventi una Chiesa più visibilmente caritatevole.

Così sia.


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 13

Omelia per l’ottava di S. Corrado

(Noto, Cattedrale, 5 settembre 2010)

Fratelli carissimi e sorelle carissime, santo Popolo di Dio,

vorrei esprimere un saluto particolare ai fedeli della Diocesi di Monreale

che, insieme a padre Santino, sono qui a fare visita al nostro territorio, ai nostri

luoghi: è un saluto particolare che vi rivolgo, pensando naturalmente al

vostro attuale Arcivescovo, ma evocando la felice memoria del suo predecessore,

Cataldo Naro, con cui mi stringeva un’amicizia fraterna, tutta speciale,

avendo con lui lavorato per più di dieci anni nella Conferenza Episcopale Italiana,

nel servizio nazionale per il progetto culturale. Sono contento che siete

qui e che insieme possiamo, anche pensando a lui, vivere questa Celebrazione

eucaristica in cui il Popolo ascolti la sua Parola e impari a conoscere Lui; è

come se Dio ci dicesse: “Aprite l’orecchio!”; è questo il primo dei comandamenti:

“Ascolta, Israele, apri l’orecchio a quello che ti voglio dire, perché io

non ti dico parole vane, io ti dico la mia Parola, cioè ti dico di me, nella mia

Parola mi avvicino a te e permetto alla tua intelligenza di venire a sapere e

a conoscere ciò che diversamente non si conoscerebbe, perché chi altrimenti

può conoscere Dio?”.

E lo abbiamo ascoltato nel libro della Sapienza: la nostra intelligenza è

limitata, la nostra anima vive in un corpo, cioè in un limite spazio-temporale;

adesso siamo qui, non possiamo essere né da un’altra parte, né a Monreale,

siamo qui e questo è un limite della conoscenza; sappiamo cosa sta avvenendo

qui in questa chiesa, ma non sappiamo cosa sta avvenendo fuori e attualmente

nelle nostre famiglie. La nostra intelligenza è limitata, certo: oggi nel

XXI secolo, l’intelligenza umana è arrivata a scrutare addirittura le origini

dell’universo, l’infi nitamente grande e l’infi nitamente piccolo.

Questo è vero, la scienza, la tecnologia va avanti; ma notate bene che cosa

è capitato: quanto più la nostra conoscenza scientifi ca è aumentata, tanto più

è aumentato il nostro non sapere, la nostra non conoscenza, perché sappiamo

come vanno le cose nell’universo cosmico, però sappiamo anche che non

esiste soltanto più questo sole, ma chissà … infi niti soli, infi nite galassie …

chi può scrutare tutta questa immensità? E però Dio ci dice: “Tu che con la

tua intelligenza hai poche capacità di conoscere il tutto che ti circonda e che

è pure al tuo livello, come potresti conoscere Dio, se Dio non si facesse vicino,

non venisse Lui da te, non si autodichiarasse per te?”. E quale forma di

conoscenza tu potresti utilizzare per incontrare Dio? Dio te la dona: l’amore

è l’unica forma della conoscenza di Dio, l’amore! Allora non sono i libri, non

sono le biblioteche, non sono le università, ma è l’amore! Vuoi conoscere

Dio? Ama! Vuoi sapere come è fatto Dio, ne vuoi fare esperienza? Ama, perché

Dio è Amore.

E allora capite che questa piccola sapienza, che è tutto il presentarsi di


14

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

Dio alla nostra vita, vale più della scienza, perché c’è gente che è scienziata

nella mente, nel cranio ed è incapace di un affetto vero, nobile, giusto. Ah, se

non avesse quella scienza e potesse amare di più, vivrebbe sicuramente nella

gioia, nella felicità!

Ecco la sapienza: raddrizzate le vie dei vostri rapporti umani, non c’è nulla

sulla terra che valga l’affetto di una persona. Tu che ascolti, non puoi odiare il

fratello per quattro soldi che pensi ti abbia rubato, non puoi odiare il fratello

della tua carne perché tuo padre ha diviso male l’eredità, non puoi avere nel

cuore il rancore del fratello che ti avrebbe offeso, perché più importante è

l’amore, più importante è il perdono, più importante è l’amicizia, più importante

è la fraternità.

Perciò, vedete, com’è vera la Parola del Signore, quella Parola che è così

diffi cile, che sembra contrastare nelle viscere con la nostra vita naturale, riascoltiamola:

“Se uno viene a me e non mi ama più di quanto ami suo padre, la

madre, la moglie, i fi gli, i fratelli, le sorelle e perfi no la propria vita, non può

essere mio discepolo”. Con molta concretezza, cari fratelli e sorelle, ma vi

pare che noi, che ci sentiamo discepoli del Signore, che diciamo di essere cristiani,

che facciamo cammini spirituali particolari, vi pare noi la accogliamo?

“Tu mi devi amare più di tuo padre, di tua madre, di tua moglie, dei tuoi fi gli,

dei tuoi fratelli e persino della tua stessa vita”, vi pare che funziona così tra

noi e Dio? Ma no! Noi a Dio, sostanzialmente, diciamo così: “Dio noi ti vogliamo

bene e ti eleviamo anche sacrifi cio, ti eleviamo il fumo dell’incenso,

perché noi, Dio, contempliamo la tua Santità e ti vogliamo bene, però, facci

la cortesia, non dirci che dobbiamo amarti più di quanto io amo mio padre.

Tu mi chiedi di amarti di più dei miei fi gli? Dio, tu sarai Dio, sarai sapiente,

però abbi pietà della mia vita, non puoi chiedermi questa cosa! Per essere Tuo

discepolo io devo amarti più dei miei fi gli? Per cui, Dio, accontentati di una

comunione che io Ti offro, fatta di incenso, fatta anche di preghiere che escono

fuori dalla mia bocca, fatta anche di qualche piccolo sacrifi cio, di qualche

piccola elemosina, però poi basta….”.

E siamo cristiani così. E Dio, ci incalza e ci dice: “Ah, se conoscessi il

dono di Dio, se la tua intelligenza si aprisse sul serio al mistero di quello che

ho detto, se il tuo cuore acquisisse questa sapienza, capiresti che Dio, quando

ti dice “amami di più”, non occupa spazi nei tuoi affetti, se ami di più Dio

che i tuoi fi gli, allora avverrà in te l’esperienza miracolosa che amerai i tuoi

fi gli fi nalmente sul serio e nella pienezza, perché ognuno ama gli altri col

cuore che ha e se tu hai nel cuore l’amore per Dio, con quel cuore amerai i

tuoi fi gli, tuo padre, tua madre, tutti”. Dio ci chiede di amarlo di più rispetto

a padre, madri e fi gli, perché vuole che noi impariamo ad amare padri, madri,

fi gli, fratelli e sorelle come Lui ci ama. Se tu amassi più Dio che tuo padre,

tua madre, i tuoi fi gli e tua moglie, sai cosa ti capiterebbe? Primo: che tua

moglie non la lasceresti mai. Ti fa piacere non amare di più Dio, perché così

tua moglie la puoi lasciare quando vuoi, in questa società che ti dice: “Cos’è


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 15

che resiste? Cos’è che vale?”. E anche i tuoi fi gli: li puoi anche abbandonare,

li puoi addirittura odiare, come capita per i padri che non si sentono adeguatamente

rispettati dai propri fi gli e fanno preferenza tra fi gli e fi gli. E tuo padre

che facilmente rischi di cestinare nel momento della sua vecchiaia e della sua

malattia negli ospizi vari e magari ti senti a posto perché gli dai i soldi, così

lo ami? Dicevi a Dio che non potevi amare di più Lui perché tu vuoi amare di

più tuo padre; onora il padre e la madre è un suo comandamento e adesso che

cosa ti capita? Poiché non hai voluto amare di più Dio, tuo padre lo parcheggi,

tuo padre lo disprezzi, non lo vai a trovare nel momento della solitudine

perché tu hai tanto da fare, hai i tuoi piaceri; cosa non capita d’estate a questi

poveri anziani, parcheggiati, dismessi dai fi gli in cerca doverosa delle dovute

vacanze.

Chiudo, cari fratelli e sorelle. E’ così: Dio nel suo amore non occupa spazi;

se ci dice: “Ami di più me?”, Dio ti vuole dire: se impari ad amare di più me,

allora vivrai il sacrifi cio di amare profondamente, compiutamente e nella pienezza

padre, madre, moglie, fi gli, fratelli e sorelle e persino la tua vita, perché

Dio ha scritto, ed è vero, “Chi vuol salvare la propria vita, egoisticamente la

chiude, la perderà, ma chi fa della sua vita un dono d’amore per gli altri la

salverà, perché troverà la felicità qui e poi la gioia eterna nel Regno dei cieli”.

Così sia.


16

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

Omelia per la festa della Madonna del Rosario

(Pachino, Madonna di Pompei, 7 ottobre 2010)

Cari fratelli e sorelle, santo Popolo di Dio,

un saluto particolare rivolgo al vostro Parroco, don Gigi e ai confratelli

Diaconi che sono nella vita della Chiesa un segno importante, il segno del

servizio, il segno della carità del Vescovo in mezzo al Popolo e dunque della

carità di Dio.

Saluto tutti voi, manifestando la mia gioia di essere qui in questo giorno

solenne della festa di Maria SS. del Rosario, nel quale voi avete voluto

celebrare con sapienza il mandato per gli operatori pastorali, in particolare

per i catechisti. Maria è modello a cui noi possiamo ispirarci per capire in

quale direzione dobbiamo fi nalmente far maturare la nostra fede religiosa:

la direzione di ciò che assume corpo, di ciò che diventa carne e questo nella

contemplazione meravigliata di una presenza di Dio, di una grazia che rende

possibile ciò che all’uomo è impossibile.

La direzione dell’Incarnazione: una donna, Maria, un uomo, Giuseppe, un

povero; e lì Dio avviene, sconvolge, cambia la via, l’esistenza delle persone.

Maria è una giovane vergine di un paese chiamato Nazareth e sogna, come

ogni fanciulla, di costruire una famiglia secondo le normali, umane, coordinate

prospettive della vita. Eppure Dio si annuncia, viene, avviene: “Non

temere, tu sei riempita di Grazia”. Qui accade qualcosa di nuovo: “Ma com’è

possibile? Non conosco uomo”. “Ebbene, ciò che è impossibile agli uomini

è possibile a Dio”. “Avvenga di me quello che tu hai detto”: straordinaria risposta

di Maria, donna di fede, vera credente; non dice all’angelo: “Avvenga

di me quello che ho capito che tu hai detto”; sarebbe stato poca cosa. Maria

capisce che a questo Dio, ella deve dare di più, non una semplice fi ducia, ma

una fede che si affi da a ciò che Lui ha detto, non a ciò che ha capito che Dio

ha detto, ma a ciò che Dio ha detto, perché la fede pretende questo: “forse io

non ho capito tutto ciò che Dio ha detto, la mia fi ducia non va a ciò che io

comprendo di Dio, la mia fede va a Dio”.

Con l’annuncio dell’Angelo Maria di Nazareth capisce che Dio le sta promettendo

qualcosa che è ancora di più, che lei scruterà cammin facendo. Ella

medita, conserva nel suo cuore e si lascia educare dal fi glio ad aprire gli occhi

su una realtà superiore, impossibile agli uomini, che ormai è accaduta: il

Verbo di Dio si fa carne, Dio stesso. Il fi glio di Dio è questo, come non può

cambiare e non deve cambiare la vita! In che direzione dobbiamo andare, cari

fratelli e sorelle, guardando Maria? Nella direzione del cielo che assume corpo,

che diventa carne, cioè, che ci cambia nel corpo, perché qui si tratta non

di una religione che ci mette in contatto con un Dio qualunque, ma di una fede

che ci permette l’incontro con un Dio vitale, che è Padre, che è amore, che è

misericordia, che è giustizia, con un Dio, cioè, che vuole assumere la nostra


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 17

carne perchè diventi trasparenza di Lui. Il Verbo di Dio si è fatto carne; da

2000 anni il Cristianesimo sanguina dentro la vita della storia umana, come

vicinanza e prossimità a chi è sofferente, a chi è povero, al sangue di Abele

che grida giustizia al cospetto di Dio e noi, questo Spirito Santo che abbiamo

nella nostra vita, ce lo abbiamo per che cosa?

Ditemi voi, guardiamoci intorno, siamo sinceri, siamo reali, entriamo

nella concretezza della nostra carne, che cosa facciamo? Organizziamo le

Parrocchie con sempre meno persone che vi partecipano; dentro abbiamo

sempre quelle poche persone che vi partecipano, che si godono come un’andata

al teatro, una volta tanto la domenica, se mi pare, se mi piace, se non ho

altre cose più importanti da fare. E c’è un gruzzolo di persone che sì, vuole

collaborare più direttamente e forse sa o non sa che fare e comunque dice:

“Sì, il mio tempo è per Te, però sappi che io ho le mie cose da vivere”. Succede

in questa società supercomplessa e organizzata; e un po’ capita anche per

la disponibilità dei catechisti. Io ho fatto il Parroco per tanti anni e quindi so

queste cose, lasciatemelo dire: per la disponibilità delle catechiste è un mendicaggio

continuo. Le nostre aule di catechismo molto spesso assomigliano

più ad un babysitteraggio; è conveniente per i genitori lasciare i fi gli piccoli

al catechismo per essere liberi di fare altro nel frattempo. E poi tendono a

diradarsi man mano che i gruppi diventano più grandi, fi no ad arrivare alla

fi ne, al compimento dell’itinerario catechistico, con delle cresime straordinariamente

belle. E dopo? Questi giovani, ormai padroni nella fede, testimoniano

la fede? Evangelizzano il mondo, praticano la giustizia, vivono la carità,

danno testimonianza a Gesù in questo mondo? No! Chissà, forse ritorneranno

se decideranno di sposarsi in chiesa… In tutto questo, talvolta accade anche

nelle Comunità, che non si viva nemmeno nella pace e nell’armonia delle persone,

ma in un groviglio di problemi, talvolta legati all’esibizione, per cui uno

guarda all’altro; già pochi siamo quelli che vogliamo essere corresponsabili,

e tra di noi non riusciamo a vivere in comunione, pace, armonia.

E questo dovrebbe essere il Cristianesimo? E questo dovrebbe essere tutto

ciò che lo Spirito Santo riesce a fare nel nostro corpo e nella nostra vita? Non

mi dite che sono pessimista! Perché lo so bene che il Cristianesimo è molto

di più; lo so bene che lo Spirito Santo genera nella vita di tante persone una

capacità di amare, di dono unilaterale, incondizionato che è come un miracolo

in questa terra; ma nel frattempo, che cosa assistiamo all’interno delle

chiese, fuori dalle chiese? Che il Verbo di Dio viene forse onorato con la

religione dell’incenso, ma viene poco riconosciuto da una fede che vuole carità,

che vuole amore, che vuole pace; e questo, non perché noi siamo cattivi,

semplicemente forse perché siamo un po’ pigri e semplicemente forse perché

abitiamo anche condizioni culturali e sociali terribili.

Maria vergine, Maria madre! Ma sentite come suonano cariche di futuro

e di valore, di bellezza umana, queste espressioni. E ditemi voi, in questa

società in cui noi viviamo, quanto conta nella vita nostra, nella vita dei no-


18

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

stri fi gli e delle nostre fi glie che crescono, valori come la verginità, come

la purezza, bombardati come siamo tutti da questa televisione invasiva che

è spazzatura dell’anima, a vestirci in un certo modo, a pensare in un certo

mondo, laddove purezza e verginità non diventano ideale di vita e nemmeno

si può predicare dai pulpiti l’impegno educativo di madri che dovrebbero per

le fi glie soprattutto guardar bene come si vestono, perché non è questione se

mostrano o meno le gambe in tutti i corsi delle città di questo mondo, è un’altra

questione: è la questione di come si concepiscono, di come si pensano,

di come creano la propria identità personale, di come si relazionano con gli

altri; si relazionano con gli altri con l’idea che possono diventare oggetto e

strumento nelle menti perverse degli umani? Oppure si concepiscono come

persone umane, da onorare già nei propri corpi, la cui bellezza va guardata

anzitutto negli occhi e da nessun’altra parte. Il modo di vestirsi indica che la

bellezza non la vogliono trovare negli occhi, tant’è che si mettono gli occhiali

da sole anche di notte.

A voi, carissimi, che sgranate il rosario, che lo dite ogni giorno, io dico:

“Che ha a che fare il rosario che sgranate ogni giorno, con i problemi che il

Vescovo in questa predica vi sta evocando?”. Nulla! Se non riuscite a trovare

rapporto tra la preghiera mariana e le cose che il Vescovo sta dicendo, vuol

dire che la vostra preghiera mariana non ha nulla a che fare con Maria, perché

Maria è terreno fertile, perché Maria è grembo che dà corpo all’amore, perché

Maria vuole che il Figlio venga toccato nel suo corpo e quindi non vuole propiziare

una religione fatta di fumo e di parole, come Gesù disse, condannando

certa ipocrisia religiosa del suo tempo. Attenzione, non chi dice con le labbra

Signore, Signore, Signore, entrerà nel Regno dei cieli, ma solo chi fa la volontà

del Padre mio che è nei cieli, e la volontà del Padre mio che è nei cieli è

che voi vi amate gli uni gli altri come io ho amato voi e io vi ho amato nel mio

corpo, ho dato il mio corpo a morire per voi e ho stabilito che non c’è amore

che non passi attraverso i corpi, per cui è inutile che sogni di notte di voler

bene agli africani che muoiono di fame. È inutile, non è cristiano sognare di

notte, cristiano sarebbe di giorno un gesto di solidarietà corporea con chi è

povero, affamato, assetato, con chi non ha niente.

Ave Maria, piena di grazia, il Signore è con te: mentre prego l’Ave Maria

sgorga dal mio cuore come un sentimento umano e questa Ave Maria mi fa

sentire un uomo, mi rende capace della mia umanità, rende la mia umanità

capace di se stessa, cioè rende la mia umanità capace di amare! Ave Maria,

piena di grazia…Ave Maria piena di grazia, il Signore è con te, il frutto del

tuo grembo è Gesù, non è come un parto isterico; dice il profeta Isaia: avete

concepito, avete sentito i dolori della gestazione, avete sofferto per il parto e

avete partorito fumo, vento. No! Maria partorisce un uomo, Maria partorisce

l’umanità in noi: siamo nel grembo di Maria e veniamo gestati nella sua sofferenza

a diventare uomini; Ave Maria piena di grazia, il Signore è con te e mi

sento un uomo, mi sento umano; Ave Maria piena di grazia, il Signore è con


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 19

te e capisco che non devo perdere la mia umanità e capisco che forse l’ho già

persa la mia umanità e la devo recuperare, perché il mio cuore è diventato insensibile

nei confronti dei poveri, dei sofferenti; ce ne sono tanti: è un vociare

immane quello della sofferenza! Che posso fare? Non riesco nemmeno a fare

un’elemosina, e non riesco sicuramente più a fare un gesto di carità vera,

che è quel gesto che non mi porta a donare cose esterne a me, fossero anche

tanti soldi, ma mi porta a coinvolgere la mia libertà in questa esperienza bella

d’amore di un Dio che mi dice: in te si genererà un fi glio! Ma come è possibile?

Sono così arido? Il mio cuore è così impietrito? In te si genererà un Figlio

perché lo Spirito Santo ti adombrerà. Egli è venuto a Pentecoste nella tua vita

e adesso tu generi un Figlio e lo partorisci al mondo. Maria partorisce fi gli

che assomigliano al Padre. E così accadrà nell’ora della nostra morte: quando

busseremo alla porta del Padre eterno, Egli ci aprirà , per farci godere il suo

paradiso di pace, di giustizia, di amore, di felicità. Il Padre eterno ci guarderà

in faccia e ci dirà: “Venite voi, fi gli benedetti del Padre vostro, perché voi

mi assomigliate, perché il vostro volto rispecchia il mio e mi assomigliate

perché quando avevo fame mi avete dato da mangiare, quando avevo sete mi

avete dato da bere, quando ero nudo e svestito mi avete coperto e quando ero

disperato nella solitudine, emarginato, fuori dal mondo siete venuti persino a

trovarmi, a scovarmi e io mi nascondevo e voi mi volevate cercare e mi avete

scovato, scoperto in ogni nascondiglio, in ogni fessura nascosta siete venuti lì

voi, perché siete fi gli miei”.

E ditemi, cari fratelli e sorelle, cos’è la Chiesa? Queste cianfrusaglie che

molto spesso chi pratica le chiese si mette in testa, per cui comincia a dire:

“ma il colore della statua per me non è troppo azzurro” e cominciano grandi

macchinazioni, litigi interni per processioni che devono andare da una parte

piuttosto che dall’altra. Si mormora! Il popolo mormora perché la processione

è uscita un’ora in ritardo, il popolo mormora perché avete cambiato le vie

della città in cui passa il Santo. Il popolo mormora sempre: voleva acqua,

voleva pane, voleva da mangiare e Mosè gli dà tutto, ma il popolo continuava

a mormorare. Ma che mormori il popolo! Nella speranza che cominci a mormorare

per le cose serie della vita cristiana! Mormorate perché vedete i Preti

non disponibili alla vostra vita religiosa! Mormorate perché vedete i Preti non

disponibili a confessare! Mormorate perché vedete i Preti non disponibili alla

carità e mormorate di voi stessi, come dice Gesù: non mormorate su di me,

ma su di voi e i vostri fi gli, quando notate che vi interessate della religione e

non della fede, vi interessate delle cose religiose e non della pratica credente,

sappiatelo bene: con la religione, senza fede non si va in Paradiso, perché le

domande che il Padre ci farà sono solo 4 e quelle le conosciamo in anticipo;

Gesù, che ci vuole tanto bene ce le ha comunicate. “Quando avevo fame,

mi hai dato da mangiare? No! Sa, ero impegnato a predicare su queste cose,

però mentre le predicavo io non le vivevo. E quando avevo sete, almeno mi

hai dato da bere? No! Perché ero distratto in un gran da fare organizzativo


20

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

della curia, nello spostamento dei preti, non mi è passato proprio il pensiero,

non ho avuto tempo. E quando ero svestito e nudo, almeno me lo hai dato un

vestito, mi hai coperto? No! Perché ero così occupato a vestirmi io con tutti

gli onori, gli allori; dovevi darmi più tempo, forse mi sarei convertito l’anno

dopo. Ah, già, perché vivevi nell’illusione menzognera che avevi tanto tempo

davanti a te! Dopo l’improvvisa morte di mio fratello vivo la chiara coscienza

che non c’è tempo da perdere per le opere della carità che mi conducono in

Paradiso, non c’è tempo!

Nell’ora della nostra morte, mentre io me ne sto andando all’inferno a

cui inevitabilmente sono destinato, perché non ho dato da mangiare, non ho

dato da bere, non ho vestito nessuno e non ho procurato a nessuno un po’

di amicizia, di comunione, mentre me ne sto andando là, qualcuno di voi si

presenta al Padre eterno e il Padre eterno gli dirà: tu, da dove vieni? Da Pachino.

Da quale parrocchia? Dimmi un po’, tu, vedi il vescovo tuo dove sta

andando, dimmi tu, rispondi: quando avevo fame, mi hai dato da mangiare?

E tu dirai si, quando avevo sete, mi hai dato da bere? E tu dirai si. E quando

ero nudo e scoperto? E tu dirai si! E quando ero nella solitudine, disperato

e nel carcere? E tu dirai si. E il padre forse ti domanderà ancora curioso nel

vederti così luminoso, splendente nella tua carità: ma dimmi, come ti è capitato

che hai fatto così bene queste cose? E tu potrai dire: tutto è dipeso da

una predica del Vescovo di Noto. E allora il Padre eterno subito si illuminerà

e mentre io sto per andare di là, all’inferno, mi richiamerà: Vescovo di Noto,

vieni qua, perché forse non le hai fatte tu queste opere di carità, però grazie

alla tua parola, a te, qualcuno si è messo in testa di farlo e allora le sue opere

di bene vanno ascritte anche a te, perché noi siamo un corpo, perché noi non

siamo individui, perché noi siamo una Comunità, e perché ogni Comunità ha

ministeri e carismi e ognuno fa le sue cose e se ci fosse tra di noi un santo

solo, basterebbe forse per tutti, perché tutti potessimo andare in Paradiso.

Ecco la comunione dei Santi, l’intercessione dei Santi e della Vergine Maria,

che ci consola.

Cari fratelli e sorelle, apriamoci al bene, battiamo le strade della carità,

della solidarietà, della vicinanza, della giustizia, della prossimità per andare

noi in Paradiso e per portare con noi in Paradiso tutte quelle persone che,

deboli e fragili, come forse il vostro povero Vescovo, non riescono a fare le

opere di carità che voi, invece, per la forza dello Spirito che è in voi, avete

imparato a compiere.

Vi ringrazio già da adesso per il dono della vostra carità, che permetterà

anche a me, magari all’ultimo momento di entrare nel Regno della nostra

beatitudine e della nostra pace.

Così sia.


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 21

Omelia per la presentazione di don Calogero Palacino

quale nuovo parroco della parrocchia Santa Teressa in Modica

(Modica, Santa Teresa, 16 ottobre 2010)

Cari fratelli e sorelle, carissimo don Palacino, carissimi tutti, confratelli

nel sacerdozio e carissimi voi, ragazzi, giovani che vi apprestate a ricevere il

Sacramento della Cresima;

vorrei iniziare con questa domanda, che abbiamo sentito dal Vangelo: “Ma

quando il Figlio dell’uomo, cioè Gesù di Nazareth, verrà, troverà la fede sulla

terra?”. È un interrogativo serio che Gesù pone. Troverà la fede sulla terra?

Ma potremmo dire: “e che importa se trovi la fede sulla terra?”. Importa che

trovi la fede, perché se non trova la fede sulla terra, vuol dire che la terra è

combinata così male così come si evince dai fatti negativi che quotidianamente

accadono.

Che cos’è la fede? La fede è questa esperienza pratica d’amore, per cui

persone che non si conoscono diventano amici, per cui persone che nella

loro carne dovrebbero essere nemici, per tanti motivi, si vogliono bene, si

aiutano reciprocamente. Se non ci fosse fede, se non ci fosse lo Spirito Santo,

sarebbero nemici, si odierebbero, ma poiché c’è la fede e lo Spirito Santo, si

amano. Nel vangelo troviamo l’invito ad amare anche il nemico; “se la tua

giustizia non supera quella degli scribi e dei farisei...”. Se non c’è Dio di chi

puoi fi darti? Del fi glio, della fi glia, di papà, di mamma? Si, dovrebbe essere

così, eppure è cronaca di questi giorni la notizia di fi gli che assoldano killer

per uccidere i genitori.

Ah, esempi! Ma queste sono cose rare! Certo, speriamo che lo siano, però

indicano, in quanto si realizzano nella nostra umanità, una possibilità rispetto

alla quale nessuno di noi può dire: no, da me no, è sicuro, da me no. Perché

queste possibilità, cari fratelli e sorelle, sono un po’ come la morte e nessuno

può dire, io no, a me no.

Ecco che cos’è il mondo della non-fede, ecco che cos’è il mondo della

mancanza dello Spirito. E voi direte: si, “ma queste cose accadono anche ai

credenti”. Adesso non voglio pensare a queste cose malvagie, queste cose

insopportabili anche solo a pensarle, parlo delle cose abitudinarie, dei tradimenti

e delle infedeltà, del disprezzo della vita nel grembo della madre, del

disprezzo della vita quando gli altri sono anziani: chi compie questi gesti di

disprezzo della vita? Certo, in questo anche i cristiani, anche quelli che vanno

in chiesa, anche quelli che si battono il petto dalla mattina alla sera li commettono;

perciò Gesù dice: ma quando il fi glio dell’uomo verrà, troverà la fede

sulla terra? Perché, forse sì, troverà ancora un Vescovo con la mitria e il pastorale,

l’anello e il crocifi sso, e troverà anche chiese adornate e troverà anche

gente che ancora continua ad andare in chiesa, nonostante lo sviluppo della


22

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

nostra civiltà tecnologica e commerciale, ancora ci sarà qualcuno che continuerà

ad andare in chiesa. Li troverà questi, ma la domanda resta: “troverà

la fede? Questi che praticano le chiese, sono credenti? Che cosa credono?”.

Ragazzi, voi vi cresimate! Questi credenti qui, che cosa credono? Praticano

le chiese e non si amano, praticano le chiese e litigano continuamente,

praticano le chiese e si odiano, praticano le chiese e non hanno occhi per i

poveri, per i più bisognosi, per i sofferenti, per quelli che muoiono; guardano

solo a loro, al loro vestito, al loro benessere, alla loro festa, nel disprezzo e

nello spreco.

E che cosa vi deve dire il Vescovo: ma quanto siamo bravi, tutti bravi!

Io lo dico a me stesso, dentro di me, nella mia vita c’è un’indignazione

continua che dal profondo del mio cuore mi incoraggia a dire: “Qui devi

camminare sulle vie della fede, perché la religione non ci salva, non è la

religione che ci salva. Se hai speranza, nell’ora della tua morte incontrerai il

Padre eterno e ti darà il paradiso; se hai una speranza, non pensare che quella

speranza per te si compia perché sei stato religioso, si compie solo se la tua

religione ti ha convinto ad essere un credente. E qual è la differenza tra un

religioso e un credente? Semplice! Basta ascoltare Gesù e ce lo dice. Prendiamo

per esempio il Padre Nostro, che recitiamo continuamente, durante le

celebrazioni eucaristiche; allora, c’è gente religiosa, che è nelle chiese, perciò

è religiosa, che ad un certo punto viene invitata a dire il Padre Nostro e dice

con le labbra: “Padre nostro che sei nei cieli, sia santifi cato il tuo nome, venga

il tuo regno, sia fatta la tua volontà, come in cielo così in terra. Dacci oggi il

nostro pane quotidiano, rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo…”.

Come? Rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo, a chi? Ai nostri

debitori? E non ci abbandonare nella tentazione ma liberaci dal male. E lo

recitano questo Padre nostro magari aprendo le mani e gridando, come se Dio

fosse sordo! Ma nel loro cuore? Perdono non ne vogliono dare a nessuno, no,

semmai lo chiedono. Sono religiosi, perciò devono fare così, i religiosi fanno

così, come dice Gesù, con le labbra dicono: “Signore, Signore, Signore”, si

battono il petto, fanno pure processioni in ginocchio…

Ma la fede, la fede urge che forse questo Padre nostro non lo dici ad alta

voce, forse questo Padre nostro non lo dici nemmeno aprendo le labbra, ma

facendolo sgorgare dal tuo cuore e quando dici “Padre” già ti emozioni nel

sentire che non sei solo tu il fi glio di questo Padre, perché dici Nostro, Padre

Nostro, e tutti son suoi fi gli, anche i tuoi nemici, anche quelli con cui non

ti parli da tanto tempo, anche quelli che disprezzi, anche quelli che ti fanno

schifo soltanto a guardarli, sono fi gli di Dio, sono tuoi fratelli perché il Padre

è il Padre di tutti. E quando arrivi là, laddove la cosa è più diffi cile, il perdono

che tu ricevi lo devi donare, allora lì il credente sa e capisce che uscendo fuori

dalla chiesa, va ad incontrare e a perdonare i fratelli. E Gesù ha stabilito che in

Paradiso non si va perché avremo frequentato tutte le messe, perché avremo

recitato Rosari, perché ci saremo vestiti in un certo modo, perché avremo fat-


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 23

to le sacre liturgie; in Paradiso si va da credenti, cioè da persone che risponderanno

si a 4 domande, che c’entrano anche con le cose che abbiamo detto

prima: andare in chiesa, recitare le Ave Maria; ma sono quattro domande che

non interessano immediatamente quelle cose. Quali? “Quando avevo fame,

mi hai dato da mangiare? Quando avevo sete, mi hai dato da bere? E quando

ero svestito e nudo mi hai coperto? E quando ero nella solitudine sei venuto a

trovarmi?”. Allora, se dici di sì sei un credente, perché hai seguito Gesù sulla

via del dono di sé per amore, per carità, nella misericordia. Perché voi giovani

abbandonate la chiesa immediatamente dopo aver ricevuto la cresima?

Perché? Perché dovreste venire in chiesa, a fare che? Certo se c’è un oratorio

magari vieni a farti una partita a calcetto! È questo? Perché dopo cresimati

abbandonate le chiese? Perché vi annoiate nelle chiese? Perché vi annoiate?

Perché trovate forse nelle chiese, in spazi di questa società, luoghi rispettosi

della vostra vera umanità? Che siano belli? Cercate e trovate e poi venite dal

Vescovo a dire che non lo trovate questo luogo. Se me lo trovate potrete stare

sicuri che io non frequenterò le chiese, verrò lì con voi. Un luogo che rispetti

la vostra umanità e non la disprezza e non la rende merce nel mercato comune,

mercato spazzatura: sentimenti spazzatura, emozioni spazzatura.

Certo, che cosa vi si può dire delle chiese? Ma che cosa volete che vi possiamo

dire delle chiese se non quello che Gesù ci ha detto di dirvi: “crescete

nella vostra umanità, siate belli, non vendetevi a nessuno, siate liberi, siate

critici, non paralizzate il vostro tempo in cose che forse vi procurano un po’ di

piacere, ma non vi daranno la gioia. Il sistema della violenza è dentro la vita

di questa società che non vuole lo Spirito Santo, che vuole solo denaro, che

non vuole fede, vuole solo la leggerezza di un divertimento che non riempie

di signifi cato e senso la mia vita. Per niente! Eccoli là, così si vogliono bene,

così si amano, nella provvisorietà di emozioni, di sentimenti, così e poi tutto

fi nito, tutto fumo: affetti senza legami, legami senza affetti, io ti amo oggi, fra

un mese non ti amo più, io ti amo si, ti sto amando da anni e mentre ti amo da

anni ho anche altre relazioni con persone che purtroppo amo pure, perché al

cuore non si comanda; e questo già nelle fasce giovanili, per non parlare poi

degli aspetti antieducativi, maledettamente antieducativi di questa società che

ha fatto dell’infedeltà un crisma d’onore, di civiltà: ah, bravo, bravo, non sei

fedele a tua moglie, bravo! Grande uomo, eccolo lì il grande uomo, bravo e

che cosa dovresti ricevere dalla Chiesa?

Ecco ciò che uccide l’affetto delle nostre famiglie e le disgrega, in una

società che non vuole più l’unità della famiglia, separazione e divorzi e matrimoni

continui e di nuovo separazioni e divorzi: lì, dov’è la fede? Cari fratelli

e sorelle dov’è la fede? Se il fi glio dell’uomo venisse qui, in questa chiesa, in

questo istante, la troverebbe la fede? Probabilmente non la troverebbe nemmeno

nel vostro vescovo, che ve ne parla; è un problema serio la fede, la comunità

cristiana, perciò diventa un problema serio anche un parroco nella vita della

comunità cristiana e su questo faccio in tempo per dirvi alcune cose chiare.


24

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

Tutte queste storie che continuano a fare: ah, ma perché ci avete trasferito

il Parroco? E perché, qual è il problema? È bello che ci leghiamo affettuosamente,

si, ma questo affetto non può essere affetto delle emozioni, è l’affetto

di Gesù Cristo. Tutto l’affetto di questo mondo per il Parroco in Gesù Cristo,

vuol dire, in una Chiesa locale, per esempio, che un Parroco è disponibile al

trasferimento: un Parroco sta in una parrocchia per 9 anni, così è stabilito, può

starci 10, 11 anni, ma poi può essere trasferito, perché la realtà della Chiesa

non è la Parrocchia, ma è la Chiesa locale.

La parrocchia di Santa Teresa riceve adesso un nuovo parroco, certo, ce

l’aveva già in padre Giovanni Stracquadanio; il vice parroco della parrocchia

di San Giorgio veniva particolarmente qui a curare il cammino della

formazione; negli ultimi tempi avete avuto anche padre Camillo Sessa. Ho

ricevuto proprio oggi la sua lettera, che è rientrato nella sua diocesi a Cosenza,

una bella lettera, di ringraziamento per averlo accolto in quest’anno. Voi

potete dire: era qui, perché se n’è andato? Ma mica voi potete sapere tutto:

ci sono rapporti anche tra Vescovi e Vescovi; è lui stesso che, quando se n’è

andato, mi ha riferito dell’urgenza che Santa Teresa avesse un Parroco; io ho

corrisposto a questa urgenza, perché ritengo che sia giusto così. E però, capite

bene, nominando un nuovo Parroco di Santa Teresa, per nulla mi aspetto

che Santa Teresa si sganci pastoralmente da San Giorgio. Reciprocamente,

per nulla mi aspetto, perché è un anno e mezzo che stiamo lavorando sulle

comunità di parrocchie. Allora che avete un nuovo parroco, certo che resterà

secondo i crismi del diritto canonico, in riferimento anche all’età, e però

occorre che la parrocchia di Santa Teresa, mentre cammina sotto la guida sapiente

e illuminata del nuovo Parroco, stringa relazioni di missione pastorale

con le Parrocchie predestinate, San Giorgio e San Teodoro. Le Comunità di

Parrocchie: volersi bene insieme, lavorare insieme nella vigna del Signore,

costruire insieme un percorso di formazione per i catechisti, dei bambini del

catechismo, della liturgia, degli operatori della caritas, insieme, insieme, perché

insieme vuol dire Chiesa; separati, a gruppettini non vuol dire Chiesa.

Vedete, anche qui, troverà la fede Gesù, scendendo giù? Sembra che sia

Chiesa una Parrocchia anche ben organizzata. Ma se non si apre missionariamente

ad interagire con le altre parrocchie, non è la Chiesa, è egoismo, è

come un individuo che non è una persona, ma è un egoista …

Allora ringraziamo il Signore per il dono: un Parroco è per guidare nella

fede e don Palacino è un uomo essenziale, è una fi gura bellissima di sacerdote.

Io vi dico quello che ho detto a lui quando ancora non si sapeva che l’avrei

trasferito da Portopalo; e cioè che quando sono andato a Portopalo per le

cresime, mi sono complimentato per la preparazione, la disciplina e l’organizzazione.

Nella sua essenzialità, nel suo modo diretto di fare, lui può essere

per voi il Parroco che vi guida sulle strade della carità, perché poi alla fi ne

non abbiamo bisogno solo di cerimonie e di riti; le cerimonie e i riti valgono

in quanto educano le persone alla fede, perché si può essere religiosi non


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 25

credenti; voi ragazzi, adesso ricevete lo Spirito Santo per essere religiosi credenti

e la fede è qualcosa di pratico; vuol dire che dopo la Cresima, voi vi

adopererete, dovete fare delle cose concrete di fede. Voi dite “io credo”, ma

da dove si vede? Da come sei vestito, da come ti conci la testa? E da dove si

vede che sei credente? Dalle opere che fai, se sei buono, se sei amorevole, se

sei giusto, se ti impegni talvolta anche a soccorrere un altro che non ce la fa.

Ecco un credente, ecco un giovane credente, un giovane che nella preghiera

attinge la forza di Dio per poter combattere la buona battaglia della fede.

Avete sentito le letture? Mosè pregava e quando pregava il popolo vinceva

la battaglia e siccome doveva vincere sempre la battaglia allora lui era affaticato,

scendeva giù le braccia e i combattenti perdevano; allora capirono che

soltanto se Mosè ha le braccia aperte nella preghiera, il popolo vince; e così

anche noi, se sapremo essere persone oranti, contemplative, sapremo vincere

la nostra buona battaglia della fede e cioè, sapremo, per esempio, amare tutti.

E i genitori, come saranno contenti, perché i loro fi gli, sicuramente vorranno

bene a loro; quando saranno grandi e si faranno una famiglia e loro si troveranno

in una situazione di solitudine e di malattia non saranno abbandonati.

Ma se sono credenti capiranno che la via della croce è l’unica vera via per

manifestare l’amore vero; amare, amare i propri genitori, soprattutto quando

la loro presenza e la loro condizione mi condiziona la vita, mi fa soffrire; lì

si vede se amo papà e mamma. Quando il rapporto con tua madre l’hai sacrifi

cato al tuo piacere, il piacere cercato così non porta la gioia; solo la gioia

comporta un certo piacere. Il piacere, cercato così quando gli altri soffrono, ci

porta nel vuoto della nostra esistenza e prima o poi ci farà morire; cerchiamo

la gioia e non il piacere, la nostra gioia porta gioia agli altri, il mio piacere

porta sofferenza agli altri, cerco la gioia nel Signore ed egli renderà piena la

mia vita.

E adesso ringraziamo il Signore, accogliamo innanzitutto la professione di

fede del nostro nuovo Parroco e poi procederemo con la Santa Messa.

Così sia.


26

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

Omelia per la presentazione di don Franco Santuccio

quale nuovo parroco della parrochia Santa Maria alla Rotonda

(Noto, Santa Maria alla Rotonda, 17 ottobre 2010)

Carissimo don Franco, don Maurizio, reverendo Vicario, e tutti voi insieme

qui convenuti a vivere un momento di gioia;

certo è una grande gioia ricevere un parroco, un sacerdote come proprio

parroco e lo riceviamo nella fede. In quale fede? Nella fede cattolica? Nella

fede cattolica! E in quale altra fede potremmo ricevere un sacerdote della

Chiesa cattolica se non nella fede cattolica? Vorrei insistere su un fatto che la

Chiesa cattolica vorrebbe evocare: che in questo mondo non c’è solo la fede

cattolica, c’è anche la fede dei protestanti e sarebbe interessante che il Popolo

di Dio cattolico venisse un po’ a sapere dov’è la differenza tra il Cristianesimo

cattolico e un Cristianesimo protestante; è importante conoscere queste

distinzioni, per non trovarsi nel luogo sbagliato.

La differenza fondamentale tra la fede protestante e la fede cattolica è nel

credere: la fede cattolica crede in una Parola di Dio, in una Scrittura che viene

interpretata da un Magistero della Chiesa, che a sua volta è dentro, sottomesso

alla Scrittura stessa, dentro la tradizione vivente della Chiesa, per cui il Vescovo

interpreta la Sacra Scrittura per il Popolo santo di Dio, ma a sua volta

egli non è un creatore, ma un obbediente all’antica tradizione apostolica che

fa vivere la Chiesa anche oggi.

Per i protestanti no, ogni singolo individuo può interpretare la Scrittura

come vuole. Ecco perché nell’esperienza della fede protestante uno che può

alzarsi al mattino e decidesse che un passaggio della Bibbia dovesse essere interpretato

diversamente da come la sua comunità lo interpreta, se convincesse

un gruppo di persone, potrebbe costituire una chiesa, una comunità diversa

da quella sua di appartenenza. Per la Chiesa cattolica no, perché la Chiesa

Cattolica è una, unita nel Pastore supremo che è il Pontefi ce romano, il quale

manda i Vescovi nelle Diocesi per pascere il Popolo santo di Dio.

Chi è il cattolico? Il cattolico è uno che vive nella tradizione vivente della

Chiesa e accetta umilmente, dai Pastori che il Papa pone nelle Chiese locali,

il cammino da percorrere.

Ecco perché i Vescovi siamo mandati e poi siamo rimandati; il Vescovo

vive consacrato con una consacrazione assoluta, che vuol dire che può diventare

Vescovo di ogni Diocesi del mondo cattolico. E nell’unità del Collegio

apostolico ogni Vescovo è Vescovo di tutte le Chiese locali; ecco perché per

mandato del Papa esprime il suo ministero in quella Chiesa locale. Perché c’è

un Collegio apostolico, perché la Chiesa cattolica nasce così, non nasce come

un’assemblea di persone che si mettono insieme, la Chiesa Cattolica nasce da

un Collegio apostolico; quindi quando vedi un Collegio, vedi i singoli di un


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 27

Collegio; vedete la Chiesa locale; il Presbiterio, non i singoli Presbiteri nel

Presbiterio; perché è il Presbiterio il soggetto pastorale della Chiesa locale

e, nel Presbiterio, i Presbiteri sono Presbiteri di quella Chiesa locale, perché

sono Presbiterio anzitutto.

Questo mistero, che è il mistero della Chiesa Cattolica, potrebbe anche

non piacere; questo mistero della collegialità, cioè della comunione, fa sì che

ogni prete è prete in quanto è Presbiterio e a nome del Presbiterio. Don franco

Santuccio non viene in questa Parrocchia a nome suo, ma a nome del Presbiterio;

è come a dire che il Presbiterio è il parroco di questa parrocchia e lui

in questa Parrocchia esprime il Presbiterio unito al Vescovo, perciò esprime

il Vescovo col suo Presbiterio. Lui ha la possibilità nel Presbiterio, unito al

Vescovo, di essere Parroco di tutte le Parrocchie della Diocesi di Noto; però il

Vescovo lo manda qui ed è Parroco qui, ma tutti gli altri preti in virtù del Presbiterio,

possono essere Parroci della parrocchia della Rotonda; ecco perché

questa idea di un Parroco legato alla sua Parrocchia è un’idea impropria cattolicamente,

perché nella Chiesa Cattolica non funziona così e non c’è una Parrocchia,

la sua Parrocchia, la Parrocchia del Parroco; propriamente parlando

le Parrocchie non appartengono al Parroco; questo è cattolicesimo, le Parrocchie

sono del Vescovo e non del Parroco, tant’è che il Parroco esprime il

Vescovo, le Parrocchie sono di Gesù Buon Pastore e il Vescovo è Sacramento

di Gesù buon Pastore, con tutti i suoi limiti, con tutte le sue povertà, anche

con tutte le sue debolezze. Limiti, povertà, debolezze non sono un problema

per Gesù Cristo, forse sono un problema per noi, ma non per Gesù Cristo e

nemmeno per il Padre Eterno, perché il Padre è Padre della misericordia, del

perdono e non ha problemi se noi siamo limitati, se noi siamo deboli, se noi

siamo caduchi.

E così accade che i Parroci si avvicendino; c’è un avvicendamento; e come

avviene? Sono venuto a Noto e qui c’era don Gigi, non l’ho spostato per mia

volontà; ho mandato don Maurizio Novello, ho spiegato, quando l’ho mandato,

e assolutamente l’ho sempre chiarito che lui non era Parroco della Parrocchia,

lo avete sentito anche dal decreto letto: era Amministratore parrocchiale.

Non è la stessa cosa: tutti quanti dobbiamo obbedire, anche il Vescovo obbedisce

alle leggi della Chiesa e le leggi della Chiesa sono così. Se uno non è

Parroco ed è Amministratore parrocchiale vuol dire che va a fare un po’ le veci

del Parroco e il Vescovo lo tiene a disposizione per qualsiasi trasferimento

anche dopo due mesi, tre mesi, un anno; fi nché uno resta Vicario parrocchiale,

fa le veci del Parroco, ma non è Parroco. Ma se il Vescovo manda un Parroco,

come adesso io ho mandato Franco Santuccio è sicuro che in questa Comunità

parrocchiale Franco Santuccio ci sta; per sempre? Avete sentito il decreto? Il

decreto non è una cosa che ho inventato io, è una cosa a cui io obbedisco, ci sta

per nove anni; il Parroco è in una Parrocchia per fare l’opera di Dio, e l’opera

di Dio è educazione; visto che i Vescovi ci stanno donando questi orientamenti

per il prossimo decennio “Educare alla vita buona del Vangelo”, educare vuol


28

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

dire e-ducere, portare fuori da sé e condurre alla realtà più viva.

Un Parroco che fa? Porta fuori da sé tutto quello che ha per giungere ad

una realtà più viva; un Parroco educa il Popolo di Dio perché porta il popolo

di Dio a Gesù, porta il Popolo di Dio a Dio, porta il Popolo di Dio alle opere

di Dio. Ma vedete, tra l’educazione e la seduzione c’è un fi lo molto sottile:

educere, educare e seducere, sedurre, sono li per lì; il rischio vero, di noi Pastori,

anche di me Vescovo, è quello di sedurre più che di educare: e sedurre

vuol dire portare il popolo a me, portare il popolo a sé e non a Gesù Cristo. E

allora c’è un’organizzazione pastorale in una Parrocchia, forse interessante,

ma è frutto di seduzione o di educazione; come dirlo, come valutarlo?

Lasciamoci interrogare, cari fratelli e sorelle, dalla Parola di Dio che abbiamo

ascoltato, perché soltanto Dio ci può educare e ci può illuminare con la sua

sapienza, solo la Parola di Dio è luce che guida i nostri passi: quando il fi glio

dell’uomo verrà, troverà la fede sulla terra? Una cosa è certa: sicuramente troverà

la Chiesa Cattolica, sicuramente troverà le chiese, sicuramente troverà fedeli

che vanno in chiesa, sicuramente troverà Vescovi che predicano il Vangelo, sicuramente

troverà Parroci in ogni chiesa, speriamo; queste comunità di parrocchie

che stiamo organizzando, faranno sentire i loro risultati soprattutto tra vent’anni;

ahimè, se non c’è una conversione radicale, anche del Popolo santo di Dio, se

le famiglie non fanno fi gli, si riduce la possibilità che qualche maschio diventi

Prete e se noi non abbiamo una generazione di nuovi presbiteri, il Vescovo come

potrà soddisfare le esigenze? Ci sarà un Vescovo in ogni Chiesa locale, ma ci

sarà un Parroco in ogni Parrocchia? E noi possiamo dire oggi, “ma a me cosa

importa? L’importante che adesso arrivi il Parroco”. No, il nostro pensiero è anche

alle generazioni future, non possiamo essere così egoisti, dobbiamo pensare

anche agli altri, a coloro che verranno dopo di noi. Gesù ci dice: ma la fede, la

troveremo? Potremmo trovare le chiese e non trovare fede?

Vorrei essere più chiaro, cari fratelli e sorelle: se Gesù venisse adesso, qui,

troverebbe la fede di qualcuno di noi? Forse non la troverebbe nemmeno nel

Vescovo! Forse! Perché la fede cattolica non è questo andirivieni nelle chiese;

la fede cattolica è quella che mentre Mosè prega, il popolo vince la battaglia;

perché se Mosè pregasse incessantemente e il popolo perdesse la battaglia,

vuol dire che Mosè non sta pregando. Caro don Franco, è certo che come Pastore

e Parroco di questa chiesa devi organizzare la devozione, la preghiera, la

contemplazione, in modo tale che aiutino a maturare una vera umanità che ci

fa vincere il male che è in ciascuno di noi, quel male che permette di giudicare

gli altri e mai se stessi. Ma ci accorgiamo del male che c’è nel mondo? della

perversione che c’è nella società, che ormai parla solo di violenza, che ormai

è tutto un mercato; per cui ai nostri giovani, puoi parlargli di Dio che è amore,

ma dopo la cresima se ne vanno per le strade del mondo, non vengono in

questa chiesa, perché forse non ascoltano parole capaci di interpretare i loro

cuori, il loro sentimento, la sensualità dei loro corpi; noi non li induciamo a

parlare di queste cose e se ne vanno per vie oscure di disorientamento.


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 29

Ma le leggiamo le notizie dei giornali? Sarah, la rumena, il tassista! Cosa

sono tutte queste cose? È ciò che accade fuori dalle chiese, perché noi cristiani

non crediamo autenticamente alla Parola di Dio che ci impegna nella vita

a educare coscienze nuove, mentalità nuove, a cominciare dalla nostra famiglia,

dall’educazione dei nostri fi gli, dei nostri nipoti, per orientarli su strade

più vere che danno senso e signifi cato e valore alla loro esistenza.

Ecco fi n dove arriva, fi n dove spinge la preghiera a cui dobbiamo essere

educati, la preghiera deve diventare vita! Chiediamoci se siamo veramente

credenti. Se venisse Gesù troverebbe la fede in te? E da dove capisci se sei

un credente? Lo capisci solo da questo fatto: dal fatto che entri in questa

chiesa, ti cibi dell’Eucaristia, reciti il Padre nostro e poi, con tutti i tuoi limiti,

con tutti i tuoi difetti, con tutte le tue precarietà e le tue debolezze ti impegni

nell’esperienza della fede e se dici Padre nostro lo dici con convinzione e

questa convinzione ti fa fare l’esperienza tremenda ma necessaria dell’amore

e del perdono al fratello, senza pretendere che deve essere lui a chiederti scusa,

a mettersi lì, in ginocchio da te, ma vai tu a concedergli il perdono, anche

se lui non te lo chiede, perché tu sei un credente, non sei solo un religioso che

va nelle chiese; poiché sei un credente, vuol dire che hai in te lo Spirito Santo,

ne senti la forza e lo Spirito ti suggerisce: “Vai dal fratello che non ti chiede

scusa da anni e perdonalo e abbraccialo, perché c’è più gioia nel dare che nel

ricevere e chi vuol salvare la propria vita tenendola per sé la perderà”.

Questo vale per i singoli, ma vale anche per le Parrocchie, Parrocchie ben

organizzate, autonome, autoreferenziali, che girano per il proprio territorio e

assomigliano a quei gruppetti che all’interno della parrocchia non si aprono

alla parrocchia e vivono le loro liturgie e i loro affetti chiusi in se stessi. Il

problema non è che tu ti vuoi bene fra te e te, il problema è che questo bene

che vuoi, lo spingi fuori di te e fai attraversare la tua vita, quel tunnel oscuro,

dal perdono al fratello a cui tu non vuoi perdonare e ti impegni con la vita, in

quel tunnel oscuro, ma straordinariamente importante che ti lega al fratello

che ha bisogno. Gli dai da mangiare? E non dire: “Ma il Vescovo non gli dà da

mangiare”, non dire così, perché il problema dell’eternità tu te lo giochi con

la vita in questa comunità, a prescindere dal Vescovo; il Vescovo potrebbe

andare all’inferno per i fatti suoi, ma tu ci vuoi andare con lui o vuoi andare

in Paradiso? La domanda è: “quando avevo fame, mi hai dato da mangiare?

Perché se tu non mi dai da mangiare e io ho fame tu non sei un credente: sei

un religioso! Quando avevo sete, mi hai dato da bere? Perché se tu non mi dai

da bere e io ho sete, tu non sei un credente, non sei mio fi glio. Io ti ho dato

lo Spirito Santo perché tu fossi mio fi glio, ma non ti vedo agire e praticare

come mio fi glio. E quando ero nel carcere, nella solitudine, tu sei venuto a

trovarmi? E quando ignudo, mi hai coperto?”. E se io, Vescovo di Noto, dovessi

dire: “No, Signore, perché io ero distratto dalle faccende burocratiche

della mia diocesi, non ti ho dato da mangiare, non ti ho dato da bere, non ti

ho vestito, non ti sono stato vicino nell’ora del bisogno...”, voi cosa pensate,


30

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

cari fratelli e sorelle, che al Vescovo di Noto per il fatto che lui aveva mitria,

pastorale, anello e croce il Padre Eterno può concedere l’accesso al Paradiso?

Sicuramente no, perché non è stato un credente, ha parlato bene, forse ha

dettato prediche, ma non è stato un credente, non ha praticato la Parola di

Dio, perché è scritto: “non chi dice nelle chiese Signore, Signore, Signore

entrerà nel regno dei Cieli, ma chi fa la volontà del Padre mio che è nei cieli”.

Non è così? La conoscete la Scrittura! Il Signore ce lo dice chiaro chiaro,

non è diffi cile; forse il Vescovo può essere diffi cile mentre parla, ma la Sacra

Scrittura no, dice: non chi dice Signore, Signore, Signore entrerà nel regno

dei Cieli, ma chi fa la volontà del Padre mio che è nei cieli. Per cui la fede è

più un’opera che un pensiero, la fede è più un’opera che la mia opinione, la

fede è più un’opera che il mio sentimento, la mia emozione. E quale opera è?

L’Eucaristia, l’opera dell’amore, che spinge al dono della vita, fi no a morire

per l’altro. Tutti dobbiamo convergere qui, nell’Eucaristia. Perciò l’Eucaristia

viene celebrata ogni domenica a fondamento dell’educazione del Popolo santo

di Dio. E così siamo tutti nella pace; ma se io, Vescovo di Noto, me ne sto

andando all’inferno, perché così accadrà se non ho dato da mangiare agli affamati,

da bere agli assetati, se non ho vestito gli ignudi e se non ho soccorso

i bisognosi, e qualcuno di voi si presenterà di fronte al Padre eterno e il Padre

eterno gli farà le stesse domande: tu, mi hai dato da mangiare? Si! Mi hai dato

da bere? Si! E mi hai visitato quando ero nel carcere, nella solitudine? Si! Ah,

che bello! Vieni benedetto del Padre tuo, vieni, goditi il paradiso. E poi per

curiosità il Padre gli chiede: “Senti, ma da quando ti è venuto in mente di fare

così, di operare il bene?”. E magari uno di voi potrà dire: “Ho ascoltato una

predica del Vescovo di Noto”. Allora il Padre mi chiamerà: “Vieni, perché

magari non hai dato tu da mangiare agli affamati, non hai dato tu da bere agli

assetati, però qualcuno grazie a te si è convinto che era questo che bisognava

fare per essere dei credenti”. C’è speranza per tutti. Perché siamo Chiesa,

perché non sono io nella Chiesa, ma sono Chiesa e allora il bene che tutti

nella Chiesa fanno, lo fanno anche per me; perciò c’è speranza nella Chiesa

cattolica: perché le opere di bene che un san Francesco d’Assisi, un San

Corrado Confalonieri, una Madre Teresa di Calcutta hanno fatto, l’opera che

Gesù stesso ha realizzato, vale per me, allora io ho speranza, la speranza che

prima o poi mi convertirò e sarò in grado anch’io, Vescovo di Noto, nell’ora

della mia morte, di presentarmi al Signore secondo la sua volontà.

Ecco, caro don Franco, impegnati ad essere, come dice la seconda lettura

che abbiamo ascoltato, un Pastore fermo e docile; entra in relazioni affettuose

con la tua Comunità, ogni persona sia fi glia, fi glio per te e tu sii padre per loro

e, se vuoi, sii anche fi glio per loro e fratello di tutti. Questo affetto sia però

coltivato nel Signore e coltivare gli affetti nel Signore vuol dire impegnare

tutti nello stesso cammino di fede, di amore, di speranza, di giustizia, di amicizia,

di perdono e saremo un’unica famiglia.

Così sia


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 31

Omelia per la presentazione di don Giorgio Parisi

quale nuovo parroco della parrocchia Sacro Cuore in Noto

(Noto, Sacro Cuore, 18 ottobre 2010)

Fratelli e sorelle carissimi, un saluto particolare a tutti voi e ai confratelli

che celebrano questa Eucaristia, per voi insieme al Vescovo; saluto il Vicario

generale, il Vicario foraneo e in special modo don Salvatore Rametta e don

Giorgio Parisi.

Sappiamo tutti il motivo per cui celebriamo questa Eucaristia: la immissione

nel possesso canonico del nuovo Parroco; celebriamo una Eucaristia

di gioia; nella tradizione della Chiesa il Popolo di Dio non viene mai lasciato

solo, ma riceve una guida, un Pastore; ogni Parrocchia ha il suo Pastore,

come ogni Diocesi ha il suo Vescovo; non può esserci una Diocesi senza un

Vescovo, non può esserci un Vescovo senza Diocesi; anche i Vescovi che

non prestano il loro servizio in una Diocesi (pensate ai Nunzi Apostolici, ai

Vescovi ausiliari, ai Vescovi della Curia romana) sono titolari di una Diocesi.

Che bello! Questo rapporto è un rapporto sponsale. Non interessa chi sia il

Parroco in una Parrocchia o il Vescovo in una Diocesi, l’importante è che il

legame tra Parroco e Parrocchia, tra Diocesi e Vescovo non venga mai meno.

Questa è la Chiesa, questo legame d’affetto, questo legame d’amore che è tutto

orientato alla predicazione del Regno di Dio, a generare nel grembo della

madre Chiesa fi gli a Dio nostro Padre, che assomiglino al Padre. E questo lo

si fa grazie al Vescovo nella Diocesi e ai Parroci nelle Parrocchie. I Parroci

sono mandati dal Vescovo a nome di tutto il Presbiterio, perciò ogni Parroco

della Diocesi di Noto può diventare Parroco di qualsiasi Parrocchia, purché il

Vescovo lo mandi.

Che bello contemplare questo mistero, che qui possiamo solo tratteggiare

a grandi linee! Che bello contemplarlo, perché sapete cosa ci dice? Ci dice

che la Chiesa è una Comunione, è sempre una Comunione. E questa Comunione

della Chiesa noi stiamo cercando di valorizzarla, cioè di renderla più

visibile, c’è già, ma la dobbiamo rendere più visibile attraverso forme concrete,

quasi corporee, di maggiore cooperazione. Non è bello vedere il Vescovo

attorniato da questi Presbiteri? Quasi tutti sono Parroci della città di Noto e

perché, cari fratelli e sorelle, li dobbiamo vedere soltanto in momenti come

questi? Perché questi Presbiteri giovani intorno al Vescovo non li possiamo

vedere pregare insieme anche durante la settimana? Perché? Dove sta scritto?

Quando specialmente la liturgia delle ore è una liturgia comunitaria! Dove sta

scritto che un prete guida da solo la sua Parrocchia? In quale antiscrittura, in

quale antievangelo c’è scritto questo? Perché il Vangelo dice un’altra cosa. Il

Vangelo dice a tutti: “amatevi come io ho amato voi”, “io vi mando a due a

due”. La Chiesa è missione e il soggetto pastorale della missione nella Chiesa


32

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

di Noto è il Vescovo col suo presbiterio e allora occorre visibilizzare, cioè

rendere visibile, toccare quasi con mano che anzitutto il comandamento di

Gesù detto per tutti “Amatevi come io ho amato voi” vale per i Sacerdoti.

Voi soprattutto date testimonianza di come vi sapete amare, di come sapete

pregare insieme, di come sapete solidarizzare gli uni per gli altri, perché

il Popolo di Dio, vedendovi pregare insieme, vedendovi agire insieme, ne

resterà edifi cato. Anche da qui capirà, non soltanto dalle vostre belle parole

durante le prediche domenicali, che il Popolo di Dio deve essere uno, un

unico corpo, un’unica Chiesa, come uno solo è Dio, un solo Spirito, un solo

Figlio di Dio nella carne, che ci ha mostrato la cosa più grande, meravigliosa,

che potrebbe mai Dio comunicarci: sé stesso nel suo vero volto.

Io sono Padre per te! Ecco l’annuncio che libera, ecco l’annuncio che salva.

Lo sai che Dio è tuo Padre? Lo sai tu che nella forza dello Spirito, donato

da Gesù Risorto, puoi rivolgerti a Dio e dirgli: “Padre, Padre” e in questo

Padre nostro vincere quella tentazione di ritenerti di essere l’unico fi glio di

Dio sulla faccia della terra? E se non sei l’unico fi glio di Dio sulla faccia della

terra, perché sulla faccia della terra tutti gli umani sono fi gli di Dio, allora tu

capisci che se siete tutti fi gli, se siamo tutti fi gli, tra di noi siamo fratelli e

sorelle.

Veramente nella Chiesa si è fratelli e sorelle più di quanto uno non sia

fratello e sorella nella carne, nella sua famiglia. Qualcuno potrebbe pensare

che sia esagerato, ma è proprio così, perché questo legame di fraternità e di

sororità è un legame che non è fondato sulla nostra carne, sul nostro desiderio

di sentirci fratelli o sulla nostra elezione di sentirci fratelli: ti scelgo come

fratello! No! Questa fraternità è fondata sull’amore di un Dio che ha spinto

il dono della vita fi no a morire per noi, perciò è una fraternità consacrata dal

Sangue di Cristo.

Perché devi amare il fratello? Perché è simpatico? Perché ti può contraccambiare?

Perché è bene alla fi ne fare una cricca di amici, un gruppetto? Per

questo devi amare il fratello e lo vuoi amare? No! Tu il fratello lo ami perché

Gesù Cristo è morto per te e per lui e se il fratello dovesse assumere il volto

del tuo avversario, di chi ti pettegola e ti calunnia, tu lo ami, lo ami di più,

nella forza misericordiosa di un Dio che ti ha scavato il cuore e ti ha convinto

che c’è più gioia nel dare che nel ricevere e che solo l’amore ci salva e ci

libera tutti.

Vedete, perché sorge una Parrocchia? Per fare una chiesa, per abbellirla

di suppellettili? Perché sorge una Parrocchia? Per fare le nostre processioni?

Per questo sorge una Parrocchia? Proprio ieri ascoltavo in televisione una

trasmissione in cui si parlava della ritualità religiosa dei malviventi, dei malavitosi.

La criminalità organizzata, prima di cominciare a progettare e a fare le

cose, sapete cosa fa? Fa delle liturgie, ha i suoi santi, i suoi riti e c’era Sgarbi

in televisione che diceva che questi sono religiosi, mentre il Prete diceva:

“Ma che religione è questa?”. Certo, è una religione schizofrenica, è una re-


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 33

ligione contraddittoria, ma religiosi sono, non è che non credono in Dio, non

sono atei! Anche il diavolo crede in Dio, anche il demonio ha riconosciuto

Gesù passare per le strade della Palestina. Allora qual è il problema? Che io

creda che esista Dio? Qual è il problema? Che io vada e compia dei riti religiosi

dentro le chiese? No, no, non è questo il problema per cui il Parroco di

una Parrocchia deve guidare il santo Popolo di Dio. Il problema è che il mio

credere in Dio riconoscendolo Padre, mi aiuta a vivere come fi glio di Dio,

fratello tra fratelli, e mi mette su cammini concreti, storici, corposi di carità,

di fraternità, d’amore: è lì che si vede se sono un credente, non perché io sono

vestito con mitria, pastorale, anello e crocifi sso, perché forse per questi vestiti

potrei anche essere giudicato non credente, quando il povero e l’affl itto è lì

e io non lo riconosco. Nella parabola del samaritano passa lo scriba, passa

il sacerdote, passano su quell’uomo incappato nei briganti. Chi è il credente

lì? È il buon samaritano e Gesù dice di essere il buon samaritano. Com’è che

credi tu? Com’è che crediamo noi?

Vedete, nessuno è perfetto in questo mondo, ecco perché abbiamo bisogno

di essere guidati, incoraggiati, ammoniti, talvolta anche rimproverati: avete

sentito San Paolo a Timoteo? “Ammonisci, rimprovera”, ma tu devi avere

sempre in cuore il Regno di Dio, perché il popolo ha bisogno di essere guidato

sulla via di Gesù, che è la via dell’amore, della carità, della fraternità, non

la via della baldoria, non la via del protagonismo, non la via dell’esibizione.

Ogni Parrocchia non può vedersi in concorrenza con un’altra Parrocchia,

piuttosto immedesimata nel cuore dei bisogni dei più poveri e lì tutti impegnati

a curare, ad amare, ad avvicinarsi, a rendersi prossimi, perché Gesù

vuole questo. Non so chi ci ha messo in testa che bisogna fare altro, Gesù

vuole essenzialmente questo: che ci amiamo, che ci vogliamo bene, che noi,

se proprio dobbiamo competere, dobbiamo competere su chi ama di più.

Ecco, un Parroco è dato ad una Parrocchia così. E, badate bene, cattolico

è anche questo, che una Comunità cristiana riceva il suo Parroco e non se lo

sceglie. Chi avrebbe immaginato, io calabrese, qui a Noto, mica me lo sono

scelto io, mica mi avete scelto voi? E così anche per un Parroco, il Vescovo

pone un Parroco in una Parrocchia, lo “pone in”, non lo impone ma lo “pone

in”. E questo è molto bello, perché se è il Vescovo a porre in una Parrocchia

il Parroco e non lo eleggete voi, vuol dire che lui è libero di agire e anche voi

siete più liberi.

Nella Chiesa cattolica il Vescovo sceglie, e questa è una scelta per amore,

sapendo che il Parroco è posto in una parrocchia per 9 anni. Puntiamo sulle

cose essenziali e la cosa essenziale è l’affetto, l’affetto che lega un Parroco

alla Parrocchia, è l’affetto stesso con cui Gesù sulla croce ci ha amati, è morto

ed è risorto per noi. È in nome di questo affetto che noi non possiamo dimenticare

tutto il bene che i Parroci che si sono susseguiti in questa Parrocchia

hanno fatto; non possiamo dimenticare perché è un bene oggettivo, non è

semplicemente un ricordo della mia mente. Padre Rametta quanti anni è stato


34

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

qui? 50 anni. Che bella benedizione! Compiuti gli 80 anni, padre Rametta

non può continuare ad esercitare la funzione di Parroco, adesso c’è padre

Giorgio che era viceparroco. Padre Rametta non smette di essere quello che

era, sarebbe disumano. Nelle cose che valgono, che sono la nostra relazione

umana, il nostro affetto pieno d’amore, la nostra misericordia che guarda al

bene della Chiesa e del Regno di Dio, cambierà forse qualcosa rispetto a

padre Rametta? Per quello che egli potrà fare, fi n quando il Signore gli darà

forza ed energia, continuerà a fare in questa Comunità cristiana, tutto il bene

che egli ha fatto e per il quale io lo ringrazio. Lo abbiamo già ringraziato

quando abbiamo celebrato il 50° di ordinazione sacerdotale, ma in questa

occasione occorre ribadire un grazie, che poi non è un grazie mio personale,

ma è il grazie del Vescovo e quindi è un ringraziamento che è a nome di tutta

la Comunità diocesana e parrocchiale, ma anche a nome di Dio. Io vorrei, da

cuore a cuore, chiedere a padre Rametta, di continuare a supportare con la

sua sapienza, perché la sapienza viene con gli anni, non si inventa così e don

Giorgio, per quanto ha la sua età, 36 anni, però resta ancora un prete giovane

che ha certamente bisogno di consiglio, ha quindi bisogno della sapienza di

Padre Rametta per andare avanti. Siamo in una famiglia, no? E come in una

famiglia un papà che ha lavorato tanto tempo quando vede il fi glio cresciuto

dice: beh, fi glio mio, adesso guida tu l’azienda, però sappi che io ti sto dietro

le spalle, ti supporto, tu quando hai bisogno sappi che ci sono sempre al tuo

fi anco… e la Chiesa è una famiglia.

Ecco io vi auguro di accogliere padre Giorgio nella fede come vostro nuovo

Parroco. Voi lo conoscete già, certo ora come Parroco assumerà anche una

fi sionomia diversa. In che cosa consisterà questa fi sionomia? È certo responsabile

direttamente di tutte le attività che una Parrocchia deve fare; e allora

io ti invito, padre Giorgio, ad attivare tutte le collaborazioni necessarie tra

i fedeli laici, a formare questi ultimi, perché da collaboratori, siano sempre

più corresponsabili; impegna tutti quelli che lo vogliono, ma cerca anche i

“lontani”, specialmente i giovani. Capiscano i giovani che non hanno alternative

a Gesù Cristo. In questo mondo, per avere senso e signifi cato nella loro

vita, non hanno per niente alternative, perché le false luci delle alternative

del mondo sono bagliori accecanti e ordinariamente, chi non ci vede, se non

c’è qualcuno che lo sostiene e lo porta nella direzione giusta, cade nel fosso,

come Narciso. E questa società è terribilmente narcisista, specialmente nei

giovani tentati in questo narcisismo dalle televisioni, da questi programmi

spazzatura, continuamente visti, anche di notte, per creare una società di narcisisti,

di gente che vuole soltanto apparire, mostrarsi, vestirsi in un certo

modo ed esporre anche il proprio corpo al ludibrio della perversione in cui

questa società è caduta. Se vai a scavare nei giornali c’è sempre la notizia che

ti dice quanto è perversa questa società che mangia, beve, vuole solo piacere

e ha abbandonato le vie di Dio, non vuol sentire il Vangelo, non vuol sentire

la predicazione della Sapienza di un Dio che dice “Tu il fratello lo amerai,


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 35

mai lo offenderai, mai gli farai violenza, mai lo dominerai, mai lo sfrutterai.

Tu lo amerai, tu ti prenderai cura di lui, perché lui è tuo fratello e io sono

vostro Padre e dico a te, Caino di ogni tempo: dov’è Abele, tuo fratello? E

tu non mi puoi dire: “Non sono io il custode di mio fratello”, perché se l’hai

ucciso, mi devi dire perché l’hai fatto. Pensa a convertirti, aver pietà di te e di

tutti gli altri, rimetterti nel perdono di Dio, sulla via giusta, che è solo quella

dell’amore, della pace, della giustizia, della fraternità. Chiaro? Si è capito?

Sono stato diffi cile?

Ho detto che ci dobbiamo amare, che dobbiamo essere tutti fratelli, che ci

dobbiamo servire, che non ci dobbiamo offendere, che ci dobbiamo perdonare;

ho detto quello che Gesù continuamente ci dice e ho introdotto il vostro

Parroco, certo, spiegandovi un po’ come funziona nella Chiesa cattolica.

Certo, spero che i miei confratelli nel Sacerdozio si impegnino a lavorare

di più su questi temi, perché la gente queste cose non le sa, eppure sono state

dichiarate, scritte nel Concilio Vaticano II, riaffermate tante volte. Il Popolo

di Dio ha bisogno di sapere come vanno queste cose, Comunità di parrocchie;

qui, voi fate Comunità di Parrocchie con la Parrocchia del SS.Crocifi sso. E

che vuol dire questo? Vuol dire che siete Parrocchie distinte, ma siete un’unica

Comunità. Non è bello? Avere percorsi distinti e momenti unitari, insieme,

i giovani, i catechisti, gli operatori caritas e così tutti quelli che si vogliono

impegnare per il Signore, perché il Signore non è nei limiti del recinto di una

Parrocchia, il Signore è nel cuore di ogni uomo, ed è lì che aspetta e bussa alla

mia libertà e mi dice: ma tu quando vieni a trovarmi?

Allora ringraziamo il Signore per questo nuovo Parroco, io verrò a verifi -

care il cammino pastorale di questa Parrocchia e sono contento perché questa

Parrocchia è veramente ben impostata, è una Parrocchia vivace, però camminando

s’apre il cammino, non possiamo mai dire: “siamo arrivati! Basta,

non dobbiamo andare avanti”, noi dobbiamo sempre andare avanti sulle vie

dell’amore che Gesù ci chiede.

Così sia.


36

Messaggio per l’Avvento 2010

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

Ai carissimi fedeli dell’amata Chiesa netina, insieme ai vostri parroci e a

quanti collaborano con il Signore e si sentono “servi” operosi nella sua vigna,

pace e benedizione.

Ma anche a voi, carissimi fratelli e sorelle che vi sentite lontani dalla

Chiesa, perché ritenete di non condividerne le dottrine e la predicazione o gli

stili di vita e gli atteggiamenti, pace e amicizia in Gesù, il cui messaggio di

vita è sapienza e intelligenza, senso e verità per tutti.

Il tempo di Avvento è per i cristiani un “tempo liturgico” importante. Li

vuole preparare al Natale, cioè alla memoria della venuta nella carne del Figlio

di Dio, il piccolo di Betlehem che è però una “buona notizia” di speranza,

di pace e di amore per tutta l’umanità, per ogni uomo “di buona volontà”, per

tutti gli uomini amati da Dio, lo vogliano o no.

Così, il tempo di Avvento sviluppa signifi cati straordinariamente decisivi

per l’esistenza di chiunque “porti un volto umano” e desideri renderlo veramente

bello, contro ogni tentazione di abbrutimento, al didi ogni inevitabile

limite e debolezza. Se sei un uomo, poniti anche l’interrogativo: “sono

umano?”. Se vuoi misurare quanto e come sei umano, domandati: “quali sono

le forme concrete e gli spazi oggettivi o i tempi precisi nei quali splende la

mia umanità”?

Per tutti, il tempo di Avvento, è tempo di interrogazione, di sosta per meditare

e attingere nelle profondità del nostro essere, le esperienze elementari

della vita che ci consentono di gustare la nostra umanità, la bellezza d’essere

umani, per poterne partecipare quanti ci attendono sulla soglia del bisogno,

delle tante povertà, dei grandi o piccoli progetti di solidarietà.

«Vegliate dunque, perché non sapete

in quale giorno il Signore verrà»

(Mt 24, 42)

Nessun angolo della nostra storia è creato invano: non ci siamo mai trovati

in una strada senza uscita. Non abbiamo mai incontrato un volto inutile, non

abbiamo mai sentito una canzone senza senso. Ogni sfumatura, ogni evento,

ogni immagine, ogni episodio della nostra esistenza illumina il nostro essere

e costruisce in noi percorsi inaspettati di meditazione e di crescita interiore.

Ma, come possiamo cogliere tali segni? Come possiamo capire la vocazione

della nostra anima e seguirla? Come possiamo passare dalla solitudine

all’Amore, dalla separazione all’unione, dal dolore all’estasi della gioia? Il

cristianesimo autentico è sfi da per tutti con la sua risposta: l’unica chiave di

lettura attendibile è aprire il nostro cuore a Dio, unica forza dell’universo in


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 37

grado di guarire ogni male e trasformare ogni solitudine. Il Dio dei cristiani

ci chiama per nome, desidera la nostra gioia e combatte attivamente con noi

per essa, manifestandosi continuamente nella storia a quanti lo amano e lo

servono nell’amore del prossimo, a quanti vedono al di là delle porte chiuse

i bisogni del cuore umano, a quanti credono fermamente che Dio esista e sia

proprio quello dei giorni nostri. È l’alchimia dell’Avvento, paradigma intramontabile

della storia unica irripetibile dell’Amore di Dio per l’uomo, di un

presente che “è” e che “diviene”, in quanto ha già in sé una nitida visione

di prospettiva, un ampio orizzonte, sicché anche quando la vita ci dirà “hai

fi nito di ridere e di piangere”, è allora che ci sarà ancora promessa una vita

“immensa e sconfi nata”.

L’Avvento diventa perciò, per noi credenti, l’attesa instancabile di Dio

che scende in mezzo a noi e rinnova tutte le cose. Nella venuta del Messia,

fi glio di Dio nella carne umana, atteso per lunghi secoli e nato nella povertà di

Betlemme, è la promessa salvifi ca di un nuovo cielo e di una nuova terra: è la

certezza feconda che il deserto arido della storia dei tempi possa fi orire e diventare

il giardino della solidarietà e dell’Amore tra gli uomini; è il conforto

costante e la luce abbagliante per quanti abbiano smarrito la strada della fede

e vivano l’esperienza degradante della cecità della paura e della disperazione;

è il desiderio intimo dell’incontro defi nitivo, vero, travolgente con Cristo, il

nostro “Sì” al Signore che bussa alla porta dei nostri cuori, per la realizzazione

del suo progetto di salvezza: è la speranza di cambiare radicalmente la nostra

esistenza alla luce del suo insegnamento di carità e di umiltà, il “kairós”

divinizzante, l’occasione favorevole per il riscatto della nostra dignità di fi gli

di Dio; è la fi nestra spalancata sull’eterno, dove passato, presente e futuro

confl uiscono nell’incarnazione di Colui che è venuto, che viene e che verrà.

Tutto questo è la risposta al grido con cui si chiude la sacra Scrittura: «Maranatha!

Vieni Signore Gesù».

L’attesa è la dimensione fondante del nostro vivere. Noi tutti attendiamo

l’orario di lavoro, l’ora di pranzo, attendiamo il 18° compleanno dei nostri

fi gli, attendiamo l’avanzamento di carriera. Va bene, è tutto legittimo. Ma non

basta per colmare il senso vero dell’attesa umana: i credenti devono attendere,

nella concretezza della preghiera e di piccoli gesti quotidiani di carità, il

giorno ultimo in cui il Figlio dell’Uomo ritornerà, consapevoli che l’avvento

di Cristo nella storia - e, in modo particolare, nella nostra vita -, non è prevedibile.

L’attesa cristiana non si confi gura come deresponsabilizzazione; anzi

essa chiede di porre segni concreti di speranza, di assumere le ansie degli

uomini e delle donne del nostro tempo, le esigenze più profonde delle nostre

città. Alcune iniziative di solidarietà della nostra diocesi nascono proprio dal

desiderio di voler sostenere le attese più vere della nostra gente, a partire

dai più deboli: la denunzia dell’emergenza sanitaria sollevata dalla questione

degli ospedali di Noto-Avola, la fi rma di un patto sociale con i Comuni del

territorio per il superamento della grave crisi sociale che vivono, la vicinanza


38

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

espressa ai piccoli commercianti e artigiani che a Modica, e non solo, vivono

schiacciati dal peso dei debiti di natura fi scale.

Quando ci sembrerà che Dio ormai non possa più far parte della nostra

vita, giungerà la sua venuta sorprendente e improvvisa, a ricordarci che è

necessario vigilare sempre nella fede, guardando all’ultimo giorno non come

a un momento ritenuto lontano, bensì come occasione miracolosa di un presente

dotato di senso: il senso della condivisione e del perdono. Si ritorna così

al cuore della nostra fede nel mistero di Cristo che si offre continuamente con

amore per la nostra salvezza, che ci assicura il suo sostegno anche quando

il presente diventa faticoso, che ci apre il cuore alla solidarietà e alla condivisione

con i nostri fratelli, soprattutto quelli in situazione di bisogno e in

condizioni di particolare povertà.

«Ecco, sto alla porta e busso.

Se qualcuno ascolta la mia voce

e mi apre la porta, io verrò da lui,

cenerò con lui ed egli con me»

(Ap 3, 20-21)

Di solito non siamo abituati a badare alla direzione che prendono le nostre

vite. Alcune volte sono “piene” di cose da fare a tal punto da dimenticare

chi siamo e dove andiamo. Altre volte, invece, sono vuote, prive di interesse

alcuno, tanto da trascinarsi noiosamente, aspettando che accada chissà cosa

per vincere monotonia e routine. A volte ancora pensiamo persino di dover

attraversare interi mondi per scoprire la nostra vocazione, mentre tutto quello

che ci serve è sotto i nostri occhi. In altre situazioni, il tempo che passa,

purtroppo, ci vede protagonisti sonnacchiosi di pagine banali di un libro già

letto: incapaci di comprendere come i singoli eventi della giornata siano cenni

che Dio ci rivolge, segni dell’attenzione che ha per ognuno di noi. Talvolta

ci lasciamo travolgere da storie che non ci appartengono e che riescono a

diventare abituali per noi, dal non senso di una vita priva di affetti veri e di

occasioni concrete di comunione con gli altri, carente della possibilità esaltante

di vivere l’Amore ad ogni costo e senza compromessi.

È allora che gli schemi quotidiani della nostra vita, la lista delle cose da

fare, dopo un po’ fi niscono per confondersi con i disegni della nostra impronta

dell’anima. Forse, dopotutto, la mia vita è questa - sussurriamo a noi

stessi -, dimenticando la motivazione profonda del nostro essere vivi, qui e

ora! Il Signore sta alla porta e bussa continuamente, perché al di là delle cose

materiali, della bramosia del potere, dei soldi e del piacere, ognuno di noi lo

faccia entrare nel suo cuore, appagando fi nalmente il bisogno di un Oltre a cui

spesso non sappiamo dare un nome, ma che ci rende sempre inquieti: desiderio

di infi nito, desiderio di Dio che nulla può tacitare, tanto meno i surrogati


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 39

che la società offre a buon mercato. Ciascuno di noi è oggetto particolare

dell’attenzione di Dio: di quel Dio che prima di tutto ci ha chiamati alla vita

e che soprattutto, quando venne la pienezza del tempo, ci ha donati suo fi glio

Gesù nel mistero del Natale e della sua incarnazione.

«Quando venne la pienezza del tempo,

Dio mandò il suo Figlio»

(Gal 4,4)

La pienezza del tempo non è tanto il tempo favorevole (kairòs) dalla parte

degli uomini, ma è piuttosto qui il tempo favorevole dalla parte di Dio: è il

momento nel quale Dio non ha potuto più assistere indifferente alla storia di

peccato dell’uomo (se mai lo abbia fatto in qualche istante) ed è esploso in un

gesto di Amore defi nitivo e ultimo. Assoluto, che spalanca un varco inedito,

radicalmente nuovo, dentro la storia umana. Con l’Incarnazione del Figlio,

Dio Padre accende, nel freddo dell’egoismo e del rancore, il fuoco dell’Amore,

un roveto ardente che continuamente brucia e non si consuma mai.

L’Avvento, in tal senso, ci invita a sostare in silenzio per capire una presenza.

Grida ad alta voce che ci è stata donata un’opportunità per aprirci a

Dio del quale portiamo dentro di noi un innato bisogno. C’impone un cambiamento,

in quanto l’ascolto della sua Parola non può lasciare indifferenti né

tantomeno inoperosi. Dirsi cristiani è ben poca cosa: occorre esserlo e dimostrarlo

nella vita concreta. E’ Dio Padre che fi n dalla notte dei tempi attende

pazientemente che i suoi fi gli ritornino a casa, che lo cerchino ardentemente,

che in Lui confi dino, che lo seguano senza esitazione. In questa dimensione,

quindi, l’attesa di salvezza dell’uomo si unisce indissolubilmente con l’attesa

di Amore di Dio, generando l’attesa dell’Eterno che ci vuole fermi nelle tribolazioni,

perseveranti nella preghiera, saldi nella fede, speranzosi nel ritorno

di Gesù Cristo, giudice unico e inappellabile della storia.

«Beato chi trova in te la sua forza

e decide nel suo cuore il santo viaggio»

(Salmo 83,6)

Noi tutti dobbiamo custodire sempre nel cuore l’attesa della venuta e del

ritorno di Gesù. Quest’attesa illumina la nostra vita, ci offre il criterio giusto

di valutazione del presente, mentre infonde una grande consolazione nelle

inevitabili prove dell’esistenza e nelle ricorrenti diffi coltà della storia umana.

Dobbiamo riaccendere e ravvivare la lampada dell’attesa senza la quale

siamo sbandati nella tempesta degli avvenimenti di ogni giorno. Dobbiamo

sentirci ospiti e pellegrini di questo mondo, rinunciando alle tentazioni di sen-


40

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

tirci arrivati e appagati. Dobbiamo credere che Gesù sia ancora, ogni giorno,

in mezzo a noi, che siano gli uomini a renderlo vivo con le loro azioni e con

le loro decisioni e che nello scenario di questo mondo, tanto seducente quanto

effi mero, passi tutto velocemente, tranne l’Amore di Dio, quell’Amore che

ha il volto delle braccia aperte di un bambino povero e indifeso nato in una

grotta e di un uomo crocifi sso ingiustamente per i nostri peccati.

Perciò i nostri peccati sono “dissolti nel vortice di un amore che addirittura

li sa anche valorizzare” per la nostra conversione e per la nostra maturazione

nella fede: sublime mistero della misericordia di Dio, unica vera forza

di cambiamento e di trasformazione della storia degli uomini, dei gruppi e

delle comunità, delle nazioni. Quale grande miracolo l’abisso della misericordia

di Dio resa disponibile alla povertà di tutti gli uomini. Si, l’offerta è

per tutti, perché Gesù crocifi sso con la sua morte e il suo perdono solidarizza

per gli innocenti e non di meno espia per i colpevoli. Dobbiamo ammetterlo,

nella nostra vita gli errori commessi ci portano spesso in luoghi che altrimenti

forse non avremmo mai visitato, ci consegnano ad idee che altrimenti forse

non avremmo mai preso seriamente: ci pentiamo dei nostri errori e dei nostri

peccati, nella consapevolezza credente che l’amore misericordioso di Dio recupera,

misteriosamente, un certo signifi cato in ogni sentiero percorso, per

nutrirci e farci maturare nella nostra umanità di uomini deboli, ma amati e

perciò sempre vittoriosi “nel suo perdono”.

Durante il nostro viaggio umano, sovente, ci siamo sentiti vasi imperfetti

chiamati però a contenere la luce di Dio. L’Avvento invoca per tutti un coraggio

nuovo: nessuno deve avvilire la speranza che ogni giorno porti una nuova

rivelazione della nostra irripetibile bellezza e della bellezza incommensurabile

di ogni anima.

Preghiamo intensamente dunque, in tempo di Avvento. Preghiamo tutti.

Preghiamo per tutti. In particolare i presbiteri e i diaconi preghino l’Uffi cio

delle Ore recuperando l’esperienza elementare e, profondamente umana, del

lavoro: il lavoro trasforma, il lavoro redime la storia. Si deve perciò lavorare

con la preghiera. Si può/ si deve trasformare la preghiera in lavoro quotidiano,

perché le ore del tempo che scorrono diventi “ore divine”, cioè tempo in

cui l’Eterno splende nella bellezza del volto umano sognato da Dio, “prima

che il mondo fosse” in Gesù Cristo.

Preghiamo perchè ognuno di noi possa trovare il delicato equilibrio tra

pace e passione, pazienza e aspettativa, attenzione a sé e attenzione all’altro;

perchè ognuno di noi possa sentire la chiamata e rispondere con coraggio; è

perchè ognuno di noi possa conoscere l’appagamento del raccontare la propria

storia di santità e di vederla accolta, ma anche di ascoltare attentamente le storie

di coloro che Dio ama e che, per l’amore di Dio, anche noi amiamo (vicini

o lontani che siano, amici o anche avversari, fratelli o addirittura nemici).

In questo veniamo sostenuti dall’esempio di totale donazione didella

Vergine Maria, dalla sua stessa grazia che vuole condurci tutti in para-


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 41

diso, Santa Maria scala al paradiso. Sia Lei ad infi ammare il nostro cuore

del desiderio di cercare Dio, perché ognuno in totale libertà decida nel suo

cuore d’intraprendere il santo viaggio della conversione all’Amore, l’eterno

dell’Amore che si dona e che raggiunge ogni persona, in quei luoghi dove

vengono convocate dalla vita e sono misteriosamente attese, per dire “si”,

come Maria in quella grotta di pietra:

«In una grotta di pietra

si inchina il cielo alla terra

l’istante è riempito del tempo

la grazia trabocca

in un fi ume in piena

qui nella carne

tempio splendente

il patto consuma

si e si

due si

fi at e fi at

un dialogo eterno

Dio parla all’uomo

qui

a Nazareth

città del fi ore

la donna è aperta per Dio

disposta all’amore

un dono toglie sigilli

all’arcano dei tempi

concede alla spada

la ferita dell’anima

si compia la tua volontà

anticipa l’immolazione

trono del sangue che salva

Fanciulla che si regala

Fiat d’ogni esistenza

qua tutti nasciamo

attimo per attimo

dal latte delle tue mammelle

tutti ci nutriamo

chi ci separerà dalla madre?»

(da È nuovo il giorno, pp.18-19)

+Antonio, vescovo


42

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

Omelia per la commemorazione dei fedeli defunti

(Noto, Cimitero, 2 novembre 2010)

Carissimi fratelli e sorelle,

nel futuro, per noi umani, per noi credenti, nel futuro, c’è la gloria. Ecco

il nostro destino: la gloria futura. Sì, perché siamo umani, uomini e donne

creati a immagine e somiglianza di Dio; dentro la nostra vita portiamo la Sua

gloria. “La gloria di Dio è l’uomo vivente” diceva Sant’Ireneo. Nel futuro

c’è il destino della Gloria per l’uomo, per ogni uomo creato a immagine e

somiglianza di Dio. Questa gloria dell’uomo è Dio stesso: la gloria di Dio è

l’uomo che vive e l’uomo che vive è la gloria di Dio. Perché siamo umani e

perciò se umani noi non siamo come le bestie, come le piante, come le pietre;

non siamo come le bestie forse perché abbiamo corpi diversi? Anche le bestie

hanno corpi; non siamo come le bestie forse perché noi abbiamo movimento?

Anche gli animali si muovono, alcuni molto più velocemente degli esseri

umani.

Se c’è un motivo per cui noi non siamo come le bestie destinati a perire,

ma siamo umani destinati a morire, è perché attraverso la morte abbiamo

come destino la gloria futura e perché in noi, e solo in noi, su questa terra,

nell’universo, vive una scintilla di divinità. Noi siamo stati creati ad immagine

e somiglianza di Dio, della sua gloria. Ecco perchè in questa vita noi siamo

Epifania della gloria. Dobbiamo rendercene conto per capire perché il nostro

destino umano non può essere minimamente adombrato. Un cimitero non è

il nostro destino perché noi siamo chiamati a risorgere, a resistere alla morte,

oltre la morte, attraverso la morte; noi resistiamo nella vita, nella vita eterna

perché noi umani siamo di più di questa carne che diventa polvere. Siamo

molto di più di quei cadaveri che ormai, in queste tombe che vediamo, non

esistono più, perché sono ridotti a nulla, a niente; non è il cadavere la nostra

identità; la nostra identità è la gloria di Dio che su questa terra si manifesta

in noi e che nell’ora della nostra morte splenderà quando lo vedremo faccia

a faccia.

Questo Dio che è Padre, lo vedremo così com’è. E lui, come Padre misericordioso,

ci accoglierà dicendoci venite benedetti del Padre vostro, perché

voi non siete come gli animali, come le piante, come le pietre, voi siete fi gli

miei; godetevi il paradiso, l’eternità, la gloria futura, nella gioia, nella pace,

nella giustizia, nella pietà, nell’amore, nella misericordia, in questa fraternità.

Nell’ora della nostra morte potremo contemplare piena, compiuta, una fraternità

che non prevede più il dolore, la sofferenza, perché nessuna lacrima scenderà

mai più sul volto delle madri. Vedere il Padre, vedersi nel Padre, vedere

la sua gloria, l’amore infi nito, nell’oltre di questa vita. Vedersi nel Padre…!

ll nostro amore, la nostra gloria, la nostra fraternità, la nostra amicizia, tutte

le opere di bene che avremo compiuto, tutte le opere di bene che altri, grazie


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 43

a noi, hanno compiuto.

Splenderà questa gloria e ognuno di noi si meraviglierà e potrà dire al Padre:

“Padre, ma questa gloria che adesso è in me, si esprime in me attraverso

te, è proprio mia? Sono stato proprio io che ho compiuto tutto questo amore

infi nito che splende nel mio corpo risorto?”. “Sì, è proprio tua questa gloria,

perché tu sei stato un operatore di bene e operando il bene hai suscitato in

tante altre persone energia di bene, il coraggio del bene. Sicché di generazione

in generazione, attraverso la tua vita, il bene nella storia è cresciuto e ha

sollevato gli uomini dalla miseria, ha alleviato le sofferenze di qualcuno, ha

sfamato il morto di fame, ha soddisfatto la sete di chi aveva bisogno di bere,

si è avvicinato a chi era nudo e lo ha vestito…”. Capisci? Hai consolato gli

animi disperati, in questa valle di lacrime, dove tutti siamo attraversati dal

dolore; nessuno sfugge al dolore, il nostro vero bene comune.

C’è un’esperienza che ci rende simili, che ci accomuna come esseri umani:

il dolore, la sofferenza. E nel momento del dolore, della sofferenza c’è

bisogno che qualcuno ci stia vicino, forse facendo silenzio, ma mostrandoti

quell’amicizia, quella relazione affettiva che parla senza parole e ti comunica

“io ci sono, sono qui con te, ti sarò prossimo, puoi fi darti di me, non abbandonarti

al tempo del tuo dolore per la sofferenza, perché io sono qui con te”.

Ecco la gloria che splenderà, quella gloria che noi avremo in qualche modo,

sia pur inizialmente posto dentro, tra le cose ordinarie della nostra esistenza

quotidiana. Ecco la gloria che splenderà. Il Padre aggiungerà del suo, renderà

piena questa briciola di gloria, perché ci vuole bene, perché ci ama, perché

vuole che i suoi fi gli, come ogni padre qui su questa terra, che vuole bene ai

suoi fi gli, vuole che i suoi fi gli godano nell’eternità il posto in paradiso che

lui ha preparato per noi prima che il mondo fosse. E allora allo specchio della

morte, qui in questo cimitero, le nostre parole, cari fratelli e sorelle, dovrebbero

diventare essenziali; lo dico anzitutto a me stesso e poi ai miei confratelli

Presbiteri che hanno l’urgenza, attraverso la predicazione ai cristiani, di rianimare

la speranza della vita futura, perché la speranza della vita futura diventi

qui su questa terra forza di cambiamento, di conversione e dunque porti il

frutto dell’amore, della carità.

Diversamente, cari fratelli presbiteri, qui organizziamo solo burocrazia

sacrale, celebriamo le messe, viviamo le ritualità, organizziamo le Parrocchie

e talvolta facciamo operazione di babysitteraggio con le famiglie che hanno

bisogno che i loro bambini in qualche modo se ne vadano fuori, lì in giro, per

un po’. Non accade nella vita di un cristiano, dei credenti quella conversione

che soltanto la morte guardata in faccia può portare agli uomini, perché la

morte dice il nostro fallimento, dice la nostra umiliazione, ma ci rende umili,

ci porta con i piedi per terra e ci fa capire quali sono le cose essenziali: e

la cosa essenziale non sono le chiacchiere con cui noi costruiamo le nostre

maschere; le cose essenziali sono queste: ci vogliamo bene o no? ci amiamo

o no? Ci perdoniamo o no? Socializziamo o no? Siamo vicini gli uni gli


44

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

altri nel tempo e nel luogo del nostro bisogno o no? Diamo da mangiare a

qualcuno o no? Diamo da bere a qualcuno o no? Altro che estetiche religiose

delle bellezze dei monumenti; una cattedrale come la nostra è bellissima, ma

se questa cattedrale non diventa il luogo di una predicazione cristiana forte,

di una conversione radicale, di una penitenza vera, la sua bellezza estetica

è nulla, anzi diventa disgraziatamente un ostacolo alla nostra gloria futura,

alla nostra salvezza, perché, ahimè, cari fratelli e sorelle, lo dobbiamo dire:

è inutile, non ci possiamo illudere, Gesù ce lo ha detto nel Vangelo: il Padre

ci vuole tutti santi, ma la tua salvezza attraversa lo spessore potente della tua

libertà, per cui Lui ti vuole salvo, ma tu liberamente potresti non volerlo e decidere

di non salvarli, e decidere di andare altrove che in quel posto preparato

da te prima che il mondo fosse, che noi chiamiamo paradiso, dove c’è tutta

la nostra gioia, la nostra felicità, la nostra bellezza, la nostra ricchezza. Tu

con la tua potente libertà potresti dire al Padre: “No, questo posto glorioso io

non lo voglio, della gloria futura non so che farmene”. Cerchi invece spazi

di oscurità, di tenebra, quella che noi chiamiamo inferno, dove sarà pianto e

stridore di denti. Voltare le spalle al Padre signifi ca non aver cura della nostra

dignità di fi gli di Dio e questo sputare in faccia alla nostra dignità di fi gli di

Dio è molto semplice.

Cari fratelli e sorelle, quando rifi utiamo la dignità di fi gli di Dio e disprezziamo

la nostra umanità, quando non amiamo come Dio ci ama, quando

non accogliamo il fratello, decidiamo di disprezzare quella scintilla divina

che splende in noi e ci rende diversi dagli animali, dalle piante, dalle pietre.

Siamo esseri umani, capaci dell’amore unilaterale senza condizione. Non un

amore calcolato, ma un voler bene nella libertà di quell’amore che non esclude

neanche gli avversari e i nemici perchè è infi nito come l’amore di Dio.

Solo nelle opere della misericordia splende la scintilla divina che ti rende

un uomo degno del Padre, un fi glio di Dio. E questo vale per tutti.

Ringraziamo i nostri morti perché loro, con la loro morte, ci hanno lasciato

una grande lezione di vita, ci hanno detto: “Sii intelligente, non pensare di

avere troppo tempo; adesso muoviti a operare il bene, non l’anno prossimo,

perché l’anno prossimo potresti non esserci più qui”. Da quando mio fratello

è morto improvvisamente, l’8 ottobre dello scorso anno, nella sua giovane

età, il pensiero della morte è quotidiano in me e talvolta mi crea un senso di

paura; talvolta invece mi incoraggia a vivere meglio il tempo che ho a disposizione.

Capisco cos’è il dolore e la sofferenza, ma capisco anche che non

c’è tempo: la morte ha una doppia faccia, trasmette l’amarezza e la paura di

una vita che può perdersi in un istante, ma può diventare anche grazia di un

coraggio nuovo che mi converte il cuore dal profondo e fi nalmente mi rende

uomo umano, umano nell’amore.

Così sia.


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 45

Omelia per la presentazione di don Gianluca Manenti quale

Amministratore parrocchiale della parrocchia S. Gaetano in

Portopalo di Capopassero

(Portopalo di Capo Passero, S. Gaetano, 3 novembre 2010)

Cari fratelli e sorelle, un saluto particolare al signor Sindaco all’Amministrazione

comunale, alle Autorità civili e militari, ai confratelli nel Sacerdozio

e nel Diaconato, a don Gianluca e ai suoi familiari.

È un momento bello di gioia, di festa; é il momento in cui viene conferito

a un giovanissimo Sacerdote di appena un anno di ordinazione un incarico

pastorale importante: guidare una comunità cristiana sulla via della fede, sulla

via di Gesù. Compito gravoso, diffi cile, ma non impossibile. Se è gravoso, è

anche leggero, se è diffi cile è però possibile ed è anche facile perché, nella

vita della Chiesa nessuno porta i pesi da solo, perchè la Chiesa è un cammino

vivente di persone corresponsabili, di gente cioè appassionata della vita di

Gesù. In questa storia appassionata ci si mette al servizio: è il compito gravoso

di un parroco, della comunità cristiana, di un Vescovo; ma anche un peso

leggero, come dice Gesù: “prendete su di voi il mio gioco perché il mio carico

è leggero”. La comunità cristiana è viva ed è viva nel tempo, nella tradizione,

nella successione apostolica dei Vescovi, anche il Papa non mancherà mai

nella Chiesa anche se cambia la persona chiamata a questa missione. Importante

è che la Comunità cristiana sia sempre viva; al posto dove voi siete

seduti 100 anni fa c’erano altre persone, adesso ci siete voi e fra cinquant’anni

ce ne saranno altri.

La Chiesa è viva, cammina nel tempo, l’importante è andare al cuore

dell’evento cristiano che deve essere comunicato. Nella Chiesa non possiamo

fermarci alle cerimonie, queste sono uno strumento, un’occasione per entrare

nel cuore pulsante di quell’amore che Dio ci chiede quando ci dice “amatevi

come io ho amato voi amatevi come io ho amato voi”.

Così si origina la fede, così cresce una comunità cristiana di fede e di vita.

La nostra fede chiede di più rispetto all’osservanza fredda di un precetto,

ti chiede: “amatevi come io ho amato voi”. Grande conversione, grande cambiamento

di mentalità. A Portopalo c’è una Parrocchia perché ci sono quelli

che vogliono restare nella via; la Chiesa è una via, la via di Gesù, “Io sono la

via”.

Tutti capiscano, si convincano che devono amarsi come Gesù ha amato

loro. Così splende una Chiesa che vuole essere autenticamente se stessa in

questo mondo. Ciò vuol dire che se non ci amiamo come Gesù ci ha amati,

non potremo dire di essere cristiani. Saremmo un club, un gruppo di amici,

ma non la Chiesa di Cristo che vive di una mentalità nuova. I cristiani si

amano non secondo l’adagio classico “non fare agli altri ciò che non vuoi sia


46

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

fatto a te”, ma secondo il comandamento nuovo di Gesù “amatevi come io ho

amato voi”.Questo è molto di più che “ama il prossimo tuo come te stesso”,

perché “amatevi come in ho amato voi” vuol dire “ama il prossimo tuo più

di te stesso perché io ho amato te non come me stesso ma più di me stesso

perché per te ho donato la mia vita sulla croce”.

Questa Chiesa siamo chiamati ad essere, perchè solo questo volto di Chiesa,

abitato dallo Spirito, può dire tanto anche ai giovani che, diversamente, ci

abbandonano subito dopo la Cresima.

Don Gianluca deve guidare questa Comunità cristiana a fare cosa? Le cerimonie

sacre? Quello che vuole la gente? Quelle cose che sono state stabilite

di generazione in generazione, le cosiddette tradizioni folkloristiche?

Ma dov’è la fede? In una processione religiosa si deve vedere la fede, non il

folklore. La tua devozione al Santo deve manifestare la tua fede, non il tuo

folklore.

Dio vuole che noi ci amiamo come lui ci ha amato. Dio vuole che diventiamo

prossimi dell’altro nell’amore. Questo vuole Dio.

Gianluca, tu sei in una Comunità cristiana per coltivare l’interesse della

fede, perché sei convinto, essendo Prete, che soltanto la fede rigenera il cuore,

cambia la vita, rende gli uomini più umani, perchè senza la fede gli umani

sono inoltrati nelle strade larghissime della perversione.

E quali sono le forme della disumanità che è così diffusa nella nostra cultura?

Sono le forme del disprezzo e dello sfruttamento dell’altro.

Oggi si parla tanto di amore, ma in realtà non si ama, si cerca il piacere.

L’amore dispone al sacrifi cio di sé per la gioia dell’altro; questo è l’amore!

Voler bene a qualcuno, vuol dire essere disposti ad orientare la propria vita

anche al sacrifi cio, a rinunciare alle forme del proprio piacere per l’altro.

Io vi dico a che cosa serve una parrocchia, così voi capite anche che avete

fatto bene a raccogliere tutte queste fi rme per don Palacino, ma avete fatto

bene soltanto per aver testimoniato così il vostro affetto per lui, ma la vita

della Chiesa è un’altra cosa, perché qui c’è un solo Parroco e voi siete tutti

fratelli e io sono padre per voi nella misura in cui trasmetto la paternità.

La parrocchia è scuola di educazione alla vita buona del Vangelo. I Vescovi

ci esortano a rivedere se siamo buoni nella vita secondo il Vangelo e la bontà

del Vangelo ha una misura alta. Gesù qui ci provoca e ci dice: tu che vieni

a fare appresso a me, sei un cattolico, sei un cristiano, mi segui sul serio? In

questa generazione perversa e malvagia tu vuoi splendere come un astro nel

mondo, vuoi essere buono secondo il Vangelo? Certo, non è semplice, non è

come alzarsi al mattino, lavarsi le mani, mangiare, andare a scuola.

In Paradiso ci andremo se avremo dato da mangiare all’affamato, da bere

all’assetato, se avremo soccorso l’ignudo, il carcerato, l’ammalato, ecc.

La Parrocchia è educare a essere uomini, a vivere nella bontà, nella solidarietà,

ad essere discepoli di Gesù: “se uno viene a me e non mi ama più di

quanto ami il padre, la madre, la moglie, i fi gli, i fratelli…”.


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 47

Tutto questo può sembrare assurdo, insensato, irrazionale. Ma ci rendiamo

conto di ciò che Dio ci sta chiedendo? Egli ci sta invitando ad amare Lui più

di tutto per amare tutto nella verità.

Ci siamo mai chiesti perchè l’uomo di oggi non riesce ad amare? Perchè

le famiglie oggi si sgretolano? Perchè non si considera un valore la fedeltà?

Perchè si tradisce con facilità? Se si amasse Dio più della moglie, non si tradirebbe

mai la moglie infatti tutti quelli che amano qualcuno perchè amano

Dio non lo tradiscono mai.

Madre Teresa di Calcutta, quando ricevette il premio Nobel, alla domanda

come mai volesse così tanto bene ai poveri, rispose: “Io non voglio bene ai

poveri; se volessi bene ai poveri, domani li tradirei; io voglio bene a Gesù,

perciò non tradirò mai i poveri”.

I drammi familiari, i disordini affettivi esistono perchè pretendiamo di

amare i nostri fratelli più di Dio.

Cari fratelli e sorelle, vivete nella gioia. Sapete già che il nostro Gianluca è

Amministratore parrocchiale e non parroco, anche se lo è di fatto. Questo vuol

dire che il Vescovo, in qualunque momento, può chiederne la disponibilità

per un altro servizio pastorale.

Io spero che don Gianluca si trovi così bene qui con voi e che anche voi

vi troviate bene.

Così si sia.


48

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

Omelia per la presentazione di don Maurizio Novello quale

nuovo parroco della parrocchia S. Giovanni Battista in Avola

(Avola, S. Giovanni Battista, 4 novembre 2010)

Carissimi fratelli e sorelle,

saluto con deferenza le Autorità civili, il signor Presidente della Provincia

di Siracusa, l’Amministrazione comunale di questa Città, il Signor Sindaco

di Noto.

Saluto con tutto l’affetto del mio cuore i confratelli Presbiteri e Diaconi

che sento sempre di più, a mano a mano che avanza l’esercizio del mio ministero

episcopale, veramente fi gli nel mistero del sacramento della Paternità

di Dio. Figli indispensabili perché la fraternità cristiana si sviluppi in questa

storia e nel mondo.

E saluto anche, in particolare, il Vicario generale Don Angelo Giurdanella

e Don Maurizio Novello che in questo giorno inizia il suo ministero parrocchiale

qui, in questa Parrocchia, bella perché viva, ricca di risorse umane, di

carismi, di ministeri, un corpo ben compaginato.

Sono contento che proprio oggi don Maurizio faccia il suo ingresso, la sua

presa di possesso canonica oggi, nel giorno di San Carlo, un giorno particolarmente

caro a me perché per anni, avendo studiato nei seminari milanesi, ho

celebrato, ho pregato in questo giorno, ho approfondito la fi gura di San Carlo

Borromeo e la sua spiritualità, proprio all’origine della mia formazione seminaristica,

spirituale e umana; perciò San Carlo Borromeo insieme a Sant’Ambrogio

e alla Chiesa ambrosiana sono giustamente scolpite nel mio cuore.

Io ho voluto dare un segno di questa appartenenza volendo nel mio stemma

episcopale una “H” nel cuore della stella, simbolo di Maria Santissima

Scala del Paradiso. Una ”H” minuscola che signifi ca “humilitas”, che è il

motto di San Carlo Borromeo, ma può signifi care anche humanitas, humilitas

umiltà, humanitas umanità. Un unico simbolo per esprimere due contenuti

distinti ma non diversi, perché sono la stessa cosa: non c’è umiltà se non c’è

umanità, non c’è umanità se non c’è umiltà. E perciò, in questo giorno bellissimo,

l’augurio che io posso farti, Don Maurizio, è che tu possa con umiltà

crescere in umanità, irrorando questa Comunità cristiana di umiltà, perché la

bellezza della nostra umanità possa splendere in questo mondo.

Noi non ci possiamo illudere su questo mondo. Noi non ci possiamo illudere

sul fatto che questo mondo ci odia. Gesù pregò: “Io non ti dico di toglierli

fuori dal mondo, perché sono nel mondo ma non sono di questo mondo”.

Loro, tutti i suoi discepoli, particolarmente i suoi discepoli Presbiteri.

Forse il mondo che ci odia è il mondo della sua creazione? No, no, la creazione

è straordinariamente bella. La creazione assomiglia a Dio in ogni suo

aspetto, specialmente nell’uomo fatto a sua immagine e somiglianza.


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 49

Non è questo il mondo che ci odia; il mondo che ci odia è il mondo della

perversione, della creazione bella di Dio, fatta per la bellezza, per la bontà,

per l’amore, per l’amicizia, per la fraternità, diventata invece una forza potente

di disgregazione, di dominio, di lotta, di soprafazione, di inimicizia. Laddove

la creazione del mondo ha dentro di sé il cancro devastante dell’egoismo,

dell’invidia, della gelosia, produce le forme corporee di un male che

non smette di meravigliarci perchè è come un pozzo senza fondo; là, dove il

cancro dell’egoismo, del piacere cercato però a costo della sofferenza degli

altri, comincia a seminare le sue morti.

È sempre nuova la forza di un male che odia gli uomini e che si manifesta

soprattutto con la morte, il nostro vero nemico, l’ultimo nemico. La morte,

che ha nei confronti degli umani l’odio originario. Vado ripetendo, soprattutto

dopo l’esperienza di tante morti che mi hanno toccato nel mio corpo, che

occorre amare, occorre amare sul serio qualcuno per capire quando si ostina

la morte. Finché la morte si abbatte sugli altri c’è indifferenza: è certo che si

può morire... a Nassyria, per le strade, nei drammi della cronaca e tutto questo

nella nostra indifferenza...

Un’indifferenza che riguarda anche la persecuzione subita dai cristiani in

alcune parti del mondo. Non è vero che la persecuzione religiosa è vasta per

quanto sono diverse le religioni nel mondo. Dobbiamo dirlo e riconoscerlo,

sulla base delle statistiche degli ultimi anni, che è il Cristianesimo ad essere

perseguitato dall’uomo, perché sono i cristiani che vengono uccisi, ed è

il Cristianesimo che viene perseguitato anche nella nostra società opulenta,

nell’Europa ben pensante che ritiene di potersi emancipare dalle proprie origini

e odia il cristianesimo. Perché il mondo ci odia? Perché l’Europa odia il

Cristianesimo?

Nella risposta di questo perché, cari fratelli e sorelle, vorrei schiudere

l’orizzonte su quello che la Parrocchia, come la nostra, può e deve essere, su

quello che è il ministero di un Parroco in una Parrocchia. Che ci sta a fare un

Parroco in una Parrocchia? Già, vorrei una risposta a questo perché.

Consentitemi umilmente di spiegare qualcosa; umilmente dico, ma il Vescovo

ha anche il compito del magistero, dell’insegnamento.

Avete sentito nel decreto di nomina proclamato dal Vicario Generale che

un Parroco va in una Parrocchia per nove anni, e qui don Maurizio è venuto

per nove anni. La Chiesa è un corpo ben compaginato, e perché il corpo sia

ben compaginato occorre che la mano non se ne stia al posto del piede, e

che il braccio destro è a destra e non a sinistra; un corpo ben compaginato ha

bisogno di regole, ha bisogno di leggi. Esistono le leggi della Chiesa, perché

ci sia ordine, perché il corpo sia omogeneo, armonico, organico.

La Chiesa è un corpo che ha bisogno di regole! La normativa dei nove anni

è stata stabilita come misura sapiente per dire la continuità di una presenza

necessaria, stabile, doverosamente stabile, e una mobilità, un cambiamento e

una discontinuità necessaria e doverosa.


50

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

Obbediamo tutti alle leggi della Chiesa, perciò le vogliamo osservare, perché

confi diamo che queste regole della sapienza di chi le ha stabilite sono

feconde per creare nuovo dinamismo nelle Comunità cristiane, per rompere

molto spesso alcune reti di relazioni che sono compromesse inevitabilmente

dalla storia e nella biografi a personale, ma soprattutto per dare nuova vivacità.

Però, carissimo Don Maurizio, è forse con il Diritto Canonico che potrai

condurre meglio una Comunità cristiana? La legge non va evasa, ma resta

esterna, esteriore; c’è qualcosa di più importante, di più vitale, che guida la

comunità cristiana e cioè il dono della propria vita per l’altro: io sono il Buon

Pastore, io non sono un mercenario, e il Buon Pastore dona la vita, tutta la

vita, tutto il proprio tempo, non sfrutta le condizioni di una Comunità per

starsene comodo nei suoi vantaggi e nei suoi privilegi, come alcuni Pastori

che hanno patito i guai dei profeti e anche di Gesù. Guai ai Pastori che invece

di pascere il gregge lo sfruttano prendendosi la lana, il latte, mettendo da

parte, succhiando, mungendo e non hanno cura della ferita, non hanno curato

la malata. L’unica voce da riconoscere è quella del Pastore Gesù Cristo. E la

nostra voce deve somigliare sempre alla Sua, perché venga riconosciuto negli

uomini.

Ecco perché un Parroco può cambiare, perché è Pastore della Parrocchia

in nome di Gesù Cristo, per mano del Vescovo che lo manda. In nome di

Gesù Cristo deve educare il Popolo alla vita buona del Vangelo, deve educare

il Popolo a riconoscere l’unica voce, quella di Gesù, nel suo gesto che più

identifi ca in questo mondo: spingere il dono della vita fi no a morire per l’altro

e manifestando così l’amore vero. Non l’amore chiacchierato dentro le barzellette

più o meno perverse e impure degli umani, non l’amore bistrattato e

calpestato dentro le trame dell’infedeltà che alcuni fi lm propinano, diffondendo

idee nocive e velenose che invadono la coscienza e le mente soprattutto

dei giovani, e li espongono all’inimicizia della morte.

Grande errore è sicuramente l’amore banalizzato, l’amore disprezzato; è

l’inimicizia della morte che entra nei nostri rapporti umani e li contamina, per

cui, essere umani, fatti nella creazione buona di Dio per amarsi, si odiano, si

respingono, si abbandonano, si dominano, si violentano.

Adesso che ho Don Fortunato qui davanti, mi viene in mente il grave,

tragico dramma dell’abuso sui bambini. Forse questo può accadere perché

il Cristianesimo è diffuso in Europa e nel mondo, forse per questo accade,

perché il Cristianesimo è così diffuso? Se il cristianesimo fosse diffuso nel

mondo, nessuno abuserebbe dei bambini, nessuno abbandonerebbe la moglie,

nessuno farebbe guerra a un altro, nessuno, perché il cristianesimo è la vita

dell’amore di Dio che si è scavato una casa nel nostro cuore e ha convinto gli

esseri umani che c’è più gioia nel dare che nel ricevere.

Ecco che cosa devi fare, Don Maurizio, in una Comunità cristiana. La bellezza

estetica dei monumenti non serve a niente se non cresce nel cuore dei

cristiani la condizione che bisogna amare, amare fi no a morire per un altro,


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 51

perché non c’è vero amore se non c’è disponibilità al dono della vita per un

altro. Il Buon Pastore offre la vita per le sue pecore e la dona realmente. Ecco

perché il mondo ci odia, e se il mondo non ci odia vuol dire che ci ha assimilato

e vuol dire che parliamo il suo linguaggio.

Ecco la società moderna dell’Europa opulenta, della società dell’immunitas,

dell’immunizzarsi. Non voglio che l’altro mi faccia soffrire, anche quando

l’altro talvolta è mio Parroco, talvolta è mia madre. Già, non voglio che mi

faccia soffrire nella solitudine e nella malattia.

Bene, non vi preoccupate, la società opulenta e tecnografi ca ha già aperto

le porte di orizzonti perché voi possiate non soffrire della sofferenza di vostro

padre; vi organizza tutto, basta che pagate. Parcheggiateli là e voi sarete liberi

dalla loro solitudine, dalle loro sofferenze. E potrei continuare così: l’immunitas

dall’altro, che potrebbe farvi soffrire, che organizza questa società che

odia il cristianesimo, perché il cristianesimo parla un linguaggio opposto,

quello della fraternitas; quel linguaggio che non solo non ci può immunizzare

dall’altro, che potrebbe farci soffrire, ma addirittura va a cercare l’altro che

soffre, per soffrire con lui. E’ un altro mondo, un’altra storia, consentitemi.

È un altro Dio, un altro Dio che si vede qui e solo qui, non si vede sui libri

che possiamo sfogliare, non si vede nemmeno nella dottrina delle chiese; questo

Dio, che è un altro, si vede solo qui nell’esperienza umana concreta di un

uomo che va a cercare l’altro, che soffre per mettersi accanto a lui, diventarne

il prossimo, averne cura e compatire con lui: “Io, fratello, ho compassione di

te perché tu sei un essere umano, solo per questo, non perché tu sei cristiano,

non perché della mia famiglia. Tu sei un essere umano e la tua umanità è la

mia umanità, tu mi appartieni io ti appartengo”.

L’umanità bella di Dio, sognata dall’origine, prima che il mondo fosse,

rende capace dell’amore e spinge al dono della propria esistenza fi no a morirne.

Caro don Maurizio, tu adesso, nella continuità dell’esperienza pastorale,

in comunione con tutto il Presbiterio unito al Vescovo, dentro le decisioni e i

discernimenti pastorali che insieme faremo, dovrai essere uno che fa rispettare

le regole. Certo, ci vuole un po’ di disciplina, ma non ti potrai accontentare

delle regole della disciplina. La gente ti giudicherà; ed è giusto che voi ci

giudichiate sulla nostra volontà e sulla nostra capacità di donare la vita per

voi. Se avete delle pietre con cui dovrete giustamente lapidarci, sono le pietre

della verità del Vangelo. Non sei un prete della Chiesa cattolica? E perché ti

comporti così? Perché non ami il cieco? Perché non soccorri i poveri, gli orfani,

le vedove? Perché non dai da mangiare agli affamati, da bere agli assetati?

Perché non vesti i nudi? Tu, ma non sei un prete della Chiesa cattolica? “Pietro,

non sei tu uno di quelli lì che seguiva Gesù? No, no, io non lo conosco”.

È il tradimento di Pietro, che è più colpevole del tradimento di Giuda. Solo

l’amore ci porta in Paradiso.

L’augurio che ti faccio è che tu possa generare tanti fi gli di Dio in questa


52

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

Comunità cristiana, veri fi gli di Dio. Un passo più in là, un passo più in là di

una religiosità a buon prezzo su cui forse ci stiamo troppo assestando, cari

fratelli e sorelle. Andate a messa la domenica? Si. Ti confessi? Una volta ogni

10 anni. Preghi? Partecipi alla processione di Santa Venera? All’Eucarestia

domenicale?

Il tuo amore per questa comunità cristiana si manifesterà soprattutto nella

tua disponibilità a farti anche perseguitare da loro, perché loro non vogliono

seguire le vie del Vangelo, perché vogliono accontentarsi di una religiosità

barocca e non vogliono far nascere nel loro cuore questo sentimento nuovo

di una fraternità che ci chiede di condividere i nostri beni sul serio, perché

altri possano avere da mangiare, da bere, da vestire. Tu devi mettere la tua

faccia dura in nome della tua paternità per dire che cosa Gesù vuole da noi e

impegnarci tutti in prima persona a darne testimonianza e a vivere in faccia a

tutti coloro che, odiandoci anche all’interno delle Chiese, non vogliono che il

Vangelo nella sua bellezza splenda in questo mondo.

Perché, cari fratelli e sorelle, questa fraternitas, che è precisamente il contrario

dell’immunitas delle nostre società opulente e tecnografi che, questa

fraternitas che è la testimonianza viva di un Dio che è amore, Padre, Figlio

e Spirito Santo, questa fraternitas ha bisogno di invocare Dio come noi facciamo

nell’unica preghiera che dovremmo recitare sul serio, che è quella del

Padre Nostro; ha bisogno di invocare Dio chiamandolo Padre sapendo che

questo basta perché Dio è Padre sul serio; per la sua paternità diventiamo così

fratelli.

Oso dirti: predica, predica bene, predica tanto e fai corrispondere alla tua

vita la tua predicazione, perché il mondo illuminato, la Comunità cristiana illuminata

da questa sapienza possa percorrere le vie di Dio e si stia tutti nella pace.

Così sia.


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 53

Omelia per l’anniversario di Giorgio la Pira

(Pozzallo, Chiesa Madre, 6 novembre 2010)

Cari fratelli e sorelle,

in questa ricorrenza per Giorgio La Pira è signifi cativo che noi ci ritroviamo

in un tempio a pregare celebrando l’Eucaristia, perché la comunione vera

tra gli uomini accade attraverso l’Eucaristia, il mistero che dà nuovi orizzonti

alla comunione degli uomini, orizzonti così vasti che nemmeno la morte può

limitare.

La morte di per sé ha precisamente questo di terribile, di negativo: quando

uno muore lascia un vuoto abissale e nella morte il contatto si perde defi nitivamente;

la morte vuole questo, vuole interrompere tra di noi quei legami

profondi di comunione di relazione “amativa”. Essi sono tutta la nostra vita;

se volessimo, infatti, dire cos’è la vita umana e racchiuderla in una parola,

dobbiamo dire che la vita umana è amore, è relazione “amativa”: vuol dire

che è affetti, che è legami che durano per sempre.

La morte ha questo di terribile e di negativo: l’intenzione di interrompere,

di rompere, lasciandoci nella distanza e nella lontananza più grande.

Ed ecco, proprio l’Eucaristia, che è il dono di Gesù nella morte, dà vita

perché Lui è Colui che ha il potere di donare la vita e di riprenderla di nuovo.

L’Eucaristia è un mistero, un evento di morte e di resurrezione e, quindi, è un

mistero, evento di morte della morte, morte della morte nell’Eucaristia. La

morte muore in tutto, nella sua intenzione di rompere il contatto e di crearci

un vuoto abissale.

Così l’Eucarestia è comunione di vita; dentro questa vita e anche oltre

questa vita noi siamo in contatto, in connessione, in comunione perché il Dio

Gesù che è risorto dai morti ci mette tutti in un unico corpo, il corpo dei viventi

in questa storia e il corpo di coloro che abitano in cielo il Paradiso, tutti

l’unica Chiesa. Quindi tra di noi non c’è distanza abissale, non c’è distanza

spaziale; addirittura: nell’oltre della vita non ci sarà lo spazio. Noi che abitiamo

in questo spazio percepiamo la distanza spaziale, ma non c’è la distanza

vitale perché, con il Signore, il contatto anche fi sico attraverso l’Eucarestia è

reale, immediato: io sono in lui e lui in me e con il Dio Spirito Santo addirittura

vivo una relazione così intima e profonda per cui il Dio totalmente altro

è “interior intimo meo”. E se questo vale tra Dio e noi, vale anche tra di noi.

Capiamo perché i morti, i nostri fedeli defunti, non sono poi così morti da

essere totalmente lontani, ma nella loro morte sono risorti e sono precisamente

molto vicini, più intensamente vicini a noi in un rapporto e in un legame

che, se loro vivessero ancora in questa storia, noi non avremmo con loro, perché

in questa storia c’è la distanza vera che ci allontana quotidianamente; in

questa storia siamo vicini nei contatti corpo a corpo e non ci intendiamo, non

ci capiamo; siamo qui in uno spazio eppure sentiamo, ahimè, quella radicale


54

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

solitudine che non dovremmo sentire se fossimo una comunione, un’amicizia,

una fraternità, un amore.

I giovani, che per superare la loro solitudine s’imbarcano in avventure di

massa; eppure, a centinaia, sono lì e sono radicalmente soli.

Vedete, la nostra vita terrena crea distanze, distanze profonde, perché la

distanza più vera e più profonda avviene quando noi ci guardiamo negli occhi,

cerchiamo di capirci e non ci comprendiamo; fatti per l’amore noi ci

odiamo; fatti per il servizio gli uni per gli altri noi creiamo la distanza nella

gelosia, nell’invidia e, quindi, nel dominio e, talvolta, nello sfruttamento:

opacità della dignità umana quando non splende in noi l’immagine della somiglianza

di Dio.

Anche con Giorgio La Pira noi ora, proprio nella ricorrenza della sua morte,

attraverso la sua morte perciò, ne possiamo fare memoria, possiamo maturare

un dialogo d’amore, d’affetto, d’intelligenza e di sapienza.

Non basta, cari fratelli e sorelle pozzallesi, mettersi davanti allo specchio

di questa personalità illustre e godere del fatto che Giorgio La Pira era un

pozzallese, e creare attorno a questa idea cerimonie varie, rifl essioni e monumenti.

Non basta, non basta.

Cose belle, perché non le dobbiamo fare? Certo che le facciamo con gioia

e con creatività, ma non basta.

Se tu non cogli il suo essere, il suo messaggio di vita, se tu non cogli la sua

testimonianza, se tu in qualche misura non mangi il suo cuore, non ti appropri

del suo cuore, è tutta retorica, retorica politica, retorica sociale, retorica ecclesiastica,

che può servire così a coccolarci un pochino le menti e le coscienze.

Oggi si corre il rischio di rimanere intrappolati nelle esigenze esibizionistiche

che imperano e che coinvolgono anche la nobile memoria dei testimoni.

Invece no, c’è un gioco più profondo che noi dobbiamo vivere, ed è il

gioco dell’immersione, dell’immersione nella vita di un uomo che alla fi ne si

è mostrato radicato nel Signore Gesù; egli era convinto che Gesù di Nazareth

è morto ed è risorto.

La polemica su Gesù dice: “ma non esiste la resurrezione dei morti”; “esiste

la resurrezione dei morti? E quando i morti risorgono come saranno?”.

Proprio oggi mi piace ricorrere a questa cosa: ho dato alle stampe un volumetto

intitolato proprio “Morte, dov’è la tua vittoria?”, dove mi impegno

a offrire, a chiunque lo voglia, una sorta di catechesi sulla risurrezione della

carne; un’interpretazione su che cosa vuol dire che noi risorgeremo nel nostro

corpo.

Quanto è importante saperlo, quanto è importante che i Sacerdoti si impegnino,

specialmente nelle occasione dei funerali, a non lasciare la gente

nelle tenebre e nell’ignoranza totale, perché è decisivo ed importante sapere

che Gesù è risorto dai morti e che noi risorgeremo nella nostra carne, nei

nostri corpi, e che nell’ora della nostra morte non ci sarà più quella distanza

che sperimentiamo in questa vita che ci impedisce di essere fratelli e sorelle


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 55

veri nell’amore. Saremo, infatti, in una unità d’amore: come sarà, solo Dio lo

sa, ma lo saremo certamente. E creerà in noi tanta felicità, tanta gioia, tanta

beatitudine.

Quanto è importante per quanti hanno amato qualcuno profondamente,

e perciò sentono quanto è nemica alla vita dell’uomo la morte prematura e

tragica. Solo Gesù ha parole di vita e di speranza.

È bello ritornare a pensare che ciò che La Pira ha compiuto nello spazio

delle sue possibilità umane, all’interno dei meccanismi e delle regole della

politica, e ha compiuto tanto, ormai è oggettivo, tutti lo riconoscono, amici

e nemici; questo egli ha potuto compierlo perché, come avete ascoltato, si

sentiva un missionario laico in quel mondo laico lontano da Dio. Se credi nel

Dio di Gesù, operi nella carità sociale e politica. Per cui possiamo affermare

che se non si opera nella carità sociale politica umana, è perché non si crede

nel Dio di Gesù. La fede si verifi ca nell’opera della carità?

Lo splendore di un corpo risorto è frutto della carità che operi in questo

mondo. Se non operi in nessuna carità, non c’è splendore nel tuo corpo, il

tuo corpo risorgerà, ma non splenderà, sarà opaco come era nella storia e lo

diventerà all’infi nito nell’eternità dell’inferno, dove sarà pianto e stridore di

denti. Li c’è tenebra, non si vede niente perché non c’è amore, perché solo

l’amore è luce.

Sembra fi nita l’epoca in cui i credenti possono pensare di prendersi gioco

di Dio esercitandosi con qualche cerimonia sacra all’interno delle chiese, senza

muovere un dito per venire incontro al prossimo bisognoso.

Non c’è preghiera se questa non diventa amicizia vera, fraternità, giustizia

per tutti, amore, perdono...

Il Regno dei cieli non è una teoria buona per quelli che dopo la loro morte

entreranno in Paradiso. No, il Regno dei cieli è una forma incarnata di Dio,

perché il Regno dei cieli è Gesù.

Da dove mostriamo noi di essere cristiani? Dalle chiese piene? Certo, questo

è bello, è una grazia, ma tanti non vanno per andare a percorrere altri spazi

di piacevolezza e di mollezza. Di mollezza, perché ormai le televisioni di

questo mondo stanno abituando tutti. E, attenzione, non giudichiamo quelli

che in questi spazi ci possono andare e ci vanno a pervertire la loro coscienza

e i loro cuori; non giudichiamo troppo frettolosamente, perché è probabile

che molti di noi non ci entrano in questi spazi, semplicemente perché non

possono, ma come vorrebbero… Ed è la stessa cosa, anzi peggio.

La purezza morale nasce da una coscienza che matura grazie a un Dio

che è risorto e ti dice: “risorgerai nel tuo corpo, comincia a splendere qui su

questa terra con le opere di carità”. La Pira è stato un grande politico perché

fu un grande credente. Non è stato un grande credente perché fu un grande

politico; no, fu un grande politico perché fu un grande credente.

Una politica che guarda al bene comune, a partire dalla povera gente,

come lui amava dire.


56

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

Ci vuole una conversione del cuore per essere così. Ci vuole coinvolgimento

della propria libertà nell’amore per quello che stai facendo, e ci vuole

anche una visione antropologica non sganciata da Dio.

Ma l’umano è una persona umana, fatta a immagine e somiglianza di Dio.

Allora, anche quando non ci sono soldi, io ti amo, ti aiuto, di soccorro, anche

fuori orario tu sei degno del mio servizio di amore per te.

Capite, chi non crede nella resurrezione della carne deve spiegarci a quale

forze profonde di umanesimo si attacca per amare e servire gli uomini. La

stessa cosa dobbiamo fare tutti: amare e servire gli uomini nella loro condizione

e bisogno concreto. Così si crea quella civiltà dell’amore e della pace

tra i popoli sognata da Giorgio La Pira e da tutti gli uomini di buona volontà,

da tutti quei credenti che hanno saputo, come lui, incarnare nella propria vita

laicale, dentro i sentieri della secolarità del mondo, la vita buona e bella del

Vangelo.

Ringraziamo il Signore per essere ritornati non tanto sul personaggio ma

sulla testimonianza di La Pira. E la causa di beatifi cazione che si vuole avanzare

non è per dire: ecco il personaggio! Sapete, i santi sono canonizzati proprio

per dire: questi sono testimoni!

Nella loro direzione dobbiamo andare, con il loro aiuto; e con l’aiuto della

loro testimonianza anche noi possiamo avanzare, possiamo fare come loro. E

l’augurio che voglio fare a questa Comunità pozzallese, alla città, vorrei farlo

anche alla politica, soprattutto alle persone che lavorano nel sociale. L’augurio

è che la testimonianze di La Pira diventi fantasia nuova di carità, oggi e

qui, per il bene di Pozzallo e per il bene della Comunità diocesana intera, per

il bene dell’intera Nazione.

Così sia.


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 57

Omelia per la Dedicazione della Cattedrale

(Noto, Cattedrale, 25 novembre 2010)

Carissimi fratelli e sorelle, carissimi confratelli nel Sacerdozio, carissimo

don Salvatore, carissimo Rettore della Cattedrale.

Oggi è un giorno importante, signifi cativo e bello per la nostra vita diocesana:

è il giorno della dedicazione della nostra Chiesa Cattedrale e quindi è un

giorno che dovremmo sempre più valorizzare a mano a mano che nella nostra

coscienza di credenti si capisce sempre più e sempre meglio la centralità della

Chiesa Cattedrale.

È una festa grande, un giorno signifi cativo, perché è un giorno in cui apprezziamo

la novità, la novità che la fede cristiana comunica al mondo.

Quello della fede cristiana è un Dio nuovo, sempre nuovo; la novità più

grande ha a che fare con la Chiesa come dimora, perché questa è la novità più

grande di Dio comunicata al mondo dalla fede cristiana, che Dio dimora, che

Dio dimora presso di noi, quindi che Dio non è più il Dio adorabile nell’alto

dei cieli, nei cieli dei cieli, e il movimento della religione non è più semplicemente

quello ascendente, che parte dal basso e va verso Dio che abita una luce

inaccessibile. Questo movimento rende impossibile di fatto l’incontro con

Dio perché se Dio, abitando nei cieli dei cieli, non può essere raggiunto, per

quanto lo sforzo umano sia immenso e grande dentro la limitatezza naturale

di ogni uomo, se Dio dimora soltanto nei cieli, l’uomo non lo incontrerà mai.

Ma la novità della fede cristiana è questa: Dio abita nel più alto dei cieli

ma è venuto in Gesù a prendere dimora in mezzo a noi, per cui questo Dio

inaccessibile si è fatto vicino, concreto, carne, corpo, cosicché tutti gli uomini

lo possono incontrare. Il movimento vero della religione non è quello ascendente

ma quello discendente; il Verbo si è fatto carne e venne ad abitare in

mezzo a noi, ecco la novità e questo è proprio nuovo perché non si era mai

detto e non si poteva mai dire, mai pensare, che Dio si facesse carne.

L’evento è nuovo e noi dobbiamo dimorare in questa novità di Dio perché

questa novità di Dio sviluppa giorno dopo giorno cose sempre nuove; e fi nché

non moriremo, questa novità è come il vino buono di una botte da cui tu attingi

sempre e non si esaurisce mai; non si può esaurire perché in questa novità

c’è tutto Dio che si è compromesso con noi e con la nostra vita.

Voi sapete, carissimi confratelli e carissimi fratelli e sorelle, che questa

linea discendente in qualche misura era stata come anticipata dallo stesso

desiderio dell’uomo: “Visto che io non posso salire fi no a Te perché non ti

avvicini Tu? A me non basta pregarti senza guardare il tuo volto, non basta

pregare un Dio senza volto, senza nome, indistinto, ho bisogno di un incontro

per quanto possibile personale”. Ricordate il re Davide? Ragionò bene nella

sua mente: “ma perché io abito in un castello e Dio in una tenda? Voglio costruire

una casa a Dio perché Dio vi abiti”.


58

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

Nell’intuito del cuore c’è questa idea di una vicinanza maggiore, se Dio

abita in una casa che io gli costruisco, allora io posso entrare in questa casa e

incontrarlo più vitalmente, più personalmente. Il profeta Natan approvò questo

pensiero di Davide: hai fatto bene, è giusto, così onoriamo il Signore,

costruiamo al Signore una casa. Ricordate come andò a fi nire questa storia?

Dio parlò al profeta Natan e disse: “Tu vai a dire al re Davide, tu costruirai

una casa a me? Ma se io ho il cielo come mio trono e la terra come sgabello

dei miei piedi, quanto deve essere grande questa casa per potermi contenere,

quanto infi nita deve essere questa casa perché io vi possa dimorare? Allora

vai a dire a Davide: “Non costruirai una casa a me, io mi costruirò una casa,

perché solo Dio si può costruire la sua casa, io mi costruirò la mia casa in te,

perché si capisca che Dio non dimora in luoghi costruiti da mani d’uomo. Dio

dimora nell’unica casa del suo diletto che è il cuore dell’uomo”.

Nel cuore dell’uomo Dio può venire ad abitare, da quando il Verbo si è

fatto carne, ha creato una novità straordinariamente grande nella vita degli

uomini. Comprendiamo le parole di Paolo: “Voi siete la casa di Dio, voi siete

il tempio di Dio”, perciò fate bene a stare attenti a come costruite questo

tempio che è il vostro corpo. Non sai tu che il tuo corpo è tempio di Dio e

che lo Spirito di Dio abita in te? Fate attenzione a come costruite ed edifi cate

il vostro corpo, la vostra vita spirituale, perché in gioco non ci siete solo voi,

in gioco c’è la mia stessa vita in voi, in gioco c’è il mio dimorare in voi e,

attraverso di voi, il mio dimorare nella storia degli uomini, il mio rendermi

presente visibilmente, fi sicamente, nella storia degli uomini.

Dio abita negli uomini perché vengono giorni, e sono già venuti, carissima

Samaritana, in cui i veri adoratori adoreranno Dio in spirito e verità, perché

Dio vuole solo questi adoratori, per cui la tua domanda è superata: dove si

adora Dio sul monte o a Gerusalemme? Dio si adora in spirito e verità, perciò

cerca di verifi care nella tua vita che cosa ti sta accadendo. Dio si adora in

spirito e verità nella tua vita rinnovata dalla grazia, recupera la tua autenticità

morale, impegnati nel bene, vivi nella fraternità, vivi nell’amore e questo

vivere secondo Dio è la dimora di Dio in te, in mezzo agli uomini.

Cari fratelli e sorelle, voi mi direte: ma non stiamo parlando della dedicazione

della Chiesa Cattedrale? Una Chiesa Cattedrale, come qualsiasi altra

Chiesa, è niente se non è luogo in cui, e attraverso cui, si costruisce in noi la

casa di Dio. Ogni chiesa è tempio di Dio in virtù di ciò che in essa accade:

la liturgia, i sacramenti, la predicazione, la fraternità, la comunione, la carità.

Il profumo che ama Dio, l’unico sacrifi cio di soave odore è la nostra vita

impegnata nella carità, nell’amore; rispetto a questo, tutto svanisce, tutto è

chiacchiera varia, tutto è elemento esteriore; tutto è relativo rispetto alla nostra

vita d’amore, di fraternità, di carità, di comunione, di servizio reciproco,

di perdono, di misericordia.

La vera adorazione sta nell’amore che ci dobbiamo. Questa Cattedrale è

un esempio straordinariamente bello del Barocco, un monumento da contem-


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 59

plare per la sua bellezza estetica che verrà sempre di più migliorata attraverso

gli affreschi, ma questa Cattedrale ha un’altra bellezza, quella vera, quella

per cui deve essere contemplata. Se in questa Chiesa Cattedrale venissero

più turisti che credenti? Piacerebbero a voi un milione di turisti o centomila

credenti? Sarebbe la Cattedrale della Chiesa di Noto?

Da qui l’impegno, carissimi confratelli, parlo a voi soprattutto che appartenete

a questo vicariato, in particolare per il Parroco e per il Rettore e il Vice

Rettore della Cattedrale, che abbiamo noi voluto nominare perché il Vescovo,

ha come suo punto focale la Chiesa Cattedrale che è come la Chiesa madre, il

centro di convergenza della Chiesa particolare dalla quale esercita il suo ministero

di santifi cazione in tutta la Diocesi, (Cfr. Giovanni Paolo II, Pastores

greges, 34). Il Direttorio per i Vescovi così, a tal proposito, si esprime: “Tra

i templi della Diocesi il posto più importante spetta alla Chiesa Cattedrale

che è segno di unità della Chiesa particolare dove si realizza il momento più

alto della vita della Diocesi e si compie pure l’atto più eccelso e sacro del

munus santifi candi del Vescovo che comporta la santifi cazione delle persone,

la Cattedrale è anche il segno del magistero del Pastore della Diocesi (Cfr.

Apostolorum successores).

Si capisce in riferimento a questi due passaggi la centralità della Chiesa

Cattedrale per l’evangelizzazione e per l’intera pastorale in una Diocesi. Così

deve essere anche per la splendida Cattedrale della Diocesi di Noto, monumento

di straordinaria bellezza artistica e luogo privilegiato dell’edifi cazione della

comunità cristiana e della predicazione del Vangelo per incrementare l’opera di

evangelizzazione e per riattivare con nuovo ritmo e nuovo ardore la vita cristiana

e la spiritualità di comunione. Ho voluto nominare per la Chiesa Cattedrale

di Noto un Rettore e un Vice Rettore, distinguendo così in modo più marcato

l’attività pastorale della Cattedrale da quella della parrocchia che abita nella

Cattedrale, distinguere, non è separare; non lo è pero a una sola condizione,

quella della sinergia pastorale e della Comunione nell’azione evangelizzatrice.

Ora, cari confratelli, questa condizione è naturale nella vita della Chiesa,

la sinergia e la comunione sono un presupposto indiscutibile, non negoziabile,

tanto più che oggi, nella nostra Chiesa locale, abbiamo da più di un anno

attivato un processo virtuoso di comunione che dovrebbe meglio evidenziare

le forme concrete con le quali siano veramente credibile all’interno della nostra

Comunità e anche agli occhi degli uomini.

Non c’è altra via per poter essere riconosciuti come discepoli di Gesù se

non quella dell’amore che ci dobbiamo nel Signore; non c’è altra strada per la

quale potremmo essere fecondi nella comunicazione del Vangelo in un mondo

che cambia se non quella della fraternità amicale che ci contraddistingue

come cristiani riempiti dello Spirito. Non c’è altra direzione verso cui orientare

la coscienza di tutti per una vera e autentica educazione alla vita buona

del Vangelo se non quella dell’esempio e della testimonianza da dare quanto

al bene che ci vogliamo, alla stima che ci portiamo, all’iniziativa comune che


60

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

riusciremo ad esprimere.

A causa dell’implosione che l’ha quasi totalmente distrutta il 13 marzo 1996,

la nostra Chiesa Cattedrale per più di un decennio non ha potuto essere il luogo

della convergenza dell’azione pastorale. La sua riedifi cazione ha rappresentato,

come tutti dicono, una sorta di volano anche per l’economia civile della città,

ma soprattutto ha rappresentato come un orizzonte di speranza, un simbolo molto

umano della possibilità di rinascere sempre di nuovo, di non abbattersi e stare

seduti e di riprendere il cammino, di continuare ad avanzare nella costruzione

del tempio santo di Dio, tempio non solo di mura ma di pietre preziose, cioè

della vita degli uomini e delle donne del nostro tempo, del nostro territorio.

Pertanto, la riapertura del 18 giugno del 2007 ha assunto molteplici signifi

cati storico-culturali, soprattutto ecclesiali. Si, soprattutto ecclesiali perché

la Chiesa Cattedrale non è mai stata solo un esempio bellissimo del barocco

netino, ma è sempre stata al centro di vitalità e creatività pastorale. Perché la

nostra Chiesa Cattedrale ritorni ad essere quello che è sempre stato, e sia oggi

capace di corrispondere alle nuove sfi de poste alla vita dei cristiana dal mondo

che cambia, appare necessario provvedere a opere serie di riforma ecclesiale

che tocchino con concretezza le strutture, le programmazioni, i tempi, le

modalità dell’azione pastorale.

Perché questo possa essere fatto in piena comunione con il Vescovo, tra i Presbiteri,

soprattutto del Vicariato di Noto e tra i Presbiteri della Diocesi insieme

al santo Popolo di Dio, offro queste sottolineature sulla centralità della Chiesa

Cattedrale per l’Evangelizzazione e la Comunione, affi nché siano punto di riferimento

costante per quanti dovranno adoperarsi attivamente nell’opera pastorale.

Mi riferisco certo a tutto il Presbiterio ma in particolare al Rettore, al Vice

Rettore e al Parroco della Parrocchia Cattedrale, a tutti i Parroci del vicariato di

Noto, i quali potranno e dovranno trovare nella Cattedrale il luogo principale per

l’epifania della loro comunione a cominciare dalla loro vita di preghiera.

Io vi ringrazio, carissimi confratelli, perché so che avete accolto con gioia

la proposta di rinnovare idealmente nelle forme che insieme decideremo

e che avvieremo con il santo Avvento, di rinnovare la preghiera corale in

Cattedrale. Adotteremo anche delle forme giuridiche. Iniziamo un’avventura

nuova, non nel senso banale e superfi ciale di una cosa che prima non si faceva

e adesso si fa; no, questa cosa è nuova perché se la costruiamo manifesta la

novità del Dio dei cristiani che è venuto a dimorare in mezzo a noi, ecco il

novum, è nuova questa iniziativa perché è epifania del novum.

Se noi lo accogliamo così, sicuramente il nostro cuore si riempie di speranza

perché la Chiesa Cattedrale di Noto sarà luogo e meta di pellegrinaggio

di tutte le altre Comunità. La Chiesa Cattedrale di Noto sarà il luogo in cui

Dio abita perché tante più persone vengono educate ad essere tempio santo di

Dio, pietre spirituali per un sacrifi cio spirituale che è tutto l’amore che sapremo

esprimere, manifestare, organizzare e comunicare agli altri.

Così sia.


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 61

Omelia per l’ordinazione diaconale di Nello Garofalo

(Scicli, S. Bartolomeo, 4 dicembre 2010)

Saluto con cuore grato il Rettore del Seminario di Catania e in maniera

speciale anche tanti altri nostri confratelli del nostro Presbiterio che negli anni

hanno aiutato il discernimento vocazionale e quindi anche la crescita nel dono

didi Nello, perché lui potesse giungere qui in questo momento per ricevere

l’ordine sacro del Diaconato.

E saluto anche Nello con la sua famiglia, in particolare papà e mamma che

attraverso questa Celebrazione eucaristica e quest’ordine sacro rinnovano il

dono della vita.

Loro hanno donato la vita a Nello; hanno donato la vita nell’educazione.

Adesso Nello, donandosi, rinnova anche il loro dono. È così che accade il

grande miracolo di ogni dono. Nel dono cresce la vita, si fonda la nostra gioia

e si verifi ca l’amore. Perché l’amore non può essere una bella parola della

nostra bocca; l’amore che è fatto di sentimenti ha le sue verifi che concrete,

corporee; l’amore si verifi ca solo nel dono di sé a qualcuno, agli altri. L’amore

si dona, e se non si dona non è amore, se si predica l’amore e in realtà si sta

dominando la coscienza, la vita delle persone, non è amore.

L’ amore si verifi ca solo nel dono, nella cura, nella presa in carico: Io ti

prendo in carico, io mi prendo cura, io mi dono, e se la mia vita è dono chiunque

mi incontra la riceverà.

Il Diaconato nel mistero della vita della Chiesa è un segno: stiamo parlando

di un Sacramento, un segno, e però non è un segno come tanti segni

nella vita degli uomini, segni che poi non dicono niente, che non riescono a

comunicare niente.

Questo appare nella scena del mondo, dentro le maschere che gli uomini si

pongono, che dicono di donare qualcosa, in realtà stanno rubando tutto. Tutta

la nostra vita è ricca di segni, ma ci sono segni e segni; il Diaconato, l’Ordine

sacro è un segno, è un Sacramento; se signifi ca qualcosa realizza quello che

signifi ca; se signifi ca che mi sto donando, lì c’è dono, c’è amore, c’è passione

per l’altro. Perciò, caro Nello, come per tutti noi, il Diaconato è un segno

della vita della Chiesa e tutti quelli che nella vita della Chiesa sono Diaconi

hanno la responsabilità che questo segno risulti luminoso, che questo segno

sia anzitutto visibile e gli occhi degli uomini possono vederlo. Lo vedono tutti

quelli che sono particolarmente innamorati della Chiesa, lo vedono e gioiscono;

quelli che odiano la Chiesa lo vedono e poi si imbrutiscono perché sanno

che fi nché la Chiesa è così, non potranno farla sprofondare come vogliono.

Ma il segno della vita della Chiesa c’è ed è vero, perché è verifi cato, è

fatto vero dall’incarnazione che ogni segno ha nella vita della Chiesa, perché

Nello è un corpo ed è sangue, non è un detto; il Diaconato può essere anche un

concetto, ma il Diacono è una persona in carne e ossa; se l’amore è la carica


62

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

nella vita della Chiesa, pur in segni limitati e ricolmi di debolezza portiamo

il nostro tesoro in vasi di creta; non ce lo scordiamo, anche in vasi di creta il

nostro tesoro resta un Tesoro. E solo l’amore è un Tesoro, solo la carità è un

Tesoro, solo la nostra fraternità è un tesoro, solo la condivisione possibile è

un Tesoro. Questo viene verifi cato in una persona che pubblicamente dice “io

voglio interpretare la mia vita come un dono” e lo dice pubblicamente.

Ecco, siete presenti per accogliere questa bella notizia, questo Vangelo

che ci viene annunciato: “È possibile che gli uomini, invece di pensare solo

e sempre a se stessi egoisticamente, decidano di non avere troppa cura di ciò

che è nell’ordinarietà della vita di tutti e stabiliscono di non voler pensare a

se stessi ma agli altri. E questo è l’amore, in questo è la carità, e in questo entriamo

nel ritmo di Colui che “pur essendo di natura divina non considerò un

Tesoro geloso la sua uguaglianza con Dio, ma spogliò se stesso assumendo la

forma di servo e apparve in forma umana”. Lui che è Dio ha voluto condividere

con gli uomini tutto ciò che gli uomini vivono e hanno, il loro dolore e le

loro sofferenze, i loro bisogni, addirittura i loro peccati, non perché Gesù abbia

mai commesso peccati ma perché dei peccati degli uomini Gesù ha patito

nella sua carne tutte le conseguenze, diventando, Lui innocente, peccato per

tutti. Diventa maledetto Colui che pende dal legno; che immensa visione, che

profondità! Entrare nella vita degli uomini, non una passeggiata, ma entrare

nella loro carne e viverla con tutti per vivifi carla dal di dentro.

Ecco il Diaconato; e oggi, cari fratelli e sorelle, mi rivolgo a voi soprattutto,

cari confratelli nel Sacerdozio e nel Diaconato, che siete i primi collaboratori

del Vescovo, un segno potente che potrebbe però, non per parte di Dio

che è tutta grazia in noi, ma per parte nostra, diventare un segno scadente: un

segno potente per parte di Dio, un segno scadente per parte nostra. E certo

portiamo un tesoro in vasi di creta, però talvolta la passione di Gesù, questa

passione che lo porta addirittura a sprofondare negli inferi, forse talvolta non

ci caratterizza molto nel nostro impegno di missione.

Forse oggi occorre che noi ci inventiamo qualcosa per scavare dentro il

cuore dei nostri fratelli quel bisogno che li richiama all’urgenza di ricevere

per la propria vita la misericordia di Dio, perché se non ricevono nella loro

vita la misericordia di Dio ritengono di doversi accontentare di una qualità

della vita e di un’interpretazione della propria umanità dove ormai il peccato

non è più riconoscibile e addirittura posso anche uccidere la madre e ritenere

di aver fatto la cosa giusta, posso odiare i miei fratelli di carne o meno e non

sentire nessun complesso di colpa, posso tradire la moglie e marito…

Ecco qual è il problema di questa società che ha abbassato i livelli di ogni

moralità. E cosi è, e allora si può entrare nelle chiese, cibarsi dall’Eucaristia e

mai porsi l’interrogativo se questo cibarmi dell’Eucaristia corrisponde a una

vita fatta di trasparenza morale; posso anche sviluppare dentro il mio cuore

l’insensibilità e la freddezza verso l’altro, verso chiunque, non guardare mai a

chi ha bisogno, non avere mai un monito di carità, non avere mai un minimo


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 63

di compassione e ritenermi credente.

Perché una cosa è certa, cari fratelli e sorelle: se noi non ci confessiamo e

la gente non si confessa, non è perché abbiamo raggiunto tanti livelli di santità;

è semplicemente perché non riusciamo più a distinguere dentro la nostra

esperienza di vita ordinaria ciò che della nostra umanità è bello, dignitoso,

nobile, giusto, e ciò che invece, ahimè, è perverso, è debole, è misero, è nocivo,

è omicida. Può allora il Diacono, che è segno della carità di Dio in mezzo

a noi, accontentarsi di servire, di sviluppare una diaconia che sia del tipo

disbrigo pratiche, attendendo i poveri che vengano eventualmente a lui per

verifi care con discernimento scientifi co se lo sono o non lo sono e può venire

incontro al loro bisogno a seconda delle possibilità? È un’organizzazione da

Caritas parrocchiale, diocesana, dovuta, ma superfi ciale perché la passione di

un Dio che è il Padre di misericordia, di perdono, che entra e vuole entrare

nella vita delle persone, chiede a noi di più, assolutamente di più. Quando

Gesù disse “date loro voi stessi da mangiare” e chiese ai suoi discepoli di

farsi Diaconi nella distribuzione del pane e del pesce moltiplicato, chiese ai

discepoli molto di più, disse: “date loro voi stessi da mangiare perchè la loro

fame non può essere soddisfatta se non attraverso la carità che è immedesimazione,

partecipazione alla loro esperienza di vita, al loro dolore, alla loro

sofferenza”.

E così, rispetto a questa visione che è la missione che abbiamo ascoltato,

diciamo basta alle guerre, alle lotte fratricide: il lupo e l’agnello insieme, giustizia

e pace si baceranno. Ah, che mondo è quello a cui Dio ci chiama! Ecco

perché è importante l’annuncio del Vangelo, perché l’annuncio del Vangelo

è l’annuncio di Dio che entra nella tua vita, che ti vuole salvare e che rende

fi nalmente l’uomo umano. Gli uomini hanno bisogno di ascoltare il Vangelo,

perché se non ascoltano il Vangelo non si ameranno. E chi pretende che nella

società Dio venga buttato fuori, forse vuole una società che assomiglia tanto

a quella che gli umani oggi stanno impiantando. Dio è un’illusione, nell’ora

della tua morte è fi nito tutto, allora cerca di guadagnare il massimo in questa

vita e se devi calpestare il fratello calpestalo, l’importante è che tu vivi,

perché poi non ti preoccupare, non c’è nessun paradiso dove devi andare,

l’unico paradiso è quello che puoi realizzare su questa terra e se il tuo piacere

comporta la sofferenza di tanti uomini, di tante donne, non ti preoccupare; se

il tuo piacere comporta che devi abbandonare tua moglie e i tuoi fi gli, qual è

il problema? Vivi e godi del tuo piacere. Ecco l’umanità che vuole spegnere

Dio nella propria vita, perché non vuole che Dio parli e dica il suo comandamento

“onora il padre e la madre, sii fedele a tua moglie, a tuo marito, accogli

la vita nel tuo grembo e inchiodati sulla croce dell’educazione dei fi gli, ama

tutti i bisognosi. La carità è l’unica vera parola dell’essere umano; fuori dalla

carità sono tutte chiacchiere. La divisione, la gelosia, l’invidia creano non

umani ma mostri, mostri che si odiano, si contrastano, si dividono, si uccidono,

si vendono, si accusano. Sono uomini ma non sono umani, sono uomini e


64

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

donne ma non sono umani, perché l’umanità è fatta a immagine e somiglianza

di Dio, il Dio che è Trinità: Padre, Figlio e Spirito Santo, amore eterno;

l’umanità è amore; per essere uomini umani occorre amare chi non ama. Sarà

un uomo ma non umano.

Carissimo Nello, sei chiamato a vivere il ministero diaconale con tutta la

tua umanità, sei Diacono con tutta la tua vita. Annuncia questa bella notizia:

Dio è venuto, ci ha incontrato, ci ha mostrato dov’è l’umanità e l’umanità è

qui nel mio cuore: io ve la mostro: è amore, è carità, è dono, è pace, è giustizia.

Con tutti i nostri confratelli preghiamo per te in questo giorno bellissimo,

per tutti noi, per la Chiesa di Noto, per questa comunità cristiana. Saluto il

Parroco perché una vocazione nasce dalla Parrocchia, nasce dalla Parrocchia

e nasce dal contatto con preti che si impegnano nella Parrocchia.

E preghiamo per te; preghiamo anche per le vocazioni, perché è possibile

riempirlo questo seminario di Noto, che è così grande e così vuoto. Rivolgiamo

a Dio questa visione, visto che Lui ce ne ha offerte tante di visioni in

questa celebrazione. Anche noi vorremmo da questo altare elevare a Dio una

visione: un seminario così grande e così vuoto ha bisogno di essere riempito.

È possibile riempirlo, e non ci scoraggiano neanche le analisi sociologiche,

crediamo infatti che può produrre una Pastorale Vocazionale seria.

Il mondo ci attende e noi vogliamo andare, non soltanto perché il Vescovo

sacramentalmente ordina un Diacono; vogliamo andare per scavare la coscienza

e l’intelligenza dei più. Mentre proseguiamo con l’ordinazione diaconale

la nostra speranza è che Dio nostro Padre esaudisca la nostra preghiera

e ci renda più coraggiosi annunciatori del Vangelo, perché ormai abbiamo

capito che la prima forma per annunciare il Vangelo è quello di vivere la sua

carità in mezzo alla gente.

Così sia.


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 65

Omelia per la solennità dell’Immacolata

(Noto, S. Francesco d’Assisi all’Immacolata, 8 dicembre 2010)

Carissimi fratelli e sorelle, santo Popolo di Dio, signor Sindaco, Amministrazione

comunale, Autorità civili e militari, Autorità religiose, carissimi

confratelli nel Sacerdozio e nel Diaconato, reverendi padri che guidate questa

comunità cristiana, in particolare il Parroco che guida con sapienza questa

chiesa dedicata all’Immacolata e che oggi dona a noi, perché oggi è la festa

dell’ Immacolata.

Una festa oltremodo signifi cativa per tutti, per i credenti di certo, oserei

dire anche per i non credenti, perché quanto alla nostra fede cristiana una

cosa dobbiamo riconoscere: che il Cristianesimo nei suoi dogmi fondamentali

come questo dell’Immacolata Concezione, sviluppa sapienza e orientamento

di vita per tutti, perché per quanto possa sembrare di primo acchito che i dogmi

riguardino la divinità, o riguardino Maria Santissima nella sua condizione

di beatitudine, lei così pura da essere preservata dal peccato originale dal primo

istante del suo concepimento, in realtà dobbiamo riconoscere che questi

dogmi, se li guardi bene e se li guardi in profondità, rispecchiano te, la tua

origine, la tua condizione di vita, la speranza del tuo futuro.

Questa è la ricchezza della fede cristiana che perciò non può essere ridotta

a cerimonie; perché esistono delle esperienze nella fede, aspetti cerimoniali

e rituali, ma il cristianesimo non è una cerimonia per quanto sacra, non è un

rito per quanto sacro; il cristianesimo è lo splendore della bellezza di un Dio

che si rivolge al mondo e dice: “Si, io ti creo, ti ricreo, io ho fi ducia in te e

continuerò ad avere fi ducia in te”. Quando ti vedo, uomo, nella distrazione,

quando ti vedo, uomo, alienato da te stesso, percorrere strade che sono la

strade della barbarie umana, io guardo Dio, io guardo l’Onnipotente, che è il

principio di tutto. “O Signore nostro Dio, quant’è grande il tuo nome su tutta

la terra. Tu hai creato l’uomo e l’ hai fatto come degli angeli, di fuoco e di

calore lo hai ricoperto”.

Ecco il nostro Dio! Vorrei dire a quelli che nella loro vita insistono per

buttarlo fuori dell’orizzonte di senso dell’esistenza umana, vorrei dire a quelli

che pur si ritengono atei: “Che ne avete voi del vostro ateismo? Dio è una

parola di ricchezza e bellezza per la nostra umanità; se lo butti fuori dai tuoi

piedi, i tuoi piedi crollano come argilla appesantita da un carico e l’umanità

si perde”.

Cari fratelli e sorelle, c’è una nudità che è tutta splendore, c’è una nudi

dell’essere umano che dovremmo certo perseguire. Quando diciamo, per

esempio, della nostra vita che vorremmo che gli altri guardando la nostra

faccia si presentassero come sono: acqua e sapone, nudi e crudi, che cosa invochiamo?

Invochiamo la bellezza di quella nudità che non ha nulla a che fare

con le maschere che ci mettiamo davanti agli occhi per sospettare del fratello


66

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

e per non farci notare da tutti per quello che siamo; e quando gli uomini si

mettono le maschere è certo per coprire la propria nudità, è perché non voglio

fare le cose che Dio comanda: amarsi, volersi bene, riconoscersi fratelli,

mettersi a servizio gli uni gli altri e impegnarsi in una vita di misericordia, di

perdono, di giustizia, di verità.

No, queste sono le opere della luce. Per fare queste opere c’è bisogno

della propria faccia nuda e cruda, mentre quando gli uomini si mettono le

maschere è per le opere di una vita che diventa barbarie; e la barbarie emerge

e si fa vedere là dove l’uomo schiaccia l’uomo, là dove l’uomo non rispetta la

dignità umana, là dove l’uomo abusa dell’uomo, là dove l’uomo lascia l’altro

a morire nella solitudine.

All’uomo dico di togliersi la maschera per diventare umano.

C’è una nudità, cari fratelli e sorelle, che è tutta la bellezza di Dio, e lo è

anche la nudidi Maria Vergine, così vergine e così nuda e pura da non poter

essere nulla senza un intervento fecondo: “Com’è possibile quello che tu mi

dici, io sono vergine, non conosco uomo, e fi nché non conosco uomo la mia

verginità feconda non può partorire al mondo niente”. E l’angelo: “È vero,

tu sei vergine, tu sei nulla, ma il nulla della tua verginità assomiglia tanto al

nulla del principio della creazione, quando lo Spirito aleggiava sulle acque e

creava il mondo danzando”. Così descrive la Scrittura la creazione del mondo:

la danza dello Spirito sul nulla del caos, che è apertura, tutta apertura, quel

nulla da cui tutto viene: le meraviglie del creato, la bellezza, la diversità del

mondo, è nulla creativo, è lo Spirito, che giocando, crea tutto. Così in Maria

Santissima, la sua verginità che assomiglia al nulla della creazione è vera

apertura, dono di sé alla vita di Dio. In questo totale dono di sé alla vita di

Dio, tutto viene ricreato, in una bellezza ancora più grande.

Ecco l’Immacolata Concezione, lo dico dal profondo del cuore, con tanta

serenità, cari fratelli e sorelle, e lo dico soprattutto ai miei confratelli presbiteri

che hanno la gravosa responsabilità di guidare il Popolo di Dio sulle vie di

Dio, integrando con creatività il folklore popolare. L’Immacolata Concezione

non è una statua a cui portare una volta all’anno l’omaggio fl oreale. L’Immacolata

Concezione non è un giorno dell’anno nel quale celebrare una messa.

L’Immacolata Concezione è certo un’immagine da venerare, l’Immacolata

Concezione è certo un tempo liturgico da celebrare, ma l’Immacolata Concezione

è la verità di un Dio che splende ogni giorno nella mia vita e mi dice:

“Chi ti ha detto che sei nudo, se io ti ho pensato bello, straordinariamente

bello, radioso, puro, perché ti percuoti nella tua nudità?”. C’è un’altra nudi

che è vergognosa: è quella nudità che si scrolla da dosso i comandamenti di

Dio e richiede di poter autonomamente vivere la propria esistenza in un’altra

verginità che è miseria dello spirito umano. Guardate un po’ come è vergognosa

questa nudità che si scrolla per esempio il comandamento dell’onorare

il padre e la madre, che appartiene all’umanità. E l’uomo di oggi si scrolla

di tutti i comandamenti, anche di questo e ritiene di poter organizzare una


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 67

società dove il rapporto e la relazione amativa tra padre e madre sta sparendo,

non si percepisce più quel sentimento dell’essere fi gli e dell’essere padri, in

un rapporto d’amore che si fa anche carico dell’altro, del suo bisogno, della

sua necessità.

Certo, contempliamo la nudità bella di Maria, la quale appena viene a

sapere che lei concepirà un fi glio, va da Elisabetta, sua parente; si muove, si

offre, serve e onora gli affetti familiari.

La nostra società ci sta abituando a disprezzare le relazioni più sacre: per

un nulla il padre rinnega il fi glio, per un niente i fi gli rinnegano il padre; per

non parlare del rapporto fratello e sorella: pensate a cosa accade quando muoiono

i genitori e l’eredità si deve dividere. Bella umanità..., bella nudità...,

che non sa riconoscere il fratello. Ma come non riconoscere il fratello a cui ti

accomuna la nostra comune umanità. E già, questa nudità è vergognosa.

Siamo incuranti che milioni di persone possono andare nel fosso a morire

di fame, di sete, di disperazione! Che ci interessa? C’è un gruppo di uomini,

piuttosto consistente, che è cosi vorace e così avaro nella ricchezza che determina

la miseria di milioni di altre persone pur di aver tutto per sé. Non rubare

che cosa vuol dire? Entrare in un supermercato e non prendere un pollo per

mangiare? O piuttosto non rubare vuol dire creare le condizioni perché tutti

gli uomini possano mangiare, bere, vestire e vivere da uomini? L’Immacolata

Concezione con questo ha a che fare: perché se l’Immacolata Concezione non

ha a che fare con questo, che Immacolata è? “Signore, qual è la via che dobbiamo

seguire per la nostra umanità, per essere e diventare quello che siamo,

affi nchè l’umano si manifesti e si esprima al mondo? Le vie sono le vie di

Dio: tieniti vicino a Dio; sicuramente se ti lasci aiutare da Lui sarai un umano,

perché questo Dio non solo ama l’umanità, ma l’umanità l’ha pensata nel suo

Figlio Gesù prima che il mondo fosse. Gesù è il primogenito di ogni creatura.

Obbedire a Dio non è un’operazione di pietà; anzitutto è un’operazione

di intelligenza: se Dio ne sa più di me quanto alla mia umanità, posso essere

così presuntuoso da ritenere io che cos’è umano più di Dio, visto che Dio ci

ha creati? Riconosci che Dio è maestro dell’umanità, ascolta e percorri la

sua via, che è la via di Maria di Nazareth che va verso Elisabetta a prendersi

cura dell’altro, e se la percorri sul serio troverai la tua felicità, la tua gioia

immensa. Ed è una cosa splendente, molto buona, che rende a me tutta la

felicità del mondo, perché Tu mi hai fatto per essere felice e io sarò felice se

divento umano.

Così sia.


68

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

Omelia per l’ordinazione diaconale di Armando Fidone

(Ispica, SS.Annunziata, 15 dicembre 2010)

Ecc.za Rev.ma, rev. confratelli Presbiteri e Diaconi, gent.mo Sig. Sindaco,

fratelli e sorelle carissimi,

in particolare tu, carissimo Armando, insieme alla tua famiglia; il Signore

ci dà la gioia di ricevere un dono grande per la nostra Chiesa locale, prezioso,

un dono che va ricevuto nella verità, come ogni dono, nella fede. E deve essere

accolto il dono di Dio che è Dio stesso, il Signore misericordioso e pietoso,

lento all’ira e grande nell’amore.

Appartiene al dono che Dio ci dà il fatto che, cari fratelli e sorelle, tutti

noi, in particolare tu Armando, oggi puoi rivolgerti a Dio e dirgli “Tu sei il

Signore, Tu solo sei il Signore”. E da questa certezza credente, da questa conversione

di fede, accade il miracolo del giusto che piove dall’alto, il miracolo

di una pioggia che abbondante scende dai cieli e feconda la terra, e la rende

fertile, capace di dar frutto.

Qui contempliamo, nel mistero di una persona che dice “Sì” al suo Signore,

il mistero della Chiesa, del grembo fecondato che porta frutto, il mistero

di Maria Santissima, grembo che si apre ad accogliere l’ombra dell’Altissimo

e dà frutto, un fi glio che è benedizione, che è salvezza, che è liberazione, che

è redenzione. Appartiene al dono che Dio ci fa il fatto che noi possiamo consegnarci

alla vita della Chiesa come un dono per tutti perché il nostro dono a

Lui e il Suo donarsi a noi coincidano, e si fa unità. Piove dall’alto e la terra

si apre ed è un unico dinamismo di salvezza che viene portata agli uomini

per poter dire: “eccomi”. Per poter confessare questa fede occorre ristabilire

le condizioni della verità di noi uomini, della verità tua, Armando, e perché

questo accada c’è un’unica condizione vera da ristabilire, dire al Signore Dio:

“Tu sei il Signore”. L’abbiamo sentito ripetere continuamente, forse fi no alla

noia, “io sono il Signore, riconosci che io sono il Signore”. Tu sei il Signore,

solo tu sei il Signore e se questo è vero allora vuol dire che riconosco Te, Signore

della mia vita. Il termine greco kyrios questo vuol dire: tutto quello che

io sono, tutto quello che io ho Ti appartiene, io sono Tuo, Tu sei il Signore, Tu

sei la misura della mia esistenza, della mia vita e anche del mio dono.

Come è straordinariamente bello poter riconoscere che tutta la nostra capacità

di donarci a Dio dipende da Lui, dalla sua misura, dal suo donarsi a

noi. Tu sei il Signore e di fronte alla tua signoria io sono niente, sono nulla,

sono nudità.

Cambia il nostro linguaggio, cari fratelli e sorelle; lo dico soprattutto a noi

presbiteri, a noi consacrati nella vita religiosa, cambia il linguaggio per prepararsi

a questo “eccomi”. Armando ha percosso un itinerario umano, culturale,

cristiano, sicuramente spirituale, ovviamente mistico, ma l’itinerario parlava

sempre la stessa parola: devo guadagnare la consapevolezza di essere niente,


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 69

di essere nulla. Finché sono qualcosa, fi nché mi ritengo qualcuno, fi nché non

mi abbasso a terra, come la liturgia ci indica, non si apre in me quella giustizia

che incontra la Verità e permette di fecondare la terra e di rendere la salvezza

di Dio. Qui nessuno è il salvatore di nessuno, solo Dio è il Signore, solo Lui è

il Salvatore e può esserlo nella nostra vita nella misura in cui noi diminuiamo

fi no ad essere niente. Nella misura in cui diventiamo nulla, Lui risorge in noi!

Grandiosa l’esperienza di fede che con Paolo può dire: “Cristo vive in me, e

questa vita che io vivo nella carne, la vivo nella fede del fi glio di Dio che mi

ha amato e ha dato la sua vita per me”.

Nulla… che fatica camminare verso il nostro nulla, verso la verità del nostro

nulla, perché viviamo in una società, in un tempo, cari fratelli e sorelle,

dove invece il linguaggio contraddittorio e alienante dell’esistenza umana è il

linguaggio dell’affermazione di sé.

Noi educhiamo anche i nostri fi gli all’autorealizzazione, sentirsi qualcuno,

essere qualcuno; e anche quando non lo si è, siccome dobbiamo sentirci

qualcuno ed essere qualcuno, ci imponiamo come se fossimo qualcuno,

mentre non siamo niente e questa smania di imposizione è all’origine di tutti

i nostri confl itti, dei nostri complessi, dei nostri protagonismi, dei nostri individualismi,

anche all’interno della Chiesa, del presbiterio. Il doversi sentire

qualcuno non è il linguaggio del credente. Il linguaggio del credente è: “Tu

sei il Signore”. E quello che io posso essere, è essere trasparenza di Dio. Vuoi

camminare spiritualmente? Se vuoi crescere, diventare perfetto, obbedisci a

chi ti dice: “Solo Dio è il Signore”. Tu non sei il Signore né di te, né di nessun

altro. Prendi in considerazione intimamente il tuo nulla, il tuo essere niente,

e giungerai a quel limite, a quella nudità, a partire dalla quale tutto comincia

in maniera nuova, in maniera creativa. Il nulla della creazione da cui Dio ha

tratto tutte le meraviglie dell’universo. La bellezza che io contemplo, l’umanità

di noi uomini, viene dal nulla.

Capisco allora il linguaggio dei mistici che concepivano il cammino della

vita spirituale come un passaggio dal nulla al nulla, un passaggio dal nulla.

Sì perché c’è un nulla che rende tutto opaco, che rende tutto tenebroso ed è

il nulla del peccato, da questo nulla noi dobbiamo sfuggire per innestarci nel

nulla della creazione.

Carissimo Armando, devi continuare su questa via del riconoscimento del

tuo essere nulla, del tuo essere niente, perché quanto più avanzi in questa

direzione, tu diventi come Maria Santissima, solo apertura, perché la salvezza

del Salvatore raggiunga il tuo nulla e cominci da lì una nuova creazione,

“ecco io creo cieli e terra nuovi dove tutto è armonia, dove la disarmonia del

peccato viene ormai superata e vinta e ci si trova nella pace”.

Certo è faticoso ma non impossibile, registriamo le nostre debolezze che

sono molto più gravi, molto più pesanti del nostro limite, perché il limite

umano è un sogno di Dio, è tutta la nostra possibilità di bellezza, di ricchezza,

di amore. Siamo umani perché limitati. La debolezza è ciò che mi spinge sulla


70

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

terra e appesantisce il mio cammino, la debolezza è ciò che mi chiude in me

stesso e non mi apre agli altri, mi chiude così a riccio da impedire alla mia vita

di ricevere la misericordia di un Dio che come pioggia abbondante scende

dall’alto e io sono impermeabilizzato. Dio mi ama, Dio mi vuole perdonare,

Dio ha misericordia di me e io mi impermeabilizzo, non lascio penetrare il

dono del suo amore nella mia vita. Mi sento potente nelle mie cose, del possesso

del mio io, sento di essere qualcuno e mi impongo così agli altri e mi

chiudo, non apro la mia umanità, non raggiungo il cuore della sua bellezza

che sta nel dono, nel servizio, nell’aver cura dell’altro che molto spesso è il

volto del bisognoso, del sofferente, del disabile, di chi non ce la fa a vivere,

di chi non riesce a vivere se non nel rovescio della storia.

Anche il tuo dono, caro Armando, nella via del Diaconato è aperto alla

pratica di un Dio che si fi da di te e che attraverso te vuol fare qualcosa di

buono su questa terra. Dio nessuno lo vede, nel Fglio si è mostrato agli uomini,

nei Sacramenti della fede corposamente si mostra agli uomini; ma questi

Sacramenti della fede hanno bisogno di essere riconosciuti nella verità perché

producano la giustizia. Un sacramento della fede che non produce la giustizia

vuol dire che non è riconosciuto nella sua verità e questo accade ordinariamente

nella nostra vita di Chiesa. Quante nostre Celebrazioni eucaristiche,

per esempio, sono celebrazioni rituali e lì dove si produce il corpo di Cristo,

che vuole amare gli uomini, accade anche straordinariamente qualcosa di grave,

di terribile, perché il Corpo di Cristo che si forgia qui, in questa chiesa, e

di cui tutti noi ci cibiamo, poi non viene portato agli uomini come perdono,

misericordia, amore, carità, passione per l’altro, condivisione, e rimane chiuso

qui. La fecondidi Dio e la sua liberazione non travasa, non se ne va per

le strade di Ispica ad incontrare le persone che pur vuole incontrare, quelli che

noi chiamiamo poveri, quelli che noi chiamiamo lontani, quelli che appunto

non ce la fanno perché c’è una tentazione del religioso che blocca i dinamismi

potenti della Fede. La tentazione della parata, la tentazione della celebrazione

rituale, la tentazione del folklore. In realtà è un gioco in cui noi affermiamo

la nostra signoria, noi comandiamo, noi siamo i signori, noi decidiamo, noi

ci mostriamo noi stessi, è un grande equivoco questo del religioso, terribile

equivoco. Già i profeti ne parlarono ai tempi di Israele e Gesù ne fece oggetto

di una sua continua predicazione, per questo viene messo a morte.

Ricordate che Gesù non morì perché affrontò il potere politico dei romani

che avevano schiavizzato il mondo; Gesù morì perché volle liberare gli umani

dall’equivoco grande che il religioso stava creando, quello di trasformare

il tempio del Padre suo in una spelonca di ladri piuttosto che in un tempio in

cui si adora Dio in spirito e verità. Una religione che costruisce un apparato

davanti a Dio con sacrifi ci di olocausti di montoni, di tori, di agnelli.

Ascolta, Armando, cosa Gesù dice: Tu, o Padre, non hai voluto olocausti,

Tu non hai voluto sacrifi ci, olocausti di tori, montoni e agnelli, Tu questa

religiosità l’hai consentita come una pedagogia per portarci a un livello su-


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 71

periore. Adesso io sono venuto, Tu, o Padre, mi hai dato un corpo, in questo

corpo io vengo per fare la Tua volontà. Può capitare che comunità cristiane

celebrino le loro feste religiose senza pensare alla sofferenza dei fratelli, impiegando

tutto il denaro per maniferstazioni esterne e dimenticando i bisognosi.

Queste comunità cristiane regrediscono verso un religioso dell’Antico

Testamento e non vogliono dare spazio a un Dio che deve essere riconosciuto

Signore in Gesù.

Caro Armando, quando Giovanni Battista, in carcere, mandò a dire a Gesù

con i suoi discepoli se era Lui il Cristo, e ci stupisce, la risposta di Gesù è:

“Sono io, andate a dire a Giovanni Battista che sono proprio io, non dubiti”.

Io ti auguro, carissimo Armando, che tu viva la tua esperienza diaconale,

certo, dentro una presenza celebrativa rituale, ma che tu sia Diacono nella

vita della Chiesa e questo signifi ca vivere, attimo dopo attimo, come dono,

un dono che assume forme corporee nel servizio che la Chiesa ti chiederà,

nell’amore ai fratelli, a cui sarai mandato per dire: “Sappiate che il Signore

nostro Dio, solo Lui, è amore”.

Così sia.


72

Lectio divina vicariale ad Avola

(Avola, 17 dicembre 2010)

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

Carissimi fratelli e sorelle,

ci muoviamo in un atteggiamento di ascolto e abbiamo la pretesa di ascoltare

una parola “umana” che non è di uomini. Abbiamo la presunzione di

ascoltare, di comprendere in un linguaggio umano, Dio stesso che ci parla,

che viene a noi. Noi, esseri umani, così limitati, così incapaci di ascoltarci gli

uni gli altri, così incapaci di penetrare anche nel profondo dello spirito degli

uomini, pensiamo per esempio alle relazioni quotidiane e ordinarie: fratelli,

sorelle, padre, fi glio, eppure, nel miracolo della fede, perché questo è certo

un miracolo, noi ci mettiamo in un atteggiamento di ascolto e abbiamo la

presunzione, l’ambizione di ascoltare niente poco di meno che Dio che parla

alla nostra vita, con parole umane, quelle che abbiamo ascoltato dal prologo.

Parole umane che trasmettono la volontà di Dio, la Parola di Dio, sicché

quando, specialmente nella liturgia viene proclamata, viene detto, “Parola di

Dio”, “rendiamo grazie a Dio”, rendiamo grazie a Dio che ci parla, perché la

sua Parola non è come il parlare degli uomini, non sono semplicemente dei

concetti, dei termini, delle parole messe l’una accanto all’altra, ma è “Parola

di Dio”, è Dio che ci parla attraverso la sua Parola e che si intrattiene con noi

colloquiando.

Certo, ascoltare Dio che ci parla, signifi ca, come atteggiamento, entrare

nella condizione spirituale, e per essere così spirituale non vuol dire che mi

distacco dal corpo e volo. Quando ascolti la Parola di Dio, se tu esuli da quello

che sei, dalle tue angosce, dalle tue diffi coltà, dalle tue gioie, non ascolti

Dio. Molti che vanno in chiesa dicono: vado in chiesa, voglio mettermi alle

spalle tutte le mie diffi coltà, tutta la mia corporeità, tutto quello che io sono

e pensare solo a Dio. Al massimo ti metti nella carreggiata di un pensiero di

Dio, ma certamente non ascolti Dio che parla, perché se tu apri il tuo cuore a

Dio e raggiungi la profondità del tuo essere, allora Dio ti parla e quando Dio ti

parla, parla di te a te e parla di te allo specchio della sua volontà, di quello che

Lui vuole da te, per quello che sei, nella tua umanità, talvolta come Gesù sulla

croce, sofferente, addolorato, disilluso, talvolta anche gioioso, pieno di felicità,

di fede, di amore, di fraternità, pieno di gusto, anche nel fare esperienza di

una comunione nuova, quella che accade nella vita della chiesa.

Perciò, vedete, riunioni del genere, dovrebbero essere nella chiesa cattolica

di più, lo dico ai miei confratelli presbiteri, che hanno la responsabilità di

guidarvi, perché i parroci lavorano: moltiplichiamo gli incontri dell’ascolto,

perché la fede cristiana matura e nasce dall’udito, fi des ex auditu e le comunità

cattoliche devono diventare comunità di ascolto; aumentiamo gli incontri

e ascoltiamo la Parola di Dio, facciamo anche in modo che più persone possibile

partecipino a questi incontri di ascolto, soprattutto i giovani, che, ahimè,


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 73

non vengono più nelle chiese e più si va avanti meno verranno nelle chiese,

perché soprattutto i giovani hanno bisogno di ritrovare in un Dio che parla

a loro, il senso e il signifi cato della loro vita; lo abbiamo sentito: il Verbo si

è fatto carne, la sapienza ha edifi cato una casa in mezzo agli uomini e Lui è

luce, solo Lui è luce. Chi non accoglie la luce non ha alternative. Questo è

il dramma che vivono i nostri giovani: se non accogli Cristo che è la luce

del mondo apparsa in questo mondo di tenebre, l’alternativa alla luce sono le

tenebre. Fuori di Cristo non c’è luce, c’è solo tenebra e lo dobbiamo chiarire.

E ci sono vie misteriose, attraverso le quali, Lui che è la luce, splende

in uomini e donne che si impegnano nel bene, nella giustizia, nella verità,

nella fraternità; come e per quali vie misteriose Dio li raggiunge è una cosa

bellissima.

Chi non è con me è contro di me, ma chi non è contro di me, anche se non

è dei nostri, e lavora per le stesse cose per cui noi lavoriamo, non è contro di

noi, è per noi, perché fa la stessa cosa, parla lo stesso linguaggio. Poi rispetto

a lui noi abbiamo una marcia in più; e qual è la marcia in più? Quella grande

misericordia di Dio a cui noi attingiamo continuamente riconoscendo i nostri

peccati. “Beati gli operatori di pace!”. Noi lo potremmo dire di tutti coloro

che operano la pace, e accade anche e soprattutto per quegli operatori di pace

che magari non hanno nessun riferimento alle chiese, però certamente operano

la pace rispetto ad altri che vanno dalla mattina alla sera in chiesa e sono

invece facitori di guerre, di ostilità, di opposizioni. Ci pensi tu? Dalla mattina

alla sera in chiesa e mette liti tra marito e moglie, tra fi glio e fi glio. Ma Gesù,

beati gli operatori di pace, a chi lo dice? A quelli che operano per la pace!

Cristo è luce perché rivela il Dio vero che è amore, e allora tutti quelli

che fanno risplendere nel loro volto la luce di Dio che è l’amore, quelli sono

i beati di Gesù.

Talvolta noi, quando ascoltiamo la Sacra Scrittura, non impegniamo la

cosa più preziosa che abbiamo, la nostra intelligenza; talvolta capita che

nell’ascolto della parola di Dio abdichiamo all’intelligenza.

Riuscite voi a cogliere la differenza tra le tenebre, che sono la mancanza

totale di luce e le tenebre che sono la sovrabbondanza di luce? Provate a fi ssare

con gli occhi la luce, vedete cosa succede a fi ssare il sole? Nessuno può

dire che il sole non abbia luce! Fissate il sole! Vedete solo tenebre!

Tenebra, non che manchi luce, ma perché ce n’è troppa!

Avete sentito qui la testimonianza di Giovanni! C’è qualcosa di incomprensibile!

Viene dopo di me, perché sapete che Gesù di Nazareth è nato qualche

mese dopo Giovanni; “viene dopo di me, ma era prima di me”, prima che

il mondo fosse. Chi era, prima che il mondo fosse? Gesù! Ma come? È nato

qualche mese dopo Giovanni Battista e com’era prima che il mondo fosse?

Gesù, un mistero grande! E dice: io ci credo! E che cosa vuol dire che ci credi?

E poi non ci pensi più! Tu ci credi e credendo non ascolti questo mistero

grande: Gesù è prima di tutti i secoli, per mezzo di lui, in vista di lui, da lui


74

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

sono tutte le cose e tutto ciò che esiste nel mondo esiste per lui, da lui, in vista

di lui, di Gesù, quell’uomo che è venuto tanti anni fa e prima di tutti i tempi.

Una volta, intrattenendosi con gli scribi e i farisei, disse loro: se voi aveste

Abramo come Padre, ascoltereste la mia parola, perché prima che Abramo

fosse io sono, poiché dico: Abramo vide il mio giorno e ne esultò; a questo

punto dissero: non hai nemmeno cinquant’anni e dici di aver visto Abramo! E

Gesù: ma chi vi ha detto che ho visto Abramo? Ho detto che Abramo ha visto

me, perché io non sono contemporaneo di Abramo, io sono prima di Abramo.

Paolo afferma che c’è il primo Adamo e il secondo Adamo; il primo è stato

creato ad immagine e somiglianza del secondo. È un grande mistero, ma che

grande consolazione, che grande speranza venire a sapere che Gesù è prima

di tutti i secoli, prima che il mondo fosse e tutto ciò che è stato creato è stato

creato in lui, per lui, la nostra umanità è stata creata in lui, la sua umanità

viene nel pensiero di Dio prima ancora della nostra umanità e noi siamo stati

creati proprio in questo processo di generazione, per cui il fi glio è generato

dal padre. Capite, quanto siamo grandi noi, poveri uomini, debole umanità,

limitate creature, noi siamo dentro questo processo divino per cui il padre

ama il fi glio e lo genera, perché nel fi glio generato noi ci siamo.

“E il verbo si fece carne”, perché la carne in cui il verbo si fece la sua casa,

la sua tenda, quella carne è stata pensata da Dio, prima che il mondo fosse, è

la carne del fi glio, quell’umanità grandiosa, infi nita, immensa, divina, fatta a

immagine e somiglianza sua.

Incarnazione, divinizzazione: noi non siamo divini, ma dobbiamo essere

umani.

A volte riduciamo il cristianesimo a cerimonie e riti, ma se entri nella profondi

della tua vita, della tua umanità la scopri povera, debole, meschina,

ricca della stessa umanità di Dio, grandiosa e immensa, com’è grandioso e

immenso Dio.

Giudica te stesso, sei umano? Per essere umani occorre dar sfogo alla

nostra divinità, perché se siamo divini, gli umani, dobbiamo dar sfogo alla

nostra divinità e la divinità è una sola ed è quella di Dio. Noi siamo umani,

non Dio, creati ad immagine e somiglianza di questa divinità. Impariamo la

divinità, su quali vie camminare per essere divini, cioè umani veri!

Perciò l’incarnazione! È condizione fondamentale della nostra divinizzazione.

Se siamo fatti a immagine e somiglianza di Dio, conoscendo Lui, conosco

me stesso e cosa devo fare per essere un essere umano, non un angelo.

Per grazia tua sono uomo, ma poco umano perché non do sfogo alla divinità

che è in me.

È possibilità drammatica della mia esistenza, essere un uomo e non essere

umano, essere un uomo e non dar sfogo a quella divinizzazione che è dentro

la mia vita, a questa divinizzazione che è tutta la bellezza della mia umanità,

devo far spazio. E così accade che invece di amare, odio; invece di essere un

pacifi catore, porto guerre, invece di avere un cuore aperto, ho un cuore di


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 75

pietra, egoista, freddo, insensibile, incurante, così impuro da essere violento,

capace di uccidere l’altro.

Ma saremo più umani quando non frequenteremo più le chiese e non

ascolteremo più la Parola di Dio? E i nostri fi gli, crescono nella loro umanità,

arricchiscono la divinità che è dentro di loro?

Non ti vergogni un po’ di essere solo un uomo e non così divino come la

tua umanità richiede? Perché se tu fossi divino, ti tratteresti diversamente da

come ti stai trattando.

Cari fratelli e sorelle, prendiamo coscienza della divinizzazione della nostra

vita: guardiamo il piccolo che nasce nella grotta di Betlemme e vediamo

quanto siamo grandi, quanto siamo ricchi di umanità, quanto questa umanità

è immensa, infi nita, divina e impegniamoci nelle piccole cose, perché questa

umanità immensa non deve fare cose grandiose, no, piccole: il Verbo si è fatto

carne, lì nella grotta di Betlemme. Nelle piccole cose lavorare con animo

grande, con questo divino che è in noi, nelle piccole cose della nostra quotidianità,

soprattutto in quella cosa che più ci dovrebbe caratterizzare: l’attesa

del tempo che viene, non del tempo che va. Perché in realtà il Natale ci dice

anche questo: non è il tempo che passa, sei tu che passi nel tempo, non è il

tempo che va, il tempo non passa, il tempo avviene, il tempo viene: viene il

tempo in cui tu vivi per non passare mai, perché dal piccolo che è nella grotta

di Betlemme, tu non passerai mai, perché “Io sono il consolatore” e quel

passaggio straordinario della tua esistenza, che è la morte, è governato dalla

luce della mia risurrezione: io sono risorto e tu in questo tempo che viene,

mentre passi nel tempo cadi nelle mie mani e anche il giorno della tua morte

io sono lì, sulla porta, ad aspettarti e a condurti nella luce del Paradiso, perché

là c’è il Verbo che è luce del mondo ed è luce, è vita, dall’eterno: io sono la

risurrezione e la vita.

Così sia.


76

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

Omelia per la traslazione in Cattedrale della salma

del Vescovo Vizzini

(Noto, Cattedrale, 20 dicembre 2010)

Carissimi confratelli nel sacerdozio e nel diaconato,

siamo qui chiamati dalla Parola per vivere per quello che siamo. Siamo

cristiani? Lo siamo realmente? Lo Spirito Santo è dentro la nostra vita? E

nella forza dello Spirito, nonostante le nostre debolezze, le nostre fragilità, i

nostri limiti, noi possiamo e dobbiamo vivere cristianamente; non c’è tempo

più bello che quello del Natale per ricevere da Dio stesso il messaggio autentico

e vero della nostra fede cristiana. Che devo fare per vivere cristianamente?

Diventare quello che sono: un essere umano. Vuoi vivere cristianamente?

Diventa un essere umano, obbedisci all’imperativo: sii umano. Vuoi essere

cristiano? Sii umano! Perché lo spessore del tuo cristianesimo da questo si

misura, dalla tua umanità. Natale è questa bella notizia: è possibile essere

umani.

Il verbo si è fatto carne, la sapienza di Dio è diventata uomo ed è venuta a

dirci proprio questo: è possibile essere umani.

E come fare? “Seguite me!”.

E anche se Gesù aveva qualche cosa contro qualcuno, perché talvolta lo

facevano anche inquietare, ama tutti e se si indigna è perché qualcuno vuole

ostinatamente compromettere la predicazione del regno di Dio, che è predicazione

d’amore.

La Chiesa è epifania di comunione, Dio è in mezzo a noi, compagno di

strada della nostra vita; diamoci da fare, impegniamoci reciprocamente a rendere

ragione della nostra gioia e della gioia degli altri, cresciamo in umiltà,

correggiamoci fraternamente gli uni gli altri.

L’esperienza cristiana è questa: diventiamo così umani che, a un certo

punto, sapendo che nella Chiesa è un nostro diritto l’essere corretti, andiamo

da un fratello per essere aiutati con la correzione fraterna.

Cambia il mondo! La correzione fraterna! Sii umano! Siamo deboli e limitati

tutti, nella vita della Chiesa tutto è perdono, è misericordia: mettiamoci

insieme, secondo le esigenze del regno.

Capite, un Vescovo che deve fare? Le cerimonie sacre della Cattedrale? I

riti sacramentali? Certo! E’ santifi catore il Vescovo? Che deve fare il Vescovo?

Insegnare? Ma insegnare cosa? Le cose sue? Quelle che ha studiato? No!

Insegna pure le cose sue se corrispondono alla verità del Vangelo.

E allora, il nostro problema è la verità del Vangelo; il Vescovo deve insegnare,

perché oltre al munus sanctifi candi, per cui deve santifi care il popolo

attraverso i sacramenti, ha anche il munus docendi dell’insegnamento della

verità in questo mondo disorientato, dove ognuno la pensa come vuole su


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 77

tutto.

Il Vescovo deve insegnare la verità del Vangelo, anche quando questa verità

contrasta con il pensiero di tutti, e deve soffrire perché la verità di Cristo

possa essere comunicata sempre e comunque.

E poi il Vescovo deve governare; e tra i tria munera, carissimi confratelli,

la croce più grande del Vescovo è proprio il governo. Che grande tentazione!

Noi preghiamo il Padre Nostro. Adesso l’ultima versione è “non ci abbandonare

alla tentazione”: dicevamo non ci indurre in tentazione. Che grande tentazione

per il Vescovo non governare: lascia tutto com’è, non ti preoccupare,

non hai fastidi da nessuno! A parte il fatto che non accade, perché i fastidi

vengono comunque, però un Vescovo deve governare; e governare, per un

Vescovo, è una croce pesantissima, è un’obbedienza crocifi ssa. Che peso governare!

Non ti puoi tirare indietro, devi farlo, in nome di Cristo, con umiltà

certo, perché senza l’umiltà non c’è la fi gura del Buon Pastore, con spirito di

abnegazione certo, perché non devi pensare a te, a quello che uno può pensare

di te, a quello che gli altri possono dire di te, a tutte le cianfrusaglie che la

stupidità mentale, giovanile e senile, può dire di te. Non ti devi preoccupare

di questo, devi fare la faccia dura, sapendo di non restare deluso, perché ti sei

affi dato al Signore.

Ecco, cari fratelli e sorelle, se dovessimo tratteggiare la fi gura dell’esperienza

di vita del Vescovo Vizzini, noi non potremmo non dire di lui che ha

santifi cato il popolo di Dio con tanto amore.

Sono contento che siano presenti qui le nostre amate sorelle domenicane

perché, per esempio, il Vescovo di Noto Vizzini è stato a fondamento di una

ripresa del loro carisma spirituale. Ed io sono stato contentissimo, appena

eletto, consacrato Vescovo di Noto, la prima volta che siamo andati a fare

gli esercizi spirituali a Catania, al Sacro Cuore: a un certo punto ho visto una

bella statua del vescovo Vizzini. Che c’entra Vizzini qui? Siamo a Catania!

E allora mi sono fatto dare subito da una madre le lettere spirituali di Vizzini

alle suore. Che sapienza di vita spirituale! Dobbiamo essere contenti! Io sono

contentissimo di avere nella traditio apostolica, perché il Vescovo è successore

degli Apostoli, che Vizzini sia un predecessore. Allora capisco perché la

Chiesa di Noto ha anche una certa impostazione, perché possiamo dire che è

una bella Chiesa; anche il presbiterio, c’è un bel presbiterio. Sono i frutti spirituali

del servizio, del dono dei Vescovi precedenti, che hanno amato questa

Chiesa, che hanno lavorato per la Chiesa. E’ così che bisogna fare: santifi care

il popolo di Dio, girando per le parrocchie, celebrando l’eucaristia, la Cresima;

santifi care, perché la salvezza del popolo di Dio viene dai sacramenti; è

solo Gesù Cristo che ci salva, niente e nessun altro.

In queste lettere troviamo la percezione spirituale della vita, della persona,

delle comunità. E ancora non ho letto nulla della sua predicazione, non ho

letto nulla dei suoi scritti. Però, sicuramente bastano queste lettere per capire

il mondo spirituale che era dentro il suo cuore; e immagino il suo magistero:


78

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

il Vescovo Vizzini ha santifi cato, ma il Vescovo Vizzini ha anche orientato, ha

insegnato e ha governato.

Uno degli atti del governo di un Vescovo, forse l’atto, se si vuole, più signifi

cativo è la visita pastorale. Episcopo vuol dire controllore, sorvegliante.

Queste parole, nella società di oggi così emancipata, così democraticizzata, il

vescovo che sorveglia, il vescovo che controlla…

Ma, sorvegliare e controllare vuol dire vedere se, verifi care se il Regno di

Dio sta camminando in una parrocchia, se sta crescendo, se c’è vita spirituale

in una parrocchia.

Pensate, per esempio, ad un monastero di clausura: il Vescovo deve controllare:

ma qua, in questo monastero di clausura, si prega secondo gli statuti?

E questo deve essere tutto visibile, perché è responsabile della vita spirituale

delle monache di clausura, oltre ad essere responsabile del fatto che le monache

di clausura non muoiano di fame. E così, la visita pastorale è l’atto

del governo pastoralmente più signifi cativo, ed è bello sottolineare qui che il

nostro Vescovo Vizzini è morto durante la visita pastorale. E quindi, si può

dire, nel campo di battaglia! Che bello! Non mi dispiacerebbe morire così,

battagliando sul campo! Lavorare per il Signore, predicare il Vangelo, opportunamente

e inopportunamente, santifi care il popolo, dirigerlo, guidarlo.

Governarlo vuol dire dirigerlo, guidarlo sulle vie di Dio. E tutto questo, alla

fi ne, dopo averlo fatto, considerarsi, e Vizzini sicuramente si considerava così

perché era un uomo di alta spiritualità e di grande umiltà, servo inutile. Dopo

aver fatto tutto ciò che dovete fare? Consideratevi servi inutili.

Uno che il cammino spirituale l’ha fatto, non ha problemi a considerarsi

servo inutile; chi non fa un cammino spirituale, al didi tutte le maschere

che ci possiamo mettere davanti, dopo, non solo non si sente un servo inutile,

ma si sente padrone di tutte le cose. Tutte le cose che sono entrate nel giro

della propria azione pastorale sono sue! Non l’ha fatto un cammino spirituale

cristiano. Forse ha anche lavorato tanto nella vigna del Signore, ma ha lavorato

per sé, tant’è che sente tutto come un suo possesso. Non funziona! Dopo,

siamo servi inutili. Dopo però, non prima. A volte dice: io sono un servo inutile;

prima, e quindi non lavora. E così un Vescovo; un Vescovo deve avere

l’orizzonte di una visione che non è sua, ma è quella di Cristo, che la media

nella Chiesa del tempo in cui vive.

Vizzini aveva una visione, quella del suo tempo. Oggi noi abbiamo sicuramente

un’altra visione, quella del nostro tempo, Concilio Vaticano II; questa

visione non è la visione di un Vescovo, ma è la visione della Chiesa cattolica

che il Vescovo deve, in obbedienza crocifi ssa, portare avanti a tutti i costi, ad

ogni prezzo, anche al prezzo di salire il calvario della propria croce, anche

perché, poi, l’esperienza cristiana è questa: prendi la tua croce e seguimi.

Eccoci nella memoria di questo Vescovo grande, il cui ricordo non è solo

per Noto, abbiamo detto, ma anche per tutta la Sicilia. Io mi sono trovato

diverse volte alla Conferenza Episcopale Sicula e il nome di Vizzini veniva


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 79

spesso fuori, in tante cosette. Nella memoria di un Vescovo grande che adesso

noi rimettiamo nella sua Chiesa Cattedrale, perché questo luogo, la Cattedrale,

simbolo incarnato della sposa, ha nel suo grembo, il suo sposo; nella sua

memoria, vogliamo andare avanti, per come ci è dato, nella grazia di Dio, con

tutti i nostri limiti, sulla sua scia, sulla scia degli apostoli, perché il Vescovo,

è il successore degli Apostoli, non dei faraoni.

Degli apostoli! E tutto ciò che fanno i Vescovi, lo fanno per il bene della

Chiesa, lo fanno per servire il popolo di Dio, lo devono fare per amore. Che

Vizzini ci aiuti nel condurre questa Chiesa locale sulle vie di Gesù, per le

strade del nostro territorio, avendo a cuore e nella mente solo e soltanto il

regno di Dio e la sua giustizia. Perché se avremo, cari confratelli, nel cuore

e nella mente soltanto il regno di Dio e la sua giustizia, il resto ci verrà dato

in sovrabbondanza e tutte le chiacchiere di questo mondo svaniranno come

fumo al vento, come neve al sole, perché il regno di Dio e la sua giustizia non

tollerano le chiacchiere. Vizzini risusciterà nell’ultimo giorno e contemplerà

il volto del Padre e lì specchiandosi, nel volto del Padre, vedrà che solo la

carità resta. La sua carità è rimasta nel suo corpo glorioso che Dio accoglie in

un regno di beatitudine e di pace che è preparato per noi, prima che il mondo

fosse.

Così sia.


80

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

Intervento tenuto in occasione dell’incontro

al Tribunale di Modica

(Modica, 21 dicembre 2010)

Io vi ringrazio per l’invito e manifesto immediatamente la mia gioia per

essere qui; vengo volentieri in luoghi come questi che sono luoghi della laicità

più alta, e mi piace entrarvi per quello che sono: un credente, un religioso,

un Vescovo. E, se mi consentite, non a parte questo, ma dentro tutto

questo, un pensante, uno che ama usare la testa, visto che Dio agli uomini ha

dato proprio la razionalità e l’intelligenza come il dono più grande in cui si

manifesta la sua immensità e la sua infi nitudine. In fi n dei conti, per questo

noi siamo umani, perché ci possiamo distinguere dalla specie animale a cui

apparteniamo, in quanto, in questo speciale animale chiamato uomo splende

una scintilla divina: l’uomo non è Dio, però è divino; e il divino dell’uomo

qualifi ca e dice la sostanza della sua umanità. Perciò mi piace abitare questi

spazi, questi luoghi: perché è possibile qui elevare dignitosamente il livello

della nostra comunicazione uscendo un poco di più, rispetto a tanti altri spazi

della retorica pubblica dove il discorso, per chi discorre, è un andirivieni di

parole, il discorso è talvolta chiacchiera, talvolta estetismo della parola e forse

poco comunicazione della verità.

Ci troviamo ormai in un contesto culturale denominato post moderno in

cui della verità si dice che non si può più dir nulla, che della verità dell’ essere

si può dire che è come un continuo rotolare verso la sua incognita, verso una

X. È cioè una cultura, questa post moderna, dove tutto è interpretazione e parola

soggettiva e, a quanto pare, ci dicono i grandi teorici, il dialogo effettivo

come condivisione di verità è sostanzialmente impossibile. Ed è vero, allora,

ciò che ha detto il Procuratore ben sintetizzando il pensiero di Benedetto XVI,

ma anche dicendo le diffi coltà dell’Amministrazione del fare in questi luoghi,

perché laddove il diritto dell’uomo e i diritti degli uomini non solo non devono

essere calpestati, ma devono essere esaltati in nome della giustizia, la

questione più vera è che nessuno di noi sembra poter stabilire cos’è diritto e

cosa non lo è. Perché, se il Diritto è prodotto dalla Legge positiva, chi produrrà

la Legge positiva?

E qui entriamo in un circolo vizioso straordinario: se il diritto è prodotto

dalla legge positiva, chi produce la legge positiva? Abbiamo, forse, noi, una

specie di diritto “fatto carne” come c’è il “Verbo nella carne”, in tema natalizio?

Dovrebbe esserci forse un diritto fatto carne; questa, allora, produce la

legge, che produce il diritto. La legge non è produttiva, semmai, in tema natalizio,

la legge è epifanica; la legge è un’epifania del diritto sussistente, che

nessuno produce perché è l’essere umano. Non è un prodotto, è un eletto; e

l’essere umano, in quanto persona, è il diritto sussistente, e tutte le leggi sono


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 81

giuste se sono epifania del diritto sussistente in ogni persona umana. Ma,

in una società come la nostra dove, a quanto pare, ci dicono non è possibile

stabilire certezze assolute, in una società come la nostra dove il linguaggio,

a tratti usato dal Procuratore, forse lo capiscono soltanto i preti e, tra i preti,

quelli che sono adeguatamente orientati al magistero della Chiesa e al Papa;

ci sono molti che non lo capiscono, neanche tra loro.

Lei ha ora osato pronunciare parole che in tanti settori della nostra società

e anche all’interno della Chiesa cattolica suscitano ironico sorriso; lei ha

parlato di qualcosa di universale, di valore universale; lei ha parlato di diritti

inalienabili e non negoziabili: espressioni che certo io capisco e su cui noi

culturalmente battagliamo. Perciò, siamo dentro questo spazio di laicità per

dialogare con la nostra testa; noi battagliamo culturalmente su ciò che è inalienabile,

su ciò che non è negoziabile, su ciò che è universale. Perciò condivisibili;

perché percepiamo che se l’universale non c’è, l’inalienabile non c’è,

il non negoziabile non c’è, tutto diventa negozio, tutto diventa commercio,

e in questa società, a stampo mercantile commerciale, tutto è vendibile, e

nessuno parla più di valori. Perché i valori, ci dicono i pensatori del pensiero

debole di tal fatta, oggi sono valori e domani possono non esserlo più, perché

sono tutti negoziabili. Oggi, non potendo stabilire che ci sia un diritto di base

sussistente che nessuno produce, ma che si applica a tutti, anche dinanzi a Dio

s’impone il diritto sussistente della persona umana, tant’è che nel racconto

sublime del cristianesimo, per il rispetto della dignità umana, Dio è morto, ha

sofferto ed è risorto.

Il Dio creatore non si è creato un uomo manichino che trasporta dove

vuole, non si è creato un burattino di cui in qualche modo tiene le fi la a suo

piacimento e a suo arbitrio. Ci sono stati periodi della storia in cui si è predicato

così. Assurdo! Dio ha creato un partner libero e per dare libertà all’uomo.

E’ come se si sia, dalla sua onnipotenza, in qualche modo, ritratto per dargli

spazio; e questo spazio è vero, e questo spazio è serio, perché l’uomo con la

sua libertà può essere amico di Dio e entrare in un dialogo straordinario con

Lui. Ma gli può essere nemico. Lo può non riconoscere, addirittura lo può

negare, e dire che Egli è assente, non soltanto teoricamente, come fa certo

l’ateismo, non soltanto stupidamente, come fa certo l’ateismo leggero, ma

anche religiosamente, perché c’è tanto ateismo nella pratica religiosa.

Perché la donazione del Dio vivente, almeno dal Natale in poi, è la donazione

di un Dio che non è il prolungamento all’infi nito della mia idea di Lui.

Dio non è un’idea! Lo devono riconoscere gli atei che negano Dio dicendo

che Dio è una proiezione dell’uomo; ma lo devono riconoscere anche i religiosi

che, con l’idea di trasformare Dio nella propria idea, di Lui, nella religione,

fanno sostanzialmente quello che vogliono, e sostanzialmente vanno a

disobbedire, almeno da Natale in poi.

Ed è stato questo il motivo per cui Gesù, nascendo in un contesto culturale,

è morto poi in croce nella comunicazione del vero Dio. Loro possono


82

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

organizzare una religione disincarnata. Il Verbo di Dio si è fatto carne: loro

adorano questo Dio e lo disincarnano. Il Verbo di Dio diventa uomo, dice

che non vuole essere riconosciuto come Dio se non nell’uomo, perché questo

è il senso potente dell’incarnazione: che ormai, da Natale in poi, Dio tu lo

riconosci nell’uomo, e fuori dall’uomo non lo puoi più riconoscere, perché

non c’è un Dio fuori dall’uomo. E questi si impegnano ad adorarlo nel fumo

dell’incenso, nella predicazione religiosa, nella festaiuolità folkloristica. E

non riconoscono Dio laddove Dio si lascia soltanto trovare: nel povero, nel

sofferente, nel debole, nel diversamente abile; là dove Dio abita: nell’opera

della carità corposa Dio deve essere riconosciuto come Dio incarnato.

Ed è certo un ateismo strano quello che si pratica all’interno della religione,

per cui, anche sociologicamente, noi possiamo registrare la presenza dei

cosiddetti credenti non praticanti; come sia possibile? È strano notare che

esistono i praticanti non credenti, la gente che pratica le chiese e non crede

che Dio sia capace di sconvolgere il loro cuore, al tal punto di impegnarli in

un’opera di carità là dove soltanto Dio si lascia riconoscere.

Avete tutti voi sentito parlare: dove è carità e amore lì c’è Dio. Potremmo

rafforzare questa affermazione e dire anche l’esatto contrario, cioè dire la stessa

cosa al negativo: dove non c’è carità e amore non c’è Dio, anche se ci sono

le statue, anche se c’è il Papa, anche se c’è il Vescovo, anche se c’è tutto lo

schieramento. Se non c’è carità e amore, Dio non c’è, perché Dio, dal Natale

in poi, si sottrae a ogni esperienza umana che non lo lasci riconoscere nel volto

che lui si è dato: il crocifi sso di Dio, colui che spinge il dono dell’amore fi no

a morire per l’altro, realizzando e mostrando agli umani che cos’è l’amore.

L’amore cos’è non lo vengo a sapere da Beautiful! Questo processo di

carnifi cazione continua nelle trame degli uomini, l’amore cos’è, io lo vengo

a sapere dal crocifi sso di Dio, quello che ci vogliono togliere dalle aule dei

tribunali per essere più laici, quello che ci vogliono togliere dalle scuole per

essere a-confessionali. È lì che impari l’unico spazio di esperienza umana,

dove l’amore è riconoscibile come vero, assolutamente vero: è il crocifi sso!

Che non è per niente il kamikaze, che è un’altra cosa; non è per niente il

kamikaze che dona la sua vita per distruggere il mondo e la vita degli altri.

Qui abbiamo colui che spinge il dono della sua vita per amore. Perché amore

questo signifi ca etimologicamente: a (alfa privativo) more (mors) amore,

non morte. L’amore è l’esperienza che si dà negando la morte, oltre la morte,

come dice il Cantico dei Cantici: l’amore è più forte della morte, i fi umi della

morte non possono travolgerci.

Laicità e umanità: molti di voi potrebbero ritenersi, rispetto al Vescovo, di

essere più laici di lui. Ma io li sfi do questi laici, non sul campo della religiosità,

ma sul campo della laicità. Io li sfi do e dico: ritengo di avere un contenuto

laicale più del tuo, perché nella misura in cui ritengo di impegnarmi più di

te a favore dell’umano e dell’uomo, io sono più profondamente laico di te.

Perché la laicità non è uno status, non è una condizione di non religioso, è un


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 83

contenuto positivo. All’interno del linguaggio ecclesiastico, laico vuol dire

non prete. Ma, dentro il linguaggio ordinario dell’esperienza umana, laico

non si defi nisce negativamente, ma in positivo, infatti il laico è colui che è

impegnato per l’umano dell’uomo.

Perché, dal messaggio di Natale, è il secondo pensiero che vorrei dire in

maniera molto più breve, dal messaggio di Natale si evince un grande messaggio

di umanità: il Verbo di Dio si è fatto carne per dirci che dobbiamo

diventare Angeli? O che dobbiamo diventare Dio?

No, che dobbiamo riconoscere il divino che è in noi e dobbiamo fi nalmente

diventare umani. Perché certamente tutti qui siamo uomini e donne; ma io

pongo l’interrogativo alla vostra intelligenza e ovviamente alla vostra coscienza:

siamo tutti uomini, ma siamo tutti umani? E chi misura l’umanità che c’è

dentro ciascuno di noi? Chi misura quanto sia umano io? Quanto è umano il

presidente, il procuratore? Chi lo misura, chi lo deve misurare, chi è il giudice?

Giustizia, cos’è giustizia? Il procuratore, il presidente,… Che giustizia è

dare a ciascuno il suo? Non è così? Unicuique suum: è praticamente dissolto

il sottotitolo dell’Osservatore Romano o forse questo titolo vorrà dire: noi

vogliamo lottare per la giustizia? Perché il concetto di giustizia è questo.

Mettere nelle camere a Gas cinque milioni di ebrei non mi pare che sia

un gesto di grande umanità. Allora, se quell’uomo così disumano, nei campi

di concentramento in alto nell’entrata delle camere a gas, poteva far scrivere

Jedem das Seine, che tradotto in latino è unicuique suum e che tradotto in

italiano è il nostro concetto di giustizia “a ciascuno il suo”, ditemi voi, chi ci

dirà cos’è giusto? E già, perché ci troviamo in un’epoca in cui nessuno lo può

dire. Ha ragione il Papa nella Caritas in veritate, di cui vi sollecito la lettura

almeno del primo capitolo, quando mette in relazione la carità e la giustizia,

che non c’è carità senza giustizia, e non c’è giustizia nemmeno senza carità.

In un circolo virtuoso, non vizioso, questi due termini si corrispondono, ma

non c’è carità senza giustizia.

Io mi domando, se con l’Associazione Pino Staglianò, che è nome e cognome

di mio fratello morto improvvisamente l’anno scorso con un infarto,

andiamo a costruire un ospedale cardiologico a Butembo-Beni, pretendendo

di fare un’opera di carità, la domanda è: facciamo un’opera di carità o semplicemente

una miserevole opera di giustizia?

Perché ciò che noi immaginiamo come opera di carità in realtà è una millesima

parte di ciò che a loro è dovuto; perché sono esseri umani, perché sono

persone umane, perché sono diritto sussistente, e nessuna legge positiva può

essere così fantasiosa ed essere così giusta da poter corrispondere ciò che a

loro è dovuto e distribuito. Il Papa, in questo capitolo che spero voi possiate

leggere dice: se giustizia è dare a ciascuno il suo, chi ci dice qual è il suo?

Chi lo stabilisce? I Parlamenti? L’alzata di mano? Il Papa? Se dentro la nostra

società e la nostra cultura non riusciamo ad individuare quella autorità, che

è più della somma delle parti, perché nessuno di noi, né come individuo né


84

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

come gruppo, né come lobby, né come partito, nessuno può arrogarsi il diritto

di stabilire ciò che è suo di ciascuno. Quell’Autorità che noi dovremmo riconoscere

è l’autorità dell’essere umano. Qui sì che c’è democrazia: tutti gli

animali dal volto umano appartengono alla comune umanità e questo è il bene

comune, la nostra umanità è il bene comune di tutti, quel bene che esiste. È lì,

oggettivamente, davanti a me, visibile; e se io non lo vedo, non è perché non

c’è; è semplicemente perché la ferita è nello sguardo più che nelle cose; non

è nella realtà la ferita, la ferita è nello sguardo. E quindi, occorre convertire

lo sguardo, convertire gli occhi a un’altra vista, per vedere ciò che realmente

c’è; che io non ricostruisco sempre da capo, che io non produco, ma che io

accolgo. Non è un caso che gli antichi fi losofi sostenevano che il pensiero è

meraviglioso ed è teoretico, il pensiero umano nasce dalla capacità di meravigliarsi,

di dire guarda tu. Ed è teoretico nello sguardo dello spettatore che

lascia che la realtà che gli appare viene riconosciuta così com’è; e non proietta

sulla realtà i propri interessi, i propri bisogni, le proprie frustrazioni, i propri

rigorismi, i propri soggettivismi; e non dice secondo me, perché nel dialogo,

nel dibattito tra gli uomini, il problema non è dire secondo me. Bisogna dire:

riesco a riconoscere la verità dove appare, perché soltanto se la verità appare

e c’è, e noi tutti la riconosciamo, allora convergiamo dentro approcci diversi;

e l’unico spazio vitale che è il bene comune, che è la nostra comune umanità.

Ecco, io vi ringrazio per l’ascolto e per questa possibilità che mi è stata data

di intrattenermi con voi. Dicevo, dentro un luogo di alta laicità perché dobbiamo

riconoscere che ci troviamo in una cultura, in una società effettivamente

disorientata, dove il problema educativo è un problema ormai non più serio

e urgente, ma assoluto. Ma come educare, se non possiamo venire a sapere

dell’umano e dell’uomo qualcosa di assolutamente certo che sia come una

stella di orientamento per la nostra vita? Nel mio messaggio di Avvento e di

Natale mi sono rivolto ai credenti e anche ai non credenti, perchè Natale è per

tutti, la comunicazione del messaggio antropologico è valido e universale, non

negoziabile. Ed è questo: se sei uomo sei umano, se sei uomo diventa umano.

Io ti dico, venendo a Natale, che l’umanità c’è, esiste ed è bella, è ricca e

fantasiosa, è l’immaginazione più grande di Dio. Non è Dio l’immaginazione

più grande dell’uomo. E l’immaginazione più grande di Dio riconoscila nel

piccolo che nasce nella grotta di Betlemme, cioè nel gesto umile di chi, pur essendo

di natura divina non considerò un tesoro geloso la sua uguaglianza con

Dio ma spogliò se stesso divenendo simile all’uomo, apparve in forma umana,

umiliò se stesso e addirittura amò gli uomini fi no a morire sulla croce. Vi lascio

con un bellissimo pensiero di uno dei più grandi poeti tedeschi dell’800.

È un pensiero che ho memorizzato, l’ho ricevuto come biglietto di auguri da

un mio carissimo amico professore lateranense. Dice, ricordo almeno così: “E

noi che immaginiamo la nostra felicità in ascesa sentiremmo commozione fi no

ad esserne soggiogati e sopraffatti per qualche cosa di felice che c’è”.

Tanti auguri.


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 85

Omelia per la Veglia di Natale 2010

(Noto, Cattedrale, 24 dicembre 2010)

Carissimi Confratelli, carissimi fratelli e sorelle,

siamo qui in questa veglia notturna, perché abbiamo avuto coraggio, abbiamo

deciso per la nostra vita che era necessario farci questo dono, un dono

unico, singolare, che pochi comprendono in questa società del peccato, dove i

regali si comprano a caro prezzo e si fa fatica a riceverli e a offrirli nella gratuità.

Un dono unico, straordinario, grande, il dono di un segno, un Bambino

che nasce nella mangiatoia.

Con la sua luce squarcia le tenebre della vita ed entra nella mia esistenza

con un annuncio chiaro: tu sei un uomo. Puoi essere umano, non sospettare di

questa tua possibilità, puoi essere e diventare umano, può accaderti che il tuo

cuore palpiti d’umanità, che il tuo cuore non sia più un cuore di pietra, non sia

più un cuore freddo e insensibile, un cuore duro e irremovibile, ma un cuore

come tu desideri dal tuo profondo, come Dio vuole per te, un cuore umano.

“Ecco, io vengo, mi metto in mezzo a voi, cammino con voi, vi prendo per

mano, tolgo da voi il cuore di pietra e vi do un cuore di carne”.

Non vi pare, cari fratelli e sorelle, che questo è un annuncio destinato a

portare gioia a tutti gli uomini, in tutti i cuori? È un annuncio questo, cari

fratelli e sorelle, tanto più vero quanto più noi lo contempliamo allo specchio

della nostra empietà, della nostra miseria, della nostra povertà, del nostro

limite, del nostro peccato, della incapacità ad amare come vorremmo, delle

infedeltà, delle delusioni, delle fatiche, degli abbattimenti, dei rancori, degli

egoismi. Queste sono tutte forme dello spirito nelle quali noi capiamo che

non siamo umani come Dio ci vuole e che pure aspiriamo a questa umanità

che soltanto potrebbe renderci felici, perché la felicità non ci viene dalle cose

che possediamo.

Questa notte una luce si diffonde, la felicità può venire soltanto se ami, la

felicità può venire soltanto se hai una relazione in cui tu fai dono di te stesso

per l’altro, e allora sarai felice. Le condizioni materiali dell’esistenza contano

poco al raggiungimento di questa felicità, di questa gioia, perciò Dio questa

notte bellissima può mostrarsi con il suo raggio di luce e dire a tutti: “Vi

annuncio una gioia grande, per tutti è nato il Salvatore”. I pastori, misere persone

che lavorano tutta la vita e non chiedono niente, sperimentano la gioia

di una liberazione, di un dono che è dato a loro e a tutti quelli che sono come

loro umili, capaci di aprire il cuore per accoglierlo.

Così capiamo, cari fratelli e sorelle, che noi che siamo venuti qui a vegliare

e ad accogliere questo dono, capiamo che questa gioia è innestata nel

profondo della nostra vita. C’è una promessa di Dio e Dio non mente, può accadere

nella nostra esperienza religiosa che di Natale in Natale accogliamo il

dono che è tutta la nostra gioia eppure noi non siamo contenti e gioiosi e non


86

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

perché Dio mente e non ci riempie il cuore di gioia; no, non siamo nella gioia

perché noi questa gioia la spendiamo, non riusciamo a riconoscerla. Lui viene

per donarci occhi nuovi per vedere e contemplare un segno e nel segno venire

a sapere chi è Dio. La salvezza viene da Lui, e la salvezza viene dall’alto,

dall’alto scende il giusto e ci insegna a rinnegare l’empietà e ci insegna su

quali strade noi dobbiamo andare per essere veramente umani. Sono le strade

dell’amore, della lealtà, dell’amicizia vera, della fraternità, della carità, della

vicinanza, della gratuità.

Cari fratelli e sorelle, abbiamo occhi per riconoscere nel bimbo che nasce

nella grotta di Betlemme la presenza di un Dio che è amore, che è misericordia

e che è pace, oppure tutto questo è come incatenato dentro un’esperienza

religiosa che mi costringe forse senza voglia e senza libertà ad intubarmi nelle

chiese, a vivere certi riti religiosi e non riesco mai a succhiare ciò che Dio poi

mi comunica? Perché accade, fratelli e sorelle, che noi cristiani, che di anno

in anno celebriamo il Santo Natale, la Santa Pasqua e poi non riusciamo a

trasformare la nostra vita, la nostra esistenza nel bene, nella pratica della giustizia.

Perché accade che il Santo Natale sia più un’atmosfera religiosa piena

di colori, piena di luci, dentro queste forme neopagane di un consumo votato

allo spreco e all’insensibilità nei confronti dei più poveri, perché riusciamo

a incatenare l’onnipotenza di Dio che ci vuole cambiare il cuore, dentro una

pratica religiosa che non corrisponde nemmeno più alla nostra intelligenza.

Io attraverso queste parole mi sento un uomo cambiato, un uomo rinnovato,

mi sento un uomo umano perché sono capace di misericordia, d’amore, di

fedeltà, di generosità, di gratuità.

Nasce un uomo nuovo, pieno di Dio, Dio stesso, per dirci qual è la misura

della nostra umanità, dove splende la bellezza della nostra umanità, fi n dove

posso giungere io per mostrami al mondo come essere umano.

Fin quando però i cristiani che praticano le chiese non riescono insieme

a dar corpo a questi segni, il Natale è un rito inutile di cui si impossessano i

grandi persuasori di questa società che ci intubano negli ipermercati del mondo

e ci dicono: sono tutte chiacchiere, guarda il presepe, l’asinello e il bue,

Gesù, Maria e Giuseppe e vedi i pastorelli. Che bello il presepe, compralo in

tutte le maniere, in ceramica, in argento e d’oro. Non ti curare di questi morti

di fame che vedi in giro e che ti chiedono sempre elemosina; che ti interessa

che tu vivi in una società con la crisi fi nanziaria che ormai sta sbattendo sotto

le soglie della povertà tantissime famiglie, che ti interessa di molti ragazzi,

giovani che non riescono a vivere le gioie rispetto a tutti gli altri o che a Butembo-Beni

ci siano milioni di persone che muoiono di fame, di sete. Lascia

perdere, interessati di queste cose, tu hai diritto a vivere le luci del Natale,

l’atmosfera del Natale. Tu devi restare dentro questa scatola chiusa di un rito

che impedisce anche di parlare, era meglio se andavi a dormire a mezzanotte.

Domandati se l’essere venuto qui cambia qualcosa rispetto ai tuoi parenti, a

prolungare magari con i giochi della carte e della tombola le feste che do-


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 87

vrebbero riempire di senso e di signifi cato la nostra vita annoiata. Cari fratelli

e sorelle, se così non è per noi, esultiamo di gioia; ma questa gioia assuma

corpo, il corpo di un volto nuovo, di un sorriso nuovo. Domani quando incontrerete

i vostri fratelli, i vostri fi gli, i vostri amici, i vostri genitori, possiate

testimoniare quello che è accaduto, l’incontro con il Dio vivente che ti salva

e che ti libera. Mostra la gioia che hai dentro, un volto nuovo, il volto di un

essere umano che ha capito che con Dio può cominciare fi nalmente a diventare

buono, degno della vita umana che si porta dentro. L’augurio più grande,

più vero, contemplando l’Incarnazione del Verbo, è che tutti noi possiamo incominciare

sul serio a diventare umani come Dio ci ha sognato dall’eternità,

belli nella nostra umanità, ricchi nella nostra umanità, perché ci sia dentro di

noi la pace che dall’alto il giusto fa piovere in abbondanza.

Così sia.


88

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

Omelia per il Pontifi cale di Natale 2010

(Noto, Cattedrale, 25 dicembre 2010)

Eccellenza Reverendissima,

Reverendissimi Confratelli nel sacerdozio e nel diaconato, carissimi fratelli

e sorelle,

siamo tutti chiamati oggi, giorno di Natale, ad entrare in questo annuncio

grandioso della Chiesa, un annuncio di speranza, di gioia, di pace.

Dio, il nostro Dio, quello che abita nel più alto dei cieli, quello che abita

una luce inaccessibile, Lui, proprio Lui in persona, nel Figlio suo, si è piegato

ed è disceso dal cielo, dalle stelle, ed è entrato nella nostra vita, nella nostra

vita quotidiana, nelle nostre faccende ordinarie, per animare dal di dentro,

Lui, che discende, la speranza di una gioia vera che porterebbe tutti noi e

l’umanità intera in ascesa, ad ascendere verso Dio.

Poiché non c’è gioia vera che gli uomini possono sperimentare se non ascendendo,

era necessario che Dio stesso discendesse perché noi potessimo realizzare

e compiere il cammino della nostra vita, quello che soltanto rende ragione

della nostra umanità, della bellezza del nostro essere umano. Il grido profondo

di questo annuncio è che la luce squarcia le tenebre; il grido di questo annuncio

non è che le tenebre non esistono più; il grido di questo annuncio è che la luce

è possibile nelle tenebre, perciò per tutti coloro che vivono nelle tenebre, nella

notte, è possibile spostarsi ed entrare nel regno della luce, anche nel tempo delle

tenebre, perché noi cristiani non possiamo illuderci che le tenebre non ci siano,

che il male non esiste. Il male assume forme troppo corpose, ecco l’ingiustizia

sociale, milioni di persone muoiono di fame e di sete, l’80% della popolazione

mondiale vive di stenti, mentre il 20% della popolazione mondiale possiede

l’80% dei beni di tutta la terra, e come non gridare allo scandalo di questa terra,

che attraversa i cuori e le coscienze degli umani più sensibili di quelli che anche

in Occidente vivendo nell’escrescenza del proprio benessere sentono di essere

uomini e si pongono l’interrogativo: se sono uomo sono anche umano?

In faccia alla miseria e alla povertà di milioni di persone, sono umano? E

quali dovrebbero essere quei gesti e quei pensieri, quei movimenti, quei sentimenti,

quelle commozioni, in cui dovrebbe splendere sul serio la mia umanità

in faccia alla povertà e alla miseria di tanta parte della popolazione del mondo?

Tenebre che offuscano la vista, tenebre che feriscono il cuore e impediscono

di guardare, di vedere, di muoversi, di commuoversi, di abbracciare, di

stringere in un abbraccio d’amore tutti quelli che ci stanno attendendo e che

sono come il simbolo reale su questa terra di un Dio che invoca la nostra libertà

e ci dice: “tu non farmi morire da solo, nella solitudine tu stammi vicino, sii

compagno nel mio cammino”. Ecco l’istruzione più vera del Natale: per spiegarti

che per essere umano devi diventare compagno di strada di qualcuno,

per spiegarti che per essere umano devi diventare prossimo, soprattutto di chi


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 89

ha bisogno, e nella disperazione e nel disagio vive nel rovescio della storia,

non ha nessuna centralità, vive al didella stessa periferia.

Non c’era a Betlemme un paese di morti di fame, eppure non c’era nemmeno

una stanza dove il Figlio dovesse nascere. Già, perché Colui che scende

dall’alto è venuto ad insegnarci anche questo, che la sua vita è dono per tutti,

anche per quelli che per la considerazione sociale non avrebbero nessuna vita,

nessuna dignità. È un dono per tutti, ricchi e poveri. Dio è venuto nel mondo

per dirti che per essere umano devi diventare prossimo, compagno, come Lui.

In molti modi, nei tempi antichi, Dio ha parlato, ma poi, alla fi ne, poiché

lo aveva pensato dall’eterno, si è deciso: basta ponti, basta mediatori, basta

istituzioni che mi rappresentano, no, voglio un impatto concreto, corposo,

personale; adesso vado io in persona tra gli uomini, mi devono guardare in

faccia, io li devo vedere nella loro faccia, ed è un dialogo personale che si

instaura ormai dall’Incarnazione del Verbo in poi.

Dio non abita più soltanto nei cieli altissimi, al didi ogni oceano, di ogni

mare, no, Dio abita personalmente nella vita di ciascuno di noi, Spirito Santo

d’amore, presenza di Dio nella nostra esistenza. Così possiamo gridare a Dio

e chiamarlo con un nome proprio: “Abbà”. Io sarò loro Padre e loro saranno

miei fi gli, e ormai tra di noi non ci sarà più distanza perché l’Emmanuel è Dio

con noi, Dio in mezzo a noi. Il Verbo si è fatto carne ed è venuto ad abitare in

mezzo a noi, si è fatto una tenda tra noi, dentro la nostra vita, anche dentro le

nostre tenebre, tenebre che non riguardano soltanto il mondo intero nella sua

globalità, tenebre che riguardano anche qualcosa di più vicino, nella nostra

nazione, nella nostra società, nella nostra città, nel nostro paese: confl itti sociali,

non riconoscimento dei diritti fondamentali delle persone umane.

Questa crisi fi nanziaria, cari fratelli e sorelle, che abbatte e pone sotto le

soglie della povertà tantissime famiglie che tutto sommato se la cavavano

e stavano bene. E per non parlare poi della tenebra che attraversa anche il

nostro cuore di credenti nelle nostre famiglie umane, divisioni, infedeltà, ingiustizia,

sopraffazione, dominio dell’uno sull’altro. Se il Natale ti chiede di

gioire, te lo chiede veramente, non fuori da queste tenebre perché se lasci che

il tuo spirito si coccoli dentro lo spazio della fede, ti promette che anche la tua

carne risorgerà. “Ecco io vengo e vi risuscitò dalle vostre tombe, dai vostri

sepolcri, tolgo da voi il cuore di pietra e vi do un cuore di carne, un cuore

capace di pulsare amore, unilateralmente e senza condizioni”.

Che bello essere umani, che bellezza questa umanità! Che esplode in un

cuore che ama, che ha cura, che diventa prossimo e si fa carico dell’infelicità

degli altri perché tutti possano essere nella felicità e nella gioia, ma questa

conversione di cuore non è possibile se noi non permettiamo al Dio che è con

noi di entrare dentro di noi e di cambiarci la vita.

Per questo, Eccellenza Reverendissima, cari fratelli e sorelle, noi siamo

oltremodo responsabili, perché mentre viviamo la gioia del Natale anche come

un orizzonte che ci attrae e ci apre un cammino che noi dovremmo fare, non


90

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

possiamo non constatare l’amarezza di espressioni religiose e di un Cattolicesimo

che rischiano di non essere cristiani. Come è possibile questo assurdo, un

Cristianesimo non cristiano, un cattolicesimo non cristiano, una religione non

credente, come è possibile che accada questo nella vita delle persone, di quelle

che sono state generate non da carne e da sangue ma dalla grazia di Dio? La

creazione geme e attende la rivelazione dei fi gli di Dio, geme e attende, e nella

sofferenza, perché questi fi gli di Dio pensati e ricreati dalla sua bontà, dalla

sua misericordia, dal suo perdono, non si manifestano, non si mostrano, non si

vedono se non di tanto in tanto, quando ad un certo punto noi con ammirazione,

guardando alla santità possibile nella Chiesa, vediamo i santi.

Nella fede speriamo che siano tanti, diffusi nella nostra vita e nel nostro

mondo, ma noi in faccia a questa santità possibile di tante persone che la

vivono, in faccia alla santità che l’Emmanuele è venuto a regalare come un

dono, innestandola nella profondidella mia vita, io dico: “sono religioso,

ma sono credente?”. Perché potrei essere un religioso non credente ed essere

propriamente io anche, Vescovo di Noto, promotore di una religione non cristiana,

di un cattolicesimo non cristiano e allora, se sono uomo sono umano?

Devo venire a sapere dove è l’umanità, cosa è l’umanità? L’amore è umano,

il dono di sé è umano; il servizio, la carità, il prendersi carico di qualcuno

è umano. Il Cristianesimo si mostra se l’umanità splende nel dono di sé, il

fatto che sono un cristiano splende nella bellezza del farsi dono perché il cristianesimo

splende nella bellezza dell’essere umano. Coltiviamo l’umanità,

coltiviamo il senso del nostro essere umano in nome della nostra religione

cristiana. Per questo crediamo perché veniamo a sapere che soltanto Dio, che

scende dall’alto ed entra nella nostra vita, rende possibile la nostra umanità

nella fede. Questo Dio che umanizza la nostra vita si lascia incontrare, mettendosi

dentro la nostra esistenza per renderci capaci di amare a tal punto da

essere veramente umani. Un Dio che si presenta in persona e ti dice: “Io vi

do un comandamento nuovo, amatevi come io ho amato voi”. Egli sa bene

quanto è diffi cile essere umani, amandosi gli uni agli altri come lui ci ha amato,

dunque non ci ha lasciati soli con il comandamento suo, ma lui stesso si è

messo dentro la nostra vita. Ci manda lo Spirito Santo d’amore per renderci

capaci di diventare umani amandoci come lui ha amato noi. E allora comprendete

che cosa è una parrocchia, che cos’è un cammino di fede.

L’annuncio della gioia del Natale è l’amore che offri ad ogni fratello, anche

a costo di soffrire. Se ti disponi in questa direzione, in te tutto cambia e

vivi quella gioia profonda che nessun dolore ti può togliere. Quando lo incontrerai

nel momento della tua morte, contemplerai nel volto di Dio quella

ricchezza umana che Egli ha permesso nella tua vita perché, abitato dal suo

amore, hai cominciato ad amare: “mi hai dato da mangiare, mi hai dato da

bere, mi hai vestito, sei venuto a trovarmi nella mia solitudine quando ero

disperato, ti sei affi ancato accanto a me”.

Così sia.


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 91

Messaggio per il Natale 2010

Carissimi fi gli dell’amata Chiesa locale di Noto,

Natale è giorno di grande gioia per i cristiani e per l’intera umanità. E’ una

grande festa per il mondo e per la storia degli uomini. Non può essere pertanto

ridotta ad estetismo sentimentale. È invece tempo per “rinascere” e rivivere

nell’amore, attraverso la contemplazione di un Dio che nasce per farsi

vedere, di un Dio che non rimane più nascosto, ma si svela. Lo fa per amore.

Lo fa perché noi possiamo amarci sempre più e sempre meglio. Solo l’amore

infatti ci risuscita realmente dalle catene del nostro dolore e dalle sofferenze

delle nostre alienazioni: così rinasciamo anche noi, come il Figlio di Dio ogni

anno nasce per noi, tra noi e con noi. A Natale, perciò, rafforziamo la nostra

fede. La fede è il dono di occhi nuovi su noi stessi, sugli altri, sul mondo,

anzitutto perché crea occhi nuovi per vedere “Dio come veramente è”.

Ascoltiamo cosa dice il Catechismo della Chiesa cattolica: «Per mezzo

della ragione naturale, l’uomo può conoscere Dio con certezza a partire dalle

sue opere. Ma esiste un altro ordine di conoscenza a cui l’uomo non può

affatto arrivare con le sue proprie forze, quello della Rivelazione divina. Per

una decisione del tutto libera, Dio si rivela e si dona all’uomo svelando il suo

Mistero, il suo disegno di benevolenza prestabilito da tutta l’eternità in Cristo

a favore di tutti gli uomini. Egli rivela pienamente il suo disegno inviando il

suo Figlio prediletto, nostro Signore Gesù Cristo, e lo Spirito Santo» (CCC

n.50). Insomma, il “Dio nascosto” (Is 45.15) che nessuno può vedere faccia

a faccia (Dt 34,10) e di cui si possono scorgere solo le tracce (Es 33,23),

nell’incarnazione del Figlio suo ha comunicato assolutamente il suo “volto

vero”, facendo conoscere il “mistero della sua volontà” (Ef, 1,9) volendo portare

gli uomini alla comunione con sè, rendendoli partecipi della sua natura

divina (Ef 2,18; 2Pt 1,14) e trattandoli come amici (Gv 15,14-15)».

Con il Natale, allora non si può più credere in un Dio che sia alla fi n fi ne

la mia idea di Lui: il Dio-idea non ha più diritto di albergare nel cuore degli

uomini. Un Dio-altro da come noi lo immaginiamo si rivela e si mostra a Natale,

“Dio ha carne, Dio è nella carne”. Accogliamo la rivelazione: “il Verbo

di Dio si è fatto carne ed è venuto ad abitare in mezzo a noi, a fare la sua tenda

tra noi, si è reso nostro compagno di strada”. Così, la Sapienza in persona si è

edifi cata una casa tra gli uomini nel seno immacolato di Maria.

Allora, Dio non è lontano, Dio è vicino. Dio non è indifferente alla mia

vita, anzi la considera in ogni istante. Dio non è freddo rispetto al mio dolore

e alle mie gioie, tutt’altro, si è fatto carne per poter camminare con me in

ogni sofferenza, animando e proteggendo il mio desiderio di felicità: è venuto

perché avessimo la gioia in abbondanza.

Carissimi, ho sempre insistito nella mia predicazione (e registro con piacere

che non vi annoiate affatto di sentirlo ripetere di continuo) che il nostro è


92

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

un Dio corposo. Troppo spesso si dimentica questo aspetto centrale della nostra

fede cristiana. Invece proprio questo oggi andrebbe annunciato. È questa

la buona novella, la bella notizia. In Gesù, Dio è persona vivente nella storia

degli uomini ed è “per” gli uomini. Usciamo allora dalla genericità religiosa

che presume di rapportarsi a Dio come una vaga idea di infi nito o come un

tutto che avvolge il mondo. Al contrario Dio è un agente, uno “che parla”,

“che comunica”. La sua Parola è “incarnata”. Afferma la Dei Verbum «Dio

esce dal suo silenzio e pronuncia in Cristo la Parola della salvezza che richiede

una risposta dell’uomo» (DV 1). Il dialogo con l’uomo è possibile, perchè

ogni essere umano è come sintonizzato. L’inquietudine umana è il segno più

chiaro della sua apertura infi nita, della sua trascendenza inappagabile. E’ importante

però chiarire la struttura di questo dialogo, perchè non si tradisca

la verità di questo incontro. L’uomo è aperto infi nitamente, ma Dio “non è”

questa apertura infi nita.

L’uomo è alla ricerca di Dio, ma Dio è libero nella sua gratuita manifestazione.

Dio “si mostra” e l’uomo lo può “vedere”, “toccare”: nell’esperienza

religiosa, l’iniziativa è di Dio. Dio si dà visibilità, egli viene. L’uomo non si

può chiudere materialisticamente nel “suo mondo”, ha orecchi e occhi per

riconoscere Dio come Dio. Tutta la realtà che lo circonda “simbolizza” la

presenza di Dio: i cieli narrano la gloria di Dio.

Ecco dunque il signifi cato vero del Natale: accogliere nella fede Gesù è

guardare Dio nel suo volto concreto. Natale è rivelazione di Dio come veramente

è.

Dio ha un “nome”, quello che Gesù “mostra” con la sua vita di vicinanza

e di solidarietà con e in mezzo agli uomini. La via per incontrare Dio allora

coincide con la “condivisione di una esperienza”, quella di Gesù: solo Gesù

porta al Padre, perchè lo fa conoscere, perchè lo simbolizza sacramentalmente

in ogni suo gesto e in ogni sua parola. Come per Gesù anche per ogni

cristiano, il Dio da comunicare e da vivere non è un’idea, un concetto, un

sentimento di assolutezza, ma un evento di incarnazione, una vicinanza vera

all’esistenza di ogni uomo, in qualsiasi situazione esso si possa trovare, ricco

o povero, intelligente o incolto, potente o ai margini della società, bisognoso

o sazio di beni materiali. Il Dio che in Gesù si dona un volto è, infatti, l’Amore

non escludente, ma includente tutti e ognuno. Perciò è un Dio che si lascia incontrare

in ogni esperienza di amore che porti le tracce vere e autentiche della

sua verità, manifestata nella storia d’amore del Figlio suo, Gesù di Nazareth.

Ora, si potrebbero individuare tante esperienze, personali e pubbliche, sia

di carattere civile che religioso, dalle quali si evince la tendenza degli uomini

a disincarnare Dio per farlo diventare uno strumento a servizio delle proprie

comodità. Questa operazione, purtroppo sempre più diffusa anche tra i cristiani,

è tuttavia impraticabile per il cristianesimo: ne costituisce, infatti un

tradimento del suo contenuto centrale. In particolare essa si rifl ette in quella

tendenza, non rara nemmeno tra i cattolici, a privatizzare la fede, usandola e


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 93

consumandola secondo interessi e gusti del momento.

Se Dio resta una idea, allora l’uomo può liberamente (=libertariamente,

che è schiavitù) pensarla a modo proprio. Ma se Dio si è incarnato, l’uomo è

soltanto libero di obbedire alla sua verità, cominciando ad accogliere il dono

della sua rivelazione oggettiva, custodita nella fede della Chiesa. La verità di

Dio salva. È però la “sua verità”, quella chiaramente manifestata nel gesto del

Crocifi sso per amore. Qui Dio manifesta la sua identità divina, inequivocabile:

nella situazione dell’estrema impotenza della morte in croce, Dio è Padre,

cioè Colui che rivela la sua onnipotenza nell’amore, perchè, anche quando gli

uomini donano la morte al Figlio, Egli continua ad essere, nel suo perdono

misericordioso, il Dio che dona la vita, sempre e oltre ogni ostacolo.

Se Dio è così, così dovrà essere anche l’uomo, fatto a sua immagine e

somiglianza: l’amore, la vicinanza solidale, la carità non sono per il cristiano

un optional, ma l’identità dell’esistere, per un motivo semplice: Dio lo ha

incontrato.

Perciò, scoprire Gesù è per il cristiano e per tutti una necessità di vita, il

bisogno vero dell’esistenza. Proviamo allora ad assaporarne la ricchezza del

suo mistero e a goderne la bellezza, il cui splendore riempie di luce e di gioia

i giorni degli uomini di buona volontà.

Auguro perciò a tutti di scoprire Gesù per poter vivere la “vita buona del

Vangelo”, cui dobbiamo essere educati e a cui dobbiamo educare per essere

sempre più e sempre meglio “umani”, cioè uomini felici e gioiosi di esistere

perché capaci di portare agli altri gioia e felicità. Vi benedico nel Signore

che avviene e ci porta la pace.

24 Dicembre 2010

+ Antonio, vescovo


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 95

S.E. Mons. Antonio Staglianò, Vescovo di Noto,

ha nominato:

Decreti e nomine Vescovili

il Prof. Fortuna Angelo, Direttore dell’Uffi cio Diocesano per l’insegnamento

della religione cattolica (1 settembre 2010)

il Diac. Mazzone Giuseppe Franco, Vice Direttore dell’Uffi cio Diocesano

per l’insegnamento della religione cattolica (1 settembre 2010)

il Sig. De Naro Papa Vincenzo, Presidente della Confraternita Sant’Antonio

Abate in Noto (28 settembre 2010)

il Sig. Amatore Salvatore, Coordinatore per le Confraternite presenti nel

Vicariato di Noto (29 settembre 2010)

il Sig. Eduardo Avolio, Presidente della Confraternita San Corrado in Noto

(28 settembre 2010)

il Sac. Iacono Michele, Amministratore parrocchiale della parrocchia S. Maria

di Portosalvo con sede in Pozzallo (30 settembre 2010)

il Sac. Giurdanella Angelo, Vicario Generale della Diocesi di Noto (1

ottobre 2010)

il Sac. Gisana Rosario, Vicario Episcopale per la Pastorale (1 ottobre 2010)

il Sac. Dott. Petriglieri Ignazio, Vicario Episcopale per la Cultura (1 ottobre 2010)

il Sac. Dott. Lorefi ce Corrado, Vicario Episcopale per il Clero (1 ottobre 2010)

il Sac. Giurdanella Angelo, Rettore della chiesa Cattedrale di S. Nicolò con

sede in Noto (1 ottobre 2010)

il Sac. Gisana Rosario, Vice Rettore della chiesa Cattedrale di S. Nicolò con

sede in Noto (1 ottobre 2010)

il Sac. Gisana Rosario, Direttore dell’Uffi cio Catechistico Diocesano (1

ottobre 2010)

il Sac. Lauretta Giovanni, Direttore dell’Uffi cio Diocesano di Pastorale

Giovanile (1 ottobre 2010)

il Sac. Fidone Michele, Direttore dell’Uffi cio Missionario Diocesano (1

ottobre 2010)

il Sac. Barone Christian, Vicario parrocchiale della comunità di parrocchie

Madonna delle Lacrime, Sacro Cuore, S. Luca con sede in Modica (1

ottobre 2010)

il Sac. Bella Salvatore, Vicario parrocchiale della comunità di parrocchie

Madonna delle Grazie, SS. Annunziata, S. Antonio Abate, Madonna del

Carmine con sede in Ispica (1 ottobre 2010)

il Sac. Manenti Gianluca, Amministratore parrocchiale della parrocchia S.

Gaetano con sede in Portopalo di Capo Passero (1 ottobre 2010)

il Sac. Trefi letti Paolo, Parroco “in solidum” della parrocchia SS. Crocifi sso

con sede in Noto (1 ottobre 2010)


96

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

il Sac. Minardo Adriano, Moderatore della comunità di parrocchie Madonna

del Carmine e S. Maria alla Rotonda con sede in Noto (1 ottobre 2010)

il Sac. Santuccio Franco, Parroco della parrocchia S. Maria alla Rotonda con

sede in Noto (1 ottobre 2010)

il Sac. Parisi Giorgio, Parroco della parrocchia S. Cuore con sede in Noto (1

ottobre 2010)

il Sac. Palacino Calogero, Parroco della parrocchia S. Teresa con sede in

Modica (1 ottobre 2010)

il Sac. Novello Maurizio, Parroco della parrocchia S. Paolo Apostolo con sede

in Avola (1 ottobre 2010)

il Sac. Novello Maurizio, Parroco della parrocchia S. Giovanni Battista con

sede in Avola (1 ottobre 2010)

il Sac. Trombatore Stefano, Preside della Scuola Diocesana di Formazione

all’impegno sociale e politico “Giorgio La Pira” (1 ottobre 2010)

il Sac. Bonincontro Umberto Paolo, Direttore del Servizio Diocesano per i

Gemellaggi di questa Diocesi con altre Chiese locali (1 ottobre 2010)

il Sac. Donzello Gianni, Direttore dell’Uffi cio Tecnico Diocesano (1 ottobre 2010)

il Sac. Donzello Gianni, Economo Diocesano (1 ottobre 2010)

il Sac. Donzello Gianni, Direttore dell’Uffi cio Amministrativo Diocesano (1

ottobre 2010)

il Sac. Sultana Rosario, Direttore dell’Uffi cio Diocesano per le Comunicazioni

Sociali (1 ottobre 2010)

il Sac. Sparacino Antonio, Vice Direttore dell’Uffi cio Diocesano per i Beni

Culturali Ecclesiastici (1 ottobre 2010)

il Sac. Lorefi ce Corrado, Vicario Foraneo del Vicarato di Modica (1 ottobre 2010)

il Sac. Di Stefano Nunzio Martino, Vicario Foraneo del Vicarato di Scicli

(1 ottobre 2010)

il Sac. Asta Gaetano, Vicario Foraneo del Vicariato di Pachino (1 ottobre 2010)

il Sac. Minardo Adriano, Vicario Foraneo del Vicariato di Noto (1 ottobre 2010)

il Sac. Novello Maurizio, Vicario Foraneo del Vicariato di Avola (1 ottobre 2010)

il Sac. Rametta Salvatore, Vicario parrocchiale della parrocchia Sacro Cuore

con sede in Noto (1 ottobre 2010)

il Sac. Rabbito Rosario, Amministratore parrocchiale della parrocchia Madonna

delle Grazie con sede in c.da Barco Comune di Modica (30 ottobre 2010)

il Sac. Rabbito Rosario, Vicario parrocchiale della parrocchia S. Pietro Apostolo

- Chiesa Madre con sede in Modica (30 ottobre 2010)

il Sac. Asta Gaetano, Correttore della Confraternita della Misericordia con

sede presso la parrocchia Santi Angeli in Pachino (6 novembre 2010)

il Signor Rotondo Pietro, Presidente dell’Arciconfraternita di Santa Maria

Maggiore in Ispica (16 novembre 2010)

il Sac. Donzello Gianni, Consigliere-Presidente del Consiglio di Amministrazione

dell’Istituto Diocesano per il Sostentamento del Clero, a partire dal

1° gennaio 2011 e per la durata di cinque anni (30 novembre 2010)


Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo 97

il Signor Avv. Leone Raffaele, Consigliere del Consiglio di Amministrazione

dell’Istituto Diocesano per il Sostentamento del Clero, a partire dal 1°

gennaio 2011 e per la durata di cinque anni (30 novembre 2010)

il Signor Dott. Maiore Salvatore, Consigliere del Consiglio di Amministrazione

dell’Istituto Diocesano per il Sostentamento del Clero, a partire dal

1° gennaio 2011 e per la durata di cinque anni (30 novembre 2010)

il Sac. Giordanella Salvatore, Assistente spirituale dell’Associazione Cristiana

per la Famiglia “G. Rizza” e del Consultorio Familiare di Ispirazione

Cristiana, con sede in Modica (1 dicembre 2010)

il Sac. Di Vita Giorgio, Cappellano della Casa di reclusione di Noto, per il

conferimento del relativo incarico da parte del Ministero di Grazia e Giustizia,

in sostituzione del Sac. Santuccio Franco (7 dicembre 2010)

il Sac. Boccaccio Sebastiano, Consigliere del Consiglio di Amministrazione

dell’Istituto Diocesano per il Sostentamento del Clero, a partire dal 1°

gennaio 2011 e per la durata di cinque anni (7 dicembre 2010)

il Sac. Caruso Sebastiano, Vice Presidente del Consiglio di Amministrazione

dell’Istituto Diocesano per il Sostentamento del Clero, a partire dal 1°

gennaio 2011 e per la durata di cinque anni (7 dicembre 2010)

il Sac. Di Vita Giorgio, Vicario parrocchiale della comunità di parrocchie S. Sebastiano-

Ch. M., S. Giovanni Battista, S. Maria di Gesù con sede in Avola (9 dicembre 2010)

ha dato mandato:

al Diac. Quartarone Lorenzo, di svolgere il ministero diaconale nella Comunità

di parrocchie Madonna del Rosario di Pompei - Santi Angeli - S.

Giuseppe con sede in Pachino (16 novembre 2010)

al Diac. Di Maria Angelo, di svolgere il ministero diaconale nella Comunità

di parrocchie Cuore Immacolato di Maria - S. Caterina da Siena con sede

in Rosolini (9 dicembre 2010)

ha costituito:

il Consiglio Diocesano per gli Affari Economici per il quinquennio 2010-

2015, composto dai seguenti membri (21 ottobre 2010):

1. Sac. Giurdanella Angelo, Vicario Generale

2. Sac. Donzello Gianni, Economo diocesano

3. Sac. Caruso Sebastiano

4. Avv. Licitra Luca

5. Dott. Di Pietro Rosario

6. Prof. Di Lorenzo Corrado

7. Dott. Mauceri Corrado


98

ha istituito:

Rivista della Diocesi di Noto - Atti del Vescovo

il Servizio diocesano per i Gemellaggi (1 ottobre 2010)

ha disposto:

che in data 4 novembre 2010, cinquantesimo anniversario della morte di Don

Liborio Ardilio, gli venisse intitolato il Circolo di Noto dell’Unione Apostolica

Clero (4 novembre 2010)

ha decretato:

la modifi ca allo Statuto dell’Istituto per il Sostentamento del Clero della

Diocesi di Noto (14 dicembre 2010)

ha accolto:

Frà Alexis Flavian Bugnolo in questa Diocesi di Noto ad experimentum ad

triennium affi nchè possa seguire la regola di San Francesco d’Assisi nella

forma di vita eremitica, a norma del Can. 603 §1 del Codice di Diritto

Canonico (23 dicembre 2010)


Diario

del Vescovo


Rivista della Diocesi di Noto - Diario del Vescovo 101

Mercoledì 1

A Siracusa concelebra alla liturgia in onore

della Madonna delle lacrime presieduta

dal Nunzio Apostolico in Italia, Mons.

Giuseppe Bertello.

Lunedì 30 agosto - Venerdì 3 settembre

Partecipa agli esercizi spirituali del clero.

Lunedì 6

In occasione del Convegno sul presbiterato

sul tema “Il servizio (la diakonia)

nella chiesa tra sacerdozio ministeriale

e sacerdozio comunitario: l’esempio di

Padre Pio”, organizzato a Pietrelcina dal

Comitato per il centenario dell’ordinazione

sacerdotale di San Pio, ha tenuto

una relazione affrontando il tema “Il

sacerdozio ministeriale e il sacerdozio

comune nel Vaticano II”.

Venerdì 10 - Sabato 11

Presiede i lavori del I Convegno Internazionale

di Bioetica.

Domenica 12

A Testa dell’Acqua presiede la S. Messa

in occasione della festa di S. Isidoro

Agricola.

Lunedì 13 - Martedì 14

Udienze

Mercoledì 15

Alla Casa Don Puglisi di Modica assiste

alla manifestazione “Crisci ranni” e presiede

la S. Messa.

Giovedì 16

Si reca a Mazzarino (CL) pr la festa della

Madonna e presiede la S. Messa.

SETTEMBRE 2010

Venerdì 17

In Episcopio accoglie la professione di

fede dei Diaconi ordinandi.

Sabato 18

Inaugura e benedice a Noto una scuola

dell’infanzia. Udienze.

Lunedì 20

Udienze. Presiede l’incontro della Comissione

per la Cattedrale.

Venerdì 24

Si reca a Le Castella per il Congresso di

Bioetica.

Sabato 25

Udienze. Presiede nel pomeriggio una S.

Messa nel monastero delle Visitandine

di Rosolini.

Domenica 26

Amministra in Chiesa Madre a Pozzallo il

Sacramento della Confermazione.

Lunedì 27

Udienze. Presiede a Noto in Cattedrale

i lavori del Convegno di inizio anno

pastorale.

Martedì 28

Udienze. Incontra i Seminaristi in Seminario.

Nel pomeriggio presiede a Noto in

Cattedrale i lavori del Convegno di inizio

anno pastorale.

Mercoledì 29

Udienze. Nel pomeriggio presiede a Noto

in Cattedrale i lavori del Convegno di

inizio anno pastorale.


102

Venerdì 1

Presiede l’incontro del Consiglio Episcopale

e parte per Palermo per il Convegno

delle Chiese di Sicilia.

Domenica 3

A Palermo partecipa con l’Episcopato

siciliano alla visita del Santo Padre in

Sicilia.

Lunedì 4

A Noto nella chiesa dell’Immacolata

presiede la S. Messa in occasione della

Festa di S. Francesco d’Assisi.

Martedì 5 - Mercoledì 6

Udienze.

Giovedì 7

Udienze. Presiede la S. Messa a Pozzallo

per la festa della Madonna del Rosario. Nel

pomeriggio presiede la S. Messa a Pachino

sempre in occasione della stessa festa.

Venerdì 8

A Piazza Armerina predica il Ritiro del

clero.

Sabato 9

Udienze.

Domenica 10

A Le Castella presiede la S. Messa per

l’anniversario della morte del fratello Pino.

Lunedì 11 - Mercoledì 13

Uscita con il giovane clero a Le Castella.

Giovedì 14 - Sabato 16

Partecipa ai lavori della 46 a Settimana

Sociale dei Cattolici a Reggio Calabria.

Sabato 16

Nella parrocchia S. Teresa di Modica

Rivista della Diocesi di Noto - Diario del Vescovo

OTTOBRE 2010

presiede la celebrazione per l’inizio del

Ministero pastorale del nuovo Parroco

Don Calogero Palacino.

Domenica 17

Nella parrocchia S. Maria alla Rotonda

in Noto presiede la celebrazione per

l’inizio del Ministero pastorale del nuovo

Parroco Don Franco Santuccio.

Lunedì 18

Presiede in Episcopio l’incontro del

Consiglio Episcopale. Udienze. Nel pomeriggio

nella parrocchia Sacro Cuore in

Noto presiede la celebrazione per l’inizio

del Ministero pastorale del nuovo

Parroco Don Giorgio Parisi.

Martedì 19

Udienze.

Mercoledì 20

Udienze. Visita i lavori della costruenda

chiesa a Frigintini e dopo, nella parrocchia

SS. Crocifisso in Noto, presiede la celebrazione

per l’inizio del Ministero pastorale

del nuovo Parroco Don Paolo Trefiletti.

Giovedì 21

Visita i lavori della costruenda chiesa a

Donnalucata. Inaugura la Casa Famiglia

a Pachino e nel pomeriggio concede

un’intervista a Video Regione.

Venerdì 22

Partecipa alla Casa del Clero al ritiro

mensile del Clero.

Sabato 23

Udienze. Inaugura la sede Amplifon in

Piazza Bolivar a Noto.

Domenica 24

Amministra il sacramento della Confer-


Rivista della Diocesi di Noto - Diario del Vescovo 103

mazione nelle parrocchie Madonna del

Carmine in Modica e Cuore Immacolato

in Crocevie sempre in Modica.

Lunedì 25 - Mercoledì 27

A Palermo per la CESi.

Giovedì 28

Udienze.

Venerdì 29

Partecipa all’incontro dei Vescovi allo Studio

Teologico S. Paolo di Catania. Poi presiede

in Seminario l’incontro del CO.PA.DI.


104

Lunedì 1

Udienze. In Cattedrale alle ore 18 presiede

la Celebrazione Eucaristica per la

Giornata della Santificazione Universale.

Martedì 2

Al cimiterio di Noto presiede alle ore

10,30 la solenne Celebrazione Eucaristica

per la Commemorazione dei fedeli defunti.

Mercoledì 3

Presiede in Episcopio l’incontro della

Commissione Ordini e Ministeri. Udienze.

Nella parrocchia S. Gaetano di Portopalo

di Capo Passero presiede la celebrazione

per la presentazione dell’Amministratore

parrocchiale Don Gianluca Manenti.

Giovedì 4

Al Pantheon di Noto presiede alle ore

10,30 la solenne Celebrazione Eucaristica

per la festa del 4 Novembre. Nel pomeriggio

ad Avola, nella parrocchia S. Giovanni

Battista presiede la celebrazione per

l’inizio del Ministero pastorale del nuovo

Parroco Don Maurizio Novello.

Venerdì 5

Al Comune di Modica partecipa all’incontro

per la verifica del protocollo

d’intesa. Udienze. Nel pomeriggio in

Seminario partecipa all’incontro della

Consulta per le Aggregazioni Laicali.

Sabato 6

Udienze. Presiede in Episcopio l’incontro

del Consiglio Affari Economici. La sera

presiede in Chiesa Madre a Pozzallo la

S. Messa per l’anniversario della morte

di Giorgio La Pira.

Domenica 7

Presiede in Episcopio l’incontro del

Consiglio Affari Economici. La sera

Rivista della Diocesi di Noto - Diario del Vescovo

NOVEMBRE 2010

presiede in Chiesa Madre a Pozzallo la

S. Messa per l’anniversario della morte di

Giorgio La Pira.

Lunedì 8 - Giovedì 11

A Roma partecipa ai lavori dell’Assemblea

della CEI.

Venerdì 12

Alla Casa del Clero partecipa all’incontro

di aggiornamento del Clero. Nel pomeriggio,

all’oratorio S. Domenico Savio

di Rosolini, interviene all’incontro

unitario per i laici.

Sabato 13

Udienze. A Modica nella chiesa San

Teodoro alle ore 17,30 amministra il Sacramento

della Confermazione.

Lunedì 15

Alla Casa del Clero presiede l’incontro

con i giovani presbiteri, in Episcopio

quello del Consiglio Episcopale e nel pomeriggio

nella parrocchia S. Caterina da

Siena in Rosolini partecipa all’incontro

della Scuola socio-politica.

Giovedì 18

Allo Studio teologico San Paolo di Catania

alle ore 16,30, per la serie dei Colloqui

Rosminiani, tiene una relazione sul tema:

“La visione antropologica rosminiana di

fronte alla sfida educativa”.

Venerdì 19

Udienze. A Modica partecipa alla cerimonia

di inaugurazione dei locali

dell’UNITALSI. Dopo, alla Domus S.

Petri partecipa alla Settimana Teologica.

Sabato 20

A Modica presiede l’incontro del Clero

di Modica. Nel pomeriggio, sempre


Rivista della Diocesi di Noto - Diario del Vescovo 105

a Modica nella chiesa S. Filippo, amministra

il Sacramento della Confermazione.

Si trattiene quindi a Modica per

la Settimana Teologica.

Domenica 21

Nella mattinato in Seminario interviene

all’Assemblea diocesana ACI. A Modica

nella parrocchia Madonna delle

Grazie amministra il Sacramento della

Confermazione. La sera partecipa quindi

alla Settimana Teologica.

Lunedì 22

Presiede a S. Giorgio di Modica la celebrazione

del funerale per il papà di

Fra’ Antonello Abbate. Dopo, sempre

in S. Giorgio, presiede l’incontro del

Consiglio Episcopale.

Martedì 23

Udienze. A Pachino nella parrocchia S.

Corrado amministra il Sacramento della

Confermazione.

Mercoledì 24

Udienze. Nel pomeriggio in Seminario

presiede l’incontro del Consiglio Pastorale

Diocesano.

Giovedì 25

Nel monastero delle Carmelitane a Noto

alle ore 16,30 presiede la celebrazione

eucaristica. Alle 18 in Seminario presiede

la cerimonia di inaugurazione

dell’Associazione Teologica Netina.

Venerdì 26

Alla Casa del Clero partecipa al ritiro

del Clero.

Sabato 27

All’Oratorio San Domenico Savio di

Rosolini presiede il Convegno delle Aggregazioni

Laicali.

Domenica 28

Nella basilica del SS. Salvatore in Noto

alle ore 10,30 presiede la solenne

celebrazione eucaristica con gli Ordini

Dinastici della Real Casa di Savoia. In

tale occasione gli viene conferito il grado

di Commendatore dell’antico Ordine

religioso-militare dei SS. Maurizio e

Lazzaro. Nel pomeriggio nella parrocchia

S. Massimiliano di Modica amministra il

Sacramento della Confermazione.

Lunedì 29 novembre - Venerdì 3

dicembre

Predica gli esercizi spirituali a Fiesole.


106

Sabato 4

Nella chiesa S. Bartolomeo di Scicli alle

ore 18 amministra il Sacro Ordine del

Diaconato all’accolito Nello Garofalo.

Domenica 5

Amministra il Sacramento della confermazione

nella chiesa S. Maria Maggiore

di Ispica e nel pomeriggio nelle

parrocchie Madonna delle Lacrime e S.

Ippolito di Modica.

Lunedì 6

Alla Casa del Clero alle ore 10 presiede

l’Incontro giovani presbiteri. Nel pomeriggio

alle 18 in Seminario interviene alla

presentazione del libro “Mons. Salvatore

Tranchina - Sacerdote di preghiera e

infaticabile nel servizio alla Chiesa Netina”.

Martedì 7

A Rosolini in Chiesa Madre alle ore 17,30

presiede la celebrazione eucaristica.

Mercoledì 8

Nella chiesa S. Francesco d’Assisi all’Immacolata

di Noto presiede nella mattina

ta il solenne Pontificale dell’Immacolata.

Giovedì 9 - Domenica 12

A Roma.

Lunedì 13

Tiene una relazione alla Facoltà Teologica

di Sicilia a Palermo.

Mercoledì 15

In Episcopio presiede l’incontro del

Consiglio Episcopale ed alle 16 quello

del Consiglio USMI. Nella chiesa SS.

Annunziata di Ispica alle ore 18 amministra

il Sacro Ordine del Diaconato all’accolito

Armando Fidone.

Rivista della Diocesi di Noto - Diario del Vescovo

DICEMBRE 2010

Giovedì 16

Nel pomeriggio assiste all’ospedale

Trigona di Noto al concerto dei bambini.

Venerdì 17

In prossimità delle festività natalizie

visita le scuole di Pachino S. Pellico e G.

Verga. Alle 19 tiene ad Avola la Lectio

Divina Vicariale.

Sabato 18

In Cattedrale alle 18 presiede il solenne

Pontificale per l’Ammissione agli ordini

Sacri di alcuni seminaristi.

Domenica 19

Nella chiesa di S. Giorgio in Modica

alle 10,30 presiede una celebrazione eucaristica

per l’associazione Coldiretti.

Alle 12, al Teatro Garibaldi di Modica,

interviene al Convegno Confimpresa -

Economia solidale di mercato. Nel pomeriggio

a Rosolini presiede l’incontro

dell’USMI.

Lunedì 20

In Episcopio presiede l’incontro del Consiglio

Episcopale. Nel pomeriggio presiede

in Cattedrale la S. Messa ed il rito di trasferimento

delle spoglie di Mons. Vizzini. In

Seminario alle 20,30 presiede l’incontro del

Consiglio di Zona dell’AGESCI.

Martedì 21

A Pachino visita la Scuola Calleri. Nel

pomeriggio a Modica presiede un incontro

nel monastero delle Benedettine.

Mercoledì 22

A Noto visita le scuole ITG - IPSIA - ISA.

Venerdì 24

In Cattedrale presiede la Veglia e la S.

Messa della notte di Natale.


Rivista della Diocesi di Noto - Diario del Vescovo 107

Sabato 25

La mattina in Cattedrale presiede il Pontificale

di Natale.

Domenica 26

A Crotone - S. Rita presiede la celebrazione

eucaristica per la festa della Sacra Famiglia.

Lunedì 27

A Crotone-Roccabernarda partecipa al

Convegno di Bioetica sul tema “Un dono

per la vita donazione degli organi - Un

percorso bioetico tra scienze e fede”.

Ha tenuto un intervento sul tema: “Il

corpo umano è persona: principio etico

fondamentale dentro le sfide bioetiche e

biopolitiche di oggi”.


Atti della Curia


Rivista della Diocesi di Noto - Documenti 111

Vicario Generale

Ringraziamento di Mons. Francesco Guccione

al termine del suo servizio in qualità di Vicario Generale

Venerdì 24 settembre 2010

Noto – Cattedrale – Concelebrazione per il 90° mio compleanno

Ringraziamento all’Assemblea

A conclusione di questa Liturgia comunitaria, sento anzitutto l’obbligo di

elevare al Signore il mio vivo ringraziamento per il dono dei novanta anni di

vita che mi ha voluto elargire per suo amore.

Sento pure il dovere di esprimere la mia sentita gratitudine a Sua Eccellenza

Reverendissima Monsignor Antonio Staglianò, nostro Vescovo, che ha voluto

questa concelebrazione di ringraziamento.

Ringrazio Sua Eccellenza Reverendissima in questa circostanza anche per

la fi ducia che ha voluto accordarmi fi n dal suo ingresso in Diocesi e dall’inizio

del suo governo episcopale della nostra Chiesa locale.

Un vivo ringraziamento rivolgo a Sua Eccellenza Reverendissima Monsignor

Salvatore Nicolosi e a Sua Eccellenza Reverendissima Monsignor Giuseppe

Malandrino, nostri Vescovi Emeriti, sia per la loro gradita partecipazione a

questa celebrazione, sia per la loro fi ducia concessami durante il loro governo

episcopale della nostra Chiesa locale.

Un grato ringraziamento esprimo, e lo farò ancora per iscritto, a Sua Eccellenza

Monsignor Mariano Crociata, nostro Vescovo Emerito.

Un sentito ringraziamento esprimo all’Illustrissimo Signor Sindaco, Avvocato

Corrado Valvo, per la sua gradita presenza e per le cortesi parole che ha

voluto rivolgermi in questa circostanza.

Ringrazio in particolare il Vicario Episcopale per il Clero Don Angelo

Giurdanella, che con affetto ha curato la presente celebrazione.

Esprimo la mia viva gratitudine a tutti i miei confratelli sacerdoti e ai Diaconi

per la loro vicinanza e preghiera fraterna.

Con affetto ringrazio i miei cari parenti che hanno voluto essermi vicini in

questa celebrazione.

Esprimo il mio grazie di cuor alle Religiose, ai membri degli Istituti Secolari

di vita consacrata, ai fratelli e sorelle dei Movimenti e Gruppi ecclesiali e delle

Comunità parrocchiali della nostra Chiesa locale.

Ringrazio vivamente quanti questa sera hanno voluto spendere cortesi parole

nei riguardi della mia povera persona.

In fi ne ringrazio i componenti del Coro che hanno voluto animare questa

Liturgia con il canto.


112

Rivista della Diocesi di Noto - Documenti

Permettetemi di confi darvi come ho decifrato il numero 90 del mio compleanno:

il 9 e lo 0.

Lo zero mi ha fatto pensare a tutte le mie negatività; a quelle pagine che non

avrei dovuto scrivere nel libro della vita di cui ci parla San Giovanni Evangelista

nell’Apocalisse, ma che purtroppo ho scritto per la mia fragilità. Sono le mie

infedeltà al Signore e ai suoi comandamenti, i miei sbagli, i cattivi esempi,

le mancanze di rispetto e di carità, le sofferenze che avrò causato ad alcuni.

Di queste negatività domando sincero perdono al Signore e mi affi do alla sua

misericordia e chiedo anche perdono a tutte le persone ferite dalla mia fragilità.

Il numero nove invece mi ricorda i molti doni che senza mio merito il

Signore Gesù e la sua e mia Mamma Maria Santissima mi hanno concesso in

tutti questi anni.

Voglio ricordare il dono della vita, non soltanto per avermi fatto nascere

vivo, ma per avermi protetto e difeso questa unica mia vita.

Rivedendo il tempo trascorso di questi miei anni ho riscontrato ben cinque

circostanze in cui ho visto la morte fermarsi a un passo. Circostanze che mi

hanno dato certezza e convinzione di non essere solo nella vita, ma c’è un

occhio che non mi perde mai di vista, un cuore che mi ama e soccorre, una

mano potente che mi protegge e mi ha salvato. Sono l’occhio, il cuore, la mano

di Gesù e di Maria Santissima.

Voglio ricordare il dono della vocazione al Sacerdozio, a tutte le innumerevoli

grazie di luce interiore e di energia volitiva con cui il Signore ha intessuto

la capillarità della mia vita, dei miei 66 anni di ministero sacerdotale, oltre che

del periodo di formazione sacerdotale.

Ripensando agli eventi, ora lieti e ora sofferti, alle persone incontrate, che

con la loro parola e con la loro testimonianza, hanno lasciato un segno positivo

nella mia vita, sia nel periodo della mia formazione in Seminario, sia nel tempo

del mio servizio pastorale di tutti questi anni, devo costatare che il Signore mi

ha costruito con pazienza e amore creativo e provvidenziale pezzo su pezzo e

ho fatto mia la espressione di San Paolo (I Corinti 15,10): “Gratia Dei sum id

quod sum” (Per grazia di Dio sono quello che sono).

Questa grazia di Dio, per cui sono quello che sono, è passata attraverso la

fi ducia, attraverso la testimonianza e attraverso la preghiera di tante persone

che il Signore ha messo nel mio cammino.

A cominciare dalla santa memoria di Sua Eccellenza Monsignor Angelo

Calabretta, che mi accordò la fi ducia della Direzione Spirituale del Seminario

e nell’affi darmela mi rivolse questa raccomandazione, che si è impressa nella

mia mente:”Costruisci il lavoro formativo sulla roccia della Parola di Dio e

del Magistero della Chiesa con i suoi Documenti”. Di ciò ho fatto tesoro in

tutto il mio sevizio formativo delle coscienze.

Questa grazia di Dio, per cui sono quello che sono, è passata attraverso

la fi ducia e la testimonianza di Sua Eccellenza Reverendissima Monsignor

Salvatore Nicolosi nell’affi darmi l’incarico di Vicario Generale e Moderatore


Rivista della Diocesi di Noto - Documenti 113

della Curia Vescovile; è passata attraverso la fi ducia e la testimonianza dei suoi

successori: Sua Eccellenza Reverendissima Monsignor Giuseppe Malandrino,

Sua Eccellenza Reverendissima Monsignor Mariano Crociata, Sua Eccellenza

Reverendissima Monsignor Antonio Staglianò, che hanno voluto confermarmi

in questo servizio alla nostra Diocesi.

Ricordo tutto ciò con riconoscenza, perché la loro testimonianza e la loro

fi ducia mi hanno impegnato e aiutato a scoprire e a vivere il valore della comunione

e dell’unità con il Vescovo, secondo la massima di Sant’Ignazio di

Antiochia:”Nihil sine Episcopo” (Nulla senza il Vescovo), che dà garanzia di

fecondità e di credibilità al nostro ministero sacerdotale.

Questa grazia di Dio, per cui sono quello che sono, è passata dalla fi ducia

e dalla testimonianza di tante persone che hanno chiesto il mio ministero

della Parola, della Riconciliazione, dell’Accompagnamento Spirituale e della

Eucaristia.

Con la loro sete della Parola, con la loro autenticità di fede, mi hanno

spronato e fatto sentire alcune importanti esigenze:

1) l’esigenza che sentiva il servo di Dio Don Edoardo Poppe, sacerdote del

Belgio, che diceva:”cibando, cibor” (dovendo cibare e nutrire le coscienze di

chi mi chiede il ministero, devo nutrire me stesso);

2) mi hanno fatto capire che la fede non si comunica con la dottrina, che

pure è necessaria e indispensabile, ma si contagia con l’esperienza personale

della fede nella Persona di Gesù Cristo.

Una segnaletica illuminante che mi ha accompagnato e spronato a percorrere

la via dell’autenticità sono state le parole, ascoltate dalla voce del noto

teologo domenicano, Padre Reginaldo Garrigou-Lagrange, in una conferenza

spirituale rivolta a noi studenti della Università Gregoriana di Roma.

Ci disse: “Cercate sempre di trasformare la Teologia della scuola in Teologia

della vita” e ci portò questa immagine.

Per costruire un ponte in cemento armato, prima si costruisce un ponte di

legno e ferro robusto e ben fondato, poi si getta in esso il cemento e si forma

il ponte in cemento armato.

Il ponte di legno rappresenta la Teologia della scuola, cioè la dottrina e la

cultura della fede, il ponte in cemento armato rappresenta la fede esperienza,

la fede come rapporto vivo personalizzato con la Persona di Gesù Cristo.

Se rimane soltanto il ponte di legno, prima o poi, crolla per le intemperie

e il tarlo roditore. Soltanto il ponte in cemento armato della fede-esperienza

garantisce incisività nelle coscienze, consistenza di convinzione e durata.

Il Signore mi ha dato conferma di questa verità attraverso la testimonianza

di alcuni.

Fui chiamato per la celebrazione di un matrimonio fuori diocesi. Vestito dei

paramenti in attesa degli sposi che ritardavano, mi misi a pregare dinanzi al

tabernacolo dell’Eucaristia e mi assillò una rifl essione: “Signore, che problemi

avranno tutte queste persone? (persone di scienza e di cultura), che devo dire


114

Rivista della Diocesi di Noto - Documenti

loro?”. Mi son sentito piccolo, piccolo. Mi è uscito dal cuore questa preghiera:

“Gesù e Maria, suggeritemi le parole giuste e il tono giusto, perché possa dire

qualcosa di utile a qualcuno”.

Celebrata la Santa Messa con l’omelia, andammo a pranzo con gli sposi.

Terminato il pranzo, mentre mi dirigevo con altri all’uscita, un uomo mi

ferma e mi dice: “Padre, io sono un miscredente, ma le sue parole nell’omelia

mi hanno scosso e commosso”. Vidi delle lacrime scorrere dai suoi occhi.

La motivazione che successivamente mi disse fu per me una lezione di

vita: “Lei le parole che ha detto nella omelia non le ha lette sui libri, ma le ha

lette nella sua vita”.

Ringraziai di ciò interiormente il Signore, ma da allora sento il bisogno

spesso ritornando in macchina di pregare e dire: “Signore, fammi vivere ciò

che oggi ho detto agli altri”.

In fi ne in questa circostanza una domanda più volte mi viene alla mente:

“Signore, cosa aggiungi ai miei novanta anni? Alcuni giorni o mesi, ancora

qualche anno? Tu solo lo sai. Io ti chiedo anzitutto di vivere e morire nelle

braccia Tue e della Tua Mamma Maria Santissima e poi di impiegare il tempo

di vita che mi darai dando priorità alla preghiera, impegnandomi alla recita

quotidiana del Santo Rosario tutto intero con i quattro Misteri per la Chiesa”.

A questo impegno mi spronano le parole profetiche che mi lasciò quasi

come consegna testamentaria il servo di Dio, Giorgio La Pira, l’ultima volta

che lo incontrai casualmente a Vallombrosa in Toscana, dove mi trovavo per

alcuni giorni di riposo.

Egli defi niva la preghiera una forza storica che cambia una persona, una

famiglia, una diocesi, una nazione.

In quell’incontro dopo lo scambio di saluti e di notizie sulla diocesi, nel

congedarsi, mi stringe le mani e mi dice:”Si ricordi, Padre, che la Chiesa e

l’Italia la cambieranno e la costruiranno gli uomini di preghiera”.

Alla luce di questo ottimismo profetico di Giorgio La Pira, mi impegno a

pregare per il nostro amatissimo Vescovo, per i confratelli nel Sacerdozio, per

tutte le Religiose e i membri degli Istituti Secolari di Vita Consacrata, per tutti

i laici, fratelli e sorelle, impegnati nelle nostre Comunità parrocchiali, perché

il Signore fecondi con la sua grazia la loro vita personale e il loro servizio pastorale,

a sfi da del secolarismo invadente e particolarmente per il risanamento

da questo male delle nostre famiglie.

Con ciò mi guardo bene dal mitizzare e sopravvalutare la preghiera in

quanto mia.

Ogni volta che celebro la Santa Messa, nell’atto di infondere le goccie

d’acqua nel calice con il vino, prima dell’offertorio, spesso dico: “Signore,

questa goccia d’acqua è il simbolo della mia preghiera: la goccia d’acqua è

senza colore, senza sapore, senza alcuna traccia di energia alcolica: infusa

nel calice con il vino acquista il colore del vino, il sapore del vino e l’energia

alcolica del vino. La mia preghiera è per sé insignifi cante, ma unita alla Tua


Rivista della Diocesi di Noto - Documenti 115

preghiera partecipa alla Tua infallibile opera redentiva e quindi sono sicuro

che essa arriva, tocca le coscienze e trasforma la vita e la storia di qualcuno,

secondo la Tua promessa: “Qualunque cosa chiederete nel mio nome io la farò”.

Con questa speranza io rinnovo a tutti e a ciascuno di voi la sentita gratitudine

per la vostra presenza e per la vostra preghiera.

Grazie di cuore!

Sac. Francesco Guccione


116

Rivista della Diocesi di Noto - Documenti

Vicario Generale

Lettera circolare per gli auguri natalizi

del nuovo Vicario Generale

A S. E. Mons. Antonio Staglianò

ai Presbiteri ai Diaconi

ai Consacrati e alle Consacrate

ai Seminaristi

a tutta la Comunità Diocesana

Loro sedi

Noto, 24 dicembre 2010

Vi auguro un Natale visitato dallo stupore e dalla grazia. Accogliamo il

Bambino Gesù non come coloro che sanno tutto di lui, ma con lo stupore e la

meraviglia dei pastori e, come loro, ripartiamo per raccontare ciò che abbiamo

visto.

Gli occhi vedono ciò che il cuore ama. È quello che ci viene chiesto in

questo nuovo anno, se ci lasciamo educare dalla Parola che si fa Carne e interpellare

dai poveri.

Buon Natale e buon anno in un gioioso e costruttivo impegno a camminare

insieme per costruire insieme il Regno di Dio che è il mondo come Lui lo vuole.

Sac. Angelo Giurdanella

Vicario Generale


Rivista della Diocesi di Noto - Documenti 117

Vicario Episcopale per il Clero

Lettera circolare per la venuta del Santo Padre a Palermo

Carissimi presbiteri e diaconi,

la venuta del Santo Padre a Palermo ci sollecita ad una signifi cativa partecipazione.

A tal fi ne, si prega di segnalare al sottoscritto la propria adesione, per poter

provvedere a richiedere i necessari pass d’ingresso per l’incontro del Papa

con il clero.

Per quanto riguarda la concelebrazione si fa presente che si può accedere

anche con un documento personale da cui si evinca il proprio stato di presbitero

o diacono.

Chi intende partecipare a titolo personale dovrà provvedere per proprio

conto.

Fraterni saluti.

Noto, 8 settembre 2010

Don Angelo Giurdanella


118

Vicario Episcopale per il Clero

Auguri per il Santo Natale

Rivista della Diocesi di Noto - Documenti

Carissimi confratelli,

per augurarvi un santo Natale del Signore desidero condividere le parole

di don Divo Barsotti pronunciate durante l’Uffi cio delle Letture della notte

di Natale del 1974: «Dio è con noi per la nostra salvezza e per la salvezza del

mondo intero se nella nostra povertà e umiltà sapremo vivere la nostra adesione

a Lui. È proprio nell’umiltà e nella povertà che Gesù nasce e vive anche oggi

in mezzo agli uomini».

Per augurarvi un sereno anno nuovo prendo in prestito le parole di D.

Bonhoeffer pronunciate durante il discorso tenuto alla Conferenza di Fano

(1934): «“Ascolterò che cosa dice Dio, il Signore: egli annunzia la pace per il

suo popolo, per i suoi fedeli” (Sal 84,9).

La pace va osata: è l’unico grande rischio e mai e poi mai può essere

assicurata. Pace è il contrario di sicurezza. Esigere sicurezze signifi ca essere

diffi denti e a sua volta tale diffi denza genera la guerra. Cercare delle sicurezze

signifi ca volersi proteggere. Pace signifi ca abbandonarsi completamente al

comandamento di Dio, non volere sicurezza, ma, nella fede e nell’obbedienza,

mettere nelle mani di Dio la storia dei popoli […] Le battaglie non vengono

vinte con le armi, ma con Dio. Vengono vinte anche laddove la strada porta

alla croce [….]. Vogliamo dire a questo mondo non una mezza parola, ma una

parola intera, una parola coraggiosa, una parola cristiana. Vogliamo pregare

che ci vengano date queste parole, oggi stesso […]».

Vivissimi auguri a voi, ai vostri cari e alle vostre comunità.

Don Corrado Lorefi ce


Rivista della Diocesi di Noto - Documenti 119

Consiglio Episcopale

Lettera circolare

Ai Vicari Foranei

ai Parroci

ai Presbiteri e ai Diaconi

ai Religiosi e alle Religiose

ai segretari dei Consigli Pastorali Parrocchiali

al Segretario del Coordinamento Vicariale

alle Aggregazioni Laicali

Il nostro Vescovo Mons. Antonio Staglianò nell’intraprendere la stesura

della sua prima Lettera Pastorale alla nostra Chiesa locale sull’amore e la

misericordia di Dio vuole esprimere un atto di comunione ecclesiale. Da qui

il suo anelito ad un “pensare comune” per giungere a un “comune pensiero”:

rifl ettere con e e per la sua gente, con la porzione di gregge a lui affi dato,

sulla forza pratica della misericordia di Dio, fl uente energia di conversione

e rinnovamento per le comunità cristiane di ogni tempo e sostanza della testimonianza

dei discepoli del Crocifi sso risorto fi no al suo ritorno defi nitivo,

quando introdurrà la famiglia umana, riscattata dal male, dal peccato e dalla

morte, nel riposo del regno di Dio Padre misericordioso.

Una consultazione della/dalla base perché il magistero del vescovo possa

raggiungere la vita ordinaria della comunità diocesana è ne possa innervare

i cammini pastorali. Dalla base, attraverso il magistero del successore degli

apostoli, alla base; dalla comunità, attraverso il vescovo, alla comunità.

Il vescovo, infatti, accompagna e conduce il cammino di una chiesa locale

che ha già una sua vivente Tradizione, una confessione di fede, una creativa

obbedienza allo Spirito (basta pensare alla ricca risorsa dell’evento sinodale

della chiesa di Noto che il nostro vescovo vuole recepire e valorizzare). Per cui

nel suo magistero “ascolta” e sviluppa quanto è già stato suggerito dallo Spirito

e assimilato nella coscienza credente e, nel qui ed ora del tempo che abbraccia

il suo ministero episcopale, indica nuove vie di obbediente discernimento a

Colui che nella chiesa ha il compito di introdurre alla verità tutta intera.

A tal fi ne è importante attivare il processo di consultazione e di discernimento

popolare responsabilizzando gli snodi della cinghia di trasmissione che

deve far arrivare nelle mani del vescovo gli esiti ottenuti dalla divulgazione

dei questinari nei nostri vicariati.

I Consigli Pastorali Parrocchiali, convocati ad hoc sceglieranno il metodo

di consultazione e di lavoro (discuterlo come CPP; diffondere il questionario

e ritirarlo durante le celebrazioni eucaristiche di una domenica prestabilita;


120

Rivista della Diocesi di Noto - Documenti

confronto a gruppi, sondaggi, etc. etc.), personalizzando e rendendo il questionario

più aderente alle concrete realtà comunitarie e territoriali. Dopo la

consultazione lo stesso CPP procederà alla stesura della sintesi che verrà fatta

pervenire al Coordinamento Vicariale per la redazione del sunto vicariale. Ogni

coordinamento vicariale si premurerà di far arrivare entro il 14 febbraio 2011

la propria sintesi in Curia al Vicario episcopale per la pastorale, don Rosario

Gisana.

Ciascuno di noi si senta direttamente interpellato a fare con generosia

responsabilità la sua parte perché, come esorta il nostro vescovo, «la Lettera

pastorale possa essere espressione di un sentire comune di una Chiesa che, nel

conformarsi a Dio misericordioso, dà testimonianza di autentica conversione».

Noto, 29 novembre 2010

Il Consiglio Episcopale


Rivista della Diocesi di Noto - Documenti 121

U cio Liturgico Diocesano

Lettera circolare per il conferimento del mandato

ai nuovi ministri straordinari della Santa Comunione

- Ai Rev.mi parroci e presbiteri della Diocesi

Noto, 30 ottobre 2010

Domenica 5 giugno 2011, durante l’Eucaristia pontifi cale in Cattedrale (ore

10,30) verrà conferito il mandato ai nuovi ministri straordinari della Santa

Comunione, mentre nella stessa data scadrà il termine del mandato annuale per

coloro che lo esercitano attualmente ed avrà inizio il nuovo mandato annuale

(5 giugno 2011 – 20 maggio 2012).

CONDIZIONI PER IL RINNOVO

E LA CONCESSIONE DEL PRIMO MANDATO

1. Rinnovo del mandato

Il Vescovo rinnova il mandato annuale a tutti coloro che otterranno il parere

positivo dei presbiteri di ciascun vicariato. A tale scopo si annette alla presente

circolare l’elenco vicariale degli attuali ministri con preghiera di vagliarlo, da

parte dei presbiteri dei singoli vicariati, e di riconsegnarne una copia a questo

Uffi cio (con le opportune osservazioni ed eventuali modifi che), con la fi rma

del vicario foraneo e dei presbiteri dei singoli vicariati, entro il 30 gennaio.

2. Mandato ai nuovi ministri

I parroci che, dopo aver sentito il parere del Consiglio Pastorale Parrocchiale

e quello del Consiglio Presbiterale Cittadino, vedono necessario per la loro

comunità qualche nuovo ministro straordinario della Santa Comunione, presentino

a questo Uffi cio regolare domanda (con modulo fornito dall’Uffi cio

stesso o dal proprio vicario foraneo) entro la stessa data del 30 gennaio. Alla

domanda sia apposta, oltre alla fi rma del parroco, anche quella del vicario

foraneo che attesti il parere dei presbiteri del vicariato.

Sia per gli attuali ministri straordinari della Santa Comunione che per quelli

che dovranno ricevere il mandato il prossimo 5 giugno 2011, vengono tenuti

anche in quest’anno pastorale 2010-2011 periodici incontri spirituali-formativi

a cominciare da domenica 28 novembre p.v. dalle 9,45 alle 13 a Noto in Seminario.

Di questi incontri formativo-spirituali diamo, nel riquadro a fondo

pagina, il calendario completo.


122

Rivista della Diocesi di Noto - Documenti

La maggior parte dei ministri straordinari e un considerevole numero di animatori

liturgici parrocchiali, negli anni scorsi, hanno partecipato a questi incontri

traendo abbondanti frutti a livello sia spirituale che formativo. Alcuni ministri

straordinari, invece, non hanno avuto tale assiduità. Si pregano di invogliarli

in tal senso.

Un fraterno saluto in Cristo nostro unico Salvatore

P.S. Per eventuali delucidazioni rivolgersi in Curia tel. 0931 835286) il giovedì

ore 10,30-12 alle incaricate dell’uffi cio liturgico Sig.ra Giuseppina Muscarà

(cell. 329 6013545) Sig.na Antonietta Lentini (tel. 0931 838104).

Il Direttore dell’Uffi cio Liturgico

Sac. Bruno Carbone

Calendario degli incontri formativo-spirituali 2010-2011

per i ministri straordinari della Santa Comunione e per gli animatori liturgici

parrocchiali

Domenica 28 novembre 2010 - Noto – Seminario (Per tutti) Ore 9,15-13

Domenica 23 gennaio 2011- Noto – Seminario (Per tutti) Ore 9,15-13

Domenica 3 aprile 2011 - Noto – Seminario (Per i prossimi nuovi M.S.S.C.) Ore 9,15-12,30

Domenica 8 maggio 2011- Noto – Seminario (Ritiro spirituale per tutti i ministri in preparazione

al mandato) Ore 9-13

Domenica 5 giugno 2011- Ascensione - Mandato in Cattedrale Nuovi M.S.S.C. Ore 10,30


Rivista della Diocesi di Noto - Documenti 123

U cio Liturgico Diocesano

Lettera circolare per l’incontro formativo-spirituale dei

ministri straordinari della Santa Comunione e degli animatori

liturgici delle parrocchie della Diocesi

Noto, 30 ottobre 2010

Domenica 5 dicembre 2010, si terrà a Noto, in Seminario, l’incontro

formativo-spirituale per i ministri straordinari della Santa Comunione e per

gli animatori parrocchiali.

Questo il programma:

- Ore 9,15: Arrivi e accoglienza

- Ore 9,30: Celebrazione delle lodi mattutine

- Ore 10,00: Meditazione

- Ore 11,15: Esposizione dell’Eucaristia, adorazione e confessioni

- Ore 12,00: Lezione formativa (Sac. Bruno Carbone)

Interventi in aula

Preghiera conclusiva

Il Direttore dell’Uffi cio Liturgico Diocesano

Sac. Bruno Carbone

P.S.:

1) Si ricorda che al prossimo incontro formativo sono invitati sia i ministri straordinari che

esercitano attualmente il ministero, sia coloro che, dietro regolare domanda del proprio

parroco (confermata dal vicario foraneo), dovranno ricevere il mandato il 5 giugno 2011,

giorno dell’Ascensione.

2) Si ricorda, ancora, che il mandato vescovile per gli attuali ministri straordinari della Santa

Comunione scade il 5 giugno 2011 e verrà rinnovato dal Vescovo a coloro ai quali sarà dato

parere positivo dal collegio dei presbiteri dei singoli vicariati.

3) Ciascun ministro straordinario è pregato di consegnare alla segreteria dell’Uffi cio Liturgico

il proprio tesserino per il rinnovo annuale entro il 23 gennaio 2011. Chi lo ha già riempito

ne richieda uno nuovo esibendo una foto recente.

4) Si ricorda, infi ne, di estendere questo invito di partecipazione a tutti gli animatori liturgici

della propria parrocchia e del proprio vicariato.

5) Per meglio organizzare i propri impegni crediamo opportuno comunicare in modo completo

gli ulteriori incontri dei ministri straordinari della Santa Comunione per quest’anno pastorale

2010-2011:

Domenica 5 dicembre 2010 Noto - Seminario (Per tutti) Ore 9,15-13

Domenica 23 gennaio 2011 Noto - Seminario (Per tutti) Ore 9,15-13

Domenica 3 aprile 2011 Noto - Seminario (Per i prossimi nuovi M.S.S.C.) Ore 9,15-12,30

Domenica 8 maggio 2011 Noto - Seminario (Ritiro spirituale per tutti i ministri in preparazione

al mandato) Ore 9-13

Domenica 5 giugno 2011 Ascensione Mandato in Cattedrale Nuovi M.S.S.C. Ore 10,30

Si ricorda di partecipare, inoltre, agli incontri unitari del 12 novembre e del 14 gennaio a Rosolini

presso l’oratorio S. Domenico Savio, Ore 18,00.


124

U cio Liturgico Diocesano

Comunicazione

Rivista della Diocesi di Noto - Documenti

Noto, 17 dicembre 2010

- Rev.mi Parroci, Sacerdoti, Diaconi

Loro sedi

In risposta alle esigenze di chiarimento presentate a questo Uffi cio Liturgico

circa l’opportunità della richiesta della benedizione da parte del Presbitero

concelebrante prima di proclamare il Vangelo, al Vescovo presidente, ove fosse

assente il Diacono, dopo attento esame dei testi normativi del Cerimoniale dei

Vescovi al n. 74 e dell’Ordinamento Generale del Messale Romano al n. 212,

si rende noto che il Presbitero prima di proclamare il Vangelo in una concelebrazione

presieduta dal Vescovo deve chiedere la benedizione al presidente.

Nella speranza di aver dato esaurienti chiarimenti, vi saluto nel Signore.

Il Direttore

Sac. Bruno Carbone


Rivista della Diocesi di Noto - Documenti 125

U cio Diocesano per la Pastorale della Famiglia

Lettera circolare

Noto, 1 settembre 2010

Ai Sacerdoti

- Diaconi

- Responsabili Vicariali della Pastorale Familiare

e p. c. S.Ecc.za Rev.ma Mons. Antonio Staglianò

Loro sedi

In comunione con il Programma della Diocesi per l’Anno Pastorale

2010/2011, voluto dal Vescovo e pienamente condiviso dai Consigli Presbiterale

e Pastorale Diocesani, Dio educa il suo popolo: nella compagnia degli

uomini lasciandoci educare da Gesù, l’Uffi cio Diocesano per la Pastorale della

Famiglia, in ascolto delle richieste avanzate dai Presbiteri e dalle Commissioni

Vicariali per la Pastorale della Famiglia, ha programmato incontri e corsi di

formazione rivolti alle diverse realtà del settore presenti nella Chiesa locale,

prestando una particolare cura alle famiglie in diffi coltà.

Si è, pertanto, organizzato un Corso annuale di formazione per operatori che

dovranno prestare il loro servizio alle coppie che faticano a superare periodi

diffi cili della loro relazione e per coppie che hanno smarrito il senso della loro

vocazione al matrimonio.

Questa scelta esprime il desiderio di dare risposte alle attese del momento

storico attraverso la solidarietà nella verità per alleviare, e possibilmente risolvere,

alla scuola dell’unico Maestro, situazioni che mettono alla prova in

modo drammatico la stabilità e la durata della stessa vita matrimoniale.

Rosa e Giorgio Ruta Don Luigi Vizzini


126

Rivista della Diocesi di Noto - Documenti

U cio Diocesano per la Pastorale della Famiglia

Lettera circolare

Noto, 4 settembre 2010

Ai Rev.mi Sacerdoti

- Gent.me Coppie resp.li Vicariali

Commissioni Past. Familiare

- Gent.mi resp.li Ass.ni Familiari

LORO SEDI

Carissimi,

in merito alla lettera Prot. C 173-864 / 10, desideriamo comunicarvi che la

presenza del nostro Uffi cio diocesano al Convegno di Palermo è importante,

vi esortiamo a mettere in conto la vostra partecipazione. Anche questa è una

risposta alla chiamata che il Signore ci ha donato al servizio delle famiglie

della nostra Diocesi.

Vi preghiamo di dare la vostra disponibilità quanto prima perché dobbiamo

dare comunicazioni al Centro Regionale. Per ulteriori chiarimenti ci vedremo

a Rosolini oppure per telefono.

Vi ricordiamo, altresì, di farvi promotori nel vostro Vicariato per una

sensibile partecipazione di tutti i Responsabili parrocchiali e vicariali della

Pastorale Familiare per la partecipazione alle Fontane di luce, sabato 2 ottobre

a Palermo, e alla giornata successiva per la Messa presieduta dal Santo Padre e

per l’incontro pomeridiano in Piazza Politeama a Palermo insieme ai giovani

per ascoltare ancora la voce di Pietro che viene nella nostra terra a confermarci

nella fede e a dare nuovo impulso alla testimonianza che siamo chiamati ad

offrire in un tempo complicato e non sempre facile.

Un caro e affettuoso abbraccio.

Rosa Maria e Giorgio Ruta Don Luigi Vizzini


Rivista della Diocesi di Noto - Documenti 127

U cio Diocesano per la Pastorale della Famiglia

Lettera circolare

Noto, 6 ottobre 2010

Ai Sacerdoti

- Resp. Vicariali e Parrocchiali di Past. Fam.

- Responsabili di Associazioni Familiari

e p. c. S. Ecc.za Rev.ma Mons. Antonio Staglianò

LORO SEDI

Carissimi,

desideriamo condividere la gioia vissuta al Convegno delle Chiese di Sicilia

e soprattutto la Visita del S.Padre Benedetto XVI alle Chiese della nostra isola.

Abbiamo vissuto giorni ricchi di forti spunti per riprendere con maggiore vigore

il nostro cammino, insieme alla nostra Chiesa locale, in obbedienza al nostro

Vescovo, per un servizio puntuale alle tante famiglie delle nostre Parrocchie

e delle nostre Associazioni. La grazia che abbiamo ricevuto non può essere

sciupata, i doni che ci sono stati elargiti non possiamo tenerli per noi, vanno

necessariamente e gioiosamente condivisi.

Il Papa ci ha esortati ad aprire il cuore alla parola di Gesù, che “ha educato

i suoi discepoli a crescere nella fede, a credere e ad affi darsi sempre di più

a Lui, per costruire sulla roccia la propria vita. Per questo essi gli chiedono:

«Accresci in noi la fede» (Lc 17,6). … i discepoli non chiedono doni materiali,

non chiedono privilegi, ma chiedono la grazia della fede, che orienti e illumini

tutta la vita; chiedono la grazia di riconoscere Dio e di poter stare in relazione

intima con Lui, ricevendo da Lui tutti i suoi doni, anche quelli del coraggio,

dell’amore e della speranza”.

Accogliamo con fede queste parole perché sono state pronunciate dall’Apostolo

Pietro; sono parole di verità, di consolazione, parole che il nostro cuore

desidera ascoltare, parole che ci incoraggiano nel servizio che siamo chiamati

a svolgere nella Chiesa e nel mondo. Nella stessa omelia, Benedetto XVI ci

ha invitati a farci trasformare dall’incontro con Cristo, a seguire Gesù fi no in

fondo, a testimoniarlo senza lasciarsi scoraggiare dalle diffi coltà che incontriamo.

“Non abbiate timore di vivere e testimoniare la fede nei vari ambiti

della società, nelle molteplici situazioni dell’esistenza umana, soprattutto in

quelle diffi cili! La fede vi dona la forza di Dio per essere sempre fi duciosi e


128

Rivista della Diocesi di Noto - Documenti

coraggiosi, per andare avanti con nuova decisione, per prendere le iniziative

necessarie a dare un volto sempre più bello alla vostra terra. … La tentazione

dello scoraggiamento, della rassegnazione, viene a chi è debole nella fede,

a chi confonde il male con il bene, a chi pensa che davanti al male, spesso

profondo, non ci sia nulla da fare. Invece, chi è saldamente fondato sulla fede,

chi ha piena fi ducia in Dio e vive nella Chiesa, è capace di portare la forza

dirompente del Vangelo”.

Carissimi amici, avremo modo nei nostri gruppi di meditare su quanto

pronunciato dal S.Padre a Palermo e vi raccomandiamo di darne la massima

diffusione per l’edifi cazione spirituale della nostre famiglie e delle nostre

Comunità.

Un abbraccio fraterno!

Rosa e Giorgio Ruta Don Luigi Vizzini


Rivista della Diocesi di Noto - Documenti 129

U cio Diocesano per la Pastorale della Famiglia

Lettera circolare per la convocazione

della Consulta Diocesana di Pastorale Familiare

Noto, 7 dicembre 2010

Ai Sacerdoti

- Resp. Vicariali e Parrocchiali di Past. Fam.

- Responsabili di Associazioni Familiari

e p. c. S. Ecc.za Rev.ma Mons. Antonio Staglianò

LORO SEDI

Carissimi,

mentre procediamo con la Scuola per il servizio alle coppie in diffi coltà,

con grande benefi cio per i partecipanti, pensiamo con affetto e nella preghiera

anche a tutti voi e alle coppie dei vostri gruppi, siamo certi che il cammino

delle vostre realtà ecclesiali vi conduce pian piano a riscoprire sempre di più

il dono dell’amore che Dio ha effuso nei vostri cuori.

Considerato che non ci si vede da tempo, desideriamo incontrarvi per scambiarci,

in un clima di reciproca edifi cazione, le esperienze che stiamo vivendo

nella prima parte dell’Anno Pastorale in corso e per programmare il Convegno

del mese di gennaio che ormai è diventato un appuntamento importante per il

cammino della Pastorale Familiare della nostra Chiesa locale di Noto.

L’occasione sarà propizia per prepararci a vivere un Natale autentico, disponibili

al Verbo che si fa carne ed aperti alla solidarietà sincera verso tutti

i fratelli.

Ci incontreremo sabato 18 p.v. alle ore 18:30 presso l’Oratorio San Domenico

Savio di Rosolini, vi preghiamo di essere puntuali.

Un sincero abbraccio.

Rosa e Giorgio Ruta Don Luigi Vizzini


130

Rivista della Diocesi di Noto - Documenti

U cio Missionario Diocesano

Lettera circolare per la Giornata della Santa Infanzia

Noto, 10 dicembre 2010

Carissimi confratelli,

come responsabile di questo uffi cio missionario, vi ricordo di sensibilizzare

i ragazzi del catechismo durante la Novena di Natale allo spirito missionario

aperto al mondo, per celebrare la Giornata dell’Infanzia Missionaria il prossimo

6 Gennaio 2011 con il tema “Gesù, pane spezzato per tutti”.

Le offerte di questa giornata potrete consegnarle:

Al carissimo Mons. Francesco Guccione presso la Curia Vescovile di Noto.

Oppure tramite conto corrente postale “Centro missionario diocesano”,

numero: 50840826.

Oppure IBAN: IT- 48-W-07601-17000-000050840826.

Colgo l’occasione per porgere a ciascuno di voi l’augurio di un Santo Natale

e di un Felice Anno Nuovo.

Cordiali Saluti

Sac. Michele Fidone


Rivista della Diocesi di Noto - Documenti 131

U cio Diocesano per le Confraternite

Lettera circolare per la visita alle Confraternite

e il rinnovo degli Statuti

Noto, 14 ottobre 2010

Ai Rev.mi Assistenti Spirituali

- Sigg.ri Presidenti

Ven.li Confraternite della Diocesi

e p. c. S.Ecc.za Rev.ma

Mons. Antonio Staglianò

LORO SEDI

Carissimi,

con l’inizio del nuovo Anno Pastorale, dopo il Convegno Diocesano di inizio

anno, nel contesto del programma che l’Uffi cio Diocesano per le Confraternite

si è dato, desideriamo comunicarvi che a breve inizieremo a visitare tutte le

Confraternite; anzitutto ci metteremo alla scuola del Maestro per capire la Sua

volontà sulla nostra presenza nella Chiesa.

Sarà una bella occasione per incontrarci e condividere le gioie che sperimentiamo,

ma sarà anche opportuno affrontare le diffi coltà per superarle nella

reciproca edifi cazione.

Insieme alla Commissione Diocesana per le Confraternite abbiamo redatto

uno Statuto modello a cui ogni Confraternita deve adeguare il proprio, questo

servirà alla comunione e ad una presenza incisiva nelle nostre parrocchie di

appartenenza.

Dopo l’approvazione degli Statuti incontreremo tutti i Presidenti e infi ne

speriamo di poter realizzare una giornata a Noto insieme al nostro Vescovo,

S.Ecc.za Mons. Antonio Staglianò.

Chiediamo a tutti di impegnarsi per un cammino di conversione al Signore

per non tradire le nostre gloriose tradizioni e soprattutto per non rimanere

incagliati nel passato.

In attesa di incontrarvi, sincere cordialità.

Geom. Pietro Giarratana Sac. Luigi Vizzini


132

Consulta Diocesana

delle Aggregazioni Laicali

Lettera circolare di convocazione

Rivista della Diocesi di Noto - Documenti

Noto, 21 ottobre 2010

Carissimi,

Venerdì 05 Novembre 2010 alle ore 19.00, presso il Salone del Seminario

Vescovile in Noto è convocata la Consulta Diocesana delle Aggregazioni

Laicali, presieduta dal nostro Vescovo S.E. Mons. Antonio Staglianò, con il

seguente o.d.g. :

• Preghiera iniziale;

• Lettura verbale della seduta precedente;

• Saluto al e del Vescovo;

• Modifi ca dell’art. 4 dello Statuto;

• Prossimo Convegno Diocesano;

• Varie ed eventuali.

La Segretaria

della C.D.A.L.

Maria Ausilia Migliore

Il Delegato Diocesano

della C.D.A.L.

Sac. Gaetano Asta


Cronaca

diocesana


Rivista della Diocesi di Noto - Cronaca diocesana 135

Lunedì 6-Martedì 7: Mons. Staglianò

a Pietrelcina ad un Convegno sul presbiterato

Per il centenario dell’ordinazione sacerdotale

di San Pio, il Comitato per il centenario

ha organizzato un Convegno a

Pietrelcina dal 6-7 Settembre 2010 presso

la Sala Convegni “Il Sannio” dal titolo

“Il servizio (la diakonia) nella chiesa

tra sacerdozio ministeriale e sacerdozio

comune: l’esempio di Padre Pio”. Tra i

relatori, oltre il benedettino Padre Ildebrando

Scicolone e l’ecclesiologa Prof.

ssa Cettina Militello, anche S.E. Mons.

Michele Castoro (Arcivescovo di S.

Giovanni Rotondo-Vieste-Manfredonia)

e il nostro Vescovo, S.E. Mons. Antonio

Staglianò che ha trattato il tema “Il sacerdozio

ministeriale e il sacerdozio comune

nel Vaticano II”.

Venerdì 10-Lunedì 27: Peregrinatio

in Diocesi delle reliquie di Santa Margherita

Alacoque

Nel 4° centenario (1610-2010) di fondazione

delle Visitandine, si è svolta in

Diocesi una Peregrinatio delle reliquie

di Santa Margherita Alacoque (1647-

1690), la più grande Apostola del Sacro

Cuore di Gesù. L’Ordine della Visitazione,

fondato da San Francesco di Sales e

da Santa Fremiot de Chantal, è presente

nella Diocesi netina con il monastero di

SETTEMBRE 2010

Rosolini, annesso al santuario del Sacro

Cuore. Queste le tappe diocesane delle

reliquie: 10-11 Settembre a Pozzallo

(parrocchia S. Maria di Portosalvo); 11-

12 a Pachino (Chiesa Madre, Madonna

di Pompei, Santi Angeli); 12-13 a Scicli

(Madonna del Carmine); 13-14 a Rosolini

(Chiesa Madre); 14-15 ad Avola

(San Giovanni Battista); 15-16 a Noto

(Sacro Cuore); 16-17 di nuovo a Rosolini

(SS. Crocifi sso); 17-18 a Modica (Sacro

Cuore); 19-20 ad Ispica (S. Giuseppe).

La “peregrinatio” si è solennemente

conclusa a Rosolini, dal 20 al 27 Settembre,

nel santuario del Sacro Cuore.

Venerdì 10-Sabato 11: A Noto il I Convegno

internazionale di bioetica

L’evento si colloca nell’ambito di un

più ampio progetto, voluto sette anni fa

dall’attuale Vescovo di Noto, Mons. Antonio

Staglianò, per allargare a un pubblico

più ampio, normalmente estraneo

a materie così complesse, le questioni

legate alla fondamentali questioni della

vita umana (nascita, morte, malattia,

sofferenza). L’evento, indirizzato a tutti

coloro i quali intendono acquisire nella

loro attività professionale e lavorativa

una maggiore sensibilità verso le tematiche

affrontate dal convegno (medici,

infermieri, psicologi, giuristi, teologi,


136

insegnanti, sacerdoti, religiose e religiosi,

catechisti e volontari impegnati

nella difesa della vita), ha offerto delle

piste attraverso apporti di grande respiro

da parte dei relatori. I lavori si sono

svolti nella sala congressi “Gagliardi

di palazzo Trigona, nel centro storico di

Noto, mentre l’apertura, con la prolusione

del Vescovo, si è svolta in Cattedrale,

alla presenza delle autorità politiche

e militari. L’evento è stato seguito dai

massmedia locali e nazionali. Nei locali

ove si è svolto il convegno è stato inoltre

previsto un reportage fotografi co di

Guido Cicero, effettuato nel gennaio del

2010 a Bingo, durante la visita pastorale

del Vescovo nella Diocesi gemella di

Butembo-Beni. La mostra fotografi ca

è stata curata dalla Associazione “Pino

Staglianò”, uno degli “sponsor”, insieme

al Comune di Noto e alla Provincia

regionale di Siracusa, del Convegno.

Particolarmente effi ciente la “macchina

organizzativa” che, attivatasi in collaborazione

con gli enti di riferimento, primo

fra tutti il Comune di Noto, ha mirato

ad offrire ai convegnisti provenienti

da ogni parte della Sicilia e d’Italia, le

migliori condizioni di partecipazione. I

lavori del convegno sono stati coordinati

dal Prof. Pietro Grassi, docente di

Bioetica all’Istituto di Scienze religiose

presso l’Università della Santa Croce a

Roma e coordinatore dei tre convegni

di Trevi, Noto e Le Castella. Il Convegno

in cifre: 15 relatori, 4 moderatori,

2 tavole rotonde, 250 partecipanti (197

iscritti, 53 uditori di cui 40 medici, 32

infermieri, 43 professioni socio-sanitarie,

18 insegnanti, 6 avvocati, 101 di

altre professioni.

Mercoledì 15:

Conferimento di ministeri

Per l’imposizione delle mani e la preghiera

consacratoria del Vescovo, sette

accoliti hanno ricevuto il sacramento

Rivista della Diocesi di Noto - Cronaca diocesana

del Diaconato. Si tratta di Antonio Aprile

(parr. S. Massimiliano Kolbe in Modica),

Gildo Cicero (parr. S. Antonio in

Modica), Angelo Di Maria (parr. S. Giuseppe

Chiesa Madre in Rosolini), Rino

Distefano (parr. S. Giuseppe in Ispica),

Salvatore Distefano (parr. Madonna delle

Grazie in Ispica), Lorenzo Quartarone

(parr. S. Francesco, Sacro Cuore e SS.

Pietro e Paolo in Pachino), Enzo Semoli

(parr. S. Venera in Avola).

Venerdì 24: 90° compleanno del Vicario

Generale Mons. Francesco Guccione

È stata accolta con grande gioia dall’intera

comunità diocesana la lettera circolare

che il Vicario Episcopale per il clero,

Don Angelo Giurdanella, ha inviato

ai presbiteri e ai diaconi lo scorso 16 luglio

2010. Con essa veniva comunicata,

a nome del Vescovo Mons. Staglianò,

l’iniziativa di celebrare, in un cordiale

clima di famiglia, il 90° compleanno del

nostro Vicario Generale, Mons. Francesco

Guccione.

Noto - Cattedrale. Mons. Guccione

(a destra) insieme ai tre Vescovi Staglianò,

Nicolosi, e Malandrino, durante la

celebrazione del 24 Settembre

La data anniversaria è stata vissuta con

una solenne concelebrazione eucaristica

diocesana in Cattedrale. Erano presenti:

i tre Vescovi (Mons. Staglianò che ha

presieduto la concelebrazione eucaristica,

Mons. Malandrino che ha tenuto

l’omelia, Mons. Nicolosi che è interve-


Rivista della Diocesi di Noto - Cronaca diocesana 137

nuto al termine della S. Messa), oltre

cento tra presbiteri e diaconi, gli alunni

del nostro seminario al completo, parecchi

religiosi, religiose e membri degli

Istituti secolari che hanno benefi ciato

per tanti anni della sapiente guida spirituale

di Mons. Guccione, fedeli laici,

adulti e giovani, dagli otto vicariati della

Diocesi, diverse Autorità civili e politiche,

tra cui il Sindaco di Noto, Avv.

Corrado Valvo, nonché alcuni parenti di

Mons. Guccione, tra nipoti e pronipoti.

La celebrazione anniversaria è stata

l’occasione per esprimere a Mons. Guccione

tutta la devozione e la gratitudine

per il sapiente e amabile servizio che

per molti anni ha reso alla nostra Chiesa

locale e in particolare al suo presbiterio.

Radicalità evangelica e prudente

discernimento hanno caratterizzato i

quasi 40 anni di umile e totale dedizione

di Mons. Guccione nell’assolvere il delicato

uffi cio di Vicario Generale accanto

a quattro Vescovi: Mons. Salvatore

Nicolosi, Mons. Giuseppe Malandrino,

Mons. Mariano Crociata, Mons. Antonio

Staglianò. E ci sarebbe da mettere

in rilievo, inoltre, il delicato e prezioso

servizio svolto in precedenza da Mons.

Guccione, come stretto e fi dato collaboratore

del Vescovo Mons. Angelo Calabretta,

in qualità di direttore spirituale

degli alunni del Seminario diocesano;

direzione spirituale che, in parecchi

casi, ha continuato a svolgere fi no ad

oggi con parecchi seminaristi e sacerdoti

da lui aiutati nel discernere le vie del

Signore verso le alte mete della santità

evangelica. La celebrazione anniversaria

è stata un vero momento di famiglia

diocesana e di sentito rendimento

di grazie al Signore per il dono inestimabile

di questo presbitero, vero uomo

di preghiera e di instancabile dedizione

pastorale, ancora sulla breccia pur con

gli immancabili acciacchi dell’età avanzata.

Non è mancata, al termine della S.

Messa, la lettura del messaggio del Vescovo

emerito Mons. Mariano Crociata,

attuale segretario della CEI, in cui veniva

messa in risalto la preziosa collaborazione

di Mons. Guccione, in qualità

di Vicario Generale e Moderatore della

Curia Vescovile, prestata con radicalità

evangelica, lealtà, rettitudine e prudente

discernimento. Gli auguri a nome del

clero e dell’intera comunità diocesana

sono stati espressi dal Provicario generale

Don Salvatore Cerruto, alla vigilia

della sua partenza per l’Africa (sabato

9 ottobre) nella Chiesa gemella di

Butembo-Beni. Ulteriore occasione per

prolungare la gioiosa gratitudine verso

Mons. Guccione è stata anche l’agape

fraterna, con i presbiteri, i diaconi e gli

alunni del Seminario, prevista alla Casa

del clero di Noto subito dopo la concelebrazione

eucaristica.

Lunedì 27-Mercoledì 29: Convegno

d’inizio anno pastorale sul tema «Dio

educa il suo popolo»

La scelta della Diocesi di Noto di misurarsi

a partire dal Convegno d’inizio

d’anno con la sfi da educativa ha costituito

una felice occasione per ripensare il

ruolo educativo delle nostre comunità e

in esse, particolarmente dei catechisti. I

lavori del convegno sono stati articolati

in tre giorni.

Lunedì 27: Ore 18 - Preghiera d’apertura.

Memoria dei testimoni: Giorgio La

Pira: «L’attesa della povera gente»; Ore

18.30 - Saluto del nostro Vescovo; Ore

18.45 - Relazione del Prof. Pietro Fantozzi

dell’Università di Cosenza: “Tra

vecchie e nuove povertà”; Ore 19.40 - Intervento

del Dott. Gaetano Giunta, Presidente

del Centro Studi Interdisciplinare

di Economia mediterranea: “Percorsi di

sviluppo sociale del territorio”; Ore 20 -

Sintesi conclusiva del moderatore Prof.

Maurilio Assenza; Preghiera conclusiva.

Martedì 28: Ore 18 - Preghiera d’aper-


138

tura. Memoria dei testimoni: Don Pino

Puglisi: «La vita come dono di sè»; Ore

18.45 - Relazione di S.E. Mons. Antonio

Staglianò: “Alla scuola di Gesù per coltivare

la speranza”; Ore 19.45 - Saluto da

parte della Chiesa dell’Aquila, Don Claudio

Tracanna; Ore 20 - Sintesi conclusiva

del moderatore Don Bruno Carbone; Preghiera

conclusiva.

Rivista della Diocesi di Noto - Cronaca diocesana

Mercoledì 29: Ore 18 - Preghiera

d’apertura; Ore 18.15 - Proiezione del

video “Le offi cine del bene”; Ore 18.45

- Relazione di Mons. Vittorio Nozza, direttore

della Caritas Italiana: “La cura per

l’educazione: animare la comunità e il

territorio”. Moderatore: don Corrado Lorefi

ce; Ore 19.45 - Consegna del calendario

diocesano; Saluto fi nale del Vescovo e

preghiera conclusiva.


Rivista della Diocesi di Noto - Cronaca diocesana 139

Venerdì 8: 1° Incontro formativo unitario

Il cammino di rifl essione, di vita e missione

pastorale della nostra Chiesa avviato

con il Convegno di inizio anno

pastorale, prosegue con gli incontri unitari

su Lasciarsi educare dalla Parola,

dall’Eucaristia e dai poveri il primo dei

quali si è svolto presso l’oratorio San

Domenico Savio di Rosolini alle ore

18,30.

La comunità diocesana si è ritrovata

per partecipare al primo dei tre incontri

formativi unitari, fortemente voluti dal

Vescovo Mons. Staglianò per avviare in

modo unitario il progetto educativo che

sta interessando tutta la Chiesa italiana,

perché ritenuto intervento prioritario per

poter accogliere con consapevolezza la

sfi da che il mondo contemporaneo pone

ai cattolici. La relazione tenuta dal Prof.

Don Nisi Candido, con competenza biblica,

sapienza e semplicità evangelica,

ha avuto per tema: “Dio educa con la

Parola”. Dopo aver dichiarato le fonti

irrinunciabili della Sacra Scrittura e del

Magistero (Concilio Vaticano II, Convegno

di Verona e II Sinodo della diocesi

di Noto), il relatore ha rivendicato il

ruolo educativo che spetta alla Chiesa,

un ruolo che deve essere vissuto come

diritto prima ancora che come dovere e

nel suo duplice aspetto: personale e co-

OTTOBRE 2010

munitario, autoeducazione ed accompagnamento

dell’altro perché l’altro cresca.

A conclusione, il relatore ha rivolto

un invito augurale che sintetizza bene

quello che deve essere il nostro atteggiamento

di discepoli di fronte al Sommo

Educatore: “Lasciate che la Bibbia

metta in crisi il vostro modo di amare”.

Giovedì 14: 75° anniversario

dei Padri Concezionisti a Noto

L’Istituto Netum, Associazione Culturale

e Socio-Assistenziale non profi t,

assieme alla Famiglia Montiana in Sicilia

hanno organizzato un primo incontro

per celebrare il 75° Anniversario

d’attiva presenza in Sicilia dal 1936 ed

a Noto in particolare, ove operarono

dalla Seconda Guerra Mondiale fi no al

1978. L’iniziativa ha sortito una piacevole

sorpresa con qualifi cato e signifi

cativo pubblico che ha espresso piena

condivisione per il “ritorno” a Noto dei

Concezionisti, ovvero dei Figli dell’Immacolata

Concezione, la Congregazione

religiosa fondata dal Beato Padre Luigi

Maria Monti (Bovisio 1825-Saronno

1900) ed oggi diffusa in 20 Stati a livello

mondiale. Erano presenti il Superiore

dei Concezionisti in Sicilia, Dott. Fr.

Gioacchino Santoro, tutti i responsabili

e i collaboratori delle “Case” montiane

di Siracusa, Floridia, Ispica e Palazzolo

Acreide, nonché diversi ex-alunni del

periodo netino. Tutti hanno ricordato

con profonda gratitudine il bene ricevuto

dall’opera educativa dei Concezionisti,

pur nelle ristrettezze dell’imperante

povertà e nei limiti dell’azione

didattico-pedagogica per quei tempi di

duro tirocinio esistenziale, rivelatosi poi

fondamentale nell’affrontare e vincere

molte delle battaglie della loro vita quotidiana

in società.


140

Sabato 16:

Consiglio Presbiterale

A Noto in Seminario si è svolto l’incontro

del Consiglio Presbiterale Diocesano.

Sabato 16-Domenica 17:

Incontro della Scuola per il servizio

alle coppie in diffi coltà

Promossa dall’uffi cio per la Pastorale

familiare si è svolto un incontro della

Scuola per il servizio alle coppie in

diffi coltà. La relazione di Don Rosario

Gisana ha trattato il tema Il Matrimonio

cristiano nella Scrittura e nei Padri

della Chiesa.

Domenica 24-Martedì 26:

Vent’anni della Casa don Puglisi

La Casa Don Puglisi di Modica, che accoglie

ragazze madri, bambini e interi

nuclei familiari, ha compiuto vent’anni.

Ha voluto festeggiare il compleanno

con un ricordo di Don Puglisi, affi dato

a coloro che sono stati tra i suoi più

stretti collaboratori a Palermo: Suor

Carolina Iavazzo e Pino Martinez. Suor

Carolina Iavazzo, della Fraternità del

“Buon Samaritano”, ha collaborato con

Padre Pino Puglisi - Don 3P lo chiamavano

i suoi amici di Brancaccio - dal 2

ottobre 1991 al 15 settembre 1993 (gior-

Nella Foto: da sin. Don Corrado

Lorefi ce, Pino Martinez, Suor Carolina

Iavazzo, Maurilio Assenza

Rivista della Diocesi di Noto - Cronaca diocesana

no del suo martirio per mano mafi osa)

per gestire il centro d’accoglienza “Padre

Nostro” da lui realizzato per fronteggiare

le povertà del quartiere Brancaccio

di Palermo. Oggi è impegnata

in Calabria nella Locride ed è sempre

in “prima linea” nel disagio sociale.

Suor Carolina ha ricordato il sogno di

Padre Puglisi: portare nel quartiere

Brancaccio il sole della solidarietà, del

riscatto morale e civile, della promozione

umana e spirituale, della bontà,

della libertà, del sorriso e dell’Amore.

Pino Martinez è stato uno dei componenti

del Comitato Intercondominiale

di via Azolino Hazon 18, costituito da

un gruppo di cittadini, libero da vincoli

di appartenenza partitica che nei primi

mesi del 1990 decise di impegnarsi per

tentare di rendere vivibile l’ambiente in

cui viveva. I boss di Brancaccio avevano

fatto sapere che quel palazzo doveva

restare così, perché lo scantinato era la

base operativa di troppi affari. In questa

occasione è stata consegnata la nuova

“Carta della Casa” in cui si racconta il

cammino di questi anni e si focalizzano

le caratteristiche di un’accoglienza

che vuole essere educativa da una parte,

dall’altra culturalmente propositiva

rispetto alla comunità ecclesiale e alla

città. Martedì 26 alle ore 19 nel salone

della Casa è stata infi ne celebrata la S.

Messa, presieduta da Don Angelo Giurdanella.

Giovedì 28: Consulta Diocesana

Aggregazioni Laicali

Alle ore 19, presso il Seminario Vescovile

a Noto, si è svolto l’incontro della

Consulta Diocesana Aggregazioni Laicali

Venerdi 29: incontro CO.PA.DI.

Alle ore 10, presso il Seminario Vescovile

a Noto, si è svolto l’incontro del

CO.PA.DI.


Rivista della Diocesi di Noto - Cronaca diocesana 141

Sabato 30: Incontro ACR con il Papa

L’ACR con più di 100.000 ragazzi, giovanissimi

ed educatori, ha partecipato

a Roma all’incontro nazionale con il

Santo Padre Benedetto XVI in Piazza

San Pietro. C’erano anche 190 ragazzi

dalla Diocesi di Noto ad ascoltare dalla

viva voce del Papa l’incoraggiamento

a diventare grandi aprendo il cuore

alla gioia di sapere che Gesù è nostro

amico. L’incontro ha avuti per tema

“C’è di + diventiamo grandi insieme”.

Rivolgendosi ai Giovanissimi di AC, il

Santo Padre li ha invitati ad aspirare a

mete grandi: il “di più” è essere ragazzi

e giovanissimi che “decidono di amare

come Gesù, di essere protagonisti della

propria vita, protagonisti nella Chiesa,

testimoni della fede”. Ed infi ne, agli

educatori, Benedetto XVI ha ricordato

l’importanza della missione educativa,

in un’associazione che si spende per

il bene delle persone, proponendo un

cammino di santità, una missione, però,

nella quale non si può essere autosuffi -

cienti, ma corresponsabili con i pastori,

inseriti e radicati nel territorio e in relazione

con la famiglia, la scuola e tutte

I ragazzi ACR della nostra Diocesi a Roma

le altre realtà che fanno parte della vita

dei ragazzi di AC. Nel pomeriggio, un

corteo festoso ha invaso le vie di Roma,

da Piazza San Pietro a Piazza del Popolo

per i giovanissimi e fi no a villa Borghese

per i ragazzi dell’ACR, per valorizzare

ciascuno il proprio arco d’età in

modo eccezionale, con ospiti speciali

che hanno raccontato il loro “di +”.

Sabato 30-Domenica 31: Campo scuola

delle famiglie

Organizzato dall’Uffi cio per la Pastorale

Familiare, all’Oasi Don Bosco, SP

Noto-Palazzolo Acreide, si è svolto il

campo scuola delle famiglie.


142

Lunedì 1: Giornata Mondiale

della Santifi cazione Universale

In occasione della Giornata Mondiale

della Santifi cazione Universale, si è

svolta in Cattedrale la celebrazione eucaristica

presieduta dal Vescovo Mons.

Staglianò.

Lunedì 1: Campo scuola delle famiglie

L’Uffi cio per la Pastorale Familiare ha

organizzato a Modica un campo scuola

delle famiglie.

Martedì 2: Sante Messe nei cimiteri

In occasione della commemorazione dei

fedeli defunti si sono svolte le concelebrazioni

eucaristiche nei cimiteri dei

singoli vicariati. Notevole l’affl uenza

di fedeli. A Noto la S. Messa alle 10,30

è stata presieduta dal Vescovo. Presenti

pressoché tutti i presbiteri e i diaconi

della città e delle contrade, nonché circa

cinquecento fedeli delle varie parrocchie.

Domenica 7: Raduno diocesano

del MASCI

Dalle ore 9.30 alle ore 16 a Noto in c.da

S. Corrado fuori le mura, si è svolto il

raduno diocesano del MASCI.

Martedì 9: Incontro per gli animatori

Caritas

Alla Domus S. Petri di Modica alle ore

18 si è svolto un incontro per tutti gli

animatori Caritas sul tema: “L’ascolto

come prima tappa di una pedagogia della

relazione”. Relatori: Gianni Novello e

Don Gigi Verde. Alle ore 20, ha fatto poi

seguito la celebrazione nella chiesa di

S. Pietro sempre in Modica della veglia

diocesana con la comunità di Romena

,organizzata sempre dalla Caritas. Una

veglia animata da una fraternità di preti

Rivista della Diocesi di Noto - Cronaca diocesana

NOVEMBRE 2010

e laici che, attorno all’abbazia medievale

di Pratovecchio in Toscana, accoglie migliaia

di persone da tutta Italia per offrire

un messaggio di speranza e di riconciliazione

con le proprie ferite e che poi

si fa itinerante raggiungendo territori e

persone di ogni parte del Paese.

Venerdì 12: 2° Incontro unitario

A Noto, alla Casa del clero si è svolto

un incontro unitario sul tema: “Lasciarsi

educare dall’Eucarestia”. Il relatore,

Don Nisi Candido, docente di Sacra

Scrittura, nel pomeriggio, all’oratorio S.

Domenico Savio di Rosolini, ha tenuto

un secondo incontro per i laici sul tema

“la pedagogia di Dio verso il Suo popolo

attraverso l’Eucaristia”. Don Nisi ha illustrato

il ruolo dell’Eucaristia attraverso

l’episodio narrato dall’evangelista Luca

al cap. 24 versetti 13ss, conosciuto come

il racconto dei discepoli di Emmaus, e

le fonti bibliche riguardanti l’istituzione

dell’Eucaristia ponendo l’attenzione sulle

relative tradizioni.

Sabato 13: Incontro delle famiglie

Provenienti dai vari Vicariati della Diocesi,

oltre cento famiglie si sono incontrate

a Rosolini, presso l’Oratorio S. Domenico

Savio, per l’undicesima volta dal

2005, per meglio prepararsi all’Avvento

2010 e ricevere gli appositi sussidi per

la preghiera quotidiana, dal primo giorno

di Avvento fi no al Battesimo di Gesù.

Tale impegno coinvolge 170 famiglie.

La stessa esperienza viene rivissuta dal

Mercoledì delle Ceneri fi no a Pentecoste.

Interessante la relazione tenuta dal diacono

Prof. Vincenzo Della Luna in quale

ha invitato i prtecipanti a meditare non

solo sull’attesa e sulla venuta ma principalmente

sull’accoglienza. Quest’anno,

partendo sempre dalla Parola di Dio del


Rivista della Diocesi di Noto - Cronaca diocesana 143

giorno, l’intinerrario di preghiera prevede

delle rifl essioni di Don Tonino Bello,

Vescovo che amava vivere da semplice,

ma santo, prete. La stessa sera, tenendo

nella dovuta considerazione gli Orientamenti

Pastorali dell’Episcopato Italiano

per il decennio 2010-2020: Educare alla

vita buona del Vangelo, le famiglie partecipanti

all’incontro si sono soffermate,

al paragrafo 34 di tale libretto, ove si

legge: L’uomo contemporaneo ascolta

più volentieri i testimoni che i maestri,

e se ascolta i maestri lo fa perché sono

anche testimoni credibili e coerenti della

Parola che annunciano e vivono.

Lunedì 15: Incontro giovani presbiteri

La mattina alla Casa del Clero a Noto si

è svolto l’incontro dei giovani presbiteri.

Lunedì 15: Incontro con Zamagni

Nel pomeriggio al Cineteatro S. Caterina

da Siena in Rosolini si è svolto l’incontro

organizzato dalla Scuola Socio-

Politica, in collaborazione con l’Azione

Cattolica, la Caritas ed il Meic sul tema:

“Smascherare i meccanismi dell’economia”.

Relatore: Prof. Stefano Zamagni

dell’Università di Bologna. L’incontro

con il Prof. Zamagni ha dato il via ad un

ciclo di lezioni-dibattiti.

Venerdì 19: Giornata

per i diritti dell’infanzia

Ad Avola l’Associazione Meter, con il patrocinio

del comune di Avola, ha coinvolto

gli istituti scolastici, i bambini, le famiglie

e tutta la città in una grande manifestazione

di piazza per i diritti dell’infanzia e per

sollecitare maggiore attenzione alla politica,

alla cultura, alla famiglia e alle realtà

ecclesiali, in occasione dell’anniversario

(1989-2010) della Convenzione per i diritti

dell’infanzia e dell’adolescenza. La

Giornata ha avuto inizio alle ore 9,30 in

Piazza Umberto I, con il saluto di Don

Fortunato Di Noto, presidente dell’Asso-

ciazione Meter; presenti il sindaco, Dott.

Barbagallo, il Vicario foraneo Don Maurizio

Novello, i Carabinieri, la Guardia

di Finanza, la Polizia di Stato, la Polizia

Municipale e i Dirigenti scolastici. Oltre

a una kermesse di animazioni varie (balli,

clown, ecc.), il gioco fi nale ha coinvolto

tutti i partecipanti. Alla manifestazione

hanno partecipato vari “testimonial” del

mondo sportivo: Laura Linares, campionessa

europea di windsurf, Luigi Busà,

campione mondiale di karate, Giampaolo

Caruso, campione di ciclismo.

Sabato 20: Scuola per il servizio

alle coppie in diffi coltà

Al Cineteatro S. Caterina da Siena in Rosolini

si è svolto l’incontro della scuola

per il servizio alle coppie in diffi coltà

promosso dall’Uffi cio per la Pastorale

Familiare. Il tema dell’incontro “Il matrimonio

cristiano, storia di salvezza che

si dispiega tra infedeltà e irregolarità” è

stato trattato dal Prof. Vivaldelli.

Domenica 21: Assemblea diocesana AC

In Seminario a Noto si è svolta l’assemblea

diocesana dell’Azione Cattolica.

Presente all’incontro il Presidente nazionale

Franco Miano. È stato trattato

il tema “Educarci per educare”. All’assemblea

sono intervenuti il Vescovo

Mons. Staglianò e Don Angelo Giurda-

Noto - Seminario. Il tavolo dei relatori. Da

sin.: Don Giurdanella, Assistente AC; il

Vescovo Mons. Staglianò; il Presidente naz.

AC Miano e la Presidente dioc. Perricone


144

nella Assistente unitario. I lavori hanno

avuto inizio con la preghiera delle Lodi

e con l’intervento di Don Angelo Giurdanella.

Anche la Presidente diocesana,

Melina Perricone, ha sottolineato che

l’AC da sempre, essendo una scuola di

formazione cristiana, ha avuto un posto

specifi co e singolare intorno al grande

tema dell’educare. Il Vescovo, citando

il libro di Franco Miano, ha sottolineato

con forza che “Chi ama educa”, perché è

l’amore di Dio che non smette mai di sostenere

la vita e di alimentare e plasmare

il cuore di ogni uomo. Mons. Staglianò

ha concluso il suo intervento affermando

che: chi educa, si educa e stabilisce

con l’educando una relazione vera, sincera;

l’uomo è relazione, con Dio e con

gli uomini, e noi siamo felici non con

le cose, ma con le relazioni. Il discorso

del presidente nazionale di AC, Franco

Miano, ha ruotato attorno alle domande

poste al Papa Benedetto XVI in occasione

dell’incontro nazionale dell’ACR

a Roma nell’ottobre scorso, con lo slogan

“C’è di più”. Un momento rilevante

dell’assemblea è stata la presentazione

da parte di Don Angelo del libro del

nostro Vescovo “Morte dov’è la tua vittoria.

Poetica del dramma del morire e

speranza del vivere”. Il ricavato della

vendita sarà devoluto per la costruzione

del Centro Cardiologico “Pino Staglianò”

a Butembo (Repubblica Democratica

del Congo). L’incontro si è concluso con

la concelebrazione eucaristica, con l’agape

fraterna e con la sollecitazione del Vescovo

“Conformatevi a Gesù, Re crocifi

sso, che educa amando anche i nemici”.

Domenica 21: Scuola per il servizio

alle coppie in diffi coltà

Al Cineteatro S. Caterina da Siena in

Rosolini si è svolta la seconda giornata

della scuola per il servizio alle coppie in

diffi coltà promossa dall’Uffi cio per la

Pastorale Familiare.

Rivista della Diocesi di Noto - Cronaca diocesana

Domenica 21:

Ritiro del corpo diaconale

Dalle ore 9.30 alle ore 16.30, presso

l’istituto delle Suore Domenicane in

Noto, il corpo diaconale della Diocesi di

Noto ha tenuto il suo ritiro mensile.

Martedì 23: Conferenza stampa

del Vescovo Mons. Sikuli

Il Vescovo Mons. Sikuli Melchisedech in

una conferenza stampa (presenti 14 giornalisti

delle varie radio, il giornale locale

e anche due rappresentanti dell’ONU) ha

denunciato coraggiosamente la situazione

di violenza nel territorio. Parla dei

rapimenti, sparizioni di persone, assassinii,

razzie. Richiama i nomi delle vittime:

scolari, giovani, padri e madri di

famiglia, intellettuali, commercianti. Ricorda

che da luglio ad ottobre 2010, nella

sola zona di Mbau-Oicha-Eringeti, si

sono registrati 32 omicidi e 31 rapimenti.

Richiama, infi ne, anche l’assassinio

di Padre Bakulene e dei 9 passeggeri del

bus sulla strada per Goma. Mons. Sikuli

denuncia, senza mezzi termini, le colpe

del potere centrale, dei politici eletti

nel territorio di Beni e Lubero, della

MONUSCO (caschi blu dell’ONU), dei

capi tribù del territorio di Beni e Lubero,

dell’esercito e della polizia nazionale.

Al potere centrale, il Vescovo rinfaccia

una indifferenza che «rischia di essere

interpretata dalle popolazioni vittime e

martiri come una complicità», e una irresponsabilità

politica che diventa prova

del «tentativo di fare accreditare un’ideologia

genocidiaria». Durissime le parole

rivolte a senatori, deputati nazionali e

provinciali. E non meno dura è la denuncia

della MONUSCO che «assiste con

impotenza e passività al peggioramento

delle condizioni di sicurezza a Est della

R.D. del Congo». Mons. Sikuli richiama

anche i capi tribù alle loro responsabilità

sul problema della spartizione della terra

che è causa di confl itti e delitti in conti-


Rivista della Diocesi di Noto - Cronaca diocesana 145

nuazione. Coraggiosa è anche la denuncia

dei militari. Infi ne, il Vescovo esorta

tutti gli operatori pastorali a denunciare

i malfattori e a «contribuire alla formazione

della popolazione verso la democrazia».

E chiude il suo messaggio con le

parole di speranza di Gesù: «Coraggio,

io ho vinto il mondo».

Mercoledì 24: Consiglio Pastorale

Diocesano.

A Noto, in Seminario, si è riunito il Consiglio

Pastorale Diocesano.

Giovedì 25:

Associazione Teologica Netina

A Noto, in Seminario, si è svolta la cerimonia

di inaugurazione dell’Associazione

Teologica Netina con la prolusione

del Vescovo sul tema “La teologia serve

la Chiesa locale … la Chiesa locale serve

la teologia: educare all’intelligenza della

fede”. Quale responsabile del nuovo

organismo associativo è stato designato

Don Ignazio Petriglieri, Vicario Episcopale

per la cultura.

Venerdì 26: Ritiro del Clero

A Noto presso la Casa del Clero, si è

svolto il ritiro del clero diocesano.

Sabato 27: Convegno Aggregazioni laicali

All’oratorio San Domenico Savio di

Rosolini si è svolto il convegno delle

Aggregazioni laicali della diocesi di

Noto. L’incontro è stato introdotto dal

Vicario Generale Don Angelo Giurdanella

il quale, nel portare il saluto da parte

del Vescovo Mons. Antonio Staglianò,

ha sottolineato l’importanza dell’essere

insieme in quanto pur appartenendo a

movimenti e gruppi diversi “tutti facciamo

parte della stessa Chiesa e la nostra

unità sarà il volto tangibile dell’amore di

Cristo, la prima testimonianza credibile”.

Subito dopo ha preso la parola Don

Tonino Lorefi ce il quale ha parlato nel-

la sua relazione dell’educazione come

accompagnamento partendo dal brano

evangelico di Luca della moltiplicazione

dei pani e dei pesci dove Gesù dice

ai suoi discepoli “Voi stessi date loro da

mangiare”. Don Tonino ha puntato l’attenzione

sia sull’accompagnamento inteso

come processo educativo che deve

“tirare fuori dalla persona il suo “io” più

vero e talentuoso e accompagnare l’altro

dentro una trama relazionale”, sia

sull’accompagnamento spirituale proprio

della Chiesa “arte squisitamente interiore

di far germogliare nell’accompagnato

il seme della fede in Cristo Gesù”.

Al termine della sua relazione Don Tonino

ha posto delle domande alle aggregazioni

laicali presenti partendo da una

rifl essione di Don Cencini il quale parlando

della crisi vocazionale si chiede se

più che parlare di una crisi di vocazione

non si debba parlare di una crisi di accompagnatori

che non sono più capaci di

far sorgere delle vocazioni o di ascoltare

le domande inespresse. Una domanda

che è stata accolta e rilanciata ai presenti

da Don Gaetano Asta, il quale ha invitato

tutti i movimenti e le aggregazioni a saper

essere accompagnatori della fede del

singolo, un accompagnamento che è un

fare la strada insieme nell’ascolto e non

stare con l’altro solo in alcuni momenti

ma è condividere la vita interamente. Al

termine della relazione ci sono state due

testimonianze vocazionali. La prima di

una coppia di Scicli, Guglielmo Damì e

Stefania Melilli appartenenti alle Cellule

di Evangelizzazione e membri della Comunità

carismatica di diritto pontifi cio

“Eccomi, manda me!” con sede a Ragusa

e a Scicli. La seconda testimonianza è

stata quella di un seminarista di Rosolini

Giuseppe Di Stefano, studente del quarto

anno di Teologia, il quale ha parlato

della sua esperienza di vita segnata dalla

malattia del padre ma soprattutto dalla

chiamata di Cristo anche attraverso quel-


146

la malattia. Lui che ha scoperto la sua fede

attraverso il cammino neocatecumenale

e l’apostolato della preghiera ha inviato i

gruppi a sentirsi innanzitutto Chiesa unita.

Al termine dell’incontro Don Gaetano ha

chiesto a tutti i partecipanti di farsi sempre

più portavoci all’interno dei loro gruppi

di appartenenza affi nchè si possa capire

l’importanza di tali momenti di rifl essione

diocesana non sempre colti da tutti.

Sabato 27: Mons. Di Cristina ricorda

Mons. Giaquinta

Guglielmo Giaquinta, un uomo vero.

Così lo ha tratteggiato l’Arcivescovo di

Monreale, Mons. Salvatore Di Cristina,

intervenuto all’incontro organizzato

nell’Aula Magna del Seminario Vescovile

di Noto. Anche l’intervento della

Prof.ssa Santina Mitra Spanò di Palermo

ha comunicato la dimensione umana di

quell’uomo che aveva conosciuto quando

era appena bambina. Non da ultime

le parole di Don Rosario Gisana che ha

presentato e moderato l’incontro, hanno

indicato con molta chiarezza il signifi cato

del processo di umanizzazione contenuto,

secondo il pensiero di Giaquinta,

nella vocazione alla santità propria di

ogni uomo. E hanno ribadito la fi nalità

degli incontri organizzati nell’anno in

corso dalle Oblate Apostoliche Pro Sanctitate

di Noto: quello di far conoscere

questo “servo di Dio” netino, di consegnare

la testimonianza di un uomo vero

e di approfondire il suo messaggio.

Da sinistra: la Prof.ssa Spanò,

Mons. Di Cristina, Don Gisana

Rivista della Diocesi di Noto - Cronaca diocesana

Domenica 28: Ritiro

giovani e adolescenti

Presso la chiesa della Fiducia a Pozzallo,

su iniziativa della Pastorale giovanile, del

Centro Diocesano Vocazioni e dei Giovani

di Azione Cattolica, si è svolto il ritiro

giovani e adolescenti. Il titolo è lo slogan

del ritiro diocesano, promosso dalla Pastorale

giovanile, dal Centro Diocesano

Vocazioni e dall’Azione Cattolica, che ha

visto riuniti a Pozzallo giovani e adolescenti

provenienti da tutti i vicariati. Dopo

un momento di lode, vissuto tutti insieme,

giovani e adolescenti ci siamo divisi per

la catechesi e i laboratori. “La moltiplicazione

dei pani e dei pesci” (Mc 6,33-44) è

stato il brano protagonista della giornata e

la stazione perfetta da cui iniziare questo

viaggio in “attesa” del Natale.

Domenica 28: Onorifi cenza

dei Savoia a Mons. Staglianò

Nella splendida ed artistica cornice della

basilica del SS. Salvatore in Noto, si è

svolta una solenne e suggestiva celebrazione

eucaristica per l’anniversario della

bolla pontifi cia “Qua militi a hospitalis

Sancti Lazari Hierosolymitani religioni

Sancti Mauritii unitur, ac annecti tur”

(13 novembre 1572) con cui il Papa Gregorio

XIII sanciva la riunione dell’Ordine

dei Santi Maurizio e Lazzaro e lo

affi dava in magistero perpetuo al Capo

di Casa Savoia. La Santa Messa, che

ha visto la partecipazione degli Ordini

Dinastici di Casa Savoia, delle Guardie


Rivista della Diocesi di Noto - Cronaca diocesana 147

d’Onore alle Reali Tombe del Pantheon

con i loro abiti da chiesa e di circa 350

fedeli, è stata presieduta dal Vescovo

Mons. Staglianò; ha concelebrato Don

Angelo Giurdanella, Vicario Generale

della Diocesi di Noto ed ha assistito Don

Enzo Iacono Isidoro, Cappellano delle

Guardie d’Onore nonchè Cavaliere Uffi

ciale dell’Ordine al Merito di Savoia.

Presente anche una nutrita delegazione

dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro

di Gerusalemme. Dopo il canto iniziale

eseguito dal coro “L. Perosi” della Cattedrale

di S. Nicolò in Noto (che ha animato

l’intera celebrazione) ed il saluto

iniziale del Vescovo, ha preso la parola

il Cav. Francesco Maiore, Vicario per la

provincia di Siracusa degli Ordini Sabaudi,

il quale ha rivolto al Vescovo ed

alle autorità presenti il suo saluto. Prima

della conclusione del solenne rito, è stata

data lettura del messaggio inviato per

l’occasione da Sua Altezza Reale il Principe

Vittorio Emanuele di Savoia. Il Cav.

di Gran Croce Dott. Stefano di Martino,

che guidava la delegazione del Gran

Magistero degli Ordini Dinastici di Casa

Savoia giunta per l’occasione da Milano,

ha consegnato quindi uffi cialmente al

Vescovo la lettera con cui il Principe gli

ha conferito Motu proprio la Commenda

dell’Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro.

Dopo la conclusione della S. Messa, il

Vescovo, accolto in Seminario dai numerosi

cavalieri, dame e guardie d’onore

convenuti a Noto per l’occasione da

molti centri della Sicilia, ha consegnato

personalmente ai nuovi insigniti i diplomi

di nomina. Alla celebrazione della S.

Messa ha poi fatto seguito l’inaugurazione

della mostra storica dal titolo “...

I mille anni di Casa Savoia... Per il 150°

della proclamazione del Regno d’Italia”,

allestita nei locali dell’Associazione

Turistica Pro Noto, visitabile fi no al 31

gennaio 2011. Un evento, quest’ultimo,

promosso dall’Istituto Nazionale per la

Guardia d’Onore alle Reali Tombe del

Pantheon assieme a numerosi altri enti

patrocinatori, nel contesto dell’anno celebrativo

del 150° anniversario dell’Unità

d’Italia.

39 a Settimana teologica

La 39 a Settimana teologica a Modica è

stata aperta con un intervento del Vescovo,

Mons. Staglianò, in una Domus S.

Petri che ha registrato anche quest’anno

una vasta e qualifi cata partecipazione.

Si tratta di un appuntamento che - dal

Concilio ad oggi - permette alla Chiesa

netina e alla città di Modica il respiro di

una forte ricerca di senso della vita e della

storia, senza la quale tutto rischia di

appiattirsi e di omologarsi alla mentalità

dominante. Durante la prima sera, Don

Corrado Lorefi ce (sostituendo Massimo

Toschi, che non era potuto arrivare in

tempo per lo spostamento dell’aereo in

tarda serata), ha ripreso la lezione conciliare

della Chiesa povera e dei poveri,

chiarendo come l’Eucaristia è fonte di

rinnovamento anche politico per la forza

che immette nella storia e come la

“questione dei poveri” non è anzitutto

una questione etica, legata a cosa fare,

ma ontologica e teologica, legata a chi

siamo come uomini e come cristiani. La

seconda sera Massimo Toschi, poliomielitico

in carrozzella, partendo dai bambini,

dalle vittime più innocenti, e potendo

arrivare - con la sola forza della fede - a

far curare dai medici ebrei i bambini palestinesi,

innestando un meccanismo di

riconciliazione, si è richiamato al Sinodo

diocesano netino, evento di grazia per la

Chiesa di Noto, che si è messa così in

sintonia con lo stile stesso di Gesù. Le

parole provenivano da uno che in sedia

a rotelle è stato più di quaranta volte nel

mezzo di guerre e di ingiustizie per favorire

processi di riconciliazione; le parole

venivano dette con un racconto di sé che

arrivava alla confi denza della persuasio-


148

ne che il suo prezzo alto pagato era stato

la morte della moglie come era stata per

Abramo, dopo la riconsegna di Isacco,

la morte di Sara. Una Settimana teologica

particolare quella di quest’anno, che

Rivista della Diocesi di Noto - Cronaca diocesana

ha lasciato nella diocesi e nella città un

messaggio forte che invita all’autenticità

e ad una speranza operosa e coraggiosa,

speriamo anche contagiosa, senz’altro

fonte di una vita bella.


Rivista della Diocesi di Noto - Cronaca diocesana 149

Sabato 4: Ordinazione Diaconale

Alle ore 18 nella chiesa S. Bartolomeo

in Scicli, l’Accolito Nello Garofalo ha

ricevuto il Sacro Ordine del Diaconato.

Domenica 5: Incontro MSSC

“sto alla porta e busso, se uno mi apre,

farò cena con lui…” (Ap 3,20). Così ha

iniziato la meditazione Mons. Guccione,

per il ritiro dei ministri straordinari della

santa Comunione, svoltosi in Seminario

a Noto. I ministri straordinari della Santa

Comunione erano quasi tutti presenti

ed hanno partecipato attivamente e con

gioiosa serietà, sicuramente grati a Dio e

agli organizzatori per aver curato questa

bellissima e signifi cativa giornata.

Lunedì 6: Incontro giovani presbiteri

Alle ore 10 alla Casa del Clero di Noto si

è svolto l’incontro dei giovani presbiteri.

Lunedì 6: Un libro su Mons. Tranchina

Con una solenne celebrazione è stato

commemorato Mons. Salvatore Tranchina,

in occasione del 25° anniversario

della sua morte. L’aula magna del Seminario

Vescovile, alle ore 18, era particolarmente

gremita (oltre 200 persone) per

DICEMBRE 2010

Iscrizione incisa in un marmo

posta sulla parete laterale dell’androne

del Seminario a Noto

la presentazione di una preziosa e documentata

pubblicazione a riguardo, curata

da Mons. Salvatore Guastella dal titolo

«Mons. Salvatore Tranchina, sacerdote di

preghiera e infaticabile nel servizio alla

Chiesa Netina». La presentazione del libro

è stata introdotta dal Vice rettore del

Seminario, Don Tonino Lorefi ce. Ad essa

è seguito un intervento del Dott. Pino

Malandrino, Direttore del giornale diocesano

“La vita diocesana”, che ha messo in

risalto la grande carica umana e spirituale

di Mons. Tranchina, e l’intervento breve

e incisivo del Vescovo emerito, Mons.

Giuseppe Malandrino.Ha concluso il Ve-


150

scovo, Mons. Antonio Staglianò, che da

tutto quello che aveva ascoltato ha tratto

la sintesi della grandezza di questo sacerdote

che dalla preghiera ha tratto la forza

per donarsi a livello ecclesiale e civile nel

nostro territorio. Mons. Staglianò ha inoltre

auspicato che i locali del Seminario,

oltre che continuare ad accogliere gli attuali

seminaristi (che auspica aumentino

in numero e santità), vengano anche aperti

a fi nalità sociali e caritative alla luce del

vangelo di Cristo.

Venerdì 10: Aggiornamento del clero

Alla Casa del Clero si è svolto l’incontro

di aggiornamento del clero. Relatore, il

Prof. Luigi Alici.

Venerdì 10: Incontro con il Prof. Inguì

Su iniziativa della Caritas diocesana, alle

ore 16 a Pachino presso il salone della

parrocchia S. Cuore, si è svolto l’incontro

con il Dott. Salvatore Inguì, assistente

sociale dell’USSM di Trapani, sul tema:

“Lavorare in rete educando con passione”.

L’incontro è stato rivolto alle caritas

parrocchiali, agli operatori dei centri di

ascolto, ai gruppi di volontariato, agli

educatori, ai catechisti e a tutti coloro che

a vario titolo operano nel sociale, all’interno

del programma di formazione e

confronto elaborato dalla nostra Diocesi

per una presa in carico sempre più consapevole

delle persone in diffi coltà.

Venerdì 10: Scuola socio-politica

Guardare l’economia con gli occhi di

Dio! Ecco la scommessa che il Prof. Luigi

Alici, intervenendo alla Scuola Diocesana

all’Impegno Sociale e Politico “G.

La Pira” al Cine-teatro Santa Caterina da

Siena di Rosolini ha posto al centro della

sua rifl essione.

Domenica 12: ACI

A Scicli si è svolta la Giornata diocesana

di spiritualità dell’Azione Cattolica.

Rivista della Diocesi di Noto - Cronaca diocesana

Mercoledì 15: Ordinazione Diaconale

Nella chiesa SS.Annunziata di Ispica

l’Accolito Armando Fidone ha ricevuto

il Sacro Ordine del Diaconato.

Sabato 18: Ammissione

In Cattedrale si è svolta la celebrazione

eucaristica con il rito di ammissione al

cammino verso il Diaconato e il Presbiterato

di Roberto Avola della parrocchia

Madonna delle Lacrime in Modica,

Peppe Di Stefano della parrocchia

S.Giuseppe Chiesa Madre in Rosolini,

ed Alessandro Paolino della Parrocchia

S. Giovanni Battista in Pozzallo.

Lunedì 20: Il Vescovo Giuseppe Vizzini

ritorna nella ‘sua’ Cattedrale

Rimosso il 5 luglio 2000, in seguito al

crollo in Cattedrale, il corpo del vescovo

G. Vizzini è ritornato nella cappella della

“sua” Madonna. Al termine di una devota

Eucaristia pontifi cale presieduta dal


Rivista della Diocesi di Noto - Cronaca diocesana 151

Vescovo, Mons. Staglianò, con la partecipazione

di 15 presbiteri del clero di

Noto e di parecchi fedeli tra cui un gruppetto

delle suore domenicane del Sacro

Cuore che hanno la loro casa generalizia

a San Nullo di Catania e che il sapiente

Vescovo Vizzini rinnovò alla luce della

freschezza evangelica del carisma domenicano.

È stato commovente, al termine

della santa messa di suffragio, che

sei giovani presbiteri hanno portato sulle

spalle le spoglie del grande Vescovo

defunto fi no alla tomba a destra della

cappella della Madonna delle Grazie,

accanto al suo successore, Mons. Angelo

Calabretta, che si trova a sinistra della

stessa cappella.


Documenti


Sommo Pontece


Rivista della Diocesi di Noto - Documenti 157

Messaggio di Sua Santità Benedetto XVI

per la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato

(2011)

Cari Fratelli e Sorelle,

“Una sola famiglia umana”

la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato offre l’opportunità, per tutta

la Chiesa, di rifl ettere su un tema legato al crescente fenomeno della migrazione,

di pregare affi nché i cuori si aprano all’accoglienza cristiana e di operare perché

crescano nel mondo la giustizia e la carità, colonne per la costruzione di una pace

autentica e duratura. “Come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli

altri” (Gv 13,34) è l’invito che il Signore ci rivolge con forza e ci rinnova costantemente:

se il Padre ci chiama ad essere fi gli amati nel suo Figlio prediletto,

ci chiama anche a riconoscerci tutti come fratelli in Cristo.

Da questo legame profondo tra tutti gli esseri umani nasce il tema che ho scelto

quest’anno per la nostra rifl essione: “Una sola famiglia umana”, una sola famiglia

di fratelli e sorelle in società che si fanno sempre più multietniche e interculturali,

dove anche le persone di varie religioni sono spinte al dialogo, perché

si possa trovare una serena e fruttuosa convivenza nel rispetto delle legittime

differenze. Il Concilio Vaticano II afferma che “tutti i popoli costituiscono una

sola comunità. Essi hanno una sola origine poiché Dio ha fatto abitare l’intero

genere umano su tutta la faccia della terra (cfr At 17,26); essi hanno anche un

solo fi ne ultimo, Dio, del quale la provvidenza, la testimonianza di bontà e il

disegno di salvezza si estendono a tutti” (Dich. Nostra aetate, 1). Così, noi “non

viviamo gli uni accanto agli altri per caso; stiamo tutti percorrendo uno stesso

cammino come uomini e quindi come fratelli e sorelle” (Messaggio per la Giornata

Mondiale della Pace 2008, 6).

La strada è la stessa, quella della vita, ma le situazioni che attraversiamo in questo

percorso sono diverse: molti devono affrontare la diffi cile esperienza della

migrazione, nelle sue diverse espressioni: interne o internazionali, permanenti o

stagionali, economiche o politiche, volontarie o forzate. In vari casi la partenza

dal proprio Paese è spinta da diverse forme di persecuzione, così che la fuga

diventa necessaria. Il fenomeno stesso della globalizzazione, poi, caratteristico

della nostra epoca, non è solo un processo socio-economico, ma comporta anche

“un’umanità che diviene sempre più interconnessa”, superando confi ni geografi

ci e culturali. A questo proposito, la Chiesa non cessa di ricordare che il senso

profondo di questo processo epocale e il suo criterio etico fondamentale sono

dati proprio dall’unità della famiglia umana e dal suo sviluppo nel bene (cfr Benedetto

XVI, Enc. Caritas in veritate, 42). Tutti, dunque, fanno parte di una sola


158

Rivista della Diocesi di Noto - Documenti

famiglia, migranti e popolazioni locali che li accolgono, e tutti hanno lo stesso

diritto ad usufruire dei beni della terra, la cui destinazione è universale, come

insegna la dottrina sociale della Chiesa. Qui trovano fondamento la solidarietà e

la condivisione.

“In una società in via di globalizzazione, il bene comune e l’impegno per esso

non possono non assumere le dimensioni dell’intera famiglia umana, vale a dire

della comunità dei popoli e delle Nazioni, così da dare forma di unità e di pace

alla città dell’uomo, e renderla in qualche misura anticipazione prefi guratrice

della città senza barriere di Dio” (Benedetto XVI, Enc. Caritas in veritate, 7). È

questa la prospettiva con cui guardare anche la realtà delle migrazioni. Infatti,

come già osservava il Servo di Dio Paolo VI, “la mancanza di fraternità tra gli

uomini e tra i popoli” è causa profonda del sottosviluppo (Enc. Populorum progressio,

66) e – possiamo aggiungere – incide fortemente sul fenomeno migratorio.

La fraternità umana è l’esperienza, a volte sorprendente, di una relazione che

accomuna, di un legame profondo con l’altro, differente da me, basato sul semplice

fatto di essere uomini. Assunta e vissuta responsabilmente, essa alimenta

una vita di comunione e condivisione con tutti, in particolare con i migranti;

sostiene la donazione di sé agli altri, al loro bene, al bene di tutti, nella comunità

politica locale, nazionale e mondiale.

Il Venerabile Giovanni Paolo II, in occasione di questa stessa Giornata celebrata

nel 2001, sottolineò che “[il bene comune universale] abbraccia l’intera famiglia

dei popoli, al di sopra di ogni egoismo nazionalista. È in questo contesto che

va considerato il diritto ad emigrare. La Chiesa lo riconosce ad ogni uomo, nel

duplice aspetto di possibilità di uscire dal proprio Paese e possibilità di entrare in

un altro alla ricerca di migliori condizioni di vita” (Messaggio per la Giornata

Mondiale delle Migrazioni 2001, 3; cfr Giovanni XXIII, Enc. Mater et Magistra,

30; Paolo VI, Enc. Octogesima adveniens, 17). Al tempo stesso, gli Stati hanno

il diritto di regolare i fl ussi migratori e di difendere le proprie frontiere, sempre

assicurando il rispetto dovuto alla dignità di ciascuna persona umana. Gli immigrati,

inoltre, hanno il dovere di integrarsi nel Paese di accoglienza, rispettandone

le leggi e l’identità nazionale. “Si tratterà allora di coniugare l’accoglienza

che si deve a tutti gli esseri umani, specie se indigenti, con la valutazione delle

condizioni indispensabili per una vita dignitosa e pacifi ca per gli abitanti originari

e per quelli sopraggiunti” (Giovanni Paolo II, Messaggio per la Giornata

Mondiale della Pace 2001, 13).

In questo contesto, la presenza della Chiesa, quale popolo di Dio in cammino

nella storia in mezzo a tutti gli altri popoli, è fonte di fi ducia e di speranza.

La Chiesa, infatti, è “in Cristo sacramento, ossia segno e strumento dell’intima

unione con Dio e dell’unità di tutto il genere umano” (Conc. Ecum. Vat. II, Cost.

dogm. Lumen gentium, 1); e, grazie all’azione in essa dello Spirito Santo, “gli

sforzi intesi a realizzare la fraternità universale non sono vani” (Idem, Cost. past.


Rivista della Diocesi di Noto - Documenti 159

Gaudium et spes, 38). E’ in modo particolare la santa Eucaristia a costituire, nel

cuore della Chiesa, una sorgente inesauribile di comunione per l’intera umanità.

Grazie ad essa, il Popolo di Dio abbraccia “ogni nazione, tribù, popolo e lingua”

(Ap 7,9) non con una sorta di potere sacro, ma con il superiore servizio della

carità. In effetti, l’esercizio della carità, specialmente verso i più poveri e deboli,

è criterio che prova l’autenticità delle celebrazioni eucaristiche (cfr Giovanni

Paolo II, Lett. ap. Mane nobiscum Domine, 28).

Alla luce del tema “Una sola famiglia umana”, va considerata specifi camente la

situazione dei rifugiati e degli altri migranti forzati, che sono una parte rilevante

del fenomeno migratorio. Nei confronti di queste persone, che fuggono da violenze

e persecuzioni, la Comunità internazionale ha assunto impegni precisi. Il

rispetto dei loro diritti, come pure delle giuste preoccupazioni per la sicurezza e

la coesione sociale, favoriscono una convivenza stabile ed armoniosa.

Anche nel caso dei migranti forzati la solidarietà si alimenta alla “riserva” di

amore che nasce dal considerarci una sola famiglia umana e, per i fedeli cattolici,

membri del Corpo Mistico di Cristo: ci troviamo infatti a dipendere gli uni dagli

altri, tutti responsabili dei fratelli e delle sorelle in umanità e, per chi crede, nella

fede. Come già ebbi occasione di dire, “accogliere i rifugiati e dare loro ospitalità

è per tutti un doveroso gesto di umana solidarietà, affi nché essi non si sentano

isolati a causa dell’intolleranza e del disinteresse” (Udienza Generale del 20

giugno 2007: Insegnamenti II,1 (2007), 1158). Ciò signifi ca che quanti sono forzati

a lasciare le loro case o la loro terra saranno aiutati a trovare un luogo dove

vivere in pace e sicurezza, dove lavorare e assumere i diritti e doveri esistenti

nel Paese che li accoglie, contribuendo al bene comune, senza dimenticare la

dimensione religiosa della vita.

Un particolare pensiero, sempre accompagnato dalla preghiera, vorrei rivolgere

infi ne agli studenti esteri e internazionali, che pure sono una realtà in crescita

all’interno del grande fenomeno migratorio. Si tratta di una categoria anche socialmente

rilevante in prospettiva del loro rientro, come futuri dirigenti, nei Paesi

di origine. Essi costituiscono dei “ponti” culturali ed economici tra questi Paesi e

quelli di accoglienza, e tutto ciò va proprio nella direzione di formare “una sola

famiglia umana”. È questa convinzione che deve sostenere l’impegno a favore

degli studenti esteri e accompagnare l’attenzione per i loro problemi concreti,

quali le ristrettezze economiche o il disagio di sentirsi soli nell’affrontare un

ambiente sociale e universitario molto diverso, come pure le diffi coltà di inserimento.

A questo proposito, mi piace ricordare che “appartenere ad una comunità

universitaria … signifi ca stare nel crocevia delle culture che hanno plasmato il

mondo moderno” (Giovanni Paolo II, Ai Vescovi Statunitensi delle Provincie ecclesiastiche

di Chicago, Indianapolis e Milwaukee in visita “ad limina”, 30 maggio

1998, 6: Insegnamenti XXI,1 [1998], 1116). Nella scuola e nell’università si

forma la cultura delle nuove generazioni: da queste istituzioni dipende in larga


160

Rivista della Diocesi di Noto - Documenti

misura la loro capacità di guardare all’umanità come ad una famiglia chiamata

ad essere unita nella diversità.

Cari fratelli e sorelle, il mondo dei migranti è vasto e diversifi cato. Conosce

esperienze meravigliose e promettenti, come pure, purtroppo, tante altre drammatiche

e indegne dell’uomo e di società che si dicono civili. Per la Chiesa, questa

realtà costituisce un segno eloquente dei nostri tempi, che porta in maggiore

evidenza la vocazione dell’umanità a formare una sola famiglia, e, al tempo stesso,

le diffi coltà che, invece di unirla, la dividono e la lacerano. Non perdiamo

la speranza, e preghiamo insieme Dio, Padre di tutti, perché ci aiuti ad essere,

ciascuno in prima persona, uomini e donne capaci di relazioni fraterne; e, sul

piano sociale, politico ed istituzionale, si accrescano la comprensione e la stima

reciproca tra i popoli e le culture. Con questi auspici, invocando l’intercessione

di Maria Santissima Stella maris, invio di cuore a tutti la Benedizione Apostolica,

in modo speciale ai migranti ed ai rifugiati e a quanti operano in questo

importante ambito.

Da Castel Gandolfo, 27 settembre 2010

BENEDICTUS PP. XVI


Rivista della Diocesi di Noto - Documenti 161

Messaggio di Sua Santità Benedetto XVI

per la XIX Giornata Mondiale del Malato

Cari fratelli e sorelle!

“Dalle sue piaghe siete stati guariti” (1Pt 2,24)

Ogni anno, nella ricorrenza della memoria della Beata Vergine di Lourdes, che si

celebra l’11 febbraio, la Chiesa propone la Giornata Mondiale del Malato. Tale

circostanza, come ha voluto il venerabile Giovanni Paolo II, diventa occasione

propizia per rifl ettere sul mistero della sofferenza e, soprattutto, per rendere più

sensibili le nostre comunità e la società civile verso i fratelli e le sorelle malati.

Se ogni uomo è nostro fratello, tanto più il debole, il sofferente e il bisognoso

di cura devono essere al centro della nostra attenzione, perché nessuno di loro

si senta dimenticato o emarginato; infatti “la misura dell’umanità si determina

essenzialmente nel rapporto con la sofferenza e col sofferente. Questo vale per il

singolo come per la società. Una società che non riesce ad accettare i sofferenti

e non è capace di contribuire mediante la compassione a far sì che la sofferenza

venga condivisa e portata anche interiormente è una società crudele e disumana”

(Lett. enc. Spe salvi, 38). Le iniziative che saranno promosse nelle singole Diocesi

in occasione di questa Giornata, siano di stimolo a rendere sempre più effi cace

la cura verso i sofferenti, nella prospettiva anche della celebrazione in modo solenne,

che avrà luogo, nel 2013, al Santuario mariano di Altötting, in Germania.

1. Ho ancora nel cuore il momento in cui, nel corso della visita pastorale a

Torino, ho potuto sostare in rifl essione e preghiera davanti alla Sacra Sindone,

davanti a quel volto sofferente, che ci invita a meditare su Colui che ha portato

su di sé la passione dell’uomo di ogni tempo e di ogni luogo, anche le nostre

sofferenze, le nostre diffi coltà, i nostri peccati. Quanti fedeli, nel corso della

storia, sono passati davanti a quel telo sepolcrale, che ha avvolto il corpo di un

uomo crocifi sso, che in tutto corrisponde a ciò che i Vangeli ci trasmettono sulla

passione e morte di Gesù! Contemplarlo è un invito a rifl ettere su quanto scrive

san Pietro: “dalle sue piaghe siete stati guariti” (1Pt 2,24). Il Figlio di Dio ha

sofferto, è morto, ma è risorto, e proprio per questo quelle piaghe diventano il

segno della nostra redenzione, del perdono e della riconciliazione con il Padre;

diventano, però, anche un banco di prova per la fede dei discepoli e per la nostra

fede: ogni volta che il Signore parla della sua passione e morte, essi non comprendono,

rifi utano, si oppongono. Per loro, come per noi, la sofferenza rimane

sempre carica di mistero, diffi cile da accettare e da portare. I due discepoli di

Emmaus camminano tristi per gli avvenimenti accaduti in quei giorni a Gerusalemme,

e solo quando il Risorto percorre la strada con loro, si aprono ad una

visione nuova (cfr Lc 24,13-31). Anche l’apostolo Tommaso mostra la fatica di

credere alla via della passione redentrice: “Se non vedo nelle sue mani il segno


162

Rivista della Diocesi di Noto - Documenti

dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi e non metto la mia mano

nel suo fi anco, io non credo” (Gv 20,25). Ma di fronte a Cristo che mostra le

sue piaghe, la sua risposta si trasforma in una commovente professione di fede:

“Mio Signore e mio Dio!” (Gv 20,28). Ciò che prima era un ostacolo insormontabile,

perché segno dell’apparente fallimento di Gesù, diventa, nell’incontro

con il Risorto, la prova di un amore vittorioso: “Solo un Dio che ci ama fi no a

prendere su di sé le nostre ferite e il nostro dolore, soprattutto quello innocente,

è degno di fede” (Messaggio Urbi et Orbi, Pasqua 2007).

2. Cari ammalati e sofferenti, è proprio attraverso le piaghe del Cristo che noi

possiamo vedere, con occhi di speranza, tutti i mali che affl iggono l’umanità.

Risorgendo, il Signore non ha tolto la sofferenza e il male dal mondo, ma li ha

vinti alla radice. Alla prepotenza del Male ha opposto l’onnipotenza del suo

Amore. Ci ha indicato, allora, che la via della pace e della gioia è l’Amore:

“Come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri” (Gv 13,34).

Cristo, vincitore della morte, è vivo in mezzo a noi. E mentre con san Tommaso

diciamo anche noi: “Mio Signore e mio Dio!”, seguiamo il nostro Maestro nella

disponibilità a spendere la vita per i nostri fratelli (cfr 1 Gv 3,16), diventando

messaggeri di una gioia che non teme il dolore, la gioia della Risurrezione.

San Bernardo afferma: “Dio non può patire, ma può compatire”. Dio, la Verità e

l’Amore in persona, ha voluto soffrire per noi e con noi; si è fatto uomo per poter

com-patire con l’uomo, in modo reale, in carne e sangue. In ogni sofferenza

umana, allora, è entrato Uno che condivide la sofferenza e la sopportazione; in

ogni sofferenza si diffonde la con-solatio, la consolazione dell’amore partecipe

di Dio per far sorgere la stella della speranza (cfr Lett. enc. Spe salvi, 39).

A voi, cari fratelli e sorelle, ripeto questo messaggio, perché ne siate testimoni

attraverso la vostra sofferenza, la vostra vita e la vostra fede.

3. Guardando all’appuntamento di Madrid, nel prossimo agosto 2011, per la

Giornata Mondiale della Gioventù, vorrei rivolgere anche un particolare pensiero

ai giovani, specialmente a coloro che vivono l’esperienza della malattia.

Spesso la Passione, la Croce di Gesù fanno paura, perché sembrano essere la

negazione della vita. In realtà, è esattamente il contrario! La Croce è il “sì” di

Dio all’uomo, l’espressione più alta e più intensa del suo amore e la sorgente da

cui sgorga la vita eterna. Dal cuore trafi tto di Gesù è sgorgata questa vita divina.

Solo Lui è capace di liberare il mondo dal male e di far crescere il suo Regno

di giustizia, di pace e di amore al quale tutti aspiriamo (cfr Messaggio per la

Giornata Mondiale della Gioventù 2011, 3). Cari giovani, imparate a “vedere” e

a “incontrare” Gesù nell’Eucaristia, dove è presente in modo reale per noi, fi no

a farsi cibo per il cammino, ma sappiatelo riconoscere e servire anche nei poveri,

nei malati, nei fratelli sofferenti e in diffi coltà, che hanno bisogno del vostro

aiuto (cfr ibid., 4). A tutti voi giovani, malati e sani, ripeto l’invito a creare ponti


Rivista della Diocesi di Noto - Documenti 163

di amore e solidarietà, perché nessuno si senta solo, ma vicino a Dio e parte

della grande famiglia dei suoi fi gli (cfr Udienza generale, 15 novembre 2006).

4. Contemplando le piaghe di Gesù il nostro sguardo si rivolge al suo Cuore

sacratissimo, in cui si manifesta in sommo grado l’amore di Dio. Il Sacro

Cuore è Cristo crocifi sso, con il costato aperto dalla lancia dal quale scaturiscono

sangue ed acqua (cfr Gv 19,34), “simbolo dei sacramenti della Chiesa,

perché tutti gli uomini, attirati al Cuore del Salvatore, attingano con gioia

alla fonte perenne della salvezza” (Messale Romano, Prefazio della Solennità

del Sacratissimo Cuore di Gesù). Specialmente voi, cari malati, sentite la

vicinanza di questo Cuore carico di amore e attingete con fede e con gioia a

tale fonte, pregando: “Acqua del costato di Cristo, lavami. Passione di Cristo,

fortifi cami. Oh buon Gesù, esaudiscimi. Nelle tue piaghe, nascondimi” (Preghiera

di S. Ignazio di Loyola).

5. Al termine di questo mio Messaggio per la prossima Giornata Mondiale del

Malato, desidero esprimere il mio affetto a tutti e a ciascuno, sentendomi partecipe

delle sofferenze e delle speranze che vivete quotidianamente in unione

a Cristo crocifi sso e risorto, perché vi doni la pace e la guarigione del cuore.

Insieme a Lui vegli accanto a voi la Vergine Maria, che invochiamo con fi ducia

Salute degli infermi e Consolatrice dei sofferenti. Ai piedi della Croce si

realizza per lei la profezia di Simeone: il suo cuore di Madre è trafi tto (cfr Lc

2,35). Dall’abisso del suo dolore, partecipazione a quello del Figlio, Maria

è resa capace di accogliere la nuova missione: diventare la Madre di Cristo

nelle sue membra. Nell’ora della Croce, Gesù le presenta ciascuno dei suoi

discepoli dicendole: “Ecco tuo fi glio” (cfr Gv 19,26-27). La compassione

materna verso il Figlio, diventa compassione materna verso ciascuno di noi

nelle nostre quotidiane sofferenze (cfr Omelia a Lourdes, 15 settembre 2008).

Cari fratelli e sorelle, in questa Giornata Mondiale del malato, invito anche le

Autorità affi nché investano sempre più energie in strutture sanitarie che siano

di aiuto e di sostegno ai sofferenti, soprattutto i più poveri e bisognosi, e, rivolgendo

il mio pensiero a tutte le Diocesi, invio un affettuoso saluto ai Vescovi,

ai sacerdoti, alle persone consacrate, ai seminaristi, agli operatori sanitari, ai

volontari e a tutti coloro che si dedicano con amore a curare e alleviare le piaghe

di ogni fratello o sorella ammalati, negli ospedali o Case di Cura, nelle famiglie:

nei volti dei malati sappiate vedere sempre il Volto dei volti: quello di Cristo.

A tutti assicuro il mio ricordo nella preghiera, mentre imparto a ciascuno una

speciale Benedizione Apostolica.

Dal Vaticano, 21 Novembre 2010, Festa di Cristo Re dell’Universo.

BENEDICTUS PP. XVI


164

Rivista della Diocesi di Noto - Documenti

Messaggio per la celebrazione della XLIV Giornata

Mondiale della Pace - 1° Gennaio 2011

LIBERTÀ RELIGIOSA, VIA PER LA PACE

1. All’inizio di un Nuovo Anno il mio augurio vuole giungere a tutti e a ciascuno;

è un augurio di serenità e di prosperità, ma è soprattutto un augurio di pace.

Anche l’anno che chiude le porte è stato segnato, purtroppo, dalla persecuzione,

dalla discriminazione, da terribili atti di violenza e di intolleranza religiosa.

Il mio pensiero si rivolge in particolare alla cara terra dell’Iraq, che nel suo

cammino verso l’auspicata stabilità e riconciliazione continua ad essere scenario

di violenze e attentati. Vengono alla memoria le recenti sofferenze della

comunità cristiana, e, in modo speciale, il vile attacco contro la Cattedrale

siro-cattolica “Nostra Signora del Perpetuo Soccorso” a Baghdad, dove, il 31

ottobre scorso, sono stati uccisi due sacerdoti e più di cinquanta fedeli, mentre

erano riuniti per la celebrazione della Santa Messa. Ad esso hanno fatto

seguito, nei giorni successivi, altri attacchi, anche a case private, suscitando

paura nella comunità cristiana ed il desiderio, da parte di molti dei suoi membri,

di emigrare alla ricerca di migliori condizioni di vita. A loro manifesto la

mia vicinanza e quella di tutta la Chiesa, sentimento che ha visto una concreta

espressione nella recente Assemblea Speciale per il Medio Oriente del Sinodo

dei Vescovi. Da tale Assise è giunto un incoraggiamento alle comunità cattoliche

in Iraq e in tutto il Medio Oriente a vivere la comunione e a continuare

ad offrire una coraggiosa testimonianza di fede in quelle terre.

Ringrazio vivamente i Governi che si adoperano per alleviare le sofferenze di

questi fratelli in umanità e invito i Cattolici a pregare per i loro fratelli nella

fede che soffrono violenze e intolleranze e ad essere solidali con loro. In tale

contesto, ho sentito particolarmente viva l’opportunità di condividere con tutti

voi alcune rifl essioni sulla libertà religiosa, via per la pace. Infatti, risulta doloroso

constatare che in alcune regioni del mondo non è possibile professare

ed esprimere liberamente la propria religione, se non a rischio della vita e della

libertà personale. In altre regioni vi sono forme più silenziose e sofi sticate di

pregiudizio e di opposizione verso i credenti e i simboli religiosi. I cristiani

sono attualmente il gruppo religioso che soffre il maggior numero di persecuzioni

a motivo della propria fede. Tanti subiscono quotidianamente offese

e vivono spesso nella paura a causa della loro ricerca della verità, della loro

fede in Gesù Cristo e del loro sincero appello perché sia riconosciuta la libertà

religiosa. Tutto ciò non può essere accettato, perché costituisce un’offesa a

Dio e alla dignità umana; inoltre, è una minaccia alla sicurezza e alla pace e

impedisce la realizzazione di un autentico sviluppo umano integrale.[1]

Nella libertà religiosa, infatti, trova espressione la specifi cità della persona


Rivista della Diocesi di Noto - Documenti 165

umana, che per essa può ordinare la propria vita personale e sociale a Dio,

alla cui luce si comprendono pienamente l’identità, il senso e il fi ne della

persona. Negare o limitare in maniera arbitraria tale libertà signifi ca coltivare

una visione riduttiva della persona umana; oscurare il ruolo pubblico della religione

signifi ca generare una società ingiusta, poiché non proporzionata alla

vera natura della persona umana; ciò signifi ca rendere impossibile l’affermazione

di una pace autentica e duratura di tutta la famiglia umana.

Esorto, dunque, gli uomini e le donne di buona volontà a rinnovare l’impegno

per la costruzione di un mondo dove tutti siano liberi di professare la propria

religione o la propria fede, e di vivere il proprio amore per Dio con tutto il

cuore, con tutta l’anima e con tutta la mente (cfr Mt 22,37). Questo è il sentimento

che ispira e guida il Messaggio per la XLIV Giornata Mondiale della

Pace, dedicato al tema: Libertà religiosa, via per la pace.

Sacro diritto alla vita e ad una vita spirituale

2. Il diritto alla libertà religiosa è radicato nella stessa dignità della persona

umana,[2] la cui natura trascendente non deve essere ignorata o trascurata.

Dio ha creato l’uomo e la donna a sua immagine e somiglianza (cfr Gen 1,27).

Per questo ogni persona è titolare del sacro diritto ad una vita integra anche dal

punto di vista spirituale. Senza il riconoscimento del proprio essere spirituale,

senza l’apertura al trascendente, la persona umana si ripiega su se stessa, non

riesce a trovare risposte agli interrogativi del suo cuore circa il senso della vita

e a conquistare valori e principi etici duraturi, e non riesce nemmeno a sperimentare

un’autentica libertà e a sviluppare una società giusta.[3]

La Sacra Scrittura, in sintonia con la nostra stessa esperienza, rivela il valore

profondo della dignità umana: “Quando vedo i tuoi cieli, opera delle tue

dita,la luna e le stelle che tu hai fi ssato, che cosa è mai l’uomo perché di lui ti

ricordi, il fi glio dell’uomo, perché te ne curi? Davvero l’hai fatto poco meno

di un dio,di gloria e di onore lo hai coronato. Gli hai dato potere sulle opere

delle tue mani,tutto hai posto sotto i suoi piedi” (Sal 8, 4-7).

Dinanzi alla sublime realtà della natura umana, possiamo sperimentare lo stesso

stupore espresso dal salmista. Essa si manifesta come apertura al Mistero,

come capacità di interrogarsi a fondo su se stessi e sull’origine dell’universo,

come intima risonanza dell’Amore supremo di Dio, principio e fi ne di tutte le

cose, di ogni persona e dei popoli.[4] La dignità trascendente della persona è

un valore essenziale della sapienza giudaico-cristiana, ma, grazie alla ragione,

può essere riconosciuta da tutti. Questa dignità, intesa come capacità di trascendere

la propria materialità e di ricercare la verità, va riconosciuta come un

bene universale, indispensabile per la costruzione di una società orientata alla


166

Rivista della Diocesi di Noto - Documenti

realizzazione e alla pienezza dell’uomo. Il rispetto di elementi essenziali della

dignità dell’uomo, quali il diritto alla vita e il diritto alla libertà religiosa, è una

condizione della legittimità morale di ogni norma sociale e giuridica.

Libertà religiosa e rispetto reciproco

3. La libertà religiosa è all’origine della libertà morale. In effetti, l’apertura alla

verità e al bene, l’apertura a Dio, radicata nella natura umana, conferisce piena

dignità a ciascun uomo ed è garante del pieno rispetto reciproco tra le persone.

Pertanto, la libertà religiosa va intesa non solo come immunità dalla coercizione,

ma prima ancora come capacità di ordinare le proprie scelte secondo la verità.

Esiste un legame inscindibile tra libertà e rispetto; infatti, “nell’esercitare i

propri diritti i singoli esseri umani e i gruppi sociali, in virtù della legge morale,

sono tenuti ad avere riguardo tanto ai diritti altrui, quanto ai propri doveri

verso gli altri e verso il bene comune”.[5]

Una libertà nemica o indifferente verso Dio fi nisce col negare se stessa e non

garantisce il pieno rispetto dell’altro. Una volontà che si crede radicalmente

incapace di ricercare la verità e il bene non ha ragioni oggettive né motivi

per agire, se non quelli imposti dai suoi interessi momentanei e contingenti,

non ha una “identità” da custodire e costruire attraverso scelte veramente

libere e consapevoli. Non può dunque reclamare il rispetto da parte di altre

“volontà”, anch’esse sganciate dal proprio essere più profondo, che quindi

possono far valere altre “ragioni” o addirittura nessuna “ragione”. L’illusione

di trovare nel relativismo morale la chiave per una pacifi ca convivenza, è in

realtà l’origine della divisione e della negazione della dignità degli esseri

umani. Si comprende quindi la necessità di riconoscere una duplice dimensione

nell’unità della persona umana: quella religiosa e quella sociale. Al

riguardo, è inconcepibile che i credenti “debbano sopprimere una parte di

se stessi - la loro fede - per essere cittadini attivi; non dovrebbe mai essere

necessario rinnegare Dio per poter godere dei propri diritti”.[6]

La famiglia, scuola di libertà e di pace

4. Se la libertà religiosa è via per la pace, l’educazione religiosa è strada

privilegiata per abilitare le nuove generazioni a riconoscere nell’altro il proprio

fratello e la propria sorella, con i quali camminare insieme e collaborare

perché tutti si sentano membra vive di una stessa famiglia umana, dalla quale

nessuno deve essere escluso.

La famiglia fondata sul matrimonio, espressione di unione intima e di comple-


Rivista della Diocesi di Noto - Documenti 167

mentarietà tra un uomo e una donna, si inserisce in questo contesto come la prima

scuola di formazione e di crescita sociale, culturale, morale e spirituale dei fi gli,

che dovrebbero sempre trovare nel padre e nella madre i primi testimoni di una

vita orientata alla ricerca della verità e all’amore di Dio. Gli stessi genitori dovrebbero

essere sempre liberi di trasmettere senza costrizioni e con responsabilità

il proprio patrimonio di fede, di valori e di cultura ai fi gli. La famiglia, prima

cellula della società umana, rimane l’ambito primario di formazione per relazioni

armoniose a tutti i livelli di convivenza umana, nazionale e internazionale. Questa

è la strada da percorrere sapientemente per la costruzione di un tessuto sociale solido

e solidale, per preparare i giovani ad assumere le proprie responsabilità nella

vita, in una società libera, in uno spirito di comprensione e di pace.

Un patrimonio comune

5. Si potrebbe dire che, tra i diritti e le libertà fondamentali radicati nella dignità

della persona, la libertà religiosa gode di uno statuto speciale. Quando la

libertà religiosa è riconosciuta, la dignità della persona umana è rispettata nella

sua radice, e si rafforzano l’ethos e le istituzioni dei popoli. Viceversa, quando

la libertà religiosa è negata, quando si tenta di impedire di professare la propria

religione o la propria fede e di vivere conformemente ad esse, si offende la dignità

umana e, insieme, si minacciano la giustizia e la pace, le quali si fondano

su quel retto ordine sociale costruito alla luce del Sommo Vero e Sommo Bene.

La libertà religiosa è, in questo senso, anche un’acquisizione di civiltà politica

e giuridica. Essa è un bene essenziale: ogni persona deve poter esercitare

liberamente il diritto di professare e di manifestare, individualmente o

comunitariamente, la propria religione o la propria fede, sia in pubblico che

in privato, nell’insegnamento, nelle pratiche, nelle pubblicazioni, nel culto e

nell’osservanza dei riti. Non dovrebbe incontrare ostacoli se volesse, eventualmente,

aderire ad un’altra religione o non professarne alcuna. In questo

ambito, l’ordinamento internazionale risulta emblematico ed è un riferimento

essenziale per gli Stati, in quanto non consente alcuna deroga alla libertà religiosa,

salvo la legittima esigenza dell’ordine pubblico informato a giustizia.

[7] L’ordinamento internazionale riconosce così ai diritti di natura religiosa

lo stesso status del diritto alla vita e alla libertà personale, a riprova della loro

appartenenza al nucleo essenziale dei diritti dell’uomo, a quei diritti universali

e naturali che la legge umana non può mai negare.

La libertà religiosa non è patrimonio esclusivo dei credenti, ma dell’intera

famiglia dei popoli della terra. È elemento imprescindibile di uno Stato di

diritto; non la si può negare senza intaccare nel contempo tutti i diritti e le libertà

fondamentali, essendone sintesi e vertice. Essa è “la cartina di tornasole

per verifi care il rispetto di tutti gli altri diritti umani”.[8] Mentre favorisce

l’esercizio delle facoltà più specifi camente umane, crea le premesse necessa-


168

Rivista della Diocesi di Noto - Documenti

rie per la realizzazione di uno sviluppo integrale, che riguarda unitariamente

la totalità della persona in ogni sua dimensione.[9]

La dimensione pubblica della religione

6. La libertà religiosa, come ogni libertà, pur muovendo dalla sfera personale,

si realizza nella relazione con gli altri. Una libertà senza relazione non è libertà

compiuta. Anche la libertà religiosa non si esaurisce nella sola dimensione

individuale, ma si attua nella propria comunità e nella società, coerentemente

con l’essere relazionale della persona e con la natura pubblica della religione.

La relazionalità è una componente decisiva della libertà religiosa, che spinge

le comunità dei credenti a praticare la solidarietà per il bene comune. In

questa dimensione comunitaria ciascuna persona resta unica e irripetibile e,

al tempo stesso, si completa e si realizza pienamente.

È innegabile il contributo che le comunità religiose apportano alla società.

Sono numerose le istituzioni caritative e culturali che attestano il ruolo costruttivo

dei credenti per la vita sociale. Più importante ancora è il contributo

etico della religione nell’ambito politico. Esso non dovrebbe essere marginalizzato

o vietato, ma compreso come valido apporto alla promozione del bene

comune. In questa prospettiva bisogna menzionare la dimensione religiosa

della cultura, tessuta attraverso i secoli grazie ai contributi sociali e soprattutto

etici della religione. Tale dimensione non costituisce in nessun modo una

discriminazione di coloro che non ne condividono la credenza, ma rafforza,

piuttosto, la coesione sociale, l’integrazione e la solidarietà.

Libertà religiosa, forza di libertà e di civiltà:

i pericoli della sua strumentalizzazione

7. La strumentalizzazione della libertà religiosa per mascherare interessi

occulti, come ad esempio il sovvertimento dell’ordine costituito, l’accaparramento

di risorse o il mantenimento del potere da parte di un gruppo, può

provocare danni ingentissimi alle società. Il fanatismo, il fondamentalismo,

le pratiche contrarie alla dignità umana, non possono essere mai giustifi cati

e lo possono essere ancora di meno se compiuti in nome della religione. La

professione di una religione non può essere strumentalizzata, né imposta con

la forza. Bisogna, allora, che gli Stati e le varie comunità umane non dimentichino

mai che la libertà religiosa è condizione per la ricerca della verità e

la verità non si impone con la violenza ma con “la forza della verità stessa”.

[10] In questo senso, la religione è una forza positiva e propulsiva per la costruzione

della società civile e politica.


Rivista della Diocesi di Noto - Documenti 169

Come negare il contributo delle grandi religioni del mondo allo sviluppo della

civiltà? La sincera ricerca di Dio ha portato ad un maggiore rispetto della dignità

dell’uomo. Le comunità cristiane, con il loro patrimonio di valori e principi,

hanno fortemente contribuito alla presa di coscienza delle persone e dei popoli

circa la propria identità e dignità, nonché alla conquista di istituzioni democratiche

e all’affermazione dei diritti dell’uomo e dei suoi corrispettivi doveri.

Anche oggi i cristiani, in una società sempre più globalizzata, sono chiamati,

non solo con un responsabile impegno civile, economico e politico, ma anche

con la testimonianza della propria carità e fede, ad offrire un contributo prezioso

al faticoso ed esaltante impegno per la giustizia, per lo sviluppo umano integrale

e per il retto ordinamento delle realtà umane. L’esclusione della religione dalla

vita pubblica sottrae a questa uno spazio vitale che apre alla trascendenza. Senza

quest’esperienza primaria risulta arduo orientare le società verso principi etici

universali e diventa diffi cile stabilire ordinamenti nazionali e internazionali

in cui i diritti e le libertà fondamentali possano essere pienamente riconosciuti

e realizzati, come si propongono gli obiettivi - purtroppo ancora disattesi o contraddetti

- della Dichiarazione Universale dei diritti dell’uomo del 1948.

Una questione di giustizia e di civiltà:

il fondamentalismo e l’ostilità contro i credenti pregiudicano

la laicità positiva degli Stati

8. La stessa determinazione con la quale sono condannate tutte le forme di

fanatismo e di fondamentalismo religioso, deve animare anche l’opposizione

a tutte le forme di ostilità contro la religione, che limitano il ruolo pubblico

dei credenti nella vita civile e politica.

Non si può dimenticare che il fondamentalismo religioso e il laicismo sono

forme speculari ed estreme di rifi uto del legittimo pluralismo e del principio

di laicità. Entrambe, infatti, assolutizzano una visione riduttiva e parziale della

persona umana, favorendo, nel primo caso, forme di integralismo religioso

e, nel secondo, di razionalismo. La società che vuole imporre o, al contrario,

negare la religione con la violenza, è ingiusta nei confronti della persona e

di Dio, ma anche di se stessa. Dio chiama a sé l’umanità con un disegno di

amore che, mentre coinvolge tutta la persona nella sua dimensione naturale

e spirituale, richiede di corrispondervi in termini di libertà e di responsabilità,

con tutto il cuore e con tutto il proprio essere, individuale e comunitario.

Anche la società, dunque, in quanto espressione della persona e dell’insieme

delle sue dimensioni costitutive, deve vivere ed organizzarsi in modo da favorirne

l’apertura alla trascendenza. Proprio per questo, le leggi e le istituzioni

di una società non possono essere confi gurate ignorando la dimensione

religiosa dei cittadini o in modo da prescinderne del tutto. Esse devono com-


170

Rivista della Diocesi di Noto - Documenti

misurarsi - attraverso l’opera democratica di cittadini coscienti della propria

alta vocazione - all’essere della persona, per poterlo assecondare nella sua

dimensione religiosa. Non essendo questa una creazione dello Stato, non può

esserne manipolata, dovendo piuttosto riceverne riconoscimento e rispetto.

L’ordinamento giuridico a tutti i livelli, nazionale e internazionale, quando consente

o tollera il fanatismo religioso o antireligioso, viene meno alla sua stessa

missione, che consiste nel tutelare e nel promuovere la giustizia e il diritto di

ciascuno. Tali realtà non possono essere poste in balia dell’arbitrio del legislatore

o della maggioranza, perché, come insegnava già Cicerone, la giustizia consiste

in qualcosa di più di un mero atto produttivo della legge e della sua applicazione.

Essa implica il riconoscere a ciascuno la sua dignità,[11] la quale, senza libertà

religiosa, garantita e vissuta nella sua essenza, risulta mutilata e offesa, esposta

al rischio di cadere nel predominio degli idoli, di beni relativi trasformati in assoluti.

Tutto ciò espone la società al rischio di totalitarismi politici e ideologici, che

enfatizzano il potere pubblico, mentre sono mortifi cate o coartate, quasi fossero

concorrenziali, le libertà di coscienza, di pensiero e di religione.

Dialogo tra istituzioni civili e religiose

9. Il patrimonio di principi e di valori espressi da una religiosità autentica è una

ricchezza per i popoli e i loro ethos. Esso parla direttamente alla coscienza e

alla ragione degli uomini e delle donne, rammenta l’imperativo della conversione

morale, motiva a coltivare la pratica delle virtù e ad avvicinarsi l’un l’altro con

amore, nel segno della fraternità, come membri della grande famiglia umana.[12]

Nel rispetto della laicità positiva delle istituzioni statali, la dimensione pubblica

della religione deve essere sempre riconosciuta. A tal fi ne è fondamentale

un sano dialogo tra le istituzioni civili e quelle religiose per lo sviluppo

integrale della persona umana e dell’armonia della società.

Vivere nell’amore e nella verità

10. Nel mondo globalizzato, caratterizzato da società sempre più multi-etniche

e multi-confessionali, le grandi religioni possono costituire un importante

fattore di unità e di pace per la famiglia umana. Sulla base delle proprie convinzioni

religiose e della ricerca razionale del bene comune, i loro seguaci

sono chiamati a vivere con responsabilità il proprio impegno in un contesto di

libertà religiosa. Nelle svariate culture religiose, mentre dev’essere rigettato

tutto quello che è contro la dignità dell’uomo e della donna, occorre invece

fare tesoro di ciò che risulta positivo per la convivenza civile.


Rivista della Diocesi di Noto - Documenti 171

Lo spazio pubblico, che la comunità internazionale rende disponibile per le

religioni e per la loro proposta di “vita buona”, favorisce l’emergere di una

misura condivisibile di verità e di bene, come anche un consenso morale, fondamentali

per una convivenza giusta e pacifi ca. I leader delle grandi religioni,

per il loro ruolo, la loro infl uenza e la loro autorità nelle proprie comunità,

sono i primi ad essere chiamati al rispetto reciproco e al dialogo.

I cristiani, da parte loro, sono sollecitati dalla stessa fede in Dio, Padre del

Signore Gesù Cristo, a vivere come fratelli che si incontrano nella Chiesa

e collaborano all’edifi cazione di un mondo dove le persone e i popoli “non

agiranno più iniquamente né saccheggeranno […], perché la conoscenza del

Signore riempirà la terracome le acque ricoprono il mare” (Is 11, 9).

Dialogo come ricerca in comune

11. Per la Chiesa il dialogo tra i seguaci di diverse religioni costituisce uno

strumento importante per collaborare con tutte le comunità religiose al bene

comune. La Chiesa stessa nulla rigetta di quanto è vero e santo nelle varie

religioni. “Essa considera con sincero rispetto quei modi di agire e di vivere,

quei precetti e quelle dottrine che, quantunque in molti punti differiscano da

quanto essa stessa crede e propone, tuttavia non raramente rifl ettono un raggio

di quella verità che illumina tutti gli uomini”.[13]

Quella indicata non è la strada del relativismo, o del sincretismo religioso.

La Chiesa, infatti, “annuncia, ed è tenuta ad annunciare, il Cristo che è «via,

verità e vita» (Gv 14,6), in cui gli uomini devono trovare la pienezza della vita

religiosa e in cui Dio ha riconciliato con se stesso tutte le cose”.[14] Ciò non

esclude tuttavia il dialogo e la ricerca comune della verità in diversi ambiti vitali,

poiché, come recita un’espressione usata spesso da san Tommaso d’Aquino,

“ogni verità, da chiunque sia detta, proviene dallo Spirito Santo”.[15]

Nel 2011 ricorre il 25° anniversario della Giornata mondiale di preghiera per la

pace, convocata ad Assisi nel 1986 dal Venerabile Giovanni Paolo II. In quell’occasione

i leader delle grandi religioni del mondo hanno testimoniato come la religione

sia un fattore di unione e di pace, e non di divisione e di confl itto. Il ricordo

di quell’esperienza è un motivo di speranza per un futuro in cui tutti i credenti si

sentano e si rendano autenticamente operatori di giustizia e di pace.

Verità morale nella politica e nella diplomazia

12. La politica e la diplomazia dovrebbero guardare al patrimonio morale e

spirituale offerto dalle grandi religioni del mondo per riconoscere e affermare


172

Rivista della Diocesi di Noto - Documenti

verità, principi e valori universali che non possono essere negati senza negare

con essi la dignità della persona umana. Ma che cosa signifi ca, in termini pratici,

promuovere la verità morale nel mondo della politica e della diplomazia?

Vuol dire agire in maniera responsabile sulla base della conoscenza oggettiva

e integrale dei fatti; vuol dire destrutturare ideologie politiche che fi niscono

per soppiantare la verità e la dignità umana e intendono promuovere pseudovalori

con il pretesto della pace, dello sviluppo e dei diritti umani; vuol dire

favorire un impegno costante per fondare la legge positiva sui principi della

legge naturale.[16] Tutto ciò è necessario e coerente con il rispetto della dignità

e del valore della persona umana, sancito dai Popoli della terra nella

Carta dell’Organizzazione delle Nazioni Unite del 1945, che presenta valori e

principi morali universali di riferimento per le norme, le istituzioni, i sistemi

di convivenza a livello nazionale e internazionale.

Oltre l’odio e il pregiudizio

13. Nonostante gli insegnamenti della storia e l’impegno degli Stati, delle Organizzazioni

internazionali a livello mondiale e locale, delle Organizzazioni

non governative e di tutti gli uomini e le donne di buona volontà che ogni giorno

si spendono per la tutela dei diritti e delle libertà fondamentali, nel mondo

ancora oggi si registrano persecuzioni, discriminazioni, atti di violenza e di intolleranza

basati sulla religione. In particolare, in Asia e in Africa le principali

vittime sono i membri delle minoranze religiose, ai quali viene impedito di

professare liberamente la propria religione o di cambiarla, attraverso l’intimidazione

e la violazione dei diritti, delle libertà fondamentali e dei beni essenziali,

giungendo fi no alla privazione della libertà personale o della stessa vita.

Vi sono poi - come ho già affermato - forme più sofi sticate di ostilità contro

la religione, che nei Paesi occidentali si esprimono talvolta col rinnegamento

della storia e dei simboli religiosi nei quali si rispecchiano l’identità e la cultura

della maggioranza dei cittadini. Esse fomentano spesso l’odio e il pregiudizio

e non sono coerenti con una visione serena ed equilibrata del pluralismo e

della laicità delle istituzioni, senza contare che le nuove generazioni rischiano

di non entrare in contatto con il prezioso patrimonio spirituale dei loro Paesi.

La difesa della religione passa attraverso la difesa dei diritti e delle libertà

delle comunità religiose. I leader delle grandi religioni del mondo e i responsabili

delle Nazioni rinnovino, allora, l’impegno per la promozione e la tutela

della libertà religiosa, in particolare per la difesa delle minoranze religiose,

le quali non costituiscono una minaccia contro l’identità della maggioranza,

ma sono al contrario un’opportunità per il dialogo e per il reciproco arricchimento

culturale. La loro difesa rappresenta la maniera ideale per consolidare

lo spirito di benevolenza, di apertura e di reciprocità con cui tutelare i diritti e

le libertà fondamentali in tutte le aree e le regioni del mondo.


Rivista della Diocesi di Noto - Documenti 173

Libertà religiosa nel mondo

14. Mi rivolgo, infi ne, alle comunità cristiane che soffrono persecuzioni, discriminazioni,

atti di violenza e intolleranza, in particolare in Asia, in Africa,

nel Medio Oriente e specialmente nella Terra Santa, luogo prescelto e benedetto

da Dio. Mentre rinnovo ad esse il mio affetto paterno e assicuro la mia

preghiera, chiedo a tutti i responsabili di agire prontamente per porre fi ne ad

ogni sopruso contro i cristiani, che abitano in quelle regioni. Possano i discepoli

di Cristo, dinanzi alle presenti avversità, non perdersi d’animo, perché la

testimonianza del Vangelo è e sarà sempre segno di contraddizione.

Meditiamo nel nostro cuore le parole del Signore Gesù: “Beati quelli che sono

nel pianto, perché saranno consolati […]. Beati quelli che hanno fame e sete

della giustizia, perché saranno saziati [...]. Beati voi quando vi insulteranno,

vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per

causa mia. Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei

cieli” (Mt 5,4-12). Rinnoviamo allora “l’impegno da noi assunto all’indulgenza

e al perdono, che invochiamo nel Pater noster da Dio, per aver noi

stessi posta la condizione e la misura della desiderata misericordia. Infatti,

preghiamo così: «Rimetti a noi i nostri debiti, come noi li rimettiamo ai nostri

debitori» (Mt 6,12)”.[17] La violenza non si supera con la violenza. Il nostro

grido di dolore sia sempre accompagnato dalla fede, dalla speranza e dalla

testimonianza dell’amore di Dio. Esprimo anche il mio auspicio affi nché in

Occidente, specie in Europa, cessino l’ostilità e i pregiudizi contro i cristiani

per il fatto che essi intendono orientare la propria vita in modo coerente ai valori

e ai principi espressi nel Vangelo. L’Europa, piuttosto, sappia riconciliarsi

con le proprie radici cristiane, che sono fondamentali per comprendere il ruolo

che ha avuto, che ha e che intende avere nella storia; saprà, così, sperimentare

giustizia, concordia e pace, coltivando un sincero dialogo con tutti i popoli.

Libertà religiosa, via per la pace

15. Il mondo ha bisogno di Dio. Ha bisogno di valori etici e spirituali, universali

e condivisi, e la religione può offrire un contributo prezioso nella loro

ricerca, per la costruzione di un ordine sociale giusto e pacifi co, a livello

nazionale e internazionale.

La pace è un dono di Dio e al tempo stesso un progetto da realizzare, mai totalmente

compiuto. Una società riconciliata con Dio è più vicina alla pace, che

non è semplice assenza di guerra, non è mero frutto del predominio militare o

economico, né tantomeno di astuzie ingannatrici o di abili manipolazioni. La

pace invece è risultato di un processo di purifi cazione ed elevazione culturale,

morale e spirituale di ogni persona e popolo, nel quale la dignità umana è pienamente

rispettata. Invito tutti coloro che desiderano farsi operatori di pace,


174

Rivista della Diocesi di Noto - Documenti

e soprattutto i giovani, a mettersi in ascolto della propria voce interiore, per

trovare in Dio il riferimento stabile per la conquista di un’autentica libertà, la

forza inesauribile per orientare il mondo con uno spirito nuovo, capace di non

ripetere gli errori del passato. Come insegna il Servo di Dio Paolo VI, alla cui

saggezza e lungimiranza si deve l’istituzione della Giornata Mondiale della

Pace: “Occorre innanzi tutto dare alla Pace altre armi, che non quelle destinate

ad uccidere e a sterminare l’umanità. Occorrono sopra tutto le armi morali,

che danno forza e prestigio al diritto internazionale; quelle, per prime, dell’osservanza

dei patti”.[18] La libertà religiosa è un’autentica arma della pace,

con una missione storica e profetica. Essa infatti valorizza e mette a frutto le

più profonde qualità e potenzialità della persona umana, capaci di cambiare e

rendere migliore il mondo. Essa consente di nutrire la speranza verso un futuro

di giustizia e di pace, anche dinanzi alle gravi ingiustizie e alle miserie materiali

e morali. Che tutti gli uomini e le società ad ogni livello ed in ogni angolo

della Terra possano presto sperimentare la libertà religiosa, via per la pace!

Dal Vaticano, 8 dicembre 2010

BENEDICTUS PP XVI

[1] Cfr Benedetto XVI, Lett. enc. Caritas in veritate, 29.55-57.

[2] Cfr Conc. Ecum. Vat. II, Dichiarazione sulla libertà religiosa Dignitatis humanae, 2.

[3] Cfr Benedetto XVI, Lett. enc. Caritas in veritate, 78.

[4]Cfr Conc. Ecum. Vat. II, Dichiarazione sulle relazioni della Chiesa con le religioni non

cristiane Nostra aetate, 1.

[5] Id., Dichiarazione sulla libertà religiosa Dignitatis humanae, 7.

[6] Benedetto XVI, Discorso all’Assemblea Generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite

(18 aprile 2008): AAS 100 (2008), 337.

[7] Cfr Conc. Ecum. Vat. II, Dichiarazione sulla libertà religiosa Dignitatis humanae, 2

[8] Giovanni Paolo II, Discorso ai Partecipanti all’Assemblea Parlamentare dell’Organizzazione

per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE) (10 ottobre 2003), 1: AAS 96

(2004), 111.

[9] Cfr Benedetto XVI, Lett. enc. Caritas in veritate, 11.

[10] Cfr Conc. Ecum. Vat. II, Dichiarazione sulla libertà religiosa Dignitatis humanae, 1.

[11] Cfr Cicerone, De inventione, II, 160.

[12] Cfr Benedetto XVI, Discorso ai Rappresentanti di altre Religioni del Regno Unito (17

settembre 2010): L’Osservatore Romano (18 settembre 2010), p. 12.

[13] Conc. Ecum. Vat. II, Dichiarazione sulle relazioni della Chiesa con le religioni non cristiane

Nostra aetate, 2.

[14] Ibidem.

[15] Super evangelium Joannis, I, 3.

[16] Cfr Benedetto XVI, Discorso alle Autorità civili e al Corpo diplomatico a Cipro (5 giugno

2010): L’Osservatore Romano (6 giugno 2010), p. 8; Commissione Teologica Internazionale,

Alla ricerca di un’etica universale: uno sguardo sulla legge naturale, Città del

Vaticano 2009.

[17] Paolo VI, Messaggio per la Giornata Mondiale della Pace 1976: AAS 67 (1975), 671.

[18] Ibid., p. 668.


Rivista della Diocesi di Noto - Documenti 175

Messaggio Urbi et Orbi Natale 2010

“Verbum caro factum est” - “Il Verbo si fece carne” (Gv 1,14).

Cari fratelli e sorelle, che mi ascoltate da Roma e dal mondo intero, con gioia

vi annuncio il messaggio del Natale: Dio si è fatto uomo, è venuto ad abitare

in mezzo a noi. Dio non è lontano: è vicino, anzi, è l’“Emmanuele”, Dio-connoi.

Non è uno sconosciuto: ha un volto, quello di Gesù.

È un messaggio sempre nuovo, sempre sorprendente, perché oltrepassa ogni

nostra più audace speranza. Soprattutto perché non è solo un annuncio: è un

avvenimento, un accadimento, che testimoni credibili hanno veduto, udito,

toccato nella Persona di Gesù di Nazareth! Stando con Lui, osservando i suoi

atti e ascoltando le sue parole, hanno riconosciuto in Gesù il Messia; e vedendolo

risorto, dopo che era stato crocifi sso, hanno avuto la certezza che Lui,

vero uomo, era al tempo stesso vero Dio, il Figlio unigenito venuto dal Padre,

pieno di grazia e di verità (cfr Gv 1,14).

“Il Verbo si fece carne”. Di fronte a questa rivelazione, riemerge ancora una

volta in noi la domanda: come è possibile? Il Verbo e la carne sono realtà tra

loro opposte; come può la Parola eterna e onnipotente diventare un uomo fragile

e mortale? Non c’è che una risposta: l’Amore. Chi ama vuole condividere

con l’amato, vuole essere unito a lui, e la Sacra Scrittura ci presenta proprio

la grande storia dell’amore di Dio per il suo popolo, culminata in Gesù Cristo.

In realtà, Dio non cambia: Egli è fedele a Se stesso. Colui che ha creato il

mondo è lo stesso che ha chiamato Abramo e che ha rivelato il proprio Nome

a Mosè: Io sono colui che sono … il Dio di Abramo, di Isacco e di Giacobbe

… Dio misericordioso e pietoso, ricco di amore e di fedeltà (cfr Es 3,14-15;

34,6). Dio non muta, Egli è Amore da sempre e per sempre. E’ in Se stesso

Comunione, Unità nella Trinità, ed ogni sua opera e parola mira alla comunione.

L’incarnazione è il culmine della creazione. Quando nel grembo di

Maria, per la volontà del Padre e l’azione dello Spirito Santo, si formò Gesù,

Figlio di Dio fatto uomo, il creato raggiunse il suo vertice. Il principio ordinatore

dell’universo, il Logos, incominciava ad esistere nel mondo, in un tempo

e in uno spazio.

“Il Verbo si fece carne”. La luce di questa verità si manifesta a chi la accoglie

con fede, perché è un mistero d’amore. Solo quanti si aprono all’amore sono

avvolti dalla luce del Natale. Così fu nella notte di Betlemme, e così è anche

oggi. L’incarnazione del Figlio di Dio è un avvenimento che è accaduto nella

storia, ma nello stesso tempo la oltrepassa. Nella notte del mondo si accende

una luce nuova, che si lascia vedere dagli occhi semplici della fede, dal cuore


176

Rivista della Diocesi di Noto - Documenti

mite e umile di chi attende il Salvatore. Se la verità fosse solo una formula

matematica, in un certo senso si imporrebbe da sé. Se invece la Verità è Amore,

domanda la fede, il “sì” del nostro cuore.

E che cosa cerca, in effetti, il nostro cuore, se non una Verità che sia Amore?

La cerca il bambino, con le sue domande, così disarmanti e stimolanti; la cerca

il giovane, bisognoso di trovare il senso profondo della propria vita; la cercano

l’uomo e la donna nella loro maturità, per guidare e sostenere l’impegno

nella famiglia e nel lavoro; la cerca la persona anziana, per dare compimento

all’esistenza terrena.

“Il Verbo si fece carne”. L’annuncio del Natale è luce anche per i popoli, per

il cammino collettivo dell’umanità. L’“Emmanuele”, Dio-con-noi, è venuto

come Re di giustizia e di pace. Il suo Regno – lo sappiamo – non è di questo

mondo, eppure è più importante di tutti i regni di questo mondo. E’ come il

lievito dell’umanità: se mancasse, verrebbe meno la forza che manda avanti

il vero sviluppo: la spinta a collaborare per il bene comune, al servizio disinteressato

del prossimo, alla lotta pacifi ca per la giustizia. Credere nel Dio

che ha voluto condividere la nostra storia è un costante incoraggiamento ad

impegnarsi in essa, anche in mezzo alle sue contraddizioni. E’ motivo di speranza

per tutti coloro la cui dignità è offesa e violata, perché Colui che è nato

a Betlemme è venuto a liberare l’uomo dalla radice di ogni schiavitù.

La luce del Natale risplenda nuovamente in quella Terra dove Gesù è nato e

ispiri Israeliani e Palestinesi nel ricercare una convivenza giusta e pacifi ca.

L’annuncio consolante della venuta dell’Emmanuele lenisca il dolore e consoli

nelle prove le care comunità cristiane in Iraq e in tutto il Medio Oriente,

donando loro conforto e speranza per il futuro ed animando i Responsabili

delle Nazioni ad una fattiva solidarietà verso di esse. Ciò avvenga anche in

favore di coloro che ad Haiti soffrono ancora per le conseguenze del devastante

terremoto e della recente epidemia di colera. Così pure non vengano

dimenticati coloro che in Colombia ed in Venezuela, ma anche in Guatemala

e in Costa Rica, hanno subito le recenti calamità naturali.

La nascita del Salvatore apra prospettive di pace duratura e di autentico progresso

alle popolazioni della Somalia, del Darfur e della Costa d’Avorio; promuova

la stabilità politica e sociale del Madagascar; porti sicurezza e rispetto

dei diritti umani in Afghanistan e in Pakistan; incoraggi il dialogo fra Nicaragua

e Costa Rica; favorisca la riconciliazione nella Penisola Coreana.

La celebrazione della nascita del Redentore rafforzi lo spirito di fede, di pazienza

e di coraggio nei fedeli della Chiesa nella Cina continentale, affi nché

non si perdano d’animo per le limitazioni alla loro libertà di religione e di coscienza

e, perseverando nella fedeltà a Cristo e alla sua Chiesa, mantengano


Rivista della Diocesi di Noto - Documenti 177

viva la fi amma della speranza. L’amore del “Dio con noi” doni perseveranza

a tutte le comunità cristiane che soffrono discriminazione e persecuzione,

ed ispiri i leader politici e religiosi ad impegnarsi per il pieno rispetto della

libertà religiosa di tutti.

Cari fratelli e sorelle, “il Verbo si fece carne”, è venuto ad abitare in mezzo a

noi, è l’Emmanuele, il Dio che si è fatto a noi vicino. Contempliamo insieme

questo grande mistero di amore, lasciamoci illuminare il cuore dalla luce che

brilla nella grotta di Betlemme! Buon Natale a tutti!


Rivista della Diocesi di Noto - Documenti 179

Conferenza Episcopale Italiana


Rivista della Diocesi di Noto - Documenti 181

Conferenza Episcopale Italiana

CONSIGLIO PERMANENTE

Roma, 27-30 settembre 2010

COMUNICATO FINALE

L’autorizzazione alla pubblicazione degli Orientamenti pastorali per il

decennio 2010-2020 è la principale decisione assunta dal Consiglio Episcopale

Permanente della Conferenza Episcopale Italiana, riunitosi a Roma dal

27 al 30 settembre 2010 sotto la presidenza del Card. Angelo Bagnasco, Arcivescovo

di Genova. Il testo del documento, che sarà divulgato a fi ne ottobre

e che si articola in cinque capitoli, preceduti da un’introduzione, esprime il

rinnovato impegno in campo educativo della Chiesa italiana.

Nei corso dei lavori è stato approvato l’ordine del giorno della prossima

Assemblea Generale dei Vescovi, che si riunirà ad Assisi dall’8 all’11 novembre

2010. In vista di tale appuntamento, si è disposto l’invio ai Vescovi della

prima parte dei materiali della terza edizione italiana del Messale Romano,

che saranno esaminati in quella sede.

Il Consiglio Permanente si è dichiarato favorevole al rilancio del progetto

denominato “Prestito della speranza”, fi nalizzato al sostegno delle famiglie

numerose in diffi coltà lavorativa: se ne agevoleranno le condizioni di accesso

e si cercherà di contenere il tasso di interesse.

Un’attenzione specifi ca è stata posta al rilancio delle offerte liberali per il

sostentamento dei sacerdoti, il cui progetto sarà illustrato nel dettaglio in occasione

della prossima Assemblea Generale: accanto alle forme tradizionali

di raccolta, si intende promuoverne la diffusione nelle parrocchie, ricorrendo

anche ai canali di internet e della telefonia mobile.

Per il secondo anno consecutivo, il Consiglio Permanente ha deciso di non

ritoccare il valore monetario del punto in base al quale si calcola la remunerazione

del clero, adeguandolo al tasso di infl azione. È un gesto concreto

chiesto a Vescovi e sacerdoti, come segno di solidarietà e condivisione con

tanti cittadini che pagano le conseguenze del perdurare della crisi economica.

Il rinnovo delle Commissioni Episcopali è stata l’occasione per un approfondito

confronto sulle modalità di lavoro di tali organismi, sul loro rapporto

con gli uffi ci della CEI e sulla loro funzione in ordine alla comunione

dell’Episcopato italiano.

1. Un cantiere sempre aperto

“Le nostre parrocchie sono simili a cantieri che non chiudono mai”, ha

osservato il Cardinale Presidente nella sua prolusione, riferendosi in primo

luogo alle innumerevoli iniziative – “fi nalizzate sempre all’educazione” –

che hanno vivacizzato la stagione estiva appena conclusa (n. 1). Nel dibattito

che è seguito all’apprezzata relazione del Card. Bagnasco, i Vescovi si


182

Rivista della Diocesi di Noto - Documenti

sono soffermati in particolare sul tema dell’evangelizzazione. Hanno ribadito

l’importanza di rinnovare l’azione pastorale, valorizzando in special modo

le occasioni di incontro ordinario nelle parrocchie, quali la preparazione dei

fi danzati e quella dei genitori in occasione della catechesi dei fi gli o della

richiesta dei sacramenti.

In particolare, si avverte l’urgenza di declinare la proposta cristiana secondo

modalità educative e formative che siano in grado di raggiungere soprattutto

le nuove generazioni. Sarà questa la strada sulla quale ci si intende

muovere nei prossimi anni, alla luce dei nuovi Orientamenti pastorali.

2. Questione di Dio e questione dell’uomo

I Vescovi sono consapevoli che la questione di Dio, strettamente congiunta

a quella antropologica e quindi alla domanda sul senso della vita, è il vero

problema dell’Occidente. Le stesse forme di degrado morale, che segnano

tante manifestazioni del presente, più che la causa, appaiono come la conseguenza

dello smarrimento del riferimento decisivo alla propria identità e

libertà. Papa Benedetto XVI a più riprese ha dato voce all’esigenza di un nuovo

annuncio cristiano, laddove vanno attenuandosi le tracce della tradizionale

evangelizzazione. Il Cardinale Presidente, nel riproporne puntualmente il

magistero, ha riaffermato un preciso impegno: “Come Chiesa pellegrina in

questo Paese ci sentiamo coinvolti a far sì che il cittadino italiano non accantoni

la questione-Dio, non la rimuova ritenendola anti-umana, e lasci affi orare

la nostalgia che si nasconde in essa” (prolusione, n. 4). Si tratta di passare da

una pastorale di conservazione a una di più ampio respiro missionario, che

nel ripresentare Dio come “il garante della nostra felicità” sappia intersecare

“le dimensioni fondamentali della vita, dal lavoro al tempo libero, dalla mobilità

agli affetti” (ibid.).

3. Purifi cazione e rigore

Perché una simile testimonianza diventi effi cace, la condizione indispensabile

rimane la conversione a Cristo, “vera e fondamentale riforma della

Chiesa” (prolusione, n. 2). Il Consiglio Permanente ha condiviso l’amarezza

espressa dal Card. Bagnasco a fronte delle “vicende umilianti e dolorose”

(ibid.) che negli ultimi mesi hanno interessato la Chiesa, e la sua sofferenza

per “quei sacerdoti che si sono macchiati di inqualifi cabili crimini, con abusi

su bambini e ragazzi” (n. 3). Nel ribadire la stima e la riconoscenza per la

vita dignitosa e il servizio svolto con tanta abnegazione dalla stragrande maggioranza

dei sacerdoti e dei religiosi, i Vescovi hanno confermato l’impegno

di proseguire con decisione nella via della purifi cazione, applicando le puntuali

direttive emanate in materia dalla Santa Sede. La vigilanza si traduce,

in particolare, in una rinnovata attenzione – fatta di esigente discernimento

e rigore – alla formazione dei candidati al sacerdozio, nonché nell’impegno

ad accompagnare il clero, senza smettere di additare quale meta con la quale

confrontarsi la misura alta della santità.


Rivista della Diocesi di Noto - Documenti 183

4. Passione per il Paese

Ampia attenzione è stata dedicata alla situazione sociale e politica del Paese,

motivo di “angustia”, di “grande sconcerto” e di “acuta pena per discordie

personali che, divenendo presto pubbliche, sono andate assumendo il contorno

di confl itti apparentemente insanabili”, nonché per “polemiche inconcludenti”,

che hanno sostituito la “necessaria dialettica” (prolusione, n. 6). È

condivisa la coscienza dell’importanza della presenza nell’arena politica di

cattolici formati e appassionati a questa esigente forma di carità, uniti attorno

a quei valori che costituiscono il fondamento irrinunciabile della socialità.

Tale consapevolezza ha guidato anche la preparazione del Messaggio per la

33ª Giornata nazionale per la vita (6 febbraio 2011), il cui testo, approvato dal

Consiglio Permanente, sarà pubblicato nei prossimi giorni.

5. L’appuntamento di Reggio Calabria

Assai signifi cativo sarà in questo campo il contributo della 46ª Settimana

Sociale dei cattolici italiani (Reggio Calabria, 14-17 ottobre 2010), fi nalizzata

a tratteggiare “un’agenda di speranza per il futuro del Paese”. Il cammino

verso questo appuntamento, durato due anni, ha favorito la diffusione capillare

e l’approfondimento della dottrina sociale della Chiesa, elemento essenziale

della missione ecclesiale, nonché terreno di incontro e di dialogo con chi

muove da altre visioni ideologiche e culturali. Ci sono perciò le basi perché il

bene comune diventi “la bandiera che nel cuore si serve, la divisa che consente

di identifi care là dove sono i cattolici e non solo loro” (prolusione, n. 8). Il

contributo dei cattolici si esprime anche nel richiamo al federalismo solidale,

che esige “condizioni morali e culturali indispensabili” (n. 10), oltre che alla

disponibilità ad assumere un maggiore carico di responsabilità a livello locale;

nel richiedere una riforma fi scale ispirata criteri a equità, “a vantaggio del

soggetto che per tutti – aziende, sindacato, scuole… – è decisivo, cioè la famiglia”

(ibid.); nell’aver a cuore soprattutto “il destino dei giovani”, convinti

che “non si procede ignorando le loro legittime aspettative” (n. 9).

6. Nomine

Nel corso dei lavori, il Consiglio Episcopale Permanente ha provveduto alla

nomina dei membri delle Commissioni Episcopali, i cui Presidenti erano stati

eletti nel corso dell’Assemblea Generale tenuta nel maggio 2010. Di ciascuna

Commissione Episcopale fa parte un Vescovo emerito, indicato dalla Presidenza.

Le Commissioni Episcopali per il quinquennio 2010-2015 risultano così

composte:

- Commissione Episcopale per la dottrina della fede, l’annuncio e la

catechesi S.E. Mons. Marcello SEMERARO (Albano), Presidente; S.E.

Mons Franco Giulio BRAMBILLA (aus. Milano); S.E. Mons. Giuseppe CA-

VALLOTTO (Cuneo e Fossano); S.E. Mons. Diego COLETTI (Como); S.E.

Mons. Sebastiano DHO (em. Alba); S.E. Mons. Dante LAFRANCONI (Cremona);

S.E. Mons. Luciano MONARI (Brescia); S.E. Mons. Luigi NEGRI


184

Rivista della Diocesi di Noto - Documenti

(San Marino – Montefeltro); S.E. Mons. Ignazio SANNA (Oristano); S.E.

Mons. Lucio SORAVITO de FRANCESCHI (Adria – Rovigo).

- Commissione Episcopale per la liturgia S.E. Mons. Alceste CATELLA

(Casale Monferrato), Presidente; S.E. Mons. Beniamino DEPALMA (Nola);

S.E. Mons. Paolo GILLET (già aus. Albano); S.E. Mons. Claudio MANIA-

GO (aus. Firenze); Dom Mauro MEACCI (Subiaco); S.E. Mons. Salvatore

PAPPALARDO (Siracusa); S.E. Mons. Domenico SORRENTINO (Assisi –

Nocera Umbra – Gualdo Tadino); S.E. Mons. Francesco Pio TAMBURRINO

(Foggia – Bovino).

- Commissione Episcopale per il servizio della carità e la salute S.E.

Mons. Giuseppe MERISI (Lodi), Presidente; S.E. Mons. Luigi BRESSAN

(Trento); S.E. Mons. Armando DINI (em. Campobasso – Boiano); S.E. Mons.

Riccardo FONTANA (Arezzo – Cortona – Sansepolcro); S.E. Mons. Francesco

MONTENEGRO (Agrigento); S.E. Mons. Donato NEGRO (Otranto);

S.E. Mons. Sergio PINTOR (Ozieri); S.E. Mons. Tommaso VALENTINETTI

(Pescara – Penne).

- Commissione Episcopale per il clero e la vita consacrata S.E. Mons.

Francesco LAMBIASI (Rimini), Presidente; S.E. Mons. Domenico CAN-

CIAN (Città di Castello); S.E. Mons. Oscar CANTONI (Crema); S.E. Mons.

Domenico Tarcisio CORTESE (em. Mileto – Nicotera – Tropea); S.E. Mons.

Mario DELPINI (aus. Milano); S.E. Mons. Gianfranco Agostino GARDIN

(Treviso); S.E. Mons. Francescantonio NOLÈ (Tursi – Lagonegro); S.E.

Mons. Filippo STROFALDI (Ischia).

- Commissione Episcopale per il laicato S.E. Mons. Domenico SIGALINI

(Palestrina), Presidente; S.E. Mons. Armando BRAMBILLA (aus. Roma); S.E.

Mons. Pietro BROLLO (em. Udine); S.E. Mons. Domenico CALIANDRO (Nardò

– Gallipoli); S.E. Mons. Salvatore GRISTINA (Catania); S.E. Mons. Antonio

LANFRANCHI (Modena – Nonantola); S.E. Mons. Gualtiero SIGISMONDI

(Foligno); S.E. Mons. Giancarlo VECERRICA (Fabriano – Matelica).

- Commissione Episcopale per la famiglia e la vita S.E. Mons. Enrico

SOLMI (Parma), Presidente; S.E. Mons. Benvenuto Italo CASTELLANI (Lucca);

S.E. Mons. Pietro Maria FRAGNELLI (Castellaneta); S.E. Mons. Mauro

PARMEGGIANI (Tivoli); S.E. Mons. Mario RUSSOTTO (Caltanissetta); S.E.

Mons. Giulio SANGUINETI (em. Brescia); S.E. Mons. Pietro SANTORO

(Avezzano); S.E. Mons. Angelo SPINILLO (Teggiano – Policastro).

- Commissione Episcopale per l’evangelizzazione dei popoli e la cooperazione

tra le Chiese S.E. Mons. Ambrogio SPREAFICO (Frosinone – Veroli –

Ferentino); S.E. Mons. Alfonso BADINI CONFALONIERI (Susa); S.E. Mons.

Francesco BESCHI (Bergamo); S.E. Mons. Flavio Roberto CARRARO (em.

Verona); S.E. Mons. Giuseppe FIORINI MOROSINI (Locri – Gerace); S.E.

Mons. Antonio MATTIAZZO (Padova); S.E. Mons. Michele SECCIA (Teramo

– Atri); S.E. Mons. Gianfranco TODISCO (Melfi – Rapolla – Venosa).

- Commissione Episcopale per l’ecumenismo e il dialogo S.E. Mons.

Mansueto BIANCHI (Pistoia), Presidente; S.E. Mons. Michele CASTORO


Rivista della Diocesi di Noto - Documenti 185

(Manfredonia – Vieste – San Giovanni Rotondo); S.E. Mons. Rodolfo CETO-

LONI (Montepulciano – Chiusi – Pienza); S.E. Mons. Giuseppe CHIARET-

TI (em. Perugia – Città della Pieve); S.E. Mons. Michele DE ROSA (Cerreto

Sannita – Telese – Sant’Agata de’ Goti); S.E. Mons. Bruno FORTE (Chieti –

Vasto); S.E. Mons. Karl GOLSER (Bolzano – Bressanone); S.E. Mons. Santo

MARCIANÒ (Rossano – Cariati).

- Commissione Episcopale per l’educazione cattolica, la scuola e l’università

S.E. Mons. Gianni AMBROSIO (Piacenza – Bobbio), Presidente;

S.E. Mons. Piero COCCIA (Pesaro); S.E. Mons. Salvatore DI CRISTINA

(Monreale); S.E. Mons. Lorenzo LOPPA (Anagni – Alatri); S.E. Mons. Edoardo

MENICHELLI (Ancona – Osimo); S.E. Mons. Michele PENNISI (Piazza

Armerina); S.E. Mons. Eugenio RAVIGNANI (em. Trieste); S.E. Mons.

Sebastiano SANGUINETTI (Tempio – Ampurias); S.E. Mons. Claudio STA-

GNI (Faenza – Modigliana); S.E. Mons. Giuseppe ZENTI (Verona).

- Commissione Episcopale per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e

la pace S.E. Mons. Giancarlo Maria BREGANTINI (Campobasso – Boiano),

Presidente; S.E. Mons. Giampaolo CREPALDI (Trieste); S.E. Mons. Domenico

Umberto D’AMBROSIO (Lecce); S.E. Mons. Tommaso GHIRELLI

(Imola); S.E. Mons. Giovanni GIUDICI (Pavia); S.E. Mons. Andrea Bruno

MAZZOCATO (Udine); S.E. Mons. Giuseppe ORLANDONI (Senigallia);

S.E. Mons. Giovanni RICCHIUTI (Acerenza); S.E. Mons. Giovanni SAN-

TUCCI (Massa Carrara – Pontremoli); S.E. Mons. Bassiano STAFFIERI

(em. La Spezia – Sarzana – Brugnato).

- Commissione Episcopale per la cultura e le comunicazioni sociali S.E.

Mons. Claudio GIULIODORI (Macerata – Tolentino – Recanati – Cingoli

– Treia), Presidente; S.E. Mons. Roberto BUSTI (Mantova); S.E. Mons.

Giovanni D’ERCOLE (aus. L’Aquila); S.E. Mons. Carlo MAZZA (Fidenza);

S.E. Mons. Mario MEINI (Fiesole); S.E. Mons. Luciano PACOMIO (Mondovì);

S.E. Mons. Giuseppe PETROCCHI (Latina – Terracina – Sezze – Priverno);

S.E. Mons. Cosmo Francesco RUPPI (em Lecce); S.E. Mons. Gastone

SIMONI (Prato); S.E. Mons. Antonio STAGLIANÒ (Noto).

- Commissione Episcopale per le migrazioni S.E. Mons. Bruno SCHET-

TINO (Capua), Presidente; S.E. Mons. Franco AGOSTINELLI (Grosseto);

S.E. Mons. Giuseppe ANDRICH (Belluno – Feltre); S.E. Mons. Lino Bortolo

BELOTTI (già aus. Bergamo); S.E. Mons. Guerino DI TORA (aus. Roma);

S.E. Mons. Calogero LA PIANA (Messina – Lipari – Santa Lucia del Mela);

S.E. Mons. Domenico MOGAVERO (Mazara del Vallo); S.E. Mons. Paolo

SCHIAVON (aus. Roma).

Il Consiglio Episcopale Permanente ha proceduto anche alle seguenti

nomine:

- Consiglio per gli affari giuridici S.E. Mons. Carlo Roberto Maria RE-

DAELLI (aus. Milano), Presidente; S.E. Mons. Lorenzo GHIZZONI (aus.

Reggio Emilia – Guastalla); S.E. Mons. Filippo IANNONE (Sora – Aquino


186

Rivista della Diocesi di Noto - Documenti

– Pontecorvo); S.E. Mons. Alberto TANASINI (Chiavari); S.E. Mons. Giuseppe

VERSALDI (Alessandria).

- Collegio dei revisori dei conti della Conferenza Episcopale Italiana S.E.

Mons. Roberto BUSTI (Mantova), Presidente; S.E. Mons. Mauro PARMEG-

GIANI (Tivoli); Dott. Giuliano GRAZIOSI.

- Vescovi membri della Presidenza di Caritas Italiana: S.E. Mons. Riccardo

FONTANA (Arezzo – Cortona – Sansepolcro); S.E. Mons. Donato NE-

GRO (Otranto).

- Presidente del Comitato per la valutazione dei progetti di intervento a

favore dei beni culturali ecclesiastici: S.E. Mons. Simone GIUSTI (Livorno).

- Responsabile del Servizio Nazionale per l’edilizia di culto: Mons. Giuseppe

RUSSO (Taranto).

- Coordinatore nazionale per la pastorale dei cattolici fi lippini in Italia:

Padre Paulino Elmer BUMANGLAG, SVD.

- Consulente ecclesiastico della Confederazione italiana consultori familiari

di ispirazione cristiana: Don Edoardo ALGERI (Bergamo).

- Presidente della Confederazione delle Confraternite delle Diocesi d’Italia:

Dott. Francesco ANTONETTI.

Ha proceduto altresì alle seguenti conferme: