31.05.2013 Views

Sfoglia questo numero in formato pdf - jesi e la sua valle

Sfoglia questo numero in formato pdf - jesi e la sua valle

Sfoglia questo numero in formato pdf - jesi e la sua valle

SHOW MORE
SHOW LESS

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

23<br />

28<br />

30<br />

<strong>in</strong> copert<strong>in</strong>a:<br />

foto di Augusto Giglietti<br />

40<br />

43<br />

JESI E LA SUA VALLE - qu<strong>in</strong>dic<strong>in</strong>ale d’<strong>in</strong>formazione Direttore responsabile D<strong>in</strong>o<br />

Mogianesi, Direttore Ro<strong>la</strong>ndo Romagnoli, Caporedattore Mar<strong>in</strong>a Mar<strong>in</strong>i, Segretaria di<br />

redazione Samanta Vecci, Fotografia Augusto Giglietti, Grafica Elisabetta Carletti,<br />

Pubblicità Marco Focante, Amm<strong>in</strong>istrazione Pao<strong>la</strong> Perl<strong>in</strong>i - Gruppo Editoriale<br />

Informazione - sede, direzione, redazione, amm<strong>in</strong>istrazione e pubblicità via Petrucci<br />

11 Jesi (An) cp 192 www.<strong>jesi</strong>e<strong>la</strong><strong>sua</strong><strong>valle</strong>.it - e.mail <strong>jesi</strong>val@t<strong>in</strong>.it - tel 0731/4855 -<br />

fax 0731/209128 - stampa Utj, Jesi - associato a: Unione Stampa Periodica Italiana<br />

Reg. trib. di Ancona n. 262/62 del 9.11.1962 - spedizione <strong>in</strong> abbon. postale una copia<br />

e 1,90 (arretrata e 3,80) • abbonamento annuale e 33,00 • estero e 70,00 • sostenitore<br />

e 60,00 - C/c postale 12544607 <strong>in</strong>testato a: Gruppo Editoriale Informazione soc.<br />

coop. via Petrucci 11 Jesi - Consiglio di Amm<strong>in</strong>istrazione: presidente Marcello Focante,<br />

vice presidente Ro<strong>la</strong>ndo Romagnoli, Elisabetta Carletti, Mar<strong>in</strong>a Mar<strong>in</strong>i, D<strong>in</strong>o Mogianesi<br />

sommario<br />

4<br />

9<br />

11<br />

23<br />

28<br />

30<br />

33<br />

34<br />

36<br />

37<br />

38<br />

40<br />

43<br />

45<br />

FUORISERA<br />

a cura di emanuele ram<strong>in</strong>i<br />

EDITORIALE:<br />

LA CORRENTE DEL GOLFO<br />

di d<strong>in</strong>o mogianesi<br />

CITTÀ TURISTICA?<br />

di ro<strong>la</strong>ndo romagnoli<br />

DIVIETO DI SOSTA<br />

di f<strong>la</strong>vio donati<br />

CANTINE APERTE 2008<br />

LE MARCHE, UN SISTEMA VIRTUOSO<br />

CON IL CUORE NEL MONDO<br />

di maria chiara <strong>la</strong> rovere<br />

CULTURA A 24 CARATI<br />

di gloria fiorent<strong>in</strong>i<br />

AVIS, DONARE PER CREDERE<br />

di chiara cascio<br />

CISINCONTRA<br />

di mauro lum<strong>in</strong>ari<br />

VIA APPENNINI ALTA<br />

MACISTE<br />

di car<strong>la</strong> troiani<br />

MESTIERI IN BICICLETTA<br />

di pao<strong>la</strong> coco<strong>la</strong><br />

DE QUA E DE LÀ DEL SOMENTADO<br />

di eleonora dottori<br />

MOMENTI DEL PALIO 2008<br />

ARCHIMEDE PASQUINELLI<br />

di giuseppe luconi


4 FUORISERA FLASH<br />

a cura di emanuele ram<strong>in</strong>i<br />

XXVI edizione<br />

del Cantamaggio<br />

di<br />

Morro d’Alba<br />

Ritorna a Morro<br />

D’Alba, <strong>in</strong> una edizionestraord<strong>in</strong>aria,<br />

per i quaranta<br />

anni di attività de<br />

La Mac<strong>in</strong>a, <strong>la</strong> Festa del “Cantamaggio”, l’antico canto<br />

rituale di questua che da secoli celebra l’avvento del<strong>la</strong><br />

primavera, del<strong>la</strong> nuova stagione agrico<strong>la</strong> e che affonda<br />

le sue radici nei riti pagani di fertilità, di augurio e di<br />

benessere per <strong>la</strong> comunità ed i s<strong>in</strong>goli. Il “Cantamaggio”<br />

si concluderà <strong>la</strong> notte del 31 maggio, con il rituale<br />

Rogo <strong>in</strong> piazza dell’Albero del “Maggio”. La pratica di<br />

“portare l’augurio di maggio”, con l’esecuzione di <strong>questo</strong><br />

canto specifico, va <strong>in</strong>esorabilmente scomparendo a<br />

causa delle trasformazioni profonde del<strong>la</strong> società e, <strong>in</strong><br />

modo partico<strong>la</strong>re, del<strong>la</strong> polverizzazione del<strong>la</strong> civiltà<br />

contad<strong>in</strong>a. Proprio per evitare o almeno frenare <strong>questo</strong><br />

rapido decl<strong>in</strong>o, si stanno chiamando a raccolta ogni<br />

anno gli autentici portatori del<strong>la</strong> tradizione, provenienti<br />

da tutte le Marche e dalle regioni limitrofe, per ritrasmettere<br />

e rendere viva una delle nostre più autentiche<br />

tradizioni.<br />

Jovanotti <strong>in</strong> Ancona<br />

Ogni volta che sale su un<br />

palcoscenico marchigiano<br />

per un suo concerto, ne esce<br />

sempre un trionfo di entusiasmo,<br />

di energia, di tanta<br />

bel<strong>la</strong> musica e di <strong>numero</strong>sissimo<br />

pubblico.<br />

Ci riferiamo a Lorenzo Cherub<strong>in</strong>i,<br />

<strong>in</strong> arte Jovanotti, l’ormai<br />

popo<strong>la</strong>rissimo cantautore<br />

che il prossimo 1 giugno proporrà<br />

<strong>in</strong> Ancona (Pa<strong>la</strong>ross<strong>in</strong>i),<br />

una data del suo ultimo tour. Tante le canzoni famose che<br />

si potranno riascoltare e cantare, da quelle di qualche<br />

anno fa: “Serenata rap”, “L’ombellico del mondo”, “Bel<strong>la</strong>”,<br />

“Questa è <strong>la</strong> mia casa”, “Sono un ragazzo fortunato”,<br />

alle più nuove: “A te”, “Fango”...<br />

“Chiara<strong>valle</strong> Photo news 2008”<br />

Al<strong>la</strong> Sesta Rassegna di Fotografia Contemporanea,<br />

aperta a Chiara<strong>valle</strong> presso <strong>la</strong> Sa<strong>la</strong> espositiva comunale<br />

<strong>in</strong> Piazza Garibaldi 41 (tutti i giorni dalle 17.30<br />

alle 19.30 con <strong>in</strong>gresso libero), dal 24 al 30 maggio<br />

espongono Domenico Vero, Roberto Cirilli, Ennio Fig<strong>in</strong>i,<br />

Marco Ger<strong>in</strong>i, Giuseppe Boschetti, Giann<strong>in</strong>a Tognetti.<br />

GLI APPUNTAMENTI...<br />

sabato 17 maggio<br />

A Jesi (centro storico) LA NOTTE DEI MUSEI apertura<br />

straord<strong>in</strong>aria dei musei del<strong>la</strong> città (P<strong>in</strong>acoteca<br />

Civica, SAS, Museo Diocesano) dalle 21,00 all’1,00.<br />

Ingresso gratuito. Info: 0731/538420<br />

A San Marcello presentazione del libro SOTTO I 40 -<br />

STORIE DI GIOVANI IN UN PAESE VECCHIO scritto<br />

da Michele Cucuzza, giornalista Rai e conduttore del<br />

programma di Rai Uno “La Vita <strong>in</strong> diretta”. Alle ore<br />

17.30 <strong>in</strong>contro con l’autore. Info: 328/3589404<br />

A Santa Maria Nuova FESTA DELLO SPORT, commedia<br />

dialettale “BULLS” (frazione Coll<strong>in</strong>a). Anche domenica 18<br />

A Osimo (Teatro <strong>la</strong> Nuova Fenice), per <strong>la</strong> rassegna<br />

“Controcanto” STEVE EARLE <strong>in</strong> concerto. Esclusiva<br />

regionale; ore 21.30<br />

A Pesaro (Teatro Sperimentale), MINOTAURUS liberamente<br />

tratto da “Il M<strong>in</strong>otauro” di Friedrich Dürrenmatt,<br />

<strong>in</strong>terpretato dai detenuti del<strong>la</strong> casa di reclusione di<br />

Fossombrone<br />

domenica 18 maggio<br />

A Cupramontana (Chiesa del<strong>la</strong> Romita) FESTA DI SAN<br />

PASQUALE BAYLON e PELLEGRINAGGIO al Santuario<br />

Madonna del<strong>la</strong> Grotta<br />

f<strong>in</strong>o a domenica 18 maggio<br />

A Jesi (Pa<strong>la</strong>zzo dei Convegni) mostra MESTIERI IN<br />

BICICLETTA con <strong>in</strong>gresso libero<br />

giovedì 22 maggio<br />

A Abbadia di Fiastra HERBARIA segreti e magie del<br />

mondo del<strong>la</strong> natura. F<strong>in</strong>o al 25 maggio<br />

venerdì 23 maggio<br />

A Santa Maria Nuova concerto COMUNE 900<br />

sabato 24 maggio<br />

A Jesi (mercato ortofrutticolo di viale Don M<strong>in</strong>zoni) 1°<br />

AUTO MOTO INCONTRO DELLE MITICHE FIAT 500<br />

E VESPA PIAGGIO dalle 14.30 alle 20.00 e domenica<br />

25 maggio dalle 8.00 alle 11.30; <strong>in</strong>fo: 330/278032<br />

domenica 25 maggio<br />

A Jesi (Chiesa S.Giovanni Battista), Il Coro Card<strong>in</strong>al<br />

Petrucci presenta AD PHILIPPUM; ore 11.00<br />

A Jesi (Oasi di Ripa Bianca) GIORNATA DELLE OASI<br />

2008 dedicata al<strong>la</strong> Biodiversità<br />

A Cupramontana (centro storico) INFIORATA DEL COR-<br />

PUS DOMINI, ore 10-18. Ore 10 PROCESSIONE e celebrazione<br />

eucaristica per le vie del centro<br />

A Santa Maria Nuova FIERA DEL PAESE<br />

giovedì 29 maggio<br />

A Pennabilli (centro storico), XII EDIZIONE DEL<br />

FESTIVAL INTERNAZIONALE DEGLI ARTISTI DI<br />

STRADA f<strong>in</strong>o al 2 giugno<br />

f<strong>in</strong>o a venerdì 30 maggio<br />

A Chiara<strong>valle</strong> (piazza Garibaldi), MOSTRA FOTOGRA-<br />

FICA “Sesta Rassegna di fotografia contemporanea”<br />

Ad Ancona (Teatro al<strong>la</strong> Mole), INTERVISTE CON UO-<br />

MINI SCHIFOSI da Brevi <strong>in</strong>terviste con uom<strong>in</strong>i schifosi<br />

di David Foster Wal<strong>la</strong>ce, anteprima nazionale;<br />

replica sabato 31 maggio<br />

sabato 31 maggio<br />

A Cupramontana (centro storico) FIERA DI SANT’E-<br />

LEUTERIO dalle ore 8 alle 20. Anche domenica 1° giugno<br />

fiera, sfi<strong>la</strong>ta storica, palio delle contrade e spettacolo<br />

<strong>in</strong> piazza alle ore 21<br />

A Morro D’Alba (Piazza Tarsetti-Piazza Barcaroli), per il<br />

Cantamaggio ROGO IN PIAZZA DELL’ALBERO DEL<br />

MAGGIO: rito e festa popo<strong>la</strong>re; ore 22.00-24.00<br />

A Fermo (Pa<strong>la</strong>zzo dei Priori), APERTURA MOSTRA SU<br />

VINCENZO PAGANI, f<strong>in</strong>o al 9 novembre<br />

domenica 1 giugno<br />

A Morro d’Alba (Piazza Romagnoli), ritrovo per <strong>la</strong> partenza<br />

del<strong>la</strong> PASSEGGIATA NELLA NATURA, ore<br />

15.30<br />

Ad Ancona (Pa<strong>la</strong>ross<strong>in</strong>i), JOVANOTTI <strong>in</strong> concerto<br />

f<strong>in</strong>o a lunedì 2 giugno<br />

A Gradara (Pa<strong>la</strong>zzo Rub<strong>in</strong>i Ves<strong>in</strong>) PICASSO AL CUBO<br />

mostra volta a fare conoscere al grande pubblico l’opera<br />

grafica che ha accompagnato Picasso dagli esordi<br />

f<strong>in</strong>o agli ultimi anni di attività. Info: tel. 0541/964673;<br />

www.gradara<strong>in</strong>nova.com; <strong>in</strong>fo@gradara<strong>in</strong>nova.com<br />

f<strong>in</strong>o a domenica 8 giugno<br />

A Caldaro<strong>la</strong> (Pa<strong>la</strong>zzo dei Card<strong>in</strong>ali Pallotta) mostra<br />

delle <strong>in</strong>teressanti scoperte artistiche r<strong>in</strong>venute negli<br />

ultimi mesi SCOPERTE NELLE MARCHE INTORNO A<br />

SIMONE DE MAGISTRIS. Orario: feriale 10–13,<br />

15–19; prefestivo e festivo 10–19. Info: 0733/905529,<br />

3490571850, www.simonedemagistris.it<br />

f<strong>in</strong>o a giovedì 12 giugno<br />

A Jesi (Pa<strong>la</strong>zzo dei Convegni) mostra fotografica di<br />

WERTHER ZAMBIANCHI. Ingresso libero<br />

sabato 14 giugno<br />

A Jesi (Pa<strong>la</strong>zzo dei Convegni) mostra di pittura TRA<br />

TERRA E CIELO - LO SPAZIO DELLA MENTE di Giuseppe<br />

Ponzelli. Ingresso libero<br />

Festival degli Artisti<br />

di Strada<br />

Dal 29 maggio al 2 giugno<br />

il borgo ma<strong>la</strong>testiano di<br />

Pennabilli diventerà il palcoscenico<br />

del<strong>la</strong> dodicesima<br />

edizione del Festival Internazionale<br />

dell’Arte di Strada<br />

“Artisti <strong>in</strong> Piazza”.<br />

C<strong>in</strong>que giornate <strong>in</strong>teramente<br />

dedicate allo spettacolo<br />

e musica con eventi e appuntamenti<br />

che si svolgono<br />

per strada co<strong>in</strong>volgendo<br />

artisti provenienti dai c<strong>in</strong>que<br />

cont<strong>in</strong>enti. È con uno spirito di libertà e di fantasia<br />

che Pennabilli, città medievale dell'entroterra marchigiano<br />

tra Rim<strong>in</strong>i e Pesaro, patria elettiva del Maestro<br />

Ton<strong>in</strong>o Guerra, si prepara a festeggiare il tradizionale<br />

appuntamento di giugno con l’<strong>in</strong>trattenimento e il teatro<br />

all’aperto. Attesi per l’occasione 50 compagnie<br />

<strong>in</strong>ternazionali per un totale di 200 artisti chiamati ad<br />

allestire spettacoli ed esibizioni sul<strong>la</strong> strada. Nelle c<strong>in</strong>que<br />

giornate del<strong>la</strong> kermesse, tutte le arti troveranno<br />

espressione <strong>in</strong> piazza, grazie al<strong>la</strong> partecipazione di<br />

musicisti, acrobati, attori e giocolieri. Al “Mercat<strong>in</strong>o del<br />

solito e dell’<strong>in</strong>solito” allestiranno i propri tavoli artigiani,<br />

hobbisti e <strong>in</strong>ventori.<br />

Bigod<strong>in</strong>i & bril<strong>la</strong>nt<strong>in</strong>a<br />

Il 29 maggio, presso il Teatro<br />

Italia di Ancona, <strong>la</strong> Musical<br />

Opera Studio - La Fenice<br />

presenta il musical Bigod<strong>in</strong>i<br />

& bril<strong>la</strong>nt<strong>in</strong>a di Giacomo<br />

Moresi.<br />

La manifestazione culturale è patroc<strong>in</strong>ata dall’Associazione<br />

Patronesse per l’Assistenza del Bamb<strong>in</strong>o Spedalizzato<br />

ONLUS, operante presso il Salesi di Ancona<br />

(www.patronesse-salesi.it). Il Sipario devolverà al<strong>la</strong><br />

APABS ONLUS una somma prefissata per il miglioramento<br />

del<strong>la</strong> qualità dell’assistenza al bamb<strong>in</strong>o ricoverato<br />

ed ai suoi familiari. Il costo dei biglietti è di euro<br />

18 per i pomeridiani e di euro 28 per i serali. Info e<br />

prenotazioni: 071/63051: un nostro <strong>in</strong>caricato provvederà<br />

a consegnare i biglietti prenotati presso un vostro<br />

domicilio. Tante le <strong>in</strong>iziative promosse dall’associazione:<br />

<strong>la</strong> “Terapia del sorriso”, i clown che portano un sorriso<br />

ai bimbi ricoverati; le donazioni di nuove apparecchiature;<br />

il sostegno economico alle mamme bisognose;<br />

<strong>la</strong> “Casa di accoglienza Anna Galvani” per dare<br />

ospitalità ai familiari dei bamb<strong>in</strong>i ricoverati; l’Attività<br />

Assistita con animali, operatori di un centro specializzato<br />

portano i loro animali <strong>in</strong> sa<strong>la</strong> giochi e/o <strong>in</strong> giard<strong>in</strong>o<br />

per <strong>in</strong>trattenere i piccoli ricoverati; <strong>la</strong> Biblioteca it<strong>in</strong>erante,<br />

<strong>in</strong> col<strong>la</strong>borazione con <strong>la</strong> Biblioteca Comunale.<br />

5


6<br />

Addio vecchie campane!!!<br />

Fotografie come questa, fra un po’, saranno solo un ricordo. Jesi sarà più<br />

ord<strong>in</strong>ata e pulita, se tutti i cittad<strong>in</strong>i col<strong>la</strong>boreranno.<br />

(foto Christian Bal<strong>la</strong>r<strong>in</strong>i)<br />

IL SERVIZIO SCUOLABUS DEVE RIMANERE<br />

COMUNALE<br />

Riceviamo e pubblichiamo <strong>la</strong> seguente comunicazione<br />

degli autisti degli scuo<strong>la</strong>bus di Jesi:<br />

A seguito dell’articolo pubblicato sul n.6 del 22 marzo<br />

2008 recante <strong>la</strong> firma del sig. F<strong>la</strong>vio Donati <strong>in</strong>erente il<br />

trasferimento del servizio trasporto Scuo<strong>la</strong>bus al<strong>la</strong><br />

società “Jesi Servizi”, gli autisti e gli assistenti comunali<br />

tengono a precisare di non aver mai fatto pressione<br />

presso l’Amm<strong>in</strong>istrazione comunale aff<strong>in</strong>ché il servizio<br />

venga trasferito al<strong>la</strong> Società “Jesi Servizi” e che tale<br />

notizia è <strong>in</strong>esatta e priva di ogni fondamento.<br />

Al contrario i sopraddetti dipendenti ritengono che <strong>la</strong><br />

soluzione migliore sia l’attuale, ossia a totale gestione<br />

comunale, come riconosciuto dal<strong>la</strong> maggior parte degli<br />

utenti e dall’Amm<strong>in</strong>istrazione stessa, per l’ottima qualità<br />

del servizio fornito.<br />

L’ultima di Woodstock<br />

La selva di via dei Tessitori<br />

LETTERE<br />

I giard<strong>in</strong>i di via dei Tessitori (Palestra Carbonari)<br />

sono completamente <strong>in</strong> stato di<br />

abbandono. Dall’anno scorso nessuno taglia<br />

l’erba, nessuno fa manutenzione né<br />

nel<strong>la</strong> parte dest<strong>in</strong>ata alle persone, né nell’area<br />

sgambatoio cani (che per i due anni<br />

precedenti è stata <strong>la</strong> migliore del<strong>la</strong> città).<br />

Da due anni poi c’è una fontanel<strong>la</strong> dal<strong>la</strong><br />

quale non è mai uscita acqua! Anche per questi motivi <strong>la</strong><br />

zona è diventata appannaggio quasi esclusivo di balordi<br />

che vi si ubriacano <strong>la</strong>sciando sporcizia, soprattutto bottiglie,<br />

ovunque. Ricordiamo agli amm<strong>in</strong>istratori che le<br />

tasse le paghiamo anche noi che viviamo nel bronx jes<strong>in</strong>o<br />

e vorremmo avere almeno un verde pubblico pulito e<br />

control<strong>la</strong>to dove poter stare all’aria aperta.<br />

7


di d<strong>in</strong>o mogianesi<br />

La corrente del golfo<br />

Uno che viaggiasse nell’At<strong>la</strong>ntico non se ne accorgerebbe.<br />

Nemmeno se p<strong>la</strong>nasse al di sopra delle acque a volo d’uccello.<br />

Ma il fenomeno esiste, eccome. L’oceano appare<br />

<strong>in</strong>differenziato. Una massa costituita da un unico elemento,<br />

identico a se stesso, come una massa che si muove<br />

secondo le maree, trasc<strong>in</strong>ata dal movimento che fa roteare<br />

<strong>la</strong> terra attorno al suo asse e agitata dal<strong>la</strong> forza delle<br />

tempeste.<br />

In realtà, una gran massa d’acqua, surriscaldata dai raggi<br />

del sole, si muove come un immenso fiume <strong>in</strong> mezzo a rive<br />

liquide, immobili o trasc<strong>in</strong>ate da altri movimenti e con altri<br />

ritmi, guardando <strong>la</strong> corrente del golfo che va a smaltire<br />

l’eccesso di calore verso il nord, f<strong>in</strong>o a raggiungere le<br />

acque scand<strong>in</strong>ave per cedere l’eccesso di calore accumu<strong>la</strong>to.<br />

Come un enorme termosifone che pulsa con ritmi<br />

lenti e <strong>in</strong>esorabili.<br />

La corrente del golfo l’ho <strong>in</strong>contrata sabato sera, dopo<br />

cena, durante il palio di San Floriano. C’era tanta gente,<br />

molta. Tutti, più o meno, andavano a ondate a curiosare<br />

tra le diverse manifestazioni ed attrattive. Chi <strong>in</strong> un senso<br />

chi nell’altro, ma tutti con il medesimo ritmo, con <strong>la</strong> stessa<br />

velocità, con gli stessi <strong>in</strong>teressi, con i medesimi toni<br />

del<strong>la</strong> voce, con le stesse attese o delusioni.<br />

Ma <strong>in</strong> questa massa <strong>in</strong>forme, si potevano notare dei gruppi<br />

che scivo<strong>la</strong>vano controtendenza, controtempo, con un<br />

movimento contrappuntistico. Sembravano diretti verso<br />

mete diverse da quelle del<strong>la</strong> massa; con un’ansia diversa;<br />

con toni di voce o troppo alti o troppo sommessi. Scivo<strong>la</strong>ndo<br />

accanto a <strong>questo</strong> flusso più piccolo, ma <strong>in</strong>sistente e<br />

determ<strong>in</strong>ato, si coglievano brandelli di discorsi diversi, una<br />

sonorità discordante. Sovente, il loro passaggio era<br />

annunciato da odori… alcolici. E <strong>in</strong>fatti erano quasi sempre<br />

provvisti di bottiglie di birra o di v<strong>in</strong>o e non era raro il caso<br />

che <strong>la</strong>sciassero lungo le sponde, fatte di gente più p<strong>la</strong>cida,<br />

i resti delle loro bevute, che venivano puntualmente scalciati<br />

dai passanti.<br />

Anche nel<strong>la</strong> massa, a prima vista <strong>in</strong>differenziata, ci sono<br />

gruppi ben dist<strong>in</strong>ti, anche se apparentemente saldati <strong>in</strong> un<br />

flusso solidale. E ci sono i barbari, quelli che par<strong>la</strong>no un’altra<br />

l<strong>in</strong>gua, che seguono altri ritmi ed orari, che viaggiano<br />

verso altre mete. Sono figli nostri, nostri vic<strong>in</strong>i; conviviamo<br />

confusi, <strong>in</strong>sieme e tuttavia diversi.<br />

Siamo <strong>la</strong> stessa acqua eppure ci muoviamo di moti diversi.<br />

Proprio come nel caso del<strong>la</strong> corrente del golfo.<br />

Città turistica?<br />

EDITORIALE<br />

di ro<strong>la</strong>ndo romagnoli<br />

Ogni tanto ci facciamo questa domanda e soprattutto se <strong>la</strong><br />

fanno i vari assessori che si sono alternati negli anni al<strong>la</strong><br />

guida del settore Turismo <strong>in</strong>sieme con i responsabili comunali.<br />

Se fosse un imprenditore a decidere, uno che ha i<br />

soldi da <strong>in</strong>vestire, sicuramente sfrutterebbe quello che può<br />

essere il richiamo pr<strong>in</strong>cipale che questa città può avere.<br />

Il 26 dicembre 1194, per caso ma anche per <strong>la</strong> sicurezza<br />

che poteva dare, nacque <strong>in</strong> questa città Federico II Hohenstaufen,<br />

figlio di Enrico VI e nipote di Federico Barbarossa,<br />

colui che fu poi re di Sicilia, di Gerusalemme, re d’Italia e<br />

di Germania, imperatore del Sacro Romano Impero. Una<br />

personalità eccezionale del<strong>la</strong> storia europea, non solo re e<br />

conquistatore ma soprattutto uomo di cultura, studioso di<br />

filosofia, astrologia, matematica, medic<strong>in</strong>a, scienze naturali,<br />

esperto di falconeria, protettore di artisti. Gli jes<strong>in</strong>i di<br />

allora furono testimoni importanti di questa nascita perché<br />

<strong>la</strong> madre Costanza d’Altavil<strong>la</strong>, già quarantenne, per fugare<br />

ogni dubbio sul<strong>la</strong> <strong>sua</strong> gravidanza volle farlo nascere <strong>in</strong><br />

un baldacch<strong>in</strong>o al centro del<strong>la</strong> piazza pr<strong>in</strong>cipale, al<strong>la</strong> presenza<br />

del<strong>la</strong> popo<strong>la</strong>zione.<br />

Ci sono città che sul<strong>la</strong> figura di un santo, di una picco<strong>la</strong><br />

contesa di paese, di una battaglia sviluppano manifestazioni,<br />

feste, rievocazioni. Noi abbiamo a disposizione una<br />

delle più grandi figure del<strong>la</strong> storia europea e non facciamo<br />

quasi niente per utilizzar<strong>la</strong>, con <strong>in</strong>iziative turistiche (che<br />

non guastano) ma anche culturali.<br />

Il Comune da solo può far poco, occorre trovare delle col<strong>la</strong>borazioni<br />

che vanno al di là del<strong>la</strong> città e del<strong>la</strong> regione,<br />

che forse arrivano anche <strong>in</strong> Germania. Intorno a questa<br />

figura bisogna costruire dei percorsi culturali, convegni,<br />

pubblicazioni, un centro di documentazione con materiale<br />

virtuale (come da qualcuno già proposto). C’è già un’associazione<br />

<strong>in</strong>tito<strong>la</strong>ta a Federico II, che però non ha avuto<br />

mai molta fortuna <strong>in</strong> patria, f<strong>in</strong> dai tempi del famoso<br />

monumento. È un’associazione un po’ elitaria, però<br />

potrebbe svolgere un suo ruolo importante.<br />

Abbiamo <strong>la</strong> voglia di festeggiare <strong>in</strong>vitando gente da fuori e<br />

allora qualche anno fa ci siamo <strong>in</strong>ventati un Palio. Bravi<br />

coloro che ci <strong>la</strong>vorano con grande spirito volontaristico,<br />

danno una risposta al desiderio del<strong>la</strong> gente di uscire almeno<br />

una volta all’anno per stare <strong>in</strong>sieme, visto che <strong>la</strong> città<br />

non offre granché. Lo spettacolo è bello, però <strong>la</strong> rievocazione<br />

non sembra tanto sentita.<br />

Quanto sarebbe meglio ogni anno ricordare il fatto storico più<br />

importante accaduto <strong>in</strong> città, con l’arrivo del corteo imperiale<br />

e <strong>la</strong> nascita di colui che fu poi chiamato Stupor Mundi.<br />

Avrebbe un forte richiamo turistico e potrebbe essere una<br />

buona occasione per <strong>in</strong>iziative culturali col<strong>la</strong>terali. Cercando di<br />

risolvere, <strong>in</strong>f<strong>in</strong>e, anche <strong>la</strong> ridico<strong>la</strong> storia del monumento.<br />

9


Viale del<strong>la</strong> Vittoria, 89 - Jesi - Tel. 0731/59942<br />

C<strong>in</strong>que anni non sono bastati per trovare<br />

una gestione al nuovo parcheggio Mercant<strong>in</strong>i<br />

Divieto di sosta<br />

IL PUNTO<br />

di F<strong>la</strong>vio Donati<br />

Giro di vite sui parcheggi a pagamento il<br />

cui controllo viene affidato agli ausiliari<br />

del traffico<br />

Sei mesi fa sono scomparse le impalcature. Poi, poco<br />

per volta, hanno com<strong>in</strong>ciato ad animarsi f<strong>in</strong>estre e<br />

vetr<strong>in</strong>e. A restare ancora del tutto <strong>in</strong>utilizzato è <strong>in</strong>vece<br />

il grande parcheggio sotterraneo, che è poi <strong>la</strong> ragione<br />

stessa per cui il grande pa<strong>la</strong>zzo tra viale del<strong>la</strong> Vittoria<br />

e via Mercant<strong>in</strong>i è stato realizzato.<br />

A ritardarne l’apertura, <strong>la</strong> difficoltà di trovare un accordo<br />

conv<strong>in</strong>cente per <strong>la</strong> gestione dei circa 220 posti auto,<br />

sui 400 complessivi ricavati nei piani <strong>in</strong>terrati, dest<strong>in</strong>ati<br />

ad uso pubblico. Occorre <strong>in</strong>fatti ricordare che <strong>la</strong> realizzazione<br />

di <strong>questo</strong> contestato edificio è il frutto di una<br />

convenzione tra i privati che avevano acquisito <strong>la</strong> proprietà<br />

dei due vecchi fabbricati e l’amm<strong>in</strong>istrazione<br />

comunale che ha portato <strong>in</strong> dote l’area pubblica sottostante<br />

<strong>la</strong> via Mercant<strong>in</strong>i nonché un f<strong>in</strong>anziamento statale<br />

di circa tre milioni di euro.<br />

Le ipotesi sul tavolo sono sostanzialmente tre: andare<br />

ad una convenzione diretta con <strong>la</strong> società che ha realizzato<br />

il parcheggio, bandire una gara oppure affidarne<br />

<strong>la</strong> gestione al<strong>la</strong> solita Jesiservizi, <strong>la</strong> società a totale<br />

capitale pubblico nata per <strong>la</strong> raccolta e lo smaltimento<br />

dei rifiuti solidi urbani, diventata nel tempo dest<strong>in</strong>ataria<br />

di tutti i servizi effettivamente esternalizzati, farmacie<br />

e mense sco<strong>la</strong>stiche, come di quelli che si vorrebbero<br />

cedere, scuo<strong>la</strong>bus e parcheggi.<br />

Tuttavia, questa <strong>in</strong>certezza sul futuro gestionale del<br />

parcheggio ha radici profonde. Per comprenderlo, basta<br />

pensare che l’amm<strong>in</strong>istrazione comunale che deve oggi<br />

decidere sul da farsi è <strong>la</strong> stessa, o almeno è guidata<br />

dallo stesso s<strong>in</strong>daco che c<strong>in</strong>que anni fa diede il via ai<br />

<strong>la</strong>vori. E che aveva dunque tutto il tempo per immag<strong>in</strong>arsi<br />

un percorso da seguire al<strong>la</strong> chiusura del cantiere.<br />

Il problema non è dunque di forma ma di sostanza:<br />

trovare cioè il punto di equilibrio nel<strong>la</strong> gestione economica<br />

di un parcheggio a rotazione <strong>in</strong> una città delle<br />

dimensioni di Jesi. Problema vecchio e tuttora irrisolto.<br />

Indispensabile premessa all’uso di un parcheggio a<br />

pagamento è <strong>in</strong>fatti l’<strong>in</strong>disponibilità di valide alternati-<br />

POLITICA<br />

11<br />

ve gratuite. In concreto, per evitare al Mercant<strong>in</strong>i una<br />

gestione <strong>in</strong> perdita, occorre non solo che <strong>la</strong> sosta lungo<br />

viale del<strong>la</strong> Vittoria venga fortemente limitata, ma che<br />

anche i parcheggi a sud del centro, Baccio Pontelli,<br />

porta Valle, Conce, Zannoni, vengano ripensati.<br />

Per comprendere <strong>la</strong> difficoltà di questa operazione,<br />

basti pensare alle violente polemiche suscitate dal<strong>la</strong><br />

proposta dei progettisti del nuovo Piano Rego<strong>la</strong>tore di<br />

trasformare viale del<strong>la</strong> Vittoria <strong>in</strong> un Boulevard: fuori<br />

dai francesismi, di liberare dalle auto le due fasce <strong>la</strong>terali<br />

del viale restituendole al pieno uso dei pedoni.<br />

Qualcosa di simile a viale Cavallotti, impreziosito però<br />

dal<strong>la</strong> presenza degli esercizi commerciali, dei bar, delle<br />

pizzerie, dei ristoranti.<br />

Addirittura più problematico ancora è il ripensamento<br />

dei parcheggi del<strong>la</strong> zona sud. L’amm<strong>in</strong>istrazione comunale<br />

vorrebbe togliere <strong>la</strong> sosta gratuita da Baccio<br />

Pontelli e <strong>la</strong>sciare <strong>in</strong>alterata <strong>la</strong> capienza degli altri parcheggi.<br />

Al contrario, i commercianti del centro, oltre a<br />

<strong>la</strong>sciare piazza Baccio Pontelli com’è ora, vorrebbero<br />

anche raddoppiare il parcheggio di via Zannoni, che<br />

oggi com<strong>in</strong>cia f<strong>in</strong>almente ad essere ben utilizzato. Idee<br />

diametralmente opposte, che guardano l’una al nuovo<br />

parcheggio Mercant<strong>in</strong>i e l’altra al<strong>la</strong> necessità di garantire<br />

un afflusso comodo ed economico al<strong>la</strong> zona commerciale<br />

del centro storico.<br />

Intanto, <strong>in</strong> attesa di trovare una soluzione, l’amm<strong>in</strong>istrazione<br />

comunale ha avviato un altro progetto importante<br />

per <strong>la</strong> gestione delle soste nel e a ridosso del<br />

centro storico. Superate le difficoltà legate all’iter<br />

burocratico, bloccato per un certo tempo dal ricorso di<br />

una ditta <strong>in</strong>izialmente esclusa dal<strong>la</strong> gara, parte <strong>in</strong> queste<br />

settimane <strong>la</strong> riorganizzazione dei parcheggi nelle<br />

strisce blu. Per il pagamento del<strong>la</strong> sosta, il cui costo<br />

passa peraltro da 1,10 a 1,20 euro l’ora, si passa dagli<br />

ormai “<strong>in</strong>vecchiati” gratt<strong>in</strong>i al sistema dei parcometri.<br />

Naturalmente, <strong>la</strong> vera novità non è questa del cambio<br />

di forma, quanto piuttosto dal<strong>la</strong> sostanza di un controllo<br />

che diventerà capil<strong>la</strong>re con l’<strong>in</strong>carico agli ausiliari<br />

del traffico. In sostanza, l’affidamento del<strong>la</strong> gestione<br />

ad una società, che dovrà dunque trovare nell’effettivo<br />

pagamento del<strong>la</strong> sosta <strong>la</strong> propria convenienza economica,<br />

renderà molto più rigorosa <strong>la</strong> gestione di quegli<br />

spazi. Cosa che naturalmente conviene anche al comune<br />

che prenderà <strong>la</strong> <strong>sua</strong> percentuale su ogni s<strong>in</strong>golo<br />

m<strong>in</strong>uto di sosta fatturato.<br />

Stefano Tonelli, assessore ai<br />

<strong>la</strong>vori pubblici, con delega ai<br />

parcheggi e viabilità, del<br />

Comune di Jesi.


12 FOTO CRONACA<br />

RACCOLTA DIFFERENZIATA AL VIA<br />

È partita <strong>la</strong> raccolta differenziata <strong>in</strong> una parte del<strong>la</strong><br />

città che co<strong>in</strong>volge attualmente circa 8500 cittad<strong>in</strong>i ai<br />

quali, entro il prossimo mese, se ne aggiungeranno<br />

altri 10 mi<strong>la</strong>, coprendo così quasi metà del<strong>la</strong> popo<strong>la</strong>zione.<br />

Dopo l’estate sarà <strong>la</strong> volta del<strong>la</strong> zona sud e <strong>in</strong>f<strong>in</strong>e<br />

il centro storico. Si tratta di una scommessa che <strong>la</strong><br />

città vuol fare con tutte le difficoltà che <strong>la</strong> novità comporta.<br />

Ci sono state iso<strong>la</strong>te criticità, <strong>la</strong>mentele di alcuni<br />

cittad<strong>in</strong>i soprattutto per il posizionamento dei cassonetti,<br />

qualche disfunzione nel<strong>la</strong> distribuzione dei rifiuti<br />

nei diversi cassonetti per gli errori di alcuni cittad<strong>in</strong>i.<br />

L’importante è essere partiti, poi si può migliorare,<br />

aumentando l’attenzione e <strong>la</strong> sensibilità di tutti.<br />

LA FESTA DEL PALIO<br />

Dopo <strong>la</strong> vittoria nel 2007 del comune di Castelbell<strong>in</strong>o,<br />

quest’anno è stato Staffolo ad aggiudicarsi il Palio, per<br />

merito degli arcieri Eros Saraceni, dell’associazione Arcieri<br />

di Jesi, e Livio Passeri di Grottazzol<strong>in</strong>a. Si è conclusa<br />

così l’edizione 2008 del “Pallio di San Floriano”<br />

che ha visto nei quattro giorni <strong>la</strong> città immersa <strong>in</strong><br />

atmosfere medioevali tra tambur<strong>in</strong>i, arcieri, dame, cavalieri,<br />

e menestrelli. Molta gente ha partecipato al<strong>la</strong><br />

festa, quest’anno favorita dal bel tempo, f<strong>in</strong>o a tarda<br />

sera fra spettacoli e cene nelle taverne. L’edizione<br />

2008 è stata arricchita da diverse <strong>in</strong>iziative, oltre al<strong>la</strong><br />

sfi<strong>la</strong>ta <strong>in</strong> costume e agli sbandieratori, ci sono stati il<br />

torneo di scacchi per ragazzi, l’allestimento degli accampamenti<br />

militari, le gare degli arcieri, l’esibizione<br />

del mangiafuoco e dei falchi pellegr<strong>in</strong>i e a conclusione<br />

i bellissimi fuochi artificiali.<br />

SULLE TRACCE DELLA CROCE<br />

Dal 3 al 24 maggio 2008, nelle sale del Museo Diocesano<br />

di Jesi, è stata allestita <strong>la</strong> mostra “Sulle tracce<br />

del<strong>la</strong> Croce”. In essa sono confluiti i risultati del progetto<br />

e<strong>la</strong>borato da alcuni <strong>in</strong>segnanti con gli studenti<br />

del Liceo C<strong>la</strong>ssico “V. Emanuele II” di Jesi e realizzato<br />

<strong>in</strong> col<strong>la</strong>borazione con il Museo Diocesano del<strong>la</strong> città.<br />

Quattro sono le tipologie di <strong>in</strong>dag<strong>in</strong>e adottate. La prima<br />

<strong>in</strong>tenta a verificare l’importante posizione che <strong>la</strong> croce<br />

occupa nel<strong>la</strong> cultura <strong>in</strong> generale e, <strong>in</strong> partico<strong>la</strong>re, nel<strong>la</strong><br />

religione. La seconda, rivolta al<strong>la</strong> ricostruzione, attraverso<br />

lo studio dei primi esemp<strong>la</strong>ri apparsi presso le<br />

civiltà Mediorientali, C<strong>la</strong>ssica e Medievale, del<strong>la</strong> genesi<br />

del simbolo del<strong>la</strong> Croce. La terza, di ord<strong>in</strong>e più specificatamente<br />

artistica, si è <strong>in</strong>teressata al<strong>la</strong> lettura stilistica<br />

ed iconografica di alcuni antichi crocifissi di scuo<strong>la</strong><br />

locale. La quarta, <strong>in</strong>f<strong>in</strong>e, ne ha verificato l’attualità<br />

mediante una rassegna di arte contemporanea, il cui<br />

soggetto, <strong>la</strong> Croce appunto, è risultato motivo di ricerca<br />

<strong>in</strong>dividuale ed espressiva. Apertura: giovedì, venerdì<br />

e domenica, ore 17-20. Ingresso gratuito.<br />

Dall’alto: Massimo Bianconi, direttore generale, e Lauro<br />

Costa, presidente di Banca Marche. (foto Christian Bal<strong>la</strong>r<strong>in</strong>i)<br />

4 PASSI 2 CASTELLI<br />

Un record di presenze ha premiato <strong>la</strong> quarta edizione<br />

di “4 Passi 2 Castelli”, <strong>la</strong> festa che si è svolta nei giorni<br />

30 aprile e 1° maggio organizzata <strong>in</strong> maniera congiunta<br />

dalle amm<strong>in</strong>istrazioni comunali di Castelbell<strong>in</strong>o<br />

e Monteroberto. Una manifestazione che cont<strong>in</strong>ua a<br />

crescere di anno <strong>in</strong> anno e che sempre di più attira le<br />

preferenze del pubblico del<strong>la</strong> Valles<strong>in</strong>a. Merito, <strong>in</strong> partico<strong>la</strong>re,<br />

delle associazioni che si sono prodigate nell’organizzazione,<br />

ma anche del gran <strong>la</strong>voro svolto dal<strong>la</strong><br />

Protezione Civile e merito del<strong>la</strong> partecipazione degli<br />

sponsor senza i quali <strong>la</strong> manifestazione non si potrebbe<br />

fare. Un’<strong>in</strong>iziativa che dà <strong>la</strong> possibilità al<strong>la</strong> gente, <strong>in</strong><br />

una so<strong>la</strong> volta, di prendere parte a due feste e visitare<br />

due splendidi castelli del<strong>la</strong> Valles<strong>in</strong>a.<br />

BILANCIO 2007 DELLA BDM<br />

13<br />

L’Assemblea dei Soci del<strong>la</strong> Banca delle Marche SpA ha<br />

approvato il bi<strong>la</strong>ncio 2007, che chiude l’esercizio con<br />

una bril<strong>la</strong>nte performance dell’utile netto che segna<br />

oltre 116 milioni di euro (+40% sul 2006). Il ROE<br />

(Return On Equity) si attesta al 13,9%, a fronte del<br />

10% del 2006. Il dividendo assegnato ammonta a 4,5<br />

centesimi per azione. Grande soddisfazione è stata<br />

espressa dal presidente Lauro Costa e dal direttore<br />

generale Massimo Bianconi, che hanno sottol<strong>in</strong>eato come<br />

«un legame sempre più stretto e col<strong>la</strong>borativo con<br />

l’<strong>in</strong>tero territorio ha contribuito al raggiungimento di risultati<br />

di sicuro rilievo». Nel corso del 2007 Banca Marche<br />

ha ampliato <strong>la</strong> propria rete distributiva con l’apertura<br />

di 20 nuovi sportelli, che le hanno consentito di<br />

raggiungere a f<strong>in</strong>e esercizio 300 sportelli ed oltre 3000<br />

dipendenti. Lo sviluppo commerciale è stato <strong>in</strong>oltre sostenuto<br />

da un consolidamento patrimoniale: nel 2007<br />

Banca Marche ha raggiunto oltre un miliardo di patrimonializzazione,<br />

anche grazie all’aumento di capitale<br />

(pari a 150 milioni) perfezionato nel mese di settembre.<br />

LUIGI GIAMPAOLETTI PRESIDENTE DI<br />

ZONA DEI SOCI COOP<br />

Si sono svolte le elezioni <strong>in</strong> tutti i punti vendita del<strong>la</strong><br />

Coop Adriatica che hanno scelto i 60 consiglieri e i 2<br />

presidenti suddivisi <strong>in</strong> 2 consigli di zona. I presidenti<br />

eletti sono stati: Antonello Delle Noci e lo jes<strong>in</strong>o Luigi<br />

Giampaoletti i quali, una volta confermati dalle assemblee<br />

separate per il bi<strong>la</strong>ncio, <strong>in</strong> programma nelle prossime<br />

settimane, siederanno <strong>in</strong>sieme agli altri membri<br />

nel Consiglio d’Amm<strong>in</strong>istrazione del<strong>la</strong> Cooperativa.


14 FLASH<br />

Porte aperte al<strong>la</strong><br />

Croce Rossa<br />

Domenica 18 maggio, dalle<br />

ore 16.00 alle 20.30, negli<br />

spazi del<strong>la</strong> sede del<strong>la</strong> C.R.I.<br />

- Comitato di Jesi <strong>in</strong> via<br />

Gallodoro, si terrà una manifestazione<br />

pubblica per<br />

sensibilizzare e far conoscere<br />

al<strong>la</strong> cittad<strong>in</strong>anza le<br />

attività che quotidianamente<br />

questa benemerita<br />

associazione svolge. Nell’occasione<br />

si potranno<br />

“scoprire” e visitare i diversi<br />

ambienti che costituiscono<br />

<strong>la</strong> sede e il parco mac-<br />

ch<strong>in</strong>e. Dopo <strong>la</strong> SS. Messa e<br />

<strong>la</strong> consegna degli attestati<br />

di anzianità alle varie componenti<br />

volontaristiche, verranno<br />

effettuate simu<strong>la</strong>zioni<br />

di soccorso con <strong>la</strong> partecipazione<br />

dei Vigili del Fuoco.<br />

Inoltre, i Pionieri organizzeranno<br />

giochi per bamb<strong>in</strong>i<br />

e ragazzi. La serata sarà<br />

allietata dal<strong>la</strong> presenza<br />

degli aquiloni dei "Dragoni<br />

vo<strong>la</strong>nti" di Ostra.<br />

Negli stand si potranno<br />

degustare dolci artigianali<br />

e le goloserie di Candymix.<br />

(foto Valerio Lancioni)<br />

Reparto Medic<strong>in</strong>a di Jesi<br />

Nostro padre Cesare Fiordelmondo<br />

ha concluso <strong>la</strong> <strong>sua</strong> vita<br />

terrena il primo maggio u.s. all’età<br />

di 92 anni, dopo un breve<br />

ricovero presso l’ospedale di Jesi<br />

Reparto Medic<strong>in</strong>a Divisione B.<br />

Ci sentiamo di r<strong>in</strong>graziare ufficialmente<br />

il primario dott. Paolo<br />

Agost<strong>in</strong>elli, i suoi col<strong>la</strong>boratori e<br />

il personale tutto, per <strong>la</strong> professionalità<br />

e <strong>la</strong> grande umanità dimostrata<br />

all’amma<strong>la</strong>to e ai suoi<br />

familiari.<br />

Grazie di cuore.<br />

I figli Augusto e Adriano Fiordelmondo<br />

60 anni del CSI<br />

Il 16 maggio hanno preso il<br />

via i festeggiamenti ufficiali<br />

dei 60 anni di vita del<br />

Centro Sportivo Italiano<br />

Comitato Prov<strong>in</strong>ciale di Ancona.<br />

Dopo il convegno di<br />

venerdì 16, dal titolo<br />

“Quando lo sport <strong>in</strong>contra<br />

<strong>la</strong> scuo<strong>la</strong>, <strong>la</strong> famiglia e il<br />

territorio“, sarà <strong>la</strong> volta, il<br />

17 e 18 maggio <strong>in</strong> piazza<br />

del<strong>la</strong> Repubblica a Jesi, di<br />

“Stadium 2008“, una kermesse<br />

ludica. Sabato, dalle<br />

9.30 alle 13.00, <strong>la</strong> piazza<br />

sarà occupata dalle scuole<br />

medie <strong>in</strong>feriori di Jesi per<br />

un momento di festa e<br />

sport. Nel pomeriggio, gli<br />

spazi sportivi saranno aperti<br />

a tutti i giovani del<strong>la</strong><br />

città che potranno cimentarsi<br />

nei free sport (calcio<br />

3x3, pal<strong>la</strong>volo<br />

3x3, pal<strong>la</strong>canestro<br />

3x3, calcio<br />

balil<strong>la</strong> umano,<br />

tennis tavolo e<br />

calcio balil<strong>la</strong>).<br />

La sera, a partire<br />

dalle ore 21, gran<br />

galà dei sessant'anni<br />

del CSI An-<br />

15<br />

cona <strong>in</strong> piazza Spont<strong>in</strong>i.<br />

Domenica matt<strong>in</strong>a, dalle<br />

9.30, nuovamente i free<br />

sport <strong>in</strong> piazza del<strong>la</strong> Repubblica<br />

f<strong>in</strong>o alle 12. A<br />

seguire <strong>la</strong> Santa Messa degli<br />

sportivi presso <strong>la</strong> Chiesa<br />

dell'Adorazione.<br />

In basso, Don Roberto con<br />

F<strong>la</strong>viano Celli


preparazione vetture per revisione<br />

offic<strong>in</strong>a autorizzata Citroën<br />

ALBERTO AMADIO<br />

Via Don A. Rettaroli, 3/a<br />

Tel. 0731 200342<br />

Notte dei musei<br />

2008<br />

“Racconti di Verdicchio”<br />

sarà il titolo del<strong>la</strong> serata,<br />

prevista per sabato 17<br />

maggio. L'Assessorato al<strong>la</strong><br />

cultura del Comune di Jesi<br />

aderisce all’<strong>in</strong>iziativa, promossa<br />

a livello europeo,<br />

denom<strong>in</strong>ata “La Notte dei<br />

Musei”. Il tema scelto per<br />

l’edizione 2008 è il Verdicchio<br />

dei Castelli di Jesi,<br />

di cui quest’anno si celebrano<br />

i quarant’anni del<br />

conferimento del<strong>la</strong> D.O.C.<br />

Per <strong>questo</strong> motivo, al<strong>la</strong><br />

“Notte dei Musei” edizione<br />

2008 parteciperà anche<br />

l’Assessorato al Turismo,<br />

<strong>in</strong> col<strong>la</strong>borazione con l’Enoteca<br />

Regionale di Jesi –<br />

ASSIVIP. Al<strong>la</strong> P<strong>in</strong>acoteca<br />

Civica di Pa<strong>la</strong>zzo Pianetti,<br />

con il titolo “Vedute di campo”,<br />

sarà allestita un’esposizione<br />

di preziose mappe<br />

e cabrei (antichi registri<br />

catastali) del sec. XVIII e<br />

XIX, attraverso i quali sarà<br />

illustrata <strong>la</strong> rappresentazione<br />

dei campi coltivati e dei<br />

vigneti <strong>in</strong> Valles<strong>in</strong>a tra<br />

Settecento e Ottocento.<br />

Presso il Museo Diocesa-<br />

no, a Pa<strong>la</strong>zzo Ripanti Nuovo<br />

<strong>in</strong> piazza Federico II, si<br />

potrà ammirare una ricca<br />

collezione di calici che<br />

vanno dal sec. XVI al sec.<br />

XX, esemplificazione del<br />

tema “V<strong>in</strong>o per l’altare”.<br />

Per f<strong>in</strong>ire, allo Studio per<br />

le Arti del<strong>la</strong> Stampa a<br />

Pa<strong>la</strong>zzo Pianetti Vecchio <strong>in</strong><br />

via Valle 3, sarà illustrata,<br />

con il titolo “Cultura dei<br />

campi”, una collezione di<br />

libri e documenti dal sec.<br />

XVIII al sec. XIX, che spiegheranno<br />

<strong>la</strong> cultura del<strong>la</strong><br />

vigna e le tradizioni popo<strong>la</strong>ri<br />

marchigiane legate all’antica<br />

civiltà contad<strong>in</strong>a.<br />

L’<strong>in</strong>iziativa si svolgerà dalle<br />

ore 21.00 alle 01.00.<br />

L’<strong>in</strong>gresso ai musei, esclusivamente<br />

con visita guidata,<br />

è gratuito. Ingresso<br />

nel limite dei posti disponibili,<br />

prenotazioni a partire<br />

dalle 18.<br />

Novecento<br />

Musica Festival<br />

Santa Maria Nuova - Il<br />

confronto con altre culture<br />

e stili musicali è stato f<strong>in</strong><br />

dall’<strong>in</strong>izio lo scopo del<strong>la</strong><br />

rassegna culturale “900<br />

Musica Festival”: ricerca fra<br />

passato e presente, colto e<br />

popo<strong>la</strong>re, con <strong>in</strong>terpreti<br />

europei ma anche sudamericani<br />

o nordafricani, spaziando<br />

tra i differenti generi<br />

musicali.<br />

Programma.<br />

Sabato 10 maggio Chiesa<br />

di S. Antonio da Padova S.<br />

Maria Nuova – ore 21.00.<br />

Orchestra da Camera delle<br />

Marche. Musiche di: A. Vivaldi<br />

“Le Stagioni”.<br />

Venerdì 16 maggio<br />

Coll<strong>in</strong>a di S. Maria Nuova<br />

Pa<strong>la</strong>zzo Mastri-Zann<strong>in</strong>i –<br />

ore 21.30. Roberto Nofer<strong>in</strong>i<br />

viol<strong>in</strong>o e Donato D'Antonio<br />

chitarra.<br />

Venerdì 23 maggio Coll<strong>in</strong>a<br />

di S. Maria Nuova<br />

Pa<strong>la</strong>zzo Mastri-Zann<strong>in</strong>i –<br />

ore 21.30. Trio Aedòn.<br />

Venerdì 30 maggio Coll<strong>in</strong>a<br />

di S. Maria Nuova Pa<strong>la</strong>zzo<br />

Mastri-Zann<strong>in</strong>i – ore<br />

21.30. Trio Aedòn, Anto-<br />

17<br />

nio, Caggiano percussioni<br />

e Maurizio Barbetti vio<strong>la</strong>.<br />

Giovedì 17 luglio Casteldemilio<br />

Agugliano – ore<br />

21.30. I Fiati Italiani.<br />

Venerdì 25 luglio Polverigi<br />

Vil<strong>la</strong> Nappi – ore<br />

21.30. Quartetto Eudora.<br />

Sabato 9 agosto Offagna<br />

Chiesa del Sacramento –<br />

ore 21.30. Orchestra d’archi<br />

“Mannheimer Ensemble".


18 FLASH<br />

La storia naturale<br />

dell’Appenn<strong>in</strong>o<br />

Si terrà a Jesi il 24 maggio,<br />

ore 9.15, <strong>in</strong> occasione dell’<strong>in</strong>augurazione<br />

del<strong>la</strong> mostra<br />

“Le pietre del tempo“<br />

(aperta f<strong>in</strong>o all’8 giugno) <strong>la</strong><br />

presentazione del volume<br />

Enrico Fossa Manc<strong>in</strong>i e <strong>la</strong><br />

storia naturale dell’Appenn<strong>in</strong>o,<br />

che raccoglie gli atti<br />

del<strong>la</strong> giornata di studi sul<strong>la</strong><br />

figura e l’opera del paleontologo<br />

e geologo Enrico<br />

Fossa Manc<strong>in</strong>i, nato a Jesi<br />

nel 1894. Un’<strong>in</strong>iziativa organizzata<br />

dal Liceo C<strong>la</strong>ssico<br />

“Vittorio Emanuele II” <strong>in</strong><br />

col<strong>la</strong>borazione con <strong>la</strong> Biblioteca<br />

comunale P<strong>la</strong>nettiana,<br />

col patroc<strong>in</strong>io dell’assessorato<br />

al<strong>la</strong> cultura<br />

del Comune di Jesi e il con-<br />

I quarant’anni degli Onafifetti<br />

Il gruppo di teatro cabaret<br />

“Onafifetti” ritorna il 23 e il<br />

24 maggio al Teatro Pergolesi<br />

di Jesi con il nuovo<br />

spettacolo <strong>in</strong>tito<strong>la</strong>to “Si<br />

volta pag<strong>in</strong>a”. Al piano, come<br />

sempre, il maestro Luca<br />

Pierpaoli e, all’<strong>in</strong>terno, le<br />

considerazioni di Corrado<br />

Olmi. Questo <strong>la</strong>voro segna<br />

tributo del<strong>la</strong> Fondazione<br />

Cassa di Risparmio di Jesi.<br />

Interverranno il prof. Mauro<br />

Coltorti, Università di Siena,<br />

il prof. Federico Venturi, Università<br />

di Perugia, il prof.<br />

Stefano Sassaroli e <strong>la</strong> professoressa<br />

Patricia Zamp<strong>in</strong>i,<br />

Liceo C<strong>la</strong>ssico di Jesi, sul<strong>la</strong><br />

storia del<strong>la</strong> geologia e del<strong>la</strong><br />

paleontologia.<br />

<strong>la</strong> ricorrenza e <strong>la</strong> festa per i<br />

quarant’anni di teatro del<br />

gruppo, uno dei più longevi<br />

<strong>in</strong> attività nel panorama<br />

del cabaret non soltanto<br />

reionale: il debutto teatrale<br />

degli Onafifetti risale,<br />

<strong>in</strong>fatti, all’aprile del 1968.<br />

Gli elementi che caratterizzano<br />

<strong>la</strong> loro idea di<br />

Stereotipia<br />

Si svolgerà nei giorni 24 e<br />

25 maggio (<strong>in</strong>augurazione<br />

sabato 24 ore 18,30; domenica<br />

25 orario 10,30-<br />

12,30 e 16-20) a Vil<strong>la</strong><br />

Salvati di Pianello Valles<strong>in</strong>a<br />

una mostra di Fabrizio<br />

Faccenda su progetto di<br />

Rosa Maria Alb<strong>in</strong>o, organizzata<br />

dall’associazione<br />

Happen<strong>in</strong>gHour con il patroc<strong>in</strong>io<br />

dell’assessorato<br />

al<strong>la</strong> cultura del comune di<br />

Monteroberto. La f<strong>in</strong>alità<br />

pr<strong>in</strong>cipale del progetto si<br />

lega all’esigenza socio-culturale<br />

di dare visibilità a<br />

giovani talenti, di veico<strong>la</strong>re<br />

nuove forme espressive e<br />

di sollecitare ricerche e<br />

nuove proposte artistiche.<br />

Fabrizio Faccenda, attivo<br />

“Teatro cabaret” sono gli<br />

stessi che li hanno sempre<br />

animati <strong>in</strong> questi<br />

quarant’anni: satira, ironia,<br />

un uso sicuramente<br />

abbondante di sghignazzi<br />

contro tutto ciò che rappresenta<br />

“il Pa<strong>la</strong>zzo”.<br />

Nell’accezione più ampia<br />

del term<strong>in</strong>e.<br />

nel campo del fashion design,<br />

propone una ricerca<br />

visiva dove si compenetrano<br />

arte e moda, due mondi<br />

<strong>in</strong> s<strong>in</strong>ergia i cui l<strong>in</strong>guaggi<br />

da sempre hanno comunicato<br />

identità, appartenenza,<br />

stato sociale e stili di<br />

vita <strong>in</strong>dividuali e collettivi.<br />

il Vangelo<br />

secondo Giotto<br />

Cupramontana - F<strong>in</strong>o al 2<br />

giugno, nelle Grotte del<br />

Monastero “Santa Cater<strong>in</strong>a”<br />

sarà esposta una fedelissima<br />

riproduzione fotografica<br />

degli affreschi del<strong>la</strong><br />

celebre Cappel<strong>la</strong> degli Scrovegni<br />

realizzati da Giotto.<br />

Oltre sette secoli fa, fra il<br />

1303 e il 1305, Giotto, su<br />

commissione del banchiere<br />

padovano Enrico Scrovegni,<br />

affresca <strong>la</strong> Cappel<strong>la</strong><br />

<strong>in</strong>tito<strong>la</strong>ta a Santa Maria<br />

del<strong>la</strong> Carità. Gli affreschi<br />

di questa picco<strong>la</strong> chiesa<br />

romanico-gotica sono ritornati<br />

all’antico splendore<br />

rive<strong>la</strong>ndo <strong>la</strong> bellezza e <strong>la</strong><br />

genialità del<strong>la</strong> pittura giottesca,<br />

che <strong>in</strong>fluenzò generazioni<br />

di artisti e mutò i<br />

canoni stilistici dell’arte<br />

I ruderi di Porta Valle<br />

Sono stati portati a term<strong>in</strong>e<br />

i saggi di studio sui ruderi<br />

affiorati a Porta Valle. Sopr<strong>in</strong>tendenza<br />

ed Università<br />

di Camer<strong>in</strong>o hanno avuto<br />

modo di def<strong>in</strong>irne periodo<br />

storico - alcuni muri di orig<strong>in</strong>e<br />

romana, altri medievale<br />

- contestualizzandoli, dal<br />

italiana ed europea. Il<br />

ciclo pittorico del<strong>la</strong> Cappel<strong>la</strong><br />

illustra il Vangelo attraverso<br />

il racconto del<strong>la</strong><br />

vita di Gioacch<strong>in</strong>o e Anna;<br />

di Maria, e del<strong>la</strong> vita, morte<br />

e resurrezione di Gesù.<br />

Orari di apertura: venerdì<br />

17-20, sabato 17-22, domenica<br />

e festività 11-13 /<br />

17-22. Ingresso libero.<br />

punto di vista urbanistico<br />

(come resti di abitazione)<br />

nel disegno del<strong>la</strong> Jesi storica.<br />

La Sopr<strong>in</strong>tendenza ha<br />

autorizzato il Comune a<br />

procedere al<strong>la</strong> copertura<br />

degli scavi con ghiaia. Ora è<br />

<strong>in</strong>tenzione dell'Amm<strong>in</strong>istrazione<br />

comunale, con gli altri<br />

Ma<strong>la</strong>ti di niente...<br />

per <strong>la</strong> via<br />

Domenica 18 maggio si<br />

terrà <strong>la</strong> grande festa f<strong>in</strong>ale<br />

del<strong>la</strong> rassegna “Ma<strong>la</strong>ti di<br />

Niente” contro il pregiudizio<br />

verso <strong>la</strong> ma<strong>la</strong>ttia mentale.<br />

La festa, organizzata<br />

per il nono anno dalle Associazioni<br />

Asiamente e<br />

Atena, si svolgerà presso il<br />

Servizio di Riabilitazione<br />

Asl 5 di via Contuzzi, 8 (vic<strong>in</strong>o<br />

allo Sport<strong>in</strong>g Club).<br />

Come <strong>in</strong>dica il nome stesso,<br />

<strong>la</strong> festa si estende sul<strong>la</strong><br />

via per dare risalto al<strong>la</strong><br />

questione sociale del<strong>la</strong> riabilitazione<br />

psichiatrica che<br />

non può essere limitata<br />

nel ristretto ambito del<strong>la</strong><br />

struttura riabilitativa, ma<br />

deve aprirsi al<strong>la</strong> comunità,<br />

promuovendo così una<br />

maturazione sia <strong>in</strong>dividua-<br />

soggetti istituzionali co<strong>in</strong>volti,<br />

procedere ad un concorso<br />

di idee volte a dare il<br />

via ad una riqualificazione<br />

complessiva dell'area, compreso<br />

il recupero del vecchio<br />

<strong>la</strong>vatoio che rappresenta<br />

una memoria storica<br />

di partico<strong>la</strong>re valore anche<br />

19<br />

le che sociale. Questo lo<br />

spirito che anima l'<strong>in</strong>iziativa<br />

a 30 anni dal<strong>la</strong> legge<br />

Basaglia e nel decimo anniversario<br />

del Servizio di<br />

via Contuzzi. Da segna<strong>la</strong>re,<br />

fra le <strong>numero</strong>se attrazioni<br />

del<strong>la</strong> festa, quel<strong>la</strong> re<strong>la</strong>tiva<br />

allo spettacolo di<br />

strada Ay l’amor! del Teatro<br />

Due Mondi di Faenza<br />

che rappresenta il momento<br />

centrale del<strong>la</strong> festa.<br />

g.f.<br />

affettivo e sociale. Sul<strong>la</strong><br />

base dell’idea che risulterà<br />

v<strong>in</strong>cente, si deciderà se<br />

portare al<strong>la</strong> luce <strong>la</strong> parte<br />

f<strong>in</strong>ale dei ruderi o comunque<br />

<strong>in</strong>dividuare un’altra<br />

soluzione per valorizzare<br />

al meglio l’area <strong>in</strong> oggetto.


20<br />

Jes<strong>in</strong>a avanti<br />

tutta nei p<strong>la</strong>yoff<br />

Dopo il sorprendente secondo<br />

posto nel<strong>la</strong> fase<br />

rego<strong>la</strong>re del campionato di<br />

calcio di Eccellenza, <strong>la</strong><br />

Jes<strong>in</strong>a prosegue <strong>la</strong> <strong>sua</strong><br />

stagione superando il Fossombrone<br />

nel<strong>la</strong> semif<strong>in</strong>ale<br />

p<strong>la</strong>yoff regionale: vittoria<br />

per 1-0 <strong>in</strong> trasferta nel<br />

match di andata (rete di<br />

Borrelli) e per 2-0 (Lanciotti<br />

e Borrelli) <strong>in</strong> quello di<br />

ritorno al Carotti, app<strong>la</strong>usi<br />

da parte di un pubblico<br />

entusiasta ai leoncelli che<br />

SPORT FLASH<br />

a cura di fabrizio romagnoli<br />

RISULTATI E CLASSIFICHE<br />

BASKET – Serie A2 maschile<br />

P<strong>la</strong>y off<br />

Sassari – Fileni Aurora Jesi 94-100<br />

Sassari – Fileni Aurora Jesi 84-89<br />

Fileni Aurora Jesi – Sassari 89-76<br />

Semif<strong>in</strong>ale<br />

Reggio Emilia – Fileni Aurora Jesi<br />

CALCIO – Eccellenza<br />

P<strong>la</strong>y off<br />

Osimana – C<strong>in</strong>go<strong>la</strong>na 0-0<br />

Fossombrone – Jes<strong>in</strong>a 0-1<br />

C<strong>in</strong>go<strong>la</strong>na – Osimana 1-0<br />

Jes<strong>in</strong>a – Fossombrone 2-0<br />

F<strong>in</strong>ale<br />

Jes<strong>in</strong>a – C<strong>in</strong>go<strong>la</strong>na (18 maggio)<br />

si proiettano verso <strong>la</strong> f<strong>in</strong>ale<br />

<strong>in</strong> campo neutro di domenica<br />

18 contro <strong>la</strong> C<strong>in</strong>go<strong>la</strong>na,<br />

<strong>in</strong> palio l’accesso<br />

agli spareggi <strong>in</strong>terregionali<br />

per <strong>la</strong> promozione <strong>in</strong> D.<br />

In virtù del miglior piazzamento<br />

<strong>in</strong> campionato, a<br />

Pieralisi e compagni basterebbe<br />

anche un pareggio<br />

dopo gli eventuali supplementari<br />

per strappare il<br />

pass.<br />

Tanta <strong>la</strong> commozione per <strong>la</strong><br />

scomparsa di una giovane<br />

ragazza jes<strong>in</strong>a, ricordata con<br />

affetto da tifosi e giocatori.<br />

VOLLEY – Serie B2 maschile<br />

Vecci Jesi – Appignano 3-2<br />

C<strong>la</strong>ssifica<br />

Bel<strong>la</strong>ria 63, Sambenedetto 53, Ga<strong>la</strong>tone 52, Ortona 51,<br />

Paglieta 47, Castelferretti 46, Viserba 39, Montorio 37,<br />

MS. Giusto 36, Vecci Jesi 34, Calimera 30, Sira Ancona<br />

25, Pescara 17, Appignano 16<br />

CALCIO A 5 - Serie C1<br />

Acli S.Giuseppe – Montegranaro 3-4<br />

Tenax – Acli S. Giuseppe 3-4<br />

C<strong>la</strong>ssifica<br />

Cameranese 84, Ascoli 79, Juvent<strong>in</strong>a 61, Falconara 53,<br />

Morro<strong>valle</strong> 52, P.S. Giorgio 49, San Sever<strong>in</strong>o 46, Cor<strong>in</strong>aldo<br />

45, Acli S. Giuseppe 44, Montegranaro 43, Ostrense 41,<br />

Urb<strong>in</strong>o 41, Castelbell<strong>in</strong>o 37, Tenax 36, Grande Toro 27,<br />

Picchio 17, Osimo Stazione 15<br />

La Fileni Bpa spazza via Sassari e si <strong>la</strong>ncia<br />

su Reggio Emilia<br />

Doveva essere un avvio <strong>in</strong><br />

salita quello del<strong>la</strong> Fileni<br />

Bpa nei p<strong>la</strong>yoff del campionato<br />

di basket di Legadue<br />

ed <strong>in</strong>vece gli uom<strong>in</strong>i di<br />

Capobianco, ottavi a f<strong>in</strong>e<br />

fase rego<strong>la</strong>re, nell’affrontare<br />

<strong>la</strong> D<strong>in</strong>amo Sassari<br />

terza si spianano subito <strong>la</strong><br />

strada davanti con uno<br />

strepitoso doppio colpo <strong>in</strong><br />

terra sarda nelle prime<br />

due gare: al 100-94 di<br />

gara uno fa seguito l’89-<br />

84 di gara due, il terzo<br />

atto del<strong>la</strong> serie al Pa<strong>la</strong>Triccoli<br />

suggel<strong>la</strong> il passaggio<br />

del turno degli arancioblu<br />

che trasc<strong>in</strong>ati dal solito<br />

Maggioli pongono f<strong>in</strong>e (89-<br />

76) al<strong>la</strong> migliore annata di<br />

sempre da parte di Sassari.<br />

Per conoscere l’avversario<br />

delle semif<strong>in</strong>ali<br />

occorre attendere gara 4:<br />

tocca a Reggio Emilia (3-1<br />

contro Pistoia), che Jesi<br />

affronterà il 18 e 20 maggio<br />

<strong>in</strong> trasferta ed il 23<br />

maggio al Pa<strong>la</strong>Triccoli (eventuali<br />

gara 4 e bel<strong>la</strong> il<br />

25 a Jesi ed il 28 a Reggio).<br />

David Moss a canestro<br />

Nuoto, Luconi e<br />

Taddei bril<strong>la</strong>no ai<br />

mondiali Master di<br />

Perth<br />

C’erano anche il belvederese<br />

Michele Luconi e lo jes<strong>in</strong>o<br />

Michele Taddei, nuotatori<br />

del<strong>la</strong> Rari Nantes<br />

Marche seguiti dal tecnico<br />

Andrea Pirani, a mettersi <strong>in</strong><br />

luce agli ultimi Campionati<br />

Mondiali Master <strong>in</strong> Australia.<br />

I risultati sono stati di<br />

livello, vista <strong>la</strong> ribalta: Luconi<br />

ha ottenuto un 7°<br />

posto (primo degli italiani)<br />

nei 100 dorso ed un 9° ed<br />

un 14° (secondo fra gli<br />

italiani) rispettivamente<br />

nei 200 dorso, migliorando<br />

il piazzamento dei<br />

Mondiali 2006 <strong>in</strong> California,<br />

e nei 200 misti <strong>in</strong> cui<br />

era all’esordio.<br />

Per Taddei <strong>in</strong>vece è arrivato<br />

un bel 15° posto nei<br />

200 rana.<br />

Bi<strong>la</strong>ncio più che positivo<br />

Scherma, nuovo<br />

successo <strong>in</strong> CDM<br />

per Valent<strong>in</strong>a<br />

Vezzali<br />

21<br />

per due nuotatori non<br />

nuovi al<strong>la</strong> buona riuscita<br />

delle proprie avventure<br />

<strong>in</strong>ternazionali nei campionati<br />

Master.<br />

Dopo Salisburgo e Danzica,<br />

Valent<strong>in</strong>a Vezzali colpisce<br />

anche <strong>in</strong> estremo<br />

oriente ed a Shangai centra<br />

il suo terzo successo di<br />

stagione nel<strong>la</strong> Coppa del<br />

Mondo di fioretto femm<strong>in</strong>ile.<br />

La campionessa jes<strong>in</strong>a<br />

ha dom<strong>in</strong>ato <strong>la</strong> prova strapazzando<br />

<strong>in</strong> f<strong>in</strong>ale l’altra<br />

italiana Granbassi, superata<br />

per 10-1.<br />

Ottava l’altra jes<strong>in</strong>a C<strong>la</strong>udia<br />

Pigliapoco, <strong>in</strong> corsa per<br />

essere <strong>in</strong>sieme a Vezzali e<br />

Trill<strong>in</strong>i <strong>la</strong> terza leoncel<strong>la</strong><br />

nel<strong>la</strong> squadra azzurra per<br />

le Olimpiadi di Pech<strong>in</strong>o.


22<br />

Tiro a Segno:<br />

record italiano<br />

Ragazzi a Jesi<br />

Andrea Scafa, qu<strong>in</strong>dicenne<br />

del Tiro a Segno di Sarnano<br />

frantuma il record<br />

Italiano di pisto<strong>la</strong> ad aria<br />

compressa categoria Ragazzi<br />

nel<strong>la</strong> terza gara regionale<br />

svolta a Jesi, dal<br />

19 al 27 aprile, con l’<strong>in</strong>credibile<br />

punteggio di 381<br />

punti su 400. Oltre al<br />

nuovo primato di Andrea<br />

ecco i v<strong>in</strong>citori delle altre<br />

specialità: Carab<strong>in</strong>a libera<br />

a terra, Cruciani Romeo di<br />

Montegiorgio; Carab<strong>in</strong>a ad<br />

aria compressa, Marcelloni<br />

Domenica 4 maggio si è<br />

svolta ad Ancona <strong>la</strong> ventitreesima<br />

edizione del Trofeo<br />

FIPSAS Ancona - 3°<br />

Trofeo Monsub ”Memorial<br />

Falcetelli” di pesca <strong>in</strong><br />

apnea, <strong>in</strong> ricordo di Italo<br />

Falcetelli fondatore del<br />

club jes<strong>in</strong>o scomparso per<br />

un male imp<strong>la</strong>cabile.<br />

Ottima l’organizzazione<br />

del Monsub di Jesi, vent<strong>in</strong>ove<br />

i concorrenti marchigiani<br />

presenti e che al via<br />

del giudice di gara si sono<br />

tuffati al centro del campo<br />

di gara davanti al litorale<br />

anconetano del “Passetto”.<br />

I migliori carnieri sono<br />

stati realizzati da: 1° Et-<br />

Manue<strong>la</strong> G.S. Forestale;<br />

Pisto<strong>la</strong> libera, Gagliard<strong>in</strong>i<br />

Renzo di Jesi; Pisto<strong>la</strong> automatica,<br />

Card<strong>in</strong>ali Alberto<br />

di Pesaro; Pisto<strong>la</strong> ad aria<br />

compressa, Ciccioli Massimo<br />

G.S. Carab<strong>in</strong>ieri.<br />

23° trofeo FIPSAS-MONSUB 3° Memorial<br />

Falcetelli di pesca <strong>in</strong> apnea<br />

tore Trebbi (Sub Tridente<br />

Pesaro) con una spigo<strong>la</strong> –<br />

punti 3.846; 2° Danio<br />

Pa<strong>la</strong>zzetti (Kòmaros Sub<br />

Ancona) con c<strong>in</strong>que cefali<br />

– punti 3.174; 3° Luca<br />

Giaccaglia (Kòmaros Sub<br />

Ancona) con una corv<strong>in</strong>a e<br />

due cefali – punti 2.404;<br />

4° Roberto Campeggi (Sub<br />

Tridente Pesaro) con una<br />

spigo<strong>la</strong> – punti 2.358.<br />

La c<strong>la</strong>ssifica per società ha<br />

visto prevalere il Sub<br />

Tridente Pesaro con punti<br />

53, secondo il Komaros<br />

Sub Ancona con punti 52,<br />

terzo il Centro Sub Pesaro<br />

e quarto il Monsub Jesi.<br />

Il Judo per facilitare l’<strong>in</strong>tegrazione<br />

Presso l’Istituto Comprensito<br />

Jesi Monsano si sono<br />

svolte diverse <strong>in</strong>iziative<br />

nell’ambito del Progetto<br />

Scuo<strong>la</strong> Aperta sul Mondo e<br />

del POF (Piano Offerta<br />

Formativa) volta all’<strong>in</strong>tegrazione<br />

fra bamb<strong>in</strong>i extracomunitari<br />

e jes<strong>in</strong>i. Al<strong>la</strong><br />

Scuo<strong>la</strong> Primaria Mazz<strong>in</strong>i si è<br />

puntato soprattutto sullo<br />

sport, <strong>in</strong> partico<strong>la</strong>re sul judo.<br />

Da marzo a maggio<br />

operatori del<strong>la</strong> Uisp, <strong>in</strong> col-<br />

<strong>la</strong>borazione con l’Associazione<br />

Sportiva Samurai,<br />

hanno offerto gratuitamente,<br />

a trentac<strong>in</strong>que bamb<strong>in</strong>i<br />

del quartiere, un corso<br />

gratuito di judo per facilitare<br />

l’<strong>in</strong>tegrazione fra i figli<br />

di stranieri e di italiani.<br />

L’<strong>in</strong>iziativa ha sortito positivi<br />

risultati di socializzazione<br />

e <strong>in</strong>tegrazione fra i<br />

bamb<strong>in</strong>i che hanno partecipato<br />

e grande soddisfazione<br />

negli operatori.<br />

Volley: si salvano Vecci e Me.Ga, retrocede<br />

<strong>la</strong> Pieralisi<br />

La stagione pal<strong>la</strong>volistica<br />

del<strong>la</strong> Valles<strong>in</strong>a<br />

nel campionato di serie<br />

B2 si chiude con<br />

due terzi di dolce ed<br />

uno d’amaro. Fra gli<br />

uom<strong>in</strong>i, i ragazzi del<strong>la</strong><br />

Vecci Bpa conquistano<br />

con <strong>la</strong> vittoria<br />

al tie break dell’ultima<br />

giornata su Appignano<br />

il punto necessario<br />

per mettersi al sicuro e<br />

mantenere <strong>la</strong> categoria.<br />

In campo femm<strong>in</strong>ile <strong>la</strong> salvezza<br />

del<strong>la</strong> Me.Ga. Moie è<br />

da brivido: nell’ultimo turno<br />

le ragazze di Capomagi<br />

battono 3-2 Cesena ed a<br />

parità di punti con le altre<br />

perico<strong>la</strong>nti si pongono <strong>in</strong><br />

salvo grazie al maggior<br />

<strong>numero</strong> di vittorie (decisivo<br />

il bel ruol<strong>in</strong>o di marcia<br />

<strong>in</strong>terno del girone di ritorno).<br />

Il rovescio del<strong>la</strong> medaglia<br />

è <strong>la</strong> retrocessione<br />

delle rossoblu del<strong>la</strong> Pieralisi<br />

Jesi, che cadono al tie<br />

break a Firenze e salutano<br />

<strong>la</strong> categoria.<br />

CANTINE APERTE<br />

2008<br />

sabato 24 e domenica 25 maggio<br />

ore 10.00 - 18.00<br />

“Cant<strong>in</strong>e Aperte” è diventato, ormai, un appuntamento da non perdere, con il suo calice che,<br />

come gli anni passati, vi accompagna nel percorso del buon bere. Gustare un buon v<strong>in</strong>o <strong>in</strong><br />

compagnia e immergersi nei luoghi ameni del<strong>la</strong> campagna marchigiana è un’esperienza<br />

così piacevole da sentire il desiderio di ripeter<strong>la</strong>. E allora, perché limitare ad un solo giorno<br />

<strong>la</strong> gioia di gustare un buon v<strong>in</strong>o <strong>in</strong> allegria? Quest’anno, a quanti, partecipando a “Cant<strong>in</strong>e<br />

Aperte”, degusteranno i nostri v<strong>in</strong>i, offriamo un coupon che permetterà di consumare gratuitamente<br />

un calice di v<strong>in</strong>o, durante il pasto, nei ristoranti che aderiscono all’<strong>in</strong>iziativa.<br />

Buone “Cant<strong>in</strong>e Aperte” a tutti.<br />

Serenel<strong>la</strong> Moroder presidente Movimento Turismo del V<strong>in</strong>o delle Marche


Macerata Feltria (Pu)<br />

Valturio<br />

Via dei Pe<strong>la</strong>sgi, 10<br />

Tel. 0722.728049 – Fax 0722.729238<br />

Ripalta di Cartoceto (Pu)<br />

Lucarelli<br />

Via Piana, 20<br />

Tel. 0721.893019 – Fax 0721.893914<br />

Piagge (Pu)<br />

Guerrieri<br />

Via San Filippo, 24<br />

Tel. 0721.890152 – Fax 0721.890497<br />

Mondavio (Pu)<br />

Fattoria Lai<strong>la</strong><br />

Via San Filippo sul Cesano<br />

Tel. 0721.979353 – Fax 0721.979353<br />

Barchi (Pu)<br />

Fior<strong>in</strong>i<br />

Via Giard<strong>in</strong>o Campioli, 5<br />

Tel. 0721.97151 – Fax 0721.97151<br />

Montignano di Senigallia (An)<br />

Giusti<br />

Via Castel<strong>la</strong>ro, 97<br />

Tel. 071.918031 – Fax 071.918031<br />

Le cant<strong>in</strong>e<br />

Morro d’Alba (An)<br />

Lucchetti<br />

Via Santa Maria del Fiore, 17<br />

Tel. 0731.63314 – Fax 0731.63314<br />

Manc<strong>in</strong>elli<br />

Via Roma, 62<br />

Tel. 0731.63021 – Fax 0731.63521<br />

Badiali e Cande<strong>la</strong>resi<br />

Via Sant’Amico – zona p.i.p.<br />

Tel. 0731.63040 – Fax 0731.63040<br />

Marotti Campi<br />

Via Sant’Amico, 14<br />

Tel. 0731.618027 – Fax 0731.618846<br />

Vicari<br />

Via Pozzo Buono, 3<br />

Tel. 0731.63164 – Fax 0731.63164<br />

Pongelli di Ostra Vetere (An)<br />

Bucci<br />

Via Cona, 30<br />

Tel. 071.964179 – Fax 071.964179<br />

Belvedere Ostrense (An)<br />

Landi<br />

Via Gavigliano, 16<br />

Tel. 0731.62353 – Fax 0731.62353<br />

San Marcello (An)<br />

Marconi<br />

Via Me<strong>la</strong>no, 25<br />

Tel. 0731.267223 – Fax 0731.269140<br />

Jesi (An)<br />

Montecappone<br />

Via Colle Olivo, 2<br />

Tel. 0731.205761 – Fax 0731.204233<br />

Montecarotto (An)<br />

Sabbionare<br />

Via Sabbionare, 10<br />

Tel. 0731.889004 – Fax 0731.889004<br />

Terre Cortesi Moncaro<br />

Via Piandole, 7/a<br />

Tel. 0731.89245 – Fax 0731.89237<br />

Serra de’ Conti (An)<br />

Casalfarneto<br />

Via Farneto, 16<br />

Tel. 0731.889001 – Fax 0731.889881<br />

Castelp<strong>la</strong>nio (An)<br />

Fazi Battaglia<br />

Via Roma, 117<br />

Tel. 0731.81591 – Fax 0731.814149<br />

Maio<strong>la</strong>ti Spont<strong>in</strong>i (An)<br />

La Vite Monteschiavo<br />

Via Vivaio<br />

Tel. 0731.700385 – Fax 0731.703359<br />

Moie - Maio<strong>la</strong>ti Spont<strong>in</strong>i (An)<br />

Manc<strong>in</strong>i<br />

Via Santa Lucia, 7<br />

Tel. 0731.702975 – Fax 0731.703364<br />

Cupramontana (An)<br />

Colonnara<br />

Via Mandriole, 6<br />

Tel. 0731.780273 – Fax 0731.789610<br />

Vallerosa Bonci<br />

Via Torre, 13<br />

Tel. 0731.789129 – Fax 0731.789808<br />

Castel<strong>la</strong>ro di Serra San Quirico (An)<br />

Accadia<br />

Via Ammorto, 19<br />

Tel. 0731.859007 – Fax 0731.85172<br />

San Paolo di Jesi (An)<br />

Brunori<br />

Via San Nicolò, 4<br />

Tel. 0731.207213 – Fax 0731.207213<br />

VignAmato<br />

Via Batt<strong>in</strong>ebbia, 4<br />

Tel. 0731.779197 – Fax 0731.779197<br />

Ceci Enrico<br />

Via Santa Maria d’Arco, 7<br />

Tel. 0731.779033 – Fax 0731.779033<br />

Staffolo (An)<br />

Zaccagn<strong>in</strong>i<br />

Via Salmag<strong>in</strong>a, 9/10<br />

Tel. 0731.779892 – Fax 0731.779219<br />

Casenuove di Osimo (An)<br />

Monte Torto<br />

Via di Jesi, 343<br />

Tel. 0731.205764 – Fax 0731.205764<br />

Offagna (An)<br />

Ma<strong>la</strong>cari<br />

Vil<strong>la</strong> Ma<strong>la</strong>cari<br />

Tel. 071.7207606 – Fax 071.7107605<br />

Candia di Ancona (An)<br />

Piantate Lunghe<br />

Via Piantate Lunghe, 91<br />

Tel. 071.36464 – Fax 071.36464<br />

Ancona<br />

Moroder<br />

Fraz. Montacuto, 112<br />

Tel. 071.898232 – Fax 071.2800367<br />

Pieri<br />

Fraz. Poggio, 128<br />

Tel. 071.801138 – Fax 071.801138<br />

Camerano (An)<br />

Terre Cortesi Moncaro<br />

Direttissima del Conero, 47<br />

Tel. 071.731023 – Fax 071.732010<br />

Mercante<br />

Via Loretana, 190<br />

Tel. 071.732050 – Fax 071.732455<br />

Strologo<br />

Via Osimana, 89<br />

Tel. 071.731104 – Fax 071.732359<br />

Numana (An)<br />

Fattoria Le Terrazze<br />

Via Musone, 4<br />

Tel. 071.7390352 – Fax 071.7391285<br />

Osimo (An)<br />

Umani Ronchi<br />

Via Adriatica, 12<br />

Tel. 071.7108019 – Fax 071.7108859<br />

Vil<strong>la</strong> Musone di Castelfidardo (An)<br />

Garofoli<br />

Via C. Marx, 123<br />

Tel. 071.7820162 – Fax 071.7821437<br />

Montefano (Mc)<br />

Accattoli<br />

Via del Donatore, 25<br />

Tel. 0733.850017 – Fax 0733.850447<br />

Degli Azzoni Avogadro<br />

Corso Carradori, 13<br />

Tel. 0733.850002 – Fax 0733.851056<br />

Potenza Picena (Mc)<br />

Santa Cassel<strong>la</strong><br />

Contrada Santa Cassel<strong>la</strong>, 7<br />

Tel. 0733.671507 – Fax 0733.671507<br />

C<strong>in</strong>goli (Mc)<br />

Cologno<strong>la</strong><br />

Loc. Cologno<strong>la</strong><br />

Tel. 0733.616438 – Fax 0733.616438<br />

Tenuta di Tavignano<br />

Loc. Tavignano<br />

Tel. 0733.617303 – Fax 0733.617320<br />

Appignano (Mc)<br />

Vil<strong>la</strong> Forano<br />

Contrada Forano, 40<br />

Tel. 0733.57102 – Fax 0733.57102<br />

Civitanova Marche Alta (Mc)<br />

Fontezoppa<br />

Contrada San Domenico, 38<br />

Tel. 0733.790504 – Fax 0733.790203<br />

Morro<strong>valle</strong> (Mc)<br />

Cap<strong>in</strong>era<br />

Contrada Crocette, 12<br />

Tel. e Fax 0733.222444 – Fax 0733.569098<br />

Matelica (Mc)<br />

Belisario<br />

Via Merloni, 12<br />

Tel. 0737.787247 – Fax 0737.787263<br />

San Sever<strong>in</strong>o Marche (Mc)<br />

Fattoria Colmone del<strong>la</strong> Marca<br />

Località Colmone<br />

Tel. e Fax 0733.637944 – Cell. 3357016312<br />

Ripe San G<strong>in</strong>esio (Mc)<br />

Terre di San G<strong>in</strong>esio<br />

Via Val di Fiastra, 13<br />

Tel. 0733.511196 – Fax 0733.500396<br />

Fermo<br />

Madonnabruna<br />

C.da Camere, 110<br />

Tel. 0734.679500 – Fax 0734.678746<br />

Ripatransone (Ap)<br />

Le Caniette<br />

C.da Canali, 23<br />

Tel. 0735.9200 – Fax 0735.91028<br />

Tenuta Cocci Grifoni<br />

C.da Messieri, 12 – Fraz. San Sav<strong>in</strong>o<br />

Tel. 0735.90143 – Fax 0735.90123<br />

Acquaviva Picena (Ap)<br />

San Francesco<br />

Via San Francesco, 4<br />

Tel. 0735.764416 – Fax 0735.769210<br />

Terre Cortesi Moncaro<br />

Via Boreale, 37<br />

Tel. 0735.764012 – Fax 0735.265033<br />

Castel di Lama (Ap)<br />

Filippo Panichi<br />

Via Sciro<strong>la</strong>, 37<br />

Tel. 0736.815339 – Fax 0736.812096<br />

Ascoli Piceno<br />

Pantaleone<br />

Fraz. Colonnata Alta, 118<br />

Tel. 0736.254666 – Cell. 3478757476<br />

Cupramontana Corso Leopardi 37/39 tel. 0731/780178 fax 0731/780070<br />

Via Matteotti 213/217 tel. 0731/781226 fax 0731/780070<br />

e-mail: copparienologica@libero.it


CONCORSO NAZIONALE<br />

Un giorno diVerso<br />

Giunti al<strong>la</strong> sedicesima edizione,<br />

“Cant<strong>in</strong>e Aperte” <strong>in</strong>tende co<strong>in</strong>volgere<br />

<strong>in</strong> un’avventura appassionante<br />

<strong>in</strong>vitando a vivere “Un giorno di-<br />

Verso”. Tra le vigne più belle d’Italia<br />

e i profumi <strong>in</strong>ebrianti del v<strong>in</strong>o, certamente<br />

l’ispirazione non mancherà.<br />

Provate a scrivere una breve<br />

poesia (max 160 caratteri) sul<strong>la</strong> giornata <strong>in</strong> cant<strong>in</strong>a o sul v<strong>in</strong>o<br />

<strong>in</strong> generale, che dovrà contenere le parole “Cant<strong>in</strong>e Aperte”.<br />

Spedite<strong>la</strong> poi via sms o via mail. I primi tre c<strong>la</strong>ssificati v<strong>in</strong>ceranno<br />

un week-end presso una cant<strong>in</strong>a associata dotata di servizio<br />

di pernottamento.<br />

Info per il concorso: 075 9889529<br />

<strong>in</strong>fo@movimentoturismov<strong>in</strong>o.it<br />

www.movimentoturismov<strong>in</strong>o.it<br />

Diffidate dalle imitazioni<br />

Solo le cant<strong>in</strong>e che esporranno questa<br />

formel<strong>la</strong> sono quelle appartenenti<br />

al Movimento Turismo del<br />

V<strong>in</strong>o, pronte ad accogliervi con <strong>la</strong><br />

professionalità e <strong>la</strong> cortesia che<br />

da sempre le contraddist<strong>in</strong>guono.<br />

PROSSIMO APPUNTAMENTO<br />

Natale <strong>in</strong> Cant<strong>in</strong>a<br />

Un modo diverso di augurare il Natale è quello di apprezzare i<br />

“doni del<strong>la</strong> terra”. Nel ricreare <strong>la</strong> straord<strong>in</strong>aria atmosfera di<br />

festa legata al Natale, le cant<strong>in</strong>e socie propongono, oltre ai<br />

v<strong>in</strong>i, i propri prodotti aziendali per cesti e doni natalizi.<br />

Movimento Turismo del V<strong>in</strong>o Marche_c/o Azienda Agrico<strong>la</strong> Moroder<br />

Frazione Montacuto, 112 - 60029 Ancona - Tel 071 898232 Fax 071 2800367 - marche@movimentoturismov<strong>in</strong>o.it<br />

La cart<strong>in</strong>a del<strong>la</strong><br />

Valles<strong>in</strong>a<br />

Per le edizioni GEI è uscita il mese di aprile <strong>la</strong> cart<strong>in</strong>a<br />

illustrata del<strong>la</strong> Valles<strong>in</strong>a. Come per <strong>la</strong> guida Valles<strong>in</strong>a da<br />

Scoprire (a giugno <strong>la</strong> terza edizione), l’<strong>in</strong>tento dichiarato<br />

del Gruppo Editoriale Informazione (<strong>la</strong> casa editrice<br />

di Jesi e <strong>la</strong> <strong>sua</strong> Valle) è quello di richiamare turisti nel<strong>la</strong><br />

nostra <strong>valle</strong>.<br />

La nostra zona, pur non possedendo emergenze<br />

turistiche forti e decisive, può utilizzare alcune sue<br />

caratteristiche peculiari per <strong>in</strong>tercettare il flusso turistico<br />

che scorre nel<strong>la</strong> nostra regione. Come <strong>la</strong> costa, come<br />

le Grotte di Frasassi. Come le tante tipicità sociali, cul-<br />

27<br />

turali, commerciali, enogastronomiche.<br />

Ecco, <strong>la</strong> cart<strong>in</strong>a del<strong>la</strong> Valles<strong>in</strong>a vuole offrire al turista<br />

frettoloso che <strong>in</strong>tende fermarsi un po’ dalle nostre<br />

parti uno strumento <strong>in</strong> più per viaggiare attraverso il<br />

paesaggio. E farlo <strong>in</strong>namorare di quegli spazi che, appunto,<br />

<strong>la</strong> fretta potrebbe <strong>in</strong>durlo a pensarli come privi<br />

di <strong>in</strong>teresse.<br />

La cart<strong>in</strong>a si artico<strong>la</strong> <strong>in</strong> due parti: il <strong>la</strong>to A comprende<br />

<strong>la</strong> cart<strong>in</strong>a del<strong>la</strong> Valles<strong>in</strong>a vera e propria, con <strong>in</strong>torno<br />

alcuni spazi pubblicitari. Il <strong>la</strong>to B presenta le ventic<strong>in</strong>que<br />

schede dei comuni appartenenti al territorio.


28 ISTITUZIONI<br />

Le Marche un sistema virtuoso<br />

con il cuore nel mondo<br />

Intervista a Raffaele Bucciarelli, presidente<br />

del Consiglio Regionale<br />

di maria chiara del<strong>la</strong> rovere<br />

Talvolta si ha l’impressione che <strong>la</strong> regione Marche,<br />

pur molto attiva, sia dimenticata dalle cronache<br />

nazionali. C’è questa sensazione tra chi<br />

opera nelle istituzioni?<br />

«Noi marchigiani abbiamo <strong>la</strong> caratteristica, contrariamente<br />

a quanto sembra, di essere chiusi: facciamo<br />

cose straord<strong>in</strong>arie e non le pubblicizziamo a dovere. I<br />

nostri prodotti agricoli, <strong>la</strong> cultura, gli eventi, i personaggi<br />

che vivono sul nostro territorio. Sono stato al<strong>la</strong><br />

consegna del<strong>la</strong> <strong>la</strong>urea honoris<br />

causa a Mario Dondero, uno dei più<br />

grandi fotoreporter italiani: ha<br />

scelto di vivere nelle Marche, ma <strong>in</strong><br />

pochi lo sanno. Tornando par<strong>la</strong>vo<br />

con <strong>la</strong> scrittrice Antonietta Langiu,<br />

cara amica di Joyce Lussu, che abitava<br />

a Fermo: entrambe hanno<br />

deciso di stabilirsi nel<strong>la</strong> nostra<br />

regione. E potrei cont<strong>in</strong>uare».<br />

L’essere chiusi è male?<br />

«Male... è che dobbiamo proporci<br />

di più, ma i dati forniti dagli<br />

operatori dicono che il nostro turismo<br />

tiene e cresce. Credo, però,<br />

che <strong>questo</strong> essere riservati ci abbia<br />

permesso di salvaguardare un’autenticità<br />

unica <strong>in</strong> Italia. I nostri<br />

agriturismi e i nostri bed and<br />

breakfast sono pochi ma autentici:<br />

chi ci va respira marchigiano. I<br />

segni <strong>la</strong>sciati dal<strong>la</strong> mezzadria e<br />

dal<strong>la</strong> cultura contad<strong>in</strong>a hanno fatto<br />

diventare le nostre terre uno stupendo<br />

mosaico. Non ci proponiamo<br />

ad un turismo di massa, perché chi<br />

viene nelle Marche è una persona<br />

curiosa di vedere come si vive<br />

nel<strong>la</strong> regione più longeva d’Europa,<br />

fra le prime <strong>in</strong> Italia per qualità<br />

del<strong>la</strong> vita. È un turismo che cambia<br />

e non guarda solo al mare».<br />

Anche un turismo per l’entroterra qu<strong>in</strong>di...<br />

«Sì, sta crescendo molto. È un turismo colto e <strong>in</strong>teressato<br />

a conoscerci anche attraverso i v<strong>in</strong>i e i prodotti<br />

tipici».<br />

Ci sono problemi di <strong>in</strong>frastrutture?<br />

«Le Marche sembrano iso<strong>la</strong>te dal<strong>la</strong> capitale, ma<br />

hanno l’autostrada verso nord e verso sud. C’è poi un<br />

gap da colmare con il raddoppio del<strong>la</strong> l<strong>in</strong>ea ferroviaria<br />

da Montecarotto a Foligno e con <strong>la</strong> superstrada. Per<br />

quanto riguarda il collegamento tra i piccoli comuni,<br />

non so se ampliare <strong>la</strong> rete stradale significhi <strong>in</strong>crementare<br />

il turismo, sicuramente però il territorio ne pagherebbe<br />

un prezzo forse non sostenibile. Non esagererei<br />

questa carenza, che pure c’è per quanto concerne il<br />

trasporto delle merci; mentre chi viene a visitare i borghi<br />

vuole pian piano arrampicarsi sulle coll<strong>in</strong>e e godere<br />

del paesaggio».<br />

Le Marche quanto sono conosciute all’estero?<br />

«Non siamo ben conosciuti. Non a caso, <strong>in</strong> questa<br />

legis<strong>la</strong>tura, il presidente Spacca ha creato un assessorato<br />

per <strong>la</strong> Promozione. Ma c’è <strong>la</strong> tendenza a piangere<br />

troppo, mentre i giornali dopo il ponte del Primo Maggio<br />

par<strong>la</strong>vano di strutture ricettive piene. Dobbiamo, certo,<br />

fare di più, valorizzare ulteriormente i nostri beni culturali,<br />

ambientali, archeologici, e <strong>la</strong> produzione tipica.<br />

Sono conv<strong>in</strong>to, però, che bisogna sempre guardare il<br />

bicchiere mezzo pieno».<br />

È stato presentato il Rapporto 2007 sull’<strong>in</strong>dustria<br />

marchigiana. Il presidente di Conf<strong>in</strong>dustria<br />

Vitali e il presidente del<strong>la</strong> Giunta regionale<br />

Spacca hanno sostenuto che dove le Marche si<br />

presentano <strong>in</strong> squadra si affermano.<br />

«È vero. In Russia, ad esempio, se noi fossimo andati<br />

s<strong>in</strong>go<strong>la</strong>rmente con le nostre imprese, non avremmo<br />

avuto il successo che abbiamo ottenuto <strong>in</strong>vece allestendo<br />

<strong>la</strong> mostra dei Grandi Marchigiani del ’900 e portando i<br />

“Cuochi di Marca” per proporre <strong>la</strong> nostra cuc<strong>in</strong>a, attraente<br />

per gli stranieri. Siamo andati al<strong>la</strong> Fiera Internazionale<br />

del Libro di Tor<strong>in</strong>o con Giunta e Consiglio regionali che<br />

hanno <strong>la</strong>vorato per portare tutti gli editori, le università,<br />

i comuni e le prov<strong>in</strong>ce che volevano essere presenti <strong>in</strong><br />

questa vetr<strong>in</strong>a. Si va <strong>in</strong>sieme: privato, pubblico, istituzioni».<br />

Un sistema virtuoso.<br />

«Il nostro segreto è stato mantenere salda <strong>la</strong> nostra<br />

cultura contad<strong>in</strong>a, basata sul forte radicamento nel territorio<br />

e sui valori veri come solidarietà, accoglienza e <strong>la</strong>voro.<br />

Su queste basi abbiamo <strong>in</strong>novato e prodotto, ad<br />

esempio, v<strong>in</strong>i che hanno avuto riconoscimenti <strong>in</strong>ternazionali.<br />

Le nostre aziende sono leader a livello mondiale».<br />

In un’economia globalizzata, è ancora valido il<br />

modello di sviluppo marchigiano?<br />

«La globalizzazione, sul piano del<strong>la</strong> produzione<br />

<strong>in</strong>dustriale, ci obbliga a fare sistema, unico modo v<strong>in</strong>cente<br />

per noi che dobbiamo contare solo sul<strong>la</strong> qualità.<br />

Inoltre, è bene puntare proprio sul<strong>la</strong> qualità perché c’è<br />

una reazione al<strong>la</strong> globalizzazione. All’appiattimento dei<br />

sapori dei McDonald’s, ad esempio, si reagisce ricercando<br />

autenticità e tipicità tradizionali. Su questa via, i<br />

nostri piccoli produttori resistono e si affermano sul<br />

mercato mondiale».<br />

Da sempre lei ha sostenuto <strong>in</strong>iziative per <strong>la</strong><br />

pace e <strong>la</strong> col<strong>la</strong>borazione tra i popoli. Come presidente<br />

del Consiglio Regionale, ha cont<strong>in</strong>uato queste<br />

esperienze?<br />

«Impegnarsi nel campo del<strong>la</strong> solidarietà <strong>in</strong>ternazionale<br />

volontaria è un’attività che ti dà molto di più di ciò<br />

che dai; ti fornisce una chiave di lettura formidabile per<br />

conoscere meglio i fatti del mondo.<br />

La stampa occidentale, quando par<strong>la</strong> dei problemi<br />

dei paesi impoveriti, lo fa per rafforzare le nostre conv<strong>in</strong>zioni<br />

di occidentali. Noi che proveniamo da un<br />

mondo dell’utopia (Tommaso Moro, Campanel<strong>la</strong>) non<br />

possiamo non leggere criticamente le <strong>in</strong>giustizie del<br />

mondo. Che devono obbligatoriamente comportare un<br />

impegno, altrimenti anche l’essere rigorosamente cattolico<br />

non ha senso. Le Marche partecipano a progetti<br />

di cooperazione <strong>in</strong>ternazionale <strong>in</strong> oltre 50 Paesi:<br />

Bosnia, Montenegro, Albania, Eritrea, Somalia, Argent<strong>in</strong>a,<br />

Brasile, Sry Lanka, Guatema<strong>la</strong>, Bolivia. Il Consiglio<br />

Regionale ha ricevuto <strong>la</strong> delega a gestire <strong>la</strong><br />

Politica del<strong>la</strong> Pace e tanti sono stati i messaggi forti: <strong>la</strong><br />

Giornata del<strong>la</strong> Pace, <strong>la</strong> pubblicazione dei primi 54 articoli<br />

del<strong>la</strong> Costituzione <strong>in</strong> 10 l<strong>in</strong>gue da distribuire agli<br />

immigrati e alle scuole, il segnalibro contro il razzismo,<br />

le <strong>in</strong>iziative con il Garante dell’<strong>in</strong>fanzia e dell’adolescenza<br />

per tute<strong>la</strong>re i diritti e far crescere generazioni<br />

responsabili e consapevoli. Le Marche sono tutto <strong>questo</strong>:<br />

capacità di guardare il mondo e desiderio di contribuire<br />

a migliorarlo».<br />

Una scelta politica, dunque.<br />

«Una scelta politica forte. Nel calo economico nazionale,<br />

noi teniamo perché siamo ancora una società<br />

coesa e fiduciosa nelle istituzioni. È stato fatto molto:<br />

nelle Marche c’è il Consiglio Regionale più parsimonioso<br />

d’Italia, con le <strong>in</strong>dennità più basse, dove <strong>la</strong> Presidenza<br />

del Consiglio non ha consulenze ed è stato ridotto l’uso<br />

delle auto di servizio… prima delle polemiche sui costi<br />

del<strong>la</strong> politica (sicuramente da ridiscutere)».<br />

Ancona è sede del Segretariato dell’Iniziativa<br />

Adriatico Ionica.<br />

29<br />

«Dà prestigio al<strong>la</strong> nostra regione e al<strong>la</strong> nostra gente,<br />

riconoscendo loro un ruolo storico, di re<strong>la</strong>zioni sociali,<br />

culturali e commerciali. Questo, come altri attestati di<br />

fiducia, sarebbe stato possibile se avessimo portato nei<br />

vari Paesi solo le sedi delle nostre Banche o solo le<br />

imprese? Anche <strong>la</strong> missione <strong>in</strong> Sudafrica è stata uno dei<br />

frutti del<strong>la</strong> capacità dei nostri imprenditori di avere<br />

creatività e di cercare, <strong>in</strong> modo rispettoso, nuovi mercati,<br />

ma di farlo accompagnati dalle istituzioni».<br />

Altri temi rilevanti?<br />

«La formazione professionale del<strong>la</strong> manodopera, com<strong>in</strong>ciando<br />

ad occuparci anche dei <strong>la</strong>voratori immigrati;<br />

l’istruzione dei giovani, basata sull’educazione al<strong>la</strong> solidarietà<br />

e all’<strong>in</strong>tegrazione; l’attenzione per <strong>la</strong> salvaguardia<br />

dei centri storici, che devono essere vissuti e non<br />

solo <strong>in</strong>vasi da banche e negozi, che pure servono, né<br />

resi ghetti <strong>in</strong> cui si creano nuove contraddizioni difficili<br />

da governare».<br />

Alcune foto scattate<br />

durante una recente<br />

visita del presidente<br />

del Consiglio regionale<br />

Raffaele<br />

Bucciarelli <strong>in</strong> Sry<br />

Lanka.<br />

Nel<strong>la</strong> pag<strong>in</strong>a a fianco<br />

il segnalibro contro il<br />

razzismo realizzato<br />

dal Consiglio<br />

Regionale delle<br />

Marche.


30 ASSOCIAZIONI<br />

Cultura a 24 carati<br />

Dal 1° gennaio è ripresa a pieno ritmo l’attività del Centro Studi<br />

Piero Ca<strong>la</strong>mandrei caratterizzata, come sempre, da <strong>in</strong>iziative di<br />

grande rilievo culturale e di forte richiamo per <strong>la</strong> città.<br />

di gloria fiorent<strong>in</strong>i<br />

Interessati a <strong>questo</strong> evento, e per conoscere da vic<strong>in</strong>o<br />

il Ca<strong>la</strong>mandrei e le <strong>in</strong>iziative <strong>in</strong> programma, ci siamo<br />

rivolti al suo presidente, il dott. Gian Franco Berti, da<br />

sempre impegnato nel mondo del<strong>la</strong> cultura, oltre che<br />

vantare una prestigiosa carriera manageriale e ricoprire<br />

<strong>la</strong> carica di presidente del Comitato Territoriale<br />

Valles<strong>in</strong>a di Ass<strong>in</strong>dustria Ancona.<br />

«Il Centro Studi Piero Ca<strong>la</strong>mandrei svolge una attività<br />

di divulgazione culturale attraverso <strong>la</strong> diffusione di<br />

tematiche sociali, politiche ed economiche» ha precisato<br />

Berti. Il Centro Studi P. Ca<strong>la</strong>mandrei è nato nel 1987,<br />

per <strong>in</strong>iziativa di alcune persone che, pur con diverse<br />

esperienze di vita, si ritrovano per antica amicizia e<br />

forte necessità di operare nell’ambito dello sviluppo<br />

culturale del<strong>la</strong> comunità jes<strong>in</strong>a. Per diciassette anni ha<br />

organizzato <strong>in</strong>contri pubblici con personalità di spicco a<br />

livello locale e nazionale e realizzato pubblicazioni di<br />

pregio con <strong>la</strong> col<strong>la</strong>na dei Quaderni del Ca<strong>la</strong>mandrei.<br />

«Forse <strong>la</strong> migliore <strong>in</strong>tellighenzia è passata a Jesi<br />

grazie a questa attività culturale del Ca<strong>la</strong>mandrei» ha<br />

osservato Berti. Poi però un fatto doloroso ha segnato<br />

profondamente l’attività ma soprattutto le persone che<br />

operano al Ca<strong>la</strong>mandrei: <strong>la</strong> scomparsa improvvisa del<br />

dott. Guglielmo La Sca<strong>la</strong>, sponsor pr<strong>in</strong>cipale del Centro<br />

Studi. «Questo lutto traumatico si <strong>in</strong>nesta anche su una<br />

certa nostra stanchezza» ricorda Berti. «Presi dallo scoramento,<br />

abbiamo deciso di chiudere l'attività». Che di<br />

fatto però è stata solo sospesa e ripresa dopo tre anni,<br />

a gennaio scorso.<br />

«È stato deciso di riprendere l’attività <strong>in</strong>tanto perché<br />

<strong>in</strong> questi tre anni di sonno abbiamo trovato dec<strong>in</strong>e e<br />

dec<strong>in</strong>e di persone che hanno deprecato <strong>questo</strong> silenzio<br />

e che ci hanno <strong>in</strong>vitato caldamente a svegliarci e a svegliare<br />

<strong>la</strong> città – spiega Berti. – E poi i lutti si e<strong>la</strong>borano<br />

ed anche il nostro è stato e<strong>la</strong>borato. Ma soprattutto è<br />

<strong>in</strong>tervenuto un colpo di fortuna per il quale siamo<br />

entrati <strong>in</strong> possesso di una cospicua dotazione di materiale<br />

<strong>in</strong>edito di una delle figure più <strong>in</strong>teressanti del ’900<br />

che è stato Franco Antonicelli. Abbiamo foto, ritratti,<br />

lettere, diari dal conf<strong>in</strong>o di <strong>questo</strong> personaggio che è<br />

tanto importante nel<strong>la</strong> storia del<strong>la</strong> cultura politica e letteraria<br />

italiana quanto è sconosciuto».<br />

Sarà proprio <strong>la</strong> figura poliedrica di Antonicelli (1902-<br />

1974), <strong>in</strong>tellettuale e uomo politico antifascista, ad<br />

ispirare l’attività del Ca<strong>la</strong>mandrei, ad <strong>in</strong>iziare dal convegno<br />

organizzato lo scorso 10 maggio presso il Circolo<br />

Cittad<strong>in</strong>o durante il quale <strong>la</strong> <strong>sua</strong> biografia è stata ripercorsa<br />

dallo storico e docente dell’Università di Tor<strong>in</strong>o,<br />

Angelo D’Orsi. «A me piace molto Antonicelli che ho<br />

def<strong>in</strong>ito un liberale, un <strong>in</strong>tellettuale ed un antifascista a<br />

24 carati, ma anche uno che non si è mai preso troppo<br />

sul serio» ci spiega Berti. Franco Antonicelli è stato<br />

<strong>in</strong>fatti segretario del Partito Liberale del Piemonte e<br />

direttore de L’Op<strong>in</strong>ione, l’organo del partito liberale. Fu<br />

<strong>in</strong> corrispondenza con personaggi come Benedetto Croce,<br />

Luigi E<strong>in</strong>audi, Gaetano Salvem<strong>in</strong>i, Piero Ca<strong>la</strong>mandrei<br />

e molta di questa corrispondenza autografa ed <strong>in</strong>edita<br />

è proprio <strong>in</strong> possesso del Centro Studi.<br />

È stato uno dei primi ad aderire al<strong>la</strong> resistenza e<br />

all’antifascismo. Presidente del Comitato di Liberazione<br />

Nazionale di Tor<strong>in</strong>o, <strong>in</strong> quanto tale, tenne il comizio del<br />

25 aprile 1945 <strong>in</strong> Piazza Vittorio. Ma fu anche un <strong>in</strong>tellettuale<br />

di spicco perché è stato scrittore, poeta, fotografo,<br />

disegnatore, ha scritto favole per bamb<strong>in</strong>i,<br />

opere, bal<strong>la</strong>te ed un libretto di opera lirica musicato dal<br />

musicista Ghed<strong>in</strong>i, maestro di C<strong>la</strong>udio Abbado. Creò<br />

due case editrici, una durante il fascismo e l’altra dopo<br />

<strong>la</strong> liberazione. Fu <strong>in</strong>vitato da Garzanti a compi<strong>la</strong>re le<br />

schede per <strong>la</strong> <strong>sua</strong> enciclopedia.<br />

È stato uno studioso di D’Annunzio, Carducci e<br />

Gozzano, ha <strong>in</strong>segnato al mitico Liceo D’Azeglio di Tor<strong>in</strong>o<br />

ed è stato professore di Norberto Bobbio, di Leone<br />

G<strong>in</strong>zburg, nonchè precettore di Gianni Agnelli. E non si<br />

avvalse dell’appoggio del potente senatore Agnelli<br />

quando, il 4 giugno 1929, a soli 27 anni, fu schedato<br />

dal<strong>la</strong> polizia fascista, <strong>in</strong>carcerato, e successivamente<br />

mandato al conf<strong>in</strong>o, per avere <strong>in</strong>viato una lettera di<br />

solidarietà, <strong>in</strong>sieme ad altri <strong>in</strong>tellettuali, a Benedetto<br />

Croce che Mussol<strong>in</strong>i aveva def<strong>in</strong>ito “imboscato del<strong>la</strong><br />

storia”.<br />

«Antonicelli non ha bisogno di aspettare le leggi razziali<br />

del ’38 per farsi prendere dai dubbi e l’8 settembre<br />

del 1943 per saltare il fosso, come è successo ai tre<br />

quarti dell'<strong>in</strong>tellighenzia italiana – ci racconta Berti. –<br />

Lui da subito mostra questa avversione ideale, culturale<br />

ed anche estetica nei confronti del regime fascista».<br />

Mandato al conf<strong>in</strong>o ad Acropoli, <strong>in</strong>fatti, si sposerà<br />

<strong>in</strong>dossando un tight con le code proprio per significare<br />

<strong>la</strong> distanza tra <strong>la</strong> <strong>sua</strong> eleganza e <strong>la</strong> volgarità del regime.<br />

È stato un padre del<strong>la</strong> patria. Lasciato il Partito<br />

Liberale per il Partito Repubblicano di Parri e <strong>la</strong> Malfa,<br />

fu poi eletto al Senato per <strong>la</strong> S<strong>in</strong>istra Indipendente.<br />

«Ma <strong>in</strong> tutto <strong>questo</strong> non c’è <strong>in</strong>coerenza – spiega<br />

Berti, – c’è un approccio non manicheo ai problemi, un<br />

approccio duttile, pieno di dubbi, di debolezze, di curiosità,<br />

così come deve essere un <strong>in</strong>tellettuale vero, che<br />

sbaglia mentre esplora, ma che esplorando apre nuove<br />

vie. Per <strong>questo</strong> mi affasc<strong>in</strong>a, ed anche perché non è né<br />

noioso né serioso. È una figura fresca ancora oggi e le<br />

cose che ha scritto e detto e che pubblicheremo sono<br />

cose fresche».<br />

È prevista <strong>in</strong>fatti <strong>la</strong> stampa di 8-10 saggi tratti da<br />

materiale <strong>in</strong>edito di Antonicelli che contiene anche <strong>in</strong>teressanti<br />

considerazioni sui rapporti con <strong>la</strong> chiesa, sul<br />

piano Marshall, documenti a firma di Salvem<strong>in</strong>i, Bobbio,<br />

Foa, G<strong>in</strong>zburg, Monti, Cosmo, E<strong>in</strong>audi, materiali <strong>in</strong>credibili<br />

ed estremamente utili per <strong>la</strong> ricerca degli storici.<br />

«Questa figura ci permette di legare con un filo<br />

rosso <strong>la</strong> produzione del Ca<strong>la</strong>mandrei - ci spiega Berti. -<br />

In un anno <strong>in</strong> cui si sprecheranno le manifestazioni per<br />

il quarantennale del ’68, noi ci impegniamo nel riproporre<br />

i quaranta anni più importanti del<strong>la</strong> storia recente<br />

d’Italia, quelli dal 1930 al 1970, perché <strong>in</strong> <strong>questo</strong><br />

quarantennio è successo il peggio ed il meglio che poteva<br />

accadere». Sono stati <strong>in</strong>fatti gli anni del<strong>la</strong> dittatura,<br />

delle leggi razziali, del<strong>la</strong> guerra, del<strong>la</strong> resistenza, del<strong>la</strong><br />

31<br />

Il manifesto dell’<strong>in</strong>iziativa<br />

del 10 maggio; Sergio<br />

Cerioni, segretario del<br />

Circolo Ca<strong>la</strong>mandrei,<br />

che ha seguito da vic<strong>in</strong>o<br />

<strong>la</strong> realizzazione del volume<br />

e le <strong>in</strong>iziative col<strong>la</strong>terali,<br />

<strong>in</strong>sieme all’assessore<br />

al<strong>la</strong> Cultura del<br />

Comune di Jesi,<br />

Valent<strong>in</strong>a Conti.<br />

Nel<strong>la</strong> pag<strong>in</strong>a a fianco<br />

Gian Franco Berti,<br />

presidente del<br />

Ca<strong>la</strong>mandrei.<br />

Repubblica, del<strong>la</strong> Costituente, del boom economico,<br />

degli esodi biblici dalle campagne verso le città e dal<br />

sud al nord, dello sviluppo <strong>in</strong>dustriale, dei diritti civili,<br />

delle protezioni sociali, del pans<strong>in</strong>dacalismo, del<strong>la</strong> contestazione,<br />

dei prodromi del terrorismo.<br />

Al filone del<strong>la</strong> col<strong>la</strong>udata col<strong>la</strong>na editoriale di saggi<br />

del Ca<strong>la</strong>mandrei, si affiancherà quello delle rappresentazioni<br />

teatrali, oltre ad un selezionato ciclo di conferenze,<br />

<strong>in</strong>contri, dibattiti, tavole rotonde e sem<strong>in</strong>ari.<br />

«Vuole essere un servizio di divulgazione quello che<br />

abbiamo <strong>in</strong> mente di fare, soprattutto nei confronti dei<br />

giovani ai quali cercheremo di presentare queste cose<br />

<strong>in</strong> modo non troppo sco<strong>la</strong>stico per far capire cosa c’è<br />

stato prima di loro – chiarisce Berti. – Solo conoscendo<br />

il passato possono avere strumenti migliori per affrontare<br />

il futuro. Io ho <strong>questo</strong> “pall<strong>in</strong>o”, che ho trasferito<br />

sia nel Ca<strong>la</strong>mandrei che <strong>in</strong> Ass<strong>in</strong>dustria, di <strong>la</strong>vorare su<br />

due temi centrali: <strong>la</strong> memoria e l’identità».<br />

I quaderni del Ca<strong>la</strong>mandrei<br />

La col<strong>la</strong>na “Altrasocietà” dei<br />

Quaderni del Ca<strong>la</strong>mandrei si è<br />

aperta nel 2008 con il testo del<br />

Processo a Mussol<strong>in</strong>i scritto<br />

da Michael Foot nel 1943, per <strong>la</strong><br />

riduzione teatrale e regia di Alfio<br />

Bernabei, rappresentato con un<br />

successo c<strong>la</strong>moroso <strong>in</strong> prima<br />

mondiale nel novembre 2007 a Londra; esiste l’<strong>in</strong>tenzione<br />

di studiare <strong>la</strong> fattibilità di una produzione<br />

esclusiva del Teatro Pergolesi per l’Italia su mandato<br />

del Centro Studi P. Ca<strong>la</strong>mandrei. Sullo stesso<br />

tema il <strong>la</strong>voro di Alfio Bernabei Il sarto <strong>in</strong> fondo<br />

al mare editato <strong>in</strong> prima italiana con prefazione di<br />

Luigi Squarz<strong>in</strong>a. Nel<strong>la</strong> programmazione del Teatro<br />

Pergolesi sarà <strong>in</strong>serita, su proposta e <strong>in</strong>iziativa del<br />

Ca<strong>la</strong>mandrei, <strong>la</strong> rappresentazione di È vietato digiunare<br />

<strong>in</strong> spiaggia, <strong>la</strong>voro teatrale sull’attività<br />

di Danilo Dolci <strong>in</strong> Sicilia.<br />

Per <strong>in</strong>formazioni www.centropieroca<strong>la</strong>mandrei.it<br />

<strong>in</strong>fo@centropieroca<strong>la</strong>mandrei.it<br />

foto Maurizi


di chiara cascio<br />

Donare il sangue è scegliere di credere nel valore del<strong>la</strong><br />

vita.<br />

È <strong>questo</strong> il messaggio che l’AVIS promuove ogni<br />

anno attraverso il <strong>la</strong>ncio di nuove <strong>in</strong>iziative rivolte al<strong>la</strong><br />

cittad<strong>in</strong>anza. Dopo il successo degli eventi del 2007,<br />

anche per il 2008, l’AVIS ha <strong>in</strong> serbo nuove <strong>in</strong>iziative.<br />

«L’obiettivo è quello di farsi sentire, alzare <strong>la</strong> voce –<br />

spiega il presidente dell’Associazione Sandro Brilli. – La<br />

nostra attività non deve rimanere una musica di sottofondo:<br />

con delle note acute vogliamo portare l’AVIS<br />

all’attenzione di tutti, donatori e cittad<strong>in</strong>i, mostrando<br />

quali sono le esigenze del territorio, i percorsi risolutivi<br />

e i risultati ottenuti».<br />

Qual è <strong>la</strong> situazione attuale dell’AVIS di Jesi?<br />

«Ad oggi, contiamo poco più di 30 nuovi donatori:<br />

una cifra modesta ma comunque nel<strong>la</strong> norma. In altre<br />

parole, <strong>la</strong> situazione cont<strong>in</strong>ua ad essere stazionaria:<br />

non ci sono picchi di crescita né di discesa. Le donazioni<br />

f<strong>in</strong>ora effettuate al Centro trasfusionale di Jesi sono<br />

più di 780. Il che non è sufficiente rispetto alle concrete<br />

esigenze del territorio».<br />

Può spiegarci quali sono, nello specifico, queste<br />

esigenze?<br />

«Innanzitutto le statistiche rive<strong>la</strong>no che mancano 20<br />

mi<strong>la</strong> donazioni di p<strong>la</strong>sma per rispondere adeguatamente<br />

al fabbisogno delle Marche, di cui si riesce a coprire<br />

a ma<strong>la</strong>pena il 40%. Nonostante <strong>la</strong> nostra regione sia<br />

seconda <strong>in</strong> Italia nel rapporto tra <strong>numero</strong> di donatori e<br />

popo<strong>la</strong>zione, occorrono 10 mi<strong>la</strong> litri di p<strong>la</strong>sma <strong>in</strong> più<br />

rispetto al<strong>la</strong> disponibilità attuale. Questa mancanza si<br />

traduce prima di tutto <strong>in</strong> aumento dei costi e qu<strong>in</strong>di<br />

delle spese, al punto che nel 2007 <strong>la</strong> Regione ho dovuto<br />

spendere 1,6 milioni di euro per colmare il deficit. In<br />

secondo luogo, <strong>la</strong> carenza comporta a livello umanitario<br />

<strong>in</strong>giuste e <strong>in</strong>adeguate risposte alle esigenze. Se i<br />

prodotti sono pochi e non bastano, non tutti purtroppo<br />

potranno goderne».<br />

Cosa propone l’AVIS comunale di Jesi per far<br />

fronte a questa situazione?<br />

«È nostra priorità migliorare le condizioni del servizio.<br />

Ben presto tutti i centri trasfusionali appartenenti<br />

all’ASUR n. 5 verranno trasferiti presso il nuovo stabilimento<br />

dell’ospedale Murri, dove confluiranno nell’Unità<br />

Operativa Centro Trasfusionale. Ed è dovere dell’AVIS<br />

mobilitarsi aff<strong>in</strong>ché l’Amm<strong>in</strong>istrazione sanitaria assegni<br />

ASSOCIAZIONI<br />

33<br />

donare per credere<br />

Sandro Brilli di Jesi, presidente dell’Avis<br />

al nuovo reparto<br />

strutture e spazi<br />

adeguati, ampi e<br />

funzionali. In secondo<br />

luogo, cont<strong>in</strong>ueremo<br />

con i progetti e<br />

le campagne di sensibilizzazione<br />

che<br />

co<strong>in</strong>volgano cittad<strong>in</strong>i<br />

e, qu<strong>in</strong>di, potenziali donatori. Il messaggio che promuoviamo<br />

è sempre lo stesso: donare il sangue è una<br />

cosa semplicissima che non crea disagi o fastidi ma che<br />

offre agli altri l’opportunità di vivere».<br />

Quali sono le <strong>in</strong>iziative <strong>in</strong> cantiere?<br />

«Al momento ne contiamo due: <strong>la</strong> prima è Attori di<br />

Volontariato, un corso di formazione gratuito per l’apprendimento<br />

di tecniche e nozioni basi<strong>la</strong>ri necessarie<br />

allo svolgimento di attività di promozione sociale tra le<br />

nuove generazioni. È una specie di <strong>la</strong>boratorio, rivolto<br />

a coloro che vogliono formarsi come promotori di solidarietà<br />

nelle scuole, centri di aggregazione e luoghi di<br />

<strong>la</strong>voro. Il corso si svolgerà nei mesi di giugno e di luglio<br />

con cadenza settimanale, per un totale di 24 ore di formazione.<br />

Per iscriversi, bisogna recarsi presso <strong>la</strong> sede<br />

AVIS, <strong>in</strong> via dell’Asilo n. 1, dalle ore 16 alle 19.<br />

Chiunque fosse <strong>in</strong>teressato, può mandare una email<br />

a aite<strong>jesi</strong>@alice.it o telefonare al <strong>numero</strong> 0731<br />

57536».<br />

E l’altra <strong>in</strong>iziativa?<br />

«La seconda novità è un progetto di più ampio<br />

respiro, che co<strong>in</strong>volge tutte le AVIS del territorio ASUR<br />

n. 5. Si chiama Sem<strong>in</strong>are oggi per raccogliere domani<br />

ed ha come obiettivo quello di <strong>in</strong>serire il programma<br />

educativo dell’AVIS all’<strong>in</strong>terno del Piano d’offerta formativa<br />

delle scuole di ogni ord<strong>in</strong>e e grado. Dunque non<br />

più <strong>in</strong>contri occasionali e col<strong>la</strong>terali agli <strong>in</strong>segnamenti<br />

sco<strong>la</strong>stici ma vera propria formazione ai valori del<strong>la</strong><br />

solidarietà. Inoltre, sono previste attività di promozione<br />

del<strong>la</strong> donazione che co<strong>in</strong>volgano i medici di famiglia,<br />

associazioni di volontariato, società sportive e centri di<br />

aggregazione. Un secondo aspetto del progetto riguarda<br />

<strong>in</strong>oltre <strong>la</strong> realizzazione di una card per i donatori che<br />

contenga <strong>la</strong> loro storia cl<strong>in</strong>ica. Un piccolo vantaggio di<br />

cui i donatori potranno disporre, oltre al<strong>la</strong> consapevolezza<br />

del bene che fanno e danno al<strong>la</strong> società».


34 IMPRESE E TERRITORIO<br />

Cis e scuole,<br />

connubio eccezionale<br />

di mauro lum<strong>in</strong>ari<br />

Ultimi ritocchi per “Cis<strong>in</strong>contra 2008” (dal 23 al 31<br />

maggio): <strong>la</strong> grande manifestazione che co<strong>in</strong>volge gli<br />

alunni di c<strong>in</strong>que istituti comprensivi sul territorio di Cis<br />

Srl, società che da oltre 25 anni unisce 12 Comuni del<strong>la</strong><br />

media Valles<strong>in</strong>a.<br />

Un meet<strong>in</strong>g per migliaia di sco<strong>la</strong>ri e cent<strong>in</strong>aia di<br />

docenti impegnati su due temi: <strong>la</strong> valorizzazione del territorio<br />

e l’energia pulita. Un connubio eccezionale che<br />

produce sensibilizzazione, partecipazione e impegno.<br />

“Cis<strong>in</strong>contra” è un’esperienza ormai quasi decennale,<br />

un appuntamento di rilievo per sottol<strong>in</strong>eare il quale<br />

è stata firmata, il 3 aprile scorso, una specifica convenzione<br />

con i c<strong>in</strong>que Istituti. Nel<strong>la</strong> sa<strong>la</strong> conferenze<br />

del<strong>la</strong> nuova sede del Cis di via Fornace c’erano tutti i<br />

protagonisti, dagli alunni alle istituzioni: il presidente<br />

del Consiglio regionale Raffaele Bucciarelli, il presidente<br />

del Cis Sergio Cerioni, Pietro Luigi Aqui<strong>la</strong>nti per <strong>la</strong><br />

Prov<strong>in</strong>cia di Ancona, Nico<strong>la</strong> Brunetti dirigente dell’istituto<br />

comprensivo Maio<strong>la</strong>ti Spont<strong>in</strong>i-Castelp<strong>la</strong>nio-Poggio<br />

San Marcello, Filiberto Arcangeli dirigente dell’istituto<br />

comprensivo Cupramontana-Staffolo, Stefania Sbriscia<br />

dirigente dell’istituto comprensivo Serra San Quirico-<br />

Mergo-Rosora, Luig<strong>in</strong>a Massaria dirigente dell’istituto<br />

comprensivo Monteroberto-Castelbell<strong>in</strong>o-San Paolo di<br />

Jesi, Silvia Faggi Grigioni dirigente dell’istituto comprensivo<br />

Arcevia-Montecarotto, don Fabio Belelli per <strong>la</strong><br />

scuo<strong>la</strong> dell’<strong>in</strong>fanzia “Domenico Pal<strong>la</strong>vic<strong>in</strong>o” di Moie,<br />

Esuperanzio Bonci per <strong>la</strong> materna “S.Cater<strong>in</strong>a” di<br />

Cupramontana. C’era anche una rappresentanza degli<br />

alunni, c<strong>in</strong>que c<strong>la</strong>ssi, una per istituto comprensivo e<br />

alcuni alunni delle materne.<br />

Il presidente Cerioni ha ricordato come il Cis sia<br />

stato sempre attento, nei fatti, alle problematiche<br />

ambientali. «In 25 anni il Cis ha tra l’altro metanizzato<br />

l’<strong>in</strong>tero territorio dei 12 Comuni associati, realizzato<br />

una centrale idroelettrica, cambiato le illum<strong>in</strong>azioni<br />

pubbliche, ora a basso consumo, ha altresì un impianto<br />

fotovoltaico <strong>in</strong> fase di realizzazione, vanta un percorso<br />

ciclopedonale oggi di quasi 5 km e dest<strong>in</strong>ato <strong>in</strong><br />

futuro ad estendersi. Ma lo sviluppo complessivo di un<br />

territorio è possibile solo a condizione che vi sia una<br />

reale convergenza di obiettivi, una forte s<strong>in</strong>ergia tra<br />

pubblico e privato» ha concluso il presidente Cerioni tra<br />

gli app<strong>la</strong>usi. E di s<strong>in</strong>ergia con il territorio ha par<strong>la</strong>to<br />

anche Aqui<strong>la</strong>nti ricordando come <strong>la</strong> Prov<strong>in</strong>cia abbia a<br />

cuore «le buone pratiche di convivenza con il territorio<br />

ricco di beni paesaggistici, culturali e artistici. Per conservarli<br />

e valorizzarli servono <strong>in</strong>iziative convergenti che<br />

poi si re<strong>la</strong>zion<strong>in</strong>o con <strong>la</strong> scuo<strong>la</strong> come nel caso di questa<br />

<strong>in</strong>iziativa».<br />

Nico<strong>la</strong> Brunetti ha par<strong>la</strong>to <strong>in</strong> nome e per conto di<br />

tutti i dirigenti sco<strong>la</strong>stici. Ha sottol<strong>in</strong>eato il contributo<br />

annuo di 2.500 euro che il Cis eroga ad ogni istituto<br />

comprensivo per l’acquisto di materiali didattici, più, <strong>in</strong><br />

questa circostanza, <strong>la</strong> dotazione di vari “kit” per il montaggio<br />

di m<strong>in</strong>i-apparecchiature alimentate a energia<br />

so<strong>la</strong>re. Ma Brunetti ha fatto anche una proposta: far<br />

diventare <strong>la</strong> scuo<strong>la</strong> soggetto attivo nel<strong>la</strong> raccolta differenziata<br />

dei rifiuti. Una proposta dall’alto valore educativo,<br />

civico e culturale. «Nelle scuole – ha concluso il<br />

dirigente – potremmo così anticipare quanto dovrà presto<br />

essere fatto <strong>in</strong> ciascuna famiglia». Un’idea semplice<br />

e di sicura efficacia, da girare agli organismi preposti<br />

al<strong>la</strong> soluzione di tali problematiche.<br />

È stato Raffaele Bucciarelli a concludere <strong>la</strong> cerimonia.<br />

«Ho voluto esserci perché questa convenzione è<br />

molto importante – ha detto il presidente del Consiglio<br />

regionale – il saluto mio e del<strong>la</strong> Regione non è una formalità,<br />

ma è sentito». «Non può essere il consumo il<br />

f<strong>in</strong>e ultimo dell’umanità, ma il diventare soggetti consapevoli<br />

di dove e come viviamo. E questa <strong>in</strong>iziativa<br />

rende le scuole soggetti davvero attivi e protagonisti<br />

nel<strong>la</strong> costruzione del futuro» ha concluso Bucciarelli.<br />

«Dove sono i giacimenti del metano che arriva a<br />

casa nostra?». «Perché non usiamo il vento per produrre<br />

energia elettrica?» Sono due domande di sco<strong>la</strong>ri,<br />

concrete e pragmatiche. Il presidente Cerioni ha risposto<br />

a modo, ma quelle domande dimostrano come <strong>la</strong><br />

scuo<strong>la</strong> abbia ancora sete di <strong>in</strong>formazioni chiare e basi<strong>la</strong>ri.<br />

“Cis<strong>in</strong>contra 2008” servirà anche a <strong>questo</strong>.<br />

Fotogiornalismo <strong>in</strong> Valles<strong>in</strong>a<br />

di mauro lum<strong>in</strong>ari<br />

Jean Michel C<strong>la</strong>jot, Kadir Van Lohuizen, Francesco Cito,<br />

Chris De Bode, Sergio Ramazzotti, Tomas Van Houtryve e<br />

Andrew Testa. Sono questi i sette fotoreporter, tra i più<br />

famosi al mondo, che esporranno le loro opere <strong>in</strong> sei<br />

Comuni del<strong>la</strong> media Valles<strong>in</strong>a – Cupramontana, Maio<strong>la</strong>ti<br />

Spont<strong>in</strong>i, Montecarotto, Monte Roberto, Serra San Quirico,<br />

Staffolo – e saranno presenti nel periodo che va dal 30<br />

maggio all’8 giugno per guidare workshop, dibattiti e<br />

<strong>in</strong>contri.<br />

Artè Foto - 1° Festival nazionale di Fotogiornalismo non<br />

ha precedenti <strong>in</strong> Italia: è stato presentato nel<strong>la</strong> sa<strong>la</strong> conferenze<br />

del Cis Srl, società composta da 12 Comuni del<strong>la</strong><br />

media Valles<strong>in</strong>a. La proposta è venuta dall’associazione<br />

culturale Angeliribelli Lab ed è stata approvata dal<strong>la</strong> società<br />

tramite il coord<strong>in</strong>amento del gruppo Camera Work che<br />

ha ricevuto da Cis Srl il mandato per <strong>in</strong>dividuare e sviluppare<br />

strategie di sviluppo territoriale. «Una manifestazione<br />

importante nell’ottica del<strong>la</strong> valorizzazione del territorio<br />

associato – ha dichiarato il presidente del Cis Sergio<br />

Cerioni – che <strong>in</strong> qualche modo richiama quel<strong>la</strong> che si tiene<br />

ormai da venti anni <strong>in</strong> Francia, a Perpignan. Il fotogiornalismo<br />

è un modo di comunicare di forte e immediato impatto.<br />

Foto ormai storiche come quel<strong>la</strong> del giovane c<strong>in</strong>ese, che<br />

con due buste del<strong>la</strong> spesa <strong>in</strong> mano si mette davanti al<strong>la</strong> fi<strong>la</strong><br />

di carrarmati impedendone per lunghi m<strong>in</strong>uti l’<strong>in</strong>gresso a<br />

piazza Tien An Men, rimangono per sempre nel<strong>la</strong> memoria<br />

collettiva e sono più efficaci di mille parole».<br />

L’evento, unico nel suo genere a livello nazionale, offre<br />

ai visitatori l’opportunità di entrare <strong>in</strong> contatto diretto con<br />

un l<strong>in</strong>guaggio decisivo per <strong>la</strong> lettura e l’<strong>in</strong>terpretazione del<br />

nostro tempo. Il Festival sarà biennale – il prossimo anno<br />

<strong>in</strong>teresserà gli altri sei Comuni del Cis – ma nell’ottica di<br />

diventare permanente. È possibile iscriversi ai workshop<br />

che si terranno presso gli agriturismi del territorio CIS. Per<br />

tutte le <strong>in</strong>formazioni, i contatti ed i calendari aggiornati, si<br />

può consultare il sito www.artefotofestival.org .<br />

PROGRAMMA MOSTRE - 31 MAGGIO > 8 GIUGNO<br />

• Cupramontana<br />

Sa<strong>la</strong> Raul Bartoli<br />

APPESA A UN FILO<br />

SERGIO RAMAZZOTTI<br />

Parallelo Zero<br />

• Moie di Maio<strong>la</strong>ti Spont<strong>in</strong>i<br />

eFFeMMe23 - Biblioteca La Fornace<br />

DIAMOND MATTERS<br />

KADIR VAN LOHUIZEN<br />

Noor Agency<br />

• Montecarotto<br />

Museo Mail Art<br />

SCARIFICATION<br />

JEAN MICHEL CLAJOT<br />

Cosmos Photo<br />

• Pianello Valles<strong>in</strong>a di Monte Roberto<br />

Vil<strong>la</strong> Salvati<br />

THE FALL OF A GOD KING<br />

TOMAS VAN HOUTRYVE<br />

• Serra San Quirico<br />

Le Copertelle<br />

FIRE WITHOUT SMOKE<br />

CHRIS DE BODE<br />

Panos Pictures<br />

• Serra San Quirico<br />

Le Copertelle<br />

EYES WIDE OPEN<br />

ANDREW TESTA<br />

Panos Pictures<br />

• Staffolo<br />

Collegiata San Francesco<br />

SEE NAPLES AND DIE<br />

FRANCESCO CITO<br />

Panos Pictures<br />

35


<strong>in</strong>formazioni promozionali<br />

PROGETTO JESI<br />

Via Appenn<strong>in</strong>i Alta<br />

Verranno messi all'asta <strong>in</strong> tempi ragionevolmente brevi i primi lotti edificabili di via Appenn<strong>in</strong>i<br />

Alta, il nuovo quartiere che dovrà rappresentare un modello, una sorta di progetto pilota per uno<br />

sviluppo urbanistico con spiccata sostenibilità ambientale. L'operazione viene condotta da<br />

ProgettoJesi, <strong>la</strong> società <strong>in</strong>teramente partecipata dal Comune che già nel<strong>la</strong> fase delle opere di<br />

urbanizzazione ha voluto imprimere una forte impronta all'<strong>in</strong>segna del risparmio energetico e del<br />

benessere. Per chi acquista – e dopo anni a Jesi si potrà f<strong>in</strong>almente acquistare un terreno e scegliersi<br />

il costruttore che si preferisce – vi saranno una serie di opportunità da cogliere <strong>in</strong> una zona<br />

pregiata del<strong>la</strong> città. Eccole <strong>in</strong> s<strong>in</strong>tesi.<br />

LA ZONA DI VIA APPENNINI ALTA<br />

Il nuovo quartiere di via Appenn<strong>in</strong>i Alta si <strong>in</strong>serisce<br />

<strong>in</strong> un’area di altissimo pregio per posizione e ambientamento.<br />

I 24 lotti che ne caratterizzeranno il complesso<br />

sono <strong>in</strong>fatti posizionati nel<strong>la</strong> sommità del<strong>la</strong> leggera<br />

salita che si <strong>in</strong>terseca con via Paradiso, sicuramente<br />

una delle zone residenziali più appetibili <strong>in</strong> città.<br />

LA “CONCEZIONE BIOCLIMATICA”<br />

Via Appenn<strong>in</strong>i Alta nasce con una <strong>in</strong>novativa “concezione<br />

bioclimatica”, vale a dire con una progettazione<br />

che ha studiato appieno i dati climatici per ottimizzare<br />

precisi elementi quali <strong>la</strong> riduzione delle dispersioni di<br />

calore, l’effettiva trasformazione di tutto il potenziale<br />

so<strong>la</strong>re <strong>in</strong> energia e riscaldamento, lo sfruttamento ottimale<br />

delle risorse locali.<br />

Ad esempio i lotti saranno tutti orientati secondo<br />

l’asse pr<strong>in</strong>cipale est-ovest così da ridurre gli effetti<br />

negativi degli agenti climatici avversi ed allo stesso<br />

tempo ottimizzare <strong>la</strong> captazione so<strong>la</strong>re <strong>in</strong> <strong>in</strong>verno. La<br />

costruzione delle maschere so<strong>la</strong>ri con l’<strong>in</strong>dividuazione<br />

delle ombre, ha consentito di <strong>in</strong>dividuare il posizionamento<br />

ottimale dell’edificio all’<strong>in</strong>terno del s<strong>in</strong>golo lotto.<br />

LA MOBILITÀ<br />

La viabilità <strong>in</strong>terna al quartiere sarà costituita da<br />

assi con ridotti movimenti veico<strong>la</strong>ri, da cui è escluso il<br />

traffico di transito. Ciò significa che sarà impiegata solo<br />

come spazio di accesso ai lotti privati e non come strada<br />

di attraversamento. Il sistema strada carrabilepedonale-cic<strong>la</strong>bile<br />

è concepito come uno spazio pubbli-<br />

co <strong>in</strong> cui dom<strong>in</strong>a <strong>la</strong> mobilità dolce, lo spazio gioco e <strong>la</strong><br />

sosta.<br />

SPAZI PUBBLICI<br />

Viene creato un parco di quartiere a ridosso del<strong>la</strong><br />

scuo<strong>la</strong> elementare esistente, dove term<strong>in</strong>ano i percorsi<br />

pedonali e cic<strong>la</strong>bili. L’elemento privilegiato <strong>in</strong> term<strong>in</strong>i di<br />

rapporto con il paesaggio è <strong>la</strong> “passeggiata centrale”<br />

posta <strong>in</strong> posizione baricentrica <strong>in</strong> direzione nord-sud e<br />

fruibile sia <strong>in</strong> bicicletta che a piedi.<br />

ILLUMINAZIONE PUBBLICA<br />

La rete di illum<strong>in</strong>azione pubblica è stata progettata<br />

cercando di ridurre il più possibile il consumo di energia<br />

attraverso: uno studio attento del posizionamento<br />

dei corpi illum<strong>in</strong>anti <strong>in</strong> modo da garantire un’uniformità<br />

del<strong>la</strong> lum<strong>in</strong>anza; l’utilizzo di <strong>la</strong>mpade a basso voltaggio;<br />

l’impiego di apparecchi illum<strong>in</strong>anti muniti di dispositivi<br />

<strong>in</strong> grado di ridurre i consumi energetici.<br />

RISPARMIO IDRICO<br />

La progettazione, <strong>in</strong>fatti, è stata predisposta aff<strong>in</strong>ché<br />

ciascun lotto sia provvisto di una cisterna per <strong>la</strong><br />

raccolta delle acque meteoriche che verranno convogliate<br />

dalle gronde dell’edificio. La cisterna – da posizionarsi<br />

nel lotto di pert<strong>in</strong>enza – rappresenterà una<br />

sorta di serbatoio da dove att<strong>in</strong>gere acqua per irrigare<br />

il giard<strong>in</strong>o.<br />

PANNELLI SOLARI<br />

Tutte le abitazioni avranno ai tetti pannelli so<strong>la</strong>ri per<br />

<strong>la</strong> produzione di acqua calda, <strong>in</strong> modo da soddisfare il<br />

50% del fabbisogno annuale.<br />

Maciste<br />

car<strong>la</strong> troiani<br />

Da queste parti tutti lo<br />

conoscono come quello dei<br />

maccheronc<strong>in</strong>i al fumè.<br />

Dalle nostre parti nom<strong>in</strong>are<br />

<strong>questo</strong> primo piatto<br />

vuol dire par<strong>la</strong>re di una<br />

so<strong>la</strong> persona. Lui, Maciste.<br />

Il cuoco dallo sguardo<br />

buono, ma dai muscoli<br />

d’acciaio. Inconfondibile.<br />

Unico. Grembiule azzurro<br />

a righe bianche, pantaloni<br />

blu del<strong>la</strong> tuta e maglietta<br />

con le maniche arroto<strong>la</strong>te.<br />

Stefano Marzi, c<strong>la</strong>sse ’48,<br />

alias Maciste, ti accoglie<br />

nel suo locale, con <strong>la</strong><br />

schiettezza e i modi del<strong>la</strong> gente dell’entroterra, di chi<br />

da solo con le proprie risorse, l’<strong>in</strong>traprendenza e <strong>la</strong><br />

passione ci ha veramente creduto <strong>in</strong> un proprio sogno.<br />

Una storia di marchigiana operosità. Tutto qui, ma che<br />

dura da 30 anni. Sì, perché Maciste quest’anno con il<br />

suo locale “Mac Iste’s” taglia il traguardo delle trenta<br />

primavere. Lui che ad aprile ne ha compiute 60.<br />

Parliamo seduti al tavolo. Intanto i fornelli sono accesi<br />

e le pentole sul fuoco.<br />

Mi racconta che lui è cuoco al<strong>la</strong> terza generazione,<br />

dopo il nonno e <strong>la</strong> madre. Dice che prima ha <strong>la</strong>vorato a<br />

Roma <strong>in</strong> alberghi di lusso come chef di rango. «Non ho<br />

frequentato nessuna scuo<strong>la</strong> alberghiera – precisa –<br />

sono come quei musicisti che fanno musica senza saper<br />

leggere le note». E così per caso, per passione, e procedendo<br />

per tentativi arriva anche al<strong>la</strong> ricetta dei maccheronc<strong>in</strong>i<br />

al fumè. Pasta, formaggio, pomodoro e spe-<br />

I famosi maccheronc<strong>in</strong>i al fumè<br />

fanno 30 anni<br />

zie, misurate con un cucchia<strong>in</strong>o da caffè. Che non si<br />

cambia. «È sacra, non si tocca» risponde senza troppi<br />

giri di parole. Nessuna concessione nel tempo. Eccetto<br />

per i celiaci. Per loro fa uno strappo al<strong>la</strong> rego<strong>la</strong>. L’acqua<br />

bolle. «Il segreto di <strong>questo</strong> piatto? Il piacere di farlo, le<br />

sette spezie e <strong>la</strong> freschezza dei prodotti usati». Ci alziamo.<br />

È ora di mettere su il pomodoro. «Io cuc<strong>in</strong>o<br />

tutto al momento, senza usare sughi pronti. Ogni volta<br />

che un cliente mi chiede un determ<strong>in</strong>ato piatto, lo preparo<br />

dall’<strong>in</strong>izio. La mia è una cuc<strong>in</strong>a espressa, fatta e<br />

cotta all’istante. È più faticoso, certo, ma così ho <strong>la</strong> certezza<br />

del<strong>la</strong> qualità di ciò che porto <strong>in</strong> tavo<strong>la</strong>». E com<strong>in</strong>cia<br />

a dosare le spezie. Con movimenti decisi. «Utilizzando<br />

prodotti freschi e mettendo <strong>in</strong> pratica tutto il<br />

procedimento non si può sbagliare. Come un dottore<br />

quando opera, non si può permettere di fare errori».<br />

Ora è tempo di buttare <strong>la</strong> pasta. Detto, fatto. Veloce e<br />

sicuro. «Sono tanti anni che <strong>la</strong>voro e si com<strong>in</strong>cia a sentire<br />

<strong>la</strong> stanchezza, un po’ come per l’attività fisica. Io<br />

sono un ex culturista e ancora oggi pratico sport. Per<br />

me è ri<strong>la</strong>ssante e fa stare bene». La pasta è quasi<br />

pronta. Deve essere al dente, e <strong>questo</strong> è un’altra condizione<br />

necessaria per <strong>la</strong> buona riuscita del<strong>la</strong> ricetta.<br />

«Per me cuc<strong>in</strong>are è tutto, ed è importante che il cliente<br />

sia soddisfatto. Tengo molto al suo giudizio, come un<br />

pittore ai suoi quadri. Sono riuscito a portare avanti<br />

questa attività per 30 anni, credendo <strong>in</strong> ciò che faccio,<br />

con l’onesta e <strong>la</strong> passione di chi ama il proprio <strong>la</strong>voro.<br />

Queste sono le ragioni per cui <strong>la</strong> gente torna volentieri<br />

qui». E qui <strong>la</strong> gente ci ritorna eccome. «Ho visto clienti<br />

da giovanissimi ritornare da adulti; ci sono dei ragazzi<br />

che entrando mi chiedono se sono io quel Maciste di<br />

cui gli ha par<strong>la</strong>to il padre». Ora i maccheronc<strong>in</strong>i sono<br />

pronti. Arriva Stefano Marzi alias Maciste con i piatti<br />

nelle mani, pieni e caldi. Poi si <strong>la</strong>scia andare ad una<br />

confessione e dice che «ogni giorno da trenta anni<br />

sento <strong>questo</strong> odore e, quando sono a casa, ho<br />

voglia di un piatto di pasta semplicemente con il<br />

pomodoro». Ora i piatti sono sul tavolo. V<strong>in</strong>o rosso<br />

del<strong>la</strong> casa, o Lacrima o Rosso Conero, per esaltarne<br />

il sapore. Poi possono piacere oppure no (piacciono,<br />

piacciono…). Ma una volta almeno i maccheronc<strong>in</strong>i<br />

da “Mac Iste’s” vanno assaggiati.<br />

MAC ISTE’S<br />

Via F.lli Cervi, 14 Castelp<strong>la</strong>nio<br />

Tel 0731 813062<br />

<strong>in</strong>formazioni promozionali


38 CULTURA<br />

Mestieri <strong>in</strong> bicicletta<br />

Chilometri di <strong>la</strong>voro percorsi tra realtà e fantasia<br />

di pao<strong>la</strong> coco<strong>la</strong><br />

foto di augusto giglietti<br />

“Il carretto passava e quell’uomo gridava: ge<strong>la</strong>ti!” cantava<br />

Lucio Battisti nel 1972, immorta<strong>la</strong>ndo con <strong>la</strong> canzone<br />

un’umanità che avrebbe percorso, <strong>la</strong>vorando <strong>in</strong><br />

bicicletta, chilometri e chilometri del<strong>la</strong> quotidianità di<br />

un secolo. Del Novecento, appunto.<br />

“Si fa perf<strong>in</strong>o fatica a considerare – scrive il poeta<br />

e scrittore Francesco Scarabicchi nel catalogo dedicato<br />

al<strong>la</strong> mostra Mestieri <strong>in</strong> bicicletta aperta a Pa<strong>la</strong>zzo dei<br />

Convegni dal 30 aprile al 18 maggio – che ci sia stato,<br />

al mondo, chi s’è <strong>in</strong>dustriato, per vivere, a percorrere<br />

migliaia di chilometri, dando di voce, sopportando <strong>la</strong><br />

fatica, il caldo e il freddo del<strong>la</strong> stagione, mettendo <strong>in</strong><br />

scena l’arte di improvvisare adattando al<strong>la</strong> necessità il<br />

suo mezzo a due o a tre ruote... Mestieri all’aperto, <strong>in</strong><br />

azione <strong>in</strong> vie, piazze, cortili di città e paesi; festa e<br />

curiosità, richiamo e spettacolo: capocomico e attore,<br />

l’artigiano si esibiva nel suo ruolo e doveva anche possedere<br />

una facoltà di paro<strong>la</strong> da attrarre e conv<strong>in</strong>cere,<br />

da divertire e <strong>in</strong>teressare...”.<br />

Ci ha par<strong>la</strong>to dell’<strong>in</strong>iziativa partico<strong>la</strong>rmente s<strong>in</strong>go<strong>la</strong>re<br />

e preziosa Roberto Gigli, giornalista e curatore di<br />

eventi culturali.<br />

Lei ha ideato e organizzato <strong>la</strong> mostra…<br />

«Ho <strong>in</strong>iziato a pensare a questa manifestazione al<strong>la</strong><br />

f<strong>in</strong>e dello scorso anno, quando ca<strong>sua</strong>lmente ho <strong>in</strong>contrato<br />

il sig. Luciano Pellegr<strong>in</strong>i che è il collezionista a cui mi<br />

sono riferito e che è riuscito, nell’arco degli ultimi trent’anni,<br />

appassionatamente, a raccogliere tanti di questi<br />

pezzi f<strong>in</strong>o a metterne da parte circa una sessant<strong>in</strong>a. Oggi<br />

esposti nel Museo del<strong>la</strong> Bicicletta di Fabriano. Qui lei<br />

vede dodici mezzi che sono praticamente i nuovi “acquisti”<br />

del<strong>la</strong> collezione, tranne quello dei Buratt<strong>in</strong>i siciliani».<br />

Cosa ha sp<strong>in</strong>to il sig. Pellegr<strong>in</strong>i a raccogliere<br />

tutti questi pezzi?<br />

«Forse il fatto che lui stesso è stato un “pezzo” del<strong>la</strong><br />

storia che oggi raccontiamo nel<strong>la</strong> mostra. A dodici anni<br />

venne mandato dai suoi genitori a raccogliere, <strong>in</strong> bicicletta,<br />

le pelli dai contad<strong>in</strong>i attorno a Fabriano».<br />

Chi vi ha sostenuto e supportati nell’idea del<strong>la</strong><br />

mostra?<br />

«Un’immediata risposta l’ho trovata nel Comune di<br />

Jesi attraverso <strong>la</strong> dott.ssa Loretta Mozzoni, direttrice<br />

dei Musei civici di Jesi e del<strong>la</strong> P<strong>in</strong>acoteca, e l’assessore<br />

al<strong>la</strong> cultura Valent<strong>in</strong>a Conti. Partner importante, <strong>la</strong> Banca<br />

Popo<strong>la</strong>re di Ancona <strong>in</strong>trodotta all’evento dal dr. Michele<br />

Campo. Così siamo partiti col <strong>la</strong>voro di recupero<br />

delle biciclette e ora, a mostra aperta, vedere l’anziano<br />

sorridere perché ritrova ricordi lontani, o notare capannelli<br />

di persone <strong>in</strong>tenti a rievocare, ci fa molto piacere».<br />

Avete realizzato anche un catalogo?<br />

«Sì. Raccoglie le immag<strong>in</strong>i dei pezzi messi <strong>in</strong> mostra<br />

e alcune delle foto esposte. C’è un arricchimento<br />

sostanzioso del poeta e scrittore Francesco Scarabicchi<br />

con un suo racconto che si <strong>in</strong>tito<strong>la</strong> “Il suono”, quasi a<br />

voler ripercorrere, a ricordare il cigolìo, l’urlo nelle<br />

piazze, il richiamo di questi affabu<strong>la</strong>tori, artigiani che<br />

dovevano anche sapersi vendere arrivando nelle strade<br />

dei paes<strong>in</strong>i più sperduti».<br />

Una vita dura per gli ambu<strong>la</strong>nti di allora.<br />

«Il mercante che a quel tempo utilizzava come<br />

mezzo <strong>la</strong> bicicletta stava via anche diversi giorni. Per<br />

esempio, il merciaio andava <strong>in</strong> giro con il carretto che<br />

pesava ottanta chili per cui non è che andava e tornava:<br />

attraversava diversi paesi e qu<strong>in</strong>di mercati, mangiava<br />

e dormiva nelle osterie. Certamente alcuni carretti-biciclette<br />

erano molto attesi. Soprattutto dai bamb<strong>in</strong>i».<br />

Avete ricevuto anche <strong>la</strong> visita di <strong>numero</strong>se<br />

sco<strong>la</strong>resche.<br />

«Certamente. Importante obiettivo del<strong>la</strong> mostra non<br />

è stato solo quello di suscitare ricordi ed emozioni, ma<br />

soprattutto di riuscire a dare alle nuove generazioni <strong>la</strong><br />

conoscenza del <strong>la</strong>voro di una volta, di come avveniva. I<br />

bamb<strong>in</strong>i, molto co<strong>in</strong>volti, hanno <strong>in</strong>teragito con doman-<br />

Con Gigli, abbiamo velocemente ripercorso <strong>in</strong>sieme i<br />

tratti più salienti di queste biciclette da <strong>la</strong>voro.<br />

Presepe, Campania, anni ’30. Quando trovava corrente,<br />

perché non era facile, aveva degli effetti molto belli<br />

con il cielo stel<strong>la</strong>to che si illum<strong>in</strong>ava e <strong>la</strong> luna sorgente.<br />

Mercerie, Abruzzo, f<strong>in</strong>e anni ’40. “Il merciaio con i<br />

misteri serbati dai cassett<strong>in</strong>i e dal<strong>la</strong> teca” , scrive<br />

Scarabicchi.<br />

Dolci e croccante, Marche, anni ’50. Un m<strong>in</strong>i erogatore,<br />

a soluzione alcolica alimentava <strong>la</strong> fiamma sotto il<br />

caldaro che veniva fatto girare azionando con una mano<br />

una manovel<strong>la</strong>; con l’altra, <strong>in</strong>vece, si misce<strong>la</strong>va <strong>in</strong> cont<strong>in</strong>uazione.<br />

Nel<strong>la</strong> cassett<strong>in</strong>a a scomparti, dal coperchio<br />

di vetro, veniva esposto e conservato il prodotto.<br />

Buratt<strong>in</strong>i, Sicilia anni ’30. Era molto atteso anche<br />

<strong>questo</strong>. Prima degli spettacol<strong>in</strong>i, l’uomo <strong>in</strong>dossava il suo<br />

vestito tipico e il cappello, abbastanza appariscenti per<br />

attirare l’attenzione. Qu<strong>in</strong>di faceva <strong>la</strong> presentazione<br />

aiutandosi con un grammofono e poi, f<strong>in</strong>almente,<br />

com<strong>in</strong>ciava lo spettacolo.<br />

C<strong>in</strong>ema ambu<strong>la</strong>nte, Ca<strong>la</strong>bria anni ’30. Avevano<br />

aperto i primi c<strong>in</strong>ematografi <strong>in</strong> città. Nei paes<strong>in</strong>i, <strong>in</strong>vece,<br />

arrivava l’ambu<strong>la</strong>nte con il proiettore e il telo pronto;<br />

lo stendeva su un muro, magari nell’oratorio, e<br />

com<strong>in</strong>ciava le sue proiezioni.<br />

Lumi e petrolio, Ca<strong>la</strong>bria anni ’40. Questo è molto<br />

<strong>in</strong>teressante perché ha <strong>la</strong>vorato tra <strong>la</strong> prima e seconda<br />

guerra mondiale, e soprattutto dopo <strong>la</strong> seconda, quando<br />

nelle campagne e nelle città erano state distrutte<br />

gran parte delle l<strong>in</strong>ee elettriche per cui si riprese <strong>la</strong><br />

consuetud<strong>in</strong>e del<strong>la</strong> <strong>la</strong>mpada a petrolio. L’ambu<strong>la</strong>nte<br />

proponeva ai clienti il lume – ce ne sono diversi tipi<br />

appesi – e poi li riforniva del petrolio somm<strong>in</strong>istrandolo<br />

con misur<strong>in</strong>i di svariate grandezze.<br />

Sciuscià, Lazio anni ’30. La bicicletta del lustrascarpe<br />

è <strong>in</strong>teressante anche per le dimensioni. In effetti que-<br />

39<br />

de, commenti, espressioni varie di stupore e apprezzamento<br />

davanti all’<strong>in</strong>gegno con cui nonni e bisnonni<br />

hanno tras<strong>formato</strong> le biciclette <strong>in</strong> mezzi di trasporto per<br />

i loro strani <strong>la</strong>vori».<br />

sto <strong>la</strong>voro lo svolgevano quasi sempre i ragazz<strong>in</strong>i di<br />

dodici, tredici anni. Il cliente posizionava il piede su<br />

una forma fissata al centro del carretto e il ragazz<strong>in</strong>o<br />

andava di lucido e olio di gomito per pulire <strong>la</strong> scarpa.<br />

Taxi, Lombardia anni ’30 e ’40. Ha <strong>la</strong>vorato nel<br />

centro storico di Mi<strong>la</strong>no.<br />

Calderaio, Abruzzo anni ’20. È costituito da due<br />

parti: il carretto ed una sorta di predell<strong>in</strong>o che faceva<br />

tutt’uno con esso quando l’uomo girava <strong>in</strong> bici e che<br />

veniva tirato giù durante <strong>la</strong> <strong>la</strong>vorazione che consisteva<br />

<strong>in</strong> rattoppi, battiture, rimessa <strong>in</strong> forma con dei pezzi di<br />

rame. C’era tutto l’occorrente per tagliarlo. Sistemata <strong>la</strong><br />

pento<strong>la</strong>, si passava al<strong>la</strong> battitura che poteva essere<br />

realizzata con diversi martelli. Inoltre su <strong>questo</strong> carretto<br />

erano previste due possibilità di <strong>la</strong>voro: una parte<br />

che veniva riscaldata con il fuoco – <strong>la</strong> forgia – e utilizzata<br />

per le saldature; e un saldatore a stagno, molto<br />

rudimentale, aggiuntosi con l’evolversi dei tempi e con<br />

<strong>la</strong> possibilità, <strong>in</strong> alcune case, di attaccarsi al<strong>la</strong> corrente<br />

elettrica.<br />

Portapacchi, Marche anni ’50. Appartiene al servizio<br />

postale che portava sia i pacchi a casa – le <strong>in</strong>dimenticabili<br />

valigie di cartone legate con lo spago – sia le borse.<br />

Andavano a rifornirsi al<strong>la</strong> stazione o agli uffici postali.<br />

Vetraio, Emilia anni ’50. Interessante l’attrezzo nel<br />

quale si metteva <strong>la</strong> testa di diamante per tagliare vetri<br />

e specchi; poi, le grandi squadre di legno per realizzare<br />

con precisione i vari pezzi. La pasta – una specie di<br />

cera – si metteva a mo’ di guarnizione: se guardiamo<br />

alcune f<strong>in</strong>estre dei pa<strong>la</strong>zzi storici, come quelle del<br />

Pa<strong>la</strong>zzo del<strong>la</strong> Signoria, ad esempio, lo possiamo vedere.<br />

Giocatto<strong>la</strong>io, Emilia Romagna anni ’40. Per richiamare<br />

l’attenzione usava <strong>la</strong> musica prodotta da corni o<br />

trombe, o diffusa da un grammofono.<br />

Le bambole sono tutte di coccio; gli altri giochi, di<br />

legno o di <strong>la</strong>tta.


40<br />

di eleonora dottori<br />

De qua e de là<br />

del somentado<br />

spazio<br />

Giovani<br />

Simone Bompadre, Mauro Fabbri, Roberto Raponi<br />

e Riccardo Rocchetti: nome <strong>in</strong> codice V<strong>in</strong>canto.<br />

Il Gruppo Folk V<strong>in</strong>canto nasce nel 2002 da una<br />

viva amicizia e da una solida col<strong>la</strong>borazione.<br />

I V<strong>in</strong>canto si def<strong>in</strong>iscono un gruppo che si è “unito per<br />

<strong>in</strong>terpretare e valorizzare il patrimonio sonoro, vocale e<br />

ritmico delle Marche, aprendolo a salutari scambi e<br />

confronti con quello di altre regioni e nazioni”.<br />

Che cosa rende così partico<strong>la</strong>re <strong>la</strong> vostra musica?<br />

E <strong>in</strong> cosa consistono questi scambi?<br />

«La partico<strong>la</strong>rità sta nel<strong>la</strong> musica popo<strong>la</strong>re, nel<strong>la</strong><br />

riscoperta che ha avuto <strong>in</strong> questi ultimi anni – spiega<br />

Simone Bompadre, <strong>la</strong> voce del gruppo ma anche chitarra<br />

c<strong>la</strong>ssica, c<strong>la</strong>vietta, mandol<strong>in</strong>o, organetto e percussioni.<br />

– Questi scambi sono legati al fatto che proveniamo<br />

da culture musicali diverse, dal rock al<strong>la</strong> bossanova,<br />

f<strong>in</strong>o al<strong>la</strong> stessa musica popo<strong>la</strong>re. Questo è l’aspetto<br />

più personale, ascoltiamo musica a 360 gradi,<br />

cosa che ci consente di realizzare le nostre contam<strong>in</strong>azioni.<br />

Al contempo questi scambi sono anche fisici, perché<br />

ci troviamo ad <strong>in</strong>teragire con altri portatori del<strong>la</strong><br />

cultura popo<strong>la</strong>re. Li <strong>in</strong>contriamo e rie<strong>la</strong>boriamo a nostro<br />

piacimento con lo scopo di mantenere <strong>in</strong>tatto lo spirito<br />

del brano e restando fedeli al concetto di spirito popo<strong>la</strong>re,<br />

pur mantenendo <strong>la</strong> nostra rilettura e traduzione,<br />

che è <strong>la</strong> nostra orig<strong>in</strong>alità, il nostro stile».<br />

Dove trovate ispirazione per i vostri pezzi?<br />

Cioè cos’è che del<strong>la</strong> quotidianità vi colpisce?<br />

Roberto Raponi, voce e percussioni, chiarisce: «La<br />

nostra è una ricerca sul territorio. Sì, ok, e<strong>la</strong>boriamo e<br />

cerchiamo sonorità ed arrangiamenti diversi, ma cerchiamo<br />

di trovare <strong>la</strong> purezza di certe cose. Le scelte che<br />

compiamo sono contam<strong>in</strong>azioni di certi brani con nuove<br />

sonorità, cercando di trovare e mantenere un nostro<br />

stile “de qua e de là del somentado”. Ciò significa che<br />

alcuni pezzi li prendiamo come li abbiamo raccolti, altri<br />

<strong>in</strong>vece sono soprattutto arrangiamenti e musica, perché<br />

dire di essere filologici è difficile. Questa è una cosa<br />

che può fare solo un vero cantastorie. L’ispirazione<br />

deriva dai cantori popo<strong>la</strong>ri che ci sono nel<strong>la</strong> nostra<br />

zona, ma anche da cantastorie come Domenico Ciccioli<br />

di Petriolo, e Teresa Bassotti da Ortezzano, che sono i<br />

massimi ispiratori, i fondatori pr<strong>in</strong>cipali».<br />

E per un musicista cantastorie com’è <strong>la</strong> realtà<br />

marchigiana?<br />

«La realtà marchigiana è molto ricca, ci sono molte<br />

manifestazioni, come il Festival del Saltarello e il festival<br />

Terra Mare a Monte San Vito, ma anche <strong>la</strong> Pasquel<strong>la</strong><br />

a Monsano, dove si <strong>in</strong>contrano i gruppi di musica popo<strong>la</strong>re<br />

delle Marche che sono tanti. Questo perché <strong>la</strong> realtà<br />

marchigiana è ricca, – osserva Simone –. Le zone più<br />

difficili sono <strong>la</strong> Valles<strong>in</strong>a e <strong>la</strong> Valmusone, dove, nono-<br />

stante <strong>la</strong> tradizione dell’organetto sia fortissima, manca<br />

l’attenzione per <strong>la</strong> musica folk».<br />

Voi fate musica folk e centrate <strong>in</strong> primis <strong>la</strong><br />

realtà marchigiana, tuttavia anche fuori regione<br />

sembra esserci <strong>in</strong>teresse per il vostro <strong>la</strong>voro:<br />

siete saliti sul palco del<strong>la</strong> Festa dell'Unità di<br />

Bologna, avete partecipato a “Suonare a Folkest”<br />

Arezzo 2004, nel 2005 vi siete esibiti a Spilimbergo<br />

(PN) al “Folkest” (International Folk<br />

Festival), avete partecipato a “La Notte del<strong>la</strong><br />

Taranta” e perf<strong>in</strong>o al festival <strong>in</strong>ternazionale<br />

“Berdentraffen” di Norimberga. Secondo voi perché<br />

<strong>questo</strong> <strong>in</strong>teresse per <strong>la</strong> musica folk?<br />

«Siamo stati anche <strong>in</strong> Francia, al<strong>la</strong> Festa del<strong>la</strong><br />

Musica. Diciamo che questa è un po’ <strong>la</strong> nostra missione.<br />

Dato che nel<strong>la</strong> realtà locale non ci sono etichette,<br />

cerchiamo di esportare <strong>la</strong> nostra musica nelle feste e<br />

nelle manifestazioni fuori regione», precisa Simone.<br />

«Quando al<strong>la</strong> Notte del<strong>la</strong> Taranta abbiamo suonato il<br />

saltarello, lo abbiamo fatto f<strong>in</strong>o alle c<strong>in</strong>que del matt<strong>in</strong>o<br />

perché piaceva davvero – ricorda Roberto. - E pensare<br />

che all’<strong>in</strong>izio, quando siamo saliti sul palco, <strong>in</strong> pochi lo<br />

conoscevano».<br />

Voi avete già fatto dei CD. Quali sono le loro<br />

caratteristiche, e come avete fatto a realizzarli?<br />

«Abbiamo fatto tre CD – risponde subito Simone. –<br />

Il primo, autoprodotto nel 2004, il secondo nel 2007 e<br />

l’ultimo quest’anno. Questo terzo disco che si <strong>in</strong>tito<strong>la</strong><br />

Canti Popo<strong>la</strong>ri del<strong>la</strong> Libertà è stato presentato il 26 gennaio<br />

a Tolent<strong>in</strong>o. Lo riproporremo anche a Jesi il 2 giugno,<br />

<strong>in</strong> occasione delle festa del<strong>la</strong> Repubblica. È stato<br />

realizzato grazie al<strong>la</strong> presidenza del Consiglio regionale<br />

delle Marche. Il CD consiste <strong>in</strong> undici brani a cui hanno<br />

partecipato altri c<strong>in</strong>que <strong>in</strong>terpreti: Wendy Far<strong>in</strong>elli,<br />

Francesco Picc<strong>in</strong><strong>in</strong>i, Ton<strong>in</strong>o Bori, Carlo Celsi (vio<strong>la</strong> e viol<strong>in</strong>o)<br />

e Francesco Lavoretti, percussioni, che ora <strong>in</strong>iziano<br />

a far parte dei V<strong>in</strong>canto. Il disco tratta del<strong>la</strong> libertà <strong>in</strong>tesa<br />

come libertà dall’<strong>in</strong>vasore, libertà dal padrone ecc. I<br />

primi due CD possono essere acquistati scrivendoci sul<br />

nostro sito (www.gruppofolkv<strong>in</strong>canto.it, www.myspace.com/gruppofolkv<strong>in</strong>canto,<br />

ndr), il terzo <strong>in</strong>vece è gratuito,<br />

ed è stato distribuito alle comunità marchigiane<br />

all’estero e sui siti delle prov<strong>in</strong>ce italiane. Inoltre <strong>questo</strong><br />

CD è stato presentato dal<strong>la</strong> Mediateca delle Marche al<strong>la</strong><br />

Fiera Internazionale del Libro a Tor<strong>in</strong>o».<br />

Quali sono i vostri punti di riferimento musicali?<br />

«Sicuramente Domenico Ciccioli di Petriolo e Teresa<br />

Bassotti da Ortezzano come dicevamo prima, ma <strong>in</strong><br />

generale tutti i gruppi che fanno musica folk e gli stessi<br />

cantori popo<strong>la</strong>ri».<br />

Quali possibilità vi offrono le istituzioni locali?<br />

Cioè i palchi e le serate che ci sono <strong>in</strong> zona sono<br />

sufficienti ad un gruppo come il vostro per farsi<br />

conoscere?<br />

«Se c’è un problema è quello del<strong>la</strong> distribuzione –<br />

risponde Simone. – Non ci sono etichette discografiche<br />

e manca il management. Non c’è chi <strong>in</strong>veste nel<strong>la</strong> promozione<br />

e nel<strong>la</strong> distribuzione. Ecco perché non è semplice<br />

farsi conoscere fuori del<strong>la</strong> nostra regione. Noi nel<br />

41<br />

giro di quattro o c<strong>in</strong>que anni abbiamo fatto più di duecento<br />

concerti, ed il committente era sempre un ente<br />

pubblico. Qu<strong>in</strong>di l’attenzione da parte delle amm<strong>in</strong>istrazioni<br />

comunali c’è, gli enti locali sono abbastanza <strong>in</strong>teressati<br />

al<strong>la</strong> tradizione dei canti popo<strong>la</strong>ri».<br />

Quali sono le peculiarità di un gruppo folklorico?<br />

«Specifichiamo di essere un gruppo folklorico e non<br />

folkloristico: il secondo usa costumi tradizionali e si concentra<br />

anche sul<strong>la</strong> danza. Il gruppo folklorico è <strong>in</strong>vece<br />

canto popo<strong>la</strong>re, quello dei cantastorie, dei canti per i<br />

bamb<strong>in</strong>i, dei brani licenziosi. Poi c’è sicuramente anche<br />

il saltarello, ma <strong>la</strong> danza è una m<strong>in</strong>ima parte. Noi cerchiamo<br />

di riadattare e tradurre il pensiero, che nel passato<br />

si manifestava nel<strong>la</strong> musica, con gli occhi di chi<br />

vive nel 2008. Questo avviene soprattutto attraverso <strong>la</strong><br />

stessa musica, cercando di riadattare i pezzi al<strong>la</strong> contemporaneità.<br />

I testi stessi il più delle volte li <strong>la</strong>sciamo<br />

orig<strong>in</strong>ali».<br />

Da dove nasce il vostro nome?<br />

«I v<strong>in</strong>i e i liquori sono stati tutti <strong>in</strong>ventati; resta solo<br />

da fare i cocktail. Così, con tono sgangheratamente<br />

profetico, avrebbe sentenziato un giorno uno di quei<br />

personaggi eccentrici, al conf<strong>in</strong>e tra realtà e leggenda,<br />

che ogni paese ha. Questa massima è portatrice di una<br />

verità profonda: ci sono cose che non si possono più<br />

<strong>in</strong>ventare o scoprire, non tanto perché siano state scoperte<br />

o <strong>in</strong>ventate completamente, quanto forse perché<br />

non lo sono mai state né mai lo saranno davvero, perché<br />

non possono esserlo. Una di esse è per l'appunto il<br />

v<strong>in</strong>o. Un'altra, il canto, almeno quello popo<strong>la</strong>re».


Momenti del<br />

Palio 2008<br />

foto di augusto giglietti


44<br />

L’Album di JV<br />

L’INIZIO DELLA DIFFERENZIATA<br />

Lunedì 11 febbraio 1985, sotto una pioggia battente, il s<strong>in</strong>daco Gabriele Fava e l’assessore Leonello Rocchetti presenziano<br />

al<strong>la</strong> collocazione del<strong>la</strong> prima campana per <strong>la</strong> raccolta differenziata. La prima di quaranta campane per <strong>la</strong><br />

raccolta del vetro. Fu posta davanti al<strong>la</strong> scuo<strong>la</strong> elementare Collodi <strong>in</strong> via Verdi, come promesso ai bamb<strong>in</strong>i di alcune<br />

c<strong>la</strong>ssi che avevano scritto al s<strong>in</strong>daco perché anche a Jesi, come <strong>in</strong> altre città, si potesse fare il ricic<strong>la</strong>ggio dei<br />

materiali.<br />

Il dialetto di Giancarlo Vecci<br />

DUE FRATI CAPPUCCINI<br />

FRA’ SERAFINO<br />

Pe’ Jesi andava <strong>in</strong> giro un fradicello<br />

piccolo e magro, col soriso <strong>in</strong> bocca,<br />

forse magnava pogo, porettello,<br />

parea che fosse, <strong>in</strong>fatti, tutta zocca.<br />

Ma quando comparia, ogni monello<br />

j’ andava <strong>in</strong>contro e lu’, come ’na fiocca<br />

che chiama a sé qualunque pulc<strong>in</strong>ello,<br />

co’ ’na carezza scalda chiunque tocca.<br />

Girava pe’ <strong>la</strong> questua miserabile<br />

dei tempi andati, un bocconcì de pa’,<br />

mezza salciccia, un ajo, un po’ de v<strong>in</strong>o…<br />

Ma lu’ s’accontentava, e co’ ’n sant<strong>in</strong>o<br />

te r<strong>in</strong>graziava: pe’ <strong>la</strong> santità<br />

adé se chiama pure venerabile.<br />

PADRE PIO<br />

Era ’n omone, co’ <strong>la</strong> voce grossa,<br />

un frade d’altri tempi, medievale,<br />

siguro de sconfigge sempre el male<br />

da quando è nado <strong>in</strong> sù f<strong>in</strong>o a <strong>la</strong> fossa.<br />

Ci avea le ma’ ’nfasciade, co’ ’na rossa<br />

macchia de sangue <strong>in</strong> quanto era speciale,<br />

perché pensava d’esse tale e quale<br />

a Gesù Cristo senza fa’ ’na mossa.<br />

Con una devozió tutta ecclesiastica<br />

l’hanno disotterado e po’ disposto<br />

drendo ’na bara de cristallo nnerto,<br />

perché ’l suo corpo se veda coperto<br />

solo del saio de modesto costo<br />

co’ <strong>la</strong> faccia serena… ma de p<strong>la</strong>stica.<br />

Personaggi del , 900<br />

Archimede Pasqu<strong>in</strong>elli<br />

di giuseppe luconi<br />

17 dicembre 1897: un gruppo di jes<strong>in</strong>i scendeva <strong>in</strong><br />

piazza per chiedere il licenziamento di un maestro elementare.<br />

L’Ord<strong>in</strong>e-Corriere delle Marche, quotidiano di<br />

Ancona, così ne dava notizia: “Questa sera 17 si improvvisa<br />

una dimostrazione per protestare contro <strong>la</strong><br />

nom<strong>in</strong>a del Pasqu<strong>in</strong>elli. Il cav. Col<strong>in</strong>i, maggiore del<strong>la</strong><br />

Milizia Territoriale, pronunciò un discorso d’occasione<br />

sotto <strong>la</strong> <strong>la</strong>pide commemorativa di Giordano Bruno”. Ci<br />

fu anche uno scontro fra un gruppo di dimostranti e <strong>la</strong><br />

forza pubblica, con un arresto. Ma chi era il Pasqu<strong>in</strong>elli?<br />

E perché si manifestava contro di lui?<br />

L’<strong>in</strong>segnante contestato era Archimede Pasqu<strong>in</strong>elli.<br />

Nato nel<strong>la</strong> nostra città il 3 agosto del 1874, era un fervente<br />

cattolico, “attivista del papa e dei preti”. Il 25<br />

gennaio del 1897 era stato nom<strong>in</strong>ato presidente del<br />

gruppo giovanile del Comitato Diocesano dell’Opera dei<br />

Congressi. Da qualche mese era anche presidente del<strong>la</strong><br />

Sezione San Settimio, cioè di un gruppo di giovani jes<strong>in</strong>i<br />

che <strong>in</strong>tendevano dare aperta testimonianza del loro<br />

credo religioso.<br />

In vista del<strong>la</strong> ricorrenza del<strong>la</strong> presa di Roma, Archimede<br />

Pasqu<strong>in</strong>elli aveva dato alle stampe un articolo<br />

che def<strong>in</strong>iva chiaramente <strong>la</strong> posizione del suo gruppo:<br />

“Questa Società Giovani San Settimio – aveva scritto –<br />

nel<strong>la</strong> prossima luttuosa ricorrenza del XX Settembre,<br />

sente il dovere di manifestare pubblicamente i propri<br />

sentimenti di illimitata devozione per il Papa ed il p<strong>la</strong>uso,<br />

per quanti, sia cogli scritti che colle azioni, concorrono<br />

ad affermare <strong>la</strong> libertà del Santo Padre necessaria<br />

– s<strong>in</strong>e qua non – per <strong>la</strong> Chiesa e per l’Italia. I c<strong>in</strong>quantac<strong>in</strong>que<br />

giovani del<strong>la</strong> Sezione sì dichiarano pronti a<br />

rec<strong>la</strong>mare il Papa libero: e ciò con tutti i mezzi leciti a<br />

un figlio che ha prigioniero il Padre con <strong>in</strong>giustizia nota<br />

e al giudice e ai carcerieri”.<br />

Per gli avversari politici <strong>la</strong> dichiarazione del Pasqu<strong>in</strong>elli<br />

era una provocazione, anzi una sfida. Così<br />

quando il 16 dicembre il Consiglio comunale (Jesi aveva<br />

un’amm<strong>in</strong>istrazione liberale guidata dal s<strong>in</strong>daco Gaetano<br />

Abbruzzetti), con dodici voti favorevoli e otto contrari,<br />

nom<strong>in</strong>ò Pasqu<strong>in</strong>elli maestro “provvisorio” di terza<br />

elementare, l’opposizione fece subito sentire <strong>la</strong> <strong>sua</strong><br />

voce di protesta. I repubblicani fecero affiggere un<br />

manifesto col quale mettevano sotto accusa l’amm<strong>in</strong>istrazione<br />

comunale, colpevole di aver assunto come<br />

<strong>in</strong>segnante una persona che si era permessa di scrivere<br />

l’articolo di cui sopra. E, il 17, <strong>la</strong> dimostrazione anticlericale<br />

di cui si diceva all’<strong>in</strong>izio. Di fronte a tanta reazione,<br />

l’amm<strong>in</strong>istrazione comunale non trovò di meglio<br />

45<br />

che licenziare il “veemente giovane”.<br />

Rimasto senza <strong>la</strong>voro, Archimede Pasqu<strong>in</strong>elli <strong>la</strong>sciò<br />

Jesi per Mondragone (Caserta), dove gli era stato offerto<br />

un posto come <strong>in</strong>segnante di lettere italiane nel collegio<br />

dei gesuiti. Fece scuo<strong>la</strong> e al tempo stesso svolse<br />

un’<strong>in</strong>tensa attività a favore delle organizzazioni cattoliche:<br />

“subito notato, acc<strong>la</strong>mato, richiesto <strong>in</strong> ogni parte<br />

d’Italia”, dirà il senatore Mario C<strong>in</strong>go<strong>la</strong>ni.<br />

Pasqu<strong>in</strong>elli si trasferì poi a Bergamo. Qui, fra l’altro,<br />

diresse il settimanale Il domani d’Italia fondato da<br />

Romolo Murri. Ogni tanto tornava a Jesi e a Jesi col<strong>la</strong>borò<br />

col periodico L’Ora Presente, partecipando anche<br />

alle elezioni amm<strong>in</strong>istrative del marzo 1908 (candidato,<br />

<strong>in</strong>sieme ad Angelo Zappelli e David Gherardi, del nuovo<br />

partito democratico cristiano). In quello stesso anno si<br />

sposò con R<strong>in</strong>a Mazzoleni, dal<strong>la</strong> quale ebbe c<strong>in</strong>que figli.<br />

In seguito abitò per otto anni a Firenze ed <strong>in</strong>f<strong>in</strong>e a<br />

Roma dove, vittima delle febbre spagno<strong>la</strong>, morì il 14<br />

ottobre del 1918.<br />

Nel ricordare <strong>la</strong> figura del Pasqu<strong>in</strong>elli, La Settimana<br />

Sociale, organo del<strong>la</strong> giunta direttiva dell’Azione Cattolica,<br />

lo def<strong>in</strong>irà “un apostolo, un propagandista, un<br />

eroe che riempie del suo nome e del<strong>la</strong> <strong>sua</strong> opera, negli<br />

anni ardenti dell’anteguerra, tutta l’Italia”.<br />

Jesi gli <strong>in</strong>titolerà una delle nuove vie.


46 AGENDA<br />

FARMACIE<br />

Servizio feriale<br />

LUNEDÌ 19 (diurno e notturno) Grammercato, MARTEDÌ<br />

20 (diurno e notturno) Coppi, MERCOLEDÌ 21 (diurno e<br />

notturno) Moretti, GIOVEDÌ 22 (diurno) Barba, (notturno)<br />

Coppi, VENERDÌ 23 (diurno e notturno) Mart<strong>in</strong>i,<br />

LUNEDÌ 26 (diurno e notturno) Comunale, MARTEDÌ 27<br />

(diurno e notturno) Cerni, MERCOLEDÌ 28 (diurno e<br />

notturno) Ospedale, GIOVEDÌ 29 (diurno e notturno)<br />

Grammercato, VENERDÌ 30 (diurno e notturno) Coppi.<br />

Servizio festivo<br />

SABATO 17 (diurno e notturno) Cerni, DOMENICA 18<br />

(diurno e notturno) Ospedale, SABATO 24 (diurno e<br />

notturno) Calcatelli, DOMENICA 25 (diurno) Delle Grazie,<br />

(notturno) Coppi.<br />

Indirizzi e numeri telefonici delle farmacie<br />

Barba, via Roma, tel. 204579; Calcatelli, via Pucc<strong>in</strong>i 5,<br />

tel. 56482; Cerni, via Garibaldi, tel. 53793; Comunale,<br />

via San Francesco, tel. 207066; Delle Grazie, corso<br />

Matteotti, tel. 209076; Grammercato, via Marconi, tel.<br />

56516; Mart<strong>in</strong>i, corso Matteotti 29, tel. 208842; Moretti,<br />

corso Matteotti 13, tel. 209162; Ospedale, corso Matteotti,<br />

tel. 57656; Coppi, via F. Coppi 31, tel. 200858.<br />

ANAGRAFE<br />

Nati residenti a Jesi<br />

Lahfadi Zahira, Giomb<strong>in</strong>i Alberto Carlo, Margarucci<br />

Mattias, Brocani Sara, Governatori Giulio, Sdrubol<strong>in</strong>i<br />

Alessia, Charkout Ahmed, Manc<strong>in</strong>elli Riccardo, Brecciaroli<br />

Giulia, Cacopardo Edoardo, Cegna Giovanni, Dolciotti<br />

Matteo, Governatori Asia, Krstic Anastasia, Tomassoni<br />

Maria Vio<strong>la</strong>, Tarant<strong>in</strong>o Francesco, Zhang Zhou,<br />

Frat<strong>in</strong>i Andrea.<br />

Nati residenti <strong>in</strong> Valles<strong>in</strong>a<br />

Cacciamani Lapo di Castelbell<strong>in</strong>o.<br />

Deceduti residenti a Jesi<br />

Battenti Aldo di anni 89, Ceciliani Primo di anni 84,<br />

Anconetani Armanda di anni 98, Palmieri Elvezio di anni<br />

81, Centurelli Primo di anni 94, Bamb<strong>in</strong>i Luca di anni 37,<br />

Bonci Silvia di anni 86, Morsucci Aldes<strong>in</strong>a di anni 82,<br />

Cor<strong>in</strong>aldesi Luigi di anni 61, Ripanti Lucio<strong>la</strong> di anni 82.<br />

Deceduti residenti <strong>in</strong> Valles<strong>in</strong>a<br />

Abbaticchio Domenico di anni 80 di Castelbell<strong>in</strong>o, Franceschetti<br />

Er<strong>in</strong>o di anni 90 di Montecarotto, Pittori Edea di<br />

anni 82 di Cupramontana, Bolletta Alberto di anni 67 di<br />

Cupramontana, Fabrizi G<strong>in</strong>a di anni 88 di Monte San Vito,<br />

Sansoni Adelelmo di anni 94 di Filottrano, Card<strong>in</strong>ali Giovanni<br />

di anni 92 di Chiara<strong>valle</strong>.<br />

Matrimoni<br />

Caimmi Paolo e Morganti Barbara, Quattrocchi Anton<strong>in</strong>o<br />

e Gruia Carmen, Cascia Marco e Cesaretti Elisabetta.<br />

TELEFONO AMICO<br />

Tel: 0731/59878; e-mail: telefonoamico@libero.it.<br />

Orario: dal lunedì al venerdì dalle 10,30 alle 12,30 o dalle<br />

16,30 alle 19,00.<br />

11/09/1922 15/04/2008<br />

GIOVANNA<br />

DIOTALLEVI<br />

Ciao Nann<strong>in</strong>el<strong>la</strong>,<br />

ci hai dato tanto amore e<br />

tenerezza. Tutti ricorderemo<br />

il tuo sorriso, i tuoi<br />

occhi azzurri pieni di vivacità<br />

e s<strong>in</strong>cerità. R<strong>in</strong>graziamo tutte le persone che ti<br />

hanno voluto dire addio <strong>in</strong> chiesa e vogliamo dirti<br />

che sarai sempre nel nostro cuore. Tu resta vic<strong>in</strong>a a<br />

noi e non dimenticarci! I familiari<br />

n.15/01/1927 m.25/03/2008<br />

ITALIA GAGLIARDINI<br />

ved. MORETTI<br />

n.22/05/1925 m.14/05/2007<br />

Nel 1° anniversario<br />

del<strong>la</strong> scomparsa di<br />

RENATO DOTTORI<br />

...Resterai sempre nel<br />

cuore di quanti ti vollero<br />

bene...<br />

Nel 7° anniversario<br />

del<strong>la</strong> scomparsa di<br />

IVANO BASTARI<br />

lo ricordano sempre<br />

con amore <strong>la</strong> moglie,<br />

le figlie e i generi.<br />

Una messa <strong>in</strong> suffragio<br />

verrà celebrata il 28<br />

maggio alle ore 07.00<br />

presso <strong>la</strong> chiesa<br />

dell’ospedale di Jesi.<br />

n.28/11/1945 m.02/02/2008<br />

FAUSTO MORETTI<br />

Il bene che ci avete voluto resterà per sempre nei<br />

nostri cuori. I vostri cari<br />

Nel 10° anniversario<br />

del<strong>la</strong> scomparsa del<br />

caro ed amato<br />

dott. RAFFAELE<br />

SCHIAVONI<br />

<strong>la</strong> moglie M. Antonietta<br />

Tanc<strong>in</strong>i, <strong>la</strong> cug<strong>in</strong>a Marcel<strong>la</strong><br />

Cecchetti e i parenti<br />

tutti lo ricordano<br />

con immutato affetto a<br />

tutti coloro che lo conobbero<br />

e lo stimarono.<br />

1998 2008<br />

In ricordo di<br />

VINCENZO MARIANI<br />

Il giorno 20 maggio<br />

ricorre il decimo<br />

anniversario<br />

del<strong>la</strong> <strong>sua</strong> scomparsa.<br />

La <strong>sua</strong> famiglia lo<br />

ricorda con tanto<br />

affetto anche a coloro<br />

che lo hanno conosciuto<br />

e stimato.<br />

10° anniversario<br />

ATTILIO CIRILLI<br />

lo ricordano con amore<br />

<strong>la</strong> moglie Elvia, <strong>la</strong> figlia<br />

Gabriel<strong>la</strong> e i nipoti tutti.<br />

Il giorno 15/05/2008 è<br />

ricorso il 1° anniversario<br />

del<strong>la</strong> scomparsa di<br />

FIORELLA<br />

PENNACCHIETTI<br />

<strong>in</strong> TRICCOLI<br />

il marito Libero, le figlie<br />

Mar<strong>in</strong>a e Pao<strong>la</strong>, i nipoti<br />

Graziano e Francesca e<br />

i generi <strong>la</strong> ricordano a<br />

coloro che conobbero le<br />

sue doti di allegria, serenità<br />

e forte coraggio.<br />

n.13/02/1970 m.23/05/2006<br />

Nel 2° anniversario del<strong>la</strong><br />

scomparsa di<br />

GIANLUCA RUMORI<br />

Primavera<br />

Camm<strong>in</strong>o sul prato<br />

scrutando i fiori<br />

li colgo pensando a te.<br />

Evoco il tempo andato<br />

tutto ciò è accaduto nel tempo...<br />

perchè ci sia una ragione<br />

delle mie <strong>la</strong>crime.<br />

Per un amore grande<br />

grande più dell’immenso,<br />

uniti dentro un battito<br />

quel battito d’amore<br />

fatto anche di dolore<br />

che <strong>in</strong>esorabilmente ha <strong>in</strong>franto il mio cuore.<br />

Mi distoglie dal mesto pensiero<br />

<strong>la</strong> dolce melodia d’un usignolo,<br />

mi <strong>in</strong>vitano a sedere sul prato<br />

le piccole margherite aperte al sole,<br />

mentre <strong>la</strong> brezza mi porta<br />

un delicato profumo di viole.<br />

Con gli occhi sospesi nel vuoto<br />

guardo le rond<strong>in</strong>i<br />

<strong>in</strong>crociarsi <strong>in</strong> volo,<br />

vorrei tanto essere <strong>in</strong> loro<br />

felice di vivere <strong>in</strong> uno spazio<br />

senza mete...<br />

D’un tratto<br />

il silenzio mi copre tutto <strong>in</strong>torno<br />

ed io mi sento avvolta dalle tue mani.<br />

Guardo il tuo volto<br />

e <strong>in</strong> quell’istante<br />

tu mi sorridi gioioso,<br />

mi si riempie il cuore<br />

di paradiso.<br />

Tuo fratello Luigi ti ricorda con amore.<br />

<strong>la</strong> tua mamma<br />

Il 23 maggio, alle ore 19.00, nel<strong>la</strong> chiesa di San<br />

Francesco d’Assisi verrà celebrata una S. Messa.<br />

47

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!