31.05.2013 Views

CARATTERISTICHE TECNICHE

CARATTERISTICHE TECNICHE

CARATTERISTICHE TECNICHE

SHOW MORE
SHOW LESS

Create successful ePaper yourself

Turn your PDF publications into a flip-book with our unique Google optimized e-Paper software.

ALFA ROMEO

MONTREAL

Caratteristiche tecniche e

principali quote di controllo

Istruzioni per la revisione


EQUIPAGGIAMENTO ELETTRICO .... '.....••••. 4 •• pal. SEI

COPPIE DI SERRAGGIO

PRINCIPALI QUOTE DI CONTROLLO

Distribuzione . .

Bielle, • . . . . .

Stantuffi ed' anelli . .

• I·

Canne e cilindri . . . .

Albero motore . .

Frizione . . . .. .

Cambio . . . . . . . . '. .

Ponte e sospensione posteriore

Sospensi,one anteriore '. • . ..

IMPIANTO FRENI

Schema. e descrizione impianto

ASSETTO VETTURA E' GEOMETRIA AVANTRENO

'. '. . . . . . . . . . . . . . " 38

.' ....

.. . .' .

Controllo assetto ed angoli caratteristici a carico stati

co

• •

" 42

" 46,

" 47

" 48

" 49

" 50

" 51

u 52

" 53

ti

"

55

60


Numero e disposizione cilindri

Alesaggio

DATI CARATTERISTICI PRINCIPALI

Corsa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . .

Cilindrata totale . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Potenza massima a 6.500 giri/min {

Potenza fiscale (in Italia) . . . . . . . . . . . . . .

Carreggiata anteriore . . . . . . . . . . . . . . . . .

Carreggiata posteriore

Passo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Raggio minimo di sterzata . . . . . . . . . . . . . . .

Lunghezza massima . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Larghezza massima

Altezza massima (a vettura scarica)

Peso in ordine di marcia (con pieno carburante)

Numero posti

Consumo combustibile per 100 Km (norme CUNA)

(per il buon funzionamento· del motore è prescritto

l'uso di benzina Super)

Pneumatici (195/70 x 14 VR) · • • · ... · · ....i

8 a V di 90°

80 mm

64,5 mm

2593 eme

DIN 200 CV

SAE 230 CV

30 CV

1374 mm

1340 mm

2350 mm

5500 mm

4220 mm

1672 mm

1205 mm

1270 Kg

2 + 2

13,7 l

MICHELIN

X RadiaI

- 1 -


Motore

LUBRIFICANTI E LIQUIDI PRESCRITTI

Classificazione Corrispondenze commerciali raccomandate

API - SAE - NLGI A G I P S H E L L

SAE 20 W/40

API MS

F.1 Woom SAE 20 W/50 Super Motor Oil "100"

Cambio SAE 30 F.1 Woom SAE 30 Rotella T30 HO

Differenziate Spirax 90 HO

Scatola guida SAE 90 API EP F.1 Rotra Hypoid SAE 90 Spirax 90 EP

Giunti cardanici e manicotto scor

-

revole albero trasmissione

NLGI 1 F.1 Grease 15 Retinax G

Cuscinetti ruote anteriori NLGI 2/3 F.1 Grease 33 FD Retinax AX

Serbatoio di alimentazione impianto

freni e frizione

SAE

API

NLGI

N.B.

Society of Automotive Engineers

American Petroleum Institute

National Lubricating Grease Institute

ALFA ROMEO Normale 3681.69902 - ATE "Blau H"

Nei Paesi ove non fossero reperibili i lubrifiçanti prescritti, potranno esse:re usati quelli di

altre primarie Marche purchè corrispondenti alle classifiche e gradazioni sopra descritte.


Sostituzione olio (a motore caldo)

A motore fermo scaricare completamente l'olio della coppa e dal' serba

toio come segue:

- rimuovere il tappo tll" sulla coppa

_ svitare mediante apposita chiave il tappo "2" sul serbatoio" Il ta,2

po è accessibile attraverso l'apposito foro praticato nella parte in

feriore" destra del frontale della vettura

- sostituire il filtro olio

- pulire e rimontare i tappi "1" e "2"

-.riempire con olio nu6vo il serbatoio e mettere in moto al minimo il

motore

dopo alcuni minut i di funzionamento al minimo, per fare in modo di

riempire il circuito di 'lubrificazione, completare il riempimènto

del serbatoio con la quantità prescritta di lubrificante

- fiL-


Attrezzo di

VISTA ANTERIORE

Vite arresto MAX

Perfettamente

ori zzontale

Vite arresto MIN

Eseguire il posizionamento della leva di rinvio al minimo con l'apposito

attrezzo, riferendosi al perno sferico,come indicato nello schiz

zo, regolare e bloccare la vite di arresto al minimo. Ruotare la leva

di rinvio di 78° e, riferendosi al secondo perno sferico, regolare e

bloccare la vite di arresto al massimo.

Montare la molla di richiamo ed il tirante di collegamento levarinvio

con la leva comando farfalle del gruppo di sinistra regolato alla

lunghezza prevista a diSegno.


VALORI ANGOLARI DEL DIAGRAMMA REALE DELLA DISTRIBUZIONE A MOTORE FREDDO

(senso di rotazione orario dell'albero motore visto dal lato anteriore)

(1P) (5P)

P.M.S.

P.M.I.

Apertura valvola aspirazione (prima del PMS) . . . .

Chiusura valvola aspirazione (dopo il PMI) . . . . . . . .

Apertura valvola scarico (prima dèl PMI)

Chiusura valvola scarico (dopo il PMS) .

Fase di aspirazione

Fase di scarico • • ;",j." • • •

· . . . . . . . . . . . .

· . . . ... . . . . .

36° 50'

60° 50'

. 54° 10'

· . · · · · · · ·

. · · · · · . · . 30° · · 10'

· · · · · . . · . · · . · · · 277° 40'

· · · · · . · . . · · . · · · . . · · 264° 20'


Ripristino tensione catene distribuzione

Per la registrazione della tens ione delle catene della distribuzione

(7) operare come segue:

- mettere in moto il motore e farlo girare a basso regime (900+1000gi

ri/min.) evitando nel modo piu assoluto di dare accelerate durante

le operazioni successive;

- allentare i bulloni (11) di fissaggio dei tendicatena (10) e atten­

dere qualche istante affinchè le catene si mettano in tensione;

- serrare ,accuratamente i bulloni (11) di fissaggio.

Fare attenzione alla ventola che può inserirsi automaticamente,

-_20 -

1 Al bero motore con i ngranaggi di comando

distribuzione e pompe olio

2 Catena di comando pompe olio

3 Ingranaggio di comando pompe olio

4 Catena primari a di comando ingranaggi di

rinvio della distribuzione

5 Tenditore idraulico dèlla catena primaria

6 Ingranaggi di rinvio della distribuzione

7 Catene secondarie della distribuzione

8 Ingranaggi di comando degli alberi a camme

sull'aspirazione

9 Ingranaggi di comando degli alberi a camie

sullo scaftco

10 Tendicatena

11 Bullone di bloccaggio tendi catena

12 Patiino smorzatore


Operazioni con motore su cavalletto

Montaggio volano sull'albero a manovelle

Al montagg·io del volano sull'albero a manovella, la tacca con dicitu­

ra P.M.S. deve trovarsi sulla mezzaria della manovella bielle anterio

ri.

- 22 -

Tacca sul volano

Tacca sul volano

\ Manovella anteriore

Manovella posteriore


SCHEMA CIRCUITO DI RAFFREDDAMENTO

1 Tappo del serbatoio di espansione 10 Rubi netto del ri scal datore

2 Serbatoio di espansione 11 Indicatore temperatura acqua

3 Vite di sfi ato 12 Scarico radiatore

4 Tappo sul bocchettone di ri emp imento 13 Termistore comando elettroventilatore

5 Valvola termostati ca 14 Radiatore

& Bulbo per indicatore temperatura acqua 15 Elettroventilatore

7 Riscaldatore 16 Pompa centrifuga

8 Relè di comando elettroventilatore di raffreddamento 17 Tappo scarico acqua

9 Leva regolazione ingresso acqua nel riscaldatore

- 32 -


Diametro canna cilindri

Canne cilindri

B l e u R o s a V e r d e

79,985 .;. 79,994 79,995 .;. 80,004 80,005 .;. 80,014

Giuoco fra canna cilindro e stantuffo . . . . . . . . . . . . . .'. . . 0,030 .;. 0,049

Sporgenza canile cilindri dal basamento . . . . . . . . . . . . .. .• . . . . ... . . F ° .;. 0,06

Rugosità canne . . . . . ... . . . . . . . . Ra 0,5.;. 1p


ALBERO MOTORE

Diametro perni di banco A

Diametro perni di biella B

.Spessore cuscinetti di banco C

Diametro della sede nel basamento per cuscinetti di

banco . . . . . . . . . F

Lunghezza perno centrale D

Spessori anelli di spinta per perno centrale E

Giuoco assiale albero motore . . . . . . . . . . H

Giuoco diametrale tra perni e cuscinetti di banco

NOTA - Giuoco diametrale 0 sede banco - (2 volte

spessore cuscinetto + 0 perno di banco)

Raggi di raccordo J perni d,i ,banco e di biella

l perno poster, lato volano

Rugosità sui perni di banco e di biella·

M,assima ovalità perni di banco e di biella ..

_assima conicità perni di banco e di biella. misurata

sulla loro lunghezza . . .. . . . . . . . . . . . .

Gl

G2

Ra

G1

54,988 ;. 54,999

44,958 ;. 44,971

1,829 ;. 1,835

58,684 ;. 58,703

25,980 ;. 26,030

2,310 ;- 2,360

0,076 ;. 0,263

0,014 ;- 0,058

1,7 ;. 2,1

2,7 ;. 3,1

0,16 ].l

0,007

0,01

0,015

0;01

0,300

....; 49. -


F R I Z I O N E

1 Pedale di comando 6 Di sco condotto

2 Pompa 7 Molla a diaframma

3 Serbatoio liquido frizione 8 Cuscinetto règgispinta

4 Cilindretto di comando 9 Vite spurgo aria

5 Leva distacco frizione

La frizione è del tipo monodisco a secco, con comando idraulico a recupero

automatico del giuoco.

Il pedale della frizione agisce su un ' apposita pompa alimentata dal

serbatoio di alimentazione "3". Premendo il pedale, il liquido sotto

pressione aziona lo stantuffo del cilindretto "4", collegato alla leva

"5". Il trascinamento del disco condotto è assicurato dalla molla

a diaframma "7". La frizione ha la caratteristicadi avere il cuscinetto

reggispinta costantemente a contatto della molla a diaframma.

Risulta cosi annullato il giuoco tra cuscinetto e frizione ed il recu

pero dell'usura avviene automaticamente.

Non è necessaria alcuna registrazione periodica del giuoco.

- 50 -


PONTE E SOSPENSIONE POSTERIORE

l'" marcia · · · · 1 12,26

2'" marcia 1 7,22

Rapporti totali cambio-ponte 3'" marcia · · · · 1 5,33

con coppia conica 10/41 4'" marcia 1 4,10

Valore di bloccaggio

Giuoco tra pacco lamelle e scatola

5'" marcia 1 3,57

R.M. . . . · · · · 1 14,92

Differenziale semibloccante ZF

Coppia di serraggio delle viti coperchio

Eccentricità massima dei semiassi . . . .

Giuoco fra i denti della coppia conica

Quota di controllo per distanza fra pignone e corona

determinata dal calibro . . .. . ...

Precarico cuscinetti del pignone

Precarico totale cuscinetti pignone-corona

Giuoco assiale fra triangolo di reazione e scocca

25%

0,1 + 0,2 mm

2,3 Kgm

0,10

0,05 + 0,10

7Q + 0,0025

11,5 + 15,5 Kgcm

16,5 + 24,5 Kgcm

max 1

Il differenziale montato senza precarico deve poter girare sotto una

coppia max Md = 1,5 Kgm bloccando un semiasse e ruotando l'altro.

Alta velocità .

Bassa velocità

Controllo degli ammortizzatori al banco prova

Dati di taratura (a freddo)

B I A N C H I

Estensione Compressione

135 + 190 Kg 50 + SO Kg

19 + 55 Kg 9 + 22 Kg

Controllo delle molle della sospensione

Lunghezza della molla libera 467 mm

Lunghezza sotto carico statico 252

Carico di controllo . . . . . . . . 349 + 371 Kg

-52 -

mm

} N° distintivo

39-40-41-42


P a t t i n i d i a t t r 1 t o

spessore pattino nuovo

spessore minimo ammesso 8

P i n z e

anteriore posteriore .

mm.1S'

I 7

In caso di sostituzione delle pinze o del disco controllare la distan

za tra pinza e disco su ciascun lato: tale distanza non deve superare

0,5 mm.

Il centraggio delle pinze rispetto al disco si realizza interponendo

gli appositi spessori tra pinza e piano d'appoggio.

F r e n o a m a n o

Et a funzionamento meccanico: il bloccaggio delle ruote posteriori si

ottiene mediante ceppi ad espansione, agenti sulla superficie interna

di un tamburo solidale al disco freno .

.Per la descrizione dell'impianto e le norme di manutenzione e ripara­

zione, attenersi al fascicolo:

IMPIANTO FRENI A DISCO ATE (Pubblic. N° 1173)

Un elemento molleggiato inserito sul tirante flessibile facilita il

bloccaggio e lo sbloccaggio del freno a mano.

N o t a

- 58 -

Al rimontaggio del meccanismo qi comando dei ceppi freno

amano umettare leggermente con grasso AGIP F.l Gr SM o

SHELL Retinax AM le superfici di appoggio e s.corrimento

del.dispositivo di espansione.

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!