I diamanti del ciclismo - Federazione Ciclistica Italiana

federciclismo.it

I diamanti del ciclismo - Federazione Ciclistica Italiana

PROFESSIONISTI

Ufficializzata la sede di partenza della prossima edizione della corsa rosa

Il Giro del Centenario

ha scelto Venezia

di Francesco Coppola

VENEZIA - “Per un Giro speciale

- quello del Centenario

- ci serviva una partenza speciale,

in una città speciale. La

soluzione l’abbiamo trovata: si

chiama Venezia”. Angelo Zomegnan,

patron del Giro d’Italia,

ha ufficializzato così la sua

decisione di far partire l’edizione

2009 della Corsa Rosa dal

capoluogo lagunare, nel corso

della conferenza stampa svoltasi

nel pomeriggio di ieri a Ca’

Farsetti, sede del Comune di

Venezia. All’incontro, svoltosi

in un clima di festa, hanno

preso parte, tra gli altri, il sindaco

di Venezia, Massimo Cacciari,

l’iridato Alessandro Ballan

e l’assessore comunale allo

Sport, Sandro Simionato. “Per

noi - ha sottolineato Cacciari -

non è solo un onore poter ospitare

nuovamente il Giro, in una

edizione che si preannuncia

davvero memorabile, ma anche

una grande occasione. Un’occasione

per presentare la città

nella sua chiave giusta: non ‘crepuscolare’

come vorrebbe qualche

luogo comune, ma un luogo

che può essere vissuto anche

in maniera giovane. Venezia è

sinonimo di cultura, e anche

il Giro e gli altri grandi eventi

sportivi sono cultura”. “Inoltre

- ha proseguito il primo cittadino

di Venezia - la partenza

della corsa, che, grazie anche al

ritorno alle gare di Lance Armstrong,

sarà seguita in tutto il

mondo, darà una grande spinta

promozionale alla città: speriamo

che ciò sia compreso dalle

forze economiche e produttive

Alla conferenza stampa presenti, tra gli altri, il sindaco

Massimo Cacciari e il campione del mondo Alessandro Ballan.

La presentazione ufficiale il 13 dicembre a La Fenice

locali, da cui mi aspetto un significativo

supporto”.

Il Giro del Centenario sarà

davvero legato a doppio filo

con Venezia. Il percorso della

Corsa Rosa sarà, infatti, ufficialmente

presentato sabato 13

dicembre prossimo, al teatro

La Fenice. Il 7 maggio 2009, in

piazza San Marco, si svolgerà

la presentazione ufficiale delle

formazioni partecipanti. Due

giorni dopo, al Lido, si terrà la

prima tappa: una cronometro a

squadre di 22 km che servirà a

designare la prima maglia rosa.

Quel giorno, a Venezia, per celebrare

i 100 anni del Giro saranno

presenti anche tutti i

grandi campioni del passato.

“Farò di tutto - ha assicurato

Ballan - per esserci anch’io:

sinora un Giro d’Italia non

l’ho mai corso, e mi piacerebbe

davvero parteciparvi indossando

la maglia iridata”. Nella

prima settimana di maggio si

terrà anche, a Mestre e al Lido

di Venezia, promossa dall’organizzazione

del Giro d’Italia,

“Biciscuola”, la manifestazione

che vuole promuovere tra i ragazzi

della scuola dell’obbligo

l’uso e l’amore per la bicicletta.

“Le strade del Lido - ha precisato

Zomegnan - consentono

di esprimere grande velocità, e

quindi la prima tappa del Giro

del centenario darà l’idea dell’energia

e della forza che vogliamo

emergano da questa

competizione”. Durante la presentazione

non sono mancati

i commenti relativi alle prime

candidature alla maglia rosa:

“L’Astana - ha detto Zomegnan

- sarà al Giro di sicuro, e Lance

Armstrong mi ha confermato

che parteciperà al 110 per cento.

Lui non lascia mai niente

al caso, e se partecipa ad una

corsa è per svolgerla nel modo

migliore, come si capisce dalle

mail che mi invia quotidianamente:

credo che ci sia la concreta

possibilità di vederlo in

maglia rosa già a Venezia”.

“Sarò vicino casa - ha osservato

Alessandro Ballan - e mi

piacerebbe davvero aggiungere

qui la maglia rosa a quella iridata.

A cronometro ho qualche

lacuna, ma so che la Lampre

punterà molto su Damiano

Cunego e quindi si presenterà

agguerritissima. Io non parto

sconfitto, anche perché sarà il

mio primo Giro e modificherò

anche la preparazione, partecipando

al giro del Trentino

e a quello di Romandia, per affrontarlo

al meglio”.

“La partenza del Giro d’Italia

da Venezia - ha precisato ancora

Cacciari - non sarà solo un

evento sportivo. Non a caso, la

proposta di iniziare il Giro del

centenario al Lido è stata accolta

da tutti con entusiasmo.

Tutta la Giunta ha condiviso

da subito questa proposta, perché

ci permetterà di mandare

un messaggio positivo della

città attraverso la più importante

manifestazione sportiva

italiana. Le foto dei ciclisti a

Venezia esprimeranno la freschezza

di questa città meglio

di mille spot”. Sono stati ospiti

della nuova edizione di “Lente

d’ingrandimento”, il settimanale

audio del Comune di Venezia

curato da Umberto Zane,

lo stesso Zomegnan, Ballan, il

figlio del generale Dalla Chiesa,

Nando, che ha ricordato il

padre a cui è stata dedicata a

Mestre una piazza, l’assessore

Mingardi, che ha illustrato il

nuovo piano urbano della mobilità

e la situazione degli immigrati

nel territorio (www.comune.venezia.it).

Con EICMA è partita la

Sei Giorni di Milano

DAL MARTEDÌ e fino al 9 novembre ha luogo a Milano il tradizionale

Salone del Ciclo con, evento nell’evento, il tanto atteso

ritorno della Sei Giorni. Dopo l’assaggio di un anno fa - “Bike-

4Show”, 4 giorni di gare, un successo superiore a tutte previsioni

- la “6 giorni di Milano” è in pieno svolgimento nel padiglione

7 della nuova Fiera. Per gli sportivi è l’occasione di rivedere in

azione e applaudire il due volte campione del mondo e vincitore

della medaglia d’oro alle Olimpiadi di Atene Paolo Bettini

dopo l’abbandono delle gare su strada. Il grillo è in coppia

con Llaneras. Le altre coppie iscritte sono Perez-Donadio,

Pozzato-Roberts, Quinziato-Van Bon, Popovich-Zagorodny,

Ciccone-Masotti, Ongarato-Sacchi, Ermeti-Montaguti, Cucinotta-Furlan,

Viviani-Aeshbach, Buttazoni-Marzoli, Jorgensen-Madsen.

il Mondo del Ciclismo n.45

3


il Mondo del Ciclismo n.45

4

PISTA

Coppa del Mondo - A Manchester, nella prima prova

ERA PREVEDIBILE che la

Gran Bretagna, dopo aver monopolizzato

le gare su pista

ai Giochi di Pechino (7 ori su

9 disponibili!), avrebbe colto

l’opportunità di ospitare a

Manchester la prima prova di

Coppa del Mondo 2008-2009

per ribadire il suo dominio

e festeggiare i suoi eroi. Non

c’erano tutti gli olimpionici,

quindi regina indiscussa delle

tre giornate è stata Victoria

Pendleton, che ha ripagato il

suo pubblico con tre vittorie.

Gli atleti del Regno Unito hanno

messo insieme un bottino

sontuoso, persino imbarazzante:

14 successi sulle 17 gare

in programma, con l’aggiunta

del Keirin internazionale,

torneo abbinato alla Coppa

del Mondo. I giovani azzurri

schierati dai tecnici nazionali

non avevano ambizioni di podio.

Il quadriennio di Londra

2012 deve ancora cominciare,

ma era importante dare continuità

al cammino. Ancora

una volta ha brillato l’”enfant

prodige” Elia Viviani, nonostante

la stagione intensa. Il

suo quarto posto nella corsa

a punti, dopo aver vinto la

manche di qualificazione, è di

grosso spessore. Ma sono apprezzabili

anche l’ottavo posto

di Davide Cimolai nell’inseguimento

e il nono di Luca

Ceci nel Km da fermo. Per

ELIA VIVIANI

La Gran Bretagna

mostra i muscoli

Trionfo annunciato dei padroni di casa (14 vittorie su 17 gare).

Tris d’oro di Victoria Pendleton. Eccellente il quarto posto

di Elia Viviani nella corsa a punti

loro, come per Omar Bertazzo,

Alex Bertazzoni, Andrea

Guardini, Annalisa Cucinotta

e Marta Tagliaferro è stata

un’altra utilissima esperienza.

PRIMA GIORNATA - Cinque

finali delle sette in programma

vedono protagonisti i

britannici, con la tripletta sul

podio della corsa a punti don-

VICTORIA PENDLETON

ne a incorniciare la giornata.

Fanno piuttosto notizia le due

vittorie sfuggite agli atleti locali:

nel keirin maschile, vinto

dal francese François Pervis al

fotofinish sul beniamino locale

Jason Kenny, con il nostro

Andrea Guardini al 16° posto,

e nello scratch uomini, dove

l’olandese Wim Stroetinga ha

la meglio sul belga Tim Mer-

tens. Qui Elia Viviani, campione

europeo under 23 della

specialità, entra in finale

piazzandosi terzo nella sua

manche e termina al 13° posto.

Scontati, in campo femminile,

i successi di Victoria

Pendleton nella velocità, davanti

alla cinese Lulu Zheng

e all’ucraina Lyubov Shulika,

e di Wendy Houvenaghel nell’inseguimento,

davanti alla

canadese Tara Whitten e alla

connazionale Joanna Rowsell.

Elizabeth Armitstead fa sua la

corsa a punti precedendo Lucy

Martin e Katie Colclough per

un podio tutto casalingo. In

questa prova le azzurre Annalisa

Cucinotta e Marta Tagliaferro,

approdate in finale, si

piazzano rispettivamente al 9°

e al 17° posto. In campo maschile,

il britannico Edward

Clancy domina l’inseguimento

individuale, con Davide Cimolai

all’ottavo posto, mentre

David Daniell non si fa sfuggire

il Km da fermo, dove Luca

Ceci ottiene il nono tempo.

SECONDA GIORNATA -

Prosegue lo show dei padroni

di casa, che fanno il pieno

vincendo le sei finali previste.

Nel contesto si fa spazio

ancora una volta Elia Viviani,

quarto nella corsa a punti,

dopo aver vinto la sua manche

con grande autorità. Il vincitore

della finale, Chris Newton,

ha 35 anni ed è plurimedagliato

ai Mondiali e alle Olimpiadi.

La velocità uomini è stata

facile preda di Jason Kenny,

medaglia d’argento a Pechino,

che ha superato l’austra-


liano Shane Perkins. Medaglia

di bronzo all’altro britannico

Matthew Crampton. L’azzurro

Andrea Guardini, lontano dall’aver

ripreso confidenza con la

pista, si ferma al 18° posto nelle

qualificazioni. Il quartetto

della Gran Bretagna non ha rivali

nell’inseguimento a squadre

e umilia i danesi in finale,

mentre l’Olanda ha la meglio

sui russi della Lokomotiv nella

sfida per il terzo posto. Dopo

VELOCITÀ DONNE: 1. Victoria

Pendleton (Gbr); 2. Lulu Zheng (Cina); 3.

Lyubov Shulika (Ucr).

INSEGUIMENTO DONNE: 1. Wendy

Houvenaghel (Gbr); 2. Tara Whitten (Can);

3. Joanna Rowsell (Gbr).

CORSA A PUNTI DONNE: 1. Elizabeth

Armitstead (Gbr) p. 39; 2. Lucy Martin

(Gbr) p. 25; 3. Katie Colclough (Gbr) p. 25;

9. Annalisa Cucinotta (Ita) p. 6; 10. Rebecca

Quinn (Usa) p. 6; 17. Marta Tagliaferro

(Ita) p. 2.

KEIRIN UOMINI: 1. Francois Pervis (Fra);

2. Jason Kenny (Gbr); 3. Teun Mulder

(Ol); 4. Kamil Kuczynski (Pol); 16. Andrea

Guardini (Ita).

SCRATCH UOMINI: 1. Wim Stroetinga

(Ol); 2. Tim Mertens (Bel); 3. Martin Blaha

(Adp); 13. Elia Viviani (Ita).

INSEGUIMENTO UOMINI: 1. Edward

Clancy (Gbr) 4’18”80; 2. Vitaliy Shchedov

(Ucr); 3. Valery Kaykov (Rus); 8. Davide

Cimolai (Ita).

KM DA FERMO UOMINI: 1. David

Daniell (Gbr) 1’01”996; 2. Yevhen

Bolibrukh (Ucr) 1’03”039; 3. Kamil

Kuczynski (Pol) 1’03”176; 9. Luca Ceci (Ita)

aver vinto la velocità femminile,

Victoria Pendetlon concede

il bis nei 500 metri a cronometro,

dove si segnalano la cinese

Jinjie Gong, argento, e la tedesca

Miriam Welte, bronzo.

Primo e terzo gradino del podio

per le britanniche Elizabeth

Armitstead e Alexandra

Greenfield nello scratch, con

la canadese Tara Whitten tra

le due. Qui Annalisa Cucinotta

entra in finale piazzando-

Ordini di arrivo

IL PODIO DEL MADISON

si terza nella sua manche, poi

termina al 14° posto.

Infine, Anna Blyth e Jessica

Varnish completano il trionfo

del Regno Unito dominando

la velocità a squadre davanti

alla Germania e alla Russia.

TERZA GIORNATA - La prima

prova di Coppa del Mondo

si conclude con il trionfo annunciato

della Gran Bretagna,

che nell’ultima giornata sale

1’05”536.

VELOCITÀ UOMINI: 1. Jason Kenny

(Gbr); 2. Shane Perkins (Aus); 3. Matthew

Crampton (Gbr); 18. Andrea Guardini (Ita).

INSEGUIMENTO A SQUADRE

UOMINI: 1. Gran Bretagna (Burke Steven

Clancy Edward Thomas Geraint Hayles

Robert); 2. Danimarca (Christensen

Michael Faerk Jorgensen Casper

Kreutzfeldt Daniel Madsen Jenserik); 3.

Olanda (Kip Ismaël Schep Peter Stroetinga

Wim Van Der Zwet Arno); 13. Italia (Omar

Bertazzo, Alex Buttazzoni, Davide Cimolai,

Elia Viviani).

CORSA A PUNTI UOMINI: 1. Chris

Newton (Gbr) p. 58; 2. Eloy Teruel Rovira

(Spa) p. 38; 3. Iljo Keisse (Bel) p. 36; 4. Elia

Viviani (Ita) p. 10.

VELOCITÀ A SQUADRE DONNE:

1. Gran Bretagna (Blyth Anna, Varnish

Jessica); 2. Germania (Muche Christin,

Welte Miriam); 3. Russia (Baranova

Victoria, Grankowskaja Swetlana).

SCRATCH DONNE: 1. Elizabeth

Armitstead (Gbr); 2. Tara Whitten (Can); 3.

Alexandra Greenfield (Gbr); 14. Annalisa

Cucinotta (Ita).

PISTA

sul gradino più alto del podio

in tre prove su quattro. Solo i

tedeschi Olaf Pollack e Roger

Kluge interrompono il dominio

imponendosi nel madison

uomini davanti al Belgio

e alla Russia. Qui Buttazzoni

e Viviani non sono riusciti

a guadagnare la finale. Terzo

oro personale di Victoria

Pendleton nel keirin, davanti

alla colombiana Diana Maria

Garcia Orrego e alla cinese

Jinjie Gong. Le inglesi Elizabeth

Armitstead, Katie Colclough,

Joanna Rowsell vincono

l’inseguimento a squadre

sotto l’egida dell’HPM Team,

lasciando a distanza la Germania.

Terzo posto all’Ucraina.

Facile anche il successo di

Ross Edgar, Jason Kenny e Jamie

Staff nella velocità olimpica

maschile, con la maglia dello

Sky Team. Ai posti d’onore

Polonia e Germania. Infine,

tanto per gradire, il britannico

Matthew Crampton si aggiudica

il keirin internazionale

davanti al connazionale Ross

Edgar.

500 M. DONNE: 1. Victoria Pendleton

(Gbr) 34”256; 2. Jinjie Gong (Cina) 34”432;

3. Miriam Welte (Ger) 34”799.

KEIRIN DONNE: 1. Victoria Pendleton

Gbr); 2. Diana Maria Garcia Orrego (Col).

INSEGUIMENTO A SQUADRE DONNE:

1. Gran Bretagna-HPM Team (Armitstead

Elizabeth, Colclough Katie, Rowsell

Joanna) 3’26”904; 2. Germania (Becker

Charlotte, Becker Christina, Brennauer

Lisa) 3’32”002; 3. Ucraina (Galyuk

Svitlana, Kalitovska Lesya, Shulika Lyubov)

3’32”450.

MADISON UOMINI: 1. Germania

(Pollack Olaf, Kluge Roger) p. 12; 2. Belgio

(De Ketele Kenny, Keisse Iljo) p. 8; 3.

Russia (Kovalev Ivan, Kolesnikov Sergey)

p. 7.

VELOCITÀ OLIMPICA UOMINI:

1. GBR-Sky Team (Edgar Ross, Kenny

Jason, Staff Jamie) 44”306; 2. Polonia

(Kwiatkowski Lukasz, Kuczynski Kamil,

Bielecki Maciej) 45”259; 3. Germania

45”076.

KEIRIN INTERNAZIONALE: 1. Matthew

Crampton (Gbr); 2. Ross Edgar (Gbr-Sky);

3. Adam Ptacnik (R. Ceca).

il Mondo del Ciclismo n.45

5


il Mondo del Ciclismo n.45

6

CICLOCROSS

Campionati europei - A Liévin (Francia) in gara Juniores, Donne e Under 23

La nuova leva già competitiva

Nonostante la breve preparazione gli azzurrini non deludono.

Falaschi sfiora il podio, bene anche i gemelli Braidot e Tatto.

I titoli a Eising (juniores), Kupfernagel (donne) e Walsleben (under 23)

di Alfredo Vittorini

foto Todaro

LA QUINTA EDIZIONE del

campionato europeo di ciclocross

ha trovato favorevole

accoglienza a Liévin, in Francia,

già sede di prove di Coppa

del mondo. Un’organizzazione,

quindi, del tutto all’altezza

di questo importante evento

per la realizzazione del quale

L’Uec (Unione ciclistica europea)

ha già assegnato le prossime

edizioni: nel 2009 a Hoogstraten,

in Belgio, quindi nel

2010 a Francoforte sul Meno,

in Germania; nel 2011 a Lucca,

la città toscana che organizzò

due anni fa le prove tricolori

ed a Ipswich, in Gran

Bretagna, nel 2012.

Falaschi sfiora il podio

A Liévin, come da programma,

sono stati gli azzurri-

ni della categoria juniores ad

aprire le ostilità con una gara

entusiasmante anche per lo

staff azzurro, coordinato dal

direttore tecnico Fausto Scotti.

L’azzurro Bryan Falaschi,

diciassettenne già in evidenza

al recente campionato italiano

di Scorzé (9° posto) e ad

Asiago (4°) lo scorso 11 ottobre

nella prova nazionale del

Giro d’Italia del ciclocross, ha

sfiorato il podio classificandosi

al quinto posto a soli 33”

dal nuovo campione europeo,

l’olandese Tijmen Eising ed a

soli 15” dal terzo classificato,

il belga Sean De Bie, figlio di

Danny De Bie, campione del

mondo ciclocross nel 1989 a

Pont-Chateau, in Francia. Alla

piazza d’onore Lars Van der

Haar, olandese come il vincitore.

Nella “top ten” anche

Luca Braidot, ottavo a 1’11”;

bravo anche suo fratello Daniele

12° a 1’51.

Apprezzabile anche

la prova di

Michele Tatto,

23° a 3’14”. La prestazionecomplessiva

della squadra

deve essere valutata

anche alla

luce del breve periodo

di preparazione.

La stagione

del ciclismo sui

prati è cominciata

da poco in Italia,

mentre è già a pieno

ritmo nel Nord

Europa. Non a

caso il neo campione,

al suo secondo

anno nella

categoria, è al suo

quinto successo

stagionale aven-

IL CAMPIONE EUROPEO JUNIORES EISING. A FIANCO, FALASCHI

do vinto anche a Zonhoven,

Ruddervoorde (Trofeo Superprestige),

Kalmthout e Tabor,

prove di Coppa del mondo.

A sua volta Van der Haar si

era imposto a settembre nella

gara d’apertura ad Erpe-Mere

e successivamente a Neerpelt.

Infine De Bie aveva infilato

una doppietta il 25 e 26 ottobre

in due gare nazionali disputate

in Belgio. Un podio,

quindi di predestinati, insidiato

da Jan Nesvadba, della

Repubblica Ceca e dal nostro

Falaschi, giunti a ridosso l’uno

dall’altro.

Il ritorno di Hanka

Hanka Kupfernagel, iridata lo

scorso gennaio a Treviso, si è

ripresa la maglia continentale

che conquistò nella prima

edizione a Vossem, in Belgio,

nel 2004. Poi aveva ceduto lo

scettro alle olandesi Marianne

Vos e Daphny Van den Brand,

dopo essere arrivata terza nel

2005 a Pont-Chateau in Francia,

nel 2005 e seconda ad


DA SINISTRA, LUCA E DANIELE BRAIDOT

Hujbergen, in Belgio nel 2006.

Alla piazza d’onore la francese

Maryline Salvetat, iridata

nel 2007 a Hooglede-Gits, in

Belgio e medaglia d’argento

nel 2004 a Pont-Chateau. La

sorpresa è venuta con la Katerina

Nash, rappresentante

della Repubblica Ceca, che

ha conquistato la medaglia

d’argento anticipando di una

manciata di secondi le ben

più blasonate Chrisitel Ferrier

Bruneau e Daphny Van

den Brand; in ogni caso le prime

cinque sono tutte raccolte

nello spazio di trenta secondi.

Non male, per le medesime

considerazioni che abbiamo

fatto in merito alla precocità

del calendario internazionale

nella regione del Benelux,

le prove delle azzurre Veronica

Alessio, Daniela Bresciani e

Francesca Cucciniello. Si è ritirata

la giovanissima Stefania

Vecchio, inserita all’ultimo

momento nella squadra per

abituarla alle grandi competizioni

internazionali.

Walsleben mattatore

La prova conclusiva, riservata

alla categoria Under 23 aveva

subito, nel tempo, l’egemonia

di Niels Albert, vincitore di tre

delle quattro edizioni disputate

prima di Liévin (la prima

nel 2004 la vinse Lars Boom

ed Albert fu “soltanto” secon-

do). Assente Albert, ormai

proiettato come protagonista

delle gare open, il tedesco Philip

Walsleben, vice campione

europeo l’anno scorso ad Hittnau,

si è imposto alla grande

sul francese Aurelien Duvan,

medaglia d’argento al mondiale

di Treviso e sul belga Kenneth

Van Compernolle, giunti

entrambi a debita distanza dal

neo campione il quale alla vigilia

di questo impegno aveva

corso vincendola la prova under

23 del “Koppenbergcross”

ad Oudenaarde. Nel palmares

stagione di Walsleben anche

le altre gare internazionali di

Berlino, Ruddervoorde (Trofeo

Superprestige) e Tabor (Coppa

del mondo). A sua volta Duval

aveva partecipato a tre precedenti

edizioni delle prove continentali,

risultando il suo migliore

piazzamento il 4° posto

nel 2005 a Poont-Chateau. Da

segnalare anche piazzamenti

in prove di Coppa del mondo

nella stagione 2005/2006 (4°

a Wetzikon e 6° a Kalmthout).

Molto al di sotto delle aspettative,

con l’attenuante delle

considerazioni che ripetiamo

anche per loro, gli azzurri

della categoria Under 23, dal

momento che avevamo in

squadra Cristian Cominelli,

campione italiano e medaglia

di bronzo al mondiale di Treviso

e Marco Ponta, vice cam-

pione italiano, compreso nella

“top ten” sul circuito trevigiano

“Le Bandie”. La selezione

imposta da Walsleben, che ricordiamo

protagonista vincente

nel “Memorial mamma

e papà Guerciotti” l’anno scorso,

ha sbriciolato il gruppo dei

partecipanti e tolto le giuste

motivazioni per chi sperava in

un contesto più equilibrato. Il

primo degli azzurri è risultato

Ponta, 20° a 3’14” e con lo

stesso tempo al 23° posto Cominelli;

31° a 4’50” Alessandro

Calderan, mentre Matteo

Trentin ha concluso la prova

al 37° posto con un giro di ritardo.

I prossimi impegni

Per tutti gli azzurri l’incoraggiamento

e il plauso dello staff

tecnico federale con una immediata

possibilità di conferma

(per gli juniores) e di rivalsa,

per gli altri, a partire dalla

prossima trasferta prevista

per domenica prossima in occasione

della terza prova della

Coppa del mondo in programma

a Pijnacher, in Olanda,

aperta a tutte le categorie, maschili

e femminili. Dall’elenco

ufficiale risultano iscritti gli

élite Enrico Franzoi, Marco

Bianco, Rafael Visinelli, Fabio

Ursi e Marco Aurelio Fontana;

gli under 23 Cristian Cominelli,

Marco Ponta, Elia Silvestri,

Matteo Trentin, Alessandro

Calderan, Fabio Aru e

Roberto De Patre; le donne

Veronica Alessio, Francesca

Cucciniello, Daniela Bresciani

e Stefania Vecchio; gli juniores

Daniele Braidot, Bryan Falaschi,

Luca Braidot, Michele

Tatto, Daniele Dall’Oste, Nicola

Gadotti, Mattia Marcelli

e Alessandro De Rossi.

Intanto a Follonica (nazionale),

Faè di Oderzo (internazionale),

Verbania (internazionale)

e Roseto degli Abruzzi

(nazionale) si preparano i circuiti

che accoglieranno le tappe

del Giro d’Italia ciclocross,

l’iniziativa voluta dal competente

settore tecnico federale.

CICLOCROSS

Risultati

JUNIORES: 1. Tijmen Eising

(Ol); 2. Lars Van der Haar (Ol)

a 11”; 3. Sean De Bie (Bel) a

16”; 4. Jan Nesvadba (R. Ceca)

a 31”; 5. Bryan Falaschi (Italia)

a 33”; 6. Pierre Garson (Fra) a

1’04”; 7. Valentin Hadoux (Fra)

a 1’11”; 8. Luca Braidot (Italia)

a 1’21”; 9. Karel Hnik (R. Ceca)

a 1’26”; 10. Matthias Bossuyt

(Bel) a 1’37”; 12. Daniele

Braidot (Italia) a 1’51”; 23.

Michele Tatto (Italia) a 3’14”.

DONNE: 1. Hanka

Kupfernagel (Ger); 2. Maryline

Salvetat (Fra) a 3”; 3. Katerina

Nash (R. Ceca) a 13”; 4.

Christel Ferrier-Bruneau (Fra)

a 22”; 5. Daphny Van Den

Brand (Ol) a 30”; 6. Saskia

Elemans (Ol) a 53”; 7. Pavla

Havlikova (R. Ceca) a 1’36”; 8.

Helen Wyman (Gbr) a 1’45”;

9. Sanne Cant (Bel) a 2’07”; 10.

Caroline Mani (Fra) a 2’09”;

18. Veronica Alessio (Italia) a

4’32”; 19. Daniela Bresciani

(Italia) a 4’35”; 21. Francesca

Cucciniello (Italia) a 5’40”.

Ritirata: Stefania Vecchio

(Italia).

UNDER 23: 1. Philipp

Walsleben (Ger); 2. Aurelien

Duval (Fra) a 56”; Kenneth

Van Compernolle (Bel) a 1’04”;

4. Quentin Bertholet (Bel ) a

1’14”; 5. Marcel Meisen (Ger) a

1’29”, 6. Romain Lejeune (Fra)

a 1’38”; 7. Robert Gavenda

(Slovacchia) a 1’43”; 8.

Guillaume Perrot (Francia ) a

1’46”; 9. Jiri Polnicky (R. Ceca)

a 1’50”; 10. Joeri Adams (Bel) a

1’55”; 20. Marco Ponta (Italia)

a 3’14”; 23. Cristian Cominelli

(Italia) a 3’14”; 31. Alessandro

Calderan (Italia) a 4’50”.

Saranno occasioni di confronto

e di crescita per il nostro

movimento, prima della rassegna

tricolore di Modena.

Buon lavoro a tutti, con rinnovato

impegno, tanta passione

e limitate risorse economiche.

Grazie amici per quello farete

per l’ulteriore sviluppo, a livello

nazionale ed internazionale,

della nostra disciplina.

il Mondo del Ciclismo n.45

7


il Mondo del Ciclismo n.45

8

CICLOCROSS

Attività internazionale - Superprestige, 2 a prova a Veghel-Eerde, in Olanda

Albert incontenibile “risponde” a Nys

Avvincente duello in alternanza: la coppia belga è pari nella classifica parziale del trofeo e per

numero di vittorie. Nell’intenso week-end qualche buona prestazione dei nostri alfieri

di Alfredo Vittorini

MENTRE A LIÉVIN, in Francia,

si disputava il campionato

europeo ciclocross per le categorie

juniores, under 23 ed elite

donne, i migliori specialisti della

categoria elite uomini si confrontavano

nella 2^ prova del

Trofeo Superprestige a Veghel-

Eerde, in Olanda, località subentrata

nel trofeo dalla scorsa

stagione al posto di St. Michielsgestel,

la cittadina dove è nato

e vive Richard Groenendaal,

iridato proprio tra i suoi concittadini

nell’anno 2000. La gara

di Veghel-Eerde ha esaltato la

freschezza atletica del ventiduenne

belga Niels Albert, protagonista

di un entusiasmante

assolo, invano inseguito da un

gruppetto di atleti che comprendeva

Lars Boom, Sven Nys,

Klas Vantornout, Bart Wellens,

Kevin Pauwels, Thijs Al,

Rob Peeters, Dieter Vanthourenhout

e Bart Aernouts, classificati

in quest’ordine con graduale

ma significativo distacco

dal disinvolto Albert, apparso

incontenibile. Nella classifica

provvisoria Nys e Albert sono

in perfetta parità e la terza prova

delle otto complessive è prevista

ad Hamme-Zogge il 23

novembre.

Alternanza di Nys e Albert

Questo primo scorcio di stagione

ha evidenziato, in effetti,

una rinnovata sfida tra il fuoriclasse

Nys e il suo naturale antagonista

Albert, di dieci anni

più giovane. Entrambi hanno

già realizzato cinque successi

stagionali, in significativa alternanza

tra loro; Nys s’impose,

per esempio, nella prima

prova di Coppa del mondo a

Kalmthout ed Albert in quella

successiva a Tabor. Anche nel

Trofeo Superprestige il conto,

tra loro, è pari, avendo Nys

vinto la prova precedente di

Ruddervoorde. Albert, come

del resto tutti i corridori belgi e

olandesi, è cresciuto con il Superprestige

avendo già vinto il

trofeo da juniores nella stagione

2003/2004 per ripetersi poi

per tre volte consecutive quando

passò alla categoria under

23. La passata stagione optò

per la classifica open, pur essendo

ancora under 23, classificandosi

al terzo posto (con tre

successi parziali) alle spalle di

Nys e Wellens. Giova a questo

proposito segnalare che il monte

premi finale per la classifica

open ammonta a 75.000 Euro,

mentre quello per gli under 23

ne assegna solo 7.500; per la categoria

juniores in premio, dal

primo al decimo, bici da cross

per un valore complessivo di

Euro 18.000. Eppoi avere un

contratto per tutte le prove del

trofeo, per corridori come Nys,

Boom e Albert, significa mettere

insieme un bel gruzzolo che

si aggira sui 50.000 Euro.

Lars Boom l’alternativa

A Veghel Eerde emergeva, al

cospetto dei connazionali, l’orgoglio

e la determinazione del

campione del mondo Boom,

apparso in graduale crescita

verso la forma migliore. Anche

il giovane olandese (23 anni), al

pari di Albert, si pone come naturale

erede di un ricambio generazionale

che è ormai in atto

e si conferma, con autorevolezza

delle insegne che indossa,

come alternativa al predominio

dei due belgi.

Un week-end intenso

Nei due giorni festivi dello scorso

fine settimana si sono disputate

altre dieci gare del calen-

dario internazionale ciclocross,

oltre al campionato europeo

e alla prova del Superprestige:

quattro negli Usa e sei in Europa.

La più importante, fuor di

dubbio, è stata quella di Oudenaarde,

in Belgio, valevole come

prima prova del Trofeo Gazzetta

di Anversa e denominata

“Koppenbergcross”, dal nome

della celebre salita che caratterizza

il percorso del Giro delle

Fiandre. La durezza dello strappo,

la pioggia, il vento e il freddo

hanno messo alla prova i 51

concorrenti, tra i quali gli italiani

Marco Aurelio Fontana,

Enrico Franzoi e Marco Bianco.

Una gara bellissima e tremenda,

nella quale Nys faceva

valere classe ed esperienza, imponendosi

per il quinto anno

consecutivo; alle piazze d’onore

Boom e Albert. A seguire

i soliti Vantornout e Wellens.

Eccellente l’undicesimo posto

di Enrico Franzoi, alla sua seconda

prestazione stagionale,

ed apprezzabile, come sempre,

l’impegno agonistico di Marco

Bianco, al 23° posto. Nella prova

riservata agli Under 23 il tedesco

Philipp Walsleben s’imponeva

sui belgi Sven Verboven

e Kevin Cant. Praticamente un

collaudo tecnico alla vigilia della

conquista dello scettro continentale

a Lievin. La prossima

prova del Trofeo Gazzetta di

Anversa si disputerà martedì 11

novembre a Niel, in Belgio.

L’en plein di Mourey

Tra le altre gare dell’intenso

week-end segnaliamo quella di

Magstadt, in Germania, vinta

dallo svizzero Simon Zahner

sul tedesco Johannes Sickmuller

e sul ceco Vladimir Kyzivat.

A sua volta il francese Francis

Mourey faceva l’en plein

nelle gare di Marle, in Fran-

cia, dove precedeva l’ex iridato

Erwin Vervecken ed a Hittnau,

in Svizzera. Nella gara di

Hittnau (l’anno scorso sede

dei campionati europei) Mourey

anticipava di 28” il campione

elvetico Cristian Heule e di

1’16” Simon Zahner. Al quarto

posto il campione del fuoristrada

(titoli a iosa tra Mtb e

ciclocross) Thomas Frischknecht

che dopo questa gara, ormai

prossimo ai quarant’anni,

decideva di appendere la bici al

chiodo. In evidenza, nella prova

open, l’azzurro Fabio Ursi

(13°). Bene anche Alessandro

Grandi e Pietro Pavoni, al 18°

e 19° posto; a seguire, un po’

più distanziati, Davide Belletti,

Mauro Tursi e Paolo Pavoni.

Nella manche femminile, vinta

da Katrin Leumann, decimo

posto di Beatrice Balducci.

Frattini “l’americano”

Negli Usa si correva sia a Nortampton,

nel Massachusetts

che a Boulder, in Colorado.

Nella Boulder Cup s’imponevano,

sullo stesso percorso, Todd

Wells (il sabato) e Timoty Johnson

(la domenica). In Colorado,

invece, nei medesimi giorni, era

la volta di James Driscoli (9° Davide

Frattini) e White Matt (5°

Frattini). Frattini, come è noto,

da alcuni anni risiede negli Usa

ed è tesserato con la squadra

professionistica “Colavita Sutter

Home”. Infine a Podborany,

nella Repubblica Ceca, è risultato

vincente Zdenek Styba,

nella prova della “Toi Toi Cup”

che si è disputata martedì 28

ottobre. A questo proposito abbiamo

rilevato che fino a quella

data, a partire dal 14 settembre,

si sono disputate ben 44 gare

del calendario internazionale

ciclocross Uci, 19 negli Usa e 25

in Europa.


16 a edizione della Ruota D’Oro Diego Schiaroli

di Paolo Piazzini

IL PESARESE Fabio Tommassini,

promettente alfiere

dell’Esinplast Spendolini Costruzioni

Giammy Team di

Jesi, si è aggiudicato con pieno

merito la “16ma Ruota D’Oro

Diego Schiaroli”, rinomato

challenge per Juniores che

si basa su gare di cartello del

Centro Italia. L’allievo del d.s.

Bolletta ha così migliorato il

secondo posto da lui ottenuto

l’anno scorso nella medesima

challenge (vinta dall’attuale

Under 23 Salvatore Puccio);

meglio di lui aveva fatto soltanto

il montegranarese Davide

D’Angelo, che aveva realizzato

una bella doppietta nel

2001 e 2002.

In seconda posizione ha concluso

il bravo abruzzese Ivan

Martinelli, del G.S. Guarenna

2000, che aveva avuto un buon

recupero in classifica nella seconda

parte della stagione,

mentre terzo si è ottimamente

classificato il regolare romagnolo

Elia Ceccarelli, della

Sidermec F.lli Vitali, e al quarto

il recanatese Riccardo Stacchiotti,

anche lui dell’Esinplast

Spendolini, emerso nel

finale di stagione.

Nella classifica a squadre del

“16° Trofeo Squadra Leader”

successo nettissimo dell’Esinplast

Spendolini Costruzioni

Giammy Team del d.s. Mario

Bolletta, già vincitrice nell’edizione

2007.

Ricordiamo che la Ruota

D’Oro Diego Schiaroli è organizzata

dal G.S. Pianello

di Pianello di Ostra (AN) ed

è curata da Paolo Piazzini; la

challenge si propone in primo

luogo di onorare degnamente

il ricordo di Diego Schiaroli,

esemplare figura di atleta perito

tragicamente in una gara

per juniores del 1992, dove fu

brutalmente investito proprio

in un momento in cui stava

generosamente suonando la

carica.

FESTE E PREMI

Tommassini, un futuro

che promette bene

L’alfiere dell’Esinplast Spendolini Giammy Team, che ha conquistato

il Trofeo Squadra Leader, ha preceduto Martinelli e Ceccarelli

Ruota D’Oro Diego Schiaroli

1. Tommassini Fabio (Esinplast Spendolini

Costruzioni Giammy Team) p. 65; 2. Martinelli

Ivan (G.S. Guarenna 2000) p. 60; 3. Ceccarelli

Elia (Sidermec F.lli Vitali) p. 53; 4. Stacchiotti

Riccardo (Esinplast Spendolini Costruzioni

Giammy Team) p. 52; 5. Fonzi Giuseppe (Pol.

Bevilacqua Sport) p. 48; Fantozzi Luca (G.S.

Juvenes C.I.S. San Marino) p. 48; 7. Lampa

Corrado (Esinplast Spendolini Costruzioni

Giammy Team) p. 46; 8. Falà Luca (Veloclub

Notaresco 999) p. 43; 9. Losani Domenico (Team

SCAP Pref.ti Foresi) p. 42; 10. Bani Eugenio

FABIO TOMMASSINI

Classifiche

(Ambra Cavallini Sparo Vangi) p. 39. Seguono

altri.

Trofeo Squadra Leader

1. Esinplast Spendolini Costruzioni Giammy

Team Jesi p. 211; 2. Ambra Cavallini Sparo Vangi

p. 109; 3. G.S. Guarenna 2000 p. 80; 4. G.S.C.

Cepagatti Cicli Intinacelli p. 70; 5. G.S. Juvenes

C.I.S. San Marino p. 65; 6. A.S. F.N. Mengoni

Campocavallo p. 64; 7. Pol. Bevilacqua Sport

p. 61; 8. Sidermec F.lli Vitali p. 59; 9. Veloclub

Notaresco 999 p. 58; 10. Team SCAP Pref.ti

Foresi p. 57; G.S. Italia Nuova Centro Borgo p.

57. Seguono altre.

Il 22 novembre a Fermo

I diamanti

del ciclismo

Il professionista Domenico Pozzovivo della Csf

Group Navigare, l’Elite Alex Buttazzoni della

Marchiol Emisfero Liquigas Site, l’Under 23 Damiano

Caruso della Mastromarco Chianti Sensi

Grassi Mapecrete Scott e lo Junior Davide Gani

dell’Abs Team Danieli sono i vincitori della prima

edizione del premio “I diamanti del ciclismo

– Memorial Fabio Casartelli”, ideato dall’Atlantide

Videoservice di Perugia in collaborazione con

ciclonews.it, il Gs Capodarco e Orogildo. Ciascuno

dei quattro vincitori sarà premiato con un diamante

sabato 22 novembre al Teatro dell’Aquila

di Fermo, a partire dalle ore 21,30, nel corso di

una serata di gala che sarà trasmessa in diretta

su ABChannel, canale 920 della piattaforma Sky.

Verrà anche consegnato un premio speciale a un

personaggio del ciclismo dilettantistico che ha

dedicato tutta la sua vita a questo sport e ai ragazzi.

Il nome sarà però svelato solo durante la premiazione.

La serata sarà organizzata in collaborazione

con il Comune di Fermo e con il Comitato

regionale marchigiano della Federciclismo guidato

dal presidente Ivo Stimilli. P.P.

il Mondo del Ciclismo n.45

9


il Mondo del Ciclismo n.45

10

FESTE E PREMI

La premiazione in programma il 16 novembre a Castelfranco Veneto

di Francesco Coppola

CASTELFRANCO VENETO

(TV) - Il campione del mondo

a Varese 2008, Alessandro Ballan,

sarà tra gli ospiti d’onore

della cerimonia che l’Associazione

Glorie del Ciclismo Triveneto,

presieduta da Renato

Giusti, ha organizzato per domenica

16 novembre nell’Hotel

Fior di Castelfranco Veneto

(Treviso). Alla festa, che ha

per motto “I corridori di ieri

premiano le promesse di oggi”

e che rappresenta il 34° incontro

annuale dell’Associazione,

sono stati invitati il ministro

del Welfare, Maurizio Sacconi,

il consigliere della Fci, Luigi

D’Agrò, il presidente di Ciclismo

di Marca, On. Guido Dussin,

l’organizzatore dei Campionati

Mondiali di Ciclocross

2008 alle Bandie di Lovadina

di Spresiano, Remo Mosole, il

presidente della Provincia di

Treviso, Leonardo Muraro ed

il pro sindaco di Treviso, Giancarlo

Gentilini. Per l’occasione

saranno premiate le promesse

del ciclismo giovanile del Veneto,

del Friuli-Venezia Giulia

e del Trentino-Alto Adige:

il pordenonese Gianni Da Ros

(Marchiol Emisfereo Liquigas)

tra gli Under 23; la padovana

Chiara Capuzzo (Verso l’Iride)

Le promesse 2008

A Da Ros, Capuzzo, M. Moser, Simion. Donato e Minali

il riconoscimento dell’Associazione Glorie del Ciclismo Triveneto

ed il trentino Moreno Moser

del Montecorona tra gli Juniores;

il veneziano Paolo Simion

(Libertas Scorzé) tra gli Allievi;

il padovano Riccardo Donato

(Mirano) tra gli Esordienti del

2° anno ed il veronese Riccardo

Minali (Isolano) tra gli Esordienti

del 1° anno.

Ad affiancare Giusti c’è il vice

presidente vicario Silvio Martinello

e quelli che fanno capo ai

gruppi del Veneto (Aurelio Cestari),

del Friuli-Venezia Giulia

(Roberto Bressan) e del Trentino-Alto

Adige (Aldo Moser).

Alla manifestazione, organizzata

con la collaborazione della

“GSG” Technical Bike Wear,

dell’Azienda di Costruzioni

Prefabbricate Antonio Basso,

dell’Azienda Agricola Roveri

di Paolo Marchetto, del Centro

Sportivo Lago le Bandie,

dell’Hotel Fior e della Archiutti

Office Forniture, parteciperanno,

tra gli altri, Nino De

Filippis, Vittorio Adorni, Arnaldo

Pambianco, Franco Bitossi,

Gianni Motta, Francesco

ed Aldo Moser, Silvio Marti-

Cronache gare - MTB, Campionato d’Autunno

nello, Gianni Faresin e Matteo

Tosatto. Registi della cerimonia,

che rappresenta uno dei

momenti più significativi per

la vita dell’Associazione Glorie

del Ciclismo Triveneto di

cui è presidente onorario Giovanni

Pinarello, sono lo stesso

Renato Giusti, Aurelio Cestari,

Aldo Beraldo ed Italo Bevilacqua.

Giusti, come è noto, è succeduto

al compianto Angelo

Coletto, scomparso lo scorso

anno. La manifestazione comincerà

alle ore 12.30.

Direttivo dell’Associazione

Presidente: Renato Giusti. Presidente

Onorario: Giovanni

Pinarello. Vice presidenti: Silvio

Martinello (vicario); Aldo

Moser (Trentino-Alto Adige);

Aurelio Cestari (Veneto)

e Roberto Bressan (Friuli-Venezia

Giulia). Consiglieri: Tullio

Achiutti, Attilio Benfatto,

Aldo Beraldo, Italo Bevilacqua,

Andrea Barro, Luciano

Dalla Bona, Vito Favero, Simone

Fraccaro, Tranquillo Righi,

Sergio Sanvido, Renato Stefani,

Reinaudo in testa al gruppo

BARGE (CN) (26/10) - La località cuneese ha ospitato il

Campionato d’Autunno MTB, organizzato dal Team Cicli

Reinaudo, Alla fine sono risultati vincitori: Bonetto negli

allievi, Fumarola esordienti, Zamuner under 23, Reinaudo

elite, Carlini allieve, Bonetto master, Broglio master

uno, Bianco master due, Torre master tre, Viglione master

quattro, e infine Degiovanni nei master cinque. Altra

notizia importante la partnership tra Racing Team Dayco,

uno dei maggiori sodalizi regionali, è l’austriaca KTM. Un

Sergio Toffoletto, Romano Tumellero

e Giovanni Zanon. Revisori

dei Conti: Bruno Carraro

(Presidente); Andrea Barro e

Giovanni Zanon (Componenti).

Segreteria: Carlo Brisotto.

Gruppo Operativo: Aurelio

Cestari (Presidente); Tullio Archiutti

(Componente); Attilio

Benfatto, Aldo Beraldo, Luciano

Dalla Bona, Giovanni Zanon

ed Italo Bevilacqua (Coordinatore);

Sergio Toffoletto

(consulente Esterno).

M. MOSER (FOTO PISONI)

Nella prossima stagione ai nastri di partenza anche il Trade Team Uci

connubio che avrà come effetto che nel 2009 il club diventerà

Trade Team Uci, partecipando a manifestazioni di carattere

nazionale e internazionale. Il Racing Team Dayco,

guidato dal presidente Walter Chiartano, dal coordinatore

Maurizio Lazzero e dal direttore sportivo Claudio Gaspardino,

punta moltissimo sull’attività in campo giovanile,

dove vanta nelle proprie fila, tra l’altro, due campioni

italiani, ovvero Denny Lupato negli allievi del secondo

anno e Alessandra Bianchetta nelle esordienti. P.B.


Ciclocross - Trofeo Regione Lombardia - Memorial Lele Dall’Oste

di Vito Bernardi

COSTAMASNAGA (1/11)

- Dopo avere inaugurato la

nuovissima struttura che sarà

sede della Scuola del Ciclismo

di Costamasnaga, Sergio

Pozzi ed Egidio Mainetti,

rispettivamente Presidente e

Vicepresidente dell’UC Costamasnaga-LaPiastrella-Spini

& Zoia, Società organizzatrice

della gara, hanno vestito

i panni del mossiere ed hanno

dato il via all’edizione 2008

del prestigioso Trofeo Regione

Lombardia-Memorial Lele

Dall’Oste. Al via 153 corridori

suddivisi nelle varie categorie.

E’ la categoria dei G6 ad accendere

le micce col tandem Manuel

Todaro (Scuola Ciclismo

Cadrezzate) e l’enfant du pays,

Nicolò Fornoni, che si aggiudica

la vittoria allo sprint. Tra

gli esordienti vittoria per Gioele

Bertolini (Alpin Bike) che,

dopo avere dominato la gara

con Marco Guidi (Selle Italia

Esercito), va a vincere in solitaria.

Bellissimo exploit tra gli

allievi per il romagnolo Edoardo

Rossi (Selle Italia), che vince

dopo avere fatto corsa in

testa dalla partenza all’arrivo,

mentre tra gli juniores è Fabio

Todaro (SC Cadrezzate)

ad imporsi allo sprint su Sonzogni

(Libero Ferrario), dopo

che Guzzardi (Team Bramati),

in fuga con loro, è stato appiedato

da una foratura nelle fasi

finali della corsa.

Anche tra gli open, netto divario

tra i primi quattro classificati

ed il resto dei concorrenti,

con Rafael Visinelli, della Forestale,

che prevale con 17” di

vantaggio su Stefano Boggia

(Daccordi) e con distacchi superiori

su Luca Damiani (Colavita)

e Fabio Ursi (Esercito).

Alla gara ha preso parte anche

un buon gruppo di girls.

Alessandra Musa (Bianchi

Gemat) vince tra le G6, Marta

Cassano (Pedale Verbanese)

tra le esordienti, Alice Maria

Arzuffi (Bianchi Gemat vince

tra le allieve con 17” su Martina

Fumagalli (Bicimania).

Entrambe salgono sul gradino

più alto del podio, Arzuffi

tra le 1° anno e Fumagalli tra

le più grandicelle.

Chiudono poi le donne élite,

con Nicoletta Bresciani (Colnago

Arreghini) e le under con

Sabina Conca (Dilà) senza avversarie,

mentre tra le juniores,

Elena Valentini (Bianchi

Gemat) mette tutte d’accordo.

CRONACHE DELLE GARE

Visinelli e Bresciani

aprono alla grande

Il forestale vince con 17” di vantaggio su Boggia. La portacolori della

Colnago Arreghini è prima fra le Elite. Tutti i vincitori di categoria

Uomini

OPEN: 1. Rafael Visinelli (Forestale); 2. Stefano

Boggia (Daccordi); 3. Luca Damiani (Colavita).

JUNIORES: 1. Fabio Todaro (SC Cadrezzate);

2. Cristian Sonzogni (Libero Ferrario); 3.

David Guzzardi (Team Bramati). ALLIEVI

1° ANNO: 1. Edoardo Rossi (Selle Italia);

2. Riccardo Redaelli (Fiorin); 3. Francesco

Mazza (Colnago Filago). ALLIEVI 2° ANNO:

1. Tommaso Caneva (Alpin Bike); 2. Simone

Petilli (Capiaghese); 3. Michele Maggi (VC

Pontenure). ESORDIENTI 1° ANNO: 1.

Nicolò Fornoni (UC Costamasnaga); 2. Manuel

Todaro (SC Cadrezzate); 3. Arturo Colombo

(Bikers Petosino). ESORDIENTI 2° ANNO:

1. Gioele Bertolini (Alpin Bike); 2. Marco

Guidi (Selle Italia Esercito); 3. Alessio Fornoni

(UC Costamasnaga). AMATORI 19/39: 1.

Matteo Bernardini (Borgonuovo Suprafil); 2.

Davide Vecchio (Valsassina Bike); 3. Stefano

Lazzari (Giangis Team). OVER 40: 1. Giovanni

Ordine di arrivo

VISINELLI E, A DESTRA, BRESCIANI (FOTO SONCINI)

Casiraghi (Spreafico Velo Plus); 2. Gianluca

Longoni (Falchi Blu); 3. Vittorio Casciotta (Mtb

Italia).

Donne

ELITE: 1. Nicoletta Bresciani (Colnago

Arreghini). UNDER 23: 1. Sabrina Conca (Dilà

Monticello). JUNIORES: 1. Elena Valentini

(Bianchi Gemat); 2. Alessia Ferrari (Bianchi

Gemat); 3. Samantha Pagani (SC Cesano

Maderno). ESORDIENTI 1° ANNO: 1.

Alessandra Musa (Bianchi Gemat); 2. Rebecca

Gariboldi (Bicimania). ESORDIENTI 2° ANNO:

1. Marta Cassano (Pedale Verbanese). ALLIEVE

1° ANNO: 1. Alice Maria Arzuffi (Bianchi

Gemat); 2. Chiara Mercante (Bianchi Gemat);

3. Martina Galliani (VC Muggiò). ALLIEVE

2° ANNO: 1. Martina Fumagalli (Bicimania);

2. Jasmine Dotti (Molinello); 3. Maria Giulia

Confalonieri (Bianchi Gemat). CLASSIFICA

SOCIETÀ: 1. Cicli Fiorin, punti 399; 2. VC

Muggiò p. 116; 3. SC Cadrezzate p. 94.

il Mondo del Ciclismo n.45

11


il Mondo del Ciclismo n.45

12

CRONACHE DELLE GARE

Ciclocross - 1° Ciclocross della Val Lagarina - Campionato Provinciale trentino

Gambino la spunta

su Fontana

ALESSANDRO GAMBINO

di Leonardo Pontalti

VILLA LAGARINA (TN)

(26/10) - Trentino terra di

conquista, nell’edizione inaugurale

del “Ciclocross della

Val Lagarina”, organizzato

dall’attivissimo team Arcobaleno

Carraro di Paolo Garniga

Uomini

ELITE: 1. Gambino Alessandro (Esercito); 2.

Fontana Alessandro (Forestale); 3. Paccagnella

Thomas (Adv Corratec); 4. Boggia Stefano

(Daccordi); 5. Fruet Martino (Arcobaleno).

UNDER 23: 1. Aru Fabio (Ozierese); 2. Leveghi

Kevin (Sudtirol); 3. Tabacchi Mirko (Arcobaleno);

4. D’Avola Manuele (Fiorin); 5. Rossi Mattia

(Arcobaleno).

JUNIORES: 1. De Rossi Alessandro (Moro Scott);

2. Righettini Andrea (Arcobaleno); 3. Sonzogni

Cristian (Libero Ferrario); 4. Cazzaro Manuel

(Liquigas); 5. Simoncini Emanuel (Selle Italia).

ALLIEVI: 1. Zurlo Federico (Postumia);

2. Scapolan Enrico (Rinascita Ormelle); 3.

Sottocornola Andrea (Verbanese); 4. Braidot

Stefano (Caprivesi); 5. Olivotto Matteo (Sunshine).

ESORDIENTI: 1. Pessotto Yuri (Team Bosco);

2. Rosso Davide (Ceresetto); 3. Guidi Marco

(Selle Italia); 4. Pellizzato Marco (Lib. Scorzé); 5.

Brugnotto Carlo (Moro Scott).

Il piemontese tiene testa al favorito Alessandro e poi lo batte anche

grazie ad un incidente meccanico. Titoli a Fruet, Righettini, Tabacchi,

Dell’Eva, Tomio e tra le donne Lazzaro, Bortolotti, Leonardi

che è riuscito a richiamare in

terra trentina oltre 230 partecipanti.

Sull’inedito percorso allestito

in località Giardini - fino

ad ora utilizzato unicamente

per prove di corsa campestre,

ma che mai aveva ospitato

manifestazioni del circus

delle due ruote - si sono dati

battaglia gli specialisti del ciclocross

di tutto il Triveneto, e

non solo. Una giornata di gare

che ha vissuto il proprio clou

con la prova degli élite, conquistata

dal piemontese portacolori

dell’Esercito, Alessandro

Gambino. Una vittoria

arrivata al termine di un entusiasmante

testa a testa con

l’icona della Forestale (e del

movimento ciclocrossistico)

Classifiche

Alessandro Fontana, risoltosi

a favore del primo anche grazie

ad un incidente meccanico

occorso a Fontana nel finale.

La gara fin dalle prime mosse

ha visto al proscenio oltre

a Gambino e Fontana - il padrone

di casa Martino Fruet,

Stefano Baggia e il leader della

classifica del Challenge Triveneto,

Thomas Paccagnella.

Un coro a cinque voci che si

è andato via via restringendo,

trasformandosi come detto

in un duetto, prima del fuori

programma che ha permesso

a Gambino di aggiudicarsi un

meritato successo.

Tra le donne ha brillato la

stella di Milena Cavani, al termine,

anche qui, di un serrato

duello con la milanese Fran-

AMATORI FASCIA 1: 1. Zoppas Flavio

(Vimotorsport); 2. Tabotta Maurizio (Cycling Team);

3. Belletti Davide (Falchi Blu); 4. Fratta Stefano

(Dolomiteam); 5. Ballardini Emiliano (Sc Ala).

FASCIA 2: 1. Sciro Sante (Santorso); 2. Valentini

Renzo (Team BSR); 3. Gnatta Bruno (Mtb Italia);

4. Dellagiacoma Piergiorgio (Arcobaleno); 5. Dal

Grande Giuseppe (Cytech).

Donne

ELITE: 1. Cavani Milena (Marchiol); 2. Cucciniello

Francesca (Selle Italia); 3. Lazzaro Ilenia

(Arcobaleno); 4. Vecchio Stefania (Fiorin); 5.

Ferrari Anna (Adv Corratec).

ALLIEVE: 1. Paladin Soraya (Moro Scott); 2.

Paladin Asja (idem); 3. Confalonieri Maria Giulia

(Fiorin); 4. Bortolotti Simona (Team Trentino

Femminile) 5. Tomasini Alessandra (Alto Adige).

ESORDIENTI: 1. Romanin Sara (Moro Scott); 2.

Olivari Nicole Diana (Serramazzoni); 3. Dal Santo

Nicole (Cmb Buderus); 4. Michieletto Giovanna

(Lib. Scorzé); 5. Leonardi Elena (Cristoforetti).

cesca Cucciniello, partita a

razzo ma riacciuffata nel finale

da una Cavani che in questo

periodo sta davvero inanellando

ottime prestazioni una

dopo l’altra. Tra gli under 23

ad imporsi è stato invece Fabio

Aru dell’Ozierese.

Nelle categorie giovanili, c’era

attesa per la prova dello iunior

azzurro della mountain bike e

talentino di casa Andrea Righettini.

Il portacolori della società organizzatrice

ha tuttavia dovuto

inchinarsi al cospetto di

Alessandro De Rossi (Moro

Scott Spercenigo). Tra gli allievi

lotta per il successo interamente

veneta. Mattatori

il trevigiano Enrico Scapolan

(Rinascita Ormelle) e il padovano

Federco Zurlo (Postumia),

con il successo andato a

quest’ultimo. Tra gli Esordienti

ha invece sorriso il Team

Bosco, con il successo di Yuri

Pessotto. Bis di successi infine

per la Moro Scott Spercenigo

in campo femminile: tra

le allieve il team trevigiano ha

portato al successo Soraya Paladin,

mentre tra le Esordienti

ha raddoppiato grazie a Sara

Romanin.

La prova di Villa Lagarina era

infine valida anche come campionato

provinciale trentino:

titoli a Martino Fruet (Elite),

Ilenia Lazzaro (Donne Elite),

Andrea Righettini (Juniores),

Mirko Tabacchi (Under 23),

Mattia Dell’Eva (Allievi), Giacomo

Tomio (Esordienti), Simona

Bortolotti (Donne Allieve),

Elena Leonardi (Donne

Esordienti).


MTB - 2° GP Città di Vigonza, 7 a prova Trofeo d’Autunno-Grand Prix PlayLife Passione

di Francesco Coppola

PIONCA (PD) (26/10) - Successo

di pubblico e di partecipazione

ha riscosso il 2° GP

Città di Vigonza, valido per

la 7^ prova del Trofeo d’Autunno-Grand

Prix PlayLife

Passione, abbinata anche al

Campionato Provinciale. Alla

competizione, organizzata dal

club Sellaronda Pionca, diretta

da Francesco Manfrotto,

hanno partecipato 300 concorrenti.

Ad aggiudicarsi la

prova tra gli Elite e gli Under

è stato il veronese e beniamino

di casa Agostino Andreis

(Cicli Olympia), che ha preceduto

il compagno di squadra

Nicola Dalto, il mestrino Tiziano

Carraro (Coppi Gazzera

Videa-Casinò di Venezia)

nonché Daniel Boschetto (Cicli

Olympia), risultato primo

tra gli Under, e Federico Fuser

(MC2-Gemin). Sin dal primo

giro si sono portati al comando

i corridori diretti da Marino

Pizzo, Dalto e Andreis seguiti

dal tenace Carraro.

La coppia della Cicli Olympia

di Piove di Sacco (Padova)

ha continuato a pedalare in

perfetto sincronismo distanziando

gli avversari. Nel finale

della gara Andreis e Dalto si

sono presentati appaiati e con

le mani al cielo, ma a vincere

è stato il veronese che ha conquistato

tappa e maglia con il

benestare del protagonista del

circuito e compagno di scuderia

Dalto ormai al sicuro

di conquistare per il secondo

anno consecutivo il Trofeo

d’Autunno-Grand Prix PlayLife

Passione. Netta, invece, è

stata tra le donne l’affermazione

di Monica Squarcina che

ha preceduto Giovanna Troldi

(Bee on Bike) e Vania Bergamo

(Pedali Roventi). Vincitori

delle altre categorie sono

stati Marco Metti (Postumia

73-Dino Liviero), tra gli Juniores;

Gian Luca Giraldin (Club

Alessandra il Sorriso) e Serena

CRONACHE DELLE GARE

Andreis precede Dalto

Cicli Olympia show

Il veronese giunge al traguardo insieme al compagno

di colori, lanciato verso il bis nel challenge. I vincitori

di categoria e i campioni provinciali

IL PRES. PROV. OLIA CON GIRALDIN

Perocco (Ovam), tra gli Allievi;

Davide Nardei (Galvalux)

ed Emily Corrazin (Ovam),

ELITE/UNDER: 1. Agostino Andreis (Cicli

Olympia); 2. Nicola Dalto (id); 3. Tiziano Carraro

(Coppi Gazzera Videa-Casinò di Venezia); 4.

Daniel Boschetto (Cicli Olympia) 1. Under;

5. Federico Fuser (MC2-Gemin). DONNE: 1.

Monica Squarcina (Team Zordan); 2. Giovanna

Troldi (Bee On Bike); 3. Vania Bergamo (Pedali

Roventi). JUNIORES: 1. Marco Metti (Postumia

73-Dino Liviero); 2. Giacomo Antonello

(MC2-Gemin); 3. Luca Bilato (Team La Torre).

ALLIEVI: 1. GianLuca Giraldin (Club Alessandra

il Sorriso); 2. Andrea Ostan (Velociraptors); 3.

Luca De Lorenzi (Galvalux). FEMM.: Serena

Perocco (Ovam). ESORDIENTI: 1. Davide Nardei

(Galvalux); 2. Stefano Sturaro (Vc Vò); 3. Matteo

tra gli Esordienti; Ivan Galante

(Bike Tribe), tra gli Sport;

Mauro Simion (ADV), Alex

Ordini di arrivo

Cazzaro (FPT Industrie), Paolo

Alverà (Cicli Olympia), Roberto

Morandin (DR-Sport) e

Fabrizio Stefani (Scavezzon),

tra i Master-1, 2, 3, 4 e 5. A

premiare i protagonisti della

gara i presidenti dei Comitati

Provinciali della Federciclismo

di Padova, Bruno Capuzzo e di

Venezia, Fabrizio Olia. Questi

i campioni provinciali di Padova:

Agostino Andreis (Cicli

Olympia), tra gli Elite; Manuel

Boschetto (Euganea Bike), tra

gli Sport; Mauro Simion (Adv-

Corratec), tra i Master-1; Alessandro

Fittipaldi (Team Armistizio),

tra i Master-2; Paolo

Alverà (Cicli Olympia), tra i

Master-3; Paolo Boscolo (Cicli

Olympia), tra i Master-4;

Paolo Scapinello (Piombinese),

tra i Master-5; Giacomo Antonello

(MC2-Gemin), tra gli

Juniores; Manuela Mazzorana

(Adv-Corratec), tra le Donne;

Stefano Sturaro (Vc Vò), tra gli

Esordienti e Davide Chiodin

(Cc Este), tra gli Allievi.

Vendramin (Dopla). FEMM.: 1. Emily Corrazin

(Ovam). SPORT: 1. Ivan Galante (Bike Tribe);

2. Andrea Marian (Velociraptors); 3. Emanuel

Boschetto (Euganea Bike). M1: 1. Mauro Simion

(ADV); 2. Simone Piccolo (Rampiclub); 3. Ivan

Cavasin (Cornuda). M2: 1. Alex Cazzaro (FPT

Industrie); 2. Michele Pittacolo (Audax Catena);

3. Ruggero Ranzato (Team Bellato). M3: 1. Paolo

Alverà (Cicli Olympia); 2. Andrea Pendini (ADV);

3. Roberto Ambrosi (Rampiclub). M4: 1. Roberto

Morandin (DR-Sport); 2. Paolo Boscolo (Cicli

Olympia); 3. Flavio Furlanetto (Pedali Roventi).

M5: 1. Fabrizio Stefani (Scavezzon); 2. Stefano

Masotti (Perla Verde); 3. Gian Pietro Garofolin

(Colli Euganei).

il Mondo del Ciclismo n.45

13


il Mondo del Ciclismo n.45

14

CRONACHE DELLE GARE

Mountain Bike – 6 a Gran Fondo Colline Moreniche

di Paolo Biondo

CAVRIANA (MN) (19/10) -

Le strade sterrate delle Colline

Moreniche hanno incoronato,

dopo la visione del fotofinish

da parte dei giudici di gara, re

indiscusso della mountain bike

Umberto Corti del Cbe Tecnoimpianti.

Il campione italiano under 23,

come ha fatto lo scorso anno,

ha posto la propria firma sull’albo

d’oro della 6a Gran Fondo

Colline Moreniche, prestigiosa

manifestazione perfettamente

organizzata dal Team Colline

Moreniche.

A supportare il lavoro svolto

dai dirigenti del sodalizio guidato

da Graziano Guerra sono

stati da un lato il Comune di

Cavriana e dall’altro l’associazione

Colline moreniche del

Il fotofinish dice Corti

In sette si sono giocati la vittoria allo sprint col vincitore

contrastato fino in fondo da Medvedev. Terzo Felderer

Garda presieduta da Luigi Lonardi.

Tutto è andato come previsto e

di conseguenza si può parlare

di ennesimo successo. Successo

per gli organizzatori che hanno

visto schierati al via 670 corridori

con i nomi più illustri della

specialità, compreso Gilberto

Simoni, a far da traino agli altri

atleti. Successo per gli atleti

che sono stati applauditi dal

primo all’ultimo chilometro

dai numerosi sportivi disposti

lungo i 55 km del tracciato.

Un successo per gli appassionati

perché sono stati testimo-

ni di un evento di elevato tasso

tecnico.

Andando nello specifico dei 55

km percorsi al comando si portano,

dopo una ventina di chilometri,

in sette, in pratica i big

della specialità. Ad una decina

di chilometri avviene la caduta

di Brouscet e il plotoncino al

comando rallenta il passo ma

non abbastanza da essere ripreso

dagli inseguitori.

Lo sprint finale ha visto Corti

ingaggiare e vincere un entusiasmante

duello con il plurivincitore

Medvedev e il campione

italiano Mtb elite Felderer.

Mountain Bike - Giro Ciclistico del Lazio - Alla scoperta delle Abbazie Santuari e Castelli

Folcarelli, passa e chiude

Epilogo dell’attività con l’ennesima vittoria dell’iridato.

Sul podio anche Mirtelli e Zamparini

di Giovanni Maialetti

PANTANELLO DI ANAGNI (FR) (26/10)

- Festosa chiusura stagionale affidata all’ultima

tappa del Giro Ciclistico del Lazio in MTB

alla scoperta delle Abbazie Santuari e Castelli,

svoltasi a Pantanello di Anagni. A emergere su

tutti, al solito, Massimo Folcarelli. Al nastri di

partenza - insieme ai 250 partecipanti, col pettorale

n. 1 - anche il Consigliere regionale, Antonio

Zanon attuale presidente della Commi-

Ordine di arrivo

1. Folcarelli Massimo (Pro Bike Riding Team);

2. Mirtelli Angelo (idem); 3. Zamparini

Giuseppe (ASD Cicli Montanini); 4. Casini

Fabio (Centro Italia Bike); 5. De Santis Michele

(Ciociaria Bike); 6. Dominici Emiliano (Pedala

Piano); 7. Grassi Zepperino (Pro Bike Riding

Team); 8. Chiodi Luca (GS Cicli Tomi); 9.

Panzarini Gianni (Vigili del Fuoco Lt); 10.

Tamburlini Michele (emporio del Ciclo).

sione Sport Cultura e Spettacolo della regione

Lazio, più volte presidente del Comitato Regionale.

Ad organizzare l’evento ciclistico il collaudato

team UC Anagni Cicli Nereggi (Cardinali

Nereggi Quattrocchi), con la collaborazione del

Team Roma Sport Eventi (De Petris) il patrocinio

della regione Lazio, Comune di Anagni.

Starter Bruno Vallorani, dopo il breve tratto di

lancio la corsa è entrata nel vivo, con Massimo

Folcarelli a imporre subito il suo ritmo da autentico

fuoriclasse ai vari De Santis, Dominici,

Grassi, Chiodi, Panzarini, Tamburlini, Astolfi,

Porcari, Cabbirio, Capati, Ianni. Tra le ragazze

vanno forte Spadaccia, La Rosa, Galioppa, Merolle,

Martelli, Marchegiano, Rinaldi, Preszeler,

mentre tra i giovani si mettono in evidenza

Capati, Pisu, Bordo. Alla fine, ennesimo successo

del campione del mondo master 1 Massimo

Folcarelli (Pro Bike Riding Team), daavanti

Angelo Mirtelli (idem) e l’intramontabile leone

della Tuscia, Giuseppe Zamparini (ASD Cicli

Montanini). La premiazione finale del IX Giro

Ciclistico del Lazio in MTB, avverrà domenica

30 novembre presso Villa Tuscolana a Frascati.

Ordini di arrivo

ELITE: 1. Umberto Corti (CBE

Tecnoimpianti); 2. Alexiey

Medvedev (Nsr Torrevilla); 3.

Mike Felderer (Team Sintesi); 4.

Ramon Bianchi (Scott Rancing,

5° Martino Fruet Arcobaleno

Carraro.

MASTERSPORT: 1. Fabio Bullio

(Team Paola Pezzo); 2. Ivan

Conti (Emporiosport); 3. Stefano

Severgnini (TBR Merida); 4.

Mattia Turrina (Team Bussola); 5.

Simone Mutti (Team Rodella).

MASTER 1: 1. Marcello Castellini

(Paduano); 2. Massimiliano

Miglioranzi (Team Bussola); 3.

Alessandro Pasta (NSR Torrevilla);

4. Luca Paniz (Cicli Spreafico); 5.

Emil Bardini (Paduano).

MASTER 2: 1. Giancarlo Masini

(Felt Int.); 2. Marco Zappa

(idem); 3. Fabio Bonfanti (Pedale

Fidentino); 4. Ghunther Goller

(Club Sport Gherdenia); 5. Elio

Gallina (Mtb Sfrenati).

MASTER 3: 1. Antonio Masini

(Paduano); 2. Marco Agostini

(Team Los Locos); 3. Carlo Merlo

(NSR Torrevilla); 4. Paolo Alverà

(Cicli Olimpia); 5. Domenico

Crotti (Team Novagli).

MASTER 4: 1. Natale Bettineschi

(Paduano); 2. Pietro Beretta

(Tekno Bike Team); 3. Emidio

Trapletti (Team B. San Paolo

D’Argon); 4. Mauro Sardini (Barco

Team); 5. Giuseppe Furletti

(Euroscaf Bike).

MASTER 5: 1. Roberto Zappa

(Team Rodella); 2. Francesco

Ferrari (Ped. Fidentino);

3. Roberto Girardi (MTB

Villafranca); 4. Cristian Botticchio

(Mata Team); 5. Claudio Signoroni

(MBO Bike Club).

MASTER DONNE: 1. Lorena

Zocca (Team Gimbenini); 2.

Marisa Coato (Green Team); 3.

Angela Perboni (Emporiosport); 4.

Sandra Scurani (Team Cinelli); 5.

Claudia Paolazzi (Scott).

JUNIORES: 1. Patrik Marke

(Sudtirol Rainer Wurz).


Allievi Lombardia - Le gare di settembre e ottobre

21° Trofeo Effebiquattro

SEREGNO (MI) (28/9) - Federico

Branduardi, alfiere del

GS Prealpino-Ambrosio, si

incorona “Re della Brianza”

vincendo a Seregno il 21° Trofeo

Effebiquattro, organizzato

dalla Salus Seregno su un

circuito ondulato attraverso i

centri di Carate Brianza, Besana

Brianza, Briosco, Verano

Brianza, Giussano e Seregno,

ripetuto 3 volte dai 95 corridori

che hanno preso il via

alla gara tanto movimentata

da scaramucce e scatti senza

però mai andare a buon fine.

Conclusione allo sprint, dunque,

con Branduardi che piega

le velleità dell’altra ruota veloce

del gruppo, il bareggese

Francesco Colicino. V.B.

ORDINE D’ARRIVO - 1.

Federico Branduardi (GS

Prealpino-Ambrosio) km

79,200 in 2h05’, media 38,016;

2. Francesco Colicino (GS

Bareggese); 3. Marco De Vitis

(Cremonese 1891); 4. Simone

Fazzolari (Cicli Fiorin-Despar);

5. Gianluca Modesti (CC

Cardanese); 6. Sebastiano

Amodio (Ciclistica Bujese); 7.

Marco Montini (Cremasca); 8.

Mattia Saronni (Busto Garolfo); 9.

Leonardo Pastorino (Bareggese);

10. Karmelo Halilaj (Pagnoncelli).

10° Trofeo Misinto

MISINTO (5/10) - Angelo

Tarenghi, sedicenne, allievo

della SC Libertas 1911 di Brescia,

vince con leggero margine

il 10° Trofeo Comune di

Misinto, organizzato dal GS

Misintese con la partecipazione

di 74 corridori che hanno

gareggiato senza risparmio

di energie sugli 81 chilometri

del circuito ripetuto sei volte

attraverso i centri di Lazzate,

Rovellasca e Cogliate. La gara

si è disputata sempre a gruppo

allungato, con l’abbandono di

49 corridori su 74 partiti, che

hanno alzato bandiera bianca

mentre i primi classificati

portavano a termine la gara

con leggeri margini di distacco

tra loro. V.B.

ORDINE D’ARRIVO - 1. Angelo

Tarenghi (Libertas 1911 Brescia)

km. 81 in 2h02’ media 39,836;

2. Marco Padoan (Polisportiva

di Nova) a 2”; 3. Luca Guerrini

(Fiorin-Despar) a 10”; 4. Federico

Tidoni (Pol. Camignone) a 15”; 5.

Luca Comini (Aspirat. Otelli); 6.

Muffolini; 7. Chioda; 8. Panzeri; 9.

Montini a 22”; 10. Giuffredi.

51° G.P. Caduti e Martiri

PINAROLO (5/10) - Nella

splendida giornata di sole, i 55

corridori partenti sui 67 iscritti,

hanno onorato questo 51°

Gran Premio di Pinarolo allestito

dalla SC Pedale Pavese

ASD, offrendo al numerosissimo

pubblico presente tante

emozioni, sopratutto nel finale

dove, il giovane bresciano

Davide Bardelloni, figlio dell’ex

professionista Giovanbattista,

classe 1992, passa sotto

lo striscione d’arrivo tutto solo

con le mani alzate per la gioia.

L’epilogo della gara a 3 chilometri

circa dalla conclusione,

con il perentorio, prodigioso

e decisivo attacco di Bardelloni

che aumentava sempre più

il distacco fino a giungere solitario

all’arrivo a braccia alzate.

Il gruppetto di fuggitivi

giungeva a 55” dal vincitore e

veniva regolato da Marco De

Vitis. Michele Pireddu

ORDINE D’ARRIVO - 1. Davide

Bardelloni (Team Soprazocco)

km 80 in 1h57’ media 41,026;

2. Marco De Vitis (Cremonese

Gruppo Arvedi) a 55”; 3.

Alessandro Barattieri (Velo Club

Pontenure); 4. Damiano Cima

(Monteclarense); 5. Umberto

Marengo (Piossasco); 6. Gelmini;

7. Carini; 8. Iannuzzi; 9. Brunetti;

10. Borchio Romazio.

13° Trofeo Carlo Rabolli a.m

JERAGO - Ogni volta che

questo simpatico ragazzo di

San Macario coglie una vittoria,

e questa è la quinta, sono

tutte spettacolari. Aveva iniziato

in quel di Comerio, il

quattro maggio, dominando

quella prova, ed ha terminato

in questa domenica di ottobre,

che è in pratica la conclusione

delle gare in Provincia di Varese,

conquistando alla grande

la 13a edizione del Trofeo

Comm. Carlo Rabolli a.m.

Al sesto giro una prima svolta,

al comando rimangono Lenzi

e Zorzi, i quali trovato subito

l’accordo, incominciano a “ tirare”

ed il loro vantaggio diventa

abissale, sia nei confronti

dei sei inseguitori, che del

gruppo. La svolta decisiva della

manifestazione, ben curata

dalla Cavariese, avviene nel

corso dell’ultimo giro, quando,

ripetendo gli attacchi alla

“ Ballan”, Kabir Lenzi (Prealpino)

si libera del compagno

di fuga, non senza che il portacolori

della Comerio (Zorzi)

tenti di resistere allo strapotere

del ragazzo di San Macario,

ma senza riuscirvi. Così, il

portacolori del Prealpino, coglie

sul traguardo di Jerago la

sua quinta vittoria stagionale,

che dedica oltre che al papà

ed alla mamma, agli amici di

San Macario e naturalmente

ai compagni di squadra.

Antonio Posti

ORDINE D’ARRIVO: 1. Kabir

Lenzi (Prealpino) Km 80 in 2h08’

media 37,500; 2. MatteoZorzi

(Comerio/Vetera/Car) a 40”; 3.

Luca Gibilras (Prealpino)a 4’; 4.

Federico Branduardi (Prealpino)

a 4’20”; 5. Giuseppe Bovio

(Bonalanza/Oleggio); 6. Todaro;

7. Modesti; 8. Daverio a 4’44”.

46° Tr. Villaggio San Pio X

CESANO MADERNO (MI)

(12/10) - Paolo Simion, allievo

della Libertas-Scorzè, campione

d’Italia inseguimento

a squadre, festeggia con due

ATTIVITÀ GIOVANILE

Simion e Lenzi plurivittoriosi

LENZI A JERAGO

giorni di ritardo il suo sedicesimo

compleanno conquistando

la nona vittoria dopo un acceso

e contestato sprint con Rino

Gasparrini del Team Ceci.

Alla gara, che da sempre conclude

la stagione agonistica in

provincia di Milano, denominata

46° Trofeo Villaggio San

Pio X, hanno partecipato 168

corridori, con gran mattatore

il ligure Luca Cappelli (Bottegone),

due vittorie in questa

stagione; autore di una fuga di

circa 30 chilometri, con vantaggio

massimo 52”, è stato

raggiunto a meno di due chilometri

dal traguardo. Giallo

sul traguardo: Simion, urtatosi

involontariamente con

Gasparrini a 10 metri dal traguardo,

ha scatenato una polemica

che i giudici hanno

subito risolto, confermando

la vittoria per il veneto. Vito

Bernardi

ORDINE D’ARRIVO - 1. Paolo

Simion (CS Libertas Scorzè-

Venezia) km 84 in 2h05’, media

40,320; 2. Rino Gasparrini

(Team Ceci-Dreambike Ascoli

Piceno); 3. Andrea Comuzzi

(Team Isonzo-Pedale Ronchese-

Gorizia); 4. Alex Turrin (UC Foen

Wienerberger-Belluno); 5. Alex

Paoli (Liquigas Lago Rosso-

Trento); 6. Bortolotti; 7. Roncalli;

8. Marini; 9. Wackermann; 10.

Avitabile.

il Mondo del Ciclismo n.45

35


il Mondo del Ciclismo n.45

36

ATTIVITÀ GIOVANILE

Allievi Friuli V.G. - Trofeo Arteni Sport, ultima prova trittico Trieste - Udine insieme nello sport

TAVAGNACCO (UD) - A

termine di una lunga volata

che lo ha visto protagonista,

l’allievo sloveno Bogataj Blaz

ha fatto suo il Trofeo Arteni

Sport, ultima prova del trittico

Trieste-Udine insieme

nello sport. Manifestazione

promossa dal Comitato

provinciale della Fci di Udine

per sviluppare il ciclismo

giovanile in regione e legare

il capoluogo regionale a

quello friulano.

Blaz ha costretto alla sua

ruota, seppur per un nonnulla,

Davide Cimolino, già

vincitore della Trieste-Udine

- prima tappa della manifestazione

- e il biker Denis

Milic improvvisatosi velocista.

Per il vincitore, che è uno dei

più promettenti virgulti del

ciclismo d’oltre confine, si

tratta dell’ottavo centro stagionale,

quarto sulle strade

del Friuli Venezia Giulia, tra

cui quello del 14 settembre,

Blaz vince e si aggiudica il trittico

colto nella Trieste-Opicina,

manifestazione rientrante

nel trittico citato.

Al termine della gara, che

come detto concludeva il

trittico delle prove, è stata

stilata sia la classifica individuale

che di società. Bogataj

Bals (Sava Krany) grazie alle

vittorie di Opicina e di Tavagnacco

ha pertanto vinto

il trofeo individuale con tre

punti di vantaggio su Davide

Cimolino (Libertas Gradisca),

e con quattro lunghezze

su Denis Milic. Quarto

si è classificato Sebastiano

Amodio (Ciclistica Bujese.

Per società, invece, la challange

è stata da appannaggio

del Team Isonzo-Pedale ronchese

che si è imposto sulla

Libertas di Gradisca e sulla

Sava di Krany. In quarta

ruota si è piazzato il Vc. Rivignano.

G.C.

Emilia Romagna - 7° Gp Tonelli G. Lattoneria

Bene Guerra

BRANZOLINO (FC) - Gara sostanzialmente tranquilla.

Dei 78 iscritti prendono il via in 68, dopo i primi

giri a studiarsi nasce una fuga di 7 atleti che raggiungono

un distacco massimo di 1’50”; nonostante

qualche tentativo di ricucire lo strappo da parte del

gruppo i fuggitivi arriveranno al traguardo con un

vantaggio di 1’ 05”. La gara, ormai un appuntamento

classico per la categoria, si è svolta su un tracciato pianeggiante.

All’arrivo sono arrivati 41 corridori.

Valerio Benelli

ORDINE D’ARRIVO

1. Guerra Lorenzo (S.C. Baracca) km 69 in 1h45’, media

39,429; 2. Borakovskjj Serhij (Pedale Riminese Terranova);

3. Spada Nicolas (S.C. Forlivese); 4. Mazzotti Davide (Pedale

Riminese Terranova); 5. Squadrani Andrea (Pol. Fiumicinese

Fa.I.T.Adriatica); 6. Filippi Enrico (U.C. Scat); 7. Ervis Lika

(S.C. Faentina); 8. Zito Marco (S.C. Forlivese) a 1’05”; 9.

Bravi Giacomo (U.C. Scat); 10. Gasparrini Rino (Team Ceci

Dreambike) a 1’20”.

IL PODIO DEL TROFEO ARTENI

Lazio - 1° Palio Ciclistico Città di Aprilia

Stamegna ok

APRILIA - Si è svolto ad Aprilia il 1° Palio Ciclistico

Città di Aprilia. La gara è stata lodevolmente organizzata

dal Team Ped. Apriliano (resp.le Massimo Surini)

in collaborazione con Maurizio Brilli, Mario Forconi,

Renzo Panzetta, Alfio Sciuto e le società SC Aprilia,

Punto Bici, Bike’s World. Al via 50 atleti. La corsa si

infiamma grazie all’azione coordinata di Renzo Panzetta,

Fausto Zingaretti e Sebastian Stamegna. Una

fuga subito stoppata dall’attento gruppo, ma non finisce

qui. Si portano al comando gli scatenati giovani

del Pedale Apriliano con Zingaretti, Stamegna e Mori,

un terzetto affiatato che in breve fa la differenza. Il finale

è tutto uno show del team Pedale Apriliano che

conclude la spettacolare corsa in via dei Lauri con il

successo di Stamegna. Giovanni Maialetti

ORDINE D’ARRIVO

1. Stamegna Sebastian (Ped. Apriliano); 2. Zingaretti Fausto

(idem); 3. Mori Francesco (idem); 4. Sciuto Alfio (Punto Bici

Aprilia); 5. Panzetta Renzo (Bike’s World).


Allievi Marche - 20 a Sarnano - Recanati

SARNANO - Emozionante finale

tra super nella “20a Sarnano

- Recanati”, classica in

linea di prestigio per la categoria

degli Allievi, organizzata

con competenza e dovizia

di mezzi dall’Associazione

Ciclistica Recanati, e bella e

chiara affermazione del lucano

Michele Viola, della S.D.

Rcg Treccificio Castrocielo,

davanti all’ascolano Marco

Ciccanti, della S.C. Villa S.

Antimonio, all’abruzzese Lorenzo

Di Remigio, della A.S.

Ferrometal Cycling Team, e

all’ucraino- recanatese Yaroslav

Rubakma, portacolori

della società organizzatrice.

La gara, con un lussureggiante

campo di 154 partenti in rappresentanza

di ben 35 società

di molte parti d’Italia, è risultata

molto equilibrata ma soltanto

nei due giri finali per Recanati

sono entrati in azione i

migliori del lotto e nel difficile

e duro finale, da un drappello

di una quindicina di battistrada,

sono venuti fuori Michele

Viola e gli altri tre atleti

che l’hanno immediatamente

seguito al traguardo. Poco

distaccati dai primi quattro

hanno concluso l’indicativa

contesa altri grossi calibri

come l’abruzzese Pettinella,

l’alfiere del club di casa Virgili,

il plurivittorioso romagnolo

Senni e altri ancora.

Per questa rinomata classi-

PIENO SUCCESSO ha riscosso

la giornata rosa allestita

dall’Associazione Magreta con

la regia di Gibertini ed organizzata

la collaborazione tecnica

della U.S. Formiginese.

Hanno aperto le ostilità le

donne esordienti con il secondo

successo stagionale

della figlia d’arte Arianna Fidanza

che ha colto la sua seconda

vittoria stagionale.

Seconda vittoria stagionale

Viola chiude in bellezza

LO SPUNTO DI MICHELE VIOLA A SARNANO

ca in linea, al cui allestimento

hanno contribuito anche

il Comune e le Terme di Sarnano,

è stata un’altra edizione

di lusso che l’ha confermata

come manifestazione di grande

interesse e di sicuro spessore

nazionale.

I 154 concorrenti hanno preso

il via appunto da Sarnano,

turistica località nel cuore

dei Monti Sibillini, da dove

si sono inoltrati per la Statale

78 Piceno per ritornare verso

il territorio maceratese e

quindi verso Recanati. Tra gli

episodi da ricordare un tentativo

di una decina di chilometri

da Tolentino fino quasi

al bivio di Fontenoce, all’inizio

della prima delle due sali-

Esordienti e Allieve Emilia Romagna - Giornata rosa

anche per la vicentina Dinale

giunta in perfetta solitudine

tra le donne allieve.

Purtroppo nella volata per la

piazza d’onore si registrava

una brutta caduta nella quale

rimanevano coinvolte una

decina di atlete che dovevano

ricorrere alle cure ospedaliere.

Elio Giusti

te per il traguardo di Recanati.

Frattanto pioveva e questo facilitava

una caduta che, poco

prima del primo ingresso nella

città leopardiana spezzava

in due tronconi. Il resto della

selezione veniva operata sulla

seconda ed ultima salita, che

inizialmente vedeva in avanscoperta

il portacolori di casa

Brignoccolo mentre più avanti

passava all’offensiva il generoso

abruzzese Di Remigio, della

Ferrometal di Notaresco, che

si produceva in una seria azione

d’attacco e soltanto dentro

Recanati veniva raggiunto da

Viola, Ciccanti e Rubakma.

Poco dietro seguivano sfilacciati

altri dieci-undici corridori.

Infine a circa mezzo chi-

ATTIVITÀ GIOVANILE

lometro dall’arrivo Michele

Viola, promettente ragazzo

lucano della laziale S.D. Rgc

Treccificio Castrocielo, partiva

lanciato e guadagnava alcune

lunghezze decisive per una

bellissima vittoria a braccia

alzate. Ancora un piazzamento

nelle prime posizioni per il

vigoroso Marco Ciccanti.

La Sarnabo - Recanati era valida

anche per il “14° Trofeo

Corriere Adriatico” oltre che

come prova della challenge

nazionale “Oscar TuttoBici

Allievi”. Paolo Piazzini

Fidanza e Dinale a bersaglio

Ordine di arrivo

Ordine di arrivo

1. Viola Michele (S.D. Rcg

Treccificio Castrocielo) km

84 in 2h13’ media 37,895; 2.

Ciccanti Marco (S.C. Villa

S.Antonio); 3. Di Remigio

Lorenzo (A.S.D. Ferrometal

Cycling Team); 4. Rubakma

Yaroslav (Ass. Cicl. Recanati);

5. Pettinella Loris (G.S.

Silvestro La Cioppa) a 3”;

6. Virgili Mirko (Ass. Cicl.

Recanati); 7. Senni Manuel

(Pol. Fiumicinese FAIT); 8.

Pretolani Marco (S.C. Baracca

Lugo); 9. De Facentis Giuseppe

(San Ferdinando E.Bombini);

10. Mosca Daniele (Pol.

Bevilacqua Sport).

ESORDIENTI: 1. Arianna Fidanza (Eurotarget) km 27,200,

media 34,723; 2. Luisa Zenna (Mac Team Bo); 3. Natasha Grillo

(idem); 4. Isabella Ferrari (Mincio-Chiese Mn); 5. Alessia

Fantoni (U.C. Sozzigalli Cem).

ALLIEVE: 1. Annachiara Dinale (V.C. Breganze) km 34 in 1h;

2. Chiara Pierobon (S.C. Vecchia Fontana) a 12”; 3. Elisabetta

Girardi (S.C. Cesano Maderno); 4. Susanna Zorzi (G.S. Cmb);

5. Sara Consolati(S.C. Volano).

il Mondo del Ciclismo n.45

37


il Mondo del Ciclismo n.45

38

ATTIVITÀ GIOVANILE

Esordienti Lazio - Nelle gare di Civitavecchia, Veroli e Tarquinia

Memorial Angelo Molinari

e Mario Valle

CIVITAVECCHIA - Bella

manifestazione ciclistica a Civitavecchia

in occasione dei

tradizionali Trofei “Memorial

Angelo Molinari e Mario Valle”.

Ad organizzare lo storico

Team GSC Civitavecchiese

Mario Valle (responsabile Fabio

Berdacchini Cesare Giancaterini),

con il patrocinio del

comune di Civitavecchia. Gara

spettacolare con continui tentativi

di fuga, subito bloccati

dall’attento gruppo. Il finale

di gara premia Michael Capati

(1° anno), Team Bike Chiesanuova

Rieti, e Giuseppe Bertoloni

Meli (2° anno), Pro Bike

Riding Team Roma. G.M.

ORDINI D’ARRIVO - I ANNO:

1. Capati Michael (Team Bike

Chiesa Nuova) km 29,900 in

53’, media 27,750; 2. Nika Iltian

(Ped. Mancianese); 3. Onorati

Mirko (ASD B.C. Portantino);

4. Santacroce Eugenio (GS

Civitavecchiese); 5. Montomoli

Nico (VC 2000 B.R.F.).

II ANNO: 1. Bertoloni Meli

Giuseppe (Pro Bike Riding Team

Rm) km 29,900 in 53’, media km

27,750; 2. Andreozzi Alessandro

(ASG Guazzolini Coratti U.

Signori); 3. Cervoni Mattia (ASD

VV.FF. Cinelli Lt); 4. Taschin Luca

(Pro Bike Riding Team Rm); 5.

Mizzoni Alessandro (ASD B.C.

Portantino).

G.P. Sportivi

Contrada S. Anna

VEROLI (FR) - Festa del ciclismo

giovanile a Veroli (Fr),

frazione Sant’Anna, protagonisti

numerosi esordienti di

Lazio e regioni limitrofe. Ad

organizzare l’evento il titolato

e storico sodalizio UC Alatri

Toti trans (Team Manager

Giancarlo Rossi). Gara molto

movimentata con spettacolari

allunghi subito bloccati

dall’attento gruppo. Al penultimo

giro tentano l’assolo il

laziale Francesco Mandatori

Sannino, doppietta finale

GIUSEPPE SANNINO

(Vigili del Fuoco Cinelli Lt) e

i campani Antonio Mauriello

(Imperiale Grumese Na) e

Antonio Porcelli (Auriemma

Cycling). Il finale a tre si conclude

allo sprint con l’ennesimo

successo del campano

Mauriello (campione italiano

di ciclocross) sull’indomabile

Porcelli. G.M.

ORDINE D’ARRIVO

I ANNO: 1. Sannino Giuseppe

(Pianura Oboe Visconti); 2.

Esposito Gianluca (Imperiale

Grumese); 3. De Filippis Cristiano

(Vigili del Fuoco Cinelli Lt); 4.

Milano Matteo (Molise Ricambi);

5. Greco Antonio (Imperiale

Grumese).

II ANNO: 1. Mauriello Antonio

(Imperiale Grumese); 2. Porcelli

Antonio (Auriemma Cycling); 3.

Mandatori Francesco (Vigili del

Fuoco Cinelli Lt); 4. Bertoloni

Meli Giuseppe (Pro Bike Riding

Team Roma); 5. Duro Francesco

(Imperiale Grumese).

GP Camping Tuscia

Tirrenica, 1° Trofeo

Rist. Grancevola

TARQUINIA (VT) - A Tarquinia,

splendida città dell’alta

Tuscia viterbese, si è svolto

il G.P. Camping Tuscia Tirrenica,

1° Tr. Rist. Grancevola,

ottimamente organizzato dal

team Pol. Tarquinia Sezione

Ciclismo (presidente Pietro

Anzellini), in collaborazione

con il Bici Club Tarena e la sezione

UNVS (Veterani Sportivi)

di Tarquinia, con il patroci-

nio del comune di Tarquinia.

Ospite d’onore il presidente

del C.R.L. Bruno Vallorani. La

corsa, molto tattica, con i migliori

attestatisi da subito nelle

prime posizioni, si anima nel

finale, al momento di affrontare

la lunga ed ostica asperità

che porta al centro storico

di Tarquinia. E’ in questa fase

che si ha una severa selezione,

dalla quale esce meglio di tutti

il campano Giuseppe Sannino

(Pianura Oboe) che conclude

la corsa tra gli applausi

conquistando il successo nel

1° anno. Molto festeggiato anche

il secondo posto ottenuto

dall’amato campioncino

locale Michael Capati (Team

Bike Chiesa Nuova Ri) artefice

di una straordinaria stagione

agonistica. Nella categoria

maggiore (2° anno) splendida

conferma del campano Antonio

Porcelli (Gs Auriemma).

Da segnalare i successi femminili

di Giulia Paolelli (Team

Bike Chiesanuova Ri) fra le

1° anno e di Giusy Antonetti

(Team Cycling Vigili del Fuoco

Cinelli Lt) fra le 2° anno.

Giovanni Maialetti

ORDINI D’ARRIVO - I ANNO/

M: 1. Sannino Giuseppe (Team

Pianura Oboe) km 39,00 in 1h20’,

media 30; 2. Capati Michael

(Team Bike Chiesanuova); 3.

Nika Iltjan (Ped. Mancianese);

4. De Filippis Cristian (VV. FF.

Lt); 5. Santacroce Eugenio (Gs

Civitavecchiese). I ANNO/F: 1.

Paoletti Giulia (Team Bike Chiesa

Nuova Ri).

II ANNO/M: 1. Porcelli

Antonio (GS Auriemma); 2.

Taschin Luca (Pro Bike Riding

Team); 3. Andreozzi Alessandro

(Guazzolini Coratti U. Signori);

4. D’Ambrosio Mario (Gs

Auriemma); 5. Bertolomi Meli

Giuseppe (Pro Bike Riding Team).

II ANNO/F: 1. Antonetti Giusy

(ASD VV.FF. Lt).


Esordienti e Allieve Marche - 34 a Coppa Menghini Virginia, 41 a coppa B.V. Addolorata

di Paolo Piazzini

CAMPOCAVALLO DI

OSIMO (AN) - Anche quest’anno

la stagione marchigiana

degli esordienti si è

conclusa, secondo tradizione,

con la classica manifestazione

di Campocavallo

di Osimo, organizzata con

la perizia di sempre dagli appassionati

del Club Ciclistico

Campocavallo F.N. Mengoni,

guidati da Giorgio Antonelli

e Piero Agostinelli.

Erano in palio la 34a Coppa

Menghini Virginia per i 1°

anno e la 41a Coppa B.V. Addolorata

per i 2° anno.

Grande entusiasmo degli

sportivi locali per la conclusione

della prima gara, suggellata

con una volata molto

lunga dal ragazzo del posto

Marco Pellegrino, dello Sporting

Club S. Agostino, che ha

preceduto il compagno di

ATTIVITÀ GIOVANILE

Pellegrino e Sciarra i migliori

squadra Marco Cingolani e

Fabio Tuzi, del CAS Cicl. Rapagnanese.

Il bottino squillante

dello Sporting Club S.

Agostino è stato completato

dal successo tra le esordienti

della passatempese Ilaria

Ghergo, che peraltro ha conseguito

un nono posto assoluto

di tutto rilievo.

I ANNO/M: 1. Pellegrino Marco (Sporting Club

S. Agostino) km 39,500 in 1h06’, media 34,853; 2.

Cingolani Marco (idem); 3. Tuzi Fabio (CAS Cicl.

Rapagnanese); 4. Ciaffone Dario (S.S. NO-CE

Nocciano Cepagatti); 5. Tersini Fabrizio (Olimpia

Valtiberina). II ANNO/M: 1. Sciarra Davide

(S.S. NO-CE Nocciano Cepagatti) km 47,400

in 1h23’, media 34,265; 2. Ndoj Almario (S.C.D.

Volata a ranghi compatti ma

più serrata anche nella gara

dei 2° anno e bella affermazione

dell’abruzzese Davide

Sciarra, della S.S. NO-CE

Nocciano Cepagatti, già vittorioso

poco tempo addietro

nella vicina Porto Recanati.

Al posto d’onore l’albanese

Almario Ndoj, della S.C.D.

Ordini di arrivo

Alma Juventus Fano, e terzo

posto dell’ultimo iscritto,

Edoardo Rossi, del G.S. Selle

Italia.

Prima tra le allieve Jennifer

Chiodi, della S.C. Pedale

Chiaravallese, seguita da

Dalia Muccioli. Tra gli intervenuti

il Sindaco di Osimo,

avv. Dino Latini.

Alma Juventus Fano); 3. Rossi Edoardo (G.S. Selle

Italia); 4. Renzetti Filippo (Olimpia Valtiberina);

5. Colecchia Antonello (G.S.D. Pedale Rossoblu).

ESORDIENTI/F: 1. Ghergo Ilaria (Sporting Club

S. Agostino); 2. Ciabocco Elisa; 3. Cola Martina.

ALLIEVE: 1. Chiodi Jennifer (S.C. Pedale

Chiaravallese); 2. Muccioli Dalia; 3. Kolmykova

Maria.

Lombardia - 40° Tr. Sangalli, 2° Tr. Impresa Edile A. Basso, ultima prova 22° Challenge BCC Carugate

CARUGATE (MI) (28/9) -

Con la stagione agonistica degli

esordienti milanesi, oggi a

Carugate si è conclusa anche

la 22a edizione del challenge

sponsorizzato dalla locale

Banca di Credito Cooperativo.

Con l’organizzazione della

SC Carugatese-Carrefour del

presidente Giuseppe Bargigia,

si sono disputati il 40° Trofeo

Virgilio Sangalli, riservato

agli esordienti classe 1995

e vinto da Filippo Viganò (Sovico),

7a vittoria stagionale e

vincitore anche del challenge,

dopo un serrato sprint contro

l’altro plurivincitore di stagione,

Riccardo Terruzzi (Cassina

De Bracchi), e il 2° Trofeo

Impresa Edile Basso, riservato

alla classe 1994 e vinto da

Davide Conte (Fiorin-Despar)

davanti al valtellinese Daniele

Mossini, che ha invece primeggiato

nella classifica finale

del challenge. Vito Bernardi

A Viganò e Mossini

la classifica finale

IL PODIO DEL 22° CHALLENGE BCC CARUGATE

Ordini di arrivo

II ANNO: 1. Davide Conte

(Fiorin-Despar) km 47

in 1h20’, media 35,250; 2.

Daniele Mossini (Pedale

Morbegnese); 3. Manuel

Cucciniello (VC Muggiò-

Fiscal Office); 4. Alessio

Villa (VC Muggiò-Fiscal

Office); 5. Riccardo Redaelli

(Cicli Fiorin-Despar).

I ANNO: 1. Filippo Viganò

(Sovico) km 40 in 1h07’,

media 35,821; 2. Riccardo

Terruzzi (Cassina De

Bracchi); 3. Nicolas Lavacca

(Borgonuovo Collegno);

4. Gabriele Margheritis

(Caravatese-Inda); 5.

Davide Caporaso (Cassina

De Bracchi)

il Mondo del Ciclismo n.45

39


il Mondo del Ciclismo n.45

40

ATTIVITÀ GIOVANILE

Giovanissimi Veneto - Concluso a Silvelle l’11° G.P. Giovanile Bike Cross Trofeo Selle Italia Elite

di Francesco Coppola

SILVELLE (PD) - E’ stata una

grande giornata di festa e di

sport quella vissuta dai minicorridori

a Silvelle di Trebaseleghe,

in provincia di Padova,

in occasione della prova

conclusiva dell’11° Gran Prix

Giovanile Bike Cross Trofeo

Selle Italia-Elite. Oltre cento

ragazzini provenienti da tutto

il Veneto hanno partecipato

all’attesissimo appuntamento

valido per l’ottava prova messa

a punto con consumata perizia

dal Gs Selle Italia Silvellese di

patron Armando Zamprogna

coadiuvato da Adriano Pellizzon,

ideatore del circuito e della

formula adottata dalla gara

e la collaborazione del Team

Bellato, guidato da Vittorio

Scanferlato. Un sole splendido

ha fatto da degna cornice alla

giornata che è stata articolata

in varie batterie, molto combattute,

in particolare quelle

riservate alle categorie 7-8 e 9-

10 anni. Le gare si sono svolte

su un percorso di 350 metri

interamente disegnato su prato

e dove è stata attuata la formula

off track a batterie eliminatorie;

la più avvincente e che

più di ogni altra offre la possibilità

di mettersi in evidenza

anche a quanti si avvicinano

Un grande festa di sport

per la prima volta al ciclismo.

Silvelle, come è noto, nel recente

passato è stata la capitale

del ciclocross nazionale ed

internazionale ospitando gare

di straordinaria importanza.

Il Trofeo Selle Italia-Elite

è stato vinto dal Gruppo Ciclistico

Robegano presieduto

da Giuseppe Bonolo, seguito

dal Centro Sportivo Libertas

Scorzè di Igino Michieletto,

dall’Unione Ciclistica Martellago,

dal Gruppo Sportivo

Sorgente Pradipozzo e dall’Uc

Mirano. Al termine delle

premiazioni Vittorio Scanferlato

ha ringraziato la Regione

Veneto che ha patrocinato

l’iniziativa, la Selle Italia e

l’Elite e le società che hanno

partecipato alle varie prove

del circuito iniziato nel mese

di marzo a Cappella di Scorzé.

“Mi auguro - ha osservato

con soddisfazione Scanferlato

che è stato ex consigliere della

Federciclismo veneziana - che

queste iniziative possano tornare

utili alle società che con

grande sacrificio e passione

lavorano nel settore giovanile,

per tesserare nuovi atleti che

spesso per diffidenza o paura

del traffico stentano a cimentarsi

nel ciclismo”. Scanferlato

ha quindi concluso il suo intervento

porgendo un sentito

ringraziamento alla famiglia di

Giuseppe Bigolin e all’inesauribile

anima della Selle Italia,

Armando Zamprogna.

Classifiche

FINO A 6 ANNI

MASCHILE: Mattia Sabbadin

(Guadense); Thomas Bellio

(Mirano); Marco Morbiato

(Guadense). FEMMINILE:

Martina Valeri (Mottense);

Vanessa Michieletto

(Bernardi); Erica Mattiuzzi

(Martellago).

7-8 ANNI MASCHILE:

Tommaso Dalla Valle (Cassola

2000); Alessandro Berton

(Caorle); Matteo Ferro

(Libertas Scorzè). Femminile:

Elisa Furlanetto (Libertas

Scorzè); Lavina Fusco (Cassola

2000); Sharon Mattiuzzi

(Martellago).

9-10 ANNI MASCHILE:

Marco Rigon (Guadense);

Alberto Simionato

(Robegano); Giacomo

Zorzetto (Mirano). Femminile:

Francesca Selva (Robegano);

Silvia Zamengo (id); Alice

Favrin (Montebelluna).

11-12 ANNI MASCHILE:

Luca Gatto (Postumia 73-Dino

Liviero); Luca Andreatta

(Libertas Scorzè); Luca Boat

(Sorgente Pradipozzo).


Giovanissimi Lazio - Le gare di settembre e ottobre

Trofeo Tabaccheria

Emporio Castra

TARQUINIA (VT) - Si è svolta

a Tarquinia, splendida ed

antica città dell’alta tuscia

tirrenica, la terza prova della

gara sprint riservata ai giovanissimi

di Lazio e regioni limitrofe.

A organizzare il team

Pol. Tarquinia sotto la regia

del carismatico presidente

Pietro Anzellini. G.M.

ORDINI D’ARRIVO - G1: 1.

Monaldi Gabriele (S. Ciclismo

Sral); 2. Melchiorre Simone

(Pol. Tarquinia); 3. Cassese

Riccardo (S. Ciclismo Sral).

G2: 1. Cassi Alessandro (Sc

Sral); 2. Cirilli Cristian (Team

Oropici Orvieto); 3. Truzzolini

Daniele (C. Capobianchi). G3: 1.

Berti Lorenzo (SS Grosseto); 2.

Mambrini Alessio (idem); 3. Lotti

Francesco Umberto (idem). G4:

1. Sfascia Gianluca (S. Ciclismo

Sral); 2. Monaldi Franco (idem);

3. Abis Alessandra (idem). G5:

1. Cassi Riccado (SC Sral); 2.

Zuffi Edoardo (idem); 3. Aposti

Alessandro (SS Grosseto). G6: 1.

Tassoni Martina (Pol. Tarquinia);

2. Scolla Salvatore (SC Sral); 3.

Papaccio Andrea (Pol. Tarquinia).

GP Commercianti

Mole Bisleti

Campionato provinciale

ALATRI (FR) (17/8) - Festosa

e divertente manifestazione

ciclistica ad Alatri presso

il popoloso e storico quartiere

Mole Bisleti, protagonisti circa

150 giovanissimi federali

del Lazio e dintorni. La manifestazione

è stata ottimamente

organizzata dalla ASD

UC Alatri Toti Trans (team

manager Giancarlo Rossi), il

prezioso supporto societario

e il patrocinio dell’assessorato

allo sport Comune di Alatri

(assessore Gianni Padovani).

Hanno conquistato i titoli

provinciali Andrea Spaziani,

Ludovica Sarra, Michael Antonucci,

Francesca Calvario,

Antony Morini, Maria Fran-

cesca Baglione, Piergiorgio

Cardarilli, Francesca Recchia,

Francesco Retarvi, Gabriele

Rossi ed Emilia Frezza. G.M.

ORDINI D’ARRIVO - G1/M:

1. Spaziani Andrea (Gs Fontana

Anagni); 2. Retarvi Gianpaolo

(UC Anagni Cicli Nereggi); 3.

Tagliaferri Damiano (UC Alatri

Toti Trans). G1/F: 1. Sarra

Ludovica (UC Alatri Toti Trans).

G2/M: 1. Marcellusi Martin

(Tutti a Ruota Roma); 2. Pannone

Jacopo (Gs No-Ce Pescara); 3.

Antonucci Michael (UC Anagni

Cicli Nereggi). G2/F: 1. Calvario

Francesca (Gs Fontana Anagni);

G1/M: 1. Prisco Vincenzo (ASD

Team Balzano); 2. Balzano

Antonio (ASD Team Bolzano);

3. Viola Donatello (SD RCG

Treccificio Castrocielo Pz). G1/F:

1. Baglione Maria Francesca (UC

Anagni Cicli Nereggi). G4/M:

1. Cardarilli Piergiorgio (UC

Anagni Cicli Nereggi); 2. Iafrati

Mirko (Amici della Bici Sora);

3. Abenante Pasquale (ASD

Team Balzano). G4/F: 1. Recchia

Francesca (Amici della Bici Sora).

G5/M: 1. Mango Michele (Gs

Moiano Benevento); 2. Piscitelli

Natale (Gs Moiano Benevento);

3. Morzillo Salvatore (Gs Moiano

Benevento). G6/M: 1. Marcellusi

Daniel (Tutti a Ruota Roma); 2.

Rossi Gabriele (UC Alatri Toti

Trans); 3. Masciarelli Diego

(SS No-Ce Pescara). G6/F: 1.

Rapattoni Noemi (SS No-Ce

Pescara).

3° Trofeo Montefiascone

MONTEFIASCONE (VT)

- Grande festa del ciclismo

fuoristrada a Montefiascone,

famosa città dell’alta Tuscia

viterbese. In programma la

prova Baby MTB Cross Country

abbinata al 3° Trofeo Città

di Montefiascone. Ad organizzare

l’evento la storica

scuola MTB di Montefiascone

(responsabile Ulderico Catteruccia).

Habitat della corsa

fuoristrada un percorso molto

tecnico con slalom, single

track, paraboliche, sabbia e

brecciolino da ripetere secondo

regolamento. Ad assistere

numeroso pubblico e lo sportivissimo

sindaco Fumagalli.

Si assiste ad uno straordinario

carosello colorato di baby

biker. Molto festeggiati i tricolori

locali Andrea Ceccarelli

(G5), Pierluca Dandolo (G5),

Paolo Bellucci (G6), primi

classificati e medaglie d’oro

al recente meeting nazionale

giovanile a Predazzo. G.M.

Trofeo Mario Valle

CIVITAVECCHIA - Festival

del ciclismo giovanile a Civitavecchia

ospitale cittadina

tirrenica “Porto Di Roma”. Ad

onorare la tradizionale manifestazione

titolata alla memoria

di Mario Valle, storico

personaggio del ciclismo e

fondatore del GC Civitavecchiese,

società organizzatrice

dell’evento (resp.le Fabio Bordacchini)

numerosi giovanissimi

under 12 delle scuole di

ciclismo del Lazio e regioni

limitrofe. La corsa si è svolta

nel circuito cittadino locale

assistita da numerosa e festo-

ATTIVITÀ GIOVANILE

Vincono passione ed entusiasmo

sa folla. Applausi e consensi

sportivi ai baby ciclisti in gara,

una dimostrazione di bravura

e preparazione ludica, grazie

al costante lavoro svolto dai

tecnici. Alla manifestazione

hanno aderito numerose autorità

istituzionali, sociali, sportive

e della FCI del Lazio. G.M.

ORDINI DI ARRIVO - G1M.: 1.

Monaldi Gabriele (SRAL); 2. Abis

Lorenzo (idem); 3. Abis Emanuele

(idem). G1F.: 1. Monaldi Chiara

(SRAL). G2M.: 1. Antonucci

Michael (UC Anagni); 2. Cirilli

Cristian (ASD Team Eurobici

Orvieto); 3. Cassi Alessandro

(SRAL). G3M.: 1. Berti Lorenzo

(SS Grosseto); 2. Menichetti

Francesco (Ped. Mancianese);

3. Romagnoli Riccardo (SS

Grosseto). G4M.: 1. Cardarilli

Piergiorgio (UC Anagni); 2.

Sfascia Gianluca (SRAL); 3. Pizzo

Andrea (GS Cicli Capobianchi).

G5M.: 1. Retarvi Francesco

(ASD Fontana Anagni); 2.

Gubbiotti Lorenzo (ASS Carbon

Ciclismo9; 3. Aposti Alessandro

(SS Grosseto). G5F.: 1. Minandri

Claudia (SRAL). G6M.: 1. Maffei

Giorgio (ASD Ped. Mancianese);

2. Pizzo Francesco (GS Cicli

Capobianchi); 3. Panzarini

Daniele (ASD Vigili del Fuoco

Cinelli Lt).

il Mondo del Ciclismo n.45

41


il Mondo del Ciclismo n.45

42

ATTIVITÀ GIOVANILE

Giovanissimi Toscana - Le gare degli ultimi mesi

Coppa Vittorio Pini

BORGO S. LORENZO

(FI) - G1: Emanuele Giusti

(Tripetetolo); 2) Esposito; 3)

Tatini. G2: 1) Tommaso Nencini

(F.Bessi); 2) Vara; 3) Brunetti.

G3: 1) Alessandro Iacchi

(Pontassieve); 2) Lucherini;

3) Laurenza. G4: 1) Lorenzo

Romanelli (Appenninico); 2)

Baldacci; 3) Capponi. G5: 1)

Daniel Gocaj (Borgonuovo); 2)

Gallasio; 3) Bini. G6: 1) Gregorio

Lombardi (Borgonuovo); 2)

Calcinai; 3) Gallo.

DONNE - LE VINCITRICI:

Marika Allori, Valeria Arzilli,

Irene Megli, Irene Capasa,

Deborah Testini, Alice Poggesi.

Trofeo Taverna del Grillo

COLTANO (PI) - Quasi 200 i

concorrenti nel Trofeo Taverna

del Grillo sul ciclodromo di

Coltano.

ORDINI DI ARRIVO - G1: 1)

Matteo Bettacchi (Cecina); 2)

Pardini; 3) Rossi. G2: 1) Luca

Mannari (Cecina); 2) Basile; 3)

Taddei. G3: 1) Michael Cerri

(Butese); 2) Mansani; 3) Moriconi.

G4: 1) Mattia Bevilacqua

(Livorno); 2) Barsottelli; 3) Edifizi.

G5: 1) Samuele Luppichini

(Coltano Grube); 2) Santerini; 3)

D’Andrea. G6: 1) Massimiliano

Susini (Butese); 2) Rosselli; 3)

Biagini.

DONNE - LE VINCITRICI:

Gaia Bevilacqua, Vittoria

Guazzini, Matilde Foggi, Denise

Cagnoni, Noemi Prisciandaro,

Chiara Martinelli.

Coppa dell’Unità

GRACCIANO (SI) - Un buon

successo per la Coppa dell’Unità

grazie al grande impegno

di Alvenio Bacci.

ORDINI DI ARRIVO - G1: 1)

Edoardo Nieri (Vital Center); 2)

Moroni; 3) Coradeschi. G2: 1)

Lorenzo Bartalucci (Stabbia); 2)

Cioni; 3) Cresci. G3: 1) Filippo

Magli (Vital Center); 2) Giachi;

3) Bartolucci. G4: 1) Guido

Bagnoli (Vital Center); 2) Pulaj; 3)

Gavagni. G5: 1) Tommaso Fiaschi

Un festival di piccoli talenti

(Abitare); 2) Scaletta; 3) Terri. G6:

1) Alessandro Rabbiti (Empolese),

2) Bachini; 3) Nigi.

DONNE - LE VINCITRICI:

Elena Cantini, Deborah

Dolciamore, Lucrezia Bellocci,

Irene Nieri, Arianna Bandinelli.

4a prova Trofeo Carpel

AVANE DI EMPOLI (FI) -

Prosegue con grande successo

la rassegna fuoristrada ad

Avane di Empoli, su iniziativa

del V.C. Scuola Ciclismo Vital

Center. Anche per il penultimo

dei quattro appuntamenti

del Trofeo Carpel sono stati

83 i concorrenti che hanno

dato vita alla gara. Tra i successi

una bella doppietta nel

settore maschile da parte della

società organizzatrice grazie a

Cioni e Bagnoli, la rivincita in

volata di Iacchi su Magli, il ritorno

al successo dell’empolese

Rabbiti.

ORDINI D’ARRIVO - G0: 1.

Elia Bianchi (Centro Avv. Zona

Cuoio e Pelli); 2. Salvadori; 3.

Scelfo. G1: 1. Giosuè Crescioli

(Stabbia); 2. Giosuè Benelli (Pol.

Tripetetolo); 3. Edoardo Neri

(Vital Center). G2: 1. Elia Cioni

(Vital Center); 2. Fausto Galli

(Pontassieve); 3. Edoardo Borgni

(id). G3: 1. Alessandro Iacchi

(Pontassieve); 2. Filippo Magli

(Vital Center); 3. Alessandro

Benvenuti (Pontassieve). G4: 1.

Guido Bagnoli (Vital Center);

2. Matteo Baldasseroni (Pol.

Monsummanese); 3. Manuel

Allori (Gastone Nencini). G5:

1. Dario Gattuso (Club Ciclo

Appenninico 1907); 2. Samuel

Augusti (Empolese); 3. Andrea

Gaini (Vital Center). G6: 1.

Alessandro Rabbiti (Empolese);

2. Gianmarco Michelacci (Vital

Center); 3. Matteo Codini

(Castelfiorentino Bcc).

7° GP Pubblica Assistenza

LIMITE SULL’ARNO (FI)

- Il presidente della P.A. Cro-

ce d’Oro di Limite, Stefano

Giuntini, Giampiero Ragionieri

ed il G.S. Empolese hanno

fatto ancora una volta centro

con la loro manifestazione

di giovanissimi, con al via circa

180 concorrenti dei 220

iscritti. Tra i presenti il sindaco

di Limite e Capraia, Enrico

Sostegni, il vice Montagni,

Marcucci, Renzo Maltinti, che

ha contribuito con la propria

azienda al successo di questo

7° Gran Premio. Una giornata

chiusa dalla “Festa della Solidarietà”,

il cui ricavato andrà

in beneficenza per la costruzione

di una scuola in Kenya.

ORDINI D’ARRIVO

- G1: 1. Niccolò Cecionesi

(Sancascianese); 2. Edoardo Nieri

(Vital Center); 3. Filippo Nencini

(Fosco Bessi). G2: 1. Ettore

Mugnaini (Aquila); 2. Leonardo

Brunetti (Borgonuovo); 3. Fausto

Galli (Cicl. Pontassieve). G3:

1. Filippo Magli (Vital Center);

2. Daniele Lucherini (Gastone

Nencini); 3. Alessandro Iacchi

(Cicl. Pontassieve). G4: 1.

Guido Bagnoli (Vital Center);

2. Giacomo Baldacci (Seano

One); 3. Manuel Allori (Gastone

Nencini). G5: 1. Giulio Pacini

(Pol. Milleluci); 2. Francesco

Biondi (idem); 3. Daniele Gocaj

(Borgonuovo Suprafil). G6: 1.

Pier Paolo Carruba (Poli. Pro); 2.

Alessandro Bunetti (Seano One);

3. Alessandro Rabbiti (Empolese

Birindelli).

In memoria

di Gastone Nencini

BARBERINO DI MUGELLO

- Un fine settimana in Mugello

con il ciclismo giovanile,

dedicato al ricordo di Gastone

Nencini, grande e generoso

campione di ciclismo. Nel

centro di Barberino di Mugello

grazie alla piena collaborazione

del comune, la manifestazione

di giovanissimi lungo

un circuito di 900 metri con

ritrovo nella centrale Piazza

Cavour. La gara è stata organizzata

dalla società Gastone

Nencini, il cui presidente

Massimo Bacherini assieme

ai tanti tesserati della società

ed ai familiari (la moglie Maria

Pia, i figli Elisabetta, Lapo

e Giovanni) hanno deposto un

cuscino di fiori sulla tomba

del campione mugellano.

ORDINI DI ARRIVO - G1: 1.

Samuele Petri (Pol. Milleluci); 2.

Federico Martignoli (Claudia); 3.

Matteo Bendinelli (G.Nencini).

G2: 1. Alessandro Alduini (Pol.

Milleluci); 2. Tommaso Nencini

(F.Bessi); 3. Ettore Mugnaini

(Aquila). G3: 1. Filippo Magli

(Vital Center); 2. Ugo Zucaro

(Circ.Cintolese); 3. Daniele

Lucherini (G.Nencini). G4: 1.

Edoardo Sali (Anchione); 2. Pietro

Sarti (G.Nencini); 3. Simone

Negrotti (Empolese); G5: 1.

Francesco Biondi (Pol. Milleluci);

2. Loris Gentile (Vc Mosciano); 3.

Marco Terri (Castelfiorentino).

G6: 1. Mirko Calcinai (Aquila); 2.

Alessandro Rabbiti (Empolese); 3.

Matteo Bachini (id.).

Trofeo Carpel

AVANE DI EMPOLI (FI) -

Sullo stesso percorso della

prima gara, è andata in scena

la seconda manifestazione

delle quattro predisposte

dalla Vital Center Scuola di

Ciclismo, società presieduta

da Giuseppe Piacenti ed il

cui organizzatore principale

è Alberto Mazzoni, coadiuvato

da Lassi e Bini. E’ stato uno

splendido successo con molti

concorrenti presenti i quali

avevano l’obbligo di gareggiare

con bici da mountain bike.

La giornata di sole ha favorito

l’affluenza dei concorrenti che

hanno raggiunto quota 90, un

numero che ha reso felicissimi

gli organizzatori della riuscitissima

manifestazione. .

ORDINI DI ARRIVO - G0: 1.


Lorenzo Magli (Vital Center); 2.

Salvadori; 3. Iacchi. G1: 1. Giosuè

Benelli (Tripetetolo); 2. Imar

Manar (Vital Center); 3. Emiliano

Neri (id). G2: 1. Simone Sforzi

(Nuova Sfinge); 2. Gioele Mori

(Tripetetolo); 3. Edoardo Borgni

(Pontassieve). G3: 1. Filippo Magli

(Vital Center); 2. Alessandro

Iacchi (Cicl. Pontassieve); 3.

Alessandro Benvenuti (idem). G4:

1. Simone Negrotti (Empolese);

2. Guido Bagnoli (Vital Center);

3. Samuele De Luca (Centro

Avv. Sport). G5: 1. Federico

Morelli (Centro Avv. Sport); 2.

Samuel Augusti (Empolese); 3.

Michele Ciaramitaro (idem). G6:

1. Alberto Turchetti (Coltano

Grube); 2. Alessandro Rabbiti

(Empolese); 3. Gianmarco

Michelacci (Vital Center).

Trofeo Circolo di Noceta

CASTIGLION FIORENTI-

NO (AR) - Un grande succes-

so per il Trofeo Circolo di Noceta,

svoltosi in questa località

della Valdichiana, nel comune

di Castiglion Fiorentino.

Al via della manifestazione

fuoristrada si sono presentati

104 concorrenti per la gioia

di Maurizio Marchesini, consigliere

del Comitato Toscano

di Ciclismo ed uno dei massimi

dirigenti del gruppo Arezzo

Bike, che ha organizzato la

rassegna. Tra le società ha prevalso

l’Olimpia Valdarnese.

ORDINI D’ARRIVO - G1: 1.

Simon Luca Zucchini (Arezzo

Bike); 2. Gabriele Buratti

(Soriano); 3. Daniele Sabatini

(id). G2: 1. Michael Menicacci

(Soriano); 2. Samuele Bianchi

(Pol. Albergo); 3. Andrea Morgan

(Soriano). G3: 1. Leonardo

Mosca (Cicl. Pontassieve); 2.

Nicola Cocchioni (Nestor Sea); 3.

Alessandro Iacchi (Pontassieve).

G4: 1. Francesco Fontini (Olimpia

Vald.); 2. Christian Filippi

(Soriano); 3. Alessio Pancrazzi

(Olimpia Vald.). G5: 1. Federico

Proietti (Soriano); 2. Giuseppe

Monteleone (Olimpia Vald.); 3.

Cesare Storri (Ped. Toscano). G6:

1. Paolo Bellucci (Montefiascone);

2. Zakaria Taoss (Arezzo Bike); 3.

Iacopo Menchetti (Olimpia Vald.).

Mem. Mario Sani

SANTA LUCIA ALLA CA-

STELLINA (FI) - Dopo la visita

di Maurizio Fondriest durante

il suo viaggio da Cles nel

Trentino a Città del Vaticano

per incontrare il Santo Padre,

l’autunno ciclistico presso il

Monastero di Santa Lucia alla

Castellina, che prevede nelle

prossime settimane una serie

di altre iniziative, si è aperto

con una gimkana di abilità riservata

ai maschi e alle femmine,

compresi i non tesserati, dai

6 ai 12 anni. Una manifestazio-

ATTIVITÀ GIOVANILE

ne per ricordare l’appassionato

dirigente fiorentino Mario

Sani che ha dedicato una vita

al ciclismo, con l’impegno costante

in alcune società, oltre

che essere stato uno dei maggiori

promotori ed esponenti

del Gruppo Amici del Ciclismo

della Castellina.

E’ stata festa, allegria e divertimento

per i 42 giovanissimi

presenti all’interno del convento

dove si è tenuta la manifestazione,

che ha messo in

risalto l’abilità dei concorrenti

che hanno mostrato di gradire

il percorso. Le vittorie sono

state ottenute da Maria Vinci

e Alberto Toccafondi del Borgonuovo

Suprafil, da Bonaventura

Corti (non tesserato),

Leonardo Tognozzi (Circolo

Cintolese), Giulio Rocchiccioli

(Montecarlo) e da Amata Brovelli

(non tesserata). Antonio

Mannori

il Mondo del Ciclismo n.45

43


il Mondo del Ciclismo n.45

44

ATTIVITÀ AMATORIALE

Cicloamatori - 6 a Bassano-Monte Grappa

di Francesco Coppola

MONTE GRAPPA (VI)

(21/9) - Alessandro Magli, già

campione iridato amatori su

strada, ad un anno di distanza

ha bissato il successo nella

sesta edizione della Bassano-

Monte Grappa la prova valida

per lo “Scalatore del Grappa

2008” riservata alla categoria

Amatori. La gara è stata organizzata

dal Vc Tombolo con la

collaborazione del Non Profit

Center di Romano d’Ezzelino,

sotto l’egida della Federazione

Ciclistica Italiana e aperta

a tutti gli Enti della Consulta.

Nonostante la concomitanza di

altre corse amatoriali in zona,

la manifestazione ha avuto il

Ordine di arrivo

1. Alessandro Magli; 2. Giuliano

Anderlini; 3. Fabrizio Rambelli;

4. Massimo Caretta; 5. Luciano

Zilio; 7. Maurizio Bonin;

8. Andrea Lodi; 9. Giorgio

Ballerin; 10. Manuel Martello.

PISA - Si è conclusa nel migliore dei modi

la festosa premiazione dei numerosi atleti

che sono stati classificati nelle varie categorie

del X Giro del Granducato di Toscana

per i percorsi di medio fondo e per

quelli di gran fondo.

Quasi totale la partecipazione dei premiati

che hanno affollato lo Spaccio Militare

della Caserma per Allievi Paracadutisti

“Gamerra” di Pisa, messa a disposizione

dalla Brigata Folgore ed in particolare

del comandante Col. Pietro Ribezzo, per

lo svolgimento di questo importante momento.

Numerose le autorità presenti: il

col. Ribezzo comandante della caserma, il

col. Lupini comandante uscente della caserma,

il col. Pellegrin, presidente del Giro

del Granducato di Toscana, l’ing. Zuccaro

presidente della FCI-SAN, il presiden-

Magli re degli scalatori

Si ripete ad un anno di distanza cambiando ritmo

a Camposolagna per giungere da solo all’arrivo

consueto successo in termini

di partecipazione. Erano presenti

i migliori specialisti delle

corse in salita - del Triveneto,

ma altri provenivano dall’Emilia

Romagna, dalla Lombardia

e dalla Toscana - di organizzazione

e soddisfazione nel dopo

gara, anche qui una sorta di

“terzo tempo” che, alle sbrigative

cerimonie di premiazione

tipiche delle gare ciclistiche in

genere, ha sostituito un pranzo

con tutti i partecipanti, i loro

accompagnatori e le famiglie.

Proprio questo momento ha

consentito ai commissari di

gara ed ai partecipanti di tirare

le somme più squisitamente

tecniche.

La gara, nonostante il freddo e

la nebbia in quota (la temperatura

era di 2 gradi centigradi) è

Premiati nella Caserma Gamerra di Pisa i vincitori del 2008

stata molto combattuta sin dal

via, avvenuto al primo tornante

della strada Cadorna, quando i

chilometri da percorrere erano

26,5 del tradizionale tracciato

con pendenza media del 5,6%.

Alla caccia di Alessandro Magli,

si è posto immediatamente

Giuliano Anderlini, il bolognese

da tutti temuto per il suo invidiabile

palameres, e con loro

c’erano Fabrizio Rambelli, Luciano

Zilio e Massimo Caretta,

questi ultimi già vincitori sul

tracciato del Grappa.

In vista di Camposolagna,

quando Luciano Zilio e Massimo

Caretta avevano già perso

il passo dei primi, Alessandro

Magli ha accelerato e ha fatto

corsa solitaria fino al traguardo

aggiudicandosi l’ambita e preziosa

riproduzione in bronzo

Giro del Granducato di Toscana

Presentato il calendario delle prove dell’undicesima edizione

te FCI regione Umbria Carlo Roscini, il

presidente FCI regione Toscana Giacomo

Bacci ed il presidente FCI della provincia

di Pisa Claudio De Angeli. Durante

la consegna dei premi è stato presentato

anche il calendario delle prove relative all’11ma

edizione del Giro del Granducato

di Toscana. L’apertura sarà data alla IV

Granfondo Massimiliano Lelli che si terrà

l’8 marzo, anticipata dalla cronometro

del 6 marzo. A seguire la XII Granfondo

della Geotermia a Balze, il 22 marzo, che

per quest’anno ha in cantiere una stupenda

novità. La terza prova, il 19 aprile,

sarà la III Granfondo Folgore che cambia

nome a favore della Brigata. Il 10 maggio

sarà invece XIII Granfondo della Vernaccia

a tenere i ciclisti occupati sui meravigliosi

percorsi del Chianti. Sette giorni

della Madonnina del Grappa.

Giuliano Anderlini è giunto secondo;

mentre Fabrizio Rambelli

si è piazzato terzo. Caretta

e Zilio, appaiati alla Cima per

sprintare per la quarta e quinta

posizione con Demetrio Bellò

leggermente staccato, al sesto

posto.

Ottima la direzione di corsa affidata

alla affiatata coppia composta

da Pierluigi Basso e da

Firmino Bacchin, coadiuvata

dal collegio di Giuria composto

dal rodigino Domenico Evola,

dal veneziano Benedetto Vettori

e dal vicentino Daniele Gnata.

Un ampio servizio sulla gara

è stato trasmesso sull’emittente

televisiva “Telechiara” nel

corso della trasmissione “Teleciclismo

condotta da Mario

Guerretta.

di attesa per arrivare al 17 maggio per la

IV Granfondo Città di lucca. Sfrutta ancora

la Festa della Repubblica, il 2 giugno,

la VII Granfondo Alta Valle del Tevere,

mentre la XIV Granfondo Chianti Classic

si posiziona il 22 giugno. Si sta parlando

di un’ulteriore prova da inserire nel calendario,

ma al momento non c’è ancora

nulla di definito, per cui si dovrà attendere

ancora qualche giorno per maggiori

ragguagli.

LE NOVITÀ - Nessuna grande novità

per quanto riguarda il circuito. Vengono

riconfermati tutti i brevetti singoli e di

squadra dell’anno scorso, ma viene introdotta

una nuova classifica, la “Lui&Lei”,

che, dichiarata in fase di abbonamento,

terrà conto delle coppie uomo-donna che

giungeranno insieme al traguardo.

LE QUOTE - Le quote subiranno un modesto

incremento e passeranno da 23

euro a 25 euro per ogni singola prova,

mentre l’abbonamento a tutto il Giro,

è fissato a 100 Euro per chi si iscrive al

31/12/2008, per poi passare a 120 Euro

fino al 7/3/2009. Antonio Mannori


FESTE E PREMI

La 17 a edizione dell’iniziativa si terrà il 21 novembre

Il Giorno della Scorta

premia la sicurezza

IL GIORNO DELLA SCOR-

TA, tradizionale appuntamento

dedicato ai temi della sicurezza

del ciclismo su strada,

quest’anno avrà luogo venerdì

21 novembre alle ore 20.15,

presso la tradizionale sede del

Ristorante La Campaza di

Fosso Ghiaia (Ravenna).

L’iniziativa, organizzata del

G.S. Progetti Scorta di Ravenna,

è stata ufficialmente presentata

nei giorni scorsi con

un atto piuttosto significativo:

un incontro con il prefetto di

Ravenna Floriana De Sanctis,

il quale, per oltre un’ora, si è

intrattenuto con il presidente

del G.S. Progetti Scorta Silvano

Antonelli, accompagnato

dall’intero Consiglio sociale

e dal presidente del CRER

avv. Celestino Salami. Un proscenio,

senz’altro giusto, per

un appuntamento patrocinato

dalla Camera dei Deputati,

Presidenza del Consiglio e

Ministero dell’Interno.

Nel corso del colloquio, il

presidente Antonelli ha avuto

modo di illustrare la mole

di lavoro svolta nel corso del

2008 dalle 47 motostaffette

del Gruppo Scorta (139 gare e

994 prestazioni individuali), e

di presentare il manuale “ALT

passa la corsa”, pubblicato recentemente

dallo stesso gruppo

e dedicato a quei volontari

che vorranno abilitarsi come

“Addetto alle segnalazioni aggiuntive”,

una figura recentemente

istituita dal Ministero

Alla cerimonia sono convenuti le massime autorità regionali e il

prefetto di Ravenna - Premiato Aldo Spadoni per il suo impegno

dell’Interno e che ha compiti

sostitutivi delle forze di polizia

limitatamente al transito

delle gare ciclistiche.

Visibilmente soddisfatto anche

il presidente del CRER

avv. Celestino Salami, che ha

potuto anticipare i contenuti

del cortometraggio “Gli occhi

della Sicurezza”, che il CRER

ha deciso di realizzare per insegnare

ai giovani corridori i

valori della prevenzione e della

sicurezza. Cortometraggio che

sarà presentato in anteprima

durante i lavori de “Il Giorno

della Scorta”. Lavori che quest’anno

si apriranno con una

tavola rotonda sul tema “L’informazione?

Una sicurezza”, e

che gli amici del G.S. Progetti

Scorta hanno fortemente voluto

nella consapevolezza che

senza informazione, nemmeno

le migliori norme, potranno

mai avere effetti sufficienti.

ALDO SPADONI (IN ALTO A SIN.) E UN MOMENTO DELLA PRESENTAZIONE

Opinione condivisa dal Prefetto

De Sanctis, che ha offerto

la propria disponibilità

a sostenere iniziative che tendano

ad ottenere dai ministeri

competenti la realizzazione di

campagne televisive d’informazione

che assicurino, sulla

strada, la maggior sicurezza

possibile per gli atleti in gara e

in allenamento.

L’incontro si è poi concluso

con l’annuncio ufficiale del

vincitore del Premio Sicurezza

2008, che il G.S. Progetti

Scorta ogni anno (insieme agli

sponsor Ran-Cellofan e Aspiratori

Otelli) mette in palio

per rendere omaggio a quelle

persone o società sportive che,

nel corso della loro vita, hanno

saputo offrire soluzioni ed

esempi di grande concretezza

per la sicurezza delle gare ciclistiche

su strada.

Quest’anno il premio è stato

assegnato ad Aldo Spadoni, figura

storica dell’ambiente ciclistico,

che nel corso della sua

carriera ha assunto incarichi

importanti quali: presidente

di giuria al Giro d’Italia, Tour,

campionati del mondo e olimpiadi,

presidente della CNGG,

presidente della Commissione

Tecnica della Lega del Ciclismo

Professionistico, vice

presidente della FCI e, attualmente,

presidente della Commissione

Elettorale Nazionale.

Un uomo che, nel 1973, fu

incaricato di istituire la figura

professionale del direttore di

corsa e che sempre si è speso

per la qualità e la sicurezza

delle competizioni ciclistiche.

Ad Aldo Spadoni, il Premio

Sicurezza sarà consegnato

durante la cerimonia a lui

dedicata e che concluderà la

17ª edizione del Giorno della

Scorta.

il Mondo del Ciclismo n.45

45


il Mondo del Ciclismo n.45

46

FESTE E PREMI

Premiato dalla provincia di Verona come uno degli sportivi più illustri

Cunego ambasciatore di sport

La cerimonia si è svolta nei giorni scorsi alla presenza delle massime autorità scaligere

di Francesco Coppola

VERONA - E’ stata consegnata

martedì 21 ottobre nel palazzo

Scaligero dal vicepresidente

e assessore allo Sport di

Verona, Antonio Pastorello,

una targa al merito sportivo a

Damiano Cunego per il secondo

posto conquistato ai Campionati

mondiali di Ciclismo

su strada, disputati a Varese il

28 settembre scorso. Oltre al

campione di Cerro Veronese,

erano presenti Adriano Minotti

della Minotti Srl sponsor

del campione, il consigliere

provinciale Giuseppe Laiti,

il presidente provinciale della

Federazione Ciclistica Italiana,

Gianluca Liber e Loris

Danielli, amministratore unico

della Provincia di Verona

Turismo Srl. “Al vice campione

iridato Damiano Cunego

Ambasciatore nel mondo della

sportiva Provincia di Verona

- è detto nella motivazione

VARESE - Effetto mondiale per “Ciclovarese

Mondiale”: al Centro Congressi Villa

Ponti di Varese, la presentazione del volume

scritto da Sergio Gianoli ha richiamato

un gran numero di appassionati che

hanno evidentemente voluto rivivere un

po’ di quella magica atmosfera respirata

nella Città Giardino meno di un mese fa.

Ennesima conferma che il ciclismo a Varese

è come il pane e il Mondiale di settembre

ha naturalmente contribuito a

ravvivare un fuoco sempre vivo.

Alla presentazione del volume (edito da

Sunrise Media) sono intervenute autorità

e personaggi del mondo delle due ruote.

Attilio Fontana, sindaco di Varese, ha

parlato del Mondiale come di un evento

CUNEGO CON PASTORELLO E MINOTTI

- Con stima e riconoscenza Il

vicepresidente Pastorello”.

“Questo riconoscimento a

Damiano Cunego - ha detto

Pastorello - vuole essere un

ringraziamento in primo luogo

per i meriti sportivi di cui

Presentato il volume Ciclovarese Mondiale di Sergio Gianoli

L’emozione continua

siamo orgogliosi, e in secondo

luogo perchè il campione porta

alto il nome dell’Italia e della

nostra provincia in tutto il

mondo. E’ quindi ambasciatore

del nostro territorio e della

nostra gente. Consegniamo la

già nella storia, un evento che il libro di

Gianoli ha fissato. Oreste Casati, presidente

del Comitato regionale della Fci, ha

auspicato che questo volume venga inserito

in tutte le biblioteche e negli archivi

storici proprio perchè è il racconto di un

pezzo di storia. Gianfranco Josti, storico

inviato del Corriere della Sera e capo ufficio

stampa al Mondiale varesino, ha parlato

di un contributo essenziale non solo

al ciclismo varesino ma al ciclismo tout

court. Presenti, tra gli altri, anche l’assessore

provinciale al Marketing territoriale

Giuseppe De Bernardi Martignoni,

il presidente del Coni provinciale Fausto

Origlio e Renzo Oldani, vicepresidente di

“Varese 2008”. Festeggiati Binetti (clas-

targa con il tacito impegno a

far sparire il ‘vice’ per il prossimo

campionato del mondo.

‘Nec descendere nec morari’

è la scritta in latino sotto

lo stemma del nostro ente.

Con la medesima esortazione

a salire sempre e a non indietreggiare

mai, auguriamo

a Damiano di procedere con

le vittorie e i successi”. Il presidente

Liber dal canto suo ha

detto: “...Ricordo che è dal movimento

di base che emergono

attitudini, talenti e, alla fine,

personaggi come Cunego. Abbiamo

molti campioni europei

che sperano di diventare atleti

a livello mondiale: per questo

gli aiuti economici sono fondamentali”.

“Ringrazio per il gradito riconoscimento

che è spinta e

incoraggiamento a nuove imprese

e successi” ha detto Cunego,

che anche in Giappone

ha fatto valere i diritti della

sua classe.

se 1917) e l’ex professionista Prina (1919),

così come Domenico De Lillo, ex pistard,

uno dei protagonisti del Mondiale su pista

ospitato nel 1971 dal velodromo “Luigi

Ganna”. Che dire del contenuto del volume?

“Varese 2008” viene raccontato sin

dalla genesi, ripercorrendo tutte le tappe

che hanno poi condotto alla settimana

iridata. Inutile dire che tutte le gare sono

raccontate con puntuali cenni di cronaca

e con gli ordini d’arrivo completi. Tra

le molte cose, il libro (200 pagine) contiene

l’elenco nominativo di tutti i volontari

che hanno prestato la loro preziosa opera

e che Sergio Gianoli ha pubblicamente

ringraziato insieme con Roberto Bof, Luigi

Cazzola, Ada Cavaggioni, Alessandra

Conti, Rossella Magnani, Gianantonio

Marcelli, Flaviano Ossola, Giorgio Scala,

Ottavio Tognola, la moglie Cristina e la figlia

Annalisa che lo hanno aiutato in questa

sua ultima fatica. L.P.


C.N.D.C.O

COMUNICATO N. 9

DEL 31 OTTOBRE 2008

RIUNIONE RESPONSABILI RE-

GIONALI SETTORE D.C.O. - Si

comunica che è convocata una

riunione con i responsabili regionali

del settore D.C.O. per sabato

15 novembre 2008 alle ore 10.00 a

ROMA, presso la sala Giunta Del

Coni NEL Palazzo H (Zona Stadio

Olimpico) con i seguenti punti all’ordine

del giorno: 1) Comunicazione

Responsabile Settore D.C.O.

2) Normative D.C.O. 3) Programma

lavoro Settore D.C.O. 2008. 4)

Verifica Programmazione Corsi di

aggiornamento. 5) Programma attività

2009. 6) Varie ed eventuali.

Si prega di comunicare la presenza

alla segreteria del settore (Sig.Ra

Antonella Cristiano - F.C.I. Stadio

Olimpico Curva Nord - 00194

Roma - Tel. 06.36857294 - Fax

06.36857958 e-mail: direttoridicorsa@federciclismo.it.

COMUNICATO N. 10

DEL 31 OTTOBRE 2008

CORSO PERSONALE ASA PER

RESPONSABILI REGIONALI

SETTORE D.C.O. - Si comunica

che è stato programmato un corso

per formatori personale asa riservato

a tutti i responsabili regionali

del settore D.C.O. per sabato 15

novembre 2008 al termine della

riunione di settore, presso la Sala

Giunta del Coni nel palazzo H

(zona Stadio Olimpico), come da

programma allegato alla lettera di

convocazione.

Pertanto si prega di comunicare la

propria presenza alla segreteria del

settore (Sig.ra Antonella Cristiano -

F.C.I. Stadio Olimpico Curva Nord

- 00194 Roma - Tel. 06.36857294

- FAX 06.36857958 e-mail: direttoridicorsa@federciclismo.it.

IL RESPONSABILE

Antonio Bertinotti

SARDEGNA

COMUNICATO N. 39

DEL 3 NOVEMBRE 2008

LUTTO - Nei giorni scorsi è venuto

a mancare il padre di Gianfranco

Muccelli, Presidente del

Comitato Provinciale di Nuoro.

Al Dirigente nuorese ed ai suoi familiari

vanno le più sentite condoglianze

del Comitato Regionale.

PROCLAMAZIONE CAMPIONI

REGIONALI - Con la 6a ed ultima

prova del Campionato regionale

Point to Point, disputatasi a Sinnai

il 1° novembre, si sono laureati

Campioni regionali della specialità

i bikers:

Juniores Pietro Sarai del Gruppo

Sportivo Monte Molas; Open Maschile

Mauro Vacca del Gruppo

Sportivo Runner; Master Sport

Giacomo Cabras della Società Ciclistica

Cagliari; Master 1 Raimondo

Deidda del Gruppo Sportivo

Runner; Master 2 Gian Luigi Alba

del Ciclo Team Cireddu; Master 3

Sergio Porcu del Team Camelot;

Master 4 Giorgio Sara dell’ A.C.D.

Mountain Bike Sennori; Master 5

Salvatore D’Urso della Società Ciclistica

Cagliari; Master 6 Clemente

Melis dell’ A.S.D. Sinnai MTB;

Master Women Roberta Garau

della Società Ciclistica Cagliari

Ai su menzionati Campioni ed alle

rispettive Società di appartenenza

vanno i complimenti del Comitato

Regionale.

CORSO DI AGGIORNAMENTO

MAESTRI DI MTB - Nell’ambito

del Corso per l’abilitazione di

Maestri di MTB di 1° livello, programmato

a Senorbì, sabato 15 novembre,

con inizio alle ore 08.30,

nei locali della Casa Lonis, si terrà

il corso di aggiornamento riservato

ai Maestri di MTB iscritti all’albo

regionale.

ULTIM’ORA

La partecipazione al corso è obbligatoria

per conservare l’iscrizione

all’Albo Maestri di MTB.

CORSO DI ABILITAZIONE

MAESTRI DI MTB DI 1° LIVEL-

LO - È programmato, nei seguenti

giorni ed orari, il Corso per il

conseguimento dell’abilitazione a

Maestro di MTB e Ciclismo Fuoristrada

di 1° Livello.

Il Corso si terrà a Senorbì - nei locali

della Casa Lonis - siti nella Via

Municipio, secondo il seguente

programma:

Giovedì 13 novembre - Marrubiu

(Zuradili); Ore 14.15 Ritrovo

e prova pratica di ammissione;

Alfonso Morelli, Antonio Silva e

Alan Beggin; Venerdì 14 novembre

- Senorbì; Ore 8.30 La bicicletta:

posizione, misure, regolazioni Alfonso

Morelli; Ore 10.30 Metodologia

dell’allenamento Antonio Silva

e Alan Beggin; Ore 12.30 Pausa

pasto; Ore 13.30 Esercitazioni

pratiche; Alfonso Morelli, Antonio

Silva e Alan Beggin; Ore 17.30

Fine lavori ; Sabato 15 novembre

- Senorbì; Ore 8.30 Metodologia

dell’allenamento Alfonso Morelli;

Ore 10.30 Mezzi e metodi della

preparazione MTB e BMX Antonio

Silva; Ore 12.30 Pausa pasto;

Ore 14.00 Esercitazioni pratiche

Alfonso Morelli, Antonio Silva

e Alan Beggin; Ore 18.00 Fine

lavori ; Domenica 16 novembre

- Senorbì; Ore 8.30 La prepara-

zione giovanile Alfonso Morelli;

Ore 10.30 Orientamento: lettura

mappe geografiche per escursioni;

Scuola Regionale dello Sport:

Giuseppe Scarpa; Ore 12.30 Pausa

pasto; Ore 14.00 Elementi di legislazione

e normative fiscali Salvatore

Meloni; Ore 16.00 Meccanica

ciclistica Vittorio Serra; Ore 18.00

Fine lavori ; Venerdì 28 novembre

- Senorbì; Ore 8.30 Anatomia e

fisiologia; Scuola Regionale dello

Sport: Francesco Piras; Ore 10.30

Biologia ed alimentazione applicata

allo sport Romualdo Nieddu;

Ore 12.30 Traumatologia; Scuola

Regionale dello Sport: Giuseppe

Filippi; Ore 13.30 Pausa pasto; Ore

15.00 Regolamenti tecnici F.C.I.

Elisa Marras; Ore 17.00 Fine lavori

; Sabato 29 novembre - Senorbì;

Ore 8.30 Psicopedagogia ; Scuola

Regionale dello Sport: Francesca

Floris; Ore 12.30 Pausa pasto; Ore

14.00 Esercitazioni pratiche Alfonso

Morelli e Hubert Pallhuber;

Ore 18.00 Fine lavori ; Domenica

30 novembre - Senorbì; Ore 8.30

Mezzi e metodi di preparazione

MTB, XC e Marathon Hubert Pallhuber;

Ore 10.30 Mezzi e metodi

di preparazione del Ciclocross Alfonso

Morelli ; Ore 12.30 Valutazione

teorica; Alfonso Morelli e

Hubert Pallhuber; Ore 14.00 Fine

lavori

IL PRESIDENTE

Salvatore Meloni

Balloni-Baronti e De Negri-Romagnoli

Tandem d’Oro 2008. A Fornaciari il Chiodo d’Oro

STABBIA (FI) - E’ stato un finale

pirotecnico come non si era

mai visto in oltre 20 anni per il

Trofeo Tandem, protagonista un

vero e proprio personaggio del

ciclismo, amato da tutto il gruppo

al quale sicuramente mancherà,

Paolo Fornaciari. Un personaggio

esuberante, travolgente

nella sua simpatia, che ha ricevuto

il “Chiodo d’Oro” per essere

sceso di bici. Attorno a lui amici

e compagni di viaggio lungo

le strade, come Righi, Balducci, i

due fratelli Mori, Giordani, Bernucci,

Selvaggi, Sabatini, Ginanni,

Capecchi, il vincitore della

Firenze-Pistoia, Grivko, Grabovskyy.

Una serata magica a Stabbia

con tanti altri ospiti e 318

presenze (tanto per essere precisi).

I premiati, Angelo Citracca

miglior manager, Pier Pieroni

per i suoi 50 anni nel ciclismo,

Riccardo Magrini, opinionista

televisivo, Grivko e con lui il suo

super tifoso “Capello”. Il “Sigillo”

per una stagione brillantissima

al neo professionista Francesco

Ginanni, quindi i Trofei Tandem

2008. Nella sezione giovani ha

vinto Alfredo Balloni (Neri Lucchini

D’Etoffe) abbinato al suo

tifoso Giuliano Baronti, lo sportivissimo

titolare della ditta Neri

Sottoli, che lo aveva scelto all’inizio

della stagione durante la

celebre asta sportiva. Primo assoluto

del Trofeo Tandem, Pierpaolo

De Negri (Neri Lucchini

D’Etoffe) in coppia con Massimo

Romagnoli, al secondo posto il

suo compagno di squadra Emanuele

Vona abbinato allo sportivo

Monti. In terza posizione

Damiano Caruso (Mastromarco

Sensi Grassi Pratese) in coppia

con Oliviero. Infine la “Stella Po-

lare” consegnata al commissario

tecnico della nazionale azzurra

Franco Ballerini. La stella polare

perché ha cinque punte, quanti

i successi prestigiosi ottenuti da

Franco alla guida della nazionale

azzurra, con i quattro ori ai mondiali

in linea e quello olimpico di

Atene nel 2004. E sul palco sono

stati invitati altri due addetti ai

lavori della spedizione azzurra,

come l’autista dell’ammiraglia

azzurra in tante occasioni, Franco

Vita, ed il meccanico, Andrea

Nieri. Una grande festa organizzata

da uno staff di primordine,

che dimostra quanto sia stretto il

connubio tra atleti e tifosi, quanto

quest’ultimi vogliono bene ai

corridori e viceversa. Il Trofeo

Tandem rappresenta in questo,

qualcosa di unico, nella formula

e nei significati.

Antonio Mannori

il Mondo del Ciclismo n.45

47

More magazines by this user
Similar magazines