Aprile 07.qxd - La Rocca

assolarocca.it

Aprile 07.qxd - La Rocca

2 LGB

N. 122 - Aprile 2007


N. 122 - Aprile 2007

POESIA

Angelo Color Mogano Quando fiorisce

Nei tuoi grandi occhi neri una luce di sgomento per così tanto tormento

Sicura è la tua morte, una vita giovane, innocente, già segnata dalla sorte

Il tuo piccolo corpo inerte e stremato, attende invano di essere sfamato

Con il tuo sguardo abbandonato alla morte

ci guardi e ti chiedi chi siamo noi per documentar la tua sorte

Attenti telespettatori, commossi commentatori, ma di fatto tuoi predatori

Fredda è la mano dell'ingiustizia e duro il pugno dell'indifferenza

in questo mondo, per te, non esiste clemenza

Una lacrima scende dai tuoi grandi occhi

è tutto quello che ti rimane, prima di morire per fame

Anima innocente, anima sfortunata solo perché sei figlia di una terra sfruttata

Lo so, tu non cerchi vendetta ma una risposta a così tanta freddezza

Una risposta potrai averla, ma non certo su questa terra

In un altro mondo giustizia avrai e nell'immensità celeste sereno riposerai

In un mondo coerente attento a salvaguardar i diritti della gente

In un mondo dove regna l'amore e non delle armi l'onore

In un mondo dove potrai mangiare e come tutti i bambini felicemente giocare

Addio angelo color mogano, i tuoi grandi occhi neri si sono chiusi per sempre

ora la tua anima è beata perché dall'immane ipocrisia dell'uomo finalmente

si è liberata

Il tuo Dio si prenderà cura di te, il tuo giovane corpo rifiorirà lontano da tanta

crudeltà

Addio anima innocente che il tuo cuore possa trovare la pace

in un mondo dove l'uomo non è il sovrano rapace

Luciano Marchetti

il mandorlo

D'oltremar col pensiero vo vagando

pei colli che da giovane varcai

e con la mente vado ricreando

scene campestri che cotanto amai.

Allor rivedo ,come da bambino,

sopra un poggetto tra le vigne spoglie

e tra piante dormienti d'un giardino,

un mandorlo fiorito senza foglie.

L'alito gusto allor dello zeffiro

e l'èsile ronzio dei calabroni,

dei bianchi e rosei fior l'odor respiro.

Il mandorlo, annuncciando giorni

buoni,

" l'inverno è vinto " va gridando

intorno

"la stagion dell'amore è di ritorno".

Francesco Manoni

3 LGB


4 LGB

di DOMENICO VITTORINI

Grazie all'amico

E n r i c o

Giustiniani,

sempre sensibile nei confronti

del nostro paese, che

sono venuto a conoscenza

di un documento tratto dal

Dizionario di Erudizione

storico-ecclesiastico del

Cavaliere Gaetano Moroni

Domenico, edito a Venezia

nel 1861.

In questo documento

c'è un passo dedicato a

Bassano di Sutri, in cui

vengono evidenziate le sue

bellezze storico-artistiche e

ambientali.

Viene riportata

un'ampia descrizione del

complesso palazzo-parcovilla

Giustiniani. Vengono

menzionati gli artisti che vi

hanno operato, tra cui il

Vignola, attribuendo a lui la

progettazione della dimora

(più tardi verrà appurato

che il Vignola era assolutamente

estraneo a tali

lavori, ndr).

Viene, inoltre, riportato

MASSIMO VOLPI

Acconciature

DOCCIA

SOLARE

Via IV Novembre, 8

Bassano Romano

Cell. 348.7435930

STORIA E SVILUPPO LOCALE

il passaggio di proprietà tra

la famiglia Giustiniani e la

famiglia Odescalchi. Nel

settembre del 1853 il

principe don Livio

Odescalchi, la sua consorte,

donna Sofia, ed i figli

Baldassare e Livio giungono

per la prima volta in

visita al borgo di Bassano

riscuotendo, così si legge

nel documento, "una festiva

accoglienza da quella

popolazione".

E' l'anno 1854 quando

il Marchese Leonardo

Benedetto Giustiniani conclude

con Don Livio

Odescalchi l'operazione di

alienazione delle proprietà

bassanese che erano così

composte: "territori di circa

1380 rubbie romane, un

magnifico palazzo, la villa

con annesso parco di 30

rubbie, grandiosi granari,

rimesse e stalle con tutto

ciò che può essere neces-

sario ad una nobile scuderia;

inoltre case ed altre

fabbriche, infine censi e

canoni sia in contanti che

in grano ed il tutto esistente

dentro Bassano stesso".

Si legge, inoltre, tra l'altro,

della visita che il

sommo pontefice, Papa

Innocenzo X, fece a

Bassano nel 1646. Nel

secolo successivo, nel

1717 e 1721, soggiornò a

Bassano, ospitato presso il

Palazzo principesco,

Giacomo III, re cattolico

d'Inghilterra.

L'ambiente viene

descritto come boscoso e

ricco di acque sorgive tra le

quali quella della Mola di

Bassano che aveva

notevoli facoltà terapeutiche.

Si cita, a tale proposito,

che la popolazione di

Bassano tra il maggio e

l'ottobre del 1786 fu afflitta

da febbri e sembra che

attraverso l'acqua della

Mola la popolazione

riscontrò ragguardevoli

N. 122 - Aprile 2007

Le bellezze di Bassano di Sutri evidenziate in un documento di un dizionario

Lavori di restauro in vista per la Vill

benefici. Principi attivi che

furono confermati anche

da personalità celebri in

campo medico come

Hofmann e Therry. Si racconta

tuttavia che tale fonte

fu distrutta perché, sembra,

fu la causa della morte di

quattro persone; ma a

sostegno dell’efficacia e

validità di tale sorgente, la

stessa fu prontamente

restaurata e resa bene

pubblico.

Ho voluto citare alcuni

passi del richiamato documento

anche se non rappresentano

delle novità

storiche in quanto già

ampiamente riportati in

varie pubblicazioni e studi

sin ad oggi conosciute. La

motivazione è dettata dalla

semplice e pura riflessione

di cosa sia stato il nostro

paese: custode di tanta ricchezza

storico-artistica e

naturalistica.

Oggi, purtroppo, per

tanti motivi tale ricchezza

sta sempre più scemando.


N. 122 - Aprile 2007

edito a Venezia nel 1861

a Giustiniani

Recentemente il Comune

di Bassano Romano ha

voluto far sentire la sua

voce nei confronti della

Soprintendenza affinché

siano risolti i problemi della

precarietà in cui versa la

dimora storica: bene

prezioso per uno sviluppo

socio-economico della collettività

bassanese. E' stato

un bel gesto che, mi

auguro, non rimanga isolato.

Il Comune deve utilizzare

tutti quegli strumenti

ad esso disponibili con

continuità e tenacia per

cercare di spronare chi di

competenza al fine di

ottenere risultati concreti e

tangibili.

Più di un anno fa pubblicammo

sulle pagine

della Gazzetta Bassanese

la notizia del crollo di una

parte del tetto dove auspicavamo,

e, sinceramente,

credevamo, un rapido

intervento vista la precarietà

della situazione e visto

che alcuni fondi (3 milioni

di Euro) erano già stati

stanziati per il restauro.

Sembra, da fonti

abbastanza sicure, che

l'inizio delle operazioni di

restauro siano previste nei

prossimi mesi (maggiogiugno

2007).

L'importo complessivo

per i lavori previsti è di

Euro 2.230.474,33 che verranno

utilizzati per la progettazione

ed esecuzione

dei lavori di consolidamento

e restauro delle coperture

del Palazzo Giustiniani

lato piazza Umberto I,

Fosso delle Vigne, corte

interna e della Rocca. Il 14

dicembre scorso è stata

aggiudicata la gara alla

Ditta Giorgio Castelli s.r.l..

Si riuscirà a rendere

visitabile il monumento in

tempi ragionevoli?

Le scuole di Bassano Romano

in prima linea per promuovere

la conoscenza dell’acqua

Dal 22 marzo scorso, Giornata

Mondiale dell'Acqua, è entrato

nel vivo anche nelle scuole primarie

e secondarie di primo grado il

Progetto WET - Water Education for

Teachers, iniziativa di educazione alla

conoscenza e al rispetto dell'acqua, promossa

da Sanpellegrino e dalla

Fondazione WET International.

Sono 35 le scuole sul territorio, che

hanno aderito al progetto, per un totale di

oltre 3.700 studenti coinvolti. L'iniziativa

coinvolge i bambini delle scuole medie

inferiori di Bassano Romano, Bracciano,

Anguillara Sabazia, Calcata,

Campagnano di Roma, Castelnuovo di

Porto, Cerveteri, Fiano Romano,

Formello, Magliano Romano, Manziana,

Monterosi, Morlupo, Nepi, Oriolo Romano,

Rignano Flaminio e Sutri.

Il progetto si avvale del supporto di

materiale didattico, una Guida Insegnanti

e una Guida Bambini "Ogni Goccia

Conta", curati nell'edizione italiana da

Giunti Progetti Educativi con il Patrocinio

del Ministero dell'Ambiente e della Tutela

del Territorio e del Mare. In classe, i bambini,

lavorando in gruppo, sono coinvolti in

Il progetto WET

(Water Education

for Teachers)

è partito nel 1984

negli Stati Uniti

ed oggi è introdotto

in 26 Paesi

e coinvolge circa

venti milioni

di bambini

laboratori e attività multidisciplinari

con un approccio divertente e

interattivo.

Sanpellegrino Spa, già impegnata

in progetti didattici sull'acqua

attraverso alcuni suoi marchi, ha

deciso di promuovere il progetto

WET anche in Italia nel corso dell'anno

scolastico 2006/2007, con

particolare attenzione alle scuole

vicine alle sue 8 sorgenti:

Claudia, Levissima, Panna, Pejo,

Recoaro, S. Bernardo, S. Pellegrino e

Vera. Con questa iniziativa, Sanpellegrino

vuole rendere tangibile il suo impegno nel

tutelare una risorsa così vitale come l'acqua,

come ricorda l'amministratore delegato

di Sanpellegrino, Marco Settembri,

nella sua lettera di apertura alla guida

insegnanti di WET: "I bambini sono il nostro

futuro. Trasmettere alle nuove generazioni

la consapevolezza e l'importanza

del consumo responsabile di questa

preziosa risorsa è fondamentale. Grazie a

WET e alla sensibilità, competenza ed

esperienza degli insegnanti, possiamo

contribuire a concretizzare l'impegno del

nostro Gruppo in questa direzione".

Nato negli Stati Uniti nel 1984, WET è

un progetto educativo internazionale creato

"dagli educatori per gli educatori" che

ad oggi è stato introdotto in ben 26 Paesi,

coinvolgendo circa 20 milioni di bambini. Il

progetto, che vanta il sostegno di organizzazioni

come l'UNESCO, si è accreditato

nel 2006 come primo progetto mondiale

sull'acqua al IV Forum Mondiale

dell'Acqua tenutosi a Città del Messico.

5 LGB


6 LGB

Glossario bassanese

Ecco le lettere O, P e

Q del vocabolario

bassanese.

O

Occe! - Caspita!

Ogna - Unghia. Forma singolare

e plurale.

Ombrìchela - Maggiolino.

La derivazione della parola

sembrerebbe evidente dal

lat. umbram colo/mi piace

l'ombra. Ma il maggiolino

ama l'ombra?

Ommino - Pr. Òmmino -

Uomo. Lat. homo, hominis.

L'evoluzione della parola

latina ha resistito meglio in

bassanese che in italiano.

Ommino' - Uomo alto e

robusto; anche uomo molto

valido.

Onco - Adunco. Si diceva

di una zappa eccessivamente

angolata verso il

manico, motivo per cui non

era agevole l'azione dello

zappare.

Onto - Lardo.

Opo - Lupo. Storicamente

e strutturalmente opo è

imparentato con apis. La

elle latina originaria

assume la funzione di articolo.

Ovo - Uovo.

P

Pacca - Cispa. Paccoso.

Pallatàna - Erba muraria.

Pallùra - Muffa. O pa' s'è

pallurato.

Pallurmo - Fiore dell'olmo.

Lett. pane dell'olmo; era

infatti mangiato dai ragazzi.

Pancaciòlo - Fiore dell'alta

primavera con due piccoli

tuberi, che le ristrettezze

alimentari di un tempo

trasformavano fantasiosamente

in pane e cacio.

Panonta - Fetta di pane

intinta del grasso di

pancetta di maiale o di rocchio

, infilzati suddo spito e

messi alla brace.

Papàme - Erba papavero.

Pappiè - Gran fatica, gran

lavoro, gran problema. Fr.

papier, presumo.

Pare' - Parente.

Pastinàca - Pianta

erbacea con fiorellini

bianchi in agosto/settembre.

Cresce spontanea in

tutta Italia.

Patacca - Grosso macchia

di unto. Vulva.

Patalocco - Sempliciotto

credulone.

Pate - Padre.

Pàtrito - Tuo padre. V. tu

pa'.

Pèchera - Pecora.

Pedalini - Calzini.

Pedecino - Sacco o balla

riempiti per un decimo(?).

Peluzzello - Piccolo recipiente

da cucina in terracotta

o in metallo.

Pennazze - Ciglia e

sopraciglia. Da penna.

Pennenti - Orecchini. Da

pènna/pendere.

Pépa - Asso di coppe nelle

carte napoletane.

Pepéllo - Fiore del sambuco.

Le piccole bacche dopo

la fioritura hanno l'aspetto

di un grano di pepe.

Persico - Pesco. Il frutto è

persica. Albero importato

dalla Persia.

Perticàra - Aratro. V. sperticara'.

Pestatora - Cassone di

cantina, in cui veniva pigiata

l'uva, pestandola.

Péta - Pèto.

Petè - Pettirosso.

Pettorina - Luogo esposto

al sole e riparato dal vento.

Pezzuta'- Rendere appuntito.

Pezzùteli l'apis.

Pezzuto - Appuntito.

Pia' - Prendere.

Piagna - Piangere.

Picchietto - Gioco eseguito

con monete o concoline.

Veniva posta a terra una

moneta e con altra in verticale

la si picchiava per

vedere l'altra faccia.

Piccirignòcchela - Piccolo

gioco formato essenzialmente

da due noci vuotate:

una piccola e una grande.

Picenco - Asso di spade

nelle carte napoletane.

Piciolello - Piccolo e

lungo picio fatto di acqua e

farina.

Pidico' - Base o piede di

alcunché. Può essere

associato anche a piriciòcchelo.

Piezzo - Pezzo (di legno

da mettere al fuoco).

Pila - Pentola.

Pilo - Pelo.

Pinchirillo - Membro virile.

In it. abbiamo pinco e pincio.

Pinzo - Punta sporgente e

spesso insidiosa

Pioto - Lento.

Pioviccica' - Piovigginare.

Piriciòcchelo - Stelo che

sostiene frutti, foglie e fiori.

Piriciòcchelo - Sottile

fusto che sorregge frutta e

foglie.

Piro - Piolo di sedia o di

scala. Mpirato/rigido.

Pisciaca' - Erba commestibile

che prospera

lungo i ruscelli.

Pitifò - Rozzo strumento

musicale con un manico

che, attivato, era chiaramente

allusivo. It. butifù.

Pituli' - Gioco da bambini

fatto con bottoni.

Pizzaccia - Asso di denari

nelle carte napoletane.

Sfoglia rotonda di pasta da

riempire con ricotta o

cacio-pepe.

Pizzello - Clitoride. In

napoletano pizzo è becco.

Pojo - Poggio.

Polenna - Polenta.

Polletruccio - Piccolo

puledro. Dim. di pollétro.

Ponta - Punta. Ponta' /

mettere un sostegno.

Ponticcio' - Gomitata o

pugno a corto.

Porcareccia - Luogo da

porci, ma peggiore di un

porcile.

Prapavolò - Fiore del tri-

N. 122 - Aprile 2007

a cura di Filippo Frediani

foglio.

Prescia - Fretta.

Prèta - Pietra.

Pretàta/Colpo assestato

con una pietra.

Pretànghela - Trappola

per topi e uccelli

(U.Pompei).

Priccio - Puro, non miscelato.

Acqua priccia.

Priviale - Pluviale (indumento

ecclesiastico).

Prònghela - Frutto del

pruno selvatico.

Pròva - Limite, margine.

Cammina' da prova da

strada.

Pujello - Manciata. Un

pujello 'e farina.

Pùpela - Upupa. Anche

foggia di capelli.

Pupo' - Un po'.

Pupoletta - Taglio di capelli

a guisa delle penne della

testa dell'upupa.

Q

Quajo - Caglio.

Quanno - Quando.

Quanno? Quanno?

Quanno? - Quanno l'asino

mett'o banno!

Quartarò - Recipiente di

terracotta molto panciuto,

solitamente usato per

acqua potabile.

Quatro - Quadro.

Quillo - Quello. Quisto /

questo.

Quillomo' - In quel modo.

Quistomo' / In questo

modo.


N. 122 - Aprile 2007

Riceviamo e pubblichiamo

Ancora un’antenna per telefonia cellulare a Bassano!

Nell'ultima seduta della Commissione Edilizia è

stato presentato un progetto per l'installazione di

una nuova antenna per telefonia cellulare (Vodafone) in

Via dei Carri. Grazie ai dubbi e alle perplessità sollevate

dal Consigliere comunale Luciano Marchetti del gruppo

consiliare "Bassano punto e a capo" ed alla condivisione

delle sue argomentazioni da parte dei tecnici presenti, si

è potuto impedire che venisse approvato in quattro e

quattr'otto l'ennesimo impianto che produce campi elettromagnetici

a "due passi" dalle abitazioni di Via dei Carri

e di Via del Lavatore. Stiamo parlando, infatti, di un sito

che già ospita il ripetitore RAI e un'antenna OMNITEL

(installata al tempo dell'amministrazione Sartori, prima

che il Comune si dotasse di un regolamento e di un piano

per i servizi tecnologici), producendo valori alti di campo

elettromagnetico a poche decine di metri dalle abitazioni.

Come più volte segnalato e richiesto dagli abitanti

della zona in Via dei Carri, non può essere tollerata nessuna

nuova installazione. Semmai esiste un problema di

spostamento delle antenne esistenti per ragioni di precauzione

rispetto alla salute dei cittadini.

Il Comune deve "svegliarsi" e dare seguito a quanto

previsto dal Regolamento comunale per le antenne. E'

dall'estate scorsa che i consiglieri di "Bassano punto e a

capo" sollecitano il Sindaco, l'assessore all'ambiente e

l'assessore all'urbanistica a nominare la commissione

tecnica, prevista dal regolamento, che avrebbe dovuto

indicare i nuovi siti scelti dal Comune dove collocare le

nuove antenne. In assenza di queste indicazioni, il territo-

rio comunale e il diritto alla salute dei cittadini rischiano di

essere lasciati in balìa degli interessi delle compagnie

telefoniche. Quali sono le indicazioni della Commissione

Tecnica, di cui fanno parte il sindaco, l'assessore all'ambiente

e l'assessore all'urbanistica e, se la commissione

si è espressa, perchè nulla al riguardo è stato finora portato

alla discussione del Consiglio comunale?

Il gruppo consiliare "Bassano punto e a capo", ha presentato

una apposita interrogazione al Consiglio comunale

di martedì 13 marzo, chiedendo che il progetto di Via

dei Carri venga respinto, che nessuna nuova autorizzazione

venga rilasciata prima che la commissione tecnica

abbia individuato le nuove localizzazioni, che la convocazione

di uno specifico consiglio comunale aperto alla

partecipazione dei cittadini e di esperti di questioni inerenti

l'inquinamento elettromagnetico.

Infine, un dubbio: come possono facilmente testimoniare

tutti i possessori di una carta Omnitel, a Bassano la

copertura Vodafone è più che sufficiente. A chi serve allora

l'installazione della nuova antenna? Non vorremmo

che il tentativo fosse quello di utilizzare il territorio e le

strutture bassanesi per "coprire" zone appartenenti ad

altri comuni, oggi scoperte! Il sindaco, l'assessore all'ambiente

e l'assessore all'urbanistica hanno qualcosa da

dire a tutela della salute degli abitanti di Via dei Carri e di

Via del Lavatore?

I consiglieri comunali

del gruppo "Bassano punto e a capo"

G. Torricelli, L. Marchetti, G. Fallini

7 LGB


8 LGB

LE STORIE DI IERI

N. 122 - Aprile 2007

Le cartoline del passato

Proseguiamo

con la pubbli-

cazione delle

vecchie carto-

line di Bassano.

Chi ne fosse in

possesso e

vuole farle

conoscere, può

inviarle all’indi-

rizzo e-mail

gazzettabas-

sanese@asso-

larocca.it o con-

tattare il n.

328.5692578.

Sopra. Una cartolina degli anni ‘40.

Bassano di Sutri. Il centro storico con il Palazzo Odescalchi.


N. 122 - Aprile 2007

9 LGB


10 LGB

Riceviamo e pubblichiamo

N. 122 - Aprile 2007

Il più grande problema dei giovani sono loro stessi

Sul precedente

numero di questo

giornale, è uscito

un articolo a difesa della

popolazione giovanile di

Bassano, accusata di aver

esagerato con l'alcool durante

le sfilate in maschera, giustificando

questo comportamento

con una mancanza di infrastrutture

e di attenzioni da

parte delle politiche addette.

Con questo articolo non

voglio condannare o assolvere

nessuno per i propri comportamenti

durante il carnevale,

perché ogni singolo individuo

ha una sua concezione riguardo

l'argomento. Tuttavia vorrei

insistere sul fatto che la

colpa di quest'abuso di alcolici

e sostanze stupefacenti non

può essere giustificato con

una classe politica inappetente.

Anche perché l'attuale

amministrazione comunale ha

lavorato e sta tuttora lavorando

per far sì che a Bassano

possa finalmente nascere un

centro giovanile, che prevede

anche sale atte alle prove di

gruppi musicali e teatrali; e

sta facendo tutto ciò coinvolgendo

i giovani bassanesi.

Infatti, per favorire la nascita

di questo centro, il Comune ha

istituito una commissione in

cui sono presenti tre membri

dell'AGiC, tra cui il sottoscritto

ed Andrea Andreotti che,

con mia grande sorpresa,

tramite l'articolo sul precedente

numero accusava l'amministrazione

comunale di

una totale inappetenza verso i

ragazzi.

E' troppo facile accusare

le istituzioni, è troppo facile

usare come scusa il fatto che

nel nostro paese ci sono pochi

spazi per i giovani, è troppo

facile nascondersi dietro ai

luoghi comuni che vedono le

istituzioni nemiche dei

ragazzi. Perché se in parte

questo è vero, è vero anche

che tanti, troppi giovani non

hanno voglia di impegnarsi,

lavorare e aiutare le organiz-

zazioni pubbliche a soddisfare

i bisogni del nostro paese. E'

vero che la politica, in parte,

scansa i giovani, ma è vero

anche che se i giovani si limitano

a criticare e non lottano

mai per qualcosa in cui credono,

la situazione non potrà

altro che peggiorare.

Se c'è una cosa che ho

imparato nella mia breve

esperienza politica è che se si

vuole qualcosa, si deve lottare

con le unghie e con i denti, si

deve sputare sangue e sudare

per tanto tempo prima di averla.

Non cerco di fare inutile

moralismo o perbenismo,

voglio solo dire a tutte quelle

persone che si limitano a criticare

e non agiscono mai, di

non nascondere i loro vizi

dietro ad una situazione di

malessere, perché più volte è

stata data loro la possibilità di

cambiare le cose (sia con la

Pro Loco che con l'AGiC),

ma la risposta è stata quasi

totalmente negativa; solo

pochi giovani hanno accettato

l'onere e l'onore di prendere in

mano la situazione e decidere

del proprio destino. E come se

non bastasse questa piccola

minoranza è stata subito

etichettata come "strana" e

"diversa" dal resto dei ragazzi.

Perciò credo che prima di

accusare il comune e lo Stato,

ognuno di noi, soprattutto chi

conosce la situazione molto

bene (come un membro

dell'AGiC), debba fare un piccolo

esame di coscienza ed

evitare di parlare senza pensare;

perché le parole e le

critiche non servono a niente

se non c'è un'azione concreta

dietro.

Il più grande problema

dei giovani sono loro stessi,

perché tanti di loro non hanno,

o non credono di avere, il coraggio

per rischiare di creare

un mondo migliore.

Lorenzo Desantis

Vice-presidente dell'AGiC

VENDESI


N. 122 - Aprile 2007

Riceviamo e pubblichiamo

Chiesa in memoria di Papa Giovanni Paolo II

Meglio tardi che mai...

C'è voluto un

anno e mezzo

per far emergere

la verità attorno

all'ipotesi di costruzione

della Chiesa in memoria di

Papa Woytila a Bassano!

Ci riferiamo all'intervista

rilasciata dal Priore

del Monastero di San

Vincenzo alla Gazzetta

Bassanese (numero di

marzo) dove si riconosce

l'impraticabilità dell'iter

amministrativo (deroga agli

strumenti urbanistici) proposto,

a suo tempo, dalla

Fondazione Internazionale

"Giovanni Paolo II" e dove

si ammette di aver perso

del tempo prezioso per non

aver voluto seguire la strada

della Conferenza dei

Servizi "indicata dall'allora

vice sindaco Giancarlo

Torricelli durante uno dei

primi incontri".

Oggi la Fondazione

internazionale "Giovanni

Paolo II" ricomincia daccapo

l'iter burocratico per la

realizzazione della Chiesa,

proponendo quella

Conferenza dei Servizi che

è stata a lungo demonizzata

e presentata come il tentativo

dei comunisti di

boicottare la realizzazione

dell'opera. Non possiamo

dimenticare la montagna di

bugie e falsità che sono

state pronunciate contro di

noi da chi non si è fatto

scrupolo di speculare sul

sentimento religioso e sulla

figura di Woytila.

Non possiamo dimenticare

un manifesto della

Fondazione "Giovanni

Paolo II" (per chi fosse

interessato ne abbiamo

ancora una copia), fatto

affiggere in piena campagna

elettorale per le

comunali a Bassano e nei

paesi del circondario, con il

quale siamo stati attaccati

e demonizzati, semplicemente

perché ci ostinavamo

a voler applicare la

legge urbanistica.

Non bisognava essere

degli esperti o dei tecnici

per capire che la strada

intrapresa dalla

Fondazione non avrebbe

portato da nessuna parte.

Sarebbe stato sufficiente

leggersi le leggi ed

ascoltare tecnici, urbanisti

e giuristi.

Questo non è stato

fatto perché faceva comodo

utilizzare questa vicenda

nella campagna elettorale

contro i comunisti e

contro le sinistre.

Vero, sindaco De Luca,

che dopo aver strumentalizzato

la vicenda della

"Basilica", promettendo

l'immediata concessione in

deroga agli strumenti

urbanistici, ti trovi a seguire

la stessa strada indicata

dai comunisti un anno e

mezzo fa?

Partito

della Rifondazione

Comunista

Circolo di Bassano R.

11 LGB


12 LGB

N. 122 - Aprile 2007

Bassano punto e a capo: da comitato elettorale

a nuovo spazio della partecipazione

E’ stata presentata

sabato 24

marzo, presso la

sede in Piazza Vittorio

Emanuele 5 a Bassano

Romano, l'associazione

"Bassano Punto e a capo",

uno spazio aperto di incontro

e partecipazione che si

occuperà di cultura, ambiente,

diritti e promozione

del territorio.

Nata come comitato

elettorale alle ultime

elezioni amministrative,

l'associazione vuole dare

un seguito effettivo alle

tante domande di partecipazione

ed impegno che è

venuta via via raccogliendo

in tutto questo tempo, realizzando

progetti e attività

che mettano Bassano e i

suoi cittadini al centro delle

priorità.

Partecipazione, coesione

sociale e promozione

culturale sono le parole

d'ordine per realizzare tutto

ciò. Prime attività in

cantiere (a partire già dal

mese di aprile) due servizi

a disposizione dei cittadini,

vale a dire la creazione di

uno sportello di informazione

gratuito che fornisca

indicazioni sui diritti

(lavoro, casa, studio, sanità,

istruzione) e di uno

spazio incontro e colloquio

con i consiglieri del gruppo

di minoranza per raccogliere

suggerimenti e

istanze da parte di tutti i cittadini.

Inoltre è allo studio

un ricco programma di

incontri ed eventi a carattere

culturale tutti tesi a valorizzare

Bassano e il suo

territorio.

Dopo la presentazione,

alla presenza anche del

Sindaco, Luigi De Luca, la

nuova realtà del presidente

Maurizio Semplice ha previsto

subito diversi appuntamenti

tra cui:

VENERDI' 13 APRILE alle

ore 21,00 presso la nostra

sede si svolgerà un incontro

pubblico con l'architetto

Sotgia sui temi delle

antenne ed elettromagnetismo;

IDROCLIMA

di Adriano Boldorini

Impianti idraulici e termici

Impianti a pannelli radianti

Condizionamento

Pannelli solari

Termocamini - Sostituzione caldaie

Impianti Gas - Irrigazione

Abilitazione L. 46/90

PRONTO INTERVENTO

Cell. 328.2769867

Bassano Romano - Via del Vignola, 9

E.mail: adriano_boldorini@libero.it

LUNEDI' 13 APRILE avranno

inizio (sempre nella nostra

sede) i servizi di informazione

e consulenza ai

cittadini; dalle ore 11,30

alle ore 12,30 “sportello

diritti” con la disponibilità di

una consulente del lavoro e

nel pomeriggio dalle ore

18,30 prende il via "punto

in comune" lo spazio di

informazione e dialogo con

i consiglieri del gruppo consiliare

“Bassano punto e a

capo”;

due appuntamenti inoltre

con il regista Paolo

Bianchini:

MARTEDI' 24 MARZO alle

ore 21,00 nella sala biblioteca

verrà proiettato il

film “La grande quercia”;

SABATO 28 alle ore 17,00

(sempre nella sala biblioteca)

film “Il giorno, la notte

poi l’alba”. A quest'ultima

proiezione sarà presente

anche il regista.

In forse I Mercatini del ‘600

Estate bassanese 2007,

al via la programmazione

E' iniziata la fase organizzativa dei festeggiamenti

per l'Estate Bassanese 2007. Il 28

marzo scorso, infatti, presso la biblioteca, si è

tenuta un'assemblea indetta dal Comune di Bassano

Romano con al centro proprio la programmazione

dell'Estate Bassanese 2007. Alla riunione sono intervenute

le rappresentanze di varie realtà associative del

territorio con l'assessore alla Cultura, Vittorio Ronconi,

che ha aperto i lavori, comunicando che la Provincia di

Viterbo ha chiesto di conoscere se sono previste eventuali

iniziative in occasione della settimana della cultura

in programma dal 12 al 20 maggio prossimi.

Ha preso poi la parola il consigliere delegato al turismo,

Francesco Colletti, che ha prospettato la programmazione

degli eventi estivi attraverso la collaborazione

delle associazioni. Uno dei temi più discussi la manifestazione

de "I Mercatini del '600", dove la Pro Loco ha evidenziato

le notevoli difficoltà per poter dare conferma di

una puntuale programmazione dell'evento.

L'associazione del presidente Emiliano Messina, considerate

anche le carenze economiche e logistiche, sembra

non voler prendere in considerazione tale evento e si

renderebbe disponibile a fornire solo collaborazione a

coloro che eventualmente volessero organizzare la manifestazione.

Il vice Sindaco, Luigi Durante, ha riproposto, infine,

l'idea, già espressa negli anni precedenti, di rendere la

stessa Pro Loco ente capofila delle associazioni bassanesi

con il compito di coordinare le varie manifestazioni

del paese in collaborazione con

l'Amministrazione Comunale. Molti hanno concordato

sulla proposta che comunque sarà approfondita alla

prossima riunione del 16 aprile, sempre presso la biblioteca.


N. 122 - Aprile 2007

AGENZIA IMMOBILIARE

BOCCOLINI S.

di Azzaro Patrizia

www.immobiliareboccolini.it

Via Leonardo Da Vinci n°15 - 01030 Bassano Romano (VT)

Tel./Fax 0761-634555

BASSANO ROMANO V E N D E S I Terreno agricolo di 1 ettaro c.a.

OTTIMA POSIZIONE PER ATTIVITA' COMMERCIALI EURO 25.000,00

BASSANO ROMANO Adiacenze centro storico V E N D E S I Appartamento Piano Terra Mq

90 c.a. Completamente ristrutturato composto da ingresso, salone, cucina abitabile, camera,

cameretta, bagno. EURO 120.000,00

BASSANO ROMANO Zona centrale V E N D E S I Appartamento 2° Piano

Mq 120 c.a. Composto da ingresso, cucina abitabile con balcone, sala, camera, cameretta con

balcone, bagno, lavanderia. Piano Mansarda: camera, bagno.

Riscaldamento autonomo. EURO 145.000,00

BASSANO ROMANO Zona centrale V E N D E S I Villa Bifamiliare

PIANO TERRA Mq 80 c.a. ingresso, salone, cucina abitabile con balcone, due camere, bagno,

veranda, giardino.

PIANO PRIMO Mq 130 c.a. ingresso, salone, cucina abitabile con camino, tre camere, due

bagni. Veranda, balcone, ampio terrazzo, giardino, garage.

EURO 330.000,00

POSSIBILITA' DI ACQUISTO DI UNA SOLA PORZIONE

BASSANO ROMANO Zona centrale V E N D E S I Appartamento 1° Piano Mq 120 c.a. composto

da ingresso, salone con angolo cottura e camino e balcone, tre camere da letto, bagno,

ripostiglio. Piano Terra sala hobby Mq 40 c.a. con angolo cottura, camino, bagno. Giardino privato.

POSSIBILITA' DI INGRESSO INDIPENDENTE. EURO 160.000,00

BASSANO ROMANO Zona centrale A F F I T T A S I Appartamento Mq 130 c.a. AMMOBIL-

IATO composto da ingresso, salone con camino, cucina abitabile, ripostiglio, 3 camere da letto,

bagno. 3 balconi. Box auto. Riscaldamento autonomo. EURO 550,00 mensili

13 LGB


14 LGB

Un gruppo teatrale? Ci pensano i giovani

Giovani, volontà, passione e

divertimento: questa è la

ricetta giusta per la nascita della

nuova compagnia teatrale di

Bassano Romano. Questa avventura

nella recitazione sta unendo un gruppo

di ragazzi, amanti del teatro, che

con tanta voglia di fare, desiderano

mettere in scena commedie allegre e

ricche di ironia. La futura compagnia

teatrale si pone come obiettivo di

realizzare uno spettacolo per tutti e

in cui tutti possano recitare, portando

avanti questo ambizioso progetto

con molto divertimento. L'invito è rivolto

a chiunque piaccia recitare, ma

anche e soprattutto a chi non ha mai

provato a farlo, ma vuole spassarsela

in compagnia. Siamo mossi

da un grande entusiasmo, ma abbiamo

senz'altro bisogno di aiuto e

sostegno da parte di chiunque abbia

già almeno un po' di esperienza nel

campo teatrale. Nel frattempo,

comunque, c'è già stata una riunione

in Comune, nella quale abbiamo

chiesto e ottenuto l'appoggio dell'amministrazione

e anche di altri esterni.

Il nostro primo obiettivo è preparare

una commedia già per la prossima

estate bassanese, che sia a carattere

allegro e divertente, per far passare

a tutti gli spettatori una serata

spensierata. Questa iniziativa è coordinata

dall'Associazione Giovani per

la Cultura, che garantisce totale

appoggio a chiunque decida di

entrare a far parte di questo futuro

gruppo teatrale. Presto si terrà una

riunione con tutti gli intenzionati, che

possono scrivere all'indirizzo e-mail

agic@hotmail.it o contattare i

seguenti numeri: 3479364303,

Rachele; 3286721022, Francesco;

3287062886, Andrea; 3465152163,

Lorenzo; 3490949124, Ugo. Vi

basterà lasciare nome, cognome e

un vostro recapito per essere informati

su quando si terrà la riunione.

Per fare in modo che la commedia

sia pronta per questa estate, dobbiamo

però muoverci in fretta e per

questo vi preghiamo di contattarci

non oltre il 15 aprile. Vi aspettiamo

numerosi per dare vita a questa

magnifica iniziativa!

Associazione

Giovani per la Cultura

N. 122 - Aprile 2007

DITE LA VOSTRA CON UN SMS

Pubblichiamo di seguito gli sms

che sono arrivati alla domanda posta

il mese scorso: Sei favorevole all’uso

della motosega nella zona della

Macchia solo per la ramaglia ed il

frascame del sottobosco?

Certo, non facciamo alcun

danno all’ambiente.

No, la motosega non deve

essere usata. Per la ramaglia nemmeno

serve.

Va usata solo all’esterno del

bosco.

L’importante è che ci sia un

controllo adeguato.

E questa la domanda che poniamo

ai nostri lettori in questo mese: E’

in fase di programmazione l’Estate

Bassanese. Pochi eventi di rilievo

o tante piccole iniziative?

Aspettiamo i vostri commenti con

un semplice SMS al numero 328-

8572908. Verranno pubblicati nel

prossimo numero omettendo il

numero di cellulare.


N. 122 - Aprile 2007

La Gazzetta Bassanese

Periodico mensile

di informazione

di Bassano Romano

Iscritto al Registro

di Stampa

del Tribunale di Viterbo

n° 453 del 18-12-1997

Sede Legale:

Via E. De Filippo, 3

01030 Bassano Romano

VITERBO

E-mail:

gazzettabassanese

@assolarocca.it

Cell. 328-8572908

Proprietario e editore:

Associazione Culturale

La Rocca

Direttore Responsabile:

Yuri Gori

Redazione:

Domenico Vittorini

Marco Venturini

Daniele Ruscica

Simona Fravolini

Marcello Pallini

Stampa:

Tipografia Agnesotti

Strada Tuscanese km 1.700 VT

Copia gratuita

Le lettere per la

pubblicazione

sul giornale devono

pervenire in redazione

entro il 15 di ogni mese.

Scritti, manoscritti, foto,

anche se non pubblicati, non

verranno restituiti.

Anno XI - N° 122

APRILE 07

Foto di copertina:

Uno scorcio di Via Maria

Giustiniani con la facciata

dell’Oratorio parrocchiale.

Vendo a 50 Euro materassino

nuovo due piazze

da campeggio con pompa

a pedale. Tel.

347.3487830;

L’Associazione

Febbre da Cavallo cerca

un terreno mq 7000/8000

in affitto per almeno 15/20

anni. Eventuali proposte

potranno essere avanzate

ad uno dei componenti

dell’Associazione stessa.

Cell. 328.7071737;

Vendo Opel Zafira

65.000 Km, 7 posti, dipendente

Opel, sempre

tagliandi, anno luglio 2002

tid, ottime condizioni. Cell.

347.5627764;

Vendesi ford fiesta

zetec novembre 2004, blu

1400cc TDCi, cerchi in

lega. Tel 0761.634637;

Vendo forno a legna

professionale 2 anni di vita,

usato pochissimo, ottimo

per taverne. Chiamare

0761635032;

Vendo attività commerciale

Bar Flea Fly in Via IV

Novembre a Bassano

Romano. Cell.

Benvenuto al piccolo

Marco, nato lo scorso 6

marzo, dal papà Mauro,

dalla mamma Simonetta e

dalla sorellina Martina;

Sara che compie 22

anni il giorno 11 aprile dal

papà, dalla mamma e dalla

P i a z z e t t a A f f a r i

Vendo- Compro - Scambio

340.6719745;

Affitto appartamento

centro storico Euro 250,00

mensili, ristrutturato parquet

elegante. Cell.

329.5910348;

Cerco vespa 50 anteriore

anno 80 scambio con

mio SH 50 HONDA 339-

6616625;

Vendo auto C8 grigio

metallizzato Diesel anno

2003 con TV DVD navigatore

telefono CIL 2200.

Euro 16.000,00. Cell.

329.5910348;

Vendesi soggiorno

nero e verde erable con

angolo bar lunghezza 3,80

m. Euro 300,00. Tel.

349.5711407;

Vendesi auto Tata

Safari 4x4 Diesel accessoriata

perfette condizioni

anno 2000. Euro 5.000,00

Cell. 329.5910348;

Vendesi terreno agricolo

località Pantano

(Bassano Romano).

Occasione. Tel.

349.5711407;

Vendo garage in via

Domenico Zampieri a

TANTI AUGURI A...

sorella Cristina;

Noemi che festeggia il

suo compleanno il 4 aprile

da tutta la sua famiglia;

Flavia che spegne

quattro candeline il 13

aprile dalla mamma, dal

papà, dal suo fratello

Bassano Romano Circa 25

mq. Tel. 0761.635303 Cell.

340.6770618;

Vendo 2 lavatrici ottimo

stato, una con certificazione

di perfetto funzionamento,

trasporto possibile

con mio furgone Bracciano

Alex 333.7389253;

Vendo cameretta

nuova ottimo stato, bianca

antichizzata, armadio ante

con paglia di Vienna e

specchi molati, libreria con

scrivania e 4 cassetti, 1

comodino, sedia a dondolo,

2 mensole per libri, 2

letti singoli. Cell.

348.2239031, Cell.

328.1181795;

Gli annunci sono gratuiti.

La redazione non è responsabile

degli annunci riportati.

Potete inviare gli annunci

all’indirizzo e-mail:

gazzettabassanese@assolarocca.it

o scrivere a La

Gazzetta Bassanese, Via E.

De Filippo, 3, 01030 -

Bassano Romano (VT) o

ancora un SMS a

328.8572908.

Leonardo e da tutti i parenti;

Tamara per il suo compleanno

il giorno 11 aprile

dalla sua famiglia;

Valentina per il suo

compleanno il 23 aprile

dalle sue amichette;

Claudio che ha compiuto

30 anni il 21 marzo da

Adriana;

Samuele per il suo

compleanno il 18 aprile da

tutta la sua famiglia.

Vuoi fare gli

auguri ai tuoi

amici

o parenti?

Invia un SMS a

328.8572908

15 LGB


16 LGB

Il progetto di restauro

del Gonfalone, stendardo

processionale

del S.S. Sacramento

(1683) opera dell’artista

viterbese Francesco Ciaci

che si trova all’interno

dell’Oratorio parrocchiale di

Via Maria Giustiniani, è

stato ammesso nella graduatoria

relativa ai contributi

per l'anno 2007, deliberata

dal Consiglio di

Amministrazione della

Fondazione Carivit.

Il progetto è stato presentato

in partnership tra

Confartigianato imprese di

Viterbo e Fondazione

CittàItalia, i due enti che

avevano già lanciato la lotteria

“Dona e Vinci” per la

raccolta fondi da destinare

all’opera storica bas-

sanese.

Prosegue, quindi,

l’iniziativa per salvare

l’Oratorio parrocchiale,

avviata dall’Associazione

Culturale La Rocca in collaborazione

con la

Parrocchia.

Le domande di richiesta

di finanziamento arrivate

alla Fondazione Carivit

sono risultate 172 di cui:

133 per il settore dell'arte,

attività e beni culturali ripartite

in 102 per progetti

annuali e 31 per progetti

pluriennali; 39 per il settore

del volontariato, filantropia,

beneficenza, salute pubblica

, medicina preventiva e

riabilitativa.

In armonia con le finalità

indicate nel bando, nella

selezione dei progetti da

parte del Consiglio di

Amministrazione della

Fondazione Carivit sono

stati privilegiati per il settore

dell'arte interventi di

recupero e restauro di testimonianze

di rilevante significato

storico, artistico e

culturale per la realtà

locale, in grado di con-

N. 122 - Aprile 2007

Confartigianato imprese di Viterbo e Fondazione CittàItalia per lo stendardo processionale del 1683

Restauro del Gonfalone parrocchiale,

arriva il sostegno della Fondazione Carivit

seguire valide ricadute turistico-culturali

oltre che ad

eventi, rappresentazioni e

studi. E proprio tra questi è

rientrato il progetto di

restauro del Gonfalone di

Bassano Romano.

A conclusione dell'iter

di valutazione, il Consiglio

di Amministrazione della

Fondazione CARIVIYT ha

deliberato di sostenere, per

Euro 694.000 complessivamente

52 progetti di cui:

37 relativi al settore arte

attività e beni culturali; n.

15 riguardanti la volontariato,

filantropia, beneficenza,

salute pubblica , medicina

preventiva e riabilitativa per

un importo di Euro

150.000.


SPORT

FC BASSANO ROMANO. Sulle ali del successo

N. 122 - Aprile 2007

di Marco Venturini

Era il 3 dicembre

quando i

rossoblù venivano

sconfitti per la 4a

volta consecutiva sul

campo della Giada

Maccarese.

Quella sconfitta seguiva

quelle antecedenti rimediate

contro il Ciampino,

Santa Marinella e

Sorianese. Ed era anche il

3 dicembre quando il FC

Bassano Romano ha assaporato

per l'ultima volta

l'amaro sapore di una partita

persa. Da allora 15 risultati

utili consecutivi di cui

ben 12 vittorie. Una cavalcata

da record che ha portato

la squadra allenata da

mister Claudio Fazzini ad

occupare il primo posto del

Girone A del campionato di

Eccellenza regionale. Ed a

sei partite dalla fine i

M.G.E. Forniture

Termoidrauliche

Rubinetteria e sanitari - Condizionatori - Scaldabagni

Caldaie - Termo camini e stufe - Pannelli solari -

Elettropompe - Articoli gas -

Tubi e raccordi irrigazione in acciaio, rame, ottone,

ghisa, plastica e multistrato

PREVENTIVI E CONSEGNE GRATUITI

Via Aldo Moro, 57 - Bassano Romano (VT)

Tel./Fax 0761.635528 - Cell. 347.5346606

Il bomber argentino Basualdo

rossoblu hanno un punto di

vantaggio sul Pomezia,

due sulla terza Ciampino e

ben nove sulla quarta in

classifica, l’Aprilia.

Merito della rimonta e

dell'incredibile momento

magico vissuto dai

rossoblu è sicuramente la

grande coesione di

squadra e la forza di un

gruppo che ha saputo far

delle proprie forze le armi

vincenti, quali un'ottima

solidità difensiva ed la fantastica

coppia gol Pirillo-

Basualdo autrice di 25 reti

complessive, la più prolifica

del campionato.

Le ultime partite saranno

senz'altro le più difficili e

se il FC Bassano Romano

vorrà conquistare la promozione

dovrà affrontarle

come se fossero tutte finali.

.

Agenzia funebre

Marano P. S.a.s. di Orsini Paola & C.

Servizi completi ovunque - Disbrigo pratiche - Assistenza continua

Sedi: Bassano Romano - Via Napoli, 51 - Tel. 0761.635253 - 0761.635787 Fax 0761.635979

Monterosi - Via Roma, 16 - Tel. 0761.699777

Capranica - C.so F. Petrarca, 14 Tel. 0761.669092

Paola: Cell. 348.8741290 Antonello: Cell. 347.4564537

Manutenzione del civico cimitero

17 LGB


18 LGB

Prima di avventurarmi in questo

terribile racconto, che fortemente

mi emoziona, desidero ringraziare

il generoso lettore che ha voluto

rendermi omaggio per i racconti

sulla Gazzetta. Ancor più lo

ringrazio per l'augurio che egli ha

voluto rivolgermi come neo presidente

del Centro Sociale.

Una pietra aguzza gli si

conficca tra le dita del

piede. Un dolore lancinante

gli fa perdere il controllo.

Barcolla; sbilanciato dalla pesante

croce, cade per la seconda volta

sulla strada rossiccia e sassosa. Il

soldato indispettito fa sibilare lo

staffile. China la testa per ripararsi.

La corona di spine gli penetra ancor

più profondamente nella carne. Le

lacrime scorrono sul viso mischiandosi

al sangue.

Con uno sforzo immane si

rimette in piedi. La gente, muta per

un attimo, riprende il suo vociare. Un

uomo si stacca dalla folla, gli deterge

il viso con un lembo della veste, lo

sgrava del pesante carico. Solo allora

può alzare lo sguardo. Facce ostili,

ghignanti. Insulti, sberleffi, risate lo

trafiggono più delle spine. Solo

qualche giorno prima, gli stessi, lo

hanno acclamato. Non prova odio

verso di loro. Poveri ingenui strumenti

del potere. Quando gli angeli scenderanno,

armati delle spade di fuoco,

alzerà la mano e li proteggerà dalla

loro ira; come un padre. Scosta l'uomo

e di nuovo si carica della croce.

La strada s'inerpica sulla collina.

Da dietro gli giunge il roco ansimare

degli altri due condannati.

Imprecano contro la folla, maledicono

la loro mala sorte. Se solo

potesse voltarsi; li guarderebbe

benevolo, lo sguardo chiaro e sincero.

Scaccerebbe la paura da quegli

occhi cupi, duri ed avvezzi al dolore.

Alcuni ragazzi, sfidando la frusta dei

soldati, gli si parano davanti. "Onore,

onore al figlio di Dio, prostratevi che

egli possa benedirvi". E si chinano

fino a sfiorare la terra scatenando l'ilarità

di molti. Solo le donne tacciono.

IL RACCONTO

Golgota

Dietro agli scuri veli delle giovani,

s'intuisce la tristezza. Forse amore

per quell'uomo. Forte, coraggioso

che perdona i loro peccati; che ha

sfidato la legge degli uomini inducendo

la speranza nella loro grigia vita di

stenti e di servitù.

Le più anziane vedono in lui il

figlio. Un figlio ribelle ma non cattivo,

che paga una pena spropositata. Per

quale colpa? Il corteo avanza lentamente.

I piedi, non avvezzi alla terra

sono escoriati e sanguinanti. In cima

alla collina la moltitudine attende

eccitata. Cade per la terza volta. Di

nuovo lo schiocco della frusta fende

l'aria sovrastando il vociare della

gente. Si ripara con un braccio. Dove

sono gli angeli? Perché tardano?

Perché non si ode in lontananza il

possente canto delle schiere celesti?

Il suo spirito vacilla. Si guarda intorno

smarrito; ma solo per un attimo.

L'animo è forte, di nuovo padrone di

se. E' il Padre che mette alla prova

la sua fede. Pentiti! Nazareno. Gli

grida una voce accorata.

Il dubbio lo coglie. Di cosa deve

pentirsi. Di averli amati. Sciocco

uomo, e vile. Lo benedice silenziosamente.

Lo stendono a terra, brutalmente.

Gli strappano la tunica di

dosso. Completamente inerme, vede

il martello alzarsi. Il chiodo gli trafigge

la carne. Il dolore s'irradia per tutto il

corpo. Più che il dolore è la paura.

Per la prima volta ha completa

coscienza di ciò che accade. Si vede

completamente perduto ed un senso

di vuoto gli serra le viscere.

Lo issano con una corda. Due,

tre scossoni, poi i colpi dei cunei alla

base della croce. Il giovane corpo,

dilaniato e martoriato, si contrae

ribellandosi. Uno dopo l'altro, sono

issati anche i suoi sfortunati compagni.

Dal basso gli giungono i suoni ed

il vociare della folla. Rumori consueti

che però, questa volta non sono in

suo onore. I soldati si giocano a dadi

la tunica, un indumento di valore,

regalo di una famiglia riconoscente.

In disparte una figura dimessa, quasi

completamente nascosta dal velo

nero, gli occhi pieni di lacrime, lo

N. 122 - Aprile 2007

guarda accorata. E' la madre. Solo

adesso la vede.

Si rende conto di quanto tempo

che non parla con lei. La guarda con

dolcezza, ne intuisce l'angoscia.

Vorrebbe rifugiarsi tra le sue braccia

come un bambino, proteggersi da

tutta quella gente cattiva ed ostile. Il

pianto lo scuote irrefrenabile. Un

momento d'abbandono. Alza la testa

e si rivolge al Padre: " Padre! Che sei

nei cieli, lenisci il suo dolore.

"Si volge poi, verso gli altri due

crocifissi. Ancora una volta li esorta

alla speranza. Uno di loro lo ascolta

in silenzio, l'altro lo insulta: " Padre,

quale padre, smettila con questo

padre; digli se ci stacca dalla croce”.

I muscoli delle braccia cedono.

Brividi di freddo lo percorrono mentre

il giovane corpo, a poco a poco,

scivola in basso. Il peso comprime il

torace, la respirazione diventa affannosa,

le membra s'irrigidiscono contratte

dai i crampi. Stati d'incoscienza

si alternano a momenti di lucidità. In

quegli attimi egli si rivolge ancora al

Padre. Dalla bocca però non escono

più parole. La sua preghiera non è

che un rantolo indistinto. Gli porgono

su una canna acqua ed aceto. I due

al suo fianco sono morti. La sua forte

fibra, invece, resiste. Il corpo sussulta,

scosso da violenti spasmi.

Un soldato compassionevole gli

apre il costato con un colpo di lancia.

Dalla ferita, talmente il corpo è contratto,

esce sangue misto a fiele ed

anche le ultime forze. Gesù sente la

vita sfuggirgli. In un ultimo anelito si

rivolge ancora al Padre; ma egli è

muto. " Eli, Eli lama sabactani " ( Dio,

Dio perché mi hai abbandonato?). Il

grido di ribellione, violento e terribile,

risuona sulla collina. La terra, colpita

da quella morte, è scossa e umiliata.

Quel giorno, anche Dio pianse.

g. liberati


N. 122 - Aprile 2007

Affida il tuo corpo al centro

ACQUA TERM

Ti renderà salute e benessere

con la massima esperienza

e professionalità che meriti.

Via Cavour, 31

Bassano Romano (VT)

Tel./Fax 0761.635533

Perché dimagrire non è un problema

estetico ... ma soprattutto di salute!

Plantari computerizzati Dr. FOOT

in vendita presso il nostro centro

LA PREVENZIONE

Un giusto appoggio della pianta del piede consente

di prevenire traumi e difetti posturali sin dai primi anni

di vita. i plantri Dr. Foot riescono a grantire un corretto

equilibrio alla naturale attività motoria di bambini

e ragazzi, seguendoli durante il loro sviluppo in

tutte le attività quotidiane.

IL BENESSERE

Il naturale cambio di peso durante il periodo della

gravidanza comporta dei piccoli traumi alla spina

dorsale e delle problematiche posturali che rendono

indispensabile l’utilizzo del plantare su musira Dr.

Foot per un’azione defaticante e di supporto, migliorando

la circolazione sanguigna sulle gambe.

L’ELEGANZA

Perchè rinunciare ad eleganti calzature con tacco?

Dr. Foot è riuscito a realizzare dei plantari di ridotte

dimensioni da inserire facilmente, in modo non visibile,

su qualsiasi calzatura aperta o sandalo.

Particolarmente studiati per dare il corretto appoggio

al piede che subisce una forte inclinazione a causa

del tacco.

LO SPORT

L’attività quotidiana sia a livello amatoriale che agonistico

necessita del plantare Dr: Foot che provvede

a fornire in ogni movimento un alto grado di ammortizazzione

e di un ottima distribuzione dell’appoggio

al suolo al fine di migliorare ed otttimizzare le

prestazioni personali, evitare traumi ai legamenti ed

alla struttura muscolare.

LA TERAPIA

Indispensabile è il ruolo del plantare Dr. Foot durante

ogni fase di riabilitazione dovuta a traumi o malformazioni,

al fine di sollecitare la pianta del piede,

migliorare la circolazione sanguigna e stimolare la

tonicità muscolare. L’uso terapeutico del plantare

garantisce il migliore equilibrio posturale del

paziente.

Il nostro Centro ti garantisce 1/2 centimetro

di riduzione giro vita, fianchi, addome

ogni seduta e tutto in modo naturale!!!

19 LGB

More magazines by this user
Similar magazines