31.05.2013 Views

Scarica in PDF - Facoltà di Lettere e Filosofia

Scarica in PDF - Facoltà di Lettere e Filosofia

Scarica in PDF - Facoltà di Lettere e Filosofia

SHOW MORE
SHOW LESS

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

ANNALI DELLA FACOLTÀ<br />

DI LETTERE E FILOSOFIA<br />

DELL’UNIVERSITÀ DI CAGLIARI<br />

NUOVA SERIE XX (VOL. LVII), parte I - 2002<br />

UNIVERSITÀ DI CAGLIARI<br />

2003


ANNALI DELLA FACOLTÀ<br />

DI LETTERE E FILOSOFIA<br />

DELL’UNIVERSITÀ DI CAGLIARI<br />

NUOVA SERIE XX (VOL. LVII) - 2002<br />

I<br />

SOMMARIO<br />

GIORNATA DI STUDIO IN MEMORIA DI GREGORIO SERRAO — SABRINA SALIS: Le<br />

due facce del basileuv~ <strong>in</strong> Esiodo: Alcune osservazioni — MICHELA MALLOC-<br />

CI: Un soffitto affrescato dalla “Villa <strong>di</strong> Tigellio” (Cagliari): proposta <strong>di</strong> ricostruzione<br />

— LUIGI LEURINI: Citazioni da poeti greci nel De Iside et Osiride<br />

<strong>di</strong> Plutarco — ANTONIO IBBA: Gentes e gentiles <strong>in</strong> Africa Proconsolare: ancora<br />

sulla de<strong>di</strong>ca al Saturno <strong>di</strong> Bou Jelida (Tunisia) — MARIA LUISA FELE: Dialogo<br />

metrico graffito (CIL X 2641) — SONIA LACONI: Figure retoriche e argomentazione<br />

nell’opera <strong>di</strong> Lucifero <strong>di</strong> Cagliari — LEONIDA PANDIMIGLIO:<br />

«L’idea <strong>di</strong> Me<strong>di</strong>o Evo» e la perio<strong>di</strong>zzazione — ROBERTO CORONEO, FLORINDA<br />

PICCIAU, VALERIA MARTIS: Architettura romanica <strong>in</strong> Sardegna: Nuove acquisizioni<br />

— KATIA DEBORA MELIS: La liturgia eucaristica e i calici sar<strong>di</strong> del tardo<br />

me<strong>di</strong>oevo — ALESSIO GUERRIERO: Annotazioni e nuovi dati sul centro me<strong>di</strong>oevale<br />

<strong>di</strong> Santa Igia — BIANCA FADDA: Le ren<strong>di</strong>te dell’Opera <strong>di</strong> Santa Maria <strong>di</strong><br />

Pisa <strong>in</strong> Sardegna all’<strong>in</strong>izio del secolo XIV — CRISTINA PITTAU: Miti ovi<strong>di</strong>ani<br />

nella pittura <strong>di</strong> Antonio Allegri da Correggio: gli Amori <strong>di</strong> Giove.<br />

EDIZIONI<br />

AV<br />

CAGLIARI - 2003


EDIZIONI<br />

AV<br />

Progetto grafico<br />

EDIZIONI AV <strong>di</strong> ANTONINO VALVERI<br />

Via Pasubio, 22/A, 29 - 09122 Cagliari<br />

Tel. (segr. e fax) 070 27 26 22<br />

web: www.e<strong>di</strong>zioniav.it<br />

Stampa e allestimento PRESS COLOR – Quartu S. Elena<br />

© 2003 EDIZIONI AV <strong>di</strong> Anton<strong>in</strong>o Valveri - Cagliari - Italia


GIORNATA DI STUDIO IN MEMORIA DI<br />

GREGORIO SERRAO<br />

Nell’Università <strong>di</strong> Cagliari, dove Gregorio Serrao ha speso forse i<br />

suoi migliori anni <strong>di</strong> docente e <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>oso, ad un anno dalla sua<br />

morte, i suoi vecchi allievi hanno voluto organizzare una giornata <strong>di</strong><br />

stu<strong>di</strong>o, alla quale sono stati <strong>in</strong>vitati a partecipare quanti lo hanno<br />

conosciuto ed apprezzato; colleghi che, <strong>in</strong> perio<strong>di</strong> <strong>di</strong>versi, hanno<br />

con<strong>di</strong>viso con lui temi <strong>di</strong> riflessione e <strong>di</strong> ricerca, e giovani o meno<br />

giovani allievi, ormai <strong>in</strong>segnanti nei licei, o variamente impegnati<br />

nelle <strong>di</strong>verse realtà culturali dell’isola.<br />

La realizzazione <strong>di</strong> questo progetto ha potuto giovarsi del patroc<strong>in</strong>io<br />

e del sostegno assicurati dal Dipartimento <strong>di</strong> Filologia classica,<br />

Glottologia e Scienze storiche dell’Antichità e del Me<strong>di</strong>oevo e dal<br />

Magnifico Rettore Pasquale Mistretta, che ha dato rilievo all’<strong>in</strong>iziativa<br />

<strong>in</strong>troducendo la seduta. A lui e a tutti coloro che hanno voluto<br />

manifestare con la presenza il loro sentimento <strong>di</strong> amicizia, va il nostro<br />

r<strong>in</strong>graziamento.<br />

Gli <strong>in</strong>terventi a quell’<strong>in</strong>contro, sia le relazioni che <strong>di</strong>segnavano la<br />

figura <strong>di</strong> ricercatore <strong>di</strong> Gregorio Serrao, sia le testimonianze commosse<br />

<strong>di</strong> tutti quelli che avevano avuto occasione <strong>di</strong> conoscerlo, vengono<br />

ora raccolti <strong>in</strong> questo volume degli Annali della <strong>Facoltà</strong> <strong>di</strong> <strong>Lettere</strong><br />

e <strong>Filosofia</strong> dell’Università <strong>di</strong> Cagliari: ultimo tributo <strong>di</strong> affetto<br />

da parte della <strong>Facoltà</strong> all’illustre docente scomparso.<br />

PATRIZIA MUREDDU, LUIGI LEURINI,<br />

GIAN FRANCO NIEDDU, TRISTANO GARGIULO


Programma della<br />

Giornata <strong>di</strong> Stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> Memoria <strong>di</strong><br />

GREGORIO SERRAO<br />

Stu<strong>di</strong>oso <strong>di</strong> poesia alessandr<strong>in</strong>a<br />

Cagliari 28 febbraio 2002,<br />

Aula magna della <strong>Facoltà</strong> <strong>di</strong> <strong>Lettere</strong> e <strong>Filosofia</strong><br />

matt<strong>in</strong>a presiede Giulio Paulis<br />

9,30 Saluto del Magnifico Rettore Prof. Pasquale Mistretta<br />

9,45 Patrizia Mureddu, Apertura dei lavori<br />

10,00 Maria Grazia Bonanno, Il poeta doctus (Antimaco e gli<br />

altri)<br />

10,45 Roberto Pretagost<strong>in</strong>i, Problemi <strong>di</strong> poesia alessandr<strong>in</strong>a<br />

11,30 Luigi Enrico Rossi, Il Teocrito <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

pomeriggio preside Vittorio Citti<br />

16.00 Adele Teresa Cozzoli, Scritti <strong>in</strong>e<strong>di</strong>ti e ultime riflessioni<br />

16,45 Testimonianze e ricor<strong>di</strong><br />

Gabriele Burzacch<strong>in</strong>i<br />

Mario Cantilena<br />

Alberto Mario C<strong>in</strong>ese<br />

V<strong>in</strong>cenzo Di Benedetto<br />

Massimo Di Marco<br />

Mario Alighiero Manacorda<br />

Antonio Mart<strong>in</strong>a<br />

Mario Torelli<br />

Luigi Leur<strong>in</strong>i<br />

Lettura dei telegrammi pervenuti<br />

17.30 Conclusioni <strong>di</strong> Feliciano Serrao


PATRIZIA MUREDDU<br />

APERTURA DEI LAVORI<br />

Questa giornata vuole essere l’amichevole ed affettuoso r<strong>in</strong>graziamento<br />

a Gregorio Serrao da parte dei suoi studenti cagliaritani (<strong>in</strong><br />

primo luogo quei tre che cont<strong>in</strong>uano qui oggi il suo lavoro, e cioè<br />

Gian Franco Nieddu e Luigi Leur<strong>in</strong>i, oltre me stessa) per i lunghi<br />

anni <strong>di</strong> <strong>in</strong>segnamento profusi <strong>in</strong> questa <strong>Facoltà</strong> <strong>di</strong> <strong>Lettere</strong>. Anni che<br />

hanno costituito forse il periodo più fecondo della sua attività <strong>di</strong><br />

stu<strong>di</strong>oso – e che certamente hanno abbracciato l’arco <strong>di</strong> tempo <strong>in</strong><br />

cui la nostra <strong>Facoltà</strong> ha vissuto una fase <strong>di</strong> quasi magica e irripetibile<br />

eccellenza.<br />

Può darsi che per un maestro sia a volte <strong>di</strong>fficile riconoscere i<br />

propri allievi – tra i tanti giovani che si <strong>in</strong>contrano <strong>in</strong> una vita, chi<br />

può <strong>di</strong>re quanti saranno i depositari dei valori che si cerca <strong>di</strong> trasmettere?<br />

– ma ogni allievo, se guarda dentro <strong>di</strong> sé con onestà, sa<br />

esattamente quanto deve a ciascuno dei suoi maestri. E così, al pari<br />

<strong>di</strong> tutti gli antichi scolari oggi qui raccolti, credo <strong>di</strong> poter <strong>di</strong>re con<br />

sicurezza quanta parte della mia formazione e forse della mia personalità<br />

sia il risultato dell’<strong>in</strong>contro con Gregorio Serrao.<br />

Eppure, quando il Prof. Serrao ha fatto la sua prima apparizione<br />

nell’orizzonte cagliaritano, se qualcuno mi avesse allora predetto che<br />

lo avrei un giorno annoverato tra i miei più cari maestri, sarei rimasta<br />

perplessa. Veneravamo <strong>in</strong> quegli anni un altro ‘<strong>di</strong>o’ del greco, un<br />

professore giovane e spavaldo, che faceva sensazionali lezioni attraversando<br />

<strong>in</strong> sù e <strong>in</strong> giù l’<strong>in</strong>tera aula, e ci affasc<strong>in</strong>ava con il suo parlare<br />

deciso, ottenendo la nostra resa <strong>in</strong>con<strong>di</strong>zionata alla logica implacabile<br />

delle sue argomentazioni.<br />

Spavalderia e decisione erano del tutto estranee a Gregorio Serrao.<br />

Alla maliziosa provocazione <strong>di</strong> chi gli sottoponeva un passo dalla<br />

lettura problematica, o dalla metrica <strong>in</strong>certa, proponeva, dopo<br />

lunghe e ‘borbottate’ riflessioni, sempre più <strong>di</strong> una risposta. Troppo<br />

tempo e troppe risposte, per la nostra presuntuosa sicurezza <strong>di</strong> ven-


10<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

tenni, conv<strong>in</strong>ti ancora che per ogni quesito dovesse esserci una ed una<br />

sola soluzione. E poi: le sue lezioni sembravano svolgersi senza un piano<br />

prestabilito; apriva mille parentesi, che <strong>di</strong>ventavano nuovi, irregolari<br />

percorsi; nell’esposizione <strong>di</strong> una questione, term<strong>in</strong>i cruciali scambiavano<br />

tra loro ruoli e significati; e <strong>in</strong>f<strong>in</strong>e – cosa che ci <strong>di</strong>sorientava<br />

massimamente – si abbandonava a silenzi apparentemente <strong>in</strong>giustificati<br />

ed <strong>in</strong>term<strong>in</strong>abili, rimug<strong>in</strong>ando su imperscrutabili problemi testuali,<br />

mentre la nostra attenzione era irreparabilmente catturata dalla<br />

cenere della sua sigaretta, che cresceva <strong>in</strong> modo allarmante.<br />

Certo, non torna a nostro merito, ma ce n’è voluto, <strong>di</strong> tempo, per<br />

apprezzare il valore del nostro nuovo docente <strong>di</strong> greco! Lo ‘scoprimmo’<br />

solo alcuni anni più tar<strong>di</strong>, nel periodo fervido del lavoro sull’I<strong>di</strong>llio<br />

V <strong>di</strong> Teocrito, quando, strabiliati, vedevamo susseguirsi <strong>in</strong>tuizioni<br />

e schemi <strong>di</strong> sconvolgente novità, mentre i tanti amici <strong>di</strong> allora,<br />

Mario Baratto, Alberto Cirese, Mario Torelli, Luigi Rosiello,<br />

entravano con entusiasmo e partecipazione nel <strong>di</strong>battito.<br />

In quegli anni anche noi crescevamo, e com<strong>in</strong>ciavamo a perdere<br />

qualche certezza. La filologia, che negli anni <strong>di</strong> Enzo Degani si era<br />

presentata ai nostri occhi come il bisturi affilato del chirurgo, che operava<br />

per ricuperare alla loro <strong>in</strong>tegrità orig<strong>in</strong>aria i testi antichi, acquistava<br />

con lui una nuova <strong>di</strong>mensione, più familiare e accessibile. Gregorio<br />

ci <strong>in</strong>segnava ad <strong>in</strong>trattenerci con i suoi autori pre<strong>di</strong>letti, con le<br />

opere che amava, <strong>in</strong> piena libertà, senza soggezione e senza pudori. Lo<br />

abbiamo visto ridere, anche durante gli esami, con lo stesso can<strong>di</strong>do<br />

<strong>di</strong>vertimento, ad ogni rilettura <strong>di</strong> uno stesso passo <strong>di</strong> Aristofane o Menandro;<br />

lo abbiamo ascoltato ripetere più e più volte, quasi come assaporandola<br />

golosamente, una preziosa formulazione teocritea o callimachea;<br />

siamo stati colpiti dalla stupita ammirazione con cui ogni<br />

volta sottol<strong>in</strong>eava la precisione <strong>di</strong> una def<strong>in</strong>izione aristotelica.<br />

Sarà, credo, per ciascuno <strong>di</strong> noi <strong>di</strong>fficile raggiungere quella perfetta<br />

<strong>in</strong>timità che Gregorio era riuscito a stabilire con i protagonisti<br />

della letteratura greca (pr<strong>in</strong>cipalmente, gli alessandr<strong>in</strong>i), quell’<strong>in</strong>timità<br />

che può nascere soltanto dalla lettura cont<strong>in</strong>ua e ripetuta, e che<br />

sola può permettere <strong>di</strong> <strong>in</strong>tenderne esattamente e profondamente le<br />

parole; ma la conquista del piacere <strong>di</strong> ‘leggere’ il greco, è un regalo<br />

che gli dobbiamo. Quanto a lui, questa autentica capacità <strong>di</strong> provare<br />

<strong>di</strong>letto nel frequentare i tesori della letteratura greca lo ha accompagnato<br />

f<strong>in</strong>o agli ultimi anni. L’ultima volta che l’ho sentito per telefono,<br />

poche settimane prima della morte, commentava la mia scelta <strong>di</strong><br />

riprendere gli stu<strong>di</strong> esiodei con queste complici parole: “È così arcaico,<br />

Esiodo, vero? È più arcaico <strong>di</strong> Omero... È per questo, che è bello,<br />

perché è arcaico, arcaico...”.


Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

Questo suo <strong>di</strong>letto si realizzava anche nella estrema ricerca <strong>di</strong> una<br />

scrittura limpida e pulita. E su questo, soprattutto con noi, i suoi <strong>di</strong>scepoli<br />

‘sar<strong>di</strong>’, non transigeva. Tutti abbiamo, credo, provato lo stesso<br />

senso <strong>di</strong> irritazione quando, sottoponendogli con trepidazione un<br />

lavoro faticosamente agglomerato <strong>in</strong>torno a quella che ci appariva<br />

un’idea <strong>di</strong> grande portata scientifica, lo vedevamo arrestarsi dopo la<br />

prima frase con la brutale domanda “Ma che vuole <strong>di</strong>re?”. E non<br />

proseguiva nella lettura se non dopo aver lungamente elucubrato su<br />

quella prima frase alla ricerca <strong>di</strong> una formulazione migliore – e potevamo<br />

considerarci fortunati se non ci <strong>in</strong>fliggeva il suo lapidario “I<br />

sar<strong>di</strong> non sanno scrivere”.<br />

Era ostile alle espressioni astruse, soprattutto quando venivano<br />

usate per dare pompa ad un fragile contenuto. Le parole dovevano<br />

servire a svelare, non a velare il pensiero: si irritava <strong>di</strong> fronte a formulazioni<br />

artificiosamente complicate e, quando vi <strong>in</strong>ciampava <strong>in</strong><br />

qualche sua lettura, ne faceva <strong>in</strong>evitabilmente il bersaglio del suo <strong>di</strong>leggio,<br />

o – quanto meno – <strong>di</strong> un “Lo poss<strong>in</strong>o...!”.<br />

Ma era soprattutto sulla propria scrittura, che esercitava il più<br />

raff<strong>in</strong>ato e severo dei controlli. I suoi lavori, prima <strong>di</strong> arrivare alle<br />

stampe, venivano scritti e riscritti, letti e riletti, f<strong>in</strong>ché non raggiungevano<br />

quella ‘semplice ricercatezza’ che costituiva la sua <strong>in</strong>tima<br />

aspirazione. E se questo lungo lavorio poteva andare a detrimento<br />

della quantità della sua produzione scientifica, è vero anche che il<br />

lettore veniva conquistato e conv<strong>in</strong>to spesso proprio grazie alla sua<br />

prosa efficace ed elegante. Nello scrivere, faceva tutto suo quell’auspicio<br />

callimacheo che aveva strappato più <strong>di</strong> un irriverente sorriso<br />

agli sventati giovani studenti che seguivano le sue lezioni nelle assolate<br />

aule cagliaritane: “Io sia il leggero, io sia l’alato...”.<br />

Mi auguro <strong>di</strong> essere riuscita, almeno <strong>in</strong> parte, ad evocare i sentimenti<br />

e i ricor<strong>di</strong> che accomunano i tanti allievi del Professor Serrao<br />

che hanno voluto qui ritrovarsi; allievi che oggi portano, nelle <strong>di</strong>verse<br />

realtà della scuola, e più <strong>in</strong> generale della società sarda, la ricchezza<br />

<strong>di</strong> quegli anni lontani.<br />

Lascio ora la parola a chi saprà più degnamente <strong>di</strong> me tracciare<br />

un profilo della sua attività <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>oso. Questo pomeriggio, nello<br />

spazio che abbiamo riservato a questo scopo, altri contribuiranno a<br />

raccontare l’amico e maestro Gregorio Serrao.<br />

11


MARIA GRAZIA BONANNO<br />

IL POETA DOCTUS (ANTIMACO E GLI ALTRI)<br />

Quando Chico, Roberto ( 1 ) e io ci <strong>di</strong>videmmo amichevolmente il<br />

compito <strong>di</strong> ricordare Gregorio quale stu<strong>di</strong>oso <strong>di</strong> poesia alessandr<strong>in</strong>a,<br />

non mi resi subito conto – nel momento <strong>in</strong> cui ripresi <strong>in</strong> mano il volume<br />

contenente il saggio su Antimaco che mi era toccato <strong>di</strong> affrontare e<br />

da cui era logico partire: La genesi del “poeta doctus” e le aspirazioni realistiche<br />

nella poetica del primo ellenismo – quanto benignamente anche se<br />

bruscamente m’avrebbe assalita, s<strong>in</strong> dalla rilettura delle primissime pag<strong>in</strong>e,<br />

il ricordo <strong>di</strong> un viaggio dell’Amico per arrivare all’Università <strong>di</strong> Siena<br />

(tuttora non facilmente raggiungibile <strong>in</strong> treno), dove <strong>in</strong>segnavo da<br />

appena un anno. L’avevo così <strong>in</strong>sistentemente pregato <strong>di</strong> tenere una lezione<br />

per i miei studenti, che, f<strong>in</strong>almente, Serrao si decise <strong>di</strong> accettare<br />

l’<strong>in</strong>vito e fu anzi lieto <strong>di</strong> parlare, per la prima volta <strong>in</strong> pubblico, su un<br />

argomento che, come si premurò <strong>di</strong> avvertire, avrebbe dovuto “s<strong>in</strong>tetizzare<br />

<strong>in</strong> una visione d’<strong>in</strong>sieme” problemi cui aveva de<strong>di</strong>cato “parecchi<br />

anni <strong>di</strong> lavoro e <strong>di</strong> riflessione” ( 2 ). Ciò che si rivelò assolutamente vero.<br />

Ma è non<strong>di</strong>meno vero che il Bildungsbericht orale – poi scritto per<br />

gli “Stu<strong>di</strong> Ar<strong>di</strong>zzoni” ( 3 ) – sul poeta doctus (alessandr<strong>in</strong>o) e sulla sua<br />

genesi, dunque a partire dal ‘precursore’ Antimaco, costituisce non<br />

( 1 ) Cioè Luigi Enrico Rossi e Roberto Pretagost<strong>in</strong>i, i due prossimi relatori <strong>di</strong><br />

questa giornata de<strong>di</strong>cata alla memoria del comune amico, prima che collega, Gregorio<br />

Serrao.<br />

( 2 ) Cfr. Serrao 1978, p. 942. Si tratta della nota contrassegnata da asterisco,<br />

dove appunto si <strong>di</strong>ce che il contributo risale <strong>in</strong> gran parte a una conferenza recentemente<br />

tenuta all’Università <strong>di</strong> Siena: “da ciò la forma <strong>di</strong>scorsiva del dettato”.<br />

( 3 ) A <strong>di</strong>stanza <strong>in</strong>feriore a un anno dalla conferenza, cfr. n. precedente. Lo stesso<br />

lavoro ricompare <strong>in</strong> forma ridotta nel capitolo dovuto a Serrao 1979, dove l’autore<br />

anticipa, <strong>in</strong> parte, anche l’articolo su La struttura della Lide <strong>di</strong> Antimaco (uscirà<br />

l’anno dopo <strong>in</strong> “QUCC”), che qui non ci sembra il caso <strong>di</strong> trattare perché alquanto<br />

eccentrico rispetto al saggio d’impronta soprattutto teorica oltre che storico-filologica,<br />

oggetto privilegiato della nostra rilettura.


14<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

tanto, o soltanto, un punto <strong>di</strong> arrivo, quanto una sorta <strong>di</strong> preannuncio,<br />

se non una vera e propria ‘irra<strong>di</strong>azione’ d’<strong>in</strong>tuizioni filologiche,<br />

idee letterarie, riflessioni storiche, ipotesi antropologiche, come <strong>di</strong> lì a<br />

poco risulterà dalle dense e numerose pag<strong>in</strong>e leggibili <strong>in</strong> “Storia e civiltà<br />

dei Greci”, specialmente nel volume de<strong>di</strong>cato alla cultura alessandr<strong>in</strong>a<br />

( 4 ). Serrao racconterà <strong>in</strong> una sorta <strong>di</strong> libro nel libro – questa volta<br />

si tratta <strong>di</strong> un Bildungsroman – la formazione <strong>di</strong> quei poetae docti<br />

alessandr<strong>in</strong>i che, un secolo dopo Antimaco, <strong>in</strong>terpreteranno, ciascuno<br />

a suo modo ma non senza profonde e programmatiche analogie, il<br />

‘nuovo corso’ della letteratura greca, ormai ellenistica.<br />

Non <strong>in</strong>tendo <strong>in</strong>vadere il campo dei due prossimi relatori, cui<br />

spetta <strong>di</strong> parlare non solo <strong>di</strong> Teocrito (il poeta forse più amato da<br />

Gregorio), ma anche <strong>di</strong> Callimaco e Apollonio, la triade dom<strong>in</strong>ante<br />

<strong>in</strong> quella particolare temperie del terzo secolo a.C. che l’Amico (non<br />

possiamo non sentirlo presente, qui e ora, tra <strong>di</strong> noi) ha saputo così<br />

pianamente eppure acutamente storiografare, se non ad<strong>di</strong>rittura affabulare<br />

pur con vigilissimo senso critico. Mi limiterò, più avanti, a<br />

soffermarmi su un solo punto, caratterizzante le poetiche del primo<br />

ellenismo, come lo stesso Serrao <strong>in</strong><strong>di</strong>ca già nel titolo del saggio cui<br />

stiamo per de<strong>di</strong>care tutta la nostra attenzione.<br />

Si <strong>di</strong>ceva della genesi del poeta doctus a com<strong>in</strong>ciare da Antimaco. Oserei tuttavia<br />

premettere che Serrao non si è mai occupato <strong>di</strong> un poeta che non fosse<br />

‘dotto’, sia pure non alla maniera <strong>di</strong> Antimaco e poi degli alessandr<strong>in</strong>i. Se<br />

mi si consente un rapido sguardo all’<strong>in</strong><strong>di</strong>etro nel tempo – e della letteratura<br />

greca e degli scritti <strong>di</strong> Serrao – vorrei almeno accennare all’esemplare analisi<br />

dell’Ode <strong>di</strong> Erotima ( 5 ), dove Anacreonte del<strong>in</strong>ea un elaboratissimo ritratto<br />

femm<strong>in</strong>ile: <strong>di</strong> Erotima appunto. Serrao ‘vira’ <strong>di</strong>acronicamente l’<strong>in</strong>terpretazione<br />

s<strong>in</strong>cronica <strong>di</strong> Gentili (la maliziosa protagonista <strong>in</strong> questione si<br />

sarebbe atteggiata a timida fanciulla, pers<strong>in</strong>o con la madre, per condurre <strong>in</strong><br />

realtà una vita tutt’altro che irreprensibile) e ravvisa nell’ode la rappresentazione<br />

del cursus honorum <strong>di</strong> un’etera “da timida fanciulla a donna pubblica”,<br />

grazie anche all’<strong>in</strong><strong>di</strong>viduazione dell’abilissimo riuso anacreonteo <strong>di</strong> un’immag<strong>in</strong>e<br />

omerica (Il. XV 263 ss.), una similitud<strong>in</strong>e celeberrima <strong>in</strong> tutta l’antichità,<br />

variata da Apollonio (III 1259) e tradotta ad verbum da Virgilio<br />

(Aen. XI 492): a Ettore, paragonato a un irruento destriero, si sostituisce<br />

una fanciulla ormai donna, all’eroe maschile un personaggio femm<strong>in</strong>ile a<br />

suo modo ‘<strong>di</strong>rompente’. Acribia filologica e sensibilità letteraria concorrono<br />

a tale conv<strong>in</strong>cente <strong>in</strong>terpretazione. Né va sottaciuto che un’ulteriore conferma<br />

esegetica viene da un poeta, a tutti gli effetti doctus, quale Orazio ( 6 ).<br />

( 4 ) Serrao 1981.<br />

( 5 ) Serrao 1968.<br />

( 6 ) Id., p. 46 s.


Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

Ma veniamo ad Antimaco. Quanto agli “altri”, come recita il<br />

titolo del mio <strong>in</strong>tervento, dopo il cenno all’exploit precoce <strong>di</strong> Anacreonte,<br />

<strong>in</strong> ultimo non mancherò <strong>di</strong> considerare un tratto – uno solo<br />

e tuttavia non secondario – comune ai tre gran<strong>di</strong> alessandr<strong>in</strong>i (Teocrito,<br />

Callimaco, Apollonio), poiché me lo impone, come sopra preavvertivo,<br />

lo stesso saggio <strong>di</strong> Serrao che ci acc<strong>in</strong>giamo a rileggere <strong>in</strong>sieme.<br />

Serrao com<strong>in</strong>cia subito col ra<strong>di</strong>care il poeta doctus (leggi ellenistico)<br />

nel suo Zeitgeist, e anzi, più che nello ‘spirito’, nella ‘realtà’ del<br />

tempo: “Un costante desiderio <strong>di</strong> aderenza alla realtà” egli esor<strong>di</strong>sce<br />

“ed una costante ricerca <strong>di</strong> raff<strong>in</strong>atezza formale” caratterizzano<br />

la poesia del primo ellenismo ( 7 ). All’<strong>in</strong>cipit – apparentemente<br />

ossimorico: realismo vs formalismo – seguono considerazioni,<br />

sia generali che particolari, via via sempre più illum<strong>in</strong>anti. Non abbiamo<br />

che da seguirne il filo, con l’<strong>in</strong>telletto d’amore necessario alla<br />

comprensione <strong>di</strong> una tale poesia. Una poesia <strong>di</strong> cui la filologia positivistica<br />

ha “evidenziato il carattere (…) eru<strong>di</strong>to”, e che il neoidealismo,<br />

opponendo ‘poesia’ a ‘eru<strong>di</strong>zione’ ha f<strong>in</strong>ito per collocare, <strong>in</strong><br />

quanto certamente eru<strong>di</strong>ta, “nel limbo della ‘non poesia’” ( 8 ). Oltre<br />

alle due suddette, e prevalenti, <strong>di</strong>rettrici critiche – da una parte, il rilevamento<br />

<strong>di</strong> iuncturae omeriche, rarità lessicali, allusioni <strong>di</strong> ogni<br />

specie, dall’altra, quando non il <strong>di</strong>s<strong>in</strong>teresse, l’improprio tentativo <strong>di</strong><br />

liberare l’arte dei s<strong>in</strong>goli poeti dall’eru<strong>di</strong>zione – una terza via (ma<br />

non <strong>di</strong> scampo) ha condotto al giu<strong>di</strong>zio per cui la letteratura alessandr<strong>in</strong>a<br />

è stata negativamente bollata come ‘libresca’, <strong>in</strong> quanto avulsa<br />

dalla realtà e dunque <strong>di</strong>simpegnata: troppo volentieri de<strong>di</strong>ta ad allusioni<br />

scherzose, talora a frizzi salaci, nel migliore dei casi a una sottile<br />

ironia “nascosta sotto una forma levigata ed accuratamente elaborata”<br />

( 9 ).<br />

A tali vieti clichés – dalla <strong>in</strong>crollabile turris eburnea all’<strong>in</strong>evitabile<br />

labor limae – Serrao oppone una critica materialistica (<strong>in</strong> senso ra<strong>di</strong>cale),<br />

per cui nelle già note con<strong>di</strong>zioni storiche, sociali, politiche<br />

(anche i poeti sono ‘figli’ del proprio tempo) egli <strong>in</strong>serisce un elemento<br />

concretissimo: il nuovo rapporto fra poeta e pubblico,<br />

con tutte le conseguenze (siamo negli anni Settanta) non ancora<br />

valutate appieno sul piano letterario. Serrao parla della “trasformazione”<br />

att<strong>in</strong>ente alla “tecnologia della cultura” che, già percepibile<br />

( 7 ) Serrao 1978, p. 911.<br />

( 8 ) Ibid.<br />

( 9 ) Ibid.<br />

15


16<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

nel corso del quarto secolo, si compie def<strong>in</strong>itivamente nel secolo<br />

successivo: una trasformazione “più <strong>di</strong> ogni altro fenomeno coevo,<br />

dest<strong>in</strong>ata a rivoluzionare tutte le manifestazioni letterarie del periodo<br />

ellenistico: dalla comunicazione e trasmissione orale della cultura<br />

si passa gradatamente a quella scritta” ( 10 ). Così, curiosamente – per lo<br />

stesso dest<strong>in</strong>o subito, a suo tempo, dall’aggettivo leptov~ (e dal sostantivo<br />

leptovth~), che nel terzo secolo a.C. è soggetto a una decisa trasmutazione<br />

semantica acquistando un valore non più negativo, ma<br />

positivo – l’aggettivo ‘libresco’, già attribuito negativamente alla cultura<br />

ellenistica, muta <strong>di</strong> segno, nobilitandosi nella perifrasi, oggi f<strong>in</strong><br />

troppo comune, ‘cultura del libro’.<br />

In una tale e ormai trionfante cultura, con la parallela fondazione<br />

della grande biblioteca <strong>di</strong> Alessandria (e <strong>di</strong> Pergamo), il poeta affida<br />

la propria opera “alla carta scritta e al commercio librario” e “tra il<br />

poeta e il suo pubblico si frappone il libro”: è possibile cogliere un<br />

<strong>in</strong>volontario sapore nostalgico <strong>in</strong> quest’ultima espressione, come<br />

pure nella ulteriore considerazione che il poeta non si rivolge più<br />

“<strong>di</strong>rettamente” (fisicamente) agli “ascoltatori” (spettatori) al f<strong>in</strong>e <strong>di</strong><br />

“co<strong>in</strong>volgerli emozionalmente nel suo canto”, mentre, ne conclude<br />

Serrao, “la poesia perde <strong>in</strong> imme<strong>di</strong>atezza e spontaneità e si rivela più<br />

me<strong>di</strong>tata e pensosa” (<strong>in</strong> seguito <strong>di</strong>rà, meno emotivamente, che “acquista<br />

<strong>in</strong> profon<strong>di</strong>tà quanto perde <strong>in</strong> estensione”) ( 11 ) connotandosi<br />

come “più personale e più <strong>in</strong><strong>di</strong>vidualistica” ( 12 ). Su tale connotazione<br />

dovremo tornare più avanti.<br />

Tutto questo senno <strong>di</strong> poi è evidentemente necessario a Serrao<br />

per meglio (pre)giu<strong>di</strong>care quali caratteristiche fanno <strong>di</strong> Antimaco un<br />

precursore del poeta doctus <strong>di</strong> età ellenistica, per quale “complessa<br />

formazione culturale” Antimaco fu “il primo poeta filologo del<br />

mondo greco”: più <strong>di</strong>fficile capire perché “Antimaco poeta e filologo<br />

rimase una figura solitaria nel suo tempo” ( 13 ). Converrà fermarsi<br />

alle prime due domande, quelle cui appunto risponde Serrao, visto<br />

che la memoria (o la selezione?) già antica ha conservato, per tutto il<br />

quarto secolo, il solo Antimaco quale poeta-filologo, perché poeta sì,<br />

ma anche capace <strong>di</strong> ‘pensare’ e produrre una e<strong>di</strong>zione <strong>di</strong> Omero.<br />

Non a caso la Suda sente il bisogno <strong>di</strong> conferirgli un doppio, pur se<br />

( 10 ) Serrao 1978, p. 912.<br />

( 11 ) Serrao 1981, p. 172.<br />

( 12 ) Serrao 1978, p. 912.<br />

( 13 ) Id., p. 913.


Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

dubbio, magistero, quello sia del poeta epico Paniassi (<strong>di</strong>fficile per<br />

oggettive ragioni cronologiche) sia del grammatico e omerista Stesimbroto.<br />

Già <strong>in</strong> antico, dunque, Antimaco si accre<strong>di</strong>ta come il prw` to~<br />

euJrethv~ nella schiera dei poeti-filologi: schiera tuttavia <strong>in</strong><strong>in</strong>terrotta<br />

soltanto a partire da Filita – esemplare poihth;~ a{ma kai; kritikov~ –<br />

per proseguire con Callimaco, Apollonio, Licofrone, Alessandro<br />

Etolo e “molti altri” i quali “alterneranno con la dolce fatica delle<br />

Muse il paziente lavoro del grammatico” ( 14 ). Credo che l’assenza <strong>di</strong><br />

Teocrito nella suddetta serie <strong>di</strong> poeti si spieghi con la loro doppia<br />

professione <strong>di</strong> poihthv~ e <strong>di</strong> kritikov~ considerata propriamente nel<br />

suo alternarsi.<br />

Poeta doctus è, tuttavia, anche colui che esercita il mestiere <strong>di</strong> filologo<br />

nel fare poesia. Esempi numerosi e fulgi<strong>di</strong> <strong>di</strong> una tale attitud<strong>in</strong>e<br />

filologica, per così <strong>di</strong>re ‘creativa’ – come, almeno implicitamente,<br />

giu<strong>di</strong>ca Pfeiffer a proposito della scelta ‘esegetica’ nel riuso della parola<br />

omerica da parte dello stesso Callimaco ( 15 ) – sono reperibili<br />

nella <strong>in</strong>terpretatio Homerica callimachea, teocritea, apolloniana,<br />

quando l’<strong>in</strong>terpretatio non è che l’esito <strong>di</strong> una scelta che <strong>in</strong>sisto a<br />

chiamare ‘creativa’ perché appunto e soltanto deducibile dalla creazione<br />

poetica <strong>di</strong> siffatti autori.<br />

Non a caso, sembra appropriato valutare allo stesso modo l’<strong>in</strong>teressante<br />

esempio antimacheo (fr. 3 W.) citato da Serrao ( 16 ), dove l’eru<strong>di</strong>zione<br />

filologica motiva e anzi detta il senso del testo poetico, tramandato<br />

da Stefano <strong>di</strong> Bisanzio nel suo lessico geografico. Il monte<br />

della Beozia, Teumhsov~, ha questo nome, <strong>di</strong>ce Antimaco nel primo libro<br />

della Tebaide, perché Zeus teumhvsato (allestì, costruì) un antro<br />

ombroso, dove Europa restasse ben nascosta e nessuno, fosse anche un<br />

<strong>di</strong>o, potesse trovarla. I lessicografi chiosano il beotico (!) teuma`sqai<br />

con paraskeua`sqai, tecna`sqai, né sfuggiva a Wackernagel che il<br />

poeta “verbum teuma`sqai non ad suum arbitrium confixisse, sed ex<br />

ipso Boeotorum sermone assumpsisse” ( 17 ). E Serrao lucidamente<br />

commenta: “così, la toponomastica veniva <strong>in</strong>vocata a sussi<strong>di</strong>o della<br />

( 14 ) Ibid. (lo spaziato è nostro).<br />

( 15 ) Cfr. Pfeiffer 1973, pp. 229-231; e Bonanno 1995, pp. 69 e 79 (Pfeiffer si<br />

esprime esplicitamente a proposito dei “poeti epici creativi” auto<strong>in</strong>terpreti, cfr.<br />

p. 230).<br />

( 16 ) Serrao 1978, p. 916.<br />

( 17 ) Citato da Serrao 1978, p. 943 n. 5, il quale ricava a sua volta la citazione<br />

da Wyss 1936, p. 3.<br />

17


18<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

ricerca storica”, nel senso che, mentre l’etimologia testimoniava la<br />

veri<strong>di</strong>cità della leggenda, il “passato favoloso si collegava alla realtà<br />

presente” e “il mito si confondeva con la storia” ( 18 ). Non meno<br />

lucidamente – dopo un cenno agli Aitia <strong>di</strong> Callimaco, “dove l’elemento<br />

conduttore e unitario” consiste nel “cont<strong>in</strong>uo rapporto tra realtà<br />

e mito”, e un richiamo alle Argonautiche <strong>di</strong> Apollonio, dove l’it<strong>in</strong>erario<br />

è costruito “seguendo scrupolosamente le leggende eziologiche<br />

connesse con la (…) mitica spe<strong>di</strong>zione” – Serrao <strong>in</strong>siste sul fatto<br />

che nomi, culti, costumi, istituzioni “trovano la loro spiegazione<br />

nella preistoria mitica e acquistano il valore <strong>di</strong> una cont<strong>in</strong>ua documentazione<br />

storica, che collega il passato mitico con la realtà<br />

presente” ( 19 ). Questa “prospettiva storica” che fu la “grande conquista<br />

della poesia alessandr<strong>in</strong>a” ( 20 ) è anche una grande <strong>in</strong>tuizione<br />

<strong>di</strong> Serrao, pro<strong>di</strong>ga, come vedremo, <strong>di</strong> conseguenze.<br />

Un’<strong>in</strong>tuizione sostenuta anche da una felicissima ‘stravaganza’ p<strong>in</strong>darica.<br />

La poesia <strong>di</strong> P<strong>in</strong>daro è vistosamente caratterizzata da un cont<strong>in</strong>uo transito<br />

fra attualità e mito, ma, osserva en passant Serrao, il processo è esattamente<br />

<strong>in</strong>verso a quello riscontrabile nella poesia degli alessandr<strong>in</strong>i: lì gli eventi del<br />

presente sono riportati al passato eroico con l’equiparazione dell’atleta vittorioso<br />

all’eroe mitico, qui il mito è “la ragion d’essere, l’ ai[tion, della realtà<br />

presente” (la realtà dove appunto si ‘trova’ la documentazione utile a <strong>in</strong>terpretare<br />

e ricostruire il passato mitico); lì i fatti storici risultano <strong>in</strong>gran<strong>di</strong>ti,<br />

qui i miti sono ri<strong>di</strong>mensionati e come “rimpiccioliti”, per cui, detto con<br />

quello che Serrao chiama un “bisticcio <strong>di</strong> parole” (<strong>in</strong> verità un’agudeza),<br />

alla “miticizzazione della storia” subentra la “storicizzazione del mito” ( 21 ).<br />

Un tale mutato rapporto col mito, che <strong>in</strong><strong>di</strong>ca ancora <strong>in</strong> Antimaco il<br />

‘precursore’ degli alessandr<strong>in</strong>i, costituisce un elemento <strong>di</strong> giu<strong>di</strong>zio notevole,<br />

più della (presunta) professione elitaria dello stesso poeta, alle<br />

cui pubbliche letture della Tebaide avrebbe resistito, s<strong>in</strong>o alla f<strong>in</strong>e, soltanto<br />

Platone. La storiella ciceroniana plaude alla conv<strong>in</strong>zione, esternata<br />

plausibilmente dallo stesso poeta, che Platone da solo valga più <strong>di</strong><br />

tutti i possibili (numericamente) u<strong>di</strong>tori, pronti a stravedere o, più<br />

propriamente, a strasentire per un’oratio popularis, ma <strong>in</strong>capaci <strong>di</strong> apprezzare<br />

un poema recon<strong>di</strong>tum. L’aneddoto è semmai <strong>in</strong>teressante per<br />

esemplificare l’oggettiva e progressiva scissione (che dovremmo <strong>in</strong>fatti<br />

dare per <strong>in</strong>iziata già nel quarto secolo) tra cultura <strong>di</strong> élite e cultura po-<br />

( 18 ) Serrao 1978, p. 916 (lo spaziato è nostro).<br />

( 19 ) Id., p. 917 (lo spaziato è nostro).<br />

( 20 ) Ibid.<br />

( 21 ) Id., pp. 917 s.


Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

polare, più concretamente tra cultura scritta e cultura orale, più volte<br />

riba<strong>di</strong>ta da Serrao per l’età ellenistica ( 22 ): quando, tuttavia, alla<br />

cultura orale la stessa letteratura ufficiale non mancherà <strong>di</strong> prestare attenzione,<br />

serbandoci, osserva ancora Serrao, almeno il ricordo <strong>di</strong> “improvvisazioni<br />

poetiche”, mentre autori come Callimaco, Eroda, e soprattutto<br />

Teocrito “non <strong>di</strong>sdegneranno” talvolta <strong>di</strong> att<strong>in</strong>gere temi e<br />

motivi popolari, naturalmente filtrati attraverso la cultura alta “per imban<strong>di</strong>rli<br />

poi (…) agli uom<strong>in</strong>i emunctae naris della classe <strong>di</strong>rigente” ( 23 ).<br />

Anche su questa stimolante osservazione dovremo ritornare.<br />

F<strong>in</strong> qui Antimaco ‘precursore’ degli alessandr<strong>in</strong>i: anche secondo<br />

Pfeiffer, perché Antimaco è il primo poeta-filologo e, per giunta,<br />

primo e<strong>di</strong>tore <strong>di</strong> Omero.<br />

Si tratta <strong>di</strong> un argomento periglioso, ché fatalmente conduce al<br />

problema, tuttora <strong>di</strong>battuto, sulla ‘nascita’ della filologia classica, secondo<br />

Pfeiffer sorta <strong>in</strong> Alessandria ad opera dei poetae docti, i veri<br />

padri della filologia. Non è il momento <strong>di</strong> riaprire la complicata<br />

questione. Ma non posso qui tacere che, <strong>di</strong> ritorno da un convegno<br />

appunto sul tema dei poeti-filologi ( 24 ), Serrao, che non ne era stato<br />

partecipe ma ne aveva colto gli echi, mi rimproverò aspramente (a<br />

suo modo, comunque, con improbabile aggressività e, come d’abitud<strong>in</strong>e,<br />

per telefono) <strong>di</strong> aver chiamato <strong>in</strong> causa l’importanza del Peripato<br />

circa la cosiddetta ‘nascita’ della filologia classica, come <strong>di</strong>re<br />

della filologia tout-court. Lo rassicurai <strong>in</strong> merito, precisando anzi<br />

che, se da un lato mi pareva comunque legittimo non con<strong>di</strong>videre<br />

l’ideologia umanistica <strong>di</strong> Pfeiffer, il quale notoriamente riconosce la filologia<br />

come figlia dell’‘amore per la poesia’, dall’altro non giu<strong>di</strong>cavo<br />

impeccabile l’obiezione (<strong>in</strong> realtà l’ideologia opposta) per cui si potrebbe<br />

<strong>di</strong>re che dall’‘amore per la ricerca’ (leggi il Peripato) nasce la filologia<br />

e qu<strong>in</strong><strong>di</strong> una poesia nuova, colta; aggiunsi che, forse, anche noi<br />

moderni dovremmo <strong>in</strong>terrompere l’antico gioco del prw`to~ euJrethv~<br />

e – <strong>in</strong> attesa <strong>di</strong> ulteriori ed esaustive (per quanto possibile) ricerche al<br />

f<strong>in</strong>e <strong>di</strong> stabilire <strong>di</strong>pendenze per ora non facilmente documentabili –<br />

chiarire semmai le <strong>di</strong>fferenze <strong>di</strong> ‘metodo’, <strong>in</strong>negabili tra il Peripato e i<br />

poetae docti alessandr<strong>in</strong>i, le cui rispettive ‘f<strong>in</strong>alità’ <strong>di</strong> ricerca (a tacere<br />

( 22 ) Id., p. 915; cfr. Serrao 1981, p. 172.<br />

( 23 ) Cfr. Serrao 1978, p. 915.<br />

( 24 ) “Poeti e filologi, filologi-poeti. Composizione e stu<strong>di</strong>o della poesia epica e<br />

lirica nel mondo greco e romano”, Brescia 26-27 aprile 1995 (per il mio <strong>in</strong>tervento,<br />

si veda Bonanno 1995).<br />

19


20<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

delle rispettive idee <strong>di</strong> poetica) non sembrano affatto co<strong>in</strong>cidere.<br />

Chiacchierai allora – nella stessa telefonata, lunghissima, come quasi<br />

sempre con Gregorio – <strong>di</strong> un possibile tentativo <strong>di</strong> <strong>di</strong>aivresi~, che<br />

“senza voler stabilire pericolose filiazioni” ( 25 ) – nel complesso <strong>in</strong>treccio<br />

delle attività filologico-esegetiche e l<strong>in</strong>guistico-grammaticali,<br />

grosso modo riconducibili, da un lato, agli stessi rapso<strong>di</strong> e certamente<br />

ai poeti, dall’altro, ai sofisti e ai filosofi (la tra<strong>di</strong>zione attribuisce peraltro<br />

ad Aristotele una <strong>di</strong>ovrqwsi~ <strong>di</strong> Omero), considerato che rapso<strong>di</strong> e<br />

poeti, sofisti e filosofi operano tutti prima dello stesso Antimaco e<br />

ancor prima che le suddette e varie attitud<strong>in</strong>i acquist<strong>in</strong>o all’epoca<br />

del primo e secondo ellenismo un autentico statuto <strong>di</strong>scipl<strong>in</strong>are – sia<br />

una <strong>di</strong>aivresi~ appunto <strong>in</strong>tesa a <strong>di</strong>st<strong>in</strong>guere, se non a <strong>di</strong>stricare, il<br />

filo lungo il quale il poeta è sempre e{tero~ ejx eJtevrou sofov~, anche<br />

e soprattutto nel senso che cont<strong>in</strong>ua a <strong>in</strong>terpretare i poeti a lui precedenti,<br />

com<strong>in</strong>ciando da Omero. Così, sullo stesso filo, irrobustito da<br />

numerosi esempi (celebre, uno per tutti, quello eschileo <strong>di</strong> Ag. 358<br />

che ‘<strong>in</strong>terpreta’ Il. V 487 ss.), può risultare meno sorprendente perf<strong>in</strong>o<br />

l’impresa <strong>di</strong> Antimaco che, nel quarto secolo, anticipa l’esperienza<br />

alessandr<strong>in</strong>a: o, piuttosto, cont<strong>in</strong>ua e porta (quasi) a compimento una<br />

tra<strong>di</strong>zione? Grazie anche alla cultura del libro, che già s’impone, egli<br />

giunge a confezionare la prima e<strong>di</strong>zione kat∆ a[ndra (un poeta!) del<br />

primo poeta. Non si tratta qui del deposito presso la povli~ <strong>di</strong> un testo<br />

che si vorrebbe def<strong>in</strong>ito e posseduto ej~ ajeiv, e neppure si mira al possesso<br />

feticistico <strong>di</strong> un libro (<strong>di</strong> un opera ‘<strong>in</strong> forma <strong>di</strong>’ libro), bensì allo<br />

stu<strong>di</strong>o e alla costituzione <strong>di</strong> un testo per esigenze (per amore, <strong>di</strong>rebbe<br />

Pfeiffer) <strong>di</strong> poesia. Conclusi la telefonata, confessando f<strong>in</strong>almente a<br />

Serrao che, <strong>in</strong>somma, mi garbava proprio pensare al suo Antimaco <strong>in</strong>tento<br />

a lavorare sulla ‘propria’ e<strong>di</strong>zione <strong>di</strong> Omero.<br />

Quanto agli “altri”, gli alessandr<strong>in</strong>i cont<strong>in</strong>ueranno a stu<strong>di</strong>are<br />

Omero, magari servendosi <strong>di</strong> un’e<strong>di</strong>zione altrui, purché affidabile: il<br />

‘libro’ zenodoteo, più volte compulsato e vagliato (grazie al testo<br />

scritto è <strong>in</strong>fatti possibile tornare sullo stesso verso, sulla stessa parola),<br />

placherà l’esigenza <strong>di</strong> una ‘propria’ e<strong>di</strong>zione, senza neppure frustrare<br />

l’attitud<strong>in</strong>e alla scelta ecdotica nel fare poesia ( 26 ).<br />

Ai suddetti “altri” – limitandomi peraltro alla canonica triade Teocrito,<br />

Callimaco, Apollonio, e avviandomi alla conclusione – accen-<br />

( 25 ) Cfr. Bonanno 1995, pp. 80-85: la citazione circa le liaisons dangereuses, se<br />

non altro perché allo stato non sufficientemente appurate, è tratta da Montanari<br />

1993, p. 261, con il quale concordo pienamente.<br />

( 26 ) Cfr. Bonanno 1995, p. 84.


Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

nerò <strong>in</strong> breve, seguendo fedelmente Serrao, che ha voluto così ‘<strong>in</strong>corniciare’<br />

il ritratto <strong>di</strong> Antimaco, non certo per amor <strong>di</strong> tesi, quanto,<br />

credo, per la logica <strong>in</strong>tr<strong>in</strong>seca a un capitolo <strong>di</strong> quello che abbiamo<br />

<strong>in</strong> pr<strong>in</strong>cipio def<strong>in</strong>ito Bildungsroman, scritto per affabulare le<br />

però vere vicende dei poeti alessandr<strong>in</strong>i.<br />

Prenderemo dunque <strong>in</strong> considerazione l’unico ma significativo<br />

tratto con<strong>di</strong>viso da Teocrito, Callimaco, Apollonio (cui Serrao de<strong>di</strong>ca<br />

ben ventiquattro pag<strong>in</strong>e, <strong>di</strong> contro alle sette su Antimaco, ‘proemio’<br />

compreso). E, del resto, a questo tratto comune – le “aspirazioni<br />

realistiche” esplicitate già nel titolo del saggio – riconducono, <strong>in</strong><br />

qualche modo, tutti e tre i punti salienti, e problematici, su cui avevamo<br />

promesso <strong>di</strong> ritornare: il concetto <strong>di</strong> una poesia personale; l’irruzione<br />

della storia dentro la poesia; il fatto che poeti come, ad<br />

esempio, Callimaco, ma soprattutto Teocrito non ‘<strong>di</strong>sdegnarono’ <strong>di</strong><br />

att<strong>in</strong>gere alla cultura popolare e dunque orale ( 27 ).<br />

Il programma poetico <strong>di</strong> Teocrito è già <strong>in</strong> nuce nella ‘promozione’<br />

<strong>di</strong> Simichida da parte <strong>di</strong> Licida, secondo il noto racconto delle Talisie.<br />

Licida è rappresentato realisticamente, e m<strong>in</strong>uziosamente, quanto all’abbigliamento,<br />

così da riconoscere subito <strong>in</strong> lui un capraio, il quale<br />

però sorride alla beata maniera <strong>di</strong> un <strong>di</strong>o: come <strong>di</strong>re che l’abito qui fa<br />

il monaco, tanto più – vorrei osservare a conferma della ‘<strong>di</strong>v<strong>in</strong>izzazione’<br />

<strong>di</strong> Licida persona – che manca totalmente la descrizione <strong>di</strong> ogni<br />

elemento fisico, fatta eccezione (parafrasando un’immag<strong>in</strong>e e <strong>in</strong>sieme<br />

un’espressione dantesca) per l’‘<strong>in</strong><strong>di</strong>ato’ riso, metafisico appunto ( 28 ).<br />

Licida consacra, dunque, Simichida-Teocrito (già poeta!) quale<br />

archegeta della poesia bucolica: “questo ricurvo bastone ti dono,<br />

perché sei un rampollo <strong>di</strong> Zeus (ejk Dio;~ e[rno~) tutto plasmato sulla<br />

verità (pa`n ejp∆ ajlaqeiva/ peplasmevnon)” ( 29 ). A tale traduzione,<br />

dei vv. 43-44 delle Talisie, Serrao fa corrispondere la sua <strong>in</strong>terpretazione<br />

(qui <strong>in</strong> estrema s<strong>in</strong>tesi): per un poeta “essere plasmato sulla verità”<br />

significa non r<strong>in</strong>unciare alla propria personale natura, non <strong>di</strong>pendere<br />

sup<strong>in</strong>amente da alcun imme<strong>di</strong>ato modello letterario, non<br />

tra<strong>di</strong>re il carattere <strong>in</strong>timamente realistico della propria poesia,<br />

concepita come un’immag<strong>in</strong>e vera e <strong>di</strong>retta della realtà pastorale.<br />

( 27 ) Cfr. supra, n. 23.<br />

( 28 ) Obbligato, qui, il r<strong>in</strong>vio a Serrao 1971, pp. 16-20, dove l’autore approfon<strong>di</strong>sce<br />

e <strong>di</strong>lata un’<strong>in</strong>tuizione <strong>di</strong> Puelma a proposito della “sfera del <strong>di</strong>v<strong>in</strong>o” cui appartiene,<br />

per l’occasione, il capraio Licida.<br />

( 29 ) Cfr. Serrao 1981, p. 210. Il programma dell’Id. VII è esposto alle pp. 200-<br />

220, chiaramente, ma più s<strong>in</strong>teticamente <strong>di</strong> come l’autore aveva letto, <strong>in</strong> realtà<br />

sviscerato, le stesse Talisie, <strong>di</strong>eci anni prima, cfr. Serrao 1971, pp. 13-68.<br />

21


22<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

La ‘verità’, spiega Serrao, connota metaforicamente (soggettivamente)<br />

la poesia personale (nel senso <strong>di</strong> orig<strong>in</strong>ale) e letteralmente<br />

(oggettivamente) il ‘racconto’ poetico, però storicamente attestato e<br />

<strong>di</strong>rettamente accertato. Già le Muse <strong>di</strong> Esiodo – l’ombra della cui<br />

<strong>in</strong>vestitura notoriamente si proietta su quella <strong>di</strong> Simichida-Teocrito<br />

– sapevano <strong>di</strong>re (e <strong>in</strong>segnare) anche la verità.<br />

Non mi risulta sia stato notato, almeno nei term<strong>in</strong>i che mi avvio a formulare,<br />

che non solo, com’è evidente, la koruvna (cfr. v. 19 e 128 = lagwbovlon) <strong>di</strong><br />

olivo selvatico richiama lo skhvptron esiodeo, cioè il ramo <strong>di</strong> alloro fiorente,<br />

ma la f<strong>in</strong> troppo elaborata espressione (Serrao mi perdoni, ma solo lui, a<br />

furia <strong>di</strong> ripetermela, me l’ha resa <strong>in</strong> qualche modo ‘familiare’ e comunque<br />

meno ostica) pa`n ejp∆ ajlaqeiva/ peplasmevnon ejk Dio;~ e[rno~ (caricata <strong>di</strong><br />

una doppia se non tripla metafora e obbligata a un ajpo; ko<strong>in</strong>ou`), deve forse<br />

la sua ‘figura’ un po’ lambiccata proprio all’<strong>in</strong>tenzione <strong>di</strong> richiamarsi ad<br />

ogni costo, e <strong>in</strong> forma pregnante, a Esiodo: non solo con l’evidente allusione<br />

alla verità, cioè alle parole e alle cose vere (ajlavqeia à ajlhqeva), ma<br />

pure col più criptico ma altrettanto allusivo e[rno~, che non vedo perché<br />

non possa risentire dell’esiodeo o[zo~ (v. 30 davfnh~ ejriqhlevo~ o[zon). Entrambi<br />

i term<strong>in</strong>i normalmente ricorrono <strong>in</strong> senso letterale, ma anche metaforico,<br />

come l’italiano ‘rampollo’ ( 30 ). A ben vedere, Simichida-Teocrito<br />

s’<strong>in</strong>carna, grazie alla metafora “of human (or <strong>di</strong>v<strong>in</strong>e) ‘sprigs’” ( 31 ), <strong>in</strong> un<br />

simbolo vegetale: ne risulta una proswpopoiiva che allude a una ‘naturalità’<br />

assimilabile alla tangibile consistenza naturale della teocritea koruvna <strong>di</strong> olivo<br />

selvatico, per suo conto strumentale equivalente dell’esiodeo o[zo~ <strong>di</strong> alloro.<br />

Una verità, quella <strong>di</strong> Teocrito, comunque ‘connaturata’: se considerata<br />

da un punto <strong>di</strong> vista soggettivo, risponde alla personale e naturale<br />

attitud<strong>in</strong>e del poeta, mentre, da un punto <strong>di</strong> vista oggettivo,<br />

co<strong>in</strong>cide con la realtà (nel senso <strong>in</strong> cui, per Aristot. Pol. 1281b 12,<br />

ta; ajlhq<strong>in</strong>av sono gli oggetti reali), nella fattispecie con la natura del<br />

mondo pastorale, amorevolmente quanto oggettivamente osservabile,<br />

documentabile, storicizzabile.<br />

Passiamo ora al secondo punto: proprio alla storia che irrompe,<br />

per così <strong>di</strong>re, nella poesia, che ritengo il fulcro tanto della new wave<br />

ellenistica quanto del pensiero <strong>di</strong> Serrao, dove non saprei se la storia<br />

sia causa causans o causa causata dello stesso realismo, quello ellenistico<br />

appunto.<br />

( 30 ) Non pretendo qui se non <strong>di</strong> sfiorare l’argomento, su cui tornerò quanto<br />

prima. Le varie <strong>di</strong>fficoltà dell’<strong>in</strong>tero passo sono affrontate <strong>in</strong> modo ammirevole<br />

nelle belle pag<strong>in</strong>e <strong>di</strong> Serrao 1971, pp. 29-55 (con bibliografia). Non offre particolari<br />

novità il recente commento <strong>di</strong> Hunter 1999, pp. 162-166.<br />

( 31 ) Cfr. Gow 1952, p. 142, che, a proposito del v. 44, elenca una lunga serie<br />

<strong>di</strong> esempi <strong>di</strong> tale metafora.


Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

Abbiamo prima fatto un cenno, già sufficiente, a Callimaco autore<br />

degli Aitia quale cantore <strong>di</strong> verità (edotto <strong>in</strong> merito dalle Muse<br />

sulle vere orig<strong>in</strong>i <strong>di</strong> culti, riti, nomi etc.) e maestro <strong>di</strong> ‘sottile’ realismo<br />

( 32 ); abbiamo anche accennato ad Apollonio autore delle Argonautiche,<br />

e dunque collazionatore e selezionatore <strong>di</strong> fonti e documenti<br />

‘veri’ <strong>in</strong> vista <strong>di</strong> un’opera dove non si possa né si debba <strong>di</strong>st<strong>in</strong>guere<br />

il grammatico e lo storico, l’eru<strong>di</strong>to e il geografo dal poeta.<br />

Insomma, al <strong>di</strong> là delle <strong>di</strong>fferenti personalità poetiche e delle felicissime<br />

ant<strong>in</strong>omie alessandr<strong>in</strong>e (poesia/filologia; realismo/formalismo;<br />

polumaqivh/leptovth~; stu<strong>di</strong>o del passato/desiderio <strong>di</strong> novità;<br />

co<strong>di</strong>ficazione <strong>di</strong> generi e <strong>di</strong>aletti/assenza <strong>di</strong> ogni purismo <strong>in</strong> materia;<br />

<strong>di</strong>ffusione del libro/produzione elitaria; cultura scritta/tra<strong>di</strong>zione<br />

orale; scienza/superstizione etc.), resta, mai contraddetto e anzi con<strong>di</strong>viso,<br />

un manifesto che consiste piuttosto <strong>in</strong> un aforisma (potenza del<br />

frammento!): il callimacheo ajmavrturon oujde;n ajeivdw (fr. 612 P.),<br />

“non canto nulla che non sia documentato” (e qu<strong>in</strong><strong>di</strong> ‘vero’).<br />

Serrao ne parla ovviamente (e volentieri lo accosta al senso del teocriteo<br />

pa`n ejp∆ ajlaqeiva/ peplasmevnon) e altrettanto ovviamente lo<br />

contrappone alla celebre <strong>di</strong>st<strong>in</strong>zione aristotelica fra poesia e storia,<br />

fra universale e particolare, per cui, mentre allo storico spetta il<br />

compito <strong>di</strong> riferire i fatti realmente accaduti, il poeta è chiamato a<br />

raccontare i fatti che potrebbero accadere o sarebbe possibile che accadano<br />

secondo il criterio <strong>di</strong> verosimiglianza e necessità ( 33 ).<br />

La <strong>di</strong>chiarazione poetica <strong>di</strong> Callimaco potrebbe apparire pedante<br />

quanto <strong>in</strong>genua (dopo la geniale soluzione aristotelica, che travalica<br />

lo scopo <strong>di</strong> salvare la poesia dalla condanna platonica), ma credo che<br />

tale <strong>di</strong>chiarazione possa e debba spiegarsi storicamente quanto semplicemente.<br />

Ne accennai <strong>in</strong> presenza dello stesso Gregorio (c’erano,<br />

tra gli altri, Roberto Pretagost<strong>in</strong>i e Adele Teresa Cozzoli) <strong>in</strong> occasione<br />

della presentazione <strong>di</strong> un libro de<strong>di</strong>cato alla ‘rivoluzionaria’ scienza<br />

ellenistica ( 34 ); ritornai poi sullo stesso argomento a conclusione<br />

( 32 ) Per la realistica descrizione callimachea dell’alba cittad<strong>in</strong>a, rappresentata<br />

nei particolari visivi e sonori più umili (forse perché sentiti più ‘veri’), così da<br />

commuovere il lettore, cfr. Serrao 1981, p. 228.<br />

( 33 ) Poet. 1450b-1459a, <strong>in</strong>evitabile oggetto <strong>di</strong> una prima <strong>di</strong>scussione <strong>in</strong> Serrao<br />

1978, p. 930 ss., poi ripresa <strong>in</strong> Serrao 1981, pp. 213 e 223 s.<br />

( 34 ) Il libro <strong>di</strong> L. Russo, La rivoluzione <strong>di</strong>menticata, Milano 1996, fu presentato<br />

l’<strong>in</strong>izio dell’anno successivo all’Università <strong>di</strong> Roma “Tor Vergata”, dove ebbi il<br />

piacere e l’onore <strong>di</strong> sedere al tavolo dei relatori assieme a Bruno Gentili. La meritata<br />

fortuna del libro è <strong>di</strong>mostrata dalla nuova e aggiornata e<strong>di</strong>zione, uscita (sempre<br />

per i tipi <strong>di</strong> Feltr<strong>in</strong>elli) nel 2001.<br />

23


24<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

<strong>di</strong> un convegno sulle problematiche della cultura ellenistica ( 35 ) dove<br />

era ancora presente Serrao, e con lui Rossi, Pretagost<strong>in</strong>i, Adele Teresa<br />

Cozzoli. Non mi venne <strong>in</strong> mente, specie <strong>in</strong> questa seconda occasione,<br />

<strong>di</strong> de<strong>di</strong>care a Gregorio la riflessione che sto per comunicarvi, e<br />

che gli de<strong>di</strong>cherò quanto prima riscrivendola più accortamente argomentata<br />

e accuratamente documentata. Si tratta <strong>di</strong> una riflessione<br />

nata da una domanda che mi ero tenuta dentro per anni senza saper<br />

rispondere, una domanda proprio suscitata dall’<strong>in</strong>sistenza <strong>di</strong> Serrao<br />

sulla ‘poetica della verità’ e, qu<strong>in</strong><strong>di</strong>, sul ‘realismo’ degli alessandr<strong>in</strong>i,<br />

poiché questo realismo non solo assorbe <strong>in</strong> sé la ‘storicità’ del reale,<br />

ma pure corrisponde alla ‘verità’ e ad<strong>di</strong>rittura vi si confonde: questo<br />

realismo costituisce il tratto comune ai poeti da Serrao più stu<strong>di</strong>ati e<br />

amati: Callimaco, Apollonio, e soprattutto Teocrito ( 36 ).<br />

L’ansia <strong>di</strong> ‘verità’ dei poeti alessandr<strong>in</strong>i potrebbe ben <strong>in</strong>terpretarsi,<br />

io credo, alla luce <strong>di</strong> quell’unità del sapere – letterario e scientifico<br />

– che caratterizzò, all’epoca, il milieu culturale, s’<strong>in</strong>tende d’élite.<br />

Una tale programmatica ‘verità’ perde ogni sapore <strong>in</strong>genuamente<br />

antifilosofico (non ha, per sua fortuna, neppure bisogno <strong>di</strong> misurarsi<br />

contro l’aristotelismo, poiché <strong>in</strong> effetti ne può presc<strong>in</strong>dere) per assumere<br />

una valenza che oserei def<strong>in</strong>ire ‘scientifica’, <strong>in</strong> quanto apprezzabile<br />

nella sua giusta <strong>di</strong>mensione soltanto se <strong>in</strong>serita nel clima ‘rivoluzionario’<br />

che permea l’età alessandr<strong>in</strong>a, a suo modo ‘illum<strong>in</strong>istica’<br />

e così capace <strong>di</strong> scienza da non praticare alcuna separazione tra le<br />

due culture (nel moderno senso <strong>di</strong> Snow) e anzi favorisce istituzionalmente,<br />

al Museo <strong>di</strong> Alessandria, la convivenza <strong>di</strong> letterati e scienziati.<br />

Un clima ‘scientifico’, se non ‘scientista’, che non manca <strong>di</strong> <strong>in</strong>fluenzare<br />

gli umori <strong>di</strong> letterati quali Callimaco, Teocrito, e anche<br />

Apollonio, nel momento <strong>in</strong> cui ricercano l’ai[tion <strong>di</strong> un rito, la ‘verità’<br />

storica <strong>di</strong> un mito, l’esattezza geografica <strong>di</strong> un sito. Una tale<br />

‘scienza’, tutt’altro che f<strong>in</strong>e a se stessa, mira allo storicamente ‘vero’<br />

<strong>in</strong> quanto documentato. I poeti riven<strong>di</strong>cano così il <strong>di</strong>ritto <strong>di</strong> fare<br />

storia e, <strong>in</strong> tal senso, <strong>di</strong> rappresentare la realtà (nel loro lessico familiare<br />

la ‘verità’) delle cose. Come se la per<strong>di</strong>ta della <strong>di</strong>retta funzione<br />

( 35 ) Si tratta del convegno <strong>in</strong>ternazionale “La letteratura ellenistica. Problemi e<br />

prospettive <strong>di</strong> ricerca”, organizzato e <strong>in</strong>trodotto da R. Pretagost<strong>in</strong>i sempre all’Università<br />

<strong>di</strong> Roma “Tor Vergata”, 29-30 aprile 1997 (Serrao e Rossi erano fra i relatori),<br />

i cui atti sono pubblicati sul primo dei “Quaderni” <strong>di</strong> “Sem<strong>in</strong>ari Romani <strong>di</strong><br />

Cultura greca”, Roma 2000.<br />

( 36 ) La nozione <strong>di</strong> ‘realismo’, così come formulata da Serrao, è più pregnante<br />

<strong>di</strong> quella, peraltro esposta più estesamente, da Zanker 1987 (che sorprendentemente<br />

ignora Serrao).


Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

sociale del poeta – <strong>in</strong> età arcaica maestro <strong>di</strong> verità e poi, all’epoca cosiddetta<br />

classica, cittad<strong>in</strong>o attivamente immerso nella storia della<br />

propria povli~ – sia compensata da una sorta <strong>di</strong> nuovo engagement,<br />

esercitato da poeti, sì <strong>di</strong> corte, e tuttavia non ‘menzogneri’, dal momento<br />

che attendono a una missione, se non più <strong>di</strong> maestri <strong>di</strong> ‘verità’<br />

(<strong>di</strong> quella già arcaica, e dunque rivelata), almeno <strong>di</strong> <strong>in</strong>dagatori<br />

della realtà, ovvero ‘verità’, ormai laicamente percepibile nelle cose<br />

del mondo. Così, l’“età moderna dell’evo antico” (Droysen) è abitata<br />

da poeti che sono anche storici, geografi, etnologi, antropologi,<br />

quando non astronomi e matematici (ma il caso <strong>di</strong> Eratostene merita<br />

un <strong>di</strong>scorso a parte).<br />

Guardando negli occhi Gregorio che, f<strong>in</strong> dalla prima delle due<br />

occasioni sopra ricordate, non scosse affatto la testa <strong>in</strong> senso <strong>di</strong> d<strong>in</strong>iego,<br />

def<strong>in</strong>ii (quale esempio, <strong>in</strong> merito, assolutamente più eclatante)<br />

Teocrito “poeta-antropologo” citando il ‘caso limite’ del qu<strong>in</strong>to<br />

I<strong>di</strong>llio (così ad hoc analizzato da Serrao, amico e sodale, a Cagliari,<br />

del collega e stu<strong>di</strong>oso <strong>di</strong> tra<strong>di</strong>zioni popolari Alberto M. Cirese): il<br />

poeta detta o meglio, segue le regole dell’agone bucolico, programmando<br />

<strong>di</strong> promuovere i canti popolari a un nuovo genere letterario<br />

(quello bucolico), e rivelando la propria ‘scienza’ <strong>di</strong> poeta-stu<strong>di</strong>oso<br />

<strong>di</strong> tra<strong>di</strong>zioni popolari, il quale magari idealizza il mondo dei pastori,<br />

e però ne rispetta e <strong>di</strong>vulga, sussumendola, la ‘struttura’ e, dunque,<br />

la regola dei loro canti.<br />

Non consentirei toto corde, a questo punto (il terzo e ultimo preannunciato),<br />

con l’affermazione <strong>di</strong> Serrao che i poeti alessandr<strong>in</strong>i non<br />

‘<strong>di</strong>sdegnarono’ d’<strong>in</strong>teressarsi alla cultura popolare (orale) ( 37 ): la ‘vera’<br />

esperienza della totalità del mondo (compreso il mondo umile ma libero<br />

e ‘fuori’ dal chiuso ‘dentro’ delle biblioteche), ovvero della quoti<strong>di</strong>anità<br />

della storia – come la filologia, che è storia <strong>in</strong> quanto <strong>di</strong>uturna<br />

e progressiva approssimazione alla <strong>di</strong>scoverta del vero testo ( 38 ) – penetra<br />

nella loro poesia perché sp<strong>in</strong>ta da istanze propriamente ‘scientifiche’.<br />

Realtà e verità <strong>in</strong>teragiscono alla luce <strong>di</strong> un ‘illum<strong>in</strong>ismo’<br />

ante litteram, che equamente rischiara scienze esatte e scienze umane,<br />

a vantaggio degli stessi ‘artisti’.<br />

( 37 ) Cfr. supra, n. 22; ovviamente non al punto <strong>di</strong> concepire solidarietà con le<br />

classi <strong>di</strong>seredate, come opportunamente sottol<strong>in</strong>ea, una prima volta, Serrao 1978,<br />

p. 941 s., paragonandolo al moderno realismo (ma si sa che ogni epoca coltiva un<br />

proprio realismo, e non solo <strong>in</strong> letteratura); sulle tracce <strong>di</strong> poesia orale nei carmi<br />

<strong>di</strong> Teocrito, cfr. Pretagost<strong>in</strong>i 1992.<br />

( 38 ) L’argomento meriterebbe un apposito e lungo <strong>di</strong>scorso, che r<strong>in</strong>viamo ad<br />

un’altra occasione.<br />

25


26<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

È un fatto, peraltro, che anche nella pittura ellenistica – dove la<br />

scienza ottica <strong>di</strong> Euclide trova nella prospettiva la sua migliore applicazione<br />

con effetti realistici – la volumetria, la plasticità, il senso della<br />

<strong>di</strong>stanza, implicano un mondo esterno misurabile, classificabile,<br />

catalogabile: una conv<strong>in</strong>zione dell’<strong>in</strong>tellettuale alessandr<strong>in</strong>o, vuoi<br />

scienziato vuoi artista, <strong>in</strong>cluso il letterato, purché poeta doctus.


Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

Bibliografia<br />

Bonanno 1995 = M.G. BONANNO, Poetae ut Homeri <strong>in</strong>terpretes (Teocrito, Apollonio),<br />

Aevum Antiquum 8, 1995, pp. 65-85<br />

Gow 1952 = A.S.F. GOW, Theocritus, II, Cambridge 1952<br />

Hunter 1999 = R. HUNTER, Theocritus: a Selection. Idylls 1, 3, 4, 6, 7, 10, 11 and<br />

13, Cambridge 1999<br />

Montanari 1993 = F. MONTANARI, L’eru<strong>di</strong>zione, la filologia, la grammatica, <strong>in</strong> Lo<br />

spazio letterario della Grecia antica, I/2, Roma 1993, pp. 235-281<br />

Pfeiffer 1973 = R. PFEIFFER, Storia della filologia classica. Dalle orig<strong>in</strong>i alla f<strong>in</strong>e dell’età<br />

ellenistica, tr. it. Napoli 1973<br />

Pretagost<strong>in</strong>i 1992 = R. PRETAGOSTINI, Tracce <strong>di</strong> poesia orale nei carmi <strong>di</strong> Teocrito,,<br />

Aevum Antiquum 5, 1995, pp. 67-87.<br />

Serrao 1968 = G. SERRAO, L’ode <strong>di</strong> Erotima: da timida fanciulla a donna pubblica<br />

(Anacr. fr. 346, 1 P. = 60 Gent.), QUCC 6, 1968, pp. 36-51<br />

Serrao 1971 = G. SERRAO, Problemi <strong>di</strong> poesia alessandr<strong>in</strong>a, I. Stu<strong>di</strong> su Teocrito,<br />

Roma 1971<br />

Serrao 1978 = G. SERRAO, La genesi del “poeta doctus” e le aspirazioni realistiche del<br />

primo ellenismo, <strong>in</strong> Stu<strong>di</strong> <strong>in</strong> onore <strong>di</strong> A. Ar<strong>di</strong>zzoni, Roma 1978, pp. 911-<br />

948<br />

Serrao 1979 = G. SERRAO, Antimaco <strong>di</strong> Kolophòn primo poeta doctus, <strong>in</strong> Storia e<br />

civiltà dei Greci, <strong>di</strong>rettore R. BIANCHI BANDINELLI, III 5, Milano 1979,<br />

pp. 299-310<br />

Serrao 1981 = G. SERRAO, La cultura ellenistica, <strong>in</strong> Storia e civiltà dei Greci, <strong>di</strong>rettore<br />

R. BIANCHI BANDINELLI, V 9, Roma 19812 , pp. 171-253<br />

Wyss 1936 = B. WYSS, Antimachi Colophonii reliquiae, Berol<strong>in</strong>i 1936<br />

Zanker 1987 = G. ZANKER, Realism <strong>in</strong> Alexandr<strong>in</strong>ian Poetry: a Literature and its<br />

Au<strong>di</strong>ence, London-Sidney, Wolfeboro (New Hampshire) 1987<br />

27


ROBERTO PRETAGOSTINI<br />

PROBLEMI DI POESIA ALESSANDRINA<br />

Il mio contributo <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao verte sugli stu<strong>di</strong><br />

da lui de<strong>di</strong>cati ai caratteri generali della poesia ellenistica, a Callimaco<br />

e ad Apollonio Ro<strong>di</strong>o. Se ho deciso <strong>di</strong> <strong>in</strong>titolarlo con lo stesso titolo<br />

del suo volume più famoso ( 1 ), la scelta è stata dettata non solo<br />

da comprensibili ragioni sentimentali, ma soprattutto dalla necessità<br />

<strong>di</strong> mettere <strong>in</strong> evidenza quello che ai miei occhi sembra un <strong>in</strong>negabile<br />

paradosso. Il volume citato si sarebbe forse dovuto più giustamente<br />

<strong>in</strong>titolare Stu<strong>di</strong> su Teocrito, come recita appunto il sottotitolo, <strong>in</strong><br />

quanto il libro è tutto <strong>in</strong>centrato sull’esame <strong>di</strong> <strong>di</strong>versi aspetti della<br />

poesia teocritea; il titolo Problemi <strong>di</strong> poesia alessandr<strong>in</strong>a sarebbe stato<br />

<strong>in</strong>vece ideale per quel volume sulla cultura dell’età ellenistica e sui<br />

maggiori poeti <strong>di</strong> questo periodo, oltre a Teocrito, che Serrao avrebbe<br />

voluto e dovuto scrivere e che <strong>in</strong>vece non è riuscito a realizzare.<br />

Questo ha nuociuto alla valutazione della sua figura <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>oso: egli<br />

<strong>in</strong>fatti a giusto titolo è considerato uno dei più raff<strong>in</strong>ati <strong>in</strong>terpreti<br />

della poesia teocritea, ma non ha ottenuto il riconoscimento che<br />

meritava come grande esperto della letteratura o, ancora meglio, della<br />

cultura alessandr<strong>in</strong>a nel suo complesso. La scelta <strong>di</strong> questo titolo<br />

per il mio contributo vuole essere un omaggio concreto alle sue brillanti<br />

riflessioni su questo tema, che purtroppo non hanno trovato<br />

collocazione – e ce ne rammarichiamo per lui e per noi – all’<strong>in</strong>terno<br />

<strong>di</strong> un volume organico e sistematico.<br />

La trattazione dell’argomento oggetto delle mie riflessioni ovviamente<br />

non può presc<strong>in</strong>dere da un dato biografico, che potrebbe far<br />

velo all’obiettività <strong>di</strong> quanto <strong>di</strong>rò. Ho conosciuto Gregorio Serrao<br />

nell’ambito del sem<strong>in</strong>ario teocriteo tenuto dal mio maestro Luigi<br />

Enrico Rossi, <strong>in</strong>torno al 1970, quando ero ancora studente. Negli<br />

anni successivi si <strong>in</strong>staurò con lui un rapporto <strong>di</strong> <strong>di</strong>scepolato, per<br />

( 1 ) G. SERRAO, Problemi <strong>di</strong> poesia alessandr<strong>in</strong>a I. Stu<strong>di</strong> su Teocrito, Roma 1971.


30<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

così <strong>di</strong>re, privato: a lui debbo il consolidarsi del mio <strong>in</strong>teresse per la<br />

cultura ellenistica, conseguenza <strong>di</strong> tanti pomeriggi passati a casa sua,<br />

nel suo stu<strong>di</strong>o, a <strong>di</strong>scutere <strong>di</strong> Teocrito, Callimaco, Apollonio Ro<strong>di</strong>o.<br />

Un <strong>di</strong>scepolato che si è trasformato prima <strong>in</strong> sodalizio e poi <strong>in</strong> magistero<br />

comune, quando nella seconda metà degli anni ’90 egli, <strong>in</strong>sieme<br />

con Maria Grazia Bonanno, mi volle collega nell’Università <strong>di</strong><br />

Roma ‘Tor Vergata’, e da collega, per <strong>in</strong>carico della <strong>Facoltà</strong> <strong>di</strong> <strong>Lettere</strong>,<br />

a me è toccato il triste privilegio <strong>di</strong> porgergli l’estremo saluto ( 2 ).<br />

Per capire nel profondo la portata del contributo che Gregorio<br />

Serrao ha dato agli stu<strong>di</strong> <strong>di</strong> poesia alessandr<strong>in</strong>a, bisogna partire da<br />

uno dei suoi lavori, certamente tra i più felici e co<strong>in</strong>volgenti: mi riferisco<br />

al saggio <strong>in</strong>titolato Gli scritti sulla poesia ellenistica relativo agli<br />

stu<strong>di</strong> alessandr<strong>in</strong>i del suo maestro Gennaro Perrotta; il saggio fu presentato<br />

nel corso delle ‘Giornate <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o’ a quest’ultimo de<strong>di</strong>cate<br />

nel novembre del 1994, i cui Atti sono stati pubblicati <strong>in</strong> un volume<br />

del 1996 ( 3 ). A p. 56 <strong>di</strong> questo volume Gregorio Serrao riconosce a<br />

Gennaro Perrotta il grande merito <strong>di</strong> “aver sostenuto con fermezza<br />

che è <strong>in</strong>giusto rappresentare l’età dell’Ellenismo come un’età <strong>di</strong> decadenza,<br />

che anzi il III secolo fu, <strong>in</strong> complesso, uno dei secoli più<br />

<strong>in</strong>teressanti della storia e della cultura antica”. È forse <strong>in</strong> questa consapevolezza<br />

trasmessagli dal maestro che affonda le ra<strong>di</strong>ci l’amore <strong>di</strong><br />

Gregorio Serrao per la cultura ellenistica. Ma l’adesione alle posizioni<br />

<strong>di</strong> Perrotta non fu mai acritica: lo <strong>di</strong>mostrano la presa <strong>di</strong> <strong>di</strong>stanza<br />

dalle sue op<strong>in</strong>ioni e l’elaborazione <strong>di</strong> un pensiero nuovo ed orig<strong>in</strong>ale<br />

su un problema essenziale della letteratura ellenistica, quello del realismo.<br />

Vale la pena <strong>di</strong> riportare per esteso la citazione <strong>di</strong> una pag<strong>in</strong>a<br />

molto significativa, <strong>di</strong>rei emblematica, <strong>di</strong> quello stesso saggio ( 4 ):<br />

“ma Perrotta non era un mago e si avvertono <strong>di</strong> tanto <strong>in</strong> tanto anche<br />

<strong>in</strong> lui tendenze ed orientamenti oggi per noi <strong>di</strong>fficilmente accettabili.<br />

Per esempio egli nega <strong>in</strong> modo reciso qualsiasi traccia <strong>di</strong> realismo nella<br />

letteratura ellenistica: «talvolta – egli scrive (Letteratura, p. 9) ( 5 ) – si<br />

def<strong>in</strong>isce ‘realistica’ la letteratura ellenistica. Una forte tendenza rea-<br />

( 2 ) In occasione della cerimonia laica – <strong>in</strong> s<strong>in</strong>tonia con tutta la sua vita –, che<br />

si è tenuta nell’atrio della <strong>Facoltà</strong> <strong>di</strong> <strong>Lettere</strong> dell’Università <strong>di</strong> Roma ‘Tor Vergata’<br />

all’<strong>in</strong>izio del febbraio 2001.<br />

( 3 ) B. GENTILI-A. MASARACCHIA (curr.), Giornate <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o su Gennaro Perrotta,<br />

Atti del Convegno (Roma 3-4 novembre 1994), Pisa-Roma 1996.<br />

( 4 ) G. SERRAO, Gli scritti sulla poesia ellenistica, <strong>in</strong> B. GENTILI-A. MASARACCHIA<br />

(curr.), Giornate <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o su Gennaro Perrotta cit., p. 57.<br />

( 5 ) Il riferimento è a G. PERROTTA, Storia della letteratura greca III. L’età ellenistica<br />

e l’età romana, Milano-Mess<strong>in</strong>a 1946.


Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

listica esiste <strong>in</strong>dubbiamente, ma soltanto nelle arti figurative. Nella<br />

letteratura, <strong>di</strong> realismo, non è assolutamente il caso <strong>di</strong> parlare». Ma<br />

come è possibile <strong>di</strong>st<strong>in</strong>guere <strong>in</strong> modo così netto le varie manifestazioni<br />

culturali <strong>di</strong> uno stesso periodo storico? Se la tendenza realistica<br />

esiste nelle arti figurative, esisterà sicuramente anche nella letteratura.<br />

E <strong>in</strong>fatti questa tendenza si manifesta nel pragmatismo degli storici,<br />

nel sorgere della prosa scientifica, nell’affermazione degli stu<strong>di</strong><br />

filologici e soprattutto nella storicizzazione del mito che si osserva<br />

costantemente nei gran<strong>di</strong> poeti dell’età alessandr<strong>in</strong>a: Teocrito si proclama<br />

come Esiodo poeta <strong>di</strong> verità; Callimaco afferma con orgoglio<br />

che canta solo ciò che è storicamente accertato (fr. 612 Pf. ajmavrturon<br />

oujde;n ajeivdw) e scrive quattro libri <strong>di</strong> Ai[tia, dove l’elemento<br />

conduttore ed unitario dell’opera doveva risultare dal cont<strong>in</strong>uo rapporto<br />

tra realtà e mito, ed Apollonio Ro<strong>di</strong>o, <strong>in</strong>f<strong>in</strong>e, costruirà l’it<strong>in</strong>erario<br />

degli Argonauti seguendo le leggende eziologiche connesse con<br />

la loro mitica spe<strong>di</strong>zione”.<br />

Mi è sembrato opportuno proporre una così lunga citazione <strong>di</strong><br />

Gregorio Serrao per due motivi: prima <strong>di</strong> tutto perché ritengo che,<br />

nel momento <strong>in</strong> cui si tenta <strong>di</strong> dare una valutazione critica dell’opera<br />

<strong>di</strong> uno stu<strong>di</strong>oso, la cosa migliore è riproporre stralci molto significativi<br />

dei suoi scritti, quasi che <strong>in</strong> questo modo egli sia ancora con<br />

noi ad esporre <strong>di</strong> persona il suo pensiero; e poi perché questo passo è<br />

emblematico, come ho detto <strong>in</strong> precedenza, sia dal punto <strong>di</strong> vista<br />

della scrittura che da quello dei contenuti. Si ritrovano <strong>in</strong>fatti <strong>in</strong><br />

questa citazione due caratteristiche fondamentali <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

saggista: la nitidezza del dettato e l’essenzialità della forma, una caratteristica<br />

quest’ultima che egli sembra aver mutuato da Callimaco<br />

e Teocrito, gli autori alessandr<strong>in</strong>i ai quali ha de<strong>di</strong>cato la maggior<br />

parte della sua vita. Un’essenzialità che senza dubbio esalta la profon<strong>di</strong>tà<br />

del suo pensiero rispetto ad un problema niente affatto semplice<br />

quale è quello del realismo nella letteratura alessandr<strong>in</strong>a e su<br />

cui, credo, non potrà non tornare Rossi quando tratterà degli stu<strong>di</strong><br />

teocritei ( 6 ). Io mi limiterò a proporne un esempio callimacheo<br />

quanto mai suggestivo, evocando ancora una volta un brano <strong>di</strong> Gregorio<br />

Serrao, <strong>in</strong> cui egli dà prova, peraltro, della sua grande sensibilità<br />

e raff<strong>in</strong>atezza <strong>di</strong> traduttore, sensibilità e raff<strong>in</strong>atezza che ho avuto<br />

la fortuna <strong>di</strong> sperimentare tante volte <strong>di</strong> persona mentre preparavamo<br />

<strong>in</strong>sieme la traduzione dei carmi <strong>di</strong> Teocrito, che sarebbe bello<br />

veder presto pubblicata.<br />

( 6 ) Si veda, <strong>in</strong>fra, L.E. ROSSI, Il Teocrito <strong>di</strong> Gregorio Serrao, p. 39; cfr., supra,<br />

M.G. BONANNO, Il poeta doctus (Antimaco e gli altri), p. 13.<br />

31


32<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

A proposito del fr. 260 Pf. dell’Ecale egli scrive ( 7 ): “esso tratta<br />

del ritorno <strong>di</strong> Teseo vittorioso; ma ad un certo punto c’era una scena<br />

che non sappiamo come si collegasse col resto del componimento:<br />

una cornacchia raccontava ad un’altra il mito <strong>di</strong> Erittonio e delle<br />

figlie <strong>di</strong> Cecrope:<br />

«E così – scrive il poeta (vv. 62 ss.) – mentre l’una parlava e l’altra<br />

ascoltava, il sonno le prese. Ma non dormirono a lungo: tosto giunse<br />

l’alba gelida, quando le mani dei ladri non sono più <strong>in</strong> caccia e già risplendono<br />

le lucerne del matt<strong>in</strong>o; l’uomo che att<strong>in</strong>ge l’acqua dal pozzo<br />

ripete la sua solita cantilena, l’asse stridendo sotto il carro sveglia<br />

chi ha la casa sulla strada e sono un tormento, coi loro fitti colpi, gli<br />

schiavi dei fabbri che dentro le offic<strong>in</strong>e si assordano le orecchie».<br />

Sono semplici connotazioni temporali espresse con chiarezza e precisione<br />

da un osservatore attento ai più umili particolari della realtà quoti<strong>di</strong>ana:<br />

non c’è più l’aurora ‘dalle <strong>di</strong>ta <strong>di</strong> rosa’, o ‘la veneranda notte’, o il<br />

mormorio ‘del mare risonante’; ma c’è la gelida br<strong>in</strong>a dell’alba, la cantilena<br />

dell’acquaiolo, lo stridore dei carri e l’assordante martellare delle offic<strong>in</strong>e:<br />

Callimaco ha saputo rendere, con una modernità sconcertante, il<br />

risveglio <strong>di</strong> una grande città”. Come si vede, Serrao è riuscito a cogliere<br />

e a valorizzare un bell’esempio <strong>di</strong> realismo nella poesia callimachea.<br />

Ma torniamo alla pag<strong>in</strong>a <strong>di</strong> Gregorio Serrao tratta dal saggio relativo<br />

a Perrotta, che ho riproposto all’<strong>in</strong>izio <strong>di</strong> queste mie riflessioni.<br />

In poche frasi egli <strong>in</strong><strong>di</strong>vidua i mo<strong>di</strong> <strong>in</strong> cui il realismo si manifesta<br />

nei <strong>di</strong>versi generi ed autori, dall’imporsi del pragmatismo negli storici<br />

al costituirsi della prosa scientifica, dalla nascita degli stu<strong>di</strong> filologici<br />

alla storicizzazione del mito nei tre gran<strong>di</strong> poeti del primo Ellenismo:<br />

Teocrito, che emulando nelle Talisie la scena dell’<strong>in</strong>iziazione<br />

poetica <strong>di</strong> Esiodo nella Teogonia, riafferma anche nelle modalità<br />

<strong>di</strong> tale <strong>in</strong>iziazione il suo essere, come Esiodo, poeta <strong>di</strong> verità ( 8 ); Callimaco,<br />

che nei primi due libri degli Aitia, nella cornice del sogno<br />

sull’Elicona, <strong>in</strong>terroga le Muse per conoscere da loro le vere cause <strong>di</strong><br />

riti, consuetud<strong>in</strong>i, orig<strong>in</strong>e dei nomi, nell’<strong>in</strong>tento <strong>di</strong> non trattare nulla<br />

che non possa essere documentato ( 9 ); Apollonio Ro<strong>di</strong>o, che nella<br />

( 7 ) G. SERRAO, La poetica del “nuovo stile”: dalla mimesi aristotelica alla poetica<br />

della verità, <strong>in</strong> Storia e Civiltà dei Greci, <strong>di</strong>rettore R. BIANCHI BANDINELLI, V 9,<br />

Milano 1977, p. 228.<br />

( 8 ) Cfr. G. SERRAO, Problemi cit., pp. 28-55 e La poetica del “nuovo stile” cit.,<br />

pp. 204-213.<br />

( 9 ) Cfr. G. SERRAO, La poetica del “nuovo stile” cit., pp. 228-229; si veda ora R.<br />

PRETAGOSTINI, L’<strong>in</strong>contro con le Muse sull’Elicona <strong>in</strong> Esiodo e <strong>in</strong> Callimaco: mo<strong>di</strong>ficazioni<br />

<strong>di</strong> un modello, Lexis 13, 1995, pp. 157-172.


Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

tessitura del racconto epico del viaggio degli Argonauti <strong>di</strong>pana il filo<br />

rosso che lega <strong>in</strong>sieme una serie cont<strong>in</strong>ua <strong>di</strong> <strong>di</strong>gressioni geografiche,<br />

antropologiche, mitistoriche, che <strong>di</strong> fatto non sono altro che una<br />

successione <strong>di</strong> ai[tia ( 10 ). Con la sua <strong>in</strong>eguagliabile capacità <strong>di</strong> s<strong>in</strong>tesi<br />

Serrao così conclude ( 11 ): “la prospettiva storica fu ... la grande<br />

conquista dei poeti alessandr<strong>in</strong>i: essi considerano il passato mitico<br />

come la ragione d’essere, l’ ai[tion, della realtà presente, ed è perciò<br />

nel presente che essi cercano la documentazione per <strong>in</strong>terpretare il<br />

passato mitico”.<br />

Già, la sua capacità <strong>di</strong> s<strong>in</strong>tesi, a cui egli associava una non comune<br />

attitud<strong>in</strong>e alla formulazione <strong>di</strong> frasi icastiche. Ne voglio ricordare<br />

tre: “la cultura acquista <strong>in</strong> profon<strong>di</strong>tà quanto perde <strong>in</strong> estensione” ( 12 ),<br />

a proposito della r<strong>in</strong>novata <strong>di</strong>mensione culturale del mondo ellenistico;<br />

“la poetica del “nuovo stile”: dalla mimesi aristotelica alla poetica<br />

della verità” ( 13 ), a proposito della nuova concezione poetica<br />

alessandr<strong>in</strong>a, su cui torneremo più avanti; e, <strong>in</strong> riferimento al poema<br />

apolloniano, “un’epica ... passata attraverso l’esperienza poetica dei<br />

tragici e il vaglio della critica aristotelica” ( 14 ), una frase quest’ultima<br />

che se confrontata con quella <strong>di</strong> Perrotta presente nel celebre saggio<br />

sull’epillio ellenistico ( 15 ) e ricordata alla lettera da Serrao nello scritto<br />

de<strong>di</strong>cato al suo maestro ( 16 ), “bisogna immag<strong>in</strong>are ... un’epica<br />

passata attraverso P<strong>in</strong>daro e i tragici, e poi risentita ellenisticamente”,<br />

meglio <strong>di</strong> qualunque altra testimonianza ci fa capire quanto egli<br />

abbia assimilato, nello stile dell’argomentare e perf<strong>in</strong>o nella scelta<br />

dei vocaboli, l’<strong>in</strong>segnamento <strong>di</strong> Perrotta.<br />

Forse non è azzardato <strong>di</strong>re che <strong>in</strong> queste tre formulazioni così<br />

pregnanti si trova condensato il contributo più autentico <strong>di</strong> Serrao<br />

( 10 ) Cfr. G. SERRAO, La poetica del “nuovo stile” cit., pp. 239-240.<br />

( 11 ) G. SERRAO, Gli scritti sulla poesia ellenistica cit., pp. 57-58.<br />

( 12 ) Nel capitolo Caratteri generali, <strong>in</strong> Storia e Civiltà dei Greci, <strong>di</strong>rettore R.<br />

BIANCHI BANDINELLI, V 9, cit., p. 172.<br />

( 13 ) Costituisce il fortunatissimo titolo, a p. 200, <strong>di</strong> uno dei capitoli più brillanti<br />

nell’ambito della sezione da lui redatta <strong>di</strong> Storia e Civiltà dei Greci, V 9, pp. 171-<br />

253.<br />

( 14 ) Ancora nel capitolo La poetica del “nuovo stile” cit., p. 238.<br />

( 15 ) G. PERROTTA, Arte e tecnica nell’epillio alessandr<strong>in</strong>o, Atene e Roma n. s. 4,<br />

1923, pp. 243-255, ora ristampato <strong>in</strong> G. PERROTTA, Poesia ellenistica. Scritti m<strong>in</strong>ori<br />

II, a cura <strong>di</strong> B. GENTILI, G. MORELLI, G. SERRAO, Roma 1978, pp. 34-53, da cui<br />

cito: la frase è a p. 37.<br />

( 16 ) G. SERRAO, Gli scritti sulla poesia ellenistica cit., p. 61.<br />

33


34<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

nel momento <strong>in</strong> cui tratteggia quelli che egli considera i caratteri generali<br />

della cultura alessandr<strong>in</strong>a, o quando cerca <strong>di</strong> def<strong>in</strong>ire quelle<br />

che a suo giu<strong>di</strong>zio sono le peculiarità della poesia <strong>di</strong> Callimaco e <strong>di</strong><br />

Apollonio Ro<strong>di</strong>o. Infatti l’affermazione che “la cultura acquista <strong>in</strong><br />

profon<strong>di</strong>tà quanto perde <strong>in</strong> estensione” fotografa l’<strong>in</strong>e<strong>di</strong>ta situazione<br />

che, nell’ambito <strong>di</strong> un contesto socio-politico profondamente mutato<br />

rispetto al passato, si è determ<strong>in</strong>ata sul piano culturale a seguito<br />

della conclusione del lento processo evolutivo che ha portato da un<br />

sistema <strong>di</strong> comunicazione orale a un sistema <strong>di</strong> comunicazione scritta,<br />

con il def<strong>in</strong>itivo affermarsi, accanto alla cultura più tra<strong>di</strong>zionale,<br />

<strong>di</strong> una cultura libresca e raff<strong>in</strong>ata, dest<strong>in</strong>ata a un pubblico non più<br />

<strong>di</strong> u<strong>di</strong>tori, ma <strong>di</strong> lettori, capaci <strong>di</strong> cogliere f<strong>in</strong> nel profondo le <strong>di</strong>verse<br />

potenzialità espressive – connesse con l’impiego della scrittura –<br />

sia nella fase <strong>di</strong> composizione che <strong>in</strong> quella <strong>di</strong> ricezione del testo. Se<br />

la caratteristica precipua del sistema culturale arcaico e classico è il<br />

rapporto <strong>di</strong>retto e simpatetico che si <strong>in</strong>staura fra autore e pubblico,<br />

un pubblico necessariamente <strong>in</strong><strong>di</strong>fferenziato perché si identifica con<br />

gli abitanti della polis, nel periodo ellenistico il legame tra l’autore e<br />

il pubblico è me<strong>di</strong>ato dal nuovo veicolo della comunicazione letteraria<br />

rappresentato dal libro, il che presuppone un pubblico molto più<br />

ristretto, ma culturalmente più omogeneo e consapevole, il pubblico<br />

delle corti e dei circoli <strong>di</strong> <strong>in</strong>tellettuali ( 17 ).<br />

Per quanto riguarda la nuova poetica callimachea è senza dubbio<br />

merito <strong>di</strong> Gregorio Serrao aver <strong>in</strong>sistito sulla riflessione che elemento<br />

caratterizzante <strong>di</strong> questa poetica è il confronto critico con la poetica<br />

aristotelica, felicemente fissato nella formula sopra ricordata: “la<br />

poetica del “nuovo stile”: dalla mimesi aristotelica alla poetica della<br />

verità”. In effetti Serrao non è stato il primo a <strong>in</strong><strong>di</strong>care questa prospettiva;<br />

essa era già stata avanzata da Rudolf Pfeiffer nella sua celebre<br />

Storia della filologia classica ( 18 ). A Serrao va però il merito <strong>di</strong><br />

averne meglio tratteggiato i conf<strong>in</strong>i attraverso un’analisi <strong>in</strong>telligente<br />

e puntuale del testo callimacheo <strong>in</strong> cui quella poetica è meglio del<strong>in</strong>eata,<br />

il prologo degli Aitia (fr. 1 Pf.). Qui Callimaco, polemizzando<br />

con i Telch<strong>in</strong>i, che lo criticano aspramente sulla base della riproposizione<br />

dei criteri aristotelici <strong>di</strong> unità, cont<strong>in</strong>uità, compiutezza ed<br />

( 17 ) G. SERRAO Caratteri generali cit., pp. 171-175; cfr. R. PRETAGOSTINI, Spunti<br />

per una riflessione sulla letteratura ellenistica, <strong>in</strong> Id. (cur.), La letteratura ellenistica.<br />

Problemi e prospettive <strong>di</strong> ricerca, Atti del Colloquio Internazionale, Università<br />

<strong>di</strong> Roma ‘Tor Vergata’, 29-30 aprile 1997, Roma 2000, pp. 3-12.<br />

( 18 ) R. PFEIFFER, Storia della filologia classica. Dalle orig<strong>in</strong>i alla f<strong>in</strong>e dell’età ellenistica,<br />

trad. it. Napoli 1973 (Oxford 1968), p. 157 ss., spec. p. 159.


Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

estensione quali elementi fondamentali nella costruzione dell’opera<br />

poetica, fissa i tratti che meglio <strong>di</strong> altri, a suo giu<strong>di</strong>zio, caratterizzano<br />

il capolavoro letterario: la leptovth~, cioè la forma breve e raff<strong>in</strong>ata<br />

del componimento, e l’orig<strong>in</strong>alità dei contenuti ( 19 ), fondata<br />

peraltro su una ricerca esasperata della verità. Un’orig<strong>in</strong>alità che poteva<br />

essere perseguita sia <strong>in</strong>ventando nuovi generi letterari o r<strong>in</strong>novando<br />

dalle fondamenta quelli già esistenti, sia, con un proce<strong>di</strong>mento<br />

ancora più sofisticato, mescolando generi <strong>di</strong>versi, come ha efficacemente<br />

<strong>di</strong>mostrato Luigi Enrico Rossi nel suo saggio sui generi letterari<br />

e le loro leggi scritte e non scritte ( 20 ), che Serrao tanto apprezzava.<br />

È quanto Callimaco non solo teorizza nel Giambo 13, ma soprattutto<br />

mette <strong>in</strong> atto nell’<strong>in</strong>tero libro dei Giambi, per i quali Serrao,<br />

<strong>di</strong>mostrando ancora una volta sensibilità critica anche nelle scelte<br />

bibliografiche, accoglie e ripropone, <strong>in</strong> italiano, una fortunata def<strong>in</strong>izione<br />

<strong>di</strong> Dawson ( 21 ): “sono una serie <strong>di</strong> tentativi <strong>di</strong> mettere v<strong>in</strong>o<br />

nuovo dentro botti vecchie e v<strong>in</strong>o vecchio dentro botti nuove; <strong>in</strong><br />

essi Callimaco ha voluto sperimentare nuove comb<strong>in</strong>azioni <strong>di</strong> forma<br />

e <strong>di</strong> metro, <strong>di</strong> contenuto e <strong>di</strong> contenitore”; per poi concludere con<br />

una considerazione tutta sua: “noi non ci allontaneremmo troppo<br />

dal vero classificando il libro dei Giambi un’opera seriocomica, cioè<br />

un’opera, come meglio def<strong>in</strong>isce il Dawson, appartenente alla vasta<br />

classe dello spoudaiogéloion. Un tipo <strong>di</strong> letteratura che offriva saggi<br />

consigli con cortese humour o con scherzosa e mal celata ironia”. E<br />

nell’impiego <strong>in</strong> questo contesto del term<strong>in</strong>e bacht<strong>in</strong>iano <strong>di</strong> seriocomico<br />

affiora forse un’eco dei frequenti scambi <strong>di</strong> idee che Gregorio<br />

Serrao ebbe <strong>in</strong> quegli anni con tanti amici e colleghi, da Bruno Gentili,<br />

l’altro stu<strong>di</strong>oso al quale riconosceva il titolo <strong>di</strong> maestro, a Enzo<br />

Degani, a Maria Grazia Bonanno.<br />

Vorrei cogliere questa occasione per sgombrare il campo da possibili<br />

perplessità e riserve sulla vali<strong>di</strong>tà della tesi dell’atteggiamento sostanzialmente<br />

antiaristotelico <strong>di</strong> Callimaco così come è riba<strong>di</strong>ta da<br />

Serrao, perplessità e riserve che potrebbero sorgere soprattutto alla<br />

luce <strong>di</strong> alcune prese <strong>di</strong> posizione mirate a evidenziare possibili punti<br />

<strong>di</strong> convergenza fra Callimaco e il Peripato: penso ad esempio, fra gli<br />

altri, ai lavori della Koster, <strong>di</strong> Rossi, <strong>di</strong> Montanari, <strong>di</strong> Richardson, <strong>di</strong><br />

( 19 ) Cfr. G. SERRAO, La poetica del “nuovo stile” cit., p. 224.<br />

( 20 ) L.E. ROSSI, I generi letterari e le loro leggi scritte e non scritte nelle letterature<br />

classiche, BICS 18, 1971, pp. 83-86.<br />

( 21 ) G. SERRAO, La poetica del “nuovo stile” cit., p. 232; la citazione è tratta da<br />

CH. M. DAWSON, The Iambi of Callimachus. A Hellenistic Poet’s Experimental Laboratory,<br />

YClS 11, 1950, p. 138.<br />

35


36<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

Cameron ( 22 ). Ma <strong>in</strong> verità questi punti <strong>di</strong> convergenza sono <strong>in</strong><strong>di</strong>viduabili<br />

nell’attività più propriamente filologico-grammaticale ed<br />

eru<strong>di</strong>ta <strong>di</strong> Callimaco, piuttosto che <strong>in</strong> quella <strong>di</strong> teorizzatore <strong>di</strong> una<br />

nuova poetica, aspetto per il quale <strong>in</strong>vece mi sentirei <strong>di</strong> sottoscrivere<br />

ancora oggi la tesi riproposta e <strong>di</strong>fesa da Serrao.<br />

E al rapporto con la teoria aristotelica, questa volta <strong>in</strong> riferimento<br />

all’opera poetica <strong>di</strong> Apollonio Ro<strong>di</strong>o, ci riporta anche la terza formulazione<br />

<strong>di</strong> Serrao, quella secondo cui il poema degli Argonauti <strong>in</strong><br />

sostanza si presenta come “un’epica ... passata attraverso l’esperienza<br />

poetica dei tragici e il vaglio della critica aristotelica”. Serrao s<strong>in</strong>tetizza<br />

così la suggestiva ipotesi che Apollonio abbia articolato il suo<br />

poema <strong>in</strong> quattro libri sul modello <strong>di</strong> una tetralogia tragica, nell’<strong>in</strong>tento<br />

<strong>di</strong> attuare il pr<strong>in</strong>cipio aristotelico (Poetica 1459 b 20 ss.), <strong>in</strong> base al<br />

quale i componimenti epici dovrebbero essere più brevi <strong>di</strong> quelli dell’epica<br />

tra<strong>di</strong>zionale e avvic<strong>in</strong>arsi alla lunghezza complessiva delle trage<strong>di</strong>e<br />

ammesse ad un’unica au<strong>di</strong>zione, cioè alla lunghezza <strong>di</strong> una tetralogia<br />

( 23 ). Anche questa considerazione sul poema <strong>di</strong> Apollonio Ro<strong>di</strong>o,<br />

nella quale, <strong>di</strong>versamente da quanto teorizzato per Callimaco, Serrao<br />

sottol<strong>in</strong>ea un rapporto <strong>di</strong> <strong>di</strong>pendenza del poeta epico dalla speculazione<br />

aristotelica, attesta come il rapporto Aristotele/Peripato, da una<br />

parte, poeti eru<strong>di</strong>ti del primo Ellenismo, dall’altra, abbia costituito<br />

un punto nodale nelle riflessioni critiche <strong>di</strong> Serrao. E questo costituisce<br />

un ulteriore titolo <strong>di</strong> merito per lui, visto che proprio sulla complessità<br />

e problematicità <strong>di</strong> tale rapporto ancora oggi si concentrano,<br />

e forse per molti anni si concentreranno, le riflessioni dei maggiori<br />

stu<strong>di</strong>osi della cultura ellenistica.<br />

A questo punto mi pare doveroso almeno accennare ad un altro<br />

aspetto, <strong>di</strong>rei paideutico, dell’attività <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>oso <strong>di</strong> Gregorio Serrao:<br />

l’attitud<strong>in</strong>e e la capacità <strong>di</strong> mettersi sempre <strong>in</strong> <strong>di</strong>scussione e <strong>di</strong><br />

tornare criticamente su sue precedenti prese <strong>di</strong> posizione, quasi <strong>in</strong><br />

una sorta <strong>di</strong> sfida con se stesso, nel tentativo <strong>di</strong> trovare soluzioni più<br />

conv<strong>in</strong>centi e più vic<strong>in</strong>e al vero. Questo spiega perché <strong>di</strong> qualche<br />

( 22 ) S. KOSTER, Antike Epostheorien, Wiesbaden 1970, pp. 120-122; L.E. ROS-<br />

SI, Umanesimo e filologia, RFIC 104, 1976, pp. 110-115; F. MONTANARI, L’eru<strong>di</strong>zione,<br />

la filologia e la grammatica, <strong>in</strong> G. CAMBIANO-L. CANFORA-D. LANZA (edd.),<br />

Lo spazio letterario della Grecia antica I. La produzione e la circolazione del testo.<br />

Tomo II. L’ellenismo, Roma 1993, pp. 259-264; N.J. RICHARDSON, Aristotle and<br />

Hellenistic Scholarship, <strong>in</strong> F. MONTANARI (ed.), La philologie grecque à l’époque hellénistique<br />

et roma<strong>in</strong>e (Entr. Hardt 40), Vandoeuvres-Genève 1994, pp. 7-28; A.<br />

CAMERON, Callimachus and His Critics, Pr<strong>in</strong>ceton, N. J. 1995, p. 341 ss.<br />

( 23 ) G. SERRAO, La poetica del “nuovo stile” cit., pp. 238-239.


Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

suo lavoro esistono redazioni <strong>di</strong>verse e ampliate, che nel loro<br />

complesso testimoniano la sua curiosità <strong>in</strong>tellettuale e il suo mai<br />

sopito co<strong>in</strong>volgimento emotivo rispetto ai temi e agli argomenti<br />

trattati, anche se, almeno <strong>in</strong> un caso, la pal<strong>in</strong>o<strong>di</strong>a, a mio parere, non è<br />

conv<strong>in</strong>cente e migliorativa rispetto alla scelta precedente. Mi riferisco<br />

all’<strong>in</strong>terpretazione dei vv. 9-10 del prologo degli Aitia (fr. 1 Pf.),<br />

ajlla; kaqevlkei / ... polu; th;n makrh;n o[mpnia Qesmofovro~, “ma la<br />

feconda Demetra supera <strong>di</strong> molto la grande [Cos?]”, piuttosto<br />

problematici dal punto <strong>di</strong> vista sia testuale che esegetico. Resto<br />

conv<strong>in</strong>to dell’ipotesi che qui vengano comparate opere brevi ed opere<br />

lunghe <strong>di</strong> Filita – rispettivamente la Demetra (o[mpnia Qesmofovro~)<br />

e, forse, un poema sulla storia dell’isola <strong>di</strong> Cos, secondo la congettura<br />

Kw`n <strong>di</strong> Vitelli per la lacuna all’<strong>in</strong>izio del v. 10 ( 24 ) –, soprattutto sulla<br />

base della testimonianza dello ‘Scolio fiorent<strong>in</strong>o’ ( 25 ), come, fra gli<br />

altri, riteneva anche Serrao ( 26 ); e penso che tale ipotesi sia <strong>di</strong> gran<br />

lunga preferibile a quella secondo cui il confronto farebbe riferimento<br />

al mondo vegetale con una comparazione fra la spiga (o[mpnia<br />

Qesmofovro~) e la quercia (dru`n, congettura <strong>di</strong> Housman all’<strong>in</strong>izio<br />

del v. 10), come è tornato a proporre lo stesso Serrao <strong>in</strong> un suo<br />

recentissimo saggio ( 27 ), ipotesi <strong>in</strong>terpretativa che però non trova<br />

riscontro nello scolio qui sopra ricordato.<br />

Ma è tempo <strong>di</strong> concludere. Un anno fa, al term<strong>in</strong>e del mio estremo<br />

saluto a Serrao, f<strong>in</strong>ivo con una nota <strong>di</strong> consolatoria speranza:<br />

“caro Gregorio, già ci manchi. Ma chi ti ha conosciuto e ti ha amato<br />

saprà dove trovarti. Sarai nelle limpide, terse, stimolanti pag<strong>in</strong>e dei<br />

tuoi saggi, per proseguire un <strong>di</strong>alogo che cont<strong>in</strong>ui nel tempo”. Al<br />

momento <strong>di</strong> preparare questo <strong>in</strong>tervento ho potuto verificare che<br />

quella non era solo una speranza, è oggi una realtà: Gregorio ci parla<br />

ancora attraverso le pag<strong>in</strong>e dei suoi scritti. E tuttavia ci manca sempre<br />

<strong>di</strong> più. Se mi è permessa una nota personale, vorrei <strong>di</strong>re che cosa<br />

mi manca <strong>di</strong> Gregorio. Mi manca il suo esempio quoti<strong>di</strong>ano <strong>di</strong> per-<br />

( 24 ) R. PRETAGOSTINI, Ricerche sulla poesia alessandr<strong>in</strong>a. Teocrito, Callimaco, Sotade,<br />

Roma 1984, pp. 121-129; cfr. ora L. SBARDELLA, L’opera “s<strong>in</strong>ora ignota” <strong>di</strong><br />

Filita <strong>di</strong> Cos, QUCC n. s. 52 (81), 1996, pp. 93-115 e Filita. Testimonianze e<br />

frammenti poetici, Roma 2000, pp. 28-41.<br />

( 25 ) Schol. Flor. ad Call. Aetia fr. 1, 1-12, ll. 12-15 (I, p. 3 Pf.).<br />

( 26 ) Si vedano le sue considerazioni nel capitolo La poetica del “nuovo stile” cit.,<br />

pp. 222-223 e nn. 93 e 94.<br />

( 27 ) G. SERRAO, Note esegetiche ai due prologhi degli Ai[tia callimachei (frr. 1-2<br />

Pf.), SemRom 1, 1998, pp. 305-310.<br />

37


38<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

sona profondamente e coraggiosamente impegnata rispetto alle problematiche<br />

politiche e sociali del suo tempo e, <strong>in</strong>sieme, <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>oso<br />

un poco fuori dal tempo o, meglio, da questo tempo, <strong>in</strong> cui si stu<strong>di</strong>a<br />

<strong>in</strong> maniera frettolosa e ansiosa. Stando vic<strong>in</strong>o a Gregorio per tanti<br />

anni, ho capito quali sono i pregi <strong>di</strong> uno stu<strong>di</strong>oso ‘lento’, <strong>di</strong> uno stu<strong>di</strong>oso<br />

che ancora qualche anno fa si ost<strong>in</strong>ava a scrivere i suoi articoli<br />

a mano, nella sua bella grafia rotondeggiante e poi, <strong>in</strong> maniera un<br />

po’ buffa, <strong>in</strong>collava quei fogli uno <strong>di</strong> seguito all’altro f<strong>in</strong>o a formare<br />

un lungo rotolo che si avvolgeva e svolgeva <strong>in</strong> senso verticale – non<br />

orizzontale come quelli dei papiri –, con l’ovvio risultato che la scrittura<br />

si susseguiva per righe e righe senza soluzione <strong>di</strong> cont<strong>in</strong>uità. E<br />

non avendo punti <strong>di</strong> riferimento precisi, per trovare un determ<strong>in</strong>ato<br />

passaggio del suo argomentare, bisognava leggere e rileggere <strong>in</strong>tere<br />

sezioni e capoversi. Ed è leggendo e rileggendo le cose scritte da<br />

Gregorio che ho imparato ad affrontare i problemi della poesia alessandr<strong>in</strong>a.


LUIGI ENRICO ROSSI<br />

IL TEOCRITO DI GREGORIO SERRAO<br />

Di Gregorio Serrao parlo con commozione, per averlo avuto amico<br />

carissimo per quasi c<strong>in</strong>quant’anni e per il legame <strong>di</strong> affetto che legava<br />

le due famiglie, ivi compresi i miei due figli, che erano per lui<br />

come dei nipoti.<br />

Vorrei, prima <strong>di</strong> entrare <strong>in</strong> argomento, mettere brevemente l’accento<br />

su tre aspetti della sua personalità <strong>in</strong>tellettuale e umana, che<br />

ho ben conosciuti e <strong>di</strong> cui mi sono immensamente giovato: il suo<br />

approccio ai testi, la sua vivida <strong>in</strong>telligenza e la sua calda e vibrante<br />

capacità affettiva.<br />

Quanto al suo approccio ai testi, posso <strong>di</strong>re che non credo <strong>di</strong> avere<br />

mai <strong>in</strong>contrato chi si immergesse <strong>in</strong> essi con tanta vorace passione.<br />

La sua era una lettura slow, tutt’altro che fast, che io gli <strong>in</strong>vi<strong>di</strong>avo,<br />

perché è l’unica che porta a vero contatto con i testi e, avendone<br />

letti e stu<strong>di</strong>ati molti, era portato a scoprire rapporti <strong>in</strong>tertestuali, alle<br />

volte <strong>in</strong>e<strong>di</strong>ti, con l’autore che aveva <strong>di</strong> fronte e che leggeva e rileggeva<br />

con amore. Fu per me il mio primo maestro: non saprei <strong>di</strong>re<br />

quanto gli debbo. Leggere e rileggere: realizzava quello che poi apprendemmo<br />

essere stato il metodo <strong>di</strong> Leo Spitzer, il Zirkel im Verstehen,<br />

il ‘circolo della comprensione’, dove a ogni rilettura si rileva<br />

uno <strong>di</strong> quelli che Spitzer chiamava i tic stilistici. Era <strong>in</strong> sostanza la<br />

vecchia observatio, parola che circolava molto allora fra noi e che, retaggio<br />

del positivismo, si rivelava strumento sempre valido <strong>di</strong> ricerca.<br />

E la sua eru<strong>di</strong>zione, che rende <strong>di</strong>fficile dar conto qui <strong>in</strong> dettaglio<br />

<strong>di</strong> tanti suoi lavori, non risultava mai f<strong>in</strong>e a se stessa: era sempre f<strong>in</strong>alizzata<br />

a un’idea importante, che gli veniva da associazioni alle<br />

volte davvero geniali. Associazioni che, <strong>in</strong> un’era pre-elettronica,<br />

non potevano essere, per lo più, se non associazioni <strong>di</strong> letture recenti<br />

o remote assimilate con pazienza e amore.<br />

L’<strong>in</strong>telligenza acuta e penetrante era un’altra delle sue qualità.<br />

L’<strong>in</strong>telligenza è <strong>in</strong> sostanza sensibilità alla gerarchia dei problemi e


40<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

all’economia per risolverli: ci sono problemi più o meno importanti<br />

e, per risolverli, la soluzione più economica è sempre la migliore. Lui<br />

la cercava sempre, scartando il superfluo. La sua prontezza nell’afferrare<br />

i problemi mi colpiva sempre. Una volta tanti anni fa, per telefono,<br />

gli sottoposi tre passi teocritei <strong>in</strong> maniera del tutto neutra, e,<br />

dopo una pausa <strong>di</strong> riflessione, quello che mi <strong>di</strong>sse fu: “Chico mio,<br />

hai ragione!”, con la sua caratteristica ‘o’ aperta calabrese. La pausa<br />

era durata una manciata <strong>di</strong> secon<strong>di</strong> e gli era bastata per capire la mia<br />

idea e, quel che mi fece un gran piacere, per approvarla.<br />

Quanto, <strong>in</strong>f<strong>in</strong>e, ad amicizia e affetto sapeva offrirli <strong>in</strong> un modo<br />

che era a un tempo affabile e critico: è per questo che non gli ho mai<br />

sentito <strong>di</strong>re una vera cattiveria nei confronti <strong>di</strong> chi sapevo che gli era<br />

amico. È stato guida e amico prezioso anche per molti dei miei allievi,<br />

più e meno giovani. E questo suo modo risaltava tanto più quanto<br />

più pienamente la sua <strong>in</strong>telligenza e il suo acume si <strong>di</strong>spiegavano<br />

nei giu<strong>di</strong>zi sulle cose e sulle persone. Non vi mancavano mai né un<br />

delizioso umorismo né una sovrana benevolenza nei confronti del<br />

genere umano, anche quando le sue critiche erano aspre (e sempre<br />

spiritose). Nelle polemiche scientifiche, quando <strong>di</strong>fendeva un’idea<br />

alla quale era tenacemente attaccato, era accanito – <strong>di</strong>rei – soprattutto<br />

nei confronti degli amici: lo abbiamo sperimentato <strong>in</strong> molti, sia<br />

<strong>in</strong> privato sia <strong>in</strong> pubblico. Era la manifestazione più schietta del suo<br />

rigore <strong>in</strong>tellettuale e nello stesso tempo della sua grande passione per<br />

gli stu<strong>di</strong>, che lo portavano sempre a risultati profondamente me<strong>di</strong>tati:<br />

era <strong>di</strong>fficile essere <strong>in</strong> grado <strong>di</strong> rimproverargli un partito preso.<br />

Mi rendo sempre più conto che – per usare un aggettivo perento<br />

– era una persona davvero delicata. Nei lunghi anni <strong>in</strong> cui ebbe a<br />

combattere con <strong>di</strong>sturbi <strong>di</strong> vario tipo, nei contatti personali il tempo<br />

de<strong>di</strong>cato alle notizie sulla sua salute era sempre m<strong>in</strong>imo: il che lasciava<br />

sempre largo spazio ai <strong>di</strong>scorsi sugli stu<strong>di</strong> e sulla situazione<br />

universitaria e accademica, oltre che politica.<br />

Mi si scuserà se, anche parlando qui <strong>di</strong> seguito dei suoi stu<strong>di</strong>,<br />

cont<strong>in</strong>uerò a <strong>in</strong>serire molto <strong>di</strong> autobiografico: lo farò sia per ragioni<br />

emotive sia per riguadagnare alla memoria una storia degli stu<strong>di</strong> vissuta<br />

per decenni <strong>in</strong> parallelo da lui e da me.<br />

Ma è ora che parli del tema assegnatomi dagli organizzatori <strong>di</strong><br />

quest’<strong>in</strong>contro, che <strong>di</strong> nuovo, e pubblicamente, voglio r<strong>in</strong>graziare.<br />

Fra le tante cose che gli debbo, una è il mio amore per Teocrito trasmessomi<br />

dal suo. Mi domando però a quale titolo dovrò parlare<br />

proprio dei suoi stu<strong>di</strong> teocritei: forse una tenue ragione può essere il<br />

fatto che io mi sento un Theocriteus descriptus, e dopo tutto i co<strong>di</strong>ci


Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

descripti sono sì <strong>in</strong>utili per una ricostruzione dello stemma, ma possono<br />

per avventura contenere qualche congettura <strong>in</strong>dov<strong>in</strong>ata. Confido<br />

che nella mia ristretta ma appassionata produzione teocritea<br />

qualche piccolo progresso si possa trovare, naturalmente sempre nell’ambito<br />

<strong>di</strong> una descriptio Gregoriana.<br />

C’è da <strong>di</strong>re, <strong>in</strong> apertura, che i contributi teocritei, tutti <strong>di</strong> gran<strong>di</strong>ssimo<br />

valore, sono stati per lo più ignorati dalla filologia <strong>in</strong>ternazionale.<br />

Da una parte quella filologia rivela la propria prov<strong>in</strong>cialità<br />

(e spesso ignora l’italiano: lo sappiamo <strong>in</strong> molti) e dall’altra va considerata<br />

anche la trascuratezza <strong>di</strong> Serrao nel propagandare i propri lavori.<br />

Se ne lamentava spesso, ma forse non ne vedeva le cause, che <strong>in</strong><br />

parte derivavano da una sua del tutto perdonabile pigrizia e <strong>in</strong> parte<br />

certo maggiore dalla <strong>in</strong>genua fiducia che i suoi lavori, così conv<strong>in</strong>centi<br />

per tanti <strong>di</strong> noi suoi amici che ce ne servivamo e li citavamo<br />

sempre, si affermassero da sé per la loro <strong>in</strong>contestabile eccellenza.<br />

Un errore <strong>di</strong> valutazione, <strong>di</strong> cui è bene che siamo consapevoli tutti<br />

noi, specie oggi che la bibliografia, spesso irrilevante, si va accumulando<br />

a valanga.<br />

Serrao ha stu<strong>di</strong>ato Teocrito per più <strong>di</strong> quarant’anni, perché il suo<br />

primo lavoro, quello sul carme XXV ( 1 ), che è del 1962, era la rielaborazione<br />

dalla sua tesi <strong>di</strong> laurea con Gennaro Perrotta, che era già<br />

<strong>di</strong> qualche anno prima. Ma è stato ben lontano dall’essere auctor<br />

unius auctoris. A parte la sua profonda conoscenza <strong>di</strong> tutta la letteratura<br />

dell’età ellenistica anche romana, frequentava assiduamente e<br />

ripetutamente Omero, i lirici, il dramma, con una spiccata prefenza<br />

per la poesia, che era anche mia e che derivava a tutti e due da una<br />

formazione <strong>in</strong>izialmente crociana trasmessaci da Perrotta stesso e dal<br />

Gentili <strong>di</strong> allora, che però si sentiva stretto il crocianesimo addosso,<br />

ma eravamo tutti – maestri ed allievi – vacc<strong>in</strong>ati dalla filologia <strong>di</strong> Pasquali,<br />

<strong>in</strong> modo che le successive novità nell’esegesi sia storica sia<br />

formalistica ci trovarono ben attrezzati per assorbirle. Ma precisamente<br />

da Perrotta gli derivava l’<strong>in</strong>teresse per la poesia alessandr<strong>in</strong>a,<br />

che <strong>di</strong>scendeva per li rami dalla rivalutazione <strong>di</strong> quella letteratura<br />

che era andato propagandando Wilamowitz a cavallo fra i due secoli.<br />

Un grato riconoscimento <strong>di</strong> debito e una onesta presa <strong>di</strong> <strong>di</strong>stanza nei<br />

confronti dell’antico maestro ebbe modo <strong>di</strong> offrire nel 1996 ( 2 ),<br />

quando lo si commemorò all’Accademia dei L<strong>in</strong>cei. A lui doveva co-<br />

( 1 ) G. SERRAO, Il carme XXV del Corpus teocriteo, Quaderni RCCM, Roma<br />

1962.<br />

( 2 ) G. SERRAO, Gli scritti sulla poesia ellenistica, <strong>in</strong> Giornate <strong>di</strong> Stu<strong>di</strong>o su Gennaro<br />

Perrotta, Roma 1996, pp. 55-71.<br />

41


42<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

munque la chiarezza e l’efficacia del dettato, e vorrei proporne qui<br />

un paio <strong>di</strong> stilemi che mi sembrano tipici: “Intendere la figura <strong>di</strong><br />

Lykìdas <strong>di</strong>versamente significa r<strong>in</strong>unciare ad <strong>in</strong>tendere il significato<br />

del carme” ( 3 ); e, ribattendo a Wilamowitz su eJndekatai`o~ (v. oltre),<br />

“Così tutto è chiaro, ma ad accettare questa ipotesi permane<br />

una sola <strong>di</strong>fficoltà: che le parole chiarificatrici sono del filologo tedesco<br />

e non del poeta greco” ( 4 ).<br />

Già quel suo primo lungo saggio sul carme XXV rivela nel metodo<br />

lo stu<strong>di</strong>oso che abbiamo conosciuto f<strong>in</strong>o ai suoi ultimi lavori.<br />

Serrao si è lungamente maturato <strong>in</strong> silenziose letture, favorite dalle<br />

vicende della sua giov<strong>in</strong>ezza, che lo hanno portato tar<strong>di</strong> alle stampe.<br />

Ci sono stu<strong>di</strong>osi – e ne conosciamo – che si maturano <strong>in</strong> stampa:<br />

Serrao è maturato prima del suo opus primum.<br />

Quello che va detto <strong>di</strong> questo suo opus primum è la sua perdurante<br />

vali<strong>di</strong>tà. Può riuscire <strong>di</strong>fficile a molti stu<strong>di</strong>osi giovani e meno giovani<br />

rendersi conto <strong>di</strong> quanto m<strong>in</strong>ore fosse allora la <strong>di</strong>sponibilità <strong>di</strong><br />

strumenti <strong>di</strong> lavoro. Per Omero c’era il vecchio <strong>in</strong>dex <strong>di</strong> Gehr<strong>in</strong>g e il<br />

lexicon <strong>di</strong> Ebel<strong>in</strong>g, ma mancavano le concordanze <strong>di</strong> Prendergast-Dunbar<br />

(ristampate nel 1962). Eravamo poi <strong>in</strong> pochi, allora, a conoscere<br />

Milman Parry (1928 ss.) e la sensibilità alle formule (comunque non<br />

esaurite da Parry, e per <strong>di</strong> più già annunciate da Witte e da Meister) si<br />

otteneva nel <strong>di</strong>sarmato modo <strong>di</strong> lettura spitzeriano che ho illustrato<br />

poco fa. C’era sì il grande commento <strong>di</strong> Gow (1950), ma era utile soprattutto<br />

per i realia e molto meno <strong>in</strong> campo l<strong>in</strong>guistico, metrico e<br />

testuale (dove Gow stesso riconobbe l’importanza dell’e<strong>di</strong>zione <strong>di</strong><br />

Gallavotti, 1 1946). A questo proposito devo ricordare la sua grande<br />

passione per la l<strong>in</strong>guistica <strong>in</strong>doeuropea (fu lui a farmi leggere l’Introduction<br />

<strong>di</strong> Meillet) e per la metrica eravamo tutti debitori dei lavori<br />

<strong>di</strong> Gentili e soprattutto del suo <strong>in</strong>segnamento. Quanto alla reperibilità<br />

<strong>di</strong> quello che allora esisteva, si tende oggi a <strong>di</strong>menticare che allora<br />

non c’erano non solo le tante ristampe che poco dopo si <strong>di</strong>ffusero,<br />

ma neanche le fotocopie.<br />

Perrotta, nel suo come sempre geniale stu<strong>di</strong>o del 1926, aveva<br />

messo <strong>in</strong> luce l’eccessivo e cattivo uso che <strong>di</strong> Omero faceva l’anonimo<br />

del XXV. Serrao andò avanti <strong>in</strong> questa <strong>di</strong>rezione, arricchendo le<br />

( 3 ) G. SERRAO, La cultura ellenistica. II: Letteratura. 3. La poetica del «nuovo stile»:<br />

dalla mimesi aristotelica alla poetica della verità. Teocrito. Callimaco. Apollonio<br />

Ro<strong>di</strong>o, <strong>in</strong> Storia e Civiltà dei Greci, <strong>di</strong>rettore R. Bianchi Band<strong>in</strong>elli, V 9, Milano<br />

1977, p. 204.<br />

( 4 ) G. SERRAO, Incoerenze e imitazioni omeriche <strong>in</strong> Teocrito (X 12 e II 4, 157),<br />

Helikon 3, 1963, p. 439.


Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

<strong>di</strong>scordanze con il Teocrito degli epilli autentici e collocando sempre<br />

meglio l’anonimo nella imitatio <strong>di</strong> Teocrito. Ma <strong>in</strong> un campo fu<br />

<strong>in</strong> grado <strong>di</strong> andare molto avanti, e cioè nella metrica recitativa dell’esametro.<br />

Io ho scoperto <strong>in</strong> lunghe conversazioni con lui sia il prezioso<br />

Wifstrand, Von Kallimakos zu Nonnos, del 1933 sia il famoso<br />

articolo sull’esametro <strong>di</strong> Hermann Fränkel (1926, 1960), che fu poi<br />

all’orig<strong>in</strong>e del mio (ricordo le belle chiacchierate <strong>di</strong> Gott<strong>in</strong>ga nell’estate<br />

1960). La sua meticolosa analisi metrica, fatta sulla base delle<br />

leggi dell’esametro alessandr<strong>in</strong>o (leggi <strong>di</strong> Meyer I-II-III; <strong>di</strong> Tiedke<br />

etc.) ( 5 ) lo portò a risultati sempre più str<strong>in</strong>genti. Quanto alla sua<br />

sensibilità l<strong>in</strong>guistica, ricordo le belle pag<strong>in</strong>e sugli avverbi <strong>in</strong> -w~ ( 6 ),<br />

dove si rivela l’acume <strong>di</strong> chi sa valutare la produttività l<strong>in</strong>guistica <strong>di</strong><br />

un’epoca così lontana dal modello omerico: un fatto spontaneo <strong>di</strong><br />

l<strong>in</strong>gua, tanto spontaneo da sfuggire al controllo <strong>di</strong> un imitatore,<br />

l’anonimo, che per <strong>di</strong> più era troppo pe<strong>di</strong>ssequo e proprio per questo,<br />

<strong>in</strong> fondo, <strong>in</strong>fedele.<br />

Il carme XXV, non autentico, è un epillio. Avendo avuto ora<br />

l’occasione <strong>di</strong> rileggermi tanti dei suoi lavori (specialmente Teocrito:<br />

poetica e poesia) ( 7 ), non posso fare a meno <strong>di</strong> notare che affiorò, nel<br />

seguito, una sua valutazione del genere epillio che non dà ad esso<br />

quella qualifica <strong>di</strong> assoluta novità letteraria che merita <strong>in</strong>vece la poesia<br />

bucolica. Apollonio è epico del ‘libro’ concepito come grande<br />

opera unitaria, dell’epica grande, del mevga biblivon, così com’erano<br />

stati visti l’Iliade e l’O<strong>di</strong>ssea da Aristotele, ma <strong>in</strong> realtà già da Pisistrato<br />

e poi da Ipparco con la sua organizzazione ejk <strong>di</strong>adoch`~ per le<br />

recitazioni. Io penso (e non potrò mai più <strong>di</strong>scuterne con lui) che la<br />

ripresa dell’epos per episo<strong>di</strong> non era <strong>in</strong> Teocrito naturalmente una ripresa<br />

consapevole <strong>di</strong> quello che io credo essere stato l’epos orig<strong>in</strong>ario,<br />

e cioè un <strong>di</strong>ffuso arcipelago <strong>di</strong> narrazioni s<strong>in</strong>gole (nozione <strong>di</strong> cui si<br />

era persa traccia), quanto piuttosto il legame con una ancora fluida<br />

<strong>di</strong>visione <strong>in</strong> canti non sempre corrispondenti agli episo<strong>di</strong>, come ci è<br />

testimoniata dal f<strong>in</strong>ale dell’O<strong>di</strong>ssea considerata autentica f<strong>in</strong>o a metà<br />

<strong>di</strong> un canto, a 23. 296. Il problema del momento della <strong>di</strong>visione <strong>in</strong><br />

canti resta ancora aperto: tanti anni fa (1968) credetti <strong>di</strong> trovare una<br />

( 5 ) G. SERRAO, Il carme XXV del Corpus teocriteo, Quaderni RCCM, Roma<br />

1962, p. 21 ss.<br />

( 6 ) Id., p. 28 ss.<br />

( 7 ) G. SERRAO, Teocrito: poetica e poesia, <strong>in</strong> La letteratura ellenistica. Problemi e<br />

prospettive <strong>di</strong> ricerca, Quaderni <strong>di</strong> SemRom 1, Roma 2000, pp. 45-61, <strong>in</strong> particolare<br />

p. 51 ss.<br />

43


44<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

implicita ma chiara presa <strong>di</strong> posizione metaletteraria nell’opera stessa<br />

<strong>di</strong> Apollonio <strong>in</strong> favore della non omericità del f<strong>in</strong>ale dell’O<strong>di</strong>sssea (e<br />

aggiungerei per es. il caso dell’Eneide omerica <strong>di</strong>visa fra Il. 20 e 21),<br />

il che farebbe ritardare, rispetto ad Apollonio stesso, la <strong>di</strong>visione <strong>in</strong><br />

libri. Per Teocrito narrare l’epos a episo<strong>di</strong> doveva essere fatto normale,<br />

tanto che un autore economico come lui – spero <strong>di</strong> averlo mostrato<br />

<strong>in</strong> un mio recente articolo sullo Pseudo-VIII – sentì il bisogno<br />

<strong>di</strong> presentarlo mescolato con altri generi (soprattutto motivi bucolici,<br />

particolarmente ‘suoi’, ma anche epistola poetica, <strong>in</strong>no, dramma,<br />

tono serio-comico) ( 8 ) per imprimervi il suo suggello, necessario per<br />

farsene riconoscere autore. Nella poesia bucolica <strong>in</strong>vece, che era<br />

nuova e non aveva bisogno <strong>di</strong> ulteriori ‘segnali’ o ‘marchi personali’,<br />

la mistione era per lo più con il mimo, parente stretto per la comune<br />

appartenenza realistica <strong>in</strong> toto. Su questo tornerò fra poco.<br />

Uno dei suoi articoli più fortunati è Incoerenze e imitazioni omeriche<br />

<strong>in</strong> Teocrito (X 12 e II 4, 157), su eJndekatai`o~ e dwdekatai`o~ ( 9 ).<br />

Qui la soluzione <strong>di</strong> due apparenti aporie teocritee (4, 157; 10, 12) viene<br />

risolta con ancora non osservati richiami omerici. Sono sicuro che<br />

un Serrao <strong>di</strong> qualche tempo dopo si sarebbe almeno proposto, per le<br />

due cifre (11 e 12), <strong>di</strong> cercare le orig<strong>in</strong>i <strong>di</strong> un’antropologia numerica.<br />

Le Note teocritee <strong>di</strong> Cagliari ( 10 ) sono quattro gioielli <strong>di</strong> critica testuale<br />

e <strong>di</strong> esegesi: ricordo qui l’acuto rilevamento (p. 58 ss.), nel f<strong>in</strong>ale<br />

del XIII, dell’ironia teocritea su Eracle che a pie<strong>di</strong> raggiunge il<br />

Fasi con un confronto stupendo con l’Eracle della Gerioneide <strong>di</strong> Stesicoro,<br />

che va a pie<strong>di</strong>, ma senza ironia ( 11 ). C’è, a p. 61, la prima<br />

idea della aJsuciva, che sarà tema abbondantemente sviluppato <strong>in</strong> seguito,<br />

come vedremo.<br />

In L’i<strong>di</strong>llio V <strong>di</strong> Teocrito: realtà campestre e stilizzazione letteraria,<br />

(1975) abbiamo uno dei suoi lavori più importanti, appunto quello<br />

sull’i<strong>di</strong>llio V ( 12 ). Qui Serrao, attraverso uno stu<strong>di</strong>o m<strong>in</strong>uto dello<br />

scambio agonale, riesce a trovare un senso realistico alla vittoria <strong>di</strong><br />

( 8 ) Su cui v. Id., specialmente p. 58 s.<br />

( 9 ) G. SERRAO, Incoerenze e imitazioni omeriche <strong>in</strong> Teocrito (X 12 e II 4, 157),<br />

Helikon 3, 1963, pp. 437-447.<br />

( 10 ) G. SERRAO, Note teocritee, QIFGC 3, 1968, pp. 53-61.<br />

( 11 ) Se n’era occupata anche M.G. Bonanno, da lui citata <strong>in</strong> Teocrito: poetica e<br />

poesia, <strong>in</strong> La letteratura ellenistica. Problemi e prospettive <strong>di</strong> ricerca, Quaderni <strong>di</strong><br />

SemRom 1, Roma 2000, p. 56.<br />

( 12 ) G. SERRAO, L’i<strong>di</strong>llio V <strong>di</strong> Teocrito: realtà campestre e stilizzazione letteraria,<br />

QUCC 19, 1975, pp. 73-109.


Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

uno dei due contendenti con una <strong>in</strong>tuizione felice, ma preparata con<br />

puntiglio proprio da quello stu<strong>di</strong>o m<strong>in</strong>uto. Non riusciva ad accettare<br />

quel troppo letterario ‘mascherato pareggio’ che poco prima avevo<br />

proposto io (e non mancai <strong>di</strong> dargli <strong>in</strong> seguito ragione, anche <strong>in</strong> stampa):<br />

un i<strong>di</strong>llio così realistico non poteva, secondo lui, concludersi <strong>in</strong><br />

modo così artificiosamente letterario, e aveva ragione. Costruì quello<br />

schema <strong>di</strong> responsioni orizzontali e verticali che tutti abbiamo ammirato,<br />

e ne risultò alla f<strong>in</strong>e una trascuratezza <strong>di</strong> responsione che ben<br />

giustificava la sconfitta. La visione <strong>di</strong> Teocrito <strong>in</strong> Wilamowitz e <strong>in</strong><br />

Perrotta era quella <strong>di</strong> un poeta letteratissimo, che me<strong>di</strong>ava fortemente<br />

fra la realtà e gli elementi realistici trasferiti nelle composizioni, mentre<br />

Serrao ebbe sempre una sensibilità particolare per quegli elementi<br />

realistici stessi e trasferì quella sua sensibilità nell’approccio a un poeta<br />

letterato, sì, ma soprattutto realista, approccio che non sentì mai il bisogno<br />

<strong>di</strong> giustificare con etichette <strong>di</strong> metodo alla moda, ben sapendo<br />

che quello che faceva era giusto. Quella sensibilità al realismo <strong>di</strong> fondo<br />

gli veniva dalla sua Calabria natale e dal lungo soggiorno <strong>in</strong> Sardegna,<br />

tutte e due terre che hanno conservato e conservano ancora elementi<br />

tra<strong>di</strong>zionali arcaici e autentici da lui utilizzati più volte per confermare<br />

su piano etnologico le sue esegesi. Va riba<strong>di</strong>to che la comparazione<br />

etnologica si fa strada piano piano, senza rumore teorico, certamente<br />

favorita dalla prossimità cagliaritana <strong>di</strong> persone egregie, che <strong>in</strong><br />

quegli anni facevano <strong>di</strong> questa città uno dei centri più vivaci <strong>di</strong> cultura<br />

universitaria. Sempre più evidente è l’<strong>in</strong>tenzione <strong>di</strong> scoprire, <strong>di</strong>etro il<br />

livello letterario <strong>di</strong> un letteratissimo, le esperienze che quella realizzazione<br />

letteraria avevano ispirato. In La poesia bucolica: realtà campestre<br />

e stilizzazione letteraria ( 13 ) richiama, per la rispondenza agonale, la<br />

istèrria e la torrada sarde e tante altre volte (ne ricordo molte <strong>in</strong> Teocrito<br />

e una <strong>in</strong> Callimaco) si è richiamato a esperienze calabresi vissute<br />

<strong>in</strong> <strong>di</strong>retta. Ma <strong>di</strong> questo riparleremo alla f<strong>in</strong>e.<br />

Si può davvero <strong>di</strong>re che Teocrito e il suo realismo è stato per Serrao<br />

il centro da cui si è irra<strong>di</strong>ato il suo <strong>in</strong>teresse per la letteratura<br />

greca <strong>in</strong> generale, che lui ha saputo leggere per <strong>di</strong>fferentiam e per similitud<strong>in</strong>em.<br />

Nella seconda categoria devo <strong>in</strong>cludere il suo splen<strong>di</strong>do<br />

articolo La parodo del Ciclope euripideo ( 14 ), che prende <strong>in</strong> esame gli<br />

aspetti realistici <strong>di</strong> quel mondo pastorale come sono presentati dal-<br />

( 13 ) G. SERRAO, La cultura ellenistica. II: Letteratura. 2. La poesia bucolica: realtà<br />

campestre e stilizzazione letteraria, <strong>in</strong> Storia e Civiltà dei Greci, <strong>di</strong>rettore R. Bianchi<br />

Band<strong>in</strong>elli, V 9, Milano 1977, p. 183, 25.<br />

( 14 ) G. SERRAO, La parodo del Ciclope euripideo, MCr 4, 1969, pp. 50-62.<br />

45


46<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

l’autore, con tante consonanze teocritee da una parte e calabresi dall’altra.<br />

Sul realismo <strong>in</strong> letteratura, che è stata una sua costante, si è<br />

scritto molto, ma pochi come lui hanno saputo riconoscere nei vari<br />

casi da lui presi <strong>in</strong> esame quel <strong>di</strong>stacco fra realtà e realismo che è la<br />

stilizzazione letteraria e che può raggiungere anche livelli m<strong>in</strong>imi:<br />

erano questi i testi da cui era più attirato, sempre tenendo presente il<br />

contenitore letterario e le sue convenzioni.<br />

Questo approccio alla poesia non solo teocritea fu il raggiungimento<br />

<strong>di</strong> una maturità che lo accompagnò <strong>in</strong> tutta la sua produzione<br />

successiva. Nell’articolo La poetica del «nuovo stile»: dalla mimesi<br />

aristotelica alla poetica della verità ( 15 ), dopo la ripresa dell’I<strong>di</strong>llio V,<br />

offre un’analisi per me def<strong>in</strong>itiva della figura <strong>di</strong> Licida nel VII, che<br />

lo porta, molto oltre al fondamentale articolo <strong>di</strong> Puelma, a chiarire il<br />

valore programmatico dell’i<strong>di</strong>llio sostanziato anche <strong>di</strong> consuntivo retrospettivo:<br />

‘io sono l’<strong>in</strong>ventor della poesia bucolica, che ho già praticata<br />

con successo, e vengo ora <strong>in</strong>vestito da un pastore, Licida’. Anche<br />

qui analisi m<strong>in</strong>uziosa, anche qui puntigliosa, volta a riscattare dall’abusata<br />

‘mascherata bucolica’ un quadro che è tutt’altro che salottiero.<br />

Ed è qui che emergono due <strong>in</strong>tuizioni fondamentali: quella <strong>di</strong> ajlavqeia<br />

e quella <strong>di</strong> aJsuciva. Cito la formulazione lapidaria <strong>di</strong> p. 220,<br />

che torna anche altrove (e lo merita) ( 16 );<br />

L’antitesi tra premesse realistiche e tendenza idealizzante rendeva quanto mai<br />

<strong>di</strong>fficile e <strong>in</strong>stabile quell’equilibrio che soltanto Teocrito, con la sua arte raff<strong>in</strong>atissima,<br />

aveva saputo creare e mantenere (ajlavqeia / aJsuciva). Dopo<br />

Teocrito l’equilibrio si rompe. La visione della natura perde la sua forza orig<strong>in</strong>aria:<br />

il paesaggio, non meno della l<strong>in</strong>gua, <strong>di</strong>venta povero e convenzionale:<br />

i pastori <strong>di</strong> Teocrito si trasformano <strong>in</strong> “pastori da salotto” e talvolta, peggio<br />

ancora, <strong>in</strong> letterati ciarlieri travestiti da pastori: nasce così la “mascherata<br />

bucolica” e il genere bucolico <strong>di</strong>venta soprattutto poesia <strong>di</strong> evasione.<br />

Non mi soffermerò su vari altri lavori teocritei: quello su Alfesibeo<br />

e Alfesibea <strong>in</strong> Teocrito e Virgilio ( 17 ) né su alcune voci m<strong>in</strong>ori dell’En-<br />

( 15 ) G. SERRAO, La cultura ellenistica. II: Letteratura. 3. La poetica del «nuovo<br />

stile»: dalla mimesi aristotelica alla poetica della verità. Teocrito. Callimaco. Apollonio<br />

Ro<strong>di</strong>o, <strong>in</strong> Storia e Civiltà dei Greci, <strong>di</strong>rettore R. Bianchi Band<strong>in</strong>elli, V 9, Milano<br />

1977, pp. 200-253.<br />

( 16 ) G. SERRAO, La genesi del poeta doctus e le aspirazioni realistiche nella poetica<br />

del primo ellenismo, <strong>in</strong> Stu<strong>di</strong> <strong>in</strong> onore <strong>di</strong> A. Ar<strong>di</strong>zzoni, Mess<strong>in</strong>a 1978, p. 928.<br />

( 17 ) G. SERRAO, Modello epico e nome bucolico: ‘Alfesibea’ ed ‘Alfesibeo’ <strong>in</strong> Teocrito<br />

e Virgilio, <strong>in</strong> La lirica greca da Archiloco ad Elitis. Stu<strong>di</strong> <strong>in</strong> onore <strong>di</strong> Filippo Maria<br />

Pontani, Padova 1984, pp. 213-218.


Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

ciclope<strong>di</strong>a Virgiliana ( 18 ). Ma una voce maggiore, il Teocrito ( 19 ), è una<br />

preziosa s<strong>in</strong>tesi <strong>di</strong> lavori anteriori, dove troviamo la più precisa e <strong>in</strong>formata<br />

storia del testo (trattata anche altrove) ( 20 ), evidentemente f<strong>in</strong>alizzata<br />

allo scopo, che era quello <strong>di</strong> presentare al lettore la situazione<br />

e<strong>di</strong>toriale che Virgilio aveva <strong>di</strong> fronte. E gli fu facile controbattere l’assurdo<br />

approccio numericistico <strong>di</strong> Irigo<strong>in</strong>, che non aveva fatto i conti<br />

con quanto era caduto, nella tra<strong>di</strong>zione manoscritta, dei <strong>di</strong>stici elegiaci<br />

dell’VIII: ricordo con quanta prontezza polemica reagì a quell’articolo<br />

appena letto.<br />

Un argomento che per anni gli stette a cuore fu quello della recusatio-excusatio<br />

( 21 ), che fu anche oggetto <strong>di</strong> una relazione al mio sem<strong>in</strong>ario<br />

romano. Non mancò <strong>di</strong> polemizzare con molti amici, anche aspramente.<br />

La sua l<strong>in</strong>ea era quella <strong>di</strong> riven<strong>di</strong>care a Teocrito e a Callimaco quello<br />

che a molti era sembrato un espe<strong>di</strong>ente metaletterario tipicamente<br />

romano e mise a utile confronto le recusationes-excusationes, <strong>di</strong> molto<br />

anteriori, <strong>di</strong> Teocrito nel VII e <strong>di</strong> Callimaco nel prologo degli Aitia.<br />

Considerando i suoi ultimi lavori, si nota un <strong>in</strong>tensificarsi del richiamo<br />

etnologico a giustificazione del realismo. Mi riferisco a quel<br />

lavoro su Calpurnio Siculo e Teocrito XIII ( 22 ), dove l’aggancio realistico<br />

è <strong>di</strong> nuovo calabrese e si presenta come memoria vissuta del<br />

comportamento della chioccia e dei pulc<strong>in</strong>i (p. 73). Segno <strong>di</strong> passione<br />

locale è la rivalutazione <strong>in</strong> chiave etnologica dei versi <strong>di</strong> un poeta<br />

<strong>di</strong>alettale calabrese dell’ottocento, Giuseppe Monaldo ( 23 ), che lo<br />

porta a rileggere Saffo, Teocrito e Virgilio. Ricordo qui “la festa del<br />

grillo” a Firenze nel giorno dell’Ascensione, a proposito dei grilli<br />

canter<strong>in</strong>i <strong>in</strong> Theocr. VII e nell’Antologia ( 24 ).<br />

( 18 ) Si tratta delle voci Alfesibeo, Amarillide, amebeo, Am<strong>in</strong>ta, <strong>in</strong> Enciclope<strong>di</strong>a<br />

Virgiliana, I, 1984, rispettivamente alle pp. 94-95, 122-123, 33-134 e 137-138.<br />

( 19 ) G. SERRAO, Teocrito, <strong>in</strong> Enciclope<strong>di</strong>a Virgiliana, V, 1990, pp. 110-118.<br />

( 20 ) G. SERRAO, Teocrito, <strong>in</strong> Dizionario <strong>di</strong> Scrittori Greci e Lat<strong>in</strong>i, III, Settimo<br />

Milanese 1987, p. 2186, n. 3.<br />

( 21 ) G. SERRAO, All’orig<strong>in</strong>e della recusatio-excusatio: Teocrito e Callimaco, Eikasmos<br />

6, 1995, pp. 141-152, cfr. Teocrito: poetica e poesia, <strong>in</strong> La letteratura ellenistica.<br />

Problemi e prospettive <strong>di</strong> ricerca, Quaderni <strong>di</strong> SemRom 1, Roma 2000, p. 45 ss.<br />

( 22 ) G. SERRAO, Calpurnio Siculo V 64s. e Teocrito XIII 12s., <strong>in</strong> Munuscula M<strong>in</strong>uscula,<br />

Roma 1997, pp. 69-74.<br />

( 23 ) G. SERRAO, «Filologia» ed «Antropologia culturale»: motivi dell’antica poesia<br />

greca <strong>in</strong> un poeta <strong>di</strong>alettale calabrese dell’ottocento, RCCM 41, 1, 1999, pp. 67-73.<br />

( 24 ) G. SERRAO, All’orig<strong>in</strong>e della recusatio-excusatio: Teocrito e Callimaco, Eikasmos<br />

6, 1995, p. 147.<br />

47


48<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

È con Teocrito: poetica e poesia, scritto per il convegno romano<br />

sulla poesia ellenistica ( 25 ), che Serrao ci offre il suo purtroppo ultimo<br />

lavoro, ricco <strong>di</strong> novità presentate nel quadro della sua visione <strong>di</strong><br />

Teocrito. È qui che trovo pienamente centrata la sua valutazione<br />

dell’epillio, <strong>di</strong> cui parlavo prima. Ma, per una s<strong>in</strong>tesi, credo che sia<br />

meglio cedere la parola a lui (p. 59):<br />

Il ‘bucolico’ che Teocrito <strong>in</strong>serisce <strong>in</strong> questi carmi [e cioè <strong>in</strong> quelli non bucolici]<br />

rappresenta il suo personale sigillo, il marchio <strong>in</strong>confon<strong>di</strong>bile che<br />

egli <strong>in</strong>tende imprimere alla sua poesia. E non è solo perché della poesia bucolica<br />

si ritiene l’euJrethv~, il primus ego, ma soprattutto perché ritiene la<br />

poesia bucolica adatta alle sue capacità letterarie e conforme alle sue <strong>in</strong>cl<strong>in</strong>azioni<br />

ideali. Il mondo bucolico, seppure idealizzato, <strong>in</strong>carna per Teocrito<br />

quell’aspirazione all’aJsuciva che contemporaneamente teorizzavano le<br />

scuole filosofiche del tempo e <strong>in</strong> particolare quella epicurea. Perciò Teocrito,<br />

pur partendo da premesse realistiche e qualche volta da una realtà quasi<br />

documentaria, tendeva <strong>in</strong>evitabilmente ad idealizzare i pastori e la loro<br />

vita.<br />

In questo ultimo lavoro Serrao ci ha configurato un Teocrito arricchito.<br />

Dopo una vita <strong>in</strong>tera passata a r<strong>in</strong>tracciare elementi realistici,<br />

ecco che ci avverte che questi, <strong>in</strong>sieme con la <strong>in</strong>tera produzione<br />

bucolica, erano un mezzo per un f<strong>in</strong>e, e il f<strong>in</strong>e risulta essere stato una<br />

espressione profonda <strong>di</strong> se stesso. Qui ritorna, non r<strong>in</strong>om<strong>in</strong>ata,<br />

quella ajlavqeia del V, <strong>di</strong> cui ho accennato sopra e che io <strong>in</strong> realtà<br />

ho sempre <strong>in</strong>tesa come propensione al realismo, ma che Serrao ( 26 )<br />

aveva <strong>in</strong>tesa come fedeltà al proprio ethos <strong>di</strong> poeta bucolico, senza<br />

però liberarci del tutto da un lieve senso <strong>di</strong> ambiguità, perché questa<br />

<strong>in</strong>terpretazione risulterebbe un po’ <strong>in</strong> bilico rispetto alla vocazione<br />

‘veritiera’ che Serrao sostiene <strong>in</strong> Callimaco. Ho parlato <strong>di</strong> ambiguità<br />

lieve, perché le due esegesi sono ampiamente conciliabili perché<br />

complementari: il poeta bucolico voleva e doveva essere realista, ma<br />

d’altra parte non poteva celare il suo amore per quella realtà, che sentiva<br />

aderente alla propria natura. Non ce l’aspettavamo, <strong>in</strong> un autore<br />

alessandr<strong>in</strong>o, questa propensione per una sia pur pregnante espressione<br />

<strong>di</strong> se stesso come una <strong>di</strong>chiarazione <strong>di</strong> appartenenza a una filosofia<br />

( 25 ) G. SERRAO, Teocrito: poetica e poesia, <strong>in</strong> La letteratura ellenistica. Problemi e<br />

prospettive <strong>di</strong> ricerca, Quaderni <strong>di</strong> SemRom 1, Roma 2000, pp. 45-61.<br />

( 26 ) G. SERRAO, La cultura ellenistica. II: Letteratura. 3. La poetica del «nuovo<br />

stile»: dalla mimesi aristotelica alla poetica della verità. Teocrito. Callimaco. Apollonio<br />

Ro<strong>di</strong>o, <strong>in</strong> Storia e Civiltà dei Greci, <strong>di</strong>rettore R. Bianchi Band<strong>in</strong>elli, V 9, Milano<br />

1977, p. 220 e La genesi del poeta doctus e le aspirazioni realistiche nella poetica<br />

del primo ellenismo, <strong>in</strong> Stu<strong>di</strong> <strong>in</strong> onore <strong>di</strong> A. Ar<strong>di</strong>zzoni, Mess<strong>in</strong>a 1978, p. 928.


Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

così piena <strong>di</strong> richiami etici come quella <strong>di</strong> Epicuro (da cui la aJsuciva,<br />

una delle più belle scoperte <strong>di</strong> Serrao): <strong>di</strong>rei che quello che fa rientrare<br />

il suo Teocrito nei ranghi <strong>di</strong> una poesia prevalentemente volta<br />

all’esterno, e sempre così pu<strong>di</strong>ca del sé, è proprio quella tenace pregnanza,<br />

che fa sì che sotto la sottile allusività <strong>di</strong> questo <strong>di</strong>abolico<br />

maestro della comunicazione letteraria ci siano ancora, io credo,<br />

molte novità da scoprire con ulteriori letture che prendano esempio<br />

da Serrao. Qualunque sia il valore che si voglia dare ad ajlavqeia, o<br />

pratica del realismo oppure fedeltà alla propria vocazione, la messa<br />

<strong>in</strong> primo piano <strong>di</strong> quest’ultima mi appare una forma <strong>di</strong> <strong>in</strong>teriorizzazione<br />

<strong>di</strong> Teocrito come personaggio e quasi <strong>di</strong> identificazione con<br />

lui da parte <strong>di</strong> Serrao.<br />

Chiudo – riprendendo ad anello dall’<strong>in</strong>izio – col ricordo del suo<br />

entusiasmo e della sua passione per i suoi testi. Molti <strong>di</strong> noi lo avranno<br />

sentito recitare con voce a suo modo impostata tanti versi teocritei,<br />

che attraverso <strong>di</strong> lui ci sono rimasti nella memoria. Voglio ricordarne<br />

uno solo, che grazie alla sua resa mi fulm<strong>in</strong>ò per la straord<strong>in</strong>aria, <strong>in</strong>au<strong>di</strong>ta<br />

novità <strong>di</strong> trattamento dell’esametro, così s<strong>in</strong>golarmente lontano –<br />

col suo pathos – dall’ethos del verso omerico ( 27 ) (1.66):<br />

pa`/ pok∆ a[r∆ h\sq∆, o{ka Davfni~ ejtavketo, pa`/ poka, Nuvmfai;<br />

Questo suo approccio, che def<strong>in</strong>isco umanistico nel senso del<br />

vero piacere del testo, era il punto <strong>di</strong> partenza per una successiva severa<br />

<strong>in</strong>dag<strong>in</strong>e storico-filologico-critica, e quella <strong>in</strong>dag<strong>in</strong>e era anche il<br />

punto dal quale tornare al go<strong>di</strong>mento <strong>di</strong> un testo chiarito e arricchito.<br />

Fortunati, ma anche saggi, quelli <strong>di</strong> noi che riescono a realizzare<br />

un tale percorso almeno ogni tanto. Se ho ragione ad attribuirgli,<br />

nella sua <strong>in</strong>teriorizzazione <strong>di</strong> Teocrito, una sua presumibile simpatetica<br />

identificazione <strong>in</strong> lui, avremmo un altro tratto, ben più avanzato,<br />

<strong>di</strong> approccio umanistico, e possiamo ben perdonargli questo<br />

spontaneo e vitale tra<strong>di</strong>mento umanistico del metodo storico, visti i<br />

frutti che ha portato proprio nella filologia e nella storia e <strong>di</strong> cui tutti<br />

ci siamo giovati. L’approccio umanistico è un momento <strong>in</strong>sopprimibile<br />

del nostro commercio con i testi perché è l’espressione <strong>di</strong> una<br />

passione che è l’unica garanzia contro l’arida eru<strong>di</strong>zione filologica.<br />

( 27 ) G. SERRAO, Il carme XXV del Corpus teocriteo, Quaderni RCCM, Roma<br />

1962, p. 66.<br />

49


ADELE-TERESA COZZOLI<br />

STUDI INEDITI E ULTIME RIFLESSIONI<br />

Dopo gli <strong>in</strong>terventi <strong>di</strong> stamatt<strong>in</strong>a che, attraverso l’analisi degli stu<strong>di</strong><br />

su Antimaco, Anacreonte, Callimaco, Apollonio Ro<strong>di</strong>o e <strong>in</strong>f<strong>in</strong>e su Teocrito,<br />

hanno del<strong>in</strong>eato la peculiarità, il taglio culturale, l’importanza <strong>di</strong><br />

alcuni contributi <strong>di</strong> Gregorio Serrao, prendo la parola, e la prendo<br />

non per aggiungere nulla a quanto è stato detto <strong>in</strong> precedenza, ma<br />

solo perché sento <strong>di</strong> aver avuto il privilegio <strong>di</strong> ascoltare dalla sua viva<br />

voce riflessioni, idee, progetti <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o che credo siano degni <strong>di</strong> menzione,<br />

perché possono – forse proprio perché riflettono <strong>in</strong> modo più<br />

imme<strong>di</strong>ato le sue caratteristiche <strong>di</strong> uomo e <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>oso – <strong>in</strong> qualche<br />

modo completare il quadro della sua personalità.<br />

Avrei voluto parlare a braccio seguendo solo il filo <strong>di</strong> pochi appunti,<br />

ma come ben capirete sono molto emozionata <strong>di</strong> essere oggi<br />

qui a Cagliari, non solo perché l’ultima e la prima volta che venni <strong>in</strong><br />

Sardegna nel marzo del 1997, lo feci per accompagnare mio zio, <strong>in</strong>vitato<br />

da Vittorio Citti, a tenere alcune lezioni – e ricordo molto<br />

bene quell’occasione –, ma sono emozionata soprattutto perché,<br />

avendo trascorso la mia vita accanto a lui, sento e so <strong>di</strong> non essere<br />

del tutto <strong>di</strong>staccata <strong>in</strong> quel che vi <strong>di</strong>rò. Ho preferito perciò seguire<br />

un <strong>di</strong>scorso più articolato. Sono grata agli organizzatori perché questa<br />

è l’occasione migliore e il modo più adeguato per rendere note<br />

osservazioni <strong>di</strong>scont<strong>in</strong>ue, r<strong>in</strong>venute nelle sue carte sotto forma <strong>di</strong> appunti<br />

neanche ben sviluppati, che, tranne <strong>in</strong> un caso, non sarebbe<br />

stato possibile pubblicare <strong>di</strong>versamente. Prima, però, vorrei r<strong>in</strong>graziare<br />

tutti, quanti con grande affetto hanno voluto questa giornata e<br />

l’hanno saputa realizzare nel modo migliore, proprio come sarebbe<br />

piaciuto a Gregorio, Patrizia Mureddu, Luigi Leur<strong>in</strong>i, Gian Franco<br />

Nieddu e con loro Tristano Gargiulo, quanti sono presenti per rendere<br />

la loro testimonianza <strong>di</strong> amicizia e <strong>di</strong> stima nei confronti <strong>di</strong> un<br />

collega, e prima che <strong>di</strong> un collega forse specialmente <strong>di</strong> un amico,<br />

quanti non potendo essere qui hanno comunque voluto ricordare<br />

Gregorio e manifestare la loro calorosa adesione a questa <strong>in</strong>iziativa.


52<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

A tutti, e <strong>in</strong> particolare ai relatori, va la mia affettuosa riconoscenza<br />

e quella dei miei familiari, qui presenti.<br />

E ora mi scuserete se per evocare alcuni aspetti della sua personalità<br />

com<strong>in</strong>cerò forse un po’ da lontano.<br />

* * *<br />

Nella premessa al suo <strong>in</strong>tervento tenuto <strong>in</strong> occasione delle giornate<br />

<strong>in</strong> ricordo <strong>di</strong> Gennaro Perrotta, Gregorio Serrao scrive «Venni a<br />

Roma e mi iscrissi al corso <strong>di</strong> laurea <strong>in</strong> <strong>Lettere</strong> e <strong>Filosofia</strong> subito<br />

dopo la guerra, negli anni ’46-’47. Erano anni <strong>di</strong>fficili. Non si trovavano<br />

testi classici, le librerie avevano solo vecchie rimanenze e le biblioteche<br />

funzionavano male» ( 1 ). Bruno Gentili mi racconta che rimane<br />

vivido <strong>in</strong> lui il ricordo del primo <strong>in</strong>contro avvenuto, esattamente<br />

<strong>in</strong> quegli anni, sulle scale della <strong>Facoltà</strong> <strong>di</strong> <strong>Lettere</strong> e <strong>Filosofia</strong><br />

della ‘Sapienza’ con Gregorio e con mia madre, appena arrivati dalla<br />

Calabria. La scorsa estate, nello stu<strong>di</strong>o <strong>di</strong> mio nonno, ho ritrovato<br />

tre fogli <strong>in</strong>gialliti <strong>di</strong> un block notes: si tratta <strong>in</strong> realtà <strong>di</strong> tre lettere,<br />

che risalgono al maggio del ’46 e che Gregorio <strong>in</strong><strong>di</strong>rizzava, rispettivamente,<br />

a mio nonno, a mia nonna e mia madre. Mio zio comunica<br />

ai suoi familiari <strong>di</strong> essersi iscritto alla <strong>Facoltà</strong> <strong>di</strong> <strong>Lettere</strong>, <strong>di</strong> seguire<br />

con passione i corsi <strong>di</strong> Glottologia, materia base per lo stu<strong>di</strong>o del<br />

greco, e chiede <strong>in</strong>sistentemente a mia madre e a mia nonna <strong>di</strong> accelerare<br />

le procedure relative al rilascio del certificato per le votazioni<br />

del 4 giugno: «ma voi la domanda l’avete presentata veramente? Qui<br />

a Roma la lotta con i monarchici è tremenda ed ogni giorno vi sono<br />

baruffe dappertutto anche nella città universitaria: speriamo il giorno<br />

quattro <strong>di</strong> poter marciare sul Quir<strong>in</strong>ale». Erano anni <strong>di</strong>fficili,<br />

quelli del dopoguerra, ma anche entusiasmanti, soprattutto per chi<br />

veniva da una famiglia <strong>di</strong> salda fede socialista, che questa fede aveva<br />

tenuta accesa nell’entroterra rurale calabrese come baluardo contro<br />

le prevalenti simpatie monarchico-fasciste dell’aristocrazia latifon<strong>di</strong>sta.<br />

In questa stessa lettera Gregorio rassicura mia nonna mostrando<br />

<strong>di</strong> essere uno studente responsabile che, solo dopo aver fatto il suo<br />

dovere, si de<strong>di</strong>ca ad altro. La <strong>di</strong>scussione della sua tesi <strong>di</strong> laurea, tuttavia,<br />

tardò notevolmente rispetto ad un normale curriculum stu<strong>di</strong>orum.<br />

Il motivo sarà forse da ricercare nell’attenzione e nel tempo de<strong>di</strong>cato<br />

alla politica <strong>in</strong> una fase storica <strong>in</strong> cui sembrava possibile ricostruire<br />

( 1 ) Gli scritti sulla poesia ellenistica, <strong>in</strong> AA.VV., Giornate <strong>di</strong> Stu<strong>di</strong>o su Gennaro<br />

Perrotta. Atti del Convegno, Roma-Pisa 1996, a cura <strong>di</strong> B. GENTILI e A. MASARAC-<br />

CHIA, p. 54.


Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

un mondo nuovo e più equilibrato, oppure nella «lettura slow, ...<br />

l’unica che porta a vero contatto con i testi», caratteristica pr<strong>in</strong>cipale<br />

del suo approccio allo stu<strong>di</strong>o della letteratura come ha sottol<strong>in</strong>eato<br />

Luigi Enrico Rossi ( 2 ), oppure più probabilmente nel concorrere <strong>di</strong><br />

entrambe le cause. Comunque <strong>di</strong> questo ritardo Gregorio si è spesso<br />

rammaricato, perché, anche all’apice della carriera, talvolta gli è stato<br />

r<strong>in</strong>facciato come una nota stonata.<br />

Pochi sanno – e forse quei pochi che lo sapevano, lo avranno ormai<br />

<strong>di</strong>menticato – che la sua tesi <strong>di</strong> laurea <strong>di</strong>scussa il 13 novembre<br />

del 1958 era <strong>in</strong>centrata sull’esametro dei poeti bucolici, un’analisi<br />

condotta nella conv<strong>in</strong>zione che «le <strong>in</strong>dag<strong>in</strong>i metriche si risolvono sempre<br />

<strong>in</strong> risultati stilistici», come egli stesso precisa nella premessa ( 3 ).<br />

Non è un caso che proprio le seconda parte della tesi contenga già <strong>in</strong><br />

nuce lo stu<strong>di</strong>o relativo al XXV i<strong>di</strong>llio del Corpus teocriteo poi pubblicato<br />

nel 1962 nei Quaderni della Rivista <strong>di</strong> Cultura Classica e<br />

Me<strong>di</strong>oevale ( 4 ). Dopo quasi mezzo secolo <strong>di</strong> nuovi e <strong>in</strong>teressanti stu<strong>di</strong><br />

sull’esametro e, soprattutto, dopo la pubblicazione della raccolta a<br />

cura <strong>di</strong> Marco Fantuzzi e <strong>di</strong> Roberto Pretagost<strong>in</strong>i ( 5 ), il risultato del<br />

lavoro <strong>di</strong> un laureando potrebbe sembrare superato o <strong>di</strong> poca rilevanza;<br />

eppure un ist<strong>in</strong>to irrefrenabile mi ha sp<strong>in</strong>to a riprendere <strong>in</strong><br />

mano questo dattiloscritto e a rileggerlo. Negli ultimi mesi, <strong>in</strong>fatti,<br />

Gregorio era sprofondato nella lettura proprio del capitolo <strong>di</strong> Marco<br />

Fantuzzi sull’esametro <strong>di</strong> Teocrito ( 6 ) e forse avrebbe prodotto qualche<br />

nuova riflessione, se la sua malattia non si fosse <strong>in</strong>esorabilmente<br />

aggravata. La ricerca, da lui condotta, si concentra soprattutto sul secondo<br />

emistichio (sull’applicazione della II e III legge <strong>di</strong> Meyer e <strong>di</strong><br />

quella <strong>di</strong> Tiedke e sulle con<strong>di</strong>zioni particolari della presenza <strong>di</strong> monosillabi<br />

<strong>in</strong> f<strong>in</strong>e verso): una prima sezione riguarda l’uso dell’esametro<br />

apolloniano <strong>in</strong> confronto a quello callimacheo; una seconda<br />

quello <strong>di</strong> Teocrito e dei poeti del corpus; la terza e conclusiva le peculiarità<br />

metriche e proso<strong>di</strong>che del XXV i<strong>di</strong>llio. Partendo dai risultati<br />

<strong>di</strong> Legrand ( 7 ), per cui le <strong>di</strong>versità metriche tra i<strong>di</strong>llii bucolici ed<br />

( 2 ) Ricordo <strong>di</strong> Gregorio Serrao, letto <strong>in</strong> occasione della riunione della Consulta<br />

Universitaria del Greco il 30 giugno 2001, p. 1.<br />

( 3 ) L’esametro dei poeti bucolici, p. 2.<br />

( 4 ) Il carme XXV del corpus teocriteo, RCCM Quaderni 4, Roma 1962.<br />

( 5 ) Struttura e Forma dell’esametro greco I-II, Roma 1995-1996.<br />

( 6 ) Variazioni sull’esametro <strong>in</strong> Teocrito, <strong>in</strong> op. cit. n. 5, I, pp. 221-256.<br />

( 7 ) Études sur Théocrite, Paris 1898, p. 340.<br />

53


54<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

epici (XIII, XVI, XVII, XXII, XXV, XXVI) co<strong>in</strong>cidono con <strong>di</strong>fferenze<br />

<strong>di</strong> genere, nella sua tesi, Gregorio andava però oltre, giungeva cioè ad<br />

affermare che <strong>in</strong> c<strong>in</strong>que carmi bucolici, ed esattamente I, III, IV, V,<br />

VI, almeno per quanto concerne le ultime se<strong>di</strong> del verso, Teocrito<br />

avrebbe seguito molto da vic<strong>in</strong>o la tecnica dell’esametro callimacheo;<br />

anzi, proprio <strong>in</strong> base all’analisi comparativa della presenza dei monosillabi<br />

ortotonici f<strong>in</strong>ali tra Apollonio e Teocrito era <strong>in</strong>dotto ad<br />

evidenziare come <strong>in</strong> questi suddetti c<strong>in</strong>que carmi bucolici essi non<br />

comparivano mai, erano rari nei mimi urbani, e più frequenti nei<br />

cosidetti epilli (anche se spesso si tratta <strong>di</strong> monosillabi strettamente<br />

legati alla parola precedente o per il senso o per la proso<strong>di</strong>a). In conclusione,<br />

<strong>in</strong> questi c<strong>in</strong>que i<strong>di</strong>lli, Teocrito presenta un esametro più<br />

vic<strong>in</strong>o a quello callimacheo rispetto ad Apollonio Ro<strong>di</strong>o. Ad una <strong>di</strong>st<strong>in</strong>zione<br />

tra i<strong>di</strong>llii bucolici ed epici arriva anche Marco Fantuzzi,<br />

che però ritiene <strong>di</strong> poter cogliere <strong>in</strong> più tra i due gruppi anche una<br />

contrapposizione tra il registro stilistico ‘serio’, da un lato, dei bucolici<br />

I, III, IV, V, VI VII, <strong>in</strong>sieme al II e agli ‘epico’-encomiastici, e<br />

dall’altro, del ‘burlesco’, r<strong>in</strong>tracciabile soprattutto nell’XI e del XV.<br />

È una sud<strong>di</strong>visione, seguita anche da Enrico Magnelli ( 8 ), che Gregorio<br />

non con<strong>di</strong>videva. Riteneva, <strong>in</strong>fatti, che l’ironia dei poeti ellenistici,<br />

<strong>in</strong> particolare quella <strong>di</strong> Teocrito, fosse molto più sottile ed<br />

evanescente <strong>di</strong> una classificazione a esclusiva connotazione metrica<br />

<strong>in</strong> cui ogni i<strong>di</strong>llio risulti perfettamente def<strong>in</strong>ibile sotto un’etichetta<br />

univoca e onnicomprensiva ( 9 ); e specialmente credeva che non tutto<br />

( 8 ) Le norme del secondo piede dell’esametro nei poeti ellenistici e il comportamento<br />

della ‘parola metrica’, MD 35, 1995, pp. 135-164, <strong>in</strong> particolare p. 144 ss., 157 ss.<br />

( 9 ) Mi basterà ricordare poche righe <strong>in</strong> cui egli s<strong>in</strong>tetizzava l’idea <strong>di</strong> ironia <strong>in</strong><br />

Teocrito a proposito dell’i<strong>di</strong>llio XIII: «L’ironia teocritea, che è poi frutto della<br />

tendenza ellenistica alla storicizzazione e laicizzazione del mito, consiste appunto<br />

<strong>in</strong> una <strong>di</strong>ssacrazione dell’eroico e <strong>in</strong> una umanizzazione del protagonista, il seriocomico<br />

che si affaccia nella chiusa del carme non solo non è conciliabile con co<strong>di</strong>ce<br />

“epico”, ma rappresenta <strong>in</strong> nuce una <strong>di</strong>ssoluzione del vecchio modulo “epico”...<br />

Teocrito non può e non <strong>in</strong>tende presc<strong>in</strong>dere dal co<strong>di</strong>ce “epico”, vi att<strong>in</strong>ge copiosamente,<br />

ma lo r<strong>in</strong>nova e lo manipola per adattarlo al carattere e alle necessità delle<br />

sue composizioni. Concomitantemente egli re<strong>in</strong>terpreta la l<strong>in</strong>gua epica e omerica<br />

piegandola alle sue nuove esigenze espressive». (Teocrito: Poetica e Poesia, <strong>in</strong><br />

AA.VV., La letteratura ellenistica. Problemi e prospettive <strong>di</strong> ricerca. Atti del Colloquio<br />

<strong>in</strong>ternazionale. Università <strong>di</strong> Roma “Tor Vergata”, 29-30 aprile 1997, a cura <strong>di</strong> R.<br />

PRETAGOSTINI, Roma 2000, p. 56). L’ironia teocritea, dunque, non è mai f<strong>in</strong>e a se<br />

stessa ed è soprattutto construens, cioè è sempre f<strong>in</strong>alizzata alla def<strong>in</strong>izione <strong>di</strong> un<br />

nuovo co<strong>di</strong>ce poetico e letterario o a rappresentare la Weltanschaung del poeta; un<br />

suo stu<strong>di</strong>o, qu<strong>in</strong><strong>di</strong>, implica necessariamente un’analisi complessiva che sia al tempo<br />

stesso metrica, letteraria, stilistica e contenutistica e che tenga conto della


Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

fosse <strong>in</strong>terpretabile e giustificabile sempre sotto questo registro,<br />

come rivela sia l’analisi <strong>di</strong> alcuni i<strong>di</strong>llii, il VII o il IX ( 10 ), sia l’esplicita<br />

negazione dell’ironia teocritea quale centro unificatore e gravitazionale<br />

<strong>di</strong> tutti i carmi, <strong>in</strong> netta contrapposizione ad un certa tendenza<br />

italiana, e specialmente straniera (anglosassone e tedesca), degli<br />

stu<strong>di</strong> su Teocrito ( 11 ). Inoltre, anche la tra<strong>di</strong>zionale <strong>di</strong>st<strong>in</strong>zione<br />

tra i<strong>di</strong>lli bucolici ed epici Gregorio l’aveva attenuata quando osservava<br />

che Teocrito, <strong>in</strong>serendo sempre motivi bucolici anche nei suoi<br />

carmi non bucolici, <strong>in</strong>tendeva sottol<strong>in</strong>eare l’importanza e la priorità<br />

ideologica della ispirazione bucolica nell’ambito <strong>di</strong> tutta la sua produzione<br />

( 12 ).<br />

In ogni caso la griglia <strong>di</strong> percentuali sulle <strong>in</strong>frazioni alle leggi callimachee,<br />

redatta da Fantuzzi, conferma che lo scarto tra i<strong>di</strong>lli epici<br />

e bucolici nel primo emistichio è meno rilevante, mentre è nel secondo<br />

che gli i<strong>di</strong>lli bucolici presentano una più marcata regolarità<br />

rispetto a quelli ‘epico’-encomiastici. Gli stessi riscontri, <strong>in</strong> maniera<br />

ad<strong>di</strong>rittura più evidente, si possono estrapolare dall’analisi <strong>in</strong> tre<br />

gruppi dei carmi teocritei (bucolici, epici, e vari) fatta da Magnelli.<br />

Tra suoi a[grafa dovgmata Gregorio andava spesso ripetendo che la<br />

<strong>di</strong>fferenza fondamentale tra i carmi teocritei consisteva nei modelli<br />

<strong>di</strong>chiarati e non che si celano <strong>di</strong>etro le <strong>di</strong>verse composizioni e mi citava<br />

spesso l’articolo <strong>di</strong> V<strong>in</strong>cenzo Di Benedetto “Omerismi e struttura<br />

metrica negli I<strong>di</strong>lli dorici <strong>di</strong> Teocrito” che risale appunto al<br />

1956 ( 13 ). Anche se Di Benedetto arriva ad un’articolazione <strong>di</strong>fferente<br />

degli i<strong>di</strong>llii, Gregorio Serrao, <strong>in</strong> piena s<strong>in</strong>tonia con lui, era del tutto<br />

conv<strong>in</strong>to che il modello letterario, <strong>in</strong>evitabile para<strong>di</strong>gma <strong>di</strong> elementi<br />

stilistici e s<strong>in</strong>tagmatici, non poteva essere assolutamente trascurato.<br />

Infatti, i c<strong>in</strong>que carmi bucolici da lui <strong>in</strong><strong>di</strong>viduati come<br />

struttura dei s<strong>in</strong>goli i<strong>di</strong>llii. Non <strong>di</strong> rado <strong>in</strong>fatti il registro ironico contribuisce, <strong>in</strong>sieme<br />

all’amenità evocata dal paesaggio bucolico, a determ<strong>in</strong>are quella sensazione<br />

<strong>di</strong> lieta leggerezza con cui tendono a concludersi le composizioni <strong>di</strong> Teocrito. Per<br />

Teocrito poeta d’ajsuciva cfr. G. SERRAO, Teocrito, <strong>in</strong> AA.VV., Dizionario degli<br />

scrittori Greci e Lat<strong>in</strong>i, vol. III, p. 2201 ss.<br />

( 10 ) Cfr., per il VII i<strong>di</strong>llio, La poetica del «nuovo stile» dalla mimesi aristotelica alla<br />

poetica della verità, <strong>in</strong> AA.VV., Storia e Civiltà dei Greci, V 9, Milano 1977, p. 200 ss.,<br />

per il IX vd. <strong>in</strong>fra.<br />

( 11 ) Cfr. Op. cit. n. 9, p. 59.<br />

( 12 ) Teocrito: Poetica e Poesia , <strong>in</strong> op. cit., n. 9, pp. 44-61, ma cfr. anche, Teocrito,<br />

<strong>in</strong> op. cit. n. 9, p. 203 ss.<br />

( 13 ) ASNP 25, 1956, pp. 48-60.<br />

55


56<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

un’unità quanto al carattere dell’esametro si contrappongono agli altri<br />

perché hanno <strong>di</strong>etro <strong>di</strong> loro la poesia tra<strong>di</strong>zionale bucolica siciliana,<br />

gli altri presentano <strong>in</strong>vece referenti prevalentemente letterari<br />

(Omero, P<strong>in</strong>daro, Simonide, Apollonio Ro<strong>di</strong>o) ( 14 ).<br />

Annodare e ricostruire le fila <strong>di</strong> ciò che è rimasto <strong>in</strong>e<strong>di</strong>to e <strong>di</strong> ciò<br />

che <strong>in</strong>vece deriva dal suo <strong>in</strong>segnamento orale e che forse è noto a<br />

molti <strong>di</strong> noi è quanto mai <strong>di</strong>fficile, anche da parte <strong>di</strong> chi, come me,<br />

ha vissuto sotto il suo cont<strong>in</strong>uo magistero. Molti scritti sono <strong>di</strong>scussioni<br />

prelim<strong>in</strong>ari da cui si può comprendere lo scopo che egli si prefiggeva,<br />

altri <strong>in</strong>vece sono costituiti da riflessioni e<strong>di</strong>te solo parzialmente<br />

all’<strong>in</strong>terno <strong>di</strong> altri lavori. Oppure, si tratta <strong>di</strong> appunti su <strong>di</strong><br />

un unico argomento che però appartengono a fasi cronologiche tra<br />

<strong>di</strong> loro lontane e che implicano perciò uno sta<strong>di</strong>o <strong>di</strong> elaborazione e<br />

<strong>di</strong> approfon<strong>di</strong>mento a livelli <strong>di</strong>fferenti; e molto spesso per collegare<br />

le riflessioni <strong>in</strong>e<strong>di</strong>te più antiche a quelle più recenti, o per comprenderle<br />

meglio, occorre, per ovvie ragioni, tenere presente il già pubblicato.<br />

Tra <strong>di</strong> essi compare, per esempio, il testo <strong>di</strong> una relazione tenuta<br />

nell’aprile del 1980 al Convegno Inter<strong>di</strong>scipl<strong>in</strong>are ‘Oralità e scrittura<br />

nel sistema letterario’ organizzato proprio qui a Cagliari ( 15 ). In<br />

questo convegno furono esposti i risultati o i progetti <strong>di</strong> lavoro su <strong>di</strong><br />

un tema, che era stato oggetto <strong>di</strong> uno stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong>ter<strong>di</strong>scipl<strong>in</strong>are <strong>di</strong> più<br />

<strong>di</strong>partimenti all’<strong>in</strong>terno dell’Università. Di questa stretta collaborazione<br />

scientifica mio zio mi ha sempre parlato con entusiasmo e con<br />

un po’ <strong>di</strong> nostalgia. L’<strong>in</strong>tervento è <strong>in</strong>titolato “Testimonianze <strong>di</strong> oralità<br />

negli i<strong>di</strong>lli <strong>di</strong> Teocrito” e s’<strong>in</strong>terrompe a metà, <strong>di</strong>rei proprio sul<br />

più bello. Luigi Leur<strong>in</strong>i mi ha procurato una cassetta <strong>in</strong> cui sono state<br />

registrate gran parte delle comunicazioni del Convegno; la cassetta<br />

è <strong>di</strong> <strong>di</strong>fficilissimo ascolto, ma con tenacia qualcosa si può ancora<br />

comprendere. Tutti noi conosciamo bene il suo modo <strong>di</strong> esporre:<br />

egli parlò, naturalmente a braccio, <strong>in</strong>terrompendosi con quelle che<br />

sembravano sempre amabili <strong>di</strong>gressioni, ma <strong>in</strong> realtà poi tali non<br />

erano. Il testo che io vi propongo però non è quello del convegno, si<br />

( 14 ) A tutt’oggi manca uno stu<strong>di</strong>o complessivo e def<strong>in</strong>itivo sulla l<strong>in</strong>gua <strong>di</strong> Teocrito,<br />

probabilmente ostacolato anche dai problemi che ogni e<strong>di</strong>tore deve <strong>in</strong>evitabilmente<br />

affrontare <strong>in</strong> ord<strong>in</strong>e allo status della tra<strong>di</strong>zione manoscritta per chiarire<br />

ed eventualmente ricostruire l’orig<strong>in</strong>aria facies <strong>di</strong>alettale e l<strong>in</strong>guistica del testo. Su<br />

questi aspetti rimane fondamentale la lucida <strong>di</strong>sam<strong>in</strong>a <strong>di</strong> A.S.F. GOW, Theocritus,<br />

I, 1952 2 , p. lxxii ss.<br />

( 15 ) Oralità e Scrittura nel Sistema letterario. Convegno <strong>di</strong> Stu<strong>di</strong>. (Cagliari 14,<br />

15 e 16 aprile 1980), a cura <strong>di</strong> G. CERINA, C. LAVINIO, L. MULAS, Roma 1982.


Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

tratta <strong>di</strong> una redazione rielaborata successivamente <strong>in</strong> vista della<br />

pubblicazione degli atti, ma mai consegnata ai curatori del volume.<br />

So che Gregorio avrebbe voluto far confluire questo testo come un<br />

capitolo a se stante nel suo secondo libro su Teocrito; <strong>in</strong>fatti, cercando<br />

nel suo archivio, l’ho ritrovato proprio <strong>in</strong> una busta con la<br />

scritta ‘Teocrito II, Appunti’. Da esso si ev<strong>in</strong>ce con chiarezza l’orig<strong>in</strong>e<br />

<strong>di</strong> quella <strong>in</strong>tuizione da cui è nato il lavoro sulle regole dell’agone<br />

bucolico e sul rapporto che <strong>in</strong>tercorre tra il V i<strong>di</strong>llio e quelli <strong>di</strong> forma<br />

ormai letteraria e stilizzata. «Che non sempre l’oralità – esor<strong>di</strong>sce<br />

– possa essere considerata la nota <strong>di</strong>st<strong>in</strong>tiva della poesia popolare è<br />

cosa risaputa ... tuttavia, ove e quando essa “si contrappone <strong>in</strong> compresenza<br />

socio culturale alla scrittualità” (sono parole tra virgolette<br />

<strong>di</strong> Alberto Cirese) ( 16 ), la tra<strong>di</strong>zione orale viene giustamente considerata<br />

come la caratteristica <strong>in</strong><strong>di</strong>viduante della poesia popolare e le due<br />

def<strong>in</strong>izioni (poesia <strong>di</strong> tra<strong>di</strong>zione orale e poesia popolare) vengono <strong>di</strong><br />

norma a co<strong>in</strong>cidere. Difatti, <strong>in</strong> Teocrito, le tracce <strong>di</strong> poesia orale,<br />

che noi tenteremo <strong>di</strong> reperire – cont<strong>in</strong>ua –, si riferiscono sempre a<br />

manifestazioni poetiche, espresse e tramandate oralmente dalle classi<br />

subalterne alla cui <strong>in</strong>ventiva e tra<strong>di</strong>zione Teocrito non <strong>di</strong>sdegna <strong>di</strong><br />

ricorrere e d’ispirarsi, sebbene i suoi carmi siano dest<strong>in</strong>ati alla fruizione<br />

della classe <strong>di</strong>rigente». Si tratta dunque <strong>di</strong> un Teocrito, <strong>in</strong> un<br />

certo senso, antropologo, secondo la def<strong>in</strong>izione che ha dato <strong>di</strong> recente<br />

Maria Grazia Bonanno ( 17 ) e che sarebbe piaciuta a Gregorio<br />

se solo avesse avuto il tempo <strong>di</strong> leggerla. Nel manoscritto a queste<br />

osservazioni generali fanno seguito la classificazione delle testimonianze<br />

d’oralità, riscontrabili negli i<strong>di</strong>lli, <strong>di</strong>st<strong>in</strong>te secondo il metodo<br />

usato dalla F<strong>in</strong>negan ( 18 ) e un’analisi particolareggiata della struttura<br />

del V i<strong>di</strong>llio. E dopo l’analisi compaiono i ricor<strong>di</strong> personali: «Io stesso<br />

– scrive mio zio – ho avuto occasione <strong>di</strong> assistere a qualcuna <strong>di</strong><br />

queste gare, ed una volta chiesi ad un giovane contendente ... quali<br />

fossero le regole del giuoco: “Lui – mi rispose prontamente il giovane<br />

<strong>in</strong><strong>di</strong>candomi con la mano l’avversario del momento – deve rispondere<br />

a me e poi io a lui e <strong>di</strong> nuovo lui a me, e così via f<strong>in</strong>ché la<br />

( 16 ) Schemi, term<strong>in</strong>ologie e scheletri (nell’arma<strong>di</strong>o). Brogliaccio <strong>di</strong> risposte al questionario,<br />

<strong>in</strong> AA.VV., La ricerca folklorica 1, 1980, p. 31.<br />

( 17 ) Conclusioni, <strong>in</strong> AA.VV. La letteratura ellenistica. Problemi e prospettive <strong>di</strong> ricerca.<br />

Atti del Colloquio <strong>in</strong>ternazionale. Università <strong>di</strong> Roma “Tor Vergata”, 29-30<br />

aprile 1997, a cura <strong>di</strong> R. PRETAGOSTINI, Roma 2000, p. 211. Cfr. <strong>in</strong> questo stesso<br />

volume l’<strong>in</strong>tervento <strong>di</strong> M.G. BONANNO su ‘Il poeta doctus (Antimaco ed altri)’.<br />

( 18 ) Oral Poetry. Its Nature, Significance and Social Context, Cambridge 1977.<br />

57


58<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

catena non si spezzi». In questa risposta egli ritrovava implicite le<br />

prime due norme dell’agone teocriteo: «ogni risposta è con<strong>di</strong>zionata<br />

dalla proposta precedente e con<strong>di</strong>ziona a sua volta la proposta successiva»<br />

( 19 ).<br />

L’<strong>in</strong>teresse verso la poesia popolare non è mai venuto meno <strong>in</strong><br />

Gregorio Serrao ( 20 ), forse perché a quel mondo era affettivamente e<br />

nostalgicamente legato da un coacervo <strong>di</strong> ricor<strong>di</strong> ed esperienze familiari<br />

e giovanili e che ritrovava nel contatto <strong>di</strong>retto con la cultura<br />

sarda come mi ha ricordato Luigi Enrico Rossi. Ma è stato l’<strong>in</strong>contro<br />

con due personalità e con determ<strong>in</strong>ati ambiti cui nello stesso periodo<br />

rivolgevano i loro <strong>in</strong>teressi a permettere che questa attenzione<br />

si traducesse <strong>in</strong> ben altro. Mi riferisco ad Alberto Mario Cirese e a<br />

Bruno Gentili. I rapporti <strong>di</strong> <strong>di</strong>scepolato e <strong>di</strong> scambio reciproco con<br />

Gentili risalgono agli anni universitari, al magistero perrottiano, ma<br />

anche all’epoca della preparazione dell’e<strong>di</strong>zione <strong>di</strong> Anacreonte. Non<br />

è solo quel Gentili che ha <strong>in</strong>fluenzato Gregorio Serrao nella sua formazione,<br />

è soprattutto il Gentili che approfon<strong>di</strong>sce e stu<strong>di</strong>a l’oralità<br />

e i rapporti tra poeta, pubblico e committenza e che, r<strong>in</strong>novando<br />

l’<strong>in</strong>segnamento <strong>di</strong> Perrotta, «è riuscito ad <strong>in</strong>trodurre autorevolmente<br />

il nome della sua scuola anche <strong>in</strong> ambito <strong>in</strong>ternazionale» come amava<br />

ricordare sempre mio zio e come ha messo per iscritto ( 21 ). E proprio<br />

verso Cirese e Gentili egli riconoscerà apertamente i suoi debiti<br />

de<strong>di</strong>cando loro lo stu<strong>di</strong>o sull’i<strong>di</strong>llio V nei Quaderni Urb<strong>in</strong>ati del<br />

1975 ( 22 ), uno stu<strong>di</strong>o rielaborato poi e confluito nella sezione su Teocrito<br />

<strong>di</strong> Storia e Civiltà dei Greci. Non può sfuggire quanto schemi,<br />

term<strong>in</strong>ologia e categorie <strong>in</strong>terpretative <strong>di</strong> quel lavoro siano il risultato<br />

dell’assimilazione profonda dei saggi <strong>di</strong> Cirese raccolti poi <strong>in</strong> Ragioni<br />

Metriche del 1988 e <strong>di</strong> quelli cui Gentili darà forma unitaria <strong>in</strong><br />

Poesia e Pubblico, la cui prima e<strong>di</strong>zione risale al 1984.<br />

A scorrere la produzione critica su Teocrito, soprattutto saggi e articoli<br />

<strong>di</strong> autori stranieri, sembrerebbe che la tematica della poesia po-<br />

( 19 ) Cfr. G. SERRAO, La poesia bucolica: realtà campestre e stilizzazione letteraria,<br />

<strong>in</strong> AA.VV., Storia e Civiltà dei Greci, V 9, Milano 1977, p. 183-185.<br />

( 20 ) L’ultimo lavoro su questo argomento è datato 1999 e riguarda un poeta<br />

<strong>di</strong>alettale calabrese: «Filologia» ed «Antropologia culturale»: motivi dell’antica poesia<br />

greca <strong>in</strong> un poeta <strong>di</strong>alettale dell’ottocento, RCCM 41, 1, 1999, p. 67-73.<br />

( 21 ) Gli scritti sulla poesia ellenistica, <strong>in</strong> AA.VV., Giornate <strong>di</strong> Stu<strong>di</strong>o su Gennaro Perrotta.<br />

Atti del Convegno, Roma-Pisa 1996, a c. <strong>di</strong> B. GENTILI e A. MASARACCHIA, p. 56.<br />

( 22 ) L’i<strong>di</strong>llio V <strong>di</strong> Teocrito: realtà campestre e stilizzazione letteraria, QUCC 19,<br />

1975, pp. 73-109.


Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

polare ormai poco <strong>in</strong>teressi, o non <strong>in</strong>teressi più del tutto. Nella letteratura<br />

greca della Cambridge University Press Bulloch ( 23 ) esaurisce la<br />

questione <strong>in</strong> poche parole né de<strong>di</strong>ca una trattazione più estesa al V<br />

i<strong>di</strong>llio come fa <strong>in</strong>vece per gli altri. Hunter nella sua recentissima selezione<br />

degli i<strong>di</strong>lli teocritei con commento ( 24 ) raccoglie tutti i carmi<br />

bucolici, ma esclude proprio il V e, al suo posto, si trova <strong>in</strong>vece il<br />

XIII, che non è propriamente bucolico. Anche l’importante libro <strong>di</strong><br />

Stanzel ( 25 ) affronta più che altro il problema dei rapporti della poesia<br />

bucolica con i referenti letterari. F<strong>in</strong>o ad arrivare all’affermazione <strong>di</strong><br />

chi, trascurando la documentazione dell’i<strong>di</strong>llio V, ad<strong>di</strong>rittura nega del<br />

tutto le premesse realistiche della poesia bucolica ed caratterizza Teocrito<br />

esclusivamente come un eru<strong>di</strong>to chiuso nella torre d’avorio della<br />

Biblioteca e del Museo ( 26 ). Naturalmente il silenzio ha le sue implicite<br />

giustificazioni: se già <strong>in</strong> Teocrito si possono riscontrare solo tracce<br />

<strong>di</strong> una produzione orale, aurale e popolare, oggi non esistono neanche<br />

più realtà culturali confrontabili con quelle note a Teocrito; o, se esistono<br />

limitate attestazioni relative a zone circoscritte, queste manifestazioni<br />

sono ormai irrime<strong>di</strong>abilmente alterate rispetto alla situazione<br />

d’età ellenistica dall’<strong>in</strong>terferenza che si è realizzata, <strong>in</strong> più perio<strong>di</strong> e attraverso<br />

svariati canali <strong>di</strong> comunicazione, con la cultura scritta ( 27 ).<br />

Ma, nonostante questi limiti, è comunque una ricerca che Gregorio<br />

aveva tentato e che può portare ad <strong>in</strong>teressanti risultati come appare<br />

chiaro dal contributo <strong>di</strong> Roberto Pretagost<strong>in</strong>i del 1992, Tracce <strong>di</strong> poesia<br />

orale nei carmi <strong>di</strong> Teocrito (Aevum antiquum 5, 1992, pp. 67-87).<br />

Non so se sia effettivamente la verità, ma forse a quel clima effervescente<br />

della seconda metà degli anni ’70 del secolo scorso che agitava<br />

l’Ateneo <strong>di</strong> Cagliari nel <strong>di</strong>battito sull’oralità, la poesia ellenistica<br />

e il rapporto con la civiltà della scrittura e a quei numerosi docenti<br />

che a Cagliari hanno <strong>in</strong>segnato nello stesso periodo quasi per volon-<br />

( 23 ) Teocrito, <strong>in</strong> AA.VV., La letteratura greca (Cambridge 1985), trad. it., Milano<br />

1990, p. 277 ss.<br />

( 24 ) Theocritus. A Selection. Idylls 1,3,4,6,7,10,11 and 13, Cambridge 1999.<br />

( 25 ) Liebende Hirten, Stuttgart-Leipzig 1995.<br />

( 26 ) Cfr. e. g. J. VARA, The Sources of Theocritean Bucolic Poetry, Mnemosyne 4,<br />

45, 1992, pp. 333-344.<br />

( 27 ) Un’importante attestazione <strong>di</strong> una realtà che si è mo<strong>di</strong>ficata rispetto al<br />

passato e che oggi sta scomparendo si trova nei poeti-pastori <strong>di</strong> Tolfa. R<strong>in</strong>vio per<br />

la documentazione ad un articolo molto <strong>in</strong>teressante <strong>di</strong> C. MISMETTI CAPUA,<br />

Pastori&Poeti. Così tramonta il mito degli ultimi cantastorie, pubblicato sul settimanale<br />

Venerdì del quoti<strong>di</strong>ano La Repubblica nel mese <strong>di</strong> gennaio 2002.<br />

59


60<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

tà della tuvch, si ricollegano gli <strong>in</strong>teressi esiodei <strong>di</strong> Patrizia Mureddu,<br />

quelli per il poligrafo Ione <strong>di</strong> Chio <strong>di</strong> Luigi Leur<strong>in</strong>i, e i saggi sul ruolo<br />

della parola scritta e la sua fenomenologia e sulla <strong>di</strong>ffusione dell’alfabetizzazione<br />

<strong>in</strong> Grecia <strong>di</strong> Gian Franco Nieddu.<br />

Si potrebbe <strong>di</strong>re che Gregorio Serrao abbia riflettuto cont<strong>in</strong>uamente<br />

su testi che conosceva benissimo e che riprendeva <strong>in</strong> mano,<br />

ma sempre facendo emergere uno o più aspetti, non ancora considerati<br />

da lui, prima che da altri. Li rileggeva e si rileggeva senza nessun<br />

timore <strong>di</strong> considerare tesi e obiezioni che gli venivano da colleghi<br />

più giovani o da amici, anzi proprio dalle <strong>di</strong>scussioni con questi o<br />

dalle loro <strong>di</strong>verse op<strong>in</strong>ioni si sentiva stimolato e <strong>in</strong>dotto o a porsi<br />

egli stesso obiezioni o riba<strong>di</strong>re con maggiore fermezza le sue tesi,<br />

non <strong>di</strong>menticando mai <strong>di</strong> accogliere le osservazioni che gli sembravano<br />

più acute e degne <strong>di</strong> considerazione, pronto ad imparare dal <strong>di</strong>battito<br />

costruttivo anche se talvolta qualcuno avrebbe potuto tacciarlo<br />

<strong>di</strong> eccessiva vis polemica. Una riflessione cont<strong>in</strong>ua che spesso<br />

partiva dal già detto o dal già scritto per sp<strong>in</strong>gersi oltre come rivelano<br />

i casi <strong>di</strong> altri due lavori <strong>in</strong>e<strong>di</strong>ti, uno dei quali solo <strong>in</strong> parte, entrambi<br />

<strong>di</strong>ffusi oralmente, per quanto mi ricordo, tramite sem<strong>in</strong>ari<br />

tenuti all’Università <strong>di</strong> Roma ‘La Sapienza’.<br />

Il primo <strong>di</strong> questi due lavori riguarda la struttura dell’i<strong>di</strong>llio VIII e<br />

del IX e appartiene alla seconda metà degli anni ’80; è cioè posteriore<br />

ai lavori <strong>di</strong> Irigo<strong>in</strong> sulla struttura del corpus teocriteo (1975) ( 28 ), agli<br />

stu<strong>di</strong> successivi <strong>di</strong> Ancher e <strong>di</strong> Meillet (1981) ( 29 ) e ai due saggi della<br />

White sull’VIII e sul IX i<strong>di</strong>llio (1980), ma anteriore, probabilmente,<br />

alla pubblicazione del V volume datato 1990 dell’Enciclope<strong>di</strong>a Virgiliana<br />

che contiene la voce ‘Teocrito’ redatta da Gregorio (pp. 110-<br />

118). Il manoscritto presenta il titolo “Pseudo-Teocrito IX: prologo<br />

ritardato e amebeo a tre voci” e si articola <strong>in</strong> due sezioni, ma è evidente<br />

già dell’epigrafe che la seconda sezione è la parte più rilevante.<br />

Infatti nella prima è contenuta <strong>in</strong> nuce la <strong>di</strong>mostrazione che il castello<br />

<strong>di</strong> numeri architettato da Irigo<strong>in</strong>, accolto poi da Ancher e da<br />

Meillet, per descrivere la geometria simmetrica del corpus, crolla nel<br />

momento che è necessario ipotizzare una lacuna nell’i<strong>di</strong>llio VIII<br />

dopo v. 52 <strong>di</strong> 4 versi oppure l’<strong>in</strong>terpolazione <strong>di</strong> 4 versi <strong>in</strong> più e opta-<br />

( 28 ) Les Bucoliques de Théocrite. La composition du recueil, QUCC 19, 1975,<br />

pp. 27-44.<br />

( 29 ) Rispettivamente Les Bucoliques de Théocrite: structure et composition du recueil,<br />

REG 94, 1981, pp. 295-314, Quelques nouvelles perspectives dans l’étude de<br />

Théocrite, REG 94, 1981, pp. 315-337.


Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

re per l’espunzione <strong>di</strong> v. 77; questa parte è confluita nella voce Teocrito<br />

del 1990. Le seconda <strong>in</strong>vece riguarda l’<strong>in</strong>terpretazione dell’i<strong>di</strong>llio<br />

IX e precisamente il terzo boukoliasmov~ <strong>in</strong>tonato alla f<strong>in</strong>e dal<br />

narratore. Meillet, accogliendo la tesi <strong>di</strong> Irigo<strong>in</strong>, lo considerava<br />

l’explicit teocriteo della raccolta; «la White ( 30 ) – secondo Gregorio –<br />

ha il merito <strong>di</strong> riproporre il problema <strong>di</strong> una retta <strong>in</strong>terpretazione<br />

del carme, ma le sue analisi sono <strong>in</strong>ficiate dagli stessi eccessi <strong>in</strong> cui<br />

spesso cade tutta la scuola <strong>di</strong> Giangrande: un conservatorismo eccessivo<br />

del testo trà<strong>di</strong>to, un’esasperata applicazione della tecnica allusiva,<br />

la tendenza a vedere dappertutto ironia, palesi e grossolane contrad<strong>di</strong>zioni».<br />

In s<strong>in</strong>tesi la tesi della stu<strong>di</strong>osa nel suo lucido resoconto:<br />

la White conserva al v. 30 il trà<strong>di</strong>to fuvsh/~, rigetta la correzione fuvsw<br />

del Graefe (accolta da Gow), riferisce il v. 30 a Dafni, autore <strong>di</strong> uno<br />

dei due boukoliasmoiv precedenti, il quale risulterebbe v<strong>in</strong>citore nella<br />

gara amebea del IX. L’i<strong>di</strong>llio IX sarebbe posteriore al VI, che ha come<br />

protagonista lo stesso personaggio, Dafni, e che sarebbe f<strong>in</strong>ito con un<br />

pareggio. Dafni, qu<strong>in</strong><strong>di</strong>, avrebbe punito il poeta (Teocrito o chi per<br />

lui) perché non aveva giu<strong>di</strong>cato rettamente facendogli crescere una<br />

pustula sulla l<strong>in</strong>gua, perciò, nel IX, il poeta, che ora ha <strong>in</strong>vece assegnato<br />

il primo premio a Dafni, <strong>di</strong>rebbe al v. 30 “e tu non mi far crescere<br />

più la pustula sulla punta della l<strong>in</strong>gua”. Il v. 30 mhkevt∆ ejpi; glwvssa~<br />

a[kra~ ojlofuggovna fuvsh/~ (o fuvsw) <strong>in</strong>fatti viene <strong>in</strong>teso dagli scolii<br />

come una frase proverbiale rivolta a chi non aveva giu<strong>di</strong>cato rettamente.<br />

Ma Gregorio osserva che la correzione fuvsw (del Graefe) è convalidata<br />

da un analogo passo <strong>in</strong> id. XII 23 s. ( 31 ), che l’allocuzione <strong>di</strong>retta<br />

a Dafni è stilisticamente <strong>in</strong>sostenibile dopo la conclusione della<br />

gara amebea, e che è solo la <strong>di</strong>v<strong>in</strong>ità <strong>in</strong> base alla lex taglionis a poter<br />

punire, mentre Dafni qui è un semplice pastore, e <strong>in</strong>f<strong>in</strong>e che raramente<br />

i personaggi teocritei hanno, nei ruoli <strong>di</strong>versi svolti <strong>in</strong> più i<strong>di</strong>lli, memoria<br />

<strong>di</strong> sé. Una volta accolta la congettura fuvsw il testo <strong>di</strong>venta limpido<br />

o così appare dalla sua spiegazione. Egli ribatte che solo un altro<br />

scolio 30 f (p. 221 Wendel) permette <strong>di</strong> capire adeguatamente il significato<br />

<strong>di</strong> questo verso; <strong>in</strong>fatti lo scoliaste ricorda che quando una pustola<br />

cresce sulla l<strong>in</strong>gua le donne <strong>di</strong>cono wJ~ ajpoqei`savn soi merivda<br />

oujk ajpevdwka~, cioè rivolgono il detto a chi non ha restituito ciò che<br />

gli è stato dato. «Il poeta dunque – conclude Gregorio – f<strong>in</strong>ge <strong>di</strong> esse-<br />

( 30 ) On the Structure of Theocritus’Idyll IX, <strong>in</strong> H. WHITE, Essays <strong>in</strong> Hellenistic<br />

Poetry, Amsterdam 1980, pp. 41-51.<br />

( 31 ) «Ma io, lodando la tua bellezza / non mi farò crescere la menzogna sulla<br />

punta del naso» (traduzione <strong>in</strong>e<strong>di</strong>ta <strong>di</strong> Gregorio Serrao e <strong>di</strong> Roberto Pretagost<strong>in</strong>i):<br />

ejgw; dev se to;n kalo;n aijnevwn / yeuvdea rJ<strong>in</strong>o;~ u{perqen ajraih`~ oujk ajnafuvsw.<br />

61


62<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

re debitore <strong>di</strong> un canto verso quei due pastori, ma <strong>in</strong> sostanza <strong>di</strong>ce<br />

‘non voglio stare più zitto, voglio cantare anch’io’. In effetti avere la<br />

pustola sulla l<strong>in</strong>gua equivaleva a stare zitti» come <strong>di</strong>mostra il confronto<br />

con le espressioni proverbiali ‘un gran bue sulla l<strong>in</strong>gua’ o ‘una chiave<br />

sulla l<strong>in</strong>gua’ bou`~ ejpi; glwvssh/ mevga~ e klh;/~ ejpi; glwvssa/ rispettivamente<br />

attestate, la prima <strong>in</strong> Aesch. Ag. 36 s. e <strong>in</strong> Theogn. 815, la seconda<br />

<strong>in</strong> Aesch. fr. 316 Radt e Soph. O.C. 1015. Si tratterebbe perciò<br />

<strong>di</strong> un’ar<strong>di</strong>ta <strong>in</strong>novazione dell’autore ignoto del IX i<strong>di</strong>llio che rompendo<br />

la dualità <strong>di</strong> due boukoliasmoiv contrapposti, tipica del canto<br />

amebeo, <strong>in</strong>serirebbe un terzo canto come una sorta <strong>di</strong> prologo ritardato<br />

e evidenzierebbe la sua orig<strong>in</strong>alità con l’<strong>in</strong>vocazione alle Muse e con<br />

la funzione <strong>in</strong>troduttiva attribuita al v. 30.<br />

L’ultima fase cronologica <strong>di</strong> riflessione sugli i<strong>di</strong>lli VIII e IX è recentissima,<br />

risale a meno <strong>di</strong> due anni fa. Probabilmente sollecitato dall’imm<strong>in</strong>ente<br />

pubblicazione <strong>di</strong> un lavoro <strong>di</strong> Rossi sull’i<strong>di</strong>llio VIII ( 32 ),<br />

che aveva con lui m<strong>in</strong>uziosamente <strong>di</strong>scusso, Gregorio riprendeva <strong>in</strong><br />

mano nuovamente questi due i<strong>di</strong>lli. In un foglio protocollo compaiono<br />

appunti che non arrivano ad occupare l’<strong>in</strong>tera pag<strong>in</strong>a, <strong>in</strong> testa si<br />

legge un titolo provvisorio “Gli i<strong>di</strong>lli VIII e IX del corpus” e l’<strong>in</strong>cipit<br />

<strong>di</strong> un nuovo stu<strong>di</strong>o: «Fra tutti i carmi teocritei – scrive – <strong>in</strong>seriti nel<br />

corpus sotto il nome <strong>di</strong> Teocrito, l’VIII e il IX meritano un’attenzione<br />

particolare non certo per il loro valore estetico, ma per il ruolo<br />

che entrambi hanno avuto nella formazione e nella storia della raccolta.<br />

Due sono i punti fermi – cont<strong>in</strong>ua – da cui possiamo partire<br />

per la nostra ricerca: 1) che fra tutti i carmi della raccolta ritenuti<br />

apocrifi, gli i<strong>di</strong>lli VIII e IX sono i soli presenti nelle scoperte papiracee;<br />

2) che Virgilio li riteneva entrambi autentici. Infatti, oltre ad<br />

averli <strong>in</strong> più punti testualmente imitati, li ha considerati <strong>di</strong> Teocrito<br />

nello scegliere il numero canonico per la sua raccolta». Qui f<strong>in</strong>iscono<br />

gli appunti. Nuovamente ritornava su <strong>di</strong> un tema già trattato nel<br />

Teocrito dell’Enciclope<strong>di</strong>a Virgiliana e nuovamente da lì ripartiva<br />

per andare oltre. So solo <strong>in</strong> più rispetto alle sue annotazioni che egli<br />

riteneva possibile trarre da queste affermazioni una conseguenza <strong>di</strong>retta<br />

e <strong>in</strong>oppugnabile: Virgilio, nelle Bucoliche, esattamente nel proemio<br />

al mezzo della VI ecloga, si presenta come primo poeta bucolico<br />

lat<strong>in</strong>o (v. 1 ss. Prima Syracosio <strong>di</strong>gnata est ludere versu / nostra<br />

...Thalia) e, qu<strong>in</strong><strong>di</strong>, come colui che ha <strong>di</strong>ffuso <strong>in</strong> Roma la conoscen-<br />

( 32 ) Orig<strong>in</strong>i e F<strong>in</strong>alità del prodotto pseudepigrafo. Pseudepigrafia preter<strong>in</strong>tenzionale<br />

nel corpus teocriteum: l’i<strong>di</strong>llio VIII, <strong>in</strong> AA.VV., La letteratura pseudepigrafa nella<br />

cultura greca e romana. Atti <strong>di</strong> un Incontro <strong>di</strong> Stu<strong>di</strong>, Napoli 15-17 gennaio 1998,<br />

AION 22, 2000, pp. 231-261.


Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

za della poesia bucolica <strong>di</strong> Teocrito; dunque le Bucoliche avrebbero<br />

dovuto essere considerate un term<strong>in</strong>us ante quem non solo per l’attribuzione<br />

<strong>di</strong> questi apocrifi a Teocrito, ma anche per collocare la raccolta<br />

del Theocritus Vergilianus, quella <strong>di</strong> Teone o <strong>di</strong> altri, se mai<br />

fosse stato possibile <strong>di</strong>mostrarne l’esistenza. Dal momento che le<br />

Bucoliche appartengono alla seconda metà del I sec., sono cioè databili<br />

tra il 42 e il 38 a.C., e che Artemidoro <strong>di</strong> Tarso, autore della raccolta<br />

<strong>in</strong> ‘un’unica mandria (mia`~ ajg°evla~) delle <strong>di</strong>sperse Muse bucoliche’<br />

( 33 ), vive nel I sec., l’arco cronologico da prendere <strong>in</strong> considerazione<br />

si sarebbe fortemente ristretto e si sarebbe collocato appunto<br />

tra Artemidoro e le Bucoliche virgiliane; si sarebbe cioè collocato nell’età<br />

cesariana o al massimo ai primor<strong>di</strong> dell’età augustea, <strong>in</strong> cui la<br />

moda bucolica parrebbe ampiamente <strong>di</strong>lagare anche da Alessandria a<br />

Roma ( 34 ). Nel volume Theocritus degli Hellenistica Gron<strong>in</strong>gana<br />

(1996) Katrhyn Gutzwiller ( 35 ) rifiuta la tesi <strong>di</strong> Wilamowitz ( 36 ), secondo<br />

cui l’e<strong>di</strong>zione <strong>di</strong> Artemidoro precederebbe quella cosiddetta <strong>di</strong><br />

Teone e ipotizza <strong>in</strong>vece l’esistenza <strong>di</strong> <strong>di</strong>verse e<strong>di</strong>zioni del solo Teocrito<br />

anteriori ad Artemidoro. Inoltre nega vali<strong>di</strong>tà alla <strong>di</strong>chiarazione poetica<br />

dell’i<strong>di</strong>llio VII, dove Teocrito <strong>in</strong>vece appare pienamente cosciente<br />

del suo ruolo <strong>di</strong> euJrhthv~ della poesia bucolica. Proprio sulla<br />

sp<strong>in</strong>ta <strong>di</strong> questa idea <strong>in</strong>iziale, la stu<strong>di</strong>osa pone l’e<strong>di</strong>zione <strong>di</strong> Artemidoro<br />

alla f<strong>in</strong>e delle varie vicissitud<strong>in</strong>i e<strong>di</strong>toriali del liber <strong>di</strong> Teocrito e<br />

la considera una concausa fondamentale ai f<strong>in</strong>i della nascita e dello<br />

sviluppo <strong>di</strong> un genere bucolico, che Teocrito però non avrebbe avuto<br />

consapevolezza <strong>di</strong> creare. In questo lavoro vanamente si cercherebbe<br />

qualche menzione degli stu<strong>di</strong> <strong>di</strong> Gregorio Serrao. Mi fa piacere<br />

notare che Luigi Enrico Rossi mostri acutamente <strong>di</strong>ffidenza nei<br />

confronti <strong>di</strong> una tale ipotesi <strong>di</strong> ricostruzione ( 37 ). Se volessimo usare<br />

le stesse parole, che Gregorio Serrao aveva dato ad un sem<strong>in</strong>ario promesso<br />

allo stesso Rossi, ma purtroppo mai tenuto, si potrebbe forse<br />

( 33 ) Cfr. Ep. XXVI Gow.<br />

( 34 ) Nella Vita <strong>di</strong> Antonio 26, 1 Plutarco racconta che Cleopatra per andare <strong>in</strong>contro<br />

ad Antonio verso Tarso utilizzò un battello che risaliva il fiume Cidno al<br />

suono <strong>di</strong> flauti e <strong>di</strong> zampogne e fece acconciare le ancelle più belle del suo corteggio<br />

come Grazie e Nerei<strong>di</strong>.<br />

( 35 ) The Evidence for Theocritean Poetry Books, <strong>in</strong> M.S. HARDER-R.F. REGTUIT-<br />

G.C. WAKKER, Theocritus, Hellenistica Gron<strong>in</strong>gana II, Gron<strong>in</strong>gen 1996, pp. 119-<br />

148.<br />

( 36 ) Die Textgeschichte der griechieschen Bukoliker, Berl<strong>in</strong> 1906, p. 124 ss.<br />

( 37 ) Art. cit. n. 32, p. 239, n. 26.<br />

63


64<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

proporre “una sola considerazione ovvia ed importante ma negletta e<br />

<strong>di</strong>sprezzata” per resp<strong>in</strong>gere la tesi Gutzwiller: se Teone o l’autore<br />

dell’anonimo epigramma ( 38 ), premesso ad un’e<strong>di</strong>zione del solo Teocrito,<br />

si attribuisce il merito <strong>di</strong> aver messo <strong>in</strong>sieme una raccolta teocritea<br />

che ‘non trasc<strong>in</strong>a con sé nessuna Musa straniera’, cioè che non<br />

<strong>in</strong>clude nessun carme non autentico, evidentemente la poesia <strong>di</strong> Teocrito<br />

doveva essere già confluita <strong>in</strong> una raccolta antologica (quella <strong>di</strong><br />

Artemidoro?); anzi proprio questo fenomeno doveva aver provocato<br />

la nascita <strong>di</strong> false attribuzioni, <strong>in</strong><strong>di</strong>pendentemente dalla volontà orig<strong>in</strong>aria<br />

dei veri autori, come ha giustamente rilevato Rossi per quanto<br />

concerne l’i<strong>di</strong>llio VIII ( 39 ).<br />

L’ultimo lavoro <strong>in</strong>e<strong>di</strong>to risale all’aprile del 2000. Si tratta <strong>di</strong> un sem<strong>in</strong>ario<br />

dal titolo “P<strong>in</strong>daro e i poeti del primo ellenismo” che egli tenne<br />

alla Università <strong>di</strong> Roma “La Sapienza” su <strong>in</strong>vito <strong>di</strong> Massimo Di<br />

Marco. Sulla <strong>di</strong>fferente utilizzazione del mito <strong>in</strong> P<strong>in</strong>daro e nei poeti ellenistici<br />

un paragone molto <strong>in</strong>teressante è già presente nel capitolo de<strong>di</strong>cato<br />

ad Antimaco <strong>in</strong> Storia e Civiltà dei Greci ( 40 ). Ma tra quel lavoro<br />

che risale al 1979 e lo stu<strong>di</strong>o del 2000 si frappongono varie esperienze.<br />

Innanzitutto l’approfon<strong>di</strong>ta lettura <strong>di</strong> due libri usciti nel decennio successivo<br />

e la <strong>di</strong>scussione con i loro autori, che sono oggi qui presenti. Si<br />

tratta <strong>di</strong> Ricerche sulla poesia alessandr<strong>in</strong>a <strong>di</strong> Roberto Pretagost<strong>in</strong>i<br />

(1984) e <strong>di</strong> L’allusione necessaria <strong>di</strong> Maria Grazia Bonanno (1990).<br />

Una tappa importante della riflessione è costituita poi da due articoli<br />

su Teocrito e Callimaco <strong>di</strong> mio zio apparsi <strong>in</strong> Eikasmos 6 del 1995 (All’orig<strong>in</strong>e<br />

della recusatio-excusatio: Teocrito e Callimaco, pp. 141-152) e<br />

<strong>in</strong> Sem<strong>in</strong>ari Romani 1, 2 del 1998 (Note esegetiche ai due prologhi degli<br />

Ai[tia callimachei, frr. 1-2 Pf., pp. 299-311). E nello stesso periodo o<br />

quasi va naturalmente ricordata la r<strong>in</strong>ascita <strong>di</strong> un <strong>in</strong>teresse generalizzato<br />

per il Prologo degli Aitia, dovuto sia alla pubblicazione del libro <strong>di</strong><br />

Cameron ( 41 ) sia alle quasi coeve e<strong>di</strong>zioni e traduzioni callimachee <strong>di</strong><br />

Giulio Massimilla ( 42 ) e <strong>di</strong> Giovambattista D’Alessio ( 43 ), con i quali,<br />

( 38 ) Cfr. Ep. XXVII Gow.<br />

( 39 ) Art. cit. n. 32, p. 245 ss.<br />

( 40 ) Antimaco <strong>di</strong> Colofone, primo poeta doctus, <strong>in</strong> AA.VV., Storia e Civiltà dei<br />

Greci, 3, 5, Milano 1979, pp. 299-310.<br />

( 41 ) Callimachus and his Critics, Pr<strong>in</strong>ceton 1995.<br />

( 42 ) Callimaco. Aitia. Libri primo e secondo, Pisa 1996.<br />

( 43 ) Callimaco. I Inni, Epigrammi, Ecale. II Aitia, Giambi e altri frammenti,<br />

Milano 1996.


Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

<strong>in</strong> questi ultimi anni, Gregorio ha spesso avuto l’opportunità <strong>di</strong> parlare.<br />

Dal libro <strong>di</strong> Maria Grazia Bonanno egli ha tratto consapevolezza<br />

teorica sullo stu<strong>di</strong>o della poesia ellenistica, consapevolezza che alcune<br />

analisi, fatte da lui <strong>in</strong> precedenza ( 44 ), si basavano sulla tendenza<br />

quasi necessaria all’allusività, caratteristica <strong>di</strong> tutta la poesia dotta<br />

e <strong>di</strong> quella alessandr<strong>in</strong>a <strong>in</strong> particolare. Il libro <strong>di</strong> Roberto Pretagost<strong>in</strong>i<br />

nasce nel solco degli <strong>in</strong>segnamenti <strong>di</strong> Gregorio Serrao e li prosegue.<br />

Mio zio – e forse non sarà <strong>in</strong>utile ricordarlo ancora una volta –<br />

ha sempre ritenuto Roberto Pretagost<strong>in</strong>i uno dei suoi più vic<strong>in</strong>i e <strong>di</strong>retti<br />

<strong>di</strong>scepoli almeno <strong>in</strong> quest’ambito. Ma ora <strong>di</strong>amo la parola allo<br />

stesso Gregorio citando i punti salienti del suo ultimo stu<strong>di</strong>o: «È solo<br />

una conquista della critica recente – egli scrive – l’avere evidenziato i<br />

debiti della poesia alessandr<strong>in</strong>a, e specialmente <strong>di</strong> Callimaco, verso<br />

P<strong>in</strong>daro. Perrotta all’<strong>in</strong>izio del suo saggio sul poeta tebano, che è del<br />

1934, affermava che P<strong>in</strong>daro fu sentito dai Greci assai presto come<br />

un estraneo ... Forse il silenzio <strong>di</strong> Aristotele su P<strong>in</strong>daro e il giu<strong>di</strong>zio<br />

<strong>di</strong> Orazio, che nell’ode II del IV libro proclama P<strong>in</strong>daro <strong>in</strong>imitabile,<br />

hanno <strong>in</strong>fluenzato la critica moderna, ma è un giu<strong>di</strong>zio che non corrisponde<br />

a verità e noi non possiamo accettarlo. Del resto che P<strong>in</strong>daro<br />

era stato uno dei poeti più seguiti nel periodo alessandr<strong>in</strong>o si era<br />

accorta la critica antica come prova il fatto che nel proemio a P<strong>in</strong>daro<br />

<strong>di</strong> Eustazio vengono utilizzate riprese callimachee per dare una valutazione<br />

critica della poesia p<strong>in</strong>darica ... Anche nella prospettiva<br />

storica, cioè nell’<strong>in</strong>terpretare il mito <strong>in</strong> rapporto con la realtà del presente,<br />

gli Alessandr<strong>in</strong>i ebbero <strong>in</strong> P<strong>in</strong>daro il loro pr<strong>in</strong>cipale modello.<br />

L’unità dell’ep<strong>in</strong>icio è stato un problema molto <strong>di</strong>battuto dalla filologia<br />

della seconda metà dell’ottocento e dei primi anni del novecento.<br />

Varie furono le soluzioni proposte e nessuna è riuscita veramente<br />

ad imporsi sulle altre. È una problematica che oggi non <strong>in</strong>teressa più,<br />

ma da tutto quel lavorio si è comunque evidenziato che <strong>in</strong> ogni ode<br />

l’elemento mitico è sempre collegato <strong>in</strong> qualche modo con quello occasionale<br />

(anche se talvolta funge da tramite solo la gnome) ed è sempre<br />

il rapporto, tra occasione e mito, che rende possibile e giustifica<br />

la realtà del momento. Questo modo <strong>di</strong> procedere, proprio dell’ep<strong>in</strong>icio,<br />

piacque molto agli Alessandr<strong>in</strong>i che lo adottarono, e Callimaco<br />

ne fece ad<strong>di</strong>rittura un genere nuovo, gli Ai[tia. Nomi, culti, costumi,<br />

istituzioni vengono riportati al passato mitico e considerati<br />

( 44 ) Mi riferisco per esempio a due lavori poi rifusi e ampliati <strong>in</strong> Problemi <strong>di</strong><br />

poesia alessandr<strong>in</strong>a: Teocrito, Roma 1971: Incoerenze e imitazioni omeriche <strong>in</strong> Teocrito<br />

(X 12 e II 4, 157), Helikon 3, 1-4, 1963, pp. 437-447 e Ila <strong>in</strong> Apollonio e Teocrito,<br />

Helikon 5, 2-4, 1965, pp. 541-565.<br />

65


66<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

come testimonianze storiche per provare la veri<strong>di</strong>cità del mito; così il<br />

passato favoloso si riallacciava alla realtà del presente e il mito si confondeva<br />

con la storia. Era un tentativo nuovo <strong>di</strong> storicizzare e <strong>di</strong> recuperare<br />

il mito che si accordava perfettamente colla tendenza realistica<br />

dei poeti alessandr<strong>in</strong>i ... La prospettiva storica fu <strong>in</strong>fatti una<br />

grande conquista della poesia alessandr<strong>in</strong>a; essa esisteva già, come si è<br />

detto, nell’ep<strong>in</strong>icio p<strong>in</strong>darico, dove c’è un cont<strong>in</strong>uo passaggio tra attualità<br />

e mito, ma il proce<strong>di</strong>mento degli Alessandr<strong>in</strong>i è <strong>in</strong>verso. In<br />

P<strong>in</strong>daro c’è sempre un’antitesi o almeno una <strong>di</strong>st<strong>in</strong>zione tra un passato<br />

eroico ed un presente da celebrare ed egli riporta al passato eroico<br />

gli avvenimenti del presente, cioè <strong>in</strong>nalza agli eroi del mito gli atleti<br />

vittoriosi; mentre i poeti alessandr<strong>in</strong>i considerano il passato mitico<br />

solo come la ragion d’essere (ai[tion) della realtà presente, ed è perciò<br />

nel presente che essi cercano la documentazione per <strong>in</strong>terpretare<br />

e ricostruire il passato mitico. Nel primo gli avvenimenti storici risultano<br />

<strong>in</strong>gran<strong>di</strong>ti, negli altri gli avvenimenti mitici restano ri<strong>di</strong>mensionati<br />

e rimpiccioliti; con un bisticcio <strong>di</strong> parole (come ho scritto<br />

altrove) – cont<strong>in</strong>ua – possiamo <strong>di</strong>re che <strong>in</strong> P<strong>in</strong>daro si ha una miticizzazione<br />

della storia, negli Alessandr<strong>in</strong>i una storicizzazione del<br />

mito.... Proprio la storia posta <strong>in</strong> luogo del mito prova <strong>in</strong>confutabilmente<br />

che Callimaco e gli altri consideravano il mito come portatore<br />

<strong>di</strong> una verità storica. Concetto che del resto oggi è alla base dell’antropologia<br />

culturale. L’<strong>in</strong>versione <strong>di</strong> valori nel riprendere temi e motivi<br />

della poesia arcaica e classica, è quasi una costante nella poesia alessandr<strong>in</strong>a.<br />

Se volessimo s<strong>in</strong>tetizzare questo fenomeno potremmo opportunamente<br />

generalizzare la formula che ha usato il nostro Roberto<br />

Pretagost<strong>in</strong>i limitatamente ad un carme <strong>di</strong> Teocrito: “forme allusive e<br />

contenuti nuovi”». Una formula quest’ultima, mi sia permesso sottol<strong>in</strong>eare,<br />

che Gregorio un po’ <strong>in</strong>vi<strong>di</strong>ava all’amico Roberto ( 45 ), ma sempre<br />

<strong>in</strong> maniera benevola, e, perciò, riteneva anche che andasse maggiormente<br />

valorizzata.<br />

Dalle affermazioni teoriche, nel suo scritto, Gregorio passa poi alla<br />

<strong>di</strong>mostrazione pratica e all’applicazione <strong>di</strong> queste osservazioni per<br />

convalidarne l’atten<strong>di</strong>bilità. «E questa tendenza ancora meglio emergerà<br />

– egli scrive – dall’esame puntuale <strong>di</strong> due luoghi <strong>in</strong> cui P<strong>in</strong>daro<br />

agita problemi <strong>di</strong> poetica: i vv. 10-14 del peana VIIb e i vv. 83-88 dell’olimpica<br />

II; essi sono <strong>di</strong> grande importanza per la nostra ricerca,<br />

specialmente perché al primo si è ispirato Callimaco nel Prologo dei<br />

Telch<strong>in</strong>i (vv. 25-28), al secondo Teocrito nella scena dell’<strong>in</strong>vestitura<br />

( 45 ) Cfr. Ricerche sulla poesia alessandr<strong>in</strong>a, Roma 1984, p. 104.


Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

dell’i<strong>di</strong>llio VII (vv. 37-48)». Segue l’analisi dei passi <strong>in</strong> confronto col<br />

modello p<strong>in</strong>darico. Dopo aver ricordato le soluzioni <strong>in</strong>terpretative<br />

<strong>di</strong> V<strong>in</strong>cenzo Di Benedetto ( 46 ) e <strong>di</strong> Giovambattista D’Alessio ( 47 ) sul<br />

Peana VII b, modello dei vv. 25-28 del Prologo, Gregorio concludeva:<br />

«Per acume e cre<strong>di</strong>bilità la ricostruzione <strong>di</strong> D’Alessio e <strong>di</strong> Di Benedetto<br />

s’impongono sulle altre s<strong>in</strong>ora proposte ed è quasi impossibile<br />

sceglierne una ... Ma è <strong>in</strong>teressante soprattutto rilevare come<br />

Callimaco (cfr. vv. 23 ss.) nel Prologo ricusi ugualmente, sia la strada<br />

spaziosa e frequentata <strong>di</strong> Omero, sia il carro alato delle Muse su<br />

cui procedeva il poeta tebano. Egli preferisce seguire una via che non<br />

sia stata ancora calpestata anche se sia molto stretta, cioè, conforme e<br />

adatta alla sua natura e alla sua poesia come ammoniva un antico precetto<br />

<strong>di</strong> Pittaco che egli ricorda nel primo epigramma della nostra raccolta:<br />

th;n kata; sauto;n e[la “segui la via conforme a te stesso”. Del<br />

resto questo rapporto tra la poetica <strong>di</strong> P<strong>in</strong>daro e quella <strong>di</strong> Callimaco<br />

ancora meglio viene evidenziato e chiarito se collegato e confrontato<br />

con le relazioni che <strong>in</strong>tercorrono tra P<strong>in</strong>daro e Teocrito». Anche per<br />

quest’ultimi due brani, P<strong>in</strong>daro Ol. II 83 ss. e Teocrito id. VII 37-48,<br />

viene svolta una lettura comparativa e poi si deducono le conclusioni<br />

f<strong>in</strong>ali, dalle quali si trae <strong>in</strong>equivocabile conferma sulle osservazioni già<br />

fatte riguardo alle relazioni <strong>in</strong>tercorrenti tra P<strong>in</strong>daro e Callimaco. In<br />

s<strong>in</strong>tesi a Gregorio risultava chiaro: 1) che «la struttura della consacrazione<br />

dell’i<strong>di</strong>llio VII deriva senza dubbio da Esiodo, ma che il modello<br />

verbale e allegorico delle formulazioni letterarie <strong>di</strong> Simichida e <strong>di</strong> Licida<br />

è p<strong>in</strong>darico»; 2) che «si trattava dunque <strong>di</strong> un Esiodo rivisitato e riletto<br />

alla luce dell’allusività polemica che contrassegnava la seconda<br />

olimpica del poeta tebano»; 3) che se anche «Teocrito non nom<strong>in</strong>a<br />

esplicitamente P<strong>in</strong>daro dal complesso era evidente che egli lo considerava,<br />

al pari <strong>di</strong> Omero, un modello irraggiungibile e, facendosi consacrare<br />

poeta bucolico, sceglieva un genere più modesto ma <strong>di</strong> cui egli<br />

stesso si considerava l’euJrethv~».<br />

La riflessione su questo argomento non f<strong>in</strong>ì col sem<strong>in</strong>ario, cont<strong>in</strong>uò,<br />

ma <strong>in</strong> forma privata. Sulle possibilità <strong>di</strong> ricostruzione del peana<br />

p<strong>in</strong>darico Gregorio <strong>di</strong>scusse un pomeriggio <strong>in</strong>tero con Giovambattista<br />

D’Alessio, che stu<strong>di</strong>ava da anni il frammento, perché era conv<strong>in</strong>to<br />

che la formulazione callimachea fosse <strong>in</strong> qualche modo allusiva a<br />

( 46 ) P<strong>in</strong>daro, Pae. 7b, 11-14, RFIC 119, 1991, pp. 164-176.<br />

( 47 ) P<strong>in</strong>daro Peana VIIb (fr. 52h Sn.M.), <strong>in</strong> AA.VV., Proceed<strong>in</strong>gs of the XIX Internat<strong>in</strong>al<br />

Congress of Papirology, Cairo 1992, I, p. 353-373 e poi Una via lontana<br />

dal camm<strong>in</strong>o degli uom<strong>in</strong>i (Parm. frr. 1+6 D.K.; P<strong>in</strong>d. Ol. VI 22-27; Pae. VII B<br />

10-20), SIFC III, 12, 2, 1995, pp. 143-181.<br />

67


68<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

P<strong>in</strong>daro e al tempo stesso orig<strong>in</strong>ale e che, qu<strong>in</strong><strong>di</strong>, era importante capire<br />

bene, sempre che fosse stato possibile, l’esatta struttura e il contenuto<br />

dei versi <strong>di</strong> P<strong>in</strong>daro. Il ricordo <strong>di</strong> questo pomeriggio è rimasto<br />

nel plico contenente i suoi appunti: ho trovato, <strong>in</strong>sieme al manoscritto,<br />

la ricostruzione simulata al computer del papiro p<strong>in</strong>darico<br />

con un’ipotesi d’<strong>in</strong>tegrazione che Giovambattista D’Alessio aveva<br />

elaborato e poi regalato a mio zio.<br />

Tra gli <strong>in</strong>e<strong>di</strong>ti <strong>di</strong> Gregorio Serrao compare anche una poesia dai<br />

toni fortemente pessimistici. E con il ricordo <strong>di</strong> questa poesia vorrei<br />

concludere il mio <strong>in</strong>tervento. Nelle varie redazioni, si susseguono e<br />

si alternano tre <strong>di</strong>versi titoli Fu <strong>in</strong>utile tutto, Il mondo è cambiato, La<br />

f<strong>in</strong>e. Nei primi versi si legge “Fu <strong>in</strong>utile tutto: l’amore profuso, gli<br />

stu<strong>di</strong> compiuti, la fede giurata. Il mondo è cambiato”.<br />

Gregorio aveva perso importanti affetti familiari, vedeva gli amici<br />

<strong>di</strong> una vita gravemente ammalarsi come Bebe Sajeva o prematuramente<br />

scomparire come Enzo Degani. E poi rifletteva con dolorosa<br />

amarezza sulle recenti vicende politiche. Dopo la <strong>di</strong>ssoluzione del<br />

PCI e la nascita della Cosa, seguiva con attenta preoccupazione la<br />

politica stentata <strong>di</strong> un gruppo <strong>di</strong>rigente <strong>di</strong> S<strong>in</strong>istra che non riesce a<br />

parlare al cuore della gente e che non sa contrastare un <strong>di</strong>ffuso qualunquismo<br />

e, con esso, il rischio <strong>di</strong> rigurgiti fascisti e reazionari.<br />

Sentiva <strong>di</strong> non appartenere più a questo nuovo secolo, un secolo<br />

che aveva fatto svanire i suoi ideali giovanili o li aveva vanificati.<br />

Questo era il suo stato d’animo.<br />

Sì, il mondo è cambiato, caro Gregorio, ma speriamo che non<br />

tutto sia stato veramente <strong>in</strong>utile.


TESTIMONIANZE E RICORDI<br />

Il ricordo <strong>di</strong> Gabriele Burzacch<strong>in</strong>i<br />

Gentili Signore e Signori, illustri Colleghi, cari studenti,<br />

Desidero <strong>in</strong>nanzitutto <strong>in</strong><strong>di</strong>rizzare un affettuoso saluto ad Adele-<br />

Teresa ed alle altre persone qui presenti <strong>in</strong> rappresentanza della famiglia<br />

Serrao, e rivolgere un caldo r<strong>in</strong>graziamento agli organizzatori<br />

<strong>di</strong> questa giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o – un’<strong>in</strong>iziativa quanto mai opportuna<br />

proprio qui a Cagliari, dove Gregorio tanto a lungo <strong>in</strong>segnò – nonché<br />

ai relatori che mi hanno preceduto, <strong>in</strong> particolare a Maria Grazia<br />

Bonanno, Roberto Pretagost<strong>in</strong>i e Luigi Enrico Rossi, che nei loro<br />

contributi, così luci<strong>di</strong>, puntuali e penetranti, ci hanno assai bene del<strong>in</strong>eato<br />

lo spessore scientifico della figura del Serrao stu<strong>di</strong>oso.<br />

Il mio primo <strong>in</strong>contro con Gregorio Serrao fu – <strong>di</strong>ciamo così –<br />

‘ideale’, e risale agli <strong>in</strong>izi degli anni ’70. Esso avvenne soprattutto<br />

tramite la lettura, da parte mia, dei già più volte qui ricordati Problemi<br />

<strong>di</strong> poesia alessandr<strong>in</strong>a. I. Stu<strong>di</strong> su Teocrito, usciti giusto nel ’71.<br />

Con un dettato sempre sciolto e limpido, con un argomentare sagace<br />

e conv<strong>in</strong>cente, l’analisi <strong>di</strong> Serrao mi guidava a ‘capire’ a fondo<br />

aspetti <strong>di</strong> capitale importanza della poesia teocritea, svelandomi nel<br />

modo più efficace strutture, simbologie, cifre stilistico-letterarie degli<br />

i<strong>di</strong>lli qu<strong>in</strong>to e settimo.<br />

Nacquero <strong>in</strong> me, allora, anche la curiosità ed il desiderio <strong>di</strong> conoscere<br />

<strong>di</strong> persona l’autore del volume, della cui figura <strong>di</strong> uomo e stu<strong>di</strong>oso<br />

soltanto qualcosa sapevo, per lo più sulla scorta <strong>di</strong> quel che me<br />

ne raccontavano i suoi amici ed ex colleghi cagliaritani Enzo Degani<br />

e Maria Grazia Bonanno. Il kairov~ non tardò a presentarsi: fu il 18<br />

giugno del 1974, a Bologna, <strong>in</strong> occasione d’un sem<strong>in</strong>ario sul ‘nuovo<br />

Archiloco’, il celebre papiro <strong>di</strong> Colonia, pubblicato per l’appunto <strong>in</strong><br />

quell’anno da Merkelbach e West ( 1 ), che era allora – come suol ac-<br />

( 1 ) R. MERKELBACH-M.L. WEST, E<strong>in</strong> Archilochos-Papyrus, ZPE 14/2, 1974, pp. 97-<br />

113.


70<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

cadere <strong>in</strong> questi casi – al centro degli <strong>in</strong>teressi dei filologi ( 2 ). L’<strong>in</strong>contro<br />

ebbe luogo nella biblioteca della vecchia sede dell’allora Istituto<br />

<strong>di</strong> Filologia Classica dell’Alma Mater, <strong>in</strong> Via Zamboni 38. Era<br />

presente tutto lo staff bolognese al gran completo, e non mancavano<br />

vari ‘esterni’, tra cui, oltre a Serrao, spiccavano Bruno Gentili, Franca<br />

Perus<strong>in</strong>o, John Van Sickle ed altri. Ho ancora vivo, nella memoria,<br />

il ricordo dell’acume e della f<strong>in</strong>ezza con cui Gregorio <strong>in</strong>tervenne<br />

nel <strong>di</strong>battito, <strong>in</strong> particolare per commentare il riecheggiamento dei<br />

vv. 26-28 <strong>di</strong> quello che è oggi il fr. 196a W. 2 <strong>di</strong> Archiloco (aijai`,<br />

pevpeira dh;/ [pevlei, ( 3 ) / a[n]qo~ d∆ajperruvhke parqenhvi>on / kaºi;<br />

cavri~ h} pri;n ejph`n) nelle Talisie <strong>di</strong> Teocrito, 7,120 s. (kai; dh; malapivoio<br />

pepaivtero~ aiJ de; gunai`ke~, / “aijai`”, fantiv, “Fili`nev, tov<br />

toi kalo;n a[nqo~ ajporrei`”, un passo che a Serrao era ben noto: se<br />

n’era occupato <strong>in</strong> Problemi cit. 58 ss.) ( 4 ).<br />

Da quel giorno, Gregorio ed io <strong>di</strong>ventammo amici. Ci si scambiava<br />

qualche estratto, qualche volta ci si scriveva, ogni tanto ci si<br />

sentiva pure per telefono. Ebbi modo <strong>di</strong> apprezzare la sua <strong>in</strong>telligenza<br />

nell’approccio ai testi anche quando stu<strong>di</strong>ai un suo suggestivo articolo<br />

anacreonteo – L’ode <strong>di</strong> Erotima: da timida fanciulla a donna<br />

pubblica (Anacr. fr. 346, 1 P. = 60 Gent.), QUCC 6, 1968, 36-51 –<br />

tanto da essere <strong>in</strong>dotto ad <strong>in</strong>serire il frammento, ancorché malconcio<br />

e problematico, fra quelli scelti per l’antologia dei Lirici greci curati<br />

da Enzo Degani e da chi vi parla. Mi colpiva, <strong>in</strong> particolare, la<br />

competenza <strong>di</strong> Serrao nell’àmbito delle ascendenze greche della lirica<br />

lat<strong>in</strong>a. Proprio anche il riscontro con alcuni luoghi oraziani, da lui<br />

adeguatamente valorizzati (<strong>in</strong> particolare Carm. I 23,11s.; II 5,1ss.),<br />

gli consentiva <strong>di</strong> accre<strong>di</strong>tare, per quell’ode, la chiave <strong>di</strong> lettura che<br />

ancor oggi io stesso ritengo la più persuasiva: Anacreonte canta momenti<br />

<strong>di</strong>versi della vita della medesima donna, Erotima, dapprima<br />

pavida ragazza sotto tutela materna, <strong>in</strong> séguito provocante suscitatri-<br />

( 2 ) Un precedente sem<strong>in</strong>ario sullo stesso argomento s’era svolto poco tempo<br />

prima, il 27 aprile, presso l’Istituto <strong>di</strong> Filologia Greca <strong>di</strong> Urb<strong>in</strong>o, ma <strong>in</strong> quell’occasione<br />

Gregorio non aveva potuto partecipare.<br />

( 3 ) Suppl. Aust<strong>in</strong>: <strong>di</strong>;~ õ tovsh West IEG I2 77a (sulla scorta <strong>di</strong> Hesych. d 1978<br />

L. †<strong>di</strong>stovsh/: th`/ hJlikiva/. ∆Arcivloco~).<br />

( 4 ) Riscontro felicemente <strong>di</strong>scusso, poi, da M.G. BONANNO, Note al nuovo Archiloco,<br />

MCr 8-9, 1973-74, pp. 11-13, la quale rileva – al <strong>di</strong> là dell’aff<strong>in</strong>ità espressiva<br />

– la contrapposizione situazionale: mentre <strong>in</strong> Archiloco il fiore <strong>di</strong> giov<strong>in</strong>ezza,<br />

giusta una concezione arcaica, appassisce per abuso <strong>di</strong> libid<strong>in</strong>e, <strong>in</strong> Teocrito le donne<br />

commiserano lo svanire della bellezza <strong>di</strong> Fil<strong>in</strong>o causato, al contrario, dal rifiuto<br />

dell’eros.


Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

ce <strong>di</strong> amoroso sbigottimento presso la folla dei cittad<strong>in</strong>i che la frequentano.<br />

Tra il 1986 ed il 1987, la partecipazione ai lavori <strong>di</strong> una commissione<br />

<strong>di</strong> concorso per tre posti <strong>di</strong> professore <strong>di</strong> seconda fascia mi<br />

portò più d’una volta <strong>in</strong> quel <strong>di</strong> Roma. In quel frangente – <strong>in</strong> un clima<br />

tutt’altro che tranquillo, perché la situazione concorsuale, come<br />

non <strong>di</strong> rado capitava e tuttora càpita, si presentava alquanto imbrogliata<br />

– Gregorio volle ripetutamente ospitare a casa sua qualcuno<br />

dei commissari che venivano da fuori. «Per me calabrese», amava<br />

<strong>di</strong>re, «l’ospitalità è sacra». Ricordo che ci venne a prelevare <strong>in</strong> automobile.<br />

La sua guida era talmente impossibile – tra <strong>in</strong>versioni proibite,<br />

salti <strong>di</strong> corsia, sussulti del martoriato automezzo ed <strong>in</strong>curia del<br />

volante da parte del driver – da farmi desiderare come non mai <strong>di</strong> rimetter<br />

piede sul selciato. Gli dèi ci assistettero: non successe alcun<br />

<strong>in</strong>cidente, tutto si risolse con un po’ <strong>di</strong> car<strong>di</strong>opalma per il sottoscritto<br />

e nulla più. Fu così che, approdati f<strong>in</strong>almente <strong>in</strong> Via Val d’Ala<br />

10, salimmo alla sua <strong>di</strong>mora. Anzi, alla sua reggia: perché quell’appartamento<br />

– che io, a <strong>di</strong>fferenza <strong>di</strong> altri, non avevo mai visto prima<br />

d’allora – mi fece davvero l’impressione <strong>di</strong> una reggia, o <strong>di</strong> una serie<br />

<strong>di</strong> sale da museo. Rimasi sbalor<strong>di</strong>to dalla quantità e dalla raff<strong>in</strong>atezza<br />

dei pezzi da collezione che egli custo<strong>di</strong>va con tanto zelo. Mi fece da<br />

cicerone spostandosi, non senza ansimare, <strong>di</strong> stanza <strong>in</strong> stanza, ed illustrandomi<br />

orgoglioso i pregi <strong>di</strong> mobili e tappeti, quadri e lampadari,<br />

vasellame ed argenteria, e quant’altro. E mi <strong>in</strong>trodusse pure<br />

nella biblioteca, non ricchissima, ma ben selezionata. A tavola, si <strong>di</strong>mostrò<br />

ben degno della fama <strong>di</strong> genu<strong>in</strong>o buongustaio che già lo circondava.<br />

Fu una cena memorabile, romano-calabrese dagli antipasti<br />

al dessert, abbondantemente con<strong>di</strong>ta <strong>di</strong> verace olio <strong>di</strong> frantoio ed <strong>in</strong>naffiata<br />

<strong>di</strong> v<strong>in</strong>i favolosi. Eravamo <strong>in</strong>cantati anche dalla signorile piacevolezza<br />

della sua conversazione, arguta e sorniona. Attorno ad una<br />

simile imban<strong>di</strong>gione, pure le nubi che s’addensavano sul concorso<br />

parevano <strong>di</strong>ssiparsi e lasciare il posto esclusivamente all’allegria.<br />

Fui testimone della lunga amicizia tra Gregorio ed Enzo Degani.<br />

Enzo, che si <strong>di</strong>vertiva ad alterare scherzosamente i nomi degli amici,<br />

gli telefonava abbastanza spesso, apostrofandolo con un ‘Gregorietta<br />

mia bella’, ‘Gregorianda’, ‘Gregoretti’ e simili. Ci fu solo un paio <strong>di</strong><br />

momenti <strong>di</strong> tensione fra i due, se non ricordo male. Una volta fu <strong>in</strong><br />

occasione del sofferto trasferimento <strong>di</strong> Gregorio a Roma Tor Vergata,<br />

per il conflitto che veniva ad <strong>in</strong>staurarsi nei confronti <strong>di</strong> legittime<br />

aspettative altrui. In quella circostanza, Gregorio mi telefonò una<br />

sera, angosciato, pregandomi <strong>di</strong> aiutarlo a far capire ai comuni colleghi<br />

ed amici come non vi fosse da parte sua, <strong>in</strong> tutta quella vicenda,<br />

71


72<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

alcun <strong>in</strong>tento prevaricatore. Prevalse l’amicizia, e ben presto i rapporti<br />

si ricomposero, con sod<strong>di</strong>sfazione <strong>di</strong> tutti. Un secondo episo<strong>di</strong>o<br />

<strong>di</strong> frizione fu agli <strong>in</strong>izi degli anni ’90, per <strong>di</strong>vergenze <strong>di</strong> vedute<br />

su questioni concorsuali. Ma anche quest’altra nuvolaglia cedette <strong>di</strong><br />

nuovo e rapidamente il posto al sereno.<br />

Dal 1994 al 1997 mi trovai ad essere io, qui a Cagliari, straord<strong>in</strong>ario<br />

<strong>di</strong> Filologia Greca. Ebbi allora modo <strong>di</strong> constatare quanto profonda<br />

fosse l’impronta lasciata dall’<strong>in</strong>segnamento <strong>di</strong> Gregorio nei<br />

grecisti cagliaritani. La sua dottr<strong>in</strong>a, la sua humanitas, i suoi mo<strong>di</strong><br />

paciosi mi venivano non <strong>di</strong> rado rievocati da Patrizia Mureddu, da<br />

Gian Franco Nieddu, da Luigi Leur<strong>in</strong>i, che gli erano stati e cont<strong>in</strong>uavano<br />

ad essergli tutti fortissimamente affezionati.<br />

In quegli anni, anche i miei rapporti con Serrao s’<strong>in</strong>fittirono, grazie<br />

al lavoro <strong>di</strong> «Eikasmós». Nel VI volume della rivista (1995), Gregorio<br />

pubblicava uno dei suoi contributi più suggestivi degli ultimi tempi:<br />

All’orig<strong>in</strong>e della recusatio-excusatio: Teocrito e Callimaco (pp. 141-152).<br />

Ci sentimmo più volte, <strong>in</strong> quel frangente, e, quando ebbe consegnato<br />

il suo articolo nella veste def<strong>in</strong>itiva, mi chiamò perf<strong>in</strong>o per r<strong>in</strong>graziarmi<br />

per qualche suggerimento ricevuto e per il lavoro <strong>di</strong> adeguamento<br />

redazionale: una cortesia più unica che rara. Con affettuosa trepidazione<br />

seguiva poi anche le fasi della pubblicazione, sempre su «Eikasmós»,<br />

<strong>di</strong> un paio <strong>di</strong> lavori della sua amatissima nipote Adele-Teresa,<br />

che ormai anche noi avevamo imparato a chiamare Tetè.<br />

A <strong>di</strong>spetto delle sempre più cagionevoli con<strong>di</strong>zioni <strong>di</strong> salute, Gregorio<br />

cont<strong>in</strong>uava a lavorare, sia pure coi suoi ritmi lentamente cadenzati.<br />

Di quando <strong>in</strong> quando ricevevo suoi estratti, accompagnati da affettuose<br />

de<strong>di</strong>che, tracciate con quella sua <strong>in</strong>confon<strong>di</strong>bile grafia tremolante.<br />

Tra gli ultimi pervenutimi, ricordo le suggestive Note esegetiche<br />

ai due prologhi degli Ai[tia callimachei (frr. 1-2 Pf.), SemRom, 1/2,<br />

1998, pp. 299-311, nonché l’<strong>in</strong>trigante ‘Filologia’ ed ‘antropologia culturale’:<br />

motivi dell’antica poesia greca <strong>in</strong> un poeta <strong>di</strong>alettale calabrese dell’Ottocento,<br />

RCCM 41/1, 1999, pp. 67-73.<br />

L’ultimo ricordo che ho <strong>di</strong> Gregorio è ancora legato ad una vicenda<br />

concorsuale. Era il luglio del 2000. Egli era presidente <strong>di</strong> una<br />

‘procedura <strong>di</strong> valutazione comparativa’ <strong>di</strong> prima fascia, io segretario:<br />

questo ci portò a collaborare gomito a gomito. Su un can<strong>di</strong>dato, <strong>in</strong><br />

particolare, i nostri punti <strong>di</strong> vista erano contrastanti, ma l’atmosfera<br />

rimase sostanzialmente pacata, a parte qualche attimo <strong>di</strong> scontata<br />

tensione all’<strong>in</strong>terno della commissione giu<strong>di</strong>catrice. La stessa commissione<br />

fu poi da Gregorio <strong>in</strong>vitata al completo a cena, ancora una<br />

volta nella splen<strong>di</strong>da casa, dove pure Tetè ci accolse con ogni riguardo.<br />

Dire che l’ospitalità fu ancora una volta anfitrionica, è poco.


Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

In quei giorni, capitava più d’una volta <strong>di</strong> parlare <strong>di</strong> Enzo, che<br />

era da pochi mesi scomparso, lasciando <strong>in</strong> molti <strong>di</strong> noi un gran vuoto.<br />

A Gregorio, da tempo fisicamente provato, ed ulteriormente affaticato<br />

dal caldo e dai lavori, lo sguardo si velava allora <strong>di</strong> profonda<br />

mal<strong>in</strong>conia. Nessuno poteva però prevedere, <strong>in</strong> quel momento, che<br />

così presto anche lui ci avrebbe lasciati. Non lo <strong>di</strong>menticheremo.<br />

Gabriele Burzacch<strong>in</strong>i, Università <strong>di</strong> Bologna<br />

Il ricordo <strong>di</strong> Mario Cantilena<br />

Tutto è com<strong>in</strong>ciato così, caro Gregorio. Era l’ottobre del 1965, ed<br />

<strong>in</strong> una cittad<strong>in</strong>a della prov<strong>in</strong>cia romana, gli studenti più o meno <strong>di</strong>stratti<br />

<strong>di</strong> una terza liceo videro un certo giorno materializzarsi sulla<br />

porta la figura del loro nuovo professore <strong>di</strong> greco. Una figura fisicamente<br />

molto caratterizzata, che faticava a passare per la porta dell’aula,<br />

molto <strong>di</strong>versa da come se la immag<strong>in</strong>avano. Questo professore ciccione<br />

parlava anche <strong>in</strong> modo particolare, con un forte accento del<br />

Sud(du); e la naturale attitud<strong>in</strong>e scommatica (ma la parolona ci era<br />

ignota) <strong>di</strong> una scolaresca spensierata e <strong>in</strong>genua della metà degli anni<br />

’60 sembrava aver trovato, per così <strong>di</strong>re, un bersaglio <strong>di</strong> elezione.<br />

Tuttavia questo professore così particolare, che fumava <strong>in</strong> cont<strong>in</strong>uazione,<br />

tossiva moltissimo, e parlava <strong>in</strong> quel modo strano – per<br />

cui <strong>in</strong> greco – ‘non(no)’ si <strong>di</strong>ceva uk(ku) e le automobili dovevano rispettare<br />

lo stop(po) – quel professore si rivelò presto molto poco classificabile.<br />

Il suo arrivo era stato preceduto da qualche voce (“<strong>di</strong>ce<br />

che è bravo, <strong>di</strong>ce che è bravo”): e <strong>di</strong> questo ci accorgemmo subito.<br />

Le lezioni erano ricche, molto fondate sui fatti, con quasi nessuna<br />

concessione a quella critica letteraria <strong>di</strong> cui, almeno nei licei <strong>di</strong> allora,<br />

si facevano robuste spanciate nelle ore <strong>di</strong> italiano. Inoltre il professor<br />

Serrao spiegava ed esigeva la metrica: almeno il trimetro giambico,<br />

riservandosi però il piacere <strong>di</strong> <strong>in</strong>terpretare anche le parti liriche<br />

<strong>di</strong> quel Ciclope <strong>di</strong> Euripide che costituiva allora il nostro testo <strong>di</strong> poesia<br />

greca. Questo professore la sapeva lunga, certo molto più <strong>di</strong> quelli<br />

che lo avevano preceduto nei miei primi anni liceali. Il suo era un<br />

<strong>di</strong>scorrere nutrito, molto chiaro, robusto.<br />

Eppure, questo professore dotto, che ci raccontava <strong>di</strong> aver stu<strong>di</strong>ato<br />

anche <strong>in</strong> Germania, che sapeva tante cose, e che ci faceva capire le<br />

complicazioni delle varie <strong>di</strong>scipl<strong>in</strong>e, la filologia, l’archeologia, la storia<br />

delle religioni, questo professorone che sembrava quasi sprecato<br />

per noi: questo professore aveva una virtù che lo rendeva irresistibilmente<br />

simpatico. Aveva un bellissimo senso dell’umorismo: rideva<br />

spesso, <strong>di</strong> gusto, a volte abbandonandosi a risate lunghe, che spesso<br />

73


74<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

si prolungavano <strong>in</strong> accessi <strong>di</strong> tosse catarrosa, contagiando tutti della<br />

sua ilarità. Ho ancora nelle orecchie il suono <strong>di</strong> quelle risate a voce<br />

sospesa, durante le quali il buonumore si propagava f<strong>in</strong>o alle ultime<br />

file dei banchi. Non <strong>di</strong>menticherò mai, ad esempio, quando uno<br />

studente alla lavagna, rispondendo al tuo <strong>in</strong>vito <strong>di</strong> scrivere sei giambi,<br />

scrisse letteralmente “6 giambi”, e tu non riuscivi a credere ai<br />

tuoi occhi: “ma è scemo”, <strong>di</strong>cevi. E lì, avanti con quella tua risata<br />

<strong>in</strong>est<strong>in</strong>guibile. Avevi senso dell’umorismo, Gregorio, e quando alla<br />

cena della maturità i miei compagni fecero la spia, e ti <strong>di</strong>ssero che io<br />

facevo spesso la tua imitazione, tu pretendesti <strong>di</strong> vedermi all’opera, e<br />

ti deliziasti s<strong>in</strong>ceramente, senza prendertela neanche un po’.<br />

D’altra parte questo professore allegro e non formalista, questo<br />

professore orgogliosamente socialista, era tutt’altro che un professore<br />

democratico, come la scuola italiana ha avuto poi la <strong>di</strong>sgrazia <strong>di</strong><br />

conoscerne tanti. Aveva anzi un’idea molto seria della scuola, che<br />

non era e non è – suo iure – una struttura democratica. Non esitava<br />

anche a mettere <strong>di</strong>eci su un compito fatto bene, ma altrettanto facile<br />

era nel mettere uno o due, anche <strong>in</strong> pagella. Ricordo che, quando si<br />

avvide che un mio compagno <strong>di</strong> banco ed io avevamo scritto allo<br />

stesso modo una versione dal greco, sospettando non <strong>in</strong>fondatamente<br />

una copiatura, <strong>di</strong>mezzò salomonicamente il nostro voto. Protestava<br />

contro quella che lui chiamava “scuola paternalista”, quella che<br />

poi ha <strong>di</strong>lagato, quella che vige oggi, dove si viene <strong>in</strong>contro ai più<br />

recon<strong>di</strong>ti desideri <strong>di</strong> ogni studente, dove si fa una maturità-burletta,<br />

dove non si boccia mai nessuno (cosicché poi, se qualcuno è bocciato,<br />

si sente un verme e giustamente si suicida).<br />

Insieme eri un professore strano, un professore allegro e severo,<br />

un grande professore. Con te non la si faceva franca, ma eri simpatico<br />

a tutti. L’anno dopo la maturità, venni con il mio ex compagno<br />

<strong>di</strong> banco a trovarti mentre – eri ancora al Liceo <strong>di</strong> Tivoli – stavi facendo<br />

gli esami <strong>di</strong> licenza g<strong>in</strong>nasiale. Ricordo perfettamente, e conosco<br />

ancora, la ragazza che stavi esam<strong>in</strong>ando <strong>in</strong> quel momento. Vistici<br />

arrivare, il tuo sguardo si illum<strong>in</strong>ò <strong>di</strong> allegria: “Ueeeeeeh, e voi<br />

cosa ci fate qui? Siete venuti a fare l’esame <strong>di</strong> ammissione al liceo?” E<br />

lì una bella chiacchierata cor<strong>di</strong>ale, il tuo buon umore <strong>di</strong> sempre, la<br />

tua contentezza a sapere che avevamo scelto <strong>Lettere</strong>. Poi, tranquillamente,<br />

ti sei seduto e hai proseguito l’esame a quella ragazza. Bocciata.<br />

T’ho visto dopo un paio d’anni, credo: ero all’Istituto <strong>di</strong> Filologia<br />

classica <strong>di</strong> Roma, e tu eri lì per la libera docenza: “Ueeeeeeh, tu qui<br />

sei?”. Ti <strong>di</strong>ssi che stu<strong>di</strong>avo lettere classiche, che ero allievo del professor<br />

Rossi, e <strong>in</strong>somma, <strong>in</strong> un modo o nell’altro, com<strong>in</strong>ciammo a


Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

frequentarci ogni tanto. Tu venisti al sem<strong>in</strong>ario <strong>di</strong> Chico, io ti chiesi<br />

consiglio per la tesi, e poi com<strong>in</strong>ciai a venirti a trovare a casa.<br />

Tu non ci crederai, caro Gregorio: ma il batticuore e l’ansia con<br />

cui la prima volta ho salito <strong>in</strong> ascensore quei c<strong>in</strong>que piani a via Val<br />

d’Ala, li ho provati identici TUTTE le volte che sono tornato a trovarti.<br />

Anche quando ero già gran<strong>di</strong>cello, f<strong>in</strong>o all’ultima volta. Venivo<br />

<strong>in</strong>trodotto nel tuo stu<strong>di</strong>o dopo una certa attesa, a volte anche <strong>di</strong><br />

c<strong>in</strong>que m<strong>in</strong>uti, <strong>in</strong> cui cresceva il mio nervosismo, poi entravo, e tu<br />

eri alla tua scrivania, con davanti qualche foglio scritto con una stilografica<br />

blu, che prima o poi mi leggevi per sentire il mio parere<br />

(come se io avessi potuto dartelo con un po’ <strong>di</strong> competenza). Ma<br />

questa fase veniva dopo. La prima parte del nostro <strong>in</strong>contro era sempre<br />

la tortura. Eri sempre li a chiedermi “ma stu<strong>di</strong>? che cosa hai fatto?<br />

che cosa stai facendo?” E io, che ho sempre fatto così poco, temevo<br />

queste domande, il tuo scrut<strong>in</strong>io, il tuo giu<strong>di</strong>zio.<br />

Tu hai creduto <strong>in</strong> me, caro Gregorio, e mi hai voluto bene, ist<strong>in</strong>tivamente,<br />

credo f<strong>in</strong>o dal Liceo, magari da quella sera che ho fatto la<br />

tua imitazione. Mi hai voluto bene, e poi mi hai <strong>in</strong>trodotto nella<br />

carriera universitaria. Non so proprio se tu l’abbia azzeccata, <strong>in</strong> questo.<br />

Però so che, fra tutti i sentimenti che regolano i complessi rapporti<br />

nella vita accademica, così ricca <strong>di</strong> vanità, <strong>di</strong> ambizioni, <strong>di</strong> simulazioni<br />

<strong>di</strong> sapere, l’affetto, magari mal riposto, resta l’unico sentimento<br />

veramente rispettabile.<br />

In questi ultimi due anni, per più <strong>di</strong> un maestro, per più <strong>di</strong> un<br />

collega abbiamo dovuto ascoltare parole ufficiali <strong>di</strong> commiato, e <strong>in</strong><br />

tutte queste quasi sempre faceva capol<strong>in</strong>o, quasi ad esorcizzare chissà<br />

quali equivoci, l’uso, forse un po’ compiaciuto della parola “laico”.<br />

Se laico vuol <strong>di</strong>re non credente, bene, io sono credente, caro Gregorio,<br />

ma davanti al mistero della morte credo che si sgretol<strong>in</strong>o tutte le<br />

certezze umane. Per questo trovo fuori luogo tanto strombazzare la<br />

fede quanto vantare la non credenza, perché sia <strong>in</strong>vece lasciato un<br />

posto <strong>di</strong>screto alla speranza congenita <strong>in</strong> ogni uomo, credente e non<br />

credente che sia, la speranza che la morte non abbia l’ultima parola.<br />

Ricordo con molta tenerezza un pomeriggio <strong>in</strong> cui tu, rievocandomi<br />

non so quale episo<strong>di</strong>o delle tue malattie, mi <strong>di</strong>cesti, col tuo accento <strong>in</strong>confon<strong>di</strong>bile,<br />

“me ne stavo per andare all’altro mondo”. Poi, dopo una<br />

pausa pensosa, hai soggiunto, quasi per rassicurarti <strong>in</strong> una conv<strong>in</strong>zione<br />

dolorosa: “ma non c’è l’altro mondo. Me ne stavo per andare e basta”.<br />

Non so che farci, caro Gregorio, per me questa tua aggiunta tra<strong>di</strong>va<br />

la stessa speranza. Sento che la storia della nostra amicizia, com<strong>in</strong>ciata<br />

a Tivoli nel 1965, non f<strong>in</strong>irà mai.<br />

Mario Cantilena, Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano<br />

75


76<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

Il ricordo <strong>di</strong> Alberto Mario Cirese<br />

Vorrei essere con voi <strong>in</strong> questa Giornata <strong>di</strong> Stu<strong>di</strong>o per Gregorio<br />

Serrao; vorrei essere <strong>di</strong> nuovo nell’Aula Magna e nella <strong>Facoltà</strong> <strong>di</strong><br />

<strong>Lettere</strong> e <strong>Filosofia</strong> che per tanti anni furono luogo del nostro <strong>in</strong>segnare<br />

e stu<strong>di</strong>are cagliaritano. Spero che oggi sia una giornata limpida<br />

e tersa <strong>di</strong> vento e sole come tante che segnarono per sempre nella<br />

memoria i nostri giorni isolani. Giorni <strong>di</strong> Gregorio e miei, ma con<br />

noi anche <strong>di</strong> tanti <strong>di</strong> cui a volte sfogliammo <strong>in</strong>sieme il mal<strong>in</strong>conico<br />

ricordo: Evangelisti, De Mart<strong>in</strong>o, Del Monte, Limentani, Baratto,<br />

Sal<strong>in</strong>ari, Amaturo, Spriano, Rosiello, Alessio, Maltese, Pucc<strong>in</strong>i...<br />

Furono giorni laboriosi e lieti. In <strong>Facoltà</strong> a orario pieno, ciascuno<br />

assiduo ogni giorno, per tutta <strong>in</strong>tera la propria permanenza pendolare;<br />

<strong>in</strong> <strong>Facoltà</strong> con gli studenti e i libri, quando le faccende <strong>di</strong> gestione<br />

ancora non avevano sbriciolato <strong>di</strong>dattica e ricerca.<br />

Ma erano assidui e <strong>in</strong>tensi anche i tempi dell’amicizia e del parlarsi.<br />

Il grande tavolo rotondo, a s<strong>in</strong>istra <strong>in</strong> fondo, nella sala da pranzo<br />

al Jolly Hotel, <strong>in</strong> Viale Reg<strong>in</strong>a Margherita; e f<strong>in</strong>o a tarda notte il<br />

lucido <strong>di</strong>vano rosso nella hall. A cena <strong>in</strong>vece si andava fuori, con<br />

gente della città o dell’isola, amici, colleghi, studenti: da Lillicu o <strong>in</strong><br />

fumose affasc<strong>in</strong>anti bettole sul porto, alle Tre Torri <strong>in</strong> Via Garibal<strong>di</strong>,<br />

a Calamosca o al Poetto, e non so dov’altro ancora.<br />

Parlavamo <strong>di</strong> tutto, <strong>in</strong>ezie e cose serie, dalle beghe accademiche ai<br />

dest<strong>in</strong>i del mondo. Di Gregorio ricordo racconti dell’adolescenza calabrese<br />

e sapide storie <strong>di</strong> ndraugheta, con quel suo ridere frequente,<br />

sommesso e quasi mormorato, e quelle lunghe vocali che, al nostro<br />

modo meri<strong>di</strong>onale, quasi <strong>in</strong> un sibilo <strong>di</strong>cevano volta a volta stupore,<br />

meraviglia, ironia, <strong>di</strong>sprezzo o sdegno.<br />

Ma quei giorni e quegli anni furono anche un cont<strong>in</strong>uato sem<strong>in</strong>ario<br />

multi<strong>di</strong>scipl<strong>in</strong>are: oggetti e meto<strong>di</strong> dei <strong>di</strong>versi campi <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o<br />

messi a contatto, ed anzi a confronto e talora anche a scontro. Imparando<br />

tutti gli uni dagli altri, filosofi e filologi, letterati e geografi,<br />

storici e logici. Fu grande mia felice sorte esserci anch’io, e farmene<br />

alimento. Da Gregorio mi venne una cont<strong>in</strong>uata sp<strong>in</strong>ta a confermare<br />

accresciuto il rispetto che già nutrivo per il rigore fattuale e meto<strong>di</strong>co<br />

della filologia classica; e lui fu, con altri, sp<strong>in</strong>ta a cont<strong>in</strong>uare a<br />

perseguire rigore nel mio campo.<br />

Mi dà gioia che un momento <strong>di</strong> quei nostri scambi culturali cagliaritani<br />

sia segnato proprio nel libro Problemi <strong>di</strong> poesia alessandr<strong>in</strong>a<br />

che oggi è al centro della giornata. Leggo da una copia che <strong>in</strong> de<strong>di</strong>ca<br />

reca <strong>di</strong> pugno <strong>di</strong> Gregorio: “Ad Alberto con grande affetto <strong>in</strong> giorno<br />

memorabile: Piazza Capri 11”. Quel giorno, il 4 <strong>di</strong>cembre del 1971,<br />

era <strong>in</strong> verità assolutamente anonimo; la sua memorabilità nasceva


Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

per Gregorio dal fatto che la casa <strong>di</strong> Piazza Capri 11 era ed è spalancata<br />

agli amici ma chiusa all’accademia: lui, quel giorno, era a pieno<br />

<strong>di</strong>ritto entrato.<br />

In appen<strong>di</strong>ce al suo libro Gregorio tratta della Struttura e morfologia<br />

dell’agone bucolico (V 80-137). A pag<strong>in</strong>a 154 <strong>in</strong><strong>di</strong>ca con P1/R1e<br />

P2/R2 i rapporti orizzontali tra puella e puer (P1/R1) e Clearista e<br />

Cratida (P2/R2), e quelli verticali tra puella e Clearista (Pl/P2) e tra<br />

puer e Cratida (Rl/R2). La nota <strong>di</strong>ce che il rapporto verticale tra P1/<br />

R1 da un lato e P2/R2 dall’altro “presenta una certa analogia con<br />

quella tra I’istérria e la torrada: le due parti costitutive <strong>di</strong> un particolare<br />

tipo <strong>di</strong> canti popolari sar<strong>di</strong> … detti muttos” (ai quali da poco avevo<br />

de<strong>di</strong>cato un libro); gli parve <strong>in</strong>fatti che il rapporto, pur se <strong>di</strong> sola rima,<br />

tra istérria e torrada fosse <strong>in</strong> qualche modo analogo a quello tra P1/R1<br />

e P2/R2. Non mi soffermerò sul punto, anche se mi piacerebbe farlo;<br />

solo <strong>di</strong>rò che qui, ed anche <strong>in</strong> tutto lo schematizzare <strong>in</strong> quadrati, sta il<br />

frutto <strong>di</strong> nostri colloqui: mi si lasci ricordare con orgoglio quello che<br />

Gregorio scrisse <strong>in</strong> nota a pag<strong>in</strong>a 159: “Mi è gra<strong>di</strong>to r<strong>in</strong>graziare l’amico<br />

A. Cirese, i cui preziosi ed affettuosi suggerimenti mi hanno giovato<br />

non poco nella soluzione <strong>di</strong> questo <strong>di</strong>fficile problema”.<br />

Ma torniamo all’oggi. Avrei voluto essere tra voi; e poi prendere<br />

l’ultimo volo a Elmas per Fiumic<strong>in</strong>o come <strong>in</strong> tanti lontani sabati <strong>di</strong><br />

allora, <strong>in</strong>ghiottiti dal tempo. C’era Gregorio e gli scatoloni immensi<br />

stivati a fatica tra i se<strong>di</strong>li: bambole per l’amata nipote, allora bamb<strong>in</strong>a<br />

e oggi grecista <strong>di</strong> vaglia, orgoglio dello zio.<br />

A lei un abbraccio, ed anche a Feliciano. Grazie a voi tutti.<br />

Il ricordo <strong>di</strong> V<strong>in</strong>cenzo Di Benedetto<br />

Caro Nieddu, plaudo alla vostra <strong>in</strong>iziativa <strong>di</strong> ricordare Gregorio<br />

Serrao e <strong>di</strong> ripercorrerne il suo impegno <strong>di</strong> ricerca. Nel 1975 feci<br />

parte della commissione che espresse unanime consenso sull’alta<br />

qualità dei suoi contributi scientifici. La f<strong>in</strong>ezza del suo gusto letterario,<br />

la sua straord<strong>in</strong>aria preparazione <strong>di</strong> base, l’onestà <strong>in</strong>tellettuale<br />

e il rifiuto <strong>di</strong> facili approcci lo designavano a un rapporto elettivo<br />

con la poesia alessandr<strong>in</strong>a. Ma <strong>di</strong> tutto questo meglio <strong>di</strong> me <strong>di</strong>ranno<br />

Maria Grazia Bonanno, Luigi Enrico Rossi e Roberto Pretagost<strong>in</strong>i.<br />

Io ricordo con rimpianto la sua cadenza <strong>di</strong>alettale e l’affabilità calda<br />

del suo eloquio. La sua calabresità raggiungeva strati profon<strong>di</strong> del<br />

mio sentire.<br />

Quante volte passammo la domenica matt<strong>in</strong>a <strong>in</strong> lunghe affettuose<br />

conversazioni! Ripensandole ora, con rimpianto struggente, mi accorgo<br />

che c’era <strong>in</strong> noi il compiacimento, certo, <strong>di</strong> ritrovare esperienze co-<br />

77


78<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

muni e comuni matrici nel <strong>di</strong>aletto, nel folklore e nei costumi della<br />

terra <strong>di</strong> Calabria, ma c’era anche la sod<strong>di</strong>sfazione <strong>di</strong> essere tra <strong>di</strong> noi, e<br />

fruire <strong>di</strong> un libero e co<strong>in</strong>volgente ricordare, noi, gli immigrati della<br />

prima generazione. Torna alla mia mente la Calabria del primo dopoguerra,<br />

la Calabria che voleva r<strong>in</strong>novarsi e che si riconosceva nei Serrao<br />

e nei Manc<strong>in</strong>i. Era la Calabria <strong>di</strong> coloro che non gridavano e non<br />

picchiavano il suolo con gli stivali, <strong>di</strong> coloro che non ostentavano il<br />

ghigno provocatorio del potere. Dissi una volta a Gregorio che nel<br />

1965 mi fece grande impressione un comizio, a Saracena, <strong>di</strong> Pietro<br />

Manc<strong>in</strong>i, per il suo argomentare sobrio e civile, un nuovo stile. E Gregorio<br />

mi spiegò che questo era lo stile <strong>di</strong> Pietro Manc<strong>in</strong>i e che era stato<br />

a casa loro, ed era amico della famiglia Serrao. Questa era la cultura<br />

che meritava <strong>di</strong> essere egemone. Prevalsero altri. E forse la passione<br />

per lo stu<strong>di</strong>o, per ricerche <strong>di</strong> alta sofisticazione quali misero <strong>in</strong> atto i<br />

due fratelli Serrao, forse questa loro f<strong>in</strong>ezza <strong>di</strong> analisi fu anche un<br />

compenso, per una attesa <strong>di</strong> riscatto della terra <strong>di</strong> Calabria che avremmo<br />

voluto vedere e non vedemmo.<br />

V<strong>in</strong>cenzo Di Benedetto, Università <strong>di</strong> Pisa<br />

Il ricordo <strong>di</strong> Massimo Di Marco<br />

La prima volta che vi<strong>di</strong>, ma solo <strong>di</strong> lontano, Gregorio Serrao fu<br />

nell’<strong>in</strong>verno 1961-62. Avevo appena <strong>in</strong>iziato il g<strong>in</strong>nasio, a Formia, e<br />

il fidanzato <strong>di</strong> mia sorella, che allora frequentava il liceo, mi parlava<br />

con entusiasmo della straord<strong>in</strong>aria preparazione e della grande carica<br />

<strong>di</strong> simpatia del suo professore <strong>di</strong> greco: veniva da Roma, ma l’accento<br />

ne tra<strong>di</strong>va <strong>in</strong>confon<strong>di</strong>bilmente le orig<strong>in</strong>i calabre. Fu così che notai<br />

quel professore – che allora era ancora giovane, ma che ai miei 14<br />

anni appariva già così maturo – che si accompagnava ad un collega<br />

più giovane dai capelli bion<strong>di</strong>, ammiratissimo dalle ragazze, che rispondeva<br />

al nome <strong>di</strong> Umberto Cozzoli.<br />

L’<strong>in</strong>segnamento <strong>di</strong> Serrao a Formia fu breve; ma, anche dopo che<br />

andò via, la sua fama durò a lungo. Lo ebbero nel cuore, sempre, i<br />

suoi ex-alunni <strong>di</strong> Fon<strong>di</strong>, che negli anni ’60 stu<strong>di</strong>avano a Formia: a<br />

<strong>di</strong>stanza <strong>di</strong> quasi quaranta anni, venivano ancora a Roma a salutarlo<br />

e lo <strong>in</strong>vitano a partecipare ai loro perio<strong>di</strong>ci <strong>in</strong>contri. So che Gregorio<br />

ne aveva piacere e faceva <strong>in</strong> modo, se poteva, <strong>di</strong> non mancare a quegli<br />

appuntamenti.<br />

A me, anche quando sono <strong>di</strong>venuto suo collega, è sempre piaciuto<br />

associare la figura <strong>di</strong> Gregorio a quel ricordo della mia adolescenza.<br />

In lui vedevo non solo lo stu<strong>di</strong>oso, gran<strong>di</strong>ssimo, al quale ho sempre<br />

<strong>di</strong>chiarato <strong>in</strong> pubblico e <strong>in</strong> privato il mio debito per ciò che so <strong>di</strong>


Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

poesia ellenistica. Lo sentivo anche e soprattutto come un pezzo <strong>di</strong><br />

quel mondo <strong>di</strong> memorie, tra le più care, legate agli anni della mia<br />

prima formazione: non lo avevo conosciuto – è vero – ma <strong>di</strong> lui si<br />

era cont<strong>in</strong>uato a parlare tra gli amici, sì che quando gli fui presentato<br />

per la prima volta, a metà degli anni ’70, ebbi come la sensazione<br />

<strong>di</strong> trovarmi <strong>di</strong> fronte ad una persona che mi era già estremamente<br />

familiare. Il tempo e una frequentazione forse non assidua ma non<br />

superficiale mi hanno poi confermato nel giu<strong>di</strong>zio che mi ero già<br />

formato <strong>di</strong> lui attraverso le testimonianze altrui. A Gregorio non si<br />

poteva non volere bene: per la sua franchezza, per la sua onestà <strong>in</strong>tellettuale,<br />

per il suo profondo senso dell’amicizia.<br />

Negli ultimi mesi, ogni qual volta gli telefonavo, non mancava<br />

mai <strong>di</strong> ricordarmi, con riconoscenza, che ero stato l’ultimo collega<br />

ad <strong>in</strong>vitarlo nella sua <strong>Facoltà</strong> per una conferenza. Era stato nella primavera<br />

del 2000, alla Sapienza, d’<strong>in</strong>tesa con Chico Rossi: Gregorio<br />

aveva trattato da par suo dei rapporti tra P<strong>in</strong>daro e Callimaco. La<br />

notizia della sua scomparsa mi è giunta la sera del 31 Gennaio dello<br />

scorso anno, al ritorno da Pisa, dove <strong>in</strong> matt<strong>in</strong>ata avevo tenuto una<br />

relazione su “Longo Sofista e la correzione del co<strong>di</strong>ce bucolico”.<br />

Quella relazione è ora <strong>di</strong>venuta un articolo che apparirà tra breve sul<br />

prossimo numero <strong>di</strong> SCO: ho voluto de<strong>di</strong>carglielo, toto corde, come<br />

segno <strong>di</strong> gratitud<strong>in</strong>e e <strong>di</strong> affetto.<br />

Massimo Di Marco, Università <strong>di</strong> Roma “La Sapienza”<br />

Il ricordo <strong>di</strong> Mario Alighiero Manacorda<br />

Gregorio Serrao, tra tutti i cari colleghi e amici della nostra <strong>Facoltà</strong><br />

(ora che lui non c’è più, posso <strong>di</strong>rlo senza togliere nulla a nessuno),<br />

il più caro per la sua sorridente <strong>di</strong>sponibilità a ogni <strong>di</strong>scorso<br />

<strong>di</strong> cultura e <strong>di</strong> amichevole confidenza, quando dopo le lezioni ci avveniva<br />

<strong>di</strong> ritrovarci <strong>in</strong>sieme.<br />

Anche dopo aver lasciato Cagliari, lo cercavo per telefono ogni<br />

volta che, nelle mie <strong>in</strong>cursioni nel suo mondo della Grecia antica,<br />

avevo dubbi da sciogliere; e lui rispondeva da filologo rigoroso e da<br />

amico. A lui ci si poteva affidare, con lui confidarsi.<br />

L’ultima volta che gli telefonai per una <strong>di</strong> queste occasioni, mi fu<br />

detto che era <strong>in</strong> ospedale e che forse avrei potuto parlargli lì. Ma da<br />

lì mi <strong>di</strong>ssero che non poteva rispondere: né lo poté più mai.<br />

E ora questo mio piccolo ultimo rimpianto resta come un momento<br />

del più grande rimpianto che sempre si prova per una persona cara<br />

e degna, la cui vita è stata preziosa per gli amici e per la cultura.<br />

Mario Alighiero Manacorda<br />

79


80<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

Il ricordo <strong>di</strong> Antonio Mart<strong>in</strong>a<br />

Non potendo (perché impegnato <strong>in</strong> un concorso per Dottorato<br />

<strong>di</strong> ricerca) essere presente <strong>di</strong> persona a Cagliari per la Giornata <strong>in</strong><br />

onore e memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao, aderisco unendomi ai presenti<br />

nel ricordo e nella commemorazione della figura e dell’opera dell’<strong>in</strong>signe<br />

stu<strong>di</strong>oso.<br />

Gregorio Serrao è stato un maestro impegnato a trasmettere ai<br />

giovani non solo dottr<strong>in</strong>a e metodo ma anche pr<strong>in</strong>cipi etici e morali.<br />

Restano i suoi contributi altamente scientifici, segnatamente sugli<br />

autori del periodo ellenistico, come ad esempio Teocrito, il suo impegno<br />

morale e civile e il rimpianto <strong>di</strong> non averlo ancora tra noi.<br />

Antonio Mart<strong>in</strong>a, Università <strong>di</strong> Roma Tre<br />

Il Ricordo <strong>di</strong> Mario Torelli<br />

Non è senza commozione che ritorno <strong>in</strong> quest’aula dove Gregorio<br />

Serrao ed io, il cui cursus accademico è com<strong>in</strong>ciato proprio da<br />

Cagliari più <strong>di</strong> trent’anni fa, abbiamo <strong>di</strong>scusso le nostre prime tesi e<br />

dove si è cementata una lunga e solida amicizia, spezzata solo dalla<br />

scomparsa, un anno fa, <strong>di</strong> questo caro compagno e stu<strong>di</strong>oso illustre.<br />

Vorrei partire proprio da quest’aula, ricordando che qui si svolse<br />

quello straord<strong>in</strong>ario esperimento <strong>di</strong>dattico, che vide co<strong>in</strong>volti <strong>in</strong> un<br />

unico sem<strong>in</strong>ario sul tema delle biblioteche nell’antichità, assieme<br />

agli studenti, quasi tutti gli stu<strong>di</strong>osi <strong>di</strong> antichità classiche allora attivi<br />

nella <strong>Facoltà</strong> <strong>di</strong> <strong>Lettere</strong> <strong>di</strong> Cagliari: allora, come <strong>in</strong> altri meno ambiziosi<br />

e più ristretti <strong>in</strong>contri sem<strong>in</strong>ariali, Gregorio e i suoi allievi furono<br />

accanto a me, ai miei più giovani colleghi e ai miei studenti, ricchi<br />

<strong>di</strong> stimoli preziosi, attenti ai suggerimenti che potessero giungere<br />

da altre documentazioni, mai chiusi al rapporto <strong>in</strong>ter<strong>di</strong>scipl<strong>in</strong>are,<br />

come spesso mi è accaduto dopo l’esperienza cagliaritana nei miei<br />

tentativi <strong>di</strong> allacciare <strong>di</strong>aloghi <strong>in</strong>ter<strong>di</strong>scipl<strong>in</strong>ari con storici e soprattutto<br />

filologi della mia alma mater <strong>di</strong> oggi.<br />

Dal profilo che tanti colleghi ed amici stanno <strong>di</strong>segnando oggi <strong>di</strong><br />

Gregorio Serrao sono f<strong>in</strong>ora mancati due forme <strong>di</strong> impegno, quello<br />

speso per <strong>di</strong>ffondere la cultura <strong>in</strong> generale e quella classica <strong>in</strong> particolare<br />

e quello politico. Tutte due queste forme <strong>di</strong> impegno, fra loro<br />

strettamente collegate, sono a mio avviso <strong>di</strong> estrema importanza quando<br />

si voglia lumeggiare il profilo <strong>di</strong> un autentico <strong>in</strong>tellettuale. Ho avuto<br />

la fortuna <strong>di</strong> avere Gregorio molto vic<strong>in</strong>o <strong>in</strong> ambedue gli impegni e<br />

<strong>di</strong> questo vorrei oggi rendere testimonianza, a partire dalle scelte politiche.<br />

Gli anni <strong>in</strong>iziali del nostro <strong>in</strong>segnamento qui a Cagliari erano<br />

certamente molto “cal<strong>di</strong>”. Quando sbarcai nell’isola nel 1969, prove-


Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

nivo da un’esperienza <strong>di</strong> lavoro, quella nelle Sopr<strong>in</strong>tendenze archeologiche,<br />

assai lontana dall’Università, così come, nonostante una mia<br />

antica militanza <strong>di</strong> partito, sostanzialmente estranea anche da una vera<br />

attività politica svolta all’<strong>in</strong>terno del luogo <strong>di</strong> lavoro: ricordo <strong>di</strong> aver<br />

assistito alla “battaglia <strong>di</strong> Valle Giulia” dalla f<strong>in</strong>estra del mio piccolo<br />

ufficio sorpreso dalla vista <strong>di</strong> quanto accadeva, <strong>in</strong> questo non <strong>di</strong>ssimile<br />

dallo sbalor<strong>di</strong>mento <strong>di</strong> tanti politici d’allora, fra i quali non pochi del<br />

mio stesso partito. Fu così che al mio arrivo a Cagliari mi trovai nel<br />

bel mezzo <strong>di</strong> un ciclone <strong>di</strong> contestazioni studentesche, che a me risultavano<br />

<strong>di</strong> fatto <strong>in</strong>comprensibili: tuttavia fui fortunato a trovare subito<br />

dei punti <strong>di</strong> riferimento fra molti colleghi più anziani e più esperti.<br />

Alberto Mario Cirese, Luigi Rosiello, Anna Anfossi, Mario Baratto,<br />

Clara Gall<strong>in</strong>i (cito così <strong>in</strong> maniera <strong>di</strong>sord<strong>in</strong>ata e senza pretesa <strong>di</strong> stendere<br />

un elenco <strong>di</strong> persone con le quali ho contratto un debito <strong>in</strong>tellettuale<br />

enorme) mi onorarono della loro amicizia e mi aiutarono a capire<br />

le ragioni <strong>di</strong> quella “grande confusione sotto il cielo”, fornendomi<br />

le occasioni quasi quoti<strong>di</strong>ane <strong>di</strong> un’esperienza, che non stento a def<strong>in</strong>ire<br />

fondamentale per lo sviluppo successivo del mio pensiero e della<br />

mia ricerca. Tra i classicisti tuttavia una persona mi fu da subito vic<strong>in</strong>a<br />

e questa fu proprio Gregorio Serrao, che dagli anni dei miei stu<strong>di</strong> universitari<br />

conoscevo <strong>di</strong> vista come assistente <strong>di</strong> Gennaro Perrotta e del<br />

quale non sospettavo né le doti umane né la grande apertura politica:<br />

da lui, che, a <strong>di</strong>fferenza <strong>di</strong> molti <strong>di</strong> quei colleghi ad amici <strong>di</strong> allora,<br />

militava nel mio stesso partito, appresi molto del senso (e dei limiti) <strong>di</strong><br />

quelle stagioni al calor bianco e soprattutto imparai a misurare molto<br />

meglio i term<strong>in</strong>i reali <strong>di</strong> quel <strong>di</strong>fficile rapporto tra il nostro partito e il<br />

movimento studentesco che tutti ricor<strong>di</strong>amo <strong>di</strong>fficile da stabilire e <strong>in</strong><br />

ultima analisi sofferto, per mille e una ragioni che non sto qui a elencare.<br />

La sua lezione – vorrei ricordare una per una le sue parole, dette<br />

con quella sua caratteristica voce bassa e roca, impastata con il fumo<br />

<strong>di</strong> mille sigarette – fu molto semplice e la si può ricapitolare <strong>in</strong> una<br />

semplice esortazione: ascoltare e cercare <strong>di</strong> capire, mai demonizzare,<br />

anche quando l’anima studentesca appariva meno comprensibile o ad<strong>di</strong>rittura<br />

confusa e armata <strong>di</strong> preconcetti. Gli esposi due o tre casi concreti<br />

e la sua lettura dell’evento o delle circostanze si provò sempre<br />

esatta e il suo consiglio accorto e senza esagerazione prezioso. Non so<br />

se per questo ti ho mai r<strong>in</strong>graziato <strong>in</strong> maniera esplicita e formale, caro<br />

Gregorio, ma so senz’altro <strong>di</strong> averti testimoniato il mio debito per<br />

come mi hai aiutato ad entrare <strong>in</strong> un mondo, quello accademico, che<br />

io avevo conosciuto poco e male e soprattutto dall’altra parte, quello<br />

dello studente che, come se non bastasse, aveva frequentati per soli<br />

due anni a metà degli anni ’50: sento comunque l’obbligo <strong>di</strong> tornare a<br />

81


82<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

farlo qui fra tanti amici, uniti a me nel commosso ricordo <strong>di</strong> un <strong>in</strong>tellettuale<br />

che seppe essere politicamente impegnato con modestia e con<br />

rigore.<br />

L’altro momento <strong>di</strong> questo mio breve ricordo, quello dell’impegno<br />

<strong>di</strong> Gregorio nella <strong>di</strong>ffusione della cultura classica, mi ha – se<br />

possibile – ancor più avvic<strong>in</strong>ato a lui. Mi riferisco al lavoro <strong>di</strong> redazione<br />

dell’opera collettiva Storia e civiltà dei Greci, al quale Ranuccio<br />

Bianchi Band<strong>in</strong>elli chiamò Luigi Moretti, Gregorio Serrao e me nel<br />

1972. Bianchi Band<strong>in</strong>elli aveva chiaro avanti agli occhi l’<strong>in</strong>certo dest<strong>in</strong>o<br />

degli stu<strong>di</strong> <strong>di</strong> antichità classica e, cosa ancor più dolorosa, la<br />

sempre più debole presenza nella coscienza contemporanea dei valori<br />

fondanti della civiltà antica, <strong>di</strong> cui quella greca, per le <strong>in</strong>tuibili ragioni<br />

poste dalla più complessa accessibilità della l<strong>in</strong>gua rispetto a<br />

quella lat<strong>in</strong>a, appare complessivamente quella a maggiore rischio <strong>di</strong><br />

“caduta”. Di qui la decisione <strong>di</strong> offrire alla cultura o<strong>di</strong>erna uno strumento<br />

agile, <strong>di</strong>eci piccoli volumi <strong>di</strong> corposi saggi firmati da specialisti,<br />

alcuni molto noti (penso qui a persone come Pierre Lévêque ed<br />

Ettore Lepore per la storia, Bruno Gentili e Mart<strong>in</strong> L. West per la<br />

letteratura, Bernard Schweitzer ed Enrico Paribeni per la storia dell’arte,<br />

solo per citare alcuni nomi senza alcuna pretesa <strong>di</strong> completezza)<br />

ed altri <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>osi allora più giovani, nessuno dei quali <strong>in</strong> seguito<br />

ha smentito l’apertura <strong>di</strong> cre<strong>di</strong>to che Bianchi Band<strong>in</strong>elli faceva loro<br />

<strong>in</strong>vitandoli a collaborare. Malgrado la dolorosa, prematura scomparsa<br />

<strong>di</strong> Bianchi Band<strong>in</strong>elli nel gennaio 1975, quando l’opera era solo<br />

per due terzi <strong>in</strong> redazione, Storia e civiltà dei Greci è stata pubblicata<br />

<strong>in</strong> brevissimo tempo, tra il 1977 e il 1979, e le numerose ristampe,<br />

l’ultima delle quali risale a meno <strong>di</strong> due anni or sono, testimoniano<br />

il favore <strong>di</strong> cui l’opera nel periodo non breve <strong>di</strong> un quarto <strong>di</strong> secolo<br />

ha goduto e gode presso un largo pubblico, <strong>in</strong> primo luogo gli studenti.<br />

Lettura consigliata ai miei laurean<strong>di</strong>, Storia e civiltà dei Greci<br />

ha formato ormai più <strong>di</strong> una generazione <strong>di</strong> allievi universitari e<br />

debbo <strong>di</strong>re con risultati che considero lus<strong>in</strong>ghieri per la comprensione<br />

ampia e documentata della straord<strong>in</strong>aria esperienza greca riscontrata<br />

tra quanti ne hanno fatto <strong>in</strong>telligente uso.<br />

Mi sono <strong>di</strong>lungato sui risultati <strong>di</strong> questa <strong>in</strong>trapresa perché nella<br />

concezione <strong>di</strong> Bianchi Band<strong>in</strong>elli essa doveva essere perfettamente<br />

equilibrata, senza egemonie <strong>di</strong> questo o quello specialismo, conv<strong>in</strong>to<br />

come egli era del carattere rivoluzionario posseduto dalla conoscenza<br />

<strong>in</strong>tegrale, non parcellizzata, della cultura classica. Gregorio Serrao, al<br />

pari <strong>di</strong> Luigi Moretti e <strong>di</strong> chi vi parla, aderì entusiasticamente al<br />

progetto e ricordo <strong>di</strong> aver elaborato <strong>in</strong>sieme a lui, con spirito <strong>in</strong>ter<strong>di</strong>scipl<strong>in</strong>are,<br />

nel corso <strong>di</strong> una lunga traversata dalla Sardegna al con-


Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

t<strong>in</strong>ente, le l<strong>in</strong>ee fondamentali delle parti storico-letterarie e storico-artistiche<br />

dell’opera, che avremmo <strong>di</strong> lì a poche ore sottoposto a Bianchi<br />

Band<strong>in</strong>elli e a Moretti. Tanto io tendevo a semplificare, tanto<br />

più Gregorio <strong>di</strong>ventava scrupoloso f<strong>in</strong>o alla nausea: se non sono<br />

troppo generoso verso questa nostra creatura, credo che il prodotto<br />

abbia guadagnato dall’<strong>in</strong>contro <strong>di</strong> caratteri così <strong>di</strong>versi. Ma al<strong>di</strong>là del<br />

risultato vedo <strong>in</strong> questa sua <strong>di</strong>sponibilità piena e cor<strong>di</strong>ale, capace <strong>di</strong><br />

molta abnegazione (il mio lavoro <strong>di</strong> redazione si svolse <strong>di</strong> fatto <strong>in</strong><br />

gran parte a trasferimento avvenuto <strong>in</strong> cont<strong>in</strong>ente, mentre Gregorio<br />

svolse tutto il suo lavoro nel non leggero commut<strong>in</strong>g con l’isola), ma<br />

sempre ricca <strong>di</strong> entusiasmi, la testimonianza dell’impegno <strong>di</strong> un <strong>in</strong>tellettuale<br />

per far sì che il mondo che egli illustrava nel suo quoti<strong>di</strong>ano<br />

lavoro fosse patrimonio il più largo possibile, nella certezza che se<br />

quel mondo è largamente con<strong>di</strong>viso ha molte più chances <strong>di</strong> servire<br />

al mondo contemporaneo e qu<strong>in</strong><strong>di</strong> <strong>di</strong> essere tramandato alle generazioni<br />

future.<br />

È oggi sotto gli occhi <strong>di</strong> tutti il rapi<strong>di</strong>ssimo decl<strong>in</strong>o degli stu<strong>di</strong><br />

classici non solo nel nostro paese, ma <strong>in</strong> tutta l’Europa: crollano le<br />

immatricolazioni all’<strong>in</strong><strong>di</strong>rizzo classico, non si contano le chiusure<br />

dei licei classici <strong>in</strong> tutto il Centro-Nord. L’accorato appello <strong>in</strong> <strong>di</strong>fesa<br />

delle l<strong>in</strong>gue classiche <strong>di</strong> Jean-Pierre Vernant e <strong>di</strong> Jacquel<strong>in</strong>e de Romilly,<br />

che Luciano Canfora ha opportunamente reso noto nel nostro<br />

Paese sull’ultimo numero dei suoi Quaderni <strong>di</strong> Storia, ci <strong>di</strong>ce che la<br />

situazione Oltralpe è altrettanto drammatica, se non peggiore, così<br />

come nessuno si nasconde il fatto che il “Gymnasium” tedesco <strong>di</strong><br />

oggi è solo l’ombra <strong>di</strong> quello che era solo trent’anni fa. Credo che se<br />

<strong>in</strong> tempi non troppo remoti torneremo a riunirci <strong>in</strong> quest’aula per<br />

stu<strong>di</strong>are soluzioni realistiche e positive al problema, avremo trovato<br />

la maniera utile anche sul piano politico per tornare a celebrare il ricordo<br />

<strong>di</strong> Gregorio Serrao.<br />

Mario Torelli, Università <strong>di</strong> Perugia<br />

Gregorio Serrao a Cagliari<br />

Ho conosciuto Gregorio da studente; io frequentavo i corsi del<br />

mio II anno <strong>di</strong> stu<strong>di</strong> universitari, era l’autunno-<strong>in</strong>verno del 1967, e<br />

<strong>in</strong> quell’anno accademico 1967-1968 la <strong>Facoltà</strong> <strong>di</strong> <strong>Lettere</strong> e <strong>Filosofia</strong><br />

aveva affidato a lui l’<strong>in</strong>carico <strong>di</strong> <strong>in</strong>segnamento <strong>di</strong> Grammatica greca<br />

e lat<strong>in</strong>a. Gregorio giungeva a Cagliari orgoglioso <strong>di</strong> <strong>in</strong>segnare nella<br />

sede che già aveva visto il magistero del suo amato maestro Gennaro<br />

Perrotta, e questo orgoglio non ha mai nascosto, anche se spesso lo<br />

mascherava facendo proprio l’atteggiamento <strong>di</strong> fasti<strong>di</strong>o che Perrotta<br />

83


84<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

nutriva per la Cagliari dei primi anni ’30, quando, passeggiando<br />

lungo la via Roma magari <strong>in</strong> attesa del bastimento, o dell’idrovolante,<br />

che lo riportasse a Roma, borbottava tra i denti, ci raccontava<br />

Gregorio, “Delenda Caralis”; e Gregorio quell’espressione amava ripetere<br />

spesso, non con fasti<strong>di</strong>o, ma con vero affetto verso quella che<br />

era <strong>di</strong>venuta la sua Cagliari.<br />

Quell’anno Gregorio Serrao teneva il corso monografico sul Bellum<br />

Poenicum <strong>di</strong> Nevio, un corso, ricordo, frequentato da parecchi<br />

allievi, f<strong>in</strong>almente rasserenati e tranquillizzati dal pacato ragionare <strong>di</strong><br />

Gregorio, dopo le ore faticose passate l’anno precedente a cercare <strong>di</strong><br />

seguire i funamboleschi sofismi <strong>di</strong> Benedetto Marzullo, sulle tracce<br />

dei Sicionii, e quello stesso anno 1967-1968 affasc<strong>in</strong>ati dal meto<strong>di</strong>co<br />

e puntiglioso rigore delle lezioni su Ipponatte del caro Enzo Degani,<br />

ma anche affaticati dal cont<strong>in</strong>uo ricercare la sua figura e la sua voce<br />

nel suo perenne peregr<strong>in</strong>are per i grad<strong>in</strong>i del teatro dell’aula 6.<br />

Pure con Gregorio non era tutto rose e fiori: una certa dose <strong>di</strong> fatica<br />

bisognava spenderla anche durante le sue lezioni, per seguire un<br />

fraseggio sostenuto su ritmi, vocalismi, pronunce del tutto estranei<br />

alle nostre orecchie, ai quali si sovrapponeva per giunta la metrica<br />

del saturnio, per noi ostica e <strong>di</strong>fficile da seguire. Ma furono ore bellissime<br />

e, posso <strong>di</strong>re, ricche <strong>di</strong> sod<strong>di</strong>sfazioni, anche scientifiche, per<br />

lui e per me. La sua frequentazione con Antonio Mazzar<strong>in</strong>o gli permetteva<br />

<strong>in</strong>fatti <strong>di</strong> verificare la bontà delle sue osservazioni e soprattutto<br />

quanto il suo <strong>in</strong>segnamento, già dalla prima prova, com<strong>in</strong>ciasse<br />

a gettare i semi per un buon raccolto. È stato quello l’unico dei<br />

corsi tenuti da Gregorio da me seguito: ma negli anni successivi<br />

avrei avuto modo <strong>di</strong> apprezzare a pieno il suo <strong>in</strong>segnamento, nelle<br />

quoti<strong>di</strong>ane <strong>di</strong>scussioni sui temi che più ci hanno legato, Callimaco e<br />

la cultura greca <strong>di</strong> età ellenistica.<br />

Ma non voglio <strong>in</strong>sistere oltre su questi temi piuttosto personali,<br />

che toglierebbero, tra l’altro, lo spazio per rendere a Gregorio il giusto<br />

merito della sua fatica cagliaritana.<br />

Una fatica durata nel complesso 17 anni, dal 1967, appunto, al<br />

1984, quando Gregorio ha lasciato il nostro Ateneo per l’<strong>in</strong>segnamento<br />

<strong>di</strong> Grammatica Greca all’Università <strong>di</strong> Roma 2, Tor Vergata.<br />

Anni ricchi <strong>di</strong> sod<strong>di</strong>sfazioni personali: aveva v<strong>in</strong>to <strong>in</strong>fatti il concorso<br />

a cattedra per lui chiesto da Cagliari, ed era riuscito a sistemare, prima<br />

come assistenti <strong>di</strong> ruolo, poi come professori associati, i suoi allievi<br />

più cari, io, Patrizia e Gian Franco, il primo studente cui aveva<br />

assegnato la tesi e che con lui si era laureato. Anni ricchi <strong>di</strong> frequentazioni<br />

culturalmente irripetibili, anni nei quali Gregorio e molti <strong>di</strong><br />

noi hanno avuto l’occasione, sì, proprio <strong>in</strong> questo Ateneo <strong>di</strong> prov<strong>in</strong>-


Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

cia, <strong>di</strong> mettere a frutto l’<strong>in</strong>segnamento <strong>di</strong> maestri che mai <strong>di</strong>menticheremo,<br />

Alberto Mario Cirese, appunto, e Mario Alighiero Manacorda,<br />

Francesco Valent<strong>in</strong>i, Gillo Dorfles, Dario Pucc<strong>in</strong>i, Clau<strong>di</strong>o<br />

Cas<strong>in</strong>i, Paolo Spriano, Mario Baratto, Luigi Rosiello, Alberto Limentani,<br />

Raffaele Amaturo, Mario Torelli: e Gregorio quel frutto ha<br />

saputo cogliere e far riprodurre.<br />

L’<strong>in</strong>segnamento <strong>di</strong> Gregorio a Cagliari, dopo quel primo anno <strong>di</strong><br />

Grammatica greca e lat<strong>in</strong>a, si è svolto senza <strong>in</strong>terruzioni – c’è solo un<br />

episo<strong>di</strong>o <strong>di</strong> congedo per un anno per motivi <strong>di</strong> salute nel 1981-1982 –<br />

sui due b<strong>in</strong>ari della Letteratura greca e della Filologia greca e lat<strong>in</strong>a,<br />

<strong>in</strong>segnamenti che ha lasciato rispettivamente nell’anno accademico<br />

1984-1985 e nel 1981-1982. In questi anni Gregorio ha assegnato<br />

19 argomenti per tesi <strong>di</strong> laurea, ha seguito <strong>di</strong>rettamente e <strong>di</strong>scusso<br />

come relatore 13 <strong>di</strong> quelle tesi, delle rimanenti 2 sono state <strong>di</strong>scusse<br />

da G. Runch<strong>in</strong>a, che lo sostituì nel 1981-1982, l’anno del congedo,<br />

e 4 da me, negli anni successivi al suo trasferimento a Roma.<br />

Nel mettere <strong>in</strong>sieme i dati relativi agli argomenti <strong>di</strong> queste tesi e<br />

dei corsi monografici che Gregario ha svolto per Letteratura greca e<br />

per Filologia greca e lat<strong>in</strong>a, mi sono stupito, proprio io che ho vissuto<br />

quei fatti potrei <strong>di</strong>re <strong>in</strong> prima persona, proprio io che <strong>di</strong> molte <strong>di</strong><br />

quelle tesi ho tenuto la seconda relazione, mi sono stupito, <strong>di</strong>cevo,<br />

nel constatare che, <strong>di</strong>versamente da quanto io, ma credo chiunque<br />

altro <strong>di</strong> noi che bene abbiamo conosciuto Gregorio, mi aspettassi,<br />

Gregorio non è stato solo il cultore <strong>di</strong> Teocrito, <strong>di</strong> Callimaco e della<br />

civiltà greca <strong>di</strong> età ellenistica. Il nome <strong>di</strong> Gregorio Serrao, lo abbiamo<br />

sentito ripetutamente stamane, e <strong>in</strong> questa <strong>di</strong>rezione portano i<br />

temi e i contenuti della sua produzione scientifica, resta <strong>in</strong><strong>di</strong>ssolubilmente<br />

e magistralmente legato a quelle tematiche, ma i suoi <strong>in</strong>teressi<br />

hanno spaziato, almeno nei numerosi anni del suo magistero cagliaritano,<br />

su campi più ampi e <strong>di</strong>versificati con una attenzione costante<br />

alle problematiche della storia della tra<strong>di</strong>zione letteraria greca più<br />

vive <strong>in</strong> quegli anni.<br />

Alla <strong>in</strong>sistenza che troviamo negli argomenti <strong>di</strong> tesi su problemi relativi<br />

alla lirica arcaica (Ricerche sulla poesia anacreontea; Anacreonte:<br />

i frammenti papiracei; Simbologia dei fiori e delle piante nei Lirici<br />

greci; Ricerche sulla tecnica compositiva nell’elegia greca arcaica),<br />

o alla trage<strong>di</strong>a greca (Aspetti della trage<strong>di</strong>a posteuripidea; Il<br />

pavqei mavqo~ e l’ere<strong>di</strong>tarietà della colpa attraverso le trage<strong>di</strong>e <strong>di</strong><br />

Eschilo; Le forme monologiche nelle trage<strong>di</strong>e <strong>di</strong> Eschilo), o su problematiche<br />

per così <strong>di</strong>re antropologiche o <strong>di</strong> storia della filologia<br />

classica (Cultura e Filologia <strong>in</strong> Augusto Rostagni; La con<strong>di</strong>zione sociale<br />

ed economica del poeta nella Grecia arcaica, dagli <strong>in</strong>izi al V se-<br />

85


86<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

colo; La consacrazione a poeta nella tra<strong>di</strong>zione letteraria greca; Il<br />

tema della reciprocità amorosa nella poesia alessandr<strong>in</strong>a) corrisponde<br />

un <strong>in</strong>teresse altrettanto curato sul versante delle lezioni sia <strong>in</strong> Letteratura<br />

greca che <strong>in</strong> Filologia greca e lat<strong>in</strong>a, <strong>in</strong> quest’ultimo caso<br />

proteso <strong>in</strong> maniera attenta e corretta a non far prevalere, attraverso<br />

un adeguato bilanciamento nel contenuto del programma d’esame,<br />

il versante filologico-greco naturalmente preferito. Così ve<strong>di</strong>amo<br />

corsi <strong>di</strong> letteratura su La lirica corale: Stesicoro e P<strong>in</strong>daro; e ancora<br />

su La poetica esiodea; Aspetti della cultura greca nel IV secolo a.C.;<br />

Sofocle; L’Orestea <strong>di</strong> Eschilo; Il Teatro <strong>di</strong> Eschilo) alternarsi, anche<br />

con blocchi <strong>di</strong> alcuni anni, ai temi più cari della cultura ellenistica<br />

(Problemi <strong>di</strong> poesia teocritea; La poetica callimachea; La classificazione<br />

e la mistione dei generi letterari e la poetica del Nuovo stile: i<br />

Giambi <strong>di</strong> Callimaco; Letteratura e cultura <strong>in</strong> età ellenistica; Gli Aitia<br />

<strong>di</strong> Callimaco, L’elegia ellenistica; e <strong>in</strong>f<strong>in</strong>e Problemi <strong>di</strong> poesia ellenistica:<br />

Callimaco <strong>di</strong> Cirene; La raccolta delle Bucoliche nel Corpus teocriteo),<br />

e, sul versante filologico, corsi su I frammenti <strong>di</strong> Stesicoro;<br />

Anacreonte; Il Bellum Poenicum <strong>di</strong> Nevio; La metrica dei cori nella<br />

trage<strong>di</strong>a euripidea; Il <strong>di</strong>aletto eolico nei frammenti <strong>di</strong> Saffo e Alceo;<br />

I lirici greci; Le Troades <strong>di</strong> Euripide; Mimnermo, la Nanno e la questione<br />

del Ge<strong>di</strong>cht-Bücher; affiancarsi a argomenti su La Lide <strong>di</strong> Antimaco<br />

<strong>di</strong> Colofone; Dalla mimesi aristotelica al realismo ellenistico;<br />

Il libro IV delle Argonautiche <strong>di</strong> Apollonio Ro<strong>di</strong>o; Antimaco <strong>di</strong> Colofone;<br />

L’epillio alessandr<strong>in</strong>o.<br />

Sembrano quasi pause <strong>di</strong> riflessione, per consentire a se stesso <strong>di</strong><br />

non proporre ripetitivamente problematiche abusate, ma attraverso<br />

la frequentazione <strong>di</strong> temi <strong>di</strong>fferenti, e tuttavia per cultura e per tra<strong>di</strong>zione<br />

così presenti e determ<strong>in</strong>anti nella formazione del modo <strong>di</strong><br />

sentire e <strong>di</strong> comporre dei poeti alessandr<strong>in</strong>i, <strong>di</strong> riaffrontare gli argomenti<br />

a Gregorio più cari con approfon<strong>di</strong>menti e prospettive r<strong>in</strong>novati<br />

e orig<strong>in</strong>ali.<br />

Una forma <strong>di</strong> rispetto anche questa, rispetto <strong>in</strong>nanzi tutto verso<br />

se stesso, rispetto verso tutti gli allievi, che certamente dalla sua frequentazione<br />

hanno ricevuto un grande <strong>in</strong>segnamento <strong>di</strong> storia, <strong>di</strong><br />

cultura, <strong>di</strong> onestà, non solo <strong>in</strong>tellettuale, <strong>di</strong> straord<strong>in</strong>aria umanità.<br />

Di tutto questo, caro Gregorio, noi ti siamo grati.<br />

Gigi


TELEGRAMMI<br />

Cara Patrizia,<br />

mi scuso con te e con gli altri promotori della bella <strong>in</strong>iziativa <strong>di</strong> ricordare<br />

Gregorio Serrao con una giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o e mi rammarico <strong>di</strong><br />

non poter partecipare ai lavori, tanto più che a Gregorio Serrao mi legava<br />

una lunga salda amicizia, nata negli anni dell’<strong>in</strong>tensa collaborazione<br />

con Bruno Gentili che lavorava all’e<strong>di</strong>zione <strong>di</strong> Anacreonte.<br />

I miei auguri più s<strong>in</strong>ceri per la piena riuscita dell’<strong>in</strong>iziativa e a te<br />

<strong>in</strong> particolare un cor<strong>di</strong>alissimo saluto.<br />

Franca Perus<strong>in</strong>o, Università degli stu<strong>di</strong> <strong>di</strong> Urb<strong>in</strong>o<br />

Trattenuto a Napoli da impegni non r<strong>in</strong>viabili vi prego considerarmi<br />

presente moralmente tra voi nel comune affetto e nella comune<br />

venerazione per la memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

Giovanni Cerri, Istituto Universitario Orientale <strong>di</strong> Napoli<br />

Impossibilitato partecipare giornata ricordo Gregorio Serrao sono<br />

<strong>in</strong>tellettualmente presente con affetto<br />

Francesco Bossi, Università <strong>di</strong> Bologna<br />

Mi scuso <strong>di</strong> non poter partecipare alla giornata de<strong>di</strong>cata a Gregorio<br />

Serrao e vi <strong>in</strong>vio la mia sentita adesione nel ricordo dell’ illustre<br />

stu<strong>di</strong>oso<br />

V<strong>in</strong>icio Tammaro, Università <strong>di</strong> Bologna<br />

Spiacente non poter partecipare convegno Serrao, <strong>in</strong>vio mia adesione<br />

Renzo Tosi, Università <strong>di</strong> Bologna


FELICIANO SERRAO<br />

INTERVENTO CONCLUSIVO<br />

Vi r<strong>in</strong>grazio, anche a nome dei miei familiari, dal profondo del<br />

cuore.<br />

Le Vostre relazioni, i vostri <strong>in</strong>terventi, i vostri ricor<strong>di</strong> mi hanno<br />

dato prova dell’alta stima e dell’affetto che Gregorio, già durante<br />

l’<strong>in</strong>segnamento liceale e <strong>in</strong><strong>di</strong> durante l’<strong>in</strong>segnamento cagliaritano e<br />

romano, durante tutta la sua vita <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>oso e <strong>di</strong> docente, si era procurato<br />

da parte <strong>di</strong> colleghi, <strong>di</strong> amici, <strong>di</strong> giovani, che dalla trasparenza<br />

del suo pensiero e dagli stessi suoi giu<strong>di</strong>zi, talvolta aspri, hanno<br />

saputo trarre la l<strong>in</strong>fa profonda della sua onestà scientifica, della sua<br />

profonda umanità.<br />

Di questi sentimenti, che egli ha suscitato nei colleghi e nei giovani,<br />

dà prova questo convegno, <strong>in</strong> cui la memoria affettuosa del<br />

Collega o del Maestro si è cont<strong>in</strong>uamente <strong>in</strong>trecciata alle riflessioni<br />

scientifiche.<br />

Un r<strong>in</strong>graziamento particolare a Maria Grazia Bonanno, a Luigi<br />

Enrico Rossi, a Roberto Pretagost<strong>in</strong>i, a Mario Torelli, a Vittorio Citti,<br />

a Gabriele Borzacch<strong>in</strong>i, che hanno saputo <strong>di</strong>segnare la creatività e il rigore<br />

filologico dell’ellenista, i comportamenti universitari del Collega.<br />

Un abbraccio fraterno a Patrizia Mureddu, a Luigi Leur<strong>in</strong>i, a<br />

Gianfranco Nieddu, per tutto ciò che hanno detto e fatto nel memore<br />

culto del Maestro.<br />

L’espressione del mio animo grato al Rettore, che, pur non avendo<br />

conosciuto mio fratello, si è fatto <strong>in</strong>terprete dei sentimenti della<br />

comunità universitaria cagliaritana, al prof. Giulio Paulis e ai numerosi<br />

<strong>in</strong>tervenuti nonché ai Colleghi V<strong>in</strong>cenzo Di Benedetto, Mario<br />

Cantilena, Antonio Mart<strong>in</strong>a, Alberto Cirese e Alighiero Manacorda,<br />

che hanno voluto manifestare con animo commosso il ricordo dell’amico<br />

scomparso.<br />

* * *


90<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

Di Gregorio grecista non saprei parlare: mi manca la competenza;<br />

non mi sentirei <strong>di</strong> azzardare riflessioni e giu<strong>di</strong>zi <strong>di</strong> fronte all’u<strong>di</strong>torio<br />

altamente qualificato presente <strong>in</strong> questa aula. Voglio solo confessare<br />

che, data la comunanza <strong>di</strong> <strong>in</strong>teressi scientifici per il mondo classico<br />

(egli per la Grecia e la filologia, io per Roma e il <strong>di</strong>ritto), ebbi modo<br />

non <strong>di</strong> rado, e specie durante le mie ricerche preconcorsuali, <strong>di</strong> avere<br />

da lui <strong>in</strong><strong>di</strong>cazioni, consigli e suggerimenti e, <strong>di</strong>rei, <strong>di</strong> essere istradato<br />

almeno <strong>in</strong> quel tanto <strong>di</strong> filologia <strong>in</strong><strong>di</strong>spensabile pure a chi dalle fonti<br />

classiche cerca <strong>di</strong> ricostruire la storia del <strong>di</strong>ritto, dell’economia, della<br />

società. Anche io, specie negli anni <strong>di</strong> convivenza nella casa materna,<br />

l’ebbi maestro.<br />

Ma se non ho la competenza per <strong>di</strong>re del grecista, dal profondo<br />

della mia coscienza una voce mi sp<strong>in</strong>ge a ricordare agli amici, ai colleghi,<br />

agli alunni, <strong>in</strong> questa Università che gli fu cara, il fratello,<br />

l’uomo, l’<strong>in</strong>tellettuale, il cittad<strong>in</strong>o.<br />

Dico subito che nelle pur <strong>di</strong>verse situazioni e funzioni, nella famiglia,<br />

nella società civile e politica, nella comunità scientifica e universitaria,<br />

egli mantenne e rivelò il medesimo carattere. La struttura e le manifestazioni<br />

della mente e dell’animo mai cambiavano, pur nelle <strong>di</strong>verse<br />

facies che l’uomo, nello svolgersi della vita e delle attività, è costretto ad<br />

assumere. Egli fu sempre lo stesso, né avrebbe potuto o saputo <strong>di</strong>versificare<br />

le l<strong>in</strong>ee <strong>di</strong>rettive dei suoi comportamenti a seconda della convenienza<br />

sociale od accademica. Fu dovunque e comunque un uomo tutto<br />

d’un pezzo, ma, proprio per questo, un uomo <strong>di</strong>fficile. Difficile nella famiglia,<br />

nella società, nell’Università. In tutti gli aggregati sociali egli<br />

ebbe e manifestò con forza la sua <strong>in</strong><strong>di</strong>pendenza <strong>in</strong> ogni senso, il suo<br />

amore <strong>in</strong>f<strong>in</strong>ito per la libertà e per la verità, la sua assoluta <strong>in</strong>transigenza<br />

sui pr<strong>in</strong>cipii etici e politici <strong>in</strong> cui credeva. Ne derivava <strong>di</strong>rittura, <strong>in</strong>flessibilità<br />

e, talvolta, pur nella sua grande simpatia, durezza. Ma dal fondo<br />

dell’animo suo f<strong>in</strong>ivano sempre coll’emergere una grande emotività, e<br />

con essa solidarietà e spesso profon<strong>di</strong> sentimenti <strong>di</strong> affetto verso gli altri,<br />

che non <strong>di</strong> rado annullavano l’apparente aspra <strong>in</strong>flessibilità, sempre<br />

però che ciò non <strong>in</strong>taccasse i pr<strong>in</strong>cipii e le idealità <strong>in</strong> cui credeva.<br />

Queste caratteristiche si rivelavano <strong>in</strong>nanzitutto nella famiglia,<br />

dove s<strong>in</strong> da bamb<strong>in</strong>o <strong>in</strong>com<strong>in</strong>ciò a manifestare il suo spirito <strong>in</strong><strong>di</strong>pendente<br />

verso l’autorità paterna. Infatti, sempre che mio padre, per<br />

motivi vari <strong>di</strong> convenienza, era costretto a nascondere o a riferire, sia<br />

pure con leggere mo<strong>di</strong>fiche, i term<strong>in</strong>i <strong>in</strong> cui un determ<strong>in</strong>ato fatto si<br />

era verificato, egli <strong>in</strong>sorgeva contro la versione paterna per ristabilire<br />

la verità. Scherzosamente mio padre <strong>di</strong>sse un giorno che Gregor<strong>in</strong>o<br />

aveva formato il partito “abbasso papà”. E <strong>di</strong> tal “partito”, d’allora<br />

<strong>in</strong> poi, egli fu il capo riconosciuto!


Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

Della sua dura <strong>in</strong>transigenza che, dopo uno scoppio emotivo,<br />

presto si affievoliva, è espressione un altro episo<strong>di</strong>o dei nostri anni<br />

giovanili. Io mi ero dovuto ost<strong>in</strong>are nel riferire qualche fatto <strong>in</strong><br />

modo forse non completamente veritiero. Gregorio si arrabbiò talmente<br />

da ricorrere alle vie <strong>di</strong> fatto e mi prese per il naso (quasi fossi<br />

P<strong>in</strong>occhio) str<strong>in</strong>gendolo così forte da farlo <strong>di</strong>ventare simile a quello<br />

<strong>di</strong> “mastro Ciliegia”, per via <strong>di</strong> un piccolo ematoma duratomi alcuni<br />

giorni. L’amico e collega Bruno Gentili, che dopo qualche giorno fu<br />

a pranzo da noi, mi chiese cosa avevo avuto al naso e fui costretto a<br />

rispondere (con un’altra bugia, a <strong>di</strong>re il vero poco cre<strong>di</strong>bile) che<br />

mentre stavo per scendere dall’autobus la porta s’era chiusa improvvisamente<br />

str<strong>in</strong>gendomi il naso!<br />

All’<strong>in</strong>temperanza sopraggiungeva il pentimento e l’abbraccio affettuoso!<br />

Sempre nell’ambito della sua vocazione all’<strong>in</strong><strong>di</strong>pendenza e contrapposizione<br />

a quelle che erano le vedute comuni della famiglia citerei<br />

un terzo episo<strong>di</strong>o. Alla caduta del fascismo, <strong>in</strong> famiglia, per<br />

l’educazione che avevamo avuto la fortuna <strong>di</strong> ricevere da mio padre,<br />

che pur durante la <strong>di</strong>ttatura aveva <strong>in</strong>culcato <strong>in</strong> noi l’amore per la libertà<br />

e per il progresso sociale, tutti ci trovammo socialisti. Gregorio,<br />

pur avendo già le stesse idee e la stessa formazione, proprio per<br />

quel suo sentirsi autonomo anche dalla via seguita dal padre, verso il<br />

quale pur aveva il più grande e sviscerato affetto, si <strong>di</strong>resse <strong>in</strong>izialmente<br />

verso il partito comunista a cui, poi, ritornerà nella maturità.<br />

Con quest’ultimo episo<strong>di</strong>o passiamo dalla famiglia alla società,<br />

alla politica, all’università.<br />

Il suo carattere e la sua formazione familiare, cui si univa, al <strong>di</strong> là<br />

<strong>di</strong> ogni apparente asprezza, l’animo profondamente buono e generoso,<br />

non potevano che farlo schierare al fianco delle classi lavoratrici e<br />

degli umili nella lotta per la libertà e la democrazia, verso la conquista<br />

<strong>di</strong> un mondo migliore. E fu militante sempre <strong>di</strong>s<strong>in</strong>teressato, socialista<br />

prima e poi comunista; la sua posizione fu sempre netta e decisa;<br />

il suo schieramento, da cittad<strong>in</strong>o e da <strong>in</strong>tellettuale, nella militanza<br />

politica e nelle funzioni universitarie, fu costantemente coerente<br />

coi pr<strong>in</strong>cipii ideali <strong>di</strong> giustizia e libertà <strong>in</strong> cui, al <strong>di</strong> là <strong>di</strong> ogni<br />

nom<strong>in</strong>alismo e <strong>di</strong> ogni organizzazione politica, fermamente credeva.<br />

Tale modo <strong>di</strong> <strong>in</strong>tendere la funzione del cittad<strong>in</strong>o e dell’<strong>in</strong>tellettuale<br />

costituivano solido fondamento per l’emergere <strong>di</strong> atteggiamenti <strong>di</strong><br />

pensiero atti a favorire una stretta e sentita collaborazione con un<br />

grande stu<strong>di</strong>oso dell’arte e della società greca e romana, politicamente<br />

e socialmente impegnato, quale Ranuccio Bianchi Band<strong>in</strong>elli. Infatti<br />

Gregorio, una volta <strong>in</strong>vitato (credo tramite l’amico Torelli) a<br />

91


92<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

collaborare alla monumentale Storia e Civiltà dei Greci, <strong>di</strong>retta dal<br />

Bianchi Band<strong>in</strong>elli, <strong>di</strong> questo <strong>di</strong>venne collaboratore entusiasta e devoto.<br />

E qui mi s’affaccia alla mente quanto più d’una volta mi <strong>di</strong>sse<br />

sul comportamento tenuto dal Bianchi Band<strong>in</strong>elli, appartenente a<br />

famiglia dell’aristocrazia terriere toscana, verso i contad<strong>in</strong>i delle sue<br />

terre, cui donò il podere da ciascuno coltivato. Comportamento che,<br />

per l’eccesso <strong>di</strong> coerenza dell’uomo con le sue idee, provocava <strong>in</strong><br />

Gregorio profonda ammirazione e dal profondo dell’animo suo<br />

emergeva forse il ricordo delle lotte contad<strong>in</strong>e della sua Calabria cui<br />

da giovanissimo, anche egli proveniente “dall’altra classe”, aveva<br />

partecipato. Il sodalizio scientifico e politico tra i due, pur nella <strong>di</strong>sparità<br />

<strong>di</strong> ruolo, data l’alta statura scientifica del grande Archeologo,<br />

scolpisce la figura umana, scientifica e politica <strong>di</strong> entrambi. Ma il<br />

Maestro che lo suggestionò e lo conquistò, già da studente universitario,<br />

e a cui si sentì sempre scientificamente legato, fu Gennaro<br />

Perrotta, <strong>di</strong> cui ammirava la genialità, l’artistica creatività, l’eloquio<br />

s<strong>in</strong>tetico e <strong>in</strong>cisivo a lezione, l’eleganza della sua critica letteraria pur<br />

nella mirabile semplicità.<br />

Uomo tutto d’un pezzo, <strong>in</strong>flessibile nel rispetto dei suoi pr<strong>in</strong>cipii<br />

ideali e delle sue conv<strong>in</strong>zioni politiche, tale egli fu anche nel suo laicismo,<br />

cui non venne mai meno e che anzi tenne a confermare <strong>in</strong><br />

modo eclatante nelle sue <strong>di</strong>sposizioni testamentarie, con cui ha dato<br />

il suo ultimo <strong>in</strong>segnamento <strong>di</strong> estrema coerenza. Quale <strong>in</strong> vita, tale<br />

<strong>in</strong> morte!<br />

Colleghi, amici, compagni carissimi, questo convegno sentito, affettuoso,<br />

familiare, mi ha molto commosso.<br />

Nella suggestione del “vostro ricordo” alcuni fili della memoria<br />

mi hanno permesso <strong>di</strong> ripercorrere momenti importanti della vita.<br />

Grazie, grazie, grazie.


Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

Tesi affidate a Cagliari dal prof. Gregorio Serrao<br />

a.a. 1969-1970 Gian Franco Nieddu, Ricerche sulla poesia anacreontea<br />

a.a. 1970-1971 Michel<strong>in</strong>a Fogu, Anacreonte: i frammenti papiracei<br />

............................................................ Anna Loddo, Simbologia dei fiori e delle piante nei Lirici greci<br />

a.a. 1971-1972 Salvator<strong>in</strong>a Baiochi, Le glosse <strong>di</strong> Esichio a Ione <strong>di</strong> Chio<br />

a.a. 1972-1973 Maria Arsenia Valle, Lessico <strong>di</strong> Longo Sofista (A-K)<br />

a.a. 1974-1975 Francesca Cossellu, Lessico dei Bucolici greci m<strong>in</strong>ori<br />

a.a. 1975-1976 Angela Maria Quaquero, Cultura e Filologia <strong>in</strong> Augusto Rostagni<br />

............................................................ Assenzia Giovanna Podda, Teocrito <strong>in</strong>terprete <strong>di</strong> Omero. Analisi<br />

degli I<strong>di</strong>lli I-VII e X-XI del Corpus Theocriteum<br />

a.a. 1976-1977 Luisa Far<strong>in</strong>a, L’Inno omerico <strong>di</strong> Apollo nella tra<strong>di</strong>zione orale<br />

a.a. 1977-1978 Antonio Campus, Derivazioni omeriche nelle similitud<strong>in</strong>i <strong>di</strong> Apollonio<br />

Ro<strong>di</strong>o<br />

a.a. 1979-1980 Vittoriana Rivano, La con<strong>di</strong>zione sociale ed economica del poeta<br />

nella Grecia arcaica, dagli <strong>in</strong>izi al V secolo<br />

a.a. 1981-1982 Irene Ghisu, Ricerche sulla tecnica compositiva nell’elegia greca arcaica,<br />

(<strong>di</strong>scussa da G. Runch<strong>in</strong>a)<br />

............................................................ Crist<strong>in</strong>a Serra, Il libro dei Giambi <strong>di</strong> Callimaco: forme e strutture,<br />

(<strong>di</strong>scussa da G. Runch<strong>in</strong>a)<br />

a.a. 1982-1983 Simonetta Artizzu, Aspetti della trage<strong>di</strong>a posteuripidea<br />

a.a. 1983-1984 Maria Luisa Stagno, Il pavqei mavqo~ e l’ere<strong>di</strong>tarietà della colpa attraverso<br />

le trage<strong>di</strong>e <strong>di</strong> Eschilo<br />

a.a. 1985-1986 Alberta Lai, Le forme monologiche nelle trage<strong>di</strong>e <strong>di</strong> Eschilo (<strong>di</strong>scussa<br />

da L. Leur<strong>in</strong>i)<br />

............................................................ Maria Laura Pisano, La consacrazione a poeta nella tra<strong>di</strong>zione letteraria<br />

greca (<strong>di</strong>scussa da L. Leur<strong>in</strong>i)<br />

a.a. 1986-1987 Luigi Carta, Problemi <strong>di</strong> tecnica allusiva negli Inni <strong>di</strong> Callimaco<br />

(<strong>di</strong>scussa da L. Leur<strong>in</strong>i)<br />

Cecilia De Frede, Il tema della reciprocità amorosa nella poesia<br />

alessandr<strong>in</strong>a (<strong>di</strong>scussa da L. Leur<strong>in</strong>i)<br />

93


94<br />

Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

Programmi dei corsi tenuti a Cagliari dal Prof. Gregorio Serrao<br />

LETTERATURA GRECA<br />

a.a. 1969-1970 La lirica corale: Stesicoro e P<strong>in</strong>daro<br />

a.a. 1970-1971 Problemi <strong>di</strong> poesia teocritea<br />

a.a. 1971-1972 La poetica callimachea<br />

a.a. 1972-1973 La classificazione e la mistione dei generi letterari e la poetica del<br />

Nuovo stile: i Giambi <strong>di</strong> Callimaco<br />

a.a. 1973-1974 Poetica esiodea<br />

a.a. 1974-1975 Aspetti della cultura greca nel IV secolo a. Cr (<strong>in</strong>ter<strong>di</strong>scipl<strong>in</strong>are<br />

con Archeologia greca)<br />

a.a. 1975-1976 Sofocle<br />

a.a. 1976-1977 Letteratura e cultura <strong>in</strong> età ellenistica<br />

a.a. 1977-1978 Gli Aitia <strong>di</strong> Callimaco<br />

a.a. 1978-1979 L’elegia ellenistica<br />

a.a. 1979-1980 L’Orestea <strong>di</strong> Eschilo<br />

a.a. 1980-1981 Il Teatro <strong>di</strong> Eschilo<br />

a.a. 1981-1982 <strong>in</strong> congedo per motivi <strong>di</strong> salute<br />

a.a. 1982-1983 Problemi <strong>di</strong> poesia ellenistica: Callimaco <strong>di</strong> Cirene<br />

a.a. 1983-1984 La raccolta delle Bucoliche nel Corpus teocriteo<br />

FILOLOGIA GRECA E LATINA<br />

a.a. 1968-1969 I frammenti <strong>di</strong> Stesicoro<br />

a.a. 1969-1970 Anacreonte<br />

a.a. 1970-1971 Il Bellum Poenicum <strong>di</strong> Nevio<br />

a.a. 1971-1972 La Lide <strong>di</strong> Antimaco <strong>di</strong> Colofone.<br />

a.a. 1972-1973 La metrica dei cori nella trage<strong>di</strong>a euripidea<br />

a.a. 1973-1974 Il <strong>di</strong>aletto eolico nei frammenti <strong>di</strong> Saffo e Alceo<br />

a.a. 1974-1975 Dalla mimesi aristotelica al realismo ellenistico<br />

a.a. 1975-1976 Il libro IV delle Argonautiche <strong>di</strong> Apollonio Ro<strong>di</strong>o


Giornata <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> memoria <strong>di</strong> Gregorio Serrao<br />

a.a. 1976-1977 Antimaco <strong>di</strong> Colofone<br />

a.a. 1977-1978 I lirici greci<br />

a.a. 1978-1979 Le Troades <strong>di</strong> Euripide<br />

a.a. 1979-1980 Mimnermo, la Nanno e la questione del Ge<strong>di</strong>cht-Bücher<br />

a.a. 1980-1981 L’epillio alessandr<strong>in</strong>o<br />

GRAMMATICA GRECA E LATINA<br />

a.a. 1967-1968 Nevio: i frammenti del Bellum Poenicum<br />

95


SABRINA SALIS<br />

LE DUE FACCE DEL basileuv~ IN ESIODO:<br />

ALCUNE OSSERVAZIONI<br />

L’immag<strong>in</strong>e del re-giu<strong>di</strong>ce che Esiodo del<strong>in</strong>ea nella Teogonia contrasta<br />

nettamente con la descrizione dei basilhè~ ( 1 ) proposta negli Erga,<br />

benché <strong>in</strong> entrambe le opere siano identici i presupposti per cui un re è<br />

tale. Ciò che è certo, è che il poeta ha voluto dare <strong>in</strong> opere <strong>di</strong>verse, corrispondenti<br />

a momenti creativi <strong>di</strong>fferenti, due visioni <strong>in</strong>tenzionalmente<br />

opposte della loro figura ( 2 ). Se i re degli Erga vengono def<strong>in</strong>iti con<br />

l’epiteto dwrofavgoi ( 3 ) (Op. 39; 221; 263-264) che ne sottol<strong>in</strong>ea la na-<br />

( 1 ) WEST, Hesiod, Works & Days, Oxford, 1978, p. 151, comm. al v. 39, si sofferma<br />

sulla natura ere<strong>di</strong>taria della carica <strong>di</strong> basileuv~ nei poemi omerici aggiungendo<br />

“if this system obta<strong>in</strong>ed <strong>in</strong> the time of Hesiod, he must be taken to refer to<br />

them. But he is notably unspecific about their identity; he does not, for <strong>in</strong>stance,<br />

rem<strong>in</strong>d them of their descent from Heracles or Zeus or whoever; he is writ<strong>in</strong>g a<br />

wisdom poem and giv<strong>in</strong>g advice of a universal character. It is not just for recitation<br />

<strong>in</strong> Ascra or Thespiae, and what is formally addressed to the local rulers is really<br />

for ‘k<strong>in</strong>gs’ anywhere.” VERDENIUS, A Commentary on Hesiod «Works and Days»,<br />

vv. 1-382, «Mnemosyne» Suppl. LXXXVI 1985, p. 38, comm. al v. 38, sottol<strong>in</strong>ea<br />

che “In Homer the adm<strong>in</strong>istration of justice does not seem to be an essential part<br />

of the k<strong>in</strong>g’s function. It has been ma<strong>in</strong>ta<strong>in</strong>ed that <strong>in</strong> Hes.’s time, too,‘la juris<strong>di</strong>ction<br />

n’était pas une fonction officielle des rois, <strong>in</strong>hérente à leur position. La partie<br />

lésée s’adressait à eux comme à des arbitres choisis de ple<strong>in</strong> gré’. The last sentence<br />

may be true, but the picture of the k<strong>in</strong>g <strong>in</strong> Th. 80-92 (espec. 85 pavnte~ ej~<br />

aujto;n oJrw` si) suggests a more or less official function”.<br />

( 2 ) VERDENIUS, A Commentary, cit., p. 39, comm. al v. 38. “The picture of the<br />

k<strong>in</strong>gs given <strong>in</strong> the W. a. D. sharply contrasts with that presented <strong>in</strong> Th. 80-82. The<br />

<strong>di</strong>fference does not necessarily imply, however, a change <strong>in</strong> Hes.’s attitude towards<br />

the judges (Walcot, Peasants, 100), nor need it be assumed that the two poems were<br />

recited before <strong>di</strong>fferent au<strong>di</strong>ences (We., Th., 44). The two pictures complement<br />

each other, one be<strong>in</strong>g apotropaeic, the other protreptic: cf. the contrast between Op.<br />

264 skolievwn de <strong>di</strong>kevwn ejpi; pavgcu lavqesqe and Th. 85-6 pavnte~ ej~ aujto;n<br />

oJrw` si <strong>di</strong>akrivnonta qevmista~ / ijqeivh/si <strong>di</strong>vkh/si”.<br />

( 3 ) Letteralmente l’epiteto significa ‘<strong>di</strong>voratori <strong>di</strong> doni’ e rientra nella categoria<br />

dei composti <strong>di</strong> cui è ricchissima la l<strong>in</strong>gua epica. Spesso il valore <strong>di</strong> questi


98<br />

SABRINA SALIS<br />

tura corrotta e <strong>in</strong>giusta, de<strong>di</strong>ta alla perpetrazione <strong>di</strong> azioni malvagie<br />

(Op. 237-247), sotto il segno <strong>di</strong> u{bri~ e nel <strong>di</strong>sprezzo più completo <strong>di</strong><br />

<strong>di</strong>vkh; il basileuv~ della Teogonia (Th. 80-92), è un re ejcevfrwn e<br />

<strong>di</strong>otrefjhv~ (Th. 82) e, <strong>in</strong> quanto tale, amm<strong>in</strong>istra e governa il suo popolo<br />

saggiamente, garantendo il rispetto <strong>di</strong> Divkh sulla terra su espresso<br />

<strong>in</strong>carico <strong>di</strong> Zeus (Th. 94-96).<br />

Data la complessità poetica <strong>di</strong> Esiodo, sarebbe a mio avviso riduttivo<br />

e fuorviante vedere <strong>in</strong> questa <strong>di</strong>vergenza il semplice risultato <strong>di</strong> un particolare<br />

avvenimento biografico o <strong>di</strong> un pragmatico adattamento alle<br />

aspettative e alla tipologia del proprio u<strong>di</strong>torio ( 4 ). Piuttosto, ritengo che<br />

la chiave <strong>di</strong> lettura sia da ricercarsi nella <strong>di</strong>fferente natura delle due opere:<br />

la Teogonia, poema cosmogonico il cui <strong>in</strong>tento, puramente narrativo,<br />

è descrivere la creazione dell’universo e dei violenti conflitti tra le varie<br />

stirpi <strong>di</strong>v<strong>in</strong>e che si sono avvicendate per ottenere la supremazia, rappresenta<br />

una fase <strong>in</strong> cui il poeta pare nutrire piena fiducia nell’<strong>in</strong>tegrità morale<br />

dei basilhè~ . Maggiormente <strong>in</strong>novativi gli Erga, appartenenti al<br />

genere della letteratura parenetica ( 5 ), comprendono una stretta rete <strong>di</strong><br />

miti e racconti che come f<strong>in</strong>alità ultima hanno quella <strong>di</strong> fornire consigli<br />

pratici sul lavoro ed altri ambiti della vita, ma soprattutto <strong>di</strong> ammonire<br />

su quale sia il grave pericolo <strong>in</strong>combente sulla razza umana, oramai degenerata<br />

quasi irrime<strong>di</strong>abilmente dall’azione deleteria <strong>di</strong> u{bri~ che ha<br />

contam<strong>in</strong>ato la “purezza” dei basilhè~.<br />

In base a questi presupposti la <strong>di</strong>cotomia che emerge trova la sua<br />

ragione d’essere nella logica poetica che anima le due opere e ne <strong>di</strong>-<br />

composti è <strong>di</strong>spregiativo (es. kerdaleovfrwn, oijnobarhv~ etc.) e, come sottol<strong>in</strong>ea<br />

West, cfr. WEST, Works, cit., p. 151, comm. al v. 39, il referente più vic<strong>in</strong>o può<br />

essere considerato dhmobovro~ <strong>in</strong> A 231. In orig<strong>in</strong>e l’epiteto non aveva valenza<br />

necessariamente negativa, <strong>in</strong>fatti un “basileuv~ or <strong>di</strong>kaspovlo~ could expect<br />

enrichment (Od. I 392 f.) and frequent <strong>in</strong>vitations to d<strong>in</strong>ner (11. 186 f.). In this<br />

sense he could literally eat what he was given, but the eat<strong>in</strong>g may also be<br />

metaphorical”. Verdenius (VERDENIUS, A Commentary, cit., pp. 38-39, comm. al<br />

v. 39), rileva tuttavia che: “it has been suggested that the word does not refer to<br />

corruptibility but to the fact that the pr<strong>in</strong>ces <strong>di</strong>d not return sufficient benefits for<br />

the regular presents they received, but Hes. associates it with skoliai; <strong>di</strong>vkai<br />

(221, 264)”.<br />

( 4 ) WEST, Hesiod, Theogony, 1966, pp. 44 e 182.<br />

( 5 ) Cfr. J. DE HOZ, Poesía oral <strong>in</strong>depen<strong>di</strong>ente de Homero en Hesíodo y los Himnos<br />

Homéricos, «Emerita», XXXII 1964, pp. 238-298; E. PELLIZER, Modelli compositivi<br />

e “topoi” sapienziali nelle “Opere e i Giorni” <strong>di</strong> Esiodo, «Stu<strong>di</strong> Omerici e Esiodei»,<br />

I 1972, pp. 29-58; WEST, Works, cit., 1978, pp. 25-30; F. RODRÍGUEZ ABRA-<br />

DOS, Las fuentes de Hesíodo y la composición de sus poemas, «Emerita», LIV 1986,<br />

pp. 1-36.


Le due facce del basileuv~ <strong>in</strong> Esiodo: alcune osservazioni<br />

venta ad<strong>di</strong>rittura parte <strong>in</strong>tegrante e necessaria, se analizzata alla luce<br />

del complesso e articolato gioco <strong>di</strong> richiami tematici e contestuali<br />

presenti <strong>in</strong> esse, espressi sia tramite collegamenti <strong>in</strong>terni, sia tramite<br />

i numerosi riecheggiamenti della tra<strong>di</strong>zione omerica.<br />

Il re-giu<strong>di</strong>ce della Teogonia può essere considerato come l’archetipo<br />

del basileuv~: egli esercita la sua funzione pr<strong>in</strong>cipale nell’assemblea,<br />

dove garantisce le ijqeivai <strong>di</strong>vkai e la sua qualità pr<strong>in</strong>cipale è la<br />

facon<strong>di</strong>a, dono delle Muse che lo proteggono f<strong>in</strong> dalla nascita e che,<br />

tramite la rugiada <strong>di</strong>v<strong>in</strong>a che riversano sulla sua l<strong>in</strong>gua (Th. 83),<br />

conferiscono alle sue parole dolcezza e verità ( 6 ) (Th. 84). Grazie a<br />

questo dono il basileuv~ è <strong>in</strong>signito <strong>di</strong> una virtù <strong>di</strong> pert<strong>in</strong>enza <strong>di</strong>v<strong>in</strong>a<br />

(cfr. Th. 39 s.) che consentirà ai dest<strong>in</strong>atari del suo agire il go<strong>di</strong>mento<br />

<strong>di</strong> vantaggi straord<strong>in</strong>ari (Th. 85-92):<br />

1) oiJ dev nu laoi; / pavnte~ ej~ aujto;n oJrw`si <strong>di</strong>akrivnonta qevmista~ /<br />

ijqeivh/si <strong>di</strong>vkh/s<strong>in</strong>;<br />

2) oJ d∆ ajsfalevw~ ajgoreuvwn / ai|yav ti kai; mevga nei`ko~<br />

evpistamevnw~ katevpausew~;<br />

3) laoi`~ / blaptomevnoi~ ajgorh`fi metavtropa e[rga teleu`si /<br />

rJhi<strong>di</strong>vw~, malakoi`si paraifavmenoi ejpevess<strong>in</strong>.<br />

Si presenta dunque come un’entità creata allo scopo <strong>di</strong> garantire<br />

e proteggere Divkh, che esercita le sue funzioni <strong>in</strong> un mondo appartenente<br />

più alla sfera mitica che a quella reale, un mondo utopico; la<br />

figura del re della Teogonia sembra dunque costituire il vagheggiamento<br />

nostalgico <strong>di</strong> ciò che dovrebbe essere e non è. Presumibilmente<br />

è da un re dotato <strong>di</strong> tali caratteristiche che Esiodo immag<strong>in</strong>a<br />

governata la “città giusta”:<br />

Op. 225-237: oi{ de; <strong>di</strong>vka~ xeivnoisi kai; ejndhvmoisi <strong>di</strong>dou`s<strong>in</strong><br />

ijqeiva~ kai; mhv ti parekbaivnousi <strong>di</strong>kaivou,<br />

toi`si tevqhle povli~, laoi; d∆ ajnqevous<strong>in</strong> ejn aujth/`:<br />

Eijrhvnh d∆ ajna; gh`n kourotrovfo~, oujdev pot∆ aujtoi`~<br />

ajrgalevon povlemon tekmaivretai eujruvopa Zeuv~:<br />

oujdev pot∆ ijqu<strong>di</strong>vkh/si met∆ ajndravsi Limo;~ ojphdei` 230<br />

oujd∆ “Ath, qalivh/~ de; memhlovta e[rga nevmontai:<br />

toi`si fevrei me;n gai`a polu;n bivon, ou[resi de dru`~<br />

( 6 ) Per WEST, Theogony, cit., p. 183 il riferimento al liquido, che può essere miele<br />

o rugiada, riversato da entità <strong>di</strong>v<strong>in</strong>e sulle labbra <strong>di</strong> un protetto, è sempre connesso<br />

alla veri<strong>di</strong>cità delle parole espresse; cfr. h. Herm. 559-563 khriva bovskontai kaiv te<br />

kraivnous<strong>in</strong> e{kasta / aiJ d∆ o{te men quivws<strong>in</strong> ejdhduiài mevli clwro;n / profronevw~<br />

ejqevlous<strong>in</strong> ajlhqeivhn ajgoreuve<strong>in</strong>: / h]n d∆ ajponosfisqw` si qew` n hJdei`an ejdwdh;n /<br />

yeuvdontai dh[peita <strong>di</strong>∆ ajllhvlwn donevousai.<br />

99


100<br />

SABRINA SALIS<br />

a[krh mevn te fevrei balavnou~, mevssh de; melivssa~:<br />

eijropovkoi d∆ o[ie~ malloi`~ katabebrivqas<strong>in</strong>:<br />

tivktous<strong>in</strong> de; gunai`ke~ ejoikovta tevkna goneu`s<strong>in</strong>: 235<br />

qavllous<strong>in</strong> d∆ ajgaqoi`si <strong>di</strong>amperev~: oujd∆ ejpi; nhw`n<br />

nivsontai, karpo;n de; fevrei zeivdwro~ a[roura.<br />

“Ma per quelli che a cittad<strong>in</strong>i e stranieri sentenze amm<strong>in</strong>istrano 225<br />

rette e mai s’allontanan dal giusto,<br />

la loro città fiorisce e il popolo <strong>in</strong> essa risplende;<br />

sulla terra c’è Pace nutrice <strong>di</strong> giovani, né mai a loro<br />

la guerra tremenda dest<strong>in</strong>a Zeus onniveggente;<br />

né mai agli uom<strong>in</strong>i che seguono retta giustizia s’accompagna Fame 230<br />

né Sventura, e nelle feste si godono i frutti dei sudati lavori;<br />

per loro la terra produce vitto abbondante e sui monti la quercia<br />

<strong>in</strong> cima produce le ghiande, <strong>in</strong> mezzo porta le api;<br />

e le greggi lanose le opprime il vello pesante;<br />

le donne partoriscono figli simili ai padri; 235<br />

<strong>di</strong> beni fioriscono, per sempre; né sulle navi<br />

andranno perché produce frutti la fertile terra.” ( 7 )<br />

F<strong>in</strong> dalla tarda antichità ( 8 ) questi versi, date le fortissime analogie<br />

riscontrabili tra i due passi ( 9 ), sono stati messi <strong>in</strong> relazione con<br />

una descrizione molto simile presente nell’O<strong>di</strong>ssea; tale descrizione è<br />

<strong>in</strong>serita all’<strong>in</strong>terno del lungo colloquio che O<strong>di</strong>sseo ha con<br />

Penelope, sotto le mentite spoglie <strong>di</strong> un men<strong>di</strong>cante, la notte prima<br />

della rivelazione del suo ritorno ad Itaca:<br />

t 108-114: h\ gavr seu klevo~ oujrano;n eujru;n iJkavnei,<br />

w{~ tev teu h] basilh`o~ ajmuvmono~, o{~ te qeoudh;~<br />

ajndravs<strong>in</strong> ejn polloi`si kai; ijfqivmois<strong>in</strong> ajnavsswn 110<br />

euj<strong>di</strong>kiva~ ajnevch/si, fevrh/si de gai`a mevla<strong>in</strong>a<br />

purou;~ kai; kriqav~, brivqh/si de devndrea karpw`/,<br />

tivkth/ d∆ e[mpeda mh`la, qavlassa de parevch/ ijcqu`~<br />

ejx eujhgesivh~, ajretw`si de laoi; uJp∆ aujtou`.<br />

( 7 ) Trad. <strong>di</strong> G. Arrighetti <strong>in</strong> G. ARRIGHETTI, Esiodo. Opere e Giorni, pp. 17 e 19<br />

Milano 1985.<br />

( 8 ) Cfr. Plat. Resp. 363 a-c, <strong>in</strong> cui vengono citati entrambi i passi. Eustazio<br />

annota per t 111 (1857, 56 ss.) ijstevon de; kai; o{ti to;n ta;~ euj<strong>di</strong>kiva~ ajnevconta,<br />

toutevsti timw` nta, ∆Hsivodo~ ijqu<strong>di</strong>vkhn fhsiv.<br />

( 9 ) Cfr. KRAFFT, Vergleichende Untersuchungen zu Homer und Hesiod, Gött<strong>in</strong>gen<br />

1963, pp. 120-123; NEITZEL, Homer-Rezeption bei Hesiod. Interpretation Ausgewählter<br />

Passagen, Bonn 1975, pp. 56-82.


Le due facce del basileuv~ <strong>in</strong> Esiodo: alcune osservazioni<br />

“La tua fama il vasto cielo raggiunge, come quella <strong>di</strong> un nobile re, un re<br />

timorato <strong>di</strong> <strong>di</strong>o che su molti e forti uom<strong>in</strong>i regna e la giustizia<br />

osserva: per il suo buon governo, orzo e grano produce<br />

la terra, si piegano gli alberi sotto il peso dei frutti,<br />

le greggi sono sempre feconde, il mare è pieno <strong>di</strong> pesci,<br />

prospera il popolo sotto <strong>di</strong> lui.” ( 10 )<br />

Come si ev<strong>in</strong>ce dal confronto, le conseguenze positive <strong>di</strong> un buon<br />

governo sono comuni a tutte le città, possono qu<strong>in</strong><strong>di</strong> essere considerate<br />

universali esattamente come le caratteristiche etico-morali <strong>di</strong> un<br />

re giusto. Esistono però delle <strong>di</strong>fferenze tra i benefici descritti da<br />

Esiodo e quelli presenti nell’O<strong>di</strong>ssea, che, probabilmente, possono<br />

essere ricondotte all’esperienza personale del poeta.<br />

In Op. 225-237 esse sono così descritte:<br />

1. tevqhle ( 11 ) povli~, laoi; d∆ ajnqevous<strong>in</strong> ejn aujth`/<br />

2. fevrei me;n gai`a polu;n bivon<br />

3. ou[resi de; dru`~ / a[krh mevn te fevrei balavnou~, mevssh de; melivssa~<br />

4. eijropovkoi d∆ o[ie~ malloi`~ katabebrivqas<strong>in</strong><br />

5. tivktous<strong>in</strong> de; gunai`ke~<br />

6. karpo;n de; fevrei zeivdwro~ a[roura<br />

In t 108-114:<br />

1. fevrh/si de; gai`a mevla<strong>in</strong>a / purou;~ kai; kriqav~<br />

2. brivqh/si de; devndrea karpw`/<br />

3. tivkth/ d∆ e[mpeda mh`la<br />

4. qavlassa de; parevch/ ijcqu`~ / ejx eujhgesivh~<br />

5. ajretw`si de; laoi; uJp∆ aujtou`<br />

I benefíci conseguenti l’opera <strong>di</strong> un re giusto vengono sud<strong>di</strong>visi da<br />

Esiodo, analogamente al poeta dell’O<strong>di</strong>ssea, <strong>in</strong> due <strong>di</strong>versi gruppi ( 12 )<br />

ord<strong>in</strong>ati dai due poeti nella maniera seguente: l’uno riguarda l’ambito<br />

strettamente umano relativo alla parte sociale o politica (Op. 227-231<br />

~ t 114); l’altro si riferisce <strong>in</strong>vece ad un beneficio relativo agli aspetti<br />

della prosperità economica (Op. 232-237 ~ t 111-113). Schematizzando,<br />

per il primo si avrà:<br />

101<br />

( 10 ) Trad. <strong>di</strong> M.G. Ciani <strong>in</strong> M.G. CIANI-E. AVEZZÙ, Omero. O<strong>di</strong>ssea, p. 635, Venezia<br />

1994.<br />

( 11 ) Cfr. WEST, Works, cit., p. 214, comm. al v. 227: “an un-Homeric metaphor,<br />

as also is ajnqevous<strong>in</strong>, for which the Odyssey passage quoted above has<br />

ajretw` si (…). It is conceivable that Hesiod wrote this, and that the rare word<br />

5was later <strong>di</strong>splaced by one more commonplace”.<br />

( 12 ) Cfr. NEITZEL, Homer-rezeption, cit., pp. 67-68.


102<br />

SABRINA SALIS<br />

Op. 227: laoi; d∆ ajnqevous<strong>in</strong> ejn aujth`/ ~ t 114: ajretw`si de laoi; uJp∆ aujtou`.<br />

per il secondo <strong>in</strong>vece si ha un tema sviluppato <strong>in</strong> entrambe le opere<br />

<strong>in</strong> quattro punti, che sono nell’O<strong>di</strong>ssea:<br />

a) gai`a; b) devndrea; c) mh`la; d) qavlassa;<br />

e negli Erga:<br />

a) gai`a; b) dru`~; c) o[ie~; d) gunai`ke~ .<br />

I primi tre punti <strong>di</strong> queste parti concordano nella loro sequenza ( 13 )<br />

e pers<strong>in</strong>o nei verbi impiegati per caratterizzarli:<br />

Omero: a) fevrh/si; b) brivqh/si; c) tivkth/; d) parevch//;<br />

Esiodo: a) fevrei; b) fevrei; c) katabebrivqas<strong>in</strong>; d) tivktous<strong>in</strong>.<br />

Un elemento <strong>di</strong> <strong>di</strong>fferenziazione è rappresentato dalla modalità<br />

impiegata per descrivere alcuni dei benefici <strong>di</strong> cui gode la città <strong>di</strong> un<br />

re giusto: <strong>in</strong>fatti, negli Erga, alcune <strong>di</strong> queste conseguenze economiche<br />

sono elencate <strong>in</strong> “positivo” (ad esempio, la terra porta abbondante<br />

bivo~ , le piante danno ricchi frutti etc.); altre <strong>in</strong>vece vengono<br />

espresse al “negativo”( 14 ):<br />

Op. 228-229: oujdev pot∆ aujtoi`~ / ajrgalevon povlemon tekmaivretai eujruvopa<br />

Zeuv~<br />

Op. 230-231: oujdev pot∆ ijqu<strong>di</strong>vkh/si met∆ ajndravsi Limo;~ ojphdei` / oujd∆ “Ath<br />

Op. 237-238: oujd∆ ejpi; nhw`n / nivsontai.<br />

Tale formulazione ha la funzione <strong>di</strong> sottol<strong>in</strong>eare maggiormente le<br />

sciagure che vengono risparmiate ad una città governata da un re<br />

giusto e <strong>di</strong> far emergere ancora <strong>di</strong> più, per contrasto, il valore dei benefici<br />

<strong>di</strong> cui si può godere.<br />

A proposito <strong>di</strong> Op. 237-238 è necessario rilevare un’ulteriore <strong>di</strong>fferenza,<br />

rispetto al passo omerico, sulla quale è importante soffermarsi.<br />

Uno dei benefici sottol<strong>in</strong>eati <strong>in</strong> t 113-114 è la possibilità che<br />

qavlassa de; parevch/ ijcqu`~ / ejx eujhgesivh~: alla fecon<strong>di</strong>tà della terra<br />

si affianca così la fecon<strong>di</strong>tà del mare, che è visto come fonte <strong>di</strong> sostentamento<br />

e prosperità. Esiodo <strong>in</strong>vece auspica che i cittad<strong>in</strong>i, <strong>in</strong> seguito<br />

all’estrema produttività della terra, oujd∆ ejpi; nhw`n ( 15 ) / nivsontai, cioè<br />

( 13 ) Cfr. NEITZEL, Homer-Rezeption, cit., p. 67: “Diese Übere<strong>in</strong>stimmung hatte<br />

Eustathios so sehr im Ohr, daß er zu t 112 schrieb (1857, 58): to; de; brivqe<strong>in</strong> karpw` /<br />

th;n pollh;n eujqenivan tw` n drukavrpwn dhloi` (zum ganzen homerischen Ausdruck<br />

brivqh/si de; devndrea karpw` / vgl. Hes. Th. 216 fevrontav te devndrea karpovn)”.<br />

( 14 ) Cfr. NEITZEL, Homer-Rezeption, cit., p. 68.<br />

( 15 ) Cfr. WEST, Works, cit., p. 216, comm. ai vv. 236/7: “For his <strong>in</strong>genious eu\ d∆<br />

ejpi; nh/w` n Van Lennep referred to Il. I 19 eu\ d∆ oi[kad∆ iJkevsqai, Od. 3. 188-190


Le due facce del basileuv~ <strong>in</strong> Esiodo: alcune osservazioni<br />

nessuno sarà più costretto a cercare fortuna per mare. Tale opportunità<br />

viene prospettata come liberazione da un possibile rischio, paragonando<br />

i <strong>di</strong>sagi della navigazione a quelli dati da un ajrgalevo~<br />

povlemo~, da Limov~ ed “Ath, anticipando qui una posizione antimar<strong>in</strong>ara<br />

che verrà resa esplicita nel corso del poema, nella sezione che<br />

contiene i consigli relativi alla costruzione <strong>di</strong> una buona nave e sulla<br />

scelta del periodo favorevole per prendere il largo (Op. 620-694).<br />

In questo rifiuto netto dell’attività mar<strong>in</strong>ara, Esiodo si <strong>di</strong>scosta<br />

dall’atteggiamento generalmente con<strong>di</strong>viso dai suoi contemporanei,<br />

dato che ai suoi tempi procurarsi sostentamento tramite la pesca o il<br />

commercio <strong>di</strong> cabotaggio ( 16 ), oltre che tramite l’attività agricola, era<br />

una realtà molto comune ( 17 ). Di questa realtà si parla nell’O<strong>di</strong>ssea:<br />

c 384-389: w{~ t∆ ijcquva~, ou{~ q∆ aJlih`e~<br />

koi`lon ej~ aijgialo;n polih`~ e[ktosqe qalavssh~ 385<br />

<strong>di</strong>ktuvw/ ejxevrusan poluwpw`/: oiJ dev te pavnte~<br />

kuvmaq∆ aJlo;~ poqevonte~ ejpi; yamavqoisi kevcuntai:<br />

tw`n mevn t∆ ∆Hevlio~ faevqwn ejxeivleto qumovn:<br />

e ne parla Esiodo stesso anche nella Teogonia:<br />

v. 440: kai; toi` ~, oi} glaukh;n duspevmfelon ejrgavzontai<br />

v. 442: rJhi<strong>di</strong>vw~ a[grhn kudrh; qeo;~ w[pase pollhvn<br />

È probabile che, anche <strong>in</strong> questo frangente, l’esperienza personale ( 18 )<br />

lo porti a sconsigliare <strong>di</strong> <strong>in</strong>traprendere un’attività poco sicura e che,<br />

103<br />

(...) and to the antithesis <strong>in</strong> 247. But <strong>di</strong>sastrous seafar<strong>in</strong>g can be contrasted with the<br />

ideal of no seafar<strong>in</strong>g, just as <strong>di</strong>saster <strong>in</strong> war (246) is contrasted with no war, and the<br />

best k<strong>in</strong>d of childbear<strong>in</strong>g with no childbear<strong>in</strong>g; and the conjecture reduces karpo;na[roura<br />

to a feeble repetition”. VERDENIUS, A Commentary, cit., p. 134, comm. al<br />

v. 236 “Krafft (121 n. 4) wrongly suggests that Hes. is th<strong>in</strong>k<strong>in</strong>g not only of oversea<br />

trade but also fishig (cf. Hom. t 113); Neitzel (69) is still more wrong <strong>in</strong> argu<strong>in</strong>g<br />

that Hes. is aim<strong>in</strong>g a critical remark at fishery as presupposed <strong>in</strong> t 113”.<br />

( 16 ) Sulle attività mar<strong>in</strong>are ai tempi dei poemi omerici cfr. FAURE, La vie quoti<strong>di</strong>enne<br />

en Grèce au temps de la Guerre de Troie (1250 a.C.), Paris 1983, [trad. it.<br />

La vita quoti<strong>di</strong>ana <strong>in</strong> Grecia ai tempi della Guerra <strong>di</strong> Troia (1250 a.C.), Milano<br />

1995, pp. 243-278].<br />

( 17 ) Cfr. NEITZEL, Homer-Rezeption, cit., pp. 69-70.<br />

( 18 ) Cfr. KRAFFT, Vergleichende, cit., p. 127: “Die allgeme<strong>in</strong>e Abneigung Hesiods<br />

gegen <strong>di</strong>e Schiffahrt erklärt sich auch dadurch, daß alles, was damit zusammenhängt,<br />

sich nicht so e<strong>in</strong>deutig unter bestimmte Maßstäbe stellen läßt und hier<br />

mehr der Zufall herrscht (vgl. 641f. 667f. und 673 ff.)”.


104<br />

SABRINA SALIS<br />

più <strong>di</strong> altre, poteva trasc<strong>in</strong>are una persona, ex abrupto, da una con<strong>di</strong>zione<br />

agiata ad una <strong>di</strong> totale rov<strong>in</strong>a. Più volte viene messo l’accento<br />

sull’impreve<strong>di</strong>bilità del mare (Op. 618; 683-688) <strong>di</strong> cui non è opportuno<br />

fidarsi mai, neanche quando il tempo appare propizio, e si<br />

esorta a non partire mai a pieno carico per non correre rischi irreparabili.<br />

Probabilmente queste considerazioni <strong>in</strong>dussero Esiodo ad alterare<br />

un cliché tra<strong>di</strong>zionale, escludendo la ricchezza del mare dal<br />

novero dei benefici effetti <strong>di</strong> un “buon governo”, ed <strong>in</strong>cludendovi<br />

anzi l’emancipazione dalla necessità <strong>di</strong> andare per mare ( 19 ).<br />

Esempi <strong>di</strong> città fiorenti perché governate da re giusti sono frequenti<br />

nella tra<strong>di</strong>zione letteraria orientale cui spesso è debitore il poeta<br />

<strong>di</strong> Ascra ( 20 ), non mancano però confronti con la tra<strong>di</strong>zione<br />

omerica, basti pensare alla floridezza e allo splendore del regno <strong>di</strong><br />

Alc<strong>in</strong>oo, sovrano “giusto” per eccellenza, i cui sud<strong>di</strong>ti godono della<br />

perenne protezione <strong>di</strong>v<strong>in</strong>a come premio per il rispetto e la devozione<br />

<strong>di</strong>mostrati:<br />

h 117-119: tavwn ou[ pote karpo;~ ajpovllutai oujd∆ ajpoleivpei<br />

ceivmato~ oujde; qevreu~, ejpethvsio~: ajlla; mavl∆ aijeiv<br />

Zefurivh pneivousa ta; me;n fuvei, a[lla de; pevssei.<br />

“Non f<strong>in</strong>iscono mai <strong>di</strong> dar frutto, per tutto l’anno fioriscono,<br />

d’<strong>in</strong>verno e d’estate per tutto l’anno e sempre il<br />

soffio <strong>di</strong> zefiro fa nascere alcuni, altri matura.” ( 21 )<br />

I basilh` e~ dwrofavgoi degli Erga appartengono ad un mondo<br />

tutt’altro che ideale, sono coloro che governano nella realtà quoti<strong>di</strong>ana:<br />

nel loro comportamento il rispetto <strong>di</strong> Divkh viene eluso proprio da<br />

coloro che ne dovrebbero garantire la tutela ed essere, per via del loro<br />

mandato <strong>di</strong>v<strong>in</strong>o, al <strong>di</strong> sopra <strong>di</strong> qualsiasi forma <strong>di</strong> corruzione. L’emissione<br />

<strong>di</strong> skoliai; <strong>di</strong>vkai determ<strong>in</strong>a il sovvertimento <strong>di</strong> una legge naturale,<br />

u{bri~ prende il posto <strong>di</strong> <strong>di</strong>vkh <strong>di</strong>ventando il pr<strong>in</strong>cipio dom<strong>in</strong>ante<br />

cui tutti gli uom<strong>in</strong>i, governanti e sud<strong>di</strong>ti, fanno riferimento; si dà vita<br />

( 19 ) NEITZEL, Homer-Rezeption, cit., p. 70 <strong>in</strong>terpreta questa variazione <strong>in</strong> Esiodo<br />

come un tentativo <strong>di</strong> criticare e correggere l’O<strong>di</strong>ssea considerando il fatto, che<br />

la navigazione, con tutti gli imprevisti che riserva a chi la pratica, è da lui vista<br />

come conseguenza negativa della scarsa produttività della terra.<br />

( 20 ) Per un esauriente resoconto sulla <strong>di</strong>pendenza <strong>di</strong> Esiodo dalla tra<strong>di</strong>zione<br />

letteraria del Vic<strong>in</strong>o Oriente nella composizione delle sue opere, si veda l’<strong>in</strong>troduzione<br />

<strong>di</strong> WEST, Works, cit., pp. 1-59.<br />

( 21 ) Trad. <strong>di</strong> M.G. Ciani <strong>in</strong> M.G. CIANI-E. AVEZZÙ, O<strong>di</strong>ssea, p. 239, cit.


Le due facce del basileuv~ <strong>in</strong> Esiodo: alcune osservazioni<br />

così ad una società i cui membri sono def<strong>in</strong>iti ceiro<strong>di</strong>vkai (Op. 189)<br />

poiché praticano <strong>di</strong>vkh d∆ ejn cersiv (Op. 192). In Op. 238-247 ( 22 ),<br />

Esiodo dà così una descrizione della città governata da un re malvagio,<br />

che fa da pendant alla scena descritta precedentemente:<br />

oi|~ d∆ u{bri~ te mevmhle kakh; kai; scevtlia e[rga,<br />

toi` ~ de; <strong>di</strong>vkhn Kronivdh~ tekmaivretai eujruvopa Zeuv~.<br />

pollavki kai; xuvmpasa povli~ kakou` ajndro;~ ajphuvra, 240<br />

o{sti~ ajlitraivnei kai; ajtavsqala mhcanavatai.<br />

toi` s<strong>in</strong> d∆ oujranovqen mevg∆ ejphvgage ph` ma Kronivwn,<br />

limo;n omou` kai; loimovn: ajpofq<strong>in</strong>uvqousi de laoiv: ( 23 )<br />

oujde gunai` ke~ tivktous<strong>in</strong> ( 24 ), m<strong>in</strong>uvqousi de; oi|koi<br />

Zhno;~ fradmosuvnh/s<strong>in</strong> ∆Olumpivou: a[llote d∆ au\te 245<br />

h] tw` n ge strato;n eujru;n ajpwvlesen h] o{ ge tei` co~<br />

h] neva~ ejn povntw/ Kronivdh~ ajpoteivnutai ( 25 ) aujtw` n.<br />

105<br />

( 22 ) WEST, Works, cit., p. 213, comm. ai vv. 225-247, a proposito <strong>di</strong> Op. 225-247<br />

ricorda come il <strong>di</strong>ttico «città giusta-<strong>in</strong>giusta» trovi i suoi antecedenti nella letteratura<br />

Semitica “may be compared with Levit. 26 and Deut. 28 (and cf. p. 7 on Advice to a<br />

Pr<strong>in</strong>ce), and <strong>in</strong> its style with its complementary members”; così come ricorda che<br />

l’idea che la fertilità della terra sia il riflesso del buon governo <strong>di</strong> un re, compare nei<br />

Miti delle Età “Similary <strong>in</strong> Ireland: an ancient canon ascribed to St. Patrick lists f<strong>in</strong>e<br />

weather, calm seas, abundant crops, and trees laden with fruit among the bless<strong>in</strong>gs<br />

attend<strong>in</strong>g the reign of a just k<strong>in</strong>g, while the Brehon Laws (4.53) specify defeat <strong>in</strong><br />

battle, dearth, dryness of cows, blight of fruit, and scarcity of corn as proofs of a false<br />

k<strong>in</strong>g”. A lui obietta VERDENIUS, A Commentary, cit., p. 130, comm. ai vv. 225-<br />

247, il quale ritiene che West si sia sp<strong>in</strong>to troppo <strong>in</strong> là ricorrendo al confronto<br />

con un probabile antecedente Semitico, dal momento che “Hes.’s ma<strong>in</strong> model<br />

was Hom. t 109-114, as has been po<strong>in</strong>ted out by Neitzel, 56 ff., espec. 69-71”.<br />

( 23 ) Cfr. WEST, Works, cit., p. 218: “Il. 5. 643, but this context is better paralleled<br />

by I 10 nou` son ajna; strato;n w\rse kakhvn, ojlevkonto de; laoiv….”. Cfr.<br />

VERDENIUS, A Commentary, cit., p. 136.<br />

( 24 ) Cfr. BONA QUAGLIA, Gli Erga <strong>di</strong> Esiodo, Tor<strong>in</strong>o 1973, p. 113: “Il motivo<br />

della vita fisica come specchio della vita morale è comune, come abbiamo visto, a<br />

tutte le generazioni, dalla maturità piena e consapevole della prima età, alla lunga<br />

<strong>in</strong>fanzia debole e sciocca della seconda, all’anormalità («non mangiavano pane»)<br />

della terza, alla natura <strong>di</strong>v<strong>in</strong>a della stirpe degli eroi: <strong>in</strong> questi nuovi uom<strong>in</strong>i<br />

dall’aspetto ambiguo, <strong>in</strong> questi «nati vecchi», si manifesta un altro aspetto della<br />

u{bri~, (…) la violenza e la malafede rivolte proprio contro quelli cui si è legati dai<br />

v<strong>in</strong>coli più stretti, <strong>di</strong> parentela, ospitalità e amicizia (182-184), (…) <strong>di</strong> qui il<br />

sigillo <strong>di</strong> questa razza, le tempie bianche f<strong>in</strong> dalla nascita, il sovvertimento <strong>di</strong> una<br />

legge della natura per chi sovverte anche i più elementari pr<strong>in</strong>cipi morali”.<br />

( 25 ) Cfr. VERDENIUS, A Commentary, cit., p. 137, comm. al v. 247: “… for the<br />

ships are the penalty which Zeus makes them pay to himself: cf. p. 398<br />

ajpeteivnato po<strong>in</strong>hvn, y 312 ajpeteivsato po<strong>in</strong>hvn”.


106<br />

SABRINA SALIS<br />

“A coloro che <strong>in</strong>vece malvagia violenza hanno cara e spregevoli azioni<br />

il Cronide Zeus onniveggente dest<strong>in</strong>a giustizia;<br />

spesso anche un’<strong>in</strong>tera città si trova a soffrire per un solo cattivo 240<br />

che si rende colpevole e macch<strong>in</strong>a scelleratezze:<br />

per loro manda dal cielo un grande castigo il figlio <strong>di</strong> Crono,<br />

fame e <strong>in</strong>sieme la peste, le genti vanno <strong>in</strong> rov<strong>in</strong>a,<br />

le donne non partoriscono più, vanno <strong>di</strong>strutte le case<br />

per il volere <strong>di</strong> Zeus olimpio, ancora altre volte 245<br />

il loro esercito grande <strong>di</strong>strugge, oppure le mura,<br />

o sulle navi nel mare il Cronide si prende vendetta.” ( 26 )<br />

I <strong>di</strong>sagi patiti dai cittad<strong>in</strong>i <strong>di</strong> questa città sono l’esatto contrario<br />

dei benefici elencati <strong>in</strong> Op. 225-237. Si realizza così una costruzione<br />

bimembre che verte su stretti parallelismi <strong>in</strong>terni e sull’opposizione<br />

tra due elementi fondamentali per l’impianto concettuale della produzione<br />

poetica esiodea: il contrasto eterno e <strong>in</strong>conciliabile tra u{bri~<br />

e <strong>di</strong>vkh.<br />

Ma se nel caso della città giusta, governata da un basileuv~<br />

ejcevfrwn, gli avvenimenti descritti afferiscono a delle realtà riconducibili<br />

più alla fase mitica che a quella storica del genere umano,<br />

per quanto riguarda la situazione descritta nella città <strong>in</strong>giusta, governata<br />

da un basileuv~ dwrofavgo~, i legami con la realtà contemporanea<br />

sono quanto mai sal<strong>di</strong> ( 27 ). Alla luce <strong>di</strong> questi fatti, non sussiste<br />

più la contrad<strong>di</strong>zione tra le due descrizioni dei re, <strong>in</strong> quanto non<br />

si parla <strong>di</strong> un medesimo soggetto, concreto e storicamente def<strong>in</strong>ito.<br />

Non esiste un cambiamento <strong>di</strong> op<strong>in</strong>ione o una ritrattazione <strong>di</strong> posizioni<br />

precedentemente espresse ma le due immag<strong>in</strong>i coesistono e<br />

convivono organicamente nel mondo concettuale <strong>di</strong> Esiodo, ciascuna<br />

con il proprio ruolo, una come modello ideale, l’altra quale risultato<br />

della mancata applicazione del co<strong>di</strong>ce <strong>di</strong> comportamento del<br />

modello. Il poeta presenta due realtà che per loro natura non possono<br />

essere fra loro contrad<strong>di</strong>ttorie, dal momento che il basileuv~<br />

della Teogonia, il quale governa <strong>in</strong> un mondo <strong>in</strong> cui il f<strong>in</strong>e <strong>di</strong> ogni<br />

( 26 ) Trad. <strong>di</strong> G. Arrighetti <strong>in</strong> G. ARRIGHETTI, Opere e Giorni, p. 19, cit.<br />

( 27 ) Corollario alla descrizione della città governata da un re malvagio, può essere<br />

considerato il resoconto delle degenerazioni della stirpe umana durante l’età<br />

del ferro, all’<strong>in</strong>terno della sezione sul “mito delle razze”, che è poi l’epoca <strong>in</strong> cui lo<br />

stesso Esiodo afferma <strong>di</strong> vivere, come viene specificato <strong>in</strong> Op. 174-178 e 180-183.<br />

Notevoli <strong>in</strong>oltre le assonanze nella descrizione delle conseguenze nefaste causate<br />

dalla u{bri~ degli uom<strong>in</strong>i dell’età del ferro e quelle descritte <strong>in</strong> Op. 237-247 per la<br />

città governata da un basileuv~ uJbristh` ~ .


Le due facce del basileuv~ <strong>in</strong> Esiodo: alcune osservazioni<br />

azione è il perseguimento della giustizia, non può che avere caratteristiche<br />

idealizzate, mentre il basileuv~ degli Erga è il simbolo della<br />

degenerazione <strong>di</strong> un’epoca <strong>in</strong> cui a soccombere è proprio chi vede <strong>in</strong><br />

<strong>di</strong>vkh ancora un valore essenziale ( 28 ).<br />

( 28 ) Op. 270-273: nu` n dh; ejgw; mhvt∆ aujto;~ ejn ajnqrwvpoisi <strong>di</strong>vkaio~ / ei[hn<br />

mhvt∆ ejmo;~ uiJov~ , ejpei; kako;n a[ndra <strong>di</strong>vkaion / e[mmenai, eij meivzw ge <strong>di</strong>vkhn<br />

aj<strong>di</strong>kwvtero~ e{xei.<br />

107


MICHELA MALLOCCI<br />

UN SOFFITTO AFFRESCATO DALLA<br />

“VILLA DI TIGELLIO” (CAGLIARI):<br />

PROPOSTA DI RICOSTRUZIONE (*)<br />

Il complesso monumentale def<strong>in</strong>ito comunemente “Villa <strong>di</strong> Tigellio”<br />

( 1 ) comprende almeno tre domus più un e<strong>di</strong>ficio termale.<br />

(Tav. I) ( 2 ).<br />

L’<strong>in</strong>teresse archeologico per tale area venne suscitato dalla pubblicazione<br />

nel 1865 a cura <strong>di</strong> P. Mart<strong>in</strong>i ( 3 ) <strong>di</strong> una raccolta <strong>di</strong> co<strong>di</strong>ci e pergamene<br />

che si rivelarono ben presto essere un falso ottocentesco ( 4 ).<br />

(*) Sono lieta <strong>di</strong> esprimere il mio vivissimo r<strong>in</strong>graziamento alla prof. S. Angiolillo<br />

per avermi affidato il presente lavoro e agevolato <strong>in</strong> ogni modo.<br />

( 1 ) Tale denom<strong>in</strong>azione, che ha avuto maggiore fortuna rispetto a quelle <strong>di</strong><br />

“Casa degli Stucchi” e “Casa del Tabl<strong>in</strong>o <strong>di</strong>p<strong>in</strong>to”, si è affermata nel tempo pur<br />

non essendo corretta per un duplice motivo. Il term<strong>in</strong>e villa, su cui si vedano<br />

MANSUELLI, s.v. villa, <strong>in</strong> EAA VII, 1966, pp. 116-117 e MIELSCH 1990, <strong>in</strong><strong>di</strong>ca <strong>in</strong>fatti<br />

ogni e<strong>di</strong>ficio <strong>di</strong> abitazione posto al <strong>di</strong> fuori della città, mentre l’area che ci riguarda<br />

comprende parte <strong>di</strong> due <strong>in</strong>sulae perfettamente <strong>in</strong>serite nell’aggregato dell’antica<br />

Cagliari romana. Sulla fase romana dell’urbanistica <strong>di</strong> Carales: COLAVITTI<br />

1992; <strong>in</strong> particolare sul quartiere <strong>di</strong> Stampace dove tale complesso è ubicato cfr.<br />

MONGIU 1995, pp. 13-16, con ricchissima bibliografia <strong>in</strong> merito.<br />

Niente prova <strong>in</strong>oltre che tale zona sia mai stata abitata da Tigellio, il cantante<br />

sardo attivo nella Roma augustea, amico <strong>di</strong> Cesare e Ottaviano, <strong>in</strong>viso a Cicerone<br />

che lo def<strong>in</strong>irà “pestilenziale più della sua stessa patria” (Ad Fam. VII,24,1), e del<br />

quale Orazio ci descrive poco benevolmente il pittoresco corteo funebre (Sat. I, 2,<br />

2-4). Per un’analisi esaustiva della figura <strong>di</strong> Tigellio si rimanda a MELONI 1947.<br />

( 2 ) Viene proposta la pianta topografica presentata dal Pesce nella sua relazione,<br />

nella quale i numeri <strong>in</strong><strong>di</strong>cano gli ambienti delle prime due case, le lettere quelli<br />

della terza. I vani della quarta domus non sono segnati per prudenza. (Tav. I)<br />

( 3 ) MARTINI 1865, p. 55.<br />

( 4 ) Giu<strong>di</strong>zio <strong>di</strong> falsità espresse la relazione <strong>di</strong> esperti tedeschi pubblicata negli<br />

“Atti” dell’Accademia delle Scienze <strong>di</strong> Berl<strong>in</strong>o nel 1870: cfr. M. HAUPT, T.H.


110<br />

MICHELA MALLOCCI<br />

Tra le Carte d’Arborea compariva <strong>in</strong>fatti anche la “Vita <strong>di</strong> Tigellio”,<br />

opera <strong>di</strong> un certo Sertorio, autore lat<strong>in</strong>o non altrimenti conosciuto,<br />

vissuto a cavallo tra il IV e il V secolo d.C. ( 5 ). In tale biografia si<br />

raccontava come Tigellio, famoso musico e cantante sardo amico <strong>in</strong>timo<br />

<strong>di</strong> Cesare, avesse acquistato poderi presso l’Anfiteatro cagliaritano<br />

costruendovi una grande casa abbellita da marmi, stucchi e mosaici,<br />

tra i quali uno con raffigurazione <strong>di</strong> Orfeo tra gli animali e un<br />

altro con le fatiche d’Ercole ( 6 ).<br />

Il canonico Giovanni Spano nel 1876 <strong>in</strong>iziò così una campagna<br />

<strong>di</strong> scavo alla ricerca dell’abitazione <strong>di</strong> Tigellio. La co<strong>in</strong>cidenza rilevata<br />

fra i soggetti <strong>di</strong> due decorazioni della Casa <strong>di</strong> Tigellio nella<br />

“Vita”, cioè Orfeo tra gli animali ed Ercole che strozza il leone Nemeo,<br />

e due mosaici r<strong>in</strong>venuti nel XVIII secolo nei pressi della Chiesa<br />

dell’Annunziata, portò lo Spano ad <strong>in</strong>iziare le <strong>in</strong>dag<strong>in</strong>i <strong>in</strong> tale<br />

zona: rivelatesi tuttavia tali ricerche <strong>in</strong>fruttuose, egli si spostò <strong>in</strong><br />

un’area imme<strong>di</strong>atamente vic<strong>in</strong>a, posta più <strong>in</strong> basso, dove, durante i<br />

primi tentativi <strong>di</strong> ricerca, si erano r<strong>in</strong>venute “le mura <strong>di</strong> una casa antica,<br />

senza dubbio assai ricca, se deve argomentarsi dai molti avanzi<br />

<strong>di</strong> marmi f<strong>in</strong>issimi colorati” ( 7 ). Gli scavi dello Spano durarono alcuni<br />

anni ( 8 ) e rivelarono una domus, da lui denom<strong>in</strong>ata appunto<br />

“Casa degli Stucchi”, ricca non solo <strong>di</strong> stucchi ricoperti <strong>in</strong> gran parte<br />

<strong>di</strong> lam<strong>in</strong>e d’oro, ma anche <strong>di</strong> marmi, colonne, affreschi e <strong>di</strong> mosaici<br />

<strong>di</strong> grande rilevanza qualitativa, almeno a giu<strong>di</strong>care dalle puntuali,<br />

ma non rigorosamente scientifiche, relazioni dello Spano.<br />

Un’altra imponente campagna <strong>di</strong> scavi venne effettuata dal 1963<br />

<strong>in</strong><strong>in</strong>terrottamente f<strong>in</strong>o all’agosto 1964 dall’allora sopr<strong>in</strong>tendente<br />

Prof. Gennaro Pesce. Egli ampliò la zona scavata dallo Spano e mise<br />

<strong>in</strong> luce le strutture <strong>di</strong> due abitazioni entrambe a<strong>di</strong>acenti alla “Casa<br />

degli Stucchi”, una sul lato est, da lui denom<strong>in</strong>ata “Casa del Tabl<strong>in</strong>o<br />

<strong>di</strong>p<strong>in</strong>to”, ed una sul lato ovest, quasi del tutto <strong>in</strong>terrata sotto la Via<br />

MOMMSEN, Ph. JAFFÈ, A. TOBLER, A. DOVE, Bericht über <strong>di</strong>e Handschriften von Arborea,<br />

“Monatsberichte der königlich preussischen Akademie der Wissenschaften zu<br />

Berl<strong>in</strong>” 1870, pp. 64-104; per ulteriori considerazioni sui c.d. “falsi d’Arborea” si<br />

veda G. LILLIU, Un giallo del secolo XIX <strong>in</strong> Sardegna, SS XXIII, 1, 1973-74, <strong>in</strong> particolare<br />

le pp. 314-315.<br />

( 5 ) MARTINI 1865, pp. 4-5.<br />

( 6 ) MARTINI 1865, p. 55.<br />

( 7 ) G. SPANO, <strong>in</strong> NSA 1876, p. 60.<br />

( 8 ) Per ulteriori approfon<strong>di</strong>menti <strong>in</strong> merito si rimanda a G. SPANO, <strong>in</strong> NSA<br />

1876, pp. 59-61, 148-154; G. FIORELLI, <strong>in</strong> NSA 1877, pp. 285-286; F. VIVANET<br />

<strong>in</strong> G. FIORELLI, <strong>in</strong> NSA 1879, p. 161.


Un soffitto affrescato dalla “Villa <strong>di</strong> Tigellio” (Cagliari): proposta <strong>di</strong> ricostruzione<br />

Tigellio. Riguardo a quest’ultima lo stu<strong>di</strong>oso si limitò unicamente<br />

ad ipotizzare che essa dovesse far parte della stessa “Casa degli Stucchi,<br />

oppure, almeno <strong>in</strong> orig<strong>in</strong>e, essere separata da questa e solo <strong>in</strong> seguito<br />

resa comunicante ( 9 ).<br />

Di una serie <strong>di</strong> altri <strong>in</strong>terventi successivi, talvolta veri e propri<br />

scavi, restano solo notizie d’archivio ( 10 ).<br />

Occorrerà attendere s<strong>in</strong>o ai primi anni ottanta quando, da parte<br />

del settore classico dell’Istituto <strong>di</strong> Antichità, Archeologia e Arte dell’Università<br />

<strong>di</strong> Cagliari venne avanzato un progetto con f<strong>in</strong>alità <strong>di</strong>dattiche,<br />

che prevedeva il recupero dei materiali provenienti dai vecchi<br />

scavi e una verifica, tramite una serie <strong>di</strong> sondaggi stratigrafici,<br />

dei molti punti oscuri che tale area archeologica ancora presentava.<br />

L’<strong>in</strong>dag<strong>in</strong>e, che salvo un’<strong>in</strong>terruzione si è protratta s<strong>in</strong>o al 1983,<br />

ha portato all’apertura <strong>di</strong> quattro saggi nella “Casa del Tabl<strong>in</strong>o <strong>di</strong>p<strong>in</strong>to”,<br />

uno nel vicolo, due nell’impianto termale e uno nella “Casa<br />

degli Stucchi”.<br />

I risultati conseguiti sono stati molteplici e importanti per la comprensione<br />

della planimetria.<br />

Le domus si <strong>in</strong>seriscono perfettamente nella rete viaria ad impianto<br />

ortogonale, della quale resta un’esigua traccia <strong>in</strong> una strad<strong>in</strong>a non<br />

pavimentata sul fianco sud-orientale dell’<strong>in</strong>sula. L’<strong>in</strong>gresso, non all<strong>in</strong>eato<br />

nella Casa degli Stucchi e <strong>in</strong> quella del Tabl<strong>in</strong>o <strong>di</strong>p<strong>in</strong>to, si<br />

apriva su una via, attualmente non visibile, parallela all’attuale Corso<br />

V. Emanuele.<br />

Nella Casa degli Stucchi attorno ad un atrio dotato <strong>di</strong> impluvio si<br />

<strong>di</strong>sponevano a destra una serie <strong>di</strong> piccoli ambienti, probabilmente<br />

cubicula, mentre sul fondo, <strong>di</strong> fronte all’<strong>in</strong>gresso, un ampio tabl<strong>in</strong>o<br />

occupava il centro della parete. Lo affiancava a s<strong>in</strong>istra una stanza,<br />

mentre sulla destra è parzialmente visibile una rampa <strong>di</strong> sette grad<strong>in</strong>i<br />

che portava agli ambienti retrostanti ( 11 ). In un momento non preci-<br />

111<br />

( 9 ) Una relazione <strong>di</strong> tali campagne <strong>di</strong> scavo si trova <strong>in</strong>: PESCE 1964-1965, pp. 329-<br />

348.<br />

( 10 ) Le notizie più rilevanti si desumono dai documenti dell’Archivio della Sopr<strong>in</strong>tendenza<br />

Archeologica per le Prov<strong>in</strong>ce <strong>di</strong> Cagliari e <strong>di</strong> Oristano alle date: 1.I-<br />

3.III.1939; 22.VII-17.VIII.1960; marzo 1967.<br />

( 11 ) La presenza <strong>di</strong> un piano superiore nella Casa degli Stucchi è sostenuta dallo<br />

Spano (SPANO, <strong>in</strong> NSA 1876, p. 149, 175) Egli vi r<strong>in</strong>venne un ambiente <strong>di</strong><br />

pianta rettangolare, che <strong>in</strong>terpretò come esedra, decorato da otto emblemata musivi<br />

con pesci e uccelli e da affreschi con scene <strong>di</strong> caccia. La stessa natura del terreno,<br />

<strong>in</strong> pen<strong>di</strong>o, lascia comunque supporre che le domus fossero articolate su livelli<br />

<strong>di</strong>fferenti. Si veda anche ANGIOLILLO et alii 1981-1985, p. 116.


112<br />

MICHELA MALLOCCI<br />

sabile la costruzione <strong>di</strong> un muro con tecnica “a telaio” portò alla riduzione<br />

del tabl<strong>in</strong>o e contemporaneamente si procedette ad una<br />

nuova pavimentazione. Anche la decorazione parietale fu r<strong>in</strong>novata,<br />

come testimoniano i due strati <strong>di</strong> <strong>in</strong>tonaco coerenti con i battuti. Il<br />

retro della casa era costituito da una serie <strong>di</strong> ambienti, non sufficientemente<br />

esplorati, <strong>in</strong> cui si conservano esigue tracce <strong>di</strong> mosaici.<br />

La Casa del Tabl<strong>in</strong>o <strong>di</strong>p<strong>in</strong>to, completamente separata dalle precedenti,<br />

essendo più arretrata conserva il vestibolo d’<strong>in</strong>gresso e i vani<br />

prospicienti la strada. Attorno all’atrio tetrastilo si <strong>di</strong>sponevano una<br />

serie <strong>di</strong> ambienti a pianta rettangolare; <strong>di</strong> particolare rilevanza il<br />

vano prospiciente l’<strong>in</strong>gresso, affrescato da un l<strong>in</strong>eare motivo a <strong>di</strong>atoni<br />

ed ortostati, considerato da G. Pesce un tabl<strong>in</strong>o ( 12 ): tale stanza ha<br />

una posizione fortemente atipica, non essendo <strong>in</strong>fatti al centro della<br />

parete <strong>di</strong> fondo dell’atrio né risultando aperta verso l’atrio stesso,<br />

come <strong>in</strong>vece si rileva nella <strong>di</strong>sposizione canonica degli ambienti nelle<br />

case ad atrio. L’ipotesi prospettata da G. Pesce secondo cui <strong>in</strong> orig<strong>in</strong>e<br />

il vano si sarebbe aperto <strong>di</strong>rettamente sull’atrio è stata smentita<br />

dagli ultimi saggi effettuati ( 13 ). Numerosi sono gli ambienti retrostanti<br />

il tabl<strong>in</strong>o: privi <strong>di</strong> pavimentazione, hanno strutture irregolari e<br />

non presentano tracce d’<strong>in</strong>tonaco, <strong>di</strong>fferenziandosi notevolmente<br />

dai muri dell’atrio, del tabl<strong>in</strong>o e degli ambienti ad ovest, realizzati<br />

<strong>in</strong>vece con gran<strong>di</strong> blocchi ben squadrati e coperti <strong>di</strong> <strong>in</strong>tonaco <strong>di</strong>p<strong>in</strong>to<br />

( 14 ).<br />

I sondaggi stratigrafici eseguiti negli ultimi scavi hanno anche permesso<br />

<strong>di</strong> ottenere utili <strong>in</strong><strong>di</strong>cazioni per la datazione delle strutture ( 15 ).<br />

Nella Casa del Tabl<strong>in</strong>o <strong>di</strong>p<strong>in</strong>to, domus <strong>in</strong> cui sono stati condotti<br />

un maggior numero <strong>di</strong> saggi, si sono riconosciute almeno tre fasi <strong>di</strong><br />

vita: la più antica, precedente alla costruzione della domus, è databile<br />

tra il II sec. e la prima metà del I sec. a.C. In una seconda fase <strong>di</strong> età<br />

augustea venne costruita la domus con l’atrio e almeno un altro vano<br />

attiguo: questo, pavimentato con un battuto calcareo ben livellato e<br />

( 12 ) Si veda Tav I, ambiente K.<br />

( 13 ) ANGIOLILLO 1987, pp. 90-92.<br />

( 14 ) PESCE 1964-1965, pp. 341-342.<br />

( 15 ) Per un’analisi dettagliata delle <strong>in</strong>formazioni desunte dai vari saggi effettuati e<br />

del materiale ceramico r<strong>in</strong>venuto si veda ANGIOLILLO et alii 1981-1985, pp. 113-<br />

238; brevi accenni relativi alla decorazione musiva e pittorica si trovano <strong>in</strong> La<br />

“Villa <strong>di</strong> Tigellio” 1981, <strong>in</strong> particolare pp. 22-34. Il catalogo del materiale ceramico<br />

r<strong>in</strong>venuto negli scavi dello Spano e del Pesce è presente <strong>in</strong> ANGIOLILLO-SALETTI<br />

1980-1981, pp. 21-157, tavv. I-XXI.


Un soffitto affrescato dalla “Villa <strong>di</strong> Tigellio” (Cagliari): proposta <strong>di</strong> ricostruzione<br />

con le pareti rivestite da uno spesso strato <strong>di</strong> <strong>in</strong>tonaco rosso, era un<br />

ambiente chiuso e <strong>di</strong> una certa importanza, probabilmente un cubiculum.<br />

Una terza fase, posteriore alla f<strong>in</strong>e del I sec. d.C., quando si<br />

mise <strong>in</strong> opera la domus con l’assetto oggi visibile, prevedeva la costruzione<br />

<strong>di</strong> un nuovo atrio (EF) verso il quale vennero aperti una<br />

serie <strong>di</strong> ambienti (G, H, I e M).<br />

Anche per la Casa degli Stucchi è stato possibile evidenziare più<br />

fasi <strong>di</strong> frequentazione: la prima è da porsi attorno al I sec. a.C.; successivamente<br />

si ebbe un rialzamento del pavimento della casa e i<br />

muri furono decorati con un nuovo strato <strong>di</strong> <strong>in</strong>tonaco: l’esiguità del<br />

riempimento tra i due battuti pavimentali suggerisce il trascorrere <strong>di</strong><br />

un breve lasso <strong>di</strong> tempo tra il primo impianto e il successivo.<br />

La frequentazione dell’<strong>in</strong>tera area risulta comunque sicura per entrambe<br />

le case almeno f<strong>in</strong>o al III- IV secolo d.C., come confermano<br />

chiaramente il materiale ceramico, la decorazione musiva e quella <strong>in</strong><br />

stucco, ma anche i numerosi frammenti d’<strong>in</strong>tonaco r<strong>in</strong>venuti.<br />

Lo stu<strong>di</strong>o <strong>in</strong> questa sede condotto completa dunque, almeno <strong>in</strong><br />

parte, quanto <strong>in</strong>iziato negli anni ottanta, quando prima <strong>di</strong> <strong>in</strong>traprendere<br />

lo scavo vero e proprio si effettuò il lavoro prelim<strong>in</strong>are <strong>di</strong> portare<br />

alla luce tutti i materiali provenienti dai vecchi scavi, all’epoca e ancora<br />

oggi, accatastati nei magazz<strong>in</strong>i del Museo Archeologico <strong>di</strong> Cagliari:<br />

<strong>in</strong> particolare <strong>in</strong> quegli anni si <strong>in</strong>iziò il lavoro <strong>di</strong> documentazione fotografica<br />

e <strong>di</strong> classificazione dei numerosissimi frammenti d’<strong>in</strong>tonaco<br />

trovati, circa 1350 pezzi, perlopiù <strong>di</strong> modeste proporzioni, attualmente<br />

conservati <strong>in</strong> con<strong>di</strong>zioni purtroppo deprecabili nell’attesa <strong>di</strong> una<br />

<strong>in</strong>evitabile e quanto mai impellente opera <strong>di</strong> restauro ( 16 ).<br />

Sono stati presi <strong>in</strong> considerazione <strong>in</strong> particolare circa 180 frammenti,<br />

tutti recanti posteriormente, <strong>in</strong> negativo, segni d’<strong>in</strong>cannucciata:<br />

questi, costituendo un <strong>in</strong>sieme omogeneo, appartengono ad<br />

un motivo decorativo unitario, come sembrano confermare l’uguale<br />

colorazione <strong>di</strong> base bianca, l’iterazione <strong>di</strong> motivi, l’utilizzo costante<br />

<strong>di</strong> alcuni colori ed una tecnica pittorica coerente.<br />

Partendo dall’<strong>in</strong>sieme ottenuto si è cercato <strong>di</strong> ricostruire lo schema<br />

grafico <strong>di</strong> tale decorazione sia nell’andamento generale che nei<br />

particolari decorativi. (Tav. II) ( 17 ).<br />

( 16 ) In questa sede si presentano soltanto i frammenti sicuramente pert<strong>in</strong>enti al<br />

soffitto; il rimanente materiale, attualmente <strong>in</strong> corso <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o, verrà pubblicato <strong>in</strong><br />

seguito.<br />

( 17 ) La ricostruzione proposta è stata realizzata con l’ausilio <strong>di</strong> un programma<br />

<strong>di</strong> grafica e fotoritocco (Adobe Photodeluxe nella versione 2.0 ormai già obsoleta).<br />

113


114<br />

MICHELA MALLOCCI<br />

Per comprendere come tale lavoro <strong>di</strong> composizione sia stato condotto<br />

è <strong>in</strong><strong>di</strong>spensabile fare riferimento alle nozioni <strong>di</strong> pezzo chiave,<br />

raggruppamento e numero m<strong>in</strong>imo <strong>di</strong> esemplari <strong>di</strong> un motivo.<br />

Il primo concetto r<strong>in</strong>via ai pezzi che sono posti alla congiuntura<br />

<strong>di</strong> più campi, quelli cioè che permettono, come <strong>in</strong> un puzzle, <strong>di</strong> unire<br />

pezzi f<strong>in</strong>o a quel momento separati e ottenere così le gran<strong>di</strong> articolazioni<br />

della composizione.<br />

Il term<strong>in</strong>e “raggruppamento” <strong>in</strong><strong>di</strong>ca <strong>in</strong>vece un <strong>in</strong>sieme <strong>di</strong> frammenti<br />

che non si attaccano tra loro, ma, partendo da elementi sparsi,<br />

consentono <strong>di</strong> tentare <strong>di</strong> ricostruire il <strong>di</strong>segno completo.<br />

Il “numero m<strong>in</strong>imo <strong>di</strong> esemplari <strong>di</strong> un motivo” ci permette <strong>in</strong>f<strong>in</strong>e<br />

<strong>di</strong> prendere <strong>in</strong> considerazione gli elementi <strong>di</strong> uno stesso <strong>di</strong>segno, ma<br />

che appartengono a sezioni <strong>di</strong>fferenti (ad esempio possono risultare<br />

<strong>in</strong> tal senso significativi ai f<strong>in</strong>i delle ricostruzione due becchi <strong>di</strong> uccello,<br />

mentre frammenti che conserv<strong>in</strong>o solamente le piume non lo<br />

sono affatto). In tal modo possiamo <strong>in</strong>fatti calcolare il numero m<strong>in</strong>imo<br />

<strong>di</strong> esemplari <strong>di</strong> ciascun motivo e dedurre la superficie m<strong>in</strong>ima<br />

coperta dal decoro.<br />

La ricostruzione suggerita, che parte dunque dalle <strong>in</strong>formazioni<br />

desunte dai pezzi-chiave e dalla presumibile ripetizione <strong>di</strong> alcuni<br />

motivi decorativi, è relativa ad un soffitto <strong>di</strong> forma rettangolare o<br />

quadrangolare che conserva una circonferenza centrale del <strong>di</strong>ametro<br />

<strong>di</strong> 160 cm circa. In realtà la curvatura dei vari elementi potrebbe ricondurre<br />

anche ad uno spazio ellittico, ma il confronto con altre pitture<br />

<strong>di</strong> soffitto a struttura centripeta <strong>in</strong>duce a scartare tale ipotesi;<br />

non è <strong>in</strong>vece possibile escludere un ampliamento <strong>di</strong> tale schema me<strong>di</strong>ante<br />

l’aggiunta <strong>di</strong> pannelli posti su due lati paralleli del campo<br />

quadrangolare ( 18 ), come sembrano attestare alcuni <strong>di</strong>fferenti fram-<br />

Per arrivare a questa si è <strong>in</strong>nanzitutto provveduto a scannerizzare le foto <strong>di</strong> ciascun<br />

frammento. Ciascuna <strong>di</strong> esse è stata poi ridotta <strong>in</strong> un’unica scala (a grandezza naturale).<br />

Si è proceduto poi a riprist<strong>in</strong>are la colorazione orig<strong>in</strong>aria dei pezzi particolarmente<br />

scoloriti, rispettando l’andamento delle varie pennellate <strong>di</strong> colore che appaiono<br />

più o meno <strong>in</strong>tense. Tutti i frammenti, privati dello sfondo, sono stati poi<br />

<strong>di</strong>sposti su un unico foglio <strong>di</strong> lavoro secondo il verso dell’<strong>in</strong>cannucciata per poi<br />

procedere, sulla base <strong>di</strong> confronti e <strong>di</strong> constatazioni logiche, alla ricostruzione del<br />

motivo orig<strong>in</strong>ario riprodotto con semplici tratti situati oltre i frammenti reali, ma<br />

senza <strong>in</strong><strong>di</strong>cazione del colore.<br />

Per la resa dei colori orig<strong>in</strong>ari dei vari frammenti occorre tenere presente che i<br />

numerosi passaggi effettuati durante il processo <strong>di</strong> lavorazione (foto – stampa –<br />

scannerizzazione – conversione <strong>di</strong> formato – stampa) hanno talvolta determ<strong>in</strong>ato<br />

una qualche variazione delle tonalità orig<strong>in</strong>arie.<br />

( 18 ) Tali campi sono anche def<strong>in</strong>iti “lam<strong>in</strong>e” o “fasce” o “liste” supplementari.


Un soffitto affrescato dalla “Villa <strong>di</strong> Tigellio” (Cagliari): proposta <strong>di</strong> ricostruzione<br />

menti <strong>di</strong> cornice e come ben conosciamo da numerosi soffitti pompeiani<br />

e prov<strong>in</strong>ciali ( 19 ).<br />

Iniziando l’analisi dal centro verso l’esterno ve<strong>di</strong>amo una serie <strong>di</strong><br />

bande concentriche <strong>di</strong> vari colori, una delle quali, dell’altezza <strong>di</strong> circa<br />

5 cm, presenta una decorazione costituita da una serie <strong>di</strong> punti all<strong>in</strong>eati,<br />

<strong>di</strong> eguale misura, <strong>di</strong> colore marrone, bianco, celeste e ocra,<br />

tutti tracciati con grande regolarità. Sul cerchio più esterno <strong>di</strong> colore<br />

rosso si impostano poi con cadenza regolare motivi circolari <strong>in</strong> celeste,<br />

una sorta <strong>di</strong> “cupole”, <strong>di</strong> cui si conservano quattro esemplari, del<br />

<strong>di</strong>ametro <strong>di</strong> 30 cm circa ciascuno, ognuno dei quali decorata <strong>in</strong>ternamente<br />

da un motivo a petali sovrapposti. La presenza <strong>di</strong> alcuni<br />

frammenti che conservano lo stesso schema decorativo, reso però<br />

con colori <strong>di</strong>fferenti (ocra e verde scuro), potrebbe portare ad ipotizzare<br />

che tale decorazione fosse ripetuta <strong>in</strong> un semicerchio più <strong>in</strong>terno:<br />

allo stato attuale, manca tuttavia qualsiasi riscontro. Tra una<br />

“cupola” e l’altra vi è una teoria <strong>di</strong> elementi a forma <strong>di</strong> torre, <strong>in</strong>tervallati<br />

da cerchi alternativamente rossi e celesti. Tale motivo risulta<br />

ulteriormente arricchito da festoni ondulati, riccamente ornati, uniti<br />

alle lunette stesse da nastri marroni. Alcuni frammenti mostrano <strong>in</strong>vece<br />

come, tangente alla cupola ma rovesciato, vi fosse un motivo<br />

rosso ad andamento semicircolare costituito da una teoria <strong>di</strong> torri affiancate<br />

da spirali (Tav. III, 1); tale decorazione arriva s<strong>in</strong>o a una<br />

grossa cornice composta da una serie <strong>di</strong> bande e tratti <strong>di</strong> colore verde,<br />

giallo e rosso, che delimita perimetralmente l’<strong>in</strong>tera composizione.<br />

Decorano <strong>in</strong>f<strong>in</strong>e gli spazi tra gli elementi analizzati e la cornice<br />

alcuni racemi vegetali da cui si <strong>di</strong>partono motivi a sezione triangolare<br />

con i lati lunghi curvil<strong>in</strong>ei (Tav. III, 2) ( 20 ).<br />

Come proseguisse la decorazione nella parte centrale della composizione<br />

non è dato saperlo: si è pertanto preferito lasciare tale zona<br />

totalmente bianca, pur ritenendo plausibile la presenza <strong>di</strong> soggetti figurati<br />

o animali, come sembra attestare il confronto con pitture <strong>di</strong><br />

soffitto che riportano lo stesso schema decorativo ( 21 ).<br />

( 19 ) Cfr. <strong>in</strong>fra pp. 121-126.<br />

( 20 ) Tale motivo nel corso della trattazione verrà def<strong>in</strong>ito per como<strong>di</strong>tà “a cornucopia”.<br />

( 21 ) Numerosi sono i frammenti con decorazione figurata provenienti dalla<br />

“Villa <strong>di</strong> Tigellio”: si tratta per la maggior parte <strong>di</strong> personaggi femm<strong>in</strong>ili e <strong>di</strong> eroti.<br />

Alcuni <strong>di</strong> questi, che recano posteriormente l’impronta dell’<strong>in</strong>cannucciata, presentano<br />

una colorazione <strong>di</strong> base bianca e figure <strong>di</strong> proporzioni tali da renderle adatte<br />

a decorare il medaglione centrale <strong>di</strong> questo soffitto. Tali materiali sono tuttavia<br />

ancora <strong>in</strong> corso <strong>di</strong> stu<strong>di</strong>o.<br />

115


116<br />

MICHELA MALLOCCI<br />

Inf<strong>in</strong>e un cospicuo numero <strong>di</strong> frammenti reca, su uguale base<br />

bianca, un motivo decorativo floreale circondato da piccoli cerchi<br />

concentrici; <strong>in</strong> mancanza <strong>di</strong> pezzi chiave, non essendo stato possibile<br />

proporre una loro collocazione certa all’<strong>in</strong>terno della composizione<br />

d’<strong>in</strong>sieme, questi frammenti non sono stati <strong>in</strong>seriti nella ricostruzione:<br />

è tuttavia plausibile che tali motivi decorassero le due fasce <strong>di</strong><br />

raccordo affiancate al riquadro centrale.<br />

Si procede ora all’esame circostanziato <strong>di</strong> ciascuna partizione decorativa,<br />

tributando particolare attenzione alle modalità <strong>di</strong> esecuzione,<br />

ai colori usati e alle eventuali varianti rilevate nei s<strong>in</strong>goli frammenti<br />

( 22 ).<br />

Motivo punt<strong>in</strong>ato (Tav. IV, 1): Su una colorazione <strong>di</strong> base nera o<br />

marrone sono stati tracciati una serie <strong>di</strong> punti del <strong>di</strong>ametro <strong>di</strong> circa<br />

0.7 cm, all<strong>in</strong>eati <strong>in</strong> orizzontale, che creano zone <strong>di</strong> colore trapezoidali:<br />

dai frammenti conservati rileviamo che una sezione era costituita<br />

da tre file <strong>di</strong> punti bianchi e un numero <strong>in</strong>def<strong>in</strong>ibile <strong>di</strong> punti<br />

marrone chiaro e scuro, affiancata alla quale ve ne era un’altra con<br />

più file <strong>di</strong> punti celesti; seguiva un terzo campo con punti ocra all<strong>in</strong>eati<br />

e sovrapposti parzialmente a punti color marrone scuro, mentre<br />

<strong>in</strong> alcune zone i punti sono ver<strong>di</strong>. Def<strong>in</strong>iscono i lati m<strong>in</strong>ori <strong>di</strong><br />

ciascun campo due file oblique <strong>di</strong> punti <strong>di</strong> m<strong>in</strong>ore <strong>di</strong>mensione, <strong>di</strong><br />

colore bianco e nero, tra loro <strong>in</strong> parte sovrapposti.<br />

Motivo a petali sovrapposti (Tav. IV, 2): Il motivo così def<strong>in</strong>ito è<br />

dato da una successione <strong>di</strong> semicerchi concentrici su cui sono state stese<br />

pennellate <strong>di</strong> vario colore. Grazie allo stato <strong>di</strong> degrado <strong>di</strong> alcuni<br />

( 22 ) Nella descrizione dei vari motivi verranno utilizzati term<strong>in</strong>i convenzionali<br />

allo scopo <strong>di</strong> non doversi soffermare ogni volta sullo spessore dei s<strong>in</strong>goli elementi;<br />

solamente nella descrizione della cornice si farà riferimento a precise misure per<br />

facilitare la comprensione della stessa.<br />

Si propone ora una def<strong>in</strong>izione dei vocaboli che verranno utilizzati, prospettando<br />

la traduzione italiana dei term<strong>in</strong>i presentati dalla Barbet nel suo stu<strong>di</strong>o sulla<br />

pittura murale <strong>in</strong> Gallia (BARBET 1974, pp. 22-23).<br />

– BANDA (fr. bande): spazio uniforme più lungo che largo; per convenzione<br />

<strong>in</strong><strong>di</strong>ca uno spazio compreso tra 1 e 10 cm.<br />

– BORDO (fr. bord): è una banda stretta, la cui larghezza è compresa tra 1 e 3<br />

cm, e che assume un ruolo particolare: circonda un compartimento e comprende<br />

il bordo propriamente detto e i suoi tratti <strong>di</strong> cornice.<br />

– LISTELLO (fr. filet): <strong>in</strong> architettura il term<strong>in</strong>e <strong>in</strong><strong>di</strong>ca una piccola modanatura,<br />

ma <strong>in</strong> tale contesto viene utilizzato per <strong>in</strong><strong>di</strong>care un motivo <strong>in</strong>terme<strong>di</strong>o tra la<br />

banda e il tratto, con una larghezza compresa tra 0.5 e 1 cm.<br />

– TRATTO (fr. trait): motivo <strong>in</strong>terme<strong>di</strong>o tra il listello e la l<strong>in</strong>ea; per convenzione<br />

la sua larghezza è compresa tra 0.1 e 0.5 cm.<br />

– CAMPO (fr. champ): superficie <strong>di</strong> colore unico.


Un soffitto affrescato dalla “Villa <strong>di</strong> Tigellio” (Cagliari): proposta <strong>di</strong> ricostruzione<br />

frammenti è stato possibile seguire il processo <strong>di</strong> esecuzione <strong>di</strong> tale decorazione:<br />

<strong>in</strong>izialmente sono stati tracciati c<strong>in</strong>que semicerchi concentrici<br />

rispettivamente <strong>di</strong> colore celeste (raggio 4.5 cm), nero (3 cm), rosso<br />

(2.5 cm), nuovamente nero (2 cm) e a seguire verde scuro. Nei campi<br />

<strong>di</strong> colore nero vengono stese poi una serie <strong>di</strong> pennellate ad andamento<br />

leggermente obliquo, <strong>di</strong> vario spessore (da 1 a 1.5 cm), rispettivamente<br />

<strong>di</strong> colore bianco, <strong>in</strong> alto e verde chiaro nel semicerchio <strong>in</strong>feriore;<br />

<strong>in</strong> un terzo momento, <strong>in</strong>f<strong>in</strong>e, tali tratti sono stati completati con<br />

una term<strong>in</strong>azione arrotondata <strong>di</strong> colore bianco. In alcuni frammenti,<br />

tuttavia, si rileva un proce<strong>di</strong>mento d’esecuzione <strong>di</strong>ametralmente opposto:<br />

su una base bianca sono state cioè tracciate sottili l<strong>in</strong>ee parallele<br />

nere, leggermente oblique, che costituiscono appunto i lati dei petali.<br />

Attestate sono poi alcune varianti nell’uso dei colori come quando ad<br />

esempio i petali si sovrappongono ad un letto <strong>di</strong> colore ocra.<br />

Motivo a torri (Tav. V, I): su un tratto marrone ad andamento<br />

curvil<strong>in</strong>eo si imposta una serie <strong>di</strong> elementi a forma <strong>di</strong> torre: si tratta<br />

<strong>in</strong> realtà <strong>di</strong> una serie <strong>di</strong> triangoli marroni, con i lati lunghi leggermente<br />

curvi, <strong>di</strong> 4 cm circa d’altezza, sul cui vertice si impostano tre<br />

punti <strong>di</strong> grandezza decrescente; ciascuna torre presenta al suo <strong>in</strong>terno<br />

un cerchio profilato marrone. Tra una torre e l’altra si trovano<br />

poi cerchi pieni alternativamente rossi, celesti, e forse ver<strong>di</strong>, del <strong>di</strong>ametro<br />

<strong>di</strong> 2.5 cm.<br />

Festoni e nastri (Tav. V, 2): I festoni, dello spessore <strong>di</strong> 3-4 cm circa,<br />

sono resi con grande accuratezza e con l’impiego <strong>di</strong> un’ampia tavolozza<br />

<strong>di</strong> colori: nero, marrone, celeste, rosa, ocra, grigio, con frequenti<br />

punti luce realizzati con brevi tratti bianchi; attorcigliati a<br />

tali festoni vi sono poi una serie <strong>di</strong> sottili nastri con bicromia bianco-marrone.<br />

Tramite un’attenta analisi si riesce a risalire alle varie<br />

fasi dell’esecuzione <strong>di</strong> tale motivo: <strong>in</strong> un primo tempo sono state<br />

tracciate due l<strong>in</strong>ee scure, parallele, che def<strong>in</strong>iscono lo spessore del festone;<br />

sulla banda così realizzata vengono stese, <strong>in</strong> modo veloce e<br />

con andamento obliquo, pennellate <strong>di</strong> colori molto accesi (rosso, varie<br />

tonalità <strong>di</strong> marrone, giallo, celeste). Nascondono <strong>in</strong>f<strong>in</strong>e la l<strong>in</strong>earità<br />

del tracciato lunghe pennellate marroni ondulate. Da ciascun festone,<br />

con una cadenza non def<strong>in</strong>ibile, si <strong>di</strong>partono nastri <strong>di</strong> colore<br />

rosa e marrone, tracciati <strong>in</strong> modo veloce e non accurato.<br />

Torri e spirali (Tav. III, 1-2): In tale sequenza gli elementi a forma<br />

<strong>di</strong> torre sono <strong>di</strong> due tipi: il primo è costituito da un rettangolo <strong>di</strong><br />

2 cm <strong>di</strong> altezza, <strong>di</strong> colore rosso, sul quale si impostano rispettivamente<br />

un punto, un tratto orizzontale e un altro piccolo punto; dalla<br />

destra e s<strong>in</strong>istra <strong>di</strong> ciascuna torre si <strong>di</strong>partono poi due spirali<br />

ugualmente rosse term<strong>in</strong>anti con un grosso punto. Il secondo tipo è<br />

117


118<br />

MICHELA MALLOCCI<br />

<strong>in</strong>vece <strong>di</strong> forma triangolare, simile a quello già visto nel motivo a<br />

torri, anch’esso <strong>di</strong> 2 cm <strong>di</strong> altezza, su cui poggia un tratto rettangolare<br />

con sovrapposti due punti <strong>di</strong> grandezza decrescente. Anche da<br />

questo lateralmente si <strong>di</strong>partono due spirali. La teoria <strong>di</strong> torri e spirali<br />

poggia su una fascia curvil<strong>in</strong>ea rossa che conserva ben visibili i<br />

segni delle pennellate, mentre superiormente è def<strong>in</strong>ita da una l<strong>in</strong>ea<br />

rossa tratteggiata.<br />

Racemi vegetali e motivo “a cornucopia” (Tav. III, 1): Numerosissimi<br />

frammenti conservano parti <strong>di</strong> foglie allungate rese con ampie pennellate<br />

e tracciate talvolta con grande accuratezza, talvolta <strong>in</strong> modo<br />

grossolano. Il colore utilizzato è il verde nelle varie tonalità, <strong>in</strong>sieme a<br />

punti luce gialli e a macchie marroni. Unitamente alla decorazione vegetale<br />

si trovano alcuni elementi “a cornucopia”: questi sono resi dapprima<br />

tracciando due tratti curvil<strong>in</strong>ei gialli a sezione triangolare atti a<br />

def<strong>in</strong>ire i limiti del motivo; all’<strong>in</strong>terno del campo così formato vengono<br />

stese poi pennellate rosa unitamente a punti luce bianchi; una fila<br />

<strong>di</strong> piccoli tratti marroni decora <strong>in</strong>f<strong>in</strong>e la parte centrale.<br />

Cornici (Tav. V, 2): La grossa cornice che delimita il campo quadrangolare,<br />

partendo dall’<strong>in</strong>terno verso l’esterno, è così costituita:<br />

due sottili tratti, rispettivamente <strong>di</strong> 0.5 e <strong>di</strong> 0.3 cm, ad 1 cm dai<br />

quali si trova una banda rossa dello spessore <strong>di</strong> 1.5 cm ( 23 ). Segue<br />

poi una banda verde scuro dello spessore <strong>di</strong> 7.5 cm def<strong>in</strong>ita nei due<br />

lati da una l<strong>in</strong>ea grigia; proseguendo si trova, ad una <strong>di</strong>stanza <strong>di</strong> 1.2<br />

cm, un’ulteriore cornice ocra <strong>di</strong> 9 cm circa, che def<strong>in</strong>isce a sua volta<br />

un campo marrone sul quale, lateralmente e <strong>in</strong> prossimità degli angoli,<br />

è stato steso uno strato <strong>di</strong> colore grigio assai spesso.<br />

Motivo a fiore con cerchi ( 24 ) (Tav.VI, 1): Compone tale motivo<br />

una serie <strong>di</strong> tratti circolari ver<strong>di</strong> e rossi <strong>di</strong> spessore <strong>in</strong>eguale, tracciati<br />

a mano libera <strong>in</strong> modo <strong>di</strong>scont<strong>in</strong>uo e con sbavature, def<strong>in</strong>iti da tratti<br />

gialli più sottili. Al centro <strong>di</strong> questi si staglia un fiore costituito da<br />

petali triangolari, della lunghezza <strong>di</strong> 2.5 cm circa, convergenti verso<br />

( 23 ) Gli spessori e le grandezze proposte per i vari elementi sono forniti facendo<br />

una me<strong>di</strong>a tra le reali misure rilevate nei <strong>di</strong>fferenti frammenti.<br />

( 24 ) Come già asserito <strong>in</strong> precedenza i frammenti che conservano tale decorazione<br />

non trovano spazio nella ricostruzione presentata, non essendoci elementi<br />

vali<strong>di</strong> per proporne un sicuro posizionamento. La conferma <strong>di</strong> una loro orig<strong>in</strong>aria<br />

presenza nel soffitto è data tuttavia da alcuni pezzi chiave e dal loro <strong>in</strong>serimento,<br />

unitamente a grossi lacerti appartenenti alla cornice esterna già descritta, <strong>in</strong> un<br />

pannello <strong>di</strong> grosse <strong>di</strong>mensioni realizzato dal Pesce a completamento del suo scavo,<br />

allo scopo <strong>di</strong> rendere fruibili i frammenti decorati qualitativamente più significativi.<br />

(Tav. V, 2)


Un soffitto affrescato dalla “Villa <strong>di</strong> Tigellio” (Cagliari): proposta <strong>di</strong> ricostruzione<br />

un cerchio contenente un grosso punto. Sulla base dei colori usati si<br />

<strong>in</strong><strong>di</strong>viduano due tipi: nel primo la base del petalo è celeste mentre<br />

nella parte <strong>in</strong>feriore viene stesa una pennellata verde scuro della lunghezza<br />

<strong>di</strong> 2 cm circa; <strong>in</strong> tale caso il punto centrale è celeste con macchie<br />

ver<strong>di</strong>. Nel secondo tipo i petali sono <strong>in</strong>vece presumibilmente<br />

neri e su ognuno <strong>di</strong> essi è tracciato un tratto rosso della lunghezza <strong>di</strong><br />

1.3 cm circa; anche <strong>in</strong> questo caso al centro del fiore si trova un cerchio<br />

marrone con macchie rosse e nere.<br />

Considerazioni Tecniche<br />

Tutti i frammenti <strong>di</strong> <strong>in</strong>tonaco appartenenti a tale soffitto conservano<br />

ben visibile l’impronta dell’<strong>in</strong>cannucciata (Tav. VII) ( 25 ): l’esiguità<br />

della loro superficie non consente tuttavia alcuna verifica <strong>in</strong> merito<br />

alle tecniche <strong>di</strong> legatura e alle modalità <strong>di</strong> fissaggio delle travi portanti.<br />

Per quanto concerne la composizione e le modalità <strong>di</strong> stesura degli<br />

<strong>in</strong>tonaci l’analisi dei frammenti ha consentito <strong>di</strong> rilevare una<br />

composizione semplificata rispetto ai sette canonici strati, che, a<br />

quanto attesta Vitruvio, costituivano il tectorium ( 26 ).<br />

Secondo quanto largamente attestato nelle pitture prov<strong>in</strong>ciali,<br />

per il soffitto ricostruito si è utilizzato, con uno spessore complessivo<br />

che varia da 3 a 4 cm, un unico strato <strong>di</strong> sabbia grossolana, seguito<br />

da uno strato <strong>di</strong> transizione più depurato, con sabbia e una mag-<br />

( 25 ) Tale sistema <strong>di</strong> agganciamento della malta viene <strong>in</strong><strong>di</strong>cato da Vitruvio (VII,<br />

3,2) per r<strong>in</strong>forzare un muro <strong>di</strong> argilla e paglia o per dare un’armatura ad una volta:<br />

nel primo caso egli consiglia <strong>di</strong> mettere due strati <strong>di</strong> canne separate da un muro<br />

<strong>di</strong> argilla e paglia fissate con giunchi, mentre trattandosi <strong>di</strong> un soffitto a volta si<br />

raccomanda <strong>in</strong>vece un solo strato <strong>di</strong> canne schiacciate secondo il profilo voluto e<br />

fissate tramite corde e tasselli <strong>di</strong> legno. Quanto ai soffitti piatti Vitruvio non offre<br />

alcuna <strong>in</strong><strong>di</strong>cazione. Per un’analisi più approfon<strong>di</strong>ta delle <strong>di</strong>fferenti tecniche <strong>di</strong><br />

posa <strong>in</strong> base al supporto <strong>di</strong> orig<strong>in</strong>e si rimanda a BARBET-ALLAG 1972, <strong>in</strong> particolare<br />

sull’<strong>in</strong>cannucciata, pp. 944-945 e pp. 958-963. In generale circa i problemi relativi<br />

alle modalità <strong>di</strong> applicazione e alla composizione degli <strong>in</strong>tonaci si veda anche<br />

FRIZOT 1975.<br />

Per quanto concerne i nostri pezzi, il fatto che present<strong>in</strong>o tutti una superficie<br />

piana potrebbe far ipotizzare anche un loro posizionamento su un tramezzo, ma la<br />

struttura, l’articolazione del decoro e la sua estensione ci <strong>in</strong>ducono a ritenere con<br />

certezza che si tratti <strong>di</strong> pitture <strong>di</strong> soffitto.<br />

( 26 ) Vitruvio VII, 3, 6-8, considera un primo strato grossolano chiamato trulissatio<br />

(r<strong>in</strong>zaffo), sul quale vengono stesi i tre strati def<strong>in</strong>iti <strong>di</strong>rectiones (arriccio) fatti<br />

<strong>di</strong> sabbia e <strong>di</strong> calce, seguiti da tre ultimi strati a base <strong>di</strong> polvere <strong>di</strong> marmo, anch’essi<br />

chiamati <strong>di</strong>rectiones. I sette strati vitruviani costituiscono un massimo che <strong>in</strong> realtà<br />

non è mai praticamente raggiunto. Pl<strong>in</strong>io ad esempio non ne consiglia più <strong>di</strong> c<strong>in</strong>que<br />

(Nat. Hist. XXXVI, 23) e si arriva ad una semplificazione ancora maggiore col<br />

passare del tempo.<br />

119


120<br />

MICHELA MALLOCCI<br />

giore proporzione <strong>di</strong> calce, e da uno strato <strong>di</strong> superficie sottilissimo,<br />

<strong>di</strong> calce pura, supporto <strong>di</strong>retto della pittura ( 27 ).<br />

Evidenti risultano poi le tracce preparatorie ( 28 ): si tratta <strong>di</strong> l<strong>in</strong>ee<br />

guida realizzate sull’<strong>in</strong>tonaco ancora fresco con una punta molto<br />

f<strong>in</strong>e e acum<strong>in</strong>ata e con una riga e rilevate soprattutto <strong>in</strong> corrispondenza<br />

dei vari tratti che compongono la grossa cornice. Il compasso<br />

è <strong>in</strong>vece stato utilizzato per def<strong>in</strong>ire i cerchi concentrici <strong>di</strong> vario colore<br />

sui quali è stato tracciato il motivo a petali sovrapposti.<br />

Una caratteristica più volte notata nei numerosi <strong>in</strong>tonaci analizzati<br />

è la presenza, sulla loro superficie, <strong>di</strong> segni lasciati dalle setole<br />

del pennello: si tratta per lo più <strong>di</strong> grosse pennellate con vario orientamento,<br />

evidenti solitamente <strong>in</strong> zone <strong>di</strong> colore molto ampie o comunque<br />

<strong>in</strong> decorazioni piuttosto approssimative e affrettate. Tale<br />

aspetto è da attribuirsi al fatto che per queste pitture non è stata eseguita<br />

alcuna lucidatura, caratteristica anche essa attestata <strong>in</strong> numerose<br />

pitture prov<strong>in</strong>ciali ( 29 ).<br />

La gamma cromatica impiegata nella realizzazione del decoro del<br />

soffitto proposto appare molto estesa: predom<strong>in</strong>ano i rossi, nelle varie<br />

tonalità dal rosa f<strong>in</strong>o ad arrivare al marrone, ma largamente rappresentati<br />

risultano anche i ver<strong>di</strong>, i gialli e i costosi azzurri ( 30 ). Il<br />

bianco è utilizzato come base, nel motivo punt<strong>in</strong>ato e per realizzare<br />

tocchi che suggeriscono la <strong>di</strong>rezione della luce.<br />

Di particolare <strong>in</strong>teresse è ciò che si rileva nei campi <strong>di</strong> colore celeste:<br />

la presenza <strong>in</strong>fatti <strong>di</strong> frammenti fortemente rov<strong>in</strong>ati ha messo <strong>in</strong><br />

evidenza come tale colore risulti sempre steso su una base grigia.<br />

Questa sovrapposizione non è semplicemente dettata dal caso ma risulta<br />

un artificio atto ad esaltare o attenuare le proprietà <strong>di</strong> alcuni<br />

pigmenti, segno della maestria e della perfezione tecnica raggiunta<br />

dai romani <strong>in</strong> ambito pittorico. Tale pratica trova riscontro, come<br />

( 27 ) Confronti <strong>di</strong> una simile composizione della malta sono assai numerosi <strong>in</strong><br />

ambito prov<strong>in</strong>ciale: citiamo ad esempio ALLAG 1983, pp. 191-192; GHEDINI-BER-<br />

NARDONI 1988, p. 297.<br />

( 28 ) Per una dettagliata analisi sulla realizzazione dei tracciati preparatori si<br />

veda BARBET-ALLAG 1972, pp. 984-986; BARBET 1988, p. 105, unitamente ad <strong>in</strong>formazioni<br />

<strong>di</strong> carattere generale sulla tecnica pittorica.<br />

( 29 ) BARBET-ALLAG 1972 pp. 973-980.<br />

( 30 ) Il colore blu e il celeste sono impiegati raramente, <strong>di</strong> solito per piccole superfici<br />

(cupole, punt<strong>in</strong>ato) dato il loro elevato prezzo: si veda BARBET-ALLAG 1987,<br />

p. 29.<br />

In assenza <strong>di</strong> analisi microchimiche e micrografiche risulta purtroppo impossibile<br />

pronunciarsi sulla esatta natura dei colori impiegati.


Un soffitto affrescato dalla “Villa <strong>di</strong> Tigellio” (Cagliari): proposta <strong>di</strong> ricostruzione<br />

ben fa notare l’Augusti ( 31 ), nell’uso da parte <strong>di</strong> Pl<strong>in</strong>io <strong>di</strong> due <strong>di</strong>fferenti<br />

verbi per una stessa azione, quella <strong>di</strong> stendere un colore. Egli<br />

<strong>in</strong>fatti adopera ill<strong>in</strong>ere nel senso <strong>di</strong> <strong>di</strong>stendere un colore, opportunamente<br />

preparato con il suo glut<strong>in</strong>e, su <strong>di</strong> una superficie da <strong>di</strong>p<strong>in</strong>gere,<br />

che verrà a costituire la superficie def<strong>in</strong>itiva, esterna e visibile del<br />

<strong>di</strong>p<strong>in</strong>to; subl<strong>in</strong>ere ha <strong>in</strong>vece il senso <strong>di</strong> <strong>di</strong>stendere un colore (sempre<br />

opportunamente preparato con il suo glut<strong>in</strong>e) su una superficie, con<br />

il preciso compito però <strong>di</strong> costituire un “sottofondo” (un letto) per<br />

uno o più colori, che devono ricoprirlo, allo scopo <strong>di</strong> esaltarne o attenuarne<br />

la t<strong>in</strong>ta o <strong>di</strong> favorire la fissazione della superficie da <strong>di</strong>p<strong>in</strong>gere<br />

( 32 ).<br />

Si riportano ora i modelli utilizzati per la realizzazione della composizione<br />

ornamentale oggetto del nostro stu<strong>di</strong>o. L’analisi delle s<strong>in</strong>gole<br />

partizioni decorative non ha purtroppo dato luogo a confronti<br />

significativi sia tra le pitture campane che tra quelle prov<strong>in</strong>ciali: fortemente<br />

orig<strong>in</strong>ali ad esempio si palesano i motivi “a petali sovrapposti”<br />

o “a cornucopia”, accanto ai quali si rileva l’uso <strong>di</strong> elementi tra<strong>di</strong>zionali<br />

del repertorio figurativo pittorico, quali i festoni e i racemi<br />

vegetali, largamente utilizzati per colmare l’horror vacui che sembra<br />

aver colto l’artista.<br />

Un <strong>in</strong>teressante confronto è attestato per il motivo a punt<strong>in</strong>ato<br />

presente <strong>in</strong> alcune pitture frammentarie della Villa d’Ercole ad<br />

Aqu<strong>in</strong>cum (Ungheria): qui una banda decorata da punti <strong>di</strong> colore<br />

ocra scuro, giallo, blu chiaro e blu scuro <strong>in</strong>cornicia un pannello rosso<br />

a<strong>di</strong>acente ad una porta ( 33 ). Uguale associazione tra bande e punti<br />

si ritrova <strong>in</strong> una pittura ad Asburgo ( 34 ).<br />

121<br />

( 31 ) AUGUSTI 1967, pp. 33-37.<br />

( 32 ) Pl<strong>in</strong>io conferma il frequente uso <strong>di</strong> colori <strong>di</strong> fondo, chiamati anche sottofondo<br />

o letto (Nat. Hist. XXXIII, 5): egli ad esempio ricorda come per esaltare il<br />

colore del purpurissimum e conferirgli un tono rosso splendente od un tono purpureo,<br />

gli antichi impiegassero rispettivamente un sottostante letto <strong>di</strong> san<strong>di</strong>ce<br />

(rosso) o <strong>di</strong> ceruleo (azzurro). Come altro colore <strong>di</strong> sottofondo, egli cita poi la<br />

chrysocolla (verde): prima <strong>di</strong> metterla <strong>in</strong> opera si preparava un letto sottostante <strong>di</strong><br />

atramentoum (nero) e <strong>di</strong> paraetonium (bianco), due fissanti molto tenaci atti a far<br />

risaltare il colore; il paraetonium <strong>in</strong> particolare veniva usato perchè più grasso e<br />

più resistente sull’<strong>in</strong>tonaco a causa della sua levigatezza; <strong>in</strong>oltre per evitare che il<br />

verde della chrysocolla venisse reso troppo chiaro dal bianco del sottostante paraetonium,<br />

vi si <strong>in</strong>terponeva uno strato <strong>di</strong> nero.<br />

( 33 ) FRIZOT 1981, pp. 272-273.<br />

( 34 ) PARLASCA 1956, fig. 15.


122<br />

MICHELA MALLOCCI<br />

Un esplicito riferimento ai “bor<strong>di</strong> <strong>di</strong> tappeto” si riscontra nel<br />

“motivo a torri e spirali”, che def<strong>in</strong>isce i campi semicircolari posti ai<br />

quattro angoli del soffitto. Particolarmente appropriata per questo<br />

motivo risulta <strong>in</strong>fatti la def<strong>in</strong>izione <strong>di</strong> bor<strong>di</strong> <strong>di</strong> tappeto, ad <strong>in</strong><strong>di</strong>care<br />

una successione <strong>di</strong> motivi <strong>in</strong> banda, ripetuti, non figurati, <strong>in</strong> pr<strong>in</strong>cipio<br />

monocromi, che si sviluppano su una base uniforme e i cui elementi<br />

sembrano riprodurre quasi un pizzo traforato ( 35 ). Tali bor<strong>di</strong>,<br />

che appaiono <strong>in</strong> forma <strong>in</strong>cipiente <strong>in</strong> alcune decorazioni <strong>di</strong> terzo stile,<br />

acquistando tutto il loro splendore durante il quarto stile della pittura<br />

pompeiana, si estendono nell’uso f<strong>in</strong>o alla f<strong>in</strong>e del I sec. d.C.; il<br />

motivo si ritrova <strong>in</strong><strong>di</strong>st<strong>in</strong>tamente <strong>in</strong> decorazioni <strong>di</strong> pareti, <strong>di</strong> preferenza<br />

nei pannelli me<strong>di</strong>ani, negli zoccoli o nelle zone superiori come<br />

banda <strong>di</strong> passaggio, ma anche nei soffitti e nelle volte, def<strong>in</strong>endo<br />

campi <strong>di</strong> solito amplificati con bor<strong>di</strong> colorati semplici o doppi ( 36 ).<br />

La struttura compositiva del soffitto ricostruito può def<strong>in</strong>irsi, secondo<br />

la classificazione proposta dalla Barbet, “a bande concentriche”<br />

( 37 ). Numerose sono le sue attestazioni a Pompei e a Roma, già<br />

nel III stile, nei soffitti a volta, allo scopo <strong>di</strong> unificare i <strong>di</strong>fferenti<br />

piani creati dalla giustapposizione <strong>di</strong> volte e soffitti piatti. Particolarmente<br />

significativo è il confronto con la decorazione del cubiculum 2<br />

della “Casa del tramezzo <strong>di</strong> legno” ad Ercolano: sulla volta sono pre-<br />

( 35 ) BARBET 1981, pp. 917-918.<br />

( 36 ) Una proposta <strong>di</strong> classificazione <strong>di</strong> tali bor<strong>di</strong>, unitamente ad un nutrito numero<br />

<strong>di</strong> esempi, è stata realizzata della Barbet nel 1981 (BARBET 1981, pp. 917-<br />

998): <strong>in</strong> tale stu<strong>di</strong>o sono stati presi <strong>in</strong> considerazione 380 esempi <strong>di</strong>fferenti <strong>di</strong> bor<strong>di</strong><br />

<strong>di</strong> tappeto, r<strong>in</strong>venuti nei siti <strong>di</strong> Bolsena, Pompei, Ercolano, Stabia e Oplontis, e<br />

classificati <strong>in</strong> 15 gruppi secondo il prevalere nello schema compositivo <strong>di</strong> una figura<br />

geometrica e precisamente: spirali, greche o meandri, festoni, file <strong>di</strong> volute,<br />

triangoli capovolti, quadrilateri, ottagoni e pentagoni, semicerchi, tre quarti <strong>di</strong><br />

cerchio, cerchi, ovali, motivi ad esse, motivi longiformi e cor<strong>di</strong>formi; al gruppo<br />

<strong>in</strong><strong>di</strong>viduato come “file <strong>di</strong> motivi ripetuti” sembra appartenere il nostro motivo decorativo.<br />

Per un ulteriore approfon<strong>di</strong>mento sui “bor<strong>di</strong> <strong>di</strong> tappeto” si vedano <strong>in</strong>oltre<br />

ABAD CASAL 1982, pp. 394-395 e RIEMENSCHNEIDER 1986, pp. 105-112.<br />

( 37 ) BARBET 1985, p. 166: “Ce systeme consiste en une série de bandes qui<br />

s’emboîtent les unes dans les autres jusqu’au centre, où, généralement, dom<strong>in</strong>e<br />

une forme géométrique assez grande, qui s’<strong>in</strong>scrit dans un carré: on peut y voir<br />

logè un médaillon, un losange ou un autre carrè”. Il Ronczewski def<strong>in</strong>isce “geometrico”<br />

tale schema compositivo a bande concentriche per la rigida composizione<br />

geometrica, <strong>di</strong>fferenziandolo dal gruppo def<strong>in</strong>ito “decorativo” composto da un<br />

<strong>di</strong>spositivo <strong>di</strong> campi senza una griglia determ<strong>in</strong>ata, tranne che per alcune l<strong>in</strong>ee<br />

maestre, nella realizzazione del quale l’artefice è lasciato piuttosto libero nella scelta<br />

dei “campi” e della collocazione delle figure o scene figurate <strong>in</strong> genere. (K.N.<br />

RONCZEWSKI, Gewölbeschmuck im röm. Altertum 1903, pp. 15-25 ss.).


Un soffitto affrescato dalla “Villa <strong>di</strong> Tigellio” (Cagliari): proposta <strong>di</strong> ricostruzione<br />

senti al centro composizioni circolari con medaglioni, accompagnate<br />

da fogliame, elemento essenziale del decoro. Simile motivo circolare<br />

si ritrova ancora ad Ercolano nel cubiculum 23 della “Casa dell’Alcova”:<br />

la volta ribassata è decorata da un quadrato a lati <strong>in</strong>flessi; un<br />

cerchio è tangente a tale quadrato, un secondo, esterno, reso con<br />

una ghirlanda, è iscritto <strong>in</strong> un quadrato più grande. Sul cerchio<br />

esterno galoppano fel<strong>in</strong>i e alcuni cigni decorano la composizione,<br />

mentre le punte del quadrato si prolungano con un candelabro <strong>di</strong><br />

f<strong>in</strong>e fattura ( 38 ). Si tratta ancora <strong>di</strong> schemi decorativi poco articolati<br />

che preannunciano le composizioni centralizzate tipiche dei soffitti<br />

<strong>di</strong> IV stile.<br />

L’articolazione del soffitto presentato <strong>in</strong> questa sede trova un<br />

confronto particolarmente pregnante nella decorazione “a bande e<br />

bor<strong>di</strong> concentrici predom<strong>in</strong>anti” ( 39 ), che ebbe grande successo nel<br />

IV stile. Tale sistema predom<strong>in</strong>a <strong>in</strong> tutte le stanze <strong>di</strong> piccole <strong>di</strong>mensioni<br />

dove un solo soggetto centralizza l’attenzione, con una sola<br />

cornice come bordo esterno ( 40 ). Cerchi, ottagoni, rettangoli, ma anche<br />

losanghe e quadrati sono <strong>di</strong>stribuiti simmetricamente nella<br />

struttura decorativa. Bor<strong>di</strong> <strong>di</strong> tappeto complicano la trama e mascherano<br />

il quadrato regolare. In tali soffitti è <strong>in</strong>oltre attestato, nelle<br />

l<strong>in</strong>ee assiali, un largo utilizzo <strong>di</strong> piccole e<strong>di</strong>cole, <strong>di</strong> ghirlande e <strong>di</strong><br />

piccoli medaglioni <strong>di</strong>p<strong>in</strong>ti <strong>in</strong> trompe-l’oeil ( 41 ).<br />

Gli esempi sono assai numerosi: tra quelli più l<strong>in</strong>eari e schematici<br />

e dunque più simili al soffitto stu<strong>di</strong>ato, si cita la decorazione della<br />

volta nella Latr<strong>in</strong>a della “Casa delle Nozze d’argento” a Pompei<br />

(V,2, E) ( 42 ): le <strong>di</strong>mensioni del soffitto sono così esigue (1.62 x 1.64<br />

cm) che solo una composizione centralizzata risulta essere adeguata.<br />

Lo spazio è rettangolare ma la composizione è data da un quadrato<br />

sulla punta, nel quale è <strong>in</strong>scritto un medaglione circolare def<strong>in</strong>ito da<br />

un bordo <strong>di</strong> tappeto a semicerchi; al centro si trova un cavallo mar<strong>in</strong>o<br />

che impenna, mentre al centro <strong>di</strong> ciascun lato del quadrato sono<br />

presenti corni potori sospesi tramite nastri term<strong>in</strong>anti con fiocchi;<br />

sull’imposta della volta, per occupare lo spazio libero del rettangolo,<br />

( 38 ) BARBET 1993, pp. 368-369, fig. LXXII, 2 e fig. LXXXV; BARBET 1985, pp. 156-<br />

157, fig. 105-106.<br />

( 39 ) BARBET 1985, pp. 225-235; BARBET 1993, p. 371.<br />

( 40 ) Tale composizione assai semplice e centralizzata ben si ad<strong>di</strong>ce al soffitto<br />

proposto la cui estensione ricostruita è <strong>di</strong> circa 1.85 x 1.85 mt.<br />

( 41 ) BARBET 1993, p. 371.<br />

( 42 ) BARBET 1985, p. 226, fig. 162.<br />

123


124<br />

MICHELA MALLOCCI<br />

due <strong>di</strong>schi delimitano i vertici del quadrato centrale. Più articolato è<br />

<strong>in</strong>vece lo schema decorativo conservato nell’oecus A della “Casa dei<br />

Cervi” ad Ercolano (IV,21) ( 43 ): il soffitto piatto a fondo rosso uniforme<br />

è decorato da bor<strong>di</strong> sottili e concentrici; al centro, <strong>in</strong> un medaglione<br />

def<strong>in</strong>ito da una banda e da un bordo ricamato, unitamente<br />

ad una corona <strong>di</strong> foglie decorata da piccoli fiori, è rappresentata una<br />

testa <strong>di</strong> Atena con elmo. Si tratta <strong>di</strong> una composizione raff<strong>in</strong>ata, dai<br />

dettagli accurati, <strong>in</strong> cui i cerchi e i semicerchi giocano con le l<strong>in</strong>ee<br />

rette, mentre cornici <strong>di</strong> foglie e fiori <strong>in</strong> curvature leggere accompagnano<br />

il sistema <strong>di</strong> bande concentriche.<br />

Elementi ricorrenti quali il medaglione centrale con scena figurata,<br />

i bor<strong>di</strong> <strong>di</strong> tappeto e i motivi vegetali che <strong>in</strong>trecciano tutte le forme,<br />

attestati nel soffitto proposto e negli esempi citati, si ritrovano<br />

anche nella stanza 38 della “Villa <strong>di</strong> Poppea” ad Oplontis. Qui il<br />

soffitto rosso presenta al centro un grande rettangolo allungato, circondato<br />

da un bordo semplice, che racchiude un rombo occupato<br />

da un cigno <strong>in</strong> volo. Due bor<strong>di</strong> c<strong>in</strong>gono la composizione centrale: il<br />

primo a buona <strong>di</strong>stanza dal centro è costituito da festoni, il secondo<br />

è un bordo pieno che si prolunga f<strong>in</strong>o agli angoli della stanza per risparmiare<br />

un piccolo scompartimento quadrato. Entro queste bande<br />

concentriche prendono posto ornamenti <strong>di</strong>fferenti: tirsi, delf<strong>in</strong>i,<br />

kantharoi ( 44 ).<br />

La decorazione a bande e bor<strong>di</strong> concentrici <strong>di</strong>venta sempre più ricca,<br />

quasi ridondante, nell’esteso soffitto a volta della stanza HH della<br />

“Casa <strong>di</strong> Caius Julius Polybius”, dove, nella parte centrale del decoro,<br />

ritroviamo un quadrato che circonda un medaglione def<strong>in</strong>ito da una<br />

serie <strong>di</strong> ghirlande e contenente un grande volatile ( 45 ). Numerosissimi<br />

sono gli esempi <strong>di</strong> tali composizioni centripete e sempre più articolate,<br />

con motivi accessori quali animali che camm<strong>in</strong>ano sulle bande, palmette,<br />

tirsi, festoni <strong>di</strong> foglie per collegare i vari elementi, cigni, delf<strong>in</strong>i,<br />

grifi. Unitamente al quadrato centrale e ad una serie <strong>di</strong> cerchi concentrici<br />

talvolta tangenti, tendono <strong>in</strong>oltre ad acquistare una sempre maggiore<br />

importanza motivi posti <strong>in</strong> <strong>di</strong>agonale che si <strong>di</strong>partono dal centro<br />

della composizione: questi <strong>di</strong>venteranno predom<strong>in</strong>anti nei soffitti <strong>di</strong><br />

( 43 ) BARBET 1985, pp. 225-226, figg. 160-161; BARBET 1993, p. 371 fig. LXXVI,<br />

TRAN TAM TINH 1988, p. 49, nota 17b (dove l’autore rettifica che non si tratta <strong>di</strong><br />

una testa <strong>di</strong> Mercurio come prospettato dalla Barbet nel 1985 ma <strong>di</strong> una testa <strong>di</strong><br />

Atena).<br />

( 44 ) BARBET 1985, p. 228.<br />

( 45 ) BARBET 1985, pp. 236-239, fig. 172.


Un soffitto affrescato dalla “Villa <strong>di</strong> Tigellio” (Cagliari): proposta <strong>di</strong> ricostruzione<br />

età adrianea, ma non risultano particolarmente rilevanti per la decorazione<br />

<strong>in</strong> esame.<br />

Lo schema compositivo ad andamento circolare ricorrente nel III<br />

e IV stile si ritrova anche a partire dalla metà del II e nel III sec. d.C.<br />

Secondo la classificazione tipologica prospettata dalla Joyce è questo<br />

il “tipo accentrato circolare”, così def<strong>in</strong>ito <strong>in</strong> quanto la decorazione<br />

è strutturata attorno ad un motivo centrale <strong>di</strong> forma circolare e costituisce<br />

un <strong>di</strong>segno basato su cerchi concentrici ( 46 ). Molteplici<br />

sono gli esempi che si possono addurre.<br />

Una sezione della volta a botte del corridoio sotto S. Giovanni Laterano<br />

( 47 ) presenta una decorazione databile al 180-190 d.C. circa,<br />

costituita da un grande cerchio <strong>in</strong>scritto dentro il campo rettangolare<br />

del soffitto. Quattro lunette stanno dentro il bordo del cerchio sugli<br />

assi maggiori. Sui lati corti, tra le lunette, si trovano comparti rettangolari<br />

decorati solo con una l<strong>in</strong>ea orizzontale, mentre racemi vegetali<br />

riempiono gli spazi tra i vari compartimenti; tutte le l<strong>in</strong>ee curve sono<br />

ornate da bor<strong>di</strong> a dentelli che fronteggiano il centro del <strong>di</strong>segno; un<br />

secondo cerchio, forse contenente un quadrato e un motivo decorativo<br />

non def<strong>in</strong>ito, completa la decorazione.<br />

Databile nello stesso periodo è anche una volta a botte <strong>di</strong>p<strong>in</strong>ta<br />

dal Canopo della Villa <strong>di</strong> Adriano: questa è decorata al centro da un<br />

cerchio e da quattro cerchi più piccoli negli assi maggiori, ciascuno<br />

dei quali contiene un motivo ornamentale ora <strong>in</strong>decifrabile; foglie e<br />

fiori riempiono lo spazio risultante. Tale campo centrale è poi racchiuso<br />

da un cerchio più grande. L’anello <strong>in</strong> questo modo creato è<br />

poi <strong>di</strong>viso, tramite l<strong>in</strong>ee curve, <strong>in</strong> piccole e gran<strong>di</strong> sezioni trapezoidali<br />

decorate da tritoni e motivi floreali. Un’altra serie <strong>di</strong> compartimenti<br />

completa la decorazione unitamente a triangoli, antilopi e racemi<br />

con fiori.<br />

Si consideri <strong>in</strong>f<strong>in</strong>e la decorazione della volta della stanza 6 nella<br />

“Casa dei soffitti <strong>di</strong>p<strong>in</strong>ti” ad Ostia, ugualmente databile alla f<strong>in</strong>e del<br />

II sec. d.C. ( 48 ). Qui cerchi concentrici e lunette, delimitate da l<strong>in</strong>ee<br />

rosse e gialle, <strong>di</strong>vidono il campo bianco. Un tondo centrale contiene<br />

una figura alata circondata da volute vegetali. Il cerchio esterno, tangente<br />

i muri lunghi della stanza, conf<strong>in</strong>a con altre quattro lunette,<br />

ciascuna contenente un delf<strong>in</strong>o e un tridente; <strong>in</strong> rispondenza dei<br />

( 46 ) JOYCE 1981, pp. 80-82: per la bibliografia relativa ai vari esempi si rimanda<br />

a tale testo.<br />

( 47 ) L. DE BRUNE 1969, p. 88, figg. 5-7.<br />

( 48 ) JOYCE fig. 85; FELLETTI MAJ 1971, p. 20, pianta V, 2.<br />

125


126<br />

MICHELA MALLOCCI<br />

pennacchi della volta vi erano motivi floreali. È questa una decorazione<br />

ad andamento fortemente l<strong>in</strong>eare, quasi del tutto priva <strong>di</strong> ornamenti<br />

<strong>di</strong> tipo vegetale e costituita da compartimenti def<strong>in</strong>iti da<br />

semplici tratti con all’<strong>in</strong>terno figure animali <strong>di</strong> gran<strong>di</strong> proporzioni.<br />

Si è ben lontani dunque dalla decorazione baroccheggiante a t<strong>in</strong>te<br />

vivaci attestata nel soffitto stu<strong>di</strong>ato.<br />

Un’ulteriore semplificazione <strong>di</strong> tale schema si rileva anche nella<br />

decorazione delle volte delle catacombe, all’<strong>in</strong>izio del tardo II secolo<br />

e s<strong>in</strong>o al IV, anche se più spesso si trova <strong>in</strong> abb<strong>in</strong>amento ad elementi<br />

assiali, <strong>di</strong>agonali o ra<strong>di</strong>ali, <strong>in</strong> particolare nella galleria dei Flavi e nelle<br />

catacombe <strong>di</strong> Domitilla (Cripta <strong>di</strong> Luc<strong>in</strong>a, cubicula X e C),<br />

Priscilla e Pietro e Marcell<strong>in</strong>o ( 49 ).<br />

Conclusioni<br />

Proporre una datazione del soffitto della Villa <strong>di</strong> Tigellio sulla<br />

base <strong>di</strong> considerazioni <strong>di</strong> carattere prettamente stilistico appare rischioso.<br />

Tutte le <strong>in</strong>formazioni che scaturiscono dal reperimento degli<br />

<strong>in</strong>tonaci all’<strong>in</strong>terno <strong>di</strong> uno scavo stratigrafico e da un’attenta<br />

analisi sul terreno sono <strong>in</strong>fatti venute meno: il posizionamento dei<br />

frammenti all’atto della loro caduta, la localizzazione all’<strong>in</strong>terno delle<br />

domus dell’ambiente che conteneva il soffitto, e conseguentemente<br />

i decori delle pareti <strong>di</strong> tale vano, sono tasselli mancanti nel processo<br />

<strong>di</strong> ricostruzione.<br />

Tale soffitto è comunque un documento assai significativo del<br />

gusto un poco sfarzoso <strong>di</strong> una determ<strong>in</strong>ata epoca: la ridondanza nell’uso<br />

<strong>di</strong> elementi decorativi astratti e vegetali, per quanto scarsamente<br />

attestati nel repertorio figurativo pittorico, unitamente ad una ricchissima<br />

tavolozza <strong>di</strong> colori e ad una struttura a bande concentriche<br />

con punto focale centrale, rimandano al IV stile. Si tratta comunque<br />

<strong>di</strong> tendenze ornamentali che <strong>in</strong> parte provengono certamente da stili<br />

anteriori e che si prolungheranno ben oltre il I sec d.C.<br />

Occorre <strong>in</strong>oltre ricordare che per il IV stile sembra che ci siano<br />

maggiori <strong>di</strong>fferenze fra le decorazioni romano-campane e quelle prov<strong>in</strong>ciali.<br />

Mancano allo stato attuale stu<strong>di</strong> dei modelli <strong>di</strong> sviluppo stilistico,<br />

del repertorio ornamentale ed iconografico relativi alla pittura<br />

prov<strong>in</strong>ciale, pertanto reperire il sistema <strong>di</strong> trasmissione <strong>di</strong> nuove<br />

idee tra il centro e le prov<strong>in</strong>ce è piuttosto complicato. Considerando<br />

tuttavia un certo attardamento nell’esportazione dei modelli da<br />

( 49 ) JOYCE 1981, nota 70.


Un soffitto affrescato dalla “Villa <strong>di</strong> Tigellio” (Cagliari): proposta <strong>di</strong> ricostruzione<br />

adattare poi alle necessità locali, una datazione alla seconda metà del<br />

I sec. d.C sembra la più plausibile e ben si adatta alla seconda fase <strong>di</strong><br />

vita della “Casa del Tabl<strong>in</strong>o <strong>di</strong>p<strong>in</strong>to” e a una rifrequentazione della<br />

“Casa degli Stucchi”.<br />

Si sottol<strong>in</strong>ea <strong>in</strong>f<strong>in</strong>e che quelli proposti sono risultati provvisori,<br />

suscettibili <strong>di</strong> completamenti o correzioni. Evidenziamo tuttavia che<br />

se “una buona restituzione è quella che riesce a utilizzare tutti i<br />

frammenti <strong>di</strong>p<strong>in</strong>ti <strong>in</strong> modo sod<strong>di</strong>sfacente, <strong>in</strong> quanto ad una grossa<br />

percentuale <strong>di</strong> scarti corrisponde un’ugualmente forte percentuale<br />

d’<strong>in</strong>certezza” ( 50 ), per la ricostruzione proposta sono stati impiegati<br />

la quasi totalità dei frammenti reperiti.<br />

( 50 ) BARBET 1973, p. 81.<br />

127


128<br />

Abbreviazioni bibliografiche<br />

MICHELA MALLOCCI<br />

ABAD CASAL 1982 = L. ABAD CASAL, La p<strong>in</strong>tura romana en España, Alicante-<br />

Sevilla 1982.<br />

ALLAG 1983 = C. ALLAG, Enduits pe<strong>in</strong>ts d’Orléans, Gallia XLI, 1983, pp. 192-200.<br />

ANGIOLILLO et alii 1981-1985 = S. ANGIOLILLO et alii, Cagliari - “Villa <strong>di</strong><br />

Tigellio” - Campagna <strong>di</strong> Scavo 1980, SS XXVI, 1981-1985, pp. 113-238.<br />

ANGIOLILLO-SALETTI 1980-1981 = S. ANGIOLILLO-C. SALETTI, Cagliari “Villa <strong>di</strong><br />

Tigellio”. I materiali dei vecchi scavi, AFLC 40, 1980-1981, pp. 21-157.<br />

ANGIOLILLO 1987 = S. ANGIOLILLO, L’arte della Sardegna romana, Milano 1987.<br />

AUGUSTI 1967 = S. AUGUSTI, I colori pompeiani, Roma 1967.<br />

BARBET-ALLAG 1972 = A. BARBET-C. ALLAG, Tecniques de prèparation des parois<br />

dans la pe<strong>in</strong>ture murale roma<strong>in</strong>e, MEFRA 84, 1972, pp. 935-1069.<br />

BARBET 1974 = A. BARBET, Recueil général des pe<strong>in</strong>tures murales de la Gaule,<br />

XXVII Supplément à Gallia, Paris 1974.<br />

BARBET 1981 = A. BARBET, Les bordures ajourées dans le IVe style de Pompei, MEFRA<br />

93, 1981, pp. 917-998.<br />

BARBET-ALLAG 1987 = A. BARBET-C. ALLAG, Pe<strong>in</strong>tures roma<strong>in</strong>es: Musée de Vaisonla<br />

Roma<strong>in</strong>e, guide catalogue, Paris 1987.<br />

BARBET 1988 = A. BARBET, La Tecnica Pittorica, <strong>in</strong> Romana Pictura: La pittura<br />

dalle orig<strong>in</strong>i all’età bizant<strong>in</strong>a, Catalogo della Mostra <strong>di</strong> Rim<strong>in</strong>i, ed. A. Donati,<br />

Venezia 1998, pp. 103-111.<br />

BARBET 1993 = A. BARBET, La pe<strong>in</strong>ture des plafonds et des voutes à Rome,<br />

Herculanum, Stabies et Pompéi, <strong>in</strong> Ercolano 1738-1988: 250 anni <strong>di</strong> ricerca<br />

archeologica, Atti del convegno <strong>in</strong>ternazionale Ravello-Ercolano-Napoli-<br />

Pompei 1988, ed. L. dell’Orto, Roma 1993, pp. 365-381.<br />

COLAVITTI 1992 = A.M. COLAVITTI, Ipotesi sulla struttura urbanistica <strong>di</strong> Carales<br />

romana, L’africa Romana X, 3 1992, pp. 1021-1034.<br />

DE BRUNE 1969 = L. DE BRUNE, L’importanza degli scavi lateranensi per la cronologia<br />

delle prime pitture catacombali, RAC 44, 1969, pp. 81-113.<br />

FELLETTI-MAJ 1971 = B.M. FELLETTI-MAJ, Le pitture delle case delle Volte Dip<strong>in</strong>te e<br />

delle Pareti Gialle, Monumenti della Pittura antica scoperti <strong>in</strong> Italia, Sez. 3,<br />

Fasc. IV, Roma 1971.<br />

FRIZOT 1975 = M. FRIZOT, Mortiers et enduits pe<strong>in</strong>tes antiques. Etude Technique et<br />

archéologique, s.l. 1975.


Un soffitto affrescato dalla “Villa <strong>di</strong> Tigellio” (Cagliari): proposta <strong>di</strong> ricostruzione<br />

129<br />

FRIZOT 1981 = M. FRIZOT, Les pe<strong>in</strong>tures murales roma<strong>in</strong>es de Hongrie, RA 1981,<br />

pp. 261-276.<br />

GHEDINI-BERNARDONI 1988 = F. GHEDINI-E. BAGGIO BERNARDONI, Il soffitto<br />

affrescato della domus romana del Serraglio Albrizzi <strong>di</strong> Este: proposta <strong>di</strong> ricostruzione,<br />

QdAV IV, 1988, pp. 286-303.<br />

MARTINI 1865 = P. MARTINI, Appen<strong>di</strong>ce alla raccolta delle pergamene, dei co<strong>di</strong>ci,<br />

dei fogli cartacei <strong>di</strong> Arborea, Cagliari 1865.<br />

MELONI 1947 = P. MELONI, Note su Tigellio, SS VII, 1947, pp. 115-151.<br />

MIELSCH 1990 = A. MIELSCH, La Villa romana, Firenze 1990.<br />

MONGIU 1995 = M.A. MONGIU, Stampace: un quartiere tra polis e chora, <strong>in</strong> Cagliari<br />

Quartieri storici: Stampace, ed. T. Kirova, F. Masala, M.A. Mongiu et<br />

alii, Cagliari 1995.<br />

PARLASCA 1956 = K. PARLASCA, Römische Wandmalareien <strong>in</strong> Augsburg, München,<br />

1956.<br />

PESCE 1964-1965 = G. PESCE, Case Romane a “Campo Viale” <strong>in</strong> Cagliari, SS 19,<br />

1964-1965, pp. 329-348.<br />

TRAN TAM TINH 1988 = V. TRAN TAM TINH, La Casa dei Cervi à Herculanum,<br />

Roma 1988.<br />

RIEMENSCHNEIDER 1986 = U. RIEMENSCHNEIDER, Pompejanische Ornamentbander<br />

des Vierten Stils, Boreas 9, 1986, pp. 105-112.<br />

LA “VILLA DI TIGELLIO” 1981: AA.VV, La “Villa <strong>di</strong> Tigellio”. Mostra degli scavi,<br />

Cagliari 1981.


130<br />

MICHELA MALLOCCI<br />

Tav. I. Cagliari, Villa <strong>di</strong> Tigellio: planimetria della Casa degli Stucchi (1-37) e della<br />

Casa del Tabl<strong>in</strong>o <strong>di</strong>p<strong>in</strong>to (A-Z)


Un soffitto affrescato dalla “Villa <strong>di</strong> Tigellio” (Cagliari): proposta <strong>di</strong> ricostruzione<br />

0 cm 50 cm 100 cm<br />

Tav. II. Ricostruzione grafica del soffitto della Villa <strong>di</strong> Tigellio con i pezzi chiave.<br />

131


132<br />

1<br />

2<br />

MICHELA MALLOCCI<br />

Tav. III. 1: Particolare della ricostruzione con frammenti che presentano il motivo<br />

a petali sovrapposti e il motivo a torri e spirali; 2: Particolare della ricostruzione<br />

con frammenti che presentano il motivo a torri e spirali e il motivo “a cornucopia”


Un soffitto affrescato dalla “Villa <strong>di</strong> Tigellio” (Cagliari): proposta <strong>di</strong> ricostruzione<br />

0 cm 5 cm<br />

0 cm 5 cm<br />

Tav. IV. 1: Frammenti con motivo punt<strong>in</strong>ato; 2: Frammenti con motivo a petali<br />

sovrapposti.<br />

133<br />

1<br />

2


1<br />

2<br />

134<br />

0 cm 5 cm<br />

0 cm 5 cm<br />

Tav. V. 1: Frammenti con motivo a torri; 2: Frammenti con festoni;<br />

MICHELA MALLOCCI


Un soffitto affrescato dalla “Villa <strong>di</strong> Tigellio” (Cagliari): proposta <strong>di</strong> ricostruzione<br />

0 cm<br />

Tav. VI. 1: Frammenti con motivo a fiore con cerchi; 2: Pannello realizzato da G.<br />

Pesce con frammenti <strong>di</strong> cornice e frammenti che conservano il motivo a fiore con<br />

cerchi.<br />

5 cm<br />

135<br />

1<br />

2


136<br />

0 cm<br />

MICHELA MALLOCCI<br />

Tav. VII. Rovescio <strong>di</strong> un frammento del soffitto recante i segni dell’<strong>in</strong>cannucciata.<br />

5 cm


LUIGI LEURINI<br />

CITAZIONI DA POETI GRECI NEL<br />

DE ISIDE ET OSIRIDE DI PLUTARCO<br />

SOMMARIO: 1. Aeschylus. – 2. Aratus. – 3. Carmen populare. – 4. Empedocles. –<br />

5. Euripides. – 6. Hermodotus. – 7. Hesiodus. – 8. Homerus. – 9.<br />

P<strong>in</strong>darus. – 10. Simonides.<br />

Nel r<strong>in</strong>novato fervore <strong>di</strong> stu<strong>di</strong> su Plutarco, numerosi sono stati i<br />

contributi rivolti anche alle trentasette citazioni da poeti greci nel De<br />

Iside et Osiride ( 1 ); mi è sembrato tuttavia che ancora qualcosa potesse<br />

essere detto <strong>in</strong> merito a queste, sia sull’uso, ovviamente strumentale,<br />

che ne fa Plutarco, sia sui riflessi che tale modo <strong>di</strong> citare – affiancato<br />

dall’eventuale parallelo della medesima menzione <strong>in</strong> altre opere dello<br />

stesso Plutarco – produce sul testo del poeta citato.<br />

1. Aeschylus.<br />

1.1. Aeschyl. TrGF 354 Radt (= 310b Mette)<br />

ajpoptuvsai dei` kai;; kaqhvrasqai stovma.<br />

( 1 ) Si vedano <strong>in</strong> particolare F. PORDOMINGO, Les Citations poétiques du De Iside<br />

et Osiride: leur Function dans le Traité, <strong>in</strong> L. VAN DER STOCKT (Ed.), Rhetorical<br />

Theory and Praxis <strong>in</strong> Plutarch, Acta of the IVth International Congress of the<br />

International Plutarch Society, Leuven, July 3-6 1996, Louva<strong>in</strong> – Namur 2000,<br />

pp. 355-373, G. BONA, Citazioni omeriche <strong>in</strong> Plutarco, <strong>in</strong> Strutture formali dei<br />

“Moralia” <strong>di</strong> Plutarco, Atti del III Convegno plutarcheo Palermo, 3-5 maggio<br />

1989, a cura <strong>di</strong> G. D’Ippolito e I. Gallo, Napoli 1990, pp. 151-162, L. CASTAGNA,<br />

P<strong>in</strong>daro <strong>in</strong> Plutarco, ibidem, pp. 163-185, F. PORDOMINGO PARDO, Las Citas de<br />

“Carm<strong>in</strong>a popularia” en Plutarco, ibidem, pp. 213-224, G. CASADIO, Strategie delle<br />

citazioni nel “De Iside et Osiride”: un platonico greco <strong>di</strong> fronte a una cultura religiosa<br />

‘altra’, ibidem, pp. 257-271; il r<strong>in</strong>vio a questi contributi, per ogni occorrenza, è<br />

tacito.


138<br />

LUIGI LEURINI<br />

Il frammento è tramandato da Plut. De Is. et Os. 20 (=mor. 358E)<br />

o{ti me;n ou\n, eij tau`ta peri; th`~ makariva~ kai; ajfqavrtou fuvsew~,<br />

kaq∆ h}n mavlista noei`tai to; qei`on, wJ~ ajlhqw`~ pracqevnta kai;<br />

sumpesovnta doxavzousi kai; levgous<strong>in</strong>, æajpoptuvsai dei` kai;<br />

kaqhvrasqaiæ to; æstovmaæ kat∆ Aijscuvlon, oujde;n dei` levge<strong>in</strong> pro;~ sev<br />

ktl., che ne costituisce l’unico testimone. Viene citato <strong>in</strong> un contesto<br />

polemico a conclusione della narrazione del mito dello smembramento<br />

<strong>di</strong> Osiride e della lotta tra Horos e Tifone: Plutarco sostiene<br />

<strong>in</strong>fatti che le narrazioni del mito non debbono essere ritenute come<br />

fatti veritieri e realmente accaduti – se così fosse, sarebbe il caso <strong>di</strong><br />

<strong>di</strong>re con Eschilo “bisogna sputare e purificarsi la bocca” – ma sono il<br />

riflesso <strong>di</strong> una <strong>in</strong>formazione che sposta il pensiero su altre immag<strong>in</strong>i.<br />

L’andamento metrico traballante sembra <strong>di</strong>mostrare che la citazione<br />

ha subito un pesante adeguamento al contesto del De Iside, e<br />

non è da escludere che oltre a tov pure altri elementi accessori, quali<br />

dei ` e/o kaiv, siano da attribuire all’<strong>in</strong>tervento <strong>di</strong> Plutarco ( 2 ).<br />

Che il frammento appartenesse alle Perraibivde~ o al Lai`o~ <strong>di</strong><br />

Eschilo (cfr. TrGF Aeschyl. F 186a e 122a Radt) è stato proposto da<br />

R. Reitzenste<strong>in</strong> ( 3 ) sulla base <strong>di</strong> Et. Gen. A a 970 (cfr. Etym. Magn.<br />

Auct. a 1524) Lass. - Livad. ajpavrgmata […]. o{ti de; kai; ejgeuvonto<br />

tou` ai{mato~ kai; ajpevptuon, Aijscuvlo~ ejn tai`~ Perraibivs<strong>in</strong><br />

(TrGF 186a Radt) iJstorei` kai; ejn tw`/ peri; Lai?w/ (TrGF 122a<br />

Radt), dove sembrano effettivamente ripresi alcuni term<strong>in</strong>i dell’espressione<br />

citata da Plutarco. Tuttavia, proprio il fatto che la parafrasi<br />

degli Etimologici co<strong>in</strong>cide solo <strong>in</strong> parte con il testo della citazione<br />

<strong>di</strong> Plutarco, dal momento che ajpevptuon corrisponde bene a<br />

ajpoptuvsai ma ejgeuvonto non compare nel De Iside e, viceversa, il<br />

fatto che nell’Etymologicum non c’è traccia <strong>di</strong> kaqhvrasqai, sembrano<br />

giustificare la prudenza che ha <strong>in</strong>dotto S. Radt a collocare il fammento<br />

<strong>di</strong> Eschilo tra quelli ex <strong>in</strong>certis fabulis. Potremmo essere <strong>di</strong><br />

( 2 ) Il frammento è solo segnalato <strong>in</strong> L. DI GREGORIO, Lettura <strong>di</strong>retta e<br />

utilizzazione <strong>di</strong> fonti <strong>in</strong>terme<strong>di</strong>e nelle citazioni plutarchee dei tre gran<strong>di</strong> tragici,<br />

Aevum 53, 1979, p. 29 e n. 100, che registra l’impressione <strong>di</strong> una citazione <strong>di</strong><br />

seconda mano.<br />

( 3 ) Da R. REITZENSTEIN, Index Lectionum <strong>in</strong> Academia Rostochiensi, 1890-1891,<br />

p. 4; per altre attribuzioni si veda il commento <strong>di</strong> S. Radt a TrGF Aeschyli F 354. Ai<br />

Misi pensava <strong>in</strong>vece F.G. WELCKER (Nachtrag zu der Schrift über <strong>di</strong>e Äschyleische<br />

Trilogie, nebst e<strong>in</strong>er Abhandlung über das Satyrspiel, Frankfurt a. M. 1826, p. 179 e<br />

Die griechischen Tragö<strong>di</strong>en mit Rucksicht auf dem epischen Cyclus geordnet von<br />

F.G. WELCKER, Bonn 1839-1841, p. 56), alla Niobe J.A. HARTUNG (Aischylos’<br />

Fragmente griechisch mit metrischer Übersetzung und prüfenden und erklärenden<br />

Anmerkungen von J.A. HARTUNG, Leipzig 1855, p. 121).


Citazioni da poeti greci nel De Iside et Osiride <strong>di</strong> Plutarco<br />

139<br />

fronte a uno <strong>di</strong> quei casi, non rari <strong>in</strong> Plutarco ( 4 ), <strong>in</strong> cui lo scrittore<br />

per motivi <strong>di</strong> sua leggibilità mette <strong>in</strong>sieme contesti <strong>di</strong>fferenti smembrando<br />

s<strong>in</strong>goli versi e ricomponendo con i segmenti ottenuti una<br />

espressione apparentemente unitaria; <strong>in</strong> questo caso le Perraibivde~<br />

e/o il Lai`o~ <strong>di</strong> Eschilo sarebbero co<strong>in</strong>volti relativamente a ajpoptuvsai<br />

<strong>di</strong> Plutarco e a ejgeuvonto tou` ai{mato~ degli Etimologici ( 5 ),<br />

mentre kaqhvrasqai stovma del De Iside riguarderebbe un altro<br />

dramma.<br />

2. Aratus.<br />

2.1. Arat. Phaen. 149-151<br />

“Enqa me;n hjelivoio qereivtataiv eijsi kevleuqoi:<br />

aiJ dev pou ajstacuvwn keneai; faivnontai a[rourai<br />

hjelivou ta; prw`ta sunercomevnoio Levonti.<br />

La citazione del v. 151 dei Phaenomena si trova <strong>in</strong> Plut. De Is. et<br />

Os. 38 (= mor. 366A), ma una sua parafrasi compare pure <strong>in</strong> Quaest.<br />

conv. IV 5,2 (= mor. 670C). Relativamente al verso <strong>di</strong> Arato la tra<strong>di</strong>zione<br />

manoscritta del De Iside non soffre <strong>di</strong> alcun guasto rispetto a<br />

quella del poema, ma è <strong>in</strong>teressante rilevare l’uso che ne fa Plutarco.<br />

Egli <strong>in</strong>fatti, quasi <strong>in</strong> chiave eziologica, mette <strong>in</strong> relazione con le piene<br />

del Nilo la venerazione che gli Egiziani riservano ai leoni, perché<br />

il Nilo straripa “appena il sole entra nella costellazione del leone”<br />

(kai; to;n levonta timw`si kai; cavsmasi leonteivoi~ ta; tw`n iJerw`n<br />

qurwvmata kosmou`s<strong>in</strong>, o{ti plhmmurei` Nei`lo~ (Arat. Phaen. 151):<br />

æhjelivou --- levontiæ. Il testo <strong>di</strong> Arato, tuttavia, non offre alcuno<br />

spunto per una operazione <strong>di</strong> questo genere ( 6 ), da imputare qu<strong>in</strong><strong>di</strong><br />

all’estro <strong>di</strong> Plutarco: che sembra sostenuto, <strong>in</strong>vece, dalla tra<strong>di</strong>zione<br />

degli scolii a Arato, dove compaiono <strong>in</strong> effetti un riferimento alle<br />

( 4 ) Questa nostra <strong>di</strong>sam<strong>in</strong>a ci propone almeno l’esempio <strong>di</strong> De Iside 48 (= mor.<br />

370D), dove Plutarco smembra i contesti <strong>di</strong> Emped. F 4,18-19 Gall. e <strong>di</strong> F 113,2<br />

Gall. per associarli <strong>in</strong> sequenze che non rispondono a quelle del testo <strong>di</strong><br />

Empedocle ma sono funzionali alla categorizzazione che Plutarco opera dei<br />

pr<strong>in</strong>cipi del filosofo <strong>di</strong> Agrigento.<br />

( 5 ) In Eschilo, forme <strong>di</strong> geuve<strong>in</strong>, verbo <strong>di</strong> largo uso <strong>in</strong> trage<strong>di</strong>a, sono attestate<br />

<strong>in</strong> TrGF Aeschyl. F *29 (dal Glau`ko~ Povntio~) e F 243,2 Radt (dai Toxovtide~),<br />

oltre che <strong>in</strong> Ag. 1222.<br />

( 6 ) Del resto, l’astronomo Ipparco (p. 55) e gli scoliasti a Apoll. Rh. Argon. II<br />

498, che pure citano il verso <strong>di</strong> Arato, lo utilizzano solo <strong>in</strong> senso astronomico.


140<br />

LUIGI LEURINI<br />

protomi leon<strong>in</strong>e dei templi (Schol. M Q D D D V U A Arat. Phaen.<br />

152 p. 155, 7 ss. Mart<strong>in</strong>) e la menzione delle piene del Nilo (Schol.<br />

M Q D D D V U A S Arat. Phaen. 152 p. 155,16 Mart<strong>in</strong>).<br />

3. Carmen populare.<br />

3.1. PMG Carm. pop. 25 (PMG 871 Page = PLG III p. 656<br />

Bergk 4 = Anth. Lyr. II p. 206 Diehl)<br />

ejlqei`n h{rw Diovnuse<br />

∆Aleivwn ej~ nao;n<br />

aJgno;n su;n Carivtess<strong>in</strong><br />

ej~ nao;n<br />

5 tw`/ boevw/ po<strong>di</strong>; duvwn,<br />

a[xie tau`re,<br />

a[xie tau`re ( 7 ).<br />

In Plut. De Is. et Os. 35 (= mor. 364F) aiJ d∆ ∆Hleivwn gunai`ke~ kai;<br />

parakalou`s<strong>in</strong> eujcovmenai æpo<strong>di</strong>; boeivw/ to;n qeo;n ejlqei`næ pro;~<br />

aujtav~ ci troviamo <strong>di</strong> fronte più a una parafrasi che a una vera citazione:<br />

quale è <strong>in</strong>vece quella presente <strong>in</strong> Quaest. Graec. 36 (= mor. 299AB) Dia;<br />

tiv to;n Diovnuson aiJ tw`n ∆Hleivwn gunai`ke~ uJmnou`sai parakalou`si<br />

boevw/ po<strong>di</strong>; paragivnesqai pro;~ aujtav~… e[cei d∆ ou{tw~ oJ u{mno~ (PMG<br />

871 Page): æ∆Elqei`n --- duvwnæ, ei\ta <strong>di</strong>;~ ejpa/vdous<strong>in</strong> æa[xie tau`reæ, che<br />

fornisce tutti gli elementi <strong>di</strong> questa <strong>in</strong>vocazione delle donne Elee a<br />

Dioniso. La parafrasi mette <strong>in</strong>sieme, ord<strong>in</strong>andole s<strong>in</strong>tatticamente, porzioni<br />

del primo verso e del v. 5; presenta solo la variante boeivw/ <strong>in</strong> luogo<br />

<strong>di</strong> boevw/ attestato nelle Quaestiones, una variante attesa appunto <strong>in</strong><br />

una parafrasi ( 8 ), non getta <strong>in</strong>vece alcuna luce sulle reali <strong>di</strong>fficoltà testuali<br />

dell’<strong>in</strong>no, che possiamo rapidamente esam<strong>in</strong>are.<br />

Al v. 1, J.B. Titchener offre una <strong>di</strong>visione <strong>di</strong> parole <strong>di</strong>fferente da<br />

quella vulgata, <strong>in</strong>terpretando h\r∆, w\ Diovnuse, dunque una espressione<br />

temporale cui segue l’<strong>in</strong>vocazione a Dioniso, contro i più comunemente<br />

accolti h{rw Diovnuse. Tuttavia, h{rw Diovnuse è lezione<br />

( 7 ) Sulle feste <strong>di</strong> Dioniso a Elis e sul significato <strong>di</strong> questo Inno nella loro<br />

economia, si vedano C. BROWN, Dionysus and the Women of Elis: PMG 871,<br />

GRBS 23, 1982, pp. 305-314 e ora S. SCULLION, Dionysos at Elis, Philologus 145,<br />

2001, pp. 203-218.<br />

( 8 ) In Omero sono attestate entrambe le forme, bove- e bovei-; <strong>in</strong> Erodoto bove-;<br />

<strong>in</strong> Euripide (Cycl. 218), Aristofane (Ran. 924), Platone (Resp. 338c), Aristotele<br />

(HA 521b33) sempre forme bovei-.


Citazioni da poeti greci nel De Iside et Osiride <strong>di</strong> Plutarco<br />

improbabile, dal momento che mai, e a ragione, Dioniso riceve<br />

l’epiteto <strong>di</strong> h{rw~: scrivendo h\r∆, w\ Diovnuse otteniamo <strong>in</strong>vece l’effetto,<br />

preve<strong>di</strong>bile, della concitata <strong>in</strong>vocazione delle donne <strong>di</strong> Elis che<br />

sollecitano il <strong>di</strong>o a venire “presto” presso <strong>di</strong> loro ( 9 ).<br />

Al v. 2, i co<strong>di</strong>ci <strong>di</strong> Plutarco danno a{lion, che fu corretto <strong>in</strong><br />

∆Alei`on dal Cobet ( 10 ) e <strong>in</strong> ∆Aleivwn da Th. Bergk (loc. cit.), con ovvio<br />

riferimento alle tw`n ∆Hleivwn gunai`ke~ ( 11 ), cui si attribuisce<br />

l’Inno tanto nel De Iside quanto nelle Quaestiones.<br />

Al v. 5, duvwn compare nelle e<strong>di</strong>zioni delle Quaestiones a partire<br />

da quella <strong>di</strong> J.B. Titchener, contro quvwn f<strong>in</strong>o ad allora stampato; la<br />

forma è stata recepita da E. Diehl prima ( 12 ) e poi da D.L. Page nei<br />

PMG, con l’avvertenza «duvwn Nachst.-Titch. s<strong>in</strong>e adnot.: quvwn<br />

priores». Anche ammettendo che duvwn sia la effettiva lezione dei co<strong>di</strong>ci<br />

delle Quaestiones ( 13 ), essa costituisce un reale peggioramento rispetto<br />

a quvwn, che si raccomanda per essere un richiamo etimologico,<br />

per <strong>di</strong> più corretto ( 14 ), alle Thyades e ai Qui`a, le feste per<br />

Dioniso a Elis ricordate da Paus. VI 26,1.<br />

141<br />

( 9 ) Credo che sia questo il valore da attribuire a h\r(i)∆, non quello <strong>di</strong> «<strong>in</strong><br />

primavera» voluto da A.B. COOK, Zeus. A Study <strong>in</strong> Ancient Religion, Cambridge<br />

1914-1940, II p. 823 e salutato con entusiasmo da W.R. HALLIDAY, The Greek<br />

Question of Plutarch, with a New Translation and a Commentary, Oxford 1928,<br />

pp. 153 ss.; l’avverbio è presente nei poemi omerici, cfr. I 360, t 320, u 156.<br />

( 10 ) C.G. COBET, Collectanea critica, Lugduni Batavorum 1878, p. 497.<br />

( 11 ) Da identificarsi con le Thyades ricordate da Plut. De mulierum virtutibus<br />

15 (= mor. 251E), sulle quali si veda U. VON WILAMOWITZ MOELLENDORFF, Der<br />

Glaube der Hellenen, II, Basel-Stuttgart 19552 , p. 72.<br />

( 12 ) Anthologia Lyrica Graeca, II2 , Leipzig 1942, p. 206 che segnala <strong>in</strong> apparato<br />

«duvwn codd. quvwn e<strong>di</strong>tor».<br />

( 13 ) Questo è messo <strong>in</strong> dubbio da S. SCULLION, art. cit., p. 203, n. 3, che, dopo<br />

aver segnalato che nessuna annotazione compare <strong>in</strong> J.B. TICHENER, The Manuscript<br />

Tra<strong>di</strong>tion of Plutarch’s Aetia Graeca and Aetia Romana, Urbana 1924, pensa, credo<br />

ragionevolmente, a un errore <strong>di</strong> stampa nella e<strong>di</strong>zione <strong>di</strong> Titchener.<br />

( 14 ) Cfr. H. FRISK, Griechisches Etymologisches Wörterbuch, Heidelberg 1960-<br />

1970, I, p. 698, s. v. quvw 1, P. CHANTRAINE, Dictionnaire Étymologique de la<br />

Langue Grecque, I, Paris 1968-1970, p. 448, s. v. quvw 1. La connessione con le<br />

feste Thya e con le Thyades è vista anche da W.R. HALLIDAY, The Greek Question,<br />

cit., p. 158, che pensa alla danza sfrenata delle Mena<strong>di</strong>.


142<br />

4. Empedocles.<br />

LUIGI LEURINI<br />

4.1. Emped. F 1,28-36 Gall. (= PPhG 1,28-36 Diels = 31 B 2,1-9<br />

D. – K. 6 )<br />

ste<strong>in</strong>wpoi; me;n ga;r palavmai kata; gui`a tevtantai,<br />

polla; de; deivl∆ e[mpaia, tav t∆ ajmbluvnousi merivmna~.<br />

30 pau`ron de; zwh`/si bivou mevro~ ajqrhvsante~<br />

wjkuvmoroi, kapnoi`o <strong>di</strong>vkhn ajrqevnte~, ajpevptan<br />

aujto; movnon peisqevnte~ o{tw/ prosevkursen e{kasto~<br />

pavntos∆ ejlaunovmenoi, to; d∆ o{l o}n eu[cetai euJrei`n.<br />

ou{tw~ ou[t∆ ejpiderkta; tavd∆ ajndravs<strong>in</strong> ou[t∆ ejpakousta;<br />

35 ou[te novw/ perilhptav. su; ou\n, ejpei; w|de liasqh`/~,<br />

peuvseai ou| plei`ovn ge broteivh mh`ti~ o[rwre.<br />

La sequenza <strong>di</strong> Empedocle, nella quale si <strong>in</strong>serisce la citazione <strong>di</strong><br />

Plutarco, è conservata da Sext. Emp. VII 122-124: i versi appartengono<br />

al Proemio dei Fusikav, dove il poeta, dopo la tra<strong>di</strong>zionale<br />

<strong>in</strong>vocazione alle Muse (F 1,1-20 Gall.) sviluppava il tema generale<br />

dei criteri e dei limiti della conoscenza, che avviene attraverso le percezioni<br />

raccolte dagli organi sensoriali e il ragionamento (F 1,21-52<br />

Gall.); questi organi sensoriali sono però angusti (F 1,28 Gall.) e,<br />

d’altra parte, gli uom<strong>in</strong>i, dest<strong>in</strong>ati a morte precoce, presto si <strong>di</strong>leguano<br />

come fumo e possono <strong>in</strong>travedere solo una porzione piccola della<br />

vita (F 1,29-31 Gall.).<br />

Del tutto altra la situazione contestuale <strong>in</strong> cui Plutarco <strong>in</strong>serisce il<br />

verso <strong>di</strong> Empedocle: egli <strong>in</strong>fatti si acc<strong>in</strong>ge polemicamente a contestare<br />

a Evemero <strong>di</strong> Messene l’idea <strong>di</strong> una orig<strong>in</strong>e umana delle <strong>di</strong>v<strong>in</strong>ità, e<br />

dopo aver ricordato <strong>in</strong> De Is. et Os. 24 (= mor. 360C) che æeij dev t<strong>in</strong>e~<br />

ejxarqevnte~ uJpo; megalauciva~æ w{~ fhs<strong>in</strong> oJ Plavtwn (Legg. 716a)<br />

æa{ma neovthti kai; ajnoiva/ flegovmenoi th;n yuch;n meq∆ u{brew~æ<br />

ejdevxanto qew`n ejpwnumiva~ kai; naw`n iJdruvsei~, afferma che<br />

bracu;n h[nqhsen hJ dovxa crovnon, ei\ta kenovthta kai; ajlazoneivan<br />

met∆ ajsebeiva~ kai; paranomiva~ prosoflovnte~ (Emped. F 1,31<br />

Gall.): æwjkuvmoroi --- ajpevptanæ kai; nu`n w{sper ajgwvgimoi drapevtai<br />

tw`n iJerw`n kai; tw`n bwmw`n ajpospasqevnte~ oujde;n ajll∆ h] ta;<br />

mnhvmata kai; tou;~ tavfou~ e[cous<strong>in</strong>: dal piano gnoseologico dell’impossibilità<br />

<strong>di</strong> acquisire una piena conoscenza per la brevità dell’esistenza<br />

dell’uomo, si scivola al livello, più concreto, della caducità delle<br />

vicende umane.<br />

La tra<strong>di</strong>zione manoscritta <strong>di</strong> Plutarco non offre varianti rispetto<br />

alla paradosis <strong>di</strong> Sesto Empirico.


Citazioni da poeti greci nel De Iside et Osiride <strong>di</strong> Plutarco<br />

4.2-3. Emped. F 4,17-19 Gall. (= PPhG 4,17-19 Diels, cfr. 31 B<br />

17,17-19 D. – K. 6 )<br />

...<br />

pu`r kai; u{dwr kai; gai`a kai; hjevro~ h[pion u{yo~,<br />

18 Nei`kov~ t’ oujlovmenon <strong>di</strong>vca, tw`n ajtavlanton a{panti,<br />

kai; Filivh, meta; toi`s<strong>in</strong> i[sh mh`kov~ te plavto~ te: …<br />

Plut. De Is. et Os. 48 (= mor. 370D) ∆Empedoklh`~ de; (F 4,19<br />

Gall.) th;n me;n ajgaqourgo;n ajrchvn æFilovthtaæ kai; æFilivanæ<br />

pollavki~, d∆ æÔArmonivanæ kalei` æqemerw`p<strong>in</strong>æ (F 113,2 Gall.),<br />

th;n de; ceivrona æNei`ko~ oujlovmenonæ (F 4,18 Gall.) kai; æDh`r<strong>in</strong><br />

aiJmatovessanæ (F 113,2 Gall.).<br />

Plut. De prim. frig. 16 (= mor. 952B) kai; o{lw~ to; me;n pu`r<br />

<strong>di</strong>astatikovn ejsti kai; <strong>di</strong>airetikovn, to; d∆ u{dwr kollhtiko;n kai;<br />

scetiko;n, th`/ uJgrovthti sunevcon kai; pievzon: h|/ kai; parevscen<br />

∆Empedoklh`~ uJpovnoian, wJ~ to; me;n pu`r æNei`ko~ oujlovmenonæ (F 4,18<br />

Gall.) æsceduvnhnæ de; æFilovthtaæ (F 1,8 Gall.) to; uJgro;n eJkavstote<br />

prosagoreuvwn: ktl.<br />

Mentre Filovth~ si presenta spesso e <strong>in</strong> varie forme <strong>in</strong><br />

Empedocle, cfr. F 6,4 Gall. (Filovtho~), F 6,13 Gall. (Filovthto~),<br />

F 4,7 e 47, F 21,8 e F 22,5 Gall. (Filovthti), F 1,8 Gall. ( 15 )<br />

(Filovthta), Filivh compariva solo come varia lectio – accolta da C.<br />

Gallavotti <strong>in</strong> F 4,19 – <strong>in</strong> Emped. 31 B 17,19 D. – K. 6 kai; Filovth~<br />

ejn toi`s<strong>in</strong>, i[sh mh`kov~ te plavto~ te, per il quale i testimoni Sext.<br />

Emp. X 317 e Athenag. 20 offrono Filivh, seguito da meta; <strong>in</strong> Sext.<br />

Emp. IX 10 (dove però si legge Filovth~) e X 317 e ancora <strong>in</strong><br />

Athenag. 20 ( 16 ): Filivh è ora sicuramente attestato <strong>in</strong> P. Strasb. gr.<br />

1665-1666,d3<br />

[sh]po[m]evnoi~: Filivhn de; [kai; E]uj≥n≥[oivh]n≥ nun e[cous<strong>in</strong> ktl.:<br />

una nuova testimonianza che se da un lato dà ragione a quanti <strong>in</strong><br />

Emped. F 4,19 Gall. preferivano la lezione Filovth~ ( 17 ), non concedendo<br />

cre<strong>di</strong>to alla asserzione del De Iside <strong>di</strong> Plutarco, d’altro canto, rende<br />

giustizia proprio a questo passo garantendone la sostanziale veri<strong>di</strong>cità.<br />

143<br />

( 15 ) Nell’In<strong>di</strong>ce dei Fragmente der Vorsokratiker6 le occorrenze sono molto più<br />

numerose, perché vi compaiono anche le citazioni <strong>in</strong><strong>di</strong>rette non specificamente<br />

contestualizzate, come quella <strong>di</strong> De Iside 48.<br />

( 16 ) ejn è <strong>in</strong>vece la lezione, accolta dagli e<strong>di</strong>tori che stampano Filovth~ <strong>in</strong><br />

questo verso, offerta da Plut. Amat. 13 (= mor. 756D).<br />

( 17 ) Si veda il commento a P. Strasb. gr. 1665-1666, d3 <strong>in</strong> A. MARTIN-O.<br />

PRIMAVESI, L’Empédocle de Strasbourg (P. Strasb. gr. Inv. 1665-1666), Introduction,<br />

é<strong>di</strong>tion et commentaire, Berl<strong>in</strong>-New York 1999, pp. 228-230.


144<br />

LUIGI LEURINI<br />

L’espressione kai; Filovth~ ejn toi`s<strong>in</strong> è imme<strong>di</strong>atamente preceduta<br />

(F 4,18 Gall.) dal nesso Nei`kov~ t’ oujlovmenon, un segmento<br />

citato da Plutarco sia <strong>in</strong> De Iside 48 che <strong>in</strong> De prim. frig. 16, <strong>in</strong> entrambi<br />

i casi senza l’enclitica t∆ che non è funzionale a tali contesti.<br />

È da sottol<strong>in</strong>eare, <strong>in</strong>f<strong>in</strong>e, che il <strong>di</strong>verso tipo <strong>di</strong> lettura che nei due<br />

passi Plutarco sembra offrire del F 4,17-19 Gallavotti è solo apparente.<br />

Se quella <strong>di</strong> De Iside 48 è a prima vista più epidermica, perché<br />

Filovth~ e ÔArmoniva, Nei`ko~ e Dh`ri~ vengono visti come pr<strong>in</strong>cipio<br />

generatore del bene e rispettivamente come pr<strong>in</strong>cipio peggiore, e se<br />

<strong>in</strong>vece <strong>in</strong> De prim. frig. 16 il contesto <strong>di</strong> Emped. F 4,17-19 Gall.<br />

sembra molto più presente a Plutarco, con l’esplicito richiamo agli<br />

elementi fuoco e acqua e con una lettura del contesto che sembra<br />

schierare sul fronte del fuoco (pu`r, F 4,17) le energie, negative ma<br />

altrettanto generatrici, della terra (gai`a, F 4,17) e dell’astio<br />

(Nei`ko~, F 4,17 – Dh`ri~, F 113,2), sul fronte dell’acqua (u{dwr, F<br />

4,17) quelle positive dell’aria (hjevro~ h[pion u{yo~, F 4,17) e dell’amore<br />

(Filovth~ – Filivh, F 4,19 – ÔArmoniva, F 113,2), quest’ultimo<br />

tipo <strong>di</strong> lettura <strong>in</strong>terpretativa soggiace <strong>in</strong> realtà a ambedue i passi<br />

e permette <strong>di</strong> considerarli paralleli nella loro esposizione per categorie.<br />

4.4. Emped. 103,11-14 Gall. (= PPhG 103,11-14 Diels = 31 B<br />

115, 9-12 D. – K. 6 )<br />

1 e[sti t∆ ajnavgkh~ crh`ma qew`n yhvfisma palaiovn,<br />

ajiv<strong>di</strong>on, platevessi katesfrhgismevnon o{rkoi~,<br />

eu\tev ti~ ajmplakivh/si fovnw/ fivla gui`a mihvnh/.<br />

o{~ k∆ ejpivorkon aJmarthvsa~ ejpomovssh/,<br />

5 daivmone~ oi{ te makraivwne~ lelavcasi bivoio<br />

triv~ m<strong>in</strong> muriva~ w|ra~ ajpo; makavrwn ajlavlhsqai,<br />

fuovmenon pantoi`a <strong>di</strong>a; crovnou ei[dea qnhtw`n,<br />

ajrgaleva~ biovtoio metallavssonta keleuvqou~.<br />

th`/ kai; ejgëw; nu`n eijmi fuga;~ qeovqen, kai; ajlhvth~<br />

10 neivkei> ma<strong>in</strong>omevvnw/ pivsuno~, ...<br />

aijqevrion me;n gavr sfe mevno~ povntonde <strong>di</strong>wvkei,<br />

povnto~ d∆ ej~ cqono;~ ou\da~ ajpevptuse, gai`a d∆ ej~ aujga;~<br />

hjelivou ajkavmanto~, oJ d∆ aijqevro~ e[mbale <strong>di</strong>vnai~:<br />

a[llo~ d∆ ejx a[llou devketai, stugevousi de; pavnte~ ( 18 ).<br />

( 18 ) La sequenza che utilizza C. GALLAVOTTI, Empedocle. Poema fisico e lustrale,<br />

a cura <strong>di</strong> C. GALLAVOTTI, Milano 1975 1 , p. 276 s. e Milano 1993 2 , p. 285 s. è<br />

quella stabilita da N. VAN DER BEN, The Poem of Empedocles’ Peri Physios. Toward a<br />

New E<strong>di</strong>tion of All the Fragments, Amsterdam 1975, p. 150 s.; per una <strong>di</strong>fesa della


Citazioni da poeti greci nel De Iside et Osiride <strong>di</strong> Plutarco<br />

La sequenza è stata ricostruita sulla base <strong>di</strong> una serie <strong>di</strong> citazioni,<br />

<strong>di</strong>sarticolate, presenti <strong>in</strong> particolare <strong>in</strong> Hippol. Refut. VII 29;<br />

Plutarco cita i vv. 11-14 <strong>in</strong> De Is. et Os. 26 (= mor. 361C)<br />

∆Empedoklh`~ de; kai; <strong>di</strong>vka~ fhsi; <strong>di</strong>dovnai tou;~ daivmona~ w|n <br />

ejxamavrtwsi kai; plhmmelhvsws<strong>in</strong> (F 103,11-14 Gallavotti):<br />

æaijqevrion --- de; pavnte~æ, a[cri ou| kolasqevnte~ ou{tw kai; kaqarqevnte~<br />

au\qi~ th;n kata; fuvs<strong>in</strong> cwvran kai; tavx<strong>in</strong> ajpolavbwsi, e,<br />

limitatamente a 11-14 primo emistichio, <strong>in</strong> De vit. aer. al. 7 (= mor.<br />

830EF) oJ d’ a{pax ejneilhqei;~ mevnei crewvsth~ <strong>di</strong>a; pantov~, a[llon<br />

ejx a[llou metalambavnwn ajnabavthn, w{sper i{ppo~ ejgcal<strong>in</strong>wqeiv~:<br />

ajpofugh; d’ oujk e[st<strong>in</strong> ejpi; ta;~ noma;~ ejkeivna~ kai; tou;~ leimw`na~,<br />

ajlla; plavzontai kaqavper oiJ qehvlatoi kai; oujranopetei`~ ejkei`noi<br />

tou` ∆Empedoklevou~ daivmone~ (F 103,11-14 Gall.): æaijqevrion --devcetaiæ<br />

tokisth;~ h] pragmateuth;~ Korivnqio~, ei\ta Patreuv~,<br />

ei\t’ ∆Aqhnai`o~, a[cri a]n uJpo; pavntwn perikrouovmeno~ eij~ tovkou~<br />

<strong>di</strong>aluqh`/ kai; katakermatisqh`/.<br />

Ma Plutarco conosceva bene l’<strong>in</strong>tero contesto ( 19 ), dal momento<br />

che menziona <strong>di</strong> seguito i vv. 1, 3, 5, 6, 9 <strong>in</strong> De exil. 17 (= mor.<br />

607C), allude ai vv. 1-2 <strong>in</strong> De soll. anim. 7 (= mor. 964D), ai vv. 4 ss.<br />

<strong>in</strong> De def. orac. 16 e 19 (= mor. 418E e 420D) e <strong>in</strong> De esu carn. I 7 (=<br />

mor. 996b). Per i versi 11-14, che qui più <strong>di</strong>rettamente ci <strong>in</strong>teressano,<br />

la tra<strong>di</strong>zione manoscritta plutarchea non presenta gran<strong>di</strong> scarti rispetto<br />

al testo conservato nelle Refutationes <strong>di</strong> Ippolito, che pure piega,<br />

talvolta pesantemente, al suo contesto il tenore del dettato empedocleo<br />

( 20 ). Le <strong>di</strong>fferenze più significative ( 21 ) sono rappresentate da<br />

au\qi~, che al v. 12 i co<strong>di</strong>ci del De Iside concordemente offrono al posto<br />

<strong>di</strong> aujgav~ tramandato da Ippolito ( 22 ), e dalla forma ajkavmanto~<br />

sequenza stabilita da H. STEIN, Empedoclis Agrigent<strong>in</strong>i Fragmenta. Disposuit,<br />

recensuit, adnotavit H. STEIN, Bonnae 1852, pp. 77-79, e recepita da Diels e<br />

Diels-Kranz, si vedano A. MARTIN-O. PRIMAVESI, L’Empédocle, cit., pp. 63 e 61 n. 3<br />

<strong>in</strong> particolare; <strong>in</strong> quest’ultima versione, i vv. 11-14 precedono i vv. 9-10.<br />

( 19 ) Del resto, nel cosidetto catalogo <strong>di</strong> Lampria compare al numero 43 l’opera<br />

eij~ ∆Empedokleva bibliva i∆, che non ci è pervenuta.<br />

( 20 ) Si veda, ad esempio, C. GALLAVOTTI, Empedocle, cit., p. 277 s., note ai vv. 9<br />

e 11.<br />

( 21 ) Varianti “secondarie” sono costituite da ajnevptuse al v. 12, la correzione è<br />

<strong>di</strong> Bernardakis; al v. 13, hjelivoio F a1 , ajkavmato~ z a b, <strong>di</strong>vnh~ J1 h k1 d X u u Q Q BB<br />

B; B<br />

al v. 14, a[llo~ k (p.c.) X n A (p.c.) E d, a[llon gli altri: tutte varianti nella<br />

tra<strong>di</strong>zione del De vit. aer. al.<br />

( 22 ) I co<strong>di</strong>ci X e J della tra<strong>di</strong>zione del De vit. aer. al. hanno <strong>in</strong>vece<br />

rispettivamente lugav~ e lutav~.<br />

145


146<br />

LUIGI LEURINI<br />

(v. 13) che tutta la tra<strong>di</strong>zione del De Iside e la maggior parte <strong>di</strong> quelli<br />

del De vit. aer. al. ( 23 ) offrono <strong>di</strong> contro a faevqonto~ delle Refutationes.<br />

Se per le varianti <strong>di</strong> aujgav~ è possibile <strong>in</strong><strong>di</strong>viduare la matrice dell’errore<br />

<strong>in</strong> una confusione <strong>di</strong> lettere ( 24 ), <strong>di</strong>verso è il caso rappresentato<br />

dalle varianti ajkavmanto~ / ajkavmato~ <strong>di</strong> Plutarco <strong>di</strong> contro a<br />

faevqonto~ delle Refutationes. L’alta frequenza con cui ricorre nella<br />

tra<strong>di</strong>zione poetica greca il nesso hJevlio~ faevqwn, soprattutto al nom<strong>in</strong>ativo,<br />

già nei poemi omerici, cfr. L 735, e 480, l 17, t 442, c 389,<br />

ma pure <strong>in</strong> Hes. Theog. 760, <strong>in</strong> Soph. Electr. 827, <strong>in</strong> Eur. Electr. 466,<br />

Orac. Sibyll. 5, 513 hJelivou faevqonto~, ecc., garantisce della sua saldezza<br />

anche nei Kaqarmoiv <strong>di</strong> Empedocle: tuttavia, la presenza della<br />

forma hjevliovn d’ (t’) ajkavmanta <strong>in</strong> Hom. S 241 ∆Hevlion d’ ajkavmanta<br />

bow`pi~ povtnia ”Hrh / pevmyen e rispettivamente 484 hjevliovn t’ ajkavmanta<br />

selhvnhn te plhvqousan, consente <strong>di</strong> giustificare la versione<br />

tramandata da Plutarco. Nelle Refutationes <strong>di</strong> Ippolito leggiamo <strong>in</strong>f<strong>in</strong>e<br />

al v. 11 aijqevriovn ge mevno~ yucav~ povntonde <strong>di</strong>wvkei al posto della<br />

sequenza aijqevrion me;n gavr sfe mevno~ povntonde <strong>di</strong>wvkei che si trova<br />

nella tra<strong>di</strong>zione plutarchea: gli e<strong>di</strong>tori hanno preferito la lezione <strong>di</strong><br />

Plutarco, ritenendo che Ippolito abbia «aggiustato il testo <strong>di</strong> E. nel<br />

proprio commento, adattandolo alla <strong>in</strong>terpretazione animistica, e<br />

qu<strong>in</strong><strong>di</strong> profondamente errata, della teoria <strong>di</strong> E.» ( 25 ) .<br />

4.5. Emped. F 113 Gall. (= PPhG 113 Diels = 31 B 122+123 D. -<br />

K. 6 )<br />

e[nq∆ h\san Cqonivh te kai; ÔHliovph tanaw`pi~,<br />

Dh`riv~ q∆ aiJmatovessa kai; ÔArmonivh qemerw`pi~,<br />

Kallistwv t∆ Ai[scrh te, Qovwsav te Dhnaivh te,<br />

Nhmerthv~ t∆ ejrovessa melavgkourov~ t∆ ∆Asafeivh…<br />

5 Fuswv te Fqimevnh te, kai; Eujnaivh kai; “Egersi~,<br />

K<strong>in</strong>wv t∆ ∆Astemfhv~ te, polustevfanov~ te Megistw;<br />

kai; Foruvh, Swphv te kai; ∆Omfaivh .<br />

( 23 ) In questo caso i co<strong>di</strong>ci z a b, peraltro tar<strong>di</strong>, danno ajkavmato~.<br />

( 24 ) Per au\qi~ del De Iside si può anche pensare che aujgav~ sia stato scalzato da<br />

au\qi~, anch’esso preceduto da –e~, che ricorre imme<strong>di</strong>atamente dopo la f<strong>in</strong>e della<br />

citazione da Plutarco. La lezione au\qi~ tramandata nel De Iside è <strong>di</strong>fesa da M.<br />

GARCÍA VALDÉS, Plutarco, De Iside et Osiride. Introducción, texto crítico,<br />

traduccíon y commentario por M. GARCÍA VALDÉS, Pisa-Roma 1995, p. 243 («No<br />

hay n<strong>in</strong>guna necesidad de mo<strong>di</strong>ficar au\qi~ en aujgav~: la s<strong>in</strong>axis es correcta y el<br />

significado es <strong>in</strong>teligible…»), che però non tiene conto della versione offerta da<br />

Plutarco nel De vit. aer. al.: e qui le varianti, che pure nulla hanno a che fare con<br />

au\qi~, sono sicuramente errori meccanici.<br />

( 25 ) Gall., Empedocle, cit., p. 278, n. 11.


Citazioni da poeti greci nel De Iside et Osiride <strong>di</strong> Plutarco<br />

Il frammento è stato ricostituito cucendo <strong>in</strong>sieme i versi 1-4,<br />

tramandati <strong>di</strong> seguito da Plut. De tranq. an. 15 (= mor. 474B) ajlla;<br />

ma`llon, wJ~ ∆Empedoklh`~, <strong>di</strong>ttaiv t<strong>in</strong>e~ e{kaston hJmw`n g<strong>in</strong>ovmenon<br />

paralambavnousi kai; katavrcontai moi`rai kai; daivmone~ (F 113,1-7<br />

Gall.): æe[nq∆ --- ∆Asafeivhæ, w{ste touvtwn eJkavstou spevrmata tw`n<br />

paqw`n ajnakekramevna dedegmevnh~ hJmw`n th`~ genevsew~ kai; <strong>di</strong>a;<br />

tou`to pollh;n ajnwmalivan ejcouvsh~, eu[cetai me;n oJ nou`n e[cwn ta;<br />

beltivona, prosdoka/ ` de; kai; qavtera, crh`tai d∆ ajmfotevroi~ to; a[gan<br />

ajfairw`n, nonché De Is. et Os. 48 (= mor. 370D) ∆Empedoklh`~ de;<br />

(F 4,19 Gall.) th;n me;n ajgaqourgo;n ajrch;n æFilovthtaæ kai; æFilivanæ<br />

pollavki~, d∆ æÔArmonivanæ kalei` æqemerw`p<strong>in</strong>æ (F 113,2 Gall.),<br />

th;n de; ceivrona (F 4,18 Gall.) æNei`ko~ oujlovmenonæ kai; (F 113,2<br />

Gall.) æDh`r<strong>in</strong> aiJmatovessanæ, dove si cita, spezzato <strong>in</strong> due emistichi,<br />

il solo v. 2, e pure Giovanni Tzetze, che allude solo all’epiteto <strong>di</strong><br />

∆Asavfeia al v. 4 <strong>in</strong> due luoghi <strong>di</strong>st<strong>in</strong>ti (cfr. oltre), e qu<strong>in</strong><strong>di</strong> i versi 5-<br />

7 che menziona Cornut. Epidrom. 17 wJ~ ga;r ∆Empedoklh`~ fusikw`~<br />

ejxariqmei`tai (F 122,5-7 Gall.): æFuswv --- Megistwvæ kai; Foruvhn<br />

kai; Swphvn te kai; ∆Omfaivhn kai; polla;~ a[lla~, th;n eijrhmevnhn<br />

poikilivan tw`n o[ntwn aijnittovmeno~, ou{tw~ uJpo; tw`n palaiw`n<br />

∆Iapeto;~ me;n wjnomavsqh oJ lovgo~ kaq∆ o}n fwnhtika; zw`/a<br />

ejgevneto kai; to; o{lon yovfo~ ajpetelevsqh, ijafetov~ ti~ w]n (ija; gavr<br />

ejst<strong>in</strong> hJ fwnhv): ktl.<br />

Non pone nessun problema la citazione <strong>di</strong> Plutarco nel De Iside:<br />

si può solamente osservare che egli, dando <strong>in</strong> questo luogo, come si<br />

è visto <strong>in</strong> 4.2-3., una propria lettura <strong>in</strong>terpretativa del pensiero complessivo<br />

<strong>di</strong> Empedocle, adatta il testo del pensatore al proprio contesto,<br />

e perciò, <strong>in</strong> virtú del parallelismo che istituisce tra forze del bene<br />

e forze peggiori, smembra <strong>in</strong> due unità autonome il verso <strong>in</strong> cui<br />

Empedocle contrapponeva Dh`ri~ e ÔArmoniva.<br />

Più impegnativa risulta <strong>in</strong>vece la scelta tra le varianti melavgkouro~ e<br />

melavgkarpo~ tramandate al v. 4, come epiteto <strong>di</strong> ∆Asavfeia, rispettivamente<br />

l’una da Tzetz. Proleg. de Com. XIaI 115 (Schol. <strong>in</strong><br />

Aristoph. IA p. 28 Koster), l’altra da Plut. De tranq. an. 15 ( 26 ) e da<br />

Tzetz. Chil. XII 568 s. ( 27 ). I due epiteti risultano equivalenti: sono<br />

entrambi hapax legomena metricamente sovrapponibili che ricorrono<br />

( 26 ) Con alcune varianti costituite da banali errori <strong>di</strong> grafia, melavgkarpot∆ <strong>di</strong><br />

R, S e N, melavgkarpwt∆ <strong>di</strong> G 1 , X e Y 1 .<br />

( 27 ) Cfr. Tzetz. Proleg. de Com. XIaI 115 (Schol. <strong>in</strong> Aristoph. I/A p. 28 Koster)<br />

eij mh; meta; th;n kat’ ∆Empedokleva æmelavgkouronæ, Chil. XII 568 s.<br />

∆Empedoklh`~ pro; pavntwn te, filovsofo~ oJ mevga~, / levgei ga;r th;n ajsavfeian<br />

melavgkarpon uJpavrce<strong>in</strong>.<br />

147


148<br />

LUIGI LEURINI<br />

solo nei testimoni del passo <strong>di</strong> Empedocle, entrambi rispondono a<br />

formazioni ampiamente attestate nella tra<strong>di</strong>zione poetica <strong>di</strong> età arcaica,<br />

classica e ellenistica, cfr. e.g. melagcaivth~ [Hes.] Scut. 186,<br />

Soph. Trach. 837, Eur. Alc. 439, Ion. F 20 Leur., melagkraivra Lyc.<br />

Alex. 1464, melampevtalo~ Meleagr. AP IV 1,14, melavmfullo~<br />

Anacr. F 76 Gent., Bacchyl. F 9,33 M., Theocr. Ep. I 3 Gow, entrambi<br />

possono essere utilizzati, come gli altri epiteti della stessa classe, <strong>in</strong><br />

contesti metaforici; la preferenza potrebbe ricadere su melavgkarpo~<br />

per puro calcolo numerico, ma non è da escludere la possibilità <strong>di</strong><br />

contam<strong>in</strong>azione nella tra<strong>di</strong>zione manoscritta dei Chiliades <strong>di</strong> Tzetze.<br />

5. Euripides.<br />

5.1. Eur. Troad. 887 s.<br />

proshuxavmhn se: pavnta ga;r <strong>di</strong>∆ ajyovfou<br />

baivnwn keleuvqou kata; <strong>di</strong>vkhn ta; qnhvt∆ a[gei~.<br />

Cercando ancora una volta <strong>di</strong> conferire cre<strong>di</strong>bilità, su basi<br />

eziologiche, a una credenza popolare, quella che il coccodrillo ritenuto<br />

privo <strong>di</strong> l<strong>in</strong>gua sia per ciò immag<strong>in</strong>e della <strong>di</strong>v<strong>in</strong>ità, Plutarco<br />

trova nei due versi dalle Troades <strong>di</strong> Euripide la conferma <strong>di</strong> questo<br />

assunto, dal momento che Zeus “attraverso sentieri privi <strong>di</strong> suono<br />

regge i mortali con giustizia” (De Is. et Os. 75 = mor. 381B ouj mh;n<br />

oujd∆ oJ krokovdeilo~ aijtiva~ piqanh`~ ajmoirou`san e[schke timhvn,<br />

ajlla; mivmhma qeou` levgetai gegonevnai movno~ me;n a[glwsso~ w[n:<br />

fwnh`~ ga;r oJ qei`o~ lovgo~ ajprosdehv~ ejsti kai; æ<strong>di</strong>∆ ajyovfou --a[geiæ<br />

(Eur. Troad. 887 s.) ( 28 ). L’uso strumentale del testo euripideo è<br />

evidenziato non solo dalla mo<strong>di</strong>fica <strong>di</strong> a[gei~ <strong>in</strong> a[gei per adattare il<br />

verso al contesto, ma soprattutto dal fatto che le esigenze <strong>di</strong> Plutarco<br />

sono del tutto assenti nella scena delle Troades. I due versi, con leggero<br />

ampliamento <strong>di</strong> Troad. 887, sono citati anche <strong>in</strong> Plut. Plat. Quaest.<br />

7,4 (= mor. 1007C), dove si conserva a[gei, ma le problematiche sono<br />

del tutto <strong>di</strong>fferenti rispetto a quelle proposte nel De Iside ( 29 ).<br />

( 28 ) Sia <strong>in</strong> Plat. Quaestiones 1007C che <strong>in</strong> De Iside 381B si trova per il v. 888 la<br />

variante a[gei, con<strong>di</strong>visa da Syn. De regno p. 20A Krab<strong>in</strong>ger: la lezione a[gei~ è<br />

quella della tra<strong>di</strong>zione manoscritta delle Troades; echi <strong>di</strong> questo verso si hanno<br />

anche <strong>in</strong> Plot. IV 4,45,28 e <strong>in</strong> Them. Or. 15,196D, nei quali registriamo ulteriori<br />

adattamenti (rispettivamente a[getai e a[ge<strong>in</strong>).<br />

( 29 ) Secondo L. DI GREGORIO, Lettura <strong>di</strong>retta e utilizzazione <strong>di</strong> fonti <strong>in</strong>terme<strong>di</strong>e<br />

nelle citazioni plutarchee dei tre gran<strong>di</strong> tragici, Aevum 54, 1980, pp. 71 s. Plutarco


Citazioni da poeti greci nel De Iside et Osiride <strong>di</strong> Plutarco<br />

5.2. TGF 21 Nauck 2<br />

dokei`t∆ a]n oijkei`n gai`an, eij pevnh~ a{pa~<br />

lao;~ politeuvoito plousivwn a[ter…<br />

oujk a]n gevnoito cwri;~ ejsqla; kai; kakav,<br />

ajll∆ e[sti ti~ suvgkrasi~, w{st∆ e[ce<strong>in</strong> kalw`~.<br />

5 a} mh; ga;r e[sti tw`/ pevnhti plouvsio~<br />

<strong>di</strong>vdws∆: a} d∆ oiJ ploutou`nte~ ouj kekthvmeqa,<br />

toi`s<strong>in</strong> pevnhsi crwvmenoi timwvmeqa.<br />

Il frammento, che appartiene all’Eolo <strong>di</strong> Euripide, è tramandato<br />

nella sua <strong>in</strong>terezza da Stob. IV 1,20 (IV p. 6,12-19 W. – H.); il v. 3,<br />

nella forma tronca oujk a]n gevnoito cwri;~ ejsqlav, è citato pure da<br />

Theophr. Metaphys. F 12 Wim., mentre Plutarco cita per <strong>in</strong>tero i vv.<br />

3-4 <strong>in</strong> De Is. et Os. 45 (= mor. 369B) ajduvnaton ga;r h] flau`ron<br />

oJtiou`n, o{pou pavntwn, h] crhstovn, o{pou mhdeno;~ oJ qeo;~ ai[tio~,<br />

ejggenevsqai. æpalivntono~æ gavr æaJrmonivh kovsmou, o{kwsper luvrh~<br />

kai; tovxouæ kaq∆ ÔHravkleiton (Heraclit. 22 B 51 D. – K. 6 ): kai; kat∆<br />

Eujripivdhn (F 21 N. 2 ): æoujk a]n --- kalw`~æ e, <strong>in</strong> un contesto molto<br />

<strong>di</strong>verso ma che offre esattamente gli stessi riferimenti a Eraclito e a<br />

Euripide, <strong>in</strong> De tranq. an. 15 (= mor. 474A) æpalivntropo~ ga;r<br />

aJrmonivh kovsmou, o{kwsper luvrh~ kai; tovxou~æ (Heraclit. 22 B 51<br />

D. – K. 6 ) ( 30 ), kai; tw`n ajnqrwpivnwn kaqaro;n oujde;n oujd∆ ajmigev~.<br />

ajll∆ w{sper ejn mousikh`/ barei`~ fqovggoi kai; ojxei`~ ejn de;<br />

grammatikh`/ fwnhventa kai; a[fwna gravmmata, […], ou{tw kai; tw`n<br />

pragmavtwn ajntistoiciva~ ejcovntwn (ejpei; kata; to;n Eujripivdhn (F<br />

21 N. 2 ): æoujk a]n … kalw`~æ), ouj dei` toi`~ eJtevroi~ ejxaqumei`n oujd∆<br />

ajpagoreuve<strong>in</strong>, ajll∆ […] ejmmele;~ to; tou` bivou mi`gma poiei`n kai;<br />

oijkei`on auJtoi`~. Ma lo stesso Plutarco cita ancora il v. 3 e una parte<br />

del 4 <strong>in</strong> De aud. poet. 7 (= mor. 25C) ejn de; toi`~ pravgmasi kai; tw`/<br />

bivw/ tw`n pollw`n kata; to;n Eujripivdhn (F 21 N. 2 ): æoujk a]n --suvgkrasi~æ.<br />

Non vi sono da segnalare varianti nei testimoni <strong>di</strong> questo frammento<br />

<strong>di</strong> Euripide, <strong>in</strong> particolare per quanto riguarda i vv. 3-4 citati<br />

da Plutarco. Si può <strong>in</strong>vece sottol<strong>in</strong>eare come Plutarco utilizzi questi<br />

versi sempre allo scopo <strong>di</strong> confutare con energia l’idea della possibilità<br />

<strong>di</strong> una perfezione e <strong>di</strong> una imperfezione o malvagità assolute, ma<br />

per sostenere che è nelle possibilità dell’uomo contemperare bene e<br />

aveva anche <strong>di</strong> questi versi delle Troades una conoscenza <strong>di</strong> seconda mano,<br />

me<strong>di</strong>ata attraverso il filtro <strong>di</strong> repertori gnomologici o filosofici.<br />

( 30 ) Qui i co<strong>di</strong>ci <strong>di</strong> Plutarco, a eccezione <strong>di</strong> D, danno la lezione palivntropo~,<br />

anziché palivntono~ del De Iside, aJrmonivh.<br />

149


150<br />

LUIGI LEURINI<br />

male <strong>in</strong> un armonioso sistema <strong>di</strong> vita. Tale concezione, che si ritrova<br />

<strong>in</strong> De Stoic. repugn. 27 s. (= mor. 1046Fs.), nonché <strong>in</strong> De com. not. 21<br />

(= mor. 1068DE) e <strong>in</strong> De frat. am. 13 (= mor. 485A), viene <strong>in</strong>tesa<br />

come una opposizione all’idea stoica (cfr. SVF I, 216-217, III 13,<br />

110, 362, 504, 520, 560, etc.) della perfezione del saggio ( 31 ).<br />

5.3. TGF *42c N. 2 – Sn.<br />

ÔEkavth~ a[galma fwsfovrou kuvwn e[sh/<br />

Il frammento, attribuito da B. Snell al Alessandro <strong>di</strong> Euripide<br />

(TGF *42c N. 2 – Sn.) ( 32 ), è conservato dal solo Plut. De Is. et Os.<br />

71 (= mor. 379D) Tou`to d∆ oujc h{kista pepovnqas<strong>in</strong> Aijguvptioi<br />

peri; ta; timwvmena tw`n zwv/wn. ”Ellhne~ me;n ga;r e[n ge touvtoi~<br />

levgous<strong>in</strong> ojrqw`~ kai; nomivzous<strong>in</strong> iJero;n ∆Afro<strong>di</strong>vth~ zw`/on ei\nai<br />

th;n peristera;n kai; to;n dravkonta th`~ ∆Aqhna`~ kai; to;n kovraka<br />

tou` ∆Apovllwno~ kai; to;n kuvna th`~ ∆Artevmido~, wJ~ Eujripivdh~ (TGF<br />

*42c N. 2 – Sn.): æÔEkavth~ --- e[sh/æ: ktl. Plutarco si acc<strong>in</strong>ge a contestare<br />

la credenza degli Egiziani che gli animali consacrati a <strong>di</strong>v<strong>in</strong>ità possano<br />

essere identificati con le <strong>di</strong>v<strong>in</strong>ità stesse e <strong>in</strong>izia questa sua operazione<br />

lodando i Greci, che ritengono la colomba attributo sacro <strong>di</strong><br />

Afro<strong>di</strong>te, il serpente <strong>di</strong> Atena, il corvo <strong>di</strong> Apollo, il cane <strong>di</strong> Artemide<br />

( 33 ), come appunto garantisce il frammento <strong>di</strong> Euripide, che cita.<br />

I co<strong>di</strong>ci del De Iside danno concordemente ejssivn, emendato <strong>in</strong><br />

e[sh/ da W. Xylander: il confronto con Aristoph. F 608 K. - A. kai;<br />

kuvwn ajkravcolo~ / ÔEkavth~ a[galma fwsfovrou genhvsomai, un<br />

chiaro riuso del verso euripideo ( 34 ), e con Eur. Hec. 1265 kuvwn<br />

( 31 ) Cfr. su tutto D. BABUT, Plutarque et le Stoïcisme, Paris 1969, pp. 101, 301,<br />

319, ecc. Anche per questo caso L. DI GREGORIO, Lettura <strong>di</strong>retta, cit., p. 46 s.<br />

parla <strong>di</strong> una citazione <strong>di</strong> seconda mano.<br />

( 32 ) Per una rie<strong>di</strong>zione dei frammenti del ∆Alevxandro~ si veda B. SNELL,<br />

Euripides Alexandros und andere Strassburger Papyri mit Fragmenten griechischer<br />

Dichter, Stuttgart 1937, pp. 5-21 (F 14). L. DI GREGORIO, Lettura <strong>di</strong>retta, cit., p. 76<br />

è conv<strong>in</strong>to ancora una volta <strong>di</strong> una conoscenza me<strong>di</strong>ata del testo euripideo da<br />

parte <strong>di</strong> Plutarco.<br />

( 33 ) Per questa iconografia <strong>di</strong> Ecate / Artemide si veda H. SARIAN, s. v. Hekate<br />

<strong>in</strong> LIMC VI/1, Zurich-München 1992, pp. 987 e 994-995, numeri 65-68.<br />

( 34 ) Il frammento <strong>di</strong> Aristofane, da dramma ignoto, è tramandato da Eust. p.<br />

1467,36 e, per una porzione <strong>di</strong> testo ridotta, anche da Pausan. Lex. a 7 Erbse (cfr.<br />

Phot. Lex. a 114 Theod., AG p. 22,3 Bachmann); riferimenti al ÔEkavth~ a[galma<br />

si trovano pure <strong>in</strong> Ael. Dion. Lex. a 14 Erbse (cfr. AG p.10,17 22,3 Bachm.),<br />

Hesych. Lex. a 252, e 1259 e 1267 L.


Citazioni da poeti greci nel De Iside et Osiride <strong>di</strong> Plutarco<br />

genhvsh/ puvrsæ e[cousa devrgmata (cfr. Hec.1273 kuno;~ talaivnh~<br />

sh`ma, nautivloi~ tevkmar), dove si allude alla stessa pre<strong>di</strong>zione <strong>di</strong> F<br />

*42c N. 2 – Sn., rendono sicuro l’<strong>in</strong>tervento ( 35 ).<br />

6. Hermodotus.<br />

6.1. Hermodot. ap. PLG III p. 637 Bergk<br />

Oltre che da Plut. De Is. et Os. 24 (= mor. 360C) o{qen ∆Antivgono~<br />

oJ gevrwn ÔErmodovtou t<strong>in</strong>o;~ ejn poihvmas<strong>in</strong> aujto;n (PLG III 637)<br />

ÔHlivou pai`da kai; qeo;n ajnagoreuvonto~ æouj toiau`tav moiæ ei\pen æoJ<br />

lasanofovro~ suvnoidenæ, la stessa citazione compare anche <strong>in</strong> Plut.<br />

Reg. et imp. apophth. (= mor. 182BC) ÔErmodovtou d∆ aujto;n ejn toi`~<br />

poihvmas<strong>in</strong> (Bergk III 637) ÔHlivou pai`da gravyanto~ æouj tau`tav<br />

moiæ e[fh æsuvnoiden oJ lasanofovro~æ.<br />

Il poeta è altrimenti sconosciuto, anche se il contesto dei due luoghi<br />

<strong>di</strong> Plutarco permette <strong>di</strong> collocarlo tra quanti, epici o storici <strong>in</strong><br />

senso lato, erano al seguito <strong>di</strong> Alessandro Magno prima, dei suoi<br />

epigoni poi, per celebrarne <strong>in</strong> forma encomiastica le imprese: <strong>in</strong><br />

questo caso, il riferimento a Antigono I permette un aggancio cronologico<br />

relativamente preciso. A questo profilo aderisce bene la natura<br />

del frammento che Plutarco attribuisce a Ermodoto: la def<strong>in</strong>izione<br />

<strong>di</strong> Antigono quale ÔHlivou pai`da kai; qeo;n, rimanda <strong>in</strong> l<strong>in</strong>ea<br />

<strong>di</strong>retta all’encomio agiografico, e allo stesso tempo accenna <strong>in</strong> forma<br />

esplicita a processi <strong>di</strong> <strong>di</strong>v<strong>in</strong>izzazione e <strong>di</strong> culto d<strong>in</strong>astico che appunto<br />

con Alessandro e con i suoi epigoni si fanno sempre più <strong>in</strong>sistenti<br />

nel panorama del mondo ellenistico ( 36 ).<br />

Altre personalità <strong>di</strong> nome Ermodoto non sono sconosciute al panorama<br />

letterario greco: un c<strong>in</strong>ico viene ricordato <strong>in</strong> Lucill. AP XI<br />

( 35 ) Si tratta <strong>di</strong> un semplice errore <strong>di</strong> itacismo, v. anche M. GARCÍA VALDÉS,<br />

Plutarco De Iside, cit., p. 285. e[sh/ si legge pure <strong>in</strong> EURIPIDE, Tome VII, Fragments.<br />

1 re partie: Aigeus – Autolykos. Texte établi et Traduit par F. JOUAN et H. VAN LOOY,<br />

Paris 1998, F *33, p. 74; <strong>in</strong>vece Kassel e Aust<strong>in</strong> r<strong>in</strong>viando, nel commento a PMC<br />

III2 Aristoph. F 608, a questo frammento <strong>di</strong> Euripide scrivono e[sei.<br />

( 36 ) Questi processi sono attivi anche <strong>in</strong> età precedenti, come <strong>di</strong>mostra la<br />

vicenda del re trace Cotis, cui si riferiscono un lungo frammento del comico<br />

Anassandride (F 42 K. - A.) e Theopomp. FGrHist 115 F 31, ma <strong>di</strong>vengono<br />

sempre più importanti <strong>in</strong> età ellenistica e forse non è estraneo a una polemica con<br />

tale costume Rhian. F 1 Powell, su cui si veda L. LEURINI, Osservazioni, vecchie e<br />

nuove, su Rhian. F 1 Powell, <strong>in</strong> Poesia e religione <strong>in</strong> Grecia. Stu<strong>di</strong> <strong>in</strong> onore <strong>di</strong> G.<br />

Aurelio Privitera, Napoli 2000, pp. 385-397 (con riman<strong>di</strong> bibliografici).<br />

151


152<br />

LUIGI LEURINI<br />

154,5 ( 37 ), mentre a un poeta tragico <strong>di</strong> epoca sconosciuta r<strong>in</strong>via una<br />

iscrizione da Teos ( 38 ); a un Ermodoto sono <strong>in</strong>f<strong>in</strong>e attribuiti due<br />

trimetri giambici, oujc oJ lovgo~ au[xei th;n tevcnhn perisso;~ w[n, /<br />

ajll∆ aujta; kosmei` th;n tevcnhn ta; pravgmata, <strong>in</strong> Stob. Anth. IV 60,3<br />

(IV p. 406,13-407,2 W. – H. = Apostol. XIII 39m, CPG II p. 583,23<br />

s. Leu. – Schn.) ( 39 ): risultano pertanto rischiosi i tentativi, spesso sperimentati,<br />

<strong>di</strong> far co<strong>in</strong>cidere con personalità altrove ricordate il nome<br />

<strong>di</strong> questo Ermodoto che si ritrova <strong>in</strong> Plutarco ( 40 ).<br />

7. 7. Hesiodus.<br />

7.1-2. Hes. Opp. 121-126 (123 f<strong>in</strong>-125 = 253f<strong>in</strong>-255) Solmsen<br />

aujta;r ejpei; dh; tou`to gevno~ kata; gai`a kavluye,<br />

toi; me;n daivmone~ aJgnoi; ejpicqovnioi televqous<strong>in</strong><br />

ejsqloiv, ajlexivkakoi, fuvlake~ qnhtw`n ajqrwvpwn,<br />

ªoi{ rJa fulavssousivn te <strong>di</strong>vka~ kai; scevtlia e[rga<br />

125 hjevra eJssavmenoi pavnth foitw`nte~ ejp∆ ai\an,º<br />

ploutodovtai: kai; tou`to gevra~ basilhvion e[scon.<br />

Si tratta <strong>di</strong> versi de Le Opere e i Giorni molto tribolati: <strong>in</strong> particolare,<br />

i vv. 122-123 si presentano nella tra<strong>di</strong>zione <strong>di</strong>retta, senza eccezioni,<br />

nella forma toi; me;n daivmone~ eijsi Dio;~ megavlou <strong>di</strong>a; boulav~ /<br />

ejsqloiv, ejpicqovnioi, fuvlake~ qnhtw`n ajnqrwvpwn, una versione con<strong>di</strong>visa<br />

anche da Lactant. Div. Instit. II 14,7, mentre la tra<strong>di</strong>zione <strong>in</strong><strong>di</strong>retta,<br />

rappresentata da Platone, da Plutarco e da numerosi altri esegeti,<br />

( 37 ) Cfr. M. GIGANTE s. v. Hermodotos 3 <strong>in</strong> RE suppl. X, Stuttgart 1970, col. 434.<br />

( 38 ) Cfr. M. BONARIA s. v. Hermodotos 2 <strong>in</strong> RE suppl. XII, Stuttgart 1965, col. 321;<br />

l’iscrizione è <strong>in</strong> LE BAS-WADDINGTON, III 92 (= Packard Humanities Institut Cd-<br />

Rom # 7, Ionia, Teos n. 103,3,3).<br />

( 39 ) TH. BERGK, PLG III4 p. 637, seguito da O. Hense, avanzava l’ipotesi che<br />

potesse trattarsi <strong>di</strong> un poeta tragico, e questo nella <strong>di</strong>rezione della iscrizione <strong>di</strong><br />

Teos sopra ricordata; <strong>in</strong>oltre, accogliendo una proposta <strong>di</strong> A. MEINEKE, Analecta<br />

critica ad Athenaei Deipnosophistas (= Athenaei Deipnosophistae ex rec. A. MEINEKE<br />

vol. IV), Lipsiae 1867, p. 341 (cfr. p. 110 nota), entrambi suggerivano che <strong>in</strong><br />

questo passo <strong>di</strong> Stobeo e <strong>in</strong> Stob. IV 98,66 (V p. 845 W.- H. = Apostol. IV 23g,<br />

CPG II p. 316,17-21 Leu. – Schn.), dove verrebbero citati alcuni versi (la cui<br />

ricostruzione è peraltro molto problematica) attribuiti a un certo Hermolochus, si<br />

possano uniformare i nomi degli autori o nella forma ÔErmodovtou o <strong>in</strong> quella<br />

ÔErmolovcou; ma su questo si veda anche A. NAUCK, TGF2 p. XIV.<br />

( 40 ) Tentativi sui quali esprimeva il suo scetticismo lo stesso Th. Bergk, cfr.<br />

PLG III 4 pp. 637 s.


Citazioni da poeti greci nel De Iside et Osiride <strong>di</strong> Plutarco<br />

offre un testo che può essere espresso schematicamente come toi; me;n<br />

daivmone~ aJgnoi; ejpicqovnioi (vel uJpicqovnioi) televqous<strong>in</strong> (vel<br />

kalevontai) / ejsqloiv (vel aJgnoiv), ajlexivkakoi (vel ejpicqovnioi),<br />

fuvlake~ qnhtw`n (vel merovpwn) ajnqrwvpwn. Questa situazione<br />

complessa è ben riflessa nelle e<strong>di</strong>zioni critiche e negli stu<strong>di</strong> moderni,<br />

che sembrano privilegiare ora la tra<strong>di</strong>zione <strong>di</strong>retta (Rzach, West,<br />

Verdenius), ora quella <strong>in</strong><strong>di</strong>retta come riflesso <strong>di</strong> «un testo esiodeo<br />

più genu<strong>in</strong>o» (Wilamowitz, Solmsen) ( 41 ).<br />

Di questi versi Plutarco, che li cita parzialmente <strong>in</strong> alcuni altri<br />

luoghi e non solo nel De Iside, costituisce un importante testimone.<br />

In particolare, egli esplicita i nessi <strong>di</strong> Hes. Opp. 122-123 e 126 <strong>in</strong> De<br />

Is. et Os. 26 (= mor. 361B) tou;~ de; crhstou;~ pavl<strong>in</strong> kai; ajgaqou;~<br />

o{ qæ ÔHsivodo~ æaJgnou;~ daivmona~æ (Opp. 122) kai; æfuvlaka~ ajnqrwvpwnæ<br />

(Opp. 123) prosagoreuvei, æploutodovta~ kai; tou`to<br />

gevra~ basilhvion e[conta~æ (Opp. 126), con un adattamento al proprio<br />

contesto evidente soprattutto nella manipolazione dei casi e<br />

nella semplificazione dei nessi (daivmona~ ajgnouv~; fuvlaka~<br />

ajnqrwvpwn; ploutodovta~). Le stesse caratteristiche, ma con la segnalazione<br />

solo <strong>di</strong> Hes. Opp. 123 e 126, ricompaiono <strong>in</strong> Plut. De<br />

def. orac. 13 (= mor. 417B) tou;~ (scil. tou;~ daivmona~) de; pavnu<br />

semnw`~ oJ ÔHsivodo~ (Opp. 123 e 126) æaJgnou;~æ prosei`pe æploutodovta~,<br />

kai; tou`to gevra~ basilhvion e[conta~æ, wJ~ basilikou` tou`<br />

eu\ poiei`n o[nto~, mentre <strong>in</strong> De def. orac. 39 (= mor. 431E) eij ga;r<br />

aiJ <strong>di</strong>akriqei`sai swvmato~ h] mh; metascou`sai to; paravpan yucai;<br />

daivmonev~ eijsi kata; se; kai; to;n qei`on ÔHsivodon (Opp. 123)<br />

æaJgnoi; ejpicqovnioi fuvlake~ qnhtw`n ajnqrwvpwnæ ( 42 ), pur essendo<br />

la citazione circoscritta al solo Opp. 123, Plutarco mostra <strong>di</strong> conoscere<br />

<strong>in</strong>teramente e <strong>di</strong>rettamente quel verso ( 43 ) e per <strong>di</strong> più <strong>in</strong> una<br />

153<br />

( 41 ) La citazione, da U. VON WILAMOWITZ-MOELLENDORFF, Die Ilias und<br />

Homer, Berl<strong>in</strong> 1916, p. 7, n. 1, viene vivacemente contestata da W.J. VERDENIUS,<br />

A Commentary on Hesiod Works and Days, vv. 1-382, Leiden 1985, p. 86 (con<br />

riferimenti bibliografic).<br />

( 42 ) In assenza <strong>di</strong> una precisazione sul testo <strong>di</strong> Esiodo, risulta quanto meno<br />

fuorviante l’osservazione <strong>di</strong> A. Rescigno nel suo commento a Plut. De def. orac. 39<br />

(cfr. Plutarco, L’eclissi degli oracoli, <strong>in</strong>troduzione, testo critico, traduzione e<br />

commento a cura <strong>di</strong> A.R., NAPOLI 1995, pp. 430 s., n. 363) «La citazione, che<br />

ricorre anche a p. 417b e nel de Is. et Osir., 361b, si <strong>di</strong>fferenzia dal testo esiodeo<br />

per l’epiteto ajgnov~ <strong>in</strong>vece che ejsqlov~, <strong>di</strong>vergenza, tuttavia, che ha la sua orig<strong>in</strong>e<br />

<strong>in</strong> Platone, Resp. 469a, Crat. 398a, …».<br />

( 43 ) È superfluo ricordare che la tra<strong>di</strong>zione attribuisce a Plutarco anche quattro<br />

libri <strong>di</strong> Commentari a Le Opere e i Giorni <strong>di</strong> Esiodo: per essi si veda la Praefatio <strong>di</strong><br />

F.H. SANDBACH a Plutarchi Moralia, vol. VII: Fragmenta, Lipsiae 1977, pp. VIII-


154<br />

LUIGI LEURINI<br />

forma che risulta almeno <strong>in</strong> due punti <strong>di</strong>versa da quella <strong>di</strong> cui si rende<br />

testimone, anche se <strong>in</strong> forma contrad<strong>di</strong>toria, Platone. Quest’ultimo<br />

cita Hes. Opp. 121-123 <strong>in</strong> Crat. 398A (cfr. Theodoret. Graec.<br />

affect. cur. VIII 48) SW. Oi\sqa ou\n tivna~ fhsi;n ÔHsivodo~ ei\nai tou;~<br />

daivmona~… ª...º SW. Levgei toivnun peri; aujtou` (Opp. 121-123):<br />

Aujta;r ejpeidh; tou`to gevno~ kata; moi`ræ ejkavluyen, / oiJ me;n daivmone~<br />

aJgnoi; uJpocqovnioi (Teodoreto ha ejpicqovnioi) kalevontai, / ejsqloiv,<br />

ajlexivkakoi, fuvlake~ qnhtw`n ajnqrwvpwn e, con significative <strong>di</strong>fferenze,<br />

i vv. 122 s. pure <strong>in</strong> Resp. 468E (cfr. Hermog. Rhet. De figg. II<br />

4 p. 337 Rabe, Eus. Praep. ev. 13,11,1) ∆All∆ ouj peisovmeqa<br />

ÔHsiovdw/, ejpeidavn t<strong>in</strong>e~ tou` toiouvtou gevnou~ teleuthvsws<strong>in</strong>, wJ~<br />

a[ra æoiJ me;n daivmone~ aJgnoi; ejpicqovnioi televqous<strong>in</strong>, / ejsqloiv,<br />

ajlexivkakoi, fuvlake~ merovpwn ajnqrwvpwnæ (ma Ermogene ha<br />

qnhtw`n); Platone trasc<strong>in</strong>a <strong>di</strong>etro <strong>di</strong> sé alcuni suoi commentatori,<br />

che, soffermandosi su altri suoi luoghi, citano anche i versi delle<br />

Opere <strong>di</strong> Esiodo che stiamo esam<strong>in</strong>ando. Si tratta <strong>in</strong> particolare <strong>di</strong><br />

Ael. Aristid. ad Platon. p. 171,25 ss. Jebb th`~ ÔHsiovdou prosrhvsew~<br />

ejgguvtata h{konte~ metevce<strong>in</strong>, h}n ejkei`no~ eij~ th;n teleuth;n tou`<br />

crusou` gevnou~ ejpoivhsen eijpw;n (Opp. 122-123): æoiJ me;n<br />

daivmone~ aJgnoi; uJpocqovnioi kalevontai, / ejsqloi;, ajlexivkakoi,<br />

fuvlake~ qnhtw`n ajnqrwvpwnæ e <strong>di</strong> Olympiod. <strong>in</strong> Plat. Alcib. 16,1 ss.<br />

kata; scevs<strong>in</strong> de; levgontai daivmone~ aiJ yucai; tw`n eu\ bebiwkovtwn,<br />

oi|aiv eijs<strong>in</strong> aiJ tou` crusou` gevnou~, ai{t<strong>in</strong>e~ scetikw`~ e[cousai<br />

pro;~ tou;~ daivmona~ kai; au|tai daivmone~ prosagoreuvontai, w{~<br />

fhsi kai; ÔHsivodo~ peri; aujtw`n (Opp. 122-123): æoiJ me;n daivmone~<br />

aJgnoi; ejpicqovnioi kalevontai, / ejsqloiv, ajlexivkakoi, fuvlake~<br />

qnhtw`n ajnqrwvpwnæ. Elio Aristide e Olimpiodoro, dunque, nelle<br />

loro testimonianze, sono <strong>in</strong> accordo con la lezione fuvlake~ qnhtw`n<br />

ajnqrwvpwn <strong>di</strong> Hes. Opp. 123, quella che compare <strong>in</strong> Plut. De def.<br />

orac. 39 e <strong>in</strong> Plat. Crat. 398A ma non <strong>in</strong> Plat. Resp. 468E, dove leggiamo<br />

fuvlake~ merovpwn ajnqrwvpwn. Le cose si complicano ulteriormente<br />

per quanto riguarda Hes. Opp. 122; Platone testimonia oiJ<br />

me;n daivmone~ aJgnoi; uJpocqovnioi kalevontai <strong>in</strong> Crat. 398A, ∆oiJ me;n<br />

daivmone~ aJgnoi; ejpicqovnioi televqous<strong>in</strong> <strong>in</strong> Resp. 468E: tanto Elio<br />

Aristide quanto Olimpiodoro concordano con la versione del Cratilo,<br />

quella cioè con kalevontai anziché televqous<strong>in</strong>, ma Olimpiodoro<br />

XI. Plutarco si riferisce a Hes. Opp. 122 anche <strong>in</strong> De gen. Socr. 24 (= mor. 593D)<br />

aiJ d’ ajphllagmevnai genevsew~ yucai; kai; scolavzousai to; loipo;n ajpo;<br />

swvmato~, oi|on ejleuvqerai pavmpan ajfeimevnai, daivmonev~ eijs<strong>in</strong> ajnqrwvpwn<br />

ejpimelei`~ kaq’ ÔHsivodon (Opp. 122 sq.), dove però ci troviamo <strong>di</strong> fronte a un<br />

richiamo molto generico.


Citazioni da poeti greci nel De Iside et Osiride <strong>di</strong> Plutarco<br />

attesta la variante ejpicqovnioi, presente anche <strong>in</strong> Plutarco De def.<br />

orac. 39 ( 44 ), anziché ujpocqovnioi dei due luoghi <strong>di</strong> Platone ( 45 ).<br />

Anche se il problema non riguarda <strong>di</strong>rettamente Plut. De Is. et<br />

Os. 26, <strong>in</strong> cui la citazione <strong>di</strong> Hes. Opp. 122-126 è molto sbrigativa,<br />

possiamo osservare ancora che nel testo <strong>di</strong> Opp. 123 (= 253)<br />

fuvlake~ qnhtw`n ajnqrwvpwn e fuvlake~ merovpwn ajnqrwvpwn risultano<br />

nessi equivalenti e <strong>in</strong>terscambiabili: <strong>di</strong> fatto, questa con<strong>di</strong>zione<br />

si verifica solamente nei due luoghi esiodei ( 46 ), dove a qnhtw`n della<br />

tra<strong>di</strong>zione <strong>di</strong>retta e <strong>di</strong> parte <strong>di</strong> quella <strong>in</strong><strong>di</strong>retta si sostituisce merovpwn<br />

nella citazione <strong>di</strong> Opp. 123 <strong>in</strong> Plat. Resp. 468E e <strong>in</strong> quella <strong>di</strong> Opp. 253<br />

<strong>in</strong> Sext. Emp. Adv. phys. I 86 e <strong>in</strong> Clem. Al. Protr. II 41,1.<br />

Non è questa la sede per cercare <strong>di</strong> avviare a soluzione i problemi<br />

testuali <strong>di</strong> questi versi esiodei; si deve però rilevare che se il testo riflesso<br />

nella e<strong>di</strong>zione <strong>di</strong> Fr. Solmsen (Oxonii 1970, 1983 2 ) ( 47 ) corrisponde<br />

effettivamente a quello <strong>di</strong> una fase del testo de Le Opere e i<br />

Giorni <strong>di</strong> Esiodo, allora possiamo affermare che Platone nel Cratilo e<br />

nella Repubblica lasciava al posto giusto ajgnoiv e ejsqloiv, dal mo-<br />

155<br />

( 44 ) Nulla <strong>in</strong>vece ci <strong>di</strong>cono i tre luoghi <strong>di</strong> Plutarco sulle varianti kalevontai /<br />

televqous<strong>in</strong>, dal momento che nelle citazioni quella forma verbale viene<br />

soppressa, così come il passo del De Iside si rivela sotto questo profilo ancor meno<br />

utilizzabile, perché più bruscamente scorciato.<br />

( 45 ) Si può ancora segnalare che Phot. Bibl. p. 427a25 (cfr. Schol. A (D) Hom.<br />

A 222d Erbse) offre fuvlake~ qnhtw`n ajnqrwvpwn per Opp. 123 e conosce<br />

uJpocqovnioi kalevontai come secondo emistichio <strong>di</strong> Opp. 122; Proclo (Comment.<br />

ad Hes. Opp. 122) e gli Scholl. vett. ad Hes. Opp. 122, concordano <strong>in</strong>vece <strong>in</strong><br />

ejpicqovnioi; Themist. 20,240 (ejpitavf. ejpi; tw`/ patriv) utilizza <strong>in</strong>vece l’espressione<br />

ejsqlouv~, ajlexikavkou~, fuvlaka~ merovpwn ajnqrwvpwn. Il nesso esiodeo sembra<br />

riecheggiato <strong>in</strong> Aesch. Pers. 628 cqovnioi daivmone~ aJgnoiv.<br />

( 46 ) Nei poemi omerici e <strong>in</strong> Esiodo i nessi merovpwn ajnqrwvpwn e qnhtw`n<br />

ajnqrwvpwn – quest’ultimo anche nella variante kataqnhtw`n ajnqrwvpwn – ricorrono<br />

rispettivamente 15 e 32 volte (10 delle quali nella variante kataqn. ajnqr.), ma <strong>in</strong><br />

nessuna <strong>di</strong> queste occorrenze, anche laddove ricorrano le con<strong>di</strong>zioni metriche<br />

favorevoli, è documentato lo scambio tra qnhtw`n e merovpwn, se non appunto<br />

nella tra<strong>di</strong>zione, <strong>in</strong><strong>di</strong>retta, <strong>di</strong> Hes. Opp. 123 e 253. Si veda anche Hesiod Works<br />

and Days. E<strong>di</strong>ted with Prolegomena and Commentary by M.L. WEST, Oxford<br />

1978, p. 183.<br />

( 47 ) Le motivazioni che hanno <strong>in</strong>dotto Fr. Solmsen, sulla scia <strong>di</strong> U. VON<br />

WILAMOWITZ-MOELLENDORFF, Hesiods Erga, Berl<strong>in</strong> 1928, p. 56, a accogliere il<br />

testo <strong>di</strong> questi versi nella versione presente nelle citazioni <strong>di</strong> Platone e <strong>di</strong> Plutarco<br />

sono chiaramente <strong>in</strong><strong>di</strong>cate nella necessità <strong>di</strong> far risalire <strong>in</strong> Esiodo la generazione dei<br />

daivmone~ all’età <strong>di</strong> Kronos, si veda FR. SOLMSEN, Hesio<strong>di</strong>c Motifs <strong>in</strong> Plato, <strong>in</strong> Hésiode<br />

et son <strong>in</strong>fluence, Entretiens Hardt VII, Vandœuvres-Genève 1960, pp. 183-185 (cfr.<br />

anche pp. 210 s.)


156<br />

LUIGI LEURINI<br />

mento che <strong>in</strong> Esiodo i daivmone~ sarebbero stati tanto ajgnoiv (Opp. 122)<br />

quanto ejsqloiv (Opp. 123); Plutarco, come suo solito, adattava la citazione<br />

ai propri <strong>in</strong>ten<strong>di</strong>menti e sostituiva ajgnoiv a ejsqloiv <strong>in</strong> De<br />

def. orac. 39 perché ovunque ha sempre sottol<strong>in</strong>eato la qualità <strong>di</strong><br />

ajgnoiv dei daivmone~: <strong>in</strong> De Is. et Os. 26, usando il nesso esiodeo <strong>di</strong><br />

Opp. 122, <strong>in</strong> De def. orac. 13 fondendo <strong>in</strong>sieme Opp. 122 e 123 per<br />

mezzo <strong>di</strong> prosei`pe, <strong>in</strong> De def. orac. 39 sostituendo senza <strong>in</strong>dugi a<br />

ejsqloiv <strong>di</strong> Opp. 123 ajgnoiv <strong>di</strong> Opp. 122.<br />

Quanto poi alle rem<strong>in</strong>iscenze e alle comb<strong>in</strong>azioni <strong>di</strong> luoghi omerici,<br />

o esiodei o ancora p<strong>in</strong>darici, utilizzate dagli stu<strong>di</strong>osi moderni per<br />

spiegare i mo<strong>di</strong> attraverso i quali Platone, e <strong>di</strong>etro <strong>di</strong> lui Plutarco,<br />

avrebbe costruito malamente le citazioni <strong>di</strong> Hes. Opp. 122 ss. ( 48 ), si<br />

trascura il fatto che anche esam<strong>in</strong>ando Hes. Opp. 122-123 nella forma<br />

e<strong>di</strong>ta da A. Rzach e da M.L. West una tale impostazione metodologica<br />

permetterebbe <strong>di</strong> rilevare che il secondo emistichio <strong>di</strong> Opp. 122 risulta<br />

una rem<strong>in</strong>iscenza <strong>di</strong> Hom. q 82 e <strong>di</strong> Hes. Theog. 465 e comunque della<br />

clausola <strong>di</strong>a; boula;~ riferita a Zeus <strong>in</strong> Hes. Theog. 572 e Opp. 71,<br />

cfr. [Hes.] Scut. 318.<br />

Per quanto riguarda <strong>in</strong>vece il v. 126 ploutodovtai: kai; tou`to gevra~<br />

basilhvion e[scon, esso viene citato da Plutarco, come si è visto, <strong>in</strong> De<br />

Is. et Os. 26 (= mor. 361B) e <strong>in</strong> De def. orac. 13 (= mor. 417B) nella<br />

stessa forma ploutodovta~ kai; tou`to gevra~ basilhvion e[conta~,<br />

una versione che presenta le varianti ploutodovta~ e e[conta~ dovute<br />

a un adeguamento ai contesti plutarchei ( 49 ).<br />

7.3. Hes. Opp. 742-743 Solmsen<br />

mhd∆ ajpo; pentovzoio qew`n ejn daiti; qaleivh/<br />

au\on ajpo; clwrou` tavmne<strong>in</strong> ai[qwni sidhvrw/.<br />

A questi versi Plutarco fa riferimento <strong>in</strong> De Is. et Os. 4 (= mor. 352E)<br />

ejk de; perittwmavtwn e[ria kai; lavcnai kai; trivce~ kai; o[nuce~<br />

( 48 ) Cfr. W.J. VERDENIUS, A Commentary, cit., pp. 85 s.: egli pensa a una citazione<br />

a memoria con contam<strong>in</strong>azione con P<strong>in</strong>d. F 133,5 s. Sn. – M. ej~ de; to;<br />

loipo;n crovnon h[roe~ ajgnoi; pro;~ ajnqrwvpwn kalevontai (citato <strong>in</strong> Men. 81BC),<br />

mentre la variante televqous<strong>in</strong> <strong>di</strong> Resp. 469A, che si trova <strong>in</strong> clausola <strong>in</strong> Hom. T<br />

641, Y 589, d 85, t 328, sarebbe appunto una rem<strong>in</strong>iscenza omerica; allo stesso<br />

modo, trascuratezza nelle citazioni, egli spiega i doppioni ejpicqovnioi / uJpocqovnioi<br />

e qnhtw`n / merovpwn.<br />

( 49 ) La stessa forma <strong>di</strong> participio si trova nella versione lat<strong>in</strong>a che <strong>di</strong> Hes. Opp.<br />

122-123+126 offre Macrob. Comm. <strong>in</strong> Somn. Scip. I 9,7 In<strong>di</strong>gites <strong>di</strong>vi fato summi<br />

Iovis hi sunt; / quondam hom<strong>in</strong>e, modo cum superis humana teuentes, / largi ac<br />

munifici, ius regum nunc quoque nacti.


Citazioni da poeti greci nel De Iside et Osiride <strong>di</strong> Plutarco<br />

ajnafuvontai kai; blastavnousi. geloi`on ou\n h\n ta;~ me;n auJtw`n<br />

trivca~ ejn tai`~ aJgneivai~ ajpotivqesqai xurwmevnou~ kai;<br />

leia<strong>in</strong>omevnou~ pa`n oJmalw`~ to; sw`ma, ta;~ de; tw`n qremmavtwn<br />

ajmpevcesqai kai; forei`n: kai; ga;r to;n ÔHsivodon oi[esqai dei`<br />

levgonta (Opp. 742 s.): æmhd’ ajpo; --- ai[qwni sidhvrw/æ <strong>di</strong>davske<strong>in</strong><br />

o{ti dei` kaqarou;~ tw`n toiouvtwn genomevnou~ eJortavze<strong>in</strong>, oujk ejn<br />

aujtai`~ tai`~ iJerourgivai~ crh`sqai kaqavrsei kai; ajfairevsei tw`n<br />

perittwmavtwn, una vera e propria citazione che non presenta alcuna<br />

<strong>di</strong>fferenza rispetto alla paradosis esiodea, e <strong>in</strong> F 92 Sandbach ( 50 ), il cui<br />

contesto, parakeleuvetai toivnun mh; ejn eujwcivai~ qew`n tevmne<strong>in</strong><br />

tou;~ o[nuca~: tevmnonta~ ga;r provteron kai; kekaqarmevnou~ th`/<br />

eJorth`/ parabavlle<strong>in</strong>, ajll’ oujk ejn aujtai`~ tou`to poiei`n. ktl, riflette<br />

per molti versi il testo <strong>di</strong> mor. 352E.<br />

7.4. Hes. Theog. 116-122 Solmsen<br />

h[toi me;n prwvtista Cavo~ gevnet∆: aujta;r e[peita<br />

Gai`∆ eujruvsterno~, pavntwn e{do~ ajsfale;~ aijei;<br />

ajqanavtwn oi}‰ e[cousi kavrh nifovento~ ∆Oluvmpou,<br />

[Tavrtarav t∆ hjeroventa mucw`/ cqono;~ eujruodeivh~,]<br />

120 hjd∆ “Ero~, o}~ kavllisto~ ejn ajqanavtoisi qeoi`si,<br />

lusimelhv~, pavntwn te qew`n pavntwn t’ ajnqrwvpwn<br />

davmnatai ejn sthvqessi novon kai; ejpivfrona boulhvn.<br />

Plutarco si riferisce a questi versi della Teogonia, e <strong>in</strong> particolare<br />

ai vv. 116-120, <strong>in</strong> De Is. et Os. 57 (= mor. 374C) dovxeie d’ a]n i[sw~<br />

kai; oJ ÔHsivodo~ (Theog. 116-120) ta; prw`ta pavntwn Cavo~ kai;<br />

Gh` n kai; Tavrtaron kai; “Erwta poiw`n oujc eJtevra~ lambavne<strong>in</strong><br />

ajrcav~, ajlla; tauvta~: ge dh; tw`n ojnomavtwn th`/ me;n [Isi<strong>di</strong> to;<br />

th`~ Gh`~, tw`/ d’ ∆Osivri<strong>di</strong> to; tou` “Erwto~, tw`/ de; Tufw`ni to; tou`<br />

Tartavrou metalambavnontev~ pw~ ajpo<strong>di</strong>vdomen: to; ga;r Cavo~<br />

dokei` cwvran t<strong>in</strong>a; kai; tovpon tou` panto;~ uJpotivqesqai. La forma<br />

è del tutto generica, giacché Plutarco si limita a elencare gli elementi<br />

primi, rappresentati <strong>in</strong> Esiodo dai nomi <strong>di</strong> Chaos, Ghe, Eros e<br />

Tartaros, per poi sostenere che si tratta degli stessi pr<strong>in</strong>cipi che gli<br />

Egiziani chiamano Iside (Ghe), Osiride (Eros) e Tifone (Tartaros),<br />

mentre a Chaos è riservato un territorio del tutto particolare.<br />

( 50 ) Il frammento deriva dal Commentario <strong>di</strong> Proclo al luogo <strong>di</strong> Esiodo; quest’ultimo<br />

si trova citato ancora <strong>in</strong> Etym. Magn. Auct. a 1649 Lass. - Livad. (= Zon. Lex.<br />

p. 243,17 Tittmann) ajpo; pentovzoio. pentaklavdou. ÔHsivodo~ (Opp. 742 sq.): æmhdæ<br />

ajpo; pentovzoio / au\on ajpo; clwrou` tavmne<strong>in</strong> ai[qwni sidhvrw/ e <strong>in</strong> Suda a<br />

4456 Adler au\on: xhrovn. ÔHsivodo~: au\on ajpo; clwrou` tavmne<strong>in</strong> (Opp. 743).<br />

157


158<br />

LUIGI LEURINI<br />

Questa genericità <strong>di</strong> richiamo ha paralleli, sempre <strong>in</strong> Plutarco, <strong>in</strong><br />

Amator. 13 (= mor. 756F) e <strong>in</strong> De fac. <strong>in</strong> orb. Lun.12 (= mor. 927A),<br />

dove si allude a Theog. 120, mentre citazioni più precise della stessa<br />

sezione della Teogonia sono <strong>in</strong> Quaest. conv. V 5,2 (= mor. 678F) e<br />

<strong>in</strong> Aquan. an ign. util. 1 (= mor. 955E), nei quali si cita esattamente<br />

la prima parte <strong>di</strong> Theog. 116 h[toi me;n prwvtista cavo~ gevnet(o), <strong>in</strong><br />

De def. orac. 43 (= mor. 433E), <strong>in</strong> cui viene proposto <strong>di</strong> Theog. 117<br />

il segmento pavntwn e{do~ ajsfalev~, e <strong>in</strong> De prim. frig. 9 (= mor.<br />

948F), dove si richiama il nesso Tavrtarav t’ hjeroventa dell’<strong>in</strong>cipit<br />

<strong>di</strong> Theog. 119 ( 51 ).<br />

8. 8. Homerus.<br />

8.1. N 354 s.<br />

h\ ma;n ajmfotevrois<strong>in</strong> oJmo;n gevno~ hjd∆ i[a pavtrh,<br />

ajlla; Zeu;~ provtero~ gegovnei kai; pleivona h[/dh.<br />

I due esametri sono citati <strong>in</strong> Plut. De Is. et Os. 1 (= mor. 351D)<br />

kai; tou`to kavllista pavntwn ”Omhro~ w|n ei[rhke peri; qew`n<br />

ajnafqegxavmeno~ (seguono N 354 s.) semnotevran ajpevfhne th;n<br />

tou` Dio;~ hJgemonivan ejpisthvmh/ kai; sofiva/ presbutevran ou\san,<br />

per giustificare attraverso la testimonianza omerica il fatto che la supremazia<br />

<strong>di</strong> Zeus deriva da una maggiore antichità <strong>di</strong> scienza e <strong>di</strong><br />

conoscenza. A livello testuale si può segnalare che il co<strong>di</strong>ce e<br />

(Matritensis 4690, saec. XIV) varia hjd∆ (v. 354) del resto della tra<strong>di</strong>zione<br />

manoscritta e della vulgata omerica <strong>in</strong> oujd∆, mentre tutti i co<strong>di</strong>ci<br />

<strong>di</strong> Plutarco offrono <strong>in</strong> clausola a N 355 la variante h[/dei, giustamente<br />

conservata dagli e<strong>di</strong>tori <strong>di</strong> Plutarco. Può trattarsi <strong>di</strong> un<br />

atticismo imputabile a Plutarco ( 52 ), ma varianti <strong>di</strong> questo tipo non<br />

sono sconosciute alla tra<strong>di</strong>zione omerica; si vedano i casi <strong>di</strong> L 741<br />

(h[/dh), per cui H (V<strong>in</strong>dobonensis phil. 117, saec. XIII) e V<br />

(Vaticanus 26, saec. XIII) presentano h[idei; <strong>di</strong> C 280 (hjeivdei~), <strong>in</strong><br />

cui al contrario il Laur. 32,11 e la e<strong>di</strong>tio pr<strong>in</strong>ceps offrono hjeivdh~; <strong>di</strong><br />

( 51 ) Sulla autenticità <strong>di</strong> Theog. 118 e 119 si veda la equilibrata messa a punto<br />

<strong>di</strong> M.L. WEST, Hesiod Theogony, Oxford 1966, pp. 193-195.<br />

( 52 ) In questa <strong>di</strong>rezione porta il fatto che la stessa variante compare sempre <strong>in</strong><br />

N 354 s. citati da Plutarco ancora <strong>in</strong> De aud. poet. 11 (= mor. 32A), cfr. anche<br />

[Plut.] De Hom. 114 K<strong>in</strong>dstr., che registra h[/dh come lezione dei co<strong>di</strong>ci a<br />

(Parmensis gr. 2495, saec. XV) m (Guelferbytanus 4210, saec. XV) p (Paris<strong>in</strong>us<br />

suppl. gr. 541, saec. XV).


Citazioni da poeti greci nel De Iside et Osiride <strong>di</strong> Plutarco<br />

i 189 (h[/dh), dove h[(i)dei è ancora lezione <strong>di</strong> H e <strong>di</strong> T (Mus. Brit.<br />

Burney 86, a. 1059); <strong>in</strong>f<strong>in</strong>e <strong>di</strong> i 206 (hjeivdei), per il quale Y (Par.<br />

suppl. gr. 663, saec. XI) presenta hjeivdh ( 53 ).<br />

8.2. In De Is. et Os. 7 (= mor. 353D-E), nel tentativo <strong>di</strong> motivare<br />

l’astensione dal cibarsi <strong>di</strong> pesci da parte dei sacerdoti egiziani,<br />

Plutarco afferma che «la ragione più evidente e imme<strong>di</strong>ata, che mostra<br />

che i pesci sono un cibo né necessario né semplice, testimonia<br />

ciò attraverso Omero che fa <strong>in</strong> modo che non us<strong>in</strong>o i pesci né i Feaci<br />

raff<strong>in</strong>ati né gli abitanti <strong>di</strong> Itaca, che erano isolani, né i compagni <strong>di</strong><br />

O<strong>di</strong>sseo, che pure erano impegnati <strong>in</strong> mare <strong>in</strong> una navigazione tanto<br />

<strong>di</strong>fficoltosa, se non nelle estreme necessità» (oJ d∆ ejmfanh;~ kai;<br />

provceiro~ oujk ajnagkai`on oujd∆ ajperivergon o[yon ajpofaivnwn<br />

to;n ijcqu;n ÔOmhvrw/ marturei` mhvte Faivaka~ tou;~ aJbrobivou~ mhvte<br />

tou;~ ∆Iqakhsivou~ ajnqrwvpou~ nhsiwvta~ ijcquvsi crwmevnou~<br />

poiou`nti mhvte tou;~ ∆Odussevw~ eJtaivrou~ ejn plw`/ tosouvtw/ kai; ejn<br />

qalavtth/ pri;n eij~ ejscavthn ejlqei`n ajporivan). Abbiamo dunque a<br />

che fare con una serie <strong>di</strong> allusioni, le prime due, ai Feaci e agli abitanti<br />

<strong>di</strong> Itaca, molto generiche, l’ultima, ai compagni <strong>di</strong> O<strong>di</strong>sseo, riferita<br />

<strong>in</strong>vece a un luogo preciso dell’O<strong>di</strong>ssea, appunto m 329-332<br />

ajll∆ o{te dh; nho;~ ejxevfqito h[i>a pavnta, / kai; dh; a[grhn ejfevpeskon<br />

ajlhteuvonte~ ajnavgkh/, / ijcqu`~ o[rniqav~ te, fivla~ o{ ti cei`ra~<br />

i{koito, / gnamptoi`s∆ ajgkivstrois<strong>in</strong>: e[teire de; gastevra limov~ ( 54 ).<br />

Che i Feaci e gli abitanti <strong>di</strong> Itaca non si cibassero <strong>di</strong> pesci, non ha <strong>di</strong><br />

fatto alcun riscontro testuale nei poemi omerci; può trattarsi <strong>di</strong> una<br />

ovvia deduzione <strong>di</strong> Plutarco, fondata sull’evidenza che <strong>in</strong> nessuno<br />

( 53 ) La ricostruzione <strong>di</strong> queste varianti è resa possibile dall’apparato delle<br />

e<strong>di</strong>zioni dell’Iliade e dell’O<strong>di</strong>ssea curate da H. VAN THIEL ( Hildesheim-Zürich-<br />

New York 1996 e, rispettivamente, 1991).<br />

( 54 ) Superate Scilla e Carid<strong>di</strong>, O<strong>di</strong>sseo e i compagni sono giunti all’isola <strong>di</strong><br />

Helios: O<strong>di</strong>sseo ha imposto il <strong>di</strong>vieto <strong>di</strong> nutrirsi delle vacche <strong>di</strong> Helios; perciò,<br />

consumate le provviste, tutti vanno a caccia <strong>di</strong> cibo, <strong>di</strong> pesci e <strong>di</strong> uccelli e <strong>di</strong><br />

quant’altro capiti. Non è <strong>in</strong>vece proponibile il r<strong>in</strong>vio a d 368 s. aijei; ga;r peri;<br />

nh`son ajlwvmenoi ijcquavaskon / gnamptoi`s∆ ajgkivstrois<strong>in</strong>, e[teire de; gastevra<br />

limov~, presente <strong>in</strong> V. CILENTO, Diatriba isiaca, Firenze 1962, p. 16 (ristampato <strong>in</strong><br />

Plutarco, Iside e Osiride e Dialoghi delfici, a cura <strong>di</strong> V. Cilento, presentazione <strong>di</strong> G.<br />

Reale, bibliografia <strong>di</strong> A. Bellanti, Milano 2002), <strong>in</strong> J.G. GRIFFITHS, Plutarch’s De<br />

Iside et Osiride. E<strong>di</strong>ted with an Introduction Translation and Commentary by<br />

J.G. GRIFFITHS, Cambridge 1970, p. 279, <strong>in</strong> Plutarco, Iside e Osiride, <strong>in</strong>troduzioe<br />

<strong>di</strong> D. DEL CORNO, traduzione <strong>di</strong> M. CAVALLI, Milano 1990, p. 154, n. 24 e ora<br />

anche <strong>in</strong> M. GARCÍA VALDÉS, Plutarco De Iside, cit., p. 69, n. 29: anche se la<br />

situazione è del tutto identica, qui si tratta <strong>di</strong> Menelao e compagni che, fermi da<br />

venti giorni <strong>in</strong> Egitto, a Faro, e allo stremo delle forze, cercano cibo nella pesca.<br />

159


160<br />

LUIGI LEURINI<br />

dei banchetti cui assistiamo a Scheria o a Itaca vengono mai nom<strong>in</strong>ati<br />

pesci ( 55 ).<br />

8.3-8. Plut. De Is. et Os. 26 (= mor. 360F-361A) ajkouvomen de; kai;<br />

ÔOmhvrou tou;~ me;n ajgaqou;~ <strong>di</strong>afovrw~ æqeoeideva~æ (cfr. B 623, al.)<br />

eJkavstote kalou`nto~ kai; æajntiqevou~æ (cfr. A 234, al.) kaiv æqew`n<br />

a[po mhvde∆ e[conta~æ (cfr. z 12, etiam W 282, 674, n 89, t 353), tw`/<br />

d∆ ajpo; tw`n daimovnwn prosrhvmati crwmevnou ko<strong>in</strong>w`~ ejpiv te<br />

crhstw`n kai; fauvlwn (N 810-811): ædaimovnie, --- / ∆Argeivou~æ… kai;<br />

pavl<strong>in</strong> (E 438 = P 705 = P 786 = U 447): æajll∆ o{te dh; --- daivmoni<br />

i\so~æ, kaiv (D 31-33): ædaimonivh, --- ptoliveqronæ; wJ~ tw`n daimovnwn<br />

mikth;n kai; ajnwvmalon fuvs<strong>in</strong> ejcovntwn kai; proaivres<strong>in</strong>.<br />

In una sequenza molto breve Plutarco accumula una <strong>di</strong>screta<br />

quantità <strong>di</strong> allusioni e <strong>di</strong> vere e proprie citazioni omeriche allo scopo<br />

<strong>di</strong> <strong>di</strong>mostrare, <strong>in</strong> aperta polemica con Evemero (cfr. 360A), come vi<br />

debba essere una netta <strong>di</strong>st<strong>in</strong>zione tra gli atti compiuti da uom<strong>in</strong>i valorosi,<br />

che <strong>in</strong> Omero ricevono epiteti della sfera <strong>di</strong>v<strong>in</strong>a ma non vengono<br />

<strong>di</strong>v<strong>in</strong>izzati, e quelli compiuti dalle <strong>di</strong>v<strong>in</strong>ità e come <strong>in</strong> Omero il term<strong>in</strong>e<br />

daivmwn sia sempre riservato al piano dell’umano e non venga<br />

elevato a quello del <strong>di</strong>v<strong>in</strong>o ( 56 ). Plutarco procede a questa operazione<br />

prima con tre allusioni piuttosto vaghe, “Sappiamo che Omero chiama<br />

i valorosi <strong>in</strong> modo <strong>di</strong>fferente, ora ‘simili a un <strong>di</strong>o’, ora ‘pari a un<br />

<strong>di</strong>o’, ora ‘dotati <strong>di</strong> pensiero che emana da un <strong>di</strong>o’” ( 57 ), che vanno poi<br />

( 55 ) La citazione testuale <strong>di</strong> m 329 e 332 compare <strong>in</strong> Quaest. conv. VIII 3 (=<br />