Scarica il Calendario dei Diritti Globali 2009 - Zonafranca - Spazi ...

zonafrancaonlus.org

Scarica il Calendario dei Diritti Globali 2009 - Zonafranca - Spazi ...

Ndjock Yogo Ngana was born in Llanga, Cameroon, in 1952,

and has lived in Italy since 1973.

Esthwer Mujawayo was born in Rwanda in 1958 and survived

the 1994 genocide.

Born in Algeria and bred in France, Souâd Balhaddad

is a journalist and reporter.

Slavenka Drakulic (1949) is a Croatian journalist and writer.

Juan Gelman, poet, was born in Buenos Aires, Argentina,

in 1930.

Azar Nafi si (Teheran, 1955) is a writer who has taught English

Literature at university level in Teheran, before moving into the

United States in 1997.

Dušan Velickovic (1947) is a journalist, writer, fi lm maker

and publisher from Belgrado.

Manuel Scorza, novelist, was born in Huancavelica, Peru,

in 1928 and died in Madrid in 1984.

‘Abd ar-Rahman Munif was born in Amman, Jordan,

in 1933 and died in Damascus, Syria, 2004.

Tahar Ben Jelloun, novelist, poet, essayist, was born in Fes,

Morocco, in 1940.

Hanif Kureishi (London, 1954) is a British writer

of Pakistani origin.

Throughout his life, Emil Habibi (1922-1997), an “Arab” citizen

of Israel, has aimed at establishing peace between Palestinians

and Israelis.

Juan Carlos Onetti, novelist, was born in Montevideo,

Uruguay, in 1909 and died in Madrid, in 1994.

Ndjock Yogo Ngana è nato a Llanga, in Camerun,

nel 1952 e dal 1973 vive in Italia.

Esthwer Mujawayo (1958) è nata in Ruanda

ed è sopravvissuta al genocidio del 1994.

Souâd Balhaddad, nata in Algeria e cresciuta in Francia,

è giornalista e reporter.

Slavenka Drakulic (1949) è una giornalista e scrittrice croata.

Juan Gelman, poeta, è nato a Buenos Aires, Argentina,

nel 1930.

Azar Nafi si (Teheran, 1955) è una scrittrice che ha insegnato

letteratura inglese in vari atenei di Teheran prima di emigrare

negli Stati Uniti nel 1997.

Dušan Velickovic (1947) è giornalista, scrittore,

fi lm maker ed editore di Belgrado.

Manuel Scorza, romanziere, è nato a Huancavelica,

Perù, nel 1928 ed è morto a Madrid nel 1984.

‘Abd ar-Rahman Munif, è nato ad Amman, Giordania,

nel 1933 ed è morto a Damasco, Siria, nel 2004.

Tahar Ben Jelloun, scrittore, poeta, saggista, è nato a Fes,

Marocco, nel 1940.

Hanif Kureishi (Londra, 1954) è uno scrittore britannico

di origine pakistana.

Emil Habibi (1922-1997), cittadino “arabo” di Israele,

ha impegnato tutta la vita nella ricerca della pace

tra Palestinesi e Israeliani.

Juan Carlos Onetti, romanziere, è nato a Montevideo,

Uruguay, nel 1909 ed è morto a Madrid, nel 1994.

Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo

Universal Declaration of Human Rights

Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo

In collaborazione con

Calendario

Calendar

Grafi ca Chierese, Arignano (TO)

Think Advertising, Torino - www.think-adv.com

Progetto grafi co e coordinamento esecutivo:

Il Coordinatore V Commissione, Giovanni TUFARO;

Il Direttore, Dott. Michele D’ARIENZO; D.ssa Giuseppina RIZZI.

Per la Circoscrizione 9 della Città di Torino si ringraziano:

Prof.ssa Farian SABAHI (Università di Torino); Halima ABDI

ARUSH (Presidente IIDA Women’s Development Organisation),

Faduma ALI YAROW, Abdullahi AHMED “Ciid”, Yusuf GULED

"Anabooro" (IIDA - SAD di Merka); Massimiliano Yamine KAMAL,

Lisa LESSOLO, Luca ROBINO, Emanuela VIRONDA,

(SCI Piemonte); John MAKOLA.

Si ringraziano per la preziosa collaborazione:

Claudio BENEDETTO, Silvana LI PIRA,

Massimiliano Yamine KAMAL, Elio PECORINI,

Emanuela VIRONDA.

Esterino ADAMI, Lucia SCARNECCHIA

Traduzione e revisione dei testi in inglese:

Esterino ADAMI, Davide RIGALLO,

Donatella SASSO, Mariam YASSIN

Il Calendario dei Diritti Globali nasce

dall’elaborazione e dal lavoro comune dei curatori:

‘09

In collaborazione con

Stampa:

Fotografi e di:

Calendario

Calendar‘09


Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo Calendario

Universal Declaration of Human Rights

Dedichiamo questo calendario ai bambini del Centro

Nutrizionale e Polifunzionale della città di Merka, in Somalia,

dove da nove anni, quotidianamente, si cerca di

rispondere alla barbarie della guerra attraverso l’applicazione

pratica dei diritti contenuti nella Dichiarazione

Universale dei Diritti dell’Uomo.

This calendar is dedicated to the Children of the Nutritional

and Polyfunctional Centre of the city of Merka,

in Somalia, where for nine years every single day, they

have tried to answer to barbarity of war through the

practical application of the Rights carried in the Universal

Declaration of Humans Rights.

Ogni volta che mi viene in mente o devo raccontare una delle

innumerevoli orribili scene di barbarie accadute in Somalia sento

come se mille spine mi stessero per squarciare la gola tanta è la

rabbia e la tristezza che provo.

Il Corano dice: “Non è ammissibile che un credente uccida un

credente e chi lo fa andrà all’inferno con un castigo immenso”.

Non riuscirò mai a capire perché alcuni somali, pur essendo

musulmani, abbiano ucciso altri somali altrettanto musulmani e

continuino a infl iggere al proprio popolo una violenza così atroce

e infi nita. Come possono dimenticare le parole del Profeta nel suo

ultimo pellegrinaggio d’addio: “Sappiate che ogni Musulmano è

fratello di un altro Musulmano, e che i Musulmani sono fratelli”?

Una volta la Somalia era considerata la Perla dell’Africa per le

sue bellezze naturali e per la sua posizione geografi ca. La nonna

mi raccontava che la Somalia era chiamata anche Terra di Punt

e che una grande regina d’Egitto, Hat Shep Sut, mandava le sue

carovane per rifornirsi degli ottimi incenso e mirra che vi crescevano.

Ma, da più di tredici anni, è solo la Terra della Morte.

Alia Sharif Aghil, I ricordi della mia terra in Lingua Madre Duemilasei

Edizioni SEB, Torino 2006

Any time I think of and I have to tell one of the many horrible scenes

of cruelty occurred in Somalia, I feel as if my throat is being

ripped by a thousands thorns, because so deep is the rage and

sadness that I suffer.

The Koran quotes: “It is not allowable for a believer to kill another

believer and who does it will go to hell bearing a severe punishment”.

I will never understand why Somalis Muslims could

have been killed by other Somalis, who are Muslims as well, and

why these ones are still infl icting a such atrocious and endless

violence on their own people. How can they forget the Prophet’s

words of His last farewell pilgrinage: “Be aware every Muslim is

brother of another Muslim, and Muslims are all brothers?” Once

Somalia was considered the African Pearl, owing to its natural

beauties and to its geographical position. My grandmother used

to tell me Somalia was named “Land of Punt” too, and that the

great Queen of Egypt, Hat Shep Sut, sent caravans to stock up on

fi rst-rate Incence and Myrrh, which gruw up over there. Yet, since

more than 13 years, Somalia is just the Land of Death.

Alia Sharif Aghil, The Memories of my Land

Calendar‘09

L’iniziativa di questo calendario nasce da un paio di ordini del giorno approvati tempo fa dal Consiglio della Circoscrizione 9 su proposta dei consiglieri

Alia Sharif Aghil e Fulvio Berno, che richiedevano - rispettivamente - la diffusione di un calendario multiculturale e la promozione della conoscenza

della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, di cui si è celebrato il 10 dicembre 2008 il sessantesimo anniversario.

Ci si potrebbe interrogare sulle ragioni che motivano questo segnale di attenzione alla mondialità da parte di un’istituzione legata a un minuscolo

territorio, quale la circoscrizione. E la domanda meriterebbe, credo, almeno una duplice risposta.

Innanzitutto, si potrebbe dire che per noi del Lingotto il rapporto vitale tra il quartiere ed il mondo non è una sorpresa degli ultimi anni, ma sta scritto

nella storia del secolo scorso: da quando le auto prodotte nei nostri stabilimenti hanno invaso il mercato automobilistico e le strade di molti paesi; da

quando il marchio Carpano ha acquistato fama internazionale; da quando la squadra che si allenava e giocava sul campo del Filadelfi a è approdata

ai più prestigiosi tornei d’oltralpe; e da quando gli eventi e le immagini di Italia ’61 hanno fatto conoscere ovunque la nostra città.

Ma oggi siamo in presenza di una novità - la globalizzazione - destinata ad accompagnarci nel ventunesimo secolo. Cresce la comunicazione e

cresce, accanto alla circolazione delle merci, quella dei lavoratori. Cresce nelle nostre scuole la percentuale dei fi gli di genitori immigrati. E cresce

l’urgenza di un dialogo tra le culture.

Occorre oramai, dicono molti, globalizzare i diritti. Per questo il nostro calendario reca il titolo “Diritti Globali”: perché esprime, attraverso voci di

varia provenienza, la speranza e la fi ducia in un impegno comune, affi nché nel reciproco rispetto si operi insieme - nel nostro territorio come nel

pianeta - per dare libertà e dignità alla persona umana.

Giovanni PAGLIERO

Presidente Circoscrizione 9

della Città di Torino

The initiative of this calendar comes from a couple of points on our agenda, approved some time ago by the Council of Circoscrizione 9, following a

proposal by the councillors Alia Sharif Aghil and Fulvio Berno, who respectively asked for the creation of a multicultural calendar and the promotion

of the awareness of the Universal Declaration of Human Rights, whose 60th anniversary was celebrated on 10th December.

One could wonder about the reasons behind such sign of attention for the globalised condition from an institution so rooted in the local community,

such as a “Circoscrizione”. I believe that at least a double answer is worth mentioning.

Firstly, we could say that for us in the area of Lingotto, the vital relation between the local district and the world is nothing new, but it emerges from

the history of last century, since when the cars built in our plants have invaded the markets and roads of many countries, since when the brand

Carpano has acquired international visibility, since when the football team that was trained and played at Filadelfi a stadium has reached the most

famous international championships, and since when the events and images of Italia ’61 have brought to the limelight our city.

Yet, today we live with a novelty, namely globalisation, which is bound to accompany us into the 21st century. We witness a growth of the communications

as well as the circulation of goods, and workers too. In our schools, the percentage of children born into migrant families grows – and at

the same time grows the need of dialogic confrontation between cultures.

As many affi rm, we now need to globalise human rights. For this reason, our calendar bears the title “Global Rights” as it expresses, through voices

from different backgrounds, the hopes for and trust in a shared commitment so that, in the mutual respect, we can work together – in our community

as well as in our planet – to grant freedom and dignity to human people.

Siamo convinti che una migliore e più diffusa conoscenza della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo costituisca una strategia per

contrastare fenomeni quali i confl itti fra nazioni, i genocidi, la povertà, lo sfruttamento, la disuguaglianza sociale e di genere, le devastazioni

ambientali, la carenza di cure ecc. In questa prospettiva, un Calendario dei Diritti Globali si presenta come uno strumento educativo

volto a suscitare una comprensione di alcuni tra i principi prioritari affermati nella Carta.

Dodici mesi per dodici articoli; dodici articoli per dodici brani letterari opera di scrittori nati e vissuti nei cosiddetti continenti dell’“emigrazione”:

Africa, America Latina, Medio Oriente, Europa dell’Est. Voci capaci di esprimere la sofferenza per le violazioni dei diritti insieme allo

sforzo per tradurli in realtà. Ai limiti necessariamente imposti dalla selezione, abbiamo cercato di rimediare riportando nella calendarizzazione

di ogni mese le giornate internazionali riconosciute dall’ONU e dalle principali Agenzie del Sistema Nazioni Unite.

In quest’opera di selezione, analisi, ricerca e combinazione, fondamentale è stato l’aiuto fornitoci dalle amiche e dagli amici di IIDA

Women’s Development Organisation, che da oltre 17 anni fanno dell’affermazione dei diritti il loro quotidiano impegno. Al loro lavoro ci

sentiamo di dedicare questo contributo.

Esterino ADAMI, Davide RIGALLO, Donatella SASSO

Zonafranca - Spazi interculturali Onlus

We believe that a better and more widespread knowledge of the Universal Declaration of Human Rights can represent a strategy for contrasting

phenomena such as wars, genocides, poverty, exploitation, social or gender inequality, environmental damage, lack of healthcare,

and so forth. Within this perspective, the Universal Rights Calendar functions as an educational tool aimed at understanding some of the

main principles in the Charter.

Twelve months for twelve articles, twelve articles for twelve literary passages by authors born and bred in the so-called continents of “immigration”:

Africa, South America, Middle East, Eastern Europe. These voices can express the grief for the violations of the rights as well

as the attempts to make them real. To balance the limits necessarily dictated by our selection, we have inserted in the calendar structure

of each month the International Days acknowledged by the UN and the main Agencies of the United Nations System.

In our selection, analysis, research and arrangement, the help from all our friends at IIDA, Women’s Development Organisation, who have

been involved in the affi rmation of rights every day for over 17 years, has been fundamental. To all of them we would like to dedicate this

contribute.


Gennaio January

1 Gio / Thu

2 Ven / Fri

3 Sab / Sat

4 Dom / Sun

5 Lun / Mon

6 Mar / Tue

7 Mer / Wed

8 Gio / Thu

9 Ven / Fri

10 Sab / Sat

11 Dom / Sun

12 Lun / Mon

13 Mar / Tue

14 Mer / Wed

15 Gio / Thu

16 Ven / Fri

17 Sab / Sat

18 Dom / Sun

19 Lun / Mon

20 Mar / Tue

21 Mer / Wed

22 Gio / Thu

23 Ven / Fri

24 Sab / Sat

25 Dom / Sun

26 Lun / Mon

27 Mar / Tue

28 Mer / Wed

29 Gio / Thu

30 Ven / Fri

31 Sab / Sat

27

Giornata internazionale di commemorazione

in memoria delle Vittime dell’Olocausto

International Day of Commemoration in memory

of the Victims of the Holocaust

ONU

Chi può versare

sangue nero

sangue giallo

sangue bianco

mezzo sangue?

Il sangue non è indio,

polinesiano o inglese.

Nessuno ha mai visto

sangue ebreo

sangue cristiano

sangue musulmano

sangue buddista.

Il sangue non è ricco,

povero o benestante.

Il sangue è rosso.

Disumano è chi lo versa

non chi lo porta.

Ndjock Ngana, Ñhindô / Nero

Edizioni Anterem, Roma 1994

Foto: Massimiliano o Y. KEMAL - Isoletta di Dionewar, w Senegal

Articolo 2

Ad ogni individuo spettano tutti

i diritti e tutte le libertà enunciati

nella presente Dichiarazione, senza

distinzione alcuna, per ragioni di

razza, di colore, di sesso, di lingua,

di religione, di opinione politica o di

altro genere, di origine nazionale o

sociale, di ricchezza, di nascita o di

altra condizione.

Article 2

Everyone is entitled to all the rights

and freedoms set forth in this Declaration,

without distinction of any kind,

such as race, colour, sex, language,

religion, political or other opinion, national

or social origin, property, birth or

other status.

Who can shed

Black blood

Yellow blood

White blood

Half blood?

Blood is not Indian,

Polynesian or English.

No-one has ever seen

Jew blood

Christian blood

Muslim blood

Buddhist blood.

Blood is not rich,

poor or prosperous.

Blood is red.

Inhuman is the one who sheds it

Not the one who bears it.

Ndjock Ngana, Ñhindô / Black


Febbraio February

1 Dom / Sun

2 Lun / Mon

3 Mar / Tue

4 Mer / Wed

5 Gio / Thu

6 Ven / Fri

7 Sab / Sat

8 Dom / Sun

9 Lun / Mon

10 Mar / Tue

11 Mer / Wed

12 Gio / Thu

13 Ven / Fri

14 Sab / Sat

15 Dom / Sun

16 Lun / Mon

17 Mar / Tue

18 Mer / Wed

19 Gio / Thu

20 Ven / Fri

21 Sab / Sat

22 Dom / Sun

23 Lun / Mon

24 Mar / Tue

25 Mer / Wed

26 Gio / Thu

27 Ven / Fri

28 Sab / Sat

20

21

Giornata mondiale della giustizia sociale

World Day of Social Justice

Giornata internazionale delle Lingue Madri

International Mother Language Day

ONU

ONU

Articolo 7

Tutti sono eguali dinanzi alla legge e hanno diritto, senza alcuna discriminazione,

ad un’eguale tutela da parte della legge. Tutti hanno diritto ad un’eguale tutela contro

ogni discriminazione che violi la presente Dichiarazione come contro qualsiasi

incitamento a tale discriminazione.

Article 7

All are equal before the law and are entitled without any discrimination to equal protection of

the law. All are entitled to equal protection against any discrimination in violation of this Declaration

and against any incitement to such discrimination.

Dal 1959 abbiamo vissuto in un paese dove regnava

l’impunità: uccidere un tutsi, rubargli il bestiame o

rifi utare di ammettere i suoi fi gli a scuola non contava,

e la popolazione lo sapeva. Poi, con il genocidio, ci è

stato fatto capire che non contare voleva già dire contare

troppo. Dovevamo sparire. Non era una novità, l’idea

affi orava in numerosi discorsi politici così come nelle

canzoni ampiamente diffuse alla radio.

Esthwer Mujawayo, Souâd Balhaddad, Il fi ore di Stéphanie

Edizioni e/o, Roma 2007, trad. dal francese: B. Ferri

Foto: Claudio BENEDETTO - Sarajevo, lapide

Since 1959 we have lived in a country dominated by

impunity: killing a Tutsi, stealing his cattle or refusing to

admit his children to school did not matter, and people

knew. Then, with the genocide, we understood that

counting for nothing meant counting too much. We had

to vanish. It was not something new, as it emerged in

various political speeches as well as in the songs widely

broadcast on radio.

Esthwer Mujawayo, Souâd Balhaddad, Stéphanie Flower


1 Dom / Sun

2 Lun / Mon

3 Mar / Tue

4 Mer / Wed

5 Gio / Thu

6 Ven / Fri

7 Sab / Sat

8 Dom / Sun

9 Lun / Mon

10 Mar / Tue

11 Mer / Wed

12 Gio / Thu

13 Ven / Fri

14 Sab / Sat

15 Dom / Sun

16 Lun / Mon

17 Mar / Tue

18 Mer / Wed

19 Gio / Thu

20 Ven / Fri

21 Sab / Sat

22 Dom / Sun

23 Lun / Mon

24 Mar / Tue

25 Mer / Wed

26 Gio / Thu

27 Ven / Fri

28 Sab / Sat

29 Dom / Sun

30 Lun / Mon

31 Mar / Tue

8

21

22

23

24

25

Marzo

Giornata delle Nazioni Unite per i Diritti

delle Donne e per la Pace Mondiale

United Nations Day for Women’s Rights

and International Peace

Giornata internazionale per l’eliminazione

della discriminazione razziale

Giornata internazionale della poesia*

International Day for the Elimination of Racial

Discrimination/ World Poetry Day*

Giornata mondiale dell’acqua

World Day for Water

Giornata metereologica mondiale

World Meteorological Day

Giornata mondiale per la lotta alla tubercolosi

World Tuberculosis Day

Giornata internazionale della memoria delle

Vittime della schiavitù e delle tratta transatlantica

degli schiavi

International Day of Remembrance of the Victims

of Slavery and the Transatlantic Slave Trade

ONU

ONU

*UNESCO

ONU

WMO

WMO

ONU

March

Ora bisognerebbe separare la madre dal bambino,

dovrebbero staccarla dal corpicino morto, che lei stringe

forte a sé. S. tenta di aprirle le dita, ma la donna è più forte

di lei. Per un attimo lottano, senza una parola, senza un

rumore. S. rinuncia. Perché portarle via a forza il bambino?

Anche lei ha bisogno di tempo per capire come siano

circondati dalla morte e come il fi lo spinato del campo

di concentramento signifi chi proprio questo: un territorio

circoscritto nel quale regna la morte.

Foto: Claudio BENEDETTO - Genova

Slavenka Drakulic, ´ Come se io non ci fossi

Rizzoli, Milano 2000, trad. dal croato: M. R. Leto

Articolo 25

2 La maternità e l’infanzia hanno

diritto a speciali cure ed assistenza.

Tutti i bambini nati nel matrimonio o

fuori di esso, devono godere della

stessa protezione sociale.

Article 25

2 Motherhood and childhood are entitled

to special care and assistance.

All children, whether born in or out of

wedlock, shall enjoy the same social

protection.

Now they should separate the mother from her child, they

should tear her apart from her little lifeless body, which she

holds tight. S. tries to open her fi ngers, but the woman

is stronger than her. For a little while they fi ght, wordlessly,

soundlessly. S. gives u. Why should they take away

her child forcibly? She too needs time to understand how

they are surrounded by death and how the barbed wire of

concentration camp designates a bounded territory ruled

by death.

Slavenka Drakulic, ´

As If I Am Not There


1 Mer / Wed

2 Gio / Thu

3 Ven / Fri

4 Sab / Sat

5 Dom / Sun

6 Lun / Mon

7 Mar / Tue

8 Mer / Wed

9 Gio / Thu

10 Ven / Fri

11 Sab / Sat

12 Dom / Sun

13 Lun / Mon

14 Mar / Tue

15 Mer / Wed

16 Gio / Thu

17 Ven / Fri

18 Sab / Sat

19 Dom / Sun

20 Lun / Mon

21 Mar / Tue

22 Mer / Wed

23 Gio / Thu

24 Ven / Fri

25 Sab / Sat

26 Dom / Sun

27 Lun / Mon

28 Mar / Tue

29 Mer / Wed

30 Gio / Thu

2

4

7

23

28

Aprile

Giornata mondiale di sensibilizzazione sull’autismo

World Autism Awareness Day

Giornata internazionale di sensibilizzazione sulle

mine e sull’assistenza nelle azioni di sminamento

International Day for Mine Awareness and Assistance

in Mine Action

Giornata mondiale della sanità

World Health Day

Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore

World Book and Copyright Day

Giornata internazionale per la sicurezza

sui luoghi di lavoro

World Day for Safety and Health at Work

ONU

ONU

WMO

UNESCO

ILO

Avril

Qui ameranno, qui odieranno, diceva Pedro, muratore,

e cantando alzava le pareti,

gli si erano indurite le mani nel mestiere

ma nelle palme ancora gli salivano dolcezze e tristezze

che fi nivano contro il muro, contro il tetto

e poi, col tempo, bruciavano sordamente

o entravano negli occhi delle donne dolci nelle stanze

e quelle intristivano come chi si scopre una nuova solitudine. […]

E il mattino che se ne andò dall’impalcatura sembrava

che una domanda ancora gli brillava nel fondo,

i compagni lo circondavano aspettando in silenzio

fi nché venne uno e disse: «alzate il defunto».

Foto: Claudio BENEDETTO - Tunisi s a, donne al telaio

Articolo 23

1 Ogni individuo ha diritto al lavoro,

alla libera scelta dell’impiego,

a giuste e soddisfacenti condizioni

di lavoro ed alla protezione contro

la disoccupazione.

2 Ogni individuo, senza discriminazione,

ha diritto ad eguale

retribuzione per eguale lavoro.

3 Ogni individuo che lavora ha

diritto ad una remunerazione

equa e soddisfacente che assicuri

a lui stesso e alla sua famiglia

un’esistenza conforme alla dignità

umana ed integrata, se necessario,

ad altri mezzi di protezione sociale.

Article 23

1 Everyone has the right to work,

to free choice of employment,

to just and favourable conditions

of work and to protection against

unemployment.

2 Everyone, without any discrimination,

has the right to equal pay for equal

work.

3 Everyone who works has the right

to just and favourable remuneration

ensuring for himself and his family

an existence worthy of human dignity,

and supplemented, if necessary,

by other means of social protection.

Juan Gelman, Gotán e altre poesie

Guanda, Parma 1980, trad. dallo spagnolo: A. Fabriani

Here they will love, here they will hate, said Pedro the bricklayer,

And singing he built up the walls,

His hands had got horny because of the work

But in his palms lay sweetness and sadness,

Which shatter against the wall, against the roof

And then, with time, burn soundlessly

Or went into the eyes of the sweet women in the rooms

And they became sad, as if they discovered a new kind of solitude.

[…]

And when he left the scaffolding, it seemed

That a question still shone deep inside,

His fellows surrounded him, waiting in silence

Until someone came and said «lift up the body»

Juan Gelman, Gotán


Maggio May

1 Ven / Fri

2 Sab / Sat

3 Dom / Sun

4 Lun / Mon

5 Mar / Tue

6 Mer / Wed

7 Gio / Thu

8 Ven / Fri

9 Sab / Sat

10 Dom / Sun

11 Lun / Mon

12 Mar / Tue

13 Mer / Wed

14 Gio / Thu

15 Ven / Fri

16 Sab / Sat

17 Dom / Sun

18 Lun / Mon

19 Mar / Tue

20 Mer / Wed

21 Gio / Thu

22 Ven / Fri

23 Sab / Sat

24 Dom / Sun

25 Lun / Mon

26 Mar / Tue

27 Mer / Wed

28 Gio / Thu

29 Ven / Fri

30 Sab / Sat

31 Dom / Sun

3

15

17

21

22

25

29

31

Giornata mondiale della libertà di stampa

World Press Freedom Day

Giornata internazionale della famiglia

International Day of Families

Giornata mondiale delle telecomunicazioni

e della società dell’informazione

World Telecommunication and Information Society Day

Giornata mondiale per la diversità culturale,

per il dialogo e lo sviluppo

World Day for Cultural Diversity for Dialogue

and Development

Giornata internazionale della biodiversità

International Day for Biological Diversity

Giornata dell’Africa

Africa Day

Giornata internazionale delle Nazioni Unite

degli operatori di pace

International Day of United Nations Peacekeepers

Giornata mondiale contro il fumo

World No-Tobacco Day

UNESCO

ONU

ITU

UNESCO

ONU

ONU

ONU

WHO

Articolo 19

Ogni individuo ha il diritto alla libertà di opinione e di espressione, incluso il diritto di

non essere molestato per la propria opinione e quello di cercare, ricevere e diffondere

informazioni e idee attraverso ogni mezzo e senza riguardo a frontiere.

Article 19

Everyone has the right to freedom of opinion and expression; this right includes

freedom to hold opinions without interference and to seek, receive and impart

information and ideas through any media and regardless of frontiers.

La mia fantasia ricorrente è che alla Carta dei Diritti dell’Uomo

venga aggiunta la voce: diritto all’immaginazione.

Ormai mi sono convinta che la vera democrazia non può

esistere senza la libertà di immaginazione e il diritto di

usufruire liberamente delle opere di fantasia. Per vivere

una vita vera, completa, bisogna avere la possibilità di dar

forma ed espressione ai propri mondi privati, ai propri sogni,

pensieri e desideri; bisogna che il tuo mondo privato

possa sempre comunicare col mondo di tutti. Altrimenti

come facciamo a sapere che siamo esistiti?

Azar Nafi si, Leggere Lolita a Teheran

Adelphi, Milano 2004, trad. dall’ inglese: Roberto Serrai

Fo Foto to: El Elio io PPEC

ECOR ORIN INI - Me Mess ssic ico, mmur

ural al

My persistent fancy is that a new item could be added to

the Charter of the Rights of Man: the Right to Imagination.

By now I’ve come to the conclusion that true democracy

cannot exist without the freedom of imagination and the

right to benefi t generously from fi ction. To live your life

fully you need to grasp the chance of shaping your own

secret worlds, dreams, thoughts, and wishes. You need

your secret world to be able to speak with the world of

the others. Or else, how can we be aware that we live?

Azar Nafi si, Reading Lolita in Teheran


Giugno June

1 Lun / Mon

2 Mar / Tue

3 Mer / Wed

4 Gio / Thu

5 Ven / Fri

6 Sab / Sat

7 Dom / Sun

8 Lun / Mon

9 Mar / Tue

10 Mer / Wed

11 Gio / Thu

12 Ven / Fri

13 Sab / Sat

14 Dom / Sun

15 Lun / Mon

16 Mar / Tue

17 Mer / Wed

18 Gio / Thu

19 Ven / Fri

20 Sab / Sat

21 Dom / Sun

22 Lun / Mon

23 Mar / Tue

24 Mer / Wed

25 Gio / Thu

26 Ven / Fri

27 Sab / Sat

28 Dom / Sun

29 Lun / Mon

30 Mar / Tue

4

5

12

17

20

23

26

Giornata Internazionale per i Bambini Innocenti

Vittime di Aggressione

International Day of Innocent Children Victims

of Aggression

Giornata mondiale dell’ambiente

World Environment Day

Giornata mondiale contro il lavoro minorile

The World Day against Child Labour

Giornata mondiale per la lotta contro

la desertifi cazione e la siccità

World Day to Combat Desertifi cation and Drought

Giornata mondiale dei rifugiati

World Refugee Day

Giornata delle Nazioni Unite per il servizio pubblico

United Nations Public Service Day

ONU

UNEP

ILO

ONU

ONU

ONU

Giornata internazionale di supporto alle Vittime di

tortura/ Giornata internazionale contro l’abuso di

ONU

droga e il traffi co illecito*

International Day in Support of Victims of Torture/ Inter-

*WHO

national Day against Drug Abuse and Illicit Traffi cking*

Fo Foto to: Cl Clau audi dio BE BENE NEDE DETT TTO - Sa Sara raje jevo vo

Articolo 14

1 Ogni individuo ha diritto di cercare e di godere in altri Paesi asilo dalle persecuzioni.

2 Questo diritto non potrà essere invocato qualora l’individuo sia realmente ricercato per

reati non politici o per azioni contrarie ai fi ni e ai principi delle Nazioni Unite.

Article 14

1 Everyone has the right to seek and to enjoy in other countries asylum from persecution.

2 This right may not be invoked in the case of prosecutions genuinely arising from non-political

crimes or from acts contrary to the purposes and principles of the United Nations.

Anche Ágnes Heller e suo marito Ferenc Fehér, entrambi allievi di György

Lukács ed esponenti di punta della cosiddetta “Scuola di Budapest”,

si trovavano in Australia. Il loro era un esilio vero, erano stati costretti ad

abbandonare la patria senza speranza, così almeno sembrava allora, di

farvi ritorno. Un giorno li ho cercati al telefono e loro, come se ci conoscessimo

da anni, mi hanno risposto che sarebbero venuti a prendermi

immediatamente con l’auto. Sarei stato loro ospite. Ci si comporta così

quando si è in esilio. Ti chiamano al telefono e tu, che un tempo eri una

persona stimata e per alcuni indispensabile, capisci che non sei solo:

non ti hanno dimenticato, non sei stato abbandonato in un Paese straniero,

non sei un naufrago su un’isola deserta.

Dušan Velickovic, Serbia hardcore

Zandonai Rovereto 2008, trad. dal serbo di Sergei Roic

Also Ágnes Heller and her husband Ferenc Fehér were in Australia.

Both of them had studied with György Lukács and were leading exponents

of the so-called Budapest School. Theirs was a real exile, they

had been forced to leave their homeland with no hope – at least it seemed

like that then – of returning. One day I rang them and they, as if we

had been in touch for years, told me that they would have come and

picked me up immediately with a car. I would have been their guest.

You behave in this way when you’re in exile. They ring you and you,

that you used to be a highly respected person, even necessary for someone,

realize that you are not alone: they have not forgotten you, you

have not been left alone in a foreign land, you are not a castaway on a

desert island.

Dušan Velickovic, Serbia hardcore


1 Mer / Wed

2 Gio / Thu

3 Ven / Fri

4 Sab / Sat

5 Dom / Sun

6 Lun / Mon

7 Mar / Tue

8 Mer / Wed

9 Gio / Thu

10 Ven / Fri

11 Sab / Sat

12 Dom / Sun

13 Lun / Mon

14 Mar / Tue

15 Mer / Wed

16 Gio / Thu

17 Ven / Fri

18 Sab / Sat

19 Dom / Sun

20 Lun / Mon

21 Mar / Tue

22 Mer / Wed

23 Gio / Thu

24 Ven / Fri

25 Sab / Sat

26 Dom / Sun

27 Lun / Mon

28 Mar / Tue

29 Mer / Wed

30 Gio / Thu

4

11

Luglio July

1° SAB - Giornata internazionale delle cooperative

1 ST SAT - International Day of Cooperatives

Giornata della popolazione mondiale

World Population Day

ONU

UNFPA

Articolo 17

1 Ogni individuo ha il diritto ad avere una proprietà privata sua personale o in comune

con gli altri.

2 Nessun individuo potrà essere arbitrariamente privato della sua proprietà.

Article 17

1 Everyone has the right to own property alone as well as in association with others.

2 No one shall be arbitrarily deprived of his property.

Era da parecchio tempo che le autorità supplicavano la Compagnia di

far fermare il treno, anche solo per cortesia, a Rancas. […]

Finalmente, ora, un treno si fermava. Se l’avessero avvertita, la Personeria

avrebbe organizzato un benvenuto. Noleggiare trombe e tamburi

non è cosa d’altro mondo. Maschere da diavolo, bardature di festa per

i cavalli avanzano, nella pampa; per disgrazia, i rancheni pasturavano

quando il terreno cominciò a vomitare sconosciuti. I vicini di Ondores,

di Junín, di Huayllay, di Villa de Pasco, si conoscono tutti. Ma quegli ingiacchettati

di cuoio nero, nessuno li aveva mai visti. Scaricarono balle

di fi lo di ferro. Finirono all’una, mangiarono e cominciarono a scavare

buche. Ogni dieci metri piantavano un palo.

Fu così che nacque il Recinto.

Manuel Scorza, Rulli di tamburo per Rancas

Feltrinelli, Milano 1992, trad. dallo spagnolo: E. Cicogna

The authorities had been begging the Corporation to make the train

stop, even just out of politeness, at Rancas. […]

Now, fi nally, a train was to stop there. If they had informed them, the Personeria

would have arranged a welcome. Hiring trumpets and drums is

not something impossible. Devilish masks and ornamental harnesses

for horses come through the pampa. Unfortunately, the rancheni grazed

when the land started to throw out strangers. All the neighbours of

Ondores, Junin, Huayllay, Villa de Pasco know each other. But no-one

had ever seen those individuals dressed in black leather. They unloaded

rolls of wire. They fi nished at one, had their meal and started to dig

in the terrain. Every ten meters they drove in a pole.

This was the beginning of the Enclosure.

Manuel Scorza, Drums for Rancas

Foto: Silvana LI PIRA


Agosto August

1 Sab / Sat

2 Dom / Sun

3 Lun / Mon

4 Mar / Tue

5 Mer / Wed

6 Gio / Thu

7 Ven / Fri

8 Sab / Sat

9 Dom / Sun

10 Lun / Mon

11 Mar / Tue

12 Mer / Wed

13 Gio / Thu

14 Ven / Fri

15 Sab / Sat

16 Dom / Sun

17 Lun / Mon

18 Mar / Tue

19 Mer / Wed

20 Gio / Thu

21 Ven / Fri

22 Sab / Sat

23 Dom / Sun

24 Lun / Mon

25 Mar / Tue

26 Mer / Wed

27 Gio / Thu

28 Ven / Fri

29 Sab / Sat

30 Dom / Sun

31 Lun / Mon

5

12

23

Giornata mondiale delle popolazioni indigene

International Day of the World’s Indigenous People

Giornata internazionale della gioventù

International Youth Day

Giornata internazionale della memoria

della schiavitù e della sua abolizione

International Day for the Remembrance of the

Slave Trade and Its Abolition

ONU

ONU

UNESCO

Articolo 5

Nessun individuo potrà essere sottoposto a tortura o a trattamento o punizioni crudeli,

inumani o degradanti.

Article 5

No one shall be subjected to torture or to cruel, inhuman or degrading treatment or punishment.

Eravamo in quattordici. Sì, quattordici uomini in una cella. Potevamo

stare in piedi soltanto. I corpi erano incollati uno all’altro, tra l’odore del

sudore e dell’alito, i capelli lunghi, le unghie nere a causa del sangue

rappreso. In quella ressa non si riusciva a vedere niente: il volto del vicino

era una massa di carne muta, non si distingueva nessuna fi sionomia.

Il naso diventava una grande massa che si apriva e si chiudeva nel

tentativo di respirare un po’ d’aria. Le labbra si socchiudevano sui denti

ingialliti o anneriti a causa del fumo. Eravamo quattordici, ma sentirsi

in mezzo ad altri uomini era una gioia. Erano esseri umani, veri uomini,

terribilmente veri. Il loro respiro, i movimenti dei loro corpi, le risate discrete.

Eravamo esseri umani veri, eravamo quattordici.

‘Abd ar-Rahman Munif, All’est del Mediterraneo

Jouvence, Roma, 1993, trad. dall’arabo: Monica Ruocco

Foto: Claudio BENEDETTO - Sarajevo

We were a party of fourteen. Yes, fourteen men in a cell. We could

only stand, with our bodies crammed between sweat and breath, the

long hair, the black nails because of the caked blood. In that crowd,

you couldn’t see anything: the face of the person next to you was just

a bulk of voiceless meat, you couldn’t tell any shapes at all. The nose

became a large heap that opened and closed trying to gasping for air.

The lips were half opened on the teeth made yellow or black due to

smoking. We were fourteen but the idea of being among other men

was a real joy. We were human beings, real men, awfully true. Their

breath, the movements of their bodies, the timid laughter. We were real

human beings, we were fourteen.

‘Abd ar-Rahman Munif, East of the Mediterranean


Settembre September

1 Mar / Tue

2 Mer / Wed

3 Gio / Thu

4 Ven / Fri

5 Sab / Sat

6 Dom / Sun

7 Lun / Mon

8 Mar / Tue

9 Mer / Wed

10 Gio / Thu

11 Ven / Fri

12 Sab / Sat

13 Dom / Sun

14 Lun / Mon

15 Mar / Tue

16 Mer / Wed

17 Gio / Thu

18 Ven / Fri

19 Sab / Sat

20 Dom / Sun

21 Lun / Mon

22 Mar / Tue

23 Mer / Wed

24 Gio / Thu

25 Ven / Fri

26 Sab / Sat

27 Dom / Sun

28 Lun / Mon

29 Mar / Tue

30 Mer / Wed

8

15

16

21

Giornata internazionale dell’alfabetizzazione

International Literacy Day

Giornata internazionale della democrazia

International Day of Democracy

Giornata internazionale per la protezione

dello strato d’ozono dell’atmosfera

International Day for the Preservation

of the Ozone Layer

Giornata internazionale della pace

International Day of Peace

UNESCO

ONU

ONU

ONU

Foto: Claudio BENEDETTO - Torino

Articolo 26

1. Ogni individuo ha diritto all’istruzione. L’istruzione deve essere gratuita almeno per quanto riguarda le classi elementari e fondamentali.

L’istruzione elementare deve essere obbligatoria. L’istruzione tecnica e professionale deve essere messa alla portata di tutti

e l’istruzione superiore deve essere egualmente accessibile a tutti sulla base del merito.

2. L’istruzione deve essere indirizzata al pieno sviluppo della personalità umana ed al rafforzamento del rispetto dei diritti dell’uomo

e delle libertà fondamentali. Essa deve promuovere la comprensione, la tolleranza, l’amicizia fra tutte le Nazioni, i gruppi razziali e

religiosi, e deve favorire l’opera delle Nazioni Unite per il mantenimento della pace.

Article 26

1. Everyone has the right to education. Education shall be free, at least in the elementary and fundamental stages. Elementary education shall be

compulsory. Technical and professional education shall be made generally available and higher education shall be equally accessible to all on the

basis of merit.

2. Education shall be directed to the full development of the human personality and to the strengthening of respect for human rights and fundamental

freedoms. It shall promote understanding, tolerance and friendship among all nations, racial or religious groups, and shall further the activities

of the United Nations for the maintenance of peace.

Avevo undici anni, o li avrei avuti poco dopo. Volevo essere grande, per

affrontare la scuola e superare la maggior parte dei bambini. Avevano

con me un punto in comune: erano in ritardo rispetto alla norma scolastica.

Io non ero nemmeno in ritardo; ero a zero, venivo da lontano,

venivo da un’alta montagna dove mai una sola parola di francese era

stata pronunciata. Se no, le pietre l’avrebbero ricordata e io l’avrei imparata.

Il primo giorno mio padre mi accompagnò. All’entrata trovammo

la brava Madame Simone, con una cartellina sotto il braccio. Ci

presentò alla direttrice che ci fece un gran sorriso e mi prese per mano.

In pochi minuti passai da un mondo a un altro.

Tahar Ben Jelloun, A occhi bassi

Einaudi, Torino 1993, trad. dal francese: E. Volterrani

I was eleven, or I was about to be so. I wanted to be a grown-up, to

deal with school and go beyond most of the kids. We shared one thing:

we were behind the scholar standards. I was not even late, I was completely

nothing. I came from afar, I came from a high mountain, where

not a French word had been pronounced. Otherwise, the stones would

have remembered it and I would have learnt it. The fi rst day, my father

came with me. At the entrance we found the good Madame Simone,

with a folder under her arm. She introduced us to the headmistress,

who smiled at us and took me by the hand. In a few minutes I moved

from a world into another.

Tahar Ben Jelloun, A occhi bassi


Ottobre October

1 Gio / Thu

2 Ven / Fri

3 Sab / Sat

4 Dom / Sun

5 Lun / Mon

6 Mar / Tue

7 Mer / Wed

8 Gio / Thu

9 Ven / Fri

10 Sab / Sat

11 Dom / Sun

12 Lun / Mon

13 Mar / Tue

14 Mer / Wed

15 Gio / Thu

16 Ven / Fri

17 Sab / Sat

18 Dom / Sun

19 Lun / Mon

20 Mar / Tue

21 Mer / Wed

22 Gio / Thu

23 Ven / Fri

24 Sab / Sat

25 Dom / Sun

26 Lun / Mon

27 Mar / Tue

28 Mer / Wed

29 Gio / Thu

30 Ven / Fri

31 Sab / Sat

1

2

5

7

9

10

15

16

17

24

27

Giornata internazionale delle persone anziane

International Day of Older Persons

Giornata internazionale della non-violenza

International Day of Non-Violence

ONU

ONU

Giornata mondiale degli insegnanti

UNESCO

1° LUN - Giornata Mondiale dell’habitat* *ONU

World Teachers’ Day / 1

ONU

ST MON - World Habitat Day*

2° MER - Giornata internazionale per la riduzione

dei disastri naturali

2ND WED - International Day for Natural Disaster Reduction

Giornata mondiale della posta

World Post Day

Giornata mondiale della sanità mentale

World Mental Health Day

Giornata internazionale della donne rurali

International Day of Rural Women

Giornata mondiale dell’alimentazione

World Food Day

Giornata mondiale per l’eliminazione della povertà

International Day for the Eradication of Poverty

Giornata delle Nazioni Unite/ Giornata mondiale

di informazione sullo sviluppo

United Nations Day / World Development Information Day

Giornata internazionale del patrimonio audiovisivo

World Day for Audiovisual Heritage

UPU

WHO

ONU

FAO

ONU

ONU

UNESCO

Disposti su tre piani, i locali della moschea erano grandi come campi

da tennis. Vi si raccoglievano uomini di tante nazionalità che sarebbe

stato diffi cile dire in quale paese ci si trovasse: tunisini, indiani, algerini,

scozzesi, francesi, tutti si fermavano a chiacchierare nell’atrio, dove si

toglievano le scarpe prima di andare a lavarsi.

Le barriere di classe e di razza erano sospese. […]

Si sentivano dozzine di lingue. Perfetti estranei si rivolgevano la parola.

Non si avvertivano tensioni, e tutto invitava alla pace e alla meditazione.

Hanif Kureishi, The Black Album

Bompiani, Milano 1995, trad. dall’inglese: Alberto Pezzotta

Fo Foto to: El Elio io PPEC

ECOR ORIN INI - Is Ista tanb nbul ul, mo mosc sche hea

Articolo 18

Ogni individuo ha il diritto alla libertà di pensiero, coscienza e di religione; tale diritto

include la libertà di cambiare religione o credo, e la libertà di manifestare, isolatamente

o in comune, sia in pubblico che in privato, la propria religione o il proprio credo nell’insegnamento,

nelle pratiche, nel culto e nell’osservanza dei riti.

Article 18

Everyone has the right to freedom of thought, conscience and religion; this right includes

freedom to change his religion or belief, and freedom, either alone or in community with others

and in public or private, to manifest his religion or belief in teaching, practice, worship and

observance.

Arranged on three fl oors, the rooms of the mosque were as big as tennis

courts. Men of so many types and nationalities – Tunisians, Indians,

Algerians, Scots, French – gathered there, chatting in the entrance,

where they removed their shoes and then retired to wash, that it would

have been diffi cult, without prior knowledge, to tell which country the

mosque was in.

Here race and class barriers had been suspended. [...]

There were dozens of languages. Strangers spoke to one another. The

atmosphere was uncompetitive, peaceful, meditative.

Hanif Kureishi, The Black Album

Faber and Faber, London 1995


Novembre November

1 Dom / Sun

2 Lun / Mon

3 Mar / Tue

4 Mer / Wed

5 Gio / Thu

6 Ven / Fri

7 Sab / Sat

8 Dom / Sun

9 Lun / Mon

10 Mar / Tue

11 Mer / Wed

12 Gio / Thu

13 Ven / Fri

14 Sab / Sat

15 Dom / Sun

16 Lun / Mon

17 Mar / Tue

18 Mer / Wed

19 Gio / Thu

20 Ven / Fri

21 Sab / Sat

22 Dom / Sun

23 Lun / Mon

24 Mar / Tue

25 Mer / Wed

26 Gio / Thu

27 Ven / Fri

28 Sab / Sat

29 Dom / Sun

30 Lun / Mon

6

9

10

12

14

16

20

21

22

25

29

Giornata internazionale per la prevenzione del

danneggiamento all’ambiente in tempo di guerra

o di confl itto armato

International Day for Preventing the Exploitation

of the Environment in War and Armed Confl ict

Giornata internazionale contro fascismo

e antisemitismo

International Day Against Fascism and Anti-Semitism

Giornata Mondiale della Scienza per la Pace

e lo Sviluppo

World Science Day for Peace and Development

2° GIO - Giornata mondiale della fi losofi a

2 ND THU - World Philosophy Day

Giornata internazionale del diabete

World Diabetes Day

Giornata internazionale della tolleranza

International Day for Tolerance

Giornata dell’industrializzazione dell’Africa

Giornata universale del fanciullo*

Africa Industrialisation Day/ Universal Children’s Day*

Giornata mondiale della televisione

World Television Day

3 a DOM - Giornata Mondiale in ricordo delle

Vittime del Traffi co Stradale

3RD SUN - World Day of Remembrance for Road

Traffi c Victims

Giornata internazionale per l’eliminazione della

violenza contro le donne

International Day for the Elimination of Violence

against Women

Giornata internazionale di solidarietà con

il popolo palestinese

International Day of Solidarity with the Palestinian People

ONU

ONU

UNESCO

ONU

UNESCO

*UNICEF

ONU

ONU

ONU

ONU

UNESCO

Una volta, senza che ci facessi caso,

un bambino ebreo si sedette vicino

a me, mi sorprese con la seguente

domanda:

- Ehi, «zio», ma in che lingua parli?

- In arabo.

- Con chi?

- Con i pesci.

- Ma i pesci capiscono solo l’arabo?

- I pesci grandi, quelli vecchi, quelli

che erano qui quando c’erano gli

arabi, quelli sì!

- E quelli piccoli capiscono l’ebraico?

- Capiscono l’ebraico, l’arabo, e tutte

le lingue. I mari sono immensi e comunicano

fra loro, non hanno confi ni

e c’è posto per tutti i pesci.

- Accipicchia.

[…] Ero diventato talmente grande

agli occhi di quel bambino, che insistette

per restare con me. Gli diedi

un pesciolino che avevo pescato. Il

bambino gli parlò ma il pesce non

rispose, allora gli dissi:

- È ancora troppo piccolo.

Al che il bambino lo gettò in mare

perché diventasse grande e imparasse

a parlare.

Emil Habibi, Le straordinarie avventure

di Felice Sventura il Pessottimista

Editori Riuniti, Roma 1990, trad. dall’arabo: I.

Camera d’Affl itto e L. Ladykoff

Fo Foto to: Em Emau auel ela VI VIRO ROND NDA - Is Ista tanb nbul ul, Tu Turc rchi hia

Articolo 1

Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di

ragione di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza.

Article 1

All human beings are born free and equal in dignity and rights. They are endowed with reason

and conscience and should act towards one another in a spirit of brotherhood.

Once, when I was not aware, a child

sat close to me, and surprised me

with this question:

- Hey, Uncle, what language are you

speaking?

- In Arab.

- Who with?

- With the fi sh.

- Can the fi sh understand only Arab?

- The big fi sh, the old fi sh, the ones

which were here when the Arabs

were here can!

- And the small fi sh understand

Jewish?

- They understand Jewish, Arab, and

all the languages. The seas are huge

and connected, they have no boundaries

and there’s room for all fi sh!

- Good heavens!

[…] I had grown so big in the eyes of

that child that he insisted to stay with

me. I gave him a small fi sh I had caught.

The child spoke with it, but the

fi sh didn’t reply. Then I told him:

- It’s still too small.

Therefore the child threw it into the

sea, so that it could grow and learn

to speak.

Emil Habibi, The Secret Life of Saeed

the Pessoptimist


Dicembre December

1 Dom / Sun

2 Lun / Mon

3 Mar / Tue

4 Mer / Wed

5 Gio / Thu

6 Ven / Fri

7 Sab / Sat

8 Dom / Sun

9 Lun / Mon

10 Mar / Tue

11 Mer / Wed

12 Gio / Thu

13 Ven / Fri

14 Sab / Sat

15 Dom / Sun

16 Lun / Mon

17 Mar / Tue

18 Mer / Wed

19 Gio / Thu

20 Ven / Fri

21 Sab / Sat

22 Dom / Sun

23 Lun / Mon

24 Mar / Tue

25 Mer / Wed

26 Gio / Thu

27 Ven / Fri

28 Sab / Sat

29 Dom / Sun

30 Lun / Mon

31 Mar / Tue

1

2

3

5

7

9

10

11

18

19

29

Giornata mondiale contro l’AIDS

World AIDS Day

Giornata internazionale per l’abolizione della schiavitù

International Day for the Abolition of Slavery

Giornata internazionale delle persone disabili

International Day of Disabled Persons

Giornata internazionale dei volontari per lo sviluppo

economico e sociale

International Volunteer Day for Economics and Social

Development

Giornata internazionale dell’aviazione civile

International Civil Aviation Day

Giornata internazionale contro la corruzione

International Anti-Corruption Day

Giornata dei diritti umani

Human Rights Day

Giornata internazionale della montagna

International Mountain Day

Giornata internazionale dei migranti

International Migrants Day

Giornata delle Nazioni Unite per la Cooperazione

Sud-Sud

United Nations Day for South-South Cooperation

Giornata internazionale della diversità biologica

Giornata Internazionale della Solidarietà Umana

International Day for Biological Diversity

International Human Solidarity Day

WHO

UNESCO

ONU

ONU

ICAO

ONU

ONU

ONU

ONU

ONU

ONU

Articolo 13

Ogni individuo ha diritto di lasciare qualsiasi Paese, incluso il proprio, e di ritornare nel

proprio Paese.

Article 13

Everyone has the right to freedom of movement and residence within the borders of each State.

Non posso dimenticare quelli di Monte che sognavano un altro modo

di vivere, quelli del tutto o niente, quelli che non esitavano a mettere

in conto il suicidio pur di tentare una vita migliore in quei Paesi europei,

la Spagna e l’Italia, da dove erano arrivati i loro nonni i quali,

incrociandosi gli uni con gli altri, avevano creato la razza autoctona.

E adesso, cinquecento anni dopo essere stati scoperti per sbaglio

da un marinaio genovese spalleggiato da una regina riluttante a rischiare

i suoi gioielli e a cambiarsi la camicia, i nipoti si consumavano

dal desiderio di contraccambiare la visita degli avi.

Li lasciai che formavano code chilometriche fi n dall’alba, davanti ad

ambasciate o consolati, anelando con scarse speranze il miracolo di

un visto. Potei leggere all’aeroporto due graffi ti contraddittori: «Chi

va via per ultimo spenga la luce». E l’altro che supplicava: «Non te ne

andare, fratello»

Juan Carlos Onetti, Quando ormai più nulla importa

Jouvence, Roma, 1993, trad. dall’arabo: Monica Ruocco

The Ellis Island Foundation - Archive

I cannot forget those from Monte, who dreamt of another way of life,

those of all or nothing, those who didn’t hesitate to seriously consider

suicide too to improve their lives in the European countries, Spain and

Italy. Their grandparents had come from there, and had created the

local race through miscegenation.

And now, fi ve hundred years after having being “discovered” by a sailor

from Genoa, supported by a queen reluctant to risk her jewels and

change her shirts, the grandchildren were longing to return the visits of

the ancestors.

I left them as they formed endless queues till dawn, at the embassies

or consulates, yearning after the miracle of a visa with scarce hopes. At

the airport I could read two contradictory graffi ti: “the last to go away,

switch off the light” and “don’t go away, my brother”.

Juan Carlos Onetti, When it Doesn’t Matter Anymore

Similar magazines