01.06.2013 Views

as 2008/2009 piano dell'offerta formativa - Istituto Tecnico ...

as 2008/2009 piano dell'offerta formativa - Istituto Tecnico ...

as 2008/2009 piano dell'offerta formativa - Istituto Tecnico ...

SHOW MORE
SHOW LESS

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

Redazione:<br />

da pag.1 a pag. 44 - Dirigente Scol<strong>as</strong>tico, prof. Giuseppe D’Urso<br />

Redazione e sintesi:<br />

da pag. 45 a pag. 158 – D. S. prof. Giuseppe D’Urso<br />

prof. Alfio Leotta<br />

prof.ssa Patrizia Russo<br />

prof.ssa Carmela Raciti<br />

prof.ssa Biagia Finocchiaro<br />

prof. Francesco Alparone<br />

Editing: prof. Francesco Alparone<br />

Foto: Archivio dell’I.T.I.S. “E. Fermi”<br />

a cura del Sig. Placido Petralia, Assistente <strong>Tecnico</strong><br />

Foto Greco - Riposto<br />

Foto sulla copertina: Foto Greco - Riposto<br />

Logo: Arch. prof.ssa Santa Pizzimenti<br />

Responsabile:<br />

Il Dirigente Scol<strong>as</strong>tico: prof. Giuseppe D'Urso


PIANO<br />

DELL’OFFERTA<br />

FORMATIVA<br />

A.S. <strong>2008</strong>/<strong>2009</strong><br />

<strong>Istituto</strong> <strong>Tecnico</strong> Industriale Statale “E. Fermi”


Cap. 1<br />

2<br />

ECDL<br />

L’<strong>Istituto</strong> è test-center per il conseguimento<br />

della patente europea del computer<br />

TRINITY<br />

L’<strong>Istituto</strong> offre agli studenti la possibilità<br />

di conseguire una certificazione ril<strong>as</strong>ciata<br />

dal Trinity College London<br />

L’<strong>Istituto</strong> aderisce al Microsoft IT Academy Program<br />

consentendo agli studenti l’acquisizione di certificazioni<br />

Microsoft MOS (Microsoft Office Specialist)<br />

e MCP (Microsoft Certified Professional)<br />

Gli studenti possono conseguire nell’<strong>Istituto</strong>,<br />

Local Academy Cisco, certificazioni specialistiche<br />

nel campo dell’Information and Communication Technology<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


SUL PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Il POF dell’I.T.I.S. “E. Fermi” di Giarre, strutturato nel pieno rispetto della<br />

normativa vigente e alla luce di acclarati dettami della pedagogia e della<br />

didattica, porge oggi alla valutazione di tutte le componenti della comunità<br />

scol<strong>as</strong>tica e all’attenzione del territorio le proposte innovatrici del corecurriculum,<br />

le tematiche di impegno civile del curriculum opzionale, il ventaglio<br />

ampio e variegato delle attività elettive. Tali attività si configurano come<br />

ampliamento dell’offerta <strong>formativa</strong> che si articola in progetti finanziati con<br />

fondi dell'<strong>Istituto</strong> o con fondi europei.<br />

La realizzazione del POF svela la “mission” della scuola, che nel rispetto delle<br />

attività del curricolo interferisce con la più v<strong>as</strong>ta comunità educante: “dalla<br />

vision alla mission”. Il POF non si configura come un documento rigido: sarà<br />

possibile implementarlo nel corso dell’anno e i singoli progetti potranno<br />

trovare anche diversa articolazione da quella originaria.<br />

L’art. 3 del D.P.R. 275/'99 recita che il POF “è il documento fondamentale<br />

costituito dall’identità culturale e progettuale delle istituzioni scol<strong>as</strong>tiche ed<br />

esplicita la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa ed<br />

organizzativa che le singole scuole adottano nell'ambito della loro autonomia”.<br />

L’identità culturale è espressione delle scelte del Collegio dei Docenti;<br />

l’identità progettuale sta nella capacità di coinvolgere le varie componenti della<br />

comunità e la committenza territoriale. Il collegamento con il territorio serve<br />

per superare una inefficace autoreferenzialità.<br />

Lungo è stato il cammino del POF - Nelle “Linee guida per l’educazione alla<br />

salute”, diramate dal Ministero della Pubblica istruzione nel 1993, viene<br />

delineato per la prima volta il “Progetto di <strong>Istituto</strong>” (o Progetto educativo<br />

d'<strong>Istituto</strong>) come strumento operativo dell'autonomia didattica, i cui contorni,<br />

però, non erano stati ancora delineati dal governo del tempo, all’uopo delegato<br />

(Legge n. 537 di accompagnamento alla finanziaria, Governo Ciampi, 1993).<br />

L’esigenza dell’autonomia era stata postulata dalla Conferenza Nazionale<br />

del 1990, Ministro della Pubblica Istruzione Sergio Mattarella. Successivamente<br />

(primavera 1994) il Ministro Rosa Russo Jervolino nel proprio schema di<br />

decreto legislativo, che non concluse il dovuto iter, accenna al Progetto<br />

d’<strong>Istituto</strong> come “espressione dell'identità educativa e <strong>formativa</strong>” in relazione<br />

alle strategie mirate all'offerta <strong>formativa</strong> (bisogni, domande, obiettivi).<br />

Nel “Documento” del Ministro Francesco D’Onofrio (settembre 1994)<br />

viene usato l’acronimo P.E.I. per indicare il Progetto Educativo d’<strong>Istituto</strong> come<br />

complesso di obiettivi, finalità, modi, tempi, strumenti, risorse caratterizzanti le<br />

scelte riferite all’autonomia, comunque sottoposte a verifica “in raccordo con il<br />

servizio nazionale di valutazione”.<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 1<br />

3


Cap. 1<br />

4<br />

Il Ministro Giancarlo Lombardi nella “Relazione illustrativa del disegno di<br />

legge sull’Autonomia” (1995) prospetta il “Progetto d’<strong>Istituto</strong>” come<br />

strumento di pianificazione territoriale nell’ambito di finalità generali stabilite a<br />

livello nazionale.<br />

Al di là della normativa, di Progetto d’<strong>Istituto</strong> si parlava già da anni. I nodi non<br />

sciolti sulla programmazione vengono polarizzati dal Progetto d’<strong>Istituto</strong>, che si<br />

interpreta come strumento di autoanalisi. In b<strong>as</strong>e a considerazioni<br />

sostanzialmente statiche il PEI indugia su regole e comportamenti; analizza<br />

l’esistente, non avendo ruolo progettuale e propulsivo.<br />

Con il C.C.N.L. (’94-’97) nel giugno 1995 veniva fatto obbligo alle scuole di<br />

elaborare, adottare e pubblicare tre documenti: il PEI, la PE (Programmazione<br />

Educativa) e la PD (Programmazione Didattica). Questi tre documenti non<br />

sono stati, allora, collegati all’autonomia, ancora in itinere, ma sono stati<br />

delineati come obiettivi di modernizzazione dei servizi, di responsabilizzazione<br />

degli erogatori di tali servizi e di tutela per i fruitori nell’ambito di un ricercato<br />

clima di tr<strong>as</strong>parenza da parte del Ministero della pubblica amministrazione<br />

(Ministro Sabino C<strong>as</strong>sese).<br />

Ben presto, però, si è guardato con attenzione alla “pedagogia” del Progetto,<br />

che mirava ad attenuare nei nostri modelli didattici le configurazioni<br />

individualistiche tendenti ad emarginare o sottovalutare i lavori di gruppo nei<br />

processi educativi.<br />

L’analisi progettuale ha immediatamente agevolato la cultura della verifica,<br />

della qualità, della valutazione, dell’organizzazione e ha favorito momenti di<br />

riordino dell’Amministrazione. Lentamente, ma vigorosamente, si è sviluppata<br />

una matura consapevolezza sugli elementi caratterizzanti l’offerta <strong>formativa</strong>; è<br />

avanzata l’idea di una azione educativa più ampia, perché legata ai bisogni del<br />

territorio; sono stati individuati criteri di coerenza tra il lavoro individuale dei<br />

docenti, la programmazione didattica e la progettazione del Consiglio di Cl<strong>as</strong>se.<br />

Si è tentato sostanzialmente di fornire alle varie componenti della comunità<br />

scol<strong>as</strong>tica strumenti riconducibili alla costituzione di una identità collettiva, la<br />

identità d’<strong>Istituto</strong>, recuperando anche elementi della memoria storica. Il<br />

D.P.C.M. del 19 maggio 1995 ha previsto l’adozione da parte delle scuole della<br />

“Carta dei servizi scol<strong>as</strong>tici” e con Direttiva 254 del 21 luglio 1995 si sono<br />

formulate indicazioni per le scuole al fine di ottemperare a tale adempimento<br />

nell’anno scol<strong>as</strong>tico ‘95-‘96. Tuttavia nel corso del 1996 escono di scena sia la<br />

Carta dei Servizi che il PEI. Il Consiglio Nazionale della Pubblica Istruzione<br />

boccia lo schema della Carta e il TAR con decisione 1172 del 20.03.96 annulla<br />

alcune norme contrattuali (comma 4 e 5 art. 38 e art. 39), perché la ricercata<br />

dimensione collegiale caratteristica della funzione docente non si sarebbe<br />

armonizzata con i principi fondamentali della libertà d’insegnamento. Rimette<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


ordine, con travagliato iter dall’ottobre 1998 al 10 agosto 1999, “Lo Schema di<br />

Regolamento in materia di autonomia delle istituzioni scol<strong>as</strong>tiche” del Ministro<br />

Luigi Berlinguer.<br />

Tale schema introduce il “Piano dell’Offerta Formativa”, che deve<br />

rapportarsi con il programma annuale per la gestione finanziaria della scuola.<br />

I vari contratti hanno agevolato la progettualità d’<strong>Istituto</strong>: sono state<br />

previste le “funzioni strumentali” per la realizzazione del POF ed è stata<br />

contemplata la possibilità di stipulare le convenzioni per le prestazioni d'opera<br />

al fine dell’ampliamento <strong>dell'offerta</strong> <strong>formativa</strong>.<br />

Il Piano dell’Offerta Formativa rappresenta la manifestazione più intensa<br />

dell’autonomia, contemplata dall’art. 21 della Legge n. 59 del 1997,<br />

regolamentata dal D.P.R. 275/99, inserita nell’art.117 del riscritto Titolo V della<br />

Costituzione e, quindi, <strong>as</strong>surta al rango di norma costituzionale.<br />

L’autonomia riconosciuta alle istituzioni scol<strong>as</strong>tiche, la personalità giuridica<br />

attribuita alle medesime, l’istituzione della dirigenza scol<strong>as</strong>tica (area V della<br />

dirigenza statale) costituiscono strumenti nuovi, adeguati e, in ogni c<strong>as</strong>o,<br />

propulsivi del rinnovamento della scuola.<br />

Campo di calcetto<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 1<br />

5


Cap. 1<br />

6<br />

UNA TRACCIA GUIDA PER L’ELABORAZIONE<br />

DEL PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Focalizzazione delle finalità e degli obiettivi istituzionali dell’<strong>Istituto</strong><br />

Riunione del Consiglio d’<strong>Istituto</strong> per l’approvazione del documento circa<br />

l'indirizzo generale delle attività della scuola<br />

Riunione del Collegio dei Docenti per la prima mappatura dei progetti<br />

Convocazione dei Consigli di Cl<strong>as</strong>se<br />

Assemblea dei genitori<br />

Assemblea degli studenti<br />

Assemblea personale ATA<br />

Analisi socio – economica del bacino di utenza della scuola<br />

Progettazione integrata con il territorio: istituzioni, realtà produttive,<br />

<strong>as</strong>sociazionismo<br />

Rapporti con la formazione professionale<br />

Attivazione di un gruppo di coordinamento e di tre gruppi di progettazione<br />

(docenti e ATA):<br />

per il core – curriculum<br />

per il curriculum opzionale<br />

per il curriculum elettivo<br />

Scelte didattiche<br />

Tematiche tr<strong>as</strong>versali:<br />

Ampliamento ed arricchimento dell’offerta <strong>formativa</strong><br />

Flessibilità didattica<br />

Flessibilità organizzativa<br />

Integrazione allievi di abilità diversa<br />

Tematiche disciplinari<br />

Statuto epistemologico delle singole discipline di studio<br />

Scelte organizzative<br />

Rapporti scuola - famiglia<br />

Servizi erogati dalla struttura amministrativa<br />

Modalità e criteri di misurazione e di valutazione delle prove scritte e orali<br />

degli allievi: indicatori e descrittori<br />

Criteri e modalità di autoanalisi/autovalutazione dell’<strong>Istituto</strong><br />

Contrattazione del Piano Annuale delle Attività con la RSU<br />

Riunione del Collegio dei Docenti per l'approvazione del POF e del Piano<br />

Annuale delle Attività<br />

Riunione del Consiglio d’<strong>Istituto</strong> per l'adozione del POF<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


IL “FERMI” DI GIARRE<br />

L’<strong>Istituto</strong> <strong>Tecnico</strong> Industriale “Enrico Fermi” di Giarre viene istituito<br />

nell’anno scol<strong>as</strong>tico 1959/60 come sezione staccata dell'Archimede di Catania.<br />

Diviene autonomo con l’anno scol<strong>as</strong>tico 1962/1963. Giarre, di antica e<br />

fiorente tradizione commerciale ed artigianale, ha voluto con determinazione<br />

e tenacia l’<strong>Istituto</strong> industriale, ravvisando nella struttura una ulteriore<br />

occ<strong>as</strong>ione di sviluppo tecnologico e di crescita economica.<br />

Già dagli anni del “miracolo economico” degli anni ‘60 gli Istituti Tecnici<br />

Industriali continuano ad offrire alle strutture produttive del paese il tessuto<br />

connettivo della diffusione delle conoscenze scientifiche e tecnologiche.<br />

L’<strong>Istituto</strong> è in piena espansione. Conta 761 allievi. Consistente il numero<br />

delle allieve, che sono trent<strong>as</strong>ette.<br />

Richiama costantemente l’attenzione di un v<strong>as</strong>tissimo bacino d’utenza, che<br />

si estende da Acireale a Messina. Comprende tutti i comuni del versante<br />

orientale dell’Etna e si spinge fino alle pendici meridionali dei Nebrodi a nord<br />

della valle dell’Alcantara.<br />

Il bacino d’utenza del “Fermi” coincide sostanzialmente con il v<strong>as</strong>to<br />

retroterra geografico del Porto dell’Etna, il porto di Riposto, commerciale ieri<br />

e turistico oggi.<br />

I comuni di Giarre, Riposto, M<strong>as</strong>cali costituiscono un centro forte di<br />

riferimento per l’area dell’ex Contea di M<strong>as</strong>cali, per la valle dell’Alcantara, per i<br />

centri abitati sui Nebrodi prospicienti la valle dell’Alcantara: comprensori<br />

protesi verso una sostenibile ripresa economica b<strong>as</strong>ata sul rilancio<br />

dell'agricoltura (colture in serra) e sulla valorizzazione delle incomparabili<br />

ricchezze paesaggistiche.<br />

Frequentano l’<strong>Istituto</strong> giovani di Acireale, Calatabiano, C<strong>as</strong>telmola,<br />

C<strong>as</strong>tiglione di Sicilia, Fiumefreddo di Sicilia, Francavilla di Sicilia, Gaggi, Giardini<br />

Naxos, Giarre, Letojanni, Linguaglossa, Malvagna, M<strong>as</strong>cali, Milo, Moio Alcantara,<br />

Mongiuffi Melia, Motta Cam<strong>as</strong>tra, Piedimonte Etneo, Randazzo, Riposto,<br />

Roccalumera, Roccella Valdemone, S. Venerina, S. Domenica Vittoria, S.Teresa di<br />

Riva, Sant'Alfio, Taormina, Tortorici, Viagrande, Zafferana Etnea.<br />

Una rete stradale adeguata collega tali Comuni con Giarre. Per la presenza<br />

di un elevato numero di alunni pendolari (circa il 50%) l'<strong>Istituto</strong> regola<br />

l'ingresso e l'uscita degli allievi sulla b<strong>as</strong>e dell'orario dei mezzi pubblici.<br />

L'<strong>Istituto</strong> dispone di ampie e luminose aule, di diciotto efficientissimi<br />

laboratori, di palestra coperta, di impianti sportivi all'aperto, di aula magna,<br />

capace di ospitare conferenze, spettacoli teatrali, cineforum. Gode pure di<br />

un'ampia sala mensa e di bar. Tali strutture consentono di alleviare il disagio<br />

degli allievi pendolari nel c<strong>as</strong>o di permanenza pomeridiana in <strong>Istituto</strong>.<br />

Il “Fermi” sorge su un appezzamento di circa due ettari: consistente l'area a<br />

verde e adeguati gli spazi per i parcheggi.<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 1<br />

7


Cap. 1<br />

8<br />

L'<strong>Istituto</strong> gravita sulla parte orientale di Giarre, a ridosso del Comune di<br />

Riposto, in una zona baricentrica ottimamente servita da ampie strade, da<br />

autolinee pubbliche, dalla Ferrovia dello Stato e dalla Circumetnea.<br />

Il “Fermi” è punto di riferimento per non poche iniziative attivate sul<br />

territorio, offrendo strutture e risorse per varie e numerose manifestazioni<br />

anche di dimensioni regionali.<br />

Negli ultimi anni si registra un sensibile incremento del numero delle allieve,<br />

che contribuiscono a creare ulteriori e consistenti spazi di crescita e di<br />

riflessione.<br />

L'<strong>Istituto</strong> conferisce, al termine del ciclo di studi di cinque anni, il Diploma di<br />

Perito industriale in una delle seguenti specializzazioni:<br />

- Elettrotecnica ed Automazione<br />

- Informatica Industriale<br />

- Meccanica<br />

Tale titolo è valido per l'accesso a tutti i corsi di Laurea o di Diploma<br />

Universitario, ai concorsi della Pubblica Amministrazione, agli albi professionali,<br />

agli impieghi nelle aziende private. L'<strong>Istituto</strong> <strong>Tecnico</strong> Industriale “Fermi” si affida<br />

ad una didattica spiccatamente orientativa, che prospetta ai giovani la possibilità<br />

del lavoro dipendente, gli spazi della cultura manageriale per la costituzione di<br />

imprese, la prosecuzione degli studi a livello universitario o post – secondario.<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


SULL’ECONOMIA DEL BACINO D’UTENZA<br />

Fino agli anni Settanta una parte consistente della popolazione del bacino<br />

d'utenza dell'<strong>Istituto</strong> trovava occupazione in agricoltura. Commercio, pesca,<br />

variegato artigianato rappresentavano le f<strong>as</strong>i attive di una incerta economia.<br />

Accanto alla tradizionale figura del piccolo proprietario si registrava la<br />

presenza di un v<strong>as</strong>to bracciantato, che migrava dalla media ed alta collina etnea,<br />

dalle propaggini meridionali dei Nebrodi, dalla Valle dell'Alcantara verso la più<br />

ricca zona costiera.<br />

In questi ultimi decenni, invece, abbiamo constatato un notevole<br />

depauperamento della capacità produttiva in agricoltura.<br />

Conseguentemente si è incrementato il settore terziario, che dal<br />

tradizionale pubblico impiego si è esteso e si estende ancora ad attività<br />

funzionali ai servizi. Si è puntato sul settore turistico, decisamente in crescita.<br />

Il porto dell'Etna (porto turistico di Riposto), la possibilità di fruire di<br />

incomparabili bellezze paesaggistiche sul vulcano, i giacimenti archeologici<br />

delle zone limitrofe costituiscono le premesse per lo sviluppo turistico<br />

dell'intero bacino; uno sviluppo che esalta e tesaurizza la splendida realtà del<br />

polo Taormina – Giardini Naxos.<br />

I Comuni della Valle dell'Alcantara e delle pendici meridionali dei Nebrodi<br />

affidano il proprio sviluppo economico al “Parco dell'Alcantara”, che interseca<br />

le esperienze del “Parco dell'Etna” e del “Parco dei Nebrodi”.<br />

Grazie alle pregresse esperienze di cooperazione i Comuni di tutto il<br />

comprensorio hanno operato una scelta politica di fondamentale importanza e<br />

di grande pregio.<br />

Tali Comuni cercano di rilanciare la loro capacità di produzione, rifuggendo<br />

da un clima di concorrenza, ma facendo leva sul rilancio di tutto il<br />

comprensorio, concertando specifici ruoli nei programmi di sviluppo. A<br />

determinare siffatti scenari non sono state secondarie le tematiche sullo<br />

sviluppo e sul lavoro proposte dall’Unione Europea che ha dato la possibilità di<br />

rivitalizzare larghi settori delle attività produttive, utilizzando fondi F.E.S.R.<br />

(Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale) e fondi F.S.E. (Fondo Sociale<br />

Europeo).<br />

Le nuove e diverse connotazioni dell'economia hanno contribuito a<br />

delineare un panorama sociologico caratterizzato da un tenace ceto medio<br />

dinamicamente proteso verso un variegato mondo di professionalità e di<br />

competenze. Scontata l'esigenza, ampiamente avvertita, di un continuo<br />

aggiornamento delle strutture formative con riferimento agli indicatori di<br />

qualità di un mercato in frenetica espansione e in serrata competizione. Negli<br />

anni novanta l'<strong>Istituto</strong> “Fermi” per riscontrare positivamente tale esigenza di<br />

continuo rinnovamento tecnologico, saldamente collegato all'esigenza di una<br />

flessibile preparazione politecnica, ha adottato il Progetto Ambra, indirizzo per<br />

l'Elettrotecnica e l'Automazione, il Progetto Ergon, indirizzo per l'Industria<br />

Meccanica, e il Progetto “Informatica Industriale”.<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 1<br />

9


Cap. 1<br />

10<br />

Nei piani di studio dei tre indirizzi sono presenti i contenuti culturali,<br />

scientifici e tecnologici per l'inserimento del giovane nella realtà occupazionale<br />

del comparto socioeconomico. Su qu<strong>as</strong>i tutti i comuni del bacino d'utenza<br />

dell'<strong>Istituto</strong> si registra lo sviluppo di piccole imprese nel settore ortofrutticolo<br />

ed in quello vivaistico, non disgiunto da una diffusa vivacità artigianale.<br />

Fondamentale, pertanto, formare figure professionali in grado di intercettare i<br />

molteplici bisogni delle imprese presenti sul territorio.<br />

IL PIANO DI STUDIO<br />

Il biennio unitario - Il biennio è propedeutico per il successivo triennio. Ha<br />

una determinante valenza <strong>formativa</strong> ed è oggetto di particolare attenzione<br />

pedagogico - didattica.<br />

Un corposo progetto di accoglienza caratterizza nel primo anno la funzione<br />

docente, che già dal secondo anno esplicita le proprie connotazioni orientative.<br />

La costituzione dei prerequisiti, tendenti ad omogeneizzare le cl<strong>as</strong>si e a<br />

valorizzare le competenze acquisite dagli alunni nella scuola media, costituisce<br />

condizione preliminare per l'inizio di nuovi itinerari didattici.<br />

Il biennio con Fisica e laboratorio, con Chimica e laboratorio, con Scienze<br />

della Terra, Geografia, Biologia, discipline che non hanno seguito nel successivo<br />

triennio, ha il compito di fornire al giovane una preparazione scientifica di b<strong>as</strong>e<br />

adeguata a qualsi<strong>as</strong>i delle tre specializzazioni e spendibili anche per affrontare<br />

problematiche post-diploma.<br />

Le specializzazioni del Triennio - L'<strong>Istituto</strong>, sulla b<strong>as</strong>e di quanto acclarato<br />

in sede di redazione dei progetti <strong>as</strong>sistiti AMBRA ed ERGON, rifugge<br />

dall'eccessiva settorializzazione al fine di offrire allo studente variegata<br />

possibilità di futura riconversione.<br />

L'<strong>Istituto</strong> svolge un'azione continua di aggiornamento e di revisione<br />

sistematica dei programmi. Ricerca con accuratezza nelle proprie scelte<br />

valorialità politecnica e consistente professionalità di b<strong>as</strong>e. Italiano, Storia,<br />

Diritto ed Economia, Matematica, Inglese, Religione (se scelta) costituiscono<br />

materie di studio comuni ai tre indirizzi.<br />

ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE<br />

Le materie che caratterizzano questo corso di studio sono: Elettrotecnica,<br />

Impianti Elettrici, Sistemi Elettrici Automatici, Tecnologia Disegno<br />

Progettazione (T.D.P.).<br />

Tutte le discipline prevedono applicazioni di laboratorio: Elettrotecnica<br />

(Misure elettriche), Impianti elettrici (disegno con Autocad), Sistemi Elettrici<br />

Automatici (gestione di sistemi con personal computer e PLC), T.D.P.<br />

(realizzazione di impianti elettrici per civili abitazioni e industriali).<br />

Profilo professionale - La scuola prepara il giovane ad analizzare le reti<br />

elettriche, i sistemi di generazione, di conversione, di tr<strong>as</strong>porto e di utilizzazione<br />

dell'energia elettrica. Lo avvia al collaudo, al controllo e alla gestione dei sistemi<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


elettrici, dei quali può anche sovrintendere alla manutenzione. L'allievo può<br />

redigere relazioni e documenti sul lavoro svolto in lingua italiana e inglese.<br />

MECCANICA<br />

L'indirizzo si caratterizza per l'accostamento delle cl<strong>as</strong>siche discipline<br />

tecno-scientifiche (Tecnologia Meccanica, Meccanica applicata, Disegno<br />

meccanico etc.) con Sistemi e Automazione Industriale.<br />

E' possibile individuare tre macro-aree disciplinari nell'ambito dell'area<br />

tecnico-professionale:<br />

1) Meccanica, Macchine e Progettazione;<br />

2) Tecnologia Meccanica, Disegno ed Organizzazione industriale;<br />

3) Elettronica ed Automazione, Elettrotecnica.<br />

In effetti, all'interno della disciplina “Sistemi e Automazione Industriale”, si<br />

collocano, supportate dalla teoria, le esperienze di laboratorio riguardanti il<br />

cablaggio al trainer di circuiti di comando per cicli sequenziali eseguiti con<br />

tecnologia pneumatica, oleodinamica, elettrica ed elettronica.<br />

Nell'insegnamento di Tecnologia meccanica si collocano le esperienze dei<br />

reparti di lavorazione.<br />

Le discipline di studio dell'indirizzo meccanico realizzano una sintesi<br />

equilibrata tra teoria e pratica professionale per una formazione di b<strong>as</strong>e<br />

opportuna ed adeguata sia nell'affrontare situazioni problematiche che nella<br />

scelta di flessibili strategie di soluzione.<br />

Profilo professionale - La Scuola prepara il giovane ad allestire e a montare<br />

componenti meccanici, a progettare, installare e gestire semplici impianti<br />

industriali o semplici gruppi meccanici.<br />

L'<strong>Istituto</strong> mette il giovane in grado di controllare, di collaudare e utilizzare<br />

materiali (semi-lavorati o prodotti finiti), sistemi automatizzati, sistemi<br />

informatici di progettazione e di produzione.<br />

Il giovane sulla b<strong>as</strong>e dei contenuti culturali appresi e rielaborati sviluppa<br />

programmi esecutivi per macchine utensili e programmi per P.L.C., controlla,<br />

mette a punto, manutenziona impianti e macchinari.<br />

INFORMATICA INDUSTRIALE<br />

L'indirizzo si caratterizza nello studio di discipline tecniche e specialistiche,<br />

che riguardano il settore della produzione del software, dei sistemi automatici<br />

ed elettronici a logica cablata e programmata.<br />

Lo scopo di questo corso di studi è quello di mettere lo studente in<br />

condizione di maturare una visione strumentale delle risorse di calcolo,<br />

orientate alla soluzione di problemi di trattamento automatico dei dati, di<br />

gestione del Web, di installazione e configurazione di reti wired e wireless, e in<br />

condizione di avere una conoscenza generale dei metodi e dei problemi<br />

dell'automazione, utilizzando le conoscenze acquisite nelle diverse discipline<br />

del corso di studi.<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 1<br />

11


Cap. 1<br />

12<br />

L'indirizzo radica la propria validità nella capacità naturale e fisiologica di<br />

aggiornare gli itinerari di studio alla luce dei continui cambiamenti tecnologici e<br />

dell'ampliamento del numero delle professioni.<br />

Una funzione strategica <strong>as</strong>sume la disciplina “Sistemi Automazione e<br />

Laboratorio”, che opera un riferimento costante alle applicazioni ed alla<br />

modellistica come approccio ai problemi in visione multidisciplinare.<br />

L'insegnamento di “Sistemi” si armonizza con quello di Informatica. Le<br />

problematiche comuni si affrontano a diverso livello: pratico con Sistemi,<br />

teorico con Informatica.<br />

Corredano la cultura del giovane Perito Informatico l'Elettronica ed il<br />

Calcolo delle Probabilità.<br />

Profilo Professionale - L'<strong>Istituto</strong> prepara l'allievo a realizzare software nei<br />

diversi linguaggi di programmazione disponibili sul mercato ed a progettare<br />

semplici sistemi orientati all'automazione industriale, con il supporto delle<br />

attività di laboratorio, che caratterizzano il perito industriale in informatica.<br />

Il Perito <strong>Tecnico</strong> in Informatica Industriale ha molteplici possibilità di<br />

valorizzare le competenze acquisite in diversi settori. Può svolgere la libera<br />

professione, occupandosi della produzione del software e dell'<strong>as</strong>sistenza<br />

tecnica nel mondo dei personal computer; può essere <strong>as</strong>sunto presso softwarehouse<br />

o presso aziende del settore elettronico o tecnico-informatico, o presso<br />

aziende specializzate in automazione industriale.<br />

Laboratorio di Informatica<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


CURRICULUM IMPLICITO<br />

Sugli obiettivi cognitivi<br />

Si configurano come obiettivi primari l'ampliamento di elementi utili per la<br />

conoscenza e il potenziamento della memoria.<br />

La conoscenza si radica tramite il ragionamento teso a penetrare mappe<br />

concettuali diverse tra loro, dalle quali trarre informazioni per una<br />

organizzazione del pensiero successiva e superiore.<br />

La conoscenza viene corroborata e rinvigorita dalla memoria, la quale<br />

consente di raffrontare e di correlare sequenze logiche.<br />

Trarre nuove e maggiori informazioni dai dati conosciuti, seguendo regole<br />

certe o precostituite, significa per l'allievo sviluppare la capacità di analisi,<br />

riguardo a contenuti comunque variegati.<br />

La caratteristica fondamentale dello sviluppo della capacità di sintesi<br />

consiste nell'abilità di trovare, rispetto ad un problema posto, varie soluzioni.<br />

Tale sviluppo poggia sulla creatività, capace di spezzare gli schemi della “fissità<br />

funzionale” in funzione della “flessibilità adattativa”; l'allievo viene abituato a<br />

valutare: valutare ciò che conosce o ricorda, valutare le risorse del pensiero<br />

convergente o divergente. In tale contesto si inquadra la capacità di verificare la<br />

coerenza di una proposizione logica, come una dimostrazione geometrica o il<br />

ragionamento di tipo sillogistico.<br />

L’allievo dispiega la valorizzazione delle funzioni dell'intelletto su contenuti<br />

di vario tipo.<br />

I contenuti figurativi vengono indagati da abilità tipiche dell'intelligenza<br />

concreta. Gli schemi generali fondati su simboli (una lingua, un sistema<br />

matematico) riguardano la sfera dell'intelligenza <strong>as</strong>tratta.<br />

L'intelligenza verbale dell'allievo si sviluppa in relazione al radicamento di<br />

concetti, di principi e di idee. I contenuti comportamentali intervengono nelle<br />

relazioni interpersonali e costituiscono oggetto dell'intelligenza sociale del<br />

giovane.<br />

Sugli obiettivi affettivi<br />

I processi cognitivi negli allievi sono condizionati da fattori non cognitivi. Lo<br />

sviluppo delle funzioni intellettuali dell'allievo è collegato allo sviluppo<br />

dell'affettività. La crescita intellettuale, la capacità di consapevole riflessione<br />

sociale, l'impegno politico e civile si intersecano e si esaltano a vicenda.<br />

Gli obiettivi affettivi tendono a interiorizzare quei valori, i quali si realizzano<br />

nella interazione tramite la ricettività, la rispondenza,la capacità di esprimere<br />

giudizi, l'organizzazione di un sistema di valori e il comportamento<br />

generalmente controllato.<br />

L'allievo manifesta lo sviluppo della ricettività tramite la propria sensibilità<br />

volta a percepire sentimenti e fenomeni, come apprezzare il bello o avere<br />

capacità di <strong>as</strong>colto.<br />

La rispondenza nello studente si sviluppa tramite atteggiamenti attivi, che si<br />

esplicano interagendo con la parola o, anche, con atteggiamenti non verbali.<br />

L'alunno manifesta le scelte relative al lavoro in relazione alle preferenze<br />

proprie e al conseguente impegno avvertito sia come bisogno che come<br />

espressione di una forte motivazione. Nella capacità di mettere in relazione,<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 1<br />

13


Cap. 1<br />

14<br />

simbolicamente ed <strong>as</strong>trattamente, i valori l'allievo enuclea la propria “filosofia di vita”,<br />

che viene seguita dalla strutturazione di una propria “concezione del mondo”.<br />

Il giovane, sulla b<strong>as</strong>e di una guida iniziale, potrà successivamente elaborare<br />

chiare scelte valoriali per una critica interazione con la realtà sociale. L'allievo<br />

avvierà, così, il processo di strutturazione della sua personalità e del suo<br />

carattere, cioè, della sua identità, del suo “io” più profondo.<br />

Sulla b<strong>as</strong>e dello statuto epistemologico delle singole discipline riconosciamo<br />

uguale dignità ed elevata qualità a tutti gli insegnamenti: tutte le discipline hanno<br />

una dimensione umanistica e tutte hanno, nel contempo, spiccati caratteri di<br />

scientificità. Tutte servono a soddisfare il bisogno culturale dell'adolescente.<br />

CURRICULUM TRASVERSALE<br />

Educare ai valori<br />

In un quadro di chiara lealtà costituzionale intendiamo potenziare i caratteri di<br />

pluralismo culturale e i tratti di laicità, che connotano la scuola pubblica di Stato.<br />

Educare alla libertà, alla democrazia, alla pace, alla speranza, al rispetto,<br />

all'accoglienza e alla valorizzazione di ogni diversità è fondamentale per la coesione<br />

culturale della nostra Europa, che già da alcuni anni gode con l'euro di una moneta<br />

unica, fattore decisamente aggregante per più di 400 milioni di abitanti.<br />

Riteniamo essenziale educare ai valori, che appaiono attenuati nella nostra<br />

società caratterizzata da logiche mercantilistiche e da “turbolente” accelerazioni.<br />

Percepire e ordinare i valori personali, socio-economici, culturali, ontici ed<br />

estetici, dai quali chiaramente trae linfa e vigore il presente Piano dell'Offerta<br />

Formativa, significa porre le b<strong>as</strong>i per la valorizzazione della persona. La scuola,<br />

anche se da qualche decennio non rappresenta più l'unica agenzia di<br />

informazione, si configura per l'adolescente come unica struttura finalizzata alla<br />

costituzione di una mentalità critica. Sulla b<strong>as</strong>e di tale convincimento<br />

focalizziamo le nostre energie perché il giovane possa “imparare ad imparare”.<br />

“Apprendre à être” resta obiettivo primario per gli educatori, affinché i<br />

giovani possano guardare con entusi<strong>as</strong>mo e speranza verso gli orizzonti ampi e<br />

sereni della Comunità Europea, illuminata dalla “Carta dei Diritti Fondamentali”<br />

e coesa sulla b<strong>as</strong>e del dettato del nuovo Trattato di Lisbona.<br />

IL “PUNTO” SUGLI ISTITUTI TECNICI<br />

DAL 28 MARZO 2003 AL 18 DICEMBRE <strong>2008</strong><br />

n.1- L'art. 13 della Legge n.40 del 02/04/2007, pubblicata sul supplemento<br />

ordinario n.91 della Gazzetta Ufficiale n.77 del 02/04/2007 - conversione in legge del<br />

Decreto Legge n.7 del 31/01/2007, noto come Decreto Bersani - nei suoi primi otto<br />

commi modifica sostanzialmente la riforma Moratti, Legge n. 53 del 28/03/2003, e<br />

riprende nel comma 1 il Disegno di Legge approvato in data 25/01/2007.<br />

L'art. 13 detta disposizioni urgenti in materia di istruzione tecnicoprofessionale<br />

e di valorizzazione dell'autonomia scol<strong>as</strong>tica.<br />

Il citato articolo modifica il D.lvo. n. 226 del 17/10/2005, attuativo dell'art. 2<br />

della Legge 28/03/2003, testo in vigore dal 19/11/2005.<br />

Giuseppe Fioroni, già Ministro del M.P.I. del Governo Prodi, avvalendosi della<br />

politica del “cacciavite”, reintroduce gli istituti tecnici e professionali,<br />

“ristatalizza” gli Istituti Professionali, l<strong>as</strong>cia in piedi i rimanenti sei licei previsti<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


dalla riforma Moratti (L. Cl<strong>as</strong>sico, L. Scientifico, L. Linguistico, L. delle Scienze<br />

Umane, L. Artistico, L. Musicale e Coreutico ).<br />

Il secondo ciclo del sistema educativo, pertanto, risulta costituito dal<br />

sistema dell'istruzione secondaria superiore (Licei, Istituti Tecnici, Istituti<br />

Professionali) e dal sistema dell'istruzione e formazione professionale<br />

finalizzati al conseguimento di un diploma di istruzione secondaria superiore.<br />

L'art. 13 (Legge n. 40/2007) abroga l'art. 6 e l'art. 10 del D.lvo 266/05 e<br />

cancella i riferimenti agli allegati C/3 e C/8.<br />

Sostanzialmente vengono reintrodotti gli istituti tecnici e professionali<br />

come previsti dal Testo Unico ( D.P.R. 297/94).<br />

Il Decreto Gelmini n. 112/08, convertito in legge il 30/10/<strong>2008</strong>, abroga,<br />

altresì, il comma 3 dell'art. 13 del D.lvo 226/05.<br />

L'art. 13 della Legge n. 40/2007, comma 1bis, prevede che gli istituti tecnici e<br />

professionali siano ordinati e potenziati.<br />

Nel quadro del riordino e del potenziamento saranno adottati i<br />

regolamenti, che dovranno contemplare:<br />

1. la riduzione del numero degli attuali indirizzi e il loro ammodernamento<br />

nell'ambito dei settori tecnico professionali;<br />

2. la determinazione del monte ore annuale sostenibile per gli allievi con<br />

riferimento all'art.1, comma 605, lett. f, della Legge n. 296 del 27/12/2006;<br />

3. la riorganizzazione delle discipline di insegnamento con il fine dichiarato<br />

di incrementare attività laboratoriali, stage, tirocinio;<br />

4. l’orientamento agli studi universitari e al sistema dell'IFTS.<br />

Non sono stati adottati i regolamenti nel termine previsto del 31/07/<strong>2008</strong>,<br />

nonostante sulla b<strong>as</strong>e dell'art. 13, comma 1 quater, della Legge 40/07, la riforma<br />

del secondo ciclo si sarebbe dovuta avviare con l'anno scol<strong>as</strong>tico <strong>2009</strong>/2010.<br />

E secondo lo schema 2 - 2 -1.<br />

Infatti l'art. 2, comma 1, lettera g), della vigente legge n.53 del 28 marzo 2003<br />

così recita “... l'attività didattica si sviluppa in due periodi biennali e in un quinto<br />

anno che prioritariamente completa il discorso disciplinare e prevede, altresì,<br />

l'approfondimento delle conoscenze e delle abilità caratterizzanti il profilo<br />

educativo culturale e professionale del corso di studi...”.<br />

Con senso di responsabilità il MIUR l'11 dicembre <strong>2008</strong> dopo il<br />

confronto con le organizzazioni sindacali ha rinviato la riforma della<br />

secondaria all'anno scol<strong>as</strong>tico 2010/2011<br />

n.2 - Appena entrato in vigore l'art.13 della legge 40/07 il Ministro Fioroni<br />

ha avviato il processo di riqualificazione e di organizzazione degli Istituti Tecnici<br />

con il “Laboratorio dell'istruzione tecnica e professionale”, tenutosi il 15 e 16<br />

maggio 2007 a Roma nella sede dell'Acquario Romano, sulla b<strong>as</strong>e di riferimenti<br />

culturali, pedagogici, organizzativi, socio-economici dei documenti sul futuro<br />

dell'istruzione tecnica e professionale raccolti nei numeri 115 e 116 di Studi e<br />

Documenti degli Annali della Pubblica Istruzione.<br />

Con Decreto ministeriale n. 81 del 14/12/07 il Ministro Fioroni ha insediato<br />

una commissione ministeriale per la redazione di un documento di b<strong>as</strong>e, al<br />

quale fare riferimento per i successivi decreti attuativi.<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 1<br />

15


Cap. 1<br />

16<br />

La commissione ha avuto due sessioni di lavoro plenarie, il 07/01/<strong>2008</strong> e il<br />

21/01/<strong>2008</strong>. Il documento - “Persona, Tecnologie, Professionalità” - redatto dalla<br />

commissione è stato presentato a Roma il 03/03/<strong>2008</strong> a Palazzo Colonna.<br />

In allegato al documento vengono tracciate la finalità e gli <strong>as</strong>petti strutturali<br />

degli Istituti tecnici e per il settore tecnologi vengono fissati dieci indirizzi.<br />

Gli indirizzi che interessano il “Fermi” sono:<br />

1. Meccanica, Meccatronica ed Energia<br />

2. Elettrotecnica ed Elettronica<br />

3. Informatica e Telecomunicazioni<br />

Sulla b<strong>as</strong>e del comma 3 dell'art. 64 del Decreto Legge n. 112/<strong>2008</strong>,<br />

coordinato con la Legge di conversione n. 133 del 06/08/<strong>2008</strong>, il MIUR, di<br />

concerto con il Ministero dell'Economia e delle Finanze, ha predisposto “Lo<br />

Schema di Piano Programmatico” degli interventi volti ad una maggiore<br />

razionalizzazione dell'utilizzo delle risorse umane e strumentali disponibili al<br />

fine di conferire una maggiore efficienza ed efficacia al Sistema Scol<strong>as</strong>tico.<br />

A tale riguardo il citato art. 64, comma 4, stabilisce che il MIUR adotterà, di<br />

concerto con il Ministero della Economia e della Finanze, sentita la Conferenza<br />

Stato - Regioni, gli opportuni Regolamenti, modificando anche le disposizioni<br />

legislative vigenti.<br />

Tale schema è stato esaminato dalla VII Commissione Cultura, Scienze e<br />

Istruzione, della Camera dei Deputati. La Commissione ha concluso i lavori il 19<br />

novembre con la proposta di parere favorevole, ponendo condizioni riguardanti<br />

la revisione degli ordinamenti scol<strong>as</strong>tici, la riorganizzazione della rete scol<strong>as</strong>tica,<br />

l'utilizzo delle risorse umane del mondo della scuola. Le condizioni poste sono<br />

state recepite parzialmente dal Governo l'11 dicembre <strong>2008</strong> dopo il confronto<br />

con le organizzazioni sindacali rimettendo, forse, in discussione la copertura<br />

finanziaria della Legge 133/08.<br />

n.3 - Il 23 settembre <strong>2008</strong> il MIUR ha sottoposto un documento di b<strong>as</strong>e sul<br />

riordino degli istituti tecnici ai Collegi dei Periti e degli Ordini Professionali con<br />

la proposta dei nuovi profili degli indirizzi.<br />

ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA<br />

Il Perito in Elettrotecnica ed elettronica ha competenze specifiche nel campo dei<br />

materiali e delle macchine elettriche, dei sistemi per la generazione, conversione e<br />

tr<strong>as</strong>porto dell'energia elettrica e dei relativi impianti di distribuzione, come pure della<br />

generazione, elaborazione e tr<strong>as</strong>missione dei segnali elettrici.<br />

Nei contesti produttivi d'interesse, collabora nella progettazione,<br />

costruzione e collaudo degli impianti, opera nell'organizzazione dei servizi e<br />

nell'esercizio di sistemi elettrici complessi.<br />

Integra conoscenze di elettrotecnica, di elettronica e di informatica per<br />

intervenire nell'automazione industriale e nel controllo dei processi produttivi,<br />

rispetto ai quali è in grado di contribuire all'innovazione e all'adeguamento<br />

tecnologico delle imprese.<br />

Relativamente alle tipologie di produzione, interviene nei processi di<br />

conversione dell'energia elettrica e del loro controllo, per ottimizzare il consumo<br />

energetico e adeguare gli impianti e i dispositivi alle normative sulla sicurezza.<br />

È in grado di intervenire nella sicurezza del lavoro e degli ambienti, nel miglioramento<br />

della qualità dei prodotti e nell'organizzazione produttiva delle aziende.<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


Collabora nel pianificare la produzione dei sistemi progettati, descrive e<br />

documenta i progetti esecutivi ed il lavoro svolto, utilizza e redige manuali.<br />

INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI<br />

Il Perito in Informatica e Telecomunicazioni ha competenze specifiche nel<br />

campo dei sistemi informatici, della telematica, delle reti e degli impianti di<br />

tr<strong>as</strong>missione e dell'elaborazione dell'informazione.<br />

Ha competenze sistemistiche, che, a seconda delle scelte che le singole scuole<br />

vorranno operare, si rivolgono alla progettazione, installazione, gestione di:<br />

sistemi informatici - b<strong>as</strong>i di dati - reti di sistemi di elaborazione<br />

sistemi multimediali e impianti di tr<strong>as</strong>missione dei segnali.<br />

Ha competenze orientate alla gestione del ciclo di vita delle applicazioni<br />

che, sempre a seconda delle scelte che le singole scuole vorranno privilegiare,<br />

possono rivolgersi al software gestionale, al software orientato ai servizi, al<br />

software per i sistemi dedicati («embedded»).<br />

Collabora alla gestione di progetti nell'ambito di attività lavorative,<br />

operando nel quadro di normative nazionali e internazionali, concernenti la<br />

sicurezza in tutte le sue accezioni («security» e «safety»), e la protezione delle<br />

informazioni («privacy»).<br />

È in grado di intervenire sulla sicurezza del lavoro e degli ambienti, nel miglioramento<br />

della qualità dei prodotti e nell'organizzazione produttiva delle imprese.<br />

Collabora nel pianificare la produzione dei sistemi progettati, descrive e<br />

documenta i progetti esecutivi ed il lavoro svolto.<br />

Utilizza e redige manuali d'uso.<br />

MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA<br />

Il Perito in Meccanica, meccatronica ed energia ha competenze specifiche<br />

nel campo dei materiali e delle loro lavorazioni, delle macchine e dei dispositivi<br />

utilizzati nelle industrie manifatturiere, agrarie, dei tr<strong>as</strong>porti e dei servizi. Nei<br />

contesti produttivi d'interesse, collabora nella progettazione, costruzione e<br />

collaudo dei dispositivi, opera nella manutenzione e nell'esercizio di sistemi<br />

meccanici ed elettromeccanici complessi.<br />

Integra conoscenze di meccanica, di elettrotecnica, elettronica e di<br />

informatica per intervenire nell'automazione industriale e nel controllo dei<br />

processi produttivi, rispetto ai quali è in grado di contribuire all'innovazione e<br />

all'adeguamento tecnologico delle imprese.<br />

Relativamente alle tipologie di produzione, interviene nei processi di<br />

conversione, gestione ed utilizzo dell'energia e del controllo, per ottimizzare il<br />

consumo energetico nel rispetto delle normative sulla tutela dell'ambiente.<br />

È in grado di intervenire nella sicurezza del lavoro nell'ambito delle normative<br />

vigenti, nel miglioramento della qualità dei prodotti e nell'organizzazione<br />

produttiva delle aziende.<br />

Collabora nel pianificare la produzione e la certificazione dei sistemi<br />

progettati, descrive e documenta il lavoro svolto valutando i risultati conseguiti,<br />

redige manuali d'uso.<br />

n.4 - L'11 novembre <strong>2008</strong> la Commissione Ministeriale ha proposto il<br />

Quadro Orario del primo biennio, del secondo biennio e dell'ultimo anno.<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

17


18<br />

Riportiamo lo stralcio relativo ai tre precedenti indirizzi.<br />

Il 18 dicembre <strong>2008</strong> il Consiglio dei Ministri ha avviato la discussione sul<br />

riordino degli Istituti Tecnici, riprendendo sostanzialmente il documento<br />

presentato il 23 settembre <strong>2008</strong> al Collegio dei Periti tecnici.<br />

La quota di flessibilità resta fissata al 20% al primo biennio, al 30% nel<br />

secondo biennio, la 35% al quinto anno.<br />

Viene previsto l'insegnamento in lingua inglese di una disciplina al quinto anno.<br />

n.5 - L'art.13 del D.lvo 226/05, al comma 2, contempla la possibilità di<br />

costituire tra Istituti Tecnici, Istituti Professionali, strutture della formazione<br />

professionale, di cui all'art.1, comma 624, della Legge n. 296 del27/12/2006, e le<br />

strutture che operano nell'ambito dell'IFTS i “poli tecnico-professionali”, che<br />

vengono denominati Istituti Tecnici Superiori ( ITS ).<br />

Detti poli promuovono stabilmente ed organicamente la diffusione della<br />

cultura scientifica, tecnologica, tecnica per sostenere la crescita sociale<br />

economica e produttiva del paese.<br />

Sono sostanzialmente dei consorzi, di cui all'art. 7, comma 10, del<br />

Regolamento dell'autonomia delle istituzioni scol<strong>as</strong>tiche ( DPR 275/99).<br />

Alla costituzione dei “poli” si dovrà provvedere senza nuovi o maggiori oneri<br />

per la finanza pubblica.<br />

Con Decreto del Presidente del Consiglio del 25 gennaio <strong>2008</strong>, pubblicato<br />

sulla Gazzetta Ufficiale, Serie Generale, dell'11 aprile <strong>2008</strong>, sulla b<strong>as</strong>e del<br />

decreto legislativo 226/05 e del comma 2 dell'art. 13 della legge n. 40/07,<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


sono state adottate linee guida per la riorganizzazione del Sistema di istruzione<br />

e formazione tecnica superiore per “rafforzare la collaborazione con il<br />

territorio, il mondo del lavoro, le sedi della ricerca scientifica e tecnologica”.<br />

Gli <strong>as</strong>petti ordinamentali dell'area tecnico-professionale e, più in generale,<br />

l'intreccio tra il <strong>piano</strong> degli ordinamenti dell'istruzione tecnica e dell'istruzione<br />

e formazione professionale e quello organizzativo alimentano il contenzioso<br />

tra Stato e Regioni.<br />

In b<strong>as</strong>e al Titolo V della Costituzione, approvato nel 2001, lo Stato è<br />

competente per le norme generali in materia di istruzione e per i livelli<br />

essenziali delle prestazioni, mentre alle Regioni spetta la competenza<br />

concorrente per l'istruzione e quella esclusiva sia per l'istruzione e formazione<br />

professionale che per l'organizzazione di tutto il sistema scol<strong>as</strong>tico. In tal senso<br />

si è pronunciata la Corte Costituzionale, adita dalle Regioni Lombardia,<br />

Toscana e Veneto, con sentenza del 13/01/2004.<br />

PREVENZIONE SUGLI ABBANDONI<br />

E SULLA DISPERSIONE SCOLASTICA<br />

Possibili corsi regionali sperimentali di istruzione<br />

e formazione professionale<br />

La Legge n. 296 del 27 Dicembre 2006 (Finanziaria 2007) all'art. 1, comma<br />

624, ha stabilito che possono essere indetti i percorsi sperimentali di istruzione<br />

e formazione professionale, di cui all'art. 28 del D.Lgvo. 17 Ottobre 2005, n. 226,<br />

in attuazione dell'Accordo Quadro Stato-Regioni, siglato alla conferenza<br />

unificata del 19 Giugno 2003.<br />

L'Accordo è stato seguito da un protocollo d'intesa tra la Regione Siciliana,<br />

il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, il Ministero dell'Istruzione e<br />

della Ricerca, firmato a Roma il 18 Settembre 2003.<br />

Tali percorsi trovano posto all'interno della nuova normativa sull'obbligo di<br />

istruzione, diramata con il Decreto Ministeriale del 22 Agosto 2007, n. 139.<br />

Nel rispetto della Circolare Ministeriale n. 74 del 21 Dicembre 2006<br />

sull'iscrizione degli alunni, giorno 26 Gennaio 2007, nella Regione Siciliana è<br />

stato sottoscritto apposito accordo tra il Presidente della Regione, il Dirigente<br />

Generale del Dipartimento Pubblica Istruzione, il Dirigente Generale del<br />

Dipartimento Formazione Professionale, il Dirigente Generale del<br />

Dipartimento Agenzia per l'impiego e il Direttore Generale dell'Ufficio<br />

Scol<strong>as</strong>tico Regionale.<br />

Sulla b<strong>as</strong>e del citato accordo, recentemente sono state fornite disposizioni<br />

amministrative per la realizzazione dei percorsi sperimentali tipologia B con<br />

circolare <strong>as</strong>sessoriale del 24/12/<strong>2008</strong>.<br />

I percorsi sperimentali di istruzione e formazione professionale, istituiti per<br />

l'<strong>as</strong>solvimento dell'obbligo d'istruzione, hanno durata triennale. Essi tendono a<br />

far ottenere agli studenti una qualifica professionale spendibile nel mondo del<br />

lavoro e/o il rientro nel sistema dell'istruzione. I soggetti destinatari sono gli<br />

allievi che hanno superato l'esame di stato alla fine del primo ciclo d'istruzione.<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 1<br />

19


Cap. 1<br />

20<br />

I percorsi sono co-progettati e co-gestiti dalle Istituzioni scol<strong>as</strong>tiche secondarie<br />

di secondo grado e dagli Enti di formazione professionale.<br />

Spetta agli Istituti scol<strong>as</strong>tici secondari di secondo grado certificare<br />

l'adempimento dell'obbligo d'istruzione; spetta al Dipartimento Regionale della<br />

formazione professionale ril<strong>as</strong>ciare l'attestato della conseguita qualifica<br />

professionale.<br />

I percorsi riguardano i primi tre anni della scuola secondaria di secondo<br />

grado e sono articolati in tre tipologie.<br />

Tipologia A - Il percorso può interessare un'intera cl<strong>as</strong>se o una cl<strong>as</strong>se<br />

aperta, costituita da gruppi di studenti che provengono da più cl<strong>as</strong>si. Tali percorsi<br />

devono essere realizzati nel numero di ore che occorrono per svolgere il 20%<br />

della quota dei piani di studio di pertinenza delle Istituzioni scol<strong>as</strong>tiche. Essi si<br />

svolgono in ore antimeridiane. Alla fine del corso gli allievi conseguono<br />

l'attestato di qualifica professionale e la promozione alla cl<strong>as</strong>se successiva.<br />

Tipologia B - Vengono istituiti per l'acquisizione di competenze secondo gli<br />

standard previsti dall'accordo Stato-Regione del 05 Ottobre 2006 sulle<br />

competenze tecnico-professionali e previsti dall'accordo siglato il 15 Gennaio<br />

2004 sulle competenze di b<strong>as</strong>e. I corsi prevedono, per ci<strong>as</strong>cun anno, circa mille<br />

ore, di cui duecento per l'acquisizione di competenze di b<strong>as</strong>e (standard minimi).<br />

Le duecento ore possono essere affidate all'Ente professionale, che deve<br />

possedere, a tale riguardo, i requisiti previsti dalla normativa. I corsi di tale<br />

tipologia vengono tenuti in ore pomeridiane e interessano alunni fuori dal<br />

consueto circuito scol<strong>as</strong>tico. Al termine del triennio gli allievi conseguono<br />

l'attestato di qualifica professionale.<br />

Tipologia C - Sono laboratori di recupero e sviluppo degli apprendimenti<br />

(L.A.R.S.A.), previsti dal protocollo M.I.U.R. – M.P.L.S. - Regione siciliana del 18<br />

Settembre 2003, che tendono nell'ambito della prevenzione dei fenomeni di<br />

dispersione scol<strong>as</strong>tica e <strong>formativa</strong> “alla ridefinizione di <strong>as</strong>petti teorici e pratici<br />

dell'orientamento e alla valorizzazione dei processi di scelta dello studente anche<br />

in relazione alle opzioni in ingresso e in uscita dei percorsi”. Essi, quindi, tendono a<br />

favorire la mobilità verticale e/o orizzontale tra Istituti e istruzione e formazione<br />

professionale. Destinatari sono i giovani di età inferiore a diciotto anni, che hanno<br />

terminato il primo ciclo e sono privi di qualifica o di altro titolo secondario. I<br />

L.A.R.S.A. possono al m<strong>as</strong>simo utilizzare duecento ore. Le richieste di attuazione<br />

sono presentate al momento stesso dell'avvio, quando risultano chiare le esigenze<br />

degli allievi, il loro numero e le caratteristiche del laboratorio.<br />

Ogni istituzione scol<strong>as</strong>tica può attivare due o più percorsi per ognuna delle due<br />

tipologie A e B sulla b<strong>as</strong>e delle disponibilità finanziarie.<br />

Ogni <strong>Istituto</strong> secondario di secondo grado può gestire più di un laboratorio.<br />

Le risorse finanziarie sono <strong>as</strong>sicurate dal bilancio regionale, dal bilancio statale e<br />

dal Fondo Sociale Europeo.<br />

I Dirigenti Scol<strong>as</strong>tici vigileranno sulle operazioni di iscrizione, informando e<br />

sensibilizzando opportunamente le famiglie. Gli Enti di formazione professionale<br />

hanno l'obbligo di segnalare alle istituzioni scol<strong>as</strong>tiche eventuali abbandoni.<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


Per la Regione Siciliana si tratta di un'esperienza nuova, che trova sostegno<br />

nel lavoro sinergico di Scuole ed Enti di formazione: occ<strong>as</strong>ione di rilevante<br />

interesse per collegare istruzione e formazione professionale con le attività<br />

produttive sul territorio.<br />

Sono auspicabili sulla complessa problematica relativa alle iscrizioni<br />

adeguata ed opportuna intesa tra i vari Istituti e una loro proficua<br />

collaborazione con le Scuole Medie sedi di sportelli per l'orientamento.<br />

LE MODIFICHE APPORTATE AL TITOLO V<br />

DELLA COSTITUZIONE<br />

La legge n.3 del 18/10/2001 che modifica il titolo V della Costituzione,<br />

<strong>as</strong>segna alle Regioni il diritto di legislazione esclusiva sull'istruzione e sulla<br />

formazione professionale. Pertanto, le Regioni, oltre a continuare a gestire la<br />

formazione professionale, che si colloca fuori dal consueto circuito scol<strong>as</strong>tico<br />

e raggiunge il 6% circa dei giovani tra i 15 e i 18 anni, inizieranno a gestire<br />

progressivamente l'attuale istruzione professionale statale, nella quale si<br />

ritrova il 21% dei ragazzi tra i 14 e i 18 anni.<br />

La medesima legge <strong>as</strong>segna allo Stato la responsabilità di istituire nuove<br />

scuole per tutti gli ordini e gradi dell'istruzione. Assegna alla legislazione<br />

concorrente delle regioni (art. 117, comma 3) l'organizzazione e la gestione<br />

dell'istruzione statale ( Scuole dell'infanzia, Scuola primaria, Scuola secondaria<br />

di primo grado, Licei).<br />

In regime di esclusiva legislazione lo Stato deve dettare le norme relative al<br />

primo e secondo ciclo ed indicare i livelli essenziali delle prestazioni, che<br />

coinvolgono l'istruzione e la formazione professionale.<br />

L'autonomia delle singole istituzioni scol<strong>as</strong>tiche, ormai acclarato valore<br />

di rango costituzionale, deve commisurarsi con i vincoli della legislazione<br />

esclusiva statale e regionale (art.117, comma 2).<br />

Con le modifiche del Titolo V della Costituzione appare chiaro che la<br />

Repubblica è costituita da Comuni, Province, Città metropolitane, Regioni e<br />

Stato. Lo Stato, quindi, non coincide con la Repubblica, ma di essa è parte. Della<br />

Repubblica sono parte anche le variegate istituzioni che svolgono attività di<br />

servizio sulla b<strong>as</strong>e del servizio di sussidiarietà (art.118, comma 4; art. 2 della<br />

Costituzione). La scuola si configura come scuola della Repubblica e non già<br />

dello Stato, che per la scuola <strong>as</strong>sume un ruolo di guida, non di organizzazione,<br />

non di gestione.<br />

La riscrittura del Titolo V consegna cogente centralità nel nuovo <strong>as</strong>setto<br />

istituzionale al principio di sussidiarietà, sussidiarietà verticale (art. 118, comma<br />

1) e sussidiarietà orizzontale (art. 118, comma 4). Tale principio può<br />

concretizzarsi solo in un sistema equo: al di là dei criteri di efficacia e di<br />

efficienza il servizio non può correre il rischio di differenziazioni profonde. E,<br />

allora, in b<strong>as</strong>e all'art. 117, comma 2, lo Stato determina i livelli essenziali delle<br />

prestazioni relative all'istruzione e alla formazione professionale di esclusiva<br />

pertinenza legislativa delle Regioni.<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 1<br />

21


Cap. 1<br />

22<br />

Il principio dell'equità del sistema postula l'esigenza della solidarietà (art. 119,<br />

comma 3 e comma 5). In un' ottica di sussidiarietà, di equità, di solidarietà crescono<br />

i soggetti attivi delle politiche educative; oltre alle istituzioni deputate anche la<br />

singola persona diventa significativa nel proprio ambito. Pertanto, sul territorio si<br />

realizza una più intensa relazionalità per tutte le componenti scol<strong>as</strong>tiche.<br />

Devolution ed autonomia comportano particolari rischi: la frammentazione,<br />

anarchica ed autoreferenziale, e la polarizzazione con la costituzione di scuole<br />

di serie A e di serie B.<br />

Ci si affida allo Stato per un suo ruolo guida tra le istituzioni ed ad un proficuo<br />

rapporto tra le scuole e il Servizio Nazionale di Valutazione, in chiaro clima di<br />

“accountability “.<br />

Si <strong>as</strong>sume contezza, fra l'altro, che le nuove norme costituzionali rivalutano il<br />

mondo degli enti territoriali sulla scia di due significativi articoli, l'art. 138 e<br />

l'art.139 del Dlgs 112 del 31/03/1998. Con l'art. 138 è stato già tr<strong>as</strong>ferito alle<br />

regioni il potere di :<br />

- integrare l'istruzione statale con formazione professionale<br />

- razionalizzare la rete scol<strong>as</strong>tica<br />

- stabilire il calendario scol<strong>as</strong>tico<br />

- determinare l'entità del contributo da erogare alle famiglie degli allievi di<br />

scuole non statali per il diritto allo studio.<br />

L'art. 139 ha già tr<strong>as</strong>ferito a Province e Comuni, per le scuole di rispettiva<br />

competenza, importantissimi poteri/doveri. Utile ricordarne alcuni:<br />

- istituzione, aggregazione, fusione, soppressione di scuole<br />

- redazione dei piani di organizzazione della rete delle industrie scol<strong>as</strong>tiche<br />

- organizzazione del supporto organizzativo per gli allievi diversamente abili<br />

- costituzione, controllo, vigilanza ed eventuale scioglimento degli organi<br />

collegiali territoriali.<br />

In Sicilia, Regione a statuto speciale, le connotazioni autonomistiche sono già<br />

implementate da due decreti del Presidente della Repubblica.<br />

Il D.P.R. 13 Maggio 1985, n.245, reca “Norme di attuazione dello Statuto della<br />

Regione Siciliana in materia di tr<strong>as</strong>ferimento delle competenze del patrimonio e<br />

del personale degli enti pubblici soppressi di cui al D.P.R. 24 luglio 1977, n.616”.<br />

Il D.P.R. 14 maggio 1985, n. 246 detta “Norme di attuazione dello statuto della<br />

Regione Siciliana in materia di pubblica istruzione”.<br />

Con la legge 24 febbraio 2000, n.6, in venti articoli, si provvede (art.4) al<br />

“riconoscimento dell'autonomia, delle singole istituzioni scol<strong>as</strong>tiche e<br />

all'attribuzione della personalità giuridica alle istituzioni scol<strong>as</strong>tiche che<br />

ne siano prive” e si fissano le funzioni e i compiti della Regione (art.12).<br />

La legge n.3/2001 potenzia ulteriormente le funzioni degli enti locali, che<br />

<strong>as</strong>sumono il ruolo centrale nel nuovo sistema poliarchico.<br />

Ci<strong>as</strong>cuna istituzione scol<strong>as</strong>tica è in grado dal punto di vista organizzativo di<br />

reggere la riforma nei suoi vari <strong>as</strong>petti. Molto dipenderà dai dirigenti scol<strong>as</strong>tici, i<br />

quali dovranno focalizzare le risorse della funzione docente (prestazioni<br />

essenziali) e raccordare in nuova guisa la scuola autonoma con le istituzioni e<br />

con le realtà produttive.<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


Per rendere serena e r<strong>as</strong>sicurante la futura ulteriore razionalizzazione della<br />

rete scol<strong>as</strong>tica, anche sulla b<strong>as</strong>e della riforma già avviata, è necessario che si<br />

conduca una intensa e capillare attività di aggiornamento e di sensibilizzazione<br />

nei confronti di tutte le componenti scol<strong>as</strong>tiche sul nuovo Titolo V della<br />

Costituzione, come modificato dalla Legge n.3/2001.<br />

Nel pieno rispetto della volontà del legislatore è opportuno sollecitare le<br />

giuste sinergie, che tengano lontano da claudicanti interpretazioni o, peggio, da<br />

dis-applicazioni.<br />

ALTERNANZA SCUOLA LAVORO: UN CONTRIBUTO<br />

PER LE RISORSE EDUCAZIONALI SUL TERRITORIO<br />

Dopo la scuola quale lavoro? Quali iniziative possono collegare la Scuola con<br />

il mondo dell'impresa? Per rispondere a siffatti interrogativi è necessario<br />

sostare per fissare le idee. S'impone un glossario minimo per una chiarezza di<br />

fondo.<br />

N. 1 – Glossario<br />

Apprendistato<br />

Sulla b<strong>as</strong>e dell'art.35 della Costituzione nel 1955 viene varata la prima legge<br />

sull'apprendistato. Tale legge intende tutelare i giovani in eventuale ingresso<br />

precoce nel mondo del lavoro. Rappresenta il risultato concreto di circa 80<br />

anni di lotte sindacali; si manifesta anche come espressione di una politica attiva<br />

nei confronti del lavoro.<br />

Il D.Leg.vo n.196 del 24/06/1997 e la L. n.144 del 17/05/1999, che traggono<br />

fondamento dal Patto del Lavoro del 1996, valutano l'apprendistato come<br />

possibile strumento per ottemperare all'obbligo formativo fino a 18 anni.<br />

L'apprendistato si sostanzia in un particolare contratto tra il giovane e il<br />

datore di lavoro con il dichiarato fine di agevolare la costituzione della<br />

formazione professionale dell'apprendista tramite l'addestramento operativo<br />

in azienda e la formazione complementare per l'acquisizione di elementi<br />

formativi diversi da quelli proposti in ambiente di studio.<br />

Sulla tale linea si colloca la legge n.30 del 04/02/2003. Attualmente tra i 15 e i<br />

18 anni sono previste 240 ore annuali di studio a fronte di 1560 ore di lavoro. Le<br />

240 ore di studio tendono ad incrementare le competenze intellettuali, sociali,<br />

etiche del giovane.<br />

Addestramento Operativo<br />

E' una delle f<strong>as</strong>i attraverso le quali si realizza l'apprendistato, con il quale,<br />

talvolta, viene confuso. I due termini non sono sinonimi. L'addestramento<br />

operativo ha una sua connotazione giuridica nella normativa, che regola<br />

l'apprendistato.<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 1<br />

23


Cap. 1<br />

24<br />

Formazione Professionale<br />

Variegata la legislazione a tale riguardo. Ad essa si riconducono le attività<br />

educative finalizzate all'acquisizione di elementi caratterizzanti una determinata<br />

attività di carattere professionale.<br />

Tirocinio (stage)<br />

Il tirocinio consiste in un'attività di formazione vissuta in luogo di lavoro<br />

(azienda, studio commercialista, etc…), che trae radicamento da un protocollo<br />

d'intesa tra le parti e non da contratto, che si presenta come nucleo di una più<br />

ampia azione condotta da una Scuola.<br />

Vada per tutti l'esempio offerto dalle centoventi ore di stage tra le trecento<br />

ore della “terza area” relativa alla formazione professionale regionale<br />

caratterizzante gli Istituti professionali.<br />

Contratto di Formazione e Lavoro<br />

Istituito per la prima volta con legge n. 863 del 19 dicembre 1984 e<br />

modificato più volte.<br />

Tale contratto promuove l'ingresso del giovane nel mondo del lavoro con lo<br />

scopo formativo di consentire al giovane di acquisire le competenze<br />

caratterizzanti una determinata mansione.<br />

Alternanza Scuola-Lavoro<br />

L'alternanza Scuola-Lavoro, pur non uscendo dall'ottica della politica attiva<br />

verso il lavoro, si colloca autorevolmente tra le politiche per l'educazione.<br />

La possibilità dell'alternanza Scuola-Lavoro riveste un ruolo centrale nella<br />

riforma ordinamentale in atto. Soprattutto riveste un ruolo nuovo previsto<br />

dall'art. 4 della L. n. 53/2003.<br />

N. 2 - Una Politica per l'Alternanza Scuola-Lavoro<br />

L'alternanza Scuola-Lavoro, spiccatamente orientativa, non corre parallela al<br />

processo di apprendimento, ma si colloca nel cuore del processo formativo.<br />

La ricerca della accennata possibilità postula l'esigenza di una capillare<br />

conoscenza delle strutture produttive. Ogni <strong>Istituto</strong>, pertanto, può mettere a<br />

disposizione di ci<strong>as</strong>cun allievo tutti i possibili percorsi formativi che possano<br />

focalizzare conoscenze ed abilità.<br />

L'alternanza costituisce una tematica cogente, nuova e centrale della<br />

Riforma: una tematica destinata ad innovare sull' anacronistica separazione tra<br />

studio e lavoro, tra attività della mente e attività del braccio, tra cultura<br />

letteraria e cultura tecnologica-professionale.<br />

Prospettiva, questa, di grande respiro, ma di difficile realizzazione in una<br />

scuola sostanzialmente non decondizionante, che, cioè, ripropone con poche<br />

variazioni i modelli di stratificazione sociale. È necessario che sul territorio<br />

Scuola ed Impresa corrano insieme.<br />

Preliminare l'analisi socio-economica del territorio e la diffusione della<br />

cultura d'impresa e dell'organizzazione aziendale.<br />

Significativo appare a tale riguardo che la scuola prepari adeguatamente i<br />

tutor scol<strong>as</strong>tici e che le aziende prestino attenzione alle problematiche della<br />

formazione per un adeguato sistema di azioni di accompagnamento.<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


Si muovono, a tale riguardo, i primi p<strong>as</strong>si. Tra il M.I.U.R e la Unioncamere,<br />

organismo che cura e tutela gli interessi generali delle Camere di Commercio,<br />

è stato siglato un protocollo d'intesa.<br />

La Confindustria, d'altra parte, di propria iniziativa, ha dato vita ad una<br />

“Proposta per la sperimentazione dell'alternanza Scuola/Lavoro”.<br />

E' giusto prevedere tre diversi tipi di moduli, differenziati per cl<strong>as</strong>si terze,<br />

quarte, quinte. I moduli iniziali sono di valenza orientativa. I moduli intermedi<br />

possono arricchire di obiettivi ulteriori il programma scol<strong>as</strong>tico curricolare in<br />

armonioso intreccio; i moduli finali si configurano come avanzata esperienza<br />

conclusiva professionalizzante. L'alternanza Scuola/Lavoro agevola i processi di<br />

apprendimento, la conoscenza degli stili d'impresa, il progressivo<br />

avvicinamento al mondo del lavoro.<br />

Resta augurabile il coinvolgimento dell'Ente Regione e della Direzione<br />

scol<strong>as</strong>tica Regionale e si configura come necessaria la individuazione sul<br />

territorio di un soggetto, composito e variegato (scuola, impresa, Enti locali<br />

etc.), con competenze di indirizzo e di coordinamento.<br />

Rimangono sul tappeto le questioni, certamente non secondarie, relative ai<br />

finanziamenti, essendo esigui a tale riguardo i finanziamenti previsti dal<br />

Programma Operativo Nazionale - Programmazione fondi strutturali<br />

2007/20013 “Competenze per lo sviluppo”.<br />

Si auspica un saldo rapporto con l'Università per l'individuazione e la<br />

valorizzazione di un sistema di crediti utilizzabili in v<strong>as</strong>to ventaglio.<br />

L'alternanza Scuola/Lavoro costituisce occ<strong>as</strong>ione opportuna per soggetti in<br />

drop-out e manifestazione di una didattica b<strong>as</strong>ata sul “learning by doing”; con<br />

opportuna rivisitazione normativa potrebbe anche costituire strumento di<br />

“lifelong learning”.<br />

Aula Magna<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 1<br />

25


Cap. 1<br />

26<br />

LA RICERCA DELLA QUALITÀ<br />

n. 1 - La scuola come struttura a legami deboli<br />

n. 2 - La scuola come burocrazia professionale<br />

“Da fattore di successo la qualità è destinata a<br />

tramutarsi nel tempo in una vera e propria<br />

condizione di sopravvivenza”<br />

Giancarlo Lombardi<br />

già Ministro della Pubblica Istruzione<br />

K.E. Weick (Educational Organizations <strong>as</strong> Yoosely Compled System in<br />

Administrative Scienze, Quarterly 21, pg. 1-19) a metà degli anni settanta<br />

descrive la scuola come una struttura a “legami deboli”. Precisiamo che “legami<br />

deboli” non traduce fedelmente “loose coupling”; è più esatto tradurre a<br />

“legami l<strong>as</strong>chi, allentati”.<br />

Va subito detto che i legami deboli non indicano una carenza, ma solo un dato<br />

strutturale; di per sé non producono né effetti positivi, né effetti negativi.<br />

Una struttura a legami deboli riesce efficacemente a percepire i mutamenti<br />

dell'ambiente, ma ha una notevole capacità di <strong>as</strong>sorbire el<strong>as</strong>ticamente le<br />

sollecitazioni esterne e sostanzialmente si modifica con lentezza.<br />

È possibile che si intervenga su parti di una struttura a legami deboli,<br />

influendo poco nel suo complesso. Il cattivo funzionamento di una parte non è<br />

di danno per gli altri elementi del sistema. Una siffatta organizzazione può nel<br />

tempo ridurre progressivamente la propria capacità di reazione e di<br />

miglioramento; però, trova nel tempo autonome ed endogene risorse di<br />

sincronica ripresa.<br />

L'organizzazione a legami deboli permette elevati margini di libertà agli<br />

operatori educativi, ai quali può sfuggire la visione d'insieme della struttura.<br />

Per dirigere un'organizzazione siffatta è necessario fare affidamento sulla<br />

cultura di regole, sulla b<strong>as</strong>e della quale è possibile che i singoli accettino l'idea di<br />

ridurre la propria discrezionalità per implementare la loro incisività funzionale.<br />

Utile avviare, a tale riguardo, anche i processi di sensemaking. L'obiettivo è<br />

quello del cambiamento per il quale è necessaria una leadership, che deve<br />

essere <strong>as</strong>sunta dal dirigente. Quest'<strong>as</strong>sunzione di responsabilità costituisce<br />

“forte elemento di legittimazione non burocratica” del ruolo del dirigente<br />

(Piero Romei – Autonomia e progettualità – La Nuova Italia 1995).<br />

Ci riferiamo alle linee essenziali del pensiero di Henry Mintzberg (“La<br />

progettazione dell'organizzazione aziendale” – Il Mulino–Bologna 1983).<br />

Cinque sono i meccanismi di coordinamento delle parti di una<br />

organizzazione: l'adattamento reciproco, la supervisione diretta, la<br />

standardizzazione dei piani di lavoro, la standardizzazione delle capacità dei<br />

dipendenti, la standardizzazione degli output.<br />

Cinque sono le parti dell'organizzazione: il vertice strategico, la linea<br />

intermedia, la tecnostruttura, il nucleo operativo, lo staff di supporto. Tali cinque<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


parti vengono rappresentate insiemisticamente da Henry Mintzberg tramite<br />

un grafico dalla particolare forma a campana.<br />

Il vertice strategico, costituito dal responsabile dell'organizzazione, ha tre<br />

funzioni: provvedere alla supervisione, intessere legami tra l'organizzazione e il<br />

suo contesto, elaborare linee di sviluppo dell'azienda.<br />

Nella scuola il vertice strategico è costituito dal Dirigente scol<strong>as</strong>tico e dal<br />

suo staff.<br />

Lungo la linea intermedia, si colloca un gruppo di controllo. Nella scuola<br />

questo gruppo è composto dai docenti funzioni strumentali per la<br />

realizzazione del POF, da coodinatori di progetto, da coordinatori dei consigli<br />

di cl<strong>as</strong>se.<br />

Tratt<strong>as</strong>i della leadership intermedia, del middle-management, che va distinto<br />

dal management di line, che corre dal vertice strategico al nucleo operativo.<br />

I momenti di decisionalità delegata servono ad una migliore distribuzione di<br />

funzioni, alla valorizzazione di risorse umane, ad un efficace supporto alla<br />

dirigenza.<br />

Compongono la tecnostruttura coloro che lavorano per rendere in azienda<br />

più efficace il lavoro di altri. Nella scuola: il gruppo di autovalutazione interna<br />

collegato con il gruppo esterno per la valutazione del servizio. La<br />

tecnostruttura agisce su tutti i livelli della struttura aziendale.<br />

Lo staff di supporto espleta un servizio per la struttura, pur essendo del<br />

tutto ininfluente rispetto al prodotto in uscita.<br />

Le configurazioni di una organizzazione sono cinque: la struttura semplice, la<br />

burocrazia meccanica, la soluzione divisionale, l'adhocrazia e la burocrazia<br />

professionale.<br />

Una organizzazione non accentrata, di stabile attività, di comportamenti<br />

predeterminati, ma complessi, e controllati dal nucleo operativo costituito da<br />

professionisti tutti formati inizialmente, da aggiornare costantemente,<br />

ricorrendo alla standardizzazione delle competenza, costituisce una<br />

“burocrazia professionale”.<br />

Tecnostruttura<br />

Vertice<br />

strategico<br />

Linea<br />

intermedia<br />

Nucleo operativo<br />

Staff di supporto<br />

Le cinque parti fondamentali dell’organizzazione<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

La burocrazia professionale<br />

Cap. 1<br />

27


Cap. 1<br />

28<br />

n. 3 - Riconoscimento dell’autonomia scol<strong>as</strong>tica<br />

Il riconoscimento dell'autonomia scol<strong>as</strong>tica e il conferimento della dirigenza<br />

postulano la necessità che la figura del preside sia caratterizzata non solo da<br />

validissima cultura interdisciplinare, ma anche da una salda capacità<br />

organizzativa.<br />

La delega che l'art. 21, comma 16, della legge 59/'97 aveva conferito al<br />

governo sulla dirigenza scol<strong>as</strong>tica, prevedeva l'attribuzione della qualifica<br />

dirigenziale contestualmente al conferimento della personalità giuridica alle<br />

scuole e al riconoscimento dell'autonomia, una volta razionalizzato il sistema<br />

dell'istruzione a dimensione ottimale.<br />

Autonomia didattica ed organizzativa e, nei limiti del proficuo esercizio di<br />

queste, autonomia di ricerca, di sperimentazione e sviluppo.<br />

Venivano indicati anche alcuni criteri per definire contenuti e specificità, non<br />

ultimo il raccordo tra la dirigenza e le funzioni conferite agli organi collegiali.<br />

Il coordinamento dirigente-organi collegiali consigliava l'esigenza di<br />

distinguere con precisione i poteri di indirizzo dai poteri di gestione.<br />

Con il Decreto legislativo 59/'98 si delinea per il dirigente il profilo di “figura<br />

organizzatoria”, anche se l'art. 25 bis del Decreto n°29 del '93, modificato in<br />

b<strong>as</strong>e al Decreto 80/'98 per la dirigenza statale e in b<strong>as</strong>e al Decreto n° 59/'98 per<br />

la dirigenza scol<strong>as</strong>tica, pare orientarsi verso la logica dei contratti collettivi di<br />

lavoro.<br />

Il Consiglio di stato, con parere 1063 del 27 ottobre 1999, sulla b<strong>as</strong>e dell'art.<br />

45 del D.L. 80/'98, successivo al testo unico del '94, ha concluso che tutte le<br />

competenze di gestione dell'organo di governo sono state devolute alla<br />

dirigenza.<br />

Le competenze esercitate dall'organo di vertice politico, che nella scuola era<br />

stato individuato nel consiglio d'istituto, sono state spostate, quindi, a favore<br />

della dirigenza. Il dirigente sostanzialmente non solo dirige, ma governa. A<br />

tutt'oggi, però, in generale ci si trova ad agire in un contesto giuridico di tipo<br />

misto, nel quale convivono normative disciplinatrici della pregressa realtà e i<br />

primi elementi normativi che conducono verso il nuovo sistema. Un esempio:<br />

pur essendo gli atti di gestione di esclusiva competenza del dirigente, nel c<strong>as</strong>o<br />

dell'attività contrattuale il dirigente ha bisogno della partecipazione<br />

decisionale del Consiglio d'<strong>Istituto</strong>.<br />

Il dirigente chiaramente può compiere direttamente atti aventi effetti<br />

giuridici esterni sulla b<strong>as</strong>e del regolamento (D.P.R. 275/99 art. 1), che individua<br />

la scuola come “espressione di autonomia funzionale”.<br />

Positivamente viene segnalata la costituzionalizzazione dell'autonomia<br />

scol<strong>as</strong>tica.<br />

L'art. 117, comma 3, del nuovo testo richiama l'autonomia delle istituzioni<br />

scol<strong>as</strong>tiche ed impone il rispetto di tale autonomia come limite invalicabile al<br />

legislatore regionale. Tale articolo della Costituzione rappresenta senz'altro<br />

una clausola di salvaguardia per l'autonomia delle scuole nei confronti della<br />

legislazione concorrente di Stato e Regioni.<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


L'art. 25 del decreto legislativo 165 del 30 marzo 2001, con le modifiche<br />

apportate dalla legge 15 luglio 2002 n°145, nell'individuare le caratteristiche<br />

della qualifica dirigenziale dei capi d'istituto riafferma sostanzialmente quanto<br />

stabilito nei precedenti decreti.<br />

È necessario, però, cercare una linea di coerenza nello svolgimento delle<br />

funzioni di un dirigente scol<strong>as</strong>tico, responsabile dei risultati del servizio in una<br />

scuola che è “espressione di autonomia funzionale”. Alla luce di questo <strong>as</strong>sunto<br />

ritengo che la funzione dirigenziale prospetti nuovissime finalità nell'azione e<br />

nella responsabilità con uno spazio di intervento vissuto da ogni scuola in<br />

variegata dimensione individuale e collegiale, allo scopo di rendere<br />

nell'istruzione un servizio di pregevole profilo e di alta qualità.<br />

n. 4 Il Dirigente Scol<strong>as</strong>tico in Europa: modalità di leadership e<br />

competenze<br />

I) La scuola, come organizzazione, deve essere orientata allo sviluppo, non già<br />

alla sopravvivenza.<br />

Uno strumento di tale sviluppo è l'autonomia, ormai valore di rango<br />

costituzionale. Sviluppare significa innovare. L'innovazione ingloba<br />

tr<strong>as</strong>formazione e cambiamento in funzione del miglioramento. Le innovazioni,<br />

anche se inizialmente possono disorientare taluni operatori fino a determinare<br />

in loro anche atteggiamenti di resistenza, costituiscono in ogni c<strong>as</strong>o positivi<br />

elementi di crescita. Esse postulano l'esigenza di un leader, con riferimento al<br />

ruolo, e di una leadership, con riferimento alla funzione.<br />

La “leadership collaborativa” (H. Telford 1996), ovvero la condivisione di<br />

finalità da parte di singoli attori tenuti insieme da una salda collaborazione, è<br />

quel valore aggiunto che porta al di là del semplice coordinamento. Leadership<br />

collaborativa significa lavorare in gruppo, anzi con gruppalità diffusa.<br />

In tale ottica è fondamentale il contesto. È necessario, a tale riguardo,<br />

ridisegnare a livello normativo gli OO.CC., perché la performance della<br />

leadership collaborativa possa coniugarsi con la cultura della progettualità, al<br />

fine di implementare la caratura <strong>formativa</strong> dell'apprendimento organizzativo<br />

La leadership collaborativa, che deve saper anche affrontare l'incerto,<br />

ricorrendo al problem solving, esprime la capacità di una organizzazione di<br />

progettare il proprio futuro, sostenendo i processi significativi delle innovazioni<br />

in ottica mirata. Essa rappresenta una forma di relazionalità efficace tra leader<br />

e follower.<br />

La leadership collaborativa si distingue dal management. Il management<br />

ricerca soluzioni in esperienze pregresse; la leadership collaborativa esplora<br />

nuovi possibili itinerari. Il management è paradigmatico, la leadership<br />

collaborativa esce dal paradigma per nuove frontiere. Il management utilizza le<br />

persone nell'ottica del “fare”; la leadership collaborativa valorizza la creatività e<br />

la fant<strong>as</strong>ia delle risorse umane.<br />

Sul <strong>piano</strong> normativo il leader è “educazionale”. Con educazionale (E.<br />

Damiano) intendiamo riferirci all'indotto costituito dall'ambiente scol<strong>as</strong>tico e<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 1<br />

29


Cap. 1<br />

30<br />

dal clima sociale, al di là dell'effetto educativo immediato dell'insegnamento.<br />

La funzione dirigente nella scuola viene caratterizzata da connotazioni<br />

sistemiche, dal percepire la complessità dell'insieme e dalla capacità di<br />

sciogliere la complessità con una rete di legami interni tra le varie componenti<br />

dell'<strong>Istituto</strong>.<br />

Il Dirigente Scol<strong>as</strong>tico deve, quindi, esercitare anche la leadership<br />

educativa per guidare il gruppo degli operatori scol<strong>as</strong>tici sulla b<strong>as</strong>e di finalità,<br />

di valori, di criteri condivisi.<br />

Il leader nell'ambito dell'autonomia “funzionale” deve al tempo stesso<br />

promuovere e sviluppare le attività con riferimento al diritto di apprendimento<br />

dell'allievo, alla libertà di scelta educativa dell'allievo nel rispetto della libertà di<br />

insegnamento dei docenti.<br />

Il Dirigente Scol<strong>as</strong>tico deve gestire una leadership efficace, che deve<br />

connotarsi come collaborativa, come educativa, come educazionale.<br />

Poiché nella scuola i momenti decisionali emergono dal contesto di più<br />

componenti organizzative, il Dirigente Scol<strong>as</strong>tico deve attivare le strategie che<br />

caratterizzano il leader. Ascoltare, animare gruppi di lavoro, valorizzare le<br />

risorse, motivare gli operatori restano le connotazioni più intrinseche per chi<br />

dirige il servizio erogato da una “burocrazia professionale” (Henry Mintzberg).<br />

Tale <strong>as</strong>sunto è pienamente condiviso dagli esperti in organizzazione e si<br />

ritrova al fondo di tutte le prospettate connotazioni di leadership, come il<br />

modello tr<strong>as</strong>formazionale (H. Telford) o quello accondiscendente (D. Conley, P.<br />

Goldman), che negli anni novanta hanno alimentato un ampio e produttivo<br />

dibattito nel mondo della scuola.<br />

II) La comunicazione si prospetta come risorsa fondamentale e strategica<br />

per la leadership efficace.<br />

“Comunicare è organizzare”. “Comunicare significa diffondere i valori<br />

dell'organizzazione”.<br />

Il tipo di comunicazione dovrà essere in ogni c<strong>as</strong>o coinvolgente, del tipo<br />

tr<strong>as</strong>versale o del tipo botton-up. Sarà top-down negli eliminabili momenti<br />

burocratici (circolare, affissione all'albo)<br />

Le notizie attese, che sviluppano il senso dell'appartenenza, la coesione, il<br />

sensemaking, che indirizzano ed orientano, vengono date direttamente al fine<br />

conclamato di creare entusi<strong>as</strong>mo.<br />

Le notizie utili, che supportano l'organizzazione nel raggiungere obiettivi e<br />

finalità, vengono diramate dal D.S., in un primo tempo, tra i componenti del<br />

proprio staff e poi diffuse all'interno di piccoli gruppi per una successiva<br />

collegiale discussione. Tale tipologia di informazione cura l'efficacia delle azioni,<br />

rappresenta una forma “discreta” di ulteriore conoscenza dei componenti<br />

della comunità scol<strong>as</strong>tica, contribuisce a diffondere l'innovazione (riforma,<br />

sperimentazione).<br />

Il sito web dell'istituto e la e-mail consentono di comunicare senza soluzioni<br />

di continuità. La e-mail rende possibile anche un rapporto personalizzato.<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


III) Possiamo pacificamente affermare che il Dirigente Scol<strong>as</strong>tico, capace di<br />

cogliere l'essenza del p<strong>as</strong>saggio “dal potere di posizione” (headship) al “potere<br />

di relazione” (leadership), si colloca in un ottica europea ed internazionale.<br />

Gestire la scuola in Italia e in Europa alla luce delle domande legittime che la<br />

società richiede postula l'esigenza di denominatori comuni alle figure del<br />

Dirigente Scol<strong>as</strong>tico, del “Proviseur”, del “Director”, del “Headteacher”, del<br />

“Rehtorit”.<br />

In Francia il “Proviseur”, che appartiene ai quadri dirigenziali<br />

dell'amministrazione statale, può accedere al ruolo dopo 5 anni di<br />

insegnamento per concorso o attraverso una lista di attitudini che sottendono<br />

10 anni di servizio ed esercizio di funzioni direttive per venti mesi negli ultimi<br />

cinque anni di carriera. Ricevuta la nomina a “stagiaire”, viene nominato<br />

ufficialmente al termine dello stage.<br />

Rappresenta lo Stato nella scuola, organizza l'istituto, il cui budget gestisce<br />

sulla b<strong>as</strong>e della delibera del Consiglio di amministrazione, valorizza le risorse<br />

umane. E' soggetto a valutazione.<br />

In Inghilterra l'Headteacher viene selezionato dalla School Governing Body,<br />

con il quale condivide le responsabilità didattiche, finanziarie, amministrative.<br />

Ha come datore di lavoro le Local Educational Authority (LEA). E' soggetto a<br />

valutazione.<br />

In Spagna il Director, democraticamente eletto dal Consejo escolar, è<br />

prioritariamente leader più che dirigente. Viene eletto sulla b<strong>as</strong>e di un <strong>piano</strong> di<br />

attività e dura in carica quattro anni. La carica è rinnovabile fino a tre volte<br />

consecutive. Il Director è l'unico responsabile delle questioni amministrative,<br />

finanziarie, didattiche. Presenta la proposta di bilancio al Consejo escolar. Il<br />

reclutamento per elezione, ovviamente, non contempla alcuna valutazione.<br />

In Finlandia i “Rethorit” vengono reclutati dalla municipalità, dalle cui<br />

dimensioni, unitamente al tipo di scuola, dipendono le loro competenze e le<br />

loro sfere di azione. La valutazione della municipalità accompagna le nomine a<br />

tempo determinato.<br />

Con il D.P.R. 275/99, con l'art. 117, comma 2, della Costituzione e con l'art. 25<br />

del Decreto legislativo 165/2001 ci collochiamo in prospettiva europea per<br />

quanto attiene l'autonomia della scuola e la figura del Dirigente scol<strong>as</strong>tico.<br />

Il miglioramento volto a creare valore, la centralità del curriculum<br />

nell'organizzazione scol<strong>as</strong>tica, la valorizzazione delle risorse umane,<br />

l'orientamento a medio e breve termine, lo sviluppo di canali di informazione e<br />

di scambio, la costituzione di reti volte ad affrontare i problemi della<br />

complessità, il confronto per un deciso “benchmarking” o per la ricerca delle<br />

“best pratices” sono tematiche comuni alle scuole della Unione Europea, che<br />

insieme l'O.C.S.E., svolge a tale riguardo un'intensa attività.<br />

Proprio sul <strong>piano</strong> della gestione della leadership il Dirigente scol<strong>as</strong>tico italiano<br />

trova privilegiata occ<strong>as</strong>ione di confronto con i colleghi europei.<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 1<br />

31


Cap. 1<br />

32<br />

n. 5 - La qualità: un’idea che avanza<br />

Pietra miliare nella storia recente della scuola italiana è costituita dalla<br />

conferenza nazionale del 1990, ministro della P.I. Sergio Mattarella.<br />

Tale conferenza ha individuato nell'autonomia scol<strong>as</strong>tica e nella valutazione<br />

del sistema scol<strong>as</strong>tico le due linee strategiche di sviluppo per la scuola.<br />

L'autonomia è andata a regime con il primo settembre 2000 sul <strong>piano</strong><br />

giuridico.<br />

Il sistema di valutazione non è andato oltre la sperimentazione.<br />

Tra il Ministro della pubblica istruzione e la Confindustria, tra il 1990 e<br />

il1997, si sono intessuti anni di significativa collaborazione . E' stato stipulato un<br />

primo protocollo d'intesa il 18 Luglio 1990 con validità triennale ed un<br />

secondo protocollo viene sottoscritto nell'aprile 1994 sempre con validità<br />

triennale.<br />

Obiettivi dichiarati:<br />

- fare uscire la scuola dalla propria referenzialità;<br />

- far conoscere alle imprese le potenzialità della scuola in termini di<br />

conoscenza, capacità, competenza;<br />

- sviluppare nella scuola, “impresa del sapere”, la consapevolezza che<br />

l'impresa rappresenta l'area in cui si valorizzano i saperi;<br />

- valorizzare la cultura manageriale al fine di elevare la qualità dei servizi<br />

scol<strong>as</strong>tici.<br />

Un terzo protocollo d'intesa è stato firmato il 16 marzo 1998.<br />

Sono state individuate aree di interesse privatistico nella formazione del<br />

personale, nei modelli di organizzazione, nella cultura della qualità,<br />

nell'innovazione dei curriculi e delle tecnologie didattiche.<br />

Sulla b<strong>as</strong>e dei protocolli citati circa 500 scuole negli anni '90 hanno<br />

sperimentato percorsi di qualità.<br />

n. 6 - Autoanalisi/Autovalutazione: l’esperienza del progetto F.A.R.O.<br />

I - L'I.T.I.S. “Fermi” di Giarre fa parte della rete F.A.R.O. (Formazione,<br />

Autoanalisi, Ricerca, Output), una rete regionale di centotrenta scuole,<br />

coordinata da un comitato tecnico, responsabile l’Ispettore del Ministero della<br />

Pubblica Istruzione, dott. Seb<strong>as</strong>tiano Pulvirenti.<br />

Il F.A.R.O. offre un percorso di autoanalisi/autovalutazione per una<br />

prospettiva di miglioramento. Amministrare la scuola dell'autonomia postula<br />

procedure di governo, di controllo e di verifica. È importante individuare in tale<br />

attività i punti di forza e i punti di problematicità e di debolezza. È necessario<br />

comprendere come le varie componenti della comunità scol<strong>as</strong>tica<br />

percepiscano la qualità dei servizi erogati dall'<strong>Istituto</strong>. Solo avendo contezza di<br />

tali percezioni è possibile intervenire sul sistema per scioglierne la complessità.<br />

Le prime esperienze di valutazione della qualità della scuola si sono<br />

realizzate nei paesi del mondo anglos<strong>as</strong>sone con l'esame delle quantità delle<br />

risorse impegnate, umane ed economiche. Tali elementi certamente suscettibili<br />

di misurazione consentivano facili confronti.<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


In seguito l'<strong>as</strong>se della ricerca si è spostato sul rapporto tra risorse impegnate<br />

e risultati formativi conseguiti nei profili in uscita. Si è in tal modo cercato di<br />

stabilire nessi e correlazioni tra le variabili di input e quelle di output.<br />

Successivamente da tali modelli di analisi è emersa la necessità di indagare “sui<br />

processi di tr<strong>as</strong>formazione”. D'altra parte è impossibile nella scuola non tenere<br />

conto della dinamica dei fenomeni educativi. Si radica, anche, la consapevolezza<br />

che la scuola non possa essere considerata una “turris eburnea”, ma che sia una<br />

struttura la quale fisiologicamente interagisce con il contesto socio-economico<br />

del territorio.<br />

In Gran Bretagna il Rapporto Coleman nel 1966 già aveva messo in rilievo<br />

come la scuola avesse una scarsa influenza sugli esiti di apprendimento dei<br />

giovani, e conseguentemente, gioc<strong>as</strong>se un chiaro ruolo di riproduzione e di<br />

legittimazione delle disuguaglianze socioculturali.<br />

Negli U.S.A. e in Gran Bretagna nel corso degli anni '70 si sono esplorati<br />

sistematicamente i fattori di qualità con il movimento denominato “effective<br />

schools”.<br />

Cominciano ad essere elaborati modelli di indicatori di qualità. Daniel<br />

Stufflebeam nel 1971 individua quattro momenti decisionali nella stesura di un<br />

progetto educativo: enucleazioni delle finalità, analisi delle risorse umane e<br />

materiali, f<strong>as</strong>e di implementazione e di verifica, conclusione.<br />

A ci<strong>as</strong>cuno di tali momenti corrisponde un tipo di approccio valutativo<br />

nell'ordine:<br />

- Context evaluation per individuare i punti di forza e di criticità del contesto.<br />

- Input evaluation per enucleare le scelte procedurali.<br />

- Process evaluation per controllare lo sviluppo del programma in relazione<br />

alle scelte iniziali.<br />

- Product evaluation per analizzare gli esiti del programma .<br />

Il CIPP model (Context, Input, Process, Product) fornisce una b<strong>as</strong>e<br />

concettuale ai fini della valutazione di una scuola.<br />

Su tali premesse Jaap Scheerens, professore di Organizzazione e<br />

Management dell'Educazione presso l'Università di Twent (Olanda) propone un<br />

modello integrato di fattori prioritari per l' efficacia scol<strong>as</strong>tica.<br />

Per quanto riguarda la f<strong>as</strong>e dell' “Input” si focalizzano le esperienze pregresse<br />

dei docenti, la capacità di intervento delle famiglie, le spese preventivate per<br />

ci<strong>as</strong>cun allievo.<br />

Nell'ambito del “Contesto” vengono evidenziati gli stimoli offerti per il<br />

miglioramento dell'Offerta Formativa dalla committenza territoriale, la<br />

fruizione dell'educazionale sul territorio, i parametri descrittivi della scuola, la<br />

composizione della popolazione scol<strong>as</strong>tica, l'ubicazione della scuola. Nella f<strong>as</strong>e<br />

dei “Processi” Scheerens distingue tra il livello di scuola e il livello di cl<strong>as</strong>se.<br />

Livello di scuola<br />

- Strategie orientate verso le forme più elevate di rendimento<br />

- Direzione pedagogica<br />

- Consenso, pianificazione cogestita con i docenti<br />

- Qualità dei contenuti e tempi di studio<br />

- Ordine e disciplina<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 1<br />

33


Cap. 1<br />

34<br />

Livello di cl<strong>as</strong>se<br />

- Tempo dedicato allo studio: tempo scuola e studio personale (compresi i<br />

compiti a c<strong>as</strong>a)<br />

- Insegnamento strutturato<br />

- Opportunità di apprendimento<br />

- Aspettative di progresso degli alunni<br />

- Costante valutazione e costante monitoraggio del progresso degli alunni<br />

- Consolidamento degli apprendimenti<br />

Pare opportuno che si possano enucleare per l'indagine le seguenti aree:<br />

clima, collegialità e qualità dell'organizzazione per il livello di scuola, processo<br />

insegnamento/apprendimento per il livello di cl<strong>as</strong>se.<br />

Per quanto riguarda la f<strong>as</strong>e dell’“Output” gli indicatori non possono non<br />

riferirsi che ai risultati conseguiti dagli allievi.<br />

Chiaramente tra le variegate categorie indagate e i fattori di identità della<br />

Scuola non esistono relazioni di tipo causale.<br />

L'indagine è descrittiva del funzionamento della Scuola e non offre<br />

parametri interpretativi dei canoni di organizzazione, che mirano all' efficienza<br />

e all'efficacia.<br />

Strumenti dell'autoanalisi sono i questionari, che vengono somministrati ai<br />

genitori degli allievi delle prime e penultime cl<strong>as</strong>si, agli allievi del terzo anno, ai<br />

docenti, al personale A.T.A.<br />

Tramite la rielaborazione informatica dei dati riportati sui questionari si<br />

elabora il Rapporto d'<strong>Istituto</strong>. Sui questionari somministrati in tutte le scuole<br />

del progetto si costruisce il Rapporto di Rete.<br />

Dal confronto tra il Rapporto di Rete e il Rapporto d'<strong>Istituto</strong> emergono i<br />

punti forti e i punti deboli dell'organizzazione scol<strong>as</strong>tica.<br />

Al fine di potenziare i “punti forti” e di ridurre il numero di “punti deboli”<br />

nell'organizzazione l'<strong>Istituto</strong> focalizza le azioni di miglioramento.<br />

In margine al percorso di autoanalisi / autovalutazione il “Fermi” ha<br />

proposto un'indagine sull'outcome per gli istituti secondari di secondo grado<br />

che partecipano al progetto F.A.R.O. Si vuole sostanzialmente monitorare la<br />

“riuscita” dei diplomati nell'arco di un triennio (Cfr. Piero Romei – Autonomia<br />

e Progettualità – La Nuova Italia – 1995 – pagine 36,52,55).<br />

II - Il progetto F.A.R.O. a partire dal corrente anno scol<strong>as</strong>tico avrà un nuovo<br />

<strong>as</strong>setto sulla b<strong>as</strong>e del modello europeo di autodiagnosi, il “Common<br />

Assessment Framework” (C.A.F.), che è stato enucleato nel corso della<br />

Seconda Conferenza sulla Qualità per le Pubbliche Amministrazioni, tenut<strong>as</strong>i a<br />

Copenaghen nell'ottobre 2002.<br />

La conoscenza del C.A.F. è stata promossa dalla Presidenza Italiana della U.E.<br />

nel novembre 2003 a Roma e, successivamente, con il progetto “Percorsi di<br />

qualità”, avviato dal Dipartimento della Finanza Pubblica e gestito dal FORMEZ.<br />

Una prima versione pilota del C.A.F. fu presentata nel corso della Prima<br />

Conferenza Europea sulla qualità tenut<strong>as</strong>i a maggio 2000 a Lisbona.<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


La più recente versione del C.A.F. è stata elaborata da Innovative Public Service<br />

Group (IPSG).<br />

Il C.A.F., che si configura come tecnica di Quality Management, ha una struttura<br />

a nove box ci<strong>as</strong>cuno, dei quali focalizza gli <strong>as</strong>petti di un'organizzazione.<br />

Leadership<br />

FATTORI ABILITANTI RISULTATI<br />

Gestione Risorse<br />

Umane<br />

Strategia e<br />

pianificazione<br />

Partnership e<br />

risorse<br />

Gestione dei<br />

processi e del<br />

cambiamento<br />

Risultati relativi al<br />

personale<br />

Risultati relativi al<br />

cliente/cittadino<br />

Risultati relativi<br />

all’impatto sulla<br />

società<br />

INNOVAZIONE E APPRENDIMENTO<br />

Criteri relativi al primo box<br />

1) Focalizzare “vision” e “mission”<br />

2) Collazionare obiettivi sperati e risultati conseguiti<br />

3) Motivare tutto il personale<br />

4) Raccordare l'organizzazione con le Istituzioni<br />

Criteri relativi al secondo box<br />

1) Raccordarsi con gli stakeholder<br />

2) Ottimizzare le risorse disponibili<br />

3) Implementare le strategie politiche<br />

4) Puntare sull'innovazione<br />

Criteri relativi al terzo box<br />

1) Potenziare le risorse umane<br />

2) Valorizzare le competenze del personale<br />

3) Coinvolgere il personale nell'empowerment<br />

Criteri relativi al quarto box<br />

1) Implementare le relazioni con i partner strategici<br />

2) Implementare le relazioni con gli utenti<br />

3) Gestire le risorse finanziarie, tecnologiche e infr<strong>as</strong>trutturali in<br />

funzione di vision e mission<br />

Criteri relativi al quinto box<br />

1) Focalizzare i processi chiave<br />

2) Erogare servizi orientativi all'utente<br />

Criteri relativi al sesto box<br />

1) Misurare la soddisfazione dell'utente<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Risultati<br />

delle<br />

perfomance<br />

chiave<br />

Cap. 1<br />

35


Cap. 1<br />

36<br />

Criteri relativi al settimo box<br />

1) Misurare la soddisfazione e la motivazione del personale<br />

Criteri relativi all'ottavo box<br />

1) Valutare i risultati sociali nel giudizio degli stakeholder<br />

2) Scambiare informazioni con altri soggetti sul territorio<br />

Criteri relativi al nono box<br />

1) Misurare output e outcome<br />

2) Valutare risultati gestionali e finanziari<br />

Il Progetto F.A.R.O. farà riferimento ad una versione del C.A.F. caratterizzata<br />

da un'opportuna “curvatura” nel rispetto delle connotazioni della scuola. Tale<br />

versione si deve ai Dirigenti Tecnici del Ministero della Pubblica Istruzione Dino<br />

Cristianini, Fabio Di Michele, Paolo Scapinello.<br />

III - Notiamo con soddisfazione che la problematica sull'outcome trova<br />

naturale collocazione nel C.A.F. model.<br />

Dopo aver conseguito il diploma i giovani o accedono a corsi universitari o si<br />

avviano ad una carriera di lavoro dipendente o intraprendono la strada<br />

dell'imprenditorialità. Si rileva con immediatezza come non sia possibile nel<br />

tempo seguire ogni diplomato. Obbligata, allora, la scelta di individuare un<br />

campione statisticamente rappresentativo dell'intera popolazione dei<br />

diplomati.<br />

A tal proposito la popolazione si cl<strong>as</strong>sifica in sotto-popolazioni rispetto a due<br />

caratteri statistici: “specializzazione o indirizzo” e “voto conseguito all'esame di<br />

stato”.<br />

Si conviene di adottare il metodo del campionamento stratificato non<br />

proporzionale allo scopo di riuscire a seguire anche caratteri statistici “piccoli”,<br />

ma interessanti, come, ad esempio, il c<strong>as</strong>o dei “cento”.<br />

Più esattamente si compiono i seguenti p<strong>as</strong>si:<br />

- La popolazione è suddivisa in sotto-popolazioni, sulla b<strong>as</strong>e delle<br />

specializzazioni L, M, N, ... (es. elettrotecnica, meccanica, informatica, P.N.I.,<br />

linguistico Brocca, socio-psico-pedagogico, etc, etc,<br />

- Ci<strong>as</strong>cuna sottopopolazione è suddivisa in cinque strati: sufficiente (60/75),<br />

discreto (76/85), buono (86/95), ottimo (96/99), eccellente (100).<br />

- Chiaramente si individua ogni strato in maniera tale che all'interno di esso<br />

la variabilità, rispetto al carattere “voto conseguito all'esame di stato”, sia<br />

non superiore a quindici. Conseguentemente è possibile rappresentare<br />

ogni strato con un campione c<strong>as</strong>uale di dimensione minima.<br />

ESEMPIO di popolazione<br />

Specializzazione Frequenza<br />

Specializzazione L<br />

Specializzazione M<br />

Specializzazione N<br />

TOTALE<br />

20<br />

60<br />

70<br />

150<br />

Frequenza<br />

relativa<br />

0,13<br />

0,4<br />

0,47<br />

1<br />

Frequenza<br />

percentuale<br />

13<br />

40<br />

47<br />

100<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


Cl<strong>as</strong>si di voti Frequenza<br />

Frequenza<br />

relativa<br />

Frequenza<br />

percentuale<br />

Voto tra 60 e 75 84<br />

0,56 56<br />

Voto tra 76 e 85 21 0,14 14<br />

Voto tra 86 e 95 27<br />

0,18<br />

18<br />

Voto tra 96 e 99 12<br />

0,08<br />

8<br />

Voto 100<br />

6<br />

0,04<br />

4<br />

TOTALE 150<br />

1<br />

100<br />

SPECIALIZZAZIONE L<br />

Cl<strong>as</strong>si di voti Frequenza<br />

Frequenza<br />

relativa<br />

Frequenza<br />

percentuale<br />

Voto tra 60 e 75 11<br />

0,55 55<br />

Voto tra 76 e 85 4 0,20 20<br />

Voto tra 86 e 95 2<br />

0,10<br />

10<br />

Voto tra 96 e 99 2<br />

0,10<br />

10<br />

Voto 100<br />

1<br />

0,05<br />

5<br />

TOTALE 20<br />

1<br />

100<br />

SPECIALIZZAZIONE M<br />

Cl<strong>as</strong>si di voti Frequenza<br />

Frequenza<br />

relativa<br />

Frequenza<br />

percentuale<br />

Voto tra 60 e 75 35<br />

0,58 58,33<br />

Voto tra 76 e 85 5 0,08 8,33<br />

Voto tra 86 e 95 10<br />

0,17<br />

16,67<br />

Voto tra 96 e 99 7<br />

0,12<br />

11,67<br />

Voto 100<br />

3<br />

0,05<br />

5<br />

TOTALE 60<br />

1<br />

100<br />

SPECIALIZZAZIONE N<br />

Cl<strong>as</strong>si di voti Frequenza<br />

Frequenza<br />

relativa<br />

Frequenza<br />

percentuale<br />

Voto tra 60 e 75 38<br />

0,54 54,29<br />

Voto tra 76 e 85 12 0,17 17,14<br />

Voto tra 86 e 95 15<br />

0,21<br />

21,43<br />

Voto tra 96 e 99 3<br />

0,04<br />

4,29<br />

Voto 100<br />

2<br />

0,03<br />

2,86<br />

TOTALE 70<br />

1<br />

100<br />

Sulla b<strong>as</strong>e della distribuzione delle frequenze inerenti il carattere “indirizzo” o<br />

“specializzazione” è possibile stimare la dimensione minima del campione, che<br />

risulta somma della dimensione minima dei tre campioni che saranno estratti<br />

dalle sottopopolazioni. Si propone di estrarre, senza reintroduzione, un elemento<br />

da ogni strato della sottopopolazione L, due elementi da ogni strato della<br />

sottopopolazione M, due elementi da ogni strato della sottopopolazione N.<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 1<br />

37


Cap. 1<br />

38<br />

Pertanto, il campione avrà la dimensione venticinque, estraendo cinque<br />

elementi dalla sottopopolazione L, dieci elementi dalla sottopopolazione M,<br />

dieci elementi dalla sottopopolazione N.<br />

n. 7 - La qualità nella “norma”: da ISO 8402 a Vision 2000<br />

La prima versione di norme ISO (ISO 8402) venne redatta nel 1987 sulla b<strong>as</strong>e<br />

delle richieste delle realtà produttive di poter disporre di una normativa<br />

condivisa con la quale mettere ordine nei rapporti contrattuali tra le imprese e<br />

tra queste e le amministrazioni.<br />

Venne considerata qualità la conformità di un prodotto a determinati<br />

requisiti stabiliti preventivamente.<br />

Certificare la qualità significava accertare la capacità dell'impresa di produrre<br />

conformemente ai requisiti richiesti. In quest'ottica restano sostanzialmente<br />

fuori dai controlli i processi di organizzazione.<br />

La seconda stesura (ISO 9000) viene redatta nel 1994 dal Comitato tecnico<br />

ISO/TC 176 insediato nel 1990.Tale stesura non focalizza solo la qualità del<br />

prodotto finito, ma mette in relazione il prodotto in uscita con i processi<br />

funzionali alla produzione.<br />

Il 15 dicembre del 2000 prende corpo Vision 2000, la terza generazione di<br />

norme, sempre a cura dello stesso Comitato .<br />

Vision 2000 propone la qualità come continuo miglioramento della struttura<br />

produttiva in relazione alle esigenze del cliente.Certificare la qualità significa<br />

verificare la possibilità per l'impresa di controllare tutte le f<strong>as</strong>i della produzione.<br />

Controllo pensato in itinere:qualità come sistema documentato di gestione;<br />

non già un sistema di documenti da esaminare alla fine di un ciclo.<br />

Il ricercato miglioramento dell'organizzazione postula l'esigenza di<br />

valorizzare la “ruota di Deming” (o ciclo PDCA), gli strumenti<br />

dell'organizzazione manageriale al fine di essere più competitivi.<br />

Al “Fermi” opera da quattro anni il Gruppo della Qualità. Tale Gruppo<br />

quest’anno è costituito dal Dirigente Scol<strong>as</strong>tico, dai docenti Francesco<br />

Alparone, Carmelo Di Grazia, Biagia Finocchiaro, Nunziatina Giusa, Giovanni<br />

Gulisano, Giovanna La Spina, Carmela Raciti.<br />

Il “Fermi”, sulla b<strong>as</strong>e di un corso di preparazione tenuto dalla Galli Consulting<br />

S.r.l. – Organizzazione d'impresa e sviluppo sistemi di qualità – con sede in<br />

Catania, ha elaborato il “Manuale della Qualità” per le attività extra-curriculari<br />

sulla b<strong>as</strong>e del quale, per tali attività, è stato certificato da Certiquality S.r.l. –<br />

<strong>Istituto</strong> di certificazione della qualità – con sede in Milano, che aderisce al<br />

Sincert.<br />

Il “Fermi” si prepara alla certificazione sul curricolare. A tale riguardo questo<br />

anno il Gruppo della Qualità e i docenti funzioni strumentali per la realizzazione<br />

del POF seguiranno un corso di aggiornamento per implementare il “Manuale<br />

della Qualità”.<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


LA CERTIFICAZIONE CONSEGUITA<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 1<br />

39


Cap. 1<br />

40<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


n.8 - Il Sistema Nazionale di Valutazione <strong>2008</strong><br />

Il “Fermi” di Giarre aderisce al “Sistema Nazionale di Valutazione <strong>2008</strong>”,<br />

cioè all'attività di valutazione delle scuole secondarie di secondo grado<br />

relativamente a studenti delle cl<strong>as</strong>si seconde e quinte.<br />

Il S.N.V. costituisce strumento validissimo di verifica sulla funzione docente<br />

espletata e preziosa occ<strong>as</strong>ione di autodiagnosi per migliorare l'efficacia<br />

nell'azione didattica ed educativa.<br />

L'azione di valutazione per le scuole meridionali risulta essenziale per alzare<br />

il livelli di apprendimento nella prospettiva, anche, di valorizzazione dei Fondi<br />

dell'Unità Europea tramite il P.O.N. Programmazione fondi strutturali<br />

2007/2013 “Competenze per lo sviluppo”.<br />

La partecipazione al “Sistema Nazionale di Valutazione <strong>2008</strong>” comporta<br />

naturalmente l'adesione alle indagini internazionali, prime tra tutte quella<br />

OCSE-PISA (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico -<br />

Programme for international student <strong>as</strong>sessment).<br />

Fondamentale si appalesa la valutazione del sistema tramite l'apposito<br />

questionario, somministrato al Dirigente scol<strong>as</strong>tico. Il questionario di sistema,<br />

che si articola in quattro sezioni, il contesto, l'Istituzione scol<strong>as</strong>tica, il personale,<br />

gli alunni, innesca utili procedimenti di autoanalisi e agevola la valorizzazione di<br />

competenze ed abilità emerse e focalizzate.<br />

La compilazione del questionario di sistema è condizione necessaria per il<br />

successivo inoltro della Scheda di Autodiagnosi, preliminare indispensabile per<br />

accedere al finanziamento del Piano integrato delle attività nell’ambito del<br />

P.O.N. 2007/2013.<br />

La rilevazione sugli apprendimenti sarà campionaria. Riguarderà gli<br />

insegnamenti di italiano, di matematica e di scienze. Interesserà gli studenti<br />

delle cl<strong>as</strong>si seconde e quinte. Le prove saranno somministrate tramite<br />

rilevatori esterni.<br />

Il progetto sarà coordinato dai docenti Biagia Finocchiaro, Giovanni<br />

Gulisano, Carmela Raciti.<br />

IL CORSO SERALE<br />

Nella nostra società, che si tr<strong>as</strong>forma e si evolve con ritmi freneticamente<br />

crescenti, è molto importante focalizzare l'attenzione sulla “seconda<br />

opportunità” al fine di dare la possibilità agli adulti d'imparare ancora e di<br />

migliorarsi lungo tutto l'arco della vita (lifelong learning). Il corso serale è<br />

frequentato da adulti, non occupati o lavoratori autonomi o dipendenti, che<br />

vogliono riprendere gli studi abbandonati in anni precedenti. Si apre, anche, alla<br />

luce delle nuove disposizioni sull'obbligo scol<strong>as</strong>tico di cui al D.M. n.139 del 22<br />

agosto 2007, ai giovani che hanno superato l'età di 16 anni e che si sono avviati<br />

ad una esperienza di lavoro, interrompendo il tradizionale corso di studi.<br />

Il corso serale permette la riqualificazione professionale in un mondo<br />

tecnologico nel quale le competenze devono essere continuamente<br />

aggiornate. Agevola, pure, lo sviluppo di una professionalità più alta per la<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 1<br />

41


Cap. 1<br />

42<br />

formazione di quanti ricoprono ruoli intermedi e che non sono più supportati<br />

dall'istruzione di b<strong>as</strong>e nell'implementazione delle loro competenze.<br />

Al “Fermi” di Giarre il corso serale ha lontane origini. E' stato attivato per la<br />

prima volta nell'anno scol<strong>as</strong>tico 1970/1971. Nel tempo è stato possibile<br />

costituire specifiche competenze e spiccate professionalità.<br />

Il carico orario settimanale, sia al biennio che al triennio, viene ridotto<br />

significativamente da 36 ore a 28 ore.<br />

Il corso serale ha un ampio bacino d'utenza: al comprensorio Ionico – Etneo<br />

si aggiungono i comuni di Giardini-Naxos, a nord, e di Acireale, a sud.<br />

Le lezioni hanno luogo dal lunedì al venerdì, dalle ore 18.45.<br />

N.B. tra ( ) le ore di Laboratorio<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


DOCENTI DEL CORSO SERALE<br />

Cannella Alfio (Matematica) La Spina Giovanna (Inglese)<br />

Cardia Guglielmo (Elettrotecnica) Licciardello Seb<strong>as</strong>tiana (Inglese)<br />

Conti Francesca (Elettronica) Minnini Marcello (Elettrotecnica)<br />

Di Bartolo Mario (Diritto) Nicolosi Giovanni (Elettrotecnica)<br />

Di M<strong>as</strong>e Salvatore (Lab. Elettronica) Pennisi Annalisa (Lettere)<br />

Di Prima M<strong>as</strong>simo (Lab. Elettrotecnica) Perna Ignazio (Lab. Elettrotecnica)<br />

Fallico Francesca (Lettere) Sciuto Giuseppe (Meccanica)<br />

Grippaldi Salvatore (Elettronica)<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 1<br />

43


Cap. 1<br />

44<br />

ORARIO CORSO SERALE<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 2<br />

45


Cap. 2<br />

46<br />

STRUTTURE DELL'ISTITUTO<br />

Il progetto per la realizzazione della sede, commissionato<br />

dall’Amministrazione Provinciale di Catania, è stato approvato dagli organi<br />

competenti in data 26-10-89. I lavori sono stati appaltati all'I.T.E.R. Cooperativa<br />

Ravennate, che li ha completati nel 1992. Il manufatto edilizio, realizzato in<br />

cemento armato, risulta costituito da un <strong>piano</strong> terra, da un primo e da un<br />

secondo <strong>piano</strong>.<br />

Si articola in:<br />

- venticinque Aule; - laboratorio di Disegno ed<br />

- laboratorio di Fisica; Organizzazione Industriale;<br />

- laboratorio di Chimica; - laboratorio di Meccanica<br />

- laboratorio di Elettrotecnica; (CAD-CAM);<br />

- laboratorio di Sistemi Elettrici; - laboratorio di Tecnologia e Disegno;<br />

- laboratorio di Automazione; - aula multimediale;<br />

- laboratorio di Tecnologia Meccanica; - biblioteca;<br />

- laboratorio di Sistemi - aula magna;<br />

Automazione e Laboratorio - ufficio tecnico<br />

(sez. informatica); - sala docenti<br />

- laboratorio di Informatica; - due uffici di segreteria<br />

- laboratorio di Matematica; (amministrativa e didattica)<br />

- laboratorio di Scienze e Geografia; - direzione SGA<br />

- laboratorio di Elettronica; - presidenza<br />

- laboratorio Linguistico; - palestra<br />

- laboratorio di Tecnologia, Disegno - sala medica di primo soccorso<br />

e Progettazione; - sala bar.<br />

I Numeri del “Fermi”<br />

Numero Cl<strong>as</strong>si: 34 - Numero Alunni: 761 - Numero Docenti: 107<br />

Numero Assistenti Amministrativi: 9 - Numero Assistenti Tecnici: 10<br />

Numero Collaboratori Scol<strong>as</strong>tici: 16<br />

Aula Multimediale<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


ELENCO DOCENTI<br />

Aloisio P<strong>as</strong>quale - Chimica<br />

Alparone Francesco - Informatica<br />

Andò Lucio - Fisica<br />

Andronico Francesco - Matem. appl.<br />

Arena Vincenza - Religione<br />

Azzaro Luisa - Matematica<br />

Bella Pierluigi - Fisica<br />

Bentivegna Lorena - Diritto<br />

Bonaccorso Alfio - Elettrotecnica<br />

Bosco Seb<strong>as</strong>tiano - Meccanica<br />

Bricuglio Margaret - Elettronica<br />

Caltabiano Venera Anna - Lettere<br />

Cannella Alfio - Matematica C.S.<br />

Caramagno Antonino - Lab. Fisica<br />

Cardia Guglielmo - Elettronica C.S.<br />

Cavallaro Alfio - Meccanica<br />

Cavallaro Alfredo - Matematica<br />

Cavallaro Filippo - Ed. Fisica<br />

Cavallaro Vittoria - Lettere<br />

Chiarello Bruno - Fisica<br />

Cocuccio Giuseppe - Elettrotecnica<br />

Conti Francesca - Elettronica C.D. e C.S.<br />

Corsaro Maria Stella - Diritto<br />

Cristaldi Carmelo - Matematica<br />

Cristaldi Daniele - Lab. Mecc. Tecn.<br />

Cristaldi Sabina Nella - Informatica<br />

Cuppone Davide - Lab. Informatica<br />

Cusimano Nunzia - Informatica<br />

Di Bartolo Mario - Diritto C.D. e C.S.<br />

Di Bella Gabriella - Lettere<br />

Di Bella Ignazio - Lab. Mecc. Tecn.<br />

Di Benedetto Giuseppe - Elettronica<br />

Di Grazia Carmelo - Lab. Elettrotecn.<br />

Di Maggio Francesca - Scienze<br />

Di Maria Salvatore - Lab. Mecc. Tecn.<br />

Di M<strong>as</strong>e Salvatore - Lab. Elettronica C.D. e C.S.<br />

Di Mauro Leonarda - Informatica<br />

Di Prima M<strong>as</strong>simo - Lab. Elettrotecn. C.S.<br />

Di Savia Puglisi Francesco - Elettrotecn.<br />

Fallico Francesca - Lettere C.S.<br />

Filogamo Giovanni - Elettrotecnica<br />

Finocchiaro Biagia - Lettere<br />

Finocchiaro Giuseppe - Uff. <strong>Tecnico</strong><br />

Foti Carmelo - Matematica<br />

Foti Giuseppe - Scienze<br />

Giamaglia Maria - Lettere<br />

Giordano Giuseppe - Chimica<br />

Giusa Nunziatina - Lettere<br />

Gr<strong>as</strong>so Salvatore - Lab. Fisica<br />

Greco Adalgisa - Lettere<br />

Greco Caterina - Ed. Fisica<br />

Greco Salvatore - Lab. Elettrotecnica<br />

Grimaldi Benedetto - Fisica<br />

Grippaldi Salvatore Vito - Elettron. C.S.<br />

Gulisano Giovanni - Matematica<br />

Lampuri Carmelo - Lab. Mecc. Tecn.<br />

La Rosa Antonio - Elettrotecnica<br />

La Spina Giovanna - Inglese C.D. e C.S.<br />

Leonardi Seb<strong>as</strong>tiano - Ed. Fisica<br />

Leotta Alfio - Elettrotecnica<br />

Licciardello Seb<strong>as</strong>tiana - Inglese C.D. e C.S.<br />

Limone Seb<strong>as</strong>tiano - Sostegno<br />

Longo Giuseppe - Diritto<br />

Maccarrone Irene Laura - Lab. Inform.<br />

Mazzaglia Grazia - Lab. Chimica<br />

Messina Agatino Rosario - Lab. Inform.<br />

Milici Maria Giovanna - Religione<br />

Mininni Marcello - Elettrotecnica C.S.<br />

Miraglia Giuseppa - Inglese<br />

Musumeci Rosario - Matematica<br />

Musumeci Rita - Chimica<br />

Musumeci Santo - Tecnol. e Disegno<br />

Nicita Carmelo - Lab. Fisica<br />

Nicolosi Giovanni - Elettrotecnica C.S.<br />

Nucifora Giuseppe - Tecnol. e Disegno<br />

Panebianco Isidoro - Lab. Mecc. Tecn.<br />

Papotto Placido - Elettronica<br />

P<strong>as</strong>sarelli Onorato - Informatica<br />

Patanè Rosario Grazio - Lab. Elettrotec.<br />

Patti Maria Concetta - Religione<br />

Pennisi Annalisa - Lettere C.S.<br />

Pennisi Maria Grazia - Inglese<br />

Perna Ignazio - Lab. Elettrotecnica C.S.<br />

Pizzimenti Santa - Tecnol. e Disegno<br />

Privitera Caterina - Matematica<br />

Privitera Grazia - Matematica<br />

Pulvirenti Angelo - Lab. Elettronica<br />

Quattrocchi Maria - Matematica<br />

Raciti Carmela - Lettere<br />

Rapisarda Raimondo - Matematica<br />

Rodolico Angela - Lettere<br />

Ruggeri Armando - Informatica<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 2<br />

47


Cap. 2<br />

48<br />

Russo Giuseppe - Meccanica Strazzeri Angelo - Lab. Chimica<br />

Russo Leonarda - Inglese Suman Anna Maria - Lettere<br />

Russo Patrizia - Matematica Torrisi Rosa - Religione<br />

Sciuto Giuseppe - Meccanica C.D. e C.S. Toscano Vincenzo - Sostegno<br />

Sciuto Orazio - Lab. Informatica Treffiletti Antonella - Lettere<br />

Scuderi Giuseppe - Tecnol. e Disegno Tropea Mario - Scienze<br />

Sinatra Maria - Lettere Zappalà Leonardo - Lab. Mecc. Tecnol.<br />

Strano Rosaria - Ed. Fisica<br />

ELENCO PERSONALE A.T.A.<br />

ASSISTENTI AMMINISTRATIVI ASSISTENTI TECNICI<br />

Catanzaro Maria Amoroso Antonino<br />

Cocuccio Maria Chillemi Vito Damiano<br />

Emmanuele Francesco La Spina Carmelo<br />

Iannitti Giovanni Marano Angelo<br />

Lazzaro Cesarina Petralia Placido<br />

Licciardello Giuseppa Pulvirenti Orazio<br />

Nicolosi Giuseppe Ragonese Alfredo<br />

Pennisi Seb<strong>as</strong>tiana Raiti Antonino<br />

Regalbuto Maria Grazia Sirna Daniele<br />

Zizzo Emidio<br />

Il signor Emmanuele Francesco ha stipulato contratto a tempo determinato come<br />

insegnante tecnico pratico. Viene sostituito dalla signora Paola D’Urso.<br />

COLLABORATORI SCOLASTICI<br />

Bonaccorso Franco Pulvirenti Palma<br />

Calì Alfio Raineri Grazia<br />

Calì Camillo Schilirò Giuseppe<br />

Calì Giuseppe Schinocca Giuseppa Lucia<br />

Cantarella Alfio Sorbello Grazia<br />

Caruso Salvatore Strano Angela<br />

C<strong>as</strong>ella Rosa Tomarchio Salvatore<br />

Catalano Vita Toscano Seb<strong>as</strong>tiana<br />

I collaboratori scol<strong>as</strong>tici Bonaccorso Franco, Pulvirenti Palma, Raineri Grazia hanno stipulato<br />

contratto a tempo determinato fino a termine delle attività didattiche come <strong>as</strong>sistenti tecnici.<br />

Sono stati sostituiti da Aiello Emilio, Cardillo Filippa e Stagnitta Lucia.<br />

CONSIGLIO DI ISTITUTO<br />

Dirigente Scol<strong>as</strong>tico: prof. Giuseppe D'Urso<br />

Componente Docenti: Cavallaro Alfio, Chiarello Bruno, Cuppone Davide, Finocchiaro<br />

Biagia, Gulisano Giovanni, La Spina Giovanna, Musumeci Santo, Russo Patrizia<br />

Componente Genitori: Di Bella Giuseppa Lucia, Leotta Carmela (Vice<br />

Presidente), Pennisi Salvatore (Presidente), Sorbello Grazia<br />

Componente A.T.A.: Calì Giuseppe, Iannitti Giovanni<br />

Componente Alunni: Calabrese Gaetano, Curcuruto Vincenzo, Impellizzeri Aldo,<br />

Romano Juri<br />

Il prof. Gulisano Giovanni, il sig. Iannitti Giovanni, l’alunno Romano Juri e la signora Sorbello<br />

Grazia sono componenti della Giunta Esecutiva.<br />

Il prof. Chiarello Bruno, il prof. Musumeci Santo, la signora Di Bella Giuseppa Lucia e l’alunno<br />

Curcuruto Vincenzo sono componenti dell’Organo di Garanzia.<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


DIRIGENTE SCOLASTICO: prof. GIUSEPPE D’URSO<br />

STAFF DI DIRIGENZA<br />

Vicario: prof. Giovanni Gulisano (al centro)<br />

Collaboratori: prof. Salvatore Greco (a sinistra)<br />

prof. Salvatore Di Maria (a destra)<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 2<br />

49


Cap. 2<br />

50<br />

DOCENTI FUNZIONI STRUMENTALI:<br />

Prof. Francesco Alparone<br />

Area 1 - Gestione del Piano dell'Offerta Formativa (P.O.F.)<br />

Coordinamento delle attività del Piano<br />

Coordinamento della progettazione curricolare<br />

Valutazione delle attività del Piano<br />

Coordinamento dei rapporti tra la scuola e le famiglie<br />

Prof.ssa Patrizia Russo<br />

Area 2 - Sostegno al lavoro dei docenti<br />

Analisi dei bisogni formativi e gestione del Piano di formazione e<br />

aggiornamento<br />

Accoglienza dei nuovi Docenti<br />

Produzione dei materiali didattici<br />

Coordinamento dell'utilizzo delle nuove tecnologie e della biblioteca<br />

Cura della documentazione educativa<br />

Coordinamento nella scuola dell'attività di tutoraggio connessa alla<br />

formazione universitaria dei Docenti.<br />

Prof.ssa Carmela Raciti, prof.ssa Biagia Finocchiaro<br />

Area 3 - Interventi e servizi per gli studenti<br />

Coordinamento delle attività extracurricolari<br />

Coordinamento e gestione delle attività di continuità, di orientamento e<br />

tutoraggio<br />

Coordinamento delle attività di compensazione integrazione e recupero<br />

Prof. Alfio Leotta<br />

Area 4 - Realizzazione di Progetti formativi d'intesa con enti ed istituzioni esterni<br />

Coordinamento dei rapporti con Enti pubblici o Aziende anche per la<br />

realizzazione di stage formativi<br />

Coordinamento delle attività di scuola-lavoro e di stage formativi<br />

Coordinamento delle attività con la formazione professionale<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


da sinistra a destra: prof. Francesco Alparone, prof.ssa Carmela Raciti,<br />

prof.ssa Biagia Finocchiaro, prof.ssa Patrizia Russo,<br />

prof. Alfio Leotta<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 2<br />

51


Cap. 2<br />

52<br />

Cl<strong>as</strong>si<br />

I Coordinatori<br />

dei Consigli di Cl<strong>as</strong>se<br />

I Segretari<br />

dei Consigli di Cl<strong>as</strong>se<br />

IA prof.ssa Giamaglia Maria prof. Caramagno Antonino<br />

IIA prof. Andò Lucio prof. Zappalà Leonardo<br />

IB prof.ssa Finocchiaro Biagia prof. Giordano Giuseppe<br />

IIB prof. Musumeci Santo prof. Leopardi Seb<strong>as</strong>tiano<br />

IC prof. Foti Giuseppe prof.ssa Mazzaglia Grazia<br />

IIC prof. Nucifora Giuseppe prof.ssa Pennisi Maria Grazia<br />

ID prof.ssa Privitera Caterina prof.ssa Cavallaro Vittoria<br />

IID prof. Chiarello Bruno prof.ssa Strano Rosaria<br />

IE prof. Di Bartolo Mario prof. Di Maria Salvatore<br />

IIE prof.ssa Rodolico Angela prof. Troppa Mario<br />

IF prof. Rapisarda Raimondo prof.ssa Greco Adalgisa<br />

IIF prof. Grimaldi Benedetto prof. Scuderi Giuseppe<br />

IG prof.ssa Pizzimenti Santa prof. Aloisio P<strong>as</strong>quale<br />

IIG prof.ssa Di Bella Gabriella prof.ssa La Spina Giovanna<br />

IIH prof. Bella Pierluigi prof.ssa Privitera Grazia<br />

Informatica<br />

IIIA prof.ssa Cristaldi Sabina prof.ssa Maccarrone Irene<br />

IVA prof. Andronico Francesco prof. Pulvirenti Angelo<br />

VA prof.ssa Russo Patrizia prof. Di M<strong>as</strong>e Salvatore<br />

IIIB prof. Alparone Francesco prof. Messina Agatino<br />

IVB prof.ssa Di Mauro Leonarda prof.ssa Milici Maria Giovanna<br />

VB prof.ssa Raciti Carmela prof. Cuppone Davide<br />

IIIC prof.ssa Suman Anna prof. Ruggeri Armando<br />

VC prof.ssa Bricuglio Margaret prof. Sciuto Orazio<br />

Elettrotecnica<br />

IIIA prof. Gulisano Giovanni prof. Greco Salvatore<br />

IVA prof.ssa Quattrocchi Maria prof. Patanè Rosario G.<br />

VA prof.ssa Giusa Nunziatina prof. La Rosa Antonio<br />

IIIB prof. Leotta Alfio prof. Musumeci Rosario<br />

IVB prof. Bonaccorso Alfio prof. Di Benedetto Giuseppe<br />

VB prof. Filogamo Giovanni prof.ssa Caltabiano Anna V.<br />

III Corso Serale prof.ssa Conti Francesca prof.ssa Pennisi Annalisa<br />

IV Corso Serale prof. Cardia Guglielmo prof. Mininni Marcello<br />

Meccanica<br />

IIIA prof.ssa Treffiletti Antonella prof. Russo Giuseppe<br />

IVA prof. Cavallaro Alfio prof. Sciuto Giusppe<br />

VA prof. Bosco Seb<strong>as</strong>tiano prof. Panebianco Isidoro<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


Laboratorio di Tecnologia, Disegno e Progettazione<br />

Laboratorio di Sistemi Elettrici<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 2<br />

53


Cap. 2<br />

54<br />

I DIRETTORI DI LABORATORIO<br />

SUB CONCESSIONARI - ASSISTENTI TECNICI<br />

Biblioteca Laboratorio Linguistico Laboratorio di<br />

prof.ssa Nunziatina Giusa prof.ssa Giovanna La Spina Tecnologia e Disegno<br />

Laboratorio Sistemi Elettrici<br />

prof. Carmelo Di Grazia<br />

a.t. Angelo Marano<br />

Laboratorio di Matematica<br />

prof. Salvatore Di Maria<br />

a.t. Orazio Pulvirenti<br />

a.t. Emidio Zizzo prof. Giovanni Gulisano Laboratorio di<br />

Laboratorio di Automazione a.t. Placido Petralia Meccanica (CAD-CAM)<br />

prof. Giuseppe Russo<br />

a.t. Orazio Pulvirenti<br />

Laboratorio di Elettronica<br />

prof.ssa Margaret Bricuglio<br />

prof. Alfio Cavallaro<br />

a.t. Orazio Pulvirenti<br />

Laboratorio di Chimica a.t.V ito Damiano Chillemi Aula Multimediale<br />

prof.ssa M. Grazia Mazzaglia a.t. Daniele Sirna prof.ssa Patrizia Russo<br />

a.t.Alfredo Ragonese Laboratorio di Org. Industriale a.t. Placido Petralia<br />

Laboratorio Elettrotecnica prof. Seb<strong>as</strong>tiano Bosco Palestra<br />

prof. Salvatore Greco a.t. Orazio Pulvirenti prof. Seb<strong>as</strong>tiano Leonardi<br />

a.t.Angelo Marano Laboratorio Scienze Vice Presidenza<br />

Laboratorio di Fisica e Geografia prof. Giovanni Gulisano<br />

prof. Bruno Chiarello<br />

a.t.Antonino Amoroso<br />

Laboratorio di Informatica<br />

prof.ssa Sabina Cristaldi<br />

a.t. Carmelo La Spina<br />

Laboratorio Sistemi<br />

Automazione e Lab.<br />

prof. Francesco Alparone<br />

a.t. Carmelo La Spina<br />

prof. Giuseppe Foti<br />

a.t. Alfredo Ragonese<br />

a.t. Vito Damiano Chillemi<br />

a.t. Carmelo La Spina<br />

Laboratorio T.D.P.<br />

prof. Alfio Leotta<br />

a.t. Emidio Zizzo<br />

Laboratorio di<br />

Tecnologia Meccanica<br />

prof. Giuseppe Sciuto<br />

a.t. Antonino Raiti<br />

Aula Magna<br />

prof. Salvatore Greco<br />

Aule e corridoi<br />

prof. Salvatore Di Maria<br />

Laboratorio di Elettrotecnica<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


I DIPARTIMENTI<br />

Dipartimento Linguistico Dipartimento Scientifico<br />

Lettere Biennio Biologia e Scienza della Terra<br />

Cavallaro Vittoria Di Maggio Francesca<br />

Di Bella Gabriella Foti Giuseppe<br />

Finocchiaro Biagia Tropea Mario<br />

Giamaglia Maria<br />

Greco Adalgisa<br />

Rodolico Angela<br />

Sinatra Maria<br />

Chimica<br />

Aloisio P<strong>as</strong>quale<br />

Giordano Giuseppe<br />

Mazzaglia M. Grazia i.t.p.<br />

Lettere Triennio Musumeci Rita<br />

Caltabiano Anna Strazzeri Angelo<br />

Giusa Nunziatina<br />

Raciti Carmela<br />

Suman Anna Maria<br />

Treffiletti Antonella<br />

Fisica<br />

Andò Lucio<br />

Bella Pierluigi<br />

Caramagno Antonino i.t.p.<br />

Inglese Chiarello Bruno<br />

La Spina Giovanna Gr<strong>as</strong>so Salvatore i.t.p.<br />

Licciardello Seb<strong>as</strong>tiana Grimaldi Benedetto<br />

Miraglia Giuseppa Nicita Carmelo i.t.p.<br />

Pennisi Maria Grazia<br />

Russo Leonarda<br />

Matematica - biennio<br />

Azzaro Luisa<br />

Diritto Cavallaro Alfredo<br />

Bentivegna Lorena Cristaldi Daniele i.t.p.<br />

Corsaro Maria Stella Di Bella Ignazio i.t.p.<br />

Di Bartolo Mario Di Maria Salvatore i.t.p.<br />

Religione<br />

Arena Vincenza<br />

Milici M. Giovanna<br />

Patti Maria C.<br />

Foti Carmelo<br />

Gulisano Giovanni<br />

Musumeci Rosario<br />

Privitera Caterina<br />

Torrisi Rosa<br />

Dipartimento di Ed. Fisica<br />

Cavallaro Filippo<br />

Greco Caterina<br />

Leonardi Seb<strong>as</strong>tiano<br />

Strano Rosaria<br />

Privitera Grazia<br />

Rapisarda Raimondo<br />

Russo Patrizia<br />

Disegno<br />

Cristaldi Daniele i.t.p.<br />

Di Maria Salvatore i.t.p.<br />

Lampuri Carmelo i.t.p.<br />

Musumeci Santo<br />

Nucifora Giuseppe<br />

Pizzimenti Santa<br />

Scuderi Giuseppe<br />

Zappalà Leonardo i.t.p.<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 2<br />

55


Cap. 2<br />

56<br />

Dipartimento di Elettrotecnica Dipartimento di Meccanica<br />

Elettrotecnica Tecnologia Meccanica<br />

Bonaccorso Alfio ed Esercitazioni<br />

Cocuccio Giuseppe Panebianco Isidoro i.t.p.<br />

Greco Salvatore i.t.p. Sciuto Giuseppe<br />

T.D.P. Sistemi<br />

Di Grazia Carmelo i.t.p. Russo Giuseppe<br />

Filogamo Giovanni Zappalà Leonardo i.t.p.<br />

La Rosa Antonio<br />

Leotta Alfio<br />

Matematica<br />

Patanè Rosario Grazio i.t.p.<br />

Cristaldi Daniele i.t.p.<br />

Di Maria Salvatore i.t.p.<br />

Sistemi Foti Carmelo<br />

Di Grazia Carmelo i.t.p. Musumeci Orazio<br />

Di Savia Puglisi Francesco Panebianco Isidoro i.t.p.<br />

Leotta Alfio Privitera Caterina<br />

Elettronica Organizzazione, Disegno<br />

Di Benedetto Giuseppe e Progettazione<br />

Di M<strong>as</strong>e Salvatore i.t.p. Bosco Seb<strong>as</strong>tiano<br />

Papotto Placido Lampuri Carmelo i.t.p.<br />

Pulvirenti Angelo i.t.p.<br />

Meccanica Applicata<br />

Matematica e Macchine<br />

Foti Carmelo Cavallaro Alfio<br />

Gulisano Giovanni Zappalà Leonardo i.t.p.<br />

Musumeci Rosario<br />

Diritto<br />

Privitera Grazia<br />

Quattrocchi Maria<br />

Rapisarda Raimondo<br />

Russo Patrizia<br />

Meccanica<br />

Bosco Seb<strong>as</strong>tiano<br />

Russo Giuseppe<br />

Sciuto Giuseppe c.s.<br />

Impianti<br />

Filogamo Giovanni<br />

La Rosa Antonio<br />

Diritto<br />

Di Bartolo Mario c.s.<br />

Longo Giuseppe<br />

Longo Giuseppe<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


Dipartimento di Informatica<br />

Informatica<br />

Matematica Applicata<br />

Andronico Francesco<br />

Cristaldi Sabina Nella Cristaldi Carmelo<br />

Cusimano Nunzia Maccarrone Irene Laura i.t.p.<br />

Di Mauro Leonarda Messina Agatino Rosario i.t.p.<br />

Maccarrone Irene Laura i.t.p.<br />

Messina Agatino Rosario i.t.p.<br />

Sciuto Orazio i.t.p.<br />

Ruggeri Armando Elettronica<br />

Sciuto Orazio i.t.p. Bricuglio Margaret<br />

Conti Francesca<br />

Sistemi Di Benedetto Giuseppe<br />

Alparone Francesco Di M<strong>as</strong>e Salvatore i.t.p.<br />

Cuppone Davide i.t.p. Giunta Paola<br />

P<strong>as</strong>sarelli Onorato Papotto Placido<br />

Ruggeri Armando<br />

Sciuto Orazio i.t.p.<br />

Pulvirenti Angelo i.t.p.<br />

Matematica<br />

Maccarrone Irene Laura i.t.p.<br />

Messina Agatino Rosario i.t.p.<br />

Privitera Grazia<br />

Quattrocchi Maria<br />

Russo Patrizia<br />

Sciuto Orazio i.t.p.<br />

Laboratorio di Tecnologia Meccanica<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 2<br />

57


Cap. 2<br />

58<br />

CONSIDERAZIONI IN MARGINE ALLA LEGGE<br />

SULLA TRASPARENZA<br />

SULLA TENUTA DEL REGISTRO PERSONALE<br />

DEL DOCENTE<br />

Il registro personale sarà aggiornato lezione per lezione con inchiostro<br />

indelebile, tempestivamente con la chiara indicazione degli argomenti trattati,<br />

che verranno annotati contemporaneamente sul giornale di cl<strong>as</strong>se.<br />

Sul registro saranno annotate, nel corso di ci<strong>as</strong>cuna lezione, le valutazioni e le<br />

<strong>as</strong>senze.<br />

Non è possibile usare la matita. Per eliminare errori di tr<strong>as</strong>crizione si utilizza<br />

la consueta inclusione tra parentesi quadre.<br />

Non è consentito cancellare, né usare alcun tipo di bianchetto.<br />

Eventuali segni, come il puntino o il punto interrogativo, devono essere<br />

spiegati tramite “legenda”.<br />

Due o più ore della stessa materia in un giorno vanno annotate su due o più<br />

c<strong>as</strong>elle contigue del registro.<br />

I voti o i punteggi, attribuiti manifestamente subito dopo la conversazione di<br />

verifica, vanno indicati nella c<strong>as</strong>ella relativa al giorno in cui si è svolto il colloquio.<br />

Le prove scritte saranno valutate nell'arco di una settimana e, quindi,<br />

tempestivamente discusse con gli allievi.<br />

Il voto <strong>as</strong>segnato agli allievi per le prove scritte sarà indicato nella c<strong>as</strong>ella<br />

relativa al giorno in cui la prova scritta si è svolta.<br />

Alla fine di ogni quadrimestre le varie pagine del registro saranno vidimate<br />

con l'apposizione della firma del docente e con l'individuazione della data dello<br />

scrutinio in ogni pagina.<br />

In b<strong>as</strong>e alla normativa vigente, i voti vengono espressi tramite numeri<br />

naturali, da uno a dieci. Simboli come 4 ½ , 5-, 7+ non hanno significato alcuno.<br />

Nella normativa relativa alla valutazione non viene contemplato il cosiddetto<br />

“impreparato”, al quale non è possibile legare alcun voto.<br />

Sulla Tenuta del Registro di Cl<strong>as</strong>se<br />

Il registro di cl<strong>as</strong>se sarà firmato dai docenti per ci<strong>as</strong>cuna ora di lezione. Si<br />

conviene di tr<strong>as</strong>crivere gli argomenti nello spazio relativo al giorno in cui si<br />

presenta la lezione e non in quello relativo al giorno nel quale tali contenuti<br />

costituiranno oggetto del colloquio di verifica.<br />

Sulla Tenuta degli Elaborati<br />

Gli elaborati degli allievi, a qualsi<strong>as</strong>i titolo redatti, saranno conservati in<br />

un'unica carpetta a cura dei docenti delle singole materie. Per ci<strong>as</strong>cuna cl<strong>as</strong>se, le<br />

singole carpette saranno raccolte in contenitori adeguati nei locali della sala<br />

insegnanti al fine di rendere celeri o la visione o il ril<strong>as</strong>cio delle copie dei<br />

documenti.<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


VIAGGI D'ISTRUZIONE<br />

I viaggi d'istruzione, nel progetto <strong>dell'offerta</strong> <strong>formativa</strong>, per la loro valenza<br />

educativa e culturale rappresentano un’opportunità fondamentale per la<br />

promozione dello sviluppo relazionale e formativo nel pieno esercizio del<br />

diritto allo studio.<br />

I viaggi d'istruzione, tenuto conto delle motivazioni culturali, didattiche e<br />

professionali, che ne costituiscono il fondamento e il fine, necessitano di<br />

un'adeguata programmazione didattica e organizzativa per conseguire gli<br />

obiettivi previsti in piena sicurezza, al fine di tutelare l'incolumità dei<br />

partecipanti.<br />

I viaggi d'istruzione, nel rispetto della normativa vigente, presumibilmente<br />

saranno organizzati nel periodo Marzo - Aprile <strong>2009</strong> su proposta dei vari<br />

Consigli di Cl<strong>as</strong>se.<br />

L'<strong>Istituto</strong> contribuisce alle spese degli alunni delle quinte cl<strong>as</strong>si che<br />

partecipano al viaggio d'istruzione.<br />

Bar e sala mensa<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 2<br />

59


Cap. 2<br />

60<br />

SERVIZI AMMINISTRATIVI<br />

Gli Uffici dei servizi amministrativi sono organizzati nel rispetto di criteri di<br />

ampia flessibilità al fine di soddisfare tempestivamente le richieste degli utenti.<br />

La grande disponibilità nei confronti dell'utenza comprende anche il servizio in<br />

ore pomeridiane; tale servizio risulta molto utile per quanti lavorano nell'arco<br />

della mattinata.<br />

I collaboratori scol<strong>as</strong>tici, valorizzando la propria pregressa esperienza<br />

lavorativa, collaborano con i docenti per tutte le attività scol<strong>as</strong>tiche, extra<br />

scol<strong>as</strong>tiche e par<strong>as</strong>col<strong>as</strong>tiche, costituendo un supporto indispensabile e<br />

prezioso.<br />

Il Direttore dei Servizi Generali e Amm.vi:<br />

Gaetano Amoroso<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 3<br />

61


Cap. 3<br />

62<br />

QUADRO ORARIO<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


ORARIO DELLE LEZIONI - BIENNIO<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 3<br />

63


Cap. 3<br />

64<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


ORARIO DELLE LEZIONI - TRIENNIO<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 3<br />

65


Cap. 3<br />

66<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 4<br />

67


Cap. 4<br />

68<br />

LINGUA E LETTERE ITALIANE<br />

L'utilizzo della lingua italiana è strumento fondamentale per l'elaborazione e<br />

l'espressione del pensiero e per l'ampliamento delle proprie conoscenze.<br />

L'insegnamento dell'italiano si incentra, pertanto, sui processi di produzione<br />

e di comprensione e sul rafforzamento degli strumenti linguistici degli studenti.<br />

BIENNIO<br />

Lo studio della lingua italiana nel biennio mira al consolidamento delle<br />

capacità di lettura, di comprensione e di espressione tali da permettere una<br />

comunicazione efficace.<br />

Finalità<br />

- Arricchire il processo di comunicazione<br />

- Acquisire le norme linguistiche della produzione scritta/orale<br />

- Osservare i fenomeni storico-sociali di varietà della lingua<br />

Obiettivi<br />

- Individuare i nuclei concettuali di un discorso<br />

- Pianificare ed organizzare il discorso in rapporto alle caratteristiche della<br />

comunicazione<br />

- Leggere e comprendere i testi<br />

- Esprimere, attraverso testi scritti e orali, emozioni, pensieri in modo<br />

funzionale, rispetto alla situazione comunicativa<br />

TRIENNIO<br />

Nel triennio lo studente rafforzerà la padronanza del mezzo linguistico<br />

attraverso un'ampia varietà di usi orali e scritti della lingua ed inoltre affinerà la<br />

sensibilità letteraria mediante la conoscenza articolata del panorama artistico<br />

con la lettura di testi di grandi autori italiani e stranieri, tali da suscitare interesse<br />

per ulteriori approfondimenti.<br />

Finalità<br />

- Consapevolezza della specificità e complessità del fenomeno letterario<br />

- Conoscenza diretta di testi significativi della letteratura italiana ed europea<br />

- Padronanza del mezzo linguistico, scritto e orale<br />

- Consapevolezza dello spessore storico-culturale della lingua<br />

Obiettivi<br />

- Analizzare ed interpretare i testi letterari cogliendo il rapporto tra l'opera<br />

letteraria e il contesto storico di appartenenza<br />

- Riconoscere i vari <strong>as</strong>petti formali di un testo letterario<br />

- Collegare il testo con esperienze soggettive per formulare motivati giudizi<br />

critici<br />

- Padroneggiare il mezzo linguistico come ricezione e produzione scritta e orale.<br />

- Essere consapevoli delle radici storico-culturali della lingua<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


STORIA<br />

Lo studio della storia intende promuovere la formazione di cittadini<br />

consapevoli attraverso una riflessione guidata sulle principali tappe del<br />

processo di sviluppo delle civiltà del p<strong>as</strong>sato.<br />

Creare nell'allievo una memoria storica necessaria per orientarsi nel<br />

presente è obiettivo prioritario della disciplina insieme alla capacità di<br />

analizzare, selezionare e valutare criticamente le testimonianze.<br />

Finalità<br />

- Ricostruire la complessità del fatto storico attraverso l'individuazione dei<br />

rapporti tra particolare e generale, tra soggetti e contesti<br />

- Acquisire la consapevolezza che le conoscenze storiche sono il prodotto<br />

di fonti di varia natura, vagliate, selezionate ed interpretate dallo storico<br />

- Consolidare l'abitudine a problematizzare<br />

- Scoprire la dimensione storica del presente<br />

Obiettivi<br />

- Sviluppare il senso della solidarietà e della pacifica convivenza tra i popoli<br />

- Ampliare il proprio orizzonte culturale attraverso la conoscenza di<br />

culture diverse<br />

- Ricostruire fatti storici attraverso l'analisi della molteplicità delle cause<br />

degli eventi oggetto di studio<br />

- Selezionare e valutare criticamente le testimonianze<br />

- Servirsi degli strumenti fondamentali dello storico<br />

LINGUA E CIVILTÀ INGLESE<br />

Lo studio della lingua e della cultura inglese, nella società odierna, è di<br />

rilevante importanza.<br />

Tutte le attività proposte, sia nel biennio che nel triennio, mirano a<br />

potenziare le competenze comunicative per consentire una corretta<br />

interazione in contesti diversificati<br />

BIENNIO<br />

Finalità<br />

- Potenziare le competenze comunicative di b<strong>as</strong>e<br />

- Sviluppare interesse e curiosità per civiltà e culture straniere<br />

- Acquisire consapevolezza dei propri processi di apprendimento<br />

Obiettivi<br />

- Acquisire funzioni comunicative e nozioni grammaticali di b<strong>as</strong>e<br />

- Formare un bagaglio lessicale che consenta di esprimere concetti essenziali<br />

- Confrontare elementi di civiltà inglese e americana con la realtà italiana<br />

- Saper comunicare in attività semplici e di routine che richiedono uno<br />

scambio di informazioni su argomenti familiari e comuni<br />

- Saper descrivere in termini semplici <strong>as</strong>petti del proprio background e<br />

dell'ambiente circostante<br />

- Saper esprimere bisogni immediati<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 4<br />

69


Cap. 4<br />

70<br />

- Comprendere le idee principali di semplici testi scritti su argomenti concreti<br />

- Saper produrre semplici testi scritti seguendo una traccia<br />

TRIENNIO<br />

Finalità<br />

- Ampliare le competenze comunicative in contesti diversificati<br />

- Comprendere le interconnessioni con civiltà straniere<br />

- Comprendere testi specifici dell'indirizzo<br />

Obiettivi<br />

- Rielaborare funzioni comunicative e nozioni grammaticali fondamentali<br />

- Acquisire bagaglio lessicale adeguato<br />

- Apprendere micro-lingua specifica del corso di studi<br />

- Comunicare con una certa scioltezza e spontaneità in varie situazioni<br />

- Comprendere le idee principali di testi complessi sia su argomenti concreti<br />

che <strong>as</strong>tratti, compresi i testi tecnici del proprio campo di specializzazione<br />

- Produrre un semplice testo su argomenti relativi alla propria specializzazione<br />

- Rielaborare in maniera personale i contenuti acquisiti utilizzando un<br />

linguaggio appropriato<br />

- Produrre testi coerenti e coesi<br />

- Operare collegamenti pluridisciplinari<br />

MATEMATICA<br />

La Matematica, come parte rilevante del pensiero umano, ha, in ogni tempo,<br />

operato su due fronti: da una parte è rivolta a risolvere problemi ed a rispondere<br />

agli interrogativi che l'uomo si pone sulla realtà che lo circonda, dall'altra,<br />

sviluppandosi autonomamente, ha posto e pone aff<strong>as</strong>cinanti interrogativi sulla<br />

portata, il significato e la consistenza delle sue stesse costruzioni culturali.<br />

La matematica dà un apporto fondamentale allo sviluppo delle capacità<br />

logiche, <strong>as</strong>trattive e deduttive dell'individuo.<br />

BIENNIO<br />

Finalità<br />

L'insegnamento della matematica e del laboratorio di informatica promuove:<br />

- lo sviluppo di capacità intuitive e logiche sia analitiche che sintetiche;<br />

- la maturazione dei processi di <strong>as</strong>trazione e di formazione dei concetti;<br />

- la capacità di ragionare induttivamente e deduttivamente con coerenza ed<br />

argomentazioni;<br />

- l'abitudine all'esposizione chiara degli argomenti ed alla correttezza di<br />

linguaggio;<br />

- la consapevolezza degli <strong>as</strong>petti culturali e tecnologici dei mezzi informatici.<br />

Obiettivi<br />

- Utilizzare consapevolmente le tecniche e le procedure di calcolo studiate<br />

- Individuare proprietà invarianti per tr<strong>as</strong>formazioni elementari<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


- Dimostrare proprietà di figure geometriche<br />

- Riconoscere e costruire relazioni e funzioni<br />

- Comprendere ed interpretare le strutture di semplici formalismi matematici<br />

- Riconoscere concetti e regole della logica in contesti argomentativi<br />

TRIENNIO<br />

Finalità<br />

Nel corso del triennio l'insegnamento della matematica prosegue ed amplia<br />

il processo di preparazione scientifica e culturale degli studenti già avviato nel<br />

biennio; concorre, insieme alle altre discipline, allo sviluppo dello spirito critico<br />

ed alla promozione umana ed intellettuale.<br />

In questa f<strong>as</strong>e della vita scol<strong>as</strong>tica, lo studio della matematica cura e sviluppa<br />

in particolare:<br />

- l'acquisizione di conoscenze a livelli più elevati di <strong>as</strong>trazione e di formalizzazione;<br />

- la capacità di cogliere i caratteri distintivi dei vari linguaggi e di utilizzare<br />

metodi, strumenti e modelli matematici in situazioni diverse;<br />

- l'attitudine a riesaminare criticamente ed a sistemare logicamente le<br />

conoscenze acquisite.<br />

Obiettivi<br />

- Utilizzare tecniche e procedure di calcolo studiate, modelli matematici in<br />

situazioni diverse<br />

- Affrontare situazioni problematiche di varia natura, avvalendosi di<br />

opportuni strumenti atti alla loro rappresentazione<br />

- Riesaminare criticamente e sistemare logicamente le conoscenze acquisite<br />

- Riconoscere il contributo dato dalla matematica allo sviluppo delle<br />

scienze sperimentali<br />

- Sviluppare capacità intuitive e deduttive ed acquisire capacità logiche<br />

- Comprendere il rapporto tra scienza e tecnologia ed il valore delle più<br />

importanti applicazioni tecnologiche<br />

DIRITTO ED ECONOMIA<br />

L'insegnamento di Diritto ed Economia risponde all’esigenza di formazione<br />

del cittadino.<br />

L'insieme delle finalità, che caratterizza il corso nel Biennio e nel Triennio,<br />

integra le tematiche che partono da realtà vicine agli studenti e si sviluppano<br />

fino ad arrivare a problematiche istituzionali.<br />

BIENNIO<br />

Finalità<br />

Il corso di Diritto e di Economia promuove e sviluppa:<br />

- la comprensione della realtà sociale attraverso la conoscenza dei<br />

principali <strong>as</strong>petti giuridici ed economici dei rapporti sociali e delle regole<br />

che li organizzano;<br />

- l'acquisizione di competenze nell'uso del linguaggio giuridico e di quello<br />

economico;<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 4<br />

71


Cap. 4<br />

72<br />

- la consapevolezza della dimensione storica della norma giuridica e delle<br />

teorie economiche.<br />

Obiettivi<br />

- Riconoscere, spiegare e utilizzare il linguaggio economico e il linguaggio<br />

giuridico necessari ad ogni cittadino<br />

- Individuare le essenziali categorie concettuali del diritto e dell'economia<br />

- Interpretare il testo costituzionale<br />

- Conoscere i settori di attività prevalenti sul territorio e i fondamentali<br />

operatori del sistema economico<br />

- Descrivere il ruolo dello Stato nell'economia<br />

TRIENNIO<br />

Finalità<br />

- Integrare ed arricchire le conoscenze giuridico-economiche già fornite nel<br />

biennio per guidare il giovane all'interpretazione del funzionamento del<br />

sistema economico-industriale<br />

- Affrontare le dinamiche che caratterizzano la gestione delle imprese sotto<br />

il profilo organizzativo ed economico<br />

Obiettivi<br />

- Cogliere la dimensione economica dei problemi<br />

- Comprendere le caratteristiche e le modalità di funzionamento del sistema<br />

bancario soprattutto per quanto concerne il funzionamento e i servizi alle imprese<br />

- Riconoscere i principali elementi che connotano il funzionamento dei<br />

mercati finanziari e degli scambi internazionali<br />

- Correlare gli <strong>as</strong>petti giuridici ed economici delle operazioni d'impresa specie<br />

riguardo all'<strong>as</strong>setto societario, ai più comuni contratti e rapporti di lavoro<br />

- Individuare le varie funzioni aziendali, il loro ruolo e la loro interdipendenza<br />

- Riconoscere i modelli di organizzazione aziendale<br />

- Documentare e comunicare efficacemente gli esiti del proprio lavoro<br />

- Comprendere la globalità delle problematiche produttive, gestionali e<br />

commerciali delle imprese<br />

EDUCAZIONE FISICA<br />

La disciplina, inserita fra le materie scol<strong>as</strong>tiche del biennio e del triennio, ha lo<br />

scopo di far vivere a tutti gli allievi esperienze significative sul <strong>piano</strong> psico-fisico,<br />

sia collettive che individuali, e formative per lo studente, e in prospettiva per il<br />

cittadino.<br />

L’Educazione Fisica intende fornire allo studente piena consapevolezza<br />

dell’esperienza corporea, che non bisogna interpretare come puro e semplice<br />

movimento.<br />

Finalità<br />

L'insegnamento di Educazione Fisica si propone le seguenti finalità:<br />

- armonico sviluppo corporeo e motorio dell'adolescente;<br />

- maturazione della coscienza relativa alla propria corporeità,<br />

- acquisizione di una cultura delle attività di moto e sportive;<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


- scoperta e orientamento delle attitudini personali nei confronti di attività<br />

sportive specifiche e di attività motorie;<br />

- evoluzione e consolidamento di un'equilibrata coscienza sociale.<br />

Obiettivi<br />

- Ampliamento delle conoscenze, delle capacità e delle competenze<br />

relative alla corporeità<br />

- Capacità di relazionarsi con il tempo e lo spazio circostanti, adattandosi<br />

ad essi<br />

- Capacità di relazionarsi con gli altri, nell'ottica del rispetto reciproco e del<br />

sano confronto secondo delle regole<br />

- Acquisizione di spirito critico, di capacità di giudizio, di senso delle<br />

responsabilità collettive ed individuali<br />

BIENNIO<br />

GEOGRAFIA<br />

La disciplina si propone, attraverso l'analisi dei fenomeni geo-antropici più<br />

significativi, di attenzionare il rapporto uomo-ambiente-risorse.<br />

La conoscenza, l'analisi e l'interpretazione dei dati permetteranno all'allievo<br />

di rapportarsi in modo consapevole ed organico con il mondo<br />

contemporaneo.<br />

Finalità<br />

- Promozione della comunicazione interculturale<br />

- Consapevolezza delle caratteristiche specifiche del territorio<br />

- Sensibilizzazione alla tematica del rapporto società-ambiente<br />

Obiettivi<br />

- Osservare e descrivere il paesaggio<br />

- Riconoscere le relazioni spaziali di un ambiente<br />

- P<strong>as</strong>sare dai temi generali alla realtà locale, rapportando l'ambito locale a<br />

quello globale.<br />

SCIENZE DELLA TERRA<br />

Le conoscenze di b<strong>as</strong>e delle Scienze della Terra agevolano la comprensione<br />

della realtà che ci circonda, con particolare riguardo al rapporto tra<br />

salvaguardia degli equilibri naturali e qualità della vita, risultano di notevole<br />

importanza per la crescita culturale degli studenti.<br />

Finalità<br />

L'insegnamento di Scienze della Terra si propone di far acquisire:<br />

- la comprensione delle relazioni che intercorrono tra le scienze della Terra<br />

e le altre discipline scientifiche, anche in riferimento alle attività umane;<br />

- il consolidamento e lo sviluppo della capacità di lettura del territorio nei<br />

suoi <strong>as</strong>petti naturali ed antropici;<br />

- la comprensione dell'importanza delle risorse che l'uomo trae dalla Terra.<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 4<br />

73


Cap. 4<br />

74<br />

Obiettivi<br />

- Utilizzare in modo appropriato e significativo un lessico specifico<br />

- Raccogliere dati (sia tramite osservazioni e misurazioni dirette, sia mediante<br />

consultazioni di manuali e di testi) e porli in un contesto coerente di conoscenze<br />

- Individuare categorie per caratterizzare oggetti geologici (rocce, minerali,<br />

fossili, etc.) sulla b<strong>as</strong>e di analogie e differenze<br />

- Descrivere i possibili effetti dei fenomeni sismici e vulcanici sul territorio e<br />

i comportamenti individuali più adeguati per la protezione personale<br />

- Descrivere i principali problemi inerenti la risorsa acqua e il suo uso su b<strong>as</strong>i<br />

razionali;<br />

- Raccogliere ed elaborare dati per caratterizzare le condizioni climatiche<br />

della regione di residenza<br />

- Descrivere le più evidenti caratteristiche geomorfologiche della regione di<br />

residenza<br />

- Inquadrare le attività sismiche, vulcaniche e tettoniche in un contesto più<br />

ampio di dinamica terrestre<br />

- Distinguere tra risorse esauribili e risorse rinnovabili e descrivere le<br />

possibili conseguenze sull'ambiente dello sfruttamento delle risorse<br />

materiali ed energetiche<br />

FISICA<br />

Nell'ambito dell'area scientifico-matematica il biennio rappresenta una f<strong>as</strong>e di<br />

p<strong>as</strong>saggio dalla conoscenza b<strong>as</strong>ata sull'empiria, sull'intuizione, sulle applicazioni<br />

pedisseque di leggi al momento formativo più elevato, in cui le facoltà analitiche,<br />

deduttive e critiche dello studente vengono progressivamente orientate verso la<br />

generalizzazione e l'<strong>as</strong>trazione dei concetti.<br />

Finalità<br />

L'insegnamento della Fisica si propone di favorire e di sviluppare:<br />

- la comprensione dei procedimenti caratteristici dell'indagine scientifica e<br />

la capacità di utilizzarli;<br />

- la comprensione delle potenzialità e dei limiti delle conoscenze<br />

scientifiche;<br />

- l'acquisizione di un linguaggio corretto e sintetico;<br />

- la capacità di analizzare e schematizzare situazioni reali;<br />

- l'acquisizione di atteggiamenti fondati sulla collaborazione interpersonale<br />

e di gruppo;<br />

- la capacità di “leggere” la realtà tecnologica;<br />

- la comprensione del rapporto esistente fra lo sviluppo della fisica e le<br />

innovazioni tecnologiche e i suoi riflessi sul tessuto sociale.<br />

Obiettivi<br />

- Analizzare un fenomeno o un problema, riuscendo ad individuare gli<br />

elementi significativi, le relazioni, i dati superflui<br />

- Eseguire in modo corretto semplici misure con chiara consapevolezza<br />

delle operazioni effettuate e degli strumenti utilizzati<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


- Raccogliere, esaminare, ordinare dati e informazioni significative tratte da<br />

tabelle, grafici ed altra documentazione, valutando gli ordini di grandezza<br />

e le approssimazioni, mettendo in evidenza l’incertezza <strong>as</strong>sociata alla<br />

misura<br />

- Porre problemi, prospettare soluzioni e modelli<br />

- Inquadrare in un medesimo schema logico situazioni diverse,<br />

riconoscendo analogie o differenze, proprietà varianti od invarianti<br />

- Trarre semplici deduzioni teoriche e confrontarle con i dati sperimentali<br />

- Utilizzare o elaborare semplici programmi da verificare con il computer,<br />

per la risoluzione di problemi o per la simulazione di fenomeni<br />

Le attività di laboratorio saranno mirate prevalentemente verso le finalità e<br />

gli obiettivi generali descritti. Si cercherà di “fare fisica” mediante<br />

l'osservazione dell'ambiente, invitando gli allievi a porre domande e a<br />

formulare spiegazioni al fine di renderli partecipi della “scoperta”. Fine non<br />

secondario delle attività di laboratorio è quello di agevolare a scrivere<br />

correttamente una relazione tecnica.<br />

CHIMICA E LABORATORIO<br />

La scelta di privilegiare l'approccio disciplinare secondo un percorso storico<br />

(trattazione della cosiddetta chimica cl<strong>as</strong>sica) vuole costituire anche motivo<br />

per stimolare approfondimenti di carattere culturale che consentano di<br />

riflettere sull'evoluzione del pensiero scientifico e delle sue connessioni con la<br />

realtà. Questo, insieme ai necessari riferimenti a temi economici, tecnologici e<br />

sociali, deve contribuire alla piena comprensione del valore culturale e del<br />

carattere perv<strong>as</strong>ivo della chimica nel mondo contemporaneo.<br />

Finalità<br />

Il corso ha come finalità generale l'inquadramento dei fenomeni chimici,<br />

partendo, ove possibile, dall'esperienza quotidiana degli studenti, per la<br />

successiva opera di razionalizzazione delle medesime.<br />

Tende a sviluppare:<br />

- attitudine ad un lavoro di indagine sistematica e di confronto fra idee;<br />

- capacità di correlare i processi chimici esaminati nelle diverse occ<strong>as</strong>ioni;<br />

- capacità di formulare ipotesi di interpretazione dei fenomeni relativi a<br />

processi di prevalente contenuto chimico;<br />

- atteggiamenti razionalmente critici nei confronti delle informazioni, opinioni<br />

e giudizi su fatti relativi alla chimica, forniti dai mezzi di informazione.<br />

Obiettivi<br />

- Riconoscere che un miscuglio è costituito da componenti diversi,<br />

ci<strong>as</strong>cuno dei quali risponde in modo specifico alle tecniche di separazione<br />

- Effettuare, sulla b<strong>as</strong>e di tecniche conosciute, la separazione dei<br />

componenti un miscuglio fino ad ottenere sostanze pure<br />

- Cl<strong>as</strong>sificare le sostanze pure sulla b<strong>as</strong>e dello stato di aggregazione,<br />

prevedendone il comportamento al variare della temperatura e, per i g<strong>as</strong>,<br />

anche della pressione<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 4<br />

75


Cap. 4<br />

76<br />

- Enunciare i principi di conservazione che regolano le reazioni chimiche e i<br />

criteri che consentono di definire elementi e composti<br />

- Correlare la legge delle proporzioni multiple all'ipotesi atomica<br />

- Riconoscere la differenza fra atomi e molecole<br />

- Riconoscere che la combinazione degli atomi è determinata da regole di<br />

valenza ed utilizzare il concetto di valenza per rappresentare semplici<br />

processi chimici mediante formule e schemi di reazione<br />

- Utilizzare la nomenclatura chimica per contraddistinguere le principali<br />

categorie di composti inorganici: ossidi, idrossidi, acidi, sali<br />

- Interpretare la cl<strong>as</strong>sificazione degli elementi sulla b<strong>as</strong>e della periodicità<br />

delle proprietà fisiche e chimiche<br />

L'obiettivo specifico dell'attività di laboratorio consiste nell'acquisizione<br />

della capacità di:<br />

- progettare semplici esperimenti;<br />

- stendere il relativo protocollo;<br />

- individuare ed <strong>as</strong>semblare la strumentazione necessaria;<br />

- rilevare i dati e ordinarli in grafici e tabelle.<br />

TECNOLOGIA E DISEGNO TECNICO<br />

L'insegnamento, che si svolge nel corso del biennio, ha la finalità di avviare gli<br />

allievi alla comprensione delle strutture concettuali e sintattiche del sapere<br />

tecnologico e di sviluppare la capacità di formalizzare graficamente, secondo<br />

convenzioni condivise, la rappresentazione sul <strong>piano</strong> di oggetti tridimensionali,<br />

nonché la capacità di immaginare la visione spaziale degli oggetti a partire dalle<br />

loro rappresentazioni sul <strong>piano</strong>.<br />

La disciplina si integra con lo studio dei materiali, delle principali procedure di<br />

lavorazione, degli strumenti di misura e di controllo.<br />

Finalità<br />

L'insegnamento della disciplina si prefigge di sviluppare:<br />

- la capacità di formalizzare graficamente “oggetti” del <strong>piano</strong> e sul <strong>piano</strong>;<br />

- la capacità di utilizzare procedure di analisi tecnica e procedure di<br />

progettazione;<br />

- la capacità di acquisire conoscenze ed abilità nell'ambito del disegno con<br />

strumenti informatici.<br />

Obiettivi<br />

- Comprendere correttamente strutture di semplici processi tecnologici<br />

- Possedere le capacità operative e di controllo sugli stessi<br />

- Essere in grado di applicare i metodi di rappresentazione<br />

- Utilizzare correttamente gli strumenti per il disegno tecnico tradizionale<br />

- Eseguire schizzi dal vero di oggetti, di semplici strutture e di impianti<br />

- Applicare i metodi di rappresentazione nel rispetto della normativa<br />

- Conoscere ed usare razionalmente gli strumenti di misura e di controllo<br />

- Utilizzare, a livello elementare, le tecniche informatiche<br />

- Rispettare le norme antinfortunistiche e di sicurezza<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


BIOLOGIA<br />

In molti campi della biologia si è avuto recentemente un grande sviluppo.<br />

Innovazioni biotecnologiche interessano la medicina, l'agricoltura, l'alimentazione<br />

e la produzione industriale, con effetti di profondo cambiamento sulla vita umana<br />

e sull'ambiente.<br />

L'acquisizione di conoscenze biologiche aggiornate stimola la partecipazione a<br />

tali processi di cambiamento e favorisce la formazione di coscienze vigili ed<br />

attente agli equilibri biologici ed ambientali, in vista di un effettivo miglioramento<br />

della qualità della vita.<br />

Finalità<br />

- Acquisizione di alcune conoscenze essenziali in vari campi della biologia<br />

- Acquisizione di conoscenze su determinate malattie dell’uomo<br />

- Strutturazione delle informazioni di tipo biologico<br />

- Introduzione all'uso delle espressioni scientifiche proprie della biologia<br />

Obiettivi<br />

- Rilevare, descrivere, rappresentare, spiegare le caratteristiche fondamentali<br />

degli esseri viventi<br />

- Rilevare le caratteristiche qualitative di strutture biologiche<br />

- Spiegare ed usare autonomamente i termini specifici della biologia<br />

- Descrivere e spiegare diversi criteri per la cl<strong>as</strong>sificazione biologica<br />

- Descrivere i caratteri distintivi della specie umana<br />

- Individuare le interazioni tra mondo vivente e non vivente, anche con<br />

riferimento all'intervento umano<br />

INDIRIZZO ELETTROTECNICA<br />

ELETTROTECNICA GENERALE<br />

La disciplina, materia fondamentale del triennio, ha lo scopo di dare una<br />

formazione tecnica ai giovani perchè possano progettare e relazionare sui<br />

controlli, sui collaudi, sulle prove e sulle misure.<br />

Finalità<br />

L'insegnamento di Elettrotecnica deve fornire agli allievi:<br />

- essenziali strumenti di interpretazione e di valutazione dei fenomeni<br />

elettromagnetici ed elettromeccanici;<br />

- buona capacità di analisi di circuiti, apparecchi e macchine;<br />

- sicura cognizione degli ordini di grandezza e capacità valutative per la<br />

scelta di macchine ed apparecchiature in relazione ai tipi di servizio, ai<br />

settori d'impiego e alle condizioni d'installazione.<br />

Obiettivi<br />

- Analizzare e dimensionare reti elettriche lineari e non lineari<br />

- Analizzare le caratteristiche funzionali dei sistemi, anche complessi, per<br />

generare, convertire, tr<strong>as</strong>portare e utilizzare l’energia elettrica<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 4<br />

77


Cap. 4<br />

78<br />

- Partecipare al collaudo, alla gestione e al controllo di sistemi elettrici,<br />

anche complessi, sovrintendendo alla manutenzione degli stessi<br />

- Descrivere il lavoro svolto, redigere documenti per la produzione dei<br />

sistemi progettati e scriverne il manuale d'uso<br />

SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI<br />

Le nuove conoscenze, lo sviluppo continuo, l'applicazione dell'elettrotecnica<br />

in campi sempre più v<strong>as</strong>ti, richiedono ai futuri tecnici del settore competenze<br />

sempre più aggiornate atte a soddisfare le richieste del mondo del lavoro.<br />

La disciplina agevola la formazione di tecnici in grado di intervenire nel settore<br />

degli automatismi perchè in possesso della metodologia tipica del sistemista.<br />

Finalità<br />

- Far acquisire un metodo di indagine ed un complesso concettuale, tipici della<br />

sistemistica, come mezzo di interpretazione di diversi processi fisici e tecnologici<br />

- Fornire conoscenze e capacità specifiche per intervenire nel settore degli<br />

automatismi<br />

Obiettivi<br />

- Analizzare processi prevalentemente di tipo fisico e dispositivi tecnici,<br />

impiegando concetti e strumenti di rappresentazione (grafi, schemi a<br />

blocchi, linguaggi) di tipo sistemistico<br />

- Analizzare e progettare piccoli sistemi automatici o parte di essi, mediante<br />

l'uso delle tecnologie conosciute e caratteristiche dell'indirizzo<br />

- Avere una visione sintetica della tipologia degli automatismi, sia dal punto<br />

di vista delle funzioni esercitate, che dal punto di vista dei principi di<br />

funzionamento sui quali si b<strong>as</strong>ano<br />

IMPIANTI ELETTRICI<br />

Lo studio della disciplina va condotto in stretta connessione con gli<br />

insegnamenti di T.D.P., Elettrotecnica e Sistemi elettrici automatici, con<br />

particolare riferimento alle attività di laboratorio di queste materie.<br />

Si privilegerà l'analisi delle caratteristiche funzionali, riducendo allo stretto<br />

necessario l'uso di formalismi matematici e limitando all'essenziale la<br />

descrizione particolareggiata delle caratteristiche fisiche dei componenti.<br />

Molta importanza dovrà essere data all'automazione degli impianti, civili e<br />

industriali.<br />

Finalità<br />

L'insegnamento di Impianti Elettrici, da effettuarsi prevalentemente in modo<br />

sistemico, è finalizzato a far conseguire organiche conoscenze di b<strong>as</strong>e per il<br />

dimensionamento, la gestione e il collaudo di impianti elettrici.<br />

Esso deve, nel contempo, fornire all'allievo adeguata conoscenza delle<br />

problematiche connesse all'impiego dell'energia elettrica, ivi comprese quelle<br />

relative alla sicurezza.<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


Obiettivi<br />

- Conoscere gli <strong>as</strong>petti fondamentali delle apparecchiature e dei macchinari e<br />

le problematiche relative alla generazione, alla conversione e al tr<strong>as</strong>porto<br />

dell'energia elettrica<br />

- Saper progettare, realizzare e collaudare impianti di media e b<strong>as</strong>sa tensione<br />

- Saper operare la scelta dei componenti sulla b<strong>as</strong>e di criteri tecnici ed<br />

economici, in relazione alla tipologia degli impianti<br />

- Conoscere sistemi automatici di regolazione e controllo di impianti civili ed<br />

industriali<br />

- Saper progettare e scegliere i dispositivi di sicurezza in relazione alle<br />

particolarità dell'impianto<br />

- Avere conoscenza delle problematiche relative all'utilizzazione dell'energia<br />

elettrica con riferimento al risparmio energetico, al rif<strong>as</strong>amento ed alla<br />

tariffazione<br />

- Possedere adeguate conoscenze sugli azionamenti elettrici e sui problemi<br />

relativi alla regolazione, al controllo e alla diagnostica degli impianti<br />

TECNOLOGIE ELETTRICHE, DISEGNO E<br />

PROGETTAZIONE<br />

Finalità<br />

Tecnologie elettriche, Disegno e Progettazione (T.D.P.) è una disciplina di<br />

sintesi, principalmente mirata al conseguimento delle seguenti finalità:<br />

- far acquisire, attraverso un'attività progettuale rivolta ad uno specifico<br />

ambito tecnologico, capacità generali di sintesi e di organizzazione;<br />

- far acquisire, con un'impostazione didattica che procede per progetti,<br />

capacità di sistematizzazione delle conoscenze tecnologiche<br />

caratteristiche dell'indirizzo;<br />

- fornire capacità specifiche di rivisitazione e riorganizzazione di contenuti<br />

appresi in altre discipline, necessari per condurre in modo completo un<br />

progetto specifico.<br />

Obiettivi<br />

Lungo il corso l'allievo, affrontando problemi di complessità crescente,<br />

dovrà acquisire conoscenze e operatività specifiche connesse ai p<strong>as</strong>si tipici<br />

della progettazione:<br />

- posizione del problema e documentazione sull'oggetto del progetto;<br />

- scelta di una possibile soluzione e individuazione delle componenti<br />

tecnologiche e degli strumenti operativi occorrenti;<br />

- documentazione specifica su materiali e componenti ed organizzazione<br />

delle risorse disponibili e reperibili (con particolare riferimento agli<br />

<strong>as</strong>petti tecnici ed economici);<br />

- stesura di preventivi di m<strong>as</strong>sima;<br />

- progetto esecutivo;<br />

- realizzazione e collaudo;<br />

- produzione di documentazione d'uso.<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 4<br />

79


Cap. 4<br />

80<br />

MECCANICA E MACCHINE<br />

L'insegnamento di Meccanica e Macchine si propone di fornire agli allievi<br />

conoscenze fondamentali sulla dinamica dei sistemi meccanici, sui problemi<br />

termodinamici e sulle caratteristiche funzionali delle principali macchine a<br />

fluido, ponendoli in grado di valutare le problematiche relative.<br />

Finalità<br />

- Formazione di un'adeguata b<strong>as</strong>e tecnico-scientifica<br />

- Acquisizione dei principi e dei concetti fondamentali della disciplina<br />

- Conoscenze indispensabili per poter affrontare, con la necessaria razionalità,<br />

lo studio delle materie tecnico-professionali specifiche dell'indirizzo<br />

Obiettivi<br />

- Saper valutare i parametri del movimento di un corpo rigido prodotto da<br />

un sistema di forze agenti<br />

- Conoscere la tipologia, le caratteristiche costitutive e funzionali dei sistemi<br />

di tr<strong>as</strong>missione del moto<br />

- Possedere una buona conoscenza delle problematiche inerenti le<br />

resistenze p<strong>as</strong>sive, le sollecitazioni, la resistenza dei materiali<br />

- Conoscere le problematiche connesse con la tr<strong>as</strong>formazione e<br />

l'utilizzazione dell'energia<br />

- Conoscere la costituzione schematica e comprendere la funzionalità di<br />

complessi meccanici e degli elementi costituenti le macchine<br />

- Essere in grado di adoperare i manuali tecnici e saper interpretare la<br />

documentazione tecnica del settore<br />

ELETTRONICA<br />

L'Elettronica resta la disciplina con più agganci con il mondo fisico e, perciò,<br />

deve curare anche <strong>as</strong>petti non specialistici, ma fondamentali, nella formazione<br />

del perito industriale, come la valutazione dimensionale delle grandezze fisiche,<br />

l'uso corretto delle unità di misura, la valutazione critica degli errori di misura, la<br />

valutazione economica di m<strong>as</strong>sima circa la realizzazione e l'impiego di apparati,<br />

l'attenzione alle problematiche energetiche.<br />

Finalità<br />

- Chiara panoramica delle funzioni di elaborazione dei segnali, digitali e analogici<br />

- Capacità di realizzare tali funzioni con la componentistica più attuale<br />

realmente presente sul mercato<br />

- Attenzione continua, tramite ricerca autonoma, verso la variegata evoluzione<br />

della realtà tecnologica, per ampliare le proprie abilità progettuali<br />

Obiettivi<br />

- Conoscenza <strong>dell'offerta</strong> del mercato della componentistica (in generale e<br />

nella realtà locale)<br />

- Capacità di leggere e utilizzare i dati tecnici <strong>as</strong>sociati ai componenti<br />

- Capacità di dimensionare sottosistemi elettronici e di produrre la<br />

documentazione relativa<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


INDIRIZZO INFORMATICA<br />

ELETTRONICA<br />

Tratt<strong>as</strong>i della disciplina saldamente ancorata alla realtà fisica. Presenta,<br />

pertanto, anche <strong>as</strong>petti non specialistici, ma di estrema importanza per la<br />

formazione del perito industriale.<br />

L’individuazione dimensionale delle grandezze fisiche, l'uso corretto dei<br />

sistemi di misura, l'analisi critica degli errori di misura, l'indagine economica di<br />

m<strong>as</strong>sima circa la realizzazione e/o l'impiego di apparati, l'attenzione alle<br />

problematiche energetiche costituiscono <strong>as</strong>petti quotidiani dell'attività del<br />

perito.<br />

Finalità<br />

Nell'ambito delle discipline a carattere professionale dell'indirizzo di studi<br />

per allievi periti in Informatica industriale, il corso di Elettronica persegue la<br />

finalità di sviluppare negli allievi le capacità di:<br />

- analizzare, dimensionare e gestire piccoli sistemi per l'elaborazione, la<br />

tr<strong>as</strong>missione e l'acquisizione dell'informazione in forma di segnali elettrici,<br />

progettandone semplici elementi;<br />

- risolvere problemi di piccola automazione e di interconnessione nei<br />

campi dell'industria e dei servizi;<br />

- partecipare consapevolmente alla realizzazione e alla gestione di grandi<br />

sistemi di elaborazione e automazione, avendo chiare le problematiche<br />

hardware connesse all'interfacciamento.<br />

Obiettivi<br />

Utilizzare:<br />

- strumentazione elettronica di b<strong>as</strong>e;<br />

- strumentazione specialistica;<br />

- documentazione tecnica.<br />

Realizzare o dimensionare o produrre:<br />

- semplici circuiti logici tipici, sia in logica cablata che in logica programmata;<br />

- dispositivi capaci di trattare segnali elettrici di ogni tipo;<br />

- documentazione tecnica relativa ai progetti implementati in laboratorio.<br />

Analizzare e sintetizzare:<br />

- dati ricavati dalle esperienze di laboratorio.<br />

CALCOLO DELLE PROBABILITÀ, STATISTICA<br />

E RICERCA OPERATIVA<br />

Il corso di Calcolo delle probabilità, statistica e ricerca operativa ha lo scopo<br />

di sviluppare le abilità di b<strong>as</strong>e normalmente implicate nella raccolta, nell'analisi<br />

e nell'elaborazione di informazioni e di dati relativi a fenomeni collettivi.<br />

Finalità<br />

- Mettere in grado lo studente di utilizzare proficuamente le potenzialità di<br />

indagine e di analisi del reale, proprie del contesto informatico<br />

- Fornire strumenti che siano in grado di disciplinare e di orientare i metodi<br />

induttivi e le conoscenze empiriche<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 4<br />

81


Cap. 4<br />

82<br />

- Approfondire la comprensione delle nozioni e delle procedure mediante<br />

esemplificazioni e simulazioni con programmi già predisposti o da far<br />

predisporre agli studenti<br />

- Apprendere l 'uso di programmi dedicati al trattamento statistico dei dati<br />

da adottare come ambiente di lavoro corrente<br />

- Realizzare almeno le f<strong>as</strong>i più significative di semplici indagini statistiche<br />

Obiettivi<br />

- Leggere, interpretare e valutare informazioni complesse<br />

- Raccogliere, analizzare e rappresentare dati statistici<br />

- Trattare consistenti quantità di dati con dispositivi informatici<br />

- Assumere decisioni coerenti su eventi, grandezze, processi in condizione di<br />

incertezza<br />

- Valutare la significatività e validità di una inferenza statistica<br />

- Adattare i modelli teorici conosciuti a distribuzioni empiricamente rilevate<br />

- Inquadrare una tecnica di ricerca operativa studiata in un contesto<br />

problematico coerente<br />

- Formalizzare e risolvere problemi di ottimizzazione scegliendo<br />

opportunamente una delle tecniche studiate<br />

SISTEMI AUTOMAZIONE E LABORATORIO<br />

Il corso di Sistemi Automazione e Laboratorio deve dare al Perito Industriale<br />

in Informatica una conoscenza generale dei metodi e problemi<br />

dell'automazione, utilizzando le conoscenze tecnologiche acquisite nei corsi di<br />

Elettronica e di Informatica, sviluppandole ed operandone una sintesi nella<br />

prospettiva progettuale, soprattutto nel corso dell'ultimo anno.<br />

Nel corso sono distinguibili due tipi di contenuti naturalmente interconnessi:<br />

da una parte i fondamenti concettuali e metodologici dell'automazione,<br />

dall'altra il completamento e lo sviluppo specializzato delle tecnologie<br />

elettronico-informatiche.<br />

Finalità<br />

L'insegnamento di Sistemi Informatici deve contribuire alla formazione:<br />

- di un adeguato bagaglio di precise conoscenze tecniche;<br />

- di capacità operative per il futuro perito;<br />

- di strategie specifiche di risoluzione dei problemi.<br />

Obiettivi<br />

- Acquisire un corretto linguaggio specifico della disciplina<br />

- Procedere in modo autonomo nel lavoro<br />

- Acquisire la capacità di costruire modelli di semplici sistemi reali sia<br />

deterministici che stoc<strong>as</strong>tici e di studiarne il comportamento mediante la<br />

costruzione di programmi di simulazione<br />

- Acquisire conoscenze e capacità tecnologiche sufficienti per affrontare<br />

problemi connessi sia con l'analisi che con la sintesi di piccoli sistemi di<br />

automazione<br />

- Conoscere l'implementazione fisica di diversi tipi di calcolatore e darne<br />

una corretta descrizione <strong>as</strong>tratta<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


- Programmare sistemi a microprocessore con bus e interfacce standard<br />

- Conoscere i principali tipi di interfacce e di protocolli per il collegamento<br />

in rete e saper progettare e realizzare semplici moduli di comunicazione<br />

INFORMATICA<br />

Il Perito Industriale per l'Informatica trova la sua collocazione sia nelle<br />

imprese specializzate nella produzione di software che in tutte le situazioni in<br />

cui la produzione e la gestione del software, il dimensionamento e l'esercizio di<br />

sistemi di elaborazione dati siano attività rilevanti indipendentemente dal tipo<br />

di applicazione.<br />

Finalità<br />

Il corso di Informatica persegue la finalità di sviluppare negli allievi le capacità di:<br />

- affrontare (dall'analisi fino alla documentazione) la soluzione di un problema;<br />

- saper scegliere le metodologie e gli strumenti software più idonei;<br />

- seguire con una certa autonomia l'evoluzione delle tecnologie informatiche.<br />

Obiettivi<br />

- Risolvere problemi indipendentemente da un linguaggio di programmazione<br />

- Impostare problemi, anche da un punto di vista non procedurale<br />

- Verificare la correttezza di una soluzione<br />

- Leggere ed interpretare descrizioni sintattiche in più notazioni<br />

- Leggere ed interpretare programmi in più linguaggi<br />

- Usare il linguaggio di comando di un sistema operativo<br />

- Usare con proprietà un linguaggio imperativo<br />

- Documentare software a livello elementare<br />

- Elaborare file ad organizzazione sequenziale<br />

- Applicare con proprietà tecniche la programmazione modulare<br />

- Applicare il paradigma della programmazione orientata agli oggetti<br />

- Definire e manipolare strutture di dati connesse da puntatori<br />

- Progettare e costruire interfacce utente amichevoli<br />

- Scegliere, per rappresentare e gestire un insieme di informazioni, il tipo di<br />

organizzazione più adatto a seconda dell'applicazione<br />

- Gestire il progetto e la manutenzione di Sistemi Informativi per piccole realtà<br />

INDIRIZZO MECCANICA<br />

MECCANICA APPLICATA<br />

La Meccanica applicata <strong>as</strong>sume fondamentale importanza nell'indirizzo<br />

perché tutte le materie tecnico-professionali caratterizzanti l'indirizzo si<br />

avvalgono dei suoi contributi e perché essa riveste un ruolo formativo in virtù<br />

del rigore scientifico con cui deve essere impostato e condotto il suo studio.<br />

Finalità<br />

L'insegnamento della Meccanica applicata deve, dunque, promuovere negli<br />

allievi:<br />

- la formazione di una consistente b<strong>as</strong>e tecnico-scientifica;<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 4<br />

83


Cap. 4<br />

84<br />

- l'acquisizione critica dei principi e dei concetti fondamentali costituenti il<br />

supporto scientifico della disciplina;<br />

- le conoscenze indispensabili per poter affrontare, con la necessaria<br />

razionalità, lo studio delle materie tecnico-professionali specifiche<br />

dell'indirizzo meccanico;<br />

- l'acquisizione di capacità progettuali di organi di macchine e di semplici<br />

meccanismi.<br />

Obiettivi<br />

La scuola farà in modo che l'allievo possa:<br />

- acquisire una buona conoscenza delle problematiche inerenti l'equilibrio<br />

dei corpi liberi e vincolati, le leggi del moto, la dinamica dei corpi, le<br />

resistenze p<strong>as</strong>sive, la resistenza dei materiali, i meccanismi per la<br />

tr<strong>as</strong>missione del moto, la regolazione delle macchine;<br />

- acquisire buone capacità di schematizzazione dei problemi e di<br />

impostazione dei calcoli di dimensionamento e di verifica di semplici<br />

strutture, di organi di macchine e di meccanismi;<br />

- essere in grado di adoperare i manuali tecnici e saper interpretare la<br />

documentazione tecnica del settore;<br />

- acquisire una buona conoscenza delle principali caratteristiche dei vari tipi<br />

di impianti motori e di macchine a fluido, con particolare riguardo alle<br />

applicazioni industriali, ai criteri di scelta, ai problemi di installazione e di<br />

funzionamento;<br />

- acquisire sufficienti capacità operative di calcolo su potenze, rendimenti,<br />

bilanci energetici, consumi, ecc..<br />

TECNOLOGIA MECCANICA ED ESERCITAZIONI<br />

La disciplina si propone di fornire una buona conoscenza dei materiali<br />

utilizzati nell'industria meccanica e dei procedimenti per tr<strong>as</strong>formare il<br />

prodotto grezzo in prodotto finito.<br />

Finalità<br />

- La conoscenza delle moderne tecniche di produzione<br />

- La conoscenza delle proprietà dei materiali e delle prove meccaniche e<br />

tecnologiche per l'accertamento di tali proprietà<br />

- La conoscenza delle principali macchine utensili per le lavorazioni con<br />

<strong>as</strong>portazione di truciolo<br />

Obiettivi<br />

La scuola farà in modo che l'allievo possa:<br />

- conoscere i vari procedimenti tecnologici per la fabbricazione dei<br />

semilavorati e dei prodotti finiti;<br />

- avere chiaro il concetto di misura, di errore e di tolleranza dimensionale;<br />

- sapere scegliere il tipo di materiale più adatto alla produzione di<br />

determinati organi meccanici, in b<strong>as</strong>e alle particolari proprietà del<br />

materiale stesso.<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


DISEGNO, PROGETTAZIONE,<br />

ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE<br />

La disciplina si propone di sviluppare le conoscenze acquisite nel biennio ed<br />

orientarle verso le applicazioni meccaniche per raggiungere e consolidare le<br />

capacità degli allievi di interpretare, di rappresentare e, quindi, di esprimersi<br />

attraverso il linguaggio grafico.<br />

Finalità<br />

L'insegnamento della disciplina si prefigge di:<br />

- acquisire conoscenze e capacità progettuali nell'ambito della meccanica<br />

tenendo conto dei condizionamenti tecnico-economici;<br />

- acquisire conoscenze ed abilità nell'ambito del disegno <strong>as</strong>sistito dal calcolatore;<br />

- far acquisire conoscenze, capacità progettuali e di analisi critica dei<br />

processi di fabbricazione e della loro programmazione;<br />

- favorire l'approccio con le tematiche connesse alle strutture ed al<br />

funzionamento delle imprese industriali;<br />

- sensibilizzare gli allievi sulle problematiche dei costi di produzione, della<br />

gestione delle scorte e sui problemi di scelta che ne conseguono.<br />

Obiettivi<br />

Al termine del corso l'allievo dovrà:<br />

- aver acquisito capacità progettuale, eseguendo il proporzionamento di<br />

complessivi, il disegno esecutivo dei particolari nel rispetto della normativa e<br />

con uso di manuali tecnici;<br />

- avere conoscenze specifiche dei sistemi per il disegno <strong>as</strong>sistito dal computer<br />

(CAD) ed eseguire disegni alla stazione grafica computerizzata;<br />

- sviluppare cicli di lavorazione e/o montaggio eseguendo scelte di<br />

convenienza economica nell'uso delle attrezzature, delle macchine e degli<br />

impianti;<br />

- progettare le attrezzature speciali di lavorazione e/o montaggio previste nei<br />

cicli tipici di fabbricazione; avere una conoscenza generale della struttura<br />

dell'impresa nelle sue principali funzioni e negli schemi organizzativi più<br />

ricorrenti, con particolare riferimento all'attività industriale;<br />

- avere una conoscenza specifica dei principali <strong>as</strong>petti dell'organizzazione e<br />

della contabilità industriale, con particolare riguardo a programmazione,<br />

avanzamento e controllo della produzione, nonché all'analisi e alla<br />

valutazione dei costi.<br />

SISTEMI E AUTOMAZIONE INDUSTRIALE<br />

La disciplina, inserita nel corso di studi per gli allievi del triennio di<br />

specializzazione Meccanica, propone un compendio ben articolato ed<br />

integrato tra elementi di elettrotecnica, elettronica, pneumatica ed<br />

oleodinamica con lo scopo di arricchire il bagaglio culturale degli allievi, di<br />

potenziare le capacità critiche e di ragionamento, di sviluppare le abilità<br />

operative, di contribuire alla definizione di figure professionali con competenze<br />

tecniche in più settori.<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 4<br />

85


Cap. 4<br />

86<br />

Finalità<br />

In particolare ci si propone di:<br />

- raggiungere il giusto equilibrio tra competenze del settore elettrico e<br />

competenze del settore meccanico;<br />

- fare acquisire all'allievo il consolidamento e la sistematizzazione delle<br />

conoscenze precedentemente acquisite;<br />

- fornire la capacità di operare con sistemi di produzione o di controllo di<br />

processo automatizzati, dalla macchina singola ai gruppi di macchine a<br />

tecnologia mista (pneumatica, oleodinamica, elettrico-elettronica).<br />

Obiettivi<br />

La scuola farà in modo che l'allievo possa:<br />

- avere conoscenze di elementi di informatica e algebra logica;<br />

- avere acquisito competenze nell'ambito della costruzione di circuiti con<br />

logica combinatoria e sequenziale;<br />

- interpretare la documentazione tecnica del settore;<br />

- individuare la tecnologia più idonea per la costruzione di un circuito di<br />

comando;<br />

- valutare la condizione di impiego dei vari componenti sotto l'<strong>as</strong>petto della<br />

funzionalità e della sicurezza;<br />

- avere acquisito conoscenze nei campi della oleodinamica, della pneumatica,<br />

dell'elettropneumatica e nel campo dei sistemi programmabili (PLC);<br />

- progettare e cablare un circuito di comando con diverse tecnologie;<br />

- avere acquisito conoscenze in merito ai sistemi di controllo e regolazione;<br />

- avere sviluppato abilità operative.<br />

Laboratorio di Sistemi Informatici<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


AREA DI PROGETTO<br />

L'area di progetto si connota come l'innovazione più significativa nelle<br />

attività culturali degli Istituti Tecnici. Essa individua uno spazio destinato ad una<br />

didattica per problemi tendente a sviluppare nei giovani capacità critica ed<br />

operativa propria del mondo del lavoro.<br />

L'area di progetto deve coinvolgere il territorio in un proficuo interscambio<br />

tra operatori economici e scuola. Essa coinvolge le cl<strong>as</strong>si del biennio e del<br />

triennio indirizzo Elettronica ed Automazione e indirizzo Meccanica (Progetti<br />

<strong>as</strong>sistiti Ambra ed Ergon) senza che si preveda un opportuno spazio orario. Ad<br />

essa viene attribuito uno “spazio virtuale”, fra le varie discipline, coinvolte per<br />

non oltre un decimo di ci<strong>as</strong>cuna di esse, a conferma della sua caratteristica<br />

multidisciplinare.<br />

L'esame di stato costituisce occ<strong>as</strong>ione privilegiata per i giovani al fine di<br />

manifestare il livello di competenze (capacità, conoscenze/abilità, competenze)<br />

raggiunto in una tematica che spazia all'interno di più discipline. L'area di<br />

progetto potrebbe anche costituire, in uno scenario più ampio per un sistema<br />

di qualità, un nucleo di riferimento per la valutazione degli apprendimenti del<br />

singolo allievo sulle competenze acquisite, al di là delle conoscenze<br />

manifestate.<br />

Laboratorio di Matematica<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 4<br />

87


Cap. 4<br />

88<br />

Laboratorio di Elettronica<br />

Laboratorio di Meccanica<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 5<br />

89


Cap. 5<br />

90<br />

VALUTAZIONE DELLE PROVE SCRITTE DI ITALIANO<br />

(Biennio)<br />

VALUTAZIONE DEL COLLOQUIO DI ITALIANO<br />

(Biennio)<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


VALUTAZIONE DELLE PROVE SCRITTE DI ITALIANO<br />

(Triennio) - Tipologia A - Analisi e commento di un testo letterario<br />

VALUTAZIONE DELLE PROVE SCRITTE DI ITALIANO<br />

(Triennio) - Tipologia B - Saggio breve - Articolo di giornale<br />

VALUTAZIONE DELLE PROVE SCRITTE DI ITALIANO<br />

(Triennio) - Tipologia C/D - Tema<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 5<br />

91


Cap. 5<br />

92<br />

VALUTAZIONE DELLE PROVE SCRITTE<br />

DI MATEMATICA<br />

VALUTAZIONE DELLE PROVE SCRITTE<br />

DI INFORMATICA<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


VALUTAZIONE DELLE PROVE SCRITTE<br />

DI ELETTROTECNICA<br />

VALUTAZIONE DELLE PROVE SCRITTE<br />

DI IMPIANTI ELETTRICI<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 5<br />

93


Cap. 5<br />

94<br />

VALUTAZIONE DELLE PROVE SCRITTE DI SISTEMI ELETTRICI<br />

VALUTAZIONE DELLE PROVE SCRITTE O GRAFICHE DI<br />

DISEGNO, PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE<br />

VALUTAZIONE DELLE PROVE SCRITTE DI ELETTRONICA<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


VALUTAZIONE DELLE PROVE SCRITTE DI<br />

TECNOLOGIA, DISEGNO E PROGETTAZIONE<br />

VALUTAZIONE DELLE PROVE SCRITTE DI<br />

MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 5<br />

95


Cap. 5<br />

96<br />

VALUTAZIONE DELLE PROVE DI<br />

EDUCAZIONE FISICA<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


CRITERI DI VALUTAZIONE PROVE ORALI<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 5<br />

97


Cap. 5<br />

98<br />

Palestra<br />

Pista d’atletica<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


Core-curriculum<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 6<br />

99


Cap. 6<br />

100<br />

GARA NAZIONALE DI ELETTROTECNICA<br />

La gara prevede lo svolgimento di due prove scritte su argomenti relativi alle<br />

discipline di indirizzo, svolti nelle cl<strong>as</strong>si terze e quarte. Ci<strong>as</strong>cuna prova<br />

consisterà nell'elaborazione di c<strong>as</strong>i o nello sviluppo e nella realizzazione di<br />

progetti concernenti le discipline tecniche maggiormente professionalizzanti<br />

dell'indirizzo di studi, tratti dalla propria realtà produttiva.<br />

Coordinatore del Progetto: prof. Giuseppe Cocuccio<br />

Obiettivi<br />

- Valorizzazione degli alunni<br />

- Verifica di abilità acquisite e di livelli professionali e culturali raggiunti in<br />

relazione ai curricoli<br />

- Scambio di esperienze tra realtà socio culturali diverse<br />

- Diffusione sul territorio di un'immagine dell'istruzione adeguata alle nuove<br />

realtà emergenti in campo nazionale ed europeo<br />

- Approccio sempre più puntuale ad un sistema integrato scuola-formazione<br />

Modi e tempi: la gara si svolgerà a Pordenone presso l'<strong>Istituto</strong> <strong>Tecnico</strong><br />

Industriale “J. F. Kennedy” nei giorni 26 e 27 novembre <strong>2008</strong>.<br />

Destinatari: un solo allievo, scelto tra coloro che hanno conseguito nell'anno<br />

scol<strong>as</strong>tico 2007-<strong>2008</strong> l'ammissione alla cl<strong>as</strong>se quinta. Il candidato selezionato sarà<br />

quello ritenuto, per profitto scol<strong>as</strong>tico, più idoneo a rappresentare l'<strong>Istituto</strong>.<br />

Risorse umane: docente accompagnatore scelto tra gli insegnanti delle<br />

discipline tecniche professionalizzanti.<br />

Beni e servizi: l’<strong>Istituto</strong> si farà carico di tutte le spese inerenti la missione<br />

del docente accompagnatore, il viaggio e il soggiorno dell'allievo.<br />

VII EDIZIONE DEL “PREMIO NAZIONALE BtScuola <strong>2009</strong>”<br />

La società BTicino S.p.A. di Milano istituisce il “Premio Nazionale btscuola”<br />

da conferire a cl<strong>as</strong>si quarta o quinta (Docenti e Studenti) di Istituti Tecnici e<br />

Professionali con specializzazione in elettrotecnica, elettronica e<br />

telecomunicazioni, che avranno elaborato i migliori progetti sul tema di<br />

impiantistica proposto.<br />

Coordinatore del Progetto: prof. La Rosa Antonio<br />

Obiettivi: il Premio BtScuola ha come principale obiettivo quello di<br />

avvicinare il mondo della scuola tecnica e professionale a quello dell'industria<br />

elettrotecnica ed elettronica, secondo i più recenti orientamenti ministeriali. In<br />

quest'ottica il Premio si propone a Docenti e a Studenti di una cl<strong>as</strong>se quarta o<br />

quinta, come opportunità per compiere un'esperienza di lavoro di gruppo valida<br />

sotto il profilo formativo, utile alla conoscenza o all'approfondimento delle<br />

nuove tecnologie ed avvincente per la stesura di un progetto di applicazione<br />

pratica.<br />

Modi e tempi: il regolamento del premio è divulgato per tempo in armonia<br />

con i ritmi che contr<strong>as</strong>segnano lo svolgimento dell'anno scol<strong>as</strong>tico per offrire a<br />

Docenti e Studenti la possibilità di esaminare il tema proposto e di<br />

programmare l'attività della Cl<strong>as</strong>se.<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


Si propone la trattazione di un tema di impiantistica elettrica riferito<br />

all'innovazione tecnologica e alla stesura di un progetto relativo ad una<br />

struttura facilmente individuabile (condominio, abitazione, negozio, aula di una<br />

scuola, laboratorio artigianale, ufficio, c<strong>as</strong>e di cura, ecc.).<br />

a<br />

Il tema della 7 edizione del “Premio Nazionale BtScuola <strong>2009</strong>” è la stesura di<br />

un progetto di impianto elettrico di una Residenza Sanitaria Assistita (RSA)<br />

costituita da un solo <strong>piano</strong> fuori terra.<br />

Alla cl<strong>as</strong>se, in aggiunta al proposto elaborato, sarà somministrato un<br />

questionario a scelta multipla.<br />

Destinatari: le cl<strong>as</strong>si quarte e quinte Elettrotecnica<br />

VISITE PER L'ORIENTAMENTO<br />

Per favorire la crescita delle conoscenze di settore e degli sbocchi professionali<br />

degli allievi dell'ultimo anno delle varie specializzazioni l'<strong>Istituto</strong> si propone di<br />

organizzare visite guidate nei settori informatico, energetico e meccanico.<br />

Coordinatore del progetto: prof. Alfio Leotta<br />

Obiettivi: mediante l'ausilio di docenti dei vari settori saranno illustrate,<br />

con particolare riguardo ai principi di funzionamento, le più recenti novità<br />

tecniche presenti sul mercato.<br />

Rilevante spazio sarà dato alle informazioni relative agli sbocchi<br />

professionali in rapporto alle esigenze del mercato del lavoro.<br />

Modi e tempi: i Docenti accompagnatori prepareranno con informazioni e<br />

strumenti adeguati gli studenti alle varie visite, che si effettueranno secondo un<br />

calendario, successivamente predisposto, in b<strong>as</strong>e alle esigenze emerse.<br />

Visite da Effettuare: Microelettronica (Catania) - Orientagiovani<br />

(Palermo) - Job (Catania) - Expo-Bit (Catania) - Laboratorio Nazionale del Sud<br />

(Catania) - Centrali Elettriche - <strong>Istituto</strong> di Radio<strong>as</strong>tronomia di Noto - Smau<br />

(Catania) - MediElettrica (Palermo).<br />

Destinatari: cl<strong>as</strong>si quinte<br />

Risorse umane interne: docenti delle discipline interessate<br />

Beni e servizi: la scuola si farà carico di <strong>as</strong>sistere ci<strong>as</strong>cun allievo con un<br />

contributo per il biglietto di viaggio.<br />

INCAMPUS<br />

Incampus eroga un servizio di formazione alla persona-studente che parte<br />

dall'orientamento e si conclude con il placement, attraverso l'Università.<br />

L'importanza, i contenuti, le modalità della nostra pratica di orientamento si<br />

sviluppano in constante rapporto all'evoluzione del contesto socio-economico<br />

con particolare riguardo ai cambiamenti in atto sui mercati del lavoro. Oggi,<br />

dunque, orientare non può avere il significato di compiere un'azione tramite la<br />

quale viene consegnato un "prodotto finito" ad una persona, ma significa prima di<br />

tutto tr<strong>as</strong>ferire competenze di autoorientamento in direzione di una decisione,<br />

sviluppando un'efficacia maggiore nell'azione di soddisfacimento e realizzazione<br />

dei propri progetti. Il risultato di questo processo comporta una decisione<br />

convinta e consapevole di realizzare il "progetto di vita" elaborato dalla persona in<br />

orientamento, sia nello studio sia nel lavoro.<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 6<br />

101


Cap. 6<br />

102<br />

Incampus offre a tutti gli Istituti di Secondo Grado quest'attività di<br />

Orientamento che si articola nei seguenti step:<br />

I step: distribuzione in aula dei questionari attitudinali e ritiro degli stessi;<br />

II step: riunione collettiva presso l'<strong>Istituto</strong> di secondo grado e<br />

presentazione dell'attuale contesto socio-economico;<br />

III step:restituzione dei profili personali. Gli studenti interessati avranno,<br />

inoltre, l'opportunità di conoscere le nuove frontiere della<br />

formazione universitaria offerta da Incampus.<br />

Destinatari <strong>dell'offerta</strong>: Cl<strong>as</strong>si terze, quarte e quinte.<br />

QUOTIDIANO IN CLASSE<br />

Continua l'adesione all'iniziativa dell'Osservatorio Permanente Giovani-Editori,<br />

<strong>as</strong>sociazione non-profit, che si prefigge di avvicinare i giovani alla lettura dei quotidiani.<br />

I quotidiani, attraverso l'insostituibile mediazione dei docenti, potranno<br />

essere un valido ausilio didattico, uno strumento complementare nel delicato<br />

processo formativo dei giovani.<br />

Coordinatori del progetto: prof. Alfio Leotta, Carmelo Di Grazia<br />

Obiettivi<br />

- Educare i giovani alla lettura dei quotidiani<br />

- Favorire lo sviluppo delle loro capacità critiche<br />

- Aiutarli nell'analisi dei fatti di attualità<br />

Modi e tempi: ogni cl<strong>as</strong>se dell'<strong>Istituto</strong> dedicherà un'ora a settimana alla<br />

lettura dei quotidiani secondo calendario allegato.<br />

A partire da lunedì 20 Ottobre '08 ci<strong>as</strong>cuna cl<strong>as</strong>se riceverà per tutto l'a.s. copie<br />

del “Corriere della Sera” e de “La Gazzetta del Sud”. A ci<strong>as</strong>cuna cl<strong>as</strong>se sarà<br />

distribuita una copia de “La Gazzetta dello Sport” ed una copia del quotidiano “La<br />

Repubblica”. Le cl<strong>as</strong>si quarte e quinte riceveranno anche “Il Sole 24 Ore”.<br />

Destinatari: tutti gli alunni dell'<strong>Istituto</strong><br />

Risorse umane interne: docenti dell'<strong>Istituto</strong><br />

Beni e servizi: i quotidiani da ritirare ogni giorno nelle edicole abilitate<br />

CALENDARIO PROGETTO “QUOTIDIANO IN CLASSE”<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


LET'S TALK IN ENGLISH<br />

Tutte le insegnanti di lingua inglese ritengono indispensabile ampliare e<br />

potenziare la competenza comunicativa in lingua inglese degli alunni,<br />

avvalendosi di un insegnante di madre lingua.<br />

Coordinatore del progetto: prof.ssa Giuseppa Miraglia<br />

Obiettivi<br />

- Potenziamento delle abilità linguistiche degli alunni con particolare<br />

riferimento a quelle orali (comprensione e produzione)<br />

- Possibilità di <strong>as</strong>coltare e comunicare con una persona di madre lingua, allo<br />

scopo di migliorare la pronuncia e l'intonazione<br />

- Possibilità di avere un contatto reale e, quindi, una conoscenza, non<br />

mediata dall'insegnante, con una persona di cultura inglese<br />

- Fornire un elemento di ulteriore motivazione allo studio con un<br />

docente di madre lingua<br />

Metodologia<br />

La metodologia adottata sarà di tipo nozionale-funzionale e di tipo comunicativo,<br />

con particolare attenzione alle abilità di listening e speaking. L'insegnante di madre<br />

lingua nell'organizzare le attività in cl<strong>as</strong>se, seguirà i suggerimenti del docente<br />

curricolare. Alla fine di ogni argomento, il docente curricolare, con l'<strong>as</strong>sistenza del<br />

lettore di madre lingua, valuterà l'efficacia dell'intervento.<br />

Destinatari: studenti delle sette cl<strong>as</strong>si seconde e delle sei cl<strong>as</strong>si quarte dell'istituto.<br />

Modi e tempi: un'ora settimanale per cl<strong>as</strong>se da novembre <strong>2008</strong> fino ad aprile <strong>2009</strong><br />

Risorse umane: lettore di madre lingua<br />

Beni e servizi: aula, audioc<strong>as</strong>sette, CD, videoc<strong>as</strong>sette, registratore, lettore<br />

CD, televisore e videoregistratore, riviste e quotidiani in lingua inglese, fotocopie.<br />

PALKETTO STAGE<br />

Quest'anno si proporrà agli studenti l'esperienza di <strong>as</strong>sistere ad una<br />

rappresentazione teatrale in lingua inglese. È prevista la visione di “The Strange<br />

c<strong>as</strong>e of Dr Jekkil and Mr Hyde”.<br />

Coordinatore del progetto: Prof.ssa Giuseppa Miraglia<br />

Obiettivi<br />

- Avvicinare gli studenti al teatro<br />

- Ascoltare opere teatrali in lingua inglese<br />

- Conoscere la letteratura inglese<br />

- Stimolare gli studenti a leggere altre opere teatrali<br />

- Condividere l'esperienza <strong>formativa</strong> con studenti di altre scuole<br />

Tempi e modi: la commedia verrà rappresentata al teatro METROPOLITAN di<br />

CATANIA nel mese di gennaio <strong>2009</strong> dal Palkettostage, INTERNATIONAL<br />

THEATRE PRODUCTIONS.<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 6<br />

103


Cap. 6<br />

104<br />

ORIENTAMENTO ALLA PROFESSIONE DI PERITO<br />

È importante che i nostri allievi, che saranno domani periti industriali,<br />

conoscano quali sbocchi lavorativi offre la professione di perito industriale.<br />

Nell'ambito dei rapporti con le realtà professionali e del mondo del lavoro<br />

ogni cl<strong>as</strong>se quinta incontrerà il Collegio dei Periti Industriali e dei Periti<br />

Industriali Laureati.<br />

Settantacinque anni fa, esattamente l'11 febbraio 1929, il Regio decreto n.275<br />

istituiva ufficialmente la libera professione di "Perito Industriale" in Italia;<br />

"ufficialmente" perché in realtà scuole di formazione tecnica per l'industria<br />

n<strong>as</strong>cente erano già ampiamente presenti in tutto il Paese. Il Consiglio Nazionale<br />

dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati (CNPI) celebra i<br />

settantacinque anni della propria storia con un volume "Nello spirito della<br />

tecnica" presentato nella Sala dei Presidenti di Palazzo Giustiniani in Roma.<br />

L'opera, che racconta gli anni dell'epopea industriale italiana, è stata presentata<br />

al pubblico dal presidente del CNPI Mariano Magnabosco, dall'autrice Severina<br />

Fontana e in veste di moderatore dal giornalista del TG1 Davide S<strong>as</strong>soli, il tutto<br />

alla presenza di numerose autorità parlamentari e di governo. Come tutti gli<br />

storici dell'economia riconoscono ormai unanimamente, questi settantacinque<br />

anni coincidono con la n<strong>as</strong>cita, la crescita e l'affermazione dell'apparato<br />

industriale italiano. Settantacinque anni nel corso dei quali, accanto agli<br />

imprenditori che lanciavano la sfida, operavano generazioni di periti industriali<br />

che traducevano in concreto le intuizioni, inventavano le "forme" dell'industria,<br />

le soluzioni tecniche e spesso anche un modo di far convivere i diversi attori<br />

dell'impresa industriale fra genio creativo e organizzazione del lavoro,<br />

imponendo sul mercato la loro condizione di liberi professionisti. Ieri periti<br />

industriali, oggi anche periti industriali laureati nel segno di un rinnovamento<br />

continuo al servizio del Paese e in un'ottica di parificazione con i livelli<br />

professionali europei.<br />

La storia della categoria dei periti industriali segue di pari p<strong>as</strong>so lo sviluppo<br />

economico italiano. Infatti, le tr<strong>as</strong>formazioni del mondo industriale e l'aumento<br />

notevole di figure professionali ha fatto sì che i vecchi "quadri" schizz<strong>as</strong>sero<br />

fuori dalle fabbriche e scoprissero che il proprio bagaglio culturale poteva<br />

essere speso nel mondo della libera professione.<br />

Elementi che si coagulano nella definizione delle competenze professionali,<br />

stabilite con il "Regolamento per la professione di perito industriale",<br />

introdotto con R.D. 11 febbraio 1929, n.275 (in Gazz. Uff., 18 marzo, n.65).<br />

Infatti, nell'art. 16 del R.D. 11 febbraio 1929, n.275, si ritrovano gli elementi<br />

eterogenei di un mondo economico nazionale in piena tr<strong>as</strong>formazione che<br />

necessita di professionisti qualificati nei settori più disparati, che, nel complesso,<br />

rappresentano l'amalgama omogeneo di una società evoluta e moderna.<br />

"Spettano ai periti industriali, per ci<strong>as</strong>cuno nei limiti delle rispettive specialità di<br />

meccanico, elettricista, informatico, edile, tessile, chimico, minerario, navale ed<br />

altre analoghe, le funzioni esecutive per i lavori alle medesime inerenti".<br />

Così alla professione di perito industriale si riconosce la competenza alla<br />

progettazione, esecuzione e direzione nei limiti delle rispettive competenze e,<br />

in generale, le "mansioni direttive nel funzionamento industriale delle aziende<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


pertinenti le specialità stesse". Tuttavia, la necessità di provvedere all'istituzione<br />

di un tipo di professionismo flessibile e specializzato era stato già avvertito,<br />

tanto è vero che la Legge del 24 giugno 1923, n.1395 (in Gazz. Uff., 17 luglio,<br />

n.167), recante "Disposizioni per la tutela del titolo e dell'esercizio<br />

professionale degli ingegneri e degli architetti", all'art.7, comma 2, statuiva, per il<br />

tramite di apposito regolamento, l'istituzione e la formazione in ogni provincia<br />

di albi speciali per i periti agrimensori (geometri) e per le altre categorie di<br />

periti tecnici.<br />

I periti industriali di oggi continuano a formarsi presso gli Istituti Tecnici<br />

Industriali Statali, conseguendo il diploma di maturità tecnica, dopo aver<br />

seguito un corso di studi secondario superiore della durata di cinque anni,<br />

composto, a sua volta, da un biennio di formazione generale ed un triennio di<br />

specializzazione, durante il quale il discente matura la formazione<br />

professionale adeguata all'indirizzo prescelto. Gli indirizzi specializzati, cui si<br />

accennava all'inizio, sono stati regolati nei contenuti con D.P.R. del 30<br />

settembre 1961, n.1222 ("Sostituzione degli orari e dei programmi di<br />

insegnamento negli Istituti tecnici"), che, nella formulazione originaria, ne<br />

annoverava ben 32, ridotti, con accorpamenti successivi (D.M. del 9 marzo<br />

1994, D.M. 27 del aprile 1995, n.263), a 26 specializzazioni. Cosicché, dopo aver<br />

conseguito il diploma di maturità, l'accesso alla professione è subordinato al<br />

superamento di un esame di Stato, al quale si viene ammessi solo dopo avere<br />

svolto un periodo di praticantato della durata di un biennio.<br />

(Tratto dal sito www.cnpi.it )<br />

Il Consiglio Nazionale dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati,<br />

CNPI, nella seduta del 15 dicembre 2005 con delibera n. 206/19, ha approvato il<br />

«Nuovo regolamento per la formazione continua del perito industriale e del<br />

perito industriale laureato», che sostituisce il precedente pubblicato nella<br />

Gazzetta Ufficiale n. 89 del 16 aprile 2004.<br />

Tale nuovo regolamento si allinea alla direttiva 2005/36/CE e<br />

specificatamente al «considerando 39» ed è disponibile sul sito internet:<br />

www.cnpi.it<br />

I periti industriali hanno un proprio Consiglio Nazionale con sede in Roma.<br />

Organo ufficiale del Consiglio è il periodico “Folio”. Ogni provincia è sede di<br />

un Collegio dei Periti.<br />

A Catania il Collegio dei Periti ha sede in viale Vittorio Veneto n.343, tel.<br />

095/7223819, fax 095/7225529, e-mail cppi.ct.segreteria@tin.it.<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 6<br />

105


Cap. 6<br />

106<br />

LA STAZIONE RADIO PER LE COMUNICAZIONI<br />

INTERCONTINENTALI E LO SPAZIO<br />

L’<strong>Istituto</strong> si dota di una stazione radioamatoriale e chiederà un nominativo<br />

per intraprendere l’attività.<br />

Grande l’entusi<strong>as</strong>mo destato dall’evento “ESPERIA MISSION”, che ha visto<br />

il “Fermi” partecipare nel 2007 come “uditore”, grazie all’esperienza del<br />

Prof. Davide Cuppone, docente dell’<strong>Istituto</strong> ed esperto radioamatore.<br />

Coordinatore del progetto: prof. Davide Cuppone<br />

Obiettivi: l'attività culminerà con la possibilità da parte dei nostri alunni di<br />

poter effettuare esperimenti di radiocomunicazioni e tr<strong>as</strong>missioni, in fonia, in<br />

telegrafia, in digitale, ampliando il bagaglio tecnico ed i concetti studiati.<br />

Modi e tempi: sia durante le attività curricolari che in quelle<br />

extracurricolari, gli studenti, coadiuvati da personale esperto, prenderanno<br />

parte attiva alla costruzione ed <strong>as</strong>semblaggio della stazione radio. Non appena<br />

pronta ed operativa la stazione radio, il “Fermi” si candiderà, con tutte le carte<br />

in regola, ad essere destinatario di un collegamento in diretta con la Stazione<br />

Spaziale Internazionale, come prevede il progetto “ARISS”.<br />

Destinatari: alunni del triennio della specializzazione informatica<br />

Risorse umane interne: docenti di Sistemi Automazione e Laboratorio<br />

Beni e servizi: la stazione sarà costituita da un’apparecchiatura radio<br />

ricetr<strong>as</strong>mittente da 1,8 Mhz. fino a 1,2 Ghz. nei modi di tr<strong>as</strong>missione fonia,<br />

telegrafia e digitale (RTTY e PSK31), ed un’apparecchiatura radio<br />

ricetr<strong>as</strong>mittente per le VHF ed UHF multimodo (SSB CW) .<br />

Le ricetr<strong>as</strong>mittenti saranno collegate con un sistema di antenne direttive a<br />

polarizzazione incrociata, che montate sopra una coppia di motori comandati<br />

da un personal computer, permetteranno di effettuare il tracking satellitare,<br />

con movimento sia azimutale che zenitale, per poter effettuare collegamenti<br />

radio via satellite e con la Stazione Spaziale Internazionale (ISS), che orbita alla<br />

quota di 400 km.<br />

PROGETTO “MUSICAMILO”<br />

La musica, il canto e la danza sono le principali forme d'espressione e di<br />

comunicazione.<br />

Il gruppo “Unnadimari” propone agli allievi uno spettacolo di musica relativo<br />

alle radici orali della Sicilia del primo 900 dando particolare rilievo ai canti del<br />

mondo contadino. Di ogni brano, che sarà accompagnato da strumenti musicali<br />

tra cui tamburi, organetto, zampogna, marranzanu, verranno spiegate la<br />

funzione, la provenienza e le tecniche d'utilizzo degli strumenti.<br />

Coordinatore del progetto: prof.ssa Biagia M. Finocchiaro<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


Obiettivi<br />

- migliorare il livello di comunicazione con espressioni diverse<br />

- riscoprire le proprie radici<br />

- attualizzare le vecchie sonorità<br />

- conoscere strumenti provenienti da altre culture<br />

- stimolare la memoria alla ricerca della nostra identità di popolo<br />

Modi e tempi: la manifestazione si terrà in orario antimeridiano nel corso<br />

del primo quadrimestre<br />

Destinatari: studenti del biennio<br />

Risorse umane interne: docente coordinatore<br />

Risorse umane esterne: <strong>as</strong>sociazione culturale “Musicamilo”<br />

Beni e servizi: aula Magna<br />

IMPRENDITORIA GIOVANILE<br />

Il progetto n<strong>as</strong>ce dalla volontà di informare i giovani delle cl<strong>as</strong>si V<br />

specializzazione Informatica sulle possibili forme di avvio di attività<br />

imprenditoriale sia in forma individuale che <strong>as</strong>sociativa e loro forme di<br />

finanziamento connesse al fine di offrire loro una visione più ampia delle<br />

possibilità lavorative post-diploma.<br />

Coordinatore del progetto: Prof.ssa Leonarda Di Mauro<br />

Obiettivi<br />

- Conoscere gli <strong>as</strong>petti principali per intraprendere un'attività lavorativa<br />

autonoma con riferimento all'apertura e gestione di una P. Iva<br />

- Conoscere gli elementi caratterizzanti della “cooperativa e dell'impresa<br />

artigiana”<br />

- Varie forme di finanziamento per l'avvio di impresa.<br />

- Guida agli strumenti di pagamento<br />

- Conoscere le caratteristiche dei titoli di debito e dei titoli di capitale<br />

Modi e tempi: si prevedono due incontri in orario curriculare<br />

presumibilmente durante la quarta e quinta ora.<br />

La metodologia utilizzata è quella attiva - partecipata.<br />

Destinatari: alunni delle cl<strong>as</strong>si quinte specializzazione Informatica.<br />

Risorse umane interne: tutor<br />

Risorse umane esterne: esperti nel campo dell'imprenditoria giovanile<br />

Bene e servizi: aula Magna, computer con video proiettore.<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 6<br />

107


Cap. 6<br />

108<br />

Attrezzature del laboratorio di Meccanica<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 7<br />

109


Cap. 7<br />

110<br />

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ<br />

Si vuole aderire alla campagna di sostegno alle Associazioni siciliane contro il<br />

racket delle estorsioni, l'usura, la criminalità organizzata.<br />

Coordinatore del progetto: prof. Giuseppe Longo<br />

Obiettivi<br />

- Diffondere e divulgare la cultura della legalità<br />

- Combattere i fenomeni legati alla criminalità, che impediscono la libertà di<br />

vivere dei cittadini<br />

- Sollecitare la partecipazione attiva di tutte le istituzioni, centrali e locali,<br />

della magistratura, delle forze dell'ordine, del mondo produttivo, delle<br />

Associazioni antiracket ed usura<br />

Modi e tempi: conferenza-dibattito<br />

Destinatari: alunni delle cl<strong>as</strong>si quinte<br />

Risorse umane interne: docenti dell'<strong>Istituto</strong><br />

Risorse umane esterne: magistrati, esponenti delle forze dell'ordine,<br />

esponenti politici, presidenti delle Associazioni antiracket ed antiusura.<br />

SMONTA IL BULLO<br />

Il bullismo è una forma di comportamento aggressivo che si manifesta con<br />

particolari caratteristiche distintive. All'interno delle scuole il bullismo riguarda<br />

tutti gli alunni e non solo quelli che vi prendono parte in maniera più evidente.<br />

Le attività del progetto svolte dal Consorzio Sol.Co. Catania, forniranno un<br />

servizio di consulenza sul fenomeno, coinvolgendo oltre l'<strong>Istituto</strong>, anche le<br />

seguenti scuole: Liceo Scientifico di M<strong>as</strong>calucia, <strong>Istituto</strong> di Istruzione Secondaria<br />

“A. Moncada” di Lentini, <strong>Istituto</strong> <strong>Tecnico</strong> Commerciale “Fodera” di Agrigento,<br />

<strong>Istituto</strong> <strong>Tecnico</strong> Industriale “A. Volta” di Palermo, <strong>Istituto</strong> d'Arte “M. C<strong>as</strong>cio” di<br />

Enna, <strong>Istituto</strong> <strong>Tecnico</strong> Industriale “S. Mottura” di Caltanissetta, <strong>Istituto</strong> <strong>Tecnico</strong><br />

Commerciale “Fabio Besta” di Ragusa, <strong>Istituto</strong> <strong>Tecnico</strong> Commerciale “F.<br />

C<strong>as</strong>entino” di Marsala, <strong>Istituto</strong> <strong>Tecnico</strong> Industriale “E. Majorana” di Milazzo.<br />

Coordinatore del progetto: prof.ssa Carmela Raciti<br />

Obiettivi<br />

- Sensibilizzazione degli operatori scol<strong>as</strong>tici, famiglie, istituzioni e studenti al<br />

fenomeno del bullismo<br />

- Attività di sostegno e consulenza agli operatori e studenti per la<br />

riconoscibilità del fenomeno<br />

- Attività di supporto agli studenti vittime del bullismo<br />

- Attivazione di un Numero Verde per segnalazioni di c<strong>as</strong>i di bullismo<br />

- Monitoraggio qualitativo e quantitativo del fenomeno all'interno degli<br />

istituti scol<strong>as</strong>tici coinvolti nel progetto<br />

Modi e tempi: lezioni interattive, proiezioni, consulenza socio-psicopedagogica.<br />

L'attività si svolgerà nel periodo novembre-marzo.<br />

Destinatari: gli alunni dell'<strong>Istituto</strong><br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


Risorse umane interne: Docenti dell'<strong>Istituto</strong><br />

Risorse umane esterne: equipe professionale composta da psicologo,<br />

<strong>as</strong>sistente sociale e pedagogista.<br />

Beni e servizi: proiettore<br />

EDUCAZIONE ALLA TOLLERANZA<br />

“I PERCORSI DELLA MEMORIA”<br />

La scuola, come comunità educante, ha il dovere morale di ricordare la<br />

tragedia della Shoah e delle leggi razziali emanate durante il regime f<strong>as</strong>cita nel<br />

Regno d'Italia. Ricordare è importante per prevenire e/o superare l'odierna<br />

intolleranza tra culture diverse.<br />

Coordinatore del progetto: prof.ssa Maria Giovanna Milici<br />

Obiettivi<br />

- Stimolare la capacità di comprendere la “diversità” come elemento di<br />

crescita culturale e umana<br />

- Sviluppare il senso della memoria storica, come momento essenziale di<br />

identità di una comunità<br />

Modi e tempi: gli studenti saranno coinvolti attraverso la lettura di giornali,<br />

libri, dibattiti, proiezioni di film ed incontri con testimoni.<br />

Il lavoro sarà svolto in orario antimeridiano, in cl<strong>as</strong>se o in momenti<br />

<strong>as</strong>sembleari.<br />

Destinatari: studenti del triennio<br />

Risorse umane: docenti interni. Esperto esterno, prof. Seb<strong>as</strong>tiano Gesù -<br />

Docente di Storia e Critica del Cinema - Facoltà di Lingue e Letterature<br />

straniere - Università di Catania.<br />

Beni e servizi: aula magna per la proiezione di film, aula multimediale, libri, giornali.<br />

EDUCAZIONE ALLA SALUTE<br />

Con questo progetto si intende sensibilizzare i giovani verso le tematiche<br />

sulla salute, per raggiungere condizioni di benessere psicofisico.<br />

Obiettivi<br />

- Prendere coscienza di alcune tematiche che riguardano la salute<br />

- Prevenire situazioni che portano a malattie<br />

- Migliorare e curare se stessi e gli altri<br />

- Creare la consapevolezza del valore della donazione<br />

Modi e tempi: le varie attività previste verranno sviluppate durante<br />

l'orario curricolare e la programmazione degli incontri verrà definita e<br />

comunicata a tutti i docenti delle cl<strong>as</strong>si coinvolte.<br />

Le attività riguardanti l'educazione alla salute saranno<br />

coordinate dalle prof.sse Carmela Raciti e Biagia Finocchiaro.<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 7<br />

111


Cap. 7<br />

112<br />

“VLAD...”<br />

(“Vieni liberamente a donare”)<br />

PROGETTO sviluppato con:<br />

Il fabbisogno di sangue è in costante crescita. Molte cure non sarebbero possibili<br />

senza la disponibilità di unità di sangue e di pl<strong>as</strong>ma. Il sangue è indispensabile nei<br />

servizi di primo soccorso e di emergenza, nelle attività di alta specializzazione, nella<br />

chirurgia, nei trapianti di organi e nella cura di malattie oncologiche.<br />

Novemila sacche di sangue servono alla Sicilia per renderla autosufficiente: il<br />

nostro progetto concorre al raggiungimento di tale obiettivo.<br />

Coordinatore dell'attività: prof. Angelo Pulvirenti<br />

Obiettivi<br />

- Ottenere un incremento di almeno il 5% nel numero delle donazioni<br />

complessive alla fine dell'intervento formativo<br />

- Fare acquisire conoscenze inerenti la donazione del sangue<br />

Destinatari: alunni delle quinte cl<strong>as</strong>si<br />

Beni e servizi: proiezione di audiovisivi, opuscolo informativo, scheda<br />

d'attivazione.<br />

GENETICA COMUNITARIA<br />

PREVENZIONE DELLE MALATTIE GENETICHE<br />

La Genetica Comunitaria studia le malattie genetiche ed ha <strong>as</strong>sunto le<br />

caratteristiche di una vera e propria disciplina.<br />

Le malattie genetiche costituiscono un serio problema non riconducibile<br />

solo alla sfera del privato delle persone coinvolte. Rappresentano oggi una<br />

tematica sociale di <strong>as</strong>soluta priorità e di crescente interesse. Il problema è<br />

individuale e comunitario, personale e sociale.<br />

Obiettivi<br />

- Conoscere i meccanismi che stanno alla b<strong>as</strong>e della tr<strong>as</strong>missione delle<br />

malattie genetiche<br />

- Riconoscere la differenza tra malattie sessualmente tr<strong>as</strong>messe, malattie<br />

congenite e malattie genetiche<br />

- Conoscere le tecniche preventive delle malattie genetiche in epoca<br />

prezigotica e prenatale.<br />

- Favorire lo sviluppo del senso di responsabilità decisionale e personale nei<br />

confronti della procreazione<br />

Modi e tempi: la metodologia sarà di carattere interattivo. Sarà dato spazio<br />

ad esercitazioni in piccoli gruppi; saranno utilizzate schede di attivazione, brain<br />

storming, role playing, storie di c<strong>as</strong>i clinici.<br />

Il progetto sarà sviluppato durante l'orario curricolare per un totale di<br />

ventiquattro ore: due incontri di due ore per ogni cl<strong>as</strong>se aderente al progetto.<br />

Destinatari: alunni delle cl<strong>as</strong>si quinte<br />

Risorse umane esterne: medico<br />

Beni e servizi: audiovisivi, opuscolo informativo, scheda d'attivazione, questionari.<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


PREVENZIONE E DONAZIONE<br />

Educazione alla prevenzione delle malattie che portano alla necessità di un<br />

trapianto, sensibilizzazione sulle problematiche correlate ai trapianti d'organo.<br />

Importanza sociale e benefici della donazione: donazione del midollo osseo,<br />

donazione del cordone ombelicale.<br />

Obiettivi: creare una coscienza negli studenti nei confronti della donazione<br />

Modi e tempi: incontri in ore curricolari da effettuarsi in Aula Magna<br />

Destinatari: alunni delle cl<strong>as</strong>si quarte<br />

Risorse umane interne: docenti di Lettere, di Scienze e di Religione<br />

Risorse umane esterne: responsabili <strong>as</strong>s. AIDO - Associazione siciliana<br />

leucemia<br />

Beni e servizi: aula, aula magna, fotocopie, video proiettore.<br />

EDUCAZIONE ALIMENTARE E BENESSERE<br />

Il progetto n<strong>as</strong>ce con l'intento di avvicinare i ragazzi correttamente al<br />

“pianeta cibo”. Troppo spesso sono fornite sull'alimentazione da parte dei<br />

m<strong>as</strong>smedia, informazioni errate, che si ripercuotono sulle abitudini alimentari<br />

e, quindi, sulla salute.<br />

Obiettivi<br />

- Far conoscere le cl<strong>as</strong>sificazioni e le funzioni degli alimenti in b<strong>as</strong>e alla loro<br />

composizione e al loro apporto nutritivo<br />

- Far conoscere i disturbi dell'alimentazione, che possono avere anche<br />

risvolti psicologici, come l'Anoressia e la Bulimia<br />

- Far conoscere l'eziopatogenesi della g<strong>as</strong>trite e i comportamenti<br />

alimentari da evitare<br />

- Mettere ci<strong>as</strong>cuno in grado di saper valutare la propria dieta e di saper<br />

modificare comportamenti scorretti e inidonei nell'alimentazione<br />

Modi e tempi: il corso prevede per ogni cl<strong>as</strong>se due incontri della durata di<br />

circa un'ora ci<strong>as</strong>cuno, coinvolgendo gli allievi in un'attiva partecipazione.<br />

Destinatari: alunni prime cl<strong>as</strong>si<br />

Risorse umane: esperto esterno, medico<br />

Beni e servizi: aula, sussidi e riviste specializzate del Ministero della Salute,<br />

materiale multimediale, testi scientifici, fotocopie, video proiettore.<br />

ALCOLISMO E TABAGISMO<br />

L'alcolismo e il tabagismo sono un problema di interesse medico, psichico e<br />

sociale.<br />

Obiettivi<br />

- Saper valutare la pericolosità di una situazione a rischio<br />

- Acquisire conoscenza e comportamenti idonei alla prevenzione e alla<br />

protezione dei soggetti esposti<br />

- Acquisire una coscienza finalizzata all'educazione alla solidarietà nei<br />

problemi sociali senza pregiudizi<br />

Modi e tempi: I vari argomenti verranno trattati partendo da situazioni<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 7<br />

113


Cap. 7<br />

114<br />

problematiche e saranno analizzati in maniera critica, distinguendo tra<br />

osservazioni e fatti, ipotesi e teoria, che verranno poi discussi con gli allievi,<br />

integrando e approfondendo i punti che suscitano più interesse per giungere ad<br />

una visione sempre più completa della problematica.<br />

Le strategie di approccio al tema consisteranno in lezioni frontali e analisi<br />

scientifica di materiali, coinvolgendo gli alunni per renderli parte attiva nella f<strong>as</strong>e<br />

di apprendimento.<br />

Le verifiche si effettueranno tramite colloqui con i ragazzi e tramite test<br />

strutturati del tipo vero/falso, a risposta multipla o a risposta aperta, per vagliare<br />

le conoscenze acquisite. Il corso prevede due incontri di circa 2 ore con ogni<br />

seconda cl<strong>as</strong>se.<br />

Destinatari: l'attività <strong>formativa</strong> è indirizzata a studenti del secondo anno<br />

Risorse umane interne: tutor<br />

Risorse umane esterne: medici, esperti nei processi di educazione e<br />

formazione, biologi<br />

Beni e servizi: aula, sussidi e riviste specializzate del Ministero della Salute,<br />

materiale multimediale, testi scientifici, fotocopie, video proiettore.<br />

PREVENZIONE MALATTIE DELLA PELLE<br />

La cura di se stessi e del proprio corpo è indispensabile per il benessere<br />

personale e sociale ed è, quindi, opportuno sollecitare gli alunni a prendere<br />

conoscenza di alcune malattie più comuni per prevenirle.<br />

Coordinatore: prof.ssa Carmela Raciti<br />

Obiettivi<br />

- Prevenire malattie dermatologiche<br />

- Prendersi cura della propria persona<br />

Destinatari: cl<strong>as</strong>si quarte e quinte<br />

Modi e tempi: una conferenza sui Melanomi<br />

Risorse umane: medico<br />

Beni e servizi: aula magna, fotocopie, videoproiettore.<br />

PREVENZIONE E INFORMAZIONE AIDS<br />

La diffusione delle malattie a tr<strong>as</strong>missione sessuale e parenterale induce la<br />

scuola ad <strong>as</strong>sumere atteggiamenti costruttivi nella tutela della salute individuale<br />

e collettiva.<br />

Obiettivi<br />

- Acquisire corrette informazioni<br />

- Favorire lo sviluppo di una cultura della solidarietà, evitando atteggiamenti di<br />

intolleranza verso le persone interessate dall'infezione di HIV<br />

Modi e tempi: il corso prevede per ogni cl<strong>as</strong>se due incontri della durata di<br />

due ore all'inizio del secondo quadrimestre. Si coinvolgerà la cl<strong>as</strong>se in un'attiva<br />

partecipazione.<br />

Destinatari: il progetto è rivolto agli alunni delle cl<strong>as</strong>si quarte.<br />

Risorse umane: medico<br />

Beni e servizi: aula, sussidi e riviste specializzate del Ministero della Salute,<br />

materiale multimediale, testi scientifici, fotocopie, video proiettore.<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


“EDUCAZIONE ALL'AMBIENTE”<br />

I progetti relativi all'Educazione all'Ambiente saranno coordinati<br />

rispettivamente nelle cl<strong>as</strong>si 1A, 2A, 1B, 2B dal prof. Giuseppe Giordano, nelle<br />

cl<strong>as</strong>si 1C, 2C, 1G, 2G, 1H dalla prof.ssa Grazia Mazzaglia e nelle cl<strong>as</strong>si 1D, 2D, 1E,<br />

2E, 1F, 2F dalla prof.ssa Rita Musumeci.<br />

I rapporti con Lega Ambiente saranno tenuti dal prof. ing. Alfio Leotta.<br />

TESORI D'ITALIA (proposto da LEGAMBIENTE)<br />

L'Italia è un Paese costellato di migliaia di piccoli centri abitati e di piccoli<br />

Comuni, che da secoli sono scrigno di uno straordinario patrimonio di beni<br />

culturali e ambientali, di tradizioni e artigianato, di saperi e di sapori: i “Tesori” del<br />

nostro Paese. Sono i tesori naturali, culturali, artistici, paesaggistici, produttivi.<br />

Il progetto educativo vuole far conoscere e valorizzare i “Tesori d'Arte” di<br />

cui l'Italia è ricca e per i quali resta unica al mondo, coinvolgendo i diversi<br />

soggetti territoriali al fine di favorire i processi di sviluppo locale sostenibile.<br />

Obiettivi<br />

- Conoscenza del patrimonio architettonico locale<br />

- Educazione alla conservazione e alla salvaguardia dei monumenti<br />

Modi e tempi<br />

Le cl<strong>as</strong>si che aderiscono al progetto:<br />

- riceveranno strumenti, materiali didattici, sostegno per scoprire, studiare,<br />

difendere, valorizzare i tesori del proprio territorio;<br />

- segnaleranno il proprio “tesoro” per la pubblicazione di un Atlante dei<br />

Tesori d'Italia;<br />

- potranno partecipare ai gemellaggi;<br />

- parteciperanno alla selezione nazionale dei migliori progetti educativi.<br />

Destinatari: cl<strong>as</strong>si del biennio<br />

Risorse umane interne: insegnanti dell'istituto<br />

Beni e servizi: testi, guide, riviste.<br />

NONTISCORDARDIMÈ OPERAZIONE SCUOLE PULITE<br />

(proposto da LEGAMBIENTE)<br />

Una giornata di volontariato organizzata nelle scuole in collaborazione con il<br />

Ministero dell'Istruzione, volta a rendere gli edifici scol<strong>as</strong>tici più sicuri e vivibili.<br />

Gli studenti, insieme agli insegnanti e ai genitori, opereranno piccoli<br />

interventi volti al miglioramento delle condizioni dell'edificio scol<strong>as</strong>tico, del<br />

cortile o delle zone vicine. Ogni <strong>Istituto</strong> che aderirà avrà a disposizione un<br />

questionario per indagare lo stato di salute della propria scuola.<br />

Obiettivi: educazione all'uso consapevole e responsabile delle risorse<br />

Modi e tempi: l'iniziativa verrà svolta in un giorno del mese di marzo, che<br />

sarà comunicato dagli organizzatori.<br />

Destinatari: cl<strong>as</strong>si del biennio<br />

Risorse umane interne: insegnanti in orario nelle cl<strong>as</strong>si coinvolte<br />

Beni e servizi: materiale in funzione delle attività che verranno svolte<br />

(pitturazioni, pulizia giardino, messa a dimora di piante e/o fiori, ecc.).<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 7<br />

115


Cap. 7<br />

116<br />

“LA SCUOLA ADOTTA UN COMUNE”<br />

(Proposto da LEGAMBIENTE)<br />

Storia e paesaggi, c<strong>as</strong>telli e opere d'arte, cultura e tradizioni locali: da nord a<br />

sud dello Stivale, piccoli Comuni raccontano la storia d'Italia in tutte le sue<br />

espressioni ed aprono scenari di un futuro possibile, dove la natura è ancora una<br />

perla di grande f<strong>as</strong>cino e dove lo sviluppo economico e sociale ha bisogno di<br />

idee e valori nuovi.<br />

Obiettivi<br />

- Andare alla scoperta dell'ambiente naturale e culturale del luogo scelto<br />

- Conoscere per apprezzare la varietà e la diversità dei numerosi piccoli centri<br />

- Evitare l'isolamento dei piccoli Comuni<br />

Modi e tempi: il progetto si b<strong>as</strong>a sui gemellaggi con soggiorni educativi: gli<br />

ospiti conosceranno, attraverso i racconti degli abitanti del piccolo Comune, usi<br />

e costumi delle loro zone. I ragazzi della scuola ospitante si tr<strong>as</strong>formeranno in<br />

ciceroni per mostrare non solo l'arte del proprio paese, ma soprattutto i beni<br />

naturali, ambientali e culturali che contraddistinguono le zone in cui essi vivono.<br />

Destinatari: cl<strong>as</strong>si del biennio<br />

Risorse umane interne: insegnanti dell'<strong>Istituto</strong><br />

Beni e servizi: saranno fornite guide, riviste, materiale informativo.<br />

EDUCARE PER CONSERVARE LA BIODIVERSITÀ<br />

Il progetto introdurrà il concetto biologico di specie, tratterà le specie in via<br />

d'estinzione del presente e quelle estinte del p<strong>as</strong>sato, illustrerà la biodiversità in Italia.<br />

Obiettivi<br />

- Essere consapevoli delle nostre azioni e delle loro conseguenze sull'ambiente<br />

- Ridurre il consumo di energia, di sostanze inquinanti e di materiali superflui<br />

- Non prelevare e non abbandonare animali fuori dal proprio habitat<br />

Modi e tempi: il progetto prevede: incontri in aula con esperti dell'Azienda<br />

Regionale Foreste Demaniali ed una visita ad una Riserva Naturale in primavera<br />

inoltrata<br />

Destinatari: cl<strong>as</strong>si del biennio<br />

Risorse umane interne: insegnanti dell'<strong>Istituto</strong><br />

Beni e servizi: guide, riviste, materiale informativo.<br />

EDUCAZIONE ALL'AMBIENTE ATTRAVERSO<br />

LA CONOSCENZA DEL TERRITORIO<br />

“GLI AMICI DELLA TERRA”<br />

L'<strong>as</strong>sociazione “Gli Amici della Terra”, nell'ambito etneo, si occupa a Viagrande<br />

della gestione del Parco Naturale Monte Serra e del Museo della lava e dei vulcani<br />

(MuLa). Entrambe le strutture sono un importante punto di riferimento per<br />

l'educazione ambientale. I percorsi proposti prevedono escursioni, osservazione<br />

dal vivo del mondo animale e vegetale, esperienze sensoriali.<br />

Coordinatore dell'attività: prof. Mario Tropea<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


Obiettivi<br />

- Protezione dell'ambiente<br />

- Valorizzazione delle risorse naturali<br />

- Difesa della biodiversità<br />

- Comprensione delle dinamiche della geologia terrestre<br />

- Consapevolezza dei rischi e dei benefici dei vulcani<br />

Modi e tempi: il progetto si propone di far visitare agli allievi il Parco Naturale<br />

Monte Serra, che comprende un antico cratere vulcanico ricoperto da una fitta<br />

vegetazione mediterranea, un bosco di querce e sentieri natura. È prevista anche<br />

la visita al Museo della Lava e dei Vulcani che rappresenta un vero e proprio<br />

“viaggio al centro della terra” in quanto dotato di modelli tridimensionali a grande<br />

scala, di immagini satellitari e di simulazioni di colate laviche.<br />

L'attività si svolgerà nei mesi di febbraio-marzo in orario scol<strong>as</strong>tico e pomeridiano.<br />

Destinatari: il progetto è rivolto alle cl<strong>as</strong>si prime dell'<strong>Istituto</strong>.<br />

Risorse umane: docenti dell'<strong>Istituto</strong>. Guide del Parco dell'Etna<br />

Beni e servizi: autobus, guide, riviste e materiale informativo.<br />

STOP THE FEVER – CLASSI PER L'AMBIENTE<br />

La campagna di Legambiente si propone di mobilitare istituzioni e cittadini<br />

intorno all'obiettivo della riduzione dei g<strong>as</strong> serra.<br />

Obiettivi: le cl<strong>as</strong>si iscritte si muovono con azioni concrete dentro un<br />

percorso comune, nel rispetto di un patto per ridurre l'effetto serra. A tal<br />

scopo ci si <strong>as</strong>petta un miglioramento dei comportamenti e degli stili di vita al<br />

fine di ridurre la produzione di emissioni.<br />

Modi e tempi: le cl<strong>as</strong>si che aderiscono al progetto riceveranno un kit di<br />

schede in cui saranno indicati i criteri per calcolare il risparmio di CO 2.<br />

Le<br />

schede riguardano azioni relative a mobilità, raccolta differenziata, risparmio<br />

energetico, consumo di acqua.<br />

Destinatari: quattro cl<strong>as</strong>si dell'<strong>Istituto</strong>: 1A, 1F, 3A EL, 3C INF<br />

Risorse umane interne: docenti dell'<strong>Istituto</strong><br />

EDUCAZIONE STRADALE - IL PATENTINO<br />

Oggi, sul <strong>piano</strong> normativo, l'Educazione Stradale coinvolge la sfera della<br />

responsabilità personale nell'ambito delle relazioni sociali, collocandosi a pieno<br />

titolo fra le attività educative tr<strong>as</strong>versali, che caratterizzano l'attività della<br />

Scuola. Pertanto risulta <strong>as</strong>solutamente fondamentale definire percorsi<br />

formativi di strategie educative e di prevenzione per la f<strong>as</strong>cia di popolazione più<br />

a rischio costituita dai giovani.<br />

Obiettivi<br />

- Conoscenza e rispetto del nuovo codice della strada e delle norme di<br />

circolazione, sia come pedone che come utente di ciclomotori<br />

- Utilizzo del mezzo meccanico con padronanza tecnica per una guida in sicurezza<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 7<br />

117


Cap. 7<br />

118<br />

- Educazione alla legalità in merito alla disciplina sulla strada:<br />

consapevolezza circa i rischi e i danni derivanti dal traffico alla salute<br />

dell'uomo (stress e decadimento fisico), consapevolezza degli “effetti<br />

negativi” prodotti dall'uso di alcool e droghe<br />

Coordinatore del progetto: prof. Angelo Pulvirenti<br />

Destinatari: tutti gli alunni dell'<strong>Istituto</strong>. In b<strong>as</strong>e alle adesioni sono state<br />

costituite cinque cl<strong>as</strong>si.<br />

Modi e tempi: lezioni frontali, utilizzo di CD multimediali, video-c<strong>as</strong>sette<br />

sulla sicurezza e sulla segnaletica stradale, dibattiti accompagnati da lavori di<br />

gruppo, simulazioni di situazioni di traffico ed infrazioni del Codice della Strada.<br />

Per ci<strong>as</strong>cuna cl<strong>as</strong>se dodici ore di lezione.<br />

Risorse umane esterne: esperto educazione stradale, personale<br />

dipendente autoscuola<br />

Beni e servizi: aula magna, aule, televisore, videoregistratore, computer con<br />

collegamento internet, programma sicurezza stradale su CD, video-c<strong>as</strong>sette,<br />

libri tematici.<br />

PARI OPPORTUNITÀ “Non calpestiamo le margherite”<br />

Il progetto “Non calpestiamo le margherite” intende condannare la violenza<br />

nella nostra società rivolta contro le f<strong>as</strong>ce più deboli, a partire dagli abusi verso<br />

le donne e i bambini fino all'intolleranza razziale.<br />

Coordinatore del progetto: prof.ssa Antonella Treffiletti<br />

Obiettivi: la condanna della violenza in ogni sua forma ha lo scopo di<br />

sensibilizzare gli alunni sulle ingiustizie gratuite, sui pregiudizi e sugli abusi<br />

contro i più deboli, affinché diventino promotori di una società equa.<br />

Modi e tempi: l'otto marzo <strong>2009</strong>. Confronto e dibattito sul tema “La<br />

condanna della violenza: analisi del problema”.<br />

La trattazione delle tematiche sarà supportata da una presentazione in<br />

PowerPoint ed avrà luogo il sette marzo c.a.<br />

Destinatari: gli alunni delle quinte cl<strong>as</strong>si. Tutte le allieve dell'<strong>Istituto</strong>.<br />

Risorse umane<br />

- 1 docente interno coordinamento<br />

- 1 docente interno docenza<br />

- 1 esperto esterno docenza<br />

- 3 esperti esterni<br />

Beni e servizi: materiale di consumo, aula magna, Computer con<br />

videoproiettore<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 8<br />

119


Cap. 8<br />

120<br />

SPORTIVAMENTE… INSIEME…<br />

Il presente progetto n<strong>as</strong>ce dalla considerazione della forte valenza educativa<br />

e <strong>formativa</strong> della pratica sportiva per i giovani, soprattutto nella scuola<br />

superiore, e vuole dare ai nostri studenti l'opportunità di conoscere e praticare<br />

l'attività sportiva nell'ambiente scol<strong>as</strong>tico anche al di fuori dell'orario di lezione.<br />

Coordinatore del progetto: prof. Seb<strong>as</strong>tiano Leonardi<br />

Obiettivi<br />

- Miglioramento individuale del volume tecnico generale ed agonistico<br />

- Maggiore conoscenza dei regolamenti sportivi<br />

- Capacità di collaborare concretamente all'organizzazione di tornei e<br />

manifestazioni sportive<br />

- Capacità di collaborare, all'interno di una squadra, con i propri compagni<br />

nel raggiungimento di uno scopo comune<br />

- Capacità di vivere serenamente il risultato del proprio impegno<br />

Modi e tempi: saranno istituiti gruppi sportivi, che aderiscono ai<br />

campionati studenteschi (nella forma promozionale e competitiva).<br />

Nella f<strong>as</strong>e promozionale saranno coinvolti tutti gli allievi nei tornei interni; in<br />

quella competitiva saranno formate squadre per la partecipazione alle f<strong>as</strong>i<br />

provinciali ed, eventualmente, regionali e nazionali nelle attività sportive<br />

programmate (corsa campestre, atletica leggera, pallavolo, calcetto, calcio a 11,<br />

bocce, mountan bike e pallacanestro).<br />

Manifestazione conclusiva: “Memorial Cantarella” che include, tra l'altro, la<br />

competizione di calcio a cinque con il “Triangolare delle specializzazioni”.<br />

Avviamento di collaborazione con Società Sportive del territorio.<br />

Partecipazione a manifestazioni sportive studentesche tra Istituti del<br />

territorio: “Primavera Sportiva”.<br />

Le attività si svolgeranno in orario extr<strong>as</strong>col<strong>as</strong>tico (14.00 - 17.00) in quattro<br />

incontri settimanali, con l'alternarsi di attività e di insegnanti, nel periodo che va<br />

dal mese di Ottobre alla prima settimana di Giugno.<br />

Le f<strong>as</strong>i d'<strong>Istituto</strong> si svolgeranno, invece, in orario curricolare, per consentire la<br />

totale partecipazione degli alunni.<br />

Destinatari: alunni dell'<strong>Istituto</strong><br />

Risorse umane interne: proff: Seb<strong>as</strong>tiano Leonardi, Rosaria Strano, Filippo<br />

Cavallaro<br />

Beni e servizi: attrezzature specifiche della scuola e degli impianti del<br />

territorio, tr<strong>as</strong>porti, materiale sportivo e di premiazione, <strong>as</strong>sistenza medicosanitaria.<br />

Le lezioni si svolgeranno dalle ore 14.00 alle ore 17.00 secondo il seguente<br />

calendario:<br />

Lunedì<br />

Calcio a 5:<br />

prof. Leonardi S.<br />

Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì<br />

Mountan bike:<br />

prof. Cavallaro F.<br />

Calcio a 5e/o a 11: Pallavolo:<br />

prof. Leonardi S. prof. ssa Strano R.<br />

Atletica leggera:<br />

prof. Leonardi S.<br />

Atletica leggera:<br />

prof. Cavallaro F.<br />

proff.ssa Strano R.<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


“NEWSPAPERGAME”<br />

In collaborazione con il Giornale “La Sicilia”<br />

Il corso n<strong>as</strong>ce dall'esigenza di accostare i giovani al mondo della<br />

comunicazione per renderli protagonisti e creativi, facendo loro sperimentare<br />

come si forma e viene strutturata una pagina di giornale.<br />

La pagina preparata dagli allievi sarà pubblicata da “La Sicilia”<br />

Coordinatore dell'attività: prof.ssa Nunziatina Giusa<br />

Obiettivi<br />

- Avviare i ragazzi alla lettura<br />

- Abituare i ragazzi all'analisi degli accadimenti sociali<br />

- Saper esporre e sintetizzare tramite la redazione di un articolo.<br />

Modi e tempi: il corso avrà la durata di trenta ore.<br />

Destinatari: studenti del triennio<br />

Risorse umane interne: prof.ssa Carmela Raciti, tecnico di laboratorio<br />

Beni e servizi: quotidiani, PC.<br />

LA FRAGOLA<br />

“LA REPUBBLICA” e KATAWEB propongono l'utilizzo del quotidiano e di<br />

Internet per apprendere come si legge un giornale, al fine di sviluppare l'abitudine<br />

alla lettura e alla capacità di analisi critica della notizia e per incentivare la creatività<br />

degli allievi, agevolandoli nella pubblicazione on line di un giornale d'<strong>Istituto</strong>.<br />

Gli studenti, con l'aiuto dei docenti, potranno collegarsi al portale<br />

“LAFRAGOLA.it” per proporsi web-giornalisti, evidenziando le loro capacità<br />

creative ed espressive.<br />

All'indirizzo www.lafragola.it è disponibile un software, di semplice utilizzo,<br />

che permetterà la creazione di un giornale d'<strong>Istituto</strong> on line.<br />

Coordinatore dell'attività: prof. Alfio Leotta<br />

Obiettivi<br />

- Sensibilizzare alunne ed alunni alla lettura<br />

- Favorire il confronto di idee su varie tematiche<br />

- Favorire lo scambio di iniziative, per via informatica, tra Istituti diversi del<br />

territorio, agevolando la crescita culturale e sociale<br />

Modi e tempi: gli incontri si svolgeranno in orario pomeridiano. Gli alunni<br />

partecipanti costituiranno la redazione del giornale. Il corso avrà la durata di<br />

venti ore.<br />

Destinatari: alunni dell'<strong>Istituto</strong><br />

Risorse umane interne: prof.ssa Biagia Finocchiaro<br />

Beni e servizi: giornali, macchina fotografica digitale, materiale didattico,<br />

supporto informatico, materiale di cancelleria.<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 8<br />

121


Cap. 8<br />

122<br />

ARCHIVIO<br />

Il Progetto si propone di fornire agli studenti l'opportunità di usufruire di un<br />

archivio che sarà puntualmente aggiornato con gli articoli più interessanti dei<br />

quotidiani che giornalmente arrivano in <strong>Istituto</strong>. I docenti e gli alunni che<br />

partecipano al progetto “Il Quotidiano in cl<strong>as</strong>se” e che leggono “La Repubblica”<br />

segnaleranno articoli con particolare riguardo alle seguenti tematiche: energia<br />

alternativa, informatica, premi letterari, “libri più letti”, recensioni, robotica,<br />

pneumatica. L'archivio consentirà agevolmente di ricercare articoli di testate<br />

diverse sulla medesima notizia.<br />

Coordinatore del progetto: prof. Alfio Leotta<br />

Obiettivi<br />

- Favorire la capacità di ricercare, di confrontare, di documentare.<br />

- Conoscere sint<strong>as</strong>si e stili di scrittura diversi in rapporto all'argomento trattato<br />

Modi e tempi: alunni e docenti potranno consultare l'emeroteca<br />

informatica<br />

Destinatari: alunni e docenti dell'<strong>Istituto</strong><br />

Risorse umane interne: prof.ssa Biagia Finocchiaro, prof.ssa Patrizia Russo<br />

Beni e servizi: emeroteca cartacea, software per la realizzazione del datab<strong>as</strong>e.<br />

CERTIFICAZIONE TRINITY: LINGUA INGLESE<br />

L' I.T.I.S. “E. Fermi”, consapevole dell'importanza della conoscenza della lingua<br />

inglese in Europa e nel mondo, offre agli studenti la possibilità di conseguire una<br />

certificazione ril<strong>as</strong>ciata dal Trinity, Ente certificatore accreditato dalle autorità<br />

competenti nel Regno Unito (Qualifications and Curriculum Authority) in<br />

accordo con quanto stipulato con il M.P.I.<br />

Gli studenti in possesso di una certificazione sull'abilità nell'uso della lingua<br />

inglese godono di variegate opportunità di studio, conseguendo crediti che<br />

rendono possibili carriere di lavoro in tutta Europa.<br />

Coordinatore del progetto: prof.ssa Giovanna La Spina<br />

Obiettivi<br />

- Conseguimento di una certificazione<br />

- Potenziamento della competenza comunicativa degli studenti<br />

- Ulteriore motivazione allo studio della lingua<br />

Modi e tempi: si costituiranno due gruppi di quindici studenti ci<strong>as</strong>cuno.<br />

La metodologia adottata sarà di tipo comunicativo con particolare<br />

riferimento alle abilità di listening e speaking.<br />

Il docente di madrelingua avrà il compito di aiutare gli studenti<br />

nell'elaborazione scritta del Topic, nonché nelle “communicative skills della<br />

Topic ph<strong>as</strong>e and Conversation ph<strong>as</strong>e”.<br />

Il docente interno avrà il compito di spiegare e far esercitare gli studenti sulle<br />

strutture linguistiche presenti nel “topic” e nelle “subject are<strong>as</strong>”.<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


Il corso inizierà almeno tre mesi prima dello svolgimento degli esami orali e<br />

avrà la durata di trenta ore per ogni gruppo (trenta ore con il docente di<br />

madrelingua in compresenza con un docente di lingua inglese delle varie sezioni).<br />

Il corso si terrà in orario pomeridiano.<br />

Destinatari: studenti dell'<strong>Istituto</strong><br />

Risorse umane interne: docenti di Lingua Inglese<br />

Risorse umane esterne: docente madre lingua<br />

Beni e servizi: aula, laboratorio linguistico e multimediale, audioc<strong>as</strong>sette,<br />

videoc<strong>as</strong>sette, CD, registratore, televisore, videoregistratore, lettore CD,<br />

lettore DVD, riviste e quotidiani in lingua inglese, fotocopie.<br />

GIOCHI MATEMATICI (OLIMPIADI-ETNIADE)<br />

Scopo principale del progetto è la diffusione tra i giovani dell'interesse per la<br />

Matematica.<br />

Referente “Olimpiadi di Matematica” ed “Etniade”: prof.ssa Patrizia Russo<br />

Obiettivi<br />

- Suscitare negli allievi maggior interesse verso lo studio<br />

- Sollecitare docenti ed allievi verso nuove strategie didattiche<br />

Modi e tempi: le gare si svolgeranno nei mesi di novembre, febbraio e marzo.<br />

Verranno organizzati dei corsi preparatori alle gare a cui parteciperanno 3 o 4<br />

alunni per cl<strong>as</strong>se segnalati dai docenti. Verranno organizzati corsi per il biennio e<br />

per il triennio. Ogni corso avrà la durata di 12 ore e per ogni gruppo sarà<br />

presente un docente. I corsi si terranno in orario pomeridiano. Gli alunni che<br />

supereranno la gara d'istituto parteciperanno alla gara provinciale, che si terrà<br />

a Caltagirone (CT) nel mese di febbraio. Nel mese di marzo si terranno le gare<br />

dell' “Etniade” di Matematica, presso la Facoltà di Matematica dell'Università<br />

degli Studi di Catania; parteciperanno gli alunni del biennio. Verranno<br />

organizzati corsi per gli alunni che supereranno la gara d'istituto e per quelli<br />

che parteciperanno alla “Etniade”.<br />

Destinatari: alunni delle cl<strong>as</strong>si del biennio e del triennio.<br />

Durata: anno scol<strong>as</strong>tico <strong>2008</strong> - <strong>2009</strong><br />

Risorse umane: docenti di matematica<br />

Beni e servizi: aula, laboratorio informatica, aula magna. Gagdet per gli alunni.<br />

GIOCHI DI ANACLETO<br />

Lo scopo principale del progetto è quello di stimolare nei giovani l'interesse<br />

per lo studio della Fisica.<br />

Coordinatore del progetto: prof. Bruno Chiarello<br />

Obiettivi: potenziare le capacità logico-risolutive ed operative in laboratorio<br />

Modi e tempi<br />

Le gare si svolgeranno in <strong>Istituto</strong> e saranno articolate in due prove:<br />

- 28 Aprile <strong>2009</strong> relativamente alle “Domande e Risposte”<br />

- 6 Maggio <strong>2009</strong> relativamente alle prove “In Laboratorio”.<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 8<br />

123


Cap. 8<br />

124<br />

Il corso di preparazione alle gare avrà la durata complessiva di venti ore<br />

(dodici ore di compresenza con il tecnico di laboratorio) e sarà svolto in orario<br />

pomeridiano. Saranno coinvolti tre/quattro alunni per ogni cl<strong>as</strong>se del biennio.<br />

Destinatari: alunni delle cl<strong>as</strong>si del biennio<br />

Risorse umane interne: docenti di Fisica<br />

Beni e servizi: laboratorio di Fisica<br />

OLIMPIADI DI INFORMATICA<br />

Il Ministero della Pubblica Istruzione, con l'obiettivo primario di stimolare<br />

l'interesse dei giovani verso la scienza dell'informazione e le tecnologie<br />

informatiche, ha affidato ad AICA (Associazione Italiana per l'Informatica ed il<br />

Calcolo Automatico) il compito di gestire l'organizzazione delle Olimpiadi di<br />

Informatica.<br />

Le Olimpiadi di Informatica sono nate con l'intento di selezionare e formare,<br />

ogni anno, una squadra di atleti che rappresenti il nostro paese alle "International<br />

Olympiad in Informatics" (IOI), indette dall'UNESCO fin dal 1989.<br />

Il progetto dell'<strong>Istituto</strong> ha lo scopo di preparare gli alunni alla selezione<br />

scol<strong>as</strong>tica e a quella regionale delle Olimpiadi di Informatica.<br />

Coordinatore del progetto: prof.ssa Sabina Cristaldi<br />

Obiettivi<br />

- Sviluppare abilità nell'individuare gli algoritmi risolutivi di problemi logici<br />

- Conoscenza dei linguaggi P<strong>as</strong>cal oppure C/C++ (linguaggi ufficialmente<br />

consentiti in questa competizione internazionale).<br />

Modi e tempi: saranno organizzati corsi per gli alunni che daranno l'adesione<br />

a partecipare alle gare previste. I corsi si svolgeranno in orario pomeridiano.<br />

La selezione scol<strong>as</strong>tica si svolgerà in <strong>Istituto</strong> nel mese di dicembre, mentre la<br />

selezione territoriale si terrà nel mese di aprile <strong>2009</strong>.<br />

Destinatari: gli alunni delle sezioni ad indirizzo informatico.<br />

Risorse umane interne: prof.ssa Leonarda Di Mauro<br />

Beni e servizi: aula magna, laboratorio di informatica, fotocopie, tr<strong>as</strong>porti.<br />

MINIROBOT <strong>2009</strong><br />

La robotica sviluppa metodologie, che permettono ad una macchina (robot)<br />

di eseguire dei compiti specifici. Il robot tramite i “sensori” percepisce<br />

l'ambiente circostante e con esso interagisce tramite gli “attuatori”. La robotica<br />

è trans-disciplinare. In essa confluiscono e si fondono argomenti di biologia,<br />

fisiologia, elettronica, fisica, informatica, matematica, meccanica, elettrotecnica.<br />

Coordinatore del progetto: prof. Francesco Alparone<br />

Obiettivi: Il progetto ha lo scopo di preparare gli alunni delle cl<strong>as</strong>si quinte e<br />

quarte per la manifestazione “Minirobot <strong>2009</strong>”. Tale manifestazione consiste in una<br />

competizione tra i robot delle varie squadre e si svolgerà nella sede della Facoltà di<br />

Ingegneria dell'Università di Catania. Essa è aperta alle scuole superiori.<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


Modi e tempi: L'attività di montaggio, di programmazione e di collaudo dei<br />

robot sarà svolta in orario pomeridiano dal mese di gennaio.<br />

Destinatari: alunni delle cl<strong>as</strong>si quarte e quinte della specializzazione informatica<br />

Risorse umane interne: docenti di Sistemi Automazione e Laboratorio<br />

Risorse umane esterne: esperti<br />

Beni e servizi: aula, laboratorio di Sistemi Automazione e laboratorio, kit<br />

robot LEGO Mindstorms (che contiene, oltre ai cl<strong>as</strong>sici “mattoncini”, un<br />

microprocessore programmabile e un set completo di motori e di sensori),<br />

fotocopie, tr<strong>as</strong>porti, quota di iscrizione alla competizione.<br />

GIOCHI DELLA CHIMICA<br />

I Giochi della Chimica sono organizzati dalla Società Chimica Italiana con il<br />

patrocinio del Ministero della Pubblica Istruzione.<br />

Coordinatore del progetto: prof. Giuseppe Giordano<br />

Obiettivi: si vuole conseguire la dilatazione dell'informazione chimica, che<br />

dovrebbe essere sempre più rilevante nel curricolo di b<strong>as</strong>e dei giovani.<br />

Metodologia: questi Giochi della Chimica prevedono una prima selezione<br />

svolta nella scuola. Verranno organizzati dei corsi di preparazione a cui<br />

parteciperanno gli alunni delle seconde cl<strong>as</strong>si segnalati dai docenti. Il corso avrà<br />

la durata di 15 ore e si terrà nelle ore pomeridiane.<br />

Gli allievi che emergeranno da questa selezione parteciperanno<br />

successivamente alla finale regionale, che si terrà nella Facoltà di Chimica<br />

dell'Università di Catania in primavera.<br />

Destinatari: alunni delle seconde cl<strong>as</strong>si<br />

Durata: anno scol<strong>as</strong>tico in corso<br />

Beni e servizi: aula, laboratorio di chimica<br />

SCACCHI A SCUOLA<br />

Questo progetto ha come principale obiettivo la valorizzazione degli <strong>as</strong>petti<br />

formativi del carattere ed educativi della mente giovanile. Il progetto vuole anche<br />

essere veicolo verso l'<strong>as</strong>sociazionismo per il proficuo utilizzo del tempo libero.<br />

L'apprendimento della tecnica del gioco rappresenta un mezzo per agevolare le<br />

facoltà logiche dell'allievo, nello stesso tempo divertendolo.<br />

Chi gioca a scacchi acquisisce una più profonda capacità di concentrazione e<br />

potenzia le caratteristiche elaborative con effetti benefici anche in altri campi, come<br />

l'organizzazione del proprio lavoro e l'apprendimento delle materie scol<strong>as</strong>tiche.<br />

Inoltre questa disciplina può essere praticata anche da alunni svantaggiati e/o<br />

portatori di handicap, può essere utilizzata per il recupero di alunni con difficoltà di<br />

apprendimento e non richiede l'utilizzo di spazi particolarmente attrezzati.<br />

Il gioco degli scacchi agisce positivamente sullo sviluppo della personalità, del<br />

carattere, della coscienza sociale (rispetto delle regole, rispetto dell'avversario, etc.).<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 8<br />

125


Cap. 8<br />

126<br />

Il gioco degli scacchi non è fine a se stesso, ma è collegato strettamente alle<br />

varie discipline scol<strong>as</strong>tiche e pertanto questo progetto si propone di<br />

promuovere un’attività inseribile nell’iter formativo scol<strong>as</strong>tico al fine di offrire<br />

agli studenti occ<strong>as</strong>ioni per una crescita umana e civile e opportunità alternative<br />

per un proficuo utilizzo del tempo libero.<br />

Coordinatore del progetto: prof. Lucio Andò<br />

Obiettivi<br />

Il gioco degli scacchi favorisce lo sviluppo delle seguenti qualità già presenti<br />

negli alunni:<br />

- capacità di attenzione e concentrazione;<br />

- capacità di previsione;<br />

- capacità di memorizzazione;<br />

- capacità di osservazione e riflessione;<br />

- capacità decisionali;<br />

- consolidamento e potenziamento del controllo emozionale;<br />

- acquisizione dell'autonomia decisionale con lo sviluppo della logica<br />

<strong>as</strong>tratta e sintetica mediante un corretto rapporto causa-effetto;<br />

- sviluppo di attitudini psicologiche, di creatività e fant<strong>as</strong>ia;<br />

- <strong>as</strong>sestamento della capacità combinatoria del pensiero che permette<br />

contemporaneamente di considerare e far uso di strategie più complesse.<br />

Modi e tempi:<br />

- Organizzazione giochi sportivi studenteschi che si terranno nell’<strong>Istituto</strong><br />

- Participazione ai giochi sportivi studenteschi e campionati nazionali<br />

giovanili (f<strong>as</strong>i provinciali entro il 16 marzo, f<strong>as</strong>i regionali entro il 16 aprile)<br />

Programma per livello b<strong>as</strong>e (circa 30 minuti di teoria e 1 ora di esercitazioni):<br />

Breve storia degli scacchi - Presentazione della scacchiera e dei pezzi -<br />

Movimento e cattura dei singoli pezzi - Notazione algebrica - Movimenti<br />

particolari: presa al varco, arrocco, promozione del pedone - Scacco e Scacco<br />

matto - Stallo - C<strong>as</strong>i di patta - Matti elementari con pezzi pesanti - Regole<br />

fondamentali sui finali: opposizione, quadrato, finali di Re e pedone, altri c<strong>as</strong>i -<br />

Elementi del medio gioco: attacco doppio, inchiodatura, deviazione, blocco ed<br />

altri c<strong>as</strong>i - Impostazioni delle principali aperture - Tr<strong>as</strong>crizione delle partite -<br />

L'orologio scacchistico - Esempi di partite brevi e semplici: matto del “barbiere”,<br />

matto di Legall, altri c<strong>as</strong>i.<br />

Programma di approfondimento: Rapido sviluppo dei pezzi e lotta per il<br />

controllo del centro - Finali elementari: approfondimento dei concetti del corso<br />

di livello b<strong>as</strong>e - Finali di Re e pedoni contro Re e pedoni con vantaggio di<br />

materiale e di spazio - Elementi di tattica: infilata, inchiodatura, attacco doppio e<br />

di scoperta, scacco doppio e di scoperta, matto affogato, adescamento, blocco,<br />

deviazione, interferenza, attacchi sul Re arroccato, combinazioni b<strong>as</strong>ate su più<br />

idee - Elementi di strategia: importanza delle strutture pedonali, c<strong>as</strong>e forti e c<strong>as</strong>e<br />

deboli, colonna aperta, 7ª traversa, alfieri buoni e cattivi, altri c<strong>as</strong>i.<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


Attività di allenamento: Gare di soluzione di problemi in relazione alla<br />

preparazione degli studenti - Impiego dell'orologio nelle partite - Torneo finale<br />

tra i partecipanti al corso - Partita in simultanea con giocatore di 1ª N. (2h).<br />

Destinatari: alunni dell'<strong>Istituto</strong><br />

Risorse umane interne: prof. Lucio Andò<br />

Beni e servizi: il “Fermi” ospiterà la f<strong>as</strong>e provinciale dei Campionati<br />

Studenteschi<br />

LEGGERE E SCRIVERE IN XML<br />

Il progetto focalizza la programmazione di b<strong>as</strong>e di XML, un linguaggio<br />

emergente nell'industria del software.<br />

Il progetto vuole accostare gli alunni di informatica a tecnologie d'avanguardia,<br />

che potranno valorizzare dopo gli studi nelle loro esperienze di lavoro.<br />

Coordinatori del progetto:<br />

prof.ssa Sabina Cristaldi, prof.ssa Nunzia Cusimano<br />

Obiettivi:<br />

- Sapere che cosa è e a cosa serve XML<br />

- Conoscere come è rappresentata l'informazione in XML e quali sono le<br />

regole per una corretta stesura<br />

- Saper definire e applicare le grammatiche<br />

- Conoscere alcuni modelli di presentazione dei documenti XML<br />

Modi e tempi: sono previste 16 ore pomeridiane con il supporto di un<br />

tutor. Le lezioni (durata 2 ore), che si terranno in laboratorio, saranno in parte<br />

di tipo frontale per fornire preliminari conoscenze teoriche.<br />

Sono previsti venti corsisti.<br />

La partecipazione sarà su adesione volontaria. La selezione dei candidati<br />

avverrà sulla b<strong>as</strong>e dei risultati ottenuti nello scrutinio finale dello scorso anno,<br />

nonché delle motivazioni personali fornite dagli alunni.<br />

Destinatari: il corso è rivolto agli alunni delle cl<strong>as</strong>si quinte della<br />

specializzazione informatica.<br />

Risorse umane interne: prof.ssa Sabina Cristaldi, prof.ssa Nunzia<br />

Cusimano, prof.ssa Leonarda Di Mauro<br />

Beni e servizi: laboratorio di informatica, libri tematici.<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 8<br />

127


Cap. 8<br />

128<br />

“PIANO INTEGRATO DEGLI INTERVENTI <strong>2008</strong>/<strong>2009</strong>”<br />

da realizzare con contributi della F.S.E. (Fondo Sociale Europeo)<br />

Piano relativo al Bando Num. AOODGAI 8124 del 15-07-<strong>2008</strong><br />

Obiettivo: C Migliorare i livelli di conoscenza e competenza dei giovani<br />

Azione: C 1 Interventi per lo sviluppo delle competenze chiave<br />

TITOLO DEL PROGETTO: TAKING OFF<br />

Destinatari: alunni del biennio<br />

Obiettivi: raggiungimento Livello di competenza comunicativa A2<br />

In particolare, alla fine del corso, gli allievi saranno in grado di:<br />

a) Comprendere fr<strong>as</strong>i usate frequentemente relative ad ambiti di immediata<br />

rilevanza.<br />

b) Comunicare in attività semplici e di routine che richiedono un semplice<br />

scambio di informazioni su argomenti familiari e comuni.<br />

c) Descrivere in termini semplici <strong>as</strong>petti del proprio vissuto e dell'ambiente<br />

circostante ed elementi che si riferiscono a bisogni immediati.<br />

Durata: 50 ore.<br />

TITOLO DEL PROGETTO: SCUOLA E TIC<br />

Destinatari: alunni del biennio<br />

Gli obiettivi che il progetto si prefigge di raggiungere sono i<br />

seguenti:<br />

1) Miglioramento della qualità dell'istruzione e dei percorsi formativi.<br />

2) Miglioramento della formazione degli alunni su temi generali dello<br />

sviluppo della società dell'informazione.<br />

3) Integrazione tra competenze curricolari e competenze tr<strong>as</strong>versali<br />

Durata: 50 ore.<br />

TITOLO DEL PROGETTO: UN'ALTRA MATEMATICA<br />

Destinatari: alunni del biennio.<br />

Il progetto si prefigge di raggiungere i seguenti obiettivi:<br />

a) Diffondere metodi innovativi e didattiche attraenti, sperimentando<br />

metodologie nuove per migliorare e diversificare i processi di<br />

apprendimento,<br />

b) consentire l'uso e l'applicazione di conoscenze, abilità e attitudini riconducibili<br />

ad esiti comunque oggetto di valorizzazione da parte della scuola;<br />

c) Sostenere lo sviluppo delle potenzialità dei singoli.<br />

Durata: 30 ore.<br />

Azione: C 5 Tirocini e stage in Italia e nei Paesi Europei<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


TITOLO DEL PROGETTO: SCUOLA E AZIENDA<br />

Destinatari: alunni delle cl<strong>as</strong>si quarte delle Specializzazioni Informatica,<br />

Elettrotecnica, Meccanica.<br />

Obiettivi:<br />

a) Acquisire, attraverso uno stage presso un’azienda, una significativa<br />

esperienza di vita aziendale<br />

b) Apprendere conoscenze necessarie per la realizzazione della messa in<br />

servizio di quadri di automazione industriali governati da PLC<br />

c) Favorire le potenzialità laboratoriali degli allievi<br />

d) Potenziare e sviluppare le competenze acquisite.<br />

Durata: 120 ore<br />

Obiettivo: D Accrescere la diffusione, l'accesso e l'uso della società<br />

dell'informazione nella scuola<br />

Azione: D 1 Interventi formativi rivolti ai docenti e al personale della scuola,<br />

sulle nuove tecnologie della Comunicazione<br />

TITOLO DEL PROGETTO: TECNICHE PER<br />

L'IMPLEMENTAZIONE E LA GESTIONE DELLE RETI.<br />

Destinatari: docenti e personale A.T.A. dell'istituto e del Territorio.<br />

I corsisti saranno in grado di:<br />

a) configurare i dispositivi di rete quali router e switch<br />

b) progettare e realizzare un cablaggio strutturato per un edificio<br />

c) essere in grado di diagnosticare, isolare e risolvere avarie della rete<br />

(Troubleshooting)<br />

d) analizzare ed incrementare le prestazioni della rete (Network<br />

Management) e dei suoi sistemi di sicurezza (Security)<br />

Durata: 50 ore.<br />

Obiettivo: G Migliorare i sistemi di apprendimento durante tutto l'arco della vita<br />

Azione: G 1 Interventi formativi flessibili finalizzati al recupero dell'istruzione<br />

di b<strong>as</strong>e per giovani e adulti<br />

TITOLO DEL PROGETTO: TECNOLOGIE E FORMAZIONE<br />

Destinatari: adulti<br />

Gli obiettivi del progetto sono:<br />

- Favorire il successo formativo e promuovere pari opportunità e<br />

inclusione sociale<br />

- Sviluppare la collaborazione in rete tra gli attori del sistema in rapporto<br />

alle istanze del territorio<br />

- Migliorare il livello di conoscenze e competenze dei giovani/adulti e degli adulti<br />

- Promuovere e sviluppare la società dell'informazione e della conoscenza<br />

anche attraverso l'utilizzo delle nuove tecnologie<br />

- Potenziare l'apprendimento lungo tutto l'arco della vita (LLL)<br />

Acquisire competenze di livello intermedio sull'uso del computer:<br />

Durata: 50 ore<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 8<br />

129


Cap. 8<br />

130<br />

CORSO DI PRIMO SOCCORSO<br />

PER LE SCUOLE MEDIE SUPERIORI<br />

Primo soccorso è l'aiuto di b<strong>as</strong>e che ogni cittadino può dare, al fine di<br />

migliorare le condizioni cliniche del soggetto infortunato e prevenire le<br />

complicanze.<br />

Quindi il primo soccorso ci permette di aiutare una o più persone in<br />

difficoltà nell'attesa dell'arrivo dei soccorsi qualificati (ossia il 118). Pertanto, il<br />

Comitato Locale Jonico CRI di Giarre, comprendente i distaccamenti di M<strong>as</strong>cali,<br />

Fiumefreddo di Sicilia e Piedimonte Etneo, ha allestito sul primo soccorso un<br />

pacchetto di corsi rivolto a varie f<strong>as</strong>ce della popolazione.<br />

Un’attenzione particolare è stata rivolta alla prevenzione degli infortuni e<br />

allo svolgimento del soccorso in sicurezza per i minori delle scuole medie<br />

superiori.<br />

Coordinatore del progetto: prof. Alfio Leotta<br />

Obiettivi:<br />

- Saper allertare il 118<br />

- Riconoscere i malori più frequenti<br />

- Prevenire le forme di tossicodipendenze<br />

- Saper medicare ferite lievi<br />

- Saper effettuare la posizione laterale di sicurezza<br />

Modi e tempi: gli incontri saranno programmati da ottobre <strong>2008</strong> a maggio<br />

<strong>2009</strong>. Per ci<strong>as</strong>cuna cl<strong>as</strong>se, sono previsti sei incontri di due ore, per un totale di<br />

dodici ore complessive. Al termine degli incontri è previsto il ril<strong>as</strong>cio di un<br />

attestato di frequenza del corso per ci<strong>as</strong>cun allievo.<br />

Saranno utilizzate le seguenti metodologie:<br />

- Corso teorico-pratico<br />

- Proiezione multimediale di immagini<br />

- Lezione partecipata<br />

Destinatari: alunni dell'<strong>Istituto</strong><br />

Risorse umane esterne: esperti CRI di Primo Soccorso<br />

Beni e servizi: per la realizzazione degli incontri verranno adoperati i<br />

seguenti materiali: videoproiettore, tabelloni anatomici, manichino per<br />

addestramento al BLS (B<strong>as</strong>ic Life Support), dispense e borsone di primo<br />

soccorso.<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


PATENTE DI RADIOAMATORE<br />

La società di oggi si regge su un sistema ampio e articolato di comunicazioni,<br />

tra le quali <strong>as</strong>sumono una preziosa valenza le Radiocomunicazioni, siano esse<br />

satellitari o terresti, in fonia, in telegrafia, in digitale.<br />

In occ<strong>as</strong>ione di calamità naturali, l'unico "sistema" che può garantire<br />

adeguati ed opportuni collegamenti è proprio quello dei radioamatori.<br />

L’attività radioamatoriale permette l'approfondimento della lingua inglese,<br />

unica lingua universalmente usata nell'ambito delle radiocomunicazioni.<br />

Il “Fermi” ha deciso di istruire propri allievi sulle possibilità offerte da<br />

queste tecnologie.<br />

Coordinatore del progetto: prof. Alparone Francesco<br />

Obiettivi<br />

Il progetto ha lo scopo di:<br />

- Preparare studenti del Fermi, ad affrontare l'esame Ministeriale per il<br />

conseguimento della Patente di Radioamatore<br />

- Portare gli alunni a capire l'importanza delle radiocomunicazioni tramite<br />

dimostrazioni pratiche di variegate tr<strong>as</strong>missioni radio (fonia, telegrafia,<br />

RTTY, digitale)<br />

- Costituire in <strong>Istituto</strong> una stazione radio permanente regolarmente<br />

autorizzata dal Ministero delle Telecomunicazioni<br />

Modi e tempi: l'attività di montaggio della stazione radio sarà svolta sia<br />

durante le attività curricolari di Laboratorio di Sistemi per l’informatica, che in<br />

orario pomeridiano. Le attività di formazione ed esercitazione specifiche al<br />

conseguimento della Patente Ministeriale saranno svolte tramite 50 ore di<br />

lezione teorica e 25 di lezione pratica, con simulazioni di esame in itinere.<br />

Destinatari: 30 alunni delle cl<strong>as</strong>si terze quarte e quinte informatica che<br />

o<br />

abbiano compiuto il 16 anno di età (condizione necessaria prevista dalla<br />

legge).<br />

Risorse umane interne: docente titolare di patente e licenza di<br />

radioamatore, aiutante tecnico<br />

Risorse umane esterne: esperto<br />

Beni e servizi: laboratorio di Sistemi, Automazione e laboratorio,<br />

Personal Computer, proiettore, lavagna, materiale didattico elettronico e<br />

radiantistico, libro di testo ufficiale, tr<strong>as</strong>porti.<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 8<br />

131


Cap. 8<br />

132<br />

Robotica: in azione Robot NPS, realizzato dagli studenti dell’<strong>Istituto</strong><br />

e vincitore del Premio Originalità nella competizione MiniRobot <strong>2008</strong><br />

presso la Facoltà d’Ingegneria di Catania<br />

Robotica: attività in laboratorio<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 9<br />

133


Cap. 9<br />

134<br />

AMBIENTI DI APPRENDIMENTO:<br />

LAVAGNE INTERATTIVE<br />

Il corso ha lo scopo di fornire agli insegnanti, già dotati di un minimo di pratica<br />

con l'uso del computer, capacità operative e pratiche immediatamente<br />

spendibili nelle attività didattiche quotidiane, accompagnate da una riflessione<br />

sui contesti d'uso di tali specifiche capacità e sulla loro valenza didattica. In<br />

particolare verrà trattata la progettazione della cl<strong>as</strong>se virtuale. Il corso è<br />

pensato come laboratorio per fornire competenze per la concreta<br />

preparazione di lezioni e attività b<strong>as</strong>ate in tutto o in parte sull'uso delle nuove<br />

tecnologie. Tali obiettivi si concretizzeranno con la produzione finale di un CD<br />

– ROM multimediale di contenuto didattico.<br />

Coordinatore del progetto: prof.ssa Patrizia Russo<br />

Obiettivi<br />

I partecipanti potranno comprendere:<br />

- Come le TIC possano incidere sulla propria disciplina e sulla didattica<br />

- Il concetto di ambiente di apprendimento<br />

- Le metodologie utilizzate per sviluppare un ambiente di apprendimento virtuale<br />

- Come progettare una prova di valutazione automatizzata<br />

- Come costruire il “portfolio alunno”<br />

Modi e tempi<br />

Ogni lezione si articolerà in due parti:<br />

- presentazione multimediale dell'argomento;<br />

- attività di laboratorio.<br />

Sono previste:<br />

1) tre prove pratiche per verificare e valutare il raggiungimento degli<br />

obiettivi intermedi e per intervenire, eventualmente, con rafforzamenti e<br />

approfondimenti;<br />

2) una verifica finale, che consisterà nella valutazione del CD ROM prodotto<br />

da ci<strong>as</strong>cun docente partecipante al corso.<br />

Il progetto sarà realizzato in 24 ore, saranno svolte 6 lezioni da 4 ore ci<strong>as</strong>cuna.<br />

Destinatari: docenti dell'<strong>Istituto</strong><br />

Risorse umane: docente esperto di tecniche multimediali; tutor; <strong>as</strong>sistente tecnico<br />

Beni e servizi: laboratorio multimediale o aula di informatica, floppy disk, CD-ROM.<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


ESPERIENZE DI DIDATTICA BREVE<br />

E DI SPERIMENTAZIONE METODOLOGICA<br />

La didattica breve è una didattica giocata sulla pulizia logica dei<br />

ragionamenti e sulla essenzialità dei contenuti disciplinari per agevolare la<br />

razionalizzazione dei tempi di insegnamento -apprendimento.<br />

Coordinatore del progetto: prof.ssa Angela Rodolico<br />

Obiettivi:<br />

- Analisi del modello disciplinare: scopo, struttura, caratteristiche formali,<br />

pulizia logica e ricostruibilità.<br />

- Gestire il gruppo cl<strong>as</strong>se e la programmazione flessibile, progettare e<br />

utilizzare strumenti e interventi.<br />

- Sviluppare la ricerca metodologica – didattica e fornire risposte adeguate<br />

ai bisogni formativi dei discenti, <strong>as</strong>secondando gli stili di apprendimento.<br />

- Ottimizzare il tempo scuola: presentazione dei contenuti in veste breve,<br />

fruibili e spendibili.<br />

Modi e tempi: il corso avrà la durata di 30 ore distribuite in 15 ore di<br />

conferenza - dibattito e 15 ore di seminari e lavori di gruppo.<br />

Destinatari: docenti dell'istituto.<br />

Risorse umane: esperto nel settore.<br />

AUTOMAZIONE INDUSTRIALE<br />

Per integrare il curriculum in coerenza con gli obiettivi formativi<br />

dell'indirizzo di Elettrotecnica e Automazione si vuole organizzare in<br />

collaborazione con la SCHNEIDER ELECTRIC un corso per la conoscenza e<br />

l'approfondimento di temi legati all'automazione industriale e<br />

all'aggiornamento di tecniche e linguaggi relativi ai PLC.<br />

Coordinatore del progetto: prof. Alfio Leotta<br />

Tutor: prof. Carmelo Di Grazia<br />

Obiettivi: acquisire esperienze significative sui controllori logicoprogrammabili<br />

e sulle loro applicazioni nell'automazione industriale<br />

Destinatari: docenti e/o alunni dell’<strong>Istituto</strong><br />

Risorse umane interne: docenti interni, <strong>as</strong>sistente tecnico<br />

Risorse umane esterne: esperti esterni<br />

Beni e servizi: fotocopie, dispense, materiale didattico e di cancelleria,<br />

libri, computer e collegamento Internet, laboratorio di TDP.<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 9<br />

135


Cap. 9<br />

136<br />

CERTIFICAZIONE CISCO<br />

Il progetto ha lo scopo di formare il personale docente ed il personale A.T.A.<br />

sulle tecnologie informatiche: conoscenze di b<strong>as</strong>e sull'architettura dei personal<br />

computer ed del loro <strong>as</strong>semblaggio, sistemi operativi e software, reti LAN e<br />

apparati di comunicazione.<br />

Coordinatore del progetto: prof. Francesco Alparone<br />

Obiettivi: formare docenti e tecnici di laboratorio per valorizzare la<br />

didattica del corso di specializzazione in informatica con l'integrazione di<br />

strumenti e nozioni al p<strong>as</strong>so con lo sviluppo tecnologico.<br />

Ril<strong>as</strong>ciare certificazioni riconosciute dal mondo del lavoro.<br />

Modi e tempi: il corso avrà la durata di 24 ore distribuite in sei giorni, al<br />

termine del 2° e 6° giorno ci saranno esami di verifica.<br />

Destinatari: docenti dell'istituto e Personale A.T.A.<br />

Risorse umane: docente esperto Academy CISCO, Assistente <strong>Tecnico</strong>.<br />

Bibblioteca<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 10<br />

137


Cap. 10<br />

138<br />

BIBLIOTECA APERTA<br />

Il “Fermi” è profondamente e ampiamente radicato nel territorio. È luogo di<br />

riferimento per un variegato <strong>as</strong>sociazionismo ed offre per le varie manifestazioni le<br />

proprie strutture e le proprie risorse. Il “Fermi” vuole aprire al territorio la propria<br />

biblioteca, forte di oltre seimila volumi, e di numerose riviste.<br />

Si pensa di permettere ai cittadini del v<strong>as</strong>to comprensorio di accedere in<br />

<strong>Istituto</strong> in ore pomeridiane. Si vuole, altresì, consentire la possibilità di accedere<br />

informaticamente alle risorse della biblioteca e pertanto si impone la costituzione<br />

di un catalogo informatico consultabile sul sito www.bibliotecafermigiarre.it.<br />

Nel corso dell'anno scol<strong>as</strong>tico potranno essere siglati protocolli d'intesa<br />

sulle modalità di fruizione della dotazione libraria con le <strong>as</strong>sociazioni culturali<br />

operanti sul territorio. L'informatizzazione della biblioteca consentirà, tra<br />

l'altro, all'<strong>Istituto</strong> la possibilità di accedere a rete di dotazioni librarie.<br />

L'iniziativa si rivolge non solo ai giovani che desiderano approfondire i loro<br />

programmi di studio, ma anche ad artigiani ed imprenditori desiderosi di notizie<br />

tecniche aggiornate.<br />

Il progetto viene affidato alla prof.ssa Patrizia Russo, esperta informatica, alla<br />

prof.ssa Nunziatina Giusa, da anni direttrice della biblioteca.<br />

PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER<br />

Obiettivi: dall'anno 2000 l'I.T.I.S. “Fermi” di Giarre è sede di esami per il<br />

conseguimento della patente europea del computer (ECDL). L'iniziativa è nata<br />

dalla consapevolezza dell'importanza della “certificazione delle competenze”<br />

per l'inserimento nel mondo del lavoro. Tale iniziativa è volta a fornire un<br />

servizio sia agli studenti dell'istituto che al Territorio ed a diffondere la cultura<br />

delle tecnologie informatiche.<br />

Responsabile del Test Center: prof.ssa Patrizia Russo<br />

Destinatari: alunni dell'<strong>Istituto</strong>, docenti interni ed esterni, personale A.T.A.<br />

interno ed esterno, utenti esterni<br />

Modi e tempi: le sessioni d'esame si svolgeranno ogni quindici giorni,<br />

secondo un calendario predisposto dal Responsabile del Test Center<br />

comunicato preventivamente all'A.I.C.A. e pubblicato sia all'albo dell'<strong>Istituto</strong> sia<br />

sul sito internet dell'<strong>Istituto</strong>; ogni sessione d'esame avrà la durata di ore cinque.<br />

Durata: 1 settembre <strong>2008</strong> - 31 agosto <strong>2009</strong>: le sessioni d'esame si<br />

svolgeranno ogni quindici giorni secondo un calendario predisposto e<br />

comunicato preventivamente all'A.I.C.A. come stabilito dal regolamento<br />

A.I.C.A. Il contratto con l'A.I.C.A. verrà rinnovato nel mese di gennaio <strong>2009</strong>.<br />

Risorse umane: responsabile Test Center, tre esaminatori (max ore 100<br />

per ci<strong>as</strong>cun esaminatore), un <strong>as</strong>sistente amministrativo (max ore 100).<br />

Beni e servizi: gli esami si svolgeranno nel laboratorio di informatica e nell'aula<br />

multimediale, questi locali sono stati approvati ed autorizzati dall' A.I.C.A.<br />

Acquisti da parte dell'istituto: n. 100 Skill Card, n. 50 Esami, Stipula contratto<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


Ad ogni sessione di esami sono previsti (regolamento AICA) due esaminatori se<br />

viene utilizzata una sola aula, almeno tre esaminatori se vengono utilizzate due aule.<br />

Ad ogni sessione di esami sono previste le seguenti operazioni:<br />

- Caricamento esami per ogni candidato (prima degli esami)<br />

- Sincronizzazione esami (prima e dopo gli esami).<br />

I costi che l'utente deve sostenere per effettuare gli esami sono i seguenti:<br />

Utente generico: € 62,00 per acquisto Skills Card; € 15,00 per ogni esame.<br />

Docenti e ATA in servizio: € 20,00 per acquisto Skills Card; € 10,00 per<br />

ogni esame da sostenere;<br />

Alunni delle scuole medie e superiori: € 55,00 per acquisto Skills Card;<br />

€ 10,00 per ogni esame da sostenere;<br />

Le somme vengono versate in un conto appositamente predisposto<br />

dall'istituto presso il Credito Siciliano, agenzia di Giarre.<br />

I.T.I.S. “E. FERMI” - FACOLTÀ D’INGEGNERIA<br />

“UNA PROFICUA INTEGRAZIONE”<br />

L'I.T.I.S. “E. Fermi” fornisce un prezioso servizio di orientamento agli<br />

studenti del 4° e 5° anno che abbiano l'intenzione di iscriversi, conseguito il<br />

diploma, alla facoltà d'Ingegneria dell'Università di Catania.<br />

Tale Facoltà si avvale della collaborazione di un docente di Matematica del<br />

“Fermi” per realizzare interventi di sostegno mirati alle esigenze didattiche del<br />

corso di studio di primo livello della Facoltà.<br />

Due docenti, uno interno e uno universitario, svolgono attività di<br />

orientamento, ci<strong>as</strong>cuno per complessive quindici ore nell'ambito di un modulo<br />

di trenta ore (corsi “meno uno”), per un gruppo di venticinque/trenta allievi.<br />

L'attività, d'alto valore, riesce bene ad orientare ed <strong>as</strong>sistere gli studenti,<br />

attuando il programma oggetto di convenzioni tra il M.P.I. e l'U.N.I.C.T. al fine di<br />

limitare significativamente la dispersione universitaria, che negli ultimi anni si<br />

manifesta in progressione.<br />

Alla fine dei corsi “meno uno” è prevista una verifica scritta valutata<br />

congiuntamente sia dal docente dell'<strong>Istituto</strong> che dal docente universitario. Lo<br />

studente che partecipa a tale corso viene esonerato dall'obbligo di frequenza ai<br />

corsi zero, per l'iscrizione ai seguenti corsi di studio di primo livello:<br />

Ingegneria Civile, Ingegneria dell'Ambiente e Territorio, Ingegneria delle<br />

Telecomunicazioni, Ingegneria Elettronica, Ingegneria Informatica,<br />

Ingegneria Elettrica, Ingegneria Gestionale, Ingegneria Meccanica, Scienze<br />

dell'Architettura e dell'Ingegneria Edile<br />

Lo studente non viene esonerato dalla preiscrizione elettronica e non viene,<br />

altresì, esonerato dai test d'ingresso a fine selettivo previsti per l'accesso ai<br />

corsi di studio in Ingegneria Edile/Architettura .<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 10<br />

139


Cap. 10<br />

140<br />

Proposta di argomenti per possibili itinerari nell'ambito dei due moduli.<br />

Insiemi. Operazioni sugli insiemi. Relazioni binarie: relazioni di ordinamento<br />

parziale o totale; relazioni di equivalenza e p<strong>as</strong>saggio all'insieme quoziente.<br />

Applicazioni tra insiemi.<br />

Nozioni di iniettività, suriettività, corrispondenze biunivoche. Applicazioni<br />

invertibili, con particolare riguardo alle funzioni elementari note.<br />

Principali strutture algebriche con particolare riguardo ai campi numerici e<br />

agli spazi vettoriali.<br />

Successivi ampliamenti: N, Z, Q, R, C<br />

I vettori dello spazio euclideo. Operazioni sui vettori. I vettori liberi.<br />

Geometria lineare nel <strong>piano</strong> e nello spazio.<br />

Matrici. Operazioni con le matrici. Metodo di riduzione. Rango di una<br />

matrice. Sistemi di equazioni lineari, anche con parametro.<br />

Calcolo combinatorio: disposizioni semplici (e con ripetizione),<br />

combinazioni semplici e coefficienti binomiali, permutazioni. Esempi significativi<br />

tratti dai giochi più popolari.<br />

Elementi di calcolo delle probabilità e statistica.<br />

Teoria elementare dei grafi.<br />

Lezioni frontali - Esercitazioni guidate - Test finale di valutazione.<br />

Obiettivi<br />

- Permettere agli studenti di approfondire temi, problematiche e<br />

metodologie b<strong>as</strong>ilari nello studio delle discipline matematiche<br />

- Indurre negli alunni interesse verso le discipline matematiche, anche con<br />

considerazioni di carattere storico, che permettano di inquadrare gli<br />

sviluppi della disciplina attraverso i secoli con cenni sulle tendenze della<br />

ricerca oggi e dei principali obiettivi che essa si pone<br />

- Sostenere gli allievi nel p<strong>as</strong>saggio da una tipologia di impegno guidato ad<br />

un'altra nella quale lo studente ha la libertà/responsabilità<br />

dell'organizzazione del suo studio individuale.<br />

VI EDIZIONE CONCORSO DI POESIA<br />

“LE PAROLE DELL'ANIMA”<br />

La nostra scuola aderisce alla<br />

- VII edizione Concorso di poesia “Le parole dell'anima”<br />

- IV edizione “Premio Leonardo Gr<strong>as</strong>si”<br />

organizzati dall'<strong>Istituto</strong> Comprensivo Statale “Leonardo Gr<strong>as</strong>si” di M<strong>as</strong>cali.<br />

Il concorso contribuisce a valorizzare la cultura umanistica: esso fa scoprire<br />

ai nostri alunni il piacere di “fare poesia” o li stimola ad esprimere in prosa il<br />

valore della legalità.<br />

Coordinatore del progetto: prof.ssa Antonella Treffiletti<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


Obiettivi<br />

- Usare la forma poetica per riuscire ad esprimere sentimenti, emozioni,<br />

problematiche di natura sociale o ispirate al rispetto della legalità.<br />

- Elaborare testi in prosa sul tema della legalità<br />

Modi e tempi: il concorso si svolgerà nell'ambito del II quadrimestre; i tempi<br />

verranno stabiliti dall' <strong>Istituto</strong> comprensivo “Leonardo Gr<strong>as</strong>si” di M<strong>as</strong>cali.<br />

Il bando di concorso verrà pubblicizzato nelle singole cl<strong>as</strong>si dai docenti incaricati.<br />

Destinatari: tutte le cl<strong>as</strong>si dell'<strong>Istituto</strong>.<br />

Risorse umane interne: due docenti<br />

Beni e servizi: materiale di consumo - pullman di 40 posti (in b<strong>as</strong>e alle adesioni)<br />

VIII EDIZIONE DELLA MANIFESTAZIONE<br />

“DOPO LA SCUOLA QUALE LAVORO?”<br />

MANIFESTAZIONE ORGANIZZATA DALL'A.CU.DI.PRO.SI.<br />

La nostra scuola partecipa all'VIII edizione del convegno “Dopo la scuola<br />

quale lavoro?”, a cura dell'A.CU.DI.PRO.SI., con il sostegno del Comune di<br />

M<strong>as</strong>cali e sponsorizzato da enti e imprenditori del territorio.<br />

Coordinatore del progetto: prof.ssa Antonella Treffiletti<br />

Obiettivi: conoscere meglio la Sicilia tramite le sue radici storiche, in<br />

particolare il movimento separatista che lottava per l'autonomia dell'isola;<br />

promuovere la divulgazione dello Statuto della Regione siciliana; evidenziare le<br />

opportunità di inserimento nel mondo del lavoro valorizzando le risorse della<br />

Sicilia con l'apporto dell'esperienza di giovani imprenditori presenti al convegno.<br />

Modi e tempi: il convegno e la premiazione si terranno secondo i tempi<br />

stabiliti dall'A.CU.DI.PRO.SI.: il primo venerdì del mese di dicembre e il primo<br />

venerdì del mese di marzo. Per la preparazione al concorso, si terranno a scuola<br />

con docenza interna, in orario curriculare, due lezioni di approfondimento<br />

della durata complessiva di ore 4, relative ai temi trattati nel convegno.<br />

Destinatari: alunni delle cl<strong>as</strong>si quinte, selezionati secondo criteri di merito.<br />

Risorse umane interne:<br />

- 1 docente coordinatore<br />

- 2 docenti per accompagnamento, raccolta e revisione degli elaborati<br />

- 1 docente interno<br />

Beni e servizi: materiale di consumo (fotocopie - CD), pullman di 25 posti<br />

per la premiazione al centro sociale di M<strong>as</strong>cali.<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 10<br />

141


Cap. 10<br />

142<br />

“GIORNATE DELLA SICUREZZA STRADALE”<br />

a<br />

GIARRE - 6 EDIZIONE<br />

Nella civiltà dell'automobile, con una mobilità crescente affidata al<br />

comportamento degli individui, emerge inconfutabilmente la drammatica realtà<br />

degli incidenti stradali.<br />

Una decisa azione di “marketing sociale” tendente ad elevare l'attenzione nelle<br />

modalità di circolazione appare necessaria per la riduzione del numero dei sinistri.<br />

La scuola deve educare i nostri giovani alla convivenza civile, alla legalità, al<br />

rispetto della vita, propria e degli altri, e delle corrette regole di comportamento.<br />

Coordinatore del progetto: prof. Angelo Pulvirenti<br />

Obiettivi<br />

- Agevolare la conoscenza delle leggi specifiche<br />

- Formare la “coscienza civile” del giovane<br />

- Rispettare ogni norma di vita di relazione nell'interesse del singolo e della collettività<br />

Modi e tempi: la manifestazione verrà sviluppata nella prossima primavera con la<br />

collaborazione e la sponsorizzazione dell'A.C.I. di Acireale (competente per il<br />

Territorio) e dal Comune di Giarre che propone la primavera sportiva giarrese.<br />

Al Parco Jungo sarà organizzata una gara podistica riservata agli alunni/e di<br />

tutte le Scuole medie inferiori e superiori della provincia di Catania.<br />

Destinatari: la manifestazione è rivolta agli alunni dell'<strong>Istituto</strong>.<br />

Risorse umane interne: docenti di Educazione Fisica<br />

Risorse umane esterne: comune, ACI, Istituti scol<strong>as</strong>tici<br />

Beni e servizi: aula magna, cancelleria, stand, coppe, gadget per gara<br />

QUASAR - QUAS(I)(ST)AR<br />

Il progetto, legato al territorio, già iniziato nell'anno scol<strong>as</strong>tico 2006/2007<br />

con l'acquisto di strumenti per l'osservazione <strong>as</strong>tronomica e radio<strong>as</strong>tronomica<br />

e con una serie di attività di osservazione e studio del cielo, continua quest'anno<br />

con l'obiettivo di ampliare il gruppo di studenti che lo seguono e di impegnarli,<br />

come parte attiva, sia nello svolgimento delle attività interne alla scuola che in<br />

quelle rivolte al territorio.<br />

Attività programmate<br />

- Installazione di una parabola da 1,5 metri con convertitore LNAC (10.7-<br />

11.8 GHz / 950-2050 MHz) da collegare al ricevitore RAL 10 per<br />

completare il radiotelescopio amatoriale.<br />

- Realizzazione, previa progettazione, da parte degli studenti di una<br />

meridiana analemmatica.<br />

- Osservazioni del sole in orario scol<strong>as</strong>tico con telescopio solare.<br />

- Osservazioni del cielo con telescopio <strong>as</strong>tronomico.<br />

- Apertura della scuola al territorio mediante conferenze.<br />

- Apertura della scuola oltre l'orario in c<strong>as</strong>o di eventi <strong>as</strong>tronomici<br />

straordinari prevedibili (comete, eclissi, occultazioni ecc.).<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


Coordinatore del progetto prof. Giuseppe Foti<br />

Animatori prof. Tropea Mario e prof. Mazzaglia Grazia<br />

Collaboratore esterno Dott. Salvatore Santoro (cultore di <strong>as</strong>tronomia)<br />

Obiettivi<br />

- Facilitare lo studio e la comprensione dell'<strong>as</strong>tronomia per gli studenti del biennio<br />

- Approfondire le conoscenze acquisite con osservazioni <strong>as</strong>tronomiche guidate<br />

- Acquisire competenze operative in campo radio<strong>as</strong>tronomico con<br />

osservazioni diurne mediante radiotelescopio<br />

- Utilizzare e approfondire quanto studiato in fisica e in elettronica nelle<br />

applicazioni di radio<strong>as</strong>tronomia<br />

- Rafforzare le capacità di calcolo e di interpretare dati<br />

- Approfondire le conoscenze sull'inquinamento luminoso ed elettromagnetico<br />

Modi e tempi: il corso prevede oltre le attività in ore curricolari, la<br />

partecipazione degli alunni per un totale di 30 ore pomeridiane a lezioni di<br />

b<strong>as</strong>e, osservazioni con raccolta dati, elaborazione dei dati raccolti.<br />

Destinatari: alunni dell'<strong>Istituto</strong> app<strong>as</strong>sionati di <strong>as</strong>tronomia<br />

Risorse umane interne: docenti di Scienze e di lab. di Chimica<br />

Risorse umane esterne: unione <strong>as</strong>trofili italiani, Italian Amateur Radio<br />

Astronomy Group, Osservatorio radio<strong>as</strong>tronomico di Noto, Dott. Salvatore<br />

Santoro, <strong>as</strong>trofilo con esperienza pluriennale in attività <strong>as</strong>tronomiche.<br />

Beni e servizi: impianto di ricezione satellitare per radio<strong>as</strong>tronomia, un<br />

personal computer completo di stampante, telescopio <strong>as</strong>tronomico,<br />

telescopio solare, software specifico, videoproiettore.<br />

I PROGRAMMI DI STUDIO ALL'ESTERO<br />

DI INTERCULTURA<br />

I programmi scol<strong>as</strong>tici di Intercultura permettono ai giovani italiani e stranieri<br />

di vivere presso famiglie selezionate dai nostri partner AFS all'estero e di studiare<br />

in scuole medie superiori in Europa, Americhe, Asia, Australia e Nuova Zelanda<br />

per periodi della durata di un anno, oppure per sei, tre o due mesi.<br />

L'inserimento familiare e scol<strong>as</strong>tico del giovane in ambienti sicuri come la<br />

famiglia e la scuola permettono che egli venga a contatto con la cultura del<br />

Paese ospitante, dai suoi <strong>as</strong>petti più quotidiani a quelli più storici ed artistici. Il<br />

reinserimento nella scuola italiana dopo la partecipazione ad un programma di<br />

studio all'estero, è regolato dalla CM n. 181 del 17 marzo 1997 e dalla CM 236<br />

dell' 8 ottobre 1999.<br />

I programmi scol<strong>as</strong>tici di Intercultura sono rivolti a studenti dai 15 ai 17 anni, iscritti<br />

ad una scuola media superiore. Vi si accede mediante un concorso: tutte le iscrizioni<br />

per partecipare all'<strong>as</strong>segnazione delle borse di studio Intercultura e di tutti i<br />

programmi disponibili devono pervenire entro il 10 novembre <strong>2008</strong>.<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 10<br />

143


Cap. 10<br />

144<br />

Gli incontri di selezione si terranno indicativamente nella seconda metà di novembre.<br />

Le eventuali iscrizioni pervenute oltre il 10 novembre <strong>2008</strong> e comunque entro il 31<br />

gennaio <strong>2009</strong>, saranno prese in considerazione solo per l'<strong>as</strong>segnazione di programmi<br />

residui, e comunque alla quota più alta di partecipazione al rimborso spese<br />

Intercultura-AFS (f<strong>as</strong>cia 4), indipendentemente dal reddito familiare. Intercultura non<br />

garantisce disponibilità di posti per le iscrizioni pervenute oltre il 10 novembre.<br />

La partenza avviene l'estate successiva.<br />

I programmi scol<strong>as</strong>tici di Intercultura permettono di usufruire di molte borse<br />

di studio totali o parziali, che vengono <strong>as</strong>segnate in b<strong>as</strong>e al reddito familiare. Le<br />

borse di studio messe a disposizione da Intercultura sono riservate a coloro<br />

che si iscrivono entro la prima data di scadenza.<br />

Intercultura è un movimento educativo internazionale di volontariato con<br />

statuto consultivo all'ONU (Ecosoc), all'UNESCO e al Consiglio d'Europa, che<br />

realizza scambi di giovani tra l'Italia e molti Paesi di tutto il mondo per prepararli<br />

alla conoscenza e al rispetto delle diverse culture.<br />

In Italia Intercultura è un ente morale riconosciuto con decreto del<br />

Presidente della Repubblica n. 578 del 23/7/1985 e posto sotto la tutela del<br />

Ministero degli Affari Esteri. E' iscritta nel registro del volontariato della Regione<br />

Lazio e, in virtù di tale iscrizione, dal 2 gennaio 1998 è considerata<br />

“Organizzazione non lucrativa di utilità sociale – ONLUS” (DL 460/97). Nel<br />

1995 ha ricevuto il premio della Solidarietà della Fondazione Italiana per il<br />

Volontariato. Ha tre uffici nazionali a Roma, a Milano e a Colle Val d'Elsa (SI) e<br />

116 centri locali nei maggiori capoluoghi di provincia, nei quali lavorano più di<br />

2500 volontari.<br />

Visitare e conoscere un altro paese tramite lo scambio di cl<strong>as</strong>se offre la<br />

possibilità di venire a contatto con altre abitudini di vita ed altre culture, insieme<br />

alla scoperta dei valori della cultura di appartenenza. È un'esperienza<br />

significativa che permette di instaurare un'amicizia con coetanei che vivono e<br />

studiano in un ambiente diverso dal nostro, rappresenta, inoltre, un'esperienza<br />

<strong>formativa</strong> che favorisce la comprensione internazionale.<br />

I nostri studenti potranno andare per una settimana a frequentare una scuola<br />

di un altro paese europeo e saranno ospitati dalle famiglie di studenti della<br />

stessa scuola. Poi, a loro volta, ricambieranno l'ospitalità.<br />

Essi potranno partecipare ad attività didattiche, visite guidate, discussioni su<br />

temi di interesse comune, incontri con personalità del luogo.<br />

A cura di INTERCULTURA<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


PROGETTO AETNANET<br />

L'I.T.I.S. “E. Fermi” partecipa al “Progetto Aetnanet” insieme ad altre centotrenta<br />

scuole della Provincia di Catania in rete per lo sviluppo dei servizi informativi.<br />

L'accordo di rete, stipulato ai sensi e per gli effetti dell'art. 7, comma 4, del<br />

D.P.R. 275/99, sorge sulla b<strong>as</strong>e della Legge n.150 del 07/05/2000 ed è<br />

espressione dell'autonomia degli Istituti scol<strong>as</strong>tici, recentemente elevata a<br />

rango di valore costituzionale.<br />

La Legge n. 150/2000 chiede alla pubblica amministrazione “l'organizzazione<br />

delle attività di informazione e comunicazione attraverso le strutture<br />

informatiche ed i sistemi telematici e multimediali”. Conseguentemente le<br />

scuole del progetto sono impegnate nel miglioramento dell'efficienza dei<br />

servizi didattici e amministrativi con l'uso di strutture informatiche secondo<br />

standard di qualità concordati.<br />

Dieci scuole, tra quelle che aderiscono al progetto, rappresentative di realtà<br />

comprensoriali, rivestono il ruolo di scuole polo.<br />

Il progetto si articola nella interazione tra le varie scuole e nell'attività di<br />

indirizzo degli organi di gestione, mediata dalle scuole polo territoriali.<br />

Il Consiglio di gestione, il Comitato tecnico e il Centro operativo di<br />

supporto sono gli organi sui quali poggia l'organizzazione del progetto.<br />

Ci<strong>as</strong>cuna scuola affida ad uno staff interno il lavoro relativo all'impianto e<br />

alla manutenzione dei siti internet.<br />

Lo staff d'<strong>Istituto</strong> è composto da un Web Editor (Dirigente Scol<strong>as</strong>tico), da un<br />

Web M<strong>as</strong>ter (Docente), da un Web Operator (A.T.A).<br />

Il sito di ci<strong>as</strong>cuna scuola è soggetto a monitoraggio. A tale riguardo saranno<br />

utilizzate le griglie redatte dal Comitato tecnico.<br />

La scuola capofila tramite il proprio sito esercita funzioni di coordinamento<br />

telematico dell'intera rete.<br />

Ci<strong>as</strong>cuna scuola del progetto rende accessibile agli utenti la<br />

documentazione relativa ai progetti didattici e alle attività amministrative. Si<br />

riesce, così, ad andare oltre l'ottica burocratica, agevolando la costituzione di<br />

una memoria collettiva.<br />

Vengono attivate sul sito internet dell'istituto www.itisfermigiarre.info le<br />

seguenti sezioni:<br />

- presentazione della scuola<br />

- analisi del bacino di utenza<br />

- verbale degli organi Collegiali<br />

- documenti didattici dei docenti<br />

- programmazione delle singole cl<strong>as</strong>si<br />

- organizzazione della didattica<br />

- organizzazione dei servizi amministrativi<br />

- composizione consigli di cl<strong>as</strong>se<br />

- orario delle lezioni<br />

- orario di servizio dei docenti<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 10<br />

145


Cap. 10<br />

146<br />

- calendario d'istituto<br />

- direttive del dirigente scol<strong>as</strong>tico<br />

- libri di testo<br />

- orientamento per i futuri utenti<br />

- spazi riservati (didattica, r.s.u., etc.)<br />

- programma annuale<br />

- conto consuntivo<br />

In un futuro prossimo ci si augura di poter erogare informaticamente i<br />

seguenti servizi:<br />

- consultazione dell'archivio della biblioteca<br />

- prenotazione del prestito dei libri<br />

- informazioni ai genitori e agli allievi sulla valutazione e sulle <strong>as</strong>senze<br />

tramite p<strong>as</strong>sword<br />

- servizi interattivi di segreteria<br />

- servizi di video-conferenza<br />

“SPAZIO 22” - UNA RETE DI SCUOLE<br />

Struttura della rete<br />

L'I.T.I.S. “E. Fermi” fa parte della rete “Spazio 22”, una rete costituita da<br />

cinquant<strong>as</strong>ette scuole siciliane.<br />

Costituiscono obiettivi della rete l'educazione alla “Cittadinanza attiva e<br />

solidale”, ai “Diritti umani”, alla “Cittadinanza europea”, allo “Sviluppo sostenibile”.<br />

I Dirigenti e un docente di ci<strong>as</strong>cuna delle scuole della rete sono stati formati a<br />

tale riguardo tramite seminari nazionali (Venezia 2003, Taormina 2004, Perugia<br />

2004, Roma 2005, Venezia 2005, Sorrento 2005).<br />

Le scuole della rete sono distribuite omogeneamente su tutto il territorio<br />

regionale. Tale disposizione agevola l'organizzazione tramite le scuole polo dei<br />

seminari di formazione territoriali sulle cennate tematiche, attivando lavori<br />

didattici di ricerca-azione di scansione triennale tramite la valorizzazione della<br />

piattaforma Punto Edu Europa.<br />

I Formatori dei seminari territoriali in presenza e on-line sono i docenti delle<br />

scuole che hanno frequentato i seminari nazionali. Il “Fermi” è scuola polo per<br />

un seminario di formazione di docenti, che operano in altri Istituti di Giarre<br />

(tutor il prof. Giovanni Gulisano).<br />

Obiettivi della rete<br />

- Formare i docenti alla cittadinanza europea: docenti/cittadini europei<br />

orientati al confronto costruttivo e al rispetto reciproco<br />

- Sviluppare la “dimensione europea dell'insegnamento” attraverso la<br />

realizzazione di unità didattiche pluridisciplinari e/o interdisciplinari<br />

- Approfondire la conoscenza dei documenti europei, delle strategie<br />

politico-istituzionali, delle tematiche giuridico economiche al fine di<br />

sviluppare le dimensioni dell'appartenenza all'Europa e della cittadinanza<br />

sovranazionale.<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


- Acquisire consapevolezza dei significati della cittadinanza attiva europea<br />

- Documentare, pubblicizzare e disseminare i risultati della ricerca-azione<br />

con materiale multimediale<br />

“Spazio 22” si avvale dell'<strong>as</strong>sistenza del Nucleo regionale per la Sicilia “Europa<br />

dell'istruzione“, coordinato dall’Ispettore del Ministero della Pubblica Istruzione,<br />

dott. Seb<strong>as</strong>tiano Pulvirenti.<br />

Punto Edu Europa - INDIRE - per la formazione on-line<br />

La piattaforma si articola in area dei corsi (cittadinanza europea, intercultura<br />

ed unione europea, diritti umani ed educazione alla pace, cittadinanza attiva,<br />

solidarietà agita), area dei laboratori (descrizione di esperienze, best practices),<br />

area dello sviluppo regionale, area delle risorse (bibliografie, sitografie, links,<br />

atti di convegni, etc.), forum con moderatori.<br />

eTWINNING<br />

"Bisogna evitare la globalizzazione delle menti, e quindi mantenere la<br />

diversità della concettualizzazione, dei punti di vista, dei modi di<br />

categorizzare il reale, di definire i colori - la pluralità delle lingue." (Le<br />

sfide di Babele, Paolo E. Balboni)<br />

eTwinning vuol essere un mezzo efficace per rafforzare la dimensione<br />

europea dell'educazione tra giovani cittadini dell'U.E. che vivono la diversità<br />

come valore.<br />

L'azione eTwinning, che fa parte del programma pluriennale eLearning,<br />

realizza tramite i gemellaggi elettronici, collaborazioni pedagogiche a lungo<br />

termine tra istituzioni scol<strong>as</strong>tiche europee, finalizzate alla creazione e alla<br />

condivisione di progetti didattici comuni, mediante l'utilizzo delle Tecnologie<br />

dell'Informazione e della Comunicazione.<br />

Il valore aggiunto dell'azione eTwinning pensiamo consista nella necessità di<br />

credere nel valore intrinseco della persona umana, intesa come essere unico,<br />

originale ed irripetibile, preziosa nella sua diversità e, d'altro canto,<br />

nell'imprescindibile superamento dell'ottica del contingente dell'Istituzione<br />

scol<strong>as</strong>tica di appartenenza.<br />

Chi vive I'esperienza eTwinning desidera aprirsi e sintonizzare il proprio<br />

operato verso orizzonti più ampi. Il che vuol dire anche investire nel capitale<br />

umano, avviare progetti pluriennali innovativi che innalzino la motivazione ad<br />

apprendere e puntino al successo formativo dei giovani cittadini europei. In tal<br />

modo si risponde alle esigenze della società della conoscenza e del mondo del<br />

lavoro che necessita sempre più di professionisti europei qualificati anche da<br />

un bagaglio culturale che sappia essere espressione delle diversità nazionali<br />

intese come valore.<br />

Crediamo che il vantaggio più importante dell'iniziativa eTwinning sia<br />

rappresentato dall'impegno personale e dall'esperienza degli insegnanti e delle<br />

scuole coinvolte, compresa quella siciliana.<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 10<br />

147


Cap. 10<br />

148<br />

Le scuole siciliane, essendo impegnate nella condivisione di progetti pedagogici<br />

pluriennali oltre i confini nazionali, <strong>as</strong>sumono un ruolo importante nel contribuire<br />

allo sviluppo sociale e culturale dell'Europa del ventunesimo secolo.<br />

Inoltre tutte le scuole gemellate della Sicilia hanno già dato disponibilità di aprire<br />

il loro partenariato ad Algeria, Egitto, Giordania, Marocco e Tunisia, aderendo, così, a<br />

MedTwinning e ponendosi, sia geograficamente che culturalmente, come ponte<br />

naturale verso questi cinque Paesi del Mediterraneo.<br />

LE MANIFESTAZIONI DEL CINQUANTENARIO<br />

PROGETTO “ATENA” di divulgazione scientifica<br />

L'<strong>Istituto</strong> che è al cinquantesimo anno di attività intende programmare<br />

attività culturali in favore degli studenti e dei loro genitori, di studenti di altre<br />

scuole, di adulti disponibili ad aggiornare la propria formazione e ad accostarsi ai<br />

nuovi saperi.<br />

Il comprensorio è fornito di un solo centro per l'educazione degli adulti e<br />

solo di due Istituti superiori con corsi serali. Non si registra la presenza di<br />

<strong>as</strong>sociazioni culturali di tematiche scientifiche nel bacino d'utenza, che conta<br />

circa centomila abitanti e si estende dalla zona ionico-etnea fino alla prime<br />

pendici dei Nebrodi.<br />

Gli adulti che affrontano il ritorno a scuola nell'ambito di una prospettiva di<br />

“lifelong learning” offrono agli studenti una forte testimonianza di impegno e di<br />

serietà. Si vuole anche favorire un dialogo tra generazioni diverse, tra anziani e<br />

giovani, tra genitori e figli.<br />

Il “Fermi” intende così riappropriarsi di un ruolo di promozione culturale, di<br />

relazioni, creando occ<strong>as</strong>ioni sistematiche di formazione sul territorio.<br />

Ci si propone nell’arco dell’anno scol<strong>as</strong>tico di organizzare quattro o cinque<br />

lezioni.<br />

Saranno trattati argomenti di matematica, chimica, botanica, geologia,<br />

tal<strong>as</strong>sografia, fisica, con particolare riguardo all'<strong>as</strong>tronomia e alla<br />

radio<strong>as</strong>tronomia.<br />

Il progetto si colloca in organicità e coerenza nell'ambito del Piano dell'Offerta<br />

Formativa, che ha avuto negli anni scorsi una consistente sezione di progetti di<br />

raccordo con il territorio: rapporti con l'Università di Catania e di Pavia, con gli Enti<br />

locali, con le attività produttive sul territorio, con Intercultura, con l'<strong>Istituto</strong> di<br />

Radio<strong>as</strong>tronomia di Noto. Reti, consorzi, IFTS, progetti PON e POR, esperienze di<br />

alternanza scuola-lavoro hanno caratterizzato l'attività del “Fermi”.<br />

Ci si augura di riuscire a svolgere un ruolo di “polo“ di formazione per il<br />

territorio e di ottenere per gli allievi momenti di rimotivazione di orientamento.<br />

Il progetto si avvarrà dell'attività di un consulente esterno, dott. Salvatore<br />

Santoro, esperto di scienze <strong>as</strong>tronomiche.<br />

Le varie lezioni avranno luogo in Aula Magna dotata delle attrezzature audio e<br />

video per conferenze.<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


Laboratorio di Automazione<br />

Laboratorio di Meccanica (CAD-CAM)<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 10<br />

149


Cap. 10<br />

150<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 11<br />

151


Cap. 11<br />

152<br />

TELETHON<br />

Tra le iniziative dell'I.T.I.S. “E. Fermi” volte a promuovere la solidarietà umana<br />

e sociale si colloca l'adesione a Telethon, ONLUS, sotto gli auspici dell'Unione<br />

Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare (UILDM).<br />

Telethon sostiene la ricerca scientifica e farmacologica per le malattie rare,<br />

tra cui la distrofia muscolare.<br />

Telethon finanzia attualmente lo studio di seimila malattie, alcune delle quali<br />

gravemente invalidanti, che, a causa della loro scarsa incidenza statistica, sono<br />

per varie e complesse ragioni, tr<strong>as</strong>curate sia dai ricercatori, sia dalle ditte<br />

farmaceutiche. I fondi utilizzati provengono dalla solidarietà e dalla generosità di<br />

tutti coloro che, come il nostro <strong>Istituto</strong>, ritengono che il diritto alla vita ed alla<br />

salute non possano e non debbano dipendere dall'incidenza statistica della<br />

malattia da cui si è affetti e che in una società civile, che ha come obiettivo il bene<br />

della collettività, non possa essere avallata alcuna discriminazione in tal senso.<br />

Sono queste le ragioni per cui l'I.T.I.S. “E. Fermi” si è impegnato e continua ad<br />

impegnarsi a diffondere presso i giovani la cultura della solidarietà e della<br />

donazione per la ricerca.<br />

A.I.S.M. (Associazione Italiana Sclerosi Multipla)<br />

A.I.S.M. è l'unica organizzazione in Italia che interviene a 360 gradi sulla<br />

sclerosi multipla, per:<br />

- promuovere e finanziare la ricerca scientifica sulla malattia;<br />

- fornire servizi socio-sanitari alle persone con sclerosi multipla e alle loro<br />

famiglie;<br />

- rappresentare e affermare i diritti dei 54.000 italiani colpiti dalla malattia.<br />

L'A.I.S.M. è una ONLUS, Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale, che<br />

da 38 anni opera su tutto il territorio italiano. Dal 1998 è affiancata dalla F.I.S.M.,<br />

Fondazione Italiana Sclerosi Multipla, anch'essa ONLUS, istituita per continuare<br />

a finanziare e promuovere la ricerca scientifica sulla malattia.<br />

LA RICERCA SCIENTIFICA<br />

Insieme A.I.S.M. e F.I.S.M. finanziano il 70% della ricerca scientifica italiana tra<br />

progetti di ricerca, borse di studio e servizi centralizzati per i ricercatori e hanno<br />

stanziato, negli ultimi 12 anni, 15 milioni di euro, sostenendo 260 progetti di ricerca<br />

e 87 borse di studio, senza ricorrere ad alcun finanziamento pubblico. Grazie<br />

all'intervento di A.I.S.M. e F.I.S.M., oggi in Italia si sono formati e lavorano gruppi di<br />

ricerca specificatamente dedicati alla sclerosi multipla e coinvolti attivamente a<br />

livello internazionale nell'ampliamento delle conoscenze sulla malattia.<br />

Oggi l'impegno di A.I.S.M. e F.I.S.M. è di mettere a disposizione dei ricercatori<br />

ogni anno un bando di almeno 1 milione e 500 mila euro. A partire dal 2007,<br />

inoltre, il bando di ricerca F.I.S.M. <strong>as</strong>segna una borsa e un finanziamento triennali<br />

a ricercatori italiani qualificati che lavorano all'estero, al fine di creare le<br />

condizioni per il loro rientro in Italia.<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


GLI EVENTI<br />

AISM organizza due importanti appuntamenti di sensibilizzazione e di<br />

raccolta fondi estesi su tutto il territorio italiano, La Gardenia dell'A.I.S.M.,<br />

dedicata alle donne con sclerosi multipla, e Una Mela per la Vita, per i giovani<br />

con sclerosi multipla, che coinvolgono oltre 10 mila volontari e raggiungono<br />

decine di migliaia di persone in 3.000 piazze italiane per due interi fine<br />

settimana, rispettivamente nel mese di marzo e ottobre.<br />

A maggio si tiene la Settimana Nazionale della Sclerosi Multipla, il principale<br />

appuntamento che si svolge in Italia sulla malattia: sette giorni di iniziative e<br />

incontri su tutto il territorio e un convegno nazionale per informare media,<br />

opinione pubblica e Istituzioni sulle conseguenze sociali e socio-sanitarie che la<br />

sclerosi multipla comporta.<br />

L'I.T.I.S. “E. Fermi” collabora con la sezione provinciale di Catania, aderendo<br />

prontamente agli eventi promossi dall'A.I.S.M. ed ospitandone le iniziative.<br />

Contribuisce efficacemente al finanziamento della ricerca scientifica,<br />

sensibilizzando gli alunni alla solidarietà e al volontariato.<br />

A.S.L. (Associazione Siciliana per la lotta contro la Leucemia)<br />

L'<strong>Istituto</strong> sostiene l'Associazione, che si propone attraverso un programma<br />

annuale di raccolta fondi con distribuzione di prodotti natalizi e p<strong>as</strong>quali.<br />

L'Associazione, per una medicina preventiva, cura l'organizzazione di<br />

dibattiti televisivi, di conferenze tra medici specialisti in Onco-ematologia e<br />

pediatri del luogo, e incontri con gli alunni nelle scuole.<br />

A.I.R.C. (Associazione Italiana Ricerca Cancro)<br />

Tra le iniziative dell'I.T.I.S. “E. Fermi” di Giarre si colloca anche l'adesione<br />

dell'<strong>Istituto</strong> all'Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro, di cui è socio<br />

sostenitore.<br />

Già da diversi anni l'A.I.R.C ha fatto della ricerca l'obiettivo principale della<br />

propria attività raggiungendo risultati significativi sia attraverso la prevenzione<br />

e la diagnosi precoce, sia nell'ambito farmacologico.<br />

Il nostro <strong>Istituto</strong> partecipa attivamente alla raccolta di fondi ospitando<br />

rappresentanti dell'Associazione che, attraverso la vendita delle uova p<strong>as</strong>quali,<br />

coinvolgono e sensibilizzano gli studenti e gli operatori scol<strong>as</strong>tici, diffondendo<br />

la cultura della donazione per la ricerca.<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

Cap. 11<br />

153


154<br />

APPENDICE<br />

DECRETO LEGGE 137 dell'1 settembre <strong>2008</strong><br />

Disposizioni urgenti in materia di istruzione e università<br />

Articolo 1. (Cittadinanza e Costituzione)<br />

1. A decorrere dall'inizio dell'anno scol<strong>as</strong>tico <strong>2008</strong>/<strong>2009</strong>, oltre ad una<br />

sperimentazione nazionale, ai sensi dell'articolo 11 del regolamento di cui al decreto del<br />

Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n. 275, sono attivate azioni di<br />

sensibilizzazione e di formazione del personale finalizzate all'acquisizione nel primo e<br />

nel secondo ciclo di istruzione delle conoscenze e delle competenze relative a<br />

«Cittadinanza e Costituzione», nell'ambito delle aree storico-geografica e storicosociale<br />

e del monte ore complessivo previsto per le stesse. Iniziative analoghe sono<br />

avviate nella scuola dell'infanzia.<br />

1-bis. Al fine di promuovere la conoscenza del pluralismo istituzionale, definito dalla<br />

Carta costituzionale, sono altresì attivate iniziative per lo studio degli statuti regionali<br />

delle regioni ad autonomia ordinaria e speciale.<br />

2. All'attuazione del presente articolo si provvede entro i limiti delle risorse umane,<br />

strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente.<br />

Articolo 2. (Valutazione del comportamento degli studenti)<br />

1. Fermo restando quanto previsto dal regolamento di cui al decreto del Presidente<br />

della Repubblica 24 giugno 1998, n. 249, e successive modificazioni, in materia di diritti,<br />

doveri e sistema disciplinare degli studenti nelle scuole secondarie di primo e di<br />

secondo grado, in sede di scrutinio intermedio e finale viene valutato il comportamento<br />

di ogni studente durante tutto il periodo di permanenza nella sede scol<strong>as</strong>tica, anche in<br />

relazione alla partecipazione alle attività ed agli interventi educativi realizzati dalle<br />

istituzioni scol<strong>as</strong>tiche anche fuori della propria sede.<br />

1-bis. Le somme iscritte nel conto dei residui del bilancio dello Stato per l'anno <strong>2008</strong>,<br />

a seguito di quanto disposto dall'articolo 1, commi 28 e 29, della legge 30 dicembre<br />

2004, n. 311, e successive modificazioni, non utilizzate alla data di entrata in vigore della<br />

legge di conversione del presente decreto, sono versate all'entrata del bilancio dello<br />

Stato per essere destinate al finanziamento di interventi per l'edilizia scol<strong>as</strong>tica e la<br />

messa in sicurezza degli istituti scol<strong>as</strong>tici ovvero di impianti e strutture sportive dei<br />

medesimi. Al riparto delle risorse, con l'individuazione degli interventi e degli enti<br />

destinatari, si provvede con decreto del Ministro dell'economia e delle finanze, di<br />

concerto con il Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca, in coerenza con<br />

apposito atto di indirizzo delle Commissioni parlamentari competenti per materia e<br />

per i profili finanziari.<br />

2. A decorrere dall'anno scol<strong>as</strong>tico <strong>2008</strong>/<strong>2009</strong>, la valutazione del comportamento è<br />

effettuata mediante l'attribuzione di un voto numerico espresso in decimi.<br />

3. La votazione sul comportamento degli studenti, attribuita collegialmente dal<br />

consiglio di cl<strong>as</strong>se, concorre alla valutazione complessiva dello studente e determina, se<br />

inferiore a sei decimi, la non ammissione al successivo anno di corso o all'esame<br />

conclusivo del ciclo. Ferma l'applicazione della presente disposizione dall'inizio<br />

dell'anno scol<strong>as</strong>tico di cui al comma 2, con decreto del Ministro dell'istruzione,<br />

dell'università e della ricerca sono specificati i criteri per correlare la particolare e<br />

oggettiva gravità del comportamento al voto inferiore a sei decimi, nonché eventuali<br />

modalità applicative del presente articolo.<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


Articolo 3. (Valutazione sul rendimento scol<strong>as</strong>tico degli studenti)<br />

1. Dall'anno scol<strong>as</strong>tico <strong>2008</strong>/<strong>2009</strong>, nella scuola primaria la valutazione periodica ed<br />

annuale degli apprendimenti degli alunni e la certificazione delle competenze da essi<br />

acquisite sono effettuate mediante l'attribuzione di voti numerici espressi in decimi e<br />

illustrate con giudizio analitico sul livello globale di maturazione raggiunto dall'alunno.<br />

1-bis. Nella scuola primaria, i docenti, con decisione <strong>as</strong>sunta all'unanimità, possono<br />

non ammettere l'alunno alla cl<strong>as</strong>se successiva solo in c<strong>as</strong>i eccezionali e comprovati da<br />

specifica motivazione.<br />

2. Dall'anno scol<strong>as</strong>tico <strong>2008</strong>/<strong>2009</strong>, nella scuola secondaria di primo grado la<br />

valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni e la certificazione<br />

delle competenze da essi acquisite nonché la valutazione dell'esame finale del ciclo<br />

sono effettuate mediante l'attribuzione di voti numerici espressi in decimi.<br />

3. Nella scuola secondaria di primo grado, sono ammessi alla cl<strong>as</strong>se successiva,<br />

ovvero all'esame di Stato a conclusione del ciclo, gli studenti che hanno ottenuto, con<br />

decisione <strong>as</strong>sunta a maggioranza dal consiglio di cl<strong>as</strong>se, un voto non inferiore a sei<br />

decimi in ci<strong>as</strong>cuna disciplina o gruppo di discipline.<br />

3-bis. Il comma 4 dell'articolo 185 del testo unico di cui al decreto legislativo 16<br />

aprile 1994, n. 297, è sostituito dal seguente:<br />

«4. L'esito dell'esame conclusivo del primo ciclo è espresso con valutazione<br />

complessiva in decimi e illustrato con una certificazione analitica dei traguardi di<br />

competenza e del livello globale di maturazione raggiunti dall'alunno; conseguono il<br />

diploma gli studenti che ottengono una valutazione non inferiore a sei decimi».<br />

4. Il comma 3 dell'articolo 13 del decreto legislativo 17 ottobre 2005, n. 226, è<br />

abrogato.<br />

5. Con regolamento emanato ai sensi dell'articolo 17, comma 2, della legge 23<br />

agosto 1988, n. 400, su proposta del Ministro dell'istruzione, dell'università e della<br />

ricerca, si provvede al coordinamento delle norme vigenti per la valutazione degli<br />

studenti, tenendo conto anche dei disturbi specifici di apprendimento e della disabilità<br />

degli alunni, e sono stabilite eventuali ulteriori modalità applicative del presente<br />

articolo.<br />

Articolo 4. (Insegnante unico nella scuola primaria)<br />

1. Nell'ambito degli obiettivi di razionalizzazione di cui all'articolo 64 del decretolegge<br />

25 giugno <strong>2008</strong>, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto <strong>2008</strong>, n.<br />

133, nei regolamenti previsti dal comma 4 del medesimo articolo 64 è ulteriormente<br />

previsto che le istituzioni scol<strong>as</strong>tiche della scuola primaria costituiscono cl<strong>as</strong>si affidate<br />

ad un unico insegnante e funzionanti con orario di ventiquattro ore settimanali. Nei<br />

regolamenti si tiene comunque conto delle esigenze, correlate alla domanda delle<br />

famiglie, di una più ampia articolazione del tempo-scuola.<br />

2. Con apposita sequenza contrattuale è definito il trattamento economico dovuto<br />

all'insegnante unico della scuola primaria, per le ore di insegnamento aggiuntive<br />

rispetto all'orario d'obbligo di insegnamento stabilito dalle vigenti disposizioni<br />

contrattuali.<br />

2-bis. Per la realizzazione delle finalità previste dal presente articolo, il Ministro<br />

dell'economia e delle finanze, di concerto con il ministro dell'istruzione, dell'università<br />

e della ricerca, ferme restando le attribuzioni del comitato di cui all'articolo 64, comma<br />

7, del decreto-legge 25 giugno <strong>2008</strong>, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6<br />

agosto <strong>2008</strong>, n. 133, provvede alla verifica degli specifici effetti finanziari determinati<br />

dall'applicazione del comma 1 del presente articolo, a decorrere dal 1º settembre <strong>2009</strong>.<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

155


156<br />

A seguito della predetta verifica, per le finalità di cui alla sequenza contrattuale prevista<br />

dal comma 2 del presente articolo, si provvede, per l'anno <strong>2009</strong>, ove occorra e in via<br />

transitoria, a valere sulle risorse del fondo d'istituto delle istituzioni scol<strong>as</strong>tiche, da<br />

reintegrare con quota parte delle risorse rese disponibili ai sensi del comma 9<br />

dell'articolo 64 del decreto-legge 25 giugno <strong>2008</strong>, n. 112, convertito, con modificazioni,<br />

dalla legge 6 agosto <strong>2008</strong>, n. 133, nei limiti dei risparmi di spesa conseguenti<br />

all'applicazione del comma 1, resi disponibili per le finalità di cui al comma 2 del presente<br />

articolo, e in ogni c<strong>as</strong>o senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica.<br />

2-ter. La disciplina prevista dai presente articolo entra in vigore a partire dall'anno<br />

scol<strong>as</strong>tico <strong>2009</strong>/2010, relativamente alle prime cl<strong>as</strong>si del ciclo scol<strong>as</strong>tico.<br />

Articolo 5. (Adozione dei libri di testo)<br />

1. Fermo restando quanto disposto dall'articolo 15 del decreto-legge 25 giugno<br />

<strong>2008</strong>, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto <strong>2008</strong>, n. 133, i competenti<br />

organi scol<strong>as</strong>tici adottano libri di testo in relazione ai quali l'editore si è impegnato a<br />

mantenere invariato il contenuto nel quinquennio, salvo che per la pubblicazione di<br />

eventuali appendici di aggiornamento da rendere separatamente disponibili. Salva la<br />

ricorrenza di specifiche e motivate esigenze, l'adozione dei libri di testo avviene nella<br />

scuola primaria con cadenza quinquennale, a valere per il successivo quinquennio, e<br />

nella scuola secondaria di primo e secondo grado ogni sei anni, a valere per i successivi<br />

sei anni. Il dirigente scol<strong>as</strong>tico vigila affinchè le delibere dei competenti organi scol<strong>as</strong>tici<br />

concernenti l'adozione dei libri di testo siano <strong>as</strong>sunte nel rispetto delle disposizioni<br />

vigenti.<br />

Articolo 5-bis. (Disposizioni in materia di graduatorie ad esaurimento)<br />

1. Nei termini e con le modalità fissati nel provvedimento di aggiornamento delle<br />

graduatorie ad esaurimento da disporre per il biennio <strong>2009</strong>/2010, ai sensi dell'articolo 1,<br />

commi 605, lettera c), e 607, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, e successive<br />

modificazioni, i docenti che hanno frequentato i corsi del IX ciclo presso le scuole di<br />

specializzazione per l'insegnamento secondario (SSIS) o i corsi biennali abilitanti di<br />

secondo livello ad indirizzo didattico (COBASLID), attivati nell'anno accademico<br />

2007/<strong>2008</strong>, e hanno conseguito il titolo abilitante sono iscritti, a domanda, nelle<br />

predette graduatorie, e sono collocati nella posizione spettante in b<strong>as</strong>e ai punteggi<br />

attribuiti ai titoli posseduti.<br />

2. Analogamente sono iscritti, a domanda, nelle predette graduatorie e sono<br />

collocati nella posizione spettante in b<strong>as</strong>e ai punteggi attribuiti ai titoli posseduti i<br />

docenti che hanno frequentato il primo corso biennale di secondo livello finalizzato alla<br />

formazione dei docenti di educazione musicale delle cl<strong>as</strong>si di concorso 31/A e 32/A e di<br />

strumento musicale nella scuola media della cl<strong>as</strong>se di concorso 77/A e hanno<br />

conseguito la relativa abilitazione.<br />

3. Possono inoltre chiedere l'iscrizione con riserva nelle suddette graduatorie<br />

coloro che si sono iscritti nell'anno accademico 2007/<strong>2008</strong> al corso di laurea in scienze<br />

della formazione primaria e ai corsi quadriennali di didattica della musica; la riserva è<br />

sciolta all'atto del conseguimento dell'abilitazione relativa al corso di laurea e ai corsi<br />

quadriennali sopra indicati e la collocazione in graduatoria è disposta sulla b<strong>as</strong>e dei<br />

punteggi attribuiti ai titoli posseduti.<br />

Articolo 6. (Valore abilitante della laurea in scienze della formazione primaria)<br />

1. L'esame di laurea sostenuto a conclusione dei corsi in scienze della formazione<br />

primaria istituiti a norma dell'articolo 3, comma 2, della legge 19 novembre 1990, n. 341,<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


e successive modificazioni, comprensivo della valutazione delle attività di tirocinio<br />

previste dal relativo percorso formativo, ha valore di esame di Stato e abilita<br />

all'insegnamento nella scuola primaria o nella scuola dell'infanzia, a seconda<br />

dell'indirizzo prescelto.<br />

2. Le disposizioni di cui al comma 1 si applicano anche a coloro che hanno sostenuto<br />

l'esame di laurea conclusivo dei corsi in scienze della formazione primaria nel periodo<br />

compreso tra la data di entrata in vigore della legge 24 dicembre 2007, n. 244, e la data<br />

di entrata in vigore del presente decreto.<br />

Articolo 7. (Modifica del comma 433 dell'articolo 2 della legge 24<br />

dicembre 2007, n. 244, in materia di accesso alle scuole universitarie di<br />

specializzazione in medicina e chirurgia)<br />

1. Il comma 433 dell'articolo 2 della legge 24 dicembre 2007, n. 244, è sostituito dal<br />

seguente:<br />

«433. Al concorso per l'accesso alle scuole universitarie di specializzazione in<br />

medicina e chirurgia, di cui al decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 368, e successive<br />

modificazioni, possono partecipare tutti i laureati in medicina e chirurgia. I laureati di<br />

cui al primo periodo, che superano il concorso ivi previsto, sono ammessi alle scuole di<br />

specializzazione a condizione che conseguano l'abilitazione per l'esercizio dell'attività<br />

professionale, ove non ancora posseduta, entro la data di inizio delle attività didattiche<br />

di dette scuole immediatamente successiva al concorso espletato».<br />

Articolo 7-bis. (Provvedimenti per la sicurezza delle scuole)<br />

1. A decorrere dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente<br />

decreto, al <strong>piano</strong> straordinario per la messa in sicurezza degli edifici scol<strong>as</strong>tici,<br />

formulato ai sensi dell'articolo 80, comma 21, della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e<br />

successive modificazioni, è destinato un importo non inferiore al 5 per cento delle<br />

risorse stanziate per il programma delle infr<strong>as</strong>trutture strategiche in cui il <strong>piano</strong> stesso<br />

è ricompreso.<br />

2. Al fine di consentire il completo utilizzo delle risorse già <strong>as</strong>segnate a sostegno<br />

delle iniziative in materia di edilizia scol<strong>as</strong>tica, le economie, comunque maturate alla<br />

data di entrata in vigore del presente decreto e rivenienti dai finanziamenti attivati ai<br />

sensi dell'articolo 11 del decreto-legge 1º luglio 1986, n. 318, convertito, con<br />

modificazioni, dalla legge 9 agosto 1986, n. 488, dall'articolo 1 della legge 23 dicembre<br />

1991, n. 430 e dall'articolo 2, comma 4, della legge 8 agosto 1996, n. 431, nonché quelle<br />

relative a finanziamenti per i quali non sono state effettuate movimentazioni a<br />

decorrere dal 1º gennaio 2006, sono revocate. A tal fine le stazioni appaltanti<br />

provvedono a rescindere, ai sensi dell'articolo 134 del codice dei contratti pubblici<br />

relativi a lavori, servizi e forniture, di cui al decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, i<br />

contratti stipulati, quantificano le economie e ne danno comunicazione alla regione<br />

territorialmente competente.<br />

3. La revoca di cui al comma 2 è disposta con decreto del Ministro dell'istruzione,<br />

dell'università e della ricerca, sentite le regioni territorialmente competenti, e le<br />

relative somme sono ri<strong>as</strong>segnate, con le stesse modalità, per l'attivazione di opere di<br />

messa in sicurezza delle strutture scol<strong>as</strong>tiche, finalizzate alla mitigazione del rischio<br />

sismico, da realizzare in attuazione del patto per la sicurezza delle scuole sottoscritto il<br />

20 dicembre 2007 dal Ministro della pubblica istruzione e dai rappresentanti delle<br />

regioni e degli enti locali, ai sensi dell'articolo 1, comma 625, della legge 27 dicembre<br />

2006, n. 296. L'eventuale ri<strong>as</strong>segnazione delle risorse a regione diversa è disposta<br />

sentita la Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto<br />

1997, n. 281, e successive modificazioni.<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

157


158<br />

4. Nell'attuazione degli interventi disposti ai sensi dei commi 2 e 3 del presente<br />

articolo si applicano, in quanto compatibili, le prescrizioni di cui all'articolo 4, commi 5, 7<br />

e 9, della legge 11 gennaio 1996, n. 23; i relativi finanziamenti possono, comunque, essere<br />

nuovamente revocati e ri<strong>as</strong>segnati, con le medesime modalità, qualora i lavori<br />

programmati non siano avviati entro due anni dall'<strong>as</strong>segnazione ovvero gli enti<br />

beneficiari dichiarino l'impossibilità di eseguire le opere.<br />

5. Il Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca, di concerto con il Ministro<br />

delle infr<strong>as</strong>trutture e dei tr<strong>as</strong>porti, nomina un soggetto attuatore che definisce gli<br />

interventi da effettuare per <strong>as</strong>sicurare l'immediata messa in sicurezza di almeno cento<br />

edifici scol<strong>as</strong>tici presenti sul territorio nazionale che presentano <strong>as</strong>petti di particolare<br />

criticità sotto il profilo della sicurezza sismica. Il soggetto attuatore e la localizzazione<br />

degli edifici interessati sono individuati d'intesa con la predetta Conferenza unificata.<br />

6. Al fine di <strong>as</strong>sicurare l'integrazione e l'ottimizzazione dei finanziamenti destinati alla<br />

sicurezza sismica delle scuole, il soggetto attuatore, di cui al comma 5, definisce il<br />

cronoprogramma dei lavori sulla b<strong>as</strong>e delle risorse disponibili, d'intesa con il<br />

Dipartimento della protezione civile, sentita la predetta Conferenza unificata.<br />

7. All'attuazione dei commi da 2 a 6 si provvede con decreti del Ministro<br />

dell'economia e delle finanze su proposta del Ministro competente, previa verifica<br />

dell'<strong>as</strong>senza di effetti peggiorativi sui saldi di finanza pubblica.<br />

Articolo 8. (Norme finali)<br />

1. Dall'attuazione del presente decreto non devono derivare nuovi o maggiori oneri<br />

a carico della finanza pubblica.<br />

1-bis. Sono fatte salve le competenze delle regioni a statuto speciale e delle province<br />

autonome di Trento e di Bolzano.<br />

2. Il presente decreto entra in vigore il giorno stesso della sua pubblicazione nella<br />

Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e sarà presentato alle Camere per la<br />

conversione in legge.<br />

Il decreto-legge 1º settembre <strong>2008</strong>, n. 137, recante disposizioni urgenti in materia di<br />

istruzione e università, è stato convertito in legge il 30/10/<strong>2008</strong> ed entra in vigore il giorno<br />

successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


I N D I C E<br />

CAPITOLO 1 CAPITOLO 4 - Le discipline<br />

Sul <strong>piano</strong> <strong>dell'offerta</strong> <strong>formativa</strong> pag. 3 Lingua e lettere italiane pag. 68<br />

Una traccia guida per l'elaborazione Storia pag. 69<br />

del Piano dell'Offerta Formativa pag. 6 Lingua e civiltà inglese pag. 69<br />

Il “Fermi” di Giarre pag. 7 Matematica pag. 70<br />

Sull'economia del bacino d'utenza pag. 9 Diritto ed economia pag. 71<br />

Il <strong>piano</strong> di studio pag. 10 Educazione fisica pag. 72<br />

Elettrotecnica ed Automazione pag. 10 Biennio<br />

Meccanica pag. 11 Geografia pag. 73<br />

Informatica Industriale pag. 11 Scienze della terra pag. 73<br />

Curriculum implicito pag. 13 Fisica pag. 74<br />

Curriculum tr<strong>as</strong>versale pag. 14 Chimica e laboratorio pag. 75<br />

Il “punto” sugli Istituti Tecnici dal Tecnologia e disegno tecnico pag. 76<br />

28 marzo 2003 al 18 dicembre <strong>2008</strong> pag. 14 Biologia pag. 77<br />

Elettrotecnica ed Elettronica pag. 16 Indirizzo Elettrotecnica<br />

Informatica e Telecomunicazioni pag. 17 Elettrotecnica generale pag. 77<br />

Meccanica, Meccatronica ed Energia pag. 17 Sistemi elettrici automatici pag. 78<br />

Prevenzione sugli abbandoni e sulla Impianti elettrici pag. 78<br />

dispersione scol<strong>as</strong>tica pag. 19 Tecnologie elettriche,<br />

Le modifiche apportate disegno e progettazione pag. 79<br />

al titolo V della Costituzione pag. 21 Meccanica e macchine pag. 80<br />

Alternanza scuola lavoro: un contributo Elettronica pag. 80<br />

per le risorse educazionali sul territorio pag. 23 Indirizzo Informatica<br />

La ricerca della qualità pag. 26 Elettronica pag. 81<br />

La certificazione conseguita pag. 39 Calcolo delle probabilità,<br />

Il Sistema Nazionale statistica e ricerca operativa pag. 81<br />

di Valutazione <strong>2008</strong> pag. 41 Sistemi automazione e laboratorio pag. 82<br />

Il Corso Serale pag. 41 Informatica pag. 83<br />

Docenti del Corso Serale pag. 43 Indirizzo Meccanica<br />

Orario Corso Serale pag. 44 Meccanica applicata pag. 83<br />

CAPITOLO 2<br />

Strutture ed organizzazione<br />

Strutture dell'<strong>Istituto</strong><br />

Elenco Docenti<br />

Elenco Personale A.T.A.<br />

Consiglio di <strong>Istituto</strong><br />

Dirigente Scol<strong>as</strong>tico:<br />

prof. Giuseppe D'Urso<br />

pag. 46<br />

pag. 47<br />

pag. 48<br />

pag. 48<br />

pag. 49<br />

Tecnologia meccanica<br />

ed esercitazioni pag. 84<br />

Disegno, progettazione,<br />

organizzazione industriale pag. 85<br />

Sistemi e automazione industriale pag. 85<br />

Area di progetto pag. 87<br />

CAPITOLO 5<br />

Valutazione: Indicatori-Descrittori<br />

Staff di dirigenza pag. 49 Valutazione delle prove scritte<br />

Docenti Funzioni Strumentali pag. 50 di italiano (Biennio) pag. 90<br />

I Coordinatori e i Segretari Valutazione del colloquio<br />

dei Consigli di Cl<strong>as</strong>se pag. 52 di italiano (Biennio) pag. 90<br />

I Direttori di laboratorio Valutazione delle prove scritte<br />

sub concessionari - <strong>as</strong>sistenti tecnici pag. 54 di italiano (Triennio) pag. 91<br />

I Dipartimenti pag. 55 Valutazione delle prove scritte<br />

Considerazioni in margine alla legge di matematica pag. 92<br />

sulla tr<strong>as</strong>parenza sulla tenuta Valutazione delle prove scritte<br />

del registro personale del docente pag. 58 di informatica pag. 92<br />

Viaggi d'istruzione pag. 59 Valutazione delle prove scritte<br />

Servizi Amministrativi pag. 60 di elettrotecnica pag. 93<br />

CAPITOLO 3 - Quadro orario<br />

Quadro orario<br />

Orario delle lezioni – biennio<br />

Orario delle lezioni – triennio<br />

pag. 62<br />

pag. 63<br />

pag. 65<br />

Valutazione delle prove scritte<br />

di impianti elettrici<br />

Valutazione delle prove scritte<br />

di sistemi elettrici<br />

pag. 93<br />

pag. 94<br />

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA<br />

159


160<br />

Valutazione delle prove scritte “Newspapergame” pag. 121<br />

o grafiche di disegno, progettazione La Fragola pag. 121<br />

ed organizzazione industriale pag. 94 Archivio pag. 122<br />

Valutazione delle prove scritte Certificazione Trinity: lingua inglese pag. 122<br />

di elettronica pag. 94 Giochi matematici<br />

Valutazione delle prove scritte di (Olimpiadi – Etniade) pag. 123<br />

tecnologia, disegno e progettazione pag. 95 Giochi di Anacleto pag. 123<br />

Valutazione delle prove scritte di Olimpiadi di informatica pag. 124<br />

meccanica applicata e macchine a fluido pag. 95 MiniRobot <strong>2009</strong> pag. 124<br />

Valutazione delle prove Giochi della chimica pag. 125<br />

di educazione fisica pag. 96 Scacchi a scuola pag. 125<br />

Criteri di valutazione prove orali pag. 97 Leggere e scrivere in XML pag. 127<br />

CAPITOLO 6 - Core-curriculum<br />

“Piano Integrato<br />

degli Interventi <strong>2008</strong>/<strong>2009</strong>” pag. 128<br />

Gara nazionale di elettrotecnica pag. 100 Patente di radioamatore pag. 131<br />

VII Edizione del<br />

“Premio nazionale BtScuola <strong>2009</strong>”<br />

Visite per l'orientamento<br />

pag. 100<br />

pag. 101<br />

CAPITOLO 9<br />

Aggiornamento Docenti e ATA<br />

Incampus pag. 101<br />

Quotidiano in cl<strong>as</strong>se pag. 102<br />

Calendario progetto<br />

“Quotidiano in cl<strong>as</strong>se“ pag. 102<br />

Let's talk in English pag. 103<br />

Palketto stage pag. 103<br />

Orientamento alla professione di perito pag. 104<br />

La stazione radio per le comunicazioni<br />

intercontinentali e lo spazio pag. 106<br />

Progetto “MusicaMilo” pag. 106<br />

Ambienti di apprendimento:<br />

lavagne interattive pag. 134<br />

Esperienze di didattica breve e di<br />

sperimentazione metodologica pag. 135<br />

Automazione industriale pag. 135<br />

Certificazione CISCO pag. 136<br />

CAPITOLO 10 - Progetti sul Territorio<br />

Biblioteca aperta pag. 138<br />

Patente Europea del Computer pag. 138<br />

Imprenditoria giovanile pag. 107<br />

CAPITOLO 7 - Curriculum opzionale<br />

I.T.I.S. “E.Fermi” - Facoltà d'Ingegneria<br />

“Una proficua integrazione” pag. 139<br />

VI Edizione del concorso di poesia<br />

Educazione alla legalità pag. 110 “Le parole dell'anima” pag. 140<br />

Smonta il bullo pag. 110 VIII Edizione della manifestazione<br />

Educazione alla tolleranza “Dopo la scuola quale lavoro?”<br />

“I percorsi della memoria” pag. 111 organizzata dall'A.CU.DI.PRO.SI pag. 141<br />

Educazione alla salute pag. 111 “Giornate della sicurezza stradale”<br />

VLAD (“Vieni liberamente a donare”) pag. 112 Giarre - 6ª edizione pag. 142<br />

Genetica comunitaria Prevenzione QUASAR – QUAS(I)(ST)AR pag. 142<br />

delle malattie genetiche pag. 112 I programmi di studio<br />

Prevenzione e donazione pag. 113 all'estero di Intercultura pag. 143<br />

Educazione alimentare e benessere pag. 113 Progetto Aetnanet pag. 145<br />

Alcolismo e tabagismo pag. 113 “Spazio 22” - Una rete di scuole pag. 146<br />

Prevenzione delle malattie della pelle pag. 114 eTwinning pag. 147<br />

Prevenzione e informazione AIDS pag. 114 Le manifestazione del Cinquantenario<br />

“Educazione all'ambiente” pag. 115 Progetto “Atena” di divulgazione<br />

Tesori d'Italia pag. 115 scientifica pag. 148<br />

Nontiscordardimè operazione<br />

scuole pulite pag. 115<br />

“La scuola adotta un comune” pag. 116<br />

Educare per conservare la biodiversità pag. 116<br />

Educazione all'ambiente attraverso la<br />

conoscenza del territorio<br />

“Gli amici della terra” pag. 116<br />

Stop the fever - Cl<strong>as</strong>si per l'ambiente pag. 117<br />

Educazione stradale - Il patentino pag. 117<br />

Pari opportunità<br />

“Non calpestiamo le margherite” pag. 118<br />

CAPITOLO 8 - Curriculum elettivo<br />

Sportivamente … insieme … pag. 120<br />

CAPITOLO 11<br />

La solidarietà del “Fermi”<br />

Telethon pag. 152<br />

A.I.S.M. (Associazione Italiana<br />

Sclerosi Multipla) pag. 152<br />

A.S.L. (Associazione Siciliana<br />

per la lotta contro la Leucemia) pag. 153<br />

A.I.R.C. (Associazione Italiana<br />

Ricerca Cancro) pag. 153<br />

Appendice<br />

Decreto Legge 137 pag. 154<br />

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE “ENRICO FERMI”


<strong>Istituto</strong> <strong>Tecnico</strong> Industriale<br />

“E. Fermi”<br />

Via Nunzio Maccarrone n. 4<br />

95014 GIARRE (CT)<br />

Telefono: 095 7794813<br />

Fax: 095 7794811<br />

Sito: www.itisfermigiarre.info<br />

E-mail: enricofermi@interfree.it<br />

Dirigente Scol<strong>as</strong>tico:<br />

Giuseppe D'Urso<br />

Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi:<br />

Gaetano Amoroso<br />

Presidente del Consiglio d'<strong>Istituto</strong>:<br />

Salvatore Pennisi<br />

Stampato nel Febbraio <strong>2009</strong><br />

presso la Litografia LIUZZO<br />

Giarre - Tel. 095 933956

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!