Aprile 200 - Vita Ciociara

vitaciociara.it

Aprile 200 - Vita Ciociara

Vita Ciociara Anno 5° - Aprile 2009

operoso per la semina e trapianti, i germogli,

ormai evidenti, si allungano, e gli

ortaggi precoci sono quasi pronti per il

trapianto, si seminano rucole, lattughe,

indivia, carote, patate e sedano, ricordando

che in luna calante si seminano

porri, patate, sedano, lattughe, e in crescente

carote indivie, verdure a foglia.

Rammentarsi di rincalzare fave e piselli

seminati in autunno.

E’ necessario provvedere alla concimazione

con compost maturo o fertilizzanti,

da interrare leggermente nel terreno. In

luna calante raccogliere broccoli, cavoli e

radicchi, trapiantare zucchine e cetrioli

precoci. Nel campo aperto e dove le temperature

sono più stabili, cosi come nelle

zone collinari seminare piselli, soia, mais

e farro.

In un angolo ben protetto dal vento, sempre

soleggiato, con terreno leggero e fertile,

create un’aiuola di piante aromatiche,

che in questo mese è bene seminare, se

erbacee, o moltiplicare e trapiantare se

perenni. Rosmarino, salvia, basilico,

maggiorana, erba cipollina, menta, timo,

lavanda, prezzemolo e origano, si possono

coltivare con successo senza trat-

tamenti. Tutte vivono bene anche con

poca terra, meno di 30 cm., ma è consigliabile

di interrarli bene per evitargli di risentire

maggiormente di siccità e sbalzi

di temperatura. Le piante aromatiche

sono apprezzate per le loro qualità terapeutiche

e culinarie, ma anche per la bellezza

delle foglie, delle fioriture, ma

soprattutto per i loro intensi e caratteristici

profumi, le piante aromatiche e officinali

sono comuni e facili da coltivare. Non disponendo

d’aiuole, si possono usare

come piante da balcone, collocando in

ogni vaso una varietà, sistemando i vasi

su scaffalature appendendoli alla ringhiera,

prestando attenzione al loro sviluppo;

esse formeranno una composizione

armoniosa e decorativa.

Nella cantina è di fondamentale importanza

curare bene quest’ambiente, affinché

il vino si conservi correttamente

senza deteriorarsi; infatti, il vino non è

una materia inerte ma viva, che si evolve

col tempo, con lo scorrere delle stagioni e

in sintonia con l’ambiente che lo circonda.

Il travaso in questo mese va fatto

nelle giornate serene o ventose in luna

calante se si vogliono dei vini secchi dal

31

10 al 24, ma qualora, si imbottigliassero

dei vini con vocazione spumosa è bene

farlo nel periodo che va dal 2 al 09. E’

buona norma non tenere in cantina derrate

alimentari perché i loro odori pregiudicano

i profumi del vino e favoriscono

l’insorgenza delle muffe.

Sapete che anche a tavola ci si può ammalare,

come e quanto mangiare? Il regime

alimentare di una persona deve

tenere conto dello stile di vita della struttura

e della composizione corporea. La

dieta ideale per la salute di tutti i nostri organi

è quella che prevede ogni giorno

carboidrati (60%pane e pasta), grassi

(30% sopratutti quelli insaturi come l’olio

di oliva ) e per finire proteine (10%). Sono

da evitare salumi e insaccati, fritture, alcolici,

bibite gassate. Rammentare di

sciacquare la damigiana (stomaco) con

almeno due litri di acqua il giorno prima

di versarvi del vino (cibaglie ) .

Un abbraccio caloroso e un francescano

augurio “ pace e bene “

A.D. 31. 03. 2009

More magazines by this user
Similar magazines