01.06.2013 Views

una proposta debole - Jesi e la sua valle

una proposta debole - Jesi e la sua valle

una proposta debole - Jesi e la sua valle

SHOW MORE
SHOW LESS

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

36<br />

22 30<br />

3234<br />

in copertina:<br />

foto di Augusto Giglietti<br />

JESI E LA SUA VALLE - quindicinale d’informazione Direttore responsabile Dino<br />

Mogianesi, Direttore Ro<strong>la</strong>ndo Romagnoli, Caporedattore Marina Marini, Segretaria di<br />

redazione Samanta Vecci, Fotografia Augusto Giglietti, Pubblicità Marco Focante,<br />

Amministrazione Pao<strong>la</strong> Perlini - Gruppo Editoriale Informazione - sede, direzione, redazione,<br />

amministrazione e pubblicità via Petrucci 11 <strong>Jesi</strong> (An) - www.jesie<strong>la</strong><strong>sua</strong><strong>valle</strong>.it -<br />

e.mail redazione@jesie<strong>la</strong><strong>sua</strong><strong>valle</strong>.it - tel 0731/4855 - fax 0731/209128 - stampa Tj, <strong>Jesi</strong><br />

- associato a: Unione Stampa Periodica Italiana Reg. trib. di Ancona n. 262/62 del<br />

9.11.1962 - spedizione in abbon. postale <strong>una</strong> copia e 2,00 (arretrata e 4,00) • abbonamento<br />

annuale e 35,00 • estero e 80,00 • sostenitore e 70,00 - C/c postale 12544607<br />

intestato a: Gruppo Editoriale Informazione soc. coop. via Petrucci 11 <strong>Jesi</strong> - Consiglio di<br />

Amministrazione: presidente Marcello Focante, vice presidente Ro<strong>la</strong>ndo Romagnoli; consiglieri:<br />

Elisabetta Carletti, Marina Marini, Dino Mogianesi<br />

sommario<br />

5<br />

8<br />

10<br />

11<br />

22<br />

24<br />

26<br />

30<br />

32<br />

34<br />

36<br />

37<br />

FUORISERA<br />

EDITORIALE:<br />

PENSIERI FELINI N. 4<br />

di dino mogianesi<br />

DÀI ITALIA, CE LA PUOI FARE!<br />

di ro<strong>la</strong>ndo romagnoli<br />

UNITI PER LA LIBERTÀ<br />

di enza amici<br />

ADDIO SOGNI INDUSTRIALI<br />

di f<strong>la</strong>vio donati<br />

UNA PROPOSTA DEBOLE<br />

di andrea bordoni<br />

JESI CITTÀ VERDE<br />

di samanta vecci<br />

VOGLIO TROVARE UN SENSO<br />

A QUESTA VITA<br />

di emanue<strong>la</strong> corsetti<br />

UNA GENERAZIONE DI INFERMIERI<br />

di gloria fiorentini<br />

L’AFFETTO PER UNA CITTÀ...<br />

PROVINCIALOTTA<br />

di giovanni filosa<br />

“UNA VITA PER LA LIBERTÀ”<br />

di dino mogianesi<br />

PASSIONE TENNIS<br />

di fabrizio romagnoli<br />

I GIOVANI SI FANNO ONORE<br />

di fabrizio romagnoli


FUORISERA FLASH<br />

Domenica 8 maggio<br />

• A Maio<strong>la</strong>ti Spontini (Teatro G. Spontini) Stagione di Prosa ITIS GALI-<br />

LEO di Francesco Niccolini e Marco Paolini; ore 21. Info: 0731/206888<br />

• A San Marcello (Teatro P. Ferrari ) Stagione di Prosa VOGLIO LA<br />

LUNA! di e con Simone Guerro; ore 17.30. Ingresso libero. Info:<br />

0731/7206888<br />

Fino all’8 maggio<br />

• A Fabriano (Parrocchia San Giuseppe Lavoratore)<br />

Mostra di Giorgio Rocchegiani GENIO PASSIONE<br />

FANTASIA; orari:12-13 e 16-19.30.<br />

Lunedì 9 maggio<br />

• Ad Ancona (Loggia dei Mercanti) 9ª GIORNATA DELL’ECONO-<br />

MIA tavo<strong>la</strong> rotonda su “L’imprenditorialità nel<strong>la</strong> provincia di Ancona<br />

tra passato e futuro”; ore 10. Info: 071/5898399<br />

Da lunedì 9 a domenica 15 maggio<br />

• Ad Ancona (Pa<strong>la</strong>zzo Camerata) mostra fotografica LA VITA... E IL<br />

FIUME; orario 9-12, 16-19. Inaugurazione lunedì 9 maggio; ore<br />

9.30. Venerdì 13 maggio (Sa<strong>la</strong> Convegni) convegno “Conservazione<br />

del<strong>la</strong> biodiversità - Gestione degli alvei fluviali”; ore 9. Info:<br />

347/3468612<br />

Martedì 10 maggio<br />

• A Recanati (Teatro Persiani) MI SCAPPA DA RIDERE con Michelle<br />

Hunziker; ore 21. Info: 071/7579445<br />

Giovedì 12 maggio<br />

• A <strong>Jesi</strong> (sede Italcook) conferenza L’ESTRO ITALIANO DAL RINA-<br />

SCIMENTO AL BAROCCO; ore 18. Ingresso libero. Info: 0731/56400<br />

Venerdì 13 maggio<br />

• A Santa Maria Nuova (Chiesa di S. Rocco) “900 musica Santamarianuovafestival”<br />

POESIA E MUSICA NEL NOVECENTO, Franca<br />

Mancinelli (poetessa), Alessandra Gattari (soprano), Francesco<br />

Cuoghi (chitarra); ore 21.30. Info: 0731/249702<br />

Sabato 14 maggio<br />

• A <strong>Jesi</strong> (Teatro Studio V. Moriconi) Rassegna Scompagina LA MA-<br />

TEMATICA SENTIMENTALE di e con Pierpaolo Pal<strong>la</strong>dino, regia<br />

Cristina Aubry; ore 21. Info: 0731/206888<br />

• A Senigallia (Rotonda a Mare) WAITING FOR SUMMER JAMBO-<br />

REE musica rock and roll e LA NOTTE DEI MUSEI. Info: 071/6629244<br />

Domenica 15 maggio<br />

• A Senigallia (Teatro La Fenice) Rassegna Contro Canto, ELIO E LE<br />

STORIE TESE. Biglietto unico 35 euro; ore 21. Info: 071/7930842<br />

Giovedì 19 maggio<br />

• A <strong>Jesi</strong> (Sa<strong>la</strong> del Lampadario - Circolo Cittadino) Giovanni Filosa presenta<br />

il libro CI SONO NOTTI CHE NON ACCADONO MAI di Cristiano<br />

Carriero, edizioniGei, ore 19. Info: 0731/4855<br />

Venerdì 20 maggio<br />

• A <strong>Jesi</strong> (Teatro Studio V. Moriconi) Rassegna Scompagina GRAM-<br />

SCI A TEATRO Gualtiero De Santi presenta il volume “Antonio<br />

Gramsci. Cronache teatrali”. Legge alcuni brani l’attore Giorgio<br />

Felicetti; ore 18. Ingresso libero<br />

• A <strong>Jesi</strong> (sede Italcook) conferenza IL PERCORSO DI IDENTITÀ<br />

DAL “SECOLO DEI LUMI” AD OGGI, ore 19. Ingresso libero. Info:<br />

0731/56400<br />

• A Santa Maria Nuova (Auditorium “Divina Pastora” di Collina) “900<br />

musica Santamarianuovafestival” Pianox2 LA SAGRA DELLA PRI-<br />

MAVERA Alessandro Calcagnile e Rossel<strong>la</strong> Spinosa; ore 21.30<br />

Sabato 21 maggio<br />

• A San Marcello (Teatro P. Ferrari) Teatro Giovani I CALZINI, QUEL-<br />

LI BUONI di e con Piero Guerriero; ore 21.15. Info: 0731/206888<br />

• Ad Ancona (Pa<strong>la</strong>rossini) ”ORA” TOUR JOVANOTTI in concerto; ore<br />

21. Anche domenica 22. Info: 071/2901224<br />

• Ad Ancona (Auditorium dell’Istituto Superiore di Studi Musicali G.B.<br />

Pergolesi) Rassegna C<strong>la</strong>ssica con Brio LA CRISI DEL ’900: RISPO-<br />

STE DALLA RUSSIA, serie di letture tratte da “Cos’è l’arte?” di L.Tolstoj<br />

con Cettina Musumarra al pianoforte; ore 18.30. Ingresso libero.<br />

Info: 071/52692<br />

Dal 21 maggio al 10 luglio<br />

• A Senigallia (Rocca Roveresca) mostra M’ARCORD MARIO. I luoghi,<br />

i volti e le parole di Mario Giacomelli, ore 8.30-19.30. Info: 071/6629244<br />

Venerdì 27 maggio<br />

• A Santa Maria Nuova (Auditorium “Divina Pastora” di Collina) “900<br />

musica Santamarianuovafestival” D’ACQUA E DI VENTO. Emiliano<br />

Rodriguez (sassofoni) Stefano De Bonis (pianoforte); ore 21.30<br />

Fino al 29 maggio<br />

• Ad Ancona (Mole Vanvitelliana) mostre: ZURAB TSERETELI.<br />

Incanto delle origini. Radici del mondo, a cura di Armando Ginesi e<br />

ACCADEMIA RUSSA DI BELLE ARTI. Fatti personaggi eventi, a<br />

cura di Elena Tsereteli e Ljubov Evdokimova; orari: mart-ven 16.30-<br />

19.30, sabato e domenica 10-13, 16.30-19.30 (lunedì chiuso)


6 LETTERE<br />

DEGRADO A SAN PIETRO<br />

La sig.ra Emanue<strong>la</strong> Deboni ci segna<strong>la</strong>:<br />

Io abito in via degli Spiazzi. La situazione di degrado del<br />

quartiere San Pietro è davvero avvilente. In primis, erba<br />

alta in molti periodi dell’anno che fa sembrare quei poveri<br />

giardinetti più <strong>una</strong> savana che un piccolo spazio per<br />

riposarsi su <strong>una</strong> panchina e far giocare i bambini, escrementi<br />

di cani ovunque, più o meno occultati tra l’erbaccia,<br />

auto parcheggiate senza ritegno anche perché non<br />

esiste alc<strong>una</strong> segnaletica a terra che possa dare un minimo<br />

di indicazione al primo che arriva per mettersi in<br />

modo da non costringere i successivi ad adattarsi a posizioni<br />

che non consentono un miglior sfruttamento dei<br />

pochi posti disponibili. Mi chiedo: ma se dovesse arrivare<br />

un’ambu<strong>la</strong>nza o il camion dei pompieri, vi siete mai<br />

chiesti dove potrebbe passare (specialmente in tarda serata/notte<br />

quando il parcheggio diventa selvaggio)? Non so<br />

se mai potrà attrarre l’attenzione dell’amministrazione<br />

com<strong>una</strong>le questa mia segna<strong>la</strong>zione visto che certo ha priorità<br />

maggiori tipo l’ascensore dei giardinetti delle carceri…<br />

sicuramente <strong>una</strong> necessità primaria per gli abitanti del<br />

centro storico e oltre!<br />

ENOTECA E SCALA MOBILE<br />

Il sig. Stefano Martelli ci scrive:<br />

Vivo da un anno circa nei pressi dell’Enoteca regionale e<br />

voglio segna<strong>la</strong>re tre questioni che a mio avviso meritano<br />

attenzione: 1) L’Enoteca regionale, da quando (finalmente!)<br />

ha riaperto, funziona a singhiozzo. Capita spesso che<br />

sia chiusa nell’orario e nei giorni in cui secondo quanto<br />

riportato nel cartello affisso sul portone non dovrebbe<br />

esserlo. Con disappunto di molti turisti e non solo. 2)<br />

Come si vede dal<strong>la</strong> foto allegata, a <strong>la</strong>to dell’ingresso da<br />

via F. Conti c’è un tubo rosso da cui ogni tanto fuoriesce<br />

<strong>una</strong> discreta quantità di acqua, di cui l’occhio dei residenti<br />

e dei turisti farebbe volentieri a meno. Senza tener<br />

conto dei danni che ha causato all’intonaco del bel pa<strong>la</strong>zzo<br />

da cui fuoriesce. 3) Le scale mobili. Domanda: Come<br />

mai in tempi in cui (finalmente!) si par<strong>la</strong> molto di risparmio<br />

energetico l’impianto resta acceso in modo ininterrotto<br />

per ore anche quando non è utilizzato da nessuno?<br />

Perché non instal<strong>la</strong>re delle fotocellule che attivano le<br />

scale solo quando servono?<br />

LIBRO DIALETTALE<br />

Presso <strong>la</strong> Libreria Cattolica è possibile prenotare l’ultimo<br />

libro in dialetto di Marco Bordini: "Succede solo<br />

giù San Piedro". E-mail Marco Bordini: marcobordini39@libero.it


IMPOSSIBILE PARCHEGGIARE IN VIA RADICIOTTI<br />

Una nostra abbonata, Ivana Togni, ci scrive:<br />

Voglio segna<strong>la</strong>re <strong>una</strong> inadempienza del Comune di <strong>Jesi</strong>.<br />

Insieme agli altri residenti di via Radiciotti, nel 2005 vista<br />

<strong>la</strong> mancanza di parcheggi nel<strong>la</strong> nostra via (causata principalmente<br />

dalle macchine <strong>la</strong>sciate da chi si reca nel vicino<br />

ospedale del viale del<strong>la</strong> Vittoria e dal<strong>la</strong> presenza<br />

dell’Istituto Tecnico Industriale e quindi delle macchine<br />

degli studenti e dei professori) sostenemmo <strong>una</strong> raccolta<br />

di firme per richiedere nuovi parcheggi da ricavare nel<br />

<strong>la</strong>to sinistro del<strong>la</strong> strada dove si trova un ampio marciapiede<br />

che potrebbe essere facilmente utilizzabile per<br />

creare nuovi posti auto e contemporaneamente <strong>la</strong>sciare<br />

un ampio spazio per il passaggio dei pedoni.<br />

La questione è molto rilevante per chi abita in questa<br />

zona visto che <strong>la</strong> stragrande maggioranza delle abitazioni<br />

non è fornita di garage. A questa nostra richiesta l’allora<br />

assessore ai <strong>la</strong>vori pubblici, Rossana Montecchiani,<br />

ci assicurò che in brevi periodi le nostre richieste sarebbero<br />

state soddisfatte. A distanza di 6 anni niente è cambiato,<br />

con l’aggravante che i residenti vengono tartassati<br />

di multe continuamente qualora, vista l’impossibilità di<br />

parcheggiare negli appositi spazi, siano costretti a <strong>la</strong>sciare<br />

<strong>la</strong> macchina sul marciapiede. Visto che i <strong>la</strong>vori per<br />

ricavare nuovi posti auto non sono mai stati svolti, abbiamo<br />

chiesto di applicare il disco orario a chi parcheggia,<br />

esclusi noi residenti, ma nemmeno questo intervento è<br />

L’ultima di Woodstock<br />

stato posto in essere. Chiediamo a chi di dovere di prendere<br />

in considerazione le nostre richieste e di trovare al<br />

più presto <strong>una</strong> soluzione allo spinoso problema dei parcheggi<br />

in via Radiciotti.<br />

SITUAZIONE SCUOLA CAPPANNINI<br />

La sig.ra Laura Liera chiede chiarimenti sui <strong>la</strong>vori non<br />

effettuati nel<strong>la</strong> scuo<strong>la</strong>:<br />

Mia figlia frequenta <strong>la</strong> c<strong>la</strong>sse II al<strong>la</strong> scuo<strong>la</strong> Cappannini. Lo<br />

scorso anno ci avevano promesso che durante le vacanze<br />

estive sarebbero stati effettuati nel<strong>la</strong> scuo<strong>la</strong> <strong>la</strong>vori di<br />

ristrutturazione, principalmente inerenti <strong>la</strong> realizzazione<br />

delle uscite di sicurezza del secondo piano (attualmente<br />

inesistenti) e <strong>la</strong> sistemazione dell’intonaco esterno.<br />

Premetto che tali <strong>la</strong>vori erano già stati deliberati nel<br />

bi<strong>la</strong>ncio com<strong>una</strong>le. Durante l’estate sono usciti ben due<br />

articoli sui giornali locali che preannunciavano l’inizio dei<br />

<strong>la</strong>vori ma nul<strong>la</strong> è successo e a settembre abbiamo ritrovato<br />

<strong>la</strong> nostra “vecchia” scuo<strong>la</strong> ed è passato un altro<br />

anno sco<strong>la</strong>stico senza novità. Mi piacerebbe sapere dove<br />

sono finiti i soldi stanziati. E i <strong>la</strong>vori al<strong>la</strong> scuo<strong>la</strong> quando<br />

verranno effettuati? Vorrei sperare che il comune provvederà<br />

al più presto almeno al<strong>la</strong> parte di <strong>la</strong>vori riguardante<br />

<strong>la</strong> messa a norma del<strong>la</strong> scuo<strong>la</strong> re<strong>la</strong>tivamente alle<br />

uscite di sicurezza antincendio.<br />

7


8 EDITORIALE<br />

di dino mogianesi<br />

Pensieri felini<br />

n. 4<br />

Come al solito, quando mi metto a scrivere qualcosa e<br />

ho fretta, eccoti il gatto che si piazza al solito posto per<br />

dare fastidio e confondere le idee, già piuttosto confuse.<br />

Questa volta, però, Romeo ti conviene stare buono<br />

ché ho sonno e non voglio fare tardi. Eppoi sono arrabbiato.<br />

Un po’. Anche un po’ tanto. Fermo, Romeo, che<br />

non è aria. Lavoro pure per te. Lo so che a te non te<br />

ne importa niente: basta che c’hai <strong>la</strong> tua solita giumel<strong>la</strong><br />

di crocchette, un po’ d’acqua e te ne freghi di come<br />

va il mondo. A me mi tocca spar<strong>la</strong>re anche per te. Sì<br />

sì, chiudi gli occhi e sbadiglia…<br />

Dunque, c’è qualcuno che ha detto che il referendum<br />

sul nucleare sarebbe meglio non farlo adesso, perché<br />

dai sondaggi <strong>la</strong> scelta del nucleare risulterebbe fortemente<br />

impopo<strong>la</strong>re al punto che sarebbe definitivamente<br />

abbandonata sotto <strong>una</strong> va<strong>la</strong>nga di voti contrari. Il<br />

tutto perché gli elettori, cioè noi, saremmo emozionati,<br />

troppo, dal disastro successo in Giappone. Così, per<br />

non correre il rischio di fare <strong>una</strong> scelta emotiva, per il<br />

bene nostro, ci viene risparmiata <strong>la</strong> richiesta di un<br />

nostro parere. Saremmo un po’ come ragazzini troppo<br />

facilmente suggestionabili cui non è opportuno, per <strong>la</strong><br />

loro immaturità, chiedere un parere che, a quel punto,<br />

sarebbe praticamente definitivo.<br />

Ebbene, penso che al<strong>la</strong> fine sia <strong>una</strong> scelta saggia, questa.<br />

La troppa democrazia sarebbe controproducente<br />

proprio per chi <strong>la</strong> invoca. Perché noi, piccoli uomini,<br />

siamo in effetti molto, troppo suggestionabili. Saremmo<br />

come voialtri gatti, che vi basta che uno vi coccoli un<br />

attimo e vi sdilinquite tutti e cominciate a ronfare come<br />

un temporale in lontananza. Insomma, già abbiamo<br />

dato il diritto di voto alle donne, che ragionano un po’<br />

troppo poco col cervello e un po’ troppo molto con <strong>la</strong><br />

pancia. Di questo passo, roba che diamo il diritto di<br />

voto anche ai gatti! E che sistema! Oddio, il nucleare<br />

coinvolgerebbe anche voi, ma mica adesso si può stare<br />

a sentire tutti per prendere decisioni di così grave<br />

momento. A te, per esempio, Romeo, ti si è dovuto sterilizzare.<br />

Perché altrimenti ti emozionavi troppo e dopo<br />

succedevano cose assai disdicevoli.<br />

Anche noi uomini e donne viviamo troppo di emozioni<br />

con conseguenze che, spesso, sono estremamente disdicevoli.<br />

Prendi un uomo e <strong>una</strong> donna; si vogliono<br />

bene, stanno lì a strusciarsi un po’. Poi si mettono vicini<br />

vicini… molto vicini… troppo vicini. E dopo per forza<br />

che ci sono delle conseguenze assai disdicevoli. Te,<br />

Romeo, perché lo sport non ti piace; lo vedi solo in<br />

televisione e con un occhio solo. Ma lo sai, Romeo, perché<br />

a volte ti svegliano le grida di quelle 50-60-80mi<strong>la</strong><br />

persone scamiciate, che ur<strong>la</strong>no da matti, prese dal<strong>la</strong><br />

passione sportiva, scandalosamente emozionate, che<br />

ur<strong>la</strong>no come ossesse. Dovrebbero vietarli certi assembramenti,<br />

dove capitano cose emotive, molto disdicevoli.<br />

Dovrebbero far svolgere le gare sportive in stadi<br />

vuoti, nel<strong>la</strong> segretezza e senza telecamere. Altrimenti<br />

gli uomini sono capaci di scatenarsi come te, Romeo,<br />

quando ti piglia il matto e cominci a correre su sedie e<br />

divani, da <strong>una</strong> stanza all’altra, emozionato dal matto<br />

che c’hai dentro. Tutto ciò, come ogni uomo bennato<br />

può comprendere, è cosa assai disdicevole.<br />

Insomma, e mica si possono <strong>la</strong>sciare certe decisioni<br />

così importanti all’emozione del momento. Sarebbe<br />

come se andassimo a chiedere a degli operai se sono<br />

d’accordo di essere licenziati per il loro bene. Sarebbero<br />

emozionati e poco lucidi – e anche leggermente, diciamo<br />

così, contrariati – e certo prenderebbero decisioni<br />

assai disdicevoli per loro e per l’interlocutore.<br />

Ma <strong>la</strong> vogliamo dire tutta? Anche ’sta democrazia, dove<br />

tutti, anche quelli troppo emotivi ed emozionati, vogliono<br />

dire <strong>la</strong> loro su tutto, anche su cose troppo importanti,<br />

eh! ma che sistema è? Ma che è <strong>la</strong> repubblica<br />

dei gatti? Ecco perché dopo si fanno scelte disdicevoli.<br />

C’è già chi ci pensa a proteggerci dalle nostre<br />

scelte disdicevoli. Del resto, tu Romeo, ti trovi poi così<br />

scontento delle crocchette del supermercato vicino<br />

casa? Se dovessi andare a comperartele da solo quelle<br />

che vedi in tv, ma dove vai che nemmeno scendi fino<br />

in fondo alle scale? Eppoi, ce l’hai i soldi? E allora, per<br />

piacere…!


di ro<strong>la</strong>ndo romagnoli<br />

Dài Italia, ce<br />

<strong>la</strong> puoi fare!<br />

Se si vuol capire come stiamo in Italia, bisogna leggere<br />

i giornali, non le prime pagine, quelle che par<strong>la</strong>no di<br />

politica. No, quelle ripetono stancamente sempre le<br />

stesse cose e non spiegano come gli italiani stanno<br />

vivendo questo momento. Si devono leggere le pagine<br />

che pubblicano le lettere del<strong>la</strong> gente. Da lì si capisce le<br />

tante difficoltà con le quali ci si trova a dover convivere<br />

ogni giorno, si capisce qual è esattamente <strong>la</strong> situazione<br />

economica delle famiglie, <strong>la</strong> loro disperazione, e<br />

le assurdità di un paese che non funziona. Sono lettere<br />

soprattutto di giovani che non riescono a trovare<br />

<strong>la</strong>voro o trovano occupazioni molto precarie, ma anche<br />

lettere provenienti dall’estero di chi, andandosene, ha<br />

trovato un <strong>la</strong>voro altrove e si dispiace di dover stare<br />

lontano da casa. Poi tanti che, invece, il <strong>la</strong>voro ce l’avevano<br />

ma l’hanno perso e, con <strong>una</strong> famiglia da mantenere,<br />

sono disperati, costretti ad arrabattarsi giorno<br />

per giorno, rinunciando a tante piccole consuetudini.<br />

Ci sono poi tutti quelli che si <strong>la</strong>mentano di come sono<br />

stati trattati nel momento in cui si sono dovuti rivolge-<br />

re ad un ufficio pubblico o un ente privato: l’inefficienza<br />

dei servizi, dei trasporti, delle comunicazioni e del<strong>la</strong><br />

sanità, i tempi di attesa per <strong>una</strong> visita medica. Sono<br />

proteste per situazioni inconcepibili, alle quali però<br />

nessuno provvede, malgrado le tante esternazioni di<br />

ministri e politici. Ma <strong>la</strong> politica par<strong>la</strong> sempre d’altro,<br />

quasi mai dei problemi del<strong>la</strong> gente. Ne consegue che cambia<br />

l’atteggiamento degli italiani che, se prima esprimevano<br />

indignazione, ora sono passati ad <strong>una</strong> sorta di impotenza<br />

e, infine, ad uno stato di nausea seguito dall’assuefazione<br />

al<strong>la</strong> realtà. Non vedono vie d’uscita e hanno capito<br />

che <strong>la</strong> politica non è in grado di darle.<br />

Anche le trasmissioni televisive, i cosi detti talk show,<br />

hanno stancato. I vari Annozero, Bal<strong>la</strong>rò, ecc., stanno<br />

fallendo nel loro compito di approfondimento, stanno<br />

diventando inguardabili, stancano. Sono appunto dei<br />

talk show, “spettacoli di discussioni”. Vengono chiamati<br />

i politici e i giornalisti più spinti in modo che il dibattito<br />

diventi uno scontro con ur<strong>la</strong> ed interruzioni continue<br />

con lo spettatore che finisce per diventare così<br />

tifoso dell’<strong>una</strong> o dell’altra parte, esaltando i peggiori<br />

sentimenti. Tanto che parecchi incominciano ad inveire<br />

ur<strong>la</strong>ndo contro quelle figure sul televisore, come si fa<br />

allo stadio. Sono mesi che si stanno facendo trasmissioni<br />

basate sul<strong>la</strong> vita notturna del presidente del consiglio<br />

per cercare di provare <strong>la</strong> <strong>sua</strong> moralità (o meglio<br />

<strong>la</strong> <strong>sua</strong> immoralità). Come se gli italiani avessero ancora<br />

bisogno di dimostrazioni. Chi è Berlusconi e come<br />

vive, ormai lo sanno tutti, per molti è incompatibile con<br />

il ruolo politico che riveste, ma a tanti <strong>la</strong> <strong>sua</strong> vita privata<br />

e i suoi modi di comportarsi non interessano:<br />

conta solo <strong>la</strong> vittoria di parte, purché non vinca l’odiato<br />

nemico politico. E intanto l’Italia va sempre peggio.<br />

Ci sono speranze? Forse sì, anche se è difficile vederle.<br />

Quando vengono indette manifestazioni c’è <strong>una</strong><br />

<strong>la</strong>rga partecipazione di cittadini, soprattutto giovani.<br />

C’è scarsa fiducia nel<strong>la</strong> politica e nei partiti e in quel<strong>la</strong><br />

che viene chiamata Seconda Repubblica che è certamente<br />

peggiore del<strong>la</strong> Prima. A dicembre hanno manifestato<br />

gli studenti e i ricercatori contro <strong>la</strong> riforma sco<strong>la</strong>stica<br />

e universitaria, poi a febbraio le donne per <strong>una</strong><br />

richiesta di dignità, quindi gli operai contro <strong>la</strong> chiusura<br />

delle aziende. Anche il concerto del Primo Maggio, a<br />

Roma, ha visto <strong>una</strong> <strong>la</strong>rga partecipazione con momenti<br />

esaltanti, come <strong>la</strong> riappropriazione di quelle musiche che<br />

sono di tutta <strong>la</strong> nazione: il “Canto degli Italiani”, meglio<br />

conosciuto come “Fratelli d’Italia" o “Inno di Mameli”,<br />

cantato insieme con il “Va pensiero” di Verdi. Musiche<br />

che rappresentano <strong>la</strong> liberazione e l’unità dei popoli.<br />

Servono momenti come questi, bisogna ritrovare temi<br />

comuni, perché le soluzioni possono essere solo comuni,<br />

contrastando quel modo di ragionare inculcato dalle televisioni<br />

che ha spinto a cercare solo soluzioni individuali.<br />

Dunque i politici non sono in grado di risolvere i problemi<br />

del<strong>la</strong> nazione, <strong>la</strong> spinta deve allora venire dal<br />

basso, con richieste di cambiamento del modo di far<br />

politica e delle persone. Protesta seria e non solo gridata,<br />

altrimenti finisce per essere ancora parte dell’inutile<br />

spettacolo.<br />

9


Uniti per <strong>la</strong> Libertà<br />

di Enza Amici<br />

presidente dell'Associazione ONLUS<br />

Ambasciata dei Diritti - <strong>Jesi</strong><br />

IDEE<br />

riflessioni<br />

e proposte<br />

La testimonianza al seguito di <strong>una</strong> carovana<br />

di aiuti nei campi profughi tunisini<br />

Partiti da Tunisi, dopo 600 Km e 12 ore di viaggio arriviamo<br />

al Campo profughi di Ras Jadir, al confine con <strong>la</strong> Libia. Una<br />

macchina furgonata guida <strong>la</strong> carovana, a seguito un Tir carico<br />

di aiuti e due autobus sui quali viaggiano 100 persone, di<br />

cui 60 italiani. Di <strong>Jesi</strong>, oltre me, l’Avv. Paolo Cognini, esperto<br />

di diritto dell’immigrazione. I 40 tunisini che ci accompagnano<br />

sono i volontari dell’Associazione “Benevoles sans<br />

frontieres” costituitasi per raccogliere aiuti e spedirli ai<br />

campi profughi dove arrivano le persone in fuga dai bombardamenti<br />

e dal<strong>la</strong> repressione del regime di Gheddafi.<br />

Le immagini sono forti: 15mi<strong>la</strong> persone stanziano in questo<br />

enorme vil<strong>la</strong>ggio di tende in mezzo al deserto, ma ne sono<br />

transitate più di 200mi<strong>la</strong>. I punti d’acqua sono scarsi, e il<br />

pericolo di diffusione di ma<strong>la</strong>ttie è molto alto. Per questo ci<br />

danno delle mascherine per girare il campo, ma non riusciamo<br />

a tenerle sul volto quando ci avvicinano le persone che<br />

in tante vogliono conoscere gli italiani venuti a portare aiuti.<br />

Poco prima avevamo scaricato il Tir con i medicinali in un<br />

magazzino del<strong>la</strong> Mezzal<strong>una</strong> Rossa, proprio al confine. La<br />

mattina c’erano stati bombardamenti, così che abbiamo<br />

incontrato tante famiglie in fuga, mentre attraversavano <strong>la</strong><br />

frontiera: alcuni a piedi, tanti con auto e furgoncini carichi di<br />

tutto e di niente: cosa puoi portare se non sai dove andare?<br />

Tantissimi i bambini!<br />

Ora il Campo è ben organizzato, ma all’inizio sono stati gli<br />

abitanti dei paesi al confine a dare <strong>la</strong> prima accoglienza,<br />

anche ospitando le persone nelle proprie case. Torniamo<br />

indietro portandoci a casa <strong>una</strong> grande lezione di accoglienza,<br />

vergognandoci di come il nostro Governo ha trattato i<br />

profughi a Lampedusa.<br />

La notizia dell’arrivo del<strong>la</strong> carovana degli italiani si è diffusa<br />

rapidamente in tutto il paese, tanto che appena arrivati dall’aeroporto<br />

siamo stati assaliti da giornalisti di stampa e televisione.<br />

In Tunisia, Italia significa respingimenti: per questo <strong>la</strong><br />

nostra presenza ha stimo<strong>la</strong>to l’interesse generale non essendo<br />

allineata con le politiche governative, scegliendo di portare<br />

solidarietà alle vittime delle violenze e dell’autoritarismo, aiuti<br />

e non bombe, dal popolo al popolo come dicevano i tunisini.<br />

Ma mentre eravamo lì, sentivamo di rappresentare tutta<br />

quel<strong>la</strong> parte dell’Italia che in tante occasioni ha mostrato di<br />

stare dal<strong>la</strong> parte dell’umanità, dei diritti, del<strong>la</strong> giustizia sociale.<br />

La Carovana stessa ne è un esempio. L’idea nasce da<br />

<strong>una</strong> telefonata che ci arriva da Jamel, da Tunisi, dove, dopo<br />

più di 20 anni di permanenza nel<strong>la</strong> nostra città, è tornato a<br />

vivere. È lui che ci par<strong>la</strong> del campo profughi e che chiede al<br />

Centro Sociale Tnt di aiutarlo a portare aiuti. Da subito si<br />

attivano anche le associazioni “Ya Basta” e “Ambasciata dei<br />

Diritti”. Il Centro diventa luogo di raccolta e in pochi giorni si<br />

riempie di medicinali e persone che si attivano per catalogare<br />

e inscato<strong>la</strong>re tutto. La risposta del<strong>la</strong> città di <strong>Jesi</strong> è stata<br />

formidabile. In poco tempo organizziamo <strong>la</strong> spedizione in<br />

parte con un furgone via mare, in parte con l’aereo.<br />

L’assessore all’Integrazione Maio<strong>la</strong>tesi si è subito adoperato<br />

per coinvolgere l’Amministrazione com<strong>una</strong>le, le farmacie e le<br />

strutture sanitarie territoriali. La notizia corre e presto <strong>la</strong><br />

solidarietà ci arriva da tutta <strong>la</strong> regione. Si attiva tutta <strong>la</strong> rete<br />

dei Centri sociali. Aderiscono anche i Comuni di Senigallia,<br />

Macerata, Fabriano, San Marcello, Civitanova Marche. La<br />

notizia corre sul web e in poco tempo ci arrivano le adesioni<br />

da tutta Italia.<br />

Molti studenti universitari hanno deciso di partire con <strong>la</strong><br />

Carovana anche per incontrare direttamente quei giovani<br />

che dall’altra parte del mare sono stati i protagonisti del<strong>la</strong><br />

rivolta contro <strong>la</strong> dittatura e per <strong>la</strong> democrazia: giovani che<br />

condividono idee e desideri utilizzando Internet come strumento<br />

di comunicazione globale, giovani che condividono<br />

<strong>una</strong> comune condizione di precarietà e che si sentono privati<br />

del futuro. Da <strong>Jesi</strong> abbiamo attraversato quel mare portando<br />

<strong>la</strong> nostra solidarietà, dimostrando che l’acqua non può<br />

essere un muro ma al contrario un elemento che unisce nel<br />

bisogno comune di democrazia.<br />

Per maggiori informazioni sul<strong>la</strong> carovana “Uniti per<br />

<strong>la</strong> Libertà”: www.globalproject.info


IL PUNTO<br />

di F<strong>la</strong>vio Donati<br />

Il piano di riconversione del vecchio zuccherificio<br />

si risolve in <strong>una</strong> grande operazione<br />

immobiliare<br />

Addio sogni industriali<br />

Poche le speranze di dare stabile occupazione<br />

agli operai in cassa integrazione da<br />

oltre tre anni<br />

Malce<strong>la</strong>ta rabbia e profonda delusione. A volerli sintetizzare<br />

in due parole, sono questi i sentimenti dominanti per il<br />

piano di riconversione industriale del vecchio zuccherificio<br />

presentato nei giorni scorsi in regione dal gruppo<br />

Maccaferri. Perché, nonostante fosse già nota da tempo l’intenzione<br />

dell’azienda di riservare al<strong>la</strong> trasformazione in<br />

senso commerciale dell’area il ruolo principale dell’intervento,<br />

nessuno si aspettava che all’antica vocazione industriale<br />

dell’azienda venissero destinati nel progetto due, dico<br />

due, soli posti di <strong>la</strong>voro.<br />

Due e non subito. Perché il progetto sperimentale di <strong>la</strong>vorazione<br />

delle vinacce in campo farmaceutico, l’unica apertura<br />

industriale del piano che dovrebbe assicurare il <strong>la</strong>voro<br />

ai due dipendenti, partirebbe nel 2014. E perché solo<br />

contorno, per non dire fumo, sono i progetti di col<strong>la</strong>borazione<br />

con le università di Ancona, Urbino e Bologna.<br />

Per il momento, spazio dunque alle immobiliari. Subito<br />

avanti con un primo gruppo di tre insediamenti commerciali<br />

che salverebbero però il posto di <strong>la</strong>voro a non più di<br />

<strong>una</strong> trentina degli attuali dipendenti, dovendosi reperire<br />

all’esterno, con esperienza nel settore vendita, gli altri 20-<br />

30 addetti previsti dal piano.<br />

Ed è questa triste contabilità dei posti di <strong>la</strong>voro salvati e<br />

persi ad alimentare <strong>la</strong> rabbia e <strong>la</strong> delusione. Tre anni fa, <strong>la</strong><br />

garanzia di salvaguardia dei posti di <strong>la</strong>voro era stata estesa<br />

a tutti i 143 dipendenti dello stabilimento. Nel preaccordo<br />

del dicembre scorso – il secondo o il terzo rispetto<br />

ad un accordo che non arriva mai – i posti garantiti erano<br />

arrivati a 105. Ora, visti i pensionamenti nel frattempo<br />

intervenuti o in via di maturazione, si scende a 95.<br />

Numero in cui sono peraltro compresi <strong>una</strong> ventina di<br />

addetti che il <strong>la</strong>voro, se lo vogliono, dovranno andarselo a<br />

prendere nello zuccherificio Sadam di Russi, provincia di<br />

Ravenna, tuttora in funzione.<br />

Sempre a proposito di occupazione, non sfugge poi il partico<strong>la</strong>re<br />

di quegli addetti al settore commerciale che non<br />

verranno reperiti tra gli ex dipendenti dello zuccherificio.<br />

Si dice perché occorre <strong>una</strong> specifica competenza. Più<br />

banalmente, perché realisticamente in queste nuove aree<br />

commerciali, che per stesa legge di natura non possono<br />

POLITICA<br />

I comitati hanno manifestato contro <strong>la</strong> Sadam. A <strong>Jesi</strong>, nel<strong>la</strong><br />

vicenda Sadam, sindaco e comitati su sponde opposte.<br />

11<br />

crescere all’infinito, andranno ricic<strong>la</strong>ti i dipendenti che, per<br />

effetto del nuovo insediamento, perderanno il posto in<br />

quelle già esistenti o quelli che già sono in organico nei<br />

negozi che vi si trasferiranno.<br />

Un’operazione immobiliare da 85 milioni di euro, gran<br />

parte dei quali provenienti dai contributi dell’Unione<br />

Europea a fronte del<strong>la</strong> chiusura del vecchio zuccherificio,<br />

dovrebbe dunque mettere fine al sodalizio agro-industriale<br />

che, attraverso gran parte del secolo scorso, ha legato<br />

<strong>la</strong> Sadam al<strong>la</strong> nostra città.<br />

Con amarezza, e tuttavia meglio così che non l’improbabile<br />

stabilimento per <strong>la</strong> produzione di biodiesel accompagnato<br />

da <strong>una</strong> centrale elettrica a biomasse, <strong>la</strong> cui realizzazione<br />

era stata approvata da Comune, Provincia e<br />

Regione. Un progetto osteggiato da gran parte del<strong>la</strong> città<br />

per le ricadute ambientali che avrebbe avuto in un territorio<br />

come quello del<strong>la</strong> bassa Vallesina già <strong>la</strong>rgamente compromesso<br />

dall’API, dal<strong>la</strong> turbogas, dal traffico e da miriade<br />

di altre fonti inquinanti.<br />

Un progetto di riconversione a basso costo – sostanzialmente<br />

lo stesso per tutti gli zuccherifici chiusi da Sadam<br />

Eridania a seguito degli interventi di liberalizzazione del<br />

settore saccarifero decisi dal<strong>la</strong> UE – restato in piedi il<br />

tempo necessario a dimostrare, a chi doveva erogare i<br />

fondi per <strong>la</strong> riconversione, <strong>la</strong> buona volontà dell’azienda di<br />

procedere. Volontà magari contrapposta, nel<strong>la</strong> vulgata<br />

governativa, ai soliti comitati, spesso guidati dai sindaci,<br />

che si ostinano a bloccare le iniziative industriali in nome<br />

del<strong>la</strong> salvaguardia ambientale e del<strong>la</strong> tute<strong>la</strong> del<strong>la</strong> salute.<br />

Non il caso di <strong>Jesi</strong> in realtà. Perché nel<strong>la</strong> nostra città questo<br />

schema, che vede solitamente schierati dal<strong>la</strong> stessa parte<br />

cittadini e sindaci, si è rotto di fronte al dramma di 143<br />

<strong>la</strong>voratori e a settori, da quello agricolo a quello dei trasporti,<br />

fortemente penalizzati dal<strong>la</strong> chiusura dello zuccherificio.<br />

Da <strong>una</strong> parte il sindaco, che ha cercato di contrattare<br />

<strong>la</strong> permanenza di un insediamento industriale. Dall’altra i<br />

comitati, convinti che questo non si debba fare a scapito<br />

del<strong>la</strong> salute dei cittadini.<br />

A cambiare le carte in tavo<strong>la</strong>, l’azienda stessa che, avendo<br />

avuto tutti i necessari permessi per procedere nel<strong>la</strong><br />

redazione di un vero progetto industriale, ha deciso di non<br />

assumersene i costi ed i rischi optando per <strong>una</strong> banale<br />

operazione immobiliare. A dimostrazione che il progetto<br />

industriale, al di fuori dei certificati verdi (ancora contributi<br />

pubblici a sostegno del<strong>la</strong> produzione elettrica da fonti<br />

rinnovabili) oggi in fase di profonda revisione, proprio non<br />

stava in piedi.


ivenditori autorizzati<br />

dal 1955<br />

FOCARELLI<br />

<strong>Jesi</strong> - corso Matteotti 40 - tel. 0731/207195


Voce del lettore<br />

IL PARCHEGGIO ZANNONI<br />

Vista <strong>la</strong> carenza di parcheggi a <strong>Jesi</strong> perché creare tutte<br />

quelle aree per camper proprio a ridosso del centro storico?<br />

Quanti turisti camperisti vengono a <strong>Jesi</strong> ogni anno?<br />

Non sarebbe meglio <strong>la</strong>sciarne alcuni e creare altri posti<br />

auto? E soprattutto, i camper parcheggiati stanno lì tutto<br />

l’inverno, probabilmente tali spazi vengono usati dai residenti<br />

del<strong>la</strong> zona come parcheggio camper gratuito in<br />

attesa di riposizionarli a bordo mare.<br />

Ha senso ciò?<br />

I TUBI DI PIAZZA PADELLA (OBERDAN)<br />

13<br />

Un fedele abbonato segna<strong>la</strong> <strong>la</strong> presenza a <strong>Jesi</strong>, nel<strong>la</strong> centralissima<br />

piazza Padel<strong>la</strong>, di grossi tubi rossi che spuntano<br />

dal terreno, <strong>la</strong>sciati lì da più di due anni, dopo <strong>la</strong> fine<br />

del<strong>la</strong> ristrutturazione del complesso San Martino. Oltre<br />

ad imbruttire il centro sono anche pericolosi per il passaggio<br />

pedonale e veico<strong>la</strong>re (quando si piegano verso <strong>la</strong><br />

carreggiata). Ai responsabili si chiede di terminare il<br />

<strong>la</strong>voro mettendo i contatori oppure tagliando i tubi fino al<br />

livello del<strong>la</strong> strada.<br />

E I CESSI?<br />

Va bene per le fiere di santi e patroni, ok per le mostre<br />

di prodotti tipici o atipici (a proposito, chi le organizza?),<br />

giusti i palii e le feste folcloristiche, spallucce per le bevute<br />

happy-hours di vino o birra o di vino e birra se proprio<br />

non se ne può fare a meno, ma i cessi ce li vogliamo mettere?<br />

Possibile che a <strong>Jesi</strong>, unica città al mondo, non esista un<br />

bagno pubblico? E possibile che non si pensi mai ad<br />

instal<strong>la</strong>re un wc ecologico quando c’è <strong>una</strong> manifestazione<br />

in piazza anche di media durata? Perché tanto poi <strong>la</strong><br />

pipì (ed altro…) <strong>la</strong> fanno nel chiostro di Sant Agostino, nei<br />

vicoli dietro al Comune, in altri spigoli del centro storico…


14 FLASH<br />

Fabrizio Carotti espone a Spoleto<br />

Con le sue fotografie digitali al confine tra Caravaggio e<br />

Bill Vio<strong>la</strong>, l’artista jesino Fabrizio Carotti ha inaugurato<br />

sabato 30 aprile <strong>la</strong> stagione espositiva del Museo<br />

Carandente di Spoleto. Anime Salve è il titolo del suo<br />

nuovo progetto artistico curato da Gianluca Marziani. Il<br />

percorso espositivo è stato allestito negli affascinanti<br />

spazi di pa<strong>la</strong>zzo Collico<strong>la</strong>. In mostra diciannove opere che<br />

tagliano trasversalmente <strong>la</strong> storia del corpo nelle arti visive.<br />

Al centro c’è l’essere umano che dichiara l’impatto<br />

del<strong>la</strong> carne, del movimento istintuale, dei muscoli vivi. La<br />

<strong>sua</strong> innovante narrazione tra fotografia e sperimentazione<br />

digitale non è sfuggita neanche all’Arthemisia Group<br />

(organizzatore del Padiglione Italia), che l’ha invitato a<br />

partecipare al<strong>la</strong> Biennale di Venezia. La mostra di Spoleto<br />

resterà aperta al pubblico fino al 12 giugno.<br />

La pubblicazione del catalogo è stata affidata a Giampaolo<br />

Prearo di Mi<strong>la</strong>no, tra i più celebrati editori d’arte in<br />

Italia. Info: www.fabriziocarotti.it.<br />

Festa grande di aprile a Torino<br />

(foto di Giorgio Sottile)<br />

La Compagnia TeatroOtello di <strong>Jesi</strong> diretta da Gianfranco<br />

Frelli, insieme agli Onafifetti Giovanni Filosa, Mario Sardel<strong>la</strong><br />

e Piergiorgio Memè, al fisarmonicista Raffaele Conti,<br />

al sassofonista Tommaso Uncini, al<strong>la</strong> ballerina Sara Cingo<strong>la</strong>ni,<br />

hanno messo in scena nello storico Teatro Gobetti<br />

di Torino, lo spettacolo “Festa grande di aprile”, testo di<br />

Franco Antonicelli ridotto e adattato da Gianfranco Berti.<br />

È stato un vero e proprio successo che ha salutato al<strong>la</strong><br />

fine il testo di Franco Antonicelli, partigiano, giornalista,<br />

scrittore e fotografo, che ha ripercorso le vicende che hanno<br />

interessato il nostro paese durante gli anni del ventennio<br />

fascista, dal delitto Matteotti al<strong>la</strong> Resistenza e al<strong>la</strong><br />

Liberazione. Lo spettacolo, inserito nel programma delle<br />

celebrazioni per il centocinquantenario dell'Unità d'Italia, fa<br />

parte di <strong>una</strong> serie di eventi denominata “Fare gli Italiani”,<br />

organizzata dal<strong>la</strong> Fondazione Teatro Stabile di Torino. Molte<br />

le personalità presenti, fra queste ricordiamo Paolo e Cesare<br />

Annibaldi, gli storici Giovanni De L<strong>una</strong>, Francesca Chiariotto,<br />

il procuratore capo aggiunto di Torino Paolo Borgna,<br />

Franzo Grande Stevens, Nerio Nesi, Giovanna Ga<strong>la</strong>nte Garrone,<br />

Silvia Ca<strong>la</strong>mandrei.<br />

Spettacolo teatrale per <strong>la</strong> C.A.V.<br />

L'Associazione onlus C.A.V. si occupa,<br />

da 5 anni, di aiutare le donne<br />

che non riescono a portare avanti<br />

<strong>la</strong> gravidanza, per fattori socio-economici,<br />

nel rispetto del<strong>la</strong> Legge n.<br />

194/78 sull'interruzione di gravidanza.<br />

L’Associazione comunica che il 13<br />

maggio alle ore 21 presso il Teatro<br />

“Ferrari” di San Marcello, insieme<br />

all'Amministrazione com<strong>una</strong>le, organizza<br />

<strong>una</strong> serata di sensibilizzazione<br />

pro C.A.V. <strong>Jesi</strong> “Centro di Aiuto al<strong>la</strong> Vita”. Allo spettacolo<br />

hanno dato <strong>la</strong> loro adesione gratuita l’artista Antonio<br />

Lucarini di <strong>Jesi</strong>, noto autore, attore e regista teatrale e <strong>la</strong> cantautrice<br />

Barbara Vagnini di Ancona. Ingresso libero.


Buoni dati sul<strong>la</strong> raccolta rifiuti<br />

in Provincia<br />

Nel<strong>la</strong> provincia di Ancona ca<strong>la</strong> <strong>la</strong> produzione dei rifiuti pro<br />

capite, dai 575 chilogrammi del 2007 si è passati ai 505<br />

del 2010, e raddoppia <strong>la</strong> raccolta differenziata, dal 22 al<br />

45 per cento. Il risultato è <strong>una</strong> drastica diminuzione dei<br />

conferimenti in discarica che passano da 210 a 153 mi<strong>la</strong><br />

tonnel<strong>la</strong>te.<br />

È quanto emerso nel corso dell’ultima Conferenza delle<br />

autonomie locali, in cui il presidente del<strong>la</strong> Provincia di Ancona<br />

Patrizia Casagrande e l’assessore all’Ambiente Marcello<br />

Mariani hanno presentato ai Comuni lo stato di<br />

attuazione del ciclo dei rifiuti. Dati che <strong>la</strong>sciano ben sperare<br />

per il raggiungimento degli obiettivi di legge che fissano<br />

al 65 per cento <strong>la</strong> soglia minima del<strong>la</strong> raccolta differenziata<br />

entro il 31 dicembre 2012.<br />

Incoraggianti appaiono i risultati conseguiti da città come<br />

Ancona (50,72%), Senigallia (58,40%) e <strong>Jesi</strong> (51,21%).<br />

In generale, nel 2010, sono state recuperate oltre 6 mi<strong>la</strong><br />

tonnel<strong>la</strong>te di p<strong>la</strong>stica, 26 mi<strong>la</strong> di carta e cartone, più di 41<br />

mi<strong>la</strong> di rifiuti organici. Grazie al riciclo di queste materie<br />

si sono avuti effetti positivi per l’economia e minori emissioni<br />

di anidride carbonica per oltre 75 mi<strong>la</strong> tonnel<strong>la</strong>te,<br />

equivalenti a 107 mi<strong>la</strong> alberi. Buona <strong>la</strong> performance per<br />

ciò che riguarda i costi gestionali pro capite che si attestano<br />

sul<strong>la</strong> cifra dei 76 euro annui contro i 130 del<strong>la</strong> media<br />

nazionale.<br />

Se il potenziamento del<strong>la</strong> raccolta differenziata attraverso<br />

l’estensione del “porta a porta” resta l’impegno per<br />

raggiungere l’obiettivo “rifiuti zero”, l’attenzione si sposta<br />

ora verso il potenziamento dell’impiantistica per ciò che<br />

riguarda il recupero. Attualmente, nel territorio, è presente<br />

un unico impianto di trattamento del<strong>la</strong> frazione<br />

umida a Corinaldo.<br />

«I consorzi Cir33 e Conero Ambiente – ha dichiarato l’assessore<br />

Mariani – dovranno realizzare entro il 31 dicembre<br />

2013, data in cui scadrà <strong>la</strong> proroga per il conferimento<br />

in discarica dei rifiuti non trattati, l’impiantistica<br />

per il trattamento del<strong>la</strong> frazione secca e implementare<br />

quel<strong>la</strong> del<strong>la</strong> frazione umida anche attraverso il recupero<br />

del metano, oggi disperso in atmosfera, e <strong>la</strong> produzione<br />

di energia».<br />

“Cantamaggio” a Morro d’Alba<br />

15<br />

Ritorna a Morro d’Alba, <strong>la</strong> Festa<br />

del “Cantamaggio”, antico<br />

canto rituale di questua, che da<br />

secoli celebra l’avvento del<strong>la</strong><br />

primavera, del<strong>la</strong> nuova stagione<br />

agrico<strong>la</strong> e che affonda le sue<br />

radici nei riti pagani di fertilità,<br />

di augurio e di benessere per <strong>la</strong><br />

comunità ed i singoli.<br />

Il “Cantamaggio”, organizzato<br />

dal Comune di Morro d’Alba e<br />

curato del Centro Tradizioni Popo<strong>la</strong>ri<br />

e da La Macina, con il patrocinio<br />

del<strong>la</strong> Provincia di Ancona<br />

e del<strong>la</strong> Regione Marche, si svilupperà nelle tre giornate<br />

del 13, 14 e 15 maggio, per poi concludersi, nel<strong>la</strong><br />

notte del 31 maggio, con il rituale Rogo in piazza dell’Albero<br />

del “Maggio”. La ventottesima edizione del “Cantamaggio”<br />

di Morro d’Alba, quest’anno presenta il solito,<br />

ricco cartellone di proposte.<br />

Venerdì 13 maggio: ore 10 – Piazzale Bersaglieri – Addobbo<br />

dell’albero del “maggio” da parte dei bambini del<strong>la</strong><br />

Scuo<strong>la</strong> Materna Statale di Morro d’Alba.<br />

Sabato 14 maggio: ore 21,15 – Piazza Romagnoli – Concerto<br />

per il “maggio”, con il Gruppo Marchigiano Rari Ramalli<br />

Rurali in “Provinciali!”.<br />

Domenica 15 maggio: Centro Storico, ore 8-20 –<br />

Ventinovesima Festa del “Cantamaggio” (canto rituale di<br />

questua).<br />

Martedì 31 maggio: ore 22-24 – Piazza Tarsetti – Piazza<br />

Barcaroli – Rogo in piazza dell’albero del “maggio”, Rito e<br />

festa popo<strong>la</strong>re nell’ultima notte di maggio.<br />

Sandro Barcaglioni nuovo presidente<br />

dell’Unione<br />

Unione dei Comuni del<strong>la</strong> Media<br />

Vallesina - Il sindaco di San Paolo di<br />

<strong>Jesi</strong>, Sandro Barcaglioni, è il nuovo<br />

presidente dell’Unione dei Comuni<br />

del<strong>la</strong> Media Vallesina, l’ente che riunisce,<br />

per <strong>la</strong> gestione di importanti servizi,<br />

le amministrazioni di Maio<strong>la</strong>ti<br />

Spontini, Castelp<strong>la</strong>nio, Castelbellino,<br />

Monteroberto, Montecarotto, San<br />

Paolo di <strong>Jesi</strong> e Poggio San Marcello.<br />

Barcaglioni è il sesto presidente dell’organismo<br />

fondato nel 2003. Il sindaco di San Paolo di <strong>Jesi</strong><br />

succede ai primi cittadini di Maio<strong>la</strong>ti Spontini Sergio Cascia e<br />

Giancarlo Carbini, di Castelp<strong>la</strong>nio Luciano Pittori e di Poggio<br />

San Marcello Tiziano Consoli e di Castelbellino Demetrio<br />

Papadopoulos. Resterà in carica per 20 mesi. Un periodo nel<br />

quale si è prefisso di raggiungere <strong>una</strong> serie di traguardi, oltre<br />

che consolidare i risultati ottenuti dall’Unione, tenendo conto<br />

che le funzioni fondamentali dei Comuni, previste dal<strong>la</strong> legge<br />

n. 42 del 2009, dovranno essere obbligatoriamente esercitate<br />

in forma associata.


CENTRO REVISIONE VEICOLI<br />

MOTOCICLI E CICLOMOTORI<br />

di Ciccarelli<br />

A. e C. s.n.c.<br />

<strong>Jesi</strong> - Via Bocconi 9 - Tel. 0731 57943


Bicincittà e domeniche ecologiche<br />

8 maggio 2011: a <strong>Jesi</strong> domenica ecologica con blocco del<br />

traffico dalle ore 9 alle ore 14. Libera circo<strong>la</strong>zione ai veicoli<br />

con almeno tre persone a bordo. L’iniziativa sarà ripetuta<br />

domenica 29 maggio.<br />

Alle ore 9, con partenza dal Pa<strong>la</strong>sport, Bicincittà, <strong>la</strong> tradizionale<br />

manifestazione in sel<strong>la</strong> al<strong>la</strong> bicicletta.<br />

17<br />

In O<strong>la</strong>nda <strong>la</strong> Protezione civile delle Marche<br />

Il 4 maggio dal Centro assistenziale di pronto intervento<br />

di Passo Varano sono partiti uomini e mezzi, con due<br />

moduli operativi (sanitario e telecomunicazioni) per partecipare<br />

ad Ossendrecht, in O<strong>la</strong>nda, all’esercitazione<br />

internazionale di protezione civile che fa parte di un programma<br />

formativo europeo. La Regione Marche partecipa<br />

in rappresentanza dell’Italia. Al<strong>la</strong> spedizione prendono<br />

parte circa 45 volontari appartenenti ai gruppi com<strong>una</strong>li,<br />

all’associazione C.B. club “E. Mattei” di Fano, all’Ares<br />

(Associazione regionale assistenza sanitaria) con medici e<br />

infermieri, nonché alcuni funzionari del<strong>la</strong> Regione per<br />

coordinare l’esercitazione. Lo scenario ipotizzato è quello<br />

di un’alluvione abbattutasi sul<strong>la</strong> popo<strong>la</strong>zione a seguito di<br />

<strong>una</strong> disastrosa tempesta. Tutte le forze messe in campo<br />

potranno testare l’efficacia delle procedure operative e <strong>la</strong><br />

validità del modello d’intervento.<br />

graficaGEI


Calcio, p<strong>la</strong>yoff centrati per <strong>la</strong> <strong>Jesi</strong>na<br />

Nel campionato di calcio di serie D, <strong>la</strong> <strong>Jesi</strong>na mette <strong>la</strong><br />

ciliegina sul<strong>la</strong> gustosa torta del<strong>la</strong> bel<strong>la</strong> stagione del suo<br />

ritorno nel<strong>la</strong> categoria: nel<strong>la</strong> trasferta di Sant’Egidio al<strong>la</strong><br />

Vibrata, scontro diretto con i rivali per il quinto posto ed<br />

il pass p<strong>la</strong>yoff, i leoncelli colgono il pari che serviva per<br />

mettersi al sicuro e guadagnare, con <strong>una</strong> giornata d’anticipo<br />

sul<strong>la</strong> fine del torneo, l’accesso agli spareggi. Dopo <strong>la</strong><br />

vittoria sul Luco Canistro e <strong>la</strong> sosta di Pasqua, gara al cardiopalma<br />

per <strong>la</strong> <strong>Jesi</strong>na a Sant’Egidio il Primo Maggio: al<strong>la</strong><br />

mezz’ora i leoncelli vanno sotto 0-2, accorciano le distanze<br />

con Negro al 37’ ma appena 1’ dopo subiscono ancora<br />

e vanno al riposo sull’1-3. Arriva nell’ultimo quarto d’ora<br />

del<strong>la</strong> ripresa <strong>la</strong> rimonta, con un gioiello di Invernizzi ed il<br />

colpo di testa di Sebastianelli per il 3-3 che dà i p<strong>la</strong>yoff.<br />

Ora ultima di campionato con festa l’8 maggio al Carotti<br />

col Real Rimini, poi dal 15 i p<strong>la</strong>yoff, fuori casa (gara<br />

secca, passa <strong>la</strong> meglio piazzata in caso di parità dopo i<br />

supplementari) contro Teramo o Rimini.<br />

Esultanza di Sebastianelli<br />

Terzo posto a Monza per Alex Polita<br />

nel<strong>la</strong> seconda prova del Civ<br />

Seconda prova del Campionato Italiano Velocità a Monza<br />

e nel<strong>la</strong> Superbike arriva per il centauro jesino Alex Polita<br />

un terzo posto, dopo quello già nell’esordio stagionale di<br />

Misano. Nel<strong>la</strong> gara vinta dal suo compagno di scuderia nel<br />

Team Barni Baiocco, il campione in carica Polita patisce<br />

<strong>una</strong> cattiva partenza ma poi riesce ancora a centrare il<br />

podio, con tanto di nuovo record del<strong>la</strong> pista in 1’45”183.<br />

Dopo quel<strong>la</strong> di Monza il Primo Maggio, il 25 e 26 giugno<br />

si torna a Misano per terza e quarta prova del Civ 2011.<br />

SPORT FLASH<br />

a cura di fabrizio romagnoli<br />

Volley, B2, ritrova il successo <strong>la</strong> Monte<br />

Schiavo. Si ferma Moie<br />

19<br />

Nel campionato di volley<br />

femminile di serie B2, si<br />

interrompe <strong>la</strong> serie negativa<br />

delle ragazze del<strong>la</strong><br />

Monte Schiavo, che<br />

dopo <strong>la</strong> sosta di Pasqua<br />

ritrovano il sorriso battendo<br />

al<strong>la</strong> Carbonari, ultimo<br />

impegno casalingo<br />

dell’anno, Pescara: 3-1,<br />

torneo che si chiude sabato<br />

7 con <strong>la</strong> trasferta di Recanati. Nello stesso girone, si<br />

ferma invece l’Edilceccacci Moie, battuta 0-3 in casa<br />

dell’Arabona. Si chiude in casa contro Porto Recanati<br />

sabato 7. Nel maschile <strong>la</strong> passerel<strong>la</strong> del<strong>la</strong> Vecci Volley <strong>Jesi</strong>,<br />

già sicura da tempo del primo posto e del<strong>la</strong> promozione<br />

in B1, inciampa in uno stop al tie break (2-3) sul<br />

campo di Grottazzolina. Festa al Pa<strong>la</strong>Triccoli per l’ultima<br />

di campionato sabato 7, contro Castelferretti.<br />

Ricezione di Pomili<br />

Fileni Bpa, si complica di brutto <strong>la</strong> corsa<br />

p<strong>la</strong>yoff<br />

Nel campionato di basket<br />

di Legadue, occorre<br />

<strong>una</strong> impresa a <strong>una</strong> sfort<strong>una</strong>ta<br />

Aurora per riuscire<br />

a mettere le mani sull’ottava<br />

posizione e sul<strong>la</strong><br />

qualificazione p<strong>la</strong>yoff.<br />

Priva di un giocatore<br />

cruciale come Andrea<br />

Pecile per il citomegalovirus<br />

(febbre e stanchezza,<br />

riposo l’unica<br />

cura) che ha messo fuori<br />

causa il p<strong>la</strong>y triestino, <strong>la</strong><br />

Fileni Bpa stenta, anche<br />

se <strong>la</strong> c<strong>la</strong>ssifica <strong>la</strong> vede<br />

ottava e precedere di<br />

due lunghezze le rivali Pistoia e Imo<strong>la</strong>. Nel<strong>la</strong> penultima di<br />

campionato al Pa<strong>la</strong>Triccoli, con Pistoia sconfitta da Veroli e<br />

Imo<strong>la</strong> da Casalpusterlengo, <strong>una</strong> vittoria contro Scafati<br />

avrebbe dato <strong>la</strong> certezza matematica del traguardo al<strong>la</strong><br />

Fileni Bpa. E invece arriva un brutto tonfo, i campani vincono<br />

netto (63-93) su di un’Aurora che a tratti s’arrende<br />

senza lottare e le prospettive sono nere: nell’ultima giornata<br />

giocata venerdì 6 maggio, con Imo<strong>la</strong> a Casale<br />

Monferrato (prima in c<strong>la</strong>ssifica), <strong>la</strong> Fileni Bpa incerottata e<br />

dimessa deve trasformarsi in <strong>una</strong> tigre arrabbiata per centrare<br />

<strong>una</strong> vittoria obbligata per i p<strong>la</strong>yoff nello scontro diretto<br />

di Pistoia.<br />

BJ Elder a canestro


20<br />

Volley Libertas: un lieto fine<br />

Una salvezza dal sapore<br />

di rimonta e di vera e<br />

propria impresa sportiva,<br />

centrata dal<strong>la</strong> voglia di<br />

riscatto di un gruppo di<br />

giovani e giovanissime e<br />

con in calce ben visibile<br />

<strong>una</strong> firma, quel<strong>la</strong> di Umberto<br />

Romagnoli. È <strong>la</strong><br />

storia raccontata al<strong>la</strong> finale<br />

di stagione del<strong>la</strong><br />

Gastreghini Libertas <strong>Jesi</strong>,<br />

che nel campionato di<br />

pal<strong>la</strong>volo femminile di<br />

serie D si gode <strong>la</strong> notizia<br />

di <strong>una</strong> salvezza ormai in<br />

cassaforte, anche grazie<br />

alle buone nuove dai piani<br />

superiori che hanno<br />

annul<strong>la</strong>to <strong>la</strong> necessità di<br />

quello che sarebbe stato un ultimo spareggio da affrontare<br />

per le jesine. Campionato sofferto quello delle ragazze<br />

del<strong>la</strong> Gastreghini Libertas <strong>Jesi</strong>, con un avvio difficile<br />

e a Natale <strong>la</strong> prospettiva di giocarsi <strong>la</strong> permanenza<br />

in categoria nei p<strong>la</strong>yout. Invece, successivamente<br />

dal<strong>la</strong> Fipav, è arrivata <strong>la</strong> notifica dell’annul<strong>la</strong>mento di<br />

un’ulteriore serie di spareggi e del<strong>la</strong> salvezza anticipata<br />

per le ragazze targate Gastreghini. Soddisfatto il<br />

presidente Italo Giuliani per il <strong>la</strong>voro compiuto dalle<br />

ragazze e un ringraziamento, da parte <strong>sua</strong>, per gli<br />

RISULTATI E CLASSIFICHE<br />

BASKET – Serie A2 maschile<br />

Fileni Bpa <strong>Jesi</strong> – Scafati 63-93<br />

C<strong>la</strong>ssifica<br />

Casale Monferrato 40, Venezia 40, Barcellona 38,<br />

Scafati 36, Rimini 36, Veroli 36, Udine 34, Fileni Bpa<br />

<strong>Jesi</strong> 28, Imo<strong>la</strong> 26, Pistoia 26, Ferrara 24, Verona 22,<br />

Reggio Emilia 22, Casalpusterlengo 22, Forlì 22, San<br />

Severo 12<br />

CALCIO – Serie D girone F<br />

Santegidiese – <strong>Jesi</strong>na 3-3<br />

C<strong>la</strong>ssifica<br />

Santarcangelo 77, Teramo 70, Rimini 68, Forlì 63,<br />

<strong>Jesi</strong>na 59, Santegidiese 55, Ango<strong>la</strong>na 55, Real Rimini<br />

53, Recanatese 53, Civitanovese 52, Luco Canistro 51,<br />

Sambenedettese 51, Venafro 49, Trivento 48, Agnonese<br />

48, Val di Sangro 47, Cesenatico 32, Miglianico<br />

32, Fossombrone 22, Bojano 10<br />

VOLLEY MASCHILE – Serie B2 girone E<br />

Grottazolina – Vecci Volley <strong>Jesi</strong> 3-2<br />

sponsor Gastreghini, Banca delle Marche e Carpisa.<br />

Buone cose stanno arrivando anche dal settore giovanile:<br />

l’under 16 di Pao<strong>la</strong> Tombolesi è ai quarti di finale<br />

regionali del proprio torneo mentre in quello di Terza<br />

Categoria, cui partecipa come Arredofest, è prima in<br />

c<strong>la</strong>ssifica e ha vinto tutte le partite. Buoni numeri e<br />

risultati li hanno centrati anche Under 14 ed Under 13.<br />

Un <strong>la</strong>voro fondamentale nel settore pal<strong>la</strong>volo lo stanno<br />

svolgendo il direttore tecnico Romano Piaggesi, il direttore<br />

sportivo Franco Taini e tutti gli allenatori.<br />

C<strong>la</strong>ssifica<br />

Vecci Volley <strong>Jesi</strong> 70, Farm Bologna 56, Scandiano<br />

Reggio Emilia 44, Ravenna 44, Forli 43, Casa Modena<br />

40, Ferrara 35, Falconara 34, Montorio Teramo 33,<br />

Grottazolina 30, Vil<strong>la</strong>doro Modena 29, Appignano 25,<br />

Casteferretti 24, Seat Reggio Emilia 18<br />

VOLLEY FEMMINILE – Serie B2 girone G<br />

Monteschiavo <strong>Jesi</strong> – Dannunziana Pescara 3-1<br />

C<strong>la</strong>ssifica<br />

Torre Ascoli Piceno 65, Molfetta 53, Dannunziana Pescara<br />

40, Pagliare 40, Arabona Pescara 40, Monteschiavo<br />

<strong>Jesi</strong> 38, Recanati 35, Isernia 33, Edil Ceccacci<br />

Moie 29, Libero Ascoli Piceno 26, Castelfidardo<br />

25, Portorecanati 19, Dibenedetto Bari 7<br />

RUGBY – Serie C Elite<br />

Rugby <strong>Jesi</strong> – Siena 22-10<br />

C<strong>la</strong>ssifica<br />

Ferrara 81, Noceto 77, Parma 64, Rugby <strong>Jesi</strong> 60, Siena<br />

53, Terni 47, Forlì 38, Gubbio 35, Formigine 17, Ascoli<br />

13, Foligno 10


Aurora Basket, risultato amaro ma presenze speciali<br />

per il saluto col pubblico<br />

Sicuramente tutti avevano sperato in un risultato diverso,<br />

rispetto allo scivolone rimediato contro Scafati,<br />

ma è stata comunque <strong>una</strong> serata partico<strong>la</strong>re quel<strong>la</strong> vissuta<br />

al Pa<strong>la</strong>Triccoli dall’Aurora in occasione dell’ultima<br />

gara interna di stagione per quanto riguarda <strong>la</strong> fase<br />

rego<strong>la</strong>re del torneo di basket di Legadue. Al pa<strong>la</strong>s c’era<br />

rappresentato il vivaio aurorino (premiate le formazioni<br />

che hanno di recente conseguito buoni risultati) e<br />

c’erano alunni, insegnanti e familiari coinvolti per il<br />

momento conclusivo del 7° Progetto Scuo<strong>la</strong> dell’Aurora<br />

Basket, con i cartelloni realizzati dai piccoli esposti per<br />

l’occasione.<br />

In campo fra il primo ed il secondo tempo è andata in<br />

scena l’esibizione degli sbandieratori del Palio di San<br />

Floriano, per <strong>una</strong> gustosa anticipazione del<strong>la</strong> festa cittadina.<br />

Ma soprattutto il dopo gara, ha visto i giocatori<br />

del<strong>la</strong> Fileni Bpa, nonostante il risultato negativo,<br />

salutati dal<strong>la</strong> picco<strong>la</strong> festa, il rinfresco organizzato su<br />

iniziativa di alcuni degli aficionados arancioblu, che si è<br />

svolta a bordo campo. Vivande e spumante per salutarsi<br />

comunque, a prescindere dal proseguimento o<br />

meno del<strong>la</strong> stagione (se <strong>la</strong> Fileni Bpa sarà riuscita ad<br />

approdare nei p<strong>la</strong>yoff lo si sarà saputo dopo l’ultimo<br />

appuntamento di campionato, venerdì 6 maggio a<br />

Pistoia), e per starsi vicini in <strong>una</strong> annata dalle tante<br />

vicissitudini sfort<strong>una</strong>te per l’Aurora. «Una gran bel<strong>la</strong><br />

iniziativa, un bel segnale di vicinanza al<strong>la</strong> squadra e di<br />

comprensione delle difficoltà, per il quale ringraziamo<br />

davvero i tifosi coinvolti» hanno detto a nome del<strong>la</strong><br />

società arancioblu il presidente Carlo Barchiesi e il<br />

responsabile marketing ed eventi Altero Lardinelli.<br />

21<br />

(foto Augusto Giglietti)


22 PRIMO PIANO<br />

UNA PROPOSTA DEBOLE<br />

Continua a tenere desta l’attenzione dell’opinione pubblica <strong>la</strong> riconversione<br />

dell’area ex-zuccherificio Sadam e continua altresì il calvario delle maestranze<br />

che dopo <strong>la</strong> chiusura del confezionamento vedono <strong>la</strong> loro situazione<br />

ulteriormente aggravata.<br />

di andrea bordoni<br />

Il 27 aprile scorso un lungo ed importante incontro in<br />

Regione ha segnato un’altra tappa del percorso ormai<br />

infinito di questa vicenda: <strong>la</strong> presentazione delle proposte<br />

per <strong>la</strong> rigenerazione dell’accordo di riconversione<br />

sig<strong>la</strong>to a febbraio dello scorso anno. All’accordo di<br />

riconversione del 15/02/2010 si era arrivati dopo <strong>una</strong><br />

lunghissima bagarre in consiglio com<strong>una</strong>le, uno scontro<br />

aperto fra sindacati ed ecologisti e con <strong>la</strong> contestata<br />

firma da parte del Sindaco.<br />

Una ipotesi che sul<strong>la</strong> carta garantiva l’occupazione<br />

di tutto il personale dello zuccherificio, circa 140 persone,<br />

prevedendo il mantenimento del confezionamento<br />

(60 posti di <strong>la</strong>voro), l’instal<strong>la</strong>zione di <strong>una</strong> centrale elettrica<br />

di 11 MW a olio di girasole di produzione locale e<br />

del tanto discusso impianto di 250 mi<strong>la</strong> tonnel<strong>la</strong>te di<br />

biodiesel con annesso oleodotto <strong>Jesi</strong> -Falconara.<br />

Dopo <strong>la</strong> firma si era assistito ad un tira e mol<strong>la</strong> fra<br />

Società e Comune che si rimproveravano a vicenda il<br />

non rispetto dell’accordo. Il comune <strong>la</strong>mentava <strong>la</strong> mancata<br />

presentazione del progetto industriale esecutivo,<br />

mentre <strong>la</strong> ditta rivendicava <strong>la</strong> firma del<strong>la</strong> prevista convenzione.<br />

Nel frattempo veniva inoltrato anche un<br />

ricorso al Tar contro l’impianto energetico che metteva<br />

ulteriori ostacoli al<strong>la</strong> riconversione. In autunno, era il<br />

29 settembre, si registrava <strong>la</strong> caduta di interesse da<br />

parte del<strong>la</strong> società del progetto del polo energetico,<br />

tanto che <strong>la</strong> Sadam, esortata a presentare il progetto<br />

esecutivo, rifiutava <strong>la</strong> <strong>proposta</strong> regionale di un endo<br />

procedimento prima del<strong>la</strong> valutazione di impatto<br />

ambientale.<br />

Il primo dicembre Tamburrini (amministratore delegato<br />

Eridania Sadam) annunciava pubblicamente di non<br />

credere più nel progetto polo energetico prospettando, a<br />

detta di molti, <strong>la</strong> reale strategia del gruppo, cioè lo sfruttamento<br />

a fini immobiliari dell’area. Iniziava così un<br />

nuovo negoziato per <strong>la</strong> rigenerazione dell’accordo e, dopo<br />

diversi incontri tecnici fra le parti e del<strong>la</strong> società con gli<br />

industriali locali, si è arrivati al 27 aprile, appunto, al<strong>la</strong><br />

presentazione di <strong>una</strong> <strong>proposta</strong> scritta costruita dal gruppo<br />

industriale Maccaferri in col<strong>la</strong>borazione con Nomisma.<br />

Di cosa si tratta? Di un progetto complessivo di<br />

riqualificazione e riconversione industriale e commerciale<br />

dell’area ex zuccherificio, comprese le pertinenze,<br />

supportato da <strong>una</strong> analisi di contesto e<strong>la</strong>borata da<br />

Nomisma. Il progetto è finalizzato innanzitutto al<strong>la</strong><br />

piena e duratura occupazione del personale dello zuccherificio,<br />

che oggi conta 136 persone, oltre al<strong>la</strong> prospettiva<br />

di rioccupazione degli avventizi di lunga durata.<br />

Ipotesi di ri-collocamento del personale:<br />

Attività Unità<br />

Ricollocazione aziende energetiche del gruppo 4<br />

Confezionamento di Russi (Ravenna) 20<br />

Sadam Engineering Srl 14<br />

Centro servizi Corporate, servizi acquisti, agricoli e Power Crop 23<br />

Centri commerciali n. 3 medie superfici 30<br />

Progetto Med filiera Vitivinico<strong>la</strong> e Componentistica Industriale 15<br />

TOTALE 106


Trenta persone saranno collocate in iniziative<br />

imprenditoriali strettamente connesse al<strong>la</strong> riqualificazione<br />

dell’area. L’occupazione prevista va ben oltre l’esigenza<br />

del<strong>la</strong> ricollocazione, almeno per quanto ipotizzato<br />

dal<strong>la</strong> <strong>proposta</strong> progettuale che prevede:<br />

60.000 mq di nuove superfici industriali con sviluppo<br />

di attività ad elevato contenuto innovativo e tecnologico,<br />

secondo lo studio di fattibilità Nomisma.<br />

30.000 mq di Retail Park, quindi superfici di vendita<br />

organizzata oltre a terziario e servizi re<strong>la</strong>tivi.<br />

L’attivazione del consorzio <strong>Jesi</strong> Cube, costituito da<br />

Università Politencica delle Marche, Comune di <strong>Jesi</strong> ed<br />

Eridania Sadam, per l’avvio immediato di spin off universitari<br />

propedeutici al<strong>la</strong> nascita di nuove realtà<br />

imprenditoriali. L’attivazione del progetto Med valorizzazione<br />

sottoprodotti filiera vitivinicole e del progetto<br />

componentistica industriale.<br />

Nell’intento di Nomisma vi è <strong>la</strong> creazione di un parco<br />

tecnologico e dell’innovazione, sviluppato intorno alle<br />

eccellenze già presenti nell’area, favorito anche da<br />

strutture ed infrastrutture esistenti quali Zipa verde e<br />

Interporto, tenendo presente del<strong>la</strong> buona viabilità e<br />

del<strong>la</strong> vicinanza di porto e aeroporto. Tutte le iniziative<br />

da collocarsi nell’area avrebbero poi un’opportunità in<br />

più, quel<strong>la</strong> del<strong>la</strong> Turbogas che potrebbe fornire elettricità<br />

e calore a prezzi più convenienti. Fra i nuovi insediamenti<br />

industriali da collocarsi nell’area si è anche ipotizzata<br />

<strong>la</strong> delocalizzazione del Consorzio Agrario e del<br />

Mercato Ortofrutticolo che liberebbero aree urbane di<br />

grande valore che potrebbero essere riqualificate a livello<br />

urbanistico ed architettonico a servizio dei cittadini.<br />

Per quanto concerne il progetto Med si tratta del<strong>la</strong><br />

valorizzazione commerciale dei sottoprodotti vitivinicoli,<br />

con l’estrazione di polifenoli, che vengono trasformati<br />

in risorsa come valida alternativa allo smaltimento. In<br />

questo modo si coglie l’opportunità di produrre energia<br />

da biomasse non utilizzabili a livello alimentare o mangimistico.<br />

L’attività prevede prima <strong>una</strong> fase sperimentale<br />

e poi <strong>una</strong> pilota con <strong>la</strong> costruzione di prototipi da<br />

23<br />

Manifestazione davanti ai cancelli del<strong>la</strong><br />

Sadam e <strong>una</strong> seduta del Consiglio com<strong>una</strong>le.<br />

riproporre su sca<strong>la</strong> di processo. Un progetto che<br />

potrebbe essere esteso anche ad altri sottoprodotti<br />

derivanti dal<strong>la</strong> <strong>la</strong>vorazione delle olive e del pomodoro e<br />

che rimette in gioco il mondo agroalimentare, certamente<br />

il più penalizzato dal<strong>la</strong> cessazione dell’attività<br />

dello zuccherificio.<br />

Un’idea progettuale valutata interessante ma che<br />

andrebbe verificata e condivisa con le aziende vitivinicole<br />

del<strong>la</strong> Vallesina e le altre imprese del settore oleicolo e<br />

ortofrutticolo che dovrebbero fornire <strong>la</strong> materia prima.<br />

Il progetto sul<strong>la</strong> Componentistica industriale deve<br />

ancora essere messo a punto anche se, secondo le analisi<br />

fatte dagli esperti del settore, ha buone prospettive<br />

di riuscita. Va in ogni caso valutata <strong>la</strong> fattibilità in termini<br />

economici e di mercato. Entrambe le iniziative utilizzerebbero<br />

<strong>una</strong> struttura già esistente e, quindi, almeno<br />

per <strong>la</strong> fase sperimentale e pilota, sarebbero immediatamente<br />

attuabili fin da giugno prossimo.<br />

L’investimento complessivo sull’area sarebbe di<br />

circa 67 milioni di euro anche se solo 5,3 milioni di euro<br />

sarebbero destinati ai progetti di sviluppo industriale.<br />

Gli altri verrebbero utilizzati per <strong>la</strong> lottizzazione e <strong>la</strong><br />

costruzione dei centri commerciali, i cosiddetti Megastore.<br />

Per questi ultimi vi è in programma un primo<br />

stralcio di insediamenti di media dimensione, circa 7/8<br />

mi<strong>la</strong> mq, che il gruppo Maccaferri intenderebbe allestire<br />

al più presto chiedendo nei prossimi giorni l’autorizzazione<br />

com<strong>una</strong>le.<br />

L’incontro in Regione si è chiuso dandosi appuntamento<br />

per il prossimo 18 maggio. Tutti, Regione,<br />

Provincia, Comune e Sindacati, si sono trovati d’accordo<br />

nel valutare <strong>la</strong> <strong>proposta</strong> <strong>debole</strong> e nel chiedere un maggiore<br />

sforzo al gruppo nel<strong>la</strong> ricerca di soluzioni alternative<br />

e, soprattutto, più concretezza nelle proposte di<br />

carattere industriale. Non ci si può fermare ai Megastore,<br />

il territorio ha necessità di iniziative che abbiano <strong>una</strong><br />

significativa ricaduta socio-economica ed un impatto più<br />

che positivo sull’occupazione che non si deve fermare<br />

al<strong>la</strong> rioccupazione del personale ex Sadam.


24 CITTÀ<br />

JESI CITTÀ VERDE<br />

di samanta vecci, foto augusto giglietti<br />

Quanto è verde <strong>Jesi</strong>? E come, e quando, e da chi vengono<br />

curate le aree verdi esistenti?<br />

La città si estende su <strong>una</strong> superficie di 107 km 2 , al<br />

suo interno esistono complessivamente oltre 60 ettari<br />

di terreno a prato: 27 giardini sco<strong>la</strong>stici presenti negli<br />

asili nido, nelle materne ed elementari; undici parchi<br />

pubblici (viale Cavallotti, Parco del Cannocchiale, Ventaglio,<br />

Orti Pace, Erbarel<strong>la</strong>, Verziere, via Gallodoro, del<br />

Val<strong>la</strong>to, Esedra, via M.L.King e via dei Cordai); altri<br />

giardini attrezzati con giochi e panchine, per concludersi<br />

con tutte le aree verdi non attrezzate.<br />

In questi giorni si vedono operai del comune e di<br />

ditte private che provvedono al taglio dell’erba e allora,<br />

per saperne di più, abbiamo rivolto alcune domande<br />

all’agronomo Lucio Rossetti dell’Ufficio Aree verdi del<br />

Servizio opere pubbliche del comune di <strong>Jesi</strong>.<br />

Può par<strong>la</strong>rci delle aree verdi jesine?<br />

«Il verde a <strong>Jesi</strong> non manca. Le aree verdi di cui il<br />

Comune di <strong>Jesi</strong> si occupa non solo superano i 60 ettari<br />

di estensione, ma sono sempre in aumento con <strong>la</strong><br />

nascita di nuovi quartieri e <strong>la</strong> continua espansione del<strong>la</strong><br />

Giardini orti Pace e viale<br />

Cavallotti.<br />

Nel<strong>la</strong> pagina a fianco: parco<br />

del Cannocchiale, parco del<br />

Ventaglio, giardini pubblici,<br />

giardinetti di via Erbarel<strong>la</strong>,<br />

giardino del<strong>la</strong> scuo<strong>la</strong><br />

materna Negromanti.<br />

zona industriale. Prendersene cura è difficoltoso perché<br />

i comuni adesso sono in crisi con i bi<strong>la</strong>nci dopo i ben<br />

noti tagli governativi. In più a <strong>Jesi</strong>, purtoppo, c’è <strong>una</strong><br />

carenza di operatori: molti di coloro che sono andati in<br />

pensione o con contratti a scadenza non sono stati rimpiazzati.<br />

Dei quindici di tre anni fa ne sono rimasti cinque.<br />

Il budget disponibile si è molto ridotto: oggi l’investimento<br />

complessivo da parte dell’Amministrazione<br />

com<strong>una</strong>le di <strong>Jesi</strong> per <strong>la</strong> cura del verde ammonta a 100<br />

mi<strong>la</strong> euro annuali. Occorre quindi fare tutto e bene, ma<br />

sempre con meno risorse».<br />

A che punto è il taglio dell’erba?<br />

«Finora siamo riusciti a mantenere sempre l’erba<br />

delle aree verdi cittadine sotto i 15 centimetri com’è<br />

stabilito. Quest’anno, fino a metà aprile, eravamo un<br />

po’ indietro a causa delle continue precipitazioni che<br />

hanno spesso obbligato gli operatori al taglio manuale<br />

con il decespugliatore, rispetto al più veloce <strong>la</strong>voro dei<br />

mezzi meccanici. Negli ultimi giorni comunque abbiamo<br />

ripreso a pieno ritmo e stiamo ultimando. Bisogna<br />

ricordare inoltre che, oltre alle numerose aree verdi,


dobbiamo provvedere anche al taglio dell’erba nel<br />

bordo (circa un metro) di oltre 200 chilometri di strade<br />

extraurbane».<br />

Quante volte viene ripetuta l’operazione?<br />

«In un anno riusciamo a fare due o tre tagli dell’erba<br />

in tutte queste aree».<br />

E <strong>la</strong> potatura delle piante?<br />

«Con un <strong>la</strong>voro durato tre anni abbiamo provveduto<br />

al<strong>la</strong> potatura ordinaria delle piante di quasi tutte le aree<br />

e viali cittadini, come stabilito dal<strong>la</strong> legge regionale n. 6<br />

del 2005 che ha passato <strong>la</strong> competenza dal<strong>la</strong> Forestale<br />

alle amministrazioni com<strong>una</strong>li. Il tipo di intervento varia<br />

da pianta a pianta e a seconda delle necessità, comunque<br />

si cerca di fare sempre il minimo indispensabile.<br />

Quando <strong>la</strong> pianta è troppo a ridosso di edifici, o nel caso<br />

di un ramo pericoloso, si fa un intervento di contenimento.<br />

La potatura oggi non è più pensata come <strong>una</strong><br />

capitozzatura (drastica riduzione del<strong>la</strong> chioma), questa<br />

va fatta solo se c’è un pericolo: nel caso in cui l’albero<br />

presenti cariature interne causate magari proprio da<br />

precedenti potature troppo frequenti e invasive che<br />

25<br />

hanno prodotto inserzioni nelle branche dell’albero che<br />

nel tempo potrebbero far cadere <strong>la</strong> pianta stessa. Solo<br />

nel caso di pericolo per <strong>la</strong> pubblica incolumità si opera<br />

<strong>una</strong> potatura di tipo straordinario, cioè drastica».<br />

Come viene operata <strong>la</strong> manutenzione di tali aree?<br />

«Stabiliamo <strong>una</strong> scaletta pensata con <strong>una</strong> certa logica<br />

per agevo<strong>la</strong>re le operazioni, <strong>la</strong> quale però può subire<br />

variazioni nel caso che i cittadini segnalino degli interventi<br />

che devono essere fatti con <strong>una</strong> certa urgenza».<br />

Quante persone se ne occupano?<br />

«Oltre ai cinque operatori dipendenti com<strong>una</strong>li, il<br />

<strong>la</strong>voro viene svolto attraverso convenzioni da operatori<br />

di cooperative sociali di tipo B e dai volontari di sette<br />

associazioni che hanno in gestione alcuni giardini di<br />

quartiere, di cui si occupano autonomamente, con ottimi<br />

risultati. Sarebbe bello e utile creare almeno un’associazione<br />

per quartiere da poter affidarle <strong>la</strong> cura e <strong>la</strong> tute<strong>la</strong><br />

igienica dei giardini presenti, appunto, nel proprio quartiere.<br />

Quelle esistenti stanno facendo veramente un<br />

buon <strong>la</strong>voro: in tali aree, ad esempio, il taglio dell’erba<br />

viene effettuato anche 4-5 volte all’anno!»


26 SOCIETÀ<br />

VOGLIO TROVARE UN<br />

SENSO A QUESTA VITA<br />

COME VASCO E BONOLIS<br />

di emanue<strong>la</strong> corsetti, foto augusto giglietti<br />

Giusto qualche giorno fa, ho letto un articoletto che par<strong>la</strong>va di un anziano signore, il quale, dialogando con un<br />

medico durante <strong>una</strong> visita, raccontava che <strong>sua</strong> moglie, ma<strong>la</strong>ta da tempo di Alzheimer, non era più in grado di riconoscerlo,<br />

ma lui ogni giorno in questi ultimi cinque anni si recava da lei presso <strong>la</strong> casa di cura, per occuparsi del<strong>la</strong><br />

<strong>sua</strong> co<strong>la</strong>zione; il medico domandava allora “E va ogni mattina a trovar<strong>la</strong> anche se non sa chi è lei?” e l’uomo, sorridendo,<br />

aveva risposto “Lei non sa chi sono, ma io so ancora perfettamente chi è lei!”<br />

Questo emozionante episodio mi ha fatto riflettere a lungo, e condividerlo con i lettori di <strong>Jesi</strong> e <strong>la</strong> <strong>sua</strong> Valle mi è<br />

sembrata <strong>la</strong> cosa più giusta da fare, anche perché proprio in questo numero <strong>la</strong> redazione ha chiamato i cittadini a<br />

porsi <strong>una</strong> domanda sul “Senso del<strong>la</strong> vita”.<br />

Blocnotes al<strong>la</strong> mano e Augusto al fianco (e <strong>la</strong> <strong>sua</strong> macchina fotografica al collo!) abbiamo chiesto ad alcune persone<br />

ben “Cinque motivi per cui vale <strong>la</strong> pena vivere”. In fondo le risposte non sono state così sorprendenti, ma<br />

ancora <strong>una</strong> volta, volendo leggere fra le righe, si intuisce <strong>una</strong> cosa importante: le persone più felici non sono quelle<br />

che hanno tutto, ma quelle che sanno trarre il meglio da ciò che hanno…<br />

DANIELE E MARIA > Il<br />

figlio che sta arrivando è<br />

sicuramente il motivo più<br />

importante per vivere; poi<br />

ci siamo noi due insieme,<br />

l’amicizia vera, che è<br />

quel<strong>la</strong> più rara e preziosa,<br />

e poi <strong>la</strong> natura in genere,<br />

compreso il nostro gatto<br />

di sette chili!<br />

DANIELE > Se dico per i figli<br />

è un c<strong>la</strong>ssico, anche perché<br />

quando arrivano, è giusto che<br />

prendano il primo posto, ma<br />

fino a che non ci sono… Forse<br />

allora per fare esperienze…<br />

certo <strong>la</strong>vorare non è proprio<br />

l’esperienza più entusiasmante…<br />

Ecco, vorrei vivere<br />

riuscendo a ribaltare il sistema<br />

pensionistico: pensione<br />

da 0 a 50 anni, poi ci si mette<br />

a <strong>la</strong>vorare. Allora sì che varrebbe<br />

<strong>la</strong> pena vivere!<br />

MONICA > Il cielo, il sorriso<br />

dei figli, <strong>la</strong> salute,<br />

ridere molto poi so che fa<br />

bene; ma adesso che ci<br />

penso… anche dormire non<br />

è male, specialmente ora:<br />

ne avrei un bisogno!<br />

AUSILIA > Vale <strong>la</strong> pena<br />

vivere per <strong>la</strong> vita stessa,<br />

perché <strong>la</strong> vita è bel<strong>la</strong> per i<br />

figli, per l’amore, per il<br />

cibo e per i numerosi viaggi<br />

che spero potrò ancora<br />

fare!<br />

SILVANA > Allora, al primo<br />

posto ci sono i figli, poi<br />

i nipoti, quindi i miei cani e<br />

i miei gatti; ma <strong>la</strong> vita è<br />

bel<strong>la</strong> e va vissuta tutta,<br />

anche con i suoi drammi!<br />

MASSIMO > La famiglia,<br />

sicuramente. Per me è importante<br />

passeggiare nel<strong>la</strong><br />

natura, le arrampicate in<br />

montagna; ma <strong>la</strong> vita, bel<strong>la</strong><br />

o brutta, è <strong>la</strong> vita: che<br />

c’è da aggiungere?


MARIALAURA > Oddio… è<br />

<strong>una</strong> domanda importante…<br />

così al<strong>la</strong> sprovvista? La mia<br />

famiglia, <strong>la</strong> gratitudine delle<br />

persone, il cielo d’Ir<strong>la</strong>nda,<br />

il ricordo dei miei nonni,<br />

e <strong>una</strong> cena fra amici!<br />

BARBARA > Ce ne sono<br />

davvero tanti di motivi per<br />

vivere (per fort<strong>una</strong>), ma<br />

prima di tutto i figli, l’amore<br />

anche, e sicuramente <strong>la</strong><br />

famiglia, ma anche il successo<br />

<strong>la</strong>vorativo è importante.<br />

GINA > Vale <strong>la</strong> pena di vivere<br />

per amare, per vedere<br />

tutto quello che c’è<br />

intorno, per dare e per<br />

avere, per l’amicizia; e<br />

vale <strong>la</strong> pena anche vivere il<br />

dolore, perché è sempre<br />

un insegnamento.<br />

GRAZIANO > Solo cinque?<br />

Allora vediamo: l’affetto del<strong>la</strong><br />

famiglia e dei figli il primo<br />

motivo; poi sono curioso di<br />

sapere come va a finire questa<br />

Italia; vorrei vedere <strong>la</strong><br />

mia città, <strong>Jesi</strong>, che funziona<br />

in tutto e per tutti; continuare<br />

a contare i denti del<strong>la</strong><br />

gente mentre ride e poi…<br />

vorrei vedere Juve e Mi<strong>la</strong>n<br />

sempre sotto!<br />

SAMUELE > Il motivo più<br />

importante sono i figli, poi<br />

<strong>la</strong> natura tutta, poter viaggiare,<br />

e poi, perché no?,<br />

mangiare bene!<br />

MANUELA > Il caldo e il<br />

sole del mare, specie dopo<br />

un lungo inverno; andare<br />

alle terme e usufruire di<br />

coccole e massaggi; le mie<br />

sorelle (le adoro!); e naturalmente,<br />

<strong>la</strong> nutel<strong>la</strong>!<br />

GLI ELENCHI DELLA FELICITÀ<br />

Lo scrittore Roberto Saviano, nel<strong>la</strong> trasmissione Vieni<br />

via con me, e nel libro con lo stesso titolo, ha elencato<br />

le dieci cose per cui vale <strong>la</strong> pena vivere. Poi ha chiesto,<br />

attraverso il sito di Repubblica, ai lettori di fare altrettanto.<br />

In tanti hanno risposto mostrando che ancora c’è<br />

un’Italia che, malgrado <strong>la</strong> situazione presente, vuole<br />

credere nel futuro.<br />

Dalle risposte traspare <strong>una</strong> grande voglia di amare e un<br />

forte senso del<strong>la</strong> famiglia. L’amore degli uomini per <strong>la</strong><br />

propria moglie o per <strong>la</strong> compagna e delle donne per il<br />

proprio partner, l’amore per i figli e per i genitori; l’amore<br />

per <strong>la</strong> propria terra quando si è lontani e per gli<br />

amici più cari. La voglia di un sorriso che ci mette in<br />

comunicazione con gli altri, il piacere di ridere per curare<br />

un dolore. Ci sono i viaggi, il mare, il sole, i monti,<br />

il cielo stel<strong>la</strong>to, i fiori e i sapori: <strong>la</strong> ciocco<strong>la</strong>ta, <strong>la</strong> pizza...<br />

Sono decaloghi di persone che non hanno perso <strong>la</strong> fiducia<br />

in se stessi e negli altri. C’è molta voglia di un paese<br />

migliore, diverso da quello in cui viviamo in questo<br />

momento, non il paese incattivito, egoista in cui ciascuno<br />

bada solo ai fatti propri, un paese in cui ancora<br />

valga <strong>la</strong> pena di vivere.<br />

FILIPPO > Per <strong>la</strong> famiglia<br />

che è importante, per <strong>la</strong><br />

natura che è bellissima, il<br />

<strong>la</strong>voro che è stimo<strong>la</strong>nte,<br />

l’Italia che è <strong>la</strong> mia patria e<br />

infine <strong>la</strong> musica, perché<br />

sono un ballerino!<br />

NUNZIA > Per i figli! E <strong>la</strong><br />

famiglia certo! Ma soprattutto<br />

per <strong>la</strong> gran voglia di<br />

vivere che ho adesso… oh,<br />

non ce l’avevo neanche a<br />

vent’anni! Del resto, Ammo’<br />

ce so’, tanto vale vive<br />

be’! Giusto?<br />

FEDERICA > Avere dei figli,<br />

essere amati, il tiramisù<br />

di Moreno Cedroni, tutto<br />

quello che mi emoziona… e<br />

le poesie di Natale recitate<br />

dai figli e dai nipotini: perché<br />

anche commuoversi è<br />

un buon motivo per vivere!<br />

NICOLA > Vale <strong>la</strong> pena di<br />

vivere per amare, per <strong>la</strong><br />

mia famiglia, per sentire le<br />

fusa del mio gatto, per<br />

vedere questa povera Italia<br />

come va a finire… e<br />

soprattutto perché, tutto<br />

sommato, fra alti e bassi,<br />

fra allegria e tristezza, <strong>la</strong><br />

vita è un dono, <strong>la</strong> vita è<br />

bel<strong>la</strong>!


28 IMPRESE E TERRITORIO<br />

Conoscenza capil<strong>la</strong>re del mercato e assistenza completa al cliente<br />

di car<strong>la</strong> troiani<br />

Giovane, ma è già un riferimento nel mercato immobiliare<br />

locale. L’immobiliare Andreoli compie cinque<br />

anni, «un momento importante da condividere con tutta<br />

<strong>la</strong> squadra e, al tempo stesso, l’occasione per fare un<br />

bi<strong>la</strong>ncio con il proposito di andare sempre avanti, continuando<br />

a crescere in professionalità e servizi al cliente».<br />

Lo dice Alberto Andreoli, tito<strong>la</strong>re dell’omonima agenzia,<br />

nell’ufficio in viale del Lavoro, dietro <strong>la</strong> <strong>sua</strong> scrivania,<br />

ricoperta da pratiche, fogli e cartine. <strong>Jesi</strong>no, 47 anni,<br />

dal 1999 nel settore del<strong>la</strong> compravendita, decide nel<br />

2006 di mettersi in proprio e aprire <strong>la</strong> <strong>sua</strong> prima agenzia<br />

in città a cui si affianca, due mesi dopo, <strong>una</strong> seconda<br />

sede a Chiara<strong>valle</strong>. «Nel campo immobiliare abbiamo<br />

fatto molta strada – spiega Andreoli – tanto da coprire<br />

ora, territorialmente, tutta <strong>la</strong> Vallesina e spingerci fino<br />

al<strong>la</strong> costa, verso Senigallia. Il merito di questa espansione<br />

va molto al servizio che offriamo al cliente. Lo<br />

accompagniamo dal primo appuntamento in questi uffici<br />

fino al<strong>la</strong> firma dell’atto notarile, seguendolo, all’occorrenza,<br />

anche nel<strong>la</strong> valutazione del mutuo, evitando<br />

Andreoli Immobiliare<br />

Viale del Lavoro, 4/g<br />

60035 <strong>Jesi</strong> (An)<br />

tel. 0731.200752<br />

fax 0731.209830<br />

www.immobiliareandreoli.it<br />

info@immobiliareandreoli.it<br />

così sorprese dell’ultima ora e imprevisti».<br />

Disponibilità, correttezza, rapporto umano verso il<br />

cliente sono per Andreoli alcune delle caratteristiche<br />

che contraddistinguono il <strong>la</strong>voro di tutto il suo staff.<br />

«Siamo un’agenzia pratica, concreta, che non fa super<br />

valutazioni, in grado di informare sempre e comunque<br />

il cliente prima che questo prenda <strong>una</strong> qualsiasi decisione.<br />

Fa parte del nostro dna aggiornarci. Qui non esiste<br />

turn over, ogni collega ha infatti <strong>una</strong> <strong>sua</strong> specializzazione,<br />

così da garantire <strong>una</strong> maggior competenza nel<br />

settore di <strong>la</strong>voro». Nelle due agenzie l’attività nel mercato<br />

immobiliare è rivolta soprattutto al<strong>la</strong> compravendita,<br />

alle stime, al<strong>la</strong> valutazione dei mutui, agli affitti di<br />

abitazioni nuove o usate, case coloniche, ambienti commerciali<br />

e industriali. Inevitabile <strong>la</strong> domanda sull’andamento<br />

del mercato, dopo <strong>la</strong> crisi economico-finanziaria<br />

iniziata nel 2008.<br />

«Dopo un primo rallentamento del mattone – spiega –<br />

ora assistiamo a un certo risveglio e a un leggero movimento<br />

che interessa soprattutto <strong>la</strong> prima, seconda e


VILLA FABBRO<br />

appartamenti di pregio<br />

in esclusiva con<br />

Andreoli Immobiliare<br />

anche terza casa. Grazie, poi, al<strong>la</strong> cedo<strong>la</strong>re secca, in<br />

rialzo anche il settore delle locazioni». Bene, per Alberto<br />

Andreoli, il segmento delle case coloniche e dei terreni<br />

agricoli, dove non mancano richieste da fuori regione,<br />

Liguria e Lombardia principalmente, e dall’estero. In<br />

29<br />

aumento poi le richieste di affitti ad uso commerciale:<br />

«Stiamo <strong>la</strong>vorando con clienti fuori regione per portare<br />

in Vallesina noti brand nazionali».<br />

In crescita anche il mercato verso abitazioni ecocompatibili<br />

«dove, seppur lentamente, si sta facendo<br />

strada <strong>una</strong> cultura sempre più sensibile al problema».<br />

E spiega. «Certo il settore, nel suo complesso, non è<br />

costante, e le trattative con il cliente sono lunghe.<br />

Affidarsi, però, ad un’agenzia competente è <strong>una</strong> scelta<br />

importante che dà garanzie sia al venditore sia all’acquirente».<br />

Quindi <strong>una</strong> analisi su come, nel tempo, sia cambiata<br />

<strong>la</strong> <strong>sua</strong> professione. «In passato – dice – all’agente<br />

immobiliare bastava presentare le case. Oggi il nostro<br />

<strong>la</strong>voro è diventato più complesso: dobbiamo selezionare<br />

bene gli immobili, gestire le trattative, control<strong>la</strong>re <strong>la</strong><br />

presenza o meno di problemi urbanistici, catastali, ipotecari<br />

e, di conseguenza, provvedere. Occorre conoscere<br />

il mercato e stare sul mercato stesso. Questi<br />

aspetti garantiscono <strong>la</strong> qualità del <strong>la</strong>voro che deve<br />

essere fonte di sicurezza per il cliente. «La nostra competenza<br />

deve essere approfondita e aggiornata, perché,<br />

comunque sia, il mattone rimane <strong>una</strong> fonte di redditività».<br />

Tra le novità annunciate per l’estate <strong>la</strong> realizzazione<br />

di un nuovo portale. «Ci siamo resi conto che sul nostro<br />

sito arrivano segna<strong>la</strong>zioni e richieste di consulenza. Da<br />

qui <strong>la</strong> necessità di potenziarlo, rendendolo ancora più<br />

facile e immediato, fornendo nuovi servizi come, ad<br />

esempio, informazioni sulle modalità di un trasloco o<br />

sull’attivazione di utenze nel caso di affitti o vendite».<br />

E conclude. «Questo è un modo per stare più vicino<br />

ai nostri clienti, al territorio e al<strong>la</strong> città, che sosteniamo<br />

anche grazie alle sponsorizzazioni sportive nel calcio<br />

e nel basket».


30 INIZIATIVE<br />

Una<br />

generazione<br />

di infermieri<br />

di gloria fiorentini<br />

Il prossimo 19 maggio ex studenti e docenti festeggeranno,<br />

all’Hotel Federico II, il 40° Anniversario dell’Istituzione<br />

del<strong>la</strong> “Scuo<strong>la</strong> per Infermieri Professionali” di<br />

<strong>Jesi</strong>. Nata nel 1971 ad opera dell’Ospedale Provinciale<br />

di <strong>Jesi</strong>, <strong>la</strong> scuo<strong>la</strong>, fino al 1997, ha avuto il grande merito<br />

di formare <strong>una</strong> generazione di infermiere ed infermieri<br />

che hanno fatto crescere l’Ospedale di <strong>Jesi</strong> e, più<br />

in generale, <strong>la</strong> sanità regionale portando <strong>la</strong> loro alta formazione<br />

e professionalità in tante strutture del<strong>la</strong> regione,<br />

dove oggi <strong>la</strong>vorano. Un merito, questo, che va riconosciuto<br />

alle tante persone che, negli anni, hanno <strong>la</strong>vorato<br />

per raggiungere questo importante obiettivo.<br />

«La scuo<strong>la</strong> per infermieri professionali prepara il personale<br />

infermieristico ad assistere il ma<strong>la</strong>to con scienza, coscienza,<br />

amore, dedizione assoluta». Così si esprimeva in un nostro<br />

articolo del 1971 <strong>la</strong> direttrice del<strong>la</strong> Scuo<strong>la</strong> per Infermieri<br />

Professionali di <strong>Jesi</strong> Guglielmina Stucchi per spiegare che<br />

cosa fosse <strong>la</strong> nuova struttura nata da pochissimi mesi ad<br />

opera dell’allora “Ospedale Provinciale di <strong>Jesi</strong>”.<br />

La Scuo<strong>la</strong> per Infermieri Professionali ha avuto un grande<br />

valore perché ha portato un cambiamento storico radicale<br />

nell’assistenza infermieristica, non solo per quanto riguarda<br />

<strong>la</strong> qualità professionale, ma anche dal punto di vista culturale<br />

ed etico, dando <strong>una</strong> nuova impostazione e dignità a<br />

questa professione. Una nuova modalità operativa, che <strong>la</strong><br />

generazione di infermiere ed infermieri diplomati a <strong>Jesi</strong> ha<br />

poi portato in tutti gli ospedali del<strong>la</strong> provincia e del<strong>la</strong> regione,<br />

in cui oggi <strong>la</strong>vorano, e dove sono stati apprezzati per <strong>la</strong><br />

loro professionalità, contribuendo a far crescere non solo<br />

l’Ospedale di <strong>Jesi</strong> ma anche quelli di tutta <strong>la</strong> regione.<br />

Istituita in un periodo storico partico<strong>la</strong>rmente felice per<br />

riforme e trasformazioni sociali, <strong>la</strong> Scuo<strong>la</strong> è rimasta in funzione<br />

fino al 1997, quando <strong>la</strong> normativa nazionale ha affidato<br />

il compito di formare i professionisti del<strong>la</strong> sanità all’Università.<br />

Ma <strong>la</strong> formazione fornita dal<strong>la</strong> Scuo<strong>la</strong> di <strong>Jesi</strong>, che<br />

proprio quest’anno celebra il quarantennale del<strong>la</strong> <strong>sua</strong> istituzione,<br />

non ha nul<strong>la</strong> da invidiare a quel<strong>la</strong> universitaria.<br />

Tutt’altro. Più di mille infermieri si sono diplomati al<strong>la</strong> Scuo<strong>la</strong><br />

di <strong>Jesi</strong> che è stata <strong>la</strong> “loro” università perché concepita al<strong>la</strong><br />

stessa stregua.<br />

In quel periodo era molto sentita l’esigenza di personale<br />

specializzato, non solo a <strong>Jesi</strong>, dove l’Ospedale era enormemente<br />

cresciuto, ma anche in tutta <strong>la</strong> regione. L’unica altra<br />

scuo<strong>la</strong> esistente nelle Marche era quel<strong>la</strong> di Ancona, insufficiente,<br />

però, a raccogliere le numerosissime richieste che le<br />

pervenivano ogni anno.<br />

Ad organizzare il primo corso furono: Vittorio Massaccesi,<br />

presidente dell’Ospedale; Guglielmina Stucchi, direttrice;<br />

Margherita Mosconi, vice direttrice; Rita Paudice e Orietta<br />

Lorenzini, caposale. La direttrice, persona molto valida e<br />

di grande esperienza professionale, era stata per lungo<br />

tempo infermiera professionale del<strong>la</strong> Croce Rosse Italiana,<br />

prima, e direttrice del<strong>la</strong> Scuo<strong>la</strong> per infermiere di Roma, poi.<br />

Chiedeva molto impegno e rigore alle sue allieve, che chiamava<br />

“figliole”, perché era <strong>la</strong> prima ad aiutarle e difenderle<br />

con affetto e rispetto. Contava molto formare prima <strong>la</strong> per-


sona e poi l’infermiera.<br />

Le regole erano molto rigide. Ad esempio, era obbligatoria<br />

<strong>la</strong> divisa, era vietato truccarsi, indossare anelli ed altri<br />

accessori. Era rigoroso l’uso del “lei” con tutti. Lo scopo era<br />

quello di valorizzare le persone e le future professioniste.<br />

Anche nello svolgimento del<strong>la</strong> professione erano molte le<br />

regole da seguire. Grazie a questa filosofia, <strong>la</strong> scuo<strong>la</strong> fin dall’inizio<br />

ha dato <strong>una</strong> connotazione diversa all’assistenza sanitaria,<br />

sia professionale che etica; questo ha portato ad un<br />

cambiamento progressivo e radicale delle vecchie procedure<br />

ospedaliere, migliorandone e valorizzando le prestazioni.<br />

Sicuramente, specie per i diplomati nei primi anni, le difficoltà<br />

non furono poche perché le resistenze al cambiamento<br />

sono sempre numerose, ma <strong>la</strong> professionalità, l’impegno e <strong>la</strong><br />

serietà dei neo infermieri ed infermiere le hanno superate.<br />

Quel<strong>la</strong> del prossimo 19 maggio presso l’Hotel Federico II di<br />

<strong>Jesi</strong> sarà <strong>una</strong> festa che coinvolgerà gli ex studenti e docenti<br />

del<strong>la</strong> scuo<strong>la</strong> oltre a tanti professionisti, medici e rappresentanti<br />

del<strong>la</strong> sanità jesina e regionale. All’iniziativa infatti ha aderito<br />

con entusiasmo un grande numero di persone: anche questo<br />

sta a testimoniare il grande valore che <strong>la</strong> Scuo<strong>la</strong> per Infermieri<br />

Professionali di <strong>Jesi</strong> ha avuto per <strong>la</strong> sanità delle Marche.<br />

LA STORIA<br />

Facendo riferimento ad un articolo pubblicato sul<strong>la</strong> nostra rivista<br />

nel 1971, ripercorriamo <strong>la</strong> storia del<strong>la</strong> Scuo<strong>la</strong> per Infermieri<br />

Professionali di <strong>Jesi</strong>.<br />

La legge sanitaria statale in vigore in quegli anni prevedeva<br />

<strong>la</strong> figura dell’infermiere professionale, più qualificata e<br />

preparata rispetto all’infermiere generico esistente in quel<br />

periodo. Prevedeva, altresì, che ogni ospedale generale provinciale<br />

avesse annessa <strong>una</strong> scuo<strong>la</strong> per infermieri professionali.<br />

Per accedere al corso per infermiere professionale non<br />

era sufficiente <strong>la</strong> licenza di scuo<strong>la</strong> media inferiore come per<br />

gli infermieri generici, ma occorreva un diploma o aver frequentato<br />

almeno il secondo anno di scuo<strong>la</strong> media superiore.<br />

Per <strong>la</strong> specializzazione di caposa<strong>la</strong>, era comunque necessario<br />

il diploma di <strong>una</strong> scuo<strong>la</strong> superiore. Occorreva inoltre aver<br />

compiuto il diciassettesimo anno di età. La scuo<strong>la</strong> era aperta<br />

anche agli infermieri generici che volevano ottenere il titolo<br />

di infermiere professionale, ma dovevano sospendere il<br />

<strong>la</strong>voro durante il periodo di frequenza ai corsi e sostenere un<br />

esame di ammissione.<br />

31<br />

Da sinistra:<br />

allieve infermiere del<br />

corso anno 1972-73;<br />

gita a casa del<strong>la</strong><br />

direttrice del<strong>la</strong> Scuo<strong>la</strong><br />

Guglielmina Stucchi<br />

(1971).<br />

Nel<strong>la</strong> pagina a fianco:<br />

festeggiamenti per<br />

l’inaugurazione del<strong>la</strong><br />

scuo<strong>la</strong> I.I.P.P.;<br />

le allieve del corso<br />

infermieri<br />

professionali 1975-78;<br />

Margherita Mosconi<br />

crocerossina e neo<br />

<strong>la</strong>ureata in Medicina.<br />

Il corso base durava due anni al termine del quale, con<br />

un esame di Stato, si acquisiva il Diploma di Infermiere<br />

Professionale. Un terzo anno successivo era dedicato alle<br />

varie specializzazioni: per caposa<strong>la</strong>, in assistenza pediatrica,<br />

chirurgica o altre.<br />

La Scuo<strong>la</strong> per Infermieri Professionali di <strong>Jesi</strong> iniziò il<br />

primo corso il 15 febbraio 1971. Il 19 aprile iniziò per <strong>la</strong><br />

prima volta il servizio all’Ospedale civile di <strong>Jesi</strong>, nel reparto<br />

di Medicina, dove erano state assegnate cinque camere con<br />

venti letti per il tirocinio pratico. Le allieve del<strong>la</strong> scuo<strong>la</strong> <strong>la</strong>voravano<br />

il mattino in Ospedale dalle 8 alle 12; il pomeriggio<br />

avevano due, tre ore di lezioni teoriche, per tutta <strong>la</strong> settimana,<br />

ad eccezione del sabato pomeriggio e <strong>la</strong> domenica.<br />

Questo per il primo anno di corso, perché già al secondo iniziava<br />

il turno di notte. Accanto a questi ritmi così intensi che<br />

impegnavano mattino e pomeriggio, andava aggiunto il<br />

tempo per studiare. Tempo libero, praticamente, inesistente.<br />

Tutto questo contribuiva senza ombra di dubbio a preparare<br />

le giovani allieve ed allievi ai grandi sacrifici che <strong>la</strong> professione<br />

di infermiere comporta.<br />

Durante il primo corso le allieve del<strong>la</strong> Scuo<strong>la</strong> di <strong>Jesi</strong> erano<br />

diciotto, dodici delle quali con il diploma magistrale, <strong>una</strong> con il<br />

diploma dell’Istituto Tecnico Femminile ed <strong>una</strong> con <strong>la</strong> maturità<br />

scientifica. Tutte avevano <strong>una</strong> valida formazione culturale di<br />

base. Alcune erano di <strong>Jesi</strong>, altre dei comuni vicini. Per questo<br />

fu istituito dal 1° marzo 1971 un convitto sistemato, in un<br />

primo momento, presso i locali dell’Istituto di suore San Giuseppe<br />

in piazza Pergolesi e poi in locali limitrofi all’Ospedale.<br />

Le lezioni si svolgevano in via Montello, vicino l’Ospedale.<br />

Il corpo insegnante era composto dai medici dell’Ospedale<br />

più il prof. Cande<strong>la</strong>, ufficiale sanitario.<br />

Le allieve dovevano indossare <strong>la</strong> cuffietta e <strong>la</strong> divisa bianca,<br />

le scarpe bianche ed il mantello marrone. Non era permesso<br />

alcun accessorio (trucco, anelli, ecc.).<br />

Le difficoltà da superare ed i sacrifici da affrontare per le<br />

giovani allieve ed allievi del<strong>la</strong> scuo<strong>la</strong> erano molti, tali sicuramente<br />

da scoraggiare chiunque non avesse <strong>una</strong> vocazione<br />

per questa professione. Il <strong>la</strong>voro di infermiera non doveva<br />

essere considerato un <strong>la</strong>voro da fare “tanto per fare”, ma <strong>una</strong><br />

professione di alto contenuto sociale. Questa impronta culturale<br />

e professionale ha sempre contraddistinto <strong>la</strong> Scuo<strong>la</strong><br />

per Infermieri Professionali di <strong>Jesi</strong>.


32 PERSONAGGI<br />

di giovanni filosa<br />

Ginesi, dunque, professore emerito di storia dell’arte, già<br />

ordinario (si legge nel curriculum quel “già”) presso<br />

l’Accademia di Macerata, che ha diretto per cinque anni,<br />

giornalista da oltre mezzo secolo, editore, consulente, scrittore<br />

di saggi fra cui Le Marche e l’Arte del XX secolo.<br />

At<strong>la</strong>nte degli artisti. per Banca Marche, consulente culturale<br />

di vari Stati, “Benemerito del<strong>la</strong> cultura del Governo<br />

Popo<strong>la</strong>re cinese”, tito<strong>la</strong>re di tutte le onorificenze del<strong>la</strong><br />

nostra Repubblica, dal 2006 Console Onorario del<strong>la</strong><br />

Federazione Russa nelle Marche, che lo ha insignito anche<br />

del<strong>la</strong> “Medaglia al merito diplomatico”.<br />

Ecco, questa l’estrema sintesi di tre pagine di curriculum<br />

di un personaggio che ha fatto, e farà ancora, da<br />

scommetterci, <strong>la</strong> storia del<strong>la</strong> città e che vive, da Cincinnato<br />

o quasi, in uno straordinario caso<strong>la</strong>re che si affaccia sul<br />

convento dei frati di Monte<strong>la</strong>tiere. Sotto <strong>la</strong> <strong>sua</strong> barba bianca<br />

perfettamente curata dal fido “Salone Maschile” (lunghezza<br />

massima un millimetro, ma sostanzioso), Armando<br />

ama muovere <strong>la</strong> curiosità del<strong>la</strong> <strong>sua</strong> mente e di due occhi<br />

che fissano da <strong>una</strong> fessura tutto quello che lo circonda.<br />

Abbiamo riletto l’edizione aggiornata del libro recentemente<br />

più discusso. Un trattato, non sempre in fil di fioretto,<br />

di storia, filosofia, critica letteraria e artistica, aneddoti<br />

e personaggi da scoprire e ri/conoscere pagina dopo<br />

pagina. In “Cinquant’anni intorno all’arte. Dal<strong>la</strong> A al<strong>la</strong> Z”,<br />

edizioni RB, c’è di tutto, specie tanta arte. Ma, dalle righe,<br />

emerge anche il tuo grande affetto per <strong>Jesi</strong>, mascherato<br />

qualche volta dall’ironia, dal<strong>la</strong> satira, dall’ acrimonia…<br />

«Bello questo acrimonia, un termine che non si usa più,<br />

neanche nelle manifestazioni ufficiali! Io direi che il mio<br />

affetto è ammantato più che mascherato, come fai a non<br />

voler bene al<strong>la</strong> città in cui sei nato?»<br />

L’affetto per<br />

<strong>una</strong> città…<br />

provincialotta<br />

Armando Ginesi, senza tema di smentite, fa parte dell’arredo urbano, storico<br />

e culturale del<strong>la</strong> città federiciana. Senza Armando, <strong>Jesi</strong> sarebbe come<br />

Topolino senza Pippo, Orfeo senza Euridice, Isotta senza Fraschini, Belcecchi<br />

senza Olivi.<br />

Come e quanto, eventualmente, le si vuole bene?<br />

«È difficile, è dura da quantificare, e poi non esiste <strong>una</strong><br />

ricetta. Però ci aggiungerei i puntini di sospensione».<br />

Perché i puntini? Forse per aver<strong>la</strong> definita abbastanza<br />

provincialotta…<br />

«Ribadisco, lo è. Se prendi i quotidiani, emerge violenta<br />

<strong>la</strong> verità. <strong>Jesi</strong>, spiego, va a periodi, lei che è stata <strong>la</strong><br />

seconda città del<strong>la</strong> provincia di Ancona. Un esempio? Un<br />

giorno in primo piano c’è <strong>la</strong> crisi aziendale, poi magari si<br />

passa al<strong>la</strong> chiusura del Corso, e se ne par<strong>la</strong> per settimane.<br />

In sostanza ci si appiattisce e si “sparano” in prima pagina<br />

certi eventi addirittura presentati su nove colonne, come<br />

se si fosse in guerra! E se tutto questo sta a significare che<br />

questa città non è provinciale, vuol dire solo che è felice<br />

perché non ha molti problemi».<br />

Torniamo a <strong>Jesi</strong>. Chi potrebbe essere definito il<br />

più “artista” fra i politici locali?<br />

«Vuoi che ti dica chi è il sindaco, diciamo, più creativo?<br />

Faccio fatica a trovarne. Se parto da Pacì Carotti non ricordo<br />

primi cittadini con tali caratteristiche, e questo è senz’altro<br />

un gran difetto. Ma fino a un certo punto. <strong>Jesi</strong>, se ci<br />

pensi, dal punto di vista urbanistico non ha subito grandi<br />

scempi. Proprio perché è mancata <strong>la</strong> creatività. La nostra è<br />

<strong>una</strong> città che non osa, mentre il creativo osa. Manco uno<br />

ts<strong>una</strong>mi <strong>la</strong> stimolerebbe…»<br />

E Sgarbi e le dichiarazioni sull’ascensore con le<br />

successive polemiche, cosa stimo<strong>la</strong>no?<br />

«Ho letto recentemente un articolo in cui un architetto<br />

jesino esprime <strong>una</strong> <strong>sua</strong> opinione sulle mura di cinta del<strong>la</strong><br />

città, che sono state “bucate” per collegare le cosiddette<br />

vecchie carceri a non si sa cosa. Lui sembra averce<strong>la</strong> con<br />

un gruppo di persone che, dice, montano in cattedra, pon-


tificano, per cui forse le metterebbe volentieri dietro <strong>la</strong><br />

<strong>la</strong>vagna, intellettuali e giornalisti che siano. Dice che quelle<br />

mura non sono autentiche. Il tracciato, in realtà, è<br />

medievale, e ripete grosso modo il periodo romano, ma<br />

che poi ci siano punti rifatti perché crol<strong>la</strong>ti, è normale,<br />

mica ci potevano <strong>la</strong>sciare il buco! L’architetto asserisce che<br />

quel<strong>la</strong> parte di mura è del 1948, va bene, e questo vuol<br />

dire che comunque si tratta di <strong>una</strong> parte ormai storicizzata;<br />

che facciamo, <strong>la</strong> buttiamo via? Ma quando si par<strong>la</strong> di<br />

mura, bisogna anche pensare al<strong>la</strong> tipologia, e <strong>la</strong> tipologia<br />

dice che non si può mica bucare, queste erano mura difensive.<br />

Questione di estetica, non solo di storia dell’arte».<br />

Comunque il sindaco creativo ancora non l’hai<br />

trovato. E fra gli amministratori?<br />

«Non li conosco proprio».<br />

L’arte puzza, <strong>la</strong> poesia agonizza. È<br />

un modo di dire?<br />

«Macché, direi invece che è <strong>la</strong> realtà, è<br />

messa proprio male. Viviamo un momento<br />

in cui <strong>la</strong> creatività originale è in crisi, malridotta.<br />

Oggi impera il citazionismo, e lo<br />

dice <strong>la</strong> paro<strong>la</strong> stessa, si cita. E non è <strong>una</strong><br />

colpa, beninteso. <strong>Jesi</strong>? All’inizio anni settanta,<br />

c’era <strong>una</strong> pericolosa e preoccupante<br />

piattezza nelle cosiddette arti visive. Due<br />

erano gli artisti di riferimento. Edmondo<br />

Giuliani e Mariano Agostinelli, curiosa coppia,<br />

uno molto facoltoso, Agostinelli, e l’altro<br />

che non aveva <strong>una</strong> lira per far cantare<br />

un cieco. Questa coppia stranissima, che si stimava e faceva<br />

al contempo grandi cagnare, vedeva Giuliani interessante<br />

dal punto di vista lirico, un esempio è <strong>la</strong> produzione<br />

dei quadri sul fiume Esino, l’altro, più pittore di Giuliani e,<br />

comunque, un personaggio. Mentre l’Europa era sconvolta<br />

dalle neo avanguardie, con <strong>una</strong> fioritura forse eccessiva di<br />

tendenze, a <strong>Jesi</strong> ci si palleggiava fra questi due autori,<br />

senza aprire gli occhi, magari non accorgendosi che c’era<br />

<strong>la</strong> pop art, o qualcosa di molto simile. Poi mi viene in<br />

mente anche Bernardo Bosi. Che, di contro, era costantemente<br />

ossessionato dall’inventare e dal ricercare. Infine,<br />

Orfeo Tamburi, e qui il mondo artistico jesino finiva.<br />

Ricordo <strong>una</strong> filippica di Agostinelli contro Alberto Burri e <strong>la</strong><br />

<strong>sua</strong> arte, <strong>la</strong> <strong>sua</strong> veemenza, lo definì “pittoraccio che prende<br />

a calci le tele e le bruciava”. Ecco, era questa l’atmosfera.<br />

Però c’erano “in fieri” anche i Pennacchietti, i<br />

Col<strong>la</strong>mati, i Teodosi, che facevano sperare. Il bello era che<br />

in quegli anni gli artisti si par<strong>la</strong>vano fra di loro, si frequentavano,<br />

tutti all’osteria, al caffè, oggi nessuno lo fa più, un<br />

aspetto di tipo sociologico e culturale da approfondire. La<br />

colpa? Del mercato, ovviamente. La scoperta vera dell’artista<br />

che valeva <strong>la</strong> facevano i galleristi, gente colta che non<br />

c’è più. Poi è arrivato il collezionista, che spesso è un parvenu<br />

che stacca l’assegno».<br />

Prima o poi da tutta questa bruttura tu ti<br />

sei…Conso<strong>la</strong>to o no?<br />

«Bel<strong>la</strong> battuta, ah ah! Io sono convinto che nel<strong>la</strong> vita<br />

sia bello fare esperienze diverse, per non fossilizzarsi.<br />

Questo non vuol dire fare il salto del<strong>la</strong> quaglia, passare dal<br />

mestiere di medico a quel<strong>la</strong> di bugaro, per esempio!<br />

Cambiando hai nuove motivazioni, per forza, e io non<br />

metto mai limiti al<strong>la</strong> divina provvidenza. Questa “mission”<br />

di Console Onorario del<strong>la</strong> Russia mi stimo<strong>la</strong>, davvero, non<br />

ricopro mica solo <strong>una</strong> carica onorifica come dice il nome. Il<br />

Il libro “Cinquant’anni<br />

attorno all’arte”.<br />

Sotto: inaugurazione del<strong>la</strong><br />

dogana dell’interporto di<br />

<strong>Jesi</strong> e Ginesi insieme a<br />

Letta mentre riceve<br />

l’ordine al merito del<strong>la</strong><br />

Repubblica italiana.<br />

In basso Armando Ginesi<br />

insieme a Giovanni Filosa.<br />

33<br />

fatto è che <strong>la</strong> Regione se ne accorge pochino, per fort<strong>una</strong><br />

<strong>la</strong> Russia sì! Il nostro è l’unico Conso<strong>la</strong>to in Italia che dispone<br />

di <strong>una</strong> Cancelleria, cioè che compie atti amministrativi<br />

sia per cittadini russi residenti o in transito sia per gli<br />

italiani che debbono contattare <strong>la</strong> Russia, in ogni modo».<br />

Non sono tutto sommato pessimista, hai detto più<br />

volte.<br />

«Sono, in questo caso, un gramsciano, che al pessimismo<br />

del<strong>la</strong> ragione sostituisce l’ottimismo del<strong>la</strong> volontà.<br />

Sono per <strong>la</strong> protesta, l’indignazione, non ne sono contento,<br />

ma lo faccio in funzione di cambiamenti…»<br />

Un ottimo autore di cabaret, quello potresti<br />

esserlo…<br />

«Forse meglio, direi, di satira, perché io senza satira<br />

non mi diverto. Anche alle cerimonie ufficiali, dove tocca<br />

andare sempre in giacca e cravatta, dopo dieci minuti<br />

sdrammatizzo, esco dal formalismo, certe risate che è<br />

meglio non te le racconti».<br />

Lo fa anche il nostro premier, le barzellette hanno<br />

fatto il giro del mondo, anzi, lo fanno ancora…<br />

«Ma le mie non sono barzellette, battute invece, anche<br />

se paludate dal<strong>la</strong> veste ufficiale, sennò come fai a trovare<br />

un antidoto contro il logorio eccetera eccetera??»


“Una vita per <strong>la</strong> libertà”<br />

Per par<strong>la</strong>re del<strong>la</strong> figura di Eraclio Cappannini raccontata da<br />

Vittorio Graziosi, occorre partire da quei mesi. Altrimenti, <strong>la</strong><br />

<strong>sua</strong> vicenda, come quel<strong>la</strong> di altri giovani, potrebbe sembrare<br />

<strong>una</strong> sorta di avventura finita male.<br />

IL LIBRO<br />

Presentato mercoledì 27 aprile al<br />

Teatro Moriconi dall’autore, dall’assessore<br />

Leonardo Lasca, dal consigliere<br />

regionale Enzo Giancarli e da Dino<br />

Mogianesi. Era presente <strong>la</strong> Famiglia<br />

Cappannini.<br />

VITTORIO GRAZIOSI, Una vita per <strong>la</strong><br />

libertà. Il partigiano Eraclio. Storia<br />

liberamente tratta dal<strong>la</strong> vita di Eraclio<br />

Cappannini, Quaderni del Consiglio<br />

regionale delle Marche, pp. 89, 2011.<br />

LA LETTERA<br />

L’ultima lettera di Eraclio Cappannini è stata pubblicata nel volume Lettere di condannati a morte del<strong>la</strong> Resistenza italiana,<br />

edito da Einaudi. Il messaggio venne scritto su <strong>una</strong> busta trovata per caso e trasformata in biglietto. Una mano buona lo fece<br />

arrivare al<strong>la</strong> famiglia:<br />

Sono il giovane Cappannini Eraclio prigioniero dei tedeschi. Nul<strong>la</strong> può salvarmi dal<strong>la</strong> fuci<strong>la</strong>zione. Chi trova il presente è pregato<br />

di farlo avere al<strong>la</strong> mia famiglia, sfol<strong>la</strong>ta da Iesi a Serradei-conti presso il contadino Carbini.<br />

Cari Genitori e Parenti tutti: il mio ultimo pensiero sarà rivolto a voi ed al<strong>la</strong> mia, al<strong>la</strong> nostra cara Patria, che tanti sacrifici chiede<br />

ai suoi figli. Non piangete per me, vi sarò sempre vicino, vi amerò sempre anche fuori dal mondo terreno; voi sarete <strong>la</strong> mia so<strong>la</strong><br />

conso<strong>la</strong>zione. Siate forti come lo sono stato io. Salutatemi tutti i miei conoscenti. Vostro per l’eternità Eraclio. Bacioni al<strong>la</strong> picco<strong>la</strong><br />

Maria Grazia. Ringrazio perennemente il <strong>la</strong>tore.<br />

di dino mogianesi<br />

Eraclio nasce a <strong>Jesi</strong>, l’8 gennaio del 1924. Di tradizione<br />

comunista, trascorre l’adolescenza a contatto con le organizzazioni<br />

fasciste. Nel 1943, ha 19 anni. È chiamato al<strong>la</strong> armi<br />

non appena terminati gli studi. Il ’43 è un anno cruciale. La


guerra sta andando male. Nel marzo sono iniziati gli scioperi<br />

al<strong>la</strong> Fiat. Nel giugno, gli anglo-americani sbarcano sulle<br />

isole al sud. Mussolini, con il discorso del bagnasciuga, promette<br />

che gli Alleati mai sbarcheranno in Sicilia. Il 9 luglio,<br />

Eraclio scrive a casa <strong>una</strong> lettera dal<strong>la</strong> quale traspare <strong>la</strong> <strong>sua</strong><br />

consapevolezza del momento. Il 10, gli alleati sbarcano in<br />

Sicilia. Il 25, è il 25 luglio: il Gran Consiglio sfiducia Mussolini:<br />

viene arrestato e trasferito sul Gran Sasso. Badoglio è<br />

il nuovo capo del governo.<br />

Eraclio, militare, vive queste ore da Belluno. Apprende<br />

che dal 17 agosto gli Alleati occupano l’intera Sicilia. Pochi<br />

giorni dopo, il 3 settembre, viene firmato l’armistizio. La<br />

radio lo annuncia l’8. L’esercito, senza ordini né capi, si sbanda.<br />

I tedeschi occupano l’Italia. Si registrano le prime forme<br />

di resistenza; reparti militari sono catturati e internati. Si<br />

moltiplicano le bande partigiane in montagna. La settimana<br />

dopo, il 12, un colpo di mano libera Mussolini. Il 18, da<br />

Monaco annuncia <strong>la</strong> costituzione di quel<strong>la</strong> che sarà <strong>la</strong><br />

Repubblica Sociale Italiana. Tra l’altro, annuncia l’eliminazione<br />

dei traditori fascisti e <strong>la</strong> ricostituzione dell’esercito per<br />

continuare <strong>la</strong> guerra al fianco dei tedeschi.<br />

A Eraclio si pongono problemi seri: come e dove schierarsi<br />

nel caos dell’Italia di quelle ore? In Piemonte iniziano i<br />

sabotaggi, i rastrel<strong>la</strong>menti, le prime rappresaglie. Il 27 settembre,<br />

Napoli insorge; a Rocca delle Caminate, si riunisce il<br />

nuovo governo repubblichino. Tra ottobre e novembre gli<br />

avvenimenti accelerano verso il dramma. Eraclio è a <strong>Jesi</strong>;<br />

cerca rifugi sicuri. I familiari sfol<strong>la</strong>no sotto l’incubo dei bombardamenti.<br />

Nel Meridionale si registrano insurrezioni. Si<br />

costituisce a Mi<strong>la</strong>no il primo nucleo operativo delle brigate<br />

Garibaldi. Continuano gli scioperi.<br />

Il 15 novembre, mentre si scatenano rappresaglie in varie<br />

località, viene affisso il bando che richiama alle armi i giovani<br />

nati dal 1910 al ’24. Eraclio Cappannini, del ’24, c’è dentro.<br />

Molti giovani renitenti al<strong>la</strong> leva si rifugiano in montagna. A<br />

Campegine di Reggio Emilia, il 28 dicembre vengono fuci<strong>la</strong>ti i<br />

sette fratelli Cervi. In questi giorni Eraclio si aggrega al<strong>la</strong> 5ª<br />

Brigata Garibaldi, divenendo capo di stato maggiore. Il reparto<br />

agisce a Serra S. Quirico, Cabernardi, Arcevia.<br />

È il ’44. L’8 gennaio inizia il processo di Verona; due giorni<br />

dopo, il 10, giunge <strong>la</strong> sentenza di condanna a morte; il<br />

giorno successivo, l’11, l’esecuzione vede giustiziato anche il<br />

genero di Mussolini, Galeazzo Ciano. Gli Alleati risalgono <strong>la</strong><br />

peniso<strong>la</strong>. Il 22 gennaio, sbarcano ad Anzio. La lotta si radicalizza.<br />

Le formazioni partigiane compiono azioni sempre più<br />

frequenti e pericolose, sentendo l’appoggio degli Alleati che<br />

non sono lontani. Le truppe tedesche registrano un progressivo<br />

pessimismo sul<strong>la</strong> loro tenuta; diventano via via più<br />

impaurite e infastidite dalle azioni partigiane. La paura, dall’<strong>una</strong><br />

e dall’altra parte, ingigantisce l’odio e <strong>la</strong> rabbia.<br />

La storia di Eraclio raccontata da Vittorio Graziosi si situa<br />

proprio in quegli 8-9 mesi, tra il settembre del ’43 e gli inizi<br />

di maggio del ’44. I luoghi dei suoi rifugi si trovano tra S.<br />

Apollinare, Cingoli, Serra de’ Conti, Serra S. Quirico, Montecarotto,<br />

Arcevia. Fa effetto leggere questi nomi, perché ci<br />

danno <strong>la</strong> sensazione che <strong>la</strong> grande storia passa dentro le<br />

nostre case; <strong>la</strong> storia non è mai astratta e lontana; ci attraversa.<br />

Lasciamo lo scenario più vasto per entrare nelle pagine<br />

del libro. Perché dentro questi accadimenti storici, si gioca<br />

quel<strong>la</strong> Vita per <strong>la</strong> libertà. Così, infatti, ha intito<strong>la</strong>to <strong>la</strong> <strong>sua</strong> narrazione<br />

Graziosi, ma avrebbe potuto intito<strong>la</strong>r<strong>la</strong> anche <strong>la</strong> Ba-<br />

35<br />

nalità o <strong>la</strong> Quotidianità del bene e del male. Dentro le grandi<br />

tragedie, infatti, ci sono le tragedie personali.<br />

In quei mesi – settembre ’43/maggio ’44 – Eraclio Cappannini<br />

gioca <strong>la</strong> <strong>sua</strong> partita in <strong>una</strong> atmosfera di paura e<br />

morte. Un’atmosfera, tuttavia, che conosce gesti di solidarietà<br />

e di pietà. E di un eroismo quasi controvoglia. Gesti semplici<br />

ed eroici, consumati nel<strong>la</strong> banalità del quotidiano.<br />

Graziosi ci racconta questa storia, che a me è venuto di definir<strong>la</strong><br />

<strong>una</strong> sorta di storia lirica. Lui non entra con precisione<br />

nelle pieghe dei singoli avvenimenti o nel<strong>la</strong> grande Storia. Le<br />

tocca, ma non in maniera insistita, anche perché, forse, ritiene<br />

che siano state già raccontate. Sceglie un approccio psicologico.<br />

Cerca di immaginare cosa poteva passare nel<strong>la</strong> mente<br />

e nell’animo di Eraclio e dei suoi compagni in quelle settimane<br />

di vita c<strong>la</strong>ndestina. Ce le racconta con quegli andirivieni<br />

tipici del racconto orale, in <strong>una</strong> sorta di regressione storica,<br />

cercando di far coincidere materia umana e stile narrativo.<br />

L’autore ci racconta <strong>la</strong> storia di un ragazzo che vuole <strong>la</strong><br />

vita, che non ha <strong>la</strong> retorica del sacrificio. Si trova a doverlo<br />

affrontare il sacrificio, ma perché è lì che si trova a vivere <strong>la</strong><br />

<strong>sua</strong> esistenza. Sceglie <strong>la</strong> vita e ne sperimenta <strong>una</strong> pienezza<br />

tale da far presagire il dramma ed un precoce tramonto.<br />

Credo che l’autore abbia scelto questa strada perché sembra<br />

che non ci siano parole per raccontare quel<strong>la</strong> storia dall’esterno.<br />

Perché non ci sono parole sensate per raccontare l’insensatezza.<br />

Ogni paro<strong>la</strong> “sensata” può rischiare di trasformarsi<br />

in <strong>una</strong> sorta di giustificazione al<strong>la</strong> follia e al<strong>la</strong> ingiustizia.<br />

Un altro aspetto da notare è <strong>la</strong> presenza del<strong>la</strong> campagna,<br />

resa ancora più intensa dal<strong>la</strong> familiarità dei nomi e dei luoghi.<br />

La campagna, con le sue solitudini e i suoi ritmi, è un<br />

rifugio. La natura sembra diluire <strong>la</strong> cattiveria degli uomini. La<br />

città è lontana, grande, infida. Ci sono troppi uomini e, quindi,<br />

troppa cattiveria individuale e istituzionale. Anche le<br />

bombe prendono di mira le città: per fare il maggior danno<br />

e ottimizzare gli investimenti del<strong>la</strong> follia umana. Eppure,<br />

saranno proprio <strong>la</strong> campagna, <strong>la</strong> montagna, il bosco a tradire<br />

lui e i suoi compagni. Questa natura sve<strong>la</strong> <strong>la</strong> <strong>sua</strong> doppia<br />

faccia. Quel<strong>la</strong> natura che esalta <strong>la</strong> vitalità, <strong>la</strong> libertà, <strong>la</strong> ribellione,<br />

ce<strong>la</strong> anche il tradimento, le forze avversarie. Lì si consuma<br />

un tradimento appartato e nascosto come <strong>la</strong> vergogna.<br />

Il mondo contadino di quei mesi scopre il mondo. Le<br />

nostre campagne sono percorse da eserciti stranieri. E incontrano<br />

l’orrore, <strong>la</strong> guerra, i soldati, le armi, <strong>la</strong> violenza…<br />

Improvvisamente, quel mondo perde <strong>la</strong> propria innocenza.<br />

Molte piccole realtà rurali subiscono rappresaglie inenarrabili.<br />

Dal libro ci viene incontro un Eraclio giovane, legato al<strong>la</strong><br />

famiglia e agli affetti, ai fratelli, al suo avvenire di universitario<br />

e di impegno professionale e civile. Nel<strong>la</strong> lettera di quel<br />

9 luglio del ’43 e nell’ultima, austera e straziante, che apparirà<br />

nel<strong>la</strong> raccolta Lettere di condannati a morte del<strong>la</strong> Resistenza<br />

italiana, Eraclio Cappannini ci appare come un giovane<br />

che non vorrebbe uccidere e che, forse, non ha ucciso.<br />

Sembra un combattente suo malgrado, anche se deciso nelle<br />

sue scelte. È un Eraclio che incarna un ideale, consapevole<br />

che <strong>la</strong> violenza degrada vittime e carnefici. Perché ammazzare<br />

e rischiare di farsi ammazzare a vent’anni cambia l’anima,<br />

brucia dentro.<br />

Il 4 maggio viene catturato in un’imboscata, forse a<br />

seguito di <strong>una</strong> de<strong>la</strong>zione, che l’autore dà per certa e che<br />

spiegherebbe l’inusitato spiegamento di forze nemiche. Il<br />

mattino dopo, insieme ad alcuni compagni, viene fuci<strong>la</strong>to<br />

sotto le mura di Arcevia.


36 SPORT<br />

Giovanna Fioretti<br />

PASSIONE TENNIS<br />

di fabrizio romagnoli<br />

Giovanna Fioretti con Elisa Di Francisca; al GIOTENNIS Open Modena (marzo 2011) e al<strong>la</strong> finale Open Foligno (settembre 2009).<br />

«Del tennis mi piace il fatto che sia uno sport individuale:<br />

vincere o perdere in campo dipende da me, è<br />

merito o responsabilità mia. A giocare a tennis ho iniziato<br />

a 8 anni, con un campo estivo. Mi è subito piaciuto<br />

e ho continuato». Non ancora 16 anni, Giovanna<br />

Fioretti di Monsano è studentessa al Liceo Scientifico di<br />

<strong>Jesi</strong> e promettente giovane tennista. Lo testimoniano<br />

risultati e impegno.<br />

La “peschiamo” al telefono fra un incontro e l’altro<br />

del torneo open cui sta prendendo parte a Piacenza,<br />

che dà seguito a quanto di buono fatto in questo avvio<br />

di 2011 già a Trento e Modena. «Lo scorso anno non è<br />

stato molto buono – ci dice Giovanna –. Un infortunio<br />

al<strong>la</strong> caviglia ha compromesso gran parte del mio 2010<br />

sportivo. Quest’anno sono partita abbastanza bene e<br />

mi sto impegnando per continuare. Mi alleno tre ore e<br />

mezza al giorno, tutti i giorni, ma quando non c’è scuo<strong>la</strong><br />

o c’è <strong>la</strong> possibilità mi alleno un paio d’ore anche <strong>la</strong><br />

mattina. Il tennis occupa <strong>una</strong> buona parte del<strong>la</strong> mia<br />

giornata, <strong>la</strong> passione con cui lo faccio però fa sì che <strong>la</strong><br />

cosa e gli impegni non pesino». L’inizio del 2011 ha<br />

portato Giovanna, figlia di Gianluca e del<strong>la</strong> signora<br />

Pame<strong>la</strong>, a far bene come detto prima a Trento e poi a<br />

Modena. In entrambe le occasioni, tornei Open nazionali<br />

al<strong>la</strong> presenza di alcune delle migliori giocatrici del<br />

ranking italiano, <strong>la</strong> giovanissima tennista di Monsano<br />

con quattro vittorie in altrettanti incontri è riuscita ad<br />

arrivare fino al primo turno del tabellone principale,<br />

traguardo di assoluto valore. E al torneo “S. Antichi”<br />

del Circolo “Discovery Sport P<strong>la</strong>net” di Modena, contro<br />

<strong>la</strong> venticinquenne Muratori, per Giovanna c’è quasi<br />

scappata l’impresa di andare avanti, fermandosi solo<br />

davanti al gap d’esperienza in quelli che per lei sono i<br />

primi confronti col tennis di alto livello. «Ho un buon<br />

rovescio e un diritto invece da migliorare e su cui sto<br />

<strong>la</strong>vorando molto. Il cemento è <strong>la</strong> superficie su cui mi<br />

trovo meglio. I grandi campioni? Mi piace molto Caroline<br />

Wozniacki, che è brava, giovane e l’attuale numero<br />

uno al mondo, mentre fra gli uomini il mio tennista<br />

preferito è Nadal». Giovanna Fioretti si allena al<br />

Circolo Cittadino seguita dal maestro Gianluca Gigli e<br />

dal prof. Giovanni Galeazzi per <strong>la</strong> preparazione atletica,<br />

dopo aver iniziato col maestro Massimiliano Albarel<strong>la</strong> al<br />

circolo Mta. Per lei giocare a tennis significa anche girare<br />

molto, per tornei che sono altrettante occasioni di<br />

crescita. «In questo periodo di tornei non ne affronto<br />

molti, c’è <strong>la</strong> scuo<strong>la</strong> e non posso saltare tanti giorni di<br />

lezioni. In estate invece gioco di più, anche in tornei<br />

all’estero, ed è molto bello: c’è l’occasione di visitare e<br />

vedere posti nuovi e di fare amicizie e conoscenze. Ho<br />

amici in tanti posti diversi». Famiglia e amicizie sono<br />

importanti “compagni di strada” per <strong>la</strong> giovane Fioretti<br />

nel<strong>la</strong> <strong>sua</strong> avventura tennistica. «Ai miei familiari piace<br />

che giochi a tennis, vivono bene <strong>la</strong> mia passione e mi<br />

stanno vicini. In questo momento <strong>la</strong> mia compagna di<br />

allenamento è Elena Bertoia, <strong>una</strong> ragazza veneta. In<br />

partico<strong>la</strong>re, sono molto amica con Elena Paolucci, <strong>una</strong><br />

mia coetanea di Rimini, conosciuta sui campi da tennis:<br />

spesso lei viene da me ed io salgo da lei, ci frequentiamo<br />

fuori dal campo e ci affrontiamo nei tornei. Fino ad<br />

ora abbiamo giocato contro nove volte, per adesso<br />

stiamo 5-4 per me! Giocare contro ed essere amiche<br />

per noi è facile, siamo tranquille: in campo si va per<br />

vincere, poi al<strong>la</strong> fine è tutto come prima. E quando<br />

siamo fuori e lontane dai tornei parliamo di tutto, mettendo<br />

da parte anche il tennis».


I GIOVANI SI FANNO ONORE<br />

L’Under 16 del<strong>la</strong> Monte Schiavo e gli Aquilotti c<strong>la</strong>sse 2000 dell’Aurora Basket.<br />

di fabrizio romagnoli<br />

Una metà di primavera a cavallo di Pasqua ricca d’appuntamenti<br />

importanti e di risultati di prestigio per lo<br />

sport giovanile. Diverse buone notizie, in quel<strong>la</strong> fase di<br />

stagione in cui i campionati dei grandi vanno verso <strong>la</strong><br />

conclusione e appaiono a volte “rifiatare” un po’ prima<br />

di rimettersi in moto per i p<strong>la</strong>yoff o per gli ultimi sprint,<br />

sono infatti arrivate negli ultimi tempi dai vivai, con<br />

occasioni di festeggiare e congratu<strong>la</strong>rsi con giovani e<br />

giovanissimi protagonisti tanto sul fronte del volley, con<br />

le baby del<strong>la</strong> Monte Schiavo, quanto nel basket coi piccoli<br />

dell’Aurora.<br />

Per <strong>la</strong> Monte Schiavo ed il G.S. Pieralisi, fra Pasqua<br />

ed il Primo Maggio un titolo regionale conquistato ed un<br />

altro sfiorato, da parte delle formazioni Under 18 ed<br />

Under 16. Le più grandi (Lucia Prosperi, Cecilia<br />

Pa<strong>la</strong>dini, Izabe<strong>la</strong> Kus, Giorgia Quarchioni, Valentina Pomili,<br />

Patrizia Vagnarelli, Teresa Paoloni, Prisca Viviani,<br />

Serena Antonelli, Camil<strong>la</strong> Orazi, Benedetta Fioravanti,<br />

C<strong>la</strong>udia Mazzarini, Giorgia Chiavatti, Letizia Tartufoli i<br />

nomi delle nuove campionesse regionali del<strong>la</strong> categoria)<br />

hanno battuto nel finale per il titolo le pari età del<strong>la</strong><br />

Scavolini Pesaro, derby sempre sentito. E così, con il 3-<br />

1 (25-13, 25-20, 21-25, 25-18) maturato nel<strong>la</strong> finale di<br />

Fano, le ragazze allenate da Luciano Sabbatini ed<br />

Elisabetta Bonci hanno fatto il paio col titolo provinciale<br />

già messo in carniere e posto nel palmarès del settore<br />

giovanile rossoblu quello che è il quindicesimo titolo<br />

regionale Under 18, settimo consecutivo centrato in<br />

<strong>una</strong> categoria in cui il G.S. Pieralisi oramai dal 2000<br />

(con un’unica eccezione nel 2004) va a segno, con<br />

tanto di due scudetti.<br />

«Le nostre ragazze sono state due volte brave – ha<br />

detto del successo il tecnico Sabbatini – ricaricandosi in<br />

24 ore dopo <strong>la</strong> sconfitta con <strong>la</strong> prima squadra del saba-<br />

SPORT<br />

37<br />

to precedente <strong>la</strong> finale e vincendo. In squadra abbiamo<br />

quattro under 16, <strong>la</strong> bacheca ed i titoli del<strong>la</strong> nostra<br />

società sono stati per noi motivo d’orgoglio più che<br />

pressione, <strong>la</strong> nostra è <strong>una</strong> tradizione importante».<br />

Per <strong>la</strong> Under 16 titolo regionale sfiorato: le ragazze<br />

di Daniele Lucchetti, battute nel<strong>la</strong> semifinale le coetanee<br />

del<strong>la</strong> Officina del Volley ad Ostra per 3-1, si sono<br />

dovute fermare nel<strong>la</strong> finale di Camerino del Primo<br />

Maggio ancora contro <strong>la</strong> Scavolini, ma cedendo solo<br />

dopo <strong>una</strong> battaglia agonistica in cinque set (2-3).<br />

Nel basket invece, è stato nell’uovo di Pasqua che<br />

l’Aurora dei baby ha trovato belle soddisfazioni. Su<br />

tutte, il successo dei piccolissimi c<strong>la</strong>sse 2000, gli<br />

Aquilotti, nel Memorial Papini di Rimini. Allenata da<br />

Stefano Fava, l’Aurora ha presentato all’appuntamento<br />

<strong>una</strong> selezione di elementi scelti tra le formazioni aderenti<br />

al progetto Teammates. E sono arrivati un percorso<br />

netto di sole vittorie e il successo in finale su<br />

Ferrara. Riccardo Migliorelli, Filippo Marcantognini,<br />

Nicolò Grillo, Riccardo Cecchini, Giacomo Aloigi, Andrea<br />

Bargnesi, Riccardo Del<strong>la</strong> Rocca, Ruggero Ortenzi, Luca<br />

Massani, Jacopo Bartolucci, Francesco Bel<strong>la</strong>gamba,<br />

Giovanni Moretti e Giovanni Antognoni i piccoli protagonisti<br />

del successo di Pasqua, completato per il vivaio<br />

Aurora dal terzo posto degli Esordienti ’99, guidati in<br />

panchina dal responsabile del settore giovanile arancioblù<br />

Vittorio Fiorentino (stop in semifinale di 8 punti<br />

contro <strong>la</strong> fortissima Virtus Siena, vittoria nel<strong>la</strong> finalina<br />

sull’Auxilium Torino) e dal secondo del<strong>la</strong> Under 14 di<br />

C<strong>la</strong>udio Parma, fermata in finale da Marostica, in precedenza<br />

battuta dagli jesini nel girone eliminatorio.<br />

Infine, ancora un altro acuto per il basket baby, con <strong>la</strong><br />

vittoria del<strong>la</strong> Under 17 di Ro<strong>la</strong>ndo Giorgi nel Memorial<br />

“Rudy Terenzi”, in finale sul Palocco Roma.


38 FLASH<br />

Nasce Tv<strong>la</strong>ndia - <strong>la</strong> tv dei bambini<br />

Nasce <strong>una</strong> nuova città<br />

virtuale dedicata ai<br />

bambini, il suo nome è<br />

Tv<strong>la</strong>ndia. Dove si trova?<br />

In ogni casa dei<br />

marchigiani… basta<br />

accendere <strong>la</strong> tv e sintonizzarsi<br />

su Tv Centro<br />

Marche, tutti i venerdì<br />

alle ore 16.30 ed in<br />

replica <strong>la</strong> domenica<br />

alle ore 20.30. A fare da padrona di casa, Cristiana Pecci,<br />

editrice del nuovo format creato a misura di bambino. Un<br />

prodotto vivace, allegro, dinamico, ma anche didattico e<br />

formativo, un pentolone in cui bollono giochi, candid, esibizioni,<br />

quiz, buffe interviste ecc! C’è anche un Tg condotto<br />

da <strong>una</strong> giornalista speciale…di certo <strong>la</strong> più giovane<br />

di tutti i tempi: <strong>la</strong> picco<strong>la</strong> Alyssia Franceschino. E non<br />

manca il momento del<strong>la</strong> posta dove vengono mostrate in<br />

tv le letterine e i disegni che arrivano al<strong>la</strong> redazione di<br />

Tv<strong>la</strong>ndia, poi commentate insieme ad <strong>una</strong> baby <strong>valle</strong>tta di<br />

appena 5 anni: Nicole Franceschino, in arte Supernicky!<br />

Sito: www.tv<strong>la</strong>ndiaonline.it<br />

Cristiana Pecci con Cristina D’Avena<br />

La vita segreta delle nitticore di Ripa<br />

Bianca<br />

Da alcuni giorni è possibile vedere sull’homepage del sito<br />

del<strong>la</strong> Riserva Ripa Bianca di <strong>Jesi</strong> (www.riservaripabianca.it)<br />

le immagini di <strong>una</strong> coppia di nitticore in nidificazione<br />

nel<strong>la</strong> garzaia del<strong>la</strong> riserva stessa. Le immagini sono riprese<br />

da <strong>una</strong> webcam e registrate con un videoregistratore<br />

per poi essere scelte ed inserite nel sito. Ad oggi sono<br />

stati caricati sul sito quattro filmati che illustrano alcuni<br />

momenti salienti del<strong>la</strong> vita delle nitticore che, dopo un<br />

lungo viaggio dal Nord Africa, arrivano a marzo a Ripa<br />

Bianca, per poi ripartire ai primi di settembre dopo aver<br />

nidificato ed allevato i loro piccoli. Nelle prossime settimane<br />

e nei successivi mesi, fino al<strong>la</strong> loro partenza, saranno<br />

inseriti sul sito nuovi filmati che documenteranno <strong>la</strong><br />

vita delle nitticore di Ripa Bianca.<br />

La Trib<strong>una</strong><br />

A pagina 38 del numero 7 di <strong>Jesi</strong> e <strong>la</strong> <strong>sua</strong> Valle abbiamo<br />

pubblicato <strong>una</strong> foto d’epoca intito<strong>la</strong>ndo<strong>la</strong>: “La Trib<strong>una</strong>”, e<br />

chiedendo se qualcuno avesse informazioni sul<strong>la</strong> partita<br />

disputata allo stadio com<strong>una</strong>le jesino. Due lettori ci hanno<br />

scritto. Il signor Arnaldo Santoni ci ha comunicato di<br />

aver riconosciuto il proprio suocero. L’ultimo giocatore in<br />

piedi a destra con <strong>una</strong> fascia bianca in testa è Mazzinio<br />

Ponzelli. La squadra probabilmente era quel<strong>la</strong> del<strong>la</strong> Fonderia<br />

Guerri. L’avvocato Paolo Marcozzi scrive: “Segnalo<br />

che nel<strong>la</strong> foto pubblicata a pag. 38 del n. 7 di <strong>Jesi</strong> e <strong>la</strong> <strong>sua</strong><br />

Valle ho riconosciuto mio padre, Prof. Mario Marcozzi, il<br />

primo a sinistra, in prima fi<strong>la</strong>, con <strong>una</strong> valigetta in mano.<br />

Dal segno di lutto che porta sul bavero del<strong>la</strong> giacca ritengo<br />

di poter datare <strong>la</strong> foto al 1941-1942. Infatti, mio<br />

nonno (padre di mio padre), Giovanni Marcozzi, comandante<br />

del<strong>la</strong> stazione Carabinieri di <strong>Jesi</strong>, morì nel 1941<br />

(non conosco <strong>la</strong> data esatta). Tuttavia, in considerazione<br />

del fatto che, come mi sembra, il lutto si portava per un<br />

anno, del fatto che da settembre a dicembre del 1941<br />

mio padre si trovava in Russia, dove, con i suoi bersaglieri,<br />

era dislocato sul Don (lo so con certezza, perché<br />

sono in possesso dell'episto<strong>la</strong>rio fra lui e mia madre e di<br />

qualche fotografia), nonché del fatto che, nel<strong>la</strong> foto, tutti<br />

sono abbigliati in maniera invernale, essa potrebbe essere<br />

stata scattata nei primi mesi del 1941 o nei primi mesi<br />

del 1942.<br />

I miei genitori si sposarono il 9 gennaio 1943 e mia madre<br />

raccontava sempre del viaggio di nozze al Santuario<br />

del<strong>la</strong> Madonna del Divino Amore, nei pressi di Roma, sotto<br />

i bombardamenti”.<br />

Ringraziamo i lettori per le segna<strong>la</strong>zioni che ci hanno<br />

inviato.<br />

Unione Italiana delle Chiese Cristiane<br />

Avventiste del 7° Giorno<br />

A partire da lunedì 9 e fino a giovedì 12 maggio, per 4<br />

serate consecutive, al Pa<strong>la</strong>zzo dei Convegni, in corso<br />

Matteotti a <strong>Jesi</strong>, alle ore 19 il pastore avventista Michele<br />

Abiusi condurrà un ciclo di incontri sul tema “Apocalypse<br />

now - Cristo incontra l’angoscia del futuro”. A partire dal<strong>la</strong><br />

profezia maya che dà <strong>la</strong> fine del mondo per l’anno prossimo<br />

2012, e su cui tanto si discute, <strong>la</strong> riflessione verterà<br />

su cosa insegna l’Apocalisse del<strong>la</strong> Bibbia e su cosa dobbiamo<br />

aspettarci dal futuro, per affrontare al meglio il<br />

2012 e non solo. L’ingresso è libero; ai partecipanti saranno<br />

offerti dei libretti in omaggio.


FARMACIE<br />

Servizio feriale<br />

LUNEDÌ 9 (diurno e notturno) Coppi, MARTEDÌ 10 (diurno e<br />

notturno) Grammercato, MERCOLEDÌ 11 (diurno e notturno)<br />

Com<strong>una</strong>le 2, GIOVEDÌ 12 (diurno) Martini, (notturno) Coppi,<br />

VENERDÌ 13 (diurno e notturno) Barba, LUNEDÌ 16 (diurno)<br />

Delle Grazie, (notturno) Coppi, MARTEDÌ 17 (diurno e notturno)<br />

Com<strong>una</strong>le, MERCOLEDÌ 18 (diurno) Cerni, (notturno)<br />

Coppi, GIOVEDÌ 19 (diurno e notturno) Coppi, VENERDÌ 20<br />

(diurno e notturno) Grammercato.<br />

Servizio festivo<br />

SABATO 7 (mattino) Com<strong>una</strong>le, Cerni, Martini, Barba, Delle<br />

Grazie; (pomeriggio) Com<strong>una</strong>le, Cerni; (notte) Com<strong>una</strong>le;<br />

DOMENICA 8 (mattino, pomeriggio) Cerni; (notte) Coppi;<br />

SABATO 14 (mattino) Moretti, Calcatelli, Com<strong>una</strong>le 2, Coppi,<br />

Grammercato; (pomeriggio) Moretti, Calcatelli, (notte) Coppi;<br />

DOMENICA 15 (mattino, pomeriggio, notte) Calcatelli.<br />

Indirizzi e numeri telefonici delle farmacie<br />

Barba, via Roma, tel. 204579; Calcatelli, via Puccini 5, tel.<br />

56482; Cerni, via Garibaldi, tel. 53793; Com<strong>una</strong>le, via San<br />

Francesco, tel. 207066; Delle Grazie, corso Matteotti, tel.<br />

209076; Grammercato, via Marconi, tel. 56516; Martini, corso<br />

Matteotti 29, tel. 208842; Moretti, corso Matteotti 13, tel.<br />

209162; Com<strong>una</strong>le 2, via Ancona, tel. 57656; Coppi, via F.<br />

Coppi 31, tel. 200858.<br />

ANAGRAFE<br />

Nati residenti a <strong>Jesi</strong><br />

Massani Mattia, Iwu Emanuel Chukwuemeka, Cirilli Ariel<br />

Alessandra, Bocchini Alessandro, Morchio Corrado, Fiatti<br />

Edoardo, Anselmo Salvatore, Asri Zakaria, Asri Aicha,<br />

Bugatti Francesco, Fa<strong>la</strong>schi Nico<strong>la</strong>, Paolucci Beatrice,<br />

Quaresima Thomas, Mejri Nouran.<br />

Nati residenti in Vallesina<br />

Il<strong>la</strong> Edoardo di Rosora, Fioretti Elisa di San Marcello.<br />

Deceduti residenti a <strong>Jesi</strong><br />

Ciarmatori Irene di anni 74, Pacioni Lilia di anni 82, Ragni<br />

Edmondo di anni 92, Scorcelletti Lidia di anni 77, Pigliapoco<br />

Bruno di anni 64, Valeri Maria di anni 90, Puerini Patrizia di<br />

anni 56, Zenobi Emerico di anni 85, Franciolini Valdemaro di<br />

anni 80, Chiodi Eugenio di anni 76, Ciarmatori Dino di anni<br />

94, Pasquinelli Santa di anni 98, Baldi Maria di anni 76, Amici<br />

Dino di anni 95, Cingo<strong>la</strong>ni Alda di anni 89, Bettarelli Ivo di<br />

anni 83, Sanvini Dino di anni 93, Parasecoli Italo di anni 87.<br />

Deceduti residenti in Vallesina<br />

Ricci Ange<strong>la</strong> di anni 87 di Cupramontana, Damico Anna di<br />

anni 90 di Apiro, Tiranti Luigi di anni 82 di Filottrano, Ricci<br />

Silvano di anni 64 di San Paolo di <strong>Jesi</strong>, Giaccaglia Avio di anni<br />

82 di Chiara<strong>valle</strong>, Rossolini Fernando di anni 87 di Cupramontana,<br />

Meloni Arduino di anni 73 di Castelp<strong>la</strong>nio, Bel<strong>la</strong>gamba<br />

Maria di anni 87 di Chiara<strong>valle</strong>, Maldini Or<strong>la</strong>ndo di<br />

anni 84 di Maio<strong>la</strong>ti Spontini, Ferazzani Lidia di anni 86 di Cupramontana,<br />

Rossetti Olinto di anni 96 di Montecarotto.<br />

Matrimoni<br />

Senesi Paolo e Rossigno Simonetta, Possedoni Francesco e<br />

Marcozzi Alessia, Giuliani Giorgio e Kaijage Evelyn Kokuhumbya.<br />

AGENDA<br />

n. 06/03/1937 m. 08/05/2009<br />

Nel 2° anniversario<br />

del<strong>la</strong> scomparsa di<br />

ANTONIO LATINI<br />

A tutti coloro che lo<br />

conobbero e l’amarono<br />

perché rimanga vivo il<br />

suo ricordo.<br />

La moglie e i figli<br />

Nel trigesimo del<strong>la</strong><br />

morte di<br />

DORINA<br />

SCORTICHINI<br />

di anni 95<br />

<strong>la</strong> ricordano con<br />

immutato affetto<br />

i figli Anna e Valerio,<br />

<strong>la</strong> nuora, il genero,<br />

i nipoti e pronipoti.<br />

12/11/1918 18/04/2011<br />

EDMONDO RAGNI<br />

<strong>la</strong> moglie Erina e <strong>la</strong><br />

figlia Patrizia lo ricordano<br />

con profondo affetto<br />

a quanti lo hanno conosciuto<br />

ed apprezzato<br />

per le sue doti di<br />

umanità e generosità.<br />

39<br />

Il giorno 15/05/2011 ricorre<br />

il 4° anniversario del<strong>la</strong><br />

scomparsa di<br />

FIORELLA<br />

PENNACCHIETTI<br />

in TRICCOLI<br />

le figlie Marina e Pao<strong>la</strong>, il<br />

genero e i nipoti <strong>la</strong> ricordano<br />

con affetto a tutti coloro che<br />

<strong>la</strong> conobbero e l’amarono.<br />

Ti ricordiamo,<br />

il tuo viso ci quieta.<br />

Ed è già maggio.

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!