UOMINI, DONNE E SICUREZZA

confindustria.pd.it

UOMINI, DONNE E SICUREZZA

DELEGAZIONE

VENETO

UOMINI, DONNE E

SICUREZZA

L’attenzione attenzione alle differenze di genere nella

valutazione dei rischi e nella prevenzione

degli infortuni sul lavoro

DELEGAZIONE VENETO

Elena Padovan 1

PROGRAMMA

La medicina di genere: un approccio recente

Elena Bonamini

La valutazione del rischio e le differenze di genere

Doriano Magosso

Rischi psicosociali e differenze di genere

Elena Bertoni

TESTIMONIANZA AZIENDALE

Roberto Sartore

Elena Padovan 2

1

DELEGAZIONE VENETO

Maschile e femminile: differenze cognitive, emotive e

socio‐culturali influenti su rischio e sicurezza

Elena Padovan


D.Lgs 81/2008 – art. 28

DELEGAZIONE VENETO

La valutazione (…) deve riguardare tutti i rischi

per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi

compresi lavoratori esposti a rischi particolari,

tra cui quelli collegabili allo stress lavorocorrelato,

secondo i contenuto dell’accordo

europeo dell’8 ottobre 2004, e quelli

riguardanti lavoratrici in stato di gravidanza,

secondo quanto previsto dal D.lgs 151 del

26/03/01, nonché quelli connessi a differenze di

genere, all’età, alla provenienza da altri

Paesi.

Elena Padovan 3

DELEGAZIONE VENETO

Valutazione dei rischi e differenze

Bias del valutatore

gender blind

• Percezione/negazione

delle differenze

• Attribuzione delle

differenze all’individuo

e non al genere di

appartenenza

Elena Padovan 4


DELEGAZIONE VENETO

Elena Padovan 5

Diversity Management

GESTIONE DELLA

DIVERSITÀ =

capacità di

ottimizzare la

presenza e il

contributo delle

diverse persone in

un’organizzazione.

DELEGAZIONE VENETO

• Differenze su base personale

– primarie, immediatamente

visibili, come sesso, età, razza

e lingua,..

– secondarie, legate ai valori e

alla cultura, come religione,

orientamento politico..

• Differenze su base

organizzativa

– rapporti di potere nell’azienda

(proprietà, contratto di lavoro,

legami familiari ...

– posizione ricoperta

– competenza tecnica

posseduta.

Elena Padovan 6


DELEGAZIONE VENETO

All’origine delle differenze

NATURA

CULTURA SOCIETÀ

• Differenze fisiche:

costituzione, forza,

massa grassa, ormoni

• Differenti abilità e

stili cognitivi

• Differenze nei ruoli

lavorativi: lavori

pesanti, di precisione,

a contatto con il

pubblico, assistenziali

• Differenti carichi

familiari: maternità,

assistenza familiari,

lavori domestici

Elena Padovan 7

Percezione del rischio

Stima soggetta a distorsioni:

• Conoscenze

• Esperienza, familiarità

• Attenzione, abitudine

• Senso di sicurezza

(iperconfidenza)

DELEGAZIONE VENETO

Elena Padovan 8


Propensione al rischio

• Eroe coraggioso

e sprezzante del

pericolo

• Donna da

proteggere e

salvare

DELEGAZIONE VENETO

Elena Padovan 9

DELEGAZIONE VENETO

Popolazione e occupazione 2011

Popolazione italiana:

61.261.254

Maschi: 48,2%

Femmine: 51,8%

Occupati: 22.956.000

Maschi: 60% circa

Femmine: 40% circa

Tasso di occupazione maschile: 68%

Tasso di occupazione femminile: 46%

Elena Padovan 10


Infortuni 2011

• Infortuni nel 2011:

725.174 (-6,5% rispetto

al 2012),

di cui

• 643.313 sul lavoro

81.861 in itinere

• 493.330 maschi

231.844 femmine

231.844;

32%

493.330;

68%

Infortuni mortali 2011

• Infortuni mortali nel

2011: 920 (-5,4%

rispetto al 2010),

di cui:

• 680 sul lavoro

240 in itinere

• 830 maschi e 90

femmine

LUOGO INFORTUNI

493.330;

68%

INFORTUNI 2011

231.844;

32%

DELEGAZIONE VENETO

Infortuni sul

lavoro

Infortuni in itinere

femmine

maschi

Elena Padovan 11

INFORTUNI MORTALI 2011

240; 26%

680; 74%

INFORTUNI MORTALI E 2011

90; 10%

DELEGAZIONE VENETO

sul lavoro

initinere

femmine

maschi

830; 90%

Elena Padovan 12


“A misura

d’uomo”

…ma spesso

non di donna

Attrezzature e DPI

DELEGAZIONE VENETO

Elena Padovan 13

Attitudine alla sicurezza

• Uso dei DPI

• Applicazione delle

procedure

• Disponibilità ad

attenersi alle istruzioni

DELEGAZIONE VENETO

Elena Padovan 14


Diversa tossicità

delle sostanze

pericolose

Rischio chimico

Diversa incidenza di

dermatiti e infezioni

DELEGAZIONE VENETO

Elena Padovan 15

Malattie professionali

Diversa incidenza

delle malattie

professionali, legata

alla presenza

prevalente in specifici

settori

DELEGAZIONE

DELEGAZIONE VENETO

VENETO

Elena Padovan 16


DELEGAZIONE VENETO

Rischi psico-sociale e stress

lavoro-correlato

• Differenze

cognitive e nella

gestione delle

emozioni

• Segregazione

professionale

• Doppio ruolo:

carichi domestici e

familiari

Elena Padovan 17

Il lavoro familiare

I lavori domestici continuano ad essere più a carico delle donne.

In Italia la disparità èla più alta d’Europa:

Ore dedicate giornalmente ai lavori domestici:

– Donne italiane: 5h20’

– Uomini italiani: 1h35’

DELEGAZIONE VENETO

Differenze di tempo libero tra uomini e donne (una volta tolto il lavoro

remunerato e il lavoro domestico e di cura)

– Italia (ultimo posto) + 81’30” liberi in più per gli uomini

– Messico + 52 minuti

– Turchia + 30 minuti

– Giappone + 20 minuti

– Norvegia + 5 minuti

Ricerca su 18 nazioni della Society at a Glance (2009)

Elena Padovan 18


Questione di sesso o

questione di cervello?

DELEGAZIONE VENETO

Elena Padovan 19

Cervello maschile e femminile

(S. Baron-Cohen)

• Il cervello femminile è “programmato” per

l’empatia;

• Il cervello maschile è “programmato” per

la comprensione e l’elaborazione di

sistemi

DELEGAZIONE VENETO

“Due tipologie di cervello, maschile e femminile,

predisposti a funzionare in modo diverso e ad elaborare

preferibilmente aspetti diversi della realtà”.

Elena Padovan 20


Modello standard delle Scienze

sociali (Determinismo

culturale)

Gli umani sono sostanzialmente

esenti dalla biologia

L’evoluzione non considera il

cervello

Paradigmi di analisi

Modello della Psicologia

Evoluzionistica e della

Biologia Evoluzionistica

Gli umani sono animali

DELEGAZIONE VENETO

Il cervello è un organo come gli

altri

La natura umana è “tabula rasa” La natura umana è innata

Il comportamento è la risultante

quasi esclusiva di ambiente e

socializzazione

Il comportamento è la risultante

della natura umana e

dell’ambiente

Elena Padovan 21

Evoluzione cerebrale

DELEGAZIONE VENETO

Gorilla Neanderthal Attuale

• L’uomo è stato cacciatore-raccoglitore per il 99% del

tempo

• L’agricoltura è nata 10.000 anni fa

• La “civiltà” è nata 6.000 anni fa

Elena Padovan 22


Il principio della Savana

DELEGAZIONE VENETO

Il cervello umano:

• È rimasto “all’età della pietra” (senza

significative evoluzioni anatomiche)

• Oggi si deve rapportare a situazioni che

non esistevano nell’ambiente ancestrale

Elena Padovan 23

Evoluzione e adattamento

DELEGAZIONE VENETO

• Il cervello si è

sviluppato in funzione

delle necessità della

vita della specie

• Si è adattato

all’ambiente

• Si è sviluppato un

cervello femminile e uno

maschile

Elena Padovan 24


Com’è fatto il cervello umano?

• È suddiviso in 2 emisferi (dx e sx)

collegati tra loro tramite il corpo

calloso

• Si compone di strutture

evolutivamente più recenti e altre più

antiche

• Ha un rivestimento esterno, la

corteccia cerebrale (2-6 mm)

Parte destra del corpo

Matematica

Verbalità

Logica

Deduzione

Analisi

Pratica

Ordine

Linearità

SX DX

Dettagli

DELEGAZIONE VENETO

Elena Padovan 25

DELEGAZIONE VENETO

Ci sono differenze tra i due emisferi?

Parte sinistra del corpo

Creatività

Arte

Visione

Intuizione

Idee

Immaginazione

Olismo

Melodia

Elaborazione multipla

Spazio

Elena Padovan 26


Differenze morfologiche

Maschi Femmine

•cervello > peso

•cervello > volume

•> numero di neuroni

•> volume sostanza bianca

•ipotalamo più grande

DELEGAZIONE VENETO

•corpo calloso più

sviluppato

•> sostanza grigia

•Sostanza bianca +

compressa, meno diluita

•ippocampo più grande

•più cellule cerebrali per le

sensazioni corporee

Elena Padovan 27

Abilità prevalenti

DELEGAZIONE VENETO

Cervello maschile Cervello femminile

Saper fabbricare e usare

utensili

Stringere amicizie

Comprendere e prevedere i

sistemi naturali

Raccogliere informazioni

Comprendere le variazioni

nel commercio

Intuire i bisogni degli altri

Sopportare la solitudine Capire attraverso l’empatia

Elena Padovan 28


DELEGAZIONE VENETO

Evoluzione ed orientamento di genere

Maschile Femminile

Caccia, controllo del territorio

Lavoro e carriera (potere sul

gruppo)

Orientamento, costruzione

utensili

Raccolta cibo e accudimento

della prole

Relazioni e realizzazione

personale

Comunicazione,

organizzazione

Controllo risorse economiche

Protezione, continuità,

proprie, posizione sociale

Rischio Sicurezza

Elena Padovan 29

Differenza cerebrale:

ampiezza visiva

Il cannocchiale Il radar

DELEGAZIONE VENETO

Elena Padovan 30


Maschi favoriti Femmine favorite

Orientamento spaziale (in compiti

come rotazione mentale di oggetti

tridimensionali)

Visualizzazione (capacità di

determinare come un oggetto

apparirà una volta modificato in

qualche modo)

Orientamento delle linee (ad

esempio far combaciare linee che

compongono figure geometriche)

DELEGAZIONE VENETO

Memoria della localizzazione di un

oggetto

Velocità percettiva

Memoria verbale (ricordo di elenchi

di parole senza correlazione tra

loro)

Ragionamento matematico Calcolo aritmetico

Accuratezza nel lancio (mira)

Differenze di abilità

Accuratezza nella manualità di

precisione

Elena Padovan 31

Uomini Donne

Pensiero lineare, canalizzato Pensiero a rete, connettivo

Manipolazione

rappresentazioni mentali

Approccio analitico

(Rorschach dettagli)

Stili di pensiero

DELEGAZIONE VENETO

Rapido accesso e recupero

info in memoria

Approccio olistico

(Rorschach insiemi)

Valutazione ipovariabile Valutazione multivariabile

Riduzione dell’ambiguità Tolleranza dell’ambiguità

Elena Padovan 32


Gli uomini Le donne

Se non sono realizzati nel lavoro

non prestano attenzione alle

relazioni

Reazioni emotive

DELEGAZIONE VENETO

Se sono insoddisfatte nelle relazioni

non si concentrano nel lavoro

Esprimono solo le emozioni forti Esprimono tutte le emozioni

Gli errori e gli sbagli equivalgono a

un fallimento, quindi odiano

ricevere consigli, ma sono propensi

a darli

Tendono a non verbalizzare le

emozioni, ma pensare alle soluzioni

Condividere problemi è segno di

fiducia e affetto; non cercano

soluzioni, ma solo ascolto

Tendono a verbalizzare le emozioni

Elena Padovan 33

In sintesi

• Diverse costituzioni

• Diverse abilità

• Diversi atteggiamenti

• Diverse interpretazioni

• Diverse situazioni

DELEGAZIONE VENETO

Elena Padovan 34

More magazines by this user
Similar magazines