EDUCACIRCO ESTATE progetto dettagliato - Bibino il Clown HOME

bibino.it

EDUCACIRCO ESTATE progetto dettagliato - Bibino il Clown HOME

Nella formazione e nell’istruzione di un bambino o ragazzo, è molto

importante riuscire a sviluppare la coscienza del proprio corpo e dei propri

schemi motori. E’ riconosciuto allo studio e alla pratica di attività sportive e

circensi il merito di migliorare l’equilibrio e la coordinazione dei movimenti;

la giocoleria in particolare rinforza il legame occhio-mano, il quale rende

possibile tutti i gesti quotidiani di attività manuale.

Spesso nella fase di crescita di un ragazzo si riscontrano gravi difficoltà

motorie dovute allo sviluppo improvviso che le articolazioni subiscono in

questi anni. Il laboratorio di circo contemporaneo, attraverso lezioni di

materie circensi, ha lo scopo di fornire agli allievi una maggior conoscenza

e consapevolezza del proprio corpo, delle proprie capacità e potenzialità.

Il corso verte su argomenti molto importanti, tra cui:

una corretta postura, movimenti giusti o dannosi, riscaldamento,

stretching, utilizzo dei vari tipi di muscoli e sul loro uso, prevenzione ai

microtraumi nello sport

Ma parlare di Circo contemporaneo vuole dire parlare allo stesso tempo di

Circo e di Teatro. Questi due mondi mescolati con un po’ di fantasia e di

immaginazione possono aprire le porte ad un infinità di possibilità

artistiche sia per chi si vuole avvicinare alle arti circensi, sia per chi desidera

addentrarsi nel mondo del teatro.

Il circo contemporaneo infatti non è altro che uno spettacolo teatrale

svolto e “colorato” dalle arti circensi.

Parte delle lezioni sarà dedicata al teatro per ragazzi, che oltre a facilitare

lo sviluppo della propria personalità, aiuta l’individuo a migliorare la propria

sicurezza personale, la propria autostima e soprattutto il proprio controllo

emotivo e fisico. Inoltre la collaborazione dei ragazzi tra loro porta ad un

migliore inserimento all’interno della classe e alla creazione di un gruppo

più omogeneo, che lavora insieme e prende decisioni all’unanime.

Nel corso del laboratorio proposto l'intenzione è quella di “accompagnare”

gli allievi alla scoperta delle loro capacità naturali verso la recitazione, la

Giocoleria, il Clown, l’Equilibrismo, l’Acrobatica e naturalmente il Teatro.

La finalità del laboratorio è quella di giungere ad uno spettacolo conclusivo

creato ed interpretato dai ragazzi, in cui si metteranno in pratica tutte le

discipline trattate durante il corso di fronte ad un “pubblico” esterno.

Il corso può avere durata annuale, semestrale o trimestrale, e prevede

appuntamenti settimanali di minimo 2 ore ciascuno.

2


Il circo ha una prerogativa fondamentale su cui basa tutta la propria esistenza:

La sfida più grande e quella con se stessi !!!

Nel mondo del circo ogni giorno si è portati a dover affrontare

e superare nuove sfide, ma questo è valido per tutti quanti;

nella vita di tutti i giorni chiunque dovrà confrontarsi con un

esame, un compito o un lavoro che lo metterà a dura prova, e

richiederà notevoli sforzi sia al corpo che alla mente.

L’educativa per ragazzi, attraverso il “gioco” del circo, verte ad

insegnare come relazionarsi di fronte a ogni tipo di esame

nella vita; essa insegna ad agire nelle sfide e nei confronti tra

ragazzi con impegno e lealtà, rispettando sempre la libertà

altrui e esigendo sempre il rispetto delle proprie idee e delle

proprie scelte.

Inoltre uno dei punti fondamentali dell’educativa per ragazzi si

rifà al famoso detto:

“mente sana in corpo sano”.

Si ritiene che spesso i ragazzi delle ultime generazioni abbiano

uno sviluppo mentale notevolmente maggiore rispetto a

quello fisico.

A causare ciò sono notevoli fattori, tra cui: lo scarso

movimento all’interno della giornata di un ragazzo, l’eccessiva

o sbagliata alimentazione, la mancanza di interessi al di fuori

di televisione e video-giochi (che sono diventati il maggior

svago dei ragazzi).

Questi fattori, oltre a creare una carenza fisica, tendono ad

isolare i ragazzi in un mondo chiuso all’interno delle mura di

casa, non favorendo una socializzazione tra loro, molto

importante nell’età adolescenziale.

Da un punto di vista sociale, questo fenomeno sta diventando

un grosso problema, e sempre più si utilizzano corsi di circo e

teatro nelle scuole e nei comuni per aiutare i ragazzi a

socializzare, a mettersi in gioco, ad affrontare nuove sfide con

se stessi e col mondo esterno.

3


Durante tali corsi, stages, o laboratori, i ragazzi si trovano a

dover fronteggiare con impegno innumerevoli prove,

imparando tecniche nuove ma soprattutto acquistando una

maggiore consapevolezza di se stessi. E’ molto importante il

fatto che, svolgendo esercizi di pre-acrobatica e di

equilibrismo, bisogna evitare i rischi e prestare molta

attenzione ai pericoli e a tutte le evenienze, sviluppando una

coscienza personale sempre più affidabile, che li metterà in

guardia di fronte ai pericoli della vita, ma accrescerà in loro la

fiducia in se stessi e metterà in risalto le qualità di ognuno.

4




Lo scopo e l’educativa del laboratorio di CIRCO CONTEMPORANEO è:

…e ad ogni DISCIPLINA un GIOVAMENTO:

• GIOCOLERIA

• EQUILIBRISMO

• PRE-ACROBATICA

• PIRAMIDI UMANE

• CLOWN E TEATRO

• PREPARAZIONE FISICA

• STRETCHING

• MANUALITA CREATIVA

• LEZIONI TEORICHE

Nello studio delle tecniche di giocoleria si affronta l’uso dei vari

oggetti: fazzoletti, palline, cerchi, clave, diabolo, devil-stick, piatti

cinesi, ecc. Ogni oggetto richiede una conoscenza di tecniche diverse,

ognuna delle quali è improntata su una diversa legge della fisica. Per

poter giocolare è obbligatorio saper contare, e lo sviluppo della tecnica

circense comporta un miglioramento nella matematica e nella capacità

di schematizzazione. Inoltre la coordinazione psicomotoria verrà

migliorata utilizzando le mani con più oggetti contemporaneamente, e

grandi miglioramenti avrà la mano “debole”, spesso la sinistra, che

viene utilizzata normalmente molto poco. E’ inoltre riconosciuto il

fatto che nella giocoleria si tende ad usare la cosiddetta “visione

periferica” dell’occhio, e questo provoca moltissimi benefici e un

miglioramento della vista.

Nell’equilibrismo, attraverso oggetti come il monociclo, la sfera, il rolla

bolla e la corda, si studiano i tre diversi tipi di equilibrio (statico,

dinamico, ed indifferente), con maggior interesse ovviamente

all’equilibrio dinamico. La materia tratta sia l’equilibrio di un oggetto

sul corpo, sia l’equilibrio del proprio corpo su un oggetto. L’uso e la

consapevolezza del proprio peso e del proprio baricentro servono a

introdurre principi basilari della fisica, come la gravità, la statica e la

dinamica, affrontati anche sotto forma teorica con numerosi esempi

pratici. Il grande giovamento dell’equilibrismo su ogni individuo è

quello di affrontare con maggior consapevolezza ogni movimento, in

5





una camminata o anche in posizioni statiche, e di riuscire a sentire

come agisce il proprio peso sul corpo. Inoltre lo studio di tecniche di

equilibrismo porta notevoli miglioramenti in altri sport, dallo sci al

calcio, dall’atletica alla pallavolo, ecc.

Nelle tecniche di pre-acrobatica si imparano i movimenti che sono alla

base dell’acrobatica: capovolte, ruote, ponti e rovesciate, verticali

assistite e piroette. Lo studio di queste figure aiuta l’individuo a

sviluppare numerosi schemi motori, che sono molto utili in tutti gli

sport e nella vita quotidiana; inoltre affrontare col proprio corpo

movimenti che appaiono pericolosi e difficili tende ad aumentare la

propria fiducia personale, a individuare e a superare i propri limiti fisici,

e a creare una vera e propria coscienza di sé, che ci aiuta a

comprendere meglio ciò che possiamo o non possiamo fare.

Nello studio della “acrobalance” si imparano figure di acrobatica a

coppia o in gruppo. Solitamente ci sono i porteur e i voltigeur; i primi

sostengono i voltigeur, che eseguono figure acrobatiche. Tale

disciplina è una delle più importanti del circo dal punto di vista

pedagogico, in quanto pone in stretta collaborazione due o più

individui, e insegna quanto sia importante lavorare insieme a qualcun

altro. Chi sostiene l’altro sviluppa un grandissimo senso di

responsabilità nei confronti dei suoi compagni, e chi invece è sostenuto

deve imparare a porre la propria fiducia nelle mani di un compagno o di

un amico. Nelle piramidi di gruppo, che arrivano a coinvolgere fino a

venti individui nella stessa figura, si capisce che ognuno ha un

importanza e una responsabilità grandissime nei confronti di tutti gli

altri, e che il risultato si raggiunge solo con la collaborazione.

Nel gioco teatrale del clown i ragazzi imparano a confrontarsi con i

propri possibili fallimenti e ad affrontarli con umorismo e allegria. Nel

teatro fisico ha grande importanza il controllo dei propri gesti e delle

proprie emozioni, e si impara a gestire i vari livelli di energia che

quest’ultime spesso impongono sul nostro corpo. Dopo una prima

parte in cui si affronteranno esercizi atti a migliorare le proprie tecniche

innate di teatro e recitazione, ampio spazio sarà lasciato, nella fase

successiva, alla creazione di scene teatrali, di numeri di circo e di

performance di gruppo; questi lavori, svolti dai ragazzi in piena

autonomia, favoriranno lo sviluppo della fantasia creativa e li

aiuteranno a confrontarsi e a collaborare tra loro. Inoltre, tramite la

6





recitazione e il teatro fisico, è notevole la crescita nella fiducia

personale dell’individuo di fronte ad un pubblico.

Si impareranno e si svolgeranno numerosi esercizi fisici come il

riscaldamento del corpo prima di attività sportive, il potenziamento di

muscoli delle gambe, delle braccia e del busto, lo stretching che serve

ad allungare le fibre muscolari e a defaticarle dopo uno sforzo. Ampio

spazio sarà lasciato alla propriocettiva, cioè alla prevenzione dei

microtraumi attraverso esercizi di rafforzamento delle articolazioni e

della struttura scheletrica, attraverso l’utilizzo e l’abitudine ad una

buona postura, e conoscendo i movimenti da evitare e le principali

cause di lesioni al corpo. Questa materia, oltre a irrobustire l’individuo

che la studia, lo salvaguardia dai vari pericoli a cui il corpo è soggetto,

sia per chi fa molto sport, ma ancor di più per chi non ne fa affatto.

Inoltre se la ginnastica e lo stretching vengono fatti in giovane età,

modellano il fisico nella crescita e gli gioveranno tutta la vita.

All’inizio del laboratorio si impareranno a costruire artigianalmente i

vari attrezzi di giocoleria, dalle palline alle clave, dai fazzoletti ai cerchi,

e alcune lezioni saranno dedicate allo sviluppo creativo di figure con i

palloncini. Ad ogni allievo sarà donato un manuale di creazione dei

palloncini e dei vari attrezzi circensi.

Il mondo del circo vive da più di tremila anni, e possiede una storia ricca

di eventi e di personaggi. Durante i primi incontri del laboratorio si

alterneranno parti di lezioni teoriche sulla storia delle varie discipline, e

parti di dimostrazioni pratiche degli argomenti spiegati. Agli allievi sarà

lasciata una dispensa sul mondo del circo dal suo inizio fino ad oggi,

con assoluta libertà di leggerla, studiarla o abbandonarla in qualche

scaffale di casa, ma al termine del corso sicuramente per passione o

per curiosità personale tutti quanti l’avranno letta.

7


• Fornire elementi che migliorino la creatività e la fantasia

• Sviluppo della relazione e della collaborazione tra gli allievi

• Sviluppo della concentrazione

• Miglioramento della coordinazione

• Aumento della fiducia nelle proprie capacità

• Miglioramento dei riflessi, prontezza, ritmo ed equilibrio

La durata e la struttura del corso sono visibili nel riquadro qui di seguito, indicativamente (a

seconda sempre del periodo e della durata del laboratorio scelto) ci atteniamo al seguente

programma pedagogico:

• Prima parte: conoscenza degli allievi e degli insegnanti, lezioni teoriche di storia del

circo e dimostrazioni pratiche delle varie tecniche circensi che si andranno ad

affrontare.

• Seconda parte: costruzione dei primi attrezzi di giocoleria come palline, fazzoletti e

cerchi, e lezioni teoriche di fisica e matematica applicate al circo.

• Terza parte: lezioni pratiche di tecniche di giocoleria ed equilibrismo, clown e teatro.

Introduzione alla preparazione fisica, alla pre-acrobatica e allo stretching.

• Quarta parte: approfondimento e miglioramento delle varie tecniche di circo, teatro,

clown, di pre-acrobatica e grande spazio a ginnastica e stretching.

• Quinta parte (conclusiva): ripasso di tutte le tecniche studiate, e attraverso le lezioni

teatrali svolte si affronterà la creazione di uno spettacolo conclusivo, finalizzato a

promuovere le attività fisiche in maniera giocosa e divertente.

Il laboratorio è promosso dall’associazione culturale “CIRCOnFUSIONE”e “BIBINO Clown

e i docenti delle lezioni sono:

8


• Fabio Fornero: insegnante di giocoleria, equilibrismo, acrobatica, piramidi

umane, lezioni teoriche e manualità creativa.

• Corrado Gallo: insegnante di clown, teatro, giocoleria, musicista, autore,

regista, tecnico audio-luci, sceneggiatore e coreografo dello

spettacolo conclusivo del laboratorio.

3384210983

Fabio Fornero in arte SQUILIBRIO Artista circense – Acrobata – Equilibrista – Giocoliere – Clown

http://www.circonfusione.it fabiofornero@yahoo.it

3339379422 0175276909

Corrado Gallo in arte BIBINO Clown – Giocoliere – Attore – Regista – Musicista - Sceneggiatore

http://www.bibino.it bibino@bibino.it

9

Similar magazines