scarica - Focus

focus.it

scarica - Focus

P

community di Focus. Inviateci opinioni, idee ma anche foto,

disegni. E le vostre domande, a cui rispondiamo da pag. 86.

Da oggi i vostri

sms appariranno,

quasi in diretta,

anche sul sito:

www.Focus.it.

Il giornale della community di Focus

Alba magica

Nuvole al passo

■ Dopo una notte

d’estate interamente

passata

a guidare, il passo

del Sempione

er la raccolta differenziata

di vetro, plastica

e latta, ho inventato

“saccoecologico”: un

sacchetto di plastica usa

e getta di forma allungata,

da inserire nella bocca

dei raccoglitori a campana

(che altrimenti sono

poco pratici da usare). Il

sacchetto contiene una

spirale, anch’essa in pla-

P

er ridurre le dimensioni

dei rifiuti

ingombranti,

ho inventato Tritty.

È un tritatutto

per bottiglie di

plastica, lattine

e cartone. Si alimenta

con una comune

presa di corrente ed è utile

ci accoglie all’alba

con un paesaggiospettacolare...

Silvia

Ho inventato... il saccoecologico

stica riciclata, che ne

garantisce l’indeformabilità

ed è largo circa 15

cm. Quando è vuoto, è

schiacciato a forma di disco.

Quando è pieno, è

lungo 80 cm e si chiude

con un nastrino.

Vincenzo Bennardi

Firenze

Cell. 340.4886898

www.bennardi.com

e io... il tritarifiuti

in casa, nei bar e in prossimità

di distributori di bevande.

Cerco partner per la

produzione e la commercializzazione.

Daniele Tartaro

Via Martiri della libertà, 22

10023 Chieri (Torino)

Cell. 348.7458016

info@validasrl.it

Inviate le vostre invenzioni a: invenzioni@focus.it

E partecipate al nuovo Forum su www.Focus.it/invenzioni

Potete continuare

a mandarli al:

333/2400712.

Ecco i migliori

del mese.

A proposito di pirla

■ A proposito di parolacce (Focus

n° 169) mio zio, milanese,

mi ha spiegato che:

“pirla” è il nome del pezzo di

legno più piccolo, che veniva

usato per un gioco, in cui veniva

colpito, con un bastone.

Una volta colpito “pirlava” in

giro! Da cui il significato di “pirla”

ovvero una persona che si

lascia condizionare dagli altri.

Un’amica brianzola mi ha spiegato

che: “bigolo” è il nome

del bozzolo del baco da seta

usato in Brianza. Una persona

a cui dai del “bigolo” è uno che

non si è ancora “svegliato” e

non capisce bene la situazione.

Facendo un corso di barca a

vela mi hanno spiegato che

“cazzo” è voce del verbo “cazzare”,

che significa “tirare”. Per

esempio “cazzo il boma”, cioè

l’asta posta a 90° rispetto all’albero

maestro, che… se non

stai attento, quando fai una

strambata ti colpisce alla testa…

cazzo! Mary Colomo

☎ Paesi rapidi. In

Friuli ho scoperto un

grazioso paesino che

si chiama “Attimis” e

ha per frazione “Su-

I vostri sms Queste pagine sono dedicate e realizzate dai lettori e dalla

Per le vostre segnalazioni…

● … di invenzioni: invenzioni@focus.it

● … di errori: errori@focus.it

● … di avvistamenti in cielo: avvistamenti@focus.it

● … di testi, leggende urbane ecc: opinioni@focus.it

Per le vostre foto…

… di cartelli stradali, insegne, targhe, tramonti. Inviatele

all’indirizzo: foto@focus.it. I contributi più belli saranno

pubblicati su queste pagine.

Se non avete una connessione Internet, questo è l’indirizzo

postale: Focus - Via Goldoni 1 - 20129 Milano

Per le vostre domande…

www.focus.it/domanderisposte

Per interagire con la community di Focus

Su www.focus.it/community avete la possibilità di dire la

vostra su Forum a tema lanciati dalla redazione, comunicare

via chat e partecipare ai sondaggi. Potete scambiare consigli

con altri lettori su viaggi, acquisti, spettacoli ecc.

Focus international…

Per scambiare 4 chiacchiere con lettori di Focus di altri

Paesi: dalla Francia alla Spagna, dal Messico alla Russia.

www.focus.it/International

Per accedere all’archivio di Focus

Gli abbonati di Focus avranno a loro disposizione l’intero archivio

di Focus in Pdf da scaricare e leggere sul computer.

■ Vi preghiamo di firmare le lettere (eventualmente precisando

se volete che la firma non appaia).

■ Non possiamo rispondere a tutti (facciamo il possibile).

Focus non si assume la responsabilità dell’autenticità

del materiale inviato dai lettori.

bit”! STELLA ☎ Inglesismi.

In Campania

c’è un’agenzia di

pompe funebri che si

chiama “last travel”!

COME INTERAGIRE CON NOI

Porno cappuccini

■ Vi allego la pubblicità che

campeggia su un quotidiano

oggi... non so perché ma la

trovo di cattivissimo gusto!!!

Eppure è un “cappuccino”...

Simona Bungaro

Il “no” di Garibaldi

■ Ho gradito l’articolo “Il gran

rifiuto” (Focus n° 169). Voglio

aggiungere che anche Garibal-

Ciao, SALVATORE ☎

Statali buoni. Bella

l’inchiesta sugli

statali: soprattutto

perché mette in evi-

di ha rinunciato a: una tenuta

per Menotti (figlio), un castello,

una nave, una dote per Teresina

(moglie), un titolo nobiliare

e il collare dell’Annunziata. Tutto

offertogli come ricompensa

per la spedizione dei Mille.

Michele Abballe

Posta a Basilea

■ Ho letto l’articolo “C’è posta

per te” sul n° 169. Vedendo le

immagini di caselle

postali ho pensato

di inviarvi

questa foto di una

casella postale

storica, scattata

nel 2004 a Basilea.

S. Monteverdi

denza come ci siano

anche quelli che lavorano

e che avrebbero

grandi vantaggi

da una politica basa-

12/2006 02/2007


75


Questo mese su

ALMANACCO

Ma dove vivi?

Sulla Luna?

L’installazione della prima base

spaziale permanente sulla Luna è sempre più vicina. La

Nasa ha iniziato il conto alla rovescia: si concluderà entro

il 2024. On-line tutti gli aggiornamenti.

ta sul merito e da maggiore

severità in ufficio!

MASSIMO M. ☎ A manetta.

A Trieste il gioco

delle 5 pietre e 5 noc-

www.focus.it/172

cioli di cui parla un sms

del numero scorso si

chiama “manetta”. Io ci

giocavo già 30 anni fa.

A proposito: chi ha altri

.it

FOTO DEL GIORNO

Incubatrici pensili

Da adulte le seppie giganti australiane

arrivano a 1,5 metri di lunghezza e 15 kg

di peso. Dopo 4 mesi di incubazione escono

invece in miniatura dalle loro culle (poco

più di 2 cm e qualche grammo).

Anno nuovo, almanacco “vecchio”

Vuoi conoscere giorno per giorno gli eventi che hanno

cambiato il corso della storia? Nel nostro almanacco vi

teniamo aggiornati sulle ricorrenze dei fatti più curiosi.

FOTOGALLERY

NEWS

Casa, dolce casa

Di ghiaccio, per aria e in mezzo all’acqua.

L’uomo si è adattato a mettere

su casa in qualsiasi condizione.

Anche le più estreme. Le abitazioni

più curiose che abbiate mai visto.

SPECIALE GUINNESS

Vite da record

Perché un uomo sano di mente

decide di spostare un camion di

4,5 t con un orecchio? Per entrare

nel Guinness dei Primati. Ecco come

entrarci anche voi.

DOMANDE & RISPOSTE

A domanda… rispondiamo

Quanti oggetti lancia il più bravo giocoliere del mondo? A

questa e a molte altre domande troverete risposta sul sito.

MUSICOTERAPIA

Ascolta che ti passa

La musica fa davvero bene alla salute?

Il nuovo speciale di Focus.it vi guida tra

verità scientifiche e falsi miti che aleggiano attorno alla

musica usata come terapia.

Storie di statali

■ Sono una statale da tanti

anni. Il lavoro per me è sacro,

ma sono anni che non faccio

niente, se non restare seduta

dietro la scrivania. E non sono

sola. Capita a molti di venir dimenticati,

perché non sanno

cosa farti fare, perché non sanno

gestire il personale. Conosco

persone che, come me,

sono restate anni chiuse in un

ufficio senza far niente. Sperando

che un giorno arrivi un

dirigente simpatico e ti richieda.

Questa situazione mi ha

portato una depressione:

oggi venire a lavorare è angosciante.

Così spesso sto

in malattia e autorizzo pure

gli altri a darmi della lavativa.

(lettera firmata)

■ Sono una dipendente

pubblica da 15 anni (enti locali).

Quando sono stata assunta

avevo tutta la buona

volontà del mondo. Ho un lavoro

amministrativo abbastanza

interessante, mi sono sempre

data un sacco da fare, ma

purtroppo ci sono parecchi momenti

in cui mi giro i pollici perché

il lavoro non c’è... E non

per colpa mia: ho provato più

volte a segnalarlo ai miei superiori,

ma i nostri capi sono in

troppi, la suddivisione di compiti

e responsabilità non è chiara

e quindi... io passo molto

tempo su Internet ma solo perché

non ho altro da fare e la

giornata è lunga... syl - torino

■ Sono un dipendente regionale,

da poco in pensione: mi

occupavo di istruire le pratiche

per erogare contributi pubblici a

privati e imprese. Lo facevo

con i miei ritmi: lenti, molto

lenti, com’è nel mio carattere.

Non mi sono mai assentato

dall’ufficio, ma mi sono sempre

ritagliato i miei spazi per leggere

i giornali, chiacchierare

con qualche collega, bere un

paio di caffè al giorno. Credo,

salvo i primissimi tempi, di non

aver mai risposto a una telefonata

esterna. Lasciavo squillare

il telefono perché lo reputavo

una specie di intrusione. Il

giochi tradizionali da

riesumare? TANJA ☎

Coincidenze felici. Mi

chiamo Gioia. Di cognome

faccio Del Gioioso.

Abito a Gioia Tauro, in

via della Felicità. Mia

madre si chiama Felicita

e mio padre Sperandio.

Mio fratello Sante...

mio dirigente era molto più giovane

di me e non ha mai osato

farmi osservazioni. Caso mai

ero io che gli davo qualche

consiglio normativo o giuridico.

Non sono laureato, non potevo

fare passi avanti in carriera.

Ho svolto le stesse mansioni

per tutta la vita e negli ultimi

anni la preoccupazione

maggiore era sistemare mio figlio

in una delle aziende con

cui avevo rapporti o all’interno

della stessa amministrazione.

Alla fine ci sono riuscito».

(lettera firmata)

Birra a stivali

■ Nell’articolo sulle birre (n°

171) avete citato alcune birre

“centenarie” italiane e alcuni

bicchieri particolari con

cui vengono servite le

birre ; ebbene qui a Pedavena

(Bl) c’è una

fabbrica di birra con annesso

locale bar che

esiste dal 1897 e produce

la “Birra Pedavena”,

tanto che nel

1997 per festeggiare

il centenario è stata

creata la “Birra del

Centenario”, servita

nel suo caratteristico boccale:

uno stivaletto di vetro. Simone

Bebi care di bimbo

■ Ecco una traduzione spettacolare

trovata su un pacchetto

Radici di pietra

■ Incredibile ma vero, sono

resti fossili di radici. Gli apparati

radicali di queste piante

si sono sviluppati su uno

strato di humus e limo, in

profondità le radici poggiavano

su un solido crostone calcareo.

Con il passare degli

☎ Tutti frutti. La mia

ditta si chiama S&c. di

Lamponi Andrea e Moroni

Marco. Il nostro fornitore

si chiama Ezio

di salviettine umidificate che la

mia ragazza ha comprato in

Egitto: “Bebi care di bambino

gentilmente pulire e dare tuo

bambino un morbido e di seta

pelle, fa non fare allergia e è alcool

libero”.

barabau

Marijuana bolognese

■ A Bologna, la volta del portico

della centralissima via

Dell’Indipendenza è decorata

da affreschi risalenti a tempi

più “innocenti”. C’è scritto

“Canabis protectio”. Ovviamente

si riferisce alla canapa

che tesse la donna raffigurata

nella lunetta. Ai nostri tempi,

la parola “canabis”, o

“cannabis”, riveste ben altro

significato. La scritta è ripetuta

nel pavimento a mosaico.

Le altre due volte contigue

riportano le scritte “Vinum letitia”

e “Panis vita”... Ai bolognesi

piaceva godersi la vita!

vilmavero

Cannabis nel portico.

È la fine del mondo

■ Girando per una fiera di Padova

ho trovato un opuscolo

che dice che il pianeta Her-

anni le radici sono penetrate

in questo strato calcareo,

perforandolo come trivelle.

Piogge ed erosione marina

hanno eliminato limo e humus

e le radici, ormai fossili,

sono apparse.

Gianluca Ditommaso

Mora! Avremmo dovuto

vendere frutta invece

che impianti di allarme!

Ciao, ANDREA LAMPO-

NI ☎ Fortuna! Posso

02/2007

77

RUBRICHE


Bufalissime

su Internet

78

U

ltimamente continua

ad arrivarmi questa

e-mail...

“Siamo Andy e John,

direttori di Msn. Ci

scusiamo per l’interruzione

però Msn non

esisterà più, perché

molte persone hanno

troppi account Msn e

noi abbiamo solo altri

578 posti liberi. Se vuoi

che chiudiamo il tuo

account non mandare

questo messaggio. Ma

se vuoi conservarlo

mandalo a tutti i tuoi

contatti. Per usare

Hotmail dall’inverno

2007 bisognerà pagare,

ma se invii questo

messaggio a 18

persone il tuo omino

verde di Msn diventerà

blu e per te sarà tutto

gratis. Se non ci credi,

vai al sito Internet

www.psp-advices.com/

e guarda. Non inviare lo

stesso messaggio:

copialo e incollalo in

uno nuovo in modo che

le persone possano

leggerlo”.

Io ovviamente sono

andata a vedere sul sito

che indicano e su quello

di Msn ma non trovo

nessuna informazione e

mi sa un po’ di bufala...

spero voi sappiate

chiarire i miei dubbi...

Donatella B

Risponde Lorenzo

Montali, studioso

di leggende

metropolitane. La

bufala sul servizio Msn

Messenger che sta per

diventare a pagamento

circola in Rete almeno

dal 2001. Nella prima

versione della storia si

chiedeva di far circolare

una mail per raggiungere

500.000 firme in

calce a una petizione

che chiedeva alla

Microsoft di continuare

a mantenere il servizio

gratuito. Ma già dal ’98

una storia simile

prendeva di mira un

servizio analogo offerto

da Aol. Per capire che si

tratta di una bufala

segue a pagina 81

chiamare la mia prof

Troia senza offenderla!

È il suo cognome! CAR-

LOTTA ☎ Contrari. Indovinello:

lo sapete

02/2007


quale è il contrario di

accumulatori? Sparpagliavacche!

ELEONORA

☎ Vocalista. Giocando

con le vocali: a un po-

Lago missilistico

■ Resti di civiltà

sulla superficie del lago

Hart in South Australia. Il lago

salato, ora completamen-

colubus andrà a sbattere

contro la Terra. La cosa mi

preoccupa un po’: vorrei saperne

di più.

Alessandro Fonsato

Risponde Paolo Toselli del Centro

Italiano Studi Ufologici (CI-

SU).

L’opuscolo a cui si riferisce il

lettore a firma di V. M. Rabolú

(al secolo Joaquín Enrique

Amortegui Valbuena) è stato

scritto nel 1998 e poco dopo

tradotto e distribuito in oltre

50 Paesi. Si tratta dell’ultima

opera dell’esoterista colombiano

deceduto nel 2000, e

contiene la rivelazione sul gigantesco

pianeta-cometa,

Hercòlubus, che si starebbe

avvicinando alla Terra preludendo

alla sua distruzione e

te prosciugato, è stato a lungo

usato come base per test

missilistici da inglesi e australiani.

marcobar975

Inviate le vostre foto a: opinioni@focus.it

alla scomparsa del genere

umano. Sopravviveranno solo

quanti avranno seguito gli insegnamenti

del maestro Rabolú.

Ci troviamo di fronte a

uno dei tanti, troppi, profeti

apocalittici che negli ultimi decenni

hanno lanciato avvertimenti

rivelatisi infondati. Tra

l’altro nel libro, astutamente,

non viene indicata la data della

catastrofe, si dice solo che

“si compirà a breve”, ma si descrivono

nei minimi particolari

la vegetazione, la fauna, le case

e la vita quotidiana degli

abitanti di Venere, vere e proprie

figure angeliche, e le abitudini

dei marziani, esseri a noi

simili, ma tutti quanti vestiti in

uniforme militare! Assurdità come

queste dovrebbero essere

sufficienti per farci compren-

COMPLIMENTI!

Ve ne siete accorti? Poco alla volta

queste “pagine interattive”

sono diventate un vero

giornale nel giornale:

il primo giornale fatto interamente

dai suoi lettori, VOI!

Una mattina a Londra

■ Per la serie

“foto a 360°” ecco

la mia composizione

di Tra-

falgar Square

(Londra) come si

presentava la

fredda mattina

vero ratto che se ne

stava ritto sopra un muretto

rotto gli scappò un

grosso rutto e addio al

suo fare retto. ANNA

del 18 dicembre

2005. Daniele

Magnani

MARIA SCARAMUZZINO

☎ Figure dolci. Lo

scrittore Giovanni Guareschi

scriveva “figura

da cioccolatino” invece

dere l’inattendibilità della profezia.

Viva il tabarro!

■ Sul n° 171 la lettrice Susy

chiede che cosa sia un tabarro.

In aggiunta alla risposta che

fornite, vorrei specificare che

il tabarro è stato per secoli l’indumento

tipico dell’Italia settentrionale:

è citato già nel

1200, se ne trova traccia nelle

opere di Dante e Boccaccio.

Il suo periodo di massimo

splendore fu il ’700 veneziano,

ma non fu dimenticato,

tanto che fece parte dell’uniforme

militare nella Prima

guerra mondiale. Smise di essere

usato dal secondo dopoguerra.

Era un capo universale,

usato dalla plebe, dai nobili e

dal clero. Le differenti classi

sociali si distinguevano dal colore

(il nero per la nobiltà). Io e

un gruppo di amici abbiamo

dato vita a un coro e abbiamo

scelto proprio il tabarro come

divisa, nell’intento di riscoprire

non solo la musica di un

tempo ma anche il modo di

vestire.

Oscar Conte

Seg. del “Coro del Casel”

Non congelate

i chiodini!

■ Alla domanda: “tutti gli alimenti

si possono congelare?”

apparsa sulla rubrica Domande&Risposte

di Focus n° 169

avete risposto di sì, salvo alcune

eccezioni soltanto di carattere

pratico. Volevo informarvi

che non è così. C’è un

fungo, l’Armillaria mellea (chiamato

chiodino o famigliola con

di “figura da cioccolataio”.

Lo trovo molto più

carino. E anche adatto!

FRANCESCA ☎ Pesci

volanti. A proposito di

l’anello) pur essendo un ottimo

fungo diventa tossico se viene

congelato crudo.

Luca Tistarelli

Vicolo stretto Doc

■ Non so se sia più stretto il vicolo

nelle Marche (Focus D&R

n° 8, pag. 126) o quello a Termoli

(Focus n° 170, pag. 163),

ma sicuramente il più famoso

è “Vicolo Stretto” a Taormina

(di cui allego foto), fotografato

ogni anno da migliaia di turisti.

Salvatore Lupica

Non sono Re Magi...

■ Su Focus n° 170, Simone

Cameran ha chiesto perché in

Baviera su molte porte di casa

c’era spesso una strana scritta

fatta con il gessetto: “20 * C +

M + B * 06”. Gli avete dato

una risposta che corrisponde

all’interpretazione popolare: le

3 lettere avrebbero cioè rappresentato

i 3 Re Magi e i numeri

l’anno. Il significato delle 3

lettere risale, tuttavia, a tempi

molto più remoti, quando il

parroco benediva le case pronunciando

le parole “Christus

mansionem benedicat”, scrivendo

poi le iniziali di questo

augurio “Cristo benedica questa

casa” con il gessetto sulla

porta.

Wolfgang Kueck

miracoli scientifici: anche

da noi a Moneta

(Ss) una volta sono piovuti

pesciolini dal cielo!

PINO ☎ Miracoli pa-

Il lettore del mese

i chiama Marianna

SDe Rosa, ha 22

anni, studia a Urbino

Tecniche Erboristiche,

ma è di Amalfi dove

«anche secondo Focus, c’è uno

dei cieli più belli del mondo».

Ha conosciuto Focus tramite il

suo ragazzo, Danilo, universitario

a Roma. Il n° di dicembre l’ha appassionata:

«Mi è piaciuto molto il particolare punto di vista

dell’articolo “Generale Molecola”, un approccio

che mi ha incuriosito molto». Un altro pezzo

apprezzato è stato quello sui dinosauri.

«Talvolta trovo qualche articolo poco esplicativo.

Ma l’aspetto visuale mi piace molto».

Ogni mese estraiamo a sorte un lettore

tra coloro che ci inviano via sms i loro

giudizi (istruzioni nelle pagine del sommario)

sugli articoli di Focus e lo intervistiamo.

Ecco, qui sotto, gli articoli che

avete gradito di più nello scorso numero.

2° classificato

Miracoli e prodigi

voto 4,19

... ma sono “cantori

della stella”

■ La scritta “20 C + M + B

06” sulle porte in Germania

del Sud (ma si trova anche in

Svizzera, Austria e Alto Adige)

è un segno tipico della

tradizione cattolica. Ma la

maggior parte delle persone e

anche recenti ricerche danno

un’altra spiegazione. Intorno

al 6 di gennaio gruppi di ragazze

e ragazzi, gli Sternsinger

(cantori della stella), si travestono

da Re Magi e girano di

tentati. Ragazzi! Ad

Agropoli c’è una scuola

guida che si chiama

“Miracolo”! A qualcuno

può servire? ROBERTO

1° classificato

Professione statale

voto 4,45 (punti da 1 a 5)

casa in casa cantando canzoni

che raccontano la loro

storia e chiedendo offerte in

denaro per bambini in difficoltà.

Alla fine con un gessetto

benedetto segnano sul

portone di casa “20 C + M +

B 06” che sta per “Christus

mansionem benedicat” (il Signore

benedica la casa).

Quando si propagò tale tradizione,

nel 17° secolo, inizialmente

veniva segnata una

croce che doveva tenere lontano

il male. Nel 2006 in Germania

gli Sternsinger hanno

☎ Streghe ignoranti.

Blooper (cioè errori).

Streghe (adoro quella

serie!), episodio “Triplo

incantesimo”. Prue sta

Viva i medici, abbasso i ministeriali

Ecco i risultati del sondaggio sugli statali, collegato a un’inchiesta sul

n° 171 che sta facendo discutere (v. le lettere in queste pagine).

Domanda Totali Maschi Femmine

1 Quale categoria di statali apprezzi di più

A) medici e infermieri 44,76% 46,43% 42,86%

B) insegnanti 5,71% 5,36% 6,12%

C) carabinieri 27,62% 32,14% 22,45%

D) magistrati 7,62% 3,57% 12,24%

E) militari 14,19% 12,4% 16,23%

F) ministeriali 0,1% 0,1% 0,1%

2 Gli statali sono privilegiati

G) sì 83,7% 82,61% 84,78%

H) no 16,3% 17,39% 15,22%

3 L’assenteismo sul lavoro è secondo te...

I) giustificabile, la colpa

è del sistema

L) inaccettabile: la responsabilità

11,96% 13,04% 10,87%

è personale 31,52% 32,61% 30,43%

M) da sanzionare 56,52% 54,35% 58,7%

4 A parità di mansione i dipendenti pubblici

N) guadagnano di più 60% 52,17% 68,18%

O) guadagnano di meno 21,11% 21,74% 20,45%

P) guadagnano quanto i privati 18,89% 26,09% 11,36%

5 Perché il lavoro statale è ambito:

Q) è una missione 3,46% 4,35% 2,22%

R) è più garantito 71,11% 63,04% 79,55%

S) si lavora meno 26,67% 32,61% 20,45%

raccolto 38,7 milioni di euro.

Lara

Tenga contenitore

parteggiato e luce

serale in un acqua

■ Ci capite qualcosa? queste

sono le istruzioni

trovate su

una scatola di

candeline scaldavivande...

che

ve ne pare?

Ilaria (Vr)

stimando un’anfora romana

e dice che i rilievi

rappresentano le Terme

di Caracalla ed è databile

al I secolo a. C. Il

problema è che le Terme

di Caracalla sono

state costruite nel II secolo

dopo Cristo! Davvero

competente Prue!

Il castello dei

genitali femminili

■ Vorremmo fare una precisazione

sulla lettera di Marina

Seveso “la potenza dei genitali

femminili”, pubblicata su

Focus n° 170 in cui si racconta

dell’esposizione da parte di

Caterina Sforza

dei genitali, per

spaventare i nemici.

Il castello,

posto sotto assedio

da Cesare

Borgia, era la

ROSSELLA GRANATELLI

☎ Insinuazioni. Mia

zia, che storpia sempre

le parole, quando ho affittato

per le vacanze un

E

Castronerie

scolastiche

cco alcuni errori dei

miei compagni.

• Primo compagno: “I

laghi più grandi d’Italia:

Lago Maggiore, Lago

Minore, Lago di

Gardaland”;

• Secondo compagno:

“Piramide: ammasso di

pietre di forma triangolare”;

• Terzo compagno: “La

scrittura geroglifica era

composta da segni

chiamati scrittura

cuneiforme”.

Silvia

• Un mio amico invece

di dire “Camera dei

deputati” ha detto

“camera dei depilati”!

Ashley

• Una mia compagna

durante l’ora di

scienze: “La parete

celluloide” (voleva dire

la parete cellulare!);

• Un compagno: “da

grande vorrei fare il

meterorologo”. Chiara

• I proverbi di Claudia:

“Batti il ferro finché è

battuto” e “È il caso

che afferma l’eccezione”;

• Io, durante un’interrogazione

di storia:

“Portonoli e spagnoghesi”.

Sara e Giorgia

Trovate tutte le

castronerie che ci

avete inviato

sul sito di Focus:

www.focus.it/prof

bungalow, andava in gito

dicendo che avevo

affittato un bulgaro per

le ferie al mare! LELLA

SAZZA ☎ Arte polvero-

12/2006 02/2007

79


RUBRICHE


segue da pagina 78

basta leggere il testo

con attenzione. Che

senso ha scrivere che il

servizio non esisterà

più e subito dopo

spiegare che ci sono

ancora 578 posti liberi?

Del resto perché mai i 2

presunti direttori di Msn

dovrebbero essere

interessati a far girare

in Rete un messaggio

del genere visto che

scrivono di avere già

troppi account? Ma non

è questa l’unica mail

bufala che sta

circolando in questo

periodo. Sempre a

proposito di Microsoft,

una lettrice, Elena,

segnala la storia

secondo cui per testare

una nuova versione di

Internet Explorer, Bill

Gates vi pagherà per

ogni mail che invierete

ai vostri amici. Le

somme promesse sono

altissime, ma purtroppo

sono destinate a

rimanere virtuali. La

palma di “bufala del

momento” la vince però

una mail che genera più

inquietudine in chi la

riceve. È quella di un

presunto studio legale

che dice di scrivervi

perché riceve dal vostro

computer continui

messaggi con allegati

compromettenti, per i

quali intende

denunciarvi. Chi legge

questa mail si chiede

come sia stato

possibile. Ma la falsa

lettera dell’avvocato

continua spiegando che

si tratta di un virus che

ha infettato il vostro pc

e vi offre una soluzione:

allegando un file che

viene definito un

antivirus. In realtà

invece di essere la

soluzione, il file in

questione si rivela

essere un problema,

per voi e per la persona

che dovrete chiamare

per darvi assistenza

informatica.

Trovate tutte le

leggende

metropolitane sul

sito di Focus:

www.focus.it/

pagineinterattive

sa. Fantastici i vetri

sporchi dipinti del grafico

Usa Scott Wade

che avete presentato

nel n° 171! Ditegli che


rocca di Ravaldino a Forlì (oggi

conosciuta anche come rocca

di Caterina Sforza) e l’anno fu il

1499.

Massimo e Nicoletta Casadei

Faccina da Belùn

■ Entrando nell’officina

del mio

amico Walter, in

quel di Castion,

Belluno, ho notato

questa

faccina, che

non è altro che

un cosidetto “tendicinghia”

di un’utilitaria.

Mi è venuto in mente una delle

faccine di “Smile”. Che

l’abbiano copiata da questo

pezzo di ferro?

Ennio (da Belùn)

E qui ha grandinato

ancora di più

■ Nel n° di agosto avete pubblicato

la foto di una grande

grandinata. Vogliamo mostrarvi

che cosa è successo

a Cannero Riviera e Trarego

Viggiona lo scorso 24 agosto!

Fabrizio Cappelli

Alla Carlona

■ Vorrei segnalare un’interpretazione

della locuzione “alla

Carlona” differente da quella

pubblicata sul n° 170. Come

ho spesso sentito da mio

nonno il modo di dire “alla

Carlona”, nel significato di cosa

raffazzonata, deriverebbe

da Re Carlo Alberto di Savoia

che approvò lo Statuto Albertino.

Proprio questa Costituzione,

carente e approvata

solo dopo molte pressioni,

avrebbe dato origine alla locuzione

“alla Carlona”. In milanese

infatti si dice anche

“Alla Carlu Albert” per indicare

lo stesso concetto.

Giscardo F. Panzavolta

Risponde Enzo Caffarelli, direttore

della Rivista Italiana

se venisse a casa mia

potrebbe fare dei veri

capolavori! MARCO ☎

Punti di vista. Tav sì o

Tav no? Guardate lo

di Onomastica.

Secondo l’interpretazione comunemente

accettata, la parola

“carlona” deriva da

Carlo, nella fattispecie

Carlo Magno.

La documentazione

indica che nel Medioevo

“alla carlona”,

ossia alla maniera di

Carlo, valeva “in grande

quantità, in abbondanza”.

Era un riferimento alla grandezza

di Carlo “Magno” (c’è

chi dice anche al suo aspetto

bonario).

Diffusissima nel parlare comune,

l’espressione si è via

via scolorita, nel senso che

la quantità è andata, evidentemente,

a scapito della qualità,

e pian piano il significato

è diventato quello di un qualcosa

di sciatto, trascurato,

frettoloso.

L’interpretazione che lei propone

non ha riscontro nelle

attestazioni cinque-, sei- e

settecentesche dell’espressione.

Ha senso come applicazione

secondaria, data la

coincidenza parziale del nome,

ma non è documentata.

Acqua bollente

■ Vorrei contestare l’affermazione

scritta a pagina 171 del

n° 169 sul sale e l’acqua bollente.

Sono d’accordo sul fatto

che l’acqua salata arrivi ad

ebollizione a una temperatura

più alta dei 100 gradi, ma ciò

non significa che, nello stesso

tempo e con la medesima

energia assorbita (di quella dolce),

non arrivi anche lei alla

stessa temperatura, quindi in

grado di cuocere alla stessa

maniera la pasta. Che poi impieghi

ancora del tempo per

arrivare in ebollizione, è logico,

ma arriva anche a raggiungere

una temperatura più elevata.

In definitiva, salare l’acqua

prima o dopo non cambia

il tempo di raggiungimento dei

100 gradi e neppure il dispendio

di energia. Misurando quindi

il tempo di raggiungimento

dell’ebollizione tra acqua dolce

e poi salata e quello di acqua

salata all’inizio, non dovrebbe

essere diverso.

Carlo Montecchi

svincolo stradale di

Biandrate (Novara) con

Google earth... GIO ☎

Coppie mitiche. Coppia

di mare: la mamma

di un amico si chiama

Stella Marina. Sapete

che cognome ha il marito?

Altomare. Ne esce

una bella Stella Marina

Piazze belle e sconosciute

ell’articolo sulle piazze d’Italia belle e sco-

N nosciute, di Focus n° 168, vi avevamo invitato

a mandarci foto di piazze belle e sconosciute

d’Italia. Eccone alcune. Potete continuare a inviarle

(e a vederle) su www.Focus.it/piazze

La nostra

è gigantesca

■ Piazza della Repubblica

a Livorno. Questa è una

delle più grandi piazze d’Italia.

Emmelor

Abitavo qui:

è la più bella

■ Piazza Ducale di Vigevano,

dove abitavo fino a

4 anni fa.

Lucy 85

Carota “vamp”

■ Chissà... se fosse

stata una “Star

del cinema’’ questa

carota sexy avrebbe

avuto una

splendida carriera!

Purtroppo è finita

nella mia pentola..!

Marcofabio

Pirovano

Ciclisti con

fair play

■ Nell’immagine in cui fate vedere

la caduta a causa dei tifosi

del ciclista Lance Armstrong

al Tour de France (Focus

171) c’è da sottolineare che il

ciclista texano ha vinto poi il

Tour anche per la grande sportività

del suo rivale Ian Ulrich

(inquadrato nella foto con la

casacca verde) che non approfittò

della caduta e aspettò

che Armstrong riprendesse la

corsa.

Claudio Matteo

in Altomare. LAURA ☎

Qualcuno ride. Questa

è la storia di 4 amici

chiamati Ognuno, Qualcuno,

Ciascuno e Nes-

La vera macchina

del tempo

■ Piazza del Plebiscito,

Napoli. Quando ci vado mi

sembra di tornare indietro

nel tempo!

Merendina80

Pistoia, la luna

e il Duomo

■ Pistoia: piazza del

Duomo nel pieno della

notte. Raistlin Majere

Palline invisibili

■ Nel n° 166 parlate di “orbs”

definendoli “palline invisibili”

che appaiono talvolta nelle foto.

Forse, vedendo questa foto

di festeggiamenti a Ortì (Reggio

Calabria) vi renderete conto

che le palline invisibili sono

quelle entrate nella porta della

Germania e della Francia!

Caterina

Io sono di Llanfairpwllgwyngyllgogerychwyrndrobwllllantysiliogogogoch

■ Leggendo il pezzo sui nomi

strani pubblicato sul n° 170 mi

suno. C’era un lavoro

importante da fare e

Ognuno era sicuro che

Qualcuno lo avrebbe

fatto. Ciascuno avreb-

02/2007 81


RUBRICHE



Tecniche

antiscocciatori

N

ell’ultimo numero un

lettore si lamentava

delle fastidiose telefonate

a scopo promozionale

ricevute. Posso

confermare che oltre a

chiamare in orari

“scomodi”, spesso sono

incredibilmente ostinati;

conoscono le obiezioni

più comuni dei clienti e

hanno sempre la

risposta pronta. Vi allego

una conversazione

(collaudata personalmente!)

per liberarsi dei

seccatori.

Promotore: Congratulazioni!

Lei ha diritto a

ricevere gratis un

impianto di purificazione

dell’acqua da montare

sul lavabo.

Cliente: Veramente!

Evviva! Come sono

fortunato! Non avevo

mai vinto nulla! Grazie!

Grazie! Grazie! Grazie!

P: Lei ha solo l’impegno

di chiamare annualmente

il nostro tecnico

per la manutenzione, a

un costo davvero

modesto.

C: Per carità, no! Avevo

un ornitorinco comprato

con l’obbligo della manutenzione

annuale e mi è

morto! Non voglio si

ripeta la stessa cosa.

P:?! guardi che non è la

stessa cosa…

C: No, no, ci sono

rimasto troppo male,

povero ornitorinco, ci ero

affezionato, si chiamava

Platypus.

Angelo Rosina

be potuto farlo. Ma

Nessuno lo fece. Finì

che Ciascuno incolpò

Qualcuno perché Nessuno

fece ciò che Ognu-

è subito venuto in mente che

sul libro di inglese della scuola

media (primi anni ’70) avevo

letto di una parola ben più lunga

delle 35 lettere della parola

in lingua aborigena mayali. Si

tratta di una parola in lingua

gallese di 58 lettere che riporto:“Llanfairpwllgwyngyllgogerychwyrndrobwllllantysiliogogogoch”.

Questa città, di lingua

gallese, realmente esiste

ed il relativo nome si traduce

come “la chiesa della St. Mary

nella cavità degli alberi nocciola

bianchi vicino al mulinello

veloce dalla St. Tysilio della caverna

rossa”. Per brevità, è

comprensibile che molti abitanti

si riferiscano semplicemente

al loro villaggio come

“Llanfair”. C’è una stazione in

Galles chiamata “Gorsafawddachaidraigodanheddogleddollonpenrhynareurdraethceredigion”.

E in Nuova Zelanda c’è una

città di 92 caratteri denominata“Tetaumatawhakatangihangakoauaotamateaurehaeaturipukapihimaungahoronukupokaiwhenuaakitanarahu”.

Tuttavia persino questo nome

sembra molto piccolo confrontato

alla città di “Krungthepmahanakornamornratanakosinmahintarayutthayamahadilokphopnopparatrajathaniburiromudomrajaniwesmahasatharnamornphimarnavatarnsathitsakkattiyavisanukamprasit”

in

Thailandia che è lungo 163 caratteri!

Antonio Scalise

Il mostro di Loch

Ness è in Calabria

■ Sul n° 170 pubblicate nella

rivista “avvistamenti” la foto di

un lago con, sullo sfondo, una

strana isoletta a forma di drago

che secondo chi l’invia potrebbe

essere una specie di “Mo-

no avrebbe dovuto fare.

ALE ☎ Qualcuno ci

provi! In riferimento alla

nonna che le spara

grosse (vedi sms “mai

stro di Loch Ness”. In realtà si

tratta di un isolotto che si trova

nel lago Arvo, nei pressi di Lorica

in Sila. Micky

Estratto dalla vite

■ Nel n° 170 c’era l’articolo

“E se incontri una bakkushan”?

dove spiegavate i modi

di dire e i versi degli animali

in altre lingue. Eccone altri

dalla lingua slovena. In sloveno

“È inventato di sana

pianta” si dice “Je iz trte izvito”

che tradotto alla lettera significa

“È estratto dalla vite”. In

sloveno “Ha rinunciato a

un’impresa” si dice “Je vrgel

pusko v koruzo” che tradotto

alla lettera significa “Ha gettato

il fucile nel granturco”.

Lorenzo R. Scichilone

Faccia di zinco

■ Faccia di... ferro, acciaio,

zinco, ecc... Be’, non so di cos’è

fatta questa faccia, ma nel

mio viaggio in Francia nei pressi

di La Ménitré, mentre visita-

Visioni dal cielo: questa è una balena africana!

avigando con

NGoogle Earth, ho

notato qualcosa di

strano su una

spiaggia della costa

ovest del Sudafrica,

mi sapreste dire che

cos’è? Le coordinate

sono: 32° 16’ 19.92”

S – 18° 20’ 36.84” E.

Emiliano Bassetti

Risponde Paolo

Toselli del Centro

Italiano Studi

Ufologici (CISU).

La macchia scura è

compatibile come

dimensioni (circa 10

metri) a un grosso

cetaceo spiaggiato,

probabilmente una

balena. Le tracce

rosse, interpretabili

come sangue, che

seguono coerentemente

i rilievi della

spiaggia, colorano la

riva e poi si disperdono

nell’acqua,

indicano che

l’animale è stato

probabilmente ferito

gravemente. Si nota

col gesso” che sarebbe

poi Michael Jackson),

posso aggiungere che

un mio collega è arrivato

a dire “Polmi Carter”.

un’auto ferma a

bordo strada, probabilmente

a causa

della presenza

dell’animale. Da

almeno un anno gli

appassionati di

Google Earth

discutono di questa

immagine, abbracciando

quest’ipotesi.

Vediamo se c’è qualcuno

che indovina il personaggio

misterioso!

Ciao GIANNI ☎ Orgasmi

di carta. Un mio

Il disco del mistero? Segna il 21 marzo

■ A proposito del misterioso

disco di Nebra (pubblicato

su Focus n° 141), risalente

a 3 mila anni fa: ho individuato

le stelle in esso rappresentate

e ho confrontato

il risultato con il cielo dei

nostri giorni (v. disegno sopra)

alla data del 21 marzo

alle ore 0, avvalendomi dell’aiuto

di un astrolabio di-

vo un paese vicino ad Angers,

l’ho vista e l’ho immortalata.

(lettera firmata)

Aiuto: abbiamo

perso la

“d” eufonica!

■ Vabbè che questa è un’epoca

in cui la globalizzazione

fa contaminare tutto con tutto,

ma almeno salviamo l’italiano!

Qualcuno sa spiegarmi perché

non si usa più la cosiddetta “d

eufonica”, per la quale invece

di scrivere e leggere lo stonatissimo

“a Andrea” si ha “ad

Andrea”? Già la perdita pressoché

totale del congiuntivo

(modo verbale a mio parere

amico parlando dei suoi

avi: “il mio albero ginecologico”

(voleva dire

genealogico). Che cosa

pretendere d’altronde

segnato per la latitudine di

42° N, pubblicato dall’Istituto

Geografico De Agostini.

In effetti può rappresentare

la mezzanotte del 21

marzo, equinozio di primavera:

le coordinate corrispondono

alle coordinate

orarie moderne. Il mio piccolo

contributo finisce qui.

Ennio Bacchilega

splendido) è una cosa terribile,

adesso dobbiamo ritrovarci pure

a parlare una lingua quasi

impronunciabile? Marco Carai

Ma “air action”

non si pronuncia

“erection”

■ Su Focus n° 170 ho letto la

segnalazione di una pubblicità

“porno”. Volevo dire che

la pronuncia inglese della parola

“Air Action Vigorsol” non è

Erection Vigorsol, ma Eiection

Vigorseol: la “i” rimane”.

Quindi non c’è nessuna volontarietà

di doppi sensi.

Nicola Martini

www.focus.it/google

da un ragazzo che a casa

ha Il grande libro degli

orgasmi (voleva dire

origami!)... Ciao, GER-

MANO ☎ Uccelli ge-

02/2007 83


RUBRICHE



niali. A proposito della

foto di una cornacchia

sul cofano dell’auto

pubblicata sulle pagine

interattive del n° 171:

.it

Se volete allenare la mente divertendovi, esplorate lo spazio

del nostro sito dedicato ai giochi (www.focus.it/giochi).

Ne troverete di tutti i tipi, dal classico flipper, ma in una versione

più vivace e “scientifica”, alle sfide più ardite. Come

mettersi nei panni di un faraone e costruire una piramide.

Flipperiamo

Il più classico dei giochi

atterra sul Web: solo

che, al posto dei classici

bersagli, vi ritroverete

ragnatele con ragni penzolanti,

rane e lucciole.

Vince chi fa più punti,

anche rispondendo alle

più curiose domande di

scienza.

Diventa un creativo

Pensate di avere la stoffa

dello stilista e del designer?

O quella del

pubblicitario? Mettetevi

alla prova con questo

gioco con cui potete dare

libero sfogo alla vostra

creatività.

I giochi di Focus

www.focus.it/giochi

Trighede

Se di dipendenze ne

avete già abbastanza,

allora non venite a giocarci.

Se, invece, pensate

di essere più forti

di lui, allora benvenuti

nel tunnel di Trighede,

il gioco di intelligenza

spaziale e abilità che vi

incollerà al computer!

Come i faraoni

Vi sentite amministratori

capaci?

Mettetevi nei panni

di un faraone. Vi

diamo schiavi e

derrate alimentari

con cui sfamarli:

vediamo se siete

capaci di costruire…

una piramide.

Archeoraider

Un viaggio all’indietro

nel tempo, tra

le civiltà del passato,

a colpi di enigmi:

diventate il

nuovo Indiana Jones

del Web con il

fantastico gioco

storico di Focus.it.

questi uccelli sono davvero

intelligenti. Li ho visti

fare una perlustrazione

in gruppo (in cerca

di cibo) con un’orga-

Differenze

■ Foto scattata alla stazione

ferroviaria di Domodossola.

Pianta del vaso italiano: rinsecchita.

Pianta del vaso svizzero:

rigogliosa! Che succede?

Anche le piante preferiscono

la Svizzera?

Franco Senigalliesi

Previsioni magiche

■ Rileggendo il n° 116 di Focus

(stampato nel giugno

2002, e quindi in tempi non

sospetti) ho notato a pagina

21 la didascalia di una foto

inserita nel servizio “Perché

ci piace il calcio”. Dice tale

didascalia: “Francia. Campioni

mondiali ed europei in carica,

i francesi sono forti nei

colpi di testa...” Ma come

avete fatto a prevedere con

quattro anni di anticipo, il famoso

colpo di testa di Zinedine

Zidane? Adriano Baroni

Shakespeare?

Si chiamava

“Crollalanza”!

■ Voglio segnalarvi una leggenda

(ma forse ha basi solide)

di cui ho sentito parlare

sia dalle mie parti, sia su Internet.

Dopo accurati ragionamenti

e profondi studi delle

opere di William Shakespeare,

un ex professore universitario,

il professor Iuvara, è arrivato

a formulare una teoria secondo

la quale Shakespeare non

sarebbe nativo di Stratford-on-

Avon... ma di Messina, e il suo

reale nome sarebbe stato

quello di Michelangelo Florio

Crollalanza (Crollalanza=

Shakespeare). Paolo Vitale

Via per il paradiso

■ Ho trovato questa simpati-

nizzazione degna di un

reparto di marines!

ALESSANDRO ☎ Forza

papà! Perché in tivù

quando si parla di bam-

B

bini si finisce sempre

per parlare delle mamme?

La mamma che

accudisce, le ragazze

madri, le divorziate con

ella l’idea delle

castronerie

dei pazienti: durante

le visite

mediche se ne

sentono davvero

di tutti i colori. Eccovi

qualche chicca

della mia personale

raccolta.

Gino Silvani

«Dottore, questo

mese mi stan-

ca accoppiata di cartelli a

Monteparano (Ta).

Cristina Testerini

Stoning sardo

■ Vi invio la foto di uno “stoning”

relativo a un villaggio

nuragico, da me realizzato

quest’estate a Castelsardo

(Ss).

Andrea Melugni

I nostri errori

Focus 169

Pag. 10: i filtri sono per il CO.

Pag. 175: l’irraggiamento è di

1.000-1.700 kW/m 2 . Pag.

232: la terza buca in basso da

sinistra è del 1920-1940. Pag.

304: nell’hockey le risse non

sono consentite.

Focus 170

Pag. 36: i Vangeli citano anche

la resurrezione del figlio

della vedova di Naim (Lc 7,11-

17) e della figlia di Giairo (Mc

5, 21-43). Pag. 63: l’atleta

stava tentando di sollevare 190

kg. Pag. 69: “Viajou na maio-

Sala d’aspetto

no ritardando le

maestranze»!

(voleva dire mestruazioni);

«Ho i

dolori al nervo

statico (sciatico)»;

«Per i dottori

mio marito era

sfacciato (spacciato»;

«Mi dimentico

tutto: soffro di

amnistia (amnesia)»;

«Mio figlio

ha un’erezione

figli ecc. Io sono un ragazzo

padre che si fa un

m... così. Mi piacerebbe

che anche noi papà fossimo

un po’ più presi in

(eruzione) cutanea»;

«Ho il polistirolo(colesterolo)

alto»; «Ho la

spalla lustrata

(lussata)»; «Qui,

dottore, ho già

messo una pomata

per le estorsioni(distorsioni)»;

«Mia moglie,

poverina, soffre di

ulcera diagonale

(duodenale)».

Monumenti freschi

■ Salve, vi invio la scansione

di una foto scattata

durante la mia ultima vacanza

negli Stati Uniti...

Spero vi possa piacere.

Qui sono a Chicago... Dal

“monumento” zampilla

acqua fresca per la gioia

di tutti i bimbi che vi trovano

refrigerio (quando ho

scattato la foto era estate

piena e il caldo era davvero

torrido!).

Antonio Sironi

nese” è un’espressione brasiliana.

Pag. 72: “er gibt seinen

Senf dazu” significa “aggiunge

la propria senape”. Pag. 125:

la scultura di Boccioni è solo

sui 20 cent italiani. Pag. 192:

le “salse” sono a Fiorano Modenese.

Pag. 216: la foto ritrae

un paleontologo. Pag.

222: il fossile fu trovato a Petraroia

da un collezionista del

Veronese; il fossile fu restituito

e non donato alla Soprintendenza.

Pag. 258-9: il palio di

Siena di luglio è stato vinto dalla

Pantera. Pag. 296: la foto

del funerale del semaforo a

Cattolica (Rn) è di Calandro;

Anagni è in provincia di Frosinone.

considerazione! L. F. ☎

Equivoci. Cartello in un

ferramenta: “qui chiavi

in 5 minuti”! SILVIO

GUARDIA.

02/2007 85

RUBRICHE


© Gruner und Jahr - Mondadori SpA

Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati.

Gruner und Jahr-Mondadori Spa

Gruner und Jahr-Mondadori SpA

Corso Monforte, 54 - 20122 Milano

Elaborazione ELEVER SRL

More magazines by this user
Similar magazines