Impianto PREVAIL™ Straight Cilindrico Superficie NanoTite - Biomax

biomax.it

Impianto PREVAIL™ Straight Cilindrico Superficie NanoTite - Biomax

LEADER MONDIALE DELLE

INNOVAZIONI IMPLANTARI

PREVAIL STRAIGHT

TECNOLOGIA PER IL MANTENIMENTO

DELL’OSSO CRESTALE


La tecnologia che aiuta a mantenere l’osso crestale e le altezze papillari

Morfologia:

L’impianto con tecnologia Prevail è disponibile nelle due diverse morfologie della gamma

Biomet 3i: cilindrico e conico.

Superficie:

La nanotecnologia ha consentito di sviluppare l’unica superficie che promuove il Bone

Bonding ® . La stabilità dell’impianto nella fase iniziale di guarigione è migliorata grazie a

NanoTite e alla morfologia della filettatura ICE.

Platform Switching:

Medializzazione della piattaforma protesica rispetto alla dimensione coronale della fixture.

Connessione Certain:

Mai come ora il collegamento tra l’impianto e il pilastro è affidabile e verificabile come con

la connessione interna Certain che caratterizza la piattaforma protesica della linea Prevail

Straight.

2

PREVAIL Straight

Impianto Prevail Cilindrico

Altezza del colletto 0,5 mm

Impianto Prevail Conico

Altezza del colletto 1,0 mm


Superficie NanoTite

NanoTite

Biomet 3i ha ottenuto dall’FDA nel 2007 la clearance

per poter affermare che gli impianti NanoTite

possono essere utilizzati con il carico immediato

in caso di edentulie singole e multiple in presenza

di una buona stabilità primaria e con carico

occlusale adeguato.

La superficie NanoTite aumenta di 3 volte la superficie di contatto disponibile rispetto

ad Osseotite ®

La superficie NanoTite è l’unica in grado di sviluppare il Bone Bonding (legame osseo).

3


Platform Switching

Il Platform Switching è una riduzione della piattaforma protesica rispetto al diametro

coronale dell’impianto.

L’impianto viene protesizzato con un pilastro di dimensione inferiore a quella del suo

diametro effettivo.

4

Millimetri

Posizionamento impianto

Diametro effettivo dell’impianto

Diametro del pilastro protesico

Riduzione della perdita ossea crestale

IMP. IBRIDO

Impronta 1

Protesi

Impronta 2

provvisoria

Protesi

definitiva

Studi clinici prospettici hanno dimostrato

che con gli impianti Prevail si verifica un

rimodellamento osseo medio di 0,65 mm

al momento del posizionamento del restauro

definitivo. Questo valore corrisponde a

meno della metà del rimodellamento osseo

verificatosi in precedenti studi con l’utilizzo

dei tradizionali impianti OsseoTite senza

Platform Switching.


Platform Switching

La medializzazione del pilastro protesico rispetto al profilo coronale dell’impianto consente il

mantenimento delle strutture ossee.

Platform

Switching

Platform

Switching

5


6

Dal mondo della nanotecnologia:

l’unica superficie che promuove il Bone Bonding®

1: Bone bonding at natural and biomaterial surfaces.

J.E. Davies.

Biomaterials 2007; 8(34):5058-67.

Bone Bonding 1 :

Le fasi di mineralizzazione

ossea promossa dalla superficie

NanoTite permettono

un’articolata (Bone Bonding ® )

interdigitazione della linea

cementante (Cement Line)

con una superficie strutturata

tridimensionalmente a livello

nanometrico. NanoTite è

l’unica superficie implantare in

grado di garantire il fenomeno

di Bone Bonding ® *.

Aumento del BIC 2 :

L’aumento di BIC riscontrato da uno studio

multicentrico randomizzato e controllato sull’uomo

è del 187% e del 148% in più con NanoTite se

paragonata ad OsseoTite ® , rispettivamente a 4

settimane e 8.

2: La nuova superficie implantare NanoTite e la neogenesi

ossea: studio prospettico randomizzato in doppio cieco

controllato con istomorfometria su modello umano.

R. Goenè, T. Testori, P. Trisi

Int J Periodontics Restorative Dent 2007; 27(3):211-9

*La superficie NanoTite è coperta dalla normativa brevettuale internazionale


Dal mondo della nanotecnologia:

l’unica superficie che promuove il Bone Bonding®

+129%

+500%

+121%

I. Nishimura, Y Huang, T

Ogawa, A lin, CJ Wang

V.C. Mendes, J.E. Davies

University of Toronto

V.C. Mendes, J.E. Davies

University of Toronto

I nanocristalli di fosfato di calcio discreti

apposti su di una superficie microtopografica

velocizzano l’osteointegrazione.

I nanocristalli di fosfato di calcio discreti

aumentano il fenomeno di Adesione Ossea

(Bone Bonding) delle superfici in titanio.

I nanocristalli di fosfato di calcio discreti

migliorano l’osteoconduzione su superfici

implantari Osseotite.

7


8

8

NanoTite: La superficie ideale per il carico immediato

80Ncm

60Ncm

40Ncm

BIC

Stabilità meccanica

Tempo

Tempo

Effetto biomeccanico

Soglia di micromovimento

Effetto biologico di NanoTite

NanoTite

Valori non in scala

Superficie ruvida

Valori non in scala

Superficie NanoTite e taglio ICE

• Alta stabilità primaria garantita dal taglio ICE

• La spira a profondità differenziata permette di ottenere alta stabilità in

tutti i tipi di osso evitando le compressioni laterali

• Le scalanature incrementali apicali favoriscono la direzionabilita dell’impianto

Un alto torque finale di inserimento (>50 Ncm)

di un impianto influenza positivamente la

stabilità primaria e aumenta il successo clinico

dell’impianto 1,2,3 ritardando il raggiungimento

della soglia dei micromovimenti durante la

fase di guarigione. Il tasso di velocità della

perdita della ritenzione meccanica coincide

con il tasso di riassorbimento osseo dovuto

all’azione osteoclastica.

1 Esposito M, Grusovin MG, Willings M, Coulthard P, Worthington HV.

The effectiveness of immediate, early, and conventional loading of dental

implants: a Cochrane systematic review of randomized controlled clinical trials.

Int J Oral Maxillofac Implants. 2007 Nov-Dec;22(6):893-904

2 Ottoni JM, Oliveira ZF, Mansini R, Cabral AM.

Correlation between placement torque and survival of single-tooth implants.

Int J Oral Maxillofac Implants. 2005 Sep-Oct;20(5):769-76.

3 Trisi P, Todisco M, Consolo U, Travaglino D.

High vs low insertion torque. A histologic and biomechanical in vivo study.

International Journal Oral Maxillofacial Implants (submitted for publication).

La superficie NanoTite garantisce una più

veloce guarigione dei tessuti ossei rispetto

a una superficie ruvida tradizionale ed

aumenta la soglia di tolleranza (micro-motion

threshold) ai micromovimenti 4,5,6 .

4 Szmukler-Moncler S, Salama H, Reingewirtz Y, Dubruille JH.

Timing of loading and effect of micromotion on bone-dental implant interface:

review of experimental literature.

J Biomed Mater Res. 1998 Summer;43(2):192-203.

5 R. Goenè, T. Testori, P. Trisi.

La nuova superficie implantare NanoTite e la neogenesi ossea: studio

prospettico randomizzato in doppio cieco controllato con istomorfometria su

modello umano. Int J Periodontics Restorative Dent 2007;27(3):211-9.

6 T. Traini, R. Celletti, G. Orsini, A. Scarano, S. Caputi.

Studio istologico e istomorfometrico randomizzato-controllato nella mascella

posteriore umana di impianti con cristalli nanometrici di fosfato di calcio

depositati su superficie trattata con doppia mordenzatura.

Journal Of Periodontology 2007; 78:209-218.


NanoTite: La superficie ideale per il carico immediato

80Ncm

60Ncm

40Ncm

Stabilità meccanica

80Ncm

60Ncm

40Ncm

Stabilità meccanica

Tempo

Tempo

Condizione non ottimale

Superficie ruvida

Soglia di micromovimento

Valori non in scala

Condizione ottimale

NanoTite

Soglia di micromovimento

Valori non in scala

Superficie NanoTite e taglio ICE

La soglia critica del micromovimento può

interferire con i protocolli di carico immediato.

Una superficie poco bioattiva (B) ed una

bassa stabilità primaria (1) aumentano la

zona di rischio.

La superficie NanoTite (A) ed una maggiore

stabilità primaria (2) riducono il rischio di

micromovimenti nella fase critica della

guarigione tra la seconda e la quarta

settimana.

• Riduzione dell’area di rischio durante le prime settimane di guarigione ossea

• I nanocristalli fungono da potente assorbente di fibronectina, velocizzando i processi iniziali

di riparazione ossea

• La tecnologia NanoTite consente di aumentare di tre volte la disponibilità tridimensionale

della superficie implantare rispetto alle tradizionali superfici irruvidite come OsseoTite ®

9

9


10

Stabilità primaria: taglio incrementale ICE

e spira a profondità differenziata

Il design ICE permette un taglio uniforme progressivo che

incrementa stabilità e controllo.

Stabilità primaria

Il particolare disegno delle scalanature apicali consente

di raccogliere il residuo osseo, procurato dall’azione

di taglio, compattandolo in modo da ottenere una

eccezionale stabilità primaria (fig. 1c).

Fig 1a

Impianto conico NanoTite.

Fig 2a

Impianto cilindrico NanoTite.

2

Fig 1b

Taglio incrementale ICE nella porzione apicale di un impianto

Conico NanoTite. Le aree 1, 2 e 3 sono contraddistinte da un

aumento progressivo della loro superficie di taglio.

1

2

3

4

Fig 2b

Taglio incrementale ICE a quattro scalanature nella porzione

apicale di un impianto cilindrico.

L’azione sincronizzata del taglio ICE, evidenziata dalle zone

1, 2, 3 e 4, permette all’impianto di essere direzionato con

facilità anche nei casi di forte sottopreparazione del sito.

Controllo dell’inserimento

Le scalanature incrementali apicali conferiscono

grande direzionabilità all’impianto durante l’inserzione

permettendo piccoli aggiustamenti di traiettoria durante

il posizionamento (fig. 1a, 1b, 2a, 2b).

1

3

visione apicale del taglio progressivo ICE

visione apicale del taglio progressivo ICE

visione longitudinale del taglio progressivo ICE

Fig 1c

Scalanature progressive ICE. Particolare della

ripartizione della scalanatura sulle spire apicali.

L’azione del taglio progressivo assicura penetrabilità

e grande stabilità primaria all’impianto.

visione longitudinale del taglio progressivo ICE

Fig 2c

Scalanature progressive ICE. Particolare della

ripartizione della scalanatura sulle spire apicali.

La porzione conica apicale dell’impianto cilindrico

offre una ottima stabilità in tutti i tipi di osso.


Stabilità primaria: taglio incrementale ICE

e spira a profondità differenziata

Taglio radiale

ll taglio radiale presente nella porzione apicale

dell’impianto ICE riduce la resistenza al taglio. Ogni

lama, tre nell’impianto conico e quattro in quello

cilindrico, è incrementale rispetto alla precedente.

Modulazione della stabilità primaria

L’impianto Conico NanoTite consente, tramite l’apposita

strumentazione chirurgica, di modulare la stabilità

primaria a seconda delle necessità cliniche.

La struttura della spira unita al design del corpo

implantare, cilindro su cono apicale, consentono di

stabilizzare l’impianto con valori di torque adeguati

in tutti i tipi di struttura ossea osso a seconda delle

esigenze di carico.

Spira a profondità differenziata

La spira dell’impianto Conico NanoTite ha un particolare

angolo di taglio che consente di affrontare ogni tipo

di densità ossea. L’estensione laterale della spira è a

profondità variabile. La porzione cilindrica dell’impianto

è caratterizzata da una spira poco accentuata per

evitare di danneggiare le compatte ossee. La porzione

conica apicale ha una spira aggressiva per ancorarsi

nelle strutture midollari (Fig. 3).

Conicità apicale

La struttura conica apicale, potenziata dal taglio ICE,

permette di direzionare l’impianto durante l’inserzione

stabilizzandone il posizionamento con estrema

precisione.

Fig 3

Particolare della porzione apicale di un impianto conico e della spira apicale differenziata profonda.

11


connessione CERTAIN ®

Attivazione delle componenti protesiche

Le alette della connessione Certain possono essere attivate e disattivate con l’apposito

strumento al fine di agevolare le procedure cliniche e di laboratorio.

IQSAO1

Attivazione/disattivazione delle alette della connessione Certain

Alette ATTIVATE Alette DISATTIVATE

12


connessione CERTAIN ®

Click sonoro

La connessione interna Certain è caratterizzata dalla conferma “sonora” dell’ avvenuto

accoppiamento delle componenti protesiche sull’impianto.

Le alette retrattili dei pilastri, una volta attivate, emettono un click sonoro a conferma

dell’avvenuto accoppiamento delle componenti.

13


Impianto PREVAIL Straight Cilindrico

Superficie NanoTite

14

Diametro protesico 3,4 mm Diametro protesico 4,1 mm

Diametro implantare 4,0 mm Diametro implantare 5,0 mm

NANOTITE

Lunghezza 4/3 mm 5/4 mm

8,5 mm NIIOS4385 NIIOS5385

10 mm NIIOS4310 NIIOS5310

11,5 mm NIIOS4311 NIIOS5311

13 mm NIIOS4313 NIIOS5313

15 mm NIIOS4315 NIIOS5315


Impianto PREVAIL Straight Conico

Superficie NanoTite

Diametro protesico

3,4 mm

Diametro implantare

4,0 mm

Diametro protesico

4,1 mm

Diametro implantare

5,0 mm

Diametro protesico

5,0 mm

Diametro implantare

6,0 mm

NANOTITE

Lunghezza 4/3 mm 5/4 mm

8,5 mm NIITP4385 NIITP5485

10 mm NIITP4310 NIITP5410

11,5 mm NIITP4311 NIITP5411

13 mm NIITP4313 NIITP5413

15 mm NIITP4315 NIITP5415

15


Utilizzo clinico Protocollo chirurgico

Impianti cilindrici

fresa spirale

2,0 mm

1200-1500

giri/min

NOTE - Impianti Cilindrici

fresa pilota

PD100

1200-1500

giri/min

fresa spirale

2,75 mm

(osso tenero)

3 mm

(osso medio)

3,25 mm

(osso denso)

preparatore

di spalla

ICD100

1200-1500

giri/min

Velocità raccomandata della fresa al disotto del diametro 4,25 mm è di 1200-1500 rpm

Velocità raccomandata della fresa del diametro 4,25 mm ed oltre è di 900 rpm

La velocità raccomandata per il posizionamento implantare è di 15-20 rpm

Il torque raccomandato di posizionamento è di 40-50 Ncm

16

Certain PREVAIL 4/3 mm

fresa

iniziale

ACTPSD

o RD100

Certain PREVAIL 5/4 mm

fresa

iniziale

ACTPSD

o RD100

Fresa spirale

2,0 mm

1200-1500

giri/min

Fresa pilota

PD100

1200-1500

giri/min

Fresa spirale

3,25 mm

1200-1500

giri/min

preparatore

di spalla

CD500

(ultimo passaggio

per osso tenero)

maschiatore

(osso denso)

TAP413

Fresa spirale

3,85 mm

(osso medio)

4,25 mm

(osso denso)

Connessione Interna

Vite di copertura

IMCSF34

maschiatore

(osso denso)

TAP53S

Vite di copertura

ICSF41


Utilizzo clinico Protocollo chirurgico

Impianti conici

fresa a punta

ACTPSD o

fresa rotonda

RD100

1200-1500

giri/min

fresa spirale

2,0 mm

1200-1500

giri/min

Connessione Interna

NOTE - Impianti Conici

fresa QSD

3,25 mm

1200-1500

giri/min

replica

NTDI

3,25 mm

fresa QSD

4 mm

1200-1500

giri/min

replica

NTDI

4 mm

vite di copertura

IMCSF34

preparatore di

spalla

ICD100

1200-1500

giri/min

fresa QSD

5 mm

1200-1500

giri/min

replica

NTDI

5 mm

vite di copertura

ICSF41

Velocità raccomandata delle frese sia cilindrica 2,0 mm che conica è di 1200-1500 giri/min

La velocità raccomandata per il posizionamento implantare è di 15-20 giri/min

Il torque raccomandato di posizionamento è di 40-50 Ncm

Si raccomanda l’uso del maschiatore dedicato in osso di qualità d1 - d 2

fresa QSD

6 mm

1200-1500

giri/min

replica

NTDI

6 mm

vite di copertura

ICSF50

17


Utilizzo clinico Protocollo chirurgico

Impianti Conici

Maschiatori per impianti Conici

Disponibili uno per ogni misura di impianto corrispondente, permettono di ottenere una

osteotomia precisa del sito ricevente in modo da evitare le compressioni soprattutto quando

si affrontano densità ossee di tipo I o di tipo II.

18


Connessione Certain ® 3,4 mm

Strumento per contrangolo

Fino a 35 Ncm

IMPDTS

IMPDTL

Strumento manuale per chiave cilindrica

Oltre 65 Ncm

IMRE100

IMRE200

NOTE

Connessione Certain ® 4,1-5,0-6,0 mm

Strumento per contrangolo

Fino a 35 Ncm

IIPDTS

IIPDTL

Strumento manuale per chiave cilindrica

Oltre 65 Ncm

IRE100

IRE200

Esagono piccolo Esagono grande

Impianto da

4,0 mm

Impianto da

5,0 mm

Impianto da

6,0 mm

Utilizzare lo strumento per contrangolo (IMPDTS/IMPDTL/IIPDTS/IIPDTL) fino ad un torque massimo di 35 Ncm. Laddove sia

necessario terminare l’inserimento dell’impianto con un torque maggiore si consiglia di utilizzare lo strumento manuale

(IMRE100/IMRE200/IRE100/IRE200).

19


Letteratura

Prevail Articles Summary

1. Chiche F. Espace biologique implantaire et esthétique. Le concept de Platform Switching.

Hors-Série Esthétique 2005;May (France).

2. Gardner DM. Platform Switching as a means to achieving implant esthetics. NY State Dent J.

2005;71:34-7.

3. Grunder U, Gracis S, Capelli M. Influence of the 3-D bone-to-implant relationship on esthetics.

Int J Periodontics Restorative Dent. 2005;25:113-9.

4. Baumgarten H, Cocchetto R, Testori T, Meltzer A, Porter S. A new implant design for crestal bone

preservation: initial observations and case report. Pract Proced Aesthet Dent. 2005;17:735-40.

5. Lazzara RJ, Porter SS. Platform switching: A new concept in implant dentistry for controlling

postrestorative crestal bone levels. Int J Periodontics Restorative Dent 2006;26:9-17

6. Vela - Nebot X, Rodríguez - Ciurana X, Rodado - Alonso C, Segalà-Torres M. Benefits of an implant

platform modification technique to reduce crestal bone resorption. Implant Dent 2006; Vol. 15, Nº 3:

313-319.

7. Calvo Guirado JL, Saez Yuguero MR, Pardo Zamora G, Muñoz Barrio E. Platform switching with a

new implant design. EDI Journal 2006; Vol.2 (2):52-58.

8. Fickl SM, Zuhr O., Wachtel H, Bolz W., Huerzeler M. Periimplant bone level around implants with

platform switched abutments. International Association for Dental Research Annual Meeting 2006

(Brisbane, Australia), Poster Presentation.

9. Calvo Guirado JL, Saez Yuguero MR, Pardo Zamora G. Achieving implant aesthetics with immediate

provisionalization on a new implant design to preserve crestal bone loss. Implant Dent (Submitted for

publication).

10. Calvo Guirado JL, Saez Yuguero MR, Pardo Zamora G. Immediate Restoration with Platform

Switching in Single Implants for Crestal Bone Preservation. A 12 month prospective study. (Submitted

for publication).

Biomax S.p.A.

via Zamenhof 615

36100 Vicenza

T 0444 913 410

F 0444 913 695

info@biomax.it

www.biomax.it

www.nanotite.it

More magazines by this user
Similar magazines