04.06.2013 Views

Sfoglia questo numero in formato pdf - Jesi e la sua valle

Sfoglia questo numero in formato pdf - Jesi e la sua valle

Sfoglia questo numero in formato pdf - Jesi e la sua valle

SHOW MORE
SHOW LESS

Create successful ePaper yourself

Turn your PDF publications into a flip-book with our unique Google optimized e-Paper software.

30<br />

<strong>in</strong> copert<strong>in</strong>a:<br />

32<br />

36 40<br />

42<br />

l’immag<strong>in</strong>e realizzata da Ezio Bartocci per il manifesto<br />

delle celebrazioni del<strong>la</strong> Biblioteca di <strong>Jesi</strong>. L’artista ha<br />

curato anche l’allestimento del<strong>la</strong> mostra al<strong>la</strong> Sa<strong>la</strong>ra.<br />

JESI E LA SUA VALLE - qu<strong>in</strong>dic<strong>in</strong>ale d’<strong>in</strong>formazione Direttore responsabile D<strong>in</strong>o<br />

Mogianesi, Direttore Ro<strong>la</strong>ndo Romagnoli, Caporedattore Mar<strong>in</strong>a Mar<strong>in</strong>i, Segretaria di<br />

redazione Samanta Vecci, Fotografia Augusto Giglietti, Grafica Elisabetta Carletti,<br />

Pubblicità Marco Focante, Amm<strong>in</strong>istrazione Pao<strong>la</strong> Perl<strong>in</strong>i - Gruppo Editoriale Informazione<br />

soc. coop. - sede, direzione, redazione, amm<strong>in</strong>istrazione e pubblicità via Petrucci 11 <strong>Jesi</strong><br />

(An) - www.jesie<strong>la</strong><strong>sua</strong><strong>valle</strong>.it - e.mail redazione@jesie<strong>la</strong><strong>sua</strong><strong>valle</strong>.it - tel 0731/4855 -<br />

fax 0731/209128 - stampa Tj, <strong>Jesi</strong> - associato a: Unione Stampa Periodica Italiana Reg.<br />

trib. di Ancona n. 262/62 del 9.11.1962 - spedizione <strong>in</strong> abbon. postale una copia e 2,00<br />

(arretrata e 4,00) • abbonamento annuale e 35,00 • estero e 80,00 • sostenitore<br />

e 70,00 - C/c postale 12544607 <strong>in</strong>testato a: Gruppo Editoriale Informazione soc. coop. via<br />

Petrucci 11 <strong>Jesi</strong> - Consiglio di Amm<strong>in</strong>istrazione: presidente Marcello Focante, vice presidente<br />

Ro<strong>la</strong>ndo Romagnoli, consiglieri: Elisabetta Carletti, Mar<strong>in</strong>a Mar<strong>in</strong>i, D<strong>in</strong>o Mogianesi<br />

sommario<br />

4<br />

8<br />

26<br />

30<br />

32<br />

36<br />

38<br />

40<br />

42<br />

45<br />

FUORISERA<br />

a cura di pao<strong>la</strong> ponzetti<br />

EDITORIALE:<br />

FESTA MOBILE<br />

di d<strong>in</strong>o mogianesi<br />

CI METTONO LA FACCIA<br />

di ro<strong>la</strong>ndo romagnoli<br />

IL PUNTO SULLE ELEZIONI<br />

di f<strong>la</strong>vio donati<br />

SINDACO, PERCHÉ HA FIRMATO?<br />

di ro<strong>la</strong>ndo romagnoli<br />

CRISI E INDUSTRIA IN VALLESINA<br />

di chiara cascio<br />

DALL’ALTARE ALLA POLVERE, E<br />

RITORNO<br />

di ugo borioni<br />

DOPPIO COMPLEANNO PER LA<br />

PLANETTIANA<br />

di paolo terment<strong>in</strong>i<br />

LA SALVATRICE<br />

di gloria fiorent<strong>in</strong>i<br />

DECOLLI E ATTERRAGGI<br />

di fabrizio romagnoli<br />

UNA BREVE ED ESALTANTE<br />

AVVENTURA<br />

di nico<strong>la</strong> di francesco


4 FUORISERA FLASH<br />

a cura di pao<strong>la</strong> ponzetti<br />

Gli “Incontri ravvic<strong>in</strong>ati del terzo piano” di<br />

Lucia Fraboni al Teatro Pergolesi<br />

Domenica 14 marzo,<br />

alle ore 21.15, andrà <strong>in</strong><br />

scena al Teatro Pergolesi<br />

di <strong>Jesi</strong> lo spettacolo<br />

di cabaret Incontri ravvic<strong>in</strong>ati<br />

del terzo piano,<br />

scritto e <strong>in</strong>terpretato da<br />

Lucia Fraboni. Al terzo<br />

piano di un condom<strong>in</strong>io<br />

di Chiara<strong>valle</strong> avvengono<br />

strani fenomeni... Si<br />

occupa del caso il TG<br />

Spazio Marche che sgu<strong>in</strong>zaglia dapprima degli <strong>in</strong>viati molto<br />

speciali, Le Iene e poi il reporter Francesco Favi, <strong>in</strong>caricato di<br />

<strong>in</strong>dagare presso i condom<strong>in</strong>i di quel pa<strong>la</strong>zzo e far luce sul<strong>la</strong><br />

vicenda. Qui <strong>in</strong>contrerà una serie di personaggi imprevedibili,<br />

tutti <strong>in</strong>terpretati da Lucia Fraboni, arrivando a sve<strong>la</strong>re il<br />

mistero <strong>in</strong> un crescendo di gags.<br />

Paolo Rossi al Teatro La Fenice di<br />

Senigallia con “Verso Mistero buffo”<br />

Capo<strong>la</strong>voro di Dario Fo del<br />

1969, per il quale l’attore-regista-drammaturgo<br />

ha anche<br />

ottenuto il Premio Nobel per <strong>la</strong><br />

letteratura nel 1997, Mistero<br />

buffo torna a teatro <strong>in</strong> una<br />

nuova versione def<strong>in</strong>ita “pop”<br />

dal suo nuovo <strong>in</strong>terprete: Paolo<br />

Rossi sarà <strong>in</strong>fatti al Teatro La<br />

Fenice di Senigallia mercoledì<br />

17 marzo (ore 21). L’attore mi<strong>la</strong>nese, giul<strong>la</strong>re che da tempi<br />

non sospetti raccoglie i malumori del popolo nei confronti di<br />

chi detiene il potere, riceve idealmente questa importante<br />

eredità (che vede <strong>la</strong> consulenza artistica e <strong>la</strong> supervisione di<br />

Fo), attualizzando i contenuti del suo spettacolo nel rispetto<br />

del<strong>la</strong> tradizione e del<strong>la</strong> carica dissacrante orig<strong>in</strong>aria.<br />

“Canto popo<strong>la</strong>re” di Pier Paolo Pasol<strong>in</strong>i<br />

a Montecarotto con Maddalena Crippa<br />

Progetto teatrale e musicale ispirato<br />

all’opera di uno dei più grandi scrittori<br />

del ’900 italiano, Canto popo<strong>la</strong>re. Parole<br />

e suoni per Pier Paolo Pasol<strong>in</strong>i è un<br />

<strong>in</strong>contro s<strong>in</strong>ergico tra tre diverse personalità<br />

artistiche: Maddalena Crippa si<br />

veste dell’opera e del pensiero di Pasol<strong>in</strong>i<br />

mettendone a nudo <strong>la</strong> sconvolgente<br />

densità poetica. Sarà al Teatro Comunale<br />

di Montecarotto, sabato 13<br />

marzo ore 21, all’<strong>in</strong>terno del<strong>la</strong> rassegna<br />

Scompag<strong>in</strong>a/3. Sul palco anche le chitarre di Paolo<br />

Schianchi che si avvarrà dell’Octopus, un sistema elettroacustico<br />

di <strong>sua</strong> creazione che permette ad un unico <strong>in</strong>terprete di<br />

suonare con mani e piedi contemporaneamente più chitarre,<br />

con il risultato di un gioco sonoro di note, ritmi e movimenti<br />

che si <strong>in</strong>trecciano, si <strong>in</strong>seguono, si moltiplicano e si sovrappongono,<br />

tutti rigorosamente eseguiti dal vivo.<br />

GLI EVENTI...<br />

da sabato 6 a domenica 14 marzo<br />

A <strong>Jesi</strong> (Pa<strong>la</strong>zzo dei Convegni), IN FORME, mostra di dip<strong>in</strong>ti e<br />

disegni <strong>in</strong> chiave figurativa e <strong>in</strong>formale di Luigi Cioli e Massimo<br />

Melchiorri; ore 10-13 e 17-20<br />

da sabato 27 febbraio a domenica 21 marzo<br />

Ad Ancona (Mole Vanvitelliana), LE MANI, LE ALI, 30 artisti<br />

per Carlo Urbani, mostra d’arte e cultura solidale; orario 17.30-<br />

20, sabato e domenica anche matt<strong>in</strong>o 10.30-13, lunedì chiuso<br />

da mercoledì 3 marzo a domenica 9 maggio<br />

Ad Ancona (Mole Vanvitelliana), L’EPOCA D’ORO DELLE<br />

ICONE UCRAINE XVI-XVIII SEC., a cura di Serhiy Krolevets<br />

e Giovanni Morello; orario mar.-ven. 15.30-19.30, sab.-dom.<br />

anche matt<strong>in</strong>o 10-13, <strong>in</strong>gresso gratuito<br />

da lunedì 8 marzo a domenica 23 maggio<br />

A Falconara (Pa<strong>la</strong>zzo Pergoli, p.zza Mazz<strong>in</strong>i), SANTE MONA-<br />

CHESI A PARIGI, mostra a cura di Stefano Papetti e Stefano<br />

Tonti; orario mar.-gio. 9.30-18.30, ven. 9.30-13.30, sab.-dom.<br />

16.30-19.30, altri giorni su prenotazione tel. 071 9177522-526<br />

GLI APPUNTAMENTI...<br />

Sabato 13 marzo<br />

A <strong>Jesi</strong> (Teatro Studio Moriconi), CONCERTO PER VIOLINO,<br />

PIANOFORTE, VOCE, a cura degli Amici del<strong>la</strong> Musica G.B.<br />

Pergolesi di <strong>Jesi</strong>, con Fabrizio De Melis (viol<strong>in</strong>o), Fabiana<br />

Bias<strong>in</strong>i (pianoforte), Andrea Ferreira (soprano), musiche di<br />

Strav<strong>in</strong>sky, Pergolesi e Bartok; ore 17.30<br />

A <strong>Jesi</strong> (Teatro Studio Moriconi), ARMONIE TRA CIELO E<br />

TERRA, musiche di G.B. Pergolesi e D. Zipoli, direttore Alfredo<br />

Sorichetti, Orchestra e Coro del ’700 Italiano; ore 21<br />

A San Marcello (Teatro Ferrari), per <strong>la</strong> stagione teatrale 2009-<br />

2010, PERGOLESI “A DOMICILIO”, di S. Sbarbati, monologhi e<br />

dialoghi dedicati a G.B. Pergolesi nel 3° centenario del<strong>la</strong> nascita,<br />

<strong>in</strong> col<strong>la</strong>borazione con <strong>la</strong> Compagnia La Barcaccia di <strong>Jesi</strong>; ore 21,<br />

replica il 20 marzo (ore 21) al Teatro Comunale di Montecarotto<br />

A Montecarotto (Teatro Comunale), per <strong>la</strong> rassegna Scompag<strong>in</strong>a/3,<br />

CANTO POPOLARE, Parole e suoni per Pier Paolo Pasol<strong>in</strong>i,<br />

con Maddalena Crippa, musiche di Paolo Schianchi; ore 21<br />

Domenica 14 marzo<br />

A <strong>Jesi</strong> (Chiesa S. Giovanni Battista), per <strong>la</strong> rassegna Musica<br />

Praecentio, IN LAETARE, con Elena So<strong>la</strong>i (f<strong>la</strong>uto) e il coro Card<strong>in</strong>al<br />

Petrucci di <strong>Jesi</strong>, direttore all’organo Mariel<strong>la</strong> Martelli, musiche<br />

di Sant<strong>in</strong>i, Caldara, Lotti, Guami; ore 11, <strong>in</strong>gresso libero<br />

A Fabriano (Teatro Gentile), per <strong>la</strong> 10ª rassegna teatro ragazzi,<br />

ALI BABA E I 40 LADRONI, con <strong>la</strong> Compagnia Fratelli di<br />

Taglia di Riccione; ore 17<br />

Ad Ancona (Teatro delle Muse), RECITAL DI CANTO, con il<br />

baritono Nmon Ford, v<strong>in</strong>citore del Premio Internazionale<br />

Franco Corelli; ore 17.30<br />

A <strong>Jesi</strong> (Teatro Pergolesi), INCONTRI RAVVICINATI DEL<br />

TERZO PIANO, spettacolo di cabaret scritto e <strong>in</strong>terpretato da<br />

Lucia Fraboni, con <strong>la</strong> partecipazione di Francesco Favi; ore 21<br />

Martedì 16 marzo<br />

A <strong>Jesi</strong> (Cattedrale di San Settimio), per le Celebrazioni per i<br />

300 anni del<strong>la</strong> nascita di G.B. Pergolesi, MUSICHE PER LA<br />

PASSIONE, musiche di Vivaldi, Händel, Ferrad<strong>in</strong>i, Pergolesi,<br />

con il soprano Yetzabel Arias Fernandez, mezzosoprano Lucia<br />

Cirillo, direttore Fabio Bonizzoni, La Risonanza, <strong>in</strong>gresso libero<br />

con prenotazione f<strong>in</strong>o ad esaurimento disponibilità; ore 21<br />

A Montemarciano (Teatro Alfieri), per <strong>la</strong> rassegna Le strade<br />

del Jazz 2010, STANLEY COWELL TRIO; ore 21.15, <strong>in</strong>gresso<br />

gratuito con apertura teatro dalle ore 20.30<br />

Mercoledì 17 marzo<br />

A <strong>Jesi</strong> (Galleria degli Stucchi di Pa<strong>la</strong>zzo Pianetti), per gli<br />

Incontri di Storia dell’Arte <strong>in</strong> P<strong>in</strong>acoteca 2010, INCURSIONI<br />

DI GUSTO: PRESENZE DI CIBO NELL’ARTE CONTEMPO-


RANEA, con Simona Card<strong>in</strong>ali, al term<strong>in</strong>e “f<strong>in</strong>ger food... a<br />

colori” a cura dell’Orto Antico di Montemarciano; ore 18.30<br />

A Senigallia (Teatro La Fenice), per <strong>la</strong> stagione unica di teatrodanza-musica,<br />

VERSO MISTERO BUFFO, di Dario Fo, con<br />

Paolo Rossi; ore 21<br />

Giovedì 18 marzo<br />

A Moie di Maio<strong>la</strong>ti Spont<strong>in</strong>i (Biblioteca La Fornace), per <strong>la</strong> rassegna<br />

Scrittori leggono scrittori, ERALDO AFFINATI LEGGE<br />

SILVIO D’ARZO, Penny Wirton e <strong>sua</strong> madre; ore 18<br />

A <strong>Jesi</strong> (Teatro Pergolesi), per <strong>la</strong> stagione teatrale 2009-2010,<br />

LA STRANA COPPIA, di N. Simon, con Mariange<strong>la</strong> D’Abbraccio<br />

ed Elisabetta Pozzi, regia Francesco Tavassi; ore 21, replica<br />

il 19 marzo ore 21<br />

Ad Ancona (Lascensore), per il Social Music Festival Zap Juice,<br />

SKYLINE BLUES BAND; ore 22, <strong>in</strong>gresso libero<br />

Venerdì 19 marzo<br />

Ad Ancona (Teatro delle Muse), per <strong>la</strong> stagione operistica 2009-<br />

2010, DON GIOVANNI, dramma giocoso <strong>in</strong> due atti K527,<br />

poesia di Lorenzo Da Ponte, musiche di Mozart, con Nmon<br />

Ford, Andrea Concetti, Myrtò Papatanasiu, Carme<strong>la</strong> Remigio;<br />

ore 20.30, replica il 21 marzo ore 16<br />

A <strong>Jesi</strong> (Hem<strong>in</strong>gway Café), per il Social Music Festival Zap Juice,<br />

GRASSI EVANGELISTA DUO; ore 21.30, <strong>in</strong>gresso libero<br />

Sabato 20 marzo<br />

A <strong>Jesi</strong> (Teatro Pergolesi), per <strong>la</strong> 7ª rassegna di teatro amatoriale<br />

<strong>in</strong> vernacolo jes<strong>in</strong>o Lo Sberleffo, I PASTROCCHI DE<br />

NONNO PIE’, commedia bril<strong>la</strong>nte <strong>in</strong> due atti di Eriodante<br />

Domizioli, con <strong>la</strong> Compagnia teatro amatoriale El Passì, regia<br />

Walter Ricci; ore 21, replica il 21 marzo ore 17<br />

A Fabriano (Teatro Gentile), per <strong>la</strong> stagione di prosa 2009-2010,<br />

PINTURAS. IL FLAMENCO RACCONTA PICASSO, del<strong>la</strong><br />

Compagnia F<strong>la</strong>menQueVive, coreografie e regia di Gianna Raccagni;<br />

ore 21, replica il 21 marzo ore 17<br />

Domenica 21 marzo<br />

A Senigallia (Rotonda a Mare), per <strong>la</strong> stagione unica di teatrodanza-musica,<br />

NEVE, La magia del<strong>la</strong> musica, l’<strong>in</strong>canto del<strong>la</strong><br />

paro<strong>la</strong>, di e con Carlo Fava (voce), Cesare Picco (pianoforte) e<br />

Danilo Rossi (vio<strong>la</strong>); ore 17<br />

A Cor<strong>in</strong>aldo (Teatro Goldoni), per <strong>la</strong> rassegna Le strade del<br />

Jazz 2010, GARY THOMAS QUARTET; ore 19, <strong>in</strong>gresso gratuito<br />

con consegna titoli d’<strong>in</strong>gresso dalle ore 18.30<br />

Giovedì 25 marzo<br />

A <strong>Jesi</strong> (Teatro Moriconi), per <strong>la</strong> rassegna Scompag<strong>in</strong>a/3, UN NO-<br />

MADISMO SENZA ECCEZIONE: SONIA ANTINORI, di Luca<br />

Celidoni, presentazione del volume del<strong>la</strong> col<strong>la</strong>na Teatro di Marca<br />

dedicata all’autrice dello spettacolo Werther Project; ore 18<br />

A Maio<strong>la</strong>ti Spont<strong>in</strong>i (Teatro Spont<strong>in</strong>i), per <strong>la</strong> rassegna Scompag<strong>in</strong>a/3,<br />

MORSO DI LUNA NUOVA, racconto per voci <strong>in</strong> tre<br />

stanze di Erri De Luca, con Giovanni Esposito, Anna Ferruzzo,<br />

Antonio Marfel<strong>la</strong>, Luna Romani, Giampiero Schiano, Antonio Spadaro,<br />

Simone Spirito, P<strong>in</strong>o Tufil<strong>la</strong>ro, regia Giancarlo Sepe; ore 21<br />

A <strong>Jesi</strong> (Teatro Pergolesi), FESTA GRANDE DI APRILE, di<br />

Franco Antonicelli, riduzione e adattamento per il palcoscenico<br />

di Silvia Bertolotto e Gian Franco Berti, con il Teatrotello e<br />

Gli Onafifetti; ore 21.15<br />

Venerdì 26 marzo<br />

A <strong>Jesi</strong> (Cafè Imperiale), per il Social Music Festival Zap Juice,<br />

COOL VILLAGE QUINTET; ore 19.30 e 22, <strong>in</strong>gresso libero<br />

A Monte San Vito (Teatro La Fortuna), per <strong>la</strong> stagione teatrale<br />

2009-2010, FACCE DI BRONZO, spettacolo comico di e<br />

con Grazia Scuccimarra; ore 21<br />

Ad Ancona (Teatro delle Muse), per <strong>la</strong> stagione concertistica<br />

2009-2010, RUDOLF BUCHBINDER - ORCHESTRA FILAR-<br />

MONICA MARCHIGIANA, musiche di Haydn, Mozart,<br />

Beethoven; ore 21<br />

Aggiornamenti e approfondimenti su www.jesie<strong>la</strong><strong>sua</strong><strong>valle</strong>.it<br />

“La strana coppia” di Neil Simon con<br />

Pozzi-D’Abbraccio<br />

Doppio appuntamento, giovedì<br />

18 e venerdì 19 marzo<br />

alle ore 21 al Teatro Pergolesi,<br />

con La strana coppia<br />

di Neil Simon. A portare <strong>in</strong><br />

palcoscenico <strong>la</strong> commediacapo<strong>la</strong>voro<br />

del drammaturgo<br />

statunitense, due bril<strong>la</strong>nti ed<br />

affiatate attrici come Elisabetta Pozzi e Mariange<strong>la</strong> D’Abbraccio,<br />

con <strong>la</strong> regia di Francesco Tavassi. La vicenda del<strong>la</strong><br />

commedia ha un’ambientazione nel presente, «per meglio comunicare<br />

l’attualità delle situazioni – spiega il regista – e per<br />

favorire quel processo di simpatica immedesimazione che<br />

spesso si <strong>in</strong>nesca nel pubblico».<br />

La Napoli del<strong>la</strong> seconda guerra mondiale<br />

<strong>in</strong> “Morso di luna nuova” di Erri De Luca<br />

Tratto dal testo di Erri De Luca,<br />

Morso di luna nuova affronta il<br />

periodo tragico vissuto dai napoletani<br />

durante <strong>la</strong> seconda<br />

guerra mondiale, quando <strong>la</strong> città<br />

era stretta tra i rastrel<strong>la</strong>menti<br />

dei tedeschi e i bombardamenti<br />

degli alleati, <strong>in</strong> quell’estate<br />

del 1943 che culm<strong>in</strong>ò con<br />

l’<strong>in</strong>surrezione popo<strong>la</strong>re delle<br />

Quattro Giornate di Napoli. La rappresentazione sarà <strong>in</strong> scena<br />

al Teatro Spont<strong>in</strong>i di Maio<strong>la</strong>ti, giovedì 25 marzo alle ore 21,<br />

all’<strong>in</strong>terno del<strong>la</strong> rassegna Scompag<strong>in</strong>a/3. La regia è di Giancarlo<br />

Sepe, che spiega: «Il cuore dello spettacolo è <strong>questo</strong>:<br />

una Napoli prima distratta, <strong>in</strong> cui ognuno pensa ai fatti suoi, e<br />

che quando però identifica un male che può aggredir<strong>la</strong>, ecco<br />

scattare una solidarietà <strong>in</strong>credibile, quel legame speciale che<br />

rende forte il suo popolo».<br />

5


FOCARELLI<br />

<strong>Jesi</strong> - corso Matteotti 40 - tel. 0731/207195


Voce del lettore<br />

CI RISIAMO!<br />

Via XX Settembre, <strong>in</strong> fondo,<br />

<strong>in</strong> prossimità dell’<strong>in</strong>crocio<br />

con via del Mol<strong>in</strong>o.<br />

I balconi di alcune abitazioni<br />

vengono ripetutamente<br />

urtati dai camion<br />

che si trovano a transitare<br />

<strong>in</strong> questa stretta via con<br />

conseguente pericolo per<br />

le persone e danno per le<br />

cose.<br />

Vorremmo <strong>in</strong>vitare l’amm<strong>in</strong>istrazione<br />

comunale a<br />

prendere provvedimenti<br />

risolutivi.<br />

L’ultima di Woodstock<br />

PANCHINE<br />

O ROTTAMI?<br />

I giard<strong>in</strong>i di via Pucc<strong>in</strong>i (a<br />

<strong>Jesi</strong>, zona Erbarel<strong>la</strong>) specialmente<br />

le panch<strong>in</strong>e, o quello<br />

che ne è rimasto, versano <strong>in</strong><br />

condizioni pessime. Sono <strong>in</strong>utilizzabili<br />

e soprattutto pericolose<br />

per i frequentatori<br />

del parco. Visto l’imm<strong>in</strong>ente<br />

arrivo del<strong>la</strong> bel<strong>la</strong> stagione è<br />

possibile aggiustarle, o meglio<br />

ancora, sostituirle?<br />

LETTERE<br />

7


8 EDITORIALE<br />

di d<strong>in</strong>o mogianesi<br />

Festa mobile<br />

Confesso che f<strong>in</strong>o a qualche giorno fa, cercavo delle<br />

ragioni valide per conv<strong>in</strong>cermi che avrei fatto bene a<br />

disertare le urne. O ad annul<strong>la</strong>re <strong>la</strong> scheda con qualche<br />

frase acida, per manifestare il mio disappunto per tutta<br />

una serie di disillusioni e rabbie accumu<strong>la</strong>te negli anni.<br />

Non parlo solo del clima politico avvelenato di queste<br />

ultime ore, <strong>in</strong> merito ai ritardi nel<strong>la</strong> presentazione delle<br />

liste <strong>in</strong> alcune regioni italiane e di tutto il re<strong>la</strong>tivo contorno<br />

di polemiche. Parlo dei tanti problemi irrisolti sia a<br />

livello nazionale che regionale, visto che <strong>la</strong> tornata elettorale<br />

riguarda, per noi, il governo del<strong>la</strong> nostra terra.<br />

Parlo dei problemi dell’economia, del<strong>la</strong> disoccupazione,<br />

che getta nel<strong>la</strong> disperazione cent<strong>in</strong>aia, migliaia di famiglie<br />

e che snerva <strong>la</strong> giov<strong>in</strong>ezza dei nostri figli. Mi riferisco ai<br />

temi dell’ecologia, del<strong>la</strong> salute, dell’ambiente, del<strong>la</strong> scuo<strong>la</strong>,<br />

dello stato sociale, dei servizi, del<strong>la</strong> emigrazione…<br />

Nell’<strong>in</strong>contro al<strong>la</strong> fondazione “A. Colocci”, il filosofo<br />

Salvatore Natoli, nel<strong>la</strong> <strong>sua</strong> diagnosi del<strong>la</strong> contemporaneità,<br />

sottol<strong>in</strong>eava il fatto che <strong>questo</strong> nostro tempo è<br />

caratterizzato dal sentimento di una emergenza cont<strong>in</strong>ua.<br />

Siamo tutti assorbiti completamente da un cont<strong>in</strong>uo<br />

presente; siamo schiacciati sull’istante, senza avere<br />

più un aggancio con il passato, con <strong>la</strong> memoria, le<br />

tradizioni. Succhiamo il presente con un’avidità che ci<br />

fa cercare di cont<strong>in</strong>uo brividi, novità, esperienze.<br />

Frastornati da mille impulsi, i giovani, e non solo loro,<br />

sono immersi <strong>in</strong> una frenesia di sensazioni sempre da<br />

r<strong>in</strong>novare per provare una scossa cont<strong>in</strong>ua. Una festa<br />

mobile, che brucia energia e <strong>la</strong>scia spossati.<br />

Il tempo si condensa nell’istante presente e scompare<br />

sia <strong>la</strong> dimensione del passato sia il futuro. Come il pas-<br />

sato si dissolve <strong>in</strong> un nul<strong>la</strong> di memoria, così il futuro<br />

evapora nel<strong>la</strong> nebbia di un presente senza meta. Di<br />

fronte alle nuove generazioni, si aprono prospettive<br />

amplissime, delle opportunità immense: il giovane può<br />

aspirare a tutto. Un tutto tanto vasto da rasentare il<br />

niente. È così grande lo spazio da riempire che può<br />

venire <strong>la</strong> vertig<strong>in</strong>e del vuoto. E se il giovane non riesce<br />

a realizzarsi, si sentirà <strong>in</strong>adatto, <strong>in</strong>adeguato, perdente.<br />

È così immenso il futuro, che ogni realizzazione pratica<br />

sarà sempre una limitazione, <strong>in</strong> def<strong>in</strong>itiva una sconfitta.<br />

Allora, tanto vale spremere il presente, restando<br />

nel limbo delle possibilità <strong>in</strong>espresse. Un presente che<br />

si può percorrere <strong>in</strong> lungo e <strong>in</strong> <strong>la</strong>rgo senza remore e<br />

senza responsabilità, <strong>in</strong> una libertà senza limiti, ma<br />

senza senso perché priva di una prospettiva reale. Si<br />

vive di riflessi condizionati, di spot. Ogni ragionamento<br />

è possibile e, mancando un progetto ed una prospettiva,<br />

è sempre tutto vero e sempre tutto falso nello<br />

stesso momento. La promessa di questa matt<strong>in</strong>a può<br />

essere revocata stasera senza rimorsi: se tutto è presente,<br />

<strong>la</strong> coerenza non ha senso.<br />

Per le generazioni precedenti, sosteneva il prof. Natoli,<br />

il futuro era pieno di un progetto di liberazione. Il presente<br />

era <strong>in</strong>digesto, ma il futuro avrebbe riservato,<br />

f<strong>in</strong>almente, <strong>la</strong> realizzazione dell’utopia. L’avvenire si<br />

presentava radioso, libero da condizionamenti, a portata<br />

di mano. L’avvenire avrebbe recato con sé <strong>la</strong> rivoluzione<br />

del bene contro il male, contro tutti i mali. Mali<br />

enormi, gravi, decisivi, facilmente comprensibili, pur<br />

nel<strong>la</strong> loro semplicità. Il male era facile da riconoscere<br />

e <strong>la</strong> <strong>sua</strong> natura di limite era condivisa da una massa di<br />

gente e di giovani che <strong>la</strong>voravano <strong>in</strong>sieme, nel loro<br />

progetto possibile, ognuno con le propri canzoni: <strong>la</strong><br />

gioventù cattolica era <strong>in</strong> camm<strong>in</strong>o; il popolo andava<br />

avanti, al<strong>la</strong> riscossa, verso <strong>la</strong> primavera; il popolo unito<br />

sarebbe stato <strong>in</strong>v<strong>in</strong>cibile; davanti splendeva il sol dell’avvenire...<br />

Qualcuno, più dis<strong>in</strong>cantato, aveva qualche<br />

sospetto che le cose sarebbero andate un po’ per le<br />

lunghe, che <strong>la</strong> strada sarebbe stata un po’ più accidentata<br />

del previsto. Ma c’era <strong>la</strong> speranza.<br />

Ascoltando le parole del prof. Natoli mi chiedevo: ma<br />

se il presente di oggi, tutt’altro che radioso, è il futuro<br />

che pensavamo ieri, cos’è andato storto? Quando e<br />

dove abbiamo sbagliato strada? Dov’è quel maledetto<br />

bivio di fronte quale, non sapendo che fare, abbiamo<br />

<strong>la</strong>sciato le briglie sul collo del<strong>la</strong> bestia per ritrovarci<br />

qui, dove non volevamo?<br />

Questo è il mondo? Questi / i diletti, l’amor, l’opre, gli<br />

eventi, / onde cotanto ragionammo <strong>in</strong>sieme?<br />

Di fronte al<strong>la</strong> realtà, al vero, viene <strong>la</strong> tentazione di <strong>la</strong>sciar<br />

perdere, come bamb<strong>in</strong>i viziati, perché <strong>la</strong> divaricazione tra<br />

le attese e <strong>la</strong> realtà è troppo ampia. Ma ritengo che bisogna<br />

sempre provarci, conservare un capitale di futuro, un<br />

pezzo di speranza. Anche quando <strong>la</strong> speranza deve<br />

coniugarsi con <strong>la</strong> pazienza. L’unica via d’uscita, sosteneva<br />

Natoli, è l’esercizio del<strong>la</strong> virtù. Francamente, mi sembra<br />

una ricetta giusta, <strong>in</strong> assoluto, ma un po’ impopo<strong>la</strong>re<br />

ed <strong>in</strong>attuale. Eppure, è da provar<strong>la</strong>. E così, mi metterò<br />

<strong>in</strong> fi<strong>la</strong> per esercitare il diritto-dovere di votare.


di ro<strong>la</strong>ndo romagnoli<br />

Ci mettono <strong>la</strong><br />

faccia<br />

Se uno fa fatica a ritrovarsi nel tempo attuale e guarda<br />

al passato con una certa nostalgia, probabilmente<br />

sta <strong>in</strong>vecchiando. Forse per me è così. Però mi conso<strong>la</strong><br />

il fatto che un sondaggio pubblicato da un giornale<br />

qualche giorno fa rilevava che, <strong>in</strong> Italia, solo l’8 per<br />

cento dei cittad<strong>in</strong>i nutre una qualche fiducia nei partiti,<br />

con un certo rimpianto per quelli che furono i partiti<br />

del<strong>la</strong> prima repubblica (Dc, Pci, Psi). Il che è tutto<br />

dire. Circa <strong>la</strong> metà degli italiani pensa che i partiti di<br />

oggi sono peggio di quelli di una volta, meno del<strong>la</strong><br />

metà quelli che <strong>la</strong> pensano diversamente.<br />

Ora c’è <strong>la</strong> campagna elettorale per il r<strong>in</strong>novo dei consigli<br />

regionali e lo spettacolo di questi ultimi giorni è<br />

stato avvilente, mai <strong>la</strong> nostra repubblica aveva toccato<br />

valori di democrazia così bassi. Addirittura, con <strong>la</strong> scusa<br />

del<strong>la</strong> par condicio, si è deciso di impedire il confronto<br />

sul<strong>la</strong> grave situazione <strong>in</strong> cui si trova il Paese, <strong>in</strong><br />

tutti i campi. Basta qualche servizio televisivo ben fatto<br />

per verificare lo stato del<strong>la</strong> nostra economia, del<strong>la</strong> giustizia,<br />

del<strong>la</strong> scuo<strong>la</strong>, del<strong>la</strong> sanità, dei trasporti, del<strong>la</strong> del<strong>in</strong>quenza<br />

organizzata, degli scandali. Del<strong>la</strong> moralità<br />

del<strong>la</strong> nazione! Mentre scrivo sto seguendo una trasmissione<br />

sul<strong>la</strong> differenza dell’uso che si fa delle energie<br />

r<strong>in</strong>novabili <strong>in</strong> Germania e <strong>in</strong> Italia, i nostri ritardi, <strong>la</strong><br />

burocrazia, l’<strong>in</strong>efficienza, noi che siamo <strong>la</strong> terra del sole.<br />

Fa rabbia vedere queste cose.<br />

Una provocatoria proposta è stata presentata da un<br />

signore nel<strong>la</strong> rubrica delle lettere di un giornale nazio-<br />

nale. La Rai trasmette sempre più programmi di bassa<br />

qualità, molti ormai preferiscono le Tv a pagamento.<br />

Restano di un certo <strong>in</strong>teresse alcune trasmissioni di<br />

approfondimento, di diversa impostazione, che però per<br />

un mese sono soppresse per non <strong>in</strong>fluenzare <strong>la</strong> campagna<br />

elettorale. Quel lettore ha deciso, il prossimo anno,<br />

di non pagare l’<strong>in</strong>tero canone, ma di pagarne solo gli<br />

undici dodicesimi.<br />

Voglio fare alcune considerazioni, sulle quali qualcuno<br />

non sarà d’accordo, ma sulle quali <strong>in</strong>vito i lettori a riflettere.<br />

La prima riguarda il modo <strong>in</strong> cui si svolgono da tempo<br />

le campagne elettorali, un sistema che non condivido,<br />

forse perché, appunto, sto <strong>in</strong>vecchiando e non riesco<br />

ad adattarmi. Già da tempo i tabelloni, fissi e mobili,<br />

del<strong>la</strong> città ospitano le facce di candidati dei diversi partiti.<br />

Ormai da tempo i simboli dei partiti si sono ridotti,<br />

messi <strong>in</strong> piccolo, ci sono solo le facce dei candidati.<br />

Eravamo abituati a votare il partito, le idee, il programma.<br />

Adesso ci sono solo persone con qualche slogan,<br />

come per i prodotti da acquistare nei supermercati.<br />

Come possiamo decidere qual è il candidato a cui<br />

dobbiamo dare fiducia? Al più bello? Al<strong>la</strong> faccia più<br />

simpatica? Siamo costretti ad affidare <strong>la</strong> nostra fiducia<br />

per c<strong>in</strong>que anni ad una persona che non conosciamo,<br />

che non sappiamo come si comporterà.<br />

Certo aderisce ad una forza politica, ma allora perché<br />

non impostare <strong>la</strong> campagna elettorale sulle proposte<br />

del partito? La fiducia dovremmo dar<strong>la</strong> a quel partito<br />

che più sembra <strong>in</strong>terpretare l’idea che ognuno di noi ha<br />

del<strong>la</strong> politica. Se non rispetterà le promesse, sarà quel<br />

partito a rispondere agli elettori del<strong>la</strong> fiducia mal riposta.<br />

Una volta eletto, che potremo sapere di quello che<br />

un consigliere farà, come potremo giudicarlo? Un tempo<br />

i partiti ci presentavano i propri candidati e rispondevano<br />

del loro operato.<br />

Una campagna elettorale fatta di gigantografie, basata<br />

sull’immag<strong>in</strong>e, costa molto. Chi paga le notevoli spese<br />

dei s<strong>in</strong>goli candidati? Probabilmente come <strong>in</strong> qualsiasi<br />

impresa si rischia il proprio capitale, perché ne vale <strong>la</strong><br />

pena: essere eletti può portare dei buoni risultati viste<br />

le alte (troppo alte) retribuzioni dei consiglieri. Tante<br />

candidature di affaristi e belle ragazze ci possono far<br />

pensare a <strong>questo</strong>. Ma allora dove sono f<strong>in</strong>iti lo spirito<br />

di dedizione al<strong>la</strong> cosa comune e <strong>la</strong> passione politica?<br />

Un’ultima riflessione su quanto avvenuto nel consiglio<br />

comunale jes<strong>in</strong>o. Indipendentemente dal problema<br />

Sadam, è giusto che un consigliere, su questioni fondamentali,<br />

voti di testa <strong>sua</strong> al di là di quanto deciso dal<br />

proprio partito? Al momento del voto, a chi abbiamo<br />

dato <strong>la</strong> fiducia al partito e al suo programma o al s<strong>in</strong>golo<br />

consigliere? E noi seguiremo quel consigliere nei<br />

suoi passaggi da un gruppo all’altro? Se <strong>in</strong> una qualsiasi<br />

assemblea rappresentativa gli eletti rispondono<br />

solo a se stessi e al<strong>la</strong> propria coscienza, allora bisognerebbe<br />

elim<strong>in</strong>are il sistema dei partiti e fare campagne<br />

elettorali solo sulle persone.<br />

Sono questi i pr<strong>in</strong>cipi del<strong>la</strong> democrazia sui quali occorre<br />

confrontarsi.<br />

9


CENTRO REVISIONE VEICOLI<br />

MOTOCICLI E CICLOMOTORI<br />

di Ciccarelli<br />

A. e C. s.n.c.<br />

<strong>Jesi</strong> - Via Bocconi 9 - Tel. 0731 57943


Marche-Albania, un progetto per il v<strong>in</strong>o<br />

Venerdì 5 marzo, a <strong>Jesi</strong>, presso <strong>la</strong> sede dell’Italcook è<br />

stato presentato, durante una conferenza stampa promossa<br />

da Camera Work, Adri-L<strong>in</strong>ks, uno dei progetti<br />

del Programma di Prossimità Adriatico Interreg/Cards-<br />

Phare, f<strong>in</strong>alizzato allo sviluppo delle filiere agro-alimentari<br />

tra i Paesi dell’Adriatico. Partners del progetto alcune<br />

rappresentanze regionali delle Marche, dell’ANCI -<br />

Associazione Nazionale Comuni Italiani (<strong>in</strong> qualità di<br />

ente capofi<strong>la</strong>), dell’UNCEM - Unione Nazionale delle Comunità<br />

e degli Enti Montani, oltre al Forum delle città<br />

dell’Adriatico e dello Ionio e il MADA – Mounta<strong>in</strong> Areas<br />

Development Agency per l’Albania.<br />

«Il progetto Adri-L<strong>in</strong>ks è un’<strong>in</strong>iziativa nel<strong>la</strong> quale come<br />

Anci Marche crediamo molto – ha detto il vice presidente<br />

Goffredo Brandoni – per il forte legame che lega<br />

l’Albania all’Italia soprattutto sotto l’aspetto commerciale.<br />

Ecco perché mettere <strong>in</strong> contatto produttori di<br />

v<strong>in</strong>o marchigiani e operatori albanesi rappresenta per<br />

entrambi una grande opportunità».<br />

«Siamo partico<strong>la</strong>rmente felici di come il progetto si sia<br />

sviluppato negli anni scorsi e di conseguenza ci fa<br />

molto piacere avviare nuovamente le attività – ha proseguito<br />

il direttore di MADA, Shkelzen Marku – sia per<br />

<strong>la</strong> qualità del gruppo di <strong>la</strong>voro, sia per <strong>la</strong> disponibilità<br />

Festa grande d’aprile al Teatro Pergolesi<br />

In occasione delle celebrazioni<br />

per <strong>la</strong> Festa del<strong>la</strong> Liberazione<br />

il prossimo 25<br />

aprile il Centro Studi Piero<br />

Ca<strong>la</strong>mandrei organizza e<br />

produce lo spettacolo teatrale<br />

dal titolo “Festa Grande<br />

d’Aprile”, <strong>in</strong> scena al<br />

Teatro Pergolesi alle ore<br />

21.15 con <strong>la</strong> compagnia<br />

TeatrOtello di Gianfranco<br />

Frelli e il gruppo degli Onafifetti.<br />

La pièce fu scritta nel<br />

1964 da Franco Antonicelli<br />

come una grande “rappresentazione<br />

popo<strong>la</strong>re” del<strong>la</strong><br />

storia d’Italia, dall’assass<strong>in</strong>io<br />

di Matteotti al<strong>la</strong> Resistenza<br />

e al<strong>la</strong> Liberazione,<br />

di cui Antonicelli fu uno dei<br />

protagonisti come presidente<br />

del CLN piemontese<br />

nell’imm<strong>in</strong>enza dell’<strong>in</strong>surrezione<br />

di Tor<strong>in</strong>o contro i<br />

tedeschi il 21 aprile 1945.<br />

Lo spettacolo, con grande<br />

spazio alle musiche e can-<br />

zoni del<strong>la</strong> Resistenza, è organizzato<br />

<strong>in</strong> diversi quadri,<br />

che seguono diacronicamente<br />

gli eventi del<strong>la</strong> storia<br />

d’Italia, rievocati ogni volta<br />

dal<strong>la</strong> figura di un anonimo<br />

oratore che ripercorre i fatti<br />

a vent’anni di distanza assieme<br />

ad un gruppo di amici,<br />

cittad<strong>in</strong>i e vecchi compagni,<br />

presenti ad un congresso<br />

politico.<br />

FLASH<br />

11<br />

di tutti i partners italiani a trasferirci il know-how, considerando<br />

che parliamo di tematiche che <strong>in</strong>teressano<br />

l’80% del territorio albanese».<br />

Prossimo appuntamento a Tirana con un meet<strong>in</strong>g dal 7<br />

al 9 aprile per una sessione di formazione curata da<br />

Svim e dal Gal Colli Es<strong>in</strong>i San Vic<strong>in</strong>o, coord<strong>in</strong>ata dall’Anci<br />

Marche. Seguiranno due <strong>in</strong>iziative di promozione<br />

del progetto: a maggio ad Ancona e l’altra a Skohdra,<br />

<strong>in</strong> Albania, città montana di riferimento per <strong>la</strong> produzione<br />

vitiv<strong>in</strong>ico<strong>la</strong> albanese.


12 FOTO CRONACA<br />

FESTA DELLA DONNA: LA VITA DI<br />

FERNANDA PIVANO IN UN DOPPIO EVENTO<br />

Si è svolto un doppio evento gli scorsi 7 e 8 marzo <strong>in</strong><br />

occasione del<strong>la</strong> Festa del<strong>la</strong> Donna. Protagonista è stata<br />

<strong>la</strong> figura di Fernanda Pivano, scrittrice, traduttrice e<br />

<strong>in</strong>tellettuale. A ricordar<strong>la</strong> lo spettacolo “La canzone di<br />

Nanda” al Teatro Pergolesi, scritto e <strong>in</strong>terpretato dal<br />

poliedrico Giulio Casale, da solo sul palco con il suggestivo<br />

s<strong>in</strong>cronismo di filmati a sottol<strong>in</strong>eare e rafforzare<br />

le tappe più importanti del<strong>la</strong> letteratura americana e il<br />

fenomeno sociale del<strong>la</strong> beat generation, che <strong>la</strong> stessa<br />

Pivano analizzò e raccontò allo stesso Casale negli anni<br />

del<strong>la</strong> loro frequentazione: da Hem<strong>in</strong>gway ai giorni nostri,<br />

passando per Bob Dy<strong>la</strong>n, The Door, Don Mc Lean,<br />

Fabrizio De André, Jacques Brel, De Gregori, Luigi<br />

Tenco. Il giorno successivo, al Teatro Moriconi, è stato<br />

<strong>in</strong>oltre proiettato il film documentario “Generazioni d’amore<br />

- Le Quattro Americhe di Fernanda Pivano”: una<br />

lunga <strong>in</strong>tervista realizzata a Roma <strong>in</strong> cui l’autore Ottavio<br />

Rosati ha cercato di scoprire, attraverso ricordi e<br />

aneddoti, <strong>la</strong> vita del<strong>la</strong> Pivano s<strong>in</strong> dall’<strong>in</strong>fanzia.<br />

LA FIDAPA DI JESI COMPIE CINQUE ANNI<br />

Sabato 6 marzo, all’Hotel Federico II di <strong>Jesi</strong>, al<strong>la</strong> presenza<br />

del<strong>la</strong> presidente del distretto Fidapa centro, Anna<br />

Maria Cacciami, <strong>la</strong> Fidapa sezione di <strong>Jesi</strong> ha festeggiato<br />

il suo 5° compleanno. In occasione del<strong>la</strong> Cerimonia<br />

delle Candele, è stato ufficializzato l’<strong>in</strong>gresso di<br />

8 nuove socie scelte tra varie professionalità (medico,<br />

consulente, architetto, ecc.). La serata, a cui hanno<br />

partecipato le socie e i familiari e i rappresentanti degli<br />

altri clubs cittad<strong>in</strong>i, è stata allietata dal gruppo degli<br />

Onafifetti. La sezione Fidapa di <strong>Jesi</strong> è cresciuta, arrivando<br />

a contare una sessant<strong>in</strong>a di socie, con un positivo<br />

bi<strong>la</strong>ncio. La crescita del<strong>la</strong> donna <strong>in</strong> tutte le sue<br />

sfaccettature e lo sviluppo del tema del<strong>la</strong> col<strong>la</strong>borazione:<br />

questi gli aspetti <strong>in</strong>torno a cui ruotano le molteplici<br />

<strong>in</strong>iziative organizzate dai direttivi che si sono succeduti<br />

nei bienni dal 2005 ad oggi.<br />

REGINE AL CARNEVALE DI VENEZIA<br />

Le hanno ammirate e fotografate <strong>in</strong> tanti a Venezia,<br />

nel<strong>la</strong> giornata carica di sole del 7 febbraio.<br />

Tre soggetti <strong>in</strong> perfetta s<strong>in</strong>tonia con il significato <strong>in</strong>tr<strong>in</strong>seco<br />

del Carnevale: “ Il Teatro” , “La Fenice” e “In Maschera”,<br />

sempre realizzati da Giusi Bel<strong>la</strong>gamba con<br />

perfezione di f<strong>in</strong>iture e ricchezza di accessori e di partico<strong>la</strong>ri.<br />

Creazioni certamente più belle da vedere dal<br />

vivo che <strong>in</strong> fotografia. Il 21 febbraio hanno sfi<strong>la</strong>to<br />

anche nel<strong>la</strong> città di Ancona che ne ha ospitate altre<br />

diciotto, per tutta <strong>la</strong> durata del periodo carnevalesco,<br />

<strong>in</strong> alcuni negozi di corso Garibaldi e di corso Mazz<strong>in</strong>i. A<br />

<strong>Jesi</strong> le abbiamo potute <strong>in</strong>contrare all’Enoteca e <strong>in</strong> qualche<br />

negozio. p.c.<br />

foto di Enrico Rotelli


L<strong>in</strong>o Banfi e Scimpa: una nuova avventura <strong>in</strong>sieme!<br />

Come mai L<strong>in</strong>o Banfi<br />

ultimamente soggiorna<br />

spesso a <strong>Jesi</strong>? Chi<br />

lo avrà <strong>in</strong>contrato nei<br />

giorni scorsi se lo sarà<br />

certamente chiesto...<br />

È l’ultima avventura<br />

<strong>in</strong>trapresa da<br />

Luca e Francesco Allegr<strong>in</strong>i<br />

che hanno fondato<br />

una nuova società,<br />

<strong>la</strong> Dream<strong>la</strong>nd, con Gabriele<br />

Castignani e con<br />

l’amatissimo attore italiano<br />

appunto, per realizzare<br />

un fumetto <strong>in</strong> cui immag<strong>in</strong>azione<br />

e realtà convivono.<br />

Banfi <strong>in</strong>terpreta<br />

Leonard il portiere di un<br />

pa<strong>la</strong>zzo che tramite un<br />

ape alimentato da un carburante<br />

magico, <strong>in</strong>ventato<br />

da un suo avo, vive fantastiche<br />

avventure sull’iso<strong>la</strong><br />

di Scimpa, nel mondo del-<br />

<strong>la</strong> fantasia, <strong>in</strong>sieme a due<br />

bamb<strong>in</strong>i <strong>in</strong>terpretati dal<br />

nipot<strong>in</strong>o Pietro (figlio di<br />

Rosanna) e da Rebecca (<strong>la</strong><br />

figlia di Luca Allegr<strong>in</strong>i).<br />

Antagonista di Leonard è<br />

Vanesio, <strong>in</strong>terpretato dall’imitatore<br />

nostrano Luigi<br />

Paoloni. Gianni Brucculeri<br />

è il fotografo di scena,<br />

Fabrizio Lo Bianco lo sceneggiatore<br />

mentre il genero<br />

Fabio Leoni si occupa<br />

del<strong>la</strong> regia e delle luci.<br />

Il magaz<strong>in</strong>e sarà un mensile<br />

<strong>in</strong> distribuzione dal<br />

prossimo mese di ottobre<br />

<strong>in</strong> tutte le edicole italiane,<br />

con una tiratura di 1,2<br />

milioni di copie. Si pensa<br />

già anche al<strong>la</strong> realizzazione<br />

di un film a metà tra<br />

realtà e fantasy, tipo Chi<br />

13<br />

ha <strong>in</strong>castrato Roger Rabbit,<br />

un progetto che L<strong>in</strong>o<br />

Banfi avrebbe voluto concretizzare<br />

da tempo, forse<br />

<strong>in</strong>sieme a “quei bravi<br />

ragèzzi dei fratelli Allegr<strong>in</strong>i”<br />

come li chiama lui,<br />

il sogno potrà diventare<br />

f<strong>in</strong>almente realtà. s.v.


preparazione vetture per revisione<br />

offic<strong>in</strong>a autorizzata Citroën<br />

ALBERTO AMADIO<br />

Via Don A. Rettaroli, 3/a<br />

Tel. 0731 200342<br />

www.vignaroli.net<br />

14<br />

Laboratori per uno sviluppo sostenibile<br />

Il Centro Esperienza Ambientale “Sergio Romagnoli”<br />

presso <strong>la</strong> Riserva Naturale Ripa Bianca di <strong>Jesi</strong>, <strong>in</strong> via<br />

Zanibelli 2, organizza un ciclo di <strong>in</strong>contri tematici e <strong>la</strong>boratori<br />

del fare, per portare a casa utili azioni di sostenibilità,<br />

<strong>in</strong>tito<strong>la</strong>to “Sapere, saper fare, far sapere” e rivolto ai<br />

cittad<strong>in</strong>i attivi per uno sviluppo sostenibile.<br />

Dal 19 marzo al 22 maggio è possibile partecipare a corsi<br />

rivolti al<strong>la</strong> conoscenza dell’ambiente fluviale, sul<strong>la</strong> picco<strong>la</strong><br />

fauna di città, sul<strong>la</strong> costruzione di nidi e mangiatoie<br />

per l’avifauna, a <strong>la</strong>boratori su come <strong>in</strong>trecciare i salici per<br />

produrre cesti, sull’ecologia domestica, come preparare<br />

pitture ecologiche per t<strong>in</strong>teggiature sostenibili, come<br />

costruire bene ed abitare meglio; come coltivare secondo<br />

i pr<strong>in</strong>cipi dell’agricoltura biologica per una sana alimentazione,<br />

sulle erbe offic<strong>in</strong>ali e <strong>la</strong> magia degli oli<br />

essenziali, come conoscere e usare i cereali nel<strong>la</strong> propria<br />

alimentazione.<br />

Info e prenotazioni:<br />

tel. 0731 619213, <strong>in</strong>fo@riservaripabianca.it.<br />

Corsi di erbe offic<strong>in</strong>ali dei nostri campi<br />

Il 16, 17 e 18 marzo, alle ore 21, si svolgerà presso <strong>la</strong><br />

sede del Gruppo Micologico Valles<strong>in</strong>a di Costa Mezza<strong>la</strong>ncia<br />

2/d, un corso gratuito sulle erbe selvatiche e offic<strong>in</strong>ali<br />

tipiche dei nostri campi.<br />

Al term<strong>in</strong>e del corso, si svolgerà il 21 marzo, presso<br />

l’Azienda Agraria Biologica Arcafelice sita <strong>in</strong> via M<strong>in</strong>onna<br />

75, un’esperienza pratica di raccolta e studio sul campo,<br />

con ricca degustazione a f<strong>in</strong>e passeggiata. Per <strong>in</strong>formazioni<br />

e prenotazioni tel. 0731/203753 (sede GMV) oppure<br />

339/1884417 (Pierluigi Coacci).<br />

Il 20 marzo <strong>in</strong>vece, dalle 9.30 alle 16.00, Maria Sonia<br />

Baldoni curerà un percorso erboristico a Portonovo di<br />

Ancona.<br />

Un percorso esperienziale per il riconoscimento e <strong>la</strong> raccolta<br />

delle erbe spontanee commestibili del nostro territorio.<br />

Per partecipare telefonare al <strong>numero</strong> 0731/53147<br />

oppure al 333/7843462.<br />

Il 27 marzo <strong>in</strong>f<strong>in</strong>e, alle ore 15.00 si terrà il secondo <strong>in</strong>contro<br />

del Corso di Giard<strong>in</strong>aggio, a cura dell’Architetto dei<br />

giard<strong>in</strong>i Miria Fantozzi, presso l’Ostello di Vil<strong>la</strong> Borgognoni<br />

<strong>in</strong> <strong>Jesi</strong>. Gli <strong>in</strong>contri mensili hanno <strong>la</strong> durata di quattro ore.<br />

Sono lezioni teoriche e pratiche che toccano ogni volta<br />

argomenti specifici sul<strong>la</strong> conoscenza delle varie specie<br />

vegetative, da esterno e da <strong>in</strong>terno e sulle varie tecniche<br />

di coltivazione, propagazione, potatura, riconoscimento e<br />

cura delle ma<strong>la</strong>ttie delle piante. Ogni lezione prevede<br />

anche lo studio delle più importanti tappe del<strong>la</strong> Storia del<br />

Giard<strong>in</strong>o.<br />

Al<strong>la</strong> f<strong>in</strong>e del corso, che durerà f<strong>in</strong>o a giugno, i partecipanti<br />

avranno progettato il loro spazio verde, (giard<strong>in</strong>o, terrazzo<br />

o balcone) e avranno acquisito le nozioni per realizzarlo<br />

e mantenerlo rigoglioso. Per <strong>in</strong>formazioni ed iscrizione<br />

rivolgersi al<strong>la</strong> segreteria dell’Ostello 0731/214264.


Michele Bolletta<br />

Il piccolo Michele Bolletta<br />

spegne <strong>la</strong> <strong>sua</strong> prima<br />

candel<strong>in</strong>a sorridendo felice<br />

al<strong>la</strong> mamma Crist<strong>in</strong>a,<br />

al babbo Gianluca, ai nonni,<br />

ai bisnonni e alle zie<br />

che lo adorano.<br />

Blocco del traffico al via anche a <strong>Jesi</strong><br />

15<br />

Blocco del traffico a <strong>Jesi</strong> per domenica 14 marzo dalle ore<br />

9 alle ore 17. Si tratta del primo di una serie di provvedimenti<br />

che l’Amm<strong>in</strong>istrazione comunale conta di sviluppare<br />

nell’arco di due mesi, con conclusione il 16 maggio per<br />

quel<strong>la</strong> che sarà un’altra “domenica ecologica”. Nel mezzo<br />

il divieto di transito ai mezzi pesanti <strong>in</strong> maniera permanente<br />

lungo via XXIV Maggio e alcuni giorni di targhe<br />

alterne previsti ad aprile, per i quali si stanno ancora<br />

mettendo a punto date e deroghe: tra quest’ultime vi è <strong>la</strong><br />

libera circo<strong>la</strong>zione per i veicoli con almeno tre persone a<br />

bordo. Maggiori <strong>in</strong>formazioni si possono avere attraverso<br />

manifesti <strong>in</strong> città, sul sito <strong>in</strong>ternet del Comune di <strong>Jesi</strong><br />

(www.comune.jesi.an.it) e allo Sportello Unico Servizi<br />

(<strong>in</strong>fo 800 580084).<br />

Il 21 marzo, <strong>in</strong>oltre, sarà attivato l’altro provvedimento<br />

programmato dall’Amm<strong>in</strong>istrazione comunale: il divieto<br />

permanente di transito ai camion di oltre 35 qu<strong>in</strong>tali nel<br />

tratto dell’Asse sud compreso tra <strong>la</strong> rotatoria di via Trieste<br />

e quel<strong>la</strong> di via del Mol<strong>in</strong>o. Sempre lungo l'Asse sud, tra <strong>la</strong><br />

rotatoria di via del Mol<strong>in</strong>o e quel<strong>la</strong> di via Valche, i mezzi<br />

pesanti potranno circo<strong>la</strong>re solo ed esclusivamente per il<br />

carico e scarico.


16<br />

300 anni del<strong>la</strong> nascita di G.B. Pergolesi<br />

Sono <strong>in</strong> corso di svolgimento<br />

diverse <strong>in</strong>iziative<br />

per le celebrazioni dei 300<br />

anni del<strong>la</strong> nascita di G.B.<br />

Pergolesi. Dopo lo spettacolo<br />

“Macch<strong>in</strong>e del tempo”<br />

dello scorso 11 marzo con<br />

diversi artisti del nostro<br />

territorio nel campo del<br />

teatro, danza, musica ed<br />

arti figurative, sabato 13<br />

marzo al Teatro Moriconi<br />

andrà <strong>in</strong> scena “Armonie<br />

fra cielo e terra”, un concerto<br />

<strong>in</strong> onore di Pergolesi<br />

e Padre Matteo Ricci, con<br />

musiche di Pergolesi e<br />

Domenico Zipoli e l’<strong>in</strong>tervento<br />

dei soprani Stefania<br />

Donzelli e Rom<strong>in</strong>a Assenti,<br />

il contralto Isabel<strong>la</strong> Conti, il<br />

tenore Patrizio Saudelli e <strong>la</strong><br />

c<strong>la</strong>v<strong>in</strong>cembalista Mariel<strong>la</strong><br />

Guazzaroni. “Musiche per<br />

<strong>la</strong> passione” concluderà gli<br />

appuntamenti, il 16 marzo<br />

alle ore 21 presso <strong>la</strong> Cat-<br />

tedrale di San Settimio,<br />

con una serata che accomunerà<br />

allo “Stabat Mater”<br />

di Pergolesi alcune pag<strong>in</strong>e<br />

sacre del Settecento<br />

musicale europeo: <strong>la</strong> “Sonata<br />

al Santo Sepolcro” di<br />

Antonio Vivaldi e “Il pianto<br />

di Maria” per soprano, archi<br />

e cont<strong>in</strong>uo, pag<strong>in</strong>a di<br />

rara esecuzione di cui ancora<br />

oggi rimane <strong>la</strong> dubbia<br />

attribuzione fra Georg<br />

Friedrich Händel e il veneziano<br />

Gianni Ferrand<strong>in</strong>i.<br />

L’esecuzione sarà affidata<br />

ad un ensemble di grande<br />

prestigio per il repertorio<br />

antico e barocco, “La Risonanza”,<br />

diretta da Fabio<br />

Bonizzoni. Le voci sono<br />

quelle del soprano cubano<br />

Yetzabel Arias Fernandez e<br />

del mezzosoprano italiano<br />

Lucia Cirillo.<br />

In alto, La Risonanza<br />

Omaggio di Magr<strong>in</strong>i a G.B. Pergolesi<br />

L’artista jes<strong>in</strong>o Giannetto<br />

Magr<strong>in</strong>i, sempre attento e<br />

partecipe al<strong>la</strong> vita culturale<br />

di <strong>Jesi</strong>, <strong>in</strong> occasione dei<br />

300 anni del<strong>la</strong> nascita di<br />

Giovan Battista Pergolesi,<br />

ha voluto omaggiare <strong>la</strong><br />

Fondazione Pergolesi Spont<strong>in</strong>i<br />

e il Teatro Pergolesi con<br />

una serigrafia acquarel<strong>la</strong>ta<br />

a mano (50x30) <strong>in</strong>tito<strong>la</strong>ta<br />

appunto “Omaggio a G.B.<br />

Pergolesi”. L’opera è stata<br />

prodotta <strong>in</strong> 50 copie.<br />

Oltre le mura<br />

Il convegno “Oltre le mura”<br />

di sabato 27 marzo alle<br />

ore 15.30 presso <strong>la</strong> Sa<strong>la</strong><br />

Italia del Comune di Serra<br />

de’ Conti è <strong>la</strong> conclusione<br />

del progetto del<strong>la</strong> cooperativa<br />

Forestalp, approvato<br />

dal bando Cohabitat<br />

del<strong>la</strong> Prov<strong>in</strong>cia di Ancona,<br />

e dedicato al tema del monachesimo<br />

femm<strong>in</strong>ile con<br />

partico<strong>la</strong>re risalto all’essere<br />

donna e all’espressione<br />

del<strong>la</strong> femm<strong>in</strong>ilità all’<strong>in</strong>terno<br />

dei monasteri. Un<br />

nuovo approccio metodologico<br />

con il quale il cittad<strong>in</strong>o<br />

non è solo fruitore ma<br />

è co<strong>in</strong>volto attivamente nel<br />

processo di costruzione di<br />

una memoria che viene<br />

così mantenuta e trasmessa<br />

per diventare strumento<br />

di promozione del<strong>la</strong> cultura<br />

e del territorio.


Un libro sul Premio Valles<strong>in</strong>a<br />

È stato presentato nei giorni<br />

scorsi il volume “Premio-<br />

Valles<strong>in</strong>a 2009-2010”, a cura<br />

di Giuliano De M<strong>in</strong>icis,<br />

Nico<strong>la</strong> Di Francesco e Miche<strong>la</strong><br />

Gambelli.<br />

Il libro ripercorre <strong>la</strong> storia<br />

dell’<strong>in</strong>iziativa con biografie<br />

dei premiati, oltre alle testimonianze<br />

dei s<strong>in</strong>daci dei<br />

Comuni che negli anni hanno<br />

ospitato il Premio. La<br />

pubblicazione è edita dall’Assemblea<br />

legis<strong>la</strong>tiva delle<br />

Marche. Oltre ad un momento<br />

celebrativo, spiega<br />

una nota, il Premio Valles<strong>in</strong>a<br />

vuole essere un momento<br />

di riflessione sul <strong>la</strong>voro e il<br />

contributo offerti dai nostri<br />

concittad<strong>in</strong>i allo sviluppo<br />

socio-economico e culturale<br />

del<strong>la</strong> nostra regione.<br />

31ª Cam<strong>in</strong>ada de San Giuseppe<br />

L’Unione Sportiva Dilettantistica<br />

SPES <strong>Jesi</strong> organizza,<br />

domenica 21 marzo<br />

ore 9,30, <strong>la</strong> 31ª Cam<strong>in</strong>ada<br />

de San Giuseppe con partenza<br />

e arrivo presso il<br />

piazzale S. Giuseppe. Sono<br />

assicurati posti di ristoro,<br />

assistenza medica, trasporto<br />

concorrenti <strong>in</strong> difficoltà.<br />

Tre i percorsi di varia<br />

lunghezza: da 3, da 6 e<br />

17<br />

da 12 chilometri. Le iscrizioni<br />

(euro 4) si ricevono, da<br />

sabato 20 alle ore 9 di domenica<br />

21 marzo, presso <strong>la</strong> sede<br />

dell’U.S.D. Spes (Parrocchia<br />

S. Giuseppe di <strong>Jesi</strong>). Info e<br />

prenotazioni: 333/8082132;<br />

333/2080973 dalle ore 18,00<br />

alle 20,00. Tanti i premi per i<br />

partecipanti: per le sco<strong>la</strong>resche,<br />

per le famiglie e per i<br />

gruppi più <strong>numero</strong>si.


18<br />

Banca Marche: Bi<strong>la</strong>ncio 2009<br />

Banca Marche si presenta ai propri azionisti e al proprio<br />

territorio con un utile netto di 93,2 milioni di euro, risultato<br />

ancor più positivo <strong>in</strong> quanto realizzato <strong>in</strong> un contesto<br />

macroeconomico di profonda crisi e <strong>in</strong> un mercato f<strong>in</strong>anziario<br />

caratterizzato da forti elementi di <strong>in</strong>certezza.<br />

Il 2009 si caratterizza per Banca Marche come l’anno<br />

del<strong>la</strong> “raccolta diretta”. Infatti <strong>la</strong> raccolta diretta da cliente<strong>la</strong><br />

retail raggiunge 11.310 milioni di euro (+7,3%),<br />

consentendo un m<strong>in</strong>or ricorso al mercato dei capitali per<br />

410 milioni, mentre <strong>la</strong> provvista diretta complessiva si<br />

attesta a 15.384 milioni. In tale contesto si è avuta anche<br />

una ricomposizione tra le varie forme di raccolta a favore<br />

dei prodotti a vista (conti correnti e depositi, +22,3%) e<br />

delle obbligazioni collocate a cliente<strong>la</strong> retail (+35,7%).<br />

La raccolta <strong>in</strong>diretta, pari a 4.442 milioni (<strong>in</strong> riduzione di<br />

314 milioni e del 6,6%), riflette andamenti negativi sia<br />

del<strong>la</strong> componente gestita (-8,9%) sia di quel<strong>la</strong> amm<strong>in</strong>istrata<br />

(-4,1%). Gli impieghi verso cliente<strong>la</strong> ord<strong>in</strong>aria ammontano<br />

a 16.668 milioni (+8,3%). Gli utilizzi <strong>in</strong> conto<br />

corrente (che rappresentano circa il 23% dell’aggregato)<br />

si attestano a 3.827 milioni (-4,8%), mentre il comparto<br />

dei mutui – pur <strong>in</strong> presenza delle difficoltà di rimborso per<br />

il perdurare del<strong>la</strong> congiuntura economica negativa – raggiunge<br />

9.209 milioni (+4,7%). Tale risultato conferma il<br />

ruolo di Banca Marche costantemente a sostegno del tessuto<br />

socio-economico dei territori di presenza e <strong>in</strong> partico<strong>la</strong>re<br />

del<strong>la</strong> regione Marche.<br />

Il Consiglio di amm<strong>in</strong>istrazione, nel deliberare il progetto<br />

di bi<strong>la</strong>ncio, ha altresì assunto <strong>la</strong> determ<strong>in</strong>azione di proporre<br />

all’assemblea dei soci, da convocare al<strong>la</strong> f<strong>in</strong>e di<br />

aprile, l’assegnazione di un dividendo pari a 3,7 centesimi<br />

per azione (4,2 centesimi a valere sull’esercizio 2008).<br />

Guardando al livello di patrimonializzazione del<strong>la</strong> Banca,<br />

se ne apprezza l’ulteriore consolidamento, come testimoniato<br />

dal Tier1 Ratio, che sale su base <strong>in</strong>dividuale dal<br />

7,42% all’8,21% e dal Total Capital Ratio, che passa<br />

dall’11,02% all’11,85%.<br />

Banca Marche: Patti Chiari con<br />

l’economia<br />

foto Maurizi<br />

Terza edizione di “Patti chiari con l’economia”, il programma<br />

di educazione f<strong>in</strong>anziaria ideato dal consorzio<br />

Patti Chiari <strong>in</strong> col<strong>la</strong>borazione con il M<strong>in</strong>istero per<br />

l’Istruzione, per diffondere le tematiche economiche e<br />

f<strong>in</strong>anziarie tra gli studenti del IV e V anno delle Scuole<br />

secondarie superiori. L’<strong>in</strong>iziativa è stata presentata durante<br />

<strong>la</strong> conferenza stampa di martedì 2 marzo al centro<br />

direzionale di Banca Marche. Ad <strong>in</strong>trodurre l’argomento il<br />

presidente Michele Ambros<strong>in</strong>i che ha sottol<strong>in</strong>eato quanto<br />

sia «urgente e determ<strong>in</strong>ante per l’educazione al<strong>la</strong> cultura<br />

dell’economia degli studenti delle varie scuole l’<strong>in</strong>tervento<br />

delle banche, come fa <strong>in</strong> partico<strong>la</strong>re Banca Marche da<br />

tempo, per stimo<strong>la</strong>re conoscenze di tematiche che si renderanno<br />

<strong>in</strong>dispensabili per meglio affrontare il futuro».<br />

Dalle regole basi<strong>la</strong>ri di convivenza nel<strong>la</strong> nostra comunità<br />

socio economica al<strong>la</strong> gestione di un budget personale,<br />

allo sviluppo di un bus<strong>in</strong>ess p<strong>la</strong>n imprenditoriale: sono<br />

molteplici gli spunti che Patti Chiari <strong>in</strong>sieme a Banca<br />

Marche propone agli <strong>in</strong>segnanti del<strong>la</strong> prov<strong>in</strong>cia di Ancona<br />

per sensibilizzare gli studenti sul tema dell’educazione<br />

f<strong>in</strong>anziaria.


Il Lions di <strong>Jesi</strong> e l’<strong>in</strong>terazione fra i popoli<br />

del Mediterraneo<br />

“Creare e stimo<strong>la</strong>re uno spirito<br />

di comprensione tra i<br />

popoli del mondo: il ruolo dei<br />

Lions nel processo di <strong>in</strong>tegrazione<br />

euro-mediterranea”<br />

è <strong>questo</strong> il tema di studio<br />

distrettuale per l’anno sociale<br />

<strong>in</strong> corso che il Lions Club<br />

di <strong>Jesi</strong> ha approfondito nel<strong>la</strong><br />

serata conviviale che si è tenuta<br />

venerdì 5 marzo all’Hotel<br />

Federico II. Ospite del<strong>la</strong><br />

serata l’ammiraglio Antonio Pasetti, direttore marittimo<br />

per le Marche e comandante del<strong>la</strong> Capitaneria di Porto di<br />

Ancona che ha re<strong>la</strong>zionato sul tema “Interazione fra i popoli<br />

del Mediterraneo. La Guardia Costiera e le sue attività<br />

di contrasto all’immigrazione c<strong>la</strong>ndest<strong>in</strong>a” portando <strong>la</strong><br />

propria esperienza. L’ammiraglio Pasetti ha illustrato l’opera<br />

di contrasto al<strong>la</strong> immigrazione c<strong>la</strong>ndest<strong>in</strong>a portata<br />

avanti dal<strong>la</strong> Moto-vedetta 272 del<strong>la</strong> capitaneria di porto di<br />

Ancona, di base all’iso<strong>la</strong> di Samo davanti alle coste del<strong>la</strong><br />

Turchia, all’<strong>in</strong>terno dell’agenzia Frontex, uno degli organismi<br />

voluti dal<strong>la</strong> Comunità europea per fronteggiare il flusso<br />

di immigrati proveniente dal mare.<br />

Il presidente del Lions Club di <strong>Jesi</strong>, avv. Liliana Unc<strong>in</strong>i e l’ammiraglio<br />

Antonio Pasetti<br />

19<br />

Trentennale del Consultorio “La Famiglia”<br />

Il Consultorio “La Famiglia”<br />

che opera a <strong>Jesi</strong> dal<br />

1979, svolge attività di<br />

consulenza, sensibilizzazione<br />

e prevenzione nelle<br />

probelmatiche del<strong>la</strong> famiglia,<br />

del<strong>la</strong> coppia e del s<strong>in</strong>golo.<br />

In occasione del trentennale<br />

organizza due convegni<br />

sul<strong>la</strong> Mediazione familiare,<br />

un percorso f<strong>in</strong>alizzato<br />

al<strong>la</strong> riorganizzazione<br />

delle re<strong>la</strong>zioni familiari <strong>in</strong><br />

vista o <strong>in</strong> seguito al<strong>la</strong> separazione<br />

o al divorzio. Scopo del<strong>la</strong> Mediazione familiare è il<br />

raggiungimento di accordi concreti e stabili nel tempo sulle<br />

pr<strong>in</strong>cipali decisioni che riguardano genitori e figli: <strong>la</strong> divisione<br />

dei beni, l’affidamento e l’educazione dei m<strong>in</strong>ori, i<br />

periodi di visita del genitore non convivente, <strong>la</strong> gestione<br />

del tempo libero... Presso <strong>la</strong> sa<strong>la</strong> convegni del<strong>la</strong> Fondazione<br />

Angelo Colocci, vicolo Angeloni 3 a <strong>Jesi</strong>, venerdì<br />

19 marzo alle ore 17.00 <strong>in</strong>contro su “La famiglia oggi tra<br />

crisi e cambiamenti” con lo psicologo Franco Nanetti e<br />

martedì 23 marzo alle ore 17.00 su “La Mediazione familiare:<br />

un percorso alternativo nel<strong>la</strong> separazione” con lo<br />

psicologo D<strong>in</strong>o Mazzei.


CLASS E 1ª A SCUOLA F. CONTI<br />

CLASS E 1ª B SCUOLA F. CONTI<br />

In piedi da s<strong>in</strong>istra: Stell<strong>in</strong>a<br />

Nuri, Maria Osimani, Giordano<br />

Focanti, Elisa Piantanelli, Margherita<br />

Taruchi, Beatrice Fava,<br />

Francesco Lombardi.<br />

In g<strong>in</strong>occhio da s<strong>in</strong>istra: Alice<br />

Tros<strong>in</strong>i, Maria Pia Scognamiglio,<br />

Giusy Carotti, Agata<br />

Centorr<strong>in</strong>o, Mattia Chiaraluce,<br />

Giovanni Battista Bonci, Emanuele<br />

Fresta.<br />

Seduti da s<strong>in</strong>istra: Giulio Offidani,<br />

Michele Marcucci, Eduard<br />

Merli, Andrea Filippetti,<br />

Reg<strong>in</strong>a Famigliani.<br />

Assenti: Andrea Bruschi, Domenico<br />

Craco, Lara Graziosi,<br />

Yuri Grechi.<br />

Insegnanti: Franca Barcaglioni.<br />

In piedi da s<strong>in</strong>istra: Alfonso<br />

Cirillo, Rocco Stoppoloni, Mascia<br />

Jelic’, Maura Pentericci,<br />

Alessandro Vil<strong>la</strong>ni, Sofia Moretti,<br />

Filippo Brecciaroli.<br />

In g<strong>in</strong>occhio da s<strong>in</strong>istra: Matteo<br />

Bartolucci, Matteo Raffaeli,<br />

Lav<strong>in</strong>ia Coen, Francesca<br />

Azizi, Diego Pellonara,<br />

Maddalena Manzi, Sofia Giulia<br />

Pappone.<br />

Seduti da s<strong>in</strong>istra: Virg<strong>in</strong>ia<br />

Taur<strong>in</strong>o, Lorenzo Giancristofaro,<br />

Serena Leoni, Omar Baccouche,<br />

C<strong>la</strong>rissa Paoletti, Francesco<br />

Giuliani.<br />

Assenti: Edoardo Baioni, Leonardo<br />

Neacsu.<br />

Insegnanti da s<strong>in</strong>istra: Chiara<br />

Compagnucci, Elisiana Romagnoli,<br />

Anna Maria Galli.


SPORT FLASH<br />

a cura di fabrizio romagnoli<br />

Calcio, bene l’EDP primavera. Jes<strong>in</strong>a per i p<strong>la</strong>yoff<br />

Vetr<strong>in</strong>a per le leoncelle del<br />

calcio <strong>in</strong> rosa nel mondo<br />

del<strong>la</strong> pedata cittad<strong>in</strong>a. In<br />

A2 soffre <strong>la</strong> prima squadra<br />

del<strong>la</strong> Edp Jes<strong>in</strong>a (stop ad<br />

Oristano, 0-2, dopo l’1-0<br />

casal<strong>in</strong>go sul Pisa) ma una<br />

bel<strong>la</strong> soddisfazione se <strong>la</strong><br />

tolgono le baby del<strong>la</strong> Primavera<br />

allenata da Patrizia<br />

Pongetti: l’1-1 esterno sul<br />

difficile campo di Lecce,<br />

con le jes<strong>in</strong>e <strong>in</strong> vantaggio<br />

grazie a Mastrov<strong>in</strong>cenzo e<br />

brave a tenere a bada il<br />

ritorno locale, vale alle ra-<br />

Monte Schiavo BdM, <strong>in</strong>izia male <strong>la</strong> sfida<br />

alle big. Vecci vic<strong>in</strong>a al<strong>la</strong> vetta<br />

Nell’A1 di volley femm<strong>in</strong>ile <strong>la</strong> Monte Schiavo BdM batte<br />

per 3-0 Pavia e si <strong>la</strong>ncia sul tris di sfide consecutive alle<br />

grandi del campionato, cui le prill<strong>in</strong>e chiedono l’aggancio<br />

al<strong>la</strong> terza piazza, che varrebbe a f<strong>in</strong>e fase rego<strong>la</strong>re <strong>la</strong><br />

qualificazione al<strong>la</strong> prossima Champion’s League. A Bergamo<br />

però subito una sconfitta: 1-3 per <strong>la</strong> Foppapedretti,<br />

sogni di gloria rimandati. Domenica 14 trasferta sul<br />

campo del<strong>la</strong> corazzata Vil<strong>la</strong> Cortese, qu<strong>in</strong>di domenica 21<br />

arriva al Pa<strong>la</strong>Triccoli <strong>la</strong> Scavol<strong>in</strong>i Pesaro. In B2 maschile <strong>la</strong><br />

Vecci non ha esitazioni nel difficile e sempre sentito derby<br />

con <strong>la</strong> Sab<strong>in</strong>i Castelferretti (3-1), poi passa anche a Prato<br />

(3-1) e sale a –3 dal<strong>la</strong> vetta del<strong>la</strong> Affittitalia Samb.<br />

Rugby <strong>Jesi</strong>, fra mete e... c<strong>in</strong>ema<br />

Nel campionato di C elite momento così così per <strong>la</strong> Rugby<br />

<strong>Jesi</strong> ’70. I leoncelli prima provano a far tremare <strong>la</strong> capolista<br />

Union Tirreno: match aperto f<strong>in</strong>o al<strong>la</strong> f<strong>in</strong>e, Piomb<strong>in</strong>o<br />

però riesce a spuntar<strong>la</strong>, 10-22. Un secondo stop arriva nel<strong>la</strong><br />

successiva trasferta di Sesto: 13-22, jes<strong>in</strong>i ancora al<br />

palo. Bel<strong>la</strong> l’<strong>in</strong>iziativa del 3 marzo, a 40 anni dal<strong>la</strong> fondazione<br />

del sodalizio leoncello. Celebrazione c<strong>in</strong>ematografica<br />

<strong>in</strong> occasione dell’uscita nelle sale di Invictus, il nuovo film<br />

di Cl<strong>in</strong>t Eastwood che racconta <strong>la</strong> Coppa del Mondo di rugby<br />

nel 1995, organizzata e v<strong>in</strong>ta da un Sudafrica appena uscito<br />

dall’apartheid. Per tutti i giocatori del<strong>la</strong> società jes<strong>in</strong>a,<br />

assieme a personalità ed esponenti di cultura e politica <strong>in</strong>vitati<br />

per l’occasione, visione collettiva sul grande schermo di<br />

una pellico<strong>la</strong> tanto significativa, fra rugby ed <strong>in</strong>tegrazione.<br />

gazze <strong>la</strong> qualificazione agli<br />

ottavi di f<strong>in</strong>ale del torneo<br />

nazionale di categoria a<br />

capo del doppio confronto<br />

col Salento Donne. In Eccellenza<br />

maschile <strong>in</strong>vece <strong>la</strong><br />

Jes<strong>in</strong>a seguita ad <strong>in</strong>seguire<br />

i p<strong>la</strong>yoff: vittoria con <strong>la</strong><br />

Fileni Bpa, a Scafati sconfitta al veleno.<br />

23<br />

C<strong>in</strong>go<strong>la</strong>na (2-0), pari esterno<br />

a Macerata contro <strong>la</strong><br />

Fulgor (1-1), ancora successo<br />

<strong>in</strong>terno sul<strong>la</strong> Fortitudo<br />

Fabriano (3-1) e –4<br />

dal<strong>la</strong> zona che conta al<strong>la</strong><br />

vigilia del<strong>la</strong> trasferta di San<br />

Benedetto del Tronto.<br />

Costretta a masticare amaro nel campionato di basket di<br />

Legadue <strong>la</strong> Fileni Bpa. Nonostante lo stop a Gab<strong>in</strong>i, gli arancioblù<br />

passano a Rim<strong>in</strong>i (85-75) ed a Scafati arrivano ad un<br />

soffio da un altro successo. Al Pa<strong>la</strong>Mangano non basta una<br />

buona prestazione. Sul +3 <strong>Jesi</strong>, <strong>la</strong> trip<strong>la</strong> di Apodaca aggancia<br />

<strong>in</strong> extremis per i padroni di casa il supplementare (71-<br />

71), un overtime <strong>in</strong> cui si segna poco ma <strong>la</strong> Fileni Bpa a 20”<br />

dal term<strong>in</strong>e trova il sorpasso con Ram<strong>in</strong>elli. Anzi, troverebbe:<br />

perché un fischio di Castelluccio di Napoli ravvisa un’<strong>in</strong>esistente<br />

<strong>in</strong>frazione di passi da parte dello jes<strong>in</strong>o ed <strong>in</strong>valida<br />

il canestro. La Fileni Bpa resta <strong>in</strong>dietro e, sconfitta (75-<br />

77), si arrabbia con gli arbitri. Dopo una settimana di stop<br />

per <strong>la</strong> f<strong>in</strong>al four di Coppa di lega (v<strong>in</strong>ta da Veroli), <strong>la</strong> Fileni<br />

Bpa si prepara per due appuntamenti a <strong>Jesi</strong>: domenica 14<br />

contro Imo<strong>la</strong>, sabato 20 <strong>in</strong> anticipo contro Veroli.<br />

Fioretto, CdM, ancora e sempre Vezzali<br />

Valent<strong>in</strong>a Vezzali si ripresenta nel fioretto col piglio del<strong>la</strong><br />

grandissima protagonista nel<strong>la</strong> nuova stagione. Dopo il<br />

successo di Salisburgo, Valent<strong>in</strong>a si ripete nel<strong>la</strong> prova di<br />

Coppa del Mondo di Danzica, dal podio tutto italiano: Vezzali<br />

batte <strong>la</strong> jes<strong>in</strong>a Elisa Di Francisca <strong>in</strong> semif<strong>in</strong>ale (9-8)<br />

ed Arianna Errigo <strong>in</strong> f<strong>in</strong>ale (15-14). Stesso copione <strong>la</strong> settimana<br />

dopo nel<strong>la</strong> prova “di casa” di Tor<strong>in</strong>o: a cedere il<br />

passo <strong>in</strong> f<strong>in</strong>ale a Super Valent<strong>in</strong>a è stavolta <strong>la</strong> coreana<br />

Nam, rimontata e battuta 13-12. Terzo posto per Di Francisca.<br />

Il giorno dopo lei e Valent<strong>in</strong>a, <strong>in</strong>sieme ad Errigo e<br />

Salvatori, portano <strong>la</strong> nazionale azzurra ad aggiudicarsi<br />

anche <strong>la</strong> gara a squadre del<strong>la</strong> tappa tor<strong>in</strong>ese.


24<br />

Jes<strong>in</strong>a e Banca Marche nelle scuole con “Insieme per crescere”<br />

Presentata presso <strong>la</strong> direzione generale di Banca Marche<br />

il secondo progetto “Insieme per crescere” del<strong>la</strong> Jes<strong>in</strong>a<br />

Calcio. Con <strong>la</strong> col<strong>la</strong>borazione ed il supporto dell’istituto di<br />

credito, atleti, tecnici, dirigenti del<strong>la</strong> Jes<strong>in</strong>a torneranno<br />

nelle scuole per <strong>la</strong>vorare con alunni ed alunne sulle tematiche<br />

del fair p<strong>la</strong>y, dei valori dello sport e di lealtà ed etica<br />

sportiva. Co<strong>in</strong>volte 14 c<strong>la</strong>ssi degli istituti jes<strong>in</strong>i. Circa 350<br />

alunni esprimeranno <strong>in</strong> scritti ed e<strong>la</strong>borati i loro pensieri<br />

su fair p<strong>la</strong>y e lealtà sportiva. I <strong>la</strong>vori più <strong>in</strong>teressanti<br />

saranno premiati con gadget Jes<strong>in</strong>a Calcio e Banca<br />

Marche, pubblicati su “11 Leoni”, house organ leoncello,<br />

ed esposti al Carotti. Ospite d’eccezione, Gianni Bambozzi,<br />

governatore Panathlon di Marche ed Emilia Romagna,<br />

ha ricordato i pr<strong>in</strong>cipi di etica nello sport giovanile<br />

espressi nel<strong>la</strong> Dichiarazione di Gand. Gli onori di casa li<br />

ha fatti Stefano Gott<strong>in</strong>, segretario generale, per Banca<br />

Marche : «L’immag<strong>in</strong>e del calcio sul piano dei valori è un<br />

po’ <strong>in</strong> ribasso, con tanti esempi negativi. Per <strong>questo</strong><br />

abbiamo deciso di seguire il calcio nell’aspetto che ne<br />

rimane migliore, il mondo giovanile». Presenti per il<br />

sodalizio leoncello Michele Manc<strong>in</strong>i, responsabile comunicazione,<br />

presidente e vice Marco Polita ed Aldo Cervigni.<br />

«Crediamo nel connubio di scuo<strong>la</strong> e sport – ha detto<br />

Polita – punti di riferimento per il futuro di un territorio.<br />

RISULTATI E CLASSIFICHE<br />

BASKET - Serie A2 maschile<br />

Scafati - Fileni <strong>Jesi</strong> 77-75<br />

C<strong>la</strong>ssifica<br />

Sassari 34, Reggio Emilia 32, Br<strong>in</strong>disi 30, Veroli 26,<br />

Casale Monferrato 26, Ud<strong>in</strong>e 24, Vigevano 24, Pistoia<br />

22, Imo<strong>la</strong> 22, Rim<strong>in</strong>i 20, Scafati 18, Casalpusterlengo<br />

18, Fileni <strong>Jesi</strong> 16, Pavia 14, Venezia 14, Lat<strong>in</strong>a 12<br />

VOLLEY - Serie A1 femm<strong>in</strong>ile<br />

Monteschiavo BdM <strong>Jesi</strong> - Pavia 3-0<br />

Bergamo - Monteschiavo BdM <strong>Jesi</strong> 3-1<br />

C<strong>la</strong>ssifica<br />

Scavol<strong>in</strong>i Pesaro 46, Vil<strong>la</strong> Cortese 44, Bergamo 40,<br />

Monteschiavo BdM <strong>Jesi</strong> 36, Busto Arsizio 30, Urb<strong>in</strong>o<br />

29, Perugia 27, Novara 22, Castel<strong>la</strong>na Grotte 20, Pavia<br />

20, Piacenza 15, Conegliano 10<br />

VOLLEY - Serie B2 maschile girone E<br />

Vecci <strong>Jesi</strong> - Castelferretti 3-1<br />

Prato - Vecci <strong>Jesi</strong> 1-3<br />

C<strong>la</strong>ssifica<br />

San Benedetto 46, Vecci <strong>Jesi</strong> 43, Terranova 43, Firenze<br />

Volley 34, Pisa 34, Jumboffice Firenze 28, Bacci Firenze<br />

27, Prato 23, Appignano 21, Siena 20, Castelferretti 17,<br />

Vedi il <strong>la</strong>voro che svolgiamo <strong>in</strong> un vivaio di 350 ragazzi».<br />

Per gli istituti Lotto, San Francesco, Federico II ed Urbani,<br />

gli <strong>in</strong>terventi delle dottoresse Mazzar<strong>in</strong>i, Ragni e Bacci e<br />

del prof. Campagna.<br />

Vigor Ancona 17, Perugia 15, Offagna 10<br />

CALCIO - Eccellenza<br />

Fulgor Maceratese – Jes<strong>in</strong>a 1-1<br />

Jes<strong>in</strong>a - Fabriano 3-1<br />

C<strong>la</strong>ssifica<br />

Sambenedettese 67, Piano San Lazzaro 55, Urbania<br />

54, Fermana 51, Real Metauro 51, Jes<strong>in</strong>a 47, Tolent<strong>in</strong>o<br />

46, Vis Pesaro 41, Montegranaro 40, Montegiorgio<br />

36, Fabriano 35, Fulgor Maceratese 34, Grottammare<br />

34, Chiara<strong>valle</strong> 33, C<strong>in</strong>go<strong>la</strong>na 32, Castelfrettese<br />

31, Urb<strong>in</strong>o 30, Osimana 30, Vis Senigallia 27,<br />

Macerata 21<br />

CALCIO - Serie A2 femm<strong>in</strong>ile<br />

C<strong>la</strong>ssifica<br />

Or<strong>la</strong>ndia 32, Firenze 29, Napoli 26, Perugia 19, Siena<br />

18, Francavil<strong>la</strong> 17, Ariete 14, Oristano 12, Pisa 11, EDP<br />

Jes<strong>in</strong>a 10, Olbia 7, Sezze 0<br />

RUGBY - Serie C Elite<br />

Sesto - Rugby <strong>Jesi</strong> 22-13<br />

C<strong>la</strong>ssifica<br />

Sesto 51, Union Tirreno 49, Imo<strong>la</strong> 42, Ferrara 40, Forlì 35,<br />

Rugby <strong>Jesi</strong> 24, Castello 17, Formig<strong>in</strong>e 7, Lucca 0 (-4)


Simonetta Cup, si prepara un’edizione deluxe<br />

Sarà, <strong>la</strong> prossima edizione, <strong>la</strong> decima per un appuntamento<br />

oramai storico per l’impegno organizzativo<br />

dell’Aurora Basket e per il movimento del<strong>la</strong> pal<strong>la</strong>canestro<br />

giovanile. E <strong>la</strong> Simonetta Cup - Trofeo Carol<strong>in</strong>a Paesani si<br />

appresta a vivere per l’occasione un’edizione di altissimo<br />

livello e di eccezionale prestigio, cui si sta già <strong>la</strong>vorando<br />

con grande impegno anche se il vero e proprio appuntamento<br />

col parquet è fissato solo per i prossimi 11, 12 e 13<br />

giugno 2010. Vittorio Fiorent<strong>in</strong>o, responsabile tecnico protagonista<br />

del<strong>la</strong> ristrutturazione del vivaio auror<strong>in</strong>o, si sta<br />

muovendo con passi importanti per <strong>la</strong> prossima Simonetta<br />

Cup, torneo di basket giovanile Under 13 che vedrà per <strong>la</strong><br />

prima volta <strong>in</strong> lizza ai nastri di partenza non più 8 ma 12<br />

formazioni. Fra queste, le rappresentanze di categoria del<br />

top del basket italiano: Mens Sana Siena, Virtus Bologna,<br />

Olimpia Mi<strong>la</strong>no. E poi, a far compagnia nel portare <strong>in</strong><br />

campo il movimento marchigiano ai padroni di casa del<br />

vivaio auror<strong>in</strong>o, ci saranno fra le partecipanti anche Sutor<br />

Montegranaro e Scavol<strong>in</strong>i Pesaro. A sfidarsi sul parquet<br />

<strong>in</strong>sieme alle già citate realtà, nomi di tradizione come<br />

quello dell’Auxilium Tor<strong>in</strong>o o dei Crabs Rim<strong>in</strong>i e di valore<br />

tecnico giovanile come Casale Murri (Bologna) o Soave<br />

(Verona). Insomma, <strong>la</strong>vori già a buon punto per rendere<br />

il 10° Simonetta Cup - Carol<strong>in</strong>a Paesani un evento<br />

25<br />

memorabile con cornice al<strong>la</strong> f<strong>in</strong>ale, secondo tradizione,<br />

offerta dallo scenario del Pa<strong>la</strong>Triccoli tutto riservato ai<br />

babies ed al futuro del<strong>la</strong> pal<strong>la</strong>canestro nazionale.<br />

Da s<strong>in</strong>istra, Roberto Stronati e Roberta Fileni <strong>in</strong> un momento<br />

del<strong>la</strong> passata edizione del<strong>la</strong> Simonetta Cup.


26 POLITICA<br />

IL PUNTO SULLE ELEZIONI<br />

di f<strong>la</strong>vio donati<br />

Per v<strong>in</strong>cere le elezioni il centros<strong>in</strong>istra imbarca<br />

l’unione di centro e scarica i comunisti<br />

CHI VINCE, CHI PERDE E<br />

CHI STA A GUARDARE<br />

Il voto del<strong>la</strong> nostra città condizionato anche dalle scelte<br />

dei partiti sul caso Sadam<br />

Tra due settimane, ad eccezione del<strong>la</strong> Sicilia, si vota <strong>in</strong><br />

tutte le pr<strong>in</strong>cipali regioni italiane. Si tratta di r<strong>in</strong>novare<br />

tredici governatori ma, per le sue proporzioni – <strong>in</strong>teressa<br />

oltre i due terzi del<strong>la</strong> popo<strong>la</strong>zione, 41 milioni di persone<br />

costituenti circa il 70% del corpo elettorale – il voto ha<br />

valore di test politico nazionale che va ben oltre <strong>la</strong> <strong>sua</strong><br />

valenza amm<strong>in</strong>istrativa.<br />

Cade <strong>in</strong>fatti a due anni esatti dalle elezioni politiche<br />

che hanno riportato il centrodestra al governo e, quasi a<br />

metà del suo mandato, sarà sicuramente un valido test<br />

anche sul gradimento personale del presidente del consiglio.<br />

Va <strong>in</strong>oltre ad <strong>in</strong>cidere su una realtà politicamente<br />

assai diversa rispetto a quel<strong>la</strong> che nel 2005 decretò il successo<br />

del centros<strong>in</strong>istra <strong>in</strong> ben undici delle tredici regioni<br />

<strong>in</strong> cui si vota.<br />

Si era allora nell’ultimo scorcio di una legis<strong>la</strong>tura (2001<br />

– 2006) molto deludente per il centrodestra: l’attacco terroristico<br />

alle torri gemelle di New York aveva bloccato l’economia<br />

mondiale e l’attacco governativo all’articolo 18<br />

dello statuto dei <strong>la</strong>voratori aveva ricompattato un centros<strong>in</strong>istra<br />

sconfitto e smarrito. Insomma, erano subito venuti<br />

meno i due capisaldi necessari a realizzare il famoso<br />

contratto con gli italiani, solennemente firmato da Berlusconi<br />

al cospetto di Bruno Vespa: le risorse economiche<br />

e <strong>la</strong> rassegnazione dell’opposizione che, al contrario, aveva<br />

<strong>in</strong>vece v<strong>in</strong>to al<strong>la</strong> grande tutte le elezioni successive.<br />

Oggi, nonostante <strong>la</strong> recessione economica, di dimensioni<br />

ben più drammatiche, le cose stanno <strong>in</strong> modo completamente<br />

diverso. Lo scontento del<strong>la</strong> gente, <strong>in</strong>dotto dal<strong>la</strong><br />

durezza del<strong>la</strong> crisi non meno che dai cont<strong>in</strong>ui scandali –<br />

ses<strong>sua</strong>li, a base di prostitute e trans, o tangentari, con<br />

costruttori che gioiscono del terremoto pensando agli<br />

appalti che otterranno dagli “amici” – non sembra trovare<br />

alternative nei partiti di opposizione rifugiandosi piuttosto<br />

<strong>in</strong> una generica antipolitica.<br />

BISTICCI & PASTICCI<br />

Voto tuttavia atteso per confermare, o smentire, con i<br />

numeri veri (dei voti e dei votanti) quello che i sondaggi<br />

d’op<strong>in</strong>ione ci stanno raccontando da almeno un anno. Perché,<br />

ad un centros<strong>in</strong>istra, tuttora smarrito, non si oppone<br />

più un centrodestra solido e compatto come due anni fa;<br />

perché <strong>la</strong> fusione di alleanza nazionale e forza italia non<br />

ha creato un partito vero; perché il consenso elettorale ha<br />

fatto nascere troppi politicanti e ben pochi politici; perché<br />

il “fare” assomiglia molto di più al “comandare” che non al<br />

“governare”.<br />

Una diagnosi amaramente impietosa che trova però <strong>in</strong><br />

Gianfranco F<strong>in</strong>i, presidente del<strong>la</strong> Camera e cofondatore<br />

del popolo del<strong>la</strong> libertà, il pr<strong>in</strong>cipale mentore. E che trova<br />

riscontro nell’<strong>in</strong>credibile pasticcio del<strong>la</strong> presentazione delle<br />

liste elettorali <strong>in</strong> Lazio e <strong>in</strong> Lombardia. Perché, come è<br />

evidente, l’uscita del rappresentante del pdl dal tribunale<br />

di Roma a mezzogiorno, cioè pochi m<strong>in</strong>uti prima del<strong>la</strong> presentazione<br />

del<strong>la</strong> lista, non è stata certo determ<strong>in</strong>ata dai<br />

morsi del<strong>la</strong> fame bensì dal<strong>la</strong> necessità di cambiare qualche<br />

nome. All’ultimo m<strong>in</strong>uto ed <strong>in</strong> barba agli accordi di<br />

partito.<br />

Né ad attenuare lo sconcerto per <strong>la</strong> mancata presentazione<br />

del<strong>la</strong> lista del partito di maggioranza re<strong>la</strong>tiva può<br />

certo bastare <strong>la</strong> <strong>sua</strong> riammissione <strong>in</strong> forza di un <strong>in</strong>credibile<br />

decreto “<strong>in</strong>terpretativo” delle norme elettorali. Che<br />

anzi, al contrario, da un <strong>la</strong>to suscita sconcerto per <strong>la</strong> dis<strong>in</strong>voltura<br />

con cui a decidere <strong>la</strong> riammissione sia lo stesso<br />

schieramento escluso (si badi bene, per propria dabbenagg<strong>in</strong>e<br />

e non certo per l’altrui malevolenza!), e dall’altro<br />

<strong>la</strong>scia comunque aperto lo spazio ad un <strong>in</strong>evitabile contenzioso<br />

giudiziario che <strong>la</strong>scerà nell’<strong>in</strong>certezza chiunque<br />

venga eletto governatore nel Lazio e <strong>in</strong> Lombardia.<br />

Del resto, <strong>in</strong> un contesto peraltro diverso, esiste almeno<br />

un precedente. Nelle elezioni regionali del 2000, <strong>in</strong><br />

Molise furono contestate le firme raccolte nel<strong>la</strong> presentazione<br />

delle liste dei comunisti italiani e dei verdi che furono<br />

tuttavia ammesse con riserva dal TAR. Dopo il voto,<br />

v<strong>in</strong>to dal centros<strong>in</strong>istra, il tribunale riconobbe l’irrego<strong>la</strong>rità<br />

nel<strong>la</strong> raccolta delle firme (<strong>in</strong> alcuni casi, accanto al<br />

<strong>numero</strong> mancava l’<strong>in</strong>dicazione del tipo di documento di<br />

riconoscimento, come oggi <strong>in</strong> Lombardia) e l’elezione ven-


Fabio Badiali, Paolo C<strong>in</strong>go<strong>la</strong>ni, Enzo Giancarli, Gioacch<strong>in</strong>o Belluzzi, Katia Mammoli<br />

ne annul<strong>la</strong>ta e rifatta, senza che a qualcuno venisse <strong>in</strong><br />

mente di fare alcun decreto “<strong>in</strong>terpretativo”.<br />

ALLEANZE VARIABILI<br />

Lasciando da parte i pasticci e tornando al<strong>la</strong> politica,<br />

queste elezioni si connotano anche per l’estrema variabilità<br />

delle alleanze elettorali nelle diverse regioni. A darvi<br />

vita, è pr<strong>in</strong>cipalmente l’unione di centro di Cas<strong>in</strong>i, alleata<br />

<strong>in</strong> alcuni casi con il centros<strong>in</strong>istra (Piemonte, Liguria,<br />

Marche e Basilicata) <strong>in</strong> altri con il centrodestra (Lazio e<br />

Ca<strong>la</strong>bria.) ed <strong>in</strong>f<strong>in</strong>e presente nelle restanti regioni con un<br />

proprio candidato.<br />

E se nelle Marche riuscendovi ed <strong>in</strong> Puglia senza riuscirci,<br />

l’udc ha preteso di essere alternativa al<strong>la</strong> s<strong>in</strong>istra, <strong>questo</strong><br />

non è avvenuto <strong>in</strong> Piemonte, Liguria e Basilicata dove<br />

tutta l’opposizione, dal<strong>la</strong> s<strong>in</strong>istra estrema all’Italia dei<br />

Valori, si è <strong>in</strong>vece trovata compattamente schierata contro<br />

il centrodestra. Cosa che, almeno <strong>in</strong> Piemonte e <strong>in</strong> Liguria,<br />

rende molto più aperta <strong>la</strong> competizione elettorale che si<br />

giocherà dunque sul filo di pochi voti.<br />

I tre candidati al<strong>la</strong> presidenza del<strong>la</strong> Regione Marche<br />

ERMINIO MARINELLI<br />

Partiti: Pdl e Lega<br />

Età: 58 anni<br />

Medico, è stato s<strong>in</strong>daco di<br />

Civitanova Marche, dove ora è vice<br />

s<strong>in</strong>daco. È capogruppo al<strong>la</strong> prov<strong>in</strong>cia<br />

di Macerata<br />

MASSIMO ROSSI<br />

Partiti: Prc-Pdci, Sel<br />

Età: 52 anni<br />

Insegnante, s<strong>in</strong>daco di<br />

Grottammare per due mandati e<br />

poi consigliere, è stato presidente<br />

del<strong>la</strong> prov<strong>in</strong>cia di Ascoli<br />

27<br />

Fa storia a sé il Lazio dove a determ<strong>in</strong>are <strong>la</strong> scelta è<br />

stata <strong>la</strong> candidatura – di fatto una auto-candidatura – per<br />

il centros<strong>in</strong>istra del<strong>la</strong> Bon<strong>in</strong>o, <strong>la</strong> cui cultura radicale risulta<br />

<strong>in</strong>conciliabile con il cattolico udc. La scelta identitaria compiuta<br />

da Cas<strong>in</strong>i nelle regioni <strong>in</strong> cui ha schierato un proprio<br />

candidato è <strong>in</strong>vece dovuta a ragioni diverse: <strong>in</strong> Puglia, al<strong>la</strong><br />

riconferma, a seguito delle primarie di Niki Vendo<strong>la</strong>; <strong>in</strong><br />

Lombardia e Veneto, dove <strong>la</strong> vittoria del<strong>la</strong> lega e del pdl<br />

appare scontata, all’<strong>in</strong>utilità di un’alleanza alternativa; <strong>in</strong><br />

Emilia Romagna, Toscana ed Umbria, all’<strong>in</strong><strong>in</strong>fluenza di un<br />

proprio apporto al<strong>la</strong> vittoria del centros<strong>in</strong>istra.<br />

VOTO MARCHIGIANO<br />

Per quanto riguarda <strong>la</strong> nostra regione, il dato più rilevante<br />

è sicuramente <strong>la</strong> rottura dell’alleanza del partito<br />

democratico con <strong>la</strong> s<strong>in</strong>istra comunista che ha amm<strong>in</strong>istrato<br />

negli ultimi c<strong>in</strong>que anni. Una scelta <strong>in</strong> realtà dettata da<br />

calcoli elettorali più che da disaccordi sul<strong>la</strong> politica amm<strong>in</strong>istrativa<br />

del<strong>la</strong> giunta uscente.<br />

A determ<strong>in</strong>are <strong>la</strong> scelta sono stati <strong>in</strong>somma i dati delle<br />

GIAN MARIO SPACCA<br />

Partiti: Pd, Idv, Udc, Verdi, Api<br />

Età: 57 anni<br />

Già consigliere regionale delle<br />

Marche e assessore regionale alle<br />

attività produttive, è il presidente<br />

regionale <strong>in</strong> carica


28<br />

elezioni europee dello scorso anno. Se dovessero <strong>in</strong>fatti<br />

confermarsi anche il 28 marzo, l’attuale alleanza di centros<strong>in</strong>istra,<br />

comprensiva cioè dei comunisti, scenderebbe<br />

dal 55% del 2005 al 47%, mentre il centrodestra passerebbe<br />

dal 32 al 41%. A fare <strong>la</strong> differenza è dunque quel<br />

7% circa che il partito di Cas<strong>in</strong>i ha ottenuto sia nelle regionali<br />

del 2005 che nelle europee dello scorso anno.<br />

E davvero poco importa che si tratti di una percentuale<br />

solo di poco superiore a quel<strong>la</strong> ottenuta dal<strong>la</strong> s<strong>in</strong>istra.<br />

Infatti, il mancato accordo del governatore uscente Spacca<br />

con i centristi avrebbe <strong>la</strong>sciato a questi due opzioni, <strong>la</strong><br />

prima delle quali, <strong>la</strong> presentazione di un proprio candidato,<br />

sostanzialmente neutra perché identica al<strong>la</strong> scelta<br />

adottata dal<strong>la</strong> s<strong>in</strong>istra esclusa dall’accordo.<br />

A preoccupare <strong>la</strong> coalizione di centros<strong>in</strong>istra era dunque<br />

<strong>la</strong> seconda opzione <strong>in</strong> mano all’udc, quel<strong>la</strong> di una <strong>sua</strong><br />

alleanza con il centrodestra che, quel<strong>la</strong> sì, avrebbe fatto <strong>la</strong><br />

differenza sp<strong>in</strong>gendo quest’ultimo ad una vittoria praticamente<br />

scontata. Opzione questa non offerta <strong>in</strong>vece al<strong>la</strong><br />

s<strong>in</strong>istra, i cui voti non potranno mai sommarsi a quelli del<br />

popolo del<strong>la</strong> libertà.<br />

In realtà, sarebbe stata possibile anche una terza soluzione:<br />

una vasta coalizione che comprendesse sia l’udc<br />

che <strong>la</strong> s<strong>in</strong>istra, scelta questa compiuta sia <strong>in</strong> Piemonte che<br />

<strong>in</strong> Liguria, regioni <strong>in</strong> cui esistono però condizioni politicamente<br />

assai diverse. La pr<strong>in</strong>cipale critica che Cas<strong>in</strong>i<br />

muove a Berlusconi è <strong>in</strong>fatti quel<strong>la</strong> di aver appiattito il pdl<br />

sulle posizioni del<strong>la</strong> lega nord, e sia <strong>in</strong> Piemonte, dove il<br />

candidato presidente è proprio il leghista Cota, sia <strong>in</strong><br />

Liguria, il partito di Bossi ha un ruolo fondamentale nello<br />

schieramento di centrodestra.<br />

Condizioni che certo non esistono nelle Marche dove i<br />

centristi hanno dunque cercato ed ottenuto di valorizzare<br />

al massimo sia i propri voti sia il proprio programma. Dietro<br />

il calcolo numerico, si vede <strong>in</strong>fatti chiaramente <strong>la</strong><br />

volontà di spostare al centro l’equilibrio cacciando all’opposizione<br />

i comunisti, non solo per aumentare il proprio<br />

peso nel nuovo governo regionale ma anche per affermare<br />

una politica.<br />

CANDIDATI JESINI<br />

Per quanto riguarda il voto nel<strong>la</strong> nostra città, sarà <strong>in</strong>teressante<br />

capire se ed <strong>in</strong> quale misura risentirà del<strong>la</strong> vicenda<br />

Sadam. Non soltanto per le divisioni che sul<strong>la</strong> questione<br />

si sono create nei e tra i partiti, ma anche per <strong>la</strong> firma<br />

congiuntamente posta sotto l’accordo dal s<strong>in</strong>daco, dal<strong>la</strong><br />

presidente del<strong>la</strong> prov<strong>in</strong>cia e dal governatore uscente, tutti<br />

del partito democratico.<br />

Ed è praticamente certo che il comitato cittad<strong>in</strong>o che si<br />

oppone al progetto di trasformazione del vecchio zuccherificio<br />

<strong>in</strong> un polo energetico non si <strong>la</strong>scerà sfuggire l’occasione<br />

del voto regionale per ribadire le proprie ragioni.<br />

Magari cercando di trasformare <strong>questo</strong> voto <strong>in</strong> un surrogato<br />

del referendum che hanno chiesto <strong>in</strong>vano.<br />

In ogni caso, comunque vada, <strong>la</strong> vicenda Sadam ha già<br />

creato problemi al partito democratico cittad<strong>in</strong>o. L’uscita<br />

di Paolo C<strong>in</strong>go<strong>la</strong>ni dal partito e <strong>la</strong> <strong>sua</strong> candidatura al consiglio<br />

regionale nelle liste dell’Italia dei valori rischia <strong>in</strong>fatti<br />

di rendere molto meno sicura l’elezione di Enzo Giancarli.<br />

L’ex presidente del<strong>la</strong> prov<strong>in</strong>cia, all’<strong>in</strong>terno del proprio<br />

partito, non ha <strong>in</strong>fatti molto da temere <strong>la</strong> concorrenza<br />

elettorale dell’assessore uscente Fabio Badiali, espressione<br />

piuttosto del territorio che non del<strong>la</strong> città. E <strong>la</strong> Valles<strong>in</strong>a<br />

ha nel tempo espresso un proprio rappresentante <strong>in</strong> regione<br />

senza pregiudicare l’elezione del candidato jes<strong>in</strong>o.<br />

Una candidatura forte, politicamente strutturata come<br />

quel<strong>la</strong> di Giancarli rischia dunque di essere compromessa<br />

dal modo pessimo <strong>in</strong> cui è stata condotta <strong>la</strong> vicenda<br />

Sadam. Paolo C<strong>in</strong>go<strong>la</strong>ni, già vices<strong>in</strong>daco f<strong>in</strong>o al 2007 ed<br />

attuale presidente del consiglio comunale, non mancherà<br />

<strong>in</strong>fatti di capitalizzare politicamente <strong>la</strong> <strong>sua</strong> posizione contraria<br />

all’accordo.<br />

Una credenziale che, pur nel<strong>la</strong> trasversalità di un dissenso<br />

che ha attraversato tutti i partiti, di destra e di s<strong>in</strong>istra,<br />

andrà sicuramente ad accrescere le sue possibilità di<br />

successo. Possibilità rese peraltro non trascurabili dal peso<br />

elettorale che il partito di Di Pietro è andato assumendo<br />

<strong>in</strong> questi ultimi anni, passando dal 2,4% del 2006<br />

all’11,2% delle ultime elezioni europee. Peso elettorale<br />

peraltro acquisito proprio a scapito del partito democratico<br />

che, nel<strong>la</strong> nostra città, ha avuto nello stesso periodo un<br />

decremento più che corrispondente.<br />

Si stanno <strong>in</strong>somma ricreando le condizioni che già nel<br />

2005 avevano privato il partito di maggioranza re<strong>la</strong>tiva di<br />

un proprio rappresentante cittad<strong>in</strong>o <strong>in</strong> regione. C<strong>in</strong>que anni<br />

fa, a rov<strong>in</strong>are <strong>la</strong> festa era stata <strong>la</strong> discussione circa <strong>la</strong><br />

possibilità di un terzo mandato per Augusto Me<strong>la</strong>ppioni,<br />

allora assessore uscente al<strong>la</strong> sanità. Polemiche e discussioni<br />

che avevano f<strong>in</strong>ito per dirottare non poche preferenze<br />

sul nome di un’altra concittad<strong>in</strong>a, Katia Mammoli, favorendone<br />

l’elezione.<br />

Candidatura che peraltro <strong>la</strong> Mammoli ripropone anche<br />

<strong>in</strong> queste elezioni, seppure consapevole che <strong>la</strong> <strong>sua</strong> rielezione<br />

all’<strong>in</strong>terno di un partito residuale come l’alleanza<br />

riformista tra i repubblicani europei ed i socialisti è abbastanza<br />

problematica. Una lista, quel<strong>la</strong> <strong>in</strong> cui si colloca <strong>la</strong><br />

Mammoli, che appoggia <strong>la</strong> rielezione di Spacca ma che,<br />

almeno sul<strong>la</strong> carta, non sembra avere <strong>la</strong> forza per esprimere<br />

consiglieri.<br />

Accanto a chi si presenta alle elezioni, merita sicuramente<br />

di essere citata almeno una persona che <strong>in</strong>vece non<br />

ci sarà. Non poche perplessità ha <strong>in</strong>fatti suscitato <strong>in</strong> città<br />

l’esclusione dal<strong>la</strong> lista del popolo delle libertà di Gioacch<strong>in</strong>o<br />

Belluzzi. Un’esclusione decisa dal partito a livello<br />

prov<strong>in</strong>ciale nonostante il direttivo cittad<strong>in</strong>o ne avesse con<br />

forza sollecitato <strong>la</strong> candidatura.<br />

Un’esclusione, caldeggiata personalmente dal vice<br />

coord<strong>in</strong>atore del partito, il consigliere regionale Enrico<br />

Cesaroni, probabilmente timoroso di perdere delle preferenze<br />

utili al<strong>la</strong> propria rielezione. Un’esclusione che assomiglia<br />

però ad un c<strong>la</strong>moroso autogol. Per <strong>la</strong> <strong>sua</strong> storia personale<br />

e per il credito di cui gode <strong>in</strong> città, Gioacch<strong>in</strong>o<br />

Belluzzi avrebbe <strong>in</strong>fatti potuto dare qualche dispiacere al<br />

centros<strong>in</strong>istra <strong>in</strong>tercettando voti cattolici non conv<strong>in</strong>ti dal<strong>la</strong><br />

scelta di Cas<strong>in</strong>i di schierarsi con il governatore uscente.<br />

Un pastrocchio da apprendisti stregoni che toglie a<br />

Belluzzi <strong>la</strong> legittima soddisfazione di una candidatura di<br />

prestigio, a coronamento di una lunga esperienza politica<br />

che lo ha visto per oltre vent’anni sui banchi del consiglio<br />

comunale. Ma che d’altra parte toglie al partito che ha<br />

fatto questa scelta <strong>in</strong>felice <strong>la</strong> possibilità di al<strong>la</strong>rgare al<br />

centro, proprio là dove più serve <strong>in</strong> questa competizione,<br />

<strong>la</strong> propria base elettorale.


ELEZIONI REGIONALI 2010<br />

Si vota il 28 e 29 marzo. Domenica 28 marzo dalle 8.00 alle<br />

22.00 e lunedì 29 marzo dalle 7.00 alle 15.00 si svolgeranno le<br />

elezioni per l'elezione del Presidente del<strong>la</strong> Regione Marche e per<br />

il r<strong>in</strong>novo del Consiglio Regionale composto da 42 consiglieri divisi<br />

per altrettante sezioni elettorali così suddivise: Ancona 13,<br />

Ascoli Piceno 6, Fermo 5, Macerata 9, Pesaro e Urb<strong>in</strong>o 9.<br />

Come si vota<br />

L'elettore esprime il suo voto per una delle liste prov<strong>in</strong>ciali tracciando<br />

un segno nel re<strong>la</strong>tivo rettangolo. In tal caso il voto si<br />

<strong>in</strong>tende validamente espresso anche a favore del candidato al<strong>la</strong><br />

carica di Presidente del<strong>la</strong> Giunta regionale collegato al<strong>la</strong> lista.<br />

L’elettore può esprimere un solo voto di preferenza scrivendo<br />

solo il cognome oppure il nome e cognome di uno dei candidati<br />

compresi nel<strong>la</strong> lista votata.<br />

L'elettore può anche esprimere il suo voto per uno dei candidati<br />

al<strong>la</strong> carica di Presidente del<strong>la</strong> Giunta regionale tracciando un<br />

segno sul simbolo o sul nome del candidato al<strong>la</strong> carica di<br />

Presidente del<strong>la</strong> Giunta regionale collegato al<strong>la</strong> lista per <strong>la</strong> quale<br />

esprime il voto.<br />

L’elettore può anche esprimere soltanto il voto per il candidato<br />

al<strong>la</strong> carica di Presidente del<strong>la</strong> Giunta regionale, senza alcun voto<br />

di lista, tracciando un segno sul simbolo o sul nome del candidato<br />

prescelto. In tal caso il voto si <strong>in</strong>tende validamente espresso<br />

anche a favore del<strong>la</strong> coalizione cui il candidato al<strong>la</strong> carica di<br />

Presidente del<strong>la</strong> Giunta regionale votato è collegato.<br />

Sono nulli i voti espressi a favore di una lista prov<strong>in</strong>ciale e di un<br />

candidato al<strong>la</strong> carica di Presidente del<strong>la</strong> Giunta regionale non<br />

collegato al<strong>la</strong> lista stessa.<br />

4<br />

4<br />

4<br />

4<br />

4<br />

Bianchi<br />

NNNULLA NUL NUL NUL NUL<br />

29


30 POLITICA<br />

S<strong>in</strong>daco, perché ha firmato?<br />

Dopo i giorni dello scontro sul<strong>la</strong> riconversione Sadam, i chiarimenti<br />

politici sono rimandati a dopo le elezioni regionali.<br />

di ro<strong>la</strong>ndo romagnoli<br />

Abbiamo <strong>in</strong>contrato il S<strong>in</strong>daco Belcecchi per sottoporgli<br />

i pr<strong>in</strong>cipali dubbi che i cittad<strong>in</strong>i tuttora hanno sul<strong>la</strong> complicata<br />

questione Sadam. La prima domanda non poteva<br />

che essere questa.<br />

S<strong>in</strong>daco, perché ha firmato con l’azienda l’accordo<br />

di riconversione?<br />

«Ho firmato perché ho ritenuto positivi i contenuti<br />

dell’accordo, così come li hanno valutati positivi anche<br />

tutti coloro che l’hanno sottoscritto e altri soggetti <strong>in</strong><br />

città. C’erano le condizioni per dare una risposta positiva<br />

sia alle esigenze di salvaguardia occupazionale che<br />

a quelle che riguardano l’impatto sull’ambiente e sul<strong>la</strong><br />

salute dei cittad<strong>in</strong>i. Allo stesso tempo <strong>la</strong> valutazione è<br />

stata anche sul<strong>la</strong> opportunità di cont<strong>in</strong>uare ad avere<br />

nel nostro territorio un grosso gruppo <strong>in</strong>dustriale come<br />

il gruppo Maccaferri dentro il quale c’è anche Eridania<br />

Sadam».<br />

Tutti i partiti del<strong>la</strong> maggioranza, esclusa Rifondazione<br />

comunista, sono stati d’accordo a firmare.<br />

Se non ci fosse stata l’approvazione dei partiti di<br />

maggioranza avrebbe firmato ugualmente?<br />

«È evidente che se non ci fosse stata neanche <strong>la</strong><br />

condivisione da parte delle forze politiche <strong>la</strong> questione<br />

sarebbe stata molto più complessa. Per quanto mi riguarda<br />

posso dire che nel momento <strong>in</strong> cui non ci fosse<br />

stata né <strong>la</strong> maggioranza consiliare, né <strong>la</strong> maggioranza<br />

politica, io potrei anche aver firmato ma certamente mi<br />

Sa<strong>la</strong> consiliare il giorno del<strong>la</strong> rovente discussione sul<strong>la</strong><br />

vicenda Sadam.<br />

Il s<strong>in</strong>daco di <strong>Jesi</strong> Fabiano Belcecchi.<br />

sarei dimesso il giorno dopo».<br />

Se <strong>la</strong> competenza era del S<strong>in</strong>daco, perché l’ha<br />

portata tanto al<strong>la</strong> lunga – con tutto quello che ne<br />

è seguito – e non ha <strong>in</strong>vece firmato l’accordo con<br />

l’azienda f<strong>in</strong> dall’<strong>in</strong>izio?<br />

«Potevamo firmare già nel luglio del 2008 nel primo<br />

<strong>in</strong>contro che abbiamo fatto <strong>in</strong> Regione. Lì abbiamo<br />

chiesto noi di sospendere <strong>la</strong> trattativa perché avevamo<br />

<strong>la</strong> necessità di valutare, ulteriormente i contenuti dell’accordo,<br />

consapevoli del fatto che, anche se <strong>questo</strong><br />

impianto si poteva considerare di per sé marg<strong>in</strong>ale,<br />

andava ad <strong>in</strong>sistere su un territorio già abbastanza problematico.<br />

Non credo che <strong>questo</strong> tempo sia passato <strong>in</strong>vano.<br />

Non sarei stato d’accordo a firmare subito anche<br />

perché avevo chiesto all’azienda alcune questioni sulle<br />

quali non c’era stata nessuna risposta. Era necessario<br />

che <strong>questo</strong> accordo avvenisse all’<strong>in</strong>terno di una serie di<br />

garanzie concordate prima del<strong>la</strong> sottoscrizione. Non mi<br />

sembra che si sia perso tempo. Il <strong>la</strong>voro che si è fatto<br />

<strong>in</strong> questi due anni, non solo da me ma anche dalle forze<br />

politiche, dal consiglio comunale, dai comitati, dai<br />

gruppi ed associazioni di cittad<strong>in</strong>i, ci ha permesso di<br />

arrivare ad un risultato che ritengo complessivamente<br />

positivo».<br />

Quali sono stati i cambiamenti sostanziali rispetto<br />

all’<strong>in</strong>izio del<strong>la</strong> trattativa?<br />

«Essenzialmente il dimensionamento dell’impianto.


Siamo partiti, per quanto riguarda <strong>la</strong> centrale, con un<br />

progetto da 18 Mw e siamo arrivati ad una di 11 Mw. È<br />

stato un guadagno importante che ci consente di poter<br />

avere un approvvigionamento garantito dal<strong>la</strong> produzione<br />

locale. Perché dai 30mi<strong>la</strong> ettari circa coltivati a girasole,<br />

necessari per una centrale da 18 Mw, siamo passati<br />

a 16mi<strong>la</strong> ettari che è possibile far rientrare all’<strong>in</strong>terno<br />

del<strong>la</strong> filiera corta dentro un raggio di 70 chilometri.<br />

Sarà qu<strong>in</strong>di una ricaduta diretta sul territorio».<br />

Si è mai presa <strong>in</strong> considerazione una riconversione<br />

diversa, meno preoccupante dal punto di<br />

vista ambientale?<br />

«È un discorso un po’ difficile. Noi avevamo di fronte<br />

una controparte che era l’azienda, potevamo anche<br />

dire di non essere d’accordo con il progetto chiedendo di<br />

fare qualcosa di diverso. Ma l’azienda sarebbe stata <strong>in</strong><br />

grado di fare qualcosa di diverso? Non c’è stato mai nessuno<br />

che concretamente ha detto di essere disponibile».<br />

Lei ha detto di aver difeso 143 posti di <strong>la</strong>voro.<br />

Chi ci garantisce che, <strong>in</strong> partico<strong>la</strong>re per quanto<br />

riguarda il confezionamento dello zucchero, fra<br />

qualche anno l’azienda non decida di portarlo via?<br />

«Qualcuno è <strong>in</strong> grado di dire quanta gente potrà<br />

<strong>la</strong>vorare fra due o tre anni nelle aziende del territorio?<br />

È difficile prevedere cosa succederà nei prossimi anni.<br />

Bisogna valutare se il piano <strong>in</strong>dustriale ed economico<br />

che è stato presentato sta <strong>in</strong> piedi oppure no. Se consideriamo<br />

che <strong>questo</strong> progetto sarà f<strong>in</strong>anziato per il 70-<br />

80 per cento dal credito, saranno le stesse banche a<br />

garantire se il piano sarà valido. Certamente l’aspetto<br />

più critico è il confezionamento, però l’azienda non<br />

<strong>in</strong>tende uscire dal suo ruolo di soggetto che commercializza<br />

zucchero, tanto che sono previsti ulteriori <strong>in</strong>vestimenti<br />

nell’impianto. Al di là di <strong>questo</strong>, l’aspetto fondamentale<br />

è aver ottenuto nell’accordo di non par<strong>la</strong>re di<br />

<strong>numero</strong> di dipendenti ma di posizioni di <strong>la</strong>voro: cioè nel<br />

sito di <strong>Jesi</strong> viene stabilito un organigramma che presuppone<br />

143 postazioni di <strong>la</strong>voro, che verranno mantenute<br />

anche se uno dei settori dovesse andar male».<br />

Ma non sempre gli impegni sono stati rispettati.<br />

«Questo è vero, ma di certo non c’è niente. Il compito<br />

nostro è quello di fare accordi al meglio possibile.<br />

Il fatto che ci possa essere un’<strong>in</strong>certezza sul<strong>la</strong> reale<br />

volontà di rispettarli non significa che non si debbano<br />

fare. Vanno fatti nel<strong>la</strong> migliore maniera possibile».<br />

Ci sono le garanzie ambientali?<br />

«Dal punto di vista ambientale l’accordo riguarda i<br />

livelli di impatto che questi nuovi impianti avranno e che,<br />

rispetto a quel<strong>la</strong> che era l’attività dello zuccherificio,<br />

saranno circa <strong>la</strong> metà come è stato appurato dall’Arpam<br />

e dai tecnici del<strong>la</strong> Regione. Ma nell’accordo c’è anche un<br />

punto <strong>in</strong> più che riguarda <strong>la</strong> turbogas. In sede di r<strong>in</strong>novo<br />

dell’autorizzazione, che è scaduta, si faranno delle<br />

proposte di ammodernamento tecnologico che ridurranno<br />

l’impatto ambientale complessivo».<br />

Lei aveva detto che, anche se non ci fosse stata<br />

<strong>la</strong> maggioranza del consiglio, avrebbe firmato<br />

ugualmente l’accordo ma che poi si sarebbe di-<br />

31<br />

messo. Perché non l’ha fatto?<br />

«Ho detto nell’ultimo consiglio comunale che non<br />

avrei posto <strong>la</strong> fiducia su <strong>questo</strong> atto perché ritenevo<br />

che fosse necessario non far dipendere le sorti dell’amm<strong>in</strong>istrazione<br />

comunale da <strong>questo</strong> voto. Un problema<br />

di questa natura che metteva <strong>in</strong> ballo le sorti di 143<br />

famiglie e questioni ambientali e di salute non poteva<br />

essere trattato <strong>in</strong> base a calcoli politici. Dopo <strong>la</strong> sottoscrizione<br />

dell’accordo ho riunito <strong>la</strong> maggioranza e ho<br />

chiesto se c’erano ancora le condizioni che <strong>la</strong> tenevano<br />

<strong>in</strong> piedi. La risposta è stata positiva da parte di tutte le<br />

forze politiche, tranne una. Ma anche gli stessi consiglieri<br />

di maggioranza che hanno votato contro quell’atto<br />

hanno pubblicamente dichiarato che il loro voto contrario<br />

era solo re<strong>la</strong>tivo a quel<strong>la</strong> questione e che non era<br />

un voto contrario al prosieguo di questa esperienza amm<strong>in</strong>istrativa».<br />

Pensa che ci sono ancora le condizioni per andare<br />

avanti con questa esperienza amm<strong>in</strong>istrativa?<br />

«Se non ci sarà un momento di chiarezza complessiva<br />

credo di no. Un’amm<strong>in</strong>istrazione che non è <strong>in</strong> grado di<br />

sapere, ogni volta che va <strong>in</strong> consiglio, che f<strong>in</strong>e farà,<br />

rischia di navigare a vista, e non ce lo possiamo permettere.<br />

Questo sarà il tema dell’agenda politica del<strong>la</strong> maggioranza<br />

immediatamente dopo le elezioni regionali».<br />

Alcuni consiglieri, su questioni fondamentali,<br />

hanno deciso di votare contro <strong>la</strong> l<strong>in</strong>ea adottata dal<br />

proprio partito. È un fatto nuovo nel<strong>la</strong> politica.<br />

«Non voglio fare polemica con chi <strong>in</strong> <strong>questo</strong> momento<br />

mi si è messo contro, voglio però aprire un ragionamento<br />

su una situazione che ritengo molto pericolosa.<br />

Così saltano i pr<strong>in</strong>cipi del<strong>la</strong> democrazia rappresentativa,<br />

ma allora i consiglieri dovrebbero essere eletti direttamente<br />

dai cittad<strong>in</strong>i senza i partiti. Non si pretende che i<br />

consiglieri siano degli jes men che alzano sempre <strong>la</strong><br />

mano secondo quello che decide il partito, ma <strong>in</strong> ogni<br />

caso devono assumersi il ruolo di rappresentanza più<br />

ampia che gli viene assegnato nel momento <strong>in</strong> cui vengono<br />

eletti».<br />

Prevede una verifica del<strong>la</strong> maggioranza <strong>in</strong> consiglio<br />

comunale?<br />

«Sicuramente mi confronterò con i consiglieri che ora<br />

sono passati nel gruppo misto e con lo stesso C<strong>in</strong>go<strong>la</strong>ni<br />

che è passato all’Idv, dopo di che il problema si ripone.<br />

Da qui <strong>in</strong> avanti il confronto lo dovrò fare con 18 consiglieri<br />

comunali? Probabilmente ci sarà bisogno di un voto<br />

di fiducia perché bisogna ritrovare un comune modo di<br />

procedere, non posso contrattare ogni questione con 18<br />

persone diverse. Dovremo tener conto di quello che c’è<br />

stato, dobbiamo prendere atto che ormai c’è un nuovo<br />

gruppo; se <strong>questo</strong> diventa un pezzo <strong>in</strong> più che si aggiunge<br />

al<strong>la</strong> maggioranza ha un senso, se così non è e ci sono<br />

sette <strong>in</strong>dividualità con le quali dover fare i conti ogni<br />

volta, penso che qualche problema ci sia. Occorre un ragionamento<br />

complessivo che rimetta <strong>in</strong>sieme consiglio e<br />

forze politiche. Tutto è un po’ più difficile, occorre senso<br />

di responsabilità. Questa città e <strong>questo</strong> territorio non si<br />

possono permettere un anno di commissariamento».


32 ECONOMIA<br />

di chiara cascio<br />

La crisi economica ha colpito tutti, grandi aziende comprese.<br />

Anche i “colossi” del<strong>la</strong> Valles<strong>in</strong>a, imprese che da<br />

sempre sono s<strong>in</strong>onimo di potenza, solidità e qualità di<br />

prodotto, non sono stati risparmiati da cali di fatturato,<br />

<strong>in</strong>solvenze e cassa <strong>in</strong>tegrazione.<br />

Ne abbiamo par<strong>la</strong>to con Luca Gastregh<strong>in</strong>i, vice-presidente<br />

Conf<strong>in</strong>dustria Ancona e direttore generale del<br />

Gruppo Sole e Bontà, operante nel settore alimentare<br />

con 3 stabilimenti e 100 dipendenti.<br />

Qual è lo spaccato del<strong>la</strong> situazione economica<br />

attuale?<br />

«Trovandomi quotidianamente a contatto con <strong>la</strong><br />

realtà <strong>in</strong>dustriale del<strong>la</strong> prov<strong>in</strong>cia di Ancona e delle Marche,<br />

posso affermare che stiamo vivendo una crisi<br />

f<strong>in</strong>anziaria e dei consumi. Sono molte le aziende <strong>in</strong> difficoltà<br />

di fatturato e <strong>la</strong> ristrettezza economica delle banche<br />

ne ritarda <strong>la</strong> ripresa. Nonostante <strong>la</strong> cassa <strong>in</strong>tegrazione<br />

e i licenziamenti, <strong>la</strong> situazione sembra non migliorare,<br />

al punto che molti imprenditori sono stati costretti<br />

ad <strong>in</strong>vestire nell’azienda i propri capitali. L’impegno di<br />

Conf<strong>in</strong>dustria, <strong>in</strong> <strong>questo</strong> momento così delicato per l’economia,<br />

è quello di colloquiare con gli istituti di credito,<br />

aff<strong>in</strong>ché trov<strong>in</strong>o un punto d’<strong>in</strong>contro con le imprese.<br />

La crisi f<strong>in</strong>irà, il problema è capire quando e f<strong>in</strong>o a che<br />

punto le aziende locali saranno <strong>in</strong> grado di reggere un -<br />

30 o -40% di fatturato».<br />

Molte imprese del<strong>la</strong> Valles<strong>in</strong>a sono spesso di<br />

tradizione familiare, radicate nel territorio da<br />

anni: tuttavia le banche del territorio sembrano<br />

mettere <strong>in</strong> dubbio anche <strong>la</strong> loro affidabilità...<br />

«Le banche ultimamente si sono <strong>in</strong>ternamente ristrutturate,<br />

cambiando direttori e strategie. Di conseguenza,<br />

tendono a considerare solo i numeri. Non esistono più<br />

Crisi e<br />

<strong>in</strong>dustria<br />

<strong>in</strong> Valles<strong>in</strong>a<br />

Intervista a Luca Gastregh<strong>in</strong>i, imprenditore<br />

e vice-presidente Conf<strong>in</strong>dustria<br />

Ancona.<br />

quei direttori di banca che effettuano sopralluoghi nelle<br />

aziende per verificarne l’affidabilità. Oggi si preferisce<br />

buttare un occhio al bi<strong>la</strong>ncio e da lì tirar le conclusioni».<br />

Quali sono i punti forza del tessuto <strong>in</strong>dustriale<br />

locale?<br />

«La Valles<strong>in</strong>a è conosciuta per essere una “picco<strong>la</strong><br />

Mi<strong>la</strong>no”, guidata da imprenditori lungimiranti. Il punto<br />

di forza è sicuramente <strong>la</strong> professionalità nel <strong>la</strong>voro, derivata<br />

da circa 200 anni di <strong>in</strong>dustria nel territorio. È<br />

questa caratteristica che sta permettendo al<strong>la</strong> Valles<strong>in</strong>a<br />

di soffrire di meno <strong>la</strong> crisi rispetto ad altre zone».<br />

Secondo lei, c’è un modo per sopravvivere al<strong>la</strong><br />

crisi?<br />

«Secondo me, <strong>la</strong> soluzione sta nel superare il limite<br />

delle piccole dimensioni, tipico delle aziende locali, e<br />

puntare di più sull’<strong>in</strong>novazione. La crisi f<strong>in</strong>irà ed allora<br />

ci si troverà di fronte a un mercato diverso da quello<br />

attuale. Chi sopravviverà di certo dovrà rivedere le proprie<br />

strategie a favore di una maggiore efficienza».<br />

Cosa <strong>in</strong>tende per “<strong>in</strong>novazione”?<br />

«Mi riferisco all’<strong>in</strong>novazione di prodotto ma anche al<strong>la</strong><br />

capacità di ristrutturare l’azienda. Questo significa che, <strong>in</strong><br />

caso di necessità, bisogna essere pronti a dei cambiamenti.<br />

Aggregazioni e filiere di imprese sono spesso <strong>la</strong><br />

soluzione per superare le piccole dimensioni e sopravvivere<br />

al<strong>la</strong> crisi. Per <strong>questo</strong> motivo Conf<strong>in</strong>dustria sta cercando<br />

di creare una cultura dell’imprenditore maggiormente<br />

predisposta a fusioni e, soprattutto, a reti di imprese,<br />

<strong>la</strong> soluzione più semplice, meno costosa, efficiente e<br />

avulsa dal ledere l’autonomia delle s<strong>in</strong>gole aziende».<br />

Quali sono i rapporti di Conf<strong>in</strong>dustria con i s<strong>in</strong>dacati?<br />

«Potrà sembrare un paradosso, ma i rapporti con i


LUCA GASTREGHINI,<br />

40 anni, sposato e padre di<br />

due bamb<strong>in</strong>i, Lorenzo e<br />

Ludovica, è direttore<br />

generale del Gruppo Sole e<br />

Bontà, operante nel settore<br />

alimentare con 3 stabilimenti<br />

e 100 dipendenti, nonché<br />

vice-presidente Conf<strong>in</strong>dustria<br />

Ancona dal 2009 e componente<br />

del consiglio direttivo<br />

di Conf<strong>in</strong>dustria Marche.<br />

s<strong>in</strong>dacati sono migliori rispetto al passato: <strong>questo</strong> perché<br />

mantenere l’occupazione è diventato l’obiettivo<br />

comune. Il colloquio è più serrato ed efficace, f<strong>in</strong>alizzato<br />

ad <strong>in</strong>dividuare le soluzioni migliori per il dipendente.<br />

Non va dimenticato che il rapporto di fiducia ed<br />

amicizia che si <strong>in</strong>staura nel tempo tra imprenditore e<br />

personale, aspetto tipico del<strong>la</strong> realtà <strong>in</strong>dustriale marchigiana,<br />

è una delle risorse fondamentali e punto di<br />

forza per le aziende del territorio».<br />

E con le istituzioni?<br />

«Si cerca di col<strong>la</strong>borare, anche se i Comuni del<strong>la</strong><br />

Valles<strong>in</strong>a tendono ancora a considerare l’<strong>in</strong>dustria più<br />

una m<strong>in</strong>accia per l’ambiente che una risorsa per il territorio.<br />

Io credo che debba esserci più comunicazione e<br />

aggregazione anche tra i Comuni stessi: gli <strong>in</strong>dividualismi<br />

vanno sepolti a favore del dialogo e del<strong>la</strong> reciproca<br />

col<strong>la</strong>borazione».<br />

Secondo lei, le manovre anti-crisi messe <strong>in</strong> atto<br />

<strong>in</strong>vece da Regione e Prov<strong>in</strong>cia sono sufficienti?<br />

«In realtà, credo che sia stato fatto ben poco: alcune<br />

tasse, partico<strong>la</strong>rmente gravose sui bi<strong>la</strong>nci delle aziende,<br />

non sono state elim<strong>in</strong>ate. Bene il piano-casa, ma<br />

occorrono più servizi e maggiore efficienza burocratica<br />

per effettuare certe pratiche: ora come ora, per <strong>in</strong>grandire<br />

o modificare un impianto produttivo bisogna sottostare<br />

a moltissimi cavilli. Basterebbero piccoli segni per<br />

<strong>in</strong>coraggiare le aziende al<strong>la</strong> ripresa».<br />

Cosa pensa del problema dell’<strong>in</strong>solvenza?<br />

«È una conseguenza del<strong>la</strong> m<strong>in</strong>or liquidità sul mercato.<br />

La tendenza è quel<strong>la</strong> di posticipare il pagamento<br />

a oltre 100 giorni dall’emissione del servizio. Anche <strong>in</strong><br />

<strong>questo</strong> caso, servirebbero delle leggi che limit<strong>in</strong>o il fenomeno,<br />

imponendo rego<strong>la</strong>menti sui pagamenti, così<br />

33<br />

come avviene già da anni <strong>in</strong> alcuni Paesi dell’Unione<br />

Europea e non solo».<br />

E per quanto riguarda <strong>la</strong> questione del precariato?<br />

«Questo è un grandissimo problema e di difficile risoluzione.<br />

Non è vero che <strong>la</strong> situazione gioca a favore<br />

delle aziende: all’imprenditore non serve il dipendente<br />

precario, ma un basso costo del <strong>la</strong>voro. Questo non<br />

significa stipendi più bassi, ma tassazioni meno onerose.<br />

Ci vorrebbe più flessibilità, così da poter premiare i<br />

dipendenti migliori attraverso <strong>in</strong>centivi. Il meccanismo<br />

del<strong>la</strong> meritocrazia, però, si blocca di fronte al problema<br />

delle tasse, che sull’<strong>in</strong>centivo arrivano al 50%. Ci troviamo<br />

così davanti ad un appiattimento generale del<strong>la</strong><br />

forza <strong>la</strong>voro: i dipendenti sono tutti parametrati uguali,<br />

senza possibilità di far emergere chi è più bravo».<br />

Esprima un giudizio sul<strong>la</strong> qualità dell’attuale<br />

c<strong>la</strong>sse imprenditoriale del territorio.<br />

«Il giudizio è positivo perché, ribadisco, c’è molta<br />

professionalità. Tuttavia esistono dei limiti da superare<br />

e da v<strong>in</strong>cere: le piccole dimensioni e il ricambio generazionale.<br />

L’azienda che passa dal padre al figlio non<br />

sempre ha successo: l’imprenditore deve saper valutare<br />

attentamente se <strong>la</strong> scelta di passare il testimone al<strong>la</strong><br />

nuova generazione sia effettivamente <strong>la</strong> migliore».<br />

Cosa consiglia ai nuovi imprenditori che <strong>in</strong>iziano<br />

<strong>la</strong> loro attività <strong>in</strong> <strong>questo</strong> momento di crisi?<br />

«Occorrono nervi saldi, tanta voglia di mettersi <strong>in</strong><br />

gioco e un po’ di esperienza, acquisita magari anche <strong>in</strong><br />

altre aziende. Non deve mancare <strong>la</strong> capacità di saper<br />

<strong>in</strong>dividuare i bisogni dei clienti e, soprattutto, tanto<br />

ottimismo. Deprimersi non fa fare fatturato mentre una<br />

visione positiva giova a se stessi, ai dipendenti e, soprattutto,<br />

all’azienda».


34 IMPRESE E TERRITORIO<br />

MOIE – È stata firmata <strong>la</strong> convenzione tra Cis Srl, società<br />

che unisce 12 Comuni del<strong>la</strong> media Valles<strong>in</strong>a, e i c<strong>in</strong>que<br />

Istituti comprensivi per il progetto “Cis<strong>in</strong>contra<br />

2010”. Gli argomenti didattici, proposti da Cis e accettati<br />

dai dirigenti, sui quali i ragazzi <strong>la</strong>voreranno <strong>in</strong> opportuni<br />

<strong>la</strong>boratori e che esporranno a f<strong>in</strong>e anno, sono:<br />

“Cisidifferenzia” e “Cis<strong>in</strong>contra sulle sponde dell’Es<strong>in</strong>o”.<br />

Grande partecipazione da parte degli studenti e dei 12<br />

m<strong>in</strong>is<strong>in</strong>daci dei rispettivi Comuni soci.<br />

La convenzione è stata firmata da Sergio Cerioni presidente<br />

del CIS, da Nico<strong>la</strong> Brunetti dirigente sco<strong>la</strong>stico<br />

dell’Istituto comprensivo di Maio<strong>la</strong>ti Spont<strong>in</strong>i – Castelp<strong>la</strong>nio<br />

– Poggio San Marcello; da Stefania Sbriscia dirigente<br />

sco<strong>la</strong>stico dell’Istituto comprensivo di Serra San<br />

Quirico – Mergo – Rosora; da Mara Tirotta dell’Istituto<br />

comprensivo di Montecarotto – Castelbell<strong>in</strong>o – San<br />

Paolo di <strong>Jesi</strong>; da Romana Romagnoli vicaria dell’Istituto<br />

CIS<strong>in</strong>contra<br />

2010<br />

Firmata <strong>la</strong> convenzione<br />

tra Cis e scuole<br />

comprensivo di Arcevia – Montecarotto; da Patrizia<br />

Borocci rappresentante dell’Istituto comprensivo di<br />

Cupramontana – Staffolo; da Don Fabio Belelli del<strong>la</strong><br />

Scuo<strong>la</strong> dell’<strong>in</strong>fanzia “Domenico Pal<strong>la</strong>vic<strong>in</strong>o” di Moie e da<br />

Bonci Esuperanzio del<strong>la</strong> Scuo<strong>la</strong> dell’<strong>in</strong>fanzia “S. Cater<strong>in</strong>a”<br />

di Cupramontana.<br />

«L’educazione ambientale è da anni un tema affrontato<br />

nelle scuole – ha affermato il presidente Cerioni – allo<br />

scopo di favorire un’educazione al rapporto con l’ambiente<br />

e promuovere comportamenti adeguati al<strong>la</strong> salvaguardia<br />

del territorio e delle sue risorse. Il Cis ha<br />

raggiunto il traguardo del 50% dei rifiuti differenziati <strong>in</strong><br />

pochi mesi grazie anche a quest’importante progetto<br />

<strong>in</strong>iziato anni fa <strong>in</strong> col<strong>la</strong>borazione con le scuole. È fondamentale<br />

dare impulso a nuovi stili di vita, attraverso<br />

<strong>la</strong> diffusione di varie proposte educative adatte per le<br />

diverse fasce d’età degli alunni del<strong>la</strong> scuo<strong>la</strong> dell’obbligo


al f<strong>in</strong>e di sollecitare comportamenti corretti, consapevoli<br />

e virtuosi, nel rispetto dell’ambiente».<br />

Il rappresentante degli Istituti comprensivi Nico<strong>la</strong> Brunetti<br />

ha ricordato ai ragazzi che questa convenzione si<br />

basa sul rispetto del “Summit di Rio de Janeiro” del<br />

1992, del “Protocollo di Kjoto” del 1997, del “Vertice di<br />

Johannesburg” 2002, ecc. «I disastri naturali a cui assistiamo<br />

oggi – ha proseguito Brunetti – sono frutto di<br />

comportamenti sbagliati. Differenziare bene è come<br />

suonare <strong>in</strong> un’orchestra, se sbaglia uno <strong>la</strong> colpa ricade<br />

su tutti. Se mettiamo un contenitore di p<strong>la</strong>stica nel<br />

vetro, tutta <strong>la</strong> campana non può essere differenziata<br />

vanificando <strong>la</strong> buona condotta degli altri». Animato e<br />

stimo<strong>la</strong>nte è stato il dibattito con studenti e m<strong>in</strong>is<strong>in</strong>daci.<br />

“Dove va a f<strong>in</strong>ire <strong>la</strong> p<strong>la</strong>stica che differenziamo?”,<br />

“Perché non si punisce le persone che non differenziano?”,<br />

“Perché non si sensibilizza anche al consumo consapevole?”.<br />

Queste sono state solo alcune delle <strong>numero</strong>se<br />

domande rivolte alle autorità presenti. Bravi ragazzi!<br />

TEMA 1 - CISIDIFFERENZIA<br />

Acquisire <strong>la</strong> consapevolezza del<strong>la</strong> tute<strong>la</strong> ambientale. È<br />

<strong>questo</strong> l’obiettivo del primo tema di CIS<strong>in</strong>contra che<br />

naturalmente si riferisce al nuovo sistema evoluto di<br />

raccolta differenziata. Le scuole hanno già <strong>in</strong>iziato a <strong>la</strong>vorare<br />

– anche attivando gemel<strong>la</strong>ggi con gli altri istituti<br />

– scegliendo liberamente le forme espressive ritenute<br />

più idonee tra cui: il manifesto <strong>in</strong>formativo da collocare<br />

vic<strong>in</strong>o ad ogni ecopunto per <strong>la</strong> raccolta differenziata;<br />

storie e vignette da pubblicare; rappresentazioni<br />

teatrali; creazione oggettistica con materiale ricic<strong>la</strong>to;<br />

attività di co<strong>in</strong>volgimento dell’<strong>in</strong>tera comunità sco<strong>la</strong>stica<br />

(studenti, <strong>in</strong>segnanti, operatori, genitori, famiglie). I<br />

ragazzi e le loro famiglie saranno chiamati a confrontarsi<br />

con un questionario nel quale, attraverso semplici<br />

domande, si potrà testare il livello di sensibilità e di<br />

<strong>in</strong>formazione raggiunto sul tema dei rifiuti.<br />

Dall’esame dei test si potranno misurare i risultati conseguiti<br />

<strong>in</strong> term<strong>in</strong>i di conoscenza e sensibilità e si potranno<br />

orientare con maggiore efficacia le future azioni<br />

comunicative.<br />

TEMA 2 - SULLE SPONDE DELL’ESINO<br />

Il secondo tema si rivolge al Fiume Es<strong>in</strong>o: <strong>la</strong> <strong>sua</strong> storia,<br />

<strong>la</strong> <strong>sua</strong> attualità, <strong>la</strong> <strong>sua</strong> vita. Un’occasione per scoprire il<br />

paesaggio, l’acqua e <strong>la</strong> flora fluviale. Ma anche un modo<br />

per conoscere le ricchezze del fiume e diventare<br />

protagonisti attivi nel<strong>la</strong> <strong>sua</strong> valorizzazione.<br />

SUPPORTI DI CIS PER I PROGETTI<br />

Il Cis per il progetto scuo<strong>la</strong> “CIS<strong>in</strong>contra” metterà <strong>in</strong><br />

campo operatori qualificati per entrambi i settori di studio:<br />

<strong>la</strong> raccolta differenziata e <strong>la</strong> scoperta del territorio.<br />

Inoltre provvederà al<strong>la</strong> fornitura di compostiere e box<br />

per <strong>la</strong> raccolta differenziata nelle scuole. Saranno promosse<br />

anche visite agli impianti di trattamento e smaltimento,<br />

presso <strong>la</strong> discarica Sogenus, per capire come<br />

funziona l’impianto di compostaggio e quello del bio-<br />

35<br />

gas. Sono <strong>in</strong>oltre previste visite storico-naturalistiche<br />

lungo le sponde dell’Es<strong>in</strong>o per avvic<strong>in</strong>are i ragazzi al<strong>la</strong><br />

scoperta di <strong>questo</strong> mondo nascosto e spesso non apprezzato.<br />

LA MANIFESTAZIONE DI MAGGIO<br />

Il progetto nel suo complesso si concluderà nel mese di<br />

maggio 2010 con una grande manifestazione f<strong>in</strong>ale,<br />

durante <strong>la</strong> quale saranno esposti i <strong>la</strong>vori realizzati dai<br />

ragazzi, e che vedrà il co<strong>in</strong>volgimento anche dei Consigli<br />

Comunali dei Ragazzi e dei S<strong>in</strong>daci dei Ragazzi.


36 PERSONAGGI<br />

INCONTRO CON... LEOPOLDO LATINI<br />

Dall’altare al<strong>la</strong> polvere,<br />

e ritorno<br />

di ugo borioni<br />

Leopoldo Lat<strong>in</strong>i, personaggio controverso del<strong>la</strong> storia economico-sportiva<br />

del<strong>la</strong> città, è stato figura di spicco di una<br />

serie di vicende che ne hanno fatto un personaggio. Amato<br />

ed <strong>in</strong>censato quando il vento spirava a favore, criticato<br />

e biasimato (con troppa facilità) quando il vento girava<br />

a burrasca, una cosa è certa: nelle avversità ha subìto<br />

<strong>in</strong> prima persona. A rialzarsi c’è riuscito da solo.<br />

Partiamo dal<strong>la</strong> f<strong>in</strong>e; per dire che oggi Lat<strong>in</strong>i, settantottenne<br />

(solo all’anagrafe, verrebbe da dire) <strong>in</strong>dustriale<br />

del mobile, è tornato alle red<strong>in</strong>i del suo stabilimento di S.<br />

Apoll<strong>in</strong>are a Monteroberto, dove lo <strong>in</strong>contro, dopo qualche<br />

anno di assenza magistralmente speso <strong>in</strong> Russia. A<br />

Mosca <strong>in</strong>fatti, Leopoldo ha fondato <strong>la</strong> “Lat<strong>in</strong>i Cuc<strong>in</strong>e”, fabbrica<br />

che occupa sessanta dipendenti, ha aperto sei negozi<br />

ed ha diffuso <strong>la</strong> propria produzione <strong>in</strong> tutta <strong>la</strong> federazione<br />

grazie ad una fitta rete di vendita.<br />

Il nome di Lat<strong>in</strong>i, a ogni buon conto, è legato anche ad<br />

<strong>in</strong>cresciose vicende del passato. Il crack del<strong>la</strong> società di<br />

calcio Jes<strong>in</strong>a e il fallimento del<strong>la</strong> <strong>sua</strong> <strong>in</strong>dustria alle porte<br />

del<strong>la</strong> città riempirono <strong>la</strong>rgamente le cronache dell’epoca.<br />

Qualcuno addirittura ipotizzò che le due vicende fossero<br />

strettamente legate.<br />

Così racconta l’<strong>in</strong>izio del tracollo del<strong>la</strong> <strong>sua</strong> azienda,<br />

nel marzo 1986:<br />

«Una banca mi telefona il venerdì sera chiedendomi di<br />

coprire un assegno di qualche milione. Appena dieci giorni<br />

prima avevo fatto pagamenti per ottocento milioni,<br />

avevo conti <strong>in</strong> diciotto istituti bancari, a Forlì spendevo un<br />

miliardo l’anno di sponsorizzazioni nel basket di A1, mezzo<br />

miliardo per <strong>in</strong>serzioni pubblicitarie su riviste e tv<br />

nazionali… Insomma, a quel<strong>la</strong> richiesta non diedi peso.<br />

Invece mi protestarono l’assegno, tutte le altre banche<br />

mi furono addosso e fu l’<strong>in</strong>izio del<strong>la</strong> f<strong>in</strong>e. Mi vidi portar via<br />

lo stabilimento di Fontedamo, il <strong>la</strong>voro di una vita, un<br />

capitale di dodici miliardi, valutato molto meno...»<br />

Ti sei mai fatto l’idea che qualcuno ti abbia voluto<br />

male, che tutta <strong>la</strong> vicenda potesse essere una<br />

manovra ai tuoi danni?<br />

«A distanza di anni, sono venuto a sapere che <strong>in</strong> quell’area<br />

qualcuno aveva <strong>in</strong> progetto di portare un ipermercato.<br />

Ma quel qualcuno fallì ancora prima di me! Ho anche<br />

pensato che fosse perché non avevo accettato di entrare<br />

<strong>in</strong> politica».<br />

Già, <strong>la</strong> politica… Oggi è un bus<strong>in</strong>ess, un’ancora<br />

di salvataggio, una maniera per assicurarsi un cantuccio.<br />

Tu non pensasti mai di aggrappartici?<br />

«Negli anni Ottanta vennero da me il segretario del<br />

partito socialista, poi quello del partito repubblicano, a<br />

chiedermi di presentarmi alle elezioni. Perché allora ero<br />

un personaggio. Ma scusate, vi pare che uno come me,<br />

con il mio carattere, possa entrare <strong>in</strong> politica? Io i compromessi<br />

non li faccio con nessuno, io taglio dritto! Beh,<br />

allora prendi i voti e poi dai le dimissioni, mi dissero. Li<br />

ho mandati a quel paese».<br />

Passiamo allo sport. È fuori discussione che con Lat<strong>in</strong>i<br />

presidente, il calcio a <strong>Jesi</strong> ha vissuto il miglior periodo<br />

del<strong>la</strong> <strong>sua</strong> storia. Leopoldo, del resto, nello sport c’era<br />

sempre stato. Prima sponsor nel ciclismo, poi nel rugby e<br />

nel<strong>la</strong> pal<strong>la</strong>canestro. F<strong>in</strong>ché un comune amico, Nico<strong>la</strong> di<br />

Francesco, non lo conv<strong>in</strong>se ad entrare nel calcio e nel<strong>la</strong><br />

Jes<strong>in</strong>a. Il culm<strong>in</strong>e fu con <strong>la</strong> C1 nell’85, durata <strong>in</strong> verità<br />

una so<strong>la</strong> stagione, ma <strong>la</strong> <strong>sua</strong> fu un’epoca, perché con ra-


pida ascesa aveva portato <strong>la</strong> squadra dal<strong>la</strong> promozione<br />

al<strong>la</strong> serie C.<br />

Qual è il ricordo più piacevole di quel ciclo? La<br />

partita memorabile?<br />

«L’84, anno del<strong>la</strong> promozione <strong>in</strong> C1 con <strong>la</strong> vittoria<br />

decisiva a Cattolica. Ma anche lo spareggio di Arezzo<br />

nell’81. Seimi<strong>la</strong> tifosi al seguito!».<br />

Il giocatore più forte?<br />

«Ricardo Paciocco, forse, ma anche Stefano Garbuglia.<br />

Entrambi grandi goaleador!».<br />

Un ricordo calcistico poco piacevole?<br />

«Un diverbio con Di Giacomo. Aveva voluto due stopper,<br />

Torresi e Polenta, che s’erano pure presi a cazzotti<br />

nel sottopassaggio. Poi Gegè capì e rimase solo Torresi».<br />

Una delusione?<br />

«La più grande, da parte del pubblico nell’anno del<strong>la</strong><br />

retrocessione. Misero degli striscioni davanti allo stabilimento.<br />

M<strong>in</strong>acciavano di dargli fuoco. Eppure io avevo<br />

fatto di tutto per salvarci. Tranne accettare di comprare<br />

le partite!».<br />

È vero quel che si diceva allora, che <strong>la</strong> tua <strong>in</strong>tenzione<br />

era di portare <strong>la</strong> Jes<strong>in</strong>a <strong>in</strong> serie B?<br />

«Sicuro, il proposito era quello. Ed era tutto programmato.<br />

Avevo studiato <strong>la</strong> cart<strong>in</strong>a geografica, fatto i conti di<br />

quanti comuni potevamo attirare, <strong>in</strong>teressare al<strong>la</strong> serie B,<br />

valutato il bac<strong>in</strong>o di utenza che comprendeva <strong>Jesi</strong>. Me l’aveva<br />

<strong>in</strong>segnato Costant<strong>in</strong>o Rozzi, allora presidente<br />

dell’Ascoli. Ce l’avrei portata a tutti costi! Ma <strong>la</strong> risalita<br />

doveva essere graduale...».<br />

Molti sportivi di allora, ancora si chiedono perché<br />

il miracolo Jes<strong>in</strong>a si tramutò <strong>in</strong> un calvario.<br />

Perché andò <strong>in</strong> fumo ogni tipo di programmazione.<br />

Insomma, come si scivolò verso il fallimento?<br />

«Posso dire che sono stati fatti parecchi errori, determ<strong>in</strong>ante<br />

quello di essermi fidato troppo di alcuni miei col<strong>la</strong>boratori.<br />

Furono acquistati giocatori da mezzo miliardo,<br />

stipu<strong>la</strong>ti contratti sontuosi, con stipendi molto pesanti.<br />

Pensa che, solo di stipendi, spendevo settanta milioni al<br />

mese!».<br />

Ma torniamo al Lat<strong>in</strong>i <strong>in</strong>dustriale. Non si può certo dire<br />

che Leopoldo manchi di <strong>in</strong>ventiva. Solo un <strong>in</strong>ciso: sapete<br />

di chi fu negli anni Settanta, per <strong>la</strong> prima volta al mondo,<br />

l’idea di dotare una cuc<strong>in</strong>a di tutti gli elettrodomestici,<br />

forno elettrico, a microonde, frigorifero? Di Leopoldo Lat<strong>in</strong>i!<br />

Una <strong>in</strong>novazione, per quei tempi, rivoluzionaria.<br />

Così come “fece notizia”, tanti anni dopo, il tuo<br />

espatriare. Come e perché proprio <strong>la</strong> Russia?<br />

«Nel ’98 i figli mi… <strong>in</strong>vitarono ad andarmene <strong>in</strong> pensione.<br />

Già dal ’93 partecipavo al<strong>la</strong> Fiera di Mosca, lì avevo<br />

conoscenze, per cui pensai di entrare <strong>in</strong> società con un<br />

partner russo e fondammo Lat<strong>in</strong>i Cuc<strong>in</strong>e. L’azienda però<br />

non decol<strong>la</strong>va…».<br />

Cosicché?<br />

«Manifestai al presidente l’<strong>in</strong>tenzione di dirigere io <strong>la</strong><br />

società. Mi fecero pressioni <strong>in</strong> tutte le maniere, perf<strong>in</strong>o il<br />

boicottaggio. Ma il 51% l’avevo io, così mi nom<strong>in</strong>ai direttore,<br />

mi strutturai per conto mio e ben presto l’impresa<br />

prese il volo».<br />

Mosca, un bel problema con <strong>la</strong> l<strong>in</strong>gua russa!<br />

Come te <strong>la</strong> cavi?<br />

37<br />

In alto Leopoldo Lat<strong>in</strong>i con N<strong>in</strong>ì<br />

Pieralisi ad una mostra del mobile.<br />

Lat<strong>in</strong>i nel suo ufficio di Mosca e<br />

<strong>in</strong>sieme a Spacca nel 2007.<br />

«Io di russo non parlo una paro<strong>la</strong>, perciò ho l’<strong>in</strong>terprete.<br />

Però ho mandato a scuo<strong>la</strong> di italiano tutti i miei<br />

col<strong>la</strong>boratori più stretti. In verità sono un po’ scoraggiato<br />

per non averlo imparato, il russo. Perché vorrei dialogare<br />

di più».<br />

Ancora prima di Mosca, leggo di una tua fabbrica<br />

a New York!<br />

«A Brooklyn per l’esattezza. Ad un certo punto volevo<br />

fare da solo, ma <strong>la</strong> maggioranza l’aveva il partner americano<br />

e f<strong>in</strong>ì per prender<strong>la</strong> lui».<br />

E dell’esperienza al Cairo?<br />

«Lavoravo molto anche <strong>in</strong> Egitto, dove avevo diversi<br />

negozi. Ma con l’uccisione di Al-Sadat portarono le tasse<br />

doganali da 5 al 75%. Non si poteva più esportare».<br />

Cosa farai da grande? Hai un programma per<br />

l’immediato?<br />

«Ho pronto un progetto per <strong>la</strong> costruzione di un nuovo<br />

stabilimento <strong>in</strong> Russia. Trasferirò quello di Mosca, che è<br />

su un immobile <strong>in</strong> affitto molto costoso, a Dwitrov, una<br />

località a sessanta km dal<strong>la</strong> capitale, dove sta sorgendo<br />

un grande polo <strong>in</strong>dustriale».<br />

Cosa, di tante cose fatte, Leopoldo Lat<strong>in</strong>i non<br />

rifarebbe?<br />

«Dare troppo fiducia a chi non <strong>la</strong> merita».<br />

Nel<strong>la</strong> pag<strong>in</strong>a a fianco: Lat<strong>in</strong>i con <strong>la</strong> Jes<strong>in</strong>a <strong>in</strong> serie C2 anno<br />

1981-82; sponsor del<strong>la</strong> squadra ciclismo dilettanti; striscione<br />

dedicato a Leopoldo Lat<strong>in</strong>i.


38 CITTÀ<br />

di paolo terment<strong>in</strong>i<br />

DOPPIO COMPLEANNO<br />

per <strong>la</strong> P<strong>la</strong>nettiana<br />

Il 2010 segna un passaggio straord<strong>in</strong>ariamente significativo per<br />

l’Istituto bibliotecario cittad<strong>in</strong>o<br />

Quest’anno scoccano il 150° anniversario del<strong>la</strong> nascita del<strong>la</strong><br />

Biblioteca Comunale P<strong>la</strong>nettiana, fondata dal Marchese<br />

Angelo Ghislieri, e il 300° del<strong>la</strong> venuta a <strong>Jesi</strong> dell’antica<br />

libreria Pianetti, grazie al v<strong>in</strong>colo di uso pubblico voluto da<br />

Mons. Giuseppe Pianetti nel 1710.<br />

L’orig<strong>in</strong>aria collocazione del<strong>la</strong> preziosa libreria era al<br />

piano terra del vecchio Pa<strong>la</strong>zzo Pianetti a Porta Valle, attrezzato<br />

con una scaffa<strong>la</strong>tura lignea di abete dip<strong>in</strong>to, capace<br />

di contenere circa 7000 volumi a stampa e manoscritti,<br />

per i quali venne realizzato un magnifico catalogo con <strong>in</strong>iziali<br />

<strong>in</strong>chiostrate a mano, pagato allora 100 scudi <strong>in</strong> zecch<strong>in</strong>i<br />

di Firenze a tre frati di Ancona e Osimo.<br />

All’epoca l’uso pubblico dei volumi era ristretto a poche<br />

privilegiate persone, che avevano accesso al<strong>la</strong> libreria,<br />

assistite da un bibliotecario stipendiato. Al<strong>la</strong> f<strong>in</strong>e del Settecento<br />

e per tutto l’Ottocento, le difficoltà f<strong>in</strong>anziarie del<strong>la</strong><br />

famiglia Pianetti impedirono che venissero apportati <strong>in</strong>crementi<br />

di rilievo. Tuttavia, scongiurati tentativi di vendita e<br />

<strong>in</strong> seguito ad una successiva chiusura al pubblico, dietro<br />

sollecitazioni di alcuni professori jes<strong>in</strong>i, nel 1906 il<br />

Marchese Bernard<strong>in</strong>o Pianetti donò <strong>la</strong> biblioteca al Comune<br />

di <strong>Jesi</strong>.<br />

Nel 1908 furono completati i <strong>la</strong>vori di trasferimento <strong>in</strong><br />

San Floriano sia del<strong>la</strong> biblioteca civica che del<strong>la</strong> libreria<br />

Pianetti. Intanto il <strong>numero</strong> degli iscritti crebbe, come pure<br />

il <strong>numero</strong> di esemp<strong>la</strong>ri che andarono ad arricchire sensibilmente<br />

il patrimonio librario. La guerra costr<strong>in</strong>se il servizio<br />

a periodi di chiusura e rese <strong>in</strong>evitabile il trasferimento dei<br />

documenti più preziosi, tuttavia, già nel 1945 gli iscritti al<br />

Progetto<br />

“Piazza<br />

Colocci” <strong>Jesi</strong>:<br />

La Nuova<br />

sezione<br />

moderna del<strong>la</strong><br />

Biblioteca<br />

P<strong>la</strong>nettiana a<br />

Pa<strong>la</strong>zzo del<strong>la</strong><br />

Signoria negli<br />

spazi del<strong>la</strong><br />

“Sa<strong>la</strong>ra”<br />

prestito erano 780, addirittura 1910 appena un anno dopo.<br />

Un <strong>in</strong>cremento di utenza che oltre a rimarcare l’importanza<br />

culturale del polo, diede impulso a risolvere il problema<br />

del<strong>la</strong> sede.<br />

Tra il 1946 e il 1950 <strong>la</strong> biblioteca venne trasferita def<strong>in</strong>itivamente<br />

a Pa<strong>la</strong>zzo del<strong>la</strong> Signoria, fiore all’occhiello architettonico<br />

cittad<strong>in</strong>o firmato dal celebre Francesco di Giorgio<br />

Mart<strong>in</strong>i, che nei precedenti anni aveva beneficiato di<br />

rilevanti <strong>in</strong>terventi di restauro. La sede negli anni ha raff<strong>in</strong>ato<br />

le sue risorse e le sue funzioni, f<strong>in</strong>o ad avviare, a partire<br />

dal 1990, l’<strong>in</strong>formatizzazione dei servizi bibliotecari<br />

partecipando al Servizio Bibliotecario Nazionale (SBN).<br />

Per aprire le celebrazioni dedicate a <strong>questo</strong> fondamentale<br />

spazio cittad<strong>in</strong>o, lo scorso 25 febbraio, al<strong>la</strong> Sa<strong>la</strong>ra del<br />

Pa<strong>la</strong>zzo del<strong>la</strong> Signoria, è stata <strong>in</strong>augurata una mostra documentaria<br />

che ne ripercorre <strong>la</strong> storia, “Biblioteca P<strong>la</strong>nettiana<br />

– Dagli antichi spazi ai nuovi servizi”, che resterà aperta<br />

f<strong>in</strong>o al 21 marzo. L’ultima esposizione prima che si compia<br />

un ulteriore passo di modernizzazione, a completamento<br />

dell’<strong>in</strong>tero utilizzo del pa<strong>la</strong>zzo del<strong>la</strong> Signoria, ca<strong>la</strong>to <strong>in</strong> un<br />

contesto architettonico, piazza Colocci coi suoi prestigiosi<br />

edifici recentemente ripuliti, che ha tutte le potenzialità per<br />

diventare una vera e propria agorà del<strong>la</strong> cultura.<br />

La mostra, <strong>in</strong>fatti, oltre a porre l’accento sul<strong>la</strong> storia<br />

delle sedi del<strong>la</strong> biblioteca, tramite <strong>la</strong> proiezione di un video<br />

mette <strong>in</strong> vetr<strong>in</strong>a il progetto per il riallestimento del<strong>la</strong> Sa<strong>la</strong>ra,<br />

che entro <strong>la</strong> f<strong>in</strong>e dell’anno si trasformerà <strong>in</strong> una sede<br />

di studio e consultazione, concepito per stimo<strong>la</strong>re <strong>la</strong> socializzazione<br />

e lo scambio culturale. Nel video, i visitatori


hanno l’opportunità di scoprire nel dettaglio le soluzioni<br />

studiate per il recupero del<strong>la</strong> Sa<strong>la</strong>ra dall’architetto Pao<strong>la</strong><br />

Vidulli, esperta nel<strong>la</strong> progettazione di spazi per biblioteche.<br />

I <strong>la</strong>vori di ristrutturazione partiranno al<strong>la</strong> f<strong>in</strong>e di marzo e<br />

dovrebbero concludersi <strong>in</strong> autunno. L’<strong>in</strong>vestimento complessivo<br />

è di 400mi<strong>la</strong> euro, di cui 160mi<strong>la</strong> stanziati dal Comune<br />

e 240 mi<strong>la</strong> dal<strong>la</strong> Fondazione Cassa di Risparmio di <strong>Jesi</strong>.<br />

«La progettazione del nuovo spazio nasce dal<strong>la</strong> necessità<br />

di una riorganizzazione concettuale del servizio, orientata<br />

agli utenti secondo un’ottica di grande vivibilità degli<br />

spazi, con <strong>la</strong> possibilità di poter consultare direttamente<br />

materiale non solo librario, ma anche audiovisivo – spiega<br />

Rosalia Bigliardi, direttrice del<strong>la</strong> Biblioteca Comunale<br />

P<strong>la</strong>nettiana. – Sarà uno spazio non solo di accesso alle <strong>in</strong>formazioni<br />

ed al<strong>la</strong> conoscenza, ma anche di socializzazione,<br />

scambio e confronto di idee e obiettivi. Un’impostazione<br />

che ridef<strong>in</strong>isce f<strong>in</strong>alità e metodi del servizio e, naturalmente,<br />

non è avulso da <strong>questo</strong> contesto il bisogno di spazi<br />

senza barriere architettoniche. Si tratta di un’operazione<br />

delicata anche dal punto di vista del rispetto dei v<strong>in</strong>coli<br />

architettonici, <strong>la</strong> stessa sovr<strong>in</strong>tendenza è <strong>in</strong>tervenuta per<br />

contemperare al meglio esigenze dettate dal contenitore<br />

con le necessità dei nuovi servizi. I diversi livelli che scandiscono<br />

gli spazi offrono suggestivi angoli di vi<strong>sua</strong>le non<br />

solo sul<strong>la</strong> Sa<strong>la</strong>ra ma anche fuori dell’edificio e sul<strong>la</strong> corte<br />

<strong>in</strong>terna, con postazioni collocate su soppalchi, a quota<br />

delle f<strong>in</strong>estre, che dall’esterno realizzano un suggestivo<br />

effetto vetr<strong>in</strong>a».<br />

Una Sa<strong>la</strong>ra che guarda al futuro, con postazioni tecnologiche<br />

<strong>in</strong> grado di garantire un utilizzo efficace di strumenti<br />

multimediali ed <strong>in</strong>formatici, <strong>in</strong> cui sarà possibile accedere<br />

liberamente ad <strong>in</strong>ternet grazie al sistema wi-fi. Un ambiente<br />

dal profilo estetico tutt’altro che secondario, curato attraverso<br />

una sapiente scelta di arredi, materiali, luci e f<strong>in</strong>iture,<br />

per ottimizzare gli spazi con risultati di assoluta qualità.<br />

Ma i <strong>la</strong>vori di ristrutturazione non fermeranno le <strong>in</strong>iziative<br />

dedicate al<strong>la</strong> P<strong>la</strong>nettiana. per limitarsi solo alle esposizioni<br />

<strong>in</strong> programma, a partire dal prossimo 29 aprile,<br />

nel<strong>la</strong> Sa<strong>la</strong> Maggiore di Pa<strong>la</strong>zzo del<strong>la</strong> Signoria e al Museo<br />

delle Arti e del<strong>la</strong> Stampa, si terrà una mostra sul<strong>la</strong> “presenza”<br />

di Dante nelle Marche. Grazie al<strong>la</strong> raccolta di<br />

Erm<strong>in</strong>io Muzzarelli, medico modenese che esercitò per anni<br />

nel fermano, e al<strong>la</strong> col<strong>la</strong>borazione del<strong>la</strong> Biblioteca Estense<br />

di Modena, verrà proposto un percorso attraverso le edizioni<br />

del<strong>la</strong> Div<strong>in</strong>a Commedia dal 1472 (anno del<strong>la</strong> prima<br />

edizione a stampa jes<strong>in</strong>a) f<strong>in</strong>o ai giorni nostri, una ricca<br />

collezione di esemp<strong>la</strong>ri di pregio, illustrati da artisti di<br />

notevole valore. Un’altra mostra partirà <strong>in</strong>vece il 18 giugno<br />

e sarà allestita <strong>in</strong>teramente a Pa<strong>la</strong>zzo del<strong>la</strong> Signoria.<br />

«Se da un <strong>la</strong>to abbiamo voluto ripercorrere <strong>la</strong> storia<br />

dell’istituto a partire dall’editio pr<strong>in</strong>ceps del<strong>la</strong> Div<strong>in</strong>a Commedia,<br />

così importante per <strong>la</strong> città di <strong>Jesi</strong> – puntualizza <strong>la</strong><br />

direttrice Bigliardi – dall’altro abbiamo voluto rendere<br />

omaggio al<strong>la</strong> donazione del marchese Angelo Ghislieri, grazie<br />

al quale ha avuto orig<strong>in</strong>e <strong>la</strong> biblioteca pubblica. Questa<br />

mostra (sempre con il contributo del<strong>la</strong> Fondazione Cassa di<br />

Risparmio di <strong>Jesi</strong>, ndr) consente di esporre le rarissime<br />

edizioni del<strong>la</strong> libreria di Angelo Ghislieri, ma anche di mettere<br />

a fuoco <strong>la</strong> storia e il peso culturale del<strong>la</strong> nobile famiglia<br />

Ghislieri, i cui eredi si sono resi disponibili a depositare<br />

temporaneamente il loro ricco archivio privato di notevole<br />

<strong>in</strong>teresse storico».<br />

39<br />

Mostra al<strong>la</strong> Sa<strong>la</strong>ra.<br />

Qui a fianco Rosalia<br />

Bigliardi.<br />

Sotto l’attuale sa<strong>la</strong> lettura<br />

del<strong>la</strong> biblioteca.


40 LIBRI<br />

La SALVATRICE<br />

di gloria fiorent<strong>in</strong>i<br />

È un libro che ti “prende” subito, da leggere tutto d'un<br />

fiato, senza <strong>in</strong>terruzioni. Merito del<strong>la</strong> scrittura, piacevole<br />

e scorrevole, del<strong>la</strong> storia, <strong>in</strong>trigante e co<strong>in</strong>volgente,<br />

del<strong>la</strong> suspense creata dal<strong>la</strong> vicenda che si t<strong>in</strong>ge di giallo,<br />

che fa de La Salvatrice di Emanue<strong>la</strong> Corsetti,<br />

edizioniGEI, un ottimo testo, di cui consigliamo <strong>la</strong> lettura.<br />

Valido anche per <strong>la</strong> veste grafica che offre, già<br />

dal<strong>la</strong> copert<strong>in</strong>a, un <strong>in</strong>dizio importante: un orecch<strong>in</strong>o<br />

rosso. Il testo, disponibile <strong>in</strong> tutte le librerie jes<strong>in</strong>e,<br />

sarà presentato al pubblico domenica 21 marzo alle<br />

ore 18,00 presso l'Ostello Vil<strong>la</strong> Borgognoni. In<br />

anteprima abbiamo <strong>in</strong>contrato l'autrice Emanue<strong>la</strong> Corsetti,<br />

che ci ha raccontato <strong>la</strong> <strong>sua</strong> esperienza.<br />

Come è <strong>in</strong>iziata <strong>la</strong> passione per <strong>la</strong> scrittura?<br />

«Quel<strong>la</strong> di scrivere è una passione che ho sempre<br />

avuto. Credo fosse un bisogno di esternare una serie di<br />

emozioni che avevo dentro. Io sono sempre stata una<br />

terribile grafomane. Ho vissuto <strong>la</strong> mia <strong>in</strong>fanzia <strong>in</strong> una<br />

grande città come Tor<strong>in</strong>o che, specie all’epoca, ti spersonalizzava,<br />

e quando sono arrivata a <strong>Jesi</strong> ho scoperto<br />

<strong>la</strong> dimensione umana giusta, ho trovato una compagnia<br />

nuova, un’atmosfera che mi ha aperto nuovi orizzonti<br />

ed ha fatto venir fuori questa vena che mi porta a parodiare<br />

<strong>la</strong> realtà. Ecco perché ho scritto all’epoca <strong>la</strong> prima<br />

commedia <strong>in</strong> dialetto jes<strong>in</strong>o che è stata forse una dedica<br />

a una città del<strong>la</strong> quale mi sono subito <strong>in</strong>namorata.<br />

Poi sono entrata nel teatro e lì è stato un fermento cont<strong>in</strong>uo».<br />

E adesso <strong>questo</strong> libro da cosa nasce?<br />

«Circa due anni fa ho partecipato a un corso di scrittura<br />

autobiografica tenuto da Maria Teresa Marziali che<br />

mi ha fatto scattare <strong>la</strong> mol<strong>la</strong>. Lei mi ha fatto capire che<br />

scrivere è una ricerca di sé, è tirare fuori quello che uno<br />

ha dentro e, sai <strong>la</strong> cosa buffa?, per tanto tempo mi<br />

sono detta, a me piacerebbe scrivere un libro, perché<br />

ho sempre tante cose da scrivere, ma <strong>la</strong> cosa che mi<br />

bloccava era il pensiero di dire: ma a chi <strong>in</strong>teressa quello<br />

che scrivo io? Invece Maria Teresa mi ha fatto capire<br />

che non è questa <strong>la</strong> preoccupazione che uno scrittore si<br />

deve prendere. Una persona scrive, perché ha bisogno<br />

di scrivere. Qualcuno che ha voglia di leggere se si<br />

trova, bene, però quando uno sente il bisogno di scri-<br />

La trama<br />

Due donne, Irene, <strong>la</strong> professoressa, e Irene, <strong>la</strong> studentessa,<br />

<strong>in</strong>trecciano i loro dest<strong>in</strong>i fuori e dentro un liceo<br />

c<strong>la</strong>ssico. Fra ipotesi, <strong>in</strong>trospezioni, <strong>in</strong>sicurezze e malce<strong>la</strong>te<br />

ipocrisie le due protagoniste verranno trasc<strong>in</strong>ate <strong>in</strong><br />

una serie di eventi che metteranno a rischio <strong>la</strong> loro <strong>in</strong>columità,<br />

con un ritmo serrato e co<strong>in</strong>volgente che condurrà<br />

il lettore ad un f<strong>in</strong>ale denso di suspense.<br />

vere, deve farlo».<br />

Quanto è durata l’avventura?<br />

«La stesura del libro è durata una stagione. L’ho<br />

scritto l’estate scorsa».<br />

È stato faticoso?<br />

«Quando scrivo non vedo e non sento più niente.<br />

Quando ho scritto il romanzo, anche peggio. No, non è<br />

stato faticoso».<br />

Co<strong>in</strong>volgi i familiari?<br />

«Io mi isolo, ma ci sono momenti <strong>in</strong> cui ho bisogno<br />

del confronto, specie con mia figlia, non sve<strong>la</strong>ndo ciò<br />

che sto scrivendo, ma chiedendo se un personaggio (o<br />

una situazione) potrebbe essere credibile. Mi consulto<br />

con lei e con mio marito. Lui mi ha sp<strong>in</strong>to tanto, mi<br />

stima molto come scrittrice, più che come cuoca o<br />

casal<strong>in</strong>ga! (È l'amara realtà!)»<br />

Le protagoniste del libro sono una donna e una<br />

adolescente. È diretto a un pubblico femm<strong>in</strong>ile o<br />

no?<br />

«Non credo sia diretto a un pubblico femm<strong>in</strong>ile, però<br />

il fatto che io lo abbia ambientato nel<strong>la</strong> scuo<strong>la</strong>, mi fa<br />

tanto sperare che possa attirare un pubblico di giovani<br />

perché penso che sia una realtà che a loro <strong>in</strong>teressa. E<br />

poi spero tanto che i giovani apprezz<strong>in</strong>o <strong>la</strong> lettura <strong>in</strong><br />

partico<strong>la</strong>r modo <strong>in</strong> <strong>questo</strong> periodo <strong>in</strong> cui si leggono solo<br />

messagg<strong>in</strong>i e posta su facebook».<br />

Quanto il personaggio femm<strong>in</strong>ile del<strong>la</strong> professoressa<br />

ha di autobiografico?<br />

«Credo che un libro sia sempre autobiografico. Un<br />

autore non può non metterci parte dei suoi sentimenti,<br />

del suo vissuto quando scrive. La Salvatrice <strong>in</strong> molti<br />

passi è molto di quel<strong>la</strong> donna che mi sarebbe piaciuto<br />

diventare, e anche di quel<strong>la</strong> donna che ho rischiato di<br />

essere, qualche volta. È anche un po’ il mezzo per dire<br />

delle cose che volevo dire».<br />

Che rapporto hai con <strong>la</strong> scuo<strong>la</strong>?<br />

«Conosco il mondo del<strong>la</strong> scuo<strong>la</strong> perché faccio <strong>la</strong>boratori<br />

di teatro nelle scuole di <strong>in</strong>fanzia e nelle scuole


elementari. Insegnare credo sia uno dei mestieri più<br />

difficili, perché ci sono tanti casi umani all’<strong>in</strong>terno delle<br />

scuole e le <strong>in</strong>segnanti non sono sempre all’altezza, ma<br />

non credo sia colpa loro, c’è un sistema di cui facciamo<br />

parte e che, ci piaccia o no, ci prende nell’<strong>in</strong>granaggio.<br />

Difficile che <strong>la</strong> passione sopravviva, eppure ci vuole <strong>la</strong><br />

passione per <strong>in</strong>segnare, altrimenti non dài niente, mentre<br />

i ragazzi ti danno tanto anche se si chiudono, se ti<br />

guardano male. Loro ti danno sempre tanto. È impossibile<br />

per un ragazzo non ri<strong>la</strong>sciare emozioni e un <strong>in</strong>segnante<br />

deve essere una spugna, deve assorbirle queste<br />

cose prima ancora di capire quanto è importante <strong>la</strong> “a”<br />

con l’“acca”, che è importante».<br />

Nel libro c'è una scena d’amore (una scena<br />

“calda”) con una vecchia fiamma. Ha fatto <strong>in</strong>gelosire<br />

il marito?<br />

«Mi ha detto che non mi sono <strong>la</strong>sciata andare <strong>in</strong> quel<br />

passaggio. Non è facile scrivere una scena erotica.<br />

Un’altra delle cose a cui magari uno non pensa quando<br />

scrive un libro, è che <strong>la</strong> prima persona che lo leggerà<br />

sarà tuo padre, questa cosa un po’ ti frena».<br />

Il libro è dedicato a qualcuno <strong>in</strong> partico<strong>la</strong>re?<br />

«Sicuramente lo dedico a mio marito perché, ripeto,<br />

mi ha sp<strong>in</strong>to tantissimo, e poi lo dedico a mio padre<br />

perché semplicemente lo adoro».<br />

Il personaggio del<strong>la</strong> Salvatrice, cioè una donna<br />

libera, senza legami, un figlio lontano, <strong>la</strong>scia <strong>in</strong>tendere<br />

che può essere il personaggio card<strong>in</strong>e di<br />

una serie di episodi.<br />

«Per me <strong>in</strong> <strong>questo</strong> momento è difficile dist<strong>in</strong>guere<br />

tra quello che è un sogno che volevo realizzare, e quello<br />

che è un progetto che devo portare avanti. Mi piacerebbe<br />

che La Salvatrice possa essere solo il primo<br />

appuntamento. C’è ancora tanto di non sve<strong>la</strong>to di <strong>questo</strong><br />

personaggio che vorrei poter tirare fuori. Nel cassetto<br />

c’è l'idea… di questa Salvatrice del mondo sco<strong>la</strong>stico».<br />

Che si mette <strong>in</strong> gioco tutte le volte...<br />

Emanue<strong>la</strong> Corsetti nasce a Tor<strong>in</strong>o ma<br />

si trasferisce con <strong>la</strong> famiglia nelle<br />

Marche nei primi anni Settanta, ancora<br />

ragazz<strong>in</strong>a. A <strong>Jesi</strong> conosce il marito<br />

e il mondo del teatro ed entra a far<br />

parte del gruppo teatrale Sipario! per<br />

il quale scriverà 9 commedie <strong>in</strong> vernacolo<br />

jes<strong>in</strong>o, tutte rappresentate al<br />

teatro G.B.Pergolesi, e delle quali ne<br />

è <strong>in</strong>terprete e a volte regista. Dal<br />

2006 col<strong>la</strong>bora con il periodico <strong>Jesi</strong> e<br />

<strong>la</strong> <strong>sua</strong> Valle.<br />

Nel 2008, <strong>la</strong> partecipazione ad un<br />

corso di scrittura autobiografica le<br />

vale <strong>la</strong> pubblicazione di un suo racconto;<br />

questa esperienza fornirà <strong>la</strong><br />

sp<strong>in</strong>ta f<strong>in</strong>ale per <strong>la</strong> stesura del suo<br />

primo romanzo La Salvatrice.<br />

MANOLIBERA<br />

È <strong>la</strong> col<strong>la</strong>na delle edizioniGEI dedicata ai nuovi<br />

autori. A condizioni partico<strong>la</strong>rmente vantaggiose<br />

Gruppo Editoriale Informazione, <strong>la</strong> casa editrice di<br />

<strong>Jesi</strong> e <strong>la</strong> <strong>sua</strong> Valle, pubblica opere <strong>in</strong>edite di narrativa,<br />

poesia e saggistica varia. Le opere debbono<br />

essere spedite, <strong>in</strong> una so<strong>la</strong> copia dattiloscritta, a:<br />

Gruppo Editoriale Informazione - società cooperativa,<br />

via Petrucci 11, 60035 <strong>Jesi</strong> (An). Tel. 0731<br />

4855. www.jesie<strong>la</strong><strong>sua</strong><strong>valle</strong>.it<br />

Agli autori delle opere prescelte sarà sottoposto<br />

rego<strong>la</strong>re contratto di edizione.<br />

41<br />

«Questo è il messaggio fondamentale: se uno non<br />

rischia, non si mette <strong>in</strong> gioco, non può pensare di cambiare<br />

niente. E un prezzo da pagare c’è sempre».<br />

I personaggi come vengono fuori? C'è il fotografo,<br />

un <strong>in</strong>segnante un po’ misantropo, ma anche<br />

sensibile, <strong>la</strong> moglie dell’ex fidanzato un po’<br />

atipica...<br />

«I personaggi sono tutti molto reali, nel senso che<br />

prendo spunto da persone che conosco».<br />

Dove è ambientato il romanzo?<br />

«Questo romanzo è ambitanto a <strong>Jesi</strong> che però non<br />

cito mai perché c’è stata una trasposizione, una trasfigurazione<br />

del centro storico che ho fatto molto più<br />

grande, molto più <strong>in</strong>trecciato. È una <strong>Jesi</strong> riadattata alle<br />

mie esigenze di narrazione».<br />

Quando hai <strong>in</strong>iziato il libro, avevi già <strong>in</strong> mente<br />

tutta <strong>la</strong> storia o l’hai costruita strada facendo?<br />

«Per me è importante sapere dove voglio arrivare.<br />

Quello che succede nel mezzo, le strade che userò per<br />

arrivare lì possono essere tante».<br />

Cont<strong>in</strong>uerai a scrivere commedie o romanzi?<br />

«Sono due cose diverse e spero di poter portare<br />

avanti entrambe. Spero <strong>in</strong>oltre nel<strong>la</strong> col<strong>la</strong>borazione con<br />

<strong>Jesi</strong> e <strong>la</strong> <strong>sua</strong> Valle. Sono esperienze umane veramente<br />

impagabili. Spero che il libro sia un modo di uscire ma<br />

anche di cont<strong>in</strong>uare. Progetti nel<strong>la</strong> mia testa, <strong>in</strong>somma,<br />

ce ne sono...»


42 ASSOCIAZIONI<br />

DECOLLI e ATTERRAGGI<br />

S<strong>la</strong>nci verticali verso il cielo e figure acrobatiche nell’aria, oppure un<br />

dolce e morbido p<strong>la</strong>nare. Inseguendo e conquistando a modo proprio<br />

un sogno che da sempre fa parte dell’uomo, quello del volo.<br />

di fabrizio romagnoli<br />

Affonda le radici lontano <strong>la</strong> storia del GAV, il Gruppo<br />

Aeromodellisti Valles<strong>in</strong>a. Uno Statuto datato 1998 ma <strong>in</strong> realtà<br />

una associazione che nasce nel 1980 e che i suoi ricordi<br />

può mandarli ancora più <strong>in</strong>dietro. Agli anni ’60 o anche, con<br />

tanto di simboliche e suggestive foto a ritrarre gioco e passione<br />

di allora, all’immediato secondo dopoguerra.<br />

Si “vo<strong>la</strong>va” nel<strong>la</strong> zona che <strong>in</strong> seguito non sarebbe più<br />

stata aeroporto e sarebbe poi diventata Zipa, tutto era<br />

assolutamente differente da tecnica e possibilità di adesso<br />

ma <strong>la</strong> sostanza era <strong>la</strong> stessa: <strong>la</strong> voglia ed il desiderio di<br />

vo<strong>la</strong>re, conquistare l’aria.<br />

Oggi il GAV, dopo aver trascorso parentesi nei pressi di<br />

San Paolo di <strong>Jesi</strong> e qu<strong>in</strong>di <strong>in</strong> quelli di Serra de’ Conti, ha da<br />

qualche anno il suo campo di volo <strong>in</strong> via di Colle Onorato<br />

(Vil<strong>la</strong> Serena è a meno d’un tiro di schioppo tanto per <strong>in</strong>tenderci),<br />

<strong>in</strong> un certo senso riguadagnando dal punto di<br />

vista del<strong>la</strong> location il “cuore” di quel<strong>la</strong> Valles<strong>in</strong>a lungo <strong>la</strong><br />

quale, da Montecarotto f<strong>in</strong>o a Montemarciano, distribuisce<br />

<strong>in</strong> maniera pressoché uniforme i suoi attuali 42 soci.<br />

Passione variegata e tutta da scoprire quel<strong>la</strong> dei soci<br />

del GAV, da <strong>in</strong>quadrare <strong>in</strong> un settore, quello dell’aeromodellismo,<br />

vivace ed ampiamente diffuso, tanto che <strong>in</strong> tutta<br />

Italia ad ogni f<strong>in</strong>e settimana pullu<strong>la</strong>no manifestazioni,<br />

<strong>in</strong>contri, raduni <strong>in</strong> un calendario fitto d’appuntamenti fra<br />

terra e cielo. Ed anche <strong>in</strong> via di Colle Onorato, basta buttar<br />

l’occhio, ad ogni giorno festivo il GAV è lì: auto ferme<br />

da una parte ma che <strong>in</strong> realtà sono degli hangar, da cui<br />

escono i modelli, pronti o da preparare per il volo.<br />

Appesa <strong>la</strong> tabel<strong>la</strong> che precisa e distribuisce le frequenze<br />

radio (tutto è radiocomandato) e che rego<strong>la</strong> tempi e<br />

turni di volo, anche se ormai fra soci basta una paro<strong>la</strong> per<br />

mettersi d’accordo. Da una parte c’è chi mette a punto e<br />

term<strong>in</strong>a di sistemare il suo modello d’aliante o chi control<strong>la</strong><br />

<strong>la</strong> piena carica elettrica del<strong>la</strong> batteria. Dall’altra chi fa il<br />

vero e proprio pieno di carburante (benz<strong>in</strong>a, misce<strong>la</strong>) al<br />

suo bip<strong>la</strong>no con motore a scoppio, si parte dai 2,5 per sali-


e anche ai 100 c.c, per poi <strong>la</strong>nciarlo <strong>in</strong> evoluzioni, acrobazie,<br />

picchiate ed avvitamenti.<br />

A bordo pista, c’è chi sta vo<strong>la</strong>ndo: sguardo rivolto <strong>in</strong><br />

aria al velivolo, mani sul radiocomando per governarlo e<br />

via ad andare. C’è chi apprezza il puro, semplice, morbido<br />

volo, trovando sereno re<strong>la</strong>x nelle manovre <strong>in</strong> aria del suo<br />

aliante. C’è chi sp<strong>in</strong>ge al massimo del<strong>la</strong> velocità il proprio<br />

modello di jet e chi cerca <strong>in</strong>vece l’esibizione spettaco<strong>la</strong>re<br />

nelle figure acrobatiche più complesse. Perché il mondo<br />

dell’aeromodellismo presenta <strong>la</strong> stessa varietà di quello del<br />

volo dei “grandi” aerei, modello ed ispirazione di quelli più<br />

piccoli che vo<strong>la</strong>no qui, pilotati dai soci del GAV.<br />

«C’è chi l’aereo con cui vo<strong>la</strong> se l’è costruito da cima a<br />

fondo partendo da tavolette di un legno leggerissimo che<br />

si chiama “balsa” e chi assemb<strong>la</strong> modelli acquistati <strong>in</strong> gran<br />

parte già pronti – prova a spiegare le tante sfaccettature<br />

dell’aeromodellismo Paolo Senesi, che del GAV è presidente<br />

– c’è chi sceglie modelli che riproducono veri aerei, chi<br />

ricostruisce aerei storici. Chi vo<strong>la</strong> e basta, chi acquista un<br />

modello e poi lo modifica e lo adatta alle proprie esigenze<br />

ed ai propri gusti».<br />

E fra aerei militari e civili, alianti leggeri o bip<strong>la</strong>ni, riproduzioni<br />

di aerei da caccia o di velivoli protagonisti di eventi<br />

del passato, modelli a tutta a<strong>la</strong> fatti di polistirolo ed altri<br />

<strong>in</strong> fibra di vetro, g<strong>in</strong>gilli dal peso ridotto e temibili “bestioni”,<br />

si trova di tutto fra i soci del GAV: giovanissimi ed adulti,<br />

piccoli col papà e liberi professionisti, appassionati di<br />

tutte le età, aeromodellisti di vecchia data ed ultimi arrivi.<br />

«I nuovi piloti – ci dice ancora il presidente del GAV –<br />

svolgono <strong>in</strong>izialmente un periodo di prova con un Maestro,<br />

il che significa vo<strong>la</strong>re per un po’ con doppio comando f<strong>in</strong>o al<br />

conseguimento dell’autonomia nel pilotaggio ed all’acquisizione<br />

del<strong>la</strong> necessaria sicurezza. A quel punto si sostiene<br />

una prova d’esame e, conseguito il diploma di primo livello,<br />

si può vo<strong>la</strong>re da soli. Ma oramai <strong>la</strong> disponibilità di simu<strong>la</strong>tori<br />

di volo che permettono a ciascuno di poter far pratica virtuale<br />

a casa propria davanti al computer permette a tutti<br />

una certa possibilità di addestrarsi e tenersi allenati».<br />

In ogni modello di velivolo, dai più semplici ai più complessi,<br />

alcune componenti fondamentali: motore, ricevente<br />

43<br />

per il collegamento col radiocomando, batteria, rego<strong>la</strong>tore<br />

per giostrare nel<strong>la</strong> distribuzione d’energia fra motore e<br />

ricevente, “servi” che rego<strong>la</strong>no e direzionano il volo. A<br />

seconda di ciò su cui si punta, si possono spendere per un<br />

aereo dalle poche cent<strong>in</strong>aia di euro f<strong>in</strong>o a qualche migliaio.<br />

Si acquista nei negozi specializzati (uno è a <strong>Jesi</strong>, <strong>in</strong> via<br />

Gallodoro) o nello spazio sterm<strong>in</strong>ato, quanto il cielo <strong>in</strong> cui<br />

vo<strong>la</strong>re, offerto dalle possibilità di <strong>in</strong>ternet.<br />

E poi le applicazioni sono <strong>in</strong>f<strong>in</strong>ite: dal<strong>la</strong> telecamera che<br />

applicata sul modell<strong>in</strong>o può darti l’impressione di essere<br />

<strong>la</strong>ssù a vo<strong>la</strong>re, s<strong>in</strong>o al serbatoio per il vapore con cui <strong>la</strong>sciare,<br />

come <strong>in</strong> tutte le esibizioni acrobatiche che si rispett<strong>in</strong>o,<br />

<strong>la</strong> scia <strong>in</strong> aria al passaggio dell’aeromodello. Per diventare<br />

sempre più bravi occorrono abilità manuale, esperienza e<br />

pratica di alcune nozioni tecniche di base (pr<strong>in</strong>cipi del volo<br />

e di aerod<strong>in</strong>amica, conoscenze radio o su venti e correnti<br />

delle zone <strong>in</strong> cui si vo<strong>la</strong>).<br />

Un socio e colonna del GAV come Stefano Grilli ad<br />

esempio, prende parte tenendo alto il nome del gruppo<br />

jes<strong>in</strong>o a manifestazioni ed esibizioni del settore <strong>in</strong> tutta<br />

Italia e non solo, dopo essersi costruito negli anni un nome<br />

molto conosciuto nell’ambiente <strong>in</strong> qualità di pilota acrobatico.<br />

Il GAV per i soci è vo<strong>la</strong>re, stare <strong>in</strong>sieme, apprendere.<br />

Dalle escursioni sociali, vedi <strong>la</strong> c<strong>la</strong>ssica uscita per vo<strong>la</strong>re<br />

sul pendio del monte Catria, al<strong>la</strong> festa del GAV di f<strong>in</strong>e agosto,<br />

f<strong>in</strong>o agli <strong>in</strong>contri didattici nei pomeriggi <strong>in</strong>vernali: gli<br />

ultimi su “Propulsori, elettrici ed a scoppio” e su “Costruzione<br />

e riparazione degli aeromodelli”, il prossimo che prevede<br />

il co<strong>in</strong>volgimento di docenti di aerod<strong>in</strong>amica e fluidod<strong>in</strong>amica<br />

del<strong>la</strong> Politecnica delle Marche.<br />

Insomma, il volo a tutto tondo, una “cultura” del volo.<br />

Da respirare al campo di via di Colle Onorato e nel<strong>la</strong> passione<br />

con cui, ci rive<strong>la</strong> Paolo Senesi, «Ogni aeromodellista<br />

si ritaglia <strong>in</strong> casa un piccolo spazio <strong>in</strong> cui <strong>la</strong>vorare sui propri<br />

aerei, costruire o assemb<strong>la</strong>re i nuovi, riparare i vecchi<br />

usciti magari un po’ malconci da qualche atterraggio».<br />

Per essere aeromodellisti non c’è età e fra i soci si dice:<br />

«Non si smette di giocare quando si diventa vecchi, si<br />

diventa vecchi quando si smette di giocare».<br />

Un po’ Leonardo, un po’ sognatori.<br />

In alto i primi aeromodellisti del 1945, al vecchio aeroporto.<br />

Stefano Grilli <strong>in</strong> acrobazia con il suo maxi modello.<br />

Qui a s<strong>in</strong>istra: <strong>la</strong> pista di volo.<br />

Sopra: aeromodelli ai box.


44<br />

L’Album di JV<br />

GITA AL<br />

MOREGGIO<br />

Anno 1940. Gita al Moreggio<br />

sul fiume Es<strong>in</strong>o, il<br />

mare degli jes<strong>in</strong>i, prima<br />

del<strong>la</strong> guerra.<br />

Ecco un gruppo di famiglie<br />

residenti a <strong>Jesi</strong> <strong>in</strong> via<br />

Roma n.82 e alcuni vic<strong>in</strong>ati.<br />

Figurano i membri<br />

del<strong>la</strong> famiglia Lelli, Vignaroli,<br />

Barchiesi, Sabat<strong>in</strong>i,<br />

Ross<strong>in</strong>i, Baioni e Boari.<br />

SCUOLA<br />

ELEMENTARE<br />

MAZZINI<br />

Anno 1953. Gli alunni<br />

del<strong>la</strong> c<strong>la</strong>sse IV Elementare<br />

del<strong>la</strong> Scuo<strong>la</strong> Mazz<strong>in</strong>i<br />

di <strong>Jesi</strong> con il maestro<br />

Giombetti.<br />

In piedi, da s<strong>in</strong>istra: Giorgio<br />

Paccagnani, Santoni,<br />

Vittorio Vignaroli, Franco<br />

Fazi, Politi, Checco Fava,<br />

Ardu<strong>in</strong>o Rot<strong>in</strong>i.<br />

Accosciati: Alfredo Zepponi,<br />

Gianni Pisto<strong>la</strong>, Primo<br />

Marchegiani, Marcello Gherardi,<br />

F<strong>la</strong>vio Tittarelli, Mario<br />

Rosati, Renato Chiodi,<br />

Giuseppe Santarelli.<br />

Seduti: Libero Copparoni,<br />

Elio Canonici, Ugo Borioni,<br />

Marco Sanna, Federico<br />

Stronati, Enrico<br />

Filonzi, Secondo Marchegiani.


Una breve ed<br />

esaltante avventura<br />

A 35 anni dal<strong>la</strong> morte di Giann<strong>in</strong>o<br />

Pieralisi pubblichiamo un ricordo del<br />

giornalista Nico<strong>la</strong> Di Francesco<br />

Trentac<strong>in</strong>que anni fa moriva Giann<strong>in</strong>o Pieralisi, nel<br />

1975, a soli 37 anni. Da qualche anno era entrato nell’azienda<br />

di famiglia <strong>in</strong>sieme al cug<strong>in</strong>o Gennaro (questi<br />

partico<strong>la</strong>rmente portato verso le nuove tecnologie),<br />

impegnandosi nell’attività commerciale, avendo una<br />

mentalità molto e<strong>la</strong>stica e dialettica. Giann<strong>in</strong>o si era<br />

subito appassionato ai temi legati all’agricoltura e aveva<br />

fondato una serie di associazioni agricole, riuscendo<br />

<strong>in</strong> <strong>questo</strong> modo a valorizzare terreni agricoli del<strong>la</strong> val<strong>la</strong>ta<br />

dell’Es<strong>in</strong>o trascurati e abbandonati.<br />

45<br />

Si fece promotore, <strong>in</strong>sieme ad altri, del piano di sviluppo<br />

del comprensorio del comune di Monsano, ri<strong>la</strong>nciò<br />

l’<strong>in</strong>iziativa del<strong>la</strong> Pro-loco jes<strong>in</strong>a, e fu il fondatore<br />

dell’emittente televisiva “TV Centro Marche” <strong>in</strong>sieme ad<br />

alcuni giornalisti jes<strong>in</strong>i, precorrendo i tempi del<strong>la</strong> comunicazione<br />

televisiva non via cavo ma via etere.<br />

Paralle<strong>la</strong>mente alle <strong>in</strong>iziative economico-f<strong>in</strong>anziarie,<br />

Giann<strong>in</strong>o Pieralisi contribuì a rafforzare l’<strong>in</strong>teresse del<strong>la</strong><br />

famiglia Pieralisi per lo sport. Accanto al<strong>la</strong> squadra di<br />

basket, attiva dal 1948, fondò <strong>la</strong> squadra ciclistica e<br />

costituì una società di atletica, dimostrando il grande<br />

<strong>in</strong>teresse verso lo sport dilettantistico quale mezzo di<br />

divertimento salutare e di valorizzazione del<strong>la</strong> solidarietà,<br />

del<strong>la</strong> col<strong>la</strong>borazione, dell’amicizia.<br />

La determ<strong>in</strong>azione di Giann<strong>in</strong>o cont<strong>in</strong>uò anche<br />

quando arrivarono le prime avvisaglie di un male subdolo<br />

che lo portò a concludere <strong>la</strong> <strong>sua</strong> vita terrena il 10<br />

marzo 1975, <strong>la</strong>sciando un vuoto <strong>in</strong>colmabile nel<strong>la</strong> famiglia<br />

(<strong>la</strong> moglie Vanna ed il figlio Andrea) ed <strong>in</strong> tutta <strong>la</strong><br />

famiglia Pieralisi, ponendo f<strong>in</strong>e a quel<strong>la</strong> esaltante avventura<br />

che lo aveva visto protagonista assieme al<br />

cug<strong>in</strong>o Gennaro.


46 AGENDA<br />

01/03/2005 01/03/2010<br />

ENRICO ARGENTATI<br />

Sono trascorsi 5 anni<br />

dal<strong>la</strong> tua scomparsa,<br />

ti ricordiamo sempre<br />

con affetto e stima.<br />

Le figlie,<br />

i generi e i nipoti<br />

n.22/03/1934 m.28/02/2007<br />

Nel 3° anniversario<br />

del<strong>la</strong> scomparsa di<br />

GILBERTO<br />

BEZZECCHERI<br />

lo ricordano con<br />

tanto amore <strong>la</strong> moglie<br />

Tatiana, il figlio<br />

Stefano, <strong>la</strong> nuora<br />

Danie<strong>la</strong> e <strong>la</strong> nipot<strong>in</strong>a<br />

Agnese.<br />

Il 14 marzo ricorre<br />

il 7° anniversario<br />

del<strong>la</strong> scomparsa<br />

del caro<br />

ALDO MOROSETTI<br />

<strong>la</strong> moglie, il figlio e<br />

<strong>la</strong> nuora lo ricordano<br />

a quanti lo conobbero<br />

ed amarono.<br />

OSVALDO TORRI<br />

Nel 18° anno del<strong>la</strong> <strong>sua</strong><br />

scomparsa <strong>la</strong> moglie e<br />

le figlie che lo hanno<br />

sempre nel cuore lo<br />

ricordano a quanti lo<br />

conobbero.


Nell’8° anniversario del<strong>la</strong><br />

scomparsa di<br />

DARIO SABBATINI<br />

“Non piangete <strong>la</strong> mia<br />

assenza, sentitemi vic<strong>in</strong>o e<br />

par<strong>la</strong>temi ancora. Io vi<br />

amerò dal cielo come vi ho<br />

amati sul<strong>la</strong> terra”.<br />

Lo ricordano con tanto<br />

affetto <strong>la</strong> moglie D<strong>in</strong>a,<br />

i figli Ivano e Stefano,<br />

le nuore Danie<strong>la</strong> e Anna, i nipoti Lorenzo, Andrea,<br />

Francesco e Sara.<br />

Il 17/03/2010 ricorre<br />

l’8° anniversario del<strong>la</strong><br />

scomparsa di<br />

SANTE RAGNI<br />

lo ricordano con dolcezza<br />

e affetto <strong>la</strong> figlia e<br />

il genero, dolendosi di<br />

non averlo più con loro.<br />

TRIGESIMO<br />

9 febbraio - 8 marzo<br />

I vecchi e nuovi amici de “La<br />

Sampietr<strong>in</strong>a” rimpiangono<br />

<strong>la</strong> scomparsa, a Mi<strong>la</strong>no, del<strong>la</strong><br />

“mente storica” e co-fondatore<br />

dell’Associazione Filodrammatica,<br />

Geometra GIORGIO<br />

BEZZECCHERI<br />

Già appassionato Scout e<br />

membro del<strong>la</strong> Gioventù<br />

Italiana di Azione Cattolica<br />

negli anni ’40-’50 presso <strong>la</strong> Parrocchia di S. Pietro<br />

Apostolo <strong>in</strong> <strong>Jesi</strong>, Parroco ed <strong>in</strong>signe educatore, Don<br />

Clemente Ciattaglia. Apparentemente burbero e<br />

scontroso, possedeva <strong>in</strong>vece maniere ed abitud<strong>in</strong>i<br />

estremamente semplici ed accattivanti. Ha costantemente<br />

operato con retta coscienza nelle sue scelte di<br />

vita, <strong>in</strong> silenzio ed umiltà, senza mai mettersi <strong>in</strong> evidenza.<br />

Generoso con i bisognosi e munifico sempre<br />

con <strong>la</strong> <strong>sua</strong> Associazione. Stimato professionista alieno<br />

da qualsiasi compromesso durante tutta <strong>la</strong> lunga<br />

vita di <strong>la</strong>voro. Una grande capacità di giudizio nel<br />

valutare uom<strong>in</strong>i ed eventi. Scrittore limpido e avv<strong>in</strong>cente,<br />

<strong>in</strong> partico<strong>la</strong>re nei ricordi d’<strong>in</strong>fanzia e giov<strong>in</strong>ezza<br />

nel<strong>la</strong> <strong>sua</strong> <strong>Jesi</strong>. Il Signore l’avrà sicuramente accolto<br />

tra le Sue braccia misericordiose.<br />

AGRIPPINA COLTORTI<br />

e<br />

GIOVANNI SANTARELLI<br />

9 marzo 2010<br />

4° anniversario<br />

MONICA CHIAPPETTI<br />

<strong>in</strong> CROGNALETTI<br />

19/03/2010<br />

Nel 30°<br />

anniversario<br />

del<strong>la</strong> scomparsa<br />

di “Nannì”.<br />

Li ricordiamo<br />

con tanto affetto<br />

a parenti e amici<br />

che li stimarono<br />

<strong>in</strong> vita.<br />

A 22 anni dal<strong>la</strong> <strong>sua</strong><br />

morte 11/08/88 -<br />

11/03/10<br />

Dott. BIAGIO<br />

DELLO RUSSO<br />

È dolce ricordarti,<br />

<strong>in</strong>f<strong>in</strong>itamente triste non<br />

averti più. Il tuo ricordo<br />

è sempre vivo <strong>in</strong> noi.<br />

La moglie, i figli e il<br />

nipote lo ricordano con<br />

grande affetto a quanti<br />

lo amarono <strong>in</strong> vita.<br />

Cara Monica<br />

questi quattro anni non<br />

ci hanno allontanati da<br />

te, dal tuo ricordo e<br />

dal<strong>la</strong> nostalgia per <strong>la</strong><br />

tua mancanza. Ti stiamo<br />

vic<strong>in</strong>o e ti sentiamo<br />

vic<strong>in</strong>a.<br />

Ciao Momy<br />

Tuo padre Franco, tua<br />

madre Romana, tua<br />

sorel<strong>la</strong> C<strong>la</strong>udia e tua<br />

figlia Chiara<br />

Ogni 4° martedì del mese verrà celebrata una<br />

messa alle ore 8 e alle 18.30 presso <strong>la</strong> chiesa di<br />

San Giuseppe.<br />

Grazie anticipatamente.<br />

47

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!