04.06.2013 Views

Presentazione pdf - Reteematologicapediatrica.unito.it - Università ...

Presentazione pdf - Reteematologicapediatrica.unito.it - Università ...

Presentazione pdf - Reteematologicapediatrica.unito.it - Università ...

SHOW MORE
SHOW LESS

Create successful ePaper yourself

Turn your PDF publications into a flip-book with our unique Google optimized e-Paper software.

SFEROCITOSI EREDITARIA (SE):<br />

la malattia e il follow up<br />

Dr. ssa Loredana Farinasso<br />

Struttura Semplice Ematologia<br />

Dipartimento di Scienze Pediatriche<br />

Univers<strong>it</strong>à degli Studi di Torino<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


SFEROCITOSI EREDITARIA: la malattia<br />

• Anemia emol<strong>it</strong>ica cronica per<br />

antonomasia<br />

• Ampia eterogene<strong>it</strong>à fenotipica<br />

• Gli sferoc<strong>it</strong>i hanno una ridotta<br />

superficie in rapporto al volume<br />

• Sono rigidi meccanicamente<br />

• Fragili osmoticamente<br />

• Selettivamente trattenuti e<br />

distrutti nella milza<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


Er<strong>it</strong>roc<strong>it</strong>a: un contorsionista<br />

Il GR è una cellula che per poter circolare nel<br />

distretto capillare deve essere in grado di<br />

modificare continuamente la sua forma.<br />

I GR attraversano capillari che hanno un<br />

diametro che è circa 1/3 del loro<br />

Molte volte al giorno per<br />

120 giorni<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


Membrana plasmatica er<strong>it</strong>roc<strong>it</strong>aria<br />

• La membrana del GR<br />

presenta caratteristiche<br />

peculiari che consentono<br />

profonde modificazioni<br />

strutturali.<br />

• E’ cost<strong>it</strong>u<strong>it</strong>a da un doppio<br />

strato lipidico supportato<br />

da una maglia flessibile: il<br />

c<strong>it</strong>oscheletro.<br />

Proteina 4.1 e actina<br />

Spectrina<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


Proteine della membrana er<strong>it</strong>roc<strong>it</strong>aria<br />

Il c<strong>it</strong>oscheletro è strettamente legato alla parte sovrastante della<br />

membrana grazie a legami tra spectrina e la proteina “banda3” che<br />

attraversa il doppio strato lipidico.<br />

il legame spectrina -“banda3 coinvolge altre prot del c<strong>it</strong>oscheletro:<br />

anchirina e proteina 4.2<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


Proteine della membrana er<strong>it</strong>roc<strong>it</strong>aria<br />

La nomenclatura è derivata dalla migrazione elettroforetica<br />

delle proteine di membrana in gel di poliacrilamide (SDS-<br />

PAGE)<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


Interazioni Verticali<br />

Proteine della membrana er<strong>it</strong>roc<strong>it</strong>aria<br />

Interazioni Orizzontali<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


Proteine della membrana er<strong>it</strong>roc<strong>it</strong>aria<br />

Alterazioni delle proteine coinvolte nelle “interazioni verticali”:<br />

• difetti di spectrina,<br />

• anchirina<br />

• proteina 4.2<br />

• banda 3<br />

SFEROCITI<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


Formazione dello sferoc<strong>it</strong>a<br />

• indeboliscono la coesione tra<br />

c<strong>it</strong>oscheletro e sovrastante doppio<br />

strato lipidico, il quale si “sgancia”<br />

determinando la perd<strong>it</strong>a di porzioni di<br />

membrana in forma di microvescicole<br />

di circa 0.2 to 0.5 mm di diametro<br />

(visibili al ME).<br />

• Ciò es<strong>it</strong>a in una progressiva riduzione<br />

della superficie er<strong>it</strong>roc<strong>it</strong>aria e del<br />

rapporto superficie/volume, con<br />

conseguente assunzione forzata della<br />

forma sferica e scomparsa della<br />

depressione centrale.<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


Defic<strong>it</strong> proteine di membrana in SE<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


Proteine della membrana er<strong>it</strong>roc<strong>it</strong>aria<br />

Alterazioni delle proteine coinvolte nelle “interazioni orizzontali”:<br />

• difetti di spectrina,<br />

• actina<br />

• proteina 4.1<br />

ridotta formazione di tetrameri o<br />

in una ridotta associazione di<br />

tetrameri tra di loro<br />

maggior lass<strong>it</strong>à del c<strong>it</strong>oscheletro.<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


Proteine della membrana er<strong>it</strong>roc<strong>it</strong>aria<br />

Questa lass<strong>it</strong>à fa si che il globulo<br />

rosso non riesca più ripristinare la<br />

sua forma di disco biconcavo,<br />

rimanendo deformato<br />

permanentemente.<br />

ELLISSOCITOSI<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


Proteine della membrana er<strong>it</strong>roc<strong>it</strong>aria<br />

Se l’indebolimento del c<strong>it</strong>oscheletro è<br />

eccessivo, il globulo rosso può andare<br />

incontro a deformazioni più gravi, sino<br />

al quadro della<br />

PIROPOICHILOCITOSI<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


Difetti interazioni orizzontali<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


Defic<strong>it</strong> proteine di membrana in HE<br />

Elissoc<strong>it</strong>osi: prevalenza 1:1000. Asintomatica o come SE di media<br />

grav<strong>it</strong>à<br />

Piropoichiloc<strong>it</strong>osi: anemia emol<strong>it</strong>ica grave<br />

Trasmissione dominante nella quasi total<strong>it</strong>à dei casi<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


A) Ellissoc<strong>it</strong>osi ered<strong>it</strong>aria:<br />

numerosi ellissoc<strong>it</strong>i ed<br />

alcuni ovaloc<strong>it</strong>i<br />

C) SAO con moderata<br />

poichiloc<strong>it</strong>osi<br />

B) Piropoichiloc<strong>it</strong>osi:<br />

poichiloc<strong>it</strong>osi, ellissoc<strong>it</strong>i,<br />

ovaloc<strong>it</strong>i e frammenti<br />

D) anemia emol<strong>it</strong>ica microangiopatica:<br />

numerosi frammenti di GR<br />

Casistica Laboratorio Centrale Ematologia OIRM – dr.ssa Mazzone<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


Ovaloc<strong>it</strong>osi melanesiana SAO<br />

Stomatoc<strong>it</strong>osi<br />

Oltre 5/100, dominante, no emolisi<br />

Molto rara<br />

Forma overidrata<br />

Forma deidratata<br />

Trasmissione dominante nella quasi total<strong>it</strong>à dei casi<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


SFEROCITOSI EREDITARIA: la malattia<br />

• la più comune anemia emol<strong>it</strong>ica<br />

congen<strong>it</strong>a nella popolazione di<br />

origine Europea<br />

• prevalenza 1:1000 – 1:2000 (in<br />

passato 1:5000) in base a studi<br />

di resistenza osmotica<br />

er<strong>it</strong>roc<strong>it</strong>aria in donatori di<br />

sangue, dal momento che le<br />

forme più sfumate,<br />

asintomatiche, possono<br />

facilmente restare misconosciute<br />

• Ampia eterogene<strong>it</strong>à fenotipica<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


SFEROCITOSI EREDITARIA: la malattia<br />

• Trasmissione autosomica dominante nel 75% dei casi<br />

• Trasmissione autosomica recessiva ≈ 5%: sono sempre forme<br />

gravi trasfusione-dipendenti<br />

• La quasi total<strong>it</strong>à delle forme “non dominanti” sono mutazioni<br />

de novo<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


Fisiopatologia<br />

La riduzione della superficie er<strong>it</strong>roc<strong>it</strong>aria,<br />

porta alla perd<strong>it</strong>a di deformabil<strong>it</strong>à degli<br />

sferoc<strong>it</strong>i che vengono trattenuti nei cordoni di<br />

Bilroth della milza dove un gran numero viene<br />

distrutto dai macrofagi<br />

EMOLISI<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


Sferoc<strong>it</strong>osi: forme cliniche<br />

Forma asintomatica<br />

occasionalmente rilevate in<br />

età adulta<br />

Forma tipica<br />

Forma molto grave<br />

– LIEVE: emolisi compensata senza<br />

anemia, rari sferoc<strong>it</strong>i, modesta<br />

reticoloc<strong>it</strong>osi<br />

– MODERATA: anemia con livelli di<br />

emoglobina > 8 g/dL , reticoloc<strong>it</strong>osi,<br />

iperbilirubinemia modesta e sferoc<strong>it</strong>i<br />

– Moderatamente GRAVE: anemia<br />

con livelli di emoglobina tra 6 e 8 g/dL<br />

– GRAVE: emolisi severa , Hb


Difetti proteine di membrana<br />

Defic<strong>it</strong> di spectrina → più grave → diagnosi nell’infanzia<br />

Defic<strong>it</strong> di banda3 → meno grave → diagnosi in età adulta<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


Diagnosi di SE<br />

• E’ generalmente facile e si basa sulla combinazione di:<br />

• Storia familiare e dati clinici personali<br />

• EO: splenomegalia, pallore ed <strong>it</strong>tero (sub<strong>it</strong>tero)<br />

• Esami di laboratorio: emocromo (MCHC)<br />

parametri di emolisi (LDH, bilirubinemia, conta dei<br />

reticoloc<strong>it</strong>i, dosaggio aptoglobina)<br />

presenza di sferoc<strong>it</strong>i su striscio di sangue periferico<br />

negativ<strong>it</strong>à del test di Coombs<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


Diagnosi di SE<br />

• Pz con storia familiare di SE, caratteristiche cliniche ed esami<br />

di laboratorio tipici (sferoc<strong>it</strong>i allo striscio, MCHC aumentato,<br />

reticoloc<strong>it</strong>osi) NON RICHIEDONO ULTERIORI TEST<br />

(grado 1 raccomandazioni, grado A evidenza)<br />

• Se la diagnosi è dubbia, sono raccomandati test di conferma:<br />

crioemolisi ed EMA binding<br />

(grado 1 raccomandazioni, grado A evidenza)<br />

• L’analisi elettroforetica delle proteine di membrana<br />

mediante SDS-PAGE è il metodo di scelta per la diagnosi di<br />

casi atipici e per la diagnosi differenziale con CDAII<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


Diagnosi di SE<br />

• L’anemia: riflette la sever<strong>it</strong>à dell’emolisi; può anche essere<br />

assente o molto moderata quando l’emolisi è ben<br />

compensata. Persiste reticoloc<strong>it</strong>osi.<br />

• L’<strong>it</strong>tero è variabile e spesso assente. Aumenta con l’aumentare<br />

dell’emolisi (ad es. durante le infezioni).<br />

• La splenomegalia è in genere moderata, ma nei soggetti<br />

adulti può raggiungere dimensioni notevoli.<br />

• L’ent<strong>it</strong>à della splenomegalia per se non cost<strong>it</strong>uisce indicazione<br />

alla splenectomia<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


Caratteristiche cliniche in pz adulti affetti da S.E.<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


Caratteristiche cliniche in pz pediatrici di SE<br />

Casi pediatrici sono caratterizzati da una > prevalena di anemia e di<br />

necess<strong>it</strong>à di supporto trasfusionale, solo il 5% resta trasfusione dipendente.<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


Ittero neonatale nella SE<br />

• Frequente (pressochè costante)<br />

• Può intercorrere un intervallo di alcuni giorni prima che la<br />

bilirubina raggiunga il suo picco<br />

• L’emolisi è spesso di tale grav<strong>it</strong>à da richiedere terapia<br />

trasfusionale<br />

• Non correla con futura sever<strong>it</strong>à di SE<br />

• Diagnosi di SE sottostimata poiché nel neonato è<br />

difficoltosa: striscio non tipico, resistenze osmotiche non<br />

attendibili<br />

• MCHC può essere un utile indicatore per SE<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


Christensen R D , Henry E Pediatrics 2010;125:120-125<br />

MCHC >36g/dL<br />

ha 82%<br />

sensibil<strong>it</strong>à e<br />

98% specific<strong>it</strong>à<br />

per<br />

l’identificazione<br />

di SE<br />

Frequency distribution of MCHC values in 3 groups of neonates w<strong>it</strong>h jaundice: (1) DAT(−)<br />

[Coombs negative]; (2) DAT(+) [Coombs pos<strong>it</strong>ive]; and (3) HS.<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


SE nel primo anno di v<strong>it</strong>a<br />

• L’emolisi può permanere elevata durante tutto il primo<br />

anno di v<strong>it</strong>a<br />

• Forse dovuta al fatto che Hb F ha un legame < con<br />

2,3-DPG, il cui accumulo agirebbe sul legame<br />

spectrina-prot. 4.1 con effetto destabilizzante sulla<br />

membrana<br />

• 70% trasfusi nel 1 anno poi solo in occasione di<br />

infezioni<br />

• EPO utile per ridurre il fabbisogno trasfusionale<br />

300-(1000) UI/Kg/settimana<br />

fino al 3-4 mese (9 mesi, Tchernia et al 2000)<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


Diagnosi di SE<br />

• Storia familiare e dati clinici personali<br />

• EO: splenomegalia, pallore ed <strong>it</strong>tero (sub<strong>it</strong>tero), urine<br />

ipercromiche<br />

• Esami di laboratorio:<br />

1. Emocromo (MCHC)<br />

2. pressoché costante è la reticoloc<strong>it</strong>osi (indice<br />

di aumentato turnover midollare)<br />

3. sferoc<strong>it</strong>i su striscio di sangue periferico<br />

4. bilirubinemia<br />

5. negativ<strong>it</strong>à del test di Coombs<br />

6. riduzione dell’aptoglobina<br />

• Test di emolisi<br />

• Studi molecolari<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


Normale 1% ≈<br />

Conta reticoloc<strong>it</strong>aria assoluta<br />

con c<strong>it</strong>ofluorimetria a flusso (coloranti fluorescenti tipo arancio di tiazolo)<br />

RETICOLOCITI ~ 45.000 / L<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


MCHC<br />

La sferoc<strong>it</strong>osi è un’anemia:<br />

• tendenzialmente “microc<strong>it</strong>ica”<br />

• ipercromica: la concentrazione media di Hb er<strong>it</strong>roc<strong>it</strong>aria è<br />

aumentata<br />

Gli sferoc<strong>it</strong>i sono<br />

• compatti<br />

• rotondi<br />

• Ipercromici<br />

• senza il pallore centrale<br />

MCHC elevato<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


Le condizioni cliniche che determinano ridotta<br />

sintesi di Hb conducono a microc<strong>it</strong>osi<br />

• carenza di ferro<br />

• sindromi talassemiche<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


Anemia sideropenica<br />

Sferoc<strong>it</strong>osi<br />

Casistica Lab. Ematologia OIRM – dr.ssa Mazzone<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


Nella sferoc<strong>it</strong>osi ered<strong>it</strong>aria<br />

• Le emazie presentano un rapporto superficie-volume<br />

ridotto<br />

• E’ sufficiente l’ingresso di poca acqua perché tali cellule si<br />

rompano.<br />

• Le resistenze osmotiche sono diminu<strong>it</strong>e, ovvero la loro<br />

fragil<strong>it</strong>à osmotica è aumentata.<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


Test di emolisi<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


Test di fragil<strong>it</strong>à osmotica<br />

Valuta l’emolisi di GR<br />

nei confronti di soluzioni saline ipotoniche<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


T ½ > 1800”<br />

T ½ < 120”<br />

Test di emolisi : AGLT<br />

• Valuta l’emolisi di GR incubati a 37°C in presenza di glicerolo<br />

a pH acido.<br />

• False pos<strong>it</strong>iv<strong>it</strong>à in corso di emolisi massiva (G-6PD, AEA)<br />

• Variante “Pink test” dopo incubazione di 24 ore.<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


EMA (eosina 5-maleimide) test<br />

• Vantaggi: poco costoso, rapido, riproducibile<br />

• Specific<strong>it</strong>à 98%, sensibil<strong>it</strong>à 92%<br />

• Diagnostico anche in pz trasfusi<br />

La tintura si lega alla banda3 e<br />

l’intens<strong>it</strong>à della fluorescenza viene<br />

quantificata con c<strong>it</strong>ofluorimetro.<br />

L’intens<strong>it</strong>à di fluorescenza sarà<br />

proporzionale alla distribuzione<br />

della banda3 integra. Nei casi di<br />

defic<strong>it</strong> di banda3 e/o di alcune<br />

proteine ad essa legate la quant<strong>it</strong>à<br />

di colorante assorb<strong>it</strong>o sarà inferiore<br />

e di conseguenza l’intens<strong>it</strong>à di di<br />

fluorescenza emessa sarà minore<br />

rispetto a quella di un campione<br />

normale.<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


Test di emolisi<br />

Nessun test raggiunge il<br />

100% di sensibil<strong>it</strong>à<br />

Il 100% può essere<br />

raggiunto con<br />

l’esecuzione di due test<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


Elettroforesi delle proteine di emmbrana<br />

•Si esegue nei casi dubbi<br />

•Test sofisticato e indaginoso<br />

•Permette la definizione del defic<strong>it</strong><br />

proteico<br />

•Permette la diagnosi differenziale<br />

con ANEMIA DISERITROPOIETICA<br />

CONGENITA di tipo II (CDAII)<br />

poiché consente di evidenziare la<br />

deglicosilazione della banda3<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


L’uso dell’SDS-PAGE è raccomandato:<br />

• Se il fenotipo clinico è più severo rispetto alla morfologia dei GR<br />

• Quando la morfologia dei GR è più severa rispetto a quella del<br />

gen<strong>it</strong>ore<br />

• Se la diagnosi non è certa prima di eventuale splenectomia, ad es.<br />

se la morfologia è “atipica”. In tal caso va esclusa la diagnosi delle<br />

rare forme di stomatoc<strong>it</strong>osi overidratata e deidratata in cui la<br />

splenectomia non è indicata.<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


Forma asintomatica<br />

Emolisi compensata<br />

Forma tipica<br />

Sferoc<strong>it</strong>osi: follow up<br />

Emolisi moderata/<br />

moderamente grave<br />

Forma molto grave<br />

Emolisi importante<br />

– Controlli annuali (al bisogno) +<br />

ecografia<br />

– Controlli periodici + frequenti<br />

(sempre in caso di febbre) +<br />

ecografia annuale/semestrale (al<br />

bisogno se colica addominale)<br />

– Controlli frequenti specie se alta<br />

morbil<strong>it</strong>à + ecografia<br />

annuale/semestrale (al bisogno<br />

se colica addominale)<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


Follow up<br />

Complicanze<br />

• Crisi emol<strong>it</strong>iche acute durante infezioni<br />

• Colel<strong>it</strong>iasi: controllo periodico ecografia<br />

addominale<br />

• Crisi aplastiche<br />

• Sovraccarico di ferro<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


Colel<strong>it</strong>iasi<br />

• La copresenza della sindrome di Gilbert ne aumenta<br />

il rischio<br />

• Defic<strong>it</strong> dell'attiv<strong>it</strong>à dell'enzima UDP-glucoronil<br />

transferasi → difetto di coniugazione bilirubina<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


5’<br />

A<br />

UDPGT1 gene<br />

Exon 1 2 3 4<br />

- 53 - 39<br />

(TA) 6 TAA<br />

98 - 100 bp<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012<br />

5<br />

B<br />

3’


Incidenza di colel<strong>it</strong>iasi in relazione ai polimorfismi UDPGT1<br />

Colel<strong>it</strong>iasi (percentuale)<br />

60<br />

50<br />

40<br />

30<br />

20<br />

10<br />

5 / 41<br />

p:n.s.<br />

P


Crisi aplastiche da Parvovirus B19<br />

• Causa aplasia er<strong>it</strong>roide midollare<br />

• Grave anemia iporigenerativa<br />

• Grave reticoloc<strong>it</strong>openia!!<br />

• Assenza dei segni di emolisi (LDH normale, urine<br />

chiare)<br />

• Necess<strong>it</strong>à di trasfusioni ripetute<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


• Acido folico<br />

Terapia<br />

• Raccomandato nelle forme gravi, in gravidanza<br />

• Studio della Società Inglese di Nutrizione ha evidenziato che non è<br />

necessario nelle forme lievi<br />

• Opzioni: 100-200 μg/die<br />

2,5 mg/die fino a 6 anni<br />

5 mg/die dopo 6 anni<br />

• Trasfusioni nelle forme gravi<br />

• Fototerapia nell’<strong>it</strong>tero neonatale<br />

• Splenectomia


V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


Rischio trombosi artero-venosa in SE<br />

Dopo la splenectomia<br />

• …. Non solo piastrinosi!!<br />

• Incremento statisticamente significativo di Hb, GB e P<br />

• Aumento di colesterolo totale e LDL<br />

• Aumento di fibrinogeno<br />

• Aumento di omocisteina<br />

Occorre anche valutare ….<br />

• Storia familiare<br />

• PAO<br />

• Fumo<br />

• diabete etc<br />

V° INCONTRO RETE EMATOLOGICA PIEMONTE e VALLE d’AOSTA Orbassano, 10 febbraio 2012


Grazie per l’attenzione

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!