05.06.2013 Views

fuorisera - Jesi e la sua valle

fuorisera - Jesi e la sua valle

fuorisera - Jesi e la sua valle

SHOW MORE
SHOW LESS

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

30<br />

22<br />

34 36<br />

in copertina:<br />

Premio Internazionale Valeria Moriconi<br />

26<br />

JESI E LA SUA VALLE - quindicinale d’informazione Direttore responsabile Dino<br />

Mogianesi, Direttore Ro<strong>la</strong>ndo Romagnoli, Caporedattore Marina Marini, Segretaria di<br />

redazione Samanta Vecci, Fotografia Augusto Giglietti, Pubblicità Marco Focante,<br />

Amministrazione Pao<strong>la</strong> Perlini - Gruppo Editoriale Informazione - sede, direzione, redazione,<br />

amministrazione e pubblicità via Petrucci 11 <strong>Jesi</strong> (An) - www.jesie<strong>la</strong><strong>sua</strong><strong>valle</strong>.it -<br />

e.mail redazione@jesie<strong>la</strong><strong>sua</strong><strong>valle</strong>.it - tel 0731/4855 - fax 0731/209128 - stampa Tj, <strong>Jesi</strong><br />

- associato a: Unione Stampa Periodica Italiana Reg. trib. di Ancona n. 262/62 del<br />

9.11.1962 - spedizione in abbon. postale una copia e 2,00 (arretrata e 4,00) • abbonamento<br />

annuale e 35,00 • estero e 80,00 • sostenitore e 70,00 - C/c postale 12544607<br />

intestato a: Gruppo Editoriale Informazione soc. coop. via Petrucci 11 <strong>Jesi</strong> - Consiglio di<br />

Amministrazione: presidente Marcello Focante, vice presidente Ro<strong>la</strong>ndo Romagnoli; consiglieri:<br />

Elisabetta Carletti, Marina Marini, Dino Mogianesi<br />

sommario<br />

5<br />

9<br />

11<br />

22<br />

25<br />

26<br />

30<br />

32<br />

33<br />

34<br />

36<br />

FUORISERA<br />

EDITORIALE:<br />

UN COMPLEANNO TRISTE<br />

di ro<strong>la</strong>ndo romagnoli<br />

INCOMPIUTO<br />

di f<strong>la</strong>vio donati<br />

IL PARCO DEL VALLATO COME<br />

LA TELA DI PENELOPE<br />

di pao<strong>la</strong> coco<strong>la</strong><br />

POLVERI SOTTILI<br />

FACCIO IL LAVORO CHE AVREI<br />

VOLUTO FARE<br />

a cura di dino mogianesi<br />

RISPETTO DELLA DIGNITÀ<br />

SONO UNA PESSIMA OTTIMISTA...<br />

di marina marini<br />

GIRA GIRA FAI LA RODA...<br />

COSE CON MUSICA<br />

di giovanni filosa<br />

NUOTO CON ENTUSIASMO<br />

di fabrizio romagnoli


Teatro G.B. Pergolesi e Teatro Studio San Floriano<br />

Riduzioni per biglietti ed abbonamenti (Stagione di<br />

prosa, lirica, danza e sinfonica).<br />

Libreria Cattolica<br />

<strong>Jesi</strong>, C.so Matteotti, 42/b<br />

Sconto del 10% sui libri, esclusi sco<strong>la</strong>stici e locali.<br />

Focarelli Ottica<br />

<strong>Jesi</strong>, C.so Matteotti, 46/a - Sconto 10% sugli<br />

occhiali da vista e 5% sugli occhiali da sole.<br />

Barchiesi sport<br />

In tutti i punti vendita sconto del 10% su tutti i<br />

prodotti esclusi Champion e Lacoste.<br />

Latini Arreda<br />

S.P. Staffolo - <strong>Jesi</strong>, 1/3<br />

Ulteriore sconto del 5% sul prezzo di vendita finale.<br />

Giaccaglini F<strong>la</strong>vio<br />

<strong>Jesi</strong>, Viale Trieste, 1/b<br />

Sconto 5% sui prodotti in vendita e su servizi<br />

fotografici e matrimoniali.<br />

Parrucchieri Vignaroli<br />

<strong>Jesi</strong>, Via S. Giuseppe, 22 - Via S. Ravagli, 5<br />

Sconto 20% nei giorni di martedì,<br />

mercoledì e giovedì per tutto il listino donna.<br />

Ottica La Lente<br />

<strong>Jesi</strong>, Viale del Lavoro, 4b<br />

Sconto 15% su occhiali da vista e da sole.<br />

Salumificio del Conero<br />

<strong>Jesi</strong>, Via Pasquinelli (C. Comm.le Cartiere Vecchie)<br />

Sconto 10% presso punto vendita Mastro<br />

Mazzarino, esclusi prodotti in promozione).<br />

Il Centro F.B. - Buffetti<br />

<strong>Jesi</strong>, Via Abbruzzetti, 2bis<br />

Sconto 5% su cartucce e 10% su altri articoli<br />

(esclusi prodotti informatica).<br />

Body Line fitness e wellness<br />

<strong>Jesi</strong>, Via Guerri, 13<br />

Sconto 14% per <strong>la</strong> prima iscrizione sul 1° bimestre.<br />

Paziani - Daniele Parrucchiere e Estetista<br />

Antonel<strong>la</strong><br />

<strong>Jesi</strong>, C.so Matteotti, 46/a<br />

Sconto del 5% sull’acquisto di prodotti Kerastase e<br />

del 10% sui trattamenti viso/corpo.<br />

Dinea<br />

<strong>Jesi</strong>, Viale Don Minzoni, 28/i<br />

Sconto 15% sui compensi tariffa previsti per gli<br />

adempimenti fiscali.<br />

Matt cancelleria<br />

<strong>Jesi</strong>, Via Don A. Rettaroli, 23<br />

Sconto 5% su fotocopie e cartucce e 10% sul resto.<br />

Ristorante Chichibio<br />

<strong>Jesi</strong>, Viale del<strong>la</strong> Vittoria, 36<br />

Sconto del 25% sui vini al<strong>la</strong> carta italiani e del 50%<br />

su quelli esteri.<br />

Mi<strong>la</strong>no Assicurazioni Div. La Previdente -<br />

Ag. Casali Giuliano<br />

<strong>Jesi</strong>, Via del Prato, 1c<br />

Sconto dal 10% al 30% polizze extra auto.<br />

Delizie Alimentari - sa<strong>la</strong> ristoro<br />

Moie, Via Risorgimento, 29 / P.zza del Mercato, 3<br />

Sconto del 10% sul menù.<br />

Ristorante Pizzeria Pepito<br />

<strong>Jesi</strong>, Via Ugo La Malfa, 18<br />

Sconto 10% (escluso sab e dom).<br />

Libreria Mondadori<br />

<strong>Jesi</strong>, Corso Matteotti, 47b<br />

Sconto del 10% su libri esenti da promozioni in corso.<br />

Love Abbigliamento<br />

<strong>Jesi</strong>, Via XV Settembre, 16<br />

Sconto del 10% sul<strong>la</strong> merce non in saldo.<br />

Moby Dick<br />

<strong>Jesi</strong>, Via F. Coppi, 6b - Sconto del 10% sugli<br />

acquisti.<br />

Profumeria Lulù<br />

<strong>Jesi</strong>, C.so Matteotti, 21b - C. Matteotti, 54c -<br />

Via Roma, 24a<br />

Sconto 20% su profumi e articoli da regalo e 10%<br />

su prodotti per capelli e professionali, esclusi<br />

articoli in offerta.<br />

Bici Shop<br />

<strong>Jesi</strong>, Via G. Acqua, 17<br />

Sconto 5% su tutti i prodotti all’interno del<br />

negozio escluse riparazioni.<br />

Pedro Sport<br />

<strong>Jesi</strong>, Viale del<strong>la</strong> Vittoria, 27c - Sconto 20%.<br />

Romina Style di Piccioni Romina & C.<br />

<strong>Jesi</strong>, Via Cesare Battisti, 17b<br />

Sconto 10% nei giorni di martedì, mercoledì e<br />

giovedì su tutto il listino<br />

Bios - Associazione Monsanoinforma<br />

Monsano, Via S. Ubaldo, 67<br />

Sconto 6% sui prodotti presenti in negozio e<br />

preventivo preliminare gratuito per realizzazione<br />

impianti so<strong>la</strong>ri.<br />

Podere Santa Lucia<br />

<strong>Jesi</strong>, Via Fiume, 14b<br />

Sconto 10% sugli acquisti<br />

Sapore di Mare<br />

<strong>Jesi</strong>, Via Bordoni, 7 - C. Commerciale Arcobaleno<br />

Sconto 5% sugli acquisti<br />

Linea Pelle<br />

<strong>Jesi</strong>, Piazza Colocci, 1/a<br />

Sconto del 10% su tutta <strong>la</strong> merce<br />

Aurora Basket<br />

Stagione 2010/2011<br />

– abbonamento tribuna est e ovest euro 180<br />

anziché 200 intestato all’esclusivo possessore<br />

del<strong>la</strong> JVCard<br />

– biglietto tribuna est euro 15 anziché 20<br />

Cooperativa Sociale K.O.I.N.E.<br />

Centro Lo spazio incantato<br />

<strong>Jesi</strong>, Via Ancona, 37<br />

Sconto del 10% sull’abbonamento di interesse<br />

Io Computer<br />

vendita/assistenza/consulenza<br />

hardware - software<br />

<strong>Jesi</strong>, Viale del<strong>la</strong> Vittoria, 66<br />

Sconto del 5% su tutti gli acquisti<br />

(esclusi prodotti Apple)<br />

Get-it<br />

Comunicazione e Servizi Linguistici<br />

<strong>Jesi</strong>, Via XXIV Maggio, 36d<br />

Sconto del 10% su tutti i servizi<br />

N EE WW


FUORISERA FLASH<br />

Domenica 27 febbraio<br />

• A Fano (viale Gramsci)<br />

CARNEVALE DI<br />

FANO 2011 partenza<br />

delle sfi<strong>la</strong>te e dei maestosi<br />

carri. Anche domenica<br />

6 marzo, sempre<br />

alle ore 15<br />

• A <strong>Jesi</strong> (Teatro G.B.<br />

Pergolesi) Stagione Teatro Ragazzi ROBIN HOOD <strong>la</strong> storia di<br />

Roberto di Legno che colpiva sempre nel segno. Un’originale versione<br />

di teatro d’attore, del<strong>la</strong> celebre storia-leggenda del fuorilegge<br />

che ruba ai “ricchi per dare ai poveri”. Armamaxa Teatro - Brindisi;<br />

ore 17.30<br />

• A Cingoli (piazzale del Risorgimento - ex Carabinieri) MAIALE IN<br />

PISTA manifestazione volta a rivivere secondo <strong>la</strong> tradizione il giorno<br />

del<strong>la</strong> pista con balli e canti del gruppo folkloristico “Balcone delle<br />

marche”. Il ricavato del<strong>la</strong> manifestazione sarà devoluto ad attività di<br />

beneficenza; dalle ore 10 alle ore 19.<br />

Mercoledì 2 marzo<br />

• A <strong>Jesi</strong> (Galleria degli Stucchi - Pa<strong>la</strong>zzo Pianetti) Incontri di Storia<br />

dell’Arte in Pinacoteca IL CICLO DELL’ENEIDE A PALAZZO PIA-<br />

NETTI (1781-1786) Carlo Paolucci e P<strong>la</strong>cido Lazzarini; ore 18.15.<br />

Info: 0731/538342-343<br />

Venerdì 4 marzo<br />

• A <strong>Jesi</strong> (Teatro del Museo Diocesano - piazza Federico II, 7)<br />

CORPO, ANIMA E SPIRITO COME UNITÀ VIVENTE conferenza di<br />

Antonel<strong>la</strong> Lumini del<strong>la</strong> Biblioteca Nazionale di Firenze; ore 17.30<br />

• A <strong>Jesi</strong> (Centro Turistico Giovanile “Vallesina”, via Ancona 17/bis)<br />

Rassegna Ascolto... storie, profumi e sapori L’AMORE PER LE<br />

VISCIOLE IN UNA TRADIZIONE SENZA TEMPO a cura del<strong>la</strong><br />

Cantina del Cardinale di Serra De’ Conti; ore 21.15. Ingresso libero.<br />

Info: 0731/215917<br />

• A Maio<strong>la</strong>ti Spontini (Teatro Comunale) TANGOS, MEMORIAS Y<br />

OLVIDOS rappresentazione ideale di un viaggio attraverso il mondo<br />

del Tango. Compagnia Tango Tinto. Ingresso 12 euro, ore 21. Info:<br />

0731/710372, 333/3668577<br />

Sabato 5 marzo<br />

• A Senigallia (Teatro La Fenice) FRANCESCO RENGA in concerto<br />

con l’Ensemble Symphony Orchestra, anteprima del tour “Francesco<br />

Renga Tour 2011” che partirà il 16 marzo da Brescia; ore 21<br />

Martedì 8 marzo<br />

A <strong>Jesi</strong> (Discoteca Noir, via del Molino) CAR-<br />

NEVALE 2011 + FESTA DELLA DONNA<br />

Info e prenotazioni: 339-4339511<br />

• A Monsano (Paradise P<strong>la</strong>y Center, viale E.<br />

Romagna 15/17) al pomeriggio CARNEVA-<br />

LE festa in maschera, giochi, animazione<br />

con clown, premi per le maschere più<br />

belle (ingresso con merenda 10 euro) ore 15;<br />

al<strong>la</strong> sera FESTA DELLA DONNA cena con<br />

karaoke e ballo (25 euro). Info: 0731/605070<br />

• Ad Ancona (corso Garibaldi e piazza Cavour) EL CARNEVALÒ le<br />

più belle maschere in piazza e <strong>la</strong> tradizionale sfi<strong>la</strong>ta con le “Maschere<br />

Uruguaiane” del Gruppo La Murga di Ancona, il Gruppo<br />

Fantasia di Giusy Bel<strong>la</strong>gamba di <strong>Jesi</strong>, il Gruppo Oriente Express di<br />

Senigallia, il Gruppo Valle in Festa di Trodica di Morro<strong>valle</strong>, il Gruppo<br />

Carnevale dei figli di Bacco di Castiglion Fibocchi (AR), il Gruppo<br />

Ravinis di Pau<strong>la</strong>ro (UD), il Bloco Samba Reggae Mao Branca di Falconara.<br />

Seguirà uno spettacolo con <strong>la</strong> Compagnia Sbandieratori e<br />

Tamburi “L’Araba fenice” di Corinaldo e una esibizione delle scuole<br />

di ballo cittadine, a partire dalle 15,30<br />

Mercoledì 9 marzo<br />

• A <strong>Jesi</strong> (Galleria degli Stucchi - Pa<strong>la</strong>zzo Pianetti)<br />

Incontri di Storia dell’Arte in Pinacoteca<br />

150° DELL’UNITÀ D’ITALIA TRAVESTI-<br />

MENTI RISORGIMENTALI Pittura marchigiana<br />

per l’Unità d’Italia, ore 18.15.<br />

Info: 0731/538342-343<br />

Venerdì 11 marzo<br />

• Ad Ancona (Teatro delle Muse) ELISA IN<br />

CONCERTO doppio spettacolo “Ivy I e II”<br />

due concerti differenti per scaletta e scenografia.<br />

Elisa presenta live alcuni dei suoi più<br />

grandi successi e le nuove canzoni dell’ultimo<br />

album “Ivy” uscito il 30 novembre scorso,<br />

ore 21. Anche domenica 12 marzo, ore 21<br />

Sabato 12 marzo<br />

• A <strong>Jesi</strong> (Teatro Pergolesi) Rassegna di teatro amatoriale in vernacolo<br />

jesino “Lo Sberleffo” NTE LA VIDA... 'N BATTE MAI PARO!!<br />

commedia bril<strong>la</strong>nte in due atti in vernacolo jesino di Walter Ricci,<br />

regia Walter Ricci, Compagnia Teatro Amatoriale “EL PASSÌ”; ore<br />

21.15. Anche domenica 13 marzo 2011, ore 17.15. Info: Biglietteria<br />

Teatro G.B. Pergolesi, tel. 0731/206888


6 LETTERE<br />

PER UNA CULTURA LIBERA E APERTA A TUTTI<br />

Un giovane, Emanuele Aqui<strong>la</strong>nti, ci invia alcune sue riflessioni<br />

sul<strong>la</strong> vita culturale a <strong>Jesi</strong>:<br />

Alcuni mesi fa, il neo-assessore al<strong>la</strong> cultura ha ammesso,<br />

davanti al mondo dell’associazionismo jesino, di avere a<br />

<strong>sua</strong> disposizione una cifra irrisoria (mille euro circa) per<br />

l’organizzazione di eventi culturali in città. Negli ultimi anni,<br />

l’offerta culturale cittadina oltre a diminuire (un esempio<br />

è <strong>la</strong> mancata organizzazione dell’edizione 2010 di “<strong>Jesi</strong><br />

estate”) si sta sempre più richiudendo dentro spazi non<br />

accessibili a tutti gli strati sociali del<strong>la</strong> popo<strong>la</strong>zione (vedi il<br />

Teatro Pergolesi).<br />

Le grandi manifestazioni organizzate sono e rimangono<br />

sempre le stesse: prima tra tutte il Palio di San Floriano<br />

che movimenta un po’ le notti del centro storico jesino,<br />

altrimenti prive di spessore o in preda a “Notti bianche” un<br />

po’ sbiadite. Con un Comune sempre meno presente nel<strong>la</strong><br />

difesa degli interessi di tutti i cittadini vengono limitati<br />

anche gli spazi di espressione e di socialità, a partire dal<strong>la</strong><br />

rimozione di alcune bacheche pubbliche (non quelle dei<br />

partiti politici che sono rimaste dove erano) per l’affissione<br />

di una qualsivoglia comunicazione o vo<strong>la</strong>ntino.<br />

In questo momento storico non si può continuare a pensare<br />

che <strong>la</strong> cultura sia un bene secondario o destinato a<br />

determinate fasce del<strong>la</strong> popo<strong>la</strong>zione. La società moderna<br />

sta infatti cancel<strong>la</strong>ndo quel<strong>la</strong> qualità dell’animo umano<br />

fondamentale e presente in ognuno di noi fin dal<strong>la</strong> più<br />

tenera età: <strong>la</strong> curiosità. Quel<strong>la</strong> curiosità, volta a sapere e<br />

scoprire ciò che non conosciamo, si lega in modo stretto<br />

al<strong>la</strong> nostra vita di ogni giorno dandoci <strong>la</strong> spinta per <strong>la</strong><br />

costruzione e il mantenimento di un pensiero libero e di<br />

una coscienza critica. La paro<strong>la</strong> “cultura” deriva dal verbo<br />

<strong>la</strong>tino “colere” e significa “coltivare”. In un momento<br />

socio-economico, dove il sapere e <strong>la</strong> conoscenza non vanno<br />

di moda, il conformismo di<strong>la</strong>ga e <strong>la</strong> diversità è una cosa<br />

di cui vergognarsi o aver paura, bisogna ripartire dal<strong>la</strong><br />

“coltivazione” del<strong>la</strong> nostra curiosità. Ma per fare questo<br />

dobbiamo essere più possibile slegati da un pensiero<br />

dominante che tende per <strong>sua</strong> stessa natura a stereotipare<br />

e uniformare le opinioni, in modo che <strong>la</strong> cultura serva a<br />

creare cittadini attivi, non sudditi.<br />

Fortunatamente è forte <strong>la</strong> presenza a <strong>Jesi</strong> di associazioni,<br />

circoli culturali e centri sociali che portano avanti idee di<br />

cultura e democrazia dal basso. Questi, senza ricevere<br />

nessun tipo di finanziamento esterno, organizzano e promuovono<br />

iniziative pubbliche gratuite per ridare ai cittadini<br />

il proprio ruolo di individui attivi, informati e coinvolti<br />

nel<strong>la</strong> vita collettiva cittadina.<br />

BEN ARRIVATA CARMELINA!<br />

Dal nostro abbonato “jesino vero nel cuore” (come lui ama<br />

definirsi) Marcelo Norese, architetto residente a Buenos<br />

Aires, riceviamo:<br />

Il 31 gennaio a mezzanotte e trentacinque è nata <strong>la</strong> picco<strong>la</strong><br />

Carme<strong>la</strong> (per i familiari Carmelina) 3.200 kg di “puro<br />

amore” e un’altezza di 51 cm! In lei scorre un po’ di sangue<br />

di mio nonno jesino e porta il nome di mia nonna<br />

Carme<strong>la</strong>, tanto amata da tutti noi, una dolce donna,<br />

calma, bel<strong>la</strong>, sorridente... nata a Canicattì. Avendo avuto<br />

solo nipoti maschi circa 50 anni fa andò da una zingara per<br />

sapere quando avrebbe avuto nipotine femmine (aveva<br />

già confezionato tanti abitini rosa) purtroppo <strong>la</strong> zingara le<br />

disse che avrebbe avuto solo nipoti maschi ma che questi,<br />

a loro volta, poi avrebbero avuto solo figlie femmine. E<br />

così fu: ebbe 8 nipoti maschi (tra cui io) che hanno avuto<br />

tutti figlie femmine (Carmelina è <strong>la</strong> nona)! Solo io però ho<br />

deciso di metterle questo nome proprio in onore di mianonna<br />

al<strong>la</strong> quale voglio ancora un sacco di bene.<br />

Un beso enorme per tutti voi.<br />

QUAL È LA LOGICA?<br />

Il geom. Vincenzo Zagaglia ci scrive:<br />

Ho avuto modo di vedere <strong>la</strong> sistemazione di Via XX Settembre,<br />

da Porta Farina all’incrocio con Via del Molino, effettuata<br />

con un <strong>la</strong>stricato di piastrelle di arenaria. Mi sono<br />

chiesto: come mai tutte le vie fuori delle mura come Via<br />

Mura Occidentali, Via Mura Orientali e Via Pastrengo hanno<br />

il manto stradale con stabilizzato catramato e, invece,<br />

Via XX Settembre no? Come mai Via Cavour, che è all’in-


terno delle mura, ha il manto catramato quando dovrebbe<br />

essere <strong>la</strong>stricato in piastrelle di arenaria per render<strong>la</strong> uniforme<br />

al<strong>la</strong> pavimentazione di Piazza del<strong>la</strong> Repubblica?<br />

Non capisco quale sia <strong>la</strong> logica di questo tipo di manutenzione<br />

a meno che non sia il primo passo verso <strong>la</strong> riqualificazione<br />

di tutte le vie citate. Per quanto riguarda l’esecuzione<br />

dei <strong>la</strong>vori il raccordo tra <strong>la</strong> Via Mura Orientali e <strong>la</strong><br />

nuova pavimentazione presenta un dislivello di oltre 10 cm<br />

per un metro di lunghezza ed il manto catramato si è già<br />

staccato. Mi sembra molto pericoloso.<br />

OCCORRE UNA MIGLIORE SEGNALETICA<br />

Dal<strong>la</strong> sig.ra Nel<strong>la</strong> Gualdoni riceviamo:<br />

Faccio riferimento all’articolo pubblicato l’11 febbraio u.s.<br />

su “Il Resto del Carlino” riguardante l’attraversamento<br />

pericoloso in Via Baldeschi nei pressi del<strong>la</strong> rotatoria in<br />

uscita da <strong>Jesi</strong>, in cui il 5 febbraio è stato investito un mio<br />

conoscente che è deceduto dopo alcune ore. Vorrei far<br />

notare all’assessore ai LL.PP. Stefano Tonelli, che ha ri<strong>la</strong>sciato<br />

l’intervista, quanto segue:<br />

Se si era deciso di aumentare <strong>la</strong> segna<strong>la</strong>zione dell’attraversamento<br />

pedonale, in quanto ritenuto pericoloso, perché<br />

non si è fatto niente? È vero che mancano i soldi,<br />

basta vedere in che condizioni sono le strade, perché le<br />

strisce pedonali scoloriscono subito, perché non spendere<br />

meglio i nostri soldi? Dove sono in quell’attraversamento<br />

“altri segnali luminosi”? Non c’è alcun segnale<br />

luminoso. Sono stati ritenuti “non necessari” in quanto <strong>la</strong><br />

L’ultima di Woodstock<br />

sovrabbondanza può portare il conducente a distrarsi.<br />

Forse sono i troppi cartelli pubblicitari che possono indurre<br />

a distrazione. Il passaggio pedonale si trova dietro una<br />

curva, è segna<strong>la</strong>to 30 metri prima, forse troppo poco.<br />

Inoltre ci sono alberi che, quando sono pieni di foglie,<br />

impediscono <strong>la</strong> visibilità. Non si potrebbe instal<strong>la</strong>re un<br />

dosso di rallentamento prima del passaggio?<br />

Spero che quanto ho scritto serva a rendere meno pericoloso<br />

quel passaggio, anche se non ho molta fiducia nelle<br />

istituzioni. Armando Priori, l’anziano deceduto, era una<br />

brava persona, lucido e in buona salute, amante delle passeggiate,<br />

e sapeva come comportarsi per strada.<br />

ASSEMBLEA ANNUALE ASSOCIAZIONE AIDO<br />

C<strong>la</strong>udio Stronati, Presidente dell’Associazione<br />

Aido <strong>Jesi</strong>, gruppo Walter Bendia,<br />

ricorda agli iscritti quanto segue:<br />

Informiamo che, il 6 marzo prossimo alle<br />

ore 10 in seconda convocazione si terrà<br />

l’Assemblea annuale del Gruppo comunale del<strong>la</strong> nostra<br />

Associazione Aido - Associazione Italiana Donatori Organi<br />

- Walter Bendia di <strong>Jesi</strong> (segreteria: via San Francesco 77,<br />

0731/58707, 339/3705534), presso <strong>la</strong> sede in via dell’Asilo<br />

3, per procedere all’esame e all’eventuale approvazione<br />

del<strong>la</strong> re<strong>la</strong>zione sull’attività svolta, sul bi<strong>la</strong>ncio Consuntivo<br />

re<strong>la</strong>tivo al 2010 e le previsioni di bi<strong>la</strong>ncio per l’anno<br />

2011. Essa può costituire l’occasione, come è avvenuto<br />

negli anni passati, da parte di quegli iscritti che sentono<br />

di poter offrire <strong>la</strong> propria disponibilità a col<strong>la</strong>borare con<br />

l’A.I.D.O. con suggerimenti, proposte, opinioni, sulle iniziative<br />

volte a diffondere lo spirito di solidarietà riguardo al<br />

trapianto d’organi.<br />

Rivolgiamo inoltre un appello specialmente al<strong>la</strong> componente<br />

giovanile nei soci, perché decida di intraprendere il<br />

cammino del volontariato entrando a far parte del Consiglio<br />

Direttivo per adempiere i compiti e contribuire a rinnovare<br />

l’organigramma con una conseguente spinta ad un’impostazione<br />

più dinamica delle attività statutarie.<br />

Si avvisano tutti gli iscritti che il “Giorna<strong>la</strong>ido” 2010 può<br />

essere ritirato nel<strong>la</strong> segreteria del<strong>la</strong> Aido in via S. Francesco<br />

n 77 (vicino al<strong>la</strong> chiesa dei Frati S. Francesco) dal<br />

lunedì al venerdì, il mattino dalle 9 alle ore 12.<br />

7


di ro<strong>la</strong>ndo romagnoli<br />

Un compleanno<br />

triste<br />

La Storia (con <strong>la</strong> S maiusco<strong>la</strong>) è così; ha periodi di stasi<br />

dove sembra che i sistemi politici e i regimi instaurati<br />

debbano durare per sempre, poi improvvisamente accelera<br />

e tutto si mette in movimento. Anche nel passato<br />

ci sono state date importanti, dei paletti nel<strong>la</strong> storia<br />

dell’umanità. Noi abbiamo vissuto il 1989, <strong>la</strong> caduta<br />

del muro di Berlino con <strong>la</strong> riunificazione del<strong>la</strong> Germania<br />

e <strong>la</strong> fine dei sistemi comunisti dei paesi dell’Europa<br />

orientale.<br />

Ora il 2011 sembra destinato ad essere un’altra data<br />

importante, il mar Mediterraneo torna all’attenzione del<br />

mondo. Stanno crol<strong>la</strong>ndo uno dopo l’altro regimi più o<br />

meno autoritari che si erano instaurati nei paesi del<br />

nord Africa. È quasi difficile tenere il conto, alcuni sono<br />

caduti, in altri <strong>la</strong> repressione è dura e i regimi provano<br />

a sopravvivere, ma bisognerebbe aggiornare il conto<br />

giorno per giorno. Solo un breve elenco: Tunisia, Egitto,<br />

EDITORIALE<br />

Libia, Algeria, Giordania, Yemen, Bahrain, Iran.<br />

Un grande fenomeno che pochi avevano previsto. Ci si<br />

poteva aspettare <strong>la</strong> caduta di qualche regime con un<br />

colpo di stato oppure <strong>la</strong> presa del potere da parte di<br />

movimenti is<strong>la</strong>mici fondamentalisti. Invece no, si tratta<br />

di movimenti spontanei nati sul<strong>la</strong> rete, su internet,<br />

attraverso i social network, con facebook e twitter. Sono<br />

gruppi di giovani di buona istruzione, che conoscono<br />

le nuove tecnologie, che chiedono di poter entrare<br />

nel mercato del <strong>la</strong>voro, che vogliono avere quei livelli<br />

di vita che vedono sulle televisioni del mondo occidentale.<br />

Giovani che soprattutto chiedono democrazia e libertà<br />

di pensiero.<br />

Quanti morti ci saranno? In quali paesi <strong>la</strong> repressione<br />

avrà il sopravvento sui movimenti di piazza? Come<br />

cambieranno i regimi? Saranno instaurate delle vere<br />

democrazie? Che ruolo avrà l’is<strong>la</strong>mismo in queste rivoluzioni?<br />

E quali effetti ci saranno per <strong>la</strong> questione israelo-palestinese?<br />

Quali conseguenze per l’Occidente? Sul<br />

costo del gas e del petrolio? Quanti profughi arriveranno<br />

sulle nostre coste? Saremo in grado di riceverli tutti?<br />

Tante incertezze, ma è <strong>la</strong> Storia che fa il suo corso!<br />

Mentre il mondo si mette in movimento e grandi masse<br />

di giovani vogliono diventare protagonisti del<strong>la</strong> loro<br />

vita e del<strong>la</strong> loro nazione, in Italia non siamo neanche<br />

più sicuri di essere una nazione. Stiamo dibattendo se<br />

festeggiare <strong>la</strong> data che ricorda <strong>la</strong> nascita del<strong>la</strong> nostra<br />

patria, c’è chi spinge addirittura per separarci ed altri<br />

che ritengono del tutto inutile ricordare i 150 anni dell’Italia<br />

unita. Il federalismo potrebbe essere utile perché<br />

darebbe più responsabilità alle comunità locali, ma<br />

va visto in un ambito unitario. Invece c’è chi lo vuol<br />

usare come grimaldello per spaccare l’Italia.<br />

Come si fa a dire che non siamo un’unica nazione dopo<br />

che per 150 anni abbiamo sofferto, lottato e vinto delle<br />

battaglie insieme. Abbiamo una storia comune durante<br />

il regime fascista; <strong>la</strong> lotta di liberazione e poi le conquiste<br />

economiche del dopoguerra hanno fatto di questo<br />

stato uno dei più avanzati del mondo occidentale.<br />

Abbiamo una lingua che ci unisce e perfino successi<br />

sportivi per i quali abbiamo gioito dalle Alpi al<strong>la</strong> Sicilia.<br />

Ci sono tante iniziative per celebrare i 150 anni dell’unità<br />

d’Italia. Vanno bene perché permettono di scoprire<br />

e ricordare fatti e personaggi importanti del<strong>la</strong> nostra<br />

storia, persone che hanno contribuito a rendere grande<br />

questo paese e altre che hanno dato anche <strong>la</strong> vita<br />

per renderci liberi. Se cancelliamo tutto questo non ci<br />

resta più niente, non c’è più comunità, solidarietà;<br />

resta l’individuo da solo contro tanti altri individui.<br />

Questa ricorrenza dovrebbe essere anche l’occasione<br />

per progettare il futuro che in questo momento è molto<br />

incerto. Anche in Italia ci sono movimenti che chiedono<br />

più partecipazione, più attenzione alle nuove generazioni,<br />

e una politica più partecipata e attenta ai problemi<br />

del<strong>la</strong> gente. Forse saranno questi movimenti, dei<br />

giovani, delle donne, che si organizzano fuori dai partiti,<br />

attraverso convocazioni spontanee che potranno<br />

dare una spinta al cambiamento. Lo speriamo, perché<br />

<strong>la</strong> politica, tutta, per ora, non è in grado di aiutarci.<br />

9


Tra precari non riconfermati e servizi<br />

divisi su due ospedali preoccupa <strong>la</strong> sanità<br />

jesina<br />

Incompiuto<br />

IL PUNTO<br />

di F<strong>la</strong>vio Donati<br />

Ancora ferma l’azienda consortile per i<br />

servizi socio assistenziali nel<strong>la</strong> Vallesina<br />

Sarà anche vero che il presidente del consiglio comunale<br />

si sia <strong>la</strong>sciato un po’ prendere <strong>la</strong> mano nel suo affondo<br />

riguardo ad una certa marginalizzazione del<strong>la</strong> sanità jesina.<br />

E che magari sia anche scarsamente informato sui<br />

fondi che sarebbero già stati stanziati sia per il completamento<br />

del nuovo ospedale che per <strong>la</strong> realizzazione del<strong>la</strong><br />

residenza sanitaria assistita nel<strong>la</strong> nostra città.<br />

E tuttavia appare difficilmente contestabile il fatto che <strong>la</strong><br />

sanità nel<strong>la</strong> nostra città stia vivendo, per molte ragioni, un<br />

momento critico. C’è un primo motivo di carattere generale,<br />

legato alle attuali difficoltà economiche del nostro Paese.<br />

La stretta operata dal governo sul<strong>la</strong> spesa pubblica,<br />

bloccando il turn over dei dipendenti e tagliando risorse<br />

anche sul<strong>la</strong> sanità, sta mettendo in discussione gli stessi<br />

livelli di assistenza. Come del resto dimostra <strong>la</strong> vicenda dei<br />

precari non rinnovati proprio in alcuni servizi sanitari<br />

essenziali del<strong>la</strong> nostra città.<br />

Quelli del governo sono peraltro “tagli lineari”, un tanto per<br />

cento in tutti i settori del<strong>la</strong> spesa pubblica, senza distinguere<br />

tra ciò che è realmente superfluo e ciò che è invece<br />

essenziale; tra settori in cui, anche dopo i tagli, restano ampi<br />

margini di spreco, e settori più virtuosi che, avendo già<br />

razionalizzato in passato, possono soltanto eliminare servizi<br />

ed abbassare <strong>la</strong> qualità di quelli che restano.<br />

Per quanto riguarda <strong>la</strong> sanità, le Marche sono proprio in<br />

questa situazione. Appena una decina di anni fa eravamo<br />

sull’orlo dell’abisso con una spesa sanitaria del tutto fuori<br />

controllo. Nel 2000, assessore al<strong>la</strong> sanità proprio lo jesino<br />

Augusto Me<strong>la</strong>ppioni, si decise che era arrivato il momento<br />

di cambiare strada mettendo mano ad una profonda riforma<br />

del settore.<br />

Un’operazione difficile, contrastata da lobby potenti e trasversali<br />

ai vari schieramenti politici, e forse causa vera del<strong>la</strong><br />

mancata ricandidatura di Me<strong>la</strong>ppioni alle elezioni regionali<br />

del 2005. Operazione tuttavia riuscita visto che le Marche<br />

si ritrovano oggi in quel<strong>la</strong> ristretta cerchia di regioni<br />

virtuose, nelle quali bi<strong>la</strong>nci in ordine si sposano con buoni<br />

livelli di assistenza.<br />

Eliminato a suo tempo l’eccesso di spreco, il nuovo taglio<br />

imposto oggi dal governo finisce dunque per incidere sul<strong>la</strong><br />

carne viva. Sono 80 milioni di euro, che potranno, nel mi-<br />

POLITICA<br />

Augusto Me<strong>la</strong>ppioni: ex<br />

assessore regionale al<strong>la</strong><br />

sanità.<br />

11<br />

gliore dei casi, ridursi a 20 nel caso venga accettata <strong>la</strong> proposta,<br />

fatta dalle Marche nel<strong>la</strong> conferenza Stato-Regioni, di<br />

tener conto sia del<strong>la</strong> spesa attuale pro-capite sia dell’età<br />

media dei residenti. Età partico<strong>la</strong>rmente elevata nel<strong>la</strong><br />

nostra regione con quindi maggiore incidenza di patologie<br />

e di conseguente bisogno di assistenza.<br />

E tuttavia, anche se il taglio fosse di “soli” 20 milioni di<br />

euro, si tratterebbe pur sempre di una cifra enorme. Non<br />

tanto perché in assoluto non esistano più margini di ulteriori<br />

razionalizzazioni, quanto piuttosto perché mentre i<br />

tagli arrivano immediatamente i processi di riorganizzazione<br />

sono necessariamente più lenti. E a farne le spese<br />

saranno inevitabilmente i bisogni dei cittadini che vedranno<br />

ulteriormente allungarsi i tempi di attesa per un esame,<br />

un ricovero, un intervento…<br />

A tutto questo, nel<strong>la</strong> sanità jesina si affianca un altro motivo<br />

di preoccupazione: il completamento del nuovo ospedale.<br />

Infatti, sebbene a Paolo Cingo<strong>la</strong>ni abbia immediatamente<br />

fatto eco il presidente regionale Gian Mario Spacca<br />

con l’annuncio di 17 milioni di euro per il completamento<br />

dell’ospedale e per <strong>la</strong> nuova RSA, c’è poco da stare tranquilli.<br />

Perché, in attesa dei <strong>la</strong>vori, il disagio dei pazienti e<br />

degli stessi operatori sanitari è destinato a protrarsi ben<br />

oltre il giugno di quest’anno, ultima di una serie infinita di<br />

scadenze per <strong>la</strong> riunificazione dei reparti e dei servizi.<br />

Disagi che vengono da lontano. La decisione di costruire<br />

un nuovo ospedale risale infatti al 1986, senza però essere<br />

stata supportata da un adeguato piano finanziario. Una<br />

precarietà di prospettiva ed un’incertezza di futuro che<br />

spinsero molti, ed il nostro giornale tra loro, a mettere in<br />

guardia dall’avventurarsi su una strada che già allora si<br />

presentava incerta e difficile.<br />

Anche se, in verità, nemmeno i più pessimisti potevano<br />

pensare che per percorrer<strong>la</strong> tutta ci sarebbe voluto più di<br />

un quarto di secolo. Venticinque anni durante i quali il<br />

tempo medio di una degenza ospedaliera si è ridotto da<br />

qualche settimana a pochissimi giorni facendo precipitare<br />

l’iniziale previsione di oltre 600 posti letto agli attuali meno<br />

di 250. Numero peraltro nemmeno esplicitato nel<strong>la</strong> nuova<br />

c<strong>la</strong>ssificazione di “ospedale modello” riservata a questa nostra<br />

incompiuta.<br />

Un’ultima notazione, non legata al<strong>la</strong> sanità ma ad essa strettamente<br />

connessa, riguarda infine <strong>la</strong> vicenda dell’azienda<br />

consortile che dovrebbe dare efficienza e qualità ai servizi<br />

socio assistenziali del<strong>la</strong> <strong>valle</strong>sina: dopo cinque anni di preparazione<br />

e due di annunci non è ora che inizi a <strong>la</strong>vorare?


12 FLASH<br />

Gaia<br />

Buon compleanno a<br />

Gaia Spal<strong>la</strong>cci che<br />

il 1° marzo spegne <strong>la</strong><br />

<strong>sua</strong> prima candelina.<br />

Un bacione da mamma<br />

Valentina e babbo<br />

Simone, dai nonni, gli<br />

zii e i bisnonni.<br />

Laura Capomagi<br />

I nonni Graziel<strong>la</strong> ed Ottorino<br />

si complimentano<br />

con <strong>la</strong> nipote Laura Capomagi<br />

per <strong>la</strong> <strong>la</strong>urea magistrale<br />

in Economia e<br />

Management conseguita<br />

l’11 febbraio all’Università<br />

Politecnica delle Marche,<br />

Facoltà di Economia.


Schiume di carnevale<br />

Attenti alle bombolette spray! Nel 2008 il Ministero dello<br />

Sviluppo Economico, su segna<strong>la</strong>zione dell’Istituto Superiore<br />

del<strong>la</strong> Sanità, ne aveva ritirato dal mercato alcuni tipi in<br />

quanto non conformi ai requisiti di sicurezza dei giocattoli<br />

di cui al D.lgs 313/1441. In pratica le schiume di carnevale<br />

erano pericolose, soprattutto se spruzzate negli occhi.<br />

Successivamente le stesse bombolette furono riammesse<br />

al<strong>la</strong> vendita con uso esclusivo per adulti (maggiori di anni<br />

14), per effetti partico<strong>la</strong>ri durante le feste, ecc… Quindi,<br />

ragazzi, occhio! E attenti ad usare solo quelle non irritanti<br />

(ammesso che ce ne siano). A Carnevale, non è sempre<br />

vero che ogni scherzo vale. E che i vigili urbani (e i<br />

genitori e i genitori e i genitori!) facciano <strong>la</strong> loro parte.<br />

Prime novità Palio 2011<br />

Fervono i preparativi per <strong>la</strong> XVI edizione del Palio di San<br />

Floriano che si svolgerà da mercoledì 4 a domenica 8<br />

maggio. Tra le novità che segnaliamo in anteprima, ricordiamo<br />

<strong>la</strong> ripresa del<strong>la</strong> tradizione del<strong>la</strong> Corsa delle Campane<br />

tra i Comuni del<strong>la</strong> Vallesina. Il Palio 2011, infatti,<br />

verrà deciso sommando i punteggi ottenuti dai Comuni,<br />

nel<strong>la</strong> gara tra gli Arcieri e nel<strong>la</strong> gara podistica del<strong>la</strong> Campana.<br />

Nell’ottica di reintrodurre uno degli elementi peculiari<br />

delle feste dedicate a San Floriano, si è deciso di arricchire<br />

le piazze con <strong>la</strong> presenza di campane rappresentative<br />

dei Comuni partecipanti. Sabato 12 febbraio, presso<br />

<strong>la</strong> sede dell’Ente Palio, è iniziata <strong>la</strong> consegna delle campane<br />

ai rappresentanti dei Comuni: i Comuni stessi provvederanno<br />

a dipingerle con i propri colori ed emblemi. Novità<br />

assoluta sarà <strong>la</strong> partecipazione dell’Istituto Sco<strong>la</strong>stico Carlo<br />

Urbani <strong>Jesi</strong>-Santa Maria Nuova, con uno spettacolo di arte,<br />

poesia e musica presso <strong>la</strong> chiesa di S. Nicolò.<br />

Per informazioni o per partecipare al<strong>la</strong> manifestazione contattare<br />

<strong>la</strong> sede di via Andrea da <strong>Jesi</strong> n. 6 (a <strong>Jesi</strong>, Piazza<br />

Baccio Pontelli) aperta il sabato mattina, dalle ore 10 alle 12.<br />

Contatti: 0731/56160, 333/4296499, 338/7508624,<br />

349/3539112.


14<br />

Pollicino Verde<br />

È iniziato il servizio<br />

del “Pollicino<br />

Verde”, <strong>la</strong> speciale<br />

linea di trasporto<br />

pubblico urbano<br />

con biglietto gratuito<br />

che collega i<br />

centri commerciali<br />

al centro storico.<br />

Dal lunedì al<br />

sabato, con orario continuato 16-20, “Pollicino Verde”,<br />

contrassegnato con il numero 91, compie ogni 20 minuti<br />

il percorso con fermate nei centri commerciali Gallodoro<br />

Coop, L'Arcobaleno, La Fornace e fermata finale in corso<br />

Matteotti all'incrocio con via Pastrengo.<br />

L’iniziativa ha l’obiettivo di agevo<strong>la</strong>re l’accesso al centro<br />

storico servendosi dei 1700 posti auto presenti nei parcheggi<br />

dei megastore. Lo speciale “pass” in luogo del tradizionale<br />

biglietto, viene consegnato fino al 28 febbraio<br />

dall’autista del “Pollicino Verde”, mentre dal 1° marzo di<br />

potrà ritirare gratuitamente presso i centri commerciali<br />

dietro <strong>la</strong> consegna di un qualsiasi biglietto del<strong>la</strong> linea urbana<br />

di <strong>Jesi</strong> utilizzato. Il servizio sarà disponibile fino al 31<br />

maggio prossimo.<br />

Inno ai castelli di <strong>Jesi</strong><br />

Con questo titolo <strong>la</strong> rubrica<br />

Vivere Slow dell’inserto<br />

Viaggi di <strong>la</strong> Repubblica del<br />

9 febbraio scorso si è soffermata<br />

sul<strong>la</strong> nostra Vallesina.<br />

Ne riportiamo alcune<br />

righe iniziali. “Prima di entrare<br />

nel vivo dell’Appennino,<br />

i rilievi dell’entroterra<br />

anconetano salgono<br />

dolci ed eleganti fino al<br />

Parco del<strong>la</strong> Go<strong>la</strong> del<strong>la</strong> Rossa<br />

e di Frasassi. Le colline<br />

e <strong>la</strong> riserva naturale sono<br />

le due anime di questo territorio:<br />

i Castelli di <strong>Jesi</strong>, le<br />

chiese e le abbazie caratterizzano<br />

le radici culturali<br />

ed esaltano le bellezze dei<br />

borghi legati alle grandi famiglie rinascimentali, alle sorti<br />

del potere papale, fino alle grandi battaglie per l’Unità<br />

d’Italia”. Il bell’articolo di mezza pagina, inoltre, è corredato<br />

da una mappa disegnata del<strong>la</strong> zona e dal<strong>la</strong> foto di<br />

piazza Federico II a <strong>Jesi</strong>.


Per il 150° del Cuppari<br />

Mercoledì 16 febbraio l’Istituto Tecnico<br />

Commerciale Cuppari di <strong>Jesi</strong> ha<br />

inaugurato un programma ricco di<br />

iniziative tese a celebrare non solo il<br />

150° anniversario dell’Unità d’Italia,<br />

ma anche il 150° anniversario dell’istituzione<br />

del<strong>la</strong> prestigiosa scuo<strong>la</strong> jesina.<br />

Tra il settembre 1860 e il gennaio<br />

1861, infatti, il Commissario Straordinario per le Marche<br />

Lorenzo Valerio governò il passaggio del<strong>la</strong> nostra regione dal<br />

regime pontificio al regno sabaudo. Tra gli oltre ottocento<br />

decreti emanati dal governatore piemontese, ci fu anche<br />

quello che istituì gli istituti tecnici nei capoluoghi di provincia<br />

ed eccezionalmente anche a <strong>Jesi</strong>, il cui territorio necessitava<br />

di una scuo<strong>la</strong> tecnica specializzata nel<strong>la</strong> formazione<br />

di valenti agronomi e agrimensori. Nasceva così il Cuppari,<br />

<strong>la</strong> cui attività iniziò con i primi corsi nel 1862. Per questo<br />

motivo le celebrazioni del 150° dell’Unità d'Italia si intrecceranno<br />

nel corso dell’anno con quelle legate al compleanno<br />

del Cuppari. Il giorno 16 è stato presentato, presso l’au<strong>la</strong><br />

magna dell'istituto, il volume “Le Marche e l’Unità d’Italia”,<br />

curato dal prof. Marco Severini, con <strong>la</strong> partecipazione<br />

dei re<strong>la</strong>tori Luca Frontini e Lucio Febo dell’Istituto di Storia<br />

del Risorgimento dell’Università di Macerata.<br />

Sogenus e Corep<strong>la</strong> per il recupero del<strong>la</strong><br />

p<strong>la</strong>stica<br />

15<br />

Quali sono le p<strong>la</strong>stiche ricic<strong>la</strong>bili?<br />

Dove va a finire <strong>la</strong><br />

p<strong>la</strong>stica del<strong>la</strong> raccolta differenziata?<br />

Sono le domande<br />

a cui rispondono Sogenus,<br />

il gestore del<strong>la</strong> raccolta e<br />

trasporto dei rifiuti per i 12<br />

Comuni Cis, e Corep<strong>la</strong>, il<br />

Consorzio Nazionale per il<br />

recupero degli imbal<strong>la</strong>ggi in<br />

p<strong>la</strong>stica, nel nuovo depliant<br />

informativo “Tu differenzi,<br />

Corep<strong>la</strong> recupera” in distribuzione ai cittadini per incrementare<br />

<strong>la</strong> quantità e <strong>la</strong> qualità del<strong>la</strong> raccolta differenziata<br />

del<strong>la</strong> p<strong>la</strong>stica. Perché non basta differenziare i rifiuti,<br />

bisogna puntare al<strong>la</strong> qualità dei materiali evitando quegli<br />

“errori” che inquinano <strong>la</strong> raccolta e comportano dei costi<br />

aggiuntivi di selezione e pulizia. Un esempio per tutti sono<br />

le bacinelle e i tubi di p<strong>la</strong>stica conferiti nel contenitore<br />

giallo. Infatti si ricic<strong>la</strong>no solo gli “imbal<strong>la</strong>ggi”, cioè quei<br />

prodotti che al momento dell’acquisto contenevano qualcosa.<br />

Il cittadino, se informato, differenzia bene, Sogenus<br />

raccoglie e Corep<strong>la</strong> assicura il recupero.


16<br />

Laboratorio di autoriparazione all’istituto I.I.S. “E. Pieralisi”<br />

Formare i giovani<br />

e potenziare il<br />

know-how tecnologico<br />

del territorio<br />

e delle sue aziende<br />

con corsi di<br />

aggiornamento.<br />

Questi gli obiettivi<br />

principali del <strong>la</strong>boratorio<br />

di autoriparazione<br />

meccanica e di<br />

carrozzeria, primo in Italia<br />

nel suo genere, nato dal<strong>la</strong><br />

col<strong>la</strong>borazione tra <strong>la</strong> Confartigianato<br />

e l’Istituto jesino di<br />

istruzione superiore “E. Pieralisi”,<br />

con sede all’interno<br />

del<strong>la</strong> stessa scuo<strong>la</strong>.<br />

Il taglio del nastro, sabato<br />

19 febbraio. Tra i presenti,<br />

Giorgio Guerrini, presidente<br />

nazionale Confartigianato,<br />

Giorgio Cataldi e Valdimiro<br />

Tangos, Memorias y Olvidos<br />

Belvederesi rispettivamente<br />

segretario e presidente provinciale<br />

del<strong>la</strong> stessa associazione<br />

di categoria, Gian Mario<br />

Spacca, presidente del<strong>la</strong><br />

Regione Marche, Maurizio<br />

Quercetti assessore al<strong>la</strong> Fomazione<br />

del<strong>la</strong> Provincia di<br />

Ancona, <strong>la</strong> dirigente sco<strong>la</strong>stica<br />

I.I.S. “E. Pieralisi” di <strong>Jesi</strong><br />

Costantina Marchegiani, il<br />

sindaco di <strong>Jesi</strong> Fabiano Belcecchi.<br />

«Il paese reale – ha<br />

Venerdì 4 marzo, alle ore 21.00, il Teatro Comunale di<br />

Maio<strong>la</strong>ti Spontini ospita lo spettacolo “Tangos, Memorias<br />

y Olvidos”, <strong>la</strong> rappresentazione ideale di un viaggio attraverso<br />

il mondo affascinante del Tango. Immagini struggenti,<br />

musica e ballo, ci trasporteranno alle origini del<strong>la</strong><br />

Buenos Aires, di oggi. La compagnia Tango Tinto è formata<br />

da artisti di origini argentine e italiane; Barbara<br />

Varassi Pega al pianoforte (Argentina), Virgilio Monti al<br />

contrabbasso (Italia), Gerardo Agnese al bandoneòn (Argentina),<br />

Vincenzo Albini al violino (Italia), Ruben Peloni<br />

al<strong>la</strong> voce (Argentina).<br />

Sul palco si esibiranno due coppie di ballerini, una italiana,<br />

composta da Alessandro Esposto e Sara Porfiri, l’altra<br />

argentina, composta da Carolina Varassi Pega e Mariano<br />

Navone (ARG). Le immagini che ambientano lo spettacolo<br />

sono dell’artista Julian Mantel.<br />

Il prezzo del biglietto è di 12 euro (bambini sotto ai 12 anni,<br />

e 8 euro). Info: 0731/710372, 333/3668577, 339/896603.<br />

detto Guerrini – è diverso da<br />

quello che ci propone <strong>la</strong> televisione.<br />

Per tanto tempo abbiamo<br />

fatto credere ai nostri<br />

giovani che tutto fosse possibile<br />

senza fatica. Occorre<br />

tornare a sporcarsi le mani,<br />

senza impegno non si costruisce<br />

un progetto di vi-<br />

ta». Il presidente del<strong>la</strong> Camera<br />

di commercio di Ancona<br />

Rodolfo Giampieri ha par<strong>la</strong>to,<br />

poi, di un progetto di<br />

grande valore mentre l’assessore<br />

Maurizio Quercetti<br />

ha ribadito <strong>la</strong> necessità di<br />

preparare figure professionali<br />

adeguate. c.t.<br />

Il tricolore per il risparmio energetico<br />

In occasione dell’iniziativa per il risparmio energetico<br />

“M’illumino di meno”, in piazza del<strong>la</strong> Repubblica sono<br />

state abbassate le luci ed è stato proiettato il tricolore,<br />

simbolo dell’Unità d’Italia, grazie all’energia accumu<strong>la</strong>ta<br />

da un impianto fotovoltaico durante <strong>la</strong> giornata. Si tratta<br />

di una iniziativa <strong>la</strong>nciata dal<strong>la</strong> trasmissione radio Caterpil<strong>la</strong>r<br />

per ricordare il protocollo di Kyoto che impegna i<br />

paesi a ridurre il consumo di fonti energetiche inquinanti<br />

e <strong>la</strong> produzione di anidride carbonica.


CLASS E 1ª A SCUOLA GIUSEPPE MAZZINI<br />

In piedi, da sinistra:<br />

Happy Oghogho<br />

Ogbebor, Edoardo<br />

Rossi, Ryan Di<br />

Cioccio, Iulia Daria<br />

Filip, Enxhi Jangozi.<br />

Seduti: Selma Gasmi,<br />

Riccardo Bataru,<br />

Leonardo Guida,<br />

Francesca Gilli,<br />

Moises Lanari<br />

Sabbatini,<br />

Nawaz Mhuamad.<br />

Insegnanti:<br />

Laura Flori,<br />

Marina Ciarmatori.<br />

CLASS E 1ª A SCUOLA GIUSEPPE GARIBALDI<br />

In piedi, da sinistra: Valerio<br />

Pellegrini, Yassine<br />

Miri, Jawad Hossain,<br />

Akrem Ben Hassen,<br />

Riccardo Ribichini, Vittorio<br />

Latini, Alessio Frul<strong>la</strong>,<br />

Mattia Rossetti, Othman<br />

Fari. In ginocchio:<br />

El Mahdi Fari, Francesco<br />

Agostinelli, Nicole Reyes<br />

De La Rosa, Tommaso<br />

Pe<strong>la</strong>, Naima Kanoune,<br />

Evelyn Ferrari, Francesco<br />

Corinaldesi, Mirco<br />

Boscarini. Seduti: Sofia<br />

Bini, Serena Stronati,<br />

Stefano Reboldi, Cristian<br />

Boscarini, Rahma<br />

Elfateh. Assente: Stefano<br />

Yu. Insegnanti:<br />

Laura Farinelli, Monica<br />

Cardinaletti, Lorel<strong>la</strong><br />

Tonti, Mirel<strong>la</strong> Lenti.


18<br />

Inaugurata <strong>la</strong> piattaforma mobile al<br />

Teatro Pergolesi<br />

Innovazione, eccellenza tecnologica<br />

e sicurezza dei<br />

<strong>la</strong>voratori. Sono i requisiti<br />

del<strong>la</strong> piattaforma mobile per<br />

le operazioni di carico e scarico<br />

del palcoscenico del<br />

Teatro “G.B. Pergolesi” di<br />

<strong>Jesi</strong>, che è stata inaugurata<br />

lunedì 21 febbraio al<strong>la</strong> presenza<br />

del Sindaco di <strong>Jesi</strong> e<br />

Presidente del<strong>la</strong> Fondazione<br />

Pergolesi Spontini, Fabiano<br />

Belcecchi, dell’Assessore al<strong>la</strong><br />

Cultura del Comune di <strong>Jesi</strong>,<br />

Leonardo Lasca, dell’Amministratore<br />

Delegato del<strong>la</strong><br />

Fondazione Pergolesi Spontini,<br />

William Graziosi, del Direttore al<strong>la</strong> produzione e agli<br />

allestimenti scenici del<strong>la</strong> Fondazione, Benito Leonori. Si<br />

tratta di una attrezzatura importante per il “Pergolesi”,<br />

che consentirà di risparmiare tempo e costo-<strong>la</strong>voro e permetterà<br />

alle maestranze di operare in totale sicurezza in<br />

conformità alle leggi vigenti in materia. Prima del<strong>la</strong> <strong>sua</strong><br />

instal<strong>la</strong>zione, le operazioni di movimentazione degli allestimenti<br />

scenografici avvenivano attraverso l’utilizzo di strumenti<br />

non adeguati a quanto richiesto dalle rego<strong>la</strong>mentazioni<br />

sul<strong>la</strong> sicurezza e alle esigenze del<strong>la</strong> crescente attività<br />

del Teatro. L’intervento effettuato prevede, oltre al<strong>la</strong> macchina,<br />

una serie di dispositivi di sicurezza che coinvolgono<br />

<strong>la</strong> porta di sottopalco e <strong>la</strong> porta di carico-scarico del palcoscenico;<br />

entrambi gli ingressi saranno control<strong>la</strong>ti da dispositivi<br />

elettromagnetici che impediscono l’utilizzo del<strong>la</strong> macchina<br />

in caso di non attivazione degli stessi. La piattaforma,<br />

movimentata da cilindro oleodinamico telescopico, è<br />

provvista di ba<strong>la</strong>ustre anticaduta al piano di sollevamento<br />

e di protezioni al piano stradale per i passanti e per quanti<br />

operano in prossimità.<br />

Commemorazione del Colonnello<br />

Marchese Antonio Trionfi Honorati<br />

Il 12 marzo si svolge <strong>la</strong> Commemorazione del Colonnello<br />

Marchese Antonio Trionfi Honorati organizzata dall’Associazione<br />

Nazionale Arma di Ca<strong>valle</strong>ria Sezione di <strong>Jesi</strong>. Alle<br />

ore 10 Santa Messa officiata dal vescovo di <strong>Jesi</strong> Gerardo<br />

Rocconi presso <strong>la</strong> Cattedrale.<br />

Alle ore 11 presso <strong>la</strong> Sa<strong>la</strong> Maggiore del Pa<strong>la</strong>zzo del<strong>la</strong><br />

Signoria (<strong>Jesi</strong>, Corso Matteotti) saluto di Romano Bartera,<br />

presidente regionale dell’Associazione Nazionale Arma di<br />

Ca<strong>valle</strong>ria, e del Marchese Giuseppe Trionfi Honorati. A<br />

seguire interventi di Carlo Alfonso Giannatiempo Generale<br />

di Corpo D’Armata su “La Ca<strong>valle</strong>ria italiana dal 1861<br />

ad oggi” e del prof. Antonio Ramini su “La Patria ritrovata:<br />

dialettica politica e spirito etico nel Risorgimento italiano”.<br />

Cartel<strong>la</strong> elettronica oncologica su iPad<br />

Sig<strong>la</strong>to l’accordo tra l’azienda jesina Diatech Pharmacogenetics<br />

e Bimind, società specializzata in sistemi informatici<br />

avanzati.<br />

La cartel<strong>la</strong> clinica oncologica permette <strong>la</strong> gestione e l’e<strong>la</strong>borazione<br />

in tempo reale dei dati clinici di ogni paziente,<br />

le prescrizioni chemioterapiche in totale sicurezza, l’abbattimento<br />

drastico dei tempi di attesa tra reparti e<br />

potenziali errori di trascrizione. Il dott. Fabio Biondi, presidente<br />

Diatech Pharmacogenetics ha dichiarato: «Le biotecnologie<br />

sono un settore in decisa espansione, nonostante<br />

il periodo di incertezza economica globale. Nello<br />

specifico, stiamo par<strong>la</strong>ndo di farmacogenetica, scienza<br />

che studia cure su misura partendo dal<strong>la</strong> mappatura del<br />

DNA di ognuno di noi. In oncologia, siamo già in un’importante<br />

rivoluzione fatta di farmaci personalizzati che<br />

recano il massimo beneficio eliminando le pericolose, a<br />

volte letali, reazioni avverse. La nostra società è partita<br />

per priorità dal settore oncologico, dove maggiore è <strong>la</strong><br />

necessità di indirizzare i farmaci verso le sole cellule<br />

ma<strong>la</strong>te. Tutti i nostri sforzi sono concentrati sulle terapie<br />

su misura, e in questo ambito abbiamo <strong>la</strong>nciato un importante<br />

progetto internazionale che come primo risultato ha<br />

visto nascere <strong>la</strong> prima cartel<strong>la</strong> clinica oncologica su iPad».<br />

A scuo<strong>la</strong> insieme: mamme e alunni<br />

Martedì 22 febbraio, su iniziativa dell’Istituto Comprensivo<br />

Lorenzo Lotto, presso <strong>la</strong> sede del<strong>la</strong> Scuo<strong>la</strong> Primaria<br />

Mestica, ha preso il via, con il contributo del<strong>la</strong> Fondazione<br />

Cassa di Risparmio di <strong>Jesi</strong>, il Progetto per mamme straniere<br />

a scuo<strong>la</strong>: “A scuo<strong>la</strong> insieme: mamme e alunni”. La<br />

proposta serve a sostenere le donne straniere nel<strong>la</strong> costruzione<br />

di re<strong>la</strong>zioni e nello scambio comunicativo. Si sono<br />

iscritte mamme provenienti dal<strong>la</strong> Cina, dall'India, dal<br />

Bang<strong>la</strong>desh, dal<strong>la</strong> Nigeria, dal<strong>la</strong> Costa d'Avorio, dall’Ecuador,<br />

dal<strong>la</strong> Somalia e dall’Algeria, molto motivate ad accrescere<br />

<strong>la</strong> loro competenza linguistica per essere più vicine ai<br />

figli nel rapporto con <strong>la</strong> scuo<strong>la</strong> e soprattutto per vivere più<br />

attivamente nel<strong>la</strong> città. Il Progetto, infatti, prevede oltre le<br />

lezioni, anche uscite nelle sedi istituzionali, nei negozi, nei<br />

luoghi più caratteristici di <strong>Jesi</strong>. Il corso si svolgerà ogni<br />

martedì dalle ore 14,30 alle 16,30 da febbraio a maggio.


Gara regionale Uisp a squadre<br />

Domenica 13 febbraio si è svolta, al Pa<strong>la</strong>zzetto dello Sport<br />

di <strong>Jesi</strong>, <strong>la</strong> 1ª prova del<strong>la</strong> Gara regionale UISP a squadre<br />

di Ginnastica Artistica, organizzata dal Comitato UISP di<br />

<strong>Jesi</strong>. Hanno preso parte al<strong>la</strong> gara 320 atlete di 13 Società<br />

sportive provenienti da tutta <strong>la</strong> regione Marche divise in<br />

3 categorie. Ogni atleta si è esibita in 3 attrezzi tra volteggio,<br />

trave, corpo libero, parallele, trampolino e striscia.<br />

Le atlete del Comitato UISP di <strong>Jesi</strong> sono arrivate 5°<br />

nel<strong>la</strong> categoria A, 6° nel<strong>la</strong> categoria B e 4° nel<strong>la</strong> categoria<br />

C. La 2ª prova del Trofeo a squadre si svolgerà a<br />

Senigallia il 27 febbraio, poi le atlete saranno impegnate<br />

nelle due prove individuali valide per i Campionati nazionali<br />

che si svolgeranno a Fano dal 22 al 29 maggio 2011.<br />

Calcio, stoppata <strong>la</strong> <strong>Jesi</strong>na, torna al<strong>la</strong><br />

vittoria il San Giuseppe C5 in B<br />

Trasferta sfortunata, quel<strong>la</strong> di Rimini davanti al<strong>la</strong> diretta<br />

tv Rai Sport, per <strong>la</strong> <strong>Jesi</strong>na di mister Gianluca Fenucci. In<br />

vantaggio dopo il primo tempo (rete di Gabrielloni), nel<strong>la</strong><br />

ripresa i leoncelli vengono rimontati e superati nel finale,<br />

stop 1-2. In c<strong>la</strong>ssifica, <strong>Jesi</strong>na sesta ad un punto dal<strong>la</strong> quinta<br />

piazza p<strong>la</strong>yoff, ora arriva un ciclo d’avversari duri<br />

(Renato Curi a <strong>Jesi</strong>, trasferta a Forlì, infrasettimanale con<br />

<strong>la</strong> capolista Teramo al Carotti e poi i derby di San Benedetto<br />

del Tronto e con <strong>la</strong> Civitanovese), contro i quali all’andata<br />

arrivò appena un punto. Nel calcio a 5, il San Giuseppe<br />

torna a vincere sul campo del Tre Colli Ancona (8-6)<br />

con cinque reti del nuovo capocannoniere del girone<br />

Dalmas ed insegue anche in questo caso <strong>la</strong> zona p<strong>la</strong>yoff.<br />

Rugby, <strong>la</strong> Baldi <strong>Jesi</strong> prosegue <strong>la</strong> corsa per<br />

il terzo posto p<strong>la</strong>yoff<br />

Nel campionato di C Elite di rugby, il quindici leoncello<br />

del<strong>la</strong> Baldi <strong>Jesi</strong> tallona in c<strong>la</strong>ssifica il terzo posto di Noceto<br />

(+3) con una gara in più da recuperare rispetto ai rivali.<br />

Dopo il successo nel<strong>la</strong> partita di recupero con Gubbio (11-<br />

5), i ragazzi di mister Montesi vanno anche ad espugnare<br />

Forlì (12-9) e confermano il buon momento.<br />

SPORT FLASH<br />

a cura di fabrizio romagnoli<br />

Twirling: l’Asd Fantasy domina<br />

il campionato lombardo<br />

Fioretto, Elisa Di Francisca riparte da<br />

una vittoria in CdM<br />

19<br />

Ottimo debutto stagionale per <strong>la</strong> formazione del Fantasy<br />

nel<strong>la</strong> prima prova del Campionato Regionale Lombardo<br />

svoltosi a Busto Arsizio (VA), il 5 e 6 febbraio scorso,<br />

valevole per <strong>la</strong> qualificazione al Campionato Italiano del<strong>la</strong><br />

Federazione Italiana Twirling, <strong>la</strong> massima espressione<br />

agonistica dello sport del twirling.<br />

I grandi successi delle due giornate mettono in luce ancora<br />

una volta le capacità tecniche e le grandi potenzialità<br />

del vivaio: nelle specialità tecniche primo posto per l’atleta<br />

senior Margherita Rocchetti, gioiello di famiglia del settore<br />

individuale. Anche gli atleti esordienti hanno raggiunto<br />

ottimi risultati: primo posto Francesca Molinari in<br />

serie C2 categoria junior e Martina Gallo in serie C2 categoria<br />

cadetti. Eccellente esordio per Lucrezia Barchiesi<br />

che centra il secondo posto in serie C2 categoria cadette<br />

e per Silvia Romualdi che si aggiudica un onorevole quarto<br />

posto. Nelle specialità CDP con Alessandra Carbonari,<br />

primo posto in serie C1 categoria senior, Arianna Bramati<br />

secondo posto in serie C1 categoria cadetti, Alessia Cerquetel<strong>la</strong><br />

quarto posto in serie C1 categoria junior.<br />

Buone le prove di Alessia Ricci, Erika Merli, Giacomo Rocchetti,<br />

Sofia Rocchetti, al debutto di specialità e solo<br />

poche imperfezioni hanno impedito di raggiungere il risultato<br />

pieno.<br />

Esordio stagionale in Coppa del Mondo a Tauber, in Germania,<br />

ed Elisa Di Francisca, a Parigi 2010 Campionessa<br />

del Mondo individuale ed a squadre, ricomincia vincendo.<br />

Nel singolo <strong>la</strong> jesina batte in finale <strong>la</strong> russa Derig<strong>la</strong>zova di<br />

rimonta (15-14), dopo aver superato in semifinale l’altra<br />

azzurra Salvatori. Si ferma agli ottavi Valentina Vezzali<br />

(stoccata decisiva contestata contro l’ungherese Mohamed),<br />

nelle 32 invece Giovanna Trillini. Nel<strong>la</strong> prova a<br />

squadre, secondo posto azzurro con Di Francisca, Vezzali,<br />

Errigo e Salvatori sconfitte in finale dal<strong>la</strong> Russia (29-41).<br />

Prossima prova a squadre il 13 marzo a Torino, nell’individuale<br />

il 25-26 febbraio a Danzica.


20<br />

Fileni Bpa al<strong>la</strong> riscossa, tris di successi<br />

da urlo<br />

Un’Aurora smarrita ed in balia<br />

d’una stagione dalle troppe<br />

sconfitte. Fino a qualche settimana<br />

fa però. Perché adesso <strong>la</strong><br />

Fileni Bpa che affronta il campionato<br />

di basket di Legadue è<br />

una schiacciasassi che macina<br />

vittime illustri e che, con tre<br />

vittorie di prestigio consecutive,<br />

si ri<strong>la</strong>ncia verso l’obiettivo<br />

p<strong>la</strong>yoff. La metamorfosi arancioblu<br />

inizia in casa contro Rimini,<br />

con una difesa finalmente<br />

convincente che <strong>la</strong>scia ai romagnoli appena 61 punti,<br />

86-61. A Frosinone, contro una Prima Veroli in serie positiva<br />

da sei gare, <strong>la</strong> Fileni Bpa si ripete: l’altalena premia<br />

il carattere di <strong>Jesi</strong>, che vince 84-78. Al Pa<strong>la</strong>Triccoli arriva<br />

<strong>la</strong> capolista del torneo Umana Venezia e <strong>la</strong> Fileni Bpa vive<br />

e rega<strong>la</strong> una giornata perfetta: avversari surc<strong>la</strong>ssati, è<br />

88-61 per un trionfo condiviso coi quasi 3600 sugli spalti.<br />

Fine settimana di sosta per <strong>la</strong> final four di Coppa Italia,<br />

si torna a giocare il 6 marzo a Barcellona Pozzo di Gotto.<br />

Marco Santiangeli a canestro<br />

RISULTATI E CLASSIFICHE<br />

BASKET – Serie A2 maschile<br />

Veroli – Fileni Bpa <strong>Jesi</strong> 78-84<br />

Fileni Bpa <strong>Jesi</strong> – Venezia 88-61<br />

C<strong>la</strong>ssifica<br />

Venezia 32, Casale Monferrato 30, Udine 30, Barcellona<br />

28, Scafati 26, Rimini 26, Veroli 24, Imo<strong>la</strong> 20, Fileni<br />

Bpa <strong>Jesi</strong> 20, Pistoia 20, Ferrara 18, Verona 16, Casalpusterlengo<br />

16, Reggio Emilia 12, San Severo 10, Forlì 8<br />

CALCIO – Serie D girone F<br />

Rimini – <strong>Jesi</strong>na 2-1<br />

C<strong>la</strong>ssifica<br />

Teramo 58, Rimini 53, Santarcangelo 51, Forlì 45, Santegidiese<br />

43, <strong>Jesi</strong>na 42, Real Rimini 41, Ango<strong>la</strong>na 40,<br />

Civitanovese 39, Trivento 36, Sambenedettese 36,<br />

Recanatese 35, Val di Sangro 34, Luco Canistro 33,<br />

Agnonese 31, Venafro 29, Miglianico 26, Cesenatico<br />

21, Fossombrone 21, Bojano 9<br />

VOLLEY MASCHILE – Serie B2 girone E<br />

Vecci Volley <strong>Jesi</strong> – Ferrara 3-0<br />

Scandiano Reggio Emilia – Vecci Volley <strong>Jesi</strong> 0-3<br />

C<strong>la</strong>ssifica<br />

Vecci Volley <strong>Jesi</strong> 48, Farm Bologna 35, Ravenna 32,<br />

Forli 28, Casa Modena 26, Scandiano Reggio Emilia 25,<br />

Montorio Teramo 22, Falconara 20, Vil<strong>la</strong>doro Modena<br />

Volley, B2 maschile, Vecci padrona.<br />

Femminile, bene <strong>la</strong> Monte Schiavo<br />

Nel torneo di pal<strong>la</strong>volo maschile, il 3-0 con cui <strong>la</strong> Vecci<br />

<strong>Jesi</strong> vince sul campo del<strong>la</strong> Guimatrag Scandiano è <strong>la</strong> sedicesima<br />

vittoria su sedici gare, <strong>la</strong> quindicesima per 3-0 da<br />

parte d’una squadra che sino ad ora ha perso appena un<br />

set. Primato incontrastato in c<strong>la</strong>ssifica per i ragazzi di<br />

Graziosi. Nel femminile, il 3-0 con cui <strong>la</strong> Monte Schiavo<br />

rego<strong>la</strong> Altamura è invece <strong>la</strong> quarta affermazione di fi<strong>la</strong>,<br />

con le rossoblù che si avvicinano ad una lunghezza dal<br />

terzo posto.<br />

Conclusa <strong>la</strong> tre giorni di test a Cartagena<br />

e il Barni Racing Team<br />

Si sono conclusi oggi i test del Barni Racing Team sul<br />

tracciato di Cartagena. Quattro mesi dopo l’ultima trionfale<br />

gara del CIV 2010 al Mugello, Alex Polita è tornato in<br />

sel<strong>la</strong> al<strong>la</strong> Ducati 1198RS dal<strong>la</strong> squadra bergamasca, per<br />

una tre giorni di test in preparazione del<strong>la</strong> nuova stagione<br />

che prenderà il via il 10 aprile a Misano. Il bi<strong>la</strong>ncio<br />

del<strong>la</strong> trasferta spagno<strong>la</strong> è positivo: buono il feeling con <strong>la</strong><br />

nuova moto, come hanno dimostrato i tempi ottenuti sul<br />

giro. L’unico rammarico di Alex è quello di non aver potuto<br />

provare <strong>la</strong> gomma da qualifica, ma i riscontri ottenuti<br />

sono un’ottima base da cui partire per <strong>la</strong> messa a punto.<br />

20, Grottazolina 18, Ferrara 18, Appignano 16, Seat<br />

Reggio Emilia 14, Casteferretti 14<br />

VOLLEY FEMMINILE – Serie B2 girone G<br />

Libero Ascoli Piceno – Monteschiavo <strong>Jesi</strong> 2-3<br />

Monteschiavo <strong>Jesi</strong> – Dibenedetto Bari 3-0<br />

C<strong>la</strong>ssifica<br />

Torre Ascoli Piceno 44, Molfetta 32, Pagliare 29, Monteschiavo<br />

<strong>Jesi</strong> 28, Dannunziana Pescara 23, Arabona<br />

Pescara 22, Isernia 21, Recanati 20, Libero Ascoli<br />

Piceno 19, Edil Ceccacci Moie 18, Castelfidardo 17,<br />

Portorecanati 12, Dibenedetto Bari 3<br />

RUGBY – Serie C Elite<br />

C<strong>la</strong>ssifica<br />

Rugby <strong>Jesi</strong> – Gubbio 11-5<br />

Forlì – Rugby <strong>Jesi</strong> 9-12<br />

Ferrara 62, Parma 52, Noceto 48, Rugby <strong>Jesi</strong> 45, Siena<br />

39, Forlì 34, Terni 28, Gubbio 22, Formigine 11,<br />

Ascoli 8, Foligno 5<br />

CALCIO A 5 – Serie B Girone C<br />

Acli San Giuseppe <strong>Jesi</strong> – Gualdo 3-4<br />

Tre Colli Ancona – Acli San Giuseppe <strong>Jesi</strong> 6-8<br />

C<strong>la</strong>ssifica<br />

Civitanova 55, Monturano 53, Forlì 51, Fano 39, Cus<br />

Ancona 37, Acli S.G.<strong>Jesi</strong> 34, Orte 30, Urbino 30,<br />

Piceno 29, Numana 28, Gualdo 26, Tre Colli Ancona 15,<br />

Orvieto 7, Castello 2.


Aurora basket, Carlo Barchiesi è “allenatore benemerito”<br />

La firma in calce al<strong>la</strong> lettera<br />

è quel<strong>la</strong> del presidente del<strong>la</strong><br />

Federazione Italiana Pal<strong>la</strong>canestro,<br />

e monumentale<br />

pezzo di storia del basket<br />

nazionale ed europeo, Dino<br />

Meneghin. Il destinatario<br />

del<strong>la</strong> missiva è il presidente,<br />

ma soprattutto il co-fondatore<br />

nel 1965 con Primo Novelli<br />

e Gianni Rossetti dell’Aurora<br />

Basket, Carlo Barchiesi,<br />

ed il testo annuncia<br />

<strong>la</strong> <strong>sua</strong> nomina ad “Allenatore<br />

benemerito”. Dice <strong>la</strong><br />

lettera, accompagnata dall’altra<br />

del Comitato Nazionale<br />

Allenatori, “<strong>la</strong> riunione<br />

del Consiglio Federale del<br />

20-22 gennaio ha deciso per<br />

il provvedimento di nomina….<br />

in riconoscimento del<strong>la</strong><br />

tua opera in favore dello<br />

sviluppo e dell’immagine<br />

del<strong>la</strong> pal<strong>la</strong>canestro ed anche<br />

come attestato di gratitudine<br />

da parte del<strong>la</strong> F.I.P.”.<br />

Parole ed un titolo, quello<br />

appunto di Allenatore benemerito,<br />

che attestano e premiano<br />

una vita di passione<br />

spesa nel<strong>la</strong> e per <strong>la</strong> pal<strong>la</strong>canestro.<br />

Fra tutte le società<br />

professionistiche del basket<br />

italiano, fra A1 e Legadue,<br />

non c’è altro presidente insignito<br />

del<strong>la</strong> onorificenza di<br />

allenatore benemerito e,<br />

con ogni probabilità, nel<strong>la</strong><br />

storia del<strong>la</strong> pal<strong>la</strong>canestro assimi<strong>la</strong>bile<br />

a quel<strong>la</strong> di Carlo<br />

Barchiesi. Fondatore del<strong>la</strong><br />

società che attualmente presiede<br />

e, dentro ed intorno ad<br />

un campo da basket, personaggio<br />

che ha ricoperto tutti<br />

i ruoli possibili ed immaginabili<br />

nel mondo di questo<br />

sport. Carlo Barchiesi è stato<br />

giocatore, appunto allenatore<br />

(peraltro andando a<br />

ritroso l’ultimo jesino a guidare<br />

dal<strong>la</strong> panchina l’Aurora<br />

Basket), dirigente a vari livelli.<br />

Ha presieduto l’Aurora<br />

fra i prof come ne ha materialmente<br />

preparato il campo<br />

per le gare. Una vicenda<br />

sportiva e personale di cui<br />

andare orgogliosi. «La mia<br />

vita è stata tutta famiglia,<br />

<strong>la</strong>voro e pal<strong>la</strong>canestro –<br />

dice da neo-allenatore benemerito<br />

Barchiesi –. È una<br />

emozione enorme per me<br />

ricevere questo riconoscimento.<br />

Con un pensiero<br />

speciale in questo momento<br />

per chi l’Aurora l’ha fondata<br />

con me, Gianni Rossetti, in<br />

maniera partico<strong>la</strong>re, Primo<br />

Novelli, che non c’è più e a<br />

21<br />

cui va sempre il ricordo ogni<br />

volta che si entra nel<strong>la</strong><br />

“nostra” palestra al San Sebastiano,<br />

intito<strong>la</strong>ta a lui».<br />

Carlo Barchiesi


22 CITTÀ<br />

Il Parco del Val<strong>la</strong>to come<br />

<strong>la</strong> te<strong>la</strong> di Penelope?<br />

di pao<strong>la</strong> coco<strong>la</strong><br />

Dall’approvazione del progetto esecutivo del<br />

Parco del Val<strong>la</strong>to sono passati due anni e si va<br />

al terzo. Gli abitanti del quartiere vorrebbero<br />

vedere l’area degli ex orti Bettini strappata al<br />

degrado e al<strong>la</strong> deso<strong>la</strong>zione che l’hanno imprigionata.<br />

Dov’è l’antica immagine di un pendio<br />

disegnato dai fi<strong>la</strong>ri delle colture e dalle linee di<br />

deflusso che creavano “<strong>la</strong> forma di una ve<strong>la</strong><br />

appesa da un <strong>la</strong>to a via Mura Orientali e dall’altro<br />

al solco del Pal<strong>la</strong>vicino”?<br />

Cerchiamo di capire cosa è successo par<strong>la</strong>ndone<br />

con il portavoce del Comitato Daniele<br />

Mancinelli e con l’architetto Sergio Morgante.<br />

DANIELE MANCINELLI<br />

Il progetto del Parco del Val<strong>la</strong>to è<br />

stato presentato a settembre del<br />

2008. Già in quell’occasione erano<br />

state sollevate delle eccezioni vuoi<br />

per <strong>la</strong> piazzo<strong>la</strong>, vuoi per le stradine,<br />

vuoi per gli orti asserviti. Il progetto<br />

non ci piaceva, tuttavia avevamo<br />

acconsentito al<strong>la</strong> <strong>sua</strong> realizzazione.<br />

C’erano molte incongruenze: più<br />

che un progetto, sembrava un col<strong>la</strong>ge<br />

di opere messe insieme a caso:<br />

una piattaforma per i buddisti<br />

che, progettata all’inizio con un diametro<br />

di venti metri, poi ridotto a<br />

sedici, restava comunque e sempre<br />

una sorta di “piazza d’armi” in un<br />

parco di non grandissime dimensioni;<br />

giochi costosi, disseminati nel<br />

mezzo del parco senza una logica.<br />

L’architetto era Ceccarini. Il progetto era nato con l’edificazione<br />

delle case qui attorno, quindi a scomputo degli oneri<br />

di urbanizzazione delle stesse. Quando i <strong>la</strong>vori sono iniziati,<br />

<strong>la</strong> prima cosa che ci ha colpiti è stata <strong>la</strong> costruzione di un<br />

muraglione di due metri e quaranta, perimetrale - che ora è<br />

stato “spezzato” e ricoperto in parte con <strong>la</strong> terra - che nessuno<br />

aveva notato nel progetto. Intanto era venuta fuori l’ipotesi,<br />

da parte di Bifani, a nome dei commercianti del centro,<br />

di un ampliamento dei parcheggi di via Zannoni fino a<br />

ridosso del<strong>la</strong> scaletta dell’ascensore. Ampliamento che naturalmente<br />

avrebbe “rubato” un po’ di parco.<br />

Siamo andati a fondo del<strong>la</strong> questione e abbiamo intravi-<br />

sto dei progetti per una strada privata che, attraverso il<br />

parco, raggiungeva il Politeama. Abbiamo aperto una petizione<br />

e raccolto delle firme contro questa realizzazione non<br />

dichiarata né progettata. Nel mese di febbraio c’è stato il<br />

primo incontro con il sindaco e l’assessore Stefano Tonelli. Il<br />

sindaco ci ha ribadito che <strong>la</strong> strada non esisteva e che, se<br />

fosse arrivata un’eventuale proposta in merito, sarebbe stata<br />

affrontata al momento. Successivamente abbiamo ripreso in<br />

esame il progetto per capire come mai costasse tanto e così<br />

abbiamo individuato gli sprechi. Intanto e per il muraglione<br />

e per le casette in cemento erano stati sprecati ben 50mi<strong>la</strong><br />

euro su un costo totale di 388mi<strong>la</strong>. Da parte nostra non si è<br />

mai chiesto di fermare i <strong>la</strong>vori, solo di salvaguardare le piante<br />

già esistenti poiché questo è il primo parco dove, per realizzarlo,<br />

sono stati abbattuti prima di tutto gli alberi.<br />

A maggio è stato dato l’incarico per un nuovo progetto<br />

all’architetto Sergio Morgante che ha accettato a condizione<br />

che nessuno interferisse con il suo <strong>la</strong>voro. Noi del Comitato<br />

l’abbiamo visto a luglio. Approvato in giunta ad ottobre, è<br />

stato presentato al<strong>la</strong> terza Commissione Consiliare a novembre<br />

del 2009. Dopodiché, silenzio assoluto. Ogni volta che<br />

abbiamo chiesto perché non partissero i <strong>la</strong>vori, sono state<br />

accampate diverse scuse: il maltempo, il Circolo Cittadino<br />

che si opponeva al passaggio del<strong>la</strong> pista cic<strong>la</strong>bile in un terreno<br />

comunale da esso stesso utilizzato impropriamente...<br />

Finalmente partono i <strong>la</strong>vori di ripulitura che si fermano di<br />

nuovo per il maltempo. Riprendono a giugno 2010. A novembre<br />

arriva una richiesta dall’immobiliare Edoardo, che è<br />

<strong>la</strong> proprietaria dello stabile del Politeama, <strong>la</strong> quale, in virtù<br />

di un passaggio privato, chiede un accesso ad eventuali garage.<br />

In realtà c’era una strada poderale ad esclusivo servizio<br />

del contadino che <strong>la</strong>vorava nel podere stesso. Cessata <strong>la</strong><br />

<strong>sua</strong> attività, era cessato il diritto di<br />

passaggio. Oggi si appigliano a questo.<br />

Tutti i ritardi di realizzazione<br />

del parco sono in verità legati a interessi<br />

privati: all’opposizione del<br />

Circolo Cittadino e al<strong>la</strong> pretesa di<br />

far passare una strada nel parco.<br />

ARCHITETTO SERGIO MORGANTE<br />

Architetto, <strong>la</strong> scorsa settimana<br />

sono ripresi i <strong>la</strong>vori per <strong>la</strong> realizzazione<br />

del Parco del Val<strong>la</strong>to.<br />

Pensa che si fermeranno ancora?<br />

«La scadenza contrattuale è a<br />

Natale del 2011 e si tratta di opere<br />

che possono essere realizzate abbastanza<br />

rapidamente. So che l’impresa<br />

è determinata a concludere<br />

l’impegno assunto».


Quali opere prevede l’ultima variante al progetto?<br />

«Nel progetto che ora stiamo realizzando è prevista <strong>la</strong><br />

realizzazione di tutte le opere murarie a terra e di tutti gli<br />

impianti, compresa <strong>la</strong> predisposizione dell’impianto di illuminazione,<br />

ma non l’impianto di illuminazione, quindi solo <strong>la</strong><br />

realizzazione delle canalizzazioni e dei basamenti. L’istal<strong>la</strong>zione<br />

degli arredi è stata rimandata ad un secondo momento:<br />

panchine, cestini rifiuti, giochi per i bambini, ecc.. Se non<br />

fossero stati sprecati dei soldi, sicuramente avremmo potuto<br />

realizzare anche l’impianto di illuminazione e una buona<br />

parte degli arredi. Non è stato possibile nemmeno provvedere<br />

ai prati: ci terremo l’erba che verrà su da so<strong>la</strong> e che al<strong>la</strong><br />

fine cresce sempre…».<br />

Come procedono i <strong>la</strong>vori del<strong>la</strong> pista pedonale?<br />

«Il progetto si sta muovendo in prevalenza sul terreno del<br />

Comune, che costituisce <strong>la</strong> maggior parte dell’area. Essendo<br />

inserita in un sistema che parte dal parco del Ventaglio e<br />

dovrebbe continuare fino al Granita e al Campo Boario, è fondamentale<br />

realizzare il tratto di percorso che separa quest’area<br />

dal<strong>la</strong> piscina comunale e dall’area che sta poco più in là<br />

del Circolo Cittadino. Questo percorso, per un tratto passa<br />

sul<strong>la</strong> proprietà comunale utilizzata impropriamente dal Circolo;<br />

e in parte passa su un’area privata dove è necessario<br />

l’esproprio di una striscia di terra lungo il canale. Esproprio<br />

che l’Ufficio Tecnico non ha ancora chiesto. Ed è passato un<br />

anno.<br />

Io ritengo questo raccordo fondamentale: ho accettato<br />

l’incarico del progetto a condizione che venisse realizzato<br />

tale collegamento che fa vivere questo parco insieme a tutti<br />

gli altri realizzati a monte, cioè a quello che dal Ventaglio va<br />

fino all’ex ponte di via Roma; e quello che dal ponte di via<br />

Roma va a via del Molino, ed è già in funzione. Tutto il sistema,<br />

costituito da una fi<strong>la</strong> di aree verdi collegate tra loro,<br />

entrerebbe in funzione con grande vantaggio per tutti i citta-<br />

dini che abitano in quel<strong>la</strong> zona e non solo. Ognuno potrebbe<br />

usufruire agevolmente di tutte le attrezzature che stanno<br />

lungo il percorso, quindi impianti sportivi, scuole, centri commerciali<br />

e ricreativi».<br />

Questo è uno dei motivi di “ritardo”, l’altro si dice<br />

sia una strada…<br />

«Coloro che hanno ottenuto di costruire delle case <strong>la</strong>ddove<br />

sorgeva il cinema Politeama hanno richiesto <strong>la</strong> possibilità<br />

di realizzare una strada privata per arrivare ai settanta garage<br />

previsti sotto l’edificio, tagliando per il parco. Non paghi<br />

di questa prima sciagurata ipotesi che interrompe il parco e<br />

il percorso cic<strong>la</strong>bile, hanno proposto <strong>la</strong> strada in trincea, coi<br />

ponticelli; poi un tunnel, facendo una gobba nel parco, un<br />

tunnel che costava tantissimo. Tra l’altro, l’Amministrazione<br />

comunale, aveva ri<strong>la</strong>sciato un parere scritto secondo cui tale<br />

strada, che attraversava il verde, non era variante di piano<br />

rego<strong>la</strong>tore perché già esistente come stradina di campo. Ci<br />

sono altre proposte per <strong>la</strong> costruzione di una strada, ma<br />

tutte assurde perché abbiamo un terreno scosceso, un’area<br />

urbanistica molto fragile. Anche il progetto degli edifici sul<br />

bordo delle mura desta preoccupazione: perché se accorpano<br />

questo volume con altri e fanno un’architettura unica<br />

monumentale in quel punto lì, ammazzano tutto il resto sul<br />

di dietro: si vedrà solo quello, sembrerà che il parco è per<br />

quelli che stanno di casa in quell’edificio.<br />

È possibile “toccare” una parte del<strong>la</strong> città che pur non<br />

essendo proprio parte storica è comunque importante?<br />

Bisogna proporre un edificio spezzato, in modo che non sembri<br />

una cosa così grande, interrompere le linee perché non<br />

risulti un blocco dominante».<br />

Gli abitanti si sentono additati di aver provocato i<br />

ritardi…<br />

«Non è assolutamente vero: con <strong>la</strong> loro partecipazione e<br />

attenzione hanno salvato l’area».


POLVERI SOTTILI<br />

PM10 2006-2010<br />

Il periodo preso in esame è il quinquennio 2006-2010 e<br />

gli inquinanti monitorati sono le polveri sottili PM 10.<br />

Dai dati, che si riferiscono al numero dei giorni nei<br />

quali si è superato il valore limite del<strong>la</strong> presenza di PM<br />

10 nell’aria, fissato dal<strong>la</strong> normativa italiana e europea<br />

a 50µg/mc, giorni che non possono essere più di<br />

35/anno, sono state ricavate le medie. Un’ulteriore e<strong>la</strong>borazione,<br />

che prende a base <strong>la</strong> media dei superamenti<br />

nel periodo in esame, consente di raggruppare le<br />

centraline, e dunque i siti nei quali sono collocate, in<br />

cinque gruppi in re<strong>la</strong>zione ai valori medi.<br />

Il primo gruppo comprende siti che mostrano una<br />

media di superamenti minore o uguale a 8; si tratta di<br />

stazioni di fondo, rurale o urbano, cioè di centraline<br />

lontane da aree a forte traffico veico<strong>la</strong>re. Il secondo<br />

gruppo è costituito da siti che non superano il limite di<br />

legge di 35 gg/anno e anche in questo gruppo non troviamo<br />

stazioni di traffico. Il terzo gruppo di stazioni<br />

mostra valori medi dei superamenti che, pur essendo<br />

oltre il limite dei 35gg/anno, non vanno oltre i 55 superamenti.<br />

In questo gruppo compaiono stazioni di traffico<br />

urbano come quelle di Fabriano, San Benedetto,<br />

Macerata Vittoria. Il quarto gruppo è costituito da stazioni<br />

di traffico urbano: <strong>Jesi</strong>, Fano Montegrappa,<br />

Civitanova Po<strong>la</strong> e <strong>la</strong> stazione industriale di Falconara.<br />

Questi siti, nei quali i superamenti sono ben oltre i<br />

35gg/aa, non raggiungono però i 100 gg/aa. Infine il<br />

quinto gruppo è costituito dalle stazioni di traffico di<br />

Ancona Torrette, Ancona Bocconi, Ancona porto (industriale),<br />

Marina di Montemarciano e Senigallia. In questo<br />

gruppo i superamenti sono oltre i 100gg/aa.<br />

Va precisato che <strong>la</strong> stazione di Senigallia, prima collocata<br />

in zona di traffico urbano, è stata spostata nell’autunno<br />

2010 in zona di fondo urbano.<br />

L’esame dei dati mostra una prevalente tendenza<br />

verso il basso, vale a dire una progressiva diminuzione<br />

del numero dei superamenti nel quinquennio considerato,<br />

anche se il dato non è omogeneo per tutte le stazioni.<br />

<strong>Jesi</strong> fa eccezione perché nei cinque anni c’è stato<br />

un costante aumento dei giorni di superamento.<br />

Nel mese di gennaio di quest’anno, i superamenti sono<br />

stati notevoli. Nel<strong>la</strong> provincia di Ancona si sono registrati<br />

superamenti del valore limite giornaliero per le<br />

seguenti stazioni: Ancona Torrette 16, Ancona Bocconi<br />

13, Ancona porto 6, Ancona Cittadel<strong>la</strong> 4, Falconara 8,<br />

Chiara<strong>valle</strong> 9, Osimo 4, Loreto 5, M. di Montemarciano<br />

14, Senigallia 2, <strong>Jesi</strong> 17, Fabriano 11, Genga 0.<br />

Per quanto riguarda le PM2,5, per cui <strong>la</strong> raccomanda-<br />

AMBIENTE<br />

Il Servizio Aria del Dipartimento ARPAM di Ancona ha e<strong>la</strong>borato i dati forniti<br />

dalle centraline di monitoraggio del<strong>la</strong> qualità dell’aria presenti sul territorio<br />

regionale<br />

25<br />

zione UE fissa il limite a 25 µg/mc come media del periodo,<br />

Ancona Porto registra 33,4 µg/mc, Chiara<strong>valle</strong> 33,5,<br />

Falconara 37,0, Marina di Montemarciano 36,1, <strong>Jesi</strong> 32,2,<br />

Pesaro Scarpellini 33,9, Ascoli Monticelli 30,4 µg/mc.


Roberto Petrini è nato a Roma nel 1957 ed è cresciuto<br />

a <strong>Jesi</strong>. Laureato in Scienze Politiche-indirizzo economico<br />

nel 1980 presso l’Università di Macerata, oggi vive a<br />

Roma. È sposato, ha due figli. È giornalista professionista<br />

dal 1989. Attualmente <strong>la</strong>vora presso <strong>la</strong> redazione economica<br />

del quotidiano “<strong>la</strong> Repubblica”. Insegna, con un<br />

contratto di col<strong>la</strong>borazione, Storia del pensiero economico<br />

presso <strong>la</strong> Facoltà di Economia del<strong>la</strong> Luiss. Nel 2000<br />

Carlo Azeglio Ciampi lo ha nominato Ufficiale del<strong>la</strong> Repubblica<br />

per aver seguito, come cronista, le vicende che<br />

hanno portato l’Italia ad aderire all’Euro.<br />

Ha scritto libri e saggi. Tra i suoi libri di analisi e denuncia,<br />

pubblicati da Laterza: “Il grande bluff. Perché non va<br />

l’economia di Berlusconi” (2002), “Il declino dell’Italia”<br />

(2004), “L’imbroglio fiscale” (2005), “L’economia del<strong>la</strong><br />

pigrizia” (2007). Ha studiato il filone <strong>la</strong>ico-democratico e<br />

socialista-liberale dell’economia italiana: nel 1993 ha<br />

pubblicato in un’antologia gli scritti economici di Ernesto<br />

Rossi (“Capitalismo inquinato”, con una prefazione di<br />

Eugenio Scalfari). Ha raccolto in due volumi le testimonianze<br />

biografiche e le storie intellettuali di Paolo Sylos<br />

Labini (“Un paese a civiltà limitata”, Laterza 2001) e Giorgio<br />

Fuà (“Uomini e leader”, Centro Ca<strong>la</strong>mandrei 2000).<br />

Nel 2009 ha pubblicato per Chiarelettere il libro “Processo<br />

agli economisti”.<br />

Roberto Petrini<br />

Faccio il<br />

<strong>la</strong>voro che<br />

avrei voluto<br />

fare<br />

a cura di dino mogianesi<br />

Anni Settanta. Come ti rivedi da giovane studente<br />

jesino, entusiasta e un po’ ambizioso, attivo<br />

politicamente? Come ti vedi nei panni di allora?<br />

«Anche a <strong>Jesi</strong> si sentiva un misto tra <strong>la</strong> voglia di<br />

cambiare <strong>la</strong> società e di affermare se stessi. C’erano <strong>la</strong><br />

politica e le radio libere ma anche gli amici, le passeggiate<br />

per il Corso e le sfide con il motocross. Era<br />

un’Italia molto più coesa e piena di speranza. Eravamo<br />

un po’ così, ma non eravamo male. Ormai quel clima è<br />

diventato oggetto di film e letteratura».<br />

Come vedi i giovani di oggi, quelli che hanno<br />

l’età del Roberto di allora?<br />

«Le intelligenze, l’entusiasmo e <strong>la</strong> voglia di fare ci<br />

sono anche oggi. Sono ragazzi che si sacrificano e non<br />

hanno paura di andare all’estero a studiare e <strong>la</strong>vorare<br />

per lunghi periodi. La differenza è il contesto globale: i<br />

Settanta erano gli anni felici in cui <strong>la</strong> crescita economica<br />

era un obiettivo possibile, oggi sono gli anni del<strong>la</strong><br />

incerta competizione globale. Secondo me i giovani<br />

d’oggi percepiscono e soffrono questa incertezza».<br />

Quale è stata <strong>la</strong> tua carriera? Quali le tue attività,<br />

attualmente? Sei arrivato dove volevi? Ti<br />

senti appagato?<br />

«Primi passi a <strong>Jesi</strong>, dal Corriere Adriatico al Carlino<br />

a Tv Centro Marche. Poi a Roma con l’obiettivo di fare<br />

il giornalista a tempo pieno: per una serie di circostanze<br />

fortuite sono entrato a “Repubblica”. Oggi scrivo libri<br />

di economia per Laterza e Chiarelettere e tengo lezioni<br />

di storia del pensiero economico agli studenti del<strong>la</strong><br />

Luiss. Ho messo insieme le mie due passioni, l’economia<br />

e il giornalismo. Oltre ad una passione politica che<br />

definirei ispirata ad un concreto riformismo. Mi ritengo<br />

fortunato, faccio il <strong>la</strong>voro che avrei voluto fare».<br />

Hai mai nostalgia delle tue radici?<br />

«Sempre. E infatti appena posso torno a <strong>Jesi</strong>: non<br />

ci sono nato, ci sono cresciuto, ma è qui che stanno le<br />

mie radici e i miei ricordi più belli. Mia moglie, Elisabetta,<br />

è una jesina purosangue: è lei che mi ha trasmesso<br />

i valori di questa città. I miei figli, Francesco e Gregorio,<br />

sono molto legati a <strong>Jesi</strong>».


Roberto Petrini durante un forum a “<strong>la</strong> Repubblica” con Tommaso Padoa Schioppa,<br />

Ezio Mauro e Miriam Mafai.<br />

Come vedi l’ambiente del<strong>la</strong> provincia nelle sue<br />

luci e nelle sue ombre? Quali gli aspetti che ti colpiscono<br />

di più?<br />

«Tradizionalmente il gap del<strong>la</strong> provincia è sempre<br />

stato di informazioni e di contatti. Una volta chi andava<br />

a Roma <strong>la</strong> sapeva più lunga degli altri, fosse artista,<br />

politico o giornalista. Oggi con Internet le cose sono<br />

cambiate, si sa tutto anche a distanza, e <strong>la</strong> provincia ha<br />

molte più opportunità di una volta. Lasciami dire che,<br />

secondo me, <strong>Jesi</strong> – parlo del<strong>la</strong> città perché dell’amministrazione<br />

so poco – sta resistendo meglio di altre realtà<br />

al decadimento culturale del paese. È una città che<br />

è sempre stata in grado nel<strong>la</strong> storia di esprimere leadership<br />

forti in politica, nel<strong>la</strong> cultura e nell’impresa, ma<br />

anche di fare sistema con l’impegno e l’interesse del<strong>la</strong><br />

gente comune. Penso ai Pacifico Carotti, ai Borioni, ad<br />

Aroldo Cascia, nell’impresa ai Pieralisi, nel<strong>la</strong> cultura e<br />

nel teatro è addirittura superfluo fare nomi. Ma penso<br />

anche ai tanti artigiani strepitosi, agli insegnanti dal<strong>la</strong><br />

cultura straordinaria, agli storici locali, ai professionisti,<br />

agli artisti, al vivace mondo delle associazioni, <strong>la</strong>iche<br />

e cattoliche. Voglio citarne due alle quali ho dato<br />

una mano quando ho potuto: il Centro Ca<strong>la</strong>mandrei e,<br />

più recentemente, <strong>la</strong> Fondazione Cardinaletti».<br />

Sul<strong>la</strong> base delle tue esperienze e dei tuoi<br />

studi, come vedi <strong>la</strong> situazione economica italiana<br />

attuale? Quali sono i due-tre problemi più urgenti<br />

da risolvere?<br />

«Il problema dell’Italia è <strong>la</strong> crescita, da un decennio<br />

cresciamo meno del<strong>la</strong> metà degli altri partner europei.<br />

Non se ne esce né solo con lo stimolo al<strong>la</strong> domanda,<br />

ovvero con più consumi, né solo con l’offerta, ovvero<br />

con sconti alle imprese e nuovi prodotti. Bisogna ritrovare<br />

lo spirito di Ciampi, le indicazioni di Sylos Labini e<br />

Franco Modigliani, il sindacato migliore: politica dei<br />

redditi e produttività con un occhio al debito pubblico.<br />

Benigni docet».<br />

Come incide, secondo te, <strong>la</strong> crisi economica<br />

sulle autonomie locali? Sulle economie delle<br />

regioni e, in partico<strong>la</strong>re, su quel<strong>la</strong> dei distretti<br />

produttivi marchigiani?<br />

«La crisi dei debiti pubblici europei, attaccati dal<strong>la</strong><br />

specu<strong>la</strong>zione, ha costretto i governi a stringere <strong>la</strong> cinghia.<br />

Tremonti lo ha fatto impugnando l’ascia e i Comuni<br />

e le Regioni ne stanno pagando le conseguenze<br />

con forti tagli al Welfare e ai servizi. Io conto molto sul<br />

modello marchigiano e sul suo taglio manifatturiero:<br />

quando riscopriremo <strong>la</strong> old economy ci accorgeremo di<br />

essere ancora in prima linea. Naturalmente bisogna<br />

innovare perché <strong>la</strong> crisi ha colpito il commercio mondiale<br />

e i nostri distretti vivono sull’export».<br />

Ci potresti dare una tua valutazione sul progetto<br />

di un’Italia federale? Parlo, soprattutto, dei<br />

riflessi in campo fiscale ed economico.<br />

«Se devo dire <strong>la</strong> mia personale opinione, mi sembra<br />

che mettendo mano all’intero sistema dei trasferimenti,<br />

delle tasse locali e dei costi dei servizi il governo stia<br />

giocando con il fuoco. Basta poco per creare danni<br />

enormi: eccesso di autonomia impositiva ai Comuni,<br />

stretta violenta al Welfare, radicali sperequazioni tra<br />

Nord e Sud. Se non si fa attenzione, si rischia almeno<br />

un pasticcio. Forse si può fare una riforma ispirata al<br />

consenso generale, ma andare avanti a tappe forzate<br />

seguendo i diktat di Bossi non è prudente».<br />

Sul<strong>la</strong> base delle tue esperienze e delle tue frequentazioni,<br />

puoi dirci cosa diavolo è successo in<br />

questi ultimissimi anni; perché siamo arrivati a<br />

questo punto?<br />

«L’Italia ha problemi antichi. C’è sempre <strong>la</strong> frase un<br />

po’ cinica di Giolitti a ricordarcelo: «Trovai un gobbo, e<br />

non potevo che vestirlo da gobbo», disse riferendosi agli<br />

italiani. Eppure questo paese meriterebbe di meglio: il<br />

fenomeno Berlusconi forse è solo <strong>la</strong> coda di tanti guai<br />

passati. Sembrava a molti l’uomo del<strong>la</strong> provvidenza,<br />

proveniente dal<strong>la</strong> frontiera del <strong>la</strong>voro, capace di gestire<br />

lo Stato come un’impresa. Ma affidare tanto potere ad<br />

un signore così ricco e proprietario dei media, <strong>la</strong> più<br />

importante risorsa dei tempi d’oggi, costituiva di per sé<br />

un rischio. Il risultato è che abbiamo un premier sotto<br />

schiaffo e un paese in declino».


28 IMPRESE E TERRITORIO<br />

JESIDIRECTA<br />

Centro Direzionale Cartiere Vecchie,<br />

via Pasquinelli, 2/A sca<strong>la</strong> 5 - <strong>Jesi</strong><br />

Tel./Fax 0731 215912<br />

Cell. 380 7566835<br />

info@jesidirecta.it<br />

www.jesidirecta.it<br />

di car<strong>la</strong> troiani<br />

Uno spazio unico per <strong>la</strong> didattica e <strong>la</strong> formazione dalle<br />

elementari all’università fino al mondo del <strong>la</strong>voro. Questa<br />

è <strong>Jesi</strong>Directa. Sette aule per un centro polifunzionale<br />

nato non solo per accompagnare bambini e ragazzi nel<br />

percorso sco<strong>la</strong>stico, ma anche per organizzare e sostenere<br />

corsi professionali, di informatica e di lingua per italiani<br />

e stranieri. L’idea di creare questa realtà, già operativa<br />

dall’inizio del mese, è di Alessandra Balducci che, nel<br />

progettar<strong>la</strong>, ha unito al<strong>la</strong> <strong>sua</strong> esperienza formativa e <strong>la</strong>vorativa<br />

quel<strong>la</strong> di genitore. Due figlie gemelle sono un<br />

buon allenamento.<br />

«Seguire i figli nello svolgimento dei compiti – spiega<br />

<strong>la</strong> tito<strong>la</strong>re –, per una mamma o un papà, è un momento<br />

importante ed impegnativo. Spesso però il tempo<br />

è poco, il <strong>la</strong>voro ci spinge ad affrontare ritmi sempre più<br />

incalzanti e le cose da fare in casa certo non sono poche.<br />

Ecco, allora, che si sente <strong>la</strong> necessità di affidare i figli ad<br />

un insegnante in grado di sostenerli in maniera appropriata.<br />

Qui da noi – continua – con un unico viaggio, i<br />

genitori hanno <strong>la</strong> possibilità di trovare a disposizione un<br />

tutor o anche più di uno, in base alle materie che il ragazzo<br />

ha bisogno di approfondire».<br />

<strong>Jesi</strong>Directa organizza, infatti, per i più piccoli lezioni<br />

mirate di supporto quotidiano per i compiti a casa e<br />

per gli studenti delle medie e delle superiori program-<br />

preparati al futuro<br />

mi strutturati e personalizzati nelle diverse aree disciplinari<br />

con recupero anche di anni sco<strong>la</strong>stici.<br />

«Per un genitore sapere che da noi il bambino o il<br />

ragazzo trovano, ad esempio, sia l’insegnante di italiano<br />

che quello di matematica o di inglese è sicuramente<br />

un vantaggio sia in termini di tempo che di qualità<br />

del <strong>la</strong>voro. Niente più lezioni a casa significa anche<br />

qualificare il <strong>la</strong>voro dell’insegnante che non è distratto<br />

dal telefono o dalle pentole!».<br />

Per i bambini, inoltre, sono previste anche attività<br />

gestite da un pedagogista in una sa<strong>la</strong> attrezzata. Non<br />

solo studio quindi, ma anche giochi didattici. «Fra una<br />

lezione e l’altra, o nell’attesa che un familiare venga a<br />

riprendere il proprio figlio, – prosegue <strong>la</strong> signora Alessandra<br />

– proponiamo giochi e momenti creativi mirati.<br />

Niente dvd, cassette o giochi elettronici qui da noi. Il<br />

nostro obiettivo è presentare e proporre attività ludiche<br />

diverse, magari anche dimenticate o poco diffuse».<br />

Insomma, accanto ai libri sco<strong>la</strong>stici, al<strong>la</strong> <strong>la</strong>vagna e<br />

al computer, anche svago con scacchi, carta e colori.<br />

«La mamma o il papà che si rivolge a noi e ci chiede<br />

aiuto – dice – sa di fare un investimento importante per<br />

il futuro del proprio figlio. Occorre preparare i ragazzi<br />

al domani, saperli orientare e scegliere il giusto metodo<br />

di insegnamento per ognuno. Questo noi facciamo,


mettendo in contatto il tutor sia con il genitore che con<br />

il ragazzo. Le lezioni possono essere individuali o con<br />

più studenti, ma tutto viene valutato con attenzione di<br />

volta in volta in base alle esigenze. Se le cose si fanno<br />

bene i risultati poi si vedono».<br />

Ma <strong>Jesi</strong>Directa vuole essere un luogo aperto al mondo<br />

del <strong>la</strong>voro con corsi di formazione in partnership con<br />

enti locali, corsi di lingua (inglese, francese, tedesco, spagnolo<br />

e arabo), di informatica a tutti i livelli, e corsi di italiano<br />

per stranieri. Già attivi corsi di Autocad 3 e 4. «Il nostro<br />

slogan “preparati al futuro” vuole essere un’esortazione<br />

e una certezza allo stesso tempo. Il futuro – conclude<br />

Alessandra Balducci – ci vuole pronti, istruiti e noi vogliamo<br />

dare gli strumenti per poter raggiungere questi obiettivi<br />

e superare così le sfide che di volta in volta si presentano<br />

sia nel mondo del <strong>la</strong>voro che nel<strong>la</strong> vita di tutti i giorni».<br />

JESIDIRECTA, DIDATTICA E FORMAZIONE, È:<br />

• Lezioni per alunni del<strong>la</strong> scuo<strong>la</strong> primaria<br />

• Lezioni per studenti del<strong>la</strong> scuo<strong>la</strong> secondaria di I e II grado<br />

• Preparazione esami universitari<br />

• Recupero anni sco<strong>la</strong>stici<br />

• Corsi di formazione<br />

• Corsi di lingua<br />

• Corsi di informatica<br />

• Corsi di italiano per stranieri


di xxxxx<br />

RISPETTO<br />

DELLA<br />

DIGNITÀ<br />

Domenica 13 febbraio il centro del<strong>la</strong> città di <strong>Jesi</strong> è stato<br />

invaso dal<strong>la</strong> protesta delle donne, e non solo. In tantissime<br />

hanno aderito al<strong>la</strong> manifestazione nazionale “Se<br />

non ora, quando?”. Un movimento che non ha dietro di<br />

sé partiti o sindacati, soltanto il sentire delle donne che<br />

con un rapido passaparo<strong>la</strong> ha consentito <strong>la</strong> realizzazione<br />

di una mattinata di condivisione molto sentita e partecipata.<br />

Il colore arancione, scelto dal comitato organizzatore<br />

locale, ha dato una sferzata di allegria al<strong>la</strong><br />

giornata grigia e <strong>la</strong> manifestazione è stata sonora, oltre<br />

che colorata. Al ritmo di tegami e pento<strong>la</strong>cce <strong>la</strong> mattinata<br />

è scivo<strong>la</strong>ta via fra danze, canti, letture e momenti<br />

di riflessione. Sono stati scanditi slogan, lette storie<br />

di donne, in partico<strong>la</strong>re di vittime del<strong>la</strong> mafia, dec<strong>la</strong>ma-<br />

te poesie con l’unico filo conduttore del<strong>la</strong> richiesta di<br />

rispetto per le donne. Perché anche a <strong>Jesi</strong>, come nelle<br />

altre piazze italiane, sono state ribadite le parole d’ordine<br />

del rispetto, del<strong>la</strong> dignità, del<strong>la</strong> legalità, dei diritti,<br />

mentre è stata rifiutata con forza l’accusa di moralismo.<br />

«Non siamo certo bigotte – hanno detto. – Vorremmo<br />

solo essere rispettate per quello che siamo e non per<br />

come si appare, vorremmo poter investire sulle nostre<br />

capacità, chiediamo che i nostri diritti siano garantiti,<br />

che il nostro corpo non diventi merce di scambio». La<br />

manifestazione si è conclusa con un corteo colorato e<br />

festoso lungo il corso jesino.<br />

Se non ora, quando? – Comitato di <strong>Jesi</strong>


31<br />

JESI 13 febbraio 2011


32 TEATRO<br />

Due battute con l’attrice jesina Cristina Cirilli, in scena al teatro Moriconi,<br />

con lo spettacolo Decadence, sabato 26 febbraio<br />

Sono una pessima ottimista…<br />

marina marini<br />

Cristina Cirilli (nel<strong>la</strong> foto <strong>la</strong> quarta) con il cast del<strong>la</strong> Bisbetica. La locandina di Decadence.<br />

Cristina Cirilli, professione attrice, ma non solo. Regista, «Poco. È un momento critico per tutti. Mancano i finan-<br />

ballerina e anche doppiatrice. Occhi azzurri, chiari, che non ziamenti. Questo spettacolo, per esempio, è auto prodotto<br />

passano inosservati, e due mani belle ed energiche che da Teatroluce e da me. Ho fatto questa cosa da so<strong>la</strong>, senza<br />

catturano l’attenzione. Le muove con vitalità mentre par- aspettare un finanziamento, che di questi tempi non sarebliamo,<br />

a voler rafforzare quello che dice. Come nel<strong>la</strong> mibe arrivato mai».<br />

gliore tradizione teatrale. Colpisce anche per <strong>la</strong> <strong>sua</strong> sem- Tu fai anche cinema e televisione. Immagino che<br />

plicità, mentre ci par<strong>la</strong> con passione del suo <strong>la</strong>voro. Da non sia facile <strong>la</strong>vorare in questi ambienti.<br />

quattro anni vive a Roma.<br />

«Sono due ambienti in cui è sicuramente difficile entra-<br />

Par<strong>la</strong> dello spettacolo, Decadence, in scena a <strong>Jesi</strong>, <strong>la</strong> <strong>sua</strong> re. È importante comunque avere un buon agente. Ho<br />

città, al teatro studio Valeria Moriconi sabato 26 febbraio, <strong>la</strong>vorato in alcuni film, tra i quali, quello su Aldo Moro<br />

a Ostra il 6 marzo, e poi a Roma. Oltre che interprete, interpretato da Michele P<strong>la</strong>cido, e l’ultimo di Emanuele<br />

insieme a Gianluigi Savini, anche lui jesino, e Monica Barresi “Non c’è più niente da fare” con Rocco Papaleo.<br />

Porcel<strong>la</strong>to, Cristina ne è anche regista e autrice del testo. Oltre a ruoli in fiction televisive come “La Squadra”. È un<br />

«Una faticaccia – ci racconta –. Questo spettacolo ritor- continuo lottare, faticare, per entrare in un mercato in cui<br />

na a distanza di oltre dieci anni. Andò in scena <strong>la</strong> prima ci sono già altri più affermati di te… però se c’è <strong>la</strong> passio-<br />

volta al Pergolesi. Ho pensato di riproporlo proprio per <strong>la</strong> ne, e quel<strong>la</strong> ancora c’è, si va avanti!».<br />

<strong>sua</strong> attualità».<br />

È anche un continuo fare esperienza.<br />

Di cosa par<strong>la</strong>?<br />

«Assolutamente. In questo momento, per esempio,<br />

«Tre personaggi si incontrano in una notte strana, impor- sono molto affascinata dal doppiaggio. Un’esperienza nuotante,<br />

del<strong>la</strong> loro vita. Sono gli unici superstiti dopo che <strong>la</strong> televa che mi piacerebbe continuare…».<br />

visione ha quasi imposto un suicidio di massa a cui tutti, Altri progetti per il futuro?<br />

ovviamente, hanno aderito. Sono rimasti solo loro tre e in «Ce ne sono. La ripresa in teatro del<strong>la</strong> Bisbetica di<br />

questa notte par<strong>la</strong>no delle loro vite, in una specie di discorso Emanuele Barresi, e poi un progetto con il teatro Goldoni<br />

catartico ma nello stesso tempo autistico, non riuscendo a<br />

interagire tra di loro. Buttano fuori<br />

di Livorno. E poi chissà, forse un nuovo film… vedremo».<br />

tutti i loro… vorrei, avrei voluto, avrei<br />

voluto essere,… fino a una denuncia<br />

finale di tutto il male e <strong>la</strong> negatività<br />

che hanno vissuto. Mi è sembrato il<br />

momento giusto per riportare in<br />

scena un testo come questo».<br />

È <strong>la</strong> tua visione del<strong>la</strong> vita?<br />

Cristina Cirilli, 39 anni, jesina,<br />

<strong>la</strong>urea al Dams di Bologna, specializzazione<br />

in Istituzioni di<br />

Regia, con il prof. Picchi, stage<br />

in regia con Luigi Squarzina,<br />

corsi di teatro e stage di recita-<br />

«Come dico sempre, sono una<br />

zione e dizione. Coprotagonista,<br />

pessima ottimista e un’ottima pes-<br />

insieme a Rocco Papaleo, del<br />

simista!».<br />

film di Emanuele Barresi “Non<br />

Nel mondo del teatro, del<br />

c’è più niente da fare”. Un nutri-<br />

cinema, si riesce a <strong>la</strong>vorare di<br />

to elenco di ruoli in spettacoli<br />

questi tempi?<br />

teatrali, regia e testi sempre<br />

teatrali, e partecipazioni in film<br />

e fiction televisive.


«Il mio olfatto non potrà mai dimenticare una sensazione<br />

percepita fin dai primi anni e che mi ha accompagnato<br />

per tutta <strong>la</strong> mia esistenza: l’odore che emanava<br />

<strong>la</strong> canapa. Quell’aroma intenso, gradevole, aspro e<br />

penetrante, come una droga ti portava in un mondo<br />

misterioso di sonno e di abbandono che richiamava<br />

l’Oriente, il paese da cui proveniva <strong>la</strong> pianta.<br />

Questo odore riporta in me, intenso e vivo, il ricordo<br />

del<strong>la</strong> <strong>la</strong>vorazione del<strong>la</strong> canapa, un’immagine che con<br />

immediatezza riaffiora al<strong>la</strong> mia mente, come tanti altri<br />

aspetti del rione dove <strong>la</strong> mia famiglia viveva da sempre,<br />

il Grammercato, da tutti chiamato il Prado.<br />

L’attività economica più caratteristica che si esercitava<br />

nel<strong>la</strong> zona era l’arte antica dei cordai, una delle espressioni<br />

più tradizionali dell’artigianato jesino e, da sempre, i<br />

membri del<strong>la</strong> mia famiglia erano, appunto, cordari.<br />

Gente semplice e forte, i cordai, <strong>la</strong>boriosi, vivaci ed<br />

arguti, all’occorrenza… ricordandoli, compio un viaggio<br />

nel<strong>la</strong> memoria, recuperando un mondo che non c’è più».<br />

LIBRI<br />

GIRA GIRA FAI LA RODA…<br />

33<br />

Così Bonafede Formiconi introduceva, con parole<br />

sobrie - cariche di nostalgia e di orgoglio - il suo manoscritto<br />

dedicato all’attività dei cordai jesini. Oggi l’autore<br />

non è più tra noi e non può vedere <strong>la</strong> <strong>sua</strong> opera tradotta<br />

in libro e pubblicata. Ne sarebbe stato sicuramente<br />

felice.<br />

Lo ha fatto per lui Giuseppe Luconi che ha raccolto<br />

dalle mani del nipote, Adriano Formiconi, il testo, l’ha<br />

curato integrandolo con una <strong>sua</strong> presentazione e con<br />

articoli dello stesso Adriano e di Pao<strong>la</strong> Coco<strong>la</strong>, e l’ha<br />

pubblicato, inserendolo nel<strong>la</strong> col<strong>la</strong>na del<strong>la</strong> Picco<strong>la</strong><br />

Biblioteca <strong>Jesi</strong>na.<br />

Questo di Bonafede è certamente un <strong>la</strong>voro prezioso<br />

e originale perché descrive minutamente le tecniche<br />

di <strong>la</strong>vorazione e offre una testimonianza tangibile dell’impegno<br />

e dei sacrifici di tantissimi jesini – giovani e<br />

meno giovani immorta<strong>la</strong>ti in numerose fotografie – protagonisti<br />

del “Prato” su cui sono scivo<strong>la</strong>ti e si sono consumati<br />

gli anni migliori del<strong>la</strong> loro vita.<br />

A fianco: una<br />

lezione sui cordai<br />

a scuo<strong>la</strong> e <strong>la</strong><br />

copertina del<br />

libro “Gira gira fai<br />

<strong>la</strong> roda...”.


34 PERSONAGGI<br />

Intervista al “cittadino” Gianni Gualdoni: organizzatore,<br />

produttore, attore, drammaturgo apprezzato e regista teatrale.<br />

COSE CON MUSICA<br />

di giovanni filosa<br />

Ha lo sguardo di un guascone, a ben vederlo, ma anche lo<br />

stile di un signore d’altri tempi. I capelli sono ondu<strong>la</strong>ti da<br />

sempre, da quando lo conosco, gli occhi si avviano ad osservarti<br />

non per analizzarti ma per dialogare anche senza parole.<br />

L’incedere è lento, cadenzato, misurato, quasi il suo cervello<br />

si muovesse a ritmo di slow, mentre il sorriso non gli<br />

abbandona un viso propenso ad accendersi quando l’interesse<br />

lo coinvolge. Guardatelo bene, col cappello assomiglierebbe<br />

al suo mito Puccini. Gianni Gualdoni, figlio d’arte, cresce,<br />

dice lui, «nell’ambiente artistico, a stretto contatto con<br />

grandi maestri del teatro musicale». <strong>Jesi</strong>no più che puro sangue,<br />

ha messo le radici nel teatro. Sua madre C<strong>la</strong>ra, sarta di<br />

scena, suo padre, Alberto, direttore di palcoscenico, <strong>sua</strong> sorel<strong>la</strong><br />

Giuliana al suo fianco nel<strong>la</strong> fondazione Lanari di cui è<br />

direttore artistico e sovrintendente. Le sue idee del teatro?<br />

Le leggerete dopo, quel che conta è che Gualdoni non ha mai<br />

avuto paura di dire <strong>la</strong> <strong>sua</strong>, il Teatro ha in lui un riferimento<br />

ed un tutore con idee chiare sul suo futuro.<br />

Lo sai che ti considerano tutti un uomo di cultura,<br />

quasi d’altri tempi? Tu che ne pensi?<br />

«Ma dai, uomo di cultura è impegnativo, tutti lo siamo,<br />

volendo, ognuno di noi ha <strong>la</strong> <strong>sua</strong> idea in merito e l’applica<br />

nel<strong>la</strong> vita. Dal valore che ognuno esprime, gli altri traggono<br />

<strong>la</strong> conclusione. Io, sinceramente, sono un cittadino che nasce<br />

in teatro, opera nel teatro e, al<strong>la</strong> fine, detto tra noi, mi pagano<br />

per fare un <strong>la</strong>voro che a me piace. E ti pare poco?».<br />

Cittadino, un termine autorevole, mi sa tanto di<br />

Gianni Gualdoni durante le prove<br />

del suo spettacolo “Graal. La notte<br />

che Wagner uccise Spontini” con<br />

l’attore Renato Campese.<br />

Nel<strong>la</strong> pagina a fianco:<br />

Gualdoni durante l’intervista;<br />

(sotto) con Goffredo Petrassi, nome<br />

di spicco del<strong>la</strong> Storia del<strong>la</strong> musica;<br />

con Enrico Brignano all’epoca del<strong>la</strong><br />

<strong>sua</strong> direzione del Teatro alle Cave<br />

di Sirolo.<br />

Accanto all’attività di regista, a quel<strong>la</strong> di produttore di eventi e quel<strong>la</strong> di direttore di teatri (grandi e piccoli, dalle Cave di Sirolo al minuscolo<br />

“La Fortuna” di Monte San Vito, fino all’attività congiunta attuale al “Mestica” di Apiro, al “Farnese” di Cingoli e al “Vallesina” di<br />

Monteroberto), rilevante è l’impegno di Gualdoni come drammaturgo. Un’attività che da anni lo vede autore apprezzato a livello nazionale,<br />

con riconoscimento di premi teatrali importanti – come il prestigioso “Vallecorsi” – e titoli rappresentati con successo in teatri e festival<br />

attraverso tutta Italia, interpretati da artisti di primo livello quali David Riondino, Francesca Benedetti, Massimo Wertmuller, Renato<br />

Campese, Lino Capolicchio, Michele P<strong>la</strong>cido… E proprio con P<strong>la</strong>cido sarà il 24 febbraio a Bari per un nuovo allestimento di “Tosca rusticana”,<br />

interpretata dall’attore-regista pugliese: una drammaturgia per grande organico esecutivo – recitante, coro, orchestra e cantanti –<br />

commissionata a Gualdoni nel 2009 dal Festival Lirico Internazionale di Casamari e da allora più volte rappresentata in diverse città.<br />

rivoluzione francese…<br />

«Ed hai colto nel segno, perché io sono “cittadino” in primis<br />

in quanto residente in un luogo, ne sono pienamente<br />

consapevole, ho i diritti che dal<strong>la</strong> rivoluzione in poi sono arrivati<br />

fino a noi, e sono conscio anche dei miei doveri. Opero<br />

nel teatro con piacere, a vari livelli, sono poliedrico, che vuol<br />

dire organizzatore, produttore, autore, drammaturgo apprezzato<br />

e regista teatrale. Specialmente, mi piace definirle<br />

così, di “cose con musica”. Come, guarda caso, <strong>la</strong> lirica.<br />

Perché quel<strong>la</strong> è una passione innata, trasmessa da mio<br />

padre, in un contesto che non mi ha permesso di fare altro,<br />

sai bene che babbo e mamma <strong>la</strong>voravano al Pergolesi, sarta<br />

e direttore di palcoscenico, dai sei anni in poi ho bazzicato<br />

palcoscenico e camerini. Quindi…».<br />

Hai conosciuto anche le figure più partico<strong>la</strong>ri che<br />

bazzicavano il Pergolesi. Qualche aneddoto ce lo racconti?<br />

«Aneddoti? Uno in partico<strong>la</strong>re, quando il tenore Mario Del<br />

Monaco, ormai al<strong>la</strong> fine del<strong>la</strong> carriera, se <strong>la</strong> prese col figlio<br />

Giancarlo, che invece era all’inizio del<strong>la</strong> <strong>sua</strong> carriera di regia e<br />

dirigeva il padre in una “Norma” molto tetra e oscura tanto<br />

che l’illustre padre inciampò, non vedendo praticamente nul<strong>la</strong>,<br />

sul<strong>la</strong> scena. Del Monaco gliele disse di tutti i colori. Lo maledisse<br />

e gli strillò che lui doveva cantare, non inciampare».<br />

Qual è <strong>la</strong> differenza che hai notato nel teatro tra gli<br />

anni 60 ed oggi?<br />

«Ce ne sono molte, collegate strettamente allo spaccato


sociale dell’epoca. Ricordo che eravamo al<strong>la</strong> fine anni 60, in<br />

pieno boom economico, il Pergolesi veniva da una lunga tradizione<br />

impresariale e, sotto <strong>la</strong> direzione di Carlo Perucci, fu<br />

riconosciuto “teatro di tradizione”. Il Comune accentrò su di<br />

sé <strong>la</strong> gestione del teatro, affidando le parti tecniche ad un<br />

direttore artistico di <strong>sua</strong> fiducia. Un progresso verso <strong>la</strong> pubblicizzazione<br />

di alcune funzioni, con un’atmosfera partecipativa<br />

al<strong>la</strong>rgata, con un profilo da bottega d’arte, di alto artigianato,<br />

affidata ad un gruppo ben affiatato quasi familiarmente.<br />

Col passare del tempo, queste cose che erano, ripeto,<br />

vera e propria arte, sono diventate industria. Oggi c’è <strong>la</strong><br />

corsa al<strong>la</strong> privatizzazione, e <strong>la</strong> cosa si riflette, in campo<br />

nazionale, anche in teatro. E quel profumo familiare e quello<br />

stimolo unitario non ci sono più. Se questo è un bene o<br />

meno, ce lo dirà <strong>la</strong> storia».<br />

Fra i personaggi più importanti del mondo lirico,<br />

che hai amato e vissuto, diciamo così, anche come<br />

regista, chi vorresti essere?<br />

«Accidenti questa è una domanda difficile. Ci studio un<br />

po’. Alfredo Germont in Traviata? Non credo, essendo io<br />

romantico, mi vedo meglio in Mario Cavaradossi, credo di<br />

avere anche il fisico del suo ruolo, storicamente par<strong>la</strong>ndo. Ma<br />

sì, dai, meglio Cavaradossi cento volte, il duca di Mantova,<br />

poi, non m’appassiona, così come il suo libertinaggio fine a<br />

se stesso, tutto troppo estremo».<br />

Ma che dici del libertinaggio??? Non ti rendi conto<br />

che sei fuori moda?<br />

«Preferisco Cavaradossi piuttosto che il duca di Mantova<br />

che non gliene frega niente di nessuno e se <strong>la</strong> spassa in<br />

feste…».<br />

E dagli con i riferimenti all’attualità, ai festini…<br />

«Ma che ne so? Io sono un libertino fra virgolette come<br />

poteva esserlo il protagonista di Tosca».<br />

Secondo te, <strong>Jesi</strong> ha potenzialità?<br />

«Sì. Altissime. Il suo patrimonio culturale, collegato ai<br />

grandi numi tute<strong>la</strong>ri che sono Pergolesi, Spontini e Federico<br />

II, anche se dei tre le tracce fisiche complessive sono abbastanza<br />

flebili, indicano che potenzialmente, in loro nome, si<br />

potrebbe fare molto di più. Magari legando a doppio filo alcuni<br />

aspetti del<strong>la</strong> vita sociale e culturale, non tanto e non solo<br />

con iniziative più o meno importanti come il festival o ricorrenze<br />

varie, ma con un’attività diffusa tutto l’anno, per connotare<br />

l’entità locale e sociale del<strong>la</strong> città a questi illustri punti<br />

di riferimento culturali. Paradossalmente, viste le risicate<br />

possibilità finanziarie, sono convinto che sia meglio realizzare<br />

più cose e più diffuse durante tutto l’anno, per entrare<br />

ancor meglio nel tessuto culturale del<strong>la</strong> città, cosicché questo<br />

patrimonio sia di tutti e fruito non dico quotidianamente<br />

ma molte volte durante l’anno. Certo, tutti siamo d’accordo<br />

che il meglio è meglio, però io come cittadino, piuttosto che<br />

avere una grande opera di Pergolesi, coi più grandi cantanti<br />

del mondo, fatta due sere in un anno, preferisco venti eventi<br />

con artisti magari di secondo livello che, però, durano, più<br />

a lungo, coinvolgendo tutti. Ovvio privilegiando <strong>la</strong> qualità,<br />

nei limiti del possibile».<br />

Che farà da grande <strong>la</strong> Fondazione Lanari?<br />

«Quel che ha sempre fatto, promuovere le cose che ama,<br />

essendo una fondazione privata…».<br />

Privata di che, di tutto???<br />

«Quasi! No, scherzavo. La fondazione è nata con un’impronta<br />

familiare, con un modesto bi<strong>la</strong>ncio, ma con <strong>la</strong> testa<br />

che rimanda ad un piccolo nucleo di operatori privati, pro-<br />

35<br />

muovendo cose che ha piacere e voglia di fare. Senza rendere<br />

conto a nessuno, se non al pubblico, non proponiamo<br />

nul<strong>la</strong> che sia imposto dal cosiddetto botteghino. Non c’è<br />

niente di meglio del<strong>la</strong> libertà di proporre. Liberamente, anche<br />

nel senso di libera…mente. Struttura picco<strong>la</strong> e agile, che produce,<br />

pur di qualità, a costi ridotti, ma con grandi aperture<br />

che in questi tempi difficili si sono fortunatamente prospettate.<br />

Ed i primi risultati si vedono. Operiamo in diverse province<br />

in cui realizziamo eventi sicuramente interessanti, su<br />

scale economiche abbordabili. Vero, ci vengono a cercare, e<br />

questo per noi è importantissimo. Non c’è più il cosiddetto<br />

monopolio istituzionale, oggi i conti li fanno tutti, altroché!».


36 SPORT<br />

Nuoto con<br />

entusiasmo<br />

Novità, successi e atleti di<br />

Marche Nuoto<br />

di fabrizio romagnoli<br />

Marche Nuoto <strong>Jesi</strong>, due piscine in gestione (<strong>la</strong> storica “Bocchini”<br />

di via del Molino e <strong>la</strong> Federico Conti), non perde mai<br />

entusiasmo. Dall’agonismo di nuoto e pal<strong>la</strong>nuoto (con tanto di<br />

settori Master e disabili) ai tanti corsi per bambini ed adulti.<br />

Nell’illustrare le novità, <strong>la</strong> presidente dell’associazione<br />

sportiva dilettantistica Silvana Brocani parte da nuoto e pal<strong>la</strong>nuoto,<br />

per i quali è stata avviata una col<strong>la</strong>borazione importante.<br />

«Da settembre 2010, abbiamo stretto un accordo in<br />

base al quale abbiamo tesserato col Pesaro Nuoto i nostri<br />

atleti più grandi, quelli che prendono parte alle competizioni<br />

per gli Assoluti, e questi stessi hanno <strong>la</strong> possibilità di allenarsi<br />

ogni sabato nel<strong>la</strong> vasca da 50 metri di Pesaro».<br />

Questione annosa, quel<strong>la</strong> dell’assenza a <strong>Jesi</strong> d’una vasca<br />

di dimensioni olimpioniche. «Fino a qualche anno fa – continua<br />

<strong>la</strong> presidente – si organizzavano tre-quattro collegiali a<br />

stagione in impianti distanti per potersi allenare in vasche da<br />

50, soluzione costosa che l’anno scorso non abbiamo potuto<br />

praticare restando così a <strong>Jesi</strong>. Ora c’è <strong>la</strong> disponibilità del<strong>la</strong><br />

vasca di Pesaro e dello staff tecnico del<strong>la</strong> Pesaro Nuoto. Fa da<br />

supervisore un tecnico come Marco Forni, allenatore che ha<br />

cresciuto campioni come Filippo Magnini. Ed in base a questa<br />

col<strong>la</strong>borazione c’è uno scambio di esperienze e competenze.<br />

C’è <strong>la</strong> volontà di far crescere <strong>la</strong> nostra squadra ed elevarne il<br />

livello. Stiamo ottenendo bril<strong>la</strong>nti risultati anche nei Master di<br />

nuoto. Una possibilità in più <strong>la</strong> offre poi l’anticipo dell’apertura<br />

mattutina del<strong>la</strong> piscina: il giovedì, gli atleti possono volontariamente<br />

venire ad allenarsi dalle 6 di mattina, prima di<br />

andare a scuo<strong>la</strong>».<br />

La col<strong>la</strong>borazione con <strong>la</strong> società pesarese si ripropone nel<br />

settore pal<strong>la</strong>nuoto, dove è fresca di presentazione in Comune<br />

<strong>la</strong> prima squadra del sodalizio jesino, pronta ad affrontare, per<br />

il secondo anno con <strong>la</strong> guida tecnica di Giacomo Iaricci, ancora<br />

il campionato di serie C, dopo il bel terzo posto del<strong>la</strong> passata<br />

stagione (bene l’esordio, col successo per 19-3 sul Teramo).<br />

«Con il nome Pesaro Nuoto i nostri ragazzi affrontano<br />

anche i campionati di Serie D ed Under 20. Insomma c’è per<br />

tutti una possibilità in più. Attenzione: quest’anno <strong>la</strong> squadra<br />

di Serie C, col nome Marche Nuoto, e quelle di Serie D ed<br />

Under 20 col nome Pesaro Nuoto, si sono tutte nei loro elementi<br />

autotassate per poter coprire le spese dei campionati<br />

di categoria, impegni dispendiosi che non è semplice sostenere<br />

per una società come <strong>la</strong> nostra. Nel settore pal<strong>la</strong>nuoto,<br />

sono una settantina i nostri atleti: come Marche Nuoto, oltre<br />

al<strong>la</strong> C siamo nei campionati giovanili con <strong>la</strong> Under 13 e <strong>la</strong><br />

Under 15. Per gli allenamenti e le partite, ricorriamo agli<br />

impianti di Falconara e del Passetto ad Ancona».<br />

Soddisfazioni sono arrivate, quanto al nuoto agonistico,<br />

da più d’un elemento di quelli impegnati nel<strong>la</strong> vasca di via<br />

del Molino. Fra gli Assoluti, sono diversi i nomi da tenere a<br />

mente. Due di questi, si sono già garantiti a suon di tempi le<br />

qualificazioni per i Campionati Italiani: Andrea Baioni, si è<br />

guadagnato il pass come primo a livello regionale nei 100 e<br />

200 rana, oltre ad essersi qualificato pure su altre distanze<br />

ed in altri stili; Sofia Ciccarelli poi ha centrato gli Italiani nei<br />

50, 100 e 200 rana. Ma buone possibilità di seguire i primi<br />

due li hanno anche altri: Silvia Severini, Valentina Sassaroli,<br />

Carlo Luminari e Nicolò Bartelucci. E ci sono inoltre i bei traguardi<br />

sportivi raggiunti nel campo dei Disabili.<br />

«Nel Trofeo Città di <strong>Jesi</strong> organizzato qui al<strong>la</strong> piscina di via<br />

del Molino – ricorda Silvana Brocani – <strong>la</strong> nostra Francesca<br />

Kosinska ha fatto il nuovo tempo record nei 150 misti e nei<br />

200 stile libero. Mentre a San Benedetto del Tronto, Giovanni<br />

Marco Archetti, allenatore del Gruppo Master.


Marconi nei 50 dorso si è qualificato per i campionati Italiani<br />

invernali del 4-6 marzo a Portici. Lo stesso hanno fatto<br />

Francesca Davide nei 100 rana e Maria Bonvecchi nei 50<br />

dorso. Questo per <strong>la</strong> disabilità fisica, mentre per l’intellettiva<br />

Alessandro Coppari ed Andrea Molossi si sono anche loro<br />

qualificati per gli Italiani Invernali che si svolgeranno a<br />

Tortona. In questo settore poi si sta anche organizzando una<br />

cosa partico<strong>la</strong>re: una squadra di calcio a 5, un’idea che sta<br />

crescendo e che chi vorrà potrà venire a provare».<br />

Ma non finisce qui per una Marche Nuoto che, proprio in<br />

occasione del Città di <strong>Jesi</strong>, ha potuto inaugurare sempre<br />

nel<strong>la</strong> vasca del<strong>la</strong> piscina di via del Molino quel sollevatore per<br />

disabili a lungo inseguito e finalmente realizzato grazie<br />

all’importante aiuto del<strong>la</strong> Fondazione Gabriele Cardinaletti.<br />

Un certo successo l’ha riscontrato l’iniziativa, anche per il<br />

nuoto libero, dell’apertura mattutina del<strong>la</strong> “Bocchini”: il martedì<br />

ed il giovedì si può nuotare dalle 7 del mattino e sono<br />

una quindicina, ci dicono, gli appassionati che ne approfittano<br />

prima di andare in ufficio o a scuo<strong>la</strong>.<br />

«Una bel<strong>la</strong> cosa è stata per noi – aggiunge <strong>la</strong> presidente<br />

del<strong>la</strong> Marche Nuoto – constatare l’incremento delle presenze<br />

al<strong>la</strong> piscina Federico Conti da parte dei più piccoli, bambini<br />

fra i 3 ed i 5 anni che rappresentano il futuro ed il vivaio.<br />

L’estate 2010 è stata anche quel<strong>la</strong> del primo centro estivo<br />

organizzato al<strong>la</strong> Conti, una scommessa che ha pagato e che<br />

evidentemente ha visto i bimbi e le loro famiglie soddisfatti<br />

del servizio proposto ed offerto. Al<strong>la</strong> Conti, l’approccio al<br />

nuoto viene sviluppato tramite il gioco e l’aspetto ludico,<br />

mentre il sabato mattina, per quello che riguarda il vero e<br />

proprio primo approccio con l’acqua, c’è <strong>la</strong> possibilità di andare<br />

in vasca con i genitori per i bimbi fra i tre mesi ed i tre<br />

anni. Sempre seguiti, sia al<strong>la</strong> Conti che in via del Molino, da<br />

istruttori e personale assolutamente qualificati per attestati<br />

ed esperienza e sottoposti a continuo aggiornamento. Al<strong>la</strong><br />

Conti è attiva anche una col<strong>la</strong>borazione col Centro Fisioterapico<br />

Igea per <strong>la</strong> fisioterapia in acqua».<br />

Tutto questo, come dicevamo, in tempi non semplici. «La<br />

crisi si fa sentire sulle frequenze in piscina – conclude Silvana<br />

Brocani. – Ora siamo intorno alle 500, ma fino a qualche anno<br />

fa si arrivava anche al doppio di frequentatori nei vari settori.<br />

Peraltro <strong>la</strong> situazione l’anno passato si presentava anche<br />

37<br />

peggiore. Noi ringraziamo per il sostegno che ci danno <strong>la</strong><br />

Incall, <strong>la</strong> Banca Popo<strong>la</strong>re di Ancona, <strong>la</strong> Fondiaria Sai di Belegni<br />

e Bartolucci, oltre, naturalmente, <strong>la</strong> Fondazione Cardinaletti.<br />

E siamo tutti qui al <strong>la</strong>voro».<br />

Dal vice presidente Isabel<strong>la</strong> Marchegiani (responsabile del<br />

personale del<strong>la</strong> piscina Comunale) a Vincenzo Cocilova (responsabile<br />

del personale del<strong>la</strong> Conti), dal tesoriere Giancarlo<br />

Catena al segretario Serafino Mandolini, fino a Gino Vitali,<br />

responsabile automezzi ed impiantistica, Giannetto Stronati,<br />

vice presidente, e al consigliere Sante Lupidi è <strong>la</strong> Marche<br />

Nuoto infaticabile di sempre.<br />

Presentazione in municipio del<strong>la</strong> squadra serie C Marche Nuoto. In prima fi<strong>la</strong> (a sinistra) <strong>la</strong> presidente Silvana Brocani.


38 FLASH<br />

Si inaugura <strong>la</strong> risonanza magnetica aperta<br />

Nonostante le difficoltà del bi<strong>la</strong>ncio regionale per i tagli<br />

destinati alle risorse del<strong>la</strong> sanità si cerca di rispettare i<br />

tempi del programma per <strong>la</strong> realizzazione del nuovo<br />

ospedale “Carlo Urbani”. Il primo intervento è l’inaugurazione,<br />

sabato 26 febbraio, del<strong>la</strong> diagnostica di Risonanza<br />

magnetica aperta. Seguiranno poi a giugno, sempre secondo<br />

il piano stabilito, il trasferimento e l’attivazione<br />

dell’unità operativa di Medicina interna e dell’unità operativa<br />

di Nefrologia e dialisi. E ancora sempre a giugno<br />

sono previsti l’attivazione del<strong>la</strong> nuova Tac e il completamento<br />

dei <strong>la</strong>vori del primo Lotto. A settembre ci sarà il<br />

rinnovo del<strong>la</strong> Diagnostica per immagini con <strong>la</strong> macchina<br />

digitale diretta e a dicembre il trasferimento del Laboratorio<br />

analisi, del Centro trasfusionale, delle Attività<br />

di Senologia e l’allestimento del<strong>la</strong> nuova Rianimazione<br />

chiusa. L’obiettivo è <strong>la</strong> realizzazione di un “ospedale<br />

modello”, un ospedale nuovo capace di garantire un’alta<br />

qualità delle cure, alta assistenza e alta tecnologia che,<br />

rispetto ad un ospedale tradizionale, è in grado di modificare<br />

gli aspetti funzionali e quelli organizzativo-gestionali,<br />

puntando al superamento delle suddivisioni per funzioni<br />

e competenze, per dare spazio ad un’organizzazione<br />

per intensità delle cure.<br />

Il fotovoltaico per ricoprire l’Esagono<br />

Puntare al risparmio energetico e investire nelle energie<br />

rinnovabili non è più solo uno slogan per UBI BPA. Infatti,<br />

sul<strong>la</strong> copertura del parcheggio interno al<strong>la</strong> sede del<strong>la</strong><br />

Banca, è stato istal<strong>la</strong>to un sistema fotovoltaico in grado<br />

di produrre energia elettrica per una potenza di poco inferiore<br />

ai 200 Kwp. L’impianto istal<strong>la</strong>to dal Gruppo Loccioni<br />

consente lo scambio dell’energia prodotta sul posto e<br />

quindi l’autoconsumo; tale soluzione permette un risparmio<br />

sulle spese correnti pari ad un valore medio di circa<br />

0,15 euro a KWh, con un risparmio in termini di costo dell’energia<br />

consumata stimato in circa 22mi<strong>la</strong> euro annui.<br />

Energia risparmiata, prodotta dal sole con conseguente<br />

riduzione delle emissioni di anidride carbonica. Già nel<br />

2008, sposando il progetto Leaf Community del Gruppo<br />

Loccioni, UBI BPA diventava protagonista attivo del<strong>la</strong><br />

prima community sostenibile d’Italia; esperienza e col<strong>la</strong>borazione<br />

continuata sia sul fronte del<strong>la</strong> divulgazione con<br />

convegni ed eventi dedicati, sia internamente, nell’implementazione<br />

di un percorso integrato di sostenibilità.<br />

AGENDA<br />

FARMACIE<br />

Servizio feriale<br />

LUNEDÌ 28 FEBBRAIO (diurno e notturno) Coppi, MARTEDÌ 1°<br />

MARZO (diurno e notturno) Grammercato, MERCOLEDÌ 2<br />

(diurno e notturno) Comunale 2, GIOVEDÌ 3 (diurno) Martini<br />

(notturno) Coppi, VENERDÌ 4 (diurno e notturno) Barba,<br />

LUNEDÌ 7 (diurno) delle Grazie, (notturno) Coppi, MARTEDÌ 8<br />

(diurno e notturno) Comunale, MERCOLEDÌ 9 (diurno) Cerni,<br />

(notturno) Coppi, GIOVEDÌ 10 (diurno e notturno) Coppi,<br />

VENERDÌ 11 (diurno e notturno) Grammercato.<br />

Servizio festivo<br />

SABATO 26 FEBBRAIO (mattino) Cerni, Comunale, Martini,<br />

Barba, Delle Grazie; (pomeriggio) Comunale, Cerni; (notte)<br />

Comunale; DOMENICA 27 (mattino, pomeriggio) Cerni; (notte)<br />

Coppi; SABATO 5 (mattino) Moretti, Calcatelli, Comunale<br />

2, Coppi, Grammercato; (pomeriggio) Moretti, Calcatelli, (notte)<br />

Coppi, DOMENICA 6 (mattino, pomeriggio, notte) Calcatelli.


Indirizzi e numeri telefonici delle farmacie<br />

Barba, via Roma, tel. 204579; Calcatelli, via Puccini 5, tel.<br />

56482; Cerni, via Garibaldi, tel. 53793; Comunale, via San<br />

Francesco, tel. 207066; Delle Grazie, corso Matteotti, tel.<br />

209076; Grammercato, via Marconi, tel. 56516; Martini, corso<br />

Matteotti 29, tel. 208842; Moretti, corso Matteotti 13, tel.<br />

209162; Comunale 2, via Ancona, tel. 57656; Coppi, via F.<br />

Coppi 31, tel. 200858.<br />

ANAGRAFE<br />

Nati residenti a <strong>Jesi</strong><br />

Scortichini Agnese, Jarray Nadine, Useini Endrita, Asri Ilyas,<br />

Salvagni Giulio, Go<strong>la</strong>m Redowan, Wang Yichen, Capomagi<br />

Diego, Rutelli Samuele, Garbuglia Ernest, Lo Iacono Vio<strong>la</strong>,<br />

Lucarini Nico<strong>la</strong>, Monday Precious, Scortichini Francesco, Giuliani<br />

Aurora, Canestrari Alessandro, Molinari Gianmarco, Cirilli<br />

Lorenzo, Moscatello Adele.<br />

Nati residenti in Vallesina<br />

Ercoli Alessandro di Castelbellino.<br />

Deceduti residenti a <strong>Jesi</strong><br />

Chiorrini Fiorina di anni 79, Morano Maria Grazia di anni 63,<br />

Magrini Adria di anni 86, Mencarelli Mario di anni 61, Santini<br />

Aldo di anni 90, Zanel<strong>la</strong>ti Luigi Nazzareno di anni 52, Brecciaroli<br />

Enrico di anni 88, Priori Armando di anni 82, Frezzotti Ida di<br />

anni 91, Mariotti Felice di anni 72, Galeassi Elia di anni 73.<br />

Deceduti residenti in Vallesina<br />

Piersanti Adriano di anni 76 di Maio<strong>la</strong>ti Spontini, Bugatti Delfina<br />

di anni 88 di Cupramontana, Agnetti Emilia di anni 86 di<br />

Cupramontana, Rotoloni Elisa di anni 88 di Monsano, Cappel<strong>la</strong>ccio<br />

Enrica di anni 86 di Santa Maria Nuova, Rossetti<br />

Gianfranco di anni 62 di Montecarotto, Febi Giuseppe di anni<br />

86 di Castelp<strong>la</strong>nio, Balducci Caldina di anni 97 di Rosora,<br />

Margotti Albina di anni 91 di Monte Roberto, Mancinelli Mario<br />

di anni 86 di Maio<strong>la</strong>ti Spontini, Brocanelli Elvio di anni 82 di<br />

Monte Roberto, Capitani Terzo di anni 82 di Mergo, Luzi Maria<br />

di anni 87 di Maio<strong>la</strong>ti Spontini, Starnari Adriano di anni<br />

65 di Filottrano.<br />

Matrimoni<br />

Cascia Emanuele e Cremonini Alessandra.<br />

Nel 31° anniversario<br />

del<strong>la</strong> scomparsa di<br />

UMBERTO BARBONI<br />

<strong>la</strong> moglie Quartina e il<br />

figlio Romano lo ricordano<br />

a tutti coloro che<br />

lo hanno conosciuto.<br />

Anniversario marzo 2008-marzo 2011<br />

Il 7 marzo ricorre il 3° anniversario<br />

del<strong>la</strong> scomparsa di<br />

MARIA GRAZIA BOSI<br />

in ROSINI<br />

n. 03/07/1944 m. 07/03/2008<br />

Cara Maria Grazia, il tempo passa<br />

inesorabile, ma tu sei sempre con noi e in noi. Grande<br />

è stato l’amore che ci hai donato, <strong>la</strong> tua dolcezza, i<br />

tuoi insegnamenti. Un alone di amore ci avvolge e illumina<br />

le nostre vite. Sei, Sei stata e Sarai per sempre<br />

nei nostri cuori e pensieri in ogni momento. Ciao.<br />

I Tuoi Federico, Ro<strong>la</strong>ndo, Lucia, Erica, Nicole, Silvia e Luca<br />

Nell’8° anniversario<br />

del<strong>la</strong> morte di<br />

MARIO<br />

BELARDINELLI<br />

<strong>la</strong> moglie, i figli, <strong>la</strong><br />

nuora e il nipote lo<br />

ricordano con tanto<br />

affetto agli amici e<br />

parenti che lo<br />

stimarono in vita.<br />

05/01/1920 16/02/1998 16/06/1923 05/03/2001<br />

GIUSEPPE PERGOLESI GIANNINA RISTÈ<br />

13° anniversario 10° anniversario<br />

Il destino vi ha tolto troppo presto all’affetto del<strong>la</strong><br />

famiglia ma non vi toglierà mai dal<strong>la</strong> nostra memoria<br />

e dal nostro cuore.<br />

I figli, i nipoti, i pronipoti e i familiari tutti<br />

Una messa in suffragio verrà celebrata il 6 marzo alle<br />

ore 10.30 presso <strong>la</strong> chiesa delle Grazie.<br />

39

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!