neospora caninum - Ordinevetverona.it

ordinevetverona.it

neospora caninum - Ordinevetverona.it

La prima descrizione di Neospora caninum risale al 1984, in Norvegia, dove

Bjerkås et al. (1991) isolarono un parassita strutturalmente assimilabile a

Toxoplasma gondii, dal cervello (Fig. 2) e dal tessuto muscolare di cani affetti

da una forma clinica di encefalopatia, senza però che gli animali avessero

logicamente anticorpi contro T. gondii.

Nel 1988, in USA, si isolò un parassita di caratteristiche simili in 10 cani che

soffrivano di alterazioni neurologiche, dimostrando, con l'utilizzo di tecniche

sierologiche e immunoistochimiche, che si trattava di un parassita differente a

Toxoplasma gondii, e per questo venne dato il nome di Neospora caninum

(Dubey et al., 1988).

Fig. 2. Encefalite di tipo non purulento da Neospora caninum nel cane.

(freccia: cisti contenente bradizoiti).

Attraverso studi biologici e molecolari è stata confermata l’esistenza di

un’ulteriore specie di Neospora, isolata esclusivamente negli equini, agente

eziologico di turbe a carattere neurologico (mieloencefalite equina; EPM).

Marsh et al. (1999) proposero il nome di Neospora Hughesi, parassita molto

simile strutturalmente a N. caninum, oltre che a Sarcocystis neurona, altri

agenti eziologici di EPM: la loro differenziazione da un punto di vista

- 18 -

More magazines by this user
Similar magazines