FILIPPO IL GRANDE - Federazione Ciclistica Italiana

federciclismo.it

FILIPPO IL GRANDE - Federazione Ciclistica Italiana

STRADA ● PISTA ● MOUNTAIN BIKE ● CICLOCROSS ● MASTER ● CICLOTURISMO ● GRANFONDO ● BMX

27


FILIPPO

IL GRANDE

27

ISSN 1593-0769


FINALMENTE POZZATO

CORONA A IMOLA IL

SOGNO TRICOLORE

L’EXPLOIT DI BALLONI

NELLA CRONO U23. LE

ALTRE MAGLIE DELLE

CORSE IN LINEA A MONIA

BACCAILLE, ANDREA

ZORDAN ELENA CECCHINI,

GIANMARIO PEDRAZZINI E

MATTEO RABOTTINI

GIRO D’ITALIA DONNE

Da domani sca ta,

con il cronoprologo di Scarperia,

la 20 a edizione della corsa.

A rivo a Grumo Nevano

il 12 luglio

PROFESSIONISTI

Francesco Ginanni è

il Re dell’Appennino

e sabato parte

il Tour de France

da Monaco

FUORISTRADA

• A Mirko Celestino ed Eva Lechner i titoli italiani della Marathon, a Paulissen

e Dahle la Gran Fondo del Montello • L’Alpin Bike Edilbi vince lo scude to

della Sta fe ta per Società XCO • Laureati a Biella i campioni italiani Trial


Campionati Italiani Cross Country - Brescia 17/18/19 luglio 2009

Sono davvero tante le cose da “fare” e da “vedere” per chi si recherà

a Brescia il 17-18-19 luglio in occasione dei Campionati Italiani Cross

Country. Brescia, infatti, è circondata da ben tre laghi ed a nord presenta

numerosi colli con salite che offrono panorami

mozzafiato. A soli 37 km dalla città, inoltre, si

svolgerà il Campionato Italiano DownHill sul

Monte Pezzeda a Collio, in Val Trompia, dove

c’è anche uno dei Bike Park più grandi del Nord

Italia.

Per chi rimane a Brescia, invece, non ci sarà che

l’imbarazzo della scelta: Venerdi 17 alle ore 20.00,

in contemporanea con la partenza della cronosquadre,

ci sarà in Piazza Tito Speri l’aperitivo in

musica mentre alle 21.00, all’interno del Castello,

è previsto un concerto Rock. Sabato, sempre alle

21.00, in Piazza Paolo VI°, concerto di Marco

Carta, fresco vincitore del festival di San Remo e

replica con il Rock all’interno del Castello. Per gli

appassionati dell’arte, da vedere i musei delle Armi,





















































la Pinacoteca Martinengo Cesaresco e la perla della città costituita dal

Museo di Santa Giulia.

La prima p prova pro degli Internazionali d’Italia, che si è svolta la primavera

r scorsa a Montichiari, proprio all’interno della cittadina

bresciana, è stata un ottimo esempio di come si possa unire

lo l sport alla cultura della città. Lo stesso, si auspica, possa

accadere anche a Brescia dove il richiamo per il pubblico,

non n solo di appassionati, sarà molto forte grazie alla cornice

di festa e d’interesse che è stata creata. Gran parte del

successo s dell’evento, lo si dovrà, soprattutto, ai partecipanti

t che con le loro performance ed il senso civico, daranno

lustro l alla mountain bike.

In I attesa della gara “regina” di domenica pomeriggio

riservata r alle categorie Elite, dove Yader Zoli dovrà

difendere d la sua maglia tricolore, sono attesi tanti amatori

che c gareggeranno il sabato mentre la domenica mattina

toccherà t alle donne di tutte le categorie. Venerdì sera, a

grande g richiesta, visto il successo ottenuto a Montichiari,

sarà s

ripresentata l’avvincente cronometro a squadre.


Sabato prossimo da Montecarlo, via alla 96 a edizione della Grande Boucle

di Massimo Rodi

QUELLO CHE PARTE dopodomani,

sabato 4 luglio,

dal Principato di Monaco, è

un Tour de France che regala

emozioni forti fino alla fine,

perché al posto della tradizionale

cronometro del penultimo

giorno, ci sarà la terribile salita

del Mont Ventoux (7,1% di

pendenza media in 21,2 km di

ascesa). Una gara ai limiti della

resistenza, visto che i corridori

l’affronteranno dopo aver

messo nelle gambe oltre 3000

chilometri, prima del traguardo

finale, domenica 26 luglio,

sugli Champs Elysées (e i km

a quel punto saranno 3.445).

Nonostante il finale chock sul

“Monte Calvo”, le 21 tappe - più

due giorni di riposo, con sconfinamento

in Spagna, Andorra,

Svizzera e Italia - disegnano

comunque un Tour meno duro

rispetto alle ultime edizioni.

Infatti, sono ben dieci le frazioni

senza nessuna asperità, rispetto

alle 7 di montagna - cinque

superano i duemila metri,

ma in totale sono venti i 20

colli di seconda, prima e “hors

categorie” da scalare, seppure

con soli 3 arrivi in quota - le

due crono, a squadre (38 km,

quarta tappa), individuale (55

km diciottesima tappa). Dopo

i sei giorni sulla costa del Me-

LE TAPPE

SABATO 4 LUGLIO 1 a tappa - Monaco Cronometro

individuale km.15

DOMENICA 5 LUGLIO 2 a tappa Monaco-Brignoles

km. 182

LUNEDÌ 6 LUGLIO 3 a tappa Marsiglia-La Grande-

Motte km. 196

MARTEDÌ 7 LUGLIO 4 a tappa Cronosquadre

Montpellier-Montpellier km. 38

MERCOLEDÌ 8 LUGLIO 5 a tappa Le Cap d’Agde-

Perpignan km. 197

GIOVEDÌ 9 LUGLIO 6 a tappa Gérone-Barcellona km.

175

VENERDÌ 10 LUGLIO 7 a tappa Barcellona-Andorra

Arcalis km. 224

SABATO 11 LUGLIO 8 a tappa Andorre-la-Vieille-

Saint-Girons km. 176

DOMENICA 12 LUGLIO 9 a tappa Saint Gaudens

-Tarbes km. 160

LUNEDÌ 13 LUGLIO Limoges: riposo

MARTEDÌ 14 LUGLIO 10 a tappa Limoges-Issoudun

km. 193

Un Tour stile Giro

PROFESSIONISTI

Il Mont Ventoux alla 20 a tappa rende indeciso il verdetto fino alla

fine. Favorito Contador, ma Sastre, Menchov, Evans e Andy Schleck

sono pronti alla sfida. Armstrong in crescita, Nibali la punta italiana

diterraneo, da Barcellona - che

torna al Tour dopo 44 anni - si

va verso il primo dei tre arrivi

in salita, Andorra Arcalis sui

Pirenei, come l’anno scorso affrontati

prima delle Alpi. Dopo

il giorno di riposo a Limoges, la

seconda settimana culminerà

con l’arrivo in salita a Verbier

in Svizzera, sconfinamento

preceduto da quello in

Italia con il

passaggio

da Aosta, in fondo alle salite del

Gran e Piccolo San Bernardo.

Le ulteriori 24 ore di sosta (a

Verbier) serviranno ai corridori

per preparare l’ultimo assalto:

le due tappe sulle Alpi, con

arrivi a Bourg Saint Maurice

per la 16ª frazione e a Le Grand

Bornand il giorno seguente.

A seguire l’unica crono cron

individuale (40 km

ad Annecy), Annecy

prima prim

del

MERCOLEDÌ 15 LUGLIO 11 a tappa Vatan-

Saint-Fargeau km. 192

GIOVEDÌ 16 LUGLIO 12 a tappa Tonnerre-Vittel km.

200

VENERDÌ 17 LUGLIO 13 a tappa Vittel-Colmar km.

200

SABATO 18 LUGLIO 14 a tappa Colmar-Besançon km.

199

DOMENICA 19 LUGLIO 15 a tappa Pontarlier-Verbier

km. 207

LUNEDÌ 20 LUGLIO Verbier: riposo

MARTEDÌ 21 LUGLIO 16 a tappa Martigny-Bourg-

Saint-Maurice km. 160

MERCOLEDÌ 22 LUGLIO 17 a tappa Bourg-Saint-

Maurice-Le Grand-Bornand km. 169

GIOVEDÌ 23 LUGLIO 18 a tappa Cronometro

individuale Annecy-Annecy km. 40

VENERDÌ 24 LUGLIO 19 a tappa Bourgoin Jallieu-

Aubenas km. 195

SABATO 25 LUGLIO 20 a tappa Montélimar-Mont

Ventoux km. 167

DOMENICA 26 LUGLIO 21 a tappa Montereau Fault-

Yonne-Parigi Champs-Élysées km. 160

la terribile penultima tappa,

quella del “Monte Calvo” come

abbiamo sottolineato all’inizio.

In lizza per la maglia gialla da

indossare a Parigi sono Alberto

Contador, vincitore nel 2007,

Sastre, primo lo scorso anno,

Menchov, che cercherà l’accoppiata

col Giro ed Evans, secondo

nel 2008. Armstrong resta

un punto interrogativo, ma

rispetto al Giro, ha acquisito

fondo e convinzione. Cancellara

punta alla sua terza maglia

gialla come vincitore del cronoprologo,

ma chissà che non si

convinca che può fare di più e

quindi aprirsi a nuove prospettive.

A difendere i colori italiani,

la Lampre e la Liquigas, più

Pozzato e Napolitano in maglia

Katusha, Tosatto (Quick Step),

Nocentini (Ag2R).

Nibali, in crescendo di condizione,

come ha dimostrato la

bellissima vittoria nell’Appennino

e l’ottima prestazione nel

campionato italiano, e Pellizotti,

saranno gi uomini classifica,

ma molto attesa sarà la prova

del campione del mondo Ballan,

che guiderà la pattuglia dei

cacciatori di tappe, nella quale

Bennati (Liquigas) avrà un ruolo

di primo piano.

Queste le venti formazioni selezionate,

per un totale di 180

ciclisti: Team Milram (Ger),

Quick Step, Silence-Lotto (Bel),

Team Saxo Bank (Den), Caisse

d’Epargne, Euskaltel-Euskadi

(Esp), Garmin-Slipstream,

Team Columbia-High Road

(Usa), Ag2R La Mondiale, Agritubel,

BBox Bouygues Telecom,

Cofidis, Francaise des Jeux

(Fra), Lampre, Liquigas (Ita),

Astana (Kaz), Rabobank, Skil-

Shimano (Ned), Team Katusha

(Rus), Cervelo Test Team (Sui).

il Mondo del Ciclismo n.27

3


il Mondo del Ciclismo n.27

4

PROFESSIONISTI

Vittoria per distacco nel 70° Giro dell’Appenino

PONTEDECIMO (GE) (24/6)

- Giù il cappello davanti all’impresa

di Vincenzo Nibali,

mattatore del 70° Giro dell’Appennino.

Perchè quella del ventiquattrenne

messinese è stata

una corsa magnifica: 50 km in

solitudine, mentre dietro Bertagnolli

e Marzano, due scalatori

di razza, facevano di tutto

per colmare lo svantaggio. Vanamente.

Nibali ha attaccato a

5 km dal Passo della Bocchetta

- completando l’ascesa in 22’

netti, solo 6” più del record stabilito

da Gilberto Simoni nel

2003; ha scollinato con 50” su

una decina di inseguitori, poi

ha sfruttato le sue doti di discesista

aumentando il vantaggio

e mettendolo al sicuro, per cui,

sulla Castagnola e sui Giovi ha

gestito la situazione. Una vittoria

con oltre 1’20” di vantaggio,

la prima della stagione, che ne

premia la costanza di rendimento

e gli apre ottime prospettive

per il Tour de France.

La sua ambizione è arrivare tra

i primi dieci e magari vincere

una tappa e non è un progetto

campato in aria. In questo momento

Contador, e gli altri big -

Andy Schleck, Mechov, Sastre,

Ordine di arrivo

1. Vincenzo Nibali (Liquigas)

km 192,5 in in 4h48’33’’

media 40,028 km/h

2. Leonardo Bertagnolli

(Serramenti Pvc

Diquigiovanni) a 47’’

3. Marco Marzano (Lampre-

N.G.C.)

4. Pasquale Muto (Miche-

Silver Cross-Selle Italia)

5. Massimo Giunti (Miche-

Silver Cross-Selle Italia)

6. Eros Capecchi (Fuji-

Servetto)

7. Giampaolo Caruso

(Ceramica Flaminia-

Bossini Docce)

8. Filippo Savini (Csf Group-

Navigare)

9. Domenico Pozzovivo (Csf

Group-Navigare) s.t.

10. Alessandro Proni (Isd-

Neri) a 1’01’’

Nibali prepara

l’esame di francese

Il siciliano si guadagna i galloni di capitano della Liquigas (col

sostegno di Pellizotti) al Tour de France con un’impresa da campione

Evans, lo stesso Armstrong -

sono al di sopra, ma il siciliano

non sfigura in questo gruppo.

Sta studiando con tenacia e

profitto e per ora, vincendo il

Giro dell’Appenino, ha iscritto

il suo nome accanto a quelli di

campioni del calibro di Coppi,

Gimondi, Baronchelli e Moser.

Da sabato a Montecarlo, si co-

NIBALI IN PIENA AZIONE (FOTO SIROTTI)

mincia a scrivere un’altra storia

e Nibali ha le carte in regola

per essere tra i protagonisti di

questo straordinario romanzo.

Massimo Rodi

Giochi del Mediterraneo, domani a Pescara le prove in linea maschile e femminile

A caccia di medaglie

Dodici gli azzurri, otto ragazzi e quattro ragazze, in gara

SI RIPARTE dal bronzo di Mauro Santambrogio ai Giochi di Almeria del 2005. Domani, 3 luglio,

i ragazzi e le ragazze guidati dai Marino Amadori e Dino Salvoldi cercheranno di rilanciare

la sfida per salire sul podio. Non mancano gli avversari di spessore, ma le squadre sono assolutamente

competitive. Le prove si disputeranno sulla distanza di 145 km per i ragazzi (percorso

cittadino di 7.250 metri che sarà ripetuto 20 volte) e 80 per le ragazze (7.250 metri per 11).

Con Malori e Boaro reduci dalla prova a cronometro, saranno in gara Busato, Graziato, Guardini,

Nizzolo, Pagani e Peruffo.

La squadra femminile avrà nell’iridata della pista nella corsa a punti, Giorgia Bronzini, e nella

neo campionessa italiana Monia Baccaille, le punte di riferimento. Con loro Alessandra Borchi

e Luisa Tamanini, pronte ad aoffrire un sostegno a 360°.


Professionisti - Il vicentino vince in volata mettendo in fila Cunego e Paolini

di Massimo Rodi

IMOLA (BO) (28/6) - Filippo

Pozzato ha tutte le ragioni per

credere nel motto “chi la dura

la vince”, visto che, dopo ben

due secondi posti, nel 2003,

2005 e il terzo lo scorso anno

(vittoria di Simeoni), ha finalmente

portato a casa la maglia

di campione d’Italia.Sul

traguardo di Imola, lo stesso

che nel 1968 assegnò il titolo

di campione del mondo a

Vittorio Adorni, il corridore

del Team Katusha ha avuto

la meglio su Damiano Cunego

e Luca Paolini al termine di

una volata lasciata agli umori

dei singoli, nel senso che non

ci sono stati né treni, né trenini

e questo ha dato modo

all’estro di Pozzato - in corsa

col solo Mazzanti, ma che dal

suo compagno di squadra ha

avuto il sostegno fondamentale

per esprimersi in tutta la

sua grandezza - di realizzarsi

compiutamente. Sull’abbrivio

di Mori, che voleva favorire il

capitano Cunego e la risposta

di Paolini, Pozzato ha saputo

trovare lo spazio vuoto e li

ha presi d’infilata, rendendo

Ordine di arrivo

1. Filippo Pozzato (Team

Katusha) km. 257,3 in

6h34’45” media 39,109

km/h

2. Damiano Cunego (Lampre

%u2013 NGC)

3. Luca Paolini

(Acqua&Sapone, Caffè

Mokambo)

4. Francesco Gavazzi

(Lampre %u2013 NGC)

5. Alessandro Bertolini

(Serramenti PVC

Diquigiovanni)

6. Marco Marcato

(Vacansoleil)

7. Gabriele Bosisio (LPR

Brakes Farnese Vini)

8. Massimiliano Gentili

(Ceramica Flaminia

Bossini Docce)

9. Carlo Scognamiglio

(Barloworld)

10. Daniele Callegarin (Centri

della Calzatura)

Pozzato, il sogno

diventa realtà

SETTIMANA TRICOLORE

Dopo due secondi e un terzo posto, il vicentino indossa

finalmente la maglia tricolore e parte per il Giro di Francia

con una nuova consapevolezza

vano anche l’ultimo disperato

tentativo di rimonta del campione

veronese. Insomma vittoria

di classe, ma coniugata al

meglio con la volontà feroce di

prendersi quello che per troppo

tempo gli era sfuggito. Pozzato

ora può rilassarsi e pensare

in grande. Riappropriarsi

di quella dimensione da corridore

di vertice che al Giro

delle Fiandre e soprattutto

alla Roubaix, secondo dietro

Boonen, aveva fatto vedere. Al

Tour, indossare la maglia tricolore,

potrà essere uno sprone

in più, per cui la performance

di Imola può essere la

prima di una lunga serie. Cosa

che gli spalancherebbe la strada

verso Mendrisio. Ballerini,

ovviamente presente a Imola,

non si sbilancia più di tanto,

ma lo copre di elogi “...merita

la maglia tricolore” e gli offre

la sua disponibilità su un

piatto d’argento, “...è una vittoria

che premia un ragazzo

estremamente professionale,

il titolo gli darà motivazioni

in più per il prossimo Tour de

France”. Come dire, il destino

azzurro di Pippo è solo nelle

sue mani (meglio, gambe).

Giù di corda Damiano Cunego,

che promuove i suoi compagni

di squadra, “hanno cercato

di aiutarmi, ma all’arrivo

c’era gente più veloce di me”.

Un’analisi che fa fatica a mascherare

la delusione per l’ennesimo

secondo posto.

Ci si aspettava grandi cose da

Nibali, dopo l’exploit dell’Appennino

ed a un certo punto

- penultimo giro, in fuga Proni,

Marzano, Bertolini e Masciarelli

- la sua stoccata sembrava

dovesse squassare il gruppo

e portarlo al successo. Invece,

quell’iniziativa anticipata di un

giro è stata un danno e quando

LA VITTORIA DI POZZATO (FOTO RODELLA)

se ne è presentata nuovamente

l’occasione, la birra era finita e

con essa forza e lucidità. Comunque

il ragazzo sta acquisendo

personalità e al Tour si

presenta con tutte le credenziali

per ben figurare.

I campioni all’estero

Austria: Markus Eibegger

Belgio: Tom Boonen

Danimarca: Matti Breschel

Estonia: Rein Taaramae

Francia: Dimitri Champion

Germania: Martin Reimer

Kazakistan: Dmitriy Fofonov

Lussemburgo: Andy Schleck

Norvegia: Kurt-Asle Arvesen

Olanda: Koos Moerenhout

Polonia: Krzysztof Jezowski

Portogallo: Manuel Cardoso

Rep. Ceca: Martin Mares

Russia: Sergei Ivanov

Slovacchia: Martin Velits

Spagna: Ruben Plaza

Svezia: Marcus Ljungqvist

Svizzera: Fabian Cancellara

il Mondo del Ciclismo n.27

5


il Mondo del Ciclismo n.27

6

SETTIMANA TRICOLORE

Under 23 - Il laziale conquista il titolo italiano a cronometro

IMOLA (23/6) - Alfredo Balloni,

laziale di Blera, in provincia

di Viterbo, ma ormai

toscano di adozione ciclistica

(corre per la Neri Nuova

Comauto), 20 anni il prossimo

settembre, è il nuovo

campione italiano

della cronometro under

23. A Imola ha compiuto

la grande impresa di infliggere

ad Adriano Malori,

campione europeo

e mondiale in carica, il

distacco di 42” sulla distanza

di 27,300 chilometri.

Le strade di questi due

talenti si sono incrociate

spesso. Balloni aveva

vinto il tricolore su strada

juniores nel 2006 proprio

davanti a Malori, ma aveva

dovuto sempre cedere

il passo nelle gare contro

il tempo. Come nella crono

inaugurale del recente

Giro delle Pesche Netta-

JUNIORES

1. Mosole Mattia (Rinascita Ormelle

Pinarello) p. 59; 2. Casale Francesco (SC

Sidermec F.lli Vitali) p. 58; 3. Ravaioli

Eric (SC Faentina) p. 55; 4. Remondi

Gian Luca (Cycling Team Nial Nizzoli)

p. 53; 5. Sedaboni Francesco (Team

F.lli Giorgi) p. 51; 6. Antonini Simone

(Stabbia Iperfinish Pratese Grassi) p. 49;

7. Brait Eros (VC Gianfranco Bianchin)

p. 49; 8. Sterbini Luca (ASD Guazzolini

Coratti) p. 49; 9. Rocchi Nicolò (VC

Gianfranco Bianchin) p. 44; 10. Cazzaro

Manuel (Ciclismo 2000 Team Suedtirol)

p. 42.

DONNE JUNIORES

1. Zorzi Susanna (Breganze Cicloclub

‘96) p. 69; 2. Marchesin Giorgia (GS Cicli

Zanella Piemme Safi Cont.) p. 60; 3.

Capuzzo Chiara (GS Verso L’Iride) p. 58;

Balloni re del tempo

Ha compiuto la grande impresa di battere Malori,

campione europeo e mondiale in carica della specialità

BALLONI (FOTO SONCINI-SCANFERLA)

4. Stefani Francesca (GS Potentia 1945)

p. 45; 5. Favaron Bissoli Chiara (CSI Ju

Sport Gorla Minore) p. 40; 6. Valentini

Elena (GS Alto Adige) p. 40; 7. Fabian

Claudia (Desenzanese Verso L’Iride)

p. 37; 8. Ronchi Giulia (GS Cicli Fiorin

Despar) p. 34; 9. Remondina Giulia (GS

Cicli Fiorin Despar) p. 21; 10. Pavan

Barbara (CSI Ju Sport Gorla Minore) p.

17.

ALLIEVI

1. Rossi Nicola (Sprint Vidor Edilsoligo)

p. 73; 2. Cappelli Luca (Velo Club

Bottegone) p. 70; 3. Conti Valerio

(Guazzolini Coratti) p. 55; 4. Sterbini

Simone (GS Borgonuovo Milior Cambi

Edilizia) p. 50; 5. Marini Nicolas (GS

Ronco Elettronave) p. 49; 6. Pacioni

Luca (Pol. Fiumicinese Fait Adriatica)

p. 47; 7. Luzi Abdyl (Società Ciclistica

rine, dove aveva accusato

da Malori un ritardo di

23”, terminando poi terzo

nella classifica finale,

alle spalle, manco a dirlo,

del rivale.

Stavolta Balloni si è preso

la rivincita, sfoggiando la

stessa grinta e determinazione

messe in mostra

al 56° Trofeo Matteotti,

vinto per distacco nel

maggio scorso.

Sul terzo gradino del

podio tricolore è salito

Alessandro Stocco (Molino

Di Ferro Giorgione),

autore di una notevole

performance, visto che

ha ceduto 51” al vincitore,

ma soli 9” a Malori.

Ordine di arrivo

1. Alfredo Balloni (Neri

Nuova Comauto) km.

27,300 in 32’43”; 2. Adriano

Malori (Bottoli Ramonda

Nordelettrica) a 42”; 3.

Alessandro Stocco (Molino

Di Ferro Giorgione) a 51”; 4.

Matteo Mammini (Hopplà

Seano Bellissima) a 1’24”; 5.

Michele Boaro (Zalf désirée

Fior) a 1’41”; 6. Marco

Coledan (Trevigiani) a 2’16”;

7. Omar Bertazzo (Bottoli

Ramonda Nordelettrica)

2’18”; 8. Gianluca Leonardi

(Trevigiani) a 2’23”; 9. Pietro

Orto (Petroli Firenze) a

2’37”; 10. Stefano Borchi

(Mastromarco Chianti Sensi)

a 2’42”.

Bracciale del Cronoman - I vincitori finali del challenge 2009

Mosole, Zorzi, Rossi e Ratto sugli scudi

Rispettivamente nelle categorie juniores e allievi maschili e femminili

Recanati Marinelli Cantarini) p. 42; 8.

Analfino Antonino (ASD Normanna) p.

41; 9. Bettiol Alberto (SC Dilettantistica

Castelfiorentino) p. 40; 10. Capretti

Federico (GS La Rizza Thermo King

Cailotto) p. 40.

ALLIEVE

1. Ratto Rossella (Ped. Senaghese) p.

74; 2. Baraldo Giorgia (SC Vecchia

Fontana) p. 67; 3. Paladin Soraya (Team

CS Spercenigo) p. 58; 4. Bartelloni

Beatrice (Team Isonzo Cicl. Pieris) p. 54;

5. Confalonieri Maria Giulia (GS Cicli

Fiorin Despar) p. 53; 6. Pierobon Chiara

(SC Vecchia Fontana) p. 49; 7. Tomassini

Stella (Team Ceci Dreambike) p. 49; 8.

Sanguineti Ilaria (Ciclistica Bordighera)

p. 45; 9. Tomasini Alessandra (GS Alto

Adige) p. 43; 10. Nanni Giorgia (Pol.

Pedale Riminese) p. 43.


Juniores - Il veneto e la friulana neo campioni italiani delle corse in linea

IMOLA (24/6) - Quasi sull’abbrivio

della volata che gli ha

consentito tre giorni fa di vincere

il prestigioso Trofeo Buffoni

a Montignoso di Massa, il

veneto Andrea Zordan ha conquistato

a Imola il titolo italiano

della categoria juniores

mettendo in fila Enrico Dalla

Costa (Us Montecorona), Andrea

Fedi (Gs U. Signori) e il

resto del gruppo che si è presentato

sul rettilineo finale. A

differenza della corsa internazionale,

dove Zordan aveva fatto

il vuoto con un’impressionante

progressione, lo sprint

valido per il tricolore è stato

molto più serrato e incerto. Il

neo campione d’Italia è al primo

anno della categoria (tra

pochi giorni compirà 17 anni),

è nato a Vicenza e risiede ad

Altavilla Vicentina. Corre dalla

categoria G1 e lo scorso anno,

da allievo di secondo anno,

ha festeggiato le cento vittorie

personali. Viene da una famiglia

di corridori (il nonno, il

papà e lo zio sono stati corridori)

ed anche il fratello Marco di

10 anni corre già in bicicletta.

ORDINE D’ARRIVO: 1. Andrea

Zordan (Contri Autozai) km

125,900 in 3h08’25”, media

40,092; 2. Enrico Dalla Costa

(Us Montecorona); 3. Andrea

Fedi (Gs U. Signori); 4. Riccardo

Stacchiotti (Esinplast Spendolini

Giammy Team); 5. Alex Turrini

(Moro Scott Bicycle); 6. Davide

Vilella (Almenno S. B.); 7. Luca

Olivieri (Castanese Piemonte);

8. Andrea Toniatti (Ausonia

Pescantina); 9. Manuel Cazzaro

(Team Sudtirol); 10. Marco

Bernardinetti (Guazzolini Coratti

Borgonuovo).

IMOLA (25/6) - La friulana

Elena Cecchini (S.C. Vecchia

Fontana) è la neo campionessa

italiana della corsa in linea

juniores. La ragazza di Udine

ha compiuto 17 anni lo scorso

25 maggio. In questa stagione

vantava tre successi e numero-

Zordan e Cecchini

primi della classe

si piazzamenti. Ora è arrivata

la maglia tricolore grazie allo

spunto sfoderato a Imola nello

sprint ristretto tra le 13 atlete

che hanno fatto la differenza

sulla salita dei Tre Monti.

Al posto d’onore Giulia Donato

(G.S.Verso L’Iride Maccari

Spumanti), neo campionessa

italiana della crono. Sul terzo

gradino del podio sale Ales-

sia Martini (Vaiano Riverauto),

quarta, ma felice come se

avesse vinto lei, Rossella Callovi,

compagna di squadra della

Cecchini. La fuga decisiva è

nata per selezione naturale nell’ultima

scalata dei Tre Monti e

nella successiva discesa, sulla

spinta di Callovi e Gatto, che

hanno tentato il colpo a circa

sette chilometri dal traguar-

SETTIMANA TRICOLORE

Due avvincenti volate hanno deciso le prove maschili e femminili

LO SPUNTO DI ZORDAN. SOTTO, L’ESULTANZA DI ELENA CECCHINI (FOTO SONCINI-SCANFERLA)

do. La reazione delle immediate

inseguitrici è stata veemente

e il tentativo è sfumato dopo

cinque chilometri.

Grandi manovre in vista della

volata, con Rossella Callovi

ancora in grado di fare da

spalla ad Elena Cecchini, che

non ha mancato il bersaglio.

ORDINE D’ARRIVO: 1. Elena

Cecchini (Vecchia Fontana) km.

79,9 in 2h11’14”, media 36,530;

2. Giulia Donato (G.S.Verso

L’Iride Maccari Spumanti); 3.

Alessia Martini (Vaiano Riverauto

Lti); 4. Rossella Callovi (S.C.

Vecchia Fontana); 5. Viviana

Gatto (Avantec Artuso Tre

Colli); 6. Isabella Arman (Cicli

Zanella-Piemme Safi); 7. Veronica

Trevisan (A.S.D.C. Villadose

Angelo Gomme); 8. Giulia Ronchi

(Team Desenzanese Asd); 9.

Chiara Capuzzo (G.S.Verso L’Iride

Maccari Spumanti); 10. Elena

Mardegan (Team Buderus Cicli

Cavalera).

il Mondo del Ciclismo n.27

7


il Mondo del Ciclismo n.27

8

SETTIMANA TRICOLORE

Elite S.C. - Volata a quattro dopo una corsa sempre viva

Ordine di arrivo

1. Gianmario Pedrazzini

(Petroli Firenze Gragnano)

km. 182,1 in 4h27’10”

media 40,869

2. Damiano Margutti (G.S.

Podenzano)

3. Henry Frusto (Team

S.C.A.P. Prefabbricati

Foresi)

4. Luca Iattici (GS Finestra

Ceram. Il Gabbiano) a 4”

5. Gianluca Randazzo (Team

Hopplà Seano Bellissima)

a 24”

6. Federico Rocchetti (Casati

NGC Perrel A.S.D.)

7. Alessandro De Marchi

(Cycling Team Friiuli) a 25”

8. Gianandrea Marioli (Vega

Pref. Montappone)

9. Fabrizio Lucciola (Danton

Caparrini Vibert Italia) a

1’09”

10. Luciano Barindelli

(Mastromarco Chianti

Sensi Mapooro) a 1’10”.

IMOLA (27/6) - Con lo

scatto operato sull’ultimo

passaggio della salita

dei Tre Monti e con

la fuga solitaria che ne è

seguita fino al traguardo,

Matteo Rabottini (VC

Aran - Cogem - BLS) si è

laureato campione italiano

under 23. Ha avuto la

forza di resistere a quattro

inseguitori di primo

livello come il neo tricolore

della crono Alfredo

Balloni ((AGI Neri Nuova

Comauto), Gianluca

Brambilla (GS Zalf désirée

Fior), Moreno Moser

(Lucchini Arvedi Unidelta

ASD) e Diego Zanco (UC Trevigiani),

che si sono classificati nell’ordine a poco

Pedrazzini, torna e vince

Dopo la negativa esperienza tra i pro, la grande gioia della

conquista della maglia tricolore. Sul podio Margutti e Frusto

IMOLA (26/6) - Gianmario

Pedrazzini (Firenze

Petroli Gragnano)

è il nuovo campione

italiano élite senza contratto.

Pedrazzini è già

stato professionista ad

inizio stagione: “Il 2009

è iniziato bene con la

squadra professionistica

Team Piemonte che

poi è fallita - ha detto il

neo campione italiano -

. Ovviamente spero che

questo successo mi dia

di nuovo la possibilità di

tornare tra i professionisti.

In quel mondo è

dura. ma spero proprio

di tornare anche se con

IL GUIZZO DI PEDRAZZINI (FOTO RODELLA)

Under 23 - Vittoria per distacco dopo l’allungo decisivo sui Tre Monti

Rabottini fa l’impresa

Balloni, Brambilla, Moser e Zanco hanno tentato l’aggancio,

ma si sono dovuti arrendere alla tenacia del pescarese

più di mezzo minuto. Il

resto del gruppo è stato

regolato in volata da Paolo

Locatelli (Bergamasca

Colpak) a 44”.

Matteo Rabottini è nato a

Pescara il 14 agosto 1987.

Ha iniziato a correre in

bicicletta solo da junior

di secondo anno ottenendo

risultati crescenti. Prima

aveva giocato a calcio

da centrocampista. E’ figlio

di Luciano, corridore

professionista che nel

1986 vinse una tappa e la

classifica finale alla Tirreno-Adriatico.

Vittoria

sorprendente la sua, considerando

anche i nomi dei battuti, ma

meritata, venuta a termine della severa

RABOTTINI (FOTO RODELLA)

1.

2.

3.

4.

5.

6.

7.

8.

presupposti diversi. Tra i

dilettanti ho già disputato

sei-sette gare e io avevo

proprio il campionato italiano

come mio obiettivo

principale. Certo, tornare

indietro dopo aver pedalato

fra i grandi non è stato

facile”. Si è imposto in

volata su tre compagni di

fuga, ultimi superstiti del

gruppo che si è andato via

via scremato nella parte

finale del percorso. Al

secondo posto si è piazzato

Damiano Margutti

(GS Podenzano); sul terzo

gradino del podio è salito

Henry Frusto (Team Scap

Prefabbricati Fioresi).

Ordine di arrivo

Matteo Rabottini (VC Aran - Cogem

- BLS) km. 166,8 in 4h01’ media

41,527 km/H

Alfredo Balloni (AGI Neri Nuova

Comauto) a 32”

Gianluca Brambilla (GS Zalf désirée

Fior)

Moreno Moser (Lucchini Arvedi

Unidelta ASD) a 34”

Diego Zanco (UC Trevigiani) a 35”

Paolo Locatelli (Bergamasca Colpack

Denardi) a 44”

Sacha Modolo (GS Zalf désirée Fior)

a 49”

Federico Masiero (Marchiol Site

Liquigas)

Cesare Benedetti (De Nardi - Daigo

9.

- Bergamasca)

10. Fabio Felline (idem).

selezione avvenuta sull’ultima salita dei

Tre Monti.

Al posto d’onore sul podio, Alfredo Balloni,

che aggiunge così il brillante piazzamento

nella corsa in linea all’affermazione

nella cronometro. Ora lo attendono i

campionati europei in entrambe le specialità.

Terzo Gianluca Brambilla, tra i

grandi favoriti della vigilia.


Donne Elite - La Baccaille rimonta dalle posizioni di coda e poi da’ vita al suo assolo

IMOLA (25/6) - Monia Baccaille

si è laureata campionessa

italiana tra le donne Elite.

La Baccaille si è resa protagonista

di una gara travolgente

ed entusiasmante. Rimasta

attardata rispetto alle migliori

non si è persa d’animo. Ha inseguito,

ha lasciato alle spalle

le avversarie e si è lanciata in

una fuga solitaria che si è conclusa

con il successo: “Nessuno

avrebbe scommesso su di

me fino a questa mattina, ma

io sapevo di essere in forma.

Così ho preso coraggio e mi

sono lanciata all’attacco; ho

inseguito e superato le mie avversarie

e le ho battute nettamente”.

Arrivo solitario anche per il

secondo posto: Laura Bozzolo

(S.C. Selle Italia Ghezzi A.S.D.)

ha tagliato la linea dopo 1’28”,

mentre a 2’50” dalla vincitrice

Giorgia Bronzini (Gs Forestale)

ha regolato per la terza

piazza Noemi Cantele (Bigla

Cycling Team), Tatiana Guder-

DA IERI 1° luglio fino al 5 luglio sono in

corso a Hooglede Gits, in Belgio, i Campionati

Europei strada e crono Juniores

e Under 23 uomini e donne. Impegnate

all’importante appuntamento le squadre

azzurre Donne Juniores e Under 23

del Commissario Tecnico Dino Salvoldi

e le Squadre Azzurre Uomini Juniores e

Under 23, guidate rispettivamente dai

Commissari Tecnici Rino De Candido e

Marino Amadori con il coordinamento

del Commissario Tecnico Andrea Collinelli.

NAZIONALE UOMINI JUNIORES

CRONOMETRO: Simone Antonini (Stabbia

Iperfinish Pratese Grassi), Filippo Conte

Bonin (Asd C.A.V.I. Carraro Sandrigosport),

Antonj Orsani (Stabbia Iperfinish

Monia fa il vuoto

SETTIMANA TRICOLORE

Formibidabile prova dell’atleta delle Fiamme Azzurre.

Piazze d’onore alla Bozzolo, giunta a 1’28”, e alla Bronzini

che regola un gruppetto transitato a 2’50”

MONIA BACCAILLE (FOTO SCANFERLA)

Europei Strada - Da ieri (primo luglio) ad Hooglede Gits in Belgio

Si entra nel vivo

Le prove si concluderanno domenica 5. Le formazioni

juniores e under 23 per le gare a cronometro e in linea

zo (G.S. Fiamme Azzurre),

Fabiana Luperini (S.C.

Selle Italia Ghezzi A.S.D.)

ed Elena Berlato (G.S. Safi

Pasta Zara Titanedi).

Monia Baccaile è già stata

campionessa italiana nel

2001 e 2002 nella corsa a

punti in pista e su strada.

Ha vinto tre volte anche

la finale dei giovanissimi.

Nel 2008 ha conquistato

il titolo di campionessa

italiana nell’inseguimento

a squadre e scratch.

Agente della Polizia Penitenziaria

disputerà ora

i Giochi del Mediterraneo

e il Giro d’Italia con

la maglia della Michela

Fanini Record Rox.

Pratese Grassi)

CORSA IN LINEA: Simone Antonini

(Stabbia Iperfinish Pratese Grassi), Eugenio

Bani (Team Ambra Cavallini Vangi), Filippo

Conte Bonin (Asd C.A.V.I. Carraro Sandrigosport),

Andrea Fedi (Gs U. Signori), Giuseppe

Fonzi (Pol. Bevilacqua Sport), Antonj Orsani

(Stabbia Iperfinish Pratese Grassi), Luca

Wackermann (Cicl.Biringhello), Bruno Zana

(Aspiratori Otelli-Cas.Zani A.S.D.).

NAZIONALE UOMINI UNDER 23

CRONOMETRO: Alfredo Balloni (A.G.I.

Neri Nuova Comauto), Stefano Borchi (Mastromarco

Chianti Sensi Mapooro), Marco

Coledan (U.C. Trevigiani).

CORSA IN LINEA: Filippo Baggio (Bottoli

Ramonda Nordelettrica), Alfredo Balloni

(A.G.I. Neri Nuova Comauto), Stefano Borchi

Ordine di arrivo

CORSA IN LINEA DONNE

ELITE: 1. Monia Baccaille

(G.S. Fiamme Azzurre) km.

125,9 in 3h36’, media 34,972;

2. Laura Bozzolo (S.C. Selle

Italia Ghezzi A.S.D.) a 1’28”;

3. Giorgia Bronzini (Gruppo

Sportivo Forestale) a 2’50”; 4.

Noemi Cantele (Bigla Cycling

Team); 5.Tatiana Guderzo

(G.S. Fiamme Azzurre);

6. Fabiana Luperini (S.C.

Selle Italia Ghezzi A.S.D.);

7. Elena Berlato (G.S. Safi

Pasta Zara Titanedi) a 2’54”;

8. Marina Romoli (idem) a

6’55”; 9. Marta Tagliaferro

(G.S. Fiamme Azzurre); 10.

Alessandra D’Ettorre (Gruppo

Sportivo Forestale).

(Mastromarco Chianti Sensi Mapooro), Davide

Cimolai (Marchiol Site Liquigas), Marco

Coledan (U.C. Trevigiani), Sacha Modolo

(G.S. Zalf désirée Fior), Elia Viviani (Marchiol

Site Liquigas). Riserva: Marco Benfatto (G.S.

Zalf désirée Fior).

NAZIONALE DONNE JUNIORES: Rossella

Callovi (A.S.D. S.C. Vecchia Fontana),

Chiara Capuzzo (G.S.Verso L’Iride Maccari

Spumanti), Elena Cecchini (A.S.D. S.C.

Vecchia Fontana), Giulia Donato (G.S.Verso

L’Iride Maccari Spumanti), Viviana Gatto

(Avantec Artuso Tre Colli), Giorgia Marchesin

(Cicli Zanella-Piemme Safi), Alessia

Martini (Vaiano Riverauto Lti), Anna Trevisi

(Avantec Artuso Tre Colli), Susanna Zorzi

(Avantec Artuso Tre Colli).

NAZIONALE DONNE UNDER 23: Giada

Borgato (Sc Selle Italia Ghezzi A.S.D), Lorena

Foresi (Sc Selle Italia Ghezzi A.S.D.), Barbara

Guarischi (Team Dilà Kuota), Alice Marmorini

(Fenixs), Federica Primavera (Cristoforetti

Cordioli Costruzioni), Marina Romoli (G.S.

Safi Pasta Zara Titanedi), Valentina Scandolara

(Vaiano Riverauto Lti), Eleonora Suelotto

(Gauss Rdz Ormu Colnago A.S.D.)

il Mondo del Ciclismo n.27

9


il Mondo del Ciclismo n.27

10

CAMPIONATI ITALIANI

Marathon - Gunn Rita Marathon, GF del Montello

Celestino e Lechner tra i grandi

Conquistano il tricolore e salgono sul podio nelle gare internazionali vinte dall’iridato

Paulissen e da una rinata Dahle (dopo una lotta serrata con la bolzanina)

MONTEBELLUNA (TV) - Il

Montello, teatro di tante battaglie,

oggi ne ha celebrate altre,

sportive però. Mirko Celestino,

braccia alzate al cielo, un

sorriso ed un gesto di rabbia, è

lui il nuovo campione italiano

marathon, incoronato sul

temuto ed infangato percorso

del Montello e del Collalto,

oltre 100 km “Extreme” in

tutti i sensi, di nome e di fatto.

Tra le donne è stata Eva Lechner

ad indossare la maglia tricolore,

dopo un testa a testa

con la campionessa olimpica

e mondiale Gunn-Rita Dahle,

che nel finale se ne è andata

da sola vincendo la gara

internazionale, proprio come

Roel Paulissen, primo davanti

al colombiano Leonardo Paez.

Qualche chilometro del tracciato

era stato tolto dagli organizzatori

alla vigilia perché

la pioggia aveva reso impraticabile

i single track più ripidi,

ma la titolazione della gara, il

fatto che era un test premondiale

(2011) e pre-campionato

europeo (2010) non hanno lasciato

dubbi a Massimo Panighel

ed al suo “staff” di Pedali

di Marca, il percorso è rimasto

inalterato nel proprio fascino

e durezza.

Partenza per la gara Extreme

maschile alle ore 8, con gli

stranieri al via puntualmente,

gli italiani due minuti e mezzo

più tardi. Paulissen non

si è fatto pregare ed è stata la

maglia iridata a campeggiare

in testa alla corsa chilometro

dopo chilometro fino all’arrivo

di Montebelluna, in un

parterre davvero “mondiale”.

Allestimenti da grande evento,

pubblico delle gare che

contano, atmosfera calda, per

il tempo e per i confronti ser-

rati.

Gli stranieri hanno preso il

largo, dietro si è formato un

lungo trenino con tutti i migliori

èlite azzurri, e con gli

“stradisti” Simoni e Celestino

LO SPRINT TRA LECHNER E GASPARINI. SOTTO L’ARRIVO DI CELESTINO

a pedalare in coda.

Sulla gara internazionale Paulissen

ha gradatamente allungato

staccando Paez e Julio

Caro, mentre tra il gruppo

degli italiani si staccava Luigi

Bettelli, che ha dato l’impressione

di andare a riprendere

alcuni stranieri. Il primo a cedere

è stato Gutierrez, quindi

Montoya. Nel frattempo la

gara ha varcato anche il Piave,

utilizzando un ponte realizzato

appositamente dall’impresa

dell’appassionatissimo Remo

Mosole, costretto a ricostruirlo

in una notte dopo che la furia

della pioggia lo aveva portato

via.

Bettelli dopo i primi 40 chilometri

ha iniziato a preoccupare

il gruppetto dei migliori,

ma i continui saliscendi mettevano

a dura prove gambe e

muscoli di tutti.

Nel frattempo alle 9.30 partivano

le donne sul percorso

marathon, con la Lechner che

era la più lesta ad attaccare inseguita

dalla Dahle.

Nell’area del Collalto la strategia

di gara non cambiava, se

non per Bettelli che andava ad

agganciare i due colombiani,

con Paez che aveva problemi


alla catena.

Alle loro spalle, quando la

gara era a due terzi, iniziavano

le prime scaramucce con

Bettelli sempre primo degli

italiani alle spalle di Paulissen,

ormai a 7’, e Paez. Dietro

un gruppetto con Celestino,

Felderer, Pallhuber, Simoni,

Debertolis, Caro, Casagranda

e Pirazzoli guadagnava ancora

terreno sugli inseguitori,

gruppetto che si sfoltiva poi

ulteriormente.

Paulissen tagliava il traguardo

in solitaria tra il tripudio

del pubblico ma sul Poggio tre

Pini Celestino pativa fortissimi

crampi, fortunatamente

momentanei; con lui c’era Felderer

che ha tentato di attaccare

mentre, dietro, Simoni

accusava problemi alla catena,

dopo essere caduto ben cinque

volte nel fango.

La gara tricolore viveva sullo

sprint tra il campione italiano

in carica Mike Felderer e Mirko

Celestino, che la maglia

2009 voleva indossarla a tutti

i costi. La spuntava Celestino

per due soli secondi, subito attorniato

dai suoi numerosi e

rumorosi fans. Poi una stretta

di mano fra i due sottolineava

la grande sportività; terzo, per

il tricolore, era Mirko Pirazzoli

e così nel finale DeBertolis

precedeva Simoni, col primierotto

addirittura convinto di

essere terzo.

La gara femminile era incentrata

sul confronto Lechner-

Dahle. La norvegese nel finale

imponeva la sua forza e

salutava l’azzurra che doveva

confrontarsi a sua volta allo

sprint con la veneta Roberta

Gasparini. Alla Dahle andava

il successo della gara internazionale,

alla Lechner la gara

tricolore ma dopo il traguardo

crollava letteralmente a terra

completamente senza forze.

Completava il podio tricolore

Elena Gaddoni.

La gara Classic la vinceva-

no Mauro Simion su Michele

Franzini e Moreno Trabucchi

e tra le donne Paola Maniaco

su Monica Dal Pos e Ylenia

Colpo.

Oltre 2000 gli iscritti, 2100

per l’esattezza, impegnati su

tre distanze, la Extreme, oltre

100 km, la Marathon, 70 km e

la Classic, 40 km.

Successo pieno anche per

gli organizzatori di Pedali

di Marca, che hanno lottato

contro le avversità atmosferi-

GUNN-RITA DAHLE CON IL FIGLIO E L’ARRIVO DI PAULISSEN

CAMPIONATO ITALIANO MARATHON UOMINI: 1.

Mirko Celestino (ASD Team Alba Orobia Bike) Km. 117 in

4.33’56”; 2. Mike Felderer (ASD Sintesi Corse) 4.33’58”; 3. Mirko

Pirazzoli (ISD Cycling Team) 4.35’56”; 4. Massimo De Bertolis

(Team Full Dynamix) 4.38’42”; 5. Gilberto Simoni (Deportiva

Veneciclo) 4.39’16”.

CAMPIONATO ITALIANO MARATHON DONNE: 1.

Eva Lechner (Gruppo Sportivo Gauss) in 3.48’51”; 2. Roberta

Gasparini (Racing Team KTM - Dayco ASD) 3.48’51”; 3. Elena

Gaddoni (G.S. Promo-Bike AS Dilettanti) 3.51’03”; 4. Elena

Giacomuzzi (Unione Ciclisti Caprivesi) 3.56’15”; 5. Alessia

Ghezzo (ASD Professional Athletic) 4.01’28”.

GUNN-RITA MARATHON OPEN UOMINI: 1. Roel Tony

Paulissen (Cannondale) in 4.24’18”; 2. Leon Hector Leonardo

Paez (TX Active Bianchi) 4.33’48”; 3. Mirko Celestino (ASD

Ordini di arrivo

CAMPIONATI ITALIANI

che dei giorni scorsi, ma hanno

proposto un evento dai

contorni decisamente “mondiali”

dimostrandosi pronti

per il grande salto europeo

del prossimo anno, ma soprattutto

per quello mondiale

del 2011. Panighel col suo

staff si è guadagnato così i

complimenti del responsabile

UCI, come dire che il Montello

e la provincia di Treviso

sono ora patria incontrastata

della mtb.

Team Alba Orobia Bike) 4.33’56”; 4. Mike Felderer (ASD

Sintesi Corse) 4.33’58”; 5. Mirko Pirazzoli (ISD Cycling Team)

4.35’56”.

GUNN-RITA MARATHON OPEN DONNE: 1. Gunn Rita

Dahle (Team Multivan Merida) in 3.47’30”; 2. Eva Lechner

(Gruppo Sportivo Gauss) 3.48’51”; 3. Roberta Gasparini

(Racing Team KTM - Dayco ASD) 3.48’51”; 4. Elena Gaddoni

(G.S. Promo-Bike AS Dilettanti) 3.51’03”; 5. Elena Giacomuzzi

(Unione Ciclisti Caprivesi) 3.56’15”

CLASSIC UOMINI: 1. Mauro Simion (ADV Corratec) Km. 44

in 1.59’04”; 2. Michele Franzin (ASD Vimotorsport) 2.03’24”; 3.

Moreno Trabucchi (Ideal Bikes International) 2.03’33”.

CLASSIC DONNE: 1. Paola Maniago (Acido Lattico Team) Km.

44 in 2.31’13”; 2. Monica Dal Pos (ASD Salvador Team) 2.37’41”;

3. Ylenia Colpo (Bikes Benato FRW Rovolo) 2.38’36”.

il Mondo del Ciclismo n.27

11


il Mondo del Ciclismo n.27

12

PRESENTAZIONE

Girodonne - La ventesima edizione scatterà domani (3 luglio) da Scarperia

A viso aperto

di Michela Mastrangelo

SONO PASSATI più di

vent’anni dalla prima edizione

della corsa rosa.

Era il 1988 quando Maria

Canins scriveva il primo

nome nell’albo d’oro

di questa manifestazione.

Dopo di lei, ad eccezione

delle edizioni ‘91 e ‘92 non

disputate, tante altre atlete

di prestigio hanno vestito

la maglia rosa. Quella del

2009, anno in cui ricorre il

ventennale, sarà un’edizione

dal sapore speciale. Si

parte dalla Toscana con il

cronoprologo di Scarperia,

poi la corsa rosa si sposterà

verso Marche, Abruzzo,

Molise, Puglia e Campania,

dove si concluderà il

12 luglio dopo 918 chilometri

di gara.

La regia, come negli anni

passati, è affidata al VC Sovico

con la direzione di patron

Giuseppe Rivolta, entusiasta

per la bellezza del

tracciato.

Il cronoprologo di Scar-

Ciao Zina

Alla vigilia della partenza della corsa

rosa, il pensiero non può non andare a

Zinaide Stahurskaia, prematuramente

scomparsa nei giorni scorsi.

L’atleta bielorussa, 38 anni, originaria di

Vitebk, è stata travolta da un’automobile

il 25 giugno nei pressi di Minsk mentre

si allenava in vista del campionato nazionale.

E’ profondo lo sconforto lasciato nel

mondo ciclistico femminile dalla scomparsa

di questa giovane donna, grintosa,

sempre pronta al sorriso, capace di interpretare

le corse con determinazione e

fantasia. Per diverse stagioni in Italia, ha

vestito anche i colori della Chirio Forno

Si accende la sfida lungo i 918 chilometri del tracciato.

La conclusione il 12 luglio in Campania, a Grumo Nevano,

dopo aver attraversato Toscana, Marche, Abruzzo, Molise e Puglia

LUPERINI VINCE NEL 2008 (FOTO IANUALE)

peria, nel Mugello, sarà

seguito da nove tappe. La

prima in programma da

San Piero a Sieve a Pratolini

di Vaglia (Fi) si concluderà

con un finale piuttosto

impegnativo. Nuova

sfida contro il tempo da

Pontedera a S. Maria a

Ponte (Pi) di km 13,500,

preludio ad una delle prove

più attese, quella in programma

da Calcinaia (Pi)

a Prato a Calci con l’avvincente

ascesa al Monte Serra,

tracciato che lo scorso

anno decretò il ritorno al

successo di Fabiana Luperini.

Il 7 luglio la carovana

rosa si sposterà nelle Marche

per la tappa di Porto S.

Elpidio, probabile banco

di prova per le ruote veloci.

Il giorno seguente si arriva

in Abruzzo e in Molise

con la Fossacesia (CH)

- Cerro al Volturno (IS), in

cui le atlete affronteranno

un GPM di terza categoria

D’Asolo, profondamente addolorata da

questa gravissima perdita.

posto nel finale e l’arrivo in

pavè con pendenza media del

16%. Occhi ben aperti nella

sesta tappa da Cerro al Volturno

a S. Elena Sannita (IS), una

prova che potrebbe essere importante

per la classifica generale.

Quindi, trasferimento

in Puglia per la tappa più lun-

Le Tappe

PROLOGO: Venerdì 3

Luglio ore 19.00 Scarperia

(Cronometro Individuale)

Km 2,500

PRIMA TAPPA: Sabato 4

Luglio ore 11.45 San Piero

a Sieve - Pratolini di Vaglia

(FI) Km 99,900

SECONDA TAPPA:

Domenica 5 luglio ore

11.45 Pontedera - S.Maria

a Monte (PI) (Cronometro

Individuale) Km 13,500

TERZA TAPPA: Lunedì 6

luglio ore 11.45 Calcinaia

(Pi) - Prato A Calci/Monte

Serra (Pi) Km 106,400

QUARTA TAPPA: Martedì

7 luglio ore 11.45 Porto

S. Elpidio (AP) - Porto S.

Elpidio (AP) Km 109,200

QUINTA TAPPA:

Mercoledì 8 luglio ore 11.00

Fossacesia (CH) - Cerro al

Volturno (IS) Km 109,200

SESTA TAPPA: Giovedì

9 luglio ore 11.00 Cerro

al Volturno (IS) - S. Elena

Sannita (IS) Km 119,300

SETTIMA TAPPA: Venerdì

10 luglio ore 11.45 Andria

- Castel del Monte (BA) Km

131,200

OTTAVA TAPPA: Sabato

11 luglio ore 11.45 S.Marco

dei Cavoti (BN) - Pesco

Sannita (BN) Km 115,600

NONA TAPPA: Domenica

12 luglio ore 12.45 Grumo

Nevano - Grumo Nevano

Km 113,200


CRONACHE DELLE GARE

Tricolore Giovanile di Staffetta per Società XCO - Nello splendido scenario di Courmayeur

COURMAYEUR - Si è

svolto ieri, nello splendido

scenario di Courmayeur, il

Campionato Italiano Giovanile

di Staffetta per Società

Cross Country. Al termine

di una gara avvincente,

si è aggiudicato lo scudetto

tricolore l’Alpin Bike Edilbi

Team di Sondrio con 17” di

vantaggio sul Melavì Tirano

Bike e 32” sul Ktm Dayco.

Formidabile e risolutiva

l’ultima frazione del giovane

Gioele Bertolini L’Alpin

Bike Edilbi si è portato subito

al comando con il primo

frazionista, Tommaso Caneva,

che ha dato il cambio

con 9” di vantaggio su Denis

Fumarola, primo frazionista

del Dayco e 12” su Domenico

Capetti, del Melavì

Tirano Bike. Il secondo frazionista

della società leader,

Fabio Bergomi, incrementava

di altri 4” il capitale rispetto

a Christian Divitini,

portando a 16” il vantaggio

della sua società rispetto

al Melavì Tirano Bike, che

riusciva però a guadagnare

la seconda posizione per

il ritardo patito da Matteo

Berto (ben 36” nei confronti

di Bergomi). La terza frazione,

con le ragazze in campo,

ha riaperto i giochi. Infatti,

Giulia Gaspardino del Ktm

Dayco rosicchiava 21” a Ve-

ga del giro: l’impegnativa Andria

a Castel del Monte (Ba).

Il giorno seguente la carovana

rosa approderà in Campania,

in provincia di Benevento,

sul tracciato che si snoda

da San Marco dei Cavoti a Pesco

Sannita, un percorso ondulato

con due GPM di terza

e seconda categoria, preludio

al gran finale di domenica 12

luglio a Grumo Nevano, nella

zona nord-est dell’area metropolitana

di Napoli.

Quattro le maglie in palio:

maglia Rosa: Dilà; maglia ci-

Scudetto per

l’Alpin Bike Edilbi

Al termine di una gara avvincente che si è risolta

soltanto nelle fasi finali dell’ultima frazione

ronica Della Morte, del Melavì

Tirano, e 39” a Jessica Bormolini

dell’Alpin Bike.

Decisiva per il titolo l’ultima

frazione, con Gioele Bertolini,

dell’Alpin Bike, capace di

allungare sui rivali e tagliare il

traguardo con 17” di vantaggio

sull’alfiere del Melavì Tirano,

Luca Bellesini, e 32” su

Luca Chiantaretto, del Ktm

Dayco.

1. Asd - Alpin Bike Edilbi Team (Caneva Tommaso, Bergomi Fabio, Bormolini Jessica, Bertolini Gioele)

39’34”; 2. Melavì Tirano Bike (Capetti Domenico, Divitini Christian, Della Morte Veronica, Bellesini

Luca) 39’51”; 3. Ktm - Dayco Asd (Fumarola Denis, Berta Matteo, Gaspardino Giulia, Chiantaretto

Luca) 40’06”; 4. A.B.C. Egna Neumarkt (Schmid Beltain, Larcher Hannes, Tanner Julia, Panizza Nicolo)

41’24”; 5. Cicli Lucchini.Com (Borettaz Enrico, Truc Nehuen, De Leo Sara, Foletto Lorenzo) 41’35”; 6.

Ktm - Dayco Asd (Roux Alessandro, Koetting Daniele, Bianchetta Alessandra, Tortonese Enrico) 43’;

7. A.S.D.V.C. Courmayeur M.B. (Montrosset Thierry, Mus Erik, Vicquery Martine, Borbey Maurizio)

43’55”; 8. Melavì Tirano Bike (Bollardini Stefano, Della Morte Stefano, Cusini Arianna, Martinelli

Nicola) 44’14”; 9. Asd. Nolese Condor Team La Mauro (Billi Jacopo, Fornero Alberto, Aimone Secat,

Alessia Billi Ivano) 44’27”; 10. A.S.D.V.C. Courmayeur M.B. (Garbolino Arald, Collomb Emilie, Cornaz

Andre, Berguerand Richard) 44’47”; 11. Team Cicloteca Camel Drigani 46’40”; 12. A.B.C. Egna

Neumarkt 47’49”; 13. Uc Laigueglia Pacan Bagutti A.S.D 49’08”; 14. Cicli Benato 49’40”; 15. A.S.D.V.C.

Courmayeur M.B. 50’08”; 16. Hard Rock Frw A.S.D. 51’; 17. Hard Rock Frw A.S.D 51’55”; 18. Team

Cicloteca Camel Drigani 52’27”; 19. Cicli Lucchini.Com 57’05”; 20. A.B.C. Egna Neumarkt 1.02’27”, 21.

Asd. Nolese Condor Team La Mauro 1.02’43”.

clamino: Sayerlack; maglia

verde: Polyedra; maglia bianca:

Regione Lombardia

ALBO D’ORO

2008 Luperini Fabiana (ITA)

2007 Pucinskaite Edita (LIT)

2006 Pucinskaite Edita (LIT)

2005 Brandli Nicole (SVI)

2004 Cooke Nicole (GBR)

2003 Brandli Nicole (SVI)

2002 Boubnenkova Svetlana

(RUS)

2001 Brandli Nicole (SVI)

2000 Somarriba Joane (ESP)

1999 Somarriba Joane (ESP)

Ordine di arrivo

1998 Luperini Fabiana (ITA)

1997 Luperini Fabiana (ITA)

1996 Luperini Fabiana (ITA)

1995 Luperini Fabiana (ITA)

1994 Fanini Michela (ITA)

1993 Lenka Llavaska (SVK)

1992 non disputato

1991 non disputato

1990 Marsal Catherine (FRA)

1989 Bonanomi Roberta (ITA)

1988 Canins Maria (ITA)

LE SQUADRE

Nazionale Australia

Bigla Cycling Team

Bizkaia

Cervelo Test Team

Equipe Nurnberger Versicherung

Fenixs - Edilsavino

Gauss RDZ Ormu - Colnago

Lotto - Belisol Ladies Team

Michela Fanini Record Rox

Safi Pasta Zara Titanedi

Selle Italia Ghezzi

Team Cmax Dila

Team Columbia Highroad

Women

Team Flexpoint

Team System Data

Top Girls Fassa Bortolo Raxy Line

Usa National Team

USC Chirio Forno D’Asolo

il Mondo del Ciclismo n.27

13


il Mondo del Ciclismo n.27

14

CRONACHE DELLE GARE

Campionati Europei Master - A Zd’ar nad Sazavou, in Repubblica Ceca

SI SONO SVOLTI, nel weekend,

i Campionati Europei

Master strada, a Zd’ar nad

Sazavou, in Repubblica Ceca.

La compagine italiana si è

come sempre rivelata protagonista,

riuscendo a raggiungere

in molte occasioni il podio

e portando a casa due titoli,

con Angelo Maggi e Anna Succio.

Si tratta però di un bilancio

parziale, non avendo avuto

notizie riguardo l’ultimo giorno

di gare. Sul prossimo numero

del giornale torneremo

sulla rassegna continentale

dando conto anche delle ultime

gare, nella convinzione che

il bottino finale dei nostri rappresentanti

sarà certamente

più ricco di quanto riportato.

CRONOMETRO - Come da

pronostico, la prima medaglia

per l’Italia agli Europei è

arrivata da Patrizia Spadaccini,

seconda nella gara contro

il tempo per la categoria W3.

L’oro è andato all’austriaca

Claudia Pfisterer, terza la norvegese

Marion Nilsen.

CORSA IN LINEA - E’ mancato

l’acuto della vittoria nella

prima giornata dedicata alle

gare in linea, ma gli azzurri

sono saliti sul podio in quattro

delle cinque gare in linea. La

gara più attesa era quella dei

Master 4: numerosi i pretendenti

al titolo, tra cui il danese

Kied Fjord, vincitore dell’oro

contro il tempo il giorno prima,

e il belga Kenny De Maerteleire,

campione mondiale in

carica, oltre agli azzurri Marco

Masetti, neo campione italiano

e vice mondiale.

All’inizio del secondo dei tre

giri allungano Rosario Vinicio,

Kied Fjord ed il tedesco

Torsten Kunath. La fuga si

mostra subito importante e

Masetti tenta il ricongiungimento

con un assolo spettacolare,

ma senza successo. In

testa Rosario Vinicio, che ha

vinto decine di corse in volata,

sembra potercela fare, ma viene

infilato all’ultima curva ed

Maggi e Succio

conquistano l’Europa

Rispettivamente tra i M3 e W5. Medaglie anche per Spadaccini,

Vinicio, Balatti, Santi, Maccioccu, Sprecace e Giudici

MAGGI E SUCCIO CON IL RESTO DELLA SPEDIZIONE ITALIANA IN REPUBBLICA CECA

il rettilineo non è abbastanza

lungo per consentirgli la rimonta.

Vince il danese Fjord,

bissando l’oro della crono, davanti

al tedesco ed all’azzurro.

Masetti esce da solo nel finale,

ma si deve accontentare del

quarto posto davanti al belga

De Marteleire, che vince lo

sprint del gruppo.

Kied Fjord, tessera master

LA VOLATA DI MAGGI

della Federazione danese, corre

spesso in Italia nelle Gran

Fondo con tessera di un Ente

di Promozione ed in patria

nelle gare élite; ha gareggiato

in Italia da dilettante e da professionista

(nella Vivi Benotto)

negli anni ottanta.

Nei Master 5 un altro danese,

Hans Jorgen Hellerup, plurivittorioso

come master ed

anch’egli con un passato da

professionista, ha rispettato

il pronostico con la sua solita

potente volata davanti al tedesco

Grunig ed al ceco Kakac.

Ottima la prova del lombardo

Ivano Soletti, con i primi fino

alle battute finali: si è piazzato

al 6° posto davanti all’altro italiano

Antonio Messina.

Nei Master 6 seconda battuta

d’arresto per il tedesco Vladimir

Gottfried, oro il giorno

prima nella crono, dopo

la sconfitta subita da Valter

Santeroni al Mondiale 2008.

Dopo che la gara era stata movimentata

da Gialdini e da Rivaroli

autori di tentativi solitari,

Gottfried lancia il solito

attacco finale, a cui resistono

solo l’olandese Dirk Keinemans

e l’azzurro Ugo Balatti,

il solo in grado di competere

in volata. Ne approfitta l’olandese

sfuggendo ai due che si

controllano e resistendo al ritorno

del tedesco.

Infine, buone prove delle azzurre

Spadaccini e Santi, che


Campionati Italiani Trial - Assegnate a Biella le maglie tricolori

BIELLA (27/6) - Sono state

assegnate le maglie tricolori

del Trial per le varie categorie.

Le gare sono state seguite

da molti appassionati e curiosi,

entusiasti anche delle prodezze

esibite dal 5 volte iridato

e attuale leader della Coppa

del Mondo Trial, Benito Ros

Charral. Ottima l’organizzazione

in notturna dello spettacolo

da parte della Vallelvobike

in collaborazione con

il consorzio “Biella Accoglie”,

che ha espresso anche l’intenzione

di presentare la candidatura

2010 per una prova

di Coppa del Mondo. Veniamo

alla gara di sabato sera

con i piloti graziati dal solito

temporale biellese. Nella

classe 20” nessun grosso problema

per Paolo Patrizi, così

come per Ambrogio Chessa

nella 26”. Di grosso spesso-

ESORDIENTI: 1. Alessio Povolo (Gs

Bmx Vigevano - La Sgommata) 20; 2. Luca

Baraglia (Alpin Bike Edilbi Team) 28; 3.

Oscar Varenna (idem) 35; 4. Giovanni

Pozzoni (Caravaggio Offroad) 38; 5.

Alessandro Pavan (Acroland Team) 40.

ALLIEVI: 1. Alessandro Bertola (Alpin

Bike Edilbi Team) 30; 2. Davide Caretta

(Acroland Team) 36; 3. Andrea Vicario

hanno conquistato il podio,

pur in un lotto ridotto di concorrenti.

I titoli sono andati

alla austriaca Pfisterer, che

bissa l’oro della crono nelle

W3, ed alla danese Lone

Drejer nelle W4.

Pronto riscatto degli azzurri

nella penultima giornata di

gare che regala due ori, un argento

e due bronzi nella corse

in linea. La squadra azzurra

dei Master 3, guidata da Angelo

Menghini e Armando

Marzano (primo e secondo ai

recenti Campionati Italiani)

era favorita, ma la presenza

del francese Gregoire Balland,

CRONACHE DELLE GARE

Bene Patrizi e Chessa

Titoli anche per Povolo, Bertola, Di Ronco e Pasquali.

Entusiasmante esibizione dell’iridato Benito Ros Charral

I NEO CAMPIONI ITALIANI TRIAL

(Caravaggio Offroad) 61; 4. Andrea

Pantalone (Motoclub Lazzate Asd Sez.

Biketrial) 75. JUNIORES: 1. Nicolò Di

Ronco (100-One Kona) 50; 2. Luca Monaci

(Motoclub Lazzate Asd Sez.Biketrial) 63,5;

3. Simone Orsello (Acroland Team) 83.

ELITE 20”: 1. Paolo Patrizi (Motoclub

Lazzate Asd Sez.Biketrial) 34,5; 2.

Francesco Rolleri (Acroland Team) 83.

campione del mondo in carica

proprio davanti a Menghini,

era una seria difficoltà perché

molto difficile da staccare

e considerato imbattibile allo

sprint. Nel finale sono rimasti

in nove, di cui quattro azzurri,

e la carta giusta era pilotare

lo sprint di Angelo Maggi, che

non ha deluso ed ha anticipato

il francese con determinazione

nell’ultima curva, ancora

una volta decisiva come in

molte gare. Primo Sprecace

ed Armando Marzano hanno

confermato le loro doti

piazzandosi al terzo e quarto

posto, con il regista della

Ordini di arrivo

squadra Menghini (9°) ad osservare

soddisfatto il brillante

risultato complessivo della

squadra.

Poteva essere una giornata

memorabile, ma Bruno Maccioccu

(M7), in testa e già con

il braccio alzato a esultare per

la vittoria (sarebbe stato il bis,

essendo campione europeo

uscente) è stato superato sulla

linea dal tedesco Josef Reis,

autore di un recupero fulminante;

mentre Tania Campelli,

ormai sola al comando della

gara delle Woman 1, è stata

fermata da un incidente meccanico

e ha passato il resto

re la prova dello junior Nicolò

di Ronco, che ha ottenuto

tra gli agonisti la seconda miglior

prestazione dietro solo

a “Pool” Patrizi. Tra gli esordienti,

il giovanissimo (classe

‘96) Alessio Povolo, non ancora

tredicenne, si è aggiudicato

il suo primo tricolore. Tra

gli allievi il titolo è andato ad

Alessandro Bertola, mentre

Matteo Pasquali ha indossato

la maglia dei Master. Grande

festa finale per tutti dopo quasi

4 ore di gara nel centro di

Biella, con l’esibizione finale

del campionissimo Benito Ros

a chiudere in bellezza.

ELITE 26”: 1. Ambrogio Chessa (Acroland

Team) 53; 2. Alessandro Delfino (A.S.D.V.C.

Courmayeur M.B.) 71; 3. Samuele Cogo

(Acroland Team) 73; 4. Guerra Alex

(idem) 80. MASTER: 1. Matteo Pasquali

(Acroland Team) 30; 2. Davide Riffaldi

(G.C. Destro) 48; 3. Walter Pavan (Acroland

Team) 59,5; 4. Marco Carradore (idem) 68;

5. Alan Colliard (A.S.D.C.S.Lys) 78.

della giornata a piangere, non

solo metaforicamente, sull’occasione

persa. Ha vinto la tedesca

Martina Hollige davanti

alla ceca Jirina Scuckova e a

Donatella Giudici, che è stata

con le prime per gran parte

della gara e con il suo bronzo

ha parzialmente compensato

la sfortuna della Campelli.

Non falliva, invece, il titolo

europeo Anna Succio (W5),

che non ha avuto avversarie

nella sua categoria.

Daremo conto dell’ultima

giornata dei Campionati Europei

Master sul prossimo numero

del giornale.

il Mondo del Ciclismo n.27

15


il Mondo del Ciclismo n.27

16

CRONACHE DELLE GARE

Nazionale Juniores - 29° Trofeo Fiaschi Cav. Alfredo

di Antonio Mannori

foto Rodella

VERGAIO DI PRATO (28/6)

- Un podio tinto d’azzurro per

il 29° Trofeo Fiaschi Cav. Alfredo,

gara nazionale alla quale

ha partecipato la squadra

azzurra scelta per gli “europei”

in Belgio, con l’unica esclusione

di Conte Bonin. Al primo

posto il non ancora diciottenne

pescarese Giuseppe Fonzi,

della For 3 Bevilacqua Colpack

Astro, in terza posizione

il lombardo e plurivittorioso

nazionale della categoria Wackermann

(entrambi impegnati

fino a domenica prossima in

Belgio ai Campionati Europei

crono e linea). Tra i due il bravissimo

e brillante spezzino

Bonifazio. Questi i primi tre

della corsa pratese, bella, affascinante,

con 161 partenti di

25 società, combattuta e tirata,

seguita da una folla imponente

ai sette passaggi sulla salita

della Rocca di Montemurlo e

poi al traguardo. Tanti anche

gli ospiti, dalla signora Adriana

Bartali, moglie del grande

campione, che ha dato il via

con il presidente della provincia

di Prato, Lamberto Gestri,

e con il vice presidente vicario

della Federciclismo, Flavio

ARRIVO E PODIO DI VERGAIO DI PRATO

Fonzi, rush prodigioso

Il pescarese ha piegato il forte Bonifazio ed il “collega” azzurro

Wackermann. Al via 161 atleti seguiti dal C.T. De Candido

Milani, ad Alfredo Martini,

che ha messo al collo di Fonzi

la medaglia d’oro destinato

al primo. Un vincitore importante,

forte, tonico, uscito al

momento giusto con un piglio

autorevole, quanto abile nel

vincere di forza la volata con

un guizzo prodigioso davanti

ad avversari di grande caratura.

Si sono confermati Bonifazio

e Wackermann, così come

gli altri che facevano parte

del plotoncino di testa, ovvero

Camilli, Bernardinetti, due

laziali sempre reattivi, Rocchi,

lo splendido Fedi, altro azzurro

pronto per gli europei e che

assieme al bravo Bellagamba

è stato il migliore tra i toscani

in gara. Infine, bravo anche

Marchiori animatore del tentativo

a quindici chilometri

dal traguardo prima dell’ultimo

passaggio in salita. Il veneto

è stato ripreso dal laziale

Bernardinetti, quindi da altri

otto corridori che hanno avuto

partita vinta e si sono contesi

il successo sul traguardo

di Vergaio al termine della

gara nazionale allestita dalla

Ciclistica Pratese 1927 e seguita

dal C.T. azzurro Rino De

Candido, che ha atleti in ottima

forma per l’europeo. Dal

Belgio potrebbero arrivare per

noi buone notizie. Da ricordare

ancora che prima del via è

stato premiato il neo campione

italiano della crono, Antonj

Orsani, e che era presente anche

Piero Coppi, cugino del

“Campionissimo” del pedale.

Ordine di arrivo

1. Giuseppe Fonzi (For

3-Pol. Bevilacqua Sport

Colpack Astro- For 3) km

123 in 3h09’, media 39,048; 2.

Leonardo Bonifazio (Casano

Sana); 3. Luca Wackermann

(Cicl. Biringhello); 4.

Simone Camilli (Guarducci

Ubaldo Signori); 5. Marco

Bernardinetti (Guazzolini

Coratti Borgonuovo); 6.

Rocchi; 7. Fedi; 8. Marchiori;

9. Bellagamba; 10. Ficara a 15”.


Elite/Under 23 - 77 a Medaglia d’oro Città di Monza

di Vito Bernardi

MONZA (20/6) - Terza vittoria

stagionale per il brianzolo

del Team Nordelettrica-Bottoli-Sorelle

Ramonda, Matteo

Pelucchi. Vittoria conquistata

all’Autodromo di Monza con

un doppio sprint, il primo diciamo

di “routine” per uno

sprinter del suo peso, senza

nulla togliere ai pur meritevoli

avversari, il secondo quasi

al cardiopalmo perché, dopo

avere alzato le mani in segno

di giubilo, Pelucchi si è accorto

di avere superato solo la linea

della griglia di partenza

della Formula 1, posizionata

una decina di metri avanti

a quella della gara ciclistica,

che Pelucchi ha tagliato insieme

al compagno Nizzolo,

siglando un altro trionfo per

il Team Nordelettrica Bottoli

Ramonda a una settima di distanza

dalla Coppa Olivetti di

Legnano. Mossiere della gara

il grande Giorgio Albani, 80

anni compiuti proprio 5 giorni

fa, che ha ricordato come

la sua vittoria in questa gara il

12 giugno 1949 fu il suo pas-

1.

2.

3.

4.

5.

6.

7.

8.

Ordine di arrivo

Matteo Pelucchi

(Nordelettrica-Bottoli-

S.lle Ramonda) km. 145

in 2h59’55” media 48,297

km/h

Giacomo Nizzolo

(Nordelettrica)

Alessandro Bernardini

(UC Trevigiani);

Omar Bertazzo (Bottoli)

Christian Delle Stelle

(Sorelle Ramonda)

Luca Seno (SC Fagnano

Nuova)

Elia Favilli (Neri-Nuova

Comauto)

Alberto Gatti (Delio

Gallina-S. Inox Filcre)

Amani Ponzoni (Ngc

9.

Action Pool Cantù)

10. Andrea Fumagalli (Viris

Vigevano)

CRONACHE DELLE GARE

Pelucchi, volata

finale col batticuore

Confonde la linea del traguardo con la griglia di partenza dei

bolidi di formula uno, alza le mani, ma la vittoria è sempre sua

saporto per l’immediato passaggio

tra i professionisti con

la Legnano.

Al via 193 corridori ed è il piemontese

Mattia Pozzo, ventenne

della “Brunero-Camel-Pedalando

in Langa”, ad

innestare le marce alte e fare

da apripista a tutto il gruppo

per il primo dei 25 giri del circuito

di km. 5,8 ciascuno.

Poi sarà un susseguirsi di tentativi

che non danno nemmeno

il tempo di annotare

i numeri dei fuggitivi che il

gruppo è di nuovo compatto.

Nelle varie fasi della gara si

mettono ancora in luce Mattia

Pozzo, Andrea Fumagal-

PELUCCHI MENTRE TAGLIA IL TRAGUARDO DI MONZA (FOTO SONCINI)

li e Karimov (Viris), Ascione

(Brunero), Falco (SC Gerbi) e

Turaev (Delio Gallina) oltre a

quasi tutti i ragazzi della Bottoli,

a turno, presenti nei vari

tentativi.

Nella prima parte della gara,

un banale incidente ha coinvolto

Russo (Gerbi), Capillo,

Fissore e Ascione (Pedalando

in Langa) con spiacevoli conseguenze

per Ascione (sospetta

frattura della clavicola) e Fissore

(sei punti di sutura al mento).

Quando mancano una

trentina di chilometri alla fine

si porta in vantaggio un drappello

di 22 corridori, tra i quali

Rech (Promociclo), Graziato

(Ramonda), Maggiore (Casati),

Karimov (Viris) e Canziani

(Aurora), che insisteranno nel

tentativo anche dopo la rinuncia

degli altri attaccanti. A 4

chilometri dall’arrivo Gianluca

Maggiore tenta l’assolo, ma

il gruppo in violenta rimonta

lo nega, mentre i “bolidi” della

Nordelettrica bruciano gli

avversari piazzando 4 uomini

tra i primi cinque.

Matteo Pelucchi dedica questa

sua strepitosa vittoria alla

squadra e ai dirigenti che gli

sono stati sempre vicini, compresi

quelli della Polisportiva

Molinello e della Biringhello,

Cacciamani e Fantoni.

il Mondo del Ciclismo n.27

17


il Mondo del Ciclismo n.27

18

CRONACHE DELLE GARE

Under 23 - 20 a Medaglia d’Oro Consorzio Marmisti della Valpantena

di Francesco Coppola

STALLAVENA (VR) (21/6)

– Prima affermazione della

stagione per il piemontese

Fabio Felline, portacolori

della De Nardi Daigo Ber-

1.

2.

3.

4.

5.

6.

7.

8.

Ordine di arrivo

Fabio Felline (De Nardi

Daigo Bergamasca) km

151 in 3h15’ media 44,116;

Enrico Battaglin (Zalf

désirée Fior)

Marco Canola (idem)

Moreno Moser (Lucchini

Arvedi Unidelta)

Tommaso Salvetti

(Brunero Cammel)

Stefano Di Carlo (Pref.

Foresi)

Marco Tapparello (Cyber

Team Vc Breganze)

Aguedo Torres (Valle

Seriana)

Edoardo Zardini

9.

(Mantovani Rovigo);

10. Daniele Ratto (Palazzago).

di Vito Bernardi

GESSATE (MI) (21/6) -

Dopo una serie di gare disputate

ad alto livello, il campione

regionale élite, Federico

Rocchetti, vince a Gessate il

25° Trofeo Stefano Fumagalli

conquistando così il suo primo

successo stagionale, secondo

per il Team di Alberto

Cappelletti, la Cicli Casati-

Ngc-Perrel dopo il successo

di Gianluca Maggiore nella

Coppa Caduti a Nerviano,

sempre nel milanese.

Con l’AC Gessate in cabina

di regia, il Trofeo Fumagalli

si è disputato su di un circui-

Felline, è arrivato

il suo momento

Prima vittoria stagionale del piemontese che si aggiudica

la volata a ranghi ridotti davanti Battaglin e Canola

gamasca, nella 20^ edizione

della Medaglia d’Oro Consorzio

Marmisti della Valpantena

organizzata dal Gs

Stallavena. Il corridore del

presidente Gianluigi Stanga

e dei tecnici Antonio Bevilacqua

e Oscar Pelliccioli si

è imposto in volata al termine

di una gara molto bella e

combattuta.

La competizione, che ha visto

impegnati 156 concorrenti,

è stata caratterizzata

da numerosi tentativi di allungo

tenuti sempre sotto

controllo dal gruppo, tanto

che al suono della campana

to completamente pianeggiante

tracciato attraverso

alcuni Comuni confinanti

con Gessate e la partecipa-

del 12 giro, l’ultimo, il gruppo

è compatto. Fino alla salita

che Grezzana porta ad

Azzago. Al Gpm sono in dieci

a scollinare con in testa

un terzetto composto da Di

Carlo, Salvetti e Felline. A

dare la svolta alla gara è il vicentino

Marco Canola, che a

pochi chilometri dall’arrivo

è Canola che tenta la sortita.

Il ragazzo della Zalf prende il

largo e si avvantaggia di una

decina di secondi dai compagni

di fuga. Sembra fatta,

visto che dietro c’è Battaglin

a controllare il resto della

compagnia, ma all’ultimo

Elite/U23 - 25° Trofeo Stefano Fumagalli

Rocchetti il più veloce

Fuga a cinque a 30 km dall’arrivo e stoccata vincente

del campione regionale élite davanti Marcolina e Gatti

Ordine di arrivo

zione di 150 corridori che,

per circa 120 chilometri hanno

dato vita ad una kermesse

assai movimentata per i con-

1. Federico Rocchetti (Casati-Ngc-Perrel) km. 150 in 3h11’

media 47,120 km/h

2. Piergiacomo Marcolina (Cycling Team Friuli)

3. Alberto Gatti (Delio Gallina - S. Inox)

4. Massimo Graziato (Bottoli-Nordelettrica-Sorelle Ramonda)

5. Nathan Pertica (GC Feralpi)

6. Nicola Ruffoni (Gavardo - Tecmor) a 12”

7. Enrico Venturini (UC Pregnana)

8. Nicola Galli (GC Feralpi)

9. Alessandro Bernardini (UC Trevigiani)

10. Marco Depetris (Centro Revisioni Cerone)

chilometro avviene il ricongiungimento,

in cui si distinguono

Felline, Moser, Torres,

Ratto, e Tapparello.

Nella volata finale ci si aspetta

che siano i ragazzi della

Zalf a farla da padroni, ma

Felline si erge a protagonista

e si lascia alle spalle sia Enrico

Battaglin che Marco Canola.

Felline è nato a Torino,

il 29 marzo scorso ha festeggiato

i 19 anni e nel 2008 tra

gli juniores ottenne sette vittorie.

Nella precedente edizione

della gara di Stallavena

di Grezzana si impose Simone

Ponzi.

tinui cambiamenti in testa

alla corsa fino a circa 30 chilometri

dall’arrivo quando

il tentativo promosso da un

quintetto composto da Federico

Rocchetti, (Casati), Piergiacomo

Marcolina (Cycling

Team Friuli), Alberto Gatti

(Delio Gallina), Massimo

Graziato (Bottoli) e, Nathan

Pertica (GC Feralpi) andava

a buon fine e, sul traguardo

tracciato di fronte alla macelleria

Fumagalli a Gessate,

Rocchetti piazzava uno

sprint rabbioso per regalare

questo splendido successo

agli sponsor che sostengono

con entusiasmo il Team milanese.

All’arrivo tanta soddisfazione

anche per Enrico Venturini

dell’UC Pregnana e del

suo DS, Alberto Saronni e

anche per il varesino Nicola

Galli, oggi ottavo, in attesa

che ritrovi il suo guizzo di

tante gare.


Juniores - 7° Giro della Brianza - 5° Memorial Germano Corbetta

di Vito Bernardi

OLGIATE MOLGORA

(21/6) - Ottavo successo stagionale

per il forte junior Luca

Wackermann (Biringhello),

che conquista alla grande il

“7° Giro della Brianza-5° Memorial

Germano Corbetta”,

organizzato ad Olgiate Molgora,

nel lecchese, dalla Polisportiva

Aurora Brian su di

un percorso molto impegnativo

che ha favorito una netta

selezione tra i 79 partecipanti.

Wackermann ha regolato in

volata Alessandro Cipolla

(Madignanese) che, con Samuele

Conti (Ciclisti Monzesi),

si era avvantaggiato sugli

avversari con un forcing

sul Colle Brianza. La coppia

ha incrementato il loro vantaggio

nella successiva discesa

ed i pochissimi chilometri

mancanti all’arrivo, tratto

dove perdeva leggermente terreno

Conti, mentre con mag-

Juniores - 1° Trofeo Idea Shoes

di Antonio Mannori

PONTICELLI (PI) (21/6) - Il

suo direttore sportivo Tiziano

Antonini, interpellato da chi

scrive in occasione del Trofeo

Buffoni, sulla assenza alla

gara internazionale di Montignoso

di Mirko Ulivieri, ha

risposto: “Ho ritenuto opportuno

per lui una corsa più leggera

in vista del campionato

italiano”. Una scelta strategi-

MIRKO ULIVIERI

giori distacchi concludevano

la prova i superstiti di questa

gara davvero impegnativa che

Wackermann ha superato grazie

anche allo stato di forma

raggiunto al recente “Trofeo

Karlsberg”, corsa a tappe disputata

in Germania dove ha

conquistato anche due piazzamenti

di prestigio.

CRONACHE DELLE GARE

L’ottava di Wackermann

Il corridore della Biringhello ha piegato in volata Cipolla.

Conti, a 4”, conquista il terzo posto

L’ARRIVO DI WACKERMANN (FOTO SONCINI)

Ulivieri fa il vuoto

ca vincente che ha premiato il

“diesse” della Grassi Pratese

Iperfinish, in quanto a vincere

la prima edizione del Trofeo

Idea Shoes a Ponticelli di

Santa Maria a Monte è stato

proprio Ulivieri che, dopo un

finale di gara esaltante, si è

presentato da solo sul traguardo

con mezzo minuto di vantaggio

nei confronti del primo

inseguitore, il debuttante in

categoria Caschetto, atleta da

seguire con estremo interesse.

Una bella prestazione che fa

morale e conferma peraltro le

ottime qualità di Ulivieri, autore

fino a questo momento di

una bella stagione. Al secondo

posto si è classificato Caschetto

che ha superato Dragotto in

volata, mentre subito dietro è

giunto un gruppetto di ulteriori

inseguitori regolato per

la quarta posizione da Pettinato.

La corsa è stata organizzata

dal G.S. Elettromeccanica

Bertini Gruppo Lupi

Auchem ed è stata disturbata

in notevole misura dall’impetuoso

vento che soffiava sulle

1.

2.

3.

4.

5.

6.

7.

8.

Ordine di arrivo

Luca Wackermann (SC

Biringhello) km. 109 in 2h42’,

media 40,370

Alessandro Cipolla

(Polisportiva Madignanese)

Samuele Conti (Ciclisti

Monzesi) a 4”

Danilo Pirillo (idem) a 39”

Giacomo Mossali (SC

Romanese)

Simone Chioda (Mazzano

Team)

Luca Ferrario (SC

Biringhello)

Davide Fumagalli (Brugherio

Sportiva)

Patrik Rassega (Mazzano

9.

Team) a 53”

10. Giovanni Matteo Maniglia

(SC Biringhello) a 1’07”

Finale esaltante dell’alfiere in forza alla Grassi Pratese Iperfinish.

Buon secondo il debuttante Caschetto

Ordine di arrivo

colline della Cerbaie e nella

zona di arrivo. Per Mirko Ulivieri,

atleta di Stabbia che l’anno

prossimo sarà nella Cargo

Compass Iperfinish come under

23, si è trattato del secondo

successo stagionale dopo

quello firmato in una gara nazionale,

il Trofeo Walter Sorbi

in Umbria ai primi di aprile,

oltre a nove piazzamenti nei

primi dieci.

1. Mirko Ulivieri (Grassi Pratese Iperfinish Stabbia) km 110 in

2h47’, media 39,543; 2. Giuseppe Caschetto (Ambra Cavallini

Vangi ) a 29”; 3. Marco Dragotto (Aquila Ganzaroli); 4. Lorenzo

Pettinato (Ambra Cavallini Vangi) a 35”; 5. Raffaele Angelo

(Berti Mobili Benassi Nari); 6. Ponzani; 7. Nibali; 8. Lenci; 9.

Bartemucci; 10. Timinti.

il Mondo del Ciclismo n.27

19


il Mondo del Ciclismo n.27

20

CRONACHE DELLE GARE

Juniores - 12° Trofeo Cooperativa Est Ticino

di Vito Bernardi

CASTANO PRIMO (21/6)

- Cristian Rossi, junior diciottenne

del GS Aspiratori

Otelli, conquista a Castano

Primo, nell’Altomilanese,

il 12° Trofeo Cooperativa

Est Ticino, valido

anche per l’assegnazione

dell’11° GP Vanoli -

5° Trofeo Impregnatex,

firmando così la sua sesta

vittoria stagionale.

Il bresciano ha battuto

allo sprint il corridore

di casa Luca Olivieri,

del Pedale Castanese,

società organizzatrice

della gara.

Primo a muovere le acque

è l’enfant du pays

Fabio Todaro, azzurro

del ciclocross, che trascina

con sé un terzetto

di concorrenti per tutto

il primo giro del circuito.

Dopo un’apparente

calma di una ventina

di Francesco Coppola

GARGAGNAGO (VR)

(21/6) - Il trentino Andrea

Voltolini (Giorgione Aliseo

Venticolvertitori), superando

allo sprint Pierre Paolo Penasa

(Pavoncelli Ausonia Csi

Pescantina) e il compagno di

squadra Paolo Simion, si è aggiudicato

domenica 21 giugno

a Gargagnago, in provincia di

Verona, il 23° Trofeo Calzaturificio

Effeggi, abbinato al

25° Trofeo Sportivi di Gargagnago,

riservato agli juniores

e messo a punto dall’Ausonia

Pescantina. La competizione,

dopo vari tentativi di attacco,

si è risolta all’ultimo chilometro.

Il corridore del benemerito

Team di Castelfranco Veneto

(Treviso), presieduto da

Leopoldo e Daniele Fogale, è

Svetta Rossi

Sesto centro stagionale del bresciano che regola in volata

il corridore di casa Olivieri. Lenzi sul terzo gradino del podio

ROSSI AL TRAGUARDO (FOTO RODELLA)

Juniores - 23° Trofeo Calzaturificio Effegi

riuscito a superare negli ultimi

duecento metri Penasa che

era a sua volta uscito dal gruppo

per rincorrere il veneziano

di Martellago, Paolo Simion,

dopo che quest’ultimo negli

di chilometri, sono ancora

i boys del presidente

Terenzio Baronchelli

a movimentare

la corsa, lanciando una

fuga di una quindicina

di atleti sulla “Salita

delle Scuole Medie”,

con Emanuele Ferro,

Luca Olivieri e il campione

piemontese Nicola

Nanna a menare

la danza fino all’ultimo

giro. Poi tra i fuggitivi

scoppia la bagarre e tra

loro svetta il bresciano

Cristian Rossi che

regola allo sprint Luca

Olivieri, mentre, a soli

5”, il varesino Kabir

Lenzi (Prealpino) supera

Ferro per il terzo

gradino del podio.

Spunto di Voltolini

ultimi due km aveva tentato la

sortita. Voltolini, guidato dai

tecnici Giuliano Peron, Franco

Pesce, Gino Marchiori e Danilo

Rebellato, è nato a Trento il

21 novembre del 1991.

Ordine di arrivo

1. Cristian Rossi (Aspiratori

Otelli-Caseifici Zani) km.

113 in 2h44’, media 41,341

2. Luca Olivieri (Pedale

Castanese)

3. Kabir Lenzi (GS Prealpino)

a 5”

4. Emanuele Ferro (Pedale

Castanese)

5. Manuel Carrà (Brugherio

Sportiva) a 8”

6. Luca Sacchetti (VC

Novarese)

7. Guido Giacomo Grazzini

(SC Biringhello)

8. Mattia Bottelli (GS

Prealpino)

9. Carmelo Deni (Aspiratori

Otelli Otelli-Caseifici

Zani)

10. Daniele De Danieli

(Cadidavid) a 20”

Il trentino del Giorgione Aliseo ha superato in volata Penasa

e il compagno di squadra Simion

LA VITTORIA DI VOLTOLINI (FOTO SONCINI)

Ordine di arrivo

1. Andrea Voltolini (Giorgione

Aliseo Ventilconvertitori)

km 114,4 in 2h40’ media

42,900; 2. Pierre Paolo

Penasa (Pavoncelli Ausonia

Csi Pescantina); 3. Paolo

Simion (Giorgione Aliseo

Ventilconvertitori); 4. Andrea

Meggiorini (Contri Autozai

Liotto); 5. Fabio Motalli

(Goretex Bruno Gaiga

Campi); 6. Marco Gidoni

(Work Service Brenta); 7.

Andrea Toniatti (Ausonia Csi

Pescantina); 8. Matteo Dal

Col (Vittorio Veneto Cieffe

Forni Industriali); 9. Marco

Gasparella (Utensil Nord

Schio); 10. Davide Formolo

(Ausonia Csi Pescantina).


Juniores - 29 a Reggiolo-Baiso

di Romano Pezzi

BAISO (RE) (21/6) - Ben 130

i partenti alla Reggiolo-Baiso,

classica del calendario reggiano,

con formazioni provenenti

da Marche, Abruzzo, Lombardia,

Piemonte, Toscana e, naturalmente

dall’Emilia Romagna.

Parte subito la fuga che

caratterizza per oltre 70 km la

corsa, con Saracino (Noceto),

La Vecchia (Calderara) e Tomba

(Italia Nuova) al comando. I

tre rimangono in testa fino alla

prima scalata di Monte Lusino,

dove rompe gli indugi Luca

Cingi (Nial), battistrada solitario

per quasi tutti gli 8 km

di ascesa. Poi viene raggiunto

al GPM da Ghiron (Chierese),

Senni (Sidermec) e Petitto (Italia

Nuova). Il gruppo intanto si

è selezionato e in fondo alla discesa

sono una quindicina gli

atleti al comando. Sul lungo

Accetti il consiglio

di un esperto?

Scelto dai medici sportivi

Replica di Petitto

Il bolognese ancora a segno nella classica reggiana.

Remondi e Di Sabatino ai posti d’onore

falso piano che porta a Carpineti

è ancora Cingi a scattare,

raggiunto da Di Remigio (Notaresco)

e, dopo circa 10 km,

da Senni. Nel tratto di fondovalle

che da Carpineti riporta

all’imbocco della salita finale

di Montelusino, il trio e

raggiunto da Damiano (Italia

Nuova) e Ghiron (Chierese).

Sull’erta conclusiva i 5 sono

ancora in testa, Cingi aumenta

l’andatura e solo Senni e Ghiron

riescono a stargli dietro.

Ma a circa 4 km dal termine il

gruppo riassorbe i battistrada

sotto la spinta di Telari (Mengoni)

e Di Sabatino (Notaresco).

Si forma così un gruppet-

to di 13 unità con tutti i favoriti

della vigilia. Ai meno 2 km dal

traguardo prova a scattare il

siciliano Guastella (Madigan),

ed è ancora Cingi che lo insegue

pilotando il suo compagno

Ordine di arrivo

1. Alberto Petitto (Italia Nuova)

2. Gianluca Remondi (Nial Nizzoli)

3. Mattia Di Sabatino (Notaresco)

4. Denis Vaiti (Madigan)

5. Manuel Senni (Sidermec)

6. Francesco Telari (Mengoni)

7. Salvatore Guastella (Madigan Sicilia)

8. Augusto Reati (Calderara)

9. Isaia Modena (Mincio Chiese)

10. Luca Cingi (Nial Nizzoli)

CRONACHE DELLE GARE

Remondi. Guastella è raggiunto

da Petitto al GPM e si va cosi

allo sprint finale. La spunta il

bolognese che bissa il successo

dell’anno scorso, precedendo

Remondi e Di Sabatino.

Il segreto del benessere è una vita attiva.

È importante tuttavia integrare ciò che l’attività fisica consuma

e che l’alimentazione non riesce a fornire in quantità adeguata.

Professor R. Tavana, Medico dello Sport

In collaborazione con esperti medici dello sport, nasce Dynamica ratiopharm ® ,

una linea di integratori e dietetici per sportivi, specifici per coloro

che conducono una vita attiva.

Per saperne di più chiedi al tuo farmacista e visita www.attivitafisica.it

Dynamica ratiopharm ® , creata da esperti e scelta da campioni!

Scarica gratuitamente il manuale

del professor Tavana

su www.attivitafisica.it.

Dynamica ratiopharm ® .

Leggere attentamente le avvertenze prima dell’uso.

il Mondo del Ciclismo smo n.27

45


il Mondo del Ciclismo n.27

46

PISTA

Friuli Venezia Giulia - Quarta prova Master della pista

di Giovanni Casella

SAN GIOVANNI AL NATI-

SONE (UD) (14/6) - Più sorprese

che conferme. Ecco ciò

che ha messo in evidenza la

quarta prova del master della

pista 2009 che si è consumata

sull’anello udinese.

Infatti, nelle due gare riservate

agli esordienti, il pronosticato

Lorenzo Nigris si è

dovuto accontentare del secondo

posto sia nella corsa

a punti vinta Daniel Staffus,

che nello scratch nel quale

ha primeggiato Francesco

Mezzavilla. Tra gli allievi,

l’atteso Christan Facca non

ha saputo replicare alle belle

prove sin’ora fornite, poichè

la corsa a punti è stata

vinta da Alberto Nicodemo e

il keirin da Dimitri Verardo,

rispettivamente a spese di

Marco Corrà e Davide Morettin.

Nel settore degli juniores, invece,

si è registrato un dominio

pressoché incontrastato

dei corridori dello Junior

Team-Pmp Danieli. Diego

di Graziano Zilli

FIORENZUOLA D’ARDA

(PC) (16/6) - Con la regia del

Gruppo sportivo Santi, al

velodromo di Fiorenzuola

d’Arda è andato in scena il

Memorial Peter Cellere, valido

quale seconda prova dei

“Boccioli di Rosa”. In grande

evidenza si è posto soprattutto

Danilo Besagni, che ha

trionfato in entrambe le gare

riservate agli Juniores. Da segnalare

anche il successo di

Giovanni Belforti nella Corsa

a punti Allievi, nonostante

la caduta di cui è rimasto

vittima insieme ad altri concorrenti

nel finale. Le competizioni

cicloamatoriali del

7° Trofeo Velo club Pontenure

hanno poi concluso il programma

della riunione.

Quante sorprese!

Pronostici stravolti soprattutto nelle gare riservate ad esordienti

e allievi. Tra gli juniores dominio del Team - Pmp Danieli

Santarossa e Valentino Mezzavilla

si sono brillantemente

affermati nell’inseguimento

a coppie, superando Adriano

Murero e Luca Fort del Caneva-Record

Eliogea, mentre

ESORDIENTI

CORSA A PUNTI: 1. Daniel Staffus (Vc.

Latisana-Ottogalli agenzia Europa) punti 16; 2.

Lorenzo Nigris (Libertas-Pratic Danieli) 15; 3.

Mattia Vianello (VC Latisana-Ottogalli agenzia

Europa).

SCRATCH: 1. Francesco Mezzavilla (Libertas

Gradisca); 2. Lorenzo Nigris (Libertas-Pratic

Danieli); 3. Giulio Pestrin (Vc. Rivignano).

ALLIEVI

CORSA A PUNTI: 1. Alberto Nicodemo (GS

Caneva-Record Eliogea) punti 10; 2. Marco

Corrà (SC Fontanfredda) 8; 3. Stefano Spangaro

(Libertas-Pratic Danieli).

KEIRIN: 1. Dimitri Verardo (Sacilese-Euro 90);

2. Davide Morettin (Team Friuli sanvitese); 3.

Denis Milic (Team Isonzo-Pedale Ronchese)

Risultati

Juniores

Inseguimento: 1. Danilo Besagni

(Cadeo Lcm Area); 2. Stefano Grignani

(id); 3. Vito Salatiello (Stella

Alpina); 4. Simone Lolli (Calderara);

5. Marco Giornelli (Faentina);

6. Mattia Zoli (Calderara).

Corsa a punti: 1. Danilo Besagni

(Cadeo Lcm Area); 2. Mattia Zoli

(Calderara); 3. Vito Salatiello (Stella

Alpina); 4. Erik Massimiliani

(Cadeo Lcm Area); 5. Mario Borra

(id); 6. Alessandro Barattieri (id).

nella scratch Alessandro De

Cicco ha avuto la meglio sul

compagno di club Nicholas

Castellan.

Tra le ragazze, infine, la pujese

Silvia Cecchini ha vinto lo

Ordini di arrivo

Allievi

Inseguimento: 1. Hamza Dallagi

(S.Maria Codifiume); 2. Marco

Gardini (Torrile); 3. Matteo

Beghelli (Ceretolese); 4. Michele

Maggi (Pontenure 1957 – Zeppi);

5. Marco Mazzoni (id); 6. Enrico

Pritoni (Stella Alpina).

Corsa a punti: 1. Giovanni Belforti

(Pontenure 1957 - Zeppi); 2. Matteo

Calcagni (Cremonese 1891

- Arvedi); 3. Alberto Giuseppe

Grillo (S.Maria Codifiume); 4.

Matteo Gruppi (Biking Noceto); 5.

Michele Maggi (Pontenure 1957

scratch su Catherina Altobelli

e la tricolore Maila Andreotti

ha staccato di cinque

lunghezze la compagna di colori

Angela Bravin nella corsa

a punti.

JUNIORES

SCRATCH: 1. Alessandro De Cicco (Junior

team-Pmp Danieli); 2. Nicholas Castellan

(idem); 3. Luca Fort (Team Danieli-Neri).

Inseguimento A COPPIE: 1. Diego Santarossa-

Valentino Mezzavilla (Junior team Pmp Danieli)

3’40’21”; 2. Adriano Murero-Luca Fort (Gs.

Caneva-Team Danieli) 3’49’53”; 3. Nicholas

Castellan-Luca Cordaz (Junior team-Pmp

Danieli) 3’50”71. DONNE

SCRATCH: 1. Silvia Cecchini (La Pujese-

Uberco); 2. Catherina Altobelli (Team

Isonzo-Pieris); 3. Maila Andreaotti (La Pujese-

Uberco).

CORSA A PUNTI: 1. Maila Andreaotti (La

Pujese - Uberco); 2. Angela Bravin (idem); 3.

Catherina Altobelli (Team Isonzo-Pieris).

Emilia Romagna - Memorial Peter Cellere, seconda prova dei Boccioli di Rosa

Besagni grande protagonista

Il portacolori del GS Cadeo Lcm Area ha conquistato entrambe le prove

juniores. Belforti cade, ma vince lo stesso la corsa a punti tra gli allievi

- Zeppi); 6. Marco Devitis (Cremonese

1891 - Arvedi).

Esordienti

Eliminazione: 1. Cristian Pessina

(Torrile); 2. Andrea Delpoggetto

(id); 3. Andrea Cornacchione (id);

4. Mattia Rossi (id); 5. Matteo Vida

(id); 6. Filippo Fochi (id).

Corsa a punti Esordienti: 1. Andrea

Delpoggetto (Torrile); 2. Andrea

Cornacchione (id); 3. Guido

Magistrali (Pedale Castellano); 4.

Matteo Vida (Torrile); 5. Giovanni

Pedretti (Cremonese); 6. Michael

Centonze (Cadeo Lcm Area).


Friuli Venezia Giulia - 3° prova Master regionale della pista

PORDENONE (9/6) - Nella

terza prova del master regionale

della pista, ospitato al velodromo

Ottavio Bottecchia

di Pordenone dall’associazione

Amici della pista, il 9 giugno

si sono distinti Christian Facca

e Stefano Spangaro. Gli allievi

della Libertas Ceresetto,

infatti, hanno vinto sia l’inseguimento

a coppie che l’americana.

Gli altri successi portano

la firma dell’esordiente Seid

Lizde (Bosco di Orsago) nello

scratch e degli under 23 Marco

Gaggia, Riccardo Biasio e

Davide Cimolai (Marchiol Pasta

Montegrappa Heraclia Site

Liquigas) nella velocità a squadre.

La pioggia ha poi impedito

la conclusione del programma.

Giacinto Bevilacqua

Risultati

UNDER 23/JUNIORES

Velocità a squadre: 1. Marco

Gaggia-Riccardo Biasio-Davide

Cimolai (Marchiol Pasta

Montegrappa Heraclia Site

Liquigas); 2. Davide Cimolino-

Nicola Cecchini-Nicholas

Facca e Spangaro

coppia di classe

PISTA

I due allievi della Libertas Ceresetto hanno vinto sia l’inseguimento

che l’americana. Sugli scudi anche Gaggia e Cimolai

Castellan (Junior team Pmp

Industries Danieli); 3. Edoardo

Mattana-Erik Tomarelli-Andrea

Comuzzi (Caneva Record Eliogea);

4. Alessandro De Cicco-Christian

Gagno-Diego Santarossa (Junior

team Pmp Industries Danieli).

ALLIEVI

Inseguimento a coppie: 1. Stefano

Spangaro-Christian Facca

(Libertas Ceresetto); 2. Lorenzo

Trabucco-Enrico Salvador

(Fontanafredda Ugs Grimel);

3. Denis Milic-Simone Milani

(Pedale Ronchese); 4. Andrea

Carolo-Luca Cordazzo (Caneva

Record Imet 2M Decori).

Americana: 1. Stefano Spangaro-

Christian Facca (Libertas

Ceresetto); 2. Charly Petelin-

Pasquale Silvestri (Pasiano); 3.

Lazio - 3° riunione regionale sulla pista di Forano

Enrico Salvador-Lorenzo Trabucco

(Fontanafredda Ugs Grimel); 4.

Marco Ros - Alberto Nicodemo

(Caneva Record Eliogea).

Esordienti

Scratch: 1. Seid Lizde (Bosco

di Orsago); 2. Matteo Fabbro

(Libertas Gradisca); 3. Yuri

Pessotto (Bosco di Orsago);

4. Manuel Berton (Pasiano);

5. Lorenzo Nigris (Libertas

Ceresetto); 6. Francesco

Mezzavilla ( Libertas Gradisca).

GIOVANISSIMI

G5 scratch (fuori classifica): 1.

Francesco Gallo (Fontanafredda);

2. Mirko Azzalini (Sanfiorese);

3. Samuele Bozzetto (Sorgente

Pradipozzo); 4. Sasha Damonte

(Pedale Sanvitese); 5. Gregory

Nicodemus (Fontanafredda); 6.

Con l’omnium è spettacolo

Le prove erano riservate a juniores, allievi

ed esordienti. Svettano le ragazze della Guazzolini

di Giovanni Maialetti

FORANO (RI) (10/6) - Sull’anello del

velodromo comunale di Forano, si è

svolta la terza riunione regionale della

FCI del Lazio, riservata alle categorie

esordienti, allievi e juniores, maschili e

femminili e organizzata in modo impeccabile

dall’ASD Roma Sport Eventi di

Daniele De Petris. In programma le prove

esordienti, maschile e femminile di

velocità e eliminazione; quelle per allievi

(maschili e femminili) multipla di velocità,

corsa a punti eliminazione, inseguimento

a coppie sui 3 chilometri. infine

gli juniores anche loro con la prova di inseguimento

individuale sui tre chilometri

e la corsa a punti. Responsabile della

manifestazione Cllaudio Giacomi, direttore

di riunione Maurizio Spedicato,

La riunione molto interessante, ha messo

in evidenza la preparazione e potenzialità

dei protagonisti scesi in pista. Si

sono distinti, per la categoria esordienti,

Michael Capati, tra gli allievi Adriano

Lenti, negli juniores Simone Bonifazi.

In campo femminile si sono messe in

bella evidenza, Marika Bellotti, Chiara

Ciotoli, Emilia Frezza dell’UC Alatris

Toti Trans e Martina Tassoni (Costa de-

Denis De Vallier (Sanfiorese).

G5 corsa a punti (fuori classifica):

1. Samuele Bozzetto (Sorgente

Pradipozzo); 2. Mirko Azzalini

(Sanfiorese); 3. Sasha Damonte

(Pedale Sanvitese); 4. Denis De

Vallier (Sanfiorese); 5. Gregory

Nicodemus (Fontanafredda); 6.

Erica Rosalen (La Pujese).

G6 scratch (fuori classifica): 1.

Francesco Toffoli (Sanfiorese);

2. Andrea Corrocher (idem); 3.

Mattia Comacchio (Sorgente

Pradipozzo); 4. Matteo Fellet

(Sanfiorese); 5. Riccardo Valeri

(Sorgente Pradipozzo); 6. Alex

Borsoi (Sacilese).

G6 corsa a punti (fuori classifica):

1. Francesco Toffoli (Sanfiorese);

2. Alex Borsoi (Sacilese); 3.

Andrea Corrocher (Sanfiorese);

gli Etruschi). Al termine di una spettacolare

prova contro lo spazio-tempo, le

classifiche di merito e la cerimonia delle

premiazioni. Prossimo appuntamento, il

21/22 luglio, in palio le maglie del campionato

regionale.

Risultati

OMNIUM

Esordienti - velocità/eliminazione

1. Capati Michael (Team Bike Chiesa Nuova

Ri); 2. Sforza Alessandro (SS Lazio); 3. Rossi

Gabriele (UC Alatri Toti Trans).

Allievi - inseguimento individuale/gara

multipla

1. Lenti Adriano (ASD Guazzolini Coratti

Borgonuovo); 2. Caiola Emanule (ASD Sezze);

3. Andreozzi Alessandro (ASD Guazzolini

Coratti Borgonuovo).

Juniores - velocità/inseguimento individuale

1. Bonifazi Simone (ASD Montanini Telligraf

FRW); 2. Calanca Lorenzo (idem); 3.

Rutigliano Omar (ASD Aprilia Bike).

il Mondo del Ciclismo n.27

47


il Mondo del Ciclismo n.27

48

MOUNTAIN BIKE

BMX - 3° prova Circuito Italiano - 1° prova Campionato regionale umbro

PERUGIA - Il pubblico delle

grandi occasioni si è ritrovato

a Perugia per assistere alla terza

prova del Circuito italiano

di bmx, valevole anche come

prima prova del campionato

regionale umbro. Alla pista

di Pian di Massiano si sono

presentati 150 specialisti che

hanno dato vita ad una competizione

dall’alto valore tecnico.

L’ultima prova del circuito italiano,

in programma il 26 e il

27 settembre, si svolgerà ancora

nella pista perugina. A fine

gara anche la notizia Franco

Testi, patron della Testi Cicli

società organizzatrice della

manifestazione, è stato contattato

per realizzare a Perugia

una prova del Campionato

Europeo 2010.

La Testi Cicli ha affiancato

alla prova maggiore anche una

competizione promozionale

rivolta ai giovanissimi, per av-

Paiusco sempre

protagonista

Il veronese primo nella gara élite con la consueta sicurezza.

Doppietta di Piovesan, vincitore tra i master e i cruiser 17-39

vicinarli alla meravigliosa disciplina

del bmx.

Laura Proietti

CLASSIFICHE

G1-G2: 1. Edoardo Pintus (Bmx

Action Cremona); 2. Leonardo

Balbo (Bmx Creazzo); 3.

Giovanni Cosentino (Testi Cicli).

G3-G4: 1. Pietro Bertagnoli

(Team Bmx Verona); 2. Giacomo

Gargaglia (Testi Cicli); 3. Andrea

Annechini (Team Bmx Verona).

G5-G6: 1. Diego Verducci (Testi

Cicli); 2. Martti Sciortino (Bmx

Action Verona); 3. Andrea

Arbetti (Team Bmx Verona).

BMX - Quarta prova del Circuito Italiano

Cristofoli mattatore

nella classe regina

L’alfiere della ciclistica olgiatese ha vinto nelle

categorie èlite e juniores. Bravi anche Okoh e Furlan

SAN GIOVANNI LUPATOTO (VR)

(21/6) - In una giornata con un clima

ideale per gareggiare, ben 170 riders si

sono dati battaglia sul circuito alle porte

di Verona per la quarta prova del Circuito

Italiano BMX.

Sono risultati vincitori, nelle rispettive

categorie, Malaffo Enrico (BMX

Verona, G1-G2); Marco Butturini

(Ciclomania Racing, G3-G4); Federico

Cutrì, sempre del Team Ciclomania

Racing, tra i G5-G6. Il padrone di

casa Okoh Nicholas del BMX Libertas

Lupatotina, ha fatto il pieno tra gli

esordienti. dal canto suo Mattia Furlan

del BMX Creazzo è risultato primo

tra gli allievi, mentre nella classe

regina, élite e juniores, la vittoria è

Esordienti: 1. Nicholas

Okoh (Team Bmx P. Libertas

Lupatopina); 2. Gianluca

Nodari (Bmx Creazzo); 3.

Fabrizio Moretti (Bmx ciclistica

Olgiatese).

Allievi: 1. Luca Virdis; 2. Fabio

Antonelli (Team Bmx Verona); 3.

Tommaso Giustacchini (idem).

Junior: 1. Giacomo Fantoni

(Team Bmx Verona); 2. Francesco

Caiolotto (idem); 3. Marco

Pevarello (Scf Panther Boys

Padova).

Elite: 1. Mauro Paiusco (Team

Bmx Verona); 2. Roberto

Cristofoli (Bmx Ciclistica

andata a Roberto Cristofoli della Ciclistica

Olgiatese, il quale aveva stabilito anche

il miglior tempo nelle prove cronometrate

del sabato. Tra i Master ha fatto centro

Damiano Campedelli del Team BMX

Olgiatese); 3. Federico Ravizzini

(Bmx Action Cremona).

Master: 1. Piero Piovesan (Scf

Panther Boys Padova); 2. Elia

Nipoti (Bmx Ciclistica Olgiatese);

3. Matteo Caprarulo (Gs Bmx

Vigevano - La Sgommata).

Cruiser 17-39: 1. Piero Piovesan

(Scf Panther Boys Padova); 2.

Chelli Corsini (Team Bmx P.

Libertas Lupatopina); 3. Stefano

Balestracci (Vigore da Bomb).

Cruiser +40: 1. Jean Marcello Dos

Santos (Bmx Creazzo); 2. Franco

Giudici (Audace Sportiva Besnate

Asd); 3. Giovanni Tira (Bmx

Action Cremona).

Verona, mentre per la categorie Cruiser

sono risultati vincitori, Piero Piovesan

(Panther Boys Padova), Manlio Iaccarino

BMX Action Cremona) e Jean Marcelo

Dos Santos Passos (BMX Creazzo).

Pochi, ma agguerriti. i rappresentanti

della Audace Sportiva Besnate presenti a

questa prova; questi i loro risulltati:

CATEGORIA G1-G2: gli inseparabili

(fuori e dentro le piste) LOVATI Andrea

e Pinna Andrea hanno brillantemente

conquistato la finale A, classificandosi

rispettivamente ottavo e settimo.

CATEGORIA G3-G4 - Alessio Budelli

è riuscito a conqueistare la finale A, nonostante

qualche problema con i Giudici

di gara, terminando settimo, mentre

Marco Sarluca ha lottato fino alla

fine conquistando la finale B

CRUISER 40+ - Il miglior risultato

di giornata è venuto dal maestro di

MTB e Direttore Sportivo Giudici

Franco, che si è piazzato al secopndo

posto assoluto nella sua categoria.

L’Audace Sportiva Besnate da appuntamento

a tutti gli appassionati

per domenica 28 giugno a Besnate,

dove si svolgerà una gara promozionale

di BMX. F.C.


MOUNTAIN BIKE

Mtb - 7 a prova Veneto Cup, 10° GP Città di Conegliano, 2 a prova nazionale giovanile Tanti Bikers

di Francesco Coppola

COLLABRIGO (TV) (21/6)

- Vittoria del trevigiano Alessandro

Fontana (Forestale)

nella settima prova della Veneto

Cup abbinata al 10° GP

Città di Conegliano e alla seconda

gara nazionale giovanile

Tanti Bikers. L’esperto atleta

di Fregona, vincitore dell’edizione

del 2008, ha preceduto

Ivan Zulian e Giacomo Antonello

(Bike Pro) ed ha ottenuto

la seconda affermazione stagionale.

Vincitori delle altre

gare sono stati Chiara Campanelli

tra le Donne; Fabio

Ongaro tra gli juniores.

Tra i master sono emersi Zampese

(Sport), Zanier, Ingenito,

Zoppas, Bianco, Feltre. Alla

competizione, organizzata dal

Bike Team Conegliano, hanno

partecipato 350 concorrenti.

Ad aggiudicarsi la seconda

prova nazionale Tanti Bikers

sono stati Nicole Tovo, De-

SALGAREDA (TV) (21/6)

- Quarta affermazione della

stagione per il trevigiano di

Solighetto, Nicola Dalto, portacolori

della Cicli Olympia di

Piove di Sacco (Padova), nella

prima edizione dell’XC del

Piave svoltasi a Salgareda, in

provincia di Treviso. Alla competizione,

organizzata dagli

amici del Bike Tribe, diretti da

Mazzola e Serafin, hanno partecipato

300 concorrenti che

si sono dati battaglia in uno

scenario davvero suggestivo e

spettacolare. Il biker di Marino

Pizzo sin dalla prima delle

quattro tornate ha tenuto testa

con autorità agli attacchi

Mtb - 1° XC del Piave

Fontana, vince

l’esperienza

Il trevigiano ha bissato il successo dello scorso anno,

precedendo Zulian e Antonello. Grande successo

delle gare riservate a esordienti e allievi

nis Fumarola e Stefano Braidot

tra gli allievi, mentre tra

gli esordienti si sono affermati

Elia Marcuzzo e Rebecca Gariboldi

tra i concorrenti del

primo anno e Simone Samsa

ed Emily Corazzin, tra i secondo.

La riuscita manifestazione

è stata organizzata dal

Conegliano Bike Team con la

regia di Loris Tonello e di Luciano

Martellozzo.

Risultati

UOMINI

OPEN: 1. Alessandro Fontana

(Corpo Forestale dello Stato); 2.

Poker di Dalto

Il portacolori della Cicli Olympia ha preceduto

Zulian, primo tra gli under, e il compagno di squadra

Boschetto. Tra le donne colpo della Baccarin Uomini

degli avversari, per poi pigiare

sull’acceleratore e andare solo

all’arrivo. Dalto ha preceduto

Ivan Zulian (Bike Pro), risultato

primo tra gli under e il compagno

di squadra Daniel Boschetto.

Tra le donne, invece,

si è registrata la vittoria della

veneziana Sabrina Baccarin del

Bike Pro. Ha preceduto l’altra

veneziana Alessandra Teso e la

padovana Ilenia Lazzaro. Vincitori

delle altre categorie sono

stati Simone Piccoli, tra gli juniores;

Damiano Savi e Camilla

Semenzato; tra gli allievi Simone

Segat ed Emily Corrazin;

Andrea Rossi, tra gli Sport e

Ivan Galante, Alessandro In-

Ivan Zulian (Bike Pro); 3. Giacomo

Antonello (id). JUNIORES:

1. Fabio Ongaro (Cellina Bike); 2.

Igor Smarzaro (Arcobaleno Carraro);

3. Nicolò Ferrazzo (Club

2000). SPORT: 1. Fabio Zampese

(Bike Pro). M1: 1. Mauro Zanier

(Cellina Bike). M2: 1. Alessandro

Ingenito (Spezzotto). M3:

1. Flavio Zoppas (Vimotosport).

M4: 1. Moreno Bianco (Playlifesport).

M5: 1. Michele Feltre

(Spezzotto).

DONNE

OPEN: 1. Chiara Campanelli

(Sportyland); 2. Sabrina Baccarin

(Bike Pro); 3. Romina Ciprian

genito, Flavio Zoppas, Moreno

Bianco e Fabrizio Stefani, tra i

Master. Alla riuscita competizione

ha assistito, tra gli altri, il

Risultati

(Spezzotto).

Classifica Tanti Bikers.

UOMINI

ALLIEVI 1 ANNO: 1. Denis

Fumarola (KTM Dayco). ALLIEVI

2 ANNO: 1. Stefano Braidot (Caprivesi).

ESORDIENTI 1 ANNO:

1. Elia Marcuzzo (Conegliano

Bike). ESORDIENTI 2 ANNO: 1.

Simone Samsa (Caprivesi).

DONNE

ALLIEVE: 1. Nicole Tovo (Focus

Italia). ES 1 ANNO: 1. Rebecca

Gariboldi (Lissone Mtb).ES 2

ANNO: 1. Emily Corazzin (Mtb

Victoria Bike).

coordinatore nazionale del settore

cross della FCI, Igino Michieletto.

Francesco Coppola

OPEN: 1. Nicola Dalto (Cicli Olympia); 2. Ivan Zulian (Bike Pro)

1. Under; 3. Daniel Boschetto (Cicli Olympia). JUNIORES:

1. Simone Piccoli (Bike Tribe); 2. Orlando Sarto (Sorgente

Pradipozzo); 3. Andrea Casonato (Bike Tribe). ALLIEVI: 1.

Damiano Savi (Agordina); 2. Davide Nardei (Galvalux); 3. Luca

Minafra (Conegliano). ALLIEVE: 1. Camilla Semenzato (Libertas

Scorzè); 2. Sara Borrielo (Zero5); 3. Gloria Perocco (Victoria

Bike). ESORDIENTI: 1. Simone Segat (Victoria); 2. Nicolò

Zoppas (Conegliano); 3. Riccardo Scaggiante (Dopla). SPORT:

1. Andrea Rossi (Bike Pro). M1: 1. Ivan Galante (Bike Tribe).

M2: 1. Alessandro Ingenito (Spezzotto). M3: 1. Flavio Zoppas

(Vimotorsport). M4: 1. Moreno Bianco (Playlifesport). M5: 1.

Fabrizio Stefani (Team Performance).

Donne

OPEN: 1. Sabrina Baccarin (Bike Pro); 2. Alessandra Teso

(Perla Verde); 3. Ilenia Lazzaro (ADV). ESORDIENTI: 1. Emily

Corrazin (Victoria bike); 2. Erica Rosati (Agordina); 3. Giovanna

Michieletto (Libertas Scorzè).

il Mondo del Ciclismo n.27

49


il Mondo del Ciclismo n.27

50

MOUNTAIN BIKE

Mtb - 12° Trofeo Silvano Bianconi - Umbria Cross Country

di Laura Proietti

LAMA DI SAN GIUSTINO

(PG) (21/6) - E’ Federico Ricci

(Team Scott Pasquini) il

vincitore del 12° Trofeo Silvano

Bianconi, gara di cross

country organizzata a Lama

di San Giustino dal Bikeland

Team Bike 2003. Sul traguardo

il corridore del team toscano

ha preceduto il compagno

di squadra Vega Burzi e il portacolori

della società organizzatrice

Matteo Donati. Tra le

donne successo a braccia alzate

per Romina Perugini (Bikeland

Team Bike 2003), che ha

battuto per distacco Monika

Vosse (Gsd Bike) e Samanta

Goti (Team Scott Pasquini).

La gara era valida anche come

ultima prova dell’Umbria

Cross Country, che ha assegnato

le maglie di campioni

regionale di specialità.

Risultati

DONNE: 1. Romina Perugini

(Bikeland Team Bike 2003); 2.

Monika Vosse (Gsd Bike); 3. Samanta

Goti (Aics Scott Pasquini).

UOMINI

Elite Under 23: 1. Moreno Giannini

(Gs Esercito); 2. Leonardo

Chieruzzi (Gs Avis Amelia).

Juniores: 1. Leonardo Caracciolo

(Sc Centro Bici Team Terni);

2. Riccardo Ridolfi (Mtb Club

Spoleto).

Giovani: 1. Lorenzo Pigliacampo

(Crazy Bike); 2. Antonio Macculi

(Gs Pianello Cicli Cingolani); 3.

Ricci e Perugini

vanno a bersaglio

Il toscano ha preceduto il compagno di squadra Burzi e Donati.

Assegnate anche le undici maglie di campioni regionali

Riccardo Costantini (idem).

Master Sport: 1. Federico Ricci

(Team Scott Pasquini); 2. Riccardo

Graziotti (Aics Scott Pasquini);

3. Riccardo Caneschi (Team Scott

Pasquini).

Master 1: 1. Vega Burzi (Team

Scott Pasquini); 2. Matteo Donati

(Bikeland Team Bike 2003); 3.

Massimo Cheli (Cicli Effe-Effe).

Master 2: 1. Cabbirio Capati

(Scuola Mtb Montefiascone); 2.

Diego Franceschini (Cicli Effe-

Effe); 3. Michele Albiani.

Master 3: 1. Sauro Rinaldini

SOPRA, LA PARTENZA; SOTTO, I CAMPIONI REGIONALI

(Bikeland Team Bike 2003); 2.

Luca Agostinelli (Uc Petrignano);

3. Daniele Bondi (Bikeland Team

Bike 2003).

Master 4: 1. Alessandro Camaiti

(Team Scott Pasquini); 2. Paolo

Stella (Team Monarca Trevi); 3.

Marino Tucci (Aics Scott Pasquini).

Master 5: 1. Massimo Burzi (Team

Scott Pasquini); 2. Paolo Stella

(Team Monarca Trevi); 3. Marino

Tucci (Aics Scott Pasquini).

Master 6 e oltre: 1. Mauro Vigna

(Bikeland Team Bike 2003); 2.

Galeano Cesaretti (Ct Massa

Martana); 3. Giampiero Salvatori

(Ruota Libera).

Campioni regionali

cross country 2009

DONNE

Romina Perugini (Bikeland Team

Bike 2003).

UOMINI

Elite/Under 23: Leonardo Chieruzzi

(Gs Avis Amelia).

Juniores: Leonardo Caracciolo (Sc

Centro Bici Team Terni).

Giovani: Marco Fabiani (Mtb

Club Spoleto)

Master Sport: Simone Grilli (Gs

Avis Amelia).

Master 1: Emanuele Ciarletti

(Team Monarca Trevi).

Master 2: Stefano Conti (Testi

Cicli).

Master 3: Marco Gorietti (Uc

Petrignano).

Master 4: Sandro Birocchi (Ct

Massa Martana).

Master 5: Paolo Stella (Team

Monarca Trevi).

Master 6 e oltre: Mauro Vigna

(Bikeland Team Bike 2003).


Mountain Bike - Acid Mtb Race, Top Class Cross country

di Giacinto Bevilacqua

AVIANO (PN) (14/6) - L’udinese

David Bevilacqua ha vinto

l’Acid Mtb Race, gara top

class di cross country organizzata

a Visinai di Aviano dall’Acido

Lattico team in collaborazione

con l’Ornedo Sport.

Il master sport della Kicosys

Cussigh Bike ha praticamente

fatto corsa a sé, staccando

nettamente tutti gli altri concorrenti.

Il percorso, sul quale

si sono cimentati ben 172 concorrenti,

consisteva in quattro

giri di un circuito collinare di

sette chilometri con tratti di

discesa tecnica ed impegnativa

per un dislivello di circa

300 metri. Il caldo e la durezza

del percorso sul Colle San

Giorgio hanno provocato una

severa selezione fin dall’inizio.

L’Acid Mtb Race era valida

anche quale prova unica

del campionato provinciale di

Pordenone. I titoli sono andati

a Marco Gava (Esordienti),

MOUNTAIN BIKE

Bevilacqua, corsa a sé

Netta affermazione del biker udinese all’attacco fin dalle prime

rampe. La ga era valida come prova unica del campionato

provinciale di Pordenone

Andrea Lodola (Allievi), Fabio

Ongaro (Juniores), Giuseppe

Vian (Elite), Paola Maniago

(Donne), Mauro Zanier (Master

1), Sergio Giuseppin (Master

2), Massimo Marcon (Master

3), Vito Petrucco (Master

4), Giorgio Del Fabbro (Master

5), Gianalberto Del Zotto

(Master 6), Marco Zanier

(Sportmaster).

Risultati e classifiche

Assoluta: 1. David Bevilacqua (Kicosys)

in 1h33’48”; 2. Massimiliano

Dionisi a 1’06”; 3. Manuel Moro

(Kicosys) a 1’15”; 4. Mauro Zanier

(Cellina bike) a 1’22”; 5. Tiziano

Carraro (Team Pamini) a 2’36”.

Open: 1. Tiziano Carraro (Team

Pamini); 2. Alessio Mattiuzzo

(Bianchin Marchiol Pizzolon); 3.

Gabriele Brun (Kicosys Cussigh).

Juniores: 1. Fabio Ongaro (Cellina

bike); 2. Simone Stefanutto (Sportyland).

Allievi: 1. Federico Nocent (Caprivesi);

2. Francesco Bregant (idem);

3. Xavier Calligaris (idem).

Esordienti: 1. Simone Samsa (Caprivesi);

2. Moreno Pellizzon (idem); 3.

Massimo Sartori (idem).

Master 1: 1. Mauro Zanier (Cellina

bike); 2. Federico Ciani (Caprivesi);

3) Alessio Illi (Pedali di Marca).

Master 2: 1) Sergio Giuseppin

(Delizia Bike); 2) Mauro Margonari

(Team Carpentari); 3. Gianmarco

Gorini (Rampi Club).

Master 3: 1. Massimiliano Dionisi

(Offlimit); 2. Marco Castrignanò

(Vivibike Ideal); 3. Massimo Mar-

con (Bike team 53.3).

Master 4: 1, Roberto Ambrosi

(Rampi club); 2) Vito Petrucco (Acido

lattico team); 3. Paolo Salvatore

Albano (Pedale Tarvisano).

Master 5: 1. Michele Feltre (Spezzotto);

2. Giorgio Del Fabbro (Bike

team); 3. Daniele Formenton (Team

Performance).

Master 6-7: 1. Gianalberto Del

Zotto (Bandiziol Squadra corse); 2.

Loris Zorzetto (Rampi Club); 3. Alfio

Del Colle (Polisportiva Trivium).

Donne: 1. Paola Maniago (Acido

lattico); 2. Antonella Incristi (Kicosys

Cussigh); 3) Samira Todone

(Caprivesi).

Sportmaster: 1. David Bevilacqua

(Kicosys); 2. Manuel Moro

(idem); 3. Flavio Vogrig (Team

Hogeberg).

REDAZIONALE A PAGAMENTO

Tre pedalate per salutare il Tour in Valle d’Aosta

Durante i giorni che precedono la tappa valdostana

del Tour de France del 21 luglio

“étapes haute montagne”, l’assessorato al

Turismo della regione Autonoma Valle d’Aosta, in

collaborazione con le Società Sportive ASD CI-

CLI BENATO E ASD AQUILE, organizzerà tre

eventi cicloturistici gratuiti aperti a tutti i ciclisti.

Lo scopo è quello di proporre un percorso di

avvicinamento alla tappa valdostana e creare

il giusto clima di passione sportiva.

L’occasione sarà favorevole per accompagnare

sui classici percorsi della Valle solitamente frequentati

dai molti ciclisti locali, gli sportivi che

sceglieranno di trascorrere il week-end in Valle

d’Aosta e attendere quella che si annuncia una

delle ultime tappe per attaccare la maglia gialla

sulla salita finale del Piccolo San Bernardo.

1) SABATO 18 LUGLIO: GIRO DEI CINQUE

CASTELLI - La pedalata sarà di circa 60 km su un

percorso dove le salite e le discese si alterneranno

in rapida successione, ma mai eccessivamente impegnative.

La partenza e l’arrivo avverrà dalla piazza

centrale della città di Aosta, Piazza Chanoux.

Lo start alle 9 del mattino. Il tracciato toccherà

i paesi che danno il loro nome ai Castelli Sarre,

Saint Pierre, Aymavylles, Fenis, Saint Cristophe.

2) DOMENICA 19 LUGLIO: SULLE STR ADE

DI MAURICE GARIN - Questa pedalata avrà

un forte sapore simbolico grazie alla commemorazione

di Maurice Garin, il primo vincitore del

Tour nel 1903, ma anche di due edizioni della

Parigi-Roubaix. Solo grazie all’appassionato cicloamatore

valdostano Franco Cuaz, già dirigente

di importanti aziende pubbliche e oggi felice

pensionato autore di libri ciclistici, si è scoperto e

documentato solo pochi anni fa che Garin vinse da

cittadino italiano, equivocando sulla sua residenza

che era allora in Francia per motivi di lavoro.

Si partirà da Arvier, il paese nativo di Garin, a

pochi chilometri dalla strada statale che collega

Aosta a Courmayeur. Facile e comodo

il parcheggio nel centro del piccolo paese.

Impedibile il buffet finale offerto dalla amministrazione

comunale per salutare i ciclisti che avranno

reso omaggio al loro famoso concittadino.

Il percorso sarà di 55 km e la partenza verrà

ritardata alle 17 per rendere possibile di partecipare

alle funzioni officiate da Papa Benedetto

XVI a pochi chilometri dal percorso

Si salirà verso il col d’Introd, 650 m. di altitudine,

per scendere verso Villeneuve, La Salle, Leverogne.

3) LUNEDI’ 20 LUGLIO: LA BALCONATA

VALDOSTANA - La partenza sarà ancora da

Piazza Chanoux ad Aosta alle 16.45. Il percorso

di 55 km sarà moderatamente impegnativo e

adatto a tutti i ciclisti. Le strade che si percorreranno

sono a bassa frequenza di traffico e usate

abitualmente dai ciclisti valdostani anche per la

bellezza del paesaggio, quasi costantemente in

mezza costa con la valle di Aosta sempre ben visibile.

La direzione è verso Valpelline e la strada

che porta al Gran San Bernardo. L’orario d’arrivo

è stato previsto in funzione dell’incontro con

il noto fotografo Fabrizio Delmati, con una sua

mostra fotografica in visione dall’11 luglio presso

la sede della Finaosta (Palazzo Finaosta, via Festaz

22 Aosta). Lunedì sera alle 19 Delmati, col

supporto del giornalista Beppe Conti, inviato del

ciclismo per il quotidiano Tuttosport, racconterà

le storie e gli aneddoti successi in oltre venti anni

di carriera. L’incontro si svolgerà dalle 19 presso

il Wine bar Ad Forum, piazza Cattedrale, Aosta.

Gli eventi si svolgeranno sotto l’egida

della Federazione Ciclistica.

Info: ASD CICLI BENATO 0165 99131

- ASD AQUILE 338 2542495

Natale Dodaro (presidente regionale federale)

347 9001835 - 335 6422216.

il Mondo del Ciclismo n.27

51


Mountain Bike - VI Trofeo Città dei Papi - Campionato regionale del Lazio

di Giovanni Maialetti

ANAGNI (FR) (14/6) - Una

moltitudine di bikers del Lazio

e del Centro Italia, hanno

onorato lo sport e lo spettacolo,

partecipando alla prestigiosa

VI Edizione Trofeo MTB

Città dei Papi, gara valida anche

come prova unica del campionato

regionale di mountain

bike 2009. Ad organizzare

l’evento, il Team U.C. Anagni

Cicli Nereggi sotto la regia dell’impareggiabile

di Fabio Quattrocchi

in collaborazione con

Amedeo Cardinali. La partenza

alle ore 9,30 dalla famosa

Porta Cerere di Anagni, in gara

oltre 300 bikers. Dopo il via

ufficiale, prende subito il comando

della corsa il fuoriclasse

Massimo Folcarelli campione

del mondo Master, un autentico

“motore Ferrari” che in breve

fa differenza, stacca tutti e

in solitaria si aggiudica la prestigiosa

corsa e il titolo regio-

MOUNTAIN BIKE

Folcarelli travolgente

Fa sua la corsa e la maglia della categoria M2.

Gli atleti della AS Roma ciclismo conquistano quattro titoli

nale nella categoria Master/2.

Dietro il vincitore la contesa

è esaltante, grazie alla performance

degli agonisti giallorossi

della Roma, Gatti, Concordia,

Spadaccia e, nelle donne élite

con la campionessa Sabrina Di

Lorenzo. Non da meno la prova

dei Master campioni italiani

Mirtelli e Capponi, Grassi (Pro

Bike), Pensiero (Formia MTB),

Cappelli (Fun Bike) e l’intramontabile

Giuseppe Zamparini,

i primi dieci classificati.

Nelle categorie giovanili conferme

vincenti di : Emanuela

Di Lorenzo (Donne Esordienti);

Baranov Gleb (Esordienti 1°

anno :);: Capati Eros (Esordienti

2° anno);: Pomponi Valerio

(Allievi). Tra le ragazzze bra-

Mountain Bike - Promenado Bike 2009

Melardi precede Deho

vissime Maria Adele Tuja (Cicli

Montanini); Federica Colaguori

(ASD Green Riders); Barbara

Pizzuti (Ciociaria Bike). Nei

Master applaudite le vittorie di

Fabio Quattrocchi, Mario Capoccia,

Enrico Rizzi, Vittorio

Emili, Kevin Morini. Al termine

della gara la cerimonia delle

premiazioni e vestizione nuovi

campioni regionali di MTB

2009 F.C.I. Lazio.

I campioni regionali

UOMINI

Elite: Gatti Giovanni (AS Roma

Ciclismo); Under23: Spadaccia

Marco (AS Roma Ciclismo);

Allievi: Pomponi Valerio (U.C.

Anagni Cicli Nereggi); Esordienti

1 anno: Baranov Gleb (Grotte

Nel finale l’alfiere del Giai Team allunga deciso e stacca

il rivale di oltre 40”. La Gasparini prima tra le donne.

Solavaggione e Paola Colombaro nella medio fondo

VINADIO (CN) (14/6) - La quarta edizione

della Promenado Bike dei Forti Albertini,

con partenza ed arrivo nel monumentale

edificio di Vinadio, vedeva allo

starter oltre 640 bikers. A distanza di una

sola settimana Fabrizio Melardi del Giai

Team ripeteva l’exploit della Rampignado,

precedendo il gran favorito Marzio

Deho (Cicli Olympia), l’ex professionista

della strada Marco Osella del Team

Brondello MTB, Marco Zappa dello Staff

Bike 2000 e Renato Reinaudo del Silmax

Amd Merida.

La gran fondo organizzata dalla Valle

Stura Sport di Demonte vedeva subito

in prima fila Fabrizio Melardi, insieme

a Deho, Osella, Zappa, Reinaudo e Martucci.

Un incidente meccanico fermava

Martucci, mentre Melardi e Deho resta-

no al comando con Zappa a ruota. Il terzetto

affronta la rampa di Bergemoletto

con Osella all’inseguimento. Nel fondovalle

Deho e Melardi formano la coppia

di testa, e, da Aisone verso Vinadio, Merlardi,

memore del finale 2008 quando era

superato allo sprint da Milan, preferisce

la soluzione di forza. Precede Deho, Osella,

Zappa, Reinaudo e Massimino.

Roberta Gasparini prevaleva nelle donne,

Fabrizio Solavaggione e Paola Colombaro

nella medio fondo, Alberto Sobrero

era leader dei cicloturisti, il trofeo nazionale

riservato alle Interforze è stato vinto

dal valdostano Erik Del Degan (Vigili del

Fuoco); un altro valdostano, Furio Sarravalle,

giunto secondo alla granfondo di

sci nordico Promenado della Valle Stura

del gennaio scorso, conquistava la Com-

di Castro); Esordienti 2 anno:

Capati Eros (idem); M/J: Morini

Kevin (Grotte di Castro); M/S:

Pensiero Giovanni (MTB Formia);

MWomen: Pizzuti Barbara

(Ciociaria Bike); M1: Mirtelli

Angelo (Pro Bike Riding Team

Roma); M2 : Folcarelli Massimo

(idem); M3: Grassi Zefferino

(idem); M4: Zamparini Giuseppe

(ASD Cicli Montanini T. Frw); M5:

Quattrocchi Fabio (U.C. Anagni

Cicli Nereggi); M6: Capoccia

Mario (ATL. MTB Monterotondo);

Rizzi Enrico (Fun Bike); Emili

Vittorio (GS Elettrofonteiana).

DONNE

Elite : Di Lorenzo Sabrina (AS

Roma Ciclismo ); Esordienti: Di

Lorenzo Emanuela (AS Roma

Ciclismo);

binata. La prima Minipromenado-Bike,

svoltasi all’interno delle mura del forte,

ha coinvolto oltre 50 giovani bikers dai 4

ai 14 anni. Giuseppe Callipo

Risultati e classifiche

ASSOLUTA MASCHILE: 1. Fabrizio

Melardi Giai Team) in 1h59’04’2; 2. Marzio

Deho (Cicli Olimpia) a 46”; 3. Marco Osella

(Brondello MTB) a 49”; 4. Marco Zappa

(Staff Bike 2000) a 5 15”; 5. Renato Reinaudo

(Silmax Amd Merida) a 7’08; 6. Massimino

a 10’20”; 7. Rostagno a 10’27”; 8. Peretto a

11’36”; 9. Rostagno a 11’41”; 10. Arnaudo a

12’30”.

ASSOLUTA FEMMINILE: 1. Roberta

Gasparini (KTM-Dayco Asd) in 2h35’15’2; 2.

Alessia Ghezzo (Torpado 4US) in 2h35’24’3;

3. Katia Tomatis (Valmaira Sport) in

2h44’10’4; 4. Denise Avalle (Bisalta MTB)

in 2h50’18’5; 5. Sara Vittoria Brancati (Giai

Team) in 2h52’37’.

MEDIOFONDO MASCHILE: 1. Fabrizio

Solavaggione (Sport Club Vigorardens) 1h

20’27”; 2. Luca Canotti (Cicli Colomba) a 3’37”;

3. Ermanno Gasbarro (Cicli Giordano) a 3’37”;

4. Marco Rasetti (Cicli Giordano) a 5’34”; 5.

Luca Colomba (Cicli Colomba) a 7’06”.

il Mondo del Ciclismo n.27

53


il Mondo del Ciclismo n.27

54

ATTIVITÀ GIOVANILE

Allievi Trentino - 34 a Coppa Amos Costa, Memorial Cescato, campionato provinciale

VILLA AGNEDO (TN) (17/5)

- Uno a uno e palla al centro. E’

questo l’esito finale dello sportivo

confronto tra il noneso

della Liquigas Lago Rosso, Simone

Comparetto, e Stefano

Nardelli (Us Monteocorna),

che hanno animato il terzo

weekend di maggio. Nardelli

infatti, dopo aver messo tutti

in riga (Comparetto per primo)

in occasione del campionato

provinciale a cronometro di

sabato 16 maggio, domenica 17

si è dovuto inchinare di fronte

alla superiorità del corridore

della Val di Non, che ha vestito

la maglia di campione provinciale

al termine della prova

su strada (la 34a edizione della

“Coppa Amos Costa - Memorial

Cescato”) organizzata

a Villa Agnedo (Valsugana) dal

Veloce Club Borgo di “patron”

Stefano Casagranda, ex profes-

Lazio - A Valmontone e Anagni

XXIX Trofeo Angela

e Anselmo Zanon

VIII Memorial R. Grano

Coppa di Primavera

VALMONTONE (RM)

(24/5) - Festa del ciclismo a

Valmontone. La manifestazione

è stata ottimamente

organizzata dal Team ASD

Margherita di Lariano (resp.

le Francesco Caliciotti) con

il patrocinio del Comune di

Valmontone. Al nastro di

partenza una selezione di 34

allievi in rappresentanza di

società di Lazio e Campania.

Ad assistere numeroso

pubblico. Primo giro gruppo

compatto, si procede sotto

un sole implacabile, si soffre

molto. Nel secondo giro,

prime selezioni: al comando

i migliori con Lenti, Sterbini,

Zeppieri, Pascazi, Cervoni e

Romano, il gruppo molto allungato

segue a oltre un minuto.

La svolta della corsa nel

finale di gara. Allungo imperioso

del tandem Lenti-Ster-

Comparetto anticipa tutti

sionista delle due ruote.

Un successo arrivato grazie ad

uno scatto “taglia gambe” nel

finale, sulla salita di 700 metri

posta al termine dei duri e selettivi

55 km di corsa (sugli oltre

50 partenti, solo 18 hanno

tagliato il traguardo), distribuiti

su 5 giri da 11 km ciascuno.

Una gara che, dopo una prima

tornata di studio, è subito entrata

nel vivo, sulla spinta del

portacolori dell’Us Aurora Petrolvilla

Alessio Larentis, che

nel secondo giro prende subito

il largo e guadagna oltre un

minuto sul gruppo, che sembra

lasciarlo fare.

Per ristabilire l’equilibrio della

corsa, infatti, dovranno essere

gli attesi protagonisti di

giornata a mettersi in gioco in

prima persona, con gli specia-

Lenti e Chianese sugli scudi

bini (future promesse), che

staccano tutti e concludono

in volata, vinta dal velocista

Adriano Lenti (ASD Guazzolini-Coratti-Borgonuovo)

sull’indomabile Simone

Sterbini (GS Borgonuovo

Cambi Edilizia). G.M.

ORDINE DI ARRIVO - 1. Lenti

Adriano (ASD Guazzolini-

Coratti-Borgonuovo) km 71 in

1h50’, media 38,727; 2. Sterbini

Simone (G.S. Borgonuovo Cambi

Edilizia) s.t.; 3. Cervoni Mattia

(Cycling Team Vigili del Fuoco)

a 40”; 4. Romano Matteo (A.S. -

G.S. Auriemma Cycling) a 1’50”;

5. Pascazi Matteo (Cycling Team

Vigili del Fuoco) s.t.; 6. Zeppieri;

7. Colarossi; 8. Frezza; 9. Zullo;

10. Ciorano.

Piano Solidale Centro

Sud Mem. Nereggi, Coppa

Zangrilli, 3° Tr. Cardinali

ANAGNI (FR) - Spettacola-

listi degli arrivi in salita Philippe

Chini (Us Aurora) e Stefano

Nardelli (Us Montecorona,

“gasato” dal successo a cronometro

del giorno precedente).

Il gruppo tiene a bagnomaria

Larentis fino al quarto giro,

con il portacolori della Liquigas

Lago Rosso Mattia Dell’Eva

a svegliare la sonnolenta carovana,

prontamente riportata

sul battistrada. A quel punto,

ci prova Nico Miotti prima

e la coppia Nardelli-Chini poi

(francobollati l’un l’altro praticamente

per tutto il corso della

gara), ma l’attenzione è massima

e la situazione non sfugge

di mano al plotone, che rimane

compatto fino all’imbocco

della salita conclusiva di 700

metri.

Proprio lì, mentre Nardelli e

re gara ciclistica ad Anagni

in occasione della prova del

“Piano Solidale Centro Sud”,

riservata alla categoria allievi.

Ad organizzare l’evento

lo storico Team U.C. Anagni

Cicli Nereggi di Anagni (responsabili

Amedeo Cardinali

e Luigi Nereggi).

Dopo alcuni giri il GPM fissato

sulla sommità di Anagni

viene aggiudicato dal

forte atleta capitolino Valerio

Conti della Guazzolini-

Coratti. Durante la lunga discesa

che porta a fondo valle,

il gruppo si ricompatta all’altezza

della Contrada di Tufano.

Il finale molto vivace è

alimentato da un plotone di

circa 30 unità. Volata conclusiva

con l’ennesima conferma

vincente del velocista

campano Marco Chianese

(Pianura Eldo Visconti) che

supera alla sprint il tenace

Chini si marcano a vicenda,

prende vita il deciso attacco di

Simone Comparetto, poi bravo

a resistere al poderoso ritorno

di Nardelli ed a mantenere

quella mezza ruota di vantaggio

che gli permetterà di conquistare

vittoria di giornata e

maglia di campione provinciale

allievi. Luca Franchini

ORDINE D’ARRIVO - 1. Simone

Comparetto (Liquigas Lago

Rosso), km 55 in 1h35’18”, media

34,63; 2. Stefano Nardelli (Us

Montecorona); 3. Philippe Chini

(Us Aurora); 4. Michele Campi

(Us Aurora); 5. Gianni Moscon

(Uc Valle di Non); 6. Alessio

Larentis (Us Aurora); 7. Michele

Santini (Ciclistica Dro); 8.

Stefano Barchetti (Us Aurora); 9.

Francesco Santini (Ciclistica Dro);

10. Francesco Rosa (Us Aurora.

ed indomabile Valerio Conti(Guazzolini-Coratti-Borgonuovo).

Al termine la cerimonia

delle premiazioni,

onorate dalla presenza del

presidente federale Renato

Di Rocco, del vice Giovanni

Duci, del referente del Piano

Solidale, Adriano Meloni,

del presidente del CRL,

Angelo Caliciotti, e del presidente

del C.P. di Frosinone,

Angelo Courrier. G.M.

ORDINE DI ARRIVO - 1.

Chianese Marco (Pianura Eldo

Visconti), km 63 in 1h50’00”,

media 35,330; 2. Conti Valerio

(ASD Guazzolini Coratti

Borgonuovo); 3. Falco Domenico

(Pianura Eldo Visconti); 4.

Silvestre Carlo (ASD Imperiale

Grumese); 5. Lenti Adriano (ASD

GUazzolini Coratti Borgonuovo);

6. Genovese; 7. Sodano; 8.

Saldamarco; 9. Lazzaro; 10.

Zeppieri.


Allievi e Esordienti Emilia Romagna - Nelle gare di maggio e giugno

Trofeo Circolo Arci

LESIGNANA (24/5) - Prima

stagionale per Sara Ferrari

(donne esordienti) che ha

ottenuto un successo doppio,

indossando anche la maglia di

campionessa provinciale modenese

a Lesignana nella gara

d’apertura del Trofeo Circolo

Arci, organizzata dall’attivissima

U.C. Sozzigalli Cem.

Tra le allieve invece vittoria

assoluta della toscana Pierattini,

con l’atleta di casa Alessia

Fantoni (U.C. Sozzigalli Cem)

che ha concluso al settimo posto

conquistando la maglia del

provinciale su strada. E.G.

ORDINI D’ARRIVO -

ESORDIENTI: 1. Sara Ferrari

(A.C. Serramazzoni); 2. Luisa

Zenna (Tonino Lamborghini

Bo); 3. Natascia Grilli (idem) a

24”; 4. Eleonora Morelli (Ped.

Azzurro RA); 5. Alessadra Fucini

(S.C. Olimpia). ALLIEVE: 1.

Selene Pierattini (S.C. Vaianao);

2. Monica Casali (V.C. Fidenza);

3. Dalia Muccioli (Sidermec Rn);

4. Sara Ciampi (Ponte a Egola); 5.

Anna Fedrigo (U.C. Cordioli Vr).

G.P.A.M. Trofeo Arletti

Pavimentazioni

MALDERA A MODENA

(31/5) - Hanno preso il via ben

cento allievi alla classica organizzata

dalla S.C. Fausto Coppi

Gino Nasi. La corsa valida

per il G.P.A.M. Trofeo Arletti

Pavimentazioni è stata decisa

da una fuga di un drappello di

nove unità. Sulla prima scalata

del Levizzano il drappello si

frazionava e sul GPM transitavano

nell’ordine Trevisi, Maldera

e Bicelli, mentre sul secondo

GPM si avvantaggiava

un terzetto composto da Maldera,

Bicelli e Ciccone, nell’ordine.

I tre trovavano un buon

accordo con un vantaggio di

oltre 1’ sul gruppo e sotto lo

striscione d’arrivo era il faentino

Maldera che andava a conquistare

il suo primo successo

stagionale, mentre il ferrarese

Ciccone, vittima di una caduta

ai 300 mt, riusciva a salire sul

terzo gradino del podio. E.G.

ORDINE D’ARRIVO - 1. Lorenzo

Maldera (S.C. Faentina) km 61 in

1h38’, media 37,076; 2. Michele

Bicelli (G.S. Sprint Ghedi Bs); 3.

Gerardo Ciccone (G.S. S. Maria

Codifiume Fe) a 33”; 4. Hamza

Dallagi (idem) a 1’10”; 5. Marco

Pretolani (S.C. Baracca Ra); 6.

Bravi; 7. Evseev; 8. Malucelli; 9.

Lucchese; 10. Bertoni.

Campionato Regionale

VILLA VERUCCHIO (RN)

- Luca Pacioni, diciassettenne

portacolori della Fiumicinese

Fait Adriatica, bissa il successo

dello scorso anno e si riconferma

campione regionale allievi.

Ben dotato tecnicamente,

valido sia in pista che su strada,

il pupillo di Oscar Zamagni

e Tonino Buda porta alla

casa madre l’ennesima maglia

della sua pur breve ma convincente

carriera. Undici successi

stagionali la dicono lunga sulla

bontà di questo ragazzo che,

deluso dalle sorti della cronometro

tricolore del giorno prima

- fermato da un guaio meccanico

- si è riscattato sulla

malasorte nonostante una caduta

nelle fasi conclusive che

lo avrebbe potuto penalizzare.

Sotto gli occhi attenti di Davide

Bonetti (selezionatore regionale

allievi) e Davide Balboni

(presidente Crer), e con

la regia organizzativa di Viner

Pedale Riminese, 126 concorrenti

si sono messi in gioco

per superarsi nell’ambitissimo

titolo regionale. L’azione decisiva

a sette/otto chilometri

dall’arrivo è proposta da Ferri

(Calcara) raggiunto da Terenzi

e Pretolani. Sul terzetto, come

falchi, piombavano anche Serri,

Mazzotti, Bertoni e Pacioni,

che pur scivolando a terra trovava

la forza di rialzarsi e vincere

su compagni ed avversari

braccia al cielo.

ORDINE D’ARRIVO - 1.

Luca Pacioni (Fiumicinese

Fait Adriatica) km 74, media

38,497; 2. Mattia Terenzi (idem);

3. Gianmarco Serri (Viner

Terranova Pedale Riminese); 4.

Marco Pretolani (Sc Baracca);

5. Davide Mazzotti (Viner

Terranova Pedale Riminese); 6.

Bertoni; 7. Bravi a 14”; 8. Goldoni

a 16”; 9. Malucelli a 18”; 10.

Grechi.

18° Mem. Ermanno Mioli

VILLA FONTANA DI ME-

DICINA (7/6) - Una intera

domenica di corsa, al mattino

gli esordienti e al pomeriggio

gli allievi con una partecipazione

straordinaria. Tre corse

che hanno premiato tre plurivittoriosi

bolognesi, il tredicenne

Francesco Messieri

(Sport Reno Team Bologna), il

quattordicenne Simone Manfredi

e il sedicenne Gianmarco

Goldoni, entrambi dell’Unione

ATTIVITÀ GIOVANILE

Pacioni si conferma campione

PACIONI A VILLA VERUCCHIO (FOTO RIQUADRI)

Sportiva Calcara, il sodalizio

che si è aggiudicato, come nello

scorso anno, il trofeo dedicato

ad Ermanno Mioli.

A metà gara dei primo anno

allungano in tre e vanno al traguardo

con il gruppo che sopraggiunge

alle loro spalle, un

testa a testa fra Messieri e Fortunato.

Partono gli esordienti

2° anno, una corsa più controllata

la loro, una volata di gruppo

e il corridore tascabile in

verde blu Manfredi continua

a mietere successi. Tocca agli

allievi, partono in 158 ed è subito

bagarre ma il gruppo non

da disco verde. Batti e ribatti, a

dieci chilometri dal traguardo

se ne vanno in sei, è fatta. Goldoni

si ricorda del suo passato

di velocista e dà due biciclette

a tutti. G.B.

ORDINI D’ARRIVO - ES I ANNO:

1. Francesco Messieris (Sport

Reno Team) km 30 media km

37,500; 2. Lorenzo Fortunato (SC

San Lazzaro); 3. Francesco Gozzoli

(Sidermec Riviera); 4. Matteo

Verasani (Ceretolese 1960) a 2”; 5.

Tommaso Guarniero (US Calcara).

ES II ANNO: 1. Simone Manfredi

(US Calcara) km 38 media

35,625; 2. Andrea Cornacchione

(Pol. Torrile); 3. Marco Piazzi

(Sport Reno Team); 4. Matteo

Tano (Santerno Fabbi Imola); 5.

Matteo Bazzani (Pol. Pavullese).

ESORDIENTI DONNE: 1. Luisa

Senna (Tonino Lamborghini Mac

Team); 2. Natasha Grillo (idem); 3.

Sara Ferrari (AC Serramazzoni).

ALLIEVI: 1. Gianmarco Goldoni

(US Calcara) km 68 media km

39,086; 2. Mattia Terenzi (Pol.

Fiumicinese Fait); 3. Mirko

Trevisan (GS Panificio Davoli);

4. Francesco Mori (Montecarlo);

5. Antonino Torano (Santa

Maria Codifiume); 6. Castellani

a 2”; 7. Pacioni a 23”; 8. Serri; 9.

Maluccelli; 10. Guerri. DONNE

ALLIEVE: 1. Giorgia Nanni (Ped.

Riminese); 2. Alessia Fantoni (UC

Sozzigalli).

il Mondo del Ciclismo n.27

55


il Mondo del Ciclismo n.27

56

ATTIVITÀ GIOVANILE

Allievi Toscana - Le gare di Colognole, Scarperia e San Casciano (campionato regionale)

40° GP Colognole

COLOGNOLE (LI) - Bello

spunto con l’arrivo posto in

salita sulla collina livornese di

Colognole, da parte del pisano

Matteo Parenti della Coltano

Grube, società pisana cara agli

appassionati fratelli Stefanucci.

La corsa livornese valevole per

il titolo provinciale conquistato

grazie al suo piazzamento

da Diego Mantellassi della Rosignano

Colognole, ha visto al

via 66 allievi dei 75 iscritti. Un

pomeriggio caldo e afoso e la

salita finale verso il traguardo

di questa gara valevole anche

per la Coppa Unità, hanno determinato

una buona selezione

finale, esaltando nel contempo

il vincitore Parenti nonostante

la tenace opposizione di Gosciola

e del forte livornese Ceccanti

che comunque ha dimostrato

di essere tra gli allievi

più in forma. A.M.

ORDINE DI ARRIVO - 1. Matteo

Parenti (Coltano Grube) Km 60 in

1h40’ media 36,735; 2. Giuseppe

Gosciola (Treccificio RCG

Castrocielo); 3. Dario Ceccanti

(Pol. Monsummanese Stabbia);

4. Antony Dolciamore (Velo Club

BCC Signa); 5. Pablo Magherini

(idem); 6. Bongiorni; 7. Bagni; 8.

Bigi; 9. Matranga; 10. Marchini.

57a Coppa Caduti di Senni

SCARPERIA (FI) - Confermandosi

in grandi condizioni

Ceccanti vittoria e titolo

CECCANTI SUL PODIO REGIONALE (FOTO ITALIACICLISMO)

di forma e uno dei maggiori

favoriti per il campionato toscano

della categoria, Alberto

Bettiol ha vinto in volata

la 57^ Coppa Caduti di Senni

a Scarperia svoltasi su di un

circuito da ripetere otto volte.

Sessantanove i corridori al via

della bella corsa organizzata

quest’anno dal G.S. Gastone

Nencini con il patrocinio

del Comune e l’apporto degli

sportivi di Scarperia, località

che ha ospitato anche il Ciclo

Tour per amatori. Bettiol ha

controllato la corsa e nel finale

ha piazzato il suo spunto

vincente confermandosi

così con la vittoria ottenuta, al

primo posto nella classifica di

rendimento prima del “Tosca-

Allieve Friuli V.G. - 1° Trofeo San Nicolò

Bis di Tagliapietra

MANZANO (UD) (14/6) - Seppur nell’itinerario dell’undicesima

edizione del trofeo San Nicolò riservato alle allieve

fosse stata inserito un triplice passaggio per la “salita

del Sole”, erta che se affrontata con agonismo non avrebbe

mancato di fare selezione, la corsa si è conclusa in volata

con un consistente lotto di atlete tutte assieme. Ad imporsi,

per un nonnulla su Cristina Prebianca, è stata Alice Tagliapietra.

Non una velocista, ma una atleta che per il solo

fatto d’aver iniziato la volata da lontano, ha poi saputo reg-

no”. A.M.

ORDINE DI ARRIVO - 1. Alberto

Bettiol (Castelfiorentino Banca

Cambiano) Km 70,4 in 2h2’

media 34,599; 2. Igino Rosellino

(Butese); 3. Manuel Ciucci (idem);

4. Filippo Ranzi (Faentina);

5. Riccardo Marchesini

(Sancascianese); 6. Carlesi; 7.

Gamberucci; 8. Anforini; 9.

Catarzi; 10. Maldera.

Camp. Regionale Toscano

50a Coppa Fausto Coppi

SAN CASCIANO VAL DI

PESA (FI) - Dario Ceccanti,

uno dei giovani più interessanti

e già campione toscano

esordienti in passato, si è laureato

a San Casciano Val di

Pesa, campione regionale al-

lievi. Il forte livornese che corre

per la Pol. Monsummanese

Stabbia, atleta interessante in

possesso di un ottimo sprint,

ha firmato la cinquantesima

edizione della Coppa Fausto

Coppi a San Casciano, regolando

in volata i sei compagni

di fuga. La manifestazione organizzata

dalla Sancascianese

Polimeccanica, con il contributo

del Comune, si è aperta

con la bella cerimonia prima

del via che ha visto protagonista

Faustino Coppi, il figlio

del grande “Campionissimo”

del pedale, che ha ricevuto

una splendida ceramica artistica

della ditta Ceccarelli

con l’immagine di suo padre.

La gara si è decisa dopo poco

più di 20 chilometri, all’inizio

del secondo dei quattro giri

con la salita di Chiesanuova.

E’ scattato Parenti, dietro si

sono mossi in cinque: Ceccanti,

Ciucci, Sedita, Rosellino,

D’Angelo, ai quali si è aggiunto

più tardi Bigi. A.M.

ORDINE DI ARRIVO - 1. Dario

Ceccanti (Pol. Monsummanese

Stabbia) km 72 in 1h51’, media

38,765; 2. Matteo Parenti

(Coltano Grube); 3. Manuel

Ciucci (Butese); 4. Salvatore

Sedita (Team Valdinievole); 5.

Fabio Bigi (Cinquale Dell’Amico).

gere nei metri finali il ritorno delle avversarie.

Alla sua seconda stagione nella categoria, e alla sua seconda

vittoria stagionale, la Tagliapietra nel suo curriculum

vanta anche ben tre titoli di campionessa trevigiana, perciò

quanto mai degna del successo colto, seppur gli si debba

rimproverare d’aver corso sempre coperta, cioè d’aver

lasciato alle altre contendersi i Gpm, per poi recuperare il

terreno perso in discesa. G.C.

ORDINE D’ARRIVO

1. Alice Tagliapietra (Gs Young Team Arcade) km 46 in 1h25’

media di 32.470; 2. Cristina Prebianca (Buderus); 3. Beatrice

Bartelloni (Team Isonzo); 4. Chiara Pierobon (Vecchia Fontana);

5. Tamara Rucco (Cycling team Friuli); 6. Tomasini; 7. Bitto; 8.

Zordan; 9. Baraldo; 10. Pironato.


ATTIVITÀ GIOVANILE

Esordienti Toscana - Gare a Firenze, Celenzano, Castelfiorentino e Cerreti (campionato regionale)

Coppa Banca

Credito Cambiano

FIRENZE - Vincitori nuovi tra

gli esordienti toscani. Sul circuito

del quartiere di San Bartolo

a Cintoia percorrendo per

tre quarti anche il ciclodromo

“Graziella Cenni”, Emanuele

Scardigli e Francesco Mancini

hanno messo a segno il primo

successo della stagione. Scardigli

ha vinto la Coppa Banca

Credito Cambiano con un attacco

a due giri e mezzo dalla

fine, mentre Mancini si è affermato

con una bella volata.

Antonio Mannori

ORDINi DI ARRIVO - I ANNO:

1. Emanuele Scardigli (Iperfinish)

km 24 in 37’, media 38,919; 2.

Luca Biagini (Mobilieri Ponsacco)

a 15”; 3. Yuri Colonna (Iperfinish);

4. Alessandro Rabbiti (Empolese);

5. Vincenzo Albanese (Cicl.

Figlinese).

II ANNO: 1. Francesco Mancini

(Scuola Ciclismo BCC Signa) km

28 in 43’, media 39,070; 2. Matteo

Ascari (Massese); 3. Francesco

Becherucci (G. Nencini); 4.

Roberto Magherini (Scuola

Ciclismo BCC Signa); 5. Marco

Travertini (Castelfiorentino

BCC).

61 a Coppa Comune

di Calenzano

CALENZANO (FI) - La Coppa

Comune di Calenzano, organizzata

dalla Fosco Bessi, ha

fatto registrare tanti partenti

(109 del primo anno e 114

del secondo), ma purtroppo

anche diverse cadute, a causa

dell’asfalto viscido per un

violento acquazzone caduto

qualche istante prima della

conclusione della prima gara.

Si è imposto con sicurezza

Alessandro Brunetti, al quinto

successo, che ha regolato il

gruppo compatto. Più vivace

la seconda corsa, soprattutto

per merito di Calugi, autore di

tre tentativi di fuga. Ripreso il

fuggitivo, allungava a 2 km dal

traguardo Juson Jefferson, che

giungeva al traguardo di via

Brunetti e Pacinotti

vestono le maglie

IL SUCCESSO DI PACINOTTI (FOTO ITALIACICLISMO)

Pertini con 6” di margine sul

gruppo, regolato dal massese

Conti sui due grandi favoriti

della gara, il toscano e plurivittorioso

nazionale Pacinotti

ed il laziale Capati. A.M.

ORDINI D’ARRIVO - I ANNO:

1. Alessandro Brunetti (Seano

One) km 25,2 in 39’, media

38,471; 2. Gabriele Giannelli

(Stradella); 3. Gregorio Lombardi

(Borgonuovo Milior); 4. Yuri

Colonna (Iperfinish); 5. Pasquale

Lovisi (Abitare Cornici); 6. Taoss;

7. Rabbiti; 8. Rosselli; 9. Calducci

M.; 10. Maghelli.

II ANNO: 1. Malapit Juson

Jefferson (Monte Pisano) km 29,4

in 45’, media 38,666; 2. Nicola

Conti (Stradella) a 4”; 3. Niccolò

Pacinotti (Seano One); 4. Michael

Capati (Chiesanuova); 5. Mirko

Meini (Team Valdinievole); 6.

Zullo; 7. Bettini; 8. Becherucci; 9.

Cavallini; 10. Becagli.

Gp Colc - Coppa Comune

di Castelfiorentino

CASTELFIORENTINO -

Splendida gara sulle strade

della Valdelsa con il Gp Colc-

Coppa Comune di Castelfiorentino.

Centoquattro i concorrenti

che hanno dato vita

a una gara unica, risoltasi nell’ennesimo

successo di Niccolò

Pacinotti, decimo della stagione,

nei confronti dei due com-

pagni di fuga Giunta e Lisi.

Staccati di due minuti gli avversari

e tra gli atleti del primo

anno il migliore è risultato

Alessandro Brunetti che come

Pacinotti corre nel Seano One.

Ottime prove anche per Giunta,

Lisi e per il Team Iperfinish

Stabbia, mentre è da elogiare

l’organizzazione curata dalla

S.C. Castelfiorentino Banca

Credito Cambiano con il presidente

Alessandro Salvatori.

A.M.

ORDINI D’ARRIVO - I ANNO:

1. Alessandro Brunetti (Velo

Club Seano One Fuochi); 2. Alex

Campioni (Iperfinish Stabbia); 3.

Emanuele Scardigli (id.); 4. Yuri

Colonna (id.); 5. Andrea Gallo

(Velo Club Seano One Fuochi).

II ANNO: 1. Niccolò Pacinotti

(Velo Club Seano One Fuochi)

Km 32 in 51” media Km

35,432; 2. Ferdinando Giunta

(Castelfiorentino Banca Credito

Cambiano); 3. Leonard Lisi

(Borgonuovo Milior); 4. Leonardo

Becagli (Campi Bisenzio) a 2’; 5.

Niccolò Reali (Castelfiorentino

Banca Credito Cambiano).

T. Baldini - T. Comune

di S. Maria a Monte

Campionato regionale

CERRETTI (PI) - Un trionfo,

in parte possiamo aggiungere

anche annunciato quello otte-

nuto dalla squadra esordienti

del Velo Club Seano One, che

ha conquistato sulla collina di

Cerretti non distante da S. Maria

a Monte, i due titoli toscani

2009 per la categoria esordienti.

Le vittorie firmate dal tredicenne

Alessandro Brunetti

(sesto successo stagionale,

naturalmente il più bello ed

importante) e da Niccolò Pacinotti,

14 anni, già campione

regionale lo scorso anno, che

ha ottenuto nel Trofeo Pietro

Baldini la dodicesima vittoria

stagionale. Nel primo anno, il

Trofeo Comune di S. Maria a

Monte (79 partenti) buona selezione

per le caratteristiche

del percorso simili a quello tricolore

e rush finale di Brunetti

sui bravi e brillanti Giannelli e

Susini. La seconda prova regionale

per la classe 1995, vedeva

prima protagonista Cavallini,

ma soprattutto Burbi che sembrava

in grado con il suo allungo

di resistere fino alla fine. A

meno di tre Km dall’arrivo si

scatenava però Pacinotti che

acciuffava Burbi a mille metri

dal traguardo, per poi vincere

nettamente in volata sul generoso

valdarnese. A.M.

ORDINE DI ARRIVO - I ANNO:

1. Alessandro Brunetti (V.C.

Seano One) km 30 in51’ media

Km 34,987; 2. Gabriele Giannelli

(Stradella); 3. Massimiliano Susini

(Butese); 4. Alberto Turchetti

(Coltano Grube); 5. Manuele

Maghelli (Stradella Maggi);

6. Campioni; 7. Carruba; 8.

Menchetti; 9. Nicolai; 10. Pieroni.

I ANNO: 1. Niccolò Pacinotti

(V.C. Seano One) Km 36 in 54’

media Km 38,571; 2. Roberto

Burbi (Olimpia Valdarnese) a 2”’;

3)Nicola Conti (Stradella) a 5”; 4.

Francesco Chesi (id.); 5. Francesco

Becherucci (Gastone Nencini);

6. Giunta; 7. Meini; 8. Ottavi; 9.

Rugi; 10. Pesci.

il Mondo del Ciclismo n.27

57


il Mondo del Ciclismo n.27

58

ATTIVITÀ GIOVANILE

Esordienti/Allievi Trentino - Tr. Cassa Rurale di Mezzocorona, 4° Mem. Seber, C. Prov. e GP Mercatone Uno

di Luca Franchini

MEZZOCORONA (TN)

(21/6) - Doppietta cembrana

nel campionato provinciale

esordienti, organizzato a

Mezzocorona dalla locale US

Velo Sport di patron Mauro

Wegher, che ha proposto per

la nona volta il Trofeo Cassa

Rurale di Mezzocorona,

4° Memorial Aurelio Seber.

Le maglie fucsia di campione

provinciale, infatti, sono finite

sulle spalle di due atleti dell’UC

Valle di Cembra, ovvero

su quelle di Luca Lazzeri (primo

anno) ed Amos Mosaner

(secondo anno).

A quest’ultimo è bastato terminare

la corsa al terzo posto

per conquistare il titolo, in

virtù della vittoria del veneto

Daniel Rupiani, autore di una

lunga fuga solitaria, scattato

già al quarto dei 15 giri del circuito

di 2,1 km in programma

(percorso selettivo, con uno

strappo di 300 metri al 4% di

pendenza media).

Un film che si è poi rivisto nella

gara dei primo anno, anch’essa

caratterizzata da una fuga solitaria.

Il protagonista di giornata,

in questo caso, è stato Luca

Lazzeri, partito nel corso del

Esordienti Friuli V.G. - 4° Gran premio Sagra della Trota

BAGNAROLA - Giulio Pestrin

del Rivignano e Manuele

Berton del Pasiano hanno

vinto il 4° Gran premio Sagra

della Trota a Bagnarola

di Sesto al Reghena. La gara

per esordienti, organizzata

dal Pedale Sanvitese, si è risolta

con due volate a ranghi

compatti. La corsa dei primo

anno è stata contraddistinta

da una media oraria bassa

conseguente alla condotta

di gara degli atleti che si

sono prodotti in scatti continui.

Nella volata è Pestrin a

scegliere il momento giusto

per uscire e anticipare il ra-

Carletto brucia tutti

secondo dei 12 giri in programma.

Uno scatto apparentemente

innocuo ma che, grazie all’apprezzabile

progressione del

cembrano, si è poi tramutata in

vittoria. Gli unici a tentare di

riportarsi sul battistrada erano

stati Giorgio Berloffa, Matteo

Benedetti e Francesco Eccel,

evasi dal gruppo quando era

però troppo tardi e classificatisi

nell’ordine al secondo, terzo

e quarto posto. Quinto, e vincitore

della volata di gruppo, il

portacolori della società organizzatrice

Mirco Sartori.

ALLIEVI: 1. Simone Carletto (GS La Rizza

Thermo King), 47,7 km in 1h13’02”, media

39,188; 2. Philippe Chini (US Aurora Petrolvilla)

st; 3. Francesco Rosa (US Aurora Petrolvilla) a

58”; 4. Davide Bortolotti (Ciclistica Dro) st; 5.

Xhuliano Kamberaj (US Aurora Petrolvilla) st;

6. Francesco Castegnaro (GS La Rizza Thermo

King) st; 7. Michele Bertamini (Ciclistica Dro)

st; 8. Andrea Stefani (SC Piovene) st; 9. Matteo

Zanini (Liquigas Lago Rosso) st; 10. Elmar

Zendron (US Montecorona Garbari).

ESORDIENTI I ANNO: 1. Luca Lazzeri (UC

Valle di Cembra); 2. Giorgio Berloffa (US

Aurora Petrolvilla) a 1’45”; 3. Matteo Benedetti

Bene Pestrin e Berton

muscellese Alberto Dal Mas

del Pasiano e Matteo Visintin

del Devin. Per Giulio, residente

a Rivignano, è la sesta

vittoria stagionale, la seconda

in due giorni dopo l’affermazione

colta domenica scorsa

a Conegliano (Treviso). Fra i

secondo anno il gruppo si è

mantenuto sempre compatto,

portando gli sprinter all’arrivo

senza patemi d’animo.

In volata ha vinto nettamente

il granata Manuele Berton.

Il velocista pasianese di

Nel pomeriggio, poi, c’è stato

spazio anche per gli allievi,

protagonisti del quarto GP

Mercatone Uno. La vittoria,

in questo caso, è andata al veronese

del GS La Rizza Simone

Carletto, prima protagonista

(seppur passivo) della lunga

fuga a sei che ha animato le fasi

centrali della corsa (assieme a

lui, anche gli aurorini Philippe

Chini e Fabio Tiefenthaler,

Matteo Zanini della Liquigas

Lago Rosso, Michele Bertamini

della Ciclistica Droì ed

Elmar Zendron dell’US Mon-

Ordini di arrivo

due biciclette la coppia della

Libertas Ceresetto Pratic

composta da Davide Rosso e

Lorenzo Nigris, classificati-

tecorona), poi bravo, a tre giri

dalla fine, a trovare l’allungo

vincente sullo strappo di 300

metri che ha scandito il ritmo

della corsa. Alla sua ruota, si è

portato il solo portacolori dell’US

Aurora Petrolvilla Philippe

Chini, autore di una prova

maiuscola, ma forse fin troppo

generoso. A castigarlo, allo

sprint finale a due, ci ha pensato

infatti Carletto, a ruota fino

all’imbocco del rettilineo finale,

per poi passare al comando

al momento opportuno, ovvero

sotto lo striscione d’arrivo.

(Ciclistica Dro) a 1’48‚Äù; 4. Francesco Eccel

(US Aurora Petrolvilla) st; 5. Mirco Sartori (Velo

Sport Mezzocorona) a 2’58‚Äù; 6. Davide Manica

(SC Mori) st; 7. Davide Soardi (Ciclistica Dro) st;

8. Andrea Nardin (US Montecorona Garbari); 9.

Alessio Perini (Ciclistica Dro); 10. Stefano Filippi

(CC Gardolo).

ESORDIENTI II ANNO: 1. Daniel Rupiani (Gore-

Tex B. Gaiga); 2. Mattia Ossanna (US Cristoforetti

Fondriest) a 2’05‚Äù; 3. Amos Mosaner (UC Valle

di Cembra) a 2’30‚Äù; 5. Fabio Tiefenthaler (US

Aurora Petrolvilla) st; 6. Luca Terzo (SC Piovene);

7. Edoardo Maffei (US Aurora Petrolvilla) st; 8.

Dennis Zambanini (Ciclistica Dro).

Ordini di arrivo

si nell’ordine. Per Berton è la

quinta vittoria stagionale su

strada.

Giacinto Bevilacqua

I ANNO: 1. Giulio Pestrin (Rivignano) km 28,5 in 53’ media

32,264; 2. Alberto Dal Mas (Pasiano) st; 3. Matteo Visintin

(Devin) st; 4. Daniel Staffus (Latisana Ottogalli Agenzia Europa)

st; 5. Alessandro Mistro (La Pujese Uberco Lithos) st.

II ANNO: 1. Manuele Berton (Pasiano) km 38 in 1h05’media

35,077; 2. Davide Rosso (Libertas Ceresetto Pratic) st; 3.

Lorenzo Nigris (idem) st; 4. Elia Gava (Team Isonzo) st; 5.

Giovanni Fornasiero (Sant’Angiolese) st.


Giovanissimi Lombardia - Gare di maggio nel milanese

2° Trofeo Pietro Bungaro

2° Trofeo Free Bikers

VITTUONE (MI) (24/5) -

Domenica tutta dedicata al ciclismo

per la città di Vittuone,

con l’organizzazione dell’USC

Vittuonese del Presidente

Leonardo Sias. La partecipazione

è stata molto forte con

quasi 300 miniatleti schieratisi

al via suddivisi nelle varie

categorie. V.B.

ORDINI D’ARRIVO - G1/F: 1.

Alice Sala (GS Alzate Brianza); 2.

Laura Giudicati (Monteclarense-

F.lli Bregoli); 3. Sonia Rossetti

(Polisportiva Besanese). G2/F:

1. Laura Ruggeri (GS Villongo);

2. Lucrezia Francolino (SC

Muzza 75); 3. Stefania Belloni

(Enjoi Bike). G3/F: 1. Michela

Giuliani (UC Ossanesga); 2.

Simona Paganelli (Pagnoncelli-

Ngc-Perrel); 3. Ilaria Chinelli

(GSC Villongo). G4/F: 1.

Giorgia Allieri (Pol. Albano

S. Alessandro); 2. Michela

Giudicati (Monteclarense-Flli

Bregoli); 3. Anna Pedroni (CC

Cremonese 1891). G5/F: 1. Elisa

Morzenti (GC Gieffe Fulgor

Seriate); 2. Maria Allegra Arzuffi

(Cicli Fiorin-Despar); 3. Alessia

Gozio (GS Ronco-Elettronave).

G6/F: 1. Miriam Vece (SC

Imbalplast-Soncino); 2. Martina

Alzini (SC Busto Garolfo); 3.

Chiara Casalinuovo (SC Cesano

Maderno). G1/M: 1. Andrea

Montoli (SC Saronni-Parabiago);

2. Lorenzo Comerio (SC

Saronni-Parabiago); 3. Lorenzo

Vassalli (VS Abbiategrasso).

G2: 1. Andrea Piccolo (VS

Abbiategrasso); 2. Marco Caruso

(GS Bareggese); 3. Andrea

Moschetti (VS Abbiategrasso).

G3: 1. Andrea Donadello (SC

Saronni-Parabiago); 2. Jesus

Torres (Pedale Senaghese); 3.

Stefano Sala (GS Bareggese).

G4: 1. Luca Calcaterra (SC

Saronni-Parabiago); 2. Fabio

Biaggio (SC Busto Garolfo); 3.

Luca Pedroni (Enjoi Bike). G5:

1. Stefano Oldani (Pro Bike

Junior); 2. Lorenzo Lucini (SC

Saronni-Parabiago); 3. Nicolò

Piccolo (SC Saronni-Parabiago).

G6: 1. Simone Piccolo (VS

Abbiategrasso); 2. Alessandro

Corea (SC Biringhello-Rho); 3.

Riccardo Donadello (SC Saronni-

Parabiago).

Trofeo Don Orione 2009

SEREGNO (24/5) - Trofeo

Ciclistico e festa annuale in

onore di Don Orione, con la

classica gara ciclistica riservata

ai giovanissimi, organizzata

dalla Salus Ciclistica di

Seregno e valida anche quale

selezione provinciale per i

prossimi campionati regionali.

Al punto di ritrovo stabilito

presso l’Istituto Don Orione

sono 140 i corridori che si

presentano per gareggiare incuranti

del caldo torrido che

fa sudare, oltre che i corridori,

anche i numerosi spettatori,

col Sindaco di Seregno,

Giacinto Mariani e gli assessori

Gianmario Alioli e Marco

Formenti in testa. V.B.

ORDINI D’ARRIVO - G1: 1.

Luca Buttini (Salus Seregno);

2. Federico Toninato (Fiorin);

3. Daniel Ippona (Pol. Nova).

G2: 1. Riccardo Aziani (Sovico);

2. Tommaso Motta (Sovico);

3. Alessandro Maffezzoni

(Molinello). G3: 1. Davide

Gobbo (Molinello); 2. Thomas

Fusi (Fiorin); 3. Gianluca Cerri

(Giovani Giussanesi). G4: 1.

Matteo Motta (Sovico); 2.

Lorenzo Barbato (Salus Seregno);

3. Mattia Redaelli (Sovico). G5: 1.

Luca Spanò (Molinello); 2. Nicolò

Allievi (Fiorin); 3. Dario Di Blasi

(Salus Seregno). G6: 1. Avelyan

Dutka (Molinello); 2. Raffaele

Pupo (Molinello); 3. Simone

Sanvito (Sovico).

13° Trofeo Leoni e Villani

TURBIGO (31/5) - Tredicesimo

Trofeo Leoni e Villani per i

giovanissimi dell’Altomilanese

e regia di Alberto Gambaro,

presidente del VC Raffaele

Marcoli, società organizzatrice

della gara disputata a Turbigo

alla quale hanno aderito

oltre cento minicorridori. V.B.

ORDINI D’ARRIVO - G1: 1.

Enrico Forneris (SC Galliatese);

2. Mattia Efoglia (GS Solbiatese);

3. Lorenzo Fiasca (Pedale

Uboldese); 4. Giada Geroli (SC

Busto Garolfo); 5. Lorenzo

Vassalli (VS Abbiategrasso).

G2: 1. Andrea Piccolo (VS

Abbiategrasso); 2. Alessandro

Baroni (USC Vittuonese); 3.

Marco Caruso (GS Bareggese);

4. Andrea Moschetti (VS

Abbiategrasso); 5. Lorenzo

Porrati (SC Busto Garolfo). G3:

1. Emanuele Magistrelli (USC

Vittuonese); 2. Alessandro

Arrara (VS Abbiategrasso); 3.

Stefano Sala GS (Bareggese); 4.

Matteo Fiumanò (SC Arlunese);

5. Paolo Feneri (SC Ossona).

G3F: 1. Sara Acefalo (Pro Bike

Junior- Busto Garolfo); 2. Erika

Bonati (SC Biringhello). G4: 1.

Riccardo Covizzi (VC Marcoli-

Turbigo); 2. Federico Micheletti

(VS Abbiategrasso); 3. Jacopo

Mazzarella (Pedale Uboldese);

4. Fabio Baggio (SC Busto

Garolfo); 5. Dario Dal Soglio

(GS Solbiatese). 1a Femmina,

Silvia Lorenzin (Biringhello-

Rho). G5: 1. Stefano Oldani

(Pro Bike Junior); 2. Matteo

Sangalli (VS Abbiategrasso); 3.

Elisa Wackermann (Biringhello-

Rho); 4. Marco Gazzola (UC

Sangiulianese); 5. Andrea

Daolio (SC Busto Garolfo).

G6: 1. Martina Alzini (Busto

Garolfo); 2. Simone Piccolo

(Abbiategrasso); 3. Alessandro

Corea (Biringhello); 4. Matteo

Bonati (Biringhello); 5. Claudio

Romeo (Rescaldinese). G6F: 1.

Martina Alzini (Busto G.); 2.

Chiara Perini (Biringhello); 3.

Aurora Lisciando (Rescaldinese).

ATTIVITÀ GIOVANILE

Una partecipazione festosa

2 a prova Camp. Brianteo

T. Comune di Arcore

PEREGALLO DI LESMO

(31/5) - Seconda prova del

Campionato Brianteo per i

giovanissimi che hanno partecipato

alla gara organizzata

dal GS “La Cà di Arcore”, valida

anche per l’assegnazione

del Tr. Comune di Arcore che

è andato all’UC Costamasnaga-La

Piastrella Spini & Zoia,

davanti alla Sco Cavenago e

alla Molinello Ciclismo. V.B.

ORDINI D’ARRIVO - G1: 1.

Luca Buttini (Salus Seregno); 2.

Andrea Piras (Sco Cavenago); 3.

Valerio Montuosi (Sco Cavenago).

1a femmina: Sonia Musina

(UC Pessano). G2: 1. Giovanni

Raveglia (UC Costamasnaga

La Piastrella Spini & Zoia); 2.

Alessandro Maffezzoni (Molinello

Ciclismo); 3. Simone Lo Bartolo

(UC Costamasnaga-La Piastrella-

Spini &Zoia). 1a femmina: Gaia

Spinelli (VC Sovico). G3: 1. Marco

Vergani (UC Costamasnaga-

La Piastrella-Spini & Zoia); 2.

Samuel Nova (Pedale Arcorese); 3.

Thomas Fusi (GS Fiorin-Despar).

1a femmina: Beatrice Giunzioni

(GS Fiorin-Despar). G4: 1. Lorenzo

Barbato (Salus Seregno); 2. Andrea

Barbierato (UC Costamasnaga-

La Piastrella - Spini & Zoia); 3.

Mattia Redaelli (VC Sovico). 1a

femmina: Laura Vecchio (GS

Fiorin-Despar). G5: 1. Stefano

Frigerio (Sco Cavenago); 2. Andrea

Narayan Molinari (UCPessano);

3. Allegra Maria Arzuffi (GS Cicli

Fiorin-Despar). 1a femmina:

Greta Marturano (GS Cicli

Fiorin-Despar). G6-A: 1. Avelyan

Dutka (Molinello-Ciclismo); 2.

Simone Sanvito (VC Sovico); 3.

Chiara Casalinuovo (DC Cesano

Maderno). G6-B: 1. Ottavio Dotti

(UC Costamasnaga-La Piastrella-

Spini & Zoia); 2. Mattia Pirovano

(UC Costamasnaga-La Piastrella-

Spini & Zoia); 3. Luca Giombelli

(VC Inzago).

il Mondo del Ciclismo n.27

59


il Mondo del Ciclismo n.27

60

ATTIVITÀ GIOVANILE

Giovanissimi Toscana - Nelle gare di maggio e giugno

Coppa Redi Gomme

FIRENZE - Il ciclodromo

“Graziella Cenni” a S.Bartolo

a Cintoia, ideale impianto per

le gare dei giovanissimi, ha

ospitato la Coppa Redi Gomme

e 240 atleti. Un successo

straordinario per il G.S.Itala.

ORDINI D’ARRIVO - G1:

1. Elia Bianchi (Centro Avv.

Sport Cuoio e Pelli); 2. Lorenzo

Magli (Velo Club BCC Signa);

3, Bernardo Angiolini (Ped.

Senese). G3: 1. Tommaso

Nencini (Fosco Bessi); 2. Ettore

Mugnaini (Aquila); 3, Fabio De

Martin (Stabbia); G4: 1. Filippo

Magli (Velo Club BCC Signa);

2. Daniele Lucherini (Gastone

Nencini); 3, Eros Rugi(id.). G5:

1. Matteo Sensi (F.Bessi); 2.

Andrea Pancrazi (Figlinese); 3,

Pietro Sarti (G.Nencini). G6: 1.

Gian Marco Bellucci (Abitare

Cornici); 2. Tommaso Fiaschi

(id.); 3, Federico Morelli (Centro

Avv. Sport Cuoio e Pelli).

FEMMINE: Le vittorie ottenute

da Veronica Bandini (Club

Ciclo Appenninico), Giorgia

Catarzi (Aquila), Gaia Lucchesi

e Sharon Lucchesi (Centro Avv.

Sport Cuoio e Pelli), Deborah

Dolciamore (Velo Club BCC

Signa), Valeria Arzilli (Gastone

Nencini).

Tr. “Il Cuore si scioglie”

PAPERINO DI PRATO - La

frazione alle porte della città

ha ospitato invece il trofeo

“Il Cuore si scioglie” il grande

progetto delle adozioni a distanza,

promosso dal mondo

del volontariato laico e cattolico,

organizzato dal Vc Seano

One, vero mattatore della

manifestazione, e dal Circolo

Arci. In gara circa 160 atleti.

A.M.

ORDINI D’ARRIVO - G1: 1.

Niccolò Barba (Seano One);

2. Alessio Squilloni (id.); 3,

Gianluca Malucchi (Team

Valdinievole). G2: 1. Samuele

Petri (Pol. Milleluci); 2. Filippo

Oltre 400 al meeting di Figline

Elmetti (Olimpia Valdarnese);

3, Matteo Franciolini (Nuova

Sfinge). G3: 1. Alessandro

Alduini (Pol. Milleuci); 2. Maicol

Sodini (Toscogas); 3, Kevin

Sodini (id.). G4: 1. Emanuele

Trogu (Seano One); 2. Lorenzo

Cataldo (Borgonuovo Milior);

3, Matteo Borsi (Seano One).

G5: 1. Alessio Barba (Seano

One); 2. Lorenzo Gistri (id.); 3,

Giacomo Baldacci (id.). G6: 1.

Giulio Pacini (Pol. Milleluci);

2. Francesco Biondi (id.); 3,

Giuseppe Monteleone (Olimpia

Vald.). FEMMINE: Nel settore

hanno prevalso Rachele Betti,

Vittoria Guazzini, Zurayka

Vezzosi, Lucrezia Betti (Seano

One), Asia Nesti (Pol. Milleluci),

Valentina Pierotti (Toscogas).

Camp. toscano società

Prove di velocità e abilità

FIGLINE VALDARNO (FI)

- Un’autentica maratona del

pedale riservata ai giovanissimi

dai 7 ai 12 anni, quella che

si è svolta a Figline Valdarno

organizzata dalla Ciclistica

Figlinese presso lo stadio comunale.

A questo campionato

regionale di società per le

prove di velocità che interessavano

gli atleti di 10-11 e 12

anni, ed a quelle di abilità per

coloro che hanno 7-8 e 9 anni,

hanno partecipato 440 concorrenti

provenienti da tutta

la regione. Le prove di velocità

con le varie qualificazioni

hanno dimostrato la bravura

dei giovanissimi toscani, che

fanno ben sperare per la finale

nazionale che si svolgerà a

Cuneo dal 18 al 21 giugno. Il

titolo per le società all’Olimpia

Valdarnese di Montevarchi.

A.M.

ORDINI DI ARRIVO - PROVA

DI ABILITA’- G1: 1. Francesco

Cini (Olimpia Valdarnese); 2.

Sandrelli; 3. Domenichini; 4.

Mosi; 5. Bonciani. G1 (femmine)

1. Giulia Secinaro (Grosseto);

2.Betti; 3. Foggi. G2: 1. Gianluca

Di Monte (Ciclistica Figlinese);

2. Bettacchi; 3. Dainelli; 4.

Panichi; 5. Conforti. G3: 1.

Gabriele Tesi (G.C.Vecchianese);

2. Castelli; 3. Tinaglia; 4.

Capanni; 5. Rusconi. G3

(femmine): 1. Federica Alfano

(Mamma e Papà Fanini Uc

Livorno); 2. Milighetti; 3.

Castelli, 4. Pizzetta; 5. Guazzini.

PROVA DI VELOCITA’- G4:

1. Daniele Dovichi (G.C.

Vecchianese); 2. Iacchi; 3.

Moriconi; 4. Romagnoli; 5.

Mambrini. G5: 1. Edoardo

Sali (Team Valdinievole); 2.

Fontini; 3. Pacini; 4. Squilloni;

5. Lassi. G6: 1. Alessio Canterini

(Coltano Grube); 2. Pacini; 3.

Nesi; 4. Fiaschi; 5. Luppichini

- FEMMINE- G4: 1. Deborah

Testini (Seano One); 2. Vezzosi;

3. Foggi; 4. Picariello; 5. Giannini.

G5: 1. Angelica Brogi (Olimpia

Valdarnese); 2. Alfani; 3. Betti; 4.

Goti; 5. Lorenzini. G6: 1. Giulia

Tomi (Olimpia Valdarnese); 2.

Basile; 3. Zucchelli; 4. Costagli 5.

Arzilli.

G.P. Ganzaroli

Coppa Bettini

PONTASSIEVE - Immenso

successo di partecipazione,

quasi 600 atleti per due gare,

il G.P. Ganzaroli a Pontassieve

e la Coppa Paolo Bettini

a La California presente lo

stesso ex iridato e olimpionico,

alla vigilia del suo Bettini

Day. L’alto numero dei

concorrenti ha costretto gli

organizzatori delle due belle

manifestazioni, a far disputare

doppie batterie in tre categorie.

ORDINI D’ARRIVO GP

GANZAROLI - CAT. G1: 1.

Riccardo Vivoli (Aquila); 2.

Masi; 3. Magli. G2: 1. Gianluca

Di Monte (Cicl. Figlinese); 2.

Petri (Milleluci); 3. Falcone.

G3 (1^ batt.): 1. Alessandro

Alduini (Milleluci); 2.

Nencini; 3. Di Santoro. G3 (2^

batt.) 1. Gabriele Matteucci

(Amore&Vita); 2. Azet; 3.

Jahaj. G4: 1. Nicholas Vignoli

(Liquigas Vc Bottagna); 2.

Peschiera; 3. Iacchi. G5 (1^

batt.): 1. Edoardo Sali (Team

Valdinievole); 2. Baldasseroni;

3. Romanelli. G5 (2^ batt.): 1.

Pietro Sarti (Gastone Nencini);

2. Ratto; 3. Pacini. G6 (1^ batt.):

1. Nicolas Nesi (Amore&Vita);

2. Biondi; 3. Masi). G6 (2^

batt.): 1. Tommaso Fiaschi

(Abitare Cornici); 2. Batisti;

3. Filoni. FEMMINE- Hanno

vinto Veronica Bandini (Club

Ciclo Appenninico 1907); Elena

Lucchinelli e Alessia Taggiasco

(Liquigas V.C.Bottagna);

Gemma Sernissi (Campi

Bisenzio); Deborah Dolciamore

(Velo BCC Signa); Irene Capasa

(Sfinge).

COPPA PAOLO BETTINI

- G1: 1. Gregorio Butteroni

(Marina Cecina); 2. Peschi; 3.

Topi. G2: 1. Matteo Bettacchi

(Marina Cecina); 2. Krusa; 3.

Scarselli. G3(1^ batt.) 1. Gianluca

Formicola (Alzate Brianza); 2.

Tesi; 3. Del Nista. G4 (1^ batt.): 1.

Matteo Morioni (Coltano grube);

2. Ciucci; 3. Borsi. G4 (2^ batt.):

1. Lorenzo Berti (Grosseto);

2. Antognetti; 3. Trogu. G5

(1^ batt.): 1. Mirko Anselmo

(Seano One); 2. Squilloni; 3.

Gamba. G5 (2^ batt.): 1. Alessio

Barba (Seano One); 2. Gistri; 3.

Edifizi. G6 (1^ batt.): 1. Samuele

Luppichini (Coltano Grube); 2.

Marcheschi; 3. Formicola. G6

(2^ batt.): 1. Samuele Bosisio

(Alzate Brianza); 2. Pacinotti; 3.

Maarouf. FEMMINE: I successi

per Letizia Foggi e Vladyslav

Myronyuk (Coltano Grube), Hajar

Maarouf (Fiumaretta), Zurayka

Vezzosi (Seano One), Daniela

Alfani (Costa Etrusca), Noemi

Prisciandaro (Butese 2007).

More magazines by this user
Similar magazines