08.06.2013 Views

Slides Informatica per i beni culturali 2 - Università degli studi di ...

Slides Informatica per i beni culturali 2 - Università degli studi di ...

Slides Informatica per i beni culturali 2 - Università degli studi di ...

SHOW MORE
SHOW LESS

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

METODOLOGIE<br />

INFORMATICHE PER I<br />

BENI CULTURALI<br />

Sonia Maffei<br />

sonia.maffei@.unibg.it


I <strong>beni</strong> <strong>culturali</strong> e il Web 2.0<br />

il Web 2.0 <strong>per</strong>mette agli utenti web <strong>di</strong><br />

partecipare e interferire con i contenuti dei siti<br />

Nel campo dei <strong>beni</strong> <strong>culturali</strong> esso ha <strong>per</strong>messo<br />

lo sviluppo <strong>di</strong> nuovi concetti e nuove<br />

applicazioni:<br />

http://video.pmi.it/file/ve<strong>di</strong>/8/web-20/<br />

–il sa<strong>per</strong>e come impresa collettiva<br />

–network communities <strong>culturali</strong><br />

–Digital libraries internazionali


WEB 2.0<br />

• Il web 2.0 <strong>per</strong>mette infatti a un numero sempre maggiore<br />

<strong>di</strong> <strong>per</strong>sone <strong>di</strong> partecipare e interferire con i contenuti<br />

dei siti, portando commenti, creando nuovi archivi con<br />

dati presi dalla rete o con testi, documenti e foto<br />

<strong>per</strong>sonali, ibri<strong>di</strong> dove il concetto <strong>di</strong> autore si sfuma<br />

fortemente. Questo nuovo quadro <strong>di</strong> riferimento impone<br />

anche agli enti e alle istituzioni che si occupano <strong>di</strong> <strong>beni</strong><br />

<strong>culturali</strong> una generale riflessione sui meto<strong>di</strong> <strong>di</strong> sviluppo<br />

della ricerca, della comunicazione e della valorizzazione<br />

della cultura online.


DIBATTITO WEB 2.0<br />

• La profonda trasformazione a cui si sta assistendo ha a<strong>per</strong>to un<br />

<strong>di</strong>battito molto acceso sulla valutazione del fenomeno, nel quale si<br />

fronteggiano punti <strong>di</strong> vista <strong>di</strong>versi:<br />

• ad un estremo molti osservatori esprimono forte preoccupazione<br />

<strong>per</strong> la manipolazione e l’inquinamento dei dati che possono essere<br />

prodotti da non specialisti, da <strong>per</strong>sone non accre<strong>di</strong>tate<br />

professionalmente, e pongono l’accento sul problema<br />

dell’atten<strong>di</strong>bilità delle informazioni online e sull’importanza del<br />

riconoscimento <strong>di</strong> autorità in grado <strong>di</strong> garantire qualità e<br />

accuratezza dei dati.


DIBATTITO WEB 2.0<br />

• All’altro estremo prevale invece l’entusiasmo <strong>per</strong><br />

le potenzialità offerte da una partecipazione<br />

sempre più massiccia ai contenuti del web, sulla<br />

scia del successo dei blog e del modello felice<br />

delle network communities, che, come Wikipe<strong>di</strong>a<br />

rendono concreta l’utopia <strong>di</strong> poter creare prodotti<br />

<strong>culturali</strong> <strong>di</strong> qualità con il contributo collettivo<br />

<strong>degli</strong> utenti.


folksonomy nel WEB 2.0<br />

• A fronte della nuova situazione nuovi vocaboli sono stati coniati<br />

<strong>per</strong> in<strong>di</strong>care il sovvertimento gerarchico o<strong>per</strong>abile attraverso la<br />

massiccia partecipazione <strong>degli</strong> utenti:<br />

• Folksonomia (folksonomy) è il termine attribuito a<br />

Thomas Vander Wal e molto utilizzato oggi <strong>per</strong> in<strong>di</strong>care la<br />

possibilità offerta dalla rete <strong>di</strong> o<strong>per</strong>are sempre nuove classificazioni<br />

basate sulle preferenze via via espresse dagli utenti (in altre parole<br />

una categorizzazione collaborativa <strong>di</strong> informazioni me<strong>di</strong>ante l’uso<br />

<strong>di</strong> parole chiave scelte liberamente),<br />

• in opposizione a taxonomy, l’or<strong>di</strong>namento imposto dall’alto,<br />

dalle gerarchie scientifiche e istituzionali, emblema del primo<br />

<strong>per</strong>iodo del web (Vander wal 2009).


WEB 2.0<br />

• A questi fenomeni <strong>di</strong> connette un’altra tendenza<br />

molto importante, legata alla presa <strong>di</strong> coscienza<br />

delle potenzialità offerte dalla massiccia<br />

pubblicazione e consultazione in rete delle risorse<br />

<strong>culturali</strong>: la costruzione <strong>di</strong> nuove biblioteche<br />

<strong>di</strong>gitali che, come Europeana<br />

(http://www.europeana.eu/portal/ ), tendono a<br />

raccogliere e interrelare dati <strong>di</strong> natura <strong>di</strong>versa,<br />

tra<strong>di</strong>zionalmente appartenenti ad ambiti separati,<br />

come i musei, le biblioteche, gli archivi, i centri<br />

musicali, le me<strong>di</strong>ateche e videoteche ecc.


Digital library WEB 2.0<br />

Mutamenti terminologici<br />

I definizione<br />

Anni ’80 e ’90 del Novecento<br />

legata alla semplice idea della trasposizione<br />

<strong>di</strong>gitale <strong>di</strong> una biblioteca reale


Digital library<br />

• Diverse definizioni nel tempo: il termine è stato<br />

soggetto nel corso <strong>degli</strong> anni a definizioni <strong>di</strong>verse<br />

che rivelano spesso impostazioni metodologiche<br />

assai <strong>di</strong>fferenti: l’espressione è spesso stata<br />

connessa da un lato con Electronic Library<br />

(biblioteca elettronica) e dall’altro con Virtual<br />

Library (biblioteca virtuale).


Digital library<br />

• Definizione estesa: deposito ibrido <strong>di</strong> dati,<br />

un repository <strong>di</strong> rappresentazioni <strong>di</strong>gitali <strong>di</strong><br />

oggetti ed entità <strong>di</strong> varia natura e tipologia,<br />

aggregati insieme da relazioni<br />

continuamente mo<strong>di</strong>ficabili e rimodellabili<br />

sulla base delle <strong>di</strong>verse esigenze <strong>degli</strong><br />

utenti.<br />

– La definizione su<strong>per</strong>a la<br />

frammentazione del patrimonio<br />

culturale reale.


Digital library<br />

– l’idea <strong>di</strong> un meta-archivio <strong>di</strong> dati<br />

<strong>culturali</strong> con <strong>per</strong>corsi e connessioni<br />

determinate dalle singole richieste <strong>degli</strong><br />

utilizzatori.<br />

– Idea <strong>di</strong> su<strong>per</strong>are la frammentazione del patrimonio culturale<br />

reale, dove rigide separazioni istituzionali imposte da motivi<br />

organizzativi e sociali storicamente determinati limitano spesso<br />

la comprensione e la stessa ricontestualizzazione <strong>degli</strong> oggetti e<br />

delle informazioni. I vantaggi dell’immaterialità dei dati<br />

<strong>di</strong>gitali, il loro essere dunque esonerati da problemi <strong>di</strong> spazio e<br />

soprattutto dalle pressanti esigenze pratiche della conservazione<br />

materiale dei manufatti, contribuisce a rendere possibile


i2010 Biblioteche <strong>di</strong>gitali<br />

• L’iniziativa “i2010 Biblioteche <strong>di</strong>gitali” promossa<br />

dalla commissione europea con l’obiettivo <strong>di</strong><br />

rendere il patrimonio culturale europeo e<br />

l’informazione scientifica più facilmente<br />

accessibili ed utilizzabili online, sta cercando <strong>di</strong><br />

potenziare questi strumenti invitando anche gli<br />

stati membri della comunità europea a creare<br />

strutture <strong>di</strong> <strong>di</strong>gitalizzazione su vasta scala e creare<br />

azioni coor<strong>di</strong>nate <strong>per</strong> la creazione <strong>di</strong> meta-archivi<br />

<strong>di</strong>gitali (Martinelli 2008).


“i2010 Biblioteche Digitali”<br />

Origine ed Obiettivi<br />

• Promossa dalla Commissione nel 2005 nel quadro<br />

della strategia <strong>per</strong> la Società dell’Informazione “i2010”<br />

• Obiettivo: rendere il patrimonio culturale europeo e<br />

l’informazione scientifica più facilmente accessibili ed<br />

utilizzabili online<br />

• 28 Aprile 2005: Lettera <strong>di</strong> 6 capi <strong>di</strong> Stato e <strong>di</strong> Governo<br />

al Presidente della Commissione <strong>per</strong> una Biblioteca<br />

Digitale Europea<br />

• 30 Settembre 2005: Comunicazione della<br />

Commissione “i2010 Biblioteche Digitali”


“i2010 Biblioteche Digitali”<br />

Aspetti generali<br />

2 aree <strong>di</strong> riferimento:<br />

1. Contenuto culturale<br />

2. Informazione scientifica (pubblicazioni e dati scientifici)<br />

3 assi strategici:<br />

1. Digitalizzazione:<br />

2. Accessibilità online<br />

3. Conservazione <strong>di</strong>gitale<br />

L’iniziativa comprende qualsiasi tipo <strong>di</strong> me<strong>di</strong>a in quanto <strong>di</strong>gitale o<br />

<strong>di</strong>gitalizzabile: libri, giornali e riviste, au<strong>di</strong>ovisivo, musica, foto,<br />

mappe, immagini, informazioni archivistiche, patrimonio museale, siti<br />

archeologici, etc.


“i2010 Biblioteche Digitali”<br />

Livelli <strong>di</strong> intervento 1<br />

• Livello Politico<br />

• Raccomandazione della Commissione del<br />

24 agosto 2006;<br />

• Conclusioni del Consiglio “Cultura” del 13<br />

novembre 2006;<br />

• Risoluzione del Parlamento europeo del 27<br />

settembre (relazione on. Descamps)<br />

Gruppo <strong>di</strong> Es<strong>per</strong>ti <strong>degli</strong> Stati Membri:<br />

implementazione della Raccomandazione e<br />

delle Conclusioni del Consiglio: rapporto<br />

<strong>per</strong> Consiglio e Parlamento previsto nel<br />

corso del 2008


“i2010 Biblioteche Digitali”<br />

Livelli <strong>di</strong> intervento 2<br />

• Consultazione <strong>degli</strong>“stakeholders”:<br />

• Consultazione online (225 risposte)<br />

• Gruppo <strong>di</strong> Es<strong>per</strong>ti <strong>di</strong> Alto Livello<br />

•Copyright<br />

•Informazione scientifica<br />

•Partnership Pubblico-Privato<br />

• Livello tecnico: Programma Quadro <strong>di</strong> Ricerca (tecnologie<br />

ICT, Centri <strong>di</strong> Competenza, Infrastrutture), Programma<br />

eContentplus<br />

• Livello o<strong>per</strong>ativo: creazione della Biblioteca Digitale<br />

Europea


“i2010 Biblioteche Digitali”<br />

Conclusioni<br />

• L’iniziativa i2010 Biblioteche Digitali o<strong>per</strong>a in primo luogo <strong>per</strong> migliorare le<br />

con<strong>di</strong>zioni quadro (giuri<strong>di</strong>che, organizzative, finanziarie e tecniche) <strong>per</strong> la<br />

<strong>di</strong>gitalizzazione, l’accessibilità’ online e la conservazione <strong>di</strong>gitale.<br />

• Gli strumenti attualmente utilizzati sono forme <strong>di</strong> regolazione “morbida”<br />

(Raccomandazione, strumenti finanziari, facilitazione del <strong>di</strong>alogo tra<br />

stakeholders, coor<strong>di</strong>namento tra Stati Membri).<br />

• Azioni specifiche sono state intraprese <strong>per</strong> il settore dell’informazione<br />

scientifica, che presenta caratteristiche peculiari rispetto al settore culturale.<br />

• Il secondo asse portante dell’iniziativa, e’ volto a sostenere la creazione della<br />

Biblioteca Digitale Europea, intesa come punto <strong>di</strong> accesso comune e multilingue<br />

al patrimonio culturale europeo <strong>di</strong>gitale <strong>di</strong>stribuito.


http://www.europeana.eu/portal/


• Vergilius<br />

• Vermeer<br />

• Moran<strong>di</strong><br />

• Michelangelo<br />

http://www.europeana.eu/portal/


Digital-<strong>di</strong>vide<br />

• Il cosiddetto '<strong>di</strong>gital-<strong>di</strong>vide' (il <strong>di</strong>vario che <strong>di</strong>vide un paese<br />

da un altro nelle politiche <strong>di</strong> investimento e sviluppo e nelle<br />

strategie <strong>di</strong> utilizzo e sfruttamento delle risorse <strong>di</strong>gitali) tra<br />

l'Italia e l'Europa è altamente sfavorevole <strong>per</strong> il nostro paese,<br />

che rivela inoltre anche un forte <strong>di</strong>vario anche interno tra<br />

nord e sud, tra centro e <strong>per</strong>iferie.


Digital library Problemi<br />

• Difficoltà nell’uso <strong>di</strong> Standard, strumenti<br />

essenziali <strong>per</strong> l’intero<strong>per</strong>abilità e preziosi<br />

antidoti contro l’obsolescenza <strong>degli</strong> archivi<br />

informatici.<br />

• Conservazione delle memorie <strong>di</strong>gitali,<br />

una questione non solo tecnologica, ma<br />

legata anche a strategie <strong>di</strong> progettazione e<br />

memorizzazione dei dati con la quale<br />

saremo sempre più costretti a fare i conti<br />

<strong>per</strong> evitare inefficienze e <strong>di</strong>s<strong>per</strong>sioni <strong>di</strong><br />

risorse umane ed economiche.


Digital library Problemi<br />

• Diritto d’autore: ostacolo<br />

all’estensione <strong>di</strong> testi e o<strong>per</strong>e recenti.<br />

rischio del cosiddetto “buco nero del<br />

XX secolo”, cioè la forzata assenza<br />

dalla rete <strong>per</strong> problemi <strong>di</strong> copyright<br />

delle o<strong>per</strong>e <strong>di</strong> autori del Novecento<br />

• Scarsa efficacia della ricerca online:<br />

<strong>di</strong>fficoltà <strong>di</strong> interazione e necessità <strong>di</strong><br />

creazione <strong>di</strong> motori <strong>di</strong> ricerca<br />

specializzati.


Problemi ricerca online<br />

• messa a punto <strong>di</strong> motori <strong>di</strong>gitali che<br />

<strong>per</strong>mettano il recu<strong>per</strong>o <strong>di</strong> informazioni<br />

non solo generalistiche, ma al contrario <strong>di</strong><br />

estrema specializzazione, senza gli ostacoli<br />

del multilinguismo, della ridondanza<br />

linguistica, del cosiddetto “rumore”<br />

(l’eccessivo recu<strong>per</strong>o <strong>di</strong> dati, ostacolo tra i<br />

più gravi delle ricerche online).<br />

• Uso <strong>di</strong> Metadati


Metadati<br />

• metadati ("dati su (altri) dati"<br />

• In essi è contenuta l’informazione che<br />

descrive un insieme <strong>di</strong> dati e che dà<br />

possibilità <strong>di</strong> accorparli in categorie più<br />

ampie o <strong>di</strong> riconoscerne la struttura ecc.)<br />

siano essi metadati descrittivo-semantici<br />

(MDS), che servono a identificare e a<br />

recu<strong>per</strong>are documenti primari, o<br />

metadati amministrativo-gestionali<br />

(MAG), necessari <strong>per</strong> la gestione della<br />

struttura.


Metadati<br />

Un esempio <strong>di</strong> metadati è il sistema Dublin Core (Dublin<br />

Core Metadata Initiative)<br />

OCLC (On line Computer Library Center)<br />

• http://it.wikipe<strong>di</strong>a.org/wiki/Dublin_Core


Storia<br />

• Il trattamento informatico <strong>di</strong> testi è stato<br />

storicamente il primo settore <strong>di</strong> s<strong>per</strong>imentazione<br />

dell’informatica applicata alle scienze umane.<br />

• In <strong>per</strong>iodo preinformatico non erano mancate<br />

imprese eroiche nel settore lessicografico, nello<br />

spoglio e lettura <strong>di</strong> testi: basti pensare ai vari<br />

thesauri lessicografici tratti dalla Bibbia e dai testi<br />

sacri, come quelli chiamati Distinctiones, sorta <strong>di</strong><br />

enormi <strong>di</strong>zionari alfabetici <strong>di</strong> simboli che<br />

risalivano al XII secolo.


Storia<br />

• alla fine dell’Ottocento del Thesaurus<br />

Linguae Latinae aveva visto coo<strong>per</strong>are gli<br />

<strong>stu<strong>di</strong></strong>osi <strong>di</strong> cinque università tedesche<br />

all’or<strong>di</strong>namento manuale <strong>di</strong> oltre <strong>di</strong>eci<br />

milioni <strong>di</strong> schede lessicali.<br />

• l’analisi della particella “et” nello schedario del<br />

Thesaurus L.L. a Monaco implicava <strong>per</strong> lo <strong>stu<strong>di</strong></strong>oso<br />

che avesse avuto l’opportunità <strong>di</strong> accedervi, lo<br />

spoglio <strong>di</strong> quaranta cassetti <strong>di</strong> 1200 schede<br />

ciascuno.


Storia<br />

• L’impresa storica dell’Index thomisticus<br />

informatizzato, iniziata nel 1949 da padre<br />

Busa e terminata solo nel 1980, non<br />

rappresenta soltanto la prima impresa che<br />

dette inizio alla linguistica<br />

computazionale, ma può essere presa<br />

come caso esemplare <strong>di</strong> un ampio <strong>per</strong>iodo<br />

si s<strong>per</strong>imentazioni, <strong>per</strong>ché essa ha<br />

attraversato tutte le prime fasi della storia<br />

dell’elaborazione elettronica <strong>di</strong> testi, dalle<br />

schede <strong>per</strong>forate ai nastri magnetici, ai cd-<br />

rom (Busa 1987).


Storia<br />

• attività lessicografiche e creazione<br />

automatica <strong>di</strong><br />

• thesauri<br />

• rimari<br />

• incipitari<br />

• concordanze<br />

• frequenze<br />

• in<strong>di</strong>ces locorum


Problemi<br />

• lessici storici<br />

• varianti <strong>di</strong>acroniche e sincroniche <strong>di</strong><br />

scrittura<br />

• (la parola “esempio” poteva essere scritta<br />

in vari mo<strong>di</strong>: “esemplo”, “essempio”,<br />

“exemplo” ecc.)<br />

• ma anche gli omografi<br />

• faccia


Problemi<br />

• Schedatura<br />

– Rappresentazione in<strong>di</strong>retta <strong>di</strong> un<br />

documento<br />

• Testo libero<br />

– Rappresentazione <strong>di</strong>retta <strong>di</strong> un<br />

documento


Linguaggi <strong>di</strong> markup<br />

• Il termine markup (marcatura) deriva<br />

dall'ambiente dei tipografi che erano soliti<br />

marcare con annotazioni le parti del testo che<br />

andavano evidenziate o corrette, <strong>per</strong> poi<br />

segnalarle al compositore o al dattilografo. La<br />

tecnica <strong>per</strong> creare un testo con l'uso <strong>di</strong> marcatori<br />

(detti anche tag o co<strong>di</strong>ci) richiede una serie <strong>di</strong><br />

convenzioni, co<strong>di</strong>ficate in un linguaggio <strong>di</strong><br />

co<strong>di</strong>fica o marcatura. In generale un linguaggio<br />

<strong>di</strong> markup descrive i meccanismi <strong>di</strong><br />

rappresentazione (strutturali, semantici o<br />

presentazionali) del testo che utilizza<br />

convenzioni standar<strong>di</strong>zzate.


Tiramisù<br />

<br />

Mescolare il primo ingre<strong>di</strong>ente e il secondo<br />

in una terrina. Disporre il composto<br />

ottenuto sul terzo ingre<strong>di</strong>ente e lasciare in<br />

frigorifero <strong>per</strong> almeno 20 minuti.<br />

<br />

Mezz’ora<br />


<br />

I<br />

<br />

Voi ch'ascoltate in rime sparse il suono<br />

<strong>di</strong> quei sospiri ond'io nudriva 'l core<br />

in sul mio primo giovenile errore<br />

quand'era in parte altr'uom da quel ch'i'sono,<br />

<br />

<br />

del vario stile in ch'io piango et ragiono<br />

fra le vane s<strong>per</strong>anze e 'l van dolore<br />

ove sia chi <strong>per</strong> prova intenda amore<br />

s<strong>per</strong>o trovar pietà, nonché <strong>per</strong>dono.<br />

<br />

<br />


?><br />

<br />

<br />

Mario<br />

Mario<br />

Rossi<br />

/><br />

123456 >123456 <br />

<br />

23<br />

Agosto<br />

Agosto<br />

1986<br />

<br />

<br />

<br />

Chiara<br />

Ver<strong>di</strong><br />

/><br />

3632836<br />

>3632836<br />

<br />

1<br />

Gennaio<br />

1985<br />

1985<br />

<br />

<br />


LA CODIFICA DEL TESTO


1<br />

2<br />

3<br />

UNA DEFINIZIONE<br />

“La co<strong>di</strong>fica del testo può essere definita come<br />

una rappresentazione <strong>di</strong> un testo su un supporto<br />

<strong>di</strong>gitale, in funzione <strong>di</strong> un determinato punto <strong>di</strong><br />

vista , secondo un co<strong>di</strong>ce con<strong>di</strong>viso in modo<br />

sostanziale dall’uomo e dall’elaboratore<br />

elettronico cui tale co<strong>di</strong>fica è destinata”


1<br />

TESTO vs DOCUMENTO<br />

• Astrazioni<br />

• Successione <strong>di</strong> fonemi<br />

rappresentabile tramite grafemi<br />

• Segmentazioni logiche e<br />

partizioni interne con<br />

organizzazione gerarchica e<br />

funzionale (in<strong>di</strong>pendentemente<br />

dalla loro resa tipografica):<br />

capitoli, paragrafi…<br />

• Istanze <strong>di</strong> responsabilità<br />

dell’autore: il titolo ed il nome<br />

dell’autore, intertitoli, le note…<br />

• Supporto materiale in cui il testo<br />

viene conservato (un libro, un<br />

papiro, una lapide…)<br />

• Disposizione delle tracce fisiche<br />

dei segni grafici.<br />

• Distribuzione dei vari elementi<br />

all’interno della pagina<br />

• Indagine del supporto materiale:<br />

tipi <strong>di</strong> carattere, collocazione delle<br />

immagini, elementi introdotti non<br />

dall’autore del testo.


2<br />

• Se la co<strong>di</strong>fica è funzionale ad un determinato<br />

punto <strong>di</strong> vista esistono molteplici modelli <strong>di</strong><br />

co<strong>di</strong>fica possibili, tra cui il co<strong>di</strong>ficatore sceglie<br />

quello più consono ai suoi obbiettivi.<br />

• Dato che la co<strong>di</strong>fica è un mezzo <strong>per</strong> rendere<br />

esplicita l’interpretazione <strong>di</strong> un testo e che tale<br />

interpretazione non è mai univoca, risulta<br />

chiaro che la co<strong>di</strong>fica stessa non può mai<br />

essere assoluta.


3<br />

CODICE CONDIVISO TRA<br />

UOMO ED ELABORATORE<br />

• L’elaboratore deve essere in grado <strong>di</strong> trasmettere il messaggio<br />

che colui che ha memorizzato il documento aveva intenzione<br />

<strong>di</strong> comunicare al proprio destinatario.<br />

• Il testo deve essere co<strong>di</strong>ficato in Machine Readable Form<br />

(MRF), capace <strong>di</strong> conservare e ritrasmettere quanto il<br />

co<strong>di</strong>ficatore aveva ritenuto <strong>di</strong> rilevanza semantica.<br />

• Un documento <strong>di</strong>gitale in MRF può essere con<strong>di</strong>viso da ogni<br />

elaboratore solo se aderisce ad uno standard che ne garantisce<br />

la portabilità.<br />

• La risorsa <strong>di</strong>gitale deve essere fruibile in<strong>di</strong>pendentemente da<br />

hardware, software e piattaforma utilizzati.


STANDARD<br />

• Standard Formali = insieme <strong>di</strong> norme relative a una<br />

particolare tecnologia emesse da un ente istituzionale<br />

nazionale o internazionale deputato a tale scopo<br />

(International Standar<strong>di</strong>zation Organization, ISO)<br />

• Standard <strong>di</strong> Fatto = tecnologie che <strong>per</strong> la loro<br />

capillare <strong>di</strong>ffusione sono stati adottate dalla comunità<br />

internazionale come standard formali, anche se la loro<br />

rapida evoluzione e il loro formato proprietario le<br />

rende meno portabili.


PERCHE’ CODIFICARE?


DATO vs INFORMAZIONE<br />

• Non ha significato<br />

intrinseco, a meno che non<br />

venga inserito in una<br />

struttura che lo colleghi ad<br />

altri dati.<br />

• Es.: 24129<br />

• Informazione = dati +<br />

struttura<br />

• Legando i dati ad un<br />

contesto specifico<br />

l’informazione si carica <strong>di</strong><br />

significato<br />

• L’informazione in un certo<br />

dominio è costituita da dati<br />

strutturati ed organizzati in<br />

maniera esplicita<br />

• 24129: Cap. <strong>di</strong> Bergamo,<br />

Numero <strong>di</strong> conto, Numero<br />

<strong>di</strong> matricola


Testo<br />

• Un testo come flusso <strong>di</strong> caratteri, parole e frasi è una fonte <strong>di</strong><br />

dati linguistici.<br />

• Il testo, <strong>per</strong>ò, è anche un’entità altamente strutturata,<br />

all’interno della quale i dati linguistici sono correlati secondo<br />

piani <strong>di</strong> organizzazione multipli (informazione linguistica):<br />

Struttura del testo (sezioni, capitoli, paragrafi, titoli)<br />

Struttura del contesto (autore, data pubblicazione, finalità del<br />

testo)<br />

Struttura linguistica (info morfologiche, sintattiche,<br />

semantiche)<br />

Il testo <strong>di</strong>venta fonte <strong>di</strong> informazione linguistica quando<br />

alcuni <strong>di</strong> questi livelli <strong>di</strong> organizzazione e strutturazione<br />

vengono resi espliciti attraverso la co<strong>di</strong>fica.


CHE COSA CODIFICARE?<br />

LA CODIFICA NON E’ ASSOLUTA….


…DIPENDE DALLO SCOPO<br />

• la struttura, che implica l’in<strong>di</strong>viduazione delle<br />

partizioni strutturali del testo (capitoli,<br />

paragrafi, stanze, atti, scene…)<br />

• il formato, cioè la riproduzione dell’aspetto<br />

fisico <strong>di</strong> un dato documento (grassetti, corsivi,<br />

maiuscole, sud<strong>di</strong>visione in pagine e in righe…)<br />

• il contenuto, che comporta il riconoscimento <strong>di</strong><br />

determinati aspetti semantici (nomi propri,<br />

funzioni narrative, citazioni, numeri, strutture<br />

sintattiche…)<br />

• ….


COME CODIFICARE?


1. Programmi <strong>di</strong> text processing WYSIWYG (What<br />

you see is what you get)<br />

o presentazionali:<br />

• Esempi: Ms-Word; FrontPage; Netscape Composer;<br />

Adobe PDF<br />

• Rappresentano graficamente sullo schermo del computer<br />

un documento nella forma che questo assumerà una volta<br />

stampato<br />

• Co<strong>di</strong>fica invisibile all’utente che interagisce con il<br />

software tramite appositi <strong>di</strong>spositivi (menu, pulsanti<br />

ecc..) comandati dall’interfaccia grafica e <strong>di</strong> cui vede gli<br />

effetti <strong>di</strong>rettamente a video. Le etichette <strong>di</strong> marcatura<br />

vengono automaticamente inserite dal programma in<br />

relazione alle scelte dell’utente.


Vantaggi<br />

• Facilità <strong>di</strong> utilizzo<br />

• Co<strong>di</strong>fica veloce<br />

Svantaggi<br />

• Co<strong>di</strong>fica esclusivamente delle caratteristiche <strong>di</strong> formato<br />

• Co<strong>di</strong>fica <strong>di</strong>fficilmente controllabile <strong>per</strong>ché nascosta<br />

all’utente<br />

• Formati proprietari (problema <strong>di</strong> portabilità): il<br />

documento può essere visualizzato solo dallo stesso tipo<br />

<strong>di</strong> applicazione in cui è stato creato oppure da un<br />

apposito visualizzatore. Le specifiche <strong>di</strong> formato non<br />

sono <strong>di</strong>ffuse pubblicamente in modo esplicito e la casa<br />

produttrice si riserva il <strong>di</strong>ritto <strong>di</strong> cambiarle a propria<br />

<strong>di</strong>screzione.


2. Linguaggi <strong>di</strong> markup<br />

Per conciliare:<br />

• rappresentazione <strong>di</strong> informazione astratta<br />

• portabilità


Un esempio <strong>di</strong> linguaggio<br />

presentazionale:<br />

PDF<br />

Portable Document Format<br />

Prodotto della Adobe introdotto nel 1993,<br />

nato da una trasformazione <strong>di</strong> Adobe<br />

Postscript.


PDF (Portable Document<br />

Format)<br />

• Nasce con l'obiettivo <strong>di</strong> risolvere il problema <strong>di</strong> poter con<strong>di</strong>videre e<br />

<strong>di</strong>stribuire documenti con testi e grafica formattati su piattaforme<br />

<strong>di</strong>fferenti, mantenendo il layout originale.<br />

• Esprime il meglio delle proprie potenzialità proprio con quelle<br />

applicazioni finalizzate alla stampa, pur mantenendo una buona resa<br />

a video<br />

• Per visualizzare i file PDF occorre Acrobat Reader, oggi ribattezzato<br />

Adobe Reader, un'applicazione gratuita liberamente <strong>di</strong>stribuibile e<br />

<strong>di</strong>sponibile <strong>per</strong> praticamente tutte le piattaforme informatiche<br />

esistenti: si calcola che sino ad oggi siano state <strong>di</strong>stribuite più <strong>di</strong><br />

cinquecentomilioni <strong>di</strong> copie <strong>di</strong> tale software.<br />

• Per la creazione <strong>di</strong> file PDF si utilizza il software Acrobat prodotto<br />

dalla Adobe; da qualche anno, tuttavia, sono comparse sul mercato<br />

soluzioni alternative (sebbene non complete come Acrobat), alcune<br />

delle quali gratuite, <strong>per</strong> la creazione <strong>di</strong> documenti PDF.


• I file PDF vengono creati <strong>per</strong> mezzo <strong>di</strong> una<br />

stampante virtuale chiamata Distiller: in pratica<br />

il file viene creato in una qualsiasi applicazione,<br />

word processor o altro, e poi inviato alla<br />

stampante virtuale che lo "traduce" in PDF.<br />

• Nel corso <strong>degli</strong> anni PDF è <strong>di</strong>ventato uno<br />

standard de facto <strong>per</strong> la <strong>di</strong>stribuzione <strong>di</strong><br />

documenti elettronici, nel maggio del duemila è<br />

stato ufficialmente approvato dall'ANSI come<br />

standard ufficiale.


• Notevole <strong>di</strong>ffusione<br />

VANTAGGI<br />

• Capacità <strong>di</strong> integrare contenuti<br />

multime<strong>di</strong>ali, grafica vettoriale e moduli<br />

interattivi.<br />

• Grande capacità espressiva dal punto <strong>di</strong><br />

vista della grafica e della impaginazione del<br />

testo.


LIMITI<br />

• E’ un formato proprietario.<br />

• E’ linguaggio che si concentra esclusivamente sugli<br />

aspetti formali e presentazionali della pagina, e non un<br />

linguaggio <strong>di</strong> mark-up a<strong>per</strong>to nato <strong>per</strong> la marcatura<br />

logica e strutturata.<br />

• Un file in formato PDF deve essere creato, avendo in<br />

mente il <strong>di</strong>spositivo su cui questo verrà visualizzato. Il<br />

documento PDF potrà soltanto essere ingran<strong>di</strong>to o<br />

rimpicciolito <strong>per</strong> adeguarsi al <strong>di</strong>spositivo altrimenti, ad<br />

esempio, su schermi piccoli come quelli dei Personal<br />

Digital Assistant (PDA), si dovrà ricorrere ad un<br />

fasti<strong>di</strong>oso scrolling verticale ed eventualmente anche<br />

orizzontale.


Una parziale soluzione…<br />

• Per cercare <strong>di</strong> ovviare a questo inconveniente a partire<br />

dalla versione cinque <strong>di</strong> Acrobat i file PDF possono<br />

contenere tag (Tagged PDF), che consentono <strong>di</strong><br />

riformattare il flusso <strong>di</strong> testo al fine <strong>di</strong> adattarsi a<br />

<strong>di</strong>spositivi <strong>di</strong>versi. Al file viene applicato una sorta <strong>di</strong><br />

'involucro' e<strong>di</strong>tabile <strong>di</strong> metadati<br />

• Tuttavia, essendo il PDF rivolto principalmente alla<br />

rappresentazione finale della pagina ed alla sua<br />

riproduzione su video o a stampa, <strong>di</strong>fficilmente può<br />

possedere la ricchezza <strong>di</strong> metainformazione e la<br />

conseguente versatilità ed adattabilità alle esigenze più<br />

<strong>di</strong>verse <strong>di</strong> un documento basato su <strong>di</strong> un linguaggio <strong>di</strong><br />

markup.


RIQU<br />

ADR<br />

O DI<br />

NAVI<br />

GAZI<br />

ONE<br />

AREA DI LAVORO<br />

BARRA DEGLI STRUMENTI<br />

RIQ<br />

UDA<br />

RO<br />

DEL<br />

DOC<br />

UME<br />

NTO


Possibilità del riquadro <strong>di</strong> navigazione


Riquadro <strong>di</strong> navigazione: segnalibri


Riquadro <strong>di</strong> navigazione: Pagine


Spostarsi nella pagina<br />

• Pulsanti<br />

• Vista> vai a<br />

• Segnalibri<br />

• Pagine<br />

• Link<br />

• Articoli


Zoom


Adattare la pagina alle <strong>di</strong>mensioni della finestra


Cos’è una <strong>di</strong>gital library<br />

definizione e definizioni<br />

• Il termine Digital Library compare alla fine<br />

<strong>degli</strong> anni Ottanta <strong>per</strong> in<strong>di</strong>care una<br />

collezione <strong>di</strong> documenti <strong>di</strong>gitali organizzati<br />

<strong>per</strong> contenuto e finalizzata ad un’utenza<br />

specifica.


Cos’è una <strong>di</strong>gital<br />

library<br />

• In realtà le sue origini ideali<br />

vanno ricercate nel cuore del<br />

Cinquecento: la famosa ruota<br />

dei libri inventata da Agostino<br />

Ramelli e illustrata e descritta<br />

nel suo libro Le <strong>di</strong>verse e<br />

artificiose macchine (Parigi,<br />

appresso l’autore, 1588),<br />

<strong>per</strong>metteva <strong>di</strong> stare seduti e<br />

“leggere una grande quantità<br />

<strong>di</strong> libri senza muoversi dal<br />

proprio posto”.


Precedenti <strong>di</strong>gital libraries<br />

• nel 1945, Vanervar Bush progettò il Memex<br />

(MEMory Extender) una macchina<br />

analogica capace <strong>di</strong> <strong>per</strong>mettere al lettore <strong>di</strong><br />

creare <strong>di</strong> <strong>per</strong>corsi associativi attraverso<br />

archivi e documenti <strong>di</strong>versi<br />

• “as we may think”( Bush 1945,<br />

consultabile all’in<strong>di</strong>rizzo http://www.ps.unisb.de/~duchier/pub/vbush/vbush.shtml)


Definzioni<br />

• La prima definizione <strong>di</strong> Digital Library, risalente<br />

al 1993, è quella <strong>di</strong> Christine Borgman (Borgman<br />

1993, Borgman 2000), che la identifica con una<br />

struttura in grado <strong>di</strong> combinare un servizio,<br />

un’architettura <strong>di</strong> rete, un insieme <strong>di</strong> risorse<br />

informative (banche dati testuali, dati numerici,<br />

immagini, documenti sonori, video) e un insieme<br />

<strong>di</strong> strumenti <strong>per</strong> localizzare, recu<strong>per</strong>are e utilizzare<br />

l’informazione re<strong>per</strong>ita.


Definzioni<br />

• Una seconda definizione, fornita da Charles<br />

Oppenheim e David Smithson (Oppenheim,<br />

Smithson 1999) e poi seguita anche da William<br />

Arms (Arms 2000), intende la biblioteca <strong>di</strong>gitale<br />

come un servizio informativo, in cui tutte le<br />

risorse siano <strong>di</strong>sponibili in formato <strong>di</strong>gitale e le<br />

funzioni <strong>di</strong> acquisizione, archiviazione,<br />

preservazione, recu<strong>per</strong>o e accesso siano realizzate<br />

attraverso l’uso <strong>di</strong> tecnologie <strong>di</strong>gitali.


Definzioni<br />

• In modo più articolato Gary Marchionini ed<br />

Edward Fox (Marchionini, Fox 1999) in<strong>di</strong>viduano<br />

quattro componenti proprie dello spazio<br />

informativo in cui nasce la biblioteca <strong>di</strong>gitale, la<br />

comunità <strong>degli</strong> utenti, la tecnologia, i servizi,<br />

(l’elemento essenziale delle biblioteche <strong>di</strong>gitali del<br />

web 2.0 con possibilità <strong>di</strong> aiuto in linea,<br />

<strong>per</strong>sonalizzazione dei servizi, creazioni <strong>di</strong> forum e<br />

communities) e infine i contenuti, (i documenti e<br />

nei formati prescelti).


Definzioni<br />

• fin dalla fine <strong>degli</strong> anni Novanta si<br />

contrappongono due <strong>di</strong>verse concezioni<br />

» una più liberamente legata al mondo <strong>di</strong>gitale,<br />

incentrata sull’utente e focalizzata sulla creazione<br />

<strong>di</strong> uno spazio liberamente fruibile dal ricercatore,<br />

» l’altra più tra<strong>di</strong>zionale che vede la biblioteca <strong>di</strong>gitale<br />

come un’espansione delle pratiche presenti nella<br />

biblioteca reale, come estensione <strong>di</strong> nuovi servizi<br />

offerti dagli utenti.


Definzioni<br />

• Workshop on <strong>di</strong>stributed knowledge work<br />

environments <strong>di</strong> Santa Fe del 1999<br />

• “il concetto <strong>di</strong> Digital Library non è quello<br />

<strong>di</strong> una collezione <strong>di</strong>gitale dotata <strong>di</strong> strumenti<br />

<strong>di</strong> gestione dell’informazione. È piuttosto<br />

uno spazio in cui mettere insieme<br />

collezione, servizi e <strong>per</strong>sone a supporto<br />

dell’intero ciclo <strong>di</strong> vita della creazione, uso,<br />

preservazione dei dati, informazione e<br />

conoscenza”


Definzioni<br />

• proposta dai bibliotecari della Digital<br />

Libraries Federation (DLF)<br />

– Le biblioteche <strong>di</strong>gitali sono organizzazioni che<br />

forniscono le risorse, compreso il <strong>per</strong>sonale<br />

specializzato, <strong>per</strong> selezionare, organizzare dare<br />

l’accesso intellettuale, interpretare, <strong>di</strong>stribuire,<br />

preservare l’integrità e assicurare la <strong>per</strong>sistenza<br />

nel tempo delle collezioni <strong>di</strong>gitali così che<br />

queste possano essere accessibili prontamente<br />

ed economicamente <strong>per</strong> una comunità definita o<br />

<strong>per</strong> un insieme <strong>di</strong> comunità


Classificazioni delle <strong>di</strong>gital libraries<br />

• in base ai formati con cui i documenti vengono archiviati alla fonte e<br />

<strong>di</strong>stribuiti agli utenti: formato immagine, formati in MRF, formati applicativi<br />

proprietari co<strong>di</strong>fiche ‘puro testo’, basate sui sistemi <strong>di</strong> co<strong>di</strong>fica ASCII, ISO 8859<br />

o UNICODE; formati applicativi proprietari quali Postscript, Portable Document<br />

Format (PDF), Rich Text Format (RTF); .<br />

• In base alla modalità <strong>di</strong> accesso e <strong>di</strong> consultazione dei<br />

documenti elettronici:<br />

– <strong>di</strong>stribuzione remota <strong>di</strong> file contenenti documenti <strong>di</strong>gitali in vari formati <strong>per</strong> la<br />

consultazione off-line;<br />

– consultazione online <strong>di</strong> documenti in ambiente Web;<br />

– consultazione avanzata <strong>di</strong> documenti me<strong>di</strong>ante <strong>di</strong>spositivi <strong>di</strong> information retrieval o<br />

sistemi con funzionalità <strong>di</strong> analisi testuale particolari.


Classificazioni delle <strong>di</strong>gital libraries<br />

• In base al tipo <strong>di</strong> ente, organizzazione o<br />

struttura che ha realizzato la biblioteca:<br />

– Progetti <strong>di</strong> ricerca promossi dal mondo bibliotecario<br />

tra<strong>di</strong>zionale,<br />

– progetti <strong>di</strong> ricerca accademici e<br />

– progetti non istituzionali creati da volontari.


Classificazioni delle <strong>di</strong>gital libraries<br />

– Progetti <strong>di</strong> ricerca promossi dal mondo bibliotecario<br />

tra<strong>di</strong>zionale,<br />

– Digital Libraries Initiative, finanziato congiuntamente dalla<br />

National Science Foundation (NSF), dalla Department of<br />

Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA) e dalla<br />

NASA con lo scopo <strong>di</strong> sviluppare e s<strong>per</strong>imentare nuove<br />

tecnologie <strong>per</strong> l’archiviazione e la gestione <strong>di</strong> archivi in<br />

formato <strong>di</strong>gitale resi <strong>di</strong>sponibili attraverso reti <strong>di</strong><br />

comunicazione http://rs6.loc.gov/ammem/dli2/<br />

– Biblioteca Digitale Italiana<br />

http://www.biblioteca<strong>di</strong>gitaleitaliana.it/genera.jsp


Classificazioni delle <strong>di</strong>gital libraries<br />

• progetti <strong>di</strong> ricerca accademici e<br />

– l’Oxford Text Archive (OTA http://ota.ahds.ac.uk/<br />

realizzato dall’Oxford University Computing Services<br />

(OUCS), che è composto da oltre 2.500 testi elettronici <strong>di</strong><br />

ambito letterario e saggistico. Stu<strong>di</strong>osi e centri <strong>di</strong> ricerca <strong>di</strong><br />

tutto il mondo hanno fornito all’ OTA le trascrizioni e le<br />

e<strong>di</strong>zioni elettroniche effettuate nella loro attività scientifica,<br />

<strong>per</strong>mettendo così la costruzione <strong>di</strong> un archivio formato da<br />

e<strong>di</strong>zioni filologicamente molto qualificate, che<br />

rappresentano un’importante risorsa scientifica,<br />

specialmente <strong>per</strong> la comunità dei ricercatori e <strong>stu<strong>di</strong></strong>osi <strong>di</strong><br />

area umanistica. I testi sono <strong>per</strong> la maggior parte co<strong>di</strong>ficati<br />

in formato SGML o XML, in base alle specifiche TEI.


Classificazioni delle <strong>di</strong>gital libraries<br />

Progetti non istituzionali creati da volontari<br />

Million Book Project,<br />

http://www.archive.org/details/millionbooks<br />

(promosso dai volontari dell’associazione Internet<br />

Archive)<br />

il Project Gutenberg (http://www.gutenberg.net/),


Classificazioni delle <strong>di</strong>gital libraries<br />

• In base al tipo <strong>di</strong> ente, organizzazione o struttura<br />

che ha realizzato la biblioteca:<br />

– Progetti <strong>di</strong> ricerca promossi dal mondo bibliotecario tra<strong>di</strong>zionale,<br />

– progetti <strong>di</strong> ricerca accademici e<br />

– progetti non istituzionali creati da volontari.<br />

• In base alle funzionalità offerte all’utente<br />

– le banche dati <strong>di</strong> anastatiche <strong>di</strong>gitali;<br />

– gli archivi <strong>di</strong> o<strong>per</strong>e in formato MRF ma senza strumenti <strong>di</strong> ricerca<br />

particolarmente raffinati;<br />

– le banche dati <strong>di</strong> testi co<strong>di</strong>ficati, dotate <strong>di</strong> motori <strong>di</strong> ricerca testuali<br />

specifici che consentono interrogazioni molto raffinate e altre<br />

funzionalità particolari: in<strong>di</strong>ci, itinerari tematici attraverso i testi ecc.


Digital Libraries<br />

• Testi come immagine<br />

Gallica: <br />

• Testi trascritti in formato MRF<br />

Manuzio: <br />

Testi trascritti MRF e ricercabili


Digital Libraries<br />

• Testi come immagine<br />

Gallica:<br />


Digital Libraries<br />

• Testi trascritti in formato MRF<br />

Bibliotheca Augustana:<br />

http://www.fh-augsburg.de/~harsch/augustana.html


Sonia Maffei<br />

Digital Libraries<br />

• Testi trascritti in formato MRF<br />

Manuzio:<br />


Digital Libraries<br />

• Virtual Library<br />

• Servizi offerti dalle biblioteche<br />

• Cataloghi on-line<br />

• Prestito<br />

• bibliografie<br />

• Digital Library<br />

• Biblioteche <strong>di</strong> testi integrali


Digital Libraries<br />

Gallica: <br />

• Testi come immagine<br />

• 90.000 o<strong>per</strong>e<br />

• Struttura della biblioteca:<br />

• Cura nella presentazione<br />

• Divisione <strong>per</strong> sezioni<br />

• Per cronologia


Digital Libraries<br />

Gallica: <br />

• Testi come immagine<br />

• Ricerca:<br />

• Per temi<br />

• Per autori<br />

• Per titoli<br />

• Per date


Digital Libraries<br />

Gallica: <br />

• Testi come immagine<br />

• Rappresentazione<br />

in<strong>di</strong>retta del documento<br />

• Rappresentazione <strong>di</strong>retta<br />

del documento


Digital Libraries<br />

Gallica: <br />

• Rappresentazione<br />

in<strong>di</strong>retta del documento<br />

• Astrazione<br />

• Scheda


Digital Libraries<br />

Gallica: <br />

• Testi come immagine<br />

• Principio del catalogo<br />

on-line<br />

• Con aggiunta della<br />

visualizzazione del libro


Digital Libraries<br />

Gallica: <br />

• Testi come immagine<br />

Vantaggi e Svantaggi


Digital Libraries<br />

Gallica: <br />

• Testi come immagine<br />

• Vantaggi<br />

• Per l’utente:<br />

Semplicità d’uso<br />

Riproduzione completa<br />

Gran numero <strong>di</strong> testi


Digital Libraries<br />

Gallica: <br />

• Testi come immagine Vantaggi<br />

Per l’istituzione<br />

Costo<br />

Tempistica<br />

Facilità <strong>di</strong> costruzione<br />

facile assemblamento <strong>di</strong> un<br />

gran numero <strong>di</strong> testi<br />

Conservazione testi rari


Digital Libraries<br />

Gallica: <br />

• Testi come immagine<br />

• Svantaggi<br />

Per l’utente<br />

impossibilità <strong>di</strong> ricercare all’interno dei<br />

testi.<br />

Per cercare una parola occorre sfogliare<br />

tutto il libro:<br />

Lentezza <strong>di</strong> internet, costi ecc.


Digital Libraries<br />

Gallica: <br />

• Testi come immagine<br />

• Svantaggi<br />

Per l’istituzione<br />

impossibilità <strong>di</strong> rielaborare il materiale<br />

linguistico con nuovi progetti


Digital Libraries<br />

Gallica: <br />

Impossibile ricercare all’interno dei<br />

testi.<br />

Perché il libro è <strong>per</strong> il computer una<br />

semplice immagine


Digital Libraries<br />

Gallica: <br />

Impossibile ricercare all’interno dei<br />

testi.<br />

Perché il libro è un insieme <strong>di</strong> valori <strong>di</strong><br />

colore e luminosità, non un insieme <strong>di</strong> parole


Digital Libraries<br />

• Testi trascritti in formato MRF<br />

• Bibliotheca Augustana<br />

• Or<strong>di</strong>namento dei testi<br />

• Per gran<strong>di</strong> temi<br />

• Per Autore<br />

• Per Cronologia


Digital Libraries<br />

• Testi trascritti in formato MRF<br />

• Bibliotheca Augustana<br />

•Ogni autore ha una scheda<br />

biografica e poi il testo<br />

interamente riprodotto


Digital Libraries<br />

• Testi trascritti in formato MRF<br />

• Bibliotheca Augustana<br />

•Vantaggi e svantaggi


Digital Libraries<br />

• Testi trascritti in formato MRF<br />

• Bibliotheca Augustana<br />

•Vantaggi <strong>per</strong> l’utente<br />

• Il lettore può anche ricercare nel<br />

testo (in modo elementare)<br />

• Non è anastatica, problema rapporti<br />

testo e paratesto


Digital Libraries<br />

• Testi trascritti in formato MRF<br />

• Bibliotheca Augustana<br />

•Vantaggi <strong>per</strong> l’istituzione<br />

• Il costo è ancora contenuto<br />

• Non occorre avere e<strong>di</strong>zioni originali<br />

<strong>di</strong> riferimento


Digital Libraries<br />

• Testi trascritti in formato MRF<br />

• Bibliotheca Augustana<br />

•Svantaggi<br />

• La ricerca è molto semplificata<br />

• Molta attenzione alle e<strong>di</strong>zioni<br />

utilizzate (problema copyright)


Digital Libraries<br />

• Testi trascritti in formato MRF<br />

• Liber Liber, progetto Manuzio<br />

• Or<strong>di</strong>namento dei testi<br />

• Per gran<strong>di</strong> temi<br />

• Per Autore<br />

• Per Cronologia<br />

• Possibilità <strong>di</strong> scaricare il testo


Digital Libraries<br />

• Testi trascritti in formato MRF<br />

• Liber Liber, progetto Manuzio<br />

• Schede biografiche autori<br />

• Per le scuole


Digital Libraries<br />

• Testi trascritti in formato MRF<br />

• Liber Liber, progetto Manuzio<br />

• Scheda su ogni o<strong>per</strong>a con in<strong>di</strong>cazioni<br />

• Dell’e<strong>di</strong>zione utilizzata e dei collaboratori ecc.


Digital Libraries<br />

• Testi trascritti in formato MRF<br />

• Liber Liber, progetto Manuzio<br />

• Non più scannerizzazione, ma<br />

• Lavoro <strong>di</strong> trascrizione <strong>di</strong> testi


Digital Libraries<br />

• Testi trascritti in formato MRF<br />

• Liber Liber, progetto Manuzio<br />

Fasi <strong>di</strong> lavoro:<br />

Scannerizzazione<br />

OCR<br />

Controllo e verifica


Digital Libraries<br />

Testi trascritti MRF e ricercabili<br />

con raffinati strumenti <strong>di</strong> ricerca<br />

Intratext:<br />

http://www.intratext.com/


Digital Libraries<br />

• Testi trascritti in<br />

formato MRF e<br />

ricercabili con raffinati<br />

strumenti <strong>di</strong> ricerca<br />

• Intratext<br />

• http://www.intratext.co<br />

m


Digital Libraries<br />

•Testi trascritti in formato MRF e ricercabili con raffinati strumenti<br />

<strong>di</strong> ricerca<br />

Intratext<br />

Elenchi tematici e<br />

Per autore<br />

Per titolo<br />

Per lingua


•Glossario<br />

Guida rapida


Digital Libraries<br />

•Testi trascritti in formato MRF e ricercabili con raffinati strumenti<br />

<strong>di</strong> ricerca<br />

Intratext<br />

Il testo è integrale ed<br />

elaborato con particolari<br />

strumenti


Digital Libraries<br />

•Testi trascritti in formato MRF e ricercabili con raffinati strumenti<br />

<strong>di</strong> ricerca<br />

Intratext<br />

Frequenze<br />

Concordanze<br />

Contesti


Digital Libraries<br />

•Testi trascritti in formato MRF e ricercabili con raffinati strumenti<br />

<strong>di</strong> ricerca<br />

Frequenza:<br />

quante volte una forma<br />

compare in un testo<br />

Differenze tra Forma o<br />

Lemma


Digital Libraries<br />

•Testi trascritti in formato MRF e ricercabili con raffinati strumenti<br />

<strong>di</strong> ricerca<br />

Forma:<br />

Sequenza <strong>di</strong> caratteri<br />

FACCIA<br />

VENTI<br />

MANI


Lemmatizzare o non<br />

lemmatizzare?<br />

• L’impossibilità <strong>di</strong> trattare con il computer la<br />

<strong>di</strong>versità semantica e lo spessore espressivo<br />

del linguaggio<br />

• introduce la lemmatizzazione manuale<br />

• FACCIA<br />

• BASSO RILIEVO, BASSORILIEVO<br />

• ROSA, ROSAE


Digital Libraries<br />

•Testi trascritti in formato MRF e ricercabili con raffinati strumenti<br />

<strong>di</strong> ricerca<br />

Lemma:<br />

Forma padre a cui si riconducono<br />

tutte le forme figlie<br />

FARE<br />

FACCIA<br />

FACCIA


Digital Libraries<br />

•Testi trascritti in formato MRF e ricercabili con raffinati strumenti<br />

<strong>di</strong> ricerca<br />

Concordanza:<br />

“Concorda” una forma nel<br />

suo contesto, cioè nella<br />

frase o nella porzione <strong>di</strong><br />

testo che la contiene


Digital Libraries<br />

•Testi trascritti in formato MRF e ricercabili con raffinati strumenti<br />

<strong>di</strong> ricerca<br />

Concordanza:<br />

Vari tipi <strong>di</strong> contesti<br />

KWIC<br />

KWOC


(testo <strong>di</strong>mostrativo da non usare <strong>per</strong> lettura o citazione)


Sonia Maffei<br />

Digital Libraries<br />

• Testi trascritti e ricercabili<br />

CIBIT:<br />

http://www.bibliotecaitaliana.it/


CIBIT<br />

http://www.bibliotecaitaliana.it/index.asp<br />

Per la creazione dei metadati è stato utilizzato lo<br />

schema METS (Metadata Enco<strong>di</strong>ng and<br />

Transmission Standard) — elaborato dal<br />

Network Development and MARC Standards<br />

Office of the Library of Congress - che consente<br />

la rappresentazione <strong>di</strong> metadati descrittivi,<br />

tecnici e gestionali in XML,<br />

Sonia Maffei


CIBIT<br />

http://www.bibliotecaitaliana.it/index.asp<br />

Lo schema XML è stato mappato a sua volta con lo<br />

schema MAG (Metadati gestionali<br />

amministrativi e strutturali <strong>per</strong> le risorse<br />

<strong>di</strong>gitali) elaborato dal Gruppo <strong>di</strong> <strong>stu<strong>di</strong></strong>o sugli<br />

standard e le applicazioni <strong>di</strong> metadati nei <strong>beni</strong><br />

<strong>culturali</strong> promosso dall'ICCU (Istituto Centrale<br />

<strong>per</strong> il Catalogo Unico delle biblioteche italiane e<br />

<strong>per</strong> le informazioni bibliografiche).<br />

Sonia Maffei


CIBIT<br />

http://www.bibliotecaitaliana.it/index.asp<br />

Dublin Core Metadata Element Set, versione<br />

1.1<br />

http://www.iccu.sbn.it/dublinco.html<br />

Sonia Maffei


CIBIT<br />

http://www.bibliotecaitaliana.it/index.asp<br />

Co<strong>di</strong>fica dei testi<br />

Cibit ha adottato come linguaggio <strong>di</strong><br />

co<strong>di</strong>fica dei testi lo schema <strong>di</strong><br />

co<strong>di</strong>fica della Text Enco<strong>di</strong>ng<br />

Iniziative (TEI P4), basato sulla<br />

sintassi del linguaggio XML<br />

(Extensible markup Language).<br />

Sonia Maffei


CIBIT<br />

http://www.bibliotecaitaliana.it/index.asp<br />

• Livello 1: <strong>di</strong>visioni strutturali<br />

• Livello 2: <strong>di</strong>visioni tematiche; enfasi e<br />

segmenti in lingue <strong>di</strong>verse dalla lingua<br />

base del testo<br />

Sonia Maffei


Sonia Maffei<br />

BiViO<br />

http://bivio.signum.sns.it/<br />

Per la creazione dei metadati è stato<br />

utilizzato lo schema TEI (Text Enco<strong>di</strong>ng<br />

Initiative) rappresentazione <strong>di</strong> metadati<br />

descrittivi, tecnici e gestionali in XML.


CIBIT<br />

http://www.bibliotecaitaliana.it/index.asp<br />

• Livello 1: <strong>di</strong>visioni strutturali<br />

• Livello 2: <strong>di</strong>visioni strutturali con<br />

in<strong>di</strong>cazioni esplicite <strong>di</strong> tipologia<br />

• Livello 3: Citazioni esplicite con<br />

riferimento autorei<br />

• Livello 4: segmenti in lingue <strong>di</strong>verse<br />

dalla lingua base del testo<br />

• Livello 5: rapporto testo e immagini<br />

Sonia Maffei


Corpus informatico belloriano<br />

http://biblio.signum.sns.it/bellori/


Digital Libraries<br />

Testi trascritti MRF e ricercabili<br />

Biblioteca BIVIO<br />


Digital Libraries<br />

NTERT ARCHVE


Monumenta rariora: http://moratesti.cribecu.sns.it/:


Europeana<br />

• http://dev.europeana.eu/<br />

A partire dalla primavera 2007 Gallica sta evolvendo nel più ambizioso<br />

progetto Europeana, sviluppata dalla Bibliothèque Nationale de<br />

France (BnF), nel quadro <strong>di</strong> un progetto <strong>di</strong> Biblioteca <strong>di</strong>gitale europea<br />

in collaborazione con la Biblioteca nazionale ungherese Széchényie e<br />

con la Biblioteca nazionale del Portogallo, ma destinato ad allargarsi ad<br />

altre collaborazioni. Il progetto è in linea dal 22 marzo 2007 e<br />

attualmente propone 12.000 testi librari, liberi da <strong>di</strong>ritti d’autore in<br />

formata immagine e in formata testa ottenuto tramite OCR, ma<br />

promette <strong>di</strong> espandersi al ritmo <strong>di</strong> 100.000 testi all’anno241.


Europeana<br />

• http://dev.europeana.eu/<br />

. I testi sono ricercabili <strong>per</strong> epoca (dal XVI al XX secolo), <strong>per</strong> lingua (tedesco, inglese,<br />

spagnolo, francese, italiano, latino e portoghese), <strong>per</strong> provenienza<br />

(Bibliothèque nationale de France, Biblioteca nazionale ungherese<br />

Széchényie e la Biblioteca nazionale del Portogallo) e <strong>per</strong> autore.<br />

Europeana nasce sulla scia <strong>di</strong> un progetto più ampio, in cui confluirà quello della European<br />

Library.242 Il portale, che sta <strong>di</strong>gitalizzando gli<br />

archivi delle più importanti biblioteche continentali, è sostenuto<br />

dall’Unione europea come contributo fondamentale alla costruzione <strong>di</strong><br />

un’identità culturale europea, alla con<strong>di</strong>visione del sa<strong>per</strong>e e alla<br />

preservazione della <strong>di</strong>versità fra le culture. L’European Library www.edlproject.eu/<br />

, on line dal 2005, mette già assieme in OPAC 47 biblioteche nazionali del continente, ma<br />

vuole raggiungere l’obiettivo <strong>di</strong> oltre 6 milioni <strong>di</strong> o<strong>per</strong>e on line - fra<br />

libri, documenti e filmati - entro il 2010


American Memory<br />

• http://memory.loc.gov/<br />

• Un progetto <strong>di</strong> <strong>di</strong>gitalizzazione <strong>di</strong> parte del proprio patrimonio è stato<br />

intrapreso anche dalla Library of Congress <strong>di</strong> Washington, che <strong>per</strong>altro<br />

partecipa attivamente al programma DLI. Il primo risultato dei<br />

programmi <strong>di</strong> <strong>di</strong>gitalizzazione della Library of Congress è il progetto<br />

American Memory,243 un archivio <strong>di</strong> documenti storici, testi, lettere e<br />

memorie private, foto, immagini, filmati relativi alla storia del paese<br />

dalle sue origini ai giorni nostri. Tutti i documenti, parte dell’enorme<br />

patrimonio documentale della biblioteca, sono stati <strong>di</strong>gitalizzati in<br />

formato SGML <strong>per</strong> i materiali testuali, JPEG e MPEG <strong>per</strong> immagini e<br />

filmati, e inseriti in un grande archivio multime<strong>di</strong>ale che può essere<br />

ricercato secondo vari criteri.


Biblioteca Digitale Italiana<br />

http://www.biblioteca<strong>di</strong>gitaleitaliana.it/genera<br />

.jsp<br />

Anche in Italia è stato avviato un progetto nazionale <strong>per</strong> la<br />

<strong>di</strong>gitalizzazione del patrimonio culturale testuale. Si tratta del<br />

programma quadro Biblioteca Digitale Italiana, promosso e<br />

fïnanziato nel 2001 dalla Direzione Generale Beni Librari<br />

e dell’E<strong>di</strong>toria del Ministero <strong>per</strong> i Beni Culturali. Gli<br />

obiettivi <strong>di</strong> Biblioteca Digitale Italiana sono quelli <strong>di</strong><br />

avviare e coor<strong>di</strong>nare progetti <strong>di</strong> <strong>di</strong>gitalizzazione,<br />

principalmente in ambito bibliotecario, ma soprattutto <strong>di</strong><br />

definire linee guida e documenti <strong>di</strong> in<strong>di</strong>rizzo in questo<br />

settore, al fine <strong>di</strong> garantire qualità scientifica, affidabilità e<br />

sostenibilità economica dei singoli progetti.


Oxford Text Archive (OTA)<br />

Tra i progetti sviluppati presso se<strong>di</strong> universitarie e centri <strong>di</strong> ricerca istituzionali da ricordare è l’Oxford<br />

Text Archive (OTA), realizzato dall’Oxford University Computing Services (OUCS). L’archivio è<br />

costituto da oltre 2.500 testi elettronici <strong>di</strong> ambito letterario e saggistico, oltre che da alcune o<strong>per</strong>e <strong>di</strong><br />

riferimento standard <strong>per</strong> la lingua inglese (ad esempio il British National Corpus e il Roget<br />

Thesaurus).<br />

La maggior partedei titoli sono collocati nell’area culturale anglosassone, ma non<br />

mancano testi latini, greci e in altre lingue nazionali (tra cui l’italiano).<br />

Gran parte delle risorse dell’OTA provengono da singoli <strong>stu<strong>di</strong></strong>osi e<br />

centri <strong>di</strong> ricerca <strong>di</strong> tutto il mondo, che forniscono a questa importante<br />

istituzione le trascrizioni e le e<strong>di</strong>zioni elettroniche effettuate nella loro<br />

attività scientifica. Per questo l’archivio è costituito da e<strong>di</strong>zioni<br />

altamente qualificate dal punto <strong>di</strong> vista filologico, che rappresentano<br />

un’importante risorsa <strong>di</strong> carattere scientifico, specialmente <strong>per</strong> la<br />

comunità umanistica. I testi sono <strong>per</strong> la maggior parte co<strong>di</strong>ficati in<br />

formato SGML o XML, in base alle specifiche TEI. Poiché in molti casi si<br />

tratta <strong>di</strong> o<strong>per</strong>e co<strong>per</strong>te da <strong>di</strong>ritti <strong>di</strong> autore, solo una parte dei testi<br />

posseduti dall’OTA sono accessibili gratuitamente su Internet.


Oxford Text Archive (OTA)<br />

http://ota.ahds.ac.uk/<br />

L’accesso alla collezione pubblica dell’OTA si<br />

basa su una interfaccia Web particolarmente curata, che mette a<br />

<strong>di</strong>sposizione dell’utente un catalogo elettronico dei testi ricercabili <strong>per</strong><br />

autore, genere, lingua, formato e titolo. Una volta in<strong>di</strong>viduati i<br />

documenti desiderati, l’utente può decidere <strong>di</strong> effettuare il download dei<br />

file selezionati o <strong>di</strong> accedere a una maschera <strong>di</strong> ricerca <strong>per</strong> termini che<br />

genera un elenco <strong>di</strong> concordanze in formato Key Word In Context<br />

(KWIC, in cui il termine ricercato viene mostrato nell’ambito <strong>di</strong> un<br />

contesto variabile <strong>di</strong> parole che lo precedono e lo seguono), da cui poi è<br />

possibile accedere all’intero documento.


Electronic Text Center (ETC)<br />

Altro importante progetto è Electronic Text Center (ETC) che ha sede<br />

presso la University of Virginia (http://etext.lib.virginia.edu/), un<br />

centro <strong>di</strong> ricerca che ha lo scopo <strong>di</strong> creare archivi <strong>di</strong> testi elettronici in<br />

formato SGML e <strong>di</strong> promuovere lo sviluppo e l’applicazione <strong>di</strong> sistemi<br />

<strong>di</strong> analisi informatizzata dei testi. Tra le varie iniziative, l’ETC ha<br />

realizzato un’importante Digital Library, che ospita molte migliaia <strong>di</strong><br />

testi in SGML/TEI, sud<strong>di</strong>visi in <strong>di</strong>verse collezioni. La gestione<br />

dell’archivio testuale è affidata a un motore <strong>di</strong> ricerca in grado <strong>di</strong><br />

interpretare le co<strong>di</strong>fiche SGML, e si possono, <strong>per</strong> esempio, fare ricerche<br />

sulla base dati testuale, specificando che la parola cercata deve apparire<br />

solo nei titoli <strong>di</strong> un capitolo, o nell’ambito <strong>di</strong> un <strong>di</strong>scorso <strong>di</strong>retto. La<br />

biblioteca contiene testi in <strong>di</strong>verse lingue: inglese, francese, tedesco,


Electronic Text Center (ETC)<br />

http://etc.dal.ca/<br />

in collaborazione con la University of Pittsburgh, sono stati resi<br />

<strong>di</strong>sponibili anche testi in giapponese, nell’ambito <strong>di</strong> un progetto<br />

denominato Japanese Text Initiative. Tuttavia, solo alcune <strong>di</strong> queste<br />

collezioni sono liberamente consultabili da una rete esterna al campus<br />

universitario della Virginia: tra queste la Modern English Collection, con<br />

oltre 1.500 titoli, che contiene anche illustrazioni e immagini <strong>di</strong> parte<br />

dei manoscritti; la Middle English Collection; la Special Collection,<br />

de<strong>di</strong>cata<br />

ad autori afro-americani; la raccolta British Poetry 1780-1910.


http://www.<strong>per</strong>seus.tufts.edu/<br />

Perseus<br />

Un altro prestigioso progetto in area umanistica è il Perseus Project.248 Il<br />

progetto, avviato nel 1985, si proponeva <strong>di</strong> realizzare un’e<strong>di</strong>zione<br />

elettronica della letteratura greca. Da allora sono state realizzate due<br />

e<strong>di</strong>zioni su CD-ROM, <strong>di</strong>venute un insostituibile strumento <strong>di</strong> lavoro<br />

nell’ambito <strong>degli</strong> <strong>stu<strong>di</strong></strong> classici, contenenti i testi <strong>di</strong> quasi tutta la<br />

letteratura greca in lingua originale e in traduzione, nonché un archivio<br />

<strong>di</strong> immagini su tutti gli aspetti della cultura dell’antica Grecia.<br />

Nel 1995 è stata creata anche una versione Web del progetto, la Perseus Digital<br />

Library. Il sito consente <strong>di</strong> accedere gratuitamente a tutti i materiali<br />

testuali del CD, a una collezione <strong>di</strong> testi della letteratura latina in latino<br />

e in traduzione inglese, alle o<strong>per</strong>e complete del trage<strong>di</strong>ografo<br />

rinascimentale inglese Christopher Marlowe, e a vari materiali relativi a<br />

Shakespeare.


http://www.<strong>per</strong>seus.tufts.edu/<br />

Perseus<br />

L’in<strong>di</strong>viduazione e la consultazione dei singoli testi<br />

possono avvenire me<strong>di</strong>ante un motore <strong>di</strong> ricerca, o un elenco <strong>degli</strong><br />

autori contenuti in ciascuna collezione, da cui si passa <strong>di</strong>rettamente alla<br />

visualizzazione on line. I testi greci possono essere visualizzati sia nella<br />

traslitterazione in alfabeto latino, sia <strong>di</strong>rettamente in alfabeto greco, sia<br />

in traduzione inglese (quest’ultima è <strong>di</strong>sponibile anche <strong>per</strong> i testi latini).<br />

Per i testi greci è anche possibile avere informazioni morfosintattiche e<br />

lessicografiche <strong>per</strong> ogni parola.


TIL, Testi Italiani in Linea,<br />

http://til.scu.uniromal.it/<br />

In ambito italiano troviamo il progetto TIL, Testi Italiani in Linea,<br />

coor<strong>di</strong>nato dal CRILet (Centro ricerche <strong>Informatica</strong> e Letteratura,<br />

Dipartimento <strong>di</strong> <strong>stu<strong>di</strong></strong> Filologici Linguistici e Letterari <strong>di</strong> Roma ‘La<br />

Sapienza’.250 Si tratta <strong>di</strong> una Digital Library incentrata sulla tra<strong>di</strong>zione<br />

letteraria italiana, articolata in <strong>di</strong>verse collezioni. I testi, co<strong>di</strong>ficati in<br />

formato XML/TEI, sono interrogabili me<strong>di</strong>ante una interfaccia Web<br />

molto avanzata, in grado <strong>di</strong> fornire sia all’utente occasionale sia al<br />

ricercatore avanzati strumenti <strong>di</strong> ricerca e <strong>di</strong> analisi testuale. Sono<br />

<strong>di</strong>sponibili un ambiente <strong>di</strong> lettura <strong>di</strong>viso in un’area che contiene il<br />

sommario dell’o<strong>per</strong>a (generato <strong>di</strong>namicamente dal sistema) e una che<br />

contiene il testo selezionato.


TIL, Testi Italiani in Linea,<br />

http://til.scu.uniromal.it/<br />

Sono ammesse ricerche sui metadati,<br />

ricerche contestuali <strong>per</strong> ogni singolo testo e <strong>per</strong> collezioni e<br />

sottocollezioni, ricerche <strong>di</strong> termini, frasi o elementi testuali nel contesto<br />

<strong>di</strong> altri elementi esplicitati me<strong>di</strong>ante la co<strong>di</strong>fica XML/TEI, e ricerche<br />

KWIC, che consentono <strong>di</strong> generare le concordance in formato key word<br />

in context <strong>di</strong> termini o stringhe <strong>per</strong> un singolo testo. Molti testi presenti<br />

nella biblioteca <strong>di</strong>gitale TIL, inoltre, sono corredati da una serie <strong>di</strong><br />

materiali introduttivi e <strong>di</strong> contesto, che servono a fornire agli utenti<br />

nozioni <strong>di</strong> base relative alle o<strong>per</strong>e archiviate.


Bib. Dig. Per la storia dell’arte<br />

• 1. Accademia della Crusca<br />

• 2. ARTFL Project<br />

• 3. Arthistoricum.net - Virtual Library<br />

for Art History<br />

• 4. Athena<br />

• 5. Gutenberg Bible<br />

• 6. La Bibbia nel Cinquecento<br />

• 7. Biblioteca Ambrosiana Digitale<br />

• 8. Bibliotheca Augustana<br />

• 9. La Biblioteca delle fonti storico-<br />

artistiche<br />

• 10. Biblioteca <strong>di</strong>gitale della Biblioteca<br />

Estense <strong>di</strong> Modena<br />

• 11. Biblioteca <strong>di</strong>gitale della Biblioteca<br />

Nazionale <strong>di</strong> Napoli<br />

• 12. BIVIO - Biblioteca Virtuale On-<br />

Line<br />

• 13. CEEC - Co<strong>di</strong>ces Electronici<br />

Ecclesiae Coloniensis<br />

• 14. CEFAEL - Collections de l’Ecole<br />

française d’Athènes en ligne<br />

• 15. CETH - The Center for Electronic<br />

Texts in the Humanities<br />

• 16. Garos - Concordancia de<br />

Inscripciones griegas<br />

• 17. Il Corpus informatico belloriano<br />

• 18. Corpus Inscriptionum Latinarum<br />

19. CSAI - Corpus of South Arabian<br />

Inscriptions<br />

20. Digital Library for the Decorative Arts and<br />

Material Culture<br />

21. The Digital Scriptorium<br />

22. Efemeri<strong>di</strong> - Giuseppe Bencivenni Pelli<br />

23. The Electronic Text Center at the<br />

University of Virginia<br />

24. E-leo<br />

25. Emblematica Online<br />

26. Epigraphische Datenbank Heidelberg<br />

27. La Fortuna visiva <strong>di</strong> Pompei<br />

28. Galileo Digitale<br />

29. Gallica - la bibliothèque numérique<br />

30. Glascow Emblem Digitisation Project<br />

31. Glossario dell’e<strong>di</strong>lizia romana tra<br />

Rinascimento e Barocco<br />

32. Internet Culturale<br />

33. Internet Me<strong>di</strong>eval Sourcebook


• 34. IntraText Public Library<br />

• 35. John Talman<br />

• 36. Lineamenta<br />

• 37. Memofonte<br />

• 38. Monumenta Rariora<br />

• 110<br />

• 39. The Online Books Page<br />

• 40. Online Me<strong>di</strong>eval and Classical Library<br />

• 41. Oxford-Google Digitization Project<br />

• 42. Oxford Text Archive<br />

• 43. Open Emblem Portal<br />

• 44. Poeti d’Italia in lingua latina tra Me<strong>di</strong>oevo e Rinascimento<br />

• 45. The University of Chicago Library<br />

• 46. Le Vite <strong>di</strong> Giorgio Vasari<br />

• 47. II Vocabolario Toscano dell’Arte del Disegno

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!