Analisi dei processi di respirazione negli organi epigei della Vitis ...

unito.it

Analisi dei processi di respirazione negli organi epigei della Vitis ...

58

A. PALLIOTTI, O. SILVESTRONI

3.2. Variazione dei coefficienti respiratori in funzione della temperatura e della

fase fenologica

In accordo ai pochi dati riportati nel melo (Butler, Landsberg, 1981; Jones, 1981;

Proctor et al., 1976), anche nelle foglie di vite il coefficiente respiratorio “k” (pendenza)

tende ad essere relativamente costante nel corso della stagione, variando da un minimo

di 0,044 ad un massimo di 0,057, mentre il coefficiente “a” (intercetta) decresce

m a r c a t a m e n t e con l’età (fig. 1). Anche i germogli hanno mostrato un moderato

d e c r e m e n t o nel coefficiente respiratorio “k” durante la stagione (da 0,072 subito dopo

il germogliamento a 0,054 alla vendemmia), mentre il coefficiente “a” ha subìto un

drastico calo dalla fioritura alla vendemmia.

Nei grappoli, entrambi i coefficienti respiratori diminuiscono marcatamente durante

la stagione, ed in modo particolare l’intercetta “a”. Rispetto agli altri organi, nel legno

vecchio sono stati riscontrati valori piuttosto bassi sia di “a” che di “k”. Tuttavia, nel

legno con più di 1 anno d’età è da sottolineare un aumento importante in entrambi i

coefficienti respiratori all’invaiatura, probabilmente in relazione al fatto che in questa

fase la richiesta di energia in questi organi normalmente aumenta sia perché iniziano i

processi di agostamento sia per facilitare la traslocazione degli zuccheri dagli organi di

riserva (radici, tronco, cordone permanente e branche) all’uva e dalle foglie agli org a ni

di riserva.

3.3. Applicazione dei coefficienti respiratori in vigneti in piena produzione per la

determinazione della respirazione totale giornaliera

Durante la rapida crescita dei germogli, cioè 3 settimane dopo il germogliamento,

fase caratterizzata da una marcata divisione cellulare e successivo ingrossamento delle

cellule così formate, i tassi specifici di R sono stati molto elevati, come precedentemente

riportato; tuttavia in pieno campo la R totale giornaliera è risultata piuttosto limitata in

entrambi i sistemi di allevamento, con circa 5 g CO2 c e p p o- 1 , a causa delle d i m e n s i o n i

contenute dei vari organi epigei della pianta (fig. 2 e tab. 1). Durante questa fase, le

foglie ed i germogli sono responsabili rispettivamente del 50 % e del 43 % circa della

R espressa dall’intera parte epigea della pianta, mentre il legno con più di 1 anno di età

ha interessato soltanto il 7-8 % circa del totale respirato.

Rispetto al termine della fase di rapido accrescimento, alla fioritura in entrambi i

sistemi di allevamento le viti presentavano poco meno della metà della superficie

fogliare definitiva, il 42-43 % circa dell’area esterna dei germogli e soltanto il 7-8 % del

- 1

peso fresco dei grappoli, ed hanno evidenziato una R totale di quasi 20 g CO 2 g i o r n o

nel cordone speronato e poco più di 16 g CO 2 giorno -1 nel cordone libero (fig. 2). In

questa importante fase fenologica, il 65-67 % ed il 23-25 % circa della R totale

g i o r n a l i e r a è avvenuta, rispettivamente, a carico delle foglie e degli assi dei germogli.

More magazines by this user
Similar magazines