09.06.2013 Views

Sfoglia questo numero in formato pdf - Jesi e la sua valle

Sfoglia questo numero in formato pdf - Jesi e la sua valle

Sfoglia questo numero in formato pdf - Jesi e la sua valle

SHOW MORE
SHOW LESS

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

26<br />

30<br />

3842<br />

34<br />

<strong>in</strong> copert<strong>in</strong>a:<br />

disegno realizzato dai bamb<strong>in</strong>i del<strong>la</strong> scuo<strong>la</strong><br />

elementare sul tema dell’affido<br />

JESI E LA SUA VALLE - qu<strong>in</strong>dic<strong>in</strong>ale d’<strong>in</strong>formazione Direttore responsabile D<strong>in</strong>o<br />

Mogianesi, Direttore Ro<strong>la</strong>ndo Romagnoli, Caporedattore Mar<strong>in</strong>a Mar<strong>in</strong>i, Segretaria di<br />

redazione Samanta Vecci, Fotografia Augusto Giglietti, Grafica Elisabetta Carletti,<br />

Pubblicità Marco Focante, Amm<strong>in</strong>istrazione Pao<strong>la</strong> Perl<strong>in</strong>i - Gruppo Editoriale Informazione<br />

- sede, direzione, redazione, amm<strong>in</strong>istrazione e pubblicità via Petrucci 11 <strong>Jesi</strong> (An) - cp<br />

192 - www.jesie<strong>la</strong><strong>sua</strong><strong>valle</strong>.it - e.mail redazione@jesie<strong>la</strong><strong>sua</strong><strong>valle</strong>.it - tel 0731/4855 - fax<br />

0731/209128 - stampa Utj, <strong>Jesi</strong> - associato a: Unione Stampa Periodica Italiana Reg. trib.<br />

di Ancona n. 262/62 del 9.11.1962 - spedizione <strong>in</strong> abbon. postale una copia e 1,90 (arretrata<br />

e 3,80) • abbonamento annuale e 34,00 • estero e 80,00 • sostenitore e 70,00 -<br />

C/c postale 12544607 <strong>in</strong>testato a: Gruppo Editoriale Informazione soc. coop. via Petrucci<br />

11 <strong>Jesi</strong> - Consiglio di Amm<strong>in</strong>istrazione: presidente Marcello Focante, vice presidente<br />

Ro<strong>la</strong>ndo Romagnoli, Elisabetta Carletti, Mar<strong>in</strong>a Mar<strong>in</strong>i, D<strong>in</strong>o Mogianesi<br />

sommario<br />

4<br />

11<br />

13<br />

26<br />

30<br />

34<br />

36<br />

38<br />

40<br />

41<br />

42<br />

45<br />

FUORISERA<br />

a cura di pao<strong>la</strong> ponzetti<br />

EDITORIALE:<br />

CIVISMO AMORALE<br />

di d<strong>in</strong>o mogianesi<br />

LA LIBERTÀ DI DECIDERE<br />

di ro<strong>la</strong>ndo romagnoli<br />

... MA ANCHE<br />

di f<strong>la</strong>vio donati<br />

LA DIFFERENZIATA FUNZIONA<br />

di maria chiara <strong>la</strong> rovere<br />

LA REGIONE SCHIERA GLI<br />

AMMORTIZZATORI SOCIALI<br />

di chiara cascio<br />

A DIFESA DEI CITTADINI<br />

di simone sampaolesi<br />

LUCIO IL SONETTIERE<br />

di giancarlo vecci<br />

OLTRE 50 ANNI DI PITTURA<br />

di pao<strong>la</strong> coco<strong>la</strong><br />

STORIA: CHE PASSIONE!<br />

di pao<strong>la</strong> coco<strong>la</strong><br />

UNA STRANA COPPIA<br />

di alberto pierucci<br />

IL VOLLEY MASCHILE GUARDA<br />

IN ALTO<br />

di fabrizio romagnoli<br />

GIUSEPPE CAMPITELLI<br />

di giuseppe luconi


4 FUORISERA FLASH<br />

a cura di pao<strong>la</strong> ponzetti<br />

“Insieme per Magnificat” al Teatro<br />

Pergolesi di <strong>Jesi</strong><br />

Si svolgerà venerdì 6 marzo<br />

(ore 21) al Teatro Pergolesi<br />

di <strong>Jesi</strong> lo spettacolo Insieme<br />

per Magnificat, <strong>in</strong>iziativa organizzata<br />

dall’associazione<br />

Premio Valles<strong>in</strong>a con <strong>la</strong> col<strong>la</strong>borazione<br />

del Rotary Club e<br />

del Lions Club di <strong>Jesi</strong> f<strong>in</strong>alizzata<br />

al<strong>la</strong> raccolta di fondi<br />

per <strong>la</strong> costruenda scuo<strong>la</strong> di<br />

musica Magnificat a Gerusalemme<br />

di padre Armando<br />

Pierucci di Moie. Tra gli ospiti<br />

del<strong>la</strong> serata, che si esibiranno senza alcun compenso,<br />

il chitarrista fado Marco Poeta (che per l’occasione presenterà<br />

il suo nuovo cd), Tiziana Santarelli (solista N<strong>in</strong>o<br />

Rota Ensemble), <strong>la</strong> cantautrice Chiara Raggi, gli<br />

Onafifetti, <strong>la</strong> cantante L<strong>in</strong>da e lo stesso padre Armando<br />

Pierucci, oltre al<strong>la</strong> partecipazione straord<strong>in</strong>aria di Corrado<br />

Olmi. Presenterà <strong>la</strong> serata il conduttore Paolo Notari.<br />

700 anni di “Eros Italiano”<br />

a Monte San Vito<br />

Eros Italiano è un vertig<strong>in</strong>oso e<br />

travolgente enfer di desideri e trasgressioni<br />

che att<strong>in</strong>ge a frammenti<br />

di novelle e romanzi del<strong>la</strong> letteratura<br />

italiana. Lo spettacolo (al Teatro<br />

La Fortuna di Monte San Vito<br />

lunedì 2 marzo, ore 21) si avvale di<br />

due coppie, Mariano Rigillo e Anna<br />

Teresa Ross<strong>in</strong>i, Debora Caprioglio e Angelo Maresca. Valeria<br />

Paniccia, autrice dell’antologia Eros Italiano pubblicata<br />

nel ’95 da Mondadori, <strong>in</strong>troduce i brani con brevi<br />

divagazioni. Il risultato è una mappa di scene-madri che<br />

hanno come oggetto descrizioni di fantasie amorose,<br />

tabù, prelim<strong>in</strong>ari e tendenze ses<strong>sua</strong>li secondo i turbamenti<br />

che hanno caratterizzato settecento anni di letteratura<br />

italiana, dal Trecento ai nostri giorni.<br />

Le Orme <strong>in</strong> concerto<br />

al Barfly di Ancona<br />

Sabato 28 febbraio (ore 22)<br />

al Barfly di Ancona torna una<br />

delle band che hanno segnato<br />

gli anni Settanta con il loro<br />

partico<strong>la</strong>re rock progressivo.<br />

Tuttora attivissimo con<br />

42 anni di storia alle spalle nel<strong>la</strong> formazione trio con Aldo<br />

Tagliapietra, Michi Dei Rossi e Michele Bon, il gruppo proporrà<br />

un repertorio di pezzi tratti dagli storici album<br />

Col<strong>la</strong>ge, Uomo di pezza, Felona e Sorona, Contrappunti,<br />

f<strong>in</strong>o ad arrivare all’ultimo L’Inf<strong>in</strong>ito.<br />

GLI EVENTI...<br />

da domenica 15 febbraio a domenica 8 marzo<br />

A <strong>Jesi</strong> (Exmu Arte, via Setificio), BAMBOLE URBANE, mostra<br />

di foto di Francesca Tilio; orario mostra 16-19<br />

f<strong>in</strong>o a domenica 15 marzo<br />

Ad Ancona (Mole Vanvitelliana), ALLO SPECCHIO. I MAG-<br />

GIORI ARTISTI DEL NOVECENTO; orario: mar.-ven. ore<br />

15.30-19, sab. e festivi anche ore 10-13<br />

GLI APPUNTAMENTI...<br />

sabato 28 febbraio<br />

A Montecarotto (Teatro Comunale), per <strong>la</strong> rassegna TeatrAmato,<br />

CLASSE DI FERRO, di Aldo Nico<strong>la</strong>j, con Dante Ricci, C<strong>la</strong>udio<br />

Belfiori e Murgia Bel<strong>la</strong>gamba, regia di Dario Niccol<strong>in</strong>i; ore 21<br />

Ad Ancona (Barfly, via Grandi), LE ORME IN CONCERTO; ore 22<br />

A Senigallia (Teatro La Fenice), per <strong>la</strong> rassegna teatro-musicadanza,<br />

UOMINI IN FRAC, omaggio a Domenico Modugno, con<br />

Peppe Servillo; ore 21<br />

domenica 1° marzo<br />

A <strong>Jesi</strong> (Teatro Pergolesi), per <strong>la</strong> stagione Teatro Ragazzi,<br />

ZORBA IL GATTO, testo e regia di Giorgio Putzolu, compagnia<br />

Instabile Quick (Gal<strong>la</strong>rate); ore 17.30<br />

A Chiara<strong>valle</strong> (Teatro Valle), MADRE CORAGGIO, di Crist<strong>in</strong>a<br />

Pezzoli, da Bertold Brecht, con Isa Danieli, A<strong>la</strong>rico Sa<strong>la</strong>rioli,<br />

Marco Zannoni, Lello Serao; ore 21.15<br />

lunedì 2 marzo<br />

A Monte San Vito (Teatro La Fortuna), per <strong>la</strong> rassegna<br />

Scompag<strong>in</strong>a/2, EROS ITALIANO, un catalogo segreto di<br />

Valeria Paniccia, con Mariano Rigillo, Anna Teresa Ross<strong>in</strong>i,<br />

Debora Caprioglio, Angelo Maresca e Valeria Paniccia; ore 21<br />

martedì 3 marzo<br />

A <strong>Jesi</strong> (Biblioteca Petrucciana, via Santoni), per <strong>la</strong> rassegna di<br />

conferenze e proiezioni Il volto nuovo del<strong>la</strong> città, disgregazione<br />

e convivenza, LE FORME DI SOLIDARIETÀ NELLE<br />

SOCIETÀ COMPLESSE, con il prof. Andrea Bassi (docente di<br />

Sociologia Università di Bologna); ore 18<br />

mercoledì 4 marzo<br />

A <strong>Jesi</strong> (Galleria degli Stucchi di Pa<strong>la</strong>zzo Pianetti), per <strong>la</strong> rassegna<br />

Incontri di Storia dell'Arte <strong>in</strong> P<strong>in</strong>acoteca, LORETTA MOZZONI,<br />

I Vici. Una d<strong>in</strong>astia di architetti del ’700 nelle Marche; ore 18.15<br />

Ad Ancona (Teatro delle Muse), per <strong>la</strong> stagione s<strong>in</strong>fonica, BEE-<br />

THOVEN “QUINTA”, musiche di Schumann, Haydn e<br />

Beethoven, direttore Günter Neuhold; ore 21<br />

giovedì 5 marzo<br />

Ad Ancona (Teatro delle Muse), per <strong>la</strong> stagione di prosa, TRI-<br />

LOGIA DELLA VILLEGGIATURA, di Carlo Goldoni, con e<br />

regia di Toni Servillo; ore 20.45; repliche ven. 6 e sab. 7 mar.<br />

(ore 20.45) e dom. 8 mar. (16.30)<br />

venerdì 6 marzo<br />

A <strong>Jesi</strong> (Teatro Moriconi), per <strong>la</strong> rassegna Scompag<strong>in</strong>a/2,<br />

COMUNISTA!, di Angelo Ferracuti, con Piergiorgio C<strong>in</strong>ì e<br />

Pierluigi Tortora, regia di Alessandro Perfetti; ore 21 (alle ore<br />

17.30 <strong>in</strong>contro dello scrittore Angelo Ferracuti con C<strong>la</strong>udio<br />

Piersanti e Massimo Raffaelli)<br />

A <strong>Jesi</strong> (Teatro Pergolesi), INSIEME PER MAGNIFICAT, concerto<br />

a favore di Scuo<strong>la</strong> Magnificat Gerusalemme, presenta<br />

Paolo Notari, con Tiziana Santarelli, Chiara Raggi, Marco Poeta,<br />

Armando Pierucci, Onafifetti, L<strong>in</strong>da e Corrado Olmi; ore 21<br />

sabato 7 marzo<br />

A <strong>Jesi</strong> (Teatro Pergolesi), per <strong>la</strong> stagione s<strong>in</strong>fonica, BEETHO-<br />

VEN “QUINTA”, musiche di Schumann, Haydn e Beethoven,<br />

direttore Günter Neuhold; ore 21<br />

A <strong>Jesi</strong> (Teatro Moriconi), per <strong>la</strong> rassegna Contr aria, IN PRIN-<br />

CIPIO ERAVAMO BAMBINI..., scritto e <strong>in</strong>terpretato da 20<br />

ragazzi delle scuole superiori di <strong>Jesi</strong>; ore 21.15<br />

A Chiara<strong>valle</strong> (Teatro Valle), ... 10 VOLTE CANTO..., concerto<br />

del gruppo Oloferne per il loro 10° compleanno; ore 21.15<br />

A Maio<strong>la</strong>ti Spont<strong>in</strong>i (Teatro Spont<strong>in</strong>i), per <strong>la</strong> stagione teatrale,<br />

GLORIOSA, di Peter Quilter, con Katia Ricciarelli e Valeria<br />

Fabrizi, regia di Enrico Maria Lamanna; ore 21<br />

domenica 8 marzo<br />

A Senigallia (Rotonda a mare), per <strong>la</strong> rassegna teatro-musicadanza,<br />

ILIA KIM, musiche di Beethoven, Allevi, Debussy, List;<br />

ore 17<br />

A Staffolo (Teatro Cot<strong>in</strong>i), per <strong>la</strong> stagione Teatro Ragazzi, IL<br />

RACCONTO DELL’ORCO, testo e animazione di G<strong>in</strong>o<br />

Balestr<strong>in</strong>o; compagnia G<strong>in</strong>o Balestr<strong>in</strong>o; ore 17.30<br />

Ad Ancona (Ridotto del Teatro delle Muse), per Il Matt<strong>in</strong>o delle<br />

Muse, WINTERREISE - VIAGGIO D’INVERNO, con Bruno<br />

Taddia (baritono) e Andrea Corazziari (pianoforte), musiche di<br />

Schubert; ore 11.15, <strong>in</strong>gresso libero<br />

martedì 10 marzo<br />

A <strong>Jesi</strong> (Teatro Moriconi), per <strong>la</strong> rassegna Le strade del jazz,<br />

SCOTT HAMILTON - ROSSANO SPORTIELLO DUO; ore 21.15<br />

mercoledì 11 marzo<br />

A <strong>Jesi</strong> (Galleria degli Stucchi di Pa<strong>la</strong>zzo Pianetti), per <strong>la</strong> rassegna<br />

Incontri di Storia dell'Arte <strong>in</strong> P<strong>in</strong>acoteca, ANDREA DONA-<br />

TI, Profilo di Cristofano Gherardi, da Raffaell<strong>in</strong>o del Colle a<br />

Giorgio Vasari; ore 18.15<br />

giovedì 12 marzo<br />

Ad Ancona (Teatro delle Muse), per <strong>la</strong> stagione di prosa, IL<br />

DUBBIO, di John Patrick Shanley, con Stefano Accorsi e Lucil<strong>la</strong><br />

Mor<strong>la</strong>cchi, regia di Sergio Castellitto; ore 20.45; repliche ven.<br />

13 e sab. 14 mar. (ore 20.45) e dom. 15 mar. (16.30)<br />

venerdì 13 marzo<br />

A <strong>Jesi</strong> (Biblioteca Petrucciana, via Santoni), per <strong>la</strong> rassegna di<br />

conferenze e proiezioni Il volto nuovo del<strong>la</strong> città, disgregazione<br />

e convivenza, IL PARADOSSO DI UNA CITTÀ CHE UNI-<br />

SCE E DIVIDE, con il prof. Aldo Masullo (libero docente, professore<br />

di Filosofia morale); ore 18<br />

A <strong>Jesi</strong> (Teatro Pergolesi), per <strong>la</strong> stagione s<strong>in</strong>fonica, STILE ITA-<br />

LIANO, musiche di Di Bari, Casel<strong>la</strong>, Rota, Respighi, soprano<br />

Matelda Vio<strong>la</strong>, pianoforte Mariange<strong>la</strong> Vacatello; direttore<br />

Donato Renzetti; ore 21<br />

A <strong>Jesi</strong> (Teatro Moriconi), per <strong>la</strong> rassegna Teatro Giovani, MADE<br />

IN ITALY, compagnia Babilonia Teatri; ore 21.15<br />

Aggiornamenti e approfondimenti su www.jesie<strong>la</strong><strong>sua</strong><strong>valle</strong>.it<br />

Katia Ricciarelli <strong>in</strong> “Gloriosa” a Maio<strong>la</strong>ti<br />

Spont<strong>in</strong>i<br />

Al Teatro Spont<strong>in</strong>i di Maio<strong>la</strong>ti<br />

Spont<strong>in</strong>i, Katia Ricciarelli è <strong>la</strong><br />

protagonista (sabato 7 marzo,<br />

ore 21) di Gloriosa: è <strong>la</strong> vera<br />

storia di Florence Foster Jenk<strong>in</strong>s,<br />

<strong>la</strong> peggiore cantante del<br />

mondo. Il testo racconta l’ultimo<br />

periodo del<strong>la</strong> vita del<strong>la</strong> signora<br />

Jenk<strong>in</strong>s che, tra battute<br />

di spirito e affettuose stravaganze<br />

ed <strong>in</strong> compagnia di un piccolo, buffo e partico<strong>la</strong>re<br />

gruppo di compagni, term<strong>in</strong>a nell’apoteosi di un grande<br />

concerto al<strong>la</strong> Carnegie Hall, nel<strong>la</strong> quale <strong>la</strong> protagonista<br />

corona il suo sogno di esibirsi <strong>in</strong> un concerto ufficiale <strong>in</strong><br />

una vera ed autorevole sa<strong>la</strong> da concerto.<br />

“Comunista!” di Ferracuti<br />

al Teatro Moriconi di <strong>Jesi</strong><br />

Angelo Ferracuti, scrittore marchigiano,<br />

torna a un tema a lui caro, quello<br />

del mondo del <strong>la</strong>voro, già esplorato nel<br />

suo libro di reportage Le risorse<br />

umane. Con Comunista! (al Teatro Moriconi<br />

venerdì 6 marzo, ore 21) affronta<br />

con spietata riflessione il potere e<br />

l’impotenza, l’eterna violenza dell’uomo sull’uomo e il<br />

clima autoritario delle mission aziendali, gli strumenti<br />

psicologici vessatori utilizzati, il potere del denaro e dell’economia<br />

<strong>in</strong> nome del progresso. In scena si fronteggiano<br />

per sessanta m<strong>in</strong>uti, durante un estenuante colloquio<br />

di <strong>la</strong>voro, un crudele e imp<strong>la</strong>cabile “cacciatore di<br />

teste” di una grande azienda e un aspirante dipendente<br />

<strong>la</strong>ureato <strong>in</strong> antropologia culturale: giochi di conflitti,<br />

<strong>in</strong>dag<strong>in</strong>i sublim<strong>in</strong>ali, lotta di ruoli, tensioni e rovesciamento<br />

di fronti, f<strong>in</strong>o all’epilogo... Nel pomeriggio, alle ore<br />

17.30, si svolgerà un <strong>in</strong>contro con lo stesso autore.<br />

Teatro Giovani <strong>in</strong> scena<br />

con “Made <strong>in</strong> Italy”<br />

Per <strong>la</strong> rassegna Teatro Giovani,<br />

venerdì 13 marzo (ore 21.15)<br />

al Teatro Moriconi di <strong>Jesi</strong> andrà<br />

<strong>in</strong> scena Made <strong>in</strong> Italy di e con<br />

Valeria Raimondi ed Enrico Castel<strong>la</strong>ni.<br />

Lo spettacolo affronta<br />

<strong>in</strong> modo ironico, caustico e dissacrante<br />

le contraddizioni del<br />

nostro tempo; fotografa, condensa<br />

e fagocita quello che ci<br />

circonda: i cont<strong>in</strong>ui messaggi<br />

che ci arrivano, il bisogno di catalogare, sistemare, ord<strong>in</strong>are<br />

tutto; un groviglio di parole, di tubi lum<strong>in</strong>osi, di<br />

icone; un teatro carico di <strong>in</strong>put e di immag<strong>in</strong>i, sovrabbondante<br />

di suggestioni, ma privo di soluzioni.<br />

5


6 LETTERE<br />

ELUANA<br />

La sig.ra Giusepp<strong>in</strong>a Remedi di Morro d’Alba ci scrive una<br />

lunga lettera sul caso di Eluana Eng<strong>la</strong>ro, ne riportiamo<br />

alcune parti:<br />

Sono una credente, ex <strong>in</strong>segnante di religione, una che<br />

si fida di Gesù, che ha detto che Suo Padre ha molte<br />

dimore dove andremo a vivere dopo <strong>la</strong> morte, nel<strong>la</strong> gioia<br />

e nel<strong>la</strong> quiete, <strong>in</strong>sieme a chi, sul<strong>la</strong> terra è stato caro al<br />

nostro cuore. Eluana ci sarebbe andata ormai da 17 anni.<br />

Qualcuno si è messo al posto di Dio, par<strong>la</strong>ndo e decidendo<br />

a Suo nome. Penso ci sia una dignità da rispettare, sia<br />

nel<strong>la</strong> vita, che nel<strong>la</strong> morte. Se succedesse a me, di rimanere<br />

immobile senza poter comunicare, vorrei essere<br />

<strong>la</strong>sciata andare, <strong>in</strong> modo naturale senza agghiaccianti<br />

sond<strong>in</strong>i <strong>in</strong>fi<strong>la</strong>ti nel naso f<strong>in</strong>o <strong>in</strong> go<strong>la</strong>, che mi costr<strong>in</strong>gano a<br />

nutrirmi per forza. Vorrei morire come si faceva una<br />

volta, quando ti davano da mangiare f<strong>in</strong>o a quando si poteva.<br />

Poi man mano, <strong>in</strong>debolendoti, scivo<strong>la</strong>vi <strong>in</strong> uno stanco<br />

torpore e te ne andavi.<br />

Voglio far riflettere riguardo lo stato di quelli ai quali<br />

viene data un’alimentazione forzata, spessissimo si tratta<br />

di persone anziane che non possono più par<strong>la</strong>re né<br />

muoversi, né piangere. Che non hanno nessun modo di<br />

comunicare il loro dolore. Immag<strong>in</strong>ate <strong>la</strong> disperazione, se<br />

provando i dolori più <strong>in</strong>sopportabili, credono di ur<strong>la</strong>re,<br />

ma siccome nessuno sembra accorgersene, comprendono<br />

con terrore che nessun suono esce, dal<strong>la</strong> loro bocca,<br />

anche se nel<strong>la</strong> testa l’urlo è <strong>in</strong>cessante, cont<strong>in</strong>uo e <strong>la</strong>cerante.<br />

Pensate al loro terrore ed impotenza.<br />

Pensiamo al<strong>la</strong> morte di Suor Lucia di Fatima; quando il<br />

Card<strong>in</strong>al Bertone ne diede pubblicamente l’annuncio,<br />

disse testualmente: “Suor Lucia, da alcuni giorni non si<br />

nutriva più e si è spenta serenamente”. Solo un ma<strong>la</strong>to<br />

di mente, oserebbe pensare che abbia r<strong>in</strong>unciato al<strong>la</strong><br />

vita. È solo andata <strong>in</strong> un luogo felice, che aspetta tutti<br />

noi, senza farsi trattenere oltre. Lo stesso vale per<br />

Giovanni Paolo II che ha espresso chiaramente di “voler<br />

tornare al<strong>la</strong> casa del Padre”.<br />

Di una cosa sono sicura, che Eluana quando entrerà nel<strong>la</strong><br />

luce, troverà Qualcuno che abbracciando<strong>la</strong> e tenendo<strong>la</strong><br />

stretta a sé, le dirà dolcemente: “Benvenuta figlia mia, ti<br />

aspettavo da tanto tempo!”.<br />

RISPETTO PER I MORTI<br />

Dal sig. Gianfranco Colocci riceviamo:<br />

Vorrei <strong>in</strong>oltrare <strong>la</strong> mia <strong>in</strong>dignazione riguardo i furti di fiori<br />

nel nostro cimitero. Pochi giorni fa è venuta a mancare<br />

mia sorel<strong>la</strong>, dopo il funerale abbiamo <strong>la</strong>sciato dei fiori,<br />

delle belle rose, davanti al<strong>la</strong> <strong>sua</strong> tomba, il giorno dopo<br />

recandoci al cimitero abbiamo notato che alcune rose<br />

erano sparite. Ci chiediamo se siamo un paese civile. È<br />

una cosa vergognosa derubare dei fiori ai morti.<br />

DIFENSORE CIVICO<br />

Dall’Avv. Fabio Fittaioli riceviamo <strong>la</strong> seguente precisazione:<br />

Come Vostro attento abbonato ho letto l'<strong>in</strong>tervista del<br />

Difensore Civico uscente Francesco Conti. Ho costatato<br />

che nel riassumere i nom<strong>in</strong>ativi e <strong>la</strong> storia del<strong>la</strong> figura del<br />

Difensore Civico jes<strong>in</strong>o siete <strong>in</strong>corsi <strong>in</strong> una omissione.<br />

Invero, l'<strong>in</strong>sediamento del Difensore Civico a <strong>Jesi</strong> non è<br />

avvenuto nel 1996, bensì nel 1993. Con atto del Consiglio<br />

Comunale n. 86 del 29.03.93, il sottoscritto veniva<br />

nom<strong>in</strong>ato Difensore Civico del Comune di <strong>Jesi</strong> e il 3 maggio<br />

<strong>in</strong>iziava <strong>la</strong> propria funzione, durata s<strong>in</strong>o al 1996.<br />

Il Comune di <strong>Jesi</strong> è stato, dunque, tra i primissimi comuni<br />

italiani ad istituire il Difensore Civico e lo scrivente,<br />

non potendo contare su precedenti esperienze, ha cercato<br />

di impostare <strong>la</strong> propria attività sul<strong>la</strong> base delle allora<br />

recenti normative, entrando nel<strong>la</strong> macch<strong>in</strong>a comunale<br />

facendo tesoro delle molte professionalità ivi presenti,<br />

cercando, qu<strong>in</strong>di, di mediare i contrasti che si ponevano<br />

tra cittad<strong>in</strong>o e amm<strong>in</strong>istrazione.<br />

Lo stesso Avv. Paolo Marcozzi, nom<strong>in</strong>ato ora nuovo<br />

Difensore Civico, al quale auspico un buon <strong>la</strong>voro, a f<strong>in</strong>e<br />

del mio mandato, ebbe bonariamente a dire che avevo<br />

<strong>in</strong>ventato <strong>la</strong> figura del Difensore Civico a <strong>Jesi</strong>.<br />

Queste espressioni e i riconoscimenti che ancora oggi<br />

ricevo da ex amm<strong>in</strong>istratori, dipendenti comunali e quello<br />

che più conta dai cittad<strong>in</strong>i, mi <strong>in</strong>ducono a ritenere che<br />

il Difensore Civico sia una figura utilissima ad un comune<br />

che, <strong>in</strong> primo luogo, abbia come <strong>in</strong>teresse precipuo i<br />

propri amm<strong>in</strong>istrati.<br />

Ci scusiamo con l’Avv. Fittaioli per <strong>la</strong> dimenticanza dovuta<br />

ad un refuso.<br />

NON HO INTENZIONE DI CANDIDARMI<br />

Augusto Me<strong>la</strong>ppioni ci scrive riguardo all’articolo comparso<br />

sul<strong>la</strong> rivista:<br />

Caro direttore leggo ora sull’ultimo <strong>numero</strong> del tuo giornale<br />

alcune considerazioni a firma F<strong>la</strong>vio Donati riguardanti<br />

<strong>la</strong> mia attività politico-istituzionale. Pur non condividendo<br />

molte cose credo giusto anzi utile che l’articolista<br />

esprima le sue op<strong>in</strong>ioni, ci mancherebbe altro direbbero<br />

<strong>in</strong> molti. Una cosa però non condivido ma soprattutto<br />

non accetto: dare giudizi, direi sentenze su scelte<br />

che non ho fatto e non ho <strong>in</strong>tenzione di fare. Donati fa<br />

negative considerazione sul<strong>la</strong> mia candidatura alle prossime<br />

regionali. Non è vero, non ho nessuna <strong>in</strong>tenzione di<br />

candidarmi anche se <strong>questo</strong> so deluderà i molti che mi<br />

stanno sollecitando.<br />

Non mi candido per quanto dice Donati, ma anche perché<br />

fortemente deluso dal governo regionale attuale, né<br />

tantomeno auspico un cambiamento ovviamente. Non so<br />

da cosa parta Donati, magari da un vecchio articolo di un<br />

quotidiano; non mi si dica che non ho smentito perché<br />

spesso <strong>la</strong> smentita è presa per conferma e ognuno di noi<br />

dovrebbe star sempre a smentire. Inoltre <strong>la</strong> mia posizione<br />

l’ho chiarita a suo tempo con i componenti del nostro<br />

movimento e con gli alleati, <strong>in</strong> tempi non sospetti, bastava<br />

chiedere alle persone giuste.<br />

Non accetto certi giudizi e a me non va assolutamente di<br />

essere considerato un mestierante del<strong>la</strong> politica, è <strong>la</strong><br />

cosa che più mi offende perché mi sono sempre ispirato<br />

ad altri valori, pagando anche caramente. Forse, prima<br />

di sentenziare, era bene sentire <strong>la</strong> mia op<strong>in</strong>ione, <strong>la</strong> libertà<br />

di stampa è anche <strong>questo</strong> per me.<br />

Purtroppo è un’esperienza che ho già vissuto nel<strong>la</strong> precedente<br />

campagna elettorale per le comunali quando un<br />

altro commentatore jes<strong>in</strong>o su un altro giornale locale ha<br />

per mesi commentato le mie posizioni, le mie presunte<br />

alleanze politiche, poi smentite dai fatti, mai ascoltando<br />

<strong>la</strong> mia op<strong>in</strong>ione.<br />

Credo nel<strong>la</strong> libertà ad <strong>in</strong>iziare da quel<strong>la</strong> di stampa ma<br />

non quando colpisce il s<strong>in</strong>golo senza che questi abbia<br />

alcuna responsabilità... Cont<strong>in</strong>uo comunque a pensare<br />

che l’aver <strong>in</strong>segnato ai figli <strong>la</strong> dignità e il valore universale<br />

del<strong>la</strong> res pubblica sia stata cosa buona e giusta.<br />

UNA FARMACIA ALL’EX-SMIA<br />

Dal sig. Paolo Gubbi riceviamo:<br />

Vorrei esprimere <strong>la</strong> mia op<strong>in</strong>ione sul<strong>la</strong> questione del<strong>la</strong><br />

possibile e probabile delocalizzazione del<strong>la</strong> storica<br />

Farmacia Comunale di Corso Matteotti al quartiere <strong>in</strong> cui<br />

risiedo. Ho sempre ritenuto che tale trasferimento possa<br />

valorizzare un quartiere popo<strong>la</strong>re come quello <strong>in</strong> cui vivo<br />

e che possa essere una risorsa di cui tutti i residenti del<br />

quartiere S.Giuseppe (tutto) se ne potrebbero giovare.<br />

Ho fatto parte del Comitato di quartiere “S.Giuseppe<br />

<strong>Jesi</strong>” da cui mi sono dimesso perché non ne condividevo<br />

più <strong>la</strong> l<strong>in</strong>ea ed i contenuti, per ragioni che non sto qui ad<br />

elencare. Nei giorni scorsi ho chiesto a codesto comitato<br />

e agli “Amici del Boario” di pronunciarsi pubblicamente<br />

riguardo a tale questione ma, ahimé, ancora non ho letto<br />

né ricevuta alcuna risposta. Chiedere all’Amm<strong>in</strong>istrazione<br />

Comunale di favorire e velocizzare tale delocalizzazione<br />

all’ex-Smia è semplice e scontato, come lo è una probabile<br />

e ritardata risposta da parte di essa ma il silenzio di<br />

questi movimenti che si def<strong>in</strong>iscono popo<strong>la</strong>ri è veramente<br />

disarmante e deprimente. Forse a loro non <strong>in</strong>teressa<br />

avere un’altra farmacia a S. Giuseppe (perché l’ex-Smia<br />

è parte <strong>in</strong>tegrante di esso o no?). Resto <strong>in</strong> attesa e spero<br />

che venga presto presa quel<strong>la</strong> decisione giusta come<br />

auspicato da tutti i residenti dell’ex-Smia e d<strong>in</strong>torni.<br />

7


LUCIO, IL POETA<br />

Dal nostro abbonato Giuseppe<br />

Valeri riceviamo un lungo<br />

ricordo di Lucio Longhi, per<br />

motivi di spazio ne riportiamo<br />

solo alcune parti:<br />

Se n’è andato <strong>in</strong> silenzio.<br />

Mite, riservato, signorile, com’era<br />

nel suo stile. Lo rivedo<br />

ancora sul bancone del<strong>la</strong><br />

<strong>sua</strong> oreficeria accogliere i<br />

clienti e gli amici con quel<br />

suo sorriso cordiale, gli occhi<br />

buoni, le ciocche dei capelli<br />

abbondantemente imbiancati. Da giovane aveva i capelli<br />

neri, corv<strong>in</strong>i, ed era un bel ragazzo cui tutte le donne<br />

correvano dietro: ma non ha mai approfittato di questa<br />

<strong>sua</strong> attrattiva perché presto ha trovato <strong>la</strong> <strong>sua</strong> bel<strong>la</strong> Maria<br />

Grazia che abitava nel vecchio, storico rione di S. Pietro.<br />

E così è diventato un sampietr<strong>in</strong>o adottivo. La madre di<br />

Maria Grazia, Adria, aveva un m<strong>in</strong>uscolo negozio di mercerie<br />

sotto il livello stradale, all’angolo tra Via Petrucci e<br />

Costa Lombarda. Poco più <strong>in</strong> giù era anche l’abitazione<br />

privata <strong>in</strong>sieme a quel<strong>la</strong> dei “Fego“ dove si andava a fare<br />

<strong>la</strong> spesa di alimentari. Chi non ricorda l'allora giovane,<br />

prosperosa P<strong>in</strong>a? In fondo a Costa Lombarda era l'abitazione<br />

di Orfeo Tamburi.<br />

A volte Lucio si univa al gruppo de “La Sampietr<strong>in</strong>a“<br />

durante le nostre evasioni estive a Sirolo. Era un provetto<br />

nuotatore, ma solitario. Quando usciva dall'acqua,<br />

ancora tutto goccio<strong>la</strong>nte, nonostante avesse lo sterno<br />

<strong>in</strong>cavato, somigliava, nel fulgore del<strong>la</strong> <strong>sua</strong> giov<strong>in</strong>ezza, a<br />

un bronzo di Riace appena emerso. E le nostre compagne<br />

restavano a bocca aperta divorandolo golosamente<br />

con gli occhi.<br />

Aveva una voce sommessa, sottile, cantilenante, che<br />

contrastava con il fasc<strong>in</strong>o del suo corpo statuario. Ma non<br />

se ne curava; non era vanitoso.<br />

Altre volte, veniva ad assistere alle prove di “Mistiganza<br />

jes<strong>in</strong>a“, <strong>la</strong> commedia di Arte Varia che il padre Lello<br />

aveva scritto per noi e che fu rappresentata al “Pergolesi“<br />

per c<strong>in</strong>que domeniche successive con un successo<br />

c<strong>la</strong>moroso: tutto esaurito. Lo stesso successo che ha<br />

L’ultima di Woodstock<br />

avuto <strong>la</strong> commedia “Walchiria“, opera prima di Lucio,<br />

approdata f<strong>in</strong>o <strong>in</strong> Canada.<br />

Il Nostro ha seguito le orme del padre molto tardi.<br />

Durante tutti gli anni giovanili e anche dopo, ha coltivato<br />

<strong>la</strong> passione per <strong>la</strong> musica jazz. Era un pianista estroverso<br />

e aveva <strong>formato</strong> un piccolo complesso “I Lucio's“.<br />

che spesso si esibiva con successo al<strong>la</strong> “Rotonda“ di<br />

Senigallia e <strong>in</strong> tanti altri posti. Faceva parte del gruppo il<br />

nostro amico sampietr<strong>in</strong>o Ton<strong>in</strong>o Santarelli, sassofonista<br />

e c<strong>la</strong>r<strong>in</strong>ettista, che ha anche curato tutte le coreografie e<br />

le musiche dei nostri spettacoli.<br />

Lucio è stato un autore prolifico, come se sentisse che il<br />

tempo gli venisse a mancare. Nel<strong>la</strong> <strong>sua</strong> poesia si sente <strong>la</strong><br />

schiettezza jes<strong>in</strong>a, <strong>la</strong> bonomia dei personaggi che riflettono<br />

<strong>la</strong> <strong>sua</strong> bontà, l’ironia temperata dal buon senso, una<br />

vena di mal<strong>in</strong>conia per il tempo che <strong>in</strong>esorabile scorre.<br />

Mai un cenno di volgarità così facile <strong>in</strong> altri autori: uno<br />

stile che rive<strong>la</strong> un <strong>in</strong>nato senso di signorilità. Perché<br />

anche <strong>questo</strong> era Lucio: un gran signore.<br />

A LUCIO<br />

La sig.ra Floriana Alberelli ci ha <strong>in</strong>viato un sonetto <strong>in</strong> dialetto<br />

che ha voluto dedicare a Lucio Longhi:<br />

A Lucio<br />

Da ’na f<strong>in</strong>estra che guarda ’l Domo,<br />

’n orloggio grosso e tonno fa cucù,<br />

sta fermo lì a smicciatte bôno bôno<br />

e diedr’al tempo ormai nun cure più.<br />

C’è sul quadrante ’ncartapegorido<br />

un nome che pe’ <strong>Jesi</strong> è stado ’n vanto,<br />

e sci cià fatto ride e divertido,<br />

siguro a Lucio je dovemo tanto.<br />

Co’ quel gusto che je venîa dal côre<br />

de fa’ parlà <strong>la</strong> l<strong>in</strong>gua dialettale,<br />

ve<strong>la</strong>do d’ironia e col calore<br />

de <strong>la</strong> jes<strong>in</strong>idà più genu<strong>in</strong>a,<br />

quel dolce ticchettacche musicale<br />

se sveja co’ noântri ogni mad<strong>in</strong>a.<br />

9


Civismo amorale<br />

di d<strong>in</strong>o mogianesi<br />

A me <strong>la</strong> faccenda delle ronde non piace. Per niente. Trovo<br />

che sia un modo pericoloso di affrontare problemi veri.<br />

Queste ronde, o come le chiameranno, non debbono piacere<br />

granché neppure a chi le propone. Tanto che com<strong>in</strong>ciano<br />

i dist<strong>in</strong>guo e si sta cercando un’etichetta accettabile<br />

per nom<strong>in</strong>arle. Credo che anche chi le sostiene senta di<br />

dover fornire delle rassicurazioni perché comprende che ci<br />

sono troppi rischi nell’attuazione pratica di un provvedimento<br />

che nasce dentro un forte alone di perplessità,<br />

espressa anche da autorevolissime fonti.<br />

Nasce dal risentimento, dall’esasperazione, da un senso di<br />

accerchiamento, dal<strong>la</strong> paura, dal sospetto, dal<strong>la</strong> stanchezza…<br />

Ins<strong>in</strong>ua l’idea di uno Stato smarrito o impotente, che<br />

affida <strong>la</strong> difesa dell’ord<strong>in</strong>e al volontariato; nasce da una<br />

sorta di civismo amorale. Con il rischio che questi gruppi<br />

si configur<strong>in</strong>o politicamente o culturalmente <strong>in</strong> maniera<br />

marcata e che le loro attenzioni possano rivolgersi <strong>in</strong> maniera<br />

ossessiva verso certi comportamenti o gruppi sociali.<br />

Intendiamoci, non si tratta di permissivismo. Proprio su<br />

<strong>questo</strong> spazio, scrivevo che bisognava essere <strong>in</strong>flessibili<br />

nel far rispettare le regole del<strong>la</strong> civile convivenza. Non<br />

bisogna essere <strong>in</strong>dulgenti con <strong>la</strong> microcrim<strong>in</strong>alità o con<br />

odiosissimi reati contro <strong>la</strong> proprietà e le persone. Scrivevo<br />

che non bisogna trascurare reati che creano al<strong>la</strong>rme sociale,<br />

che fanno scattare risentimenti. Proprio perché si corre<br />

il rischio di suscitare reazioni <strong>in</strong>control<strong>la</strong>te verso <strong>in</strong>teri<br />

gruppi di persone e di cittad<strong>in</strong>i, di suscitare e rafforzare<br />

stereotipi e pregiudizi, di ricorrere al<strong>la</strong> giustizia sommaria.<br />

Siamo tutti fatti così: reagiamo con sdegno verso dei malnati<br />

che stuprano o che, da ubriachi decerebrati, uccidono<br />

persone sul<strong>la</strong> strada piuttosto che, per esempio, verso gli<br />

sciagurati che, con illeciti comportamenti, hanno scatenato<br />

<strong>questo</strong> cas<strong>in</strong>o del<strong>la</strong> crisi economica. Perché siamo fatti<br />

tutti così: ragioniamo oltre che con <strong>la</strong> testa, anche con il<br />

cuore, con lo stomaco, con <strong>la</strong> pancia.<br />

Per <strong>questo</strong> dobbiamo ritrovare <strong>la</strong> freddezza. Compito che<br />

dobbiamo svolgere tutti, ma soprattutto chi ha responsabilità<br />

di governo e chi <strong>in</strong>fluisce con i media ed ha <strong>la</strong> possibilità<br />

di contribuire ad orientare l’op<strong>in</strong>ione pubblica. Una<br />

maggiore severità potrebbe garantirci meglio dai del<strong>in</strong>quenti,<br />

ma anche da reazioni <strong>in</strong>control<strong>la</strong>te. Ritengo che si<br />

debba essere drastici sulle regole, sul<strong>la</strong> repressione e sui<br />

sistemi di pena, di controllo sociale e del territorio. Si<br />

dovrebbe dare <strong>la</strong> netta sensazione, a chi viene qui e a chi<br />

ci vive, che ci sono regole precise, giuste, possibili e chiare,<br />

dietro le quali non sia possibile nascondersi o discutere<br />

all’<strong>in</strong>f<strong>in</strong>ito. Magari più polizia, più carab<strong>in</strong>ieri, più vigili<br />

urbani, più assistenza sociale… Ma le ronde, direi proprio di<br />

no.<br />

EDITORIALE<br />

di ro<strong>la</strong>ndo romagnoli<br />

La libertà di decidere<br />

11<br />

Io sottoscritto, Romagnoli Ro<strong>la</strong>ndo, nel<strong>la</strong> pienezza delle<br />

mie facoltà fisiche e mentali, affermo, con <strong>questo</strong> documento,<br />

che deve essere considerato come una vera e propria<br />

dichiarazione di volontà, il mio diritto, <strong>in</strong> caso di<br />

ma<strong>la</strong>ttia, di scegliere tra le diverse possibilità di cura disponibili<br />

e al caso anche di rifiutarle tutte, nel rispetto dei<br />

miei pr<strong>in</strong>cipi e delle scelte di seguito <strong>in</strong>dicate.<br />

Qualora fossi affetto: da una ma<strong>la</strong>ttia allo stadio term<strong>in</strong>ale<br />

irreversibile, da una ma<strong>la</strong>ttia implicante l’utilizzo permanente<br />

di macch<strong>in</strong>e o altri sistemi artificiali e tale da impedirmi<br />

una normale vita di re<strong>la</strong>zione, non voglio più essere sottoposto<br />

ad alcun trattamento terapeutico. Qualora non fossi<br />

più <strong>in</strong> grado di assumere cibo o bevande, rifiuto di essere<br />

sottoposto al<strong>la</strong> idratazione o alimentazione artificiale.<br />

Considero prive di valore e lesive del<strong>la</strong> mia dignità di persona<br />

tutte le situazioni <strong>in</strong> cui non fossi capace di un'esistenza<br />

razionale o fossi impossibilitato da una ma<strong>la</strong>ttia<br />

irreversibile a condurre una vita di re<strong>la</strong>zioni; e qu<strong>in</strong>di considero<br />

non dignitose tutte le situazioni <strong>in</strong> cui le cure mediche<br />

non avessero altro scopo che quello di un mero prolungamento<br />

del<strong>la</strong> vita vegetativa.<br />

Perciò, dato che <strong>in</strong> tali circostanze <strong>la</strong> vita sarebbe per me<br />

molto peggiore del<strong>la</strong> morte, voglio che tutti i trattamenti<br />

dest<strong>in</strong>ati a protrar<strong>la</strong> siano sospesi o cessati. Autorizzo,<br />

<strong>in</strong>oltre, <strong>la</strong> donazione dei miei organi per trapianti.<br />

Intendo che le dichiarazioni contenute <strong>in</strong> <strong>questo</strong> documento<br />

abbiano valore anche nell'ipotesi <strong>in</strong> cui <strong>in</strong> futuro mi<br />

accada di perdere <strong>la</strong> capacità di decidere o di comunicare<br />

le mie decisioni ai miei medici curanti sulle scelte da fare<br />

riguardo ad una ma<strong>la</strong>ttia.<br />

Resta <strong>in</strong>teso che queste mie volontà potranno essere da<br />

me revocate o modificate <strong>in</strong> ogni momento con una successiva<br />

dichiarazione. In caso di dichiarazione sopravvenuta,<br />

varranno le mie più recenti disposizioni.<br />

Le leggi dello Stato dovrebbero garantire che queste mie<br />

volontà vengano rispettate. Invece <strong>in</strong> Italia, oggi e probabilmente<br />

anche <strong>in</strong> futuro, quanto da me messo per iscritto<br />

e letto da migliaia di persone risulterà solo carta straccia.<br />

Una buona legge dovrebbe permettere a tutti quelli<br />

che lo chiedono di <strong>in</strong>terrompere le cure quando vengono<br />

meno tutte le speranze di recupero, se dichiarato consapevolmente;<br />

e dovrebbe, nello stesso tempo, assicurare<br />

tutti gli <strong>in</strong>terventi possibili a chi vuole altrimenti. Questa è<br />

libertà e rispetto democratico dei cittad<strong>in</strong>i.<br />

Invece c’è il rischio che, con il progredire del<strong>la</strong> scienza<br />

medica, si f<strong>in</strong>isca per essere costretti, senza volerlo, ad<br />

una pura vita vegetativa per anni e anni. Non per volontà<br />

di Dio, ma per il solo accanimento umano!


La crisi al comune di Ancona è lo specchio<br />

fedele di quel<strong>la</strong> del partito democratico<br />

... ma anche<br />

IL PUNTO<br />

di F<strong>la</strong>vio Donati<br />

Un partito senza identità che non offre<br />

riferimenti agli elettori è dest<strong>in</strong>ato a<br />

morire<br />

Il s<strong>in</strong>daco di Ancona se ne và, dopo avere cercato, f<strong>in</strong>o<br />

all’ultimo m<strong>in</strong>uto, di rimettere <strong>in</strong>sieme i cocci di una coalizione<br />

e di un partito, il suo partito democratico, che pure<br />

hanno smarrito ogni ragione dello stare <strong>in</strong>sieme. Ogni<br />

ragione oltre quel<strong>la</strong> purtroppo ovvia, dello restare attaccati<br />

al potere. E alle poltrone, agli <strong>in</strong>carichi, ai vantaggi<br />

che offre.<br />

Ancona come paradigma del<strong>la</strong> crisi che scuote <strong>la</strong> s<strong>in</strong>istra e<br />

sta portando a prematura morte il neonato partito democratico.<br />

Perché il terremoto che ha <strong>in</strong>vestito il vertice del<br />

partito con le dimissioni di Veltroni e le pezze a colore frettolosamente<br />

cucite sui troppi strappi e sulle troppe diversità,<br />

nasce <strong>in</strong> buona parte anche dalle realtà locali.<br />

Da Cagliari certo, dove agli elettori è stato chiesto di votare<br />

per <strong>la</strong> stessa coalizione, per lo stesso partito e per lo<br />

stesso presidente che solo pochi mesi prima avevano<br />

dovuto prendere atto dell’impossibilità di trovare una s<strong>in</strong>tesi.<br />

O da Napoli e dal<strong>la</strong> Campania dove, <strong>in</strong>curanti del discredito<br />

dei cittad<strong>in</strong>i per le cose non fatte e degli avvisi dei<br />

magistrati per quelle fatte, i politici locali tirano a campare<br />

<strong>in</strong> attesa di cedere, il più tardi possibile, il passo al<strong>la</strong><br />

coalizione avversa.<br />

E proprio ad Ancona sono accadute tutte queste cose <strong>in</strong>sieme.<br />

Con <strong>la</strong> magistratura che <strong>in</strong>daga il s<strong>in</strong>daco, prosciolto<br />

solo grazie al<strong>la</strong> prescrizione e non ad un chiaro verdetto di<br />

<strong>in</strong>nocenza. Con i partiti del<strong>la</strong> coalizione <strong>in</strong> disaccordo su<br />

tutto. Con il partito democratico diviso al suo <strong>in</strong>terno come<br />

e peggio di quando erano due dist<strong>in</strong>ti partiti.<br />

Perché è ormai evidente che nell’ottobre del 2007 anziché<br />

il partito nuovo <strong>in</strong> cui tanti avevano sperato, è <strong>in</strong>vece nato<br />

un partito molto, ma molto vecchio, tenuto <strong>in</strong>sieme più<br />

dal<strong>la</strong> ricerca del potere che non dall’affermazione di ideali.<br />

In verità, a destra c’è stato uno stupore di <strong>in</strong>tensità almeno<br />

pari allo smarrimento del<strong>la</strong> s<strong>in</strong>istra per le dimissioni di<br />

Veltroni. Non tanto per il fatto <strong>in</strong> sé (quando un leader fallisce<br />

è giusto e normale che <strong>la</strong>sci il passo a qualcun altro)<br />

quanto piuttosto per le conseguenze che <strong>questo</strong> terremoto<br />

ha sul quadro politico complessivo. Senza dimenticare il<br />

dramma umano di chi ha impietosamente preso atto del<br />

POLITICA<br />

13<br />

proprio fallimento.<br />

Dispiace solo che per prendere atto di <strong>questo</strong> fallimento e<br />

certificarlo con le proprie dimissioni, Veltroni abbia atteso<br />

tanto tempo ed abbia scelto di legarlo ad un ulteriore pronunciamento<br />

degli elettori dopo quello che pure lo aveva<br />

plebiscitato al<strong>la</strong> testa del partito democratico.<br />

Quel<strong>la</strong> dell’ottobre 2007, comunque <strong>la</strong> si pensi <strong>in</strong> politica,<br />

è del resto stata una data importante. La nascita del<br />

nuovo partito e <strong>la</strong> <strong>sua</strong> decisione di assumersi il rischio di<br />

correre da solo alle successive elezioni politiche è <strong>in</strong>fatti<br />

al<strong>la</strong> base del<strong>la</strong> simmetrica semplificazione che è avvenuta<br />

anche a destra. La legittimazione popo<strong>la</strong>re del leader<br />

aveva <strong>in</strong>oltre creato le condizioni per il possibile affrancamento<br />

dagli apparati e dai tanti, troppi “procacciatori di<br />

voti” presenti <strong>in</strong> ogni realtà locale.<br />

Invece le cose non sono andate così. Veltroni non ha saputo<br />

usare il consenso che gli era stato dato. Quel “…ma<br />

anche” che all’<strong>in</strong>izio poteva segnare <strong>la</strong> giusta attenzione<br />

per le ragioni dell’altro, è al<strong>la</strong> f<strong>in</strong>e diventato una trappo<strong>la</strong>.<br />

Con lui, con quel suo <strong>in</strong>terca<strong>la</strong>re, una s<strong>in</strong>istra tradizionalmente<br />

tanto gelosa del<strong>la</strong> propria identità, al punto da dar<br />

vita ad un <strong>numero</strong> <strong>in</strong>f<strong>in</strong>ito di partiti e partit<strong>in</strong>i, ciascuno<br />

specchio fedele dei pochi iscritti e dei tanti dirigenti, è <strong>in</strong>f<strong>in</strong>e<br />

arrivata a dar vita ad un partito grande ma senza identità<br />

alcuna.<br />

E un partito che non sa offrire al<strong>la</strong> “<strong>sua</strong>” parte di società<br />

un’identità precisa <strong>in</strong> cui specchiarsi è un partito <strong>in</strong>utile e,<br />

quando vengono meno gli <strong>in</strong>teressi che lo tengono <strong>in</strong>sieme,<br />

<strong>in</strong>evitabilmente dest<strong>in</strong>ato al<strong>la</strong> morte. Del resto, da<br />

<strong>questo</strong> punto di vista, il partito democratico era già gracile<br />

al<strong>la</strong> nascita con quell’<strong>in</strong>capacità di trovare <strong>in</strong> Europa un<br />

riferimento politico, che non poteva che essere il partito<br />

socialista europeo, essendo il partito popo<strong>la</strong>re europeo<br />

collocato nel centrodestra.<br />

Ma il colpo di grazia, certificato non certo provocato dalle<br />

elezioni <strong>in</strong> Sardegna, gli è venuto con <strong>la</strong> vicenda di Eluana<br />

Eng<strong>la</strong>ro. È ovvio e pers<strong>in</strong>o banale che di fronte a temi<br />

come <strong>la</strong> vita e <strong>la</strong> morte ciascuno è solo con <strong>la</strong> propria<br />

coscienza. Ma quello che vale per gli <strong>in</strong>dividui certo non<br />

può valere per un partito che ha <strong>in</strong>vece il dovere di esprimersi,<br />

di dire con chiarezza ai propri elettori da che parte<br />

sta <strong>la</strong> <strong>sua</strong> “coscienza collettiva”. Il partito democratico non<br />

l’ha fatto, decidendo con <strong>questo</strong> di staccare a se stesso “<strong>la</strong><br />

sp<strong>in</strong>a” che lo teneva <strong>in</strong> vita, collegato ai suoi elettori.<br />

Fabio Sturani, s<strong>in</strong>daco<br />

dimissionario di Ancona


14 FLASH<br />

Voce del lettore<br />

Cacche dei cani e buste<br />

Le cacche dei cani e le pecche dei padroni. Ci avete fatto<br />

anche <strong>la</strong> vignetta… Si dice: ma perché i vigili che fanno<br />

le multe a destra e a manca non beccano pure quei proprietari<br />

zozzoni di animaletti / animalotti (certe pizze!)<br />

che <strong>la</strong>sciano, appunto, le… pizze dei loro amici a quattro<br />

zampe sul marciapiede? O <strong>in</strong> mezzo al<strong>la</strong> strada? Forse<br />

perché ce ne vorrebbero cent<strong>in</strong>aia per control<strong>la</strong>re il territorio…<br />

E poi dovrebbero sorprenderli sul fatto! Ma allora<br />

perché il Comune nell’apposita ord<strong>in</strong>anza s<strong>in</strong>dacale<br />

non obbliga i proprietari / possessori di cani a passeggio<br />

ad avere le-buste-per-<strong>la</strong>-raccolta-del<strong>la</strong>-cacca <strong>in</strong> tasca?<br />

Come <strong>la</strong> patente per chi guida. E allora, cacca o non<br />

cacca, chi è senza <strong>la</strong> busta becca <strong>la</strong> multa!<br />

L’<strong>in</strong>no nazionale<br />

Tutti gli anni vado ad ascoltare il Concerto di capodanno<br />

del<strong>la</strong> Banda Musicale “G.B. Pergolesi” di <strong>Jesi</strong>. Chiedo perché<br />

non viene eseguito l’<strong>in</strong>no nazionale come si fa <strong>in</strong> tante<br />

nazioni ed anche nei concerti ufficiali <strong>in</strong> Par<strong>la</strong>mento?<br />

Mettete il bianco sul blu<br />

Costa del Montirozzo un giorno qualunque. Sempre vuoti i<br />

posti blu. Qualche furbo <strong>in</strong> sosta sull’altro <strong>la</strong>to del<strong>la</strong> strada.<br />

Fra qualche settimana a Porta Valle arriva il mercato con le<br />

bancarelle del centro storico. Non è il caso di “liberalizzare”<br />

di nuovo i posti auto e colorare con il bianco le... mille strisce<br />

blu?<br />

28/02/2009<br />

Oggi <strong>la</strong> nostra picco<strong>la</strong><br />

peste compie due anni!<br />

Babbo Marco e mamma<br />

Silvia gli fanno gli auguri<br />

di buon compleanno.<br />

Ai nostri auguri si aggregano<br />

i nonni, i bisnonni e<br />

gli zii <strong>in</strong> partico<strong>la</strong>r modo<br />

zio Maurizio e zia Sabry.<br />

Carnevaló a San Giuseppe<br />

Anche quest’anno l’Acli e<br />

<strong>la</strong> Parrocchia di San Giuseppe<br />

hanno ripetuto l’evento,<br />

con <strong>la</strong> 2ª edizione<br />

del Carnevaló che si è<br />

svolto domenica 22 febbraio<br />

partendo dal<strong>la</strong> chiesa<br />

di San Giuseppe. Sfi<strong>la</strong>ta,<br />

con musica e maschere,<br />

per alcune vie del quartiere<br />

arrivando f<strong>in</strong>o a Porta Valle<br />

per poi arrivare al<strong>la</strong> Palestra<br />

Carbonari. All’<strong>in</strong>terno<br />

del<strong>la</strong> palestra si è svolta<br />

<strong>la</strong> sfi<strong>la</strong>ta delle maschere e<br />

<strong>la</strong> premiazione da parte di<br />

quattro giurie per ogni<br />

categoria con balli di gruppo,<br />

animazione e giochi.<br />

Mattia C<strong>in</strong>ti<br />

15<br />

bellitalia


16<br />

Riorganizzazione del Comune, si parte a<br />

marzo<br />

Novità <strong>in</strong> Comune<br />

su orari, port<strong>in</strong>eria<br />

e sportello servizi.<br />

Dal 2 marzo, <strong>in</strong>fatti,<br />

sarà operativa <strong>la</strong><br />

riorganizzazione<br />

degli orari, con <strong>la</strong><br />

standardizzare sia<br />

di quelli di servizio<br />

sia di quelli di apertura<br />

al pubblico.<br />

Inoltre, nasce un<br />

unico front-office, lo<br />

Sportello Unico Servizi<br />

(S.U.S.J.), con<br />

l’accorpamento<br />

dell'Urp e di altri<br />

uffici, prima spersi<br />

nei diversi piani del<br />

pa<strong>la</strong>zzo, con sede<br />

ora al piano terra di piazza<br />

Spont<strong>in</strong>i 1, dove si trova<br />

anche l’ufficio del difensore<br />

civico. Inf<strong>in</strong>e, <strong>la</strong> creazione<br />

di un portierato<br />

unico per garantire stan-<br />

dard di sicurezza e limitare<br />

l’<strong>in</strong>gresso del pubblico.<br />

L’<strong>in</strong>gresso del pa<strong>la</strong>zzo municipale<br />

è così costantemente<br />

sorvegliato.<br />

Un’auto nuova per i volontari Auser<br />

Migliorare <strong>la</strong> qualità di vita degli anziani. Questo il pr<strong>in</strong>cipale<br />

obiettivo degli 80 volontari Auser che da oggi<br />

possono svolgere un servizio migliore grazie all’arrivo di<br />

una Fiat Punto, frutto dell’impegno del Comune di <strong>Jesi</strong>,<br />

del<strong>la</strong> Fondazione Cassa di Risparmio di <strong>Jesi</strong> e del centro<br />

In periferia <strong>la</strong> nuova sede del<strong>la</strong> farmacia<br />

comunale<br />

La zona tra il torrente Granita<br />

e <strong>la</strong> Zipa. Sarà questa<br />

l’area che ospiterà <strong>la</strong> nuova<br />

sede del<strong>la</strong> farmacia comunale,<br />

ancora oggi nei<br />

locali storici del vecchio<br />

ospedale cittad<strong>in</strong>o su corso<br />

Matteotti. La richiesta<br />

di trasferimento del<strong>la</strong> far-<br />

macia, gestita da <strong>Jesi</strong>servizi,<br />

è stata presentata nel<br />

2008 e <strong>la</strong> Prov<strong>in</strong>cia di Ancona<br />

ha dato il via libera.<br />

Presto partiranno le procedure<br />

per l’<strong>in</strong>dividuazione<br />

dei nuovi locali, qu<strong>in</strong>di<br />

l’acquisto e <strong>la</strong> sistemazione<br />

degli arredi.<br />

sociale L’Incontro. L’uso dell’auto <strong>in</strong>fatti garantisce ai<br />

volontari <strong>la</strong> possibilità di effettuare gli spostamenti richiesti<br />

e ai richiedenti di avere un servizio a domicilio completamente<br />

gratuito. Basta chiamare il Filo d’argento al<br />

<strong>numero</strong> 0731-57810 o il <strong>numero</strong> verde 800-99-59-88.<br />

Il Tabano Rosso 2006 conquista Berl<strong>in</strong>o<br />

Nel corso dell’ultimo Berl<strong>in</strong>er<br />

We<strong>in</strong> Trophy, svoltosi a<br />

Berl<strong>in</strong>o negli storici locali<br />

del Municipio di Schöneberg,<br />

il Tabano Es<strong>in</strong>o Rosso<br />

doc – vendemmia 2006 –<br />

ha conquistato l’importante<br />

Berl<strong>in</strong>er Gold, medaglia<br />

d’oro per <strong>la</strong> categoria v<strong>in</strong>i<br />

rossi tranquilli. Il Berl<strong>in</strong>er<br />

We<strong>in</strong> Trophy 2009 si è svolto<br />

dal 22 al 26 gennaio ed<br />

è il concorso v<strong>in</strong>icolo <strong>in</strong>ternazionale<br />

nel<strong>la</strong> metropoli di<br />

Berl<strong>in</strong>o con il patroc<strong>in</strong>io<br />

dell’OIV e il riconoscimento<br />

Marche e Umbria più vic<strong>in</strong>e<br />

con il raddoppio del<strong>la</strong> Statale<br />

76 previsto per il 2013.<br />

È dei giorni scorsi, <strong>in</strong>fatti,<br />

<strong>la</strong> firma del<strong>la</strong> consegna<br />

delle attività per i tratti da<br />

Albac<strong>in</strong>a e Serra San Quirico<br />

e da Cancelli a Fossato<br />

di Vico, <strong>in</strong> tutto circa 21<br />

chilometri per un costo di<br />

350 milioni di euro.<br />

Pronti 6 mi<strong>la</strong> posti di <strong>la</strong>voro.<br />

Presenti, fra gli altri,<br />

al<strong>la</strong> cerimonia i presidenti<br />

di Marche e Umbria, Gian<br />

del Senato di Berl<strong>in</strong>o e dell’Unione<br />

Europea. All’ultima<br />

edizione hanno partecipato<br />

2.438 v<strong>in</strong>i da 37 nazioni. Il<br />

Tabano Rosso è un v<strong>in</strong>o<br />

molto strutturato ottenuto<br />

da uve Montepulciano <strong>in</strong><br />

purezza allevate nel<strong>la</strong> bellissima<br />

contrada del comune<br />

di <strong>Jesi</strong> da cui prende il<br />

nome. Per <strong>questo</strong> topw<strong>in</strong>e,<br />

<strong>la</strong> Montecappone ha<br />

ricevuto altri importanti riconoscimenti<br />

enologici sia<br />

a livello nazionale che <strong>in</strong>ternazionale.<br />

Ancona-Perugia, via libera al<strong>la</strong> direttissima<br />

Mario Spacca e Maria Rita<br />

Lorenzetti, l’ex m<strong>in</strong>istro<br />

Francesco Merloni, presidente<br />

del<strong>la</strong> Indesit Company<br />

Vittorio Merloni, l’onorevole<br />

Carlo Ciccioli, e i<br />

s<strong>in</strong>daci dei Comuni <strong>in</strong>teressati.<br />

L’onorevole Maria Pao<strong>la</strong><br />

Merloni nell’occasione ha<br />

<strong>la</strong>nciato un appello al<strong>la</strong> Camera<br />

di Commercio di Ancona<br />

aff<strong>in</strong>ché aderisca al<br />

progetto sull’esempio di<br />

quelle di Macerata e Perugia.<br />

Imparare cantando<br />

Chi l’ha detto che imparare<br />

l’<strong>in</strong>glese è noioso? Venerdì<br />

13 febbraio si è svolto all’ITAS<br />

Galilei un bellissimo<br />

<strong>in</strong>contro tra pop music ed<br />

<strong>in</strong>glese, <strong>in</strong>serito <strong>in</strong> un progetto<br />

di apprendimento<br />

del<strong>la</strong> l<strong>in</strong>gua straniera attraverso<br />

le canzoni.<br />

L’obiettivo era quello di far<br />

sperimentare agli studenti<br />

che lo studio del<strong>la</strong> l<strong>in</strong>gua<br />

straniera passa attraverso i<br />

più svariati canali e che loro<br />

hanno <strong>in</strong> mano un potente<br />

strumento di apprendimento<br />

assai piacevole: le<br />

17<br />

canzoni. È quanto ha potuto<br />

sperimentare un folto<br />

gruppo di studenti delle<br />

c<strong>la</strong>ssi prime e terze partecipando<br />

al workshop di “Tune<br />

<strong>in</strong>to English“ a cura dell’esperto<br />

di l<strong>in</strong>gua <strong>in</strong>glese<br />

Fergal Kavanagh, docente<br />

di orig<strong>in</strong>e ir<strong>la</strong>ndese (ex dj)<br />

che ha trasc<strong>in</strong>ato gli studenti<br />

<strong>in</strong> un vortice l<strong>in</strong>guistico-musicale<br />

per circa due<br />

ore <strong>in</strong> un crescendo di<br />

entusiasmo e co<strong>in</strong>volgimento.


18<br />

A <strong>Jesi</strong> l’Accademia del<strong>la</strong> micologia<br />

È nata <strong>in</strong> città “l’accademia<br />

del<strong>la</strong> micologia”.<br />

Obiettivi pr<strong>in</strong>cipali: lo studio<br />

e <strong>la</strong> ricerca nel campo<br />

micologico e botanico.<br />

Partecipano al progetto<br />

alcuni tra i migliori studiosi<br />

del settore, Gianni Bargelli,<br />

David Monno, Marcello<br />

Petroselli, come assicura<br />

Franco Benigni, coord<strong>in</strong>atore<br />

e ideatore dell’<strong>in</strong>iziativa.<br />

E già i primi risultati<br />

ci sono. Di recente,<br />

<strong>in</strong>fatti, è stato pubblicato<br />

<strong>in</strong> quattro l<strong>in</strong>gue su riviste<br />

europee ed <strong>in</strong>ternazionali<br />

il primo <strong>la</strong>voro dal titolo<br />

“Fenologia e problematiche<br />

degli Xanthophylli del<br />

leccio del<strong>la</strong> prov<strong>in</strong>cia di<br />

Ancona”, cui farà seguito<br />

<strong>la</strong> pubblicazione di una<br />

nuova specie fung<strong>in</strong>a e successivamente<br />

quel<strong>la</strong> che<br />

prevede un censimento di<br />

tutti i Cort<strong>in</strong>arius, Inocybe<br />

e Russule del nostro territorio.<br />

Novità anche <strong>in</strong> campo<br />

botanico: scoperti nuovi siti<br />

di crescita per <strong>la</strong> Serapias<br />

vomeracea e per <strong>la</strong> Himantoglossum<br />

adriaticum.<br />

Info: www.gmvjesi.it, micologogmv@gmail.com.<br />

Tosap e pubblicità, vic<strong>in</strong>a <strong>la</strong> scadenza<br />

Il 31 marzo è il term<strong>in</strong>e ultimo per il pagamento del<strong>la</strong><br />

tassa sull’occupazione del suolo pubblico (passi carrabili,<br />

edicole, banchi di vendita, tende so<strong>la</strong>ri, ecc.) e dell’imposta<br />

comunale sul<strong>la</strong> pubblicità re<strong>la</strong>tive all’anno corrente.<br />

Per facilitare il versamento, il Comune <strong>in</strong>forma<br />

che è stato <strong>in</strong>viato a ciascun contribuente un bollett<strong>in</strong>o<br />

di pagamento per <strong>la</strong> Tosap e un bollett<strong>in</strong>o per l’imposta<br />

comunale sul<strong>la</strong> pubblicità con l’<strong>in</strong>dicazione dell’importo.<br />

Contributi alle famiglie<br />

L’Ambito Territoriale Sociale<br />

IX assegna contributi<br />

f<strong>in</strong>alizzati all’abbattimento<br />

dei costi dei servizi per le<br />

famiglie con <strong>numero</strong> di figli<br />

pari o superiori a quattro,<br />

compresi i m<strong>in</strong>ori <strong>in</strong> affidamento<br />

familiare. Il contributo<br />

economico è erogato<br />

a parziale rimborso delle<br />

spese sostenute nell’anno<br />

2008 re<strong>la</strong>tive al pagamento<br />

dei servizi di erogazione<br />

dell’energia elettrica, del<br />

gas, dell’acqua e del<strong>la</strong> raccolta<br />

dei rifiuti solidi urbani.<br />

I beneficiari sono i<br />

nuclei familiari residenti<br />

nell’Ambito Territoriale Sociale<br />

IX – che, come noto,<br />

comprende <strong>Jesi</strong> e i 20 Comuni<br />

del<strong>la</strong> Valles<strong>in</strong>a -<br />

composti da cittad<strong>in</strong>i italiani,<br />

comunitari o extracomunitari,<br />

con <strong>numero</strong> di<br />

figli pari o superiore a<br />

quattro, compresi i m<strong>in</strong>ori<br />

<strong>in</strong> affidamento familiare, e<br />

con un reddito Isee del<br />

nucleo familiare non superiore<br />

a 20 mi<strong>la</strong> euro (re<strong>la</strong>tivo<br />

ai redditi 2007) determ<strong>in</strong>ato<br />

<strong>in</strong> base alle disposizioni<br />

previste dal<strong>la</strong> legge.<br />

Le domande dovranno pervenire<br />

ai rispettivi Comuni<br />

di residenza entro e non<br />

oltre il 20 marzo. L’avviso<br />

ed i modelli sono disponibili<br />

anche sul sito www.comune.jesi.an.it/ambito9.<br />

Info<br />

presso gli Uffici Servizi Sociali<br />

di ogni Comuni oppure<br />

al 0731/538245.<br />

Il mancato recapito non esonera né costituisce <strong>in</strong> alcun<br />

modo una giustificazione per il contribuente. Il Comune,<br />

<strong>in</strong>oltre, esorta i contribuenti che hanno ottenuto le<br />

autorizzazione per nuovi passi carrabili, per <strong>in</strong>segne,<br />

tende o per qualsiasi altra tipologia di occupazione di<br />

suolo pubblico temporaneo o permanente, ad iscriversi<br />

tempestivamente al<strong>la</strong> concessionaria per essere <strong>in</strong><br />

rego<strong>la</strong> con il re<strong>la</strong>tivo tributo.<br />

Interporto di <strong>Jesi</strong>. Il 2009 un anno di<br />

grande importanza<br />

Presentati recentemente,<br />

<strong>in</strong> una conferenza stampa,<br />

lo stato dei <strong>la</strong>vori dell’Interporto<br />

di <strong>Jesi</strong>, i dati re<strong>la</strong>tivi<br />

agli <strong>in</strong>vestimenti e gli<br />

accordi presi dal<strong>la</strong> Società<br />

Interporto Marche con i referenti<br />

istituzionali. Ne<br />

consegue per il 2009 un<br />

anno decisivo per lo sviluppo<br />

<strong>in</strong>frastrutturale delle<br />

Marche con <strong>la</strong> piena operatività<br />

dell’Interporto e<br />

l’avvio qu<strong>in</strong>di dell’<strong>in</strong>termodalità<br />

anche nel<strong>la</strong> nostra<br />

regione.<br />

Tra gli appalti conclusi entro<br />

l’anno 2008 <strong>la</strong> realizzazione<br />

del 1° lotto funzionante<br />

e del re<strong>la</strong>tivo amplia-<br />

mento, <strong>la</strong> sistemazione e<br />

messa <strong>in</strong> sicurezza del<strong>la</strong><br />

viabilità di <strong>in</strong>gresso e <strong>la</strong><br />

realizzazione del<strong>la</strong> piattaforma<br />

tecnologica ICT. Tra<br />

gli appalti avviati figurano<br />

<strong>in</strong>vece <strong>la</strong> prima fase delle<br />

opere ferroviarie (term<strong>in</strong>e<br />

dei <strong>la</strong>vori f<strong>in</strong>e aprile 2009)<br />

e lo sv<strong>in</strong>colo sul<strong>la</strong> SS 76.<br />

Da avviare entro il 2009 il<br />

completamento dei piazzali<br />

ferro gomma, del piazzale<br />

term<strong>in</strong>al conta<strong>in</strong>er e <strong>la</strong> 2ª<br />

fase delle opere ferroviarie<br />

con <strong>la</strong> realizzazione del<strong>la</strong><br />

stazione al servizio dell’Interporto.<br />

Il totale <strong>in</strong>vestimenti<br />

ammonta a circa<br />

160 milioni di euro.<br />

Impianti so<strong>la</strong>ri, nuovi contributi dal<br />

Comune di <strong>Jesi</strong><br />

Sensibilizzare all’utilizzo di<br />

fonti energetiche alternative.<br />

Cont<strong>in</strong>ua l’impegno dell’Amm<strong>in</strong>istrazione<br />

su questi<br />

temi: sono <strong>in</strong>fatti a disposizione<br />

ulteriori 100 mi<strong>la</strong> euro<br />

per contributi ad aziende e<br />

famiglie. Intanto l’ente fa<br />

sapere che al 31 dicembre<br />

2008 sono pervenute altre<br />

35 domande, di cui 10<br />

presentate da imprese e<br />

25 da privati cittad<strong>in</strong>i. Tra<br />

esse gran parte riguarda<br />

l’<strong>in</strong>stal<strong>la</strong>zione di pannelli<br />

Maio<strong>la</strong>ti Spont<strong>in</strong>i – È di<br />

50 mi<strong>la</strong> euro <strong>la</strong> somma, a<br />

fondo perduto, che l’Amm<strong>in</strong>istrazione<br />

stanzia per i<br />

cittad<strong>in</strong>i che <strong>in</strong>stal<strong>la</strong>no nelle<br />

proprie abitazioni pannelli<br />

so<strong>la</strong>ri termici o fotovoltaici.<br />

Il contribuito per gli impianti<br />

fotovoltaici è di 600<br />

euro per kw di picco prodotti,<br />

per un massimo di 3<br />

mi<strong>la</strong> euro; per quelli so<strong>la</strong>ri<br />

19<br />

so<strong>la</strong>ri (per <strong>la</strong> produzione di<br />

acqua calda), mentre <strong>la</strong><br />

restante impianti fotovoltaici<br />

per <strong>la</strong> produzione di<br />

energia elettrica. L’assessorato<br />

allo Sviluppo sostenibile<br />

<strong>in</strong>forma <strong>in</strong>oltre che presto<br />

procederà a sti<strong>la</strong>re <strong>la</strong><br />

graduatoria. Il Comune,<br />

come noto, concede il contributo<br />

coprendo parte del<strong>la</strong><br />

quota <strong>in</strong>teressi su mutui<br />

f<strong>in</strong>o a 25 mi<strong>la</strong> euro per i privati<br />

cittad<strong>in</strong>i e f<strong>in</strong>o a 50<br />

mi<strong>la</strong> euro per le imprese.<br />

Energie r<strong>in</strong>novabili, fondi per impianti<br />

termici e fotovoltaici<br />

è di 500 euro, con l’aggiunta<br />

di 400 euro per<br />

ogni ulteriore unità immobiliare<br />

servita.<br />

L’erogazione dei fondi è<br />

re<strong>la</strong>tiva alle domande presentate<br />

a partire dal 1°<br />

gennaio 2008.<br />

Tutti i partico<strong>la</strong>ri nel bando<br />

pubblicato sul sito www.comune.maio<strong>la</strong>tispont<strong>in</strong>i.an.it,<br />

al<strong>la</strong> voce modulistica-urbanistica.


20<br />

Uno jes<strong>in</strong>o al<strong>la</strong> Ruota del<strong>la</strong> Fortuna<br />

Il 17 febbraio scorso Matteo<br />

Ross<strong>in</strong>i ha partecipato<br />

al<strong>la</strong> trasmissione “La Ruota<br />

del<strong>la</strong> Fortuna” condotta da<br />

Enrico Papi e trasmessa,<br />

ogni giorno alle ore 20.30,<br />

su Italia 1.<br />

Matteo, che ha so<strong>la</strong>mente<br />

18 anni, si è trovato a dover<br />

fronteggiare due agguerrite<br />

concorrenti più<br />

grandi di lui.<br />

Forse per via del<strong>la</strong> cont<strong>in</strong>ua<br />

distrazione causata da<br />

Victoria Silversted, che gli<br />

ha fatto più volte girare <strong>la</strong><br />

testa, non è riuscito ad aggiudicarsi<br />

<strong>la</strong> f<strong>in</strong>ale. La puntata<br />

<strong>in</strong>fatti è stata v<strong>in</strong>ta da<br />

Azzurra, una concorrente<br />

di 24 anni, studentessa al<strong>la</strong><br />

facoltà di Scienze del<strong>la</strong><br />

Comunicazione. Non ci resta<br />

che ricordare, al nostro<br />

giovane e temerario abbonato<br />

dal ricciolo da p<strong>la</strong>y<br />

boy, che <strong>la</strong> fortuna è una<br />

ruota che gira!<br />

Centro storico, arrivano f<strong>in</strong>anziamenti Fas<br />

Poco più di 750 mi<strong>la</strong> euro<br />

per riqualificare l’ex chiesa<br />

di Sant’Agost<strong>in</strong>o, pa<strong>la</strong>zzo<br />

Pianetti e pa<strong>la</strong>zzo del<strong>la</strong><br />

Signoria. Lo ha annunciato<br />

il Comune di <strong>Jesi</strong> che si è<br />

aggiudicato un f<strong>in</strong>anziamento<br />

del Fas, Fondo aree<br />

sotto utilizzate. La riqualificazione<br />

dell’ex chiesa di<br />

Sant’Agost<strong>in</strong>o prevede un<br />

risanamento conservativo<br />

con <strong>la</strong> sperimentazione di<br />

tecniche edili ecosostenibili<br />

e un adeguamento sismico<br />

f<strong>in</strong>alizzato anche al<strong>la</strong> realizzazione<br />

di spazi per una<br />

biblioteca per una spesa di<br />

un milione e 100 mi<strong>la</strong> euro.<br />

385 mi<strong>la</strong> euro, <strong>in</strong>vece, il<br />

costo per <strong>la</strong> ristrutturazione<br />

di pa<strong>la</strong>zzo Pianetti, <strong>la</strong><br />

cui f<strong>in</strong>e dei <strong>la</strong>vori è prevista<br />

per f<strong>in</strong>e marzo, e 400 mi<strong>la</strong><br />

quello per pa<strong>la</strong>zzo del<strong>la</strong><br />

Signoria. Per quest’ultimo<br />

<strong>in</strong>tervento è disponibile un<br />

f<strong>in</strong>anziamento del<strong>la</strong> Fondazione<br />

Carisj di 240 mi<strong>la</strong><br />

euro con cui il Comune accenderà<br />

un mutuo per 160<br />

mi<strong>la</strong> euro.<br />

Università: v<strong>in</strong>te tutte le sfide<br />

Gli obiettivi raggiunti dall’ateneo jes<strong>in</strong>o nel bi<strong>la</strong>ncio di f<strong>in</strong>e<br />

mandato del presidente del<strong>la</strong> Fondazione Colocci, Gabriele Fava<br />

«Tre anni fa <strong>Jesi</strong> ospitava corsi universitari. Oggi siamo<br />

una Università a tutti gli effetti». Non ha dubbi Gabriele<br />

Fava, presidente del<strong>la</strong> Fondazione Colocci, a proposito dei<br />

passi <strong>in</strong> avanti fatti dall’ateneo jes<strong>in</strong>o. «La nostra sede ha<br />

raggiunto una posizione accademica di prestigio, conquistata<br />

grazie a traguardi messi a segno con fatica e determ<strong>in</strong>azione».<br />

E Fava li ricorda <strong>in</strong> occasione del<strong>la</strong> conferenza<br />

di f<strong>in</strong>e mandato, facendo il punto dettagliato del<strong>la</strong><br />

situazione.<br />

«Abbiamo radicato più profondamente <strong>la</strong> struttura nel<br />

tessuto sociale, culturale ed economico di <strong>Jesi</strong>. Abbiamo<br />

rafforzato il nostro rapporto con l’Università di Macerata<br />

grazie al<strong>la</strong> costituzione di un Dipartimento giuridico-economico<br />

che assicura <strong>la</strong> presenza di due unità amm<strong>in</strong>istrative<br />

e di 11 docenti e ricercatori, che fanno didattica, producono<br />

ricerca e garantiscono assistenza ai <strong>la</strong>ureandi.<br />

Una struttura, per altro, con requisiti tali da mettere al<br />

riparo da ogni decisione m<strong>in</strong>isteriale circa <strong>la</strong> soppressione<br />

delle sedi periferiche».<br />

Insomma, l’Università di <strong>Jesi</strong> nonostante <strong>la</strong> crisi e i rigidi<br />

decreti m<strong>in</strong>isteriali che stanno mettendo a dura prova<br />

molti atenei italiani va a gonfie vele. «Le prove del<strong>la</strong><br />

nostra forza – ha ricordato Fava – sono tangibili: sono<br />

stati attivati tre nuovi <strong>in</strong>dirizzi di <strong>la</strong>urea e abbiamo avuto<br />

un notevole aumento delle iscrizioni, arrivate a quota 121<br />

solo nel primo anno di corso, con un 16% di studenti da<br />

fuori prov<strong>in</strong>cia e un 17% da fuori regione. Le nostre proposte<br />

formative hanno suscitato anche l’<strong>in</strong>teresse del<strong>la</strong><br />

Guardia di F<strong>in</strong>anza e del<strong>la</strong> Guardia Forestale che hanno<br />

stipu<strong>la</strong>to con l’Università apposite convenzioni per l’accesso<br />

ai corsi dei militari».<br />

E riguardo al futuro? «A mio avviso – ha sottol<strong>in</strong>eato il<br />

presidente – sarebbe opportuno puntare al<strong>la</strong> creazione di<br />

ulteriori servizi per favorire così <strong>la</strong> presenza di studenti<br />

fuori sede. L’apertura di una mensa e di uno studentato,<br />

ad esempio, accrescerebbero notevolmente <strong>la</strong> capacità<br />

attrattiva di <strong>Jesi</strong>. Un progetto ambizioso, <strong>in</strong> parte già<br />

avviato, che per essere messo a punto avrebbe bisogno<br />

di una stretta s<strong>in</strong>ergia d’<strong>in</strong>tenti tra Fondazione, Comune<br />

di <strong>Jesi</strong> ed Ersu di Macerata. A ciò andrebbe affiancato un<br />

ulteriore rafforzamento del<strong>la</strong> presenza dell’Università di<br />

Macerata con l’avvio di nuovi corsi di <strong>la</strong>urea e di un nuovo<br />

biennio di specializzazione, obiettivi a cui già stiamo <strong>la</strong>vorando».<br />

E ancora: «Non meno importante <strong>in</strong> quest’ottica di potenziamento<br />

sarebbe il recupero dell’<strong>in</strong>tero edificio, <strong>in</strong>tervento<br />

che il Comune di <strong>Jesi</strong>, proprietario dell’immobile,<br />

potrebbe realizzare con un piano biennale, non solo per<br />

<strong>in</strong>crementare <strong>la</strong> sicurezza, ma anche per avere <strong>la</strong> possibilità<br />

di richiedere l’attivazione di corsi e master con<br />

f<strong>in</strong>anziamenti europei, altro traguardo a mio avviso fondamentale<br />

per ri<strong>la</strong>nciare lo strategico legame con il<br />

mondo <strong>in</strong>dustriale e produttivo».<br />

Tante dunque le prospettive che si aprono per <strong>la</strong> nostra<br />

Università. In attesa di concretizzarle, <strong>la</strong> Fondazione<br />

Colocci <strong>in</strong>tanto punta anche sull’ottimo servizio svolto<br />

dal<strong>la</strong> Biblioteca, specializzata nel settore giuridico-economico,<br />

giunta a circa 11mi<strong>la</strong> volumi con funzioni di prestito<br />

e consultazione automatizzate, e sull’eccellente servizio<br />

offerto dal<strong>la</strong> Sa<strong>la</strong> Convegni, che <strong>in</strong> tre anni ha ospitato<br />

circa sessanta tra congressi e sem<strong>in</strong>ari a carattere economico<br />

e sociale, oltre ad importanti momenti culturali. Da<br />

ricordare l’accesa tavo<strong>la</strong> rotonda <strong>in</strong> occasione del<strong>la</strong> Notte<br />

Bianca dell’Università organizzata con notevole successo<br />

dal<strong>la</strong> stessa Fondazione Colocci lo scorso giugno.<br />

Gianfranco Berti, Gabriele Fava e Paolo Borioni


22<br />

SPORT FLASH<br />

a cura di fabrizio romagnoli<br />

Stop EDP, Jes<strong>in</strong>a<br />

Fileni Bpa, doppio stop<br />

<strong>in</strong> altalena È una Fileni Bpa che stenta a<br />

Al<strong>la</strong> ripresa dei giochi nel<br />

ritrovare il passo quel<strong>la</strong> che<br />

campionato di calcio fem-<br />

nel campionato di basket di<br />

m<strong>in</strong>ile di serie A2, l’Edp Je-<br />

Legadue, con una striscia di<br />

s<strong>in</strong>a di Sonia Sdogati si<br />

sole tre vittorie nelle ultime<br />

ferma due volte per 1-2, <strong>la</strong><br />

dodici partite, vede oramai del<br />

prima <strong>in</strong> casa contro Cer-<br />

tutto compromessa <strong>la</strong> possibivia,<br />

<strong>la</strong> seconda nel<strong>la</strong> lunga<br />

lità di cont<strong>in</strong>uare a lottare per<br />

trasferta di Bari. In Eccel-<br />

il primo posto e <strong>la</strong> promozione<br />

lenza maschile <strong>in</strong>vece Je-<br />

diretta. Il cambio tecnico <strong>in</strong><br />

s<strong>in</strong>a <strong>in</strong> cerca di punti per<br />

panch<strong>in</strong>a, con <strong>la</strong> squadra affi-<br />

mettere al sicuro <strong>la</strong> salvezdata<br />

al secondo Luca Ciaboco<br />

za: sotto 0-1 a f<strong>in</strong>e primo<br />

dopo l’esonero del primo alle-<br />

tempo al Carotti contro<br />

natore Zanchi, porta ad un<br />

l’Urbania, i leoncelli ribalta-<br />

sussulto nel<strong>la</strong> partita <strong>in</strong>terna<br />

no <strong>la</strong> situazione nel<strong>la</strong> ripresa con i sigilli del baby Catani contro Sores<strong>in</strong>a (105-85). Poi però, nonostante il rientro nei<br />

e di Strapp<strong>in</strong>i e centrano tre punti d’oro (2-1). A ranghi dall’<strong>in</strong>fortunio di Anthony Maestranzi, gli arancioblù<br />

Montegranaro però, nel turno slittato per neve dall’<strong>in</strong>fra- tornano a fermarsi: a Sassari un c<strong>la</strong>moroso parziale di 0-21<br />

settimanale orig<strong>in</strong>ariamente previsto al<strong>la</strong> domenica suc- subìto da <strong>Jesi</strong> a cavallo degli ultimi due quarti firma <strong>la</strong> vittocessiva,<br />

i ragazzi di Trill<strong>in</strong>i cadono per una rete subita a ria dei padroni di casa (75-84), al Pa<strong>la</strong>Triccoli contro <strong>la</strong> capo-<br />

2’ dal<strong>la</strong> f<strong>in</strong>e (0-1). In settimana derby <strong>in</strong>terno con <strong>la</strong> Vigor lista Varese il punto a punto sorride ai lombardi (88-91).<br />

Senigallia.<br />

Francesca Liuti dell’EDP<br />

Michele Maggioli del<strong>la</strong> Fileni Bpa<br />

Scherma, vittoria per Valent<strong>in</strong>a<br />

Vezzali <strong>in</strong> CDM a Lipsia<br />

Ballerà anche con le stelle nei sabati sera tv ma <strong>in</strong> pedana<br />

poi a far bal<strong>la</strong>re le altre è sempre lei: se lo show di<br />

Milly Carlucci si ferma per una settimana vista “l’<strong>in</strong>vasione”<br />

sugli schermi del colosso Sanremo, Valent<strong>in</strong>a<br />

Vezzali al contrario non si ferma proprio e prendendo<br />

parte a Lipsia al<strong>la</strong> prima prova del<strong>la</strong> Coppa del Mondo<br />

2009 di fioretto femm<strong>in</strong>ile v<strong>in</strong>ce ancora e come sempre.<br />

Battuta <strong>in</strong> f<strong>in</strong>ale per 11-10 <strong>la</strong> sudcoreana Nam, rivale di<br />

Valent<strong>in</strong>a anche nel<strong>la</strong> f<strong>in</strong>ale olimpica di Pech<strong>in</strong>o. Sesto<br />

posto per un’altra jes<strong>in</strong>a <strong>in</strong> gara, Elisa Di Francisca.<br />

L’Aurora e <strong>la</strong> Scuo<strong>la</strong> Musicale Magnificat di Gerusalemme<br />

Anche l’Aurora Basket è vic<strong>in</strong>a<br />

a Magnificat, <strong>la</strong> Scuo<strong>la</strong><br />

Musicale di Padre Armando<br />

Pierucci, francescano<br />

OMF maestro di musica<br />

a Gerusalemme, dove<br />

nell’istituto, di cui è direttore,<br />

200 bamb<strong>in</strong>i e ragazzi<br />

di ogni etnia e religione<br />

vivono <strong>in</strong>sieme <strong>la</strong> loro storia<br />

di musicisti. Il Premio<br />

Valles<strong>in</strong>a ha avviato da<br />

tempo raccolte di fondi per<br />

dare al<strong>la</strong> Scuo<strong>la</strong> Musicale<br />

Magnificat di Gerusalemme<br />

una sede vivibile e il<br />

prossimo 6 marzo al<br />

Teatro Pergolesi andrà<br />

<strong>in</strong> scena, a <strong>questo</strong> proposito,<br />

a partire dalle ore 21<br />

una serata spettacolo<br />

condotta da Paolo Notari.<br />

Ci saranno il fadista<br />

recanatese Marco Poeta,<br />

unico musicista non portoghese<br />

ad essere ricono-<br />

sciuto Maestro dal<strong>la</strong><br />

Accademia di Fado<br />

di Lisbona, <strong>la</strong> solista<br />

del N<strong>in</strong>o Rota Ensemble<br />

Tiziana Santarelli,<br />

<strong>la</strong> cantautrice<br />

Chiara Raggi e gli<br />

jes<strong>in</strong>i Corrado Olmi<br />

ed Onanifetti.<br />

E ci sarà per concludere<br />

lo stesso Padre<br />

Armando Pierucci,<br />

che si esibirà <strong>in</strong> concerto<br />

<strong>in</strong>sieme a due<br />

giovani cantanti, una<br />

palest<strong>in</strong>ese e l’altra israeliana.<br />

A supporto di tutto<br />

<strong>questo</strong> e di una raccolta<br />

fondi che ha l’obiettivo di<br />

raggiungere <strong>la</strong> somma di<br />

un milione di euro (ne<br />

mancano al traguardo ancora<br />

400 mi<strong>la</strong>), anche il sostegno<br />

dell’Aurora Basket<br />

nel promuovere e pubblicizzare<br />

l’appuntamento. In<br />

occasione del<strong>la</strong> gara disputata<br />

al Pa<strong>la</strong>Triccoli contro <strong>la</strong><br />

Cimberio Varese, i giocatori<br />

auror<strong>in</strong>i hanno affrontato<br />

il riscaldamento del pregara<br />

con una t-shirt ad hoc<br />

per l’occasione.<br />

Davanti ai 3.245 spettatori<br />

presenti al match, con <strong>la</strong><br />

presenza d’eccezione <strong>in</strong><br />

tribuna anche di Roberto<br />

23<br />

Manc<strong>in</strong>i, per <strong>la</strong><br />

prima volta al<br />

Pa<strong>la</strong>Triccoli per<br />

seguire dal vivo<br />

l’Aurora, Maggioli<br />

e compagni<br />

si sono fatti<br />

“sponsor” del<strong>la</strong><br />

bel<strong>la</strong> <strong>in</strong>iziativa<br />

di cultura, pace, civiltà di<br />

Padre Armando Pierucci.


24<br />

B2, <strong>la</strong> Vecci Bpa<br />

aggancia <strong>la</strong> vetta.<br />

Monte Schiavo ok<br />

<strong>in</strong> Europa<br />

A fare notizia è <strong>la</strong> pal<strong>la</strong>volo<br />

maschile, con <strong>la</strong> Vecci Bpa di<br />

coach Roberto Leonardi che<br />

nel campionato di serie B2<br />

approfitta di un doppio turno<br />

casal<strong>in</strong>go per battere 3-0<br />

tanto Grosseto quanto <strong>la</strong><br />

Jumboffice Firenze e balza <strong>in</strong><br />

testa al<strong>la</strong> c<strong>la</strong>ssifica dove raggiunge<br />

l’Arca Casc<strong>in</strong>a. Nel<br />

femm<strong>in</strong>ile <strong>la</strong> Monte Schiavo BdM marcia spedita <strong>in</strong> Europa<br />

ma balbetta <strong>in</strong> Italia. Sul fronte <strong>in</strong>ternazionale del<strong>la</strong> Challenge<br />

Cup, obiettivo stagionale rossoblù, le prill<strong>in</strong>e superano<br />

l’ultimo ostacolo prima del<strong>la</strong> f<strong>in</strong>al four ed elim<strong>in</strong>ano<br />

con due 3-0 le francesi dell’Albi. Si attende ora <strong>la</strong> scelta<br />

del<strong>la</strong> sede per le f<strong>in</strong>ali del trofeo, dove <strong>la</strong> Monte Schiavo<br />

BdM troverà Len<strong>in</strong>gradka San Pietroburgo (Russia),<br />

Albacete (Spagna) e Panath<strong>in</strong>aikos Atene (Grecia). In<br />

campionato le rossoblù, che fanno i conti con le <strong>in</strong>disponibilità<br />

delle <strong>in</strong>fortunate Bown, Zilio e Kamenjar<strong>in</strong>, cadono<br />

al tie break a Novara (2-3) ma soprattutto si fanno<br />

c<strong>la</strong>morosamente battere a <strong>Jesi</strong> dal fanal<strong>in</strong>o di coda del<strong>la</strong><br />

c<strong>la</strong>ssifica Chieri per 0-3.<br />

Pallonetto di Simona R<strong>in</strong>ieri del<strong>la</strong> Monte Schiavo<br />

RISULTATI E CLASSIFICHE<br />

BASKET – Serie A2 maschile<br />

Sassari – Fileni <strong>Jesi</strong> 84-75<br />

Fileni <strong>Jesi</strong> – Varese 88-91<br />

C<strong>la</strong>ssifica<br />

Varese 30, Casale 26, Veroli 26, Sores<strong>in</strong>a 26, Sassari<br />

24, Rim<strong>in</strong>i 22, Fileni <strong>Jesi</strong> 22, Livorno 22, Pavia 22,<br />

Reggio Emilia 22, Scafati 20, Br<strong>in</strong>disi 20, Pistoia 18,<br />

Venezia 18, Roseto 18, Imo<strong>la</strong> 16<br />

VOLLEY – Serie A1 femm<strong>in</strong>ile<br />

Novara – Monteschiavo BdM <strong>Jesi</strong> 3-2<br />

Monteschiavo BdM <strong>Jesi</strong> – Chieri 0-3<br />

C<strong>la</strong>ssifica<br />

Scavol<strong>in</strong>i Pesaro 55, Bergamo 45, Novara 41, Monteschiavo<br />

BdM <strong>Jesi</strong> 36, Perugia 35, Busto Arsizio 33,<br />

Sassuolo 30, Conegliano 29, Castel<strong>la</strong>na 24, Pavia 19,<br />

Cesena 17, Santeramo 15, Chieri 10, Vicenza 10<br />

VOLLEY – Serie B2 maschile girone E<br />

Vecci <strong>Jesi</strong> – Grosseto 3-0<br />

Vecci <strong>Jesi</strong> – Firenze 3-0<br />

C<strong>la</strong>ssifica<br />

Casc<strong>in</strong>a 40, Vecci <strong>Jesi</strong> 40, San Lazzaro Bo 36, Castelferretti<br />

28, Prato 27, Firenze 25, Viserba 22, Cus<br />

Firenze 22, Grosseto 20, Bologna 20, Pisa 18, Macerata<br />

Un atleta del<strong>la</strong> Samurai sul podio<br />

italiano del judo<br />

Nico<strong>la</strong> Bartolucci, 16 anni di<br />

Chiara<strong>valle</strong>, atleta del<strong>la</strong> Judo<br />

Samurai <strong>Jesi</strong>-Chiara<strong>valle</strong> allenato<br />

dal maestro C<strong>la</strong>udio<br />

Coppari, si è c<strong>la</strong>ssificato al<br />

secondo posto nel<strong>la</strong> <strong>sua</strong> categoria<br />

ai recenti campionati<br />

italiani del<strong>la</strong> federazione,<br />

svoltisi a Roma il 14 febbraio.<br />

Ha superato agevolmente<br />

le elim<strong>in</strong>atorie con i<br />

primi 3 <strong>in</strong>contri per ippon<br />

(ko), poi <strong>in</strong> semif<strong>in</strong>ale si è<br />

superato, battendo ai punti un fortissimo atleta di Tor<strong>in</strong>o,<br />

così da avere l’accesso al<strong>la</strong> f<strong>in</strong>ale che però ha perso per<br />

un m<strong>in</strong>imo punteggio. L’<strong>in</strong>segnante C<strong>la</strong>udio Coppari naturalmente<br />

è molto soddisfatto per il risultato prestigioso e<br />

per come si è arrivati a <strong>questo</strong> risultato, con allenamento<br />

sano, preciso, molto tecnico e un comportamento educativo<br />

esemp<strong>la</strong>re da parte dell’atleta e di tutti gli allievi di<br />

questa società sportiva. Un premio al <strong>la</strong>voro del tecnico e<br />

anche degli altri atleti del<strong>la</strong> Judo Samurai che nel nostro<br />

territorio si pone come società sportiva capace di coniugare<br />

l’educazione e <strong>la</strong> formazione dei ragazzi con un sano<br />

agonismo e risultati di prestigio come quello di Nico<strong>la</strong>.<br />

15, Fano 12, Crevalcore 11<br />

CALCIO – Eccellenza<br />

Jes<strong>in</strong>a – Urbania 2-1<br />

Montegranaro – Jes<strong>in</strong>a 1-0<br />

C<strong>la</strong>ssifica<br />

Fossombrone 54, P.S.Lazzaro 50, Fabriano 48, Civitanovese<br />

45, C<strong>in</strong>go<strong>la</strong>na 41, Castelfrettese 39, Urb<strong>in</strong>o 34,<br />

Cagliese 32, Jes<strong>in</strong>a 31, Osimana 31, Chiara<strong>valle</strong> 30,<br />

Urbania 26, Senigallia 26, Montegranaro 25, Vis<br />

Macerata 25, Cuprense 24, Fermignanese 18, Monturanese<br />

16<br />

CALCIO – Serie A2 femm<strong>in</strong>ile<br />

C<strong>la</strong>ssifica<br />

EDP Jes<strong>in</strong>a – Cervia 1-2<br />

Bari – EDP Jes<strong>in</strong>a 2-1<br />

Lazio 34, Cervia 26, EDP Jes<strong>in</strong>a 25, Firenze 24, Perugia<br />

23, Francavil<strong>la</strong> 22, Or<strong>la</strong>ndia 20, Bari 18, Napoli 16,<br />

Aquile Palermo 10, Pisa 7, Ludos Palermo 6<br />

RUGBY – Serie C girone 1<br />

Gran Sasso – Baldi <strong>Jesi</strong> 24-10<br />

C<strong>la</strong>ssifica<br />

Pesaro 71, Gran Sasso 65, Paganica 62, Abruzzo 44,<br />

Baldi <strong>Jesi</strong> 43, Pescara 30, Fermo 26, San Lorenzo 18,<br />

Gubbio 17, Avezzano 11, Tornimparte 1<br />

CLASS E 1ª A SCUOLA GEMMA PERCHI<br />

CLASS E 1ª B SCUOLA GEMMA PERCHI<br />

In piedi, da s<strong>in</strong>istra:<br />

Manuel Santarelli,<br />

Islem Jarray, Riccardo<br />

Manc<strong>in</strong>elli, Manue<strong>la</strong><br />

Anton<strong>in</strong>a Schil<strong>la</strong>ci,<br />

Leonardo Merja,<br />

Alexandr Muzi, Alessia<br />

Giard<strong>in</strong>ieri. Seduti:<br />

Soumia Sel<strong>la</strong>mi, Giulia<br />

Fa<strong>la</strong>ppa, Valent<strong>in</strong>a<br />

Maloku, Georgiana<br />

Bianca Bojian, Andrea<br />

Ciccarelli, Noemi<br />

Mol<strong>la</strong>retti, Alessio<br />

Canafoglia.<br />

Assenti: Mizar Behhar,<br />

Davide Calì.<br />

Insegnanti:<br />

Tamara Bifani,<br />

Tiziana Amadio,<br />

Mai<strong>la</strong> Cannucciari.<br />

In piedi, da s<strong>in</strong>istra:<br />

Josh Lazaro Gonzales,<br />

Nico<strong>la</strong> Zannotti, Maria<br />

Trombetti, Diari Cisse,<br />

Riccardo Bocci, C<strong>la</strong>udio<br />

Ricci, Besim Merja,<br />

Riccardo Boria,<br />

Gabriele Serrani.<br />

Seduti: Francesco<br />

Ciattaglia, Andrea<br />

Gabriele Pr<strong>in</strong>cipi,<br />

Margherita Co<strong>la</strong>,<br />

Andrea Fava, Anna<br />

Elizabeth De Leon<br />

Alonzo, Ilenia Sandroni,<br />

Asia Miceli,<br />

Niccolò Cesaroni, Zirife<br />

Use<strong>in</strong>i. Assenti: Jamie<br />

Mar<strong>in</strong>angeli, Antonio<br />

Peta. Insegnanti: Mai<strong>la</strong><br />

Cannucciari, Laura<br />

Animali, Stefania<br />

Omenetti.


26 PRIMO PIANO<br />

La differenziata<br />

funziona<br />

Sarà completata entro marzo <strong>la</strong> terza fase del<strong>la</strong> raccolta<br />

differenziata a <strong>Jesi</strong>. Prima dell’estate il ‘porta a porta’ anche<br />

nel centro storico, entro l’anno <strong>in</strong> tutta <strong>la</strong> città.<br />

di maria chiara <strong>la</strong> rovere<br />

Tempi slittati rispetto alle previsioni ma buoni risultati,<br />

con alte percentuali di raccolta differenziata, una dichiarata<br />

politica di riciclo ma soprattutto di riduzione<br />

del<strong>la</strong> produzione di rifiuti. Risultato: il conferimento <strong>in</strong><br />

discarica – e qu<strong>in</strong>di lo spreco di risorse e il danno<br />

ambientale – è sceso, mentre sono aumentati gli <strong>in</strong>troiti<br />

derivati dal materiale di riciclo, immesso di nuovo nel<br />

circuito commerciale, anche perché <strong>questo</strong> conviene a<br />

tutti, compresi i diversi soggetti co<strong>in</strong>volti nel<strong>la</strong> filiera.<br />

Sarà completata <strong>in</strong> marzo l’attivazione del porta a<br />

porta nel<strong>la</strong> zona sud-sud est di <strong>Jesi</strong>. Lo dice l’assessore<br />

all’ambiente del Comune di <strong>Jesi</strong> Gilberto Maio<strong>la</strong>tesi <strong>in</strong><br />

una conferenza stampa <strong>in</strong> cui Comune, <strong>Jesi</strong>servizi (<strong>la</strong><br />

partecipata a cui il Comune ha affidato l’igiene urbana)<br />

con il suo amm<strong>in</strong>istratore Giampiero Ganzetti e consorzio<br />

<strong>in</strong>tercomunale Cir33, nel<strong>la</strong> persona del direttore<br />

Laura Filonzi, fanno il punto sul<strong>la</strong> raccolta differenziata,<br />

avviata a <strong>Jesi</strong> a metà 2007.<br />

25.000 i cittad<strong>in</strong>i <strong>in</strong>teressati f<strong>in</strong>ora, di cui 7.000 <strong>in</strong><br />

questa terza fase. Con il centro storico si arriverà a<br />

circa 31.000, mentre un 10% rimarrà per ora escluso<br />

dal servizio, anche se si sta pensando a soluzioni future<br />

proprio per le periferie, come le isole, «da valutare<br />

con attenzione visto il rischio che si trasform<strong>in</strong>o <strong>in</strong> discariche<br />

<strong>in</strong>centivando l’<strong>in</strong>civiltà» fa notare l’assessore.<br />

I tempi più lunghi sarebbero dovuti a lentezze burocratiche<br />

(come spiega Ganzetti) ma sarebbero anche<br />

una scelta dell’amm<strong>in</strong>istrazione. «Per <strong>la</strong> cosiddetta ‘zona<br />

bassa’ del<strong>la</strong> città, importante e partico<strong>la</strong>re, abbiamo<br />

valutato tutto con più attenzione – spiega l’assessore<br />

Maio<strong>la</strong>tesi – aumentando gli <strong>in</strong>contri pubblici, calco<strong>la</strong>ndo<br />

situazioni come via del Verziere, via Marconi e molta<br />

del<strong>la</strong> parte vecchia del<strong>la</strong> città, dove dobbiamo cercare<br />

di creare meno problemi possibile al cittad<strong>in</strong>o».<br />

I numeri soddisfano, con l’obbligo di legge che quel<br />

42% di differenziata salga oltre il 50% entro il 2009,<br />

«obiettivo che ci dobbiamo dare soprattutto per i citta-<br />

d<strong>in</strong>i, visto che il risparmio sul conferimento <strong>in</strong> discarica<br />

può produrre benefici economici <strong>in</strong>teressanti» precisa<br />

Maio<strong>la</strong>tesi.<br />

È scesa l’RSU (<strong>in</strong>differenziata) conferita nel<strong>la</strong> discarica<br />

di Moie, mentre <strong>la</strong> p<strong>la</strong>stica ha segnato un sonoro +<br />

118% «a dimostrazione che prima f<strong>in</strong>iva facilmente<br />

nell’<strong>in</strong>differenziata» sottol<strong>in</strong>ea Ganzetti. E sono aumentate<br />

anche carta, cartone e vetro, <strong>in</strong> una città che si<br />

attesta al primo posto nel<strong>la</strong> prov<strong>in</strong>cia di Ancona per <strong>la</strong><br />

raccolta di olii vegetali e prima ad ottenere l’autorizzazione<br />

per <strong>la</strong> raccolta RAEE (apparecchiature elettriche,<br />

elettrodomestici grandi e piccoli).<br />

«I risvolti economici sono chiari soprattutto perché<br />

queste quantità sono accompagnate dal<strong>la</strong> qualità, visto<br />

che il nostro prodotto differenziato è di prima fascia<br />

(impurità m<strong>in</strong>ime). Qu<strong>in</strong>di per l’organico, dove si paga<br />

per il conferimento, paghiamo di meno, mentre per <strong>la</strong><br />

p<strong>la</strong>stica, dove si percepisce un contributo per il materiale<br />

consegnato per il riciclo, riscuotiamo di più» spiega<br />

Ganzetti. Smaltire un prodotto di prima o uno di<br />

seconda fascia, <strong>in</strong>fatti, comporterebbe al<strong>la</strong> f<strong>in</strong>e dell’anno<br />

200.000 euro di differenza, per le quantità di <strong>Jesi</strong>.<br />

Per vigi<strong>la</strong>re sul<strong>la</strong> qualità <strong>Jesi</strong>servizi effettua un controllo<br />

a campione dei camion che trasportano i rifiuti<br />

nei centri specialistici di recupero. Tutto perseguendo<br />

uno scopo: «svolgere un servizio al cittad<strong>in</strong>o e all’ambiente,<br />

farlo ai costi più bassi - conclude Ganzetti - con<br />

costi di raccolta e smaltimento pari a 81,6 euro per abi-<br />

tante e una tarsu (1,15 euro) che è il 40% più bassa di<br />

molti comuni limitrofi e del<strong>la</strong> media regionale».<br />

Nonostante ciò, l’amm<strong>in</strong>istratore di <strong>Jesi</strong>servizi non<br />

azzarda previsioni di ritocco al ribasso del<strong>la</strong> tarsu,<br />

citando fattori esterni come il mercato delle materie<br />

prime o <strong>la</strong> crisi degli impianti di recupero e di stoccaggio,<br />

che fa lievitare i costi, dovendosi rivolgere spesso<br />

a strutture piuttosto distanti.<br />

La visione d’<strong>in</strong>sieme del Cir33 su tutti i 18 Comuni<br />

che hanno avviato <strong>la</strong> differenziata sp<strong>in</strong>ta, descrive percentuali<br />

che tengono, «tranne qualche piccolo ritocco<br />

dovuto ad un fisiologico ri<strong>la</strong>ssamento» ci conferma <strong>la</strong><br />

Filonzi.<br />

«La complessità non è nelle quantità ma nel<strong>la</strong> qualità,<br />

fattore di impatto economico, e per tenere alta <strong>la</strong><br />

quantità del<strong>la</strong> raccolta un ruolo fondamentale ce l’ha il<br />

gestore, il primo soggetto che si avvic<strong>in</strong>a ai bidoni; poi<br />

deve arrivare una figura ispettiva. Dopo appositi corsi<br />

di formazione, abbiamo ora 3 ispettori ambientali per i<br />

18 comuni, che possono constatare <strong>la</strong> vio<strong>la</strong>zione del<strong>la</strong><br />

rego<strong>la</strong>, fare il verbale e trasmetterlo al<strong>la</strong> Polizia municipale<br />

che emetterà <strong>la</strong> sanzione. Ma su <strong>Jesi</strong> non partiremo<br />

subito con un <strong>in</strong>tento sanzionatorio, quanto <strong>in</strong>formativo».<br />

Elemento essenziale: oltre al riciclo è <strong>in</strong>dispensabile<br />

<strong>la</strong>vorare per <strong>la</strong> riduzione del<strong>la</strong> produzione di rifiuti,<br />

come <strong>in</strong>dicato da Regione e Prov<strong>in</strong>cia. A <strong>questo</strong> mireranno<br />

i prossimi progetti di Cir e Comune: i centri del<br />

riuso (da <strong>in</strong>augurare già prima dell’estate), dove <strong>in</strong>i-<br />

Raccolta differenziata (dato sulle zone coperte dal<br />

porta a porta – f<strong>in</strong>ora il 65% del<strong>la</strong> città):<br />

dicembre 2008 = 78%<br />

Raccolta differenziata (dato sul<strong>la</strong> totalità del<strong>la</strong> città):<br />

dicembre 2007 = 22%<br />

dicembre 2008 = 42%<br />

dic. 2008 dic. 2007<br />

RSU 1.085 1.479 - 27%<br />

Carta/cartone 192 123 +56%<br />

P<strong>la</strong>stica 35 16 + 118%<br />

Vetro 54 32 + 68%<br />

Altri dati 2008:<br />

- raccolta olii vegetali: 7 ton.<br />

- raccolta RAEE: frigoriferi 39 ton.<br />

tv e monitor 34 ton.<br />

grandi bianchi 11 ton.<br />

piccoli elettrodomestici 12 ton.<br />

- circa 100 utenze servite per raccolta pannoloni<br />

- 369 ritiri domiciliari gratuiti degli <strong>in</strong>gombranti<br />

- costo per abitante raccolta e smaltimento rifiuti:<br />

81,6 euro (120 euro <strong>la</strong> media regionale)<br />

27<br />

zialmente si potranno portare libri, giocattoli e computer,<br />

e l’<strong>in</strong>cremento del compostaggio domestico (che a<br />

<strong>Jesi</strong> permette già da due anni di avere riduzioni sul<strong>la</strong><br />

tarsu). Il Cir33 consegnerà 3.000 compostiere per tutti<br />

i Comuni, dove il cittad<strong>in</strong>o verrà <strong>in</strong>vitato a compostare,<br />

cioè a depositare il suo rifiuto organico <strong>in</strong> compostiera<br />

e non nel circuito del<strong>la</strong> raccolta, per contenere costi e<br />

produzione di rifiuti. «Quando <strong>questo</strong> progetto funzio-<br />

I numeri del<strong>la</strong> raccolta differenziata a <strong>Jesi</strong>


28<br />

Impianti del<strong>la</strong> Multigreen, azienda che possiede e gestisce le piattaforme di recupero<br />

Dove f<strong>in</strong>iscono i nostri rifiuti?<br />

I rifiuti <strong>in</strong>differenziati (RSU), il secco, vengono conferiti<br />

presso <strong>la</strong> discarica consortile ‘Cornacchia’ di Moie<br />

di Maio<strong>la</strong>ti. Tutti gli altri rifiuti, ricic<strong>la</strong>bili, vengono<br />

<strong>in</strong>dirizzati altrove.<br />

La frazione organica, al momento, viene portata ad<br />

un impianto di Fermo, con un costo di 65 euro a tonnel<strong>la</strong>ta,<br />

<strong>in</strong> attesa che parta il nuovo impianto per il<br />

compostaggio del Cir33, che è <strong>in</strong> fase di realizzazione<br />

presso il territorio di Cor<strong>in</strong>aldo, nei pressi dell’attuale<br />

discarica. In esso l’organico sarà trattato per ottenere<br />

compost per l’agricoltura. Intanto, per una vent<strong>in</strong>a<br />

di giorni, con l’impianto di Fermo <strong>in</strong> manutenzione<br />

straord<strong>in</strong>aria, l’organico va a Rim<strong>in</strong>i, a Coriano precisamente,<br />

con un costo di 105 euro a tonnel<strong>la</strong>ta.<br />

Per gli altri rifiuti ricic<strong>la</strong>bili (carta, vetro, p<strong>la</strong>stica e<br />

metalli) c’è una lunga filiera che naturalmente prevede<br />

una serie di controlli e valutazioni. Il primo controllo<br />

– lo si diceva – spetta al gestore <strong>Jesi</strong>servizi che<br />

verifica per primo cosa c’è nei bidoni, e, ad esempio,<br />

dota i materiali di FIR (formu<strong>la</strong>ri identificazione rifiuti).<br />

E ci sono i nuovi ispettori ambientali del Cir33, per<br />

ora solo tre.<br />

Ma fondamentali sono le analisi e i controlli fatti da<br />

quegli operatori che erogano il contributo ai comuni <strong>in</strong><br />

base al<strong>la</strong> qualità del prodotto raccolto, cioè i consorzi<br />

di filiera.<br />

Il consorzio è il Conai (consorzio nazionale imbal<strong>la</strong>ggi),<br />

che al suo <strong>in</strong>terno contiene diverse strutture:<br />

Comieco per <strong>la</strong> carta, Corep<strong>la</strong> per <strong>la</strong> p<strong>la</strong>stica, Coreve<br />

per il vetro, Cial per i metalli. Le fasce di valutazione<br />

nerà effettivamente, vedremo quali potranno essere le<br />

forme di agevo<strong>la</strong>zione per i cittad<strong>in</strong>i» annuncia <strong>la</strong><br />

Filonzi.<br />

E il comune, <strong>in</strong>sieme al Cir33, sta puntando molto<br />

sul<strong>la</strong> promozione culturale e sull’educazione civica, con<br />

progetti specifici che stanno toccando specialmente un<br />

target di cittad<strong>in</strong>i: i giovanissimi.<br />

Iniziative <strong>in</strong> tutte le scuole elementari jes<strong>in</strong>e, con i<br />

centri di aggregazione giovanile, con i <strong>la</strong>boratori del<br />

riuso e gli spettacoli teatrali. «I bamb<strong>in</strong>i dimostrano di<br />

essere bravissimi con <strong>la</strong> differenziazione» ci dice<br />

dei materiali sono tre: <strong>la</strong> prima comprende un prodotto<br />

con impurità f<strong>in</strong>o al 10%, <strong>la</strong> seconda con impurità<br />

f<strong>in</strong>o al 20%, <strong>la</strong> terza con impurità oltre il 20%.<br />

Qu<strong>in</strong>di migliore è <strong>la</strong> qualità del raccolto, maggiore è il<br />

contributo, m<strong>in</strong>ori sono i costi del<strong>la</strong> raccolta.<br />

I punti di appoggio dei Consorzi nazionali sono piattaforme<br />

autorizzate dallo stesso Conai, dove i materiali<br />

vengono selezionati, puliti e immessi di nuovo nel<br />

circuito <strong>in</strong>dustriale per <strong>la</strong> trasformazione e <strong>la</strong> commercializzazione.<br />

I rifiuti ricic<strong>la</strong>bili di <strong>Jesi</strong> confluiscono<br />

al<strong>la</strong> piattaforma di Castelp<strong>la</strong>nio. «I prodotti arrivano<br />

già separati attraverso <strong>la</strong> raccolta porta a porta – ci<br />

dice Michele Russotto amm<strong>in</strong>istratore del Gruppo Caval<strong>la</strong>ri,<br />

di cui fa parte <strong>la</strong> Multigreen che possiede e<br />

gestisce <strong>la</strong> piattaforma di recupero sia di Castelp<strong>la</strong>nio<br />

che di Fabriano –. Otteniamo soprattutto carta e p<strong>la</strong>stica.<br />

La carta viene control<strong>la</strong>ta, ripulita dalle impurità,<br />

imbal<strong>la</strong>ta e preparata per le cartiere. Lo stesso<br />

avviene per <strong>la</strong> p<strong>la</strong>stica: liberata dalle impurità e<br />

avviata agli impianti di trasformazione, viene usata<br />

fondamentalmente per fare fi<strong>la</strong>ti o imbottiture».<br />

E ci spiega «In questa filiera, noi siamo strumenti<br />

operativi, il Cir è uno strumento operativo, i Consorzi<br />

sono strumenti economici». Al<strong>la</strong> piattaforma arrivano<br />

<strong>in</strong>oltre gli <strong>in</strong>gombranti, i rifiuti domestici, i RAEE, le<br />

batterie, il vetro, tutto il ricic<strong>la</strong>bile compreso il verde<br />

delle potature. «E, diversamente da Fabriano, <strong>Jesi</strong> ci<br />

porta anche l’organico, cioè l’umido, che viene ottimizzato<br />

<strong>in</strong> appositi conta<strong>in</strong>ers e qu<strong>in</strong>di avviato ad<br />

impianti di compostaggio».<br />

Matteo Giantomassi (area comunicazione Cir33), e<br />

<strong>in</strong>fatti i risultati sono positivi e procedono le premiazioni<br />

per il progetto “Fai <strong>la</strong> differenza”, che a maggio si<br />

concluderà con una festa al Pa<strong>la</strong>triccoli di <strong>Jesi</strong>, le<br />

Riciclolimpiadi.<br />

«Tutto ci viene imposto da ambiente, economia e<br />

norme – tiene a precisare l’assessore Maio<strong>la</strong>tesi – nell’ottica<br />

di quel<strong>la</strong> che viene chiamata “strategia rifiuti<br />

zero”, massimo esponente Paul Connet, che dimostra il<br />

grande impatto del<strong>la</strong> differenziazione e del<strong>la</strong> m<strong>in</strong>ore<br />

produzione di rifiuti sul risparmio energetico».


30 ECONOMIA<br />

La Regione schiera gli<br />

ammortizzatori sociali<br />

Intervista a Fabio Badiali, neo assessore regionale al Lavoro e<br />

alle Attività produttive<br />

di chiara cascio<br />

La crisi economica non fermerà le Marche. A dirlo è<br />

Fabio Badiali, il neo-assessore regionale al Lavoro e<br />

alle Attività produttive, noto al<strong>la</strong> Valles<strong>in</strong>a per aver ricoperto<br />

il ruolo di S<strong>in</strong>daco di Castelp<strong>la</strong>nio e di presidente<br />

del Consiglio di Amm<strong>in</strong>istrazione del C.I.S.<br />

«La situazione regionale economica e occupazionale<br />

rispecchia quel<strong>la</strong> nazionale e <strong>in</strong>ternazionale – spiega<br />

Badiali. – La crisi c’è, ma <strong>la</strong> recente <strong>in</strong>tesa Governo-<br />

Regioni sugli ammortizzatori sociali <strong>in</strong> deroga dimostra<br />

che una col<strong>la</strong>borazione istituzionale responsabile è <strong>in</strong><br />

grado di garantire risposte al<strong>la</strong> crisi veloci, concrete e<br />

<strong>in</strong>tegrate per <strong>la</strong> difesa di <strong>la</strong>voratori e imprese».<br />

Le Marche e, <strong>in</strong> partico<strong>la</strong>re <strong>la</strong> Valles<strong>in</strong>a, hanno<br />

dunque buone possibilità di sopravvivere al<strong>la</strong> crisi?<br />

«Devo dire che <strong>la</strong> nostra Regione, rispetto ad altre,<br />

sta affrontando le difficoltà di questi ultimi tempi con<br />

discreto successo, soprattutto grazie al<strong>la</strong> fitta presenza<br />

sul territorio di imprese artigiane di piccole e medie<br />

dimensioni che, rispetto alle grandi aziende, rispondono<br />

con maggior flessibilità e competitività ad una situazione<br />

così complicata. Purtroppo, gli <strong>in</strong>dicatori non<br />

sono così positivi da <strong>la</strong>sciar sperare di risolvere le difficoltà<br />

nel breve periodo: per <strong>questo</strong> motivo, l’accordo<br />

raggiunto tra Stato-Regioni ha detto sì agli ammortizzatori<br />

sociali, misure anticrisi <strong>in</strong> grado di dare un po’ di<br />

respiro alle imprese e ai <strong>la</strong>voratori».<br />

Cosa sono gli ammortizzatori sociali?<br />

«Si tratta di un sistema di tute<strong>la</strong> del reddito rivolto<br />

ai <strong>la</strong>voratori che rischiano di ritrovarsi, o sono già, <strong>in</strong><br />

cassa <strong>in</strong>tegrazione o <strong>in</strong> mobilità. Le Regioni sono chiamate<br />

a mettere <strong>in</strong> atto, <strong>in</strong> s<strong>in</strong>ergia con il Governo, progetti<br />

e programmi di <strong>in</strong>centivazione volti all’<strong>in</strong>serimento,<br />

o re<strong>in</strong>serimento, nel mondo del <strong>la</strong>voro di questi<br />

soggetti. Nel caso delle Marche, sono stati stanziati<br />

circa 3 milioni di euro per le aziende che aderiranno nel<br />

2009 ai contratti di solidarietà».<br />

Di che cosa si tratta?<br />

«I contratti di solidarietà costituiscono una valida<br />

alternativa al<strong>la</strong> cassa <strong>in</strong>tegrazione o al licenziamento,<br />

<strong>in</strong> una situazione di crisi aziendale temporanea. In pratica,<br />

si riducono gli orari di <strong>la</strong>voro dei dipendenti e il<br />

mancato reddito del <strong>la</strong>voratore viene re<strong>in</strong>tegrato <strong>in</strong><br />

parte dal<strong>la</strong> Regione e <strong>in</strong> parte dal Governo, attraverso<br />

un contributo di sostegno. In più, il 50% del trattamento<br />

retributivo perso a seguito del<strong>la</strong> riduzione di<br />

orario è restituito all’azienda: <strong>in</strong> <strong>questo</strong> modo, per un<br />

anno, l’impresa sostiene costi m<strong>in</strong>ori e il personale<br />

mantiene il <strong>la</strong>voro e un’appropriata retribuzione».<br />

Tutto <strong>questo</strong> solo nelle Marche?<br />

«Non esclusivamente, il nostro pacchetto anti-crisi<br />

è stato esteso anche ad altre Regioni. Dopotutto le<br />

Marche sono anche <strong>la</strong> Regione capofi<strong>la</strong> che presiede il<br />

Tavolo di coord<strong>in</strong>amento, il cui compito è di tenere<br />

sotto monitoraggio <strong>la</strong> situazione economico-f<strong>in</strong>anziaria<br />

del Paese e di valutare le proposte delle altre Regioni,<br />

<strong>in</strong>terfacciandosi con il Governo».<br />

Quali altri ammortizzatori sociali fanno parte<br />

di <strong>questo</strong> pacchetto anti-crisi del<strong>la</strong> Regione?<br />

«Innanzitutto, oltre 4 milioni di euro saranno dest<strong>in</strong>ati,<br />

<strong>in</strong> <strong>questo</strong> 2009, al sostegno delle famiglie <strong>in</strong> cui<br />

un componente non ha una situazione occupazionale<br />

stabile. Chi è <strong>in</strong> cassa <strong>in</strong>tegrazione, o precario, o <strong>in</strong><br />

mobilità e non supera un certo reddito, calco<strong>la</strong>to <strong>in</strong><br />

base all’ISEE (Indicatore di Situazione Economica Equivalente),<br />

potrà usufruire di un contributo di 200 euro a<br />

<strong>in</strong>tegrazione del mancato o ridotto stipendio. La Regione,<br />

<strong>in</strong>oltre, ha dest<strong>in</strong>ato più di 2 milioni di euro<br />

anche agli Ambiti Sociali, per il sostegno dei disabili e<br />

dei m<strong>in</strong>ori senza genitori. Inf<strong>in</strong>e, <strong>in</strong>sieme alle Prov<strong>in</strong>ce<br />

e alle Camere di Commercio, ha istituito un Fondo di<br />

Garanzia di secondo livello».<br />

Si spieghi meglio…<br />

«In pratica, il provvedimento mette <strong>in</strong> campo 6,8<br />

milioni di euro provenienti dal bi<strong>la</strong>ncio regionale, cui si<br />

aggiungono 4 milioni di euro provenienti dalle Camere di<br />

Commercio e dalle Prov<strong>in</strong>ce, dest<strong>in</strong>ati ad <strong>in</strong>terventi di<br />

sostegno e garanzia a favore delle piccole e medie imprese<br />

delle Marche. Lo scopo è quello di <strong>in</strong>centivare le<br />

banche a concedere mutui, da breve a medio tempo, e<br />

le imprese a r<strong>in</strong>novarsi e riconvertirsi, attraverso <strong>la</strong><br />

ricerca. Quando <strong>la</strong> garanzia di primo grado, ri<strong>la</strong>sciata dal<br />

Confidi, non conv<strong>in</strong>ce le banche a concedere un prestito,<br />

<strong>la</strong> Regione <strong>in</strong>terviene con una garanzia di secondo livello<br />

che copre il 60% di quanto garantito dal primo (70%).<br />

L’importo massimo del f<strong>in</strong>anziamento garantibile non<br />

potrà superare i 500 mi<strong>la</strong> euro per ogni impresa.<br />

Esiste poi anche un terzo grado di garanzia, cui<br />

eventualmente far ricorso: il fondo centrale del Mediocredito,<br />

esteso su sca<strong>la</strong> nazionale. In <strong>questo</strong> modo le<br />

banche sono garantite dal Confidi, al primo livello, dal<strong>la</strong><br />

Regione, al secondo livello, e dal Governo, al terzo. Con<br />

<strong>questo</strong> sistema, sarà possibile sbloccare <strong>la</strong> questione<br />

f<strong>in</strong>anziaria e risolvere uno dei problemi delle imprese:<br />

quello di non avere crediti per <strong>in</strong>vestire. Al momento,<br />

<strong>questo</strong> meccanismo è scattato solo nel fabrianese e<br />

nell’asco<strong>la</strong>no, dove <strong>la</strong> crisi economica si è sentita di<br />

più. Ma ora che l’onda del<strong>la</strong> recessione sta <strong>in</strong>vadendo<br />

anche altre zone delle Marche, sono partite le manovre<br />

per estendere il Fondo di Garanzia a tutta <strong>la</strong> regione».<br />

Basteranno questi <strong>in</strong>terventi a fermare <strong>la</strong> crisi?<br />

«No, questi sono solo provvedimenti-tampone momentanei,<br />

che servono a dare ossigeno alle imprese e ai<br />

<strong>la</strong>voratori. Ma limitarsi a questi programmi sarebbe accontentarsi<br />

di una politica miope. Per risollevare le sorti<br />

dell’economia, occorre <strong>in</strong>nanzitutto far ripartire i <strong>la</strong>vori<br />

pubblici: fortunatamente, <strong>la</strong> Regione dispone di circa 7<br />

miliardi di euro da dest<strong>in</strong>are alle opere pubbliche.<br />

31<br />

Altra cosa importante è promuovere l’<strong>in</strong>novazione,<br />

<strong>la</strong> ricerca, <strong>la</strong> tecnologia: a tal proposito <strong>la</strong> Giunta regionale<br />

ha deciso di raddoppiare il <strong>numero</strong> delle imprese<br />

a cui dest<strong>in</strong>are le risorse legate al FERS (Fondo<br />

Europeo di Sviluppo Regionale) per <strong>la</strong> ricerca e l’<strong>in</strong>novazione,<br />

facendo slittare le graduatorie approvate dai<br />

bandi di concorso 2007-2008. Altre risorse verranno<br />

poi dal<strong>la</strong> BEI (Banca Europea per gli <strong>in</strong>vestimenti), da<br />

dest<strong>in</strong>are sia alle piccole e medie imprese che al settore<br />

turistico. Solo favorendo lo sviluppo si può costruire<br />

il domani».<br />

Il buon vecchio “modello marchigiano”, basato<br />

sul<strong>la</strong> picco<strong>la</strong> e media impresa artigiana, sta<br />

dunque andando <strong>in</strong> crisi?<br />

«Secondo me non c’è nessun modello marchigiano:<br />

esiste però un sistema che deriva da una coesione<br />

sociale e dal rapporto con le Amm<strong>in</strong>istrazioni locali e gli<br />

Enti superiori. Se ognuno fa <strong>la</strong> <strong>sua</strong> parte al meglio,<br />

dalle istituzioni ai s<strong>in</strong>dacati, dall’imprenditore al dipendente,<br />

il sistema funziona e le crisi vengono superate.<br />

E poi, attualmente, a rischiare di più sono le grandi<br />

aziende basate sul prodotto unico, non le piccole e<br />

medie imprese artigiane che <strong>in</strong>vece giocano sul<strong>la</strong> diversificazione<br />

e <strong>la</strong> flessibilità».<br />

Le piccole e medie imprese dovranno muoversi<br />

anche a livello <strong>in</strong>ternazionale?<br />

«La Regione crede molto nell’<strong>in</strong>ternazionalizzazione:<br />

le aziende marchigiane hanno già le risorse necessarie<br />

per affrontare i mercati mondiali, <strong>in</strong> special modo<br />

quelli di Brasile, Russia, C<strong>in</strong>a e India dove le possibilità<br />

di sbocco sono maggiori. Il segreto è produrre <strong>in</strong><br />

Italia ed esportare all’estero, senza delocalizzare le<br />

<strong>in</strong>dustrie: <strong>in</strong> <strong>questo</strong> modo si fa girare <strong>la</strong> merce e i piedi<br />

rimangono ben saldi nelle Marche. I prodotti delle<br />

nostre <strong>in</strong>dustrie mobiliere, meccaniche, dei calzaturifici,<br />

delle cartiere, meritano di entrare nelle fiere più<br />

famose del mondo».


32 SOCIETÀ<br />

Il tuo tempo...<br />

per il mio domani<br />

Corso di Formazione per famiglie e s<strong>in</strong>gle<br />

Riparte di nuovo a marzo, il corso di formazione aperto<br />

a tutti i cittad<strong>in</strong>i <strong>in</strong>teressati a conoscere i tanti modi con<br />

i quali si possono aiutare i m<strong>in</strong>ori <strong>in</strong> difficoltà, compresa<br />

quel<strong>la</strong> partico<strong>la</strong>re forma di ospitalità chiamata AFFIDO.<br />

Il cuore dell’affidamento familiare consiste nell’accogliere,<br />

un m<strong>in</strong>ore come figlio all’<strong>in</strong>terno del<strong>la</strong> propria<br />

famiglia. È una risposta di aiuto verso un bamb<strong>in</strong>o o un<br />

adolescente, italiano o straniero, per un periodo di<br />

tempo limitato, necessario al<strong>la</strong> <strong>sua</strong> famiglia di orig<strong>in</strong>e,<br />

per superare determ<strong>in</strong>ati problemi personali, di coppia<br />

e/o familiari.<br />

Occuparsi di un bamb<strong>in</strong>o non proprio, prestargli le<br />

cure materiali ed affettive di cui ha bisogno, promuovere<br />

le sue capacità e le sue risorse, vede il realizzarsi<br />

una forma diversa di essere genitori, una generatività<br />

sociale, che travalica i conf<strong>in</strong>i familiari per assumere i<br />

contorni di una più ampia solidarietà sociale verso<br />

famiglie e m<strong>in</strong>ori <strong>in</strong> difficoltà.<br />

Siamo al<strong>la</strong> seconda edizione del corso “Il tuo tempo…<br />

per il mio domani” che nasce dall’esigenza di far<br />

conoscere al<strong>la</strong> cittad<strong>in</strong>anza jes<strong>in</strong>a storie s<strong>in</strong>go<strong>la</strong>ri di<br />

accoglienza, che vede partecipi affidatari che già col<strong>la</strong>borano<br />

con i servizi sociali del territorio, rappresentanti<br />

delle Associazioni di promozione del<strong>la</strong> famiglia, operatori<br />

dei servizi pubblici. Il contributo di esperti provenienti<br />

da altre realtà italiane, come Michele Augurio,<br />

Giudice Onorario del Tribunale dei M<strong>in</strong>orenni di Mi<strong>la</strong>no,<br />

e <strong>la</strong> dott.ssa M.Teresa Federici, psicologa psicoterapeuta<br />

esperta sul tema del disagio dei bamb<strong>in</strong>i ed adolescenti,<br />

contribuiranno ad arricchire i confronti, le riflessioni,<br />

le esperienze che emergeranno dal corso.<br />

Un’attenzione partico<strong>la</strong>re viene data all’esperienza<br />

dell’affido con adolescenti.<br />

Il corso si concluderà <strong>in</strong>fatti con <strong>la</strong> presentazione di<br />

un progetto di accoglienza dal titolo “Questa casa è<br />

anche un albergo” pensato per adolescenti e giovani;<br />

una forma di ospitalità familiare, offerta a quei giovani<br />

che non hanno <strong>la</strong> possibilità di stare nel<strong>la</strong> propria famiglia.<br />

Il progetto comprende un’attività di <strong>la</strong>voro o studio<br />

per il ragazzo durante il giorno, mentre <strong>la</strong> famiglia<br />

offre l’ospitalità al term<strong>in</strong>e del<strong>la</strong> giornata, con l’accompagnamento<br />

del progetto <strong>in</strong> tutte le sue fasi da parte<br />

dei servizi sociali e sanitari.<br />

Il percorso formativo è promosso dal Servizio Integrato<br />

Affido dell’Ambito Territoriale Sociale IX e del<strong>la</strong><br />

Zona Territoriale N. 5, <strong>in</strong> col<strong>la</strong>borazione con le Associazioni<br />

Oikos e consultorio “<strong>la</strong> famiglia” di <strong>Jesi</strong>. Il programma<br />

si artico<strong>la</strong> <strong>in</strong><br />

quattro <strong>in</strong>contri nel mese<br />

di marzo: sabato 7 e<br />

sabato 14, 21 e 28,<br />

dalle ore 16.30 alle<br />

18.30 presso l’accogliente<br />

struttura dell’Ostello<br />

di Vil<strong>la</strong> Borgognoni<br />

<strong>in</strong> via Crivelli, 3<br />

a <strong>Jesi</strong>.<br />

Per le famiglie che<br />

parteciperanno con i<br />

propri figli, è garantito<br />

un servizio di babysitteraggio,<br />

uno spazio<br />

gioco e merenda con<br />

l’animazione di operatori<br />

delle Associazioni<br />

di volontariato.


34 SOCIETÀ<br />

A difesa<br />

dei<br />

cittad<strong>in</strong>i<br />

Il Tribunale dei diritti del ma<strong>la</strong>to è nato<br />

nel 1980 per tute<strong>la</strong>re i diritti dei<br />

cittad<strong>in</strong>i nell’ambito dei servizi sanitari e<br />

assistenziali e per contribuire, a livello<br />

nazionale e <strong>in</strong>ternazionale, a una più<br />

umana e razionale organizzazione del<br />

servizio sanitario.<br />

di simone sampaolesi<br />

Il Tribunale dei diritti del ma<strong>la</strong>to è una organizzazione<br />

che opera nell’ambito più vasto dell’assemblea<br />

territoriale di Cittad<strong>in</strong>anzAttiva. Il Tribunale è costituito<br />

da cittad<strong>in</strong>i comuni, ma anche da operatori dei diversi<br />

servizi e professionisti, che si impegnano a titolo<br />

volontario. Garantisce che, ovunque un cittad<strong>in</strong>o abbia<br />

necessità di assistenza e consulenza per far valere<br />

legittime aspettative, possa ottenere <strong>la</strong> tute<strong>la</strong> e <strong>la</strong> protezione<br />

dei propri diritti; promuove <strong>la</strong> partecipazione<br />

civica, aff<strong>in</strong>ché i cittad<strong>in</strong>i stessi siano protagonisti delle<br />

azioni di tute<strong>la</strong> <strong>in</strong> ambito sanitario. Esso opera mediante<br />

le sue sezioni locali, presenti su tutto il territorio<br />

nazionale. La sezione di <strong>Jesi</strong> nasce nel 1980, <strong>in</strong> concomitanza<br />

con <strong>la</strong> nascita del TdM nazionale, e il suo bac<strong>in</strong>o<br />

d’utenza è rappresentato dai ventuno comuni del<strong>la</strong><br />

Valles<strong>in</strong>a.<br />

Abbiamo <strong>in</strong>contrato Pasquale Liguori, presidente<br />

del Tribunale dei diritti del ma<strong>la</strong>to di <strong>Jesi</strong>.<br />

Qual è l’attività ord<strong>in</strong>aria di una sezione locale<br />

come quel<strong>la</strong> di <strong>Jesi</strong>?<br />

«Il Tribunale dei diritti del Ma<strong>la</strong>to di <strong>Jesi</strong>, come le<br />

tante altre sezioni locali, conduce un’attività di ascolto,<br />

ricevendo i cittad<strong>in</strong>i, trascrivendo le segna<strong>la</strong>zioni, consultando<br />

i servizi del<strong>la</strong> Asl e i consulenti per fornire<br />

risposte adeguate. Intrattiene rapporti con <strong>la</strong> dirigenza<br />

del<strong>la</strong> Asl, istaurando forme di col<strong>la</strong>borazione e di confronto,<br />

che vengono poi rego<strong>la</strong>te con <strong>la</strong> stipu<strong>la</strong> di protocolli<br />

d’<strong>in</strong>tesa; effettua periodicamente monitoraggi<br />

presso le strutture ospedaliere; attiva forme di col<strong>la</strong>bo-<br />

Pasquale Liguori, presidente del<br />

Tribunale dei diritti del ma<strong>la</strong>to di <strong>Jesi</strong><br />

razione con altre organizzazioni civiche; promuove<br />

campagne e <strong>in</strong>iziative varie, utilizzando localmente le<br />

<strong>in</strong>dicazioni offerte dai programmi nazionali. Instaura,<br />

<strong>in</strong>f<strong>in</strong>e, rapporti di col<strong>la</strong>borazione con gli organi di<br />

comunicazione, come <strong>in</strong> <strong>questo</strong> caso, riferendo periodicamente<br />

delle proprie attività».<br />

Come operate a livello pratico? Come raccogliete<br />

le segna<strong>la</strong>zioni?<br />

«Abbiamo un registro su cui segniamo quotidianamente<br />

tutta l’attività sviluppata. Il registro è anonimo<br />

e f<strong>in</strong>alizzato a sviluppare una statistica dei casi riscontrati.<br />

Poi naturalmente il paziente viene <strong>in</strong>vitato a firmare<br />

il consenso al trattamento dei dati. Quanto al<strong>la</strong><br />

parte attiva, effettuiamo attività di monitoraggio di<br />

tutta <strong>la</strong> struttura ospedaliera, al f<strong>in</strong>e di verificare il<br />

rispetto delle normative di igiene e sicurezza. Una delle<br />

ultime <strong>in</strong>iziative riguarda <strong>la</strong> Carta del<strong>la</strong> qualità del<strong>la</strong><br />

chirurgia: abbiamo fatto sottoscrivere al responsabile<br />

del reparto di Chirurgia 52 punti che il reparto si impegna<br />

a rispettare, dopodiché al<strong>la</strong> f<strong>in</strong>e dell’anno andremo<br />

a compiere una verifica <strong>in</strong> tal senso. Un nostro fiore<br />

all’occhiello è l’aspetto legale. Ci sono dei professionisti<br />

che si mettono a nostra disposizione».<br />

Quali sono le maggiori criticità che avete<br />

riscontrato negli anni del vostro operato?<br />

«Anzitutto vorrei citare <strong>la</strong> legge 210/1992. È <strong>la</strong><br />

legge che tratta l’<strong>in</strong>dennizzo a favore dei soggetti danneggiati<br />

da complicanze irreversibili a causa di trasfusioni,<br />

di vacc<strong>in</strong>azioni obbligatorie e somm<strong>in</strong>istrazione di<br />

emoderivati. Fummo i primi a divulgare questa legge<br />

che era al tempo sconosciuta ai più. Vennero poi fuori<br />

tantissimi casi di risarcimento che seguimmo con i<br />

nostri esperti, ed ora stiamo istruendo le pratiche per il<br />

diritto al<strong>la</strong> rivalutazione del risarcimento, diritto sancito<br />

da due recenti sentenze del<strong>la</strong> Corte di Cassazione.<br />

Quanto al<strong>la</strong> casistica più diffusa, premetto che nel 2008<br />

sono pervenute circa 200 segna<strong>la</strong>zioni, alcune delle<br />

quali hanno riguardato casi di persone che si sono limitate<br />

ad esporre l’accaduto ma che non hanno <strong>in</strong>teso<br />

portare avanti una denuncia. Il problema più rilevante<br />

riguarda le liste d’attesa. Ci sono tempi lunghissimi,<br />

spesso oltre i 60 giorni, anche su tipologie di prestazioni<br />

per le quali non si dovrebbe andare oltre. Molte<br />

<strong>la</strong>gnanze riguardano le mancate visite a domicilio da<br />

parte di medici di famiglia, pediatri e guardie mediche.<br />

Le cure, troppo spesso, vengono fornite telefonicamente.<br />

Al pronto soccorso poi ci sono problemi di rilievo, va<br />

però sottol<strong>in</strong>eato come il personale <strong>la</strong>vori <strong>in</strong> condizioni<br />

drammatiche, c’è un solo medico di notte, ci sono ricoveri<br />

impropri per fenomeni di lieve entità, a cui dovrebbe<br />

far fronte proprio il medico di famiglia, e i pazienti<br />

spesso pensano di avere un trattamento veloce, ma al<br />

pronto soccorso poi <strong>la</strong> priorità è assegnata ai casi più<br />

seri, ai codici rossi e gialli, e così si vengono a creare<br />

situazioni di apparente disservizio. E ancora, le prestazioni<br />

odontoiatriche hanno tempi lunghissimi, che<br />

costr<strong>in</strong>gono il paziente a rivolgersi al privato. Vengono<br />

poi da noi molte persone con disagi mentali, che ascoltiamo<br />

anche per ore. La situazione non è semplice, perché<br />

chi vive questi disagi nel<strong>la</strong> fase critica sta <strong>in</strong> reparto,<br />

e poi viene <strong>la</strong>sciato solo. Manca <strong>la</strong> cont<strong>in</strong>uità assistenziale<br />

nei loro confronti. C’è <strong>in</strong>f<strong>in</strong>e una dis<strong>in</strong>formazione<br />

diffusa a tutti i livelli, che conduce poi a tutta una<br />

serie di ulteriori problematiche».<br />

Un problema sempre più diffuso <strong>in</strong> <strong>numero</strong>se<br />

famiglie, considerata l’elevata, crescente percentuale<br />

di popo<strong>la</strong>zione anziana del<strong>la</strong> Valles<strong>in</strong>a e<br />

delle Marche <strong>in</strong> genere, concerne proprio <strong>la</strong> possibilità<br />

di <strong>in</strong>tervenire a favore degli anziani ma<strong>la</strong>ti<br />

non autosufficienti. Qual è <strong>la</strong> situazione?<br />

«Ci sono le RSA, che sono strutture atipiche, di cui<br />

non si comprende bene <strong>la</strong> natura, dove il paziente<br />

viene mandato dopo il ricovero <strong>in</strong> ospedale, più o meno<br />

stabilizzato. Anzitutto dopo tre mesi si <strong>in</strong>izia a pagare<br />

una retta, e poi non c’e un vero e proprio trattamento<br />

sanitario, non c’è assistenza <strong>in</strong> senso proprio, poiché è<br />

presente un solo <strong>in</strong>fermiere per turno, e manca una<br />

struttura riabilitativa. La situazione è molto delicata e<br />

carente per tutto ciò che concerne il trattamento postospedaliero<br />

di questi soggetti».<br />

Quali sono i vostri programmi futuri? Avete<br />

degli obiettivi partico<strong>la</strong>ri oltre al<strong>la</strong> vostra generica<br />

funzione di monitoraggio?<br />

«Il progetto di maggior <strong>in</strong>teresse e rilievo riguarda<br />

l’Ospedale Modello, cioè l’ospedale Murri, e dovrebbe<br />

partire nel 2010. Il nostro ruolo sarà fondamentale per<br />

le tante <strong>in</strong>dicazioni, i tanti consigli che possiamo fornire<br />

dal nostro punto di vista, che poi è il punto di vista<br />

del ma<strong>la</strong>to. Lo scopo di <strong>questo</strong> <strong>in</strong>tervento è di modificare<br />

l’organizzazione ospedaliera, migliorando l’accoglienza<br />

agli utenti e ai visitatori, <strong>in</strong>formando gli stessi<br />

sulle attività svolte, sulle tipologie di offerta sanitaria,<br />

sulle novità tecniche, sui costi dei servizi. In tal senso<br />

sono previsti l’istituzione di una Carta dei servizi, di un<br />

periodico cartaceo e di una segnaletica specifica che<br />

faciliti l’accesso ai servizi anche dei cittad<strong>in</strong>i stranieri,<br />

che si trovano spesso disorientati nei nostri ospedali. È<br />

poi fondamentale <strong>in</strong>crementare le s<strong>in</strong>ergie fra tutti i<br />

protagonisti, quali personale medico, associazioni, istituzioni,<br />

categorie sociali, e potenziare <strong>la</strong> comunicazione<br />

verso l’esterno a tutti i livelli, a partire da <strong>in</strong>ternet».<br />

Ho letto che chi opera nel<strong>la</strong> vostra associazione<br />

lo fa su base volontaria. Come vi f<strong>in</strong>anziate?<br />

«La situazione, da <strong>questo</strong> punto di vista, è naturalmente<br />

difficile, come per chiunque operi su base volontaria.<br />

Noi riusciamo a trarre alcune risorse dalle sponsorizzazioni<br />

ottenute <strong>in</strong> sede di convegno, ma per lo più<br />

ci autof<strong>in</strong>anziamo».<br />

Il TdM è uno strumento di partecipazione civica,<br />

cosa deve fare chi volesse <strong>in</strong>tervenire attivamente<br />

alle vostre <strong>in</strong>iziative?<br />

«Le risorse umane rappresentano <strong>la</strong> parte fondamentale<br />

del<strong>la</strong> nostra attività. Noi cerchiamo persone<br />

che vogliano col<strong>la</strong>borare con noi per essere più recettivi<br />

possibili e per fornire ai cittad<strong>in</strong>i un servizio sempre<br />

migliore. È sufficiente contattarci telefonicamente<br />

presso i nostri uffici, ed è ovvio che un aiuto sarebbe<br />

graditissimo».<br />

Tribunale dei diritti del ma<strong>la</strong>to - Sezione di <strong>Jesi</strong><br />

Tel. 0731/534577<br />

Pit Servizi Locale - Chiara<strong>valle</strong><br />

Tel. 071/94165 - 071/9499238<br />

www.cittad<strong>in</strong>anzattiva.it


36 PERSONAGGI<br />

Lucio il sonettiere<br />

A poco più d’un mese dal<strong>la</strong> scomparsa<br />

di Lucio Longhi, pubblichiamo <strong>questo</strong><br />

scritto dell’amico Giancarlo Vecci.<br />

Sol chi non <strong>la</strong>scia eredità d’affetti<br />

poca gioia ha dell’urna;………<br />

………………………….: ma <strong>la</strong> <strong>sua</strong> polve<br />

<strong>la</strong>scia alle ortiche di deserta gleba<br />

ove né donna <strong>in</strong>namorata preghi,<br />

né passeggier sol<strong>in</strong>go oda il sospiro<br />

che dal tumulo a noi manda Natura.<br />

Questi versi tratti dai Sepolcri di Ugo Foscolo non si<br />

addicono a Lucio, né a chiunque ami l’arte e <strong>la</strong> poesia,<br />

come egli nel tempo non breve del<strong>la</strong> <strong>sua</strong> vita ha dimostrato<br />

di amare. Ci ha <strong>la</strong>sciato ma ci resta vic<strong>in</strong>o non<br />

perché “ci guarda da <strong>la</strong>ssù”, come dice <strong>la</strong> solita retorica<br />

del compianto <strong>la</strong>crimoso, ma perché ha condiviso<br />

eredità d’affetti con chi lo ha avuto come marito, padre,<br />

amico e compagno. La <strong>sua</strong> seconda commedia, che sarà<br />

rappresentata al Teatro Pergolesi il prossimo 26 aprile,<br />

si <strong>in</strong>tito<strong>la</strong> proprio Compagni e compagne: io non <strong>la</strong><br />

conosco, e mi pregusto <strong>la</strong> sorpresa del<strong>la</strong> <strong>sua</strong> rappresentazione,<br />

come mi sono goduto <strong>la</strong> rappresentazione<br />

dell’altra commedia, La Walkiria, già sulle nostre scene<br />

da diverso tempo e addirittura esportata tra i nostri<br />

connazionali <strong>in</strong> Canada.<br />

Non sospettavo <strong>in</strong> Lucio, così riservato, così compassato<br />

nel<strong>la</strong> <strong>sua</strong> bel<strong>la</strong>, signorile, alta figura di jes<strong>in</strong>o<br />

d’altri tempi, seppure a me coetaneo, tanta verve,<br />

tanta vivacità e ricchezza d’<strong>in</strong>venzione scenica, l’ironia<br />

sapida delle battute accompagnata dai gesti consoni<br />

degli attori, <strong>la</strong> destrezza dell’<strong>in</strong>treccio e del<strong>la</strong> trama:<br />

tutto <strong>questo</strong> è frutto dell’esperienza di vita che parte da<br />

lontano.<br />

Lucio è nato il 16 giugno 1933 e qu<strong>in</strong>di è stato<br />

anch’egli, come il sottoscritto, figlio del<strong>la</strong> lupa e poi<br />

balil<strong>la</strong> e <strong>in</strong>f<strong>in</strong>e bamb<strong>in</strong>o tremante sotto il fischio assordante<br />

degli ordigni bellici. Ne siamo scampati per miracolo,<br />

ma le vicende di quelle giornate di rischio estremo<br />

ci hanno donato un gusto per <strong>la</strong> vita, una voglia di<br />

riv<strong>in</strong>cita esistenziale che nei giovani del dopoguerra si<br />

è scatenata nei ritmi americani suonati dalle orchestr<strong>in</strong>e<br />

che sono pullu<strong>la</strong>te pure nel<strong>la</strong> nostra città.<br />

Anche <strong>in</strong> questa frenesia di ballo e di movimento<br />

vitale Lucio è stato protagonista, prima come componente<br />

sassofonista dell’orchestra del maestro Bigi, poi<br />

come conduttore di una propria orchestra dal nome<br />

Lucio’s Boys. Già allora, prima dell’avvento dei Beatles,<br />

eravamo toccati dal<strong>la</strong> mania anglofona, ma <strong>questo</strong> non<br />

significava soltanto e amaramente che eravamo stati<br />

sconfitti, noi popolo guerriero per suggestione mussol<strong>in</strong>iana,<br />

dagli angloamericani, ma che ormai le ristrette e<br />

chiuse frontiere del<strong>la</strong> nostra nazione si erano aperte al<br />

mondo e al<strong>la</strong> nuova Europa r<strong>in</strong>ata sulle macerie di una<br />

guerra fratricida.<br />

È <strong>la</strong> musica ad unire i popoli e <strong>la</strong> musica era nel sangue<br />

di Lucio; ma poi, <strong>in</strong> tempi recenti, dopo l’esperienza<br />

dell’amore, del matrimonio con Maria Grazia, dei<br />

quattro figli e soprattutto del <strong>la</strong>voro di paziente orafo<br />

ed orologiaio nel<strong>la</strong> <strong>sua</strong> antica “bottega” <strong>in</strong> Via Pergolesi,<br />

dove era entrato dopo <strong>la</strong> scuo<strong>la</strong> media accanto al padre<br />

e frequentata da una vasta e fedele cliente<strong>la</strong>, ecco<br />

scoppiare <strong>la</strong> passione per <strong>la</strong> poesia vernaco<strong>la</strong>re.<br />

Qui Lucio si pone sul<strong>la</strong> scia del<strong>la</strong> tradizione dialettale<br />

jes<strong>in</strong>a, dopo Magagn<strong>in</strong>i, Barchiesi, Mart<strong>in</strong> Ca<strong>la</strong>ndra,<br />

Ross<strong>in</strong>i, Fazi, e soprattutto suo padre Lello Longhi,<br />

commediografo di successo e “sonettiere”: è <strong>questo</strong> il<br />

term<strong>in</strong>e con cui Lucio si è modestamente def<strong>in</strong>ito nel<strong>la</strong><br />

dedica che mi ha scritto sul<strong>la</strong> copia del<strong>la</strong> <strong>sua</strong> raccolta di<br />

versi dal titolo La panch<strong>in</strong>a. Questo volume di sonetti<br />

pubblicato due anni fa raccoglie <strong>la</strong> “filosofia” di un<br />

uomo che non è vissuto <strong>in</strong>vano e che nelle radici del<strong>la</strong><br />

<strong>sua</strong> città e del suo borgo ha trovato non soltanto una<br />

ragione di vita, ma uno stimolo a rappresentar<strong>la</strong> con<br />

quel sorriso e quel dis<strong>in</strong>canto di chi ormai ha saputo<br />

unire <strong>la</strong> saggezza del vivere al<strong>la</strong> sapienza, sia pure<br />

umile e discreta, ma sempre arguta, dello scrivere.<br />

Alcune immag<strong>in</strong>i di Lucio Longhi.<br />

A destra <strong>la</strong> copert<strong>in</strong>a del suo libro di<br />

sonetti <strong>in</strong> dialetto jes<strong>in</strong>o La panch<strong>in</strong>a<br />

e <strong>in</strong> basso un momento del<strong>la</strong> presentazione.<br />

Questo è stato Lucio, l’amico che avrebbe potuto darci<br />

ancora altre perle del<strong>la</strong> <strong>sua</strong> riflessione, ma che è vano<br />

rimpiangere se il ricordo che ne abbiamo è accompagnato<br />

dall’apertura di una <strong>sua</strong> pag<strong>in</strong>a e dal<strong>la</strong> lettura di<br />

un suo verso. Per quanto mi riguarda, non trovo di<br />

meglio che ricordarlo con un sonetto dei suoi migliori:<br />

L’estremismo<br />

Da quanno che c’è l’ômo nte sto mondo<br />

c’è mille modi d’affrontà i problemi,<br />

chi i pîa de petto, chi jé gira tondo,<br />

ognuno c’ha i sui metodi o i sistemi.<br />

Po’ c’è quelli che vôle el f<strong>in</strong>imondo,<br />

sta <strong>in</strong> ogni caso fôri dagli schemi:<br />

è l’estremisti, vôle toccà el fondo,<br />

non media mai, sempre ai punti estremi.<br />

M’ha ditto: “Adesso basta co’ <strong>la</strong> pace,<br />

i moderadi non ottiè mai niente<br />

e l’a<strong>la</strong> dura v<strong>in</strong>ge, damme mente!”<br />

So’ ’n moderado e l’a<strong>la</strong> non me piace,<br />

el pole confermà chi me conosce,<br />

a me me piace el petto co’ le cosce!<br />

37<br />

Ma a conclusione di questa mia doverosa pag<strong>in</strong>a gli<br />

voglio dare ancora un saluto con lo stesso gusto per <strong>la</strong><br />

paro<strong>la</strong> schietta e popo<strong>la</strong>re che ci univa:<br />

A Lucio, se m’ascolta<br />

Te rcordi, Lucio, quanno da ragazzi<br />

ragionavamo <strong>in</strong>sieme de l’amore<br />

pensando a le ragazze tutte <strong>in</strong> fiore,<br />

ai baci, a le carezze ed ai sol<strong>la</strong>zzi?<br />

Co’ ’sti discorsi passavamo l’ore<br />

e non ci accorgevamo, pôri pazzi,<br />

che <strong>la</strong> passió te crea solo strapazzi<br />

pe’ l’ost<strong>in</strong>ato ed <strong>in</strong>felice core.<br />

Quei tempi è ormai passadi, amico caro,<br />

e <strong>la</strong> vita trascorsa c’ha ’nsegnado<br />

che <strong>la</strong> felicità è un bene raro;<br />

ma c’è ’na cosa che c’ha conso<strong>la</strong>do:<br />

pe’ v<strong>in</strong>ce ’l tarlo de <strong>la</strong> nostalgia<br />

non c’è de mejo che <strong>la</strong> poesia.


38 PERSONAGGI<br />

Oltre<br />

50 anni<br />

di<br />

pittura<br />

di pao<strong>la</strong> coco<strong>la</strong><br />

Come è com<strong>in</strong>ciato il suo percorso nel<strong>la</strong> pittura?<br />

«Io frequentavo il Cuppari, l’Istituto Tecnico qui vic<strong>in</strong>o.<br />

In seconda <strong>in</strong>feriore un professore, che tra l’altro<br />

veniva a scuo<strong>la</strong> <strong>in</strong> camicia nera – sono un vecchio mazz<strong>in</strong>iano,<br />

figlio di un mazz<strong>in</strong>iano –, mi rimandò ad ottobre<br />

con c<strong>in</strong>que <strong>in</strong> disegno: a me che avevo il pall<strong>in</strong>o di<br />

fare <strong>in</strong> acquerello i fiori e tutto ciò che avesse colore…<br />

avevo <strong>la</strong> mania del colore! La mia madr<strong>in</strong>a di battesimo –<br />

una pittrice nota, Anita Muratori, di Modena, trapiantata<br />

a <strong>Jesi</strong> e che <strong>in</strong>segnava all’Avviamento – un giorno,<br />

<strong>in</strong>contrando mia madre, le chiese mie notizie. “Che fa<br />

Nicol<strong>in</strong>o?” così mi chiamavano allora. E mia madre “Che<br />

fa, signora Anita! Me l’hanno rimandato a ottobre <strong>in</strong><br />

disegno!” “In disegno? – ribatté <strong>la</strong> prof – Com’è possibile?!”<br />

A far<strong>la</strong> breve, ho passato le matt<strong>in</strong>e d’estate da<br />

lei che mi <strong>in</strong>iziò al<strong>la</strong> pittura, <strong>in</strong>segnandomi l’impasto per<br />

il colore, e via dicendo.<br />

Andando avanti negli anni, nel ’38, ho fatto il ragazzo<br />

di bottega <strong>in</strong>sieme con Italo Pazienti, un amico carissimo:<br />

impastavamo i colori per l’abside del Duomo. Mi<br />

viene da lì il chiarismo di cui mi fanno credito. Il colore<br />

<strong>in</strong> affresco, quando si asciuga, diventa per due terzi più<br />

chiaro: è stupendo... In realtà, volevo fare lo scenografo,<br />

e <strong>in</strong>vece ho fatto il bancario per tutta <strong>la</strong> vita».<br />

È stato scritto che furono le tele di Lorenzo<br />

Lotto a ispirar<strong>la</strong>…<br />

«Le spiego <strong>la</strong> ragione. Mia sorel<strong>la</strong>, che è deceduta<br />

tre anni fa, doveva sviluppare <strong>la</strong> tesi sul Pa<strong>la</strong>zzo del<strong>la</strong><br />

Signoria. Io l’ho aiutata nel disegno delle p<strong>la</strong>nimetrie.<br />

Erano gli anni immediatamente successivi al<strong>la</strong> guerra.<br />

Trovai Lorenzo Lotto entusiasmante non solo per le<br />

figure ma soprattutto per i paesaggi. Fu quasi una folgorazione.<br />

Un mio amico carissimo che purtroppo non<br />

c’è più, Pepp<strong>in</strong>o Campitelli, un giorno mi disse “Nico<strong>la</strong>,<br />

andiamo <strong>in</strong>sieme <strong>in</strong> giro a vedere quello che puoi fare!”<br />

e mi regalò una cassetta con dentro colori e altro.<br />

Andammo sul fiume, <strong>in</strong> campagna… Vedendo come dal<br />

vivo riprendevo mi ha stimo<strong>la</strong>to a cont<strong>in</strong>uare. Lo stesso<br />

fece, al premio Rosora del ’55, Renzo Biason, critico<br />

del tempo: “Oh, lei deve cont<strong>in</strong>uare!” mi disse. Così<br />

Nico<strong>la</strong> Ross<strong>in</strong>i, ottantac<strong>in</strong>que anni, una personalità<br />

aperta ma <strong>in</strong>tegra, rigorosa; una<br />

bel<strong>la</strong> voce, l’eredità di un nome jes<strong>in</strong>o importante:<br />

il padre era Silvano Ross<strong>in</strong>i, poeta dialettale<br />

e musicologo. Una moglie e due figli<br />

che adora, una vita <strong>in</strong>tensa e movimentata<br />

e… ancora tanta voglia ed energia di fare e di<br />

raccontare. Il segreto? Una lista sempre<br />

aggiornata di impegni, di quelli che non ti<br />

permettono di venire meno, di mol<strong>la</strong>re.<br />

Lo abbiamo <strong>in</strong>contrato, per un’<strong>in</strong>tervista, <strong>in</strong><br />

occasione del<strong>la</strong> <strong>sua</strong> personale “Oltre c<strong>in</strong>quant’anni<br />

di pittura” allestita nel<strong>la</strong> Galleria del<br />

Pa<strong>la</strong>zzo dei Convegni dal 31 gennaio al 15<br />

febbraio.<br />

come nel ’41 – al<strong>la</strong> mia prima mostra dell’Azione<br />

Cattolica a Pa<strong>la</strong>zzo Ripanti, <strong>in</strong>augurata da Gedda, l’allora<br />

mitico presidente che è morto qualche anno fa – fece<br />

Bruno da Osimo, l’illustre xilografo: “Nicol<strong>in</strong>o – mi disse –<br />

tu hai il colore dentro, e hai anche <strong>la</strong> prospettiva… devi<br />

cont<strong>in</strong>uare!”<br />

La vita mi ha portato <strong>in</strong> giro per l’Italia e all’estero.<br />

Ho cont<strong>in</strong>uato così a dip<strong>in</strong>gere, a partecipare a concorsi,<br />

a v<strong>in</strong>cere qualche premio. Devo molto anche al prof.<br />

Armando G<strong>in</strong>esi, che mi segue dal ’69».<br />

Si vede nei suoi quadri che è <strong>in</strong>namorato del<strong>la</strong><br />

natura, del paesaggio! I suoi colori comunicano<br />

serenità, spazialità, rive<strong>la</strong>no uno spirito delicato,<br />

orientato ad una visione del<strong>la</strong> vita <strong>in</strong> chiave positiva.<br />

«Verissimo, da sempre. Sono anche un po’ nostalgico<br />

nel senso che sono molto legato ai miei ricordi. Del<br />

paesaggio ritraggo tutto, raramente “le nature morte”<br />

perché non mi piacciono!».<br />

Come passa le giornate?<br />

«A 85 anni, f<strong>in</strong>iti il Natale scorso, cont<strong>in</strong>uo a <strong>la</strong>vorare.<br />

Nel mio studio di Parma, tutti i giorni, mi ritrovo lì.<br />

Non è che dip<strong>in</strong>ga sempre… Più che altro lo studio è un<br />

pensatoio, ascolto <strong>la</strong> musica: Mozart o Jazz, o De<br />

André. Leggo, riguardo le cose vecchie, passate; studio<br />

i miei maestri ideali, da Cézanne a Morandi. La mia formazione<br />

<strong>in</strong>izialmente è stata <strong>in</strong>fluenzata dal futurismo,<br />

poi dal cubismo e col passare del tempo sono andato<br />

avanti cercando una strada mia. Mi sono sforzato di<br />

fare sempre quello che sentivo dentro. Ho applicato,<br />

<strong>in</strong>somma, al<strong>la</strong> pittura un po’ il metodo Stanis<strong>la</strong>vski».<br />

Lei è un attento osservatore…<br />

«Sì, non mi sfugge niente: dei quadri che vede,<br />

alcuni – i grandi – li ho realizzati <strong>in</strong> studio, ma tanti<br />

sono nati <strong>in</strong> strada. Oggi sono ancora <strong>in</strong> grado di buttare<br />

giù un disegno <strong>in</strong> tre m<strong>in</strong>uti».<br />

È dello stesso parere Mario Pasqu<strong>in</strong>elli: il disegno<br />

dev’essere “fatto di getto”, guai a cambiare il<br />

primo segno: poi si completa con il colore.<br />

«Certamente. Anche Pasqu<strong>in</strong>elli è stato allievo del<strong>la</strong><br />

Muratori. Tra l’altro a me piace molto disegnare: sono<br />

un grafomane, si può dire».<br />

Ai disegni assegna come protagonista il paesaggio<br />

urbano, <strong>la</strong> città…<br />

«Generalmente sì. Qui vede una selezione, ma ne<br />

avrò m<strong>in</strong>imo 1500».<br />

E di quadri, quanti ne ha realizzati?<br />

«Circa 400. Pastelli ad olio, acquerelli. Tre anni fa ho<br />

rega<strong>la</strong>to cento quadri al<strong>la</strong> Prov<strong>in</strong>cia: 50 disegni e 50<br />

opere di pittura, che sono state assegnate al Museo che<br />

sta nascendo a Serra San Quirico, un monastero bellissimo<br />

che il Comune ha acquistato. Ne sono contento<br />

perché così di me resterà qualcosa nelle Marche».<br />

Qual è stato il suo primo successo?<br />

«Questo quadro che ritrae il Montirozzo. È del ’41:<br />

avevo diciassette anni e mi firmavo “Nic”».<br />

Lei vive a Parma dal ’75, ma è andato via da<br />

<strong>Jesi</strong> nel ’53. Le manca?<br />

«La nostalgia per <strong>Jesi</strong> <strong>la</strong> sento sempre. Ci ritorno<br />

due o tre volte l’anno; qui ho i miei amici, come gli<br />

Onafifetti e altri. In realtà ho sempre avuto <strong>questo</strong> spirito<br />

un po’ girovago che mi ha portato ovunque per<br />

l’Italia e all’estero. E <strong>questo</strong> forse dà “movimento” alle<br />

mie opere che non ritraggono mai gli stessi posti pur<br />

rimanendo fedeli alle stesse tematiche».<br />

Del<strong>la</strong> <strong>sua</strong> esperienza al<strong>la</strong> Rai cosa ricorda?<br />

«Ho frequentato <strong>la</strong> Libera Accademia di Teatro diretta<br />

da Pietro Sharoff <strong>in</strong>sieme a Corrado Olmi, recitavo<br />

con Valeria Moriconi, cantavo e recitavo con Livio Arena<br />

del gruppo “Il dramma di Ancona” sui testi scritti da<br />

Ton<strong>in</strong>o Murri. Un’esperienza che ho recuperato col<strong>la</strong>borando<br />

nei vari Circoli Culturali parmensi con <strong>la</strong> lettura<br />

di poesie e racconti».<br />

Si è trasc<strong>in</strong>ato dietro qualche rimpianto?<br />

«Io sono un Gozzaniano: “Non amo che le rose che<br />

non colsi, che le cose che potevano essere e non sono<br />

state…”»<br />

Secondo lei, che rapporto hanno i giovani con<br />

<strong>la</strong> pittura?<br />

«Ce ne sono alcuni molto bravi. Tuttavia noto che<br />

39<br />

per aver fatto una prima mostra già si sentono grandi:<br />

eh no, eh no! Io mi sento piccolo dopo aver fatto tante<br />

mostre. Degas diceva “L’arte va scoraggiata”, nel senso<br />

che non ci si può fermare al primo risultato. Bisogna<br />

cont<strong>in</strong>uare con umiltà, migliorare, cercare <strong>in</strong> se stessi<br />

le soluzioni, guardando tutti, però. Io non sono mai<br />

soddisfatto di quello che faccio».<br />

Quale tecnica privilegia?<br />

«Il Bianco e nero e <strong>la</strong> Sanguigna perché è un modo<br />

di esprimersi stupendo: con poche l<strong>in</strong>ee e il polpastrello,<br />

<strong>in</strong> un colore solo, riesci a realizzare <strong>la</strong> terza dimensione.<br />

Adoro molto gli acquerelli, ma non ho gusto a<br />

realizzarli perché li faccio subito, non mi impegnano<br />

veramente».<br />

Quale quadro ama di più?<br />

«Le direi “l’ultimo fatto” perché c’è <strong>la</strong> s<strong>in</strong>tesi di quello<br />

che sono oggi, andando sempre avanti, determ<strong>in</strong>ato<br />

a migliorare e a costruire, sempre».


40 PERSONAGGI<br />

di pao<strong>la</strong> coco<strong>la</strong><br />

Silvia Cherub<strong>in</strong>i, <strong>la</strong> nostra bravissima autrice del<strong>la</strong><br />

tesi sul<strong>la</strong> storia delle Società di Mutuo Soccorso – che<br />

abbiamo pubblicato <strong>in</strong> tre puntate di seguito nel<strong>la</strong> rivista<br />

– è <strong>in</strong>segnante di scuo<strong>la</strong> Primaria e mamma di due<br />

bimbi di 10 e 5 anni.<br />

Appena diplomata presso il liceo Socio-psico pedagogico<br />

di <strong>Jesi</strong>, non ha perso tempo: si è subito iscritta<br />

al<strong>la</strong> Facoltà di Lettere Moderne dell’Università di<br />

Macerata conseguendo <strong>la</strong> <strong>la</strong>urea nel 2006. Le piace<br />

passeggiare, leggere, navigare <strong>in</strong> Internet per esplorare<br />

<strong>in</strong> lungo e <strong>la</strong>rgo il mondo dell’Informazione. È anche<br />

testarda: quando decide di raggiungere un obiettivo o<br />

di realizzare un progetto, si mette <strong>in</strong> moto con tutta <strong>la</strong><br />

passione che ha dentro e non si ferma più f<strong>in</strong>ché non<br />

ha raggiunto lo scopo che si è prefisso. Appassionata di<br />

Storia contemporanea, ha risposto ad alcune nostre<br />

curiosità sul suo <strong>la</strong>voro di ricerca.<br />

Perchè una tesi proprio sulle Società di Mutuo<br />

Soccorso? Come è nata questa scelta?<br />

«L’idea di scrivere delle società mutue è nata dal<br />

desiderio di conoscere e approfondire un aspetto del<strong>la</strong><br />

realtà sociale del<strong>la</strong> mia città, per certi versi familiare<br />

perché mio nonno frequentava <strong>la</strong> società di Mutuo<br />

Soccorso “Ravagli”, ma per altri sconosciuta perché mi<br />

ero sempre chiesta il vero significato di quel term<strong>in</strong>e<br />

senza mai approfondirlo.<br />

Così ho <strong>in</strong>iziato a leggere testi sul<strong>la</strong> storia delle<br />

società mutue <strong>in</strong> Italia e <strong>in</strong> Europa ma non trovavo<br />

assolutamente nul<strong>la</strong> di organico su quelle jes<strong>in</strong>e, tranne<br />

che notizie frammentarie sui libri di alcuni autori<br />

locali, Mol<strong>in</strong>elli e Urieli <strong>in</strong> primis.<br />

Ho capito che se volevo davvero fare un bel <strong>la</strong>voro<br />

Storia:<br />

che passione!<br />

dovevo rimboccarmi le maniche e dedicarmi anima e<br />

corpo al<strong>la</strong> ricerca archivistica, un <strong>la</strong>voro certos<strong>in</strong>o e<br />

complicato ma proprio per <strong>questo</strong> affasc<strong>in</strong>ante e co<strong>in</strong>volgente.<br />

È stato come mettere <strong>in</strong>sieme le tessere di un<br />

puzzle del quale non conoscevo <strong>la</strong> figura di riferimento<br />

ma che al<strong>la</strong> f<strong>in</strong>e mi si è composta davanti agli occhi<br />

chiara ed esaustiva, con mia enorme soddisfazione».<br />

Chi l’ha aiutata e quali sono state le maggiori<br />

difficoltà che ha <strong>in</strong>contrato?<br />

«Il <strong>la</strong>voro di ricerca archivistica l’ho svolto pr<strong>in</strong>cipalmente<br />

da so<strong>la</strong> anche se a volte mi accompagnava mio<br />

marito, imparando così anche lui a scartabel<strong>la</strong>re i documenti<br />

polverosi. Un grande aiuto me lo ha dato il signor<br />

Paolo Barboni del<strong>la</strong> biblioteca comunale di <strong>Jesi</strong>: con <strong>la</strong><br />

<strong>sua</strong> erudizione appassionata sul<strong>la</strong> città, mi ha offerto<br />

delle dritte per orientarmi nel vasto archivio comunale».<br />

Pensa di svolgere altre ricerche su altri aspetti<br />

storici del<strong>la</strong> città?<br />

«Mi piacerebbe molto: ne ho <strong>in</strong> mente diverse, ma il<br />

tempo a disposizione è sempre tiranno».<br />

Che immag<strong>in</strong>e si è formata <strong>in</strong> lei dal confronto<br />

tra <strong>la</strong> <strong>Jesi</strong> di ieri e quel<strong>la</strong> di oggi?<br />

«La <strong>Jesi</strong> di ieri, come si ev<strong>in</strong>ce dallo studio delle<br />

società mutue, si basava su forme di solidarietà per noi<br />

ormai difficili da concepire, <strong>in</strong>nanzitutto perché sostituite<br />

dal welfare e dagli ammortizzatori sociali dello<br />

Stato; e poi perché una volta c’era fiducia negli altri, <strong>la</strong><br />

gente sapeva di poter contare sull’aiuto dei parenti,<br />

degli amici, dei vic<strong>in</strong>i. Ora siamo tutti diffidenti, sospettosi<br />

e guard<strong>in</strong>ghi.<br />

Purtroppo l’educazione e l’altruismo non vanno più<br />

di moda, ma sono fiduciosa nelle nuove generazioni: è<br />

proprio per <strong>questo</strong> che faccio l’<strong>in</strong>segnante».<br />

di alberto pierucci<br />

L’arpa è uno strumento f<strong>in</strong>e, dolcissimo. Con le sue 47<br />

corde emana suoni spesso complessi, sfumati, melodie<br />

rarefatte e struggenti. Il basso tuba, al contrario, è potente,<br />

essenziale. Il suo suono grave e di limitata estensione<br />

ne determ<strong>in</strong>a l’impiego, molte volte, con funzione<br />

di solo accompagnamento.<br />

L’ultimo concerto s<strong>in</strong>fonico al Teatro Pergolesi, però,<br />

annunciato dal programma come un omaggio al<strong>la</strong> danza,<br />

prevedeva, nel<strong>la</strong> prima parte, l’esibizione dei due strumenti<br />

appaiati, come fossero fra loro complementari.<br />

L’orchestra, come al solito, era <strong>la</strong> Fi<strong>la</strong>rmonica Marchigiana<br />

e tutti obbedivano al<strong>la</strong> direzione di Anu Tali.<br />

Chi non lo sapeva già, scopriva subito che <strong>questo</strong><br />

nome esotico apparteneva a una giovane, piacevole<br />

donna. Gli orchestrali erano appena schierati sul palcoscenico<br />

quando lei giungeva con passo agile e veloce.<br />

Una silhouette snel<strong>la</strong>, esaltata da un adeguato abbigliamento:<br />

un frac quasi, ma non proprio nero. Capelli<br />

biondissimi raccolti dietro <strong>la</strong> nuca e gli zigomi prom<strong>in</strong>enti<br />

ricordavano <strong>la</strong> <strong>sua</strong> provenienza dall’Est Europa. Il<br />

suo paese è <strong>in</strong>fatti <strong>la</strong> lontana Estonia, dove ha ricevuto<br />

<strong>la</strong> <strong>sua</strong> prima formazione musicale. Successivamente,<br />

ha conseguito perfezionamenti e specializzazioni, spe-<br />

CULTURA<br />

Una strana coppia<br />

41<br />

Arpa e basso tuba. Due strumenti diversissimi,<br />

pressoché opposti. Quasi un<br />

paradosso udirli <strong>in</strong> coppia da solisti.<br />

Eppure… Sul podio un’avvenente signora.<br />

Nelle foto il direttore Anu Tali.<br />

cie <strong>in</strong> direzione orchestrale, che le hanno procurato<br />

ampi successi e notorietà sia nei paesi baltici e scand<strong>in</strong>avi,<br />

che nel<strong>la</strong> vasta area del<strong>la</strong> Russia, Bielorussia,<br />

Ucra<strong>in</strong>a e di altre repubbliche ex sovietiche.<br />

Il concerto <strong>in</strong>iziava proprio con una Suite di Danze<br />

Estoni di Eduard Tub<strong>in</strong>, compositore di quel paese. A<br />

tratti piacevole per i suoi ritmi, altrove mal<strong>in</strong>conica e<br />

monotona nel<strong>la</strong> <strong>sua</strong> andatura tipicamente nordica, era<br />

poi seguita dalle dolcissime ed eleganti Deux Dances di<br />

Debussy. Una prova di autentica bravura per l’arpista<br />

Margherita Scafidi.<br />

La prima parte si concludeva con il Concerto per<br />

tuba e archi del norvegese Arid P<strong>la</strong>u. Una composizione<br />

moderna, ardita, quasi sconcertante ed <strong>in</strong>sieme piacevolissima<br />

<strong>in</strong> cui <strong>la</strong> tuba, così greve anche fisicamente,<br />

diveniva straord<strong>in</strong>ariamente agile nel suono, da<br />

giungere f<strong>in</strong>o al virtuosismo esprimendo delle potenzialità<br />

melodiche <strong>in</strong>sospettate. Davvero stupefacente <strong>la</strong><br />

prova di Alessandro Fossi, valente solista nostrano, ma<br />

noto a livello <strong>in</strong>ternazionale.<br />

La piacevolezza del<strong>la</strong> pag<strong>in</strong>a s<strong>in</strong>fonica scelta per <strong>la</strong><br />

seconda parte non ha bisogno di commenti: <strong>la</strong> S<strong>in</strong>fonia<br />

N. 7 di Beethoven, def<strong>in</strong>ita dal grande Wagner “l’apoteosi<br />

del<strong>la</strong> danza”. Ora l’attenzione degli spettatori era<br />

tutta concentrata sull’ottima orchestra e <strong>la</strong> <strong>sua</strong> direttrice,<br />

che rive<strong>la</strong>va quanto mai, <strong>in</strong> questa composizione,<br />

personalità e autorevolezza. Sapeva imprimere, <strong>in</strong>fatti,<br />

un partico<strong>la</strong>re ed energico ritmo al<strong>la</strong> composizione e<br />

animar<strong>la</strong> con lo stesso flessuoso movimento delle braccia<br />

e dell’<strong>in</strong>tera <strong>sua</strong> vibrante figura. A tratti deponeva<br />

<strong>la</strong> breve bacchetta sul leggìo e librava le braccia e le<br />

mani <strong>in</strong> alto, come a cercare il cielo, dirigendo solo con<br />

l’eleganza d<strong>in</strong>amica-c<strong>in</strong>etica del<strong>la</strong> <strong>sua</strong> fisicità.<br />

Si giungeva così al<strong>la</strong> f<strong>in</strong>e del<strong>la</strong> Settima <strong>in</strong>solitamente<br />

senza cesure o divisione <strong>in</strong> movimenti. La S<strong>in</strong>fonia era<br />

stata compattata e velocizzata. Gradevolissimo l’effetto.<br />

Inf<strong>in</strong>e veniva offerto come bis un tango, quasi surreale,<br />

del nostro bravo e ormai prestigioso Giancarlo<br />

Aqui<strong>la</strong>nti, giusto per concludere restando <strong>in</strong> tema di<br />

danza. Arpa e tuba, neanche a dirlo, eseguivano strepitosamente<br />

<strong>in</strong>sieme e da soli.<br />

Il pubblico, entusiasta, app<strong>la</strong>udiva, acc<strong>la</strong>mava, chiamava<br />

per l’ennesima volta Anu Tali a comparire sul palcoscenico,<br />

f<strong>in</strong>ché lei giungeva le mani adagiandovi graziosamente<br />

un <strong>la</strong>to del viso, a significare il suo legittimo<br />

bisogno di andare a riposare.


di fabrizio romagnoli<br />

foto di augusto giglietti<br />

Nei piani alti del campionato di<br />

pal<strong>la</strong>volo maschile di serie B2 c’è<br />

<strong>in</strong> corsa una squadra jes<strong>in</strong>a. È<br />

l’A.S. Volley <strong>Jesi</strong> targata Vecci<br />

Bpa, protagonista di una risalita<br />

che, dopo gli anni di purgatorio<br />

trascorsi nei tornei regionali di serie C da quel<strong>la</strong> pal<strong>la</strong>volo<br />

maschile capace negli anni ’80 di <strong>in</strong>fiammare <strong>la</strong><br />

città con le sgroppate <strong>in</strong> A2 delle allora Latte Tre Valli<br />

ed Ipersidis, ha riportato i leoncelli “sotto rete” sul<strong>la</strong><br />

ribalta dei campionati nazionali.<br />

In ottimo stile, a giudicare dal<strong>la</strong> lotta a tre per <strong>la</strong><br />

prima piazza che sta caratterizzando il girone di ritorno<br />

del gruppo E del<strong>la</strong> serie B2: <strong>in</strong> lizza i toscani dell’Arca<br />

Casc<strong>in</strong>a, gli emiliani del San Lazzaro e, appunto, gli<br />

jes<strong>in</strong>i del<strong>la</strong> Vecci Bpa. I quali, partiti ad <strong>in</strong>izio stagione<br />

per fare bene ed evitare le sofferenze patite per garantirsi<br />

da neo promossi <strong>la</strong> salvezza nel passato campionato,<br />

si godono ora <strong>questo</strong> loro camm<strong>in</strong>o sopra le righe<br />

con <strong>la</strong> possibilità di giocarsi di qui <strong>in</strong> avanti il tutto per<br />

tutto senza assilli ma solo sul<strong>la</strong> sp<strong>in</strong>ta di un sereno<br />

entusiasmo.<br />

E <strong>in</strong>tanto <strong>la</strong> società dello storico e carismatico presidente<br />

Mario Rango e del vice Marco Vecci cont<strong>in</strong>ua a<br />

portare avanti il suo progetto sportivo e sociale.<br />

«Questi risultati sono frutto di un programma avviato<br />

nel 2005 – dice il giovane ed entusiasta direttore<br />

generale del<strong>la</strong> A.S. Volley <strong>Jesi</strong> Luca Vecci – quando con<br />

l’obiettivo di dare una svolta e riportare mano a mano<br />

<strong>in</strong> campionati più importanti <strong>la</strong> pal<strong>la</strong>volo maschile cittad<strong>in</strong>a<br />

siamo ripartiti dal settore giovanile e da un campionato<br />

di serie C affrontato con i nostri ragazzi con<br />

l’<strong>in</strong>tento di farli maturare. Siamo stati premiati, è arrivata<br />

<strong>la</strong> salvezza e l’anno successivo ci siamo rimessi <strong>in</strong><br />

pista mantenendo gruppo e criteri.<br />

Agli spareggi <strong>in</strong>terregionali abbiamo conquistato <strong>la</strong><br />

promozione ed il ritorno nei campionati nazionali e,<br />

senza mutare di spirito, al<strong>la</strong> prima stagione <strong>in</strong> B2 si è<br />

centrata <strong>la</strong> salvezza. Dopo di che l’obiettivo era que-<br />

Il volley maschile<br />

guarda <strong>in</strong> alto<br />

st’anno di evitare patemi».<br />

Ed allora ecco<strong>la</strong> <strong>la</strong> Vecci Bpa che sta correndo così<br />

forte sui campi di Emilia Romagna e Toscana oltre che<br />

marchigiani. Una squadra costruita a partire da una<br />

accoppiata tecnica importante e simbolica. «C’è stata <strong>la</strong><br />

conferma di Roberto Leonardi – dice Luca Vecci – allenatore<br />

che aveva portato <strong>la</strong> squadra al<strong>la</strong> salvezza negli<br />

ultimi due mesi dello scorso campionato, esperto con i<br />

suoi trascorsi <strong>in</strong> A e di grandi capacità tecniche e di<br />

gestione del gruppo. Aspetti che rispecchiano <strong>in</strong> pieno<br />

il nostro spirito. Insieme a lui Roberto Bocch<strong>in</strong>i, giocatore<br />

storico per questa società e per l’ambiente del<strong>la</strong><br />

pal<strong>la</strong>volo a <strong>Jesi</strong> e che sta crescendo <strong>in</strong> questi anni<br />

anche come allenatore».<br />

Qu<strong>in</strong>di <strong>la</strong> rosa, «costruita – dice sempre il direttore<br />

generale leoncello – rispettando i criteri seguiti negli<br />

anni: puntare al<strong>la</strong> coesione e al<strong>la</strong> compattezza di un<br />

gruppo da far crescere gradualmente nel passaggio<br />

dal<strong>la</strong> C al<strong>la</strong> B2 <strong>in</strong>serendo elementi di esperienza che<br />

potessero dare al<strong>la</strong> squadra un contributo tecnico senza<br />

stravolgimenti e senza alterarne gli equilibri».<br />

Si punta sui giovani <strong>in</strong> cab<strong>in</strong>a di regia. Nico<strong>la</strong> Cecato<br />

è un palleggiatore c<strong>la</strong>sse 1988 che ha già fatto esperienza<br />

fra il vivaio di Trento <strong>in</strong> A1 e <strong>la</strong> B1 affrontata da<br />

vice a Castelferretti ma a <strong>Jesi</strong> è al<strong>la</strong> <strong>sua</strong> prima vera<br />

esperienza da tito<strong>la</strong>re. E sta rispondendo molto bene. Il<br />

suo vice Edoardo Bartol<strong>in</strong>i, c<strong>la</strong>sse 1990, viene dal<br />

vivaio leoncello e nel<strong>la</strong> passata stagione fra gli under<br />

18 impegnati nel campionato di Prima categoria ha<br />

conquistato con <strong>la</strong> seconda squadra dell’A.S. Volley <strong>Jesi</strong><br />

<strong>la</strong> promozione <strong>in</strong> D. Libero è Mirco Bari, confermato nel<br />

gruppo nel passaggio dal<strong>la</strong> C al<strong>la</strong> B2, <strong>in</strong> cui ha affrontato<br />

lo scorso anno <strong>la</strong> prima esperienza del<strong>la</strong> <strong>sua</strong> car-<br />

Azioni di gioco del<strong>la</strong> Vecci Bpa<br />

riera sportiva <strong>in</strong> un bel percorso di crescita.<br />

Qu<strong>in</strong>di il reparto schiacciatori: i cug<strong>in</strong>i Marco e Cristiano<br />

Gher<strong>la</strong>nt<strong>in</strong>i sono arrivati a rafforzare il settore<br />

dal<strong>la</strong> B1 di Falconara, Marco Pallottelli è stato confermato<br />

dopo <strong>la</strong> scorsa stagione di B2, Alessandro<br />

Giampieri ha fatto <strong>in</strong>sieme al<strong>la</strong> A.S. Volley <strong>Jesi</strong> tutta <strong>la</strong><br />

strada dal<strong>la</strong> C al presente. E poi c’è Massimiliano Cerioni.<br />

«Da anni bandiera e capitano di questa squadra -<br />

commenta Luca Vecci - un esempio di attaccamento<br />

al<strong>la</strong> società e di correttezza sportiva». Tutti riconfermati<br />

i centrali: Filippo Beldomenico dall’anno del salto<br />

dal<strong>la</strong> C, Luca Luconi e Michele Stoico dallo scorso torneo.<br />

Da opposti, ecco Filippo Renzi, elemento esperto<br />

proveniente dal piano superiore, ed il giovane Federico<br />

Morichelli, anche lui promosso <strong>in</strong> prima squadra dopo <strong>la</strong><br />

vittoria del campionato ottenuta nel<strong>la</strong> passata stagione<br />

con <strong>la</strong> seconda da under 18.<br />

Ma l’A.S. Volley <strong>Jesi</strong> non è solo B2 (fra l’altro i ragazzi<br />

di Leonardi avranno anche l’opportunità di giocarsi,<br />

nel<strong>la</strong> f<strong>in</strong>ale con i cug<strong>in</strong>i del<strong>la</strong> Sab<strong>in</strong>i Castelferretti, <strong>la</strong><br />

Coppa Marche di Serie B). C’è una seconda squadra<br />

impegnata con buoni risultati <strong>in</strong> Serie D dopo <strong>la</strong> promozione<br />

dello scorso anno, allenata da Marco Soffici e<br />

targata Baldi per <strong>la</strong> Ristorazione. E c’è una terza, <strong>la</strong><br />

Mazzar<strong>in</strong>i Office-Elettronic Center, guidata da Umberto<br />

Romagnoli ed Andrea Spargoli con una nidiata di under<br />

18 nel torneo di Seconda categoria.<br />

«Paralle<strong>la</strong>mente all’attività dei grandi c’è un vivaio<br />

riqualificato – spiega Luca Vecci – e che con i suoi oltre<br />

100 iscritti è un grosso punto di riferimento pal<strong>la</strong>volistico<br />

per <strong>la</strong> zona e per <strong>la</strong> Valles<strong>in</strong>a. Umberto Romagnoli<br />

ne è il coord<strong>in</strong>atore tecnico». Riccardo Lucchetti, Corrado<br />

Squart<strong>in</strong>i, Laura Bigi sono gli altri tecnici del set-<br />

43<br />

tore giovanile del<strong>la</strong> A.S. Volley <strong>Jesi</strong>.<br />

«Un settore giovanile – spiegano Vecci e Romagnoli –<br />

impegnato nel progetto Volley Club, nel<strong>la</strong> col<strong>la</strong>borazione<br />

con <strong>la</strong> società del San Marcello e nei legami stretti e<br />

da str<strong>in</strong>gere con le altre realtà del<strong>la</strong> Valles<strong>in</strong>a. Il progetto,<br />

ambizioso, è quello di arrivare a costruire un<br />

importante ed artico<strong>la</strong>to polo del volley. E poi c’è <strong>la</strong> col<strong>la</strong>borazione<br />

con le scuole a partire dal m<strong>in</strong>i volley e con<br />

il settore promozionale del<strong>la</strong> Federazione Pal<strong>la</strong>volo».<br />

Intanto è fresco l’importante accordo di sponsorizzazione<br />

con un altro amico <strong>in</strong> più del volley cittad<strong>in</strong>o, <strong>la</strong><br />

Cartotecnica Jes<strong>in</strong>a. Il responsabile organizzativo e<br />

del<strong>la</strong> segreteria Pier<strong>in</strong>o Gagliard<strong>in</strong>i, quello per <strong>la</strong> D<br />

Mauro Grilli, <strong>la</strong> responsabile dei campionati Silvia<br />

Sebastianelli, l’addetto agli arbitri Luciano Bartol<strong>in</strong>i ed<br />

il fisioterapista Roberto Bruschi completano e compongono<br />

lo staff con cui anche <strong>la</strong> pal<strong>la</strong>volo maschile jes<strong>in</strong>a<br />

è tornata a guardare <strong>in</strong> alto.


44<br />

L’Album di JV<br />

Il dialetto di Marco Bord<strong>in</strong>i<br />

LA CAPPOTTADA DEL ’63<br />

Co’ ‘na seicento che parêa ‘n caldaro<br />

bôna pe’ portà giù da Cadà,<br />

rveniâmo a casa da ballà,<br />

‘l 6 mad<strong>in</strong>a, mese de gennaro.<br />

De neve n’avéa fatta ‘na ‘ncaciada;<br />

‘n freddo cà da fatte strombolì<br />

ma, grazie al pieno, riferido al vì,<br />

sciojêa pure <strong>la</strong> strada già ge<strong>la</strong>da.<br />

Pasticca, ‘l più ‘n bêuda, che guidâa;<br />

vic<strong>in</strong>o a lu’, ‘nzocchido, Tarabello<br />

de diedro io, Supposta co’ ‘l fradello<br />

che a ogni curva ‘l vì je traboccâa.<br />

QUATTRO FRATELLI<br />

La foto ritrae i quattro fratelli Allegr<strong>in</strong>i chiamati<br />

tutti contemporaneamente sotto le armi durante<br />

<strong>la</strong> prima guerra mondiale, 1915-18. Nell’occasione<br />

comune di un ritorno a casa per una licenza,<br />

decisero di farsi scattare questa foto tutti <strong>in</strong>sieme,<br />

<strong>in</strong> divisa. Sono Ugo (morto <strong>in</strong> seguito per<br />

ferite di guerra), Aldemiro, Basilio e seduto<br />

Attilio.<br />

La foto ci è stata gentilmente fornita dal<strong>la</strong> signora<br />

Aida Solidea Allegr<strong>in</strong>i, figlia di Attilio.<br />

Quanno sêmo ‘nte ‘n bivio no’ sbandàmo!<br />

La mach<strong>in</strong>a ce parte a capocollo<br />

strigiamo, da prima ‘nte ‘n bedollo,<br />

po’ drendo ‘l fosso dritti e cappottàmo.<br />

‘L macello, ve ‘l <strong>la</strong>sso ‘mmag<strong>in</strong>à!<br />

Ma sci de fatto n’ è arivada l’ora<br />

e, ciài <strong>la</strong> sorte da <strong>la</strong> parte bôna,<br />

‘l Padreterno non te vôle pîà!<br />

Pasticca però, ciàvudo ‘n momentaccio!<br />

Tarabello, no’ ‘l volêa ‘mmazzà!<br />

J’avêa ‘cchiappado ‘l collo co’ le mà<br />

e je ‘l torcêa come a ‘n gall<strong>in</strong>accio.<br />

Sci no’ je levêamo da le mà<br />

l’avêa guasci guasci che strozzado!<br />

L’impregaziò, gente mia, che j’ha mannado<br />

de tutti i tipi che se pô trôà!<br />

Personaggi del , 900<br />

Giuseppe Campitelli<br />

di giuseppe luconi<br />

Nato a <strong>Jesi</strong> il 10 ottobre del 1926, Giuseppe Campitelli<br />

aveva avuto <strong>la</strong> <strong>sua</strong> prima formazione artistica <strong>in</strong> famiglia,<br />

frequentando <strong>la</strong> “bottega” del padre, Amedeo, e lo<br />

studio del cug<strong>in</strong>o Corio<strong>la</strong>no. “La tendenza artistica –<br />

disse – me l’ho portata dietro f<strong>in</strong> da ragazzo. Forse perché<br />

sono sempre vissuto <strong>in</strong> un ambiente partico<strong>la</strong>re dal<br />

punto di vista artistico: mio padre, Amedeo, era un<br />

decoratore e dip<strong>in</strong>geva assai bene. Mio cug<strong>in</strong>o Corio<strong>la</strong>no<br />

era uno scultore. In casa, qu<strong>in</strong>di, si è sempre<br />

respirata una certa aria…”.<br />

Il padre aveva <strong>la</strong>vorato anche nel<strong>la</strong> cappel<strong>la</strong> del<br />

Santuario delle Grazie. Il cug<strong>in</strong>o si era fatto notare per<br />

le sue opere <strong>in</strong> partico<strong>la</strong>re a Roma, dove si era trasferito<br />

e dove Giuseppe aveva frequentato per qualche<br />

tempo il suo studio: di Corio<strong>la</strong>no <strong>la</strong> statua del calciatore<br />

al Centro sportivo capitol<strong>in</strong>o delle Scuole per i Vigili<br />

del Fuoco; suo anche un bozzetto del monumento per<br />

<strong>la</strong> celebrazione delle Olimpiadi di Roma, nel 1960.<br />

Giuseppe Campitelli nel 1945 si era diplomato geometra<br />

al “Cuppari” di <strong>Jesi</strong>, ma <strong>la</strong> <strong>sua</strong> vocazione artistica<br />

aveva f<strong>in</strong>ito con il prevalere; l’amore per <strong>la</strong> pittura e<br />

quello – soprattutto – per <strong>la</strong> scultura avevano segnato<br />

<strong>la</strong> <strong>sua</strong> vita. Nel 1948 si era diplomato al liceo artistico<br />

di Roma. Dal 1954 al 1981 aveva <strong>in</strong>segnato educazione<br />

artistica nelle scuole medie e negli istituti tecnici superiori.<br />

Esperto nel<strong>la</strong> progettazione architettonica e dell’ambiente<br />

urbano, dal 1964 era stato membro del Consiglio<br />

degli Istituti Riuniti di Beneficenza. Eletto consigliere<br />

comunale nel<strong>la</strong> lista del partito socialista italiano alle<br />

amm<strong>in</strong>istrative del 1970 e del 1975, nello stesso periodo<br />

era stato anche assessore comunale all’urbanistica.<br />

Le sue opere più significative appartengono al<strong>la</strong><br />

scultura, che prediligeva, perché – diceva – “con <strong>la</strong><br />

scultura riesco ad esprimere meglio me stesso”. “Artista<br />

figurativo – è stato scritto di lui – <strong>in</strong> tutta <strong>la</strong> <strong>sua</strong> carriera<br />

si è dedicato al<strong>la</strong> ricerca cont<strong>in</strong>ua di soluzioni p<strong>la</strong>stico-formali<br />

che esprimessero di volta <strong>in</strong> volta il proprio<br />

e personale modo di porsi di fronte al<strong>la</strong> figura<br />

umana”.<br />

La <strong>sua</strong> opera più nota è il monumento <strong>in</strong> travert<strong>in</strong>o<br />

e bronzo ai Caduti di tutte le guerre (1967), davanti<br />

al<strong>la</strong> p<strong>in</strong>eta di viale Cavallotti. “La compostezza e serietà<br />

del soggetto e <strong>la</strong> perfetta ambientazione nel luogo<br />

dove doveva sorgere” avevano conv<strong>in</strong>to tutti che sarebbe<br />

stato “un monumento degno del<strong>la</strong> città": così il<br />

Consiglio comunale, chiamato a deliberare nel<strong>la</strong> seduta<br />

del 31 maggio 1965.<br />

Sono di Giuseppe Campitelli anche il monumento al<br />

bersagliere (1985), <strong>in</strong> travert<strong>in</strong>o, negli orti Pace sotto le<br />

mura di <strong>Jesi</strong>, e il monumento ai valori universali del<strong>la</strong><br />

vita “Operosità, pace, progresso” (1990) <strong>in</strong> pietra, a<br />

Castelbell<strong>in</strong>o Stazione. Per <strong>la</strong> cappel<strong>la</strong> dell’ospedale,<br />

nel ’58 aveva eseguito l’altorilievo <strong>in</strong> bronzo “La Resurrezione”.<br />

Altro bassorilievo, pure <strong>in</strong> bronzo, del 1980,<br />

quello presente nel<strong>la</strong> scuo<strong>la</strong> elementare “Eraclio Cappann<strong>in</strong>i”<br />

che ricorda il partigiano jes<strong>in</strong>o ucciso dai tedeschi<br />

durante l’ultima guerra. Per il Comune di San Paolo<br />

di <strong>Jesi</strong> nel 1982 aveva eseguito il busto <strong>in</strong> bronzo di<br />

Domenico Ricci, l’appuntato dei carab<strong>in</strong>ieri ucciso a<br />

Roma dalle brigate rosse mentre con altri era di scorta<br />

all’on. Aldo Moro. Da segna<strong>la</strong>re anche l’altorilievo <strong>in</strong><br />

bronzo raffigurante “Cristo Eucaristico” (2001) per il<br />

cimitero comunale di San Marcello.<br />

Giuseppe Campitelli è morto il 2 marzo del 2005.<br />

Giuseppe Campitelli: <strong>in</strong> alto mentre sta <strong>la</strong>vorando al monumento<br />

ai Caduti di tutte le guerre, <strong>in</strong> basso nel suo studio.<br />

45


46 AGENDA<br />

ANAGRAFE<br />

Nati residenti a <strong>Jesi</strong><br />

Zangiacomi Federico, Murrone Diego, Catani Giulia,<br />

Cresc<strong>in</strong>i Alessandro, Cresc<strong>in</strong>i Ariel, Cassano Gianluca,<br />

Dates Laura Ioana, Galli Giulia, Fur<strong>la</strong>ni Nicolò, Mei Alice,<br />

Ascione Viviana Maria, Cacciamani Loris, Mostefai Heba<br />

Fatimazohra, Mercanti Giulia, Allegr<strong>in</strong>i Giulia, Santarelli<br />

Vittoria, Mazzar<strong>in</strong>i Anna, Bosi Federico, Zannoni Alice,<br />

Lannutti Alessandro, Parmar Simranuir Kaur.<br />

Deceduti residenti a <strong>Jesi</strong><br />

Brutti Ferrida di anni 66, Mol<strong>in</strong>ari Lidu<strong>in</strong>a di anni 95,<br />

Chiaraluce Ebe di anni 84, Colocci Guglielma di anni 75,<br />

Gasparri Cesare di anni 79, Rossetti Marsilia di anni 98,<br />

Collesi Danie<strong>la</strong> di anni 58, Santarelli Luisa di anni 85,<br />

Sabbioni Iris di anni 89, Ca<strong>la</strong>mante Pasqual<strong>in</strong>a di anni 88,<br />

Morici Os<strong>la</strong>vio di anni 80, Campanelli Maria di anni 78,<br />

Barchiesi Paolo di anni 51, Gagliard<strong>in</strong>i Cater<strong>in</strong>a di anni 89,<br />

Pieretti Rita di anni 77, Tantucci Silvio di anni 84.<br />

Deceduti residenti <strong>in</strong> Valles<strong>in</strong>a<br />

Pasqu<strong>in</strong>i Paol<strong>in</strong>a di anni 87 di Maio<strong>la</strong>ti Spont<strong>in</strong>i, Lat<strong>in</strong>i<br />

Anna Maria di anni 75 di Monte Roberto, Avaltroni<br />

Nazzareno di anni 86 di Monte Roberto, Rossi V<strong>in</strong>cenz<strong>in</strong>a<br />

di anni 95 di Filottrano, Civerchia Elio di anni 72 di<br />

Maio<strong>la</strong>ti Spont<strong>in</strong>i, Filipponi Fausta di anni 87 di Staffolo,<br />

Civerchia Aurelio di anni 95 di Castelp<strong>la</strong>nio, Anderlucci<br />

G<strong>in</strong>o di anni 81 di Monsano, Montecchiani Ig<strong>in</strong>o di anni<br />

76 di Monsano, Mazzuferi Remo di anni 80 di C<strong>in</strong>goli,<br />

Federici Vio<strong>la</strong>nte di anni 86 di Cupramontana, Amadio<br />

Ardito di anni 88 di Cupramontana, Baldi Elio di anni 88<br />

di Belvedere Ostrense, Santarelli Mario di anni 56 di<br />

Monte Roberto, Maio<strong>la</strong>tesi Gildo di anni 83 di Maio<strong>la</strong>ti<br />

Spont<strong>in</strong>i, Pieragost<strong>in</strong>i Qu<strong>in</strong>ta di anni 80 di Serra San<br />

Quirico, Varano Giovanna di anni 86 di Staffolo.<br />

Matrimoni<br />

Memè Marco e Garb<strong>in</strong>i Sonia, Mazzar<strong>in</strong>i Dimitri e<br />

Mazzufferi Natalia.<br />

09.03.05 - 09.03.09<br />

Nel 4° anniversario<br />

del<strong>la</strong> scomparsa di<br />

MARIA PROCICCHIANI<br />

<strong>in</strong> MAGNONI<br />

il marito Umberto, le<br />

figlie Fiorisa e Mirel<strong>la</strong>,<br />

le nipoti e tutti i suoi cari<br />

<strong>la</strong> ricordano con immutato<br />

affetto. Una messa<br />

sarà celebrata nel<strong>la</strong> parrocchia<br />

di San Giuseppe<br />

il 9 marzo alle ore 18.30<br />

28.04.1935 13.02.2009<br />

ALBERTO BOCCHINI<br />

Tutto quello che ci<br />

circonda ci par<strong>la</strong> di te,<br />

ti ricorderemo sempre<br />

con tanto affetto.<br />

Tuo fratello, tua sorel<strong>la</strong>,<br />

i tuoi nipoti e pronipoti.<br />

n.03.07.1944 m.07.03.2008<br />

Il 7 marzo ricorre il 1° anniversario<br />

del<strong>la</strong> scomparsa di<br />

MARIA GRAZIA BOSI<br />

<strong>in</strong> ROSINI<br />

Un anno è trascorso, ma<br />

<strong>la</strong> dolcezza ed il tuo amore<br />

aleggiano sempre <strong>in</strong><br />

tutti noi. Sei e sarai sempre nei nostri cuori e pensieri.<br />

Ciao moglie adorata, madre e nonna amorevole.<br />

Sarà celebrata una s. messa sabato 14 marzo alle<br />

ore 18.30, presso <strong>la</strong> chiesa di San Giuseppe.<br />

Nel 7° anniversario del<strong>la</strong><br />

scomparsa di<br />

ORESTE CATANI<br />

i suoi cari lo ricordano<br />

con tanto affetto e rimpianto<br />

a tutti coloro che<br />

lo conobbero.<br />

JOAN PORCARELLI<br />

Le famiglie Stanis<strong>la</strong>o e<br />

Sergio Montelli si str<strong>in</strong>gono<br />

vic<strong>in</strong>o a tutti voi<br />

<strong>in</strong> <strong>questo</strong> triste<br />

momento per <strong>la</strong> prematura<br />

scomparsa del<strong>la</strong><br />

cara Joan e porgono le<br />

loro più sentite condoglianze<br />

al Dottor<br />

Francesco Porcarelli.<br />

n.22.03.1934 m.28.02.2007<br />

Nel 2° anniversario<br />

del<strong>la</strong> scomparsa di<br />

GILBERTO<br />

BEZZECCHERI<br />

lo ricordano con tanto<br />

amore <strong>la</strong> moglie<br />

Tatiana, il figlio Stefano,<br />

<strong>la</strong> nuora Danie<strong>la</strong> e <strong>la</strong><br />

nipot<strong>in</strong>a Agnese.<br />

Il 9 marzo ricorre<br />

il 5° anniversario<br />

del<strong>la</strong> scomparsa di<br />

GERMANA STRONATI<br />

il marito, i figli e i<br />

nipoti <strong>la</strong> ricordano con<br />

immutato affetto a tutti<br />

quelli che <strong>la</strong> conobbero<br />

e le vollero bene.<br />

Nel 29° anniversario<br />

del<strong>la</strong> scomparsa di<br />

UMBERTO BARBONI<br />

<strong>la</strong> moglie Quart<strong>in</strong>a e il<br />

figlio Romano lo ricordano<br />

a tutti coloro che<br />

lo hanno conosciuto.<br />

Nel 6° anniversario del<strong>la</strong><br />

morte di<br />

MARIO<br />

BELARDINELLI<br />

<strong>la</strong> moglie, i figli, <strong>la</strong> nuora<br />

e il nipote lo ricordano<br />

agli amici e parenti che<br />

lo stimarono <strong>in</strong> vita.<br />

Una santa messa sarà<br />

celebrata nel<strong>la</strong> chiesa<br />

Reg<strong>in</strong>a del<strong>la</strong> Pace il 1°<br />

marzo alle ore 11.<br />

09.03.1992 09.03.2009<br />

In ricordo di<br />

ALFIO<br />

FIORDELMONDO<br />

Con nostro padre<br />

Ritorna vecchia estate,<br />

portaci il profumo degli orti,<br />

i nidi delle rond<strong>in</strong>i sui tetti,<br />

<strong>la</strong> vecchia casa piena di canti e grida gioiose,<br />

donaci il tenero abbraccio del<strong>la</strong> mamma,<br />

al crepuscolo l’Ave Maria delle campane!<br />

Ritorna vecchia estate,<br />

dacci <strong>la</strong> f<strong>in</strong>estra dove da ragazz<strong>in</strong>e<br />

con i gomiti sul davanzale<br />

e i volti baciati dal sole<br />

aspettavamo te babbo che tornavi da <strong>la</strong>vorare.<br />

Per noi eri una persona speciale, ti volevamo bene.<br />

Tu ci amavi da morire.<br />

Sei un dolce ricordo, un nostalgico sogno.<br />

Ritorna vecchia estate,<br />

dacci le lunghe passeggiate felici e spensierate<br />

<strong>in</strong> bicicletta con lui<br />

nelle strade tortuose, tra siepi odorose,<br />

all’ombra di gelsi e querce giganti,<br />

il canto degli uccelli tra le fronde.<br />

Ritorna vecchia estate, dacci i nostri sogni<br />

portaci i rigogliosi pascoli erbosi<br />

macchiati di papaveri rossi<br />

e nell’aria il delicato profumo di viole.<br />

Che egli possa vedere ancora<br />

il correre gioioso di noi fanciulle<br />

con i lunghi capelli al vento<br />

tra i campi ondeggianti di grano,<br />

mentre <strong>la</strong> calda brezza ci riporta<br />

il chiamar del<strong>la</strong> <strong>sua</strong> voce forte e chiara.<br />

Ritorna vecchia estate,<br />

dacci quel mare blu chiazzato di vele lontane<br />

e camm<strong>in</strong>are per mano con lui sul<strong>la</strong> sabbia dorata<br />

f<strong>in</strong>o al ca<strong>la</strong>r del sole.<br />

Ritorna vecchia estate, portaci le chiare notti stel<strong>la</strong>te<br />

di quando sognavamo pr<strong>in</strong>cipi e fate<br />

mentre una melodia di viol<strong>in</strong>i cul<strong>la</strong>va i nostri sogni.<br />

Ancor ora nelle notti d’estate al chiaror delle stelle<br />

echeggia nell’aria una dolce nostalgica melodia.<br />

È <strong>la</strong> voce del tuo cuore babbo<br />

che da allora cul<strong>la</strong> i nostri sogni con amore.<br />

Luana e Primu<strong>la</strong><br />

47

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!