2 - Libera Accademia di Roma

accademialar.it

2 - Libera Accademia di Roma

La Libera Accademia di Roma e l’Università Popolare dello Sport sono due associazioni - una di promozione sociale

e culturale e l’altra di promozione di cultura del benessere e dello sport - che condividono intenti e progetti e hanno

cooperato alla realizzazione del “Grande Almanacco”.

Le due associazioni considerano la conoscenza e la cultura un bene comune che deve essere accessibile a tutti, una

risorsa imprescindibile per partecipare in piena consapevolezza alla vita sociale con spirito critico e capacità comunicative

e relazionali. Apprendere è un percorso di arricchimento e crescita che si sviluppa nell’intero arco della vita

delle persone e che permette evoluzione, confronto, dialogo fra culture vicine e più lontane, facilita la capacità di

accoglienza, comprensione e relazione tra individui e gruppi. Il Sapere è per noi circolazione di conoscenze e sviluppo

di competenze non settoriali e specializzanti ma quanto più possibile globali e diffuse, come una fonte energetica

che alimenta la convivenza sociale.

Nel nostro progetto il Benessere è letteralmente la capacità di stare bene con sé stessi e con gli altri, e il nostro

intento è stimolare nelle persone la ricerca di uno stile di vita in cui siano predominanti i valori della solidarietà, della

comprensione e accettazione delle diversità; in cui il rispetto dei beni naturali e comuni sia vissuto nel quotidiano,

siano essi beni fruibili o beni culturali e artistici in stretta connessione con il rispetto della propria persona

Per questa visione la nostra proposta di corsi e attività, che spazia dall’Antropologia allo Yoga, dal Canto alla Fotogra a,

dalla Storia delle Religioni alla Lingua Araba, assume il senso non solo di fornire un’opportunità formativa a chi voglia

coglierla, ma anche di consentire la partecipazione allo sviluppo sostenibile di una società che si rinnova. I luoghi

dove si realizzano le attività sono per noi spazi polivalenti di accoglienza e socializzazione in cui i partecipanti possono

apprendere e condividere, avere più opportunità di scambio e confronto, vivere attivamente il processo formativo. I

nostri docenti sono dei veri operatori culturali, forti della loro professionalità speci ca e della sedimentata esperienza

di conduzione di gruppi. Favoriscono il contatto tra le persone e ampli cano curiosità e stimoli che vanno oltre le

speci che competenze trasmesse attraverso la disciplina che trattano.

La nostra ambizione è di arrivare a molti, permettere a molti cittadini di conoscere il nostro progetto e di condividere

un percorso che si possa sempre più sviluppare, per creare una società attiva, partecipativa, attenta ai valori fondamentali

del vivere sociale e in grado di promuovere coesione, perché il tempo che viviamo sia migliore e il futuro che

possiamo costruire sia come molti desiderano. Siamo sensibili a quelle ri essioni che oggi spingono alla riscoperta

dell’essenzialità e dell’accuratezza, in opposizione a un consumo immotivato, a una crescita esponenziale, alla sacralizzazione

del super uo. Abbiamo allora pensato per questo Almanacco una veste gra ca essenziale, abbiamo preferito

il bianco e nero e scelto una carta non patinata, così da impedire che i costi, in questo caso super ui, in uissero

sul costo complessivo delle attività da noi proposte.

Una scelta ragionata e condivisa, all’insegna della sostenibilità per tutti, come è ormai nella nostra tradizione: una

scelta “capace di futuro“.

Questo intervento condiviso da tutti noi gruppo di lavoro Lar e Ups è stato scritto da Silvia Costantini

ASD Università Popolare dello Sport

Associazione Sportiva dilettantistica

Sede legale

Via Flavio Stilicone, 41 - Roma

Sede organizzativa

V.le Giulio Cesare, 78 - Roma

Consiglio Direttivo

Presidente Giuseppe D’Agostino

Vicepresidente Francesco Savastano

Consiglieri

Susanna Bucci - Federica Caglio - Stefano De Camillis - Rocco Ruggiero

Giuseppina Santonastaso

Collegio dei Sindaci

Presidente Paolo Citernesi

Sindaci Fabio Angelini - Alessandro Zanini

Contatti

0637716363 - V.le Giulio Cesare, 78 0699702866 – Via Flavio Stilicone, 41

info@universitapopolaredellosport.it

formazione@universitapopolaredellosport.it

Silvia Costantini: s.costantini@universitapopolaredellosport.it

Rubina D’Errico: amministrazione@universitapopolaredellosport.it

Massimiliano Resta: m.resta@universitapopolaredellosport.it

Giuseppe D’Agostino: presidente@universitapopolaredellosport.it

Volontari

Diana De Marinis - Stefania Pizzonia - Libera Savi Scarponi - Maurizio Tinebra

www.universitapopolaredellosport.it

C.F. 97109510582

P.I. 04805551001

2

LIBERA ACCADEMIA DI ROMA

Associazione di promozione sociale

Sede legale e sede organizzativa

Viale Giulio Cesare, 78 – Roma

Consiglio direttivo

Presidente Giovanni Gava

Vicepresidente Rita Ricci

Consiglieri

Andrea Bagnulo

Silvia Costantini

Cettina Conti

Stefano De Camillis

Paola Raiola

Collegio Revisori dei conti

Presidente Silvio Mencarelli

Sindaci Antonella Martini - Giovanni Del Savio

Contatti

0637716304-5 – V.le Giulio Cesare, 78

info@accademialar.it

presidenza@accademialar.it

didattica@accademialar.it

amministrazione@accademialar.it

curriculum@accademialar.it

www.accademialar.it

C.F. 97655190581


Acquerello - 12

Antropologia - 12, 13

Arabo - 43, 44

Archeologia - 14, 15

Atletica e Ginnastica posturale - 16

Balli di gruppo latino americani - 16, 17

Balli di sala - 16, 17

Basso - 49

Batteria - 49

Botanica - 27

Bridge - 27

Canto moderno, lirico e jazz - 50

Chitarra - 51

Computer music - 52

Coro Schola Cantorum - 50

Coro Il Piccolo di Roma - 50

Criminologia - 28

Cucina - 29, 30, 31

Danza del ventre - 17

Difesa personale - 17

Ebraico - 45

Erboristeria - 31

Feng Shui - 32

Filoso a - 32

Fotogra a - 33, 34, 35

Francese - 42, 43, 45

Geopolitica - 35

Ginnastica dolce - 18, 19

Ginnastica e stretching - 18, 19

Ginnastica in acqua - 19

Ginnastica posturale dinamica - 21, 21

Ginnastica posturale Feldenkrais - 21, 21

Ginnastica posturale Mézières - 21, 21

Ginnastica posturale Souchard - 21, 21

Ginnastica toni cante - 18, 19

Gra ca - 36

Guida all’ascolto della musica - 53, 54

Home Studio Recording - 52

Informatica - 36, 37

Inglese - 42, 43, 45, 46

Italiano per stranieri - 38, 39

Karate - 21

Latino - 40

Letteratura - 40, 41

Massaggio Ayurvedico - 21

Massaggio e automassaggio - 22

Medicina Tradizionale cinese - 48

Meditazione - 22

Mito, Musica e Letteratura - 48

Mosaico - 47

Nuoto - 23

Pasticceria - 29, 30, 31

Pianoforte - 52

Pilates - 19

Postural Pilates - 20, 21

Pittura - 56

Portoghese - 42, 43, 46

Psicologia - 56, 57

Qi Gong - 23

Restauro del libro - 58

Restauro dei dipinti - 58

Ri essologia cinese - 24

Scrittura creativa - 58, 59

Società e cittadinanza attiva - 59, 60

Sociologia - 60

Solfeggio e teoria musicale - 55

Spagnolo - 42, 43, 47

Storia - 61, 62

Storia dell’arte - 63, 64, 65, 66

Storia della musica - 53, 54

Storia delle religioni - 67

Swing Lindy Hop & Charleston - 16, 17

Taiji Quan - 24, 25

Tango - 24

Tastiera - 54

Teatro - 67

Tedesco - 42, 43, 47

Tennis - 25

Yoga - 25, 26

Aggiornamento in ginnastica posturale - 74

Aggiornamento in tecniche di movimento per la terza età - 76

Counselling professionale - 78

Corso di Management dello Sport - 80

Scuola di formazione in Naturopatia - 82

Percorso Salute - 84

Scuola di formazione in Ri essologia - 71

Scuola di formazione in Shiatsu Namikoshi - 86

Scuola di formazione al volontariato e alla cittadinanza attiva - 88

Scuola di formazione per insegnanti di Yoga - 90

3


Ostia - Spinaceto

Spinaceto Cultura

Via Carlo Avolio, 60

Discipline: Ginnastica dolce e posturale

Virtus Club

Via Bellot, 32 (trenino)

Discipline: Ginnastica dolce

Portuense

Circolo PD

Via P. Venturi, 33

Discipline:

Inglese

Letteratura

Storia dell’Arte

Garbatella - Ostiense

La Villetta – Circolo Cinelli

Via F. Passino, 26 (Metro B Garbatella)

Discipline: Storia

Polisportiva S. Paolo

V.le S. Paolo, 12

Discipline: Tennis

Scuola Media A. Severo

Via A. Severo,208

Discipline: Ginnastica posturale e Hatha Yoga

Caracalla

Stadio Nando Martellini

Via G. Baccelli (Metro B Circo Massimo)

Discipline: Atletica e Ginnastica posturale

4

Monteverde

Planetarietà

Via P. Falconieri, 84

Segreteria: Mercoledì 15-18 e

Giovedì 10-12.30

Discipline:

Erboristeria

Fotogra a

Ginnastica posturale

Hatha Yoga

Informatica

Inglese

Letteratura

Qi Gong

Taiji Quan

Tedesco

Cassia

Parrocchia S. Giuliano

Via Cassia, 1036

Discipline:

Archeologia

Ginnastica

Spagnolo

Storia delle religioni

Prati - Ottaviano

Sede centrale

V.le Giulio Cesare, 78 (Metro A Ottaviano)

Segreteria: dal lunedì al venerdì 9-18,30

Discipline:

Acquerello

Antropologia

Arabo

Archeologia

Botanica

Bridge

Criminologia

Ebraico

Erboristeria

Feng Shui

Filoso a

Fotogra a

Francese

Geopolitica

Guida all’ascolto della musica

Informatica

Inglese

Italiano per stranieri

Latino

Letteratura

Massaggio Ayurvedico

Medicina Tradizionale cinese

Mito, Musica e Letteratura

Mosaico

Portoghese

Pittura

Psicologia

Scrittura creativa

Società e cittadinanza attiva

Sociologia

Spagnolo

Storia

Storia dell’Arte

Storia delle religioni

Restauro

Scuole di Formazione

Palestra Silver Gym

Via Simone de Saint Bon, 5 (Metro A Ottaviano)

Discipline:

Ginnastica dolce

Feldenkrais

Hatha Yoga

Postural Pilates

Taiji Quan

Scuole di Formazione


Repubblica - Cavour

Sede LAR-UPS

Via Palermo, 28 – (Metro A Repubblica –

Metro B Cavour)

Segreteria: dal lunedì al venerdì 9-13 e 15-18,30

Discipline:

Archeologia

Balli di gruppo

Basso

Danza del ventre

Canto moderno, lirico e jazz

Computer music

Chitarra

Francese

Ginnastica dolce

Ginnastica posturale

Hatha Yoga

Meditazione

Pianoforte

Pilates

Scrittura creativa

Storia della musica

Swing Lindy Hop & Charleston

Tango

Tastiera

Teatro

Scuole di Formazione

Parrocchia SS Gioacchino e Anna ai Monti

Via Monte Polacco 5 – (Metro A Termini –

Metro B Cavour)

Discipline:

Antropologia

Coro Schola Cantorum

Criminologia

Francese

Inglese

Solfeggio

Spagnolo

Storia

Pigneto

Casa delle Culture e delle Generazioni

via Isidoro da Carace, 18

Segreteria: Lunedì e Giovedì

h.17-19 tel. 338/7715447

Discipline:

Fotogra a

Informatica

Inglese

Spagnolo

Flaminio

ASD R70

Lungotevere Thaon De Revel, 3 (P.zza Mancini)

Discipline:

Ginnastica dolce

Feldenkrais

Hatha Yoga

Pilates

Tecniche di massaggio

MasRigStudio

Via Andrea sacchi,6 (Ponte Milvio)

Discipline: Fotogra a

5

Nomentano

c/o Associazione Mani Pura

Via Nomentana, 248

Segreteria: Mercoledì h. 10-12 e Venerdì h. 16-18

Discipline:

Archeologia

Fotogra a

Francese

Inglese

Letteratura

Palestra Olympia

Via Nomentana, 643

Discipline:

Ginnastica posturale

Hatha Yoga

Meditazione

Cinecittà – Appio Tuscolano

Centro Sport e Benessere

Via Flavio Stilicone, 41 (Metro A Lucio Sestio)

Segreteria: dal lunedì al venerdì 10-18

Discipline:

Bridge

Difesa personale

Ginnastica

Ginnastica posturale

Hatha yoga

Inglese

Letteratura

Karate

Qi Gong

Ri essologia cinese

Spagnolo

Storia dell’Arte

Taiji Quan

Scuole di Formazione

Inforidea

V.le Anicio Gallo 3 (Metro A Giulio Agricola)

Discipline:

Inglese

B.F. Sporting Club

Via Cutilia, 15 (Metro A Re di Roma)

Discipline:

Ginnastica in acqua

Nuoto

Zagarolo

Palestra

Via Fontana della Prata, 1

Discipline: Hatha Yoga


Informazioni generali e modalità per le adesioni e le iscrizioni

La Libera Accademia di Roma (LAR) e l’ASD Università Popolare dello Sport (UPS) sono due associazioni che svolgono

attività rivolte ai propri soci. L’UPS organizza attività formative nell’ambito della corporeità, del benessere e dello

sport, la LAR in quello più generale della cultura. L’anno sociale va dal 1° luglio al 30 giugno dell’anno successivo.

Quota associativa

Per partecipare a tutte le attività organizzate dalla LAR e dall’UPS è necessario associarsi. La quota associativa

comprende polizza RC e infortuni.

In base all’attività a cui intendono partecipare, i soci riceveranno una tessera associativa speci ca: LAR per le attività

culturali in generale e UPS per quelle del benessere, corporeità e sport. Questo perché ciascuna tessera associativa

ha una copertura infortuni speci ca. La tessera associativa ha una durata pari all’anno sociale in cui questa viene

rilasciata e può essere di due tipologie:

Tessera “all inclusive” – 20,00 €

Dà la possibilità ai soci di aderire ai corsi, ai seminari, alle visite guidate, viaggi e in generale a tutte le attività

dell’associazione.

Tessera “Smart” – 5,00 €

Riservata ai soci che:

1. sono già in possesso della tessera associativa “all inclusive” di una delle due associazioni e desiderano

partecipare alle attività organizzate dall’altra associazione;

2. partecipano solo a visite guidate, seminari, incontri culturali.

Il socio che decide di passare dalla tessera “smart” a quella “all inclusive” può farlo integrando il costo della tessera.

I corsi e le attività

La partecipazione ai corsi, ai seminari, alle visite guidate e a tutte le attività culturali e formative non espressamente

gratuite, prevede un contributo da parte dei soci nella misura in cui viene speci cato nell’almanacco. Tutte le

informazioni riguardanti i corsi (data di inizio, giorno, orario, docente, contributo) sono riportati accanto a ogni corso

insieme a una sintesi dei contenuti del corso stesso. Le informazioni relative ai corsi hanno ottenuto conferma

al momento della stampa. Tuttavia, tra la pubblicazione dell’Almanacco e l’inizio dei corsi alcuni dati potrebbero

cambiare per cause indipendenti dalla nostra volontà. La LAR e l’UPS si riservano, quindi, il diritto di approntare

soluzioni alternative tali da garantire comunque la qualità didattica, i contenuti prede niti del corso e il suo regolare

svolgimento. Eventuali aggiornamenti e variazioni saranno tempestivamente segnalati sul sito della LAR e dell’UPS

e comunicati agli iscritti al corso in questione.

Contributi ai corsi

I contributi ai corsi sono stati calcolati secondo un criterio di sostenibilità per le economie delle associazioni. Ciò

signi ca che il contributo per ogni corso è stato stabilito in maniera tale da garantire un giusto compenso per il

docente, la copertura delle spese degli spazi didattici in cui il corso ha luogo, un equo margine per le spese del

l’organizzazione. Per questi motivi ogni corso potrà essere attivato solo se viene raggiunto un numero minimo di

iscrizioni tale da garantire il criterio di sostenibilità.

È possibile versare i contributi ai corsi in contanti o con assegno bancario recandosi presso le segreterie (vedi sez.

Sedi dei corsi e iscrizioni). Inoltre è possibile versare il contributo previsto tramite boni co bancario previo accordo

con le segreterie per la veri ca della disponibilità di posti nel corso prescelto. Coordinate bancarie:

Libera Accademia di Roma, IBAN - IT22 T 05034 03231 000000000958

ASD Università Popolare dello Sport, IBAN - IT16 A 03359 01600 100000003952

Iscrizione

E possibile iscriversi ai corsi recandosi presso le Segreterie della LAR e dell’UPS o in quelle sedi dove è espressamente

attivo il servizio delle iscrizioni nei giorni e negli orari previsti. Per iscriversi bisogna prima compilare in ogni sua

parte il modulo previsto. I pagamenti possono essere effettuati in contanti o con assegno. La Segreteria, una volta

effettuato il pagamento (quota associativa + contributo per il corso scelto), rilascerà la tessera associativa e una

ricevuta che il socio dovrà portare con sè in classe il primo giorno di lezione. La tessera e la ricevuta rappresentano

gli unici documenti amministrativi validi per essere ammessi ai corsi. Sulla ricevuta di pagamento sono riportati i dati

personali del socio. É cura del socio controllare l’esattezza dei dati, soprattutto per quanto riguarda i numeri telefonici

e l’indirizzo di posta elettronica per agevolare qualunque comunicazioni da parte dell’associazione.

Pagamento del contributo

La quota di partecipazione al corso deve essere versata in un’unica soluzione all’atto dell’iscrizione. É prevista una

rateizzazione solo per alcuni corsi. Tale indicazione e riportata nella sezione Corsi.

Attivazione dei corsi

I corsi che raggiungono il numero suf ciente di iscritti vengono regolarmente attivati nella data e nell’orario previsti

nell’Almanacco. La Segreteria non effettuerà alcuna comunicazione in merito alla partenza del corso. Sarà cura

dell’iscritto presentarsi a lezione. Qualora fossero apportati dei cambiamenti nella data di inizio del corso, nel suo

orario o nel nominativo del docente, sarà cura della Segreteria informare gli iscritti.

Qualora il corso non raggiunga un numero suf ciente di iscritti è possibile, previo accordo con gli stessi, proporre le

seguenti soluzioni: aumento della quota di partecipazione al corso, ripartendo in maniera proporzionale fra gli iscritti le

6


quote mancanti. In questo caso il numero di ore previste per il corso rimane immutato; riduzione delle ore del corso

mantenendo immutata la quota di partecipazione, in modo tale da coprire le spese del corso stesso.

Non attivazione dei corsi

Qualora il corso non venga attivato si inviterà il socio al passaggio a un corso simile o di altro genere in base ai

propri interessi. Se non venisse trovata alcuna soluzione si prevede la restituzione del contributo versato. La quota

associativa viene restituita se fatta esplicita richiesta.

Rimborsi

Il contributo al corso e la quota associativa vengono restituiti solo nei seguenti casi: non attivazione del corso;

modi che nel giorno, nell’orario o nella sede del corso tali da essere incompatibili con la frequenza al corso. É inoltre

possibile annullare la propria iscrizione – chiedendo il rimborso - solo entro una settimana prima dell’inizio del corso

stesso.

Cambiamenti di corso

É possibile effettuare passaggi di corso solo entro la seconda lezione e solo previa autorizzazione della Segreteria.

Certi cato

La partecipazione a tutti i corsi di Benessere e Sport richiede la presentazione di un certi cato medico di idoneità

per pratica sportiva non agonistica. Tale certi cato deve essere consegnato all’insegnante il primo giorno di lezione.

Altre informazioni

Variazioni occasionali all’interno dei corsi verranno comunicate dal docente. É buona prassi, quindi, che ogni classe

nomini un referente tra i partecipanti che abbia cura di avvertire gli eventuali assenti dei cambiamenti. Ciò crea una

migliore comunicazione all’interno del gruppo e un alleggerimento del carico di lavoro per l’organizzazione. I libri di

testo del corso, laddove previsti, sono a carico dei partecipanti e vengono indicati dal docente nel primo incontro in

classe. Eventuali altri materiali di consumo previsti per lo svolgimento del corso, cosi come eventuali fotocopie, sono

a carico dei partecipanti.

7


La Settimana della Cultura, Benessere e Sport

Dal 23 al 28 settembre 2013

Come da molti anni proponiamo a settembre una settimana di attività aperte e gratuite che si realizzano nelle sedi di programmazione

dei corsi annuali, per permettere ai cittadini interessati una partecipazione attiva, per sapersi bene orientare

nella scelta della disciplina da praticare. Sarà dunque possibile sperimentare le varie proposte nelle diverse sedi, conoscere

la didattica e i docenti, la tipologia di attività che più corrisponde alle personali esigenze, visionare i luoghi dove i corsi si

realizzano e poter scegliere con maggiore consapevolezza il corso che si vorrà frequentare durante l’anno. L’invito è aperto

sia ai nostri associati sia a tutti coloro che vorranno diventarlo; per i primi potrà essere occasione di spaziare tra le attività

conoscendo anche altre opportunità di benessere, per i neo ti, un’ef cace occasione per orientarsi nell’ampia proposta di

attività che promuoviamo.

Lezioni di Cultura e Benessere

La sede centrale di viale Giulio Cesare 78 (Prati), la sede di via Palermo 28 (Repubblica) e Planetarietà, via Paola

Falconieri 84 (Monteverde) saranno aperte a tutte le persone che desiderano sperimentare un primo contatto con le

diverse attività in programmazione.

Seguendo i calendari, in termini di giorni e orari, delle lezioni nelle tabelle in calce a ogni programma nella sezione dell’Almanacco

“Corsi per Tutti”, sarà possibile accedere a lezioni/incontro aperte e gratuite, utili a orientarsi all’interno della

nostra offerta formativa e a scegliere con maggiore sicurezza quale corso frequentare.

Lezioni di Benessere e Sport

I docenti dell’Università Popolare dello Sport sono professionisti esperti delle diverse discipline, molti sono formatori

di operatori e insegnanti all’interno delle nostre Scuole di Formazione, con competenze speci che e avanzate metodologie

didattiche per la gestione di gruppi di adulti e anziani nel campo delle attività rivolte al benessere (laureati,

sioterapisti, insegnanti specializzati).

La settimana di orientamento Benessere e Sport osserva il calendario di seguito riportato

Per partecipare è indispensabile effettuare una prenotazione nelle modalità di seguito elencate; per le attività benessere

e sport è necessario un abbigliamento comodo per la pratica.

Attività benessere e sport - prenotazioni

Segreteria v.le Giulio Cesare tel. 06.377.16.363, s.costantini@universitapopolaredellosport.it

Segreteria via Flavio Stilicone tel. 06.99.702.866, m.resta@universitapopolaredellosport.it

Attività in aula - prenotazioni

Segreteria v.le Giulio Cesare tel. 06.377.16.304-5, info@accademialar.it

Calendario Attività

Centro Sport e benessere di Via Flavio Stilicone, 41 (Metro Lucio Sestio)

Lunedì 23 settembre

Ore 9.30 Ginnastica con Liliana Restaino

Ore 10.30 Hatha Yoga con Patrizia Musso

Ore 15.30 Ginnastica posturale Mézières con Enrica Esposito

Ore 18 Ri essologia cinese con Chiara Lubrani

Ore 20 Jeet Kune Do con Federica Caglio

Martedì 24 settembre

Ore 9.30 Ginnastica posturale Souchard con A. Maria Pedace

Ore 20 Karate con Maurizio Gai

Mercoledì 25 settembre

Ore 11.30 Hatha Yoga con Luciana Zanier

Ore 13 Taiji Quan stile Chen con Claudio Bergamo

Ore 15 Ba Gua Taiji Qi Gong con Claudio Bergamo

Ore 18.30 Hatha Yoga con Luciana Zanier

8


Sede Via Palermo, 28 (Metro Repubblica-Via Nazionale)

Venerdì 13 settembre

Ore 21-23 Lezione aperta di Meditazione: il silenzio e lo sguardo con Mauro Bergonzi

Lunedì 23 settembre

Ore 16 Balli da sala con Mena Paola Ciarmela

Ore 17.30 Balli da sala con Mena Paola Ciarmela

Martedì 24 settembre

Ore 10 Ginnastica dolce con Elena Gonzalez Correa

Ore 11.15 Balli di gruppo latino americani con Elena Gonzalez Correa

Ore 16 Pilates Matwork con Gioia Cherchi

Ore 17.30 Hatha Yoga con Francesca Angelillo

Ore 19 Ginnastica posturale Mézières con Enrica Esposito

Ore 20.30 Tango argentino con Maria Pia Rosati

Mercoledì 25 settembre

Ore 11.30 Ginnastica posturale Feldenkrais con Andrea Vianello

Ore 15 Ginnastica posturale Mézières con Agnese D’Addario

Ore 17 Presentazione Scuole di Formazione professionale con i responsabili di settore

Ore 20.30 Swing Lindy Hop & Charleston con Valentina Raimondi

Giovedì 26 settembre

Ore 11.15 Ginnastica dolce con Vittoria La Costa

Ore 12.30 Ginnastica e stretching con Patrizia Leonet

Ore 13.30 Ginnastica posturale Feldenkrais con Patrizia Leonet

Ore 17.30 Ginnastica posturale Feldenkrais con Maria Grazia Sguera

Ore 19 Hatha Yoga con Elisabetta Moroni

Ore 20.30 Danza del ventre con Marianna Puledda

ASD R70 Lungotevere Thaon de Revel, 3 (Piazza Mancini)

Lunedì 23 settembre

Ore 11.30 Ginnastica dolce con Serena Priori

Ore 13 Ginnastica toni cante G.A.G con Serena Priori

Ore 17.30 Yoga dinamico con Laura Nardini

Martedì 24 settembre

Ore 16.30 Ginnastica posturale Feldenkrais con Patrizia Leonet

Ore 18 Postural Pilates con Patrizia Leonet

Mercoledì 25 settembre

Ore 17.30 Hatha Yoga con Franca Lopes

Giovedì 26 settembre

Ore 16 Ginnastica toni cante con Sergio De Camillis

Venerdì 27 settembre

Ore 19 Tecniche di massaggio e auto massaggio con Maria Pia Rosati

Sede Via Paola Falconieri, 84 (Monteverde)

Martedì 24 settembre

Ore 9.30 Taiji e Qi gong con Claudio Bergamo

Ore 18 Hatha Yoga con Paola Benigni

Giovedì 26 settembre

Ore 17 Ginnastica posturale Mézières con Agnese D’Addario

Venerdì 27 settembre

Ore 10 Hatha Yoga con Paola Benigni

Ore 12.30 Ginnastica Toni cante con Sergio De Camillis

Silver Gym Via Simone de Saint Bon, 5 (Metro Ottaviano)

Lunedì 23 settembre

Ore 12 Ginnastica posturale Feldenkrais con Maria Grazia Sguera

Martedì 24 settembre

Ore 9.30 Ginnastica dolce con Silvia Costantini

Mercoledì 25 settembre

Ore 14.30 Taiji Quan stile Yang con Francesco Valentini

Venerdì 27 settembre

Ore 11.30 Hatha Yoga con Francesca Angelillo

Sabato 28 settembre

Ore 9.30 Postural Pilates con Patrizia Leonet

9


Festival dell’Avvento 2013 – Terza edizione

Cori sotto l’albero dal 6 al 22 dicembre 2013

Torna anche quest’anno il festival di cori per l’Avvento che animerà le piazze e le Basiliche del centro storico

di Roma. Cori provenienti da ogni parte d’Europa si esibiranno nello splendido scenario della città eterna

immersi nella magica atmosfera dei giorni che precedono il Natale, dando vita ad uno spettacolo unico per

le diversità fra suoni, canti, ritmiche e costumi. La manifestazione, ideata dal M° Giovanni Gava e realizzata

dalla Libera Accademia di Roma si sviluppa nei tre weekend precedenti il Natale, dando ai cori partecipanti

la possibilità di esibirsi in antichissime chiese e nelle piazze adornate per il Natale che fanno da cornice ai

tantissimi cantori e al pubblico numeroso che assiste agli spettacoli. Con l’auspicio di ritrovare gli amici

che sono stati con noi nelle precedenti edizioni insieme a tantissimi nuovi cori, vi aspettiamo numerosi per

l’edizione 2013!

Una voce per la Big Band – seconda edizione

Sabato 12 e domenica 13 aprile 2014

Bellissimo, sonoro e scenico concorso vocale all’insegna della grande musica jazz. Organizzato e promosso

dalla Libera Accademia di Roma in collaborazione con la MG Studio Recording e con la iMusic School -

Rome , il concorso “Una voce per la Big Band” si presenta, alla sua II Edizione. Una bella s da che

vedrà confrontarsi 20 i cantanti selezionati. Sarà un piacere per i prescelti essere accompagnati dalla

Big Band della iMusic School di Roma composta da 18 elementi fra professionisti e ottimi allievi che

avranno il privilegio di suonare insieme a grandi maestri. Due giornate all’insegna del Jazz di qualità in

cui i partecipanti dovranno presentare in concerto 2 brani, uno per serata, scelti fra quelli di proposti

dagli organizzatori. Il verdetto conclusivo emergerà dalla sintesi fra il voto espresso dalla giuria popolare

presente in sala e quello dichiarato dalla giuria tecnica costituita da cinque fra noti jazzisti e docenti della

Libera Accademia. I vincitori si aggiudicheranno, oltre al titolo, la possibilità di incidere un brano presso gli

studi della MG Studio Recording di Roma e il diritto di accedere direttamente alla Finalissima del Concorso

Nazionale per Cantanti di Big Band Jazz organizzato dalla iMusic School giunto ormai alla V edizione.

Sport Against Violence – SAV settima edizione

Giugno 2014

Sport Against Violence SAV è una manifestazione annuale che integra in sé i valori dello sport e della

cultura per promuovere una partecipazione attiva e condivisa alla vita sociale, una reale comprensione di

realtà differenti da quella italiana, un concreto impegno civile a supporto dei popoli che vivono in contesti

svantaggiati. La manifestazione giunge quest’anno alla settima edizione, dopo aver ricevuto nel 2011 e nel

2012 una medaglia di rappresentanza da parte del Presidente della Repubblica. Sport Against Violence è

dunque un momento di condivisione di esperienze tra le realtà appartenenti alla società civile, tre giorni

all’insegna di eventi sportivi e culturali (conferenze, laboratori, visite guidate, spettacoli di musica e teatro)

per offrire un’opportunità, uno spazio di dialogo e confronto condivisibile da molti in modo attento non solo

alla costruzione di una coscienza civile sensibile e impegnata ma anche al piacere della convivialità.

Per info

www.accademialar.it

www.universitapopolaredellosport.it

Visitando i siti iscriviti anche alle newsletters: riceverai puntualmente

tutti gli aggiornamenti sulle nostre iniziative

Puoi trovarci anche su

10


Ugo Bevilacqua

Disegno e acquerellato

Si affrontano le tecniche del disegno dal vero con i vari materiali tipo matite, sanguigne, carboncino. Le lezioni iniziali

sono rivolte all’acquisizione delle tecniche esecutive: proporzioni e misurazioni, tratteggi, luci e ombre, il colore, principali

norme della prospettiva, cenni sulla tecnica dell’acquerello e dell’acquerellato, riferimenti ai grandi della pittura

moderna e contemporanea.

Ugo Bevilacqua

Acquerello di base

Si affrontano le basi dell’acquerello attraverso l’applicazione delle velature, del bagnato su bagnato e alla prima. Particolare

attenzione sarà rivolta all’applicazione delle caratteristiche che questo tipo di pittura richiede: leggerezza, trasparenza,

luci e ombre, il colore. Le tematiche saranno oggetti dal vero per poi passare a soggetti personali secondo

un proprio percorso di ricerca e di espressività.

Titolo Docente Dove Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Disegno e acquarellato Bevilacqua Prati – Viale Giulio Cesare,78 Martedì 12.30-14.30 25 280 15/10/2013

Acquerello di base Bevilacqua Prati – Viale Giulio Cesare,78 Martedì 18-20 25 280 15/10/2013

Antropologia delle religioni

Antonella Martini

Magia e stregoneria: pensiero primitivo, tradizioni popolari e contemporaneità

Anche per chi vive in un’epoca disincantata come la nostra, magia e stregoneria incutano timore ed esercitano una

sorta di fatale attrazione, cui non è sfuggita l’antropologia, che n dalle sue origini si è interessata allo studio delle

credenze e delle pratiche “magiche”. Il corso, avvalendosi anche dell’utilizzo di spezzoni di lm e documentari, dopo

aver ripercorso le teorie proposte dalle grandi scuole antropologiche e ricostruito il percorso che ha portato, a partire

dalla nascita del cristianesimo, alla formulazione - sempre fragile e rinegoziata - della distinzione di religione/magia/

stregoneria, illustra i più recenti sviluppi della ricerca antropologica su magia, stregoneria e terapie simbolico-rituali.

Antonella Martini

Sesso e fede: pratiche e simboli della corporeità nelle religioni

Se c’è una cosa che è sacra, questa è il corpo umano” scriveva il poeta W. Withman, accostando la dimensione del

sacro a quella della corporeità. Da un punto di vista antropologico il tema del corpo e delle sue funzioni, in particolare

quella sessuale, costituisce una chiave di accesso fondamentale alla comprensione delle religioni, che hanno, a

seconda dei periodi e dei contesti storici, demonizzato o esaltato l’esperienza della corporeità e della sessualità. Il

corso propone, avvalendosi anche di spezzoni di lm e documentari, un’esplorazione dei signi cati, dei valori e delle

pratiche connesse alla corporeità e alla sessualità nelle diverse tradizioni religiose del passato e del presente, dell’Oriente

e dell’Occidente.

Antropologia culturale

Antonella Martini, Elio Sgammato

“Mi ricordo com’era…”: memoria e narrazione del passato recente

Il laboratorio propone l’apprendimento delle tecniche della narrazione etnogra ca e il recupero dalla propria e dall’altrui

memoria delle tracce e delle testimonianze del passato. Prendendo spunto da una visita al Museo Nazionale delle

Arti e Tradizioni Popolari di Roma, sarà avviato un percorso dove oggetti personali, documenti familiari e spazi urbani

saranno assunti come “pretesti” per raccontare storie di vita, evocare riti e tradizioni, valori e modelli di comporta-

12


mento, far (ri)vivere il sapere e il saper fare della cultura di “ieri”. Famiglia e matrimonio, magia e religione, quartiere e

città, costituiranno i principali focus di narrativi. Al termine del laboratorio sarà curata una restituzione delle narrazioni

e proposta l’ideazione partecipata di un percorso espositivo con i materiali prodotti dai partecipanti.

Antonella Martini

Buono da mangiare: un viaggio antropologico nelle tradizioni alimentari e nelle

forme della convivialità

Il cibo è cultura, storia, geogra a, ma anche quotidianità, socialità. La soddisfazione dei bisogni nutrizionali è attraversata

da logiche simboliche, rituali, relazionali. Le cosmogonie popolari e religiose, attraversate dallo spettro della

fame e dalle delizie della cucina, convergono nell’attribuzione di signi cati simbolici agli alimenti e ai comportamenti

alimentari, imponendo tabù alimentari e contribuendo alla creazione di miti e riti alimentari. Per leggere e interpretare

il passato e il presente, l’esotico e il quotidiano attraverso la categoria del cibo e dell’alimentazione, il corso approfondisce,

avvalendosi anche di spezzoni di lm e documentari, il complesso rapporto tra noi e ciò che mangiamo.

(detto Tuareg)

Antonella Martini

Globale e locale: un viaggio antropologico nella geopolitica della crisi mondiale

Sentiamo che il mondo sta cambiando per effetto della crisi, che “le cose non saranno più le stesse” e avvertiamo

con urgenza il bisogno di guardare oltre la crisi, di diradare la nebbia che ci impedisce di intravedere il futuro o almeno

di acquisire una mappa per orientarci nei mutamenti che assumono sempre più una dimensione “glocale”: ovvero i

problemi globali impongono soluzioni locali. Il corso propone, avvalendosi anche di spezzoni di lm e documentari,

di esplorare i cambiamenti in atto, a livello macro nella dimensione degli equilibri e dei rapporti di forza geopolitici ed

economici, e a livello micro nella dimensione degli adattamenti che incidono sul modo di pensare, sentire e agire dei

singoli e dei gruppi.

Antonella Martini

L’altra metà del cielo: uno sguardo antropologico sulla differenza di genere e la

condizione femminile

“L’altra metà del cielo”, così Mao Tze-tung de niva la donna. Al di là del linguaggio poetico, l’essere donna come

l’essere uomo costituiscono dei costrutti culturali, risultato di relazioni e negoziazioni sociali, che trasformano le differenze

sessuali biologiche in differenze di “genere”, ovvero in un insieme di attributi e caratteristiche psico-attitudinali

e comportamentali che si ritengono adeguati agli esseri sociali “maschi” e “femmine”. In un momento storico in cui

il tema della differenza di genere e della condizione femminile è al centro della cronaca e della ri essione politica -

dal femminicidio alle “quote rosa” - il corso propone un’esplorazione del complesso rapporto sesso-genere e delle

percezioni e rappresentazioni del femminile nelle diverse culture, soffermandosi sulle costruzioni ideologiche della

differenza e sulle pratiche sociali che legittimano asimmetrie e sollevano rivendicazioni e ricerche sulla differenza.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Antropologia delle religioni: Magia e stregoneria Martini Cavour Mercoledì 15-17 25 180 16/10/13

Antropologia delle religioni: Sesso e fede Martini Prati – Viale Giulio Cesare,78 Giovedì 15-17 25 180 17/10/13

Antropologia culturale: Mi ricordo com’era… Martini Prati – Viale Giulio Cesare,78 Martedì 19-21 15 120 15/10/13

Antropologia culturale: Buono da mangiare Martini Cavour Mercoledì 17-19 25 180 16/10/13

Antropologia culturale: Globale locale Martini Prati – Viale Giulio Cesare,78 Giovedì 10-12 25 180 17/10/13

Antropologia culturale: L’altra metà del cielo Martini Prati – Viale Giulio Cesare,78 Giovedì 17-19 25 180 17/10/13

13


Giovanna Di Giacomo

Roma in età imperiale: lavorare a Palazzo e in villa alle dipendenze dell’imperatore

Attraverso la lettura delle iscrizioni conosceremo le varie mansioni cui erano preposti gli schiavi e i liberti che lavoravano

al servizio dell’imperatore sul Palatino e nelle ville extraurbane, come i cubicularii, camerieri personali; gli schiavi a

veste e ab ornamenta, che custodivano vestiti e gioielli; le ornatrices, responsabili delle elaborate acconciature delle

imperatrici; gli auri ces e gli argentarii, che producevano gioielli e argenterie; i cuochi, il personale a vinis, addetto alla

scelta dei vini, i ministratores che servivano a tavola l’imperatore. E molti altri ancora.

Giovanna Di Giacomo

Lo sviluppo urbanistico della Roma imperiale tra archeologia, epigra a e letteratura

Il corso si propone di esaminare lo sviluppo urbanistico di Roma dal principato di Augusto no a quello di Nerone con un

percorso interdisciplinare che si avvale dell’apporto contestuale di fonti diverse. Seguendo un ordine cronologico leggeremo

insieme le iscrizioni incise su acquedotti, porte, templi, terme e altri edi ci pubblici, che ne ricordano la costruzione o il

restauro ad opera di un imperatore, ed esamineremo i monumenti tuttora conservati non solo sotto il pro lo archeologico,

ma anche alla luce delle descrizioni che ci hanno lasciato gli autori antichi.

Giovanna Di Giacomo

Horti Romani

Il corso si propone di approfondire la tipologia di edilizia degli horti, residenze aristocratiche sorte nel suburbio di Roma, in

cui l’elemento predominante era costituito da un grande parco che fungeva da cornice a padiglioni, portici, viali, fontane,

edi ci e terme. Visiteremo insieme i resti degli horti di Mecenate e di Sallustio e i loro arredi scultorei conservati nei Musei

Capitolini, mentre in aula integreremo il contesto archeologico con le descrizioni tràdite dagli autori antichi e con la lettura

degli epitaf di amministratori, giardinieri, medici e altri inservienti che prestarono servizio all’interno di questi complessi.

Giuseppe Fort

Civiltà del Messico

Ambiente geogra co e preistoria. Gli Olmechi. Teotihuacan: il sito. Teotihuacan: le realizzazioni architettoniche. Teotihuacan:

la religione. Teotihucan: le scoperte archeologiche. I Toltechi: la storia. I Toltechi: le aree archeologiche. I Toltechi: la religione.

I Maya: i siti archeologici; le realizzazioni architettoniche; la religione; la vita sociale ed economica; l’arte. Gli Aztechi: i siti

archeologici; l’architettura; la religione; l’arte. La conquista del Messico. Visite guidate: Museo Pigorini – Roma.

14

(Seneca)


Giuseppe Fort

La civiltà araba

Descrizione geogra ca. I popoli dell’Arabia. Regni dell’Arabia pre-islamica. La venuta di Maometto. Il califfato omayyade. Il

califfato abbaside. Il Nordafrica. Il Vicino Oriente. La presenza costiera e navale. Il subcontinente indiano. Le crociate. I Turchi.

Il resto del mondo islamico. L’Impero ottomano. Il Vicino Oriente dopo la prima guerra mondiale. Dalla Persia all’India. Il

Maghreb. Il secondo dopoguerra. La questione palestinese: storia e prospettive. Visite: Museo Nazionale di Arte Orientale,

Roma. MAO, Museo di Arte Orientale, Torino.

Giuseppe Fort

Archeologia Medievale

La ne del mondo romano: i materiali di epoca tardo antica. Le invasioni barbariche: reperti archeologici dei popoli germanici.

I Goti in Italia: città e forti cazioni. I Longobardi in Italia: i materiali archeologici. L’Italia longobarda: chiese e palazzi; l’arte al

servizio del potere. I Franchi e la rinascita carolingia. Roma altomedievale: arte e architettura. Le chiese altomedievali. Gli Arabi

in Sicilia: arte e architettura. I Normanni in Italia. Le chiese romaniche. Le grandi abbazie. L’epopea delle Crociate: guerra e

architettura. L’Europa del XIV secolo. Navigare nel Medioevo: imbarcazioni, rotte e porti. Visite guidate: Museo dell’Alto Medioevo.

Roma. Abbazia di Farfa (RI). Tour delle torri di Roma. Viterbo medievale. Tuscania medievale. Tour di Roma medievale.

Alessandra Sagnotti

Roma in tre temi – corso itinerante

Il corso si articola in 15 visite divise in tre temi tutti riguardanti la Città Eterna. Roma sotterranea: case sotto San Paolo alla

Regola, sepolcro di Pomponio Hylas, Mitreo del Circo Massimo, sotterranei di San Lorenzo in Lucina, catacombe di villa

Randanini. Passeggiando per Roma: Monte Testaccio e il quartiere del Testaccio, le torri Medievali, la Roma degli Orsini, il

Celio e la valle delle Camene, Campo Marzio settentrionale, Campo Marzio meridionale. Il tema dell’acqua: Piazza Vittorio tra

i trofei di Mario e la porta magica, il Parco degli acquedotti, l’acquedotto dell’acqua Vergine, le fontane e fontanelle di Roma.

Alcune visite che richiedono l’apertura da parte degli operatori del Comune devono essere anticipate alle 15.30. Primo appuntamento

via S. Paolo alla Regola 16.

Alessandra Sagnotti & Barbara Pizzichelli

I luoghi della musica a Roma

Archeologia e storia della musica accostate, nell’alternarsi di due docenti, in un percorso rivolto a chi è interessato e incuriosito

dai luoghi della produzione, dell’esecuzione e della conservazione della musica attraverso una illustrazione topogra-

ca-archeologica dei luoghi stessi. Sono previste 4 lezioni di circa 3 ore, di cui l’ultima sarà accompagnata dall’ascolto di

musica dal vivo: Auditorium Parco della Musica, visita delle 3 sale, eventuale ascolto di prove (Via de Coubertin), illustrazione

della zona in uenzata dalla presenza di Anna Perenna e dagli scavi della villa romana; Museo degli strumenti musicali e

complesso di Santa Croce in Gerusalemme con apertura della zona archeologica. Oratorio dei Filippini (Piazza della Chiesa

Nuova),Teatro Argentina e i templi di Largo Argentina tra evo antico e moderno. Ascolto dei cantori della Cappella Musicale

Liberiana a Santa Maria Maggiore e apertura dei sotterranei (biglietto a parte per i sotterranei). Primo appuntamento ingresso

Auditorium. Calendario delle visite: domenica 26/10, 10/11, 24/11, 8/12 2013.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Roma in età imperiale: lavorare a Palazzo Di Giacomo Repubblica - Via Palermo,28 Lunedì 15.30-17.30 25 200 14/10/13

Lo sviluppo urbanistico della Roma imperiale Di Giacomo Repubblica - Via Palermo,28 Lunedì 17.30-19.30 25 200 14/10/13

Horti romani Di Giacomo Prati – Viale Giulio Cesare,78 Mercoledì 10-12 6 60 12/02/14

Le civiltà del Messico Fort Via Cassia,1036 Martedì 16-18 25 180 15/10/13

La civiltà araba Fort Prati – Viale Giulio Cesare,78 Mercoledì 11-13 25 180 16/10/13

Archeologia Medievale Fort Via Nomentana,248 Giovedì 16-18 25 180 17/10/13

Roma in tre temi Sagnotti Itinerante Martedì 16-18 15 100 15/10/13

I luoghi della musica a Roma Sagnotti/Pizzichelli Itinerante Domenica 10-13 4 65 26/10/13

15


Cultura Sport e Benessere non è uno “slogan” ma la sintesi estrema di ambiti fondamentali e inscindibili che determinano

la globalità dei saperi cui ogni individuo ha il diritto di accedere. L’essere umano infatti è unità complessa in cui

la sfere emotiva, corporea e mentale sono in costante integrazione e comunicazione con l’ambito sociale. La salute

delle persone dipende dal buon equilibrio di queste interazioni. Alienarsi dal corpo, dimenticare di coltivare la sfera

corporea, vuol dire chiudere un canale in cui conoscenza e sapienza possono scorrere. Il nostro modo di intendere

le attività corporee si sviluppa in questa visione: un luogo di “pausa” in cui apprendere la cura di sé, un momento

dedicato alla consapevolezza del proprio corpo per agire un cambiamento che promuova un sano stile di vita. Ancora

uno spazio per socializzare e condividere nel gruppo il piacere, il gioco, l’impegno che la pratica di ogni disciplina può

sviluppare. L’ampia scelta di attività proposte che derivano anche da diverse culture offre possibilità a tutti di trovare

il giusto “spazio in cui coltivare la saggezza corporea”.

Anna Maria Pedace e Francesco Savastano

Ginnastica posturale e atletica leggera

Questa attività è proposta a tutti coloro che hanno frequentato corsi di postura e vogliono sperimentare elementi

base di atletica leggera, e a chiunque senta l’esigenza di muoversi in modo corretto, abbinando la ricerca di una

postura funzionale all’apprendimento dei fondamenti della corsa. Il movimento, le semplici dinamiche di pre-atletica

leggera, sono importanti quanto una corretta postura. Dunque questa è l’occasione per muoversi all’aria aperta, nel

suggestivo scenario delle terme di Caracalla, imparando a correre, perfezionando le coordinazioni motorie, abbinando

l’allenamento delle nostre capacità funzionali a uno stretching totale e una respirazione corretta.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Atletica e Ginnastica posturale Pedace/Savastano Caracalla - Stadio Giovedì 9.30-11.30 20 220 10/10/13

Mena Paola Ciarmela

Balli di gruppo di sala

I balli tipici da balera, mambo, rumba, slow-foz, quick step, cha cha cha, baciata, meneito, kumbia, ti-buron, samba,

saranno appresi con una modalità attiva, permettendo così ai partecipanti di inserirsi facilmente nelle occasioni “danzanti”

e di sviluppare il piacere di ballare già dai primi incontri.

Elena Gonzalez Correa

Balli di gruppo latino americani

I balli, qualunque sia la loro origine, traducono attraverso il movimento un ritmo caratteristico. È dunque indispensabile

un’educazione al ritmo attraverso un lavoro di preparazione corporea e di sensibilizzazione al movimento ritmico.

Raggiunta una base di conoscenza adeguata, sarà possibile muoversi con disinvoltura e apprendere qualsiasi ballo.

I corsi, rivolti a chiunque voglia esprimersi col corpo in armonia con la musica, comprenderanno creazioni collettive

spontanee e passi base dei balli latino-americani (samba, salsa, merengue, mambo).

Valentina Raimondi

Swing Lindy Hop & Charleston

Lo Swing è un ballo tanto energico e travolgente quanto espressivo e passionale, nato ad Harlem alla ne degli anni ‘20

e poi sviluppatisi nei decenni successivi. Il più noto di questi, il Lindy Hop, esplode tra gli anni ‘30 e ’40 quando ad Harlem

si creò quel legame inscindibile tra le grandi orchestre e i ballerini, anche grazie alla nascita di sale immense come il

Savoy Ballroom, la più popolare e la prima a ospitare bianchi e neri senza distinzione. Il corso è realizzato in collaborazione

con la scuola di ballo Swing & Soda, con cui è prevista la realizzazione di serate dedicate al ballo e alla socializzazione.

16


Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Balli di gruppo di sala principianti Mena Paola Ciarmela Repubblica – Via Palermo,28 Lunedì 16-17.30 25 210 14/10/13

Balli di gruppo di sala avanzato Mena Paola Ciarmela Repubblica – Via Palermo,28 Lunedì 17.30-19 25 210 14/10/13

Balli di gruppo latino americani Elena Gonzalez Correa Repubblica – Via Palermo,28 Mar/Ven 11.15-12.15 60 270 08/10/13

Laboratorio di ritmo e coreogra a Elena Gonzalez Correa Repubblica – Via Palermo,28 Venerdì 12.30-13-30 30 160 11/10/13

Swing Lindy Hop & Charleston Valentina Raimondi Repubblica – Via Palermo,28 Mercoledì 20-21.15 25 220 16/10/13

Marianna Puledda

Danza del ventre

La danza del ventre, diffusa soprattutto in Medio Oriente, è l’arte che rivela uno stato mentale, un moto dell’anima,

una spontanea e naturale inclinazione che, attraverso i movimenti sinuosi del corpo, esprime la spiritualità, la sensualità,

la passione tipica delle donne di quelle “terre incantate”. I corsi proposti hanno lo scopo di guidare i partecipanti

ad avere un contatto più profondo con il proprio corpo, attraverso movimenti lenti e stretching dolce alternati a sequenze

di improvvisazione e pratiche di relax. Gradualmente l’espressione, attraverso il movimento, diviene facile,

spontanea e cresce la consapevolezza corporea. Il lavoro sulla mobilità del bacino, l’espressività delle mani, la uidi

dei movimenti tipici delle danze orientali, saranno la base per creare la giusta atmosfera nel gruppo, facilitando la

disponibilità a esprimersi liberandosi da blocchi e rigidità.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Danza del ventre Marianna Puledda Repubblica – Via Palermo, 28 Giovedì 20.30-22 25 220 10/10/13

Federica Caglio

Jeet Kune Do

Il corso si basa sul metodo di allenamento del grande maestro Bruce Lee con l’obiettivo di insegnare ai partecipanti

tecniche di difesa personale per affrontare sicamente e psicologicamente situazioni di pericolo. Il programma è tratto

da alcune Arti Marziali del Sud-est asiatico (secondo gli insegnamenti del Magda Institute di Los Angeles) e ha come

contenuto semplici tecniche di base che, se eseguite correttamente e con una metodologia di allenamento ef cace,

possono salvaguardare l’incolumità di chi le applica. Vengono proposti sia i principi loso ci ed etici tipici dei sistemi di

arti marziali (per esempio evitare lo scontro se possibile, cercare di ridurre al minimo la violenza, sviluppare la propria

capacità di autocontrollo nel rispetto dei diritti altrui) sia esercizi di sensibilità e di reattività, di postura del corpo. Altri

argomenti trattati sono i sistemi di attacco e di difesa a mani nude, sistemi di difesa contro aggressioni fatte con coltello

e la difesa utilizzando oggetti di uso quotidiano che abbiamo sempre a portata di mano. Il corso è aperto a uomini e

donne di qualsiasi età, senza necessariamente precedenti esperienze di corsi di altre arti marziali e/o difesa personale.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Jeet Kune Do Federica Caglio Cinecittà – Via Flavio Stilicone,41 Lun/Gio 20-21.30 25 180 07/10/13

17


Sergio De Camillis, Liliana Restaino, Serena Priori

Ginnastica

L’obiettivo generale dei corsi di ginnastica è il mantenimento della salute psico- sica della persona attraverso un lavoro

che si rivolge a tutti gli ambiti della motricità. In maniera graduale si passerà dalla presa di coscienza del corpo, delle

capacità muscolari (forza, resistenza, elasticità) e motorie (coordinazione, equilibrio, ri essi) al loro progressivo miglioramento.

In particolare ci si dedicherà alla mobilizzazione della colonna vertebrale, al rafforzamento dei muscoli dorsali,

al riequilibrio dell’assetto del bacino attraverso il potenziamento dei muscoli addominali e dei glutei, in generale al miglioramento

della postura. Pari importanza verrà data alla respirazione, per ristabilire l’equilibrio energetico del corpo.

Silvia Costantini, Vittoria La Costa, Elena Gonzalez Correa, Serena Priori, Manuela Volpes

Ginnastica dolce

La ginnastica dolce è un’attività motoria globale che permette di ritrovare un rapporto positivo col proprio corpo coltivando

la consapevolezza nel mantenere una corretta postura e una bene ca scioltezza nella gestualità quotidiana. Il

metodo di lavoro parte dalla percezione delle sensazioni derivanti dal movimento, per riconoscere quali parti e quali

strutture vengono attivate durante le diverse proposte motorie, per meglio gestire e dosare la forza e l’elasticità e

trovare il giusto equilibrio tra contrazione e rilassamento muscolare, evitando fatica e stress. Elementi di danza,

espressione corporea, ginnastica posturale e tecniche di rilassamento si avvicenderanno a esercizi mirati alla mobilità

articolare, alla tonicità muscolare, alla corretta gestione della respirazione. Inoltre si dedicherà ampio spazio al lavoro

sulla colonna vertebrale sia per toni care i muscoli profondi (la cui debolezza spesso dà origine a patologie anche

gravi), sia per allungare i muscoli super ciali (l’ipertono di questa muscolatura causa dolori e contratture). La pratica,

adeguata di volta in volta alle esigenze del singolo e del gruppo, sarà resa piacevole, stimolante e rilassante.

Patrizia Leonet

Ginnastica e stretching

Il corso si propone di sviluppare il piacere di muoversi acquisendo maggiore consapevolezza del proprio corpo e capacità

di fare movimenti più armoniosi aumentando la propria essibilità. Lo stretching non è un’attività stressante

ma rilassante, include esercizi per una perfetta forma sica e per la pratica di tutti gli sport. Gli obiettivi dell’attività

sono: ridurre la tensione muscolare, favorire la coordinazione permettendo maggiore libertà e facilità nell’esecuzione

dei movimenti, prevenire gli infortuni di strappi muscolari, favorire la circolazione, mantenere l’elasticità muscolare

e aumentare la mobilità articolare.

Sergio De Camillis

Ginnastica Toni cante

(Bruce Chatwin)

Lo scopo di questa attività è indicato dal nome stesso: toni care l’organismo attraverso una metodica di allenamento

rispettosa del corpo, che eviti inutili sovraccarichi, ma che abbia come obiettivo quello di ridurre la massa grassa, rassodare

e attivare la muscolatura, in modo da mantenere un sico tonico e in forma. Gli esercizi proposti, sia a corpo

libero sia con l’ausilio di piccoli attrezzi, sono facili da eseguire e lavorano a 360° su tutti i principali distretti muscolari del

corpo. Particolare attenzione verrà posta alla mobilizzazione della colonna vertebrale e alla respirazione, per ristabilire

l’equilibrio energetico del corpo. Il corso è rivolto a tutti, senza limiti di età.

18


Serena Priori

Ginnastica Toni cante G.A.G

G.A.G. è un termine formato dalle lettere iniziali delle parole gambe addome e glutei; questa disciplina presente da

circa un decennio nel mondo del tness si pre gge di allenare in maniera mirata queste tre zone del corpo, rinforzandole

e toni candole. È una attività adatta a ogni fascia di età ed è costituita da una serie di esercizi da eseguirsi

in piedi e a terra.

Marco Zannoli

Ginnastica in acqua

L’acqua presenta delle caratteristiche siche che consentono movimenti dolci e non traumatici, grazie alla resistenza

che essa oppone al movimento. Praticando la ginnastica in acqua si può migliorare la capacità di essere in contatto

col proprio corpo, favorendo così il benessere psico- sico, imparare a percepirne anche i più piccoli spostamenti, godendo

della possibilità di muoversi senza vincoli dati dal peso corporeo sulle articolazioni. Verranno praticati esercizi e

movimenti in completa immersione del corpo in acqua, coordinati alla respirazione, che seguendo ritmi precisi, diverrà

più regolare. Particolare attenzione sarà data anche all’equilibrio e alla coordinazione, migliorando così l’acquaticità,

ovvero la capacità di stare in acqua con agio e in completa autonomia.

Gioia Cherchi, Patrizia Leonet

Pilates matwork

Il metodo originale realizzato da J. Pilates, fonde metodologie orientali e occidentali, privilegiando il rilassamento

mentale proprio dello yoga e ottimizzando la capacità di resistenza per ottenere un allenamento sico ideale. Questo

programma consta di un gran numero di esercizi diversi cati per ottenere: forti addominali, totale controllo del corpo,

coordinazione dei movimenti della colonna e degli arti, grande essibilità e concentrazione. La varietà dei movimenti

ripetuti poche volte, consente di ottenere muscoli forti, allungati e toni cati, senza aumento di volume. Inoltre la

concentrazione mentale durante l’esecuzione degli esercizi favorisce e migliora la coordinazione con la respirazione.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Ginnastica Sergio De Camillis Via Cassia,1036 Lun/Gio 9.45-10.45 50 230 14/10/13

Ginnastica Sergio De Camillis Via Cassia,1036 Lun/Gio 10.45-11.45 50 230 14/10/13

Ginnastica Liliana Restaino Cinecittà – Via Flavio Stilicone,41 Lun/Gio 9.30-10.30 30 160 07/10/13

Ginnastica dolce Serena Priori R70 – Lungotevere T.de Revel,3 Lun/Gio 11.30-12.30 60 270 07/10/13

Ginnastica dolce Manuela Volpes Spinaceto Cultura-Via C. Avolio,60 Lun/Mer 09.00-10.00 60 270 07/10/13

Ginnastica dolce Manuela Volpes Spinaceto Cultura-Via C. Avolio,60 Lun/Mer 10.00-11.00 60 270 07/10/13

Ginnastica dolce Manuela Volpes Spinaceto Cultura-Via C. Avolio,60 Lun/Mer 11.00-12.00 60 270 07/10/13

Ginnastica dolce Vittoria La Costa Repubblica – Via Palermo,28 Lun/Gio 10.00-11.00 60 270 07/10/13

Ginnastica dolce Vittoria La Costa Repubblica – Via Palermo,28 Lun/Gio 11.15-12.15 60 270 07/10/13

Ginnastica dolce E. Gonzalez Correa Ostia – Via Bellot,32 Lun/Gio 10.00-11.00 60 270 07/10/13

Ginnastica dolce E. Gonzalez Correa Repubblica – Via Palermo,28 Mar/Ven 10.00-11.00 60 270 08/10/13

Ginnastica dolce Silvia Costantini Prati-Via S. de Saint Bon,5 Mar/Gio 9.30-10.30 60 270 08/10/13

Ginnastica e stretching Patrizia Leonet Repubblica – Via Palermo,28 Mar/Gio 12.30-13.30 60 270 08/10/13

Ginnastica toni cante Sergio De Camillis R70-Lungotevere T. de Revel,3 Lun/Gio 16.00-17.00 60 270 07/10/13

Ginnastica toni cante Sergio De Camillis Monteverde – Via P. Falconieri,84 Mar/Ven 12.30-13.30 60 270 08/10/13

Ginnastica toni cante G.A.G Serena Priori R70-Lungotevere T. de Revel,3 Lun/Gio 13.00-14.00 60 270 07/10/13

Ginnastica in acqua Marco Zannoli BF Sporting Club–Via Cutilia,15 Mar/Ven 11.00-12.00 16 70 08/10/13

Pilates matwork Gioia Cherchi Repubblica – Via Palermo,28 Mar/Gio 15.00-16.00 60 270 08/10/13

Pilates matwork Gioia Cherchi Repubblica – Via Palermo,28 Mar/Gio 16.15-17.15 60 270 08/10/13

Pilates matwork Patrizia Leonet R70-Lungotevere T. de Revel,3 Mar/Ven 18.00-19.00 60 270 08/10/13

19


Paola Vizioli

Ginnastica posturale dinamica

Il corso di ginnastica posturale dinamica offre la possibilità di praticare il movimento funzionale integrato. La proposta

verte sull’opportunità di reimpostare l’organizzazione dei movimenti per consentire il passaggio della forza come un

usso che attraversa il corpo sia in statica che in dinamica. É indispensabile allo scopo realizzare l’allineamento dei

diversi segmenti a protezione della colonna e delle articolazioni per distribuire e scaricare al meglio il peso del corpo,

evitando compressione, permettendo invece essibilità, allungamento e leggerezza. L’attività inoltre è nalizzata a

prevenire o contrastare osteopenia e osteoporosi utilizzando semplici strategie da includere nella pratica quotidiana.

Patrizia Leonet, Maria Grazia Sguera, Andrea Vianello

Ginnastica posturale Feldenkrais

Il metodo Feldenkrais ci permette di correggere schemi posturali e di movimento meccanici e ripetitivi divenuti

dannosi. A differenza degli animali, l’essere umano nasce con un sistema nervoso incompleto, solo con lo sviluppo

acquisirà funzioni speci che quali stare seduto, camminare, parlare, che gli consentono una vita autonoma. Anche la

postura viene acquisita col tempo, nella relazione del corpo che cresce, con la forza di gravità, e dunque modi cata

in divenire. Il metodo Feldenkrais usa movimenti speci ci per stimolare il sistema nervoso dell’allievo all’apprendimento

di nuovi e più ef caci schemi posturali. Così verrà ridistribuito il tono muscolare, le articolazioni saranno più

libere nel movimento e la persona acquisirà nuove modalità di azione. Questo risultato si af anca ad una notevole

riduzione del dolore articolare e muscolare, a una consapevolezza corporea che equivale alla piena espressione delle

personali risorse psico- siche.

Agnese D’Addario, Enrica Esposito

Ginnastica posturale Mézières

Il metodo Mézières utilizza esercizi semplici e mirati, utili a rimuovere tensioni, ridurre accorciamenti e dolori muscolari,

recuperando armonia e funzionalità nel movimento. Lo scopo è risalire dal sintomo alle cause dello squilibrio nel

tono muscolare, ritrovare l’allineamento dei segmenti corporei attraverso il potenziamento della capacità propriocettiva,

per ristabilire una buona forma e riarmonizzare i vari elementi funzionali.

Anna Maria Pedace

Ginnastica posturale Souchard

Il metodo Souchard ha come scopo quello di riprogrammare e riequilibrare la postura tramite esercizi e posizioni studiate

per ottenere l’allungamento dei muscoli e il rilasciamento di quelle tensioni e retrazioni muscolari che causano

squilibrio del corpo e conseguenti dolori. Il lavoro di stretching globale è sempre accompagnato da una cura particolare

della respirazione af nché divenga sempre più corretta, profonda e consapevole. È una tecnica particolarmente

adatta a quanti sono costretti a una vita sedentaria, a lavori pesanti o ripetitivi, ma anche a quegli sportivi che vogliono

migliorare le proprie prestazioni o praticano discipline poco equilibrate.

Patrizia Leonet

Postural Pilates

Lo scopo e l’obiettivo primario del metodo Pilates è quello di creare una serie di esercizi volti a rinforzare la muscolatura,

ad aumentare la essibilità e a migliorare lo stato di salute generale; la ginnastica posturale nasce con

l’intento di correggere le abitudini motorie scorrette. Il postural pilates fonde questi principi complementari: i metodi

tradizionali del pilates delle scuole americane e europee, uniti alle in uenze di altre discipline quali lo yoga, la danza

e la posturologia, creando un metodo di insegnamento completo, una metodologia di lavoro in gruppo adatta a tutti.

È per questo che il metodo pilates è stato anche de nito la moderna ginnastica posturale. Il programma di esercizi

proposto unisce la uidità e l’armonia propri del pilates alla disciplina posturale, creando una lezione che risulta gradevole

e migliora non solo la forma sica ma porta anche a un buon rapporto tra mente e corpo diminuendo lo stress.

20


Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Ginnastica posturale dinamica Paola Vizioli Olympia – Via Nomentana,248 Lun/Gio 09.30-10.30 60 270 07/10/13

Ginnastica posturale dinamica Paola Vizioli Olympia – Via Nomentana,248 Lun/Gio 10.30-11.30 60 270 07/10/13

Ginnastica posturale Feldenkrais Patrizia Leonet R70 – Lungotevere T. de Revel,3 Martedì 16.30-18.00 30 270 08/10/13

Ginnastica posturale Feldenkrais Patrizia Leonet Repubblica – Via Palermo,28 Mar/Gio 13.30-14.30 45 270 08/10/13

Ginnastica posturale Feldenkrais M. Grazia Sguera Repubblica – Via Palermo,28 Giovedì 17.30-19.00 30 270 10/10/13

Ginnastica posturale Feldenkrais M. Grazia Sguera Prati-Via S. de Saint Bon,5 Lunedì 12-13.30 30 270 07/10/13

Ginnastica posturale Feldenkrais M. Grazia Sguera Prati-Via S. de Saint Bon,5 Mercoledì 11.30-13 30 270 09/10/13

Ginnastica posturale Feldenkrais Andrea Vianello Monteverde – Via P. Falconieri,84 Lunedì 10.00-11.30 30 270 07/10/13

Ginnastica posturale Feldenkrais Andrea Vianello Repubblica – Via Palermo,28 Mercoledì 10.00-11.30 30 270 09/10/13

Ginnastica posturale Feldenkrais Andrea Vianello Repubblica – Via Palermo,28 Mercoledì 11.30-13.00 30 270 09/10/13

Ginnastica posturale Mézières Agnese D’Addario Repubblica – Via Palermo,28 Mercoledì 15-16.30 30 270 09/10/13

Ginnastica posturale Mézières Agnese D’Addario Monteverde – Via P. Falconieri,84 Giovedì 17.30-19.00 30 270 10/10/13

Ginnastica posturale Mézières Enrica Esposito Cinecittà – Via F. Stilicone,41 Lunedì 15.30-17.00 30 270 07/10/13

Ginnastica posturale Mézières Enrica Esposito Repubblica – Via Palermo,28 Martedì 19.00-20.30 30 270 08/10/13

Ginnastica posturale Souchard A. Maria Pedace Cinecittà – Via F. Stilicone,41 Martedì 09.30-11.00 30 270 08/10/13

Postural Pilates Patrizia Leonet R70-Lungotevere T. de Revel,3 Venerdì 16.30-18.00 30 270 11/10/13

Postural Pilates Patrizia Leonet Prati-Via S. de Saint Bon,5 Sabato 09.30-11.00 30 270 12/10/13

Maurizio Gai

Il corso si propone di avvicinare il neo ta al Karate introducendolo alla cultura, alla loso a e alla pratica di quest’Arte

Marziale che si può de nire una “scuola di vita per la vita”. Questa disciplina contribuisce a costruire la propria

personalità, incrementando l’autostima mediante un percorso formativo, a volte dif cile, improntato sull’umiltà e

l’altruismo. Insegna a conoscere il proprio corpo, a controllare le emozioni, a inibire l’aggressività latente. L’attività è

indicata per tutti: bambini e adulti, uomini e donne. Prima del sico viene allenato il pensiero, che deve sapersi adattare

come liquido in un recipiente. “La roccia è dura, ma l’acqua piano piano riesce a sgretolarla”, questo è il principio

con cui ci si deve avvicinare alle Arti Marziali e al Karate in modo speciale. Il Wado Ryu, lo stile fondato dal Maestro

H. Otsuka, risulta da una fusione del Karate con tecniche di Ju Jitsu, esaltando in tal modo le doti di autodifesa attraverso

l’impiego di leve articolari.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Karate Maurizio Gai Cinecittà – Via F. Stilicone,41 Mar/Ven 20-21.30 16 85 08/10/13

Roberta Ricca

Massaggio Abhyanga

Dopo una breve introduzione sulle origini e la storia dell’Ayurveda, ci dedicheremo all’analisi e al modo di determinare

la costituzione individuale (dosha), base essenziale di qualsiasi trattamento, esaminando anche il regime alimentare

e lo stile di vita più adatti ai vari tipi. La parte pratica del corso sarà incentrata sull’apprendimento del massaggio ayurvedico

fondamentale, l’abhyanga che tratta l’intero corpo, sempre inteso come unità psico- sica. Il corso è rivolto sia

a operatori sia persone interessate all’apprendimento della tecnica, con la nalità di offrire una conoscenza di base

da utilizzare nel quotidiano a livello familiare. Per partecipare si consiglia abbigliamento comodo, lenzuolino e asciugamano

personale. Al termine del corso su richiesta viene rilasciato Attestato di partecipazione.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Massaggio Abhyanga Roberta Ricca Prati – Viale Giulio Cesare,78 Mercoledì 19.15-21.15 15 220 16/10/13

21


Maria Pia Rosati

Tecniche di massaggio e ginnastica dolce

Una proposta volta a conoscere e praticare semplici movimenti e ef caci tecniche basilari di massaggio e auto massaggio

da utilizzare anche nel quotidiano. Il lavoro sarà integrato anche da esercizi di mobilizzazione articolare, toni -

cazione e allungamento muscolare per armonizzare la postura e alleviare eventuali contratture e dolori alla schiena e

alle articolazioni. Lo scopo è di favorire il benessere, un modo per interrompere quella catena “movimento-dolore” e

predisporsi a nuove abitudini salutari.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Massaggio e ginnastica dolce M. Pia Rosati R70-Lungotevere T. de Revel,3 Venerdì 19-20.30 20 180 18/10/13

Mauro Bergonzi

Meditazione: Il silenzio e lo sguardo

Un’esplorazione teorica ed esperienziale di alcuni aspetti fondamentali della meditazione secondo una prospettiva laica,

indipendente e non confessionale, attenta alle esigenze dei singoli individui. Nell’ambito di una visione tipologica

d’insieme dei principali approcci meditativi, saranno proposte pratiche ispirate a diverse tradizioni e mirate al lavoro

sulle energie sottili del corpo, sulle percezioni, sulle attività mentali (discorsive ed emotive) e sulla coltivazione del

silenzio interiore e della consapevolezza, secondo una prospettiva volta ad investigare le misteriose sorgenti della

coscienza ed a scoprire, al di là delle speci che tecniche e pratiche, uno “sguardo meditativo” capace di integrarsi

con la vita nella sua indivisibile totalità. Il corso è concepito sia come un’introduzione alla dimensione meditativa, per

coloro che non hanno mai avuto esperienze in questo campo; sia come prospettiva diversa attraverso cui guardare

con occhi nuovi la propria pratica, per coloro che sono già impegnati in un percorso interiore nell’ambito di una speci

ca tradizione spirituale. È previsto un incontro al mese in date che verranno comunicate a inizio corso, sempre nel

giorno e l’orario stabilito.

Ivan Bedini

Meditazione Attiva (Osho active meditations)

Molte tecniche meditative richiedono di rimanere seduti immobili e in silenzio. Per la maggior parte di noi, però,

lo stress accumulato nel nostro sistema corpo/mente rende dif cile farlo. Prima di poter entrare in contatto con la

nostra centrale energetica di consapevolezza, abbiamo bisogno di rilasciare le tensioni. Le Meditazioni Attive sono

state create scienti camente da Osho Rajneesh nel corso di vari anni per permetterci di sperimentare e di esprimere

consapevolmente le emozioni represse, per imparare a osservare in modo nuovo quelli che sono i nostri schemi

abituali e per godere così di tutti gli effetti bene ci che ne conseguono nella gestione della vita quotidiana.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Meditazione:il silenzio e lo sguardo Mauro Bergonzi Repubblica – Via Palermo,28 Venerdì 20.30-22.30 10 200 11/10/13

Meditazione attiva - Osho Ivan Bedini Olympia – Via Nomentana,248 Giovedì 11.30-13 15 200 24/10/13

Via Alessandro Crivelli 19 (Monteverde) - tel. 06 58209331

NUOVO NEGOZIO BIOLOGICO DOVE TROVI RISO, PASTA, FARINE, CEREALI, LEGUMI, PRODOTTI DA FORNO

DOLCI E SALATI, VINO, MIELE, CONSERVE, OLIO, AROMI, DETERGENTI ECOLOGICI

E SU PRENOTAZIONE PANE, FRUTTA E VERDURA

22


Giuseppe D’Agostino,Francesco Savastano

Nuoto

L’acqua è mezzo naturale per migliorare la capacità di movimento, di equilibrio e di percezione del corpo. I nostri corsi

di base hanno come obiettivo l’acquisizione di un buon livello di acquaticità, intesa come capacità di muoversi in

acqua in modo semplice, consapevole, in economia. Attraverso percorsi didattici si potrà sperimentare cosa signi ca

“muoversi in acqua” percependo il corpo in movimento, imparando a respirare con consapevolezza e trovando nuovi

equilibri, il tutto migliorando la coordinazione in un ambiente che favorisce il rilassamento e il gioco. I corsi avanzati

hanno come obiettivo l’apprendimento della tecnica delle nuotate, con particolare attenzione all’adattamento del gesto

tecnico alle caratteristiche individuali di ogni persona e alla coordinazione tra movimento e respiro. N.B. Le lezioni

perse per motivi personali non si possono recuperare.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Nuoto D’Agostino/ Savastano BF Sporting Club–Via Cutilia,15 Mar/Ven 09.00-10.00 16 95 08/10/13

Nuoto D’Agostino/ Savastano BF Sporting Club–Via Cutilia,15 Mar/Ven 10.00-11.00 16 95 08/10/13

Claudio Bergamo

Qi Gong e Taiji

Il corso prevede una prima parte meditativa con pratica della “Piccola circolazione celeste” (Qi gong statico), a seguire

esercizi di Qi gong dinamico per il rafforzamento ed il raf namento dei “tre tesori” Jing Qi Shen, e esercizi

propedeutici al Taiji Quan del quale si sperimenteranno i principi attraverso lo studio dei fondamentali e con il lavoro

in coppia (Tui shou).

Qi Gong degli otto trigrammi e del principio supremo (Ba Gua Taiji Qi Gong)

Il corso prevede la pratica di particolari metodi di Qi gong (lavoro sull’energia vitale) che rappresentano la base di

sviluppo e allenamento di due delle più famose Arti marziali cinesi: il Ba gua Zhang ed il Taiji Quan (palmo degli otto

trigrammi e la boxe del principio supremo); entrambe lavorano sugli stessi principi e attraverso il “Nei dan” (pratica

interiore) esprimono lo “Jin”, la forza che nasce dal lavoro interno e da un corretto uso della struttura, cioè il nostro

corpo. Questo lavoro raf nato dal punto di vista energetico e posturale, ci darà modo di praticare i fondamentali di

queste affascinanti Arti marziali, utilizzando anche il lavoro in coppia.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Qi Gong e taiji Claudio Bergamo Monteverde – Via P. Falconieri,84 Martedì 09.30-11.00 25 220 08/10/13

Ba Gua Taiji Qi Gong Claudio Bergamo Cinecittà – Via F. Stilicone,41 Mercoledì 15.00-16.30 25 220 09/10/13

23

(Bruce Chatwin)


Chiara Lubrani

Ri essologia cinese

Il corso è rivolto a coloro che desiderano apprendere una tecnica ef cace, proveniente dalla millenaria tradizione

cinese, per conservare e migliorare la salute. Verranno fornite alcune nozioni base della loso a e della medicina

taoista, proposti semplici esercizi di respirazione, le tecniche base di digitopressione e di massaggio, verrà appresa

la sequenza del Massaggio Preliminare che fornirà anche preziose informazioni sullo stato di equilibrio del nostro organismo.

Saranno poi illustrate alcune mappe di trattamento del piede, utili per equilibrare l’energia sica e psichica.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Ri essologia cinese Chiara Lubrani Cinecittà – Via F. Stilicone,41 Lunedì 18-19.30 20 180 14/10/13

Maria Pia Rosati

Tango argentino

Il tango argentino è uno dei balli più accattivanti in cui il ritmo diventa musica, la musica si trasforma in dialogo e il dialogo

in danza. Affascinante soprattutto perché ha come caratteristica peculiare l’improvvisazione (e non la memoria)

resa possibile dall’esistenza di un codice comunicativo corporeo, mediante il quale questo ballo diventa un intenso e

raf nato dialogo tra i ballerini componenti la coppia. Il corso si pone l’obiettivo di fornire elementi necessari a sviluppare

una buona tecnica corporea individuale, raggiungendo un suf ciente livello di con denza con il proprio corpo in

movimento nello spazio, con la musica e con l’altro. Sarà interessante appro ttare delle diverse possibilità espressive

e creative che il tango offre, ‘giocando’ con l’altra persona e riuscendo a percepire il piacere del movimento che si

nasconde dietro la tecnica del ballo. Per il regolare svolgimento delle lezioni è consigliata l’iscrizione in coppia.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Tango argentino M. Pia Rosati Repubblica – Via Palermo,28 Martedì 20.30-22 15 170 15/10/13

Claudio Bergamo

Taiji Chen avanzato e Spada dritta Jian

Un corso completo rivolto a chi sia già addentrato nella pratica. Dopo la prima ora e mezza in comune con il corso di

Qi gong-Taiji, dove si sarà lavorato anche in coppia (Tui shou), si proseguirà con la pratica e studio della sequenza a

mani nude Lao jia yi lu. Nell’ultima ora si studierà la Spada dritta, jian: esercizi fondamentali, tredici tecniche di base,

studio della sequenza, lavoro in coppia (spade appiccicose).

Taiji Quan stile Chen

Studio e pratica della sequenza Lao jia yi lu, la prima codi cata nella storia del Taiji quan, verrà lavorata anche in coppia

rendendone così esplicite le applicazioni. Ulteriore spazio sarà dato al lavoro in coppia con pratica del Tui shou e degli

esercizi di condizionamento volti all’applicazione dei principi Taiji in ogni situazione di contatto.

24


Francesco Valentini

Taiji Quan stile Yang

Disciplina orientale, nella tradizione delle arti marziali interne cinesi, il Taiji Quan viene oggi diffusamente praticato in

occidente come arte motoria della longevità e di meditazione in movimento. Il corso propone lo studio del Taiji stile

Yang, la forma 24 mani nude, e si avvale di tecniche di Qi Cong per agevolare l’apprendimento e la fruizione di questa

pratica utile per tutte le persone che vogliono riscoprire e rivitalizzare il proprio corpo. Appassionante per tutti coloro

che vogliono assaporare il piacere della meditazione in movimento.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Taiji Chen Avanzato e spada Jian Claudio Bergamo Monteverde – Via P. Falconieri,84 Martedì 09.30-12.30 25 400 08/10/13

Taiji Quan stile Chen Claudio Bergamo Cinecittà – Via F. Stilicone,41 Mercoledì 13.00-15.00 25 270 09/10/13

Taiji Quan stile Yang Francesco Valentini Prati-Via S. de Saint Bon,5 Mercoledì 14.30-16.00 30 270 09/10/13

Alessandra Farina, Gianluca Perotti

Il tennis è uno sport che unisce insieme diversi aspetti. Troviamo, infatti, un aspetto ludico-sportivo e di socializzazione

che è occasione di puro divertimento e permette di sciogliere le tensioni che accumuliamo nella vita quotidiana.

Troviamo poi un aspetto salutistico: da questo punto di vista il tennis agisce sulla mobilità articolare, sulla elasticità

muscolare, sulla capacità di movimento del corpo nello spazio, sulla coordinazione e sul ritmo. Il corso principianti è

destinato a coloro che non hanno mai giocato a tennis.

Titolo Docenti Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Tennis intermedio-principianti Farina/Perotti Ostiense-Polisp. V.le S. Paolo,12 Lun/Gio 11.30-12.30 40 340 07/10/13

Tennis intermedio Farina/Perotti Ostiense-Polisp. V.le S. Paolo,12 Lun/Gio 09.30-11.30 40 340 07/10/13

Tennis avanzato Farina/Perotti Ostiense-Polisp. V.le S. Paolo,12 Lun/Gio 10.30-11.30 40 340 07/10/13

Francesca Angelillo, Franca Barberini, Ivan Bedini, Paola Benigni, Franca Lopes, Gioia Lussana, Elisabetta Moroni,

Patrizia Musso, Patrizia Raineri, Santi Tagliarini, Luciana Zanier

Hatha Yoga

(Albert Einstein)

I corsi hanno lo scopo di avvicinare gli allievi alla pratica e alla conoscenza di questa antica disciplina indiana. Lo Yoga,

nelle sue diverse varianti, si pone soprattutto come metodo di conoscenza di sé; l’obiettivo fondamentale è la trasformazione

del proprio vissuto quotidiano recuperando la naturale armonia tra i diversi aspetti vitali dell’essere umano.

La costante pratica dello Yoga rivitalizza l’intero organismo, agendo sul metabolismo corporeo in particolare aiutando

a risolverne i problemi osteo-articolari, muscolari, circolatori, respiratori e digestivi. Gli strumenti utilizzati saranno:

sequenze dinamiche di scioglimento, posizioni (asana), tecniche respiratorie (pranayama), tecniche di puri cazione

(kriya), concentrazione, rilassamento. Durante il corso saranno proposti anche elementi di conoscenza dell’ambiente

storico e culturale in cui lo Yoga è nato e si è sviluppato, per portare l’allievo a sentirsi parte attiva e cosciente di questa

esperienza millenaria. Tutti possono praticare questa disciplina.

25


Laura Nardini

Yoga dinamico

Il corso propone la pratica del metodo Rio Abierto che attraverso il movimento, accompagnato dalla musica, la meditazione

guidata, le tecniche di respirazione e di rilassamento, avvia un processo di trasformazione che consente al

corpo di esprimersi e alle emozioni di manifestarsi, rimettendo in moto nel nostro organismo il usso dell’energia con

un bene cio immediato sulla salute. In particolare si lavorerà sull’espandere l’energia dei chakra e sulla integrazione

e armonizzazione degli stessi.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Hatha Yoga Francesca Angelillo Repubblica – Via Palermo,28 Martedì 17.30-19.00 30 270 08/10/13

Hatha Yoga Francesca Angelillo Prati-Via S. de Saint Bon,5 Venerdì 11.30-13.00 30 270 11/10/13

Hatha Yoga Ivan Bedini Zagarolo – Via F. della Prata,1 Giovedì 19.00-21.00 25 250 24/10/13

Hatha Yoga Paola Benigni Monteverde – Via P. Falconieri,84 Martedì 18.00-19.30 30 270 15/10/13

Hatha Yoga Paola Benigni Monteverde – Via P. Falconieri,84 Venerdì 10.30-12.00 30 270 18/10/13

Hatha Yoga Franca Lopes R70-Lungotevere T. de Revel,3 Mercoledì 15.30-17.00 30 270 09/10/13

Hatha Yoga Franca Lopes R70-Lungotevere T. de Revel,3 Mercoledì 17.15-18.45 30 270 09/10/13

Hatha Yoga Franca Lopes Cinecittà – Via F. Stilicone,41 Giovedì 18.00-20.00 25 270 10/10/13

Hatha Yoga Franca Lopes Setteville Martedì 17.30-19.30 25 250 29/10/13

Hatha Yoga Gioia Lussana R70-Lungotevere T. de Revel,3 Giovedì 17.30-19.00 25 210 07/11/13

Hatha Yoga Gioia Lussana R70-Lungotevere T. de Revel,3 Giovedì 19.00-20.30 25 210 07/11/13

Hatha Yoga Elisabetta Moroni Repubblica – Via Palermo,28 Giovedì 19.00-20.30 30 270 10/10/13

Hatha Yoga Patrizia Musso Cinecittà – Via F. Stilicone,41 Lun/Gio 10.30-11.30 30 160 07/10/13

Hatha Yoga Patrizia Raineri Olympia – Via Nomentana,248 Mercoledì 15.00-16.30 30 270 09/10/13

Hatha Yoga Patrizia Raineri Olympia – Via Nomentana,248 Mercoledì 16.30-18.00 30 270 09/10/13

Hatha Yoga Luciana Zanier Cinecittà – Via F. Stilicone,41 Lun/Gio 17.00-18.00 30 160 07/10/13

Hatha Yoga Luciana Zanier Cinecittà – Via F. Stilicone,41 Mercoledì 11.00-12.30 30 270 09/10/13

Hatha Yoga Luciana Zanier Cinecittà – Via F. Stilicone,41 Mercoledì 17.00-18.30 30 270 09/10/13

Hatha Yoga Luciana Zanier Cinecittà – Via F. Stilicone,41 Mercoledì 18.30-20.00 30 270 09/10/13

Hatha Yoga Luciana Zanier Cinecittà – Via F. Stilicone,41 Mercoledì 20.00-21.30 30 270 09/10/13

Hatha Yoga Santi Tagliarini Garbatella – Via A. Severo, 208 Lunedì 18.00-20.00 25 270 28/10/13

Hatha Yoga Franca Barberini Garbatella – Via A. Severo, 208 Mercoledì 18.00-20.00 25 270 30/10/13

Yoga dinamico Laura Nardini R70-Lungotevere T.de Revel,3 Lunedì 17.30-19.00 30 270 07/10/13

L’UISP, Unione Italiana Sport Per tutti, è un Ente di Promozione Sportiva fondato nel 1948. Il Comitato

Territoriale Roma è profondamente e tradizionalmente radicato nella realtà romana, infatti ad esso sono af liate

620 società sportive con oltre 53.000 soci di tutte le età e di tutte condizioni sociali.

Ha come obiettivo quello di estendere il diritto allo sport a tutti i cittadini. Lo sport per tutti interessa la salute ed

il benessere sico, privilegia pratiche all’aria aperta, si cimenta con l’elaborazione di esperienze che sfruttano

energie dolci e non dissipative; utilizza impianti poveri e versatili; afferma un rapporto con il tempo e con la

stessa misurazione tecnica sottratto alla coercività del record: fa leva su un bisogno d’emozione abitualmente

morti cato dalla routine quotidiana.

www.uisp.it/roma

26


Riccardo Virgili

Botanica e riconoscimento piante

Durante il corso si acquisiranno le conoscenze base del mondo vegetale, soprattutto gli aspetti di ecologia vegetale

e lettura del paesaggio, fornendo gli strumenti necessari per riconoscere le più importanti specie presenti nei nostri

prati e boschi. Origine degli organismi vegetali (storia leggende e curiosità del mondo vegetale). Le cellule e i tessuti

vegetali (le piante viste al microscopio). Anatomia del fusto, della foglia e della radice (le piante ai raggi x). Elementi

di siologia vegetale (come funzionano i processi vegetali). La fotosintesi e la respirazione: come fanno a vivere e a

respirare le piante? Nozioni e curiosità. Cenni di sistematica (impariamo a riconoscere le più importanti specie vegetali

dei nostri ambienti). Elementi d’ecologia vegetale, di tosociologia e togeogra a: perché una pianta si trova in

un posto piuttosto che in un altro? Come interagiscono e comunicano tra loro le piante. Le piante ci ascoltano? Sono

previste uscite all’Orto Botanico e in un Parco di Roma.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Botanica Virgili Prati – Viale Giulio Cesare,78 Lunedì 17-19 10 110 Febbraio 14

Antonio Lardo, Antonio Cangiano, Lucia Di Martino

Parlare di un gioco di carte come di uno Sport può sembrare un’esagerazione… ma non lo è per il Bridge, inserito

come disciplina sportiva nelle Olimpiadi degli Sport della mente, insieme alla dama e agli scacchi.

Il bridge è hobby, è sport, è cultura. Hobby come attività ludica nel senso più completo della parola. Sport perché

in esso ne troviamo tutte le componenti: disciplina, rigore, etica, performance, agonismo, confronto, allenamento,

fatica, sacri cio. Cultura, in ne, perché è anche socializzazione e aggregazione, essendo il suo nucleo fondamentale

composto in prima battuta dalla coppia e poi dai quattro giocatori. É dunque indispensabile conoscere il proprio partner,

costituire la coppia, sacri care una parte della propria personalità a favore del compagno, assimilare abitudini,

comportamenti, mentalità diverse dalla propria, a volte anche di altri paesi, tradizioni e culture.

Giocatori di tutte le età e di tutte le culture sono in grado di partecipare: ciò che occorre è un’adeguata ef cienza

sica, perché il bridge richiede concentrazione, competitività, prontezza di ri essi e resistenza. Un gioco davvero

affascinante, logico, appassionante, perché stimola le capacità di analisi, sintesi, deduzione logica e razionalità. E’

il gioco di coppia per eccellenza, perché tra i due compagni si crea un vero e proprio ponte ideale, esaltando valori

come l’amicizia, la complicità , la solidarietà, il fair-play.

Il bridge è regolamentato da norme etiche e pratiche, il cui rispetto rappresenta la nalità primaria del gioco e questo

aspetto, specialmente per i giovani, è di notevole valore educativo. Veniteci a trovare e a imparare questo gioco

“rimarrete sicuramente coinvolti”.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Bridge 1° livello Antonio Lardo Cinecittà–Via F.Stilicone,41 Martedì 15-17 24 220 15/10/13

Bridge 2° livello Antonio Cangiano Cinecittà–Via F.Stilicone,41 Venerdì 15-17 24 220 18/10/13

Bridge 1° livello Lucia Di Martino Cavour Martedì 15-17 24 220 15/10/13

Bridge 1° livello Antonio Lardo Prati – Viale Giulio Cesare,78 Lunedì 19-21 24 220 14/10/13

Bridge 2° livello Antonio Cangiano Prati – Viale Giulio Cesare,78 Venerdì 19-21 24 220 18/10/13

Quando l’ingiustizia diventa legge

la resistenza diventa un dovere

27

(Berthold Brecht)


Claudio Di Loreto, Rita Ferraro

Il fascino dell’investigatore

Il corso è rivolto a tutti coloro che per vari motivi si interessano al complesso mondo della criminologia, con un programma

che tocca tutti gli argomenti utili a una conoscenza globale delle tecniche proprie dell’investigatore civile e

penale, sia rispetto al modus operandi, sia da un punto di vista culturale e letterario: la letteratura speci ca, il cinema

e la televisione. Il programma si articola nei seguenti argomenti: l’Investigatore nell’immaginario collettivo (da Sherlock

Holmes a Montalbano, caratteri e personalità); storia della criminologia (devianza e comportamento criminale,

le origini da Lombroso); i soggetti pubblici del provvedimento (il PM, la difesa, il perito, la polizia giudiziaria, compiti e

responsabilità); la scena del crimine (sopralluoghi della scienti ca e polizia giudiziaria, esami e rilievi tecnici, l’ispezione

del cadavere; l’identikit, tecniche operative, pedinamento, perquisizione, avviso di garanzia); la gura dell’agente

in ltrato (i Servizi antidroga e la formazione aspiranti agenti, gli agenti undercover e segreti, i reparti Operativi Speciali,

il R.I.S, il programma S.E.R.E e l’inoculazione dello stress nei programmi C.I.A e altre agenzie come la stasi e il

K.G.B); il serial killer e l’analisi del crimine violento (delitti seriali come e perché, la paranoia e la sindrome di guerra,

l’omicidio senza movente e per gioco). Forum di domande aperte per commenti e questiti sugli argomenti trattati.

Il detective e la tutela dei beni culturali

Il corso vuole illustrare la gura misteriosa e affascinante dell’investigatore come persona di esponenti capacità intellettive

dal metodo deduttivo e intuitivo dei primi del novecento a quello attuale impegnato nella ricerca della prova

scienti ca incontrovertibile. Dal protagonista al ruolo della polizia giudiziaria e scienti ca per comprendere i metodi

delle indagini contemporanee e proiettare il bagaglio tecnico del detective a servizio dei beni culturali che intesi come

testimonianza materiale avente valore di civiltà sono stati in vari modi oggetto di attività criminale. Investigare quindi

con la consapevolezza dei metodi e delle possibilità offerte dalla scienza e dalla tecnica con consapevolezza critica di

una indagine sostenibile e applicare il modus operandi al servizio e tutela del patrimonio culturale.

Titolo Docente Dove Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Il fascino dell’investigatore Di Loreto/Ferraro Prati – Viale Giulio Cesare,78 Mercoledì 11-13 25 260 16/10/13

Il detective e tutela dei beni culturali Di Loreto/Ferraro Cavour Giovedì 15-17 25 260 1717/10/13

(Tennessee Williams)

28


CENTRO DI FORMAZIONE ENOGASTRONOMICO

Partner di IAL per corsi riconosciuti dalla Regione Lazio e nalizzati all’integrazione degli allievi nel mondo della ristorazione

TU CHEF è uno spazio di eccellenza per la formazione e l’apprendimento. Un centro che mira a costruire professionisti

e professionalità per il mondo della ristorazione. Dispone di un’area di 900 mq completamente attrezzata (cinque aule

di cucina e pasticceria, un’aula di pasticceria artistica, un’aula di pizzeria e pani cazione, un’aula di informatica, un’aula

magna), con le più moderne attrezzature e tecniche audiovisive, per consentire a ogni allievo di seguire praticamentee

di sperimentare direttamente ogni preparazione e cottura.

I docenti sono esperti del settore, scelti perché in grado di ricoprire, con passione e abilità, il ruolo di formatori. Tutti

gli insegnanti vengono selezionati con cura. Successivamente vengono sottoposti a un iter formativo per l’apprendimento

delle tecniche didattiche della Scuola e per consentire loro di affrontare con maggiore consapevolezza i processi

di apprendimento degli studenti e la gestione d’aula. Tutto il coordinamento delle attività formative è af dato alla

Direzione Didattica in grado di garantire una omogeneità e continuità dell’insegnamento, oltre che un controllo sulla

sua qualità. Si tratta di un team composto da formatori esperti sia di processi formativi generali sia dello speci co

settore della ristorazione sperimentale.

Tutta l’organizzazione della Scuola è intesa a strutturare le migliori condizioni af nché gli studenti possano

apprendere sia le competenze di base sia acquisire speci che specializzazioni. Formare signi ca anche predisporre

e preparare il futuro lavoratore alle dinamiche richieste dall’occupazione che andrà a ricoprire. Non è suf ciente

conoscere “ricette e tempi di cottura”, non è assolutamente vero e onesto affermare che l’unica cosa che serve è

“far pratica nei ristoranti”, perché, per ottenere risultati utili, è necessario studiare un preciso programma didattico/

formativo, la cui attuazione richiede capacità, professionalità e un costante monitoraggio.

L’Istituto Tu CHEF garantisce uno stage di due mesi a tutti i partecipanti ai corsi più importanti. Si avvale della collaborazione

dei migliori ristoranti e strutture alberghiere di Roma e del resto d’Italia; solo a Roma oltre 100 ristoranti e 10

alberghi sono convenzionati con il nostro Istituto. Nel periodo di stage gli allievi af ancheranno lo staff esecutivo dell’ente

ospitante, che avrà l’obbligo di istruire teoricamente e praticamente lo stagista che, a sua volta, collaborerà con il

personale come un dipendente, seguendo gli orari disposti dal responsabile. Questo percorso è ritenuto indispensabile

sia ai ni del completamento della formazione ricevuta in aula sia ai ni dell’inserimento nel mondo del lavoro.

Corsi professionali di pasticceria

Informazioni, iscrizioni e sedi dei corsi

Via Anglona, 12 - Roma (Metro A - S. Giovanni)

Via B. Bardanzellu, 8 - Roma (Metro B - Ponte Mammolo)

Tel. 06 77591305

www.nuovascuolatuchef.com • info@ nuovascuolatuchef.com

Sono consigliati a chi vuole iniziare ad avvicinarsi alla cucina professionale n dalle basi, quindi accessibili anche a chi

non ha alcuna conoscenza della materia. Alla ne di entrambi i corsi viene rilasciato un attestato riconosciuto dalla

Con.pa.it, valido per lavorare sia in Italia sia all’estero.

Corso integrato di formazione per pasticcere

Comprende 3 lezioni di HACCP, con rilascio di attestato e 42 lezioni teorico-pratiche di 4 ore l’una che si svolgono dalle

9.00 alle 13.00 per 3 giorni a settimana; prevede la possibilità di stage presso laboratori di pasticceria da noi individuati

già durante il corso o successivamente e, di conseguenza, limiti di età (35 anni) e l’esenzione da impegni lavorativi.

Inizio Dove Quando Ora Lezioni Contributo

Giovedì 10 Ottobre 2013 Via Anglona 12 Martedì, giovedì, sabato 9-13 3+42 3.000*

*esente da IVA ai sensi del DPR 633/72 art. 10 comma 20. Quota iscrizione e prenotazione € 550,00 Saldo € 2.450,00

29


Corso di avviamento alla professione di pasticcere

Il Corso di Avviamento alla Professione di Pasticcere, invece, comprende 2 lezioni di HACCP, con rilascio di attestato

e 27 lezioni teorico-pratiche di 4 ore l’una che si svolgono in fascia oraria pomeridiana o serale per 2 volte a settimana

per permetterne la frequenza anche ai lavoratori, e non prevede limiti di età.

Inizio Dove Quando Ora Lezioni Contributo

Martedì 8 ottobre 2013 Via Bardanzellu 8 Martedì, giovedì 15.30-19.30 2+27 2.000*

Lunedì 7 Ottobre 2013 Via Anglona 12 Lunedì, mercoledì 18.30-22.30 2+27 2.000*

*esente da IVA ai sensi del DPR 633/72 art. 10 comma 20. Quota iscrizione e prenotazione € 350.00 Saldo € 1.650,00

Corsi professionali di cucina

Sono tutti consigliati a chi vuole iniziare ad avvicinarsi alla cucina professionale n dalle basi, quindi accessibili anche a

chi non ha alcuna conoscenza della materia. Alla ne di entrambi i corsi viene rilasciato un attestato di Cucina di primo

livello riconosciuto dalla Federazione Italiana Cuochi, valido per lavorare in Italia e all’estero.

Corso integrato di formazione per Chef

Comprende 3 lezione di HACCP di 3 ore l’una, 36 lezioni teorico-pratiche di 4 ore l’una che si svolgono dalle 9.00 alle

13.00 per 3 volte a settimana e 2 cene di applicazione; prevede la possibilità di stage presso centri di ristorazione

da noi individuati già durante il corso o successivamente e, di conseguenza, limiti di età (35 anni) e l’esenzione da

impegni lavorativi.

Inizio Dove Quando Ora Lezioni Contributo

Lunedì 30 Settembre 2013 Via Anglona 12 Lunedì, mercoledì, venerdì 9-13 3+36+2 3.000*

Venerdì 11 Ottobre 2013 Via Bardanzellu 8 Lunedì, mercoledì, venerdì 9-13 3+36+2 3.000*

*esente da IVA ai sensi del DPR 633/72 art. 10 comma 20. Quota iscrizione e prenotazione € 550.00 Saldo € 2.450,00

Corso di avviamento alla professione di Chef

Comprende 2 lezioni di HACCP di 3 ore l’una, 27 lezioni teorico-pratiche di 4 ore che si svolgono nella fascia oraria

pomeridiana/serale (dalle 18.30 alle 22.30) per 2 volte a settimana per permetterne la frequenza ai lavoratori, essendo

un corso studiato proprio per chi è già inserito nel mondo del lavoro (non necessariamente nell’ambito della ristorazione)

e non prevede limiti di età.

Inizio Dove Quando Ora Lezioni Contributo

Martedì 15 Ottobre 2013 Via Bardanzellu 8 Martedì, giovedì 18.30-22.30 3+27 2.000

Mercoledì 2 Ottobre 2013 Via Anglona 12 Lunedì, mercoledì 18.30-22.30 3+27 2.000

*esente da IVA ai sensi del DPR 633/72 art. 10 comma 20. Quota iscrizione e prenotazione € 400.00 Saldo € 1.600,00

Corsi amatoriali

Semiprofessionale di Pasticceria

Il corso comprende 10 lezioni di 3 ore ciascuna. Programma didattico: il servizio dei dolci, gli strumenti di base, gli

ingredienti di base, le tecniche di base, l’uso della sac-a-poche, gli impasti e le masse montate, le creme e le salse

dolci, i biscotti, pasticceria da the, i bignè, le meringhe, i fritti, i lieviti, torte da forno o da credenza , i mignon, dolci

al cucchiaio, la pasticceria salata, il montaggio delle torte, le decorazioni, mousse e bavaresi, semifreddi, cenni sulla

gelateria, le ricette di TU CHEF

Inizio Dove Quando Ora Lezioni Contributo

Sabato 05 ottobre 2013 Via Anglona 12 Sabato 16-19 10 750

*esente da IVA ai sensi del DPR 633/72 art. 10 comma 20. Quota iscrizione e prenotazione € 150.00 Saldo € 600,00

30


Semiprofessionale di cucina generale

Il corso comprende 10 lezioni di 3 ore ciascuna. Programma didattico: igiene in cucina e accessori ausiliari,i coltelli e

le tecniche di taglio, pratica dell’uso dei coltelli, l’olio d’oliva, i fondi di cucina (brodo vegetale, brodo di pesce, brodo

di carne), le salse (salse madri, salse derivate, i leganti), il formaggio, i primi piatti, le farine, le paste essiccate, la

pasta all’uovo (semplice e farcita), la pasta acqua e farina, il pesce (carni bianche, carni azzurre, molluschi e crostacei,

come riconoscere la freschezza e come acquistarlo, pulizia ed eviscerazione), i metodi di cottura (al vapore, bollitura,

in padella o tegame, arrosto, frittura), la cucina di pesce, la carne (carni bianche e carni rosse, animali da macello e

animali da cortile), i tagli, i metodi di cottura (bollitura, in umido, al salto, arrosto, frittura), la cucina con la carne, le verdure

(tipologia, periodicità, igiene e preparazione, i metodi di cottura). Le uova: nozioni generali e cotture (alla cocque,

barzotte, sode, in camicia, fritte, frittate), i cereali (semolino, mais, farro, orzo), i legumi (fagioli, ceci, fave, cicerchie,

lenticchie e piselli), metodi di trattamento e cottura, il riso: nozioni generali, le tipologie di riso, sistemi di cottura, i

risotti, la mantecatura, il pane, pizze e focacce, la pasticceria dolce e salata. Le ricette di TU CHEF.

Inizio Dove Quando Ora Lezioni Contributo

Domenica 06 ottobre 2013 Via Anglona 12 Domenica 17-20 10 750

*esente da IVA ai sensi del DPR 633/72 art. 10 comma 20. Quota iscrizione e prenotazione € 150.00 Saldo € 600,00

Luisa Romandini

Erboristeria tradizionale mediterranea

Quelli che oggi vengono chiamati “rimedi” naturali nella medicina alternativa sono stati i protagonisti della nostra

medicina, dagli albori dell’umanità no ai primi del ‘900: chiamarli “rimedi” ne sminuisce il valore, perché parliamo di

veri e propri “farmaci”, sperimentati per millenni e di sicura ef cacia. Anche il termine “alternativo” non è appropriato,

l’alternativa è rappresentata dalla chimica, nata per copiare la Natura, sottraendone però il sapore e la ritualità della

preparazione. Il corso prevede lo studio delle singole Piante e delle grandi Famiglie Botaniche, dei metodi estrattivi e

delle preparazioni Galeniche (infusi, sciroppi, estratti glicerici); la Cosmesi vegetale (pomate, maschere di bellezza, oli

da massaggio); l’Aromaterapia e i poteri che sviluppano i singoli Oli Essenziali sulla psiche; il mondo delle Api e tutti i

prodotti dell’alveare; l’Argilla; l’Aloe; i Fiori di Bach; le piante toni canti. Tante ricette per un vivere sano!

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Erboristeria tradizionale mediterranea Romandini Prati – Viale Giulio Cesare,78 Martedì 15-17 23 165 15/10/13

Erboristeria tradizionale mediterranea Romandini Monteverde - Via P.Falconieri,84 Venerdì 9.15-11.15 23 165 18/10/13

31

(Francesco Bacone)


Clara Polidori

Spaceclearing

Lo Spaceclearing affonda le sue radici nei riti di puri cazione del Feng Shui, è utilizzato per liberare la propria casa dai

ristagni energetici e ripristinare la circolazione dell’energia vitale detta “Chi”. L’obiettivo di questa antica pratica è quello

di migliorare il nostro benessere sico e spirituale attraverso la cura dell’ambiente in cui si vive. Il corso breve include

una parte teorica in cui vengono introdotti cenni storici al Feng Shui, elementi di diagnosi dei ristagni energetici, suggerimenti

per la riorganizzazione dello spazio, il signi cato simbolico degli oggetti e degli arredi, l’inquinamento chimico

ed elettromagnetico, l’uso degli oli essenziali e delle piante antinquinamento, autoproduzione di detersivi ecologici e

modalità di risparmio energetico. Al termine del corso, l’ultima lezione è dedicata alla “cerimonia dello spaceclearing”.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Spaceclearing Polidori Prati – Viale Giulio Cesare,78 Venerdì 19-21 6 70 08/11/2013

Primavera Moretti

Filoso a della Scienza: uomini e libri

Sin dalle epoche più remote l’uomo ha sempre sentito il bisogno di misurare il mondo. Questa esigenza è strettamente

legata a un bisogno di ordine interiore. Gli Egizi, i Babilonesi, gli Indiani e i Greci, nelle diverse modalità, si

sono interrogati sul rapporto tra terra e cielo. Pitagora e la proporzione tra il suono e la matematica. Talete e il cosmo.

Democrito e l’atomo. La geometria e gli spazi. Platone e i dialoghi come il Menone. Aristotele e la prima catalogazione

della sica. Euclide e gli Elementi. La seconda parte del corso è dedicata alla scienza moderna: Galileo Galilei,

Spinoza e la misura di Dio, Leibenitz e il linguaggio universale della sica. Newton e la nuova scienza.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Filoso a della Scienza Moretti Prati – V.le Giulio Cesare,78 Martedì 11-13 25 180 € 15/10/13

Imparare la Pace

A cura di P4P e della Fondazione Prem Rawat

“Imparare la pace” è un programma educativo con l’obiettivo è aiutare i partecipanti a investigare la possibilità di

avere una pace interiore e a scoprire risorse personali quali la forza interiore, la libertà di scegliere, la capacità di apprezzare,

la speranza, la consapevolezza di sé, la chiarezza e la dignità. Le ri essioni verranno facilitate da materiale

audiovisivo e scritto inedito, di alta qualità, del Programma di Educazione alla Pace realizzato dalla Fondazione TPRF,

e condotte da esperti facilitatori. Alla ne verrà rilasciato un attestato di partecipazione.

Da gennaio 2014 - 10 incontri, di 90 minuti. Ingresso libero

L’UFFICIO CHE CERCHI PER IL TEMPO CHE VUOI

UFFICI A TEMPO A ROMA

Uf ci moderni, luminosi, completamente arredati e cablati, con l’assistenza professionale di una segreteria

operativa dalle 09.00 alle 19.00, che vi permetterà di iniziare immediatamente il vostro lavoro.

Viale Giulio Cesare 78 00192 - Roma

Telefono: 06.377161

www.businessinmotion.it • info@businessinmotion.it

32


Dirige Silvio Mencarelli

La Libera Accademia di Fotogra a prende forma. Dopo il successo ottenuto dai vari workshop e seminari, spesso a

partecipazione libera, puntiamo quest’anno ai corsi monotematici specialistici che si avvieranno dal mese di febbraio.

I corsi base, intermedio e progredito, invece, insieme agli apprezzatissimi corsi di “Formarsi uno stile in camera Raw”,

“Ritratto” e il nuovo “Ricerca e sperimentazione”, inizieranno puntualmente da ottobre. Un notevole successo lo ha

anche ottenuto il nostro circolo Fiaf Photosophia che da quest’anno, oltre agli incontri quindicinali del sabato, prevede

anche l’incontro mensile del “Salotto fotogra co del venerdì”.

Previsti dal mese di febbraio corsi monotematici brevi di approfondimento e specializzazione: Macrofotogra a con

Massimo De Medici, Fotogra a Boudoir con Robero Barbieri, Fotogra a di scena Con Manuela Giusto, Food con Antonio

Tiso, Composizione e percezione visiva con Autuori e Carletti, Autoritratto con Antonio Tiso, Pet Photography

con Veronica Giustino, Il ash con Claudio Gugliotti.

Buona fotogra a a tutti!

Silvio Mencarelli, Manuela Giusto, Claudio Gugliotti Massimo Righetti,

Fotogra a Base

Il corso rende autonomi i partecipanti nell’utilizzo della fotocamera alternando lezioni pratiche a teoriche. Gli argomenti

trattati sono: storia della fotogra a, l’albero digitale, tipi di fotocamere, il corpo macchina, le re ex, le priorità,

l’otturatore, il mosso creativo, il diaframma, la profondidi campo, come funziona l’esposimetro e i vari sistemi, gli

obiettivi, l’ISO, il ash incorporato, l’inquadratura, il white/balance, i diritti e doveri del fotografo, accenni al fotoritocco

digitale. Dopo ogni esercitazione seguirà l’analisi critica delle foto e i migliori lavori saranno pubblicati nel web www.

accademialar.it.

Silvio Mencarelli

Fotogra a Intermedio

Dopo una veri ca iniziale, saranno affrontati con l’esercitazione pratica i seguenti argomenti: l’ottimizzazione le, il

bilanciamento del bianco premisurato, luci continue e luci ash da studio; rapporto modella e fotografo, schemi di

luci nel ritratto, il beauty digitale accenni pratici; il ash e l’open ash; il ritratto in esterni con pannello o ash; i vari

tipi di ltri, i colori della luce, capire i ltri per il bianco/nero, etica del messaggio fotogra co. Dopo ogni esercitazione

seguirà l’analisi critica delle foto. Per chi desidera frequentare direttamente Fotogra a Intermedio è consigliabile un

incontro preliminare.

Silvio Mencarelli

Fotogra a Progredito

Il corso è adatto a chi a già frequentato i corsi base e intermedio ma anche per chi ha buone basi fotogra che. Si

affronteranno con l’esercitazione pratica i seguenti argomenti: scattare in Raw e camera Raw, l’iPhonogra a, la fotogra

a d’arte, il ritratto lowkey, il beauty, la luce painting e lo still life, il reportage e le tecniche dei grandi autori, la

colorazione manuale del bianco/nero. Si effettueranno lezioni pratiche di ripresa a cui seguirà l’analisi critica delle immagini,

e visite a mostre di professionisti. Per chi desidera frequentare direttamente il corso di Fotogra a progredito

è necessario un incontro preliminare con il docente.

33


Silvio Mencarelli

Camera RAW, formarsi uno stile

Dopo una panoramica dei vari stili fotogra ci, gli studenti saranno accompagnati tecnicamente e creativamente nello

sviluppo dei le RAW con l’obiettivo di raggiungere un determinato stile fotogra co assegnato. Sono previste varie

sessioni pratiche di ripresa, a cui seguirà in aula, insieme al docente, l’elaborazione del le con camera Raw di photoshop

e in ne l’analisi critica delle immagini. I temi spazieranno tra reportage, paesaggistica e architettura urbana,

provando a sviluppare il confronto tra i vari autori. Sono previste visite a mostre di professionisti. É obbligatorio avere

un proprio pc portatile dotato di software di Photoshop e Camera Raw.

Silvio Mencarelli

Il Ritratto

Il corso spiegherà le principali tecniche di ripresa e illuminazione del ritratto fotogra co, ed è consigliato ha chi ha già

una conoscenza base della fotocamera. Sono previste varie esercitazioni a cui seguirà sempre l’analisi critica delle

immagini. Si studierà la storia del ritratto fotogra co, i principali autori di ritratto e moda, gli schemi di luce base, il

lowkey, l’high key, il beauty, il ritratto con proiezioni, il ritratto in esterni con ash, l’ottimizzazione del le, l’inquadratura,

il bilanciamento del bianco in ripresa, il rapporto con la modella, etica fotogra ca. Una particolare attenzione sarà

rivolta al beauty digitale in postproduzione.

Silvio Mencarelli

Ricerca e sperimentazione

Il corso è consigliato a chi ha già buone conoscenze di base e vuole mantenersi attivo nella ricerca e sperimentazione

delle immagini fotogra che. Si realizzeranno vari set fotogra ci sui seguenti temi: la pittura con luce, lo speed ash,

fotografare il fumo, la stroboscopia, fotografare il fuori fuoco, la stop emotion, l’ombra animata, l’abstract-concept. Gli

studenti sono comunque invitati a proporre nuove ricerche. Dopo ogni esercitazione seguirà l’analisi critica delle foto e

tutto sarà nalizzato a una mostra fotogra ca di ne anno.

Silvio Mencarelli

Photoshop

Il corso insegna l’utilizzo del programma Photoshop e l’elaborazione dell’immagine in postproduzione. Gli argomenti

trattati sono i seguenti: le dimensioni delle immagini e le caratteristiche d’utilizzo, i formati digitali, ritagliare e ridimensionare,

regolare la prospettiva, realizzare cornici e bordi fumati, il timbro clone, i livelli, la gomma, correggere le

dominanti di colore, il b/nero, la colorazione parziale, i ltri, il pennello storia, inserire i testi, regolare i toni dell’immagine,i

nuovi livelli di regolazione, le maschere, le selezioni, le ombre. Le esercitazioni si svolgeranno sulle immagini

e sul computer dell’allievo, è quindi necessario disporre del proprio pc portatile e del programma Photoshop di qualsiasi

versione. ZPrerequisiti: conoscenza base del computer.In omaggio “Manuale di fotoritocco - 100 domande su

Photoshop e la fotogra a digitale” di Silvio Mencarelli.

Silvio Mencarelli

Il salotto fotogra co del venerdì - Fotoclub Fiaf

Le serate del Fotoclub FIAF si svolgono una volta al mese e hanno lo scopo di condividere le proprie immagini,

incontrandosi con altri appassionati di fotogra a, o ex allievi, visionandole e commentandole insieme. Il tema della

serata sarà deciso di volta in volta e le fotoproiezioni (o videofotogra ci) saranno sempre accompagnati da musica

e da un simpatico buffet. I partecipanti alle serate del Fotoclub entreranno a far parte automaticamente del circolo

FIAF Photosophia.

34


Silvio Mencarelli

Photosophia - Fotoclub Fiaf

Photosophia è un circolo af liato FIAF (Federazione Italiana Associazioni Fotogra che), ed è un punto di riferimento

per tutti gli studenti e appassionati di fotogra a. Con Photosophia si potrà aggiornare e maturare le proprie conoscenze

fotogra che, confrontandole con quelle degli altri aderenti al circolo. Gli incontri a settimane alterne prevedono

sessioni fotogra che in studio o in esterni, alternate da incontri in aula per l’analisi critica delle foto. Il circolo è aperto

a tutti gli appassionati di fotogra a ed è previsto un incontro preliminare in sede per chi non ha mai frequentato un

corso con Silvio Mencarelli.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Fotogra a base Mencarelli Prati – Viale Giulio Cesare,78 Lunedì 17.30-20 22 300 14/10/13

Fotogra a base Mencarelli Via Nomentana,248 Martedì 18-20 22 240 15/10/13

Fotogra a base Mencarelli Prati – Viale Giulio Cesare,78 Giovedì 11-13 22 240 17/10/13

Fotogra a base Giusto Monteverde - Via P.Falconieri,84 Giovedì 18-20 22 240 17/10/13

Fotogra a base Gugliotti Pigneto Martedì 15.30-17.30 15 160 15/10/13

Fotogra a base Righetti Flaminio Mercoledì 18-20 22 240 16/10/13

Fotogra a intermedio Mencarelli Prati – Viale Giulio Cesare,78 Lunedì 15-17.30 22 300 14/10/13

Fotogra a progredito Mencarelli Prati – Viale Giulio Cesare,78 Lunedì 10.30-12.30 22 300 14/10/13

Fotogra a progredito Mencarelli Via Nomentana,248 Martedì 16-18 25 270 15/10/13

Fotogra a progredito Mencarelli Prati – Viale Giulio Cesare,78 Giovedì 17.30-20.30 22 300 17/10/13

Camera Raw- Formarsi uno stile Mencarelli Prati – Viale Giulio Cesare,78 Mercoledì 15-17.30 22 300 16/10/13

Il Ritratto Mencarelli Prati – Viale Giulio Cesare,78 Mercoledì 17.30-20 22 300 16/10/13

Ricerca e Sperimentazione Mencarelli Prati – Viale Giulio Cesare,78 Giovedì 15-17.30 22 300 17/10/13

Photoshop Mencarelli Prati – Viale Giulio Cesare,78 Venerdì 10-13 10 180 25/10/13

Il salotto fotogra co del venerdì Mencarelli Prati – Viale Giulio Cesare,78 Venerdì 19.30-22.30 10 180 27/09/13

Photosophia Mencarelli Prati – Viale Giulio Cesare,78 Sabato 10.30-13.30 18 300 19/10/13

Franco Fatigati

Alla scoperta dei sistemi-mondo

Un tentativo di fornire risposte sull’evoluzione delle grandi strutture storiche, geopolitiche, sociali ed economiche che

si sono evolute dall’inizio della globalizzazione del Pianeta, il 12 Ottobre 1492 e sviluppatesi nel tempo nei diversi quadranti

geogra ci no all’attuale assetto globalizzato. Argomenti del corso: il mondo da Colombo, all’Età degli Imperi,

all’odierna fase globale; la storia e l’analisi geopolitica; l’evoluzione dello Stato come attore delle dinamiche internazionali

e geopolitiche; le culture del mondo: etnie, lingue e religioni; l’odierna Globalizzazione e l’età postmoderna.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Geopolitica: alla scoperta dei sistemi-mondo Fatigati Prati – Viale Giulio Cesare,78 Martedì 16-18 20 200 15/10/13

35

(Paulo Coelho)


Maria Teresa Chidichimo

Progettazione gra ca

Le basi della composizione per realizzare elaborati gra camente corretti per creare e gestire in maniera professionale

qualunque tipo di comunicazione. Argomenti: breve storia dell’arte dal punto di vista della comunicazione visiva;

signi cato e uso dei simboli; simbologia e psicologia dei colori e delle forme; le basi compositive della gra ca pura,

pubblicitaria ed editoriale; come scegliere e trattare le immagini; redazione ed editing; le principali regole per l’uso

della lingua in comunicazione visiva; come realizzare gli esecutivi e scegliere gli opportuni supporti e mezzi; panoramica

sui principali software per la computer gra ca e l’impaginazione; esercitazioni pratiche.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Progettazione gra ca Chidichimo Prati – Viale Giulio Cesare,78 Mercoledì 19-21 15 230 16/10/13

Antonello Albano

Alfabetizzazione informatica

Proprietà del computer e dei suoi accessori. WINDOWS: creazione e gestione delle proprie cartelle e delle raccolte

principali; funzioni taglia, copia, incolla ed elimina; uso della pen drive e del cd rom. WORD: impaginazione di un documento,

impostazione di testi, paragra e veste gra ca; inserimento e abbellimento di immagini. EXCEL: creazione di

un prospetto tabellare, per le più variate esigenze, gestendo il foglio di lavoro con l’utilizzo pratico di funzioni di calcolo

e l’inserimento semplice e funzionale di un gra co a barre o torta. Cenni di internet e ricerca con Google.

Antonello Albano

Internet e posta elettronica

I browser internet explorer e google chrome. Apertura dei siti tramite indirizzo o motore di ricerca; salvataggio di testi

e immagini nei preferiti; uso della cronologia; download di musica e lmati sul computer. Creazione di una casella

e-mail, gestione della posta elettronica con l’inserimento o il salvataggio degli allegati; gestione degli indirizzi e-mail

tramite la rubrica e impostazione di una mailing list. Download e installazione di un antivirus free, uso di skype per le

videochiamate gratuite e di googleearth per esplorare il mondo dal proprio computer.

Antonello Albano

Of ce avanzato

(Gandhi)

WINDOWS: creazione di un account privato, di archivi nidi cati e collegati; defrag, scandisk e ripristino del sistema.

WORD: impostazione professionale dei testi con l’ausilio di stili e temi gra ci, immagini da internet e links ipertestuali;

uso di note, commenti, sommari e caselle collegate. EXCEL: sviluppo di un prospetto con formule statistiche,

ltri, scenari e gra ci avanzati. ACCESS: creazione di un database collegato con report nale per archiviare varie

tipologie di dati. POWER POINT: impostazione di una sequenza di slides elettroniche corredate da effetti dinamici e

multimediali.

36


Antonello Albano

Divertirsi con il PC

Il corso è rivolto a coloro che desiderano usare il pc in modo dilettevole. WINDOWS: impostazione degli elementi

multimediali del pannello di controllo,creazione di cartelle a tema per raccogliere foto importate dalla fotocamera

digitale. PICASA: per ritoccarle, abbellirle e pubblicarle sulla propria casella e-mail, creata nell’ambito di importanti

accenni ad internet. MOVIE MAKER: per raggrupparle in un montaggio fotogra co, supportato da transizioni, titoli,

effetti e sfondi musicali da masterizzare in seguito su un cd-rom. POWER POINT: per la realizzazione nale di un

album multimediale.

Antonello Albano

Informatica webmaster

HTML: head e body di una pagina web; i tag di struttura per testi, paragra ed immagini dinamiche; links interni ed

esterni; il form per esprimere opinioni sui contenuti del sito; le tabelle come impianto di un pagina web; FLASH: interfaccia

di sviluppo di una copertina web; strumentazione e pannelli per la gestione gra ca e vettoriale di testi, oggetti e

immagini; la libreria per raccogliere gli elementi di una clip. DREAMWEAVER: interfaccia di compilazione dei tag html

e di elementi ash utile anche per impostare comportamenti nalizzati a migliorare lo scenario di una pagina web.

Creare il proprio sito o Blog

Per una persona giovane (ma anche per chi non lo e più), poter avere un sito e saperlo gestire e aggiornare, e un po’

come gridare al mondo, un interesse una passione, un hobby che possono essere condivisi con milioni di persone.

Il fatto poi di dedicare tempo a un proprio sito o blog può aiutare a crescere e a facilitare la creazione di relazioni.

Attraverso l’uso di un semplicissimo software gli allievi saranno messi in condizione di imparare a creare un sito web

o un blog che potranno gestire in totale autonomia, consentendo loro di poter esprimere una qualsiasi competenza

o passione e condividerla con migliaia di potenziali visitatori del web.

Film maker per tutti

Per chi, non professionista, desidera creare un video amatoriale e vuole apprendere le tecniche base di ripresa e per

operare semplici ma ef caci montaggi. Il corso partendo dall’ABC necessario a evitare i più banali errori durante le riprese,

passerà ad affrontare l’uso di alcuni software (come ad esempio Window Movie Maker) per il montaggio delle

immagini per aggiungere anche titoli, audio, ed effetti. Seguendo alcuni semplici ma essenziali consigli e istruzioni i

partecipanti saranno in grado di creare originali video, imparando i fondamentali della comunicazione visiva.

Creare e gestire il proprio Foto Album

Il corso è rivolto agli appassionati di fotogra a, ma anche ai dilettanti, che desiderano elaborare sul computer foto

ricordo e amatoriali, condividerle e pubblicarle sul web. Si farà riferimento a programmi normalmente reperibili su

internet come Picasa, con l’obiettivo di creare un album fotogra co digitale e di inserirlo sul web invitando gli amici

a visitarlo (blog, Flickr, etc.). Alcuni argomenti del corso: gestione delle cartelle per ospitare le foto su hard disk; concetti

sui formati delle foto (JPG, BMP); dimensioni e formato delle foto; elaborazione dei parametri base (luminosità,

contrasto, ritaglio, occhi rossi etc.); suddivisione delle foto per argomenti; creazione di un album; uso del web per

pubblicare foto.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Alfabetizzazione informatica Albano Prati – Viale Giulio Cesare,78 Lunedì 11-13 25 270 14/10/13

Alfabetizzazione informatica Albano Monteverde - Via P. Falconieri,84 Lunedì 15-17 25 170 14/10/13

Alfabetizzazione informatica Albano Pigneto Mercoledì 15-17 15 170 16/10/13

Alfabetizzazione informatica Albano Prati – Viale Giulio Cesare,78 Giovedì 9-11 25 270 17/10/13

Internet e posta elettronica Albano Prati – Viale Giulio Cesare,78 Venerdì 11-13 25 270 18/10/13

Internet e posta elettronica Albano Monteverde - Via P. Falconieri,84 Lunedì 17-19 15 170 14/10/13

Internet e posta elettronica Albano Pigneto Mercoledì 11-13 15 170 16/10/13

Divertirsi con il PC Albano Pigneto Mercoledì 17-19 15 170 16/10/13

Divertirsi con il PC Albano Prati – Viale Giulio Cesare,78 Giovedì 11-13 25 270 17/10/13

Of ce avanzato Albano Prati – Viale Giulio Cesare,78 Venerdì 9-11 25 270 18/10/13

Informatica webmaster Albano Prati – Viale Giulio Cesare,78 Lunedì 9-11 25 270 14/10/13

Creare il proprio sito o blog Inforidea Prati – Viale Giulio Cesare,78 Lunedì 17-19 10 145 14/10/13

Film maker per tutti Inforidea Prati – Viale Giulio Cesare,78 Venerdì 17-19 15 215 18/10/13

Creare e gestire il proprio foto album Inforidea Prati – Viale Giulio Cesare,78 Giovedì 17-19 10 154 17/10/13

37


38

CORSI DI ITALIANO PER STRANIERI

イタリア語コース

COURS D’ITALIEN POUR ÉTRANGERS

ITALIAN LANGUAGE COURSES FOR FOREIGNERS

CURSOS DE ITALIANO PARA EXTRANJEROS.

ﺩﺭﻭﺱ ﺍﻝﺇﻱﻁﺍﻝﻱﺓ ﻝﻝﺃﺝﺍﻥﺏ

外国人学意大利语课程

외국인을 위한 이탈리아어강좌

La LAR propone corsi di italiano per stranieri per tutti i livelli linguistici e con una frequenza che va incontro alle esigenze

sia di chi vuole imparare in modo intensivo con lezioni quotidiane sia di chi vuole rallentare il percorso formativo

con una frequenza più estensiva.I docenti hanno una formazione speci ca nel settore dell’italiano L2 (Ditals, Master,

Scuola di Specializzazione) e si propongono di piani care ogni corso in base alla composizione e alle esigenze del

gruppo classe. Oltre ai corsi standard, su richiesta si costruiscono corsi “a misura” dello studente: corsi di cultura

italiana, di business Italian, di lingua e civiltà per i richiedenti il permesso di soggiorno (minimo livello A2), corsi per

cantanti di opera, corsi per studenti principianti con lingue madri molto distanti dall’italiano, come cinesi, giapponesi,

coreani, tailandesi etc.

I corsi di italiano per stranieri sono organizzati secondo i sei livelli linguistici previsti dal Quadro Comune Europeo di

Riferimento per le Lingue.

A1- A2 Livello basico: contatto e sopravvivenza

L’allievo sa comprendere e utilizzare espressioni di uso quotidiano e formule molto comuni per soddisfare bisogni di

tipo concreto. È in grado di comunicare in attività semplici e di routine che richiedono solo uno scambio di informazioni

semplice e diretto su argomenti familiari e abituali. A2 è il livello richiesto per chi entra in Italia con regolare visto

e, in base all’Accordo di Integrazione (marzo 2012), deve dimostrare (attraverso un esame) la conoscenza della lingua

italiana e del territorio.

B1 Livello dell’autonomia

L’allievo è in grado di comprendere i punti essenziali in lingua standard su argomenti che affronta normalmente al

lavoro, a scuola, nel tempo libero ecc. Sa produrre testi semplici e coerenti su argomenti che gli siano familiari o siano

di suo interesse.

B2 Livello del progresso

L’allievo è in grado di comprendere le informazioni fondamentali di testi complessi su argomenti sia concreti che

astratti, comprese le discussioni tecniche nel proprio settore di specializzazione. È in grado di interagire con relativa

scioltezza e spontaneità. Sa produrre testi chiari e articolati su un’ampia gamma di argomenti.

(Don Andrea Gallo)


C1 Livello dell’ef cacia

È in grado di comprendere un’ampia gamma di testi complessi e piuttosto lunghi e ne sa ricavare anche il signi cato

“nascosto”. Si esprime in modo scorrevole e spontaneo, senza un eccessivo sforzo per cercare le parole. Usa la lingua

in modo essibile ed ef cace per scopi sociali, accademici e professionali.

C2 Livello della padronanza

È in grado di comprendere senza sforzo praticamente tutto ciò che ascolta o legge. Sa riassumere informazioni scritte

o orali. Si esprime spontaneamente, in modo molto scorrevole e preciso e rende distintamente sottili sfumature di

signi cato anche in situazioni piuttosto complesse.

Test preliminare - L’inserimento nel corso avviene dopo un preliminare accertamento del livello linguistico dello

studente. Il test consiste in una prova scritta e un’intervista che permettono di rilevare i bisogni comunicativi e gli

obiettivi individuali di ciascuno studente.

Durata dei corsi – la durata completa di un corso (corrispondente a un livello linguistico) è di 60 ore, ma nei corsi intensivi

(20 ore di lezione a settimana) è possibile scegliere percorsi più brevi (vedi schema dei corsi). Il corso A2 nalizzato

all’esame di lingua italiana per i richiedenti il permesso di soggiorno dura 30 ore.

Test e attestato nale – alla ne del corso viene somministrato un test nale con punteggio per misurare il progresso

degli studenti. Allo studente viene rilasciato un attestato di frequenza e un certi cato che speci ca il risultato

dell’esame nale, il livello linguistico raggiunto e il tipo di corso (intensivo/estensivo, numero di ore complessive).

Preparazione all’esame CILS - su richiesta degli studenti, i corsi di italiano relativi a tutti i livelli possono comprendere

la preparazione all’esame CILS (certi cazione di italiano come lingua straniera dell’Università per Stranieri di

Siena).

Tipologia dei corsi

Intensivi: la frequenza è di mattina da lunedì a venerdì per 4 ore a lezione (20 ore di lezione a settimana). La durata

del corso per un livello linguistico è di 3 settimane (60 ore). È possibile scegliere di frequentare 1 o 2 settimane.

Semintensivi: la frequenza è 3 volte a settimana, il pomeriggio per 2 ore a lezione (6 ore di lezione a settimana). La

durata del corso è di 10 settimane (60 ore).

Estensivi: la frequenza è 2 volte a settimana, il pomeriggio per 2 ore di lezione (4 ore di lezione a settimana). La durata

del corso è di 15 settimane (60 ore).

Lezioni semindividuali (2 studenti) e individuali: a richiesta.

E’ possibile organizzare, sulla base di liste di attesa, corsi in orari diversi da quelli proposti e gruppi di apprendimento

ad hoc dall’estero.

Titolo Dove Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Italiano stranieri A1/A2 intensivo Prati – Viale Giulio Cesare,78 Da Lun a Ven 9-13 15 325 16/09/13

Italiano stranieri A1/A2intensivo Prati – Viale Giulio Cesare,78 Da Lun a Ven 9-13 15 325 09/12/13

Italiano stranieri A1/A2 semintensivo Prati – Viale Giulio Cesare,78 Lun/Mer/Ven 11-13 20 325 16/09/13

Italiano stranieri A1/A2 estensivo Prati – Viale Giulio Cesare,78 Mar/Giov 17-19 30 325 17/09/13

Italiano stranieri B1 intensivo Prati – Viale Giulio Cesare,78 Da Lun a Ven 9-13 15 325 14/10/13

Italiano stranieri B1 semintensivo Prati – Viale Giulio Cesare,78 Lun/Mer/Ven 11-13 20 325 02/12/13

Italiano stranieri B1 estensivo Prati – Viale Giulio Cesare,78 Mar/Giov 17-19 30 325 20/01/14

Italiano stranieri B2intensivo Prati – Viale Giulio Cesare,78 Da Lun a Ven 9-13 15 325 16/09/13

Italiano stranieri B2 intensivo Prati – Viale Giulio Cesare,78 Da Lun a Ven 9-13 15 325 11/11/13

Italiano stranieri B2 semintensivo Prati – Viale Giulio Cesare,78 Lun/Mer/Ven 11-13 20 325 17/03/14

Italiano stranieri C1 intensivo Prati – Viale Giulio Cesare,78 Da Lun a Ven 9-13 15 325 14/10/13

Italiano stranieri C1 intensivo Prati – Viale Giulio Cesare,78 Da Lun a Ven 9-13 15 325 09/12/13

Italiano stranieri C2 intensivo Prati – Viale Giulio Cesare,78 Da Lun a Ven 9-13 15 325 11/11/13

39


Angela D’Agostini

Convivium latinitatis

Il corso si rivolge a chi già possiede una conoscenza di base del latino e intende recuperarla o approfondire lo studio della

sintassi della proposizione e del periodo. Leggere, tradurre e analizzare testi latini scelti dalle opere di Livio, Cicerone,

Orazio, Virgilio e di altri tra i più grandi autori della tradizione classica sarà il punto di partenza per sviluppare, in maniera

semplice e piacevole, le nostre abilità linguistiche. Una breve introduzione ai testi, inoltre, servirà a collocare autori ed

opere nel loro contesto storico e letterario. Se vuoi essere sicuro/a che questo corso è adatto alle tue competenze, fai

una veri ca prenotando in segreteria un test d’ingresso.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Latino D’Agostini Prati – Viale Giulio Cesare,78 Lunedì 15-17 25 260 14/10/13

Flaminia Coldagelli

Lettura della Divina Commedia: l’Inferno e il Paradiso

La commedia ha una forza poetica che ne rende possibile la ripetizione senza esaurirne la vitalità. È dif cile spiegare

la “divinità” del testo e come un viaggio inverosimile attraverso Inferno, Purgatorio e Paradiso possa ancora emozionarci.

Leggiamo la Commedia: senza inciampare negli scalini dell’interpretazione, né farci intimidire dalla fama di libro

dif cile, guidati dall’autore che narra un’avventura semplice e straordinaria, che può dirci molto sulla nostra vita, le

nostre passioni, il nostro desiderio d’immortalità, salvezza e giustizia. E poi leggere Dante ci regala la bellezza eterna

della poesia. Per quest’anno sono previsti due corsi: uno sulla lettura dell’Inferno e uno su quella del Paradiso.

Flaminia Coldagelli

Dal romanzo al lm

Da sempre il cinema si è rivolto alla letteratura in cerca di suggerimenti narrativi, ma soprattutto in cerca di storie.

Il corso si articola tra i due linguaggi narrativi: parleremo di scrittori e romanzi, di lm e registi, di come un romanzo

diventa un lm. Partiremo da grandi romanzi del passato: “Orgoglio e pregiudizio” di J. Austen e “Madame Bovary” di

G. Flaubert per poi dirigerci verso testi più moderni, spaziando tra “Il grande Gatsby” di F. Scott Fitzgerald, “La donna

del tenente francese” di J. Fowles, “Espiazione” di I. Mc Ewan, “La macchia umana” di P. Roth.

Flaminia Coldagelli

La poesia verso il Novecento

A ne Ottocento una profonda trasformazione investe la letteratura e le arti. La ducia nella possibilità di rappresentare

il reale cede il passo all’esigenza di andare oltre, cercare il fondo autentico della realtà, dando voce all’inesprimibile,

a una dimensione fantastica. Questo si realizza prima nella poesia francese, dalle premesse di Baudelaire no

a Rimbaud, Verlaine, Mallarmè; in Italia il processo è meno vistoso, realizzandosi soprattutto nell’opera di Giovanni

Pascoli che in sordina traghetta verso il Novecento la poesia italiana, oltre la spettacolare esperienza dannunziana.

40

(Luigi Tenco)


Flaminia Coldagelli

“Un sogno fatto alla presenza della ragione”: la poesia di Giacomo Leopardi

Leopardi è un lirico talmente moderno che la storia poetica dell’Ottocento italiano si è potuta svolgere indipendentemente

da lui. Nel breve arco della sua esperienza, egli assimila il linguaggio poetico precedente, brucia la tradizione

per ricomparire in uno spazio letterario altro, che non si può valutare secondo le normali coordinate storico critiche.

Isolato nella sua grandezza eroica, Leopardi offre una lezione di arte poetica e di problematica esistenziale troppo

aspra per i contemporanei, che verrà raccolta più tardi, divenendo determinante per la poesia del Novecento.

Flaminia Coldagelli

Le Origini della letteratura italiana

Un viaggio nella cultura letteraria del Medioevo. L’alto medioevo e l’eredità del mondo classico; la cultura monastica:

abbazia, biblioteca, scriptorium. Gli esordi delle lingue romanze nel continuum tra latino volgare e medievale: i primi

documenti della lingua italiana. Le civiltà letterarie di oc e di oil nelle corti diProvenza; l’epica carolingia, il romanzo

cortese, la lirica d’amore dei trovatori. Federico II e la cultura cortese in Sicilia: la scuola poetica siciliana e la sua diffusione

in Toscana. L’ascesa del orentino come lingua letteraria no allo Stil Novo e a Guido Cavalcanti.

Flaminia Coldagelli, Elisabetta Palmieri, Barbara Piraccini

Francesco d’Assisi

Francesco d’Assisi nel racconto dei suoi biogra , nei versi di Dante, nelle scene di Giotto. Indagine a tre voci tra arte,

letteratura e storia.

Paola Ducci

Letteratura Gialla&Noir

La letteratura gialla e noir è ricca di capolavori spesso poco conosciuti. Lo scopo del corso è riportare alla luce splendide

opere in giallo&noir e conoscere insieme nuove piccole perle. Con un breve cenno a come tutto ebbe inizio…

e l’inizio è sempre E.A. Poe! Il giallo classico: la scuola europea. Gli inglesi: da Conan Doyle e A. Christie in poi. I

francesi: Simenon e il commissario Maigret. In Italia: Camilleri e Montalbano Il noir: la scuola americana da Chandler

a Ellroy. Il noir scandinavo: Mankell, e il fenomeno Stieg Larsson. Il noir inglese: la tetralogia di D. Peace. Il Simenon

più nero. Il noir italiano: Lucarelli, Carlotto, de Cataldo.

Paola Ducci

Ladies in black: le Signore del crimine

Sei storie nerissime, sei capolavori declinati al femminile. Sei incontri per imparare a conoscere e apprezzare grandi

romanzi e grandi autrici della letteratura gialla e nera. “Dieci piccoli indiani” e la regina incontrastata del giallo. “Il

talento di mr Ripley” e l’anima nera di Patricia Highsmith. “Sotto i venti di Nettuno” e il commissario surreale di Fred

Vargas. “Un lavoro inadatto a una donna” e le mentite spoglie di P.D. James. “Morbide guance” e “Le quattro casalinghe

di Tokyo”: la sottile crudeltà di Natsuo Kirino.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Lettura della Divina Commedia: l’Inferno Coldagelli Prati – Viale Giulio Cesare,78 Lunedì 17-19 25 180 14/10/13

Lettura della Divina Commedia: il Paradiso Coldagelli Prati – Viale Giulio Cesare,78 Lunedì 15-17 25 180 14/10/13

Dal romanzo al lm Coldagelli Cinecittà - Via F. Stilicone,41 Martedì 10-12 25 180 15/10/13

La poesia verso il Novecento Coldagelli Prati – Viale Giulio Cesare,78 Giovedì 15-17 25 180 17/10/13

La poesia di Giacomo Leopardi Coldagelli Via Nomentana,248 Mercoledì 15-17 20 145 16/10/13

Le Origini Coldagelli Monteverde - Via P.Falconieri,84 Giovedì 11.15-13.15 25 180 17/10/13

Francesco d’Assisi Collettaneo Prati – Viale Giulio Cesare,78 Venerdì 15-17 10 90 18/10/13

Ladies in black: le Signore del crimine Ducci Prati – Viale Giulio Cesare,78 Giovedì 9-11 6 65 17/10/13

Letteratura Gialla&Noir Ducci Prati – Viale Giulio Cesare,78 Giovedì 9-11 10 105 05/12/13

41


Coordina Florence Della Zuana & Alessandra Iozzi

Una lingua non si insegna, si può solo imparare.

Imparare una lingua diversa dalla propria è un viaggio avventuroso che necessita di una buona dose di coraggio. Implica

quell’umiltà - unita alla curiosità - di chi, non sazio di sé, desidera conoscere altri mondi e altre culture, scavalcando

i con ni, spesso angusti, dei propri schemi cognitivi.

Non esistono lingue dif cili o lingue facili. Esistono però cittadini del mondo che usano un mezzo verbale diverso rispetto

al nostro che rispecchia la diversa geogra a mentale del proprio luogo di nascita e di residenza. Co-municare signi ca mettere

in comune conoscenza, progetti e relazioni. A questo serve imparare una lingua straniera: a vivere insieme in armonia

in questo villaggio globale ed esserne parte integrante e consapevole.

Accoglienza e percorsi linguistici

L’accesso a tutti i corsi di Lingua (tranne che per i primi livelli A1a) avviene attraverso un test di accesso scritto e

orale, che veri chi non solo il livello di partenza dello studente ma anche le motivazioni e problematiche speci che

all’apprendimento della lingua da parte di ogni allievo.

Tutti i nostri corsi - per quanto concerne il francese, inglese, portoghese, spagnolo e tedesco - si uniformano ai Livelli

del Quadro Comune Europeo di Riferimento. I corsi di arabo, ebraico e portoghese brasiliano presentano invece

programmi a se stanti.

LIVELLO A - Base

A1 (A1a – A1b) - Livello base

L’allievo comprende e usa espressioni di uso quotidiano e frasi basilari tese a soddisfare bisogni di tipo concreto. Sa

presentare se stesso/a agli altri ed è in grado di fare domande e rispondere su particolari personali come dove abita,

le persone che conosce e le cose che possiede. Interagisce in modo semplice, purché l’altra persona parli lentamente

e chiaramente e sia disposta a collaborare.

A2 (A2a – A2b) - Livello elementare

Comunica in attività semplici e di abitudine che richiedono un semplice scambio di informazioni su argomenti familiari e

comuni. Sa descrivere in termini semplici aspetti della sua vita, dell’ambiente circostante; sa esprimere bisogni immediati.

LIVELLO B - Autonomia

B1 (B1a – B1b) - Livello intermedio o “di soglia”

(Hegel)

L’allievo comprende i punti chiave di argomenti familiari che riguardano la scuola, il tempo libero ecc. Sa muoversi

con disinvoltura in situazioni che possono veri carsi mentre viaggia nel paese di cui parla la lingua. È in grado di produrre

un testo semplice relativo ad argomenti che siano familiari o di interesse personale. È in grado di esprimere

esperienze ed avvenimenti, sogni, speranze e ambizioni e di spiegare brevemente le ragioni delle sue opinioni e dei

suoi progetti.

B2 (B2a – B2b) - Livello intermedio superiore

Comprende le idee principali di testi complessi su argomenti sia concreti che astratti, comprese le discussioni tecniche

sul suo campo di specializzazione. È in grado di interagire con una certa scioltezza e spontaneità che rendono

possibile una interazione naturale con i parlanti nativi senza sforzo per l’interlocutore. Sa produrre un testo chiaro e

dettagliato su un’ampia gamma di argomenti e spiegare un punto di vista su un argomento fornendo i pro e i contro

delle varie opzioni.

42


LIVELLO C - Padronanza

C1 (C1a – C1b) - Livello avanzato o “di ef cienza autonoma”

L’allievo comprende un’ampia gamma di testi complessi e ne sa riconoscere il signi cato implicito. Si esprime con

scioltezza e naturalezza. Usa la lingua in modo essibile ed ef cace per scopi sociali, professionali ed accademici.

Riesce a produrre testi chiari, ben costruiti, dettagliati su argomenti complessi, mostrando un sicuro controllo della

struttura testuale, dei connettori e degli elementi di coesione.

C2 (C2a – C2b) - Livello di padronanza della lingua in situazioni complesse

Comprende con facilità praticamente tutto ciò che sente e legge. Sa riassumere informazioni provenienti da diverse

fonti sia parlate che scritte, ristrutturando gli argomenti in una presentazione coerente. Sa esprimersi spontaneamente,

in modo molto scorrevole e preciso, individuando le più sottili sfumature di signi cato in situazioni complesse.

STANDARD

I corsi standard (50 o 30 ore complessive) prevedono l’apprendimento della lingua attraverso l’acquisizione di precise

competenze: comprensione (uditiva e scritta) e produzione (orale e scritta) della lingua straniera. Si articolano in vari

livelli che sono de niti e si uniformano al Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue per quanto concerne

i contenuti, le nalità e gli obiettivi.

CONVERSATION - PRÁCTICA VERBAL - KONVERSATION

Venite a scoprire e a parlare di numerosi argomenti in un’atmosfera conviviale e amichevole. Un approccio creativo e

vivace per sviluppare le vostre conoscenza linguistiche e culturali. Questi corsi vi daranno la possibilità di comunicare

e migliorare le vostre capacità di espressione orale.

ENGLISH WORKSHOP - ATELIER DE FRANÇAIS - LABORATORIO DE ESPAÑOL -

SPRACHWERKSTATT

Un modo coinvolgente per migliorare tutti gli aspetti della lingua. Questi corsi aiutano a sviluppare e perfezionare l’espressione

orale, dando ampio spazio alla conversazione e permettendo di ampliare e consolidare le conoscenze lessicali

e grammaticali. Il materiale, il tipo di attività e il tempo dedicato alle diverse abilità linguistiche variano a seconda

del livello e delle esigenze di ogni gruppo. Letture di testi e/o articoli su tematiche sempre nuove e varie. Commento

sulle letture, libera espressione, attività ludiche. Ampliamento del lessico e perfezionamento della pronuncia. Ripasso

e approfondimento grammaticale. Esercizi di comprensione scritta e orale.

Annamaria Ventura

I materiali didattici verranno scelti tra diversi testi: dalla grammatica Durand-Langone-Mion, no ad estratti dei testi

della Cambridge e della Facoltà di Studi Orientali (L. Veccia Vaglieri, O. Durand) per citare i principali. Non è previsto

test di accesso per i corsi di arabo: è possibile inserirsi nei corsi già avviati previo colloquio con la docente e seguire,

concordando con la segreteria della LAR, una lezione di prova (contributo al corso proporzionato al numero di incontri

rimanenti). Attestato di partecipazione e frequenza del corso, rilasciato con il Patrocinio di “Sguardo sul Medio

Oriente”.

Arabo 1: introduzione alla lingua araba

Il corso si propone di introdurre gli allievi alla lingua araba dando nozioni ed elementi base su tutti quei rami di cui si

compone l’intricato ed intrigante mondo degli arabisti. Verrà affrontata la struttura delle lingue semitiche da un punto

di vista teorico e poi pratico di base, con l’applicazione dell’alfabeto e della gra a e con cenni all’arte calligra ca araba.

Verranno proposti testi semplici e dialoghi fruibili, accanto ai quali si apprenderanno le basi della grammatica: non è

un caso che in arabo la parola “grammatica” si traduca con “al-qawaa‘id” letteralmente “le basi”. Le lezioni mirano

perciò da una parte a fornire ai corsisti la capacità iniziale di muoversi in un paese arabo esprimendosi con frasi e dialoghi

di pronto uso, e dall’altra a fornire una conoscenza fonetica, morfologica, sintattica e grammaticale circoscritta

ma precisa, offrendo inoltre quegli strumenti utili a decidere come e in quale direzione proseguire il proprio percorso

formativo rispetto alla cultura e alla lingua araba.

43


Arabo 2

Il corso, sulla base della medesima impostazione didattica del livello I, fornisce agli allievi una conoscenza più ampia

e specialistica della grammatica araba con particolare riferimento alle forme derivate del verbo. Verranno analizzati

testi complessi attinenti ai diversi ambiti della cultura arabo-islamica che permetteranno di apprendere, oltre a un

bagaglio lessicale ampio, le strutture grammaticali e sintattiche atte ad acquisire una buona padronanza della lingua

araba classica.

Arabo parlato, dialettologia

Il corso si propone di fornire agli allievi gli strumenti atti all’uso orale della lingua araba dialettale. Verrà affrontata la

struttura diglottica della lingua araba e l’introduzione alla dialettologia. I lavori prenderanno le mosse da un’introduzione

alla lologia semitica, premessa indispensabile per il collocamento dello studio della lingua araba, focalizzandosi

poi sulla dialettologia araba, vero pilastro per il discente non-arabofono da af ancare allo studio della Fusha quale

lingua araba classica. Lo studio verterà sull’arabo palestinese e dell’area del mashreq con testi e dialoghi in trascrizione.

Il dialetto infatti, in quanto lingua parlata e non scritta, è tradizionalmente studiato in occidente in trascrizione

semitistica ovvero in caratteri latini forniti di diacritici. Al termine del corso gli allievi saranno in grado di esprimersi in

un dialetto ben compreso in tutto il mondo arabo con particolare riferimento all’area mediorientale. Non è richiesta la

conoscenza dell’arabo classico seppur caldamente consigliata.

Corano, tecniche di traduzione

Il corso propone lo studio del Corano, da un punto di vista linguistico più che teologico. Lo studio e l’analisi della

Fusha coranica a livello linguistico è infatti in sé una disciplina teologica. L’analisi delle sure fornisce agli allievi da una

parte uno strumento fondamentale per la comprensione della cultura islamica e dall’altra una preziosa possibilità di

apprendere grammatica, sintassi e vocalizzazione di quell’arabo classico puro e perfetto che solo il Corano detiene.

Sarà oggetto dei lavori la traduzione del Corano nelle versioni di A. Bausani e G. Mandel. Sono previsti laboratori di

ascolto delle sure. Il corso prevede inoltre l’introduzione alla calligra a araba, vero emblema delle affascinanti forme

di un’arte iconoclasta che ha eletto ad immagine la parola scritta.

Cultura islamica

Il corso è volto a fornire una panoramica sulla cultura islamica di base. Saranno esposte le linee fondamentali dell’Islam

attraverso lo studio della terminologia in uso in lingua araba. Dagli arkan al-Islam alla shahada, da din a kufr,

saranno spiegati termini e relativi concetti quali ijtihad, shari‘a, imam, jahiliyya, jihad, ka r, umma, jami‘, ahl al-kitab e

tutti quei concetti, entrati nel vocabolario occidentale come hijab, sala yya, sunna o shi‘a nelle forme riadattate nelle

lingue indo-europee, oppure ancora poco note in occidente come qh, shikr, tawhid etc. Gli allievi apprenderanno

non solo le basi del terzo monoteismo ma una chiave di lettura etimologica utile a proseguire lo studio dell’Islam.

Arabo per il business base

Programmi e orari personalizzati per lavoratori, manager e aziende.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Arabo 1 Ventura Prati – Viale Giulio Cesare,78 Lunedì 19-21 25 300 14/10/13

Arabo 1 Ventura Prati – Viale Giulio Cesare,78 Giovedì 12-14 25 300 17/10/13

Arabo 2 Ventura Prati – Viale Giulio Cesare,78 Martedì 19-21 25 300 15/10/13

Arabo 2 Ventura Prati – Viale Giulio Cesare,78 Mercoledì 12-14 25 300 16/10/13

Arabo parlato, dialettologia Ventura Prati – Viale Giulio Cesare,78 Martedì 17-19 15 180 22/10/13

Corano, tecniche di traduzione Ventura Prati – Viale Giulio Cesare,78 Mercoledì 15.30-17.30 15 180 23/10/13

Cultura islamica Ventura Prati – Viale Giulio Cesare,78 Mercoledì 17.30-19.30 5 80 13/11/13

44


Annamaria Ventura

Ebraico base

Il corso, destinato ai principianti, è volto all’apprendimento dell’alfabeto in una prima fase e allo studio di una fraseologia

elementare in israeliano non vocalizzato moderno in una seconda fase. Gli allievi saranno in grado di padroneggiare

i rudimenti di ebraico moderno volti all’applicazione pragmatica come quella di viaggiare in Israele o utili alla

prosecuzione dello studio in ambito di lologia semitica come l’ebraico biblico e l’aramaico.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Ebraico base Ventura Prati – Viale Giulio Cesare,78 Lunedì 17-19 5 80 03/02/14

Florence Della Zuana, Donatella Ruscito

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Français niveau A1a Della Zuana Via Nomentana,248 Lunedì 15-17 25 260 14/10/13

Français niveau A1a Della Zuana Cavour Giovedì 17-19 25 260 17/10/13

Français niveau A1b Della Zuana Prati – Viale Giulio Cesare,78 Mercoledì 18-20 25 260 16/10/13

Français niveau A2b Ruscito Cavour Giovedì 17-19 25 260 17/10/13

Français niveau A2b Della Zuana Cavour Giovedì 19-21 25 260 17/10/13

Français niveau A2b Della Zuana Repubblica - Via Palermo,28 Venerdì 17-19 25 260 18/10/13

Français niveau B1a – max 8 part. Della Zuana Via Nomentana,248 Lunedì 17-19 25 300 14/10/13

Français niveau B1b Ruscito Cavour Mercoledì 15-17 25 260 16/10/13

Français conversation niveau B2 Della Zuana Cavour Martedì 17-19 25 290 15/10/13

Atelier de français – niveau B1 Ruscito Cavour Mercoledì 11-13 25 290 16/10/13

Atelier de français – niveau B1 – max 8 part. Della Zuana Repubblica - Via Palermo,28 Venerdì 19-21 20 300 18/10/13

Atelier de français – niveau B1 Della Zuana Prati – Viale Giulio Cesare,78 Mercoledì 16-18 25 290 16/10/13

Atelier de français – niveau B2 Della Zuana Cavour Martedì 19-21 25 290 15/10/13

Atelier de français – niveauB2 Ruscito Cavour Giovedì 11-13 25 290 17/10/13

Robert Fagen, Lucy Giannelli, Alessandra Iozzi, Monica Martino, Max Mc Morrow, Donatella Ruscito

I costi dei corsi possono variare in base al numero dei partecipanti. In particolare, i corsi di conversazione prevedono un

massimo di 10 partecipanti così come i workshop dal B2 level in poi. I corsi denominati “little group” prevedono invece un

massimo di 8 partecipanti. In tutti gli altri corsi sono ammessi no a 15 partecipanti.

Donatella Ruscito

English Grammar Workshop – B level

Questo laboratorio di grammatica permetterà agli studenti di assimilare, ripassare e consolidare un certo numero di

importanti nozioni grammaticali che è fondamentale aver acquisito a questo livello. Il corso include una parte esplicativa

ma è essenzialmente di tipo pratico, basato sull’esercitazione e l’allenamento. Le lezioni si tengono in lingua inglese.

Aperto agli allievi con conoscenza della lingua a livello intermedio (B1).

45


Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

English A1 level Fagen Pigneto Martedì 17.30-19.30 15 160 15/10/13

English A1 level Iozzi Prati – Viale Giulio Cesare,78 Martedì 17-19 25 260 15/10/13

English A1 level Martino Via Nomentana,248 Martedì 18-20 25 260 15/10/13

English A1 level Giannelli Portuense Giovedì 15-17 25 260 17/10/13

English A1 level Iozzi Prati – Viale Giulio Cesare,78 Venerdì 11-13 25 260 18/10/13

English A1b level Iozzi Prati – Viale Giulio Cesare,78 Martedì 15-17 25 260 15/10/13

English A2a level Giannelli Prati – Viale Giulio Cesare,78 Martedì 17-19 25 260 15/10/13

English A2a level Ruscito Cavour Giovedì 15-17 25 260 17/10/13

English A2a level Giannelli Portuense Giovedì 17-19 25 260 17/10/13

English A2b level Giannelli Prati – Viale Giulio Cesare,78 Martedì 15-17 25 260 15/10/13

English A2b level Iozzi Prati – Viale Giulio Cesare,78 Mercoledì 11-13 25 260 16/10/13

English A2b level McMorrow Monteverde - Via P.Falconieri,84 Mercoledì 11-13 25 260 16/10/13

English B1a level Martino Via Nomentana,248 Martedì 16-18 25 260 15/10/13

English B1a level Ruscito Cavour Giovedì 9-11 25 260 17/10/13

English B1a level Fagen Prati – Viale Giulio Cesare,78 Giovedì 11.30-13.30 25 260 17/10/13

English B1b level Fagen Prati – Viale Giulio Cesare,78 Martedì 19-21 25 260 15/10/13

English B1b level Fagen Prati – Viale Giulio Cesare,78 Mercoledì 15-17 25 260 16/10/13

English B2a level Fagen Prati – Viale Giulio Cesare,78 Lunedì 11-13 25 260 14/10/13

English B2b level Ruscito Prati – Viale Giulio Cesare,78 Lunedì 15-17 25 260 14/10/13

English C1b level Ruscito Prati – Viale Giulio Cesare,78 Lunedì 17-19 25 260 14/10/13

English C1b level Ruscito Prati – Viale Giulio Cesare,78 Lunedì 19-21 25 260 14/10/13

English C1b level Fagen Cavour Mercoledì 11-13 25 260 16/10/13

English ConversationA2 level Fagen Prati – Viale Giulio Cesare,78 Giovedì 9.30-11.30 25 290 17/10/13

English Conversation A2 level Iozzi Prati – Viale Giulio Cesare,78 Giovedì 15-17 25 290 17/10/13

English Conversation B1 level Ruscito Prati – Viale Giulio Cesare,78 Lunedì 11-13 25 290 14/10/13

English Conversation B2 level Fagen Prati – Viale Giulio Cesare,78 Martedì 11-13 25 290 14/10/13

English Conversation B2 level McMorrow Monteverde - Via P.Falconieri,84 Martedì 18.30-20.30 25 290 15/10/13

English Grammar Workshop – B level Ruscito Prati – Viale Giulio Cesare,78 Lunedì 10-11 25 150 14/10/13

English Workshop - A2b level Iozzi Prati – Viale Giulio Cesare,78 Mercoledì 9-11 25 260 16/10/13

English Workshop - A2b level (little group) Iozzi Cinecittà - Via F. Stilicone,41 Mercoledì 15-17 25 300 16/10/13

English Workshop - B1a level Iozzi Prati – Viale Giulio Cesare,78 Venerdì 9-11 25 260 18/10/13

English Workshop – B2 level Ruscito Cavour Mercoledì 17-19 25 290 16/10/13

English Workshop – B2 level Fagen Prati – Viale Giulio Cesare,78 Venerdì 11-13 25 290 18/10/13

English Workshop – C level Ruscito Cavour Mercoledì 19-21 25 290 16/10/13

Ana Maria Kollert

Portoghese europeo A1a

Per il programma del corso vedi Quadro di Riferimento Europeo delle Lingue, pag.

Cely Russo

Portoghese e cultura brasiliana

Un corso di base utile a tutte le persone che per motivi di viaggio o altro hanno interesse e curiosità di apprendere

delle frasi e espressioni impiegate abitualmente nel portoghese parlato in Brasile. Il corso ha un approccio comunicativo

arricchito da strumenti grammaticali e culturali. L’obiettivo è dare ai corsisti le basi per esprimersi e comprendere

la struttura della lingua, acquisendo un vocabolario minimo per avvicinarsi agli usi e costumi brasiliani.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Portoghese A1a Kollert Prati – Viale Giulio Cesare,78 Mercoledì 19-21 25 260 16/10/13

Portoghese e cultura brasiliana Russo Prati – Viale Giulio Cesare,78 Lunedì 19-21 25 260 14/10/13

46


Emiliano Ferranti, Estella Trueba, Julia Minguez Paramio

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Español nivel A1 Trueba Prati – Viale Giulio Cesare,78 Lunedì 9-11 25 260 14/10/13

Español nivel A1 Trueba Prati – Viale Giulio Cesare,78 Lunedì 19-21 25 260 14/10/13

Español nivel A1 Minguez Paramio Cinecittà - Via F. Stilicone,41 Martedì 18-20 25 260 15/10/13

Español nivel A1 Ferranti Pigneto Venerdì 15.30-17.30 15 160 18/10/13

Español nivel A1 Minguez Paramio Cavour Giovedì 19-21 25 260 17/10/13

Español nivel A2 Trueba Prati – Viale Giulio Cesare,78 Lunedì 17-19 25 260 14/10/13

Español nivel A2 Ferranti Pigneto Venerdì 17.30-19.30 15 160 18/10/13

Español nivel B1 Trueba Prati – Viale Giulio Cesare,78 Lunedì 15-17 25 260 14/10/13

Español nivel C1 Trueba Prati – Viale Giulio Cesare,78 Martedì 9-11 25 260 15/10/13

Laboratorio de Español Trueba Prati – Viale Giulio Cesare,78 Lunedì 11-13 25 260 14/10/13

Español conversación nivel B1 Minguez Paramio Prati – Viale Giulio Cesare,78 Venerdì 19-21 25 290 18/10/13

Ana Maria Kollert

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Tedesco A1a Kollert Prati – Viale Giulio Cesare,78 Martedì 9-11 25 260 15/10/13

Tedesco A1a Kollert Monteverde - Via P.Falconieri,84 Mercoledì 18-20 25 260 16/10/13

Tedesco A1a Kollert Prati – Viale Giulio Cesare,78 Giovedì 19-21 25 260 17/10/13

Tedesco A1b Kollert Prati – Viale Giulio Cesare,78 Martedì 19-21 25 260 15/10/13

Tedesco Konversation B1 Kollert Prati – Viale Giulio Cesare,78 Martedì 11-13 25 290 15/10/13

(Voltaire)

Gabriella D’Anna

Il corso prevede l’apprendimento di due metodi: “a rovescio” e “diretto”, entrambi realizzati inizialmente su supporti

provvisori ma di diverso tipo (carta e argilla). Conoscenza e utilizzo delle attrezzature di base (martellina, tagliolo,

tenaglia), delle varie tipologie di pietre antiche e moderne e loro nomenclatura. Caratteristiche delle malte antiche e

moderne e dei collanti utilizzati nella fase di montaggio de nitivo del lavoro in mosaico. Alla ne del corso l’allievo,

attraverso la conoscenza del corretto utilizzo degli strumenti di lavoro, sarà in grado di scegliere per consistenza,

colore e dimensione le pietre, tagliare correttamente le tessere, conoscere le caratteristiche tecniche delle malte,

progettare e costruire mosaici di piccole dimensioni, distinguendo e applicando, per il mosaico scelto, uno dei due

diversi metodi di esecuzione e di montaggio n qui imparati. Materiali a carico dei partecipanti (max 8 allievi).

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Mosaico D’Anna Prati – Viale Giulio Cesare,78 Mercoledì 12.30-14.30 25 300 16/10/13

47


Rita Fele

Introduzione alla Medicina tradizionale cinese

Attraverso la conoscenza di questa peculiare e antichissima arte medica si potrà comprendere la loso a di un popolo

sempre più vicino a noi e scoprire l’incredibile attualità nella interpretazione della malattia e come questa la renda capostipite

di tutte le medicine olistiche. Il corso è rivolto a tutti e ha l’obiettivo di diffondere la conoscenza di un approccio

singolare alla malattia. Verranno trattati argomenti sulle origini della MTC, il TAO e il Taoismo, lo Yin-Yang e i 5 movimenti,

le origine della disarmonia, i metodi di diagnosi, l’Agopuntura e Moxibustione, il Tuina e terapie complementari, cenni di

TaiQi e QiGong ed elementi di dietetica.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Introduzione alla MTC Fele Prati – Viale Giulio Cesare,78 Martedì 17-19 12 150 29/10/13

Angela D’Agostini

L’anima e l’immaginario

Il mito, la poesia e la musica per entrare in contatto con la nostra psiche e con le realtà più profonde e misteriose dell’esistenza.

Da qui partiremo per seguire i percorsi che gure e temi della mitologia classica, e non solo, hanno tracciato

nell’immaginario collettivo e nella storia musicale e letteraria dell’Occidente. Per ogni mito trattato, inizieremo con la

ricostruzione della storia attraverso le fonti più antiche e ne approfondiremo i signi cati simbolici alla luce della psicologia

archetipica. Passeremo poi alle reinterpretazioni poetico-letterarie del mito, con particolare riferimento alla letteratura

del Novecento ed in ne, attraverso l’ascolto musicale, ne rivivremo i contenuti a livello emozionale. La scelta cadrà su

alcuni tra i seguenti miti.

Miti classici: il lo di Arianna, il Labirinto e la ricerca del centro; Cassandra e la forza della verità; Ecuba: la rabbia ed il

dolore della Grande Madre; Orfeo, il potere della musica ed il mito del poeta; Medusa e la rappresentazione dell’Altro;

Eracle, il materialismo e la coscienza eroica dell’Io; I genia ovvero il mito ed il rito del sacri cio; Aiace: integrità dell’io e

sentimento della vergogna; Prometeo: titanismo e ribellione; Elena e l’incarnazione del femminile; Narciso: la coscienza

del corpo e la dualità della natura umana; An trione ed il tema del Doppio; teatro ed ebbrezza: il mito di Dioniso; Fedra,

Medea ed il trionfo della passione nella tragedia classica e nella moderna; Le anfore senza fondo delle Danaidi e il paradosso

del desiderio; Edipo ovvero il paradigma dell’uomo occidentale; Iside e Osiride: fertilità e maternità; la fatica di

Sisifo e l’assurdo del vivere; Persefone, Demetra e l’Eterno ritorno; Afrodite: la dea alchemica; Filottete e la forza della

vulnerabilità; Il daimon ed il richiamo dell’anima tra cielo e terra; il tema del viaggio e l’esperienza del limite in Odisseo;

Elettra: madri, glie, con itti interiori; Hermes: il riso divino e la coesistenza degli opposti.

Miti moderni: Faust e il fascino del male; la follia dei mondi possibili: Don Chisciotte. Salomè: Eros, Tanathos e l’archetipo

della femme fatale; Amleto: l’eroe del dubbio e dell’angoscia meta sica. Miti a confronto: Re Lear, Antigone e il

senso tragico della pietà scon tta.

Altre tradizioni: Mitra e la forza invincibile della luce dall’Oriente a Roma.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Mito, letteratura e musica D’Agostini Prati – Viale Giulio Cesare,78 Mercoledì 13-15 25 240 16/10/13

Mito, letteratura e musica D’Agostini Prati – Viale Giulio Cesare,78 Mercoledì 15-17 25 240 16/10/13

Mito, letteratura e musica D’Agostini Prati – Viale Giulio Cesare,78 Mercoledì 17-19 25 240 16/10/13

48


Direzione Giovanni Gava

La sezione musicale della LAR è organizzata in modo tale da poter seguire gli allievi dai loro primi passi conoscitivi

no alla piena formazione in ambito artistico-professionale, con un’attenzione particolare ai debutti e ai primi spettacoli

pubblici di alcuni tra i corsisti più talentuosi.

Una variegata proposta di corsi - individuali e non - di apprendimento e sviluppo per la musica strumentale, per la

tecnica vocale e per conoscere sempre meglio il mondo della musica. I corsi sono tenuti da eccellenti professionisti

esperti in ambito didattico, attenti alle diverse esigenze e alle necessità degli allievi. Imparare, crescere, ascoltare e

divertirsi a suon di musica, con noi si può!

Il pagamento dei corsi individuali può essere effettuato anche in due rate (una al momento dell’iscrizione e l’altra non

oltre il mese di gennaio 2014, con possibilità di personalizzare la rateizzazione).

Fabio Penna

Il basso è da sempre il ponte ideale tra la ritmica pura e l’armonia. Lo studio si sviluppa in tre parti fondamentali: lettura,

tecnica e armonia. La lettura insegna a leggere e interpretare le partiture, dalle poor part (sigle) alla lettura del pentagramma.

La tecnica parte dalle impostazioni di base delle mani no all’approfondimento delle tecniche più recenti. L’armonia è invece

la parte più complessa: studio degli elementi base dell’armonia moderna, scale maggiori, triadi, scale minori armoniche e

melodiche per arrivare all’uso nei vari stili e all’improvvisazione. Studio del timing e del suono.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Basso Penna Repubblica - Via Palermo,28 Lunedì 17-19.30 18 700 14/10/13

Alberto Botta

Il corso si basa su una sintesi di vari metodi: Dante Agostini, Jim Chapin, Buddy Rich quanto riguarda la tecnica di

base.Lo studio dei rudimenti è integrato da uno sguardo alla letteratura per rullante, soprattutto di scuola americana

e all’applicazione degli stessi al Drumset. A questo scopo vengono utilizzate trascrizioni di assoli di famosi batteristi

come PhillyJo Jones, Buddy Rich, Gene Krupa Kenny Clarke, etc. Per l’indipendenza degli arti si parte dal classico

Chapin e da fraseggi utilizzati nel jazz per passare poi alla batteria moderna con lo studio di funk grooves, rock e latin.

Il tutto è completato da un buon numero di esempi: pattern e fraseggi di Steve Gadd, Vinnie Colaiuta, DaveWeckl,

Dennis Chambers, Tommy Igoe, Jojo Majer.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Batteria Botta Repubblica - Via Palermo,28 Lunedì 19.30-22 18 700 14/10/13

49


Giovanni Gava

Canto moderno

La pratica vocale come loso a di vita sarà la costante del corso. Divertimento e studio per liberare la propria voce,

conoscere e gestire tramite il suono intonazione, espressione, potenza e duttilità senza affaticare le corde vocali. Il

lavoro interpretativo, a seconda delle capacità dell’allievo, sarà un altro obiettivo del docente oltre, ovviamente, allo

sviluppo del repertorio di ciascun partecipante. Durante le lezioni pratiche si farà uso del microfono e di quanto concerne

una buona esecuzione. Il Maestro accompagnerà i corsisti sia dal vivo sia tramite l’utilizzo di basi a seconda

delle esigenze: un corso aperto davvero a tutte le richieste. Siamo qui per ascoltarvi e promuovere il vostro talento.

Marina De Sanctis

Canto Jazz

La voce umana è un mondo veramente tutto da scoprire, non basta una vita. Studiare canto è un viaggio interiore,

inteso sia in senso sico sia spirituale. Il corso si articola prevalentemente in due parti, una riguardante la tecnica

classica, l’altra il repertorio (jazz, brasiliano e pop americano). Dato il carattere individuale delle lezioni l’insegnamento

della disciplina è personalizzato, tenendo ovviamente conto delle peculiarità di ciascun allievo.

Giovanni Gava

Canto lirico

Il corso è rivolto sia a principianti che dispongono di una naturale predisposizione al canto sia a cantanti già esperti

che vogliono migliorare le proprie capacità vocali e ampliare il repertorio da camera e operistico. Materie di studio:

lettura dello spartito, tecnica vocale (espressività, potenza, estensione), articolazione della parola cantata, legato e

staccato, agilità. Liberare la propria voce senza affaticare le corde vocali: con questo corso si può! Alziamo il sipario,

è tempo di lirica.

Giovanni Gava

Coro “Schola Cantorum”

Anche quest’anno verrà costituito a settembre un gruppo corale di allievi selezionati da un provino preliminare i quali

lavoreranno a progetto 5 mesi per 5 mesi, in base ai programmi proposti dal Maestro preparatore e concertatore. I

giorni delle audizioni: martedì 10 e 17 settembre dalle 19.30 alle 20 presso l’auditorium della Chiesa di S. Gioacchino

e Anna ai Monti, via Monte Polacco 5 (Metro Cavour). Un gruppo, quello dello scorso anno, eccellente. Composto

da circa 60 coristi si è distinto in varie manifestazioni pubbliche per originalità del repertorio e qualità artistiche. Accompagnato

da ottimi musicisti, si è esibito anche con la Banda Musicale della Città di Ronciglione. Quali altre s de

per il futuro?

Giovanni Gava

Coro “Il Piccolo di Roma

Nuovissimo corso per tutti coloro che amano la musica corale e il canto. Presso il bellissimo auditorium della Chiesa

di S. Gioacchino e Anna ai Monti (Metro Cavour) si terranno le lezioni di musica vocale d’insieme con l’obiettivo di

formare un ottimo gruppo di cantori preparato per affrontare concorsi e festival corali. Il repertorio spazierà dai brani

rinascimentali (profani e sacri) a quelli più contemporanei scritti per piccolo ensemble. Tra le materie che si studieranno

durante il corso: analisi e lettura dello spartito, cenni di canto gregoriano, forme polifoniche a 2/3/4 voci, tecnica

vocale e di direzione, respiro e comunicazione. Vivrete la musica da un orizzonte diverso. Iscrizione previa audizione.

Si richiede ottima intonazione, esperienza corale, discreta lettura dello spartito.

(Khalil Gibran)

50


Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Canto moderno Gava Repubblica - Via Palermo,28 Lunedì 17-19.30 18 700 14/10/13

Canto moderno Gava Repubblica - Via Palermo,28 Lunedì 19.30-22 18 700 14/10/13

Canto moderno Gava Repubblica - Via Palermo,28 Mercoledì 14.30-17 18 700 16/10/13

Canto moderno Gava Repubblica - Via Palermo,28 Mercoledì 17-19.30 18 700 16/10/13

Canto moderno Gava Repubblica - Via Palermo,28 Mercoledì 19.30-22 18 700 16/10/13

Canto moderno Gava Repubblica - Via Palermo,28 Giovedì 15-17.30 18 700 17/10/13

Canto moderno Gava Repubblica - Via Palermo,28 Giovedì 17.30-20 18 700 17/10/13

Canto moderno Gava Repubblica - Via Palermo,28 Venerdì 14.30-17 18 700 18/10/13

Canto moderno Gava Repubblica - Via Palermo,28 Venerdì 17-19.30 18 700 18/10/13

Canto moderno Gava Repubblica - Via Palermo,28 Venerdì 19.30-22 18 700 18/10/13

Canto lirico Gava Repubblica - Via Palermo,28 Lunedì 14.30-17 18 700 14/10/13

Canto jazz De Sanctis Repubblica - Via Palermo,28 Martedì 11.30-14 18 700 15/10/13

Schola Cantorum Gava Cavour Martedì 20-22 24 35 15/10/13

Il Piccolo di Roma Gava Cavour Martedì 18-19.30 30 170 15/10/13

Angelo Anastasio

Chitarra rock, blues, jazz

Studio dei 5 box della scala pentatonica, dei modi e loro applicazione. Accordi e armonizzazione delle scale; giri armonici

in tutte le tonalità e studio delle sostituzioni; studio dei bicordi e posizioni tipiche del Rock; giri Blues e Jazz/Blues.

Arpeggi maggiori, minori, diminuiti, etc. Studio delle ritmiche (rock, blues, swing, funky, country, latine). Fraseggi:

improvvisazione e pattern tipici dei più famosi chitarristi. Tecnica: banding, vibrato, sweeppicking, leva, plettrata alternata,

nger picking. Effettistica: suono, ampli catori, effetti a pedale e a rack. Esempi stilistici e studio dei più famosi

riff del Rock. Corso individuale, lezioni da 50 min. ciascuna.

Pasquale Branco

Corso collettivo per principianti

Partendo dalla morfologia della chitarra si accennerà alle caratteristiche tecnicheper poi soffermarsi sulla tecnica

classica (corde pizzicate con le dita), che permette di sfruttare le possibilità polifoniche dello strumento, e su quella

moderna (uso del plettro) più adatta alla chitarra acustica ed elettrica. Delle due tecniche verrà curata la corretta impostazione

della mano destra, requisito fondamentale per ogni successivo progresso. Verranno assimilati gli elementi

basilari del linguaggio musicale (ritmo, melodia, armonia). L’esecuzione di brani tratti dal repertorio di musica leggera,

scelti dal docente anche su proposta degli allievi, permetterà di utilizzare lo strumento per testare in pratica quanto

appreso nella teoria. Max 8 partecipanti.

Pasquale Branco

Corso collettivo progredito

Percorso didattico di tipo laboratoriale per approfondire, attraverso la pratica e la musica d’insieme, le conoscenze

pratiche e teoriche che ogni partecipante ritiene di aver acquisito anche attraverso esperienze personali. Requisiti

richiesti sono un minimo di abilità tecnica (senso del ritmo, conoscenza degli accordi maggiori, minori e delle note

in prima posizione). Le problematiche incontrate attraverso il “suonare insieme” e le conseguenti domande che i

partecipanti sottoporranno all’attenzione del docente, offriranno lo spunto per creare nuove unità didattiche, tese a

loro volta ad ampliare le conoscenze musicali di tutto il gruppo. Gli argomenti trattati saranno comunque incentrati sul

sistema tonale (scale nelle tonalità maggiori e minori, formazione degli accordi, cadenze armoniche, improvvisazione

tonale e modale. Max 8 partecipanti.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Chitarra rock, blues, jazz Anastasio Repubblica - Via Palermo,28 Giovedì 17.30-20 18 700 17/10/13

Chitarra collettivo principianti Branco Repubblica - Via Palermo,28 Martedì 17-19 25 280 15/10/13

Chitarra collettivo progredito Branco Repubblica - Via Palermo,28 Martedì 19-21 25 280 15/10/13

51


Andrea Tosi

Il corso è rivolto a coloro che desiderano acquisire le tecniche per gestire il proprio “home studio”. I macchinari della sala

di incisione, i collegamenti e i setup in base alle proprie esigenze e disponibilità di budget. Il mixer, le casse acustiche di

riferimento, le interfacce audio, i microfoni, impostazione della struttura dello studio di incisione e suo utilizzo. “Cubase

7”: piattaforma, tra le più usate, dedicata ai musicisti. Impostare il programma in base alle proprie esigenze e setup,

registrare un “Virtual instrument”, la voce o uno strumento, preparare la song di Cubase 7 per fare un mix del materiale

registrato ed esportare il le per stampare un CD. Tecniche di base per creare arrangiamenti con l’utilizzo di Cubase e

dei suoi “Virtual instrument“ in bundle. Panoramica sull’utilizzo di Virtual instrument di terze parti.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Computer music &recording – Cubase 7 Tosi Repubblica - Via Palermo,28 Martedì 18-20 10 175 15/10/13

Computer music &recording – Cubase 7 Tosi Repubblica - Via Palermo,28 Martedì 20-22 10 175 15/10/13

Nasce in seno alla Libera Accademia di Roma la MG Studio Recording, una sala d’incisione di

nuova generazione. La MG Studio Recording si trova in via Palermo 28 ed è stata pensata e disegnata,

oltre che per le registrazioni in studio, anche come sala prove d’eccellenza per solisti e

gruppi musicali, con un’attenzione particolare verso la scelta dei materiali usati per assicurare una

corretta e soddisfacente resa acustica. Altissima qualità caratterizza anche la strumentazione con

cui è stato attrezzato lo spazio della MG Studio Recording, punto di forza del nuovo dipartimento di musica della LAR.

Lo studio si avvarrà inoltre dell’attiva collaborazione di quali cati musicisti, arrangiatori e tecnici del suono. Per info,

prenotazioni o altro rivolgersi alla segreteria di via Palermo 28. www.mgstudiorecording.it

Catalina Diaconu

Il corso è rivolto sia agli allievi che si avvicinano per la prima volta allo studio del pianoforte sia a coloro che sono in possesso

di un bagaglio di conoscenze acquisite precedentemente. Saranno proposti gli elementi fondamentali della grammatica

musicale, con l’obiettivo di creare una base teorica e pratica per affrontare agevolmente un brano musicale. Agli

allievi che sono già in possesso di una preparazione musicale si propone un percorso didattico elaborato in relazione ai

mezzi tecnici ed espressivi, nonché alle nozioni acquisite dallo studente nelle precedenti esperienze di studio. La scelta

dei brani di varie epoche e stili musicali, degli argomenti trattati e della metodologia di studio hanno come traguardo la

valorizzazione delle doti di espressività artistica e il miglioramento dei mezzi tecnico-motori dell’allievo.

Roberto Murra

Le lezioni sono individuali e il percorso si stabilisce individualmente. Parte delle lezioni potrà essere dedicata, se

necessario, alla teoria musicale. Si curerà, in accordo con gli interessi personali, la tecnica pianistica e gli autori classici

da Bach a oggi. Si potrà affrontare anche la lettura di partiture di musica leggera e popolare. Per i principianti, in

particolare, si seguirà un percorso che permetterà di suonare i primi brani già dopo le prime lezioni si favorirà il più

possibile la pratica della musica d’insieme, tra studenti o con il maestro.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Pianoforte Diaconu Repubblica - Via Palermo,28 Martedì 11.30-14 18 700 15/10/13

Pianoforte Diaconu Repubblica - Via Palermo,28 Martedì 14.30-17 18 700 15/10/13

Pianoforte Diaconu Repubblica - Via Palermo,28 Giovedì 10-12.30 18 700 17/10/13

Pianoforte Diaconu Repubblica - Via Palermo,28 Giovedì 15-17.30 18 700 17/10/13

Pianoforte Murra Repubblica - Via Palermo,28 Venerdì 14.30-17 18 700 18/10/13

52


Cesare Buccitti

Dal Barocco al Romanticismo

Obiettivi del corso mirano all’acquisizione di competenze storico-musicali dei periodi in argomento (compositori, forme

ed eventi signi cativi); all’ascolto ragionato dei brani maggiormente rappresentativi delle differenti epoche o delle

diverse aree geo-culturali; allo sviluppo critico negli allievi delle competenze acquisite. Storia della Musica: Barocco,

Stile Galante, Classicismo, Romanticismo. Guida all’ascolto: ascolto e commento ragionato delle forme musicali più

rappresentative dei periodi storico-musicali presenti nel programma.

Cesare Buccitti

Il Novecento

Il corso, aperto a tutti, non richiede competenze speci che. Le correnti musicali del ‘900 oggetto di studio verranno

divise in Aree Geoculturali (Germanica, Russa, Francese, Spagnola, Inglese, Italiana, Statunitense e Sudamericana).

Per ogni Area verrà delineato un quadro storico generale, con cenni biogra ci relativi ai compositori e ascolto delle

opere maggiormente rappresentative.

Stefano Cataldi

Ascolti di orientamento: le Scuole Nazionali

Da quale profonda esigenza nacquero le rapsodie ungheresi di Franz Listz, o le danze ungheresi di Brahms? Cosa

lega la musica di Granados a quella di Debussy? Durante gli incontri a questi e molti altri quesiti verrà data risposta.

Attraverso l’ascolto ordinato di molte opere appartenenti al genere nazionale, il docente condurrà i partecipanti alla

comprensione di quelle necessità che spinsero i compositori della seconda metà dell’Ottocento a “ricucire” lo strappo

con la propria cultura popolare di origine.

Stefano Cataldi

Ascolti di orientamento: la musica contemporanea

Partendo dalla seconda scuola di Vienna e dalle vicende che riguardarono il suo fondatore Arnold Schoenberg, il

docente sottoporrà all’ascolto dei partecipanti una serie di musiche contemporanee, con particolare attenzione ai

risvolti pratici cui queste condussero. Sapevate che gli impianti home theater devono la loro esistenza alle ricerche

sulla spazializzazione sonora condotte da Luigi Nono?

Stefano Cataldi

Dalle canzoni alla forma sonata

Durante l’ascolto molto spesso siamo rapiti dalla bellezza melodica di alcuni brani, sospesi nell’attesa che arrivi un altro

passaggio degno di tale bellezza. In effetti, qualsiasi componimento musicale è una miscela in perfetto equilibrio tra

forma e contenuto. Lo scopo di questi incontri è quello di introdurre l’ascoltatore nell’universo degli impianti formali attraverso

l’analisi e l’ascolto di vari capolavori della letteratura musicale europea.

Stefano Cataldi

Le nove sinfonie di Beethoven

Monumento tra i più imponenti del panorama musicale europeo, Ludwig van Beethoven seppe assecondare le sue

esigenze poetiche plasmando l’arte musicale e le sue regole come in pochi avevano saputo fare prima. Attraverso

l’ascolto e l’analisi delle nove sinfonie e dell’op.133, saranno messe in mostra molte delle novità che caratterizzarono

l’opera beethoveniana.

53


Angela D’Agostini

Allegro appassionato… per iniziare

Lasciandoci catturare dalle emozioni e dalla bellezza che l’ascolto di alcune tra le più signi cative composizioni del repertorio

classico evoca, ripercorreremo la storia della musica occidentale, imparando a conoscere – e riconoscere – gli

elementi costitutivi del linguaggio musicale (forma, armonia, ritmo, timbro e dinamica) e i diversi stili e compositori,

che si sono succeduti dall’età barocca no al Classicismo. Programma: stile galante e stile sensibile. Ch.W. Gluck e la

riforma del melodramma. La musica strumentale. F.J. Haydn: la Sonata, la Sinfonia, il Quartetto. W.A. Mozart: genio

e malinconia. La dialettica e l’agonismo tragico di L. van Beethoven. Lo Sturm und Drang e la nascita della sensibilità

romantica. Per la prima lezione l’appuntamento è presso l’entrata del Museo degli Strumenti Musicali, P.zza S. Croce in

Gerusalemme 9/a, ore 15.30.

Angela D’Agostini

Allegro appassionato… per approfondire: prova d’orchestra

Un itinerario d’ascolto per ripercorrere la storia della musica attraverso la storia dell’orchestrazione. La conoscenza

del suono dei singoli strumenti e delle loro famiglie (archi, legni, ottoni, percussioni) sarà il punto di partenza per approfondire

l’arte della loro combinazione all’interno del tessuto orchestrale e per comprendere il modo in cui i grandi

compositori – dal XVII al XX secolo – si sono serviti del colore strumentale per dar forma alle loro idee musicali. Il corso

non presuppone conoscenze tecniche, ma intende sviluppare una maggiore sensibilità nei confronti del timbro e

un ascolto più consapevole e intenso della musica. Per la prima lezione l’appuntamento è presso l’entrata del Museo

degli Strumenti Musicali, P.zza S. Croce in Gerusalemme 9/a, ore 15.30.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Dal Barocco al Romanticismo Buccitti Prati – Viale Giulio Cesare,78 Martedì 11-13 25 260 16/10/13

Il Novecento Buccitti Prati – Viale Giulio Cesare,78 Martedì 15-17 25 260 16/10/13

Le Scuole Nazionali Cataldi Repubblica - Via Palermo,28 Lunedì 10-12 25 260 14/10/13

La musica contemporanea Cataldi Repubblica - Via Palermo,28 Lunedì 12-14 25 260 14/10/13

Dalle canzoni alla forma sonata Cataldi Repubblica - Via Palermo,28 Mercoledì 10-12 25 260 16/10/13

Le nove sinfonie di Beethoven Cataldi Repubblica - Via Palermo,28 Mercoledì 12-14 25 260 16/10/13

Allegro appassionato… per iniziare D’Agostini Prati – Viale Giulio Cesare,78 Venerdì 17-19 25 260 18/10/13

Allegro appassionato… per approfondire D’Agostini Prati – Viale Giulio Cesare,78 Venerdì 15-17 25 260 18/10/13

Michele Lotrecchiano

Il corso offre la possibilità di studiare la musica leggera e suonare con il pianoforte o la tastiera i vari brani. Si può

studiare siacome solista sia come pianista o tastierista accompagnatore. Il corso abbraccia diversi generi musicali:

musica leggera, musica da lm, jazz, rock, liscio, etc. Il corso è rivolto a tutti: lo studio della tastiera è sicuramente più

semplice per iniziare, in quanto vengonoutilizzati i Ritmi; contemporaneamente o successivamente si può studiare il

pianoforte, dove invece bisogna fare “tutto da soli” ma dove siha forse anche una soddisfazione maggiore. Raggiunto

un adeguato livello gli allievi potranno proporre i loro brani preferiti che verranno inseriti nel programma di studio.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Tastiera e pianoforte moderno Lotrecchiano Repubblica - Via Palermo,28 Mercoledì 14.30-17 18 700 16/10/13

Tastiera e pianoforte moderno Lotrecchiano Repubblica - Via Palermo,28 Mercoledì 17-19.30 18 700 16/10/13

(Oscar Wilde)

54


Cesare Buccitti

Il linguaggio dei suoni

Obiettivo del corso, aperto a tutti, è il raggiungimento di una discreta conoscenza del lessico musicale di base. Studio

delle prime nozioni di Teoria Musicale: note, gure, pause, chiavi, misure e tempi, legature, alterazioni, tonalità, intervalli.

Studio del Solfeggio Ritmico: lettura ritmica di una sequenza adiastematica (solo la durata delle gure musicali

e delle relative pause). Studio del Solfeggio Parlato: lettura ritmico-diastematica (diástema = intervallo o distanza fra

2 suoni) delle note sul pentagramma in chiave di violino.

Catalina Diaconu

Teoria musicale e solfeggio

Durante le lezioni di pianoforte si riscontra spesso la necessità di consolidare le conoscenze di base della teoria

musicale e del solfeggio, elementi indispensabili per la lettura di un brano musicale, che richiedono invece una viva

attenzione e una esercitazione costante e speci ca da svolgersi all’interno di gruppi di lavoro. Il corso viene dunque

proposto come ausilio ai corsi di pianoforte e ne viene caldamente consigliata la frequenza da parte degli allievi dei

corsi della docente stessa.

Daniela Natalizia

Solfeggio per cantanti - base

Il corso base si propone di fornire nozioni di base di solfeggio e teoria musicale per consentire la lettura melodica

e ritmica di uno spartito. Particolare attenzione sarà rivolta alla pratica del solfeggio cantato con l’applicazione delle

nozioni acquisite tramite lo studio e l’analisi di brani appartenenti a diversi generi della tradizione vocale.

Daniela Natalizia

Solfeggio per cantanti - progredito

Il corso progredito ha come scopo di fornire a chi ha già una conoscenza di base delle nozioni di teoria musicale un

ulteriore approfondimento nella pratica del solfeggio applicato al canto, mediante lo studio costante di brani a singola

voce e a più voci. Particolare cura sarà dedicata all’aspetto dell’intonazione mediante esercizi che mirino ad acquisire

la capacità di riconoscere e intonare “a prima vista” gli intervalli di note e dunque una linea melodica.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Il linguaggio dei suoni Buccitti Prati – Viale Giulio Cesare,78 Mercoledì 13-14.30 25 260 16/10/13

Teoria musicale e solfeggio Diaconu Repubblica - Via Palermo,28 Martedì 9.30-11.30 18 190 15/10/13

Solfeggio per cantanti - base Natalizia Cavour Martedì 18-19 10 55 15/10/13

Solfeggio per cantanti - progredito Natalizia Cavour Martedì 19-20 10 55 15/10/13

CHITARRE E AMPLIFICAZIONI - SERVIZIO CONCERTI, NOLEGGIO, RIPARAZIONI E

RESTAURI - IN ESPOSIZIONE OLTRE 300 PIANOFORTI ACUSTICI E DIGITALI

L.go Brancaccio, 79/87 - 00184 Roma

www.alfonsipianoforti.it • info@alfonsipianoforti.it

55


Stefania Casagrande

Laboratorio di pittura informale

Libertà, improvvisazione, gesto automatico, saranno alla base del nostro lavoro all’interno di un percorso che vuole

essere ricerca di un proprio modo di sentire e di esprimere la creatività. Il corso avrà l’obiettivo di approfondire e di

scoprire le proprie attitudini attraverso un laboratorio didattico che permetterà di sperimentare le più svariate tecniche

del fare pittorico. Sarà privilegiato l’uso di materiale riciclato (carta da pacco, giornali, plastica, spago, etc.) e di colori

ad acqua. Il corso è aperto a tutti, in particolare a coloro che presumono di non saper dipingere. Materiali occorrenti

per la prima lezione: carta (a scelta), pennelli (a scelta), colori ad acqua (a scelta).

Luca Massenzio Palermo

La pittura ad olio nello stile “classico” – 1° livello

É un corso di pittura dedicato a chi desidera conoscere o approfondire la tecnica della pittura ad olio, secondo i dettami

della tecnica più “classica” e gurativa. Il docente illustrerà le modalità “classiche” della tecnica speci ca, con

l’impiego di olii, resine e medium compositi, adatti a dipingere nello stile del “Grand Siecle” europeo. I partecipanti

saranno messi in grado di completare i propri elaborati (quadri su tela) in classe, secondo la propria ispirazione e sotto

la supervisione tecnica del docente raggiungendo, come da intento, i migliori risultati.

Luca Massenzio Palermo

La Pittura ad olio nello stile “classico”- 2° livello

I partecipanti, già in possesso di quei requisiti atti a completare un’opera ad olio senza troppi suggerimenti, verranno

messi di fronte a una serie di temi da svolgere. Il docente spiegherà nuovi medium, il meccanismo con cui funzionano

i vari oli, resine, essenze, e comincerà a fare incamminare i corsisti lungo la via della manifattura dei colori a olio.I

vari temi liberi saranno completati dagli allievi-pittori con i consigli e spiegazioni del docente. Si prevede il completamento

durante il corso di almeno quattro opere.

Serena Priori

Copie d’Autore

Il corso è rivolto a coloro che vogliono imparare a riprodurre su tela i ritratti metallici, i nudi e le nature morte di Tamara de

Lempicka grande pittrice degli anni ’30 che si ispirava all’Art Decò. La tecnica usata sarà il quadrettato su scala per render

il disegno il più possibile uguale all’originale, i colori utilizzati saranno acrilici facilmente diluibili con l’acqua e inodori.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Laboratorio di pittura informale Casagrande Prati – Viale Giulio Cesare,78 Martedì 10.30-12.30 8 120 15/10/13

La pittura ad olio nello stile “classico” – 1° liv. Palermo Prati – Viale Giulio Cesare,78 Giovedì 9.30-12.30 24 420 17/10/13

La pittura ad olio nello stile “classico” – 2° liv. Palermo Prati – Viale Giulio Cesare,78 Mercoledì 9.30-12.30 24 420 16/10/13

Copie d’Autore Priori Prati – Viale Giulio Cesare,78 Venerdì 11-13 25 280 18/10/13

Stefano De Camillis

I padri della psicoanalisi

Partendo da Freud il corso intende percorrere le tappe fondamentali del pensiero psicoanalitico attraverso l’analisi dei

principali autori (Jung, Adler, Fromm, Klein, etc.) che hanno contribuito a modi care e a completare le ricerche dello

psicoanalista viennese. Oltre alla presentazione generale delle più importanti teorie psicoanalitiche il corso intende

sottolineare come la psicoanalisi ha cambiato profondamente il nostro modo di vedere e comprendere l’essere umano

e la società attraverso la centralità del concetto di inconscio. Sono previsti durante l’anno appuntamenti seminariali

di approfondimento su alcuni autori e tematiche speci che.

56


Stefano De Camillis

Le grandi teorie della psicologia

Il corso intende presentare le più importanti teorie psicologiche che hanno contribuito ad approfondire lo studio della

psiche e del comportamento umano. Psicoanalisi, comportamentismo, gestalt, cognitivismo, teorie sistemiche, teorie

umanistiche: questi approcci hanno disegnato immagini dell’uomo profondamente diverse sottolineando differenti

aspetti dell’essere umano e percorsi di cura. Durante il corso saranno affrontati anche una serie di sviluppi di queste

teorie che hanno reso sempre più articolato e complesso il panorama attuale della psicologia.

Veronica Leccese

Fiabe e archetipi: percorsi evolutivi

Le abe ci svelano un mondo segreto e fantastico che ci porta alla conoscenza di quell’affascinante mistero che è

dentro di noi: interrogandoci su chi siamo e quali archetipi convivono nel nostro inconscio. Ma, come una cipolla, la

aba si presta a mille interpretazioni ed ecco che ci spiega in che modo riconoscere il lupo cattivo, come diventare

dei cigni e come evitare di farsi divorare dalla strega di turno. Quale alleata migliore allora per il nostro percorso evolutivo?

Nel magico labirinto delle abe sta a noi scegliere la direzione giusta. Il corso è rivolto agli adulti, per i bambini

è inutile… a loro bastano le abe!

Veronica Leccese

Numerologia e archetipi – corso progredito

Per chi vuole approfondire uno dei più interessanti campi di esplorazione e di conoscenza di sé attraverso l’analisi

dei numeri presenti nel proprio quadro numerologico. Questa disciplina ci consente di indagare su ogni aspetto della

nostra personalità e di sfruttare pienamente le nostre risorse latenti. Cosa sono i numeri maestri? E i numeri karmici?

Quale lezione ci portiamo in questa vita che necessita di apprendimento? Come calcolare l’anno o il giorno personale?

Quali i cicli personali di crescita e quali cambiamenti ci attendono durante il percorso terreno? Ad accompagnarci

troveremo gli archetipi dell‘Amante, dell’Alchimista, del Creatore, e così via…

Veronica Leccese

Fiori di Bach e archetipi: percorsi evolutivi

Il corso si rivolge a chi vuole introdursi alla conoscenza dei ori di Bach attraverso il percorso degli archetipi. Analizzeremo

gli archetipi più importanti come il Guerriero, l’Angelo custode, il Viandante, il Martire, etc., cercando di capire

come gli aspetti negativi e positivi di questi modelli possano metterci in dif coltà durante la nostra vita. I ori di Bach

sono rimedi naturali indicati per riarmonizzare le emozioni negative e ristabilire un sano equilibrio tra corpo e mente.

Semplici da usare e del tutto privi di effetti collaterali, essi sono gli archetipi della oriterapia. Il corso è utile per introdursi

alla cura di uno dei metodi più dolci e naturali.

Fabrizio Perilli

Photolangage

Ogni immagine che ci colpisce ha sempre la capacità di evocare in noi stati d’animo diversi e di liberare emozioni a cui

spesso non sappiamo dare un nome. Come nel sogno pensiamo per immagini, così anche durante la veglia la nostra

mente viene da loro stimolata: immagini che hanno il dono di rivelarci un sé nascosto e di metterci in contatto con

le nostre emozioni. Il corso si pone l’obiettivo di dare un nome a ciò che sentiamo, favorendo la consapevolezza dei

nostri bisogni più autentici. Lo strumento utilizzato sarà quello del Photolangage: una serie di dossier di foto scelte

e selezionate che vanno da scene di vita quotidiana a immagini astratte, anche portate direttamente dai partecipanti.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

I padri della psicoanalisi De Camillis Prati – Viale Giulio Cesare,78 Lunedì 15-17 20 200 21/10/13

Le grandi teorie della psicologia De Camillis Prati – Viale Giulio Cesare,78 Martedì 11-13 20 200 22/10/13

Fiabe e archetipi: percorsi evolutivi Leccese Prati – Viale Giulio Cesare,78 Giovedì 15-17 15 110 17/10/13

Numerologia e archetipi – corso progredito Leccese Prati – Viale Giulio Cesare,78 Giovedì 17-19 12 90 17/10/13

Fiori di Bach e archetipi: percorsi evolutivi Leccese Prati – Viale Giulio Cesare,78 Giovedì 17-19 12 90 Febbraio 14

Photolangage Perilli Prati – Viale Giulio Cesare,78 Giovedì 19-21 20 220 17/10/2013

57


Silvia Puteo

Storia e restauro del libro

Il corso fornirà alcune nozioni teoriche per la conoscenza dei materiali originali e di restauro, necessarie alla progettazione

dell’intervento, a cui seguono lezioni pratiche su manufatti originali. Obiettivo del corso è realizzare l’intervento

di restauro in ogni sua fase e di impartire ai partecipanti alcune conoscenze per operare anche in autonomia. Il percorso

prevede, la storia del libromodulo introduttivo aperto a tutti e 3 moduli di laboratorio tematici.

Storia del libro: analisi della forma del libro attraverso i secoli, i diversi supporti scrittori, in particolare carta e pergamena,

le fasi della loro manifattura, gli strumenti utilizzati per la scrittura, le procedure tecniche nella realizzazione

del manoscritto e del libro tipogra co. Particolare rilievo sarà dato allo studio della nomenclatura, della consistenza

materiale e all’evoluzione del libro legata a esigenze economiche e sociali.

Modulo1: nomenclatura della struttura del libro, materiali utilizzati nel restauro, compilazione scheda-progetto restauro,

realizzazione di un facsimile del libro moderno e del libro antico.

Modulo 2: operazioni di pulitura a secco, test di solubilità e pH, operazioni per via umida, risarcimento manuale della

carta, operazioni di legatura.

Modulo 3: ogni partecipante potrà intervenire su libri di sua proprietà, guidato dell’insegnante.Materiali a carico dei

partecipanti.

Silvia Puteo

Restauro di dipinti su tela

Il corso intende fornire le conoscenze e gli strumenti per l’osservazione dei dipinti nella loro complessità, dai materiali

costitutivi, allo stato di conservazione e alle tracce lasciate dal passaggio del tempo e dell’uomo. Durante le lezioni

teorico-pratiche gli allievi alleneranno l’occhio nell’osservazione e la mano nell’esecuzione di alcune operazioni sui

dipinti originali. Gli iscritti potranno intervenire anche su manufatti di loro proprietà. Argomenti trattati: principi del restauro,

materiali originali e di restauro, lettura dello stato di conservazione, compilazione della scheda di rilevamento

dei danni, pulitura, stuccatura, reintegrazione cromatica e verniciatura. Materiali a carico dei partecipanti.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Storia del libro Puteo Prati – Viale Giulio Cesare,78 Martedì 18-20.30 5 80 15/10/13

Restauro del libro – modulo 1 Puteo Prati – Viale Giulio Cesare,78 Martedì 18-20.30 10 160 Novembre

Restauro del libro – modulo 2 Puteo Prati – Viale Giulio Cesare,78 Martedì 18-20.30 10 160 Febbraio 14

Restauro del libro – modulo 3 Puteo Prati – Viale Giulio Cesare,78 Martedì 18-20.30 10 160 Maggio 14

Restauro dipinti su tela Puteo Prati – Viale Giulio Cesare,78 Venerdì 17.30-19.30 13 160 18/10/2013

Paola Ducci

Laboratorio di scrittura creativa – livello base

“E se provassi a scrivere un racconto”? Quante volte l’abbiamo pensato e poi abbiamo lasciato perdere! E magari ci

è rimasto il dubbio che potevamo anche provarci. Bene, ecco allora un corso pensato come un work in progress nel

quale si apprendono e si veri cano, soprattutto attraverso l’attività in classe, le tecniche di scrittura creativa.Le “prove

di mano” e gli esercizi in classe possono essere un ottimo impulso per chi non ha il tempo a casa di organizzare le

idee in forme narrative strutturate. Il laboratorio prevede prove in classe, esercizi su tema dato, produzione di racconti

brevi. Per il tipo di attività che verrà svolta il laboratorio è a numero limitato (max 10 partecipanti).

Paola Ducci

Laboratorio di scrittura creativa – livello progredito

Il laboratorio è indicato per chi ha già un’opera nel cassetto a cui sta lavorando e ha interesse a condividere materiali e

tecniche per poter organizzare meglio la stesura o le revisioni. Durante il laboratorio ci si occuperà dei capitoli di ognuno

dei partecipanti, con indicazioni tecniche e stilistiche, consigli sull’eventuale restyling no alla resa nale. La docente

fornirà inoltre indicazioni per l’editing e per la revisione nalizzata alla pubblicazione.Per il tipo di attività che verrà svolta

il laboratorio è a numero limitato (max 10 partecipanti).

58


Paola Ducci

Scrivere il Romanzo

Certo che è possibile scrivere un romanzo! Ci vogliono alcuni elementi fondamentali: un’idea e un personaggio che

ci appassioni, qualche nozione tecnica imprescindibile, tempo e molto, molto entusiasmo. Come in tutte le attività

creative, dobbiamo “innamorarci” di quello che facciamo. Gli incontri di questo corso sono ideati per chi ha voglia di

scrivere una storia e introducono gli allievi alle tecniche e alla organizzazione della struttura narrativa del romanzo. E,

poiché chi scrive desidera essere letto, verranno forniti consigli utili (e talvolta necessari) per la pubblicazione.Per il

tipo di attività che verrà svolta il laboratorio è a numero limitato (max 10 partecipanti).

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Scrittura creativa – laboratorio base Ducci Prati – Viale Giulio Cesare,78 Mercoledì 17-19 15 175 16/10/13

Scrittura creativa – laboratorio progredito Ducci Cavour Martedì 19-21 25 290 15/10/13

Scrivere il romanzo Ducci Repubblica - Via Palermo,28 Giovedì 17-19 25 290 17/10/13

Docenti dell’associazione “Il laboratorio - formazione e consulenze per il lavoro sociale”

Scegliere consapevolmente il volontariato e la cittadinanza attiva

Questo percorso si rivolge a quanti vogliono iniziare un’esperienza di volontariato o cittadinanza attiva e vogliono

farlo in maniera mirata e consapevole o a quanti hanno un’esperienza di volontariato ma non si sentono soddisfatti e

“centrati” con la propria scelta. Molto spesso si vorrebbe fare un’esperienza di volontariato ma non si riesce bene a

trovare quell’associazione o quella realtà sociale che meglio risponde, tanto al nostro investimento ideale quanto alle

competenze e alle abilità che vogliamo mettere a disposizione. Nello stesso tempo specialmente, quando si viene

inseriti in contesti di relazione d’aiuto come volontari, è necessario aver sviluppato quelle competenze, quelle minime

sensibilità e consapevolezze che ci permettono di agire un’azione utile e di non trovarci impreparati di fronte alle storie

e alle dif coltà che incontriamo. Il corso prevede una formazione alle competenze di base della relazione d’aiuto,

metodologie di attivazione della partecipazione sociale e delle reti di prossimità, 12 ore di lezione in aula; un momento

di analisi della progettualità e delle competenze dei partecipanti 2 ore di colloquio individuale ; un’esperienza guidata

in associazioni e organizzazioni sociali composta di 30 ore di volontariato e 6 ore di supervisione.

Antonella Martini

Il vicino e il lontano: pratiche di comunicazione e di convivenza interculturale

Non c’è luogo sulla Terra che a seguito del processo di globalizzazione economica e mediatica, nonché dei connessi

ussi migratori e turistici, non si connoti come multiculturale. E non c’è attività - lavorativa, formativa, ludica-ricreativa,

ecc. - che non includa l’interazione con persone portatrici di lingue e culture diverse. E’ necessario, pertanto, apprendere,

nella vita quotidiana come durante i soggiorni turistici o i viaggi di lavoro, a comunicare e a relazionarsi con gli altri.

Il corso è volto a favorire l’acquisizione e/o il consolidamento delle conoscenze, delle competenze e delle abilità che

consentano di vivere e lavorare nella società plurale.

Antonella Martini

Essere cittadini: un percorso breve per educarsi alla cittadinanza attiva

Il concetto di cittadinanza attiva rimanda all’idea di “cittadini che partecipano” e sottintende l’esercizio di una responsabilità

di cittadinanza dentro lo spazio pubblico. Espressione della sovranità popolare, altrettanto importante di quella

che si esercita nel voto e nella delega a rappresentare nelle istituzioni, la cittadinanza attiva può esplicarsi con varie

modalità. Il percorso proposto, oltre a raccogliere e sistematizzare ri essioni ed esperienze sull’agire consapevole e

orientato al bene comune, intende fornire abilità e competenze comunicative e relazionali per l’esercizio della cittadinanza

attiva e partecipante.

59

(Corano)


Massimo Taddia, Roberto Latella, Silvio Mencarelli

La città che cambia: laboratorio itinerante di sociologia e fotogra a urbana per

(ri)conoscere gli stili di vita, le risorse e le criticità dei quartieri romani

Non solo la città di Roma ma molte città al suo interno: una dalla storia millenaria e ricca di monumenti; una dei commerci,

delle vetrine, degli artigiani; una della religioni piena di chiese e di edi ci di culto che ne connotano l’aspetto e

ne “impregnano” la toponomastica; una città della politica e delle istituzioni; una degli uf ci, delle aziende che si trova

un po’ ovunque; una città con il maggior numero di spazio verde d’Europa, dove le pecore pascolano vicino alle fermate

della metropolitana; una delle estese periferie, del disagio, dalle tante identità e dei tanti nuovi soggetti sociali e

culturali che la vivono, talvolta, con dif coltà. Il corso che si sviluppa in 6 lezioni in aula e 6 uscite della durata di 3 ore

in codocenza con un sociologo e un fotografo, propone di scoprire queste unica e molteplice città unendo lo sguardo

e il sapere sociologico al mezzo espressivo della fotogra a, permettendo ai partecipanti di scoprire e ricostruire la

città attraverso la propria sensibilità e la comprensione dei fenomeni socio-culturali.

Chiara Guglielmino

Ascoltare il ritmo dei gruppi

La vita di ogni giorno (al lavoro, in famiglia, tra amici) ci porta a confrontarci e a dovere prendere decisioni con altre

persone, spesso si ha la sensazione di non essere ascoltati, di essere sopraffatti dalle parole altrui, o di avere l’esigenza

di farsi sentire a costo di dimenticare ciò che si ha da dire. La comunicazione tra le persone assume una

caratteristica “musicale”, quella del ritmo, imparare ad ascoltare e a muoversi all’interno di questo “movimento”

comunicativo, è un po’ come non riuscire a star fermi ascoltando un pezzo di Santana, o a rilassarsi ascoltando Mozart.

Il corso vuole promuovere l’attenzione ad un ascolto del ritmo della propria e altrui comunicazione all’interno dei

gruppi, di lavoro e non, per migliorarne la qualità e il raggiungimento degli obiettivi.

Titolo Docenti Dove Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Scegliere il volontariato Il laboratorio Prati – Viale Giulio Cesare,78 Venerdì 15-17 25 180 18/10/13

Il vicino e il lontano Martini Prati – Viale Giulio Cesare,78 Lunedì 11-13 6 65 25/11/13

Essere cittadini Martini Prati – Viale Giulio Cesare,78 Lunedì 11-13 6 65 27/01/14

La città che cambia Docenti vari Prati – Viale Giulio Cesare,78 Venerdì 15-17 15 130 06/12/13

Ascoltare il ritmo dei gruppi Guglielmino Prati – Viale Giulio Cesare,78 Lunedì 11-13 6 65 14/10/13

Antonella Martini

Il paese sospeso: un’analisi della società italiana contemporanea

“Il vecchio muore e il nuovo non può nascere”. Questa affermazione di Gramsci illustra perfettamente la situazione

italiana attuale: un Paese in attesa di un cambiamento ancora incompiuto, attraversato da una crisi che provoca disorientamenti

e inquietudini. Così la società italiana si presenta sempre più “liquida” e instabile. Il corso propone,

avvalendosi di una didattica attiva e di sussidi didattici come lm e documentari, un’esplorazione della società italiana

approfondendo i temi dei mutamenti in corso nella dimensione della partecipazione e della rappresentazione politica,

nella sfera del lavoro e del consumo, nello spazio relazionale e affettivo del privato.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Sociologia: il Paese sospeso Martini Prati – Viale Giulio Cesare,78 Mercoledì 11-13 25 180 17/10/13

60

(Bob Dylan)


Primavera Moretti

Le Rivoluzioni moderne: Inghilterra, Francia e America

Il corso si apre con l’analisi della Rivoluzione industriale in Inghilterra. il Settecento degli Illuministi e l’apporto di

questi alla Rivoluzione Francese, la Massoneria, l’Indipendenza Americana e la formazione politica del “Nuovo Continente”,

ci occuperemo degli aspetti religiosi e loso ci che hanno dato vita alla Democrazia in America. Una sezione

particolare è dedicata alle idee promosse durante la Rivoluzione in Francia. Napoleone nei rapporti con l’Europa e il

Papato. Lo studio è incentrato sulla valutazione della religione nella formazione degli stati nazionali europei e il conseguente

abbandono del ricorso spirituale durante l’epoca rivoluzionaria e napoleonica. Arriveremo al Congresso di

Vienna del 1815.

Primavera Moretti

Il medioevo nelle sue fonti: personaggi e testi

Il mestiere di storico prevede l’analisi delle fonti per ricostruire il tessuto degli eventi e il Medioevo offre a questo

proposito un’ampia documentazione. Tra le gure storiche argomento del corso: Costantino, l’Editto di Milano e gli

atti del primo Concilio della Chiesa del 325 d.C. Agostino e il De civitate Dei. Teodosio: il Cristianesimo. Le eterodossie

cristiane dei primi secoli. Teodora, Giustiniano e la “Prammatica Sanzione” del 554. Le monogra e dei fondatori

del Medioevo: Gregorio Magno. Gli atti dei Concili Ecumenici. Carlo Magno e la “Donazione di Costantino”. Gli atti dei

processi per eresia. Gregorio VII e il “Dictatus Papae” etc. Chiuderemo con il 1215, data di due momenti importanti

della storia: Magna Charta Libertatum e gli atti del IV Concilio Lateranense.

Primavera Moretti

Vite parallele: Greci e Romani

Il corso ha l’intento di presentare l’età classica attraverso le grandi personalità del passato.Pitagora e la misura del

mondo. Euclide e la sintesi della scienza negli “Elementi”. Platone e il concetto di eidos. Aristotele e la classi cazione

della natura. I sistemi politici: monarchie e repubbliche. Il governo spartano. Alessandro il Grande e il progetto della

globalizzazione culturale. Il 189 a.C. (battaglia di Magnesia) segna il rovesciamento delle parti: Roma diventa padrona

del Mediterraneo. Le istituzioni romane. Mario e Silla (82 a.C). Giulio Cesare e Cleopatra. Adriano. Costantino il Grande

e la madre Elena. Giustiniano e i testi del Diritto Romano. Il Medioevo attraverso i documenti che l’hanno fondato.

61


Primavera Moretti

Le grandi gure del “Secolo breve”

Il 1900 è stato un secolo ricco di fatti ma anche di persone. Il corso prevede lo studio monogra co di uomini e donne

che hanno cambiato il millennio e quindi il corso della storia. Albert Eistein per la scienza e loso a. Karl Marx per

l’economia e la politica. Gandhi per lotta civile. Golda Meir per la politica al femminile. W. Churcill per la geopolitica.

J.F. Kennedy per la politica nella “Guerra fredda”. Nelson Mandela per i diritti umani. Giulio Andreotti per l’Italia. Rita

Levi Montalcini per la medicina. Il corso prevede anche una breve sintesi del percorso storico del XX secolo.

Primavera Moretti

Totalitarismi: nascita dei pensieri forti. Fascismo, Nazismo, Comunismo e Maoismo

Il corso ha l’intento di far comprendere il formarsi delle idee nei diversi contesti geopolitici. Più che un’analisi storica è

una indagine approfondita, anche attraverso le diverse fonti diplomatiche, letterarie e scienti che, di come si diventa

partecipi di un regime totalitario. Mussolini e gli intellettuali del “ventennio”. Il formarsi di una generazione dalla culla

al moschetto. Hitler e il nazismo e la “soluzione nale”. La Russia sovietica di Stalin e le “purghe”. Il nazional-comunismo

di Mao e la Cina degli anni cinquanta. Il corso prevede lo studio delle fonti: manifesti, leggi, programmi dei

diversi partiti, etc.

Barbara Piraccini

Storia contemporanea: dal secondo dopoguerra agli anni ’70

Durante il corso si analizzeranno i principali avvenimenti, nazionali e internazionali, relativi al periodo che va dalle

origini della “guerra fredda”alla decolonizzazione e alla distensione. Particolare rilievo verrà dato alla storia dell’Italia

repubblicana, dalla ricostruzione agli anni di piombo.

Barbara Piraccini

Storia moderna. Il 1600: indagine su un secolo “dif cile” tra crisi, guerre e rivoluzioni

Il ‘600 fu davvero un secolo di crisi? Il corso si propone come un indagine sulle principali vicende che, con profonde

e diseguali trasformazioni, tra guerre e rivoluzioni, ridisegnarono il volto dell’Europa moderna e determinarono quello

squilibrio tra Nord e Sud del continente, ancor oggi riconoscibile.

Massimo Taddia

Pensiero esoterico/magico e politica in Europa tra 800 e 900

“Nulla è ciò che appare”, afferma un proverbio persiano. Il corso si propone di presentare ed inquadrare in un preciso

contesto storico-sociale le principali correnti esoteriche e magiche che si sviluppano in Europa tra l’800 ed il 900

(Massoneria, Spiritismo, Occultismo, Antroposo a, Teoso a, Arianesimo) e riconoscere le importanti in uenze che

le loro dottrine e pratiche hanno avuto sullo sviluppo del pensiero politico contemporaneo. Il corso privilegiando l’utilizzo

di materiali video e documentali, si propone di fornire ai partecipanti elementi pratici che permettano loro poter

conoscere il pro lo storico dell’argomento.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Le Rivoluzioni moderne Moretti Prati – Viale Giulio Cesare,78 Martedì 13-14.30 33 180 15/10/13

Il medioevo nelle sue fonti: personaggi e testi Moretti Prati – Viale Giulio Cesare,78 Martedì 15-17 25 180 15/10/13

Il medioevo nelle sue fonti: personaggi e testi Moretti Prati – Viale Giulio Cesare,78 Giovedì 17-19 25 180 17/10/13

Le grandi gure del “Secolo breve” Moretti Prati – Viale Giulio Cesare,78 Mercoledì 15-17 25 180 16/10/13

Vite parallele: Greci e Romani Moretti Prati – Viale Giulio Cesare,78 Giovedì 15-17 25 180 17/10/13

Totalitarismi: nascita dei pensieri forti Moretti Garbatella Venerdì 10-12 25 180 18/10/13

Totalitarismi: nascita dei pensieri forti Moretti Prati – Viale Giulio Cesare,78 Venerdì 15-17 25 180 18/10/13

Dal secondo dopoguerra agli anni ‘70 Piraccini Portuense Martedì 10-12 15 110 15/10/13

Il 1600: indagine su un secolo “dif cile” Piraccini Cavour Martedì 15-17 15 110 15/10/13

Pensiero esoterico/magico e politica Taddia M. Prati – Viale Giulio Cesare,78 Venerdì 17-19 25 180 18/10/13

62


CORSI IN AULA

Primavera Moretti, Cesare Buccitti, Luisa Romandini, Paola Giallongo

Il Rinascimento tra storia, arte e magia

Il Rinascimento offre in niti spunti culturali. E’ un periodo paradigmatico che coinvolge non solo l’Europa, ma anche

il Nuovo Mondo. Nascono gli Stati Nazionali, la Chiesa Riformata, le nuove Arti e la scienza moderna. Il Cinquecento

è un secolo su cui ri ettere della nostra speci cità di cittadini Europei. Il corso è organizzato in 4 moduli da 5 incontri

ciascuno con una lezione introduttiva e una conclusiva (22 incontri in totale – il modulo 4 itinerante).

Modulo 1

Primavera Moretti

Il Rinascimento, storia e religione

La scoperta dell’alterità, il Protestantesimo, l’Ermetismo, la Politica, la Controriforma.Il 1492 rappresenta una data

coassiale: scoperta dell’America, morte di Lorenzo il Magni co, cacciata degli ebrei ed arabi dalla Spagna, il ponti -

cato di Alessandro VI Borgia. Il Rinascimento vede la compenetrazione e le contrapposizione tra magia e religione,

Kabbalàh e alchimia, la “Philosophia Christi” di Lutero, il luteranesimo: religione e politica, l’Evangelismo francese

e Calvino. Erasmo da Rotterdam e Machiavelli, la prassi e il pragmatismo. La ripresa ideologica Cattolica: il Concilio

di Trento.

Modulo 2

Luisa Romandini

Il Rinascimento nella pratica medica

L’Alchimia. La teoria degli umori, La stregoneria, Paracelo e la “Segnatura”.Il medico del Rinascimento assume il ruolo

di dominatore e “modi catore” della Natura,ampliando la conoscenza dei principi attivi delle erbe, attraverso la pratica

dell’Alchimia, “antenata” dell’odierna chimica. Si traducono Ippocrate, Galeno, Dioscoride, elaborando così la Dottrina

Umorale basata sui uidi circolanti e costituenti del corpo umano. Con la scoperta dell’America si accresce in ne il

numero delle piante impiegate nella medicina: Passi ora sedativa, China antipiretica, Coca allucinogena, etc.

Modulo 3

Cesare Buccitti

Il Rinascimento, la musica del 1500

Il Cinquecento è stata una delle epoche più ricche di eventi musicali degni di nota: la Riforma protestante e il “Corale

luterano”; la Controriforma e l’affermazione della Scuola Romana con il suo massimo esponente, Giovanni Pierluigi

da Palestrina. Il Madrigale e le relative tecniche vocali e forme minori: Frottola, Canti carnascialeschi, etc. Gli ultimi

compositori Fiamminghi e la Scuola Veneziana.

Modulo 4 - Itinerante

Paola Giallongo

Il Rinascimento: l’arte a Roma tra il ‘400 e ‘500

Nel ‘400 la Capitale si trasforma nel centro ideale dell’antico, con intellettuali e artisti che attingono alla storia portando

avanti le dottrine neoplatoniche di Marsilio Ficino e della Scuola di Firenze. Attraverso cinque visite scopriremo

quanto le arti gurative facciano da specchio di questa nuova società. Affronteremo la relazione tra arte e potere, arte

e scienza. Rapporto tra il simbolismo e l’iconogra a attraverso i temi legati alla magia, l’esoterismo e il misticismo.

Visite al Museo di Palazzo Venezia, Palazzo Barberini, Santa Maria del Popolo, Cappella Bufalini a Santa Maria in Aracoeli,

Galleria Doria Pamphili.

63

(Locke)


Stefania Casagrande

Tiziano: il grande Vecchio

Quale occasione migliore della recente mostra tenutasi a Romasu Tiziano, presso le Scuderie del Quirinale, per proporre

un ciclo di lezioni su questo grande maestro del Cinquecento? Il corso, seppur breve, ci permetterà di ri ettere

e di ripercorrere insieme i momenti salienti della sua longeva attività. Al termine delle quattro lezioni che si svolgeranno

in aula è prevista 1 lezione itinerante: esamineremo le opere di Tiziano presso la Galleria Borghese.

Romina Impera

Le donne artiste – Il seicento e il settecento: il boom della presenza femminile nel

mondo delle arti gurative

Il corso approfondisce il ruolo della donna come artista professionista, avvicinando gli allievi alle vicende delle pittrici e

scultrici che nell’ambito della storia dell’arte hanno ricoperto un ruolo signi cativo, seppur poco noto. Artemisia Gentileschi

segnerà l’inizio del nuovo percorso e si passerà poi a scoprire altre gure italiane e straniere, la giovanissima

Elisabetta Sirani, l’intellettuale Giulia Lama, l’olandese Judith Leyster, la ritrattista veneziana Rosalba Carriera, la bella

e ricercata Angelica Kauffmann, le francesi che esplodono nel panorama artistico d’oltralpe come la pittrice di Maria

Antonietta Elisabeth Louise Vigée Lebrun. Le lezioni avranno carattere monogra co ma sarà di volta in volta delineato

anche il contesto storico-artistico, de nendo anche il ruolo sociale della donna in ogni periodo.

Romina Impera

Il Barocco nella sua fase matura

Il secolo XVII nella fase matura di sviluppo del Barocco a Roma: la grande stagione artistica che segue il magni co

exploit di Bernini e Borromini sarà analizzata in pittura, scultura ed architettura. Il fenomeno barocco verrà poi affrontato

nel suo sviluppo nel resto d’Italia con la grande produzione artistica differente da quella romana in diverse regioni:

Campania, Liguria, Sicilia, Puglia, Lombardia, Piemonte etc. Non mancherà la possibilità di aprire lo sguardo oltralpe,

alle grandi regioni del Barocco europeo, quello delle corti in Spagna, Francia, Germania e della libera Olanda. Parte

integrante del corso saranno le uscite guidate.

Isabella La Costa

Arte in Italia e in Europa

Il corso, strutturato in quattro moduli complessivi, intende offrire una panoramica sulla produzione artistica in Italia e

in Europa dalla tarda antichità al Novecento (moduli 3-4 da marzo 2014)

Il Medio Evo (IV-XIV sec.) – Modulo 1

Gli argomenti del primo modulo sono: la crisi del linguaggio classico; la nascita di un’arte e di un’iconogra a cristiana;

l’in uenza dei modelli bizantini; l’impatto con le culture nomadi e “barbariche”; la “rinascita” dell’antico in età

carolingia; il Romanico; il Gotico; la pittura del Duecento (Cimabue, Duccio di Buoninsegna, Pietro Cavallini); I grandi

innovatori (Giotto e Arnolfo di Cambio); il Trecento.

Umanesimo e Rinascimento (XV-XVI sec.) – Modulo 2

Tra gli argomenti del secondo modulo: la cultura del Gotico cortese; l’alba del Rinascimento: Brunelleschi, Masaccio,

Donatello e l’invenzione della prospettiva lineare; i grandi protagonisti del Quattrocento (Beato Angelico, Paolo Uccello,

Leon Battista Alberti, Piero della Francesca, Antonello da Messina); l’in uenza dell’arte amminga; la riscoperta

dell’antico da Mantegna a Botticelli; Leonardo, Michelangelo, Raffaello e la loro eredità artistica; il Manierismo; l’arte

nell’età della Controriforma; Tiziano e la pittura del Cinquecento veneto.

Isabella La Costa

Il Vaticano: storia del colle di san Pietro, da luogo di svago e sepoltura a stato

più piccolo del mondo.

Il corso si articola in sette lezioni in classe e tre visite guidate (la necropoli vaticana, la Basilica di San Pietro e i Musei

Vaticani). Gli argomenti trattati saranno: l’Ager Vaticanus, il circo di Caligola e Nerone, la necropoli pagana e cristiana;

la Basilica di S. Pietro da Costantino ai nostri giorni; il Palazzo Vaticano; la “questione romana” e i Patti Lateranensi; la

scomparsa della spina di Borgo per l’apertura di via della Conciliazione.I biglietti per l’area archeologica e per i musei e

l’eventuale quota per l’af tto dei radioauricolari sono a carico dei partecipanti.

64


Elisabetta Palmieri

Il Quattrocento italiano tra spazio reale e spazio dipinto.

Indagine a tutto campo sul rinnovamento della cultura artistica italiana del Quattrocento. Seguendo le orme di Brunelleschi,

Masaccio e Donatello sarà preso in esame lo sviluppo delle arti maggiori. Punto di vista privilegiato sarà il

confronto tra lo spazio reale delle città e la sua rappresentazione mediante la prospettiva lineare e centrica. Attraverso

le opere degli artisti, non solo toscani, scopriremo le fondamentali teorie di L.B. Alberti, di Piero della Francesca, no

all’idea della prospettiva aerea del “genio” leonardesco.

Elisabetta Palmieri

Le arti nel Medioevo

Il corso è mirato a focalizzare i caratteri salienti dello sviluppo delle arti nei cosiddetti “secoli bui”, che in realtà tanto

oscuri non furono. Una lettura a tutto tondo che farà comprendere e conoscere i meravigliosi esempi che il mondo

medievale ha lasciato nella penisola italiana. Saranno presi in esame i grandi fenomeni storico-artistici che hanno

caratterizzato le diverse epoche, dall’età paleocristiana all’arte di Giotto, ovvero di colui “che rimutò l’arte di dipingere

dal greco in latino”.

Elisabetta Palmieri

L’arte degli anni Trenta del Novecento tra Roma, Milano e Torino

L’Italia degli anni Trenta, durante il fascismo, è percorsa da un fermento artistico di grande vivacità, che vede schierati

tutti gli stili e le tendenze. Gli studi recenti ci aiuteranno a comprendere, senza pregiudizi, il carattere cosmopolita

dell’arte del decennio, soprattutto delle giovani generazioni, aperte a suggestioni europee e internazionali. Una tta

rete in uenze reciproche lega gli artisti alle città Roma, Milano e Torino. La scena si arricchisce ancor di più con l’emergere

del design e di manifesti, radio e cinema.

CORSI ITINERANTI

Stefania Casagrande

Luci e ombre nella pittura di Caravaggio

Un corso di dieci lezioni dedicate a Caravaggio nel tentativo di ripercorrere i momenti salienti della sua attività. Insieme

cercheremo, attraverso l’analisi diretta delle opere fondamentali dipinte a Roma, di ricostruire l’identità complessa

e travagliata, piena di luci ed ombre, di un grande pittore come Caravaggio: unico e irripetibile. Questi i siti che

visiteremo: S. Agostino, Galleria Borghese, Pinacoteca Capitolina, Galleria Doria Pamphilj, Galleria Nazionale d’Arte

Antica, S. Luigi dei Francesi, S. M. del Popolo. Il corso prevede 7 lezioni itineranti e 3 in aula (sede v.le Giulio Cesare

78). Primo appuntamento: Chiesa di S. Agostino, mercoledì 9 ottobre 2013, ore 10

Paola Giallongo

A spasso per Roma attraverso i suoi Musei, Palazzi, Gallerie

Un corso itinerante per scoprire gli aspetti più affascinanti del Mecenatismo romano e delle grandi collezioni attraverso i

secoli, per accostarci alle gure, spesso controverse, dei grandi committenti presenti a Roma nelle fasi storiche di transizione

e di consolidamento culturale. Visiteremo la villa di Livia “ad GallinasAlbas”, la Villa Farnesina, Palazzo Venezia,

Palazzo Barberini, Palazzo Corsini, Palazzo Spada, Villa Giulia, Castel Sant’Angelo, Villa Medici, etc. Alcuni appuntamenti

potrebbero subire degli spostamenti nel giorno e nell’orario in base alla disponibilità dei siti. L’eventuale costo del biglietto

d’ingresso sarà a carico del partecipante. Primo appuntamento alla Villa di Livia, Museo Nazionale Romano di Palazzo

Massimo, largo Perfetti (zona Termini).

(Montaigne)

65


Paola Giallongo

Il medioevo romano: alle origini della cristianità

Un percorso che ci permetterà di conoscere i misteriosi e affascinanti riti del Cristianesimo delle origini, analizzando

i forti legami tra Papato e Impero dei primi secoli cristiani, soffermandoci sugli aspetti urbanistici, politici, sociali, architettonici,

storici e artistici che dal III secolo d. C. hanno fatto di Roma il centro della Cristianità. Le lezioni saranno

spesso accompagnate dalla lettura di testi e leggende relative ai personaggi presi in esame. Tra i siti proposti: Mausoleo

di Santa Costanza, Basilica di San Clemente, Basiliche di Santa Prassede e Santa Pudenziana. I giorni e gli orari

potranno subire variazioni in base alla disponibilità dei siti.Primo appuntamento al Mausoleo di Santa Costanza, via

Nomentana.

Luca Massenzio Palermo

Roma vista attraverso i sonetti di G.G. Belli

Una lezione d’introduzione in aula e undici incontri all’aperto nei rioni principali del centro storico di Roma (Ponte,

Campo Marzio, Sant’Angelo, Borgo, S. Eustachio...), attraverso la lettura, per ogni incontro, di tre o più sonetti del

poeta Giuseppe Gioachino Belli. La nostra città sarà visitata e “raccontata” attraverso uno dei documenti più straordinari

che la storia della letteratura italiana ci ha lasciato attraverso la penna di uno dei suoi massimi poeti ed un uomo

d’opinione e di pensiero, un poeta proli cissimo che ci ha lasciato più di 2.279 sonetti in romanesco e quasi il doppio

in “lingua”. Scopriremo fatti, fattacci, aneddoti e curiosità di una Roma papalina e al contempo anticlericale; ma anche

un ritratto della città, dei suoi abitanti, dei loro costumi privati e pubblici di quella che diventerà capitale del Regno

D’Italia. Primo appuntamento in aula, sede LAR - v.le Giulio Cesare 78.

Alessandra Tosti

Il “vero” tridente, cuore di Roma

Passeggiare nel cuore di Roma, scoprire angoli nascosti, chiese che racchiudono veri e propri capolavori, palazzi storici

di illustri famiglie, fontane e monumenti che decorano grandi piazze. Il corso, che conta due moduli ognuno di 15

lezioni, si pone l’obiettivo di presentare lo sviluppo storico-artistico e sociale dell’area compresa tra piazza del Popolo,

via del Corso, via del Babuino e via di Ripetta no a piazza Venezia. Il vero Tridente è questo! Un grande “spicchio”

di Roma ricco di emozioni e sensazioni tutte da scoprire. Da febbraio la “seconda parte” a cui potranno partecipare

anche coloro che non avranno frequentato la prima. Primo incontro (primo modulo) ingresso chiesa S. Maria del Popolo,

p.zza del Popolo.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Luci e ombre nella pittura di Caravaggio Casagrande Itinerante Mercoledì 10-12 10 75 09/10/13

Tiziano: il grande Vecchio Casagrande Prati – Viale Giulio Cesare,78 Martedì 14-16 5 40 15/10/13

Il medioevo romano Giallongo Itinerante Lunedì 16-18 25 160 14/10/13

A spasso per Roma Giallongo Itinerante Mercoledì 15-17 25 160 16/10/13

Le donne artista: il ‘600 e il ‘700 Impera Prati – Viale Giulio Cesare,78 Giovedì 11-13 15 110 17/10/13

Il Barocco nella sua fase matura Impera Cinecittà - Via F. Stilicone,41 Venerdì 9-11 25 180 18/10/13

Arte in Italia e in Europa – Modulo 1 La Costa Prati – Viale Giulio Cesare,78 Venerdì 17-19 10 75 18/10/13

Arte in Italia e in Europa – Modulo 2 La Costa Prati – Viale Giulio Cesare,78 Venerdì 17-19 12 85 14/02/14

Il Vaticano: storia del colle di S. Pietro La Costa Prati – Viale Giulio Cesare,78 Giovedì 17-19 10 75 17/10/13

Roma attraverso i sonetti di G.G. Belli Palermo Itinerante Sabato 10.30-12.30 12 100 19/10/13

L’arte degli anni Trenta del ‘900 Palmieri Prati – Viale Giulio Cesare,78 Lunedì 17-19 10 75 14/10/13

Il Quattrocento italiano Palmieri Cavour Martedì 17-19 15 110 15/10/13

Le arti nel Medioevo Palmieri Portuense Giovedì 10-12 15 110 17/10/13

Il “vero” tridente, cuore di Roma – Modulo 1 Tosti Itinerante Lunedì 10-12 15 100 14/10/13

Il “vero” tridente, cuore di Roma – Modulo 2 Tosti Itinerante Lunedì 10-12 15 100 Febbraio 14

66


Primavera Moretti

La Bibbia, il Sogno e Freud. La questione religiosa negli scritti di Freud

Attraverso la lettura della Bibbia e dell’Evangelo, affronteremo il processo di elaborazione del Sogno e della profezia.

Sono numerose le gure nei testi rivelati che possono aprire la strada a indagini psicoanalitiche di grande valore archetipico

(Abramo, Mosè, Giacobbe, Giovanni dell’Apocalissi etc.). Parallelamente procederemo allo studio dei testi

di Freud: Totem e tabù, L’interpretazione dei sogni, L’uomo Mosè e la religione monoteistica

Primavera Moretti

Le religioni rivelate: Ebraismo, Cristianesimo, Islam

Partendo dall’analisi dell’Antico Testamento, del Vangelo e del Corano valuteremo le gure bibliche fondanti: Abramo

padre delle tre religioni monoteiste, Mosè, Davide, Salomone, Gesù e Maometto in chiave comparativa e storica. Il

corso si apre con la spiegazione del testo scritturistico base, la Bibbia e la storia del popolo ebraico, per procedere

poi con i Vangeli e il Corano. Il percorso si dipanerà su due livelli: storico ed esegetico. Affronteremo le prime eterodossie

Cristiane del I e II secolo: Gnosticismo Cristiano, giudeo-cristianesimo, cristianesimo ellenistico, arianesimo,

manicheismo, etc.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

La Bibbia, il Sogno e Freud Moretti Via Cassia,1036 Lunedì 16-18 25 180 14/10/13

Le religioni rivelate: Ebraismo, Cristianesimo, Islam Moretti Prati – Viale Giulio Cesare,78 Venerdì 17-19 25 180 18/10/13

Fulvio Calderoni

Laboratorio di teatro

Gli incontri prevedono tecniche di rilassamento sico e mentale, studio approfondito della dizione, respirazione ed

emissione vocale, studio dell’interazione e delle tecniche di improvvisazione attoriale e musicale. Studio delle maschere

teatrali, approfondimenti registici, movimento scenico, teatro sensoriale. A ne corso è prevista la messa in

scena di uno spettacolo nel quale ogni allievo potrà studiare e approfondire il proprio ruolo scelto in base alle qualità

e caratteristiche emerse nel corso delle lezioni.

Titolo Docente Luogo Quando Ora Lezioni Contributo Inizio

Laboratorio di teatro Calderoni Repubblica - Via Palermo,28 Giovedì 20-22 30 290 17/10/13

67

(Ernesto Che Guevara)


scuole di

formazione

Scuola di formazione in Riflessologia

Aggiornamento in ginnastica posturale

Aggiornamento in tecniche di movimento per la terza età

Counselling professionale

Corso di Management dello Sport

Scuola di formazione in Naturopatia

Percorso Salute

Scuola di formazione in Shiatsu Namikoshi

Scuola di formazione al volontariato e alla cittadinanza attiva

Scuola di formazione per insegnanti di Yoga

69


La recente legge n° 4 /13 del 14 gennaio 2013 che disciplina le professioni non organizzate in ordini o collegi e sollecita

la costituzione di associazioni professionali di categoria, ha sicuramente assunto un ruolo fondamentale nel far

emergere tutti quei saperi diventati competenze e messi già da tempo al servizio dei cittadini.

Come associazione che promuove educazione e la formazione nell’ambito delle discipline del benessere e dei servizi

collegati, abbiamo posto attenzione sul lavoro delle commissioni di Camera e Senato n dalle prime proposte legislative

presentate e siamo stati investiti in pieno da questa onda bene ca.

Ora possiamo tirare un sospiro di sollievo e essere più tranquilli!

Ma è proprio vero? O si rischia di dover inseguire obblighi di adesione a sovra sistemi nazionali, associazioni, federazioni

o confederazioni di categoria che, appunto, dovrebbero garantire qualità della formazione e professionalità dei

servizi erogati agli utenti nali.

L’impegno che da tredici anni mettiamo nelle nostre Scuole di formazione è quello di garantire una “vera formazione”

fatta di percorsi che rispondono ai criteri riconosciuti dai vari board italiani ed europei, che accanto a rigorosi momenti

dedicati alla teoria e alla pratica delle varie discipline inserisce una parte esperienziale che consiste in tirocini e misure

di accompagnamento alla professione e al lavoro.

Siamo e rimaniamo convinti che questo è il valore di cui ha bisogno chi oggi sceglie di intraprendere un percorso

formativo che dura qualche anno e potrà determinare, al termine, un reale cambiamento del personale futuro professionale.

La sicurezza dei nostri studenti è quella di essere seguiti in tutte le fasi del loro percorso di apprendimento, non solo

per ciò che attiene l’acquisizione delle speci che competenze ma, anche, per ciò che riguarda la crescita personale.

E’ nostra convinzione, infatti, che una vera professionalità si fondi sul sapere, sul saper fare e sul saper essere e che

solo nello stretto “dialogo” tra questi aspetti è possibile trovare forti criteri di riconoscimento.

I programmi delle Scuole sono stati elaborati in maniera tale da favorire una crescita personale e professionale degli

studenti perché riteniamo che la formazione debba determinare anche un cambiamento dello stile di vita e della visione

generale del mondo e dell’uomo. Le nostre Scuole fanno propria una visione olistica e un approccio globale alla

persona non solo, dunque, nei contenuti di ciò che viene appreso ma anche nelle metodologie d’insegnamento che

vengono applicate. Questo è il senso che diamo alla parte esperienziale della formazione, con la nalità di condurre

gli studenti a “sentire di essere” dei professionisti nel settore del benessere al termine del loro percorso di studio.

Da questo anno tra i vari percorsi offerti è possibile trovare alcune novità: la Scuola di Counselling professionale e

quella per il Volontariato e la Cittadinanza Attiva. Si tratta di due nuovi settori che ben si collegano alle altre proposte

e che, insieme alle altre Scuole già consolidate, concorrono a creare un sistema formativo sempre più integrato.

Abbiamo guardato alle professioni, consolidate e nuove, che abbiano senso nella formazione e nella circolazione del

sapere (intellettuale e motorio) e abbiamo privilegiato quelle a forte investimento umano piuttosto che economico,

che privilegiano il versante della conoscenza rispetto a quello logistico- organizzativo.

E quando la formazione è nita? Le nostre Scuole sono anche un centro continuo di sperimentazione, di aggiornamento

e di scambio per tutti coloro che vogliono rimanere in un percorso di formazione continua, fare ricerca e

formarsi come docenti (vi invitiamo a consultare le sezioni news, in evidenza, nelle proposte formative per l’anno

accademico 2013/14).

E poi, ben vengano tutte le ulteriori forme di riconoscimento istituzionale; sappiamo che le nostre Scuole, ne siamo

certi per i criteri con cui sono state strutturate, offrono ampi margini di garanzia e af dabilità sia per i futuri operatori

sia per i futuri utenti.

70


Che cos’è la Riflessologia? É una metodica manuale

per la prevenzione e il benessere riconosciuta come

terapia complementare, che si basa sulla possibilità di

agire sull’essere intero, compresi organi e tessuti interni,

grazie ai punti riflessi di una sua parte; soprattutto il

piede, la mano, l’orecchio.

Perché soprattutto il piede? I piedi assomigliano all’intera

persona più di ogni altra parte; rappresentano il nostro

sostegno e le nostre radici. Una manipolazione del

piede procura un immediato senso di rilassatezza e di

piacere e agisce in profondità. Dice un antico proverbio

cinese: “Il sorriso inizia dai piedi”.

71

Si tratta di una disciplina antica? In ogni epoca e in

ogni cultura la Riflessologia è stata presente come metodo

di cura e di prevenzione. Al giorno d’oggi è diventata

una metodica completa ed elaborata, basata su principi

scientifici, comprovata da numerose sperimentazioni

e in continua evoluzione.

A chi si può fare la Riflessologia? Tutti possono beneficiare

di un trattamento di Riflessologia, dai neonati in incubatrice,

agli anziani, dalle persone allettate alle donne

in gravidanza, dai malati terminali alle persone in buona

salute che vogliono fare un percorso di prevenzione e di

conoscenza dei propri schemi energetici che sovraintendono

al funzionamento dell’ intero organismo.

Chi può fare la Riflessologia? La recente legge n° 4

/13 del 14 gennaio 2013 detta le norme per il riconoscimento

delle professioni non organizzate e ha riconosciuto

la Riflessologia tra le nuove professioni. Per diventare

Operatori di Riflessologia occorre frequentare una Scuola

capace di formare Operatori in grado di dialogare e

collaborare con gli altri Operatori della salute, di conoscere

le basi del funzionamento del nostro organismo e

le disarmonie che conducono alla malattia, di accogliere

con competenza le persone che si rivolgono a loro, di

valutare i risultati del loro operato in maniera scientifica,

di tenersi in continuo aggiornamento.

Quali sono le caratteristiche della Scuola? La Riflessologia

non è solo un massaggio del Piede, bensì un

approccio completo alla persona, che si prende cura della

sua interezza, complessità e individualità. L’approccio

della Scuola è dunque di tipo olistico, cioè tiene conto e

agisce sul piano fisico, psichico, energetico e integrato,

capace di accogliere e usare anche altri strumenti per

completare e amplificare la sua azione, come per esempio

la Cromoterapia e i Fiori di Bach.

Inoltre la Scuola:

• Utilizza le mappe più aggiornate.

• Fornisce competenze di base sul funzionamento del nostro corpo e

della nostra mente adeguate allo scopo.

• Dedica ampio spazio all’esercitazione e al tirocinio per l’acquisizione

della competenza manuale.

• Fa della sperimentazione e della ricerca il suo punto di partenza

e di arrivo, in un costante processo di evoluzione e aggiornamento.

• Mette a disposizione degli allievi una Piattaforma virtuale per lo

scambio con i docenti di informazioni e materiale.

Quanto dura la Scuola? Le lezioni frontali si svolgono

in due anni da ottobre a giugno, per circa un week end

al mese. Ogni annualità si conclude con una sessione di

verifiche. Al termine l’allievo inizia una sua ricerca sperimentale

che si conclude con una discussione e l’assegnazione

del Diploma di Operatore di Riflessologia.


La frequenza è obbligatoria? La frequenza alle lezioni è

consigliata perché l’incontro con i nostri docenti qualificati

ed esperti può facilitare l’apprendimento. Soltanto le

lezioni di Riflessologia (10 per ogni annualità) sono obbligatorie

(all’80%), ma le eventuali assenze possono essere

recuperate l’anno seguente. Gli allievi che si trovano

nell’impossibilità di frequentare le altre materie possono

avvalersi della Piattaforma Virtuale, dei libri di testo, dispense,

slide e materiale audio messo a disposizione

della Scuola e presentarsi alle verifiche finali.

E quando la Scuola è finita? La Scuola è anche un centro

continuo di sperimentazione, di aggiornamento e di

scambio per tutti gli allievi che vogliono rimanere in un

percorso di formazione continua, fare ricerca e formarsi

come docenti.

E alla fine è possibile lavorare? La Scuola è fortemente

orientata a fornire agli allievi che desiderano utilizzare

la Riflessologia a livello professionale, tutte le competenze,

come anche quelle in materia legale e sanitaria, gli

aggiornamenti e gli stimoli che li aiutino a poter operare

come Operatori di Riflessologia. La legge 4/13 riconosce

oggi questa possibilità.

La formazione di un Operatore in una professione di

aiuto deve essere senz’altro un processo di evoluzione

anche personale, oltre che professionale. Per questo il

nostro Sistema formativo offre corsi per approfondire le

proprie conoscenze a tutti i livelli, fisico, emotivo, psichico

e spirituale, secondo i percorsi di indagine e crescita di

ogni persona.

La struttura del corso e il piano studi

Il primo anno si propone di accrescere la conoscenza

dei fenomeni che sovraintendono al funzionamento del

nostro organismo nella sua completezza di mente e corpo,

le correlazioni tra organi e tessuti e zone riflesse del

piede e il loro trattamento al fine di poter stimolare il

potere di autoguarigione insito in ogni persona, da applicare

in un ambito familiare ed amicale, per il ristabilimento

dell’equilibrio. Il superamento delle verifiche del

1° anno dà diritto all’attestato di partecipazione. Il primo

anno prevede 244 ore di lezione:

• 174 ore di lezione nei week end (uno al mese circa) Antropologia

medica, Ri essologia plantare, Scienze Biomediche (Anatomia e

siologia degli apparati, cenni di patologia generale), Educazione al

contatto e alla relazione, Elementi di Primo Soccorso.

• 30 ore di esercitazioni pratiche con un tutor

• 30 ore di E-learning

• Veri che nali

Il secondo anno si propone di approfondire le conoscenze

tecniche e l’abilità manuale e nello stesso tempo

di formare una visione dei fenomeni di squilibrio che

tenga conto della complessità dell’individuo al fine di

formare operatori capaci di prendersi “cura” in maniera

responsabile e professionale negli ambiti per i quali

la Riflessologia trova chiare e riconosciute indicazioni. Il

superamento delle prove di verifica del 2° anno dà diritto

all’attestato di partecipazione. Il secondo anno comprende

circa 300 ore di lezione:

• 204 ore di lezione nei week end (uno al mese circa) Ri essologia

Plantare (Approfondimenti), Scienze Biomediche (Cenni di

patologia degli apparati e Analisi dei referti), Cenni di psicosomatica

degli organi e signi cato della malattia, Corso base nell’uso dei

72

Fiori di Bach, Seminario di Diritto e Terapie non convenzionali.

• 40 ore di tirocinio con supervisione del Tutor

• 21 ore di esercitazioni con Tutor

• 30 ore di E-learning

• Veri che nali

• Tesi di Ricerca

Al termine del piano di studi delle due annualità, in regola

con le iscrizioni, la frequenza ai corsi e, avendo superato

con profitto tutte le prove e gli esami, l’allievo può

presentare e discutere alla sessione d’esame il proprio

lavoro di ricerca (tesi) condotto e supervisionato dal relatore

e dal correlatore. Dopo che la commissione ha

espresso una valutazione positiva, si rilascia il Diploma

di Operatore in Riflessologia.

Responsabile della Scuola e docenti

Claudia Puntel - Direzione didattica

Laureata in Fisioterapia e specializzata in Posturologia,

dal 1980 è impegnata in un continuo lavoro di aggiornamento

e di approfondimento che è orientato ad una

visione globale della persona e non solo al sintomo, per

il conseguimento della salute, del benessere e dell’evoluzione

personale dei suoi pazienti. Si serve della Riflessologia

Plantare, dell’ Auricoloterapia, dei Fiori di Bach,

dello Shiatsu-Terapia e ha appreso le tecniche di canalizzazione

energetica del Reiki.

Davide Dariva

Scienze Biomediche e radiologia. Osteopata, posturologo

clinico, kiniesologo. Docente presso l’Università di

Tor Vergata per Master in Posturologia, docente dell’Università

Popolare dello Sport, docente per la formazione

e sviluppo protocolli per l’Italia e per l’estero per società

che producono strumenti elettromedicali.

Giovanni Del Savio

Elementi di primo soccorso Attestato Infermiere presso

l’Ospedale Militare di Roma, operatore Shiatsu, Istruttore

certificato Italian Resuscitation Council presso IRC EMT.

Perla Graffeo

Alimentazione naturale e Fiori di Bach. Laureata in Lingue

Orientali, diplomata Erborista presso l’Università di

Perugia; è consulente nutrizionale e diplomata in “Nutritional

Therapist (GB).

Claudia Harari

Educazione al contatto e alla relazione. Psicoterapeuta

(Società Italiana Gestalt), specializzata presso l’Associazione

Anoressia e Bulimia (“ABA”), insegnante Yoga

diplomata presso l’Accademia Yoga di Roma e ha frequentato,

in Francia, la scuola di movimento creativo

di T. Bertherat e quella di tecniche psicocorporee di F.

Mezieres. Per 10 anni ha collaborato con l’Associazione

Italiana di Psicologia Transpersonale. Docente di formazione

in psicoterapia, psicocorporea e counselling.

Antonella Martini

Antropologia medica. Sociologa esperta in Antropologia

culturale, docente di formazione. Collabora in progetti formativi

rivolti ad Operatori Minorili.


Francesco Romagnoli

Scienze biomediche. Medico specialista in chirurgia

generale e d’urgenza, dottore di ricerca in chirurgia

sperimentale. Chirurgo d’urgenza presso il Policlinico

universitario Umberto I di Roma. Membro di diverse

società scientifiche, presidente del Comitato Regionale

per il Lazio della Società Polispecialistica Italiana

Giovani Chirurghi.

Roberto Tosi

Psicosomatica degli organi. Psicoanalista junghiano e

formazione professionale presso il G.A.P.A. di Roma,

ha poi conseguito diplomi in Psicoterapia dei Disturbi

Psicosomatici (Ist.RIZA di Milano), in Psicodiagnostica

e Tecniche dell’Intervento Clinico (C.E.F.O.R.P. di

Roma), e in varie discipline energetiche.

Assistenti ricerca e tutor esercitazioni, diplomati

alla nostra Scuola di Ri essologia

Caterina Lizzano

Sociologa e assistente alla comunicazione, Lingua italiana

dei segni

Chiara Lubrani

Operatrice socio-sanitaria e insegnante Massaggio

Infantile

Flavia Tricoli

Psicologa ed estetista

Patrizia Motta

Clown dottore e insegnante Massaggio Infantile

Alessia Bruni

Laureata al DAMS e operatrice Massaggio Ayurvedico

Aggiornamento in ri essologia anno 2013-2014

• Il Percorso di specializzazione in Ri esso-Cromo-Terapia tenuto da

Paulina Wills - ri essologa Inglese, ideatrice del metodo - si sviluppa

in 2 week end e si conclude con un esame nale per l’abilitazione

in Ri esso-Cromo-Terapia dei Piedi e delle Mani.

Il Primo seminario di Cromoterapia è aperto a tutti. Date: venerdì

21/02/2014, ore 17-20; sabato 22/02/2014, ore 10-19; domenica

23/02/2014, ore 10-19.

Il Secondo seminario di Ri esso-Cromoterapia è aperto ai Diplomati

in Ri essologia, ai diplomandi e allievi del 2° anno della nostra

Scuola. Date: venerdì 28/02/2014, ore 16-20; sabato 01/03/2014 ore

10-19 e domenica 2/03/2014, ore 9.30-18.

• Incontro di sostegno per la preparazione della tesi una giornata di

8 ore

Aggiornamento in ri essologia anno 2014-2015

• Fondamenti di Auricoloterapia. Il Percorso si articola in due week

end lunghi (dal venerdì pomeriggio alla domenica) è aperto a tutti

e in particolare agli allievi delle nostre Scuole di Naturopatia e di

Shiatsu

73

• 1 giornata di laboratorio;

• 1 giornata di sostegno con la psicologa Claudia Harari.

Questi percorsi sono anche rivolti a tutti quegli allievi di Ri essologia

che non hanno ultimato il percorso formativo, e potranno

diplomarsi con una tesi speci ca sugli argomenti oggetto degli

aggiornamenti proposti.

Supervisioni in Ri essologia

Momenti di confronto e approfondimento su casi speci ci o temi

proposti dagli allievi e dai docenti.

4 appuntamenti ogni anno realizzati il venerdì pomeriggio, della durata

di 3 ore, con supervisione della responsabile della Scuola. Viene

rilasciato Attestato nale per la frequenza ai 4 incontri.

Moduli Monotematici

Giornate, aperte a tutti, di conoscenza delle discipline olistiche con

l’intervento di diversi specialisti sui temi :

• Patologie del sistema Respiratorio

• Alterazioni del sistema Digerente

• Le disfunzioni della tiroide

• I dolori articolari

• Importanza della Postura

• Le donne: mestruazioni, parto e menopausa


Perché specializzarsi in tecniche

di ginnastica posturale

É sempre più diffusa e radicata nello stile di vita dei cittadini,

adulti e anziani, l’attenzione a prevenire e risolvere

squilibri posturali, sia per necessità di recupero funzionale

sia per integrare l’attività sportiva specifica praticata.

La partecipazione a lezioni di gruppo di ginnastica posturale

negli ultimi anni è fortemente in aumento anche

in virtù delle indicazioni di medici e fisiatri che ne promuovono

l’efficacia. Per dare una risposta professionale

a questa richiesta, è fondamentale che gli insegnanti e

istruttori che operano in diversi contesti, sappiano integrare

conoscenze e competenze per sistematizzare una

metodologia didattica che deve tenere conto di specificità

del singolo e delle esigenze di gestione del gruppo,

per educare tutti a un rapporto migliore con la corporeità

promuovendo benessere e mantenimento della salute.

Acquisire una metodologia didattica che utilizzi tecniche

specifiche di riequilibrio posturale, sapendole adeguare

alla tipologia del gruppo che si conduce, è indispensabile

per lavorare in sicurezza e competenza.

Requisiti di ammissione

IUSM, ISEF, fisioterapisti, istruttori sportivi, operatori

Costi e modalità di pagamento

Tessera associativa annuale € 20,00

Costo dell’intero percorso con rilascio dell’attestato

finale € 900,00 (€ 320,00 all’iscrizione e 4 rate da

€ 145,00).

Costo dei Moduli (Introduzione al Metodo Feldenkrais

o Stretching posturale attivo secondo il Metodo

Souchard) € 350,00 ciascuno (€ 200,00 all’iscrizione e

1 rata da € 150,00).

Responsabile della Scuola

Silvia Costantini

s.costantini@universitapopolaredellosport.it

Informazioni e iscrizioni

Tel. 0637716363 - 06.99702866

Segreteria della formazione

formazione@universitapopolaredellosport.it

Sedi

Roma, Via Flavio Stilicone, 41 – 00175

(metro A - Lucio Sestio)

Roma, Viale Giulio Cesare, 78 – 00192

(metro A - Ottaviano)

Partenza

Gennaio 2014 - lezioni sabato o domenica

74

Perché scegliere l’Università Popolare dello

sport

• È un ente accreditato presso la Regione Lazio (iscritta all’Albo

Regionale delle Università della terza età con Determinazione N.

D2408 del 04/07/2007 Prot. N. 10975 del 25/06/2007).

• È un’Associazione riconosciuta dal CONI (Registro Nazionale delle

Associazioni e Società Sportive Dilettantistiche).

• Offre opportunità di inserimento lavorativo per l’insegnamento nei

corsi annuali e nei progetti in fase di realizzazione.

• Offe la possibilità di effettuare un monte ore di tirocinio

supervisionato nei corsi annuali programmati e tenuti dallo staff

di docenti dell’UPS.

• Permette l’accesso anche a singoli moduli formativi.

Caratteristiche dell’offerta formativa

La nostra proposta si basa su un’offerta di Moduli tematici

che costituiscono, nel loro insieme un percorso

completo che si sviluppa in 13 incontri, per un totale di

90 ore, volto alla conoscenza delle tecniche più efficaci e

consolidate nell’ambito del riequilibrio posturale. L’obiettivo

è strutturare una competenza specifica sui principi e

le metodologie secondo i sistemi rieducativi derivati da

scuole di “pensiero” come il Souchard e il Feldenkrais,

conoscendo anche altre tecniche integrative, per acquisire

contenuti pratici e teorici che permettano di elaborare

uno stile personale e operativo di insegnamento.

Piano di studi - Moduli

Introduzione al Metodo Feldenkrais

Il modulo, di quattro incontri, viene proposto in questo

ambito, in quanto tecnica di approccio globale alla

persona vista come un unica entità inscindibile di mente-corpo,

la cui postura è il risultato della continua interazione

tra il S.N.C. e gli stimoli ambientali primo tra i

quali la forza di gravità. Il Dott. Moshe Feldenkrais utilizza

il Movimento per entrare nel fertile processo di riprogrammazione

posturale dell’organismo umano e lo

fa stimolando attraverso nuove modalità, l’impiego del

sistema muscolo-scheletrico, per esempio sostituendo

l’uso spropositato della forza muscolare con l’uso delle

leve scheletriche, o ampliando e chiarificando la rappresentazione

neuronale del sé corporeo a livello cerebrale.

La persona viene indotta a modificare le abitudini poco

funzionali, come automatismi precedentemente acquisiti,

per sostituirle con altre più efficienti che porteranno a

una maggior flessibilità, coordinazione, incremento delle

abilità cognitive e motorie, eliminazione dei dolori articolari

e muscolari, profonda percezione del corpo e delle

sue infinite possibilità.


Stretching posturale attivo Metodo Souchard

Modulo di quattro incontri. Il Metodo Souchard considera

l’uomo nella sua globalità, nel suo insieme psico-fisico

e consiste in posizioni e esercizi specifici, miranti a uno

stretching globale dalla prima vertebra cervicale alla punta

dei piedi. L’applicazione di una respirazione più consapevole

e profonda negli allungamenti permette non solo di

sciogliere tensioni muscolari ma anche di migliorare e correggere

la postura, attraverso un riequilibrio delle tensioni

muscolari, l’acquisizione di una maggiore elasticità e flessibilità,

soprattutto a livello della colonna vertebrale. Nel

modulo vengono illustrati i concetti base dello stretching

globale attivo, affrontando argomenti quali le diverse catene

muscolari, i meccanismi di difesa e i loro effetti sulla

postura, il diaframma, i blocchi inspiratori e loro riequilibrio.

Uno spazio verrà riservato all’analisi delle varie posture

e ai principi di correzione.

Riequilibrio dinamico globale

• Asana tecniche di respirazione e rilassamento speci che per la

colonna vertebrale

• Introduzione al Metodo Laban- Bartenieff

• Metodologie e tecniche di ginnastica dolce

Questi diversi approcci metodologici considerano la postura

come lo stile personale di muoversi e stare nello

spazio, modalità in continua evoluzione e soggetta a

diverse influenze sia interne sia esterne. L’uomo è un

essere dinamico e vive in un costante processo di apprendimento,

che va favorito e sostenuto attraverso

l’affinamento della consapevolezza di sé e la capacità di

prendersi cura della propria salute. In una visione globale

della persona la chiave per modificarsi e migliorare

non può prescindere la conoscenza del proprio corpo e

delle funzioni attivate nel movimento quali la respirazione

consapevole, le diverse azioni muscolari, la qualità

degli appoggi, la mobilità articolare e la capacità di rilassamento.

Il principio di “conoscersi attraverso il corpo” è

alla base dei metodi che compongono questo modulo e

viene sviluppato da diversi punti di osservazione e sperimentazione

pratica.

Metodologia didattica e aspetti funzionali

• Funzioni e disfunzioni dell’apparato muscolo scheletrico

con particolare attenzione al rachide

• Metodologie didattiche di intervento e follow-up nale

Lo scopo di questo modulo è di essere un “raccordo”

teorico esperienziale del percorso formativo nel suo

complesso. Nozioni essenziali e mirate anatomo-fisiologiche,

modalità di gestione del gruppo da un punto di

vista relazionale, modalità didattiche analizzate sia ad avvio,

in itinere che a conclusione del percorso per sostenere

ogni partecipante nello sviluppo di una personale

competenza nel condurre gruppi di ginnastica posturale.

Il follow-up finale previsto consiste proprio in un breve

spazio di lezione che ogni corsista in formazione condurrà

a beneficio degli altri colleghi, per verificare le modalità

di intervento sviluppate.

75

Attestato

I momenti di verifica previsti nel percorso sono, nella

nostra concezione di formazione, il momento di confronto

e scambio indispensabile tra i contenuti trasmessi e

gli apprendimenti percepiti perché si possano rilevare gli

obiettivi raggiunti e intervenire con misure di sostegno

per concludere in modo positivo e soddisfacente il percorso

di aggiornamento intrapreso.

Al termine del percorso regolarmente frequentato viene

rilasciato un “Attestato di Acquisizione di Competenze

in Ginnasta posturale”. Per chi sceglie solo dei moduli

formativi viene rilasciato su richiesta un Attestato di

partecipazione.

Responsabile del corso e docenti

Silvia Costantini - Direzione didattica

Diplomata ISEF, Danzatrice professionista e Diplomata

Operatore Shiatsu, specializzata in tecniche e metodologie

di ginnastica dolce, responsabile coordinamento

didattico dell’Università popolare dello Sport.

Daniela Chimenti

Diplomata Terapista della riabilitazione, Diplomata Insegnante

di Metodo Feldenkrais per l’esercizio delle lezioni

individuali di “Integrazione Funzionale” e collettive di

“Conoscersi attraverso il movimento”.

Davide Dariva

Chinesiologo, Posturologo clinico e Osteopata.

Vittoria la Costa

Laureata in Lettere moderne e Psicologia Dinamica,

Danza terapeuta, esperta in tecniche espressive e motorie

per adulti, anziani e diversamente abili.

Anna Maria Pedace

Diploma di laurea in Fisioterapia della riabilitazione, specializzata

in rieducazione posturale globale secondo il

Metodo Souchard.

Paola Piozzi

Diplomata Insegnante di Yoga.


Perché specializzarsi in tecniche di Movimento

per la terza età

Per rispondere in modo efficace all’ampia richiesta di attività

motoria da parte degli anziani è indispensabile acquisire

conoscenze e competenze specifiche, formarsi

sperimentando una metodologia didattica consolidata e

mirata. Il percorso di aggiornamento professionale proposto

è modulato per rispondere a questa esigenza di

formazione di insegnanti e operatori che possano lavorare

in sicurezza e competenza con gruppi di anziani. L’Università

Popolare dello Sport ha acquisito nel corso degli

anni un’ampia esperienza nel campo della corporeità con

attività rivolte particolarmente agli anziani e promosse

attraverso corsi di ginnastica dolce attivati in molti centri

del territorio di Roma e provincia. Questo ci ha permesso

di consolidare una metodologia didattica capace di

rispondere alle esigenze di mantenimento della salute,

di bisogno di socializzare e restare attivi che caratterizza

la sempre più numerosa popolazione anziana del nostro

paese.

Requisiti di ammissione

Diploma di Scuola Media Superiore

Costi e modalità di pagamento

Tessera associativa annuale € 20,00

Costo dell’intero percorso con rilascio dell’attestato

finale € 600,00 (€ 200,00 all’iscrizione e 4 rate da

€ 100,00)

Costo di un singolo modulo € 120,00

Responsabile della Scuola

Vittoria La Costa

aggiornamento@universitapopolaredellosport.it

Informazioni e iscrizioni

Tel. 0637716363 - 06.99702866

Segreteria della formazione

formazione@universitapopolaredellosport.it

Sedi

Roma, Via Flavio Stilicone, 41 – 00175

(metro A - Lucio Sestio)

Roma, Viale Giulio Cesare, 78 – 00192

(metro A - Ottaviano)

Partenza

Novembre 2013 - lezioni sabato o domenica

76

Perché scegliere l’Università Popolare dello

sport

• È un ente accreditato presso la Regione Lazio (iscritta all’Albo

Regionale delle Università della terza età con Determinazione N.

D2408 del 04/07/2007 Prot. N. 10975 del 25/06/2007).

• È un’A ssociazione riconosciuta dal CONI (Registro Nazionale

delle Associazioni e Società Sportive Dilettantistiche).

• Offre opportunità di inserimento lavorativo per l’insegnamento

nei corsi annuali e nei progetti in fase di realizzazione.

Offe la possibilità di effettuare un monte ore di tirocinio

supervisionato nei corsi annuali programmati e tenuti

dallo staff di docenti dell’Università Popolare dello

Sport.

Caratteristiche dell’offerta formativa

Questo percorso di aggiornamento professionale si

basa su una concezione del movimento che investe la

persona nella sua globalità. I principi base e le leggi del

corpo vengono approfonditi attraverso la presa di coscienza

e lo sviluppo della capacità di percezione, esaltando

la sfera neuro-motoria, rispettando ritmi e possibilità

di ciascuno e spostando l’attenzione dall’ambito

“quantitativo” a quello “qualitativo”. L’aggiornamento

professionale parte dalla capacità di ascolto di sé, premessa

per l’acquisizione di maggiore consapevolezza

e sviluppo della capacità di osservare come le diverse

tecniche di movimento agiscono sul nostro sistema

integrato corpo/mente/emozioni. L’arricchimento delle

competenze professionali farà leva sullo stimolo della

capacità creativa e critica per l’utilizzo degli elementi

sperimentati nel percorso formativo affinché divengano

un reale strumento operativo e tecnico personale.

Struttura del corso

Il piano di studi è proposto in giornate formative dedicate

all’esperienza pratica di specifiche tecniche che

compongono nel loro insieme un percorso organico sostenuto

dal riscontro in gruppo e verificato in itinere. Le

tematiche sviluppate negli incontri sono così modulate:

1. Formazione del gruppo e consapevolezza corporea

2. Principi e tecniche di ginnastica dolce

3. Tecniche di respirazione e rilassamento attraverso varie pratiche

yogiche

4. Metodologie di gestione del gruppo e strutturazione di modalità

di intervento didattico; elementi di Danza Terapia

5. Principi e tecniche di riequilibrio posturale

6. Metodologie didattiche applicate ai principi di ginnastica dolce

7. Introduzione al Metodo Laban/Bartenieff

8. Aspetti psicologico relazionali; elementi di socializza-zione

attraverso il ritmo e la danza

9. Follow-up nale sulle competenze sviluppate di conduzione del

gruppo.


É prevista la possibilità di effettuare fino a 10 ore di Tirocinio

da svolgersi presso corsi e strutture dell’Università

Popolare dello Sport, concordando le modalità con la

Direzione Didattica.

Al termine del percorso viene rilasciato l’Attestato di

Frequenza.

Responsabile del corso e docenti

Vittoria la Costa - Direzione didattica

Psicologa; Dottoressa in Lettere; Danza Movimento Terapeuta

e Supervisore APID; specializzata in Ginnastica

Dolce per la Terza Età.

Silvia Costantini

Diplomata ISEF, danzatrice professionista, Operatrice

Shiatsu, specializzata in Ginnastica dolce per la Terza Età.

Paola Piozzi

Diplomata insegnante di Yoga a Bruxelles e specializzata

in Yoga Terapia.

Maria Romana Benevento

Terapista della riabilitazione, Danza Movimento Terapeuta

APID, specializzata in tecniche di riequilibrio posturale

e di movimento per la Terza Età.

Rubina D’Errico

Psicologa e Psicoterapeuta cognitivo-comportamentale.

Simona Montanari

Danza Movimento Terapeuta APID, danzatrice e coreografa,

insegna danza Afro e tecniche di rilassamento,

esperta in recupero motorio e disabilità.

77


Cos’è il Counselling

Riconosciuto dal Registro Nazionale del CNCP – Coordinamento

Nazionale Counsellor Professionisti

Il counselling è una nuova professione che negli ultimi

anni sta conoscendo interessanti sviluppi in virtù della

sua efficacia nell’offrire un valido sostegno alla persona.

Ciascuno di noi, nel corso della propria vita, si trova a

dover affrontare scelte difficili o assumere decisioni importanti.

Può capitare allora di provare un senso di disorientamento

e di non riuscire a individuare una propria

personale soluzione.

Il counselling è un’attività di sostegno che si propone di

affrontare queste difficoltà, aiutando la persona a mettere

in relazione gli interessi e le aspirazioni coscienti con

le proprie inclinazioni profonde, perlustrando i bisogni e

i meccanismi di adattamento che sono alla base delle

dinamiche personali e relazionali.

Ciascuno può giungere, così, a disegnare una visione realistica

di sé stesso e affrontare in modo appropriato le

scelte relative alla professione, al matrimonio, ai rapporti

interpersonali attenuando la conflittualità e gli impedimenti

dovuti a fattori soggettivi.

Il corso è riconosciuto dal Registro Nazionale del CNCP

Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

Requisiti di ammissione

Diploma di Scuola Media Superiore

Costi e modalità di pagamento

Tessera associativa annuale € 20,00

Costo dell’intero percorso con rilascio dell’attestato

finale € 1600,00 (€ 320,00 all’iscrizione e 6 rate da €

160,00).

Responsabile della Scuola

Stefano Crispino

info@centrostudipsicosomatica.it

Informazioni e iscrizioni

Segreteria didattica (info sul percorso di formazione)

Centro studi di Psicosomatica

Via Padre Semeria, 33 - 00154 Roma

Tel. 0639745458 www.centrostudipsicosomatica.it

Segreteria organizzativa (info e modalità iscrizione)

Tel. 0637716363 - 06.99702866

formazione@universitapopolaredellosport.it

Sedi

Roma, Viale Giulio Cesare, 78 – 00192

(metro A - Ottaviano)

Partenza

Novembre 2013 - lezioni sabato e domenica

78

Obiettivi

Il corso si propone di conferire:

• Valide conoscenze teoriche

• Strumenti atti a una ef cace comunicazione

• Strumenti atti a una corretta dimensione nella relazione d’aiuto

• Competenza relativa alla gestione emozionale nella relazione d’aiuto

• Consapevolezza di sé e conoscenza delle caratteristiche personali

attivate nella relazione con il cliente

Destinatari

Il corso è rivolto a coloro che per motivi professionali

o personali siano impegnati in relazioni nelle quali una

comunicazione efficace sia determinante:

• per l’orientamento e il sostegno individuale o di gruppo

• per lo sviluppo di comportamenti funzionali al mantenimento e al

miglioramento del benessere

• Requisito minimo richiesto: Diploma di Scuola Media Superiore.

Metodo

Il corso, teorico-pratico, utilizza un metodo interattivo,

così articolato:

FASE TEORICA con fondamenti del modello di riferimento,

la Gestalt, con l’acquisizione di elementi di psicologia

generale e di quelle conoscenze e competenze necessarie

alla professione di counsellor

FASE TECNICO-PRATICA volta all’acquisizione di competenze

specifiche attraverso:

• role-playing;

• visione di lmati con contenuto didattico per dibattiti e seminari;

• gruppi di studio con elaborazione di tesine monotematiche su

argomenti speci ci trattati durante l’anno, volti anche alla ricerca;

• uso dell’impianto di videoregistrazione a circuito chiuso per la

supervisione di contenuti tecnici emersi durante le simulate;

discussione e supervisione di casi in gruppo;

• incontri individuali e di gruppo, allo scopo di sviluppare consapevolezza

di sé attraverso l’elaborazione di vissuti e con itti.

Durata e struttura del corso

BIENNIO DI BASE conferisce la qualifica di “counsellor”

e prevede 450 ore così suddivise:

1° ANNO 200 ore di aula ripartite in 10 unità didattiche di

20 ore ciascuna, un week end al mese:

• Fondamenti di psicologia (50 ore)

• Programmazione neurolinguistica, principi e modalità di comunicazione

(50 ore)

• Fondamenti dell’approccio gestaltico al counselling (80 ore)

• Teoria dei sistemi (20 ore)

2° ANNO 250 ore di cui 50 ore di tirocinio e 200 ore di

aula, suddivise in 10 unità didattiche di 20 ore ciascuna

(un week end al mese) così ripartite:

• Elementi costitutivi della professione del counsellor (100 ore)

• Tecnica del colloquio e uso del metamodello linguistico (50 ore)

• Tecniche di conduzione della relazione nell’approccio gestaltico (50 ore)


3° ANNO - livello avanzato - conferisce la qualifica di

“counsellor professionista”, prevede 450 ore comprensive

di tirocinio e supervisione - di cui 280 ore di aula suddivise

in 14 unità didattiche di 20 ore ciascuna e 170 ore di tirocinio

- saranno dedicate a simulate, supervisione di casi

in gruppo ed alla ricerca e laboratori di gruppo, secondo la

metodologia descritta.

La frequenza al corso consente al massimo un 20% di

assenze sul monte ore.

Per concludere il proprio iter formativo gli allievi al termine

del BIENNIO DI BASE e del TERZO ANNO dovranno portare

un caso trattato in supervisione e discutere una tesi.

Piano studi

1° ANNO

Fondamenti di psicologia (50 ore)

• Teoria dello sviluppo e fasi della crescita - Cicli di vita e crisi nelle

diverse fasi dello sviluppo

• I processi d’apprendimento: risposte, strutture cognitive,

automatismo e insight

• Psico siologia delle emozioni: importanza e gestione nella relazione

d’aiuto

• La motivazione: organica, appresa, psicologica e bisogni fondamentali

• Il gruppo, l’individuo e l’integrazione sociale - La psicologia di

comunità - La condivisione e i gruppi di auto-aiuto

Programmazione neurolinguistica: principi e modalità di

funzionamento della comunicazione (50 ore)

• Fondamenti epistemologici, teorici e principi generali della

comunicazione - la valutazione dell’ef cacia della comunicazione -

mappa e territorio - la comunicazione verbale (digitale) e non verbale

(analogica)

• I sistemi rappresentazionali: visivo, auditivo, cinestetico, olfattivogustativo

- gli accessi oculari e le sottomodalità

• Sviluppo della calibrazione

• Il Rapporto nel colloquio ef cace - ricalco e guida

Fondamenti dell’approccio Gestaltico al counselling (80 ore)

• Ciclo di contatto e applicazione al processo di counselling

• Disfunzioni e disturbi del ciclo di contatto

• Consapevolezza e fasi iniziali del processo di counselling

• Mobilizzazione e fasi post-preliminari del processo di counselling

• Azione e fasi centrali del processo di counselling

• Contatto nale e fasi avanzate del processo di counselling

• Soddisfazione e penultime fasi del processo di counselling

• Ritiro e fasi nali del processo di counselling

Teoria dei sistemi (20 ore)

• La teoria relazionale e dei sistemi

• Circolarità dell’informazione

• Principio omeostatico dei sistemi e meccanismi di retroazione

• Regole della comunicazione

2° ANNO

Elementi costitutivi della professione del counsellor (100 ore)

• L’analisi della domanda e il “contratto di lavoro” nel counselling: i

principali ambiti applicativi del counselling

• Il setting: de nizione, mantenimento e gestione nei diversi ambiti di

applicazione del counselling

• Aspetti legali della professione, deontologia ed etica professionale.

Pro lo professionale ed applicazioni speci che. L’identità professionale

del Counsellor e differenze da altre gure professionali similari

• La gestione della crisi: competenze e responsabilità del Counsellor,

rete professionale di supporto nel territorio ed indicazioni per l’invio

alla psicoterapia o ad altre gure professionali competenti

79

Tecnica del colloquio e uso del metamodello linguistico

(50 ore)

• Il metamodello: strumento di precisione linguistica

• Individuazione e de nizione degli obiettivi: speci cazione linguistica

e strategica

• Elicitazione degli stati interni

• Strategie comportamentali e tecniche di intervento

Tecniche di conduzione della relazione nell’approccio

gestaltico (50 ore)

• La sedia calda (monodramma)

• Il processo corporeo in gestalt: tecniche e aspetti fenomenologici

• La relazione: fasi ed evoluzione del processo

• L’ampli cazione

• Le polarità

• La sperimentazione e l’esperienza del cambiamento

3° ANNO

Il conselling nei diversi contesti di intervento: 280 ore

• Il counselling nella scuola: elementi di psicologia dell’età evolutiva,

dell’apprendimento e di comunità. Sportello ascolto scolastico ed

educazione alla salute. Orientamento scolastico, universitario e

professionale

• Il counselling in ambito sanitario: l’accoglienza del paziente, il tramite

tra gure professionali diverse, comunicazione e sostegno nella

diagnosi grave, caregiver di pazienti con malattie croniche invalidanti

• Il counselling nella terza età: elementi psico-biologici della terza

età, integrazione multidisciplinare dell’invecchiamento, sostegno e

riorientamento degli eventi nella vita dell’anziano, come solitudine,

malattia e reinserimento sociale e familiare

• Il counselling nell’emergenza: tecniche di gestione del trauma e della

crisi post-traumatica, contenimento emotivo del gruppo

• Il counselling interculturale: elementi di conoscenza fondamentali

per l’approccio alle problematiche rispetto alle differenti culture

per il controllo del pregiudizio, mediazione sociale inter-etnica e

riprogrammazione dell’appartenenza

• Il counselling aziendale: dinamiche di gruppo e di comunità, strategia

e gestione delle relazioni, assessment e mediazione nei problemi e

nei con itti

• Il counselling della coppia e della famiglia: elementi teorici del modello

sistemico-relazionale, le costellazioni familiari, il ciclo di vita della

famiglia, la formazione della coppia e la genitorialità. Ruolo coniugale

e ruolo genitoriale. Il sostegno della genitorialità, la separazione

coniugale, la mediazione familiare e la negoziazione dei con itto

Responsabile del corso e docenti

Stefano Crispino - Direzione didattica

Letizia Bonelli

Adelaide Gargiuto

Giovanna Larghi

Elisa Mori

Rosa Spennato

Maria Carmina Viccaro


Condurre una società sportiva amatoriale, la cui componente

volontaristica è ancora fortissima e le cui disponibilità

economiche sono ridotte e spesso precarie, è ben

diverso dal dirigere un club professionistico o un impianto

di alta prestazione.

La nostra proposta formativa che nasce da una ricerca

sulla gestione delle società dilettantistiche di tutti gli

sport ed è rivolta a coloro che già svolgono i compiti di

dirigenti di società, senza però dimenticare tutti quei giovani

che vorrebbero trovare uno primo sbocco occupazionale

in questo settore.

Il corso che proponiamo offre strumenti mirati perché il dirigente

sportivo di base o chi aspiri a diventarlo

• conosca la cornice organizzativa e funzionale nella quale va a

collocarsi la sua azione e possa de nire ef cacemente il proprio

ruolo;

• acquisisca il panorama delle questioni con le quali si dovrà

confrontare apprendendo o perfezionando la capacità di individuare

ef cacemente i contributi e le professionalità delle quali circondarsi

• possa dotarsi degli strumenti per svolgere ef cacemente la

funzione manageriale che gli compete.

• Il corso si differenzia nettamente da analoghe iniziative condotte

da altre agenzie formative del settore anche perché più che ai

grandi clubs sportivi e ai loro speci ci percorsi di reclutamento

delle risorse guarda alle organizzazioni operanti nel terzo settore

Requisiti di ammissione

Diploma di Scuola Media Superiore

Costi e modalità di pagamento

Tessera associativa annuale € 20,00

Costo dell’intero percorso con rilascio dell’attestato

finale € 900,00 (€ 320,00 all’iscrizione e 2 rate

da € 290,00)

Costo di un incontro tematico €170,00

È previsto uno sconto del 15% per gruppi organizzati

tesserati alle Federazioni o Enti di promozione sportiva

Responsabile della Scuola

Rocco Ruggiero

management@universitapopolaredellosport.it

Informazioni e iscrizioni

Tel. 0637716363 - 06.99702866

Segreteria della formazione

formazione@universitapopolaredellosport.it

Sedi

Roma, Via Flavio Stilicone, 41 – 00175

(metro A - Lucio Sestio)

Roma, Viale Giulio Cesare, 78 – 00192

(metro A - Ottaviano)

Partenza

Febbraio 2014 - lezioni sabato o domenica

80

e dunque dello sport no pro t e alle Istituzioni di riferimento per

questo.

Il percorso è articolato in moduli di diversa complessità

orientati al “Saper fare”: si svilupperà, per questo, attraverso

lezioni frontali e simulazioni tenute da docenti e

consulenti del CONI, dell’Univerità Popolare dello Sport

di Roma e delle agenzie di settore maggiormente qualificate.

Il corso sarà sostenuto da una piattaforma virtuale che

permetta un contatto continuo tra gli studenti e i docenti

e consenta uno scambio di informazioni tra i partecipanti,

l’acquisizione dei materiali di studio e un forum di

discussione sui temi di volta in volta proposti. Gli allievi

avranno la possibilità di accedere a uno spazio web dedicato

nel quale troveranno i materiali didattici prodotti

e scambiare opinioni sull’andamento del lavoro in aula.

Un facilitatore condurrà azioni mirate alla costruzione

della “squadra” facilitando la comunicazione allievi-docenti/allievi-allievi.

Piano di Studi

Il piano di studi prevede Moduli tematici che si sviluppano

complessivamente in 6 giornate formative.

Modulo 1

L’attuale configurazione del sistema sportivo

Sergio Mignardi - Docente Formazione CONI Lazio

L’assetto del sistema sportivo italiano è molto cambiato

per la presenza di nuovi soggetti che rispondono a nuovi

modi di intendere l’attività nelle sue finalità e nelle modalità

di pratica.

I numeri e l’impatto economico e produttivo

Roberto Ciampicacigli - Direttore Censis Servizi

Lo sport e il suo indotto costituiscono ormai da molti

anni una porzione non trascurabile del PIL e ha oggi ricadute

di rilievo nella definizione stessa dell’assetto produttivo,

economico e culturale.

Modulo 2

Problematiche giuridiche: Istituzioni, ruoli e competenze

Giovanni Fontana – Avvocato esperto di Diritto sportivo,

Giudice sportivo.

Operare nel sistema sportivo impone di tener conto di

Istituzioni sovranazionali, nazionali e territoriali che in

vario modo configurano degli obblighi ma costituiscono

anche preziosi interlocutori.

Fiscalità: aspetti tributari e contrattuali

Celestino Bottoni – Tributarista esperto Commissione

Ministero dell’Economia e delle Finanze

Le attività economiche legate allo sport presentano delle

specificità e sono per questo previste anche facilitazioni

sul piano della disciplina tributaria e della contrattualistica

riferita al lavoro ed agli interlocutori economici


Modulo 3

La promozione sociale dello sport

Ivano Maiorella - Responsabile della Comunicazione

UISP nazionale

Essere consapevoli del valore dell’azione di promozione

sociale dello sport aumentanon solo il valore morale

dell’azione che andiamo a compiere ma ne facilita anche

il radicamento nel tessuto sociale e produttivo.

Costruire la squadra

Nicoletta Fasano - Esperta in Comunicazione interpersonale

L’impresa che opera nello sport dilettantistico o nell’ambito

del no profit si fonda su un alto investimento in capitale

umano. La squadra ha dunque un valore assoluto

per la riuscita dell’impresa.

Modulo 4

Progettazione di un evento, organizzazione di un’attività

Rocco Ruggiero - Responsabile relazioni esterne Federciclismo;

Giuseppe D’Agostino - Presidente dell’Università Popolare

dello Sport

Progettare con successo richiede che siano rispettati alcuni

passagggi ideativi, procedurali e organizzativi assai

precisi per una singola manifestazione come per un’attività

a carattere continuato.

Far crescere un evento

Enrico Castrucci - Presidente Maratona di Roma

Ogni evento anche piccolo o di dimensione locale che

abbia raggiunto il proprio obbiettivo iniziale può crescere

e diventare una realtà più importante, estesa, riconosciuta

e produttiva. A patto di compiere le azioni giuste.

Modulo 5

Gli strumenti della comunicazione

Federico Pasquali - Responsabile Ufficio stampa Maratona

di Roma

Gli strumenti tradizionali della comunicazione nello sport

mantengono inalterata la loro efficacia se utilizzati correttamente.

La comunicazione e il marketing

Barbara Vacca, Alessio Punzi, Federico Salzano - Consulenti

Maratona di Roma

La comunicazione ed il marketing svolgono un ruolo centrale

sin dalla fase di progettazione di un evento e nello

sviluppo stesso dell’impresa, oltrechè nella promozione

dell’evento o dell’attività. Non solo strumenti per “vendere”

ma una vera e propria risorsa strategica.

81

Modulo 6

Una mappa consapevole

Sergio Mignardi

Alla luce di questo percorso la mappa disegnata all’inizio

del corso si traduce in una sorta di vademecum per l’azione

del dirigente sportivo di base.

Valutazioni condivise

Giuseppe D’Agostino, Rocco Ruggiero


La Naturopatia comprende lo studio, la conoscenza,

l’insegnamento e l’applicazione delle discipline naturali

della tradizione millenaria e delle loro evoluzioni alla luce

delle più moderne scoperte scientifiche. Vengono così

confermate e approfondite la valididi alcune medicine

tradizionali (Ayurveda, Medicina Tradizionale Cinese) che

da millenni considerano l’essere umano parte integrante

del suo ambiente (olismo) insieme alla necessità di

rispettare le leggi naturali che regolano l’universo e l’importanza

fondamentale della prevenzione.

Perché diventare Naturopati

La Naturopatia è stata definita nel 2010 dalla Organizzazione

Mondiale della Sanità “una professione sanitaria

che mette l’accento sulla prevenzione, il trattamento e

la promozione della salute ottimale attraverso l’utilizzo

di metodi terapeutici e modalità che incoraggiano il processo

di auto-guarigione, la vis medicatrix naturae.”Le

statistiche ci dicono che sempre più persone si rivolgono

alle medicine non convenzionali e ai metodi naturali di

approccio alla salute e questa tendenza conferma evidentemente

l’esigenza profonda di tornare a essere più

responsabili verso la propia salute, il suo recupero e il

suo mantenimento.

Requisiti di ammissione

Diploma di Scuola Media Superiore

Costi e modalità di pagamento

Tessera associativa annuale € 20,00

Costo dell’intero percorso con rilascio dell’attestato

finale € 1600,00 (€ 320,00 all’iscrizione e 8 rate da

€ 160,00).

É possibile predisporre percorsi formativi personalizzati

da concordare con la Direzione Didattica della

Scuola al momento dell’iscrizione. È possibile iscriversi

e partecipare anche solo a singoli moduli.

Responsabile della Scuola

Perla Maria Graffeo

naturopatia@universitapopolaredellosport.it

Informazioni e iscrizioni

Tel. 0637716363 - 06.99702866

Segreteria della formazione

formazione@universitapopolaredellosport.it

Sedi

Roma, Via Flavio Stilicone, 41 – 00175

(metro A - Lucio Sestio)

Roma, Viale Giulio Cesare, 78 – 00192

(metro A - Ottaviano)

Partenza

Novembre 2013 - lezioni sabato e domenica

82

La tradizione della Naturopatia deve ricordarci che la malattia

non ci colpisce per caso o per sfortuna, che i sintomi

possono essere rivelatori di disagi non solo a livello fisico,

che esiste un collegamento tra l’alimentazione e le

difese immunitarie e che la depurazione dell’organismo

dovrebbe diventare una pratica regolare per difenderci

dall’inquinamento crescente. La Scuola Superiore di Formazione

in Naturopatia si rivolge a tutti coloro che sono

interessati all’approccio naturale alla salute, desiderano

acquisire le conoscenze di base sulle discipline naturali

e approfondirne alcuni aspetti particolari.

Caratteristiche dell’offerta formativa

La nostra Scuola mantiene sia un collegamento aggiornato

con gruppi di ricerca scientifica specifici del settore

sia segue l’impostazione tradizionale della Naturopatia,

fornendo anche un continuo stimolo verso la comprensione

di una più completa visione olistica.

Parallelamente agli studi specifici della Naturopatia, la

nostra Scuola prevede lo studio e la certificazione di una

tecnica manuale a scelta tra la Riflessologia Plantare e

lo Shiatsu, fornendo le conoscenze per una ottima comprensione

delle basi di queste importanti metodiche.

Il percorso formativo e didattico tiene conto delle esigenze

di un pubblico di ambo i sessi, adulto e lavoratore

accompagnando gli studenti nel raggiungere i propri

obiettivi di apprendimento attraverso lo studio a casa e in

presenza e la verifica pratica di quanto studiato.

Piano di studi e certi cazioni

Il monte ore totale per il conseguimento del Diploma

di Naturopata è di 1400 ore suddivise nel triennio che

comprendono lezioni pratiche e teoriche con il docente,

studio a casa con dispense e testi consultabili anche

on-line, il tirocinio con supervisione, la presenza ai seminari

residenziali estivi. Al termine del percorso formativo

superate le verifiche specifiche delle tecniche operative

scelte, verra rilasciato l’Attestato di apprendimento della

“tecnica base” rilasciato dalla Federazione Internazionale

Namikoshi Shiatsu Europa (NSE), organo diretto del

Japan Shiatsu college di Tokyo(120 ore nel triennio) o

l’Attestato di Riflessologia Plantare( 80 ore nel triennio).

Attestati di Frequenza per la partecipazione ai Moduli

delle diverse discipline che compongono il percorso formativo,

verranno rilasciati su richiesta.

Materie del piano di studi triennale

• Scienze bio-mediche: basi, apparati e sistemi, analisi e referti

• Antropologia della medicina

• Storia e tradizione della Naturopatia

• Le costituzioni nella Naturopatia

• Basi di Medicina Tradizionale Cinese

• La depurazione nella Naturopatia

• Il Corpo Ri esso e le tecniche di riequilibrio collegate


• Fitoterapia e Gemmoterapia

• Aromaterapia

• Farmacia Naturale e laboratorio

• Introduzione allo Shiatsu con Certi cazione

• Introduzione alla Ri essologia Plantare con Certi cazione

• Basi di Alimentazione e biochimica degli alimenti

• L’ecologia anche a tavola: nutrizione e stile di vita

• Dietetica tradizionale e moderna

• Teoria e pratica della risonanza

• Basi di Omeopatia e Oligoterapia

• Tecniche di Respirazione Yoga e QiGong

• Fiori di Bach, base ed esercitazioni

• Ginnastica posturale

• Introduzione alla psicologia, alla psicobiologia e alla psicosomatica

• Il disagio psicologico

• Psicosomatica simbolica

• Cenni di psiconeuroendocrinoloimmunologia (PNEI)

• Psicosomatica simbolica

• Introduzione al Counseling

• Legislazione e professionalità

Il Naturopata diplomato nella Scuola avrà acquisito

competenze per

• comprendere che una persona non presenta mai solo un sintomo

sico ma che è un essere umano completo, formato da elementi

sici, emotivi, mentali e spirituali e che ogni “mal-essere” colpisce

tutti gli aspetti della vita;

• riconoscere e valutare le caratteristiche personali e le condizioni

energetiche di ogni individuo analizzando i segnali forniti dalle zone

ri esse del corpo (viso, piedi, mani, lingua, orecchi) considerandone

la costituzione, lo stile di vita e l’ambiente;

• aiutare la persona a trovare i collegamenti logici tra comportamenti

e conseguenze e spesso recuperare le regole del semplice buon

senso anche nella boni ca del proprio ambiente da eventuali

interferenze nocive;

• conoscere e consigliare metodi e programmi di riequilibrio e

sostegno (nutrizione, tecniche corporee, gestione dello stress,

depurazione), anche in collaborazione con altri professionisti e altre

metodiche di intervento;

• comprendere la composizione e l’uso appropriato di preparati

e integratori erboristici e nutrizionali nel rispetto di regole

fondamentali quali sicurezza, ef cacia e qualità;

• accompagnare la persona nella riscoperta della sua capacità

di gestire il proprio capitale di salute in modo più autonomo e

responsabile, nella applicazione di uno stile di vita salutare, nel

prendersi cura di sé e imparare a prevenire il malessere.

• rispettare gli antichi principi quali il “non nuocere”: un naturopata

non consiglia né utilizza sostanze nocive o arti ciali né utilizza

tecniche invasive;

diventare un difensore appassionato della qualità della vita

e informare e indirizzare la persona verso la coscienza di un

collegamento tra salute personale e salute del pianeta.

Responsabile del corso e docenti

Perla Maria Graffeo - Direzione didattica

La passione per la cultura orientale è iniziata nel 1974

(Corso di Laurea in Lingue Orientali) e quella per la Medicina

Tradizionale Cinese nello stesso anno durante la

sua collaborazione con l’Associazione Culturale Italia-Cina.

Nel 1981 si è diplomata erborista alla Facoltà di Farmacia

dell’Università di Perugia. Dal 1992 si è specializzata

nella interpretazione delle Analisi Minerali Tessutali

(Mineralogramma). Nel 2004 si è diplomata Consulente

Nutrizionale e Nutritional Therapist presso The College

of Naturopathic and Complementary Medicine (GB).

Svolge regolarmente l’attività di naturopata e l’esperienza

accumulata negli anni le consente di insegnare molte

83

delle discipline naturali. La collaborazione con l’Upter-

Sport è iniziata nel 2000 ed è attualmente Responsabile

della Scuola di Naturopatia.

Raffaella Bagnoli (Aromaterapia)

Claudio Bergamo (Qi Gong)

Daniela Chimenti (Ginnastica posturale)

Maurya Coruzzi (Fitoterapia)

Stefano De Camillis (Psicologia, Psicobiologia, PNEI)

Giovanni Del Savio (Primo soccorso)

Nunzia Fasano (Introduzione al Counseling)

Rita Fele (Basi MTC)

Perla Maria Graffeo (scienze Naturopatiche)

Alberta Maranzano (Basi Alimentazione)

Ivo Mazzucchelli (Basi Nutrizione)

Alessandro Onesti (Respirazione Yoga)

Claudia Puntel (Modulo Ri essologia Plantare)

Stefania Purchiaroni (Fitoterapia)

Francesco Romagnoli (Scienze biomediche)

Giusy Santonastaso (Modulo Shiatsu)

Roberto Tosi (Psicosomatica simbolica)


L’Università Popolare dello Sport è impegnata in prima

linea, dal 2005, sul fronte della formazione di operatori

per la prevenzione e mantenimento della salute.

Accreditata all’Italian Resuscitation Council per i corsi

di BLSD, l’Università Popolare dello Sport risulta essere

uno dei maggiori enti di formazione in BLSD certificato

I.R.C. di Roma.

La formazione di cittadini su manovre tecniche di emergenza-urgenza

sanitaria costituisce oggi la nuova frontiera

del soccorso sanitario. L’accessibilità a questo tipo

di formazione ha costituito e costituisce un momento

di importante rivoluzione nel mondo del soccorso e un

interessante processo formativo-pedagogico.

Dal 2005 al 2012 mediante corsi effettuati ad associazioni,

enti, professionisti sanitari, istruttori di centri sportivi

e privati cittadini, circa 1900 persone hanno frequentato

un corso di BLSD o di primo soccorso, tra questi oltre

1600 sono state abilitate all’utilizzo del defibrillatore

semi automatico. Da febbraio 2012 sono stati effettuati,

su richiesta di aziende, corsi di primo soccorso aziendale

in base alla legge 81 del 2008.

Inoltre è stato sperimentato per la prima volta in una

scuola primaria di Roma, un corso di primo soccorso

(First Responder) per i bambini di una classe quarta.

Da settembre 2013 è iniziata la sperimentazione di alcuni

eventi con accreditamento E.C.M. per professionisti sanitari.

Mission

Prevenire gli infortuni, rafforzare il concetto di sicurezza

e implementare sani stili di vita mediante un percorso

personalizzato e aggiornato secondo le più recenti conoscenze

scientifiche sono la base del percorso salute.

La convinzione della formazione sanitaria a tutti, la ricerca

continua di un modello di formazione sempre più

adatto all’esigenza degli allievi, la completa valutazione

di tutto il processo formativo con verifica continua di tutte

le fasi della formazione, la competenza degli istruttori-docenti,

la volontà di estendere sempre di più una

Responsabile della Scuola

Cristian Vender • Cell. 328.7682849

percorso.salute@universitapopolaredellosport.it

Coordinamento

Gianni del Savio

blsd@universitapopolaredellosport.it

Informazioni e iscrizioni

Tel. 0637716363 - 06.99702866

Segreteria della formazione

formazione@universitapopolaredellosport.it

Sedi

Roma, Via Flavio Stilicone, 41 – 00175

(metro A - Lucio Sestio)

Roma, Viale Giulio Cesare, 78 – 00192

(metro A - Ottaviano)

84

cultura del primo soccorso, la continua formulazione e

rimodellamento di progetti a 360° per operatori sanitari

operanti nel territorio e nelle strutture ospedaliere pubbliche

e private del Lazio, costituiscono i pilastri di un

attività solida, in continua evoluzione, capace di fornire

un aiuto nel mondo dell’urgenza-emergenza sanitaria.

Il nostro metodo

• Corsi aperti a tutti e personalizzati secondo il target di utenza.

• Tutti i corsi sono organizzati e strutturati mediante la tecnica del

Problem Based Learning per garantire una formazione ef cace.

• Comprendere le linee teoriche per agire in sicurezza, secondo le

più recenti conoscenze scienti che dell’area sanitaria.

• Ascoltare, comunicare, discutere, risolvere dubbi in un feedback

continuo tra docenti e discenti allo scopo di migliorare sempre di più la

metodologia didattica per favorire il maggiore apprendimento possibile.

• Report di tutta l’attività, puntuale e sistematica che permette di leggere

e comprendere i risultati ottenuti, migliorare le strategie adottate o

sperimentarne di nuove.

Responsabile del corso e docenti

Cristian Vender - Direzione didattica

Responsabile dei corsi BLSD IRC è dottore magistrale in

scienze infermieristiche, in possesso di master in area

critica infermieristica e laurea in infermieristica. Svolge la

propria attività presso il DEA PS in ambito organizzativo.

Docente di numerosi corsi di primo soccorso e tutor/docente

presso corsi dell’Università La Sapienza di Roma.

Giovanni Del Savio - Coordinatore

Coordinatore del gruppo BLSD IRC dell’Università Popolare

dello Sport svolge la propria attività presso l’ASL RM

A. É autore di numerose pubblicazioni oltre ad essere

stato responsabile didattico dei corsi organizzati dalla

UIL Pensionati. Attualmente ha un ruolo attivo nella gestione

dell’Associazione di enterostomizzati del Policlinico

Umberto I Roma.

Lorella Calafato

Infermiera presso il 118, in possesso di master di I livello

in coordinamento e in area critica, direttore dei corsi

BLSD per ARES 118 del Lazio, collabora da anni in qualità

di tutor clinico e istruttore ai numerosi corsi di formazione

sanitaria organizzati.

Fabio Selvaggio

Infermiere, esperto di area critica, svolge la propria attività

nel coordinamento del personale RSA di Tolfa dopo

l’esperienza presso l’area critica del Policlinico Gemelli e

Cristo Re di Roma. Collabora come docente-istruttore ai

numerosi corsi di formazione sanitaria organizzati.

Stefano Scozzafava

Medico chirurgo, esperto di formazione, svolge la propria

attività in varie cliniche private di Roma e del Lazio.

É il medico responsabile dei corsi di primo soccorso

aziendale.

Massimo Cicinelli

Istruttore di comunità IRC. Collabora in qualità di esperto

di area critica non sanitario alle attività di formazione dei

corsi BLSD IRC.

Veronica Mazzone e Giovanni Angius

Infermieri di area critica, sono tutor clinici formativi nell’attività

dei corsi di primo soccorso riservati ai bambini.


• Corsi per gli operatori del benessere e dello sport BLSD - Basic

Life Support and De brillation

• Corsi per le aziende: Primo soccorso aziendale

• Corsi per le scuole: First Responder

• Corsi Monotematici

Corsi per gli operatori del benessere e dello sport

BLSD - Basic Life Support and De brillation

Lo scopo del corso BLSD è far apprendere sia teoricamente

sia -e soprattutto praticamente- come comportarsi

quando ci si trova di fronte a una persona apparentemente

senza vita e cosa fare per soccorrerla,

disponendo di un defibrillatore semi automatico.

La legge n. 120 del 3 aprile 2001 consente l’uso del defibrillatore

semiautomatico anche a persone non sanitarie

che hanno ricevuto una formazione specifica nell’attività

di rianimazione cardio polmonare. Il D.L. 8 marzo 2011

stabilisce criteri e modalità per la diffusione in ambito

extraospedaliero dei defibrillatori semiautomatici esterni,

utilizzati da personale non sanitario, purché adeguatamente

istruito.

Il corso, nel rispetto delle linee guida ILCOR ERC 2010 è

articolato in parti teoriche, esperienze pratiche e da una

verifica finale con test a risposta multipla e una simulazione

di intervento.

Una giornata tipo di formazione dura dalle ora 9.00

alle ore 16.00

Informazioni

• Il superamento delle prove valutative consentono al partecipante

di ricevere attestato di “ESECUTORE BLSD IRC” valido due anni.

• Una volta l’anno si consiglia di effettuare un corso di BLSD re

training (di 4 ore).

• I corsi vengono effettuati in tutto il Lazio anche su richiesta

accreditamento ECM

Primo Soccorso Aziendale

Il D.lgs. 81/2008, prevede l’obbligo a carico del

datore di lavoro di designare e formare gli addetti

alla gestione delle emergenze anche mediante

la frequentazione, da parte del lavoratore, del

corso primo soccorso o pronto soccorso aziendale.

I corsi sono classi cati secondo la tipologia di attività

svolta, il numero dei lavoratori occupati e i fattori di

rischio, in tre gruppi:

Gruppo A: I) Aziende o unità produttive con attività

industriali, soggette all’obbligo di dichiarazione o

noti ca, di cui all’articolo 2, del decreto legislativo 17

agosto 1999, n. 334, centrali termoelettriche, impianti e

laboratori nucleari di cui agli articoli 7, 28 e 33 del decreto

legislativo 17 marzo 1995, n. 230, aziende estrattive ed

altre attività minerarie de nite dal decreto legislativo 25

novembre 1996, n. 624, lavori in sotterraneo di cui al

decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 1956,

n. 320, aziende per la fabbricazione di esplosivi, polveri

e munizioni;

II) Aziende o unità produttive con oltre cinque lavoratori

appartenenti o riconducibili ai gruppi tariffari INAIL con

indice infortunistico di inabilità permanente superiore

a quattro, quali desumibili dalle statistiche nazionali

INAIL relative al triennio precedente ed aggiornate al 31

dicembre di ciascun anno (clicca sul collegamento per

consultare la tabella). Le predette statistiche nazionali

INAIL sono pubblicate nella Gazzetta Uf ciale;

III) Aziende o unità produttive con oltre cinque lavoratori

a tempo indeterminato del comparto dell’agricoltura.

Gruppo B: Aziende o unità produttive con tre o più

lavoratori che non rientrano nel gruppo A.

85

Gruppo C: Aziende o unità produttive con meno di tre

lavoratori che non rientrano nel gruppo A.

Programma generale del corso (tre giornate):

• Prima giornata - Modulo A - Gruppo A: totale n.6 ore, Gruppo B/C:

totale n.4 ore;

• Allertare il sistema di soccorso, riconoscere un’emergenza,

attuare gli interventi di primo soccorso, conoscere i rischi speci ci

dell’attività svolta.

• Seconda giornata – Modulo B - Gruppo A: totale n. 4 ore, Gruppo

B/C: totale n. 4 ore;

• Acquisire conoscenze generali sui traumi in ambiente di lavoro,

sulle patologie speci che in ambiente di lavoro.

• Terza giornata – Modulo C – Gruppo A: totale n. 6 ore, Gruppo B/C:

totale n. 4 ore;

• Acquisire capacità di intervento pratico.

Informazioni

• Il corso può essere effettuato anche all’interno

dell’azienda.

• Si rilascia attestato di ne corso valido per legge.

Corso First Responder

Il ruolo assunto dal cittadino nel tempestivo

riconoscimento delle situazioni di pericolo e

nell’attivazione del sistema di soccorso è essenziale

per garantire il successo del soccorso professionale.

Tutti noi, infatti, possiamo trovarci di fronte a situazioni

in cui è necessario chiamare aiuto o prestare le prime

cure a persone che non si sentono bene e non possono

continuare momentaneamente le proprie attività. É

importante, quindi, creare condizioni adeguate af nché

chi è presente sulla scena dell’incidente, chiamato il 118,

sia in grado di gestire il periodo di tempo che precede

l’arrivo dei soccorsi professionali.

Da pochi anni si è iniziato a parlare dell’importanza di

introdurre già nella scuola primaria iniziative riguardanti

questo argomento, in quanto si è visto che i bambini

hanno capacità di apprendimento notevole e, non per

ultimo, curiosità verso il mondo degli adulti con facilità

ad apprendere nuovi concetti e abilità gestuali.

Lo scopo del progetto è dare ai bambini informazioni

chiare e precise su come intervenire e chi chiamare

in caso di bisogno. La gura del “ rst responder”, già

presente in altri paesi, è colui che interviene per primo

sulla scena in situazione di pericolo e attiva per primo i

soccorsi.

Attraverso il gioco, la visualizzazione di rappresentazioni

animate, si vogliono fornire chiare e precise nozioni su

cosa fare.

Programma del corso

1 a parte: 2 ore Quando accorgersi che una persona sta male.

2 a parte: 2 ore Come chiamare aiuto.

3 a parte: 2 ore Cosa fare prima dell’intervento degli adulti o degli

operatori del 118 sul luogo della richiesta d’aiuto.

4 a parte: 2 ore Simulazione giocosa della chiamata al 118, esecuzione

di manovre semplici da parte dei bambini.

Informazioni

• Progetto riservato alle scuole primarie (IV e V)

Al termine del corso, consegna di attestato, modellino

giocattolo di un autoambulanza e kit con il materiale

didattico ad ogni bambino.


Diventare Operatore professionale di Shiatsu

Lo Shiatsu, Shi (dito) Atsu (pressione), è un importante

metodo di cura con un approccio globale alla persona e

soprattutto uno strumento di prevenzione e mantenimento

della salute. Attraverso le pressioni stimola le naturali

capacità rigenerative del corpo ristabilendone l’equilibrio.

Lo Shiatsu anche se affonda le sue radici in tempi antichissimi

è di recente origine, utilizzato agli inizi del secolo da

Tokuijro Namikoshi, quando in Giappone fu riconosciuto lo

Shiatsu come tecnica a sé stante, distinta dall’antico massaggio

Anma. La Scuola di Shiatsu Namikoshi dell’Università

Popolare dello Sport si pone l’obiettivo di preparare

operatori con criteri professionali, sia teorici che pratici.

Dal punto di vista didattico, gli insegnamenti sviluppano

tre dimensioni umane e professionali essenziali:

• Il Sapere

• Il Saper Fare

• Il Saper Essere

Caratteristiche dell’offerta formativa

• Corso a numero chiuso massimo 20 allievi

• Riconoscimento del Japan Shiatsu College di Tokyo massima

autorità internazionale

Requisiti di ammissione

Per il Modulo Base: Diploma di Scuola Media Superiore

Per il Modulo Avanzato: la frequenza del Modulo Base e il

conseguimento dell’Attestato di “Tecnica base Namikoshi”.

Per chi fosse in possesso di titoli accreditabili è possibile

predisporre percorsi formativi personalizzati.

L’iscrizione sarà possibile solo dopo aver svolto un colloquio

preliminare di orientamento con la Direzione Didattica

della Scuola.

Costi e modalità di pagamento

Tessera associativa annuale € 20,00

Il costo di partecipazione al Modulo base è di € 1600,00

(€ 320,00 all’iscrizione e 8 rate da €160,00 mensili).

Il costo del Tirocinio del Modulo base è di € 275,00

(€ 45,00 a trattamento).

Responsabile della Scuola

Giusy Santonastaso

shiatsu@universitapopolaredellosport.it

Informazioni e iscrizioni

Tel. 0637716363 - 06.99702866

Segreteria della formazione

formazione@universitapopolaredellosport.it

Sedi

Roma, Via Flavio Stilicone, 41 – 00175 (metro A - Lucio Sestio)

Roma, Viale Giulio Cesare, 78 – 00192 (metro A - Ottaviano)

Partenza

Novembre 2013 - lezioni sabato e domenica

86

• Riconoscimento della Namikoshi Shiatsu Europa (NSE) con rilascio

di attestato per l’apprendimento della tecnica base 120 ore

• Riconoscimento e Accreditamento della Namikoshi Shiatsu Italia.

• Istruttore Internazionale riconosciuto dal JSC/NSE/NSI e iscritto al

registro R.I.I.S della FISieo

• Formazione degli operatori nel campo della Comuni-cazione e

Relazione interpersonale

• Classe di esercitazione pratica con Tutor

• Veri ca annuale delle discipline più importanti e tesi per il Diploma

• Tirocinio supervisionato

• Formazione e partecipazione a progetti di Volontariato di Shiatsu

Namikoshi nel sociale

La struttura del Corso

La Scuola offre un percorso formativo articolato in 2

Moduli indipendenti e propedeutici fra loro, l’obiettivo

professionale è raggiungibile attraverso la frequenza di

entrambi per complessive 800 ore totali.

Modulo Base Annuale

• Antropologia medica

• Shiatsu Namikoshi tecnica base con veri ca

• Scienze Biomediche con veri ca

• Pratica in Classe di Esercitazione Shiatsu infraset-timanale

• 6 ore di Tirocinio: 6 trattamenti ricevuti dall’insegnante

• Analisi Posturale con veri ca

• Comunicazione interpersonale

Al termine del Modulo Base, superata con profitto la

verifica pratica di Shiatsu, si ottiene l’Attestato di apprendimento

della “tecnica base” rilasciato dalla Federazione

Internazionale Namikoshi Shiatsu Europa (NSE),

organo diretto del Japan Shiatsu college di Tokyo, da cui

la Scuola è riconosciuta e autorizzata all’insegnamento.

Tale attestato non abilita all’attività professionale.

Modulo Avanzato biennale

I anno

• Shiatsu tecnica (applicazioni speci che di trattamento) con veri ca

• Scienze Biomediche con veri ca

• Funzioni e disfunzioni del rachide con veri ca

• Analisi dei referti radiologici

• 60 ore di Tirocinio: scambi di trattamento tra allievi (con

supervisione)

• Educazione Alimentare

• Psicologia della relazione

II anno

• Shiatsu tecnica avanzata con veri ca

• 78 ore minimo di tirocinio: trattamenti con esterni alla scuola (con

supervisione)

• Elementi di Medicina Tradizionale Cinese

• Fiori di Bach

• Postura biodinamica

Formazione integrativa

• Elementi di Primo soccorso

• Diritto e terapie non convenzionali


Attività Facoltative

L’allievo/a può integrare il Percorso Formativo partecipando

a Seminari e Conferenze proposte dall’Università

Popolare dello Sport o da altre Strutture accreditate dalla

Direzione Didattica, attività con il rilascio di punti EPOS

necessari agli operatori diplomati iscritti al Registro della

FISIEO. Sarà inoltre possibile prestare il proprio contributo

presso associazioni di Volontariato Shiatsu o Enti

segnalati dalla Scuola. La partecipazione al Volontariato

viene riconosciuta dalla Scuola e inserita nel curriculum

di studi degli allievi.

Diploma di Operatore Shiatsu Namikoshi

Ottenuto l’attestato della NSE e al termine della 2° annualità

del modulo avanzato, essendo in regola con le

iscrizioni, la tassa d’esame, la frequenza ai corsi e avendo

superato con pro tto l’Esame nale (discussione

tesi), verrà rilasciato il Diploma di Operatore Shiatsu.

Responsabile della scuola e docenti

Giusy Santonastaso - Direzione didattica

Si diploma come Operatrice Shiatsu nel 1984 presso

la Scuola Italiana Shiatsu, allora diretta dal M° Rudy

Palombini. Prosegue i suoi studi di Shiatsu con Yuij

Yahiro e approfondisce la conoscenza della Medicina

Tradizionale Cinese fino ad incontrare il M° Shigeru Onoda

che la diploma Shiatsupractor. Nel 2005 viene certificata

Instructor e nel 2010 International Instructor, dalla

Federazione Internazionale Namikoshi Shiatsu Europa

(NSE) e dal Japan Shiatsu College di Tokyo(JSC). E’

membro della Commissione esaminatrice della FISIEO e

Vicepresidente della Namikoshi Shiatsu Italia (NSE-Italia).

Nella sua formazione integra studi di Integrazione Posturale

con Jack Painter (1992) Naturopatia (2000/2003) presso la

Scuola Superiore UpterSport. Collabora con l’Università

Popolare dello Sport dal 1996 conducendo corsi ordinari

di Shiatsu; nel 2012 da vita alla Scuola Superiore Shiatsu

Namikoshi che continua attualmente a dirigere senza aver

mai interrotto la sua attività di operatrice.

Daniela Chimenti

Postura biodinamica. Diplomata Terapista della

riabilitazione, Diplomata Insegnante di Metodo

Feldenkrais per l’esercizio delle lezioni individuali di

“Integrazione Funzionale” e collettive di “Conoscersi

attraverso il movimento”.

Davide Dariva

Scienze Biomediche e radiologia. Osteopata, posturologo

clinico, kiniesologo. Docente presso l’Università di

Tor Vergata per Master in Posturologia, docente dell’Università

Popolare dello Sport, docente per la formazione

e sviluppo protocolli per l’Italia e per l’estero per società

che producono strumenti elettromedicali.

Giovanni Del Savio

Elementi di primo soccorso. Attestato Infermiere presso

l’Ospedale Militare di Roma, operatore Shiatsu, Istruttore

certi cato Italian Resuscitation Council presso IRC

EMT.

Nicoletta Fasano

Comunicazione interpersonale. Laureata in Scienze

dell’educazione e della formazione. Facilitatrice, esperta

di metodologie attive. Docente di formazione e progettazione

didattica.

Rita Fele

Elementi di Medicina Tradizionale Cinese. Diplomata

terapista della riabilitazione, Diploma di agopuntura e

Medicina tradizionale cinese –Associazione Italia-Cina –

Studio Nankino Roma.

87

Perla Graffeo

Alimentazione naturale e Fiori di Bach. Laureata in Lingue

Orientali, diplomata Erborista presso l’Università di

Perugia; è consulente nutrizionale e diplomata in “Nutritional

Therapist (GB).

Claudia Harari

Psicologia della relazione. Psicoterapeuta (Società Italiana

Gestalt), insegnante Yoga diplomata presso l’Accademia

Yoga di Roma. Ha frequentato la scuola di movimento

creativo di T. Bertherat e quella di tecniche

psicocorporee di F. Mezieres. Ha collaborato con l’Associazione

Italiana di Psicologia Transpersonale. Docente di

formazione in psicoterapia, psicocorporea e counselling

Antonella Martini

Antropologia medica. Sociologa esperta in Antropologia

culturale, docente di formazione. Collabora in progetti

formativi rivolti ad Operatori Minorili.

Anna Maria Pedace

Analisi Posturale. Diploma di laurea in Fisioterapia della riabilitazione,

specializzata in rieducazione posturale globale

secondo il Metodo Souchard.

Francesco Romagnoli

Scienze Biomediche. Medico specialista in chirurgia generale

e d’urgenza, dottore di ricerca in chirurgia sperimentale.

chirurgo d’urgenza presso il policlinico universitario

Umberto I di Roma. Membro di diverse società

scienti che, presidente del Comitato Regionale per il

Lazio della Società Polispecialistica Italiana Giovani Chirurghi.

Enrico Vettori

Manovre ausiliarie. Diplomato Terapista della riabilitazione

alla Sapienza di Roma. Diplomato Operatore Shiatsu

alla S.I.S.

• Modulo Base di Tecnica Shiatsu Namikoshi 120h di formazione

teorica e pratica con rilascio certi cato della Namikoshi Shiatsu Europa-Japan

Shiatsu College di Tokyo.

Rivolto a Operatori Shiatsu del metodo Masunaga, Naturopati, Ri essologi,

Fisioterapisti, Infermieri, Insegnanti IUSM e a quanti vogliono

avvicinarsi ad una seria pratica professionale.

Modulo valido per l’inserimento nella Scuola Professionale con l’eventuale

integrazione degli altri insegnamenti in forma modulare (Scienze

Biomediche, Comunicazione, Analisi Posturale).

• Master post diploma consigliato ai Diplomati di qualsiasi stile per

l’avviamento alla professione di Operatore Shiatsu. Il percorso di approfondimento

che permette di ampliare le competenze per affrontare

determinate problematiche, utilizzando anche tecniche integrative

e complementari, si sviluppa in 9 seminari suddivisi in 3 sezioni:

1 Approccio sistemico Shiatsu e Discipline Bionaturali

A) Shiatsu e stress (Giusy Santonastaso)

B) Shiatsu nella cura femminile (Giusy Santonastaso)

C) Shiatsu e Tuina nel trattamento sintomatico delle cefalee ed

emicranie (Enrico Vettori)

2 Approfondimenti tematici di discipline integrative

A) Meridiani muscolo-tendinei (Rita Fele)

B) Linfodrenaggio ri esso sul piede (Claudia Puntel)

C) Tuina pediatrico (Rita Fele)

3 Aspetti relazionali e di aiuto

A) Introduzione all’approccio psicosomatico (Roberto Tosi)

B) La relazione di aiuto Enneagramma (Stefano De Camillis)

C) Fiori di Bach e approfondimenti (Perla Graffeo)

I seminari possono essere frequentati singolarmente

• Percorso per diplomandi creato per gli allievi fuori corso che devono

completare il triennio e/o discutere la tesi.

1 Quattro week end sulla tecnica Shiatsu Namikoshi (G.Santonastaso)

2 Un week end di Supervisione Tirocinio e preparazione Tesi

(Giusy Santonastaso, Nicoletta Fasano)

3 Misure di sostegno (individuale o in piccoli gruppi)


Nella società contemporanea, attraversata da molteplici

crisi, economiche-finanziarie, socio-politiche e culturali,

che convergono nella riduzione delle forme di protezione

sociale e di erosione del welfare, l’esperienza della

cittadinanza attiva, promossa da associazioni, gruppi e

reti informali, costituisce una risorsa fondamentale per

l’organizzazione sociale. Essa infatti rappresenta un’espressione

dal basso, prevista anche dalla Costituzione,

di un’agire consapevole e orientato al bene comune che

incrementa il capitale sociale e la fiducia dei cittadini.

La Libera Accademia di Roma e l’Università Popolare

dello Sport in collaborazione con l’associazione Il Laboratorio,

formazione e consulenze per il lavoro sociale,

propongono percorsi e seminari per il rafforzamento

della cittadinanza attiva e della cultura del volontariato.

Le proposte si rivolgono sia a coloro che già sono impegnati

in pratiche di cittadinanza attiva e di volontariato

sia a tutti coloro che desiderano “saperne di più” e si avvalgono

di una metodologia interattiva e riflessiva, attraverso

cui si realizzano scambi e condivisioni tra il sapere

teorico, l’operatività sociale e l’esperienza quotidiana.

Il ciclo di seminari si costituisce come spazio formativo

in cui coniugare la dimensione valoriale e motivazionale

del volontariato con la dimensione professionale del lavoro

sociale, al fine di acquisire metodologie e strumenti

che valorizzano il servizio di volontariato e l’intervento efficace

sul territorio. I docenti sono tutti formatori dell’associazione

il Laboratorio che operano da anni nell’ambito

della formazione alle professioni sociali e del volontariato,

occupandosi di specifiche aree diverse di intervento

sociale (adolescenti, migranti, anziani, persone con disabilità,

detenuti, senza fissa dimora, ecc.).

Costi e modalità di pagamento

Tessera associativa annuale € 20,00

L’offerta formativa è formulata in 3 sezioni. É possibile

iscriversi a:

-un singolo seminaro al costo di € 40,00;

-una speci ca sezione (5 seminari) al costo di €180,00;

-tutto il percorso formativo (15 seminari) al costo di €480,00.

É possibile predisporre percorsi formativi personalizzati

da concordare con la Direzione Didattica della Scuola al

momento dell’iscrizione.

Responsabile della Scuola

Antonella Martini

martini3a@hotmail.com

Informazioni e iscrizioni

Tel. 0637716363 - 06.99702866

Segreteria della formazione

formazione@universitapopolaredellosport.it

Sedi

Roma, Via Flavio Stilicone, 41 – 00175 (metro A - Lucio Sestio)

Roma, Viale Giulio Cesare, 78 – 00192 (metro A - Ottaviano)

88

Prima sezione:

Competenze comunicative e relazionali per il

volontariato

Roberto Latella

Accoglienza e relazione d’aiuto

Sappiamo tutti quanto è importante, specialmente in un primo incontro,

sentirsi accolti, la sensazione di essere ascoltati non come una

pratica standard. L’esplorazione della condizione e dei problemi dell’altro

diventa un viaggio da fare insieme con le buone domande del volontario

e la capacità della persona di recuperare significati, risorse e

soluzioni all’interno delle proprie esperienze e competenze. Questo

seminario si propone di riflettere sui diversi aspetti della relazione d’aiuto

sulle modalità di ascolto, comunicazione e sintonia emotiva necessarie.

Sabato 9 novembre 2013 ore 9.30 -13.30

Delia Zuliani Ciccotti

La comunicazione ef cace nella relazione d’aiuto

Una riflessione sulla comunicazione efficace e l’ampliamento di competenze

con tali caratteristiche è un passaggio importante, se non fondamentale,

per tutti coloro che si misurano con la relazione d’aiuto,

ma anche per chi semplicemente si trova a dover collaborare in gruppi

di lavoro, associazioni, ecc. La comunicazione efficace è lo strumento

principe che può favorire la costruzione di relazioni positive. Il seminario

illustra gli strumenti operativi per ri-conoscere l’importanza dell’uso

di una comunicazione efficace e l’effetto che questa produce sugli interlocutori

rispetto ad altri stili comunicativi.

Sabato 23 novembre 2013 ore 9.30 -13.30

Fabrizio Ferraro

La danza delle emozioni nella relazione d’aiuto

Questo seminario è rivolto a coloro che a vario titolo si confrontano con

la realtà del prendersi cura dell’altro. Le emozioni, infatti, costituiscono

uno dei modi attraverso i quali entriamo in relazione con il mondo e lo

rivestiamo di significato e pertanto sono strumenti conoscitivi fondamentali

se si comprende il loro linguaggio. Non ti informano su cosa

vedi, ma su come guardi. In questo senso le emozioni costituiscono

una sorta di ponte tra noi e l’altro. Il “prendersi cura di” si realizza grazie

a questo ponte che permette di cogliere, comprendere ed aiutare

l’altro consapevoli della propria non neutralità: da qui l’importanza di

imparare a dare voce e nome alle proprie e alle altrui emozioni e a

prendersene cura.

Sabato 14 dicembre 2013 ore 9.30 -13.30

Antonella Martini

Il con-tatto e l’espressione corporea nella relazione

d’aiuto

Spesso chi fa volontariato dice “che dà una mano”. Non si tratta solo

di una metafora. Nella relazione d’aiuto la comunicazione e la relazione

implicano spesso anche un “dare la mano” reale: dalla stretta di

mano come saluto, al dare la mano per sorreggere o accompagnare

qualcuno con difficoltà fisiche. Del resto l’incontro tra persone implica

sempre un con-tatto tra il proprio corpo e quello degli altri, un con-tatto

avvolte mancato, altre intriso di diffidenza, timori, ansie, spesso accompagnato

da fraintendimenti e malintesi. Il seminario approfondisce

il senso e il significato del con-tatto nella relazione di aiuto per gestire

con più serenità e professionalità l’incontro con il corpo degli altri.

Sabato 4 gennaio 2014 ore 9.30 -13.30

Milena Masciarri

La gestione del colloquio nella relazione d’aiuto

Il lavoro sociale è relazione e gli operatori, volontari compresi, sono

chiamati ad agire la propria professionalità nella costruzione di relazioni


d’aiuto efficaci. La relazione interpersonale è la chiave per l’incontro

e, all’interno di essa, uno degli strumenti di lavoro più rilevanti, è il

colloquio ed il modo con cui lo impostiamo e gestiamo. Nel colloquio

il volontario con una propria competenza si apre intenzionalmente alla

persona che porta una richiesta di aiuto, in un incontro reciproco tra i

due mondi soggettivi, che modifica entrambi nel qui ed ora della loro

esperienza.

Sabato 18 gennaio 2014 ore 9.30 -13.30

Seconda sezione:

Competenze educative per il volontariato

Roberto Latella

Gli stili educativi e le metafore delle favole

Questo seminario è rivolto a chi si confronta con la relazione educativa,

non solo di minori ma anche di adulti, o a chi vuole impegnarsi in questo

campo. Al centro della proposta seminariale vi sono gli stili educativi, i

linguaggi e le aspettative che vengono messe in atto quando si attiva la

relazione educativa. Questo vasto territorio viene indagato attraverso

l’uso della metafora, con l’aiuto dei personaggi delle favole. La metafora

è uno strumento capace di metterci in gioco sul piano emotivo e quindi

di affrontare i nostri stili con minori difese e preconcetti.

Sabato 8 febbraio 2014 ore 9.30-13.30

Francesca Andreani

Percorsi di autonomia e qualità della vita

L’impegno con le persone in difficoltà e/o con disabilità implica la

necessità di porre una maggiore attenzione alla qualità della vita di

queste persone, a partire dalla considerazione che l’intero arco di vita

della vita è potenzialmente evolutivo e caratterizzato da bisogni che si

modificano e trasformano nel tempo, in relazione al contesto in cui la

persona è inserita, alle percezioni soggettive e alle autonomie che si

conservano o si acquisiscono. Il seminario offre l’occasione per riflettere

insieme sul tema dell’autonomia e sulla costruzione di interventi

che innalzano la qualità della vita.

Sabato 22 febbraio 2014 ore 9.30-13.30

Sandra Huesca Avila

So-stare nel con itto. Una mappa per navigare nei

con itti

“Stare con gli altri, il costruire relazioni implica fatica, frustrazioni, conflitti

e contrasti e delusioni a non finire. La relazione sana è quella che

consente il conflitto, che lo accetta come opportunità per creare nuovi

e più adatti equilibri “(D. Novara). La proposta formativa diventa un

viaggio all’interno del mondo dei conflitti per far emergere il vissuto

personale rispetto a questa dimensione delle relazioni umane. Un’occasione

per scoprire ciò che viene agito nella nostra quotidianità, valutare

gli effetti che le diverse strategie hanno sui nostri obiettivi e sulle

nostre relazioni.

Sabato 8 marzo 2014 ore 9.30-13.30

Antonella Martini

So-stare insieme: la comunicazione interculturale

Sempre più spesso l’attività di volontariato include l’interazione con

persone di culture diverse. Tuttavia, anche se ci si avvale dell’uso di

una lingua comune, si incontrano difficoltà originate dalla scarsa conoscenza

della “cultura implicita”, come, l’esatto contesto in cui le

espressioni vanno collocate per poterle interpretare correttamente, la

diversità degli stili comunicativi e delle regole di interazione. Si creano

così distorsioni e fraintendimenti, equivoci e malintesi, che rendono

difficile l’interazione, producono conflitti e rischiano di rafforzare pregiudizi

e stereotipi. Il seminario è volto a favorire l’acquisizione e/o il

consolidamento delle conoscenze, delle competenze e delle abilità comunicative

necessarie ad arginare questi rischi.

Sabato 22 marzo 2014 ore 9.30-13.30

Simona Acqualagna

Tecniche di animazione e gioco

Nel lavoro con i gruppi di tutte le età, utilizzare uno strumento come

l’animazione sociale permette di definire obiettivi e percorsi tagliati “su

misura” del gruppo con cui si interviene. Si tratta di uno strumento

molto duttile, basato sull’attivazione di tutti i membri del gruppo compreso

l’animatore. La presente proposta prevede la sperimentazione

dei partecipanti di alcune tecniche di animazione e una riflessione sul

come poterla utilizzare a seconda del gruppo che si ha davanti.

Sabato 5 aprile 2014 ore 9.30-13.30

89

Terza sezione:

Competenze per l’intervento con i gruppo e il

territorio per il volontariato

Lando Cruciani

Viaggiare nel gruppo

Il piccolo gruppo, o gruppo primario, è un po’ come l’albergo spagnolo

di un vecchio proverbio, che è “quell’albergo in cui uno ci trova dentro

quello che ci porta”. Il piccolo gruppo è soggetto a un’incredibile varietà

di interpretazioni che riflettono, in ogni caso, il particolare punto di vista

di chi le effettua ed è sempre in continua trasformazione e cambiamento.

Viaggiare nel gruppo consente di considerare le principali dinamiche

che caratterizzano il gruppo: ciò che arricchisce la singola persona, ma

anche la fatica che a volte si prova nel viaggiarci dentro.

Sabato 19 aprile 2014 ore 9.30-13.30

Chiara Guglielmino

Come stare nei gruppi

Decidere di intraprendere un’attività di volontariato, vuole anche dire

vivere un’esperienza condivisa con un gruppo di persone; ciò che vi

accade all’interno è scandito da un ritmo: il ritmo delle parole che scorrono,

il ritmo del corpo e dell’ascolto. Esistono quindi diversi tipi di

ritmi e spesso questi “tempi” non coincidono con i nostri. Il seminario,

attraverso attività esperienziali, vuole offrire ai volontari un’occasione

per soffermarsi e affinare la percezione del proprio ritmo e quello degli

altri al fine di aumentare le abilità comunicative e la capacità d’ascolto.

Sabato 3 maggio 2014 ore 9.30-13.30

Elio Sgammato

Attivazione di gruppi e linguaggio audioviso

Il modulo propone di esplorare la capacità di attivazione, partecipazione

e consapevolezza che l’uso del linguaggio audiovisivo può avere in

vari contesti: educativi, formativi, terapeutici o di aggregazione in genere.

Il percorso alterna momenti di sperimentazione di possibili attività

di video partecipato che i volontari potranno riutilizzare, a momenti

di riflessione comune sull’esperienza svolta, sul valore aggiunto che

tale tecnica può avere. Si condivideranno inoltre, i “prodotti” realizzati

in altri contesti dal conduttore del seminario.

Sabato 17 maggio 2014 ore 9.30-13.30

Massimo Taddia

Conoscere il territorio

Questo seminario fornisce ai volontari strumenti utili per la definizione

degli interventi, sia per la loro progettazione preliminare sia per orientare

le strutture di lavoro sociale sulla scelta dei territori per le loro

azioni. Gli strumenti che vengono approfonditi sono la “mappatura”

e la “diagnosi territoriale”. Tra loro fortemente correlati, trovano la loro

utilità in tutte quelle situazioni di intervento sociale che presuppongono

una approfondita conoscenza ed una forte interazione degli interventi

con un preciso territorio di riferimento. Consentano, attraverso

“l’immersione” fisica nel territorio e attraverso una serie di osservazioni

attive e di contatti reali, di giungere a una reale comprensione dei

bisogni e di rilevare tutte le “reti” di risorse presenti in esso.

Sabato 31 maggio 2014 ore 9.30-13.30

Franco Violante

Il lavoro di rete nel territorio

“Gli uomini non possono generare nuove forze, ma solo unire e dirigere

quelle esistenti […] accordandole nell’azione” (J. Rousseau).

Reti di persone, reti di organizzazioni, reti di servizi. Il volontariato si

muove oggi tra contesti diversi, dove i concetti di “rete” e di “lavoro

di rete” possono essere declinati in modi a volte molto differenti e a

volte sostanzialmente simili. A partire da una dimensione individuale

e personale, nel seminario sperimenteremo conoscenze e strumenti

sul tema, così che ciascuno possa assumere consapevolezza circa caratteristiche,

criticità e opportunità offerte dalle reti, per sostenere la

crescita degli altri (persone e/o organizzazioni) e di noi stessi.

Sabato 7 giugno 2014 ore 9.30-13.30


Lo Yoga

Con la parola “yoga” si intende quell’insieme di pratiche,

sostenute da un rigoroso sistema di pensiero, il cui

campo di sperimentazione e di azione è il complesso

corpo-mente, inteso come sede di forze fisiche, psichiche,

spirituali, cosmiche.

La nostra Scuola

La Scuola Superiore di Formazione si ispira a uno yoga

laico per formare un insegnante che sia di ponte tra una

tradizione orientale millenaria e l’Occidente contemporaneo.

Il percorso formativo è indirizzato all’acquisizione di conoscenze

e competenze attraverso una metodologia attiva

in cui sono centrali l’esperienza diretta e lo studio dei

più importanti testi classici.

Requisiti di ammissione

Diploma di Scuola Media Superiore

Attestazione di frequenza a corsi yoga per almeno due

anni. L’iscrizione al Corso è subordinata a un colloquio

preliminare di orientamento con la Direzione Didattica

della Scuola.

Direzione

Bianca Battinelli, Mauro Bergonzi, Franca Lopes, Alessandro

Onesti, Patrizia Raineri

Costi e modalità di pagamento

Tessera associativa annuale € 20,00

Il costo di partecipazione annuale è di € 1400,00

(€ 320,00 all’iscrizione e 8 rate da €135,00 mensili)

Informazioni

Segreteria didattica

Stefania Pizzonia Cell. 3386555544

yoga.info@universitapopolaredellosport.it

Iscrizioni

Tel. 0637716363 - 06.99702866

formazione@universitapopolaredellosport.it

Sedi

Roma, Via Flavio Stilicone, 41 – 00175

(metro A - Lucio Sestio)

Roma, Viale Giulio Cesare, 78 – 00192

(metro A - Ottaviano)

90

Il carattere collegiale della Direzione garantisce coerenza

e organicità di metodi e programmi e una proposta formativa

ampia e variegata.

Il corpo docente, i cui componenti hanno seguito percorsi

formativi diversi tutti rigorosamente appartenenti alla

tradizione, offre agli allievi l’opportunità di sperimentare

la ricchezza della disciplina in un’ottica di apertura mentale

e di stimolo alla ricerca.

Perchè scegliere la nostra Scuola

• Programmi e metodi supervisionati e aggiornati dalla Direzione.

• Sussidi didattici.

• Elevato monte ore (810) a garanzia di un percorso formativo

completo.

• Numero chiuso: massimo 25 allievi.

• Frequenza gratuita a un corso di yoga dell’Università Popolare dello

Sport

• Tirocinio af ancato da un docente dei corsi dell’Univer-sità

Popolare dello Sport

• Studio sistematico di Anatomia e Fisiologia con esperti.

• Misure di accompagnamento (diario di formazione, relazioni


interpersonali, sostegno e accompagna-mento al percorso

formativo individuale).

Doppia docenza per le materie fondamentali (AsanaPranayama e

Dharana).

• Manifesto dello studente contenente i programmi delle materie

svolte nel corso di ciascun anno.

La struttura del corso

La Scuola, secondo quanto previsto dalla U.E.Y. (Union

Europèenne de Yoga) ha durata quadriennale ed è articolata

in due bienni: il primo finalizzato all’acquisizione

delle conoscenze e competenze di base, il secondo

all’approfondimento e alla costruzione di competenze

didattiche.

Il percorso didattico, per un monte complessivo di 810

ore, è così strutturato:

• 9 week-end formativi per ogni annualità

• Veri che didattiche al termine di ciascuna annualità

• Un week-end residenziale ogni anno

• Frequenza settimanale di un corso di yoga

• Attività di tirocinio con supervisione

Diploma di Insegnante di Yoga

A conclusione del percorso formativo, previo esame finale

e discussione di una tesi, si consegue il

Diploma di abilitazione all’insegnamento dello Yoga.

Per i cultori delle discipline orientali è possibile partecipare

anche parzialmente ai week-end formativi per un

approfondimento non finalizzato al conseguimento del

diploma.


Il piano di studi

Alimentazione

Ayurveda

Anatomia*

Asana*

Contesto storico

Dharana*

Didattica

Filoso a*

Fisiologia sottile*

Kriya*

Pranayama e Pranavidya*

Psicologia della meditazione

Yoga personalizzato

*discipline che richiedono test di veri ca annuale

Direzione

Bianca Battinelli, Mauro Bergonzi, Franca Lopes,

Alessandro Onesti, Patrizia Raineri

Docenti

Biancamaria Battinelli

Laureata in lettere, ha collaborato con la facoltà di

Scienze della Formazione dell’Università de L’Aquila.

Ha iniziato a praticare yoga negli anni ottanta presso il

Ved Niketan Ashram di Rishikesh. Segue la tradizione

dei Maestri Satyananda e Van Lysebhet. Nel 1998 si

è diplomata presso l’EFOA. Docente di Pranayama,

Pranavidya e Contesto Storico.

Mauro Bergonzi

Docente di “Religioni e Filoso e dell’India” presso

l’Università degli Studi “l’Orientale” di Napoli. Socio

analista del “Centro Italiano di Psicologia Analitica

(CIPA). Docente di Filoso a e Psicologia e Meditazione.

Davide Dariva

Osteopata, posturologo clinico, kiniesologo.

Docente presso l’Università di Tor Vergata per

Master in Posturologia, docente per la formazione e

sviluppo protocolli per l’Italia e per l’estero per società

che producono strumenti elettromedicali.

Nazarena Ducci

Già insegnante nelle Scuole Superiori, in Italia e

all’estero. Pratica yoga dagli inizi degli anni ottanta. Ha

conseguito il diploma presso l’ISFIY nel 1992, anno in

cui ha inizio il suo insegnamento con lo yoga. Docente

di Dharana-Dhyana.

Perla Graffeo

Laureata in Lingue Orientali, diplomata Erborista presso

l’Università di Perugia; è consulente nutrizionale e

diplomata in “Nutritional Therapist (GB). Docente di

Alimentazione.

Franca Lopes

Architetto e insegnante, segue la linea di insegnamento

dei Maestri S. Satyananda e A. Van Lysebhet. Nel 2001 si

è diplomata conseguendo anche il Master quinquennale

presso lEFOA. Docente di Pranayama e Introduzione ai

Kriya.

Gioia Lussana

Insegnante yoga appartenente alla YANI. Nel 1987 è

stata co-fondatrice dell’A.Me.Co. con Corrado Pensa

91

e per oltre 20 anni ha approfondito la pratica della

meditazione vipassana. Laureata cum laude in Indologia

con Raniero Gnoli, ha vinto nel 2010 un dottorato con

Raffaele Torella con una ricerca sul tantrismo tradizionale

indiano. Docente di Dharana-Dhyana.

Antonio Olivieri

Si avvicina allo yoga nel 1992. Nel ‘97 consegue l’abilitazione

all’insegnamento dalla Federazione Italiana

Yoga e nel 2005 si diploma in Viniyoga secondo la

tradizione di Krishnamacharia. Docente di Yoga Personalizzato.

Alessandro Onesti

Si interessa allo yoga sin dal 1969. Nel 1976. diventa

“Kriyaban” della S.R.F. Nel 1992 si diploma con la

Federazione Italiana Yoga. Dal 1997 segue regolarmente

i corsi di Yoga terapia condotti dal Dott. M.V. Bhole.

Docente di Asana e Fisiologia Sottile.

Patrizia Raineri

Laureata in Psicologia clinica, specializzata in “Analisi

Transazionale”. Nel 2001 consegue l’abilitazione

all’insegnamento dalla Federazione Italiana Yoga.

Docente di Asana, Psicologia di Gruppo e Diario di

Formazione.

Santi Tagliarini

Laurea in Ingegneria, Diploma di insegnante di yoga

conseguito presso l’EFOA e diploma in Yoga-terapia

presso centro Purna Yoga di Roma. Docente di Yoga e

Ayurveda.

La Scuola di formazione per insegnanti Yoga propone per l’anno

2013-14 alcune iniziative di approfondimento (post-formazione)

sullo Yoga tantrico.

• Un nuovo seminario con Eric Baret sul tantrismo shivaita kashmiro di

impronta non duale.

• Un ciclo di seminari dedicati ai lignaggi iniziatici più antichi del

tantrismo indiano: 3 sull’Aghor Yoga, tradizione solo recentemente

accessibile alla trasmissione in Occidente condotti da Edoardo

Beato e 1 sul tantrismo shakta, di matrice femminile condotto

da Gioia Lussana.

• Un nuovo ciclo di lezioni teoriche sui testi tradizionali dello Yoga

condotto dal prof. Raffaele Torella.


Albano, Antonello 36, 37

Anastasio, Angelo 51

Angelillo, Francesca 25, 26

Barberini, Franca 25, 26

Bedini, Ivan 22, 25, 26

Benigni, Paola 25, 26

Bergamo, Claudio 23, 24, 25

Bergonzi, Mauro 22

Bevilacqua, Ugo 12

Botta, Alberto 49

Branco, Pasquale 51

Buccitti, Cesare 53, 54, 55, 63

Caglio, Federica 17

Calderoni , Fulvio 67

Cangiano, Antonio 27

Casagrande, Stefania 56, 64, 65, 66

Cataldi, Stefano 53, 54

Cherchi, Gioia 19

Chidichimo, M. Teresa 36

Ciarmela, Mena Paola 16, 17

Coldagelli, Flaminia 40, 41

Costantini, Silvia 18, 19

D’Addario, Agnese 20, 21

D’Agostini, Angela 40, 48, 54

D’Agostino, Giuseppe 23

D’Anna, Gabriella 47

De Camillis, Sergio 18, 19

De Camillis, Stefano 56, 57

De Sanctis, Marina 50, 51

Della Zuana, Forence 42, 43, 45

Di Giacomo, Giovanna 14, 15

Di Loreto, Claudio 28

Di Martino, Lucia 27

Diaconu, Catalina 52, 55

Ducci, Paola 41, 58, 59

Esposito, Enrica 20, 21

Fagen, Robert, 45, 46

Farina, Alessandra 25

Fatigati, Franco 35

Fele, Rita 48

Ferranti, Emiliano 47

Ferraro, Rita 28

Fort, Giuseppe 14, 15

Gai, Maurizio 21

Gava, Giovanni 49, 50, 51

Giallongo, Paola 63, 65, 66

Giannelli, Lucy 45, 46

Giusto, Manuela 33, 35

Gonzalez Correa, Elena 16, 18, 19

Guglielmino, Chiara 60

Gugliotti, Claudio 33, 35

Impera, Romina 64, 66

Iozzi, Alessandra 42, 43, 45, 46

Kollert, Ana Maria 46, 47

La Costa, Isabella 64, 66

La Costa, Vittoria 18, 19

Lardo, Antonio 27

Latella, Roberto 60

Leccese, Veronica 57

Leonet, Patrizia 18, 19, 20, 21

92

Lopes, Franca 25, 26

Lotrecchiano, Michele 54

Lubrani, Chiara 24

Lussana, Gioia 25, 26

Martini, Antonella 12, 13, 59, 60

Martino, Monica 45, 46

McMorrow Max 45, 46

Mencarelli, Silvio 33, 34, 35, 60

Minguez Paramio, Julia 47

Moretti, Primavera 32, 61, 62, 63, 67

Moroni, Elisabetta 25, 26

Murra, Roberto 52

Musso, Patrizia 25, 26

Nardini, Laura 26

Natalizia, Daniela 55

Palermo, Luca Massenzio 56, 66

Palmieri, Elisabetta 41, 65, 66

Pedace, Anna Maria 16, 20, 21

Penna, Fabio 49

Perilli, Fabrizio 57

Perotti, Gianluca 25

Piraccini, Barbara 41, 62

Pizzichelli, Barbara 15

Polidori, Clara 32

Priori, Serena 18, 19, 56

Puledda, Marianna 17

Puteo, Silvia 58

Raimondi, Valentina 16, 17

Raineri, Patrizia 25, 26

Restaino, Liliana 18, 19

Ricca, Roberta 21

Righetti, Massimo 33, 35

Romandini, Luisa 31, 63

Rosati, Maria Pia 22, 24

Ruscito, Donatella 45, 46

Russo, Cely 46

Sagnotti, Alessandra 15

Savastano, Francesco 16, 23

Sguera, Maria Grazia 20, 21

Taddia, Massimo 60, 62

Tagliarini, Santi 25, 26

Tosi, Andrea 52

Tosti, Alessandra 66

Trueba, Estella 47

Valentini, Francesco 25

Ventura, Annamaria 43, 44, 45

Vianello, Andrea 20, 21

Virgili, Riccardo 27

Vizioli, Paola 20, 21

Volpes, Manuela 18, 19

Zanier, Luciana 25, 26

Zannoli, Marco 19


Simona Acqualagna

Francesca Andreani

Giovanni Angius

Raffaella Bagnoli

Biancamaria Battinelli

Maria Romana Benevento

Claudio Bergamo

Mauro Bergonzi

Letizia Bonelli

Celestino Bottoni

Lorella Calafato

Enrico Castrucci

Daniela Chimenti

Roberto Ciampicacigli

Massimo Cicinelli

Maurya Coruzzi

Silvia Costantini

Stefano Crispino

Lando Cruciani

Giuseppe D’Agostino

Rubina D’Errico

Davide Dariva

Stefano De Camillis

Giovanni Del Savio

Nazarena Ducci

Nicoletta Fasano

Nunzia Fasano

Rita Fele

Fabrizio Ferraro

Giovanni Fontana

Adelaide Gargiuto

Perla Maria Graffeo

Chiara Guglielmino

Claudia Harari

Sandra Huesca Avila

Vittoria La Costa

Giovanna Larghi

Roberto Latella

Franca Lopes

Gioia Lussana

Ivano Maiorella

Alberta Maranzano

Antonella Martini

Milena Masciarri

Veronica Mazzone

Ivo Mazzucchelli

Sergio Mignardi

Simona Montanari

Elisa Mori

Antonio Olivieri

Alessandro Onesti

Federico Pasquali

Anna Maria Pedace

89

89

84

83

91

77

83

91

79

80

84

81

75, 83, 87

80

84

83

75, 77

79

89

81

77

72, 75, 87, 91

83

72, 83, 84, 87

91

81, 87

83

83, 87

88

80

79

83, 87, 91

89

72, 87

89

75, 77

79

88, 89

91

91

81

83

72, 87, 88, 89

88

84

83

80, 81

77

79

91

83, 91

81

75, 87

93

Paola Piozzi

Claudia Puntel

Alessio Punzi

Stefania Purchiaroni

Patrizia Raineri

Francesco Romagnoli

Rocco Ruggiero

Federico Salzano

Giusy Santonastaso

Stefano Scozzafava

Fabio Selvaggio

Elio Sgammato

Rosa Spennato

Massimo Taddia

Santi Tagliarini

Roberto Tosi

Barbara Vacca

Cristian Vender

Enrico Vettori

Maria Carmina Viccaro

Franco Violante

Delia Zuliani Ciccotti

75, 77

72

81, 83

83

91

73, 83, 87

81

81

83, 87

84

84

89

79

89

91

73, 83

81

84

87

79

89

88


Dal 12 al 24 agosto 2013 Chiusura periodo estivo

Dal 23 al 28 settembre 2013 Orientamento, Settimana della Cultura, Benessere e Sport

Dal 14 ottobre 2013 Inizio corsi sessione ordinaria

2 dicembre 2013 Uscita Almanacco dei corsi e delle attività gennaio - giugno 2014

Dal 6 al 22 dicembre 2013 (nei week end) Festival dell’Avvento

Dal 23 dicembre 2013 al 6 gennaio 2014 Chiusura festività natalizie

Dal 3 febbraio 2014 Inizio corsi sessione invernale

12 e 13 aprile 2014 Una voce per la Big Band

Dal 18 al 21 aprile 2014 Chiusura festività pasquali

2 giugno Uscita Grande Almanacco 2014 - 2015 e Inizio corsi sessione estiva

Dal 6 all’8 giugno Sport Againts Violence

Il Grande Almanacco

Cultura, Benessere e Sport

N. 1/2013

Direttore responsabile: Domenico Commisso

Proprietà: ASD Università Popolare dello Sport

Autorizzazione del Tribunale Civile di Roma Sezione Stampa e Informazione n. 128 del 22 maggio 2013

Stampa: Press Up s.r.l. - Via La Spezia, 118/C 00055 - Ladispoli (RM)

Chiusura della preparazione per la stampa il 28 maggio 2013

Progetto e realizzazione gra ca: Sara Pierantozzi

Programmazione e coordinamento delle attività formative Rita Ricci e Silvia Costantini.

Si ringraziano tutti i docenti per le loro proposte didattiche e per la loro progettualità.

I testi dei programmi delle attività riportate nell’Grande Almanacco sono di proprietà intelletuale dei docenti.

95

More magazines by this user
Similar magazines