Simone Spada - iPage

zonawrestlingnet1.ipage.com

Simone Spada - iPage

ta... peccato che sia arrivato in ritardo perchè la vittoria è andata

a Mark Henry.

I tre ragazzi terribili della Shield continuano a mietere vittime e

vincere incontri. L’opening match di Wrestlemania è stato un buonissimo

match, inferiore a quello visto a TLC 2012, ma comunque

un incontro perfetto per l’apertura di un evento come Wrestlemania.

La corsa della Shield è appena iniziata, sono tre magnifici

cattivi, sono giovani, talentuosi, spietati, riscuotono successo. Chi

fermerà questi tre fenomeni? Speriamo non facciano la fine del

Nexus perchè John Cena è sempre in agguato.

La performance live dei Living Colours per l’ingresso di CM Punk,

oltre al meraviglioso ingresso di Undertaker al ring, è stata di

ottimo livello. Finalmente CM Punk viene trattato come un wrestler

di primissimo livello. Entrata e performance magnifica per lo

Straight Edge...ancora una volta steal of the show per lui.

Altra entrata da ricordare è stata quella di Fandango. Da questo

momento e con il Raw successivo Wrestlemania, le azioni del

ballerino sono salite tantissimo ed abbiamo trovato un nuovo

personaggio con interesse. Vedremo se e quanto durerà, tuttavia

ottimo impatto alla sua prima Wrestlemania per l’ormai fu Johnny

Curtis.

Infine la Sweet Chin Music di Shawn Michaels a Paul Heyman.

Grande momento. Tutti pensavano potesse essere decisivo per

Triple H o addirittura per Lesnar...lui ha asfaltato il manager di

Lesnar con un Super Kick d’altri tempi in mezzo ai corpi di The

Game e The Next Big Thing, stupiti dalla classe del Sexy Boy. Sempre

sul pezzo il buon Shawn.

A fronte di situazioni da ricordare, ci sono allo stesso modo cose

da dimenticare al più presto di questa edizione di Wrestlemania

29.

Non si può mandare giù la vittoria di Mark Henry su Ryback. Ennesima

sconfitta di quest’ultimo in ppv. Già il match aveva scarso

interesse, non far vincere Ryback è stato un grave errore da parte

della WWE. E per Ryback ora c’è Cena...altro job in arrivo.

Anche Brock Lesnar è uscito con le ossa rotte dalla sfida contro

HHH. Lesnar da quando ha rifirmato per la WWE è stato sconfitto

in 2 dei suoi 3 match disputati. La WWE lo sta usando per vendere

ppv, lo sta proponendo come una macchina distruttrice, un asskicker,

ma quando arriva al dunque perde.

Fortunatamente il giorno dopo è diventato campione del mondo...

ma vogliamo parlare dell’ennesimo pin con job annesso

di Dolph Ziggler? Con l’incasso del Money in the Bank il giorno

dopo a East Rutherford, tutti si sono dimenticati della sconfitta

di Ziggler al MetLife Stadium. Rimane il fatto che Ziggler a Wrestlemania

ha sempre avuto match palesemente secondari e li ha

pure persi. Non proprio il massimo per una Superstar che è uno

dei migliori atleti della compagnia, è giovane, talentuoso, ci devi

puntare nell’immediato e per il futuro. E’ ora di invertire la tendenza

e spero che ciò accada il prossimo anno a New Orleans.

Uno dei problemi principali di Wrestlemania 29 è stata la prevedibilità.

Quando un ppv, per di più il ppv dell’anno è già scontato

a priori, non è mai un buon segno. In più il pubblico non è stato

granché: negativo, annoiato, solitamente risponde sempre presente

in queste occasioni e ribalta le convinzioni della WWE. E’

successo il giorno dopo a Raw mentre a Wrestlemania abbiamo

assistito ad uno dei peggiori pubblici mai visti nella storia di Wre-

7

Similar magazines