I Processi Politici di Barletta - Biblioteca del Consiglio Regionale ...

bcr.puglia.it

I Processi Politici di Barletta - Biblioteca del Consiglio Regionale ...

l14

e di Andria si diedero ad operare alacremente: a

Monopoli si formo il disegno di proclamare il governo

provvisorio, "quirri convenendo . gran numero

di liberali di nostra provincia, con 1o intento di accordarsi

su cio che bisognava operare, in vista della

pericolante liberta.

B:lri, Trani, Altamura ed altri centri importanti

si agitavano egualmente, nè a Barletta il fermento

fu minore, stanteche si discuteva bensi sr.rl d" fare,

.:

ma si stimava attendere le decisioni di altre citta,

specie Bari , a fine di promuovere un' azione collettiva.

A rompere gli indugi, nel vegnente luglio, come

appresso si dirà, nel Circolo politico, che teneva le

sue adu nanze nella chiesa di S. Andrea, fu proposta

la proclama zione di un governo provvisorio e la

spedizione di gente arrnata cla mandarsi in soccorso

delle Calabrie insorte. Ma si I'una che l'altra pro-

posta non ebbero seguito, come provarono gli avvenimenti

che susseguirono e che spiegarono le ra'

gioni di quelle perplessita !

Ed ora, che fu il I 5

maggio I Come e perche

avvenne? Da chi provo cata quella sciagura nazio-

nale ? Per quanto ci sara possibile cercheremo di

indagarne le cause, riassumendole brevemente.

Scrittori, cronisti e fin la stampa di quel tempo,

forse perche scrissero sotto la impressio ne del ter-

rI

j- 15 --

ribile momento, tìon ci fornirono un cotributo esatto

di quei fatti, SU cui si fosse potuto venire a conclusioni

serie, che dovevano e potevano interessare la storia!

E si ebbe che, divagando in conpetture strane

e partigiane, riversavano la colpa ora sui personaggi

che vi figurarono nella tragica sceo3, ora sulla scal-

trezza del principe regrante.

Certo. e che le riforme ottenute nell'alta e media

Italia negli anni '46 e '4T non valsero a commuo-

vere I'animo di Ferdinando II, nè quello dei ministri

del suo governo: e di concerto, è lecito dirlo, atte-

sero che la tempesta si dileguasse, se nza accorgersi

che venivano investiti furiosanlente ! ,

Messi alle strette, e non volendo essere travolti

dall'impeto della bufera, il giorno r6 gennaio r 848,

cornpar\rero sul (( Giornale Ufficiale delle due Sicilie >

gli schemi- delle prime riforme, consistenti in una serie

di decreti intorno alla stampa, alla Consulta di

Stato e alla particolare amrninistrazione della Sicilia,

già insorta sin dal r z cletto mese. .

Questo movimento rifornrista non soddisfece i popoli

del reame, i quali stanchi e insospettiti chiedevano

ben altro che quelle larve di riforme, ma una

larga costituzione addirittura ! Poveri illusi ! dimenti-

carono gli antecedenti fedifraghi di quella dinastia,

domandandosi se era possibile, che un nipote

.non

More magazines by this user
Similar magazines