L'altra agricoltura… - Inea

inea.it

L'altra agricoltura… - Inea

Rete Nazionale per lo Sviluppo Rurale

L’altra agricoltura…

verso un’economia rurale

sostenibile e solidale


Il quaderno è stato prodotto nell’ambito delle attività previste nella Misura 3.1

del Programma “Creazione di una Rete Nazionale per lo Sviluppo Rurale”

del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali (Decisione della

Commissione Europea n. C (2002) 251 del 9/02/02).

Le attività della Rete sono state affidate dal Mipaaf all’ATI composta da

INEA e Agriconsulting SpA.

La pubblicazione riporta una sintesi della discussione avvenuta nell’ambito del

Seminario “L’altra agricoltura... verso un’economia rurale, sostenibile e solidale”,

organizzato dalla Rete nazionale per lo sviluppo rurale, che ha avuto

luogo nei giorni 24-26 gennaio 2008, presso l’Università della Calabria. La

versione completa degli atti è disponibile sul sito www.reteleader.it.

I contenuti delle relazioni e le posizioni espresse dai relatori nel corso degli

interventi non riflettono necessariamente la posizione degli editori sugli

argomenti trattati.

Gli atti sono a cura di: Giuliana Paciola (INEA - Sede Regionale della Calabria)

e Pamela Giannotta (Dott.ssa in Discipline Economiche e Sociali).

La segreteria tecnica è stata curata da Rosanna Peluso (INEA - Sede Regionale

della Calabria).

Il gruppo di lavoro che si è costituito per la trascrizione da nastro delle registrazioni

audio del seminario è stato coordinato da Giuseppe Gaudio (INEA -

Sede Regionale della Calabria) e composto dai seguenti studenti del Corso di

laurea in Discipline Economiche e Sociali per lo Sviluppo e la Cooperazione:

Angelisi Sonia, Caroprese Enza, Chirico Luisa, Coscarello Mario, Cossari

Isabella, Filice Manuela, Garofalo MariaCarmela, Garofalo Jessica,

Genovese Pamela, Giannotta Pamela, Raimondi Francesca.


INDICE

Presentazione ............................................................................................................................................................................................... pag. 7

Introduzione ................................................................................................................................................................................................... pag. 8

APERTURA DEI LAVORI

Presentazione del seminario e dei workshop ..................................................................................................................... pag. 11

di Raffaella Di Napoli

SESSIONE PLENARIA

I processi di sviluppo rurale in Europa: l’agricoltura sociale, le strategie di resistenza

dei contadini e le politiche ................................................................................................................................................................... pag. 17

Presiede Elena Saraceno, Esperta Sviluppo Rurale

Percorsi di sviluppo rurale: il modello “contadino” ......................................................................................................................... pag. 19

di Jan Van der Ploeg

Il ruolo e le prospettive future dell’agricoltura sociale in Italia e in Europa....................................................................... pag. 34

di Francesco Di Iacovo

Processi di resistenza in agricoltura e reti alternative.................................................................................................................... pag. 47

di Ada Cavazzani

Reti di economia solidale: situazione attuale e prospettive future .......................................................................................... pag. 61

di Davide Biolghini

Le politiche di sviluppo 2007-2013: minaccia o opportunità per le aree rurali? ............................................................. pag. 68

di Giuseppe Gaudio

WORKSHOPS

Workshop 1 Sistemi di welfare e reti di protezione sociale nelle aree rurali................................................................. pag. 73

Coordinatori: Tatiana Castellotti, INEA Sede Regionale della Calabria

e Raffaella Fragale, ARSSA Calabria

Sintesi del Workshop, di Tatiana Castellotti.......................................................................................................................................... pag. 75

RELAZIONE INTRODUTTIVA

Agricoltura etico-sociale e imprenditorialità non profit in agricoltura.................................................................................... pag. 76

di Saverio Senni

RETELEADER 3


TESTIMONIANZE

Il distretto rurale di economia solidale in Friuli ................................................................................................................................. pag. 82

di Alberto Grizzo

L’associazione San Pancrazio di Cosenza .............................................................................................................................................. pag. 87

di Alessandro Scazziota

La rete delle fattorie sociali ......................................................................................................................................................................... pag. 90

di Alfonso Pascale

Workshop 2 Educazione e formazione... tra identità e tradizione...................................................................................... pag. 93

Coordinatori: Davide Colace e Luigia Florio, ARSSA Calabria

Sintesi del Workshop, di Davide Colace ................................................................................................................................................. pag. 95

RELAZIONE INTRODUTTIVA

Le fattorie didattiche come modello di economia sociale tra formazione e relazionalità ............................................ pag. 97

di Maria Concetta Manfredi

TESTIMONIANZE

Le fattorie didattiche nell’esperienza della CIA ................................................................................................................................. pag. 99

di Rosa Critelli

La fattoria San Bernardino........................................................................................................................................................................... pag. 102

di Domenica Donnici Loiacono

Le aziende agricole multifunzionali......................................................................................................................................................... pag. 103

di Adriana Tamburi

Workshop 3 Beni e territori sottratti alla mafia: occasioni di lavoro e sviluppo .......................................................... pag. 105

Coordinatori: Catia Zumpano, INEA e Federica Roccisano, Cooperativa Hermes

Sintesi del Workshop, di Catia Zumpano............................................................................................................................................... pag. 107

RELAZIONE INTRODUTTIVA

Sviluppo, occupazione e non solo: il ruolo delle cooperative...................................................................................................... pag. 109

di Giuseppe Gaudio

TESTIMONIANZE

La Cooperativa Valle del Marro.................................................................................................................................................................. pag. 113

di Antonio Napoli

La Cooperativa Valle del Bonamico.......................................................................................................................................................... pag. 118

di Piero Schirripa

La Cooperativa Hermes.................................................................................................................................................................................. pag. 122

di Federica Roccisano

4 RETELEADER


Workshop 4 Le strategie contadine: autonomia, sovranità alimentare e biodiversità.............................................. pag. 125

Coordinatori: Giovanni Folliero, Università della Calabria

e Giuliana Paciola, INEA Sede Regionale per la Calabria

Sintesi del Workshop, di Giovanni Folliero........................................................................................................................................... pag. 127

RELAZIONE INTRODUTTIVA

Nuove contadinità: pratiche innovative di resistenza ..................................................................................................................... pag. 130

di Alessandra Corrado

TESTIMONIANZE

Agro-biodiversità, sovranità alimentare e mercato globale ........................................................................................................ pag. 135

di Antonio Onorati

Le reti di sementi contadine, la selezione partecipativa e la valorizzazione delle varietà tradizionali................. pag. 140

di Riccardo Bocci

L’attività contadina nelle aree fragili: casi studio nell’Appennino ligure-piemontese..................................................... pag. 145

di Giovanni Carrosio

Vincoli e potenzialità: bio-diversità agraria e altra agricoltura nel Salento ........................................................................ pag. 148

di Luca Carbone

Workshop 5 Il mercato tra sostenibilità, etica e solidarietà.................................................................................................... pag. 153

Coordinatori: Anna Elia e Annamaria Vitale, Università della Calabria

Sintesi del Workshop, di Annamaria Vitale .......................................................................................................................................... pag. 155

RELAZIONE INTRODUTTIVA

Reti sociali, filiere corte e pratiche innovative di produzione e consumo............................................................................. pag. 157

di Silvia Sivini

TESTIMONIANZE

I mercati contadini in Calabria: processi di integrazione tra reti alternative di produzione e consumo ............... pag. 166

di Anna Elia

I Gruppi di Acquisto Solidale........................................................................................................................................................................ pag. 171

di Andrea Saroldi

La Rete di economia solidale....................................................................................................................................................................... pag. 174

di Davide Biolghini

L’Associazione Fratello Sole.......................................................................................................................................................................... pag. 180

di Doris Fagin

Percorsi di innovazione intorno alla produzione-consumo di cibo:

alcune riflessioni sulla base dell’esperienza toscana ...................................................................................................................... pag. 181

di Adanella Rossi e Francesca Guidi

RETELEADER 5


Workshop 6 Presente e futuro della cultura contadina............................................................................................................. pag. 189

Coordinatori: Monica Caggiano e Francesca Giarè, INEA

Sintesi del Workshop, di Monica Caggiano........................................................................................................................................... pag. 191

RELAZIONE INTRODUTTIVA

I cambiamenti sociali e culturali nel mondo agricolo e rurale.................................................................................................... pag. 192

di Osvaldo Pieroni

TESTIMONIANZE

Il progetto di orto-giardini naturali a scuola ....................................................................................................................................... pag. 197

di Gianfranco Zavalloni

L’Associazione all’Ombra del Mediterraneo ......................................................................................................................................... pag. 201

di Costanza Ferrini

La coltivazione del cedro in Calabria....................................................................................................................................................... pag. 203

di Sonia Angelisi

Bibliografia....................................................................................................................................................................................................... pag. 207

Sitografia........................................................................................................................................................................................................... pag. 217

6 RETELEADER


Presentazione

Nel presente volume, sono pubblicati gli atti del Seminario “L’altra agricoltura... verso un’economia rurale,

sostenibile e solidale” che ha avuto luogo nei giorni 24-26 gennaio 2008, presso l’Università della Calabria.

Organizzato dall’INEA - Sede Regionale per la Calabria e dalla Rete Nazionale per lo Sviluppo Rurale, con la

collaborazione del Dipartimento di Sociologia e Scienza della Politica e del Corso di Laurea Specialistica in Discipline

Economiche e Sociali per lo Sviluppo e la Cooperazione della Facoltà di Economia dell’Università degli

Studi della Calabria. Il seminario, rivolto ad un ampio pubblico, ha registrato la partecipazione di oltre 250

persone provenienti non solo da contesti territoriali diversi (nazionale ed internazionale), ma anche da contesti

socio-culturali diversi: dagli studiosi ed esperti agli amministratori, dagli operatori sociali pubblici, del volontariato

e del privato, ai tecnici delle Organizzazioni Professionali Agricole e dei Sindacati, dal mondo della

scuola ai tanti studenti universitari.

Il seminario ha rappresentato un momento di incontro, e soprattutto di confronto, tra tutti i soggetti che in

varia misura ed a vario titolo si occupano delle problematiche affrontate e l’eterogeneità dei partecipanti ha

dato la misura dell’originalità dell’incontro.

L’idea di organizzare il seminario è nata dal fatto che è unanimemente riconosciuto che il processo di modernizzazione,

in corso nel settore primario, è stato messo in crisi dal mutamento dei modelli di consumo

alimentari, da una maggiore attenzione verso le problematiche ambientali e dall’impatto delle logiche di

modernizzazione sui processi produttivi locali. All’interno di queste dinamiche trovano spazio sia le strategie

incentivate dalle politiche di sviluppo rurale sia quelle, in parte o totalmente escluse dalle stesse, finalizzate

alla riappropriazione del controllo sui processi produttivi e sul mercato.

A circa un anno dalla conclusione della programmazione 2000-2006 è risultato opportuno avviare una riflessione

sull’effettivo valore aggiunto che l’agricoltura può apportare ai processi di sviluppo nelle aree rurali.

E questo al fine di intervenire tempestivamente sulle problematiche in corso e meglio affrontare la nuova

fase di programmazione delle politiche strutturali, in generale, e dei Programmi di Sviluppo Rurale regionali,

in particolare.

Avendo ampiamente soddisfatto le aspettative dei partecipanti, al termine dei lavori è stata unanime la richiesta,

di “lasciar traccia” di questo straordinario incontro attraverso la divulgazione dei risultati.

Un ringraziamento sincero e meritato va indistintamente a tutti i partecipanti, relatori, testimoni e uditori

che hanno voluto condividere questo seminario di studio e lavoro contribuendo alla stesura di questo volume.

Nel dare atto a tutti del lavoro svolto posso dichiarare che l’augurio è quello di poterci ancora ritrovare

per continuare a dibattere tali problematiche, utili e necessarie.

Il Presidente INEA

On. Lino Carlo Rava

RETELEADER 7


Introduzione

Lo sviluppo delle aree rurali nella politica comunitaria sta assumendo in questi ultimi anni un’importanza

crescente. Le ragioni muovono da un lato dall’esigenza di raggiungere nuovi obiettivi comunitari nel processo

più generale di coesione economica e sociale e, dall’altro, dall’esigenza di rilanciare la nuova PAC. Ciò

ha avviato una profonda riflessione sui percorsi dello sviluppo rurale.

Nella realtà, l’azienda agricola si apre all’esterno e diventa parte integrante di percorsi di sviluppo territoriale.

Queste caratteristiche si ritrovano in aziende agricole che perseguono un equilibrio tra l’attuazione di

processi produttivi che generano prodotti agricoli competitivi, la sostenibilità economica, connotazioni etiche

e solidali, consumo consapevole e l’offerta di servizi di carattere sociale. L’agricoltura appare come una nuova

frontiera delle attività aziendali che può trovare nuovi slanci e impulsi nell’ambito della politica di sviluppo

rurale.

L’uso dell’azienda agricola per la sostenibilità economica e per il soddisfacimento di bisogni sociali, quali il recupero

e l’inserimento di soggetti svantaggiati, attività didattiche e formative, inclusione sociale e opportunità

di reddito nelle aree rurali, ancora invisibile a molti policy makers, è una realtà. Le aziende cercano di

resistere alla modernizzazione del settore, riorganizzandosi dal basso (costruendo reti informali, utilizzando

marchi etici, social labels, sistemi che auto-certificano la tracciabilità sociale del prodotto), su una domanda

sensibile alle istanze etiche e dando luogo a “filiere corte” di consumo “consapevole” in alternativa

all’economia globalizzata.

Entrambi i processi cercano di dare risposta, accrescendo i livelli competitivi delle aree rurali, a problematiche

inerenti i sistemi di welfare e di inclusione sociale, nonché di miglioramento della qualità della vita, e/o

a problematiche inerenti la sostenibilità etica e sociale dei processi produttivi.

I percorsi sono molto diversi tra loro in termini di tipologie di attività, di categorie sociali coinvolte e in termini

di obiettivi specifici.

Pur tuttavia, è possibile rintracciare un obiettivo globale e un filo comune che lega le diverse e complesse attività:

si esce dai confini dell’azienda agricola per costruire reti economiche e sociali che rivitalizzano le aree

rurali;

concetti come quelli di reciprocità, collaborazione, partecipazione, eticità e solidarietà convivono con quelli

di benessere, mercato e profitto;

si ricostruisce un tessuto sociale aperto a nuovi soggetti;

la funzione produttiva primaria sempre più si confonde con una funzione sociale ed etica;

si mette in moto un processo e una progettualità integrata che coinvolge diversi soggetti e diversi livelli

(economico, sociale, istituzionale);

si creano alleanze tra agricoltori, tra questi e i cittadini delle aree rurali ed urbane, tra questi e i decisori

politici;

le diverse attività rientrano negli obiettivi di carattere generale all’interno delle politiche dei Fondi Strutturali

quali quelle di favorire la sostenibilità ambientale, le pari opportunità e l’occupazione;

8 RETELEADER


si contribuisce a realizzare forme alternative ed innovative di mercato affinché il valore aggiunto possa

restare sempre più legato alla produzione e al territorio.

Sono posti all’attenzione pratiche di sviluppo rurale come risposta alle logiche di liberalizzazione e di globalizzazione

dei mercati, che costituiscono un’inversione di tendenza rispetto al modello imprenditoriale incentivato

dalle politiche agricole. Le strategie operative attraverso cui gli agricoltori riescono ad allargare i

confini rispetto al modo di produzione convenzionale possono fare riferimento ai seguenti aspetti:

processi innovativi e alternativi di economia sostenibile e solidale;

processi di diversificazione delle attività aziendali con attività extraziendali.

Entrambi questi processi praticano strategie di sviluppo dal basso e con un approccio endogeno. La creazione

di reti su base territoriale con attori diversi che operano anche in altri settori contribuisce a definire percorsi

di sviluppo alternativi.

È in questo ambito, conoscere (le ricerche) per decidere (le politiche), che si è collocato l’evento sui nuovi percorsi

innovativi e alternativi di cambiamento e di sviluppo nelle aree rurali. Il Seminario ha voluto rappresentare

un momento di valorizzazione e di approfondimento sulle novità dei percorsi aziendali che oggi animano

le aree rurali. Novità che si accompagnano a numerose innovazioni organizzative e che, oggi, caratterizzano

il settore primario, facendolo uscire dal declino in cui lo ha relegato un processo di modernizzazione

fortemente globalizzato e settorializzato.

Per questo motivo nel seminario oltre alla riflessione teorica, approfondita ed innovativa, sono state presentate

concrete esperienze sul campo, raccogliendo anche testimonianze di dirigenti, studiosi ed operatori.

Quindi, coniugando conoscenze tecniche ed accademiche con esperienze sul campo, il seminario ha tenuto insieme

il momento teorico-metodologico con quello applicativo.

L’articolazione del volume segue il programma secondo il quale si sono svolti i lavori che prevedeva una sessione

plenaria introduttiva, sei sessioni parallele di approfondimento, una tavola rotonda e una visita di studio.

La sessione plenaria dal titolo: “I processi di sviluppo rurale in Europa: l’agricoltura sociale, le strategie di resistenza

dei contadini e le politiche” presieduta da Elena Saraceno, esperta di sviluppo rurale, ha dato inizio

al Seminario. Nel corso della sessione studiosi ed esperti hanno delineato gli aspetti teorici e metodologici dello

sviluppo rurale nonché i principali orientamenti delle politiche. Nello specifico, fornendo alcuni riferimenti

di carattere generale e di analisi riguardanti le economie rurali e locali, sono state introdotte le problematiche

intorno alle quali si sono poi articolate le diverse sessioni di lavoro.

Nelle sei sessioni parallele (workshop) sono stati individuati quegli elementi che permettono di agire in un

contesto locale, attraverso una riflessione sulle diverse tipologie di attività riconducibili al campo dell’agricoltura

sociale e alla costruzione di un modello di produzione contadino.

I sei workshop, compresi in queste due tematiche, sono dimostrati strettamente integrati. L’agricoltura sociale,

termine che comprende attività congiunte di produzione di beni agricoli e di servizi alle persone migliora le

condizioni di vita e promuove l’inclusione lavorativa e sociale. Questo tipo di attività, entrata nel dibattito sulla

multifunzionalità del settore primario, ha raccolto un interesse crescente negli anni più recenti sia da parte

del mondo agricolo che da parte di operatori sanitari e dei servizi sociali, degli studiosi, degli Enti locali e

RETELEADER 9


dei policy makers. C’è sempre maggiore interesse intorno alla capacità delle attività agricole, e delle risorse

che queste utilizzano, di rispondere anche ad esigenze di carattere sociale per due ordini di motivi: da un lato,

a seguito del più generale ripensamento del ruolo che l’agricoltura può svolgere nella società; dall’altro,

a seguito della crisi dei tradizionali sistemi di welfare nel rispondere ai nuovi bisogni in contesti rurali.

Si è dibattuto di questi temi nei seguenti workshop:

1. sistemi di welfare e reti di protezione sociale nelle aree rurali;

2. educazione e formazione... tra identità e tradizione;

3. beni e territori sottratti alla mafia: occasione di lavoro e sviluppo.

L’altro aspetto considerato: il modello di produzione contadino, il riorientamento al mercato e la questione della

vendita dei prodotti, ancora ai margini del dibattito politico piuttosto che scientifico, ha esplorato i possibili

spazi di mercato e offerto alcune riflessioni sulle strategie di resistenza delle aziende agricole contadine,

sui prodotti cosiddetti etici e sui comportamenti di acquisto consapevoli dei consumatori. L’obiettivo dei lavori

era di comprendere le modalità di organizzazione e le caratteristiche di una simile rete nonché di comprendere

il contributo che questa fornisce nel sostenere modelli di sviluppo che privilegiano l’economia locale

a quella di mercato. I contributi ascoltati hanno testimoniato come, in risposta alle crescenti disuguaglianze

economiche e sociali che l’attuale modello di globalizzazione economica ha prodotto, si stanno affermando

pratiche alternative che si richiamano al concetto di economia solidale.

Di queste tematiche si è dibattuto nei seguenti workshop:

4. le strategie contadine: autonomia, sovranità alimentare e biodiversità;

5. il mercato tra sostenibilità etica e solidarietà.

L’interrogativo su che cosa rimane della cultura della società contadina tradizionale è stato oggetto dell’ultimo

workshop:

6. presente e futuro della cultura contadina.

Tale workshop ha rappresentato un momento di riflessione, in chiave problematica e non esaustiva, sui cambiamenti

sociali e culturali del mondo agricolo e rurale.

La discussione sui percorsi possibili, le soluzioni adeguate, su quali governance e quali politiche per lo sviluppo

sostenibile delle aree rurali nel corso di una tavola rotonda presieduta da Ada Cavazzani.

Diversi soggetti portatori di esperienze diverse e appartenenti a contesti sia teorici che metodologici diversi

hanno dibattuto su tali problematiche. Ciò ha dato modo alla platea di ascoltare opinioni e di individuare

possibili soluzioni sulla tematica dello sviluppo sostenibile delle aree rurali.

Da evidenziare, infine, la visita di studio effettuata presso la Cooperativa “Valle del Bonamico” ed il “Consorzio

GOEL” nella Locride e presso la Cooperativa “Valle del Marro - Libera terra” nella Piana di Gioia Tauro.

Entrambe rappresentano interessanti esperienze di lotta e contrasto “sul campo” (pur con modalità attuative

diverse) alla criminalità organizzata.

Giuliana Paciola, INEA Calabria

10 RETELEADER


APERTURA DEI LAVORI

PRESENTAZIONE DEL SEMINARIO

E DEI WORKSHOP

RETELEADER 11


RAFFAELLA DI NAPOLI

RETE NAZIONALE PER LO SVILUPPO RURALE

Questo seminario ha rappresentato un’occasione importante in riferimento agli obiettivi che la Rete Leader persegue.

La Rete Leader, infatti, si propone di favorire il dibattito e lo scambio di esperienze fra attori dello sviluppo

rurale, coinvolti in iniziative per lo sviluppo delle aree rurali ai diversi livelli, nazionale, regionale e locale.

In particolare trovo il seminario particolarmente interessante perché ha messo insieme studiosi ed esperti,

ma anche numerose esperienze propositive, in corso e in fase avanzata di realizzazione, a livello locale.

La qualità delle relazioni e delle esperienze che sono state presentate permette di confrontarsi con idee innovative

che si stanno sviluppando a livello territoriale, e che stanno proponendo percorsi di sviluppo basati

su valori, quali eticità, solidarietà, responsabilità, ma anche partecipazione e interdipendenze. Questi elementi

assicurano che gli interventi abbiano una ricaduta collettiva. Inoltre, rappresentano opportunità importanti

in riferimento all’elaborazione di politiche di sviluppo finanziate con fondi pubblici, oltre che nazionali

e comunitari, per migliorare la qualità della vita. Questo può essere un elemento su cui si gioca il futuro

dei nostri territori rurali e da cui le nostre aree rurali potranno trarre insegnamenti per diventare realmente

competitive.

Il lavoro dei workshop è stato un’occasione importante per confrontarsi su quanto si sta realizzando nei territori.

È importante spiegare perché tanti workshop. Organizzare un seminario con tanti gruppi di lavoro diversi

non è usuale, ma sicuramente questo è il valore aggiunto di questa esperienza. Nella fase iniziale dell’organizzazione

di questo evento, si era pensato ad un seminario centrato soprattutto sul ruolo svolto dall’agricoltura

per favorire forme di inclusione sociale, quindi quello che solitamente viene ricondotto al tema

dell’agricoltura sociale. Man mano che si discuteva ci si è resi conto che forse stavamo parlando di qualcosa

di più ampio. Le esperienze erano così diversificate che andavano al di là di quello che avveniva all’interno

di una singola azienda, ma coinvolgevano in maniera più ampia le comunità locali dove venivano realizzate.

Le diverse iniziative hanno la capacità di mettere a sistema anche le risorse locali, di coinvolgere gli attori

del territorio in cui sono inserite, di valorizzare le risorse locali, e di contribuire a qualificare i territori di

riferimento. Quindi il ruolo e la dimensione svolta da queste iniziative va oltre quella che era la nostra ipotesi

iniziale.

Tutte queste esperienze nella loro diversità e nella loro complessità hanno però alcuni elementi in comune, riconducibili

all’etica sottostante i singoli interventi. Si parla di responsabilità, equità, sostenibilità, partecipazione,

interdipendenza fra le persone, tutti valori che non solo costituiscono il fondamento di questi interventi, ma che

dovrebbero essere enfatizzati nel processo di impostazione dello sviluppo a livello locale e territoriale.

Altri elementi in comune sono gli aspetti di tipo metodologico: l’approccio dal basso, la dimensione territoriale,

la capacità di svilupparsi attraverso un processo partecipativo. Il risultato è stato spesso la creazione di partenariati,

o di gruppi di interesse, costituiti non solo da agricoltori, ma anche da altri attori dello sviluppo locale.

Il Workshop 1 si è occupato dei sistemi di welfare e delle reti di protezione sociale nelle aree rurali. Gli aspetti

interessanti di questo argomento sono molteplici, ma, in particolare, è importante sottolineare come sia im-

RETELEADER 13


portante articolare intorno alla produzione tipologie di azioni differenti capaci di esaltare il fatto che i prodotti

non lasciano traccia della disabilità e della difficoltà di chi li ha realizzati. Il prodotto non rimane solo

un prodotto, ma diventa un bene relazionale.

L’agricoltura richiama una nuova organizzazione delle comunità, per cui emerge la necessità di sviluppare la

capacità di mettere in relazione, di integrare, il sistema delle risorse.

Quando parliamo di politiche dobbiamo cercare di far sì che vengano usate per forme di agricoltura sociale

e non solo. Dobbiamo andare al di là della concezione che attualmente abbiamo delle politiche di sviluppo

rurale. Bisogna favorire l’integrazione tra diversi fondi e diversi strumenti. La riarticolazione dell’uso degli

strumenti diventa un argomento cruciale.

Il Workshop 2 si è invece occupato di educazione e formazione. La concezione dell’agricoltura come fornitore

di servizi. La differenza che vedo svilupparsi col diffondersi di iniziative di questo tipo è che per molto

tempo si è pensato ad un modello di agricoltura multifunzionale (non che questo non avesse dignità o importanza

strategica) come fornitore di servizi spesso per fruitori esterni al territorio, come ad esempio l’agriturismo.

Qui, invece, si sta introducendo un ruolo fondamentale e strategico per la comunità locale, che diventa

il beneficiario dei servizi offerti dall’agricoltura. La didattica, come forma di inclusione, sicuramente

sposta l’attenzione sul ruolo che l’agricoltura svolge non solo come produttore di beni e capacità di offerta

per migliorare l’attrattività di un territorio, ma anche come elemento per migliorare la qualità della vita all’interno

dei territori stessi.

In riferimento alla formazione, si pone la necessità di rivedere quelli che sono gli approcci classici di questo

ambito, ponendo attenzione alla preparazione non solo degli agricoltori, ma anche di chi si occuperà di proporre

politiche di sviluppo e di divulgare alcune tematiche tra gli agricoltori.

Il Workshop 3 ha trattato il tema dei beni e territori sottratti alla mafia. Questa tematica pone l’attenzione

su come valorizzare, sostenere, favorire i sistemi rete, che possono contribuire a mantenere e sviluppare le

iniziative volte alla lotta all’illegalità e sul ruolo delle istituzioni in questo campo.

L’agricoltura assume il ruolo di veicolo per trasmettere valori culturali. Questa funzione deve essere ben interpretata,

e, soprattutto, bisogna considerare che è superata l’agricoltura come attività associata ad un’immagine

di fatica, di marginalità.

L’agricoltura diventa occasione di apertura dei territori verso l’esterno. Le esperienze che sono state presentate

prospettano un’apertura verso la cooperazione con soggetti o strutture che hanno questa finalità. A volte singole

esperienze hanno la capacità di far leva su alcuni valori fondamentali della nostra società. Le prospettive

del Workshop 3 tendono a far emergere il nuovo ruolo dell’agricoltura teso a sostenere valori di legalità.

Nel Workshop 4 si è discusso di autonomia contadina, sovranità alimentare, biodiversità. Questo workshop

introduce alcuni aspetti del successivo, facendo riferimento alla resistenza economica di queste attività e alla

loro capacità di produrre, creare reddito ed economia per il territorio. Un altro aspetto interessante è il richiamo

all’uso del territorio e delle sue risorse. Spesso la valorizzazione delle risorse rurali è stata utilizzata

come strumento di marketing. Sicuramente si tratta di un modo per promuovere delle aree, ma è soprattutto

un elemento di cui il territorio deve appropriarsi.

14 RETELEADER


Il Workshop 5 è incentrato sull’argomento del mercato, concepito in un’ottica tesa alla sostenibilità, etica e

solidarietà. Viene posta attenzione su come viene valutato l’impatto delle politiche e come vengono impostate.

La definizione e la valutazione delle politiche non possono essere fasi separate. Occorre impostare le politiche

in modo che non perseguano solo obbiettivi quali produzione e reddito. Probabilmente alcuni elementi

importanti per lo sviluppo dei territori rurali hanno perso importanza: non esiste solo la dimensione economica.

Ciò che crea realmente ricchezza, oltre la capacità in senso stretto di produrre reddito, coinvolge altri

elementi, che arricchiscono l’intero territorio.

Il Workshop 6 esprime, infine, alcune considerazioni sul presente e sul futuro della cultura contadina.

RETELEADER 15


SESSIONE PLENARIA

I PROCESSI DI SVILUPPO RURALE

IN EUROPA: L’AGRICOLTURA SOCIALE,

LE STRATEGIE DI RESISTENZA DEI CONTADINI

E LE POLITICHE

Presiede Elena Saraceno, Esperta Sviluppo Rurale

RETELEADER 17


PERCORSI DI SVILUPPO RURALE: IL MODELLO “CONTADINO”

DI JAN DOUWE VAN DER PLOEG

Vi sono tanti processi e tanti percorsi di sviluppo rurale. Tuttavia, intendo qui considerare lo sviluppo rurale

fatto da uomini e donne che lavorano in agricoltura. Non mi limito a questa realtà “interfacciale” perché

considero altre forme, altri aspetti dello sviluppo rurale meno importanti. Al contrario, lo sono altrettanto e

credo che proprio quando si intrecciano i percorsi agricoli e i percorsi non agricoli si ottengono dei successi.

È questa una sinergia molto importante. Nonostante ciò, voglio trattare soprattutto dello sviluppo rurale fatto

di agricoltori, di contadini, anche perché è da questi che nasce un’agricoltura nuova, un’altra agricoltura

che comporta anche un’identità nuova, cioè una “identità dei contadini”. Dietro questo processo c’è un riemergere

del “modello contadino”, non come lavoro, bensì come una realtà analitica, empirica e strutturale,

che fa fatica ad essere vista, ma che è una realtà decisiva per la comprensione del processo di cambiamento.

Voglio dunque focalizzare il mio contributo su questo modello contadino e, per far ciò, intendo descrivere

sinteticamente il contesto da cui ha origine.

La figura 1 è un riassunto molto sintetico dello sviluppo agricolo nel periodo del dopoguerra. La linea superiore

mostra come si è sviluppata la produzione lorda vendibile, che si è stabilizzata più o meno a partire dalla

metà degli anni ’80, mentre quella inferiore lo sviluppo dei costi.

Figura 1 - Lo sviluppo agricolo del dopoguerra ed i limiti dello sviluppo rurale

Dopo la metà degli anni ’80, lo spazio fra ricavi e costi si riduce sempre di più, cioè il reddito netto dell’agricoltura

nella sua totalità viene compresso, viene schiacciato. È quello che internazionalmente viene chia-

RETELEADER 19


mato squeeze on agricolture, ovvero compressione in agricoltura. Questo processo, lo squeeze, che è un fenomeno

negativo, viene accompagnato da altri fattori. Uno di questi è che durante il processo di modernizzazione

si ha sempre più una disconnessione dell’agricoltura dalle risorse naturali, sempre più sostituite da

risorse artificiali. Questo stesso processo, soprattutto a partire dagli anni ’80, ha comportato una regolazione

sempre più dettagliata, pressante e asfissiante. Per gli agricoltori c’è poco spazio per fare, per muoversi,

appunto a causa di una regolazione molto forte. Dietro tutto questo, ovvero dietro lo squeeze, la compressione,

la sconnessione dalla natura, la regolazione, c’è ancora un altro elemento: l’agricoltura è stata sottomessa

sempre di più a nuovi reticoli monopolistici. Si potrebbe dire anche che è stata sottomessa ad imperi

alimentari, che modellano sempre di più lo sviluppo agricolo e rurale generando numerose complicazioni.

Questi reticoli o imperi alimentari, in primo luogo, stanno modellando e rimodellando i rapporti, le connessioni,

i processi di compressione, i processi di trasformazione, i punti di entrata, i punti di uscita, in modo tale

da permettere un controllo monopolistico. Ma allo stesso tempo, questi reticoli ridefiniscono, a livello simbolico,

ciò che è l’alimentazione, il cibo, la freschezza, la qualità. In terzo luogo, questi imperi alimentari sono

organizzati in modo da permettere un’accumulazione incredibile di ricchezza.

Figura 2 - Valore aggiunto per settore industriale in Italia (1980=100)

Accanto allo squeeze, che introduce la povertà in agricoltura, si verifica specularmente un aumento di ricchezza.

In Italia, dagli anni ’80 fino al 2003, lo sviluppo più rilevante tra i diversi settori interessa proprio l’industria

alimentare (raffigurata dalla linea superiore nella figura 2). Quello alimentare è l’unico settore industriale

che aumenta fortemente il suo valore aggiunto. Nel periodo indicato, tale crescita è pari al 48%, mentre

in quasi tutti gli altri settori (metalmeccanico, chimico, etc.) rimane stabile, anche negli anni successivi.

20 RETELEADER


In Olanda si verifica lo stesso fenomeno. Il valore aggiunto nel settore dell’industria alimentare ha registrato

un aumento del 50%. E questo spiega ad esempio perché, in Olanda, l’industria chimica DSM, quella più

importante, si è convertita nell’industria alimentare, appunto in ragione dell’accumulazione di ricchezza superiore

che questa permette.

Un’altra conseguenza dell’emergere dei reticoli imperiali è che la crisi agricola è stata quasi “istituzionalizzata”,

come crisi permanente, globale e multidimensionale. La figura 3 mostra come, in agricoltura, il processo di produzione

si deve articolare con tre processi generali: deve essere più o meno in linea con gli interessi di coloro che

lavorano in agricoltura (altrimenti abbiamo una classica crisi agraria), deve inoltre essere coerente con la società

globale e con la natura. Il problema attuale è che l’agricoltura, condizionata dai processi sopra citati, entra sempre

di più in contraddizione con gli interessi di coloro che lavorano in agricoltura, si rompe il rapporto con la natura,

provocando la crisi ecologica e c’è un distacco crescente tra agricoltura e società nella sua totalità.

Figura 3 - Crisi agraria

Ho già usato diverse volte questa espressione: reticoli imperiali. Ma cosa sono? Come emergono? Come funzionano?

Da dove vengono? Per spiegare di cosa si tratta, voglio fare due esempi, uno locale ed un altro internazionale.

Nella figura 4 è rappresentato un paese tipicamente “locale”.

Tale rappresentazione si basa su una ricerca empirica realizzata in Olanda – ma, di fatto, potrebbe applicarsi

dappertutto – e dimostra che ci sono diversi attori che si trovano in un paese, un paese locale. Fra gli agricoltori,

le case per gli anziani, i clienti, ecc., vi è tutto un tessuto sociale ed economico. Cosa succede attualmente?

La casa per gli anziani, l’ospedale concludono degli accordi con altre istituzioni simili, di altri paesi e

di altri comuni; emerge così una nuova istituzione potente con una grande domanda concentrata. I suoi rapporti

col mercato obbediscono alle regole formulate dall’Unione Europea, le modalità contrattuali. Ciò normalmente

implica che si trovano fornitori nuovi che sono localizzati in altri posti.

RETELEADER 21


Figura 4 - Paese “locale”

La conclusione è che tanti attori locali, tra cui gli agricoltori, ma anche la piccola industria, i fornitori dei servizi,

vengono esclusi, non si possono più connettere con l’economia locale, nemmeno con quella regionale.

Tutto viene rimodellato. Nella figura 5 è appunto rappresentato l’emergere di un reticolo imperiale.

Figura 5 - L’emergere di un “reticolo imperiale”

22 RETELEADER


Il secondo esempio arriva dal Perù. Ci sono un gran numero di risorse, ma sono risorse sconnesse: c’è l’acqua,

c’è la terra, c’è capacità tecnica, c’è il credito, c’è il porto, c’è l’aeroporto, c’è tutto per poter produrre.

Invece, come conseguenza della politica neoliberale, queste risorse sono sconnesse, possono essere ricombinate

solamente come parte di un impero.

Figura 6 - Assemblaggio delle risorse locali disponibili

Faccio riferimento ad alcuni aspetti: si tratta di un impero che non conferisce niente di nuovo, semplicemente

ricombina le risorse già esistenti, senza introdurre risorse nuove, né valori nuovi. Anzi, espropria i valori

già prodotti (come si mostrerà più avanti), combinando gli spazi di povertà con gli spazi di ricchezza, tanto

che una sola impresa può accumulare molto e sostituirsi in questo caso all’agricoltura locale. Nella figura 7,

si nota come a destra la terra dell’agricoltura contadina appaia come un deserto, a sinistra invece si vede il

verde. Quindici anni fa la parte a sinistra era deserto mentre la parte destra, cioè la terra comunale, era

verde; la situazione si è dunque capovolta: si vede adesso un nuovo impero che è emerso da poco.

Nella figura 8, ancora la situazione degli agricoltori, della comunità contadina, contraddistinta dalla scarsità

di acqua, e in cui tutto è organizzato in modo da fare la massima economia con la poca acqua disponibile.

Dall’altro lato, quello del nuovo impero, ci sono laghi artificiali, si è accumulata tutta l’acqua, e se ne fa un

uso ben diverso (figura 9).

Si usa per produrre prodotti di esportazione come uva da tavola, cipolla, peperoni, asparagi, e tanti altri

prodotti che vanno direttamente al mercato europeo. Questi prodotti vengono trasportati con un aereo e

venduti ad un prezzo bassissimo (figura 10).

RETELEADER 23


Figura 7 - L’emergere dell’impero

Figura 8 - La gestione contadina delle risorse locali

24 RETELEADER


Figura 9 - L’esproprio dell’acqua per usi privati

Figura 10 - L’agricoltura per l’esportazione

RETELEADER 25


Tutto questo non sarebbe un problema se in quella proprietà contadina venisse indotto uno sviluppo. Invece

non è così: il sistema ecologico viene squilibrato incredibilmente e c’è una situazione socio-economica drammatica.

Quelli che lavorano nei campi ricevono 2 euro a giornata e l’agricoltura locale viene sconnessa proprio

dall’acqua che viene accumulata dall’altro lato (figura 11).

Figura 11 - L’agricoltura locale sconnessa dall’acqua

Adesso passiamo alla situazione del modello contadino. Il nucleo della condizione contadina è rappresentato

da una lotta per l’autonomia in un contesto ostile (figura 12). L’ostilità è stata descritta più sopra con riferimento

ai reticoli imperiali e la lotta per l’autonomia significa realizzare quello che l’ambiente consente

e rispondere alle aspettative per un futuro migliore.

Tipico del modello contadino è che questa lotta per l’autonomia si materializza attraverso la costruzione di

un insieme coerente di risorse sociali e naturali, che permette di entrare in co-produzione, cioè in agricoltura.

Co-produzione come interazione fra uomo e natura, fra uomo ed ecosistema per poter produrre. La produzione

va al mercato, ma il modello contadino non è determinato dal mercato; pur interagendo con esso,

lo fa in un modo proprio. Inoltre, questo modello permette non solo la sopravvivenza, ma anche il miglioramento

e l’ampliamento della base di risorse. Per questo si trova spesso una combinazione con altre attività:

mi riferisco alla pluriattività, che quasi ovunque è una caratteristica specifica dell’agricoltura. Inoltre, c’è anche

l’aspetto della cooperazione. Questo modello funziona per affrontare un ambiente ostile, per poter resistere.

Si tratta di un modello utilizzato anche nell’Europa attuale, soprattutto nel contesto dello sviluppo

rurale.

26 RETELEADER


Figura 12 - La condizione contadina

Occorre che mi spieghi in termini analitici. La produzione agricola si può analizzare come un processo di conversione:

le risorse vengono convertite in prodotti, in servizi, e anche in risorse riprodotte (figura 13). Si verifica

una duplice mobilitazione delle risorse: parte di queste viene dal mercato ed un’altra parte viene riprodotta

nelle aziende stesse e rimane nella comunità locale. Evidentemente ci sono delle differenze: quanto

più è forte il flusso interno delle risorse, tanto più l’agricoltura è di tipo contadino; quando invece è più forte

la dipendenza da risorse esterne, allora si tratta di un’agricoltura imprenditoriale.

Ma cosa succede nel contesto dello sviluppo rurale? In primo luogo, è necessario che l’agricoltura sia diversificata.

Oltre alla produzione agricola specifica, vi sono ad esempio l’agriturismo, la trasformazione in azienda,

la vendita diretta, l’agricoltura sociale, la manutenzione del paesaggio, il contributo alla biodiversità ma

anche la produzione di energia, la conservazione dell’acqua, che in Olanda è molto importante. Si producono

beni non importabili – il che nel contesto della globalizzazione è molto interessante. Allo stesso tempo,

questo processo di diversificazione determina una maggiore autonomia, in rapporto sia ai mercati che ai reticoli

imperiali, ma produce anche nuovi punti di incontro tra agricoltura e società in generale, di cui parlerò

più avanti. Pertanto, ciò che succede nel contesto dello sviluppo rurale è una riduzione del flusso esterno di

risorse ed un miglior uso delle risorse interne. Questo processo si combina con il rifondare l’agricoltura sul capitale

ecologico, invece di sconnettere la relazione. La pluri-attività gioca un ruolo importante, per rendere

più forte questo flusso interno e per creare forme nuove di cooperazione locale. Infine, il processo stesso di

conversione viene rafforzato. La multifunzionalità è un aspetto che permette di aumentare l’autonomia, in

quanto determina più fonti di incontro, più legami.

RETELEADER 27


Figura 13 - Modello di agricoltura contadina

Flaminia Ventura e Pierluigi Milone hanno realizzato una ricerca sulla qualità della vita in campagna. Hanno

statisticamente distinto tre zone: le zone nettamente agricole, le zone suburbane e quelle che loro chiamano

aree rurali nuove, dove l’agricoltura, invece di trovarsi in condizione di declino, è più o meno stabile.

Hanno combinato queste aree con i flussi della popolazione. Si può stare in un certo posto per necessità, per

tradizione ma anche perché si fa una scelta consapevole. È stato osservato che la “scelta consapevole” si dirige

soprattutto verso le aree rurali nuove (44% contro il 23% delle aree agricole tradizionali ed il 33% di

quelle suburbane). Perché? Cosa spiega questo? Perché sono attrattive queste aree rurali nuove? Gli autori

hanno condotto un’analisi basata su 3.500 interviste, hanno poi costruito un diagramma a sentieri di cui

riassumerò i punti più importanti (figura 14).

La qualità della vita – di cui fa parte anche il “senso di appartenenza” – è il punto di partenza. Ma la qualità

della vita non è uguale dappertutto e questo dipende soprattutto dal capitale sociale nelle diverse zone.

Il capitale sociale nelle zone rurali, a sua volta, dipende molto dal ruolo dell’agricoltura: laddove l’agricoltura

è multifunzionale, il capitale sociale aumenta. L’agricoltura multifunzionale offre punti di incontro, direttamente

o indirettamente, e contribuisce a mantenere il paesaggio. Tutto questo ha un impatto positivo sul capitale

sociale. L’elemento interessante è che queste configurazioni si verificano soprattutto nelle aree rurali

nuove, dove l’agricoltura multifunzionale è forte.

Nelle zone agricole specializzate, con un’agricoltura di tipo tradizionale, si ha invece un impatto di tipo negativo

su tutto questo; anche nelle zone suburbane, che hanno meno agricoltura – quindi meno multifunzionalità,

meno capitale sociale – la qualità della vita viene considerata peggiore. L’analisi dimostra che sviluppare

questa altra agricoltura non è importante solo per i contadini, ma migliora anche la qualità della vita e ciò

rappresenta un gran contributo, un gran servizio per tutti.

28 RETELEADER


Figura 14 - Diagramma a sentieri che considera le differenti dimensioni del capitale sociale

Nel contesto olandese, si è sviluppato un fenomeno nuovo. Ci sono delle cooperative territoriali, anche molto

grandi, che coprono più di 40.000 ettari, con più di 800 agricoltori che vi partecipano. Tutto ciò funziona in un

paesaggio, che assomiglia all’Emilia di tanti anni fa con la struttura della biolca, che comunque per gli agricoltori

implica costi alti (vedi figura 15).

Si tratta di un’agricoltura che dovrebbe direttamente entrare in crisi, essere marginalizzata, in quanto non

competitiva a livello del mercato mondiale. Invece, i produttori locali hanno introdotto dei cambiamenti, facendo

ad esempio della manutenzione del paesaggio e della biodiversità un mestiere, una professionalità

che viene remunerata (figura 15). Giovani contadini olandesi hanno cercato di rimodellare lo stesso processo

produttivo che durante il periodo di modernizzazione era entrato in squilibrio. Senza entrare nei dettagli

tecnici, è sufficiente dire che stanno ri-equilibrando il processo produttivo in modo da poter poi usare, di nuovo

e meglio, l’ecosistema. La chiave di questo cambiamento è la produzione di un letame migliorato, che attiva

positivamente la biologia del suolo: la capacità autonoma del suolo di produrre azoto viene aumentata

e c’è meno dipendenza dall’azoto esterno. Riequilibrando questo processo, che si trasmette anche a livello regionale,

le risorse naturali contribuiscono a migliorare l’economia rurale, influiscono positivamente sull’alimentazione

e così via (figura 16).

Ci sono aspetti di questo processo che sono molto interessanti. Voglio dettagliarne uno, che è l’effetto che

passa attraverso il suolo.

RETELEADER 29


Figura 15 - Paesaggio agrario olandese

Figura 16 - Ri-equilibrare il processo produttivo e introdurre nuove qualità nel territorio

30 RETELEADER


Nella figura 17 compare uno schema analitico in cui sono sintetizzati alcuni livelli (o gruppi funzionali) dell’ecosistema

locale. Al livello più basso ci sono i germi, i microrganismi del suolo che convertono i detriti in

azoto.

Figura 17 - Gruppi funzionali al mantenimento della biodiversità

Insieme, questi livelli compongono un sistema complesso che illustra la filiera alimentare della biodiversità,

a partire dai germi invisibili, agli insetti, alle farfalle, agli uccelli, ai cervi, ai piccoli predatori. È un sistema

in cui il primo livello è mangiato dal secondo livello, che a sua volta è mangiato dal terzo, e così via. Questo

sistema assicura la riproduzione di un ambiente naturale molto apprezzato dal pubblico in generale. Con

questi elementi gli agricoltori migliorano il processo produttivo, riducono i costi e ottengono maggiori ricavi,

assicurando anche la conservazione della biodiversità. Questa è un’agricoltura intelligente, un’agricoltura di

tipo contadino, che emerge attualmente nel quadro dello sviluppo rurale.

I contadini delle cooperative olandesi hanno adattato la tecnologia per la distribuzione del letame: invece di

iniettarlo nel suolo come è obbligatorio fare in Olanda, lo distribuiscono nel prato, per evitare di distruggere

la biodiversità del sottosuolo (figura 18). C’è però una complicazione: questa tecnologia è vietata e si corre

il rischio di andare in galera. Così le cooperative hanno negoziato un accordo col Governo, che ha accettato

in via eccezionale una deroga dalla normativa vigente.

Noi consideriamo questo caso un esempio di nicchia strategica: fare lo sviluppo rurale in un modo intelligente

significa riuscire a gestire un processo strategico a cui partecipano agricoltori, politici, scienziati. Questa

nuova realtà contadina non si limita ad alcune eccezioni, ma è diffusa in Europa, molto di più di quello

RETELEADER 31


che normalmente pensiamo, anche perché non abbiamo una teoria adeguata per comprendere quello che sta

succedendo nelle campagne.

Figura 18 - Tecnologia adattata illegale

Alcuni anni fa abbiamo realizzato una ricerca “Impact” in 6 paesi europei (Irlanda, Inghilterra, Olanda, Germania,

Italia, Spagna) e abbiamo analizzato lo sviluppo rurale non come retorica, ma come pratica empirica.

Abbiamo realizzato un’inchiesta tra un numero elevato di aziende professionali (3264), che non possono

essere considerate marginali. In questi paesi, più del 51% partecipa alla diversificazione, alla produzione

di prodotti nuovi, alla conservazione del paesaggio; circa il 60% ha introdotto nuove forme di gestione

aziendale al fine di ridurre i costi di produzione riduzione dei costi. La pluri-attività è importante, non come

primo passo per uscire dall’agricoltura, ma per poter resistere come contadino. Senza entrare nei dettagli, si

può certamente affermare che questo processo ha un effetto economico importante in Europa (figura 19).

Concludo dicendo che per sviluppare e per rafforzare questo processo, che finora è apparso una realtà scomoda,

in primo luogo è necessario assicurare un più ampio spazio di autoregolazione per i contadini ed inoltre

occorre introdurre nuove strategie istituzionali. Per quanto riguarda le politiche di sviluppo rurale, invece

di dettagliare le modalità (come fare, quando fare, cosa fare), è essenziale che vengano stabiliti obiettivi

molto chiari, ai quali gli agricoltori possano riferirsi. Le istituzioni, anche quelle regionali, possono contribuire

a valorizzare il ruolo degli agricoltori, assicurando un contesto favorevole allo sviluppo delle aree rurali,

basato sul riconoscimento della diversità di iniziative attuate localmente.

32 RETELEADER


Figura 19 - Strategie di sviluppo rurale in Europa

RETELEADER 33


IL RUOLO E LE PROSPETTIVE FUTURE DELL’AGRICOLTURA SOCIALE

IN ITALIA E IN EUROPA

DI FRANCESCO DI IACOVO

Grazie, soprattutto per questo invito che mi consente di confrontarmi con una platea tanto interessante e ricca

per presenza e livello di attenzione.

Vorrei subito collegarmi a quanto detto prima di me dal Prof. Van der Ploeg, in particolare al ragionamento

svolto sugli imprenditori agricoli. Un tema che occorre affrontare e precisare, forse, con meno ideologia e più

attenzione alle implicazioni della differenza tra idea di imprenditore e la definizione di contadino. Troppo

spesso il termine contadino è usato per indicare una condizione superata dell’operare in agricoltura rispetto

a quella di imprenditore.

La differenza, come veniva fatto rilevare, sta nel fatto che l’imprenditore si è andato focalizzando su un numero

più limitato di aspetti nella gestione dei processi produttivi, e segnatamente quelli della gestione tecnica

ed economica dei processi di produzione, mentre, il contadino, (termine che individua, allo stesso tempo,

una professione e l’abitare un luogo, la campagna), ha una visione più ampia e multidimensionale della

propria azione, riguardo ai processi produttivi, alla vita di comunità, alla gestione delle risorse naturali. Forse,

in una crisi dell’economia di mercato, in una fase nella quale i meccanismi di produzione e distribuzione

si rilegano alla località per confrontarsi su scenari più aperti, vale la pena riflettere sul valore contemporaneo

del significato del termine contadino, di ripensare ad una modalità di gestione dei processi produttivi e

del vivere di comunità che sappia pensare e guardare in un’accezione meno individualistica e più aperta al

confronto trasversale sui temi del vivere economico e sociale insieme.

Di fatto, l’impresa agricola, pur facendo uso di beni pubblici propri d’ogni località – ambiente, capitale umano

e sociale – non sempre contribuisce a reintegrarne la loro disponibilità al termine dell’uso, specie nelle aree

e nelle località dove i rapporti di forza tra queste e le collettività risultano essere squilibrati. Quello della predazione

delle risorse collettive è una circostanza tanto più facile da registrare, quanto meno forte è il legame

sociale nelle comunità rurali, tanto più forte l’individualismo produttivo e la separatezza tra gestore delle risorse

private e comunità locale, quanto meno un imprenditore risulta essere anche abitante della località.

Dove l’impresa si rapporta al solo mercato, sono altri soggetti chiamati a ricostruire i beni pubblici utilizzati,

quando questo non avviene si registra un’erosione dei beni pubblici utilizzati (ambiente, cultura locale,

etc.). Per questo motivo è utile pensare a trovare modalità nuove per ricucire la distanza che c’è tra l’essere

impresa agricola e partecipare in modo più esteso alla quotidianità locale, ricomporre il quadro tra stili

d’impresa e stili di vita locale. Ci sono bisogni che, specie oggi, nessuno riesce a soddisfare se non pensando

ad altri modi di organizzare i processi produttivi, di stare all’interno delle comunità, all’interno delle società.

Forse i contadini, vecchi e nuovi, operanti in diversi contesti geografici, l’hanno capito e semplicemente stanno

cercando di trovare delle strategie coerenti in questa direzione.

Il tema che cercherò di affrontare si lega molto a questi argomenti, unisce l’agricoltura al tema dell’inclusione,

34 RETELEADER


dei servizi alla popolazione e, quindi, in qualche modo rompe gli steccati e si svincola da quella che è la logica

di un’impresa che opera puramente per un mercato di prodotti spesso definito altrove, ma, al contrario,

s’immerge in un contesto locale, cercando di interpretare in modo contemporaneo e più esteso il proprio ruolo

all’interno delle comunità.

Se le imprese sono alla ricerca di nuove strategie, anche i sistemi locali lo sono. Nonostante questa evidenza

che lascerebbe pensare a più ampie possibilità di intese, si registrano difficoltà nella capacità di favorire

una nuova interazione tra imprese e sistema locale, un legame che non sia riconducibile a soli meccanismi

economici ma che, al contrario, sia in grado di avere effetti anche sul legame sociale e sulla gestione delle

risorse naturali. In questa prospettiva è utile fare riferimento ad un processo d’innovazione creativa, un percorso

d’innovazione sociale, capace di definire e concordare nuovi metodi, pratiche, comportamenti più attenti

alla complessità delle esigenze delle persone e stimolare politiche coerenti.

Nel dibattito sullo sviluppo rurale, almeno in Italia, ciò che è finito per prevalere è stata una ostentazione

spesso snobistica ed un poco elitaria di alcune risorse rurali che si sono andate collegando con una domanda

basata sull’idea di idillio rurale e sulla disponibilità a pagare di potenziali consumatori esterni al territorio

di riferimento. In questa prospettiva, attenzione centrale è stata posta sullo sviluppo di capacità imprenditoriali

capaci di leggere le risorse locali e trasformarle in un’offerta capace di intercettare interesse e ricchezza

dall’esterno. Questi percorsi, peraltro, hanno avuto la capacità di trasformarsi in modelli (l’agriturismo,

i prodotti tipici, il turismo) proposti in modo indistinto ed acritico sull’intero territorio nazionale nella speranza

di favorire la creazione di valore rurale, ma in modo poco attento alle specificità locali come alle caratteristiche

di un’offerta basata su valori collettivi ed immateriali (paesaggi, cultura locale, risorse e conoscenze

non codificate).

Seguendo quest’idea di sviluppo rurale le imprese si sono trasformate in scout o minatori delle risorse della

ruralità, cercando di estrarle dal sistema locale per confezionare un’offerta capace di legarsi alla, vera o presunta,

domanda di ruralità, senza curarsi dei vuoti che questo processo di estrazione finiva per determinare

nelle comunità locali. Il presupposto economico di questo processo si basava sul fatto che la creazione di ricchezza

economica, da sola, avrebbe colmato i divari ed attivato fenomeni di rinascita delle comunità rurali.

Ciò non è stato per più motivi: per l’individualismo delle imprese, poco inclini a riconoscere e rigenerare i valori

della località messi a valore; per la difficoltà di molti detentori dei capitali immateriali utilizzati di partecipare

attivamente al processo di produzione della ricchezza (ad esempio gli anziani e gli abitanti locali detentori

delle conoscenze culturali tacite della località) e, spesso, chiamati a pagarne piuttosto gli svantaggi,

legati all’organizzazione di servizi per l’accoglienza di turisti piuttosto che per gli abitanti locali, all’aumento

dei prezzi per alcuni fattori vitali (la casa in primo luogo).

Gran parte dei percorsi di sviluppo rurale fanno leva su risorse immateriali, sulle conoscenze della località.

Si tratta di risorse delicate che si erodono facilmente sotto la pressione del cambiamento culturale e della

rottura dei patti di comunità e del legame sociale. Queste conoscenze hanno a che fare con le persone, con

la loro capacità di stare su un territorio, di mettersi in relazione tra di loro e di continuare a pensare al proprio

futuro. Forse, è per questo che l’imprenditore da solo non ce la può fare, perché un imprenditore è im-

RETELEADER 35


merso nella relazione col mercato piuttosto che con la comunità in cui opera. Al contrario il contadino, l’agricoltore

abitante della località, ha una capacità più estesa di ricomporre tutti gli elementi centrali nei percorsi

di sviluppo rurale e definire traiettorie appropriate di adeguamento di questi territori alle sollecitazioni

poste dal confronto con l’esterno.

Se il legame sociale è importante, è utile sottolineare, allora, che i sistemi sociali dei territori rurali hanno proseguito

in un processo di lento declino ed erosione (invecchiamento, spopolamento), favorito dal ridursi delle

risorse dello stato sociale, e a volte dall’innestarsi di tendenze di frammentazione sociale (con la diversificazione

delle condizioni sociali dei residenti e con l’ingresso di nuovi residenti, spesso di altra nazionalità).

Così, dopo la risposta individuale delle imprese alle possibilità offerte dai mercati, si sono succedute le risposte

individuali delle famiglie per quanto riguarda l’organizzazione delle strutture sociali, mediante il ricorso

alle collaboratrici domestiche (le cosiddette badanti), un nuovo ammortizzatore sociale dal futuro assai

incerto.

Di fatto, i percorsi di sviluppo rurale messi in atto e supportati fino ad oggi appaiono parziali e di corto respiro

perché fanno leva solo sul ruolo delle imprese nel cercare nuove opportunità di mercato e, al più, sul

ruolo dei soggetti pubblici di collaborare con le imprese in questo compito. Anche per questo motivo diviene

necessario pensare ad altri modelli di economia, più capaci, specie nelle aree rurali, a coniugare in qualche

modo economia e società, di porre alla base del loro obiettivo di cambiamento la costituzione di comunità attive

ed interpretative, capaci di sviluppare in modo pro-attivo e coeso azioni di lettura delle tensioni interne

ed esterne ai territori e di proporre soluzioni durevoli e coerenti con le risorse e la storia locale.

In accordo con la letteratura dello sviluppo, è utile riconoscere, allo stesso tempo, l’importanza di attrarre nuove

risorse dall’esterno, ma, allo stesso tempo, avere la capacità di mobilizzare e riorientare l’uso delle risorse

locali verso la capacità di soddisfare alcuni bisogni essenziali delle popolazioni locali e delle comunità, renderle

vitali e, anche per questo attraenti all’esterno. Buona parte delle storie di successo dello sviluppo rurale

sono quelle dove le comunità si ricompattano, sono in grado di generare nuovi valori, economici e di solidarietà,

insistere e fare leva su nuovi patti di civiltà capaci di collocare la vita locale in un orizzonte di maggiore

indipendenza e di responsabile autonomia rispetto a forme paternalistiche di intervento pubblico, ma, in una

piena ottica di consapevolezza dei legami di interdipendenza collaborativi che devono innestarsi tra territori

e comunità. Valori ed articolazioni, quelle richiamate, evidentemente diverse rispetto a meccanismi oramai

in crisi, di produzione e distribuzione di valore propri dei sistemi fordisti.

Partendo da questi concetti è utile introdurre il concetto di tradizione innovativa, quasi una provocazione, con

riferimento agli elementi alla base dell’essere contadino, un concetto che guarda alla capacità di rileggere vecchi

modi di fare in chiave attuale. La tradizione innovativa serve per ricomporre meccanismi di vita sociale

capaci di offrire risposte attuali ad alcuni gravi dilemmi della vita contemporanea che si legano a:

la creazione di ricchezza, avendo attenzione ad individuare e rigenerare/riconoscere le risorse materiali

ed immateriali messe a valore, anche quando legate a valori collettivi e pubblici;

la distribuzione della ricchezza, in forma nuova e, per certi versi complementare, rispetto alla logica dei

sistemi redistributivi pubblici e allo stato sociale propria del patto nazionale;

36 RETELEADER


l’attenzione nei confronti dell’uso delle risorse naturali, ai valori identitari che sono connessi ad esse, una

considerazione del contributo che le aree rurali, in questa ottica, possono fornire alla gestione energetica

ed ambientale dei sistemi locali.

In questa presentazione ci soffermeremo, seppure in modo necessariamente sintetico, soprattutto sui primi

due punti, mettendo a fuoco il tema dei servizi alla persona e la diffusione di principi di responsabilità da parte

delle attività agricole presenti nelle aree rurali.

I servizi alla persona entrano nel dibattito sullo sviluppo rurale perché, oltre ad assicurare reti di protezione

sociale, sono in grado di produrre relazionalità, specie quando, accanto alle reti formali ed istituzionali di

protezione sociale, si costruiscono reti informali, basate sul mutuo aiuto e sulla presa in carico da parte della

comunità di una parte dei bisogni essenziali presenti nei ceti più deboli e a più bassa contrattualità.

Tenuto conto che la nostra attenzione riguarda soprattutto le attività agricole focalizzeremo la nostra attenzione

sul tema dell’agricoltura sociale, ovvero della possibilità di valorizzare le risorse agricole a fini di servizio

e di inclusione sociale.

Dal punto di vista definitorio, l’agricoltura sociale è quell’attività che impiega le risorse dell’agricoltura e della

zootecnica, la presenza di piccoli gruppi, famigliari e non, che operano in realtà agricole, per promuovere

azioni terapeutiche, di riabilitazione, di inclusione sociale e lavorativa, di ricreazione, servizi utili per la vita

quotidiana e l’educazione.

Le aziende agricole, quindi, dispongono di risorse, oggi poco valorizzate, che possono essere rese disponibili

per la comunità locale al fine di accrescerne la capacità inclusiva ma, allo stesso tempo, riorganizzare le reti

di relazioni tra abitanti, indipendentemente dalla loro condizione lavorativa, dell’appartenenza ad un settore

produttivo, ad una condizione sociale. Le aziende agricole che scelgono di offrire servizi alla persona sono,

già oggi, numerose, in Italia e in Europa. La loro azione è svolta su base volontaria e con il riconoscimento

implicito ed informale (reputazione e riconoscimento di stato sociale, apprezzamento etico per l’offerta aziendale)

delle comunità locali ovvero formale ed esplicito (pagamento o compensazione dei servizi) da parte degli

Enti gestori dei servizi socio-assistenziali.

La scelta verso percorsi di agricoltura sociale pone l’azienda nella necessità di farsi carico dei bisogni che la comunità

ha, di riconnettersi con essa e di porre le basi per un migliore legame tra attività economica e socialità.

Allora cosa c’è di nuovo e perché oggi il tema dell’agricoltura sociale? Di nuovo non molto perché tradizionalmente

i contadini si sono fatti carico dei problemi sociali mediante l’organizzazione di reti di auto-mutuo

aiuto, facendosi carico dei problemi sociali delle famiglie, ma, spesso, anche dei vicini. D’innovativo c’è il

fatto di organizzare e valorizzare le risorse dell’agricoltura in modo professionale nella rete dei servizi sociali,

creando nuove collaborazioni e rapporti con gli Enti gestori dei servizi sul territorio e potenziare l’offerta

di servizi nelle aree rurali.

Come per altri temi dell’agricoltura multifunzionale, anche per l’agricoltura sociale l’innovazione sta nella capacità

di riorganizzare e rendere esplicite funzioni che l’agricoltura e i contadini hanno sempre avuto la capacità

di gestire. Oggi, parlare di agricoltura sociale è più semplice perché si lega al dibattito sulla multifunzionalità

e sulla necessità che le aziende hanno di diversificare la loro offerta, ma anche perché i temi della

RETELEADER 37


esponsabilità e della reputazione aziendale acquisiscono una nuova luce nel dibattito sullo sviluppo locale,

anche per gli agricoltori. Ma si discute d’agricoltura sociale anche per altri motivi perché:

i servizi socio-assistenziali vivono una crisi che è di risorse ma anche di efficacia dei sistemi fino ad oggi

adottati, una crisi che è tanto maggiore quanto più è difficile raggiungere adeguate economie di scala, come

nel caso delle aree rurali;

nelle aree rurali c’è una forte esigenza di innovazione pertinente, che riguarda l’organizzazione sociale

come la capacità di definire risposte adeguate ai bisogni specifici presenti;

l’offerta dei servizi può essere rivolta anche alle aree urbane ed ai suoi abitanti, facilitando un dialogo

che nel tempo è diventato logoro o inesistente.

Allora detto questo, entriamo nel tema dell’agricoltura sociale, partendo dal comprendere meglio cos’è. È utile

precisare subito che non c’è un’unità di visione al riguardo, anche perché, in gran parte si tratta di esperienze

che nascono spontaneamente sul territorio e in modo diverso le une dalle altre. In queste esperienze il tratto

comune è l’uso di risorse animali e vegetali a fini diversi da quello del consumo di cibo, al fine di costruire benessere

e nuove relazioni. Un animale o una pianta è in grado di capacitare le persone in difficoltà che sono

portate a provare le loro possibilità di fare e di agire nel rispetto degli esseri animali e vegetali di cui si prendono

cura ma senza essere da questi giudicati nelle loro capacità. Il processo produttivo e l’interazione con i

viventi è importante, sebbene non esaurisca le caratteristiche dell’agricoltura sociale. Essa, in moltissime esperienze,

fa anche leva sulla dimensione relazionale ed informale che l’operare in piccoli gruppi, in contesti non

istituzionali, è in grado di trasferire alle persone utenti dell’agricoltura sociale. Piccoli gruppi, famigliari e non,

piccole comunità che accolgono altri soggetti nella quotidianità della vita, assicurando delle routine di normalità

che facilitano la crescita di autostima e di apertura. Non sono un operatore sociale però ho letto che il rapporto

tra reti formali, istituzionali e reti informali, quelle che si vengono a creare proprio attraverso il collegamento

tra le imprese agricole, le attività agricole e le persone che hanno bisogno di azioni di riabilitazione

e cura, ha una potenza inclusiva, che la sola istituzionalizzazione dei servizi non può avere.

Partendo da queste semplici, ma distintive, risorse, le prestazioni dell’agricoltura sociale sono molto estese: si parla

di riabilitazione, di azioni terapeutiche o co-terapeutiche, di inclusione sociale e lavorativa, di educazione, di

servizi alla persona tutti rivolti a target molto diversificati di soggetti (persone con disabilità mentali, psichiatriche,

fisiche, minori in difficoltà, persone con dipendenza da droghe, detenuti ed ex detenuti in cerca di nuovo

inserimento sociale, ma anche anziani, minori e bambini che necessitano di nuovi servizi, giovani famiglie).

Noi stiamo gestendo per conto della Comunità Europea un progetto di ricerca denominato So Far “Social Farming”,

il cui sito lo vedete rappresentato e dove è possibile analizzare materiali e progetti che riguardano l’agricoltura

sociale in Europa, quindi chi volesse approfondire può trovare casi di studio ed altro

(http://sofar.unipi.it).

Ciò che è nuovo dell’agricoltura sociale ha sicuramente a che fare con molti elementi:

dal punto di vista tecnico, la possibilità di organizzare interventi e servizi collaborando con la natura. Un

fatto che, da solo, porta gli agricoltori di fronte ad uno spettro di portatori di interessi che è anche più ampio

rispetto al solo grossista o al solo acquirente di prodotti;

38 RETELEADER


dal punto di vista sociale, anche in termini di produzione di innovazione, rompe gli steccati; già solo il nome

“agricoltura sociale” coniuga due settori che tradizionalmente hanno vissuto in modo separato separate.

Il fatto di operare in modo congiunto rimescola completamente le carte in un processo di innovazione

che è innovazione sociale, ma anche di innovazione organizzativa;

dal punto di vista delle attitudini degli agricoltori coinvolti, quando parliamo di agricoltura sociale, ci riferiamo

alla responsabilità sociale di impresa, ci riferiamo a processi di innovazione proattiva del cambiamento.

La capacità di stare insieme e di dialogare con altri. Quando si discute d’agricoltura sociale i problemi

vengono dibattuti ed affrontati da molti soggetti, con punti di vista necessariamente diversi e nuovi:

dai responsabili locali della programmazione socio sanitaria, agli operatori sociali, i ricercatori che si

occupano di welfare, le organizzazioni professionali, le associazioni di produttori biologici, cioè un insieme

di persone che solitamente non erano abituate a parlarsi e che oggi invece si trovano a confrontarsi

per discutere soluzioni innovative per rispondere ai bisogni del territorio ai quali l’agricoltura può contribuire

attivamente. (figura 1)

Figura 1

Queste innovazioni generano cambiamenti inaspettati nelle ipotesi di politiche, e sul come riorganizzare gli

strumenti.

Volendo offrire un’idea dell’agricoltura sociale nel quadro europeo è necessario riflettere sulle molte differenze

e sulle numerose similitudini.

RETELEADER 39


La prima similitudine è che questo fenomeno è nato quasi ovunque negli anni ’70 per motivi diversi. In Italia

abbiamo avuto delle punte eccellenti di sperimentazione sull’uso dell’agricoltura a fini inclusivi dopo la

chiusura delle strutture manicomiali. Accanto a queste esperienze, ed a volte in loro connesione, a seguito di

processi di contro-urbanizzazione degli anni ’70, ancora oggi abbiamo delle comunità di persone attive che

stanno interpretando un modo diverso di stare nella società, nelle comunità locali, offrendo servizi. Progetti

e pratiche non sono sempre codificate e valutate con attenzione, che, nel tempo, si sono andate un poco perdendo,

se non nella pratica, nella consapevolezza dell’organizzazione dei servizi.

Un altro elemento che le caratterizza tutte è l’organizzazione e il forte impegno, il senso etico, che le ha

spinte e le ha portate ad entrare in un rapporto diretto altro con le comunità locali.

Paese N° % totale aziende

Olanda 700 0.7

Norvegia 500

Italy* 450 0.01

Austria 250

Germania* 170 0.03

Belgio 260 0.4

Irlanda 90 0.08

Slovenia 20 1200 >0.02

Un po’ di numeri per capire di cosa parliamo, anche se spesso quello che troviamo dietro i numeri sono

realtà diverse da un paese all’altro. Ad esempio il Belgio non considera il mondo della cooperazione sociale

dentro l’agricoltura sociale o esperienze che si avvicinano a quelle che noi classificheremmo come cooperative

sociali.

Nei nostri numeri c’è il mondo della cooperazione sociale che opera nel verde e nell’attività agricola, poi faremo

degli esempi su questo, il mio seminario nel workshop potrà aggiungere informazioni.

I dati vanno considerati con attenzione in un momento estremamente dinamico in cui si registra un trend di

rapidissima espansione del fenomeno, soprattutto nei paesi in cui l’intervento in agricoltura sociale ha chiari

campi di applicazione. Quindi l’Olanda in primo luogo, il Belgio sta crescendo moltissimo, sono paesi dove

l’agricoltore sa cos’è l’agricoltura sociale, ci sono delle norme che chiariscono il campo di azione – con tutti

gli svantaggi e i vantaggi, che questo comporta –. Ci sono alcune attività in essere a livello europeo attorno

all’agricoltura sociale, c’è una comunità di pratiche autonoma che si incontra all’incirca una volta ogni anno

(con buonissime probabilità la prossima opportunità sarà Pisa nel corso del 2009), c’è una Cost Action 866,

un’azione di cooperazione scientifica e tecnologica sull’argomento, intitolata Green Care, che opera per cercare

di promuovere la ricerca in questo specifico campo, c’è il progetto So Far, cui facevo riferimento, il cui

40 RETELEADER


compito è quello di offrire supporto alle politiche dell’Unione per sostenere l’agricoltura sociale in Europa. Ciò

che emerge da queste prime informazioni è il quadro di un cambiamento in atto che si basa su un consistente

numero di pratiche, destinate ad accrescersi per quantità e qualità con il diffondersi e l’approfondirsi

delle conoscenze sul tema.

Le differenze riguardano:

le strutture in cui si pratica l’agricoltura sociale. In alcuni casi si parla di Sheltered Workshop, più simili alle

nostre cooperative sociali di tipo A e di tipo B, strutture di servizio pubbliche, che fanno uso dell’agricoltura

a fini inclusivi, accanto a queste ci sono le aziende agricole e le cooperative agricole;

gli attori coinvolti: in alcuni casi prevalgono gli agricoltori, in altri il terzo settore, il volontariato, in altri

ancora, i soggetti pubblici;

le fasi in cui l’agricoltura sociale si trova nei singoli paesi dell’Unione: in alcuni casi siamo in uno stadio

pionieristico, in altri casi invece si è più vicini all’istituzionalizzazione;

gli obiettivi sono molto specifici da paese a paese: in alcuni prevale riabilitazione e in altri l’inclusione sociale;

l’organizzazione di sistema: in Italia noi abbiamo delle esperienze molto puntuali, cominciano a nascere

dei reticoli regionali, in altri paesi sono già strutturati sia reticoli regionali sia reticoli nazionali;

anche il sistema di regolazione è molto variegato e influenza quello che è il modo di operare dell’esperienza

di agricoltura sociale: da noi ad esempio abbiamo dei sistemi che si basano semplicemente sul volontariato

se rimaniamo nel sistema delle aziende agricole, nelle cooperative di tipo A e di tipo B, sappiamo

che il sistema di regolazione è quello previsto dal sistema socio-sanitario. Nel caso dell’Olanda che

forse è il paese in cui la normazione è andata più avanti, c’è un sistema di pagamenti diversi delle aziende

agricole e questo apre dibattiti e discussioni rispetto al tema dell’agricoltura sociale e su come è organizzato.

(figura 2)

Le similitudini riguardano il modo in cui le pratiche sono organizzate, i target a cui normalmente si fa riferimento,

e anche alcune difficoltà.

In particolare, una di queste è quella di validare i risultati che emergono dalle esperienze di agricoltura sociale.

Proprio sui sistemi di regolazione c’è un dibattito accesso in sede nazionale e comunitaria, in quanto in grado di

condizionare in profondità la natura delle pratiche. Ci sono, appunto, come nel caso olandese, aziende che sono

direttamente pagate dal sistema socio-sanitario, quindi vuol dire che le aziende agricole sono riconosciute non

dalle politiche agricole ma dalle politiche sociali per i servizi che erogano sul territorio. Ovviamente questo implica

una procedura di accreditamento della qualità, di standardizzazione dei servizi per i quali le strutture socio-sanitarie

sono responsabili. In altri casi prevalgono sistemi più caritatevoli, come quello irlandese; vi sono fondazioni

che gestiscono interventi o lavori su progetto, come il caso francese; vi sono strutture che si organizzano

di volta in volta perché c’è un finanziamento che gli consente la sopravvivenza, con tutte le opportunità e i

limiti di una struttura di questo genere. Poi c’è il caso, viceversa, della regione Fiamminga, in Belgio, dove le

aziende ricevono una compensazione attraverso le politiche agricole, non in funzione di uno specifico servizio reso,

quanto, piuttosto, per l’impegno che l’agricoltore si assume. Poi c’è il caso italiano che presenta delle specificità

proprie e dove il tema dell’agricoltura sociale si lega in modo intenso e dinamico con processi di creazione

RETELEADER 41


di valore che si fondano sulla reputazione, sull’accorciamento delle filiere e che, quindi, si riferiscono, ad un

consumo critico ed etico, ma su questo tema altre persone avranno modo di parlare e di approfondire.

Figura 2

Un aspetto su cui volevo porre la vostra attenzione, perché dibattuto in ambito europeo, è l’impatto che i diversi

sistemi esercitano sulla natura delle pratiche di agricoltura sociale. Ad esempio, il modello olandese, se

da una parte tutela i diritti degli utenti, dall’altra appare troppo standardizzato e professionalizzato, e rischia

di mettere in discussione i fondamenti etici e di volontarietà di questa azione, rispetto a quello che si registra,

invece, in Francia, in Italia o in Germania.

Nel progetto So Far abbiamo organizzato delle piattaforme di discussione, nazionali e comunitarie. Lavoriamo,

cioè, attraverso incontri, discussioni in ambiti nazionali e comunitari. In questi incontri sono stati analizzati

i punti di forza e di debolezza dell’agricoltura sociale, i vincoli e le opportunità che si troverà ad affrontare.

Quanto riportato, quindi, non rappresenta mie valutazioni, quanto il frutto di questo processo di discussione

ed elaborazione.

Sicuramente tra i punti di forza sono da evidenziare:

la pratica delle azioni, che è considerata capace di adattarsi alle esigenze dei singoli individui, e questa è

una novità per i sistemi di cura. In genere ci si trova di fronte a sistemi standardizzati, invece qui si parla

di adattamenti specifici;

la capacità di porre in essere nuove relazioni sulla dimensione territoriale;

42 RETELEADER


dal punto di vista imprenditoriale: gli imprenditori che entrano in questo settore spesso sono giovani e questo

non è di poco conto, visto i problemi di rinnovamento che l’agricoltura sconta, e poi hanno una capacità

dinamica fortissima;

le famiglie dei portatori di disabilità che molto spesso si rapportano a questo sistema in maniera estremamente

positiva. (figura 3)

Figura 3

Tra i punti debolezza bisogna ricordare:

le difficoltà di avvio delle nuove iniziative, spesso, anche in funzione dei sistemi locali, non si sa come partire,

soprattutto laddove le norme sono poco chiare, le procedure sono complesse, dove non si sa se bisogna

interagire con l’ASL piuttosto che con il Comune e così via. Un alto livello di incertezze nelle norme,

nei punti di vista condivisi rispetto al tema, finisce per generare difficoltà di avvio considerevoli;

a livello locale poi, ci possono essere problemi di pregiudizi e stigma nei confronti di chi ha instabilità e

questo non facilita le procedure.

I vincoli riconosciuti sono:

molto spesso sono quelli della burocrazia, della standardizzazione, del rischio di perdita di valori originali

col procedere della normazione, di creare competizione tra gli attori, tra il mondo della cooperazione sociale,

degli erogatori di servizi pubblici e i nuovi entranti, quindi tra gli stessi agricoltori e per le stesse pratiche

aziendali agricole. (figura 4)

RETELEADER 43


Figura 4

Per quanto riguarda le opportunità:

per il sistema locale, c’è attesa rispetto alla definizione di un quadro più chiaro;

dal punto di vista delle pratiche: gli stessi operatori sociali e sanitari vedono vantaggi considerevoli nell’impiego

dell’agricoltura sociale;

da parte di molti una leva sulla quale lavorare riguarda l’attivazione di più intense reti di rapporti tra i

portatori di interesse dell’agricoltura sociale;

in ultima analisi, viene riconosciuta l’utilità di valorizzare i prodotti ottenuti da processi e pratiche di agricoltura

sociale, differenziandoli e promuovendoli in modo opportuno.

Partendo da questi punti di vista si è avviata la discussione circa la necessità di costruire una visione europea

sull’agricoltura sociale, a partire da un processo di discussione e negoziazione tra gli operatori. In particolare

viene riconosciuto il fatto che l’agricoltura sociale richiede sforzi intensi, un investimento rilevante nella

fase di avvio. Per questo i portatori di queste iniziative hanno voglia, necessità, bisogno di essere riconosciuti.

In questa prospettiva richiedono che l’innovazione sociale sia stimolata e supportata, anche dalle politiche.

Ritengono necessario un investimento in termini di conoscenza e di ricerca, di chiare definizioni normative,

sebbene leggere e non di ostacolo all’innovazione, una esigenza sentita, anche al fine di interagire

in modo più attivo con le istituzioni. Altri punti discussi riguardano: la soglia che divide impegno volontario

e commercializzazione dei servizi; la necessità di avere una visione condivisa a livello nazionale e comunitario,

attivando processi dal basso e controllabili da parte degli operatori, mediante l’attivazione di network

44 RETELEADER


politici capaci di agire affermando la tematica, consolidandola e presidiandola, attraendo nuovi interessati e

favorendone, in definitiva, il consolidamento e l’affermazione su scala più ampia rispetto a quella attuale.

Per quanto riguarda quest’ultimo aspetto, come già evidenziato da Van der Ploeg, è oramai evidente che

l’innovazione nelle aree rurali non segua percorsi lineari e quanto, al contrario, richieda l’attivazione di una

grande quantità di risorse, umane ed organizzative in primo luogo.

Nel caso dell’agricoltura sociale il percorso d’innovazione emerge chiaramente se si opera, con una logica d’analisi

comparata, allo stato di evoluzione dei singoli Paesi dell’UE. Accanto a Stati membri in cui l’agricoltura

sociale rappresenta il carattere della novità introdotta in modo isolato da pochi soggetti, come in Irlanda

e Slovenia, si registrano altri dove si consolidano grappoli e nicchie di iniziative, dove si organizzano più processi

similari sebbene su scala locale, come nel caso della Francia, della Germania e dell’Italia, fino a Paesi

in cui si osserva la definizione di paradigmi e di nuovi regimi – con la formazione di nuove conoscenze e regole

– si registra in modo molto evidente, come in Belgio, Norvegia e Olanda. Il passaggio tra queste fasi è

stimolato e favorito dal formarsi di policy-network, il cui compito è, appunto, quello di far confluire persone

diverse, costruire comunità di persone, facilitare l’interazione, gli investimenti e quant’altro sia necessario per

promuovere innovazione. Innovazione che, nel caso dell’agricoltura sociale, è riconducibile al tema della tradizione

innovativa, e dove trovano una nuova traduzione quei valori di reciprocità e di scambio che erano

propri delle comunità agricole e che i contadini erano soliti gestire. Allora, forse, l’agricoltura sociale è il

campo in cui i nuovi contadini possono riappropriarsi di un rapporto più intimo con coloro che li circondano,

in modo innovativo e responsabile.

Un’ultima riflessione, consentitemela, riguarda i processi di innovazione sociale, il ruolo della ricerca e la

formazione delle politiche.

Il tema dell’agricoltura sociale, per se, al di là delle sue specificità e delle sue utilità anche pratica, rappresenta

un argomento che facilita delle riflessioni più generali, sul tema dello sviluppo, dell’innovazione, della

formazione e dell’uso delle politiche.

Per quanto riguarda il tema dello sviluppo, e di quello delle aree rurali in particolare, è evidente quanto sia

necessario adottare un lessico nuovo, capace di coniugare, meglio di quanto non sia avvenuto fino ad ora, il

tema della conservazione delle risorse naturali, dello sviluppo sociale ed umano, accanto alla capacità di generare

risorse economiche e, più in generale, opportunità, specie per le generazioni giovani di cui le campagne

hanno estremo bisogno. I percorsi d’adeguamento delle aree rurali, però, non si legano all’iniezione

di sole risorse dall’esterno – finanziarie, di conoscenze – di questi territori. Essi richiedono uno sforzo di

cambiamento di secondo ordine, trasformazionale, di rottura rispetto al progetto di modernizzazione fino

ad oggi intrapreso in agricoltura. Questo sforzo si basa su processi d’innovazione sociale, che si riferiscono

alla creazione di nuove strategie, idee, concetti, organizzazioni capaci di legare i bisogni sociali di qualsivoglia

natura e capaci di rafforzare ed ampliare il legame sociale. Per avviare percorsi di questa natura, riflessivi

rispetto alle identità alle culture, alle risorse ed agli obiettivi delle località, è indispensabile creare

nuova conoscenza attraverso percorsi iterativi e multicompetenti. In questa prospettiva i processi di innovazione

sociale rappresentano il frutto di un’azione collettiva capace di coinvolgere portatori di interesse mol-

RETELEADER 45


to diversificati in un processo di condivisione e arricchimento dei saperi comuni. In questo scenario, la ricerca

ha l’opportunità di legarsi meglio, oltre che alla comprensione, anche all’azione ed all’animazione di processi

di innovazione sociale, mediante la scelta di metodologie adeguate e con uno sguardo più attento alla

interazione multidisciplinare e multiattoriale.

Per quanto riguarda le politiche e la definizione di strumenti di intervento più coerenti con progetti di cambiamento

delle aree rurali, infine, appare sempre più chiara la necessità di legare la loro definizione allo stesso

processo di innovazione sociale, favorendo la creazione di luoghi ed arene di discussione capaci di recepire

lo sforzo di riflessione e di cambiamento messo in atto sul campo e progettare, di conseguenza, strumenti

e metodi di lavoro capaci di sostenere l’innovazione radicale e radicata di cui le aree rurali necessitano.

Su queste parole vorrei chiudere il mio intervento, non prima di avervi ringraziato per l’attenzione e per

l’interesse con il quale avete seguito la mia presentazione, spero soltanto di avere contribuito a gettare qualche

sasso nello stagno, non solo e non tanto per quanto riguarda un tema relativamente nuovo come è quello

dell’agricoltura sociale, quanto, piuttosto, per riflettere meglio su cosa vuole dire essere contadini oggi e

quanto bisogno ci sia oggi nei percorsi di sviluppo rurale di contadini capaci di essere attivi dal punto di vista

tecnico, quanto nel promuovere un rinascimento nelle comunità nelle quali operano.

46 RETELEADER


PROCESSI DI RESISTENZA IN AGRICOLTURA E RETI ALTERNATIVE

DI ADA CAVAZZANI

Premessa

Uno degli obiettivi che ci siamo proposti con l’incontro di questi due giorni riguarda l’opportunità di cominciare

a rendere visibili una serie di processi che stanno aprendo nuove prospettive al modo di intendere e praticare

l’attività agricola, ma che sono ancora poco riconosciuti a livello pubblico. Un esempio di questa scarsa

familiarità con i principi che ispirano le nuove forme di agricoltura, evocate dal titolo del Seminario “L’altra

agricoltura”, è stato offerto dal precedente intervento dell’Assessore all’Agricoltura della Regione Calabria,

che ha richiamato quelli che rimangono i tradizionali riferimenti culturali della classe politica: modernizzazione,

mercato e competitività internazionale. In effetti, il sistema agro-alimentare dominante si basa

proprio su questi elementi, che per l’agricoltore significano sottostare alle regole imposte dal mercato ed alle

conseguenti normative politiche, che operano principalmente a sostegno di quegli interessi che il sociologo

olandese Van der Ploeg definisce imperiali (Ploeg 2008).

Ma è anche dall’Olanda, dove l’agricoltura è stata più modernizzata, che arrivano le risposte degli agricoltori,

che si sono organizzati per ristabilire il controllo sul proprio lavoro, sull’accesso alle risorse produttive e

sulla collocazione dei prodotti. La riscoperta del modello contadino, già chiaramente illustrato nella relazione

di Van der Ploeg, consente di interpretare questa tendenza degli agricoltori a ridurre la dipendenza dal

mercato ed a configurare la gestione aziendale in funzione della sostenibilità economica.

D’altra parte, questo non significa re-inventare i contadini, ma semplicemente riconoscere la loro esistenza

(Pérez-Vitoria 2007). Alcuni di noi hanno avuto l’opportunità di essere testimoni di un incontro straordinario

come quello di Terra Madre 2006, organizzato a Torino, in parallelo al Salone del Gusto, da Carlo Petrini,

fondatore di Slow Food e sapiente organizzatore di grandi eventi, che ha dato finalmente ampia visibilità

ai contadini del mondo. Più di 5000 contadini hanno sfilato con le bandiere dei loro paesi nell’Oval Lingotto,

una struttura creata per i Giochi Olimpici Invernali ed hanno esposto i loro problemi, denunciando a chiare

lettere l’insopportabile effetto, a livello economico e sociale, del sistema agro-alimentare dominante. Ricordo

la visibile sorpresa dei rappresentanti delle istituzioni di fronte alla vitalità e lucidità dimostrata da

quei contadini. E in alcuni interventi di risposta, come quelli del Presidente della Repubblica Napolitano e del

Ministro dell’agricoltura De Castro, sono stati espressi buoni propositi di prestare attenzione ai problemi sollevati

e soprattutto di iniziare a ridefinire anche le politiche finora proposte.

La mia relazione intende approfondire alcuni di questi problemi e si articola intorno a due questioni:

Processi di resistenza in agricoltura

Reti alternative

RETELEADER 47


Processi di resistenza in agricoltura

È possibile interpretare in termini di “processi di resistenza” la permanenza di forme diversificate di gestione

dell’azienda agricola, che nel loro insieme si configurano come alternative al modello proposto nella fase

di modernizzazione dell’agricoltura.

Figura 1

Quest’ultima si è diffusa nei paesi europei dopo la fine della seconda guerra mondiale, attraverso l’adozione

di un orientamento aziendale produttivistico, l’intensificazione del processo produttivo, l’inserimento di tecnologie

sostitutive del lavoro e la trasformazione industriale dei prodotti. Per l’agricoltore “moderno” questo

ha significato un aumento della dipendenza dal complesso tecnologico e industriale, un faticoso adeguamento

al sistema di regolazione, una sostanziale espropriazione delle capacità gestionali ed una caduta tendenziale

del reddito agricolo complessivo per effetto dello squilibrio tra aumento dei costi e diminuzione dei

ricavi. Inoltre si è determinato lo sganciamento dell’agricoltura dal contesto locale, con la scomparsa dei sistemi

di relazione che la integravano a livello territoriale e la sua sostanziale riduzione alla fornitura di materie

prime per la trasformazione industriale dei prodotti. Le prospettive offerte agli agricoltori riguardavano

da un lato l’adeguamento al nuovo sistema oppure la loro scomparsa. Non si consideravano praticabili vie

alternative alla modernizzazione, assunta come tendenza definitiva e necessaria, mentre l’agricoltura contadina

appariva senza futuro.

Contrariamente a tali previsioni, sono diventati sempre più evidenti i limiti del modello di agricoltura industrializzata,

in termini di sostenibilità economica, sociale ed ambientale. Da parte degli agricoltori sono state

elaborate strategie di resistenza, particolarmente finalizzate a:

48 RETELEADER


aumentare il valore aggiunto a livello aziendale

assicurare nuove fonti di reddito

ridurre i costi di produzione.

Alcune di queste strategie saranno discusse nel corso dei workshops di questo seminario e riguardano in

particolare le iniziative che consentono di aumentare il valore aggiunto a livello aziendale, quali la vendita

diretta in azienda, la trasformazione dei prodotti in azienda, la fornitura ai gruppi di acquisto solidali, i

mercati contadini. Altrettanto spazio sarà dato alle attività che assicurano nuove fonti di reddito, come l’agricoltura

sociale, l’agriturismo, le fattorie didattiche, gli orti scolastici, che contribuiscono ad integrare le

tradizionali forme di pluriattività. Rientrano inoltre in queste strategie di resistenza le nuove forme di cooperazione

sociale per lo scambio di prodotti da impiegare nel processo produttivo, l’impiego di fertilizzanti

organici, sostitutivi di quelli chimico-industriali, la valorizzazione delle conoscenze tradizionali, che consentono

di ridurre i costi di produzione. Quindi tutta una serie di attività complesse che implicano conoscenze

tecniche, capacità organizzative, integrazione in un sistema di relazioni articolato a livello locale ed

esterno.

Queste diverse forme di resistenza sono coerentemente integrate nel modello di agricoltura contadina, che

viene oggi riscoperto per la sua capacità di assicurare non solo la sostenibilità economica dell’azienda, ma anche

quella sociale ed ambientale. Gli elementi essenziali di questa forma di agricoltura sono qui di seguito presentati

in modo sintetico.

Figura 2

L’agricoltura contadina si basa su attività finalizzate non solo alla produzione del reddito, ma anche alla riproduzione

delle risorse da impiegare nel processo produttivo. Questo implica non solo la riduzione della di-

RETELEADER 49


pendenza dal mercato per l’acquisizione dei fattori produttivi, ma anche una particolare attenzione a conservare

le basi naturali della produzione agricola. Gli elementi della natura viva (terra, acqua, piante, animali)

sono internalizzati nel processo produttivo, a differenza di quanto succede nell’agricoltura modernizzata,

che utilizza fattori prodotti chimicamente. Inoltre, vengono utilizzate tecnologie skill oriented, che presuppongono

la padronanza del mestiere e che incorporano le conoscenze tradizionali dei contadini. Ricordo

che durante un incontro organizzato da Francesco Di Iacovo con i componenti di un GAS pisano e con alcuni

dei suoi fornitori, questi ultimi avevano offerto diversi esempi di riferimento alle conoscenze dei vecchi contadini

del posto, per l’organizzazione della loro produzione biologica. Al tempo stesso avevano rilevato l’inadeguatezza

delle strutture di formazione tecnica, come gli istituti agrari ai quali si riferiva anche il nostro

assessore, che attualmente non mirano a trasmettere conoscenze locali, ma soltanto nozioni provenienti dall’esterno.

Tutto questo contribuisce a riportare i mezzi di produzione sotto il controllo dell’agricoltore, assicurando quella

che è la caratteristica principale del modello contadino: l’autonomia del produttore. Questa autonomia

non significa tuttavia operare in isolamento dal contesto sociale, dato che per il contadino la collaborazione

tra produttori è una regola fondamentale, a differenza di quanto stabilito per l’imprenditore moderno, orientato

principalmente a valorizzare le proprie capacità individuali. La cooperazione sociale implica la capacità

di stabilire relazioni con diversi soggetti, sia a livello locale che esterno, costruendo reti di scambio e collaborazione.

Arriviamo così al secondo tema che intendo presentare in questa relazione, le cosiddette “reti alternative”,

che da diversi anni hanno richiamato l’attenzione dei ricercatori a livello internazionale e più recentemente

anche nel nostro paese.

Reti alternative

La definizione di reti alternative è utilizzata per rappresentare le diverse forme di organizzazione che si basano

su principi contrapposti a quelli indotti dal mercato e che promuovono pratiche fondate sull’interrelazione

e lo scambio tra i soggetti aderenti (Mance 2003). Queste reti si sono in particolare sviluppate in relazione

alle nuove forme di produzione e di consumo alimentare, che si stanno diffondendo sia nei contesti

rurali sia in quelli urbani. Di tale questione si sono interessati soprattutto i sociologi rurali (Murdoch 2000,

Tovey 2002, Hendrickson M.K. and Heffernan W.D. 2002, Sage 2003, Goodman 2003, Morgan, Marsden and

Murdoch 2006), ma anche gli economisti agrari (Altieri 1987, Brunori 2007, Di Iacovo 2008), i geografi sociali

ed economici (Leyshon, Lee and Williams 2003, Kirwan 2004, Watts, Ilbery and Maye 2005, Holloway

et al. 2007), alimentando un ricco dibattito sulle reti alimentari alternative (Alternative Food Networks -

AFN). La ricerca europea ha analizzato le AFN sia in relazione ai comportamenti individuali e sociali, come

nel caso della ricerca nord-americana, sia alle nuove forme di agricoltura sostenibile ed alle politiche di sviluppo

rurale. Viene in particolare sottolineata l’integrazione delle reti alternative nel nuovo paradigma di

sviluppo rurale territorialmente fondato, la loro utilità ai fini della valorizzazione delle aree rurali ed il ruolo

di sostegno alle strategie di resistenza dei produttori agricoli.

Queste tematiche sono state approfondite negli ultimi anni dal gruppo di ricerca dell’Università della Calabria

50 RETELEADER


che, grazie anche ai contributi ricevuti dal MIUR e dalla Regione Calabria 1 , ha preso in esame diversi tipi di

reti promosse per sostenere le attività di produzione agricola, assicurare il consumo di beni alimentari di

qualità, praticare forme di scambio e cooperazione sociale, valorizzare i territori locali.

Figura 3

Tra le reti che riguardano specificamente il settore agricolo sono comprese diverse cooperative di produttori

biologici 2 , operanti a livello locale, ed associazioni che rappresentano gli interessi del settore biologico e dei

piccoli produttori, come AIAB, Foro Contadino, Semi Rurali.

Per le reti che operano a livello del consumo di beni alimentari, sono stati analizzati i casi esemplari del movimento

“Slow Food” e “Terra e Libertà/Critical Wine”, promossi da due persone lungimiranti come Carlo

Petrini e Luigi Veronelli. Inoltre è stata svolta un’indagine nazionale sui “Gruppi di acquisto solidali” (GAS),

che dalle regioni del centro-nord si stanno diffondendo anche nelle altre regioni (Sivini S. 2008).

Tra le reti che compongono la vasta area della cooperazione sociale e dell’economia solidale, mi riferisco da

un lato ai casi delle Reti di Economia Solidale, di cui ci parlerà fra poco Davide Biolghini. Inoltre, prendo in

considerazione la Rete dei Comuni Solidali (ReCoSol), che sta attuando una serie di progetti di cooperazione

allo sviluppo fondati sul diretto coinvolgimento delle comunità locali (Librizzi 2006) e che ha tenuto qui in

1 Tali contributi hanno riguardato il progetto di ricerca su “Reti sociali innovative per lo sviluppo rurale sostenibile” (PRIN 2004141424_001) ed il progetto

su “Innovazione sociale ed istituzionale per lo sviluppo rurale sostenibile” (L.R. 10/98 art. 37 quater). I ricercatori coinvolti in queste ricerche

sono Alessandra Corrado, Anna Elia, Pino Gaudio, Giordano Sivini, Silvia Sivini, Annamaria Vitale, che presenteranno altri risultati dei lavori nel corso di

questo Seminario.

2 Cooperativa Officinae Bio e Cooperativa sociale Nuova Agricoltura in Lazio, Cooperativa Agricola Cornale in Piemonte, Cooperativa Bio Kistl in Alto

Adige, Associazione Fratello Sole in Calabria.

RETELEADER 51


Calabria, a Riace, l’ultima Assemblea nazionale. Infine richiamo il ruolo innovativo della Rete del Nuovo Municipio,

che ha avviato un processo originale di partecipazione a livello delle amministrazioni locali, attraverso

la sperimentazione di forme di democrazia diretta ed autogoverno per la valorizzazione durevole delle risorse

sociali, ambientali e territoriali (Magnaghi 2000 e AA.VV. 2002).

Un primo elemento che conviene sottolineare, in relazione a questo insieme di reti, riguarda la loro diversità,

specificamente connessa con i relativi contesti di riferimento, che si contrappone alla sostanziale omologazione

dei modelli dominanti di organizzazione delle attività produttive, distributive ed amministrative. D’altra parte,

come vedremo più avanti, questa diversità si combina con il reciproco riconoscimento di una serie di principi

comuni, che si configura anche in una tendenziale interconnessione tra le diverse reti.

La diversità può essere analizzata attraverso diversi elementi, che riguardano:

origine

basi sociali

riferimenti culturali

obiettivi

rapporto con il mercato e lo stato.

Per quanto riguarda l’origine, possiamo distinguere le reti promosse socialmente, costituite cioè dall’iniziativa

di soggetti che condividono principi ed esperienze comuni, da quelle promosse istituzionalmente, come

i partenariati che stanno alla base della gran parte dei progetti che vengono finanziati dagli enti pubblici e

che sono ben esemplificati dai Gruppi di Azione Locale (GAL) costituiti nell’ambito dell’Iniziativa Comunitaria

LEADER 3 . Il partenariato, infatti, viene costruito sulla base del principio di intermediazione tra i diversi interessi

e di collaborazione per obiettivi condivisi, non necessariamente comuni.

Particolarmente significativa è la combinazione delle diverse basi sociali, che alimentano le reti.

Per quanto riguarda le reti agricole, si ritrovano almeno tre tipi di produttori. (figura 4)

In primo luogo gli agricoltori convenzionali in crisi, sia per effetto dello squilibrio tra aumento continuo dei

costi e riduzione dei ricavi (lo squeeze di cui ha parlato Van der Ploeg), sia per la difficoltà ad adeguarsi ai

modelli di competitività imposti dal complesso agro-industriale ed alle regole stabilite dallo stato. Alcuni di

questi agricoltori manifestano inoltre una crescente attenzione per gli effetti devastanti dell’impiego di agenti

chimici (fertilizzanti, diserbanti) per la salute dei consumatori e per l’ambiente.

Inoltre ci sono i piccoli agricoltori che, nonostante la continua diminuzione delle aziende, dimostrano che i contadini

non sono scomparsi. L’ultima indagine dell’Istat sulle strutture e le produzioni agricole, svolta nel 2006,

segnala che le aziende sotto i due ettari costituiscono la metà delle aziende in Italia (su 1.700.000 aziende,

più di 800.000).

Infine, troviamo i nuovi agricoltori, un fenomeno in aumento, che riguarda persone provenienti da altri settori,

come insegnanti, impiegati, operai, che considerano l’attività in agricoltura più interessante e gratificante

di quella precedente, anche per lo specifico rapporto con la natura.

3 Per un approfondimento sui GAL vedi i diversi contributi presentati in Cavazzani A., Gaudio G., Sivini S., a cura di (2006).

52 RETELEADER


Figura 4

Una categoria particolare comprende i pensionati che, grazie all’aumento dell’età media, riescono a trasferire

in agricoltura le loro competenze ed energie, promuovendo anche forme innovative di valorizzazione

delle risorse locali 4 . Infine ci sono i giovani che, anche per la difficoltà di trovare occupazione in altri settori,

guardano con crescente interesse alle prospettive offerte dall’agricoltura. Proprio di questo ha parlato

anche l’assessore regionale dell’agricoltura, ricordando che in Calabria non hanno potuto accogliere tutti i

giovani che hanno chiesto di entrare in agricoltura.

Per quanto riguarda le reti dei consumatori e le altre reti, le basi sociali comprendono diverse categorie del

ceto medio (impiegati, insegnanti, liberi professionisti), ma anche operai e gruppi sociali eccedenti (precari,

disoccupati), accomunati dalla ricerca di pratiche di consumo consapevole e di cooperazione solidale.

Questi diversi soggetti assumono per le loro pratiche una serie di riferimenti culturali che si differenziano

sostanzialmente da quelli diffusi nella fase di industrializzazione post-bellica e che continuano ad orientare

le società guidate dai valori del mercato. (figura 5)

Da un lato si osserva la crescente consapevolezza per l’insostenibilità della modernizzazione, riferita tanto

alla produzione ed al consumo dei beni alimentari, quanto agli effetti devastanti per l’ambiente. In contrapposizione

ai modelli dominanti, sono adottati nuovi riferimenti, che si esprimono in termini di economia

solidale (Laville 1998) o altra economia (Latouche 2004) e che promuovono l’adozione di pratiche sostenibili,

finalizzate non solo alla produzione ma anche alla riproduzione delle risorse produttive, che nel caso dell’agricoltura

riguardano i fattori naturali, come la terra, l’acqua e l’aria.

4 Vedi il ruolo di una pensionata per la valorizzazione della tradizionale coltura dello zafferano in Toscana (Sonnino 2007).

RETELEADER 53


Figura 5

La sostenibilità è altresì intesa nel senso di ridurre il grado di mercificazione e di incorporamento nel sistema

tecnologico, attraverso il rafforzamento dei circuiti non commerciali per la ri-generazione delle risorse

produttive. Nella stessa direzione vanno le forme di consumo responsabile, assunte come riferimento dalle

diverse reti, in alternativa ai modelli proposti dai principi di regolazione del mercato. Tale cambiamento, originato

dal riconoscimento che le pratiche di consumo convenzionali contribuiscono a sostenere modelli di

produzione insostenibili ed iniqui, è finalizzato alla ricerca di beni prodotti in condizioni sociali ed ambientali

sostenibili. Complessivamente, le pratiche delle reti agro-alimentari alternative sono sostenute da valori quali

il rispetto della natura, la solidarietà e l’equità, che contribuiscono a diffondere un discorso innovativo basato

su principi scomparsi nelle società costruite in funzione della crescita economica, della competitività e del

profitto.

Se da un lato esiste questa differenziazione, d’altra parte ci sembra di rilevare alcuni elementi comuni che

caratterizzano questa galassia di reti che si muovono intorno alle questioni della produzione e del consumo

del cibo. (figura 6)

Un principio comune sia alle reti di produttori che a quelle di consumatori riguarda il concetto di autonomia.

Per i produttori agricoli questo significa ristabilire le condizioni di controllo sulla gestione della propria attività,

sostanzialmente espropriate dal sistema regolato dalle forze del mercato. L’autonomia decisionale consente

di valorizzare nuove capacità tecniche ed economiche. Le pratiche agricole fondate sul principio dell’autonomia

si configurano come riscoperta del modello di produzione contadino, che si caratterizza per il basso

grado di mercificazione, oltre che per l’utilizzazione di circuiti non mercantili per la mobilitazione e riproduzione

delle risorse, attraverso forme di scambio socialmente controllate a livello locale.

54 RETELEADER


Figura 6

Tale autonomia non implica isolamento, in quanto si basa sulla collaborazione del produttore agricolo con diverse

figure sociali a livello locale (Bovè, Dufour 2000).

Per i consumatori consapevoli il principio di autonomia riguarda la ricerca di soluzioni alternative all’acquisto

di prodotti alimentari offerti del mercato convenzionale. Le diverse forme che si stanno diffondendo, dai

farmers markets, agli acquisti diretti presso i produttori, ai gruppi di acquisto solidali (GAS), stanno ad indicare

la necessità di assicurare un controllo sui prodotti acquistati, attraverso la conoscenza diretta dei produttori.

Presuppongono altresì lo sviluppo di capacità organizzative, fondate sulle relazioni sociali, che contrappongono

alla nozione del consumatore come cliente individuale quella del gruppo collettivo. Rappresentano

una risposta alle logiche del sistema agro-industriale dominante ed ai problemi che ne derivano per

la sicurezza alimentare. Le preoccupazioni derivanti dalla contaminazione dei prodotti alimentari, conseguente

all’ampio uso di sostanze chimiche e di tecniche produttive inquinanti, che caratterizza il modello di

produzione agricola industriale, non sono evidentemente fugate dai sistemi di controllo messi in atto dalle imprese

agro-alimentari e dai poteri pubblici. Ben diverse sono le soluzioni indicate dalle esperienze dei consumatori

organizzati nei gruppi di acquisto, che ricercano un diretto rapporto con i produttori.

Altrettanto condiviso appare il principio di co-produzione, che viene utilizzato per definire sia il rapporto degli

agricoltori con le risorse naturali, sia quello dei consumatori con i produttori.

Per gli agricoltori, tale principio si riferisce alla specifica interazione tra produzione e natura, tra uomo e

materia, ed implica la mutua trasformazione di entrambi gli elementi nell’attività produttiva. La combinazione

dei due elementi è determinata dalla capacità sociale di usare e modificare la natura, attraverso un processo

lavorativo che utilizza tecniche appropriate e particolari strumenti. Il concetto di co-produzione, integra-

RETELEADER 55


to con quello di co-evoluzione, costituisce uno degli elementi centrali per l’interpretazione della specificità del

modo di produrre contadino, elaborata da Van der Ploeg attraverso una ricostruzione analitica del processo

di conversione delle risorse (Ploeg 2006).

Per i consumatori, il principio di co-produzione si traduce nella consapevolezza del rapporto che lega le pratiche

di consumo con le condizioni dei produttori. Sostenuto con particolare chiarezza dai movimenti animati

da Luigi Veronelli e da Carlo Petrini, si è progressivamente diffuso all’interno di varie altre associazioni ed

organizzazioni.

“Ma consumare non è altro dal produrre... Le scelte e le modalità del consumo, in particolare quelle che intendiamo

concorrere a creare, costituiscono un circuito di coproduzione che le legano indissolubilmente alla

produzione” (AA.VV. 2004).

Queste affermazioni, contenute nella presentazione dei principi fondamentali della rete “Terra e Libertà/Critical

Wine”, sottolineano altresì la necessità di coniugare l’affermazione dei principi con l’attuazione

di pratiche di consumo alternative.

In direzioni simili si articola il discorso di Carlo Petrini, fondatore del movimento Slow Food:

“Il consumo è l’atto finale del processo produttivo e di filiera: va visto come tale, non più estraneo al processo...

Il vecchio consumatore, oggi nuovo gastronomo, deve iniziare a sentirsi come un coproduttore” (Petrini

2005).

Anche in questo caso l’affermazione del principio viene strettamente collegata con il piano delle azioni. Particolarmente

interessante è l’interpretazione del concetto di co-produttore elaborata da una particolare categoria

di consumatori di prodotti alimentari, i cuochi aderenti al movimento di Slow-food. Nel corso degli incontri

organizzati nell’ambito di Terra Madre, dallo scambio di esperienze tra cuochi provenienti dai diversi

continenti, è emersa una comune tendenza a stabilire rapporti diretti di acquisto presso i produttori locali, come

condizione per assicurare la qualità della ristorazione e come strumento di sostegno all’agricoltura contadina.

Tra i principi comuni troviamo inoltre la condivisione delle esperienze e lo scambio di saperi che contribuiscono

a sostenere i percorsi innovativi degli aderenti alle reti. Un ruolo importante in questo campo è svolto dai contadini

anziani, depositari delle conoscenze tradizionali che vengono riscoperte dai nuovi produttori. Il riferimento

al patrimonio di conoscenze conservato a livello locale costituisce uno degli elementi essenziali per

quelle attività che, come nel caso dell’agricoltura biologica, implicano una sostanziale modifica delle tecniche

produttive convenzionali. Alla modernizzazione standardizzata dell’agricoltura industriale, che assume come

arretrati i metodi di gestione tradizionali, si contrappongono diverse forme di organizzazione produttiva sostenibile,

direttamente ancorate ai sistemi locali.

Infine, all’iniziativa del singolo imprenditore, chiamato ad adeguarsi ai principi della modernizzazione, si

sostituisce l’attitudine ad operare secondo le regole della cooperazione sociale, che costituisce il principio fondamentale

della razionalità contadina. In questa direzione si articola l’elaborazione teorica dei sociologi rurali,

che interpretano le pratiche sociali non come sommatoria di progetti individuali, autonomamente elaborati

e riprodotti, ma come risultato di una stretta integrazione con i progetti di altri soggetti sociali.

56 RETELEADER


Un primo ambito di riferimento è dato dal contesto locale e si manifesta attraverso diverse forme di cooperazione

economica tra i produttori. Altri ambiti riguardano i rapporti con i settori esterni, per l’acquisizione

dei fattori produttivi e per la collocazione dei prodotti. Attraverso la connessione con diversi progetti, si elaborano

le risposte attive degli agricoltori.

Il principio della cooperazione sociale è altresì condiviso dalle reti che compongono la vasta area delle economie

solidali (Razeto 2004). Queste comprendono, nel caso italiano, le organizzazioni del mercato equo e

solidale, la banca etica, la rete Lilliput, la rete del Nuovo Municipio, la rete dei Comuni Solidali, le reti di Economia

Solidale, i Gruppi di Acquisto Solidale (GAS). In particolare, per quanto riguarda i GAS, la ricostruzione

di un rapporto diretto tra consumatori e produttori si basa sulla riattivazione dei sistemi di relazione sociale,

distrutti dalle pratiche indotte dalle lunghe catene di distribuzione e commercializzazione. I prodotti vengono

acquistati non solo in base ai tradizionali elementi di prezzo e qualità, ma anche alla conoscenza del

contesto sociale ed ambientale da cui hanno origine, dei metodi di conservazione, dei sistemi di trasporto.

La condivisione di tali principi facilita un processo di tendenziale connessione tra le diverse reti, che si manifesta

sia in una prospettiva di integrazione internazionale sia a livello nazionale.

Innanzitutto si osserva una crescente integrazione tra le reti del Nord e del Sud del mondo, che si riconoscono

in un comune interesse per la difesa dell’agricoltura contadina. Si tratta di processi divenuti visibili nel corso

degli ultimi anni.

Figura 7

Un caso paradigmatico è rappresentato dal percorso della principale rete di movimenti contadini, La Via Campesina

che, originata dalle lotte del Movimento Sem Terra (MST), si è diffusa inizialmente nei paesi del Sud

RETELEADER 57


America e successivamente ha visto crescere le adesioni da parte di organizzazioni attive a livello regionale

o nazionale nei diversi continenti.

In Europa si stanno consolidando i rapporti tra diversi movimenti, che si riconoscono nelle strategie della

Confédération Paysanne Européenne (CPE) e negli scambi tra reti regionali, come il Réseau Sémences Paysannes,

Seed Savers Exchange, Semi rurali, che intervengono per salvaguardare le sementi locali.

In Africa si è costituito il ROPPA, una rete di organizzazioni contadine che si richiamano ai principi della sovranità

alimentare e della difesa dei piccoli produttori. Questa rete è appoggiata da diverse organizzazioni

autonome a livello internazionale, che promuovono campagne di sostegno ed azioni comuni, come l’iniziativa

EuropAfrica, coordinata in Italia dalla Ong Terra Nuova.

Negli Stati Uniti si è sviluppata una forma originale di difesa dei piccoli agricoltori locali, espressa nella Community

Supported Agriculture (CSA) e si sono sperimentati con successo i Farmers Markets, che si stanno

diffondendo nei diversi paesi.

Sempre a livello delle connessioni internazionali, si stanno manifestando processi di integrazione tra movimenti

inizialmente separati, per l’oggettiva convergenza delle specifiche tematiche originariamente elaborate.

Dai temi legati alla qualità del cibo, introdotti dal movimento Slow Food, si sviluppa un percorso di connessione

con le questioni relative alla difesa dell’agricoltura sostenibile, assicurata dai piccoli produttori, alla

biodiversità, alla salvaguardia dell’ambiente.

Le reti agro-alimentari sono inoltre connesse con altre reti, che operano in campi diversi, ma che hanno assunto

le tematiche dell’agricoltura contadina e del consumo alimentare all’interno delle loro strategie.

Figura 8

58 RETELEADER


Particolarmente interessanti sono le iniziative promosse per il consolidamento delle diverse esperienze di integrazione

tra le reti che operano a livello locale, attraverso i distretti di economia solidale (DES). Proposti

nel quadro delle strategie di connessione tra i soggetti attivi della Rete di Economia Solidale e della Rete del

Nuovo Municipio, si configurano come laboratori di sperimentazione civica, economica e sociale. Intendono

in particolare contrastare gli effetti disgregativi indotti a livello territoriale dalle dinamiche dell’economia di

mercato, attraverso la valorizzazione delle risorse locali (conoscenze, saperi tradizionali, peculiarità ambientali,

ricchezze sociali e relazionali) e la sostenibilità sociale ed ecologica delle attività economiche.

Un altro tipo di connessione riguarda i progetti di scambio ed interrelazione tra reti operanti su tematiche comuni,

in una prospettiva di cooperazione inter-locale. In questa direzione si stanno sviluppando iniziative

tra soggetti attivi in territori diversi, che contribuiscono a rafforzarsi sia attraverso la conoscenza delle reciproche

esperienze sia con progetti comuni. Gli scambi di informazione tra i diversi territori ed i rapporti di cooperazione

transnazionale, quali quelli promossi dall’iniziativa LEADER, sono stati interpretati come elemento

essenziale per la determinazione di un nuovo sistema di riferimento per lo sviluppo territoriale.

Questi processi di connessione sono facilitati dall’esistenza delle reti telematiche e dallo sviluppo di internet

che consentono di attivare relazioni dirette a livello extra-locale e di diffondere materiali ed informazioni sulle

iniziative promosse dalle diverse organizzazioni.

Va inoltre ricordato che anche le ricerche scientifiche, nei diversi campi di sociologia rurale, economia agraria,

antropologia sociale, geografia economica, si stanno orientando recentemente su tematiche come agricoltura

contadina, sovranità alimentare, biodiversità, risorse ambientali e beni comuni.

Conclusioni

Per concludere, penso che convenga richiamare brevemente la questione del cambiamento delle politiche, che

vanno orientate a sostenere i processi innovativi di produzione e distribuzione alimentare introdotti dalle reti

alternative. Tale cambiamento implica, per le politiche agrarie nazionali e sovra-nazionali, una rottura con

la logica di subordinazione agli interessi del complesso agro-industriale ed un rafforzamento delle misure di

sostegno allo sviluppo rurale.

Ma è soprattutto a livello regionale e locale che il cambiamento delle politiche si può collegare con le iniziative

delle reti. Specifiche proposte sono state avanzate per il sostegno all’agricoltura contadina ed ai produttori

biologici, che riguardano in particolare nuovi sistemi di commercializzazione dei prodotti, quali i mercati

contadini, le vendite dirette, gli accordi preventivi per l’acquisto dei prodotti, le forniture a mense scolastiche

ed a ristoratori. Anche sul piano normativo, le reti hanno introdotto proposte innovative per assicurare

la garanzia di qualità e svincolare i produttori dalle onerose e burocratiche procedure di certificazione

convenzionali. Si tratta di protocolli di auto-certificazione, praticati dai produttori aderenti a cooperative sociali,

di disciplinari condivisi a livello associativo, quali il contrassegno “slow food” per i produttori aderenti

ai presidi, e di procedure per il riconoscimento dell’origine dei prodotti, quali le “denominazioni comunali”

proposte da “Terra e Libertà/Critical Wine”.

Si apre qui uno spazio per gli amministratori locali che possono dimostrare la loro capacità di operare in una

RETELEADER 59


direzione diversa da quella dominante. Si stanno verificando a questo riguardo significative iniziative in diverse

regioni, come l’apertura dei mercati contadini o l’utilizzazione dei prodotti locali nelle mense scolastiche.

Gradualmente questa sperimentazione locale potrà essere estesa su scala più vasta, come dimostra anche

il recente decreto del Ministero dell’Agricoltura che promuove l’apertura dei mercati contadini.

Infine, desidero richiamare una questione relativa alla governance, che qualche anno addietro abbiamo approfondito

proprio in questa sede (Cavazzani, Gaudio, Sivini 2006).

Partendo dalla conclusione di un gruppo di esperti impegnati in un progetto europeo, che avevano rilevato

la necessità di prevedere un sostegno diretto alle iniziative indipendenti (Dichiarazione di Budapest 2002),

si tratta di procedere nella direzione di riconoscere che il principio bottom up si deve applicare anche alle

normative. Le proposte formulate a questo riguardo dalle reti agro-alimentari vanno quindi prese in seria considerazione

e non ostacolate. Assumendo al centro dello sviluppo rurale le pratiche indicate da queste reti alternative

al sistema convenzionale, si avranno effetti benefici per la sicurezza alimentare, ma anche per la

salvaguardia dell’ambiente e lo sviluppo territoriale.

60 RETELEADER


RETI DI ECONOMIA SOLIDALE:

SITUAZIONE ATTUALE E PROSPETTIVE FUTURE

DI DAVIDE BIOLGHINI

Ringrazio innanzitutto chi mi ha invitato e dico subito che sono un esponente concreto di quanto Van der

Ploeg diceva all’inizio riguardo le ricadute sul terreno delle relazioni sociali connesse alla differenziazione e

alla pluriattività. Come consumatore responsabile, sono entrato in relazione con una delle aziende citate e tramite

questo rapporto mi sono reso conto di cosa significhi nuovi contadini, nuova agricoltura, rinnovamento

dell’agricoltura e per alcuni versi sono espressione di questa differenziazione anche sul terreno disciplinare.

Io sono, lo dicevo anche a Francesco Di Iacovo, nuovo rispetto a questo cenacolo. Dal punto di vista disciplinare

sono un fisico cibernetico che fa ricerca sulle reti da un punto di vista anche della teoria tra le varie reti.

Però sono tutti elementi che ho ritrovato negli interventi e nelle ricerche che sono state illustrate. Un’ultima

osservazione rispetto alle precedenti relazioni: i risultati illustrati nel precedente intervento sono stati ottenuti

anche nelle nostre ricerche più empiriche, più primitive, all’interno del contesto in cui sono state realizzate,

che è quello delle Economie solidali.

Il contesto in cui abbiamo svolto la nostra ricerca, l’ambito in cui abbiamo potuto condurre le osservazioni ha

prodotto un lavoro che già di per sé ha permesso di ampliare il rapporto e il confronto con gruppi disciplinari

e interdisciplinari. Si tratta di un progetto di ricerca e di sperimentazione che si chiama “Nuovi stili di vita”

iniziato nel 2004, con l’obiettivo di verificare quali sono le condizioni, i metodi, gli strumenti, le politiche

pubbliche che possono facilitare lo sviluppo di Reti di Economie solidale.

L’Economia Solidale è il settore dell’economia che si è sviluppato soprattutto a partire dagli anni ’80 in rapporto

con il commercio Equo-Solidale, con la finanza etica, con il consumo critico (i gruppi di acquisto solidale), con

il cosiddetto turismo responsabile. Tutte esperienze che sono sicuramente in rete “verticale” e che noi, tramite

un progetto che si chiama Distretti di Economie solidale vogliamo mettere in rete anche a livello “orizzontale”.

L’ambito territoriale in cui si è sviluppato il nostro Progetto è la Lombardia. I partners promotori sono:

Banca Popolare Etica; MAC 2, che è una cooperativa che si occupa di microcredito; CASH, che si occupa di assicurazione

etica; Rete del Nuovo Municipio; una struttura di agenzia di sviluppo della provincia di Milano che

si chiama Milano-Metropoli e noi come partner di ricerca, cooperazione e tecnologia. Oltre a questi primepartners

ci sono una serie di altri partners di rete: Reti locali di economia solidale e pubbliche amministrazioni,

come la Provincia, fino ad alcuni comuni caratterizzati dal fatto che appartengono alla Rete del Nuovo Municipio.

Lo sviluppo del progetto è abbastanza tradizionale. Il tentativo era quello di individuare dei modelli che

potessero essere condivisi da questi soggetti per quanto riguarda la costruzione delle proprie reti, i servizi di

supporto, i processi di trasformazione del territorio in cui intervengono tramite l’individuazione anche di indicatori

di qualità della vita, di benessere. Qualità, quindi, non legata al prodotto interno lordo.

Poi abbiamo fatto un’interessante esperienza di formazione, li abbiamo chiamati animatori di reti di economia

socio-solidale perché abbiamo compreso che questi processi legati alle interconnessioni che prima sono

RETELEADER 61


state citate richiedono presidio, capacità di far tesoro dell’esperienza, crescita di competenze specifiche e riteniamo

che questa figura, interna a queste reti (abbiamo formato non degli esperti esterni che riflettono sulle

reti, ma un membro delle reti esistenti affinché potessero gestire meglio le relazioni e i servizi necessari

per far crescere queste stesse reti); e poi c’è stato un lungo periodo di sperimentazione sulle ipotesi emerse

nella fase precedente di analisi, indagine e di ricerca-azione. Cosa fanno in genere questi distretti locali di economia

solidale? Si costruiscono dal basso con processi bottom-up attorno a principi condivisi, a valori. Il secondo

passo è quasi sempre quello di mappare tutte le reti esistenti sul proprio territorio che possono far riferimento

a progetti come quello del distretto di economia solidale. Viene estesa una carta dei criteri e dei

principi e poi si da vita alla prima iniziativa comune che cerca di render visibile il progetto e rafforzare le relazioni

di rete tra i soggetti partecipanti, metterli direttamente in contatto con i consumatori: la fiera. Un

esempio di fiera dell’economia solidale è “Terra Futura” a Firenze, diventata molto importante e ragguardevole

anche rapportata al numero di partecipanti. Se ne fanno altre anche a livello locale.

Poi cominciano i problemi perché dopo aver fatto questi passi il distretto si misura con le altre reti per il processo

che prima è stato descritto di allargamento, di relazioni, interconnessioni, si misura con le pubbliche amministrazioni.

I primi passi nelle esperienze: in questo libro 5 definisco una trentina di questi progetti a livello

nazionale, dal trentino fino alla Sicilia (tutti processi che nascono dal basso senza il rapporto con gli Enti

Pubblici salvo alcune esperienze), di cui la più importante è quella della Città dell’altra economia di Roma che

nasce da un progetto del Comune, e, rispetto alla classificazione che è stata fatta anche prima, è uno dei pochissimi

progetti di questo tipo all’interno di un contesto che nasce direttamente dall’alto in rapporto con la

pubblica Amministrazione. Però, la caratteristica più importante di questi interventi è il tentativo di cambiare

i flussi economici, le relazioni economiche tra produttori e consumatori a partire da alcune tipologie di

progetto. Esse sono, da un lato le filiere corte e quindi il rendere la filiera rispetto ai territori d’intervento la

più corta possibile dal punto di vista sia delle distanze messe in gioco ma anche degli attori che vengono

coinvolti; poi ci sono progetti di sensibilizzazione dei consumatori, il più importante dei quali è stato fatto a

Venezia e si chiamava “cambieresti”, promosso dal Comune di Venezia. Ci sono state anche tante altre iniziative

in altri territori: i mercati contadini, i mercati solidali, i piccoli mercati territoriali e poi ci sono altre

esperienze che tendono a declinare nel filo diretto tra produttori e consumatori con iniziative specifiche. C’è

un’ultima colonna che è quella dei fatti pubblici; perché? (figura 1)

Perché una delle ipotesi su cui si misura l’intervento di questi distretti (adesso io ne parlo sia come ricercatore,

ma anche come partecipante appassionato) è quello di creare zone di economia liberata, alternativa,

rispetto a quella dominante che naturalmente sul piano territoriale fa i conti con altre iniziative dello stesso

segno. Prima sono stati citati i movimenti per i beni comuni, quindi con altri spazi pubblici. Pertanto, una

delle scommesse su cui si gioca il futuro è a mio parere, la capacità di condividere questi spazi pubblici con

gli altri attori che hanno a cuore il futuro sostenibile dei propri territori.

5 Biolghini D., Il popolo dell’economia solidale. Alla ricerca di un’altra economia, EMI, 2007.

62 RETELEADER


Figura 1 - Fasi/modelli dell’intervento dei DES lombardi

Io li chiamo i “sistemi territoriali socialmente responsabili” perché li ritengo uno dei modi per articolare sul

piano territoriale le cose che sono state dette riguardo le Fattorie Sociali fino a tutti gli altri elementi che esistono

nei singoli territori e che si propongono di cambiare in senso responsabile il proprio territorio. Uno degli

obbiettivi è appunto quello di mettere in rete queste esperienze, altrimenti ognuna con maggiore fatica

cerca di rendersi autorevole e visibile e non valorizza esperienze analoghe e soprattutto non inaugura, così,

circuiti virtuosi che sono quelli che poi riescono realmente a creare connessioni per la trasformazione dei singoli

territori. Questo è un tentativo in corso. Naturalmente bisogna mettere insieme sia le iniziative promosse

dai distretti, sia quelle di altri attori locali, sia naturalmente quelle virtuose delle pubbliche amministrazioni.

Quali sono le ipotesi che sono emerse? Le ipotesi che sono emerse da questo progetto sono:

La formazione di operatori di rete deve riguardare anche la pubblica amministrazione, che si occupa di

Governance (parola forse ambigua) e del coordinamento di tutti gli attori, non soltanto gli stakeholders ma

anche i rightholders, ossia i portatori di diritti, esistenti sui singoli territori. Bisogna che la pubblica amministrazione

nel nostro paese sia in grado di formare figure che siano in grado di gestire questi processi.

Necessità di interventi specifici di sensibilizzazione dei cittadini al consumo responsabile. Non possiamo

mettere in rete solo i produttori, è necessario che rispetto a questo processo ci sia anche una qualificazione

della domanda, sia perché questo permette, tramite processi aggregativi, di rendere l’offerta autonoma

capace di auto-sostenersi e di non dipendere dai vari complessi industriali e finanziari, ma anche perché

RETELEADER 63


la qualificazione della domanda permette di qualificare l’offerta. Noi ci siamo confrontati con l’economia

Sociale proprio su questo tema. L’economia sociale dice: “Noi produciamo queste cose e adesso dobbiamo

vendere”. Noi abbiamo detto: “No, non si può fare questo tipo di proposta tradizionale, importante

è capire quali sono i bisogni soggiacenti e reali dei consumatori e su questa base cambiare le proprie modalità

di produrre e, quindi anche i propri prodotti”.

Coinvolgimento della pubblica amministrazione, non solo come supporter e sostenitore esterno, ma come

protagonista di un processo di trasformazione, quindi come acquirente; voi sapete che la pubblica amministrazione

acquista il 20% dell’insieme dei prodotti a livello nazionale tramite i “social green public procurement”

e tramite tutti gli interventi volti a far si che essa diventi direttamente attore e parte in causa

del processo di qualificazione dell’offerta. Noi ci stiamo anche misurando con i problemi della distribuzione.

Perché c’è produzione, consumo, ma c’è anche un elemento della catena che è quello della logistica.

Noi vorremmo che fosse socio-solidale e, quindi, ci stiamo ponendo il problema del come rendere sociosolidale

la distribuzione. Stiamo parlando di piccola distribuzione organizzata contrapposta naturalmente

alla grande distribuzione organizzata. Ci vogliono poi le infrastrutture di reti perché è vero che le reti

tra le persone e l’economia delle relazioni hanno bisogno di supporti di tipo info-telematico. Un altro elemento

che noi stiamo verificando concretamente è che per differenziare, per mantenere coerenza tra valori

e pratiche, è importante caratterizzare queste relazioni non solo sul terreno economico, ma anche su

quello non monetario, ossia sul versante della reciprocità perché è uno scambio di conoscenze non monetizzata

che permette ad una comunità sul territorio di crescere come ricordava il primo intervento anche

dal punto di vista dei mestieri, delle professionalità. I distretti industriali nel nostro paese sono cresciuti

perché esistevano comunità di pratica che non erano collegate alle singole imprese solo da un rapporto

economico, ma che si ritrovavano e permettevano, tramite scambi basati sulla reciprocità, di far

crescere le conoscenze sui terreni specifici di ogni filiera, indipendentemente da ogni intervento in questo

senso; questo processo non è stato mai così chiaro e oggi i distretti sono in crisi forse anche per questo.

(figura 2)

Infine, le filiere corte, la nuova agricoltura. Bene su questo vi faccio vedere un progetto che è stato realizzato

all’interno di “Nuovi stili di vita” dal distretto della Brianza che si chiama “spiga e madia”, promozione

di un progetto di resistenza alimentare partecipata. È un progetto iniziato nel 2006 a partire da una serie

di riferimenti importanti sul piano culturale, ideale. Si fa riferimento alla sovranità alimentare, alla capacità

dei singoli paesi di definire da soli le proprie politiche sull’agricoltura, alla dichiarazione fatta a Roma,

nel controvertice FAO del 2002, e mi sembra che questo sia un elemento interessante. Il progetto naturalmente

è stato gestito a partire dalle competenze esistenti in questo distretto quindi valorizzando i mestieri e

le conoscenze dei partecipanti. La struttura a mio parere è interessante perché questo progetto è stato fatto

non da professionisti, non sulla base di un intervento finanziato, ma sulla base di un rapporto di comunità

di pratica ai fini di scambi di conoscenze: sono stati analizzati il contesto, la politica dell’Unione Europea, i rapporti

con la biodiversità.

64 RETELEADER


Figura 2

Gli scenari possibili in cui inserire l’intervento sono stati definiti stabilendo degli obiettivi collegabili dal punto

di vista dei valori a quelli che caratterizzano il distretto: economia delle relazioni e sostenibilità solidale.

L’ambito di intervento di questo progetto è legato ad un’area della Lombardia nord occidentale intorno a

Monza-Milano, un’area di 50 Km (uno dei criteri utilizzati per definire quello che è realmente progetto locale).

Sono state analizzate una serie di esperienze di catena del valore della produzione agricola quindi il

peso che ha la distribuzione per la determinazione del prezzo finale del prodotto. Poi si è parlato di catena

logistica, com’è caratterizzata e quali sono i diversi componenti della catena dalla produzione al consumatore,

quindi il passaggio negli ultimi anni dalla mediazione del grossista a quelle delle grandi centrali distributive

che forniscono i punti vendita e che sono diventate il complesso del settore agroalimentare che determina

tutto, anche i prezzi alla fonte e i prezzi al consumo. E qui c’è tutto il processo che è stato gestito all’interno

del distretto della Brianza, quindi il modello del Grand Market e della Val Mar è quello per cui 1 kg

di mele costa al consumatore finale 1 dollaro, di cui 7 centesimi vanno ai contadini che le producono ed il 68%

va alla Val Mar che gestisce la parte centrale del grande anello della distribuzione organizzata. Qual è l’obiettivo?

Ridurre il numero di passaggi tra produzione e consumo. Aumentare l’incremento di valore ad ogni

passaggio in particolare per chi produce il grano come vedremo e mirare ad un modello di produzione che

permetta di impostare quantità senza subire tutte le altalene del prezzo legate al mercato cosiddetto globa-

RETELEADER 65


lizzato, promuovendo la nascita di canali non convenzionali di rete. Naturalmente produrre mantenendo riferimenti

etici e massimizzando anche i valori intangibili. Qui è stata proposta una nuova catena logistica, dalla

produzione al consumo; cioè quella parte centrale su cui stiamo lavorando, dal grossista al punto di vendita,

legato a modelli di piccola distribuzione organizzata su cui si sta cercando di dare un’esperienza concreta,

e qui naturalmente il riferimento ai mercati contadini, come quelli della Liguria, è stato riproposto.

Quindi il quadro di riferimento sono i famosi 50 km in cui dovevano avvenire tutti i passaggi, la produzione

delle materie prime, la trasformazione artigianale ed il passaggio al consumatore, in una zona, quella della

Brianza, in cui non c’è più agricoltura perché essendo il nord dell’area metropolitana milanese, l’urbanizzazione

violenta ha trasformato tutto il contesto, non solo paesaggistico. Gli attori sono due cooperative sociali

che hanno preso in carico la parte di produzione, di semina della granella, di raccolta e trasformazione

in farina; un proprietario terriero, e, una cosa importante su cui faccio un’ultima considerazione, perché mi

sembra che siano gli elementi che confermano alcuni assunti di questo convegno; la rete dei gas. Perché la

rete dei gas? Perché i gruppi di acquisto solidale, le famiglie di questa retina (sono una ventina i gas di questa

zona, quasi uno per ogni comune della Brianza), sono quelli che hanno garantito l’insieme del processo,

in quanto, a partire dalla definizione di costi possibili e dalla negoziazione con chi ha poi piantato il grano,

raccolto etc., hanno garantito ai primi elementi della catena la possibilità di avere una giusta remunerazione

del lavoro che è stato fatto. Sostanzialmente hanno anticipato sulla base di un impegno, di un patto diretto

con i produttori il pagamento del pane che sarebbe arrivato un anno dopo. Hanno quindi garantito al

produttore che ci sarebbe stato una certa quantità di pane acquistato e quindi tutto il processo è potuto partire.

Inizialmente con un finanziamento del 10% di tutto il costo complessivo che era stato anch’esso calcolato.

Tutto questo è iniziato nel 2006, il pane è stato venduto nel 2007 dopo appunto tutto il ciclo contadino

e adesso per la prossima semina si sta parlando di un finanziamento pieno. Questo ha permesso di avere un

costo finale del pane di euro 2.70 al kg garantendo tutta una serie di elementi che fanno parte dei valori proposti

dall’economia delle relazioni a partire da un impegno assunto dai gas, per verificare quanti chili di pane

ogni gas poteva acquistare. Con un calcolo dei costi di investimento sostanzialmente il costo finale si è

abbassato del 30% perché è stata eliminata la distribuzione. Da questo progetto ne sono nati altri basati

sempre su patti analoghi: uno di questi riguarda l’acquisto di servizi Telecom da una cooperativa sociale che

si chiama Lycon, invece che dalle multinazionali che governano il mercato. Nel patto in questione dimenticavo

di dire che c’è anche un fondo di solidarietà e sviluppo cioè sia chi vende che chi acquista destina l’1% del valore

scambiato ad un fondo di solidarietà che dovrà servire per eventuali problemi nell’arco della produzione/distribuzione

o per finanziare altre iniziative. I fattori più importanti di questa esperienza sono: la parte

finanziaria è stata affrontata estendendo le relazioni solidali al di là del consumo come parte finale della

filiera, facendo si che i consumatori si facciano carico anche della produzione. Sul terreno della sostenibilità

economica è stato fatto in modo che questa filiera potesse essere sostenibile dall’inizio alla fine e poi si sono

curate le parti ideali con questo patto solidale basato su un nuovo mutualismo, su relazioni che propongono

un nuovo mutualismo ovviamente recuperando anche quando storicamente è successo nel nostro paese

visto che su questo terreno non abbiamo da invidiare nessuno. Chi sia interessato a questa esperienza ri-

66 RETELEADER


chieda pure riferimenti più precisi, stiamo fornendo materiali informativi agli organizzatori. Penso che la

nuova agricoltura di cui si sta parlando oggi non sia un’agricoltura moderna. Questo modello della nuova

agricoltura si basa anche su rapporti diversi con i consumatori e con la possibilità di contribuire alla trasformazione

del modo di fare agricoltura a partire da una responsabilità sociale diretta anche dai produttori su

questo processo. Ed è assolutamente secondario che questo avvenga nel nostro paese dove, lo si diceva prima

di iniziare con Onorati, i contadini ci sono ed è inutile pensare che possano scomparire o trasformarsi in

chissà quali imprenditori. Grazie.

RETELEADER 67


LE POLITICHE DI SVILUPPO 2007-2013:

MINACCIA O OPPORTUNITÀ PER LE AREE RURALI?

DI GIUSEPPE GAUDIO

La tematica che tratterò è complessa per cui cercherò di porre enfasi soltanto su alcuni aspetti. Non tratterò

in maniera esaustiva l’argomento sulle politiche di sviluppo, ma cercherò di porre alcune questioni che spero

e auspico vengano riprese e trattate in modo più approfondito nei workshop di domani e soprattutto nella

tavola rotonda del pomeriggio. Collegherò, quindi, alcuni aspetti legati al titolo del seminario ed al titolo

del mio stesso intervento, quali il termine rurale e sviluppo, che sta perdendo molto del suo significato dietro

questa rincorsa ad un modello unico che non è in grado di autosostenersi e, soprattutto, che presenta al

suo interno innumerevoli contraddizioni: i pagamenti per inquinare ed i pagamenti per disinquinare; i pagamenti

che dovrebbero ridurre il divario territoriale mentre, invece, questo aumenta; il sostegno delle politiche

ad un determinato modo di fare agricoltura e una esclusione dal sostegno di un altro modo di fare agricoltura

che, così come è emerso dagli interventi che mi hanno preceduto, è reale sul territorio.

Il problema diventa ancora più complicato se aggiungiamo ai termini rurale e sviluppo (al termine sviluppo in

particolare), il termine sostenibile e solidale, così come è emerso negli interventi che mi hanno preceduto.

Dal punto di vista scientifico è fuor di dubbio che l’agricoltura è interessata da profondi mutamenti e, soprattutto,

da un crescente interesse verso innovazioni produttive e organizzative, frutto sia di iniziative autonome

degli imprenditori, ma anche, in qualche modo, frutto del sostegno delle politiche di sviluppo. Uno

dei fattori che contribuisce a spiegare questa tendenza è la riscoperta del legame con il territorio locale. (figura

1)

Sia le pratiche di agricoltura contadina, come risposta ai modelli di agricoltura industrializzata e sostenuti dalle

politiche subordinate agli interessi dominanti, sia l’agricoltura multifunzionale all’interno della quale trova

spazio l’agricoltura sociale contribuiscono a rendere competitivo il territorio. Il problema è: che cosa è da

intendere per competitività? E questo lo rimando per ragioni di tempo alle discussioni di domani. Quindi, se

tutto questo (come è testimoniato dalle esperienze che si stanno consolidando in Italia negli ultimi anni, la Toscana,

il Veneto, il Lazio per quanto riguarda l’agricoltura sociale, ma anche all’estero, Olanda, Francia, etc.)

avviene sul territorio, dall’altra parte ci sono le politiche: che cosa fanno le politiche? Come rispondono a

queste sollecitazioni che provengono dal territorio? Non vi è dubbio secondo me che Agenda 2000 ha rappresentato

uno dei passaggi più delicati degli ultimi anni ed ha per certi versi operato una razionalizzazione

che ha comportato almeno l’inserimento in un disegno organico di un insieme di strumenti che prima avevano

funzionato in maniera frammentata. Da questo punto di vista, la programmazione 2000-2006 può essere

vista come un passo in avanti verso l’impostazione di una politica di sviluppo diversa rispetto al passato.

Io oserei dire anche più coerente e più ambiziosa rispetto ai decenni precedenti, pur con tutti i limiti emersi

durante la fase di attuazione. Anche il Regolamento (CE) n. 1698 del 2005 rappresenta un elemento innovativo.

68 RETELEADER


Figura 1

La nuova programmazione introduce, in continuità con Agenda 2000, importanti cambiamenti capaci di incidere

positivamente nelle economie rurali sia in termini di modelli di produzione (poi vedremo quali modelli),

sia in termini di modelli di governance (quali modelli di governance), sia rispetto all’evoluzione delle condizioni

sociali e, se vogliamo, al miglioramento della qualità della vita. Tutto ciò è coerente con quelli che sono

gli obiettivi posti a Lisbona e Goteborg rispetto alla promozione dei sistemi competitivi e sostenibili. Inoltre,

il Regolamento assegna al nuovo fondo FEARS una missione ben precisa: migliorare o promuovere lo

sviluppo rurale e sostenibile attraverso un uso integrato delle politiche. Quindi questa è una missione chiara

e precisa. Sono anche chiari e precisi gli obiettivi attraverso i quali si articolano i PSR regionali suddivisi in

quattro assi all’interno dei quali ci sono una serie di misure molto importanti. (figura 2)

Allora il problema è il seguente: è possibile perseguire obiettivi orientati alle problematiche che qui stiamo

trattando con questa politica? La mia risposta è sì. Pur tuttavia auspico una discussione più ampia e approfondita

nei workshop e nella tavola rotonda. È, infatti, possibile perseguire politiche a sostegno dell’agricoltura

sociale ed a sostegno di pratiche agricole economicamente sostenibili e solidali con gli strumenti che

abbiamo, purché, però, lo si voglia, purché ci si impegni nella definizione di obiettivi, strategie, modalità attuative

adeguate ai processi in corso sul territorio, purché si abbiano ben in testa da parte dei tecnici e da parte

degli operatori, precisi e chiari modelli di sviluppo ancorati alle specificità locali, quindi non disegnati a

Bruxelles, a Roma, a Catanzaro, ma disegnati sul territorio e attraverso i quali i soggetti territoriali siano i

protagonisti assoluti e purché si esca da alcune ambiguità.

RETELEADER 69


Figura 2

Quali sono le ambiguità? Una prima ambiguità è secondo me come utilizzare i fondi strutturali. I fondi strutturali

non possono e non devono essere una mera erogazione di risorse pubbliche, ma, devono essere letti

e percepiti come processi di sviluppo (e non mi soffermo sul termine processo e nemmeno sul termine sviluppo

in quanto sono stati ampiamente trattati). Un’altra riflessione che dovremmo affrontare è la seguente: la

politica di sviluppo rurale è realmente una politica di sviluppo rurale o è ancora una politica agricola? Secondo

me, risente ancora e molto dell’involucro della PAC all’interno della quale nasce e, quindi, della settorializzazione,

e ragiona ancora oggi (anche se meno rispetto al passato) in una logica tutta interna al mondo dell’agricoltura,

mantenendo approcci difensivi, tradizionali e consuetudinari, e indirizzando gli interventi prevalentemente

all’agricoltura ed in alcune Regioni soprattutto agli agricoltori. (figura 3)

Quindi vengono costruiti partenariati di tipo settoriali e si favoriscono modelli di produzione diciamo convenzionali,

tradizionali, ma che è altro rispetto a quello che dovrebbe essere invece il modello di produzione

eco-sostenibile. Secondo me conviene riflettere sul ruolo e sui limiti delle politiche ed un primo passaggio

dovrebbe essere quello di far uscire l’agricoltura e le relative politiche dal settorialismo in cui spesso sono relegate

ed in cui spesso esse stesse si relegano per motivi difensivi. Ciò significa gestire il nuovo ciclo di programmazione

2007-2013 in maniera integrata e coordinata con le altre politiche di sviluppo, trasformare i

70 RETELEADER


PSR nella loro applicazione concreta da contenitori di vecchia PAC in veri strumenti di sviluppo locale, centrati

sull’impresa, ma volti a valorizzare il legame con il territorio.

Figura 3

Quindi lo sviluppo rurale deve essere visto come un risultato congiunto tra diversi settori di attività, di fattori

endogeni ed esogeni, di processi negoziali tra attori locali non necessariamente dentro il settore agricolo:

quindi portatori di interessi diversificati, ma integrabili in una strategia condivisa e collettiva. Un PSR secondo

me non dovrebbe essere altro che uno strumento per lo sviluppo locale delle aree rurali, e non la politica

di sviluppo rurale, perché lo sviluppo rurale dovrebbe essere l’intreccio di politiche differenti. Da questo

punto di vista i PSR sono una fondamentale occasione per sperimentare nuovi e necessari percorsi richiesti

per prepararsi al dopo 2013. Oggi, ma soprattutto domani, dopo il 2013 lo sviluppo agricolo richiede politiche

a base territoriale ed orientate allo sviluppo generale. Spesso si verifica che le aziende di successo operano

all’interno di contesti locali di qualità e quindi questo dovrebbe farci riflettere: il termine qualità, non

riferito al settore agricolo, ma al contesto territoriale di riferimento. Un altro importante lavoro da fare è

estendere i partenariati e qui non mi soffermo perché sia Ada sia gli altri hanno già fatto emergere l’impostazione

sbagliata degli attuali partenariati. È necessario avviare un processo diverso e nuovo rispetto a come

costruire partenariati efficienti ed efficaci per politiche di sviluppo diverse.

Alcune altre questioni riguardo la ricerca, le politiche e gli attori locali. (figura 4)

RETELEADER 71


Figura 4

Innanzitutto emerge il problema di colmare il deficit informativo. Spesso gli agricoltori o i tecnici delle Regioni,

che preparano i PSR, non hanno cognizione del fatto che alcune misure dello sviluppo rurale possono essere

utilizzate per diversificare le attività dell’agricoltura, per costruire reti alternative e diverse rispetto a quelle

convenzionali. Un altro problema è l’incontro tra domanda e offerta. Ci sono ambiti nuovi di intervento che

presuppongono conoscenze e professionalità nuove tra gli operatori e tra i tecnici. Infine, c’è il problema

dell’interazione tra soggetti diversi e, come diceva Francesco, anche soggetti che tradizionalmente non hanno

nessun rapporto tra loro, come l’agricoltura ed il sociale. Credo che da questo punto di vista, tutto quello

che oggi abbiamo ascoltato rappresenta un’interessante sfida per il futuro del mondo rurale, non solo per la

ricerca ma, soprattutto per le politiche di sviluppo purché, però, al di là di quello che ho detto in maniera sintetica,

si costruisca un qualcosa di diverso e fortemente ancorato su processi reali e territoriali e avendo la consapevolezza

che il come fare, il perché fare e il con chi fare è molto più importante del cosa fare. Grazie.

72 RETELEADER


WORKSHOP 1

SISTEMI DI WELFARE E RETI DI PROTEZIONE

SOCIALE NELLE AREE RURALI

Coordinatori

Tatiana Castellotti INEA, Sede Regionale della Calabria

Raffaella Fragale, ARSSA Calabria

RETELEADER 73


SINTESI DEL WORKSHOP

DI TATIANA CASTELLOTTI

Dal primo workshop emerge innanzitutto una difficoltà nel definire l’agricoltura sociale. Il Professor Senni ha

definito l’agricoltura sociale come “l’ornitorinco della ricerca economica agraria”: per i suoi connotati di appartenenza

ad una pluralità di settori, nessuno è in grado di fornire una definizione precisa di agricoltura sociale.

Essa esiste da molti anni, ma la stessa ricerca la riconosce soltanto oggi. Da questa difficoltà, l’attenzione

si è spostata sul valore del settore agricolo nel sociale: perché agricoltura sociale e non edilizia sociale?

La risposta è stata la seguente: solo l’attività agricola possiede dei connotati che permettono la produzione

di servizi nell’ambito sociale. Sono emerse due peculiarità importanti dell’attività agricola che permettono di

far sì che diventi attività agricola sociale:

l’attività agricola porta ad operare con organismi viventi;

i prodotti non lasciano traccia della disabilità delle persone che hanno lavorato.

I soggetti che praticano agricoltura sociale sono i soggetti pubblici (le carceri, gli ospedali, etc.), il privato (soprattutto

le imprese agricole), e il terzo settore tramite l’attività delle cooperative sociali. L’agricoltura sociale

in Italia è svolta soprattutto da queste ultime. Non è, quindi, l’impresa agricola il principale attore dell’impresa

sociale. L’agricoltura sociale è sostenuta dalla cooperazione tra impresa agricola e cooperativa sociale.

Quindi per poter svolgere queste attività sono necessarie, oltre le risorse finanziarie, nuove forme organizzative

e innovazione nei processi di produzione di questi. L’agricoltura sociale, quindi, coinvolgendo una pluralità

di soggetti, rappresenta un ambito in cui è possibile mettere insieme e utilizzare diverse politiche.

Negli interventi che si sono susseguiti, è emerso come l’agricoltura sociale sia una sorta di strumento attraverso

cui si passa dal welfare state al welfare community, cioè ad una rete di protezione sociale creata e offerta

dai soggetti del territorio. Il paradigma per interpretare questa nuova funzione dell’agricoltura è un approccio

sistemico, territoriale, pluridimensionale. Quest’ultima parola va interpretata con la consapevolezza

che c’è sempre un aspetto nuovo nei contesti circostanti che va scoperto. Il senso della pluridimensionalità si

riflette in un paradigma generale che però deve essere trattato nelle specificità locali.

Durante il Workshop si è parlato del concetto di Distretto Rurale di Economia Solidale, inteso come un sistema

di governance territoriale in cui l’agricoltura sociale svolge un ruolo che non si esaurisce solo nel rapporto

tra azienda agricola e cooperativa sociale, ma instaura un legame nuovo con tutto il territorio. Si pone il

problema di creare nuove governance, il cui processo può essere avviato dall’agricoltura sociale.

Le esperienze poi di Alessandro Scazziota e di Alfonso Pascale mostrano in concreto cosa significa fare agricoltura

sociale: l’agricoltura sociale non si adatta al paradigma della resistenza, ma, al contrario, richiede la

creazione di nuove alleanze, proprio per l’esigenza di creare nuove governance territoriali. Ricorrere al termine

resistenza vuol dire fare riferimento ad un paradigma inadeguato, ad un modello di sistema agricolo

antiquato, tradizionale, lontano dall’agricoltura sociale.

RETELEADER 75


RELAZIONE INTRODUTTIVA

AGRICOLTURA ETICO-SOCIALE E IMPRENDITORIALITÀ NON PROFIT

IN AGRICOLTURA

DI SAVERIO SENNI

L’agricoltura sociale, per inquadrare subito l’ambito del mio intervento, non è una particolare forma di agricoltura,

come quella biologica che ha i suoi protocolli più o meno formalizzati, ma è un variegato insieme di

pratiche che sfuggono alle classificazioni in quanto trasversali rispetto alle categorie consuete con cui siamo

abituati a misurarci. Se mi è consentito un accostamento non ortodosso, è un po’ come l’ornitorinco, che vedete

nell’immagine proiettata sullo schermo, un animale piuttosto raro, ma che esiste realmente e che sembra

messo lì dalla natura per sparigliare le carte agli zoologi, in particolare alle loro precise, quanto rigide,

classificazioni delle specie.

La storia della scoperta dell’ornitorinco, ed in particolare delle difficoltà che hanno avuto gli studiosi del tempo

a classificarlo, è emblematica e anche coinvolgente, per come l’ha raccontata Umberto Eco in Kant e l’ornitorinco

6 . Quando, racconta Eco, sul finire del XVIII secolo furono catturati, morti, i primi esemplari nelle

terre dell’Oceania, questi furono mandati in Europa affinché fossero studiati dagli scienziati di allora. Gli

zoologi che per primi li esaminarono ritennero che si trattasse di un falso, di una sorta di assemblaggio artificioso

di organi di altri animali, pratica che pare fosse in voga in quel tempo. In realtà il problema era che

l’ornitorinco non rientrava negli schemi classificatori adottati per le specie animali e “quindi” non poteva che

essere un falso. Ne negarono dunque l’esistenza stessa.

Le sue originalissime caratteristiche, la particolare forma ad anatra del becco, la presenza di artigli sulle

zampe al tempo stesso palmate, la presenza di pelo sulla cute, la sua natura di oviparo che però allatta la

prole senza avere ghiandole mammarie, e altre peculiarità crearono non poca confusione negli zoologi che

avevano il difficile compito di definire questa specie fino allora sconosciuta.

Umberto Eco ricorda come la comunità scientifica ha discusso per oltre 100 anni prima di decidere come risolvere

questo rompicapo, ma rimane emblematica la loro prima reazione ovvero quella di negarne l’esistenza

perché non contemplata dalla griglia tassonomica vigente.

Per farla breve questa vicenda è l’esempio di come a volte nelle realtà ci sono oggetti, enti, fatti che i nostri

occhi e le nostre menti in qualche modo “rifiutano” di vedere perché non contemplati dai nostri schemi teorici:

può capitare così che si ritengano sbagliati i fatti, inesistenti gli oggetti prima di procedere a rivedere gli

schemi logico-teorici di riferimento.

Ma torniamo all’agricoltura sociale che presenta delle similitudini con la storia della scoperta e classificazione

dell’ornitorinco per tre motivi:

6 Umberto Eco, (1980): Kant e l’ornitorinco, Bompiani Editore, Milano. Eco ci ricorda inoltre come il primo nome scientifico dell’animale fu Ornytho -

rynchus paradoxus, a testimoniare la sfida lanciata da questa specie agli studiosi del tempo.

76 RETELEADER


l’agricoltura sociale esiste in Italia da molti anni, forse da sempre, ma ce ne stiamo accorgendo solo adesso

o comunque da poco;

l’agricoltura sociale ha connotati di appartenenza ad una pluralità di discipline, di ambiti in cui tendiamo

a segmentare la realtà e li attraversa trasversalmente;

ancora non si sa bene come definirla, anche se sembra si vada sedimentando l’espressione appunto di

“agricoltura sociale” 7 .

Ritroviamo quindi alcune delle difficoltà affrontate dagli zoologi due secoli fa: aldilà della sua definizione, a

quale ambito appartiene l’agricoltura sociale, a quello agricolo o a quello del sociale? Le competenze su queste

pratiche sono riconducibili a quale ministero o assessorato? E gli operatori dell’agricoltura sociali sono

agricoltori, operatori sociali, o cos’altro?

Questi possono sembrare interrogativi banali, ma hanno una loro rilevanza nel determinare una certa difficoltà

che l’agricoltura sociale sta incontrando, non solo in Italia in verità, per ricevere quei necessari riconoscimenti

che consolidano le pratiche in essere e ne determinano la sostenibilità nel tempo.

Il mio intervento si articolerà in tre parti che toccheranno i seguenti aspetti:

alcune osservazioni riguardo l’attività agricola nel contesto della finalità sociale;

aspetti concernenti gli attori di questo particolare ambito, ovvero i protagonisti che progettano e realizzano

le pratiche di agricoltura sociale;

infine, essendo osservatore e studioso di questo fenomeno, fornirò alcuni spunti, alcune parole chiave

emerse anche dal discorso di ieri, cercando di interpretarle secondo il mio punto di vista.

Dunque: le attività agricole a fini (anche) sociali.

L’agricoltura, come attività umana, ha da sempre svolto anche una funzione sociale senza alcun riconoscimento

esplicito o formale. Le aziende agricole, le fattorie, i poderi, hanno rappresentato una risorsa “implicita”

di servizio sociale, in quanto nelle famiglie agricole che questi fondi conducevano (e conducono)

si venivano a determinare situazioni di difficoltà, di disagio, di necessità di inclusione, come in tutte le famiglie,

agricole e non. Nel tempo in cui la nostra società era fondamentalmente una società agricola e

non esistevano sistemi di welfare come esistono oggi, le soluzioni alle problematiche sociali e di inclusioni

venivano cercate, e sovente trovate, in primo luogo nella famiglia, ma anche nella comunità locale e nelle

cosiddette reti informali di prossimità, reti amicali, parentali, di condivisione di cittadinanza in cui comunque

l’agricoltura, in quanto attività dominante, permeava di sé tutta la società e ne scandiva ritmi e

valori.

Una funzione sociale, dunque, che in qualche modo può dirsi appartenere al patrimonio costitutivo dell’agricoltura

e del mondo rurale.

È solo da pochi anni che ci si è accorti di questo ruolo svolto dal mondo agricolo, ed in particolare da quelle

esperienze che in chiave intenzionale ed esplicita promuovono e realizzano pratiche incentrate sull’uso di ri-

7 La mancanza di un’espressione condivisa è più evidente a livello internazionale dove, nell’ambito della lingua inglese, si parla di social farming, farming

for health, green care farming o green care in agriculture, e altro ancora.

RETELEADER 77


sorse agricole per generare inclusione sociale di soggetti deboli, o partecipare a percorsi terapeutico-riabilitativi

promossi dalle agenzie locali per la salute.

Tra i tanti aspetti che andrebbero approfonditi e meglio conosciuti di quella che chiamiamo ormai “agricoltura

sociale” tendo a porre una particolare attenzione al ruolo che gioca l’agricoltura e le relative pratiche

in questo contesto. In altri termini, quali siano le particolari specificità delle risorse e delle attività agricole che

ne consentono l’utilizzo in chiave sociale.

L’agricoltura, come insieme di attività di coltivazione e di allevamento presenta delle specificità che con la modernizzazione

agricola erano state ignorate o comunque poco considerate. Il paradigma della “pari dignità”

del settore agricolo rispetto agli altri settori produttivi, secondo il quale le imprese agricole sono comunque imprese

“tout court” e ad esse si applicano le categorie teoriche e le strumentazioni analitiche proprie di qualunque

impresa, ha posto in secondo piano, se non del tutto ignorato, alcune forti specificità dell’agricoltura.

In primo luogo va rilevato come l’attività agricola si sviluppi attraverso un rapporto inscindibile con organismi

viventi, vegetali e animali. Questo aspetto rappresenta uno degli elementi centrali nelle pratiche di agricoltura

sociale nelle quali l’interazione con tali organismi, il prendersi cura di essi, il senso di responsabilità

che può maturare nella cura di piante e animali viene fortemente valorizzato.

Altra fondamentale specificità è che si produce cibo, un bene essenziale per tutti e del quale si vanno sempre

più riscoprendo i significati simbolici e i valori culturali, oltre a quelli nutrizionali.

Un ulteriore aspetto che probabilmente non connota solo l’attività agricola ma che in questo ambito è diffusamente

presente è la presenza di produzioni congiunte, espressione che ha ritrovato interesse nella prospettiva

della multifunzionalità agricola. Un esempio di produzione congiunta inerente la tradizionale agricoltura

contadina è quello delle specie animali a plurima attitudine. Nel corso dei miei studi universitari ho

appreso dell’esistenza di specie bovine o ovine a duplice o triplice attitudine: latte e carne, nel caso di alcune

specie bovine, lana e ancora latte e carne nel caso degli ovini. La moderna zootecnia si è indirizzata verso

la monoattitudine, ovvero specie specializzate nella produzione di uno e un solo prodotto. Ora, la produzione

congiunta si ricollega al concetto, anch’esso poco frequentato dagli economisti del settore, delle economie

di scopo, termine con il quale ci si riferisce alla possibilità di contenere i costi unitari di produzione non

tanto variando la scala (economie di scala) quanto ampliando gli usi e le funzioni di un fattore di produzione.

Si potrebbe dire che fattori di produzione versatili tendono a valorizzare economie di scopo, mentre fattori

di produzione specializzati privilegiano le economie di scala.

È noto che le imprese agricole hanno difficoltà a conseguire economie di scala, data la rigidità di vari fattori

di produzione.

L’agricoltura sociale, in qualche modo, trae ragione da ciò, valorizzando le economie di scopo potenziali presenti

in imprese agricole e promuovendo traiettorie di sviluppo di queste nella prospettiva della multifunzionalità

e della diversificazione aziendale.

Ma vi è un altro aspetto delle tecniche agricole che mi sembra rimanga piuttosto trascurato. Riguarda la possibilità

di realizzare le produzioni attraverso un numero molto elevato di modalità, adottando tecniche di

produzione anche molto diverse tra loro. Anche questo aspetto, contribuisce a delineare l’impresa agricola co-

78 RETELEADER


me un ente altamente duttile, versatile. Una versatilità che spiega in una certa misura la persistenza della piccola

azienda, nei numeri con cui è presente in tutte le regioni italiane.

Valorizzando questi elementi di versatilità si costruiscono percorsi plurali delle imprese agricole, tra cui quelli

inerenti la realizzazione di pratiche di agricoltura sociale.

Un altro esempio che ci restituisce l’immagine di un settore produttivo versatile riguarda l’ampio ventaglio

di azioni e operazioni agricole che si realizzano nei processi produttivi agricoli, la molti dei quali possono essere

effettuati da persone anche con limitate competenze, abilità e/o capacità. In altri termini la soglia di ingresso

al lavoro, in agricoltura, non è elevata.

La seconda parte del mio intervento guarda ai soggetti che, nel nostro paese, promuovono e conducono iniziative

di agricoltura sociale.

Questi appartengono sia al settore pubblico, che a quello privato for profit e al terzo settore, o privato sociale.

Esempi di agricoltura sociale in ambito pubblico sono dati da quelle tante case circondariali e istituti penitenziari

dove si realizzano produzioni agricole entro il perimetro delle mura carcerarie. Anche alcune strutture

ospedaliere o servizi delle aziende sanitarie locali conducono direttamente piccole esperienze agricole per

integrare e coadiuvare le terapie attuate nei confronti di particolari pazienti. Ancora, sempre con riferimento

all’ambito pubblico, vanno citate le aziende agrarie del’Università di Pisa e della mia Università che hanno

attivato progetti di “farm therapy” in ambito aziendale.

Un’altra tipologia di attori sono quelli privati, in particolare le imprese agricole “ordinarie”. Diversamente da

quanto non sia avvenuto in altri paesi europei, come ad esempio l’Olanda, la sfera dell’imprenditorialità privata

solo in piccoli numeri e da pochi anni si sta misurando con l’attivazione di pratiche di agricoltura di utilità

sociale. Negli ultimi mesi però l’attenzione e l’interesse di alcune organizzazioni agricole nazionali verso

tali pratiche potrebbe condurre ad una crescita anche significativa di esperienze di agricoltura sociale nell’ambito

di imprese agricole “a fini di lucro”.

Senza dubbio è il cosiddetto terzo settore l’ambito nel quale si è maggiormente sviluppata l’agricoltura sociale

in Italia. In particolare la sua componente imprenditoriale, ovvero le cooperative sociali, da molti anni

hanno trovato anche nella pratica dell’agricoltura le risposte di inclusione sociale e di inserimento lavorativo

di soggetti svantaggiati che la legge 381 del 1991 ha assegnato loro.

Una cooperativa sociale è un’organizzazione senza finalità di lucro impegnata nella produzione stabile e

continuativa di servizi di interesse collettivo secondo modalità di tipo imprenditoriale. La legge istitutiva delle

cooperative sociali, la 381/91, distingueva le cooperative di tipo A, aventi lo scopo di erogare servizi sociali

e sociosanitari, da quelle di tipo B, alle quali veniva affidato il compito di promuovere integrazione lavorativa

di soggetti svantaggiati attraverso lo svolgimento di attività produttive nei vari settori, agricoltura

inclusa. A partire dal 2001 l’Istat realizza, con cadenza biennale, un censimento delle cooperative sociali. I

risultati della rilevazione più recente, riferita all’anno 2005, indicano la presenza nel nostro paese di 571 cooperative

sociali di tipo B che esercitano attività agricole. Queste sono incrementate, rispetto a soli due anni

prima, addirittura del 21,7%, una dinamica di crescita che non si registra per alcuna altra forma di impresa

che opera nel settore agricolo.

RETELEADER 79


Queste cooperative occupano oltre 8.000 lavoratori appartenenti alle categorie dello svantaggio. Tra le varie

tipologie di svantaggio è interessante rilevare, rispetto alle cooperative sociali non agricole, la maggior

presenza di persone affette da disagio psichico, di ex-tossicodipendenti, di ex-detenuti, ovvero delle tipologie

di svantaggio per le quali l’inserimento nel mondo del lavoro è particolarmente problematico.

Il profilo di queste cooperative tende ad emergere dai vari casi di studio che in questi ultimi anni ho avuto

modo di conoscere e di approfondire e da alcune ricerche empiriche sul territorio nazionale. Si tratta di esperienze

che in molti casi tendono a situarsi su terre divenute marginali per il venir meno delle convenienze economiche

nell’ambito dell’agricoltura ordinaria.

Il loro profilo produttivo risulta particolarmente diversificato. Una diversificazione sia riguardante l’attività

agricola in stretto, con la presenza di una pluralità di attività colturali e di allevamento, sia con riferimento

alla presenza di attività connesse a quella agricola quali la vendita diretta, servizi didattici per le scuole, ristorazione

e agriturismo, riabilitazione equestre e altro ancora.

Da una tesi di laurea 8 che ho avuto modo di seguire e che ha riguardato un piccolo campione delle cooperative

sociali di tipo B con attività agricole, emergono questi altri tratti:

adozione del metodo di produzione biologico, presente nel 75% delle cooperative intervistate;

attivazione di processi produttivi ad elevata intensità del lavoro manuale, con la conseguente creazione

di occupazione anche su limitate superfici;

prevalenza di coltivazioni ad elevato valore aggiunto quali l’orticoltura, di pieno campo o in serra, la

frutticoltura, la floricoltura, viticoltura ed olivicoltura, l’apicoltura e gli allevamenti di piccole specie;

presenza significativa di occupazione femminile e giovanile;

alto grado di apertura al contesto territoriale e di integrazione in reti locali e sovralocali.

Di certo il fenomeno dell’agricoltura sociale ha a che fare con il grande tema della responsabilità sociale di

impresa declinato in chiave agricola, tematica emersa in vari interventi di questo convegno. Mi sentirei però

di dire che, aldilà del suo essere “responsabile” o “etica” l’agricoltura sociale è fondamentalmente utile. Nel

senso che serve, che può offrire soluzioni a situazioni complesse e difficili da risolvere, che può rappresentare

per i servizi sociali uno strumento in più di intervento, oltre a quelli consolidati e consueti.

Nei territori dove queste esperienze hanno raggiunto maggiori gradi di maturità – mi limito a citare i casi dei

Castelli Romani nel Lazio, della Valdera in Toscana e della provincia di Pordenone in Friuli, i servizi stanno riconoscendo

l’utilità derivante dalla presenza sul territorio di esperienze di agricoltura sociale e dalle risposte

che questa da a bisogni crescenti. Non a caso il termine “utile” sta nella sigla ONLUS Organizzazione Non

Lucrativa di Utilità Sociale.

Un’altra parola chiave emersa nel dibattito di ieri, e che vorrei in questa sede declinare con riferimento dell’agricoltura

sociale, è quella di competitività. È un termine usato (e abusato) in tanti contesti, ma che potrebbe

essere inteso come riferito esclusivamente all’agricoltura modernizzata, specializzata, standardizzata, ecc.

8 Fabio Belano, L’agricoltura sociale in Italia. Un’indagine sulle cooperative sociali che operano in agricoltura, tesi di laurea, Facoltà di Agraria, Università

degli Studi della Tuscia, A.A. 2006-2007.

80 RETELEADER


A mio avviso l’agricoltura sociale, e mi riferisco alle sue espressioni più virtuose e più consolidate, può essere

definita un’agricoltura competitiva, nel senso di un’agricoltura capace di generare sostenibilità economica

nel tempo delle imprese che la esercitano. A mio avviso anche questa è competitività: se da un lato l’azienda

non competitiva è destinata a chiudere, dall’altro alcune imprese agricole da oltre trent’anni impegnate

in ambito di agricoltura sociale rivelano la possibilità di un’“altra” competitività, incentrata sulle economie

di scopo, sulla partecipazione a reti economiche e sociali e sulla valorizzazione di fattori di produzione

originali, quali ad esempio le sono quelli motivazionali, sulla capacità di intercettare una domanda di

mercato espressa da consumatori responsabili o “critici”.

Una delle strategie che appare particolarmente promettente per dare sostenibilità economica alle imprese che

intendono avviare attività di agricoltura sociale è quella di nuove forme di collaborazione, di accordi e di

partenariato tra soggetti imprenditoriali diversi. La cooperazione sociale e l’impresa agricola possono trovare

modalità di azione comune, in una logica di complementarietà: esistono già esempi, ancora limitati in verità,

che vedono imprese agricole e cooperative sociali allearsi, nella forma ad esempio dell’associazione

temporanea d’impresa, per organizzare congiuntamente l’erogazione di servizi sociali incentrati sull’agricoltura.

Vi ringrazio per l’attenzione.

RETELEADER 81


TESTIMONIANZE

IL DISTRETTO RURALE DI ECONOMIA SOLIDALE IN FRIULI

DI ALBERTO GRIZZO

Io riporto un’esperienza diretta che si sta svolgendo in Friuli, nella Provincia di Pordenone, sottolineandone

le positività, ma anche le criticità.

Abbiamo costituito il Forum delle Fattorie Sociali della Provincia di Pordenone, che mette in rete una serie di

cooperative, di aziende agricole, e mette in risalto come elemento prioritario la cooperazione sociale. C’è

stato un uso/abuso da parte dei servizi sociali del tema dell’agricoltura, per cui ci siamo trovati molte volte

in situazioni in cui venivano fatti degli inserimenti impropri e il territorio ne è stato danneggiato. Questo ha

determinato delle difficoltà inerenti la diffidenza iniziale, anche nella costituzione del Forum. La novità della

nascita dell’agricoltura sociale procede parallelamente con la crisi del welfare. Si usa il termine generico

di welfare state, per poi proseguire con la questione del welfare community. Io analizzerei la crisi innanzitutto

come la questione di qual è la comunità di riferimento, qual è il contesto di riferimento. Io credo che sia

necessario rifondare un’alleanza, e ciò pone alla comunità rurale delle questioni “sacrali”. Questa discussione

si ricollega alla necessità di qualcosa da sacrificare per un nuovo patto, per una nuova alleanza.

Non mi stupisco di incontrare difficoltà in questa direzione, in quanto non si tratta di un transito spontaneo.

Il passaggio da un welfare state ad un welfare community non è automatico, non è economico, si tratta di

qualcosa di più che riguarda sicuramente la dimensione relazionale. Infatti, nel parlare di rete è molto più

difficile immaginare che la rete sia costituita da relazioni umane, ma nella realtà c’è una comunità rurale che

si sta disgregando e che bisogna ricostruire. Le cooperative sociali sono spesso viste come soggetti esterni, questa

visione rischia di tradursi nello spiazzamento delle relazioni esistenti e nella conseguente nascita di nuove

strutture. Bisogna tener presente che una comunità è il contrario di una struttura.

Noi lavoriamo sulla costruzione di un’alleanza. All’inizio venivo trattato con diffidenza, non mi davano accesso

all’azienda, ero considerato come il portatore di un’istanza di cooperativa sociale che aveva dei finanziamenti,

e ciò era percepito come una minaccia. Altra precisazione importante, non possiamo agire in questa

direzione senza considerare ciò che prevede la legislazione e senza conoscere bene la struttura del sistema

socio-sanitario.

Ci sono delle situazioni latenti da rigenerare: c’è qualcosa che si è conservato ai margini. Gli anziani ricordano

ancora alcuni elementi di vitalità ed evocano una dimensione valoriale, delle ritualità che fanno parte di quel

contesto e di quella realtà, ma il problema è che non si sa in che modo recuperarle.

È necessario spostarsi dall’ottica della resistenza, che richiama termini belligeranti, ad un tema di benessere,

bellezza e relazione. Dobbiamo pensare che ci sia qualcosa che deve essere riportato ma non riesumato: non

stiamo facendo archeologia rurale, stiamo facendo rivisitazione innovativa di qualcosa che è rigenerabile. Per

creare buone e nuove alleanze è necessario definire un contesto relazionale all’interno del quale si intende generare

buone relazioni e anche buone economie. Certamente bisogna partire dal contesto relazionale.

82 RETELEADER


Riguardo la Legislazione, bisogna far riferimento alla Legislazione sui distretti rurali che prevede un approccio

sistemico al territorio. Per illustrarvi meglio l’importanza di quanto sto dicendo, vi propongo la definizione

prevista dalla Legge:

“Si definiscono distretti rurali i sistemi produttivi locali caratterizzati da un’identità storica e territoriale omogenea

derivante dall’integrazione di attività agricola e altre attività locali non necessariamente cooperative

e altre attività locali nonché dalla produzione di beni o servizi di particolare specificità coerenti con la tradizione

e le vocazioni naturali e territoriali”.

Allora il primo passo non è resistivo, è desistivo: bisogna desistere dall’azione in prima istanza per poter capire

quali sono le condizioni di identità e di specificità locale. C’è un problema di identità alla base, ma non

dobbiamo pensare all’identità come qualcosa di statico, non bisogna riesumare la tradizione, tornare a considerarla

sacra. È importante tener presente che l’identità è e non è. Per spiegarmi, mi servo della distinzione

filosofica tra idem e ipse: l’identità non rimane sempre uguale, va ribadita in quanto tale; l’identità è

ipseità, cioè qualcosa che si mantiene nel mutamento. La questione cruciale è, quindi, comprendere qual è l’identità

ipse secondo l’ipseità di quel territorio.

Altro punto importante: se un territorio è un mosaico di azioni, è necessario individuare qual è il paradigma

di approccio a quel territorio. Per farlo, possiamo ricorrere all’approccio sistemico che fa riferimento ad un

paradigma di natura specifica. La natura, però, non è evidente per se stessa, ma ama nascondersi, ha più volti.

Dunque il paradigma territoriale è un paradigma di natura non olistica, ma pluridimensionale, pluridiversificato,

che ha sempre qualcosa da nascondere che va osservato, cercato e svelato. La natura è carica di

interstizi e di pluralità.

Considerando l’esperienza nei distretti del Friuli, pur essendo Regione autonoma, quindi più snella nell’organizzazione

amministrativa e legislativa, non si è legiferato sui distretti, c’è solo la legge nazionale. Questa

situazione rappresenta l’occasione migliore per prendere questa condizione come esperienza possibile. Sui

distretti di economia solidale in questo momento a livello nazionale è in corso una riflessione. Questo è un

elemento positivo. Infatti, c’è ancora molto da chiarire su cos’è l’altra economia, la bio-economia. Queste

questioni non possono chiudersi dentro una cornice predefinita, sono oggetto di studio. Le economie altre

sono motori di innovazione, dunque proponiamo la nascita di un distretto rurale di economia solidale come

cornice organizzativa e metodologica per mettere assieme agricoltori, imprese agricole, cooperative sociali ma

anche aziende. Non si può pensare che la cooperazione non sia anche volano di responsabilità sociale di impresa

per tutti i settori operanti nella zona, altrimenti si tratterebbe di un’azione confinata. Bisogna considerare

anche il beneficio che si genera sull’intero territorio, quindi sulle altre aziende presenti, sui servizi, e

su come loro si pongono rispetto alla nascita del distretto rurale di economia solidale. (figura 1)

Il distretto di economia solidale è un modello di coesione sociale e promozione del capitale umano, è un modello

di sviluppo del welfare comunitario, è un sistema reale di integrazione tra agricoltura e sociale capace di

promuovere crescita economica, è uno strumento di prolificazione di processi bioeconomici di economia solidale.

L’estensione del distretto nell’esperienza di cui sono testimone: 7 comuni della provincia di Pordenone, 7 comuni

nel distretto.

RETELEADER 83


Figura 1

Abbiamo creato un’estensione sovrapponibile agli ambiti, perché gli ambiti urbani rappresentano, in base

alla legge 328, esattamente il sistema socio sanitario integrato. Se noi vogliamo fare multifuzionalità e integrazione

territoriale, non possiamo avere questa sovrapposizione. Quando negoziamo con i servizi, non

dobbiamo dimenticare di considerare i processi di inclusione, altrimenti rischiamo di realizzare solo l’alternativa

ai servizi socio-sanitari, mentre il nostro obiettivo è l’integrazione, non creare alternative.

Grazie alla sovrapposizione attuata durante la prima fase di lavoro, abbiamo rafforzato le reti di comunità,

ora c’è consapevolezza del fatto che non solo esiste il distretto rurale, ma esiste la comunità stessa. (figura 2)

Abbiamo mandato i ragazzi che vivono sul territorio e che lavorano in queste realtà, nelle aziende e nelle cooperative,

nelle case, facendo tranquillamente a meno degli educatori. Abbiamo attivato una contaminazione

territoriale non su grandi temi o enunciazioni di principio, ma su argomenti semplici, come l’ospitalità, termine

fortemente connesso all’alleanza. Se nessuno offre ospitalità, vuol dire che ancora esiste una distanza

da colmare.

Altro elemento importante è la trama ambientale nei distretti rurali: l’ambiente va trattato come approccio sistemico.

Ecco perché viene posta enfasi sulla riscoperta delle terre ad uso civico, luoghi dove la popolazione

locale si incontrava, come i lavatoi, i crocevia, le vie interpoderali. Anche gli animali vanno considerati come

risorsa relazionale.

84 RETELEADER


Figura 2

Se non si riattivano le connessioni paesaggistiche ci si ritrova con un terreno in cui non c’è nessuna possibilità

di connessione. Inoltre, le vie interpoderali possono e devono essere rianimate con le scuole, con la popolazione,

non con il sociale fine a se stesso. Gli asini, ad esempio, possono essere considerati mediatori relazionali.

Essi ripercorrono le vie interpoderali e sappiamo che gli animali sono elementi di socializzazione: si riprende

il paesaggio servendosi del mediatore relazionale che lo ripercorre per recuperarne l’utilizzo. Altri

esempi concreti: fare trekking soleggiato per le vie interpoderali con una prospettiva sul paesaggio completamente

diversa da quella che si ha facendo le stradine classiche. In tal modo si riapre la rete della trama narrativa

di quel luogo. Quell’animale e quella pratica recuperano la concezione in base a cui in quella zona ci sono

dei patrimoni identitari. Nasce così, nel centro delle fattorie sociali, il forum denominato “Op op somarello”,

primi passi per la costituzione del prodotto etico in collaborazione con le imprese agricole.

Il concetto portante di tutto ciò è che il prodotto è un bene relazionale che porta in sé delle condizioni di relazione.

Abbiamo creato il prodotto etico con il suo logo. Qui si sta acquistando un prodotto nato dalla collaborazione

tra l’impresa agricola e la cooperativa Arca, operazione che abbiamo fatto in questi due ultimi

mesi per rendere questa alleanza pubblica e trasversale.

Ciò vuol dire che, per esempio, nella produzione del vino, oltre la parte della vendemmia e dei lavori in sen-

RETELEADER 85


so stretto, assieme ad alcuni ragazzi, abbiamo organizzato delle serate per promuovere il loro lavoro. Abbiamo

poi realizzato un cd che raccoglie i canti della vendemmia, che viene allegato alla confezione. Questi

canti, inoltre, vengono utilizzati nei centri diurni anziani e nelle case di riposo per le azioni di recupero della

memoria, in quanto rappresenta un collante di tradizione. Il cd viene utilizzato anche dalle scuole come percorso

didattico. Ecco perché riteniamo che ogni azione di produzione debba individuare un numero preciso

di multifuzionalità: è uno strumento didattico, è uno strumento sociale riabilitativo (gruppi di memoria), è un

elemento di convivialità (per realizzarlo si sono fatte delle cene durante le quali si è trascorso del tempo insieme).

Si è creata la possibilità di produrre un reddito elevato (la vendita ha reso all’agricoltore 0.50 euro

a bottiglia in più rispetto a quello che avrebbe incassato senza tutto questo), si è garantita la possibilità di poter

continuare a vinificare. Quindi una strada di continuità, una prospettiva che aprirà la prossima vendemmia

al turismo sociale.

Se io per ogni prodotto non riesco a individuare un numero preciso di azioni, vuol dire che sto lo trattando

come un semplice prodotto. Quindi sto facendo solo delle economie che spostano di poco la questione. Ciò è

fondamentale per garantire la possibilità di realizzare dei bilanci sociali, ma anche dei bilanci territoriali e delle

analisi che rendano il Pil una questione da mettere totalmente in discussione.

86 RETELEADER


L’ASSOCIAZIONE SAN PANCRAZIO DI COSENZA

DI ALESSANDRO SCAZZIOTA

Vi racconto la nostra storia e quello che stiamo scoprendo in questi anni di ricerca insieme. È la prima volta

che partecipiamo a questi incontri. Ascoltare gli interventi precedenti è stata un’enorme ricchezza. Alcune

cose che stiamo scoprendo le abbiamo ritrovate nelle vostre parole, spiegate chiaramente. Questo incontro

ha rappresentato anche un’opportunità per riflettere tra noi. Infatti, abbiamo preparato un piccolissimo lavoro

insieme che proveremo a trasmettervi. È stato, quindi, uno stimolo alla crescita del gruppo e alla riflessione

su quelle che sono le nostre esperienze.

La nostra storia è iniziata quasi 20 anni fa, nel centro storico della nostra città, Cosenza, insieme ad alcuni

giovani. In quel tempo c’era un forte tasso di dispersione scolastica, molti ragazzi non riuscivano a completare

la scuola nell’età dell’obbligo, conducevano quindi vita di strada, erano ragazzi con forti problemi personali

e familiari, e da lì è nata un’esperienza di volontariato. Alcuni giovani poche volte a settimana trascorrevano

il loro tempo lì per cercare di aiutare questi ragazzi. Il volontariato è stato un’esperienza molto

forte che ci ha coinvolti direttamente, tanto che alcuni di noi dopo qualche anno scelsero di vivere lì insieme.

Sono state scelte molto forti, da cui poi sono nate relazioni consolidate. Dal contatto diretto con i ragazzi sono

nate le relazioni con le famiglie, abbiamo scoperto realtà difficili, come ad esempio persone che rimanevano

chiuse in casa per difficoltà personali e strutturali. Il centro storico è arroccato su una collina, e per chi

aveva difficoltà di deambulazione uscire di casa rappresentava una grossa difficoltà.

Questi incontri hanno stimolato la nostra crescita, ci hanno aiutato a maturare, e alcuni di noi compirono

quella che chiamiamo una “scelta comunitaria”, cioè ci siamo stretti attorno a questa comunità, e insieme ad

essa siamo cresciuti. Da iniziali attività aggregative, ludiche, abbiamo iniziato ad avviare momenti di studio,

alternati a pratiche di riscoperta culturale. Altre attività che conducevamo erano raccolta delle olive, delle

castagne, al fine di mantenere vivo il legame tra le persone coinvolte. Si trattava di piccole esperienze, semplici

momenti aggregativi, da cui poi nacque il desiderio di intensificare il rapporto con la natura. Nessuno di

noi era nato in “campagna” venivamo tutti da esperienze cittadine, ma proprio per questo si è trattato di una

riscoperta del rapporto con la terra. Cresceva il desiderio di accentuare il rapporto con esseri viventi, che veniva

percepito come un qualcosa di molto educativo. Ci rendevamo conto, inoltre, che queste dinamiche fornivano

molti stimoli sia alla nostra crescita personale, sia per i ragazzi.

Qualche anno dopo, nel ’95, ci imbattemmo nella realtà delle serre. Si trattava di un vecchio sistema di serricoltura

della fine degli anni ’50, abbandonato 15 anni prima, a causa di un fallimento. Si trattava di un roveto

di circa 10 ettari di terreno situato sul fiume. Abbiamo chiesto a persone più competenti qualche consiglio

su come agire su quest’area, e ricordo in particolare mio fratello Benito, che ci disse che un ripristino di

quella struttura per attività economiche non aveva senso, ci diceva che se volevamo fare qualcosa su quel terreno,

dovevamo fare altro rispetto a pratiche economiche. Lo stato di degrado era troppo avanzato per recuperarlo

a fini produttivi. Questo altro ci ha aperto la mente. Eravamo ragazzi, avevamo l’età in cui si co-

RETELEADER 87


mincia a pensare di impostare la propria vita, e noi decidemmo di costruirci un percorso insieme, puntando

su questo altro.

Dopo ricerche e riflessioni personali, abbiamo deciso di entrare nella realtà agricola con l’aiuto di persone,

anche mamme di alcuni ragazzi, che ci insegnavano come fare. Abbiamo disboscato l’area, abbiamo pulito,

abbiamo imparato a impiantare. È stata un’esperienza nuova e costruttiva.

Questa impossibilità della dimensione economica all’inizio è stata frustrante, perché da giovani speravamo

che questo potesse essere un’opportunità per costruire il nostro percorso, ma alla fine lo abbiamo fatto comunque,

in altri modi, attraverso un percorso più libero, aperto ed avventuroso. La scoperta delle serre, le

nuove opportunità, la tipicità del luogo, quel luogo e non un altro, non un terreno libero, pronto, o un terreno

piano, ma le serre infestate dai rovi, questo ha caratterizzato la nostra crescita e ha dato un percorso

particolare. Adesso sono passati 10 anni. Siamo riusciti a costruire qualcosa di concreto attraverso il passaggio

da una dimensione prettamente volontaria all’apertura a diverse forme di collaborazione e di lavoro con

nuove opportunità. In queste serre c’è uno spazio dove noi abbiamo trasferito tutte le attività aggregative e

di centro diurno che facevamo nel centro storico della città. Abbiamo collegato tutte le nostre attività a quella

dimensione agricola legata a quel territorio. Ciò rappresenta la continuità con un’attività di accoglienza che

vede in azioni diverse e non consuetudinarie stimoli per l’inserimento dei ragazzi. All’interno della nostra

struttura abbiamo piccoli laboratori per il teatro, la didattica, la ceramica, ovviamente le attività agricole

fanno da cornice.

Insieme a noi collaborano persone che si avvicinano a questa esperienza non solo per vivere momenti aggregativi,

di vicinanza, o per bisogno prettamente personale, ma anche perché sono motivate e coinvolte in

percorsi di socializzazione con persone che vengono da momenti di solitudine, da disagi particolari, da esperienze

di de-istituzionalizzazione. Si tratta di persone che sono state ricoverate in istituti psichiatrici da tanto

tempo e che lentamente si stanno inserendo in questo tessuto grazie all’accoglienza e ad opportunità che

l’attività agricola offre. Noi attiviamo anche percorsi di inserimento lavorativo. Qui ci sono degli amici che fanno

parte di un progetto di inserimento nel mondo del lavoro come prima esperienza per poter uscire da dimensioni

di assistenza ed entrare in una realtà di lavoro produttivo.

Questo è un passaggio importante. Naturalmente, all’inizio avevamo paura di affrontare cose troppo grandi

per noi e di perderci per strada. Credo che nella diversità si riesce a crescere, la diversità non è qualcosa

che disperde, anzi, fa crescere le radici e permette di andare più a fondo nelle esperienze che si vivono.

Ognuno provato ad esprimere qualcosa su quello che è l’agricoltura sociale per noi e su quello che stiamo scoprendo,

anche attraverso il lavoro di ieri e l’incontro di oggi, di seguito le nostre riflessioni:

88 RETELEADER


BENEDETTA, una ragazza che vive con noi l’esperienza del servizio civile, sottolinea la caratteristica del lavoro

agricolo, che condivide con gli altri, come esperienza concreta caratterizzata una dimensione didattica, educativa,

quindi stimolante per la crescita delle persone.

CHIARA, che si ricollega alla riflessione di Benedetta, parla dell’intensità del lavoro manuale inserendola in una

dimensione sociale che favorisce la vicinanza e l’intensità del rapporto fra le persone. La fatica del lavorare insieme

è un’importantissima esperienza personale di crescita, una possibilità di creare un gruppo unito.

GABRIELLA mette in evidenza la grande capacità dell’agricoltura di attuare pratiche di inserimento nel ciclo della

vita. Si ha a che fare con la vita, quindi si collabora alla creazione di qualcosa che è più grande di noi, attraverso

cui si può imparare e accrescere la responsabilità personale. Inoltre Gabriella sottolinea il valore dell’agricoltura

biologica come sapore della vita, questa ricerca della naturalezza dei cicli della vita come capacità di

entrare nella vita stessa e di assaporarla. L’esperienza agricola, quindi, rientra in una dimensione pedagogica

davvero particolare.

ERNESTO sottolinea la capacità dell’agricoltura di proporre sempre cose nuove e di dare la gioia del vivere imparando,

quindi l’opportunità di comprendere l’importanza di rimanere sempre nella posizione di chi impara.

EUGENIO sottolinea l’opportunità offerta dagli spazi agricoli di essere condivisi tra una molteplicità di soggetti:

l’agricoltura dà l’opportunità a tutti di esprimere le loro potenzialità e ognuno con le proprie peculiarità può diventare

parte di qualcosa più grande di noi. Nelle attività agricole c’è bisogno di tutti, quindi l’agricoltura richiede

e stimola la partecipazione di tutti, ognuno con le proprie peculiarità.

GIANFRANCO, parlando delle fattorie sociali, sottolinea l’importanza dell’agricoltura nel proporre i rapporti di tipo

familiare.

GIACOMO, che si ricollega al discorso di Gianfranco, pone enfasi sulla centralità della persona che vuol dire rispetto

delle potenzialità e dei tempi di ognuno, e sull’opportunità che l’agricoltura dà per mettere a frutto, come

per le piante e gli animali, anche per noi, le nostre capacità.

STEFANIA parla della dimensione sociale del nostro lavoro: il sociale nell’agricoltura, accoglie gli altri, permettendo

a chi vi partecipa di collaborare e di confrontarsi.

MARA sottolinea l’esperienza del conflitto come opportunità di crescita.

MICHELE dice che la realizzazione delle attività agricole rappresenta per lui un’opportunità di realizzazione personale

ed è il contributo di ognuno di noi alla crescita della società (mi sembra che questo racchiuda bene tutto

il senso di questa nostra piccola esperienza).

RETELEADER 89


LA RETE DELLE FATTORIE SOCIALI

DI ALFONSO PASCALE

I percorsi in questi ultimi anni delle esperienze di agricoltura sociale si caratterizzano essenzialmente come

fenomeni territoriali in cui si manifesta maggiormente l’esigenza di individuare forme di socializzazione o modalità

per collegarsi con il mondo della ricerca e con i centri di produzione della conoscenza tecnica non esperta.

Queste pratiche esistono nella realtà. Si tratta solo di rendersene conto, di darle visibilità, di andarne a verificare

l’esistenza concreta e le relative modalità. Inoltre questi fenomeni sono esempi di conoscenza tecnica

non esperta. Le reti nascono al fine di avviare un’attività di ricerca di riproduzione di pratiche, per dare

visibilità a questi fenomeni che altrimenti nessuno, al di fuori dei soggetti coinvolti direttamente, potrebbe osservare.

La rete delle fattorie sociali nasce nel 2005 essenzialmente come strumento di rappresentanza, di coordinamento

e supporto ad esperienze di agricoltura sociale e a coloro che intendono progettare e realizzare tali

esperienze nel territorio nazionale. Noi abbiamo una base significativa nella regione Lazio, ma abbiamo rapporti

ormai con molte regioni italiane. Dal luglio del 2007 la rete collabora con altre organizzazioni, anche

di carattere nazionale, come AGRITERRA, un’associazione che nasce addirittura negli anni ’50, l’ALPA, un’organizzazione

relativamente recente, l’AIAB, l’Associazione per l’Agricoltura Biologica, poi abbiamo la CC Lazio,

Centrale Cooperativa, la CIA Lazio, la CNCA, Coordinamento Nazionale delle Comunità di Accoglienza, la

Confagricoltura di alcune Regioni.

Grazie a questa combinazione di figure sociali, cui corrispondono ruoli diversi di imprenditorialità, lavoro

autonomo e dipendente, abbiamo avviato queste esperienze dello sportello informatico dell’agricoltura sociale

(www.fattoriesociali.com). Si tratta di un’attività che svolgiamo in collegamento con l’università di Viterbo

e con l’università di Pisa. Dal 2006 la Rete partecipa al Forum Delle Fattorie Sociali della provincia di

Roma. Sono due le Province in Italia (Pordenone e Roma) che hanno istituito, con Delibera del Consiglio Provinciale,

il Forum per la Promozione delle Fattorie Sociali.

Aderiscono in modo volontario tutti i soggetti, privati, privati sociali, i comuni, le ASL, le Università agrarie,

le Comunità Montane, tutti coloro che hanno interesse a sviluppare iniziative di agricoltura sociale. Il tavolo

di partecipazione è coordinato dall’ufficio della Provincia di Roma. Dal maggio 2007 come coordinamento

partecipiamo alla piattaforma nazionale (SO FAR), e dal novembre 2007 partecipiamo al tavolo regionale organizzato

dalla regione Lazio e dall’ARSIAL, l’agenzia Regionale per lo Sviluppo e l’Innovazione dell’Agroalimentare.

L’input proviene dalla Regione, dall’Assessorato all’Agricoltura e dal Consiglio Regionale, e l’Arsial si è fatta

promotrice di un tavolo tecnico regionale cui partecipano rappresentanti di diversi Assessorati Regionali che

si interfacciano con le problematiche dell’agricoltura sociale. C’è la sanità, il lavoro, le politiche sociali, insomma

abbiamo riunito tutti gli interlocutori che devono essere contattati per avviare iniziative di agricoltura

sociale.

È stato organizzato un corso di formazione sull’agricoltura sociale dall’ARSIAL in collaborazione con la Rete

90 RETELEADER


delle Fattorie Sociali. Siamo orgogliosi del fatto che dopo sole 2 settimane dalla pubblicazione di questo annuncio

sui siti internet, sono arrivate 280 adesioni per la partecipazione al corso, di cui circa 30 sono agricoltori,

un centinaio sono operatori sociali, gli altri sono ricercatori, studenti, professionisti, psicologi. Abbiamo

un varietà molto ampio di persone che intendono apprendere che cos’è l’agricoltura sociale. Inoltre partecipare

al corso non è semplice: dura 2 mesi, si svolge a Roma, e strutturato in 5 ore una volta a settimana

per 5 mesi. Per chi ha un’azienda agricola, o delle attività diventa faticoso, ma nonostante tutto abbiamo avuto

280 richieste di partecipazione.

Ciò testimonia che emergono nuovi soggetti sociali, nuove attività, in cui spesso la medesima figura sociale

assume una pluralità di ruoli. Come diceva Saverio, si verifica la produzione congiunta di beni e fornitura di

servizi, ruoli imprenditoriali e lavori dipendenti autonomi, integrazione del mercato e ricerca di spazi autonomi

tipici del modo di produrre contadino.

Ciò che oggi si verifica, però, è una cosa diversa rispetto alla fase precapitalistica, dove l’autonomia poteva

anche significare nicchia o separatezza. Oggi l’autonomia va intesa invece come confronto continuo con il

mercato, con maggiori strumenti, per non farsi dominare, senza farsi condizionare completamente. Questa

è la forma per raggiungere maggiore competitività. Se lo intendiamo invece in termini di ritorno ad una modalità

contadina che assolutamente non ha più senso in una società capitalistica, allora diventa qualcosa di

incomprensibile.

Riguardo i modelli di welfare, la teoria della modernizzazione ha condizionato l’intervento pubblico in agricoltura

e la PAC si è configurata come un vero e proprio modello di welfare il cui obiettivo era, oltre l’autosufficienza

alimentare, la creazione di una sorta di ammortizzatori sociali per lo sviluppo. Ciò era stato elaborato

per l’industria, per la città, e attraverso la PAC si cercava di trasporre questo modello al settore agricolo,

erogando risorse al fine di ammortizzare la situazione dicotomica che si creava nei meccanismi di sviluppo.

Io credo che sarebbe velleitario contrapporre in termini conflittuali alternativi il paradigma del modo

di produrre contadino, ma bisognerebbe vedere, invece, questo impianto analitico come una modalità per capire

in che modo valori tradizionali del mondo rurale che fanno riferimento al mutuo aiuto, alla reciprocità,

alla solidarietà non siano archeologia rurale. Pongo degli esempi concreti: tutta l’esperienza ultra secolare dei

consorzi di bonifica, degli usi civici, del carattere agricolo del movimento contadino italiano (il nostro paese

è l’unico in Europa dove il movimento cooperativo nasce nelle campagne, mentre in tutti gli altri paesi nasce

nell’artigianato, nell’industria) sono tutte peculiarità della realtà contadina italiana, portatrice di valori.

Noi dobbiamo recuperare questi valori e rivitalizzarli per rinvigorire le reti sociali e accrescere la reputazione

delle attività imprenditoriali per fare in modo che la capacità di quei processi produttivi legati al capitale

sociale che è proprio della cultura contadina possa arrecare benessere, produrre valore aggiunto, produrre

sviluppo. Pertanto dobbiamo introdurre un nuovo modello di welfare, attraverso un’attività produttiva capace

di generare servizi sociali, nuovi servizi ambientali. Un esempio potrebbe essere un modello per riformare

l’aiuto diretto. Ieri c’era una vivace discussione in cui Francesco ha introdotto questo elemento del tema degli

aiuti. Io credo che il punto sia, più che l’entità degli aiuti, la finalità degli stessi.

La modalità che introduciamo dell’agricoltura sociale potrebbe aiutare a trovare delle soluzioni per collega-

RETELEADER 91


e in modo diverso dal passato gli aiuti diretti non al prodotto, ma a servizi reali che possono essere resi nelle

aeree rurali. Cioè si tratta di recuperare e ammodernare le vecchie forme contadine con cui ci si difendeva

dagli stessi processi biologici, oppure si irrigava e si organizzavano gli usi civici nelle proprietà collettive,

si faceva una cooperazione di servizi alle persone. Nell’esperienza di cooperazione della fine dell’Ottocento,

le cooperative nascevano proprio per fornire servizi alle persone.

Se noi andiamo a vedere l’origine del nostro movimento contadino vediamo un forte intreccio tra una solidità

di meccanismi solidali ai fini produttivi e allo stesso tempo di erogazione di servizi. Tutto questo si faceva

senza che fosse prevalente il dilemma profit/non profit, senza pensare al profitto, ma attraverso meccanismi

in cui i processi di riproduzione delle risorse naturali e culturali erano molto presenti.

Si è parlato di distretto rurale, che è diverso del distretto industriale, perché ha a che fare con risorse naturali.

Il distretto industriale non ha niente a che vedere con la conformazione delle risorse naturali, mentre,

al contrario, il distretto rurale è tale proprio perché ha questa specificità: l’elemento centrale al suo interno

è la solidarietà, l’elemento solidale credo che sia lo strumento principe su cui basare ogni azione.

Io credo che questi processi da tempo evidenti, ma scarsamente indagati, manifestino un elemento importante,

che vorrei proporre come ulteriore indagine e confronto: una crisi profonda delle vecchie forme della

rappresentanza sociale in agricoltura. Le rappresentanze attualmente sono legate al paradigma della modernizzazione

dell’agricoltura industrializzata e non sono in grado di agire attraverso percorsi nuovi, perché

suppongono un adeguamento strategico faticoso. Si pensi alla CIA, Coldiretti, Confagricoltori, per questi soggetti

dover riadeguare il proprio modello strategico organizzativo a realtà simili, è una fatica notevole in

quanto la loro struttura è consolidata, rigida. Esse sono ancorate ad un sistema di servizio, anche di confronto

con le istituzioni di un certo tipo di modello di agricoltura, che ormai è superata.

Chi realizza esperienze innovative, non è rappresentato adeguatamente dalle organizzazioni tradizionali, e

di questo risentono in qualche modo anche le reti, per questo motivo anche spesso accade che le reti svolgano

una funzione di supplenza in termini anche di rappresentanza. Questi nuovi percorsi hanno bisogno di una

rappresentanza forte. Io proporrei di sorvegliare le logiche distrettuali in quanto, essendo generatrici di rapporti

di reciprocità, potrebbero costituire la nuova modalità di rappresentanza. Quindi dovremmo analizzare

questi percorsi per comprendere come potrebbero evolvere in seguito.


WORKSHOP 2

EDUCAZIONE E FORMAZIONE…

TRA IDENTITÀ E TRADIZIONE

Coordinatori

Davide Colace, ARSSA Calabria

Luigia Florio, ARSSA Calabria

RETELEADER 93


SINTESI DEL WORKSHOP

DI DAVIDE COLACE

Il concetto di bene relazionale può essere applicato al prodotto agricolo e ancor più al servizio che viene fornito,

in particolare, dalle fattorie didattiche. Il Workshop è caratterizzato dall’assenza di relatori che venissero

dall’esterno della nostra regione, quindi si è incentrato molto sulla realtà calabrese. Nonostante ciò, vi

sono importanti spunti forniti da chi ha concretamente svolto attività di fattoria didattica, in particolare le

esperienze fatte dalla Cia e dalla Coldiretti. L’attività che queste aziende riescono a sviluppare attraverso le

fattorie didattiche persegue una logica concettuale, sostenuta anche dall’agricoltura contadina, opposta all’omologazione

culturale. Le esigenze dei rappresentanti delle fattorie didattiche sono inerenti l’adeguamento

della normativamente, gli aspetti logistici e strutturali connessi all’attività delle fattorie didattiche, e,

infine, la gestione amministrativa e fiscale di tali attività. Ulteriore importanza assume la possibilità di riuscire

ad attivare, anche attraverso gli istituti e gli strumenti dello stesso Piano di Sviluppo Rurale e Regionale,

la formazione dei portatori della conoscenza della tradizione, quindi, fondamentalmente, degli agricoltori.

La formazione di cui si è parlato, riguarda i formatori stessi. Si tratta, quindi, di un approfondimento delle

conoscenze e del metodo di trasmissione delle stesse, per rendere effettivo il passaggio dell’impresa verso attività

didattiche in azienda. La criticità del Workshop è dovuta alla mancanza di un interlocutore specifico, come,

ad esempio, l’istituzione scolastica, con la quale sarebbe stato necessario relazionarsi. Svolgendo attività

di fattoria didattica necessariamente si incontra il contesto scolastico, pertanto l’assenza di rappresentanti

del settore ha limitato la possibilità di arricchire i temi trattati.

I dibattiti sulle fattorie didattiche si ricollegano a temi quali la definizione di agricoltura contadina, di agricoltura

sociale. Le acquisizioni scientifiche in merito indirizzano sicuramente le fattorie didattiche all’interno

del concetto di agricoltura multifunzionale. Le reti relazionali, inoltre, assumono un ruolo importante nel

campo delle fattorie didattiche. È, quindi, importante considerare il ruolo giocato dai soggetti che operano sul

territorio e dalle associazioni di categoria.

Questi ultimi soggetti hanno partecipato attivamente al Workshop, così come i rappresentanti degli agricoltori,

persone che sono tornate all’agricoltura. Il concetto di contadinità si scontra con la realtà europea, che

rappresenta un contesto in cui la Calabria fa difficoltà ad emergere. Si rende, quindi, necessario l’utilizzo di

strumenti di incentivazione dei piani di sviluppo che conservino al loro interno metodologie ancora tradizionali.

Il comparto zootecnico della nostra Regione, per esempio, è ancora così arretrato da un punto di vista

strutturale, che non potrebbe giovare facilmente di aiuti diffusi sul territorio, dato che i parametri igienicosanitari

devono ancora essere raggiunti completamente. In questo contesto, c’è la figura dell’imprenditore

agricolo. La maggior parte dei nostri agricoltori aspira a diventare tale, ma ci sono anche coloro i quali stanno

tornando alla campagna, assumendo il concetto di contadinità come elemento identitario importante. Il vero

problema consiste in un’impostazione concettuale che persegue l’ideale dell’imprenditore agricolo solo

c’è l’esigenza di portare l’agricoltura calabrese strutturalmente alla pari delle altre Regioni europee. Le azien-

RETELEADER 95


de agricole della CIA che tendono a diventare imprese portano avanti un’idea di contadinità e sono inserite

a pieno titolo tra le aziende che non producono solo alimenti destinati al mercato, ma che forniscono servizi

multifunzionali. Qui in Calabria abbiamo esperienze concrete di imprese agricole che non fanno solo agricoltura.

Inoltre, il reddito netto delle aziende agricole sta scendendo.

Vorrei chiudere leggendo la pagina introduttiva di una delle pubblicazioni dell’ARSSA, che sicuramente si ricollega

al tema dell’educazione naturalistica e agraria:

“A tutti i bambini: crescere è un’avventura, apprendere, conoscere è un ‘altra grande avventura. I nostri

tempi sono lo strumento per imparare: osserviamo, ascoltiamo, gustiamo, annusiamo tutto. Caldo, freddo

pungente, liscio, ruvido, dolce, amaro, piccante, salato, rosso, giallo, verde, blu, rumori, silenzi, fruscii, profumi.

Questo quaderno è un piccolo supporto, una piccola guida per approfondire il sapere passando attraverso

l’esperienza. Ci sono le piante officinali nella nostra Regione perché la nostra terra è ricca di profumi,

di essenze benefiche, ma ci sono anche delle favole, delle filastrocche, dei giochi, perché imparare è divertimento,

fantasia e stupore. Forza, cominciamo l’avventura! Poi nel quaderno scrivi, colora, inventa e, soprattutto,

tocca, osserva, annusa, ascolta, assaggia, perché noi comunichiamo solo quello di cui abbiamo

esperienza.”

Credo che questa ultima frase sia quella che dia il senso delle fattorie didattiche: conosciamo solo quello di

cui abbiamo esperienza. Io ho fatto una piccola esperienza nella Regione Toscana, quando ancora lavoravo

come divulgatore agricolo. Lì c’erano le prime esperienze di aziende multifunzionali. Effettivamente l’esperienza

diretta fatta sul campo dai ragazzi produceva ottimi risultati.

96 RETELEADER


RELAZIONE INTRODUTTIVA

LE FATTORIE DIDATTICHE COME MODELLO DI ECONOMIA SOCIALE

TRA FORMAZIONE E RELAZIONALITÀ

DI MARIA CONCETTA MANFREDI

Il Consiglio dei Giovani Agricoltori, attraverso un’indagine, ha fornito dei dati inerenti la percezione da parte

dei giovani riguardo l’agricoltura e i prodotti della terra: il 50% dei giovani non sa da dove viene lo zucchero,

il 75% ignora l’origine del cotone, il 40% collega il pane al grano e alla farina. Nel caso dei ragazzi

italiani, quest’ultima percentuale scende al 12%. Inoltre il lavoro dell’agricoltore viene considerato dal 75%

dei ragazzi come un lavoro duro, sporco, anche se, di fatto, non sono mai stati in fattoria. Per cui lo scenario

che emerge da questo quadro è che le nuove generazioni, nate e cresciute in ambiente urbano, ignorano

quali siano le origini degli alimenti, quale sia il ruolo dell’agricoltore, non colgono il legame che unisce ambiente,

agricoltura, alimentazione e salute e non hanno il senso fisico della conoscenza, ovvero quell’approccio

sensoriale che consente di attuare esperienze concrete con la realtà che ci circonda. Il mondo agricolo

e rurale può senz’altro svolgere un ruolo di primo piano per colmare questo gap, soprattutto oggi che si

sta sviluppando un nuovo modo di intendere l’agricoltura. Basti pensare che i termini di multifunzionalità e

diversificazione sono diventati un tema ricorrente: multifunzionalità vuol dire che il settore agricolo può svolgere

diverse funzioni che si possono affiancare a quella tradizionale (produzione di beni per il mercato). Le

funzioni che possono essere associate al mondo agricolo riguardano diversi settori: lo sviluppo socio-economico

delle aree rurali; la sicurezza alimentare; l’igiene degli alimenti; la riduzione degli impatti negativi sull’ambiente

e il potenziamento di quelli positivi; l’erogazione di servizi alla persona per attività che riguardano

l’educazione, la formazione ed il sostegno ai soggetti dotati di più basso potere contrattuale. Dunque l’agricoltura

multifunzionale non produce solo cibo, ma può offrire servizi di carattere sociale: nell’azienda rurale

possono trovare spazio e benessere i giovani che hanno difficoltà nel trovare un’occupazione e tutte quelle

persone che mostrano un disagio. La multifunzionalità lega, quindi, processi produttivi e risorse umane con

la crescente domanda di ruralità della società contemporanea. Le fattorie didattiche sono senz’altro un esempio

di multifunzionalità, in quanto rendono protagoniste le strutture agricole nelle fasi di formazione, conoscenza

e condivisione rivolta agli studenti e non solo. Esse sono, quindi, dei veri e propri laboratori all’aperto,

delle aule verdi dove è possibile abbinare l’apprendimento teorico a quello pratico, mettendo a confronto

le esperienze dell’agricoltore con la curiosità dei ragazzi e creando una stimolante interazione. Gli obiettivi

più importanti che si propongono le fattorie didattiche sono:

valorizzare la relazione città-campagna;

creare interesse per la scoperta dell’ambiente e dell’attività agricola;

favorire il recupero del valore ambientale e culturale del territorio;

valorizzare l’importante ruolo sociale dell’agricoltura;

RETELEADER 97


imparare il rispetto per l’ambiente;

conoscere i ritmi della natura e l’origine dei prodotti alimentari;

educare ad un consumo consapevole comprendendo la relazione che esiste tra sistemi produttivi, consumo

alimentare e salvaguardia dell’ambiente;

diffondere la conoscenza dei percorsi degli alimenti: da quando vengono raccolti a quando arrivano sulla

tavola;

favorire la valorizzazione della diversità.

Alla base della logica che guida le fattorie didattiche ci sono tre approcci pedagogici fondamentali:

“imparare facendo”: i ragazzi stessi seminano, manipolano, trasportano, in un’esperienza diretta;

contatto con gli esseri viventi (sia animale, sia vegetali);

incontro tra agricoltori e ragazzi (scambio reciproco di idee ed emozioni);

le esperienze formative che si svolgono nelle fattorie didattiche uniscono il sapere con il saper fare, attraverso

la partecipazione attiva dei ragazzi, che, a seconda dell’età, vivono esperienze differenti: per i

più piccoli c’è un apprendimento più generale, mentre per i ragazzi delle scuole superiori si tratteranno

argomenti più specifici.

In Europa si registra un’elevata presenza di fattorie didattiche, che sorgono solitamente in edifici di proprietà

pubblica o privata, gestiti da animatori, volontari e associazioni no-profit. I precursori delle fattorie didattiche

sono stati i Paesi scandinavi, che misero in pratica gli ideali propri di un movimento americano, il “Club

delle 4 H” (Head, Health, Heart, Hands: testa, salute, cuore e mani), e che perseguono uno sviluppo armonico

dell’individuo. Nei Paesi Bassi le fattorie didattiche si sono organizzate meglio rispetto ad altri paesi,

perché sostenute da una fondazione nazionale, dal Ministero dell’Agricoltura e dal Ministero degli Affari Culturali,

oltre che da numerosi sponsor il cui fine è quello di favorire lo sviluppo del contatto diretto con animali

e piante. Il Regno Unito parte, invece, da una linea diversa: le fattorie didattiche sono nate come soluzione

al recupero di aree abbandonate (discariche, unione di giardini familiari). Per quanto riguarda la Francia,

essa presenta un contesto molto avanzato nella sperimentazione delle fattorie didattiche. Le fattorie didattiche

francesi sono circa 1300, sono diffuse in tutto il territorio, e sono organizzate in 18 reti regionali.

Sono, inoltre, sostenute da una Commissione Interministeriale che le indirizza nell’elaborazione del programma

annuale.

Nelle fattorie didattiche si realizzano attività molto varie: corsi di formazione, ippoterapia, ortoterapia, compostaggio

e riciclo di rifiuti, attività ludiche e sportive, centri estivi e doposcuola. Queste strutture ricevono ogni

anno milioni di visitatori, e ciò sostiene economicamente e socialmente le aree in cui sono situate, in quanto

viene agevolata la coesistenza di persone di differenti età, professione e cultura, favorendo la coesione e lo

sviluppo della comunità.

Per quanto riguarda l’Italia, si sta diffondendo l’animazione didattica, in particolare nel Nord Italia, e la domanda

è sicuramente superiore all’offerta. L’Emilia Romagna, dove è stata istituita una rete regionale di fattorie

didattiche, è la regione più avanzata in questo settore. La costituzione della rete avviene in base ad alcuni

parametri, quali la presenza di sistemi produttivi a basso impatto ambientale, rappresentative e diver-

98 RETELEADER


sificate (privilegiata è la presenza di animali), il grado di motivazione degli addetti e una buona capacità

comunicativa. Sulla base di questo discorso si è costituito in Emilia Romagna un albo regionale delle fattorie

didattiche: le aziende accreditate, che devono possedere determinati requisiti, devono sottoscrivere una Carta

della Qualità, ovvero degli impegni che le aziende sono tenute a mantenere. Tali aziende posseggono tutte

un logo che uniforma sia la loro struttura organizzativa e amministrativa, sia il programma che svolgono.

Il successo dell’esperienza emiliana, coordinata dall’Osservatorio Agroalimentare di Cesena, ha consentito

la pubblicazione di una mappa delle fattorie didattiche italiane.

In Calabria il numero di aziende che svolgono attività didattiche multifunzionali è in continua crescita ed è

molto sentita anche l’esigenza di un supporto da parte di enti pubblici e privati. L’ARSSA, come ente pubblico,

si sta occupando da circa 5 anni di organizzare un progetto che preveda dei percorsi di educazione alimentare

e ambientale per le scuole primarie. In tal modo si sensibilizzano le scuole e si consente ai ragazzi

di scoprire l’origine dei cibi. L’attività è suddivisa in due fasi: aspetto teorico (rilevare l’atteggiamento e la curiosità

dei ragazzi) e aspetto pratico presso le aziende (quelle multifunzionali e quelle potenziali, che si avviano

alla multifunzionalità). Ultimamente è aumentato il numero delle classi che hanno fatto richiesta di partecipazione

a questi progetti. In questa direzione si muovono anche le associazioni di categoria (ricordiamo

il progetto “Campagna Amica” della Coldiretti). Per quanto riguarda le prospettive per la Calabria nel campo

delle fattorie didattiche, si spera di giungere alla stipulazione di un Protocollo d’Intesa, che abbia come

promotore la Regione, e si auspica una maggiore partecipazione di soggetti pubblici e privati, in modo da poter

costituire anche in Calabria una rete di fattorie didattiche per diffondere la conoscenza del mondo rurale

calabrese.

RETELEADER 99


TESTIMONIANZE

LE FATTORIE DIDATTICHE NELL’ESPERIENZA DELLA CIA

DI ROSA CRITELLI

Vi ringrazio per aver invitato la CIA (Confederazione Italiana Agricoltori) a questo importante seminario. Vi

racconto prima l’esperienza della CIA nel campo delle fattorie didattiche, poi vi esporrò le proposte operative

necessarie per aumentare e migliorare le fattorie didattiche in Calabria. La CIA si occupa da circa 20 anni

del rapporto tra agricoltura e nuove generazioni. Ci siamo occupati di questo tema anche in un periodo in

cui l’agricoltura era rappresentata in modo negativo nella società, a causa di eventi inopportuni 9 , non attribuibili

agli agricoltori. È proprio in quel momento che la CIA decise di intervenire in questo campo per discutere

del rapporto tra agricoltura e società. Partendo dalla considerazione che la società nel suo complesso

ha dell’agricoltura, pensammo di affrontare l’argomento rivolgendo alle scuole primarie (elementari e

medie) un concorso per capire cosa pensavano le nuove generazioni riguardo l’agricoltura. Parteciparono

quasi tutte le scuole della Calabria, e i lavori dei ragazzi confermarono che l’agricoltura veniva considerata

un settore retrogrado, povero, responsabile dei disastri ambientali e alimentari. Tuttavia, nello stesso tempo,

emergeva un senso di responsabilità dei ragazzi nei confronti dell’agricoltura: se la maggior parte dei disastri

ambientali e alimentari erano considerati derivanti dall’agricoltura, si rendeva necessario invertire la

rotta verso qualcosa di positivo. Da quell’esperienza diretta, la CIA ha formato una rete di fattorie didattiche

sotto il marchio “Scuole in fattorie”, cominciando a dialogare con le aziende, per avviare un processo di avvicinamento

dei giovani all’agricoltura. Questo lavoro ha portato alla formazione di un protocollo d’intesa tra

la CIA e il Ministero della Pubblica Istruzione. Ci siamo resi conto che in Calabria non bastava creare una rete

di fattorie didattiche, né era sufficiente portare le scuole nelle fattorie, ma c’era bisogno di un soggetto che

coordinasse il lavoro già intrapreso da scuole e aziende agricole. Così la CIA crea un progetto pilota chiamato

“Scuola con la CIA”. 5 anni fa abbiamo scelto una scuola pilota con cui iniziare. La conoscenza e l’esperienza

dei ragazzi nelle fattorie didattiche doveva crescere e affinarsi man mano che i bambini diventavano

grandi, così come i programmi curriculari delle scuole. Abbiamo coinvolto in quel momento i bambini della

seconda elementare, perché più integrati nell’ambiente scolastico rispetto ai bambini di prima elementare.

Abbiamo “adottato” questi bambini dalla seconda elementare fino la terza media quindi, per sette anni. Abbiamo

avviato con loro un dialogo su argomenti concreti, iniziando da due temi semplici ma, allo stesso tempo,

più importanti: i cereali e il valore dell’acqua. Le lezioni teoriche si facevano in aula e poi si proseguiva

nelle aziende agricole. Quando ho chiesto ai ragazzi cosa fossero i cereali, le risposte sono state le più incredibili:

Cerealix e Nesquik o palline che si mettono nel latte. Ciò giustificava ancor di più la nostra presenza

nella scuola. Nel corso del secondo anno, abbiamo cercato di approfondire il discorso su i prodotti e le at-

9 Per esempio il vino al metanolo o addirittura il degrado ambientale veniva attribuito all’opera degli agricoltori per l’uso dei pesticidi, ecc.

100 RETELEADER


tività tipici della nostra terra: olivicoltura, agrumi, zootecnia, agricoltura biologica, rapporto tra agricoltura

e ambiente. Per i ragazzi di prima media l’argomento trattato è l’azienda agricola e l’agricoltore, con tutte

le attività connesse: multifunzionalità, fattorie didattiche, agriturismo, la fattoria sociale, etc. Allo stesso tempo

si discute di argomenti trasversali come la globalizzazione, i prodotti OGM, le biotecnologie. In questo

modo i ragazzi ricevono informazioni su temi non trattati a scuola, poiché non previsti dai programmi ministeriali.

Ritengo che il rapporto con l’agricoltura meriti di essere affrontato come un vero e proprio argomento

didattico, proprio perché non un settore centrale, collegato ad altre attività (basti pensare che per

praticarla sono necessarie scelte e decisioni attuate in altri campi). Dunque, l’agricoltura non è più solo quell’attività

che produce beni e servizi, ma è un modo per rivalorizzare il mondo rurale che diventa punto di ritrovo

(come le fattorie sociali). L’esperienza che si trae da questo progetto è che, non solo si trasferiscono ai

ragazzi nozioni, informazioni corrette ed esempi concreti, ma anche le famiglie stesse vengono rieducate a

questi messaggi per dare continuità al progetto extrascolastico. Portare i ragazzi nelle aziende agricole vuol

dire far comprendere loro in quale contesto è inserita questa azienda e per avere informazioni anche sulle

particolarità del territorio. Attualmente stiamo lavorando con 300 ragazzi. Ciò di cui maggiormente siamo orgogliosi

è che il progetto avviato dalla CIA non è più extrascolastico, ma attualmente è stato ricompreso fra

le materie curriculari, e prevede anche un voto sulla pagella. Siamo partiti da un progetto pilota su agricoltura,

ambiente e territorio e ora è diventato a tutti gli effetti argomento scolastico.

Riguardo le proposte per la Calabria, l’inadempienza e la superficialità con cui si affrontano tali argomenti

comporta un ritardo, malgrado le opportunità e le occasioni presenti sul nostro territorio. Le fattorie didattiche

calabresi che adesso aderiscono come soci alla CIA sono 19. Bisognerebbe partire col piede giusto e con

un processo graduale. Quando si portano i bambini nelle fattorie didattiche bisogna avviarli verso un’autentica

educazione alimentare, e ciò vuol dire far capire loro che non esistono solo i cibi preconfezionati, cui

sono abituati, ma ci sono tanti cibi da poter gustare in tanti modi diversi. Ritornando alle proposte occorre una

normativa ben precisa per organizzare la rete di fattorie didattiche, anche per risolvere problemi quali la tipologia

di fatturazione relativa alla visita delle scolaresche nelle aziende agricole. Oggi questa viene fatturata

come attività commerciale. Sarebbe opportuna una normativa ben precisa che consideri la fattoria didattica

come attività agricola, per tutelare anche la formazione dei soggetti che gestiscono le aziende agricole

e gli agriturismi. Gli agricoltori che formano i ragazzi devono essere, prima di tutto, formati essi stessi.

Pertanto, le proposte che vanno avanzate alla Regione sono quelle di produrre una normativa specifica, semplice,

che spieghi chiaramente come si colloca l’attività didattica in un’azienda agricola.

RETELEADER 101


LA FATTORIA SAN BERNARDINO

DI DOMENICA DONNICI LOIACONO

Io sono una pedagogista, perciò ho una passione per la formazione delle nuove generazioni. Aderire al progetto

della fattoria didattica mi ha dato l’occasione di coniugare due interessi personali: la formazione e la

cura della terra. Ho avuto l’occasione per applicare i principi dell’attivismo appartenenti alle metodologie

pedagogiche. La scuola attiva, nata all’inizio del ‘900, aveva già sperimentato alcune forme di collaborazione,

come la coltivazione di orti, in quanto i pedagogisti del tempo ritenevano che occuparsi di animali e piante

fosse un modo per promuovere l’autonomia personale degli allievi. La scuola attiva mette al centro di tutto

il bambino, colui che deve essere formato, il quale apprende di più ciò che sperimenta e assimila intellettivamente

ciò che riesce ad interessarlo. Bisogna tenere presente che ogni adulto è docente delle nuove generazioni,

e deve accompagnare e orientare il bambino nel processo di apprendimento. Per fortuna si sta avviando

il progetto delle fattorie didattiche, in cui credo moltissimo. Noi abbiamo l’importante compito di trasmettere

l’identità. I programmi scolastici in generale si limitano a poche cose, e i ragazzi ignorano ciò che

riguarda la loro terra. Tutto ciò fa perdere le radici e la capacità di confrontarci con la società multietnica. Nell’ambito

del mondo rurale noi abbiamo un ruolo fondamentale: trasmettere le abitudini alimentari che abbiamo

completamente smarrito e riappropriarci delle metodologie di produzione del cibo. Tutto questo evita

l’omologazione. Inoltre non dobbiamo dimenticare che la nostra storia è contadina. Dunque la collaborazione

tra scuola e fattoria è preponderante. Il rischio è quello di confondere la visita in fattoria con una gita in

campagna. I primi a commettere questo errore sono proprio i genitori dei bambini. Gli insegnanti, soprattutto

quelle giovani, fortunatamente hanno capito l’importanza della visita in fattoria. Il limite delle visite nelle fattorie

didattiche è il tempo: la durata si esaurisce in una giornata. Tuttavia, questo limite può essere superato

se si stabilisce un obiettivo al percorso didattico. Ovviamente ogni percorso formativo è ideato in relazione

all’età dei bambini e ai cicli di formazione. Importanti sono anche i processi di filiera (ad esempio sulla trasformazione

del pane) che danno continuità ai percorsi. In ogni caso è prevista una fase preparatoria nella

quale gli insegnanti raccolgono le aspettative dei bambini e le orientano in quello che sarà il percorso. La fase

preparatoria è anche un importante momento di confronto. Segue una fase di elaborazione; ad esempio

per i bambini molto piccoli si punta sulla creatività: essi vengono stimolati ad esprimere attraverso i disegni

quello che hanno imparato, mentre con i ragazzi più grandi si lavora con esposizioni verbali. Quindi c’è un

serio lavoro, sia a monte, sia a valle, e la visita nell’azienda agricola avviene alla fine dell’anno.

In sostanza, sono diversi i principi pedagogici che si devono divulgare, ed è importante far capire il ruolo

“culturale” che possiamo svolgere. Bisogna far presa alla sensazione emotiva.

102 RETELEADER


LE AZIENDE AGRICOLE MULTIFUNZIONALI

DI ADRIANA TAMBURI

Io sono un’imprenditrice nel settore agrituristico da 16 anni e, in questa sede, sono rappresentante della Coldiretti.

Le confederazioni sono molto importanti perché sono supporti fondamentali per un’azienda agricola,

in quanto canalizzano nei giusti mercati la produzione fornendo stimoli e sostegno agli agricoltori. Ieri l’Assessore

Pirillo diceva che è importante puntare sui giovani, ma essi non devono vedere l’agricoltura come seconda

scelta, e rivolgersi a questo settore solo se non riescono a trovare un’altra occupazione. Bisogna crederci,

lavorare con il cuore, ci vuole spirito imprenditoriale per portare avanti l’attività agricola. Da qui nascono

le esigenze di aziende multifunzionali e delle fattorie didattiche.

Ricordo l’esperienza di due professori della Bocconi di Milano con un bimbo di 4 anni, ospiti di un agriturismo

qui in Calabria. Questo bambino non aveva la minima idea della provenienza delle uova, era convinto

che fossero fabbricate da una macchina e si impaurì nel vedere che erano prodotte da una gallina. Da allora

pensai di trasmettere ai bambini le cose più elementari: la differenza che c’era tra il basilico e il prezzemolo,

come si produce il pane. Da questo spunto abbiamo preso in considerazione nella nostra azienda l’allevamento

del baco da seta, e la lavorazione della seta, cercando di recuperare gli antichi mestieri e gli strumenti

tradizionali. Altro obiettivo era la valorizzazione delle erbe della macchia mediterranea.

Dagli interventi di ieri è emersa una differenza sostanziale tra la figura del contadino e quella dell’imprenditore

agricolo. Sicuramente la figura del contadino ha più importanza rispetto a quella dell’imprenditore

agricolo, perché in un mondo globalizzato non è facile per tutti arrivare al mercato. In una realtà come quella

calabrese non è facile essere competitivi con i prezzi, non con la qualità. Allora noi dobbiamo far arrivare

i nostri prodotti tipici al calabrese stesso, non al grande mercato. Per far questo è necessario creare la filiera

corta che è vantaggiosa sia per i produttori, sia per i consumatori. Bisogna reinventare una nuova figura

del contadino che si avvicini al mercato.

RETELEADER 103


WORKSHOP 3

BENI E TERRITORI SOTTRATTI ALLA MAFIA:

OCCASIONE DI LAVORO E SVILUPPO

Coordinatori

Catia Zumpano, INEA

Federica Roccisano, Cooperativa Hermes

RETELEADER 105


SINTESI DEL WORKSHOP

DI CATIA ZUMPANO

Le esperienze di cui ci siamo occupati nel Workshop si incrociano e nello stesso tempo si differenziano da

quelle degli altri workshops.

Nella prima giornata, più di una volta, si è fatto riferimento ai processi di resistenza dell’agricoltura. In realtà

in questo workshop ci siamo occupati dei processi di resistenza, attraverso l’agricoltura, in situazioni di forte

disagio sociale, in quanto si tratta di aree marginali, con forte presenza di fenomeni mafiosi. Qui l’agricoltura

diventa il mezzo per avviare il riscatto sociale, culturale o anche economico, per innescare nuovi processi

di sviluppo per settori dei contesti rurali, ma anche in un ambito più largo, quello locale. Sono esperienze

che stanno avendo un forte impatto negli atteggiamenti delle persone, nella cultura locale. Quelle affrontate

sono esperienze complesse e anche portatrici di una forte eticità. Entrambe nascono alla fine degli anni ’90,

quando crolla l’alibi dell’impossibilità di agire perché vi sono ostacoli legati al problema mafia. In quegli anni

si diffonde un senso di insofferenza verso la logica tradizionale secondo cui (dalle stesse parole dei partecipanti

al Workshop): “C’è la mafia quindi non si può fare niente!”.

Alcune persone hanno pensato di iniziare a “sporcarsi le mani” con questa realtà e di agire, affrontando

questi grossi rischi.

È stata narrata l’esperienza della cooperativa Valle del Marro, che si inserisce nell’esperienza di Libera, che

ha una sua particolarità: fa parte di un’esperienza a carattere nazionale e opera sulle terre confiscate alla

mafia. La Valle del Marro opera prendendo le distanze dalla realtà locale, cioè ha posto delle barriere con il

fenomeno mafioso e opera su quello strato che è stato definito “un po’ grigio”, quello strato della popolazione

che sta ai margini, che subisce in qualche modo questi fenomeni, che non ha il coraggio di affrontarli

e prendere delle iniziative.

La Valle del Bonamico, che ha dietro la forte presenza carismatica del vescovo Bregantini, ha deciso di sporcarsi

le mani, cioè opera direttamente e coinvolge nelle proprie esperienze soggetti che in qualche modo sono

entrati in contatto con il mondo mafioso. Si tratta di detenuti o loro parenti. Toccante è stato il racconto,

durante il workshop, del presidente Schirripa, quando narra appunto che agli inizi dell’attività della cooperativa,

quando ha iniziato ad avere anche qualche risvolto economico, le madri stesse dei ragazzi soggetti all’influenza

mafiosa, chiedevano l’impiego dei propri figli all’interno della cooperativa, perché non volevano

che seguissero le orme dei padri.

Entrambe le esperienze affrontano la stessa tematica, ma con modalità diverse. Entrambe sono portatrici di

valori etico-solidali e anche sociali, hanno una visione etica del rapporto con il territorio, non solo dal punto

di vista culturale, ma anche ambientale. Sono animate da valori come rispetto del territorio e recupero della

memoria. Uno dei motti della Valle del Bonamico è appunto “Radici, Memoria, Identità”. Una delle esperienze

che porta avanti è, infatti, il recupero del maiale nero dell’Aspromonte. Hanno scoperto, infatti, dei

maiali bradi, che non riescono però a valorizzare perché ritenute razze illegali. Dietro si portano anche la voglia

di stimolare iniziative imprenditoriali. Sono esperienze che soprattutto devono fare da collante tra gio-

RETELEADER 107


vani e agricoltura. I giovani hanno una visione negativa dell’agricoltura, invece queste cooperative utilizzano

il rapporto con l’agricoltura, con la terra, dandogli un significato sociale e culturale. Questo naturalmente

porta i giovani ad avere più entusiasmo, ad avvicinarsi a questo lavoro, ad attività che prima in qualche

modo rifiutavano. Sono esperienze che permettono ai giovani di acquisire competenze che altrimenti non

potrebbero avere. Nel lavoro delle cooperative c’è la necessità di saldare i rapporti con il mondo della ricerca

e con l’innovazione. Tutte e due le cooperative hanno dei rapporti consolidati. Entrambe le esperienze

hanno raggiunto dei grossi obiettivi e degli ottimi risultati. La prima esperienza, quella della Valle del Marro,

ponendo un no secco alla mafia, senza se e senza ma, si muove all’interno di un sistema rete nazionale

che in qualche modo fa anche da tutoraggio e in un certo senso la difende. La Valle del Bonamico, invece, è

completamente dentro l’area locale, cerca di contaminare il territorio, di seminare cultura d’impresa nella legalità

ed è costretta a fare i conti con mille e diverse contraddizioni. È difficile riuscire anche a lanciare dei

messaggi chiari, che non generino poi delle interpretazioni ambigue.

Sono esperienze che fanno eccezione in Calabria, basti pensare che solo la Valle del Marro si occupa di beni

confiscati di questo settore. Sono esperienze innovative che avrebbero bisogno certamente di supporto da

parte delle politiche che al momento le hanno dedicato poca attenzione. Proprio perché sono esperienze

complesse e nello stesso tempo delicate, diventa strategico il sistema rete. Entrambe sono inserite in un sistema

rete che in qualche modo li protegge dalle possibili distorsioni del contesto locale, però sono esperienze

che vanno consolidate nel tempo, devono avere anche la possibilità di confrontarsi, di garantire dei

redditi consolidati. Proprio per questo avrebbero bisogno di una maggiore solidarietà e quindi dell’intervento

da parte delle istituzioni. Soprattutto questo comporta un nuovo modo di pensare le politiche di sviluppo

che probabilmente è ancora lento ad essere assorbito dalle nostre strutture regionali. Grazie.

108 RETELEADER


RELAZIONE INTRODUTTIVA

SVILUPPO, OCCUPAZIONE E NON SOLO: IL RUOLO DELLE COOPERATIVE

DI GIUSEPPE GAUDIO

Avevamo deciso, nell’organizzazione del seminario e quindi dei workshop, di dare spazio anche a questo tipo

di esperienze che a pieno titolo possiamo far rientrare in quella che oggi viene chiamata l’agricoltura sociale.

Tematica, dibattuta, ma non abbastanza, anche in Calabria. Noi, al contrario, crediamo che meriti molto

spazio sia all’interno delle politiche e sia all’interno delle ricerche universitarie.

L’INEA sta seguendo entrambe le esperienze all’interno di due progetti di ricerca: uno relativo alla forma innovativa

per l’inserimento dei giovani in agricoltura, l’altro relativo ai progetti integrati di filiera, a cui La Valle

del Bonamico ha partecipato dal 2000 al 2006.

Ne avevamo inserito una terza, la cooperativa Placido-Rizzotto di Palermo, per confrontare due esperienze

diverse tra Calabria e Sicilia, ma per imprevisti non dipendenti dalla loro volontà il rappresentante della cooperativa

non è potuto essere qui oggi.

Il ruolo che svolgono questo tipo di cooperative è molto importante e va al di là di quelli che sono gli effetti

strettamente economici perché esse si pongono anche obiettivi di carattere etico, solidale e di sviluppo sociale

del territorio.

Senza voler ripercorrere la storia delle trasformazioni sociali ed economiche in Calabria, basti qui ricordare che

nei contesti in cui operano le due cooperative convivono problematiche comuni (isolamento, elevati tassi di disoccupazione,

lavoro nero, tessuto economico debole, presenza della ‘ndrangheta, ecc.) e sistemi economici,

assetti dei rapporti sociali, infrastrutturazione del territorio per certi versi opposti. Le ragioni di queste differenze

vanno ricercate, tra le altre, nella particolare fisionomia della struttura economica della Piana, che rappresentava,

nei secoli passati, una delle zone più ricche della Calabria e maggiormente integrate nel mercato

nazionale ed internazionale (presenza di una relativa diversificazione delle attività produttive e di un’agricoltura

intensiva di esportazione), contrapposta all’agricoltura estensiva del latifondo tipica delle colline joniche

e dell’agricoltura contadina di autoconsumo delle aree più interne, come quella della locride.

Si tratta oggi di aree a ritardo di sviluppo, la locride, e in declino, la Piana di Gioia, dove storicamente la logica

dell’impresa è stata fortemente condizionata dai trasferimenti pubblici e dalla presenza della mafia e dove

la forma del cooperativismo ha trovato un’espressione molto limitata.

Negli anni ’70, con la crisi economica internazionale ed il crollo dei progetti di industrializzazione, si è disintegrata

definitivamente la Calabria rurale e contadina senza dar luogo a politiche di sviluppo, ma ad un

rigonfiamento del terziario e ad una tendenza all’acutizzarsi della sottoccupazione e disoccupazione, cui è stato

risposto con politiche assistenziali. Ha così preso forma il complicato combinarsi di un apparato politico e

burocratico solo esteriormente moderno con una pervicace personalizzazione e privatizzazione delle istituzioni

pubbliche. Il controllo delle risorse, da parte del potere politico, ha prodotto un’economia “assistita”

che ha condizionato e limitato processi autonomi di sviluppo e capacità di azioni collettive.

RETELEADER 109


In tale contesto, si è rafforzato il potere mafioso che si è riorganizzato partecipando direttamente all’attività

politica, connettendola sempre più al circuito degli affari.

Questo modello di sviluppo distorto ha prodotto scarse relazioni di mercato e di produzioni, redditi ed occupazioni

autonome dai sussidi statali, un eccesso di strutture di redistribuzione e un deficit di strutture di produzione,

con una dipendenza asfissiante da reti di relazioni verticali e con una povertà di reti orizzontali tra

imprese ed istituzioni regionali.

La grande vera sfida che la Calabria ha di fronte è dunque quella di contribuire a costruire strutture istituzionali

pubbliche efficienti ed efficaci, norme e valori condivisi ed economie di mercato. Per troppi anni si è

creduto che incentivi finanziari e infrastrutture potessero essere sufficienti ad innescare processi di sviluppo.

Oggi, la convinzione prevalente è quella che le opportunità di sviluppo debbano essere ricercate nella società

e nelle istituzioni.

Per questo motivo, azioni che incoraggiano la modifica dei comportamenti e delle relazioni tra soggetti in direzione

dello sviluppo assumono un ruolo decisivo per la Calabria.

La scelta dei due casi studio muove da queste motivazioni: innanzitutto, perché operano con un’attività innovativa

e complessa in una zona ad elevata emergenza socio-economica e ad elevata presenza della criminalità

organizzata. In secondo luogo, perché si prefiggono di raggiungere, accanto ad obiettivi di carattere

economico, quello più ambizioso di risanamento sociale e culturale. In terzo luogo, pur partendo da obiettivi

comuni (l’impegno sociale e culturale come forma di resistenza al potere mafioso, introdurre elementi di

rottura e di trasformazione del contesto socio-economico), utilizzano strategie diverse e per certi versi contrapposte

per il raggiungimento degli obiettivi comuni.

Nel caso della locride, il processo è tutto dentro al territorio, viene costruito dal basso e poi si sviluppa anche

tramite soggetti esterni all’area. Nel caso della Piana di Gioia, il fattore scatenante viene dall’esterno e successivamente

coinvolge la popolazione locale.

L’idea principale che sta alla base delle iniziative è che il lavoro e l’impresa possono rappresentare il rimedio

al sottosviluppo ed al malessere sociale della Calabria. La Cooperativa Valle del Bonamico è la longa manus

della Pastorale Sociale del Lavoro diocesana, attraverso cui un gruppo di operatori fanno animazione territoriale.

Organizzano i giovani disoccupati del territorio per offrire loro progetti di lavoro e di occupazione

alternativi ad un destino di marginalità e di rischio di devianza mafiosa. Grazie a questa attività la solidarietà

e la riscoperta della fiducia tra gli esseri umani prende il sopravvento sull’individualismo e sulla chiusura familistica

con un percorso di dialogo che diventa progetto concreto.

Nell’altro caso, è l’Associazione Libera, creata in Italia da Luigi Ciotti, prete piemontese, a farsi promotrice in

Italia di un progetto economico per la riaffermazione delle libertà e dei diritti di cittadinanza e a sensibilizzare

lo Stato ed il Governo ad emanare una Legge, la 109 del 1996, recante l’utilizzo dei beni confiscati alla

mafia, come presidio di legalità, creazione di posti di lavoro e di sicurezza sociale.

Da una parte, il lavoro nel sociale di un uomo di chiesa che come tale “si sporca le mani”, cerca di contaminare

il territorio e diffondere elementi di rottura e di trasformazione, cerca di entrare in contatto con persone

svantaggiate per redimere e recuperare i figli di mafiosi in un’area a forte criminalità mafiosa; dall’altra,

110 RETELEADER


un altro uomo di chiesa che contrasta laicamente, promuovendo ed utilizzando una legge dello Stato, il potere

mafioso. Da una parte, quindi una strategia di contaminazione dal basso, endogena e partecipata; dall’altra,

una strategia nettamente di contrasto al potere mafioso.

Le due esperienze rappresentano all’interno della Calabria, dei tentativi di modernizzazione e di cambiamento,

seppur non lineare, ma complesso e problematico.

Io credo che il ruolo che stanno svolgendo le due cooperative nei rispettivi territori sia molto importante. Entrambe

riescono comunque a svolgere un ruolo di forte contrasto alla mafia stessa, creando rete all’interno

del territorio: legami tra cooperative diverse e anche tra settori diversi, ma anche legami all’interno del tessuto

sociale che permette di contrastare le attività illegali.

Non c’è dubbio che entrambe le cooperative svolgono un ruolo importante non solo dal punto di vista economico-produttivo

in sé, creando opportunità sul mercato per i prodotti alimentari e opportunità occupazionali,

ma soprattutto dal punto di vista delle capacità di creare collegamenti con il territorio e reti formali ed

informali, capaci di rafforzare il contesto territoriale e contrastare così la criminalità organizzata.

C’era molta diffidenza quando hanno iniziato la loro attività. C’è meno diffidenza oggi avendone visti i risultati.

Ci diceva il presidente della Valle del Marro che uno degli aspetti più importanti è che molte persone,

molti giovani si rivolgono alla cooperativa per cercare lavoro. Quando sono nate c’era molta diffidenza rispetto

al territorio. Erano visti come un qualcosa che era impossibile da realizzare. Il lavoro eccezionale svolto

dalle cooperative ha prodotto risultati non solo dal punto di vista economico, di competitività sul mercato,

ma soprattutto dal punto di vista sociale e culturale. Inoltre, sono riusciti a connettersi con il territorio e a valorizzare

questo legame.

Uno dei metodi per uscire dalla dipendenza, dalla marginalità e creare sviluppo, inteso non come crescita economica,

ma come processo sociale, è proprio la creazione di fiducia. Entrambe le cooperative all’interno del

loro territorio, anche tramite il raggiungimento di risultati economici, stanno creando un tessuto sociale che

ha fiducia nel futuro.

Credo che aspetti importanti da sottolineare ed enfatizzare con forza siano il tema dello sviluppo inteso come

processo, il tema del legame tra agricoltura, territorio e solidarietà, la creazione di reti sul territorio per

rafforzare il tessuto sociale e creare condizioni favorevoli alla commercializzazione dei prodotti. Le due cooperative

hanno creato canali di commercializzazione connettendosi all’esperienza di Cooperative esterne all’area

(la Sant’Orsola del trentino) o utilizzando il marchio di Libera Terra. Successivamente entrambe stanno

cercando di realizzare una propria autonomia in questa direzione, al fine di favorire la crescita del valore

aggiunto sul territorio. La Valle del Bonamico punta sul recupero dei prodotti tipici locali e cerca di inserirsi

in canali commerciali locali, laddove la Valle del Marro cerca contatti con altre imprese del territorio e con

i GAS, il commercio equo e solidale, ecc.

Credo che queste due esperienze rappresentino buoni esempi, buone prassi sia sul territorio sia per le politiche.

Esse sono in grado di creare sviluppo, occupazione, economia, ma anche percorsi etici, solidali, legali

all’interno di due territori a forte concentrazione mafiosa. Queste esperienze potrebbero essere, secondo

me, esportate come modelli di riferimento anche in altre realtà (Campania, Puglia, Sicilia). Altro elemento im-

RETELEADER 111


portante da sottolineare, nell’ambito di ciò che esse fanno quotidianamente, è il fatto che, coinvolgendo tanti

giovani, stimolano in loro la consapevolezza della propria identità e delle proprie capacità, aumentando anche

il desiderio di restare in Calabria, di lavorare per il proprio territorio, di creare qualcosa di duraturo e autonomo

all’interno del proprio territorio di origine. Tutti questi sono aspetti fondamentali in una regione come

la nostra dove, pur essendoci le risorse per generare sviluppo, non riusciamo a creare le condizioni favorevoli.

Ieri, nell’intervento sulle opportunità delle politiche, dicevo che le attuali politiche possono essere, così come

sono disegnate, utilizzate per sostenere questo tipo di cooperativa. Inoltre, come diceva la Prof.ssa Cavazzani,

non bisogna disegnarle all’esterno del territorio, per cui è importante identificare i soggetti beneficiari delle

politiche in coloro i quali operano sul territorio. Le politiche dovrebbero accompagnare quello che esiste sul

territorio. Quindi il ruolo delle politiche potrebbe rafforzare questo processo in corso sul territorio dando

un’opportunità ai giovani di utilizzare l’agricoltura a fini economici, sociali, etici, solidali che non mi sembra

un risultato di poco conto.

Un altro problema è che passano circa 20/25 anni tra la data del sequestro dei terreni e la concessione alla

cooperativa. In 20 anni un terreno agricolo si degrada, ed è difficile poi recuperarlo senza un forte sostegno

finanziario, per cui il primo passo che le politiche potrebbero fare è accelerare i tempi, potrebbero sostenere

queste iniziative, consentendo ai giovani di creare sviluppo sul territorio, occupazione avendo finalità sociali.

Si tratta di un ruolo importantissimo, e le politiche, per svolgerlo adeguatamente, devono:

identificare un chiaro modello di sviluppo;

individuare i beneficiari (le cooperative sociali di tipo B);

individuare quelle cooperative che hanno, oltre a quello economico, finalità sociali sul territorio;

cambiare mentalità e definire in modo chiaro questi obiettivi.

Credo che su questo bisogna riflettere per modificare la realtà e favorire il cambiamento dei territori e delle

politiche verso forme innovative. Se vogliamo fare agricoltura in Calabria, nel nostro territorio, ma anche

se vogliamo fare altro, dobbiamo staccarci dalle pratiche convenzionali che perseguono obiettivi strettamente

economici. Bisogna creare un clima di fiducia tra i giovani e mostrare loro che un futuro diverso, migliore è

possibile. Vi ringrazio.

112 RETELEADER


TESTIMONIANZE

LA COOPERATIVA VALLE DEL MARRO

DI ANTONIO NAPOLI

Le riflessioni di chi mi ha preceduto hanno fornito un quadro esauriente della situazione. Le politiche agricole

dovrebbero offrire un quadro chiaro e attuare procedure snelle per far uscire il bene confiscato di natura

agricola dal recinto esclusivamente giudiziario e considerarlo elemento attivo dello sviluppo economico

del territorio, una risorsa per il territorio.

Prima di raccontare la storia della nostra cooperativa, devo dire che nell’intervento precedente sono stati

toccati i punti dolenti in materia di beni confiscati. Innanzitutto, lo stato di abbandono del bene, il degrado

di una risorsa territoriale, che è anche segno di degrado istituzionale, perché se c’è stato questo lungo abbandono

ci sono state anche delle rinunce da parte dei soggetti competenti.

Secondo punto dolente: la mancanza di risorse finanziarie non per creare un nuovo o più nobile assistenzialismo

a questa cooperativa, ma per aiutare queste cooperative ad uscire da una difficoltà strutturale molto

forte che è, da un lato, quella di dover affrontare i costi per la messa in funzione del terreno, dall’altra quella

di dotarle di tutte quelle attrezzature in modo da renderle competitive, tenendo conto che le cooperative

sociali nascono con il capitale sociale dei soci. Nel nostro caso si trattava di una cooperativa di disoccupati di

lunga durata quindi con una scarsa capitalizzazione.

Anche qui le istituzioni dovevano (anche in questo caso c’è una Legge che lo dice) supportare i processi di messa

in funzione di terreni agricoli fornendo le basi finanziarie per progetti di questo tipo. Anche in questo caso

c’è un passaggio della Legge che parla di ristrutturazione dei fondi, ma in realtà le risorse finanziarie non

ci sono. Per far fronte a tutto ciò, si è attivato il canale della solidarietà sociale, il canale alternativo come Banca

etica e altri rapporti con istituti locali, quali la Banca di Credito Cooperativo, ecc. Quindi ci muoviamo sempre

nel settore privato.

Per accennare brevemente alla nascita della nostra cooperativa, abbiamo lavorato per circa un anno e mezzo

su questo progetto, e finalmente siamo arrivati a costituire una cooperativa agricola di tipo B, comprendente

anche soggetti svantaggiati. Prima ancora della costituzione della cooperativa si è fatto un lavoro di rete,

di conoscenza, d’indagine sul territorio. Processi lunghi, ma necessari. È stato creato un gruppo di lavoro

con competenze tecniche e professionali per uno studio sulla consistenza di beni confiscati in Calabria. È stata

Libera, che è una associazione antimafia, e la Lega Coop a fornire i tecnici e gli agronomi. Questo al contrario

dovrebbe essere un compito delle istituzioni, non dei soggetti privati. Nonostante esista una Legge che

prevede una Banca dati che fornisca un quadro chiaro, trasparente ed esauriente sulla consistenza di beni confiscati,

questa non è ancora stata creata. Le informazioni sono insufficienti, incomplete, manca soprattutto la

descrizione effettiva del bene. Un conto è avere un’informazione che risale a10 anni fa, un conto è averne

una dopo una perizia, un sopralluogo di tecnici, una descrizione effettiva del bene.

RETELEADER 113


Il progetto è partito nel 2003, mentre noi siamo nati nel 2004. Siamo 11 soci selezionati attraverso un bando

pubblico. Modalità strana per far nascere una cooperativa, ma è una conseguenza del bisogno di garantire

massima trasparenza nell’assegnazione e nell’utilizzo di questi beni. L’associazione Libera ha seguito il

bando pubblico con l’obiettivo di dare un’opportunità a tutti i giovani del territorio. Si è cercato di costituire

una cooperativa sociale che mirasse all’inclusione di giovani disoccupati e con disabilità. Dal 2004 ad oggi la

compagine sociale si è ristrutturata, ci sono anche lavoratori dipendenti, le prospettive di crescita occupazionale

sono alte nella misura in cui si vuole integrare tutta la filiera, quindi non ci occupiamo soltanto della coltivazione

e raccolta del prodotto da lavoro, ma anche della trasformazione, in qualche caso delle vendite, delle

botteghe di questi sapori della legalità.

È cresciuto il volume dei beni confiscati, che sono oggetto di gestione, da 35 ettari iniziali sono passati a 60, e

le prospettive di crescita sono enormi, ma c’è sempre quella “farraginosa” burocrazia che ci impedisce di poter

acquisire in modo più rapido i terreni ulivetati, perché si tratta di zone fortemente vocate all’olivicoltura.

È cresciuta sicuramente la rete del partenariato sul territorio e fuori dal territorio.

La rete è importante per dare un sostegno forte e adeguato a queste cooperative che devono essere supportate

nella fase di start-up, ma è anche strumentale per la creazione di fiducia. La fiducia è il valore più

prezioso che noi dovremmo tutelare, perché aiuta ad orientare lo sviluppo in ogni direzione. La fiducia significa

uscire fuori dal circuito familiare e quindi costituire cooperative non di base familiare, perché fare cooperazione

significa aprirsi all’altro, far circolare la fiducia fuori dall’ambito familiare. Creare un clima di fiducia

significa rendere pubblico un bene che è stato strumentalizzato dalla mafia per scopi privati e illegali.

Per quanto riguarda gli effetti imitativi e il confronto con le altre esperienze di altre Regioni, vi dico che purtroppo

la Calabria rispetto alla Sicilia sconta una serie di ritardi strutturali e funzionali sia in agricoltura, sia

a livello istituzionale.

Se c’è un dato di cui hanno potuto beneficiare i progetti agricoli previsti in Sicilia è la presenza di un organismo

intercomunale, un consorzio di comuni, che aveva come compito quello di ricevere beni confiscati dai

singoli comuni e poi puntare alla gestione unitaria. Il compito di questo consorzio è anche quello di trovare

le risorse finanziarie per la ristrutturazione. Ciò è mancato in questo progetto e manca in Calabria.

Io vengo dalla piana di Gioia Tauro, che è frazionata in 33 comuni e solo recentemente è nato un organismo

di selezione di comuni dei beni confiscati, che però non ha una finalità ben precisa.

Quando siamo nati come cooperativa, noi abbiamo dovuto creare dei rapporti con tre differenti amministrazioni

comunali, con tre realtà diverse (Oppido Mamertino, Rosarno e Gioia Tauro). Abbiamo dovuto

mettere in piedi tre procedere con tre modalità diverse. Abbiamo dovuto redigere tre diverse convenzioni.

Questo testimonia la difficoltà di agire quando sono diversi i soggetti. Noi abbiamo preparato una bozza di

convenzioni per la gestione del bene e per tutti gli oneri e i doveri derivanti dalle parti sull’accordo di gestione,

ogni comune ha voluto firmare convenzioni diverse, pur mantenendo posizioni irremovibili su alcuni

punti fermi, quali ad esempio la durata trentennale della gestione, altrimenti non si può parlare di prospettive

di sviluppo.

Sicuramente ci sono anche delle riflessioni da fare, innanzitutto per quanto riguarda gli scompensi strutturali

114 RETELEADER


dell’agricoltura calabrese rispetto a quella siciliana. Però devo dire che accanto alle ombre ci sono luci e grandi

potenzialità per l’agricoltura calabrese.

Io faccio un piccolo appunto per quanto riguarda l’Apicoltura: io sono un apicoltore alle prime armi e gli apicoltori

che lavorano nel settore da tanti anni dicono che il miele di fiori d’arancio calabrese proprio per la varietà

agrumicola è unico al mondo, tanto che molti siciliani vengono a collocare proprio nella piana di Gioia

Tauro e Lametino le loro arnie.

Il mio intervento è sintetico, ma ha l’obiettivo di orientare il discorso su alcuni punti fondamentali, innanzitutto

sul rapporto con il territorio e sugli aspetti di un’economia sostenibile e solidale.

Allora se consideriamo che storicamente in alcuni territori la mafia nasce nelle aree rurali e che la terra è stata

in passato simbolo di potenza e di controllo della malavita sui destini della gente e continua purtroppo ad

essere in piccole realtà fonte di prestigio sociale, il recupero di quei terreni che sono stati acquisiti illegalmente

da mafiosi e la loro destinazione a cooperative sociali, la loro rinascita produttiva, sono un preciso e

perentorio segnale di vittoria realizzato anche attraverso un nuovo ruolo dell’agricoltura, quello di essere veicolo

della cultura della legalità e che indirettamente va a potenziare le reti e i servizi di protezione sociale.

In questi progetti agricoli il nucleo centrale è non solo la natura delle risorse economiche utilizzate, ma lo stesso

bene confiscato e la struttura organizzativa di queste aziende, quindi la struttura cooperativa.

Il modo di fare economia è improntata ad una visione etica del rapporto con il territorio.

La cooperativa fin da subito si è data una missione ben precisa con tre obiettivi:

1. creare nel comparto agricolo un rinomato spirito di iniziativa imprenditoriale proprio perché quel comparto

era fortemente penalizzato da scelte sbagliate degli operatori;

2. stimolare le politiche agricole verso un concetto di sviluppo del territorio;

3. stimolare nuove forme di cooperazione e tenere alta l’attenzione antimafia.

La cooperativa opera in una zona ad elevata emergenza socio-economica con un’attività che si prefigge di

raggiungere, accanto ad obiettivi di carattere economico e in virtù del loro modo etico e trasparente di essere

organizzati, il fine più complesso del cambiamento di mentalità. Questa volontà di cercare di trasformare il

pensiero comune ci rende dignitosi e viene concretizzata grazie alle possibilità di stimolare un sistema di rete

fra società civile e istituzioni in cui ogni soggetto coinvolto non eserciti più la passiva funzione della legalità,

come è avvenuto purtroppo in passato, ma si assume le proprie responsabilità guardando al territorio con

occhi nuovi.

Che cosa intendo quando dico di guardare al territorio con occhi nuovi? Vedere il territorio come il fondamento

di un impegno comune a costruire identità positive, quindi è qualcosa che deve essere ancora realizzato, che

deve divenire. Il territorio non va più visto come un luogo di contraddizioni o di dolorose scissioni tra il nostro

essere e il nostro dover essere. Questo è quello che io sento dire spesso tra gli operatori del settore, tra

i calabresi in genere c è sempre questa scissione tra ciò che siamo e quello che dovremmo essere.

Sul piano delle relazioni di partenariato, nei suoi tre anni di vita la cooperativa è stata al centro di lavoro con

vari attori: la prefettura, la chiesa locale, esponenti del mondo delle banche, associazioni libere, oltre l’associazione

Libera, imprenditori. Tutti impegnati con diversi strumenti a sostenere, su quei terreni agricoli tol-

RETELEADER 115


ti al circuito della illegalità, un progetto economico per la riaffermazione della libertà e dei diritti di cittadinanza,

fra questi primo fra tutti il diritto al lavoro, e per la realizzazione di un modello agricolo competitivo

che fosse eco-compatibile.

Questi soggetti ci hanno fornito il sostegno economico necessario per superare tutte le rigidità iniziali, ma anche

per la formazione e l’acquisizione del know-how di base che hanno permesso in questi anni di rendere

l’azienda operativa e efficiente.

La cooperativa si è costruita la propria identità e posizione in un’economia rurale e alternativa, ponendosi come

realtà positiva e propositiva aperta alle opportunità della ricerca e dell’innovazione scientifica, senza

però cancellare gli antichi saperi custoditi nelle sagge consuetudini e tradizioni dell’arte contadina.

È un’impresa sociale a prevalente composizione giovanile, questa caratteristica rappresenta la base su cui poggia

l’intero progetto collettivo e il nostro obiettivo è quello di accrescere ancor di più la base giovanile, sentendo

la necessità e il bisogno d’invertire il trend di espulsione dal mondo agricolo di molti giovani. Per arrivare

ad una saldatura tra il mondo giovanile e il mondo dell’agricoltura bisogna cambiare l’approccio.

Abbiamo notato spesso, parlando con alcuni giovani, che c‘è un approccio pregiudiziale da parte loro verso

il lavoro agricolo, e ciò si traduce spesso nel rifiuto di un’occupazione nel lavoro agricolo ma c’è, dall’altro

lato, anche un approccio approssimativo. L’approccio giusto, in realtà, è quello etico unito ad un approccio

scientifico composto da competenze tecniche e professionali.

La Valle del Marro è un’economia dove i più deboli trovano accoglienza, riconoscimento della loro dignità attraverso

percorsi di inserimento lavorativo.

Noi abbiamo adottato una frase di Cicerone che diceva in epoche lontane, ma le parole hanno un sapore vivo

e attuale, che “l’agricoltura è l’unica attività degna di uomini liberi”. Allora anche nel caso dei soggetti

svantaggiati inseriti in agricoltura c’è un nesso stretto tra la lotta della comunità per la propria autodeterminazione

e la lotta delle persone con svantaggio e disabilità per l’autonomia intesa come completa integrazione

sociale. Si tratta in entrambi i casi di una particolare concezione della libertà che è proprio della cultura

contadina: da un lato toglie libertà a coloro che sfruttano gli uomini volendoli dominarli e umiliarli, dall’altro

da la libertà e consente alle persone di costruire in modo autonomo un futuro più promettente creato,

almeno parzialmente, da loro stessi.

Quindi un futuro che si estranea da logiche di esclusione ma si estranea anche da logiche di distruzione delle

risorse naturali per questo l’attività produttiva della cooperativa segue i principi dell’etica dell’agricoltura

biologica, parola chiave qui diventa sostenibilità.

Io la sostenibilità la intendo in tre modi: c’è da un lato una sostenibilità legata al modo di produrre i beni in

agricoltura, ma c’è anche una sostenibilità etica legata al nostro stile di vita sociale che non deve essere più

di disimpegno, ma deve essere animato da uno spirito d’iniziativa che isola l’elaborazione di culture, prassi

sociali e modelli imprenditoriali che siano antagonisti alla logica della massimizzazione dei profitti come unico

fine, che va a discapito dell’equilibrio naturale ma anche della dignità umana.

I prodotti sono prodotti fortemente tipici: olio extra vergine d’oliva, pesto di peperoncino piccante, melanzane

sott’olio, miele di fiori d’arancio. Sono prodotti che siglano uno sviluppo economico che intende coinvolgere

116 RETELEADER


anche i cittadini attraverso l’affermazione di forme di consumo consapevole. La distribuzione di questi prodotti

avviene nei canali delle botteghe del commercio equo-solidale, nella rete dei Gruppi di Acquisto e nelle

reti della Coop per la grande distribuzione.

Quindi l’agricoltura della Valle del Marro sta mettendo in luce nelle botteghe biologiche specializzate quelle

che sono le capacità etiche professionali e imprenditoriali di giovani del sud ma sottolinea anche la capacità

del mondo agricolo di fornire contributi concreti alle comunità locali nella ricerca di una nuova positiva identità

e nella riaffermazione della dignità e di quella tenace determinazione tipica del mondo contadino e in particolare

di quello calabrese.

Chiudo con questo auspicio. Partendo dai beni confiscati (che secondo me devono essere considerati dei beni

comuni) auspico che ci sia un nuovo impegno e una nuova responsabilità per gli agricoltori che è quello di

contribuire, come dice il presidente di Libera Gianluigi Ciotti, a liberare la legalità e la giustizia, troppo spesso

ostaggio d’interessi criminali, e restituirli così alla loro condizione di beni comuni. Vi ringrazio.

RETELEADER 117


LA COOPERATIVA VALLE DEL BONAMICO

DI PIETRO SCHIRRIPA

Buongiorno, grazie per averci invitato e per la disponibilità ad ascoltare la nostra esperienza.

La nostra esperienza è un po’ particolare, presenta grandi elementi di contraddizione, che comunque hanno

generato delle originalità evidenti. Questa è un’esperienza un pò diversa da quella della Valle del Marro. Lo

testimonia il fatto che io, pur essendo un funzionario pubblico (la mia professione è Primario Ospedaliero),

sono presidente di una cooperativa agricola, e svolgo questa attività a titolo di volontariato.

Noi abbiamo tentato nella locride, che tutti voi conoscete, di avviare un processo di animazione territoriale,

soprattutto in alcuni luoghi che sono simbolo di disgregazione, di potere mafioso, e di grandi lacerazioni e

grandi ferite. Platì, S. Luca, Nativa di Careri sono Comuni spesso, troppo spesso, alla ribalta della cronaca nera.

Sono i luoghi dove noi abbiamo impiantato le nostre aziende. Noi vogliamo introdurre in questi posti l’integrazione

sociale, perché riteniamo di aver scelto una missione volta a pacificare il territorio, e per farlo, così

come i nostri militari in Afghanistan o in Iraq costruiscono scuole e cercano rapporti con le persone del luogo,

noi costruiamo aziende, formiamo le persone, e cerchiamo insieme a loro, con quei mattoni di costruire

un futuro. Abbiamo cercato un dialogo con i protagonisti di questi territori. Ad esempio, stamattina Federica

Roccisano, che tra poco vi illustrerà la sua attività, ha bevuto un caffè con un capomafia, con il quale si è discusso

del fatto che dobbiamo impiantare un allevamento di maiali neri. Io non so se il loro interessamento

sia sentito, ma tutte le persone che abbiamo cercato di coinvolgere, alla fine hanno dovuto porsi il problema

di scegliere in che modo guadagnarsi da vivere.

Vi racconto un piccolissimo aneddoto, uno di questi ragazzi, che poi naturalmente è diventato anche socio, mi

raccontava: “Io di notte, dottore, quando fischiava il vento e pioveva a dirotto, mi svegliavo, mi accendevo

una sigaretta e mi godevo questi rumori che mi piacciono tanto. Adesso, appena fischia il vento, io penso alle

terre, perché il vento può danneggiare le terre, e non fumo più la sigaretta per godermi il vento, fumo la

sigaretta perché mi innervosisco!”. Questo racconto testimonia il cambiamento possibile nel modo di pensare

delle persone con cui siamo a contatto.

Si tratta, quindi, di un approccio differente, legato sicuramente ad un momento di eticità, al desiderio di voler

cambiare il mondo, perché c’è ottimismo alla base, si può cambiare quel pezzo di territorio, si possono introdurre

valori di pace, di lavoro, di bene comune, etc., però facendolo attraverso una procedura che è quella

del mercato, di costruire impresa, di costruire lavoro, capace di reggersi da solo. Noi siamo partiti da piccoli

segni, che appartengono però da un grande progetto.

Noi abbiamo avuto un’idea, quella di coltivare i lamponi, e questa idea ha cambiato il paesaggio agricolo di

una valle: ora vi sono 40 ettari di serre. In questa valle sono stati espiantati gli aranceti che non davano più

reddito e sono state inserite le coltivazioni del lampone.

Tenete presente che un ettaro di serre può contenere 12 mila piante di piccoli frutti. Quindi capite bene la

quantità con cui abbiamo a che fare. Si tratta di alcune centinaia di migliaia di piante che hanno una vita media

molto breve. Inoltre la nostra attività è molto particolare: piantiamo il lampone rifiorente (il lampone che

118 RETELEADER


da frutto 2 volte l’anno), lo piantiamo a giugno-luglio, lo ombreggiamo e lo raffreddiamo con dei sistemi semplici,

utilizzando acqua nebulizzante, in modo da creare all’interno delle serre le condizioni primaverili. Quando

arriva l’autunno togliamo la nebulizzazione e l’ombreggiatura. Il lampone continua a crescere e a fiorire.

La copertura delle serre da luogo ad un riscaldamento durante le ore diurne. Tenete presente che il lampone

è una pianta alpina, quindi è favorita dalle escursioni termiche giorno-notte.

Quando il lampone fiorisce (d’inverno e nel tardo autunno) e deve essere impollinato, noi lo facciamo impollinare

dai bombi, che sono quelle api più grosse che riescono a camminare e a lavorare anche quando

non c’è sole. Una volta impollinato, come qualunque organismo biologico, è difficile fermarlo, continua il

suo ciclo e a Natale da il frutto. Questa è stata un’idea vincente che ci ha consentito di passare dal piccolo

esperimento di 2 mila metri quadri, nel ’97, primo anno in cui abbiamo piantato i lamponi, ai 40 ettari attuali,

che producono 2 mila quintali di lampone (il totale della produzione del 2006); Questo anno abbiamo

prodotto di meno perché c’è stata una virosi, che né noi né gli esperti siamo riusciti a risolvere. Tutto

ciò implica che c’è molto lavoro dietro la produzione di lamponi, e deve esserci qualcuno con un forte desiderio

di andare a lavorare sotto le serre, a staccare i lamponi, metterli assieme per guadagnarsi la giornata.

Questo desiderio c’è sul territorio, semplicemente ha bisogno di essere riscoperto e di avere la possibilità

di emergere. Quindi noi, introducendo una cultura di pace, introduciamo una cultura di lavoro. Come

diceva prima l’amico Antonio Napoli, il lavoro in agricoltura non è ambito, ma noi abbiamo cercato di

invertire il trend del gradimento del lavoro agricolo, rivolgendoci alla famiglia contadina e ponendola come

elemento di legame e di radicazione con la terra. Essa ci consente di creare un legame con i giovani.

Anche il momento della raccolta è un momento importante, di gratificazione, di guadagno, ma anche di aggregazione.

Quindi ciò che siamo riusciti a fare, attraverso un’idea imprenditoriale valida, offrendo il lampone in inverno,

quando costa di più, quando vale di più, è coinvolgere intere famiglie. L’elemento importante, però, è che

non si tratta di famiglie comuni, ma di nuclei di persone che spesso hanno contatti molto grandi con la malavita

organizzata. Noi abbiamo dei ragazzi che lavorano con noi, che portano dei nomi conosciuti (Mirta,

Mammoliti, Barbaro, etc.), che avevano i padri in carcere, e le mamme un giorno vennero da me e mi dissero:

”Dottore, aiutate mio figlio affinché non prenda l’esempio di suo padre!” Si tratta quindi di figli di persone

mafiose, che non hanno mai visto i padri, perché sono latitanti o in carcere. Questo è veramente un

dramma, e da qui tutte queste persone cominciano a pensare alla pace. Abbiamo tra i nostri collaboratori, una

persona che in precedenza era sorvegliato dai carabinieri, ora non lo è più, perché è riuscito a riscattare la

propria reputazione. Ora ha una famiglia, lavora regolarmente, vive in pace.

Quindi credere nelle idee e diffonderle è importante, ma, ancor di più lo è la fiducia. Ciò si ricollega alla reputazione.

Bisogna avere una reputazione per avere successo, altrimenti le idee non ti bastano. Ci sono tanti

predicatori, ma poche persone pratiche. Monsignor Bregantini perché è stato differente. Perché non è stato

solo un predicatore, anzi forse ci sono predicatori migliori di lui, lui oltre a parlare, è stato accanto a chi

ha agito, ha prodotto opere, e guardate che la compagnia delle opere non è soltanto una elaborazione di comunione

e liberazione, ma le opere sono una maniera di pregare con le mani, che è forse la maniera più ge-

RETELEADER 119


nuina, in quanto consente un contatto con gli altri, porta ad interfacciarsi con altre realtà. L’importanza della

reputazione è la fatica di guadagnarla.

Altro settore in cui abbiamo lavorato è quello della vite. Lo spirito che ci ha animato è sempre stato il medesimo:

interesse vivo per radici, memoria, identità.

A Locri abbiamo dei santuari di Persefone, in cui le offerte votive, cibo portato in piatti di coccio, venivano

sepolte, letteralmente smaltite. Allora abbiamo invitato un grandissimo archeologo, Patrick MC Govern, che

ha scritto L’archeologo e l’uva. Egli lavora con dei metodi di spettrometria di massa: gli abbiamo chiesto di

individuare il DNA dei semi, dei pollini, etc., che si trovano sotterrati. Persefone Regina della notte e degli inferi,

ma anche signora della luce. Persefone con il gallo nero che annuncia la luce del giorno, Persefone dea

dell’abbondanza, quindi dea del melograno, ma anche dell’uva. Un tempo Locri era ricca perché c’era chi

commerciava non l’olio, ma il vino. Locri ha continuato ad essere ricca fino agli antichi romani, a Bisanzio,

etc., venivano fatte le centuriazio a Roma, e le centuriazio erano legate alla divisione di pezzi di terra da poter

coltivare a vino, ma dov’è questo vino adesso? Noi abbiamo grandi difficoltà a fare il vino con le nostre

uva autoctone. Però è interessante notare che le nostre viti sono resistite: questo si spiega con il fatto che Locri

è la punta dello stivale, è il fondo dell’Europa, quindi è rimasto isolato rispetto a tutta una serie di malattie

dell’uva che si sono verificate nei decenni scorsi.

Esiste ancora oggi una quantità enorme di vitigni autoctoni, e quindi di biodiversità e DNA. Noi faremo un’operazione

particolare, andremo a studiare il DNA dei semi dei santuari di Persefone, il DNA delle nostre piante

e faremo un vino storico, tentando, in tal modo, di far capire come le nostre radici possono essere nella

memoria. Ciò è un elemento di continuità e di identità anche commerciale, perché la gente che viene a Locri

vuole capire chi siamo noi, la gente che viene in Calabria vuole capire la calabresità, vuole mangiare la soppressata,

vuole mangiare il peperoncino, vuole bere il nostro vino.

Io e una mia amica, Marialetizia Cava, che è una paleocartologa, insieme alla sovraintendente Silvana Iannelli,

avevamo pensato di incontrare il nuovo Vicepresidente della Giunta Regionale, Mimmo Cersosimo, per

convincerlo a sostenere questi processi. Chissà che non si riesca a puntare su queste cose e a farle diventare

elemento propulsivo di mercato.

Vorrei suggerire un’ultima cosa: ragioniamo con le nostre risorse. Come diceva Antonio, il miele d’arancio del

Tirreno è il migliore del mondo, le fragole di Pizzo, il kiwi di Rossano, il bergamotto, le clementine della ionica,

in particolare quelle di Sibari, sono tutti prodotti tipici, unici. Le risorse ci sono, spetta ai calabresi saperle

riscoprire, lavorare, guadagnarsi da vivere e vendere queste eccellenze, ma con intelligenza, attraverso pratiche

innovative, e sganciarsi da una logica di assistenzialismo.

Altro settore in cui ci stiamo cimentando e in cui stiamo avendo notevoli difficoltà è il settore dell’allevamento

dei maiali neri, veri maiali, che hanno i requisiti richiesti Slow-Food.

Nelle zone interne, salendo verso Polsi, abbiamo trovato i primi esemplari di suini. Abbiamo avuto una grande

difficoltà a legalizzare gli allevamenti, perché questi maiali non hanno ancora una certificazione d’origine,

non possono essere commercializzati per una norma di pulizia veterinaria. Noi non sappiamo come risolvere

questa questione. Noi conosciamo bene l’origine di questi esemplari, sono i nostri vecchi maiali, ma

120 RETELEADER


il problema è come dimostrare tale provenienza.

All’Istituto Sperimentale del Ministero, stiamo facendo un lavoro con il DNA, stiamo cercando di verificare se

siano o meno una razza. Una delle maniere per salvare questi prodotti è venderli. Anche per quanto riguarda

la produzione del vino, non si può salvare la nostra produzione autoctona, se non vendendolo, producendolo.

La stessa cosa per il maiale. Quindi in tutto quello che noi stiamo facendo c’è questo dissidio di cui vi avevo

parlato prima, magari parlandovene riusciremo a trovare insieme una soluzione.

Il fatto che ci siano moderne tecnologie, idee innovative, sì, è importante, ma bisogna recuperare il senso di

appartenenza e stimolare le motivazioni personali dei soggetti direttamente interessati. Bisogna risvegliare

la nostra Calabria, che sembra essere addormentata, e che è abituata ormai all’assistenzialismo. Rimbocchiamoci

le maniche, ricostruiamoci una reputazione, troviamoci un nostro spazio di mercato. In tutto questo

io ritengo che l‘Università abbia un ruolo importantissimo, perché le idee viaggiano e sono il carburante

di tutto questo motore. Grazie.

RETELEADER 121


LA COOPERATIVA HERMES

DI FEDERICA ROCCISANO

Buongiorno a tutti e grazie. Io non produco assolutamente beni agricoli, e mi occupo di beni confiscati, né collaboro

con chi ha lavorato con la mafia. La mia cooperativa si chiama Hermes e si occupa di comunicazione e

promozione, siamo molto vicini alla Valle del Bonamico in particolare, ma alle varie cooperative che ci sono nella

locride proprio per promuovere il significato della cooperazione. Per anni la locride è stata vista come quella

fascia in cui si parlava essenzialmente di ‘ndrangheta e di infiltrazioni mafiose, per cui ad un certo punto

era anche giustificato dire “Io non faccio niente perché tanto c’è la ‘ndrangheta e si può fare niente”. Di conseguenza

c’era il lassismo più assoluto. Fortunatamente, ci sono state persone che dal ’97 in poi, forse Libera

aveva già iniziato a lavorare precedentemente, hanno iniziato a lavorare in modo operativo e concreto per contrastare

la ‘ndrangheta. È assolutamente inutile constatarne semplicemente l’esistenza, e servirsene come scusante

per un giovane, per un padre di famiglia, o per un altro tipo di persona di starsene a casa e “piangersi

addosso”. Questa è una logica che noi abbiamo sempre cercato di combattere ed è con questo spirito che sono

nate le cooperative. Perché in questa direzione si poteva vedere che il fenomeno della cooperazione riusciva

effettivamente a instaurare dei legami e a creare degli sbocchi. In seguito alla nascita di queste prime cooperative,

sono iniziate a sorgerne altre, che si occupano di cose diverse, quella in cui opero si occupa di comunicazione

e promozione, altre fanno sacchettini per bomboniere, altre fanno altri tipi di prodotti, di produzione

biologica, altre fanno assistenza ai bambini, altre ancora, come una cooperativa che sta per nascere nel mio

territorio, vuole ripetere l’esperienza proprio della valle del Bonamico, cercare di partire da quello che sono

le colture e da quello che è tipico del territorio per cercare di creare sviluppo. Tutto ciò ha dato vita a dei fattori

positivi. Ci è capitato di trovarci al centro dell’attenzione e siamo anche stati oggetto di critiche e polemiche,

qualcuno forse l’anno scorso avrà letto di attentati che sono stati fatti, avvelenamento delle piantine, ma

vi posso assicurare che la solidarietà di alcuni ambienti, anche da parte di regioni del nord, è stata enorme. Ciò

significava che non eravamo più soli, che non stavamo lavorando più solo nel nostro territorio, ma che il progetto

della Valle del Bonamico era andato oltre, era arrivato nella mente e nelle conoscenze di gran parte dell’Italia

e questo per noi è stato un grandissimo successo, che ha rafforzato questa realtà sul territorio, nella locride

e nella Calabria in genere. Abbiamo capito in seguito a questo tipo di operazioni che è necessario creare

sempre delle reti e lavorare sempre in cooperazione, non solo tra gli operatori stessi della cooperazione, ma

anche con altre realtà. È importante quindi partecipare agli eventi che Libera organizza, e, viceversa, è importante

che Libera partecipi agli eventi che organizziamo noi, al fine di aumentare l’interazione, non solo tra

di noi, ma anche, ancor più importante, con chi non opera nel settore, con le istituzioni, con le Università.

In questa direzione, noi abbiamo intrapreso, come gruppo della locride, un percorso iniziato a settembre circa,

quando ancora non sapevamo che Bregantini sarebbe andato via, in risposta agli eventi della strage di

Duinsburg. Abbiamo iniziato a lavorare creando questo tavolo attorno a cui abbiamo discusso una teorizzazione

di quella che può essere una strategia, un percorso possibile per lo sviluppo locale della nostra Calabria,

ma abbiamo anche messo in evidenze quali sono i fatti concreti, le opere concrete.

122 RETELEADER


Noi ci occupiamo anche dell’organizzazione di eventi volti a promuovere il nostro territorio, ne abbiamo organizzato

uno che si svolgerà proprio tra pochi giorni, alla cui predisposizione hanno collaborato la Provincia

di Modena e la Provincia di Reggio Calabria, l’Università, la Valle del Bonamico, e le associazioni della locride.

Lo scopo di queste azioni è stimolare la curiosità di chi ancora non conosce i nostri prodotti, e, soprattutto,

stimolare la mente di chi ha intenzione di legare identità, territorio, legalità, fiducia e persone, elementi

essenziali. Inoltre, durante questi eventi, proponiamo la degustazione dei nostri prodotti, ci saranno anche

degli spettacoli teatrali e musicali. Tutto ciò è funzionale non solo alla promozione dell’identità, ma anche ad

un suo recupero e rafforzamento.

Per concludere, mi rivolgo ai giovani, agli studenti: identità, sviluppo locale, agricoltura, capitale sociale e capitale

fiduciario, sono delle cose che dobbiamo sempre tenere qui nella mente perché altrimenti se si perde

la propria identità e la fiducia nelle persone che ci stanno attorno si rischia di trovare delle soluzioni facili ma

non durature. L’unica alternativa che poi resta per noi giovani è quella di preparare la valigia e andarcene,

perdendo così quella che è la nostra storia.

RETELEADER 123


WORKSHOP 4

LE STRATEGIE CONTADINE: AUTONOMIA,

SOVRANITÀ ALIMENTARE E BIODIVERSITÀ

Coordinatori

Giovanni Folliero, Università della Calabria

Giuliana Paciola, INEA Calabria

RETELEADER 125


SINTESI DEL WORKSHOP

DI GIOVANNI FOLLIERO

Dal workshop è emerso con chiarezza che – a fronte di un modello dominante di agricoltura – non si possa

parlare di un unico modello alternativo ma sarebbe più opportuno declinare il concetto di agricoltura alternativa

al plurale parlando di altre agricolture. In Italia, come in tutto il mondo, coesistono diverse forme di

agricoltura articolate a partire dall’eterogeneità di tre aspetti fondamentali: 1) gli attori coinvolti, 2) la biodiversità

e gli ecosistemi locali, 3) i modelli cognitivi o culturali. Non a caso, infatti, la letteratura sullo sviluppo

rurale pone molta enfasi sui concetti di sviluppo endogeno e di territorio, come a voler sottolineare il

ruolo positivo delle molteplici e specifiche configurazioni dell’agricoltura nei processi virtuosi di sviluppo delle

aree rurali.

L’eterogeneità dei tanti modi di fare agricoltura trova corrispondenza nella diversità impersonata dalla figura

del contadino, storico e duttile attore dell’agricoltura che ancora oggi rimane numericamente prevalente a livello

mondiale. I contadini animano le varie forme alternative dell’agricoltura, fornendo un anello di congiunzione

analitico ed empirico tra il livello generale, o globale, ed il livello particolare, o locale.

Rispetto alle disparate configurazioni osservabili in agricoltura, però, le istituzioni e le politiche nazionali e

sovranazionali compiono una palese scelta di parte. Attraverso vari tipi di agevolazioni, infatti, viene privilegiato

e sostenuto il modello industriale, definito anche minerario, della cui insostenibilità sono già state

prodotte ampie evidenze. Ecco perché è stato ritenuto opportuno articolare un workshop sul conflitto che si

va strutturando con crescente risalto tra l’eterogeneità delle prassi agricole ed alimentari, da un lato, e l’omogeneità

degli interessi dei grandi attori economici e delle politiche che li supportano, dall’altro. È tale omogeneità

– la quale sottende una pericolosa standardizzazione del prodotto e delle prassi agricole – ad indurre

ampi dibattiti politici e scientifici e ad autorizzare a parlare di un modello dominante su scala globale. Ed è

ancora questa omogeneità a dar forza alle resistenze, economiche ma non solo, degli attori più piccoli o

marginali dell’agricoltura. Sono loro stessi che organizzano reti di collaborazione e scambio di esperienze,

quale strategia di sopravvivenza, al fine di farsi interpreti delle istanze di sicurezza e sovranità alimentare

che provengono da più parti.

L’agricoltura contadina è parte sostanziale di questa rete ma non costituisce un modello monolitico, allo stesso

modo in cui i contadini non rappresentano un soggetto omogeneo. È stato enfatizzato, invece, come sia il

delinearsi di un conflitto globale che mina alla base l’eterogeneità dell’esistenza dei contadini – e di conseguenza

la varietà delle pratiche produttive in agricoltura e la sovranità alimentare di tutti noi – a divenire

motore dell’articolazione di una piattaforma comune alle diverse configurazioni alternative del fare-agricoltura.

Lo squilibrio prodotto in favore dell’agricoltura industriale contribuisce fortemente a creare un filo

conduttore tra attori e pratiche disseminate su tutto il pianeta, senza tuttavia dar luogo ad un vero e proprio

modello altro. “Eterogeneità” rimane la parola chiave della rete di agricolture alternative che sembra animare,

invece, un nuovo paradigma socio-economico. Proviamo a schematizzare i punti chiave emersi nel dibattito,

ai quali si accennava in precedenza.

RETELEADER 127


Innanzitutto eterogeneità degli attori. I contadini sono attori poliedrici, soggetti ibridi e flessibili che interagiscono

con gli altri attori del territorio. Parlare di contadini non significa idealizzare i soggetti dell’agricoltura,

anzi significa proprio partire dalla specificità degli attori concretamente impegnati sul campo e dal loro

vissuto quotidiano. Le istituzioni, al contrario, spesso idealizzano gli attori dell’agricoltura favorendo distorsioni

ed inefficienze. Porre eccessiva enfasi sulla retorica dell’imprenditore agricolo, quale attore omogeneo

e razionale, asseconda la costruzione di un insieme di codici ed obblighi che spinge ad implementare

specifiche pratiche produttive ed alimentari disegnate dall’alto. Si tratta di prescrizioni che ricadono sui soggetti

reali della produzione e del consumo. Nella discussione è stato sottolineato da più voci come il tratto comune

che coniuga la complessità delle prassi dei contadini evochi un’istanza di cittadinanza più che un’istanza

imprenditoriale. A guidare le politiche, allora, dovrebbe essere un chiaro quadro delle strategie di coloro

che sono realmente immersi nei processi di sviluppo rurale. A questo livello opera la logica della solidarietà

più che della competizione. I soggetti in agricoltura esistono e le istituzioni dovrebbero tenerne conto.

Da un secondo punto di vista, l’eterogeneità riguarda anche i luoghi, intesi quali specifiche combinazioni di

ecosistemi e modelli culturali. Infatti, nel workshop è stata posta molta enfasi sulla valorizzazione dei territori

e sul ricorso ad un uso indipendente delle varietà tradizionali di sementi. Sono state descritte alcune

esperienze di supporto alla costituzione di identità locali attraverso il sostegno fornito alle reti di cooperazione

già esistenti sul territorio, animate dagli attori più vivaci. L’aspetto che accomuna le esperienze sembra essere

la ricerca di un collegamento tra le agricolture alternative ed eventuali sbocchi locali di mercato, in modo

da accorciare la filiera traendo vantaggio dai legami sociali ravvicinati e caldi in cui sono immerse le economie

solidali. A tal riguardo è opportuno considerare queste nicchie come fortemente innovative da una

prospettiva economica evitando di etichettarle, in modo dispregiativo, quale semplice folklore. Un simile uso

del concetto di folklore spesso tende a nascondere l’operatività dei rapporti di potere che, al contrario, richiedono

di essere letti per quel che sono nel concreto. A mo’ di battuta, si è detto che l’aggettivo “folkloristico”

ben si addice al modo in cui i soggetti istituzionali preposti affrontano i fenomeni e le problematiche

reali.

Inoltre, l’eterogeneità si riscontra negli approcci scientifici e cognitivi. Ci siamo chiesti quale sia la “ricerca”

adatta a far venir fuori la ricchezza prodotta dai contadini. È stato sottolineato come la biodiversità in agricoltura

sia frutto delle pratiche millenarie dei contadini e come l’attuale tentativo di governo di queste pratiche,

attraverso le biotecnologie, si configuri quale espropriazione della ricchezza e dei saperi da loro prodotti.

La ricchezza contadina è da intendersi non solo quale patrimonio ereditato ma anche quale garanzia

per il futuro, ricchezza tutelata dal ruolo dei produttori e degli altri interessi diretti, cioè dalla domanda di autodeterminazione

dei contadini e degli abitanti dei diversi territori. Attraverso la lotta per la propria sopravvivenza

i contadini sono divenuti nella pratica i protagonisti di quella trans-disciplinarietà che la ricerca accademica

sta da tempo provando a sviluppare: non solo oggi ma in molte conferenze è consueto incontrare

agronomi che si occupano di temi socio-economici e sociologi o economisti che si occupano di agricoltura.

In ultimo, si è messo in evidenza che le resistenze dei contadini, al contrario del passato, si dispiegano nella

“quotidianità” piuttosto che nella presa del potere in un ipotetico futuro. Si è parlato di guerriglia istituzio-

128 RETELEADER


nale, cioè dell’importanza di fare rete anche per ottenere alcuni traguardi giuridici che abbiano una ricaduta

diretta ed immediata su questa quotidianità. È stata presentata e descritta un’esperienza italiana di recupero

della biodiversità in agricoltura, quella della Rete Semi Rurali, la cui attività si sviluppa a partire dalle

specificità locali nel loro tentativo di acquisire dignità incidendo a livello nazionale.

Concludendo, la questione dei contadini e della sovranità alimentare spinge a considerare come le distorsioni

del modello dominante abbiano innescato un processo di coagulazione delle pratiche alternative. Sebbene

non si possa parlare di un modello alternativo, esiste una dimensione che accomuna queste pratiche e

che oggi passa per la tutela, il controllo e l’uso quotidiano della agro-biodiversità. La resistenza delle altre

agricolture ha dei presupposti sociali, economici e politici allo stesso tempo, dato che si tratta di produrre ricchezza

ma anche di dire cos’è ricchezza. Se l’agro-biodiversità è il prezioso frutto delle attività e delle lotte

dei contadini – di tutti gli agricoltori e di tutte le comunità che hanno seguito un proprio percorso soggettivo

specifico – e rappresenta una garanzia per il futuro di tutti, allora ci poniamo l’interrogativo: perché continuare

a trascurare l’agro-biodiversità ed il ruolo dei contadini oggi che tali questioni sono divenute così attuali?

RETELEADER 129


RELAZIONE INTRODUTTIVA

NUOVE CONTADINITÀ: PRATICHE INNOVATIVE DI RESISTENZA

DI ALESSANDRA CORRADO

Introdurrò il workshop e le tematiche che verranno affrontate analizzando in che modo le nuove strategie

emergenti in ambito rurale sono finalizzate a salvaguardare, per certi versi anche a strutturare, dei modi di

produrre alternativi a quello agroindustriale. Illustrerò in che modo questi modelli affermano o cercano di innovare

alcuni elementi che sono propri di un’agricoltura contadina: durabilità, autonomia, sostenibilità, qualità

e dignità del modo di fare agricoltura contadino. E tutto ciò attraverso: il controllo delle risorse, la salvaguardia

del territorio, il recupero di saperi e tecniche, la costruzione di nuovi saperi e conoscenze, la strutturazione

di reti di relazioni, lo sviluppo di mercati locali, una nuova definizione del reddito e del compenso

del lavoro, il recupero delle responsabilità espropriate, nei confronti dei consumatori e dell’ambiente.

La biodiversità, l’autonomia e la sovranità alimentare rappresentano i tre assi portanti lungo i quali concettualizzare

un processo di ricontadinizzazione e i processi di riflessività connessi, che pongono in essere nuove

soggettività in ambito rurale. Pertanto, l’analisi delle nuove contadinità obbliga a decifrare una serie di

concetti che verranno impiegati nel corso di questa presentazione a sostegno dell’ipotesi di lavoro fin qui

enunciata.

Gli studi rurali hanno evidenziato progressive eppure consistenti trasformazioni in agricoltura, che riguardano:

da un lato la strutturazione a livello globale di catene agro-alimentari sempre più complesse, che attuano una

centralizzazione del controllo ed una de-connessione della produzione; dall’altro la riorganizzazione dei piccoli

produttori, dei consumatori, dei diversi attori locali in rapporto ai cambiamenti in atto, nell’ottica della

sostenibilità e attraverso la ricerca di soluzioni innovative a bisogni specifici e a nuove domande emergenti.

Il “paradigma della transizione” è formulato – da van der Ploeg e da altri autori – innanzitutto come nuovo

paradigma emergente in contrasto con quello della modernizzazione. È concepito nei termini di processo

di sviluppo rurale endogeno, ovvero plasmato dagli attori locali; multidimensionale, riguardando le dimensioni

tecnologica, economica, sociale, culturale, politica; multi-attore, vedendo la compartecipazione di una

pluralità di attori; multi-livello, micro, meso e macro; ma anche conflittuale. A fondamento di questa analisi

e dell’impianto metodologico applicato a livello empirico vi è un approccio che focalizza sui processi di riflessività

soggettivi, sulla capacità innovativa o trasformativa degli attori sociali. Accogliere tale prospettiva

significa concepire la possibilità di una vasta gamma di pratiche sociali ed economiche eterogenee fra loro.

Ciò sottende una critica rivolta al modello univoco di sviluppo nell’ottica della modernizzazione e tecnologizzazione

della produzione, orientato al mercato, ed apre a nuove opportunità per lo sviluppo locale e rurale.

Cruciale è dunque l’idea di differenziazione, che Arce e Long (2005) sviluppano in una riconcettualizzazione

della modernità, “...intesa come metafora per nuovi o emergenti materialità, significati e stili culturali

“qui e ora”, visti in riferimento alla nozione di un passato stato di cose”, in contrapposizione alla modernizzazione,

“pensata [invece] come pacchetto di misure tecniche e istituzionali volte a un’ampia trasfor-

130 RETELEADER


mazione della società e sostenuto da narrative teoretiche neoevoluzioniste”. E i due autori aggiungono:

“Mentre la modernità implica autorganizzazione e pratiche trasformative in differenti strati e settori della società,

la modernizzazione è un’iniziativa politica intrapresa e implementata da élite amministrative e tecnologiche

cosmopolite (nazionali o internazionali)”. Lo sforzo etnografico deve essere dunque teso all’analisi

delle pratiche localizzate e multiple che focalizzano sull’elaborazione del cambiamento. Secondo Arce e Long

la differenziazione “...riguarda le allocazioni delle responsabilità, del tempo e delle identità”, volendo così

decifrare la riflessività degli attori sociali riguardo al cambiamento, il loro posizionamento rispetto alle condizioni

materiali di vita, ai fattori che le determinano, alle appartenenze, e al sé. L’eterogeneità delle pratiche

agricole, dei modi di produrre (farm styles) e delle forme di organizzazione comunitaria, associativi o afferenti

a un ambito territoriale locale (folk styles) rappresentano innovazioni concrete per ridurre il grado di

mercificazione e incorporazione nel sistema politico-scientifico-tecnologico di governo, e ciò attraverso: l’appropriazione

ed il riadattamento delle tecnologie alla propria logica produttiva, la ricerca di un nuovo e diverso

rapporto con la natura, la rivitalizzazione del territorio, l’auto-governo delle risorse, la produzione di

una pluralità di relazioni.

La varietà delle pratiche agricole si condensa nell’individuazione di una serie di principi, preambolo alla definizione

di nuove contadinità che, a partire dalla riconversione produttiva, dalla moltiplicazione delle fonti

di reddito, dalla innovazione delle tecniche e dei saperi, dalla strutturazione di nuove relazioni sociali, sono

innanzitutto alla ricerca di una diversa dimensione sociale. Questi principi possono sintetizzarsi nella durabilità

o sostenibilità, nella qualità e nell’autonomia.

L’attuale “questione agraria”, descritta come multidimensionale, deriva da una de-connessione dell’agricoltura

dalla natura (risorse biologiche e ambientali, paesaggio), dagli attori coinvolti (in primo luogo gli agricoltori)

e dalla società (dai consumatori, dal patrimonio di saperi locali, dal contesto delle relazioni territoriali).

L’agricoltura contadina costruisce gli strumenti della sua resistenza al modello dominante attraverso una

ricomposizione di queste fratture. Dandosi come obiettivo la riproduzione delle proprie condizioni di esistenza,

le nuove contadinità si sviluppano dunque attraverso: 1) una nuova definizione della qualità agroalimentare,

nella strutturazione di relazioni sociale, condivisione delle responsabilità e riscoperta della centralità

del cibo; 2) la costruzione di una nuova economia, nell’auto-gestione delle risorse, nella pluriattività

o multifunzionalità, con l’innovazione di tecniche e saperi; 3) il territorio, con la salvaguardia delle risorse ambientali

e culturali, la costruzione di nuovi legami, alleanze e forme di cooperazione extra-territoriali e interterritoriali.

(figura 1)

La qualità è costruita a partire dalle relazioni sociali e quindi anche attraverso forme di cooperazione che legano

il cibo e il territorio, territorio concepito a sua volta attraverso una rispazializzazione delle relazioni, che

coinvolge contesti e attori diversi. La svolta qualitativa in agricoltura ha visto il diffondersi di innovazioni nei

saperi e nelle tecniche di produzione (come per l’agricoltura agro-ecologica o i metodi dell’agricoltura biodinamica,

sincretica, della permacultura), ma soprattutto lo sviluppo di circuiti di commercializzazione socialmente

controllati e di filiere corte, di “pratiche di controllo” informali diverse legate alla costruzione di relazioni

di fiducia e di reciprocità.

RETELEADER 131


Figura 1

La vendita diretta in azienda, i mercati contadini locali, la costituzione di gruppi di offerta e di acquisto rappresentano

degli esempi. Il successo di questo tipo di iniziative, insieme con l’analisi dei vincoli e delle ambiguità

presentate dai sistemi di certificazione ufficiali, ha determinato la messa in discussione di questi ultimi.

Non solo da parte dei produttori, obbligati ad attenersi a rigidi disciplinari, spesso sprovvisti delle tecniche

o dei requisiti prescritti (eppure in possesso di saperi e risorse non riconosciute o accreditate dagli organismi

di controllo), e obbligati a sostenere costi accessori per vedersi riconoscere una certificazione di qualità

“artificiosa”, ossia burocratica e legata al mercato e alle logiche di profitto. Nondimeno, in molti casi, anche

i consumatori, hanno riconosciuto la qualità intrinseca all’agricoltura contadina, a prescindere da certificazioni

ufficiali, ed hanno promosso, insieme agli stessi produttori agricoli, metodi di certificazione partecipativi di

diverso tipo. Di esempio sono quelli sostenuti in Francia dall’associazione Minga, da ASPAARI (Association de

Soutien aux Projets et Activité Agricole set Ruraux Innovants) o dagli AMAP (Association pour le Mintein de

l’Agriculture Paysanne). E ancora quello “informale” promosso dal Connettivo terra/Terra, basato sul sistema

delle autocertificazioni; o quello di tipo “olistico” sviluppato dall’organizzazione dei piccoli produttori baschi

EHNE in accordo con altri gruppi della società civile, nel rispetto dei principi cardine dell’agro-ecologia e

della sovranità alimentare: oltre al non utilizzo di fattori chimici, la considerazione delle condizioni socioeconomiche,

come il reddito minimo per i produttori, e la prossimità con il consumatore.

La ricerca di un’autonomia è perseguita attraverso l’autogestione delle risorse, e questo è un elemento che

può sostenere anche lo sviluppo locale e può essere funzionale a trattenere ricchezza sul territorio e a distribuire

benefici tra i diversi attori sociali che possono concorrere a questo processo di condivisione.

132 RETELEADER


Presidi, progetti di sviluppo e ricerca che coinvolgono una pluralità di attori localizzati sul territorio (Enti Locali,

Università e Centri di Ricerca, produttori agricoli e soggetti economici diversi), distretti di economia solidale

sono alcuni esempi di iniziative promosse a livello territoriale per la tutela, la promozione e valorizzazione

economica dell’agro-biodiversità e della relativa tradizione di saperi; per preservare il passaggio o

contrastare il degrado delle aree rurali più remote (esempi sono l’esperienza della Patata Quarantina nelle

aree marginali dell’Appennino ligure - piemontese e quella della Patata Rossa di Cetica), per promuovere una

cultura locale (es.: Fiera di S. Giovanni in provincia di Lecce); per un’appropriazione ed un nuovo utilizzo di

risorse e saperi (es.: progetto sul grano duro promosso dall’Università di Firenze, che vede il coinvolgimento

degli agricoltori locali, per la selezione e produzioni di varietà antiche di grano duro e tenero, di panifici

e pastifici per la fabbricazione di pasta e pane secondo metodi tradizionali, e di alimentaristi e studiosi della

salute per monitorarne le proprietà e l’impatto sui consumatori, anche affetti da patologie alimentari);

per lo scambio di esperienze, competenze, saperi fra produttori agricoli e territori, come nel caso dei partenariati

territoriali promossi da programmi Interreg o da altri progetti europei transnazionali (ad esempio

EuropAfrica, Semences de Connaissances, Farm seed opportunities).

Prendendo a modello l’analisi di Ray (2004) – ispirata dallo schema concettuale delle “Economie dei simboli

e degli spazi” elaborato da Lash e Urry (1994) – si può pensare di riadattarla al fine di decifrare la capacità

innovativa di attori singoli e collettivi (in questo caso le reti di diverso tipo) nell’implementazione di percorsi

di sviluppo a vari livelli: quello intra-territoriale o anche locale, quello extra-locale, e infine quello inter-locale

transnazionale. Le dinamiche interattive di una iniziativa territoriale, limitata allo specifico contesto

politico-amministrativo locale, possono allargarsi ad un secondo livello extra-locale, includono le istituzioni

coinvolte nel processo politico ad esempio (da quelle locali a quelle europee), oltre alle ONG impegnate in ambito

rurale, o ancora ad un terzo livello inter-locale transnazionale, attraverso forme di cooperazione tra comunità,

regioni, gruppi e organizzazioni.

Questo approccio territoriale vede non solo una progressiva crescita organizzativa e strutturale delle unità o

delle reti, ma anche un arricchimento dei contenuti riflessivi. Alla circoscrizione spaziale può essere associata

anche una specifica definizione degli obiettivi o delle priorità per ciascuna entità: dal controllo delle risorse

(biodiversità), alla qualità alimentare, per arrivare poi alle istanze di sviluppo locale e di autonomia. I diversi

obiettivi o contenuti sono incrociati con diversi tipi di azioni intrapresi ai diversi livelli di strutturazione

e spazializzazione delle reti, a cui si pongono anche diverse condizioni di negoziazione e conflittualità.

Questa ri-spazializzazione del territorio evidenzia dunque l’emergere di nuove soggettività interessate sempre

di più a “interferire” nei processi di governance. Lungo quella che può essere definita la frontiera della

governante, la complessità delle istanze aumenta al maturare di nuove consapevolezze e forme di mobilitazione

e cooperazione sociale, nell’individuazione di comuni interessi e nella condivisione delle lotte politiche.

Così, dalle pratiche anche condivise di controllo delle risorse (biodiversità), attraverso un’apertura verso

l’esterno, è implementata un’azione di sensibilizzazione dell’opinione pubblica e di riflessione collettiva sulle

opportunità e i benefici comuni derivanti da questo processo di auto-controllo (recupero di saperi, valorizzazione

delle culture e tradizioni, salvaguardia dell’ambiente, qualità alimentare e salute pubblica, sviluppo

RETELEADER 133


locale), per poi attivare relazioni transazionali di cooperazione, per lo scambio di esperienze e di conoscenze,

o ancora per una mobilitazione ed un’attività di pressione politica esercitata sugli organismi di potere, nazionali

e internazionali (singoli Stati, Unione Europea, WTO, FAO, ecc.). (figura 2)

Figura 2

134 RETELEADER


TESTIMONIANZE

AGRO-BIODIVERSITÀ, SOVRANITÀ ALIMENTARE E MERCATO GLOBALE

DI ANTONIO ONORATI

Buongiorno a tutti, sono Antonio Onorati, Presidente di Crocevia, la seconda entità più antica oggi in Italia.

Quest’anno festeggiamo cinquant’anni di attività ininterrotta, e dagli ultimi quaranta ci occupiamo in modo

particolare di agricoltura e di agricoltura contadina. Io vorrei intanto proporre alcune precisazioni: la prima

precisazione è che noi non siamo di fronte ad un modello dominante a cui non corrisponde un altro modello;

il riassunto che si può fare di agricoltura del modello dominante noi l’abbiamo definito con il termine

“agricoltura mineraria”. Si tratta di un’agricoltura che toglie più di quanto offre. Dall’altra parte però, ci sono

le agricolture altre, quindi non le altre agricolture. A parte il gioco di parole, questa precisazione è molto

importante.

L’esperienza ci serve a chiarire il concetto – che è diventato poi una battaglia – di sovranità alimentare.

Quello che è veramente pericoloso è il rischio di confondere la sovranità alimentare con il modello di agricoltura

alternativa. Mi affido soprattutto all’accademia affinché si rifletta sull’idea che c’è un modello dominante

a cui si oppongono tanti altri modelli. E questa era la seconda precisazione.

La sovranità alimentare poi, nasce e cresce come una “piattaforma di lotta”, anzi di lotte che si sono articolate

attraverso il pianeta. Per cui bisogna chiarire che siamo di fronte a processi, la cui origine, o quantomeno

il primo passaggio fondamentale, è la resistenza alle politiche di aggiustamento strutturale, il secondo passaggio

importante sono le battaglie contro le politiche neoliberiste, in particolare in agricoltura. Dunque, la

sovranità alimentare è una piattaforma di lotta, non è “il modello di agricoltura alternativa”, ma cerca di dar

vita ad un fenomeno assolutamente nuovo che si è prodotto nelle classi subalterne, che è nuovo anche nelle

battaglie per cambiare il mondo. L’esperienza classica di confronto è quella della classe operaia, che nella

sua lotta di liberazione ha prodotto una battaglia politica per cambiare il mondo e una volta conquistato

il potere ha elaborato le strategie per costruire una società diversa. Invece, quella che è una novità assoluta

del movimento contadino ne spiega anche le fortune. Le società reagiscono e comprendono le proprie esigenze

anche se nessuno gli ha fornito stimoli. Il punto è che nella resistenza quotidiana, contro il modello dominante,

l’agricoltura mineraria, in questo quotidiano resistere, individualmente o socialmente, lentamente

si accumulano le esperienze che costruiscono le alternative. Quindi, per chi si volesse esercitare consultando

la prima definizione classica della sovranità alimentare uscita a Roma nel ’96, e prodotta qualche settimana

prima nel Messico, oggi ci si rende conto proprio di questo processo. La resistenza produce nel tempo le

alternative che sono le alternative politiche. Questo è facile da vedere: Seattle, Hong Kong, sono tappe fisiche

in cui si vedono i contadini in prima fila a lottare contro i poliziotti, oppure a far comizi. Quello che non

si vede, purtroppo (addirittura neanche i movimenti solidali lo hanno visto, perché la maggior parte delle volte

stanno nei campi), è la distruzione delle alternative dal punto di vista economico, ambientale, tecnico (delle

tecniche agrarie). Tuttavia, lentamente si strutturano le “agricolture altre”, costruendo delle risposte che

RETELEADER 135


consentono, in primo luogo, di restare nei campi, poi di non farsi cacciare via, di recuperare dignità, infine,

forse, di avere una prospettiva (anche se questo è ancora in discussione). Questo è l’altro elemento importante

e nuovo, che giustifica anche l’interesse crescente suscitato: si ha produzione sociale, che si genera in

maniera assolutamente spontanea. La società ha reagito bene e ha dato una visibilità incredibile al movimento

contadino organizzato e anche a figure di questo movimento, proprio perché da qualche parte è vissuto

come qualcosa di più solido di una costruzione politica astratta.

All’interno della politica ognuno ha le sue teorie! Ma nella realtà concreta le cose sono molto difficili da articolare;

pertanto, se non si sta dietro alle esperienze dirette del territorio, se non si conoscono le dinamiche,

dove i cambiamenti più significativi sono anche quelli meno visibili, non si va da nessuna parte.

Pensiamo alle battaglie, anche informali, che vengono condotte, alla produzione di legislazioni che origina

da questo movimento. Ma in realtà quanti hanno la capacità di produrre soluzioni concrete sul fronte più

difficile quale è quello dei movimenti sociali radicali, quello della pratica, quello che noi chiamiamo la “guerriglia

istituzionale”? La soluzione sarebbe negoziare i contenuti e le basi giuridiche a partire dalla forza e dal

punto di vista dei movimenti, che è ciò che, per esempio, la classe operaia ha fatto solo in un periodo molto

particolare, disponendo di una forza immane, i sindacati, che erano capaci in un pomeriggio di far cadere un

governo. Tutto questo nel nostro paese è stato superato da un po’ di anni, oggi sono altri gli elementi che fanno

cadere il governo!

Questi argomenti trovano nel discorso sull’agrobiodiversià degli elementi di chiarificazione. È assolutamente

chiaro che le resistenze contadine hanno dei punti di forza. L’agrobiodiversità è quello che è più facile da

interpretare, ma non è l’unico. Si potrebbe discutere a lungo sulla capacità del riuso dei mezzi meccanici, ci

sono tutta una serie di aggiustamenti che vengono fatti dal contadino sui strumenti della lavorazione agricola

vecchi di trent’anni! L’agrobiodiversità, invece, spiega molto bene un elemento fondamentale dello sviluppo

dell’agricoltura che è il materiale da moltiplicazione. Diversi sono gli elementi che ruotano intorno alla

questione dell’agrobiodiversità. Il mantenimento della biodiversità nei campi ha una rilevanza in rapporto

all’economia, all’organizzazione del lavoro, alla struttura produttiva: tutti aspetti significativi a livello “locali”,

territoriale, ma abbastanza simili in tutto il pianeta. Tuttavia, ad essere diverse sono le modalità con cui

interagiscono fra loro.

Il primo progetto di recupero e valorizzazione delle varietà locali è stato promosso nel 1981, in una zona di

guerra nel nord del Mozambico, producendo sementi per una regione grande come il Belgio. L’azione veniva

realizzata in una regione dove si viveva concretamente il problema della fame, e siccome le sementi non

arrivavano, bisognava produrle autonomamente, utilizzando quindi delle varietà locali. L’aspetto interessante

è che, a distanza di tanti anni, le due cooperative che hanno guidato queste azioni sperdute, nei pressi

del Lago Niassa, occupano oggi i posti chiave nell’UNAC (Uniao Nacional de Camponeses), che è un movimento

contadino del Mozambico membro della Via Cambesina. Quindi, quelle antichissime esperienze (risalenti

appunto all’81), hanno raggiunto traguardi importanti. L’aspetto emerso con forza, che evidenzia il legame

molto forte con la sovranità alimentare, è che il vero obiettivo non era il recupero, non era neanche

la valorizzazione (e a questo proposito possiamo sviluppare una critica molto pertinente all’approccio Slow-

136 RETELEADER


Food), bensì il controllo contadino delle risorse genetiche, del materiale di moltiplicazione a livello di singola

azienda, di territorio, di aggregazione sociale (rispetto a ciò bisogna rilevare lo sviluppo di dinamiche di

stratificazione a livello di singolo sistema produttivo). Tale processo ha dato vita alle reti, promuovendo una

battaglia che ha messo in discussione i caratteri antidemocratici del sistema dominante, attraverso un approccio

che è totalmente diverso del modello minerario dell’agricoltura. Lo scontro era su sovranità, autonomia

e controllo, quindi la declinazione delle lotte sulle sementi, sul materiale di moltiplicazione, ma in verità

una battaglia per democratizzare i processi di sviluppo, in questo caso, nel senso più vero dell’agricoltura.

Questa battaglia è stata compresa rapidamente dalla società, perché chi difendeva l’autonomia aveva un atteggiamento

“sovrano” rispetto alle proprie risorse genetiche e cercava di restituire alla dinamica sociale il

controllo sul cuore dell’azione agricola, ovvero le sementi.

Sull’agrobiodiversità molti fronti di lotta si sono aperti. Probabilmente, quelli più conosciuti sono rappresentati

dalla miriade di attività di base, spesso lette come attività di conservazione. In verità, le attività di conservazione

sono una parte minoritaria, spesso non contadina, di queste lotte, parte spesso trasformata in

folklore, in giardino botanico; ma la parte più importante è quella rappresentata dal recupero produttivo. Il

motivo di frequente sotteso a queste iniziative è assolutamente economico, cioè deriva da un ragionamento

su che modello di agricoltura vogliamo fare. Ad esempio, si pensi anche al ritorno di una macchina come lo

svezzatore, utilizzato per lavorare i semi, quasi sparito, ma adesso lentamente riutilizzato. La scelta di rifare

le proprie sementi è legata ad un recupero di autonomia rispetto agli input esterni, rispetto al sistema di

produzione che crea dipendenza. Una cosa che sfugge completamente quando “si fa agro biodiversità”, è che

questo processo si lega solo all’inizio alla qualità. In verità, il legame con la qualità viene molto dopo e, essenzialmente,

non porta niente a nessuno.

Il ragionamento principale dietro tutto ciò è che le varietà locali sono più resistenti, permettono dunque di utilizzare

meno concimi e meno “intrusioni esterne”, perché se le sementi te le fai da solo non devi stare ad attaccare

le etichette delle sementi in giro. Questo elemento fondamentale, attinente all’economia, spesso non

appare, perché l’idea, la visione che è stata data dell’agrobiodiversità e della battaglia contadina, è tutta finalizzata

alla società dei consumi e al legame stretto tra prodotti tradizionali del territorio e controllo delle

risorse genetiche che ci stanno dietro.

Faccio un esempio: l’olio della nonna si fa con le olive della nonna, ma chi controlla l’olivo della nonna? Questo

è il vero punto, questo è l’unica cosa importante nella battaglia politica, e nelle battaglia per difendere

le agricolture altre. Fra queste anche quelle istituzionali, che non entusiasmano nessuno, ma che invece sono

state per certi versi un fronte accettato e aperto da un movimento contadino.

Molto diverso è l’atteggiamento rispetto ad altre parti dell’attività agricola. Per esempio, basta guardare alla

commercializzazione, circolazione dei prodotti di qualità, non c’è stata su questo versante una capacità di

esprimere un’autonomia. E le legislazioni arrivano spesso a rovinare le pratiche. Quindi c’è una battaglia

istituzionale che viene svolta. Perché sulle sementi si è esercitato il dominio, e non a caso proprio sulle sementi.

Le leggi che riguardano le sementi industriali si chiamano leggi di privativa, perché quello che è in gioco

è il controllo. La risposta a questo è stata l’affermazione del “diritto degli agricoltori”. Si è trattato di un

RETELEADER 137


processo molto lungo, nato in seguito a battaglie, pressioni sociali, fatte da piccoli nuclei della società civile,

che ha fatto sì che il diritto degli agricoltori venisse codificato in trattato internazionale. Questo diritto viene

presentato per la prima volta come alternativa al diritto di ottenzione, alla privativa sulle sementi, nel 1982

e viene avanzato da figure particolarmente illuminate: un funzionario della FAO, José Esquinas, un ambasciatore

del Messico, e due ONG. Questo concetto si afferma a livello internazionale difendendo non tanto e

non solo il passato delle sementi, bensì il loro futuro. Il percorso che ha portato all’approvazione del trattato

si è concluso nel 2001, per essere più precisi, è stato accettato dai membri della FAO nel 2001 ed approvato

nel 2002, mentre la legge italiana lo ha approvato solo nel 2004.

È interessante citare l’articolo 9 del trattato – che poi richiama altri articoli – che parla di risorse genetiche.

Gli elementi essenziali dell’articolo – che riguarda il farmer right – presentano un limite: viene riconosciuto

il contributo futuro dei contadini, ma il limite è che, attraverso modelli di produzione e l’impostazione legislativa

di un certo tipo, viene bloccata la capacità di controllo e la sovranità dei contadini, di conseguenza

ciò impedisce il loro contributo futuro e impatterà in maniera talmente devastante sull’agrobiodiversità in generale.

Non si avrà più la capacità, neanche per il modello industriale e minerario, di mantenere in vita quello

che ha consentito al modello stesso di imporsi, perché il modello industriale e minerario ha prosperato in

quindicimila-ventimila anni di storia agraria del pianeta.

Bisogna restituire al lavoro del contadino la dignità che gli spetta, non per il contributo del passato, per la memoria,

né per il folklore, ma per il contributo che darà al futuro, questo è il primo elemento centrale. Il secondo

elemento che farà dei contadini attori e soggetti fondamentali delle politiche non è la sovranità alimentare,

ma è il riconoscimento fondamentale che, nelle strategie di difesa, di conservazione, di uso dell’agrobiodiversità,

non si può fare a meno dei contadini e delle loro organizzazioni. Ma bisogna prestare molta

attenzione, in quanto si rischia di cadere in una trappola: il trattato (così come la Convenzione della Biodiversità,

nell’articolo 8, paragrafo 6) dice che chi ha contribuito ha diritto alla condivisione dei benefici.

Dunque, la condivisione dei benefici evidentemente è una condivisione economica, e il meccanismo che esiste

per condividere i benefici, è ripartirsi in qualche modo gli utili, i risultati della commercializzazione, quindi

i risultati dei processi di privatizzazione delle risorse genetiche, proprio gli ambiti in cui c’è conflitto frontale

tra diritti di proprietà intellettuale. Si ritorna pertanto sul campo delle privative, dei monopoli, mentre

invece bisognerebbe specificare che si tratta di un diritto completamente diverso, di natura giuridica, si tratta

di “diritti collettivi”. Questo è il campo dello scontro attuale sull’implementazione dell’articolo 6, uno scontro

non da poco, in aggiunta agli scontri sui temi della sovranità alimentare del movimento contadino, del paradigma

della ricerca, del paradigma del diritto.

Noi cerchiamo di reagire a determinate realtà. Si pensi ad esempio a tutto quello che si fa in Italia rispetto

alla questione della difesa dell’agrobiodiversità, applicando la logica del diritto individuale. Molti, forse anche

sbagliando, propongono, per uscire da questa logica, il libero accesso, ritornando a com’erano le cose prima

che le imprese multinazionali si imponessero in tutto il pianeta. L’approccio alternativo che viene proposto

è invece quello dei diritti collettivi sulle risorse genetiche e sui materiali da moltiplicazione, attraverso la

restituzione del controllo agli agricoltori e rendendo questo controllo democratico.

138 RETELEADER


Il Trattato Internazionale Sulle Risorse Genetiche deve essere implementato dai paesi. L’Italia (attraverso

l’articolo 3) lo ha recepito con una Legge, lo ha approvato e ha trasferito tutte le competenze alle Regioni,

quindi anche le competenze relative all’articolo 6 sui diritti degli agricoltori, Pertanto, oggi le Regioni dispongono

di uno strumento giuridico per implementare le politiche di difesa dell’agrobiodiversità. Questo

rappresenterà per il nostro paese una sfida importante. Alcune Regioni hanno prodotto leggi di difesa dell’agrobiodiversità,

ma una sola di esse ha stabilito la natura effettiva, la natura giuridica dei diritti di proprietà

sulle risorse genetiche, la regione Lazio, per cui le risorse genetiche tradizionali, di conservazione, appartengono

alle comunità locali, quindi si riconosce un diritto collettivo su queste risorse.

Tutto questo si ripercuote, con ritmi vertiginosi tra il 2000 e 2005 sul sistema agrario italiano, con effetti assolutamente

drammatici. In particolare, la resistenza contadina si manifesta anche nei numeri: 97% di giornate

di lavoro fatte in azienda diretto-coltivatrice, 83% delle aziende contadine sono gestite solo dalla famiglia,

il rapporto tra salario e ricompensa di unità di lavoro in agricoltura e nel settore industriale rimane

sempre 1/4, 5000 € per l’agricoltura e 18000 € nel settore industriale. L’altro elemento importante è che

il settore agricolo ancora è marcato da un tasso di lavoro illegale, riconosciuto per tre volte quello medio

dell’insieme degli altri comparti.

C’è però un elemento positivo: malgrado la mortalità aziendale, c’è ancora una massa di persone che ruota

intorno all’agricoltura. Si tratta pertanto di un settore che ha un’elevata capacità di sviluppare lavoro, e questa

è forse la caratteristica principale dell’agricoltura contadina.

Il settore agricolo ha una grande capacità di resistenza e questa è la vera garanzia. L’agrobiodiversità contribuisce

in maniera incredibile a questo mantenimento, ripeto, non per quello che dice Slow Food, ma soprattutto

perché costruisce un sistema economico che consente anche di risparmiare. E tutto ciò da stabilità

al sistema produttivo, perché gli permette di classificarsi, di avere la capacità di produrre beni genuini, quindi

di rispondere positivamente alle esigenze dei gruppi di acquisto, i quali vogliono pagare poco, ma vogliono

prodotti di qualità, genuini appunto, e questo è importante. Per me queste sono le garanzie che abbiamo.

RETELEADER 139


LE RETI DI SEMENTI CONTADINE, LA SELEZIONE PARTECIPATIVA

E LA VALORIZZAZIONE DELLE VARIETÀ TRADIZIONALI

DI RICCARDO BOCCI

Io sono Riccardo Bocci, attualmente lavoro per AIAB su un progetto di cui vi parlerò e che tratta delle situazioni

sementiere in Europa. Io sono il coordinatore della Reti Semi Rurali, un’associazione che si è formata

recentemente con 8 soci fondatori, che sono AIAB, Crocevia, associazioni di agricoltori localizzate in Veneto,

Toscana, Liguria e Piemonte, il consorzio della Quarantina e Archeologia Arborea. Cercherò di illustrare il

percorso che hanno fatto queste reti, sia quella italiana, sia quelle francese e spagnola in Europa sulla questione

della biodiversità, e focalizzerò l’attenzione su alcuni punti direttamente connessi all’attività di queste

reti. In Europa abbiamo una situazione molto particolare riguardo alla legislazione sementiera. Da un lato

abbiamo un sistema legato a UPOV 91, un sistema di protezione dell’innovazione varietale, che si muove in

direzione dell’eliminazione del privilegio dell’agricoltore (in Italia questo sistema non è stato nemmeno riconosciuto

nella legge nazionale). Abbiamo, in sintesi, un sistema che rinforza la proprietà intellettuale in

agricoltura, come avviene in tutti gli altri settori industriali. Questa è una tendenza molto forte in Europa

che si ripercuote sull’intera legislazione sementiera e sull’innovazione varietale. Dall’altra parte, però, in

Europa abbiamo una direttiva, la 98/95, sulle varietà da conservazione. Dieci anni fa Bruxelles ha incominciato

a riconoscere il problema che stava scomparendo la biodiversità nei campi e quindi si è pensato di

fare una direttiva per proteggere in maniera del tutto conservazionistica questa biodiversità, tanto che le

varietà si chiamano “varietà da conservazione”, e queste varietà per legge possono essere solo quelle soggette

all’erosione genetica.

L’UE aveva pensato di creare un apposito catalogo per queste varietà, che facesse capo ad un sistema legislativo

a parte, diverso. Ad oggi questa direttiva ancora non è implementata, e ciò testimonia la difficoltà di

costruire questi processi a livello europeo. Ci sono state inoltre tutta una serie di resistenze da parte dell’industria

sementiera, soprattutto francese e tedesca, mentre i paesi che avevano interessi affinché questa direttiva

venisse implementata non hanno fatto abbastanza pressione a Bruxelles. Dall’altra parte, sempre in

questo settore, abbiamo un piano d’azione per la biodiversità agricola elaborato dalla Commissione in cui dicono

proprio testualmente che: per avere una conservazione in sito, on farm, c’è bisogno di una legislazione

che permette di commercializzare i materiali genetici diversificati. Per cui il lavoro che si fa come rete in

realtà non è così astratto, ma la normativa esistente va contro la conservazione on farm, quindi andrebbe modificata.

Noi ci immaginiamo una UE molto moderna, dal punto di vista agricolo e da un punto di vista sementiero. Ci

viene insegnato che i sistemi sementieri informali esistono soltanto al sud, in Africa, in America Latina, dove

gli agricoltori fanno gli scambi, e da noi il mondo è completamente diverso. (figura 1)

Questa tabella fa vedere qual è la provenienza delle sementi in Europa. Vi sono sementi certificate. Sementi

riprodotte in azienda – quindi il privilegio dell’agricoltore di cui si parlava prima, cioè gli agricoltori che riproducono

in azienda sementi protette e certificate.

140 RETELEADER


Figura 1

Sulla destra quelle che per l’industria sementiera sono sementi riprodotte in maniera illegale. Si distinguono

quindi agricoltori che hanno varietà locali, da agricoltori che si scambiano illegalmente sementi. Il quadro che

emerge è che, innanzitutto, abbiamo ancora sementi illegali con una percentuale che varia a seconda della

specie che consideriamo; poi la riproduzione in azienda è molto presente. In Francia, per esempio, il 42% dei

cereali viene riprodotto in azienda, mentre in Italia, che sembrerebbe il paese dotato di più diversità, le percentuali

dell’industria sementiera ci descrivono come un paese moderno: il 90% del frumento duro è certificato

e soltanto il 10 viene riprodotto in azienda. Per cui, dal punto di vista di queste statistiche, siamo più moderni

di tutti quegli altri. Ma la lettura che io faccio è che i nostri agricoltori sono riusciti a trovare strategie

per sembrare moderni attraverso cartellini, certificati, etc., per comportarsi, poi, in maniera completamente

diversa. Se andate nelle aziende trovate agricoltori che hanno varietà locali di cereali che seminano e riproducono,

ma sul cartellino che danno poi all’ente di certificazione c’è scritta un’altra cosa, in tal modo hanno

trovato una strategia per riuscire ad avere un’integrazione conservando le loro varietà.

Il sistema europeo quindi non è così moderno, esistono una serie di produzioni informali di sementi come nei

paesi del sud. Allora, in questo contesto, sono nate delle forme di aggregazione nuove e interessanti nel settore

agricolo: queste sono le reti sulle sementi. In Spagna si chiama Reti Sulle Sementi, in Francia Rete Se-

RETELEADER 141


menti Contadine, in Italia Reti Semi Rurali. Queste reti in realtà pongono tre problemi al modello agricolo dominante:

1) una critica tecnica, quindi revisione, e qui introduco il concetto di varietà, che deve tradursi in forme

stabili, e il concetto di valore agronomico di varietà; 2) una critica politica, che quindi riguarda il sistema

di proprietà intellettuale sulle sementi, un problema di legittimazione del sistema che stiamo incrementando;

3) infine, la critica scientifica, inerente il lavoro di queste reti legato sempre di più alla ricerca agricola,

che si basa sulla consapevolezza che ci sono altri saperi in azienda e in agricoltura, che sono quelli degli agricoltori,

che hanno ugual diritto di quelli dei ricercatori e con cui deve esserci un confronto.

Queste esperienze hanno altre particolarità rispetto ad altri modelli aggregativi in agricoltura. Il primo punto

è che associano (proprio perché la tematica biodiversità ha un interesse nella società civile) altri soggetti al di

fuori dell’ambito agricolo, e hanno la capacità di rivolgersi non solo al mondo agricolo ma alla società civile,

e quindi aggregano la società civile creando consenso. Inoltre, il numero di azioni che stanno compiendo, insieme

al numero di aderenti, cresce proporzionalmente nel tempo, quindi prospettano – rispetto ai sindacati

agricoli la cui rappresentanza sta diminuendo – un futuro di azione, hanno la capacità di comunicare al grande

pubblico con più forza di quella dei sindacati agricoli, e possiedono la grande capacità di lavorare in rete.

Se voi andate nei diversi paesi europei in cui queste reti stanno funzionando, nessuno vi dirà mai che il nostro

lavoro si deve fermare in Francia, o ad un determinato ambito ma, al contrario, l’obiettivo è costruire un coordinamento

europeo sulle sementi e, soprattutto da parte della rete francese, c’è una grande capacità di lavorare,

perché essendo attiva da più tempo con altri paesi africani (per esempio i progetti di ricerca e di cooperazione

con il Maghreb e con l’Africa occidentale) possiede più esperienza pratica ed è più motivata.

Inoltre, da un punto di vista della comunicazione della scienza, questi soggetti diventano quelli che vengono

definiti “attori ibridi”, cioè se la scienza si sta modificando, sta cambiando il rapporto con la società e si parla

di dover costruire gli spazi pubblici in cui rinegoziare “che cos’è scienza” e ricostruire tali rapporti; in agricoltura

questi soggetti hanno la capacità di parlare con gli scienziati e di costruire una ricerca diversa, senza

essere né università, né accademia, né Stato. Pertanto vengono definiti “attori ibridi” per la capacità delle organizzazioni

non governative di costruire un sapere diverso rispetto alla ricerca ufficiale. Questo è una dichiarazione

fatta da un fisico francese molto attivo, Leblond, su questa partita tra scienza e società, e che se

nel mondo generale della scienza ha tutta una serie di complicazioni. Queste teorie in agricoltura sono particolarmente

premianti, perché in fisica, in matematica in altri settori scientifici non ci sono i soggetti che noi

studiamo. In agricoltura noi abbiamo i soggetti, cioè i contadini, che non possono essere messi da parte rispetto

ad un processo di ricerca agricola, in quanto sono portatori di sapere, ci sono fisicamente, mentre negli

altri ambiti scientifici gli elementi che studiamo non ci chiedono conto. Allora, se questo è vero, bisogna

modificare completamente il sistema di ricerca agricola, perché attualmente il sistema che abbiamo non funziona

per adattarsi a questi altri modelli agricoli. Questo è un po’ uno schema molto generale, ma mostra come

è fatto il sistema attualmente: noi abbiamo una ricerca agricola più o meno internazionale, fatta dal sistema

del CGIAR (Consultative Group of International Agricultural Research), questo sistema vale soprattutto

nei paesi del sud del mondo però non è tanto diverso come idea dai paesi del nord. Quindi abbiamo quello

che viene definito il global knowledge che in qualche modo deve essere adattato a un contesto e poi adot-

142 RETELEADER


tato dagli agricoltori. C’è una diversità molto grossa tra quello che è il global knowledge costituito dagli scienziati

e il local knowledge degli agricoltori. La domanda fondamentale, cui in genere i sociologi rispondono,

soprattutto nel sud, è questa: perché gli agricoltori non adottano la tecnologia? Alla fine di tutto questo processo

costruito dalla ricerca agricola, gli agricoltori non la adottano, perché? I sociologi studiano questo, e cercano

di rispondere dicendo: “Gli agricoltori sono stupidi, in genere sono ignoranti, bisogna spiegargli meglio

l’importanza di queste varietà moderne, bisogna spiegargli che conviene utilizzarle, etc.”. Ma, in realtà, non

capiscono che c’è un’altra logica, un’altra razionalità nel loro pensare l’innovazione, c’è una razionalità nel

fatto che non l’adottano, ed è perché non gli conviene.

Tutto questo va in qualche modo ribaltato, va anche ripensato in una logica che sta distruggendo la ricerca

agricola, anche il dibattito tra pubblico e privato. Diventa molto complicato fare queste modifiche quando la

ricerca agricola sta diventando sempre più legata al privato e sempre più slegata dal pubblico in intenti di finanziamenti,

e questo è un problema che in qualche modo dovrà essere affrontato nel futuro. Sempre nell’ambito

della scienza, vedete come la comunicazione in qualche modo era servita alla scienza all’interno

della nostra società. Noi avevamo scienze e industria che producevano input attraverso l’assistenza tecnica,

questi input dovevano arrivare agli agricoltori con un sistema di comunicazione condotto dall’informatore

agrario, un tipo di comunicazione che dice cosa devi fare. L’agricoltore deve fare una serie di cose che vengono

decise altrove, in questo meccanismo l’industria alimentare si comportava nello stesso modo nei confronti

dei consumatori, magari mettendo in atto pratiche pubblicitarie attrattive ma ingannevoli, per aumentare

le vendite e l’acquisto da parte dei consumatori. L’emergenza di questi soggetti nuovi delle reti fa

sì che la freccia si inverta, quindi gli agricoltori comunicano con la scienza e quindi invertono il meccanismo,

e poi comunicano con i consumatori. Quindi tutto questo meccanismo di comunicazione che avevamo prima

in qualche modo viene distorto e modificato.

I punti critici che come reti stiamo mettendo in luce sono:

il rapporto tra ricerca e innovazione. Chi produce innovazione in ambito rurale?

quale è la legislazione più adatta da un punto di vista sia della proprietà intellettuale e sia della legislazione

sementiera per tutelare l’innovazione? La proprietà intellettuale non è una cosa naturale, nasce

esclusivamente per tutelare i processi innovativi nella nostra società. Noi diamo monopoli a qualcuno perché

ne riceviamo beneficio sociale. Ora, nel momento in cui l’innovazione non viene più prodotta, dobbiamo

rivedere i meccanismi in cui tuteliamo queste innovazioni, perché se la proprietà intellettuale non

serve più a quel fine perde l’utilità sociale, quindi è inutile portarla avanti se non acquista l’utilità sociale

che è alla base del suo principio istitutivo.

lo scambio Nord-Sud. Gli agricoltori che fanno parte di queste reti e in qualche modo dimostrano che non

esiste una dicotomia tra nord e sud, ma esistono dicotomie tra modelli agricoli, e quindi come esistono sud,

ed esistono anche tanti nord, ci possono essere anzi delle consonanze molto forti tra questo modello agricolo

del nord e quelli del sud.

Nell’ambito di questo nuovo modello di ricerca assume, importanza un tipo di trasmissione del sapere che non

è più verticale ma diventa orizzontale, come i ricercatori fanno i loro sistemi alla pari, e così via, è possibile

RETELEADER 143


pensare ai sistemi di scambio dell’innovazione del sapere alla pari tra agricoltori, almeno nei paesi del sud

dove è stato studiato. Qui lo scambio come si diceva prima diventa produttivo. Un professore dell’Università

di Firenze, un genetista, invece di fare la classica lezione, va dall’agricoltore francese, e prende semi per la

sua collezione di università; secondo me questo da un po’ l’idea del fatto che possiamo cambiare questi rapporti

tra ricercatori e agricoltori. L’esperienza francese negli anni è cominciata con la selezione partecipativa

del 2001, su alcune poche culture (mais, girasole, frumento), nel 2005 sono aumentate le culture, e nel

2006 ancora di più; quindi la selezione partecipativa in Francia sta diventando qualcosa che interessa sempre

di più agricoltori e ricercatori.

Rispetto all’Italia, c’è stata una difficoltà in più, cioè queste varietà non c’erano. L’inizio del lavoro della rete

francese è partito da una situazione iniziale ristretta, 30-40 ettari, si trattava di una realtà basata su pratiche

biologiche, non avevano le varietà che servivano, quindi sono andati a cercarle. Nei campi non c’erano

più, ma con la ricerca hanno aperto le banche La ricerca gli ha permesso di avere sementi che venivano

dalle banche del seme francese. Questo lo stanno facendo un po’ con tutte le colture. In Italia è diverso, noi

abbiamo ancora una base di varietà locali coltivate dagli agricoltori nelle aziende, quindi potremmo veramente

fare un buon lavoro se la ricerca cominciasse ad occuparsi degli agricoltori e di queste tematiche. Non

c’è bisogno di andare ad aprire le banche, anche se sarebbe interessante.

Infine, oltre che lavorare in rete a livello europeo (non so se è fortuna, o è grazie al sostegno soprattutto dell’INRA,

capofila di questo progetto), l’anno corso abbiamo vinto un bando dello stesso programma quadro,

un bando specifico per fare ricerca finalizzata alle politiche, in cui abbiamo tutti i partner delle varie reti

(quella francese, quella italiana, l’AIAB, quella spagnola, più alcuni siti di ricerca), la cui finalità è quella di

proporre a Bruxelles una serie di normative che tengano conto di tutte queste realtà, che però non sono abbastanza

visibili. Questa è la partnership del progetto europeo: abbiamo istituti, associazioni di agricoltori biologici

delle varie reti sementi, e anche una buona rappresentanza tra nord e sud (ci sono olandesi, svizzeri

ma anche spagnoli, italiani). Questo è molto importante, perché su queste tematiche non la pensiamo allo

stesso modo, il dibattito che ne segue, a livello europeo, è molto forte. Ovviamente i soggetti coinvolti, provenienti

da realtà differenti e distanti tra loro, hanno un altro modello agricolo diverso e su queste cose sono

più avanti rispetto a noi, anche dal punto di vista normativo, oltre che biologico.

Recentemente c’è stata una polemica legata alle sementi biologiche da utilizzare in Europa, e gli svizzeri, che

fanno parte di questo progetto, hanno suggerito che le sementi biologiche devono essere certificate. Invece,

quello che stiamo portando avanti come punto di vista del sud è il fatto che queste sementi devono essere

adatte ai sistemi agricoli, non ci importa nulla che siano certificate o meno, è più importante che siano adatte

ai sistemi agricoli.

144 RETELEADER


L’ATTIVITÀ CONTADINA NELLE AREE FRAGILI:

CASI STUDIO NELL’APPENNINO LIGURE-PIEMONTESE

DI GIOVANNI CARROSIO

Il titolo del mio intervento è: L’attività contadina nelle aree fragili dell’Appennino ligure-piemontese. In particolare,

analizzerò il caso della cooperativa agricola Valli Unite e del consorzio della Patata Quarantina.

Il caso della cooperativa agricola Valli Unite illustra quali sono i processi e come si sviluppano le innovazioni,

come si consolidano, come si diffondono in questi territori delle aree fragili che comprendono l’Alta Carnia,

il Delta del Po, parte della montagna cuneese, ...Un’area vastissima, una parte dell’Appennino che confina

con la provincia di Genova, Pavia, Alessandria e Piacenza. Tutte aree che si stanno spopolando, a bassissima

densità abitativa, dal punto di vista geografico sono abbastanza distanti dai centri urbani.

Nonostante il nostro obiettivo di ricerca fosse studiare mobilità, spopolamento e ripopolamento, ci siamo imbattuti

in casi di “nuove contadinità”, e abbiamo iniziato ad occuparci anche di questo. L’area di cui vi parlerò

è l’area di confine tra le quattro province, in cui il tessuto produttivo è quasi inesistente e prevale un’agricoltura

tradizionale. Per tradizionale non intendo convenzionale, ma legata all’agricoltura dei nostri nonni,

all’autoconsumo, quindi l’orto, l’autoproduzione alimentare, farina, allevamento di animali da cortile.

L’agricoltura meccanizzata qui non si è mai diffusa, soprattutto per la struttura morfologica del territorio, si

tratta di territorio impervio, caratterizzato da instabilità idrogeologica, in cui si è diffusa solo una piccola

meccanizzazione e tecnologie appropriate per la montagna, soprattutto ultimamente. I processi di modernizzazione

in queste aree non hanno mai modificato in maniera diretta la struttura produttiva locale, ma

l’hanno erosa dal di fuori, attirando i giovani nelle aziende di pianura e nelle fabbriche, rendendo l’agricoltura

di montagna priva di risorse umane, ma anche incapace di competere con l’agricoltura intensiva di pianura.

Qualche dato in generale sulla Cooperativa. Si tratta di una cooperativa agricola biologica, che ha 16

soci, più 10 lavoratori stagionali, 70 ettari coltivati a grano, orzo, farro, secondo una rotazione, 15 ettari di

pini, 20 ettari di bosco, 40 vitelli da carne, vacche da latte soprattutto per l’autoconsumo, 70 suini, un agriturismo

e la fattoria didattica. Una realtà molto grande per il territorio nel quale si colloca, infatti, la chiamano

la Fiat della Valle Curona.

Una genesi sugli attori di questa esperienza. Nel 1977, Fabio, Danilo e Cesare, figli di contadini, si ritrovano.

Uno di loro vuole continuare l’attività agricola del padre che era viticoltore, gli altri due, invece, sono già

a lavorare nelle fabbriche. Fabio, perspicace, continua l’attività agricola e riesce a convincere i suoi amici ad

unirsi a lui, nasce così questo piccolo nucleo di tre agricoltori. L’idea principale era quella di costruire una

stalla sociale, in quanto era sorto il problema della dipendenza dai fertilizzanti chimici. I tre hanno capito che

il modo migliore per recuperare l’agricoltura contadina e riconquistare l’autonomia era quello di ricostruire

il ciclo ecologico quindi ripartire dai bovini. In problema è che non riescono a convincere nessuno in Valle a

sostenerli nella creazione della stalla sociale. Il “sociale” fa inalberare la tradizione democristiana dell’area!

Quindi si diffonde tra loro la sfiducia. Per fortuna, nel 1981 questi tre giovani iniziano ad imbattersi in un

movimento che si stava creando nella zona.

RETELEADER 145


Negli anni ’80 iniziarono a frequentare quest’area due componenti forti, uno dei quali appartenente alla sinistra

extra-parlamentare, che iniziava a riproporre l’uscita dalla società industriale. Entrambi riescono a

trovare una forma di simbiosi, generando un movimento di stampo cattolico, pauperista, neo-comunitario,

che si rifaceva da un certo Lancio del Vasto, uno dei fondatori delle Comunità dell’Arca. Questi soggetti volevano

vivere in comunità, condividere i beni, e riscoprire un’economia essenziale. Questi ragazzi incontrano

questi movimenti, decidono di mettersi insieme, e fondano questa Cooperativa.

Dopo vicissitudini incredibili, tra cui anche dei fallimenti, nell’86 decidono di convertirsi al biologico, ma non

riescono a trovare un mercato di riferimento, incontrano difficoltà enormi. Insomma la strada è molto lunga.

Negli anni ’90 i soci continuano a crescere. Alcuni lasciano la cooperativa per dedicarsi ad altre attività

legate all’economia rurale. Questo si rivelerà poi un fattore importante, perché non nasce una cooperativa

in dissensi, ma nasce una cooperativa animata da diversi motivi: chi non sopporta più un clima troppo comunitario,

chi vuole intraprendere da solo la propria attività. Per cui alcuni vanno a fare del formaggio, altri

vanno ad aprire un maneggio di cavalli, altri un agriturismo. Da qui nasce un piccolo circuito di economia

rurale sul territorio.

Nel 2001 i soci, soprattutto dopo gli eventi di Genova, iniziano a crescere. Un’ondata di giovani si rivolge alle

cooperative per lavorare. L’aumento delle persone che vanno a lavorare lì è importante soprattutto per la

nascita del consorzio della Quarantina, che è appunto un processo di recupero della realtà locale. I primi soci,

insieme a Massimo Angelini, colui che ha ideato questo processo di recupero, accettano la sfida e decidono

di iniziare a produrre queste patate quarantine, che nascono proprio in questo frangente culturale. Questo

è lo skill-over di tutte le aziende agricole che nascono sul territorio.

Quindi l’idea di fondo era la ricerca dell’autonomia dai mercati per il reperimento delle risorse produttive, attraverso

la ricostruzione del ciclo ecologico. Da lì poi è nata tutta la conformazione multifunzionale dell’azienda,

poiché hanno iniziato a produrre bovini, riescono a produrre molto vino, che esportano e con le rendite

del vino riescono a mantenere tutto il ciclo produttivo. Iniziano a produrre grano, utilizzando come concime

deiezione di bovini. Iniziano a pensare a come vendere la carne di bovino, da qui attivano lo spaccio locale,

poi l’agriturismo. Il tentativo è quello di creare un ciclo di produzione e trasformazione e riuscire a

chiudere tutte le cose che si aprono in questo processo tramite la trasformazione, la vendita, la re-incorporazione

nello stesso processo produttivo, etc.

Vi è poi il processo di reintroduzione delle varietà locali e la diffusione delle pratiche di retro-innovazione.

Questi processi di recupero di metodologie antiche o di varietà definiscono un processo di retro-innovazione,

che è importante per capire come si diffondono poi le pratiche a livello locale. Infatti, in quegli anni lì, avviene

il recupero dell’uva Timorasso, da parte di alcuni viticoltori della zona, di cui il presidente della Valle

Unita è un po’ il leader, i quali si propongono il recupero di questo vitigno. Dopo anni di sperimentazione, in

cui nessuno li ha mai considerati, incontrano il Leader e il Gruppo Di Azione Locale, quindi sul territorio nasce

un Leader, con il quale riescono ad interagire. Il Leader decide di finanziare questo processo di recupero

del Timorasso, e oggi si può parlare di questa esperienza come di un processo che, attraverso la legittimazione

istituzionale, è riuscito a diffondere fiducia anche nei confronti di quei viticoltori che erano molto scettici.

146 RETELEADER


Per la commercializzazione dei prodotti ci sono vari canali: la vendita diretta attraverso lo spaccio, la trasformazione

in agriturismo, il rapporto con i GAS di Genova e di Milano, il rapporto con persone che hanno

la seconda casa nelle vallate, che vanno lì il sabato e la domenica o che fanno la spesa per tutta la settimana,

l’esportazione del vino in tutta Europa. Si sono costruite delle reti molto solide. Hanno aperto anche dei

mercati reiterati dall’estero. E poi c’è l’alternativa – che ha suscitato delle critiche – della vendita on-line.

Una delle critiche – in base al principio dell’auto contenimento dei territori dal punto di vista della produzione

e del consumo – è che non esiste un mercato locale dei loro prodotti, esiste qualcuno del paese che va a

comprare da loro, però tutti i consumatori vengono o dai GAS o dalle città. E pertanto importante riflettere

sull’opportunità di creare circuiti di integrazione del consumo, della produzione a livello locale. La filiera corta

intesa anche in termini di distanza.

Altra questione è quella energetica. Lavorando sulle aree fragili, ci siamo accorti come esistano degli interessi

imprenditoriali enormi, che cercano di costituire centrali di massa, inceneritori, discariche, distese enormi di

pale eoliche su questi territori. I territori hanno oggettive difficoltà a difendersi, perché non esiste un coagulo

sociale di attori sul territorio che hanno interesse a difendersi. È una popolazione molto anziana, inoltre non

c’è l’interesse politico a contrastare questo rischio di colonizzazione dall’esterno. Quindi un altro argomento

centrale è la natura media energetica delle aziende agricole e dei territori, dei sistemi e le filiere corte dell’energia.

La Valle Unita sta già facendo una sperimentazione. Con l’installazione di un pannello fotovoltaico

che produce ad una potenza di circa 20 kw, raggiunge l’85% del fabbisogno energetico. Inoltre, quest’area

sta realizzando uno studio di fattibilità per installare una piccola pala eolica, per riuscire a creare una filiera

corta di vendita di energia con gli abitanti del paese. È un progetto ancora in itinere, e in attesa di finanziamenti,

ma appare come un bel laboratorio.

RETELEADER 147


VINCOLI E POTENZIALITÀ: BIO-DIVERSITÀ AGRARIA

E ALTRA AGRICOLTURA NEL SALENTO

DI LUCA CARBONE

Vi presento delle esperienze attive del Salento. Si tratta di esperienze puntiformi, che coinvolgono diverse tipologie

di attori e che nonostante tutta la difficoltà di integrazione istituzionale, insistono e persistono da 20

anni nella loro attività, quindi dimostrano che le altre agricolture, e non un altro modello, sono possibili concretamente.

Le esperienze sono quattro, e i protagonisti sono Francesco Minonne, che è legato all’orto botanico dell’Università

del Salento, Daniele Foscarini per la rete degli agricoltori, il Comune di Zollino, e Carlo Mileti, nell’ambito

del progetto Cooperazione Internazionale. Carlo Mileti è anche il responsabile del Commercio Equo

e Solidale e lavora nelle ONG da un bel po’ di anni.

Francesco Minonne ha cominciato a fare una ricerca sul fico e sulle varietà locali di fico nel Salento. Il momento

vitale è la Festa della fica (in dialetto si chiama così), che si fa nel suo paese d’origine, Marittima, ma

è nota anche nel Mediterraneo perché è collegata con la Francia, con il Libano, con Israele, dove ci sono altri

ricercatori. Egli ha individuato, durante la sua ricerca, condotta nell’area salentina – il Grande Salento, che

include la parte della provincia di Brindisi e di Taranto – circa 96 varietà di fico, 46 di vite e poi varietà di

pero comune, di pruno, e anche di frutti minori. All’individuazione delle varietà si è collegata anche una ricerca

linguistica, relativa alle denominazioni locali di queste varietà.

La dimensione colturale e culturale credo che vadano di pari passo, quindi la ricerca su quello che è il substrato

millenario delle pratiche agricole va intersecata con il riconoscimento di ciò che questa cultura e queste

civiltà “subalterne” hanno prodotto e conservato nei millenni. Si sono recuperate questa varietà di vitigno

e si è cercato di farne un esperimento di rilancio e visibilità territoriale, in quanto viene coltivato nella

riserva di Tor Guaceto, a nord di Brindisi, dove c’è anche un’area marina protetta, collegata con un prodotto,

un vino di qualità, il Sum. Adesso la Regione Puglia si sta attivando; però ci sono dei rischi, in quanto

spesso vengono certificate varietà che sono di importazione. Da qui una vera e propria lotta, una guerriglia

istituzionale e i rischi sono tanti.

Queste varietà sono sopravvissute per l’inconsapevole tenace, convinta e partecipe esistenza di questi produttori,

e poi perché qualcuno – in questo caso anche con il contributo dell’Università – si è premurato di recuperarle.

I produttori, quelli che insomma le hanno mantenute, spesso nei giardini, negli orti, nelle campagne,

in una situazione completamente marginale, anche in un’area come il Salento, hanno provveduto a

preservarle. Non c’è casa con un cortile che non abbia il fico, il mandorlo, gli agrumi, sono dappertutto però

sono invisibili. Ecco, la cosa importante: portare visibilità a cose che altrimenti restano invisibili.

Francesco Minonne ha costruito un rapporto di confidenza, di fiducia con queste persone, è stato con loro, comunicando

nella loro stessa lingua, si è interessato di ciò che facevano, quindi non è un elemento estraneo

che si inserisce dall’alto e cerca di coordinare, tutt’altro.

Siamo quindi diventati attori e partecipatori attivi, siamo presenti in tutti i nostri bar, in tutte le nostre

148 RETELEADER


piazze. Però altrettanto spesso queste realtà sono molto lontane, quasi come se appartenessero ad un altro

mondo e sono il nostro sud del mondo. L’agricoltura di resistenza è tutto intorno a noi, nelle pratiche

minime, ancora oggi si seccano i semi del pomodoro per l’anno successivo, si seleziona il pomodoro dalla

pianta, si mette lì a seccare su una pezzuola bianca, etc. Ma queste sono pratiche diffuse in tutto il territorio.

Fare la salsa del pomodoro nel Salento è un rito, si fa in tutte le famiglie. Solo adesso, negli ultimi

10-15 anni, c’è stato un progressivo allontanamento, una relativa vittoria della salsa del supermercato,

però in ogni caso è un patrimonio condiviso, poco visibile all’esterno, ma c’è, quindi bisogna farlo emergere

e valorizzarlo.

Vi dicevo che sono state riscoperte le varietà, e qui entrano in gioco anche i limiti delle Università. L’orto botanico

le ha fatte proprie, ma non riesce a custodirle e a coltivarle, e allora hanno elaborato questa strategia

per promuovere l’orto botanico diffuso attraverso una Convenzione formale tra Università e aziende,

o comunque soggetti interessati a custodirle e coltivarle, nuovi soggetti, nuove contadinità in questo caso.

In più c’è anche l’esempio dell’associazione Comona. Le condizioni che sono stabilite da questa Convenzione

formale sono: condivisione delle collezioni, al fine di garantire la conservazione di questi siti, scambio di

materiale genetico, obbligo reciproco di citare le fonti, condivisione organizzativa, quindi anche un processo

di disseminazione e reciproco supporto. Sono segni importanti di iniziative nuove, però possono anche diventare

dei modelli.

Passiamo all’esperienza successiva. Daniele Foscarini prima ha avviato una produzione di uova, che è riuscito

a diffondere fino a livello nazionale, poi ad un cero punto ha deciso di cambiare e di puntare sulla fattoria

didattica, intesa in senso steineriano, quindi a ciclo chiuso: tutto deve essere prodotto e consumato all’interno

dell’azienda, ed è arrivato ad un’autosufficienza del 90%, il resto, il 10%, lo prende dalle altre aziende

biodinamiche che si stanno collegando a livello pugliese.

La superficie che coprono queste aziende biodinamiche è di circa 800 ettari, le produzioni sono altamente differenziate:

agrumi e uva nel tarantino, olio, vino, cereali di questa varietà particolare, che ha minor resa ma

maggiore qualità. Uno degli obiettivi è la resa di qualità, e la conservazione produttiva di varietà. Si ha quindi

un ridimensionamento dell’importanza del mercato, si tiene conto delle fasi finali in tutte le fasi della coltivazione

e c’è comunque uno sbocco commerciale. Tuttavia, la cosa paradossale è che manca il mercato locale.

Vi sono pochi Gas, per cui ci sono dei clienti che molto spesso sono amici, persone simpatizzanti di queste

iniziative che vanno a comprare nelle aziende, ma il grosso viene esportato, in Svizzera (che fa da polo

di distribuzione), Austria, Germania e Inghilterra. È così che questi produttori sopravvivono, invisibili nel territorio.

Io stesso ne sono venuto a conoscenza dell’esistenza di questa azienda fuori dal mio paese.

Passo adesso ad un’altra tipologia di iniziativa. Zollino, un piccolo comune di una zona del Salento tra le più

note. Su suggerimento, e con il supporto di una compagnia teatrale che opera da anni nel territorio e ha un

rapporto stretto con la Grecia, questa area è entrata in un progetto, chiamato Grecia-Italia, per la promozione

del biologico e delle varietà locali.

La chiave della produzione locale è il pisello nano, molto conosciuto anche fuori da Zollino. Si è puntato sulla

promozione del prodotto e delle specificità locali, e quindi si è deciso di lavorare intorno al pisello nano.

RETELEADER 149


Si è iniziato con un’azione di promozione, il cui il prodotto, il pisello nano appunto, è collegato ad un evento

importante che è la fiera di S. Giovanni.

Durante questi eventi si è cercato di promuovere e valorizzare tutta una serie di prodotti tipici, come un tipo

di pane, che aveva anche un alto valore per la sostenibilità alimentare, in quanto prodotto con tutto quello

che è avanzato del pasto. È comunemente chiamato Sheblasti, che nella terminologia salentina vuol dire

“senza forma”. Intorno a questi elementi noi come Dipartimento abbiamo dato il nostro contributo effettuando

una ricerca con i coltivatori.

Abbiamo intervistato gli stessi coltivatori, la tipologia sono i piccoli coltivatori e prevalentemente sono persone

che lo fanno come secondo lavoro. Fanno altri lavori, e poi coltivano il pisello nano come secondo lavoro,

e ci tengono molto. Il dato che emerge in modo interessante è che le motivazioni alla fine non sono economiche,

e questo vale anche per la raccolta e la coltivazione delle olive al livello del piccolo contadino e della piccola

azienda familiare. Il processo è più costoso del prodotto finale, però continuano, lo fanno e non sono visibili.

Qualche anziano ha detto: “Quando moriremo noi finirà tutto, perché i giovani ormai scappano!”

Questo è anche un elemento di riflessione. Infatti, nella zona di Zollino abbiamo intenzione di attivare degli

incontri di animazione, perché l’idea di riavvicinare i giovani è fondamentale per rompere quella che è una tendenza

molto presente nel sud di considerare il contadino come “povero”. Noi qui siamo quelli che la pensano

diversamente, ma è vero che è diffusa questa idea. Tuttavia, come diceva Pasolini, c’è ancora un elemento di

rifiuto razzistico, della condizione contadina, che si perpetua nella piccola borghesizzazione italiana.

Quella che vedete, è l’opera di un nostro importante attivista Ezechiele Aleandro, e probabilmente è la rappresentazione

della danza dei coltelli, che è una cosa legata in parte alla pizzica, ma in parte è autonoma,

e rappresenta il codice della malavita che adesso va nella direzione della spettacolarizzazione.

L’ultima esperienza è il Progetto di Carlo Mileti, che sposta un po’ l’attenzione verso un’altra dimensione

possibile e praticabile attraverso il coinvolgimento istituzionale dei comuni della Grecia, dove già erano stati

attivati collegamenti con il Medio-Oriente, attraverso la rete del commercio equo e solidale. Si tratta di un

progetto di cooperazione lanciato a partire dall’ulivo e dal suo valore simbolico e produttivo, attuato insieme

ad una cooperativa palestinese ed una israeliana. Gli obiettivi erano innanzitutto farle produrre insieme,

(la produzione in questione era legno intarsiato, quindi utensili ricavati dall’ulivo, ma anche prodotti come i

saponi etc.). Si è riusciti ad ottenere che la materia prima fosse prodotta dai palestinesi e la trasformazione

dagli israeliani, e questa è un pò un’inversione di tendenza rispetto alla situazione iniziale, in cui i palestinesi

erano invasi da prodotti israeliani. L’incontro tra queste due realtà che operavano nello stesso settore ed

erano entrambe iscritte alla rete del commercio equo e solidale è avvenuto per la prima volta all’interno di

questo progetto. L’altro obiettivo era quello di ripiantare gli alberi di ulivo, in quanto gli israeliani lo stanno

espiantando per costruire un muro. Per un muro di 80 cm, vengono espiantati 50-100 metri di terreno, in

quanto l’area circostante diventa zona di sicurezza. Quindi l’intento del progetto è quello di impiantare una

parte di quel terreno con queste piante. Punto forte del progetto è lo scambio di esperienze. Il progetto prevede:

coinvolgimento dell’artigianato, rafforzamento del canale, attività di divulgazione del progetto, promozione

di una cultura di pace nell’area mediterranea, attivazione di un forum Euro-Mediterraneo on-line.

150 RETELEADER


Concludo con un pensiero di Heideger, grande e controverso pensatore del ‘900, che assimila il suo lavoro di

filosofo a quello del contadino. Quindi quando pensiamo ai contadini, non dobbiamo farlo in chiave folklorica,

né in chiave riduttiva o minimale, ma rapportandoci a millenni di storia umana da cui ancora, fondamentalmente,

non ci siamo staccati. Al di là di tutte le retoriche dell’industrializzazione, forse sarebbe meglio

non staccarsene, e sembra che stiamo cominciando a capirlo.

RETELEADER 151


WORKSHOP 5

IL MERCATO TRA SOSTENIBILITÀ ETICA

E SOLIDARIETÀ

Coordinatori

Anna Elia, Università della Calabria

Annamaria Vitale, Università della Calabria

RETELEADER 153


SINTESI DEL WORKSHOP

DI ANNAMARIA VITALE

Il mercato non è un punto di riferimento delle pratiche e della lettura delle stesse pratiche, non dispone di una

categoria di analisi capace di dare agli attori una spiegazione dei propri comportamenti, non è neanche una

prospettiva che sembra scomparire all’orizzonte. Infatti, rispetto alla questione dell’etica e della solidarietà,

questi temi si collocano in un campo diverso, popolano un territorio altro. Nel workshop vi è stata la presentazione

di ricerche empiriche sui GAS, sui mercati contadini, sui DES, esperienze che sono esemplificative

dei termini etica e solidarietà relativamente al mercato. Per esempio i GAS nascono dove il capitalismo mostra

maggiormente le sue contraddizioni, partono dalla critica ai modelli di produzione e consumo convenzionali,

dominanti, si costituiscono informalmente con una categoria di solidarietà al centro, che trova concretezza

solida in una socialità. La socialità in questo quadro può essere intesa, per usare un termine corrente,

come convivialità. Questi elementi possono essere pensati come meccanismi di autodifesa, ma comunque

pensano ed inventano soluzioni positive per tutti, dunque difendono un interesse generale, difendono i beni

comuni. Ci tengo a sottolineare che queste esperienze sono anche beni comuni. Un’altra specificità emersa

analizzando questi fenomeni, è che sono in sé un processo di trasformazione sociale. È stato sottolineato

come non possono essere pensati come organizzazioni formali, sono processi fluidi e portatori di una razionalità

altra rispetto al mercato e rispetto alla politica convenzionale. A tal proposito vengono ricordate le parole

di Doris dell’associazione Fratello Sole: “Era soprattutto una cosa bella che abbiamo ricercato. Il mercatino

non è solo un posto di vendita, di economia, anche se solidale”. Ed è a questo punto che è venuto fuori

il tema del rapporto con la pubblica amministrazione, che è estremamente problematico, ma non precluso.

Sembra ci sia una diffidenza di fondo nei confronti della politica pubblica e delle istituzioni; una diffidenza

che ha delle ragioni oggettivamente condivisibili. Per come è stato detto, non “gioca pulito”, ha poca cognizione

degli attori sociali in gioco e anche degli impatti delle politiche prodotte. In Calabria, secondo quanto

è emerso dal Workshop, in realtà i contributi regionali valorizzano la produzione dei latifondisti e lasciano

fuori tutti i piccoli produttori che sono la maggioranza, quindi il sospetto è fondato. La discussione e la pratica

non escludono il rapporto con la Pubblica Amministrazione e le istituzioni. Anzi, viene ricercato e valutato,

ma ad alcune condizioni. Dal punto di vista degli attori, le pratiche sono quelle di rafforzare gli attori

solidali e la rete attraverso cui operano, proprio perché possano negoziare nel dialogo con le pubbliche amministrazioni.

Gli strumenti di questo rafforzamento sono la formazione di facilitatori di rete o l’integrazione

di attori eterogenei. Sorge anche un suggerimento alla Pubblica Amministrazione: si chiedono nuove modalità

di supporto da parte degli attori istituzionali. Concludo con il richiamo nei confronti dell’Università sul

tema delle categorie del linguaggio: il problema che emerge è se le categorie riescano in realtà a spiegare

questi fenomeni (fiducia, capitale sociale, capitale culturale, economia solidale), oppure sono probabilmente

prodotte in un contesto differente. L’università è chiamata in causa anche sul tema dei comportamenti virtuosi.

Per esempio ci si riferisce all’Università non solo per etichettare come buona l’acqua minerale, ma anche

l’acqua pubblica e d’altra parte si suggerisce che l’Università sia il primo soggetto ad utilizzare i prodot-

RETELEADER 155


ti dell’agricoltura altra, oltre che promuoverne l’uso. Infine il tema della ricerca ha un ruolo importante di sostegno

alle reti, di facilitazione del rapporto con le politiche e di definizione di nuovi modelli. Una ricerca

che non sia separazione di ricerca e azione, ma, al contrario che unisca questi due ambiti.

156 RETELEADER


RELAZIONE INTRODUTTIVA

RETI SOCIALI, FILIERE CORTE E PRATICHE ALTERNATIVE

DI PRODUZIONE E CONSUMO

DI SILVIA SIVINI

Il processo di modernizzazione agricola, attraverso una intensificazione della produzione volta ad aumentare

la produttività aziendale, ha prodotto un aumento dell’offerta di beni e una diminuzione dei prezzi dei prodotti

agricoli percepiti dai produttori. Questo processo ha, di fatto, estromesso gli agricoltori dal controllo della

filiera che viene integrata nel complesso agro-industriale (Goodman e Redclift, 1990). Il caso inglese appare

significativo. Quattro multinazionali controllano il mercato dell’agri-chimica che si è andato strutturando in

maniera da offrire all’azienda agricola pacchetti di prodotti collegati tra loro (semi, pesticidi, fertilizzanti ed erbicidi)

che legano con un doppio filo l’agricoltore all’acquisto di prodotti da imprese esterne. Diversi studiosi

evidenziano come il processo di “sostituzione” in atto abbia, da un lato, ridotto i prodotti agricoli a semplici input

industriali e dall’altro, come questi siano, sempre più, rimpiazzati da componenti e manufatti non agricoli

(Goodman et al 1987). La conoscenza dell’agricoltore è sostituita da quella specialistica e il controllo e il potere

si sposta verso soggetti completamente estranei al mondo della produzione agricola.

Le contraddizioni di questo modello produttivo, negli ultimi anni, appaiono sempre più visibili. Possono considerarsi

segnali della sua crisi:

l’effetto squeeze (diminuzione costante dei ricavi e aumento dei costi sostenuti dalle aziende agricole)

(Ploeg, 2007);

il costo sempre più alto delle politiche di supporto ai prodotti agricoli (Sivini G., 2006);

l’impatto sull’ambiente che contrasta con la ricerca di sostenibilità (Shiva, 2005);

la perdita della sovranità alimentare da parte di diversi paesi con gravi ripercussioni a livello sociale che

sta producendo movimenti importanti di resistenza (Mc Michael, 2007);

l’aumento costante e crescente dell’attenzione dei consumatori alla qualità del cibo (Marsden, 2000).

A fronte di ciò, una parte degli agricoltori e dei consumatori stanno adottando delle pratiche di azione che possono

essere interpretate come modalità di resistenza al modello proposto dalla Green Revolution. Dal punto

di vista dei primi le pratiche individuate, a livello micro, sono le attività di valorizzazione, differenziazione

e rifondazione (Ploeg, 2006). Le prime implicano mettere in atto pratiche che accrescono il valore aggiunto

del prodotto. Tra queste: la produzione biologica, la trasformazione dei prodotti in azienda e la creazione di

filiere corte. Le seconde sono legate all’offerta di nuovi servizi, da quelli turistici a quelli legati all’agricoltura

sociale. Infine, le attività di rifondazione sono connesse alla creazione e all’impiego di nuovi meccanismi

per la mobilitazione delle risorse. Questo “nuovo” modello di produzione contadino ecologico, durevole (Altieri

1991; Deléage 2004; Ploeg 2006) integra la riproduzione dei piccoli produttori, la tutela della biodiversità,

la pluralità delle culture produttive, la relazione con i mercati locali e la ricerca della qualità del cibo.

Un ruolo centrale nel processo di produzione del cibo è riconosciuto all’azienda agricola che, adottando

RETELEADER 157


nuove modalità di produzione, tenta di riappropriarsi del ruolo da cui era stata estromessa e di riacquisire il

controllo della filiera.

Anche sul fronte dei consumatori si sono affermate delle pratiche di resistenza, in particolare in risposta alle

crescenti disuguaglianze economiche e sociali che l’attuale modello di globalizzazione economica produce.

L’atto di acquisto di prodotti leggeri, vicini, sani, giusti e durevoli diventa precisa scelta politica e il quadro

teorico di riferimento è quello dell’economia solidale che si “propone di democratizzare l’economia locale,

di legittimare l’economia non mercantile, di valorizzare gli scambi non monetari ed informali” (Biolghini,

2007).

Nell’ambito delle pratiche di resistenza, la filiera corta rappresenta una modalità in cui l’incontro tra produttori

e consumatori si realizza permettendo sia la conoscenza della storia e dell’identità dei prodotti sia un

maggior reddito per i produttori e, generalmente, anche un risparmio per i consumatori. Le modalità in cui

la vendita si può articolare sono: direttamente in azienda/agriturismo; on-line; nei mercati dei produttori

(farmers market); ai Gruppi di Acquisto Solidali (GAS), altro (ai ristoranti, alle mense, ecc.).

In particolare, in questo contributo, vengono analizzate le modalità di costituzione e di funzionamento dei

GAS nonché il ruolo che questi hanno nell’affermazione di “altre” modalità di produzione e consumo. L’analisi

presentata è frutto di una ricerca, realizzata dall’unità locale del Dipartimento di Sociologia e Scienza Politica

dell’Università della Calabria, nell’ambito del Progetto di Ricerca di Interesse Nazionale “Reti Sociali innovative

per lo sviluppo rurale sostenibile”. I GAS sono, come si legge nel loro documento base (1999), “un

gruppo di persone che decide d’incontrarsi per riflettere sui propri consumi e per acquistare prodotti di uso

comune, utilizzando come criterio guida il concetto di giustizia e di solidarietà. La finalità di un GAS è provvedere

all’acquisto di beni e servizi cercando di realizzare una concezione più umana dell’economia, cioè

più vicina alle esigenze reali dell’uomo e dell’ambiente, formulando un’etica del consumare in modo critico

che unisce le persone invece di dividerle, che mette in comune tempo e risorse invece di tenerli separati, che

porta alla condivisione invece di rinchiudere ciascuno in un proprio mondo (di consumi)”. La loro stessa definizione

chiarisce la posizione assunta dai partecipanti (i gasisti) nei confronti del modello di consumo dominante.

La sottolineatura della necessità di consumare criticamente e la riscoperta della socialità sono elementi

che, al di là delle definizioni e delle affermazioni di principio, si è voluto approfondire per comprendere

quali trasformazioni si stanno producendo e come queste possano sostenere un modello di produzione

agricolo “contadino, ecologico e durevole”.

La ricerca, articolata in più fasi, ha implicato oltre alla raccolta e all’analisi della letteratura sulla filiera corta,

la raccolta del materiale prodotto direttamente dai GAS, la realizzazione di un focus group con componenti

di GAS e di produttori toscani, la realizzazione di interviste con componenti dei GAS del Lazio, del Piemonte

e, naturalmente, della Calabria. Si è, inoltre, realizzata una survey nazionale, nel periodo settembre-dicembre

2006. Il campione d’indagine è stato di 342 GAS che sono stati individuati, oltre che attraverso la rete

GAS nazionale, tramite la partecipazione a convegni, lettura di materiale documentale e libri. Chiaramente

questo dato, che si riferisce alla fine del 2006, sottostima l’attuale numero dei gruppi che è in continuo

aumento, confermando la tendenza in atto negli ultimi anni. I questionari validi sono stati 113.

158 RETELEADER


La prima evidenza empirica della ricerca mostra una distribuzione geografica dei GAS assolutamente non

uniforme a livello nazionale. Vi è una concentrazione più elevata nel Nord Italia (dei 219 gruppi censiti, 67

hanno risposto al questionario), una situazione intermedia al Centro (dei 100 gruppi individuati, 33 hanno

risposto) e pochi gruppi nel Mezzogiorno (dei 23 gruppi individuati, 13 hanno risposto). La loro presenza è

più elevata in alcune regioni: Lombardia (96 gruppi), Piemonte (42), Veneto (33). È ipotizzabile che le pratiche

di consumo critico si siano sviluppate inizialmente, e in particolare, in quelle aree in cui le contraddizioni

del sistema di sviluppo capitalistico sono emerse prima con maggiore evidenza.

Si tratta di un fenomeno in crescita negli ultimi anni: quasi il 27% dei GAS monitorati è nato nel 2005 e circa

il 17% nel 2004.

Perché nascono i GAS? Per rispondere a questa domanda si è chiesto di fare un rating tra le nove opzioni disponibili

(1 più importante - 9 meno importante). La motivazione principale, aggregando le risposte con rating

da 1 a 3, è “cambiare modelli di consumo”. (figura 1)

Fonte: ns. elaborazioni su dati survey.

Figura 1 - Perché nasce un GAS (somma dei rating da 1 a 3)

RETELEADER 159


Le altre motivazioni prevalenti sono avere una alimentazione sana e sostenere i piccoli produttori nonché stabilire

rapporti diretti con loro. Il risparmio sugli acquisti è una delle modalità che invece, non è tra le più importanti.

Se si considera solo la percentuale delle risposte con rating 1, appena il 5% dei gruppi nasce avendo

come motivazione primaria la volontà di risparmiare sugli acquisti.

I soggetti promotori sono diversi: si va dal gruppo di persone, alle associazioni culturali, Bilanci di Giustizia, Rete

Lilliput, Parrocchie, Botteghe del Commercio Equo e Solidale; e in via minore anche da centri sociali, partiti/movimenti

politici, colleghi di lavoro, associazioni ambientaliste e di volontariato, istituzioni pubbliche locali.

I gasisti sono mediamente giovani, circa il 78% di loro ha un età compresa tra i 26 e i 40 anni. Le professioni

più diffuse sono quelle di impiegato (36%), insegnante e ricercatore (13,0%), imprenditore e libero professionista

(11,8%).

La maggioranza dei GAS si costituisce come gruppo informale e solo il 21% di loro assume la forma di associazione

legalmente costituita. Recentemente si è avviato un dibattito interno sulla costituzione del GAS in associazione

no profit per poter, tra l’altro, accedere a contributi pubblici in modo da avviare progetti sul territorio

sui temi del consumo critico. Sembra che alcuni gruppi stiano cercando di superare la fase di sperimentazione,

che caratterizza tutte le iniziative innovative, dandosi un organizzazione formale. In questa direzione

un ruolo è stato giocato anche dal riconoscimento legislativo dei GAS nell’art. 266 della legge finanziaria

2008 che recita: “sono definiti «gruppi di acquisto solidale» i soggetti associativi senza scopo di

lucro costituiti al fine di svolgere attività di acquisto collettivo di beni e distribuzione dei medesimi, senza

applicazione di alcun ricarico, esclusivamente agli aderenti, con finalità etiche, di solidarietà sociale e di sostenibilità

ambientale, in diretta attuazione degli scopi istituzionali e con esclusione di attività di somministrazione

e di vendita” e la successiva disposizione che stabilisce che si tratta di associazione non soggette all’applicazione

dell’IVA. Ampio dibattito si è avuto, nella mailing list della rete gas, sulla interpretazione di queste

norme. Il passaggio è delicato e non esente da rischi nel senso che il carattere estremamente innovativo

che contraddistingue l’esperienza potrebbe perdersi. Una istituzionalizzazione dei GAS, se non ben gestita,

rischia, infatti, di depotenziare i meccanismi di opposizione al sistema di mercato dominante. (figura 2)

Come vengono individuati i produttori? Per rispondere a questa domanda si è chiesto ai GAS di fare un rating

tra 7 opzioni (1 più importante - 7 meno importante). I risultati mostrano in maniera netta che la modalità

di scelta prevalente è la conoscenza diretta, indicata da oltre il 65% dei GAS come la più rilevante (rating

1). Il rapporto creato tra gli acquirenti e i venditori non è un semplice rapporto di mercato, ma si connota

per un alto contenuto di socialità; la creazione di relazioni sociali diventa un momento importante di questa

esperienza e ne rappresenta una peculiarità che non è presente nel modello di consumo dominante. Le

relazioni tra i produttori e i GAS producono un interscambio di conoscenze che sono anche alla base di modifiche

nei comportamenti di entrambi gli attori.

La seconda modalità prevalente per l’individuazione dei produttori è costituita dalle segnalazioni di altri GAS;

le relazioni che esistono tra i gruppi si fondano, dunque, su legami fiduciari. La presenza della rete GAS nazionale,

che ha un proprio sito internet, ha senza dubbio favorito la nascita di questi legami senza mai trasformarsi

in una rete di tipo gerarchico; ciascun GAS mantiene, dunque, la propria autonomia di scelta negli

160 RETELEADER


acquisti e la mailing list nazionale viene utilizzata per lo scambio di informazioni, la segnalazione di nuovi

produttori, la discussione sulla valenza di alcuni prodotti. L’organizzazione di un incontro annuale, in cui i

componenti dei gruppi di acquisto hanno la possibilità di confrontarsi e di conoscersi direttamente, rafforza

ulteriormente i legami esistenti, anche attraverso l’attivazione di gruppi di lavoro su tematiche specifiche.

Fonte: ns. elaborazioni su dati survey.

Figura 2 - Come vengono individuati i produttori

La terza modalità, che si sta affermando negli ultimi anni, è l’auto-presentazione dei produttori. Nelle parole

di un gasista, intervenuto ad un workshop realizzato dai GAS a “Terra futura 2006”: “Si sta invertendo la tendenza,

prima erano i GAS a cercare i produttori, ora sta avvenendo il contrario”. Molti produttori hanno scoperto

i gruppi partecipando a fiere, quali “Terra futura” e “Fa la cosa giusta” e, probabilmente, è stata utile

anche l’azione realizzata da AIAB per la promozione della filiera corta mirata, tra l’altro, a costituire i cosiddetti

godo (gruppi di offerta organizzata). La presenza, sul sito della rete GAS, di uno spazio dedicato ai

produttori per auto-segnalazioni ha contribuito ulteriormente al diffondersi di questa modalità.

Per comprendere il legame esistente tra GAS e produttori si è chiesto quali siano le modalità seguite per costruire

tra loro una relazione fiduciaria. La domanda prevedeva un rating (da 1 più importante a 6 meno importante)

tra sei opzioni (nell’elaborazione dei dati non si è considerata l’opzione altro in quanto non è risultata

significativa). (figura 3)

La visita in azienda viene segnalata come la prima delle modalità seguite, conoscere direttamente il produttore,

vedere come lavora e cosa produce, favorisce lo sviluppo di socialità e rafforza la consapevolezza di aver

adottato un “altro” modello di consumo. Anche gli incontri periodici con i produttori, organizzati da diversi

RETELEADER 161


GAS, terza modalità più importante, persegue simili finalità. Gli argomenti di discussione vanno dalle modalità

produttive e i canali di vendita adottati dai produttori, alla scelta di cosa produrre ma anche ai chiarimenti

sulle cause di eventuali aumenti dei prezzi.

Fonte: ns. elaborazioni su dati survey.

Figura 3 - Come è verificata la relazione fiduciaria con i produttori

La garanzia offerta da componenti di GAS rappresenta la seconda modalità più importante; tra i gruppi esiste,

dunque, un buon livello di fiducia sia internamente che con altri gruppi; in tal caso questa è alimentata

anche dallo scambio reciproco di informazioni, che avviene, come già indicato, prevalentemente attraverso

la mailing list nazionale.

Una questione aperta riguarda la certificazione biologica e l’autocertificazione del produttore. Rispetto a

queste due opzioni i GAS si dividono in due gruppi, leggermente più numerosi sono quelli che attribuiscono

alla certificazione un valore elevato. Si tratta di una scelta politica che i GAS fanno. Da un lato, coloro che

comprano prodotti bio-certificati, riconoscono comunque una valenza di garanzia all’ente certificatore; dall’altro

è ipotizzabile che quei gruppi che non considerano importante la certificazione biologica valutino l’onerosità

della stessa per i piccoli produttori e dunque, volendo sostenere le micro aziende come modello produttivo

sostenibile e da salvaguardare, ritengono che le visite in azienda, gli incontri (Saroldi, 2001) e la

garanzia offerta dai componenti dei gruppi siano strumenti appropriati e sufficienti per la produzione del legame

fiduciario con i produttori. Nelle parole di un gasista: “È il rapporto che c’è con il produttore la garanzia

migliore” e in quelle di un produttore “il bello del GAS è proprio questo: che acquistando dal produttore,

loro si fidano, e per il produttore è un modo per superare la certificazione”

162 RETELEADER


Gli ordini d’acquisto nell’ottanta per cento dei gruppi sono effettuati per e-mail, prevalentemente sulla base

di elenchi predisposti dai GAS stessi, generalmente non esiste un obbligo di frequenza degli acquisti. Quasi

il 30% dei gruppi acquista cassette confezionate direttamente dai produttori. La frequenza media degli acquisti

è mensile nella metà dei gruppi, gli altri (circa il 30%) fanno acquisti settimanali e (circa il 20%) bisettimanali.

La consegna avviene prevalentemente presso un componente del GAS, in subordine presso un

centro di raccolta. La consegna direttamente a casa è prevista solo dal 10% dei gruppi e rappresenta la modalità

meno utilizzata.

Quali sono i criteri di scelta dei prodotti? Per rispondere alla domanda si chiesto di fare un rating (da 1 più

importante a 6 meno importante) tra alcune opzioni. Ciò che emerge chiaramente è che il prezzo basso non

gioca un ruolo primario nella scelta, anche se molti riconoscono che la maggioranza dei beni acquistati hanno

un prezzo inferiore a quelli praticati sul mercato convenzionale. Gli acquisti si indirizzano verso i prodotti

biologici e locali. I primi implicano una scelta con contenuti etici come spiega un gasista: “La scelta di partecipare

al GAS è stata la naturale conseguenza del fatto che io avevo iniziato già da prima a mangiare biologico...

per una questione di scelta etica. Una scelta etica a più livelli: nei confronti dell’ambiente; della terra

che ci nutre; nei confronti dell’essere umano perché l’agricoltura biologica si preoccupa di più di mettere

al centro delle esigenze quelle che riguardano l’uomo...”; mentre i prodotti locali garantiscono una maggiore

sostenibilità ambientale, come ricorda un gasista: “La scelta dei GAS è quella di acquistare dai produttori

in loco, quindi senza eccessivo inquinamento per i trasporti, per il fatto che la merce non ci deve arrivare da

altre nazioni, ma la possiamo trovare qui dove siamo”. (figura 4)

Fonte: ns. elaborazioni su dati survey.

Figura 4 - Criteri di scelta dei prodotti

RETELEADER 163


La spesa media mensile si attesta per circa l’80% dei gruppi sotto i 2000 euro; per il 12% arriva fino ai 3000

euro, per il 6% fino a 5000 e il restante 2% si divide tra quelli che arrivano ai 10.000 euro e quelli che li superano.

È plausibile ritenere che la relativa recente costituzione di molti gruppi, nonché la frequente scelta

di sdoppiare il GAS, quando arriva ad essere costituito da un numero di famiglie considerato troppo elevato

per una gestione efficace (in termini di acquisti ma anche di capacità di sviluppare relazioni sociali consolidate

tra i suoi componenti), limitano la possibilità di acquistare un alto quantitativo di prodotti. Il pagamento

dei prodotti è nella maggioranza dei casi effettuato alla consegna, ma si segnala comunque che circa il 10%

dei gruppi effettua pagamenti anticipati, in questo richiamando l’esperienza della Community Supported

Agricolture anglosassone.

I principali problemi incontrati dai GAS riguardano: la partecipazione attiva di tutti i componenti del gruppo

(“Il problema è rendere ogni aderente al gruppo responsabile della gestione condivisa di tutte le attività organizzative”)

e la necessità di adottare delle modalità organizzative che facilitino il coinvolgimento, in particolare

nei gruppi più numerosi (“Problemi di tipo organizzativo per coordinare il grande numero di persone

che gravitano nel nostro GAS”); la distribuzione logistica è un’altra questione rilevante, in quanto vi sono

difficoltà sia per i trasporti delle merci che per individuare i luoghi di consegna, che sono di norma affrontate

sulla base di disponibilità individuali dei gasisti (“La necessità di fronteggiare problemi di ordine logistico:

trasporti, conservazione dei prodotti prima della consegna ecc.”). Infine, nonostante la maggior parte

dei gasisti partecipino a questa esperienza per cambiare modello di consumo, non è facile modificare le proprie

abitudini d’acquisto e imparare ad acquistare non tutti i giorni ma secondo una programmazione delle

proprie esigenze nel tempo (“La necessità di cambiare le proprie modalità di approvvigionamento dei prodotti

di consumo, in particolare per quanto riguarda la periodicità e gli acquisti all’ingrosso”).

Si è chiesto ai GAS se ritenessero utile un supporto da parte dell’ente pubblico. La maggioranza dei gruppi valuta

positivamente un eventuale sostegno, in particolare chiedono, in coerenza con i problemi su elencati, interventi

per le infrastrutture logistiche (si va dalla messa a disposizione di una sede, a spazi per lo smistamento

dei prodotti e per la realizzazione di iniziative e dibattiti), la realizzazione di iniziative che sostengano/facilitino

la filiera corta, nonché campagne informative, dibattiti e seminari sui temi del consumo critico e,

più in generale, dell’economia solidale. Una decina di gruppi non si sono espressi al riguardo mentre circa una

trentina hanno esplicitamente risposto di non volere contributi/sostegni dell’ente pubblico. Dalle risposte date

sembra emergere il timore che la presenza del pubblico possa limitare la loro autonomia (“Il Gas si regge

sull’iniziativa dei singoli partecipanti, che in maniera consapevole e responsabile mettono a disposizione il loro

tempo e le loro competenze per rendere possibile questa esperienza. L’aiuto esterno (...) snaturerebbe la

vita di un gruppo come questo che si fa forza della propria autonomia e capacità di collaborazione”).

I GAS hanno già attivato autonomamente iniziative volte sia alla promozione e/o partecipazione a dibattiti,

fiere e manifestazioni pubbliche sui temi del consumo critico, dell’agricoltura biologica, dell’economia solidale

sia alla costituzione/partecipazione a reti, sia con altri gruppi che con altri soggetti. Il 91% dei GAS che hanno

risposto al questionario aderisce, infatti, alla rete GAS nazionale; a livello locale sono nate le “retine” che

riuniscono i gruppi presenti nello stesso territorio (ad esempio, la retina della Brianza). Il 75,7% degli inter-

164 RETELEADER


vistati dichiara di essere in rapporto con le botteghe del commercio equo e solidale, il 19,8% con l’AIAB, il 18%

con la rete dei gruppi di offerta dei produttori. Scarsi sono ancora i rapporti a livello internazionale, solo il

4,5% dei gruppi ha rapporti con le reti contadine internazionali.

Per concludere, alcune brevi riflessioni sulle specificità dei gruppi di acquisto solidale per come sono emerse

dalla ricerca. A livello mondiale sono in atto dei processi di ri-localizzazione della produzione e del consumo

alimentare che si configurano come alternativi al sistema agro-alimentare dominante. Il dibattito scientifico

internazionale si è sviluppato principalmente facendo riferimento a quelle che vengono definite dalla letteratura

anglosassone “reti agro-alimentari alternative” (Alternative Food Networks - AFN) oppure “filiere alimentari

corte” (Short Food Chain - SFC). Il GAS non si limita a cercare una “qualità”, nel senso di un prodotto

igienicamente sicuro, per come proposto dai piani di garanzia della qualità delle Grande Distribuzione Organizzata

(Ilberry and Kneafsey, 1999), ne è attento alle sole specificità intrinseche del prodotto, in termini

di gusto, aspetto e altre caratteristiche sensuali. In questa esperienza l’obiettivo principale è il cambiamento

del modello di consumo che si fonda sulla ricerca di un’alimentazione sana, il sostegno diretto a una

modalità di produzione agricola che sia sostenibile non solo in termini ambientali ma anche sociali, la riscoperta

del valore della socialità. Non si tratta di semplici gruppi di acquisto, ma è chiaro che l’elemento solidale

(indicato dalla presenza della “S”) non è puramente demagogico ma esprime la volontà di promuovere

e adottare nuove e altre pratiche di relazione. Nelle loro parole: “L’aspetto importante dei Gas è la parola

Solidale...: quindi si è solidali verso il produttore, perché i produttori locali che non vendono sono costretti

ad abbandonare la terra ... Per me è importante che subito dopo la città ci sia qualcuno che continua a coltivare

la terra e che faccia questa scelta come la produzione biologica, quindi solidale è anche questo: mantenere

un’economia del territorio, che è diverso dalle esperienze dei Gruppi di Acquisto del passato, che non

si ponevano questo problema”. L’attenzione posta alle relazioni sociali e alla socialità è fondamento delle

azioni dei GAS, come diversi intervistati hanno sottolineato e come confermato dai risultati della survey. L’esperienza

struttura la nascita di reti non gerarchiche nelle quali i consumatori e i produttori possono e propongono

un modello di sviluppo “alternativo”. Nelle parole dei gasisti: “Moltissime riflessioni del nostro Gas

sono venute fuori soprattutto partendo dall’aspetto fortemente aggregante dello scambio umano, della relazione

tra di noi”, “All’interno del gruppo non si cerca solo di porre il problema dell’acquisto del prodotto,

ma anche di entrare in un discorso di consumo critico. ...Quindi si avvia, all’interno di un gruppo di questo

genere, un discorso che può modificare il pensiero, nel senso che si fa politica, per comprendere come si coltiva,

come si consuma”.

Le prospettive future dei GAS rimangono una questione aperta. La rilevanza di queste pratiche consiste nelle

potenzialità di trasformazione sociale di cui sono portatrici. Le caratteristiche specifiche dei processi di rilocalizzazione

dei circuiti alimentari inducono una parte della letteratura a ritenere che questi processi siano

già interpretabili come componenti di un processo costitutivo del nuovo paradigma di sviluppo rurale,

teorizzato da Van der Ploeg, e di regimi alimentari alternativi a quelli proposti dall’agro-industria.

RETELEADER 165


TESTIMONIANZE

I MERCATI CONTADINI IN CALABRIA: PROCESSI DI INTEGRAZIONE

TRA RETI ALTERNATIVE DI PRODUZIONE E CONSUMO

DI ANNA ELIA

Silvia Sivini, nella sua relazione sui Gruppi di Acquisto Solidale si è soffermata sulle alleanze che si stabiliscono

tra produttore e consumatore in tali ambiti. La questione delle alleanze tra produttori e consumatori mi permette

di introdurre il tema dei mercati contadini in Calabria.

Vorrei innanzitutto rilevare l’azione dei contadini sul territorio. Quindi illustrare le caratteristiche dei mercatini

a partire da quello che i contadini concretamente realizzano investendo in risorse relazionali. In particolare

definendo alleanze con la gente, quindi non con i consumatori, ma con i “cittadini”: gli amici-clienti come

li definisce Doris Fagin dell’associazione “Fratello sole” di Lamezia Terme.

Vorrei richiamare la nozione di modo di produzione contadino: il riapparire dei contadini si ricollega ad una

modalità di resistenza al dominio del mercato globalizzato. Essere contadini significa pensare innanzitutto all’esistenza

dell’impresa agricola, e quindi riprodurre le risorse produttive autonomamente dal mercato.

Come si fa concretamente a realizzare questo processo? (figura 1)

Figura 1

166 RETELEADER


Nel corso della mia analisi ho cercato di interpretare gli elementi che contraddistinguono il modo di produzione

contadino rifacendomi alla letteratura sullo sviluppo rurale, ed in particolare al lavoro di Deléage e di

Van der Ploeg i cui elementi portanti sono: il legame tra processo, produzione e natura; l’importanza del lavoro

agricolo; l’elaborazione di pratiche con lo scopo di valorizzare le produzioni agricole: le filiere corte, la

diversificazione delle colture, cioè tutto quello che permette un rapporto immediato con il cliente e la valorizzazione

delle produzioni indipendentemente dalle pressioni in atto nel mercato globalizzato. Ho posto anche

l’attenzione sul forte legame tra pratiche agricole e “cultura”in quanto le pratiche agricole si legano al

territorio attraverso una valorizzazione di saperi locali.

L’ultimo punto di questo quadro che riprende le caratteristiche del modo di produzione contadino è la mobilitazione

di risorse, cioè la socializzazione di risorse relazionali, informazioni, scambio di prodotti, secondo logiche

di scambio avulse dal mercato. La mobilitazione di risorse attraverso la socializzazione consente all’impresa

agricola di essere indipendente dal mercato in quanto mette in moto dei comuni circuiti di produzione

e di vendita. Deleage puntualizza che questa operazione costituisce una diversa forma di investimento

rispetto al modello imprenditoriale teso ad ottimizzare l’impiego delle risorse economiche, in quanto si

investe nella socialità. I contadini realizzano un investimento in capitale culturale impegnandosi in azioni

che producono situazioni di consenso sociale sul territorio intessendo relazioni fortemente coese, ed investendo

in relazioni di reciprocità più estese rispetto ai “cittadini” (clienti o attori impegnati in azioni di economia

solidale) e/o altri agricoltori che contribuiscono a sostenere circuiti di produzione non mercificati.

A partire da queste definizioni vorrei rilanciare l’azione dei contadini calabresi sul territorio. Ho seguito in

questi mesi la storia del mercato contadino di Nicastro, frazione di Lamezia Terme, realizzata dall’associazione

Fratello Sole. Quello che fanno i contadini che convergono all’interno del mercatino è quello di realizzare

una duplice forma d’investimento: investimento in capitale sociale e investimento in capitale culturale.

I contadini calabresi negli anni ’90 agiscono in un mercato locale dominato dai produttori convenzionali ed

in un assetto politico-istituzionale che volge l’attenzione ai processi di modernizzazione in agricoltura. Il problema

diventa quindi quello di definire una situazione di nicchia strategica: un sistema di alleanze sul territorio

che produca situazioni di consenso sociale tali da indurre le istituzioni locali a sostenere azioni di economia

solidale. In che modo agiscono i contadini? Definendosi, ancora prima che produttori, consumatori. Assumendo

quindi la duplice veste di produttore/consumatore, il contadino all’interno del gas realizza un’azione

di promozione dal basso. Dichiarano i produttori: “Siamo produttori ma anche consumatori etici; se non consumiamo

noi stessi prodotti bio (intesi come prodotti agricoli profondamente legati al patrimonio ecologico

e non come prodotti certificati) come possiamo pretendere che lo facciano gli altri?”

I contadini soci di Fratello Sole non si limitano a rifornire il GAS, ma ne diventano i promotori. La nascita del

GAS, ma soprattutto la nascita del GAS nella sua veste di associazione culturale assume quelle funzioni di solidarietà

sociale già illustrate da Silvia Sivini, quindi un gas che punta sul recupero delle specie di colture tradizionali;

si impegna in un’azione formativa e divulgativa sul consumo e la produzione di prodotti bio ed

agroecologici. Pasquale dell’associazione “Fratello Sole” è un esperto sul recupero dei semi di zucca ed organizza

in collaborazione con l’amministrazione comunale di Lamezia una manifestazione culturale tesa a

RETELEADER 167


divulgare l’impiego dei semi di alcune specie colturali in via di estinzione che dona visibilità alla presenza dei

contadini nel territorio lamentino.

Anche il mercatino bio di Nicastro assume una funzione di investimento in capitale sociale e culturale in quanto

prima ancora che uno spazio economico alternativo a quello convenzionale, assume la veste di spazio di

socializzazione. Nel mercatino convergono i contadini, non solo quelli di Lamezia, ma tutti i contadini del

territorio regionale: gli amici da sempre che accompagnano la storia del mercatino di Nicastro; piccoli contadini;

agricoltori biologici certificati che aderiscono alle pratiche di diversificazione colturale; artigiani, panificatori,

botteghe equosolidali ed altri attori dell’economia solidale che agiscono all’interno di un processo

che comincia a delinearsi passo, dopo passo.

Lo spazio urbano nel centro di Lamezia diventa il luogo fisico nel quale si concentra una rete virtuale di relazioni

che non risponde ad un ambito territoriale circoscritto. A Lamezia convergono contadini di altri territori

(per esempio da Africo in provincia di Reggio Calabria, o dalle zone dell’Alto Tirreno), in tal modo ogni

contadino fornisce il proprio supporto alla nascita di nuovi mercatini e di altre storie di economie solidali.

Queste reti, composte da nodi che si sostengono reciprocamente, ricercano uno spazio di rappresentatività nelle

istituzioni locali. L’approccio interpersonale verso l’Assessore alle attività produttive del comune di Lamezia

Terme avviene nell’ottica di mantenere un livello orizzontale di partecipazione tra le unità della rete contadina

calabrese e le istituzioni stesse.

La definizione di “rete rivoluzionaria” di Mance potrebbe aiutare a comprendere meglio la questione. Gli attori

coinvolti in questa rete allargano territorialmente la propria azione rafforzandosi reciprocamente, contribuendo

cioè alla nascita di nuovi movimenti, nuovi nodi, nuove pratiche sociali della stessa natura in altre

aree territoriali, in quanto condividono comuni obiettivi di economia solidale. L’estensione territoriale implica

l’intensificazione della rete stessa anche dal punto di vista delle persone coinvolte. (figura 2)

Figura 2

168 RETELEADER


Un sistema di rete che si auto-riproduce, si estende territorialmente in quanto rimane il più possibile aperto alla

partecipazione e all’ingresso di nuovi nodi, non presenta quindi dei confini precisi e non è escludente se

non all’interno di processi di precisa identificazione con gli obiettivi solidali della rete stessa. Le diversità che

confluiscono nella rete la arricchiscono, producono delle unioni, ma anche delle separazioni. Come ha scritto

Biolghini nel suo libro sulle reti di economia solidale, i momenti di unione e separazione rientrano in un processo

che si auto governa, fanno parte di un cammino spontaneo. Per rendere più concreti questi concetti, vorrei

soffermarmi su chi sono i soggetti che partecipano al mercato contadino di Nicastro. Nel mercatino sono presenti

produttori che autocertificano le produzioni; piccoli contadini-artigiani che scelgono di lasciare al contatto

diretto con il cliente ogni garanzia sulla naturalità delle produzioni piuttosto che affidarsi all’autocertificazione

o etichettare i prodotti; e vi sono anche produttori che certificano i metodi di produzione biologici, ma

che comunque per scelta ideologica realizzano le pratiche legate al modo di produzione contadino.

Quindi la componente che anima il mercatino è eterogenea. Come i contadini tengono assieme le “diversità”

che si esprimono nelle pratiche agricole? L’obiettivo primario di fronte a situazioni di squilibrio diventa quello

di ritrovare un “nuovo equilibrio sostenibile”. Il processo si realizza nella spontaneità delle relazioni di reciprocità

che reggono circuiti di produzione non mercificati in quanto la rete contadina non è etero diretta da

autorità o regole di controllo esterne. La relazione diretta tra produttore e cliente diventa una garanzia immediata

sulla naturalità delle produzioni che non rende necessaria l’assunzione di una dimensione soggettiva

omogenea, anche se nel quadro di una pratica autogestita quale potrebbe essere quella dell’autocertificazione.

La responsabilità diretta di ognuno sul modo di produzione diventa una garanzia non solo per il cliente, ma

anche per gli altri partecipanti alla rete contadina (Vitale 2007). La reciproca conoscenza garantisce sul contadino

che ha accesso al mercato e determina i processi di inclusione/esclusione dalle relazioni di reciprocità

che reggono le azioni di economia solidale. Si tratta a volte di una conoscenza che si affida all’esperienza del

lavoro agricolo e che precede l’origine del mercatino stesso, mentre la partecipazione di “nuovi contadini” al

mercatino ha modo di consolidarsi nel susseguirsi di momenti di socializzazione. Le dinamiche di recesso dalla

rete hanno luogo quando le unità che ne fanno parte non si identificano con gli “obiettivi comuni di collaborazione

solidale” che sono quelli di ancorare il processo produttivo al patrimonio ecologico, piuttosto che

alle regole del mercato.

Vorrei fare riferimento al decreto del 2007 sulla vendita diretta e i mercatini per condurre una riflessione su

quale potrebbe essere l’impatto di un processo di istituzionalizzazione dei mercatini sui processi di autoregolazione

delle reti contadine calabresi. Il decreto ha come obiettivo il finanziamento di cento mercatini in Italia

nel 2008. La normativa cita requisiti standard, prevede l’iscrizione ad un albo delle imprese che parteciperanno

ai mercatini, elenca alcune indicazioni chiare che bisogna dare alle amministrazioni comunali in merito al rilascio

di autorizzazioni. Quindi si tratta di un qualcosa di molto definito e uniforme a livello nazionale in quanto

contiene indicazioni che vengono impartite alle amministrazioni comunali chiamate a decidere su chi deve

partecipare al mercatino. Quindi anche le modalità di controllo che l’ente deve assumere sulla situazione igienico-sanitaria

dei partecipanti, e sul fatto se debbano esserci o meno posizioni non certificate. (figura 3)

RETELEADER 169


Figura 3

Quali sono gli interrogativi che pone questa normativa sul ruolo dell’istituzione locale nell’implementare pratiche

alternative di produzione e di consumo?

Il ruolo dell’istituzione locale nei mercatini in Calabria fino ad ora è stato quello di sostegno dal punto di vista

logistico ed in parte promozionale, ma l’organizzazione stessa del mercatino è stata lasciata ai partecipanti,

quindi alla responsabilità stessa di rappresentanti di GAS e di associazioni impegnate in azioni di economia

solidale. I processi di inclusione ed esclusione dalle reti, se si osserva il decreto, sembrano invece essere

lasciati a logiche di controllo esterne, piuttosto che essere elaborate nel confronto diretto tra le parti. Resta

il fatto che è in atto una pressione che potrebbe accelerare questi processi che implicano la ricerca di un

equilibrio tra la spontaneità delle relazioni di reciprocità che si esprime nei mercatini e regole di controllo

esterne. Questo potrebbe forse limitare soprattutto l’aspetto della sperimentazione di pratiche alternative di

produzione e di consumo che cominciano adesso a delinearsi in Calabria.

170 RETELEADER


I GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

DI ANDREA SAROLDI

Mi occupo dei Gruppi di Acquisto Solidale, i cosiddetti GAS. Mi ha fatto piacere che siano stati oggetto di una

ricerca, perché questa indagine, di cui ci ha parlato la Dr.ssa Sivini, è risultata di estrema utilità in quanto ha

fatto conoscere meglio questa realtà che è varia, sfuggente, ed è difficile da inquadrare.

Parlerò dell’importante esperienza dei GAS inserendoli in un quadro esplicativo, al fine di comprenderli meglio.

Comincerò commentando alcuni punti aperti emersi dalla presentazione: ovvero parlerò dell’evoluzione

che possono avere o che stanno avendo, e, in secondo luogo, vorrei riflettere sulle politiche e su come la

governance si può agganciare a questi fenomeni. Infine procederei riassumendo alcuni punti caratteristici

dell’esperienza dei gruppi di acquisto per capire in che direzione stanno andando e quali sono le questioni

aperte per capire quali possono essere le politiche di sostegno a queste esperienze.

I GAS nascono da una critica al modello di consumo, questa è stata la prima motivazione che li ha animati.

Quindi nascono su una forte spinta motivazionale ed è per questo che nascono tensioni quando si cerca di istituzionalizzarli

o inserirli in una logica economica di tipo tradizionale. Inoltre nascono come “meccanismo di

auto-difesa”, cioè i singoli si mettono insieme perché si rendono conto che altrimenti non riuscirebbero a

procurarsi del cibo sano a dei prezzi ragionevoli. Un aspetto importante è l’autodifesa rispetto a questo mercato

impazzito, al quale contrappongono la logica di mercato solidale, la ricerca di una soluzione che possa

funzionare per tutti. La loro, quindi, non è la difesa “dell’uno contro qualcun altro”, ma è la ricerca di una

soluzione che possa andare bene per l’uno e per l’altro in una logica collaborativa, che si scontra con la logica

della competitività. Il punto cruciale per i GAS è che bisogna trovare una soluzione buona per tutti: per

chi produce, per chi consuma e per il “benvivere” (come diciamo noi) di tutti, compreso l’ambiente e le risorse

naturali. Il GAS ricerca soluzioni che ottimizzano un benessere non del singolo, ma della collettività.

Un’altra cosa molto importante è il rapporto che essi instaurano con i produttori. Anche questo è emerso dall’indagine

che ci è stata presentata, così come è emersa l’altra caratteristica dei gruppi d’acquisto, ovvero la

capacità di dar luogo a profonde modifiche nel comportamento del singolo nel momento in cui entra a far parte

di un gruppo di acquisto di questo tipo. Si innescano, infatti, percorsi di partecipazione attiva da parte del

singolo che si mette in gioco, e che finisce per dar vita ad una trasformazione sociale e culturale a partire dal

cambiamento del proprio comportamento. In sintesi, se non c’è la disponibilità del singolo a modificare i propri

comportamenti nelle pratiche di consumo, il GAS non può nascere. Se non c’è un certo coinvolgimento delle

persone non si forma il gruppo.

Altra caratteristica dei GAS è che sono esperienze molto legate alla dimensione locale, all’idea di sviluppo

di un territorio. Quando nasce un gruppo d’acquisto, infatti, si cerca di individuare quelli che sono gli attori

di un territorio e ci si chiede come si possano coordinare i vari attori (produttori, consumatori) per un’idea

di sviluppo del territorio stesso. È importante considerare anche come questa idea viene percepita dalle

persone che vivono in quel territorio, che costruiscono reti, partendo da quelle che sono le loro esigenze

di consumo, quindi indirizzano la ricerca dei produttori e gli acquisti in base a quelle che sono le esigenze

RETELEADER 171


della vita quotidiana. Una cosa interessante è che, anche se con caratteristiche diverse, le esperienze di

questo tipo di autodifesa, di resistenza, sia da parte dei produttori, sia da parte dei consumatori, si stanno

sviluppando un po’ in tutto il mondo e stanno incominciando a nascere delle esperienze di scambio di conoscenze

a livello mondiale.

Nei prossimi giorni in Francia, vicino Marsiglia, ci sarà un incontro organizzato da una rete che si chiama

“Urgency”, che è nata in Francia e che cerca di collegare le cosiddette CSA (Community Support on Agricolture)

ovvero quelle esperienze che vedono gruppi di consumatori che adottano un contadino e che prenotano

una quota del raccolto, condividendo con il contadino rischi e vantaggi: se il raccolto va bene avranno

una quota più alta, altrimenti avranno una quota più bassa. Esperienze di questo tipo si possono trovare in

Francia, in Giappone, in Canada, ognuna ha le sue espressioni, si organizza in modo diverso attraverso reti

e retine, però comincia ad esserci una percezione di queste esperienze a livello mondiale e si cerca, attraverso

questi incontri, di scambiarsi esperienze.

Per tornare ai GAS, un altro elemento importante che stanno innescando riguarda la trasformazione sociale

che in qualche modo stanno realizzando. Naturalmente non parliamo di trasformazione sociale nella loro

organizzazione, ma di una trasformazione sociale nel modo di fare, nelle modalità che essi adottano nell’acquisto.

Tra fare la spesa al negozio, al mercato o al supermercato, si sta diffondendo un’altra pratica che è proprio

quella proposta dai gruppi di acquisto solidali.

Abbiamo visto che è difficile definire che cos’è un GAS. Sono esperienze strane, diverse, ognuna è fatta a modo

suo, però allo stesso tempo vediamo che questa esperienza si può diffondere, si può modificare attraverso

la conoscenza diretta e il contatto.

Ora, ci si chiedeva anche nell’analisi dei risultati dell’indagine, come mai ci sono più gas al Nord piuttosto che

al Sud? La risposta vera non la conosco.

Altra questione aperta dallo studio sui GAS riguarda la certificazione, formale o informale, dei GAS stessi. Secondo

me, nell’analisi dei gruppi d’acquisto, siamo di fronte ad una trasformazione sociale con tutte le sue

varianti e i suoi ibridi. La prima risposta data per spiegare la nascita di questi gruppi riguardava l’esigenza

di cambiare modelli di consumo. È una risposta molto forte. Ci sono poi molte forme di organizzazione, come

ci si organizza, come ci si costituisce, il tipo di produttori che si preferiscono, e tutto ciò ne accresce le varianti

e le differenze.

In ogni modo questo tipo di esperienze sono interessanti perché racchiudono una serie di principi all’interno

dei propri acquisti, ed è lì che ci si scontra e ci si confronta all’interno del gruppo. Sui principi si è tutti d’accordo,

però poi quello attraverso il quale si effettuano le scelte fa emergere quanto un soggetto sia disposto

ad andare in una direzione piuttosto che in un’altra.

Infine le diverse risposte fornite dai GAS per quanto riguarda il sostegno pubblico è dovuta alle ragioni che

dicevo prima: sono esperienze fragili che si basano sul volontariato, che nascono e che muoiono. Tra quei 300

gruppi a cui è stato mandato il questionario, quelli che non hanno risposto forse non lo hanno fatto perché

quel gruppo non c’era più e, allo stesso tempo, forse ne sono nati altri e noi non lo sappiamo. Per tutti c’è

172 RETELEADER


comunque la paura di confrontarsi o di avere a che fare con l’organizzazione pubblica che ha metodi e tempi

di lavoro diversi che potrebbero ingabbiare o danneggiare questo tipo di esperienza. C’è, pertanto, una certa

diffidenza avvalorata probabilmente dall’insuccesso delle esperienze precedenti che hanno diffuso appunto

diffidenza nei confronti delle istituzioni. Secondo me, è comunque importante che le politiche pubbliche

si occupino di questi argomenti, però bisogna che lo facciano con estrema cautela per non rischiare di perdere

un patrimonio sociale che si sta sviluppando. La prima cosa che dovrebbe fare la politica è mettere in

atto pratiche trasparenti: non è possibile che il prodotto del contadino cha ha la sua azienda a 1000 m di distanza

si confronti sullo stesso piano con un prodotto che ha percorso 2000 Km di distanza e che per questo

ha un impatto ambientale e sociale negativo. Il costo negativo di questi prodotti, che è enorme, viene mascherato,

per cui ci si trova di fronte prodotti a costi bassissimi, ma dei quali non si conosce la provenienza;

per contro per i produttori locali la stessa produzione ha un costo maggiore. Ritengo che il primo intervento

necessario sia quello di dotarsi di regole trasparenti, di una concorrenza corretta, e su questo il governo può

intervenire.

RETELEADER 173


LA RETE DI ECONOMIA SOLIDALE

DI DAVIDE BIOLGHINI

È estremamente difficile non raccogliere tutte le sollecitazioni che avete già proposto. Quindi prima di iniziare

consentitemi di esporre alcune considerazioni molto sinteticamente.

Perché i GAS sono soprattutto al nord? Io oltre alle vostre interpretazioni ne aggiungo un’altra, che è legata

proprio all’analisi che avete fatto della composizione sociale dei GAS. Chi si aggrega nei GAS appartiene

a ceti sociali medio alti, sia sul piano economico che su quello culturale, quindi la scelta di fare questo passo,

oltre che da soggetti giovani, è più facile che venga presa da chi ha questo tipo di condizione ed è evidente

che al sud questa condizione è meno diffusa, anche se questo fenomeno riguarda, a macchie di leopardo, anche

il Nord. È il caso, ad esempio, dei quartieri popolari delle grandi città. Io ho avviato un intervento nel

quartiere di Quartogiano, che è un quartiere popolare di Milano, in cui ci sono fasce sociali diverse da quelle

che ho appena ricordato, e lì, nonostante sia un quartiere di settanta/ottanta mila abitanti, non c’è nemmeno

un GAS. Questo è un segnale importante da tener presente, infatti, uno degli obiettivi da porsi, è quello

di tener conto di questa disparità per proporre modalità di aggregazione o di intervento adeguati rispetto

a questo insieme di riferimenti. Promuovere il consumo critico e responsabile, anche per i settori popolari,

potremmo proporre la creazione dei GAP, Gruppo di Acquisto Popolare.

La seconda considerazione è che effettivamente non è facile definire il mondo dei GAS. Il fatto che intervengano

sul modello di consumo, sconfina inevitabilmente, sul piano dell’analisi, sul terreno del cambiamento

di modello di sviluppo. Fare i conti soltanto con una parte, che è appunto quella del consumo, senza

essere in grado di considerare il fatto che questo modello di consumo è legato ad un modello di sviluppo che

distrugge, le forze produttive, le risorse naturali, i prodotti stessi non aiuta. Prendiamo il paradosso delle

arance, che è un paradosso conosciuto ormai da decine di anni. Al sud, infatti, avviene da tempo immemorabile

che con le sovvenzioni dell’Unione Europea si permette ai grandi latifondisti di guadagnare e speculare

distruggendo le arance piuttosto che regalandole. Quindi la questione dell’orizzonte in cui inserire l’insieme

di queste esperienze, di questi comportamenti, di questi nuovi modelli di riferimento, è una questione

estremamente importante, cui, tramite il progetto dei distretti di economia solidale si cerca di rispondere.

Un altro elemento rilevante nel comportamento dei GAS è l’aspetto che potremmo definire “conservatoristico”:

ovvero la tendenza al limitare la propria azione al consumo responsabile, senza fare i conti con l’insieme

dei problemi che caratterizzano invece il terreno, la cornice, l’ambito di riferimento anche del consumo

critico.

La terza questione è legata alle reti, che mi permette di ritornare brevemente al mio intervento. Le reti si auto-organizzano,

secondo diversi modelli. Abbiamo studiato quelli di Maturadad e di Varelak, due biologi cileni

che hanno scritto molto sull’autopoiesi, sull’auto-organizzazione dei sistemi complessi nelle reti naturali,

cioè nei fenomeni complessi che sono rappresentati da reti altrettanto complesse. Dal mio punto di vista

però questo non si può trasferire meccanicamente nelle reti sociali, applicando la teoria generale delle reti,

che è stata ripresa da alcuni studiosi, tra cui il fisico Barabasi. Le reti sono di per sé aristocratiche, non sono

174 RETELEADER


democratiche, si sviluppano per hub, per nodi che hanno un maggior numero di relazioni, di connessioni degli

altri. Questo avviene anche per le reti naturali, se si analizza come sono strutturate le cellule dal punto

di vista reticolare, si vede che ci sono alcuni punti vitali che hanno maggiori contatti con altri punti vitali.

Però, nel caso delle reti naturali, il fatto che alcune cellule abbiano più contatti rispetto ad altre è funzionale

rispetto ad un processo di auto-organizzazione.

All’interno delle reti sociali, invece, questo fenomeno, porta spesso alla degenerazione delle reti stesse. Questo

lo si riscontra soprattutto nelle organizzazioni sociali, politiche, in cui si manifesta il fenomeno del cosiddetto

“narcisismo” per cui nodi che hanno maggiori legami (dirigenti politici, amministratori) non si schiodano

dalle sedie su cui si sono seduti. Questo esempio mette in evidenza che anche le nostre reti corrono questo

tipo di pericolo, perché sono uguali dal punto di vista della struttura alle altre che abbiamo già studiato e conosciuto.

Questo porta alla necessità di curare e di presidiare la formazione degli hub, dei nodi, all’interno delle reti

che si stanno costituendo su basi nuove e valoriali. All’interno delle comunità di pratica, all’interno delle reti

informali ci sono comunque degli hub, ci sono degli animatori. È importante gestire in modo democratico

queste nuove relazioni, è importante formare gli animatori al governo delle reti, in modo tale che non vengano

assolutamente compresse le relazioni partecipative democratiche dell’insieme dei nodi. È altrettanto

importante però evitare che tutti diventino animatori, quindi bisogna riconoscere l’importanza della presenza

dei nodi e della responsabilità che essi rivestono.

Uno degli elementi che ha caratterizzato questo progetto di cui vi ho accennato anche ieri, ”Nuovi stili di vita”,

è stato appunto la formazione degli animatori di rete, la formazione dei community leader. In questo processo

di formazione degli animatori, infatti, sono state investite la gran parte delle risorse del progetto.

Ora qui brevemente vi riprendo alcuni dei risultati che stiamo analizzando. Il progetto si conclude fra due mesi.

Cosa siamo riusciti a mettere in gioco all’interno di questo progetto.

La prima fase di indagine conoscitiva è stata quella volta ad individuare le caratteristiche dei soggetti che partecipano

a queste reti locali, ai cosiddetti Distretti di Economia Solidale (DES), per verificare quali fossero i loro

bisogni, le loro esigenze, ma anche per verificare quali fossero le loro propensioni alla collaborazione, in

modo da innescare processi sinergici all’interno di strutture di per se fragili.

Abbiamo cercato di capire quali fossero i servizi atti a facilitare la relazione collaborativa di questi distretti.

I servizi più richiesti sono stati la facilitazione della messa in rete, la formazione specifica, le consulenze ad

hoc, la promozione e i finanziamenti.

Nella fase finale, gli animatori formati hanno gestito per un anno relazioni con le rispettive reti locali, cercando

di mettere in gioco competenze di tipo nuovo e di gestire servizi specifici di supporto alle reti. Rispetto

all’elenco che era emerso nella prima indagine conoscitiva, le aree di servizio che sono risultate più richieste

sono risultate quelle della messa in rete, della gestione del rapporto diretto consumatori-produttori e, infine,

quella della formazione, della ricerca e del supporto.

Le altre due aree, cioè quella legata all’accompagnamento di nuove imprese e alla ricerca di risorse finanziarie

specifiche, a partire dalla finanza etica, sono risultate complementari.

RETELEADER 175


Ultimo elemento: gli assi tematici su cui intervenire per gestire le relazioni di rete.

Figura 1

Abbiamo effettuato una serie di ricerche, e i principali assi tematici che sono stati proposti nella fase di sperimentazione

da verificare o falsificare sono risultati essere: altra finanza, altri metodi e strumenti di finanziamento,

il rapporto tra altra agricoltura, città e campagna, e gli incubatori di reti di imprese. In merito a

quest’ultimo elemento, è stata prodotta una ricerca specifica sulle modalità di costruzione a livello territoriale,

a partire dall’esperienza dei distretti industriali e degli incubatori. L’ipotesi proposta, per quanto riguarda i

distretti, è che si può parlare di incubatori di reti di imprese, cioè l’idea della relazione di rete dovrebbe caratterizzare

da subito la formazione di nuove imprese, proprio perché è quella più difficile da innescare

quando già l’impresa interviene sul mercato tradizionale.

A questi tre assi è stato aggiunto un altro elemento importante, quello della cosiddetta micro-logistica, in

quanto stiamo parlando di un settore che attiene all’economia solidale, che come sappiamo, è caratterizzato

da alcune aggregazioni verticali: finanza etica, gas, commercio equo. L’economia solidale non può non

fare i conti con le altre forme di economie alternative già esistenti, fra cui l’economia sociale, le cooperative

sociali, che sono le più vicine dal mio punto di vista alle forme di nuova economie solidale adesso citate.

176 RETELEADER


Uno dei problemi che ha l’economia sociale, ed è stato evidenziato anche in questo progetto proprio tramite

un rapporto diretto con il consorzio GOEL, è che le imprese sociali hanno bisogno, tramite il rapporto diretto

con i consumatori, di vendere i propri prodotti/servizi.

L’iniziativa del presidente di GOEL, è stata quella di verificare se a livello territoriale si potessero costruire

strutture di piccola distribuzione organizzata, micro logistica socio-solidale, che permettessero di mettere in

relazione questi due settori dell’economia, che per ora non hanno relazioni formali già costituite.

Nel tentativo di definire l’altra economia, l’economia solidale, l’economia sociale, le cooperative ecc., facciamo

riferimento anche a tutte le strutture socialmente responsabili, profit e non-profit, che si pongono oggi sul terreno

di responsabilità sociale e ambientale.

Tutto questo può essere economico-alternativo, a patto che riescano a costruirsi ponti tra i diversi settori e le

diverse reti, che permettano di resistere, creando un circuito virtuoso.

Le cellule di produzione nascono, come sappiamo, in relazione con le cellule di consumo e non viceversa.

Nei distretti, invece abbiamo le cellule di produzione già esistenti, che hanno modi di produrre e di proporre

i propri prodotti legati alle reti di mercato. Quindi un fenomeno difficile da governare, se non si costruisce

un diaframma che permetta a queste forme deboli e fragili di difendersi e di resistere.

Se non seguiamo questa direzione, rischiamo di ripetere l’esperienza già fatta prima dal movimento mutualistico

di fine Ottocento, poi dal movimento cooperativo e poi dal movimento delle cooperative sociali.

Non avremo riscontri positivi se non si determinano all’interno di queste grandi contraddizioni delle forme

di aggregazione che permettano di spostare, dal mercato tradizionale capitalistico a un altro mercato,

le relazioni e gli scambi, innescando finalmente anche relazioni non solo monetarie. Se non ci sono

relazioni di reciprocità, se non ci sono relazioni basate anche sul dono e sul nuovo mutualismo non cambia

niente.

Noi abbiamo analizzato il caso del DES Brianza, attraverso il progetto filiera del pane “Spiga e madia”. È

emersa la difficoltà ad accettare, innanzitutto da parte dei GAS, il concetto di nuovo mutualismo; infatti, 1%

accantonato è stato vissuto come una sorta di tassa sul macinato e non come un contributo che permetteva

di stabilire delle relazioni di nuovo mutualismo.

Tutti questi meccanismi, che sono determinanti per costruire nuovi percorsi, non sono facili da innescare.

Quello che vedete è il risultato rispetto agli assi tematici proposti dai ricercatori. Ciò che risalta, è proprio

l’importanza della ridefinizione del rapporto fra città e campagna, con lo sviluppo di forme di agricoltura alternative

rispetto a quelle dominanti.

Noi a Milano, per dirvi il paradosso, abbiamo la più forte concentrazione di GAS a livello nazionale, ma i

GAS non si riforniscono da nessun produttore dell’area milanese. Nonostante nell’area milanese ci sia l’unico

parco agricolo esistente in Italia, con mille operatori agricoli, non ci sono relazioni tra il parco agricolo e

i tanti GAS della città. Compriamo le arance in Sicilia, compriamo nell’alessandrino, nel pavese, nella parte

agricola della provincia di Como e della Brianza, ma non dal parco agricolo milanese, con esso non c’è nessuna

relazione e nessuno si pone questo problema. Però, se Milano non si mette in relazione con la sua campagna,

con gli operatori del parco sud, non riusciamo a mettere in moto questi meccanismi, e continuiamo a

RETELEADER 177


fare quello che si fa a Milano con tanti GAS, ognuno per sé, continueranno le difficoltà di relazione, continueranno

forme di resistenza ecc.

Abbiamo individuato un percorso formativo, un’insieme di competenze ricavate dall’attività di ricerca e sperimentazione

che abbiamo portato avanti come forum “cooperazione e tecnologia”, insieme a Isfol e Formez,

nell’ambito dello sviluppo locale, tenendo conto delle seguenti aree tematiche: reti territoriali per l’autosviluppo

locale sostenibile, servizi di supporto per una rete locale e reti di attori per la gestione delle RES.

Figura 2

Il 25% delle competenze individuate dagli sperimentatori nella fase di relazione diretta con le proprie reti,

hanno a che fare con la capacità di analizzare i territori, di verificare cosa succede, cosa si può fare per costruire

non solo la propria rete, ma la connessione con le altre reti. Il 75% si riferisce al “saper fare”, quindi

le differenze, il saper ascoltare, il saper comunicare, l’essere propositivi.

L’elemento più problematico che indica anche un’altra aporia 10 importante, è il rapporto con le istituzioni, la

diffidenza generalizzata, estremamente pericolosa in prospettiva, perché non si possono costruire processi di

10 Difficoltà o incertezza derivante dall’uguale validità di due ragionamenti contrari.

178 RETELEADER


trasformazione dei territori se non si coinvolgono anche le pubbliche amministrazioni che hanno responsabilità,

o dovrebbero averne, rispetto al territorio. Questa difficoltà e diffidenza a lungo andare non può assolutamente

favorire percorsi di trasformazione, e quindi è un’aporia su cui lavorare, perché la rete di economia

solidale non può essere un fenomeno di nicchia, in quanto così non innesca nessuna trasformazione

sul territorio, ma ha necessità di raccordarsi con le altre reti, con l’economia sociale, con i movimenti esistenti

per i beni comuni, (l’acqua) e con le pubbliche amministrazioni locali, perché questa è l’unica prospettiva

per innescare percorsi di cambiamento. Sarà una prospettiva faticosa, bottom up, però è l’unica strada

percorribile.

Avevamo posto una serie di obbiettivi iniziali, che sono stati più o meno raggiunti, e ci conforta il fatto che

alcune delle aporie che secondo noi caratterizzano queste reti, sono state per lo meno messe in discussione.

Abbiamo fatto un percorso di formazione in cui, con il metodo della destrutturazione, abbiamo messo in discussione

tutti i modi di intervenire di tutti gli attori, dalla lega delle cooperative, fino al commercio equo, fino

alle finanza etica. Abbiamo cercato di far si che la costruzione di nuove relazioni potesse basarsi su un processo

di decostruzione di tutte le relazioni esistenti. Infatti, all’inizio del progetto sui distretti di economia solidale,

abbiamo stabilito che non era possibile mettere insieme i vertici delle varie associazioni esistenti, l’associazione

della finanza etica, l’associazione del commercio, ecc.

Siamo partiti dal basso, perché mettere insieme i responsabili delle botteghe a livello nazionale, con i responsabili

della finanza etica, non sarebbe servito a nulla. Quindi abbiamo cercato di costruire nel locale

nuove relazioni coinvolgendo le botteghe del commercio equo del territorio, gli organismi della finanza etica

del territorio, i GAS del territorio e via dicendo. Questo percorso di tipo locale territoriale richiede necessariamente

capacità di visione e di lettura del territorio.

Nel nostro piccolo siamo riusciti a innescare, a partire dalla ricerca, nuovi comportamenti all’interno di queste

strutture, a partire proprio dagli animatori di rete.

Ritengo che queste relazioni di interconnessione debbano vedere impegnati in primo luogo gli animatori delle

rispettive reti, altrimenti il fenomeno che, anche Mance ha messo in evidenza con il suo “La rivoluzione delle

reti”, non può essere riproposto meccanicamente nei nostri contesti. Ciascuna di queste reti locali ha dei referenti,

spesso sono auto-referenti. Abbiamo a che fare con un problema tipico dell’esperienza delle reti,

cioè mettere in relazioni reti eterogenee che sono costituite da strutture con propri riferimenti tradizionali, come

quello del coordinamento. I dirigenti si incontrano, e, se non funziona, muore tutto. Questa è l’esperienza

che hanno fatto le associazioni tradizionali. Bisogna inventare modalità di supporto che permettano

a questi referenti di non essere auto-referenziati.

RETELEADER 179


L’ASSOCIAZIONE FRATELLO SOLE

DI DORIS FAGIN

Noi abbiamo voluto vivere in campagna e vivere semplicemente di quello che facevamo e producevamo.

Questa era la nostra idea ispiratrice. Poi pian piano ci siamo confrontati con i problemi di ogni giorno, abbiamo

imparato a coltivare e vivere in questo modo. Era soprattutto una cosa bella per noi. Poi abbiamo

scoperto altre colture e altri problemi, ci siamo confrontati con altri attraverso un continuo discutere e da lì

è nata l’idea di effettuare un cambiamento, di metterci insieme per produrre dei prodotti sani. Passo dopo

passo ci siamo organizzati, ci siamo documentati, sempre restando quelli che eravamo e abbiamo pensato di

aderire ai mercatini. Questo è diventato un compito che svolgiamo ogni settimana. Non è solo la vendita è

proprio una cosa per cambiare, per pensare, per sentire. Tutti dicono che è importante mangiare bene, rispettare

l’ambiente, però alla fine nessuno lo fa, perché non c’è più il sentimento che permette di capire che

la natura è bella. Ci siamo, quindi diretti verso questi mercatini, che non sono soltanto un posto di vendita di

prodotti e di economia (anche se solidale), ma sono un posto dove illustrare cosa è la natura, dove far vedere

delle cose belle, anche se, ovviamente c’è qualcosa da comperare.

Il mercato è nato anche per fare vedere agli altri agricoltori che era possibile coltivare con un sistema diverso.

È nato perché si sentiva l’esigenza di fare vedere alle persone che era possibile un’altra agricoltura.

Il cibo che noi abbiamo intorno è sottoposto a rischio e necessita di essere tutelato, perché i contadini della

nostra regione, sono allo sbaraglio totale. Spendono un’infinità di soldi per trattare le piante senza avere risultati

positivi e gratificazione dal loro lavoro.

L’università dovrebbe mettere nelle sue mense ciò che noi produciamo e che vendiamo nei mercatini, questo

potrebbe essere un passo importante.

180 RETELEADER


PERCORSI DI INNOVAZIONE INTORNO ALLA PORDUZIONE-CONSUMO

DI CIBO: ALCUNE RIFLESSIONI SULLA BASE DELL’ESPERIENZA TOSCANA

DI ADANELLA ROSSI, FRANCESCA GUIDI

Dopo tutto quello che abbiamo ascoltato finora, diventa difficile riuscire a dire qualcosa di originale e si corre

il rischio di essere ripetitivi. Cercherò quindi di esporre il contributo dell’esperienza che abbiamo fatto in Toscana.

Attraverso la nostra attività di ricerca abbiamo cercato di dare, appunto, un contributo conoscitivo su pratiche

alternative di produzione e consumo, alimentari e non solo, guardando a quello che sta succedendo in Toscana

nell’ambito di queste iniziative. Abbiamo cercato di capire le caratteristiche specifiche che hanno questi

comportamenti alternativi nelle pratiche di consumo, individuando quelle che sono le condizioni che ne possono

fare dei percorsi sostenibili, in grado di svilupparsi, e di dare un contributo al cambiamento.

L’idea è stata quella di andare ad analizzare il potenziale innovativo che hanno questi tipi di iniziative che, di

fatto, si configurano come espressione della ricerca di un nuovo modo di pensare il cibo e di un nuovo modo

di agire, di vivere e di comportarsi. Sono esperienze di innovazione che possono rappresentare in prima istanza

delle utili ed interessanti alternative strategiche, delle opportunità di diversificazione di quello che è il sistema

agro-alimentare del cibo, ma anche qualcosa di ben più importante. Possono rappresentare, infatti, dei passaggi

in un processo di transizione verso un nuovo paradigma agro-alimentare e di sviluppo rurale. (figura 1)

Figura 1

RETELEADER 181


Guardare a queste esperienze per il loro potenziale innovativo, significa guardare a tutte le componenti dell’innovazione.

Innovazione, a sua volta, significa guardare alla sfera socio-culturale, dal momento che si

parla di condivisione di nuovi valori, di nuovi principi, del nuovo ruolo che vengono ad assumere i soggetti,

(i consumatori, i cittadini, potenzialmente anche le istituzioni che prendono parte attiva a questo processo)

e, in tutto ciò anche le relazioni assumono un nuovo ruolo. Tutto questo, ovviamente, ha bisogno di una innovazione

anche di tipo tecnico: nuove pratiche, nuove conoscenze, nuove abilità, nuove soluzioni politicoistituzionali,

nuovi modelli istituzionali, sia a livello locale che extra locale, nuove forme di regolazione. Ci troviamo

di fronte, infatti, ad un’economia diversa, basata sulle relazioni, fortemente radicata socialmente,

principalmente basata su valori alternativi.

La Toscana è un contesto ricco di spunti in questo ambito di analisi, ha una esperienza storica in fatto di pratiche

alternative, soprattutto per quanto riguarda i mercati. I primi mercati contadini, anzi, la prima piccola

fiera del pane risale alla metà degli anni ottanta, ma è in questi ultimi anni che si sta osservando un estremo

dinamismo. In Toscana, adesso, c’è veramente un forte cambiamento in atto, sono rappresentate un po’

tutte le esperienze, e quello che è interessante è che stanno emergendo tutta una serie di problematiche. Innanzitutto,

sono cambiati i soggetti che sono coinvolti nel portare avanti questo tipo di esperienze; in modo

particolare risulta coinvolto il soggetto pubblico, le amministrazioni locali.

Qui sono rappresentati una quindicina di mercati di produttori con diverse tipologie. Infatti, troviamo coinvolti

sia i mercati contadini originali e sia i nuovi mercati che stanno sorgendo negli ultimi anni. Si stima che

ci siano un centinaio di gruppi di acquisto e, anche se effettivamente ci sembra un numero molto alto, sono

tutti concordi con questa stima. Ovviamente sul territorio ci sono diverse forme di vendita diretta, e poi ci sono

queste esperienze di integrazione che danno vita ai vari DES, RES, etc.

Io ora vi racconterò qualcosa sui mercati, poi Francesca continuerà parlando dei GAS e dei DES.

Attraverso le immagini, cercherò di spiegare quelle che sono le caratteristiche specifiche e innovative di quelle

che noi chiamiamo “nicchie”, ovvero di quegli spazi dove possono avvenire quei processi di apprendimento,

di creazione di relazioni sociali che sono quelli che poi supportano l’innovazione dei modelli di soluzioni

istituzionali. Queste nicchie, però, non sono né stabili, né uniformi. Siamo, infatti, in una fase di passaggio.

Si tratta di nicchie che devono strutturarsi, che devono crescere e consolidarsi. Attualmente sono molto

eterogenee e con caratteristiche estremamente diverse. Anche i mercati sono diversi: ci sono mercati storici,

con una forte carica emozionale espressa dai soggetti contadini (i contadini autentici); poi c’è il biologico,

c’è una fortissima integrazione con altri tipi di esperienze e, infine, ci sono nuovi mercati di recente formazione,

promossi negli ultimi due anni dal soggetto pubblico che sono i “mercatali” 11 . Si tratta di un progetto

che è stato portato avanti direttamente dalla Regione Toscana. L’ampliamento di questa esperienza ad

altri soggetti, sta complicando quelle che sono state le considerazioni finora assunte da questi mercati. Prima

c’erano i mercati contadini, ora ci sono questi altri tipi di mercato.

11 In Toscana in passato questo termine designava il luogo destinato al mercato.

182 RETELEADER


Quello che è interessante è vedere, non solo le diverse caratteristiche di questi nuovi mercati, ma anche i

processi evolutivi che derivano dall’ampliamento di queste esperienze. Il progetto regionale del “mercatale”,

è un progetto di filiera corta rivolto a promuovere lo sviluppo delle filiere stesse, all’interno delle quali si

collocano i mercati.

Nella prima fase è stata effettuata la sperimentazione di questi progetti pilota rappresentati dai mercati. Ne

sono stati istituiti due, fortemente sostenuti sul piano finanziario con cifre molto elevate. Anche le strutture,

gli allestimenti sono stati finanziati per renderli anche esteticamente uniformi. Su questo tipo di iniziativa è

stata fatta una intensa azione di comunicazione, da parte degli Assessori regionali. In particolare, Susanna

Cenni ha fatto una propaganda pubblicitaria incredibile, tanto da portarli al Salone Del Gusto nel 2006, dove

c’era un intero padiglione destinato al mercatale, in cui sono stati portati fisicamente tutti i produttori.

Adesso siamo nella fase di attuazione del progetto. Nel maggio 2007 c’è stato un bando per il finanziamento

di queste iniziative: i mercati, lo spaccio dei produttori, i punti di filiera, i punti vendita ecc. Però l’iniziativa

più importante, dove si vuole investire di più, è proprio questa dei mercati.

I soggetti che vengono individuati come coordinatori dei mercati sono le amministrazioni pubbliche provinciali.

Al bando hanno partecipato 72 enti locali, e tra questi sono stati finanziati 67 progetti. Attualmente c’è

grande fermento, c’è una grande animazione e mobilitazione generale da parte delle amministrazioni provinciali,

che stanno tutte cercando di mettere su i mercati, anche senza produttori. La politica è quella di aderire

sperando in seguito di individuare i produttori!

A parte le modalità con le quali si implementeranno queste pratiche, c’è da dire che comunque siamo in una

fase in cui questo passaggio, questo cambiamento che si è innescato, è stato motivo di rivitalizzazione importante,

ha sviluppato un intenso dibattito all’interno del movimento dei produttori che partecipano ai mercati,

e quindi si sta portando avanti una forte riflessione, che trascina con se tante questioni: che significato dare a

queste iniziative, quali sono i valori che stanno alla base, quali possono essere i modelli organizzativi, etc.

Quanto detto ha innescato anche un dialogo con le istituzioni pubbliche, a livello locale, dove devono essere

risolti tanti problemi. Importante è l’incursione, in particolare nell’ultimo anno, della ASL nei vari mercati. Ci

sono problemi reali da gestire, in parte attraverso una negoziazione a livello locale, in parte in una dimensione

più verticale, a livello regionale. Questo è quello che sta caratterizzando l’esperienza toscana.

A questo punto quello che ci sembra l’unico contributo originale che l’esperienza da noi presentata può dare

alla discussione, è quello di far emergere che è in atto un processo di riorganizzazione e di ridefinizione

di questo tipo di esperienze, grazie al coinvolgimento delle istituzioni. Nel caso dei mercati, forse meno per

i GAS, infatti, c’è un contatto con le istituzioni, che diventa una vera e propria negoziazione per risolvere

dei punti nodali. Fare un mercato presuppone avere un certo numero di produttori disponibili, che dispongano

di una certa quantità di prodotto e di tempo per partecipare al mercato stesso. È grottesco ciò che si sta verificando

sul territorio: da una parte ci sono mercati deserti perché non ci sono i produttori, e, dall’altra parte,

ci sono produttori spaesati e disorientati.

È importante anche chiarire le finalità che devono avere questi mercati. I mercati possono avere caratteristiche

molto diverse. Possono essere mercati contadini, mercati del biologico, mercati delle produzioni locali non ne-

RETELEADER 183


cessariamente biologiche. Allo stesso tempo possono esserci motivazioni diverse dietro il mercato, che ovviamente

rispondono a finalità diverse: sostegno alla piccolissima agricoltura, all’agricoltura locale, etc.

A questo si collega la questione relativa all’identità dei partecipanti: sono contadini o sono altro? Sono agricoltori

convenzionali, o sono altro? Attualmente siamo in una fase importantissima, in cui è necessario definire

il tipo di organizzazione, più o meno formalizzata, che è fondamentale per attuare pratiche chiare e trasparenti,

e per poter esprimere ciò che i contadini sono e fanno. Su questo gli stessi contadini stanno discutendo.

Bisogna darsi un’organizzazione per la gestione di questi mercati, formare dei comitati di gestione, stabilire

dei regolamenti, ciò serve a creare una interfaccia con le istituzioni locali, e a mantenere il controllo su

queste iniziative, piuttosto che assistervi dall’esterno.

Ovviamente bisogna affrontare tutta una serie di problematiche, prima ancora di occuparsi delle regole da

darsi. In primo luogo è cruciale il rispetto delle norme igienico-sanitarie dei mercati, argomento estremamente

attuale, organizzare le forme di certificazione per le norme di produzione biologiche. Altro ambito di

cui occuparsi è la questione relativa alle conoscenze, alle pratiche a cui si fa riferimento, quali sono quelle riconosciute

e legittimate e quali no, il tipo di rapporto che si instaura con i consumatori, etc. (figura 2)

Figura 2

Noi pensiamo che, se si vuole che questi processi effettivamente vadano avanti e non si blocchino sul nascere,

sia necessario mantenere il potenziale innovativo di queste esperienza.

Bisogna mettere in atto tutte le cautele possibili per far si che venga valorizzata e rispettata tutta la capacità

184 RETELEADER


di auto gestione dei soggetti non locali che hanno già messo su questo tipo di iniziative, o che sono chiamati

a metterle in atto, a gestirle. Quindi rispettare la capacità di auto gestione, valorizzare la capacità di auto-organizzazione,

valorizzare le specificità locali, creare dei sistemi di governance orizzontali e verticali,

creare quindi le condizioni perché ci sia una effettiva opportunità di dialogo, di partecipazione alla messa a

punto dell’organizzazione di queste nuove iniziative.

Nell’ambito della stessa indagine che stiamo conducendo da un paio di anni in Toscana, abbiamo censito circa

un centinaio di GAS. I primi sono nati intorno al 2000, si sono diffusi nelle aree urbane e in quelle immediatamente

circostanti, molto meno nelle aree rurali. Così come ha sostenuto il Prof. Saroldi, queste realtà

nascono in contesti locali abbastanza circoscritti e con i quali intrattengono profonde relazioni. Anche in Toscana

abbiamo registrato questa caratteristica che vede il GAS molto legato al territorio in cui si sviluppa.

Abbiamo analizzato esperienze molto diversificate fra di loro, a seconda che fossero GAS formatisi in aree urbane

o in aree rurali. Abbiamo quindi censito GAS che contavano cinque o sei famiglie, e Gas che contavano

un numero di famiglie molto più elevato. Le motivazioni legate al contesto locale, i criteri di scelta dei produttori

e la gestione degli approvvigionamenti, è diversificata ma simile rispetto alle altre esperienze analizzate

in altri contesti a livello nazionale.

In questa sede analizzeremo tre esperienze molto diverse tra di loro: i GAS di Grosseto, (quelli della zona della

Maremma e della provincia), i GAS di Firenze e i GAS di Pisa, andando però prima a vedere le caratteristiche

delle singole aree. (figura 3)

Figura 3

RETELEADER 185


Grosseto è un’area rurale, scarsamente abitata, caratterizzata ancora da problemi di “digital divide”, in cui

si registrano diverse attività culturali, ma concentrate soprattutto nel periodo turistico estivo, in cui vi è un limitato

dinamismo sul territorio e una scarsa conoscenza di queste pratiche di consumo emergenti da parte

della popolazione locale. I gruppi che si sono sviluppati in questa area, quindi, sono piccoli gruppi, costituiti

da cinque o sei famiglie, che non hanno dato vita ad altre attività collaterali oltre a quelle della semplice gestione

degli approvvigionamenti.

Quello che è emerso è che in quest’area si è verificato un forte coinvolgimento delle persone, e si sono venuti

a creare dei legami sociali che prima erano assolutamente inesistenti sul territorio.

Firenze ha un’area urbana di grande dimensioni, è intensamente popolata, condizionata dal traffico. È una città

universitaria, quindi culturalmente in fermento, esistono numerose associazioni attive sul territorio: commercio

equo e solidale, associazioni culturali e ambientaliste. Ad oggi nel contesto cittadino i GAS sono circa una

ventina. Si tratta di piccoli gruppi, organizzati a livello di quartiere, proprio per le difficoltà di poter gestire degli

approvvigionamenti a livello cittadino. Molti promotori sono comunque legati al movimento, vi è una rete

di relazioni molto ramificata e complessa nel contesto cittadino. Le relazioni con le istituzioni sono limitate, ma

è da citare che in questa città è stato promosso dal comune lo sportello ECOEQUO, a cui partecipano una ventina

di associazione, tra cui anche i GAS, che promuove le buone pratiche negli stili di vita quotidiani.

Pisa è un’area urbana di piccole e medie dimensioni. È una città universitaria culturalmente molto attiva,

anche in questo caso abbiamo la presenza di numerose associazioni sul territorio, ma sono tutte legate a dei

centri sociali, a degli spazi sociali gestiti collettivamente. Questo fa si che la sede del GAS si trovi all’interno

di uno di questi centri sociali e questo permette un vero legame non soltanto con il territorio, ma anche con

le numerose attività locali. Dunque è un gruppo di notevole dimensione, perché nella mailing list (uno degli

strumenti che maggiormente permette di mantenere le relazioni tra gli aderenti al gruppo), ci sono più di 270

iscritti, divisi in più gruppi di distribuzione. Dal nucleo centrale del GAS di Pisa, sono partite delle diramazioni,

sono nati altri gruppi nelle zone circostanti e in provincia intorno a Pontedera. I promotori del Gas, che sono

una cinquantina e che sono nati nel periodo del forum sociale, fanno parte anche di altre associazioni. Questo

fa si che vi sia un coinvolgimento attivo dei GAS in numerose attività promosse dalle altre realtà: per

esempio, il GAS ha un banchetto al mercato contadino di Pisa, partecipa all’organizzazione di molti eventi sul

territorio in maniera congiunta con altre realtà. Dal punto di vista dell’approvvigionamento dei prodotti, si

assiste ad un ampliamento sia dei prodotti che dei servizi, e vi sono anche numerose iniziative attivate sul territorio:

l’attivazione di baratto e della banca del tempo, il sito web, la mailing list, la realizzazione di eventi

specificatamente dedicati, uno scambio di esperienze, etc.

L’esperienza del GAS a Pisa rappresenta un punto di riferimento per molti che vivono la partecipazione al

gruppo come un momento in cui ci si può scambiare saperi ed informazioni. Ciò è confermato anche dal fatto

che sia attraverso i messaggi scambiati con la mailing list, ma anche attraverso gli incontri mensili, si animano

interessanti dibattiti relativi oltre che alla gestione del gruppo, anche ad altri temi di attualità, ad altre

iniziative specificatamente promosse. Ad esempio il GAS ha appoggiato il mercato contadino in momenti di

difficoltà, durante i primi controlli che il mercato ha avuto dalle ASL in merito ai problemi igienico sanitari.

186 RETELEADER


Infine molte di queste realtà presenti sul territorio hanno animato dei tavoli promotori a livello regionale

che hanno portato, e stanno portando, alla formazione, per ora informale, di reti di economia solidale. Nel

caso di Pisa, in particolare, tra i maggiori promotori del mercato vi sono proprio i produttori.

Da questa realtà è nato un progetto che si chiama “Economia solidale, economia partecipata”, finanziato

dalla regione Toscana, la cui prima attività è stata relativa all’attivazione della filiera del pane, come sta accadendo

per esempio in Brianza. Questo progetto ha vari obiettivi e avrà varie attività sul territorio, anche

all’interno dell’università.

Queste esperienze che abbiamo analizzato, hanno un forte potenziale innovativo. Sono esperienze nate come

iniziative spontanee e traggono la loro forza dalla loro capacità di autogestione e di auto-organizzazione.

Si stanno evolvendo, e probabilmente presto intraprenderanno percorsi più strutturati, consolidati. Si

tratta di nicchie strategiche che però stanno iniziando ad avere un importante ruolo nei rapporti con le istituzioni,

che stanno cominciando ad avere un’importante interazione con esse, e speriamo che tutto questo

porti ad un nuovo paradigma, a nuovi stili di consumo.

RETELEADER 187


WORKSHOP 6

PRESENTE E FUTURO

DELLA CULTURA CONTADINA

Coordinatori

Monica Caggiano, INEA

Francesca Giarè, INEA

RETELEADER 189


SINTESI DEL WORKSHOP

DI MONICA CAGGIANO

Il workshop ha offerto lo spazio per una riflessione sui cambiamenti in atto nella cultura contadina. Gli

allarmi legati alla sicurezza alimentare, il diffondersi del cibo OGM, la distruzione del paesaggio, mostrano

la necessità di un’inversione di marcia di un cambio paradigmatico perché la sostenibilità e la solidarietà

non sono delle accezioni addizionali di un’altra agricoltura, ma sono degli elementi che sono nell’agricoltura.

In questo senso bisogna fare una rivoluzione che sia di tipo bensoniano, quindi una sorta di ecologia

della mente che riporti l’ecologia al centro di quella che è la sostenibilità. Nel suo intervento Osvaldo

Pieroni ha fatto riferimento al triangolo della sostenibilità così come viene convenzionalmente costruito:

l’immagine richiama l’economia, la società e l’ecologia, come parti della sostenibilità. Ma, in realtà, l’economia

domina il nostro immaginario, non solo quello economico, ma anche l’immaginario culturale. I

nostri stili di vita e di consumo, infatti, sono dominati da una logica economica.

È necessario compiere un salto paradigmatico, a partire dalla riflessione sulle pratiche. Ascoltando l’esperienza

degli Orti di Pace, portata avanti dall’Istituto di Cesena, abbiamo seguito il processo di trasformazione

di un’azienda agricola che oggi mette in rete le esperienze degli orti scolastici. Il cambiamento deve

passare anche attraverso la scuola. L’orto non è solo un momento di educazione alimentare o didattica sul

racconto di una agricoltura contadina tradizionale, ma è anche un’esperienza in cui si aiuta a far crescere

nei ragazzi la consapevolezza dei processi naturali, attraverso le relazioni con la terra, con i cicli della

natura. Con l’esperienza vissuta negli orti di pace viene recuperato un sistema che è stato interrotto con

l’era dell’agricoltura industriale. Il fatto che oggi un bambino non sappia da dove nasce una mela, rappresenta

uno dei paradossi della nostra società che si dice della conoscenza, e che nello stesso tempo fa perdere

a quel bambino la conoscenza della vita stessa. Con l’esperienza degli orti di pace, ci troviamo di

fronte ad un’esperienza che Benson definirebbe di ecologia della mente, con un forte valore educativo.

L’esperienza dell’associazione “L’ombra del Mediterraneo”, è nata da un’azienda agricola che produce

olio. Recentemente quest’associazione ha contribuito al recupero di una percezione dell’agricoltura integrata.

La filosofia dell’associazione è quella per cui chi fa agricoltura fa anche cultura in quanto produce

delle relazioni che investono l’ambito culturale. Questa associazione ha preso come strumento l’ulivo, che

lega i popoli del mediterraneo, e ha valorizzato questo nesso tra l’agricoltura e la cultura, organizzando,

ad esempio, mostre d’arte negli uliveti.

Entrambe le esperienze presentate hanno sottolineato che l’estetica che scaturisce dalle loro azioni è l’estetica

del bello, perché nel momento in cui si recupera il legame con la terra come sacralità, anche l’estetica

viene recuperata e, di conseguenza, si coglie quella che poi è la bellezza di una cultura contadina. La multifunzionalità

è da sempre un concetto proprio dell’agricoltura tradizionale. Oggi è forte il bisogno di intervenire

per rafforzare l’integrazione sistemica dell’agricoltura tradizionale.

RETELEADER 191


RELAZIONE INTRODUTTIVA

I CAMBIAMENTI SOCIALI E CULTURALI NEL MONDO AGRICOLO

E RURALE

DI OSVALDO PIERONI

Il tema dei cambiamenti sociali e culturali è quello che sta sostanzialmente attraversando la discussione nell’ambito

dell’intero seminario. C’è stata molta retorica sul tema della cultura contadina, si è partiti dalle critiche

nei confronti della cultura contadina-contadino isolato, rozzo, chiuso all’innovazione – che induce ad un

altro tipo di retorica – ruralista, tradizionalista, centrata sul passato antimodernista. Ma, dobbiamo domandarci

in primo luogo (e io lo faccio da sociologo), che cosa significa cultura? Questo è un termine difficile, che

adoperiamo continuamente attribuendogli, di volta in volta, significati molto diversi. In ambito sociologico,

possiamo delineare diverse definizioni: per cultura possiamo intendere nel contempo un patrimonio intellettuale

e materiale, patrimonio resistente, durevole nel complesso, ma nello stesso tempo soggetto a cambiamenti

e trasformazioni. Concorrono a formare una cultura molteplici fattori che derivano tanto dalla sfera

normativa e delle relazioni sociali, quanto dai mezzi materiali per la produzione e riproduzione degli esseri

umani. Quindi abbiamo alla base della cultura valori, linguaggi, definizioni, simboli, ma anche modelli di

comportamento, tecniche mentali e corporee che hanno funzione cognitiva ed espressiva, affettiva. La cultura

è un prodotto storico dell’interazione sociale che affonda le sue radici in generazioni passate, però in parte

è anche modificata dalle generazioni presenti. La cultura per essere definita tale deve essere fattore condiviso

da determinate società, oppure, in una scala più bassa, da gruppi, da professioni, da strati sociali. Potremmo

dire che ogni collettività ha una specifica cultura, che in termini sociologici generalmente viene definito

come sub-cultura. La cultura orienta le azioni umane, le dota di significato, contenuto, definisce lo stesso

contesto e l’identità degli stessi individui. Potremmo dire, in altri termini, che la cultura per quanto sia

portatrice di passato è in ogni caso una lente, un modo di conoscere e di definire la realtà ai fini della definizione

di essa, ai fini dell’interazione sociale.

La domanda ora è: esiste una cultura contadina?

La risposta può essere positiva nella misura in cui la definizione di contadino implica l’esistenza di un determinato

gruppo sociale, la condivisione di norme, valori, comportamenti, e così via. La più semplice definizione

di contadino rimanda alla figura del produttore agricolo indipendente, o relativamente indipendente, che

possiede (non necessariamente sotto forma di proprietà privata) una superficie di suolo coltivabile da cui ricava

prodotti in misura variabile destinati all’autoconsumo, al mercato o anche alla collettività. Il contadino

possiede inoltre i mezzi principali del proprio lavoro ed impiega principalmente la propria forza lavoro coadiuvato

dai familiari e, solo in parte, o occasionalmente, da lavoratori salariati. Questa è la definizione classica

di contadino. Tuttavia questa definizione è molto generale. Ci sono contadini ricchi, medi e poveri secondo

la definizione classica. Esistono i “Farmer” che sono i contadini modernizzati, e i contadini in senso proprio

più tradizionali, esistono proprietari di suoli affittuari, possessori senza titolo formale. Insomma il rischio di

192 RETELEADER


definizioni euristiche comporta la sottovalutazione di diversità importanti nel mondo contadino e, al tempo

stesso, definizioni troppo selettive ed eurocentriche escludono enormi masse di lavoratori. Quando parliamo

di contadini, noi ci riferiamo generalmente al nostro modello occidentale di contadino, al problema che il nostro

mondo contadino sta vivendo a causa della drastica riduzione di unità lavorative e di attivi in agricoltura.

Ma se guardiamo a quell’altro 80% della popolazione mondiale che consuma un 20% di risorse, (se guardiamo

all’Africa o all’America Latina ecc.), l’universo contadino è enorme ed è alla base di una sussistenza

precaria. Da un lato troviamo le trasformazioni indotte dalla globalizzazione e dal dominio di quelle che venivano

definite da Van der Ploeg “reti imperiali”, in particolare nel settore dell’agro-alimentare (che è più un

settore chimico di trasformazione che un settore agricolo), dall’altro, soprattutto per quanto riguarda i paesi

occidentali, l’agricoltura contadina nelle sue dimensioni più piccole è messa in crisi da una regolazione

normativa di ambito comunitario e nazionale che da un lato mira alla qualità, dall’altro spinge in maglie

troppo pungenti l’universo contadino espropriandolo di alcuni aspetti, come la capacità di decidere sul destino

dei propri prodotti, di decidere sulle proprie colture. Sempre restando su un terreno generale, affronto alcune

questioni che riguardano la definizione di contadino, per capire se esiste una cultura contadina dal momento

che, come abbiamo detto, due sono gli elementi che determinano una cultura e cioè: non solo i valori

di riferimento, ma anche gli aspetti materiali e le relazioni sociali. L’oggetto e anche il mezzo del lavoro contadino

è la terra. Partirei da una serie di definizioni di suolo che può essere distinto. Esiste un suolo come sistema

pedologico, puramente fisico; esiste un suolo come sistema agronomico e questo ricorda le tecniche di

intervento sul suolo, ed esiste un suolo agricolo. Il suolo agricolo è un sistema sociale. È definito da un sistema

podologico, cumulativo, comprende il sistema agronomico, ma usa determinate relazioni sociali che incidono

in maniera diretta sulla funzione e sulla riproduzione del suolo, ovvero su quella che si chiama fertilità

del suolo. Non sto parlando di agronomia ma di sociologia, perché anche la fertilità è un prodotto sociale.

C’è quella che chiamerei fertilità tattica e c’è la fertilità strategica. La fertilità tattica è quella che richiede

al suolo il massimo possibile nel minor tempo possibile (questo è un concetto economico, il concetto di

produttività). La definizione strategica è quella che mira soprattutto alla riproduzione, alla conservazione, alla

trasmissione della fertilità. La modernizzazione dell’agricoltura, la meccanizzazione dell’agricoltura, la

chimicizzazione, se così possiamo dire, rientra nel primo tipo di fertilità, fertilità tattica. Tant’è che il suolo ha

perso ogni rapporto con la sua consistenza naturale e sociale, è divenuto un puro bene di mercato. Si può investire

nel suolo finché rende, questo non da molto tempo, ma oggi in maniera assolutamente eclatante nell’ambito

del mercato internazionale; spesso si trasferisce il capitale dalla terra in altre attività e da altre attività

alla finanza. La grande azienda, l’azienda monoculturale e il comparto agroalimentare, hanno questo

tipo di ottica, questo tipo di “cultura” della terra, propria di una struttura aziendale che non è quella contadina.

È una struttura d’impresa che ha come finalità quella del profitto, una razionalità puramente economica,

nel senso dell’economia di mercato. La fertilità implica un altro tipo di rapporti sociali. Implica la figura del

contadino, dell’azienda familiare, indica un rapporto con il suolo, con la terra e con la fertilità inteso come

patrimonio da conservare, trasmettere. Queste definizioni generali ci aiutano ad inquadrare quello che possiamo

intendere per cultura contadina.

RETELEADER 193


Queste nuove figure di contadino, avendo attività e pratiche differenti, possono avere sub-culture differenti,

ma possono mettere in luce ciò che li unisce. E questo è un punto di vista che, potremmo dire, si costituisce

come sub-cultura di un movimento sociale che ha maturato e sta maturando una diversa visione del mondo.

In che senso? Una diversa visione del rapporto tra essere umano e ciò che lo circonda, cioè l’ambiente.

L’ambiente non è solo l’ambiente naturale, ma è anche l’ambiente trasformato e, soprattutto, è ciò che noi

percepiamo e definiamo come tale. Io ritengo che la natura in sé non esista, esiste nella misura in cui viene

definita, e noi come esseri umani la definiamo sulla base delle nostre percezioni, dei nostri valori della nostra

visione del mondo, dei nostri sensi, del nostro corpo, della nostra identità biologica. Ad esempio noi vediamo

colori che altri esseri viventi non vedono, altri esseri viventi vedono colori che noi non vediamo, percepiamo

soltanto alcuni odori, altri ne percepiscono diversi; percepiamo alcune onde magnetiche che altri

non percepiscono, pertanto non siamo sicuri che la natura sia quello che noi vediamo. Quindi capiamo che anche

la natura è una questione di cultura; credo che allora possiamo attribuire a quella che oggi andiamo a

definire come cultura contadina, una visione del mondo che mette in discussione un rapporto del tutto strumentale

e di dominio nei confronti della realtà e che invece propone un altro tipo di relazione, una relazione

che Davide Biolghini definirebbe di tipo sistemico, in cui ogni variabile è collegata alle altre in cui il disastro

di una variabile si riflette su tutte le altre. Dobbiamo soprattutto guardare non tanto all’ideologia, quanto

alle pratiche, perché dalle pratiche emerge perfettamente questo tipo di rapporto. È un tipo di rapporto che

non riguarda più soltanto la produzione di cibo o di materia prima derivata dall’agricoltura, ma è un tipo di

rapporto che oggi si allarga. Ci sono diverse figure contadine, da un lato sono il prodotto di movimenti sociali

eterogenei, spesso però accomunati da una cultura di tipo ambientalista, quindi abbiamo fattori connessi

alla crisi economica, alla ineguale distribuzione del reddito, e, dall’altro abbiamo fattori connessi a

un’altra crisi estremamente grave che spesso rimuoviamo che è quella ambientale. Infine ci sono altri aspetti

che riguardano questa visione del mondo che tende a recuperare il valore delle relazioni interpersonali, il

valore del legame sociale, il valore di un’identità non omologata ma che è connessa a un luogo, che ha una

relazione con ciò che ci circonda, che finisce per costituire la nostra identità e quindi da questo punto di vista

possiamo parlare di nuove funzioni dell’agricoltura e di una nuova cultura che sostiene queste nuove funzioni.

Queste nuove funzioni, non sono più soltanto quella “produttiva”, anche se la funzione produttiva acquista

un’enorme importanza in relazione a una qualità del cibo. Qualità che, in ogni caso, non deriva soltanto della

normativa europea che impone determinati standard che poi finiscono per distruggere l’essenza della qualità

che è estesa nella diversità. Un prodotto ha un’elevata qualità perché è unico, perché spesso si produce

in modi particolari e in piccole quantità. Da questo punto di vista spesso le norme cancellano questo tipo di

diversità. Mentre invece c’è una forte domanda anche da parte del mercato e dei nuovi consumatori, che diventano

sempre più consumatori attenti di prodotti che rispettano proprio la diversità dell’origine, la caratteristica

tradizionale, etc.

Quindi, da un lato, c’è questo aspetto ancora connesso al mercato ed estremamente importante che coinvolge

un altro aspetto, che riguarda la relazione tra produttore e consumatore, il rapporto di fiducia che si stabilisce

tra chi produce e chi consuma che può creare una sorta di domanda sociale rispetto all’insoddisfazio-

194 RETELEADER


ne di un mercato anonimo, di un mercato in cui le funzioni prevalgono sugli individui. La relazione “faccia

a faccia” con il produttore è un’altra delle domande sociali che emerge proprio rispetto a quella che possiamo

definire la crisi del legame sociale. Poi c’è un’altra questione di estrema importanza che riguarda il rapporto

che c’è tra mercato e ambiente. Su questo non mi dilungo, molte cose son già state dette. Il mercato,

così com’è organizzato, e in generale l’economia formale, ha finito per entrare in contraddizione e distruggere

l’ambiente. È molto difficile coniugare questi tre pilastri dello sviluppo sostenibile: economia, società e

ambiente. Il vertice di questo triangolo è sempre l’economia. La domanda che emerge sia da parte della società,

dei movimenti culturali e dall’altro dalle pratiche accennate, è una domanda che rovescia questo triangolo

e pone, non solo al vertice del triangolo, ma su un piano orizzontale della relazione tra società e ambiente,

l’economia ridefinendola come strumento che questa relazione tra società e ambiente dovrebbe controllare.

Qui c’entra quella che viene chiamata filiera corta o catena breve, perché non si tratta solo di un rapporto

produttore-consumatore che ricostituisce l’identità del luogo, ricostituisce la fiducia nei confronti del

produttore, ma si tratta di accorciare questa filiera perché è la più inquinante e più distruttiva in termini di

effetto serra, implica grossi dispendi energetici, implica emissioni di CO2. Un prodotto trova il suo suolo in Italia,

viene trasformato in Cina, poi ritorna al consumatore italiano. In tutto questo tragitto è incredibilmente

elevata la quantità di emissioni e l’inquinamento che viene provocato. La filiera corta è estremamente importante

da questo punto di vista. Sono molti gli aspetti che questo comprende e poi vi sono altri aspetti connessi

ai primi che riguardano soprattutto questa visione del mondo: insieme di pratiche e valori che durano,

che guidano la definizione della società stessa, dell’ambiente e dell’individuo, la costruzione della propria

identità. Per affrontare questo tema occorre uscire da un’ottica settoriale, da un contesto puramente agricolo,

perché il contesto delle nuove pratiche agricole non è più un contesto isolato, anche se si è ridotto numericamente,

ma è un contesto dilatato che intrattiene rapporti con ogni altro settore e diviene centrale dal

punto di vista della visione del mondo. Infatti, le strategie, le pratiche più consapevoli cui ieri si è accennato,

si scontrano con il mercato, con la tecnologia, con le regolazioni statali, con le regole stabilite dal sistema

istituzionale. Potremmo parlare insomma di contro-cultura contadina, rispetto alla cultura dominante, non col

significato sociologico che viene dato, ma come cultura che propone un’altra società, non solo un’altra agricoltura,

che propone un altro modo di consumare, di relazionarsi con gli altri, un altro tipo di rapporti sociali

di produzione. Potremmo parlare di strategie contadine di tipo antiutilitariste, termine utilizzato da La Touche

e da un movimento che oggi pone il tema dello sviluppo in termini di decrescita e non in termini di crescita

continua che ha prodotto enormi ricchezze da un lato e povertà dall’altro, che ha prodotto crisi ambientali

ed enormi cumuli di rifiuti che non sappiamo più dove mettere. L’individuazione del responsabile

che ha rotto una relazione con la riproducibilità delle risorse e che ci presenta un futuro davvero fosco sotto

tutti i punti di vista. Potremmo parlare di razionalità sostanziale (in termini Weberiani); mercato, tecnologie,

politica, gli stessi sussidi, non sono intesi dalle figure del nuovo universo contadino come fattori strutturali.

È in base al mercato che io definisco la mia identità di produttore. Queste concezioni sono invece utilizzati discrezionalmente

in base, non soltanto alle proprie esigenze, ma proprio in base a principi etici, di solidarietà

sociale, a principi che non sono quelli tipici della concorrenza, competizione di mercato. Intendo dire un’ul-

RETELEADER 195


tima cosa: parlavo prima di culture come insieme di fattori da un lato resistenti che durano nel tempo e dall’altro

che invece cambiano. È diversa la cultura di oggi con quella di ieri, quando i contadini erano ancora

una maggioranza nell’universo agricolo. In realtà poi non sono una minoranza neanche oggi. Anche le aziende

piccolissime hanno una funzione che non è soltanto di sussistenza. Il cambiamento riguarda il rapporto con

la tradizione. In senso proprio, la tradizione non si discute. Il termine significa trasmissione; trasmissione di

valori, di cultura, di pratiche, di modelli. E nella misura in cui la tradizione si discute, paradossalmente non

esiste più, non è più tradizione. Il processo di individualizzazione ci rende molto più soli ma ci libera da altri

obblighi sociali come per esempio il ruolo della donna. Il ruolo della donna che nella tradizione era un ruolo

subordinato, oggettivamente non è più accettato come tale. Da un lato troviamo la gerontocrazia, la figura

dell’autorità, le gerarchie dall’altro troviamo invece delle relazioni che mettono tutti sullo stesso piano in

maniera più discorsiva, più dinamica. Questi sono gli aspetti positivi della modernità che sono all’interno anche

della cultura contadina che riflette sulla tradizione, sulle pratiche; che riflette sulle colture più che sulle

culture, che cerca di depurare determinate pratiche da determinati aspetti che non vengono più accettati dal

punto di vista sociale e culturale. Anche qui si tratta di un movimento diversificato che tuttavia recupera dal

passato alcuni elementi in maniera riflessiva e li ripropone in maniera innovativa. In fin dei conti la stessa

agricoltura biologica si rifà a determinate tradizioni. Tradizioni che c’erano, perché non si fa tanto riferimento

alla mancanza di strumenti ma si fa riferimento a determinati saperi concreti, derivanti dall’esperienza

e non saperi adunati in universi fisici. Il nostro sapere universitario è il più aperto possibile e forse siamo

un po’ devianti rispetto ad altri istituti che invece rispondono della produzione di strumenti, di tecniche

e non alla richiesta di una relazione positiva, equilibrata e diversa con il mondo degli altri e con l’ambiente,

ma rispondono invece alle esigenze di produttività nella misura in cui queste vengono da poteri forti, da reticoli

imperiali (come li chiamava Van der Ploeg). I due interventi che seguiranno mettono in luce funzioni diverse

del rapporto con il suolo e quindi dell’agricoltura, che hanno come riferimento la figura del contadino,

ma che non necessariamente son pratiche di contadini. Da queste pratiche emergono non solo aspetti di mercato,

aspetti sociali, emergono aspetti che riguardano una pacificazione non con la natura ma anche con il

mondo: “Gli orti della pace”, la funzione educativa del rapporto con la terra, con il suolo. Emergono anche

elementi che riguardano la nostra estetica del mondo, perché da una nuova relazione con l’ambiente emerge

una nuova/antica sensibilità, il modo di guardare a ciò che ci circonda, che sfiora aspetti del sacro, la

stessa espressione artistica ha sempre avuto attinenza con una concezione del sacro. Vedremo come per

esempio la coltura dell’ulivo diventa cultura dell’ulivo e diventa anche estetica dell’ulivo in quanto dà prodotti

di tipo estetico, puramente artistico. Ecco, è estremamente complicato definire una coltura legata a queste

nuove pratiche che emergono dall’agricoltura, quello che c’è sotto, quello che emerge è una visione del

mondo molto più pacificatrice, benefica, dal punto di vista sociale e che è probabilmente l’alternativa rispetto

alle crisi incombenti, quella finanziaria, ambientale, energetica.

196 RETELEADER


TESTIMONIANZE

IL PROGETTO DI ORTO-GIARDINI NATURALI A SCUOLA

DI GIANFRANCO ZAVALLONI

Vengo dalla Romagna, da Cesena, che è la patria dell’agricoltura industriale fin dagli inizi del secolo scorso.

In pratica, l’agricoltura industriale, in Italia, è nata dalle nostre parti. Vorrei raccontarvi la storia che ci ha fatto

arrivare a questo progetto. Io sono figlio di contadini, sono nato a metà degli anni ’50, in un periodo storico

in cui essere contadino non era uno status symbol. Se volevi offendere qualcuno dicevi: “Stai zitto che sei

un contadino e non capisci niente”. Quindi, dicevo, in quegli anni, l’Italia diventa industriale e rinnega le sue

origini. All’epoca l’Italia era definita “giardino d’Europa”, non perché fosse particolarmente fiorita, ma perché

l’agricoltura nel nostro Paese esprimeva una diversificazione eccezionale. Avevamo probabilmente la

più alta biodiversità di agricoltura al mondo. L’Italia è lunga e stretta, è attraversata da due o tre paralleli,

ciò significa che presenta un varietà climatica notevole; partiamo da un clima di tipo alpino e arriviamo ad

un clima di tipo africano. In questa varietà, se un contadino non è in grado di sapersi adattare al terreno, alle

varie quote, non riesce a vivere. Inoltre, a proposito di tradizione contadina, dobbiamo ricordare che il

contadino è il ricercatore per eccellenza, certo molto diverso rispetto al ricercatore universitario, il contadino

non scrive il suo sapere ma, ad esempio, riesce a produrre in Italia, 37 varietà di fagioli. Il problema oggi è

quello di capire perché in Italia i contadini riuscivano a coltivare 55 varietà di grano e ora ne son rimaste 3?

Come dicevo prima, sono figlio di contadini, mio padre era uno di quei tanti agricoltori che con 13 mila mq

di terreno riuscì a far vivere una famiglia di cinque persone. All’inizio praticava la cosiddetta agricoltura “naturale”,

poi l’agricoltura industriale e poi, a metà degli anni ’80, decise che, se voleva continuare a fare il contadino,

doveva cambiare radicalmente e abbandonare l’agricoltura convenzionale. La decisione di cambiare

fu presa anche per un altro motivo: oggi qui rappresento l’ecoistituto di Cesena, che allora si chiamava “centro

di formazione non violenta”. Cosa fa questa associazione di volontariato? All’inizio ha effettuato una

raccolta di materiali e di documentazione avente per oggetto il proprio territorio. Perché? Perché Cesena,

aveva un triste primato, era riconosciuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità come la città con la più

alta percentuale di tumori allo stomaco al mondo. Ci ponemmo questo problema come ecoistituto, e organizzammo

il I° corso di agricoltura biologica in Romagna. Chiedemmo sostegno ai politici, almeno per ricevere

un contributo per sostenere le spese per i relatori, ma si rifiutarono categoricamente.

In Emilia Romagna ad oggi sono censite oltre 2000 aziende biologiche. In quegli anni, invece, chi coltivava

in maniera biologica, andava al mercato ed era deriso. Ma era normale, si trattava di condurre pratiche diverse

dalla consuetudine, in un territorio dove dominava l’agricoltura industriale, e questo non aveva nessun

senso dal punto di vista economico. Comunque, nonostante il clima ostile, venne fondata ed organizzata

la prima cooperativa che si occupa di biologico in Italia. Mio padre morì nel 2004 e, noi tre fratelli, piuttosto

che abbandonare questa pratica, decidemmo di andare avanti in questa attività. Tutti ci ripetevano:

“Ma perché lo fate, non conviene”. Ma noi siamo andati avanti. Devo effettivamente ammettere che è una

RETELEADER 197


cosa impossibile dal punto di vista economico, soprattutto in questo momento, sia praticare l’agricoltura in generale,

ma è ancor più difficile se si tratta di agricoltura biologica e certificata. Scopriamo che per esercitare

queste pratiche bisogna essere economista, contabile, letterato; noi non abbiamo mai capito come facesse nostro

padre, ci siamo resi conto che occorre davvero avere una conoscenza poliedrica per mandare avanti

un’azienda agricola. Tutto questo per dirvi che cosa? Che da una parte c’è qualcuno che fa pratica non violenta

nei confronti della terra, e il suo lavoro non viene riconosciuto. Dall’altra parte c’è una pratica violenta

nei confronti della terra che invece paga soprattutto dal punto di vista economico. Ma, nel momento in cui

ci rendiamo conto che la pratica non violenta non paga, non gratifica economicamente chi la pratica, cosa facciamo?

Cosa fa l’ecoistituto? L’ecoistituto pensa che ci sia qualcosa che debba essere modificato. Abbiamo

iniziato a fare una raccolta di documentazione su otto temi specifici, uno dei quali è stato l’agricoltura. Abbiamo

iniziato un’operazione che è stata anche di tipo informativo, ma che non è stata sufficiente. Ad un certo

momento, a metà degli anni 2000, in una logica “impropria” di ristrutturazione dell’azienda di mio padre,

abbiamo fatto un’operazione che era quasi assurda in quegli anni. Ovvero, invece di ristrutturare l’area,

la abbiamo ricostruita completamente. Perché? Perché ad un certo momento l’ecoistituto ha deciso di trovare

un luogo dove agire, dove fermarsi, un luogo che fosse un punto fermo dove collocare ad esempio la biblioteca.

Oggi abbiamo 15000 volumi; c’è un materiale che è unico in Italia, che va dall’agricoltura, all’ambiente,

alla bio-architettura, alla sociologia (sempre in campo agricolo) e che ha libri in sette lingue. Poi però

ci siamo chiesti: che cosa ci occorre come ecoistituto? Non era più sufficiente attivare incontri, convegni, raccogliere

documentazione. Dovevamo sperimentare qualcosa che facesse vedere che la nostra idea era possibile.

Noi siamo convinti del fatto che la cultura contadina sia, dal punto di vista pedagogico, straordinaria,

ma sapete perché? Perché c’è una sequenzialità che è propria della formazione didattica, come, ad esempio,

la preparazione del terreno. Cosa vuol dire preparare il terreno per noi umanologi? Cosa fa un contadino per

poter seminare? Deve piantare. Il terreno è stato preparato, ben organizzato e poi si getta il seme; poi ad un

certo momento non si vede più nulla, tutto tace, sembra che non esista nulla. Ma, come si suo dire: “Sotto la

neve c’è il grano”. All’improvviso arriva la primavera e la levata. Inizia a spuntare una prima foglia, poi

una seconda, c’è la crescita. C’è lo sconvolgimento. Poi inizia la fioritura; c’è l’impollinazione, la maturazione

del seme che poi viene raccolto. Ora se siamo persone attente, una parte del seme viene utilizzata per

mangiare, ma una parte viene conservata per essere riutilizzata; è in questa logica che viene concepito anche

il nostro ruolo: vi siete preparati, avete avuto una formazione e adesso potete andare avanti. Noi abbiamo

ritenuto che l’orto, in particolare, sia uno strumento straordinario dal punto di vista pedagogico, didattico,

perché è un’occasione interessante per fare ricerca, progettazione, e lo si fa insieme ai bambini, l’organizzazione

genera la socialità, cioè le forze di ognuno di noi messe insieme danno origine a un qualcosa;

c’è un lavoro fatto insieme che è anche manuale. Questo vuol dire mettere in relazione la nostra mente con

le nostre mani. Ormai siamo diventati quasi tutti disabili. Usiamo solo pollice e indice, ma il resto non lo usiamo

più. Esistono gli orti terapeutici, perché abbiamo perso questo rapporto tra la nostra fisicità e la nostra

mente. Noi abbiamo realizzato questa operazione, riteniamo che sia importante e ci stiamo rendendo conto

che funziona perfettamente. Con un orto “didattico”, un orto di pace, che sottende un approccio non violen-

198 RETELEADER


to nei confronti della terra, si possono realizzare queste pratiche. Possiamo dimostrare che si può tranquillamente

produrre senza dover tutte le volte violentare la terra. Questa operazione viene fatta anche in un’altra

logica, tesa al riutilizzo delle sostanze organiche: siamo in grado di utilizzare le vecchie varietà che sono

piante capaci, almeno in parte, di sopravvivere a parassiti, a malattie, e sono in grado, col riutilizzo della sostanza

organica, di poter vivere tranquillamente e di dare un prodotto alimentare che è buono. Questa logica

include una riflessione su un problema storico ma attuale in Italia: quello dei rifiuti. Se noi non facciamo

ritornare la sostanza organica nei campi, non avremmo qualità della vita. È un elemento essenziale perché,

di fatto, abbiamo spostato quella che è una pratica atavica nel mondo contadino (cioè il far ritornare in

azienda quel che veniva prodotto in azienda) in città, e per la città è diventato un grossissimo problema in

questo momento, anche per la campagna, in quanto manca quella sostanza che dà la ciclicità e quindi la vita

al terreno. In questo caso è la dimostrazione pratica di come si possa migliorare la qualità della vita con

le nostre azioni, con le nostre scelte quotidiane che sono anche scelte culturali. Infatti, ogni qualvolta che

viene attuata una pratica di tipo agronomico, naturale, organico, vuol dire che è stato riversato molto meno

veleno nell’acqua, nell’aria, ovvero si è contribuito a tutelare le due principali funzioni vitali dell’uomo: quelle

di respirare e di bere. Se non possiamo soddisfare le nostre funzioni vitali in maniera naturale, la nostra

salute viene compromessa. Non a caso assistiamo all’aumento delle malattie dei polmoni, dello stomaco, tutto

ciò deriva da una cattiva gestione del terreno. Allora in questo caso le esperienze che porta avanti l’ecoistituto

sono interessanti perché, di fatto, c’è una correlazione tra l’attività mentale, culturale, di progettazione

e quella che è la nostra capacità di poter realizzare qualcosa. Le prime esperienze di orto scolastico furono

fatte in località di montagna. Dal punto di vista pedagogico emerse un aspetto interessante: la ricerca. Abbiamo

condotto, insieme ai bambini, una ricerca sulle varietà. Dopo aver trovato delle varietà tramite uno

studio, sostenuto anche dall’utilizzo di internet, abbiamo contattato le persone che operano in questo settore,

per avere un confronto diretto, immediato. In questo modo i bambini hanno ritrovato 42 varietà di orticoli

che sembravano completamente scomparse.

Nella realtà moderna abbiamo relegato il processo culturale a internet, video cassette, dvd, che sono importanti

per fare memoria, ma non sono determinanti, bisogna incontrare le persone e dialogare con chi è portatore

di una conoscenza diretta ed esperta. Inoltre subentra anche l’impatto emotivo, che è determinante per

poter avere una continuità. Nel caso dell’esperienza appena citata, questi ragazzi hanno ritrovato 42 varietà

che sembravano completamente perse, si è trattato quindi di un percorso straordinario. All’ecoistituto

di Cesena c’è anche la possibilità di effettuare un percorso sperimentale che rappresenta l’occasione per far

vedere praticamente cosa facciamo. Ad esempio, c’è la spirale delle piante odorose, un percorso fatto con muri

a cerchio, che è anche molto interessante per gli aspetti architettonici in quanto è un muro a secco, non è

stato usato nessun materiale cementizio. In questa struttura, abbiamo una produzione diversa ogni quindici

giorni. Tutto intorno è fermo e qui inizia la produzione. Si crea un micro clima straordinario; tutto è stato

allestito in forma didattica, le spirali delle piante odorose hanno senso perché si possono utilizzare con l’esposizione

di un braccio per raccoglierle. In questo caso abbiamo dimensionato la cosa in modo che se arriva

un gruppo, una classe, ci si può sporgere tutti intorno. Abbiamo attivato un sito (www.ortidipace.org) che

RETELEADER 199


può essere occasione di incontro, ma è più importante l’incontro con le persone. Non per niente da quattro

anni stiamo organizzando un convegno nazionale sugli orti di pace e, con il passaparola e niente di più perché

come associazione di volontariato non disponiamo di risorse finanziare adeguate per allestire una campagna

pubblicitaria, riusciamo a raccogliere adesioni da tutta Italia pari a circa 120-130 persone ogni anno.

Non ci sono nomi prestigiosi, sono solo persone che lavorano. Questa è l’esperienza che stiamo portando

avanti da diverso tempo. L’elemento fondamentale della logica degli orti di pace è che stiamo lavorando

moltissimo con la terra cruda, con tutti quei materiali che sono nel territorio, con i materiali vivi (salice, vimini),

per realizzare costruzioni quali il gazebo, i capanni, dove tutti, dai ragazzi fino agli anziani di novantacinque

anni, riescono a lavorare tranquillamente con le loro mani. Questa esperienza mette in risalto

un comportamento completamente diverso di chi vive l’esperienza degli orti di pace e di chi sta soltanto in

classe.

200 RETELEADER


L’ASSOCIAZIONE ALL’OMBRA DEL MEDITERRANEO

DI COSTANZA FERRINI

Faccio parte di un’associazione che si chiama “all’ombra del Mediterraneo” e che ha come focus l’ulivo. Sono

olivicoltrice bio, anche se ho una formazione diversa, non sono un’agronoma, vengo dalla letteratura del

Mediterraneo, mi sono occupata di letteratura ed etimologie di tutti i paesi che si affacciano sul Mediterraneo.

Gestisco una piccola azienda dal 2000, produco olio extra vergine, ortive, erba medica. L’idea è nata intorno

ad un progetto che si chiama “Colture e culture”, incentrato su luoghi dove si coltivano le essenze locali,

soprattutto ulivo, ed essenze mediterranee. Abbiamo fatto una serie di gemellaggi con uliveti di diversi

paesi, a cominciare da Lesbo, e poi anche uliveti della Palestina. La nostra associazione riunisce una ventina

di paesi, e tra i nostri soci non ci sono solo agricoltori o agronomi, ma anche scrittori, musicisti, artisti,

antropologi. L’idea è quella di ragionare intorno alla cultura dell’ulivo. Abbiamo fatto diverse iniziative, la cui

caratteristica principale è quella di effettuare gli incontri in uliveto, portando in questi luoghi diversi soggetti,

dal professore ai bambini, usando un linguaggio comprensibile a tutti. Abbiamo organizzato incontri con

mostre sugli ulivi, come quello in cui sono state esposte tele di artisti contadini del Mali; abbiamo fatto un’iniziativa

con un museo che ha messo in rete sette forni ad uso pubblico a Perugia. In quell’occasione abbiamo

fatto un incontro con un poeta turco cipriota e con uno greco cipriota, tutti hanno cucinato usando il forno

pubblico. Stiamo iniziando a lavorare su un progetto in Tunisia di adozione degli uliveti. In Tunisia, infatti,

nella fascia pre-desertica, gli ulivi sono collocati a 36 metri l’uno dall’altro per problemi di acqua, l’obiettivo

è quello di restringere questa distanza creando un impianto di irrigazione in modo da permettere a questi

olivicoltori, che adesso raccolgono olive ogni due o tre anni quando piove, di avere raccolti più regolari.

Nel maggio 2004 l’UNESCO ci ha chiamato in occasione della manifestazione “Route de l’oliviè”. Questa manifestazione,

alla quale partecipano tutti i Paesi UNESCO, ha lo scopo di far raccontare ad ognuno la sua

esperienza. Poi l’idea che è alla base di questi incontri in uliveto è che l’uliveto non è solo luogo di produzione,

ma anche di partecipazione e di incontro. Abbiamo iniziato a fare un lavoro con un centro di accoglienza

diurna di Perugia, con cui abbiamo realizzato un’iniziativa in cui tutti i processi della lavorazione erano condivisi

con soggetti diversi.

Un’altra esperienza interessante è stata quella che abbiamo vissuto con dei ragazzi autistici, e che va in parallelo

con un altro lavoro che ha visto un’artista lavorare con i portatori di questo disagio, e realizzare, ad

esempio, con il legno da potatura delle sculture insieme a queste persone.

Il progetto su cui stiamo lavorando attualmente è un po’ la somma di tutte queste caratteristiche dell’associazione.

Il progetto si chiama “l’autopsia dell’ulivo bambino” ed è un’installazione che abbiamo curato in

quattro: l’artista armeno che ha fatto una scultura sull’ulivo vivo (ha scorticato uno dei rami e fatto la scultura);

un architetto libanese che ha fatto la base intorno al vaso (c’è una proiezione di etimologia dell’olivo

e della letteratura dell’olivo mediterraneo in lingua e in italiano); poi c’è un lavoro fatto con una cantante

che ha raccolto questo progetto, e con cui abbiamo costruito una performance nella quale le sue canzoni

hanno alcuni dei temi dell’olivo bambino come quello contro lo sradicamento degli ulivi bambini, che è pra-

RETELEADER 201


ticato di tutto il sud; infine c’è anche il discorso legato all’esperienza con il disagio. Il nostro obiettivo era

quello di dare visibilità alle persone che sono invisibili, cioè quelle che sono “scorticate”, che ci passano accanto

ma siccome non si notano, nessuno se ne accorge.

C’è un laboratorio che precede ogni tappa compiuta dall’olivo bambino nel corso della sua crescita. C’è stato

un lavoro con una Coop agricola vicino Terni che gestisce un uliveto in parte bruciato, lì abbiamo fatto una

mappatura, e abbiamo invitato i partecipanti a scegliere una pianta e a prendersene cura, mettendo la propria

iniziale sul tronco. L’idea era quella di far riflettere i partecipanti su questa realtà e sullo stato di quel

luogo, ovviamente oltre che sulla stessa operazione di cura. Ciascuno ha dipinto il suo ulivo. L’obiettivo era

dare visibilità alla Coop ed enfatizzare l’importanza del lavoro che queste persone stanno facendo, cioè quello

di rendersi autonomi dal punto di vista del mercato e nello stesso tempo, attraverso questi lavori, non

prendere più farmaci. Lavorando in questo senso, attraverso queste tele, siamo riusciti ad avvicinare persone

che altrimenti non saremmo riusciti a raggiungere. Siamo riusciti ad innescare una discussione su come raccontare

questa esperienza evitando di dire: “Poverini, sì dipingono perché hanno problemi”. Infatti, questa

reazione non c’è stata, perché abbiamo messo un pannello in cui descriviamo in toni molto oggettivi il percorso,

rimandando poi ad un sito internet. Nello stesso tempo le tele stesse hanno portato a delle riflessioni

che son state cantate all’inizio della mostra dell’olivo bambino. Ci stiamo spostando a Carbonia dove invece

ci sarà un lavoro con i disabili in uliveto. Ne abbiamo individuato uno dove è possibile accedere anche con delle

carrozzine; facciamo questa nuova tappa a partire dall’idea della bellezza per cercare di scardinare il rapporto

tradizionale, il messaggio che parte dall’esterno. Ci saranno i disabili, gli olivicoltori locali che ci racconteranno

il loro rapporto fisico con l’olivo. È un discorso di reazione sensoriale, prima individuale, ma poi

condivisa con il gruppo.

202 RETELEADER


LA COLTIVAZIONE DEL CEDRO IN CALABRIA

DI SONIA ANGELISI

Parlerò della Riviera dei Cedri, perché la storia della coltivazione del cedro, presenta molti cambiamenti sociali

e culturali comuni al mondo agricolo. Nel territorio noto come la Riviera dei Cedri ho simulato, insieme

ai miei colleghi, la progettazione di un PSR che ha avuto come obiettivo generale la promozione di uno sviluppo

integrato e sostenibile del territorio attraverso la valorizzazione delle specificità locali e, in prospettiva,

attraverso l’attivazione di processi di cooperazione transnazionale. La Riviera dei Cedri è un’area che si

colloca a nord-ovest della provincia di Cosenza, comprende 22 comuni ed è definita dal PSR 2007/2013 come

un’area rurale intermedia diversificata, con elevate potenzialità endogene racchiuse in un territorio fortemente

disomogeneo. Il cedro è stato il primo agrume ad essere diffuso e coltivato nell’area mediterranea

a cominciare dal III secolo a.C. La coltura, perciò, è molto antica ed è strettamente legata all’immigrazione

ebraica dei primi secoli dell’era cristiana. Il cedro è richiesto dagli ebrei per la celebrazione di alcune feste religiose,

perché è ritenuto un frutto sacro. Nel ‘500 la cedricoltura calabrese ha avuto il suo massimo sviluppo

grazie alla presenza di molte colonie ebraiche in Calabria che costituivano quasi il 10% della popolazione

residente. Oggi la coltivazione del cedro va via, via scomparendo sostanzialmente per 2 motivi:

perché il cedro è coltivato ormai solo in alcune zone ed è destinato ad un mercato molto ristretto; dunque

è diventato un prodotto poco redditizio;

perché la pianta del cedro richiede molta cura e sacrifici da parte di chi la coltiva; spesso, i coltivatori non

sono sostenuti nel loro lavoro e i saperi tradizionali si perdono di generazione in generazione.

Tuttavia, nella zona, si riscontrano anche elementi positivi come l’istituzione dell’Accademia Internazionale

del Cedro con sede a S. Maria del Cedro che ha lo scopo di promuovere il consumo del cedro e diffonderne

le conoscenze. A seguito di un’analisi SWOT che ha evidenziato punti di forza e di debolezza, minacce e opportunità

dell’area, abbiamo elaborato una strategia fondata sulla logica del bottom up. Ci siamo concentrati

sulla valorizzazione delle risorse mobili e immobili del territorio in modo da attirare altre risorse (talenti,

turisti, capitale umano qualificato) e si è cercato di applicare una politica differenziata. Abbiamo dato particolare

importanza:

alla replicabilità delle best practices e agli insegnamenti pervenuti dalle esperienze di programmazione

negoziata che hanno interessato l’area;

all’approccio integrato tra assi e misure del PSR e del POR 2007/2013;

alla concentrazione delle risorse (attuata attraverso criteri di priorità, ammissibilità e selezione), in modo

da puntare sull’efficacia e la qualità della spesa, per evitare il dispendio delle risorse. Quindi investimenti

integrati basati su un approccio di filiera con focalizzazioni settoriali e territoriali;

alle attività di monitoraggio e valutazione, non con riferimento esclusivamente agli aspetti finanziari ed

economici, ma anche agli impatti sociali, culturali e ambientali;

all’adozione di progetti pilota per dare continuità al progetto tramite piani sperimentali;

all’esigenza di intervenire sull’efficienza della P.A. e questo lo abbiamo realizzato con l’asse VIII del POR

RETELEADER 203


Calabria, in quanto non ha senso operare sullo sviluppo integrato e auto propulsivo di un’area se non si

interviene sulla burocratizzazione, la lentezza e la poca trasparenza degli iter politico-amministrativi.

In particolare per il cedro abbiamo previsto l’utilizzo delle seguenti misure:

Pagamenti agro-ambientali: che prevede incentivi all’agricoltura biologica e alla salvaguardia ambientale

dando priorità ai cedricoltori in particolare per quanto riguarda fasi di potatura e raccolta.

Cooperazione: che prevede scambi in termini di know-how sulle tecniche di coltura e trasformazione del

cedro tra l’associazione contadina Farasha del Marocco e l’associazione Riviera Mediterranea della Calabria.

Ammodernamento delle azienda agricole: che prevede attività quali l’introduzione di attrezzature che

facilitano la coltura del cedro, nel rispetto dei principi dell’agricoltura biologica; impiego di fonti energetiche

alternative; utilizzo di tecniche di irrigazione a basso consumo, ecc.

Insediamento dei giovani agricoltori: che prevede incentivi (arbusti di cedro e prime attrezzature) ai giovani

che intendono intraprendere attività in tale campo; servizio di tutoraggio da parte di agricoltori

esperti ai giovani da poco avviati per agevolare la fusione tra saperi antichi e cervelli innovativi.

Su tutto ciò abbiamo poi realizzato un video che riassume un po’ tutto il senso del nostro progetto.

204 RETELEADER


SONO INTERVENUTI:

Sonia Angelisi Studentessa Corso di Laurea in Discipline Economiche e Sociali

Davide Biolghini Rete di Economie Solidali

Riccardo Bocci AIAB/Rete Semi Rurali

Monica Caggiano INEA, Roma

Luca Carbone Università degli Studi del Salento

Giovanni Carrosio Università degli Studi di Trieste

Tatiana Castellotti INEA - Sede Regionale per la Calabria

Ada Cavazzani Università della Calabria

Davide Colace ARSSA Calabria

Alessandra Corrado Università della Calabria

Rosa Critelli CIA Calabria

Francesco Di Iacovo Università degli Studi di Pisa

Domenica Donnici Loiacono Fattoria San Bernardino

Raffaella Di Napoli INEA - Rete Nazionale per lo Sviluppo Rurale

Anna Elia Università della Calabria

Doris Fagin Associazione “Fratello Sole”

Andrea Ferrante Presidente Nazionale AIAB

Costanza Ferrini Associazione all’”Ombra del Mediterraneo”

Giovanni Folliero Università della Calabria

Luigia Florio ARSSA Calabria

Raffaella Fragale ARSSA Calabria

Giuseppe Gaudio INEA - Sede Regionale per la Calabria

Francesca Giarè INEA

Alberto Grizzo Cooperativa “Arca”

Francesca Guidi Università degli Studi di Pisa

RETELEADER 205


Maria Concetta Manfredi ARSSA Calabria

Antonio Napoli Cooperativa “Valle del Marro - Libera Terra”

Antonio Nicoletti Responsabile Nazionale Aree Protette e Territorio Legambiente

Antonio Onorati Centro Internazionale “Crocevia”

Giuliana Paciola INEA - Sede Regionale per la Calabria

Alfonso Pascale Rete Fattorie Sociali

Osvaldo Pieroni Università della Calabria

Mario Pirillo Assessore Agricoltura della Regione Calabria

Lino Rava Presidente INEA

Federica Roccisano Cooperativa “Hermes”

Adanella Rossi Università degli Studi di Pisa

Elena Saraceno Esperta di Sviluppo Rurale

Andrea Saroldi Rete Economie Solidali

Alessandro Scazziota Associazione “San Pancrazio”

Pietro Schirripa Cooperativa “Valle del Bonamico”

Saverio Senni Università degli Studi della Tuscia

Silvia Sivini Università della Calabria

Adriana Tamburi Coldiretti Calabria

Jan Douwe Van Der Ploeg Università di Wageningen

Annamaria Vitale Università della Calabria

Gianfranco Zavalloni Ecoistituto di Cesena - Orti di Pace

Catia Zumpano INEA, Roma

206 RETELEADER


Bibliografia

AEIDL, Combattere l’esclusione sociale nelle aree rurali, Commissione Europea, Bruxelles, 2000

AIAB, a cura di, Bio agricoltura sociale. Buona due volte, Quaderno AIAB, Roma, 2007

Albert M., Il libro dell’economia partecipativa, Il Saggiatore, Milano, 2003

Amadei G. e Segrè A., Il libro nero dell’agricoltura italiana, Franco Angeli, Milano, 2007

Anania G., a cura di, Scelte pubbliche, strategie private e sviluppo economico in Calabria. Conoscere per decidere,

Rubbettino, Soveria Mannelli, 2001

Anania G. e Tenuta A., Ruralità, urbanità e ricchezza nelle Italie contemporanee, in Agriregionieuropa, n. 7, 2006

APAT, Tematiche in primo piano. Annuario dei dati ambientali, 2007

Arrighetti A. e Serravalli G., a cura di, Istituzioni intermedie e sviluppo locale, Donzelli, Roma, 1999

Altieri M.A., Agroecology. The Scientific Basis of Alternative Agriculture, Westview Press, Boulder, 1987

AA.VV., Terra e libertà/critical wine, DeriveApprodi, Roma, 2004

AA. VV., Invito alla sobrietà felice, EMI, Bologna, 2003

AA.VV., La democrazia possibile. Il cantiere del Nuovo Municipio e le nuove forme di partecipazione da Porto

Alegre al Vecchio Continente, Intramoenia, Napoli, 2002

Bagnasco A., Tre Italie. La problematica territoriale dello sviluppo italiano, Il Mulino, Bologna, 1977

Bagnasco A., La costruzione sociale del mercato, Il Mulino, Bologna, 1988

Bagnasco A., Piselli F., Pizzorno e Trigilia C., Il capitale sociale. Istruzioni per l’uso, Il Mulino, Bologna, 2001

Barca F., Storia del Capitalismo Italiano dal dopoguerra ad oggi, Donzelli ed., Roma, 1997

Barca F., L’Italia frenata. Paradossi e lezioni della politica per lo sviluppo, Donzelli ed., Roma, 2006

Bartolomeo M. e Dal Maso D., Finanza e sviluppo sostenibile, Il Sole 24 Ore, Milano, 2000

Basile E. e Cecchi C., La trasformazione post-industriale della campagna. Dall’agricoltura ai sistemi locali rurali,

Rosenberg & Sellier, Torino, 2001

Basile E. e Romano D., a cura di, Sviluppo rurale, società, territorio, impresa, Franco Angeli, Milano, 2002

Becattini G., Distrettualità fra industria e agricoltura, in La Questione Agraria, n. 2, 2000

Becattini G., a cura di, Il distretto industriale, Rosenberg & Sellier, Torino, 2000

Becattini G., Metafore e vecchi strumenti. Ovvero: della difficoltà di introdurre il territorio nell’analisi socioeconomica,

in Becattini G. et al., a cura di, Il caleidoscopio dello sviluppo locale, Rosenberg & Sellier, Torino,

2001

Becattini G., Bellandi M., Dei Ottati G., Sforzi F., Il caleidoscopio dello sviluppo locale, Rosenberg & Sellier, Torino,

2001

RETELEADER 207


Becattini G. e Omedei Zorini L., Identità locali rurali e globalizzazione, in La Questione Agraria, n. 1, 2003

Becattini G. e Rullani E., Sistema locale e mercato globale, in Economia e politica industriale, n. 80, 1993

Becchetti L., La felicità sostenibile. Economia della responsabilità sociale, Donzelli, Roma, 2005

Belletti G. e Marescotti A., I distretti, opportunità di sviluppo del territorio e dell’agricoltura, in L’informatore

Agrario, n. 22, 2005

Bevilacqua P., Miseria dello sviluppo, Editori Laterza, Bari, 2008

Biolghini D., Il popolo dell’economia solidale, EMI, Bologna, 2007

Blanc M., La ruralitè: diversitè des approaches, in Economie Rurale, n. 242, 1997

Bonaiuti M., Obiettivo decrescita, EMI, Bologna, 2004

Bovè J., Dufour F., Il mondo non è in vendita. Agricoltori contro la globalizzazione alimentare, Feltrinelli,

Milano, 2000

Briamonte L., a cura di, Le esperienze italiane sulla responsabilità sociale nel settore agricolo e agroalimentare,

INEA, 2007

Bruni L. e Zamagni S., Economia civile, efficienza, equità, felicità pubblica, Il Mulino, Bologna, 2004

Brunori G., Sistemi agricoli territoriali e competitività, in Casati D., a cura di, La competitività dei sistemi agricoli

italiani, Atti del XXXVI Convegno dio Studi della SIDEA, Milano 9-11 settembre 1999, Franco Angeli, Milano,

2003

Brunori G., Modelli di interazione, rappresentazioni rurali, performance delle iniziative rurali, in Cavazzani

A., Gaudio G. e Sivini S., a cura di, Politiche, governance e innovazione per le aree rurali, Studi & Ricerche

INEA, ESI, Napoli, 2006

Brunori G., Local food and Alternative Food Networks: a communication perspective, Anthropology of Food,

S2, March:1-19, 2007

Brusco S., Sistemi globali e sistemi locali, in Cossentino F., Pyke F. e Sengerber W., a cura di, Le risposte locali

e regionali alla pressione globale: il caso dell’Italia e dei suoi distretti industriali, Il Mulino, Bologna, 1997

Campennì A., Sviluppo rurale integrato ed esclusione sociale: problemi e soluzioni originali da alcuni casi

empirici in Italia, in Cavazzani A., Gaudio G. e Sivini S., a cura di, Politiche, governance e innovazione per le

aree rurali, Studi & Ricerche INEA, ESI, Napoli, 2006

Cannata G., a cura di, Lo sviluppo del mondo rurale: problemi e politiche istituzioni e strumenti, Atti del XXXI

Convegno SIDEA, Campobasso 22-24 settembre 1994, Il Mulino, Bologna, 1994

Carbone A., Gaito M. e Senni S., Quale mercato per i prodotti dell’agricoltura sociale?, Quaderno AIAB, Roma,

2007

Casati D., a cura di, La competitività dei sistemi agricoli italiani, Atti del XXXVI Convegno dio Studi della SI-

DEA, Milano 9-11 settembre 1999, Franco Angeli, Milano, 2003

208 RETELEADER


Cavazzani A., Lo sviluppo rurale come superamento della modernizzazione agricola, in Agriregionieuropa,

n. 7, 2006

Cavazzani A., Innovative social networks for sustainable rural development, dattiloscritto, Rende, 2007

Cavazzani A. e Moseley M., eds., The Practice of Rural Development Partnerships in Europe. 24 Case Studies

in Six European Countries, Rubbettino, Soveria Mannelli, 2001

Cavazzani A., Gaudio G. e Sivini S., a cura di, Politiche, governance e innovazione per le aree rurali, Studi &

Ricerche INEA, ESI, Napoli, 2006

Cecchi C., Sistemi locali rurali e aree di specializzazione agricola, Sviluppo locale n. 15, Rosenberg & Sollier,

Torino, 2000

Cecchi C. Grando S. e Sabatini F., Campagne in sviluppo. Capitale sociale e comunità rurali in Europa, Rosenberg

& Sellier, Torino, 2008

Cersosimo D., a cura di, Il territorio come risorsa, Formez/Donzelli, Roma, 2000

Cersosimo D., a cura di, Istituzioni, capitale sociale e sviluppo locale, Rubbettino, Soveria Mannelli, 2001

Cersosimo D. e Donzelli C., Mezzo Giorno, Donzelli, Roma, 2000

Cersosimo D. e Wolleb G., Politiche pubbliche e contesti istituzionali. Una ricerca sui patti territoriali, in Stato

e Mercato, n. 63, 2001

Cersosimo D. e Wolleb G., Economie dal basso. Un itinerario nell’Italia locale, Donzelli ed., Roma, 2006

CNEL, Rapporto sulla concertazione locale, Collana Laboratori Territoriali, CNEL, Roma, 1999

CNEL, Secondo rapporto sull’agricoltura. L’agricoltura tra locale e globale: distretti e filiere, Documenti CNEL,

n. 23, Roma, 2000

Colaizzo R. e Deidda D., a cura di, Progetti e immagini del territorio. L’esperienza dei PIT nelle Regioni del

Mezzogiorno, Donzelli ed., Roma, 2003

Colaizzo R. e Deidda D., a cura di, Governance e sviluppo territoriale, Formez, Azioni di sistema per la Pubblica

Amministrazione, n. 11, Roma, 2003

Coleman J.S., Foundations of Social Theory, The Belknap Press of Harvard University Press, Cambridge,

1990

Commins P., a cura di, Combatting exclusion in Ireland, 1990-1994: a midway report, European Commission,

Bruxelles, 1993

Commissione Europea (CE), Il Futuro del mondo rurale, COM (88) 37, Finale, Bollettino delle Comunità Europee,

supplemento 4, 1988

Commissione Europea (CE), Contribution of the European Community on the Multifunctional Character of

Agriculture, InfoPaper, Bruxelles, 1999

Commissione Europea (CE), Orientamenti per un’agricoltura sostenibile, COM 22/1999, Bruxelles, 1999

RETELEADER 209


Commissione Europea (CE), Attuazione della strategia forestale dell’Unione Europea, COM 84/2005, Bruxelles,

2005

Commissione Europea (CE), Libro Verde “Una strategia europea per un’energia sostenibile, competitiva e sicura”,

COM 105/2006, Bruxelles, 2006

Commissione Europea (CE), Scenario Study on agricolture and the Rural World, Scenario 2020, Bruxelles, 2007

Commissione Europea (CE), L’adattamento ai cambiamenti climatici in Europa - Opzioni per l’azione dell’UE,

Libro verde della Commissione al Consiglio, al Parlamento europeo, al Comitato economico e sociale europeo

e al Comitato delle regioni, COM 849/2007, Bruxelles, 2007.

Commissione Europea (CE), Una politica energetica per l’Europa, COM 1/2007, Bruxelles, 2007

Corrado A., Reti innovative di sviluppo: pratiche sociali eterogenee nel contesto della produzione postfordista,

Rapporto Unità di Ricerca UNICAL, Rende, 2006

Corrado A., Reti contadine. Autonomia contadina, sovranità alimentare, biodiversità, Rapporto Unità di Ricerca

UNICAL, Rende, 2007

Corsi A., Sviluppo rurale: società, territorio, impresa, in La Questione Agraria, n. 2, 2000

Costantini V. e Magni C., Politiche di sviluppo rurale, multifunzionalità e beni pubblici: un tentativo di sistemazione,

in La Questione Agraria , n. 4, 2004

Deidda D., La progettazione integrata territoriale. Strumenti e procedure, Donzelli ed., Roma, 2001

Deléage E., Paysans de la parcelle à la planète,Edition Syllepse, Paris, 2004

Benedictis M., a cura di, Trasformazioni agrarie e pluriattività in Italia, INEA Studi e Ricerche, Il Mulino, Bologna,

1990

De Benedictis M., a cura di, Agricoltura familiare in transizione, INEA Studi e Ricerche, Il Mulino, Bologna, 1995

De Benedictis M., Economia agraria e distrettualità, in La Questione Agraria, n. 2, 2000

De Filippis F., Distrettualità e politica agraria, in La Questione Agraria, n. 2, 2000

De Filippis F., a cura di, Verso la nuova PAC, Quaderni del Forum Internazionale dell’agricoltura e dell’alimentazione,

n. 4, Roma, 2004

De Rosa M. e De Vincenzo D., a cura di, Tra globalizzazione e localismo. Quale futuro per i sistemi produttivi

territoriali, Liguori Editore, Napoli, 2002

Di Iacovo F., a cura di, Lo sviluppo sociale nelle aree rurali, F. Angeli, Milano, 2003

Di Iacovo F., a cura di, Agricoltura Sociale. Quando le campagne coltivano valori, F. Angeli, Milano, 2008

Di Iacovo F., “Welfare rigenerativo” e nuove forme di dialogo nel “rurbano” toscano, in Rivista di Economia

Agraria, n. 4, 2004

Di Iacovo F., Le funzioni sociali dell’agricoltura: analisi teorica ed evidenze empiriche, in Rivista di Economia

Agraria, n. 2, 2005

210 RETELEADER


Di Iacovo F., La responsabilità sociale dell’impresa agricola, in Agriregionieuropa, 2007

Di Iacovo F. e Senni S., I servizi sociali nelle aree rurali, Rete Leader, Rete nazionale per lo sviluppo rurale,

Roma, 2006

Di Iacovo F. e Noveri M., a cura di, Agricoltura/sociale. Esperienze nelle campagne toscane, Progetto di sviluppo

rurale “multifunzionalità dell’agricoltura: servizi di prossimità e servizi in campo sociale nei territori rurali”,

ARSIA Regione Toscana, Firenze, 2004

Dominici M. et al., a cura di, Pesticidi nel piatto, Dossier, Legambiente, Roma, 2008

Elia A., Agricoltori bio-etici in Calabria. Processi di integrazione tra reti alternative di produzione e consumo,

Rapporto di Ricerca UNICAL, Rende, 2006

Esposti R. e Sotte F., a cura di, Sviluppo rurale e occupazione, Franco Angeli, Milano, 1999

Fabiani G., a cura di, Letture territoriali dello sviluppo agricolo, Franco Angeli, Milano, 1991

Fagiani G., Distretti o sistemi agricoli locali?, in La Questione Agraria, n. 2, 2000

Fantozzi P., Comunità, società e politica nel Sud d’Italia, Rubbettino, Soveria Mannelli, 1997

FAO, Adaptation to Climate Change in Agriculture, Forestry and Fisheries: Perspective, Framework and Priorities,

Roma, 2007

Farrell G. e Thirion S., La competitività territoriale. Costruire una strategia di sviluppo territoriale alla luce dell’esperienza

Leader, in Osservatorio Europeo Leader, Quaderno n. 6

Finuola R. e Pascale A., L’agricoltura sociale nelle politiche pubbliche, Rete nazionale per lo sviluppo rurale,

2008

Fonte M., La rinascita della ruralità e il Mezzogiorno d’Italia nell’economia post-fordista, in La Questione

Agraria, n. 73, 1999

Fonte M., Grando S. e Sacco V., Aspromonte. Natura e cultura nell’Italia estrema, Donzelli, Roma, 2007

Forum Cooperazione e Tecnologia, a cura di, Indagine conoscitiva sulle realtà dell’economia solidale in Lombardia,

Report di ricerca, Progetto EQUAL II “Nuovistilidivita”, 2006

Garofoli G., Modelli locali di sviluppo, Franco Angeli, Milano, 1991

Gaudio F. e Gaudio G., L’esperienza Leader in Calabria: un laboratorio ancora aperto per le politiche di sviluppo

delle aree rurali?, in Anania G., a cura di, Scelte pubbliche, strategie private e sviluppo economico in

Calabria. Conoscere per decidere, Rubbettino, Soveria Mannelli, 2001

Gaudio G. e Pesce A., Prospettive e strumenti per le aree rurali: i Programmi Leader, in La Questione Agraria,

n. 66, 1997

Giannola A., Il Mezzogiorno tra Stato e Mercato, Il Mulino, Bologna, 1999

Godman D., Editorial: the quality “Turn” and Alternative Food Practices: Reflections and Agenda, Jurnal of

Rural Studies, 19,2: 1-7, 2003

RETELEADER 211


Graziani A., a cura di, L’economia italiana dal 1945 ad oggi, Il Mulino, Bologna, 1972

Guzman Casado G., Gonzales de Molina M., Sevilla Guzman E., Introduccion a la agroecologia como desarrollo

rural sostenible, Mundi-Prensa, Madrid, 2000

Haan H. e Ploeg van der J.D., a cura di, Endogenous Regional Development in Europe: Theory, Method and

Practice, European Commission DG VI, Bruxelles, 1992

Hendrickson M.K. and Heffernan W.D., Opening Spaces through Relocalization: Locating Potential Resistance

in the Weaknesses of the Global Food System, Socilogia ruralis, 42,4: 347-369, 2002

Henke R., a cura di, Verso il riconoscimento di un’agricoltura multifunzionale. Teorie, politiche, strumenti,

Studi & Ricerche INEA, Roma, 2004

Hoffmann A., La nuova politica di sviluppo rurale, Franco Angeli, Milano, 2006

Holloway L. et al., Possible Food Economies: a methodological Framework for Exploring Food Production-

Consumption Relationships, Socilogia Ruralis, 47,1: 1-19, 2007

Jampaglia C., Bendinelli T., a cura di, Porto Alegre. Il forum sociale mondiale, Feltrinelli, Milano, 2002

INEA, Le politiche agricole dell’Unione Europea. Rapporto 2000-2001, Roma, 2001

INEA, Le politiche comunitarie per lo sviluppo rurale. Rapporto 2001-2002, Osservatorio sulle Politiche Strutturali,

Roma, 2002

INEA, Le politiche agricole dell’Unione Europea. Rapporto 2002-2003, Roma, 2004

INEA, La condizionalità in Agenda 2000 e nella nuova PAC, Osservatorio sulle Politiche Agricole dell’UE, Roma,

2005

INEA, La riforma dello sviluppo rurale: novità ed opportunità, Strumenti per la programmazione 2007-2013,

Quaderno n. 1, Roma, 2005

INEA, Le politiche comunitarie per lo sviluppo rurale. Rapporto 2003-2004, Osservatorio sulle Politiche Strutturali,

Roma, 2005

INEA, Le politiche agricole dell’Unione Europea. Rapporto 2004-2005, Osservatorio sulle Politiche Agricole

dell’UE, Roma, 2006

INEA, Le politiche comunitarie per lo sviluppo rurale. Rapporto 2007-2008, Osservatorio sulle Politiche Strutturali,

Roma, 2009

ISTAT, Le cooperative sociali in Italia, Statistiche in breve, Roma, 2003

Kirwan L., Alternative Strategies in the UK Agro-foos System: Interrogating the Alterity Farmers Markets,

Sociologia Ruralis, 44,4: 395-415. 2004

La Questione Agraria, Filiere, distretti e sistemi per l’analisi dell’agricoltura, n. 46, 1992

Latouche S., Giustizia senza limiti, Bollati Boringhieri, Torino, 2003

Latouche S., Come sopravvivere allo sviluppo, Bollati Boringhieri, Torino, 2005

212 RETELEADER


Latouche S., La scommessa della decrescita, Feltrinelli, Milano, 2007

Latouche S., Altri mondi, altre menti, altrimenti, Rubbettino, Soveria Mannelli, 2004

Laville J.L., L’economia solidale, Bollati Boringhieri, Torino, 1998

Librizzi G., La sfida della solidarietà. Una nuova cooperazione (decentrata) allo sviluppo, ReCoSol, Racconigi,

2006

Leyshon A., Lee R. and Williams C.C., Alternative Economic Space, Sage, London, 2003

Magnaghi A., Il progetto locale, Bollati Boringhieri, Torino, 2000

Mance E. A., La rivoluzione delle reti, EMI, Bologna, 2003

Mantino F., a cura di, Impresa agraria e dintorni. Contributi allo studio dell’impresa e delle sue trasformazioni

nel territorio, INEA - Studi & Ricerche, Roma, 1995

Mantino F., Fondi strutturali e politiche di sviluppo, Il Sole 24 Ore, Milano, 2002

Marengo G., a cura di, Lo sviluppo dei sistemi agricoli locali. Strumenti per l’analisi delle politiche, ESI, Napoli,

2006

Mariano L., Responsabilità etica ed impregno sociale nei valori d’impresa, Liguori, Napoli, 2005

Marini M., Le risorse immateriali. I fattori culturali dello sviluppo, in ReteLeader, n. 6, 2000

Marini M., a cura di, Le risorse immateriali. I fattori culturali dello sviluppo economico, Rubbettino, Soveria

Mannelli, 2002

Marsden T. et al., The Differentiated Countryside, Routledge, London, 2003

Milano R., La finanza e la Banca Etica, Edizioni Paoline, Milano, 2001

Milone P., Agricoltura in transizione: la forza dei piccoli passi, Wageningen University, 2004

Mirabelli M., L’istituzionalismo amorale, Rubbettino, Soveria Mannelli, 2001

Montressor E., Sviluppo rurale e sistemi locali. Riflessioni metodologiche, in La Questione Agraria, n. 1, 2003

Morelli L.M., a cura di, Il contributo dei piani di sviluppo rurale e della condizionalità alla mitigazione dei cambiamenti

climatici e al loro adattamento, Rete Rurale Nazionale 1007-2013, Roma, 2008

Morgan K., Marsden T.K. and Murdoch J., Worlds of food. Place, Power and Provenance in the Food Chain,

Oxford University Press, Oxford, 2006

Murdoch J., Networks. A New Paradigm of Rural Development, in Journal of Rural Studies, 16, 2000

Mutti A., Capitale sociale e sviluppo. La fiducia come risorsa, Il Mulino, Bologna, 1998

Noveri M., a cura di, Agricoltura sociale e agricoltura di comunità, ARSIA Regione Toscana, Firenze, 2007

OECD, Partnerships for Rural Development, OECD, Parigi, 1990

OECD, Multifuncionality. Towards an analytical framework, Paris, 2001

OECD, The New Rural Paradigm, Policies and Governance, Paris, 2006

RETELEADER 213


Osservatorio Europeo Leader, La valutazione del valore aggiunto nell’approccio Leader, in Innovazione in

ambiente rurale, fascicolo n. 4

Osservatorio Sociale Europeo (OSE), Bilancio sociale dell’Unione Europea 2007, Bruxelles, 2007

Paciola G. e Giannotta P., a cura di, L’altra agricoltura... verso un’economia rurale sostenibile e solidale, Rete

Leader, Rete nazionale per lo sviluppo rurale, Roma, 2009

Pascale A., Etica e agricoltura per un nuovo welfare rigenerativo, in La Questione Agraria, Rivista dell’Associazione

Rossi-Doria, n. 2, 2005

Pérez-Victoria S., Il ritorno dei contadini, Jaka Book, Milano, 2007

Petrini C., Buono, pulito e giusto. Principi di nuova gastronomia, Einaudi, Torino, 2005

Piselli F., Reti. L’analisi di network nelle scienze sociali, Donzelli, Roma, 1995

Ploeg J.D. van der et al., Rural Development: From Practices and Policies towards Theory, in Sociologia Ruralis,

Vol. 40, n. 4, 2000

Ploeg J.D. van der, Oltre la modernizzazione. Processi di sviluppo rurale in Europa, Rubbettino Editore, Soveria

Mannelli, 2006

Ploeg J.D. van der, Esiste un nuovo paradigma di sviluppo rurale?, in Cavazzani A., Gaudio G. e Sivini S., a

cura di, Politiche, governance e innovazione per le aree rurali, Studi & Ricerche INEA, ESI, Napoli, 2006

Putnam R.D., La tradizione civica nelle regioni italiane, Mondadori, Milano, 1993

Ray C., Endogenous Socio-Economic Development and Trustful Relantionship: Partnerships, Social Capital and

Individual Agency, Centre for Rural Economy, Working Paper 45, Newcastle upon Tyne, 2000

Razeto L., Le imprese alternative. Principi e organizzazione delle economie solidali, EMI, Bologna, 2004

Rossi A., Guidi F. e Innocenti S., a cura di, Guida per l’attivazione di forme collettive di vendita diretta. Esperienze,

approcci e strumenti, ARSIA Regione Toscana, Firenze, 2008

Rossi P. e de Carli E., Il ruolo della politica di sviluppo rurale nella conservazione della biodiversità, in Bollettino

dell’Osservatorio Politiche Strutturali, n. 27, 2008

Rullani E., Più locale e più globale: verso un’economia postfordista del territorio, in Bramanti A. e Maggioni

M. A., a cura di, La dinamica dei sistemi produttivi territoriali: teorie, tecniche, politiche, Franco Angeli, Milano,

1997

Sabbatini M., a cura di, Agricoltura no profit. Percorsi strategici dell’impresa sociale e potenzialità multifunzionali

per l’azienda agricola, F. Angeli, Milano, 2008

Sage C., La qualità nelle reti alternative di produzione alimentare: convenzioni, normative e governance, in

Cavazzani A., Gaudio G. e Sivini S., a cura di, Politiche, governance e innovazione per le aree rurali, Studi &

Ricerche INEA, ESI, Napoli, 2006

Santos de Sousa B., Produrre per vivere, Città aperta, Troina, 2005

214 RETELEADER


Saraceno E., Dall’analisi territoriale dell’agricoltura allo sviluppo rurale, in La Questione Agraria, n. 52, 1993

Saraceno E., The Future of Rural Policies in the European Union, Seminario tenuto a Rende il 24 maggio

2002, Dipartimento di Economia dell’Università della Calabria, 2002

Saroldi A., Gruppi di Acquisto Solidali. Guida al consumo locale, EMI, Bologna, 2001

Saroldi A., Costruire economie solidali, EMI, Bologna, 2003

Sassatelli R., L’alimentazione: gusti, pratiche e politiche, Rassegna Italiana di Sociologia, 45,4: 475-492,

2004

Senni S., L’agricoltura sociale come fattore di sviluppo rurale, in Agriregionieuropa, 2005

Senni S., Competitività dell’impresa agricola e legame con il territorio, in Agriregionieuropa, n. 8, 2007

Shiva V., Sopravvivere allo sviluppo, Isedi, 1988

Shiva V., Il bene comune della Terra, Feltrinelli, Milano, 2006

Shiva V., Dalla parte degli ultimi. Una vita per i diritti dei contadini, Slow Food Editore, Bra, 2007

Sivini S., Nuovi percorsi di sviluppo locale, Rubbettino, Soveria Mannelli, 2003

Sivini S., Alternative food consumers and short chains: results from a national survey, Rapporto di Ricerca,

Rende, 2007

Sivini S., Intrecciare reti. Agricoltori biologici, gruppi di acquisto solidali, turisti responsabili, Rubbettino Editore,

Soveria Mannelli, 2008

Sonnino R., Embeddedness in action: saffron and the making of the local in southern Tuscany, Agriculture

and Human Values, 24, 1: 61-74, 2007

Storti D., a cura di, Tipologie a aree rurali in Italia, Studi & Ricerche INEA, Roma, 2000

SVIM, Ruralità ed agricoltura. Associazionismo e cooperazione: strumenti di futuro, Quaderno di lavoro del

workshop, Ancona, 2004

Tovey H., Alternative Agriculture Movements and Rural Development Cosmologies, International Journal os

Sociology of Agriculture and Food, 10,1: 1-11, 2002

Trigilia C., Sviluppo senza autonomia, Il Mulino, Bologna, 1992

Trigilia C., Capitale sociale e sviluppo locale, in Stato e Mercato, n. 57, 1999

Trisorio A., a cura di, Misurare la sostenibilità, INEA, Roma, 2004

UNDP (Programma Sviluppo delle Nazioni Unite), Fighting Climate Change: Human Solidarity in a Divided

World, Rapporto, 2007

Velazquez B., Il concetto di multifunzionalità in agricoltura: una rassegna, in La Questione Agraria, n. 3, 2001

Ventura F. e Milone P., Innovatività contadina e sviluppo rurale Un’analisi neo-istituzionale del cambiamento

in agricoltura in tre regioni del Sud Italia, Franco Angeli, Milano, 2005

RETELEADER 215


Viesti G., Come nascono i distretti industriali, Laterza, Bari, 2000

Viesti G. , Abolire il mezzogiorno, Laterza, Roma-Bari, 2003

Vitale A., The rural movements: ungovernability versus governance, ricerca PRIN “Reti sociali innovativi per

lo sviluppo rurale sostenibile”, Unical, Rende, 2007

Watts D., Ilbery B., and Maye D., Making Reconnections in Agro-food Geography: Alternative Systems o Food

Provision, Progress in Human Geography, 29, 1: 22-40, 2005

WEHAB, A Framework for Action on Agriculture, World Summit on Sustainable Development, Johannesburg,

2003

WWF, Living Planet Report, Rapporto sul pianeta vivente, 2006

Zezza A., a cura di, Bioenergie: Quali opportunità per l’agricoltura italiana, Studi & Ricerche INEA, ESI, Napoli,

2008

216 RETELEADER


Sitografia

www.retecosol.org

www.retegas.org

www.assobdm.it

www.fattoriesociali.com

www.fattoriedidattiche.com

www.aiab.it

www.slowfood.it

www.bancaetica.com

www.ortidipace.org

www.terramadre.info

www.nuovomunicipio.org

www.decrescita.it

www.altragricoltura.org

www.milkmaps.com

www.lastminutemarket.org

www.commercioequo.org

www.altromercato.it

www.mercatidelcontadino.it

www.retelilliput.org

www.agriregionieuropa.it

RETELEADER 217


Finito di stampare nel mese di maggio 2009

per conto dell’ATI INEA - Agriconsulting

Stilgrafica srl


Unità di animazione: ATI INEA - Agriconsulting

INEA - Via Barberini, 36 00187 Roma tel. 0647856455

AGRICONSULTING SpA - Via Vitorchiano, 123 00189 Roma tel. 06330881

Web - www.reteleader.it

CODICE ISBN 978-88-8145-166-1

More magazines by this user
Similar magazines