*.V *

bore.usp.br

*.V *

— 130 —

alto ed in avanti, da un'orifizio che la mette in comunicazione con

la bocca; in alto ed in dietro dal velo del palato; in basso da un

leggiero restringimento che la separa dall'esofago; in avanti e dall'alto

in basso dalla parte glandolare o verticale della faccia dorsale

della lingua, dall' epiglottide, dall' apertura superiore della laringe, e

dalla faccia posteriore di quest'organo, sul quale si applica immediatamente

la mucosa faringea.

Considerata sotto un punto di vista puramente anatomico, la faringe

si estende dalla base del cranio alla parte superiore dell'esofago, che

corrisponde alla estremità inferiore della laringe in avanti ed al corpo

della sesta vertebra cervicale in dietro. Presenta, nel suo terzo inferiore,

la forma di un'infundibolo; e nei suoi due terzi superiori

quella di una gronda a concavità anteriore, i cui margini si attaccano

: in alto alla porzione cartilaginea delle trombe di Eustachio, più

in basso alle parti laterali del velo del palato, e più in basso ancora

ai due margini della porzione verticale della lingua.— Riguardandola

sotto questo secondo punto di vista, vi si possono distinguere

tre porzioni molto differenti:

1.° Una porzione superiore o nasale, estesa dall'apofisi basilare

al velo del palato ; è quella che abbiamo descritta antecedentemente

sotto il nome di dietro-cavità delle fosse nasali ;

v.° Una porzione media o boccale, estesa dai pilastri posteriori

del velo del palato all'osso ioide ed indicata da alcuni autori sotto

il nome di dietro-cavità della bocca ;

;t.° Ed infine una porzione inferiore o laringea, limitata in alto

dall'osso ioide, in basso dal margine inferiore della cartilagine elicoide.

Ognuna di queste porzioni offre dimensioni proprie, che differiscono

nello stato di riposo ed in quello di attività.

11 diametro verticale della porzione nasale è di 2 Ii2 a 3 centimetri

in avanti, e di 5 in dietro; quello della porzione boccale di

4 a 5, e quello della porzione laringea di 5 a 6. —La lunghezza della

faringe e in conseguenza 14 a 15 centimetri nello stato di riposo

dell'organo. Ma al momento della deglutizione, durante l'articolazione

dei suoni, sotto l'influenza delle modulazioni tanto varie della

voce, si raccorcia e le 8U.. tre parti non partecipano egualmente al

raccorciamento. La superiore pel fatto della elevazione del velo

del palato, non diminuisce che di un centimetro; l'inferiore di un

mezzo centimetro solamente, in seguito dell'avvicinamento dell'osso

ioide e della cartilagine tiroide; e la media di dui; e mezzo; ciò che

da una diminuzione totale di quattro centimetri nel diametro verticale

o del quarto circa della lunghezza dell'organo.

Il diametro trasverso della porzione nasale, misurato in dietro

dalle trombe di Eustachio, ove offre la maggior lunghezza, òdi 4 ll^

More magazines by this user
Similar magazines